Sei sulla pagina 1di 27

Guida allinstallazione dei sistemi di scarico fumi

Guida allinstallazione dei sistemi di


scarico fumi

www.impiantitalia.it

Pag.1 di 80

Rev.0.0

Guida allinstallazione dei sistemi di scarico fumi


1.
2.

Permessa .....................................................................................................................5
Elementi generali di funzionamento dei camini.............................................................6
Il tiraggio...........................................................................................................................6
Fattori ambientali ..........................................................................................................9
Fattori impiantistici ......................................................................................................11
Esercizio del camino ......................................................................................................20
3. Marcatura CE e designazione dei camini ...................................................................27
La classificazione dei camini ..........................................................................................30
Elementi del sistema di designazione ............................................................................30
Esempio di designazione camino metallico UNI EN 1856-1...........................................33
Esempio di designazione camino in materiale refrattario - ceramico UNI EN 1457 .......34
Esempio di designazione condotto interno in plastica EN 14471 ...................................35
Elenco delle principali norme tecniche pubblicate..........................................................36
4. Camini per apparecchi a gas fino a 35kW (UNI CIG 7129) .......................................38
Requisiti dei materiali .....................................................................................................38
Requisiti di installazione .................................................................................................40
Elementi generali dei camini singoli............................................................................40
Canne fumarie collettive .............................................................................................40
Canna fumaria collettiva ramificata.............................................................................40
5. Intubamento (UNI10845) ............................................................................................46
Requisiti generali dei condotti intubati ............................................................................47
Intercapedine di ventilazione ......................................................................................47
Prescrizioni aggiuntive per lintubamento in pressione negativa ....................................48
Prescrizioni aggiuntive per lintubamento in pressione positiva......................................48
Prescrizioni aggiuntive per lintubamento dei sistemi multipli .........................................51
6. Caldaie a gas a condensazione fino a 35 kW (UNI 11071) ........................................52
Sistema di scarico delle condense .................................................................................52
Problemi di regolamenti e neutralizzazione delle condense ............................................54
Evacuazione dei prodotti della combustione ..................................................................54
Caratteristiche specifiche dei componenti dei sistemi di scarico dei fumi.........................55
Camini con pressione positiva.........................................................................................55
Camera di base ..........................................................................................................56
Apertura di ispezione ..................................................................................................56
Canna fumaria collettiva ramificata.............................................................................56
Sistemi intubati ...........................................................................................................56
7. Camini per generatori di calore a gas oltre i 35 kW ....................................................57
8. Camini per generatori di calore a combustibile liquido e solido (DPR 1391) ..............59
9. Termocaminetti, stufe e termocucine (UNI 10683) .....................................................62
10. Verifica dei sistemi di scarico dei fumi (UNI 10845 e UNI 10847)...............................66
Impianti alimentati a gas UNI 10845.............................................................................66
La verifica di funzionalit ............................................................................................66
Sistemi collegati ad apparecchi di tipo B ....................................................................67
Verifica dei raccordi dellapparecchio al camino .........................................................67
Verifica dellefficienza dei camini singoli .....................................................................67
Misura del tiraggio ......................................................................................................68
Misura diretta del tiraggio effettivo ..............................................................................68
Misurazione indiretta del tiraggio effettivo...................................................................69
La verifica di funzionalit dei sistemi asserviti ad apparecchi di Tipo C .........................70
La verifica di idoneit ..................................................................................................70
Verifica delle caratteristiche strutturali .............................................................................71
Prova di tenuta................................................................................................................71
www.impiantitalia.it

Pag.2 di 80

Rev.0.0

Guida allinstallazione dei sistemi di scarico fumi


Impianti alimentati a combustibile liquido e solido..........................................................72
11. Glossario dei termini pi comuni.................................................................................74
12. Allegato Le aperture di ventilazione...........................................................................76
La ventilazione negli impianti a gas ad uso domestico o similare UNI CIG 7129 ..........76
Come comportarsi se installato anche un elettroventilatore ........................................77
D.M. 12/04/1996 Impianti termici alimentati da combustibili gassosi..............................79

www.impiantitalia.it

Pag.3 di 80

Rev.0.0

Guida allinstallazione dei sistemi di scarico fumi

Presentazione della Guida


Impiantitalia si rivolge a tutti gli installatori di impianti offrendo un servizio informativo
sullo sviluppo legislativo e normativo del settore e propone strumenti per agevolare
linstallatore nella giusta applicazione della normativa.
Questo strumento, come quello precedente dedicato alla compilazione della
dichiarazione di conformit
exlegge46/90 vuole essere di aiuto in uno degli
argomenti pi complessi che gli installatori si trovano ad affrontare quotidianamente:
la realizzazione dei sistemi di scarico dei fumi.
Per consentire una pi facile fruizione lintero volume stato diviso in tre parti.

