Sei sulla pagina 1di 42

Luce e illuminazione

NORMA ITALIANA

Illuminazione dei posti di lavoro

UNI EN 12464-1

Parte 1: Posti di lavoro in interni

OTTOBRE 2004
Light and lighting

Lighting of work places

CLASSIFICAZIONE ICS

91.160.10

SOMMARIO

La norma specica i requisiti illuminotecnici per i posti di lavoro in interni,


che corrispondono alle esigenze di comfort visivo e di prestazione visiva.
Sono considerati tutti i compiti visivi abituali, inclusi quelli che comportano
lutilizzo di attrezzature munite di videoterminali.

RELAZIONI NAZIONALI

La presente norma sostituisce la UNI 10380:1994.

RELAZIONI INTERNAZIONALI

= EN 12464-1:2002
La presente norma la versione ufciale in lingua italiana della norma
europea EN 12464-1 (edizione novembre 2002).

ORGANO COMPETENTE

Commissione "Luce e illuminazione"

RATIFICA

Presidente dellUNI, delibera del 2 settembre 2004

UNI
Ente Nazionale Italiano
di Unicazione
Via Battistotti Sassi, 11B
20133 Milano, Italia

UNI - Milano
Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente documento
pu essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microlm o altro, senza
il consenso scritto dellUNI.

UNI EN 12464-1:2004

NORMA EUROPEA

Part 1: Indoor work places

Pagina I

PREMESSA NAZIONALE
La presente norma costituisce il recepimento, in lingua italiana, della norma europea EN 12464-1 (edizione novembre 2002), che assume cos lo status di norma nazionale italiana.
La traduzione stata curata dallUNI.
La Commissione "Luce e illuminazione" dellUNI segue i lavori europei sullargomento per delega della Commissione Centrale Tecnica.
Le norme UNI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione di nuove edizioni o di aggiornamenti.
importante pertanto che gli utilizzatori delle stesse si accertino di essere in possesso dellultima edizione e degli eventuali aggiornamenti.
Si invitano inoltre gli utilizzatori a vericare lesistenza di norme UNI
corrispondenti alle norme EN o ISO ove citate nei riferimenti normativi.

Le norme UNI sono elaborate cercando di tenere conto dei punti di vista di tutte le parti
interessate e di conciliare ogni aspetto conittuale, per rappresentare il reale stato
dellarte della materia ed il necessario grado di consenso.
Chiunque ritenesse, a seguito dellapplicazione di questa norma, di poter fornire suggerimenti per un suo miglioramento o per un suo adeguamento ad uno stato dellarte
in evoluzione pregato di inviare i propri contributi allUNI, Ente Nazionale Italiano di
Unicazione, che li terr in considerazione, per leventuale revisione della norma stessa.

UNI EN 12464-1:2004

UNI

Pagina II

INDICE
INTRODUZIONE

SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE

RIFERIMENTI NORMATIVI

TERMINI E DEFINIZIONI

4
4.1
4.2
4.3

CRITERI DI PROGETTAZIONE ILLUMINOTECNICA


2
Ambiente luminoso .................................................................................................................................. 2
Distribuzione delle luminanze ............................................................................................................ 2
Illuminamento.............................................................................................................................................. 3
Illuminamenti raccomandati nella zona del compito ......................................................................... 3
Illuminamenti delle zone immediatamente circostanti ...................................................................... 4

4.3.1
4.3.2
prospetto

4.3.3

Rapporto tra illuminamenti e uniformit nelle zone immediatamente circostanti e nelle


zone del compito ........................................................................................................................................... 4
Uniformit ........................................................................................................................................................ 4

4.4

Abbagliamento ........................................................................................................................................... 4

4.4.1
4.4.2

Abbagliamento molesto .............................................................................................................................. 5


Schermatura contro l'abbagliamento ..................................................................................................... 5
prospetto

4.4.3

Angoli di schermatura minimi per le specifiche luminanze delle lampade ................................ 5


Riflessioni velanti e abbagliamento riflesso ......................................................................................... 5

4.5

Illuminazione direzionale ...................................................................................................................... 6

4.5.1
4.5.2

Modellato ......................................................................................................................................................... 6
Illuminazione direzionale dei compiti visivi........................................................................................... 6

4.6

Aspetti del colore....................................................................................................................................... 6

4.6.1

Apparenza del colore .................................................................................................................................. 6


prospetto

4.6.2

Gruppi di apparenza di colore delle lampade ..................................................................................... 6


Resa del colore.............................................................................................................................................. 6

Sfarfallamento ed effetti stroboscopici .......................................................................................... 7


Fattore di manutenzione ....................................................................................................................... 7
Risparmio energetico .............................................................................................................................. 7
Luce diurna................................................................................................................................................... 7
Illuminazione delle postazioni di lavoro con attrezzature munite di videoterminali.... 8
Generalit ........................................................................................................................................................ 8

4.7
4.8
4.9
4.10
4.11
4.11.1
4.11.2

Limiti della luminanza dell'apparecchio d'illuminazione con flusso luminoso rivolto verso
il basso ............................................................................................................................................................. 8
prospetto

5
5.1
5.2
5.3
prospetto

5.1

prospetto

5.2

prospetto

5.3

prospetto

5.4

prospetto

5.5

prospetto

5.6

prospetto

5.7

prospetto

5.8

Limiti delle luminanze degli apparecchi che possono riflettersi nello schermo ....................... 8

ELENCO DEI REQUISITI ILLUMINOTECNICI


8
Composizione dei prospetti ................................................................................................................. 8
Elenco degli interni (zone), compiti e attivit ............................................................................. 9
Requisiti di illuminazione per interni (zone), compiti e attivit ....................................... 11
Zone di circolazione e spazi comuni all'interno di edifici .............................................................. 11
Attivit industriali ed artigianali .............................................................................................................. 12
Uffici ............................................................................................................................................................... 18
Vendita al dettaglio.................................................................................................................................... 18
Luoghi pubblici ............................................................................................................................................ 18
Edifici scolastici .......................................................................................................................................... 20
Edifici di cura ............................................................................................................................................... 21
Trasporti ........................................................................................................................................................ 23

UNI EN 12464-1:2004

UNI

Pagina III

6
6.1
6.2
6.3
6.4
APPENDICE
(informativa)

PROCEDIMENTI DI VERIFICA
Illuminamento ..........................................................................................................................................
Indice unificato di abbagliamento (UGR)..................................................................................
Indice di resa del colore .....................................................................................................................
Luminanza dell'apparecchio di illuminazione .........................................................................

23
23
23
24
24

DEVIAZIONE-A

25

BIBLIOGRAFIA

26

INDICE DI INTERNI (ZONE), COMPITI E ATTIVIT

27

UNI EN 12464-1:2004

UNI

Pagina IV

Luce e illuminazione
NORMA EUROPEA

EN 12464-1

Illuminazione dei posti di lavoro


Parte 1: Posti di lavoro in interni

NOVEMBRE 2002
Light and lighting
EUROPEAN STANDARD

Lighting of work places


Part 1: Indoor work places
Lumire et clairage

NORME EUROPENNE

Eclairage des lieux de travail


Partie 1: Lieux de travail intrieur
Licht und Beleuchtung

EUROPISCHE NORM

Beleuchtung von Arbeitssttten


Teil 1: Arbeitssttten in Innenramen

DESCRITTORI

91.160.10

ICS

La presente norma europea stata approvata dal CEN il 16 ottobre 2002.


I membri del CEN devono attenersi alle Regole Comuni del CEN/CENELEC
che deniscono le modalit secondo le quali deve essere attribuito lo status di
norma nazionale alla norma europea, senza apportarvi modiche. Gli elenchi
aggiornati ed i riferimenti bibliograci relativi alle norme nazionali corrispondenti possono essere ottenuti tramite richiesta alla Segreteria Centrale oppure ai
membri del CEN.
La presente norma europea esiste in tre versioni ufciali (inglese, francese e
tedesca). Una traduzione nella lingua nazionale, fatta sotto la propria responsabilit da un membro del CEN e noticata alla Segreteria Centrale, ha il medesimo status delle versioni ufciali.
I membri del CEN sono gli Organismi nazionali di normazione di Austria,
Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda,
Italia, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito,
Repubblica Ceca, Spagna, Svezia e Svizzera.

CEN
COMITATO EUROPEO DI NORMAZIONE
European Committee for Standardization
Comit Europen de Normalisation
Europisches Komitee fr Normung
Segreteria Centrale: rue de Stassart, 36 - B-1050 Bruxelles

2002 CEN
Tutti i diritti di riproduzione, in ogni forma, con ogni mezzo e in tutti i Paesi, sono
riservati ai Membri nazionali del CEN.
UNI EN 12464-1:2004

UNI

Pagina V

PREMESSA
Il presente documento EN 12464-1:2002 stato elaborato dal Comitato Tecnico CEN/TC 169
"Luce e illuminazione", la cui segreteria afdata al DIN.
Alla presente norma europea deve essere attribuito lo status di norma nazionale, o mediante pubblicazione di un testo identico o mediante notica di adozione, entro maggio 2003, e
le norme nazionali in contrasto devono essere ritirate entro maggio 2003.
L'appendice A informativa.
Il presente documento include una bibliograa.
In conformit alle Regole Comuni CEN/CENELEC, gli enti nazionali di normazione dei seguenti Paesi sono tenuti a recepire la presente norma europea: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lussemburgo, Malta,
Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia e
Svizzera.

UNI EN 12464-1:2004

UNI

Pagina VI

INTRODUZIONE
Per consentire alle persone lo svolgimento efcace ed accurato dei compiti visivi
dovrebbe essere fornita un'illuminazione adeguata ed appropriata. L'illuminazione pu
essere naturale, articiale o mista.
Il livello di visibilit e di comfort richiesti nella maggior parte dei posti di lavoro dipendono
dal tipo e dalla durata dell'attivit.
La presente norma specica i requisiti relativi agli impianti di illuminazione in termini di
quantit e qualit per la maggior parte dei posti di lavoro in interni e delle zone connesse.
Inoltre sono fornite raccomandazioni di buona pratica di illuminazione.
Sebbene i requisiti specici sono indicati nel prospetto dei requisiti di illuminazione
(vedere punto 5), comunque importante attenersi a quanto indicato nei punti della
presente norma.

SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE


La presente norma europea specica i requisiti illuminotecnici per i posti di lavoro in
interni, che corrispondono alle esigenze di comfort visivo e di prestazione visiva. Sono
considerati tutti i compiti visivi abituali, inclusi quelli che comportano l'utilizzo di attrezzature munite di videoterminali.
La presente norma europea non specica i requisiti illuminotecnici riguardanti la
sicurezza e la salute dei lavoratori sul luogo di lavoro e non rientra nello scopo e campo di
applicazione dell'articolo 137 del trattato CE, sebbene i requisiti illuminotecnici, come
specicati nella presente norma, generalmente soddisfano le esigenze di sicurezza. I
requisiti illuminotecnici riguardanti la sicurezza e la salute dei lavoratori sul luogo di lavoro
possono essere contenuti nelle Direttive basate sull'articolo 137 del trattato CE, nella
legislazione nazionale degli Stati Membri che implementa questa Direttiva o in altre
legislazioni nazionali degli Stati Membri.
La presente norma non riporta soluzioni speciche, non limita la libert del progettista di
sperimentare nuove tecniche, n l'applicazione di attrezzature innovative.
La presente norma non applicabile per l'illuminazione dei posti di lavoro in esterni e
delle miniere sotterranee.

RIFERIMENTI NORMATIVI
La presente norma europea rimanda, mediante riferimenti datati e non, a disposizioni
contenute in altre pubblicazioni. Tali riferimenti normativi sono citati nei punti appropriati
del testo e sono di seguito elencati. Per quanto riguarda i riferimenti datati, successive
modiche o revisioni apportate a dette pubblicazioni valgono unicamente se introdotte
nella presente norma europea come aggiornamento o revisione. Per i riferimenti non
datati vale l'ultima edizione della pubblicazione alla quale si fa riferimento (compresi gli
aggiornamenti).
EN 12193
Light and lighting - Sports lighting
EN 12665:2002
Light and lighting - Basic terms and criteria for specifying lighting
requirements
prEN 13032-1
Lighting applications - Measurement and presentation of photometric data of lamps and luminaires - Measurement
CIE 117:1995
Discomfort glare in interior lighting

TERMINI E DEFINIZIONI
Ai ni della presente norma europea si applicano i termini e le denizioni riportati nella
EN 12665:2002 ed i seguenti.
Nota

I termini e le grandezze essenziali utilizzate nella presente norma, che potrebbero non essere riportati nella
IEC 60050-845, sono deniti nel presente punto.
UNI EN 12464-1:2004

UNI

Pagina 1

3.1

compito visivo: Insieme degli elementi visivi del lavoro effettuato.


Nota

I principali elementi visivi sono le dimensioni della struttura, la sua luminanza, il suo contrasto rispetto allo
sfondo e la sua durata.

3.2

zona del compito: Parte del posto di lavoro nella quale viene svolto il compito visivo. Per
ambienti dove non sono note le dimensioni e la disposizione della zona del compito deve
essere assunta come zona del compito la zona dove il compito pu essere effettuato.

3.3

zona immediatamente circostante: Fascia di almeno 0,5 m di larghezza intorno alla zona
del compito all'interno del campo visivo.

3.4

illuminamento medio mantenuto ( E m): Valore al di sotto del quale l'illuminamento medio,
su una specica supercie, non pu mai scendere.
Nota

Si tratta dell'illuminamento medio nel momento in cui dovrebbe essere eseguita la manutenzione.

3.5

angolo di schermatura: Angolo compreso tra il piano orizzontale e la prima linea di osservazione dalla quale le parti luminose delle lampade nell'apparecchio sono direttamente
visibili.

3.6

attrezzature munite di videoterminali: Schermi con visori alfanumerici o graci indipendentemente dal processo di visualizzazione utilizzato [90/270/CEE].

