Sei sulla pagina 1di 367

Manual No. YEG-TOI-S616-55.

1-OY

VARISPEED F7
Inverter per il controllo vettoriale

MANUALE DELL'OPERATORE

Indice
Avvertenze.................................................................................................... VII Misure per la sicurezza e istruzioni d'uso .................................................... VIII Compatibilit elettromagnetica ....................................................................... X Filtri di linea .................................................................................................. XII Marchi registrati ............................................................................................ XV

Impiego degli inverter ............................................................ 1-1


Introduzione all'inverter Varispeed F7 .........................................................1-2
Applicazioni dell'inverter Varispeed F7 ..........................................................................1-2 Modelli Varispeed F7 .....................................................................................................1-2

Conferme alla consegna ..............................................................................1-4


Controlli ..........................................................................................................................1-4 Dati sulla targhetta .........................................................................................................1-4 Nomi dei componenti .....................................................................................................1-6

Dimensioni esterne e di installazione ..........................................................1-8


Inverter a telaio aperto (IP00) ........................................................................................1-8 Inverter a telaio chiuso per installazione a parete (NEMA1) ..........................................1-9

Controllo del luogo di installazione ............................................................1-11


Luogo di installazione .................................................................................................. 1-11 Controllo della temperatura ambiente .......................................................................... 1-11 Protezione dell'inverter da sostanze estranee ............................................................. 1-11

Posizione corretta di installazione .............................................................1-12 Rimozione e installazione del copriterminali ..............................................1-13


Rimozione del copriterminali ........................................................................................ 1-13 Installazione del copriterminali ..................................................................................... 1-13

Rimozione/Installazione console di programmazione e coperchio frontale ......................................................................................1-14


Inverter da 18,5 kW o inferiore .................................................................................... 1-14 Inverter da 22 kW o superiore ..................................................................................... 1-17

Cablaggio ................................................................................ 2-1


Collegamenti a dispositivi periferici .............................................................2-2 Schema dei collegamenti ............................................................................2-3
Descrizione circuiti .........................................................................................................2-4

Configurazione della morsettiera .................................................................2-5 Cablaggio dei terminali del circuito principale .............................................2-6
Dimensioni dei cavi e dei connettori ad anello chiuso applicabili ..................................2-6 Funzioni dei terminali del circuito principale ................................................................ 2-11 Configurazioni per il circuito principale ........................................................................ 2-12 Schemi dei collegamenti standard ............................................................................... 2-13 Cablaggio del circuito principale .................................................................................. 2-14

Cablaggio dei terminali del circuito di controllo .........................................2-20


Dimensioni dei cavi ...................................................................................................... 2-20 Funzioni dei terminali del circuito di controllo .............................................................. 2-22 Collegamenti dei terminali del circuito di controllo ....................................................... 2-25 Precauzioni per cablaggio del circuito di controllo ....................................................... 2-26

Verifica del cablaggio ................................................................................ 2-27


Controlli ....................................................................................................................... 2-27

Installazione e cablaggio delle schede accessorie ................................... 2-28


Specifiche e modelli delle schede accessorie ............................................................. 2-28 Installazione ................................................................................................................ 2-28 Terminali e specifiche della scheda di controllo della velocit PG .............................. 2-30 PG-X2 .......................................................................................................................... 2-30 Cablaggio .................................................................................................................... 2-31 Cablaggio delle morsettiere ......................................................................................... 2-33

Console di programmazione e modalit................................3-1


Console di programmazione ....................................................................... 3-2
Display della console di programmazione ..................................................................... 3-2 Tasti della console di programmazione ......................................................................... 3-2

Modalit ....................................................................................................... 3-4


Modalit dell'inverter ...................................................................................................... 3-4 Attivazione delle modalit .............................................................................................. 3-5 Modalit inverter ............................................................................................................ 3-6 Modalit di programmazione veloce .............................................................................. 3-7 Modalit di programmazione avanzata ......................................................................... 3-8 Modalit di verifica ....................................................................................................... 3-10 Modalit di autotuning ................................................................................................. 3-11

Test di funzionamento ............................................................4-1


Procedura per il test di funzionamento ........................................................ 4-2 Test di funzionamento ................................................................................. 4-3
Tipo di applicazione ....................................................................................................... 4-3 Installazione del cavo di accoppiamento (inverter di classe 400 V da 75 kW o superiore) ........................................................... 4-3 Accensione .................................................................................................................... 4-4 Controllo dello stato del display ..................................................................................... 4-4 Impostazioni di base ...................................................................................................... 4-5 Impostazioni per i metodi di controllo ............................................................................ 4-7 Autotuning ..................................................................................................................... 4-8 Impostazioni per l'applicazione .................................................................................... 4-12 Funzionamento a vuoto ............................................................................................... 4-12 Funzionamento con carico .......................................................................................... 4-12 Verifica e registrazione dei parametri .......................................................................... 4-13

Suggerimenti di regolazione ...................................................................... 4-14

Parametri utente ......................................................................5-1


Descrizione parametri utente ...................................................................... 5-2
Descrizione delle tabelle dei parametri utente .............................................................. 5-2

Livelli e funzioni di visualizzazione della console di programmazione ........ 5-3


Parametri utente disponibili in modalit di programmazione rapida .............................. 5-4

II

Tabelle dei parametri utente ........................................................................5-7


A: Impostazioni di configurazione ..................................................................................5-7 Parametri applicativi: b ..................................................................................................5-9 Parametri di autotuning: C ........................................................................................... 5-19 Parametri di riferimento: d ........................................................................................... 5-25 Parametri motore: E .....................................................................................................5-30 Parametri opzioni: F .....................................................................................................5-35 Parametri per le funzioni dei terminali: H ..................................................................... 5-41 Parametri per le funzioni di protezione: L .................................................................... 5-50 N: Regolazioni speciali ................................................................................................ 5-58 Parametri della console di programmazione: o ...........................................................5-60 U: Parametri di monitoraggio .......................................................................................5-64 Impostazioni di fabbrica che cambiano con il metodo di controllo (A1-02) .................. 5-70 Impostazioni di fabbrica che cambiano con la capacit dell'inverter (o2-04) ............... 5-72 Valori iniziali dei parametri che variano con l'impostazione di C6-01 .......................... 5-74

Impostazione dei parametri in base alla funzione ............... 6-1


Applicazione e selezioni per il sovraccarico ................................................6-2
Selezione del sovraccarico in base all'applicazione ......................................................6-2

Frequenza di riferimento ..............................................................................6-7


Selezione dell'origine della frequenza di riferimento .....................................................6-7 Utilizzo del funzionamento a multivelocit ................................................................... 6-10

Metodi di ingresso del comando Run ........................................................6-12


Selezione della sorgente del comando Run ................................................................ 6-12

Metodi di arresto ........................................................................................6-14


Selezione del metodo di arresto all'immissione del comando di arresto ..................... 6-14 Utilizzo della frenatura ad iniezione c.c. ...................................................................... 6-17 Utilizzo dell'arresto di emergenza ................................................................................6-18

Caratteristiche di accelerazione e decelerazione ......................................6-19


Impostazione tempi di accelerazione e decelerazione ................................................ 6-19 Accelerazione e decelerazione per carichi pesanti (funzione di pausa) ...................... 6-22 Evitare lo stallo del motore durante l'accelerazione (funzione di prevenzione dello stallo durante l'accelerazione) ..................................... 6-22 Prevenzione della sovratensione durante la decelerazione ........................................ 6-24

Regolazione delle frequenze di riferimento ...............................................6-26


Regolazione delle frequenze di riferimento analogiche ............................................... 6-26 Funzionamento con prevenzione della risonanza (funzione frequenza di salto) ......... 6-28

Limite di velocit (limiti della frequenza di riferimento) ..............................6-30


Limitazione della frequenza di uscita massima ...........................................................6-30 Limitazione della frequenza di uscita minima .............................................................. 6-30

Rilevamento della frequenza .....................................................................6-31


Funzione di raggiungimento velocit ........................................................................... 6-31

Miglioramento delle prestazioni di funzionamento .....................................6-33


Riduzione della fluttuazione della velocit del motore (funzione di compensazione scorrimento) ................................................................... 6-33 Compensazione della coppia per ottenere una coppia sufficiente in fase di avvio e di funzionamento a bassa velocit ................................................... 6 - 35 Regolatore automatico di velocit (ASR, Automatic Speed Regulator) ....................... 6-36 Funzione di prevenzione delle vibrazioni ..................................................................... 6-41 Stabilizzazione della velocit (regolatore automatico di frequenza) ............................ 6-42

III

Protezione della macchina ........................................................................ 6-43


Limitazione coppia motore (funzione limite di coppia) ................................................. 6-43 Prevenzione dello stallo del motore durante il funzionamento .................................... 6-45 Rilevamento coppia del motore ................................................................................... 6-46 Protezione sovraccarico motore .................................................................................. 6-48 Protezione da surriscaldamento del motore mediante gli ingressi termistore PTC .......................................................................................... 6-50 Limitazione di direzione di rotazione del motore e di rotazione fase di uscita ............. 6-51

Riavvio automatico .................................................................................... 6-52


Riavvio automatico dopo una caduta di tensione momentanea .................................. 6-52 Ricerca della velocit .................................................................................................. 6-53 Continuazione del funzionamento a velocit costante in caso di perdita della frequenza di riferimento ...................................................................... 6-57 Riavvio del funzionamento dopo un errore transitorio (funzione di riavvio automatico) ................................................................................... 6-58

Protezione dell'inverter .............................................................................. 6-59


Protezione da surriscaldamento per una resistenza di frenatura installata sull'inverter ................................................................................................... 6-59 Protezione da surriscaldamento dell'inverter ............................................................... 6-60 Protezione fase aperta dell'ingresso ........................................................................... 6-60 Protezione fase aperta dell'uscita ................................................................................ 6-61 Protezione massa a terra ............................................................................................ 6-61 Controllo ventola di raffreddamento ............................................................................ 6-61 Impostazione della temperatura ambiente .................................................................. 6-62 Caratteristiche OL2 a bassa velocit ........................................................................... 6-63

Funzioni terminale di ingresso .................................................................. 6-64


Passaggio temporaneo tra console di programmazione e terminali del circuito di controllo .................................................................................. 6-64 Blocco dell'uscita dell'inverter (comandi blocco delle basi) ......................................... 6-64 Ingresso segnale di allarme OH2 (surriscaldamento) ................................................. 6-65 Abilitazione/Disabilitazione ingresso analogico multifunzione A2 ............................... 6-65 Abilitazione/Disabilitazione inverter ............................................................................. 6-66 Interruzione di accelerazione e decelerazione (mantenimento rampa di accelerazione/decelerazione) .............................................. 6-66 Aumento e riduzione delle frequenze di riferimento mediante segnali a contatto (UP/DOWN) ................................................................................... 6-67 Aggiunta/Sottrazione di una velocit fissa a una frequenza di riferimento analogica (controllo ottimizzazione) .......................................................... 6-69 Mantenimento della frequenza di riferimento analogica tramite tempistica impostata dall'utente ...................................................................... 6-71 Selezione della scheda accessoria di comunicazione come sorgente di funzionamento .......................................................................................... 6-72 Frequenza di jog con comandi di direzione (FJOG/RJOG) ......................................... 6-72 Arresto dell'inverter in caso di errori su dispositivi esterni (funzione errore esterno) ............................................................................................. 6-73

Funzioni del terminale di uscita ................................................................. 6-74 Parametri di monitoraggio ......................................................................... 6-77
Utilizzo delle uscite di monitoraggio analogico ............................................................ 6-77 Utilizzo dell'uscita di monitoraggio a treno di impulsi .................................................. 6-78

IV

Funzioni singole .........................................................................................6-80


Utilizzo della comunicazione MEMOBUS .................................................................... 6-80 Uso della funzione di temporizzatore ........................................................................... 6-95 Utilizzo del controllo PID ..............................................................................................6-96 Risparmio di energia ..................................................................................................6-106 Indebolimento di campo .............................................................................................6-107 Forzatura campo ........................................................................................................6-108 Impostazione dei parametri del motore 1 ..................................................................6-108 Impostazione della linea caratteristica V/f 1 ..............................................................6-110 Impostazione dei parametri del motore 2 ..................................................................6-116 Impostazione della linea caratteristica V/f 2 ..............................................................6-117 Controllo della coppia ................................................................................................6-118 Funzione di controllo caduta ......................................................................................6-124 Funzione di azzeramento servo .................................................................................6-125 Buffer di energia cinetica ...........................................................................................6-127 Frenatura ad alto scorrimento (HSB) .........................................................................6-128

Funzioni della console di programmazione .............................................6-130


Impostazione delle funzioni della console di programmazione ..................................6-130 Copia dei parametri ...................................................................................................6-132 Proibizione di sovrascrittura dei parametri .................................................................6-136 Impostazione di una password ..................................................................................6-136 Visualizzazione solo dei parametri impostati dall'utente ............................................6-137

Schede accessorie ..................................................................................6-138


Uso di schede accessorie di retroazione PG .............................................................6-138 Schede di riferimento analogico ................................................................................6-141 Schede di riferimento digitale ....................................................................................6-141

Soluzione dei problemi .......................................................... 7-1


Funzioni di diagnostica e protezione ...........................................................7-2
Rilevamento degli errori .................................................................................................7-2 Rilevamento degli allarmi ...............................................................................................7-9 Errori di programmazione della console ...................................................................... 7-12 Errore di autotuning .................................................................................................... 7-14 Errori della funzione COPY della console di programmazione .................................... 7-15

Soluzione dei problemi ..............................................................................7-17


Se non possibile impostare un parametro ................................................................ 7-17 Se il motore non funziona correttamente ..................................................................... 7-18 Se la direzione di rotazione del motore dalla porta opposta ..................................... 7-19 Se il motore va in stallo o l'accelerazione lenta ........................................................ 7-19 Se il motore funziona a una velocit maggiore rispetto alla frequenza di riferimento ............................................................................................... 7-20 Bassa precisione di controllo della velocit oltre la velocit di base in modalit di controllo vettoriale ad anello aperto ....................................................... 7-20 Se la decelerazione del motore lenta ....................................................................... 7-20 Se il motore si surriscalda ............................................................................................ 7-21 Se i dispositivi periferici (PLC o altri) sono influenzati dall'avvio o dal funzionamento dell'inverter .................................................................................... 7-21 Se l'interruttore di dispersione a terra in funzione durante il funzionamento dell'inverter .......................................................................................7-21 Presenza di oscillazione meccanica ............................................................................ 7-22 Se il motore ruota anche con l'uscita dell'inverter bloccata ......................................... 7-23 Se la frequenza di uscita non raggiunge la frequenza di riferimento ........................... 7-23

Manutenzione e ispezione ......................................................8-1


Manutenzione e ispezione .......................................................................... 8-2
Ispezioni periodiche ....................................................................................................... 8-2 Manutenzione periodica dei componenti ....................................................................... 8-3 Sostituzione ventola di raffreddamento ......................................................................... 8-4 Rimozione e installazione della scheda dei terminali .................................................... 8-6

Specifiche.................................................................................9-1
Specifiche standard dell'inverter ................................................................ 9-2
Specifiche in base al modello ........................................................................................ 9-2 Specifiche comuni ......................................................................................................... 9-4

10

Appendice ..............................................................................10-1
Precauzioni relative all'applicazione dell'inverter ...................................... 10-2
Selezione ..................................................................................................................... 10-2 Installazione ................................................................................................................ 10-3 Impostazioni ................................................................................................................ 10-3 Precauzioni di cablaggio o manutenzione ................................................................... 10-4

Precauzioni relative all'applicazione del motore ........................................ 10-5


Utilizzo dell'inverter per un motore standard esistente ................................................ 10-5 Utilizzo dell'inverter per motori speciali ....................................................................... 10-5 Meccanismi di trasmissione (riduttori di velocit, cinghie e catene) ............................ 10-6

Costanti utente .......................................................................................... 10-7

VI

Avvertenze
ATTENZIONE
Non collegare o scollegare cavi e non eseguire test di segnale quando l'alimentazione attivata. Il condensatore del bus c. c. Varispeed F7 rimane carico anche dopo la disattivazione dell'alimentazione. Per evitare il pericolo di scosse elettriche scollegare l'inverter di frequenza dall'alimentazione principale prima di eseguire la manutenzione. Attendere quindi almeno 5 minuti dopo lo spegnimento dei LED. Non effettuare un test di tensione di resistenza su nessun componente dell'inverter in quanto sono presenti semiconduttori che non supportano l'applicazione di tensioni cos elevate. Non scollegare la console di programmazione mentre l'alimentazione attivata. Inoltre non toccare la scheda di potenza mentre l'inverter collegato all'alimentazione.

Non collegare mai filtri di soppressione interferenze generali LC/RC, condensatori o dispositivi di protezione da sovratensione all'ingresso o all'uscita dell'inverter.

Per evitare il rilevamento di errori di sovracorrente e simili, i contatti di segnale di ogni contattore o commutatore posto tra l'inverter e il motore devono essere integrati nella logica di controllo dell'inverter, ad esempio in un blocco delle basi. Indispensabile! Leggere attentamente e per intero il presente manuale prima di collegare e utilizzare l'inverter. Attenersi a tutte le precauzioni sulla sicurezza e alle istruzioni d'uso. L'inverter deve essere fatto funzionare con i filtri di linea appropriati, in conformit alle istruzioni di installazione fornite nel presente manuale e con tutti i pannelli e i coperchi chiusi e i terminali coperti. Solo in questo modo viene garantita la protezione adeguata. Non collegare o far funzionare dispositivi con danni visibili o parti mancanti. La societ utente responsabile di eventuali lesioni a persone o danni alle apparecchiature derivanti dalla non osservanza delle avvertenze contenute nel presente manuale.

VII

Misure per la sicurezza e istruzioni d'uso


Generali
Leggere per intero le seguenti misure per la sicurezza e le istruzioni d'uso prima di installare e far funzionare l'inverter. Leggere anche tutte le etichette di avvertenza sull'inverter e assicurarsi che non vengano danneggiate o asportate. possibile che componenti caldi e sotto tensione siano accessibili durante il funzionamento. Se si rimuovono parti dell'alloggiamento, la console di programmazione o i copriterminali si corre il rischio di gravi lesioni o serie danni in caso di installazione o funzionamento non corretto. Il fatto che gli inverter di frequenza comandano componenti di apparecchiature rotanti potrebbe comportare altri pericoli. Seguire le istruzioni fornite nel presente manuale. L'installazione, il funzionamento e la manutenzione possono essere eseguiti solo da personale qualificato. A tale proposito, per personale qualificato si intendono persone che hanno familiarit con l'installazione, l'avviamento, il funzionamento e la manutenzione di inverter di frequenza e detengono qualificazioni adeguate per svolgere questo lavoro. Un funzionamento sicuro di queste unit possibile solo se vengono utilizzate correttamente per l'uso a cui sono designate. I condensatori del bus c. c. possono mantenere la carica per circa 5 minuti dopo che l'inverter stato scollegato dall'alimentazione. quindi necessario lasciar trascorrere questo periodo di tempo prima di aprire le coperture, in quanto sui terminali del circuito principale potrebbero essere ancora presenti cariche di tensione pericolose. Non consentire l'accesso all'inverter a bambini o altro personale non autorizzato. Tenere queste misure per la sicurezza e istruzioni d'uso a portata di mano e consegnarle a tutte le persone che hanno accesso, per qualsiasi motivo, agli inverter.

Uso designato
Gli inverter di frequenza sono destinati all'installazione nell'ambito di sistemi o macchinari elettrici. Tale installazione deve essere conforme agli standard di prodotto dettati dalla Direttiva sulle basse tensioni ed elencati di seguito: EN 50178, 1997-10,Apparecchiature elettroniche da utilizzare negli impianti di potenza EN 60204-1, 1997-12Sicurezza del macchinario - Equipaggiamento elettrico delle macchine Parte 1: Norme generali (IEC 60204-1:1997)/ Nota: comprende l'errata corrige del settembre 1998 EN 61010-1, A2, 1995Prescrizioni di sicurezza per apparecchi elettrici di misura,controllo e per utilizzo in laboratorio (IEC 950, 1991 + A1, 1992 + A2, 1993 + A3, 1995 + A4, 1996, modificata) Il simbolo CE si riferisce alla normativa EN 50178, se si utilizzano i filtri di linea specificati in questo manuale e ci si attiene alle istruzioni di installazione appropriate.

Trasporto e conservazione
Le istruzioni per il trasporto, la conservazione e un trattamento adeguato devono essere seguite in conformit ai dati tecnici.

Installazione
Installare e raffreddare gli inverter come specificato nella documentazione. L'aria di raffreddamento deve fluire nella direzione specificata. L'inverter potr quindi funzionare solo nella posizione specificata, ad esempio in verticale. Mantenere le distanze specificate. Proteggere gli inverter da carichi non consentiti. I componenti non devono essere piegati e la distanza di isolamento non deve essere modificata. Per evitare danni causati dall'elettricit statica non toccare nessun componente elettronico o contatto.

VIII

Collegamento elettrico
Svolgere tutti i lavori su apparecchiature sotto tensione conformemente alle norme nazionali sulla sicurezza e per la prevenzione di incidenti sul lavoro. Effettuare tutte le installazioni elettriche in conformit con le normative in materia. In particolare, seguire le istruzioni di installazione per il rispetto della compatibilit elettromagnetica (EMC), ad esempio schermatura, messa a terra, disposizione filtri e stesura cavi. Ci deve essere applicato anche ad apparecchiature dotate del marchio CE. Il produttore del sistema o della macchina responsabile per la conformit ai limiti EMC. Contattare il proprio fornitore o il rappresentante OYMC se si utilizzano interruttori di circuito di corrente di dispersione insieme agli inverter di frequenza. In alcuni sistemi pu essere necessario impiegare dispositivi di monitoraggio e sicurezza aggiuntivi in conformit con le normative relative alla sicurezza e alla prevenzione di incidenti. L'hardware degli inverter di frequenza non deve essere alterato.

Nota
Gli inverter di frequenza VARISPEED F7 sono certificati CE, UL e c-UL.

IX

Compatibilit elettromagnetica
Introduzione
Il presente manuale stato redatto per aiutare i produttori di sistema a utilizzare gli inverter di frequenza YASKAWA per progettare e installare meccanismi elettrici di comando. Vengono inoltre descritte le misure da adottare per garantire la conformit alle direttive di compatibilit elettromagnetica (EMC) Per questo motivo obbligatorio attenersi alle istruzioni di installazione e cablaggio contenute nel manuale. I nostri prodotti vengono collaudati da enti autorizzati in base agli standard elencati di seguito. Standard di prodotto: EN 61800-3:1996 EN 61800-3; A11:2000

Misure per garantire la conformit degli inverter di frequenza YASKAWA alle direttive di compatibilit elettromagnetica (EMC)
Gli inverter di frequenza YASKAWA non devono essere necessariamente installati in un quadro. Poich non possibile fornire informazioni dettagliate per tutti i tipi di installazione possibili, in questo manuale verranno fornite solo direttive di carattere generale. Tutti gli apparecchi elettrici producono interferenze radio e di linea a varie frequenze. I cavi trasmettono queste interferenze all'ambiente circostante come un'antenna. Pertanto, se si collega un apparecchio elettrico, ad esempio un driver, all'alimentazione senza un filtro di linea, possibile che vengano generate interferenze ad alta o bassa frequenza nelle linee di alimentazione principali. Contromisure tipiche sono isolamento del cablaggio di componenti di comando e alimentazione, messa a terra appropriata e schermatura dei cavi. Per una messa a terra a bassa impedenza delle interferenze ad alta frequenza necessaria un'ampia area di contatto. pertanto consigliabile l'uso di piattine di terra al posto di cavi. Inoltre le schermature dei cavi devono essere collegate con dei fermi di messa a terra specifici.

Stesura dei cavi


Misure contro interferenze portate dalla linea Il filtro di linea e l'inverter di frequenza devono essere montati sulla stessa piastra di metallo. Montare i due componenti il pi possibile vicini uno all'altro mantenendo i cavi il pi corto possibile. Utilizzare un cavo di alimentazione con una buona schermatura di messa a terra. Utilizzare un cavo motore schermato che non superi i 20 metri di lunghezza. Disporre tutti i punti di messa a terra in modo da massimizzare l'area all'estremit del conduttore isolato a contatto con il collegamento a terra, ad esempio una piastra di metallo. Cavo schermato
Utilizzare un cavo con schermatura intrecciata. Mettere a terra l'area massima consentita della schermatura. consigliabile mettere a terra la schermatura

collegando il cavo alla piastra di terra con fermi in metallo (vedere la figura seguente).

Fermo di messa a terra

Piastra di messa a terra

Le superfici di terra devono essere in metallo non isolato altamente conduttivo. Asportare eventuali strati di vernice o pellicole protettive.
Mettere a terra le schermature dei cavi ad entrambe le estremit del circuito. Mettere a terra il motore della macchina.

Consultare il documento EZZ006543 su come garantire la conformit degli inverter Yaskawa alla direttiva EMC. Contattare Omron Yaskawa Motion Control per ottenere questo documento.

XI

Filtri di linea
Filtri di linea raccomandati per Varispeed F7
Modello di inverter Varispeed F7 CIMR-F7Z40P4 CIMR-F7Z40P7 CIMR-F7Z41P5 CIMR-F7Z42P2 CIMR-F7Z43P7 CIMR-F7Z44P0 CIMR-F7Z45P5 CIMR-F7Z47P5 CIMR-F7Z4011 CIMR-F7Z4015 CIMR-F7Z4018 CIMR-F7Z4022 CIMR-F7Z4030 CIMR-F7Z4037 CIMR-F7Z4045 CIMR-F7Z4055 CIMR-F7Z4075 CIMR-F7Z4090 CIMR-F7Z4110 CIMR-F7Z4132 CIMR-F7Z4160 CIMR-F7Z4185 CIMR-F7Z4220 CIMR-F7Z4300 * Classe A, 100 m Limiti di emissione consentiti per azionamenti elettrici consentita in ambienti commerciali e di industria leggera (EN61800-3, A11) (disponibilit generale, 1 ambiente) 3G3RV-PFI3170-SE 3G3RV-PFI3200-SE 3G3RV-PFI3130-SE 3G3RV-PFI3035-SE 3G3RV-PFI3018-SE 3G3RV-PFI3010-SE Modello Filtro di linea Classe EN 55011* B, 25 m* B, 25 m* B, 25 m* B, 25 m* B, 25 m* B, 25 m* B, 25 m* B, 25 m* B, 25 m* B, 25 m* B, 25 m* A, 100 m A, 100 m A, 100 m A, 100 m A, 100 m A, 100 m A, 100 m A, 100 m A, 100 m A, 100 m A, 100 m A, 100 m A, 100 m 170 250 6,0 11 120 x 170 x 451 130 x 240 x 610 130 4,7 90 x 180 x 366 35 2,1 206 x 50 x 355 18 1,3 141 x 46 x 330 10 1,1 141 x 46 x 330 Corrente (A) Peso (kg) Dimensioni LxPxA

3G3RV-PFI3060-SE

60

4,0

236 x 65 x 408

3G3RV-PFI3070-SE

70

3,4

80 x 185 x 329

3G3RV-PFI3400-SE

400

18,5

300 x 160 x 610

3G3RV-PFI3600-SE 3G3RV-PFI3800-SE

600 800

11,0 31,0

260 x 135 x 386 300 x 160 x 716

XII

Modello di inverter Varispeed F7 CIMR-F7Z20P4 CIMR-F7Z20P7 CIMR-F7Z21P5 CIMR-F7Z22P2 CIMR-F7Z23P7 CIMR-F7Z25P5 CIMR-F7Z27P5 CIMR-F7Z2011 CIMR-F7Z2015 CIMR-F7Z2018 CIMR-F7Z2022 CIMR-F7Z2030 CIMR-F7Z2037 CIMR-F7Z2045 CIMR-F7Z2055 CIMR-F7Z2075 CIMR-F7Z2090 CIMR-F7Z2110 * Classe A, 100 m 3G3RV-PFI3018-SE 3G3RV-PFI2035-SE 3G3RV-PFI3010-SE Tipo

Filtri di linea Classe EN 55011 B, 25 m* B, 25 m* B, 25 m* B, 25 m* B, 25 m* B, 25 m* B, 25 m* B, 25 m* B, 25 m* B, 25 m* A, 100 m A, 100 m A, 100 m A, 100 m A, 100 m A, 100 m A, 100 m A, 100 m 18 35 1,3 1,4 141 x 46 x 330 141 x 46 x 330 10 1,1 141 x 45 x 330 Corrente (A) Peso (kg) Dimensioni LxPxA

3G3RV-PFI2060-SE

60

206 x 60 x 355

3G3RV-PFI2100-SE

100

4,9

236 x 80 x 408

3G3RV-PFI2130-SE 3G3RV-PFI2160-SE 3G3RV-PFI2200-SE

130 160 200

4,3 6,0 11,0

90 x 180 x 366 120 x 170 x 451 130 x 240 x 610

3G3RV-PFI3400-SE 3G3RV-PFI3600-SE

400 600

18,5 11,0

300 x 160 x 564 260 x 135 x 386

XIII

Installazione di inverter e filtri EMC


PE L1 L3 L2

Saldature di messa Ground Bonds a terra (rimozione dell'eventuale ( remove any paint ) vernice presente)

PE

Line Linea

Filtro Filter

Inverter Inverter

Carico Load

L1 L3 U W V PE PE L2

Cavo il pi corto Cable Length possibile as short as possible

Piastra metallica Metal Plate


Cavo motore Motor cable schermato screened

Saldature di messa a terra Ground Bonds (rimozione dell'eventuale ( remove any paint ) vernice presente)

M 3~

XIV

Marchi registrati
In questo manuale vengono utilizzati i marchi registrati riportati di seguito.
DeviceNet un marchio registrato della Open DeviceNet Vendors Association, Inc. (ODVA). InterBus un marchio registrato di Phoenix Contact Co. Profibus un marchio registrato di Siemens AG.

XV

XVI

Impiego degli inverter


Questo capitolo descrive i controlli che necessario eseguire quando si riceve o si installa un inverter.

Introduzione all'inverter Varispeed F7....................................1-2 Conferme alla consegna ........................................................1-4 Dimensioni esterne e di installazione.....................................1-8 Controllo del luogo di installazione ......................................1-11 Posizione corretta di installazione........................................1-12 Rimozione e installazione del copriterminali ........................1-13 Rimozione/Installazione console di programmazione e coperchio frontale .................................1-14

Introduzione all'inverter Varispeed F7


Applicazioni dell'inverter Varispeed F7
L'inverter Varispeed F7 ideale per le seguenti applicazioni:
Ventole, compressori e pompe

Nastri trasportatori, macchine di spinta e per la lavorazione dei materiali

Per un funzionamento ottimale, necessario regolare le impostazioni in base all'applicazione. Fare riferimento al Capitolo 4 Test di funzionamento.

Modelli Varispeed F7
La serie di inverter Varispeed F7 comprende inverter in due classi di voltaggio: 200 V e 400 V. Le capacit di motore

massime variano da 0,55 a 300 kW (42 modelli).


Tabella 1.1 Modelli Varispeed F7 Capacit massima del motore (kW) 0,55 0,75 1,5 2,2 3,7 5,5 7,5 11 Classe 200 V 15 18,5 22 30 37 45 55 75 90 110 Varispeed F7 Potenza di uscita kVA 1,2 1,6 2,7 3,7 5,7 8,8 12 17 22 27 32 44 55 69 82 110 130 160 Specifiche (specificare sempre indicando la struttura protettiva al momento dell'ordine) A telaio chiuso per A telaio aperto installazione a parete (IEC IP00) (IEC IP20, NEMA 1) CIMR-F7Z CIMR-F7Z 20P41 20P71 21P51 Rimuovere i coperchi superiore e inferiore dal modello a telaio chiuso per installazione a parete. 22P21 23P71 25P51 27P51 20111 20151 20181 20220 20300 20370 20450 20550 20750 20900 21100 20221 20301 20371 20451 20551 20751

Classe di tensione

Numero modello base CIMR-F7Z20P4 CIMR-F7Z20P7 CIMR-F7Z21P5 CIMR-F7Z22P2 CIMR-F7Z23P7 CIMR-F7Z25P5 CIMR-F7Z27P5 CIMR-F7Z2011 CIMR-F7Z2015 CIMR-F7Z2018 CIMR-F7Z2022 CIMR-F7Z2030 CIMR-F7Z2037 CIMR-F7Z2045 CIMR-F7Z2055 CIMR-F7Z2075 CIMR-F7Z2090 CIMR-F7Z2110

1-2

Classe di tensione

Capacit massima del motore (kW) 0,55 0,75 1,5 2,2 3,7 4,0 5,5 7,5 11 15 18,5

Varispeed F7 Potenza di uscita kVA 1,4 1,6 2,8 4,0 5,8 6,6 9,5 13 18 24 30 34 46 57 69 85 110 140 160 200 230 280 390 510

Numero modello base CIMR-F7Z40P4 CIMR-F7Z40P7 CIMR-F7Z41P5 CIMR-F7Z42P2 CIMR-F7Z43P7 CIMR-F7Z44P0 CIMR-F7Z45P5 CIMR-F7Z47P5 CIMR-F7Z4011 CIMR-F7Z4015 CIMR-F7Z4018 CIMR-F7Z4022 CIMR-F7Z4030 CIMR-F7Z4037 CIMR-F7Z4045 CIMR-F7Z4055 CIMR-F7Z4075 CIMR-F7Z4090 CIMR-F7Z4110 CIMR-F7Z4132 CIMR-F7Z4160 CIMR-F7Z4185 CIMR-F7Z4220 CIMR-F7Z4300

Specifiche (specificare sempre indicando la struttura protettiva al momento dell'ordine) A telaio chiuso per A telaio aperto installazione a parete (IEC IP00) (IEC IP20, NEMA 1) CIMR-F7Z CIMR-F7Z 40P41 40P71 41P51 42P21 Rimuovere i coperchi superiore e inferiore dal modello a telaio chiuso per installazione a parete. 43P71 44P01 45P51 47P51 40111 40151 40181 40220 40300 40370 40450 40550 40750 40900 41100 41320 41600 41850 42200 43000 40221 40301 40371 40451 40551 40751 40901 41101 41321 41601

Classe 400 V

22 30 37 45 55 75 90 110 132 160 185 220 300

1-3

Conferme alla consegna


Controlli
Alla consegna dell'inverter effettuare le seguenti verifiche.
Verifica stato consegnato il modello di inverter corretto? L'inverter danneggiato? Si sono allentate viti o altri componenti? Metodo Controllare il numero del modello sulla targhetta sul lato dell'inverter. Esaminare la superficie esterna dell'inverter per verificare se sono presenti graffi o altri danni dovuti alla spedizione. Utilizzare un cacciavite o altri attrezzi per controllare il serraggio.

Se durante le verifiche sopra riportate si riscontrano delle irregolarit, contattare immediatamente il rivenditore presso il quale stato acquistato l'inverter o il proprio rappresentate OYMC.

Dati sulla targhetta


Sul lato di ogni inverter fissata una targhetta contenente il numero del modello, i dati tecnici, il numero di lotto, il numero di serie e altre informazioni relative all'inverter.

Esempio di targhetta
Di seguito riportato un esempio di targhetta per un inverter standard per il mercato europeo: trifase, 400 Vc.a., 0,55 kW, standard IEC IP20 e NEMA 1
Modello inverter Specifiche degli ingressi Specifiche delle uscite Numero lotto Numero di serie

MODEL: CIMR-F7Z40P4

Dati tecnici inverter

OUTPUT: AC3PH 0-480V 0-400Hz

1.8A 1.4kVA
Peso

Fig. 1.1 Targhetta

1-4

Modelli di inverter
Il numero di modello riportato sulla targhetta indica i dati tecnici, la classe di tensione e la capacit massima del motore dell'inverter sotto forma di codice alfanumerico.
CIMR F7 Z 2 0 P4 Inverter Varispeed F7 N. Z Specifiche OYMC European. Std. Capacit massima motore N. 0P4 0,55 kW 0P7 0,75 kW ... ... 300 kW 300 P indica la virgola decimale.

N. 2 4

Classe di tensione
Ingresso c.a., trifase, 200 V Ingresso c.a., trifase, 400 V

Fig. 1.2 Modelli di inverter

Dati tecnici inverter


I dati tecnici dell'inverter (SPEC) riportati sulla targa indicano la classe di tensione, la capacit massima del motore, la struttura protettiva e la revisione dell'inverter sotto forma di codice alfanumerico.
2 0P 4 1 N. 2 4 N. 0P4 0P7 ... 300 Classe di tensione
Ingresso c.a., trifase, 200 V Ingresso c.a., trifase, 400 V

Capacit massima motore 0,55 kW 0,75 kW ... 300 kW

N. 0 1

Struttura di protezione A telaio aperto (IEC IP00) A telaio chiuso per installazione a parete (IEC IP20, NEMA type 1)

P indica la virgola decimale.

Fig. 1.3 Dati tecnici inverter

1-5

Nomi dei componenti


Inverter da 18,5 kW o inferiori

L'aspetto esterno e i nomi dei componenti dell'inverter sono illustrati nella Fig. 1.4. L'inverter senza copriterminali illustrato nella Fig. 1.5.
Coperchio protettivo superiore (parte del tipo a telaio chiuso per installazione a parete (IEC IP20, NEMA Type 1)

Pannello frontale Console di programmazione Copriterminali

Foro di montaggio Rivestimento esterno pressofuso

Targhetta

Coperchio protettivo inferiore

Fig. 1.4 Aspetto inverter (da 18,5 kW o inferiore)

Terminali circuito di controllo

Terminali circuito principale Spia di carica Terminale di massa

Fig. 1.5 Disposizione dei terminali (da 18,5 kW o inferiore)

1-6

Inverter da 22 kW o superiore
L'aspetto esterno e i nomi dei componenti dell'inverter sono illustrati nella Fig. 1.6. L'inverter senza copriterminali illustrato nella Fig. 1.7.
Fori di montaggio Coperchio inverter Ventola di raffreddamento Pannello frontale

Console di programmazione

Copriterminali

Targhetta

Fig. 1.6 Aspetto inverter (da 22 kW o superiore)

Terminali circuito di controllo

Spia di carica

Terminali circuito principale Morsetto di massa

Fig. 1.7 Disposizione dei terminali (da 22 kW o superiore)

1-7

Dimensioni esterne e di installazione


Inverter a telaio aperto (IP00)
Di seguito sono riportati gli schemi esterni degli inverter a telaio aperto.

Inverter di classe 200 V/400 V da 0,55...18,5 kW

Inverter di classe 200 V da 22 o 110 kW Inverter di classe 400 V da 22...160 kW

Inverter di classe 400 V da 185...300 kW

Fig. 1.8 Schemi esterni di inverter a telaio aperto

1-8

Inverter a telaio chiuso per installazione a parete (NEMA1)


Di seguito sono riportati gli schemi esterni degli inverter a telaio chiuso per installazione a parete (NEMA1).

Anello di tenuta Inverter di classe 200 V/400 V da 0,55...18,5 kW Inverter di classe 200 V da 22 o 75 kW Inverter di classe 400 V da 22...160 kW

Fig. 1.9 Schemi esterni di inverter a telaio chiuso per installazione a parete

1-9

Tabella 1.2 Dimensioni (mm) e pesi (kg) degli inverter F7 da 0,4...160 kW


Potenza di uscita Classe di motore tensione massima applicabile [kW] Dimensioni (mm) A telaio aperto (IP00) Peso approssimativo A telaio chiuso per installazione a parete (NEMA1) Potere calorifico (W) Metodo di Totale rafPeso Fori di Ester- Inter- calore fredapmonno no gene- daprossi- taggio rato mento mativo d*

W1

H1

H2

D1

t1

W1

H0

H1

H2

H3

D1

t1

0,55 0,75 1,5 2,2 3,7 5,5 7,5 11 200 V (trifase) 15 18,5 22 30 37 45 55 75 90 110 0,55 0,75 1,5 2,2 3,7 4,0 5,5 7,5 11 15 400 V (trifase) 18,5 22 30 37 45 55 75 90 110 132 160 450 725 350 325 700 13 130 500 850 360 370 820 14 4,5 575 916 378 445 855 46 140 3,2 88 89 102 120 160 325 550 283 260 535 105 36 325 200 300 197 186 285 240 350 207 216 335 275 450 258 220 435 7,5 65,5 78 100 2,3 6 10 21 200 300 197 186 300 285 240 350 207 216 350 335 275 535 258 220 450 435 635 715 283 260 550 535 165 105 40 96 97 122 4,5 130 170 M12 7,5 85 65,5 78 100 2,3 6 10 24 M6 140 280 177 126 266 7 59 5 4 140 280 177 126 280 266 7 0 59 5 4 M5 157 39 3 157 39 3 140 280 177 200 300 197 186 285 240 350 207 216 335 7,5 250 400 275 450 375 600 258 300 330 195 385 220 435 250 575 13 130 15 4,5 157 126 266 7 59 65,5 78 100 100 3,2 2,3 39 5 4 6 7 11 21 24 57 63 86 87 108 150 200 240 300 310 350 380 3 140 280 177 197 186 300 285 207 216 350 335 7,5 258 300 330 195 400 385 220 450 435 250 600 575 13 305 157 126 280 266 7 0 59 65,5 78 100 100 130 3,2 2,3 39 5 4 6 7 11 24 27 62 68 94 95 M12 M10 M6 3 M5

20 27 50 70 112 164 219 374 429 501 586 865 1015 1266 1588 2019 2437 14 17 36 59 80 70 127 193 252 326 426 466 678 784 901 1203 3,2 130 M10 1399 1614 2097

39 42 50 59 74 84 113 170 183 211 274

Ventilazione 100 naturale 129

59

69

186 248 332 544 612 712 Vento860 la di


raf-

10 0 30 135 165 210

250 535 275 615 380 890

352 1217 fredda411 1426 mento 505 1771 619 2207 838 2857 997 3434 39 41 48 56 68 91 82 114 158 172 208 259 317 360 53 58 84 115 148 161 209 307 410 498
Ventola di 995 raffredda1144 mento Ventilazione naturale

450 725 350 325 700 500 850 360 378 820 575 885 380 445 855

110 350 325 725 700 455 0 ---

140

2733 1242 3975

634

725

415 1316 495 1698 575 1974 671 2285 853 2950

110 455 350 325 725 700 13 305 0 124 505 360 370 850 820 15 395 5 579

2388 1002 3390 2791 1147 3938

132 378 445 916 855 46 408 140 4

* Uguale sia per inverter a telaio aperto che a telaio chiuso per installazione a parete.

Tabella 1.3 Dimensioni (mm) e pesi (kg) degli inverter di classe 400 V da 185...300 kW
Classe di tensione Potenza di uscita motore massima applicabile [kW] 185 400V (trifase) 220 300 Dimensioni (mm) A telaio aperto (IP00) W H D W1 W2 W3 H1 H2 D1 t1 Peso approssimativo 260 280 405 M12 Fori di montaggio d Potere calorifico (W) Esterno Interno Totale calore generato 4609 5277 8158 Metodo di raffreddamento Ventola di raffreddamento

710 916

1305 1475

413 413

540 730

240 365

270 365

1270 1440

15 15

125,5 125,5

4,5 4,5

3237 3740 5838

1372 1537 2320

1-10

Controllo del luogo di installazione


Installare l'inverter in un luogo con le caratteristiche riportate di seguito e mantenere delle condizioni ottimali.

Luogo di installazione
Installare l'inverter nelle seguenti condizioni e in un ambiente con un inquinamento di grado 2.
Tipo A telaio chiuso per installazione a parete Telaio aperto Temperatura ambiente di funzionamento -10+40 C -10+45 C Umidit 95% RH o inferiore (senza condensa) 95% RH o inferiore (senza condensa)

I coperchi di protezione vengono installati sulla parte superiore e inferiore dell'inverter. Accertarsi di rimuovere i coperchi di protezione prima di installare in un pannello un inverter di classe 200 o 400 V con un'uscita da 18,5 kW o inferiore. Per l'installazione dell'inverter osservare le precauzioni riportate di seguito.
Installare l'inverter in un ambiente pulito privo di polvere e nebbia d'olio. possibile installare l'inverter in

un pannello completamento chiuso protetto dalla polvere.


Durante l'installazione o il funzionamento dell'inverter, proteggerlo sempre dal contatto con polveri

metalliche, olio, acqua o altre sostanze estranee.


Non installare l'inverter su materiale combustibile, come il legno. Installare l'inverter in un ambiente privo di materiali radioattivi e combustibili. Installare l'inverter in un ambiente in cui non sono presenti liquidi e gas nocivi. Installare l'inverter in un ambiente senza troppe oscillazioni. Installare l'inverter in un ambiente in cui non presente del cloruro. Installare l'inverter in un ambiente non esposto alla luce diretta del sole.

Controllo della temperatura ambiente


Per aumentarne l'affidabilit, necessario installare l'inverter in un ambiente non soggetto ad eccessivi aumenti di temperatura. Se l'inverter viene installato in un ambiente chiuso (ad esempio in una scatola), utilizzare una ventola di raffreddamento o un condizionatore d'aria per mantenere la temperatura interna inferiore a 45 C.

Protezione dell'inverter da sostanze estranee


Coprire l'inverter durante l'installazione per proteggerlo dalla polvere metallica prodotta dalla foratura. Rimuovere sempre il coperchio dall'inverter una volta terminata l'installazione. In caso contrario, la ventilazione diminuir provocando il surriscaldamento dell'inverter.

1-11

Posizione corretta di installazione


Installare l'inverter in posizione verticale in modo da non ridurre l'effetto di raffreddamento. Durante l'installazione dell'inverter, accertarsi sempre che lo spazio di installazione sia sufficiente per consentire una normale dispersione di calore.

B Aria

30 mm min. 50 mm min. Ingombro orizzontale

30 mm min.

120 mm min. Aria Ingombro verticale

A Inverter di classe 200V, da 0,55...90 kW Inverter di classe 400V da 0,55...132 kW Inverter di classe 200V, da 110 kW Inverter di classe 400V da 160...220 kW Inverter di classe 400 V, 300 kW 50 mm 120 mm 300 mm

B 120 mm 120 mm 300 mm

Fig. 1.10 Posizione corretta di installazione dell'inverter


1. Per gli inverter a telaio aperto (IP00) e per quelli a telaio chiuso per installazione a parete (IP20, NEMA 1), richiesto lo stesso spazio sia orizzontale che verticale. 2. Rimuovere sempre i coperchi di protezione prima di installare in un pannello un inverter di classe 200 o 400 V con un'uscita da 18,5 kW o inferiore. Quando si installa in un pannello un inverter di classe 200 o 400 V con un'uscita da 22 kW (o superiore), accertarsi sempre che vi sia abbastanza spazio per i bulloni a occhiello di sospensione e le linee del circuito principale.

IMPORTANTE

1-12

Rimozione e installazione del copriterminali


Rimuovere il copriterminali per collegare i cavi ai terminali del circuito di controllo e del circuito principale.

Rimozione del copriterminali


Inverter da 18,5 kW o inferiore
Allentare la vite sulla parte inferiore del copriterminali, esercitare una pressione su entrambi i lati del copriterminali in direzione della freccia 1 e sollevarlo in direzione della freccia 2.

2 1
Fig. 1.11 Rimozione del copriterminali (modello CIMR-F7Z25P5 illustrato sopra)

Inverter da 22 kW o superiore
Allentare le viti che si trovano sulla parte superiore del copriterminali a sinistra e a destra, estrarre il copriterminali in direzione della freccia 1 e sollevarlo in direzione della freccia 2.

1 2

Fig. 1.12 Rimozione del copriterminali (modello CIMR-F7Z2022 illustrato sopra)

Installazione del copriterminali


Una volta terminato il cablaggio della morsettiera, installare il copriterminali eseguendo la procedura inversa a quella di rimozione. Per gli inverter con un'uscita da 18,5 kW o inferiore, inserire la linguetta che si trova sulla parte superiore del copriterminali nella scanalatura dell'inverter e premere sulla parte inferiore del copriterminali fino ad incastrarlo.

1-13

Rimozione/Installazione console di programmazione e coperchio frontale


Inverter da 18,5 kW o inferiore

Per installare le schede accessorie o sostituire il connettore della scheda dei terminali, rimuovere la console di programmazione e il coperchio frontale oltre al copriterminali. Rimuovere sempre la console di programmazione dal coperchio frontale prima di rimuovere quest'ultimo. Di seguito sono riportate le procedure di rimozione e installazione.

Rimozione della console di programmazione


Premere la leva che si trova sul lato della console di programmazione in direzione della freccia 1 per sbloccare la console e sollevare quest'ultima in direzione della freccia 2 per rimuoverla, come mostrato nell'illustrazione seguente

Fig. 1.13 Rimozione della console di programmazione (modello CIMR-F7Z45P5 illustrato sopra)

1-14

Rimozione del coperchio frontale


Esercitare una pressione sui lati sinistro e destro del coperchio frontale in direzione della freccia 1 e sollevare la parte inferiore del coperchio in direzione della freccia 2 per rimuoverlo, come mostrato nell'illustrazione seguente.

1
1

Fig. 1.14 Rimozione del coperchio frontale (modello CIMR-F7Z45P5 illustrato sopra)

Installazione del coperchio frontale


Una volta terminato il cablaggio dei terminali, installare il coperchio frontale sull'inverter eseguendo la procedura inversa rispetto a quella di rimozione. 1. Non installare il coperchio frontale con la console di programmazione montata, in quanto potrebbe verificarsi un malfunzionamento della console dovuto ad un contatto difettoso. 2. Inserire la linguetta che si trova sulla parte superiore del coperchio frontale nella scanalatura dell'inverter e premere la parte inferiore del coperchio frontale sull'inverter fino a chiudere il coperchio in posizione.

1-15

Montaggio della console di programmazione


Una volta installato il copriterminali, montare la console di programmazione sull'inverter seguendo la procedura riportata di seguito. 1. Agganciare la console di programmazione in corrispondenza di A (due lati) sul coperchio frontale in direzione della freccia 1, come mostrato nell'illustrazione seguente. 2. Premere la console di programmazione in direzione della freccia 2 finch non si aggancia in corrispondenza di B (due lati).

A B

Fig. 1.15 Installazione della console di programmazione


1. Non rimuovere o installare la console di programmazione o il coperchio frontale utilizzando metodi differenti da quelli descritti in precedenza, altrimenti potrebbe verificarsi guasti o malfunzionamenti dell'inverter dovuti ad un contatto difettoso. 2. Non installare mai il coperchio frontale sull'inverter con la console di programmazione montata, in quanto potrebbe essere causa di un contatto difettoso. Installare sempre prima il coperchio frontale sull'inverter, quindi montare su di esso la console di programmazione.

IMPORTANTE

1-16

Inverter da 22 kW o superiore
Per gli inverter con un'uscita da 22 kW o superiore, rimuovere il copriterminali e attenersi alle seguenti procedure per rimuovere la console di programmazione e il coperchio frontale.

Rimozione della console di programmazione


Eseguire la stessa procedura utilizzata per gli inverter con un'uscita da 18,5 kW o inferiore.

Rimozione del coperchio frontale


Sollevare in corrispondenza dell'etichetta 1 nella parte superiore della scheda dei terminali del circuito di controllo in direzione della freccia 2.

1 Fig. 1.16 Rimozione del coperchio anteriore (modello CIMR-F7Z2022 illustrato sopra)

Installazione del coperchio frontale


Una volta terminate le operazioni necessarie, come l'installazione di una scheda accessoria o l'impostazione della scheda dei terminali, installare il coperchio frontale seguendo la procedura inversa a quella di rimozione. 1. Verificare che la console di programmazione non sia montata sul coperchio frontale. Se si installa il coperchio con la console di programmazione montata potrebbero verificarsi degli errori di contatto. 2. Inserire la linguetta che si trova sulla parte superiore del coperchio frontale nell'alloggiamento dell'inverter e premere sul coperchio finch non si incastra nell'inverter.

Installazione della console di programmazione


Eseguire la stessa procedura utilizzata per gli inverter con un'uscita da 18,5 kW o inferiore.

1-17

1-18

Cablaggio
Questo capitolo descrive il cablaggio dei terminali, i collegamenti dei terminali del circuito principale, le specifiche per il cablaggio dei terminali del circuito principale, i terminali del circuito di controllo e le specifiche per il cablaggio del circuito di controllo.

Collegamenti a dispositivi periferici........................................2-2 Schema dei collegamenti.......................................................2-3 Configurazione della morsettiera ...........................................2-5 Cablaggio dei terminali del circuito principale........................2-6 Cablaggio dei terminali del circuito di controllo....................2-20 Verifica del cablaggio...........................................................2-27 Installazione e cablaggio delle schede accessorie ..............2-28

Collegamenti a dispositivi periferici


Nella Fig. 2.1 sono riportati esempi di collegamenti tra l'inverter e tipici dispositivi periferici.
Alimentatore

Interruttori di circuito in scatole stampate

2
Contattore magnetico (MC) Reattanza c.c. per il miglioramento del fattore di potenza

Resistenza di frenatura Filtro antidisturbo (disturbi in ingresso) Reattanza c.a. per il miglioramento del fattore di potenza

Inverter

Terra

Filtro antidisturbo (disturbi in uscita)

Motore Terra

Fig. 2.1 Esempi di collegamento a dispositivi periferici

2-2

Schema dei collegamenti


Lo schema dei collegamenti per l'inverter riportato nella Fig. 2.2. Se si utilizza la console di programmazione, possibile azionare il motore cablando solo i circuiti principali.
Reattanza c.c. per migliorare il DC to improve input fattore direactor potenza in ingresso power factor (optional) (opzionale) Braking resistor unit (optional) Resistenza di frenatura (opzionale)
U X 1

Barra di cortocircuito Short-circuit bar Contattore principale Main contactor

T
Fusibili Fuses

B1

B2

Alimentazione L1 3-phase power trifase380 380 to 480Hz V L2 480 V50/60 50/60 Hz L3

Filtro Line di Filter linea

R/L1 S/L2 T/L3

U/T1 V/T2 W/T3


M

PE

Varispeed F7 CIMRF7C47P5
Marcia avanti/Arresto Forward Run/Stop Marcia indietro/Arresto Reverse Run/Stop Errore esterno External fault

2 MA MB MC
Uscita a contatto di errore Fault contact output 250 1 Amax. max. 30 Vc.c., 250 Vc.a., VAC, 1A 1 30 A max. VDC, 1A max.

S1 S2 S3 S4 S5 S6 S7 SN SC SP E(G) 24V
Terminale Shield di schermaterminal tura Terminale Shield di scherterminal matura

Ingressi a contatto Multi-function multifunzione digital inputs (impostazioni di [Factory setting] fabbrica

Ripristino dopo errore Fault reset Impostazione multivelocit 1 Multi-step speed setting 1 Impostazione multivelocit 2 Multi-step speed setting 2 Selezione della Jog frequency frequenza di jogselection

M1 M2 M3 M4 M5 M6

Uscita a contatto 1 Contact output 1 (Impostazione [Default : Running] predefinita: in marcia) Uscita a contatto 2 Contact output 2 (Impostazione predefi[Default : Zero speed] nita: velocit zero) Uscita a contatto 3 Contact output 3 (Impostazione prede[Default : finita: raggiungimento Frequency agree 1] frequenza di riferimento)

Multi-function digital Uscita a contatto output multifunzione250 Vc.a., VAC,30 1A max.1 A max. 1250 A max. Vc.c., 30 VDC, 1A max.

E(G) 3 MP AC
Uscita a treno di impulsi output 0Pulse ... 32 train kHz (2,2 kOhm) 0 to 32kHz (2.2 k ) (Impostazione predefinita: corrente diOutput uscita)frequency] [Default: Regolazione Adjustment, a 20 20 k kOhm

Regolazione impostazione Analog input setting ingresso analogico adjustment

2k 3 2k 1 2
4 ... 20mA 4 to 20mA 0 0 ... to 10V 10V

Ingresso a treno di impulsi RP [Impostazione Pulse train input [Default: predefinita: ingresso frequenza di input] Frequency reference riferimento] 0 to 32kHz 0 32 kHz +V Ingresso di alimentazione Analog input power supply analogico +15 V, 20 mA +15V, 20mA Ingresso analogico 1: Analog input 1: Master A1 frequenza di riferimento frequency reference master 0 ... +10V (20 kOhm) 0 to +10V (20 k ) Ingresso analogico Multi-function analog input 2 A2 multifunzione 2: [Default: Frequency bias [Impostazione predefinita: )] 4 to 20mA (250 polarizzazione frequenza AC 4 ... 20 mA (250 Ohm)]

FM

+ FM

Uscita analogica multifunzione 1 Multi-function analog output 1 (-10 ... +10 V, 2 mA/4 ... 20 mA) (-10 to +10V 2mA / 4 to 20mA) [Impostazione predefinita: [Default: Output frequency to +10V] frequenza di uscita 0 ... +10 0 V]

Regolazione Adjustment, a 20 20 k kOhm

AM AC

+ AM

Uscita analogica multifunzione 2 Multi-function analog output 2 (-10 ... +10 V, 2 mA/4 ... 20 mA) (-10 to +10V 2mA / 4 to 20mA) [Impostazione predefinita: [Default:di Output 0 V] to +10V] corrente uscita current 0 ... +10

0V -V
Ingresso di alimentazione Analog input power supply analogico-15 -15V, 20mA V, 20 mA Resistenza di Terminating terminazione

R+

resistance

Comunicazione MEMOBUS MEMOBUS communication RS-485/422 RS-485/422

RS+

SIG

Cavi schermati Shielded wires

Fili schermati a doppini Twisted-pair intrecciati Shielded wires

Fig. 2.2 Schema dei collegamenti (modello CIMR-F7Z47P5 illustrato sopra)

2-3

Descrizione circuiti
Fare riferimento ai numeri indicati nella Fig. 2.2.

1 2

Questi circuiti sono pericolosi e sono separati da superfici accessibili da pannelli di separazione protettivi. Questi circuiti sono separati da tutti gli altri circuiti da pannelli di separazione protettivi con materiale isolante doppio e rinforzato. Questi circuiti possono essere collegati con circuiti SELV * (o equivalenti) o con circuiti non SELV*, ma non con entrambi.

Inverter alimentati da un sistema a 4 fili (neutro a terra) Questi circuiti sono circuiti SELV* separati da tutti gli altri circuiti da pannelli di separazione protettivi con materiale isolante doppio e rinforzato. Questi circuiti possono essere collegati solo con altri circuiti SELV* (o equivalenti). Inverter alimentati da un sistema a 3 fili (senza messa a terra o collegamento delta con messa a terra di una fase) Questi circuiti non sono separati da altri circuiti pericolosi mediante separazione di protezione, ma solo dall'isolamento di base. Questi circuiti non devono essere collegati con altri circuiti accessibili, a meno che non siano isolati da questi mediante materiale isolante aggiuntivo.

* SELV = Safety Extra Low Voltage (bassa tensione di sicurezza)


1. I terminali del circuito di controllo sono disposti come illustrato di seguito.

IMPORTANTE

2. La capacit della corrente di uscita del terminale +V 20 mA. 3. I terminali del circuito principale sono identificati da due cerchi, mentre quelli del circuito di controllo sono identificati da un solo cerchio. 4. Viene illustrato il cablaggio degli ingressi digitali da S1 a S7 per il collegamento di contatti o transistor NPN (0 V comune e NPN) in quanto questa l'impostazione predefinita. Per il collegamento di transistor PNP o per utilizzare un alimentazione esterna di 24 V, vedere pagina 2-24, Modalit PNP/NPN. 5. La frequenza di riferimento della velocit master pu essere immessa sul terminale A1 o sul terminale A2 modificando l'impostazione del parametro H3-13. L'impostazione predefinita il terminale A1. 6. Le uscite analogiche multifunzione sono destinate all'uso con strumenti di misurazione di frequenza analogica, wattmetri, voltmetri, amperometri e cos via. Non utilizzare queste uscite per il controllo di retroazione o altro tipo di controllo. 7. Negli inverter di classe 200 V da 22 a 110 kW e negli inverter di classe 400 V da 22 a 300 kW sono incorporate reattanze c.c. al fine di migliorare il fattore di potenza in ingresso. La reattanza c.c. opzionale solo per gli inverter da 18,5 kW o meno. Rimuovere la barra di corto circuito prima di collegare una reattanza c.c.

2-4

Configurazione della morsettiera


La disposizione dei terminali illustrata nella Fig. 2.3 e Fig. 2.4.

Terminali circuito di controllo

Terminali circuito principale Indicatore di carica Terminale di massa

Fig. 2.3 Disposizione dei terminali (inverter di classe 200 V/400 V da 0,4 kW)

Terminali circuito di controllo

Indicatore di carica

Terminali circuito principale Terminale di massa

Fig. 2.4 Disposizione dei terminali (inverter di classe 200 V/400 V da almeno 22 kW)

2-5

Cablaggio dei terminali del circuito principale


Dimensioni dei cavi e dei connettori ad anello chiuso applicabili
Selezionare i cavi e i terminali a crimpare appropriati in base ai valori riportati nella Tabella 2.1 e Tabella 2.2. Per informazioni sulle dimensioni dei cavi per i moduli resistenza di frenatura e i moduli di frenatura, consultare il manuale delle istruzioni TOE-C726-2.
Tabella 2.1 Dimensioni dei cavi per la classe 200 V
Modello di inverter CIMRCodice terminale R/L1, S/L2, T/L3, U/T1, V/T2, W/T3 , 1, 2, B1, B2, M4 , 1, 2, B1, B2, M4 , 1, 2, B1, B2, M4 , 1, 2, B1, B2, M4 , 1, 2, B1, B2, M4 , 1, 2, B1, B2, M4 , 1, 2, B1, B2, M5 , 1, 2, B1, B2, M5 , 1, 2, U/T1, V/T2, 2,5 2,5 1,2...1,5 1,2...1,5 1,2...1,5 1,2...1,5 1,2...1,5 1,2...1,5 Viti dei Coppia di sermorraggio setti (Nm) Dimensioni cavi consentite mm2(AWG) 1,5...4 (14...10) Dimensione cavo consigliata mm2 (AWG) 2,5 (14) Tipo di cavi

F7Z20P4

F7Z20P7

R/L1, S/L2, T/L3, U/T1, V/T2, W/T3

1,5...4 (14...10)

2,5 (14)

F7Z21P5

R/L1, S/L2, T/L3, U/T1, V/T2, W/T3

1,5...4 (14...10)

2,5 (14)

F7Z22P2

R/L1, S/L2, T/L3, U/T1, V/T2, W/T3

1,5...4 (14...10)

2 (14)

F7Z23P7

R/L1, S/L2, T/L3, U/T1, V/T2, W/T3

4 (12...10)

4 (12)

F7Z25P5

R/L1, S/L2, T/L3, U/T1, V/T2, W/T3

6 (10)

6 (10)

F7Z27P5

R/L1, S/L2, T/L3, U/T1, V/T2, W/T3

10 (8...6)

10 (8) Cavi di alimentazione, ad esempio in vinile da 600 V

F7Z2011

R/L1, S/L2, T/L3, U/T1, V/T2, W/T3

16 (6...4) 25 (4...2) 10 (8...6) 25 (4) 25...35 (3...2) 10 (8...6) 25 (4) 25...35 (3...1) 10...16 (8...4) 25...35 (4...2) 50 (1...1/0) 10...16 (8...4) 25...35 (4...2)

16 (6) 25 (4) 25 (4) 25 (3) 25 (4) 25 (3) 25 (4) 50 (1) 25 (4)

R/L1, S/L2, T/L3, W/T3 F7Z2015 B1, B2

M6 M5 M6

4,0...5,0 2,5 4,0...5,0 9,0...10,0 2,5 4,0...5,0 9,0...10,0 4,0...5,0 9,0...10,0 9,0...10,0 4,0...5,0 9,0...10,0

R/L1, S/L2, T/L3, W/T3 F7Z2018 B1, B2

1,

2, U/T1, V/T2,

M8 M5 M6

R/L1, S/L2, T/L3, , 1, U/T1, V/T2, W/T3, R1/L11, S1/L21, T1/L31 F7Z2022 3

M8 M6 M8

R/L1, S/L2, T/L3, , 1 U/T1, V/T2, W/T3, R1/L11, S1/L21, T1/L31 F7Z2030 3

M8 M6 M8

2-6

Tabella 2.1 Dimensioni dei cavi per la classe 200 V


Modello di inverter CIMRCodice terminale R/L1, S/L2, T/L3, , 1 U/T1, V/T2, W/T3, R1/L11, S1/L21, T1/L31 F7Z2037 3 Viti dei Coppia di sermorraggio setti (Nm) M10 M8 M10 r/l1, /l2 R/L1, S/L2, T/L3, , 1 U/T1, V/T2, W/T3, R1/L11, S1/L21, T1/L31 F7Z2045 3 M4 M10 M8 M10 r/l1, /l2 R/L1, S/L2, T/L3, , 1 M4 M12 M10 M8 M10 r/l1, /l2 R/L1, S/L2, T/L3, , 1 M4 M12 M10 M8 M10 r/l1, /l2 R/L1, S/L2, T/L3, , 1 M4 M12 M8 M12 r/l1, /l2 R/L1, S/L2, T/L3, , 1 M12 U/T1, V/T2, W/T3, R1/L11, S1/L21, T1/L31 F7Z2110 3 M8 M12 r/l1, /l2
* Lo spessore dei cavi per cavi in rame a una temperatura di 75 C

Dimensioni cavi consentite mm2(AWG) 70...95 (2/0...4/0) 6...16 (10...4) 35...70 (1...2/0) 0,5...4 (20...10) 95 (3/0...4/0) 6...16 (10...4) 50...70 (1...2/0) 0,5...4 (20...10) 50...95 (1/0...4/0) 90 (4/0) 6...70 (10...2/0) 35...95 (3...4/0) 0,5...4 (20...10) 95...122 (3/0...250) 95 (3/0...4/0) 6...70 (10...2/0) 95...185 (3/0...400) 0,5...4 (20...10) 150...185 (250...400) 95...150 (4/0...300) 6...70 (10...2/0) 70...150 (2/0...300) 0,5...4 (20...10) 240...300 (350...600)

Dimensione cavo consigliata mm2 (AWG) 70 (2/0) 35 (2) 1,5 (16) 95 (3/0) 50 (1) 1,5 (16) 50 2P (1/0 2P) 90 (4/0) 50 (1/0) 1,5 (16) 95 2P (3/0 2P) 95 2P (3/0 2P) 95 (3/0) 1,5 (16) 150 2P (250 2P) 95 2P (4/0 2P) 70 2P (2/0 2P) 1,5 (16) 240 2P o 50 4P (350 2P o 1/0 2P) 150 2P o 50 4P (300 2P o 1/0 4P) 150 2P (300 2P) 1,5 (16)

Tipo di cavi

17,6...22,5 8,8...10,8 17,6...22,5 1,3...1,4 17,6...22,5 8,8...10,8 17,6...22,5 1,3...1,4 31,4...39,2 17,6...22,5 8,8...10,8 17,6...22,5 1,3...1,4 31,4...39,2 17,6...22,5 8,8...10,8 17,6...22,5 1,3...1,4 31,4...39,2 8,8...10,8 31,4...39,2 1,3...1,4

U/T1, V/T2, W/T3, R1/L11, S1/L21, T1/L31 F7Z2055 3

U/T1, V/T2, W/T3, R1/L11, S1/L21, T1/L31 F7Z2075 3

Cavi di alimentazione, ad esempio in vinile da 600 V

U/T1, V/T2, W/T3, R1/L11, S1/L21, T1/L31 F7Z2090 3

M4

31,4...39,2 150...300 (300...600) 8,8...10,8 31,4...39,2 1,3...1,4 6...70 (10...2/0) 150 (300) 0,5...4 (20...10)

M4

2-7

Tabella 2.2 Dimensioni dei cavi per la classe 400 V


Modello di inverter CIMRCodice terminale R/L1, S/L2, T/L3, U/T1, V/T2, W/T3 , 1, 2, B1, B2, M4 , 1, 2, B1, B2, M4 , 1, 2, B1, B2, M4 , 1, 2, B1, B2, M4 , 1, 2, B1, B2, M4 1,2...1,5 1,2...1,5 1,2...1,5 1,2...1,5 1,2...1,5 Viti dei morsetti Coppia di serraggio (Nm) Dimensioni cavi consentite mm2(AWG) 1,5...4 (14...10) Dimensione consigliata cavi mm2 (AWG) 2,5 (14) Tipo di cavi

F7Z40P4

F7Z40P7

R/L1, S/L2, T/L3, U/T1, V/T2, W/T3

1,5...4 (14...10)

2,5 (14)

F7Z41P5

R/L1, S/L2, T/L3, U/T1, V/T2, W/T3

1,5...4 (14...10)

2,5 (14)

F7Z42P2

R/L1, S/L2, T/L3, U/T1, V/T2, W/T3

1,5...4 (14...10)

2,5 (14) 4 (12) 2,5 (14) 4 (12) 2,5 (14) 4 (12) 2,5 (14) 6 (10) 4 (12) 10 (8) 6 (10) 10 (8) 6 (10) 10 (8) 10 (8) 10 (8) 16 (6) 16 (6) 25 (4) 25 (4) 35 (2) 25 (4) Cavi di alimentazione, ad esempio in vinile da 600 V

F7Z43P7

R/L1, S/L2, T/L3, U/T1, V/T2, W/T3

2,5...4 (14...10)

F7Z44P0

R/L1, S/L2, T/L3, U/T1, V/T2, W/T3

1,

2, B1, B2, M4 1,2...1,5

2,5...4 (14...10) 4 (12...10) 2,5...4 (14...10) 6 (10) 4 (12...10) 6...10 (10...6) 10 (8...6) 10...11 (10...6) 10...35 (8...2) 10 (8) 10...16 (8...4) 16 (6...4) 16...25 (6...2) 25 (4) 25...35 (4...2) 25...50 (4...1/0) 10...16 (8...4) 25...35 (4...2)

F7Z45P5

R/L1, S/L2, T/L3, U/T1, V/T2, W/T3

1,

2, B1, B2, M4 1,2...1,5

F7Z47P5

R/L1, S/L2, T/L3, U/T1, V/T2, W/T3

1,

2, B1, B2, M4 1,2...1,5

F7Z4011

R/L1, S/L2, T/L3, U/T1, V/T2, W/T3

1,

2, B1, B2, M5 2,5

F7Z4015

R/L1, S/L2, T/L3, U/T1, V/T2, W/T3

1,

2, B1, B2,

M5 M5 (M6)

2,5 2,5 (4,0...5,0) 4,0...5,0 2,5 4,0...5,0 4,0...5,0 9,0...10,0 4,0...5,0 9,0...10,0 9,0...10,0 4,0...5,0 9,0...10,0

R/L1, S/L2, T/L3, W/T3 F7Z4018 B1, B2

1,

2, U/T1, V/T2,

M6 M5 M6

F7Z4022

R/L1, S/L2, T/L3, , 1, 3, U/T1, V/T2, W/T3, R1/L11, S1/L21, T1/L31

M6 M8

F7Z4030

R/L1, S/L2, T/L3, , 1, 3, U/T1, V/T2, W/T3, R1/L11, S1/L21, T1/L31

M6 M8

R/L1, S/L2, T/L3, , 1, U/T1, V/T2, W/ T3, R1/L11, S1/L21, T1/L31 F7Z4037 3

M8 M6 M8

2-8

Tabella 2.2 Dimensioni dei cavi per la classe 400 V


Modello di inverter CIMRCodice terminale R/L1, S/L2, T/L3, , 1, U/T1, V/T2, W/ T3, R1/L11, S1/L21, T1/L31 F7Z4045 3 Viti dei morsetti M8 M6 M8 R/L1, S/L2, T/L3, , 1, U/T1, V/T2, W/T3, R1/L11, S1/L21, T1/L31 F7Z4055 3 M8 M6 M8 R/L1, S/L2, T/L3, , 1 M10 M10 M8 M10 r/l1, 200/l2200, 400/l2400 R/L1, S/L2, T/L3, , 1 M4 M10 M10 M8 M10 r/l1, 200/l2200, 400/l2400 R/L1, S/L2, T/L3, , 1 U/T1, V/T2, W/T3, R1/L11, S1/L21, T1/L31 F7Z4110 3 M4 M10 M8 M12 r/l1, 200/l2200, 400/l2400 R/L1, S/L2, T/L3, , 1 M4 M10 M8 M12 r/l1, 200/l2200, 400/l2400 R/L1, S/L2, T/L3, , 1 M4 M12 M8 M12 r/l1, 200/l2200, 400/l2400 M4 Coppia di serraggio (Nm) 9,0...10,0 4,0...5,0 9,0...10,0 9,0...10,0 4,0...5,0 9,0...10,0 31,4...39,2 17,6...22,5 8,8...10,8 31,4...39,2 1,3...1,4 31,4...39,2 17,6...22,5 8,8...10,8 31,4...39,2 1,3...1,4 31,4...39,2 8,8...10,8 31,4...39,2 1,3...1,4 31,4...39,2 8,8...10,8 31,4...39,2 1,3...1,4 31,4...39,2 8,8...10,8 31,4...39,2 1,3...1,4 Dimensioni cavi consentite 2 mm (AWG) 35...50 (2...1/0) 10...16 (8...4) 25...35 (4...2) 50 (1...1/0) 10...16 (8...4) 25...35 (4...2) 70...95 (2/0...4/0) 50...100 (1/0...4/0) 6...16 (10...4) 35...70 (2...2/0) 0,5...4 (20...10) 95 (3/0...4/0) 95 (3/0...4/0) 10...16 (8...4) 50...95 (1...4/0) 0,5...4 (20...10) 50...95 (1/0...4/0) 10...70 (8...2/0) 70...150 (2/0...300) 0,5...4 (20...10) 95 (3/0...4/0) 70...95 (2/0...4/0) 10...70 (8...2/0) 95...150 (4/0...300) 0,5...4 (20...10) 95...185 (4/0...400) 95...185 (3/0...400) 10...70 (8...2/0) 50...150 (1/0...300) 0,5...4 (20...10) Dimensione consigliata cavi mm2 (AWG) 35 (2) 25 (4) 50 (1) 25 (4) 70 (2/0) 50 (1/0) 35 (2) 1,5 (16) 95 (4/0) 95 (4/0) 50 (1) 1,5 (16) 50 2P (1/0 2P) 70 (2/0) 1,5 (16) 95 2P (3/0 2P) 70 2P (2/0 2P) 95 (4/0) 1,5 (16) 95 2P (4/0 2P) 95 2P (3/0 2P) 50 2P (1/0 2P) 1,5 (16) Cavi di alimentazione, ad esempio in vinile da 600 V Tipo di cavi

U/T1, V/T2, W/T3, R1/L11, S1/L21, T1/L31 F7Z4075 3

U/T1, V/T2, W/T3, R1/L11, S1/L21, T1/L31 F7Z4090 3

U/T1, V/T2, W/T3, R1/L11, S1/L21, T1/L31 F7Z4132 3

U/T1, V/T2, W/T3, R1/L11, S1/L21, T1/L31 F7Z4160 3

2-9

Tabella 2.2 Dimensioni dei cavi per la classe 400 V


Modello di inverter CIMRCodice terminale R/L1, S/L2, T/L3 U/T1, V/T2, W/T3, R1/L11, S1/L21, T1/L33 F7Z4185 , 3 1 M16 78,4...98 95...300 (4/0...600) Viti dei morsetti Coppia di serraggio (Nm) Dimensioni cavi consentite 2 mm (AWG) Dimensione consigliata cavi mm2 (AWG) 150 2P (300 2P) 120 2P (250 2P) 300 2P (600 2P) 95 2P (3/0 2P 1,5 (16) 240 2P (500 2P) 240 2P (400 2P) 120 4P (250 4P) 120 2P (250 2P) 1,5 (16) 120 4P (250 4P) 95...300 (4/0...600) 120 4P (4/0 4P) 240 4P (400 4P) 120 2P (250 2P 1,5 (16) Tipo di cavi

2
F7Z4220

r/l1, 200/l2200, 400/l2400 R/L1, S/L2, T/L3 U/T1, V/T2, W/T3, R1/L11, S1/L21, T1/L33 , 3 1

M4

1,3...1,4

0,5...4 (20...10)

M16

78,4...98

95...300 (4/0...600)

Cavi di alimentazione, ad esempio in vinile da 600 V

r/l1, 200/l2200, 400/l2400 R/L1, S/L2, T/L3 R1/L11, S1/L21, T1/L31 U/T1, V/T2, W/T3 F7Z4300 , 3 1

M4

1,3...1,4

0,5...4 (20...10)

M16

78,4...98

r/l1, 200/l2200, 400/l2400


* Lo spessore dei cavi per cavi in rame a una temperatura di 75 C.

