Sei sulla pagina 1di 9

SCUOLA SUPERIORE REFLESSOLOGIA ZU

Lelisir di lunga vita, la chiave per ottenere la giovinezza, salute e vitalit durature

I CINQUE TIBETANI

I Cinque Tibetani sono un gruppo di esercizi che combinano stretching, sforzo isometrico/isotonico e attivazione della respirazione, risultando quindi estremamente efficaci nel raggiungimento di una genuina integrazione psicofisica. Sono chiamati anche Riti perch sono meditazione attiva, in movimento; vanno eseguiti coscientemente dove concentrazione e consapevolezza del movimento vanno congiunte al respiro. Con la pratica quotidiana, si sperimenta un grande benessere psicofisico e mentale. Ricordano molto alcune posizioni di yoga, sono originari dellIndia e sono giunti in Occidente attraverso il libro di Peter Kelder che racconta la storia del colonnello Bradford, il quale, scopre i "Riti " in un monastero del Tibet. Il movimento connesso alla respirazione stimola le ghiandole endocrine sul piano fisico che corrispondono ai sette chakra sul piano energetico. Essi rappresentano uno stile di vita, una meditazione corporea che riconduce a s stessi. Sono perfetti come movimenti di riscaldamento per qualsiasi altra attivit fisica, sono adatti a tutti e a tutte le et; inoltre: aumentano la vitalit; equilibrano il peso corporeo; fortificano il sistema osseo e muscolare; armonizzano il sistema nervoso e vegetativo; agiscono sulla circolazione sanguigna e linfatica; stimolano beneficamente ogni cellula del corpo; creano benessere in corpo, mente e spirito.

PERCHE FUNZIONANO
Le funzioni corporee, incluso il processo di invecchiamento, sono regolate dagli ormoni secreti dalle ghiandole endocrine. Di recente si scoperto che linvecchiamento regolato dallormone della morte che viene prodotto dallipofisi allinizio della pubert. Sembra che lormone della morte interferisca con labilit delle cellule di utilizzare ormoni benefici come quello della crescita, quindi cellule e organi a poco a poco si deteriorano e muoiono. Nel corpo ci sono sette centri energetici principali, i sette chakra, che corrispondono alle sette ghiandole endocrine. Si possono considerare come campi elettrici invisibili a occhio nudo, in cui lenergia vitale scorre come in un vortice e sono cos localizzati (dal basso del corpo verso lalto): 1) 2) 3) 4) 5) 6) 7) ghiandole della riproduzione pancreas ghiandole surrenali timo tiroide epifisi (o ghiandola pineale) ipofisi (o ghiandola pituitaria)

Equilibrando i sette Centri Energetici, probabilmente viene normalizzato anche lequilibrio ormonale, perci le cellule possono replicarsi e prosperare come quando eravamo giovani. Stimolando i sistemi di regolazione del corpo (ghiandole endocrine, sistema circolatorio, meridiani) si agisce sul livello biochimico degli enzimi e degli ormoni, influenzando la nostra sensazione di benessere e la nostra sfera emozionale. In una persona sana ogni centro energetico ruota a grande velocit, facendo in modo che lenergia vitale (il prana) scorra verso lalto attraverso il sistema endocrino. Quando uno di questi vortici energetici rallenta le sue funzioni, si blocca il flusso di energia vitale influenzando lo stato di salute. Il modo pi rapido per riattivare il normale movimento rotatorio dei centri energetici quello di eseguire regolarmente i Cinque Tibetani. Dato che questi esercizi stimolano in modo tanto efficace i diversi sistemi energetici, i risultati saranno percepibili in breve tempo.