www.impiantitalia.it

Pag.4 di 80

Rev.0.0

Guida allinstallazione dei sistemi di scarico fumi

1. Permessa

Questo volume si rivolge ai tanti installatori che ogni giorno si confrontano con la necessit
di collegare gli apparecchi di riscaldamento a camini e canne fumarie, perch questa
semplice operazione in realt non poi cos scontata; infatti, esistono sul mercato diversi
tipi di apparecchi con caratteristiche di funzionamento estremamente diverse e a cui
devono essere collegati solo condotti di scarico con requisiti specifici.
Fino agli anni 50, prima del benessere economico, il riscaldamento degli ambienti era
fondamentalmente realizzato con caminetti e stufe a combustibile solido, e i camini erano
realizzati utilizzando diversi tipi di laterizi o pietre.
Successivamente la progressiva diffusione degli impianti di riscaldamento, ha dato inizio
ad una costante e continua differenziazione dei camini in base alle caratteristiche degli
apparecchi e dei combustibili utilizzati.
Negli ultimi anni, la necessit di sfruttare al massimo il calore prodotto dalla combustione e
di ridurre la quantit di inquinanti emessi, ha portato alla rapida diffusione di generatori di
calore a condensazione, per i quali necessario utilizzare camini in grado di resistere
allazione delle condense acide dei fumi.
Quindi, il camino ha perso nel tempo quel requisito di generica realizzazione edile che lo
caratterizzava fino a non molto tempo fa per assumere precisi connotati tecnici che
devono essere assicurati per garantire un funzionamento regolare e la sicurezza degli
occupanti dellabitazione. Questa complessit sottolineata anche dalla legislazione
vigente che, con la legge 46/90, prevede la possibilit di realizzazione di camini asserviti
ad apparecchi a gas solo da imprese in possesso di specifici requisiti tecnici professionali
e non pi dalle semplici imprese edili.
Anche le norme tecniche sono in rapida evoluzione ed attualmente si sta consolidando un
vasto ed articolato complesso di norme armonizzate comuni a tutti i paesi della comunit
economica europea.
Questopera, partendo dallillustrazione dei principi generali di funzionamento dei camini,
esamina le principali disposizioni legislative e normative presenti in materia cercando di
offrire una visione dinsieme sintetica ma esaustiva dellargomento.

www.impiantitalia.it

Pag.5 di 80

Rev.0.0

Guida allinstallazione dei sistemi di scarico fumi

2. Elementi generali di funzionamento dei camini


Il funzionamento dei camini influenzato da una numerosa serie di variabili, sezioni,
portate, velocit dei fumi, materiali e tante altre; ogni variabile influenza le altre cos le
condizioni di funzionamento del camino variano costantemente durante lesercizio.
Nei prossimi paragrafi sono riportate alcune semplici considerazioni sui principali elementi
che entrano in gioco, la loro conoscenza ci pu aiutare a realizzare sistemi migliori, pi
sicuri ed efficienti.

La progettazione dei camini estremamente complessa, la Norma UNI


9615 richiede oltre 20 diversi parametri e decine di passaggi
matematici.

Il tiraggio
Lo scopo principale del camino
quello trasferire i fumi prodotti dalla
combustione al tetto, o meglio, ad un
altezza tale che possano facilmente
disperdersi in atmosfera senza
causare danni o fastidio.
Tutti abbiamo visto il fumo di un fuoco
salire verso lalto; questo fenomeno
dovuto al fatto che pi caldo ( meno
denso e pi leggero) dellaria
circostante
e
quindi
tende
naturalmente a salire.
Tanto maggiore la
temperatura tra laria
fumo, quanto maggiore
velocit con la quale
verso lalto.

differenza di
esterna e il
la forza e la
il fumo sale

Il camino il mezzo fisico che


consente al fumo prodotto nei nostri
apparecchi di riscaldamento di salire
verso lalto e disperdersi sopra al
tetto.
Per
comprendere
meglio
le
caratteristiche che sono richieste ad un Figura 1 funzionamento del sistema di scarico dei fumi
camino pensiamo a ci che succede
www.impiantitalia.it

Pag.6 di 80

Rev.0.0

Guida allinstallazione dei sistemi di scarico fumi


nei nostri impianti (lesempio, fatte le debite considerazioni, valido per tutti i tipi di
installazione); laria necessaria alla combustione richiamata allinterno dellabitazione
attraverso la presa dellaria, poi entra nel generatore e nella camera di combustione. Nella
camera di combustione laria (o meglio lossigeno in essa contenuto) e il combustibile si
miscelano ed avviene la combustione; a questo punto il fumo risale il canale da fumo ed il
camino fino a sfociare allesterno attraverso il comignolo.
La forza che garantisce il funzionamento di questo sistema detta Tiraggio ed
proporzionale alla differenza di peso tra la colonna di fumi caldi che si trovano allinterno
del camino e il peso di unanaloga colonna di aria esterna.
Il valore del tiraggio influenza in modo determinante la sicurezza delle
persone e il corretto funzionamento del sistema (si dice che il tiraggio il
motore del sistema), se il tiraggio non corretto laria necessaria alla
combustione non richiamata allinterno dellapparecchio e la combustione
avviene in difetto di ossigeno dando lavvio alla formazione del micidiale
ossido di carbonio; inoltre i fumi che non risalgono con sufficiente energia il camino
possono disperdersi allinterno delle abitazioni aggravando le condizioni di pericolo.