M4

1,3...1,4

0,5...4 (20...10)

Determinare le dimensioni dei cavi per il circuito principale in modo che la caduta di tensione della linea rientri nel 2% della tensione nominale. La caduta di tensione viene calcolata nel modo seguente:
IMPORTANTE

Caduta tensione di linea (V) = 3 x resistenza cavo (W/km) x lunghezza cavo (m) x corrente (A) x 10-3

2-10

Funzioni dei terminali del circuito principale


Le funzioni dei terminali del circuito principale sono riepilogate nella Tabella 2.3 in base ai relativi codici. Cablare i terminali in base allo scopo desiderato.
Tabella 2.3 Funzioni dei terminali del circuito principale (classe 200 V e 400 V) Scopo Codice terminale Modello: CIMR-F7Z Classe 200 V: Classe 400 V:

Ingresso alimentazione circuito principale Uscite inverter Terminali bus c.c. Collegamento modulo resistenza di frenatura Collegamento reattanza c.c. Collegamento modulo di frenatura Terra

R/L1, S/L2, T/L3 R1/L11, S1/L21, T1/L31 U/T1, V/T2, W/T3 1, B1, B2 1, 3, 2

20P4...2110 2022...2110 20P4...2110 20P4...2110 20P4...2018 20P4...2018 2022...2110 20P4...2110

40P4...4300 4022...4300 40P4...4300 40P4...4300 40P4...4018 40P4...4018 4022...4300 40P4...4300

2-11

Configurazioni per il circuito principale


Le configurazioni per il circuito principale dell'inverter sono indicate nella Tabella 2.4.
Tabella 2.4 Configurazioni per il circuito principale dell'inverter Classe 200 V: Classe 400 V:
CIMR-F7Z20P4...2018 CIMR-F7Z40P4...4018

2
Alimentatore Circuiti di controllo Alimentatore Circuiti di controllo

CIMR-F7Z2022, 2030

CIMR-F7Z4022...4055

Alimentatore

Circuiti di controllo

Alimentatore

Circuiti di controllo

CIMR-F7Z2037...2110

CIMR-F7Z4075...4300

Alimentatore

Circuiti di controllo

Alimentatore

Circuiti di controllo

Nota: Prima di utilizzare un raddrizzamento a 12 fasi, consultare il rappresentante OYMC.

2-12

Schemi dei collegamenti standard


Gli schemi dei collegamenti standard per l'inverter sono riportati nellaFig. 2.5. Gli schemi sono identici per gli inverter di classe 200 V e 400 V. I collegamenti dipendono dalla capacit dell'inverter.

CIMR-F7Z20P4...2018 e 40P4...4018
Reattanza c.c. (opzionale) Modulo resistenza di frenatura (opzionale)

CIMR-F7Z2022, 2030 e 40224055


Modulo resistenza di frenatura (opzionale) Modulo di frenatura (opzionale)

Trifase, 200 Vc.a. (400 Vc.a.) Trifase, 200 Vc.a. (400 Vc.a.)

Accertarsi di rimuovere la barra di corto circuito prima di collegare la reattanza c.c.

La reattanza c.c. incorporata.

CIMR-F7Z2037...2110
Modulo resistenza di frenatura (opzionale) Modulo di frenatura (opzionale)

CIMR-F7Z4075...4300
Modulo resistenza di frenatura (opzionale) Modulo di frenatura (opzionale)

Trifase, 200 Vc.a.

Trifase, 400 Vc.a.

L'alimentazione di controllo viene fornita interamente mediante bus c.c. a tutti i modelli di inverter.
Fig. 2.5 Collegamenti dei terminali del circuito principale

2-13

Cablaggio del circuito principale


In questa sezione viene descritto il cablaggio per le uscite e gli ingressi del circuito principale.

Cablaggio degli ingressi del circuito principale


Per il cablaggio dell'ingresso di alimentazione del circuito principale necessario osservare le precauzioni riportate di seguito.

Installazione fusibili Per proteggere l'inverter consigliabile utilizzare dei fusibili semiconduttori del tipo indicato nella tabella seguente.
Tabella 2.5 Fusibili di ingresso Tipo di inverter
20P4 20P7 21P5 22P2 23P7 25P5 27P5 2011 2015 2018 2022 2030 2037 2045 2055 2075 2090 2110 40P4 40P7 41P5 42P2 43P7 44P0 45P5 47P5 4011 4015 4018 4022 4030 4037 4045 4055 4075 4090 4110 4132 4160 4185 4220 4300

Tensione (V)
240 240 240 240 240 240 240 240 240 240 240 240 240 240 240 240 240 240 480 480 480 480 480 480 480 480 480 480 480 480 480 480 480 480 480 480 480 480 480 480 480 480

FUSIBILE Corrente (A)


10 10 15 20 30 40 60 80 100 130 150 180 240 300 350 450 550 600 5 5 10 10 15 20 25 30 50 60 70 80 100 125 150 150 250 300 350 400 450 600 700 900

I2t (A2s)
12~25 12~25 23~55 34~98 82~220 220~610 290~1300 450~5000 1200~7200 1800~7200 870~16200 1500~23000 2100~19000 2700~55000 4000~55000 7100~64000 11000~64000 13000~83000 6~55 6~55 10~55 18~55 34~72 50~570 100~570 100~640 150~1300 400~1800 700~4100 240~5800 500~5800 750~5800 920~13000 1500~13000 3000~55000 3800~55000 5400~23000 7900~64000 14000~250000 20000~250000 34000~400000 52000~920000

2-14

Installazione di un interruttore di circuito in scatola stampata Accertarsi di collegare i terminali di ingresso dell'alimentazione (R/L1, S/L2 e T/L3) all'alimentatore mediante un interruttore MCCB adeguato per l'inverter.
Scegliere un interruttore MCCB con capacit da 1,5 a 2 volte la corrente nominale dell'inverter. Per le caratteristiche di tempistica dell'interruttore MCCB, necessario considerare la protezione di

sovraccarico dell'inverter (un minuto al 150% della corrente di uscita nominale). Installazione di un interruttore di dispersione a terra Poich le uscite dell'inverter utilizzano commutazioni veloci, viene generata una dispersione di corrente ad alta frequenza. Se si utilizza un interruttore di corrente di dispersione a terra, sceglierne uno in grado di rilevare solo la dispersione di corrente nella gamma di frequenze pericolose per l'utente ed escludere quelle ad alta frequenza.
Scegliere un interruttore di corrente di dispersione a terra apposito per inverter con amperaggio di

sensibilit pari ad almeno 30 mA per inverter.


Se si utilizza un interruttore di corrente di dispersione a terra ad uso generico, sceglierne uno con amperaggio

di sensibilit pari ad almeno 200 mA per inverter e con tempo di funzionamento di almeno 0,1 s. Installazione di un contattore magnetico Per disattivare l'alimentazione del circuito principale tramite un circuito di controllo, possibile utilizzare un contattore magnetico. In questo caso tener conto di quanto segue:
L'inverter pu essere avviato e arrestato aprendo e chiudendo il contattore magnetico sul lato principale.

Tuttavia, apertura e chiusura frequenti del contattore magnetico possono causare un guasto nell'inverter. Non eseguire l'accensione pi di una volta all'ora.
Quando l'inverter viene azionato con la console di programmazione, non consentito il funzionamento

automatico dopo il ripristino in seguito ad un'interruzione dell'alimentazione. Collegamento dell'alimentazione di ingresso sulla morsettiera L'alimentazione di ingresso pu essere collegata su uno dei terminali R, S e T della morsettiera poich la sequenza di fase dell'alimentazione di ingresso non incide sulla sequenza di fase in uscita. Installazione di una reattanza c.a. Se si collega l'inverter ad un trasformatore ad alta capacit (600 kW o superiore) o si commuta un condensatore di rifasatura, possibile che una corrente di punta eccessiva passi attraverso il circuito di ingresso determinando un guasto nell'inverter. Per evitare che si verifichi questo problema, installare una reattanza c.a. opzionale sul lato di ingresso dell'inverter o una reattanza c.c. sui relativi terminali di collegamento. In questo modo verr inoltre aumentato il fattore di potenza sul lato dell'alimentazione. Installazione di un assorbitore di sovratensioni Utilizzare sempre assorbitori di sovratensioni o diodi per carichi induttivi che si trovano nei pressi dell'inverter. I carichi induttivi comprendono contattori magnetici, rel elettromagnetici, valvole a solenoide, solenoidi e freni magnetici.

2-15

Cablaggio del lato di uscita del circuito principale


Durante il cablaggio dei circuiti di uscita principali, necessario osservare le precauzioni riportate di seguito. Collegamento dell'inverter al motore Collegare i terminali di uscita U/T1, V/T2 e W/T3 ai rispettivi cavi del conduttore motore U, V e W. Accertarsi che quando si seleziona il comando Forward il motore ruoti effettivamente in avanti. Se il motore ruota all'indietro, invertire la posizione di due terminali di uscita.

Evitare di collegare l'alimentazione ai terminali di uscita Non collegare l'alimentazione ai terminali di uscita U/T1, V/T2 e W/T3 in nessun caso. Se si applica tensione ai terminali di uscita, i circuiti interni dell'inverter verranno danneggiati. Evitare corto circuiti o messa a terra dei terminali di uscita Nel caso in cui i terminali di uscita vengano toccati senza alcuna protezione sulle mani o i cavi di uscita entrino in contatto con l'involucro esterno dell'inverter, si verificheranno scosse elettriche o scariche a terra. Poich questa situazione estremamente pericolosa, evitare di cortocircuitare i cavi di uscita. Evitare l'uso di condensatori di rifasatura. Non collegare in nessun caso condensatori di rifasatura a un circuito di uscita. I componenti ad alta frequenza dell'uscita dell'inverter potrebbero surriscaldarsi o danneggiare l'uscita stessa oppure bruciare altri componenti. Evitare l'uso di un commutatore elettromagnetico Evitare di collegare un commutatore elettromagnetico (MC) tra l'inverter e il motore e attivarlo o disattivarlo durante il funzionamento. L'attivazione del commutatore MC durante il funzionamento dell'inverter genera una corrente di spunta molto alta, attivando il meccanismo di protezione da sovracorrente dell'inverter. Se si utilizza un MC per passare, ad esempio, tra due motori, necessario arrestare l'uscita dell'inverter prima di attivare il commutatore magnetico. Installazione di un contatto a rel di protezione da sovraccarico termica elettronica per proteggere il motore L'inverter dispone di una funzione di protezione termica elettronica per proteggere il motore dal surriscaldamento. Tuttavia, se con un inverter si attiva pi di un motore o si utilizza un motore multipolare, necessario installare sempre un rel termico (THR) tra l'inverter e il motore ed impostare L1-01 su 0 (nessuna protezione termica). Il circuito di controllo deve essere progettato in modo che il rel termico disattivi il contattore magnetico sugli ingressi del circuito principale. Lunghezza del cavo tra inverter e motore Se il cavo che collega l'inverter e il motore lungo, la dispersione di corrente ad alta frequenza tende ad aumentare provocando anche l'aumento della corrente di uscita dell'inverter con possibile impatto sui dispositivi periferici. Per evitare questa condizione, regolare la frequenza portante (impostata in C6-01, C6-02) come illustrato nella Tabella 2.6. Per ulteriori informazioni, vedere Capitolo 5 Parametri utente.
Tabella 2.6 Lunghezza del cavo tra inverter e motore Lunghezza cavo Frequenza portante 50 m max. 15 kHz max. 100 m max. 10 kHz max. Pi di 100 m 5 kHz max.

2-16

Cablaggio di terra
Per il cablaggio della linea di terra osservare le precauzioni riportate di seguito.
Utilizzare sempre il terminale di terra dell'inverter di classe 200 V con una resistenza di massa inferiore a

100 e quello dell'inverter di classe 400 V con una resistenza di massa inferiore a 10 ..
Evitare che il cavo di terra venga condiviso con altri dispositivi quali saldatrici o attrezzi elettrici. Utilizzare sempre un cavo di terra conforme agli standard tecnici delle apparecchiature elettriche e il pi

corto possibile. Poich la dispersione di corrente passa per l'inverter, il potenziale sul terminale di terra dell'inverter diventa instabile se la distanza tra l'elettrodo e il terminale di terra eccessiva.
Quando si utilizza pi di un inverter, verificare che il cavo di terra non formi un circuito.

OK

NO

Fig. 2.6 Cablaggio di terra

Collegamento di una resistenza di frenatura installata sull'inverter


possibile utilizzare una resistenza di frenatura installata dietro un inverter di classe 200 V e 400 V con uscite da 0,4 a 11 kW. Se si utilizza questo tipo di resistenza, possibile abilitare la protezione da surriscaldamento della resistenza di frenatura interna (vedere la tabella riportata di seguito). Collegare la resistenza di frenatura come illustrato nella Fig. 2.7.
L8-01 (Selezione della protezione per la resistenza DB interna) L3-04 (Selezione prevenzione dello stallo durante la decelerazione) (Scegliere uno dei valori) 1 (Abilita la protezione da surriscaldamento) 0 (Disabilita la funzione di prevenzione da stallo) 3 (Abilita la funzione di prevenzione da stallo con la resistenza di frenatura)

Inverter

Resistenza di frenatura

Fig. 2.7 Collegamento della resistenza di frenatura

IMPORTANTE

La resistenza di frenatura viene collegata ai terminali B1 e B2. Non collegare la resistenza a nessun altro terminale, altrimenti la resistenza e altri componenti potrebbero danneggiarsi.

2-17

Collegamento di un modulo resistenza di frenatura (LKEB) e di un modulo di frenatura (CDBR)


Collegare un modulo resistenza di frenatura e un modulo di frenatura all'inverter come illustrato nella Fig. 2.8. La protezione da surriscaldamento della resistenza di frenatura interna deve essere disabilitata (vedere la tabella riportata di seguito).
L8-01 (Selezione della protezione per la resistenza DB interna) 0 (Disabilita la protezione da surriscaldamento) 0 (Disabilita la funzione di prevenzione da stallo) L3-04 (Selezione prevenzione dello stallo durante la decelerazione) 3 (Abilita la funzione di prevenzione da stallo con (Scegliere uno dei valori) la resistenza di frenatura)

Il modulo resistenza di frenatura non funziona correttamente se L3-04 impostato su 1, ossia se la prevenzione da stallo abilitata per la decelerazione. Per questo motivo, il tempo di decelerazione potrebbe essere pi lungo del tempo impostato (C1-02/04/06/08). Per prevenire il surriscaldamento del modulo/della resistenza di frenatura, progettare il circuito di controllo in modo che l'alimentazione venga disattivata tramite i contatti a rel di sovraccarico termico dei moduli come illustrato nella Fig. 2.8. Inverter di classe 200 V e 400 V con uscita da 0,4 a 18,5 kW
Modulo resistenza di frenatura (LKEB)

Inverter

Rel di sovraccarico termico

Inverter di classe 200 V e 400 V con uscita da 22 kW o superiore


Modulo di frenatura CDBR Modulo resistenza di frenatura (LKEB)

Inverter

Rel di sovraccarico termico

Rel di sovraccarico termico

Fig. 2.8 Collegamento della resistenza e del modulo di frenatura

2-18

Collegamento dei moduli di frenatura in parallelo Quando si collegano due o pi moduli di frenatura in parallelo, utilizzare il cablaggio e le impostazioni dei ponticelli illustrati nella Fig. 2.9. Sono disponibili ponticelli per determinare se ogni modulo di frenatura master o slave. Selezionare Master solo per il primo modulo di frenatura e Slave per tutti gli altri moduli, ossia a partire dal secondo modulo.

Rel di sovraccarico termico

Rel di sovraccarico termico

Rel di sovraccarico termico

Modulo resistenza di frenatura (LKEB)

Modulo resistenza di frenatura (LKEB)

Modulo resistenza di frenatura (LKEB)

Rilevatore livello

Inverter

Modulo di frenatura 2

Modulo di frenatura 3

Modulo di frenatura 1 Contatto rel di sovraccarico termico Contatto rel di sovraccarico termico Contatto rel di sovraccarico termico

Fig. 2.9 Collegamento dei moduli di frenatura in parallelo

2-19

Cablaggio dei terminali del circuito di controllo


Dimensioni dei cavi
Per il funzionamento in modalit remota utilizzando segnali analogici, mantenere una lunghezza della linea di controllo tra la console di programmazione o i segnali operativi e l'inverter inferiore a 50 m e separare tale linea dalle linee di alimentazione principali o da altri circuiti di controllo per ridurre l'induzione generata dai dispositivi periferici. Quando si impostano le frequenze da un sorgente di frequenza esterna (e non dalla console di programmazione), utilizzare cavi schermati a coppie intrecciate e mettere a terra la schermatura per l'area di contatto maggiore tra schermatura e terra. I numeri dei terminali e le dimensioni dei cavi appropriate sono riportati nella Tabella 2.7.
Tabella 2.7 Numeri dei terminali e dimensioni dei cavi (uguali per tutti i modelli) Viti dei morsetti Coppia di serraggio (Nm) Dimensioni cavi consentite mm2(AWG) Cavo monofilo*2: 0,5...2,5 Cavo a treccia: 0,5...1,5 (26...14) 0,5...2,5 (20...14) Dimensione cavo consigliata mm2 (AWG)

Terminali FM, AC, AM, SC, SP, SN, A1, A2, +V, V, S1, S2, S3, S4, S5, S6, S7 MA, MB, MC, M1, M2, M3, M4, M5, M6 MP, RP, R+, R-, S+, S-, IG E(G)

Tipo di cavi

Tipo Phoenix

0,5...0,6

0,75 (18)

Cavo schermato a coppie intrecciate*1 Cavo schermato in vinile con rivestimento di polietilene

M3,5

0,8...1,0

1 (12)

* 1. Utilizzare cavi schermati a coppie intrecciate per l'ingresso di una frequenza di riferimento esterna. * 2. Si consiglia di utilizzare terminali senza saldatura sulle linee dei segnali per semplificare il cablaggio e migliorare l'affidabilit.

Terminali senza saldatura per le linee dei segnali


Nella tabella seguente sono riportati i modelli e le dimensioni per i terminali senza saldatura.
Tabella 2.8 Dimensioni dei terminali senza saldatura Dimensione cavo mm2 (AWG) 0,25 (24) 0,5 (20) 0,75 (18) 1,25 (16) 2 (14) Modello AI 0,25 - 8 YE AI 0,5 - 8 WH AI 0,75 - 8 GY AI 1,5 - 8 BK AI 2,5 - 8 BU d1 0,8 1,1 1,3 1,8 2,3 d2 2 2,5 2,8 3,4 4,2 L 12,5 14 14 14 14 Contatto Phoenix Produttore

Fig. 2.10 Dimensioni dei terminali senza saldatura

2-20

Metodo di cablaggio
Utilizzare la seguente procedura per collegare i cavi alla morsettiera. 1. Allentare le viti del terminale con un cacciavite a lama sottile. 2. Inserire i cavi sulla parte inferiore della morsettiera. 3. Stringere saldamente le viti dei terminali.
Cacciavite Lama del cacciavite Circuito di controllo Morsettiera

2
3,5 mm max.

Spelare l'estremit del cavo di 7 mm se non si utilizzano terminali senza saldatura. Cavi

Cavo o terminale senza saldatura

Spessore lama: 0,6 mm max.

Fig. 2.11 Collegamento dei cavi alla morsettiera

2-21

Funzioni dei terminali del circuito di controllo


Le funzioni dei terminali del circuito di controllo sono riportate nella Tabella 2.9. Utilizzare i terminali appropriati al proprio scopo.
Tabella 2.9 Terminali del circuito di controllo con impostazioni predefinite Tipo Numero S1 Nome segnale Comando di marcia avanti/arresto Comando marcia indietro/arresto Funzione Marcia avanti quando ON e arresto quando OFF. Marcia indietro quando ON e arresto quando OFF. Livello del segnale

2
Segnali di ingresso digitale

S2 S3 S4

Ingresso errore esterno*1 Errore quando ON. Ripristino dopo errore*1 Multivelocit di riferimento 1*1 (commutatore master/ ausiliaria) Multivelocit di riferimento 2*1 Ripristino quando ON. Frequenza di riferimento ausiliaria quando ON. Impostazione multivelocit 2 quando ON. 24 Vc.c., 8 mA Le funzioni Fotoaccoppiatore vengono selezionate impostando i parametri da H101 a H1-05.

S5

S6 S7 SC SN SP +V V
Segnali di ingresso analogico

Frequenza di riferimento Frequenza di riferimento di jog*1 di jog quando ON. Comune ingressi digitali Neutro ingressi digitali Alimentazione ingressi digitali Uscita di potenza da 15 V Uscita di potenza da -15 V Alimentazione da +24 Vc.c. per gli ingressi digitali Alimentazione da 15 V per i riferimenti analogici Alimentazione da -15 V per i riferimenti analogici 24 Vc.c., 250 mA max. *2 15 V (Corrente max: 20 mA) -15 V (Corrente max: 20 mA) -10+10 V (20 k) La funzione 4...20 mA(250) selezionata impo10 V...+10 V(20k) stando H3-09.

A1 A2 c.a. E(G) M1 M2 M3

Frequenza di riferimento -10...+10 V/100% Ingresso analogico multifunzione Comune riferimenti analogici Punto di collegamento opzionale linea di terra, cavo schermato Segnale di funzionamento (1 contatto NO) 4...20 mA/100% 10 V...+10 V/100%

In funzione quando ON. Contatti rel Capacit contatto: 1 A max. a 250 Vc.a. 1 A max. a 30 Vc.c.*3

Velocit zero
Segnali di uscita sequenza

M4 M5 M6 MA MB MC Segnale uscita errore Rilevamento raggiungimento velocit

Livello zero (b2-01) o inferiore quando ON. All'interno di 2 Hz della frequenza impostata quando ON.

Uscite contatti multifunzione

Presenza di errore quando l'uscita chiusa da MA a MC Presenza di errore quando l'uscita aperta da MB a MC

Contatti rel Capacit contatto: 1 A max. a 250 Vc.a. 1 A max. a 30 Vc.c.*3

2-22

Tabella 2.9 Terminali del circuito di controllo con impostazioni predefinite Tipo Numero FM
Segnali uscite analogiche

Nome segnale Uscita analogica multifunzione (uscita frequenza) Comune analogico Uscita analogica multifunzione (monitoraggio corrente) Ingresso a impulsi*4 Monitoraggio treno di impulsi Ingresso comunicazioni MEMOBUS Uscita comunicazioni MEMOBUS Comune segnali

Funzione 0...10 V, 10 V = 100% frequenza di uscita 0...10 V, 10 V = 200% corrente nominale dell'inverter Uscita analogica multifunzione 2 Uscita analogica multifunzione 1

Livello del segnale

c.a. AM RP

10...+10 V max. 5% 2 mA max. Uscita di corrente 4...20 mA

H6-01 (ingresso frequenza di riferimento) H6-06 (frequenza di uscita)

I/O a impulsi

0...32 kHz (3 k) Alta tensione 3,5...13,2 V 0...32 kHz Uscita +15 V (2,2 k) Ingresso differenziale, isolamento con fotoaccoppiatore Ingresso differenziale, isolamento con fotoaccoppiatore

MP R+ R-

RS-485/ 422

S+ SIG

Per RS-485 a due fili e per S+, R+, R- e Sbrevi.

* 1. Per i terminali da S3 a S7 sono fornite le impostazioni predefinite. Per una sequenza a 3 fili, le impostazioni predefinite sono una sequenza a 3 fili per S5, l'impostazione della multivelocit 1 per S6 e l'impostazione della multivelocit 2 per S7. * 2. Non utilizzare questo alimentatore per alimentare altri apparecchi esterni. * 3. Quando si aziona un carico reattivo, ad esempio la bobina di un rel con alimentazione c.c., inserire sempre un diodo volano come illustrato nella Fig. * 4. Nella tabella seguente sono riportate le specifiche per l'ingresso a treno di impulsi. Bassa tensione Alta tensione Duty H Frequenza degli impulsi 0,0...0,8 V 3,5...13,2 V 30%...70% 0...32 kHz

2.12.

Diodo volano

Alimentazione esterna: 30 Vc.c. max.

Bobina

1 A max

Il coefficiente del diodo volano deve essere almeno pari alla tensione del circuito.

Fig. 2.12 Collegamento del diodo volano

Ponticello CN15 e selettore DIP S1


In questa sezione sono descritti il ponticello CN 15 e il selettore DIP S1.
CN15
Canale 1 Canale 2
I V

Selezione segnale corrente/tensione dell'uscita analogica FM Selezione segnale corrente/tensione dell'uscita analogica AM Resistenza di terminazione della porta RS422/485 Selezione segnale corrente/tensione dell'ingresso analogico A2

S1
OFF ON

Fig. 2.13 Ponticello CN15 e selettore DIP S1

2-23

Nella tabella seguente sono riportate le funzioni del selettore DIP S1 e del ponticello CN15.
Tabella 2.10 Selettore DIP S1 e ponticello CN15 Nome S1-1 S1-2 CN15CH1 Funzione Resistenza di terminazione RS-485 e RS-422 Metodo per l'ingresso analogico A2 Commutatore tensione/corrente FM uscita analogica multifunzione Commutatore tensione/corrente AM uscita analogica multifunzione Impostazione OFF: nessuna resistenza di terminazione ON: resistenza di terminazione di 110 V: 0...10 V (resistenza interna: 20 k) I: 4...20 mA (resistenza interna: 250 ) I: uscita di corrente V: uscita di tensione I: uscita di corrente V: uscita di tensione

CN15CH2

Modalit PNP/NPN
possibile cambiare la logica del terminale di ingresso tra la modalit NPN (comune 0 V) e la modalit PNP (comune + 24V) utilizzando i terminali SN, SC ed SP. inoltre supportata un'alimentazione esterna che garantisce maggiore libert per i metodi di ingresso dei segnali.
Tabella 2.11 Modalit NPN/PNP e segnali di ingresso Alimentazione interna modalit NPN Alimentazione esterna modalit NPN

Esterna +24V

Alimentazione interna modalit PNP

Alimentazione esterna modalit PNP

Esterna +24V

2-24

Collegamenti dei terminali del circuito di controllo


I collegamenti ai terminali del circuito di controllo dell'inverter sono riportati nella Fig. 2.14. Varispeed F7 CIMR-F7Z47P5
MA MB MC

Marcia avanti/Arresto Forward Run/Stop Marcia indietro/Arresto Reverse Run/Stop Errore esterno External fault
S1 S2 S3 S4 S5 S6 S7 SN SC SP E(G)

Uscita a contatto di errore Fault contact output 250 Vc.a., 1 A max. 30 Vc.c., 250 VAC, 1A max. 1 A max. 30 VDC, 1A max.

Ingressi a contatto Multi-function multifunzione digital inputs (impostazioni di [Factory setting] fabbrica

Ripristino dopo errore Fault reset Impostazione Multi-step speed setting 1 multivelocit 1 Impostazione Multi-step speed multivelocit 2 setting 2 Selezione della Jog frequency selection frequenza di jog

M1 M2 M3 M4 M5 M6 24V Terminale Shield di schermaterminal tura

Uscita a contatto 1 Contact output 1 (Impostazione [Default : Running] predefinita: in marcia) Uscita a contatto 2 Contact output 2 (Impostazione predefi[Default : Zero speed] nita: velocit zero) Uscita a contatto Contact output 3 3 (Impostazione prede[Default : finita: raggiungimento Frequency agree 1] frequenza di riferimento)
Multi-function digital Uscita a contatto output multifunzione250 Vc.a., 250 VAC, 30 1AVc.c., max. 1 A max. 1 A max. 30 VDC, 1A max.

Terminale di scherShield matura terminal

E(G)

Regolazione impostazione Analog input setting ingresso analogico adjustment


2k 3 2k 1 2

Ingresso a treno di impulsi RP Pulse [Impostazione predefinita: train input [Default: ingresso frequenza Frequency referencedi input] riferimento] 0 to 32kHz 0 32 kHz +V Analog input power supply Ingresso di alimentazione +15V, 20mA analogico +15 V, 20 mA Ingresso analogico 1: Analog input Master A1 frequenza di 1: riferimento frequency reference master 0 ... +10V 0 to kOhm) +10V (20 k ) (20 Ingresso analogico Multi-function analog input 2 A2 multifunzione 2: [Default: Frequency bias [Impostazione predefinita: )] 4 to 20mA (250frequenza polarizzazione AC 4 ... 20 mA (250 Ohm)]
0V

MP AC

Uscita a treno di impulsi Pulse train output 0 ... 32 kHz (2,2 kOhm) 0 to 32kHz (2.2 k ) (Impostazione predefinita: [Default:di Output frequency] corrente uscita) Regolazione Adjustment, a 20 kOhm 20 k

0 to ... 10V 10V 0

FM

+ FM

Uscita analogica multifunzione 1 Multi-function 1 (-10 ... +10 V, analog 2 mA/4output ... 20 mA) (-10 to +10V 2mA / 4 to 20mA) [Impostazione predefinita: [Default: Output frequency 0 frequenza di uscita 0 ... +10 to V] +10V]

4 ... 20mA 4 to 20mA


P P

Regolazione Adjustment, a 20 kOhm 20 k


AM AC
+ AM

Uscita analogica multifunzione Multi-function analog output 2 2 (-10 V, 2 mA/4 ...20mA) 20 mA) (-10 ... to +10 +10V 2mA / 4 to [Impostazione predefinita: [Default: Output current 0 to +10V] corrente di uscita 0 ... +10 V]

di alimentazione -V Ingresso Analog input power supply analogico-15 -15V, 20mA V, 20 mA Resistenza di Terminating terminazione
R+
resistance

Comunicazione MEMOBUS MEMOBUS communication RS-485/422 RS-485/422

RS+

SIG

Shielded wires Cavi schermati

Twisted-pair Fili schermati a doppini Shielded wires intrecciati

Fig. 2.14 Collegamenti dei terminali del circuito di controllo

2-25

Precauzioni per cablaggio del circuito di controllo


Per il cablaggio del circuito di controllo osservare le precauzioni riportate di seguito.
Separare il cablaggio del circuito di controllo dal cablaggio del circuito principale (terminali R/L1, S/L2,

T/L3, B1, B2, U/T1, V/T2, W/T3,

1,

2e

3) e dalle altre linee ad alta potenza.

Separare il cablaggio per i terminali del circuito di controllo MA, MB, MC, M1, M2 , M3, M4, M5 e M6

(uscite a contatto) dal cablaggio degli altri terminali del circuito di controllo.
Se si utilizza un alimentatore esterno, deve essere un alimentatore di Classe 2 conforme allo standard UL.

Utilizzare cavi a coppie intrecciate schermati o non schermati per i circuiti di controllo per evitare errori di

funzionamento.
Collegare la messa a terra per le schermature del cavo con un'area di contatto molto ampia. Mettere a terra le schermature in corrispondenza di entrambe le estremit del cavo.

2-26

Verifica del cablaggio


Controlli
Accertarsi di aver collegato correttamente tutti i cavi. Evitare di effettuare il controllo di continuit sui circuiti di controllo. Effettuare le seguenti verifiche sul cablaggio.
I collegamenti sono corretti? Non sono state lasciate viti, pezzetti di cavo o altro materiale estraneo nel circuito? Le viti sono tutte ben strette? Sono presenti estremit di cavi che toccano altri terminali?

2-27

Installazione e cablaggio delle schede accessorie


Specifiche e modelli delle schede accessorie
possibile installare un massimo di due schede accessorie nell'inverter. possibile montare una scheda in ciascuno dei due zoccoli sulla scheda controllore (A e C) come illustrato nella Fig. 2.15. Nella Tabella 2.12 sono riportati i tipi di schede accessorie e i relativi dati tecnici.
Tabella 2.12 Schede accessorie Scheda Modello PG-B2 PG-X2 SI-N1/ PDRT2 SI-P1 SI-R1 SI-S1 Specifiche Bifase (fase A e B), ingressi +12 V, frequenza di risposta massima: 50 kHz Trifase (fase A, B e Z), ingressi line driver (RS422), frequenza di risposta massima: 300 kHz Scheda opzionale per fieldbus DeviceNet Scheda opzionale per fieldbus Profibus-DP Scheda opzionale per fieldbus Interbus-S Scheda opzionale fieldbus CANOpen Scheda di ingresso analogico ad alta risoluzione a 2 canali Canale 1: 0...10 V (20 k) Canale 2: 4...20 mA (250 ) Risoluzione: 14 bit Scheda di ingresso analogico ad alta risoluzione a 3 canali Livello segnale: -10...+10 V (20 k) 4...20 mA (250 ) Risoluzione: 13 bit + segno Scheda ingresso velocit di riferimento digitale a 8 bit Scheda ingresso velocit di riferimento digitale a 16 bit Posizione di installazione A A C C C C

Schede di controllo velocit PG Scheda di comunicazione DeviceNet Scheda di comunicazione Profibus-DP Scheda di comunicazione Interbus-S Scheda di comunicazione CANOpen

AI-14U Schede di ingresso analogico AI-14B

Schede di ingresso digitale

DI-08 DI-16H2

C C

Installazione
Prima di installare una scheda accessori, rimuovere il copriterminali ed accertarsi che la spia di carica all'interno dell'inverter non sia accesa. Rimuovere quindi la console di programmazione e il pannello frontale e infine installare la scheda accessoria. Per informazioni sull'installazione negli slot A e C, consultare la documentazione fornita con la scheda accessoria.

2-28

Fissaggio della scheda accessoria C nello slot


Dopo aver installato una scheda accessoria nello slot C, inserire un fermaglio per bloccare il lato con il connettore e impedirne il sollevamento. Tale fermaglio facilmente rimovibile tirandolo dopo averlo afferrato per la parte sporgente.
Foro spaziatore per montaggio della scheda accessoria A CN4 Connettore scheda accessoria A CN2 Connettore scheda accessoria C Distanziale per montaggio della scheda accessoria A (fornito con la scheda accessoria A) Distanziale per montaggio della scheda accessoria C Scheda accessoria C Clip opzionale (per evitare il sollevarsi della scheda accessoria C)

Scheda accessoria A

Distanziale per montaggio della scheda accessoria A

Fig. 2.15 Installazione di schede accessorie

2-29

Terminali e specifiche della scheda di controllo della velocit PG


PG-B2
Nella seguente tabella sono riportate le specifiche dei terminali per la scheda PG-B2.
Tabella 2.13 Specifiche dei terminali della scheda PG-B2 Terminale Numero 1 2 TA1 3 4 5 6 1 TA2 2 3 4 TA3 (E) Descrizione Alimentazione per il generatore di impulsi Fase A dei terminali di ingresso a impulsi Fase B dei terminali di ingresso a impulsi Fase A dei terminali di uscita di monitoraggio a impulsi Fase B dei terminali di uscita di monitoraggio a impulsi Terminale di collegamento Specifiche 12 Vc.c. (5%), 200 mA max. 0 Vc.c. (GND per l'alimentazione) H: +812 V (frequenza max. di ingresso: 50 kHz) Fase A dell'ingresso a impulsi GND H: +812 V (frequenza max. d'ingresso: 50 kHz) Fase B dell'ingresso a impulsi GND Uscita a collettore aperto, 24 Vc.c., 30 mA max. Uscita a collettore aperto, 24 Vc.c., 30 mA max. -

PG-X2
Nella seguente tabella sono riportate le specifiche dei terminali per la scheda PG-X2.
Tabella 2.14 Specifiche dei terminali della scheda PG-X2 Terminale Numero 1 2 3 4 TA1 5 6 7 8 9 10 1 2 3 TA2 4 5 6 7 TA3 (E) Fase A (+) del terminale di ingresso a impulsi Fase A () del terminale di ingresso a impulsi Fase B (+) del terminale di ingresso a impulsi Ingresso line driver (livello RS422) Fase B () del terminale di ingresso a impulsi (frequenza di risposta massima: 300 kHz) Fase Z (+) del terminale di ingresso a impulsi Fase Z () del terminale di ingresso a impulsi Ingressi terminale comune Fase A (+) del terminale uscita di Fase A () del terminale uscita di Fase B (+) del terminale uscita di Fase B () del terminale uscita di Fase Z (+) del terminale uscita di Fase Z () del terminale uscita di Uscite di monitoraggio terminale comune Terminale di collegamento schermatura Uscita line driver (uscita livello RS422) Descrizione Alimentazione per il generatore di impulsi Specifiche 12 Vc.c. (5%), 200 mA max.* 0 Vc.c. (GND per l'alimentazione) 5 Vc.c. (5%), 200 mA max.*

* Non possibile utilizzare contemporaneamente 5 Vc.c. e 12 Vc.c.

2-30

Cablaggio
Cablaggio della scheda PG-B2
Le figure seguenti mostrano esempi di cablaggio per la scheda PG-B2 utilizzando l'alimentazione delle schede accessorie o una fonte di alimentazione esterna per il PG.
Trifase 200 Vc.a. (400 Vc.a.)
R/L1 S/L2 T/L3

Inverter

2
Alimentazione +12 V
CN4

Alimentazione 0 V Fase A dell'ingresso a impulsi Fase A dell'ingresso a impulsi GND Fase B dell'ingresso a impulsi Fase B dell'ingresso a impulsi GND

Fase A del terminale di uscita di monitoraggio a impulsi Fase B del terminale di uscita di monitoraggio a impulsi

Fig. 2.16 Cablaggio della scheda PG-B2 utilizzando l'alimentazione delle schede accessorie

Fig. 2.17 Cablaggio della scheda PG-B2 utilizzando un'alimentazione esterna a 12 V Per le linee dei segnali necessario utilizzare cavi a coppie intrecciate schermati. Utilizzare l'alimentazione del generatore di impulsi solo per il generatore di impulsi (encoder). In caso

contrario, potrebbero verificarsi dei guasti dovuti a disturbi.


Il cavo per il collegamento del generatore di impulsi non deve essere pi lungo di 100 metri. La direzione di rotazione del PG pu essere impostata nel parametro utente F1-05. Di fabbrica viene

preimpostato per la rotazione in avanti con avanzamento della fase A.


Impulsi fase A Impulsi fase B

Se si collega un generatore di impulsi con uscita di tensione (encoder), l'impedenza di uscita deve essere di

almeno 12 mA di corrente sul fotoaccoppiatore (diodo)


possibile modificare il coefficiente di divisione del monitoraggio del treno di impulsi utilizzando il

parametro F1-06.

2-31

Alimentazion e PG +12 V Impulsi fase A


Circuito del coefficiente di divisione

Fase A dell'ingresso a impulsi

Fase A del terminale di uscita di monitoraggio a impulsi Fase B del terminale di uscita di monitoraggio a impulsi

Fase B dell'ingresso a impulsi

Impulsi fase B

Fig. 2.18 Configurazione del circuito di I/O della scheda PG-B2

Cablaggio della scheda PG-X2


Le figure seguenti illustrano esempi di cablaggio per la scheda PG-X2 utilizzando l'alimentazione delle schede accessorie o una fonte di alimentazione esterna per il PG.
Trifase a 200/400 Vc.a.
R/L1 S/L2 T/L3

Inverter
R/L1 U/T1 S/L2 V/T2 T/L3 W/T3 PG-D2 PG-X2 CN4 4CN TA1
+12 V 0V +5 V Fase A (+) dell'ingresso a impulsi Fase A () dell'ingresso a impulsi Fase B (+) dell'ingresso a impulsi Fase B () dell'ingresso a impulsi Fase Z (+) dell'ingresso a impulsi Fase Z () dell'ingresso a impulsi

PG

TA2

Fase A dell'uscita di monitoraggio a impulsi Fase B dell'uscita di monitoraggio a impulsi

Fase Z dell'uscita di monitoraggio a impulsi

Fig. 2.19 Cablaggio della scheda PG-X2 utilizzando l'alimentazione delle schede accessorie

2-32

PG-X2 Alimentazione PG TA1 IP12 1 2 IG IP5 A (-) 3 5 A (+) 4 B (+) 6 B (-) 7 Z (+) 8 Z (-) IG 9 10 c.a. 0 V +12 V 0V
Condensatore per caduta di tensione momentanea

+12 V + + + + PG

TA3

Fig. 2.20 Cablaggio della scheda PG-X2 utilizzando l'alimentazione esterna a 5 V Per le linee dei segnali necessario utilizzare cavi a coppie intrecciate schermati. Utilizzare l'alimentazione del generatore di impulsi solo per il generatore di impulsi (encoder). In caso

contrario, potrebbero verificarsi dei guasti dovuti a disturbi.


Il cavo per il collegamento del generatore di impulsi non deve essere pi lungo di 100 metri. La direzione di rotazione del PG deve essere impostata nel parametro utente F1-05 (rotazione PG).

L'impostazione predefinita la rotazione in avanti con avanzamento della fase A.

Cablaggio delle morsettiere


Non utilizzare cavi pi lunghi di 100 metri per il cablaggio del PG (encoder) e tenerli separati dalle linee di alimentazione. Utilizzare cavi a coppie intrecciate schermati per il cablaggio relativo al monitoraggio delle uscite e degli ingressi a impulsi e collegare la schermatura al relativo terminale.

Dimensioni dei cavi (uguali per tutti i modelli)


Le dimensioni dei cavi per i terminali sono riportate nella Tabella 2.15.
Tabella 2.15 Dimensioni dei cavi Terminale Alimentatore generatore di impulsi Terminale ingresso a impulsi Terminale uscita monitoraggio a impulsi Terminale di collegamento schermatura Viti dei morsetti Spessore cavi (mm2) Tipo di cavi Cavo a coppie intrecciate schermato Cavo schermato in vinile con di rivestimento di polietilene (KPEV-S di Hitachi Electric Wire o equivalente)

Cavo a treccia: 0,5...1,25 Cavo monofilo: 0,5...1,25

M3,5

0,5...2

Terminali senza saldatura


Si consiglia di utilizzare terminali senza saldatura sulle linee dei segnali per semplificare il cablaggio e migliorare l'affidabilit. Vedere la Tabella 2.8 per i dati tecnici.

2-33

Dimensioni per capocorda cavi e coppie di serraggio


Le dimensioni dei capocorda cavi e le coppie di serraggio per cavi di diverse dimensioni sono indicate nella Tabella 2.16.
Tabella 2.16 Capocorda cavi e coppia di serraggio Spessore cavi [mm2] 0,5 0,75 1,25 2 M3,5 Viti dei morsetti Dimensione terminale a crimpare 1,25 - 3,5 1,25 - 3,5 1,25 - 3,5 2 - 3,5 Coppia di serraggio (N m)

0,8

Modalit d'uso
Il metodo di cablaggio uguale a quello utilizzato per i terminali senza saldatura. Fare riferimento a pagina 2-33. Per il cablaggio osservare le precauzioni riportate di seguito.
Separare le linee dei segnali di controllo per la scheda di controllo della velocit PG dalle linee di

alimentazione principali e da altri circuiti di controllo.


Collegare la schermatura per evitare il rischio di errori di funzionamento generati da disturbi. Inoltre, non

utilizzare linee pi lunghe di 100 m.


Collegare la schermatura (cavo di messa a terra verde della scheda accessoria) al terminale schermato (E). Non saldare le estremit dei cavi perch potrebbe essere causa di errori di contatto. Quando non si utilizzano terminali senza saldatura, spelare i cavi per circa 5,5 mm. Se l'assorbimento di corrente del PG superiore a 200 mA, necessaria un'alimentazione separata. Per

gestire una caduta di tensione momentanea, utilizzare un condensatore di backup o un altro metodo.
Accertarsi di non superare la frequenza di ingresso delle schede PG. La frequenza di uscita del generatore

di impulsi pu essere calcolata utilizzando la seguente formula.


f PG (Hz) = Velocit motore con frequenza di uscita massima (min1) x valori nominali PG (impulsi/giro) 60

2-34

Console di programmazione e modalit


Questo capitolo, oltre a descrivere i display della console di programmazione e le relative funzioni, fornisce informazioni generali sulle modalit operative e sui metodi per attivarle.

Console di programmazione ................................. ................. 3-1 Modalit .................................................................................3-4

Console di programmazione
Questa sezione descrive i display e le funzioni della console di programmazione.

Display della console di programmazione


Di seguito sono elencati i nomi dei tasti della console di programmazione e le funzioni ad essi associate.

Spie stato di funzionamento FWD: si accende quando viene immesso un comando di marcia avanti. REV: si accende quando viene immesso un comando di marcia indietro. SEQ: si accende quando viene selezionata una sorgente di comando di marcia diversa dalla console di programmazione. REF: si accende quando viene selezionata una sorgente di riferimento della frequenza diversa dalla console di programmazione. ALARM: si accende quando si verifica un errore o viene attivato un allarme. Display dati Visualizza i dati di monitoraggio, i numeri dei parametri e le impostazioni. Modalit operativa (visualizzata nel parte superiore sinistra del display di dati) DRIVE: si accende in modalit inverter. QUICK: si accende in modalit di programmazione rapida. ADV: si accende in modalit di programmazione avanzata. VERIFY: si accende in modalit di verifica. A. TUNE:si accende in modalit di autotuning. Tasti Utilizzati per l'impostazione dei parametri, il monitoraggio, la marcia a impulsi (jog) e l'autotuning.

Fig. 3.1 Nomi dei componenti della console di programmazione e relative funzioni

Tasti della console di programmazione


I nomi e le funzioni dei tasti della console di programmazione sono descritti nella Tabella 3.1.
Tabella 3.1 Funzioni dei tasti Tasto Nome Funzione Consente di attivare alternativamente la modalit di funzionamento dalla console di programmazione (LOCAL) e dal terminale del circuito di controllo (REMOTE). Questo tasto pu essere abilitato o disabilitato impostando il parametro o2-01. Consente di selezionare le modalit.

Tasto LOCAL/REMOTE

Tasto MENU

3-2

Tabella 3.1 Funzioni dei tasti (Continua) Tasto Tasto ESC Nome Funzione Ripristina lo stato precedente alla pressione del tasto ENTER.

Tasto JOG

Attiva il funzionamento a impulsi (jog) quando l'inverter viene azionato dalla console di programmazione. Consentono di selezionare la direzione di rotazione del motore quando l'inverter viene azionato dalla console di programmazione. Definisce la cifra attiva durante la programmazione dei parametri. Funziona inoltre come tasto RESET quando si verifica un errore. Utilizzato per la seleziona delle voci di menu, l'impostazione dei numeri dei parametri e l'incremento dei valori delle impostazioni. Viene inoltre utilizzato per passare alla voce o ai dati successivi. Utilizzato per la seleziona delle voci di menu, l'impostazione dei numeri dei parametri e il decremento dei valori delle impostazioni. Viene inoltre utilizzato per passare alla voce o ai dati precedenti. Premere questo tasto per immettere voci di menu, parametri e valori impostati. Utilizzato anche per passare da uno schermo all'altro. Avvia il funzionamento dell'inverter quando quest'ultimo viene azionato dalla console di programmazione. Interrompe il funzionamento dell'inverter. Questo tasto pu essere abilitato o disabilitato quando il funzionamento gestito dal terminale del circuito di controllo impostando il parametro o2-02.

Tasti FWD/REV

Tasto Shift/RESET

Tasto di incremento

Tasto di decremento

Tasto ENTER

Tasto RUN

Tasto STOP

* Tranne che negli schemi, con tasto si fa riferimento ai nomi riportati nella precedente tabella.

Sulla console di programmazione, nella parte superiore sinistra rispetto ai tasti RUN e STOP, sono presenti delle spie che lampeggiano o si accendono a luce fissa per indicare i diversi stati operativi. Ad esempio, durante l'eccitazione iniziale o la frenatura c.c., la spia del tasto RUN lampeggia e quella del tasto STOP accesa. Nella Fig. 3.2 indicato il rapporto esistente tra le spie dei tasti RUN e STOP e lo stato dell'inverter.

Frequenza uscita inverter Impostazione frequenza

Accesa

Lampeggiante

Spenta

Fig. 3.2 Spie dei tasti RUN e STOP

3-3

Modalit
Questa sezione descrive le modalit dell'inverter e la procedura da seguire per attivarle.

Modalit dell'inverter
Una modalit raggruppa una serie di funzioni di monitoraggio e di parametri dell'inverter per semplificarne la lettura e l'impostazione. Le modalit disponibili sull'inverter sono 5. Le 5 modalit e le funzioni principali in essa incluse sono riportate nella Tabella 3.2.
Tabella 3.2 Modalit Modalit Modalit inverter Funzioni principali Utilizzare questa modalit per avviare/arrestare l'inverter, per monitorare valori quali riferimenti di frequenza e corrente di uscita, nonch per visualizzare dati relativi agli errori o allo storico degli errori. Utilizzare questa modalit per leggere ed impostare i parametri di base. Utilizzare questa modalit per accedere a e impostare tutti i parametri. Utilizzare questa modalit per leggere/impostare i parametri modificati rispetto ai valori predefiniti. Utilizzare questa modalit per attivare un motore di cui non si conoscono i dati per le modalit di controllo vettoriale affinch i dati del motore vengano misurati/ calcolati e impostati automaticamente. Questa modalit pu essere utilizzata anche per misurare solo la resistenza da linea a linea del motore.

Modalit di programmazione veloce Modalit di programmazione avanzata Modalit di verifica

Modalit di autotuning*

* Eseguire sempre l'autotuning con il motore prima di attivare le modalit di controllo vettoriale.

3-4

Attivazione delle modalit


Il display di selezione della modalit viene visualizzato alla pressione del tasto MENU. Utilizzare il tasto MENU da tale display per passare da una modalit all'altra in sequenza. Premere il tasto ENTER per attivare una modalit e passare dal display di monitoraggio a quello di impostazione.
Display all'avvio
-DRIVE-

Frequency Ref

Rdy

U1 - 01=50.00Hz
U1-02=50.00Hz U1-03=10.05A

Display di selezione modalit

MENU

Display di monitoraggio

Display di impostazione

-DRIVE-

-DRIVE-

** Main Menu ** Operation


ESC MENU

Monitor

Rdy

RESET

-DRIVE-

Frequency Ref

Rdy

-DRIVE-

Frequency Ref

Rdy

U1 - 01=50.00Hz
U1-02=50.00Hz U1-03=10.05A
ESC

U1- 01=50.00Hz
U1-02=50.00Hz U1-03=10.05A
ESC

U1 - 01 = 050.00Hz
(0.00 ~ 50.00) " 00.00Hz "

-QUICK-

-QUICK-

-QUICK-

** Main Menu ** Quick Setting


ESC MENU

Control Method A1-02=2 *2* Open Loop Vector


ESC

Control Method A1-02= 2 *2* Open Loop Vector

-ADV-

-ADV-

** Main Menu ** Programming


ESC MENU

Initialization

RESET

-ADV-

-ADV-

A1 - 00=1
Select Language
ESC

Select Language A1- 00 =0 *1* English


ESC

Select Language A1-00 = 0 *1* English

-VERIFY-

-VERIFY-

** Main Menu ** Modified Consts


ESC MENU

None Modified

Il numero della costante viene visualizzato se la costante stata modificata. Premere il tasto ENTER per confermare la modifica.

-A.TUNE-

-A.TUNE-

** Main Menu ** Auto-Tuning


ESC

Tuning Mode Sel T1 01=0 1 *0*


Standard Tuning "0"
ESC

-A.TUNE-

Tuning Mode Sel T1 01= 0 *0*


Standard Tuning "0"

Fig. 3.3 Passaggi di modalit

IMPORTANTE

Per azionare l'inverter dopo aver visualizzato/modificato dei parametri, premere il tasto MENU e il tasto ENTER in sequenza per attivare la modalit inverter. Il comando di marcia non viene accettato in nessun'altra modalit.

3-5

Modalit inverter
Si tratta della modalit in cui possibile azionare l'inverter. In questa modalit possibile visualizzare tutti i parametri di monitoraggio (U1), le informazioni sugli errori e lo storico degli errori. Quando b1-01 (frequenza di riferimento) impostato su 0, possibile modificare la frequenza dal display di impostazione della frequenza utilizzando i tasti di incremento, decremento e Shift/RESET. Il parametro viene scritto e viene nuovamente visualizzato il display di monitoraggio.

Esempio di funzionamento
La figura seguente mostra un esempio relativo alle funzioni dei tasti in modalit inverter.
Display all'avvio
-DRIVE-

Frequency Ref

Rdy

U1- 01 =50.00Hz
U1-02=50.00Hz U1-03=10.05A

Display di selezione modalit

MENU

Display di monitoraggio A B
Rdy
RESET

Display di impostazione della frequenza 1


-DRIVE-

2
Rdy -DRIVE-

-DRIVE-

-DRIVE-

** Main Menu ** Operation


ESC MENU

Monitor

Frequency Ref

Frequency Ref

Rdy

U1 - 01=50.00Hz
U1-02=50.00Hz U1-03=10.05A
ESC

U1- 01=50.00Hz
U1-02=50.00Hz U1-03=10.05A
ESC

U1 - 01= 050.00Hz
(0.00 ~ 50.00) " 00.00Hz "

-QUICK-

-DRIVE-

** Main Menu ** Quick Setting

U1 - 02=50.00Hz
U1-03=10.05A U1-04= 2

Monitor

Rdy
RESET

-DRIVE-

U1- 02=50.00Hz
U1-03=10.05A U1-04= 2

Output Freq

Rdy

Il display di impostazione della frequenza non viene visualizzato quando si utilizza un riferimento analogico.

ESC MENU

-DRIVE-ADV-

Monitor

Rdy

RESET

-DRIVE-

FAN Elapsed Time U1-01=50.00Hz U1-02=50.00Hz

Rdy

** Main Menu ** Programming

U1 - 40 = 10H
U1-01=50.00Hz U1-02=50.00Hz
ESC

U1- 40 = 10H

1
MENU

2 4
Rdy

Verr visualizzato il nome dell'errore se si preme il tasto ENTER mentre visualizzata una costante per la quale stato emesso un codice di errore.

3
-VERIFY-

** Main Menu ** Modified Consts

-DRIVE-

Fault Trace

Rdy

RESET

-DRIVE-

Current Fault

U2 - 01= OC
U2-02= OV U2-03=50.00Hz
ESC

U2 - 0 1 = OC
U2-02=OV U2-03=50.00Hz
ESC

U2 - 01 = OC Over Current

MENU

-A.TUNE-

** Main Menu ** Auto-Tuning

-DRIVE-

Fault Trace

Rdy

RESET

-DRIVE-

Last Fault

Rdy

Rdy

U2 - 02 = OV
U3-03=50.00Hz U3-04=50.00Hz
ESC

U2 - 02 = OV
U3-03=50.00Hz U3-04=50.00Hz
ESC

U2 - 02 = OV DC Bus Overvolt

3 5
-DRIVE-

4 5
Rdy

Fault History U3-02= OV U3-03= OH

Rdy

RESET

-DRIVE-

Last Fault

U3 - 01= OC
ESC

U3 - 0 1 = OC
U3-02=OV U3-03=OH
ESC

U3 - 01 = OC Over Current

Rdy

-DRIVE-

Fault Message 2 U3-03= OH U3-04= UV

Rdy

RESET

-DRIVE-

U3 - 02 = OV
ESC

Fault Message 2 U3-03= OH U3-04= UV

Rdy

U3 - 02 = OV
ESC

Rdy

U3 - 02 = OV

DC Bus Overvolt

5 A B

Fig. 3.4 Funzionamento in modalit inverter

3-6

Nota: 1. Quando si cambia display tramite i tasti di incremento/decremento, il display successivo a quello per l'ultimo numero di parametro sar quello relativo al primo numero di parametro e viceversa. Ad esempio, il display successivo a quello per U1-01 sar U1-40, come indicato nella figura dalle lettere A e B e dai numeri da 1 a 6. 2. All'accensione viene visualizzato il display per il primo parametro di monitoraggio (frequenza di riferimento). Il parametro di monitoraggio visualizzato all'avvio pu essere impostato in o1-02 (selezione monitoraggio dopo l'accensione). Il funzionamento non pu essere avviato dal display di selezione della modalit.

Modalit di programmazione veloce


In modalit di programmazione veloce possibile monitorare e impostare i parametri di base necessari per il funzionamento di prova dell'inverter. I parametri possono essere modificati dai display delle impostazioni. Per modificare la frequenza, utilizzare i tasti di incremento, decremento e Shift/RESET. Dopo aver confermato la modifica dell'impostazione premendo il tasto ENTER, il parametro verr scritto e verr ripristinato il display di monitoraggio. Per ulteriori informazioni sui parametri visualizzati in modalit di programmazione veloce, consultare il Capitolo 5 Parametri utente.

Esempio di funzionamento
La figura seguente mostra un esempio relativo al funzionamento dei tasti in modalit di programmazione veloce.
Mode Selection Display
MENU

Monitor Display

Setting Display

-DRIVE-

** Main Menu ** Operation

A
MENU

-QUICK-

-QUICK-

-QUICK-

** Main Menu ** Quick Setting


ESC MENU

Control Method A1-02=2 *2* Open Loop Vector


ESC

Control Method A1-02= 2 *2* Open Loop Vector

-QUICK-

-ADV-

** Main Menu ** Programming

Reference Source b1-01=1 *1* Terminals


ESC

-QUICK-

Reference Source b1-01= 1 *1* Terminals


-QUICK-

-QUICKMENU

-VERIFY-

Run Source b1-02=1 *1* Terminals


ESC

Run Source Terminals

b1-02= 1 *1*

** Main Menu ** Modified Consts


-QUICKMENU

Terminal AM Gain

-QUICK-

H4-05 =

-A.TUNE-

** Main Menu ** Auto-Tuning

(0.0 ~ 1000.0) 50.0%

50%

H4-05 = 0050.0%
ESC

Terminal AM Gain
(0.0 ~ 1000.0) 50.0%

-QUICK-

-QUICK-

MOL Fault Select L1-01=1 *1* Std Fan Cooled


ESC

MOL Fault Select L1-01= 1 *1* Std Fan Cooled

-QUICK-

StallP Decel Sel L3-04=1 *1* Enabled


ESC

-QUICK-

StallP Decel Sel L3-04= 1 *1* Enabled

Fig. 3.5 Funzionamento in modalit di programmazione veloce

3-7

Modalit di programmazione avanzata


In modalit di programmazione avanzata possibile impostare e monitorare tutti i parametri dell'inverter. I parametri possono essere modificati dai display delle impostazioni utilizzando i tasti di incremento, decremento e Shift/RESET. Dopo aver confermato la modifica dell'impostazione premendo il tasto ENTER, il parametro verr memorizzato e verr ripristinato il display di monitoraggio. Per ulteriori informazioni sui parametri consultare il Capitolo 5 Parametri utente.

Esempio di funzionamento
La figura seguente mostra un esempio relativo al funzionamento dei tasti in modalit di programmazione avanzata.

Mode Selection Display A


-ADV-ADV-

Monitor Display B 1
-ADV-

Setting Display 2
-ADV-

** Main Menu ** Programming


ESC MENU

Initialization

RESET

Select Language

A1-00=1

ESC

Select Language A1- 00 =0 *1* English

ESC

Select Language A1- 00= 0 *1* English

-ADV-VERIFY-

** Main Menu ** Modified Consts


MENU

Initialization

RESET

Control Method

A1- 02 =2

ESC

Control Method A1- 02 =2 *2* Open Loop Vector

-ADV-

ESC

Control Method A1- 02= 2 *2* Open Loop Vector

-ADV-

1 3
-ADVRESET

2 4
-ADV-

-A.TUNE-

** Main Menu ** Auto-Tuning


MENU

PID Control

-ADV-

PID Mode Disabled

PID Mode Disabled

b5-01=0

PID Mode

b5- 01 =0 *0*
ESC ESC

b5-01= 0 *0*

-DRIVE-

** Main Menu **

Operation
MENU

-ADV-

PID Control

RESET

-ADV-

b5 - 14= 1.0Sec
Fb los Det Time
ESC

b5- 14 =1.0Sec
(0.0 ~ 25.5) 1.0 sec
ESC

Fb los Det Time

-ADV-

b5-14= 01.0Sec
(0.0 ~ 1000.0) 50.0%

Fb los Det Time

-QUICK-

3 5
-ADVRESET

4 6
-ADV-

** Main Menu ** Quick Setting


MENU

-ADV-

Torque Limit

Fwd Torque Limit

Fwd Torque Limit

L7-01=200%

L7- 01= 200%


(0 ~ 300) 200%

Fwd Torque Limit

L7-01= 2 00%
(0 ~ 300) 200%

ESC

ESC

-ADV-

L7- 04= 200%


Fwd Torque Limit
ESC

Torque Limit

RESET

-ADV-

Fwd Torque Limit

L7- 04= 200%


(0 ~ 300) 200%

Torq Lmt Rev Rgn

-ADV-

L7-04= 2 00%
(0 ~ 300) 200%

ESC

Fig. 3.6 Funzionamento in modalit di programmazione avanzata

3-8

Impostazione parametri
Di seguito riportata la procedura per modificare il parametro C1-01 (tempo di accelerazione 1) da 10 s a 20 s.
Tabella 3.3 Impostazione di parametri in modalit di programmazione avanzata N. pass o 1 Display della console di programmazione
-DRIVERdy

Descrizione

Frequency Ref

U1 - 01=50.00Hz
U1-02=50.00Hz U1-03=10.05A
-DRIVE-

Accensione.

** Main Menu ** Operation


-QUICK-

** Main Menu ** Quick Setting

Premere il tasto MENU tre volte per passare alla modalit di programmazione avanzata.

-ADV-

** Main Menu ** Programming

-ADV-

Initialization

A1-00=1
Select Language
-ADV-

Premere il tasto ENTER per accedere al display di monitoraggio.

Accel / Decel C1-00 = 10.0sec Accel Time 1

Premere il tasto di incremento o decremento fino a visualizzare il parametro C1-01 (tempo di accelerazione 1).

Accel Time 1 C1-01 = 0 010.0sec

-ADV-

(0.0 ~ 6000.0) "10.0 sec"

Premere il tasto ENTER per accedere al display di impostazione in cui verr visualizzato il valore di impostazione corrente del parametro C1-01.

Accel Time 1 C1-01 = 00 0 10.0sec

-ADV-

(0.0 ~ 6000.0) "10.0 sec"

Premere il tasto Shift/RESET per spostare la cifra lampeggiante verso destra.

Accel Time 1 C1-01 = 001 1 0.0sec

-ADV-

(0.0 ~ 6000.0) "10.0 sec"

Premere il tasto di incremento per impostare il valore su 20,00 s.

10

Accel Time 1 C1-01 = 001 2 0.0sec

-ADV-

(0.0 ~ 6000.0) "10.0 sec"

Premere il tasto ENTER per memorizzare il valore impostato.

-ADV-

11

Entry Accepted

Dopo la pressione del tasto ENTER, per circa 1 secondo sul display appare un messaggio che conferma l'accettazione del valore immesso.

12

Accel Time 1 C1-01 20.0sec 01 =

-ADV-

(0.0 ~ 6000.0) "10.0 sec"

Viene quindi nuovamente visualizzato il display di monitoraggio per il parametro C1-01.

3-9

Modalit di verifica
La modalit di verifica consente di visualizzare i parametri che sono stati modificati rispetto alle impostazioni predefinite in una modalit di programmazione o mediante autotuning. Se non stata modificata nessuna impostazione, viene visualizzata l'indicazione None Il parametro A1-02 il solo parametro del gruppo A1che viene visualizzato nell'elenco delle costanti modificate se stato alterato in precedenza. Gli altri parametri non verranno visualizzati, anche se sono diversi dai valori predefiniti. Per modificare le impostazioni in modalit di verifica possibile utilizzare le stesse procedure descritte per le modalit di programmazione. Per modificare un'impostazione, utilizzare i tasti di incremento, decremento e Shift/RESET. Alla pressione del tasto ENTER l'impostazione del parametro viene scritta e viene nuovamente visualizzato il display di monitoraggio.

Esempio di funzionamento
Nell'esempio riportato di seguito le impostazioni dei seguenti parametri vengono modificate rispetto a quelle predefinite:
b1-01 (selezione frequenza di riferimento) C1-01 (tempo di accelerazione 1) E1-01 (impostazione tensione di ingresso) E2-01 (corrente nominale del motore)
Mode Selection Display Monitor Display Setting Display

MENU

-ADV-

** Main Menu ** Programming

A
MENU

-VERIFY-

-VERIFY-

** Main Menu ** Modified Consts


ESC MENU

Reference Source b1-01=0 *0* Terminals


"1"
ESC

-VERIFY-

Reference Source b1-01= 0 *0* Terminals


"1"

-VERIFY-A.TUNE-

** Main Menu ** Auto-Tuning

C1-01=200.0sec
(0.0 ~ 6000.0) "10.0sec"
ESC

Accel Time 1

-VERIFY-

C1-01= 0 200.0sec
(0.0 ~ 6000.0) "10.0sec"

Accel Time 1

-VERIFYMENU

E1-01=190VAC
(155~255) "200VAC"
ESC

Input Voltage

-VERIFY-

E1-01= 190VAC
(155~255) "200VAC"

Input Voltage

-DRIVE-

** Main Menu ** Operation


MENU

-VERIFY-

Motor Rated FLA

-VERIFY-

E2-01=

(0.32~6.40) "1.90A"

2.00A
ESC

E2-01= 2.00A
(0.32~6.40) "1.90A"

Motor Rated FLA

-QUICK-

** Main Menu ** Quick Setting


MENU

Fig. 3.7 Funzionamento in modalit di verifica

3-10

Modalit di autotuning
L'autotuning misura e imposta automaticamente i dati del motore necessari per ottenere le massime prestazioni. Eseguire sempre l'autotuning prima di attivare il funzionamento in modalit di controllo vettoriale. Se si seleziona la modalit di controllo V/f, possibile attivare solo l'autotuning stazionario per la resistenza da linea a linea. Quando il motore non pu essere scollegato dal carico e si deve utilizzare il metodo di controllo vettoriale ad anello aperto o chiuso, eseguire l'autotuning stazionario.

Esempio di funzionamento
Immettere la potenza di uscita nominale del motore (in kW), la tensione nominale, la corrente nominale, la frequenza nominale, la velocit nominale e il numero di poli specificati sulla targhetta del motore, quindi premere il tasto RUN. Il motore viene azionato automaticamente e i dati del motore misurati vengono impostati nei parametri E2. Impostare sempre i parametri sopra menzionati, altrimenti non sar possibile attivare l'autotuning. Ad esempio, l'autotuning non potr essere attivato dal display della tensione nominale del motore. I parametri possono essere modificati dai display delle impostazioni utilizzando i tasti di incremento, decremento e Shift/RESET. Il parametro verr memorizzato alla pressione del tasto ENTER.