3.7

uniformit dell'illuminamento: Rapporto tra i valori minimo e medio degli illuminamenti di


una supercie (vedere anche IEC 60050-845/CIE 17.4:845-09-58, Fattore di uniformit
dell'illuminamento).

CRITERI DI PROGETTAZIONE ILLUMINOTECNICA

4.1

Ambiente luminoso
Per la realizzazione di illuminazione, essenziale, oltre al valore dell'illuminamento
richiesto, soddisfare le esigenze qualitative e quantitative.
I requisiti illuminotecnici vengono determinati dalla soddisfazione delle seguenti tre
esigenze fondamentali:
-

il comfort visivo: la sensazione di benessere percepita dai lavoratori contribuisce


indirettamente anche a ottenere alti i livelli di produttivit;

la prestazione visiva: i lavoratori sono in grado di svolgere i loro compiti visivi anche
in circostanze difcili e protratti nel tempo;

la sicurezza.

I principali parametri che caratterizzano l'ambiente luminoso sono:


-

distribuzione delle luminanze;

illuminamento;

abbagliamento;

direzione della luce;

resa dei colori e colore apparente della luce;

sfarfallamento;

luce diurna.

I valori dell'illuminamento, abbagliamento molesto e resa dei colori sono riportati nel
punto 5.

4.2

Distribuzione delle luminanze


La distribuzione delle luminanze nel campo visivo inuenza il livello di adattamento degli
occhi che a sua volta inuenza la visibilit del compito.

UNI EN 12464-1:2004

UNI

Pagina 2

Una luminanza di adattamento nel campo visivo ben bilanciata necessaria per
aumentare:
-

l'acuit visiva (nitidezza della visione);

la sensibilit al contrasto (discriminazione di piccole differenze di luminanza);

l'efcienza delle funzioni oculari (quali accomodamento, convergenza, contrazione


pupillare, movimenti oculari, ecc.).

La distribuzione delle luminanze nel campo visivo inuenza anche il comfort visivo.
Conseguentemente si dovrebbe evitare quanto segue:
-

luminanze troppo elevate che potrebbero provocare abbagliamento;

contrasti di luminanza troppo elevati che causerebbero affaticamento a causa delle


costanti variazioni di adattamento oculare;

luminanze troppo basse e contrasti di luminanza troppo bassi che darebbero luogo
ad un ambiente di lavoro monotono e non stimolante.

Le luminanze di tutte le superci sono importanti e sono determinate dal fattore di riessione e dall'illuminamento sulle superci.
Gli intervalli consigliati per i fattori di riessione delle principali pareti di un locale sono:

4.3

softto:

da 0,6 a 0,9;

pareti:

da 0,3 a 0,8;

piani di lavoro: da 0,2 a 0,6;

pavimento:

da 0,1 a 0,5.

Illuminamento
L'illuminamento e la sua ripartizione sulla zona del compito e sulla zona circostante,
inuenzano notevolmente la percezione del compito visivo e la sua esecuzione in modo
rapido, sicuro e confortevole.
Tutti i valori d'illuminamento specicati nella presente norma sono illuminamenti medi
mantenuti e sono necessari per garantire il comfort e le prestazioni visive richieste.

4.3.1

Illuminamenti raccomandati nella zona del compito


I valori riportati nel punto 5 sono illuminamenti medi mantenuti sulla supercie di riferimento della zona del compito, che pu essere orizzontatale, verticale o inclinata. L'illuminamento medio per ogni compito non deve essere minore del valore indicato nel punto 5,
qualunque sia l'et e lo stato dell'installazione. I valori sono validi per condizioni visive
abituali e tengono conto dei seguenti fattori:
-

aspetti psico-siologici come il comfort visivo ed il benessere;

requisiti dei compiti visivi;

ergonomia della visione;

esperienza pratica;

sicurezza;

economia.

Se le condizioni di visibilit differiscono dalle abituali, il valore dell'illuminamento pu


essere variato di almeno un gradino della scala degli illuminamenti (vedere sotto).
Un fattore di circa 1,5 rappresenta la pi piccola differenza signicativa nell'effetto
soggettivo dell'illuminamento. In condizioni abituali d'illuminazione sono richiesti circa
20 lx per percepire in modo corretto i lineamenti del volto umano. Tale valore stato
adottato come il pi basso della scala degli illuminamenti. La scala degli illuminamenti
raccomandati (in lux) :
20 - 30 - 50 - 75 - 100 - 150 - 200 - 300 - 500 - 750 - 1 000 - 1 500 - 2 000 - 3 000 - 5 000
Si dovrebbe aumentare l'illuminamento mantenuto richiesto quando:
-

il compito visivo critico;

gli errori sono costosi da correggere;

UNI EN 12464-1:2004

UNI

Pagina 3

sono molto importanti accuratezza o alta produttivit;

le capacit visive del lavoratore sono inferiori al normale;

i dettagli del compito sono eccezionalmente piccoli o con basso contrasto;

il compito deve essere svolto per tempi eccezionalmente lunghi.

Si pu ridurre l'illuminamento mantenuto richiesto quando:


-

i dettagli del compito sono eccezionalmente grandi o con contrasto particolarmente


elevato;

il compito deve essere svolto per un tempo eccezionalmente breve.

In zone occupate in continuazione, l'illuminamento mantenuto non deve essere minore di


200 lx.

4.3.2

Illuminamenti delle zone immediatamente circostanti


L'illuminamento delle zone immediatamente circostanti deve essere correlato all'illuminamento della zona del compito e dovrebbe fornire una distribuzione delle luminanze ben
equilibrate nel campo visivo.
Variazioni troppo elevate dell'illuminamento attorno alla zona del compito, possono
provocare affaticamento visivo e abbagliamento molesto.
L'illuminamento delle zone immediatamente circostanti pu essere pi basso di quello del
compito ma non deve essere minore dei valori indicati nel prospetto 1.
prospetto

Rapporto tra illuminamenti e uniformit nelle zone immediatamente circostanti e nelle zone del
compito
Illuminamento del compito
lx

Illuminamento delle zone immediatamente circostanti


lx

750
500
300
200

500
300
200

Uniformit: 0,7

Ecompito
Uniformit: 0,5

Oltre all'illuminamento del compito, l'illuminazione deve fornire una adeguata luminanza
di adattamento visivo in conformit al punto 4.2.

4.3.3

Uniformit
La zona del compito deve essere illuminata il pi uniformemente possibile. L'uniformit
sulla zona del compito e delle zone immediatamente circostanti non deve essere minore
dei valori forniti nel prospetto 1.

4.4

Abbagliamento
L'abbagliamento la sensazione visiva prodotta da superci che determinano elevati
gradienti di luminanza all'interno del campo visivo e pu essere percepito come abbagliamento molesto o debilitante. L'abbagliamento prodotto dalla riessione delle superci
speculari generalmente noto come riessione velante o abbagliamento da riessione.
importante limitare l'abbagliamento per evitare errori, affaticamento ed incidenti.
In luoghi di lavoro interni, l'abbagliamento molesto pu essere prodotto direttamente dagli
apparecchi d'illuminazione o dalle nestre. Se i limiti dell'abbagliamento molesto sono
soddisfatti, l'abbagliamento debilitante assume generalmente un'importanza trascurabile.
Nota

Una particolare cura necessaria per evitare l'abbagliamento quando la direzione della visione sopra
l'orizzontale.

UNI EN 12464-1:2004

UNI

Pagina 4

4.4.1

Abbagliamento molesto
L'abbagliamento molesto, direttamente prodotto dagli apparecchi di un impianto d'illuminazione di interni, deve essere valutato utilizzando il metodo tabellare CIE dell'indice
unicato di abbagliamento UGR (Unied Glare Rating), basato sulla formula:
0,25 L 2
UGR = 8log 10 ----------- ---------
2
Lb
p
dove:

Lb

la luminanza di sfondo in cd m-2, calcolata con Eind -1, dove Eind l'illuminamento verticale indiretto al livello dell'occhio dell'osservatore;

la luminanza, in cd m-2, delle parti luminose di ogni apparecchio di illuminazione


nella direzione dell'occhio dell'osservatore;

l'angolo solido, in steradianti, delle parti luminose di ogni apparecchio di illuminazione nella direzione dell'occhio dell'osservatore;

l'indice di posizione di Guth, che funzione dello scostamento angolare rispetto


all'asse della visione, per ogni singolo apparecchio di illuminazione.

Tutte le ipotesi necessarie alla determinazione dell'UGR devono essere dichiarate nella
documentazione del progetto. Il valore di UGR dell'impianto d'illuminazione non deve
essere maggiore del valore riportato nel punto 5.
Nota 1

Le variazioni di UGR per differenti posizioni dell'osservatore nel locale possono essere calcolate utilizzando
la formula (oppure il prospetto completo). I valori limite per questa condizione sono allo studio.

Nota 2

Se il valore UGR massimo in un locale maggiore del limite di UGR di cui al punto 5, pu essere necessario
dare indicazioni sulle posizioni appropriate delle postazioni di lavoro.

Nota 3

L'abbagliamento molesto prodotto dalle nestre ancora oggetto di ricerca. Nessun metodo di valutazione
idoneo dell'abbagliamento attualmente disponibile.

4.4.2

Schermatura contro l'abbagliamento


Le sorgenti di elevata luminosit possono causare abbagliamento ed alterare la visione
degli oggetti. Questo fenomeno deve essere evitato, per esempio, con un'adeguata schermatura delle lampade o la copertura delle nestre mediante tende con schermi idonei.
L'angolo minimo di schermatura indicato nel prospetto 2 deve essere in funzione delle
luminanze speciche delle lampade.
Nota

prospetto

4.4.3

I valori riportati nel prospetto 2 non si applicano ad apparecchi per l'illuminazione indiretta o montati al di sotto
del livello normale della visione.
Angoli di schermatura minimi per le speciche luminanze delle lampade
Luminanza della lampada
kcd m-2

Angolo minimo di schermatura

da 20 a <50

15

da 50 a <500

20

500

30

Riessioni velanti e abbagliamento riesso


Riessioni di elevata luminosit nel compito visivo possono alterare le condizioni di
visibilit del compito, in modo generalmente dannoso. Riessioni che velano l'immagine e
luce abbagliante riessa possono essere eliminate o ridotte con le seguenti misure:
-

sistemazione adeguata degli apparecchi d'illuminazione e dei posti di lavoro;

nitura della supercie (superci opache);

riduzione della luminanza degli apparecchi d'illuminazione;

aumento dell'area luminosa dell'apparecchio d'illuminazione;

pareti e softti chiari.

UNI EN 12464-1:2004

UNI

Pagina 5

4.5

Illuminazione direzionale
L'illuminazione direzionale pu essere usata per mettere in evidenza oggetti, rivelare la
trama dei tessuti e migliorare l'aspetto delle persone nello spazio. Tutto questo descritto
con il termine "modellato". L'illuminazione direzionale di un compito visivo pu inuenzare
anche la sua visibilit.

4.5.1

Modellato
Il modellato il risultato dell'equilibrio tra illuminazione diffusa e direzionale. Esso un
valido criterio di qualit dell'illuminazione applicabile praticamente a tutti i tipi di interni.
L'aspetto generale di un ambiente interno esaltato quando le sue caratteristiche strutturali, le persone e gli oggetti al suo interno sono illuminati in modo tale che forme e trame
dei tessuti sono rivelati in modo chiaro e piacevole. Questo si verica quando la luce
proviene in modo predominante da una direzione, le ombre, essenziali per ben modellare,
si formano quindi senza confusione.
L'illuminazione non dovrebbe essere n troppo direzionale, per non produrre ombre
troppo dure, n troppo diffusa per non perdere completamente l'effetto del modellato,
rendendo l'ambiente luminoso monotono.

4.5.2

Illuminazione direzionale dei compiti visivi


L'illuminazione da una direzione specica pu rilevare i dettagli di un compito visivo,
aumentandone la visibilit e rendendo pi facile l'espletamento del compito stesso. Riessioni velanti e abbagliamento riesso dovrebbero essere evitati, vedere punto 4.4.3.

4.6

Aspetti del colore


Le qualit del colore di una lampada che si avvicina al bianco sono caratterizzate da due
attributi:
-

l'apparenza del colore della lampada stessa;

la sua capacit di resa dei colori che inuenza l'apparenza del colore di oggetti e
persone illuminate dalla lampada.

Questi due attributi devono essere considerati separatamente.

4.6.1

Apparenza del colore


L'"apparenza del colore" di una lampada si riferisce al colore apparente (cronaticit) della
luce emessa. denita dalla sua temperatura di colore correlata (TCP).
L'apparenza del colore pu anche essere descritta come nel prospetto 3.
prospetto

Gruppi di apparenza di colore delle lampade


Apparenza del colore

Temperatura correlata del colore TCP


K

Calda

minore di 3 300 K

Intermedia

da 3 300 K a 5 300 K

Fredda

maggiore di 5 300 K

La scelta dell'apparenza del colore oggetto della psicologia dell'estetica e di quello che
visto come naturale. La scelta dipende dal livello d'illuminamento, dai colori
dell'ambiente e dei mobili, dal clima circostante e dall'applicazione. Nei climi caldi
generalmente si preferisce un aspetto del colore di luce pi fredda, mentre nei climi freddi
si preferisce un aspetto del colore di luce pi calda.

4.6.2

Resa del colore


Per la prestazione visiva e la sensazione di comfort e di benessere importante che
nell'ambiente i colori degli oggetti e della pelle umana siano resi in modo naturale, corretto
e che facciano apparire le persone attraenti e in buona salute.