Figura 2 Condizioni di posa dei camini

I camini che transitano allinterno delle abitazioni, allinterno dei muri delle abitazioni o
addossati ai muri stessi devono funzionare a tiraggio naturale, cio i fumi devono salire
verso lalto senza lausilio di nessun mezzo meccanico; in questi casi la pressione dei fumi
allinterno dei camini minore della pressione dellaria esterna e il funzionamento detto
anche in pressione negativa. I camini posti totalmente allesterno degli edifici e non
addossati alle pareti possono funzionare anche in pressione; in questi casi la prevalenza
www.impiantitalia.it

Pag.7 di 80

Rev.0.0

Guida allinstallazione dei sistemi di scarico fumi


fornita dal ventilatore dellapparecchio o dal bruciatore pu contribuire a fare defluire i fumi
attraverso il camino ed il funzionamento e detto in pressione positiva.
Per avere unidea del tiraggio statico che un camino in grado proviamo a stimare lentit
del tiraggio che un sistema sarebbe in grado di offrire, trattandosi di un esempio facciamo
alcune semplificazioni, supponiamo di trovarci allaltezza del mare e consideriamo che i
fumi abbiano la stessa densit dellaria, inoltre;
1.
2.
3.
4.
5.

la temperatura dei fumi alluscita dal generatore 105C


lo sviluppo complessivo del canale da fumo e del camino e di 10m
ogni metro il canale da fumo ed il camino hanno una perdita media di 1 grado
la temperatura esterna di 10C.
laltezza utile del camino di 10m

In queste condizioni la temperatura media dei fumi allinterno del camino e di 100C
La densit dellaria a 10C 1,25
La densit dei fumi (considerati simili allaria) a 100C 0,95
Il valore del tiraggio calcolato applicando la formula
Ph= g x H x (da df),
dove
Ph la pressione espressa in [N/m2];
g laccelerazione di gravit in [m/s2] ;
H laltezza utile del camino in [metri];
da la densit dellaria esterna [kgmassa/m3];
df la densit dei fumi [kgmassa/m3];
pertanto :
Ph = 9,81 x 10 x (1,25 0,89) = 35,87 [N/m2]
Cio 3,587 mm di colonna dacqua , equivalenti a circa 35,87 Pa.
Tabella 1

Coefficienti di conversione tra misure in Pa e le altre misure di pressione


Pascal
Pa
1
Equivale alla pressione di 1 N/m2
hetto Pascal
hPa
0,01
1 hPa vale 100 Pa
Bar
Bar
0,00001
1 bar vale 100000 Pa
mBar
mBar
0,01
1 mBar vale 100 Pa
metri colonna acqua
m c.a.
0,000102
1 m c.a. vale 102000 Pa
millimetri colonna acqua
mm c.a.
0,102
1 mm c.a. vale 10,2 pa
Il valore del tiraggio influenzato da una lunga serie di fattori, i primi sono di ordine
ambientale: la densit dellaria, la temperatura esterna, la velocit del vento. I rimanenti
www.impiantitalia.it

Pag.8 di 80

Rev.0.0

Guida allinstallazione dei sistemi di scarico fumi


fattori sono di natura impiantistica dipendenti dai componenti installati e di esercizio,
come ad esempio le condizioni duso e manutenzione.
Fattori ambientali
La densit dellaria diminuisce con laltezza e quindi a parit di temperatura dei fumi e
temperatura esterna i camini al mare sviluppano un tiraggio maggiore che in montagna a
causa della maggiore differenza di densit.
In montagna , a causa dellaltitudine, laria meno densa e la differenza di
densit fra i fumi e laria esterna minore, quindi i camini realizzati in montagna,
devono essere di altezza per garantire il corretto valore di tiraggio.
La temperatura influenza fortemente la densit dellaria: maggiore la temperatura
minore la densit , quindi minore il tiraggio sviluppabile, per questo motivo il tiraggio di
un camino minore destate e maggiore dinverno.
Tabella 2 Variazione del valore di tiraggio
Condizioni
Condizione con temperatura fumi di
dellesempio
55C (caldaia a condensazione
Altezza
s.l.m.
0
0
[m]
Altezza
utile
10
10
camino [m]
Temperatura
105
55
media fumi [C]
Temperatura
10
20
aria esterna [C]
Densit
Fumi
0,89
1,03
3
[kgmassa/m ]
Densit
Aria
1,25
1,20
3
[kgmassa/m ]
2
Tiraggio [N/m ]
35,87
21,37
Il tiraggio generato dai fumi di una
caldaia condensazione e circa il 60% di
quello che sarebbe generato da una
caldaia tradizionale

www.impiantitalia.it

Pag.9 di 80

Condizione esempio ma
installazione a 1000 m s.l.m.

1000
10
105
10
0,76
1,06
29,48
Il tiraggio generato a 1000m
di altezza il 80% di quello
che sarebbe generato al
livello del mare

Rev.0.0

Guida allinstallazione dei sistemi di scarico fumi

La Norma UNI 10845 prevede che nel punto di connessione del camino al
canale da fumo sia verificato un valore di tiraggio di almeno 3 Pa1 (0,3 mm
c.a.), ma questo valore relativo alla temperatura esterna di 20C e quindi in
presenza di temperature esterne minori il valore dovr essere pi elevato2.
Infine, anche il vento pu influenzare il tiraggio, infatti la sua azione pu determinare
difficolt allo scarico dei fumi dal comignolo, creando delle zone di pressione sulla
superficie dei tetti che ostacolano il normale deflusso dei fumi.

Figura 3 Zone di pressione depressione causate dal vento

Per questo motivo importante che i comignoli siano correttamente conformati e


posizionati fuori delle cosiddette zone di reflusso.
Riassumendo
1.
2.
3.
4.
5.