3-11

Il seguente esempio mostra la procedura di attivazione dell'autotuning rotante standard per il controllo vettoriale ad anello aperto.
Display di selezione modalit Display di monitoraggio Display di impostazione

MENU

-VERIFY-

** Main Menu ** Modified Consts

MENU

-A.TUNE-

-A.TUNE-

-A.TUNE-

** Main Menu ** Auto-Tuning


ESC MENU

Tuning Mode Sel T1 - 01 =0 *0*


Standard Tuning
"0"
ESC

Tuning Mode Sel T1 - 01 = 0 *0*


Standard Tuning
"0"

-A.TUNE-DRIVE-

-A.TUNE-

** Main Menu ** Operation

Mtr Rated Power T1 - 02 = 0.40kW


(0.00~650.00)
"0.40kW"
ESC

Mtr Rated Power T1 - 01 = 0 00.40kW


(0.00~650.00)
"0.40kW"

MENU

-A.TUNE-

Rated Voltage T1 - 03 = 200.0VAC


(0.0~255.0)
"200.0VAC"
ESC

-A.TUNE-

Rated Voltage T1 - 03 = 200.0VAC


(0.0~255.0)
"200.0VAC"

-QUICK-

** Main Menu ** Quick Setting

-A.TUNEMENU

-A.TUNE-

Rated Current T1 - 04 = 1.90A


(0.32~6.40)
"1.90A"
ESC

Rated Current T1 - 04 = 001.90A


(0.32~6.40)
"1.90A"

-ADV-

** Main Menu ** Programming


MENU

-A.TUNE-

Rated Frequency T1 - 05 = 50.0Hz


(0.0~400.0) "50.0Hz"
ESC

-A.TUNE-

Rated Frequency T1 - 05 = 050.0Hz


(0.0~400.0) "50.0Hz"

-A.TUNE-

Number of Poles T1 - 06 = 4
(2~48) "4"

-A.TUNE-

Number of Poles T1 - 06 = 4
(2~48) "4"

-A.TUNE-

Rated Speed T1 - 07 = 1750RPM


(0~24000) "1750"
ESC

Rated Speed T1 - 07 = 01750RPM


(0~24000) "1750"

-A.TUNE-

-A.TUNE-

Tune Proceeding GOAL

40.0Hz/10.5A
START

-A.TUNE-

Auto-Tuning

Rdy

RUN

-A.TUNE-

Tune Proceeding GOAL


STOP

-A.TUNE-

Tune Proceeding Tune Successful

Tuning Ready? Press RUN key

0.0Hz/0.0A

40.0Hz/10.5A
START

Il display cambier automaticamente a seconda dello stato dell'autotuning.

-A.TUNE-

-A.TUNE-

Tune Aborted STOP key

Tune Successful

Fig. 3.8 Funzionamento in modalit di autotuning

In caso di errore durante l'autotuning, consultare il Capitolo 7 Soluzione dei problemi.

3-12

Test di funzionamento
Questo capitolo descrive le procedure da seguire per effettuare il test di funzionamento dell'inverter e ne fornisce un esempio.

Procedura per il test di funzionamento ..................................4-2 Test di funzionamento............................................................4-3 Suggerimenti di regolazione ................................................4-14

Procedura per il test di funzionamento


Eseguire il test di funzionamento in base a quanto indicato nel diagramma seguente. Al momento dell'impostazione dei parametri di base, impostare sempre C6-01 (selezione carico di lavoro normale/pesante) in base all'applicazione.
INIZIO

Installazione

Cablaggio Posizionare il ponticello della tensione di alimentazione Accendere l'unit *1

Confermare stato

Selezionare il metodo di funzionamento

Impostazioni di base (modalit di programmazione veloce) NO Controllo V/f? S S PG? NO Controllo V/f Impostare E1-03 Impostazione V/f predefinita: 200 V/50 Hz (400 V/50 Hz) Impostare E1-03, E2-04 ed F1-01 Impostazione V/f predefinita: 200 V/50 Hz *2 (400 V/50 Hz) Controllo V/f con PG (A1-02=1) Controllo vettoriale (A1-02 = 2 o 3)*5

Impostazioni in base alla modalit di controllo

Funzionamento del motore durante l'autotuning consentito? *3 S Autotuning non rotante per resistenza da linea a linea *4 Autotuning rotante

NO

*6

Autotuning non rotante

*6

Impostazioni per l'applicazione (modalit di programmazione avanzata) Funzionamento a vuoto Funzionamento con carico Regolazioni di ottimizzazione e impostazioni dei parametri

Verificare/Memorizzare i parametri FINE

1. Impostazione per inverter di classe 400 V da 75 kW o superiori. 2. Se esiste un ingranaggio di riduzione tra il motore e il generatore di impulsi, impostare il coefficiente di riduzione nei parametri F1-12 ed F1-13 nella modalit di programmazione avanzata. 3. Utilizzare l'autotuning rotante per migliorare la precisione di sintonizzazione ogni volta che il motore pronto per essere azionato. 4. Se per il motore si utilizza un cavo di lunghezza pari o superiore a 50 m per l'installazione corrente, eseguire l'autotuning non rotante per resistenza da linea a linea solo sul sistema locale. 5. La modalit di controllo predefinita Vettore ad anello aperto (A1-02=2). 6. Se la frequenza di uscita massima e la frequenza base sono differenti, impostare la frequenza di uscita massima (E1-04) dopo l'autotuning.

Fig. 4.1 Diagramma per il test di funzionamento

4-2

Test di funzionamento
Tipo di applicazione
Per applicazioni con caratteristiche di coppia quadratica, quali pompe, ventole o compressori, impostare C6-01 (selezione carico di lavoro normale/pesante) su 1 o 2, selezionando la modalit di carico di lavoro normale (1 o 2) in base alla capacit di sovraccarico richiesta. Per applicazioni con caratteristiche di coppia costante, quali nastri trasportatori, impostare sempre C6-01 su 0 (Carico di lavoro pesante). L'impostazione predefinita di C6-01 0 (Carico di lavoro pesante). Per informazioni dettagliate sulla selezione di carico di lavoro normale/pesante, fare riferimento al Capitolo 6 Applicazione e selezioni per il sovraccarico.

Installazione del cavo di accoppiamento (inverter di classe 400 V da 75 kW o superiore)


Il cavo di accoppiamento deve essere utilizzato per inverter di classe 400 V da 75 kW o superiori. Inserire il cavo di accoppiamento nel connettore con il valore pi vicino alla tensione effettiva di alimentazione. Come impostazione di fabbrica il cavo viene inserito nella posizione 440 V. Se la tensione di alimentazione non corrisponde a 440 V, possibile modificare l'impostazione utilizzando la procedura riportata di seguito. 1. Disattivare l'alimentazione e attendere almeno 5 minuti. 2. Verificare che la spia CHARGE sia spenta. 3. Rimuovere il coperchio dei terminali. 4. Inserire il cavo di accoppiamento nel connettore appropriato per la tensione dell'inverter (vedere la Fig. 4.2). 5. Reinstallare il coperchio dei terminali.

Connettore

Alimentazione di classe 200 V Alimentazione di classe 400 V Terminali di ingresso alimentazione

Cavo (posizione predefinita di fabbrica) Spia CHARGE

Fig. 4.2 Collegamenti per inverter ad alta capacit

4-3

Accensione
Effettuare i controlli riportati di seguito, quindi accendere il sistema.
Verificare che la tensione di alimentazione sia appropriata.

Classe 200 V: trifase, 200...240 Vc.c., 50/60 Hz Classe 400 V: trifase, 380...480 Vc.c., 50/60 Hz
Verificare che i terminali di uscita (U, V, W) siano collegati correttamente al motore. Verificare che il terminale del circuito di controllo e il dispositivo di controllo siano collegati

correttamente.
Impostare tutti i terminali del circuito di controllo su OFF. Accertarsi di collegare correttamente la scheda di controllo della velocit PG, se installata.

Controllo dello stato del display


A seguito di una accensione normale e priva di problemi, il display appare come illustrato di seguito.

-DRIVE-

Display per il funzionamento standard

Frequency Ref

Rdy

U1- 01=50.00Hz
U1-02=50.00Hz U1-03=10.05A

Il monitoraggio della frequenza di riferimento viene visualizzato sul display dati.

Se invece si verificato un errore, il display visualizzer i dettagli relativi all'errore. In questo caso, fare riferimento al Capitolo 7 Soluzione dei problemi. Di seguito illustrato un esempio di display in caso di errore.
-DRIVE-

Display in caso di errore

UV
DC Bus Undervolt Sottotens.DC bus

Il messaggio visualizzato sul display varier in base al tipo di errore. A sinistra illustrato il display per un allarme di bassa tensione.

4-4

Impostazioni di base
Attivare la modalit di programmazione veloce (sul display LCD viene visualizzata la dicitura "QUICK"), quindi impostare i parametri riportati di seguito. Fare riferimento al Capitolo 3 Console di programmazione e modalit per le procedure relative al funzionamento della console di programmazione e al Capitolo 5 Parametri utente e al Capitolo 6 Impostazione dei parametri in base alla funzione per informazioni dettagliate sui parametri.
Tabella 4.1 Impostazioni di base dei parametri
: deve essere impostato. : impostare secondo necessit.

Numero Classe del parametro

Nome

Descrizione Imposta il metodo di controllo per l'inverter. 0: Controllo V/f 1: Controllo V/fcon PG 2: Controllo vettoriale ad anello aperto 3: Controllo vettore ad anello chiuso Imposta il metodo di ingresso per la frequenza di riferimento. 0: Console di programmazione 1: Terminale del circuito di controllo (ingresso analogico) 2: Comunicazione MEMOBUS 3: Scheda accessoria 4: Ingresso a treno di impulsi Imposta il metodo di ingresso del comando di marcia. 0: Console di programmazione 1: Terminale del circuito di controllo (ingresso digitale) 2: Comunicazione MEMOBUS 3: Scheda accessoria Seleziona il metodo di arresto quando viene inviato il comando di arresto. 0: Arresto per decelerazione 1: Arresto per inerzia 2: Arresto con frenatura c.c. 3: Arresto per inerzia con temporizzatore Imposta il tempo di accelerazione in secondi affinch la frequenza di uscita passi dallo 0% al 100%. Imposta il tempo di decelerazione in secondi affinch la frequenza di uscita passi dal 100% allo 0%. Imposta un carico di lavoro pesante o normale in base al requisito dell'applicazione. 0: Carico di lavoro pesante 1: Carico di lavoro normale 1 2: Carico di lavoro normale 2 Imposta la frequenza portante. L'impostazione di fabbrica e la gamma di impostazione dipendono dall'impostazione del parametro C6-01.

Gamma di impostazione

Impostazione di fabbrica

Pagina

A1-02

Selezione metodo di controllo

0...3

5-7

b1-01

Selezione frequenza di riferimento

0...4

5-9 6-7 6-64 6-82

b1-02

Selezione metodo di funzionamento

0...3

5-9 6-12 6-64 6-82

b1-03

Selezione metodo di arresto

0...3

5-9 6-14

C1-01

Tempo di accelerazione 1 Tempo di decelerazione 1

0,0...6000,0

10,0 s

5-19 6-19 5-19 6-19

C1-02

0,0...6000,0

10,0 s

C6-01

Selezione carico di lavoro normale/pesante

0o2

5-24 6-2

C6-02

Selezione frequenza portante

0...F

Dipende dall'impost azione di C6-01.

5-24

4-5

Tabella 4.1 Impostazioni di base dei parametri (Continua)


: deve essere impostato. : impostare secondo necessit.

Numero Classe del parametro d101...d116 e d117

Nome

Descrizione

Gamma di impostazione

Frequenze di Imposta le velocit di riferimento riferimento da 1 a necessarie per il funzionamento a 16 e frequenza di velocit multipla o il jog. riferimento di jog

0...150,00 Hz *

E1-01

Impostazione tensione di ingresso

Imposta la tensione di ingresso nominale dell'inverter in volt.

155...255 V (classe 200 V) 310...510 V (classe 400 V)

E2-01

Corrente nominale del motore

Imposta la corrente nominale del motore.

10%...200% della corrente nominale dell'inverter

H4-02 e H4-05

L1-01

L3-04

Pu essere utilizzato per regolare l'uscita analogica quando uno 0,0...1000,0% strumento collegato al terminale FM o AM. Utilizzato per abilitare o disabilitare la funzione di protezione da sovraccarico del motore. 0: Disabilitata Selezione 1: Protezione per motore ad uso 0...3 protezione del generico (ventilato) motore 2: Protezione per motore inverter (raffreddato esternamente) 3: Protezione per motore speciale per il controllo vettoriale Quando si utilizza un'opzione di frenatura dinamica (resistenza di Selezione frenatura, moduli resistenza di prevenzione dello 0...3 frenatura e moduli di frenatura), stallo durante la accertarsi di impostare il parametro L3decelerazione 04 su 0 (disabilitato) o su 3 (abilitato con resistenza di frenatura). Guadagno uscita AM e FM

Impostazione di Pagina fabbrica d1-01...d116: 0,00 5-25 Hz 6-10 d1-17: 6,00 Hz 200 V (classe 200 5-30 V) 6-110 400 V (classe 400 V) Impostazio ne per un motore ad 5-31 uso 6-48 generico della stessa 6-108 capacit dell'inverte r. H4-02: 100% 5-47 H4-05: 50%

5-50 6-48

5-53 6-24

* La gamma di impostazione valida se selezionato un carico di lavoro pesante (C6-01=0, impostazione predefinita). Se selezionato un carico di lavoro normale 1 o 2 (C6-01=1 o 2), la gamma di impostazione sar compresa tra 0,0 e 400,0 Hz.

4-6

Impostazioni per i metodi di controllo


I metodi di autotuning disponibili dipendono dal metodo di controllo impostato per l'inverter.

Informazioni generali sulle impostazioni


Selezionare le impostazioni necessarie nella modalit di programmazione veloce e di autotuning in base alla Fig. 4.1.

Impostazione del metodo di controllo


Selezionare la modalit di controllo appropriata per l'applicazione. La Tabella 4.2 mostra le propriet principali di ciascuna modalit di controllo.
Tabella 4.2 Propriet delle modalit di controllo Modalit di controllo Controllo V/f Impostazione parametro A1-02 = 0 Controllo di base Controllo del rapporto tensione/ frequenza fisso Controllo del rapporto tensione/ frequenza con compensazione della velocit utilizzando un generatore di impulsi Applicazioni principali Controllo di velocit variabile, in particolar modo il controllo di pi motori con un inverter e sostituendo inverter esistenti Applicazioni che richiedono controllo della velocit ad alta precisione utilizzando un generatore di impulsi dal lato macchina Controllo variabile della velocit, applicazioni che richiedono precisione di velocit e coppia Controllo a elevatissime prestazioni con un generatore di impulsi (semplici servoazionamenti, controllo della velocit ad alta precisione, controllo della coppia e limitazione della coppia)

Controllo V/f con PG A1-02 = 1

Comando vettore ad anello aperto

A1-02 = 2 Controllo vettoriale della corrente (impostazione di senza un generatore di impulsi fabbrica)

Comando vettoriale ad anello chiuso

A1-02 = 3

Controllo vettoriale ad anello chiuso

Nota Con controllo vettoriale ad anello aperto o chiuso, il motore e l'inverter devono essere collegati 1:1. Per garantire un controllo stabile la capacit del motore deve essere compresa tra il 50% e il 100% della capacit degli inverter.

Controllo V/f senza PG (A1-02 = 0)


Impostare una delle configurazioni V/f fisse (E1-03=0...E) oppure specificare una configurazione V/f

impostata dall'utente (E1-03=F) in base alle caratteristiche relative al carico e al motore utilizzando l'intervallo da E1-04 a E1-13 nella modalit di programmazione avanzata. Funzionamento standard di un motore ad uso generico a 50 Hz: Funzionamento standard di un motore ad uso generico a 60 Hz: E1-03 = 0 o F (predefinito) Se E1-03 = F, l'impostazione predefinita nella configurazione utente nell'intervallo da E1-04 a E1-13 per 00 Hz E1-03 = 1

Se per il motore si utilizza un cavo di lunghezza pari o superiore a 50 m per l'installazione corrente oppure

se il carico talmente pesante da generare lo stallo del motore, eseguire l'autotuning non rotante per resistenza da linea a linea. Per informazioni dettagliate sull'autotuning non rotante, fare riferimento alla sezione Autotuning. Controllo V/f con PG (A1-02=1) In aggiunta alle impostazioni per il controllo V/f senza PG, necessario eseguire le seguenti impostazioni:
Impostare il numero di poli del motore in E2-04 (numero di poli del motore). Impostare il numero di impulsi per giro in F1-01 (generatore di impulsi costante). Se esiste un ingranaggio

di riduzione tra il motore e il generatore di impulsi, impostare il coefficiente di riduzione nei parametri F1-12 ed F1-13 nella modalit di programmazione avanzata.

4-7

Controllo vettoriale ad anello aperto (A1-02 = 2) Eseguire sempre l'autotuning. Se il motore pu essere azionato, eseguire l'autotuning rotante. Se il motore non pu essere azionato, eseguire l'autotuning non rotante. Per informazioni dettagliate sull'autotuning, fare riferimento alla sezione Autotuning. Controllo vettoriale ad anello chiuso (A1-02=3) Eseguire sempre l'autotuning. Se il motore pu essere azionato, eseguire l'autotuning rotante. Se il motore non pu essere azionato, eseguire l'autotuning non rotante. Per informazioni dettagliate sull'autotuning, fare riferimento alla sezione Autotuning.

Autotuning
Eseguire l'autotuning per impostare automaticamente i parametri del motore quando si utilizza il controllo vettoriale ad anello aperto o chiuso, se il cavo del motore lungo o quando sono state apportate modifiche all'installazione.

Impostazione della modalit di autotuning


possibile impostare una delle tre seguenti modalit di autotuning:
Autotuning rotante Autotuning non rotante Autotuning non rotante solo per resistenza da linea a linea

Autotuning rotante (T1-01 = 0) L'autotuning rotante utilizzato solo per il controllo vettoriale ad anello aperto e chiuso. Impostare T1-01 su 0, immettere i dati dalla targhetta del motore, quindi premere il tasto RUN sulla console di programmazione. L'inverter far funzionare il motore per circa 1 minuto e imposter automaticamente i parametri del motore richiesti. Autotuning non rotante (T1-01 = 1) L'autotuning non rotante utilizzato solo per il controllo vettoriale ad anello aperto e chiuso. Impostare T1-01 su 1, immettere i dati dalla targhetta del motore, quindi premere il tasto RUN sulla console di programmazione. L'inverter fornir potenza al motore non rotante per circa 1 minuto e imposter automaticamente alcuni dei parametri del motore. I restanti parametri del motore verranno impostati automaticamente durante il funzionamento per la prima volta. Autotuning non rotante per resistenza da linea a linea (T1-01 = 2) L'autotuning non rotante per resistenza da linea a linea pu essere utilizzato con qualsiasi modalit di controllo. Questo l'unico autotuning utilizzabile per il controllo V/f e il controllo V/f con PG. L'autotuning non rotante per resistenza da linea a linea pu essere utilizzato per migliorare le prestazioni quando il cavo del motore lungo, la lunghezza del cavo stata modificata o il motore e l'inverter hanno capacit differenti. Per eseguire l'autotuning con il controllo V/f o il controllo V/f con PG, impostare T1-02 (potenza nominale motore) e T1-04 (corrente nominale motore), quindi premere il tasto RUN sulla console di programmazione. L'inverter fornir potenza al motore non rotante per circa 20 secondi e misurer automaticamente la resistenza da linea a linea del motore e la resistenza del cavo.

4-8

Precauzioni da osservare prima di utilizzare l'autotuning


Accertarsi di rispettare le seguenti precauzioni prima di utilizzare la funzione di autotuning.
L'autotuning di un inverter completamente differente rispetto all'autotuning di un servosistema.

L'autotuning dell'inverter regola automaticamente i parametri in base ai dati del motore rilevati, mentre l'autotuning del servosistema regola i parametri in base al carico rilevato.
Quando richiesta precisione per la velocit o la coppia ad alte velocit (pari o superiore al 90% della

velocit nominale), utilizzare un motore con una tensione nominale inferiore di circa 20 V rispetto alla tensione di alimentazione di ingresso per gli inverter di classe 200 V e di circa 40 V per gli inverter di classe 400 V. Se la tensione nominale del motore corrisponde alla tensione di alimentazione di ingresso, l'uscita di tensione dall'inverter non sar stabile ad alte velocit e non si otterranno prestazioni sufficienti.
Utilizzare l'autotuning non rotante ogni qualvolta il carico non pu essere scollegato dal motore. Utilizzare l'autotuning rotante ogniqualvolta necessaria una precisione elevata oppure per un motore che

non collegato a un carico.


Se si esegue l'autotuning rotante per un motore collegato a un carico, i dati del motore rilevati non saranno

precisi e le prestazioni potrebbero risultare scarse. Non eseguire mai l'autotuning rotante per un motore collegato a un carico.
Se la lunghezza del cablaggio tra l'inverter e il motore viene modificata e risulta pari o superiore a 50 m,

eseguire un autotuning non rotante per resistenza da linea a linea.


Se il cavo del motore lungo (pari o superiore a 50 m), eseguire un autotuning non rotante per resistenza

da linea a linea.
Se si utilizza una frenatura meccanica, accertarsi che non venga aperta per l'autotuning non rotante.

Verificare invece che venga aperta per l'autotuning rotante.


Durante l'autotuning non rotante il motore viene alimentato, anche se non gira. Non toccare il motore fino

al completamento dell'autotuning.
Nella tabella riportata di seguito riportato lo stato degli ingressi e delle uscite multifunzione durante

l'autotuning.
Modalit di sintonizzazione Autotuning rotante Autotuning non rotante Autotuning non rotante per resistenza da linea a linea Ingressi multifunzione Non funzionano Non funzionano Uscite multifunzione Come durante il funzionamento normale. Mantengono lo stato che avevano al momento dell'avvio dell'autotuning. Mantengono lo stato che avevano al momento dell'avvio dell'autotuning.

Non funzionano

Per cancellare l'autotuning premere il tasto STOP sulla console di programmazione.

4-9

Precauzioni da osservare per l'autotuning rotante e non rotante


Se la tensione nominale del motore superiore alla tensione di alimentazione, ridurre il valore di tensione

di base come illustrato nella Fig. 4.3 per evitare la saturazione della tensione di uscita dell'inverter. Attenersi alla seguente procedura per eseguire l'autotuning: 1. Immettere la tensione dei alimentazione in T1-03 (tensione nominale del motore). 2. Immettere i risultati della seguente formula in T1-05 (frequenza base del motore):
T1-03 T1-05 = Frequenza di base riportata sulla targhetta del motore -----------------------------------------------------------------------Tensione nominale del motore

3. Eseguire l'autotuning. Dopo aver completato l'autotuning, impostare E1-04 (frequenza di uscita massima) sulla frequenza base indicata sulla targhetta del motore.
Tensione uscita Outputdi voltage

Tensione nominale Rated voltage riportata sulla from motor targhetta del motore name plate

T1-03

Frequenza di base riportata Base frequency from sulla motor targhetta del plate motore x T1-03 name Tensione nominale riportata Rated voltage from motor sulla targhetta name plate del motore

Frequenza di uscita Output frequency Base frequency Frequenza di base riportata from motor name sulla targhetta del motore plate

Fig. 4.3 Impostazione della frequenza base del motore e della tensione di ingresso dell'inverter Quando richiesta precisione per la velocit ad alte velocit (pari o superiore al 90% della velocit

nominale), impostare T1-03 (tensione nominale del motore) sulla tensione di alimentazione di ingresso 0,9. In questo caso la corrente in uscita aumenter ad alte velocit nel momento in cui viene ridotta la tensione di alimentazione in ingresso. Accertarsi di impostare la corrente dell'inverter con un certo margine.

Precauzioni da osservare dopo l'autotuning rotante e non rotante


Se la frequenza di uscita massima e la frequenza base sono differenti, impostare la frequenza di uscita massima (E1-04) dopo l'autotuning.

4-10

Impostazione dei parametri per l'autotuning


Prima di eseguire l'autotuning, necessario impostare i seguenti parametri.
Tabella 4.3 Impostazioni dei parametri prima dell'autotuning
Numero del parametro Nome Display Display Selezione motore 1/2 T1-00*1 Selezione motore Selezione modalit autotuning Impostare la posizione in cui si desidera memorizzare i dati del motore sul quale stato eseguito l'autotuning. 1: Da E1 a E2 (motore 1) 2: Da E3 a E4 (motore 2) Gamma di impostazione Impostazione di fabbrica Dati visualizzati durante l'autotuning Vetto- VettoV/f riale ad riale ad con V/f anello anello PG aperto chiuso

1o2

T1-01

Impostare la modalit di autotuning. 0: Autotuning rotante 1: Autotuningnon rotante Tuning Mode 2: Autotuning non rotante solo per resistenza da linea a linea Sel Potenza nominale motore Impostare la potenza di uscita del motore in kilowatt.

0...2

2 (V/f e V/f con PG) 0 (vettoriale ad anello aperto)*2

S (solo 2)

S (solo 2)

T1-02

Pot.Nom. Motore Tensione nominale del motore Tensione Nominale Corrente nominale del motore T1-04 Corrente Nominale Frequenza nominale motore Frequenz Nominale Numero di poli del motore Numero di poli Velocit nominale del motore Velocit Nominale Numero di impulsi PG per giro

10%...200% dell'uscita nominale dell'inverter


*3

Uguale all'uscita nominale dell'inverter 200,0 V (classe 200 V) 400,0 V (classe 400 V) Uguale a quella di un motore ad uso generico con la stessa capacit dell'inverter.

T1-03

Impostare la tensione nominale del motore. *4

0...255,0 V (classe 200 V) 0...510,0 V (classe 400 V)

Impostare la corrente nominale del motore in ampere.

10%...200% della corrente nominale dell'inverter*3

T1-05

Impostare la frequenza base del motore. *4

0...150,0 Hz *5

50,0 Hz

T1-06

Impostare il numero di poli del motore.

Da 2 a 48 poli

4 poli

T1-07

Impostare la velocit di base del motore in giri/min.

0...24000

1750 giri/min

T1-08

Imposta il numero di impulsi per il generatore o encoder di impulsi per ogni giro del motore senza un fattore Encoder IMP/ moltiplicativo GIRO

0...60000

1024

* 1. Visualizzato solo se impostato un comando di commutazione del motore per un ingresso multifunzione digitale (uno dei parametri da H1-01 a H1-05 impostato su 16). * 2. Per il controllo V/f e per il controllo V/f con PG consentita solo l'impostazione 2 (autotuning non rotante solo per resistenza da linea a linea). * 3. Per garantire un controllo vettoriale stabile l'impostazione deve essere compresa tra il 50% e il 100%. * 4. La tensione e la frequenza per un motore di un inverter o di un controllo vettoriale possono essere inferiori rispetto a quelle per un motore ad uso generico. Accertarsi sempre di utilizzare l'impostazione indicata sulla targhetta o nei report di verifica. Inoltre, se si conoscono i valori delle impostazioni per il funzionamento a vuoto, impostare la tensione a vuoto in T1-03 e la frequenza a vuoto in T1-05 per una maggiore precisione. * 5. La gamma di impostazione valida se selezionato un carico di lavoro pesante (C6-01=0, impostazione predefinita). Se selezionato un carico di lavoro normale 1 o 2 (C6-01=1 o 2), la gamma di impostazione sar compresa tra 0,0 e 400,0 Hz.

4-11

Impostazioni per l'applicazione


I parametri possono essere impostati in base alle necessit in modalit di programmazione avanzata, ossia con la dicitura "ADV" presente sul display LCD. Tutti i parametri che possono essere impostati in modalit di programmazione veloce vengono visualizzati e possono essere impostati anche in modalit di programmazione avanzata.

Esempi di impostazioni
Di seguito sono riportati esempi di impostazioni per le applicazioni. Quando si utilizza una resistenza di frenatura installata sull'inverter (ERF), impostare L8-01 su 1 per

abilitare la protezione da surriscaldamento per la resistenza di frenatura ERF.


Per evitare che la macchina funzioni all'indietro, impostare b1-04 su 1 per disabilitare la rotazione indietro. Per aumentare del 10% la velocit di un motore a 50 Hz, impostare E1-04 su 55,0 Hz. Per utilizzare un segnale analogico nell'intervallo da 0 a 10 V per un motore a 50 Hz per il funzionamento

a velocit variabile tra 0 e 45 Hz (diminuzione della velocit dallo 0% al 90%), impostare H3-02 sul 90,0%.
Per limitare la gamma di velocit tra il 20% e l'80%, impostare d2-01 su 80,0% e d2-02 su 20,0%.

Funzionamento a vuoto
Questa sezione descrive il test di funzionamento con il motore in assenza di carico, ossia la macchina non collegata al motore. Per evitare guasti causati dal cablaggio del circuito di controllo, si consiglia di utilizzare la modalit LOCAL. Premere il tasto LOCAL/REMOTE sulla console di programmazione per impostare la modalit LOCAL (le spie SEQ e REF sulla console di programmazione devono essere spente). Prima di azionare l'inverter dalla console di programmazione, controllare sempre che siano state adottate le misure di sicurezza appropriate per macchina e motore. Verificare che il motore funzioni normalmente e che sull'inverter non sia visualizzato alcun messaggio di errore. Per le applicazioni in cui la macchina pu essere azionata solo in una direzione, controllare la direzione di rotazione del motore. Il funzionamento con frequenza di riferimento di jog (d1-17, impostazione predefinita 6,00 Hz) pu essere avviato e interrotto premendo e rilasciando il tasto JOG sulla console di programmazione. Se il circuito di controllo esterno non consente il funzionamento dalla console di programmazione, controllare che i circuiti relativi all'arresto di emergenza e i meccanismi di sicurezza della macchina funzionino correttamente, quindi avviare il funzionamento in modalit REMOTE, ovvero con un segnale dal terminale del circuito di controllo. necessario adottare sempre le opportune precauzioni di sicurezza prima di azionare l'inverter e il motore collegato.

NOTA

Per azionare l'inverter, necessario inviare uno dei comandi di marcia (avanti o indietro) e una frequenza di riferimento (o comando multivelocit).

Funzionamento con carico


Collegamento del carico
Dopo aver verificato l'arresto completo del motore, collegare il sistema meccanico. Quando si fissa l'albero del motore sul sistema meccanico, accertarsi di stringere a fondo tutte le viti.

4-12

Funzionamento mediante console di programmazione


Utilizzare la console di programmazione per avviare il funzionamento in modalit LOCAL utilizzando la

stessa procedura descritta per il funzionamento a vuoto.


Accertarsi che il tasto STOP della console di programmazione sia facilmente accessibile, in caso si

verifichino problemi durante il funzionamento.


Impostare dapprima la frequenza di riferimento su una velocit bassa, ad esempio pari a un decimo della

velocit di funzionamento normale.

Controllo dello stato operativo


Dopo aver controllato che la direzione di funzionamento sia corretta e che la macchina funzioni

regolarmente a velocit bassa, possibile aumentare la frequenza di riferimento.


Dopo aver modificato la frequenza di riferimento o la direzione di rotazione, controllare che il motore non

generi vibrazioni o rumori anomali. Verificare sul display di monitoraggio che il parametro U1-03 (corrente di uscita) non sia troppo alto.
In caso di oscillazioni, vibrazioni o altri problemi originati dal sistema di controllo, fare riferimento alla

Tabella 4.4.

Verifica e registrazione dei parametri


Utilizzare la modalit di verifica (dicitura "VERIFY" presente sul display LCD) per controllare i parametri modificati per il test di funzionamento e registrarli in un'apposita tabella. In modalit di verifica verranno inoltre visualizzati tutti i parametri eventualmente modificati dall'autotuning. Se necessario, possibile copiare le impostazioni modificate dall'inverter in un'area di registrazione della console di programmazione utilizzando la funzione di copia nei parametri o3-01 e o3-02 visualizzati in modalit di programmazione avanzata. Le impostazioni salvate nella console di programmazione possono essere copiate nuovamente sull'inverter per velocizzare il ripristino del sistema nel caso in cui sia necessario sostituire l'inverter. inoltre possibile utilizzare le funzioni riportate di seguito per gestire i parametri.
Salvataggio dei valori dei parametri utente iniziali Impostazione dei livelli di accesso ai parametri Impostazione di una password

Salvataggio dei valori dei parametri utente iniziali (o2-03)


Se si imposta o2-03 su 1 dopo aver completato il test di funzionamento, le impostazioni dei parametri

verranno salvate in un'area di memoria separata nell'inverter. Se le impostazioni dell'inverter vengono modificate per qualsiasi motivo, sar possibile inizializzare i parametri utilizzando le impostazioni salvate nell'area di memoria separata impostando A1-03 (Inizializzazione) su 1110.

Livelli di accesso ai parametri (A1-01)


Per fare in modo che non sia possibile modificare i parametri, possibile impostare A1-01 su 0 (solo

monitoraggio). anche possibile impostare A1-01 su 1 (parametri definiti dall'utente) per visualizzare solo i parametri richiesti dalla macchina o dall'applicazione in una modalit di programmazione. Tali parametri possono essere determinati impostando i parametri A2-XX.

Password (A1-04 e A1-05)


Quando impostato il livello di accesso di solo monitoraggio (A1-01 = 0), possibile impostare la

password che deve essere immessa per poter visualizzare i parametri.

4-13

Suggerimenti di regolazione
In caso di vibrazioni, oscillazioni o altri problemi nel sistema di controllo durante il test di funzionamento, modificare i parametri riportati nella seguente tabella in base al metodo di controllo. Questa tabella contiene solo i parametri generalmente pi utilizzati.
Tabella 4.4 Regolazione parametri
Metodo di controllo Nome (numero del parametro) Effetto Impostazione di fabbrica Impostazione consigliata Metodo di modifica

Guadagno di prevenzione delle vibrazioni (N1-02)

Controllo delle oscillazioni e delle vibrazioni a velocit media (10...40 Hz)

1,00

Riduzione dei disturbi magnetici del motore DipenSelezione frequenza por Controllo delle oscil- dente dalla tante capacit lazioni e delle vibra(C6-02) zioni a bassa velocit

Controllo V/f (A1-02 = 0 o 1)

Costante di ritardo del primo ordine della compensazione di coppia (C4-02)

Guadagno compensazione di coppia (C4-01)

Aumento della risposta della velocit e della coppia Controllo delle oscillazioni e delle vibrazioni Miglioramento della coppia a bassa velocit (10 Hz o inferiore) Controllo delle oscillazioni e delle vibrazioni Miglioramento della coppia a bassa velocit Controllo di scosse all'avvio

Dipendente dalla capacit

1,00

Tensione frequenza intermedia di uscita (E1-08) Tensione frequenza minima di uscita (E1-10)

Dipende dalla capacit e dalla tensione

Ridurre il valore se la coppia non sufficiente per carichi pesanti. 0,50...2,00 Aumentare il valore se si verificano oscillazioni o vibrazioni con carichi leggeri. Aumentare il valore in caso di eccessivi disturbi magnetici del motore. 0...predefinito Ridurre il valore se si verificano oscillazioni o vibrazioni a bassa o media velocit. Ridurre il valore se la risposta della velocit o della coppia troppo lenta. 200...1000 ms Aumentare il valore se si verificano oscillazioni o vibrazioni. Aumentare il valore se la coppia non sufficiente a bassa velocit. 0,50...1,50 Ridurre il valore se si verificano oscillazioni o vibrazioni con carichi leggeri. Aumentare il valore se la Dal valore coppia non sufficiente a predefinito al bassa velocit. valore prede- Ridurre il valore se l'entit delle scosse all'avvio elefinito + 5 V* vata. Ridurre il valore se la risposta della velocit o della coppia troppo lenta. Aumentare il valore se si verificano oscillazioni o vibrazioni. Ridurre il valore se la risposta della velocit o della coppia troppo lenta. Aumentare il valore se si verificano oscillazioni o vibrazioni. Ridurre il valore se la risposta della velocit bassa. Aumentare il valore se la velocit non stabile. Aumentare il valore se la risposta della velocit lenta. Ridurre il valore se la velocit troppo alta.

Aumento della risposta della velocit e Guadagno controllo di rilevamento della retroadella coppia zione della velocit Controllo delle oscil(AFR) lazioni e delle vibra(N2-01) zioni a velocit media (10...40 Hz) Aumento della risposta della velocit e Costante di ritardo del Controllo della coppia primo ordine della comvettoriale ad Controllo delle oscilpensazione di coppia anello aperto lazioni e delle vibra(C4-02) (A1-02 = 2) zioni Ritardo del primo ordine Aumento della risposta della velocit della compensazione Miglioramento della allo scorrimento stabilit della velocit (C3-02) Guadagno per la compensazione allo scorrimento (C3-01) Miglioramento della stabilit della velocit

1,00

0,50...2,00

20 ms

20...100 ms

200 ms

100...500 ms

1,0

0,5...1,5

4-14

Tabella 4.4 Regolazione parametri (Continua)


Metodo di controllo Nome (numero del parametro) Effetto Impostazione di fabbrica Impostazione consigliata Metodo di modifica

Riduzione dei disturbi magnetici del motore Dipen Controllo delle oscilSelezione della fredente dalla lazioni e delle vibraquenza portante (C6-02) capacit zioni a bassa velocit Controllo (10 Hz o inferiore) vettoriale ad anello aperto Tensione frequenza (A1-02 = 2) intermedia di uscita Dipende Miglioramento della coppia a bassa velocit dalla capa(E1-08) cit e dalla Controllo di scosse Tensione frequenza tensione all'avvio minima di uscita (E1-10) Guadagno proporzionale ASR 1 (C5-01) e Guadagno proporzionale ASR 2 (C5-03) Risposta della velocit e della coppia Controllo delle oscillazioni e delle vibrazioni Risposta della velocit e della coppia Controllo delle oscillazioni e delle vibrazioni Commutazione del tempo integrale e del guadagno proporzionale ASR in base alla frequenza di uscita

20,00

Tempo integrale ASR 1 (alta velocit) (C5-02) e Tempo integrale ASR 2 (bassa velocit) (C5-04) Controllo vettoriale ad anello chiuso Frequenza di commuta(A1-02 = 3) zione ASR (C5-07)

0,500 s

0,0 Hz

Controllo delle oscillazioni e delle vibrazioni Riduzione dei disturbi magnetici del motore Selezione della fre Controllo delle oscilquenza portante (C6-02) lazioni e delle vibrazioni a bassa velocit (3 Hz o inferiore) Ritardo del primo ordine ASR (C5-06)

0,004 s

Dipende dalla capacit

Aumentare il valore in caso di eccessivi disturbi magne0...predefinito tici del motore. Ridurre il valore se si verificano oscillazioni o vibrazioni a bassa velocit. Aumentare il valore se la Dal valore risposta della velocit o della predefinito al coppia troppo lenta. valore prede- Ridurre il valore se l'entit delle scosse all'avvio elefinito + 5 V* vata. Aumentare il valore se la risposta della velocit o della coppia troppo lenta. 10,00...50,00 Ridurre il valore se si verificano oscillazioni o vibrazioni. Ridurre il valore se la risposta della velocit o della cop0,300... pia troppo lenta. 1,000 s Aumentare il valore se si verificano oscillazioni o vibrazioni. Imposta la frequenza di uscita Frequenza di in corrispondenza della quale uscita commodificare il tempo integrale e presa tra 0,0 e il guadagno proporzionale se il valore mas- non possibile utilizzare gli simo stessi valori per il funzionamento ad alta e bassa velocit. Aumentare il valore se la rigi0,004...0,020 dit della macchina bassa e il sistema vibra facilmente. Aumentare il valore in caso di eccessivi disturbi magnetici del motore. 2,0 kHz...pre Ridurre il valore se si verifidefinito cano oscillazioni o vibrazioni a bassa o media velocit.

* L'impostazione disponibile per gli inverter di classe 200 V. Per gli inverter di classe 400 V necessario raddoppiare la tensione.

Non modificare il valore predefinito di 1,00 per il guadagno della compensazione di coppia (C4-01)

quando si utilizza il controllo vettoriale ad anello aperto.


Se le velocit non sono corrette durante la rigenerazione nel controllo vettoriale ad anello aperto, abilitare

la compensazione allo scorrimento durante la rigenerazione (C3-04 = 1).


Utilizzare la compensazione allo scorrimento per migliorare il controllo della velocit durante il controllo

V/f (A1-02 = 0). Impostare la corrente nominale del motore (E2-01), lo scorrimento nominale del motore (E2-02) e la corrente a vuoto (E2-03), quindi impostare il guadagno di compensazione allo scorrimento (C3-01) su un valore compreso tra 0,5 e 1,5. L'impostazione predefinita per il controllo V/f C3-01 = 0,0 (compensazione allo scorrimento disabilitata).
Per migliorare la stabilit e la risposta della velocit in modalit di controllo V/f con PG (A1-02 = 1),

possibile impostare i parametri ASR (da C5-01 a C5-05) su un valore compreso tra 0,5 e 1,5 volte l'impostazione predefinita (normalmente non necessario modificare questa impostazione).

4-15

I parametri riportati di seguito incideranno indirettamente anche sul sistema di controllo.


Tabella 4.5 Parametri che incidono indirettamente sul controllo e relative funzioni Nome (numero del parametro) Selezione carico di lavoro normale/pesante (C6-01) Funzione DWELL (da b6-01 a b6-04) Tempi di accelerazione/decelerazione (da C1-01 a C1-11) Caratteristiche della curva ad S (da C2-01 a C2-04) Frequenze di salto (da d3-01 a d3-04) Costante di tempo del filtro per l'ingresso analogico (H3-12) Funzione Imposta la coppia massima e la capacit di sovraccarico. Utilizzato per i carichi pesanti o per macchine con ampio gioco. Regolando i tempi di accelerazione e decelerazione, la coppia ne viene influenzata indirettamente. Utilizzato per prevenire scosse all'inizio e alla fine di accelerazione/ decelerazione. Utilizzato per evitare il funzionamento continuo a possibili frequenze di risonanza della macchina. Utilizzato per prevenire fluttuazioni nei segnali di ingresso analogico generati da disturbi. Utilizzato per prevenire OV (errori di sovratensione) e lo stallo del motore per i carichi pesanti o la decelerazione/accelerazione rapida. La prevenzione dello stallo abilitata per impostazione predefinita e generalmente non necessario modificarla. Tuttavia, quando si utilizza una resistenza di frenatura, disabilitare la prevenzione dello stallo durante la decelerazione impostando L3-04 su 0 o su 3 (abilitato con resistenza di frenatura). Imposta la coppia massima durante il controllo vettoriale ad anello aperto o chiuso. Se si imposta un valore troppo basso, potrebbe verificarsi lo stallo in presenza di carichi pesanti. Utilizzato per incrementare la risposta per accelerazione/decelerazione oppure per ridurre la sovraelongazione quando la macchina ha bassa rigidit e il guadagno dell'unit di controllo della velocit (ASR) non pu essere aumentato. necessario impostare il rapporto di inerzia tra carico e motore e il tempo di accelerazione del motore in assenza di carico.

Prevenzione dello stallo (da L3-01 a L3-06)

4
Limiti di coppia (da L7-01 a L7-04) Controllo in avanti (da N5-01 a N5-03)

4-16

Parametri utente
Questo capitolo descrive tutti i parametri utente che possono essere impostati nell'inverter.

Descrizione parametri utente .................................................5-2 Livelli e funzioni di visualizzazione della console di programmazione ................................................................5-3 Tabelle dei parametri utente ..................................................5-7

Descrizione parametri utente


Questa sezione descrive i contenuti delle tabelle dei parametri utente.

Descrizione delle tabelle dei parametri utente


Le tabelle dei parametri utente sono strutturate come indicato di seguito. Nell'esempio viene preso in considerazione il parametro b1-01 (selezione della frequenza di riferimento).
Numero del parametro Nome Visualizzazione Descrizione Gamma di impostazione Impostazione di fabbrica Modificabile durante il funzio- V/f namento Metodi di controllo VettoVettoriale ad riale ad anello anello aperto chiuso Registro MEMOBUS

V/f con PG

Pagina

b1-01

Selezione frequenza di riferimento

Imposta il metodo di ingresso per la frequenza di riferimento. 0: Console di programmazione 1: Terminale del circuito di controllo (ingresso analogico) 2: Comunicazione MEMOBUS 3: Scheda accessoria 4: Ingresso a treno di impulsi

0...4

No

180H

Numero del parametro Nome Descrizione Gamma di impostazione

Il numero del parametro utente. Il nome del parametro utente. Dettagli sulla funzione o sulle impostazioni del parametro utente. La gamma di regolazione per i parametri utente. L'impostazione di fabbrica (ciascun metodo di controllo ha una propria impostazione di fabbrica; quindi, l'impostazione di fabbrica varia in base al metodo di controllo). Vedere pagina 5-70, Impostazioni di fabbrica che cambiano con il metodo di controllo (A1-02) per una descrizione delle impostazioni di fabbrica che variano in base al metodo di controllo impostato. Indica se il parametro pu essere modificato mentre l'inverter in funzione. S: No: modifiche possibili durante il funzionamento. modifiche non possibili durante il funzionamento.

Impostazione di fabbrica

Modificabile durante il funzionamento

Metodi di controllo

Indica i metodi di controllo in cui possibile monitorare o impostare il parametro utente. Q: A: No: Il parametro pu essere monitorato e impostato sia in modalit di programmazione veloce che in modalit di programmazione avanzata. Il parametro pu essere monitorato e impostato solo in modalit di programmazione avanzata. il parametro non pu essere monitorato o impostato se si imposta questo metodo di controllo.

Registro MEMOBUS Pagina

Il numero di registro utilizzato per le comunicazioni MEMOBUS. Pagina di riferimento contenente ulteriori informazioni dettagliate sul parametro.

5-2

Livelli e funzioni di visualizzazione della console di programmazione


Nella figura seguente riportata la gerarchia di visualizzazione della console di programmazione per l'inverter.
N. U1 U2 U3 A1 A2 b1 b2 b3 b4 Modalit di programmazione veloce possibile monitorare o impostare i parametri strettamente necessari per il funzionamento. b5 b6 b7 b8 b9 C1 C2 C3 C4 Modalit di programmazione avanzata possibile monitorare o impostare tutti i parametri. C5 C6 d1 d2 d3 d4 d5 d6 E1 Modalit di verifica possibile monitorare o impostare i parametri non impostati sui valori predefiniti. E2 E3 E4 F1 F2 F3 F6 H1 Modalit di autotuning Imposta automaticamente i parametri del motore per il controllo vettoriale ad anello aperto oppure misura la resistenza da linea a linea per il controllo V/f. H2 H3 H4 H5 H6 L1 L2 L3 L4 L5 L6 L7 L8 N1 N2 N3 o1 o2 o3 T Funzione Parametri monitoraggio stato Traccia errori Storico errori Modalit di inizializzazione Modalit impostazioni definite Selezioni delle modalit operative Frenatura ad iniezione c.c. Ricerca della velocit Funzione temporizzatore Controllo PID Funzioni di pausa Controllo caduta Risparmio di energia Controllo azzeramento servo Accelerazione/Decelerazione Accelerazione/decelerazione curva a S Compensazione allo scorrimento del Compensazione di coppia Controllo della velocit (ASR) Frequenza portante Frequenza di riferimento preimpostata Limiti di riferimento Frequenze di salto Blocco frequenza di riferimento Controllo della coppia Indebolimento di campo Linea caratteristica V/f Configurazione del motore Linea caratteristica V/f del motore 2 Configurazione del motore 2 Configurazione opzione PG Scheda di riferimento analogico Scheda di riferimento digitale Impostazioni comunicazione seriale Ingressi digitali multifunzione Uscite digitali multifunzione Ingressi analogici multifunzione Uscite analogiche multifunzione Comunicazione MEMOBUS Ingresso/uscita a treno di impulsi Sovraccarico motore Funzionamento inerziale dopo perdita di Prevenzione stallo Rilevamento riferimento Riavvio dopo errore Rilevamento coppia Limiti di coppia Protezione hardware Funzione di prevenzione vibrazioni Regolatore di frequenza automatica Frenatura ad alto scorrimento Selezione monitoraggio Funzioni della console di Funzione di copia Autotuning motore Pagina 5-64 5-65 5-68 5-7 5-8 5-9 5-10 5-11 5-12 5-13 5-16 5-16 5-17 5-18 5-19 5-20 5-21 5-22 5-23 5-24 5-25 5-26 5-27 5-27 5-28 5-29 5-30 5-31 5-33 5-34 5-35 5-37 5-38 5-40 5-41 5-43 5-45 5-47 5-48 5-49 5-50 5-51 5-52 5-54 5-54 5-55 5-56 5-57 5-58 5-59 5-59 5-60 5-61 5-62 5-63

MENU

Modalit inverter possibile azionare l'inverter e visualizzarne lo stato.

5-3

Parametri utente disponibili in modalit di programmazione rapida


In modalit di programmazione rapida possibile monitorare e impostare i parametri utente strettamente necessari per il funzionamento dell'inverter. I parametri utente visualizzati in modalit di programmazione rapida sono elencati nella tabella seguente. Questi parametri vengono anche visualizzati, insieme a tutti gli altri parametri utente, anche in modalit di programmazione avanzata.
Numero del parametro Nome Descrizione Display
Selezione metodo di controllo A1-02 Imposta il metodo di controllo per l'inverter. 0: Controllo V/f 1: Controllo V/fcon PG 2: Controllo vettoriale ad anello METODO aperto CONTROLLO 3: Controllo vettoriale ad anello chiuso Selezione sor- Imposta il metodo di ingresso per la gente di riferi- frequenza di riferimento. mento 0: Console di programmazione 1: Terminale del circuito di controllo (ingresso analogico) ORIG. RIFE- 2: Comunicazione MEMOBUS RIMENTO 3: Scheda accessoria 4: Ingresso a treno di impulsi Selezione sor- Imposta il metodo di ingresso del gente per comando di marcia. segnale RUN 0: Console di programmazione 1: Terminale del circuito di controllo (ingressi digitali multifunzione) ORIG. 2: Comunicazione MEMOBUS MARCIA 3: Scheda accessoria Selezione metodo di arresto b1-03 METODO DI STOP Seleziona il metodo di arresto quando viene inviato il comando di arresto. 0: Decelerazione fino ad arresto 1: Arresto per inerzia 2: Arresto con frenatura c.c. ( pi rapido dell'arresto per inerzia e non necessita di operazioni di rigenerazione) 3: Arresto per inerzia con temporizzatore (i comandi RUN vengono ignorati durante il tempo di decelerazione) Imposta il tempo di accelerazione necessario per accelerare da 0 Hz fino alla frequenza di uscita massima. 0,0...6000,0 *1 Imposta il tempo di decelerazione necessario per decelerare dalla frequenza di uscita massima fino a 0 Hz. 10,0 s S Q Q Q Q 201H

Impo- Modificabile Gamma di staimposta- zione di durante il fab- funzionazione brica mento

V/f

Metodi di controllo RegiVettoVettostro V/f riale ad riale ad MEMO con anello anello BUS PG aperto chiuso

0...3

No

102H

b1-01

0...4

No

180H

b1-02

0...3

No

181H

0...3

No

182H

C1-01

Tempo di accelerazione 1 TEMPO ACCELER.1 Tempo di decelerazione 1 TEMPO DECELER.1 Selezione carico di lavoro normale/pesante Heavy/Normal Duty

200H

C1-02

C6-01

0: Carico di lavoro pesante 1: Carico di lavoro Normale 1 2: Carico di lavoro normale 2

0o2

No

223H

C6-02

Selezione freSeleziona la frequenza portante. quenza porSelezionare F per abilitare impostatante zioni dettagliate utilizzando i parameCarrier Freq tri da C6-03 a C6-05. Sel

0...F

No

224H

5-4

Numero del parametro

Nome Descrizione Display


Frequenza di riferimento 1 RIFERIM. FREQ.1 Frequenza di riferimento 2 RIFERIM. FREQ.2 Frequenza di riferimento 3 RIFERIM. FREQ.3 Frequenza di riferimento 4 RIFERIM. FREQ.4

Impo- Modificabile Gamma di staimposta- zione di durante il V/f fab- funzionazione brica mento
0,00 Hz S Q

Metodi di controllo RegiVettoVettostro V/f riale ad riale ad MEMO con anello anello BUS PG aperto chiuso
Q Q Q 280H

d1-01

Imposta la frequenza di riferimento master.

d1-02

Imposta la frequenza di riferimento quando il comando di multivelocit 1 ON per un ingresso multifunzione. Imposta la frequenza di riferimento quando il comando di multivelocit 2 ON per un ingresso multifunzione. Imposta la frequenza di riferimento quando i comandi di multivelocit 1 e 2 sono ON per un ingresso multifunzione. 0... 150,00 *2

0,00 Hz

281H

d1-03

0,00 Hz

282H

d1-04

0,00 Hz

283H

d1-17

Frequenza di Imposta la frequenza di riferimento riferimento di quando il comando frequenza di jog, jog FJOG o RJOG ON per un ingresso Riferim. JOG multifunzione. Impostazione tensione di ingresso TENSIONEreteINGRc Imposta la tensione di ingresso dell'inverter, che verr utilizzata come base per le funzioni di protezione. 155...255 *3

6,00 Hz

292H

E1-01

230 V *3

No

300H

E1-03

Selezione 0...E: Selezionare tra 15 linee caratlinea caratteriteristiche predefinite. stica V/f F: Linea caratteristica personalizzata (applicabile per le impoSELEZ. stazioni da E1-04 a E1-10). CURVA V/f Frequenza di uscita massima (FMAX) MASS.FREQ. USCITA

0...F

No

No

302H

E1-04

40,0...150,0 50,0 Hz *2

No

303H

E1-05

Tensione massima (VMAX)

MASS.TENS. USCITA Frequenza base (FA)


FREQUENZA BASE

0,0...255,0 200,0 V *3 *3

No

304H

E1-06

0,0...150,0 50,0 Hz *2 *4

No

305H

E1-09

Frequenza di uscita minima (FMIN) MIN.FREQ. USCITA

0,0...150,0 *2

0,5 Hz *4

No

308H

E1-13

Tensione di base (VBASE) Imposta la tensione di uscita alla fre-

Tensione di base Corrente nominale del motore Pot.Nom. Motore Numero di poli del motore Numero di poli

quenza di base (E1-06).

0,0...255,0 *3

0,0 V *5

No

30CH

E2-01

Imposta la corrente nominale del motore in ampere. Il valore impostato viene utilizzato 0,32...6,40 come valore di base per la protezione *5 del motore e il limite di coppia dalla funzione di autotuning. Imposta il numero di poli del motore. Il valore impostato viene utilizzato come input dalla funzione di autotuning.

1,90 A *6

No

30EH

E2-04

2...48

No

No

No

311H

5-5

Numero del parametro


F1-01

Nome Descrizione Display


Costante PG

Impo- Modificabile Gamma di staimposta- zione di durante il fab- funzionazione brica mento
0...60000 1024 No

V/f

Metodi di controllo RegiVettoVettostro V/f riale ad riale ad MEMO con anello anello BUS PG aperto chiuso
Q No Q 380H

Imposta il numero di impulsi Encoder IMP/ dell'encoder/generatore di impulsi. GIRO Guadagno (terminale FM) morsetFM
GUADAGNO

No

H4-02

Imposta il guadagno per l'uscita analogica multifunzione 1 (terminale FM). Imposta la percentuale del parametro da monitorare corrispondente a 10 V/ 0...1000% 20 mA (tensione/corrente di uscita massima ) sul terminale FM.

100%

41EH

H4-05

Guadagno Imposta il guadagno per l'uscita analo(terminale AM) gica multifunzione 2 (terminale AM). Imposta la percentuale del parametro 0...1000% GUADAGNO da monitorare corrispondente a 10 V/ 20 mA (tensione/corrente di uscita morsetAM massima ) sul terminale AM.

50%

421H

L1-01

Selezione pro- Abilitare o disabilitare la funzione di tezione del protezione da sovraccarico del motore motore utilizzando il rel termico elettronico. 0: Disabilitata 1: Protezione per motore ad uso generico (ventilato) 2: Protezione per motore inverter (raffreddato esternamente) 3: Protezione per motore speciale per il controllo vettoriale Poich allo spegnimento dell'inverter SEL il valore della protezione termica eletprotezione tronica viene azzerato, anche se queMOT sto parametro stato impostato su 1, possibile che la protezione non sia efficace. Se a un inverter sono collegati pi motori, impostare questo parametro su 0 e accertarsi che ciascun motore sia dotato di un dispositivo di protezione. Selezione prevenzione dello stallo durante la decelerazione 0: Disabilitata (poich viene applicata la decelerazione impostata, se il tempo di decelerazione troppo breve, potrebbe verificarsi una sovratensione del circuito principale). 1: Abilitata (la decelerazione si interrompe quando la tensione del bus c.c. supera il livello di prevenzione dello stallo e riprende quando la tensione scende di nuovo sotto il livello di stallo) 2: Modalit di decelerazione intelligente (la velocit di decelerazione viene regolata automaticamente in modo che l'inverter rallenti nel pi breve tempo possibile, ignorando il tempo di decelerazione impostato). 3: Abilitata (con il modulo resistenza di frenatura) Quando si utilizza un'opzione di frenatura (resistenza di frenatura, modulo resistenza di frenatura, modulo di frenatura), impostare questo parametro su 0 o 3.

0...3

No

480H

L3-04 PREVstallo DECEL

0...3

No

492H

* 1. Le gamme di impostazione per i tempi di accelerazione/decelerazione dipendono dall'impostazione di C1-10 (unit di misura per il tempo di accelerazione/decelerazione). Se C1-10 impostato su 0, la gamma di impostazione compresa tra 0,00 e 600,00 (s). * 2. La gamma di impostazione data valida se selezionato il carico di lavoro pesante (C6-01=0, impostazione predefinita). Se selezionato un carico di lavoro normale 1 o 2 (C6-01=1 o 2), la gamma di impostazione sar compresa tra 0,0 e 400,0 Hz. * 3. Questi valori si riferiscono a inverter di classe 200 V e devono essere raddoppiati per inverter di classe 400 V. * 4. L'impostazione di fabbrica cambier nel momento in cui viene modificato il metodo di controllo (sono riportate le impostazioni di fabbrica per il controllo vettoriale ad anello aperto). * 5. Dopo l'autotuning, E1-13 conterr lo stesso valore di E1-05. * 6. L'impostazione di fabbrica dipende dalla capacit dell'inverter ( indicato il valore per un inverter di classe 200 V da 0,4 kW). * 7. La gamma di impostazione compresa tra il 10% e il 200% della corrente di uscita nominale dell'inverter ( indicato il valore per un inverter di classe 200 V da 0,4 kW).

5-6

Tabelle dei parametri utente


A: Impostazioni di configurazione
Modalit di inizializzazione: A1
Numero del parametro Nome Descrizione Display ImpoGamma stadi impozione di stazione fabbrica Modificabile durante il funzionamento Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f ad ad con anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS

V/f

Pagina

Selezione della lingua per il display della console di programmazione A1-00

Utilizzato per selezionare la lingua di visualizzazione della console di programmazione (solo JVOP-160). 0: Inglese 1: Giapponese 2: Tedesco 3: Francese 4: Italiano SELEZIONE 5: Spagnolo 6: Portoghese LINGUA Questo parametro non viene modificato al momento dell'inizializzazione. Utilizzato per impostare il livello di accesso ai parametri (impostazione/lettura). 0: Solo monitoraggio (monitoraggio della modalit inverter e impostazione dei parametri A1-01 e A1-04). 1: Utilizzato per selezionare i parametri utente (possono essere letti e impostati solo i parametri compresi nell'intervallo da A2-01 ad A2-32). 2: Avanzato (i parametri possono essere letti e impostati sia in modalit di programmazione veloce (Q) che in modalit di programmazione avanzata (A)). Utilizzato per selezionare la modalit di controllo relativa all'inverter. 0: Controllo V/f 1: V/f con retroazione PG 2: Vettoriale ad anello aperto 3: Vettoriale ad anello chiuso Questo parametro non viene modificato al momento dell'inizializzazione.

0...6

100H

Livello di accesso ai parametri

5
0...2 2 S A A A A 101H 6-136

A1-01 LIVELLO ACCESSO

Selezione metodo di controllo A1-02

METODO CONTROLLO

0...3

No

102H

4-5 4-7 4-14

5-7

Numero del parametro

Nome Descrizione Display

ImpoGamma stadi impozione di stazione fabbrica

Modificabile durante il funzionamento

V/f

Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f ad ad con anello anello PG aperto chiuso

Registro MEMOBUS

Pagina

Inizializzazione

A1-03 INIZIALIZZAZIONE

Utilizzato per inizializzare i parametri utilizzando il metodo specificato. 0: Nessuna inizializzazione 1110: Inizializzazione eseguita utilizzando i parametri utente 2220: Inizializzazione eseguita utilizzando una sequenza a 2 fili (inizializzazione sulle impostazioni di fabbrica) 3330: Inizializzazione eseguita utilizzando una sequenza a 3 fili

0... 3330

No

103H

A1-04

5
A1-05

Viene richiesta l'immissione della password impostata in A1-05. Questa funzione protegge da scrittura alcuni parametri relativi alla modalit di inizializzazione. Se la password viene modificata, i parametri da A1-01 ad A1-03 e ENTRA da A2-01 ad A2-32 non possono PASSWORD essere ulteriormente modificati (i parametri relativi alla modalit di programmazione possono invece essere modificati). Password Utilizzato per impostare una password di quattro cifre. Generalmente, questo parametro non viene visualizzato. Quando la password (A1-04) viene visuaSELEZ. lizzata, tenere premuto il tasto PASSWORD RESET e premere il tasto Menu per visualizzare la password. Impostazione password

0... 9999

No

104H

6-136

0... 9999

No

105H

6-136

Parametri impostati dall'utente: A2


Numero del parametro Nome Descrizione Display ImpoGamma stadi impozione di stazione fabbrica Modificabile durante il funzionamento Metodi di controllo VettoV/f riale ad con anello PG aperto Vettoriale ad anello chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

Utilizzato per selezionare la funzione per ognuno dei parametri specificati dall'utente. I parametri utente Da A2sono gli unici parametri 01 ad A2-32 PAR.N01- accessibili se il livello di 32 UTENTE accesso ai parametri impostato su parametri utente (A1-01=1). Parametri specificati dall'utente

b1-01... o3-02

No

106H... 125H

6-137

5-8

Parametri applicativi: b
Selezioni delle modalit operative: b1
Nome Numero del parametro Display Descrizione ModificaGamma Impostabile durante di impo- zione di il funzionastazione fabbrica mento Metodi di controllo Vetto- VettoV/f con riale ad riale ad anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

Selezione sorgente di riferimento b1-01

Imposta il metodo di ingresso per la frequenza di riferimento. 0: Console di programmazione 1: Terminale del circuito di controllo (ingresso analogico) ORIG.RIFERI- 2: Comunicazione MEMOMENTO BUS 3: Scheda accessoria 4: Ingresso a treno di impulsi Selezione sorgente per segnale RUN Imposta il metodo di ingresso del comando di marcia. 0: Console di programmazione 1: Terminale del circuito di controllo (ingressi digitali multifunzione) ORIG.MARCIA 2: Comunicazione MEMOBUS 3: Scheda accessoria Utilizzato per impostare il metodo di arresto impiegato Selezione metodo di arre- quando viene inviato un comando di arresto. sto 0: Arresto per decelerazione 1: Arresto per inerzia 2: Arresto con frenatura c.c. ( pi rapido dell'arresto per inerzia e non necessita di METODO DI operazioni di rigenerazione) STOP 3: Arresto per inerzia con temporizzatore (i comandi RUN vengono ignorati durante la decelerazione) Disabilitazione 0: Marcia indietro abilitata funzionamento 1: Marcia indietro disabilitata di marcia indie2: Rotazione fase di uscita tro (entrambe le direzioni di Reverse Oper rotazione sono abilitate) Selezione funzionamento per l'impostazione di frequenze inferiori o uguali a E1-09 Utilizzato per impostare il metodo di funzionamento quando l'ingresso della frequenza di riferimento inferiore alla frequenza di uscita minima (E1-09). 0: Marcia alla frequenza di riferimento (E1-09 non applicato) 1: STOP (arresto per inerzia) 2: Marcia alla frequenza minima (E1-09) 3: Marcia a velocit zero (le frequenze al di sotto di E1-09 sono pari a zero)

0...4

No

180H

4-5 6-7 6-64

b1-02

0...3

No

181H

4-5 6-12 6-64

5
0...3 *1 0 No Q Q Q Q 182H 4-5 6-14

b1-03

A 0...2 *2 0 No A

A No

A A

A 183H No 6-51

b1-04

b1-05 BloccoINVERSIONE

0...3

No

No

No

No

184H

6-14

b1-06

Scansione Utilizzato per impostare il tipo ingresso di con- di risposta degli ingressi di controllo trollo (ingressi multifunzione e marcia avanti/indietro). 0: Lettura veloce 1: Lettura normale (utilizzaSCANSIONE bile in caso di possibili malingr 2x funzionamenti dovuti a disturbi)

0o1

No

185H

5-9

Nome Numero del parametro Display Descrizione

ModificaGamma Impostabile durante di impo- zione di il funzionastazione fabbrica mento

V/f

Metodi di controllo Vetto- VettoV/f con riale ad riale ad anello anello PG aperto chiuso

Registro MEMOBUS

Pagina

Selezione funzionamento dopo l'attivazione della modalit remota b1-07 SELmarcia LOC/REM

Utilizzato per impostare la modalit di funzionamento quando viene attivata la modalit remota premendo il tasto Local/Remote. 0: I segnali di Run ricevuti durante il cambio di modalit vengono ignorati (inviare i segnali di Run al termine del passaggio alla nuova modalit) 1: I segnali di Run diventano validi dopo l'attivazione della modalit remota.

0o1

No

186H

b1-08

Selezione del comando di marcia in modalit di programmazione

Utilizzato per bloccare il funzionamento nelle modalit di programmazione. 0: Funzionamento bloccato 1: Funzionamento consentito (disabilitato se selezionata la console di programmaComMARCIA zione come origine del in PRG comando di marcia (b1-02 = 0))

0o1

No

187H

* 1. Per il controllo vettoriale ad anello chiuso i valori di impostazione consentiti sono 0 o 1. * 2. Per il controllo vettoriale ad anello chiuso e per il controllo V/f con PG i valori di impostazione consentiti sono 0 o 1.

Frenatura ad iniezione c.c.: b2


Nome Numero del parametro Descrizione Metodi di controllo ModifiImpo- cabile Vetto- Vetto- Registro Gamma sta- durante riale riale MEMO- Pagina V/f di impozione di il fun- V/f con ad ad stazione BUS fabbrica zionaPG anello anello mento aperto chiuso

Display

b2-01

Livello velocit zero (frequenza di avvio frenatura ad iniezione c.c.) FREQinizio DCbrak

Utilizzato per impostare la frequenza alla quale viene avviata la frenatura ad iniezione c.c. quando b1-03 impostato su 0 (decelerazione fino ad arresto). Quando b2-01 inferiore a E1-09, E1-09 diventa la frequenza di avvio della frenatura ad iniezione c.c.

0,0...10,0

0,5 Hz

No

189H

6-14 6-17

b2-02

Corrente di frenatura ad Imposta la corrente di frenatura ad iniezione c.c. iniezione c.c. come percentuale della corrente nominale CORRENTE dell'inverter. frenatDC Tempo di frenatura ad iniezione c.c. all'avvio Utilizzato per impostare il tempo di esecuzione della frenatura ad iniezione c.c. all'avvio in unit di 1 secondo. Utilizzato per arrestare il motore per inerzia e riavviarlo. Quando si imposta il valore 0, la frenatura ad iniezione c.c. all'avvio non viene eseguita. Utilizzato per impostare il tempo di esecuzione della frenatura ad iniezione c.c. all'arresto in unit di 1 secondo. Utilizzato per evitare l'arresto per inerzia dopo l'invio del comando di arresto. Quando si imposta il valore 0,00, la frenatura ad iniezione c.c. all'arresto non viene eseguita.

0... 100

50%

No

18AH

6-14 6-17

b2-03 TEMPO iniezDCavv. Tempo di frenatura ad iniezione c.c. all'arresto b2-04 TEMPO iniezDCstop

0,00 ... 10,00

0,00 s

No

18BH

6-17

0,00 ... 10,00

0,50 s

No

18CH

6-14 6-17

5-10

Ricerca della velocit: b3


Numero del parametro Nome Display Descrizione Modificabile Gamma Impostadi impo- zione di durante il stazione fabbrica funzionamento Metodi di controllo Vetto- Vetto- Registro V/f con riale ad riale ad MEMO- Pagina BUS anello anello PG aperto chiuso

V/f

Selezione della ricerca della velocit (calcolo della velocit o rilevamento della corrente)

Abilita/disabilita la funzione di ricerca della velocit per il comando RUN e ne imposta il metodo. 0: Disabilitata, calcolo della velocit 1: Abilitata, calcolo della velocit 2: Disabilitata, rilevamento della corrente 3: Abilitata, rilevamento della corrente Calcolo della velocit All'avvio della ricerca viene calcolata la velocit del motore e l'accelerazione/ decelerazione viene eseguita a partire da tale velocit fino alla frequenza specificata (viene inoltre rilevata la direzione del motore). Rilevamento della corrente La ricerca della velocit viene avviata a partire dalla frequenza massima o in corrispondenza di una perdita temporanea di potenza. La velocit viene rilevata osservando la corrente.

b3-01

0...3

2*

No

No

191H

6-53

RICERCA velocPART

Corrente operativa della ricerca della velob3-02 cit (rilevamento della corrente) CORRENTEricerVEL Tempo di decelerazione della ricerca della velocit b3-03 (rilevamento della corrente) TempoDECELricVEL Tempo di attesa della ricerca della velocit (calcolo b3-05 della velocit o rilevamento della corrente) Ritardo Ricerca

Imposta la corrente operativa per la ricerca della velocit in percentuale, considerando la corrente nominale dell'inverter pari al 100%. Generalmente non necessario impostare questo parametro. Se non possibile riavviare con le impostazioni di fabbrica, ridurre il valore.

5
0... 200 100%* No A No A No 192H 6-53

Imposta il tempo di decelerazione della frequenza di uscita durante la ricerca della velocit in unit di 1 secondo. Imposta il tempo per la decelerazione dalla frequenza di uscita massima a quella minima.

0,1... 10,0

2,0 s

No

No

No

193H

6-53

Quando la ricerca della velocit viene eseguita dopo il ripristino in seguito a una caduta di tensione momentanea, l'operazione di ricerca viene ritardata in base al tempo impostato in questo parametro. Se, ad esempio, sul lato di uscita dell'inverter utilizzato un contattore, impostare questo parametro su un tempo di ritardo maggiore o uguale a quello del contattore.

0,0... 20,0

0,2 s

No

195H

6-53

5-11

Numero del parametro

Nome Display Descrizione

Modificabile Gamma Impostadi impo- zione di durante il stazione fabbrica funzionamento

V/f

Metodi di controllo Vetto- Vetto- Registro V/f con riale ad riale ad MEMO- Pagina BUS anello anello PG aperto chiuso

Guadagno di compensazione per ricerca della Imposta il guadagno che viene applivelocit b3-10 (solo calcato alla velocit stimata prima che il colo della motore riparta. velocit) Comp.Ril. Ricerca Selezione Seleziona la direzione per l'operazione direzione di di ricerca della velocit. rotazione 0: La ricerca della velocit viene avviata nella direzione di rotazione per ricerca della veloindicata dal segnale della freb3-14 cit quenza di riferimento. 1: La ricerca della velocit viene avviata nella direzione di rotazione Bidir della velocit stimata durante la Search Sel ricerca.

1,00...1, 20

1,10

No

No

No

No

19AH

6-53

0o1

No

No

19EH

6-53

* L'impostazione di fabbrica cambier nel momento in cui viene modificato il metodo di controllo (sono riportate le impostazioni di fabbrica per il controllo vettoriale ad anello aperto).