LA STORIA
Il libro sui Cinque Tibetani venne scritto negli anni Trenta. La versione originale Eye of revelation fu pubblicata nel 1939. Forse Peter Kelder prese spunto da Shangri-La di James Hilton, che nel libro di maggior successo Lost Horizon, lascia intuire che il segreto della forza e vitalit dei Lama Tibetani consiste in alcuni esercizi rituali. Lautore Peter Kelder, ispirandosi a questo, descrive la ricerca di quei riti e di come siano arrivati in Occidente. Con i Cinque Tibetani impareremo a conoscere i misteri che per tanto tempo sono stati celati negli antichi monasteri. La storia narrata nel libro ha inizio un pomeriggio in cui lautore, Peter Kelder, si sta rilassando su una panchina del parco, leggendo il giornale della sera. Un vecchio gentiluomo gli si siede vicino e lo impegna in una conversazione. Luomo si presenta come il colonnello Bradford, un ufficiale dellesercito inglese in pensione che ha prestato servizio anche nei corpi diplomatici della Corona. La sua carriera lo ha condotto fin nei pi remoti angoli del globo, e il colonnello Bradford avvince linteresse di Kelder con i racconti delle sue avventure. I due si congedano con la promessa di rivedersi. In seguito si incontrano regolarmente, e alla fine stringono una solida amicizia. Una sera, mentre sono insieme, il colonnello gli annuncia una sorprendente decisione che ha preso. Quando egli era di stanza in India, alcuni anni prima, aveva udito una storia curiosa e indimenticabile che riguardava i lama di un monastero situato in qualche luogo remoto e selvaggio dellHimalaya tibetano. In quel monastero, unantica sapienza tramandata per migliaia di anni prometteva la soluzione di uno dei grandi misteri del mondo. Secondo la leggenda, i lama del monastero erano eredi del segreto della Fonte della Giovinezza. Come tutti, il colonnello Bradford aveva cominciato ad invecchiare allet di 40 anni, e da allora egli aveva perduto qualunque sembianza della giovent. Pi sentiva parlare di quella miracolosa Fonte della Giovinezza e pi si convinceva che un tale luogo esistesse veramente. Egli cominci a raccogliere informazioni sulle vie da seguire, sulle caratteristiche della zona, sul clima, e su qualunque altro dato che potesse aiutarlo ad individuare quella localit. E, una volta iniziata la ricerca, il colonnello fu sempre pi ossessionato dal suo desiderio di trovare questa Fonte della Giovinezza a tal punto che aveva deciso di ritornare in India e di cercare seriamente quel ritiro ed il suo segreto di duratura giovent. Il colonnello Bradford chiede a Kelder di unirsi a lui in questo impegno. Kelder tentenna nellindecisione, ma alla fine si arrende allo scetticismo, declinando con riluttanza linvito. Il colonnello Bradford si dispose a compiere la sua missione da solo. Poi, passarono molti anni senza dare pi notizie di s. Infatti Kelder aveva quasi dimenticato il suo amico di un tempo e le idee di una Shangri-La tibetana, quando un giorno una lettera annunci che il colonnello aveva raggiunto il suo obiettivo e stava per tornare. Poco tempo dopo, quando i due si ritrovarono, Kelder testimone di una strabiliante trasformazione. Bradford, inaspettatamente, mostra le sembianze che il colonnello deve aver avuto negli anni della sua giovinezza, molto tempo fa. Invece di un vecchio curvo e pallido con un bastone da passeggio, vide una figura alta, eretta. Aveva il volto florido e i capelli crescevano folti e neri con rare tracce di grigio. Il colonnello Bradford si apprest a raccontare al suo emozionato amico tutto ci che era accaduto durante la sua prolungata assenza. Parl di anni di lotte e di sforzi ricompensati infine dal successo la scoperta di un remoto monastero tibetano i cui occupanti non invecchiavano mai. Nel monastero, non si vedeva da nessuna parte uomini o donne anziani. I lama, scherzando bonariamente, si riferivano al colonnello chiamandolo lAntico, perch molto tempo era trascorso da quando avevano visto qualcuno che sembrasse vecchio come lui. Per loro, egli costituiva quasi una novit. Per le prime settimane dopo il mio arrivo, disse il colonnello, mi sentii come un pesce fuor dacqua. Ogni cosa che vedevo era per me fonte di meraviglia, a volte potevo a stento credere ai miei occhi. Presto, la mia salute cominci a migliorare. Riuscivo a dormire profondamente di notte, ed ogni mattina mi svegliavo sentendomi sempre pi fresco ed energico. Di l a poco, mi resi conto che il mio bastone da passeggio mi era necessario solo durante le escursioni sui monti.

Poi, una mattina il colonnello si imbatte in uno specchio, e per la prima volta in due anni vede la propria immagine riflessa. Con sua totale incredulit e sorpresa, limmagine davanti ai suoi occhi quella di un uomo molto pi giovane. Il colonnello si rende conto di aver subito una trasformazione fisica: egli appare di ben quindici anni pi giovane rispetto al giorno del suo arrivo. Le parole non possono descrivere la gioia e lesaltazione che provavo. Nelle settimane e nei mesi seguenti, il mio aspetto continu a migliorare, ed il cambiamento divenne sempre pi evidente per tutti coloro che mi conoscevano. In breve tempo, il mio soprannome onorario, lAntico, non si ud pi. Quindi, il colonnello Bradford spiega esattamente in che modo ha ottenuto questo notevole ringiovanimento. La prima cosa importante che mi venne insegnata al mio ingresso nel monastero, disse il colonnello, fu questa: il corpo ha sette centri di energia che potremmo chiamare vortici. Gli Ind li chiamano chakra. Essi sono dei potenti campi elettrici, invisibili ai nostri occhi, e tuttavia assolutamente reali. Questi sette vortici controllano le sette ghiandole a secrezione interna nel sistema endocrino, e le ghiandole endocrine, a loro volta, regolano tutte le funzioni del corpo, compreso il processo di invecchiamento.. In un corpo sano, ognuno di questi sette vortici ruota a grande velocit, consentendo allenergia vitale, chiamata anche prana ovvero energia eterica, di fluire verso lalto attraverso il sistema endocrino. Ma se uno o pi di questi vortici inizia a rallentare, il flusso di energia vitale risulta inibito o bloccato, e, ecco, questo potrebbe essere un altro modo per definire linvecchiamento ed un precario stato di salute. Il modo pi rapido per riacquistare la giovinezza, la salute e la vitalit consiste nel riavviare il normale movimento rotatorio di questi centri energetici. Ci si pu realizzare mediante cinque semplici esercizi. Ciascuno di essi efficace di per s, ma i migliori risultati si ottengono con la pratica di tutti e cinque. In realt, non si tratta di esercizi veri e propri. I lama li chiamano Riti ed anchio mi riferir ad essi con lo stesso termine. Detto questo il colonnello descrive ed esegue davanti a Kelder cinque esercizi yoga che egli chiama i Cinque Riti. Egli raccomanda a Kelder di iniziare con lesecuzione quotidiana di ogni Rito ripetuta per tre volte, e poi di aumentare gradualmente le ripetizioni fino ad arrivare a 21 al giorno. In seguito, egli spiega che i benefici apportati dai Riti saranno pi accentuati per coloro che praticano la castit. Mentre egli avverte che esso non rappresenta un obiettivo realistico per la maggior parte delle persone, egli rivela un sesto rito che risulter efficace per coloro che accettano questa sfida. Una volta avuta da Bradford la rivelazione dei Cinque Riti, Kelder inizi a sperimentarli pieno di entusiasmo. Entro tre mesi registr risultati davvero ragguardevoli. Ansioso di condividere con altri la notizia della scoperta di Bradford, chiese al colonnello di tenere un corso. Il colonnello si dichiar daccordo, e il piccolo gruppo di studio che ne risult venne soprannominato Himalaya Club. Il gruppo si riuniva regolarmente per praticare i Cinque Riti e discutere di argomenti come dieta e nutrizione. Effettivamente, i membri del club, tutti al di sopra dei 50 anni, entro breve tempo trassero giovamento dai poteri di ringiovanimento dei Cinque Riti. Il tal modo un gran numero di persone in tutti i paesi del mondo stato reso partecipe della scoperta della Fonte della Giovinezza fatta da Bradford.