1
2

Maggiore temperatura dei fumi maggiore il tiraggio


Minore la temperatura esterna maggiore il tiraggio
Maggiore laltezza dle camino maggiore il tiraggio
A livello del mare si sviluppano valori di tiraggio maggiori che in alta quota
Il vento crea zone in pressione sui tetti ed influenza il tiraggio

Si intende che il valore assoluto della pressione negativo e quindi la misura -3Pa
Per un camino con 10 metri di altezza utile la variazione di 2C di temperatura provoca una variazione di circa 1 Pa

www.impiantitalia.it

Pag.10 di 80

Rev.0.0

Guida allinstallazione dei sistemi di scarico fumi


Fattori impiantistici
Oltre alle cause di origine ambientali, ci sono anche una serie di perdite, derivanti dal tipo,
dalle caratteristiche e dal numero dei componenti utilizzati. Tutti questi elementi fanno
diminuire il valore del tiraggio, introducendo perdite che si possono distinguere in continue
e localizzate.
Le perdite continue
Le perdite continue sono quelle che si verificano costantemente lungo lo sviluppo dei
condotti (canale da fumo camino), la pi importante rappresentata dallattrito del fumo
sulle pareti ed dovuta alla rugosit della superficie. I fumi trovano minore resistenza a
percorrere un tubo perfettamente liscio piuttosto che un condotto estremamente scabroso,
(ricordate i camini realizzati in blocchi cementizi).
Ovviamente maggiore la lunghezza del condotto maggiore sono le perdite per attrito.

Figura 4 Perdite continue e localizzate

www.impiantitalia.it

Pag.11 di 80

Rev.0.0

Guida allinstallazione dei sistemi di scarico fumi

Tabella 3 Rugosit tipica di alcuni tipi di condotti di scarico fumi

Rugosit tipica della parete interna di alcuni tipi di condotti di condotti di scarico
dei fumi [m]
Acciaio
0,0005
Conglomerato cementizio
0,001
Refrattario
0,001
Condotto in muratura
0,003
La forma del condotto induce diversi tipi di turbolenza; la forma irregolare aumenta la
turbolenza dei fumi allinterno dei condotti e genera maggiori perdite, la forma circolare
quella che produce minori turbolenze.
Queste prime due tipologie di perdite di variano sensibilmente al variare della velocit del
fumo nei condotti, maggiore la velocit maggiori sono le perdite di carico; per essere
pi precisi, se la velocit raddoppia le perdite aumentano di quadruplicano ( le perdite
variano in base al quadrato della velocit).
A sua volta la velocit dei fumi nel condotto funzione della sezione del condotto; se la
sezione raddoppia la velocit dei fumi dimezza. Sezioni troppo ridotte possono fare
aumentare enormemente le perdite di carico fino ad annullare totalmente il valore del
tiraggio.
Esiste una correlazione tra laltezza e la sezione del camino; aumentando
laltezza del camino aumenta il tiraggio statico disponibile ed aumentando la
sezione diminuiscono la velocit dei fumi e le perdite di carico per attrito.
Quindi possibile giocare con questi elementi; ad esempio se non abbiamo
tiraggio sufficiente possiamo scegliere se aumentare laltezza del camino o
aumentare la sezione per diminuire le perdite.
Ultima, ma non meno importante, tra le perdite continue occorre considerare la
dispersione termica; infatti se un sistema coibentato disperde solo 1C (esempio) al
metro di sviluppo lineare, un sistema non coibentato avr perdite significativamente
maggiori e la temperatura dei fumi diminuir facendo diminuire anche il valore del tiraggio
disponibile. Per questo motivo il camino deve essere sufficientemente coibentato per
evitare la diminuzione del tiraggio disponibile. Camini di grande diametro e lunghezza
hanno una superficie esterna maggiore e quindi presentano dispersioni termiche maggiori.
La velocit dei fumi nei condotti pu influenzare anche le perdite di temperatura; infatti in
presenza di basse velocit di percorrenza il tempo trascorso dai fumi allinterno dei
condotti aumenta e con esso lo scambio termico verso lesterno e la temperatura dei fumi
diminuisce.
La presenza di fumi troppo freddi allinterno del camino pu comprometterne il
funzionamento del sistema non essendo pi sufficiente il tiraggio per consentire il regolare
deflusso.
Quindi sezioni troppo esigue aumentano le perdite di carico per attrito, mentre sezioni
troppo generose rallentano la velocit dei fumi e aumentano le perdite termiche.
www.impiantitalia.it

Pag.12 di 80

Rev.0.0

Guida allinstallazione dei sistemi di scarico fumi


Non di rado capita di constatare il malfunzionamento di camini realizzati con
elementi a sezione rettangolare dove il lato maggiore posto verso lesterno
del fabbricato, in questo caso; oltre alla forma sfavorevole, il condotto ha la
parete di maggiore superficie esposta verso lesterno e quindi si genera una
maggiore dispersione.

Riassumendo
1.
2.
3.
4.
5.

Maggiore la rugosit delle pareti maggiori sono le perdite


Maggiore la velocit dei fumi (sezioni ridotte) maggiori sono le perdite
Sezioni irregolari aumentano la turbolenza dei fumi e le perdite
Minore lisolamento del condotto maggiori sono le perdite termiche
Maggiore la superficie del tubo maggiori sono le perdite termiche

Le perdite localizzate
Le perdite localizzate sono cadute di pressione che si verificano in un preciso punto del
condotto, ad esempio in corrispondenza di ogni cambiamento di direzione o sezione.
In considerazione dellelevato valore di queste perdite le norme di impianto impongono
precisi limiti ai cambiamenti di direzione e alle variazioni di sezione. Se si devono
realizzare camini con un numero maggiore di variazioni necessario ricorre al metodo di
calcolo che consente di progettare il camino con componenti e andamento non standard.