Funzione temporizzatore: b4
Numero del parametro Nome Descrizione Display ImpoModificaGamma stabile durante di impozione di il funzionastazione fabbrica mento Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f ad ad con V/f anello anello PG aperto chiuso

Registro MEMOBUS

Pagina

Ritardo all'eccitazione b4-01 TIMERfunzione ON Ritardo alla diseccitazione b4-02 TIMERfunzione OFF

Imposta il ritardo all'eccitazione (tempo morto) per l'ingresso della funzione di temporizzatore. Abilitato quando impostata una funzione di temporizzatore in H1e H2. Imposta il ritardo alla diseccitazione (zona morta) per l'ingresso della funzione di temporizzatore. Abilitato quando impostata una funzione di temporizzatore in H1e H2.

0,0... 3000,0

0,0 s

No

1A3H

6-95

0,0... 3000,0

0,0 s

No

1A4H

6-95

5-12

Controllo PID: b5
Numero del parametro Nome Descrizione Display ModifiGamma Imposta- cabile di impo- zione di durante stazione fabbrica il funzionamento Metodi di controllo VettoV/f riale ad con anello PG aperto Vettoriale ad anello chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

Selezione modalit di controllo PID b5-01 Modalit PID

0: Disabilitato 1: Abilitato (azione derivativa sull'errore) 2: Abilitato (azione derivativa sul valore di retroazione) 3: Controllo PID abilitato (frequenza di riferimento + uscita PID, controllo derivativo sull'errore). 4: Controllo PID abilitato (frequenza di riferimento + uscita PID, controllo derivativo sul valore di retroazione).

0...4

No

1A5H

6-96

b5-02

Guadagno proporzionale (P)

Imposta il guadagno proporzionale per il controllo P. Il controllo P non viene eseguito se GUAD.PRO- impostato il valore 0,00. PORZ.PID Tempo integrale (I) Imposta il tempo integrale per il controllo I. Il controllo I non viene eseguito se TEMPO INTEGR.PID impostato il valore 0,0. Imposta il limite per il controllo I come percentuale della frequenza di Limite uscita massima. INTEGR.PID Imposta il tempo differenziale per il controllo D. Il controllo D non viene eseguito se TEMPO DIFFER.PID impostato il valore 0,00. Limite PID Imposta il limite dopo il controllo PID come percentuale della freLIMITE PID quenza di uscita massima. Regolazione offset PID Costante di ritardo PID Imposta l'offset dopo il controllo PID come percentuale della freOFFSET PID quenza di uscita massima. Imposta la costante di tempo per il filtro di passa basso relativo all'uscita di controllo PID. TEMP Generalmente non necessario Oritardo PID impostare questo parametro. Selezione caratteristiche uscita PID SelLivello Uscita Guadagno uscita PID Guadagno Uscita Selezione dell'uscita PID inversa Selezione UscInv Seleziona la direzione avanti/indietro per l'uscita PID. 0: Uscita PID normale 1: Uscita PID invertita Tempo differenziale (D) Limite integrale (I)

0,00 ... 25,00

1,00

1A6H

6-96

b5-03

0,0... 360,0

1,0 s

1A7H

6-96

b5-04

0,0... 100,0

100,0%

1A8H

6-96

5
0,00 s S A A A A 1A9H 6-96 100,0% S A A A A 1AAH 6-96

b5-05

0,00... 10,00

b5-06

0,0... 100,0 -100,0 ... +100,0

b5-07

0,0%

1ABH

6-96

b5-08

0,00... 10,00

0,00 s

1ACH

6-96

b5-09

0o1

No

1ADH

6-96

b5-10

Imposta il guadagno di uscita.

0,0... 25,0

1,0

No

1AEH

6-96

b5-11

0: Limita il valore a 0 quando l'uscita PID negativa. 1: Ruota in direzione indietro quando l'uscita PID negativa. Il limite a 0 attivo anche quando la marcia indietro stata disabilitata utilizzando b1-04.

0o1

No

1AFH

6-96

5-13

Numero del parametro

Nome Descrizione Display

ModifiGamma Imposta- cabile di impo- zione di durante stazione fabbrica il funzionamento

V/f

Metodi di controllo VettoV/f riale ad con anello PG aperto

Vettoriale ad anello chiuso

Registro MEMOBUS

Pagina

Selezione rilevamento di perdita del segnale di retroazione PID

b5-12 PIDselPERDretraz

0: La perdita di retroazionenon viene rilevata 1: La perdita di retroazione viene rilevata (retroazione sotto il livello di rilevamento) Il funzionamento non viene interrotto durante il rilevamento e l'uscita che segnala gli errori non viene attivata. 2: La perdita di retroazione viene rilevata (retroazione sotto il livello di rilevamento) Il motore si arresta per inerzia al rilevamento e l'uscita che segnale gli errori viene attivata. 3: La perdita di retroazione viene rilevata (retroazione oltre il livello di rilevamento) Il funzionamento non viene interrotto durante il rilevamento e l'uscita che segnala gli errori non viene attivata. 4: La perdita di retroazione viene rilevata (retroazione oltre il livello di rilevamento) Il motore si arresta per inerzia al rilevamento e l'uscita che segnale gli errori viene attivata. Imposta il livello di rilevamento della perdita di retroazione PID in percentuale, considerando la frequenza di uscita massima pari al 100%.

0...4

No

1B0H

6-96

b5-13

Livello di rilevamento perdita di retroazione PID PIDlivPERDretraz Tempo di rilevamento perdita di retroazione PID PIDtempoPERDretr

0...100

0%

No

1B1H

6-96

b5-14

Imposta il tempo di rilevamento della perdita di retroazione PID.

0,0... 25,5

1,0 s

No

1B2H

6-96

b5-15

Livello funzionamento Imposta il livello di attivazione per funzione sleep del PID la funzione sleep del controllo PID come una frequenza. Liv Pausa PID Ritardo funzionamento sleep del PID Imposta il ritardo per l'attivazione della funzione sleep del PID. Tempo Pausa PID Tempo di accelerazione/decelerazione per Imposta il tempo di accelerazione/ riferimento decelerazione per il riferimento PID. PID Tempo Acc/ DecPID Selezione set point PID PID Setpoint Sel Set point PID Set Point PID 0: disabilitato 1: abilitato

0,0... 150,0 *

0,0 Hz

No

1B3H

6-96

b5-16

0,0... 25,5

0,0 s

No

1B4H

6-96

b5-17

0,0... 6000,0

0,0 s

No

1B5H

6-96

b5-18

0...1

No

1DCH

6-96

b5-19

Valore di riferimento PID

0...100, 0%

No

1DDH

6-96

5-14

Numero del parametro

Nome Descrizione Display

ModifiGamma Imposta- cabile di impo- zione di durante stazione fabbrica il funzionamento

V/f

Metodi di controllo VettoV/f riale ad con anello PG aperto

Vettoriale ad anello chiuso

Registro MEMOBUS

Pagina

b5-28

Selezione retroazione con calcolo della radice quadrata PID PID Fd SqRt Guadagno per retroazione con calcolo della radice quadrata PID Fd SqRt Gain Selezione monitoraggio per retroazione PID PID Fb Mon Sel Guadagno per retroazione monitoraggio PID PID Fb Mon Gain Polarizzazione per retroazione monitoraggio PID PID Fb Mon Bias

Abilita/disabilita il calcolo della radice quadrata della retroazione PID. 0: Disabilitato 1: abilitato

0o1

No

1EAH

6-96

b5-29

Imposta il guadagno per la funzione di retroazione con calcolo della radice quadrata.

0,00... 2,00

1,00

No

1EBH

6-96

b5-31

Seleziona un parametro dell'inverter ) come da monitorare (U1segnale di retroazione PID. Il numero impostato corrisponde al parametro da monitorare che deve essere utilizzato come indicazione di retroazione.

0...18

No

1EDH

6-96

b5-32

Imposta il guadagno per il segnale di retroazione PID.

0,0... 1000,0

100,0%

No

1EEH

6-96

5
Imposta la polarizzazione per il valore di retroazione PID. 100,0... 100,0 0,0% No A A A A 1EFH 6-96

b5-33

* La gamma di impostazione data valida se selezionato il carico di lavoro pesante (C6-01=0, impostazione predefinita). Se selezionato un carico di lavoro normale 1 o 2 (C6-01=1 o 2), la gamma di impostazione sar compresa tra 0,0 e 400,0 Hz.

5-15

Funzioni di pausa: b6
Numero del parametro Nome Descrizione Display Gamma di impostazione Impostazione di fabbrica Modificabile durante il funzionamento Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f ad ad con anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS

V/f

Pagina

b6-01

Frequenza di pausa all'avvio FREQstallo START Tempo di pausa all'avvio TEMPOstalloSTART Frequenza di pausa all'arresto FREQ stallo STOP
b6-02 Comando Run Frequenza ON di

0,0... 150,0 *

0,0 Hz

No

1B6H

6-22

OFF

b6-02

0,0... 10,0
Ora

0,0 s

No

1B7H

6-22

b6-01 b6-03 b6-04

b6-03

La funzione di pausa pu essere utilizzata per ritenere temporaneamente la frequenza di uscita quando viene azionato un motore con carico pesante.

0,0... 150,0 *

0,0 Hz

No

1B8H

6-22

b6-04

Tempo di pausa all'arresto TEMPOstallo STOP

0,0... 10,0

0,0 s

No

1B9H

6-22

* La gamma di impostazione data valida se selezionato il carico di lavoro pesante (C6-01=0, impostazione predefinita). Se selezionato un carico di lavoro normale 1 o 2 (C6-01=1 o 2), la gamma di impostazione sar compresa tra 0,0 e 400,0 Hz.

Controllo caduta: b7
Nome Numero del parametro Descrizione Display ImpoGamma stadi impozione di stazione fabbrica Modificabile durante il funzionamento Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f ad ad con anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS

V/f

Pagina

b7-01

Guadagno per conImposta la quantit di caduta trollo caduta alla velocit e al carico nominali come percentuale della GUADAfrequenza di uscita massima. GNO DROOP Ritardo per controllo caduta RITARDO DROOP Imposta la costante di ritardo per il controllo della caduta. Aumentare il valore se si verificano oscillazioni.

0,0... 100,0

0,0%

No

No

No

1CAH

6-124

b7-02

0,03... 2,00

0,05 s

No

No

No

No

1CBH

6-124

5-16

Risparmio di energia: b8
Nome Numero del parametro Descrizione Display ImpoGamma stadi impozione di stazione fabbrica Modificabile durante il funzionamento Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f ad ad con anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS

V/f

Pagina

b8-01

Selezione modalit di risparmio energia Sel.EnergySaving Guadagno per risparmio energia

Abilita/disabilita il controllo del risparmio energia. 0: Disabilitato 1: Abilitato

0o1

No

1CCH

6-106

b8-02

Imposta il guadagno del risparmio energia per il controllo vettoriale GainEnergy- ad anello aperto e chiuso. Saving Costante di tempo del filtro per il risparmio energia

0,0... 10,0

0,7 *1

No

No

1CDH

6-106

b8-03

F.T.EnergySaving Coefficiente di risparmio energia b8-04 Gain Eco Drive Costante di tempo del filtro rilevamento potenza Tempo Filtro kW Limitatore tensione operazione di ricerca Lim.V Ric.Vel

Imposta la costante di tempo del filtro del risparmio energia per il controllo vettoriale ad anello aperto e chiuso.

0,00... 10,0

0,50 s *2

No

No

1CEH

6-106

Imposta il coefficiente di risparmio energia in base all'impostazione in E2-11 (corrente nominale del motore). Regolare il valore in incrementi del 5% per minimizzare la potenza di uscita.

0,0... 655,00

*3

No

No

No

1CFH

6-106

b8-05

Imposta la costante di tempo per il rilevamento della potenza di uscita.

0... 2000

20 ms

No

No

No

1D0H

6-106

b8-06

Imposta il limite della gamma di controllo della tensione durante l'operazione di ricerca. 100% corrisponde alla tensione nominale monitorata.

0... 100

0%

No

No

No

1D1H

6-106

* 1. L'impostazione di fabbrica indicata per il controllo vettoriale ad anello aperto. L'impostazione di fabbrica per il controllo vettoriale ad anello chiuso 1,0. * 2. Se la capacit dell'inverter almeno 55 Kw, l'impostazione di fabbrica 2,00. * 3. Le impostazioni di fabbrica dipendono dalla capacit dell'inverter

5-17

Controllo azzeramento servo: b9


Nome Numero del parametro Descrizione Display ImpoGamma stadi impozione di stazione fabbrica Modificabile durante il funzionamento Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f ad ad con anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS

V/f

Pagina

Guadagno azzeramento servo

b9-01 Zero Servo Gain

Determina la forza del blocco di azzeramento servo. Abilitata quando impostato il comando di azzeramento servo per un ingresso multifunzione. Quando viene inviato il comando di azzeramento servo e la frequenza di riferimento scende sotto il livello di iniezione c.c. (b2-01), viene creato un ciclo di controllo della posizione e il motore si arresta. Aumentando il guadagno dell'azzeramento servo si aumenta la forza del blocco. Un aumento eccessivo causer oscillazioni. Imposta l'ampiezza della banda di uscita del completamento dell'azzeramento servo. Abilitata quando impostato il comando di completamento (fine) dell'azzeramento servo per un'uscita multifunzione. Il segnale di completamento azzeramento servo ON quando la posizione di corrente nei limiti di gamma (posizione azzeramento servo + ampiezza completamento azzeramento servo). Imposta b9-02 su un valore pari a 4 volte il numero di impulsi di spostamento consentiti sul generatore di impulsi.

0...100

No

No

No

No

1DAH

6-125

Ampiezza di banda completamento azzeramento servo

b9-02 Zero Servo Cont

0... 16383

10

No

No

No

No

1DBH

6-125

5-18

Parametri di autotuning: C
Accelerazione/Decelerazione: C1
Numero del parametro Nome Descrizione Display Tempo di accelerazione 1 Imposta il tempo di accelerazione necessario per accelerare da 0 Hz fino TEMPO alla frequenza di uscita massima. ACCELER.1 Tempo di decelerazione 1 Imposta il tempo di decelerazione necessario per decelerare dalla frequenTEMPO za di uscita massima a 0 Hz. DECELER.1 Tempo di ac- Imposta il tempo di accelerazione celerazione 2 quando attivato il parametro "Tempo di accelerazione/decelerazione 1" TEMPO ACCELER.2 dell'ingresso multifunzione. Tempo di de- Imposta il tempo di decelerazione celerazione 2 quando attivato il parametro "Tempo di accelerazione/decelerazione 1" TEMPO DECELER.2 dell'ingresso multifunzione. Tempo di ac- Imposta il tempo di accelerazione celerazione 3 quando attivato il parametro "Tempo di accelerazione/decelerazione 2" TEMPO ACCELER.3 dell'ingresso multifunzione. Tempo di de- Imposta il tempo di decelerazione celerazione 3 quando attivato il parametro "Tempo di accelerazione/decelerazione 2" TEMPO DECELER.3 dell'ingresso multifunzione. Tempo di ac- Imposta il tempo di accelerazione celerazione 4 quando sono attivi entrambi i parametri "Tempo di accelerazione/decelerazione 1" e "Tempo di accelerazione/ TEMPO ACCELER.4 decelerazione 2" dell'ingresso multifunzione. Tempo di de- Imposta il tempo di decelerazione celerazione 4 quando sono attivi entrambi i parametri "Tempo di accelerazione/decelerazione 1" e "Tempo di accelerazione/ TEMPO DECELER.4 decelerazione 2" dell'ingresso multifunzione. Tempo di Imposta il tempo di decelerazione arresto d'emergenza quando attivato il parametro "Arresto (veloce) di emergenza dell'inTEMPO gresso multifunzione. STOPrapido Unit di impostazione del tempo di accelerazione/decelerazione UN.MIStempiRAMPE Frequenza di commutazione tempo di accelerazione/decelerazione FREQ commut. RAMPE Imposta la frequenza per la commutazione automatica dell'accelerazione/ decelerazione. Se la frequenza di uscita inferiore alla frequenza impostata: tempo di accelerazione/decelerazione 4 Se la frequenza di uscita superiore alla frequenza impostata: tempo di accelerazione/decelerazione 1 Il parametro "Tempo di accelerazione/ decelerazione 1" o "Tempo di accelerazione/decelerazione 2" dell'ingresso multifunzione ha la priorit. Metodi di controllo Gamma Impo- Modificabile Vetto- Registro di impo- sta- durante il V/f VettoMEMO- Pagina sta- zione di funziona- V/f con riale ad riale ad BUS anello anello zione fabbrica PG mento aperto chiuso S Q Q Q Q 200H 4-5 6-19

C1-01

C1-02

201H

4-5 6-19

C1-03

202H

6-19

C1-04

203H

6-19

C1-05

0,0... 6000,0 *1

No 10,0 s No

204H

6-19

C1-06

205H

6-19

C1-07

No

206H

6-19

C1-08

No

207H

6-19

C1-09

No

208H

6-19

C1-10

0: Unit di 0,01 secondi 1: Unit di 0,1 secondi

0o1

No

209H

6-19

C1-11

0,0... 150,0 *2

0,0 Hz

No

20AH

6-19

* 1. La gamma di impostazione per i tempi di accelerazione/decelerazione dipende dall'impostazione di C1-10. Se C1-10 impostato su 0, la gamma di impostazione compresa tra 0,00 e 600,00 secondi. * 2. La gamma di impostazione data valida se selezionato il carico di lavoro pesante (C6-01=0, impostazione predefinita). Se selezionato un carico di lavoro normale 1 o 2 (C6-01=1 o 2), la gamma di impostazione sar compresa tra 0,0 e 400,0 Hz.

5-19

Accelerazione/decelerazione curva a S C2
Nome Numero del parametro Descrizione Display Gamm a di impostazione Impostazione di fabbrica Modificabile durante il funzionamento Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f ad ad con anello anello PG aperto chiuso Registro MEMO- Pagina BUS

V/f

C2-01

Tempo caratteristico della curva a S all'avvio dell'accelerazione RampaSaccelSTART Tempo caratteristico della curva a S all'arresto dell'accelerazione RampaSaccelTfine Tempo caratteristico della curva a S all'avvio della decelerazione RampaSaccelSTART Tempo caratteristico della curva a S all'arresto della decelerazione RampaSaccelTfine

0,00... 2,50

0,20 s

No

20BH

6-21

C2-02

Quando impostato il tempo caratteristico della curva a S, i tempi di accelerazione/decelerazione aumenteranno solo 0,00... della met di tale tempo all'inizio e alla 2,50 fine.
Comando Run ON Frequenza di uscita C2-02 C2-01 Taccel = C2-01 + C1-01 + C2-02 2 2 Tdecel = C2-03 2 + C1-02 + C2-04 2 OFF

0,20 s

No

20CH

6-21

C2-03 C2-04 Ora

C2-03

0,00... 2,50

0,20 s

No

20DH

6-21

C2-04

0,00... 2,50

0,00 s

No

20EH

6-21

5-20

Compensazione allo scorrimento del motore C3


Numero del parametro Nome Descrizione Display ImpoGamma stadi impozione di stazione fabbrica Modificabile durante il funzionamento Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f ad ad con anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS

V/f

Pagina

Guadagno di compensazione scorrimento

C3-01 CompSCORR guadagn

Utilizzato per migliorare la precisione della velocit durante il funzionamento sotto carico. In genere non necessario modificare questo parametro. Regolare questo parametro nelle seguenti circostanze: Quando la velocit del motore inferiore alla frequenza di riferimento aumentare il valore impostato. Quando la velocit del motore superiore alla frequenza di riferimento diminuire il valore impostato. Imposta il tempo di ritardo della compensazione allo scorrimento In genere non necessario modificare questo parametro. Regolare questo parametro nelle seguenti circostanze: Ridurre il valore impostato quando la risposta della compensazione allo scorrimento lenta. Se la velocit non stabile, aumentare il valore.

0,0... 2,5

1,0*

No

No

20FH

4-14 6-33

Ritardo compensazione allo scorrimento C3-02 CompSCORRIMtempo

0...100 00

200 ms *

No

No

No

210H

4-14 6-33

5
0... 250 200% No A No A No 211H 6-33

C3-03

Limite di compensazione allo scorrimento CompSCORR. limite Selezione compensazione allo scorrimento durante rigenerazione CompSCORR rigener Selezione funzionamento limitato tensione di uscita Sel.compScorrV/f

Imposta il limite di compensazione allo scorrimento come percentuale dello scorrimento nominale del motore.

C3-04

0: Disabilitata 1: Abilitata L'abilitazione della compensazione allo scorrimento durante la rigenerazione comporta l'aumento temporaneo della capacit di rigenerazione e, quindi, potrebbe essere necessario utilizzare un'opzione di frenatura (resistenza di frenatura, modulo resistenza di frenatura o modulo di frenatura). 0: Disabilitato 1: Abilitato (il flusso del motore verr diminuito automaticamente quando si verifica una saturazione della tensione di uscita).

0o1

No

No

No

212H

6-33

C3-05

0o1

No

No

No

213H

6-33

* L'impostazione di fabbrica cambier nel momento in cui viene modificato il metodo di controllo (sono riportate le impostazioni di fabbrica per il controllo vettoriale ad anello aperto).

5-21

Compensazione di coppia: C4
Numero del parametro Nome Descrizione Display ModifiGamma Impo- cabile di impo- sta- durante sta- zione di il funzione fabbrica zionamento Metodi di controllo V/f V/f con PG Vetto- Vetto- Registro riale ad riale ad MEMO- Pagina BUS anello anello aperto chiuso

Imposta il guadagno della compensazione di coppia. In genere non necessario modifiGuadagno care questo parametro. compensazione coppia Regolare questo parametro nelle seguenti circostanze: Quando il cavo lungo, aumentare il valore impostato. Quando la capacit del motore inferiore alla capacit dell'inverter (capacit massima applicabile del motore), aumentare i valori impostati. 0,00... C4-01 Quando il motore oscilla, 2,50 ridurre i valori impostati. Regolare il guadagno della comGUAD.COMP. pensazione di coppia in modo tale che alla velocit minima la corCOPPIA rente di uscita non sia superiore alla corrente di uscita nominale dell'inverter. Non modificare il guadagno della compensazione di coppia dal valore predefinito (1,00) quando si utilizza il metodo di controllo vettoriale ad anello aperto.

1,00

No

215H

4-14 6-35

5
C4-02

Costante di ritardo della compensazione di coppia TempoCOMP. COPPIA Compensazione della coppia di spunto C4-03 (FWD) COMPcopMARCIAav.

Il tempo di ritardo della compensazione di coppia impostato in millisecondi. In genere non necessario modificare questo parametro. Regolare questo parametro nelle 0... seguenti circostanze: 10000 Quando il motore oscilla, aumentare i valori impostati. Quando la risposta del motore lenta, diminuire i valori impostati.

20 ms *

No

No

216H

4-14 6-35

Imposta il valore di compensazione della coppia di spunto per la 0,0... 200,0% direzione avanti

0,0%

No

No

No

No

217H

6-35

Compensazione della coppia di Imposta il valore di compensa-200,0 C4-04 spunto (REV) zione della coppia di spunto nella 0,0% direzione indietro COMPcopMARCIAind Costante di tempo di compensazione della C4-05 coppia di spunto RITARDcomp COPPIA

0,0%

No

No

No

No

218H

6-35

Imposta il tempo di inizio della coppia di spunto. Se l'impostazione 0 ~ 4 s, viene eseguita senza filtro.

0...200

10 ms

No

No

No

No

219H

6-35

* L'impostazione di fabbrica cambier nel momento in cui viene modificato il metodo di controllo (sono riportate le impostazioni di fabbrica per il controllo vettoriale ad anello aperto).

5-22

Controllo della velocit (ASR): C5


Nome Numero del parametro Descrizione Gamm a di impostazione Impostazione di fabbrica Modificabile durante il funzionamento Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f ad ad con anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS

Display

V/f

Pagina

C5-01

Guadagno proporzionale (P) ASR Imposta il guadagno proporzionale dell'anello di controllo della velocit 1 (ASR). ASR P GUADAGNO 1 Tempo integrale (I) ASR 1 ASR I TEMPO 1

0,0... 300,00 *1

20,00 *2

No

No

21BH

6-36

C5-02

Imposta il tempo integrale dell'anello 0,0... 0,500 s di controllo della velocit (ASR). 10,000 *2

No

No

21CH

6-36

C5-03

Guadagno proporzioIn genere non necessario modifinale (P) ASR care questo parametro. 2 ASR P GUADAGNO 2 Tempo integrale (I) ASR 2 ASR I TEMPO 2 Limite ASR Imposta il limite superiore per la frequenza di compensazione dell'anello di controllo della velocit (ASR) come percentuale della frequenza di uscita massima.
P,I
P = C5-01 I = C5-02 P = C5-03 I = C5-04 0 E1-04

0,0... 300,00 *1

20,00 *2

No

No

21DH

6-36

C5-04

Velocit motore (Hz)

0,0... 0,500 s 10,000 *2

No

No

21EH

6-36

C5-05

LIMITE ASR

0,0... 20,0

5,0%

No

No

No

No

21FH

6-36

C5-06

Ritardo ASR Imposta la costante di tempo del filtro, ossia l'intervallo di tempo dall'anello di controllo della velocit RITARDO all'uscita del comando di coppia. In PRIM.ASR genere non necessario modificare questo parametro. Frequenza di commutaImposta la frequenza di commutazione ASR zione tra il guadagno proporzionale ASR GAIN 1 e 2 e il tempo integrale 1 e 2. SW FREQ Limite integrale ASR (I) LIMITE I ASR Impostare il parametro su un valore basso per evitare un cambiamento radicale del carico. Un'impostazione del 100% pari alla frequenza di uscita massima.

0,0... 0,500

0,004 ms

No

No

No

No

220H

6-36

C5-07

0,0... 150,0 *3

0,0 Hz

No

No

No

No

221H

6-36

C5-08

0...400

400%

No

No

No

No

222H

6-36

* 1. Se si utilizza il controllo vettoriale ad anello chiuso la gamma di impostazione compresa tra 1,00 e 300,00. * 2. Se si cambia il metodo di controllo, questi valori vengono reimpostati sui valori predefiniti di fabbrica per la modalit di controllo selezionata (sono riportate le impostazioni di fabbrica per il controllo vettoriale ad anello chiuso). * 3. La gamma di impostazione data valida se selezionato il carico di lavoro pesante (C6-01=0, impostazione predefinita). Se selezionato un carico di lavoro normale 1 o 2 (C6-01=1 o 2), la gamma di impostazione sar compresa tra 0,0 e 400,0 Hz.

5-23

Frequenza portante: C6
Numero del parametro Nome Descrizione Display Gamm a di impostazione Impostazione di fabbrica Modificabile durante il funzionamento Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

C6-01

Selezione carico di lavoro normale/ pesante Heavy/ Normal Duty Selezione frequenza portante

0: Carico di lavoro pesante 1: Carico di lavoro normale 1 2: Carico di lavoro Normale 2

0...2

No

223H

4-5 6-2

C6-02 Carrier Freq Sel

Seleziona la frequenza portante. Selezionare F per abilitare impostazioni dettagliate utilizzando i parametri da C6-03 a C6-05. 0: Portante bassa, poco rumore 1: 2 kHz 2: 5 kHz 3: 8 kHz 4: 10 kHz 5: 12,5 kHz 6: 15 kHz F: Impostazione utente

0...F

No

224H

4-5 4-14 6-2

C6-03

Limite superiore frequenza portante MaxCarrier Freq Limite inferiore frequenza portante MinCarrierFreq Guadagno proporzionale frequenza portante

C6-04

Imposta il limite superiore e il limite inferiore della frequenza portante in kHz. Il guadagno della frequenza portante viene impostato nel modo seguente: Nel controllo vettoriale ad anello aperto e ad anello chiuso, il limite superiore della frequenza portante viene fissato in C6-03.

2,0... 15,0 *1 *2

2,0 kHz

No

225H

6-2

0,4... 15,0 *1 *2

2,0 kHz

No

No

No

226H

6-2

Frequenza portante

Frequenza di uscita x (C6-05) x K Frequenza di uscita (Frequenza di uscita massima)

C6-05 GainCarrierFreq

K un coefficiente che dipende dall'impostazione di C6-03. C6-03 10,0 kHz: K = 3 10,0 kHz > C6-03 5,0 kHz: K = 2 5,0 kHz > C6-03: K = 1

00... 99 *2

00

No

No

No

227H

6-2

* 1. La gamma di impostazione dipende dalla capacit dell'inverter. * 2. Questo parametro pu essere monitorato o impostato solo quando C6-01 impostato su 1 e C6-02 su F.

5-24

Parametri di riferimento: d
Riferimenti preimpostati: d1
Numero del parametro Nome Descrizione Display Frequenza di riferimento 1
RIFERIM.FREQ.1

Gamm a di impostazione

Impostazione di fabbrica

Modificabile durante il funzionamento

Metodi di controllo Vetto- Vetto- Registro V/f riale riale MEMO- Pagina con V/f ad ad BUS PG anello anello aperto chiuso Q Q Q Q 280H 4-5 6-10

d1-01

Imposta la frequenza di riferimento. Imposta la frequenza di riferimento quando il comando di multivelocit 1 ON per un ingresso multifunzione. Imposta la frequenza di riferimento quando il comando di multivelocit 2 ON per un ingresso multifunzione. Imposta la frequenza di riferimento quando i comandi di multivelocit 1 e 2 sono ON per un ingresso multifunzione. Imposta la frequenza di riferimento quando il comando di multivelocit 3 ON per un ingresso multifunzione. Imposta la frequenza di riferimento quando i comandi di multivelocit 1 e 3 sono ON per un ingresso multifunzione. Imposta la frequenza di riferimento quando i comandi di multivelocit 2 e 3 sono ON per un ingresso multifunzione. Imposta la frequenza di riferimento quando i comandi di multivelocit 1, 2 e 3 sono ON per un ingresso multifunzione. Imposta la frequenza di riferimento quando il comando di multivelocit 4 ON per un ingresso multifunzione. Imposta la frequenza di riferimento quando i comandi di multivelocit 1 e 4 sono ON per un ingresso multifunzione.

0,00 Hz

d1-02

Frequenza di riferimento 2
RIFERIM.FREQ.2

0,00 Hz

281H

4-5 6-10

d1-03

Frequenza di riferimento 3
RIFERIM.FREQ.3

0,00 Hz

282H

4-5 6-10

d1-04

Frequenza di riferimento 4
RIFERIM.FREQ. 4

0,00 Hz

283H

4-5 6-10

d1-05

Frequenza di riferimento 5
RIFERIM.FREQ. 5

0,00 Hz

284H

6-10

d1-06

Frequenza di riferimento 6
RIFERIM.FREQ. 6

d1-07

Frequenza di riferimento 7
RIFERIM.FREQ. 7

0... 50,00 *1*2

0,00 Hz

285H

6-10

0,00 Hz

286H

6-10

d1-08

Frequenza di riferimento 8
RIFERIM.FREQ. 8

0,00 Hz

287H

6-10

d1-09

Frequenza di riferimento 9
RIFERIM.FREQ. 9

0,00 Hz

288H

6-10

d1-10

Frequenza di riferimento 10
RIFERIM.FREQ.

0,00 Hz

28BH

6-10

10

d1-11

Frequenza di riferimento 11
RIFERIM.FREQ.

Imposta la frequenza di riferimento quando i comandi di multivelocit 2 e 4 sono ON per un ingresso multifunzione.

0,00 Hz

28CH

6-10

11

5-25

Numero del parametro

Nome Descrizione Display Frequenza di riferimento 12


RIFERIM.FREQ.

Gamm a di impostazione

Impostazione di fabbrica

Modificabile durante il funzionamento

Metodi di controllo Vetto- Vetto- Registro V/f riale riale MEMO- Pagina V/f con ad ad BUS PG anello anello aperto chiuso

d1-12

Imposta la frequenza di riferimento quando i comandi di multivelocit 1, 2 e 4 sono ON per un ingresso multifunzione.

0,00 Hz

28DH

6-10

12

d1-13

Frequenza di riferimento 13
RIFERIM.FREQ.

Imposta la frequenza di riferimento quando i comandi di multivelocit 3 e 4 sono ON per un ingresso multifunzione.

0,00 Hz

28EH

6-10

13

d1-14

Frequenza di riferimento 14
RIFERIM.FREQ.

Imposta la frequenza di riferimento quando i comandi di multivelocit 1, 3 e 4 sono ON per un ingresso multifunzione.

0,00 Hz 0... 50,00 *1*2

28FH

6-10

14

d1-15

Frequenza di riferimento 15
RIFERIM.FREQ.

Imposta la frequenza di riferimento quando i comandi di multivelocit 2, 3 e 4 sono ON per un ingresso multifunzione.

0,00 Hz

290H

6-10

15

d1-16

Frequenza di riferimento 16
RIFERIM.FREQ.

Imposta la frequenza di riferimento quando i comandi di multivelocit 1, 2, 3 e 4 sono ON per un ingresso multifunzione.

0,00 Hz

291H

6-10

16

d1-17

Frequenza di Imposta la frequenza di rifeririferimento di mento quando la selezione della jog frequenza di riferimento di jog, il JRiferimento comando FJOG o il comando RJOG ON. JOG

6,00 Hz

292H

4-5 6-10 6-72

* 1. L'unit di misura impostata in o1-03 (impostazione e monitoraggio unit per la frequenza di riferimento, valore predefinito: 0,01 Hz). Se si cambia l'unit di misura visualizzata, cambiano anche i valori della gamma di impostazione. * 2. Il valore massimo di impsotazione dipende dall'impostazione della frequenza di uscita massima (E1-04).

Limiti di riferimento: d2
Numero del parametro Nome Descrizione Display ImpoGamma stadi impozione di stazione fabbrica Modificabile durante il funzionamento Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

d2-01

Limite superiore frequenza di riferimento LIMITE ALTO RIF. Limite inferiore frequenza di riferimento LIM. BASSO RIF. Limite inferiore velocit di riferimento master Lim.inf.ref1

Imposta il limite superiore della frequenza di riferimento come percentuale della frequenza di uscita massima. Imposta il limite inferiore della frequenza di riferimento come percentuale della frequenza di uscita massima. Imposta il limite inferiore della velocit di riferimento master come percentuale della frequenza di uscita massima.

0,0... 110,0

100,0%

No

289H

6-30 6-67

d2-02

0,0... 110,0

0,0%

No

28AH

6-30 6-67

d2-03

0,0... 110,0

0,0%

No

293H

6-30 6-67

5-26

Frequenze di salto: d3
Numero del parametro Nome Descrizione Display ModificaImpobile Gamma stadurante il di impozione di funzionastazione fabbrica mento Metodi di controllo VettoV/f riale ad con anello PG aperto Vettoriale ad anello chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

d3-01

d3-02

d3-03

Frequenza di Imposta i valori centrali delle salto 1 frequenze di salto in Hz. SALTO FRE- Questa funzione viene disabilitata quando la frequenza di salto QUENZA 1 impostata su 0 Hz. Verificare Frequenza di sempre che siano soddisfatte le salto 2 seguenti condizioni: SALTO FRE- d3-01 d3-02 d3-03 QUENZA 2 Il funzionamento nella gamma Frequenza di della frequenza di salto consentito solo durante l'accelerazione e salto 3 la decelerazione poich la veloSALTO FRE- cit varia in modo uniforme QUENZA 3 senza salti. Ampiezza della frequenza di salto Imposta la larghezza di banda della frequenza di salto in Hz. La gamma della frequenza di salto sar uguale alla frequenza AMPIEZZA di salto +/- d3-04. saltoFR

0,0 Hz

No

294H

6-28

0,0... 150,0 *

0,0 Hz

No

295H

6-28

0,0 Hz

No

296H

6-28

d3-04

0,0... 20,0

1,0 Hz

No

297H

6-28

* La gamma di impostazione data valida se selezionato il carico di lavoro pesante (C6-01=0, impostazione predefinita). Se selezionato un carico di lavoro normale 1 o 2 (C6-01=1 o 2), la gamma di impostazione sar compresa tra 0,0 e 400,0 Hz.

Mantenimento frequenza di riferimento: d4


Numero del parametro Nome Descrizione Display ImpoGamma stadi impozione di stazione fabbrica Modificabile durante il funzionamento Metodi di controllo VettoV/f riale ad con anello PG aperto Vettoriale ad anello chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

Selezione funzione di mantenimento della frequenza di riferimento

d4-01 MEMsegnRIFmotPot

Imposta se registrare o meno il valore della frequenza di riferimento in caso di blocco o perdita di potenza. 0: Disabilitato (se il funzionamento viene interrotto o si riattiva l'alimentazione, la frequenza di riferimento viene impostata su 0). 1: Abilitato (se il funzionamento viene interrotto o si riattiva l'alimentazione, l'inverter riparte dalla precedente frequenza mantenuta). Questa funzione disponibile quando impostato il parametro "Mantenimento rampa di accelerazione/decelerazione " o "Salita/ Discesa" per l'ingresso multifunzione. Imposta la frequenza da aggiungere o sottrarre dalla frequenza di riferimento analogica come percentuale della frequenza di uscita massima. Abilitati quando impostato il comando per l'aumento (+) o la diminuzione (-) della velocit per un ingresso multifunzione.

0o1

No

298H

6-66

Limiti velocit +/-

d4-02 LIVELLO TARATvel

0...100

10%

No

299H

6-66

5-27

Controllo della coppia: d5


Numero del parametro Nome Descrizione Display 0: Controllo velocit (da C5-01 a C5-07) 1: Controllo della coppia Questa funzione disponibile solo in modalit di controllo vettoriale ad anello chiuso. Per utilizzare la funzione per passare SEL.CONTR. dal controllo della velocit al controllo della coppia e viceCOPPIA versa, impostare d5-01 su 0 e l'ingresso multifunzione su "Selezione controllo velocit/ coppia". Ritardo coppia di riferimento d5-02 FILTRO RIFcoppia Imposta il ritardo della coppia di riferimento. Pu essere utilizzato per prevenire le oscillazioni causate da disturbi nel segnale o per aumentare/ridurre la velocit di risposta. Se si verificano oscillazioni durante il controllo della coppia, aumentare il valore impostato. Imposta l'origine del limite di velocit di riferimento per la modalit di controllo della coppia. 1: Limite dell'ingresso analogico da una frequenza di riferimento 2: Limite in base ai valori di impostazione del parametro d5-04 Imposta il limite della velocit durante il controllo della coppia come percentuale della frequenza di uscita massima. Questa funzione abilitata quando d5-03 impostato su 2 con le seguenti direzioni: +: direzione del comando di marcia -: direzione opposta rispetto al comando di marcia Imposta la polarizzazione del limite di velocit come percentuale della frequenza di uscita massima. La polarizzazione applicata al limite di velocit specificato. Questo parametro pu essere utilizzato per regolare il margine per il limite di velocit. Selezione controllo della coppia Gamm a di impostazione Impostazione di fabbrica Modificabile durante il funzionamento Metodi di controllo V/f V/f con PG Vettoriale ad anello aperto Vetto- Registro riale ad MEMO- Pagina BUS anello chiuso

d5-01

0o1

No

No

No

No

29AH

6-118

0... 1000

0 ms

No

No

No

No

29BH

6-118

Selezione limite velocit

d5-03 SELEZlimiteVELOC

1o2

No

No

No

No

29CH

6-118

Limite velocit d5-04 LIMITE VELOCITA'

-120... +120

0%

No

No

No

No

29DH

6-118

Polarizzazione limite velocit d5-05 BIAS LIMITE VEL Temporizzatore del passaggio tra controllo velocit e coppia d5-06

0...120

10%

No

No

No

No

29EH

6-118

Imposta il tempo che deve trascorrere tra l'attivazione di un ingresso "Selezione controllo velocit/coppia" (passaggio dell'ingresso digitale da ON a OFF oppure da OFF a ON) e l'effettivo cambiamento di controllo. Questa funzione abilitata quando impostato il parametro "Selezione controllo velocit/ TEMPOman- coppia" per l'ingresso multifuntenimRIF zione. I valori degli ingressi analogici vengono mantenuti dall'istante in cui viene attivato l'ingresso "Selezione controllo velocit/coppia".

0...1000

0 ms

No

No

No

No

29FH

6-118

5-28

Indebolimento di campo: d6
Numero del parametro Nome Descrizione Display ImpoGamma stadi impozione di stazione fabbrica Modificabile durante il funzionamento Metodi di controllo VettoV/f riale ad con anello PG aperto Vettoriale ad anello chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

d6-01

Livello inde- Imposta la tensione di uscita bolimento dell'inverter quando viene atticampo vato il comando di indebolimento del campo per un ingresso digitale. Imposta il livello della tensione Liv.campo come percentuale, considedebole rando la tensione impostata nella linea caratteristica V/f pari al 100%. Limite di frequenza indebolimento di campo FrefCampoDebole Imposta il limite inferiore della gamma di frequenza per cui il controllo del campo valido. Il comando di indebolimento del campo viene accettato solo alle frequenze superiori a questa impostazione e solo quando la velocit raggiunge quella di riferimento corrente.

0...100

80%

No

No

No

2A0H

6-107

d6-02

0,0... 150,0 *

0,0 Hz

No

No

No

2A1H

6-107

d6-03

Selezione funzione forAbilita o disabilita la funzione zamento di forzamento di campo. campo 0: Disabilitata 1: Abilitata SelForzaCampo Limite funzione forzamento di campo Imposta il limite superiore per la corrente di eccitazione applicata alla funzione di forzamento di campo. Un'impostazione del 100% pari alla corrente a vuoto del motore. Il forzamento di campo attivo durante tutte le operazioni salvo quella di iniezione c.c.

0o1

No

No

No

No

2A2H

6-108

d6-06 FieldForce Limit

100... 400

400%

No

No

No

2A5H

6-108

* La gamma di impostazione data valida se selezionato il carico di lavoro pesante (C6-01=0, impostazione predefinita). Se selezionato un carico di lavoro normale 1 o 2 (C6-01=1 o 2), la gamma di impostazione sar compresa tra 0,0 e 400,0 Hz.

5-29

Parametri motore: E
Linea caratteristica V/f: E1
Numero del parametro Nome Descrizione Display Impostazione tensione di ingresso TENSIONE reteINGR Selezione linea caratteristica V/f SELEZ. CURVA V/f Frequenza di uscita massima (FMAX)
MASS.FREQ. USCITA

Gamm Impo- Modificabile a di staimpo- zione durante stadi fab- il funzionazione brica mento

Metodi di controllo V/f V/f con PG

RegiVetto- Vettostro riale ad riale ad MEMOanello anello BUS aperto chiuso

Pagina

E1-01

Imposta la tensione di ingresso dell'inverter Questa impostazione viene utilizzata come valore di riferimento nelle funzioni di protezione. 0...E: Selezionare tra 15 linee caratteristiche predefinite F: Linea caratteristica personalizzata (applicabile per l'impostazione da E1-04 a E1-10)

155... 255 *1

200 V *1

No

300H

4-5 6-110

E1-03

0...F

No

No

No

302H

6-110

E1-04

40,0... 150,0 *2

50,0 Hz

No

303H

6-110

E1-05

Tensione di uscita max. (VMAX)


MASS.TENS. USCITA

0,0... 255,0 *1

200,0 V *1

No

304H

6-110

E1-06

Frequenza di base (FA) FREQUENZA BASE Frequenza di uscita media (FB) FREQintermedia:A Tensione frequenza di uscita media (VB)

Tensione di uscita (V)

0,0... 150,0 *2

50,0 Hz

No

305H

6-110

E1-07

Frequenza (Hz)

0,0... 150,0 *2

3,0 Hz *3

No

No

306H

6-110

E1-08

E1-09

Per definire una retta come linea caratteristica V/f, impostare gli stessi valori per E1-07 ed E1-09. In questo caso l'impostazione di E1-08 non verr tenuta in considerazione. TENS.ALL Verificare sempre che le quattro freA FREQ:A quenze impostate rispettino le seguenti condizioni: Frequenza E1-04 (FMAX) E1-06 (FA) > E1di uscita 07 (FB) E1-09 (FMIN) minima (FMIN) MIN.FREQ. USCITA Tensione frequenza di uscita minima (VMIN) MIN.TENS. USCITA

0,0... 255 *1

13,2 V *1 *3

No

No

307H

4-14 6-110

0,0... 150,0 *2

0,5 Hz *3

No

308H

6-110

E1-10

0,0... 255,0 *1

2,4 V *1 *3

No

No

309H

4-14 6-110

5-30

Numero del parametro

Nome Descrizione Display Frequenza di uscita media 2 Impostare solo per la regolazione FREQinter- fine di V/f per la gamma di uscita. media:B Generalmente non necessario impostare questo parametro. Tensione E1-11 deve essere impostato su un frequenza valore superiore all'impostazione di di uscita E1-04. media 2 TENS.ALL A FREQ:B Tensione di base Imposta la tensione di uscita della (VBASE) frequenza di base (E1-06). Tensione di base

ModifiGamm Impocabile a di stadurante impo- zione il funstadi fab- zionazione brica mento 0,0... 150,0 *2 0,0 Hz *4

Metodi di controllo V/f V/f con PG

RegiVetto- Vettostro riale ad riale ad MEMOanello anello BUS aperto chiuso

Pagina

E1-11

No

30AH

6-110

E1-12

0,0... 255,0 *1

0,0 V *4

No

30BH

6-110

E1-13

0,0... 255,0 *1

0,0 V *5

No

30CH

6-110

* 1. Questi valori si riferiscono a inverter di classe 200 V e devono essere raddoppiati per inverter di classe 400 V. * 2. La gamma di impostazione data valida se selezionato il carico di lavoro pesante (C6-01=0, impostazione predefinita). Se selezionato un carico di lavoro normale 1 o 2 (C6-01=1 o 2), la gamma di impostazione sar compresa tra 0,0 e 400,0 Hz. * 3. L'impostazione di fabbrica cambier nel momento in cui viene modificato il metodo di controllo (sono riportate le impostazioni di fabbrica per il controllo vettoriale ad anello aperto). * 4. E1-11 ed E1-12 vengono ignorati quando sono impostati su 0,0. * 5. E1-13 viene impostato sullo stesso valore di E1-05 durante l'autotuning.

Configurazione del motore: E2


Numero del parametro Nome Descrizione Display Gamma di impostazione Impostazione di fabbrica Modificabile durante il funzionamento Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

E2-01

Corrente Imposta la corrente nominale del nominale del motore. motore Questo valore impostato diventer il valore di riferimento per la proteCORR.NOM. zione del motore e i limiti di coppia. Il parametro viene utilizzato come MOTORE input dalla funzione di autotuning. Scorrimento Imposta lo scorrimento nominale nominale del del motore. motore Questo valore impostato diventer il valore di riferimento per la compensazione allo scorrimento. SCORR.NOM. Questo parametro viene impostato MOTORE automaticamente durante l'autotuning. Corrente a vuoto del motore Corrente a vuoto Numero di poli del motore Numero di poli Imposta la corrente a vuoto del motore Questo parametro viene impostato automaticamente durante l'autotuning. Imposta il numero di poli del motore. Il valore impostato viene utilizzato come input dalla funzione di autotuning.

0,32... 6,40 *1

1,90 A *2

No

30EH

6-48 6-108

E2-02

0,00... 20,00

2,90 Hz *2

No

30FH

6-108

E2-03

0,00... 1,89 *3

1,20 A *2

No

310H

6-108

E2-04

2...48

4 poli

No

No

311H

6-108

5-31

Numero del parametro

Nome Descrizione Display

Gamma di impostazione

Impostazione di fabbrica

Modificabile durante il funzionamento

V/f

Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso

Registro MEMOBUS

Pagina

E2-05

Resistenza da linea a linea del motore RESIST terminMOT

Imposta la resistenza da fase a fase del motore Questo parametro viene impostato automaticamente durante l'autotuning.

0,000 ... 65,000

9,842 *2

No

312H

6-108

E2-06

Induttanza di Imposta la caduta di tensione dispersione dovuta all'induttanza di dispersione del motore del motore come percentuale della tensione nominale del motore. Questo parametro viene impostato Indut. automaticamente durante l'autotuDispers. ning. Coefficiente Imposta il coefficiente di saturadi saturazione del tra- zione al 50% del flusso magnetico. Questo parametro viene impostato ferro 1 automaticamente durante l'autotuCOMPENS ning rotante. saturaz1 Coefficiente Imposta il coefficiente di saturadi saturazione del tra- zione al 75% del flusso magnetico. Questo parametro viene impostato ferro 2 automaticamente durante l'autotuCOMPENS ning rotante. saturaz2 Perdite meccaniche motore Imposta le perdite meccaniche del motore come percentuale della potenza nominale del motore. In genere non necessario modificare questo parametro. per possibile che il valore debba essere modificato se, ad esempio, la PERDITE perdita di coppia elevata a causa MECCANIC di un eccessivo attrito nella macchina. La coppia di uscita verr cos compensata per la perdita meccanica. Perdite nel ferro per compensazione di cop- Imposta le perdite nel ferro. pia COMPcoppia PERDfe Potenza di uscita nominale del motore Pot.Nom. Motore Imposta la potenza di uscita nominale del motore. Il parametro viene utilizzato come input dalla funzione di autotuning.

0,0... 40,0

18,2% *2

No

No

No

313H

6-108

E2-07

0,00... 0,50

0,50

No

No

No

314H

6-108

E2-08

5
E2-09

0,50... 0,75

0,75

No

No

No

315H

6-108

0,0... 10,0

0,0%

No

No

No

No

316H

6-108

E2-10

0... 65535

14 W *2

No

No

No

317H

6-108

E2-11

0,00... 650,00

0,40 *2

No

318H

6-108

* 1. La gamma di impostazione compresa tra il 10% e il 200% della corrente di uscita nominale dell'inverter. Viene indicato il valore per un inverter di classe 200 V da 0,4 kW. * 2. L'impostazione di fabbrica dipende dalla capacit dell'inverter. Viene indicato il valore per un inverter di classe 200 V da 0,4 kW. * 3. L'intervallo di impostazione dipende dalla capacit dell'inverter. Viene indicato il valore per un inverter di classe 200 V da 0,4 kW.

5-32

Linea caratteristica V/f del motore 2: E3


Numero del parametro Nome Descrizione Display Selezione metodo di controllo motore 2 METODO CONTROLLO Frequenza di uscita massima motore 2 (FMAX)
MASS.FREQ. USCITA

Metodi di controllo Gamm Impo- Modificaa di stabile VettoVettoV/f impo- zione durante il riale ad riale ad V/f con stadi fab- funzionaanello anello PG zione brica mento aperto chiuso

Registro MEMO- Pagina BUS

E3-01

0: Controllo V/f 1: Controllo V/f con PG 2: Controllo vettoriale ad anello aperto 3: Controllo vettoriale ad anello chiuso

0...3

No

319H

6-117

E3-02

40,0... 150,0 *1

50,0 Hz

No

31AH

6-117

E3-03

Tensione di uscita massima motore 2 (VMAX)


MASS.TENS. USCITA

0,0... 255,0 *2

200,0 V *2

No

31BH

6-117

E3-04

Frequenza di tensione massima motore 2 (FA) FREQUENZA BASE Frequenza di uscita media 1 motore 2 (FB) M2 FREQinterm.:B

Tensione di uscita (V)

0,0... 150,0 *1

50,0 Hz

No

31CH

6-117

E3-05

Frequenza (Hz)

0,0... 150,0 *1

2,5 Hz *3

No

No

31DH

6-117

E3-06

E3-07

Per definire una retta come linea caratteristica V/f, impostare gli stessi Tensione valori per E3-05 ed E3-07. frequenza di In questo caso l'impostazione di E3uscita media 06 non verr tenuta in considera1 motore 2 zione. (VB) Verificare sempre che le quattro freM2 TENS.A quenze impostate rispettino le FREQ:B seguenti condizioni: Frequenza di E3-02 (FMAX) E3-04 (FA) > E305 (FB) > E3-07 (FMIN) uscita minima motore 2 (FMIN)
MIN.FREQ.U SCITA

0,0... 255,0 *2

15,0 V *2*3

No

No

31EH

6-117

0,0... 150,0 *1

1,2 Hz *3

No

31FH

6-117

E3-08

Tensione frequenza di uscita minima motore 2 (FMIN)


MIN.TENS.U SCITA

0,0... 255,0 *2

9,0 V *2*3

No

No

320H

6-117

* 1. La gamma di impostazione data valida se selezionato il carico di lavoro pesante (C6-01=0, impostazione predefinita). Se selezionato un carico di lavoro normale 1 o 2 (C6-01=1 o 2), la gamma di impostazione sar compresa tra 0,0 e 400,0 Hz. * 2. Questi valori si riferiscono a inverter di classe 200 V e devono essere raddoppiati per inverter di classe 400 V. * 3. L'impostazione di fabbrica cambier nel momento in cui viene modificato il metodo di controllo (sono riportate le impostazioni di fabbrica per il controllo V/f).

5-33

Configurazione del motore 2: E4


Numero del parametro Nome Descrizione Display ModificaImpobile Gamma stadurante il di impozione di funzionastazione fabbrica mento Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

E4-01

Imposta la corrente nominale del Corrente nominale del motore. motore 2 Questo valore impostato diventer un valore di riferimento per la protezione del motore e i limiti CORR.NOM. di coppia. Il parametro viene utilizzato MOTORE come input dalla funzione di autotuning. Scorrimento Imposta lo scorrimento nominale nominale del del motore. motore 2 Questo valore impostato diventer un valore di riferimento per la compensazione allo scorriSCORR. mento. NOM. Questo parametro viene impoMOTORE stato automaticamente durante l'autotuning. Corrente a vuoto del motore 2 Corrente a vuoto Numero di poli del motore 2 (numero di poli) Numero di poli Resistenza da linea a linea del motore 2 M2 FREQ interm.:B Imposta la corrente a vuoto del motore. Questo parametro viene impostato automaticamente durante l'autotuning. Imposta il numero di poli del motore. Il valore impostato viene utilizzato come input dalla funzione di autotuning.

0,32 ... 6,40 *1

1,90 A *2

No

321H

6-48 6-117

E4-02

0,00... 20,00

2,90 Hz *2

No

322H

6-117

E4-03

0,00... 1,89 *3

1,20 A *2

No

323H

6-117

5
E4-04

2...48

4 poli

No

No

No

324H

6-117

E4-05

Imposta la resistenza da fase a fase del motore in . Questo parametro viene impostato automaticamente durante l'autotuning.

0,000... 9,842 65,000 *2

No

325H

6-117

E4-06

Induttanza di Imposta la caduta di tensione dispersione dovuta all'induttanza di disperdel motore 2 sione del motore come percentuale della tensione nominale del motore. Indut. Questo parametro viene impoDispers. stato automaticamente durante l'autotuning. Capacit Imposta l'uscita nominale del nominale del motore in unit di 0,01 kW. motore 2 Il parametro viene utilizzato come input dalla funzione di Mtr Rated autotuning. Power

0,0... 40,0

18,2% *2

No

No

No

326H

6-117

E4-07

0,40... 650,00

0,40 *2

No

327H

6-117

* 1. La gamma di impostazione compresa tra il 10% e il 200% della corrente di uscita nominale dell'inverter. Vengono indicati i valori per un inverter di classe 200 V da 0,4 kW. * 2. L'impostazione di fabbrica dipende dalla capacit dell'inverter. Viene indicato il valore per un inverter di classe 200 V da 0,4 kW. * 3. La gamma di impostazione dipende dalla capacit dell'inverter. Viene indicato il valore per un inverter di classe 200 V da 0,4 kW.

5-34

Parametri opzioni: F
Configurazione opzione PG: F1
Numero del parametro Nome Descrizione Display Costante PG F1-01 Encoder IMP/GIRO Selezione funzionamento in caso di circuito PG aperto (PGO) F1-02 PG MODO INATTIVO Gamma di impostazione Impostazione di fabbrica 1024 Modificabile durant e il funzionamento No Metodi di controllo V/f V/f con PG VettoVetto- Registro riale ad riale ad MEMO- Pagina BUS anello anello aperto chiuso Q Q 380H 6-138

Imposta il numero di impulsi PG per giri del motore. Imposta il metodo di arresto per la disconnessione del generatore di impulsi. 0: Arresto a rampa (arresto perdecelerazione tramite il tempo di decelerazione 1, C1-02) 1: Arresto per inerzia 2: Arresto rapido (arresto di emergenza nel tempo di decelerazione impostato in C1-09) 3: Funzionamento non interrotto (per proteggere il motore o la macchina, di norma, evitare di selezionare questa impostazione) Imposta il metodo di arresto da utilizzare quando viene rilevato un errore di velocit eccessiva (OS). 0: Arresto a rampa (arresto perdecelerazione tramite il tempo di decelerazione 1, C1-02) 1: Arresto per inerzia 2: Arresto rapido (arresto di emergenza nel tempo di decelerazione impostato in C1-09) 3: Funzionamento non interrotto (per proteggere il motore o la macchina, di norma, evitare di selezionare questa impostazione) Imposta il metodo di arresto quando viene rilevato un errore di deviazione della velocit (DEV). 0: Arresto a rampa (arresto perdecelerazione tramite il tempo di decelerazione 1, C1-02) 1: Arresto per inerzia 2: Arresto rapido (arresto di emergenza nel tempo di decelerazione impostato in C1-09) 3: Funzionamento non interrotto (viene visualizzata la dicitura DEV e il funzionamento continua) 0: La fase A prevale con il comando di marcia avanti (la fase B prevale con il comando di marcia indietro, in senso antiorario) 1: La fase b prevale con il comando di marcia avanti (la fase a prevale con il comando di marcia indietro, in senso orario)

0... 60000

No

0...3

No

No

No

381H

6-138

Selezione funzionamento in caso di velocit eccessiva (OS) F1-03 PG SELsovraveloc

5
0...3 1 No No A No A 382H 6-138

Selezione funzionamento in caso di deviazione

F1-04 PG sel DEVIAZIONE

0...3

No

No

No

383H

6-138

Rotazione PG F1-05

PGsenso ROTAZIONE

0o1

No

No

384H

6-138

5-35

Numero del parametro

Nome Descrizione Display Rapporto di divisione PG (monitoraggio impulsi PG) Imposta il rapporto di divisione per l'uscita a treno di impulsi della scheda di controllo della velocit del generatore di impulsi. Rapporto di divisione = (1+ n) / m (n=0 o 1 m=da 1 a 32) n corrisponde alla prima cifra del valore F1-06 e m alla seconda e alla terza. Questo parametro valido solo quando si utilizza un PG-B2. Le impostazioni possibili per il rapporto di divisione sono: 1/32 F1-06 1.

Gamma di impostazione

Impostazione di fabbrica

Modificabile durant e il funzionamento

Metodi di controllo V/f V/f con PG VettoVetto- Registro riale ad riale ad MEMO- Pagina BUS anello anello aperto chiuso

F1-06 PG RAPPORTO USC.

1...132

No

No

385H

6-138

F1-07

Abilitazione/ Abilita/disabilita il controllo disabilitaintegrale durante l'accelerazione valore zione/decelerazione. integrale 0: Disabilitato (la funzione durante integrale non viene utilizaccelerazata durante l'accelerazione/decezione o la decelerazione ma lerazione solo a velocit costante) 1: Abilitato (la funzione intePG SELintegrale viene utilizzata semgrPI/I pre) Livello di rilevamento velocit eccessiva

0o1

No

No

No

No

386H

6-138

F1-08

F1-09

Imposta il metodo di rilevamento della velocit eccessiva. Vengono registrate come PGsensSO- eccessive le velocit del VRAVELOC motore che continuano ad Ritardo rile- eccedere il valore impostato in F1-08, come percentuale della vamento frequenza di uscita massima, velocit per il tempo impostato in F1eccessiva 09. PG ritardo SOVRAV Livello di rilevamento deviazione velocit eccessiva Imposta il metodo di rilevamento della deviazione di velocit. Viene rilevata una deviazione di velocit quando la variaPG zione della velocit continua LIVELLO ad eccedere il livello impostato deviaz in F1-10, come percentuale della Ritardo nel rilevamento frequenza di uscita massima, della devia- per il tempo impostato in F111. zione di La deviazione di velocit corrivelocit sponde alla differenza tra la eccessiva velocit effettiva del motore e PG TEMPO- la velocit di riferimento. ritarDEV Numero di denti dell'ingranaggio PG 1 Imposta il numero di denti degli eventuali ingranaggi tra il generatore di impulsi e il PGnDENTI motore. ingran1 Impulsi di ingresso PG x 60 F1-13 Numero di denti dell'ingranaggio PG 2 PGnDENTI ingran2
F1-01

0...120

115%

No

No

No

387H

6-138

0,0...2,0

0,0 s

No

No

No

388H

6-138

F1-10

0...50

10%

No

No

No

389H

6-138

F1-11

0,0... 10,0

0,5 s

No

No

No

38AH

6-138

F1-12

No

No

No

No

38BH

6-138

F1-12

0...1000

F1-13

Se uno di questi parametri impostato su 0, verr utilizzato un rapporto di trasmissione pari a 1.

No

No

No

No

38CH

6-138

5-36

Numero del parametro

Nome Descrizione Display Ritardo nel rilevamento del circuito PG aperto Utilizzato per impostare il tempo di rilevamento dalla disconnessione del generatore di impulsi. Se il rilevamento richiede un tempo superiore a TEMPOrilP- quello impostato, verr rilevato Gaperto un errore PGO.

Gamma di impostazione

Impostazione di fabbrica

Modificabile durant e il funzionamento

Metodi di controllo V/f V/f con PG VettoVetto- Registro riale ad riale ad MEMO- Pagina BUS anello anello aperto chiuso

F1-14

0,0... 10,0

2,0 s

No

No

No

38DH

6-138

Scheda di riferimento analogico: F2


Numero del parametro Nome Display Descrizione Modificabile Gamma Impostadi impo- zione di durante il stazione fabbrica funzionamento Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto Vettoriale ad anello chiuso Registro MEMO BUS Pagina

V/f

Selezione ingresso unipolare o bipolare

F2-01 SELEZingr. AI-14

Se viene utilizzata una scheda di riferimento analogico AI14B, questo parametro imposta le funzioni per i canali di ingresso da 1 a 3. 0: 2 singoli canali. I canali di ingresso della scheda AI14B sostituiscono i terminali di ingresso analogico A1 e A2 dell'inverter (canale 1: terminale A1, canale 2: terminale A2). Il canale 3 non utilizzato. 1: 3 canali con aggiunta (il valore aggiunto la frequenza di riferimento). Se B1-01 impostato su 1 ed F2-01 su 0, non possibile utilizzare la funzione di ingresso digitale "Selezione scheda accessoria/inverter".

0o1

No

38FH

6-141

5-37

Scheda di riferimento digitale: F3


Nome Numero del parametro Display Descrizione Modificabile Gamma Impostadi impo- zione di durante il stazione fabbrica funzionamento Metodi di controllo Vettoriale V/f con ad anello aperto PG 1 Vetto- Registro riale ad MEMO- Pagina BUS anello chiuso

V/f

Opzione ingresso digitale

F3-01 InputING digitale

5
Numero del parametro Nome

Imposta il metodo di ingresso per la scheda di riferimento digitale. 0: Unit percentuali intere in formato decimale codificato in binario 1: Decimi percentuali in formato decimale codificato in binario 2: Centesimi percentuali in formato decimale codificato in binario 3: Unit di Hz in formato decimale codificato in binario 4: Decimi di Hz in formato decimale codificato in binario 5: Centesimi di Hz in formato decimale codificato in binario 6: Formato decimale codificato in binario speciale (ingresso a 5 cifre) 7: Ingresso binario L'opzione 6 ha effetto solo se viene utilizza la scheda DI-16H2. Se il parametro o1-03 impostato su un valore uguale o maggiore di 2, l'ingresso sar in formato decimale codificato in binario e l'unit dipender dal parametro o1-03.

0...7

No

390H

6-141

Configurazione scheda accessoria di uscita analogica: F4


Descrizione Gamma Imposta- Modificabile di impo- zione di durante il funstazione fabbrica zionamento Metodi di controllo RegiVettoVettostro V/f riale ad riale ad MEMO- Pagina V/f con anello anello BUS PG aperto chiuso

F4-01

Selezione uscita di monitoraggio canale 1 Guadagno canale 1 Selezione uscita di monitoraggio canale 2 Guadagno canale 2

Questa funzione abilitata quando viene utilizzata la scheda di monitoraggio analogico. Selezione monitoraggio: imposta il numero del parametro da monitorare in uscita (parte numerica di di U1) 4, 10, 11, 12, 13, 14, 25, 28, 35, 39 e 40 non possono essere impostati.

1...38 0,0... 100,0 1...38 0,0... 100,0 -110,0... 110,0 -110,0... 110,0

No

391H

F4-02

100,0%

392H

F4-03

No

393H

F4-04 F4-05

50,0% 0,0%

S S

A A

A A

A A

A A

394H 395H

Guadagno: imposta la percentuale Polarizzazione uscita del parametro da monitorare equicanale 2 valente a 10 V in uscita. Polarizzazione uscita Polarizzazione: imposta la percencanale 2 tuale del parametro da monitorare equivalente a 0 V in uscita. Livello di segnale uscita analogica canale 1 Seleziona il livello di segnale dell'uscita analogica per il canale 1 (effettivo solo per la scheda accessoria A0-12). 0: 0...10 V 1: -10...+10 Se si utilizza una scheda accessoria Ao-08, il segnale di uscita pu essere compreso solo tra 0 e +10 V. Le impostazioni in F4-07 e F4-08 non hanno effetto.

F4-06

0,0%

396H

F4-07

0, 1

No

397H

F4-08

Livello di segnale uscita analogica canale 2

0, 1

No

398H

5-38

Configurazione scheda accessoria di uscita digitale: F5


Numero del parametro Nome Descrizione ModifiGamma Imposta- cabile di impo- zione di durante stazione fabbrica il funzionamento Metodi di controllo VettoV/f riale ad con anello PG aperto Vettoriale ad anello chiuso Registro MEMO BUS Pagina

V/f

F5-01

Selezione uscita canale 1

Seleziona l'uscita multifunzione per il canale 1. Questa funzione abilitata quando si utilizza una scheda accessoria digitale (DO-02 o DO-08). Seleziona l'uscita multifunzione per il canale 2. Questa funzione abilitata quando si utilizza una scheda accessoria digitale (DO-02 o DO-08). Seleziona l'uscita multifunzione per il canale 3. Questa funzione abilitata quando si utilizza una scheda accessoria digitale (DO-02 o DO-08). Seleziona l'uscita multifunzione per il canale 4. Questa funzione abilitata quando si utilizza una scheda accessoria digitale (DO-02 o DO-08). Seleziona l'uscita multifunzione per il canale 5. Questa funzione abilitata quando si utilizza una scheda accessoria digitale (DO-02 o DO-08). Seleziona l'uscita multifunzione per il canale 6. Questa funzione abilitata quando si utilizza una scheda accessoria digitale (DO-02 o DO-08). Seleziona l'uscita multifunzione per il canale 7. Questa funzione abilitata quando si utilizza una scheda accessoria digitale (DO-02 o DO-08). Seleziona l'uscita multifunzione per il canale 8. Questa funzione abilitata quando si utilizza una scheda accessoria digitale (DO-02 o DO-08). Imposta la modalit di uscita. Questa funzione abilitata quando si utilizza la scheda accessoria digitale DO-08. 0: Uscite singole a 8 canali 1: Uscita in codice binario 2: Uscite in base alle impostazioni da F5-01 a F5-08.

00...38

No

399H

F5-02

Selezione uscita canale 2

00...38

No

39AH

F5-03

Selezione uscita canale 3

0...38

No

39BH

F5-04

Selezione uscita canale 4

0...38

No

39CH

F5-05

Selezione uscita canale 5

0...38

No

39DH

F5-06

Selezione uscita canale 6

0...38

37

No

39EH

F5-07

Selezione uscita canale 7

0...38

0F

No

39FH

F5-08

Selezione uscita canale 8

0...38

0F

No

3A0H

F5-09

Selezione modalit di uscita DO-08

0...2

No

3A1H

5-39

Impostazioni comunicazione seriale: F6


Numero del parametro Nome Descrizione Display ModifiGamma Imposta- cabile di impo- zione di durante stazione fabbrica il funzionamento Metodi di controllo VettoV/f riale ad con anello PG aperto Vettoriale ad anello chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

F6-01

Imposta il metodo di arresto per quando si verifica un errore di comunicazione. 0: Arresto per decelerazione nel tempo di decelerazione impostato in C1-02 1: Arresto per inerzia SelezGUASTO- 2: Arresto di emergenza con il tempo di decelerazione suBUS impostato in C1-09 3: Funzionamento non interrotto Livello di ingresso dell'errore esterno generato dalla scheda accessoria di comunicazione Rilevamento EF0

Selezione funzionamento dopo errore di comunicazione

0...3

No

3A2H

F6-02

0: Sempre rilevato 1: Rilevato durante il funzionamento

0o1

No

3A3H

5
F6-03

Metodo di arresto in caso di errore esterno generato dalla scheda accessoria di comunicazione AzioneGuasto EF0 and Align to the left Traccia di campionamento dalla scheda accessoria di comunicazione Tempo di ciclo Selezione unit di monitoraggio corrente

0: Arresto per decelerazione nel tempo di decelerazione impostato in C1-02 1: Arresto per inerzia 2: Arresto di emergenza con il tempo di decelerazione impostato in C1-09 3: Funzionamento non interrotto

0...3

No

3A4H

F6-04

0... 60000

No

3A5H

F6-05

Imposta l'unit di monitoraggio corrente 0: Ampere Current Unit Sel 1: 100%/8192 Selezione riferimento/limite di coppia dalla scheda accessoria di comunicazione SELlim/rif Coppia 0: Riferimento/limite di coppia tramite scheda accessoria di comunicazione disabilitato 1: Riferimento/limite di coppia tramite scheda accessoria di comunicazione abilitato

0o1

No

3A6H

F6-06

0o1

No

No

No

No

3A7H

5-40

Parametri per le funzioni dei terminali: H


Ingressi digitali multifunzione: H1
Numero del parametro Nome Descrizione Display ModifiGamma Imposta- cabile di impo- zione di durante stazione fabbrica il funzionamento Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

H1-01

Selezione funzione terminale S3 Sel mors S3 Selezione funzione terminale S4 Sel mors S4 Selezione funzione terminale S5 Sel mors S5 Selezione funzione terminale S6 Sel mors S6l Selezione funzione terminale S7 Sel mors S7

Ingresso multifunzione 1

0...78

24

No

400H

H1-02

Ingresso multifunzione 2

0...78

14

No

401H

H1-03

Ingresso multifunzione 3

0...78

3 (0)*

No

402H

H1-04

Ingresso multifunzione 4

0...78

4 (3)*

No

403H

H1-05

Ingresso multifunzione 5

0...78

6 (4)*

No

404H

* I valori tra parentesi indicano i valori iniziali al momento dell'inizializzazione nella sequenza a tre fili.