UNI EN 12464-1:2004

UNI

Pagina 6

I colori di sicurezza devono essere sempre riconoscibili come tali (vedere anche
ISO 3864).
Per fornire un'indicazione obiettiva delle propriet di resa del colore di una sorgente
luminosa introdotto l'indice generale di resa del colore Ra. Il valore massimo di Ra 100.
Questo numero diminuisce al diminuire della qualit della resa del colore.
Le lampade con un indice di resa del colore minore di 80 non dovrebbero essere usate in
interni dove le persone lavorano o permangono per periodi lunghi. Eccezioni possono
riguardare alcuni luoghi e/o attivit (come per esempio l'illuminazione di locali molto alti),
ma idonee misure devono essere prese per assicurare un'illuminazione con una resa del
colore pi elevata in posti di lavoro ssi occupati in continuo e dove i colori di sicurezza
devono essere riconosciuti.
Il valore minimo dell'indice di resa del colore per vari tipi di interni (zone), compiti o attivit
sono forniti al punto 5.

4.7

Sfarfallamento ed effetti stroboscopici


Lo sfarfallamento provoca distrazione e pu dar luogo a effetti siologici, per esempio,
cefalee. Gli effetti stroboscopici possono comportare situazioni di pericolo dovute alla
modica della percezione del movimento di macchinari dotati di moto rotatorio o alternativo.
I sistemi d'illuminazione dovrebbero essere progettati in modo da evitare lo sfarfallamento
e gli effetti stroboscopici.
Nota

4.8

Per ovviare a questi inconvenienti sufciente alimentare le lampade ad incandescenza in corrente continua
o utilizzare lampade a scarica o ad incandescenza alimentate ad alta frequenza (attorno ai 30 kHz).

Fattore di manutenzione
Il progetto d'illuminazione dovrebbe prevedere un fattore di manutenzione generale determinato in base all'apparecchio d'illuminazione scelto, all'ambiente circostante ed al
programma di manutenzione specico.
Il livello d'illuminamento raccomandato per ciascun compito dato come illuminamento
medio mantenuto. Il fattore di manutenzione dipende dalle caratteristiche di manutenzione della lampada, dell'alimentatore, dell'apparecchio di illuminazione, dell'ambiente
circostante e del programma di manutenzione.
Il progettista deve:

4.9

stabilire il fattore di manutenzione ed elencare tutte le ipotesi richieste per la valutazione di questo valore;

specicare gli apparecchi d'illuminazione idonei all'ambiente;

preparare un programma di manutenzione completo che comprenda la frequenza


del ricambio delle lampade, gli intervalli di pulizia degli apparecchi d'illuminazione,
del locale ed il metodo di pulizia pi adeguato.

Risparmio energetico
L'impianto d'illuminazione dovrebbe soddisfare i requisiti di illuminazione relativi ad uno
spazio particolare senza comportare sprechi di energia. Tuttavia, importante non
compromettere gli aspetti visivi di un impianto di illuminazione solo per ridurre il consumo
energetico, questo richiede un'attenta valutazione dei sistemi d'illuminazione, apparecchiature, dispositivi di controllo, appropriati cos come l'impiego della luce naturale disponibile.

4.10

Luce diurna
La luce diurna pu fornire tutta o in parte l'illuminazione necessaria dei compiti visivi.
Tuttavia essa cambia in livello e composizione spettrale durante il giorno producendo
percezioni diverse dell'ambiente. D'altra parte, a causa del usso luminoso pressoch
orizzontale proveniente dalle nestre laterali essa pu essere utile per la creazione di una
particolare distribuzione delle luminanze nell'ambiente e di un modellato specico.

UNI EN 12464-1:2004

UNI

Pagina 7

Le nestre possono fornire un contatto visivo con il mondo esterno che preferito dalla
maggior parte delle persone.
Negli interni con nestre laterali, la luce diurna disponibile decresce rapidamente con
l'aumentare della distanza dalla nestra. Diventa quindi necessario l'impiego dell'illuminazione articiale, al ne di assicurare il valore dell'illuminamento richiesto sul posto di
lavoro ed il bilanciamento della distribuzione di luminanza nel locale. Un'accensione
automatica o manuale e/o un dispositivo di regolazione della luce possono essere
utilizzati per assicurare un dosaggio appropriato tra l'illuminazione articiale e naturale.
Per ridurre l'abbagliamento proveniente dalle nestre se necessario dovrebbero essere
previste delle schermature.

4.11

Illuminazione delle postazioni di lavoro con attrezzature munite di videoterminali

4.11.1

Generalit
L'illuminazione delle postazioni di lavoro con attrezzature munite di videoterminali deve
essere appropriata per tutti i compiti svolti, quali la lettura dello schermo, del testo
stampato, scrittura su carta, lavoro sulla tastiera.
Per queste zone, i criteri ed il sistema d'illuminazione devono essere scelti conformemente al campo di attivit, al tipo di compito ed al tipo di interno fra quelli indicati nel punto
5; alcuni Paesi prevedono requisti aggiuntivi.
Le attrezzature munite di videoterminali ed in qualche caso la tastiera possono produrre
delle riessioni che causano abbagliamento debilitante e abbagliamento molesto.
quindi necessario scegliere, posizionare e disporre gli apparecchi per evitare le riessioni
di luminosit elevata.
Il progettista deve determinare le zone d'installazione critiche e scegliere gli apparecchi e
le posizioni d'installazione che non producano riessioni fastidiose.

4.11.2

Limiti della luminanza dell'apparecchio d'illuminazione con usso luminoso rivolto verso il
basso
Il presente paragrafo descrive i valori limite della luminanza degli apparecchi d'illuminazione che possono essere riessi dagli schermi di attrezzature munite di videoterminali
nelle direzioni ordinarie di osservazione.
Il prospetto 4 ssa i limiti della luminanza media degli apparecchi d'illuminazione per
angoli di elevazione di 65 ed oltre, in rapporto alla verticale secondo direzioni che
ruotano radialmente attorno agli apparecchi stessi quando installati in locali con gli
schermi dei videoterminali verticali o inclinati no a 15 verso l'alto.
Nota

prospetto

Per alcuni luoghi particolari, per esempio con l'impiego di schermi a contrasto negativo o ad inclinazione
variabile, questi limiti di luminanza dovrebbero essere applicati per angoli di elevazione inferiori (per esempio
55) dell'apparecchio di illuminazione.
Limiti delle luminanze degli apparecchi che possono riettersi nello schermo
Classe dello schermo secondo la ISO 9241-7
Qualit dello schermo

I
buona

Luminanza media degli apparecchi che sono


riessi nello schermo

II
media

III
bassa
200 cd m-2

1 000 cd m-2

ELENCO DEI REQUISITI ILLUMINOTECNICI


I requisiti illuminotecnici per diversi locali ed attivit sono forniti nei prospetti al punto 5.3.

5.1

Composizione dei prospetti


Colonna 1 numero di riferimento per ogni interno (zona), compito o attivit.

UNI EN 12464-1:2004

UNI

Pagina 8

Colonna 2 ambienti interni (zone), compiti o attivit, per i quali sono forniti requisiti
specici. Se l'interno (zona), compito o attivit non sono menzionate, si dovrebbero
adottare i valori forniti per una situazione similare o comparabile.
Colonna 3 valori dell'illuminamento medio mantenuto E m sul piano di riferimento
(vedere punto 4.3) per interni (zone), compiti o attivit riportati nella colonna 2.
Nota

Dispositivi di controllo della luce appropriati possono essere richiesti al ne di ottenere la essibilit necessaria per rispondere alla variet dei compiti da eseguire.
Colonna 4 se i limiti di UGRl sono applicabili alle situazioni elencate nella colonna 2 essi
sono riportati nella colonna 4 (vedere punto 4.4).
Colonna 5 indici minimi di resa del colore (Ra) (vedere punto 4.6.2) per le situazioni
elencate nella colonna 2.
Colonna 6 consigli e note per le eccezioni ed applicazioni particolari elencati nella
colonna 2.

5.2

Elenco degli interni (zone), compiti e attivit


Prospetto 5.1 Zone di circolazione e spazi comuni all'interno di edici
1.1 Zone di circolazione
1.2 Sale di riposo, infermeria e pronto soccorso
1.3 Sale di comando o di controllo
1.4 Magazzini/magazzini refrigerati
1.5 Magazzini con scaffali

Prospetto 5.2 Attivit industriali ed artigianali


2.1 Agricoltura
2.2 Forni, panici, pasticcerie
2.3 Cemento, prodotti in cemento, calcestruzzo, mattoni
2.4 Ceramica, piastrelle, vetro, vetrerie
2.5 Industria chimica, della plastica e gomma
2.6 Industria elettrica
2.7 Generi alimentari e industrie alimentari di lusso
2.8 Fonderie
2.9 Parrucchieri
2.10 Produzione gioielli
2.11 Lavanderie e tintorie
2.12 Pelle e capi in pelle
2.13 Lavorazione e trasformazione dei metalli
2.14 Carta e oggetti di carta
2.15 Centrali elettriche
2.16 Stamperie
2.17 Laminatoi, lavorazioni ferro e acciaio
2.18 Lavorazione e manifattura tessile
2.19 Costruzione veicoli
2.20 Lavorazione e manifattura del legno

UNI EN 12464-1:2004

UNI

Pagina 9

Prospetto 5.3 Ufci


Prospetto 5.4 Vendita al dettaglio
Prospetto 5.5 Luoghi pubblici
5.1 Spazi comuni
5.2 Ristoranti e hotel
5.3 Teatri, sale di concerto, cinema
5.4 Fiere, padiglioni espositivi
5.5 Musei
5.6 Biblioteche
5.7 Parcheggi pubblici (coperti)

Prospetto 5.6 Edici scolastici


6.1 Asili nido, scuole materne
6.2 Locali scolastici

Prospetto 5.7 Edici di cura


7.1 Locali di uso generale
7.2 Locali per il personale
7.3 Corsie, reparti maternit
7.4 Locali diagnostici (generale)
7.5 Locali per visite oculistiche
7.6 Locali per visite otorinolaringoiatriche
7.7 Locali analisi
7.8 Sale parto
7.9 Locali di cura (generale)
7.10 Sale operatorie
7.11 Rianimazione e cure intensive
7.12 Odontoiatria
7.13 Laboratori e farmacie
7.14 Locali di decontaminazione
7.15 Locali per autopsia e camera mortuaria

Prospetto 5.8 Trasporti


8.1 Aeroporti
8.2 Stazioni

UNI EN 12464-1:2004

UNI

Pagina 10

5.3

Requisiti di illuminazione per interni (zone), compiti e attivit


prospetto

1.1

5.1

Zone di circolazione e spazi comuni all'interno di edici

Zone di circolazione

N riferimento Tipo di interno, compito o attivit

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

1.1.1

Zone di circolazione e corridoi

100

28

40

1.1.2

Scale, ascensori, tappeti mobili

150

25

40

1.1.3

Rampe e binari di carico

150

25

40

1.2

Sale di riposo, infermeria e pronto soccorso

Note
1)
2)
3)
4)

Illuminazione a livello pavimento.


Ra e UGR simili alle zone adiacenti.
150 lx se ci sono veicoli sulla strada.
L'illuminazione di uscite o entrate deve prevedere una zona di
transizione per tener conto delle differenze di illuminamento tra
dentro e fuori, durante il giorno e la notte.
5) Si dovrebbe fare attenzione all'abbagliamento di mezzi e pedoni.

N riferimento Tipo di interno, compito o attivit

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

1.2.1

Mense

200

22

80

1.2.2

Locali di riposo

100

22

80

1.2.3

Locali per l'esercizio sico

300

22

80

1.2.4

Guardaroba, gabinetti, bagni,


toilette

200

25

80

1.2.5

Infermeria

500

19

80

1.2.6

Locali per visita medica

500

16

90

TCP 4 000 K

1.3

Sale di comando o di controllo

N riferimento Tipo di interno, compito o attivit

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

Note

1.3.1

Locali impianti, sala interruttori

200

25

60

1.3.2

Locali telex, posta, quadri di


controllo

500

19

80

1.4

Magazzini/magazzini refrigerati

N riferimento Tipo di interno, compito o attivit

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

1.4.1

Magazzini, zone di stoccaggio

100

25

60

1.4.2

Zone di movimentazione, imballaggio, spedizione

300

25

60

1.5

Magazzini con scaffali

N riferimento Tipo di interno, compito o attivit

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

1.5.1

Corridoi: senza personale

20

40

Illuminamento a livello pavimento.

1.5.2

Corridoi: con presenza personale

150

22

60

Illuminamento a livello pavimento.

1.5.3

Stazione di controllo

150

22

60

UNI EN 12464-1:2004

Note

Note
200 lx se occupato in continuo.

Note

UNI

Pagina 11

prospetto

2.1
N riferimento

5.2

Attivit industriali ed artigianali

Agricoltura
Tipo di interno, compito o attivit

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

2.1.1

Carico e manovra delle merci, uso di


attrezzatura e macchinario di movimentazione

200

25

80

2.1.2

Edici per il bestiame

50

40

2.1.3

Zone per animali malati, celle parto

200

25

80

2.1.4

Preparazione mangime, caseici,


lavaggio utensili

200

25

80

2.2

Forni, panifici, pasticcerie


Em
lx

UGRL
-

Ra
-

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

2.2.1

Preparazione, cottura al forno

300

22

80

2.2.2

Finitura, glassatura, decorazione

500

22

80

2.3

Cemento, prodotti in cemento, calcestruzzo, mattoni

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

Note

Note

Note

2.3.1

Asciugatura

50

28

20

2.3.2

Preparazione dei materiali, lavori al forno


e ai miscelatori

200

28

40

2.3.3

Lavorazioni generiche alle macchine

300

25

80

Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.

2.3.4

Formature grossolane

300

25

80

Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.

2.4

Ceramica, piastrelle, vetro, vetrerie


Em
lx

UGRL
-

Ra
-

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

I colori di sicurezza devono essere riconoscibili.

Note

2.4.1

Asciugatura

50

28

20

I colori di sicurezza devono essere riconoscibili.

2.4.2

Preparazione, lavorazioni generiche alle


macchine

300

25

80

Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.

2.4.3

Smaltatura, laminatura, stampaggio,


formatura di parti semplici, montaggio,
sofatura vetro

300

25

80

Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.