www.impiantitalia.it

Pag.13 di 80

Rev.0.0

Guida allinstallazione dei sistemi di scarico fumi

Figura 5 Variazioni di andamento e sezione

Al fine del contenimento delle perdite localizzate, le variazioni di sezione devono essere
evitate, quando necessario devono essere utilizzati elementi di raccordo conici.
I cambiamenti di direzione devono essere realizzati usando elementi con raggi di
curvatura ampi e il raccordo tra canale da fumo e camino deve essere realizzato con
angoli di inserzione di circa 45.
Tra le resistenze localizzate occorre ricordare anche quelle che si formano nella camera
di combustione (i produttori dei generatori forniscono le indicazioni relative al tiraggio che
deve essere disponibile allapparecchio) e quelle dei sistemi di ventilazione, siano essi
costituiti da aperture nelle pareti o da condotti.
Nel caso degli apparecchi a camera di combustione aperta nel locale di installazione,
molto importante il corretto dimensionamento e la pulizia delle aperture di ventilazione, sia
per non introdurre resistenze localizzate, sia per assicurare il corretto funzionamento degli
apparecchi, che se eserciti in carenza ossigeno possono produrre il micidiale ossido di
carbonio.
www.impiantitalia.it

Pag.14 di 80

Rev.0.0

Guida allinstallazione dei sistemi di scarico fumi


Il funzionamento di qualsiasi sistema di scarico dei fumi non pu prescindere dalla
disponibilit di aria che con il suo contenuto di ossigeno, rende possibile la combustione.
Nella normativa tecnica l'afflusso di aria comburente viene ottenuto attraverso aperture di
ventilazione aventi dimensioni minime definite da diverse normative specifiche (in
allegato si riporta lo schema di calco delle aperture di ventilazione per gli apparecchi a
gas).
E' indispensabile assicurare una corretta ventilazione, non solo per garantire il buon
funzionamento dei sistemi, ma soprattutto per garantire la sicurezza degli occupanti. Se
non garantito un corretto apporto daria durante il funzionamento degli apparecchi
lossigeno disponibile nellatmosfera diminuisce. Quando nellambiente non presente
ossigeno in quantit sufficiente, la combustione peggiora e diviene incompleta dando
origine alla formazione di ossido di carbonio. La mancanza dellossigeno e il
contemporaneo formarsi di ossido di carbonio provocano in poco tempo gravi
conseguenze per gli occupanti dei locali e in alcune circostanze anche la morte.
La fuoriuscita dei fumi per difetto di tiraggio o assenza dellapertura di ventilazione,
facilmente avvertibile se si utilizza legna o combustibile liquido, perch i prodotti della
combustione hanno un odore caratteristico, ma nel caso dei combustibili gassosi i fumi
sono inodori e quindi non avvertibili (come lossido di carbonio) e le persone presenti nel
locale non possono accorgersi del cattivo funzionamento del sistema e mettersi in salvo.
Nel caso di apparecchi dotati di condotti di aspirazione e scarico il costruttore di ogni
apparecchio deve fornire indicazioni in merito alle lunghezze di collegamento limite che
possibile realizzare.

Riassumendo
1.
2.
3.
4.
5.

Maggiore il munero della variazioni del condotto maggiori sono le perdite


Le restrizioni di sezioni e i cambiamenti di direzione devono essere dolci
Le aperture di ventilazione devono essere correttamente dimensionate
Le aperture di ventilazione devono essere mantenute costantemente libere
La tenuta dei camini necessaria anche per garantire un buon valore di
tiraggio

Il comignolo
Il comignolo lelemento terminale del camino, la sua forma e la sua posizione sul tetto
degli edifici devono essere tali da farlo funzionare come aspiratore statico dei fumi, cio
deve favorire il deflusso, perch, quando i fumi arrivano in prossimit della sezione di
sbocco sono freddi e la forza del tiraggio prossima allo zero.
Il comignolo non deve introdurre perdite, anzi deve assicurare che per qualsiasi
condizione meteorologica e di vento sia garantito il deflusso dei fumi, per questi motivi
molti comignoli sono caratterizzati da uno specifico profilo aerodinamico che favorisce
levacuazione dei fumi.

www.impiantitalia.it

Pag.15 di 80

Rev.0.0

Guida allinstallazione dei sistemi di scarico fumi


Non possibile installare aspiratori meccanici alla sommit dei camini,
neppure quelli ad attivazione eolica, perch potrebbero sempre
bloccarsi senza che loccupante dellunit immobiliare se ne accorga,
quindi non pu essere affidata ad un accessorio di questo tipo la
sicurezza del funzionamento del camino.
Le norme prevedono che il comignolo sia posto fuori dalla zona di riflusso, cio di quella
zona in cui, per effetto del vento, si possono creare delle pressioni; a tale proposto sono
previste diverse quote di sbocco in funzione del tipo di apparecchio e del tipo di tetto.
Inoltre, nellinstallazione dei comignoli occorre considerare che esistono differenze tra i
vari comuni che, nei propri regolamenti, condizionano ulteriormente le possibilit di
installazione.
Comignoli di apparecchi a gas fino a 35 kW, termocucine, caminetti, generatori di calore a
combustibile solido

www.impiantitalia.it

Pag.16 di 80

Rev.0.0

Guida allinstallazione dei sistemi di scarico fumi

Figura 6 Posizionamento del comignolo sui tetti

Tabella 4 zone di posa dei comignoli

Caminetto o Inclinazione
termocamino
tetto a
15
30
45

A [m]

B[m]

C[m]

Hmin [m]

