Sei sulla pagina 1di 5

Il fenomeno della Risonanza nella T.E.V. (di R.Z.

http://www.nuovacoscienza.it/?p=193

Home
Prodotti
BIO CLEAN
Cleanergy Aether
MICRO CLEANERGY
Wear Wellness Cleanergy =>
All in One Cleanergy
Healthy Relax Cleanergy
Renal Wellness Cleanergy
Sistema Midi Cleanergy =>
Midi Cleanergy
Memorie Energetiche
Selettore Zamperini per Midi Cleanergy
Mini Cleanergy
Solette bioenergetiche
Clean-Tel
Safe Wave
Cleanergy Oil
Prodotti per DomoTerapia =>
Electro Cleanergy
Maxi Cleanergy
Antenna Zamperini
Memorie per Mini C.P.U. (Cleanergy Professional Unit)
MINI C.P.U. (Cleanergy Professional Unit)
Aqua Cleanergy (Signorini)
Pubblicazioni
Libri di R. Zamperini
Poster
Corsi
Corsi di base
Corsi avanzati

1 di 5

22/10/15 03.54

Il fenomeno della Risonanza nella T.E.V. (di R.Z.)

http://www.nuovacoscienza.it/?p=193

Calendario e iscrizioni
Shop
Per acquistare
Listino prezzi
Siti amici
Chi siamo
Info

Nuova Coscienza
& New Energy
Stampa

Il fenomeno della Risonanza nella T.E.V. (di R.Z.)


Nota: per la comprensione di questo articolo si consiglia di leggere prima larticolo Le Energie Sottili, la nascita del Cleanergy e della T.E.V. in
particolare per la definizione dei 7 Raggi.
La risonanza (R4) sempre in azione in ogni rapporto energetico.
E un principio assolutamente basilare, che troppo spesso viene dimenticato, anche dai cosiddetti esperti della materia. Dovremmo partire
approfondendo il concetto di rapporto energetico. Detto in modo estremamente semplice, si tratta di qualsiasi rapporto tra due persone, una persona e una
cosa, una persona e un evento (del presente, del passato o causa e perfino del futuro o fine), che comporti un coinvolgimento di volont-desideriointenzione, ovvero di R1.
Ricordo che, ogni volta che si utilizza R1, c sempre necessariamente:
1) un trasferimento di energia da un ente energetico ad un altro
2) e, conditio sine qua non del rapporto, la generazione di effetti da parte di R4.
R1 definisce, come sappiamo, la differenza di potenziale tra due enti energetici. Nel caso che il rapporto energetico intercorra tra due persone, lenergia
tender ad andare dallente a maggior R1 a quello a minor R1. Ho detto tender ci che fa comprendere che si tratta di un fenomeno tipicamente

2 di 5

22/10/15 03.54

Il fenomeno della Risonanza nella T.E.V. (di R.Z.)

http://www.nuovacoscienza.it/?p=193

statistico, che ricorda moltissimo i fenomeni quantistici. Esiste sempre la possibilit, anche quando R1 comporta una grandissima differenza di
potenziale, un trasferimento di energia dallente a minore energia verso quello a maggiore energia. Un fenomeno del tutto simile a quello che in Fisica si
chiama effetto tunnel.
Tale fenomeno, nel caso di terapie energetiche (ma sarebbe meglio dire eteriche) si manifesta nella cosiddetta contaminazione dellOperatore.
Differenza tra tecniche basate sullEnergia Sottile (EV = Energo-Vibrazionale) e altre di tipo radionico
Una tecnica e/o uno strumento EV indipendente dalla volont (R1), dal desiderio e soprattutto dal corpo energetico dellOperatore. E guai se non fosse
cos, perch, a causa dei 10.000 Cleanergy pi o meno in circolazione, io sarei morto e sepolto da tempo.
Una tecnica e/o uno strumento radionico in senso stretto invece dipendente dalla volont (R1), dal desiderio e soprattutto dal corpo energetico
dellOperatore. Lenergia della guarigione tratta da quella dellOperatore, n pi n meno come nella Pranoterapia. Lo strumento radionico altro non
se non un tramite che facilita la trasmissione energetica. A causa di R4 esiste ovviamente una potente risonanza tra lOperatore e il soggetto, con
conseguente effetto tunnel o contaminazione energetica. Lo strumento stesso dopo un certo periodo si carica totalmente di congestioni e sarebbe bene
eliminarlo.
Di stessa natura la diagnosi energetica effettuata con strumenti quali il classico pendolino, le bacchette da rabdomante, le antenne di tipo Lechler,
strumenti tipo EAV, macchina Mora, e altri strumenti considerati pi strettamente radionici (ad esempio quelli basati su concetti del tipo rate ed altri).
Anche in tal caso la risonanza di R4 fa s che lo strumento diventi ben presto carico di congestioni e di fatto non pi utilizzabile per le letture.
Differenza tra un simbolo e un circuito energetico
Un altro concetto che sovente oggetto di confusione. Dunque chiariamo:
1) un simbolo una base in genere fisica (un disegno, un suono, un mantra, eccetera) di una Forma-Pensiero. Se a quella base fisica nessuno avesse
appioppato la Forma-Pensiero, essa base fisica sarebbe rimasta un semplice disegno, un semplice suono, una semplice ripetizione di parole magari in una
lingua straniera. Inoltre occorre chiarire la differenza tra simbolo non condiviso e simbolo condiviso.
1A) Il simbolo non condiviso quella base fisica che comporta un rapporto tra due persone o tra una persona ed un ente energetico che non condiviso
da colui che presenta lR1 minore. Per esempio: Tizio musulmano e la croce per lui un semplice incrocio di assi; mentre Caio cristiano e per lui la
croce oggetto carico di energia spirituale. Altrettanto dicasi per i cosiddetti nomi di Dio, simboli grafici tipo AUM, lettere dellalfabeto ebraico, ecc.
ecc.
1B) Il simbolo condiviso comporta un un rapporto e dunque un R4 tra la base fisica della FP e la persona, che, per lappunto, crede in quellimmagine, in
quel suono, in quelle parole, ecc. E evidente che il simbolo condiviso pu essere uno strumento di terapia, quando la FP intesa quale FP terapeutica.