2.4.4

Molatura, incisione, brillantatura vetro,


formatura di precisione, fabbricazione
strumenti in vetro

750

19

80

Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.

2.4.5

Molatura di vetro ottico, cristallo,


molatura manuale e incisione

750

16

80

2.4.6

Lavori di precisione per esempio


molatura decorativa, pittura a mano

1 000

16

90

TCP 4 000 K

2.4.7

Lavorazione di pietre preziose sintetiche

1 500

16

90

TCP 4 000 K

2.5

Industria chimica, della plastica e gomma


Em
lx

UGRL
-

Ra
-

Note

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

2.5.1

Impianto di processo controllato a


distanza

50

20

2.5.2

Impianto di processo con intervento


manuale limitato

150

28

40

UNI EN 12464-1:2004

I colori di sicurezza devono essere riconoscibili.

UNI

Pagina 12

prospetto

5.2

Attivit industriali ed artigianali (Continua)

2.5.3

Luoghi di lavoro in installazioni di


processo con presenza continua di
personale

300

25

80

2.5.4

Ambienti per misurazione di precisione,


laboratori

500

19

80

2.5.5

Produzione farmaceutica

500

22

80

2.5.6

Produzione di pneumatici

500

22

80

2.5.7

Ispezione dei colori

1 000

16

90

2.5.8

Taglio, nitura, ispezione

750

19

80

2.6

Industria elettrica
Em
lx

UGRL
-

Ra
-

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

TCP 4 000 K

Note

2.6.1

Fabbricazione di cavi e li

300

25

80

Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.

2.6.2

Avvolgimento:
- bobine di grandi dimensioni;
- bobine di medie dimensioni;
- bobine di piccole dimensioni.

300
500
750

25
22
19

80
80
80

Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.


Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.
Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.

2.6.3

Impregnazione delle bobine

300

25

80

Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.

2.6.4

Galvanizzazione

300

25

80

Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.

2.6.5

Lavoro di assemblaggio:
- grossolano (per esempio grandi trasformatori);
- medio (per esempio quadri elettrici);
- ne (per esempio telefoni);
- di precisione (per esempio attrezzatura
di misurazione).

300

25

80

Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.

500

22

80

Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.

750
1 000

19
16

80
80

1 500

16

80

2.6.6

Laboratorio elettronico, prove, messa a


punto

2.7

Generi alimentari e industrie alimentari di lusso

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

2.7.1

Posti di lavoro e zone in:


- fabbriche di birra, fermentazione del
malto;
- per lavaggio, riempimento barili, pulizia,
setacciamento, sbucciatura;
- cottura in fabbriche di conserve e
cioccolato;
- posti di lavoro e zone di lavoro in
zuccherici;
- fermentazione e asciugatura del
tabacco, cantine di fermentazione.

200

25

80

2.7.2

Selezione e lavaggio prodotti, tritatura,


miscelatura, confezionamento

300

25

80

2.7.3

Posti di lavoro e zone critiche in macelli,


macellerie, caseici, mulini, ltraggi in
rafnerie dello zucchero

500

25

80

2.7.4

Taglio e selezione di vegetali e frutta

300

25

80

2.7.5

Produzione gastronomica, lavori di


cucina, produzione sigari e sigarette

500

22

80

2.7.6

Ispezione di vetri e bottiglie, controllo


prodotti, guarnitura, selezione, decorazione

500

22

80

UNI EN 12464-1:2004

Note

UNI

Pagina 13

prospetto

5.2

Attivit industriali ed artigianali (Continua)

2.7.7

Laboratori

2.7.8

Ispezione dei colori

2.8

Fonderie

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

500

19

80

1 000

16

90

TCP 4 000 K

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

Note

2.8.1

Gallerie di manutenzione, sotterranei,


ecc.

50

20

2.8.2

Piattaforme

100

25

40

2.8.3

Preparazione delle sabbie

200

25

80

Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.

2.8.4

Spogliatoi

200

25

80

Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.

2.8.5

Zone di lavoro al cubilotto e al miscelatore

200

25

80

Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.

2.8.6

Spazio di colata

200

25

80

Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.

2.8.7

Zona di distaffatura

200

25

80

Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.

2.8.8

Formatura a macchina

200

25

80

Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.

2.8.9

Formatura manuale delle anime

300

25

80

Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.

2.8.10

Pressofusione

300

25

80

Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.

2.8.11

Costruzione di modelli

500

22

80

Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.

2.9

Parrucchieri
Em
lx

UGRL
-

Ra
-

500

19

90

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

Note
TCP 4 000 K

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

2.9.1

Parrucchieri

2.10

Produzione gioielli

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

2.10.1

Lavorazione delle pietre preziose

1 500

16

90

2.10.2

Produzione gioielli

1 000

16

90

2.10.3

Costruzione orologi (manuale)

1 500

16

80

2.10.4

Costruzione orologi (automatica)

500

19

80

2.11

Lavanderie e tintorie
Tipo di interno, compito o attivit

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

2.11.1

Raccolta capi, marcatura e smistamento

300

25

80

2.11.2

Lavaggio e pulizia a secco

300

25

80

2.11.3

Stiratura, stiratura a vapore

300

25

80

2.11.4

Ispezione e riparazione

750

19

80

2.12

Pelle e capi in pelle


Em
lx

UGRL
-

Ra
-

N riferimento

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

2.12.1

Lavori in tino, vasca, fossa

200

25

40

2.12.2

Scamatura, follatura, tiratura, lucidatura


delle pelli

300

25

80

2.12.3

Lavori di selleria, manifattura scarpe:


cucitura, lucidatura, formatura, taglio,
foratura

500

22

80

2.12.4

Selezionatura

500

22

90

UNI EN 12464-1:2004

I colori di sicurezza devono essere riconoscibili.

Note

Note

Note

TCP 4 000 K

UNI

Pagina 14

prospetto

5.2

Attivit industriali ed artigianali (Continua)

2.12.5

Tintura del cuoio (a macchina)

500

22

80

2.12.6

Controllo qualit

1 000

19

80

2.12.7

Ispezione dei colori

1 000

16

90

2.12.8

Produzione scarpe

500

22

80

2.12.9

Produzione guanti

500

22

80

2.13

Lavorazione e trasformazione dei metalli


Em
lx

UGRL
-

Ra
-

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

TCP 4 000 K

Note

2.13.1

Fucinatura libera

200

25

60

2.13.2

Fucinatura a stampo

300

25

60

2.13.3

Saldatura

300

25

60

2.13.4

Lavorazione di macchina grossolana e


media: tolleranza 0,1 mm

300

22

60

2.13.5

Lavorazione di macchina ne: tolleranza


<0,1 mm

500

19

60

2.13.6

Tracciatura, ispezione

750

19

60

2.13.7

Laboratorio tralatura, costruzione tubi,


formatura a freddo

300

25

60

2.13.8

Lavorazione laminati: spessore 5 mm

200

25

60

2.13.9

Lavorazione fogli: spessore <5 mm

300

22

60

2.13.10

Fabbricazione utensili e attrezzi da taglio

750

19

60

2.13.11

Assemblaggio:
- grossolano;
- medio;
- ne;
- di precisione.

200
300
500
750

25
25
22
19

80
80
80
80

Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.


Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.
Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.
Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.

2.13.12

Galvanizzazione

300

25

80

Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.

2.13.13

Preparazione superci e verniciatura

750

25

80

2.13.14

Attrezzi, preparazione sagome e calibri,


meccanica di precisione, micromeccanica

1 000

19

80

2.14

Carta e oggetti di carta


Tipo di interno, compito o attivit

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

2.14.1

Preparazione dell'impasto e rafnazione

200

25

80

Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.

2.14.2

Fabbricazione e trasformazione della


carta, macchine per carta e cartone
ondulato, fabbricazione del cartone

300

25

80

Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.

2.14.3

Lavori di rilegatura per esempio:


piegatura, smistamento, incollaggio,
taglio, stampa, cucitura

500

22

80

2.15

Centrali elettriche
Tipo di interno, compito o attivit

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

2.15.1

Impianto alimentazione combustibile

50

20

2.15.2

Locale caldaie

100

28

40

2.15.3

Sala macchine

200

25

80

N riferimento

N riferimento

UNI EN 12464-1:2004

Note

Note
I colori di sicurezza devono essere riconoscibili.

Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.

UNI

Pagina 15

prospetto

5.2

Attivit industriali ed artigianali (Continua)

2.15.4

Locali annessi per esempio: locali


pompe, locali condensatori, quadri di
controllo interni

200

25

60

2.15.5

Sale di controllo

500

16

80

1) I quadri di controllo sono spesso verticali.


2) Possono essere necessari apparecchi con regolazione
del usso luminoso.
3) Per lavoro con attrezzature munite di videoterminali
vedere punto 4.11.

2.15.6

Dispositivi di controllo esterno

20

20

I colori di sicurezza devono essere riconoscibili.

2.16

Stamperie
Tipo di interno, compito o attivit

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

2.16.1

Taglio, doratura, stampa in rilievo, lavori


su pietra e lastra, macchine da stampa,
costruzione matrici

500

19

80

2.16.2

Selezione fogli e stampa a mano

500

19

80

2.16.3

Montaggio caratteri, ritocco, litograa

1 000

19

80

2.16.4

Ispezione dei colori in stampe policrome

1 500

16

90

2.16.5

Incisione su acciaio e rame

2 000

16

80

2.17

Laminatoi, lavorazioni ferro e acciaio


Tipo di interno, compito o attivit

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

2.17.1

Impianti di produzione senza intervento


manuale

50

20

2.17.2

Impianti di produzione con intervento


manuale occasionale

150

28

40

2.17.3

Impianti di produzione con intervento


manuale continuo

200

25

80

Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.

2.17.4

Magazzino di laminati

50

20

I colori di sicurezza devono essere riconoscibili.

2.17.5

Fornace

200

25

20

I colori di sicurezza devono essere riconoscibili.

2.17.6

Treno di laminazione, avvolgitori, linea di


taglio

300

25

40

2.17.7

Piattaforme di controllo, quadri di


controllo

300

22

80

2.17.8

Prova, misurazione e controllo

500

22

80

2.17.9

Gallerie di manutenzione, sezione


cinghie, sotterranei, ecc.

50

20

2.18

Lavorazione e manifattura tessile


Tipo di interno, compito o attivit

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

2.18.1

Zone di lavoro a lato delle vasche di


lavaggio, apertura balle

200

25

60

2.18.2

Cardatura, lavaggio, stiratura, disegno,


pettinatura, imbozzimatura, incollaggio,
punzonatura cartoni, prelatura, latura
juta e canapa

300

22

80

2.18.3

Filatura, ritorcitura, aspatura, bobinatura

500

22

80

Impedire gli effetti stroboscopici.

2.18.4

Ordinatura, tessitura, intrecciatura,


maglieria

500

22

80

Impedire gli effetti stroboscopici.

2.18.5

Cucitura, maglieria ne, rimagliatura,


rammendo

750

22

80

N riferimento

N riferimento

N riferimento

UNI EN 12464-1:2004

Note

TCP 5 000 K
Per la direzionalit vedere punto 4.5.2.

Note
I colori di sicurezza devono essere riconoscibili.

I colori di sicurezza devono essere riconoscibili.

Note

UNI

Pagina 16

prospetto

5.2

Attivit industriali ed artigianali (Continua)


TCP 4 000 K

2.18.6

Disegno manuale, disegno trame

750

22

90

2.18.7

Finitura, tintura

500

22

80

2.18.8

Camera di asciugatura

100

28

60

2.18.9

Stampaggio automatico

500

25

80

2.18.10

Annodatura, ispezione della trama,


passamaneria

1 000

19

80

2.18.11

Ispezione colori, controllo fabbricazione

1 000

16

90

TCP 4 000 K

2.18.12

Rammendo invisibile

1 500

19

90

TCP 4 000 K

2.18.13

Manifattura cappelli

500

22

80

2.19

Costruzione veicoli
Em
lx

UGRL
-

Ra
-

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

Note

2.19.1

Carrozzeria e assemblaggio

500

22

80

2.19.2

Camera di verniciatura, spruzzatura,


lucidatura

750

22

80

2.19.3

Verniciatura: ritocco, ispezione

1 000

19

90

2.19.4

Fabbricazione rivestimenti interni (locali


occupati)

1 000

19

80

2.19.5

Ispezione nale

1 000

19

80

2.20

Lavorazione e manifattura del legno


Tipo di interno, compito o attivit

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

2.20.1

Processi automatici, per esempio: essiccazione, fabbricazione compensato

50

28

40

2.20.2

Camere del vapore

150

28

40

2.20.3

Sega

300

25

60

2.20.4

Lavori al banco di falegnameria, incollaggio, assemblaggio

300

25

80

2.20.5

Lucidatura, verniciatura, falegnameria di


fantasia

750

22

80

2.20.6

Lavorazioni su macchine per lavorazione


del legno, per esempio: tornitura,
scannellatura, sgrossatura, ribassatura,
scanalatura, taglio, segatura, cavatura

500

19

80

2.20.7

Selezione legno per impiallacciatura

750

22

90

TCP 4 000 K

2.20.8

Intarsio, lavoro di intarsio

750

22

90

TCP 4 000 K

2.20.9

Controllo qualit, ispezione

1 000

19

90

TCP 4 000 K

N riferimento

UNI EN 12464-1:2004

TCP 4 000 K

Note

Impedire gli effetti stroboscopici

Impedire gli effetti stroboscopici

UNI

Pagina 17

prospetto

5.3

Ufci

Uffici

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

Note

3.1

Archiviazione, copiatura, ecc.

300

19

80

3.2

Scrittura, dattilograa, lettura, elaborazione dati

500

19

80

3.3

Disegno tecnico

750

16

80

3.4

Postazioni CAD

500

19

80

Per lavoro con attrezzature munite di videoterminale vedere


punto 4.11.

3.5

Sale conferenze e riunioni

500

19

80

L'illuminazione dovrebbe essere regolabile.