>1,85
> 1,5
> 1,3

<1,85
<1,5
<1,3

0,5
O,8
1,5

1
1,3
2

Apparecchi a
gas < 35 kW

A [m]

B[m]

C[m]

Hmin [m]

>1,85
> 1,3
> 1,5

<1,85
<1,3
<1,5

0,5
O,8
1,5

1
1,2
2

Inclinazione
tetto a
15
30
45

Apparecchi di riscaldamento a combustibile liquido e solido ricompresi nel campo di


applicazione del DPR 1391/70
I comignoli devono risultare pi alti di almeno un metro rispetto al colmo dei tetti, ai
parapetti ed a qualunque altro ostacolo o struttura distante meno di 10 metri.
I comignoli devono avere sezione utile d'uscita non inferiore al doppio della sezione del
camino, e devono essere conformati in modo da non ostacolare il tiraggio e favorire la
dispersione dei fumi nell'atmosfera.
I comignoli situati a distanza compresa fra 10 e 50 metri da aperture di locali abitati
devono essere al di sopra del filo superiore dell'apertura pi alta, salvo deroghe particolari,
considerate nei regolamenti comunali di igiene. In ogni caso, deve essere rispettata la
norma che i camini possano sboccare ad altezza non inferiore a quella del filo superiore
dell'apertura pi alta, diminuita di 1 metro per ogni metro di distanza orizzontale eccedente
i 10 metri.
www.impiantitalia.it

Pag.17 di 80

Rev.0.0

Guida allinstallazione dei sistemi di scarico fumi


Per la porzione di camino sporgente dal tetto o dalla copertura dell'edificio non pu essere
imposta un'altezza di costruzione superiore a metri cinque.

Figura 7 Posizionamento dei comignoli secondo DPR 1391/70

Apparecchi di riscaldamento a combustibile gassoso con potenzialit maggiore di 35 kW


Per questa tipologia di apparecchi che ricadono come possibilit di installazione allinterno
del DM 12/4/1996 Regola tecnica di prevenzione incendi trova attualmente applicazione
il disposto della UNI CIG 7129/72 , che non risulta essere stata ritirata (anche perch
pubblicata con Decreto Ministeriale sulla gazzetta Ufficiale), e le disposizioni del D.P.C.M.
08/03/2002 che rimandano anche per questi impianti al DPR 1391/70 e che risultano
applicabili nella definizione delle quote di sbocco, mentre le disposizioni contenute nella
norma UNI CIG relative alla conformazione dei comignoli sono le seguenti:

particolare Importanza hanno la forma e lubicazione del comignolo, in quanto si


deve in ogni caso evitare la possibilit di un ritorno daria dallalto verso il basso
(comignoli del tipo aspiratore statico).Allo scopo per di evitare che il vento possa
creare attorno a questi delle zone di pressione tali da prevalere sulla forza
ascensionale dei gas combusti, necessario che gli orifizi dei comignoli sovrastino
di almeno 0,40 m qualsiasi struttura adiacente al camino (compreso il colmo del
tetto delledificio) distante meno di 8 m.

nel caso di tetto piano o con pendenza minore di 15, i comignoli devono avere una
distanza verticale di almeno 1,4 m dal tetto, se questo provvisto dl parapetto, e di
almeno 1 m, in caso di assenza del parapetto.

www.impiantitalia.it

Pag.18 di 80

Rev.0.0

Guida allinstallazione dei sistemi di scarico fumi

Riassumendo
1.
2.
3.
4.
5.

Il comignolo deve essere posizionato fuori dalla zona di riflusso


Norme tecniche e leggi regolamentano linstallazione dei comignoli
Devono essere rispettati anche gli eventuali regolamenti di igiene locali
Il comignolo deve fungere da aspiratore statico
Luso di sistemi meccanici alla sommit del camino non consentito

www.impiantitalia.it

Pag.19 di 80

Rev.0.0

Guida allinstallazione dei sistemi di scarico fumi


Esercizio del camino
Come qualsiasi opera, la mancanza di manutenzione e lincuria, compreso
lesecuzione di interventi senza la minima considerazione per la sicurezza, possono
modificare il funzionamento del camino; a seguire sono riportati alcuni casi tipici in cui la
mancanza di manutenzione ( e attenzione) provoca situazioni di rischio.
Per evitare gli incidenti pi frequenti, la norma ha introdotto lobbligo di dotare i generatori
di calore di apposti sensori di riflusso dei fumi.
Il dispositivo richiesto dalle norme costituito da una sonda di temperatura, posta
sullinterruttore di tiraggio del generatore di calore e collegata ad unelettrovalvola. Se i
fumi non sono correttamente evacuati in atmosfera e tendono a ritornare in ambiente, si
determina una sopraelevazione della temperatura nella zona in cui posizionata la sonda
che aziona lelettrovalvola in chiusura.
Purtroppo questa protezione obbligatoria solo da qualche anno e gli apparecchi esistenti
non sempre ne sono dotati, nella tabella sottostante sono riportati i dati prodotti
dall'inchiesta della Regione Lombardia sulle casistiche ricorrenti negli incidenti dovuti ad
impianti a gas.