LESECUZIONE PRATICA DEI RITI


Respirazione . Allopposto di quanto si fa di solito nei movimenti di esercizio fisico intenso (tipico il lavoro con i pesi e le
macchine in palestra), nei Cinque Tibetani si inspira quando si compie lazione di contrazione e si espira in distensione. Ad esempio, nel Rito nr. 2 si inspira quando si portano le gambe in verticale e si espira quando le si riabbassa a terra.

Progressione e ripetizioni. In generale, la pratica dei Cinque Tibetani si inizia con 3 ripetizioni per ogni esercizio
(cio 3 rotazioni, 3 volte le gambe su e gi ecc.). Normalmente si possono aggiungere 2 ripetizioni ad ogni esercizio ogni settimana, fino a un massimo di 21 ripetizioni. Nulla vieta di rimanere anche pi settimane con lo stesso numero di ripetizioni, finch non ci si sente perfettamente a proprio agio nellincrementare il numero. E importante la regolarit, non la quantit.

Come eseguirli. Le fotografie successive illustrano le posizioni di partenza e quelle di arrivo. Se fisicamente non si

riesce a raggiungere una o pi posizioni, non affatto tragico: limportante conservare lattitudine mentale a raggiungere la posizione ed eseguire correttamente la respirazione. Anche se sono una splendida miscela di stretching e lavoro isometrico e isotonico, i Cinque Tibetani non vanno interpretati come la nostra classica ginnastica: non importante quello che si fa, ma lattenzione e la presenza nellesecuzione . Sono da considerare uno spazio che ci prendiamo per prestare attenzione a noi stessi. Pensare inspiro energia e nutrimento, espiro tutto quello che non mi serve aiuta a calmare la mente e a educarla a percepire la profonda saggezza ed efficacia di questi movimenti.

Quando eseguirli. I Cinque Tibetani sono da praticare tutti i giorni. Non ha molta importanza quando, ogni orario
della giornata va bene, meglio se a stomaco non troppo impegnato. Al mattino danno una bella carica per la giornata, alla sera predispongono a un buon sonno. In caso di scarsa dimestichezza con lesercizio fisico intenso, se ci si sente anziani e acciaccati, se si avverte fatica o disagio o non si ha abbastanza tempo, si pu spezzare lesecuzione in pi momenti della giornata (ad esempio due esercizi al mattino e tre alla sera).

Il Relax. Quasi mai si illustrano i Riti completati dalla fase di scarico e normalmente ci si concentra soltanto

sullesecuzione corretta degli esercizi. La fase di relax rappresenta invece la giusta conclusione di ogni rito e aiuta a sviluppare il concetto di propriocezione con cui si focalizza meglio la nostra attenzione sulle parti del corpo che hanno lavorato di pi, favorendo il rilascio delle tensioni e la liberazione dagli sforzi a cui ci siamo appena sottoposti. Possiamo interpretare le fasi di esecuzione e di relax come una corretta alternanza dello yin/yang in cui rito Yang e il relax Yin.

Altri consigli pratici.