3.6

Ricezione (reception)

300

22

80

3.7

Archivi

200

25

80

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

Note
I requisiti di illuminamento E m e UGR sono determinati dal
tipo di negozio.

prospetto

5.4

Per lavoro con attrezzature munite di videoterminale vedere


punto 4.11.

Vendita al dettaglio

Vendita al dettaglio

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

4.1

Zone di vendita

300

22

80

4.2

Zona delle casse

500

19

80

4.3

Tavolo imballaggio

500

19

80

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

prospetto

5.1
N riferimento

5.5

Luoghi pubblici

Spazi comuni
Tipo di interno, compito o attivit

5.1.1

Ingressi

100

22

80

5.1.2

Guardaroba

200

25

80

5.1.3

Sale d'attesa

200

22

80

5.1.4

Biglietteria

300

22

80

5.2

Ristoranti e hotel
Em
lx

UGRL
-

Ra
-

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

Note
UGR solo se applicabile.

Note

5.2.1

Accettazione (reception), cassa, portineria

300

22

80

5.2.2

Cucina

500

22

80

Dovrebbe esserci una zona di transizione tra la cucina e il


ristorante.

5.2.3

Ristorante, sala da pranzo, sala ricevimenti

80

L'illuminazione dovrebbe essere progettata per creare


un'atmosfera appropriata.

5.2.4

Ristoranti self-service

200

22

80

5.2.5

Buffet

300

22

80

5.2.6

Sale conferenze

500

19

80

L'illuminazione dovrebbe essere regolabile.

5.2.7

Corridoi

1 00

25

80

Durante la notte sono accettabili livelli pi bassi.

UNI EN 12464-1:2004

UNI

Pagina 18

prospetto

5.3
N riferimento

5.5

Luoghi pubblici (Continua)

Teatri, sale di concerto, cinema


Tipo di interno, compito o attivit

5.3.1

Sale di prova, spogliatoi

5.4

Fiere, padiglioni espositivi

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

5.4.1

Illuminazione generale

5.5

Musei

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivito

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

Note

300

22

80

L'illuminazione degli specchi per il trucco deve essere priva


di abbagliamento.

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

Note

300

22

80

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

Note

5.5.1

Oggetti esposti insensibili alla luce

L'illuminazione determinata dalle esigenze della mostra.

5.5.2

Oggetti esposti sensibili alla luce

1) L'illuminazione determinata dalle esigenze della


mostra.
2) La protezione contro le radiazioni dannose di elevata
importanza.

5.6

Biblioteche

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

Note

5.6.1

Scaffali

200

19

80

5.6.2

Zona di lettura

500

19

80

5.6.3

Posti di sevizio al pubblico

500

19

80

5.7

Parcheggi pubblici (coperti)


Tipo di interno, compito o attivit

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

5.7.1

Rampe di ingresso/uscita (durante il


giorno)

300

25

20

1) Illuminazione a livello suolo.


2) I colori devono essere riconoscibili.

5.7.2

Rampe di ingresso/uscita (durante la


notte)

75

25

20

1) Illuminazione a livello suolo.


2) I colori di sicurezza devono essere riconoscibili.

5.7.3

Corsie di circolazione

75

25

20

1) Illuminazione a livello suolo.


2) I colori di sicurezza devono essere riconoscibili.

5.7.4

Zone di parcheggio

75

20

1) Illuminazione a livello suolo.


2) I colori di sicurezza devono essere riconoscibili.
3) Un illuminamento verticale elevato aumenta il riconoscimento dei volti delle persone e quindi il senso di
sicurezza.

5.7.5

Biglietteria

300

19

80

1) Evitare la riessione nelle nestre.


2) Evitare l'abbagliamento dall'esterno.

N riferimento

UNI EN 12464-1:2004

Note

UNI

Pagina 19

prospetto

6.1
N riferimento

5.6

Edici scolastici

Asili nido, scuole materne


Tipo di interno, compito o attivit

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

6.1.1

Aule giochi

300

19

80

6.1.2

Nido

300

19

80

6.1.3

Aule per lavoro manuale

300

19

80

6.2

Locali scolastici
Em
lx

UGRL
-

Ra
-

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

Note

Note

6.2.1

Aule scolastiche

300

19

80

L'illuminazione dovrebbe essere regolabile.

6.2.2

Aule per corsi serali e per adulti

500

19

80

L'illuminazione dovrebbe essere regolabile.

6.2.3

Sale lettura

500

19

80

L'illuminazione dovrebbe essere regolabile.

6.2.4

Lavagna

500

19

80

Evitare le riessioni speculari.

6.2.5

Tavolo per dimostrazioni

500

19

80

In sale lettura 750 lx.

6.2.6

Aule educazione artistica

500

19

80

6.2.7

Aule educazione artistica in scuole d'arte

750

19

90

6.2.8

Aule per disegno tecnico

750

16

80

6.2.9

Aule per educazione tecnica e laboratori

500

19

80

6.2.10

Aule lavori artigianali

500

19

80

6.2.11

Laboratorio di insegnamento

500

19

80

6.2.12

Aule di pratica della musica

300

19

80

6.2.13

Laboratori di informatica

300

19

80

6.2.14

Laboratori linguistici

300

19

80

6.2.15

Aule di preparazione e ofcine

500

22

80

6.2.16

Ingressi

200

22

80

6.2.17

Zone di circolazione, corridoi

100

25

80

6.2.18

Scale

150

25

80

6.2.19

Sale comuni per gli studenti e aula


magna

200

22

80

6.2.20

Sale professori

300

19

80

6.2.21

Biblioteca: scaffali

200

19

80

6.2.22

Biblioteca: zone di lettura

500

19

80

6.2.23

Magazzini materiale didattico

100

25

80

6.2.24

Palazzetti, palestre, piscine (uso


generale)

300

22

80

6.2.25

Mensa

200

22

80

6.2.26

Cucina

500

22

80

UNI EN 12464-1:2004

TCP 5 000 K

Per lavoro con attrezzature munite di videoterminale


vedere punto 4.11.

Per attivit pi speciche devono essere utilizzati i requisiti


della EN 12193.

UNI

Pagina 20

prospetto

7.1
N riferimento

5.7

Edici di cura

Locali di uso generale


Tipo di interno, compito o attivit

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

Note
Tutti gli illuminamenti a livello pavimento.

7.1.1

Sale d'attesa

200

22

80

7.1.2

Corridoi: durante il giorno

200

22

80

7.1.3

Corridoi: durante la notte

50

22

80

7.1.4

Sale giorno (Day room)

200

22

80

7.2

Locali per il personale


Em
lx

UGRL
-

Ra
-

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

7.2.1

Ufcio per il personale

500

19

80

7.2.2

Stanze per il personale

300

19

80

7.3

Corsie, reparti maternit


Em
lx

UGRL
-

Ra
-

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

7.3.1

Illuminazione generale

100

19

80

7.3.2

Illuminazione di lettura

300

19

80

7.3.3

Visita semplice

7.3.4

Visita e trattamento

7.3.5

Luce notturna, luce di sorveglianza

7.3.6

Bagni, toilette per pazienti

7.4

Locali diagnostici (generale)

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

7.4.1

Illuminazione generale

7.4.2

Visita e trattamento

7.5

Locali per visite oculistiche

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

7.5.1

Illuminazione generale

7.5.2

Visita esterna dell'occhio

7.5.3

Test di lettura e visione dei colori su pannelli

7.6

Locali per visite otorinolaringoiatriche

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

7.6.1

Illuminazione generale

7.6.2

Visita orecchio

7.7

Locali analisi

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

300

19

80

1 000

19

90

80

200

22

80

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

500

19

90

1 000

19

90

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

300

19

80

1 000

90

500

16

90

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

300

19

80

1 000

90

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

7.7.1

Illuminazione generale

300

19

80

7.7.2

Analisi con amplicatore di immagini e


sistemi televisivi

50

19

80

UNI EN 12464-1:2004

Note

Note
Evitare luminanze troppo elevate nel campo visivo dei
pazienti.
Illuminamento a livello pavimento.

Note

Note

Note

Note

Per lavoro con attrezzature munite di videoterminale


vedere punto 4.11.

UNI

Pagina 21

prospetto

7.8

Edici di cura (Continua)

5.7

Sale parto

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

7.8.1

Illuminazione generale

7.8.2

Visita e trattamento

7.9

Locali di cura (generale)

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

UGRL
-

Em
lx

Ra
-

Note

300

19

80

1 000

19

80

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

7.9.1

Dialisi

500

19

80

7.9.2

Dermatologia

500

19

90

7.9.3

Endoscopia

300

19

80

7.9.4

Ingessatura

500

19

80

7.9.5

Bagni medicali

300

19

80

7.9.6

Massaggio e radioterapia

300

19

80

7.10

Sale operatorie
Em
lx

UGRL
-

Ra
-

500

19

90

1 000

19

90

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

7.10.1

Locale pre-operatorio e risveglio

7.10.2

Sala operatoria

7.10.3

Zona operatoria

7.11

Rianimazione e cure intensive

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

Note
L'illuminazione dovrebbe essere regolabile.

Note

E m : da 10 000 lx a 100 000 lx

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

Note

7.11.1

Illuminazione generale

100

19

90

A livello del pavimento.

7.11.2

Visita semplice

300

19

90

A livello del letto.


A livello del letto.

7.11.3

Visita e trattamento

7.11.4

Sorveglianza notturna

7.12

Odontoiatria

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

1 000

19

90

20

19

90

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

500

19

90

Note

7.12.1

Illuminazione generale

7.12.2

Sul paziente

1 000

90

7.12.3

Zona operatoria

5 000

90

7.12.4

Allineamento al colore dei denti

5 000

90

TCP 6 000 K

7.13

Laboratori e farmacie
Em
lx

UGRL
-

Ra
-

Note

500

19

80

1 000

19

90

TCP 6 000 K

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

Note

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

7.13.1

Illuminazione generale

7.13.2

Ispezione colori

7.14

Locali di decontaminazione

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

7.14.1

Locali di sterilizzazione

300

22

80

7.14.2

Locali di disinfezione

300

22

80

UNI EN 12464-1:2004

L'illuminamento sul paziente dovrebbe essere esente


da abbagliamento.
Valori maggiori di 5 000 lx quando richiesto.

UNI

Pagina 22

prospetto

7.15

5.7

Edici di cura (Continua)

Locali per autopsia e camera mortuaria

N riferimento

Tipo di interno, compito o attivit

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

500

19

90

5 000

90

Tipo di interno, compito o attivit

Em
lx

UGRL
-

Ra
-

8.1.1

Sale di arrivo e partenza, zone ritiro bagagli

200

22

80

8.1.2

Zone di collegamento, scale e tappeti mobili

150

22

80

8.1.3

Banchi informazioni, accettazione

500

19

80

Per lavoro con attrezzature munite di videoterminale


vedere punto 4.11.

8.1.4

Dogana e controllo passaporti

500

19

80

L'illuminamento verticale importante.

8.1.5

Sale attesa

200

22

80

8.1.6

Deposito bagagli

200

25

80

8.1.7

Zone controllo di sicurezza

300

19

80

Per lavoro con attrezzature munite di videoterminale


vedere punto 4.11.

8.1.8

Torre di controllo trafco aereo

500

16

80

1) L'illuminazione dovrebbe essere regolabile.


2) Per lavoro con attrezzature munite di videoterminale vedere punto 4.11.
3) L'abbagliamento da luce diurna deve essere evitato.
4) Evitare la riessione sulle nestre, specialmente
durante la notte.

8.1.9

Hangar per le riparazioni ed i controlli

500

22

80

Per grandi altezze vedere 4.6.2.

8.1.10

Zone controllo motori

500

22

80

Per grandi altezze vedere 4.6.2.

8.1.11

Zone di misurazione all'interno degli hangar

500

22

80

Per grandi altezze vedere 4.6.2.

8.2

Stazioni
Em
lx

UGRL
-

Ra
-

7.15.1

Illuminazione generale

7.15.2

Tavolo per autopsia e dissezione

prospetto

8.1
N riferimento

N riferimento

5.8

Note

Valori maggiori di 5 000 lx quando richiesto.

Trasporti

Aeroporti

Tipo di interno, compito o attivit

8.2.1

Banchine e sottopassi passeggeri

50

28

40

8.2.2

Atrii e sportelli

200

28

40

8.2.3

Biglietteria, deposito bagagli, cassa

300

19

80

8.2.4

Sale attesa

200

22

80

PROCEDIMENTI DI VERIFICA

6.1

Illuminamento

Note
Per grandi altezze vedere punto 4.6.2.

Note

Nella verica di un progetto di illuminazione, i punti di misurazione devono coincidere con


quelli di progettazione o con le griglie utilizzate. Gli stessi punti di misurazione devono
essere utilizzati per le veriche successive.
La verica degli illuminamenti riguardanti specici compiti deve essere effettuata con
misure sul piano del compito medesimo.
Nota

Per la verica degli illuminamenti si dovrebbe prendere in considerazione la taratura dei luxmetri utilizzati, la
conformit delle caratteristiche di lampade e degli apparecchi di illuminazione ai dati fotometrici dichiarati, i
risultati del confronto dei dati di progetto, come i fattori di riessione delle superci, ecc., con i valori reali.
UNI EN 12464-1:2004

UNI

Pagina 23

L'illuminamento medio e l'uniformit dell'illuminamento devono essere calcolati e non


devono essere minori rispettivamente ai valori indicati al punto 5 e a quelli del prospetto 1.

6.2

Indice unicato di abbagliamento (UGR)


Il fabbricante degli apparecchi deve fornire i dati ufciali dell'UGR, ottenuti con il metodo
di tabulazione previsto dalla Pubblicazione CIE 117, in relazione allo schema degli
apparecchi di illuminazione.
I fabbricanti di apparecchi che pubblicano le tabelle UGR, calcolate con rapporti interdistanza/altezza diversi da quelli previsti dalla Pubblicazione CIE 117, devono dichiarare il
valore di tale rapporto.
Deve essere vericata la conformit al progetto della congurazione di installazione degli
apparecchi di illuminazione e la nitura delle superci.
L'installazione deve essere realizzata secondo i criteri di progetto.