5
V/f Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso Pagina

Funzioni relative agli ingressi digitali multifunzione


Valore impostazione Funzione

0 1 2

Sequenza a tre fili (comando di marcia avanti/indietro) Selezione modalit locale/remota (ON: console di programmazione, OFF: impostazione parametro b1-01/b1-02) Scheda accessoria/inverter come sorgente di funzionamento (OFF: scheda accessoria, ON: b1-01/b1-02) Multivelocit di riferimento 1 Se H3-09 impostato su 2, questa funzione viene combinata con il passaggio da velocit master a velocit ausiliaria. Multivelocit di riferimento 2 Multivelocit di riferimento 3 Comando frequenza di jog (con priorit sulla multivelocit di riferimento) Selezione del tempo di accelerazione/decelerazione 1 Blocco delle basi esterno NO (contatto NO: blocco delle basi quando su ON) Blocco delle basi esterno NC (contatto NC: blocco delle basi quando su OFF) Mantenimento rampa di accelerazione/decelerazione (ON: arresto accelerazione/decelerazione e frequenza mantenuta) Ingresso segnale di allarme OH2 (ON: viene visualizzato OH2) Abilitazione/Disabilitazione ingresso analogico multifunzione A2 (ON: abilitato) Controllo V/f con/senza PG (ON: controllo di retroazione della velocit disabilitato, controllo V/f normale) Disabilitazione integrale controllo velocit (ON: controllo integrale disabilitato) Non utilizzato (impostare quando un terminale non viene utilizzato) Comando Up (impostare sempre con il comando Down) Comando Down (impostare sempre con il comando Up)

S S S

S S S

S S S

S S S

6-13 6-64 6-72

3 4 5 6 7 8 9 A B C D E F 10 11

S S S S S S S S S S No No S S

S S S S S S S S S S S S S S

S S S S S S S S S S No No S S

S S S S S S S S S S No S S S

6-10 6-10 6-10 6-10 6-20 6-64 6-64 6-66 6-65 6-65 6-37 6-37 6-67 6-67

5-41

Valore impostazione

Funzione

V/f

Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso

Pagina

12 13 14 15 16 17 18 19 1A 1B 1C 1D 1E

Comando FJOG (ON: marcia avanti alla frequenza di jog d1-17) Comando RJOG (ON: marcia indietro alla frequenza di jog d1-17) Ripristino dopo errore (ripristino quando ON) Arresto di emergenza (se il contatto NO ON: arresto per decelerazione nel tempo impostato in C1-09 se impostato su ON) Comando di commutazione motore (selezione motore 2) Arresto di emergenza (se il contatto NC OFF: decelerazione fino ad arresto nel tempo impostato in C1-09) Ingresso funzione del temporizzatore (le funzioni vengono sono in b4-01 e b4-02 e le uscite della funzione del temporizzatore in H2). Disabilitazione controllo PID (ON: controllo PID disabilitato) Tempo di accelerazione/decelerazione 2 Abilitazione scrittura parametri (ON: possibile modificare tutti i parametri, OFF: tutti i parametri sono protetti da scrittura) Aumento controllo ottimizzazione (ON: la frequenza d4-02 viene aggiunta alla frequenza analogica di riferimento) Riduzione controllo ottimizzazione (ON: la frequenza d4-02 viene sottratta dalla frequenza analogica di riferimento) Mantenimento/Campionamento frequenza di riferimento analogica Errore esterno Modalit di ingresso: contatto NO/contatto NC Modalit di rilevamento: normale/durante il funzionamento Ripristino integrale controllo PID (ripristino quando si seleziona il comando Reset o quando si esegue l'arresto durante il controllo PID) Mantenimento integrale controllo PID (ON: mantenuto) Comando multivelocit 4 Disabilitazione Softstarter PID Parametro caratteristiche ingresso PID Comando di frenatura ad iniezione c.c. (ON: esegue la frenatura ad iniezione c.c.) Comando di ricerca esterno 1 (ON: ricerca della velocit a partire dalla frequenza di uscita massima) Comando di ricerca esterno 2 (ON: ricerca della velocit a partire dalla frequenza impostata) Comando indebolimento di campo (ON: controllo indebolimento campo impostato per d6-01 e d6-02) Comando di ricerca della velocit esterna 3 Buffer di energia cinetica (decelerazione in caso di caduta di tensione momentanea) (contatto NC) Buffer di energia cinetica (decelerazione in caso di caduta di tensione momentanea) (contatto NO) Modalit test di comunicazione Frenatura ad alto scorrimento (HSB) Frequenza di jog 2 Abilitazione inverter (NC, ON: inverter attivato, OFF: inverter disattivato) Selezione controllo velocit/coppia (ON: controllo della coppia) Comando di azzeramento servo (ON: azzeramento servo) Selezione guadagno sul controllo della velocit (ASR) (ON: C5-03) Comando di inversione polarit per coppia di riferimento esterna

S S S S S S S S S S S S S S

S S S S S S S S S S S S S S

S S S S S S S S S S S S S S

S S S S S S S S S S S S S S

6-72 6-72 7-2 6-18 6-116 6-18 6-95 6-96 6-20 6-136 6-70 6-70 6-71 6-66

20...2F

30 31 32 34 35 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 6A 71 72 77 78

S S S S S S S S S S S S S S S S No No No No

S S S S S S No No S S S S S S S S No No No No

S S S S S S S S No S S S S No S S No No No No

S S S S S S No No No S S S S No S S S S S S

6-96 6-96 6-10 6-96 6-96 6-17 6-53 6-53 6-107 6-53 6-127 6-127 6-94 6-128 6-11 6-66 6-123 6-125 6-37 6-119

5-42

Uscite a contatto multifunzione: H2


Nome Numero del parametro Descrizione Display ModifiGamma Imposta- cabile di impo- zione di durante stazione fabbrica il funzionamento Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

H2-01

Selezione funzione termiUscita a contatto nale M1-M2 multifunzione 1 SEL.morsM1M2 Selezione funzione termiUscita a contatto nale M3-M4 multifunzione 2 SEL.morsM3M4 Selezione funzione termiUscita a contatto nale M5-M6 multifunzione 3 SEL.morsM5M6

0...38

No

40BH

H2-02

0...38

No

40CH

H2-03

0...38

No

40DH

Funzioni dell'uscita a contatto multifunzione:


Valore impostazione Funzione Metodi di controllo VettoV/f riale ad con anello PG aperto Vettoriale ad anello chiuso Pagina

V/f

0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 A B C D E F 10 11 12 13

Durante la marcia (ON: il comando di marcia attivato o presente tensione in uscita) Velocit a vuoto Raggiungimento 1 fref=fout 1 (utilizzata l'ampiezza di rilevamento in L4-02) Raggiungimento 1 fref=fset (ON: frequenza di uscita = L4-01, utilizzata l'ampiezza di rilevamento in L4-02 e durante il raggiungimento della frequenza) Rilevamento frequenza 1 (ON: +L4-01 frequenza di uscita -L4-01, utilizzata l'ampiezza di rilevamento in L4-02) Rilevamento frequenza 2 (ON: frequenza di uscita +L4-01 o frequenza di uscita -L4-01, utilizzata l'ampiezza di rilevamento in L4-02) Inverter pronto al funzionamento READY: dopo l'inizializzazione o nessun errore Durante rilevamento della sottotensione (UV) del bus c.c. Durante blocco delle basi (contatto NO su ON durante blocco delle basi) Selezione sorgente frequenza di riferimento (ON: frequenza di riferimento tramite console di programmazione) Stato selezione sorgente comando di marcia (ON: comando di marcia tramite console di programmazione) Rilevamento sovracoppia/sottocoppia 1 NO (contatto NO su ON: rilevamento sovracoppia/sottocoppia) Perdita della frequenza di riferimento (operativo quando il parametro L4-05 impostato su 1) Errore resistore di frenatura (ON: errore del transistor di frenatura o surriscaldamento del resistore) Errore (ON: errore di comunicazione con la console di programmazione o errore diverso da CPF00 e CPF01) Non utilizzato (impostare quando il terminale non viene utilizzato) Errore non grave (ON: visualizzazione allarme) Comando di ripristino dopo errore attivo Uscita funzione del temporizzatore Raggiungimento 2 fref=fset (utilizzata l'ampiezza di rilevamento in L4-02)

S S S S S S S S S S S S S S S S S S S S

S S S S S S S S S S S S S S S S S S S S

S S S S S S S S S S S S S S S S S S S S

S S S S S S S S S S S S S S S S S S S S

6-74 6-74 6-32 6-32 6-32 6-32 6-75 6-75 6-75 6-75 6-75 6-46 6-57 6-59 6-75 6-75 6-75 6-95 6-32

5-43

Valore impostazione

Funzione

V/f

Metodi di controllo VettoV/f riale ad con anello PG aperto

Vettoriale ad anello chiuso

Pagina

14 15 16 17 18 19 1A 1B 1C 1D 1E 1F 20 30

Raggiungimento 2 fref=fset (ON: frequenza di uscita = L4-03, utilizzata l'ampiezza di rilevamento in L4-04 e durante il raggiungimento della frequenza) Rilevamento frequenza 3 (ON: frequenza di uscita - L4-03, utilizzata l'ampiezza di rilevamento in L4-04) Rilevamento frequenza 4 (ON: frequenza di uscita - L4-03, utilizzata l'ampiezza di rilevamento in L4-04) Rilevamento sovracoppia/sottocoppia 1 NC (contatto NC su OFF: rilevamento della coppia) Rilevamento sovracoppia/sottocoppia 2 NO (contatto NO su ON: rilevamento della coppia) Rilevamento sovracoppia/sottocoppia 2 NC (contatto NC su OFF: rilevamento della coppia) Durante la marcia indietro (ON: durante la marcia indietro) Durante blocco delle basi 2 (OFF: durante blocco delle basi) Selezione del motore (ON: motore 2 selezionato) Durante il funzionamento rigenerativo Riavvio abilitato (ON: riavvio abilitato) Preallarme sovraccarico motore (OL1, compreso OH3) (ON: 90% o pi del livello di rilevamento) Preallarme di surriscaldamento dell'inverter (OH) (ON: temperatura superiore all'impostazione in L8-02) Durante il limite di coppia (corrente) (ON: durante il limite di coppia) Durante il limite di velocit Attivato se il circuito di controllo della velocit (ASR) in modalit di controllo della coppia. L'uscita ASR diventa il valore di riferimento per la coppia. Il motore ruota al limite di velocit. Fine azzeramento servo (ON: azzeramento completato) Durante la marcia 2 (ON: uscita frequenza; OFF: blocco delle basi, frenatura ad iniezione c.c., eccitazione iniziale, arresto funzionamento) Inverter attivato

S S S S S S S S S No S S S No No No No S S

S S S S S S S S S No S S S No No No No S S

S S S S S S S S S No S S S S No No No S S

S S S S S S S S S S S S S S S S S S S

6-32 6-32 6-32 6-46 6-46 6-46 6-75 6-75 6-76 6-76 6-58 6-49 6-60 6-118 6-118 6-118 6-125 6-74 6-76

31 32 33 37 38

5-44

Ingressi analogici: H3
Numero del parametro Nome Descrizione Visualizzazione Gamma di impostazione Modificabile Impostazione di durante il fabbrica funzionamento Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

H3-01

Imposta il livello del segnale A1 di ingresso analogico. 0: 0...+10V (11 bit) 1: 10V...+10V (11 bit pi il SELlivSEGNmors segno) A1 Guadagno (terminale A1) Imposta la frequenza come percentuale della frequenza di uscita masGUADAGNOmor sima quando l'ingresso 10 V. setA1 Polarizzazione (terminale A1)

Selezione livello segnale del terminale A1 di ingresso analogico multifunzione

0o1

No

410H

6-26

H3-02

0,0... 1000,0

100,0%

411H

6-26

H3-03

Imposta la frequenza come percen-100,0 tuale della frequenza massima ...+100,0 quando l'ingresso 0 V. BIAS morsetto A1 Selezione livello Imposta il livello del segnale A2 di segnale del termi- ingresso analogico. nale A2 di 0: 0...+10V (11 bit) ingresso analo1: 10V...+10V (11 bit pi il gico multifunzione segno) 2: 4...20 mA (ingresso a 9 bit) SELlivSEGNmors Regolare l'ingresso di tensione e corrente utilizzando il selettore S1 A2 sul blocco terminali. Selezione funzione del terminale A2 di ingresso analogico multifunzione SELingrANALO GmA2 Guadagno (terminale A2) Seleziona la funzione di ingresso analogico multifunzione per il terminale A2. Fare riferimento alla tabella riportata di seguito. Se H3-13 impostato su 1, H3-09 seleziona la funzione per l'ingresso analogico A1.

0,0%

412H

6-26

H3-08

0...2

No

417H

6-26

5
0...1F 0 No A A A A 418H 6-26

H3-09

H3-10

Imposta il livello di ingresso quando l'ingresso del terminale A2 10 V (20 mA) in base al 100% GUADAGNOmor del valore della funzione impostata setA2 nel parametro H3-09. Polarizzazione (terminale A2) Imposta il livello di ingresso quando il terminale A2 0 V (4 mA) in base al 100% del valore della funzione impostata nel paraBIAS morsetto A2 metro H3-09. Costante di tempo Imposta la costante di tempo del del filtro di filtro del primo ordine per i due ingresso analogico terminali di ingresso analogico (A1 e A2). Questo parametro risulta utile, ad COSTtempo esempio, per il controllo dei FILTRO disturbi. Attivazione terminale A1/A2 0: Utilizzare l'ingresso analogico del terminale A1 come frequenza di riferimento principale. 1: Utilizzare l'ingresso analogico del terminale A2 come frequenza di riferimento principale. Il terminale A1 diventa un ingresso multifunzione selezionabile nel parametro H3-09.

0,0... 1000,0

100,0%

419H

6-26

H3-11

-100,0 ...+100,0

0,0%

41AH

6-26

H3-12

0,00... 2,00

0,03 s

No

41BH

6-26

H3-13 Sel mors A1/A2

0o1

No

41CH

6-8

5-45

Impostazioni di H3-09
Valore impostazione Funzione Contenuto (100%) Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso Pagina

V/f

0 1 2 4 5 6

Polarizzazione frequenza Guadagno della frequenza Frequenza di riferimento ausiliaria (utilizzato come frequenza di riferimento 2) Polarizzazione tensione Guadagno del tempo di accelerazione/ decelerazione Corrente di frenatura ad iniezione c.c. Livello di rilevamento sovracoppia/sottocoppia Livello di prevenzione stallo durante la marcia

Frequenza di uscita massima Valore per il comando della (tensione) frequenza di riferimento Frequenza di uscita massima Tensione nominale del motore (E1-05) Imposta i tempi di accelerazione e decelerazione (da C1-01 a C1-08) Corrente di uscita nominale dell'inverter Coppia nominale del motore per il controllo vettoriale Corrente di uscita nominale dell'inverter per il controllo V/f Corrente di uscita nominale dell'inverter

S S S S S S

S S S S S S

S S S No S S

S S S No S No

6-27 6-27 6-7 6-21 6-18

6-48

8 9 A B

S S S S S S S No No No No No No S

S S S S S S S No No No No No No S

No S S S S S S S S S No No S S

No S S S S S S S S S S S S S

6-45 6-30 6-29 6-96 6-96 6-50 6-43 6-43 6-43 6-118 6-118 6-43

Livello limite inferiore della frequenza di Frequenza di uscita massima riferimento Frequenza di salto Retroazione PID Valore di riferimento PID Polarizzazione frequenza 2 Ingresso temperatura del motore Limite di coppia positivo Limite di coppia negativo Limite di coppia rigenerativa Riferimento/limite di coppia per controllo velocit Compensazione di coppia Limite di coppia positivo/negativo Ingresso analogico non utilizzato Frequenza di uscita massima Frequenza di uscita massima Frequenza di uscita massima Frequenza di uscita massima Coppia nominale del motore Coppia nominale del motore Coppia nominale del motore Coppia nominale del motore Coppia nominale del motore Coppia nominale del motore

C D E 10 11 12 13 14 15 1F

5-46

Uscite analogiche multifunzione: H4


Numero del parametro Nome Descrizione Display Gamma Impostadi impo- zione di stazione fabbrica Modificabile durante il funzionamento Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

H4-01

Imposta il numero del parametro da monitorare in uscita (U1) dal terminale FM. Non possibile impostare U1-04, -10, -11, -12, -13, -14, SELmonitor- 28, -34, -39, -40 come parametri da monitorare sull'uscita del terMORSFM minale FM. Guadagno (terminale FM) Imposta il guadagno per l'uscita analogica multifunzione 1 (terminale FM). Imposta la percentuale del parametro da monitorare corrispondente a 10 V/20 mA (tensione/ corrente di uscita massima ) sul terminale FM. Imposta la polarizzazione per l'uscita analogica multifunzione 1 (terminale FM). Imposta la percentuale del parametro da monitorare equivalente a 0 V/4 mA in uscita sul terminale FM. L'uscita massima dal terminale di 10 V/20 mA.

Selezione monitoraggio (terminale FM)

1...38

No

41DH

6-77

H4-02

GUADAGNOmorsetFM Polarizzazione (terminale FM)

0... 1000,0 %

100%

41EH

4-5 6-77

H4-03 BIAS morsetto FM

-110... +110%

0,0%

41FH

6-77

5
1...38 3 No A A A A 420H 6-77

H4-04

Selezione monitoraggio (terminale AM)

Imposta il numero del parametro ) da monitorare in uscita (U1dal terminale AM. Non possibile impostare U1-04, -10, -11, -12, -13, -14, SELmonitor- 28, -34, -39, -40 come parametri da monitorare sull'uscita del terMORSAM minale AM. Guadagno (terminale AM) Imposta il guadagno per l'uscita analogica multifunzione 2 (terminale AM). Imposta la percentuale del parametro da monitorare corrispondente a 10 V/20 mA (tensione/ corrente di uscita massima ) sul terminale AM. Imposta la polarizzazione per l'uscita analogica multifunzione 2 (terminale AM). Imposta la percentuale del parametro da monitorare equivalente a 0 V/4 mA in uscita sul terminale AM. L'uscita massima dal terminale di 10 V/20 mA. Imposta il livello di uscita del segnale per l'uscita multifunzione 1 (terminale FM). 0: Uscita da 0 a +10 V 1: Uscita da 10V a +10V 2: 4 20 mA Regolare l'uscita di tensione e corrente utilizzando CN15 sul pannello di controllo.

H4-05

GUADAGNOmorset AM Polarizzazione (terminale AM)

0... 1000,0 %

50,0%

421H

4-5 6-77

H4-06 BIAS morsetto AM

-110... +110,0 %

0,0%

422H

6-77

H4-07

Selezione livello del segnale di uscita analogica 1 SelSEGNusc ANAL1

0...2

No

423H

6-77

5-47

Numero del parametro

Nome Descrizione Display

Gamma Impostadi impo- zione di stazione fabbrica

Modificabile durante il funzionamento

V/f

Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso

Registro MEMOBUS

Pagina

H4-08

Selezione livello del segnale di uscita analogica 2 SelSEGNusc ANAL2

Imposta il livello di uscita del segnale per l'uscita multifunzione 2 (terminale AM). 0: Uscita da 0 a +10 V 1: Uscita da 10V a +10V 2: 4 20 mA Regolare l'uscita di tensione e corrente utilizzando CN15 sul pannello di controllo.

0...2

No

424H

6-77

Comunicazione MEMOBUS: H5
Numero del parametro Nome Descrizione Display Gamma Impostadi impo- zione di stazione fabbrica Modificabile durante il funzionamento Metodi di controllo VettoVettoV/f con riale ad riale ad anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

H5-01

Indirizzo stazione INDIRIZZO seriale

Imposta l'indirizzo del nodo locale dell'inverter.

0...20 *

1F

No

425H

6-80

Selezione velo- Imposta la velocit di trasmissione cit di comuni- in baud per le comunicazioni cazione MEMOBUS. 0: 1200 bps H5-02 1: 2400 bps BAUD RATE- 2: 4800 bps seriale 3: 9600 bps 4: 19200 bps Selezione parit Imposta la parit per le comunicadi comunicazioni MEMOBUS. 0: Nessuna parit H5-03 zione 1: Parit pari SELparit 2: Parit dispari SERIALE Metodo di arre- Imposta il metodo di arresto per sto dopo errore quando si verifica un errore di di comunicacomunicazione. zione 0: Arresto per decelerazione nel tempo di decelerazione impoH5-04 stato in C1-02 1: Arresto per inerzia STOPerrore 2: Arresto di emergenza con il SERIAL tempo di decelerazione impostato in C1-09 3: Funzionamento non interrotto Selezione rilevamento errore Specifica se un timeout di comunicazione deve essere rilevato come di comunicaun errore di comunicazione. H5-05 zione 0: Non rilevare RILguasto 1: Rilevare SERIALE Tempo di attesa Imposta il tempo che deve trascorinvio H5-06 rere da quando l'inverter riceve i TempoATT dati a quando inizia ad inviarli. trasmis Controllo RTS ON/OFF Sel.Contr.RTS Abilita o disabilita il controllo RTS. 0: Disabilitato (RTS sempre ON) 1: Abilitato (RTS ON solo durante l'invio)

04

No

426H

6-80

0...2

No

427H

6-80

0...3

No

428H

6-80

0o1

No

429H

6-80

5...65

5 ms

No

42AH

6-80

H5-07

0o1

No

42BH

6-80

* Impostare H5-01 su 0 per disabilitare le risposte dell'inverter alla comunicazione MEMOBUS.

5-48

I/O a treno di impulsi: H6


Nome Numero del parametro Descrizione Display ImpoGamma stadi impozione di stazione fabbrica Modificabile durante il funzionamento Metodi di controllo V/f con PG Vettoriale ad anello aperto Vettoriale ad anello chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

H6-01

Selezione funzione ingresso a treno di impulsi Sel.Ingr. Impulsi Scala ingresso a treno di impulsi ScalaINGR impulsi Guadagno ingresso a treno di impulsi GAINingr IMPULSI Polarizzazione ingresso a treno di impulsi BIASingr IMPULSI

Seleziona la funzione dell'ingresso a treno di impulsi 0: Frequenza di riferimento 1: Valore di retroazione PID 2: Valore di riferimento PID

0...2

No

42CH

6-7 6-29

H6-02

Imposta il numero di impulsi in Hertz equivalente al 100% del parametro di ingresso selezionato in H6-01.

1000... 32000

1440 Hz

42DH

6-7 6-29

H6-03

Imposta il livello di ingresso rispetto al 100% del parametro di ingresso selezionato in H6-01, quando viene inviato un treno di impulsi con la frequenza impostata in H6-02. Imposta il livello di ingresso rispetto al 100% del parametro di ingresso selezionato in H6-01, quando la frequenza del treno di impulsi 0.

0,0... 1000,0

100,0%

42EH

6-29

H6-04

100,0... 100,0

5
0,0% S A A A A 42FH 6-29

H6-05

Tempo di filtro ingresso Imposta la costante relativa al a treno di tempo di filtro di ritardo impulsi dell'ingresso a treno di impulsi in secondi. Tempo FiltroPI Selezione Seleziona i parametri da monitoragmonitorare sull'uscita a treno gio a treno di di impulsi (valore nella parte impulsi di U1). Esistono due tipi di parametri SelMON da monitorare: quelli relativi impulsi alla velocit e quelli al PID. Scala monitoraggio impulsi Imposta il numero di impulsi in uscita in hertz quando il valore del parametro da monitorare corrisponde al 100%. Impostare H6-06 su 2 e H607 su 0 per sincronizzare l'uscita di monitoraggio a treno di impulsi con la frequenza di uscita.

0,00... 2,00

0,10 s

430H

6-29

H6-06

1, 2, 5, 20, 24, 36

431H

6-78

H6-07 ScalaMON impulsi

0... 32000

1440 Hz

432H

6-78

5-49

Parametri per le funzioni di protezione: L


Sovraccarico motore: L1
Numero del parametro Nome Descrizione Display ModifiGamma Imposta- cabile di impo- zione di durante stazione fabbrica il funzionamento Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

Selezione protezione del motore

L1-01

5
L1-02

Abilita o disabilita la funzione di protezione da sovraccarico termico del motore. 0: Disabilitata 1: Protezione per motore ad uso generico (ventilato) 2: Protezione per motore inverter (raffreddato esternamente) 3: Protezione per motore per il controllo vettoriale Poich allo spegnimento dell'inverter il valore della protezione termica elettronica viene azzerato, anche se queSELproteziosto parametro stato impostato su 1, neMOT possibile che la protezione non sia efficace. Se a un inverter sono collegati pi motori, impostare L1-01 su 0 ed accertarsi che ciascun motore venga installato con un dispositivo di protezione. Costante di tempo protezione motore Imposta il tempo di rilevamento della protezione termica elettronica in secondi. In genere non necessario modificare questo parametro. L'impostazione di fabbrica corrisponde a un sovraccarico del 150% per la durata di un minuto. Se si conosce la capacit di sovraccarico del motore, impostare anche il tempo per la protezione della resistenza per quando il motore viene avviato a caldo. Seleziona il funzionamento in caso l'ingresso di temperatura del motore (termistore) superi il livello di allarme (1,17 V) (H3-09 deve essere impostato su E). 0: Decelerazione fino ad arresto 1: Arresto per inerzia 2: Arresto di emergenza con il tempo di decelerazione impostato in C1-09 3: Funzionamento non interrotto (oH3 lampeggia sulla console di programmazione) Seleziona il funzionamento quando l'ingresso di temperatura del motore (termistore) supera il livello di surriscaldamento (2,34 V) (H3-09 deve essere impostato su E). 0: Decelerazione fino ad arresto 1: Arresto per inerzia 2: Arresto di emergenza con il tempo di decelerazione impostato in C1-09

0...3

No

480H

4-5 6-48

PROTmotore:TEMPO

0,1... 5,0

1,0 min

No

481H

6-48

L1-03

Selezione funzionamento allarmi durante surriscaldamento del motore SelALLsurriscMOT Selezione funzionamento surriscaldamento motore TempFilt RiscMot

0...3

No

482H

6-50

L1-04

0...2

No

483H

6-50

5-50

Numero del parametro

Nome Descrizione Display

ModifiGamma Imposta- cabile di impo- zione di durante stazione fabbrica il funzionamento

V/f

Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso

Registro MEMOBUS

Pagina

L1-05

Costante di tempo del filtro ingresso Imposta H3-09 su E e la costante del temperatura ritardo per l'ingresso della temperatura del motore (termistore) del motore in secondi. TempoFiltro MOT

0,00... 10,00

0,20 s

No

484H

6-50

Funzionamento inerziale dopo perdita di potenza: L2


Numero del parametro Nome Descrizione Display ModifiGamma Imposta- cabile di impo- zione di durante stazione fabbrica il funzionamento Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

Rilevamento caduta di tensione momentanea

L2-01 SELEZ. POWER LOSS

0: Disabilitato (rilevamento di sottotensione (UV1) del bus c.c.) 1: Abilitato (riavviato se l'alimentazione ritorna entro l'intervallo di tempo impostato in L2-02, mentre viene rilevato un evento di sottotensione del bus c.c. se tale valore viene superato) 2: Abilitato mentre la CPU in funzione (riavviato se l'alimentazione ritorna durante operazioni di controllo e non viene rilevato alcun evento di sottotensione del bus c.c.)

0...2

No

485H

6-52 6-127

L2-02

Tempo di funzionamento inerziale dopo caduta di tensione momentanea TEMPO POWER LOSS Tempo blocco delle basi minimo

Il tempo di funzionamento inerziale espresso in secondi quando L2-01 (selezione caduta di tensione momentanea) impostato su 1.

0...25,5

0,1 s *1

No

486H

6-52

L2-03 TEMPOminBLOCbasi

Imposta il tempo del blocco delle basi minimo dell'inverter, quando l'inverter viene riavviato dopo il funzionamento inerziale che segue una perdita di potenza. Impostare il tempo su circa 0,7 volte la costante di tempo del motore. Se si verifica una situazione di sovracorrente o sovratensione all'inizio di una ricerca della velocit o durante una frenatura ad iniezione c.c., aumentare i valori impostati.

0,1...5,0

0,2 s *1

No

487H

6-52 6-53

L2-04

Tempo di ripri- Imposta il tempo necessario per ripristino della ten- stinare la tensione di uscita dell'inversione ter da 0 V alla tensione normale al momento del completamento di una TEMPOriprricerca della velocit. DOPOblo Livello di rilevamento sottotensione LIVELLO sottotens Imposta il livello di rilevamento della sottotensione (UV) del bus c.c.. In genere non necessario modificare questo parametro.

0,0... 5,0

0,3 s *1

No

488H

6-52 6-53

L2-05

150... 210 *2

190 V *2

No

489H

6-52 6-127

5-51

Numero del parametro

Nome Descrizione Display

ModifiGamma Imposta- cabile di impo- zione di durante stazione fabbrica il funzionamento

V/f

Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso

Registro MEMOBUS

Pagina

L2-06

Tempo di decelerazione buffer Imposta il tempo necessario per decedi energia cine- lerare dalla velocit al momento della ricezione del comando di caduta di tica (KEB) tensione momentanea (KEB) alla veloTempoDeccit nulla. KEB Tempo ripristino dopo caduta di tensione momentanea Tempo Rit.UV Guadagno di riduzione frequenza all'attivazione del buffer di energia cinetica (KEB) Freq. KEB Imposta un guadagno di riduzione della frequenza di uscita all'inizio della decelerazione quando si verifica una caduta di tensione momentanea (KEB). Riduzione = frequenza di scorrimento prima del comando KEB L2-08 2

0,0... 200,0

0,0 s

No

No

48AH

6-127

L2-07

Imposta il tempo necessario per accelerare fino a raggiungere la velocit impostata dopo il ripristino da una caduta di tensione momentanea.

0,0... 25,5

0,0 s *3

No

No

48BH

6-127

L2-08

0...300

100%

No

No

48CH

6-127

* 1. L'impostazione di fabbrica dipende dalla capacit dell'inverter. Viene indicato il valore per un inverter di classe 200 V da 0,4 kW. * 2. Questi valori si riferiscono a inverter di classe 200 V e devono essere raddoppiati per inverter di classe 400 V. * 3. Se si seleziona l'impostazione 0, l'asse accelerer fino a raggiungere la velocit specificata nel tempo di accelerazione impostato (da C1-01 a C1-08).

Prevenzione stallo L3
Numero del parametro Nome Descrizione Display Modificabile Gamma Impostadi impo- zione di durante il stazione fabbrica funzionamento Metodi di controllo VettoVettoV/f con riale ad riale ad anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

Selezione prevenzione dello stallo durante l'accelerazione

L3-01 PREVstallo ACCEL

0: Disabilitata (poich viene applicata l'accelerazione impostata, con un carico pesante, il motore potrebbe andare in stallo) 1: Abilitato (l'accelerazione si interrompe quando viene superato il livello impostato in L3-02 e riprende quando la corrente scende di nuovo sotto il livello di prevenzione dello stallo) 2: Modalit di accelerazione intelligente (l'accelerazione viene regolata automaticamente in base al livello in L3-02, ignorando il tempo di accelerazione impostato)

0...2

No

No

48FH

6-22

Imposta il livello di corrente operativa per la prevenzione dello stallo durante l'accelerazione come percentuale della corrente nominale dell'inverter. L3-02 Valido quando L3-01 impostato su 0...200 1 o 2. LivPREVstallo- In genere non necessario modifiACC care questo parametro. Ridurre il valore impostato se il motore va in stallo.

Livello di prevenzione dello stallo durante l'accelerazione

150% *

No

No

490H

6-22

5-52

Numero del parametro

Nome Descrizione Display

Modificabile Gamma Impostadi impo- zione di durante il stazione fabbrica funzionamento

V/f

Metodi di controllo VettoVettoV/f con riale ad riale ad anello anello PG aperto chiuso

Registro MEMOBUS

Pagina

Limite prevenzione dello stallo durante L3-03 l'accelerazione

Imposta i limite inferiore per la prevenzione dello stallo durante l'accelerazione come percentuale della corrente nominale dell'inverter. LimPREVstallo In genere non necessario modificare questo parametro. ACC

0...100

50%

No

No

491H

6-22

Selezione pre- Seleziona la prevenzione dello stallo durante la decelerazione. venzione dello stallo durante la 0: Disabilitata (poich viene applicata la decelerazione impostata, decelerazione se il tempo di decelerazione troppo breve, potrebbe verificarsi una sovratensione del bus c.c.) 1: Abilitata (la decelerazione si interrompe quando la tensione del bus c.c. supera il livello di prevenzione dello stallo e riprende quando la tensione scende di nuovo sotto il livello di L3-04 prevenzione dello stallo) 2: Modalit di decelerazione intelligente (la velocit di deceleraLivPREVstallozione viene regolata automatiDEC camente in modo che l'inverter rallenti nel pi breve tempo possibile, ignorando il tempo di decelerazione impostato) 3: Abilitata (con il modulo resistenza di frenatura) Quando si utilizza un'opzione di frenatura (resistenza di frenatura, modulo resistenza di frenatura, modulo di frenatura), impostare questo parametro su 0 o 3. Selezione pre- Seleziona la prevenzione dello stallo venzione dello durante il funzionamento. stallo durante il 0: Disabilitata (poich il funzionamento viene eseguito come funzionamento impostato, con un carico pesante, il motore potrebbe andare in stallo) L3-05 1: Decelerazione eseguita nell'intervallo di tempo di decePREVstallolerazione 1 MARCIA (C1-02) 2: Decelerazione eseguita nell'intervallo di tempo di decelerazione 2 (C1-04) Livello di prevenzione dello stallo durante il funzionamento

0...3

No

492H

4-5 6-24

0...2

No

No

No

493H

6-45

Imposta il livello di corrente operativa per la prevenzione dello stallo durante il funzionamento come percentuale della corrente nominale dell'inverter. Valido quando L3-05 impostato su 30...200 L3-06 1 o 2. LivPREVstallo- In genere non necessario modifiMAR care questo parametro. Ridurre il valore impostato se il motore va in stallo.

150% *

No

No

No

494H

6-45

* Il valore iniziale dato valido se selezionato il carico di lavoro pesante (C6-01=0, impostazione predefinita). Se selezionato il carico di lavoro normale 1 o 2 (C6-01=1 o 2), il valore iniziale sar 120%.

5-53

Rilevamento riferimento: L4
Numero del parametro Nome Descrizione Display Gamma Impostadi impo- zione di stazione fabbrica Modificabile durante il funzionamento Metodi di controllo VettoV/f riale ad con anello PG aperto Vettoriale ad anello chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

L4-01

Livello di rilevamento raggiungimento velocit LIVaccetVELOCITA Ampiezza di rilevamento raggiungimento frequenza AMPIEZaccetVELOC Livello di rilevamento raggiungimento velocit (+/-) LIVaccett VEL.+/Ampiezza rilevamento raggiungimento velocit (+/-) AMPIEZacc VEL.+/Funzionamento in assenza di frequenza di riferimento PERDITAriferimen Valore frequenza di riferimento alla perdita di frequenza di riferimento Frif per PER rif

Valido quando "Raggiungimento 1 fout=fset", "Rilevamento frequenza 1" o "Rilevamento frequenza 2" impostato per un'uscita multifunzione. Valido quando "Raggiungimento 1 fref=fout", "Raggiungimento 1 fout=fset", "Rilevamento frequenza 1" o "Rilevamento frequenza 2" impostato per un'uscita multifunzione. Valido quando "Raggiungimento 2 fout = fset", "Rilevamento frequenza 3" o "Rilevamento frequenza 4" impostato per un'uscita multifunzione. Valido quando "Raggiungimento 2 fref=fout", "Raggiungimento 2 fout=fset", "Rilevamento frequenza 3" o "Rilevamento frequenza 4" impostato per un'uscita multifunzione. 0: Arresto (si arresta anche il funzionamento) 1: Il funzionamento continua alla frequenza impostata nel parametro L4-06 La perdita della frequenza di riferimento si verifica quando la frequenza di riferimento scende di oltre il 90% in 400 ms.

0,0... 150,0 *

0,0 Hz

No

499H

6-31

L4-02

0,0... 20,0

2,0 Hz

No

49AH

6-31

L4-03

150,0... +150,0 *

0,0 Hz

No

49BH

6-31

L4-04

0,0... 20,0

2,0 Hz

No

49CH

6-31

5
L4-05

0o1

No

49DH

6-57

L4-06

Imposta il valore della frequenza 0,0... di riferimento in assenza della fre100,0% quenza di riferimento.

80%

No

4C2H

6-57

* La gamma di impostazione data valida se selezionato il carico di lavoro pesante (C6-01=0, impostazione predefinita). Se selezionato un carico di lavoro normale 1 o 2 (C6-01=1 o 2), la gamma di impostazione sar compresa tra 0,0 e 400,0 Hz.

Riavvio dopo errore: L5


Numero del parametro Nome Descrizione Display ModifiGamma Imposta- cabile di impo- zione di durante stazione fabbrica il funzionamento Metodi di controllo V/f V/f con PG Vettoriale ad anello aperto Vettoriale ad anello chiuso Registro MEMOBUS Pagina

L5-01

Numero tentativi di riavvio automatico NAUTORIPARTENZE

Imposta il numero di tentativi di riavvio automatico. Riavvia automaticamente dopo un errore ed esegue una ricerca della velocit dalla frequenza di funzionamento.

0...10

No

49EH

6-58

L5-02

Selezione fun- Specifica se viene attivata zionamento un'uscita che segnala gli errori riavvio automa- durante il riavvio dopo l'errore. tico 0: Nessuna uscita (uscita che segnala gli errori non attivata) SELEZ.AUTO1: Uscita (uscita che segnala RIPART gli errori attivata)

0o1

No

49FH

6-58

5-54

Rilevamento coppia: L6
Numero del parametro Nome Descrizione Display Gamma di impostazione Impostazione di fabbrica Modificabile durante il funzionamento Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

Selezione rilevamento coppia 1

L6-01 SEL1 rilev COPPIA

0: Rilevamento sovracoppia/sottocoppia disabilitato 1: Rilevamento sovracoppia solo con il raggiungimento della velocit; il funzionamento continua (viene emesso un avviso) 2: Rilevamento sovracoppia continuo durante il funzionamento; il funzionamento continua (viene emesso un avviso) 3: Rilevamento sovracoppia solo con il raggiungimento della velocit; l'uscita viene interrotta appena viene effettuato il rilevamento 4: Rilevamento sovracoppia continuo durante il funzionamento; l'uscita viene interrotta appena viene effettuato il rilevamento 5: Rilevamento sottocoppia solo con il raggiungimento della velocit; il funzionamento continua (viene emesso un avviso) 6: Rilevamento sottocoppia continuo durante il funzionamento; il funzionamento continua (viene emesso un avviso) 7: Rilevamento sottocoppia solo con il raggiungimento della velocit; l'uscita viene interrotta appena viene effettuato il rilevamento 8: Rilevamento sottocoppia continuo durante il funzionamento; l'uscita viene interrotta appena viene effettuato il rilevamento Controllo vettoriale: la coppia nominale del motore impostata su 100%. Controllo V/f: la corrente nominale dell'inverter impostata su 100%.

0...8

No

4A1H

6-46

L6-02

Livello di rilevamento coppia 1 LIV1 rilev COPPIA Tempo di rilevamento coppia 1 TEMPO1 rilCOPPIA Selezione rilevamento coppia 2 SEL2 rilevCOPPIA Livello di rilevamento coppia 2 LIV2 rilevCOPPIA Tempo di rilevamento coppia 2 TEMPO2 rilCOPPIA

0... 300

150%

No

4A2H

6-46

L6-03

Imposta il tempo di rilevamento della sovracoppia/sottocoppia.

0,0... 10,0

0,1 s

No

4A3H

6-46

L6-04

0...8

No

4A4H

6-46

L6-05

Vedere i parametri da L6-01 a L603 per una descrizione.

0... 300

150%

No

4A5H

6-46

L6-06

0,0... 10,0

0,1 s

No

4A6H

6-46

5-55

Limiti di coppia: L7
Nome Numero del parametro Descrizione Display Gamma di impostazione Impostazione di fabbrica Modificabile durante il funzionamento Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f ad ad con V/f anello anello PG aperto chiuso Registro MEMO- Pagina BUS

L7-01

Limite di coppia dell'inverter durante la marcia avanti LIMITEcoppiaAVAN Limite coppia azionamento indietro LIMITEcoppiaINDI Limite di coppia rigenerativa durante la marcia avanti LIMrigenCOPPIAav Limite di coppia rigenerativa durante la marcia indietro LIMrigenCOPPIAin Costante di tempo limite di coppia TEMPOlimitCOPPIA Funzionamento limite di coppia durante accelerazione/decelerazione Regola il funzionamento del limite di coppia durante l'accelerazione e la decelerazione. 0: Controllo P (il controllo I viene aggiunto a funzionamento a velocit costante) 1: Controllo I In genere non necessario modificare questa impostazione. Se si desidera dare priorit alla precisione della limitazione di coppia durante l'accelerazione/decelerazione, selezionare il controllo I. Questa scelta pu causare un aumento del tempo richiesto per l'accelerazione/ decelerazione e deviazioni dalla velocit di riferimento. Imposta il limite di coppia come percentuale della coppia nominale del motore. possibile impostare quattro intervalli.
Coppia di uscita Coppia positiva Numero di giri del motore
Rigen.

0...300

200%*

No

No

No

4A7H

6-43

L7-02

0...300

200%*

No

No

No

4A8H

6-43

L7-03

Indietro

Rigen.

Avanti

0...300

200%*

No

No

No

4A9H

6-43

5
L7-04

Coppia negativa

0...300

200%*

No

No

No

4AAH

6-43

L7-06

Imposta la costante di tempo 5...10000 200 ms dell'integrazione del limite di coppia.

No

No

No

No

4ACH

6-44

L7-07

0o1

No

No

No

No

4C9H

6-44

SELlimiteCOPPIA

* Un valore di impostazione del 100% pari alla coppia nominale del motore.

5-56

Protezione hardware: L8
Numero del parametro Nome Descrizione Display ModifiGamma Imposta- cabile di impo- zione di durante stazione fabbrica il funzionamento Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

L8-01

Selezione protezione resistenza DB interna PROTEZ resistFREN Livello preallarme surriscaldamento LivPREALLsurrRES

0: Disabilitata (nessuna protezione da surriscaldamento) 1: Abilitata (protezione da surriscaldamento)

0o1

No

4ADH

6-59

L8-02

Imposta la temperatura per il preallarme di rilevamento del surriscaldamento dell'inverter in C. Il preallarme rileva il momento in 50...130 cui la temperatura delle alette di raffreddamento raggiunge il valore impostato.

95 C

No

4AEH

6-60

L8-03

Selezione fun- Imposta il funzionamento per zionamento quando si verifica il preallarme di dopo prealsurriscaldamento dell'inverter. larme di surri- 0: Arresto per decelerazione nel scaldamento tempo di decelerazione impostato in C1-02 1: Arresto per inerzia 2: Arresto nel tempo di arresto rapido C1-09 3: Funzionamento non interrotto SelOPER (solo visualizzazione dei paradopoPREAL metri di monitoraggio) Si verificher un errore nelle impostazioni da 0 a 2 e un errore non grave nell'impostazione 3. Selezione protezione ingresso a fase aperta PROTmancaFASEingl Selezione protezione uscita a fase aperta 0: Disabilitata 1: Abilitata (viene rilevata una fase di alimentazione aperta, uno squilibrio di tensione nell'alimentazione o un deterioramento del condensatore elettrostatico del bus in continua) 0: Disabilitata 1: Abilitata, osservazione fase 1 2: Abilitata, osservazione fase 2 e 3 Viene rilavata un'uscita a fase aperta quando scende a meno del 5% della corrente nominale dell'inverter. Se la capacit del motore applicata inferiore a quella dell'inverter, il rilevamento potrebbe non funzionare correttamente e dovrebbe essere disabilitato.

0...3

No

4AFH

6-60

5
0o1 1 No A A A A 4B1H 6-60

L8-05

L8-07 PROTmancaFASEusc

0o2

No

4B3H

6-61

L8-09

Selezione pro- 0:Disabilitata tezione di 1:Abilitata terra Non consigliabile utilizzare Sel.GUASTO un'impostazione diversa da quella di fabbrica. aTERRA Selezione Imposta il controllo ON/OFF per la controllo ven- ventola di raffreddamento. tola di raffred- 0: ON solo quando damento l'inverter ON 1: ON quando l'alimentazione Sel.VentON/ presente OFF Ritardo controllo ventola di raffreddamento TempoRIT ventil Temperatura ambiente Temp. ambiente Imposta il ritardo di disattivazione in secondi della ventola di raffreddamento a seguito dell'esecuzione del comando STOP dell'inverter.

0o1

No

4B5H

6-61

L8-10

0o1

No

4B6H

6-61

L8-11

0...300

60 s

No

4B7H

6-61

L8-12

Imposta la temperatura ambiente.

45...60

45 C

No

4B8H

6-62

5-57

Numero del parametro

Nome Descrizione Display

ModifiGamma Imposta- cabile di impo- zione di durante stazione fabbrica il funzionamento

V/f

Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso

Registro MEMOBUS

Pagina

L8-15

Selezione caratteristiche OL2 a bassa velocit OL2 CARRbassaVEL Selezione CLA software Sel.Soft CLA

0: Caratteristiche OL2 a bassa velocit disabilitate 1: Caratteristiche OL2 a bassa velocit abilitate Non consigliabile utilizzare un'impostazione diversa da quella di fabbrica. 0: Disabilitato 1: Abilitato

0o1

No

4BBH

6-63

L8-18

0o1

No

4BFH

* L'impostazione di fabbrica dipende dalla capacit dell'inverter. Viene indicato il valore per un inverter di classe 200 V da 0,4 kW.

N: Regolazioni speciali
Funzione di prevenzione vibrazioni: N1
Numero del parametro Nome Descrizione Display Gamma di impostazione Impostazione di fabbrica Modificabile durante il funzionamento Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

5
N1-01

Selezione funzione prevenzione delle vibrazioni

SELprevenz PENDOL

0: Funzione di prevenzione delle vibrazioni disabilitata 1: Funzione di prevenzione delle vibrazioni abilitata La funzione di prevenzione delle vibrazioni elimina le vibrazioni quando il motore funziona a carico leggero. Se la velocit di risposta del motore ha la priorit sull'eliminazione delle vibrazioni, disabilitare la funzione di prevenzione delle vibrazioni. Imposta il guadagno di prevenzione delle vibrazioni. In genere non necessario modificare questa impostazione. Se necessario, modificare il parametro nel modo seguente: Se si verificano delle vibrazioni a carico leggero, aumentare l'impostazione. Se il motore va in stallo, ridurre il valore. Se il valore dell'impostazione troppo alto, anche la tensione viene soppressa e il motore potrebbe andare in stallo.

0o1

No

No

No

580H

6-41

Guadagno di prevenzione delle vibrazioni

N1-02 SELprevenz PENDOL

0,00... 2,50

1,00

No

No

No

581H

4-14 6-41

5-58

Regolatore di frequenza automatica: N2


Numero del parametro Nome Descrizione Modificabile Gamma Impostadi impo- zione di durante il stazione fabbrica funzionamento Metodi di controllo VettoV/f riale ad con anello PG aperto Vettoriale ad anello chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

N2-01

Guadagno controllo di rilevamento della retroazione della velocit (AFR)

AFR Gain

Imposta il guadagno per il controllo di rilevamento della retroazione della velocit interna. In genere non necessario modificare questa impostazione. Se necessario, modificare il parametro nel modo seguente: Se si verificano oscillazioni, aumentare il valore impostato. Se la risposta lenta, ridurre il valore impostato. Modificare l'impostazione in incrementi o decrementi di 0,05 unit mentre si verifica la risposta.

0,00... 10,00

1,00

No

No

No

No

584H

4-14 6-42

N2-02

Costante di tempo controllo di rilevamento della retroazione della velocit (AFR) AFR Time

Impostare la costante di tempo 1 per determinare la velocit di modifica nel controllo per il rilevamento della retroazione della velocit.

0... 2000

50 ms

No

No

No

No

585H

6-42

N2-03

Costante di tempo 2 controllo di rilevamento Impostare la costante di tempo 2 della retroa- per determinare la velocit di zione della modifica. velocit (AFR) AFR Time 2

0... 2000

750 ms

No

No

No

No

586H

6-42

Frenatura ad alto scorrimento: N3


Numero del parametro Nome Descrizione Display ModifiGamma Imposta- cabile di impo- zione di durante stazione fabbrica il funzionamento Metodi di controllo VettoV/f riale ad con anello PG aperto Vettoriale ad anello chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

N3-01

Ampiezza frequenza di decelerazione per frenatura ad alto scorrimento HSB Down Freq Limite corrente frenatura ad alto scorrimento RIFcorrente HSB Tempo di pausa arresto con frenatura ad alto scorrimento DwelTim@StpHSB

Imposta l'ampiezza di frequenza per la decelerazione durante la frenatura ad alto scorrimento come percentuale, considerando la frequenza massima (E1-04) pari al 100%.

1...20

5%

No

No

No

588H

6-128

N3-02

Imposta il limite di corrente per la decelerazione durante la frenatura ad alto scorrimento come percentuale, considerando la corrente nominale del motore pari al 100%. Il limite deve essere pari o inferiore al 150% della corrente nominale dell'inverter. Imposta la pausa della frequenza di uscita per FMIN (1,5 Hz) durante il controllo V/f. Valido solo durante la decelerazione con frenatura ad alto scorrimento.

100... 200

150%

No

No

No

589H

6-128

N3-03

0,0... 10,0

1,0 s

No

No

No

58AH

6-128

N3-04

Tempo OL frenatura ad alto Impostare il tempo OL quando la frequenza di uscita non varia mai scorrimento durante la decelerazione con frenaTempoOL tura ad alto scorrimento. HSB

30... 1200

40 s

No

No

No

58BH

6-128

5-59

Parametri della console di programmazione: o


Selezioni di monitoraggio: o1
Numero del parametro Nome Descrizione Display ModifiGamma Imposta- cabile di impo- zione di durante stazione fabbrica il funzionamento Metodi di controllo VettoV/f riale ad con anello PG aperto Vettoriale ad anello chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

o1-01

Selezione Impostare il numero del quarto paramonitoraggio metro da monitorare nella console di programmazione in modalit inverter SELin(U1). dic.MONI(Solo su console con display a LED) TOR Imposta il parametro da monitorare che deve essere visualizzato all'accensione. 1: Frequenza di riferimento 2: Frequenza di uscita PRIMAindic- 3: Corrente di uscita 4: Il parametro da monitorare impoMONITO stato per o1-01 Selezione monitoraggio dopo l'accensione Imposta le unit che verranno impoImpostazione e moni- state e visualizzate per le frequenze di riferimento e monitoraggio. toraggio unit per la 0: Unit da 0,01 Hz frequenza di 1: Unit da 0,01% (la freriferimento quenza di uscita massima

4...33

500H

6-130

o1-02

1...4

501H

6-130

5
o1-03

FONDOscala DISPLA

pari al 100%) 2...39: unit giri al minuto (impostare i poli del motore) 40...39999: la visualizzazione impostata dall'utente consente di impostare i valori desiderati per l'impostazione e la visualizzazione della frequenza di uscita massima
Imposta il valore da visualizzare in corrispondenza del 100%, senza decimali. Imposta il numero di cifre decimali.

0... 39999

No

502H

6-131

Ad esempio, se il valore della frequenza di uscita massima 200,0, impostare 12000. Unit d'impostazione per parametri di Impostare l'unit d'impostazione per frequenza i parametri relativi alla frequenza di relativi alle riferimento. caratteristi0: Hz che V/f 1: min1 VISUALfreq DISPLA Regolazione contrasto display LCD o1-05 Contrasto LCD Imposta il contrasto sul display LCD opzionale della console di programmazione (JVOP-160). 1: Luminoso 2: 3: Normale 4: 5: Scuro

o1-04

0o1

No

No

No

No

503H

6-131

0...5

504H

6-131

5-60

Funzioni della console di programmazione: o2


Numero del parametro Nome Descrizione Display ModificaGamma Impostabile durante di impo- zione di il funzionastazione fabbrica mento Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

o2-01

Abilitazione/ disabilitazione tasto LOCAL/ REMOTE TASTOlocal REMOTE

Abilita/disabilita il tasto Local/ Remote della console di programmazione 0: Disabilitato 1: Abilitato (attiva alternativamente la console di programmazione e le impostazioni dei parametri b1-01, b1-02)

0o1

No

505H

6-131

o2-02

Tasto Stop Abilita/Disabilita il tasto Stop in durante fun- modalit Run. zionamento 0: Disabilitato (quando il del terminale comando Run viene inviato da del circuito di un terminale esterno, il tasto controllo Stop viene disabilitato) 1: Abilitato (il tasto Stop abiliABILIT. tato anche durante la modalit tastoSTOP Run) Cancella o memorizza i valori iniziali dell'utente. Valore iniziale parame- 0: Memorizza/non impostato 1: Inizia la memorizzazione (regitro utente stra i parametri impostati come valori iniziali dell'utente) 2: Tutto cancellato (cancella tutti i valori iniziali dell'utente registrati) PERSONA- Quando i parametri impostati venLIZZAZION gono registrati come valori iniziali dell'utente, in A1-03 verr impostato il valore 1110. Selezione KVA MODELLO INVERTER Selezione metodo impostazione della frequenza di riferimento OPERATORE MOP Impostare solo dopo aver sostituito la scheda di potenza interna. Fare riferimento a pag. 5-72 per i valori di impostazione. Specifica se necessario utilizzare il tasto ENTER per modificare la frequenza di riferimento quando come sorgente della frequenza di riferimento selezionata la console di programmazione. 0: Pressione del tasto richiesta 1: Pressione del tasto non richiesta Se si seleziona 1, la modifica della frequenza di riferimento viene accettata senza dover premere il tasto ENTER.

0o1

No

506H

6-131

o2-03

0...2

No

507H

6-131

5
0...FF 0 No A A A A 508H 6-131

o2-04

o2-05

0o1

No

509H

6-131

o2-06

Selezione del Imposta il funzionamento quando funzionala console di programmazione non mento collegata. quando la 0: Il funzionamento continua console di anche se la console di programprogrammamazione non collegata zione scol1: Quando la console di programlegata mazione viene scollegata, viene rilevato OPR, l'uscita dell'inverANCHEsenter viene chiusa e viene attivata zaTASTIE l'uscita che segnala gli errori. Impostazione tempo di funzionamento cumu- Imposta il tempo di funzionamento cumulato in ore. lato OREfunzionamento Selezione tempo di funzionamento cumulativo CONTA soloTEMPO: 0: Tempo accumulato quando l'inverter acceso 1: Tempo accumulato quando l'inverter in funzione

0o1

No

50AH

6-131

o2-07

0... 65535

0 ore

No

50BH

6-132

o2-08

0o1

No

50CH

6-132

5-61

Numero del parametro

Nome Descrizione Display

ModificaGamma Impostabile durante di impo- zione di il funzionastazione fabbrica mento

V/f

Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso

Registro MEMOBUS

Pagina

o2-09

Modalit di inizializzazione SelezMODO inizio Impostazione tempo di funzionamento della ventola SelTempoVentON Inizializzazione traccia errore Fault Trace Init

2: Europa

No

50DH

o2-10

Imposta il valore iniziale del tempo di funzionamento della ventola. Il tempo di funzionamento viene accumulato a partire da questo valore impostato.

0... 65535

0 ore

No

50EH

6-132

o2-12

0: Nessuna inizializzazione 1: Inizializzazione (azzeramento), dopo che o2-12 viene impostato su 1, viene riportato a 0

0o1

No

510H

6-132

o2-14

Inizializzazione moni0: Nessuna inizializzazione toraggio energia assor- 1: Inizializzazione (azzeramento), dopo che o2-14 viene impostato su bita 1, viene riportato a 0 kWh Monitor Init

0o1

No

512H

6-132

Funzione di copia: o3
Numero del parametro Nome Descrizione Display Gamma di impostazione Impostazione di fabbrica Modificabile durante il funzionamento Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS Pagina

V/f

o3-01

Selezione funzione di copia Sel funz.Copia Selezione permesso di lettura Lettura dispon

0: Funzionamento normale 1: Lettura (da inverter a console di programmazione) 2: Copia (da console di programmazione a inverter) 3: Verifica (confronto)

0...3

No

515H

6-132

o3-02

0: Lettura non consentita 1: Lettura consentita

0o1

No

516H

6-132

5-62

T: Autotuning motore
Numero del parametro Nome Descrizione Display Gamma di impostazione ModificaImpobile stadurante il zione di funzionafabbrica mento Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f ad ad con anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS

V/f

Pagina

Selezione motore 1/2

T1-00

Selezione motore

Imposta il gruppo di parametri in cui sono memorizzati i parametri del motore sul quale stato eseguito l'autotuning. 1: Da E1 a E2 (motore 1) 2: Da E3 a E4 (motore 2) Visualizzato solo se un ingresso digitale impostato su Selezione motore 1/2 (H1=16). Imposta la modalit di autotuning. 0: Autotuning rotante 1: Autotuning non rotante 2: Autotuning non rotante solo per resistenza da linea a linea

1o2

No

700H

4-8

T1-01

Selezione modalit autotuning Tuning Mode Sel Potenza di uscita del motore Pot.Nom. Motore

0...2 *1

No

701H

4-8 4-11

T1-02

Imposta la potenza di uscita del motore in kilowatt.

0,00... 650,00

0,40 kW *2

No

702H

4-11

T1-03

Tensione nominale del Imposta la tensione nominale del motore motore. TensioneNominale Corrente nominale del Imposta la corrente nominale del motore motore. Corrente Nominale Frequenza di base del Imposta la frequenza di base del motore motore. FrequenzNominale Numero di poli del motore Numero di poli Velocit di base del motore Velocit Nominale Numero di impulsi PG Encoder IMP/GIRO
* * * * 1. 2. 3. 4.

0...255,0 *3

200,0 V *3

No

No

No

703H

4-11

T1-04

0,32... 6,40 *4

1,90 A *2

No

704H

4-11

T1-05

0...150,0 *5

50,0 Hz

No

No

No

705H

4-11

T1-06

Imposta il numero di poli del motore.

2...48 poli

4 poli

No

No

No

706H

4-11

T1-07

Imposta la velocit di base del motore in giri/min.

0...24000

1750 giri/min

No

No

No

707H

4-11

T1-08

Imposta il numero di impulsi PG per giro.

0...60000

1024

No

No

No

No

708H

4-11

Impostare T1-02 e T1-04 quando T1-01 impostato su 2. Per il controllo V/f o il controllo V/f con PG possibile impostare solo il valore 2. L'impostazione di fabbrica dipende dalla capacit dell'inverter ( indicato il valore per un inverter di classe 200 V da 0,4 kW). Questi valori si riferiscono a inverter di classe 200 V e devono essere raddoppiati per inverter di classe 400 V. La gamma di impostazione compresa tra il 10% e il 200% della corrente di uscita nominale dell'inverter ( indicato il valore per un inverter di classe 200 V da 0,4 kW). * 5. La gamma di impostazione data valida se selezionato il carico di lavoro pesante (C6-01=0, impostazione predefinita). Se selezionato un carico di lavoro normale 1 o 2 (C6-01=1 o 2), la gamma di impostazione sar compresa tra 0,0 e 400,0 Hz.

5-63

U: Parametri di monitoraggio
Parametri monitoraggio stato: U1
Numero del parametro Nome Descrizione Display Livello segnale di uscita durante l'uscita analogica multifunzione Unit min. V/f Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS

U1-01

Monitora/imposta il valore per la frequenza di riferiRiferimFRE- mento.* QUENZA Frequenza di uscita Frequenza uscita Corrente di uscita Corrente uscita Metodo di controllo Monitora la frequenza di uscita.*

Frequenza di riferimento

10 V: Frequenza massima (gamma consentita da 0 a 10 V)

0,01 Hz

40H

U1-02

10 V: Frequenza massima (gamma consentita da 0 a 10 V)

0,01 Hz

41H

U1-03

Monitora la corrente di uscita.

10 V: Corrente di uscita nominale dell'inverter 0,01 A (da 0 a +10 V, uscita a valori assoluti)

42H

U1-04

5
U1-05 U1-06

METODO CONTROLLO Velocit motore Velocit motore Tensione di uscita TENSIONE uscita V Tensione bus c.c. TensioneBUS DC Potenza di uscita POTENZ Auscita kW

Visualizza il metodo di con(non pu essere emesso) trollo della corrente.

43H

Monitora la velocit del motore rilevata.*

10 V: Frequenza massima (gamma consentita da 0 a 10 V)

0,01 Hz

No

44H

Monitora il valore di riferimento della tensione in uscita.

10 V: 200 Vc.a. (400 Vc.a.) (uscita da 0 a +10 V)

0,1 V

45H

U1-07

Monitora la tensione del bus 10 V: 400 Vc.c. (800 Vc.c.) c.c. principale. (uscita da 0 a +10 V) 10 V: Capacit dell'inverter (capacit del motore massima applicabile) (gamma consentita da 0 a 10 V)

1V

46H

U1-08

Monitora la potenza di uscita (valore rilevato internamente).

0,1 kW

47H

U1-09

Coppia Monitora il valore della copdi riferimento pia di riferimento interna 10 V: Coppia nominale del motore per il controllo vettoriale (gamma consentita da 0 a 10 V) Rif coppia aperto.

0,1%

No

No

48H

* L'unit di misura impostata in o1-03 (impostazione e monitoraggio unit per la frequenza di riferimento).

5-64

Numero del parametro

Nome Descrizione Display

Livello segnale di uscita durante l'uscita analogica multifunzione

Unit min.

V/f

Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso

Registro MEMOBUS

Stato terminali di ingresso

Mostra lo stato ON/OFF degli ingressi.


1: Comando FWD (S1) ON 1: Comando REV (S2) ON 1: ingresso multifunzione 1 (S3) ON

U1-10 STATOmors INGRESS

1: ingresso multifunzione 2 (S4) ON 1: ingresso multifunzione 3 (S5) ON 1: ingresso multifunzione 4 (S6) ON 1: ingresso multifunzione 5 (S7) ON

(non pu essere emesso)

49H

Stato terminali di uscita

Mostra lo stato ON/OFF delle uscite.


1: Uscita a contatto multifunzione 1 (M1-M2) ON 1: Uscita a contatto multifunzione 2 (M3-M4) ON

U1-11

STATO mors USCITA

1: Uscita a contatto multifunzione 3 (M5-M6) ON Non utilizzato (Sempre uguale a 0). 1: Uscita di errore (MA/MB-MC) ON

(non pu essere emesso)

4AH

Stato di funzionamento

Stato di funzionamento dell'inverter.


marcia 1: velocit zero 1: indietro 1: ingresso segnale di reset

U1-12

STATO OPERAZIONE

1: raggiungimento velocit di riferimento 1: inverter pronto 1: errore non grave 1: Errore grave

(non pu essere emesso)

4BH

U1-13

Tempo di Monitora il tempo di funzionamento totale funzionamento cumu- dell'inverter. Il valore iniziale e la selezione del tempo di (non pu essere emesso) lativo funzionamento/tempo di accensione posOREfunzio- sono essere impostati in 02-07 e O2-08. namento N. software (memoria Flash) NRELEASE FLASH Livello ingresso terminale A1 TENSIONE mors.A1 Monitora il livello di ingresso dell'ingresso 10 V: 100% analogico A1. Il valore 100% corrisponde (gamma consentita da 0 a a un ingresso di 10 V. 10 V)

1 ora

4CH

U1-14

(Numero di identificazione produttore)

(non pu essere emesso)

4DH

U1-15

0,1%

4EH

5-65

Numero del parametro

Nome Descrizione Display

Livello segnale di uscita durante l'uscita analogica multifunzione

Unit min.

V/f

Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso

Registro MEMOBUS

U1-16

Livello di ingresso terminale A2 TENSIONE mors.A2 Corrente secondaria del motore (Iq)

Monitora il livello di ingresso dell'ingresso 10 V/20 mA: 100% analogico A2. Il valore 100% corrisponde (gamma consentita da 0 a a un ingresso di 10 V/20 mA. 10 V)

0,1%

4FH

U1-18

Monitora il valore calcolato della corrente secondaria del motore. La corrente nominale del motore corriCORRENTE sponde al 100%. seconMOT Corrente di eccitazione del motore (Id) CORRENTE eccitMOT Frequenza di riferimento dopo Softstarter Monitora il valore calcolato della corrente di eccitazione del motore. La corrente nominale del motore corrisponde al 100%.

10 V: Corrente nominale del motore (uscita da 0 a 10 V)

0,1%

51H

U1-19

10 V: Corrente nominale del motore (uscita da 0 a 10 V)

0,1%

No

No

52H

U1-20

Monitora la frequenza di riferimento dopo il Softstarter. Questo valore di frequenza non include le compensazioni, ad esempio quella allo scorrimento. USCITA SFS L'unit di misura impostata in o1-03. Ingresso ASR Monitora l'ingresso nell'anello di controllo della velocit. La frequenza massima corrisponde al 100%. Monitora l'uscita dall'anello di controllo della velocit. La frequenza massima corrisponde al 100%.

10 V: Frequenza massima (gamma consentita da 0 a 10 V)

0,01 Hz

53H

U1-21

INGRESSO ASR Uscita ASR

10 V: Frequenza massima (gamma consentita da 0 a 0,01% 10 V) 10 V:Frequenza massima (gamma consentita da 0 a 0,01% 10 V)

No

No

54H

U1-22

USCITA ASR Valore di retroazione PID Retroazione PID Stato ingresso DI-16H2 Riferimento DI-16

No

No

55H

U1-24

10 V: 100% del valore di Monitora il valore di retroazione quando si retroazione utilizza il controllo PID. (gamma consentita da 0 a 10 V) Monitora il valore di riferimento proveniente dalla scheda accessoria DI-16H2. Questo valore viene visualizzato in formato binario o decimale codificato in bina- (non pu essere emesso) rio a seconda del parametro F3-01 impostato dall'utente. 10 V: 200 Vc.a. (400 Vc.a.) (gamma consentita da 0 a 10 V) 10 V: 200 Vc.a. (400 Vc.a.) (gamma consentita da 0 a 10 V)

0,01%

57H

U1-25

58H

U1-26

Tensione di uscita di rife- Monitora la tensione di riferimento interna rimento (Vq) dell'inverter per il controllo della corrente Rif.tens.usc.: secondaria del motore. Vq Tensione di uscita di rife- Monitora la tensione di riferimento interna rimento (Vd) dell'inverter per il controllo della corrente Rif.tens.usc.: di eccitazione del motore. Vd N. software (CPU) NRELEASE CPU

0,1 V

No

No

59H

U1-27

0,1 V

No

No

5AH

U1-28

(Numero software CPU del produttore)

(non pu essere emesso)

5BH

5-66

Numero del parametro

Nome Descrizione Display

Livello segnale di uscita durante l'uscita analogica multifunzione

Unit min.

V/f

Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso

Registro MEMOBUS

U1-29

4 cifre inferiori dell'energia assorbita 4cifreINF energia 5 cifre superiori dell'energia assorbita 5cifreSUP energia Uscita ACR dell'asse q Uscita ACR(q) Uscita ACR dell'asse d Uscita ACR(d) Parametro errore OPE Rilevata OPE Impulsi di movimento azzeramento servo Monitora il valore dell'uscita di controllo per la corrente secondaria del motore. Mostra l'energia assorbita in kWh. U1-29 mostra le quattro cifre pi basse e U1-30 le cinque pi alte. U1-30 . U1-29

(non pu essere emesso)

0,1 kWh

5CH

U1-30

(non pu essere emesso)

1 MW

5DH

U1-32

10 V: 100% (gamma consentita da 0 a 10 V) 10 V: 100% (gamma consentita da 0 a 10 V)

0,1 %

No

No

5FH

U1-33

Monitora il valore dell'uscita di controllo per la corrente di eccitazione del motore.

0,1 %

No

No

60H

U1-34

Indica il numero del primo parametro nel quale stato rilevato un errore OPE.

(non pu essere emesso)

61H

U1-35

Mostra il numero di impulsi PG della gamma di movimento quando attivato l'azzeramento del servo. Il valore indicato (non pu essere emesso) pari al numero di impulsi effettivo moltiImpulsoZero- plicato per 4. Servo Volume ingresso PID Ingresso PID Volume ingresso PID 10 V: 100% dell'ingresso PID (gamma consentita da 0 a 10 V) 10 V: 100% dell'uscita PID (gamma consentita da 0 a 10 V) 10 V: 100% del set point PID

No

No

No

62H

U1-36

0,01%

63H

U1-37

Volume uscita PID Uscita PID

Uscita di controllo PID

0,01%

64H

U1-38

Set Point PID Set point PID Codice errore Indica gli errori MEMOBUS. comunicazioni MEMOBUS 1: errore CRC
1: errore lunghezza dati non utilizzato 1: errore di parit

0,01%

65H

U1-39 Errore Trasmiss.

1: errore di overrun 1: errore di frame 1: timeout

(non pu essere emesso)

66H

U1-40

Tempo di funzionamento ventola di raffreddamento TempoVentilON

Monitora il tempo di funzionamento totale della ventola di raffreddamento. Il tempo (non pu essere emesso) pu essere impostato in 02-10.

1 ora

67H

5-67

Fault Trace
Numero del parametro Nome Descrizione Display Livello segnale di uscita durante l'uscita analogica multifunzione Unit min. Metodi di controllo VettoVettoV/f riale ad riale ad con anello anello PG aperto chiuso Registro MEMOBUS

V/f

Errore corrente U2-01 ANOMALIA ATTUALE Ultimo errore Ultimo errore Frequenza di riferimento su errore RiferimFREQUENZA Frequenza di uscita su errore Frequenza uscita Corrente di uscita su errore Output Current Velocit del motore su errore Velocit motore Tensione di riferimento di uscita su errore TENSIONE uscita V U2-08 Tensione bus c.c. in caso di errore TensioneBUS DC Potenza di uscita su errore POTENZAuscita kW Coppia di riferimento su errore Rif coppia Stato terminale di ingresso su errore STATOmors INGRESS Stato terminale di uscita su errore STATO mors USCITA Stato di funzionamento su errore Sts INVERTER Tempo di funzionamento cumulativo su errore OreACCUM ultErr Il contenuto dell'errore corrente. S S S S 80H

U2-02

Il contenuto dell'ultimo errore. Indica la frequenza di riferimento nel momento in cui si verificato l'ultimo errore. Indica la frequenza di uscita nel momento in cui si verificato l'ultimo errore. Indica la corrente di uscita nel momento in cui si verificato l'ultimo errore. Indica la velocit del motore nel momento in cui si verificato l'ultimo errore. Indica la tensione di uscita di riferi- (non pu essere emesso) mento nel momento in cui si verificato l'ultimo errore. Indica la tensione c.c. della corrente principale nel momento in cui si verificato l'ultimo errore. Indica la potenza di uscita nel momento in cui si verificato l'ultimo errore. Indica la coppia di riferimento nel momento in cui si verificato l'ultimo errore. La coppia nominale del motore corrisponde al 100%. Indica lo stato del terminale di ingresso nel momento in cui si verificato l'ultimo errore. Il formato lo stesso usato per U1-10. Indica lo stato del terminale di uscita nel momento in cui si verificato l'ultimo errore. Il formato lo stesso usato per U1-11. Indica lo stato di funzionamento nel momento in cui si verificato l'ultimo errore. Il formato lo stesso usato per U1-12. (non pu essere emesso) Indica il tempo di funzionamento totale nel momento in cui si verificato l'ultimo errore.

81H

U2-03

0,01 Hz*

82H

U2-04

0,01 Hz*

83H

U2-05

0,01A

84H

U2-06

0,01 Hz *

No

85H

U2-07

0,1 V

86H

1V

87H

U2-09

0,1 kW

88H

U2-10

0,1%

No

No

No

89H

U2-11

8AH

U2-12

8BH

U2-13

8CH

U2-14

1 ora

8DH

* L'unit di misura impostata in o1-03 (impostazione e monitoraggio unit per la frequenza di riferimento).

5-68

Storico errori: U3
Numero del parametro Nome Display Descrizione Livello segnale di uscita durante l'uscita analogica multifunzione Unit min. Registro MEMOBUS

U3-01 U3-02 U3-03 U3-04

Ultimo errore Ultimo errore Penultimo errore 2MessagErrore 3MessagErrore Fault Message 3 Quartultimo errore 4MessagErrore Tempo di funzionamento cumulativo su errore OreACCUM ultErr Tempo cumulativo del penultimo errore OreACCUM 2Err Tempo cumulativo del terzultimo errore OreACCUM 3Err Tempo cumulativo del quartultimo errore/errore meno recente OreACCUM 4Err

Contenuto dell'ultimo errore. Contenuto del penultimo errore. Contenuto del terzultimo errore. Contenuto del quartultimo errore.