Praticare i Riti in sequenza, dal Primo al Quinto, ogni giorno. Naturalmente, vi saranno giorni in cui sar impossibile prendersi i 20-30 minuti necessari ad eseguire lintera routine. Ma non prendete labitudine di saltarli per pi di un giorno o non avrete mai loccasione di scoprire i benefici che i Riti possono apportare alla vostra vita e alla vostra salute. Se siete ammalati, occupati o affaticati, molto meglio eseguire ogni Rito per sole 3 volte piuttosto che non farlo affatto. Ci vogliono meno di cinque minuti per eseguire 3 ripetizioni di ogni Rito. Pensate a ci come se doveste lavarvi il viso invece di fare una doccia completa. Non importa quanta fretta abbiate al mattino, c sempre tempo per lavarsi il viso. Se vi capita di saltare per pi di un giorno, meglio fare alcuni passi indietro nella routine. Effettuate un minore numero di ripetizioni di quelle che stavate facendo e recuperate la forma nel giro di una settimana. Non cercate mai di aggiungere delle ripetizioni extra per compensare quelle che avete perduto. Non si insister mai abbastanza sul fatto che, sia che stiate ricominciando la routine dopo un intervallo di tempo, sia che stiate appena iniziando, importante lavorare con gradualit per raggiungere le 21 ripetizioni di ogni Rito. Anche se siete fisicamente in grado di effettuare tutte e 21 le ripetizioni sin dallinizio, seguite le istruzioni come vengono date. Aumentate gradualmente fino a completare il ciclo. Diversamente dalla ginnastica ritmica o da altre comuni forme di esercizio fisico, i Riti hanno a che fare con cose pi sottili della semplice forza muscolare e dellagilit. Rispettate il procedimento. Impegnatevi per la qualit piuttosto che per la quantit. La pratica regolare conforme alle istruzioni assicura il successo. Se fate questo, probabilmente non vi sentirete scoraggiati e scoprirete che non difficile attenervi al vostro impegno giornaliero. Sar meno probabile che soffriate di crampi o che sperimentiate reazioni spiacevoli come nausea o vertigini. Le 21 ripetizioni di ogni Rito sono tutto quel che serve. Semplicemente, non esiste alcuna ragione per aumentarle. Se volete, potete eseguire i Riti due volte al giorno, al risveglio ed alla sera, ma almeno due ore dopo aver mangiato. E meglio eseguire i Riti come prima cosa al mattino a stomaco vuoto. La raccomandazione di svegliarsi una mezzora prima per avere abbastanza tempo per eseguire i Riti senza fretta. Pu essere duro, specialmente allinizio, ma lo sforzo sar ben ricompensato. Inizierete la vostra giornata pienamente svegli, rilassati ed energici, e qualcuno scoprir di aver bisogno di meno ore di sonno. E importante indossare abiti comodi e confortevoli che non impediscano i movimenti. Felpe, pantaloncini e T-shirt, pigiama o perfino la vostra biancheria intima sono lideale. Meglio stare a piedi nudi, ma se avete freddo ai piedi, potete indossare dei calzini. Come per ogni altra forma di esercizio, togliere eventuali occhiali. I Riti hanno lo scopo di farvi rilassare, perci importante non opprimere la loro pratica con agitazioni e conflitti vari. Scegliete il posto pi confortevole, tranquillo e ragionevolmente privato possibile, con spazio sufficiente attorno a voi per allungarvi completamente. Se il pavimento non rivestito sarebbe preferibile avere un tappeto da ginnastica o da yoga, o un pezzo di gommapiuma sottile, ovvero uno spesso scampolo di tappeto su cui sdraiarvi. Avvicinatevi agli esercizi in stato di concentrazione. Questo il momento di prestare attenzione al vostro corpo, di imparare ad ascoltarlo. Meglio non avere alcun tipo di musica in sottofondo. Essa non serve altro che a distrarre ulteriormente la mente dal corpo. Per lesecuzione dei Riti lideale sarebbe unatmosfera calma ma forse ci, nella vostra vita, non sempre possibile. Accettate, non tentate di ribellarvi, e non permettete al troppo sonno o alla confusione del vostro ambiente familiare di diventare delle scuse per non effettuare la pratica. Mentre praticate i Riti, cercate di non pensare alla vostra giornata, ai vostri obblighi, ed ai vostri interessi. Quando vi accorgete di essere preoccupati e di essere scivolati via dalla consapevolezza delle sensazioni del vostro corpo, focalizzate nuovamente lattenzione ai movimenti che state facendo. E probabile che dobbiate fare questo molte e molte volte. La concentrazione sulla respirazione pu aiutarvi per una rinnovata concentrazione e vi aiuter a rilassarvi. I Cinque Riti possono benissimo adattarsi alla vostra vita. Diversamente da molte altre tecniche e scuole di pensiero che ci sono giunte dallOriente, lesecuzione dei Riti non vi costringer a modificare il vostro stile di vita, la vostra visione del mondo, o la vostra religione. Nonostante il fatto che essi abbiano le loro radici in unantica disciplina spirituale, essi possono essere effettuati unicamente come una forma di esercizio.