3 di 5

22/10/15 03.54

Il fenomeno della Risonanza nella T.E.V. (di R.Z.)

http://www.nuovacoscienza.it/?p=193

Nel tempo anche un simbolo non condiviso da altri pu caricarsi dellenergia di chi lha condiviso. Un cristiano pu sentire lenergia di una moschea e un
musulmano quella di un altare cristiano. La differenza tra simboli condivisi e non va considerata pertanto come didattica o esplicativa: allatto pratico i
due concetti spesso si fondono.
2) Un circuito cosa assolutamente differente da un simbolo. Le (poche) cose scritte lasciate da Malcom Rae sullargomento sono le pi corrette ed
illuminanti che conosco sullargomento. Premesso che a suo avviso le sue cards erano basate sul fenomeno dellinterferenza sottile, possiamo dire
che in generale un circuito piuttosto basato sul rapporto. Le cards di Rae e il Cleanergy di Zamperini sono basati su circuiti e dunque su rapporti. Come
tali non possono essere considerati radionica, n meno che mai essere pensati come simboli.
Un circuito comporta una risonanza R4 minima (non nulla, perch essa comunque ineliminabile) tra il suo creatore e il soggetto verso il quale diretto.
Per approfondire:
Il Blog di Roberto Zamperini
Posted in La Tecnica Energo-Vibrazionale |

Tags: 7 Raggi, Cleanergy, energie sottili, Radionica, risonanza, T.E.V.

Comments are closed.


Categories
Domo-Terapia (2)
Il Corpo Energetico (2)
La Tecnica Energo-Vibrazionale (6)
La Tecnologia Cleanergy (3)
Le Energie Sottili (10)
NEW ENERGY (4)
NUOVA ECONOMIA (2)
Links:
BLOG di Roberto Zamperini
BLOG di Sonia Germani
Keshe Foundation
MACROLIBRARSI
Madre Vuoto
ME-MMT

4 di 5

22/10/15 03.54

Il fenomeno della Risonanza nella T.E.V. (di R.Z.)

http://www.nuovacoscienza.it/?p=193

NonsoloAnima.tv
PROMETEON
Search
Search

Tags
7 Raggi acqua Aether ambiente Antenna Zamperini attivazione aura BioC BioCondensatori bioenergia Booster C.P.U. Campi Ordinatori casa Chakra Chi Cleanergy corpi

energie sottili

Domoterapia Electro Cleanergy energia vitale


Etere geopatie ki Maxi Cleanergy Midi Cleanergy Muti
Luciano Orgone piante placebo Prana pranoterapia Psicobiofisica Radionica Reich risonanza Shiatsu T.E.V. Tecnologia Cleanergy Todeschini Marco trasmutazione
sottili corpo energetico corpo sottile cristalloterapia

E-mail | Terms of Use | Trademarks | Privacy Statement


Copyright 2010 Nuova Coscienza. All Rights Reserved.
Powered by WordPress

5 di 5

22/10/15 03.54