90H 91H 92H 93H

U3-05

Indica il tempo di funzionamento totale nel momento in cui si verificato l'ultimo errore. Indica il tempo di funzionamento totale nel momento in cui si verificato il penultimo errore. Indica il tempo di funzionamento totale nel momento in cui si verificato il terzultimo errore. Indica il tempo di funzionamento totale nel momento in cui si verificato il quartultimo errore. (non pu essere emesso)

1 ora

94H

U3-06

1 ora 1 ora

95H

U3-07

96H

U3-08

1 ora

97H

Dal quintultimo al decimo errore prima U3-09 dell'ultimo U3-14 5-10MessagErrore Tempo cumulativo dal quintultimo al U3-15 decimo errore prima U3-20 dell'ultimo OreACCUM 5-10Err

Contenuto degli errori dal quintultimo al decimo prima dell'ultimo

804 805H 806H 807H 808H 809H 806H 80FH 810H 811H 812H 813H

Indica il tempo di generazione totale dal momento in cui si verifica il quintultimo errore al decimo errore prima dell'ultimo.

1 ora

IMPORTANTE

I seguenti errori non vengono registrati nello storico e nella traccia degli errori: CPF00, 01, 02, 03, UV1e UV2.

5-69

Impostazioni di fabbrica che cambiano con il metodo di controllo (A1-02)


Numero del parametro Nome Gamma di impostazione Unit Impostazione di fabbrica Vettoriale Controllo V/f V/F con PG ad anello aperto A1-02=0 A1-02=1 A1-02=2 Vettoriale ad anello chiuso A1-02=3

b3-01 b3-02 b8-02 b8-03 C3-01 C3-02 C4-02 C5-01 C5-02 C5-03 C5-04 C5-06 d5-02 E1-07 E3-05 E1-08 E3-06 E1-09 E3-07 E1-10 E3-08 F1-09
* * * *

Selezione ricerca della velocit Corrente operativa ricerca ricerca della velocit Guadagno per risparmio energia Costante di tempo del filtro per il risparmio energia Guadagno per compensazione allo scorrimento Costante di ritardo del primo ordine della compensazione allo scorrimento Costante di ritardo del primo ordine della compensazione di coppia Guadagno proporzionale ASR 1 Tempo integrale ASR 1 Guadagno proporzionale ASR 2 Tempo integrale ASR 2 Ritardo ASR Ritardo coppia di riferimento Frequenza di uscita media (VB)*2 Tensione intermedia della frequenza di uscita (VB)*2 Frequenza di uscita minima (FMIN) Tensione frequenza di uscita min. (VMIN)*2 Tempo di rilevamento velocit eccessiva
1. 2. 3. 4.

0...3 0...200 0,0...10,0 0,0...10,0 0,0...2,5 0...10000 0...10000 0,00...300,00 0,000...10,000 0,00...300,00 0,000...10,000 0,000...0,500 0...1000 0,0...150,0 *4 0,0...255,0 (da 0,0 a 510,0) 0,0...150,0 *4 0,0...255,0 (da 0,0 a 510,0) 0,0...2,0

1% 1 ms 1 ms 1 ms 1 ms 0,001 1 ms 0,1 V 0,1 V 0,1 Hz 0,1 V 1

2 120 0,0 2000 200 2,5 15,0 *2*3 1,2 *2 9,0 *2*3 -

3 200 0,20 0,200 0,02 0,050 2,5 15,0 *2*3 1,5 *2 9,0 *2*3 1,0

2 100 0,7 0,50 *1 1,0 200 20 3,0 13,2 0,5 2,4 -

1,0 0,01 *1 1,0 20,00 0,500 20,00 0,500 000,4 0 0,0 0,0

Le impostazioni sono 0,05 (vettore ad anello chiuso) / 2,00 (vettore ad anello aperto) per inverter da 55kW o superiori. Le impostazioni variano in base alla capacit dell'inverter e a E1-03 come indicato nelle tabelle riportate di seguito. Le impostazioni riportate si riferiscono a inverter di classe 200 V e devono essere raddoppiate per inverter di classe 400 V. La gamma di impostazione data valida se selezionato il carico di lavoro pesante (C6-01=0, impostazione predefinita). Se selezionato un carico di lavoro normale 1 o 2 (C6-01=1 o 2), la gamma di impostazione sar compresa tra 0,0 e 400,0 Hz.

5-70

Inverter di classe 200 V/400 V da 0,4 a 1,5 kW*


Numero del parametro Unit

Impostazione di fabbrica
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 A B C D E F

E1-03

Controllo vettoriale ad anello aperto

Controllo vettoriale ad anello chiuso

E1-04 E1-05 * E1-06 E1-07 * E1-08 * E1-09 E1-10 *

Hz V Hz Hz V Hz V

50,0 200,0 50,0 2,5 15,0 1,3 9,0

60,0 200,0 60,0 3,0 15,0 1,5 9,0

60,0 200,0 50,0 3,0 15,0 1,5 9,0

72,0 200,0 60,0 3,0 15,0 1,5 9,0

50,0 200,0 50,0 25,0 35,0 1,3 8,0

50,0 200,0 50,0 25,0 50,0 1,3 9,0

60,0 200,0 60,0 30,0 35,0 1,5 8,0

60,0 200,0 60,0 30,0 50,0 1,5 9,0

50,0 200,0 50,0 2,5 19,0 1,3 11,0

50,0 200,0 50,0 2,5 24,0 1,3 13,0

60,0 200,0 60,0 3,0 19,0 1,5 11,0

60,0 200,0 60,0 3,0 24,0 1,5 15,0

90,0 200,0 60,0 3,0 15,0 1,5 9,0

120,0 200,0 60,0 3,0 15,0 1,5 9,0

180,0 200,0 60,0 3,0 15,0 1,5 9,0

60,0 200,0 60,0 3,0 15,0 1,5 9,0

50,0 200,0 50,0 3,0 13,2 0,5 2,4

60,0 200,0 60,0 0,0 0,0 0,0 0,0

* Le impostazioni riportate si riferiscono a inverter di classe 200 V e devono essere raddoppiate per inverter di classe 400 V.

Inverter di classe 200 V/400 V da 2,2 a 45 kW*


Numero del parametro Unit

Impostazione di fabbrica
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 A B C D E F

E1-03

Controllo vettoriale ad anello aperto

Controllo vettoriale ad anello chiuso

E1-04 E1-05 * E1-06 E1-07 * E1-08 * E1-09 E1-10 *

Hz V Hz Hz V Hz V

50,0

60,0

60,0

72,0

50,0

50,0

60,0

60,0

50,0

50,0

60,0

60,0

90,0

120,0 180,0

60,0

60,0 200,0 60,0 3,0 11,0 0,5 2,0

60,0 200,0 60,0 0,0 0,0 0,0 0,0

200,0 200,0 200,0 200,0 200,0 200,0 200,0 200,0 200,0 200,0 200,0 200,0 200,0 200,0 200,0 200,0 50,0 2,5 14,0 1,3 7,0 60,0 3,0 14,0 1,5 7,0 50,0 3,0 14,0 1,5 7,0 60,0 3,0 14,0 1,5 7,0 50,0 25,0 35,0 1,3 6,0 50,0 25,0 50,0 1,3 7,0 60,0 30,0 35,0 1,5 6,0 60,0 30,0 50,0 1,5 7,0 50,0 2,5 18,0 1,3 9,0 50,0 2,5 23,0 1,3 11,0 60,0 3,0 18,0 1,5 9,0 60,0 3,0 23,0 1,5 13,0 60,0 3,0 14,0 1,5 7,0 60,0 3,0 14,0 1,5 7,0 60,0 3,0 14,0 1,5 7,0 60,0 3,0 14,0 1,5 7,0

* Le impostazioni riportate si riferiscono a inverter di classe 200 V e devono essere raddoppiate per inverter di classe 400 V.

Inverter di classe 200 V da 55 a 110 kW e inverter di classe 400 V da 55 a 300 kW*


Numero del parametro Unit

Impostazione di fabbrica
0 50,0 1 60,0 2 60,0 3 72,0 4 50,0 5 50,0 6 60,0 7 60,0 8 50,0 9 50,0 A 60,0 B 60,0 C 90,0 D E F 60,0 120,0 180,0

E1-03 E1-04 E1-05 * E1-06 E1-07 * E1-08 * E1-09 E1-10 *

Hz V Hz Hz V Hz V

Controllo vettoriale ad anello aperto

Controllo vettoriale ad anello chiuso

60,0 200,0 60,0 3,0 11,0 0,5 2,0

60,0 200,0 60,0 0,0 0,0 0,0 0,0

200,0 200,0 200,0 200,0 200,0 200,0 200,0 200,0 200,0 200,0 200,0 200,0 200,0 200,0 200,0 200,0 50,0 2,5 12,0 1,3 6,0 60,0 3,0 12,0 1,5 6,0 50,0 3,0 12,0 1,5 6,0 60,0 3,0 12,0 1,5 6,0 50,0 25,0 35,0 1,3 5,0 50,0 25,0 50,0 1,3 6,0 60,0 30,0 35,0 1,5 5,0 60,0 30,0 50,0 1,5 6,0 50,0 2,5 15,0 1,3 7,0 50,0 2,5 20,0 1,3 9,0 60,0 3,0 15,0 1,5 7,0 60,0 3,0 20,0 1,5 11,0 60,0 3,0 12,0 1,5 6,0 60,0 3,0 12,0 1,5 6,0 60,0 3,0 12,0 1,5 6,0 60,0 3,0 12,0 1,5 6,0

* Le impostazioni riportate si riferiscono a inverter di classe 200 V e devono essere raddoppiate per inverter di classe 400 V.

5-71

Impostazioni di fabbrica che cambiano con la capacit dell'inverter (o2-04)


Inverter di classe 200 V
Numero del parametro o2-04 Nome Capacit dell'inverter Selezione KVA Unit kW 0,4 0 0,75 1 1,5 2 Impostazione di fabbrica 2,2 3 3,7 4 5,5 5 7,5 6 11 7 15 8

b8-03 b8-04 E2-01 (E4-01) E2-02 (E4-02) E2-03 (E4-03) E2-05 (E4-05) E2-06 (E4-06) E2-10 L2-02

Costante di tempo del filtro per il risparmio energia Coefficiente di risparmio energia Corrente nominale del motore Scorrimento nominale del motore Corrente a vuoto del motore Resistenza da linea a linea del motore Induttanza di dispersione del motore Perdita nel traferro per la compensazione di coppia Tempo di funzionamento inerziale dopo caduta di tensione momentanea Tempo blocco delle basi (BB) minimo Tempo di ripristino della tensione Livello preallarme surriscaldamento
Nome Capacit dell'inverter Selezione KVA

s A Hz A W % W s s s C
Unit kW 18,5 9 22 A 30 B

0,50 (vettore ad anello aperto) 288,20 1,90 2,90 1,20 9,842 18,2 14 0,1 0,1 0,3 95 223,70 3,30 2,50 1,80 5,156 13,8 26 0,1 0,2 0,3 95 169,40 6,20 2,60 2,80 1,997 18,5 53 0,2 0,3 0,3 95 156,80 8,50 2,90 3,00 1,601 18,4 77 0,3 0,4 0,3 100 122,90 14,00 2,73 4,50 0,771 19,6 112 0,5 0,5 0,3 95 94,75 19,60 1,50 5,10 0,399 18,2 172 1,0 0,6 0,3 95 72,69 26,60 1,30 8,00 0,288 15,5 262 1,0 0,7 0,3 95 70,44 39,7 1,70 11,2 0,230 19,5 245 1,0 0,8 0,3 95 63,13 53,0 1,60 15,2 0,138 17,2 272 2,0 0,9 0,3 90

L2-03 L2-04 L8-02


Numero del parametro o2-04

Impostazione di fabbrica 37 C 45 D 55 E 75 F 90 10 110 11

b8-03 b8-04 E2-01 (E4-01) E2-02 (E4-02) E2-03 (E4-03) E2-05 (E4-05) E2-06 (E4-06) E2-10 L2-02 L2-03 L2-04 L8-02

Costante di tempo del filtro per il risparmio energia Coefficiente di risparmio energia Corrente nominale del motore Scorrimento nominale del motore Corrente a vuoto del motore Resistenza da linea a linea del motore Induttanza di dispersione del motore Perdita nel traferro per la compensazione di coppia Tempo di funzionamento inerziale dopo caduta di tensione momentanea Tempo blocco delle basi (BB) minimo Tempo di ripristino della tensione Livello preallarme surriscaldamento

s A Hz A W % W s s s C 57,87 65,8 1,67 15,7 0,101 20,1 505 2,0 1,0 0,6 100

0,50 (vettore ad anello aperto) 51,79 77,2 1,70 18,5 0,079 19,5 538 2,0 1,0 0,6 90 46,27 105,0 1,80 21,9 0,064 20,8 699 2,0 1,1 0,6 90 38,16 131,0 1,33 38,2 0,039 18,8 823 2,0 1,1 0,6 95 35,78 160,0 1,60 44,0 0,030 20,2 852 2,0 1,2 0,6 100

2,00 (vettore ad anello aperto) 31,35 190,0 1,43 45,6 0,022 20,5 960 2,0 1,2 1,0 105 23,10 260,0 1,39 72,0 0,023 20,0 1200 2,0 1,3 1,0 110 23,10 260,0 1,39 72,0 0,023 20,0 1200 2,0 1,5 1,0 100 23,10 260,0 1,39 72,0 0,023 20,0 1200 2,0 1,7 1,0 95

5-72

Inverter di classe 400 V


Numero del parametro o2-04 Nome Capacit dell'inverter Selezione KVA Unit kW 0,4 20 0,75 21 1,5 22 2,2 23 Impostazione di fabbrica 3,7 24 4,0 25 5,5 26 7,5 27 11 28 15 29

b8-03 b8-04 E2-01 (E4-01) E2-02 (E4-02) E2-03 (E4-03) E2-05 (E4-05) E2-06 (E4-06) E2-10 L2-02 L2-03 L2-04 L8-02

Costante di tempo del filtro per il risparmio energia Coefficiente di risparmio energia Corrente nominale del motore Scorrimento nominale del motore Corrente a vuoto del motore Resistenza da linea a linea del motore Induttanza di dispersione del motore Perdita nel traferro per la compensazione di coppia Tempo di funzionamento inerziale dopo caduta di tensione momentanea Tempo blocco delle basi (BB) minimo Tempo di ripristino della tensione Livello preallarme surriscaldamento

s A Hz A W % W s s s C
576,40 447,40 338,80

0,50 (vettore ad anello aperto)


313,60 245,80 236,44 189,50 145,38 140,88 126,26

1,00 2,90 0,60


38,198

1,60 2,60 0,80


22,459

3,10 2,50 1,40


10,100

4,20 3,00 1,50


6,495

7,00 2,70 2,30


3,333

7,00 2,70 2,30


3,333

9,80 1,50 2,60


1,595

13,30 1,30 4,00


1,152

19,9 1,70 5,6


0,922

26,5 1,60 7,6


0,550

18,2 14 0,1 0,1 0,3 95

14,3 26 0,1 0,2 0,3 95

18,3 53 0,2 0,3 0,3 95

18,7 77 0,3 0,4 0,3 90

19,3 130 0,5 0,5 0,3 95

19,3 130 0,5 0,6 0,3 95

18,2 193 0,8 0,6 0,3 95

15,5 263 0,8 0,7 0,3 90

19,6 385 1,0 0,8 0,3 95

17,2 440 2,0 0,9 0,3 95

Numero del parametro o2-04

Nome Capacit dell'inverter Selezione KVA

Unit kW 18,5 2A 22 2B 30 2C 37 2D

Impostazione di fabbrica 45 2E 55 2F 75 30 90 31 110 32 132 33

b8-03 b8-04 E2-01 (E4-01) E2-02 (E4-02) E2-03 (E4-03) E2-05 (E4-05) E2-06 (E4-06) E2-10 L2-02 L2-03 L2-04 L8-02

Costante di tempo del filtro per il risparmio energia Coefficiente di risparmio energia Corrente nominale del motore Scorrimento nominale del motore Corrente a vuoto del motore Resistenza da linea a linea del motore Induttanza di dispersione del motore Perdita nel traferro per la compensazione di coppia Tempo di funzionamento inerziale dopo caduta di tensione momentanea Tempo blocco delle basi (BB) minimo Tempo di ripristino della tensione Livello preallarme surriscaldamento

s A Hz A W % W s s s C
115,74 32,9

0,50 (vettore ad anello aperto)


103,58 38,6 92,54 52,3 76,32 65,6 71,56 79,7 67,20 95,0

2,00 (vettore ad anello aperto)


46,20 130,0 41,22 156,0 36,23 190,0 33,18 223,0

1,67 7,8
0,403

1,70 9,2
0,316

1,80 10,9
0,269

1,33 19,1
0,155

1,60 22,0
0,122

1,46 24,0
0,088

1,39 36,0
0,092

1,40 40,0
0,056

1,40 49,0
0,046

1,38 58,0
0,035

20,1
508

23,5
586

20,7
750

18,8
925

19,9
1125

20,0
1260

20,0
1600

20,0
1760

20,0
2150

20,0
2350

2,0 1,0 0,6 98

2,0 1,0 0,6 78

2,0 1,1 0,6 85

2,0 1,1 0,6 85

2,0 1,2 0,6 90

2,0 1,2 1,0 90

2,0 1,3 1,0 98

2,0 1,5 1,0 108

2,0 1,7 1,0 100

2,0 1,7 1,0 110

5-73

Numero del parametro o2-04

Nome Capacit dell'inverter Selezione KVA

Unit kW 34

Impostazione di fabbrica 160 185 35 220 36 300 37

b8-03 b8-04 E2-01 (E4-01) E2-02 (E4-02) E2-03 (E4-03) E2-05 (E4-05) E2-06 (E4-06) E2-10 L2-02 L2-03 L2-04 L8-02

Costante di tempo del filtro per il risparmio energia Coefficiente di risparmio energia Corrente nominale del motore Scorrimento nominale del motore Corrente a vuoto del motore Resistenza da linea a linea del motore Induttanza di dispersione del motore Perdita nel traferro per la compensazione di coppia Tempo di funzionamento inerziale dopo caduta di tensione momentanea Tempo blocco delle basi (BB) minimo Tempo di ripristino della tensione Livello preallarme surriscaldamento

s A Hz A W % W s s C

2,00 (vettore ad anello aperto)


30,13 270,0 30,57 310,0 27,13 370,0 21,76 500,0

1,35
70,0 0,029

1,30
81,0 0,025

1,30
96,0 0,020

1,25
130,0 0,014

20,0
2850

20,0
3200

20,0
3700

20,0
4700

2,0 1,8 1,0 108

2,0 1,9 1,0 95

2,0 2,0 1,0 100

2,0 2,1 1,0 95

Valori iniziali dei parametri che variano con l'impostazione di C6-01

Numero del parametro

Nome

C6-01=0 (carico di lavoro pesante)

Valore iniziale C6-01=1 o 2 (carico di lavoro normale 1 o 2)

C6-02 L3-02 L3-06 L8-15

Selezione frequenza portante Livello di prevenzione dello stallo all'accelerazione Livello di prevenzione stallo durante il funzionamento Caratteristiche OL2 a bassa velocit

1 150% 150% 0 (disabilitate)

Subordinato alla potenza nominale dell'inverter 120% 120% 1 (abilitate)

5-74

Gamme di impostazione dei parametri che variano con l'impostazione di C6-01


Numero del parametro Nome C6-01=0 (carico di lavoro pesante) Gamma di impostazione C6-01=1 o 2 (carico di lavoro normale 1 o 2)

C6-02 b5-15 b6-01 b6-03 C1-11 C5-07 d3-01 d3-02 d3-03 d6-02 E1-04 E1-06 E1-07 E1-09 E1-11 E3-02 E3-04 E3-05 E3-07 L4-01 L4-03

Selezione frequenza portante Livello funzionamento funzione sleep del PID Frequenza di pausa all'avvio Frequenza di pausa all'arresto Frequenza di commutazione tempo di accelerazione/decelerazione Frequenza di commutazione guadagno ASR Frequenza di salto 1 Frequenza di salto 2 Frequenza di salto 3 Limite di indebolimento di campo Frequenza di uscita massima Frequenza di base Frequenza intermedia di uscita Frequenza minima di uscita Frequenza intermedia di uscita 2 Frequenza di uscita massima del motore 2 Frequenza di base del motore 2 Frequenza intermedia di uscita del motore 2 Frequenza minima di uscita del motore 2 Livello di rilevamento frequenza Ampiezza di banda rilevamento frequenza

0,6,F

0...6, F (subordinato alla potenza nominale dell'inverter)

Limite superiore = 150,0 Hz

Limite superiore = 400,0 Hz

5
-150,0+150,0 Hz -400,0400,0 Hz

5-75

5-76

Impostazione dei parametri in base alla funzione


Applicazione e selezioni per il sovraccarico...........................6-2 Frequenza di riferimento ........................................................6-7 Metodi di ingresso del comando Run...................................6-12 Metodi di arresto ..................................................................6-14 Caratteristiche di accelerazione e decelerazione ................6-19 Regolazione delle frequenze di riferimento..........................6-26 Limite di velocit (limiti della frequenza di riferimento) ........6-30 Rilevamento della frequenza ...............................................6-31 Miglioramento delle prestazioni di funzionamento ...............6-33 Protezione della macchina...................................................6-43 Riavvio automatico...............................................................6-52 Protezione dell'inverter.........................................................6-59 Funzioni terminale di ingresso .............................................6-64 Funzioni del terminale di uscita............................................6-74 Parametri di monitoraggio....................................................6-77 Funzioni singole ...................................................................6-80 Funzioni della console di programmazione........................6-130 Schede accessorie.............................................................6-138

Applicazione e selezioni per il sovraccarico


Selezione del sovraccarico in base all'applicazione
Impostare C6-01 (carico di lavoro pesante: coppia costante, carico di lavoro normale: alta frequenza portante, coppia variabile) in base all'applicazione. Le gamme di impostazione per la frequenza portante dell'inverter, la capacit di sovraccarico e la frequenza di uscita massima dipendono dall'impostazione in C6-01. Per applicazioni con caratteristiche di coppia quadratica, quali ventole e compressori, impostare C6-01 su 1 o su 2 (Carico di lavoro normale 1 o 2). Per applicazioni con caratteristiche di coppia costante, impostare C6-01 su 0 (Carico di lavoro pesante).

Parametri correlati
Impostazione di fabbrica 0 1 2,0 kHz 2,0 kHz 00 Modificabile durante il funzionamento No No No No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto Q Q A A A Q Q A No No Vettoriale ad anello chiuso Q Q A No No

N. parametro

Nome

V/f Q Q A A A

C6-01 C6-02 C6-03 C6-04 C6-05

Selezione carico di lavoro normale/pesante Selezione frequenza portante Limite superiore frequenza portante Limite inferiore frequenza portante Guadagno proporzionale frequenza portante

Differenza tra il carico di lavoro pesante e normale


Di seguito sono illustrate le caratteristiche di un carico di lavoro pesante (coppia costante) e normale (coppia variabile).

Carico di lavoro pesante/Coppia costante


Coppia costante

Carico di lavoro normale/Coppia variabile

Coppia variabile Coppia Coppia

Velocit Per coppia costante si intende una coppia di carico fissa per tutte le velocit del motore. Le applicazioni tipiche che ricadono in questa categoria includono dispositivi di spinta, nastri trasportatori, gru e altri carichi ad alta resistenza o pesanti. Queste applicazioni potrebbero richiedere capacit di sovraccarico.

Velocit motore

Per coppia variabile si intende una coppia di carico che aumenta con l'aumentare della velocit. Applicazioni tipiche includono ventole e pompe, che, in genere, non richiedono un'elevata capacit di sovraccarico.

6-2

Modalit di impostazione
C6-01 (Selezione carico di lavoro normale/pesante) L'inverter in grado di funzionare in modalit di carico di lavoro pesante, normale 1 e normale 2. Le gamme di impostazione e le impostazioni di fabbrica di alcuni parametri variano a seconda dell'impostazione di C6-01. Vedere pagina 5-74, Valori iniziali dei parametri che variano con l'impostazione di C6-01 e pagina 5-75, Gamme di impostazione dei parametri che variano con l'impostazione di C6-01. La seguente tabella riporta le differenze principali tra le tre modalit.
Valore impostato C6-01 Capacit di sovraccarico corrente dell'inverter 0 (carico di lavoro pesante) 150% della corrente nominale del carico di lavoro pesante per 1 min. *1 1 (carico di lavoro normale 1) 120% della corrente nominale del carico di lavoro normale 1 per 1 min. *1 0: Portante bassa, poco rumore 1: Portante 2 kHz 2: Portante 5 kHz*3 3: Portante 8,0 kHz*3 4: Portante 10,0 kHz*3 5: Portante 12,5 kHz*3 6: Portante 15 kHz*3 F: Impostato dall'utente*3 400 Hz 120% 2 (carico di lavoro normale 2) 120% della corrente nominale del carico di lavoro normale 2 per 1 min. *1

C6-02 (selezione frequenza portante)

0: Bassa frequenza portante, poco rumore 1: 2 kHz 6: 15 kHz*2

E1-04 ed E3-02 (frequenza di uscita massima) L3-02 (livello prevenzione stallo durante l'accelerazione) L3-06 (livello prevenzione stallo durante il funzionamento) L8-15 (caratteristiche OL2 a bassa velocit)

150 Hz 150%

150% 0 (disabilitate)

120% 1 (abilitate)

* 1. La corrente nominale dipende dalla selezione del carico di lavoro pesante/normale (per ulteriori informazioni, vedere pagina -2, Specifiche in base al modello). * 2. Se la frequenza portante in modalit di carico pesante impostata su un valore maggiore di 2,5 kHz, necessario considerare una diminuzione della corrente. * 3. L'impostazione di fabbrica e la frequenza portante massima dipendono dalla capacit dell'inverter (per ulteriori informazioni, vedere pagina -2, Specifiche in base al modello).

Selezione frequenza portante Quando si seleziona la frequenza portante, osservare le seguenti precauzioni:
Regolare la frequenza portante in base alle regole riportate di seguito. Se la distanza di cablaggio tra l'inverter e il motore elevata, impostare una frequenza portante bassa

(fare riferimento ai valori della tabella riportata di seguito).


Lunghezza cablaggio Impostazione C6-02 (frequenza portante) 50 m o meno 0...6 (15 kHz) 100 m o meno 0...4 (10 kHz) Pi di 100 m 0...2 (5 kHz)

Se velocit e coppia variano a velocit basse, abbassare la frequenza portante. Se il disturbo dell'inverter pregiudica gli apparecchi periferici, abbassare la frequenza portante. Se la corrente residua dall'inverter elevata, abbassare la frequenza portante. Se il disturbo metallico proveniente dal motore elevato, aumentare la frequenza portante.

6-3

Quando si utilizza il controllo V/f o il controllo V/f con PG, possibile impostare la frequenza portante in

modo che vari in base della frequenza di uscita, come illustrato nel seguente schema, impostando C6-03 (limite superiore frequenza portante), C6-04 (limite inferiore frequenza portante) e C6-05 (guadagno proporzionale frequenza portante).
Frequenza portante

C6-03

Frequenza di uscita x C6-05 x K*

C6-04
Frequenza di uscita E1-04 Frequenza di uscita massima

*K il coefficiente determinato dal valore impostato in C6-03. C6-03 10,0 kHz: K=3 10,0 kHz > C6-03 5,0 kHz: K=2 5,0 kHz > C6-03: K=1

Fig. 6.1 Frequenza portante variabile Con il controllo vettoriale ad anello aperto e chiuso, la frequenza portante viene fissata dal limite superiore

in C6-03 (se impostato dall'utente) o dal valore della frequenza portante impostato in C6-02.
Per fissare la frequenza portante, impostare C6-03 e C6-04 sullo stesso valore oppure C6-05 su 0. Se le impostazioni rispecchiano quelle riportate di seguito, si verificher un errore di impostazione dei dati

(OPE11).
Se guadagno proporzionale della frequenza portante (C6-05) > 6 e C6-03 < C6-04. Se C6-01 = 0 e la selezione della frequenza portante C6-02 impostata da 2 a E. Se C6-01 = 1 e la selezione della frequenza portante C6-02 impostata da 7 a E.

6-4

Frequenza portante e capacit di sovraccarico dell'inverter


La capacit di sovraccarico dell'inverter dipende, tra le altre cose, dall'impostazione della frequenza portante. Se l'impostazione della frequenza portante maggiore dell'impostazione di fabbrica, la capacit di corrente di sovraccarico deve essere ridotta. Carico di lavoro pesante (C6-01=0) La frequenza portante predefinita per la modalit di carico di lavoro pesante 2 kHz. La capacit di sovraccarico pari al 150% della corrente nominale del carico di lavoro pesante per 1 minuto. Se la frequenza portante viene aumentata, necessario considerare una diminuzione della corrente di uscita in continuo come illustrato in Fig. 6.2. La capacit di sovraccarico (livello OL2) non cambia e rimarr pari al 150% della corrente diminuita per 1 minuto.

110

100

Corrente di uscita (%)

90

80

70

60

6
2 4 6 8 10 12 14 Frequenza portante (kHz)

50

200 V/400 V a 22 kW o inferiore 200 V a 30 kW / 400 V da 30 a 55 kW 200 V da 37 a 90 kW / 400 V da 75 a 160 kW 400 V a 185 kW 200 V a 110 kW / 400 V a 220 e 300 kW
Fig. 6.2 Diminuzione della corrente in modalit di carico di lavoro pesante

6-5

Carico di lavoro normale 1 (C6-01=1) La frequenza portante predefinita per la modalit di carico di lavoro normale 1 dipende dalla capacit dell'inverter. La capacit di sovraccarico pari al 120% della corrente nominale del carico di lavoro normale 1 per 1 minuto. Se la frequenza portante impostata su un valore maggiore dell'impostazione di fabbrica, la capacit di sovraccarico viene ridotta come illustrato in Fig. 6.3.
200V Class 37 to 90kW 400V Class 75 to 110kW 120% 200V Class 0.4 to 22kW 400V Class 0.4 to 22kW

96% 90%

Corrente di uscita (%) Output Current for 1 min.

400V Class 132kW 400V Class 160kW

200V Class 30kW 400V Class 30 to 55kW

5kHz

8kHz

10kHz

15kHz

Frequenza Carrier Freq. portante (kHz)

Fig. 6.3 Capacit di sovraccarico in modalit di carico di lavoro normale 1

Carico di lavoro normale 2 (C6-01=2) In modalit di carico di lavoro normale 2 la frequenza portante massima inferiore rispetto alla modalit di carico normale 1, ma la capacit di sovraccarico a breve termine risulta maggiore. Per informazioni sulla capacit di sovraccarico in entrambe le modalit, vedere Fig. 6.4.
100

Tempo di Inverter rilevamento sovraccarico Overload Detection dell'inverter Time [min] [min]

10

0.1 100

110

120

130

140

150

160

170

180

190

200

Livello di Level sovraccarico [%] Overload [%] Carico lavoro Normaldi Duty 1 normale 1 Carico di lavoro Normal Duty 2 normale 2

Fig. 6.4 Curva di rilevamento sovraccarico dell'inverter in modalit di carico di lavoro normale 1 e 2

6-6

Frequenza di riferimento
Selezione dell'origine della frequenza di riferimento
Impostare il parametro b1-01 per selezionare l'origine della frequenza di riferimento.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 1 0 0 0 1440 Hz Modificabile durante il funzionamento No No No No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto Q A A A A Q A A A A Vettoriale ad anello chiuso Q A A A A

V/f Q A A A A

b1-01 H3-09 H3-13 H6-01 H6-02

Selezione sorgente frequenza di riferimento Selezione funzione ingresso analogico 2 Attivazione ingresso di riferimento principale terminale A1/A2 Selezione funzione ingresso a treno di impulsi Scala ingresso a treno di impulsi

Immissione della frequenza di riferimento dalla console di programmazione


Quando il parametro b1-01 impostato su 0, possibile immettere la frequenza di riferimento dalla console di programmazione. Per informazioni dettagliate sulla frequenza di riferimento, fare riferimento a pagina 3-1, Console di programmazione e modalit.
-DRIVERdy

Frequency Ref U1-01= 0 0 0.0 0Hz


"0.00Hz"

Fig. 6.5 Display dell'impostazione della frequenza

Immissione della frequenza di riferimento tramite tensione (impostazione analogica) Quando il parametro b1-01 impostato su 1, possibile immettere la frequenza di riferimento dal terminale del circuito di controllo A1 (ingresso tensione) o A2 (ingresso corrente o tensione). Immissione solo della frequenza di riferimento della velocit master Se viene immessa solo la frequenza di riferimento della velocit master, immettere la tensione di riferimento per il terminale del circuito di controllo A1.
Inverter
2 k
+V(Alimentazione: 15 V, 20 mA)

2 k

A1(Frequenza di riferimento master) A2(Frequenza di riferimento ausiliaria) AC (Comune analogico)

Fig. 6.6 Immissione frequenza di riferimento della velocit master

6-7

Commutazione a 2 fasi: master/ausiliaria Se si esegue una commutazione a due fasi tra le frequenze di velocit master e ausiliaria, immettere la frequenza di riferimento della velocit master sul terminale A1 e la frequenza di riferimento della velocit ausiliaria sul terminale A2 del circuito di controllo. Quando il terminale S3 (comando multivelocit 1) posizionato su OFF, la frequenza di riferimento dell'inverter sar il terminale A1 (frequenza di riferimento della velocit master), mentre quando il terminale S3 posizionato su ON, la frequenza di riferimento dell'inverter sar il terminale A2 (frequenza di riferimento della velocit ausiliaria).
Inverter
Master/ Ausiliaria S3 Comando multivelocit 1 Neutro ingressi digitali SN

2 k 2 k
Ingresso da 0 a 10 V Ingresso da 0 a 10 V

+V (Alimentazione: 15 V, 20 mA) A1(Frequenza di riferimento master) A2(Frequenza di riferimento ausiliaria) AC (Comune analogico)

2 k

Selettore DIP S1

Fig. 6.7 Immissione frequenza di riferimento master/ausiliaria

Modalit di impostazione Quando si immette un segnale di tensione sul terminale A2, posizionare il pin 2 del selettore DIP S1 su OFF per impostare l'ingresso di tensione (l'impostazione di fabbrica ON).

Immissione della frequenza di riferimento utilizzando un segnale di corrente/ rendendo l'ingresso analogico A1 multifunzione
La frequenza di riferimento pu essere immessa dal terminale del circuito di controllo A2 utilizzando un segnale di corrente da 4-20 mA. Per utilizzare questa funzione, il parametro H3-13 deve essere impostato su 1 (attivazione terminale A1/A2). In questo caso, A2 viene utilizzato come ingresso della frequenza master e A1 come ingresso multifunzione. La funzione per l'ingresso analogico A1 pu essere impostata nel parametro H3-09.
Inverter

+V (Alimentazione: 15 V, 20 mA) Ingresso da 4 a 20 mA A1(Frequenza di riferimento ausiliaria) A2(Frequenza di riferimento master) AC (Comune analogico)

Selettore DIP S1

Fig. 6.8 Impostazione della frequenza di riferimento tramite corrente

6-8

Modalit di impostazione
Quando si immette un segnale di corrente sul terminale A2, posizionare il pin 2 del selettore DIP S1 su ON

(l'impostazione di fabbrica ON).

Impostazione della frequenza di riferimento tramite segnali a treno di impulsi


Quando b1-01 impostato su 4, come frequenza di riferimento viene utilizzato il segnale di ingresso a treno di impulsi sul terminale RP. Impostare H6-01 (selezione funzione ingresso a treno di impulsi) su 0 (frequenza di riferimento), quindi impostare la frequenza di riferimento a impulsi, che pari al 100% del valore di riferimento, su H6-02 (scala ingresso a treno di impulsi).
Inverter
Specifiche dell'ingresso a impulsi Bassa tensione Alta tensione Duty-cycle impulsi Frequenza degli impulsi 0,0...0,8 V 3,5...13,2 V 3070% 0...32 kHz

32 kHz max.
3,5...13,2 V

Ingresso a impulsi

(Terminale di ingresso a treno di impulsi) (Comune analogico)

Fig. 6.9 Impostazione della frequenza di riferimento tramite ingresso a treno di impulsi

6-9

Utilizzo del funzionamento a multivelocit


L'inverter supporta il funzionamento a multivelocit con un massimo di 17 velocit, utilizzando 16 frequenze di riferimento a pi fasi e una frequenza di riferimento di jog. Nel seguente esempio viene utilizzato un ingresso multifunzione per descrivere un funzionamento a 9 fasi in cui vengono utilizzate le multivelocit di riferimento da 1 a 3 e la selezione della frequenza di jog.

Parametri correlati
Per passare da una frequenza di riferimento all'altra, impostare la selezione delle multivelocit di riferimento da 1 a 3 e della frequenza di riferimento di jog negli ingressi digitali multifunzione. Ingressi digitali multifunzione (da H1-01 a H1-05)
Terminale S4 S5 S6 S7 Numero del parametro H1-02 H1-03 H1-04 H1-05 Valore impostato 5 3 (impostazione predefinita) 4 (impostazione predefinita) 6 (impostazione predefinita) Comando multivelocit 3 Comando multivelocit 1 (utilizzato anche per il passaggio da velocit master a velocit ausiliaria, quando l'ingresso analogico multifunzione H3-09 impostato su 2 (frequenza di riferimento ausiliaria). Comando multivelocit 2 Selezione frequenza di jog (avente priorit sul comando di multivelocit) Dettagli

Combinazione di multivelocit di riferimento e ingressi digitali possibile modificare la frequenza di riferimento selezionata combinando lo stato ON/OFF dei terminali da S4 a S7 (ingressi digitali). Nella tabella seguente vengono riportate le possibili combinazioni.

Velocit

Comando Comando Comando multivelocit 1 multivelocit 2 multivelocit 3 OFF ON OFF ON OFF ON OFF ON OFF OFF ON ON OFF OFF ON ON OFF OFF OFF OFF ON ON ON ON -

Selezione frequenza di jog OFF OFF OFF OFF OFF OFF OFF OFF ON
*

Frequenza selezionata

1 2 3 4 5 6 7 8 17

Frequenza di riferimento 1 d1-01, frequenza della velocit master Frequenza di riferimento 2 d1-02, frequenza ausiliaria Frequenza di riferimento 3 d1-03 Frequenza di riferimento 4 d1-04 Frequenza di riferimento 5 d1-05 Frequenza di riferimento 6 d1-06 Frequenza di riferimento 7 d1-07 Frequenza di riferimento 8 d1-08 Frequenza di jog d1-17

* La selezione della frequenza di jog del terminale S7 ha la priorit sui comandi di multivelocit.

6-10

Modalit di impostazione Quando si impostano gli ingressi analogici sulle fasi 1 e 2, osservare le seguenti precauzioni.
Quando si imposta l'ingresso analogico del terminale A1 sulla fase 1, impostare il parametro b1-01 su 1 e

quando si imposta il parametro d1-01 (frequenza di riferimento 1) sulla fase 1, impostare b1-01 su 0.
Quando si imposta l'ingresso analogico del terminale A2 sulla fase 2, impostare H3-09 su 2 (frequenza di

riferimento ausiliaria). Quando si imposta il parametro d1-02 (frequenza di riferimento 2) sulla fase 2, impostare H3-09 su un'impostazione diversa da 2.

Esempio di collegamento e diagramma di funzionamento


Di seguito illustrato un diagramma di funzionamento e un esempio di collegamento al circuito di controllo per un funzionamento a 9 fasi.
Inverter Avanti/Arresto Indietro/Arresto Ripristino dopo Comando multivelocit 3 Comando multivelocit 1 Comando multivelocit 2 Frequenza di jog SN Neutro ingressi digitali

Fig. 6.10 Configurazione del circuito di controllo per il funzionamento a 9 fasi


Frequenza di riferimento 8 Frequenza di riferimento 7 Frequenza di riferimento 6 Frequenza di riferimento 5 Frequenza di riferimento 4 Frequenza di riferimento 3

Frequenza di riferimento

Frequenza di riferimento 2: frequenza della velocit ausiliaria Frequenza di riferimento 1: frequenza della velocit

Frequenza di jog

Avanti/Arresto Comando multivelocit 1 Comando multivelocit 2 Comando multivelocit 3 Selezione della frequenza di jog

Fig. 6.11 Diagramma di funzionamento comandi di multivelocit/selezione frequenza di jog

Nota
L'impostazione "Multivelocit di riferimento 4" (32) dell'ingresso multifunzione deve essere utilizzata per

selezionare le frequenze di riferimento da d1-09 a d1-16.


L'impostazione "Frequenza di jog 2" (69) dell'ingresso multifunzione pu essere utilizzata per la selezione

della frequenza di jog quando si utilizza un controllo a 3 fili per il circuito di controllo. Se si esegue la selezione quando l'inverter impostato per un controllo a 2 fili, verr visualizzato un errore OPE03.

6-11

Metodi di ingresso del comando Run


Selezione della sorgente del comando Run
Impostare il parametro b1-02 per selezionare la sorgente del comando Run.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 1 Modificabile durante il funzionamento No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto Q Q Vettoriale ad anello chiuso Q

V/f Q

b1-02

Selezione sorgente per segnale RUN

Esecuzione delle operazioni mediante la console di programmazione


Quando b1-02 impostato su 0, possibile eseguire le operazioni dell'inverter utilizzando i tasti della console di programmazione (RUN, STOP e FWD/REV). Per informazioni dettagliate sulla console di programmazione vedere pagina 3-1, Console di programmazione e modalit.

Esecuzione delle operazioni tramite i terminali del circuito di controllo


Quando b1-02 impostato su 1, possibile eseguire le operazioni dell'inverter utilizzando i terminali del circuito di controllo. Esecuzione delle operazioni mediante controllo a 2 fili L'impostazione di fabbrica impostata su un controllo a 2 fili. Se il terminale del circuito di controllo S1 posizionato su ON, il funzionamento sar in direzione avanti, mentre se S1 posizionato su OFF, l'inverter si arrester. In modo analogo, se il terminale del circuito di controllo S2 posizionato su ON, il funzionamento sar in direzione indietro, mentre se S2 posizionato su OFF, l'inverter si arrester.
Inverter

Avanti/Arresto

Indietro/Arresto

Neutro ingressi digitali SN

Fig. 6.12 Esempio di cablaggio di controllo a 2 fili con logica positiva

6-12

Esecuzione delle operazioni mediante controllo a 3 fili Se uno dei parametri da H1-01 a H1-05 (terminali di ingresso digitale da S3 a S7) impostato su 0, i terminali S1 e S2 vengono utilizzati per un controllo a 3 fili e il terminale di ingresso multifunzione che stato impostato su 0 funziona come terminale di comando di selezione avanti/indietro. Quando l'inverter inizializzato per il controllo a 3 fili mediante A1-03, l'ingresso multifunzione 3 diventa il terminale di ingresso per il comando di marcia avanti/indietro.
Interruttore di arresto (contatto NC) Interruttore di funzionamento (contatto NO)

Comando di marcia (l'inverter funziona quando ON) Comando di arresto (l'inverter fermo quando ON) Comando avanti/indietro (ingresso multifunzione)
SN

Neutro ingressi digitali

Fig. 6.13 Esempio di cablaggio di controllo a 3 fili


50 ms min. Comando di marcia Comando di arresto Comando di marcia avanti/ indietro OFF (avanti) ON (indietro) Pu essere ON o OFF OFF (inverter fermo)

Velocit motore

Arresto

Avanti

Indietro

Fine

Avanti

Fig. 6.14 Diagramma di funzionamento per il controllo a 3 fili

INFO

Utilizzare un circuito di controllo che commuti il terminale S1 su ON per almeno 50 ms per il comando di marcia in modo che tale comando rimanga attivo sull'inverter.

6-13

Metodi di arresto
Selezione del metodo di arresto all'immissione del comando di arresto
Sono disponibili quattro metodi per arrestare l'inverter inviando il comando di arresto:
Arresto per decelerazione Arresto per inerzia Arresto con frenatura c.c. Arresto per inerzia con temporizzatore

Impostare il parametro b1-03 per selezionare il metodo di arresto dell'inverter. L'arresto con frenatura c.c. (b1-03=2) e l'arresto per inerzia con temporizzatore (b1-03=3) non possono essere impostati per il controllo vettoriale ad anello aperto.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 0 0 0,5 Hz 50% 0,50 s Modificabile durante il funzionamento No No No No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto Q No A A A Q No A A A Vettoriale ad anello chiuso Q A A No A

V/f Q No A A A

b1-03 b1-05 b2-01 b2-02 b2-04

Selezione metodo di arresto Selezione funzionamento a velocit zero Livello velocit zero Corrente di frenatura ad iniezione c.c. Tempo di frenatura ad iniezione c.c. all'arresto

Arresto per decelerazione (b1-03=0)

Se viene inviato il comando di arresto, ossia disattivato il comando di marcia, quando b1-03 impostato su 0, il motore decelera fino all'arresto in base al tempo di decelerazione impostato (valore predefinito: C1-02, Tempo di accelerazione 1). Se, durante un arresto per decelerazione, la frequenza di uscita scende sotto il valore impostato in b2-01, la frenatura ad iniezione c.c. verr applicata utilizzando la corrente c.c. impostata in b2-02 per il tempo impostato in b2-04. Per le impostazioni del tempo di decelerazione, vedere pagina 6-19, Impostazione tempi di accelerazione e decelerazione.
Comando di marcia Frequenza di uscita Tempo di decelerazione dell'arresto per decelerazione Frenatura ad iniezione c.c. Tempo di frenatura ad iniezione c.c. in fase di arresto (b2-04)

Fig. 6.15 Arresto per decelerazione

6-14

Quando selezionato il controllo vettoriale ad anello chiuso, il comportamento dell'arresto dipende dall'impostazione di b1-05.

RUN
fref Frequenza di riferimento analogico 0

OFF

ON

E1-09

fout b1-05=0
Marcia alla frequenza di riferimento Eccitazione iniziale Controllo velocit zero

Il comando di marcia si disattiva e viene avviato il controllo a velocit zero quando la retroazione della velocit del motore scende sotto b2-01.

Blocco delle basi

b2-03

b2-04 Blocco delle basi La frequenza di riferimento scende sotto E1-09 e viene avviato il controllo a velocit zero quando la retroazione della velocit del motore scende sotto b2-01.

fout b1-05=1
Arresto per inerzia Eccitazione iniziale Controllo velocit zero

Blocco delle basi

b2-03

b2-04

Blocco delle basi Il comando di marcia si disattiva e viene avviato il controllo a velocit zero quando la retroazione della velocit del motore scende sotto b2-01. Controllo velocit zero

fout b1-05=2
Marcia alla frequenza minima (E1-09) Eccitazione iniziale

Blocco delle basi

b2-03

b2-04 Blocco delle basi Il comando di marcia si disattiva e viene avviato il controllo a velocit zero quando la retroazione della velocit del motore scende sotto b2-01. Controllo velocit zero

fout b1-05=3
Funzionamento a velocit zero Eccitazione iniziale

Blocco delle basi b2-03

b2-04 Blocco delle basi

Fig. 6.16 Arresto per decelerazione con il controllo vettoriale ad anello chiuso

Arresto per inerzia (b1-03=1)


Quando b1-03 impostato su 1 e il comando di marcia viene commutato su OFF, l'uscita dell'inverter viene interrotta immediatamente e il motore si arresta per inerzia. Il tempo necessario per l'arresto completo del motore dipende dall'intensit dell'inerzia e dalla situazione di carico.
Comando di marcia Frequenza di uscita Frequenza di uscita dell'inverter interrotta

ON

OFF

Fig. 6.17 Arresto per inerzia

INFO

Una volta inviato il comando di arresto, i successivi comandi di marcia verranno ignorati fino a quando non sar trascorso il tempo di blocco delle basi minimo (L2-03).

6-15

Arresto per frenatura c.c. (b1-03=2)


Dopo l'immissione del comando di arresto e una volta trascorso il tempo di blocco delle basi minimo (L2-03), al motore viene applicata un'iniezione di corrente c.c. che pu essere impostata nel parametro b2-02. Il tempo di frenatura ad iniezione c.c. dipende dal valore impostato in b2-04 e dalla frequenza di uscita al momento dell'immissione del comando di arresto. Se la frequenza di uscita era maggiore del 10% della frequenza di uscita massima (E1-04), il tempo di iniezione c.c. viene prolungato come illustrato nella seguente figura.
Tempo di frenatura ad iniezione c.c. Comando di marcia Frequenza di uscita ON OFF b2-04 x 10

Tensione di uscita dell'inverter interrotta Frenatura ad iniezione c.c. Tempo di blocco delle basi minimo (L2-03) b2-04 Tempo di frenatura ad iniezione c.c. 10% Frequenza di uscita all'immissione del comando di arresto

100% (frequenza di uscita massima

Fig. 6.18 Arresto per frenatura ad iniezione c.c.

INFO

Aumentare il tempo di blocco delle basi minimo (L2-03) quando si verifica un errore di sovracorrente (OC) durante l'arresto del motore.

Arresto per inerzia con temporizzatore (b1-03=3)


Se viene inviato il comando di arresto, ossia disattivato il comando di marcia, quando b1-03 impostato su 3, l'uscita dell'inverter viene disattivata affinch il motore si arresti per inerzia. Una volta inviato il comando di arresto, i successivi comandi di marcia verranno ignorati fino a quando non sar trascorso il tempo T. Il tempo T dipende dalla frequenza di uscita al momento dell'immissione del comando di arresto e dal tempo di decelerazione.
Tempo T di attesa funzionamento Comando di marcia Frequenza di uscita Tensione di uscita dell'inverter interrotta Tempo di blocco delle Tempo T di attesa funzionamento basi minimo (L2-03) Frequenza di uscita all'immissione del comando di arresto 100% (Frequenza di uscita massima) Tempo di decelerazione

Frequenza minima di uscita

Fig. 6.19 Arresto per inerzia con temporizzatore

6-16

Utilizzo della frenatura ad iniezione c.c.


La frenatura ad iniezione c.c. pu essere utilizzata per fermare un motore che si sta arrestando per inerzia prima di riavviarlo o per rallentarlo se l'inerzia elevata. Impostare il parametro b2-03 per applicare l'iniezione c.c. al motore prima che inizi ad accelerare. Impostare il parametro b2-04 per applicare una frenatura ad iniezione c.c. al motore in fase di arresto. Impostare i parametri b2-03/04 su 0 per disabilitare la frenatura ad iniezione c.c. all'avvio/arresto. Impostare la corrente di frenatura ad iniezione c.c. utilizzando il parametro b2-02.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 0,5 Hz 50% 0,00 s 0,50 s Modificabile durante il funzionamento No No No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A A A A A A A Vettoriale ad anello chiuso A No A A

V/f

b2-01 b2-02 b2-03 b2-04

Livello velocit zero (frequenza di avvio frenatura ad iniezione c.c.) Corrente di frenatura ad iniezione c.c. Tempo di frenatura ad iniezione c.c. all'avvio Tempo di frenatura ad iniezione c.c. all'arresto

A A A A

Ingressi digitali multifunzione (da H1-01 a H1-05)


Valore impostato 60 Comando di frenatura ad iniezione c.c. Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso S S S

Funzione

V/f

Immissione del comando di frenatura ad iniezione c.c. dai terminali del circuito di controllo
Se si imposta un terminale di ingresso digitale (H1) su 60 (comando di frenatura ad iniezione c.c.), possibile applicare la frenatura c.c. abilitando o disabilitando tale ingresso. Di seguito viene riportato il diagramma di funzionamento della frenatura ad iniezione c.c.
Comando di frenatura ad iniezione c.c. FRUN

Frequenza di uscita

Frenatura ad iniezione c.c. E1-09

b2-01

Frenatura ad iniezione c.c.

Se si immette il comando di frenatura ad iniezione c.c. da un terminale esterno e viene immesso un comando di marcia o di jog, la frenatura ad iniezione c.c. viene disabilitata e il funzionamento riprende.

Fig. 6.20 Diagramma di funzionamento per frenatura ad iniezione c.c.

6-17

Modifica della corrente di frenatura ad iniezione c.c. mediante un ingresso analogico


Se si imposta H3-09 (selezione funzione terminale A2 di ingresso analogico) su 6 (corrente di frenatura ad iniezione c.c.), possibile modificare il livello di corrente di frenatura ad iniezione c.c. utilizzando l'ingresso analogico. Il 100% della corrente nominale dell'inverter verr applicato ad un ingresso a 10 V (tensione) o a 20 mA (corrente).
Livello di corrente di frenatura ad iniezione c.c.

Corrente nominale dell'inverter

Fig. 6.21 Corrente di frenatura ad iniezione c.c. mediante un ingresso analogico

Utilizzo dell'arresto di emergenza


Impostare un terminale di ingresso digitale (H1) su 15 o 17 (arresto di emergenza) per eseguire l'arresto per decelerazione nel tempo di decelerazione per arresto di emergenza impostato in C1-09. Se si immette il comando di arresto di emergenza con un contatto NO, impostare il terminale di ingresso multifunzione (H1) su 15, mentre se si utilizza un contatto NC, impostare il terminale di ingresso multifunzione (H1) su 17. A seguito dell'immissione di un comando di arresto di emergenza, il funzionamento non pu essere riavviato prima dell'arresto dell'inverter. Per annullare l'arresto di emergenza, disattivare il comando di marcia e il comando di arresto di emergenza.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 10,0 s Modificabile durante il funzionamento No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A Vettoriale ad anello chiuso A

V/f A

C1-09

Tempo di arresto d'emergenza

Ingressi digitali multifunzione (da H1-01 a H1-05)


Valore impostato 15 17 Arresto di emergenza, contatto NO Arresto di emergenza, contatto NC Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso S S S S S S

Funzione

V/f

S S

6-18

Caratteristiche di accelerazione e decelerazione


Impostazione tempi di accelerazione e decelerazione
Il tempo di accelerazione il tempo impiegato per aumentare la frequenza di uscita dallo 0% al 100% della frequenza di uscita massima (E1-04). Il tempo di decelerazione il tempo impiegato per diminuire la frequenza di uscita dal 100% allo 0% della frequenza di uscita massima (E1-04). I tempi di accelerazione/ decelerazione 1 corrispondono alle impostazioni di fabbrica, mentre i tempi di accelerazione/decelerazione da 2 a 4 possono essere selezionati utilizzando un ingresso digitale multifunzione.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica Modificabile durante il funzionamento S S S 10,0 s S No No No No 1 0,0 Hz 0,20 s 0,20 s 0,20 s 0,00 s No No No No No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto Q Q A A A A A A A A A A A A Q Q A A A A A A A A A A A A Vettoriale ad anello chiuso Q Q A A A A A A A A A A A A

V/f Q Q A A A A A A A A A A A A

C1-01 C1-02 C1-03 C1-04 C1-05 C1-06 C1-07 C1-08 C1-10 C1-11 C2-01 C2-02 C2-03 C2-04

Tempo di accelerazione 1 Tempo di decelerazione 1 Tempo di accelerazione 2 Tempo di decelerazione 2 Tempo di accelerazione 3 Tempo di decelerazione 3 Tempo di accelerazione 4 Tempo di decelerazione 4 Unit di impostazione del tempo di accelerazione/ decelerazione Frequenza di commutazione del tempo di accelerazione/ decelerazione Tempo caratteristico della curva a S all'avvio dell'accelerazione Tempo caratteristico della curva a S all'arresto dell'accelerazione Tempo caratteristico della curva a S all'avvio della decelerazione Tempo caratteristico della curva a S all'arresto della decelerazione

Ingressi digitali multifunzione (da H1-01 a H1-05)


Valore impostato 7 1A Tempo di accelerazione/decelerazione 1 Tempo di accelerazione/decelerazione 2 Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso S S S S S S

Funzione

V/f

S S

Impostazione unit tempi di accelerazione e decelerazione


Impostare le unit per i tempi di accelerazione/decelerazione usando C1-10. L'impostazione di fabbrica 1.
Valore impostato 0 1 Dettagli La gamma di impostazione dei tempi di accelerazione/decelerazione varia da 0,00 a 600,00 in unit di 0,01 s. La gamma di impostazione dei tempi di accelerazione/decelerazione varia da 0,00 a 600,00 in unit di 0,1 s.

6-19

Attivazione del tempo di accelerazione/decelerazione tramite i comandi del terminale di ingresso multifunzione
possibile impostare quattro diversi tempi di accelerazione e di decelerazione. Quando i terminali di ingresso multifunzione (H1) sono impostati su 7 (selezione del tempo di accelerazione/decelerazione 1) e su 1A (selezione del tempo di accelerazione/decelerazione 2), possibile commutare il tempo di accelerazione/ decelerazione anche durante il funzionamento modificando le combinazioni dello stato ON/OFF dei terminali. Nella tabella seguente vengono riportate le combinazioni per la commutazione del tempo di accelerazione/ decelerazione.
Terminale per la selezione del tempo di accelerazione/ decelerazione 1 OFF ON OFF ON Terminale per la selezione del tempo di accelerazione/ decelerazione 2 OFF OFF ON ON Tempo di accelerazione C1-01 C1-03 C1-05 C1-07 Tempo di decelerazione C1-02 C1-04 C1-06 C1-08

Attivazione dei tempi di accelerazione e decelerazione utilizzando un livello di frequenza


possibile commutare i tempi di accelerazione/decelerazione in corrispondenza di una determinata frequenza di uscita, impostata nel parametro C1-11. La Fig. 6.22 illustra il principio operativo della funzione. Impostare C1-11 su un valore diverso da 0,0 Hz. Se C1-11 impostato su 0,0 Hz, la funzione verr disabilitata.
Frequenza di uscita Frequency
Output

6
Frequenza di commutazione Accel./Decel. time tempo di accelerazione/ Switching Freq. decelerazione C1-11 C1-11

C1-07

C1-01

C1-02

C1-08

Quando frequenza di uscita C1-11, l'accelerazione e la decelerazione vengono eseguite utilizzando il tempo di accelerazione/decelerazione 1 (C1-01, C1-02). Quando frequenza di uscita < C1-11, l'accelerazione e la decelerazione vengono eseguite utilizzando il tempo di accelerazione/decelerazione 4 (C1-07, C1-08).

Fig. 6.22 Frequenza di commutazione tempo di accelerazione/decelerazione

6-20

Regolazione del tempo di accelerazione e decelerazione mediante un ingresso analogico


Se si imposta il parametro H3-09 (selezione funzione terminale A2 di ingresso analogico) su 5 (guadagno del tempo di accelerazione/decelerazione), possibile regolare il tempo di accelerazione/decelerazione utilizzando la tensione di ingresso del terminale A2. Il tempo di accelerazione risultate il seguente: Tempo di accelerazione = valore impostato in C1-01 x guadagno tempo di accelerazione/decelerazione
Guadagno del tempo di accelerazione/decelerazione

(Guadagno di accelerazione/decelerazione da 1 a 10 V) = 10 V/tensione di ingresso (V) x 10 (%)

Frequenza di uscita

Fig. 6.23 Guadagno del tempo di accelerazione/decelerazione tramite un ingresso analogico

Immissione delle caratteristiche della curva a S nel tempo di accelerazione e decelerazione


Se si esegue un'accelerazione e una decelerazione utilizzando una configurazione con curva a S, possibile ridurre le scosse all'avvio e all'arresto della macchina. possibile impostare quattro differenti tempi caratteristici della curva a S: all'avvio dell'accelerazione, all'avvio della decelerazione, al termine dell'accelerazione e al termine della decelerazione.
Quando impostata la curva a S, calcolare il tempo di accelerazione/decelerazione come riportato di seguito:
INFO

+ C2-02 Tempo di accelerazione Accel.Time = C2-01 ----------------------------------- + C1-01/03/05/07 2 + C2-04 Tempo di decelerazione Decel. Time = C2-03 ----------------------------------- + C1-02/04/06/08 2

Esempio di impostazione Il seguente diagramma illustra la caratteristica della curva a S durante il passaggio da marcia avanti a marcia indietro.
Avanti Indietro

Frequenza di uscita

Fig. 6.24 Caratteristica della curva a S durante il cambio di funzionamento

6-21

Accelerazione e decelerazione per carichi pesanti (funzione di pausa)


La funzione di pausa consente di mantenere temporaneamente la frequenza di uscita quando si avviano o si arrestano carichi pesanti. Quando si utilizza la funzione di pausa, necessario selezionare l'arresto per decelerazione come metodo di arresto (b1-03 = 0).

Parametri correlati
N. parametro b6-01 b6-02 b6-03 b6-04 Nome Frequenza di pausa all'avvio Tempo di pausa all'avvio Frequenza di pausa all'arresto Tempo di pausa all'arresto Impostazione di fabbrica 0,0 Hz 0,0 s 0,0 Hz 0,0 s Modificabile durante il funzionamento No No No No V/f A A A A V/f con PG A A A A Metodi di controllo Vettoriale ad anello aperto A A A A Vettoriale ad anello chiuso A A A A

Applicazione di una pausa della frequenza di uscita


possibile applicare una pausa della frequenza di uscita al fine di evitare uno stallo del motore all'avvio in caso di attrito statico e inerzia di intensit elevate o un arresto del motore per inerzia. Il livello di frequenza al quale si deve avviare la funzione di pausa pu essere impostato separatamente per l'avvio e per l'arresto nei parametri b6-01 e b6-03. I tempi possono essere impostati nei parametri b6-02 e b6-04 (fare riferimento alla Fig. 6.25).
Comando di marcia Frequenza di uscita ON

OFF

b6-01

b6-03

Tempo

b6-02

b6-04

Fig. 6.25 Impostazioni pausa della frequenza di uscita

Evitare lo stallo del motore durante l'accelerazione (funzione di prevenzione dello stallo durante l'accelerazione)
La funzione di prevenzione dello stallo durante l'accelerazione impedisce al motore di andare in stallo se ad esso viene applicato un carico pesante o se viene eseguita un'accelerazione rapida improvvisa. Se il parametro L3-01 viene impostato su 1 (attivato) e la corrente di uscita dell'inverter raggiunge l'85% del valore impostato in L3-02, la velocit di accelerazione inizier a diminuire. Al superamento del valore nel parametro L3-02 l'accelerazione verr fermata. Se il parametro L3-01 viene impostato su 2 (regolazione ottimale), il motore accelera in modo che la corrente venga mantenuta al livello impostato in L3-02. Con questa impostazione, l'impostazione del tempo di accelerazione viene ignorata.

Parametri correlati
N. parametro L3-01 L3-02 L3-03 Nome Selezione della prevenzione dello stallo durante l'accelerazione Livello di prevenzione dello stallo durante l'accelerazione Limite prevenzione dello stallo durante l'accelerazione Impostazi one di fabbrica 1 150%* 50% Modificabile durante il funzionamento No No No V/f A A A V/f con PG A A A Metodi di controllo Vettoriale Vettoriale ad anello ad anello aperto chiuso A A A No No No

* Mostra il valore iniziale quando C6-01 impostato su 0 (impostazione predefinita). Se C6-01 impostato su 1 o 2, il valore iniziale 120%.

6-22

Diagramma di funzionamento
La figura seguente mostra le caratteristiche della frequenza quando L3-01 impostato su 1.
Corrente di uscita Livello di stallo durante l'accelerazione

L3-02 85% di L3-02

Frequenza di uscita

Tempo

*1.

*2.

* 1. La velocit di accelerazione diminuisce. * 2. L'accelerazione viene arrestata per ridurre la corrente di uscita.

Tempo

Fig. 6.26 Diagramma di funzionamento della prevenzione dello stallo durante l'accelerazione

Modalit di impostazione
Se la capacit del motore ridotta rispetto alla capacit dell'inverter o se si verifica uno stallo quando

l'inverter viene azionato utilizzando le impostazioni di fabbrica, ridurre il valore impostato in L3-02.
Se si utilizza il motore in una gamma di potenza costante, il parametro L3-02 verr automaticamente

ridotto per evitare lo stallo. L3-03 rappresenta il valore limite per evitare che il livello di prevenzione dello stallo nella gamma di potenza costante venga ridotto pi del necessario (vedere la Fig. 6.27).
Impostare i parametri in percentuale considerando la corrente nominale dell'inverter pari al 100%.
Livello di prevenzione dello stallo durante l'accelerazione L3-02 (livello prevenzione dello stallo durante l'accelerazione) L3-03 (limite di prevenzione dello stallo durante l'accelerazione)

E1-06 Frequenza di base

Frequenza di uscita

Fig. 6.27 Livello e limite di prevenzione dello stallo durante l'accelerazione

6-23

Prevenzione della sovratensione durante la decelerazione


La funzione di prevenzione dello stallo durante la decelerazione prolunga automaticamente il tempo di decelerazione sulla base della tensione del bus c.c. al fine di evitare scatti di sovratensione.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 1 Modificabile durante il funzionamento No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A Vettoriale ad anello chiuso A

V/f

L3-04

Selezione della prevenzione dello stallo durante la decelerazione

Impostazione della selezione di prevenzione dello stallo durante la decelerazione (L3-04)


Sono disponibili quattro diverse impostazioni per L3-04. L3-04=0: Disabilitata Questa impostazione disabilita la funzione di prevenzione dello stallo durante la decelerazione. La decelerazione del motore viene effettuata utilizzando il tempo impostato in C1-02 (C1-04/06/08). Se l'inerzia del carico molto elevata e durante la decelerazione si verifica un errore di sovratensione, necessario utilizzare un'opzione di frenatura o prolungare il tempo. L3-04=1: Abilitata Questa impostazione abilita la prevenzione dello stallo durante la decelerazione. In questo caso, l'inverter tenta di decelerare nell'arco di tempo di decelerazione impostato, mentre monitora la tensione del bus c.c.. Se la tensione del bus c.c. raggiunge il livello di prevenzione dello stallo, la decelerazione viene arrestata e la frequenza di uscita viene mantenuta. La decelerazione riprender quando la tensione del bus c.c. scende sotto il livello di prevenzione dello stallo. L3-04=2: Decelerazione intelligente Questa impostazione abilita la prevenzione dello stallo durante la decelerazione. Viene utilizzato come riferimento il tempo di decelerazione impostato in C1. La funzione prova a ottimizzare automaticamente il tempo di decelerazione monitorando la tensione del bus c.c. e riducendo il tempo di decelerazione. Poich la funzione non prolunga il tempo di decelerazione, se C1 impostato su un valore troppo basso potrebbe verificarsi un errore di sovratensione. L3-04=3: Abilitata con resistenza di frenatura Questa impostazione abilita la prevenzione dello stallo durante la decelerazione utilizzando un'opzione di frenatura. Questa modalit simile a quella dell'impostazione 2, con l'unica differenza che viene utilizzata un'opzione di frenatura. Anche in questo caso il tempo di decelerazione impostato in C1viene ignorato.

6-24

Esempio di impostazione
Il seguente diagramma illustra un esempio di prevenzione dello stallo durante la decelerazione quando L3-04 impostato su 1.

Frequenza di uscita

Tempo di decelerazione monitorato per evitare sovratensioni

Tempo Tempo di decelerazione (valore impostato)

Fig. 6.28 Funzionamento della prevenzione dello stallo durante la decelerazione

Modalit di impostazione
Il livello di prevenzione dello stallo durante la decelerazione varia a seconda della tensione di ingresso e

della tensione nominale dell'inverter. Per ulteriori informazioni, fare riferimento alla seguente tabella.
Tensione di ingresso/nominale dell'inverter Classe 200 V Classe 400 V E1-01 400 V E1-01 < 400 V Livello di prevenzione dello stallo durante la decelerazione (V) 380 760 660

Quando si utilizza un'opzione di frenatura (resistenza di frenatura, modulo resistenza di frenatura e modulo

di frenatura), accertarsi di impostare il parametro L3-04 su 0 o su 3.


Quando si utilizza un'opzione di frenatura e il tempo di decelerazione deve essere ottimizzato (inferiore

all'impostazione di C1-02/04/06/08), occorre impostare il parametro L3-04 su 3.

6-25

Regolazione delle frequenze di riferimento


Regolazione delle frequenze di riferimento analogiche
I valori analogici delle frequenze di riferimento possono essere regolati utilizzando le funzioni di guadagno e polarizzazione per gli ingressi analogici.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 0 100,0% 0,0% 2 0 100,0% 0,0% 0,03 s 0 Modificabile durante il funzionamento No S S No No S S No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A A A A A A A A A A A A A A A A A Vettoriale ad anello chiuso A A A A A A A A A

V/f

H3-01 H3-02 H3-03 H3-08 H3-09 H3-10 H3-11 H3-12 H3-13

Selezione livello segnale del terminale A1 di ingresso analogico multifunzione Guadagno ingresso del terminale di frequenza di riferimento A1 Polarizzazione ingresso del terminale di frequenza di riferimento A1 Selezione livello segnale del terminale A2 di ingresso analogico multifunzione Selezione funzione del terminale A2 di ingresso analogico multifunzione Guadagno ingresso del terminale A2 di ingresso analogico multifunzione Polarizzazione ingresso del terminale A2 di ingresso analogico multifunzione Costante di tempo del filtro ingresso analogico Attivazione terminale A1/A2

A A A A A A A A A

Regolazione della frequenza di riferimento analogica mediante parametri


La frequenza di riferimento pu essere immessa dai terminali del circuito di controllo utilizzando la tensione analogica o i segnali di corrente (solo ingresso analogico A2). I livelli del segnale di ingresso possono essere selezionati utilizzando:
H3-01 per l'ingresso analogico A1 H3-08 per l'ingresso analogico A2

Le regolazioni dei segnali possono essere eseguite mediante:


H3-02 (guadagno) e H3-03 (polarizzazione) se l'ingresso analogico A1 selezionato come ingresso della

frequenza di riferimento
H3-10 (guadagno) e H3-11 (polarizzazione) se l'ingresso analogico A2 selezionato come ingresso della

frequenza di riferimento Vedere la Fig. 6.29 per la regolazione del segnale utilizzando le funzioni di guadagno e polarizzazione.
Frequenza di riferimento Frequenza di riferimento

Tensione ingresso terminale A1 Ingresso terminale Ingresso terminale

Tensione ingresso terminale A2 (corrente)

Fig. 6.29 Ingressi terminali A1 e A2

6-26

Regolazione del guadagno della frequenza tramite un ingresso analogico


Quando H3-09 impostato su 1 (guadagno della frequenza), possibile regolare il guadagno della frequenza utilizzando l'ingresso analogico A2.
Guadagno della frequenza

Livello ingresso del terminale A2 di ingresso analogico multifunzione

Fig. 6.30 Regolazione del guadagno della frequenza (ingresso terminale A2)

Il guadagno della frequenza per il terminale A1 equivale al prodotto del parametro H3-02 e del guadagno in ingresso al terminale A2. Ad esempio, se H3-02 impostato su 100% e l'ingresso del terminale A2 5 V, il guadagno della frequenza di riferimento sar pari al 50%.
Frequenza di riferimento
100 % H3-02

50 %

H3-02 x 0,5

Tensione ingresso terminale A1


0 10 V

Fig. 6.31 Esempio di impostazione del guadagno della frequenza

Regolazione della polarizzazione della frequenza tramite un ingresso analogico


Quando il parametro H3-09 impostato su 0 (polarizzazione della frequenza), la frequenza equivalente alla tensione di ingresso del terminale A2 viene aggiunta al terminale A1 sotto forma di polarizzazione.
Polarizzazione frequenza

Livello ingresso del terminale A2 di ingresso analogico multifunzione

Fig. 6.32 Regolazione della polarizzazione della frequenza (ingresso terminale A2)

Ad esempio, se H3-02 100%, H3-03 0% e l'ingresso del terminale A2 1 V, la frequenza di riferimento quando al terminale A1 viene posto in ingresso 0 V sar pari al 10% della frequenza di uscita massima (E1-04).
Frequenza di riferimento

H3-02

10 %
polarizzazione

0V

10 V

Tensione ingresso terminale A1

Fig. 6.33 Esempio di impostazione della polarizzazione della frequenza

6-27

Funzionamento con prevenzione della risonanza (funzione frequenza di salto)


La funzione frequenza di salto consente di vietare o "saltare" determinate frequenze comprese nella gamma delle frequenze di uscita dell'inverter, in modo da far funzionare la macchina senza le oscillazioni causate dalle sue frequenze di risonanza. Questa funzione pu essere utilizzata anche per il controllo della zona morta. Nel corso di accelerazione e decelerazione, la frequenza di uscita ha un andamento lineare per le gamme di frequenza proibite (ossia non viene eseguito alcun salto delle frequenze di uscita). Durante il funzionamento a velocit costante, il sistema non pu funzionare all'interno della gamma di frequenze di salto.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 0,0 Hz 0,0 Hz 0,0 Hz 1,0 Hz Modificabile durante il funzionamento No No No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A A A A A A A Vettoriale ad anello chiuso A A A A

V/f A A A A

d3-01 d3-02 d3-03 d3-04

Frequenza di salto 1 Frequenza di salto 2 Frequenza di salto 3 Ampiezza della frequenza di salto

La relazione tra la frequenza di uscita e la frequenza di riferimento di salto illustrato nella Fig. 6.34.
Frequenza di uscita

6
Frequenza di riferimento discendente Ampiezza della frequenza di salto d3-04 Frequenza di riferimento ascendente Ampiezza della frequenza di salto d3-04

Ampiezza della frequenza di salto d3-04 Frequenza di riferimento di salto

Frequenza di salto 3 (d3-03)

Frequenza di salto 2 (d3-02)

Frequenza di salto 1 (d3-01)

Fig. 6.34 Frequenza di salto

6-28

Impostazione della frequenza di riferimento di salto tramite un ingresso analogico


Quando il parametro H3-09 (selezione funzione ingresso analogico A2) impostato su A (frequenza di salto), possibile modificare la frequenza di salto utilizzando il valore di ingresso del terminale A2.
Frequenza di salto

Frequenza di uscita massima E1-04

Livello ingresso del terminale A2 di ingresso analogico multifunzione

Fig. 6.35 Impostazione della frequenza di salto tramite un ingresso analogico

Modalit di impostazione
Impostare le frequenze di salto in base alla seguente formula: d3-01 d3-02 d3-03 > ingresso analogico. Quando i parametri da d3-01 a d3-03 vengono impostati su 0 Hz, la funzione di frequenza di salto viene

disabilitata.