I Riti rappresentano una preparazione ed un buon sostegno per coloro che sono interessati alla meditazione. E consigliabile prima eseguire i Riti, e poi meditare. Anche se non praticate la meditazione, potreste prendervi del tempo dopo i Riti per sedervi tranquillamente, rilassarvi e schiarire la mente. Non fate altro che sdraiarvi comodamente in posizione supina per 10 0 15 minuti dopo aver completato la routine. In quanto gioca un ruolo essenziale nella capacit del corpo di curarsi e di nutrirsi, il rilassamento non far altro che accentuare i benefici dei Riti su di esso. Lessenziale la respirazione. Se non si respira nel modo corretto, lefficacia degli esercizi ne risulta intaccata. Nel momento in cui il corpo disteso sul pavimento, rilassato, svuotato del respiro, quindi deve inspirare per potersi muovere (nellatto di sollevarsi e alzarsi). Nel momento in cui torna a stendersi, invece, deve espirare. Ogni volta che ci riavvicina alla terra, si espira; ogni volta che ci si allontana dalla terra, si inspira.

I RITI, I CHAKRA E I MERIDIANI


Il primo Rito (la rotazione) accelera specificamente la velocit di rotazione di tutti e sette i chakra. Il secondo sembra agire sui primi cinque chakra dalla radice alla gola. Il terzo stimola i chakra del cuore e della gola. Il quarto Rito sembra che operi su tutti e sette i chakra, specialmente quando la testa, che contiene il sesto e il settimo chakra, viene allungata indietro e in basso. Il quinto sembra esercitare essenzialmente il chakra della radice, o sacrale, e i due chakra della testa. Considerando con attenzione i Cinque Tibetani, risulta evidente che gli esercizi sollecitano quasi tutti i meridiani, attivando il flusso del Qi. Il primo Rito attiva il Vaso Cintura, il Vaso Concezione e il Vaso Governatore, producendo una sensazione generale di scioltezza a livello della colonna vertebrale. Il secondo Rito attiva i meridiani Vescica e Vescicola Biliare. Il terzo attiva i meridiani Milza/Pancreas, Fegato e Reni. Il quarto e il quinto Rito attivano i meridiani Vescica, Milza/Pancreas, Fegato e Reni. Linvecchiamento comporta una diminuzione dellenergia vitale (il Qi) in senso quantitativo e qualitativo, con tutte le conseguenze immaginabili per la circolazione del sangue, il sistema ormonale e il sistema immunitario. E su questo piano che i Cinque Tibetani svolgono unazione essenziale. Esami clinici eseguiti con apparecchiature per la misurazione allinfrarosso e della diagnostica delle biofunzioni prima e dopo lesecuzione dei Tibetani, rivelano un chiaro aumento dellemanazione di calore dalla pelle (indice di una migliore circolazione sanguigna) oltre a un miglioramento dei valori misurati in corrispondenza dei punti di agopuntura (espressione dellattivazione del Qi). Chi pratica regolarmente i Cinque Tibetani rafforza quindi in modo diretto lequilibrio energetico dei meridiani. In modo indiretto, questo equilibrio energetico sullasse meridiano-muscolo-organo esercita anche un effetto equilibratore sia sul sistema muscolare che sugli organi e sulle emozioni ad essi collegate secondo la Medicina Tradizionale Cinese.

I CINQUE RITI
Rito nr. 1. Il primo rito ha lo scopo di accelerare la velocit dei vortici. Aiuta ad
alleviare: Vene varicose Osteoporosi Emicranie. Benefici: intensifica la circolazione e quindi pu alleviare i problemi di vene varicose; tonifica le braccia e ne allevia i dolori dellosteoporosi; aumenta il flusso energetico attraverso tutti i chakra, specialmente quelli situati alla sommit del capo, la fronte, il torace e le ginocchia, stimolando la rivitalizzazione delle cellule; aiuta il flusso del fluido cerebro-spinale che contribuisce alla chiarezza mentale ed di ausilio nella prevenzione delle emicranie. Posizione: in piedi, a braccia larghe orizzontali al suolo, palmo della mano destra rivolto verso lalto, quello della mano sinistra verso il basso. Piedi paralleli e leggermente divaricati, ginocchia flesse. Lattenzione deve concentrarsi su un punto (o zona energetica) posto allincirca tre o quattro dita al di sotto dellombelico (il Tan Tien). Esecuzione : ruotare su se stessi in senso orario (il braccio destro ruota verso destra), possibilmente tenendo il piede destro come perno e usando solo il piede sinistro per muoversi. In caso di capogiri, eseguire le rotazioni molto lentamente. Ci si abitua in breve tempo e si eseguiranno le rotazioni sempre pi velocemente, con naturalezza. Fissare sempre la mano destra o tenere lo sguardo fisso alla stessa altezza nello spazio aiuta a non avere capogiri, sia durante il movimento sia nella fase di arresto.

Relax: concludere le rotazioni restando in piedi, con le ginocchia flesse e le mani giunte. In questa posizione, si fissa un punto nello spazio davanti a noi e si esegue una inspirazione seguita da una lenta espirazione fino a svuotare completamente i polmoni e fino a quando gli eventuali giramenti di testa terminano.