6.3

Indice di resa del colore


Nel progetto deve essere indicato l'indice di resa del colore Ra delle lampade previsto dal
fabbricante.
Le lampade devono essere vericate rispetto alle speciche di progetto. Le lampade
devono essere come specicate nel progetto.

6.4

Luminanza dell'apparecchio di illuminazione (vedere anche punto 4.11)


La luminanza media delle parti luminose dell'apparecchio di illuminazione deve essere
calcolata e/o misurata nei piani C ad intervalli di 15 partendo dal piano C 0, considerando di ciascun piano gli angoli di elevazione di 65, 75 e 85.
Il fabbricante dell'apparecchio deve fornire questi dati riferendoli al massimo valore del
rapporto di emissione (lampada/apparecchio di illuminazione).
I valori non devono superare i limiti specicati dal prospetto 4 (vedere anche prEN 13032-1).

UNI EN 12464-1:2004

UNI

Pagina 24

APPENDICE
(informativa)

A DEVIAZIONE-A
Deviazione-A: Deviazione nazionale dovuta a regolamenti la cui modica non rientra al
momento nella competenza del membro CEN/CENELEC.
La presente norma europea non rientra nell'ambito di alcuna Direttiva europea.
La presente deviazione di tipo A in Danimarca valida in sostituzione delle disposizioni
della norma europea no a quando esse non siano state eliminate.
Danimarca
Danish Building Regulations BR 95 e BR S 98 pubblicate dal National Building and
Housing Agency.
Punti 4, 5 e 6
In conformit alle Danish Building Regulations BR 95 e BR S 98, l'utilizzo del DS 700
obbligatorio.

UNI EN 12464-1:2004

UNI

Pagina 25

BIBLIOGRAFIA
CIE 29.2:1986
CIE 40:1978
CIE 60:1984
CIE 97:1994
IEC 60050-845
ISO 3864
ISO 8995
ISO 9241-6
ISO 9241-7
90/270/CEE

UNI EN 12464-1:2004

Guide of interior lighting; second edition


Calculations for interior lighting; basic method
Vision and the visual display unit work station
Maintenance of indoor electric lighting systems
International electrotechnical vocabulary - Chapter 845 "Lighting"
Safety colours and safety signs
Principles of visual ergonomics - The lighting of indoor work
systems
Ergonomic requirements for ofce work with visual display
terminals (VDTs) - Guidance on the work environment
Ergonomic requirements for ofce work with visual display
terminals (VDTs) - Requirements for display with reections
Direttiva del Consiglio del 29 maggio 1990 riguardante le prescrizioni minime di sicurezza e di salute relative a lavori su videoterminali

UNI

Pagina 26

INDICE DI INTERNI (ZONE), COMPITI E ATTIVIT


Avvolgimento: bobine di piccole dimensioni
(industria elettrica) ....................................................2.6.2
A

Avvolgitori (laminatoi, ecc.).....................................2.17.6

Accettazione (aeroporti) .......................................... 8.1.3


Accettazione (reception)/cassa (ristoranti e hotel)... 5.2.1

Aeroporti ..................................................................... 8.1

Bagni (sale di riposo, infermeria e


pronto soccorso).......................................................1.2.4

Agricoltura................................................................... 2.1
Allineamento al colore dei denti (odontoiatria)....... 7.12.4
Ambienti per misurazione di precisione (industria
chimica) ................................................................... 2.5.4
Analisi con amplicatore di immagini e
sistemi televisivi (locali analisi) ................................ 7.7.2
Annodatura (lavorazione e manifattura tessile).... 2.18.10
Apertura balle (lavorazione e manifattura tessile).. 2.18.1
Archivi (ufci) .............................................................. 3.7
Archiviazione (ufci).................................................... 3.1
Ascensori (zone di circolazione) .............................. 1.1.2
Asciugatura (ceramica, piastrelle, vetro, vetrerie).... 2.4.1

Bagni medicali (locali di cura)...................................7.9.5


Bagni per pazienti (corsie, reparti maternit) ...........7.3.6
Banchi informazioni (aeroporti) ................................8.1.3
Banchine (stazioni) ...................................................8.2.1
Biblioteca: scaffali (locali scolastici) ........................6.2.21
Biblioteca: zone di lettura (locali scolastici).............6.2.22
Biblioteche ...................................................................5.6
Biglietteria (parcheggi pubblici coperti).....................5.7.5
Biglietteria (spazi comuni) ........................................5.1.4
Biglietteria (stazioni) .................................................8.2.3
Binari di carico (zone di circolazione) .......................1.1.3

Asciugatura (prodotti in cemento, calcestruzzo,


mattoni).................................................................... 2.3.1

Bobinatura (lavorazione e manifattura tessile)........2.18.3

Asili nido ..................................................................... 6.1

Brillantatura vetro (ceramica, piastrelle,


vetro, vetrerie)...........................................................2.4.4

Aspatura (lavorazione e manifattura tessile).......... 2.18.3

Buffet (ristoranti e hotel) ...........................................5.2.5

Assemblaggio (costruzione veicoli) ....................... 2.19.1


Assemblaggio (lavorazione e manifattura
del legno) ............................................................... 2.20.4
Assemblaggio: di precisione (lavorazione
dei metalli) ........................................................... 2.13.11
Atrii (stazioni) ........................................................... 8.2.2
Attrezzi (lavorazione dei metalli) .......................... 2.13.14
Aula magna (locali scolastici) ................................ 6.2.19
Aule di pratica della musica (locali scolastici) ........ 6.2.12

C
Calcestruzzo................................................................2.3
Camera di asciugatura (lavorazione e
manifattura tessile) .................................................2.18.8
Camera di lucidatura (costruzione veicoli)..............2.19.2
Camera di spruzzatura (costruzione veicoli) ..........2.19.2
Camera di verniciatura (costruzione veicoli)...........2.19.2

Aule di preparazione (locali scolastici)................... 6.2.15

Camere del vapore (lavorazione e manifattura


del legno)................................................................2.20.2

Aule educazione artistica (locali scolastici).............. 6.2.6

Cantine di fermentazione (industrie alimentari) ........2.7.1

Aule educazione artistica in scuole d'arte


(locali scolastici)....................................................... 6.2.7

Cardatura (lavorazione e manifattura tessile) .........2.18.2

Aule giochi (asili nido, scuole materne) .................. 6.1.1


Aule lavori artigianali (locali scolastici) .................. 6.2.10
Aule per corsi per adulti (locali scolastici) ................ 6.2.2
Aule per corsi serali (locali scolastici) ...................... 6.2.2
Aule per disegno tecnico (locali scolastici) .............. 6.2.8
Aule per educazione tecnica (locali scolastici) ........ 6.2.9

Carico merci (agricoltura) .........................................2.1.1


Carrozzeria (costruzione veicoli) ............................2.19.1
Carta e oggetti di carta ..............................................2.14
Caseici (industrie alimentari) ..................................2.7.3
Caseici (agricoltura)................................................2.1.4
Cassa (stazioni)........................................................8.2.3
Cavatura (lavorazione e manifattura del legno) ......2.20.6

Aule per lavoro manuale (asili nido,


scuole materne) ....................................................... 6.1.3

Celle parto (agricoltura) ............................................2.1.3

Aule scolastiche (locali scolastici)............................ 6.2.1

Cemento ......................................................................2.3

Avvolgimento: bobine di grandi dimensioni


(industria elettrica) ................................................... 2.6.2

Centrali elettriche.......................................................2.15

Avvolgimento: bobine di medie dimensioni


(industria elettrica) ................................................... 2.6.2

Cinema ........................................................................5.3

UNI EN 12464-1:2004

Ceramica .....................................................................2.4

UNI

Pagina 27

Confezionamento (industrie alimentari) ................... 2.7.2

Disegno tecnico (ufci) .............................................. 3.3

Controllo (laminatoi, ecc.) ...................................... 2.17.8

Disegno trame (lavorazione e manifattura tessile). 2.18.6

Controllo fabbricazione (lavorazione e


manifattura tessile)............................................... 2.18.11

Dispositivi di controllo esterno (centrali elettriche) 2.15.6

Controllo passaporti (aeroporti) ............................... 8.1.4

Dogana (aeroporti) .................................................. 8.1.4


Doratura (stamperie) ............................................. 2.16.1

Controllo prodotti (industrie alimentari).................... 2.7.6


Controllo qualit (lavorazione e manifattura
del legno) ............................................................... 2.20.9
Controllo qualit (pelle e capi in pelle)................... 2.12.6
Copiatura (ufci) ......................................................... 3.1
Corridoi (locali scolastici) ....................................... 6.2.17
Corridoi (ristoranti e hotel) ....................................... 5.2.7

E
Edici per il bestiame (agricoltura) .......................... 2.1.2
Elaborazione dati (ufci) ............................................. 3.2
Endoscopia (locali di cura)....................................... 7.9.3
Essiccazione (lavorazione e manifattura
del legno) ............................................................... 2.20.1

Corridoi (zone di circolazione) ................................. 1.1.1


Corridoi: con presenza personale (magazzini
con scaffali).............................................................. 1.5.2
Corridoi: durante la notte (edici di cura) ................. 7.1.3

F
Fabbricazione compensato (lavorazione e
manifattura del legno) ............................................ 2.20.1

Corridoi: durante il giorno (edici di cura) ................ 7.1.2

Fabbricazione del cartone (carta e oggetti di carta) ........


2.14.2

Corridoi: senza personale (magazzini con scaffali) . 1.5.1

Fabbricazione di cavi e li (industria elettrica) ......... 2.6.1

Corsie (edici di cura) ................................................. 7.3

Fabbricazione e trasformazione della carta


(carta e oggetti di carta) ........................................ 2.14.2

Corsie di circolazione (parcheggi pubblici coperti) .. 5.7.3


Costruzione di modelli (fonderie) ........................... 2.8.11
Costruzione matrici (stamperie)............................. 2.16.1
Costruzione orologi: automatica
(produzione gioielli)................................................ 2.10.4
Costruzione orologi: manuale
(produzione gioielli)................................................ 2.10.3

Fabbricazione rivestimenti interni, locali occupati


(costruzione veicoli) ............................................... 2.19.4
Fabbricazione strumenti in vetro (ceramica,
piastrelle, vetro, vetrerie) ......................................... 2.4.4
Fabbricazione utensili e attrezzi da taglio
(lavorazione dei metalli) ....................................... 2.13.10

Costruzione tubi (lavorazione dei metalli) .............. 2.13.7

Falegnameria di fantasia (lavorazione e


manifattura del legno) ............................................ 2.20.5

Costruzione veicoli.................................................... 2.19

Fermentazione del malto (industrie alimentari) ....... 2.7.1

Cottura al forno (forni, panici, pasticcerie) ............. 2.2.1

Fermentazione e asciugatura del tabacco


(industrie alimentari) ................................................ 2.7.1

Cottura in fabbriche di conserve e cioccolato


(industrie alimentari) ................................................ 2.7.1

Fiere ........................................................................... 5.4

Cristallo (ceramica, piastrelle, vetro, vetrerie).......... 2.4.5

Filatura (lavorazione e manifattura tessile) ............ 2.18.3

Cucina (ristoranti e hotel)......................................... 5.2.2

Filatura juta e canapa (lavorazione e


manifattura tessile) ................................................ 2.18.2

Cucina (locali scolastici) ........................................ 6.2.26


Cucitura (lavorazione e manifattura tessile)........... 2.18.5
Cure intensive ........................................................... 7.11

Filtraggi in rafnerie dello zucchero


(industrie alimentari) ................................................ 2.7.3
Finitura (forni, panici, pasticcerie) .......................... 2.2.2

Finitura (industria chimica) ...................................... 2.5.8

Dattilograa (ufci) ...................................................... 3.2

Finitura (lavorazione e manifattura tessile) ............ 2.18.7

Decorazione (forni, panici, pasticcerie).................. 2.2.2

Follatura (pelle e capi in pelle)............................... 2.12.2

Decorazione (industrie alimentari) ........................... 2.7.6

Fonderie...................................................................... 2.8

Deposito bagagli (aeroporti) .................................... 8.1.6

Formatura a freddo (lavorazione dei metalli) ......... 2.13.7

Deposito bagagli (stazioni) ...................................... 8.2.3

Formatura a macchina (fonderie) ............................ 2.8.8

Dermatologia (locali di cura) .................................... 7.9.2

Formatura di parti semplici (ceramica,


piastrelle, vetro, vetrerie) ......................................... 2.4.3

Dialisi (locali di cura) ................................................ 7.9.1


Disegno (lavorazione e manifattura tessile) ........... 2.18.2
Disegno manuale (lavorazione e
manifattura tessile)................................................. 2.18.6

UNI EN 12464-1:2004

Formatura di precisione (ceramica,


piastrelle, vetro, vetrerie) ......................................... 2.4.4
Formatura manuale delle anime (fonderie).............. 2.8.9

UNI

Pagina 28

Formature grossolane (prodotti in cemento,


calcestruzzo, mattoni) .............................................. 2.3.4

Impianti di produzione con intervento


manuale continuo (laminatoi, ecc.) .........................2.17.3

Fornace (laminatoi, ecc.) ....................................... 2.17.5

Impianti di produzione con intervento manuale


occasionale (laminatoi, ecc.) ..................................2.17.2

Forni............................................................................ 2.2
Fucinatura a stampo .............................................. 2.13.2

Impianti di produzione senza intervento


manuale (laminatoi, ecc.) .......................................2.17.1

Fucinatura libera .................................................... 2.13.1

Impregnazione delle bobine (industria elettrica).......2.6.3


Incisione (ceramica, piastrelle, vetro, vetrerie) .........2.4.4

H
Hangar per le riparazioni ed i controlli (aeroporti) ... 8.1.9

Incisione cristallo (ceramica, piastrelle,


vetro, vetrerie)...........................................................2.4.5
Incisione su acciaio e rame (stamperie) .................2.16.5