Tabella 5 Statistica Regione Lombardia

Scarico Scarico
Assente Inadeguato
Apparecchi cottura cibo
134
170
Scalda acqua
46
432
Caldaie murali
21
445
Caldaie centrali
6
16
Stufe
19
144
Radiatori gas
0
8
Caminetti
2
36
Altro
27
41

www.impiantitalia.it

Pag.20 di 80

Ventilazione
assente
179
281
175
9
168
2
69
35

Ventilazione
inadeguata
156
187
291
11
54
9
47
11

Rev.0.0

Guida allinstallazione dei sistemi di scarico fumi

Figura 8 Ostruzione del camino

Nei casi illustrati nelle figure sono riportati due eventi relativamente frequenti: lostruzione
del camino per eventi accidentali e il difetto causato dallerrata installazione del
comignolo (posto nella zona del tetto in cui per effetto del vento si possono creare delle
pressioni che impediscono la corretta evacuazione dei fumi).

www.impiantitalia.it

Pag.21 di 80

Rev.0.0

Guida allinstallazione dei sistemi di scarico fumi

Figura 9 Comignolo in zona di riflusso

Nel primo caso, levento si verifica spesso allinsaputa degli utilizzatori dellimpianto, nel
secondo levento non casuale, ma dovuto ad una installazione irregolare del comignolo
(quindi evitabile), spesso frutto di scelte estetiche (forme artistiche del comignolo) o di
convenienza economica (minore estensione del camino).
Limpresa che mette in servizio gli apparecchi deve verificare attentamente le
caratteristiche del tiraggio e accertare lassenza di reflussi di prodotti della combustione in
ambiente, in modo simile deve operare il manutentore che deve anche prestare attenzione
ai segni premonitori dellevento, ad esempio lannerimento della zona adiacente
allinterruttore di tiraggio.
Una seconda serie di cause riconducibili al cattivo tiraggio, sono i difetti indotti dallutilizzo
di apparecchi e sistemi che producono un tiraggio contrario rispetto a quello
sviluppato dal sistema di evacuazione dei prodotti della combustione. E il caso
dellutilizzo di caminetti a legna o elettroaspiratori.
Le norme tecniche limitano la possibilit di installare apparecchi a tiraggio naturale negli
stessi ambienti in cui risultano installati caminetti a legna; mentre in caso di presenza di
elettroaspiratori o cappe aspiranti elettriche devono essere prese le opportune cautele

www.impiantitalia.it

Pag.22 di 80

Rev.0.0

Guida allinstallazione dei sistemi di scarico fumi


maggiorando lapertura delle aperture di ventilazione ed eseguendo specifiche prove di
funzionamento.
In diversi casi di intossicazioni da ossido di carbonio si comunque notato come elemento
causale la presenza del caminetto a legna allinterno dellabitazione, spesso anche in
locali diversi e distanti da quello di installazione. Per questo motivo consigliata la
massima prudenza e attenzione nellinstallazione e nella manutenzione di apparecchi a
camera di combustione aperta nelle unit abitative dove sono presenti caminetti aperti o
sistemi di estrazione forzata dellaria.

Figura 10 Effetto del tiraggio contrario di un caminetto a legna

Infine un terzo gruppo di cause che concorrono al verificarsi degli incidenti costituito
dalla carenza di manutenzione. Gli apparecchi di riscaldamento (come le caldaie) devono
essere manutentati periodicamente secondo le istruzioni fornite dai costruttori degli
apparecchi stessi. Devono altres essere eseguite le operazioni di controllo ed eventuale
manutenzione previste dal DPR 412/93 ai fini del risparmio energetico, ma che hanno
comunque una significativa valenza anche sul piano della sicurezza.
Se non si esegue la manutenzione possono formarsi delle incrostazione sullo scambiatore
di calore, le incrostazioni possono impedire ai fumi di risalire nellapparecchio e al canale camino; perci i fumi possono fuoriuscire in ambiente in modo pericoloso attraverso il
mantello del generatore.
In questi casi la mancata manutenzione non permette di evidenziare i segni precoci dei
difetti di tiraggio, come lannerimento del mantello del generatore nei pressi dellinterruttore
di tiraggio o il deterioramento dei canali da fumo.
www.impiantitalia.it

Pag.23 di 80

Rev.0.0

Guida allinstallazione dei sistemi di scarico fumi

Figura 11 Effetto della mancata manutenzione

Occorre inoltre precisare che anche un generatore mal regolato, ad esempio funzionante
senza il dovuto eccesso d'aria o con eccesso di combustibile, durante la combustione
produce CO, ed anche in questo caso il difetto riconducibile alla mancanza o errata
manutenzione.
Riassumendo
1. Lavori edili possono avere modificato il funzionamento del camino
2. I sensori fumi contribuiscono ad assicurare la sicurezza in caso di difetto di
tiraggio
3. La presenza di caminetti a legna e sistemi di aspirazione compromette
gravemente il tiraggio
4. La mancanza di manutenzione causa il degrado del sistema e non permette
di rilevare i segni precoci di un difetto di tiraggio

La condensazione
A causa della diminuzione della temperatura dei fumi durante lattraversamento dei canali
da fumo e del camino possibile che si raggiunga un valore di temperatura tale da
provocare la condensazione del vapore acqueo contenuto nei fumi.
La temperatura cui avviene la condensazione definita temperatura di rugiada non ha
un valore predefinito, ma varia in funzione del tipo di combustibile e del contenuto di
CO2 presente nei fumi.

www.impiantitalia.it

Pag.24 di 80

Rev.0.0

Guida allinstallazione dei sistemi di scarico fumi


Tabella 6 variazione della temperatura di rugiada

Combustibile

CO2 in esercizio [%]