Regolazione dei valori di riferimento dell'ingresso a treno di impulsi


Se b1-01 viene impostato su 4 e H6-01 su 0, l'ingresso a treno di impulsi viene selezionato come sorgente della frequenza di riferimento. Impostare la frequenza a impulsi corrispondente al 100% del valore del parametro H6-02, quindi regolare guadagno e polarizzazione di conseguenza utilizzando H6-03 e H6-04.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 0 1440 Hz 100,0% 0,0% 0,10 s Modificabile durante il funzionamento No S S S S Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A A A A A A A A A Vettoriale ad anello chiuso A A A A A

6
V/f A A A A A

H6-01 H6-02 H6-03 H6-04 H6-05

Selezione funzione ingresso a treno di impulsi Scala ingresso a treno di impulsi Guadagno ingresso a treno di impulsi Polarizzazione ingresso a treno di impulsi Tempo di filtro ingresso a treno di impulsi

Il diagramma a blocchi nella Fig. 6.36 illustra il funzionamento dell'ingresso a treno di impulsi.
Guadagno e polarizzazione Filtro Misurazione ciclica Frequenza velocit master Retroazione PID Valore di riferimento PID

Scala mediante H6-02

Fig. 6.36 Regolazione della frequenza di riferimento tramite ingressi a treno di impulsi

Il principio di impostazione del guadagno e della polarizzazione uguale a quello per gli ingressi analogici (vedere pagina 6-26). L'unica differenza consiste nel fatto che il segnale di ingresso non una tensione o una corrente, bens un treno di impulsi.

6-29

Limite di velocit (limiti della frequenza di riferimento)


Limitazione della frequenza di uscita massima
Se al motore non consentito ruotare al di sopra di una determinata frequenza, utilizzare il parametro d2-01 per impostare un limite superiore per la frequenza di riferimento. Il valore del limite impostato come percentuale, considerando E1-04 (frequenza di uscita massima) pari al 100%.

Parametri correlati
N. parametro Nome Modificab ile Impostazi durante il one di fabbrica funziona mento 100,0% No Metodi di controllo Vettori V/f con ale ad anello PG aperto A A Vettori ale ad anello chiuso A

V/f A

d2-01

Limite superiore frequenza di riferimento

Limitazione della frequenza di uscita minima


Se al motore non consentito ruotare al di sotto di una determinata frequenza, utilizzare il parametro d2-02 o il parametro d2-03 per impostare un limite inferiore per la frequenza di riferimento. Esistono due metodi per limitare la frequenza minima:
Impostare d2-02 per regolare il livello minimo per tutte le frequenze. Impostare d2-03 per regolare il livello minimo per la frequenza di velocit master, ossia il livello pi basso

non valido per la frequenza di jog, la frequenza di multivelocit e la frequenza ausiliaria.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 0,0% 0,0% Modificabile durante il funzionamento No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A A A Vettoriale ad anello chiuso A A

V/f A A

d2-02 d2-03

Limite inferiore frequenza di riferimento Limite inferiore velocit di riferimento master

Regolazione del limite inferiore della frequenza tramite un ingresso analogico


Quando il parametro H3-09 (selezione funzione ingresso analogico A2) impostato su 9 (livello inferiore frequenza di uscita), possibile regolare il livello inferiore della frequenza utilizzando il livello dell'ingresso del terminale A2 (vedere la Fig. 6.37).
Livello inferiore frequenza di uscita

Frequenza di uscita massima E1-04

0 (4 mA)

10 V di ingresso analogico multifunzione (20 mA)

Livello ingresso del terminale A2

Fig. 6.37 Caratteristiche dell'ingresso analogico A2 per il limite inferiore della frequenza di riferimento

Se il parametro d2-02 e il livello inferiore della frequenza di uscita del terminale A2 sono entrambi impostati, il limite inferiore della frequenza corrisponde al valore pi alto impostato.

6-30

Rilevamento della frequenza


Funzione di raggiungimento velocit
Sono disponibili otto diversi metodi per la rilevazione della frequenza. Per questa funzione possibile programmare le uscite digitali multifunzione da M1 a M6 e utilizzarle per indicare il rilevamento o il raggiungimento della frequenza con qualsiasi dispositivo esterno.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 0,0 Hz 2,0 Hz 0,0 Hz 2,0 Hz Modificabile durante il funzionamento No No No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A A A A A A A Vettoriale ad anello chiuso A A A A

V/f A A A A

L4-01 L4-02 L4-03 L4-04

Livello di rilevamento raggiungimento velocit Ampiezza di rilevamento raggiungimento frequenza Livello di rilevamento/raggiungimento velocit () Ampiezza di rilevamento/raggiungimento velocit ()

Impostazioni uscite multifunzione: da H2-01 a H2-03 (selezione funzione M1 M6)


La seguente tabella riporta le impostazioni per i parametri da H2-01 ad H2-03 per ognuna delle funzioni di raggiungimento velocit. Fare riferimento aldiagramma di funzionamento nella pagina seguente per dettagli.
Funzione Raggiungimento 1 fref=fout Raggiungimento 1 fout=fset Rilevamento frequenza 1 Rilevamento frequenza 2 Raggiungimento 2 fref=fout Raggiungimento 2 fout=fset Rilevamento frequenza 3 Rilevamento frequenza 4 Impostazione 2 3 4 5 13 14 15 16

Modalit di impostazione
Con il parametro L4-01 viene impostato un livello di raggiungimento della velocit di riferimento

assoluto, ossia il raggiungimento della velocit di riferimento viene rilevato in entrambe le direzioni (FWD e REV).
Con il parametro L4-03 viene impostato un livello di raggiungimento della velocit con segno, ossia il

raggiungimento della velocit viene rilevato solo nella direzione impostata (valore positivo direzione FWD, livello negativo direzione REV).

6-31

Diagrammi di funzionamento
La tabella seguente contiene i diagrammi di funzionamento per tutte le funzioni di raggiungimento velocit.
Parametro correlato L4-01: Livello di raggiungimento velocit L4-02: Ampiezza di raggiungimento velocit L4-03: Livello di raggiungimento velocit +/ L4-04: Ampiezza di raggiungimento velocit

Raggiungimento 1 fref=fout
Frequenza di riferimento Frequenza di uscita o velocit del motore Frequenza di riferimento

Raggiungimento 2 fref=fout
Frequenza di riferimento

L4-02

Raggiungimento fref=fout

Frequenza di uscita o velocit del motore

L4-04

Frequenza di riferimento

L4-02
fref = fout RaggiungiOFF mento
(Impostazione

L4-04
fref = fout Raggiungi- OFF mento 2

ON

ON

(Impostazione uscita multifunzione = 13)

Raggiungimento 1 fout=fset (ON nelle condizioni seguenti al raggiungimento della frequenza)


L4-02 L4-01

Raggiungimento 2 fout=fset (ON nelle condizioni seguenti al raggiungimento della frequenza)


L4-04
Frequenza di uscita o velocit del motore

Raggiungimento fout=fset

Frequenza di uscita o velocit del motore


L4-01 L4-02

L4-03

fout = fset Raggiungimento 1

ON

OFF

fout = fset Raggiungimento 2

ON

OFF

(Impostazione uscita multifunzione = 3)

(Impostazione uscita multifunzione = 14)

Rilevamento frequenza 1 (FOUT) (L4-01 > | frequenza di uscita |)


L4-02
Frequenza di uscita o velocit del motore

Rilevamento frequenza 3 (FOUT) (L4-03 > | frequenza di uscita |)


L4-04

L4-01

Frequenza di uscita o velocit del motore

L4-03

L4-01 L4-02
Rilevamento frequenza 1

ON

OFF

Rilevamento frequenza 3

ON

OFF

Rileva(Impostazione uscita multifunzione = 4) mento della Rilevamento frequenza 2 (FOUT) frequenza (L4-01 < | frequenza di uscita |)
L4-02 L4-01 Frequenza di uscita o velocit del motore L4-01 L4-02

(Impostazione uscita multifunzione = 15)

Rilevamento frequenza 4 (L4-03 < | frequenza di uscita|)


L4-04 L4-03 Frequenza di uscita o velocit del motore

Rilevamento frequenza 2

OFF

ON

Rilevamento frequenza 4

OFF

ON

(Impostazione uscita multifunzione = 5)

(Impostazione uscita multifunzione = 16)

6-32

Miglioramento delle prestazioni di funzionamento


Riduzione della fluttuazione della velocit del motore (funzione di compensazione scorrimento)
Con un carico pesante lo scorrimento del motore cresce e la velocit del motore diminuisce. La funzione di compensazione allo scorrimento mantiene costante la velocit del motore, indipendentemente dai mutamenti del carico. Quando il motore funziona a carico nominale, alla frequenza di uscita viene aggiunto il prodotto del parametro E2-02 (scorrimento nominale motore) e del valore di guadagno per la compensazione allo scorrimento nel parametro C3-01.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 1,0* 200 ms * 200% 0 0 Modificabile durante il funzionamento S No No No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto No No No No No A A A A A Vettoriale ad anello chiuso No No No No A

V/f A A A A No

C3-01 C3-02 C3-03 C3-04 C3-05

Guadagno per compensazione allo scorrimento Ritardo compensazione allo scorrimento Limite di compensazione allo scorrimento Compensazione allo scorrimento durante rigenerazione Selezione funzionamento limitato tensione di uscita

* L'impostazione di fabbrica cambier nel momento in cui viene modificato il metodo di controllo (sono riportate le impostazioni di fabbrica per il controllo vettoriale ad anello aperto).

Regolazione guadagno per compensazione allo scorrimento (C3-01)


Il valore impostato per C3-01 dipende dal metodo di controllo. Le impostazioni di fabbrica sono:
Controllo V/f senza PG: 0,0 Controllo vettoriale ad anello aperto: 1,0

Impostare C3-01 a 1,0 per compensare lo scorrimento in base allo stato attuale dell'uscita di coppia utilizzando lo scorrimento nominale (E2-02/E4-02) come riferimento. Regolare il guadagno per la compensazione allo scorrimento attenendosi alla seguente procedura. 1. Per il controllo vettoriale ad anello aperto impostare E2-02 (scorrimento nominale motore) ed E2-03 (corrente a vuoto del motore) sui valori appropriati. Lo scorrimento nominale del motore pu essere calcolato con la formula seguente a partire dai valori riportati sulla targhetta del motore:
Velocit nom. del motore (r/min) N. di poli del motore Scorrimento nominale del motore (Hz) = Frequenza nom. del motore (Hz) ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------120

I dati del motore possono essere impostati automaticamente utilizzando la funzione di autotuning. 2. Per il controllo V/f impostare C3-01 su 1,0. 3. Applicare un carico e misurare la velocit per regolare il guadagno per la compensazione allo scorrimento. Regolare il guadagno per la compensazione allo scorrimento solo in incrementi di 0,1. Se la velocit inferiore al valore di riferimento, aumentare il guadagno per la compensazione allo scorrimento, mentre se la velocit superiore al valore di riferimento, abbassare il guadagno per la compensazione allo scorrimento. 4. Impostando C3-01 su 0,0 si disabilita la funzione di compensazione allo scorrimento.

6-33

Regolazione del ritardo del primo ordine della compensazione allo scorrimento (C3-02)
La costante di ritardo della compensazione allo scorrimento impostata in millisecondi. Il valore dell'impostazione di C3-02 dipende dal metodo di controllo. Le impostazioni di fabbrica sono:
Controllo V/f senza PG: 2000 ms Controllo vettoriale ad anello aperto: 200 ms

In genere non necessario modificare queste impostazioni. Quando la risposta della compensazione allo scorrimento lenta, ridurre il valore impostato. Quando la velocit non stabile, aumentare il valore impostato.

Regolazione del limite della compensazione allo scorrimento (C3-03)


Nel parametro C3-03 possibile impostare il limite superiore per la compensazione allo scorrimento considerando lo scorrimento nominale del motore pari al 100%. Se la velocit inferiore al valore di riferimento ma non cambia nemmeno dopo aver regolato il guadagno per la compensazione allo scorrimento, potrebbe essere stato raggiunto il limite di compensazione allo scorrimento. Aumentare il limite e verificare nuovamente la velocit. Accertarsi sempre che il valore del limite della compensazione allo scorrimento e la frequenza di riferimento non eccedano la tolleranza della macchina. Il seguente diagramma illustra il limite di compensazione allo scorrimento per un intervallo di coppia costante e un intervallo di uscita fissa.
Limite di compensazione allo scorrimento

6
E1-06: Frequenza di base E1-04: Frequenza di uscita massima

Frequenza di uscita

Fig. 6.38 Limite di compensazione allo scorrimento

Selezione della funzione di compensazione allo scorrimento durante la rigenerazione (C3-04)


Abilita o disabilita la funzione di compensazione allo scorrimento durante la rigenerazione. L'impiego della funzione di compensazione allo scorrimento durante la rigenerazione potrebbe richiedere l'utilizzo di un'opzione di frenatura (resistenza di frenatura, modulo resistenza di frenatura o modulo di frenatura).

Selezione di funzionamento quando la tensione di uscita saturata (C3-05)


In genere l'inverter non in grado di produrre in uscita una tensione superiore a quella in ingresso. Se la tensione di uscita di riferimento per il motore (parametro di monitoraggio U1-06) supera la tensione di ingresso nella gamma ad alta velocit, la tensione di uscita diventa satura e l'inverter non pu reagire a cambiamenti di velocit o di carico. Questa funzione riduce automaticamente la tensione di uscita per evitare saturazioni di tensione. pertanto possibile mantenere la precisione nel controllo della velocit anche ad alte velocit (per velocit vicine a quella nominale del motore). A tensione bassa la corrente pu essere di circa il 10% superiore rispetto al funzionamento senza limitatore di tensione.

6-34

Compensazione della coppia per ottenere una coppia sufficiente in fase di avvio e di funzionamento a bassa velocit
Quando la funzione di compensazione della coppia rileva un carico del motore in aumento, aumenta la coppia in uscita. Se si utilizza il controllo V/f, l'inverter calcola la tensione di perdita primaria del motore in base al valore di resistenza del terminale (E2-05) e regola la tensione in uscita (V) per compensare una coppia insufficiente all'avvio e durante il funzionamento a bassa velocit. La tensione di compensazione uguale alla perdita di tensione primaria calcolata sul motore parametro C4-01. Se si utilizza il controllo vettoriale ad anello aperto, la corrente di eccitazione del motore e di produzione della coppia vengono calcolate e comandate separatamente. La compensazione della coppia influisce solo sulla corrente di produzione della coppia. La corrente di produzione della coppia uguale alla coppia di riferimento calcolata C4-01.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 1,00 200 ms * 0,0 0,0 1 ms Modificabile durante il funzionamento S No No No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A No No No A A A A A Vettoriale ad anello chiuso No No No No No

V/f A A No No No

C4-01 C4-02 C4-03 C4-04 C4-05

Guadagno per la compensazione di coppia Costante di ritardo della compensazione di coppia Valore compensazione della coppia di spunto (direzione avanti) Valore compensazione della coppia di spunto (direzione indietro) Costante di tempo di compensazione della coppia di spunto

* L'impostazione di fabbrica cambier nel momento in cui viene modificato il metodo di controllo (sono riportate le impostazioni di fabbrica per il controllo V/f).

Regolazione del guadagno per la compensazione di coppia (C4-01)


In genere non necessario modificare questa impostazione. Se sono necessarie delle regolazioni, procedere come indicato di seguito: Controllo vettoriale ad anello aperto:
Se la risposta della coppia lenta, aumentare il valore di impostazione. Se si verificano delle vibrazioni, diminuire il valore di impostazione.

Controllo V/f:
Se il cavo molto lungo, aumentare il valore impostato. Se la capacit del motore inferire alla capacit dell'inverter (capacit del motore massima applicabile),

aumentare il valore impostato.


Se il motore vibra, ridurre il valore impostato.

Modalit di impostazione:
Regolare questo parametro affinch la corrente in uscita durante la rotazione a bassa velocit non superi la

gamma di corrente in uscita nominale dell'inverter.


Regolare il valore solo in incrementi o decrementi di 0,05.

6-35

Regolazione del ritardo del primo ordine della compensazione di coppia (C4-02)
Il valore di impostazione di C4-02 dipende dal metodo di controllo. Le impostazioni di fabbrica sono:
Controllo V/f senza PG: 200 ms Controllo V/f con PG: 200 ms Controllo vettoriale ad anello aperto: 20 ms

In genere non necessario modificare questa impostazione. Se sono necessarie delle regolazioni, procedere come indicato di seguito:
Se il motore vibra, aumentare il valore impostato. Se la risposta della coppia lenta, diminuire il valore impostato.

Funzione di compensazione della coppia di spunto (da C4-03 a C4-05)


possibile applicare una compensazione alla coppia di spunto per accelerare l'instaurarsi della coppia all'avvio nel controllo vettoriale ad anello aperto. Questa funzione utile per macchine con applicazioni e carichi ad elevato attrito, dove richiesta un'elevata coppia di spunto. Il funzionamento illustrato nel diagramma seguente.
Comando di marcia avanti (indietro) ON OFF Costante tempo: C4-05 Volume compensazione di coppia C4-05 x 4 E1-09 Frequenza di uscita Il valore maggiore tra b2-01 ed E1-09 Costante tempo: C4-02 C4-03 (avanti) C4-04 (indietro, polarit negativa)

6
Fig. 6.39 Diagramma di funzionamento per la frequenza della coppia di spunto

Quando si utilizza questa funzione, tenere di conto le seguenti considerazioni:


Quando la macchina marcia in direzione FWD e REV, devono essere impostati entrambi i valori C4-03 e

C4-04.
La compensazione utilizzabile solo per il funzionamento normale e non in fase di rigenerazione. Se quando si utilizza la compensazione della coppia di spunto all'avvio viene generata una forte scossa,

aumentare la costante di tempo della compensazione della coppia di spunto (C4-05).

Regolatore automatico di velocit (ASR, Automatic Speed Regulator)


Con il controllo vettoriale ad anello chiuso il regolatore automatico della velocit (ASR) regola la coppia di riferimento in modo da eliminare la deviazione tra la velocit di riferimento e la velocit misurata (retroazione PG). La Fig. 6.40 mostra la struttura del regolatore automatico della velocit per il controllo vettoriale ad anello chiuso.
C5-01/03

Frequenza di Frequency riferimento Reference Velocit Motor Speed motore

+ -

P I C5-02/04 C5-08

+ +

TempoDelay rizzatore Timer di ritardo

Coppia di Torque riferimento Reference Limiti di Torque coppia Limits

C5-06

Limite I-Limit I

Fig. 6.40 Struttura di ASR per il controllo vettoriale ad anello chiuso

6-36

Con il controllo V/f con PG l'ASR regola la frequenza di uscita in modo da eliminare la deviazione tra la velocit di riferimento e la velocit misurata (retroazione PG). La Fig. 6.41 mostra la struttura del regolatore automatico della velocit per il controllo V/f con PG.
Frequenza di riferimento + I C5-02/04 C5-01/03 P + + C5-05 Limite ASR + Frequenza di uscita +

Velocit motore

Fig. 6.41 Struttura di ASR per il controllo V/f con PG

Parametri correlati
N. parametro Nome Modificab ile Impostazi durante il one di fabbrica funziona mento 20,00 * 0,500 s * 20,00 * 0,500 s * 5,0% 0,004 s 0,0 Hz 400% 0 S S S S No No No No No Metodi di controllo Vettori V/f con ale ad anello PG aperto A A A A A No No No A No No No No No No No No No Vettori ale ad anello chiuso A A A A No A A A No

V/f No No No No No No No No No

C5-01 C5-02 C5-03 C5-04 C5-05 C5-06 C5-07 C5-08 F1-07

Guadagno proporzionale (P) ASR 1 Tempo integrale (I) ASR 1 Guadagno proporzionale (P) ASR 2 Tempo integrale (I) ASR 2 Limite ASR Ritardo ASR Frequenza di commutazione ASR Limite integrale ASR Abilitazione/disabilitazione valore integrale durante accelerazione/decelerazione

* Se si cambia il metodo di controllo, questi valori vengono reimpostati sui valori predefiniti di fabbrica per la modalit di controllo selezionata (sono riportate le impostazioni di fabbrica per il controllo vettoriale ad anello chiuso).

Ingressi digitali multifunzione (da H1-01 a H1-05)


Valore impostato D E 77 Selezione controllo V/f con/senza PG Disabilitazione funzionamento integrale controllo velocit Commutazione guadagno proporzionale ASR Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso S S S No No No No S S

Funzione

V/f

No No No

Selezione controllo V/f con/senza PG: D


Quando uno degli ingressi digitali impostato su "D", tale ingresso pu essere utilizzato per passare al

controllo V/f normale, disabilitando pertanto l'ASR.


L'ASR disabilitato quando l'ingresso multifunzione ON.

Disabilitazione integrale controllo velocit: E


Quando uno degli ingressi digitali impostato su "E", tale ingresso pu essere utilizzato per commutare il

controllo della velocit tra PI e P.


Il controllo P attivo quando l'ingresso ON (il valore integrale viene reimpostato).

Commutazione guadagno ASR: 77


Quando uno degli ingressi digitali impostato su "77", tale ingresso pu essere utilizzato per commutare

tra i guadagni P di ASR impostati in C5-01 e C5-03.


Se l'ingresso abilitato, verr utilizzato il parametro C5-03. Se l'ingresso disabilitato, verr utilizzato il

parametro C5-01.

6-37

Regolazioni del tempo integrale e del guadagno di ASR per il controllo vettoriale ad anello chiuso
Procedura generale 1. Azionare il motore a velocit zero. 2. Aumentare C5-01 (guadagno proporzionale ASR 1) fino a un livello in cui non ci siano oscillazioni di velocit del motore. 3. Diminuire C5-04 (tempo integrale ASR 2) fino a un livello in cui non ci siano oscillazioni di velocit del motore. 4. Aumentare la velocit mentre si monitora la velocit del motore. Se si verificano oscillazioni a una qualsiasi velocit, il guadagno deve essere diminuito e/o il tempo integrale deve essere aumentato. 5. Se la velocit stabile a tutte le velocit, non sono richieste ulteriori regolazioni. Regolazioni di precisione Se occorre eseguire una regolazione pi precisa di ASR, regolare il guadagno e il tempo integrale monitorando la forma d'onda della velocit attraverso i terminali di uscita analogica FM e AM. Le impostazioni necessarie dei parametri sono riportate nella seguente tabella.
Parametro Selezione uscita analogica H4-01 (terminale FM) Guadagno uscita analogica H4-02 (terminale FM) Polarizzazione uscita analogica H4-03 (terminale FM) Selezione uscita analogica H4-04 (terminale AM) Guadagno uscita analogica H4-05 (terminale AM) Polarizzazione uscita analogica H4-06 (terminale AM) Selezione livello del segnale di uscita analogica 1 H4-07 Selezione livello del segnale di uscita analogica 2 H4-08 Impostazione 20 100% 0,0% 5 100% 0,0% 1 1 Questa impostazione consente di monitorare una gamma di segnali compresa tra 0 e 10 V. Impostazioni che consentono di utilizzare l'uscita analogica multifunzione 2 per monitorare la velocit del motore. Spiegazione Impostazioni che consentono di utilizzare l'uscita analogica multifunzione 1 per monitorare la frequenza di riferimento dopo il softstarter.

Le uscite analogiche multifunzione hanno le seguenti funzioni con le impostazioni indicate per i parametri.
Uscita analogica 1 (terminale FM): emette in uscita la frequenza di riferimento dopo il softstarter (rampa

accelerazione/decelerazione e curva a S) (da 0 a 10 V).


Uscita analogica 2 (terminale AM): emette in uscita la velocit corrente del motore (da 0 a 10 V).

Regolazione guadagno proporzionale ASR 1 (C5-01) Questo guadagno regola la risposta del controllo della velocit (ASR). La risposta aumenta all'aumentare del valore impostato. L'aumento eccessivo del valore di impostazione causa di oscillazioni. Per ulteriori dettagli, vedere la Fig. 6.42. Regolazione tempo integrale ASR 1 (C5-02) Questo parametro imposta il tempo integrale del controllo della velocit (ASR). Estendendo il tempo integrale diminuisce la velocit di risposta e l'accuratezza della velocit quando il carico cambia improvvisamente. La diminuzione eccessiva del valore di impostazione pu essere causa di oscillazioni. Per ulteriori dettagli, vedere la Fig. 6.42.
In presenza di sovraelongazione: diminuire C5-01 e/o aumentare C5-02 Velocit motore

Tempo In presenza di sottoelongazione: diminuire C5-03 e/o aumentare C5-04

Fig. 6.42 Influenza di polarizzazione e guadagno di ASR

6-38

Impostazioni di guadagno differenti per velocit bassa e alta Commutare tra guadagno per velocit bassa e velocit alta quando si verificano oscillazioni dovute alla risonanza con il sistema meccanico a bassa o alta velocit. Il guadagno e il tempo integrale possono essere commutati in base alla velocit del motore, come illustrato nella Fig. 6.43.
P,I P=C5-01 I=C5-02

P=C5-03 I=C5-04

C5-07

Velocit Motor Speed motore

Fig. 6.43 Impostazioni di guadagno per velocit bassa e alta

Se il parametro C5-07 impostato su 0, il guadagno in C5-01 e il tempo integrale in C5-02 vengono utilizzati per l'intera gamma di velocit. Impostazione della frequenza di commutazione guadagno (C5-07) Impostare come frequenza di commutazione circa l'80% della frequenza di funzionamento del motore o della frequenza alla quale si verificano oscillazioni. Regolazioni del guadagno a bassa velocit (C5-03, C5-04) Collegare il carico effettivo e regolare questi parametri a velocit zero. Aumentare il parametro C5-03 (guadagno ASR 2) e diminuire il parametro C5-04 (tempo integrale ASR 2) finch non si verificano pi oscillazioni. Regolazioni del guadagno ad alta velocit (C5-01, C5-02) Regolare questi parametri alla velocit di funzionamento normale. Aumentare il parametro C5-01 (guadagno ASR 1) e diminuire il parametro C5-02 (tempo integrale ASR 1) finch non si verificano pi oscillazioni. Impostazione della commutazione del guadagno proporzionale di ASR tramite un ingresso digitale Quando uno degli ingressi digitali (da H1-01 a H1-05) impostato su 77, tale ingresso pu essere utilizzato per commutare tra C5-01 (guadagno ASR 1) e C5-03 (guadagno ASR 2). Il guadagno ASR 1 utilizzato quando l'ingresso multifunzione OFF, mentre il guadagno ASR 2 utilizzato quando l'ingresso ON. Questo ingresso ha priorit maggiore rispetto alla frequenza di commutazione di ASR impostata in C5-07. Il guadagno cambia in maniera lineare utilizzando il tempo integrale 1. Per ulteriori informazioni, vedere Fig. 6.44.
Ingresso digitale di commutazione ASR gain switch del guadagno ASR digital input Guadagno ASRASR gain
OFF ON

Valorevalue C5-01 C5-01

Valore C5-03 C5-03 value


C5-02 C5-02

Fig. 6.44 Commutazione del guadagno di ASR tramite ingresso digitale

6-39

Regolazioni del tempo integrale e del guadagno di ASR per il controllo V/f con PG
Quando si utilizza il controllo V/f con PG, impostare il guadagno e il tempo integrale di ASR su E1-09 (frequenza di uscita minima) ed E1-04 (frequenza di uscita massima). Per ulteriori informazioni, vedere la Fig. 6.45.
P,I P=C5-01 I=C5-02

P=C5-03 I=C5-04 Motor Speed Velocit motore

E1-09 Frequenza Min. Output di uscita minima Frequency

Frequenza di Max. Output uscita massima Frequency

E1-04

Fig. 6.45 Regolazione del tempo integrale e del guadagno del controllo velocit per il controllo V/f con PG

Regolazioni del guadagno alla frequenza di uscita minima (C5-03 e C5-04) Azionare il motore alla frequenza di uscita minima. Aumentare il parametro C5-03 (guadagno proporzionale ASR 2) e diminuire il parametro C5-04 (tempo integrale ASR 2) finch non si verificano pi oscillazioni. Monitorare la corrente in uscita dell'inverter e verificare che sia inferiore al 50% della corrente nominale dell'inverter. Se la corrente in uscita supera il 50% della corrente nominale dell'inverter, diminuire C5-03 e aumentare C5-04. Regolazioni del guadagno alla frequenza di uscita massima (C5-01 e C5-02)

Azionare il motore alla frequenza di uscita massima. Aumentare il parametro C5-01 (guadagno proporzionale ASR 1) e diminuire il parametro C5-02 (tempo integrale ASR 1) finch non si verificano pi oscillazioni. Regolazioni di precisione Se occorre eseguire una regolazione dell'ASR pi precisa, regolare il guadagno mentre si monitora la velocit del motore. La procedura di regolazione identica a quella descritta per il controllo vettoriale. Utilizzo del controllo integrale durante l'accelerazione e la decelerazione (F1-07) Abilitare il funzionamento integrale durante l'accelerazione e la decelerazione (impostando F1-07 su 1) se la velocit del motore deve seguire da vicino la frequenza di riferimento nel corso dell'accelerazione e della decelerazione. Diminuire l'impostazione di C5-01 se si verificano sovraelongazioni durante l'accelerazione. Diminuire l'impostazione di C5-03 e aumentare l'impostazione di C5-04 se si verificano sottoelongazioni in fase di arresto. Se regolando il guadagno e il tempo integrale non si riesce a eliminare sovraelongazioni e sottoelongazioni, diminuire il valore del limite di ASR (C5-05).

6-40

Funzione di prevenzione delle vibrazioni


La funzione di prevenzione delle vibrazioni elimina le vibrazioni quando il motore funziona a carico leggero. Questa funzione pu essere utilizzata solo nelle modalit di controllo V/f. Se la velocit di risposta del motore ha la priorit sull'eliminazione delle vibrazioni, disabilitare questa funzione (N1-01 = 0).

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 1 1,00 Modificabile durante il funzionamento No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A No No Vettoriale ad anello chiuso No No

V/f A A

N1-01 N1-02

Selezione funzione prevenzione delle vibrazioni Guadagno di prevenzione delle vibrazioni

Regolazione del guadagno di prevenzione delle vibrazioni (N1-02)


In genere non necessario modificare questa impostazione. Regolare il valore nelle seguenti circostanze:
Se si verificano vibrazioni in condizioni di carico leggero, aumentare l'impostazione. Se il motore va in stallo, ridurre l'impostazione.

6-41

Stabilizzazione della velocit (regolatore automatico di frequenza)


La funzione di controllo di rilevamento della retroazione della velocit (AFR) comanda la stabilit della velocit quando un carico viene applicato o rimosso improvvisamente. Questa funzione compensa la frequenza d'uscita con l'ammontare di variazioni della velocit, calcolato utilizzando il valore di retroazione della corrente di coppia (Iq).
fref fout

Iq

Fig. 6.46 Anello del controllo AFR

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 1,00 50 ms 750 ms Modificabile durante il funzionamento No No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto No No No A A A Vettoriale ad anello chiuso No No No

V/f

N2-01 N2-02 N2-03

Guadagno controllo di rilevamento della retroazione della velocit (AFR) Costante di tempo controllo di rilevamento della retroazione della velocit (AFR) Costante di tempo 2 controllo di rilevamento della retroazione della velocit (AFR)

No No No

Impostazione del guadagno AFR (N2-01)


In genere non necessario modificare questa impostazione. Se sono necessarie delle regolazioni, procedere come indicato di seguito: Se si verificano fluttuazioni, aumentare N2-01. Se la risposta troppo lenta, diminuire N2-01. Regolare l'impostazione di 0,05 alla volta monitorando la risposta.

Impostazione delle costanti di tempo di AFR 1 e 2 (N2-02, N2-03)


In genere il valore dell'impostazione di N2-02 utilizzato come costante di tempo di AFR (T nella Fig. 6.46). Il valore dell'impostazione di N2-03 viene utilizzato quando: L2-04 impostato su 1 o 2, E frequenza di uscita > 5 Hz E si verifica un cambiamento transitorio del carico (causando una rigenerazione momentanea o sovraelongazione in accelerazione). In genere non necessario modificare queste impostazioni.

6-42

Protezione della macchina


Limitazione coppia motore (funzione limite di coppia)
Questa funzione consente di limitare la coppia dell'albero motore indipendentemente per ognuno dei quattro quadranti. Il limite di coppia pu essere impostato come valore fisso utilizzando parametri o come valore variabile tramite un ingresso analogico. La funzione del limite di coppia pu essere utilizzata solo con il controllo vettoriale ad anello aperto e chiuso.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 200%* 200%* 200%* 200%* 200 ms 0 Modificabile durante il funzionamento No No No No No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto No No No No No No A A A A A A Vettoriale ad anello chiuso A A A A No No

V/f No No No No No No

L7-01 L7-02 L7-03 L7-04 L7-06 L7-07

Limite di coppia di azionamento durante la marcia avanti Limite di coppia di azionamento durante la marcia indietro Limite di coppia rigenerativa durante la marcia avanti Limite di coppia rigenerativa durante la marcia indietro Costante di tempo limite di coppia Funzionamento limite di coppia durante accelerazione/ decelerazione

* Un valore di impostazione del 100% pari alla coppia nominale del motore.

Uscite multifunzione (da H2-01 a H2-03)


Valore impostato 30 Durante il limite di coppia Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso No S S

Funzione

V/f

No

Impostazione del limite di coppia utilizzando parametri


Nei parametri da L7-01 a L7-04 possibile impostare individualmente 4 limiti di coppia per le seguenti direzioni: azionamento avanti, azionamento indietro, rigenerativa avanti, rigenerativa indietro (vedere la Fig. 6.47)
Coppia di uscita Output Torque

L7-01 L7-04
Rigenerativa Reverse indietro Regenerative Azionamento Forward avanti Drive

Azionamento Reverse indietro Drive

Rigenerativa Forward avanti Regenerative

Rigenerativa Output Speed indietro

L7-03 L7-02

Fig. 6.47 Parametri limite di coppia

Uso di un'uscita digitale per segnalare il funzionamento al limite della coppia


Se viene impostata un'uscita multifunzione per questa funzione (parametri da H2-01 a H2-03 impostati su 30), l'uscita diventa ON quando la coppia di uscita del motore raggiunge uno dei limiti di coppia.

6-43

Impostazione del valore del limite di coppia tramite un ingresso analogico


L'ingresso analogico A2 pu essere utilizzato per immettere diversi limiti di coppia. La tabella seguente riporta le possibili impostazioni degli ingressi analogici (H3-09) per la funzione di limite di coppia.
Valore impostato 10 11 12 15 Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso No No No No S S S S S S S S

Funzione

100% del contenuto

V/f

Limite di coppia positivo Limite di coppia negativo Limite di coppia rigenerativa Limite di coppia positivo/negativo

Coppia nominale del motore Coppia nominale del motore Coppia nominale del motore Coppia nominale del motore

No No No No

L'impostazione di fabbrica del livello del segnale del terminale di ingresso analogico A2 da 4 a 20 mA, ossia se vengono applicati in ingresso 20 mA, la coppia viene limitata al 100% della coppia nominale del motore. La Fig. 6.48 illustra la relazione esistente tra i limiti di coppia.
Coppia di uscita Positivi Limite di coppia rigenerativa Funzionamento all'indietro Limite di coppia negativo Negativi Limiti di coppia positivi/negativi Limiti di coppia positivi/negativi Limite di coppia in avanti Numero di giri del motore Funzionamento in avanti Limite di coppia rigenerativa

Fig. 6.48 Limiti di coppia tramite ingresso analogico

Impostazione dei limiti di coppia utilizzando sia parametri che un ingresso analogico
Il seguente diagramma a blocchi mostra la relazione tra il limite di coppia impostato mediante parametri (da L7-01 a L7-04) e quello specificato tramite l'ingresso analogico A2.
Ingresso analogico multifunzione Terminale A2 Limite di coppia in avanti (valore impostato = 10) Limite di coppia negativo (valore impostato = 11) Limite di coppia rigenerativa (valore impostato = 12) Limite di coppia negativo/positivo (valore impostato = 15) Coppia positiva di azionamento in avanti Coppia rigenerativa positiva all'indietro Coppia rigenerativa negativa in avanti Min: circuito di priorit valore minimo Coppia di azionamento indietro

Costanti

Limite di coppia in avanti (L7-01) Limite di coppia all'indietro (L7-02) Limite di coppia rigenerativa durante la marcia avanti (L7-03) Limite di coppia rigenerativa durante la marcia indietro (L7-04)

Limite di coppia in avanti Limite coppia all'indietro Limite di coppia rigenerativa durante la marcia avanti Limite di coppia rigenerativa durante la marcia indietro 175% della corrente nominale dell'inverter

Fig. 6.49 Limite di coppia utilizzando sia parametri che un ingresso analogico

Abilitazione funzionamento integrale limite di coppia (L7-06 ed L7-07)


Durante il controllo vettoriale ad anello aperto possibile applicare il funzionamento integrale alla funzione di limite di coppia (controllo P standard) per migliorare la risposta del limite di coppia e rendere il funzionamento del limite di coppia pi graduale. Per abilitare il funzionamento integrale impostare il parametro L7-07 su 1. La costante di tempo integrale pu essere impostata nel parametro L7-06.

6-44

Modalit di impostazione
Quando la coppia di uscita raggiunge il limite di coppia, il controllo e la compensazione della velocit del motore

vengono disattivati per evitare che la coppia di uscita superi il limite di coppia. Il limite di coppia ha priorit.
Quando si utilizza il limite di coppia per applicazioni di sollevamento, non ridurre avventatamente il valore del

limite di coppia, in quanto ci potrebbe provocare lo stallo del motore.


Quando si utilizza un ingresso analogico per l'impostazione del limite di coppia, un valore di ingresso analogico

pari a 10 V/20 mA rappresenta un limite di coppia pari al 100% della coppia nominale del motore. Per aumentare il valore del limite di coppia di un ingresso analogico di 10 V/20 mA, per esempio al 150% della coppia nominale, impostare il guadagno del terminale di ingresso su 150,0 (%). Regolare il guadagno per il terminale A2 di ingresso analogico utilizzando il parametro H3-10.
L'accuratezza del limite di coppia di 5% a una frequenza di uscita di 10 Hz o superiore. Quando la frequenza

di uscita inferiore a 10 Hz, l'accuratezza risulta ridotta.

Prevenzione dello stallo del motore durante il funzionamento


La prevenzione dello stallo del motore durante il funzionamento evita che il motore entri in stallo abbassando automaticamente la frequenza di uscita dell'inverter quando si verifica un sovraccarico transitorio durante il funzionamento del motore a velocit costante. La prevenzione dello stallo durante il funzionamento pu essere abilitata solo durante il controllo V/f con/senza PG. Se la corrente in uscita dell'inverter continua a superare l'impostazione del parametro L3-06 per 100 ms o pi, la velocit del motore viene ridotta. Abilitare o disabilitare la prevenzione dello stallo utilizzando il parametro L3-05. Impostare i tempi di decelerazione appropriati tramite il parametro C1-02 (tempo di decelerazione 1) o C1-04 (tempo di decelerazione 2). Se la corrente in uscita dell'inverter raggiunge il valore impostato in L3-06 2%, il motore accelerer nuovamente fino alla frequenza impostata.

Parametri correlati
N. parametro L3-05 L3-06 Nome Selezione della prevenzione dello stallo durante il funzionamento Livello di prevenzione dello stallo durante il funzionamento Impostazione di fabbrica 1 150% * Modificabile durante il funzionamento No No V/f A A Metodi di controllo Vettoriale Vettoriale V/f con ad anello ad anello PG aperto chiuso A A No No No No

* Il valore iniziale viene fornito quando C6-01 impostato su 0. Se C6-01 impostato su 1 o 2, il valore iniziale sar 120%.

Modifica del livello di prevenzione dello stallo durante il funzionamento tramite un ingresso analogico
Se H3-09 (selezione funzione terminale A2 di ingresso analogico) impostato su 8 (livello di prevenzione dello stallo durante il funzionamento), possibile modificare il livello di stallo durante il funzionamento utilizzando l'ingresso analogico A2. In questo caso, per la prevenzione dello stallo la funzione utilizza il valore pi basso tra il livello del terminale A2 di ingresso analogico multifunzione e il valore impostato nel parametro L3-06.
Livello di prevenzione dello stallo durante il funzionamento

Livello ingresso del terminale A2 di ingresso analogico multifunzione

Fig. 6.50 Livello di prevenzione dello stallo durante il funzionamento tramite un ingresso analogico

Se la capacit del motore inferiore rispetto alla capacit dell'inverter o se il motore va in stallo durante il funzionamento con le impostazioni di fabbrica, diminuire il livello di prevenzione dello stallo durante il funzionamento.

6-45

Rilevamento coppia del motore


Se alla macchina viene applicato un carico eccessivo (sovracoppia) o il carico si riduce improvvisamente (sottocoppia), possibile emettere in uscita un segnale di allarme su uno dei terminali di uscita digitale M1M2, M3-M4 o M5-M6. Per utilizzare la funzione di rilevamento di valori di coppia troppo alti o bassi, impostare B, 17, 18, 19 (rilevamento sovracoppia/sottocoppia NO/NC) in uno dei parametri da H2-01 a H2-03 (selezione funzione terminali di uscita digitali M1-M2, M3-M4 e M5-M6). Un evento di sovracoppia/sottocoppia viene rilevato:
monitorando la corrente di uscita durante il controllo V/f con o senza PG (la corrente di uscita nominale

dell'inverter pari al 100%).


monitorando il valore della coppia di riferimento durante il controllo vettoriale ad anello aperto e chiuso

(la coppia nominale del motore pari al 100%).

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 0 150% 0,1 s 0 150% 0,1 s Modificabile durante il funzionamento No No No No No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A A A A A A A A A A A Vettoriale ad anello chiuso A A A A A A

V/f A A A A A A

L6-01 L6-02 L6-03 L6-04 L6-05

Selezione rilevamento coppia 1 Livello di rilevamento coppia 1 Tempo di rilevamento coppia 1 Selezione rilevamento coppia 2 Livello di rilevamento coppia 2 Tempo di rilevamento coppia 2

L6-06

Uscite multifunzione (da H2-01 a H2-03)


Valore impostato Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso S S S S S S S S S S S S

Funzione

V/f

B 17 18 19

Rilevamento sovracoppia/sottocoppia 1 NO (Contatto NO: rilevamento sovracoppia e sottocoppia abilitato quando il contatto ON) Rilevamento sovracoppia/sottocoppia 1 NC (Contatto NC: rilevamento sovracoppia e sottocoppia abilitato quando il contatto OFF) Rilevamento sovracoppia/sottocoppia 2 NO (Contatto NO: rilevamento sovracoppia e sottocoppia abilitato quando il contatto ON) Rilevamento sovracoppia/sottocoppia 2 NC (Contatto NC: rilevamento sovracoppia e sottocoppia abilitato quando il contatto OFF)

S S S S

Ingresso analogico multifunzione (H3-09)


Valore impostat o Funzione 100% del contenuto Metodi di controllo Vettori V/f con ale ad anello PG aperto S S Vettori ale ad anello chiuso S

V/f

Livello di rilevamento sovracoppia/ sottocoppia

Coppia nominale del motore (controllo vettoriale), coppia nominale dell'inverter (controllo V/f)

6-46

Valori impostati per L6-01 e L6-04 e display della console di programmazione


Nella seguente tabella riportata la relazione tra gli allarmi visualizzati sulla console di programmazione quando viene rilavata una sovracoppia o una sottocoppia e i valori impostati nei parametri L6-01 e L6-04.
Valore impostato 0 1 2 3 4 5 6 7 8 Funzione Rilevamento sovracoppia/sottocoppia disabilitato. Rilevamento sovracoppia solo con il raggiungimento della velocit; il funzionamento continua (viene emesso un avviso). Rilevamento sovracoppia continuo durante il funzionamento; il funzionamento continua (viene emesso un avviso). Rilevamento sovracoppia solo con il raggiungimento della velocit; l'uscita viene interrotta appena viene effettuato il rilevamento. Rilevamento sovracoppia continuo durante il funzionamento; l'uscita viene interrotta appena viene effettuato il rilevamento. Rilevamento sottocoppia solo con il raggiungimento della velocit; il funzionamento continua (viene emesso un avviso). Rilevamento sottocoppia continuo durante il funzionamento; il funzionamento continua (viene emesso un avviso). Rilevamento sottocoppia solo con il raggiungimento della velocit; l'uscita viene interrotta appena viene effettuato il rilevamento. Rilevamento sottocoppia continuo durante il funzionamento; l'uscita viene interrotta appena viene effettuato il rilevamento Display della console di programmazione Rilevamento sovra- Rilevamento sovracoppia/sottocoppia coppia/sottocoppia 1 2 OL3 lampeggia OL3 lampeggia OL3 si illumina OL3 si illumina UL3 lampeggia UL3 lampeggia UL3 si illumina UL3 si illumina OL4 lampeggia OL4 lampeggia OL4 si illumina OL4 si illumina UL4 lampeggia UL4 lampeggia UL4 si illumina UL4 si illumina

Diagrammi di funzionamento
La Fig. 6.51 e la Fig. 6.52 mostrano i diagrammi di funzionamento per il rilevamento della sovracoppia e della sottocoppia.
Corrente motore (coppia in uscita)

L6-02 oppure L6-05

6
L6-03 oppure L6-06
ON

L6-03 oppure L6-06


ON

Rilevamento sovracoppia 1 NO o rilevamento sovracoppia 2 NO

*L'ampiezza della banda di disattivazione rilevamento di sovracoppia pari a circa il 10% della corrente di uscita nominale dell'inverter o della coppia nominale del motore.

Fig. 6.51 Rilevamento sovracoppia


Corrente motore (coppia in uscita)

L6-02 oppure L6-05

Rilevamento sottocoppia 1 NO o rilevamento sottocoppia 2 NO

L6-03 oppure L6-06


ON

L6-03 oppure L6-06


ON

*L'ampiezza della banda di disattivazione rilevamento di sottocoppia pari a circa il 10% della corrente di uscita nominale dell'inverter o della coppia nominale del motore.

Fig. 6.52 Rilevamento sottocoppia

6-47

Modifica dei livelli di rilevamento della sovracoppia e sottocoppia tramite un ingresso analogico
Se il parametro H3-09 (selezione funzione terminale A2 di ingresso analogico) impostato su 7 (livello rilevamento sovracoppia/sottocoppia), possibile modificare il livello di rilevamento sovracoppia/sottocoppia utilizzando l'ingresso analogico A2 (vedere la Fig. 6.53). Mediante l'ingresso analogico possibile modificare solo il livello di rilevamento sovracoppia/sottocoppia 1. Il livello di rilevamento sovracoppia/sottocoppia 2 non pu essere modificato utilizzandoun segnale d'ingresso analogico.
Livello di rilevamento

Livello ingresso del terminale A2 di ingresso analogico multifunzione

(4 mA)

Fig. 6.53 Livello di rilevamento della sovracoppia e sottocoppia tramite un ingresso analogico

Protezione sovraccarico motore


Il motore pu essere protetto da sovraccarichi utilizzando la funzione elettronica incorporata di rel sovraccarico termico.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 1,90 A * 1,90 A * 1 1,0 min Modificabile durante il funzionamento No No No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto Q A Q A Q A Q A Vettoriale ad anello chiuso Q A Q A

V/f

E2-01 E4-01 L1-01 L1-02

Corrente nominale del motore Corrente nominale del motore 2 Selezione protezione del motore Costante di tempo protezione motore

Q A Q A

* Le impostazioni di fabbrica dipendono dalla capacit dell'inverter I valori indicati si riferiscono a un inverter di classe 200 V a 0,4 kW.

Uscite multifunzione (da H2-01 a H2-03)


Valore impostato Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso S S S

Funzione

V/f

1F

Preallarme sovraccarico motore (OL1, compreso OH3) (ON: 90% o pi del livello di rilevamento)

Impostazione corrente nominale motore (E2-01 ed E4-01)


Impostare il valore della corrente nominale riportato sulla targhetta del motore nei parametri E2-01 (per il motore 1) ed E4-01 (per il motore 2). Il valore impostato la corrente di base per il calcolo del sovraccarico termale interno.

6-48

Impostazione caratteristiche di protezione sovraccarico motore (L1-01)


Impostare la funzione di protezione sovraccarico nel parametro L1-01 a seconda del motore usato. L'induzione delle capacit di raffreddamento del motore varia a seconda del tipo di motore. Pertanto bisogna selezionare le caratteristiche elettroniche di protezione termica. Impostare L1-01 su: 0: per disabilitare la funzione di protezione termica del motore. 1: per abilitare la protezione termica per un motore ad uso generico ventilato (autoraffreddamento). 2: per abilitare la protezione termica per il motore di un inverter (raffreddato esternamente). 3: per abilitare la protezione termica per un motore speciale per il controllo vettoriale (raffreddato esternamente).

Impostazione tempo operativo protezione motore (L1-02)


Il tempo operativo protezione motore il tempo in cui il motore pu sopportare un sovraccarico del 150% se in precedenza girava con un carico nominale (e quindi la temperatura d'esercizio era stata raggiunta prima di applicare il sovraccarico del 150%). Impostare il tempo operativo protezione motore in L1-02 (impostazione di fabbrica uguale a 60 secondi). LaFig. 6.54 mostra un esempio delle caratteristiche del tempo operativo della protezione termica elettronica (L1-02 = 1,0 min., funzionamento a 60 Hz, caratteristiche per motore ad uso generico, se il parametro L1-01 impostato su 1).
Tempo operativo (min.)

Avvio a freddo

Avvio a caldo La corrente motore (%) E2-01 impostata su 100%

Fig. 6.54 Tempo operativo protezione motore

Modalit di impostazione
Se a un inverter sono collegati pi motori, impostare il parametro L1-01 su 0 (disabilitato). Per proteggere

tutti i motori, utilizzare un circuito di controllo che disattiva l'uscita dell'inverter in caso di surriscaldamento di uno dei motori.
Nelle applicazioni in cui l'alimentazione viene spesso attivata e disattivata, si corre il rischio di non poter

proteggere il motore anche se si imposta questo parametro su 1 (abilitato), in quanto il valore termico viene azzerato dopo la disattivazione dell'alimentazione dell'inverter.
Per garantire il rilevamento di sovraccarichi repentini, impostare il valore del parametro L1-02 su un

valore basso.
Quando si utilizza un motore ad uso generico (motore standard), la capacit di raffreddamento risulter

ridotta di f1/4 (frequenza). Di conseguenza, una frequenza di uscita bassa potrebbe attivare la protezione da sovraccarico del motore (OL1) anche quando la corrente di uscita inferiore alla corrente nominale. Se il motore funziona alla corrente nominale a bassa frequenza, utilizzare un motore speciale raffreddato esternamente.

Impostazione di un preallarme di sovraccarico motore


Se la funzione di protezione da sovraccarico del motore abilitata (parametro L1-01 impostato su un valore diverso da 0) e i parametri da H2-01 a H2-03 (selezione funzione terminali di uscita M1-M2, M3-M4 e M5M6) sono impostati su 1F (preallarme OL1 sovraccarico motore), viene emesso un preallarme di sovraccarico motore attraverso questi terminali. Se il valore termico elettronico raggiunge minimo il 90% del livello di rilevamento della sovracorrente, verr attivato il terminale di uscita impostato.

6-49

Protezione da surriscaldamento del motore mediante gli ingressi termistore PTC


Questa funzione fornisce una protezione da surriscaldamento del motore mediante un termistore (caratteristica PTC, coefficiente di temperatura positivo) incorporato negli avvolgimenti di ciascuna fase del motore. Il termistore deve essere collegato a un ingresso analogico.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 3 1 0,20 s Modificabile durante il funzionamento No No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A A A A A Vettoriale ad anello chiuso A A A

V/f

L1-03 L1-04 L1-05

Selezione funzionamento allarmi durante surriscaldamento del motore Selezione funzionamento surriscaldamento motore Costante di tempo del filtro ingresso temperatura del motore

A A A

Ingresso analogico multifunzione (H3-09)


Valore impostato E Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso S S S

Funzione

100% del contenuto

V/f

Ingresso temperatura del motore

Caratteristiche del termistore PTC


La Fig. 6.55 mostra le caratteristiche di temperatura del termistore PTC rispetto al valore di resistenza.
Resistenza (in Ohm)* Classe F Classe H

Tr: valore di soglia temperatura Temperatura

* Il valore di resistenza mostrato per una fase del motore. Normalmente le 3 resistenze sono collegate in serie.

Fig. 6.55 Caratteristiche del valore di resistenza/temperatura del termistore PTC

Funzionamento quando il motore surriscaldato


possibile selezionare il funzionamento in caso di surriscaldamento del motore utilizzando i parametri L1-03 e L1-04. Nel parametro L1-05 possibile impostare un tempo per il filtro di rilevamento del surriscaldamento del motore al fine di evitare la segnalazione di falsi errori di surriscaldamento. Se la temperatura del motore cresce fino al livello di preallarme di surriscaldamento del motore, viene visualizzato un allarme OH3 sul display e il funzionamento continua in base all'impostazione di L1-03. Se il funzionamento continua e la temperatura del motore cresce ulteriormente fino al livello di rilevamento di surriscaldamento del motore, viene visualizzato un errore OH4 sul display e il funzionamento viene arrestato.

6-50

Collegamento dei terminali


Il collegamento dei terminali relativo alla funzione di surriscaldamento del motore illustrato nella Fig. 6.56. necessario tenere conto dei seguenti punti:
Il pin 2 del selettore DIP S1 del blocco terminali deve essere posizionato su OFF per l'ingresso di tensione

A2. L'impostazione di fabbrica ON (ingresso di corrente A2).


Il parametro H3-09 deve essere impostato su "E". Il parametro H3-08 (livello del segnale del terminale di ingresso analogico A2) deve essere impostato su 0

(ingresso 0-10V).

MA +V (15V, 20mA)
Resistenza diramazione Branch resistance 18 kOhm* 18kOhm*

MB MC

M1 A2 , 0-10V M2 M3

Termistore PTC PTC thermistor

M4 AC M5 M6

*1Il

valore della resistenza di 18 k valido unicamente quando si utilizza un PTC a 3 fasi con le caratteristiche illustrate nella pagina precedente.

Fig. 6.56 Collegamenti dei terminali per la protezione da surriscaldamento del motore

Limitazione di direzione di rotazione del motore e di rotazione fase di uscita


Se la rotazione del motore all'indietro disabilitata, non sar accettato alcun comando di marcia indietro, anche se immesso in ingresso. Utilizzare questa impostazione per applicazioni in cui la rotazione del motore in direzione indietro pu provocare dei problemi (ad esempio, ventole, pompe, ecc.). In modalit V/F anche possibile cambiare l'ordine delle fasi di uscita modificando un parametro. Questo molto pi semplice e veloce rispetto al cambiamento del cablaggio in caso di errata direzione di rotazione del motore. Se si utilizza questa funzione, non possibile utilizzare la disabilitazione della marcia indietro.

Parametri correlati
Numero del parametro Gamma di impostazione Modificabile Impostazione di durante fabbrica il funzionamento Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso A No A No A No

Nome

Descrizione

V/f

b1-04

Disabilitazione funzionamento di marcia indietro

0: Marcia indietro abilitata 1: Marcia indietro disabilitata 2: Rotazione fase di uscita

0o2

No

A A

6-51

Riavvio automatico
Questa sezione descrive le funzioni per consentire all'inverter di continuare a funzionare o riavviarsi automaticamente a seguito di una momentanea caduta di tensione.

Riavvio automatico dopo una caduta di tensione momentanea


Se si verifica una caduta di tensione momentanea, l'inverter pu riavviarsi automaticamente per non interrompere il funzionamento del motore. Per riavviare l'inverter dopo il ripristino dell'alimentazione, impostare L2-01 su 1 o 2. Se L2-01 impostato su 1, l'inverter viene riavviato purch l'alimentazione venga ripristinata entro il tempo impostato in L2-02. Se il tempo della caduta di tensione supera il tempo impostato in L2-02, sar rilevato un allarme UV1 (sottotensione del bus c.c.). Se L2-01 impostato su 2, l'inverter viene riavviato al ripristino dell'alimentazione principale, purch venga mantenuta l'alimentazione di controllo (ossia l'alimentazione al circuito di controllo). Di conseguenza, l'allarme UV1 (sottotensione del bus c.c.) non verr rilevato.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 0 0,1 s *1 0,1 s 0,3 s
*1

Modificabile durante il funzionamento No No No No No

V/f A A A A A

Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A A A A A A A A A

Vettoriale ad anello chiuso A A A A A

L2-01 L2-02 L2-03 L2-04 L2-05

Rilevamento caduta di tensione momentanea Tempo di funzionamento inerziale dopo caduta di tensione momentanea Tempo blocco delle basi (BB) minimo Tempo di ripristino della tensione Livello di rilevamento della sottotensione (UV)

190 V *2

* 1. Le impostazioni di fabbrica dipendono dalla capacit dell'inverter I valori indicati si riferiscono a un inverter di classe 200 V a 0,4 kW. * 2. Questi valori si riferiscono a un inverter di classe 200 V e devono essere raddoppiati per inverter di classe 400 V.

Modalit di impostazione
Durante il ripristino da una momentanea caduta di tensione non vengono emessi segnali di errore. Per continuare il funzionamento dell'inverter dopo il ripristino dell'alimentazione, selezionare le

impostazioni in modo che i comandi di marcia immessi dal terminale principale del circuito di controllo siano memorizzati anche durante la sospensione dell'alimentazione.
Se la selezione del funzionamento in caso di momentanea caduta di tensione impostata su 0 (disabilitato),

quando la caduta momentanea di tensione supera i 15 ms durante il funzionamento viene emesso un allarme UV1 (bassa tensione del circuito principale).

6-52

Ricerca della velocit


La funzione di ricerca della velocit rileva la velocit effettiva di un motore che ruota per inerzia senza controllo e lo riavvia gradualmente a partire da tale velocit. La ricerca della velocit viene inoltre attivata a seguito del rilevamento di una caduta momentanea di tensione quando L2-01 impostato per l'abilitazione.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 2*1 120% 2,0 s 0,2 s 1,10 1 0,1 s
*1

Modificabile durante il funzionamento No No No No No No No No

V/f

Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A No No A No A A A A A A A A A A A

Vettoriale ad anello chiuso No No No A No No A A

b3-01 b3-02 b3-03 b3-05 b3-10 b3-14 L2-03 L2-04

Selezione della ricerca della velocit (calcolo della velocit o rilevamento della corrente) Corrente operativa della ricerca della velocit (rilevamento della corrente) Tempo di decelerazione della ricerca della velocit (rilevamento della corrente) Tempo di attesa della ricerca della velocit (calcolo della velocit o rilevamento della corrente) Guadagno di compensazione per ricerca della velocit Selezione direzione di rotazione per ricerca della velocit Tempo blocco delle basi minimo Tempo di ripristino della tensione

A A A A A A A A

0,3 s*2

* 1. L'impostazione di fabbrica cambier nel momento in cui viene modificato il metodo di controllo (sono riportate le impostazioni di fabbrica per il controllo vettoriale ad anello aperto). * 2. Le impostazioni di fabbrica dipendono dalla capacit dell'inverter (i valori riportati si riferiscono a un inverter di classe 200 V a 0,4 kW).

Ingressi digitali multifunzione


Valore impostato Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso No S No

Funzione

V/f

61

Comando di ricerca esterno 1 OFF: Ricerca della velocit disabilitata (avvio da frequenza di uscita pi bassa) ON: Calcolo della velocit - calcola la velocit del motore e avvia la ricerca dalla velocit calcolata Rilevamento della corrente - Avvia la ricerca della velocit a partire dalla frequenza di uscita massima Comando di ricerca esterno 2 OFF: Ricerca della velocit disabilitata (avvio da frequenza di uscita pi bassa) ON: Calcolo della velocit - calcola la velocit del motore e avvia la ricerca dalla velocit calcolata, stesso funzionamento del comando di ricerca esterna 1 Rilevamento della corrente - avvia la ricerca della velocit a partire dalla frequenza impostata (frequenza di riferimento all'istante dell'immissione in ingresso del comando) Comando di ricerca esterno 3 OFF: L'inverter in blocco delle basi ON: L'inverter inizia il funzionamento utilizzando la ricerca della velocit (stesso funzionamento della ricerca della velocit 2)

62

No

No

64

6-53

Modalit di impostazione
Se entrambi i comandi di ricerca esterni 1 e 2 sono impostati per i terminali di contatto multifunzione, si

verificher un errore di funzionamento OPE03 (selezione ingresso multifunzione non valida). Impostare il comando di ricerca esterna 1 2.
Se viene selezionata la ricerca della velocit durante l'avvio quando si utilizza il controllo V/f con PG o il

controllo vettoriale ad anello chiuso, il modulo verr avviato dalla frequenza rilevata da generatore di impulsi.
Se si esegue la ricerca della velocit utilizzando i comandi di ricerca esterna, progettare il circuito di

controllo in modo che il comando di marcia e il comando di ricerca esterna siano entrambi su ON. Questi due comandi devono essere mantenuti su ON, almeno per il tempo impostato nel parametro L2-03.
Se l'uscita dell'inverter dotata di contattore, impostare il ritardo di funzionamento del contattore nel

parametro b3-05 (tempo di attesa ricerca della velocit). L'impostazione di fabbrica 0,2 s. Se non si utilizza un contattore, possibile ridurre il tempo di ricerca a 0,0 s. Una volta trascorso il tempo di attesa per la ricerca della velocit, l'inverter inizia la ricerca della velocit.
Il parametro b3-02 (livello di rilevamento della corrente per il completamento della ricerca) valido solo

quando selezionata la ricerca della velocit tramite il rilevamento della corrente. Quando la corrente scende al di sotto del livello di rilevamento, la ricerca della velocit viene considerata completata e il motore accelera o decelera fino alla frequenza impostata.
Se viene rilevata una sovracorrente (OC) quando si utilizza la ricerca della velocit dopo un ripristino a

seguito di una caduta di tensione, aumentare il tempo di blocco delle basi minimo (L2-03).

Precauzioni di applicazione per le ricerche della velocit tramite una velocit stimata
Quando si utilizza il controllo V/f con o senza PG, eseguire sempre un autotuning stazionario per la

resistenza da linea a linea prima di utilizzare le ricerche della velocit basate sulle velocit calcolate.

Quando si utilizza il controllo vettoriale ad anello aperto o chiuso, eseguire sempre un autotuning rotante

prima di utilizzare le ricerche della velocit basate sulle velocit calcolate.


Se la lunghezza del cavo tra il motore e l'inverter cambiata dopo l'esecuzione dell'autotuning, eseguire

nuovamente l'autotuning stazionario per la resistenza da linea a linea.

Selezione ricerca della velocit


Il metodo di ricerca della velocit pu essere selezionato utilizzando il parametro b3-01. Se b3-01 impostato su 0, il metodo di ricerca il calcolo della velocit. LA ricerca deve essere attivata mediante un ingresso multifunzione (H1impostato su 61 o 62). Se b3-01 impostato su 1, il metodo di ricerca della velocit sempre il calcolo della velocit, ma la ricerca viene eseguita a ogni comando RUN e non deve essere attivata mediante un ingresso multifunzione. Quanto detto valido anche per l'impostazione di b3-01 su 2 o 3, con la differenza che il metodo di ricerca il rilevamento della corrente invece del calcolo della velocit. Fare riferimento alla tabella seguente per una descrizione delle differenze tra i due metodi di ricerca.
Nome ricerca Metodo di ricerca Calcolo della velocit Calcola la velocit del motore al momento dell'avvio della ricerca e accelera o decelera a partire dalla velocit calcolata fino alla frequenza impostata. Viene rilevata anche la direzione di rotazione del motore. I comandi di ricerca esterna 1 e 2 funzionano in modo analogo, calcolando la velocit del motore e avviando la ricerca a partire dalla velocit calcolata. Non pu essere utilizzata con inverter a pi motori, motori di dimensioni di due o pi volte inferiori rispetto alla capacit dell'inverter e motori ad alta velocit (superiori a 130 Hz) Rilevamento corrente Avvia la ricerca della velocit a partire dalla frequenza al momento della caduta di tensione momentanea o dalla frequenza pi alta e rileva la velocit monitorando il livello di corrente durante la ricerca. Comando di ricerca della velocit esterna 1: Avvia la ricerca della velocit a partire dalla frequenza di uscita massima. Comando di ricerca della velocit esterna 2: Avvia la ricerca della velocit a partire dalla frequenza di riferimento impostata prima del comando di ricerca. Se si utilizza il metodo di controllo senza PG, il motore potrebbe accelerare all'improvviso in presenza di carichi leggeri.

Comando di ricerca della velocit esterna

Precauzioni relative all'applicazione

6-54

Calcolo della velocit


Ricerca all'avvio Di seguito viene riportato il diagramma di funzionamento relativo alla ricerca della velocit all'avvio e sui terminali di ingresso multifunzione.
OFF Comando di marcia ON Tempo di decelerazione impostato in b3-03
Frequenza di riferimento impostata Avvio utilizzando la velocit calcolata

Frequenza di uscita

b3-02

Corrente di uscita 0,7...1,0 s *Limite inferiore impostato utilizzando il tempo di attesa di ricerca della velocit (b3-05)

Tempo di blocco delle basi minimo (L2-03) x 0,7*


Nota:se il metodo di arresto impostato su arresto per inerzia e il comando di marcia viene attivato in breve tempo, il funzionamento potrebbe essere lo stesso della ricerca nel caso 2.

Fig. 6.57 Ricerca della velocit all'avvio (velocit calcolata)

Ricerca della velocit dopo una caduta di tensione


Tempo di caduta inferiore al tempo di blocco delle basi minimo (L2-03)

Alimentazione c.a.

ON

OFF

Avvio mediante velocit rilevata

Frequenza di riferimento impostata

Frequenza di uscita

6
10 ms
Dopo il ripristino dell'alimentazione c.a., l'inverter resta in attesa per il tempo di attesa di ricerca della velocit (b3-05).

Corrente di uscita

Tempo di blocco delle basi minimo (L2-03) x 0,75

Fig. 6.58 Ricerca della velocit dopo una caduta di tensione con tempo di caduta < L2-03 Tempo di caduta maggiore del tempo di blocco delle basi minimo (L2-03)

Alimentazione c.a.

ON

OFF

Avvio mediante velocit rilevata

Frequenza di riferimento impostata

Frequenza di uscita

Corrente di uscita 10 ms
Tempo di blocco delle basi minimo (L2-03) Tempo di attesa di ricerca della velocit (b3-05)

Nota: se la frequenza immediatamente precedente al blocco delle basi bassa o l'interruzione dell'alimentazione lunga, il funzionamento potrebbe essere lo stesso della ricerca nel caso 1.

Fig. 6.59 Ricerca della velocit dopo una caduta di tensione con tempo di caduta > L2-03

6-55

Rilevamento corrente
Ricerca della velocit all'avvio Di seguito riportato il diagramma di funzionamento relativo alla selezione della ricerca della velocit all'avvio o del comando di ricerca della velocit esterna.
OFF ON

Comando di marcia

Tempo di decelerazione impostato in b3-03


Frequenza di riferimento impostata

Frequenza di uscita massima o frequenza impostata

Frequenza di uscita b3-02

Corrente di uscita
Tempo di blocco delle basi minimo* (L2-03)

* Il limite inferiore impostato utilizzando il tempo di attesa di ricerca della velocit (b3-05).

Fig. 6.60 Ricerca della velocit all'avvio (rilevamento della corrente)

Ricerca della velocit dopo una caduta di tensione


Tempo di caduta inferiore al tempo di blocco delle basi minimo

Alimentazione c.a.

ON

OFF

Frequenza di uscita prima della caduta di tensione


Tempo di decelerazione impostato in b3-03 Frequenza di riferimento impostata

Frequenza di uscita

6
Corrente di uscita Tempo di blocco delle basi minimo (L2-03)
*1

b3-02 Corrente operativa ricerca della velocit

*1Il tempo di blocco delle basi potrebbe essere diminuito ad opera della frequenza di uscita immediatamente prima del blocco delle basi. *2Dopo il ripristino dell'alimentazione c.a., l'inverter resta in attesa per il tempo di attesa di ricerca della velocit (b2-03).

*2

Fig. 6.61 Ricerca della velocit dopo una caduta di tensione con tempo di caduta < L2-03 Tempo di caduta superiore al tempo di blocco delle basi minimo

Alimentazione c.a.

ON

OFF

Frequenza di uscita prima della caduta di tensione Velocit di decelerazione Frequenza di riferimento impostata impostata in b3-03

Frequenza di uscita b3-02 Tempo di funzionamento ricerca della velocit Corrente di uscita Tempo di attesa di ricerca della velocit (b3-05)
Tempo di blocco delle basi minimo (L2-03)

Fig. 6.62 Ricerca della velocit dopo una caduta di tensione con tempo di caduta > L2-03

6-56

Continuazione del funzionamento a velocit costante in caso di perdita della frequenza di riferimento
La funzione di rilevamento della perdita della frequenza di riferimento rileva una caduta del valore della frequenza di riferimento. Se selezionata una sorgente analogica per la frequenza di riferimento, viene rilevata una perdita di frequenza di riferimento nel caso in cui il valore di riferimento scenda di oltre il 90% in un arco di tempo minore o uguale a 400 ms. Il funzionamento a seguito di una perdita di frequenza di riferimento pu essere impostato nel parametro L5-01 come segue:
L5-01=0 Il funzionamento dell'inverter viene interrotto. L5-01=1Il funzionamento continua a velocit ridotta utilizzando il valore impostato nel parametro L4-06

come frequenza di riferimento. Se occorre emettere esternamente il segnale di errore durante la perdita della frequenza di riferimento, impostare i parametri da H2-01 a H2-03 (selezione funzione terminali di uscita contatto multifunzione M1-M2, M3-M4 ed M5-M6) su C (perdita frequenza di riferimento).