G
Gabinetti (sale di riposo, infermeria e
pronto soccorso) ...................................................... 1.2.4

Incollaggio (lavorazione e manifattura del legno) ...2.20.4


Incollaggio (lavorazione e manifattura tessile)........2.18.2

Gallerie di manutenzione (fonderie)......................... 2.8.1

Industria chimica..........................................................2.5

Gallerie di manutenzione (laminatoi, ecc.)............. 2.17.9

Industria della gomma .................................................2.5

Galvanizzazione (industria elettrica)........................ 2.6.4

Industria della plastica .................................................2.5

Galvanizzazione (lavorazione dei metalli)............ 2.13.12

Industria elettrica .........................................................2.6

Generi alimentari ........................................................ 2.7

Industrie alimentari di lusso .........................................2.7

Glassatura (forni, panici, pasticcerie)..................... 2.2.2

Infermeria (sale di riposo, infermeria e


pronto soccorso).......................................................1.2.5

Guardaroba (sale di riposo, infermeria e pronto


soccorso) ................................................................. 1.2.4

Infermeria e pronto soccorso.......................................1.2

Guardaroba (spazi comuni) ..................................... 5.1.2

Ingessatura (locali di cura) .......................................7.9.4

Guarnitura (industrie alimentari) .............................. 2.7.6

Ingressi (locali scolastici) .......................................6.2.16


Ingressi (spazi comuni).............................................5.1.1

I
Illuminazione di lettura (corsie, reparti maternit).... 7.3.2

Installazioni di processo con presenza


continua di personale

Illuminazione generale (corsie, reparti maternit) ... 7.3.1

(industria chimica) ....................................................2.5.3

Illuminazione generale (ere, padiglioni espositivi) . 5.4.1

Intarsio (lavorazione e manifattura del legno).........2.20.8

Illuminazione generale (laboratori e farmacie)....... 7.13.1

Intrecciatura (lavorazione e manifattura tessile) .....2.18.4

Illuminazione generale (locali analisi) ...................... 7.7.1

Ispezione (industria chimica) ....................................2.5.8

Illuminazione generale (locali diagnostici) ............... 7.4.1

Ispezione (lavanderie e tintorie) .............................2.11.4

Illuminazione generale (locali per autopsia e


camera mortuaria) ................................................. 7.15.1

Ispezione (lavorazione dei metalli) .........................2.13.6

Illuminazione generale (locali per visite oculistiche) 7.5.1


Illuminazione generale (locali per visite
otorinolaringoiatriche) .............................................. 7.6.1
Illuminazione generale (odontoiatria)..................... 7.12.1

Ispezione (lavorazione e manifattura del legno) .....2.20.9


Ispezione colori (laboratori e farmacie) ..................7.13.2
Ispezione colori (lavorazione e
manifattura tessile) ...............................................2.18.11
Ispezione dei colori (industria chimica).....................2.5.7

Illuminazione generale (rianimazione e


cure intensive) ....................................................... 7.11.1

Ispezione dei colori (industrie alimentari) .................2.7.8

Illuminazione generale (sale parto) ......................... 7.8.1

Ispezione dei colori (pelle e capi in pelle)...............2.12.7

Illuminazione sul paziente (odontoiatria) ............... 7.12.2

Ispezione dei colori in stampe policrome


(stamperie) .............................................................2.16.4

Imballaggio (magazzini/magazzini refrigerati) ......... 1.4.2


Imbozzimatura (lavorazione e manifattura tessile). 2.18.2
Impianto alimentazione combustibile
(centrali elettriche) ................................................. 2.15.1
Impianto di processo con intervento manuale
limitato (industria chimica) ....................................... 2.5.2
Impianto di processo controllato a distanza
(industria chimica).................................................... 2.5.1

Ispezione della trama (lavorazione e


manifattura tessile) ...............................................2.18.10
Ispezione di vetri e bottiglie (industrie alimentari).....2.7.6
Ispezione nale (costruzione veicoli)......................2.19.5
L
Laboratori (locali scolastici) ......................................6.2.9
Laboratori (industrie alimentari)................................2.7.7

UNI EN 12464-1:2004

UNI

Pagina 29

Laboratori (industria chimica) .................................. 2.5.4


Laboratori e farmacie................................................ 7.13
Laboratori di informatica (locali scolastici) ............. 6.2.13
Laboratori linguistici (locali scolastici).................... 6.2.14
Laboratorio di insegnamento (locali scolastici) ...... 6.2.11
Laboratorio elettronico (industria elettrica) .............. 2.6.6
Laboratorio tralatura (lavorazione dei metalli) ...... 2.13.7
Laminatoi .................................................................. 2.17
Laminatura (ceramica, piastrelle, vetro, vetrerie)..... 2.4.3

Lavori di rilegatura: cucitura (carta e


oggetti di carta)...................................................... 2.14.3
Lavori di rilegatura: incollaggio (carta e
oggetti di carta)...................................................... 2.14.3
Lavori di rilegatura: piegatura (carta e
oggetti di carta)...................................................... 2.14.3
Lavori di rilegatura: smistamento (carta e
oggetti di carta)...................................................... 2.14.3
Lavori di rilegatura: stampa (carta e
oggetti di carta)...................................................... 2.14.3

Lavaggio (industrie alimentari)................................. 2.7.1

Lavori di rilegatura: taglio (carta e


oggetti di carta)...................................................... 2.14.3

Lavaggio (lavorazione e manifattura tessile).......... 2.18.2

Lavori di selleria (pelle e capi in pelle)................... 2.12.3

Lavaggio e pulizia a secco (lavanderie e tintorie) .. 2.11.2

Lavori in tino, vasca, fossa (pelle e capi in pelle)... 2.12.1

Lavaggio prodotti (industrie alimentari).................... 2.7.2

Lavori su pietra e lastra (stamperie) ...................... 2.16.1

Lavaggio utensili (agricoltura) .................................. 2.1.4

Lavoro di assemblaggio di precisione:


per esempio attrezzatura
di misurazione (industria elettrica)........................... 2.6.5

Lavagna (locali scolastici) ....................................... 6.2.4


Lavanderie e tintorie ................................................. 2.11
Lavorazione delle pietre preziose
(produzione gioielli)................................................ 2.10.1
Lavorazione di macchina ne: tolleranza <0,1 mm
(lavorazione dei metalli) ......................................... 2.13.5
Lavorazione di macchina grossolana e media:
tolleranza 0,1 mm

Lavoro di assemblaggio: ne (lavorazione


dei metalli) ........................................................... 2.13.11
Lavoro di assemblaggio ne: per esempio
telefoni (industria elettrica) ...................................... 2.6.5
Lavoro di assemblaggio: grossolano
(lavorazione dei metalli) ....................................... 2.13.11

(lavorazione dei metalli) ......................................... 2.13.4

Lavoro di assemblaggio grossolano:


per esempio grandi trasformatori
(industria elettrica) ................................................... 2.6.5

Lavorazione di pietre preziose sintetiche


(ceramica, piastrelle, vetro, vetrerie)........................ 2.4.7

Lavoro di assemblaggio: medio


(lavorazione dei metalli) ....................................... 2.13.11

Lavorazione e manifattura del legno ......................... 2.20

Lavoro di assemblaggio medio: per esempio


quadri elettrici (industria elettrica) ........................... 2.6.5

Lavorazione e manifattura tessile ............................. 2.18


Lavorazione e trasformazione dei metalli ................. 2.13
Lavorazione fogli: spessore <5 mm
(lavorazione dei metalli) ......................................... 2.13.9

Lavoro di intarsio (lavorazione e manifattura


del legno) ............................................................... 2.20.8
Lettura (ufci).............................................................. 3.2

Lavorazione laminati: spessore 5 mm


(lavorazione dei metalli) ......................................... 2.13.8

Linea di taglio (laminatoi, ecc.) .............................. 2.17.6

Lavorazioni ferro e acciaio ........................................ 2.17

Locale caldaie (centrali elettriche) ......................... 2.15.2

Lavorazioni generiche alle macchine


(ceramica, piastrelle, vetro, vetrerie)........................ 2.4.2

Locale pre-operatorio (sale operatorie) ................. 7.10.1

Lavorazioni generiche alle macchine


(prodotti in cemento,

Litograa (stamperie)............................................. 2.16.3

Locale risveglio (sale operatorie)........................... 7.10.1


Locali analisi (edici di cura)....................................... 7.7

calcestruzzo, mattoni) .............................................. 2.3.3

Locali condensatori (centrali elettriche) ................. 2.15.4

Lavorazioni su macchine per lavorazione del legno


(lavorazione e manifattura del legno)..................... 2.20.6

Locali di cura (generale) ............................................. 7.9

Lavori al banco di falegnameria (lavorazione e


manifattura del legno) ............................................ 2.20.4
Lavori al forno e ai miscelatori (prodotti in
cemento, calcestruzzo, mattoni) .............................. 2.3.2
Lavori di cucina (industrie alimentari) ...................... 2.7.5
Lavori di precisione: molatura decorativa
(ceramica, piastrelle, vetro, vetrerie)........................ 2.4.6
Lavori di precisione: pittura a mano (ceramica,
piastrelle, vetro, vetrerie).......................................... 2.4.6

Locali di decontaminazione ...................................... 7.14


Locali di disinfezione (locali di
decontaminazione) ................................................ 7.14.2
Locali di riposo (sale di riposo, infermeria e
pronto soccorso) ...................................................... 1.2.2
Locali di sterilizzazione (locali di
decontaminazione) ................................................ 7.14.1
Locali di uso generale (edici di cura) ........................ 7.1
Locali diagnostici (generale) (edici di cura)............... 7.4
Locali impianti (sale di comando o di controllo) ....... 1.3.1

UNI EN 12464-1:2004

UNI

Pagina 30

Locali per autopsia e camera mortuaria ................... 7.15


Locali per il personale (edici di cura) ........................ 7.2
Locali per l'esercizio sico (sale di riposo,
infermeria e pronto soccorso) .................................. 1.2.3
Locali per visita medica (sale di riposo,
infermeria e pronto soccorso) .................................. 1.2.6
Locali per visite oculistiche ......................................... 7.5
Locali per visite otorinolaringoiatriche ........................ 7.6
Locali pompe (centrali elettriche)........................... 2.15.4
Locali scolastici........................................................... 6.2
Locali telex (sale di comando o di controllo) ............ 1.3.2
Luce notturna, luce di sorveglianza (corsie,
reparti maternit) ..................................................... 7.3.5

Mense (sale di riposo, infermeria e


pronto soccorso).......................................................1.2.1
Messa a punto (industria elettrica) ...........................2.6.6
Micromeccanica (lavorazione dei metalli).............2.13.14
Miscelatura (industrie alimentari)..............................2.7.2
Misurazione e controllo (laminatoi, ecc.) ................2.17.8
Molatura (ceramica, piastrelle, vetro, vetrerie)..........2.4.4
Molatura di vetro ottico (ceramica, piastrelle,
vetro, vetrerie)...........................................................2.4.5
Molatura manuale cristallo (ceramica, piastrelle,
vetro, vetrerie)...........................................................2.4.5
Montaggio (ceramica, piastrelle, vetro, vetrerie).......2.4.3
Montaggio caratteri (stamperie)..............................2.16.3

Lucidatura (lavorazione e manifattura del legno) ... 2.20.5

Mulini (industrie alimentari).......................................2.7.3

Lucidatura delle pelli (pelle e capi in pelle) ............ 2.12.2

Musei ...........................................................................5.5

Luoghi di lavoro in installazioni di processo


con presenza continua di personale
(industria chimica).................................................... 2.5.3

Nido (asili nido, scuole materne) ..............................6.1.2


O

Macchine da stampa (stamperie) .......................... 2.16.1

Odontoiatria ...............................................................7.12

Macchine per carta e cartone ondulato


(carta e oggetti di carta) ........................................ 2.14.2

Ofcine (locali scolastici) ........................................6.2.15

Macellerie (industrie alimentari)............................... 2.7.3

Oggetti esposti insensibili alla luce (musei)..............5.5.1

Magazzini.................................................................... 1.4

Oggetti esposti sensibili alla luce (musei).................5.5.2

Magazzini (magazzini/magazzini refrigerati)............ 1.4.1

Ordinatura (lavorazione e manifattura tessile) ........2.18.4

Magazzini con scaffali................................................. 1.5


Magazzini materiale didattico (locali scolastici) ..... 6.2.23
Magazzini refrigerati ................................................... 1.4
Magazzino di laminati (laminatoi, ecc.).................. 2.17.4
Maglieria (lavorazione e manifattura tessile) ......... 2.18.4
Maglieria ne (lavorazione e manifattura tessile)... 2.18.5
Manifattura cappelli (lavorazione e
manifattura tessile)............................................... 2.18.13
Manifattura scarpe: cucitura (pelle e capi
in pelle) .................................................................. 2.12.3
Manifattura scarpe: foratura (pelle e capi
in pelle) .................................................................. 2.12.3

P
Padiglioni espositivi .....................................................5.4
Palazzetti (locali scolastici) .....................................6.2.24
Palestre (locali scolastici) .......................................6.2.24
Panici .........................................................................2.2
Parcheggi pubblici coperti............................................5.7
Parrucchieri .................................................................2.9
Parrucchieri (parrucchieri) ........................................2.9.1
Passamaneria (lavorazione e manifattura
tessile) ..................................................................2.18.10
Pasticcerie ...................................................................2.2

Manifattura scarpe: formatura (pelle e capi


in pelle) .................................................................. 2.12.3

Pelle e capi in pelle....................................................2.12

Manifattura scarpe: lucidatura (pelle e capi


in pelle) .................................................................. 2.12.3

Piastrelle......................................................................2.4