Rito nr. 2. Aiuta ad alleviare: Artrite Osteoporosi Mestruazioni irregolari Sintomi

della menopausa Problemi digestivi e intestinali Dolori lombari Rigidit delle gambe e del collo. Benefici: ha un effetto ristoratore sulla ghiandola della tiroide, sulle surrenali, sui reni, sugli organi del sistema digestivo, e sugli organi e ghiandole sessuali, compresi prostata e utero. E utile per il ciclo mestruale irregolare ed allevia alcuni dei sintomi della menopausa. Ha un effetto positivo sui problemi digestivi e intestinali. E ottimo per la circolazione e la respirazione, rendendo pi tonici i muscoli cardiaci ed il diaframma, regola il flusso linfatico. Il movimento inoltre rinforza laddome, le gambe e le braccia; allevia la tensione alla parte inferiore della schiena, diminuendo cos il dolore; ha un effetto benefico sulla rigidit delle gambe e del collo. Pu essere di aiuto a coloro che soffrono di artrite lombare e cervicale, per coloro che sono affetti da osteoporosi alle gambe, alle anche, al bacino e al collo. Accellera inoltre la rotazione dei chakra 5, 3, 2 e 1, nella gola, nelle aree superiore e inferiore delladdome e nel coccige. Posizione base: distesi a terra, supini (possibilmente su un tappeto). Braccia lungo i fianchi, palmi delle mani sul pavimento. Esecuzione : sollevare contemporaneamente le gambe fino alla verticale con i piedi flessi a martello e la testa verso i petto. Spalle, schiena e bacino rimangono a contatto con il suolo. Inspirare durante la flessione ed espirare nella fase di distensione. Se risulta difficile alzare e abbassare le gambe distese, si possono piegare le ginocchia durante i movimenti, per impegnare meno i muscoli addominali. Riportare, lentamente, a terra sia il capo che le gambe, tenendo sempre le ginocchia tese. Relax: distesi a terra in posizione supina con il corpo rilassato nella posizione pi comoda.

Rito nr. 3. Aiuta ad alleviare: Artrite Mestruazioni irregolari o difficoltose Sintomi

della menopausa Problemi digestivi Dolori alla schiena e al collo Congestione da sinusite. Benefici: come il secondo Rito, anche il terzo ringiovanisce la ghiandola della tiroide, le surrenali, i reni, tutti gli organi del sistema digestivo ed anche gli organi e le ghiandole sessuali compresi prostata ed utero. Risulta particolarmente efficace per le donne in menopausa e per le donne mestruate che tendono ad avere dei cicli irregolari o difficoltosi. Tonifica e rafforza laddome, rende tonico il diaframma, profonda la respirazione, e allevia la tensione muscolare nelle zone lombare e cervicale, diminuendo dolore e rigidit. Aiuta a liberare dalla congestione dovuta alla sinusite e allevia i sintomi dellartrite cervicale e dorsale. Il movimento del terzo rito accelera la rotazione di tutti i chakra, specialmente il 5, il 3 ed il 2, nella gola e nella parte sia superiore che inferiore delladdome, incrementando la generale sensazione di vitalit e di energia. Posizione base: in ginocchio, le mani appoggiate allapice delle cosce, il dorso dei piedi sollevato e le dita sono flesse in contatto con il suolo, testa inclinata in avanti appoggiata al mento. Cos facendo si evita di inarcare la schiena allaltezza della regione lombare, punto debole e a rischio per la maggior parte di noi. Inoltre tendendo i muscoli dei glutei, si evita di indebolire la regione lombare. Esecuzione: inarcare dolcemente allindietro testa, spalle e schiena. Inspirare quando si inarca ed espirare nel ritorno alla posizione base. Aprire la bocca nellinarcamento aiuta respirare e a distendere i muscoli anteriori del collo. Relax: accovacciati in ginocchio sul pavimento, con la fronte appoggiata sul pavimento e le braccia distese lungo i fianchi. Si pu completare la fase di rilassamento con ulteriori stiramenti della schiena allungando le braccia in avanti oppure mettendosi a 4 zampe e curvando la schiena verso lalto nella posizione tipica del gatto.