Metano
GPL
Gasolio
Olio Combustibile

8,5 10
11 12
11,5 12,5
11 12

Temperatura
Fumi [C]
120 160
120 160
150 180
180 200

Temperatura
rugiada [C]
55 70
55 70
100
100

Nella combustione del metano, il combustibile maggiormente utilizzato, il punto di rugiada


posto a circa 50C. Pu sembrare un valore distante da quello cui normalmente
fuoriescono i fumi dal generatore, ma nella realt la formazione di condensa un
fenomeno comune a tutti gli impianti ed per questo motivo che si consiglia lutilizzo di
camini resistenti alle azioni delle condense e linstallazione di appositi dispositivi per
raccogliere ed espellere questi fluidi.
Le circostanze che favoriscono la condensazione sono prevalentemente riconducibili ad
un eccessivo raffreddamento dei fumi a causa del camino non sufficientemente
coibentato, ma importante anche il modo di utilizzo degli impianti; spesso il
funzionamento dei generatori e di tipo ON-OFF e il generatore si trova ad operare in modo
discontinuo, alternando brevi periodi di accensione a periodi di spegnimento. Tra un ciclo
di accensione e laltro il camino si raffredda e il fumo che lo attraversa allinizio del ciclo si
raffredda condensando lungo le
pareti.

Infine occorre sottolineare la grande


diffusione dei generatori di calore a
condensazione in cui volutamente
si ricerca la condensazione dei fumi
al fine di recuperare la maggiore
quota possibile di energia. In questi
casi la formazione di condensa
raggiunge livelli veramente elevati e
occorrono
speciali accorgimenti
impiantistici per smaltire i liquidi
prodotti.
La condensa pu provocare la
perforazione dei condotti a causa
del fatto che leggermente acida
(pH 3,5 -3,6) e alla percolazione di
liquidi attraverso i muri (problema
correlato allo stato di mantenimento
dei camini e allutilizzo di camini in
materiale non idoneo), ed per
questo motivo che
le norme di
prodotto hanno classificato i condotti
anche in base alla loro resistenza
Figura 12 Formazione di condensa nel funzionamento ON
- OFF

www.impiantitalia.it

Pag.25 di 80

alla condensa.
Rev.0.0

Guida allinstallazione dei sistemi di scarico fumi

Riassumendo
1. La condensa si forma a causa delal dimiuizione della temperatura dei fumi
2. Il funzionamento discontinuo degli impianti favorisce il formarsi di condense
3. La condensa leggermente acida perci i camini devono essere di tipo
adatto
4. La condensa che si forma nei camini deve essere allontanata con mezzi
idoneii

www.impiantitalia.it

Pag.26 di 80

Rev.0.0

Guida allinstallazione dei sistemi di scarico fumi

3. Marcatura CE e designazione dei camini

Tutti i materiali destinati ad essere inseriti in modo stabile nelle costruzioni rientrano nel
campo di applicazione della DIRETTIVA CEE/89/106 PRODOTTI DA COSTRUZIONE,
pi comunemente conosciuta come direttiva CPD.
La direttiva stata recepita in Italia dal D.P.R. del 21 aprile 1993, n. 246. e prevede che
possono essere immessi sul mercato solo prodotti da costruzione muniti di marcatura CE,
realizzati in conformit alle norme armonizzate appositamente pubblicate.
Lelenco delle norme armonizzate recepite periodicamente pubblicato sulla gazzetta
ufficiale dellunione europea; attualmente sono state formalmente recepite le seguenti
norme.
Data di entrata in Data di scadenza del
vigore della norma
periodo di
in quanto norma
coesistenza
europea
armonizzata

CEN

EN 1457: 1999
Camini Condotti interni di terracotta/ceramica Requisiti e
metodi di prova
EN 1457: 1999/AC: 1999
EN 1457: 1999/A1: 2002

1.8.2003

1.8.2004

CEN

EN 1856-1: 2003
Camini Requisiti per camini metallici Parte 1: Prodotti per
sistemi di camini

1.4.2004

1.4.2005

CEN

EN 1856-2: 2004
Camini prescrizioni per camini metallici Parte 2: Canne
fumarie metalliche e tubazioni di connessione

1.5.2005

1.5.2006

CEN

EN 1857: 2003
Camini Componenti Condotti fumari di calcestruzzo

1.5.2004

1.5.2005

CEN

EN 1858: 2003
Camini Componenti Blocchi di calcestruzzo

1.5.2004

1.5.2005

CEN

EN 12446: 2003
Camini Componenti Elementi esterni di calcestruzzo

1.2.2004

1.2.2005

CEN

EN 13063-2: 2005
Camini Sistemi di camini con condotti di terracotta/ceramica
Parte 2: Requisiti e metodi di prova in condizioni umide

1.3.2006

1.3.2007

CEN

EN 13069: 2005
Camini Pareti esterne di laterizio/ceramica per sistemi di
canne fumarie Requisiti e metodi di prova

1.5.2006

1.5.2007

CEN

EN 13084-5: 2005
Camini industriali strutturalmente indipendenti Parte 5:
Materiali per pareti interne di mattoni Specifiche di prodotto

1.4.2006

1.4.2007

CEN

EN 13502: 2002
Camini Requisiti e metodi di prova per terminali di terracotta/
ceramica

1.8.2003

1.8.2004

1.6.2006

1.6.2007

CEN

EN 14471: 2005
Camini Sistemi di condotti fumari plastici Requisiti e
metodi di prova

Tabella 7 Norme recepite con GUUE

www.impiantitalia.it

Pag.27 di 80

Rev.0.0