Pettinatura (lavorazione e manifattura tessile)........2.18.2

Manifattura scarpe: taglio (pelle e capi in pelle)..... 2.12.3

Piattaforme (fonderie) ...............................................2.8.2

Manovra delle merci (agricoltura) ............................ 2.1.1

Piattaforme di controllo (laminatoi, ecc.) ................2.17.7

Marcatura (lavanderie e tintorie) ............................ 2.11.1

Piscine (locali scolastici).........................................6.2.24

Massaggio (locali di cura) ........................................ 7.9.6

Portineria (ristoranti e hotel) .....................................5.2.1

Mattoni ........................................................................ 2.3

Postazioni CAD (ufci).................................................3.4

Meccanica di precisione (lavorazione


dei metalli) ........................................................... 2.13.14

Posta (sale di comando o di controllo)......................1.3.2

Mensa (locali scolastici)......................................... 6.2.25

UNI EN 12464-1:2004

Posti di lavoro e zone critiche in macelli


(industrie alimentari) .................................................2.7.3

UNI

Pagina 31

Posti di lavoro in fabbriche di birra


(industria alimentare) ............................................... 2.7.1

Rammendo invisibile (lavorazione e


manifattura tessile) .............................................. 2.18.12

Posti di sevizio al pubblico (biblioteche)................... 5.6.3

Rampe (zone di circolazione) .................................. 1.1.3

Posti e zone di lavoro in zuccherici


(industrie alimentari) ................................................ 2.7.1

Rampe di ingresso/uscita, durante il giorno


(parcheggi pubblici coperti) ..................................... 5.7.1

Prelatura (lavorazione e manifattura tessile)........ 2.18.2

Rampe di ingresso/uscita, durante la notte


(parcheggi pubblici coperti) ..................................... 5.7.2

Preparazione (ceramica, piastrelle, vetro,


vetrerie).................................................................... 2.4.2

Reparti maternit........................................................ 7.3

Preparazione (forni, panici, pasticcerie)................. 2.2.1

Rianimazione ............................................................ 7.11

Preparazione dei materiali (prodotti in cemento,


calcestruzzo, mattoni) .............................................. 2.3.2

Ribassatura (lavorazione e manifattura


del legno) ............................................................... 2.20.6

Preparazione delle sabbie (fonderie) ....................... 2.8.3

Ricezione (reception) (ufci) ...................................... 3.6

Preparazione dell'impasto (carta e oggetti


di carta).................................................................. 2.14.1

Riempimento barili (industrie alimentari) ................. 2.7.1

Preparazione mangime (agricoltura) ....................... 2.1.4

Rimagliatura (lavorazione e manifattura tessile).... 2.18.5


Riparazione (lavanderie e tintorie)......................... 2.11.4

Preparazione sagome e calibri (lavorazione


dei metalli) ........................................................... 2.13.14

Ristorante (ristoranti e hotel) ................................... 5.2.3

Preparazione superci (lavorazione dei metalli) .. 2.13.13

Ristoranti e hotel......................................................... 5.2

Pressofusione (fonderie)........................................ 2.8.10

Ristoranti self-service (ristoranti e hotel) ................. 5.2.4

Processi automatici (lavorazione e


manifattura del legno) ............................................ 2.20.1

Ritocco (stamperie) ............................................... 2.16.3


Ritorcitura (lavorazione e manifattura tessile)........ 2.18.3

Prodotti in cemento..................................................... 2.3


Produzione di pneumatici
(industria della gomma) ........................................... 2.5.6

Produzione farmaceutica (industria chimica)........... 2.5.5

Sala interruttori (sale di comando o di controllo) ..... 1.3.1

Produzione gastronomica (industrie alimentari) ...... 2.7.5

Sala macchine (centrali elettriche) ........................ 2.15.3

Produzione gioielli..................................................... 2.10

Sala operatoria (sale operatorie) ........................... 7.10.2

Produzione gioielli (produzione gioielli) ................. 2.10.2

Sala ricevimenti (ristoranti e hotel) .......................... 5.2.3

Produzione guanti (pelle e capi in pelle)................ 2.12.9

Saldatura (lavorazione dei metalli)......................... 2.13.3

Produzione scarpe (pelle e capi in pelle)............... 2.12.8

Sale attesa (aeroporti) ............................................. 8.1.5

Produzione sigari e sigarette


(industrie alimentari) ................................................ 2.7.5

Sale attesa (stazioni) ............................................... 8.2.4

Prova (laminatoi, ecc.) ........................................... 2.17.8


Prove (industria elettrica) ......................................... 2.6.6
Pulizia (industrie alimentari)..................................... 2.7.1
Punzonatura cartoni (lavorazione e
manifattura tessile)................................................. 2.18.2

Sala da pranzo (ristoranti e hotel)............................ 5.2.3

Sale d'attesa (edici di cura).................................... 7.1.1


Sale d'attesa (spazi comuni).................................... 5.1.3
Sale comuni per gli studenti (locali scolastici) ....... 6.2.19
Sale conferenze (ristoranti e hotel).......................... 5.2.6
Sale conferenze (ufci) ............................................... 3.5
Sale di arrivo e partenza (aeroporti)........................ 8.1.1

Sale di comando o di controllo ................................... 1.3

Quadri di controllo (laminatoi, ecc.) ....................... 2.17.7

Sale di concerto.......................................................... 5.3

Quadri di controllo (sale di comando o


di controllo) .............................................................. 1.3.2

Sale di controllo (centrali elettriche) ...................... 2.15.5

Quadri di controllo interni (centrali elettriche) ........ 2.15.4

Sale di prova (teatri, sale di concerto, cinema)........ 5.3.1


Sale di riposo.............................................................. 1.2

Sale giorno (edici di cura) ...................................... 7.1.4

Raccolta capi (lavanderie e tintorie) ...................... 2.11.1

Sale lettura (locali scolastici) ................................... 6.2.3

Radioterapia (locali di cura) ..................................... 7.9.6

Sale operatorie ......................................................... 7.10

Rafnazione (carta e oggetti di carta).................... 2.14.1

Sale parto ................................................................... 7.8

Rammendo (lavorazione e manifattura tessile)...... 2.18.5

Sale professori (locali scolastici)............................ 6.2.20


Sale riunioni (ufci) ..................................................... 3.5

UNI EN 12464-1:2004

UNI

Pagina 32

Sbucciatura (industrie alimentari) ............................ 2.7.1

Stazioni........................................................................8.2

Scaffali (biblioteche)................................................. 5.6.1

Stiratura (lavorazione e manifattura tessile) ...........2.18.2

Scale (locali scolastici)........................................... 6.2.18

Stiratura, stiratura a vapore


(lavanderie e tintorie)..............................................2.11.3

Scale (zone di circolazione)..................................... 1.1.2


Scale mobili (aeroporti)............................................ 8.1.2

Scamatura (pelle e capi in pelle) ........................... 2.12.2

Taglio (industria chimica) ..........................................2.5.8

Scanalatura (lavorazione e manifattura


del legno) ............................................................... 2.20.6

Taglio (lavorazione e manifattura del legno) ...........2.20.6

Scannellatura (lavorazione e manifattura


del legno) ............................................................... 2.20.6

Taglio (stamperie) ...................................................2.16.1


Taglio di vegetali e frutta (industrie alimentari) .........2.7.4

Scrittura (ufci)............................................................ 3.2

Tappeti mobili (aeroporti) ..........................................8.1.2

Scuole materne .......................................................... 6.1

Tappeti mobili (zone di circolazione).........................1.1.2

Sega (lavorazione e manifattura del legno) ........... 2.20.3

Tavolo imballaggio (vendita al dettaglio) ......................4.3

Segatura (lavorazione e manifattura del legno) ..... 2.20.6

Tavolo per autopsia e dissezione (locali per


autopsia e camera mortuaria) ................................7.15.2

Selezionatura (pelle e capi in pelle)....................... 2.12.4


Selezione (industrie alimentari) ............................... 2.7.6
Selezione di vegetali e frutta (industrie alimentari) .. 2.7.4
Selezione fogli (stamperie) .................................... 2.16.2
Selezione legno per impiallacciatura
(lavorazione e manifattura del legno)..................... 2.20.7
Selezione prodotti (industrie alimentari) .................. 2.7.2

Tavolo per dimostrazioni (locali scolastici)................6.2.5


Teatri............................................................................5.3
Tessitura (lavorazione e manifattura tessile)...........2.18.4
Test di lettura e visione dei colori su pannelli
(locali per visite oculistiche)......................................7.5.3
Tintura (lavorazione e manifattura tessile)..............2.18.7

Setacciamento (industrie alimentari) ....................... 2.7.1

Tintura del cuoio: a macchina (pelle e


capi in pelle) ...........................................................2.12.5

Sezione cinghie (laminatoi, ecc.) ........................... 2.17.9

Tiratura (pelle e capi in pelle) .................................2.12.2

Sgrossatura (lavorazione e manifattura


del legno) ............................................................... 2.20.6

Toilette (sale di riposo, infermeria e


pronto soccorso).......................................................1.2.4

Smaltatura (ceramica, piastrelle, vetro, vetrerie) ..... 2.4.3

Toilette per pazienti (corsie, reparti maternit) .........7.3.6

Smistamento (lavanderie e tintorie) ....................... 2.11.1

Tornitura (lavorazione e manifattura del legno).......2.20.6

Sofatura vetro (ceramica, piastrelle,


vetro, vetrerie).......................................................... 2.4.3

Torre di controllo trafco aereo (aeroporti) ...............8.1.8

Sorveglianza notturna (rianimazione e


cure intensive) ....................................................... 7.11.4
Sotterranei (fonderie)............................................... 2.8.1

Tracciatura (lavorazione dei metalli) .......................2.13.6


Treno di laminazione (laminatoi, ecc.) ....................2.17.6
Tritatura (industrie alimentari) ...................................2.7.2

Sotterranei (laminatoi, ecc.)................................... 2.17.9


Sottopassi passeggeri (stazioni).............................. 8.2.1
Spazi comuni .............................................................. 5.1
Spazio di colata (fonderie) ....................................... 2.8.6
Spedizione (magazzini/magazzini refrigerati) .......... 1.4.2

U
Ufci................................................................................3
Ufcio per il personale (edici di cura) .....................7.2.1
Uso di attrezzature e macchinario di
movimentazione (agricoltura) ...................................2.1.1

Spogliatoi (fonderie)................................................. 2.8.4


Spogliatoi (teatri, sale di concerto, cinema)............. 5.3.1

Sportelli (stazioni) .................................................... 8.2.2

Vendita al dettaglio .........................................................4

Stampa a mano (stamperie) .................................. 2.16.2

Verniciatura (lavorazione dei metalli)....................2.13.13

Stampa in rilievo (stamperie) ................................. 2.16.1

Verniciatura (lavorazione e manifattura


del legno)................................................................2.20.5

Stampaggio (ceramica, piastrelle, vetro, vetrerie).... 2.4.3


Stampaggio automatico (lavorazione e
manifattura tessile)................................................. 2.18.9

Verniciatura: ispezione (costruzione veicoli)...........2.19.3


Verniciatura: ritocco (costruzione veicoli) ...............2.19.3

Stamperie ................................................................. 2.16

Vetro ............................................................................2.4

Stanze per il personale (edici di cura).................... 7.2.2

Vetrerie ........................................................................2.4

Stazione di controllo (magazzini con scaffali) .......... 1.5.3

Visita semplice (corsie, reparti maternit) ................7.3.3

UNI EN 12464-1:2004

UNI

Pagina 33

Visita e trattamento (corsie, reparti maternit)......... 7.3.4


Visita e trattamento (locali diagnostici) .................... 7.4.2
Visita e trattamento (rianimazione e
cure intensive)........................................................ 7.11.3
Visita e trattamento (sale parto)............................... 7.8.2
Visita esterna dell'occhio (locali per
visite oculistiche)...................................................... 7.5.2
Visita orecchio (locali per visite
otorinolaringoiatriche) .............................................. 7.6.2
Visita semplice (rianimazione e cure intensive) ..... 7.11.2
Z
Zona delle casse (vendita al dettaglio) ....................... 4.2
Zona di distaffatura (fonderie).................................. 2.8.7
Zona di lettura (biblioteche) ..................................... 5.6.2
Zona operatoria (odontoiatria) ............................... 7.12.3
Zona operatoria (sale operatorie) .......................... 7.10.3
Zone controllo di sicurezza (aeroporti) .................... 8.1.7
Zone controllo motori (aeroporti) ........................... 8.1.10
Zone di circolazione.................................................... 1.1
Zone di circolazione (locali scolastici).................... 6.2.17
Zone di circolazione (zone di circolazione) .............. 1.1.1
Zone di collegamento (aeroporti)............................. 8.1.2
Zone di lavoro a lato delle vasche di lavaggio
(lavorazione e manifattura tessile) ......................... 2.18.1
Zone di lavoro al cubilotto e al miscelatore
(fonderie) ................................................................. 2.8.5
Zone di lavoro in fabbriche di birra
(industrie alimentari) ................................................ 2.7.1
Zone di misurazione all'interno degli hangar
(aeroporti) .............................................................. 8.1.11
Zone di movimentazione (magazzini/magazzini
refrigerati) ................................................................ 1.4.2
Zone di parcheggio (parcheggi pubblici coperti)...... 5.7.4
Zone di stoccaggio (magazzini/magazzini
refrigerati) ................................................................ 1.4.1
Zone di vendita (vendita al dettaglio) .......................... 4.1
Zone per animali malati (agricoltura) ....................... 2.1.3
Zone ritiro bagagli (aeroporti) .................................. 8.1.1

UNI EN 12464-1:2004

UNI

Pagina 34

UNI
Ente Nazionale Italiano
di Unicazione
Via Battistotti Sassi, 11B
20133 Milano, Italia

La pubblicazione della presente norma avviene con la partecipazione volontaria dei Soci,
dellIndustria e dei Ministeri.
Riproduzione vietata - Legge 22 aprile 1941 N 633 e successivi aggiornamenti.