Rito nr. 4. Aiuta ad alleviare: Artrite Osteoporosi Mestruazioni irregolari o


difficoltose Sintomi della menopausa Congestione da sinusite. Benefici: ha un effetto fortificante sulla ghiandola della tiroide, su tutti gli organi del sistema digestivo, ed anche gli organi e le ghiandole sessuali compresi prostata ed utero, sulla circolazione e sul flusso linfatico. Tonifica laddome, il muscolo cardiaco e il diaframma e rafforza cosce, braccia e spalle. Se soffrite di congestione da sinusite, troverete che aiuta a liberare i dotti nasali. Se soffrite di artrite localizzata al collo, alla spalle, alle anche ed alle ginocchia troverete questo movimento particolarmente utile ad alleviare i sintomi. Lo stesso si pu dire per quelle persone che soffrono di osteoporosi a carico di braccia, gambe e bacino. Rende anche pi profonda la respirazione e accelera i principali chakra collegati alle aree della gola, del torace, delladdome superiore e inferiore, e del coccige (chakra 5, 4, 3, 2 e 1). Questo movimento pu inoltre influenzare positivamente i cicli mestruali o difficoltosi e i sintomi delle menopausa. Posizione base: seduti, le gambe distese e leggermente divaricate (i piedi possono anche appoggiare per terra), il tronco eretto e i palmi delle mani appoggiati a terra allaltezza dei glutei. Piegare il mento in avanti sul petto il pi possibile. Esecuzione : piegare le ginocchia e sollevare il bacino rovesciando indietro la testa ed inspirando (la bocca aperta!). Si deve in pratica formare un ponte, con il busto che rimane parallelo al pavimento mentre le braccia e la parte inferiore delle gambe formano una linea verticale. Tornare quindi nella posizione base rilassando i muscoli. Relax: seduti con le gambe distese, la schiena e la testa sono flesse in avanti, le braccia allinterno delle gambe si allungano con lintenzione di toccare i piedi. Posso completare la fase di rilassamento con ulteriori stiramenti a gambe distese cercando di toccare i piedi con le mani.

Rito nr. 5. Aiuta ad alleviare: Artrite Osteoporosi Mestruazioni irregolari o


difficoltose Congestione da sinusite Problemi digestivi e intestinali Dolori alla schiena Rigidit delle gambe e del collo. Benefici: ha un effetto rinvigorente sulla ghiandola della tiroide, sulle surrenali, sui reni, su tutti gli organi e ghiandole sessuali compresi prostata e utero. Esso favorisce la circolazione e il flusso linfatico, il che ha un impatto positivo sul sistema immunitario, stimola una respirazione pi profonda ed accelera la rotazione di tutti i chakra. Tonifica laddome, il muscolo cardiaco, il diaframma, rinforza i muscoli addominali, delle gambe e delle braccia e aiuta ad alleviare i dolori lombari cos come la rigidit delle gambe e del collo. E utile per alleviare i sintomi della menopausa e delle mestruazioni irregolari o difficoltose. Inoltre libera la cavit nasali, riduce i problemi digestivi e intestinali, aiuta coloro che soffrono di osteoporosi alle braccia ed alle gambe, e pu apportare sollievo a chi soffre di artrite al bacino, alla schiena, alle spalle, alle mani e ai piedi. Posizione base: proni, il contatto con il suolo dato dai piedi a dita flesse (vedi rito nr. 2) e dai palmi delle mani rivolti in avanti allaltezza delle spalle. Inarcare la schiena tenendo la testa rivolta allindietro, la bocca aperta. Il bacino gli arti inferiori sfiorano il suolo senza toccarlo. Esecuzione: inspirare e spingere il suolo con le mani per sollevare il bacino, flettendo laddome per formare una V capovolta e ripiegando il mento sul petto. I piedi vanno tenuti il pi possibile a contatto col suolo. I glutei devono contrarsi, per ovviare alla debolezza del tratto inferiore della colonna vertebrale. Espirare tornando alla posizione base. Relax: Sdraiati in posizione prona con le braccia rilassate e le gambe distese (o leggermente divaricate); prima su un fianco e poi sullaltro.

L'EFFICACIA DEI CINQUE TIBETANI SUI VARI DISTURBI DELLA VITA QUOTIDIANA
Emicrania. Lemicrania una sindrome che oggi appare molto diffusa. Con lesercizio quotidiano dei Cinque Tibetani, facile che gli attacchi diventino pi rari fino a scomparire dopo un periodo di pratica costante. Spesso lemicrania legata a problemi ormonali, a uno squilibrio del metabolismo o anche a una reazione dellorganismo alleccesso di stress. Grazie agli esercizi si ottiene una diminuzione degli stati di tensione, il fegato viene stimolato a svolgere unazione pi intensa di disintossicazione e risultano facilitate le funzioni intestinali. Problemi di peso. Laumento e il calo di peso sono spesso da ricondurre a un metabolismo troppo attivo o, viceversa, troppo pigro. In questo senso sono particolarmente importanti le attivit della tiroide, delle ghiandole surrenali e del fegato. Inoltre si verifica un miglioramento della pelle (che diventa pi soda) e questo avviene senza che si avvertano sensazioni di fame o stress psichico. Evidentemente gli esercizi favoriscono linstaurarsi di un metabolismo equilibrato, stimolando la funzionalit del fegato e dellintestino. Risultato: il corpo dispone di maggiore energia e lo stimolo della fame si normalizza. Insonnia e disturbi del sonno. Oggigiorno linsonnia molto diffusa. Questo problema spesso non viene preso sul serio eppure un chiaro segnale che il corpo non riesce a rigenerarsi durante il sonno. I sintomi legati alla mancanza di sonno scompaiono spesso dopo un breve periodo di regolare pratica degli esercizi. Ansia, stress e sovrecittazione sono indizi di un eccesso di energie, che intacca la capacit dellorganismo di rigenerarsi. Normalmente, durante il sonno tute le attivit degli organi seguono un ritmo sensibilmente pi lento rispetto allo stato di veglia. Il sonno dunque il momento della rigenerazione: se questa non pi possibile, possono derivarne malattie gravi. Daltra parte si osserva spesso che la fase di rigenerazione (ossia delle ore di sonno necessarie allorganismo) si riduce vistosamente grazie allesercizio regolare. Allergie. I Cinque Tibetani si rivelano particolarmente utili nei casi di allergia. A seconda della gravit del disturbo restano bloccati una parte consistente del circolo energetico e spesso anche i processi di integrazione cerebrale. La pratica quotidiana dei Cinque Tibetani si rivelata estremamente efficace, in abbinamento con metodi come clisteri, disintossicazione, dieta, integratori vitaminici e/o minerali e agopuntura. Di solito le persone allergiche soffrono di astenia, apatia, malumore e persino depressione; con la pratica dei Cinque Tibetani, hanno invece a disposizione un mezzo efficace per interrompere questo circolo vizioso. Difficolt di apprendimento della lettura e dellortografia ( Dislessia o Legastenia ). E una difficolt di apprendimento della lettura che si manifesta con vari sintomi fra cui inversione di lettere (la anzich al) e scambio di lettere simmetriche (p anzich q). Alcuni medici hanno inserito i Cinque Tibetani nei programmi per la dislessia, riportando grandi successi. Anche se allinizio i bambini legastenici reagiscono in modo molto negativo allintroduzione di esercizi supplementari e ulteriori carichi di lavoro, ben presto si accorgono delleffetto rivitalizzante degli esercizi. I bambini hanno una spiccata sensibilit per lenergia, ed chiaro che si divertono a eseguire gli esercizi, che si possono cominciare a praticare fin dallasilo o dalle elementari. Inoltre si raccomandano gli esercizi anche alle madri di questi bambini, spesso logorate dallo stress.

I CHAKRA: CENTRI DI ENERGIA DEL NOSTRO CORPO


Quella dei Sette Chakra una delle pi antiche dottrine relative alla comprensione del nostro organismo e del suo funzionamento. Affonda le proprie radici in un passato assai remoto (si parla del 3000 a.C.) ed stato dimostrato che essa esisteva in culture assai diverse tra loro collocabili nellarea geografica che oggi corrisponde a India, Nepal e Tibet. In Europa la testimonianza pi antica risale alla dinastia dei Merovingi di Franconia (V-VI secolo d.C.) per cui i re merovingi, allo stesso modo dei lama tibetani di quellepoca, si facevano praticare un foro spirituale nella calotta cranica, proprio in corrispondenza del chakra della corona. I sette chakra rappresentano i centri nei quali si concentra il flusso di energia del nostro corpo. Ogni chakra ha la propria sfera di influenza che si estende in egual misura sulla nostra struttura fisica e sulla nostra condizione mentale e psicologica. La traduzione della parola chakra pu rendere unimmagine efficace di questi centri di energia: essa deriva dal sanscrito, la lingua sacra degli ind, e significa ruota, oppure vortice di energia. Effettivamente paragonabili a dei vortici, i chakra compiono un movimento circolare ininterrotto: un chakra quindi un punto di energia pi intensa. Limmagine del vortice esprime assai bene il carattere dinamico dei chakra.

Le sfere di influenza dei chakra Nome del chakra Chakra della radice, Muladhara Chakra sacrale (o sessuale), Svadhishthana Chakra dellombelico (o plesso solare), Manipura Chakra del cuore, Anahata Chakra della gola, Vishudda Chakra della fronte (o Terzo occhio), Ajna Chakra della corona, Sahasrara Ghiandola ormonale Surrenali Gonadi Pancreas Timo Tiroide Ipofisi Epifisi Senso Olfatto Gusto Vista Tatto Udito Elemento Terra Acqua Fuoco Aria Etere Colore Rosso Arancio Giallo Verde Blu Violetto Tutti i colori delliride

Verso il proprio s Nome del chakra Posizione nel corpo Sfera dinfluenza a livello fisico Sfera dinfluenza a livello mentale e psicologico Forza interiore, sicurezza nella vita quotidiana Dedizione, sessualit, serenit Consapevolezza dellIo, aspirazioni di potere Altruismo, calore umano, comprensione Comunicazione verbale, creativit, coscienza della propria individualit Intuizione, concentrazione spirituale, acume intellettuale Vasta conoscenza dei processi psichico- spirituali nella persona

Chakra della radice, Muladhara Chakra sacrale (o sessuale), Svadhishthana Chakra dellombelico (o plesso solare), Manipura Chakra del cuore, Anahata

Chakra della gola, Vishudda

Perineo, tra organi genitali Sistema nervoso centrale, e ano spina dorsale, genitali Regione pubica Sistema dei fluidi, pressione sanguigna, genitali Sopra lombelico, vicino Digestione, sistema allo stomaco nervoso vegetativo Sterno vicino al cuore, Circolazione sanguigna, regione cardiaca cuore, sistema delle ghiandole linfatiche Poco sotto la laringe Tiroide, crescita dello scheletro e organi interni Tra le sopracciglia Controllo ghiandole ormonali Intero organismo

Chakra della fronte (o Terzo occhio), Ajna Chakra della corona, Sahasrara

Al centro della calotta cranica