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 0 80% Modificabile durante il funzionamento No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A A A Vettoriale ad anello chiuso A A

V/f A A

L4-05 L4-06

Funzionamento in assenza di frequenza di riferimento Regolazione frequenza di uscita dopo la perdita della frequenza di riferimento

Uscite a contatto multifunzione (da H2-01 a H2-03)


Valore impostato Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso S S S

Funzione

V/f

Perdita frequenza di riferimento

6-57

Riavvio del funzionamento dopo un errore transitorio (funzione di riavvio automatico)


Se si verifica un errore dell'inverter durante il funzionamento, l'inverter eseguir l'autodiagnostica. Se non viene rilevato alcun errore, l'inverter si riavvia automaticamente. Questa funzione detta riavvio automatico. Impostare il numero di riavvii automatici nel parametro L5-01. La funzione di riavvio automatico pu essere applicata quando si verificano gli errori riportati di seguito.
OC (Sovracorrente) GF (Errore di terra) PUF (Fusibile bus c.c. guasto) OV (Sovratensione circuito principale) UV1 (Sottotensione circuito principale, errore di funzionamento MC del circuito principale)* PF (Errore tensione circuito principale) LF (Errore fase di uscita) RH (Surriscaldamento del modulo resistenza di frenatura) RR (Errore transistor di frenatura) OL1 (Sovracorrente del motore) OL2 (Sovraccarico dell'inverter) OH1 (Surriscaldamento del motore) OL3 (Sovracoppia 1) OL4 (Sovracoppia 2)

* Quando L2-01 impostato su 1 o 2 (funzionamento non interrotto durante una momentanea caduta di tensione)

Se si verifica un errore non presente nel precedente elenco, il riavvio automatico non verr eseguito e verr attivata la funzione di protezione.

Uscite esterne riavvio automatico


Per emettere in uscita i segnali di avvio automatico, impostare i parametri da H2-01 a H2-03 (selezione funzione dei terminali di uscita a contatto multifunzione M1-M2, M3-M4 ed M5-M6) su 1E (riavvio automatico).

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 0 0 Modificabile durante il funzionamento No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A A A Vettoriale ad anello chiuso A A

V/f A A

L5-01 L5-02

Numero tentativi di riavvio automatico Selezione funzionamento riavvio automatico

Uscite a contatto multifunzione (da H2-01 a H2-03)


Valore impostato Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso S S S

Funzione

V/f

1E

Riavvio automatico abilitato

Precauzioni relative all'applicazione


Il numero di riavvii automatici viene azzerato quando si verificano le seguenti condizioni:
Trascorsi 10 minuti di funzionamento normale dopo un riavvio automatico. Dopo che stata eseguita l'operazione di protezione ed stato inviato un comando di ripristino dopo

l'errore.
Dopo che l'inverter viene spento e riacceso.

6-58

Protezione dell'inverter
Protezione da surriscaldamento per una resistenza di frenatura installata sull'inverter
Questa funzione fornisce protezione dal surriscaldamento per resistenze di frenatura installate sull'inverter (modello: ERF-150WJ ). Quando viene rilevato il surriscaldamento di una resistenza di frenatura installata, sulla console di programmazione viene visualizzato un errore RH (surriscaldamento resistenza di frenatura installata sull'inverter) e il motore viene arrestato per inerzia. L'errore pu essere emesso in uscita anche utilizzando una delle uscite a contatto multifunzione. Pertanto, uno dei parametri da H2-01 a H2-03 deve essere impostato su D.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 0 Modificabile durante il funzionamento No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A Vettoriale ad anello chiuso A

V/f A

L8-01

Selezione protezione resistenza DB interna (tipo ERF)

Uscite a contatto multifunzione (da H2-01 a H2-03)


Valore impostato Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso S S S

Funzione

V/f

Errore resistore di frenatura (ON: errore del transistor di frenatura o surriscaldamento del resistore)

INFO

Un tempo di decelerazione troppo breve o eccessiva energia di rigenerazione del motore rappresentano le principali cause di un errore RH (surriscaldamento resistenza di frenatura installata sull'inverter). In questo caso, prolungare il tempo di decelerazione o sostituire il resistore di frenatura con uno che abbia una maggiore capacit di frenatura.

IMPORTANTE

Questa funzione non applicabile per i resistori di frenatura di protezione esterni. Quando resistori di frenatura esterni vengono utilizzati insieme all'interruttore ciclico di frenatura interno, L8-01 deve essere impostato su 0 per disabilitare la protezione del resistore di frenatura interno.

6-59

Protezione da surriscaldamento dell'inverter


L'inverter viene protetto contro il surriscaldamento tramite un termistore che rileva la temperatura del dissipatore di calore. Quando viene raggiunto il livello di temperatura di surriscaldamento viene disattiva l'uscita dell'inverter. Per evitare un arresto improvviso e inaspettato dell'inverter dovuto ad un eccesso di temperatura, pu essere emesso un preallarme di surriscaldamento. Il livello della temperatura per questo preallarme pu essere impostato nel parametro L8-02. Utilizzando il parametro L8-03 possibile invece selezionare il funzionamento dell'inverter in caso di surriscaldamento. Se per questa funzione stata programmata un'uscita multifunzione, l'uscita viene attivata quando la temperatura del dissipatore di calore supera il livello di preallarme surriscaldamento impostato in L8-02.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 95 C 3 Modificabile durante il funzionamento No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A A A Vettoriale ad anello chiuso A A

V/f A A

L8-02 L8-03

Livello preallarme surriscaldamento Selezione funzionamento preallarme surriscaldamento inverter (OH)

Uscite multifunzione (da H2-01 a H2-03)


Valore impostato Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso S S S

Funzione

V/f

20

Surriscaldamento inverter (OH)

Protezione fase aperta dell'ingresso


Per il rilevamento di perdita della fase in ingresso, l'inverter monitora l'ondulazione del bus c.c. integrando questo valore V su 10 scansioni (circa 10 secondi). Se il valore V integrato di una sequenza di 10 scansioni consecutive maggiore di un valore di confronto interno, verr generato un errore PF e il motore si arrester per inerzia. Il rilevamento di perdita della fase di ingresso pu essere abilitato o disabilitato utilizzando il parametro L8-05.
Segnale di errore di perdita di fase

Tensione del bus in continua

L8-06
10 secondi

t
Fig. 6.63 Rilevamento perdita fase di ingresso

Parametri correlati
N. parametro L8-05 Nome Selezione protezione fase aperta dell'ingresso Impostazione di fabbrica 1 Modificabile durante il funzionamento No V/f A Metodi di controllo Vettoriale Vettoriale V/f con ad anello ad anello PG aperto chiuso A A A

In genere non consigliabile disabilitare questa funzione.

6-60

Protezione fase aperta dell'uscita


Questa funzione rileva una fase aperta dell'uscita confrontando il valore di corrente in uscita per ogni fase con un livello di rilevamento fase aperta dell'uscita impostato internamente (5% della corrente nominale dell'inverter). Il rilevamento non entra in funzione se la frequenza di uscita inferiore al 2% della frequenza di base (E1-13). Sono disponibili tre impostazioni:
L8-07=0, nessun rilevamento fase aperta dell'uscita L8-07=1, viene rilevata solamente la perdita di una fase L8-07=2, viene rilevata anche la perdita di 2 o 3 fasi

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 0 Modificabile durante il funzionamento No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A Vettoriale ad anello chiuso A

V/f A

L8-07

Selezione protezione fase aperta dell'uscita

La funzione dovrebbe essere disabilitata se la capacit del motore molto bassa rispetto alla capacit dell'inverter. In caso contrario, possibile che vengano segnalati falsi errori di fase aperta dell'uscita.

Protezione massa a terra


Questa funzione rileva la corrente di dispersione a massa calcolando la somma delle tre correnti in uscita, che in genere dovrebbe essere 0. Se la corrente di dispersione a massa sale troppo, l'uscita dell'inverter verr disattivata e verr visualizzato l'errore GF sul display. Verr inoltre attivato il contatto degli errori.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 1 Modificabile durante il funzionamento No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A Vettoriale ad anello chiuso A

V/f A

L8-09

Selezione protezione di terra

Non consigliabile disabilitare questa funzione.

Controllo ventola di raffreddamento


Questa funzione comanda la ventola montata sul dissipatore di calore dell'inverter.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 0 60 s Modificabile durante il funzionamento No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A A A Vettoriale ad anello chiuso A A

V/f A A

L8-10 L8-11

Selezione controllo ventola di raffreddamento Ritardo controllo ventola di raffreddamento

6-61

Selezione del controllo della ventola di raffreddamento


Utilizzando il parametro L8-10 possibile selezionare due modi: 0:La ventola in funzione solo quando l'uscita dell'inverter ON, cio in presenza di tensione in uscita. Questa l'impostazione di fabbrica. 1:La ventola in funzione quando l'inverter alimentato. Se L8-10 impostato su 0, il ritardo di spegnimento della ventola pu essere impostato nel parametro L8-11. Dopo un comando di arresto, l'inverter attende per il periodo di tempo impostato prima di spegnere la ventola. Il valore predefinito 60 s.

Impostazione della temperatura ambiente


Con temperature ambiente elevate bisogna considerare una diminuzione della corrente di uscita. La diminuzione dipende dalla temperatura ambiente e dalla struttura protettiva dell'inverter. La curva di diminuzione della temperatura ambiente mostrata nella Fig. 6.64. Per garantire una protezione sicura dell'inverter a temperature ambiente elevate, impostare sempre il parametro L8-15 sulla temperatura ambiente attuale.

Corrente di uscita come percentuale della corrente nominale

10 0

80

60

40

IP00 IP20

20

0 0 10 20 30 40 50 60

T emperatura (C)

Fig. 6.64 Curva di diminuzione temperatura ambiente

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 45 C Modificabile durante il funzionamento No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A Vettoriale ad anello chiuso A

V/f A

L8-12

Temperatura ambiente

IMPORTANTE

Dato che l'inverter non dispone di rilevamento IP00/IP20, in unit IP20 il valore della temperatura ambiente in L8-12 deve essere impostato su un valore di 5 maggiore rispetto alla temperatura ambiente effettiva.

6-62

Caratteristiche OL2 a bassa velocit


A frequenze di uscita minori di 6 Hz, la capacit di sovraccarico dell'inverter inferiore rispetto a quanto accade per le velocit pi alte, pertanto pu verificarsi un errore OL2 (sovraccarico inverter) anche se la corrente minore del livello di corrente OL2 normale (vedere la Fig. 6.61).
Livello rilevamento OL2* OL2 Detection Level*

150% (120%)* per1 1min. minuto for

75% (60%)* per11min. minuto for

-6 Hz

0 Hz

6 Hz

Velocit Output di uscita Speed

* Notare che il livello OL2 dipende dall'impostazione di C6-01. I valori sono relativi a un carico di lavoro pesante. I valori tra parentesi sono relativi a carico di lavoro normale 1 o 2.

Fig. 6.65 Livello di allarme OL2 a basse frequenze

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 1 Modificabile durante il funzionamento No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A Vettoriale ad anello chiuso A

V/f A

L8-15

Selezione caratteristiche OL2 a bassa velocit

In genere non consigliabile disabilitare questa funzione.

6-63

Funzioni terminale di ingresso


Passaggio temporaneo tra console di programmazione e terminali del circuito di controllo
Gli ingressi del comando di marcia e della frequenza di riferimento dell'inverter possono essere commutati tra le modalit locale e remota.
Locale:la console di programmazione viene utilizzata come sorgente per frequenza di riferimento e

comando di marcia.
Remoto:la sorgente di frequenza di riferimento e comando di marcia pu essere impostata nei parametri

b1-01 e b1-02. Se uno degli ingressi da H1-01 a H1-05 (selezione funzione terminali di ingresso digitale da S3 a S7) stato impostato su 1 (selezione locale/remoto), tale ingresso pu essere utilizzato per passare dalla modalit locale a quella remota e viceversa.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 1 1 Modificabile durante il funzionamento No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto Q Q Q Q Vettoriale ad anello chiuso Q Q

V/f Q Q

b1-01 b1-02

Selezione frequenza di riferimento Selezione sorgente per segnale RUN

Ingressi digitali multifunzione (da H1-01 a H1-05)


Valore impostato Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso S S S

Funzione

V/f

Selezione modalit locale/remota (ON: console di programmazione, OFF: b1-01/02)

INFO

Il passaggio tra la modalit locale e remota pu essere inoltre eseguito utilizzando il tasto LOCAL/ REMOTE sulla console di programmazione. Una volta impostata la funzione Locale/Remoto per un terminale esterno, la funzione del tasto LOCAL/REMOTE della console di programmazione viene disabilitata.

Blocco dell'uscita dell'inverter (comandi blocco delle basi)


Mediante un comando di blocco delle basi possibile interrompere immediatamente l'uscita dell'inverter. In questo caso il motore inizier ad arrestarsi per inerzia. Se il comando di blocco delle basi viene annullato, l'uscita dell'inverter riprender a funzionare. Se abilitata la ricerca della velocit, l'inverter rileva la velocit del motore e il funzionamento riprende dalla velocit rilevata. Se invece la ricerca della velocit disabilitata, il funzionamento riprende dalla frequenza di riferimento attiva prima del comando di blocco delle basi. Per utilizzare la funzione di blocco delle basi, uno degli ingressi digitali deve essere impostato per il blocco delle basi, ossia uno dei parametri da H1-01 a H1-05 (selezione funzione terminali di ingresso digitale da S3 a S7) deve essere impostato su 8 o su 9 (comando di blocco delle basi NO/NC).

6-64

Ingressi digitali multifunzione (da H1-01 a H1-05)


Valore impostato 8 9 Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso S S S S S S

Funzione

V/f

Blocco delle basi esterno NO (contatto normalmente aperto: blocco delle basi quando su ON) Blocco delle basi esterno NC (contatto normalmente chiuso: blocco delle basi quando su OFF)

S S

Diagramma di funzionamento
Il diagramma di funzionamento relativo all'uso del comando di blocco delle basi illustrato nella Fig. 6.66.
OFF ON
Funzionamento in avanti/arresto Comando blocco di base
Immissi

Annullato

Frequenza di riferimento

Frequenza di uscita

Ricerca della velocit o funzionamento con la precedente frequenza di riferimento

Arresto per inerzia

Fig. 6.66 Comandi di blocco delle basi

IMPORTANTE

Quando si utilizza un contattore tra l'inverter e il motore, eseguire sempre un comando di blocco delle basi prima di aprire il contattore.

Ingresso segnale di allarme OH2 (surriscaldamento)


Valore impostato B Funzione Ingresso allarme OH2 (ON: viene visualizzato OH2) V/f S V/f con PG S Metodi di controllo Vettoriale Vettoriale ad anello ad anello aperto chiuso S S

Se per questa funzione programmato un ingresso digitale (H1=B), possibile visualizzare sul display un messaggio di allarme OH2 impostando tale ingresso su ON. Il contatto degli errori non verr attivato.

Abilitazione/Disabilitazione ingresso analogico multifunzione A2


Valore impostato C Funzione Abilitazione/Disabilitazione ingresso analogico A2 (ON: abilitato) V/f S Metodi di controllo Vettoriale Vettoriale V/f con ad anello ad anello PG aperto chiuso S S S

Se per questa funzione programmato un ingresso digitale (H1=C), possibile abilitare o disabilitare l'ingresso analogico A2 commutando l'ingresso digitale su ON/OFF (ON: ingresso analogico A2 abilitato).

6-65

Abilitazione/Disabilitazione inverter
Valore impostato 6A Funzione Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso S S S

V/f

Abilitazione/disabilitazione inverter (ON: inverter attivato)

Se per questa funzione programmato un ingresso digitale (H1=6A), possibile abilitare o disabilitare l'inverter commutando l'ingresso digitale su ON/OFF (ON: inverter attivato). Se l'ingresso viene commutato su OFF mentre attivo un comando RUN, l'inverter si arresta utilizzando il metodo di arresto impostato in b1-03.

Interruzione di accelerazione e decelerazione (mantenimento rampa di accelerazione/decelerazione)


possibile utilizzare un ingresso multifunzione per mettere in pausa l'accelerazione o la decelerazione e

mantenere la frequenza di uscita. Per programmare un ingresso digitale per questa funzione, uno dei parametri da H1-01 a H1-05 deve essere impostato su 6A.
L'accelerazione/decelerazione viene mantenuta quando l'ingresso su ON. L'accelerazione/decelerazione viene riavviata quando l'ingresso di mantenimento della rampa di

accelerazione/decelerazione passa a OFF.


Il motore viene arrestato in caso di immissione di un comando di arresto quando l'ingresso di

mantenimento della rampa di accelerazione/decelerazione su ON.

Quando il parametro d4-01 (selezione della funzione di mantenimento della frequenza di riferimento)

impostato su 1, la frequenza mantenuta viene memorizzata in memoria. La frequenza memorizzata viene conservata come frequenza di riferimento anche a seguito di una caduta di tensione e il motore viene riavviato a questa frequenza alla ricezione di un nuovo comando di marcia.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 0 Modificabile durante il funzionamento No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A Vettoriale ad anello chiuso A

V/f A

d4-01

Selezione funzione di mantenimento della frequenza di riferimento

Ingressi digitali multifunzione (da H1-01 a H1-05)


Valore impostato Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso S S S

Funzione

V/f

Mantenimento rampa di accelerazione/decelerazione (ON: mantenimento attivo)

6-66

Diagramma di funzionamento
Nella Fig. 6.67 illustrato il diagramma di funzionamento relativo all'utilizzo dei comandi di mantenimento rampa di accelerazione/decelerazione.
Alimentazione Avanti/Arresto Mantenimento rampa di accelerazione/decelerazione Frequenza di riferimento
OFF ON OFF OFF ON

OFF

ON

OFF

ON

Frequenza di uscita

Mantenimento

Mantenimento

Fig. 6.67 Mantenimento rampa di accelerazione/decelerazione

Aumento e riduzione delle frequenze di riferimento mediante segnali a contatto (UP/DOWN)


Utilizzando i comandi UP e DOWN possibile aumentare e diminuire le frequenze di riferimento commutando una coppia di ingressi digitali. Per utilizzare questa funzione, impostare due dei parametri da H1-01 a H1-05 (selezione funzione terminali di ingresso digitale da S3 a S7) su 10 (comando UP) e su 11 (comando DOWN). Accertarsi di assegnare due terminali, in modo che i comandi UP e DOWN possano essere utilizzati in coppia. In caso contrario verr visualizzato un allarme OPE03. La tabella seguente riporta le combinazioni possibili dei comandi UP e DOWN e l'operazione corrispondente.
Operazione Comando UP Comando DOWN Accelerazione ON OFF Decelerazione OFF ON ON ON Mantenimento OFF OFF

La modifica della frequenza di riferimento dipende dai tempi di accelerazione e decelerazione. Accertarsi di impostare b1-02 (selezione comando di marcia) su 1 (terminale del circuito di controllo). Ingressi digitali multifunzione (da H1-01 a H1-05)
Valore impostato 10 11 Comando UP Comando DOWN Funzione V/f S S V/f con PG S S Metodi di controllo Vettoriale ad anello aperto S S Vettoriale ad anello chiuso S S

Modalit d'uso
Modalit di impostazione Se i terminali di ingresso multifunzione da S3 a S7 sono impostati come segue, si verificher l'errore di funzionamento OPE03 (selezione ingresso multifunzione non valida):
stato impostato solo il comando UP o DOWN. I comandi UP/DOWN e il mantenimento della rampa di accelerazione/decelerazione sono stati assegnati

contemporaneamente.

6-67

Precauzioni relative all'applicazione


Le frequenze di riferimento che utilizzano i comandi UP/DOWN sono limitate dai limiti inferiore e

superiore della frequenza di riferimento impostati nei parametri da d2-01 a d2-03. In questo caso il valore sull'ingresso A1 diventa il limite inferiore della frequenza di riferimento. Se si utilizza una combinazione della frequenza di riferimento del terminale A1 e del limite inferiore della frequenza di riferimento impostato nel parametro d2-02 o d2-03, il valore pi elevato tra i due diventa il limite inferiore della frequenza di riferimento.
Se come frequenza di riferimento vengono utilizzati i comandi UP/DOWN e viene immesso in ingresso il

comando di marcia, l'inverter accelera fino al limite inferiore della frequenza di riferimento impostato in d2-02.
Durante l'utilizzo dei comandi UP/DOWN, i funzionamenti multipasso sono disabilitati. Quando d4-01 (selezione della funzione di mantenimento della frequenza di riferimento) impostato su 1,

la frequenza di riferimento selezionata tramite le funzioni UP/DOWN rimane memorizzata anche dopo la disattivazione dell'alimentazione. All'attivazione dell'alimentazione, quando viene immesso in ingresso il comando di marcia, il motore accelera fino alla frequenza di riferimento memorizzata. Per azzerare la frequenza di riferimento memorizzata, ossia impostarla su 0 Hz, attivare il comando UP o DOWN mentre il comando di marcia ON.

Esempio di collegamento e diagramma di funzionamento


Di seguito sono riportati il diagramma di funzionamento e un esempio di impostazione relativi a quando il comando UP assegnato al terminale di ingresso digitale S3 e il comando DOWN al terminale S4.
Parametro H1-01 H1-02 Ingresso multifunzione (terminale S3) Ingresso multifunzione (terminale S4) Nome Valore impostato 10 11

6
S1 S2 S3 S4

Inverter Funzionamento in avanti/arresto Funzionamento all'indietro/arresto Comando UP Comando DOWN Neutro ingressi digitali

SN
Segnale analogico da 0 a 10 V

A1

Limite inferiore frequenza di riferimento

c.a.

Fig. 6.68 Esempio di collegamento con i comandi UP/DOWN assegnati

6-68

Frequenza di uscita Limite superiore (d2-01)


Accelerazione fino al limite inferiore

Stessa frequenza

Limite inferiore (d2-02)

Funzionamento in avanti/arresto

Comando UP

Ripristino frequenza di riferimento

Comando DOWN

Raggiungimento velocit di riferimento* Alimentazione * Il segnale di raggiungimento della velocit di riferimento diventa ON quando il motore non in fase di accelerazione/decelerazione mentre il comando di marcia attivo.

Fig. 6.69 Diagramma di funzionamento dei comandi UP/DOWN

Aggiunta/Sottrazione di una velocit fissa a una frequenza di riferimento analogica (controllo ottimizzazione)
La funzione di controllo ottimizzazione aggiunge o sottrae il valore del parametro d4-02 a/da una frequenza di riferimento analogica. Per utilizzare questa funzione, impostare uno dei parametri da H1-01 a H1-05 (selezione funzione terminali di ingresso a contatto multifunzione da S3 a S7) su 1C (comando aumento controllo ottimizzazione) e 1D (comando riduzione controllo ottimizzazione). Accertarsi di assegnare due terminali, in modo che il comando di aumento controllo ottimizzazione e di riduzione controllo ottimizzazione siano utilizzabili in coppia. In caso contrario verr visualizzato un allarme OPE03.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 10% Modificabile durante il funzionamento No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A Vettoriale ad anello chiuso A

V/f A

d4-02

Limiti di velocit controllo ottimizzazione

Ingressi digitali multifunzione (da H1-01 a H1-05)


Valore impostato Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso S S S S S S

Funzione

V/f

1C 1D

Aumento controllo ottimizzazione Riduzione controllo ottimizzazione

S S

6-69

Comando di aumento/riduzione del controllo ottimizzazione e frequenza di riferimento


Di seguito sono riportate le frequenze di riferimento che utilizzano le funzioni ON/OFF del comando di aumento/riduzione del controllo ottimizzazione.
Frequenza di riferimento Terminale del comando aumento controllo ottimizzazione Terminale del comando riduzione controllo ottimizzazione Frequenza di riferimento impostata + d4-02 ON OFF Frequenza di riferimento impostata - d4-02 OFF ON ON ON MANTENIMENTO

OFF OFF

Precauzioni relative all'applicazione


Il comando di aumento/riduzione del controllo ottimizzazione viene abilitato se velocit di riferimento > 0

e proviene da un ingresso analogico (A1 o A2).


Quando (valore frequenza di riferimento - d4-02) < 0, la frequenza di riferimento viene impostata su 0. Se per un terminale di ingresso digitale stato impostato solo un comando di aumento controllo

ottimizzazione o riduzione controllo ottimizzazione, si verificher l'errore di funzionamento OPE03 (selezione ingresso multifunzione non valida).

6-70

Mantenimento della frequenza di riferimento analogica tramite tempistica impostata dall'utente


Quando uno dei parametri da H1-01 a H1-05 (selezione funzione terminali di ingresso digitali da S3 a S7) impostato su 1E (comando di campionamento/mantenimento frequenza di riferimento analogica), la frequenza di riferimento analogica verr mantenuta a partire da 100 ms dopo che il terminale commutato su ON, e da quel momento il funzionamento continuer con quella frequenza.
Il valore analogico di 100 ms dopo l'attivazione del comando viene utilizzato come frequenza di riferimento.

Comando campionamento/ mantenimento Ingresso analogico

Frequenza di riferimento

Fig. 6.70 Campionamento/Mantenimento della frequenza analogica

Parametri correlati
Ingressi digitali multifunzione (da H1-01 a H1-05)
Valore impostato Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso S S S

Funzione

V/f

1E

Mantenimento/Campionamento frequenza di riferimento analogica

Modalit d'uso
Durante l'impostazione e l'esecuzione del campionamento e del mantenimento delle frequenze di riferimento analogiche, osservare le seguenti precauzioni. Modalit di impostazione Durante l'utilizzo del campionamento/mantenimento della frequenza di riferimento analogica, non possibile utilizzare i seguenti comandi contemporaneamente. In caso contrario, si verificher un errore OPE03 (selezione ingresso multifunzione non valida).
Comando di mantenimento rampa di accelerazione/decelerazione Comando UP/DOWN Comando di aumento/riduzione del controllo ottimizzazione

Precauzioni relative all'applicazione


Durante l'esecuzione del campionamento/mantenimento della frequenza di riferimento analogica,

accertarsi di chiudere l'ingresso digitale per almeno 100 ms. Se il tempo di campionamento/mantenimento minore di 100 ms, la frequenza di riferimento non verr mantenuta.
Il valore della frequenza di riferimento mantenuto verr cancellato alla disattivazione dell'alimentazione.

6-71

Selezione della scheda accessoria di comunicazione come sorgente di funzionamento


possibile selezionare la sorgente della frequenza di riferimento e del comando RUN tra una scheda accessoria di comunicazione e le sorgenti selezionate in b1-01 e b1-02. Impostare uno dei parametri da H1-01 a H1-05 (selezione funzione ingressi digitali da S3 a S7) su 2 per abilitare la selezione della sorgente di funzionamento. Se attivo un comando RUN, la commutazione non verr accettata.

Parametri correlati
Ingressi digitali multifunzione (da H1-01 a H1-05)
Valore impostato Funzione Metodi di controllo VettoVettoriale ad V/f con riale ad anello anello PG aperto chiuso S S S

V/f

Selezione sorgente di funzionamento: scheda accessoria/inverter (ON: impostazioni inverter in b1-01 e b1-02, OFF: scheda accessoria)

Precauzioni per l'impostazione


Per utilizzare la funzione di selezione della sorgente di funzionamento, specificare le seguenti impostazioni:
Impostare b1-01 (sorgente frequenza di riferimento) su un valore diverso da 3 (scheda accessoria). Impostare b1-02 (sorgente comando RUN) su un valore diverso da 3 (scheda accessoria). Impostare uno dei parametri da H1-01 a H1-02 su 2.

Frequenza di jog con comandi di direzione (FJOG/RJOG)


La funzione FJOG/RJOG aziona l'inverter alla frequenza di jog. Essa pu essere attivata commutando i terminali su ON/OFF. Se si utilizzano i comandi FJOG/RJOG, non necessario immettere il comando RUN. Per utilizzare questa funzione, impostare uno dei parametri da H1-01 a H1-05 (selezione funzione terminali di ingresso analogici da S3 a S7) su 12 (comando FJOG) o 13 (comando RJOG).

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 6,00 Hz Modificabile durante il funzionamento S Metodi di controllo VettoVettoriale riale ad V/f con ad anello anello PG chiuso aperto Q Q Q

V/f Q

d1-17

Frequenza di riferimento di jog

Ingressi digitali multifunzione (da H1-01 a H1-05)


Valore impostato 12 13 Funzione Comando FJOG (ON: marcia avanti alla frequenza di jog d1-17) Comando RJOG (ON: marcia indietro alla frequenza di jog d1-17) V/f S S Metodi di controllo Vettoriale Vettoriale V/f con ad anello ad anello PG aperto chiuso S S S S S S

Precauzioni relative all'applicazione


Le frequenze di jog che utilizzano i comandi FJOG e RJOG hanno la priorit rispetto alle altre frequenze di

riferimento.
Quando i comandi FJOG e RJOG si trovano contemporaneamente su ON per 500 ms o pi, l'inverter si

arresta in base alle impostazioni del parametro b1-03 (selezione metodo di arresto).

6-72

Arresto dell'inverter in caso di errori su dispositivi esterni (funzione errore esterno)


La funzione di errore esterno attiva l'uscita di contatto degli errori e arresta il funzionamento dell'inverter. Con questa funzione possibile arrestare il funzionamento dell'inverter in caso di guasto o altro errore di un'apparecchiatura periferica. La console di programmazione visualizzer EFx (errore esterno [terminale di ingresso Sx]). La x in EFx indica il numero del terminale di ingresso del segnale di errore esterno. Ad esempio, se un segnale di errore esterno viene inviato al terminale S3, verr visualizzato EF3. Per utilizzare la funzione di errore esterno, impostare un valore tra 20 e 2F in uno dei parametri da H1-01 a H1-05 (selezione funzione terminali di ingresso digitale da S3 a S7). Selezionare il valore da impostare in uno dei parametri da H1-01 a H1-05 in base alla combinazione desiderata per le seguenti tre condizioni:
Livello di ingresso segnale da dispositivi periferici Metodo di rilevamento dell'errore esterno Funzionamento dopo rilevamento errore esterno

Nella seguente tabella illustrata la relazione tra le combinazioni delle condizioni e il valore impostato in H1.
Valore impostato 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 2A 2B 2C 2D 2E 2F S S S S S S S S S S S S S S S S S S S S S S S S S S Livello ingresso (vedere nota *1) Contatto NO S S Contatto NC Metodo rilevamento errore (vedere nota *2) Rilevamento durante Rilevamento funzionacostante mento S S S S Funzionamento durante rilevamento errore Decelerazione fino ad arresto (errore) S S S S S S S S S S S S S S S S Arresto per inerzia (errore) Arresto di emergenza (errore) Funzionamento ininterrotto (avviso)

* 1. Imposta il livello di ingresso a cui viene rilevato l'errore (contatto NO: errore esterno se ON; contatto NC: errore esterno se OFF). * 2. Impostare come metodo di rilevamento degli errori il rilevamento costante o durante il funzionamento. Rilevamento costante: rilevamento per tutto il tempo in cui l'inverter alimentato. Rilevamento durante il funzionamento: rilevamento solo durante il funzionamento dell'inverter.

6-73

Funzioni del terminale di uscita


Tramite i parametri da H2-01 a H2-03 (selezione funzione terminale da M1 a M6) possibile impostare per le uscite multifunzione digitali le funzioni descritte nella seguente sezione.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 0 1 2 Modificabile durante il funzionamento No No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A A A A A Vettoriale ad anello chiuso A A A

V/f A A A

H2-01 H2-02 H2-03

Selezione funzione terminale M1-M2 Selezione funzione terminale M3-M4 Selezione funzione terminale M5-M6

Durante la marcia (impostazione: 0) e durante la marcia 2 (impostazione: 37)


Durante la marcia (impostazione: 0)
OFF ON Il comando di marcia OFF e non presente tensione in uscita. Il comando di marcia ON o presente tensione in uscita.

Durante la marcia 2 (impostazione: 37)


OFF ON L'inverter non emette una frequenza (blocco base, frenatura ad iniezione c.c. o arrestato). L'inverter emette una frequenza.

Queste uscite possono essere utilizzate per indicare lo stato operativo dell'inverter.
Comando di marcia OFF

ON

Comando di blocco delle basi

OFF

ON

Frequenza di uscita

Uscita durante marcia 1

OFF

ON

Uscita durante marcia 2

OFF

ON

Fig. 6.71 Diagramma di funzionamento per l'uscita Durante la marcia

Velocit zero (impostazione: 1)


OFF ON La frequenza di uscita superiore al livello di velocit zero (b2-01). La frequenza di uscita inferiore al livello di velocit zero (b2-01).

Frequenza di uscita

Livello velocit zero (b2-01)

Uscita velocit zero

OFF

ON

Fig. 6.72 Diagramma di funzionamento per velocit zero

6-74

Inverter pronto al funzionamento (impostazione: 6)


Se un'uscita multifunzione programmata per questa funzione, l'uscita verr attivata al completamento senza errori dell'inizializzazione dell'inverter all'avvio.

Durante sottotensione del bus c.c. (impostazione: 7)


Se per questa funzione programmata un'uscita multifunzione, l'uscita rimane attivata fino a quando viene rilevata una sottotensione del bus c.c..

Durante blocco delle basi (impostazione: 8)


Se un'uscita multifunzione stata programmata per questa funzione, l'uscita rimane attivata fino a quando all'uscita dell'inverter applicato un blocco delle basi.

Selezione sorgente frequenza di riferimento (impostazione: 9)


Se un'uscita multifunzione programmata per questa funzione, l'uscita verr attivata quando come sorgente della frequenza di riferimento viene selezionata la console di programmazione. L'uscita verr disattivata alla selezione di una sorgente della frequenza di riferimento diversa.

Stato selezione comando di marcia (impostazione: A)


Se un'uscita multifunzione programmata per questa funzione, l'uscita verr attivata quando come sorgente del comando di marcia viene selezionata la console di programmazione. L'uscita verr disattivata alla selezione di una sorgente del comando di marcia diversa.

Uscita d'errore (impostazione: E)


Se un'uscita multifunzione programmata per questa funzione, l'uscita verr attivata quando si verifica un errore differente da CPF00 e CPF01. L'uscita non viene attivata anche in caso di errori non gravi (vedere pagina 7-2 per un elenco degli errori).

Uscita per errori non gravi (impostazione: 10)


Se un'uscita multifunzione programmata per questa funzione, l'uscita verr attivata quando si verifica un errore non grave (vedere pagina 7-9 per un elenco degli allarmi).

Comando di ripristino dopo errore attivo (impostazione: 11)


Se un'uscita multifunzione impostata per questa funzione, l'uscita rimarr attivata finch presente un comando di ripristino dopo errore su uno degli ingressi digitali.

Durante la marcia indietro (impostazione: 1A)


Se un'uscita multifunzione programmata per questa funzione, l'uscita verr attivata ogni volta che attivo un comando di marcia indietro. Il contatto verr attivato anche durante l'iniezione c.c., la frenatura e il blocco delle basi. Non verr invece attivata quando viene immesso un comando di marcia avanti.

Durante il blocco delle basi 2 (impostazione: 1B)


Se un'uscita multifunzione stata programmata per questa funzione, l'uscita rimarr disattivata per la durata di immissione di un comando di blocco delle basi su un ingresso multifunzione.

6-75

Selezione motore 2 (impostazione: 1C)


Se un'uscita multifunzione programmata per questa funzione, l'uscita verr attivata alla selezione del motore 2.

Durante il funzionamento rigenerativo (impostazione: 1D)


Se un'uscita multifunzione programmata per questa funzione, l'uscita verr attivata quando il motore funziona in modo rigenerativo, cio quando l'energia viene reinviata all'inverter.

Durante la marcia 2 (impostazione: 37)


Se un'uscita multifunzione programmata per questa funzione, l'uscita verr attivata quando viene emessa in uscita una frequenza. L'uscita verr disattivata durante un blocco delle basi, una frenatura ad iniezione c.c. o un arresto.

Inverter attivato (impostazione: 38)


Se un'uscita multifunzione programmata per questa funzione, l'uscita verr attivata quando attivato l'inverter. L'inverter pu essere attivato o disattivato tramite un ingresso digitale multifunzione.

6-76

Parametri di monitoraggio
Utilizzo delle uscite di monitoraggio analogico
Questa sezione descrive l'utilizzo delle uscite di monitoraggio analogico interne.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 2 100% 0,0% 3 50% 0,0% 0 0 Modificabile durante il funzionamento No S S No S S No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A Q A A Q A A A A Q A A Q A A A Vettoriale ad anello chiuso A Q A A Q A A A

V/f A Q A A Q A A A

H4-01 H4-02 H4-03 H4-04 H4-05 H4-06 H4-07 H4-08

Selezione monitoraggio (terminale FM) Guadagno (terminale FM) Polarizzazione (terminale FM) Selezione monitoraggio (terminale AM) Guadagno (terminale AM) Polarizzazione (terminale AM) Selezione livello del segnale di uscita analogica 1 (FM) Selezione livello del segnale di uscita analogica 2 (AM)

Selezione dei parametri per il monitoraggio analogico


Alcuni dei parametri di monitoraggio della console di programmazione (U1[monitoraggio dello stato]) possono essere emessi sui terminali di uscita analogici multifunzione FM-AC e AM-AC. Fare riferimento a pagina 5-64, Parametri monitoraggio stato: U1 e impostare il numero del parametro del gruppo U1 (parte di U1) nel parametro H4-01 o H4-04.

Regolazione dei parametri per il monitoraggio analogico


Regolare la tensione/corrente di uscita per i terminali di uscita analogica multifunzione FM-AC e AM-AC utilizzando il guadagno e la polarizzazione in H4-02, H4-03, H4-05 e H4-06. Il guadagno determina il valore di corrente/tensione dell'uscita analogica corrispondente al 100% del parametro da monitorare. La polarizzazione determina il valore di corrente/tensione dell'uscita analogica corrispondente allo 0% del parametro da monitorare. Notare che la tensione/corrente di uscita massima 10 V/20 mA. Non possibile emettere valori di tensione/ corrente maggiore di tali valori.

6-77

Esempi di regolazione Nei tre esempi della Fig 6.69 illustrata l'influenza delle impostazioni di guadagno e polarizzazione sul canale di uscita analogico.
Tensione/Corrente di uscita

Guadagno: 170% Polarizzazione: 30% 10 V Guadagno: 100% Polarizzazione: 0%

3 V/8,8 mA

Guadagno: 0% Polarizzazione: 100% 100%

0V

Parametro da monitorare (ad esempio la frequenza di uscita)

Fig. 6.73 Regolazione uscita di monitoraggio

Commutazione sui livelli di segnale per il monitoraggio analogico


I valori di alcuni parametri di monitoraggio possono essere positivi o negativi. Quando sull'uscita analogica vengono emessi tali parametri, il livello del segnale deve essere impostato sulla gamma da 10 V a +10 V (H4-07/08 = 1). I valori negativi saranno emessi in uscita sotto forma di tensione negativa (da 10 V a 0) e i valori positivi sotto forma di tensione positiva (da 0 a +10 V). Per i parametri di monitoraggio che possono avere valori positivi o negativi, vedere pagina 5-64, Parametri monitoraggio stato: U1.

Entrambe le uscite analogiche possono anche creare un segnale di corrente da 4-20 mA. A tal fine i parametri H4-07 e H4-08 devono essere impostati su 2. Inoltre il ponticello CN15 deve essere impostato sull'uscita di corrente per ciascun canale. Vedere pagina 2-23, Ponticello CN15 e selettore DIP S1 per informazioni dettagliate relativi all'impostazione dei ponticelli.

Utilizzo dell'uscita di monitoraggio a treno di impulsi


Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 2 1440 Hz Modificabile durante il funzionamento S S Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A A A Vettoriale ad anello chiuso A A

V/f A A

H6-06 H6-07

Selezione monitoraggio a treno di impulsi Scala monitoraggio a treno di impulsi

Selezione dei parametri per il monitoraggio a impulsi


Alcuni dei parametri di monitoraggio della console di programmazione (U1[monitoraggio dello stato]) possono essere emessi sul terminale di monitoraggio a impulsi MP-AC. Fare riferimento a pagina 5-64, Parametri monitoraggio stato: U1 e impostare la parte di U1(monitoraggio dello stato) per H6-06.

Regolazione dei parametri per il monitoraggio a impulsi


Per regolare la scala dell'uscita di frequenza a impulsi, impostare nel parametro H6-07 il valore della frequenza a impulsi corrispondente al 100% del parametro da monitorare. Impostare H6-06 su 2 e H6-07 su 0 per sincronizzare la frequenza di uscita con la frequenza di uscita di fase U dell'inverter.

6-78

Precauzioni relative all'applicazione


Quando si utilizza l'uscita di monitoraggio a impulsi, collegare un dispositivo periferico in base alle seguenti condizioni di carico. In condizioni di carico diverse si rischia di produrre caratteristiche insufficienti o danneggiare l'inverter.
Tensione di uscita (isolata) VRL (V) Min. +5 V Min. +8 V Min. +10 V Impedenza di carico

Impedenza di carico 1,5 k min. 3,5 k min. 10 k min.

Alimentazione esterna Alimentazione esterna (V) Corrente massima 12 Vc.c.10%, 15 Vc.c. 10% 16 mA Impedenza di carico Corrente assorbita NPN

6-79

Funzioni singole
Utilizzo della comunicazione MEMOBUS
Le comunicazioni seriali con un PLC (Programmable Logic Control) o dispositivi simili possono essere effettuate utilizzando il protocollo MEMOBUS.

Configurazione comunicazione MEMOBUS


La comunicazione MEMOBUS viene configurata utilizzando un master (PLC) e un massimo di 31 slave. In genere la comunicazione seriale tra master e slave viene avviata dal master, mentre lo slave risponde. Il master effettua la comunicazione seriale solo con uno slave alla volta. Di conseguenza, necessario impostare l'indirizzo di ciascuno slave, affinch il master possa eseguire la comunicazione seriale utilizzando tale indirizzo. Uno slave che riceve un comando dal master esegue la funzione specificata e invia una risposta al master.
PLC

Inverter

Inverter

Inverter

Fig. 6.74 Esempio di collegamenti tra PLC e inverter

Specifiche di comunicazione
Nella seguente tabella sono riportate le specifiche di comunicazione MEMOBUS.
Elemento Interfaccia Ciclo di comunicazione RS-422, RS-485 Asincrono (sincronizzazione di avvio/arresto) Velocit di trasmissione: Parametri di comunicazione Lunghezza dati: Parit: Bit di stop: Protocollo di comunicazione Numero di moduli collegabili MEMOBUS 31 moduli al massimo selezionabile un valore tra 1.200, 2.400, 4.800, 9.600 e 19.200 bps. 8 bit fissi selezionabile tra pari, dispari o nessuna. 1 bit fisso Specifiche

6-80

Terminali di collegamento per la comunicazione


La comunicazione MEMOBUS utilizza i seguenti terminali: S+, S-, R+ e R-. Abilitare la resistenza di terminazione posizionando su ON il pin 1 del selettore S1 solo per l'ultimo inverter, dal punto di vista del PLC.
S+

S-

S1 O F F 1 2

RS-422A o RS-485

Resistenza di terminazione

R+

S1
R-

Resistenza di terminazione (1/2W, 110 Ohm)

Fig. 6.75 Collegamento dei terminali di comunicazione


1. Separare i cavi di comunicazione dai cavi del circuito principale e dagli altri cavi di alimentazione e cablaggio. 2. Utilizzare cavi schermati come cavi di comunicazione e utilizzare morsetti schermati adatti. 3. Quando si utilizza la comunicazione RS-485, collegare S+ a R+ e S- a R-, sull'esterno dell'inverter, come illustrato nella figura sottostante.

IMPORTANTE

6
Procedura di comunicazione con il PLC
Attenersi alla seguente procedura per eseguire la comunicazione con il PLC. 1. Disattivare l'alimentazione e collegare il cavo di comunicazione tra il PLC e l'inverter. 2. Attivare l'alimentazione. 3. Impostare i parametri di comunicazione richiesti (da H5-01 a H5-07) utilizzando la console di programmazione. 4. Disattivare l'alimentazione e verificare che sul display della console di programmazione non sia visualizzato nulla. 5. Attivare nuovamente l'alimentazione. 6. Eseguire la comunicazione con il PLC.

6-81

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 1 1 1F * 3 0 3 1 5 ms 1 Modificabile durante il funzionamento No No No No No No No No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto Q Q A A A A A A A Q Q A A A A A A A Vettoriale ad anello chiuso Q Q A A A A A A A

V/f Q Q A A A A A A A

b1-01 b1-02 H5-01 H5-02 H5-03 H5-04 H5-05 H5-06 H5-07

Selezione sorgente di riferimento Selezione sorgente per segnale RUN Indirizzo stazione Selezione velocit di trasmissione Selezione parit per comunicazione Selezione rilevamento errore di comunicazione Selezione rilevamento errore di comunicazione Tempo di attesa invio Controllo RTS ON/OFF

* Impostare H5-01 su 0 per disabilitare le risposte dell'inverter alla comunicazione MEMOBUS.

La comunicazione MEMOBUS consente di eseguire le seguenti operazioni indipendentemente dalle impostazioni in b1-01 e b1-02.
Monitoraggio dello stato di funzionamento dell'inverter Impostazione e lettura dei parametri Ripristino dopo errore Selezione di comandi multifunzione (tra i comandi multifunzione immessi dal PLC e quelli immessi dai

terminali di ingresso digitali da S3 a S7 viene eseguita un'operazione OR)

Formato dei messaggi

Nella comunicazione MEMOBUS, il master invia i comandi allo slave e lo slave risponde. Il formato dei messaggi viene configurato sia per l'invio sia per la ricezione nel modo riportato di seguito e la lunghezza dei pacchetti dati dipende dal contenuto del comando (funzione).
Indirizzo slave Codice funzione

Dati

Controllo degli errori

Lo spazio tra i messaggi deve soddisfare le seguenti condizioni:


Da PLC a inverter Messaggio comando Da inverter a PLC Messaggio risposta Da PLC a inverter Messaggio comando Tempo (secondi)

Lungo 24 bit

Impostazi Lungo 24 bit one di

5 ms min.

Fig. 6.76 Spaziatura messaggi

Indirizzo slave Impostare l'indirizzo dell'inverter su un valore tra 0 e 31. Se si imposta 0, i comandi provenienti dal master verranno ricevuti da tutti gli slave (vedere la sezione "Dati di trasmissione broadcast" nella pagine seguenti).

6-82

Codice funzione Il codice funzione specifica il comando. Sono disponibili i tre codici funzione riportati nella seguente tabella.
Messaggio di comando Codice funzione (esadecimale) 03H 08H 10H Funzione Min. (byte) 8 8 11 Max. (byte) 8 8 41 Messaggio di risposta Min. (byte) 7 8 8 Max. (byte) 37 8 8

Lettura del contenuto del registro di memoria Test loopback Scrittura di pi registri di memoria

Dati Configurare dati consecutivi combinando l'indirizzo del registro di memoria (codice test per un indirizzo di loopback) e i dati contenuti nel registro. La lunghezza dei dati varia in base ai dettagli del comando. Controllo errori Eventuali errori durante la comunicazione vengono rilevati utilizzando CRC-16 (controllo ridondanza ciclica con il metodo checksum). Il risultato del calcolo del checksum memorizzato in un canale dati (16 bit), il cui valore iniziale FFFH. Il valore di questo canale viene manipolato utilizzando le operazioni di OR esclusivo e SHIFT insieme con il pacchetto dati da inviare (indirizzo slave, codice di funzione, dati) e il valore fisso A001H. Alla fine del calcolo, il canale dati contiene il valore checksum. Il checksum viene calcolato nel modo seguente: 1. Il valore iniziale del canale dati a 16 bit (utilizzato per il calcolo) viene impostato su FFFFH. 2. Viene eseguita un'operazione di OR esclusivo tra valore iniziale e indirizzo dello slave. 3. Sul risultato viene eseguita un'operazione di SHIFT a destra finch il bit di overflow diventa 1. 4. Viene quindi eseguita un'operazione di OR esclusivo tra il risultato al passaggio 3 e il valore fisso A001H. 5. Dopo 8 operazioni di SHIFT (ogni volta che il bit di overflow diventa 1 viene eseguita un'operazione di OR esclusivo come descritto al passaggio 4), viene eseguita un'operazione di OR esclusivo tra il risultato delle operazioni precedenti e il successivo pacchetto dati (codice funzione a 8 bit). A questo punto viene eseguito 8 volte lo SHIFT del risultato di questa operazione, se necessario eseguendo operazioni di OR esclusivo con il valore fisso A001H. 6. Gli stessi passaggi vengono eseguiti con i dati, prima con il byte pi alto poi con quello pi basso, fino a processare tutti i dati. 7. Il risultato di queste operazioni il valore di checksum, composto da un byte alto e da un byte basso.

6-83

Per una chiarificazione del metodo di calcolo, fare riferimento al seguente esempio che illustra il calcolo di un codice CRC-16 con l'indirizzo slave 02H (0000 0010) e il codice funzione 03H (0000 0011). Il codice CRC-16 risultante D1H per il byte basso e 40H per il byte alto. Il calcolo di questo esempio non in realt completo, in quanto normalmente al codice di funzione seguono i dati.
Calcoli 1111 1111 1111 1111 0000 0010 1111 1111 1111 1101 0111 1111 1111 1110 1010 0000 0000 0001 1101 1111 1111 1111 0110 1111 1111 1111 1010 0000 0000 0001 1100 1111 1111 1110 0110 0111 1111 1111 0011 0011 1111 1111 1010 0000 0000 0001 1001 0011 1111 1110 0100 1001 1111 1111 0010 0100 1111 1111 1010 0000 0000 0001 1000 0100 1111 1110 0100 0010 0111 1111 0010 0001 0011 1111 1010 0000 0000 0001 1000 0001 0011 1110 0000 0011 Risultato OR esclusivo Codice funzione Risultato OR esclusivo 1 Shift 1 0 1 Risultato OR esclusivo Shift 7 Shift 8 0 1 Risultato OR esclusivo Shift 5 Shift 6 0 1 Risultato OR esclusivo Shift 3 Shift 4 1 Risultato OR esclusivo Shift 2 1 Overflow Descrizione Valore iniziale Indirizzo Risultato OR esclusivo Shift 1

1000 0001 0011 1101 0100 0000 1001 1110 1010 0000 0000 0001 1110 0000 1001 1111 0111 0000 0100 1111 1010 0000 0000 0001 1101 0000 0100 1110 0110 1000 0010 0111 0011 0100 0001 0011 1010 0000 0000 0001 1001 0100 0001 0010 0100 1010 0000 1001 0010 0101 0000 0100 1010 0000 0000 0001 1000 0101 0000 0101 0100 0010 1000 0010 1010 0000 0000 0001 1110 0010 1000 0011 0111 0001 0100 0001 1010 0000 0000 0001 1101 0001 0100 0000 D1H Byte alto 40H Byte basso 1 1 0 1 0 1 1

Risultato OR esclusivo Shift 2

Risultato OR esclusivo Shift 3 Shift 4

Risultato OR esclusivo Shift 5 Shift 6

Risultato OR esclusivo Shift 7

Risultato OR esclusivo Shift 8

Risultato OR esclusivo Risultato CRC-16

6-84

Esempio di messaggio MEMOBUS


Di seguito viene riportato un esempio di messaggio di comando/risposta MEMOBUS. Lettura del contenuto del registro di memoria dell'inverter In un'unica operazione possibile leggere il contenuto di massimo 16 registri di memoria dell'inverter. Insieme ad altro, il messaggio di comando deve contenere l'indirizzo iniziale del primo registro e il numero di registri da leggere. Il messaggio di risposta includer il contenuto del primo registro specificato e di quelli consecutivi in base al numero richiesto. Il contenuto del registro di memoria suddiviso in 8 bit alti e 8 bit bassi. Nelle seguenti tabelle sono riportati degli esempi di messaggi per la lettura di segnali di stato, dettagli sugli errori, stato di data link e delle frequenze di riferimento dall'inverter slave 2.
Messaggio di comando Indirizzo slave Codice funzione Indirizzo iniziale Quantit Superiore Inferiore Superiore Inferiore Superiore Inferiore 02H 03H 00H 20H 00H 04H 45H F0H Messaggio di risposta (durante il funzionamento normale) Indirizzo slave Codice funzione Quantit di dati 1 registro di memoria Registro di memoria successivo Registro di memoria successivo Registro di memoria successivo CRC-16 Superiore Inferiore Superiore Inferiore Superiore Inferiore Superiore Inferiore Superiore Inferiore 02H 03H 08H 00H 65H 00H 00H 00H 00H 01H F4H AFH 82H Messaggio di risposta (in caso di errore) Indirizzo slave Codice funzione Codice di errore CRC-16 Superiore Inferiore 02H 83H 03H F1H 31H

CRC-16

Test loopback Quando si esegue il test loopback i messaggi di comando vengono direttamente restituiti come messaggi di risposta senza alcuna modifica del contenuto al fine di verificare la comunicazione tra il master e lo slave. possibile impostare un codice test e valori dei dati definiti dall'utente. La tabella seguente mostra un esempio di messaggio per l'esecuzione di un test loopback con lo slave n. 1.
Messaggio di comando Indirizzo Codice funzione Codice test Superiore Inferiore Superiore Inferiore Superiore Inferiore 01H 08H 00H 00H A5H 37H DAH 8DH Messaggio di risposta (durante il funzionamento normale) Indirizzo Codice funzione Codice test Superiore Inferiore Superiore Inferiore Superiore Inferiore 01H 08H 00H 00H A5H 37H DAH 8DH Indirizzo Codice funzione Codice errore CRC-16 Superiore Inferiore Messaggio di risposta (in caso di errore) 01H 89H 01H 86H 50H

Dati

Dati

CRC-16

CRC-16

6-85

Scrittura in pi registri di memoria dell'inverter La scrittura nei registri di memoria dell'inverter funziona in maniera simile al processo di lettura, ossia necessario impostare nel messaggio di comando l'indirizzo del primo registro e il numero di registri in cui scrivere. I dati da scrivere devono essere consecutivi, a partire dall'indirizzo specificato nel messaggio di comando. L'ordine dei dati deve prevedere 8 bit alti seguiti da 8 bit bassi e corrispondere a quello degli indirizzi dei registri di memoria. La tabella seguente mostra l'esempio di un messaggio che imposta il funzionamento in avanti con una frequenza di riferimento di 60,0 Hz per l'inverter con l'indirizzo slave 01H.
Messaggio di comando Indirizzo slave Codice funzione Indirizzo iniziale Quantit Superiore Inferiore Superiore Inferiore 01H 10H 00H 01H 00H 02H 04H 00H 01H 02H 58H 63H 39H * N. di dati = 2 x (quantit) Messaggio di risposta (durante il funzionamento normale) Indirizzo slave Codice funzione Indirizzo iniziale Quantit Superiore Inferiore Superiore Inferiore Superiore Inferiore 01H 10H 00H 01H 00H 02H 10H 08H Messaggio di risposta (in caso di errore) Indirizzo slave Codice funzione Codice di errore CRC-16 Superiore Inferiore 01H 90H 02H CDH C1H

N. di dati Dati iniziali Superiore Inferiore Superiore Inferiore Superiore Inferiore

CRC-16

Dati successivi

CRC-16

IMPORTANTE

Notare che viene presa una quantit di dati pari al doppio del numero specificato nel messaggio di comando.

6-86

Tabelle dei dati


Di seguito sono riportate le tabelle relative ai dati. I tipi di dati disponibili sono dati di riferimento, dati di monitoraggio e dati di trasmissione broadcast. Dati di riferimento Di seguito riportata la tabella dei dati di riferimento. Questi dati possono essere letti e scritti, ma non possono essere utilizzati per le funzioni di monitoraggio.
Indirizzo registro 0000H Riservato Comandi di marcia e di ingresso Bit 0 Bit 1 Bit 2 Bit 3 Bit 4 0001H Bit 5 Bit 6 Bit 7 Bit 8 Bit 9 Bit A Da bit B a F 0002H Da 0003H a 0005H 0006H 0007H 0008H Marcia avanti Marcia indietro Errore esterno Comando di ripristino ComNet ComCtrl Comando di ingresso multifunzione 3 Comando di ingresso multifunzione 4 Comando di ingresso multifunzione 5 Comando di ingresso multifunzione 6 Comando di ingresso multifunzione 7 Non utilizzati Descrizione

Frequenza di riferimento (unit impostate nel parametro o1-03) Non utilizzati Valore di riferimento PID Impostazione uscita analogica 1 (da -11 V/-726 a 11 V/726) 10 V = 660 Impostazione uscita analogica 2 (da -11 V/-726 a 11 V/726) 10 V = 660 Impostazione uscita contatto multifunzione Bit 0 Bit 1 Bit 2 Uscita contatto 1 (terminale M1-M2) Uscita contatto 2 (terminale M3-M4) Uscita contatto 3 (terminale M5-M6) Non utilizzati Abilita/Disabilita l'impostazione del contatto errori (terminale MA-MC) utilizzando il bit 7 1: ON 0: OFF Contatto errori (terminale MA-MC) Non utilizzati 1: ON 0: OFF 1: ON 0: OFF 1: ON 0: OFF 1: ON 0: OFF

0009H

Bit da 3 a 5 Bit 6 Bit 7 Bit da 8 a F

Da 000AH a 000EH

Non utilizzati Impostazioni per la selezione della frequenza di riferimento Bit 0 Bit 1 Non utilizzato Valore di riferimento PID ingresso Non utilizzati Ingresso terminale dati di trasmissione broadcast S5 Ingresso terminale dati di trasmissione broadcast S6 Ingresso terminale dati di trasmissione broadcast S7 Non utilizzato 1: abilitato 0: disabilitato 1: abilitato 0: disabilitato 1: abilitato 0: disabilitato 1: abilitato 0: disabilitato

000FH

Bit da 3 a B C D E F

Nota:Scrivere 0 in tutti i bit non utilizzati e non scrivere dati nei registri riservati.

6-87

Dati di monitoraggio La tabella seguente mostra i dati di monitoraggio. I dati di monitoraggio possono essere solo letti.
Indirizzo registro. Segnale di stato dell'inverter Bit 0 Bit 1 Bit 2 0010H Bit 3 Bit 4 Bit 5 Bit 6 Bit 7 Bit da 8 a F Durante la marcia Velocit zero Durante il funzionamento all'indietro Segnale di ripristino dopo errore attivo Durante il raggiungimento velocit Inverter pronto Errore non grave Errore grave Non utilizzati Descrizione

Stato console di programmazione Bit 0 0011H Bit 1 Bit 2 Bit 3, 4 Bit da 5 a F 0012H 0013H Numero errore OPE Non utilizzato Contenuto errore 1 Bit 0 Bit 1 Bit 2 Bit 3 Bit 4 PUF, fusibile bus c.c. guasto UV1 UV2 UV3 Non utilizzato GF, errore di terra OC, sovracorrente OV, sovratensione del bus c.c. OH, preallarme di surriscaldamento dissipatore inverter OH1, surriscaldamento dissipatore inverter OL1, sovracorrente del motore OL2, sovraccarico dell'inverter OL3, rilevamento sovracoppia 1 OL4, rilevamento sovracoppia 2 RR, errore transistor di frenatura interno RH, surriscaldamento resistore di frenatura installato sull'inverter Durante allarme OPE Durante errore Console in modalit programmazione 00: JVOP-160 installato, Non utilizzati 01: JVOP-161 installato, 11: PC collegato

6
0014H

Bit 5 Bit 6 Bit 7 Bit 8 Bit 9 Bit A Bit B Bit C Bit D Bit E Bit F Contenuto errore 2 Bit 0 Bit 1 Bit 2 Bit 3 Bit 4 Bit 5 0015H Bit 6 Bit 7 Bit 8 Bit 9 Bit A Bit B Bit C Bit D

EF3, errore esterno impostato sul terminale S3 EF4, errore esterno impostato sul terminale S4 EF5, errore esterno impostato sul terminale S5 EF6, errore esterno impostato sul terminale S6 EF7, errore esterno impostato sul terminale S7 Non utilizzato Non utilizzato OS, rilevata velocit eccessiva DEV, rilevata deviazione di velocit PGO, PG scollegato PF, perdita fase di ingresso LF, fase aperta di uscita OH3, preallarme surriscaldamento motore (ingresso analogico PTC) OPR, console di programmazione scollegata

6-88

Indirizzo registro. 0015H Bit E Bit F Contenuto errore 3 Bit 0 Bit 1 Bit 2/3 Bit 4 0016H Bit 5 Bit 6 Bit 7 Bit 8 Bit 9 Bit A Bit da B a F Contenuto errore CPF 1 Bit 0/1 Bit 2 0017H Bit 3 Bit 4 Bit 5 Bit 6 Bit da 7 a F Contenuto errore CPF 2 Bit 0 0018H Bit 1 Bit 2 Bit 3 Bit da 4 a F Contenuto allarme 1 Bit 0 Bit 1 Bit 2 Bit 3 Bit 4 Bit 5 0019H Bit 6 Bit 7 Bit 8 Bit 9 Bit A Bit B Bit C Bit D/E Bit F Contenuto allarme 2 Bit 0 Bit 1 Bit 2 001AH Bit 3 Bit 4 Bit 5 Bit 6 Bit 7 Non utilizzato DEV, deviazione velocit PGO, PG scollegato UV, sottotensione del bus c.c. OV, sovratensione del bus c.c. CPF20 CPF21 CPF22 CPF23 Non utilizzati Non utilizzati CPF02 CPF03 Non utilizzato CPF05 CPF06 Non utilizzati ERR,

Descrizione OH4, surriscaldamento motore (ingresso analogico PTC)

CE, errore comunicazione MEMOBUS BUS, errore scheda accessoria di comunicazione Non utilizzati CF, errore di controllo Non utilizzato EF0, errore esterno da scheda accessoria di ingresso FBL, perdita retroazione PID UL3, rilevamento sottocoppia 1 UL4, rilevamento sottocoppia 2 OL7, sovraccarico frenatura ad alto scorrimento Non utilizzati

OH, preallarme di surriscaldamento dissipatore inverter OH2, ingresso allarme surriscaldamento inverter mediante un ingresso digitale OL3, rilevamento sovracoppia 1 OL4, rilevamento sovracoppia 2 EF, ingresso avanti/indietro impostato contemporaneamente BB, blocco delle basi attivo EF3, allarme esterno impostato sul terminale S3 EF4, allarme esterno impostato sul terminale S4 EF5, allarme esterno impostato sul terminale S5 EF6, allarme esterno impostato sul terminale S6 EF7, allarme esterno impostato sul terminale S7 Non utilizzati OS, allarme velocit eccessiva

OPR, console di programmazione scollegata CE, errore comunicazione MEMOBUS CALL, comunicazione in standby OL1, sovracorrente del motore OL2, sovraccarico dell'inverter

6-89

Indirizzo registro. Bit da 8 ad A Bit B 001AH Bit C Bit D Bit E Bit F Contenuto allarme 3 001BH Bit 0 Bit 1 Bit da 2 a F Stato inverter Bit 0 Bit 1 Bit 2 0020H Bit 3 Bit 4 Bit 5 Bit 6 Bit 7 Bit da 8 a F Dettagli errore Bit 0 Bit 1 Bit 2 Bit 3 Bit 4 Funzionamento in avanti Funzionamento all'indietro Non utilizzato Non utilizzati FBL, perdita retroazione PID CALL, comunicazione in standby UL3, rilevamento sottocoppia 1 UL4, rilevamento sottocoppia 2 Non utilizzato

Descrizione

OH3, preallarme surriscaldamento motore Non utilizzato

Avvio inverter completato 1: completato 2: non completato Errore Errore di impostazione dati Uscita contatto multifunzione 1 (terminale M1 - M2) Uscita contatto multifunzione 2 (terminale M3 - M4) Uscita contatto multifunzione 3 (terminale M5 - M6) Non utilizzati 1: ON 0: OFF 1: ON 0: OFF 1: ON 0: OFF

Errore di terra (GF) per sovracorrente (OC) Sovratensione circuito principale (OV) Sovracorrente inverter (OL2) Surriscaldamento inverter (OH1, OH2) Surriscaldamento resistenza/transistor di frenatura (rr, rH) Fusibile guasto (PUF) Retroazione PID persa (FbL) Errore esterno (EF, EFO) Errore scheda di controllo (CPF) Rilevata sovracorrente del motore (OL1) o sovracoppia 1 (OL3) Rilevato cavo PG spezzato (PGO), velocit eccessiva (OS), deviazione di velocit (DEV) Rilevata sottotensione circuito principale (UV) Sottotensione circuito principale (UV1), errore alimentazione di controllo (UV2), errore del circuito di prevenzione da sbalzi di tensione (UV3), caduta di tensione Fase di uscita mancante (LF) Errore di comunicazione MEMOBUS (CE) Console di programmazione scollegata (OPR)

6
0021H

Bit 5 Bit 6 Bit 7 Bit 8 Bit 9 Bit A Bit B Bit C Bit D Bit E Bit F Stato data link Bit 0 Bit 1 0022H Bit 2 Bit 3 Bit 4 Bit da 5 a F 0023H 0024H 0025H 0026H 0027H 0028H 0029H 002AH Frequenza di riferimento Frequenza di uscita

Scrittura dati Non utilizzato Non utilizzato Errore limite superiore e inferiore Errore integrit dati Non utilizzati Monitoraggio di U1-01 Monitoraggio di U1-02

Tensione di uscita (U1-06) Corrente di uscita Potenza di uscita Coppia di riferimento Non utilizzato Non utilizzato U1-03 U1-08 U1-09

6-90

Indirizzo registro. Stato ingresso terminali di controllo Bit 0 Bit 1 Bit 2 002BH Bit 3 Bit 4 Bit 5 Bit 6 Bit da 7 a F Stato inverter Bit 0 Bit 1 Bit 2 Bit 3 Bit 4 Bit 5 Bit 6 002CH Bit 7 Bit 8 Bit 9 Bit A Bit B Bit C Bit D Bit E Bit F Funzionamento 1: in funzione Terminale di ingresso S1 Terminale di ingresso S2

Descrizione 1: ON 0: OFF 1: ON 0: OFF 1: ON 0: OFF 1: ON 0: OFF 1: ON 0: OFF 1: ON 0: OFF 1: ON 0: OFF

Terminale ingresso multifunzione S3 Terminale ingresso multifunzione S4 Terminale ingresso multifunzione S5 Terminale ingresso multifunzione S6 Terminale ingresso multifunzione S7 Non utilizzati

Velocit zero 1: velocit zero Raggiungimento frequenza di riferimento Raggiungimento velocit definita dall'utente Rilevamento frequenza 1 Rilevamento frequenza 2 Avvio inverter completato Rilevamento sottotensione Blocco delle basi 1: raggiungimento 1: raggiungimento

1: frequenza di uscita L4-01 1: frequenza di uscita L4-01 1: avvio completato 1: rilevata

1: blocco delle basi uscita inverter 1: nessuna comunicazione 0: opzione di comunicazione

Modalit frequenza di riferimento Modalit comando di marcia Rilevamento sovracoppia

1: nessuna comunicazione 0: opzione di comunicazione

1: rilevata 1: persa

Perdita frequenza di riferimento

Riavvio abilitato1: esecuzione riavvio Errore (compreso timeout di comunicazione MEMOBUS) 1: si verificato un errore Timeout comunicazioni MEMOBUS 1: timeout sopraggiunto

Stato uscita contatto multifunzione Bit 0 002DH Bit 1 Bit 2 Bit da 3 a F 002EH - 0030H 0031H 0032H - 0037H 0038H 0039H 003AH 003BH 003CH Non utilizzati Tensione c.c. del circuito principale Non utilizzati Retroazione PID (frequenza uscita massima = 100%; risoluzione 0,1%; senza segno) Ingresso PID (frequenza uscita massima = 100%; risoluzione 0,1%; con segno) Uscita PID (frequenza uscita massima = 100%; risoluzione 0,1%; con segno) Numero software CPU Numero software Flash Dettagli errore di comunicazione Bit 0 Bit 1 Bit 2 003DH Bit 3 Bit 4 Bit 5 Bit 6 Bit da 7 a F 003EH 003FH Impostazione kVA Metodo di controllo Errore CRC Lunghezza dati non valida Non utilizzato Errore di parit Errore di overrun Errore di frame Timeout Non utilizzati Uscita contatto multifunzione 1 (terminale M1 - M2) Uscita contatto multifunzione 2 (terminale M3 - M4) Uscita contatto multifunzione 3 (terminale M5 - M6) Non utilizzati 1: ON 0: OFF 1: ON 0: OFF 1: ON 0: OFF

Nota: I dettagli relativi agli errori di comunicazione vengono memorizzati fino a quando non viene immesso in ingresso un comando di ripristino ( possibile eseguire il ripristino anche mentre il modulo in funzione).

6-91

Dati di trasmissione broadcast Utilizzando i dati di trasmissione broadcast, possibile inviare un comando a tutti gli slave in una volta. L'indirizzo dello slave nel messaggio di comando deve essere impostato su 00H. Tutti gli slave riceveranno il messaggio, ma non risponderanno. La tabella seguente mostra i dati di trasmissione broadcast. anche possibile scrivere tali dati.
Indirizzo registro Segnale di funzionamento Bit 0 Bit 1 Bit 2 e 3 Bit 4 0001H Bit 5 Bit da 6 a B Bit C *1 Bit D *1 Bit E *1 Bit F 0002H Marcia avanti Marcia indietro Non utilizzati Errore esterno 1 Ripristino dopo errore 1 Non utilizzati Ingresso terminale digitale multifunzione S5 Ingresso terminale digitale multifunzione S6 Ingresso terminale digitale multifunzione S7 Non utilizzato Descrizione

Frequenza di riferimento

Nota:I segnali di bit non definiti nei segnali di trasmissione utilizzano i segnali di ingresso/uscita locali dell'inverter. * L'impostazione di questi bit su 1 viene accettata solo se i bit C, D e/o E nel registro 000FH (dati di riferimento) sono impostati su 1 per l'inverter su cui devono essere abilitati gli ingressi S5, S6 e S7.

Codici di errore dell'inverter


Il contenuto di un errore di corrente e degli errori verificatisi precedentemente possono essere letti utilizzando MEMOBUS dai parametri di traccia errori (U2) e di storico errori (U3). Nella seguente tabella sono riportati i codici di errore.

Codice errore 01H 02H 03H 04H 06H 07H 08H 09H 0AH 0BH 0CH 0DH 0EH 0FH 10H 11H 12H

Descrizione errore PUF UV1 UV2 UV3 GF OC OV OH OH1 OL1 OL2 OL3 OL4 RR RH EF3 EF4

Codice errore 13H 14H 15H 18H 19H 1AH 1BH 1CH 1DH 1EH 1FH 20H 21H 22H 25H 26H 27H

Descrizione errore EF5 EF6 EF7 OS DEV PGO PF LF OH3 OPR ERR OH4 CE BUS CF SVE EF0

Codice errore 28H 29H 2AH 2BH 83H 84H 85H 86H 87H 88H 89H 8AH 8BH 91H 92H 93H 94H

Descrizione errore FBL UL3 UL4 OL7 CPF02 CPF03 CPF04 CPF05 CPF06 CPF07 CPF08 CPF09 CPF10 CPF20 CPF21 CPF22 CPF23

Per una descrizione dettagliata degli errori e le relative azioni correttive, vedere pagina 7-2, Rilevamento degli errori.

6-92

Comando ENTER
Quando dal PLC si scrivono parametri sull'inverter utilizzando la comunicazione MEMOBUS, tali parametri vengono temporaneamente memorizzati nell'area dati dei parametri dell'inverter. Per abilitare questi parametri nell'area dati dei parametri necessario utilizzare il comando ENTER. Esistono due tipi di comandi ENTER:
Comandi ENTER che abilitano i dati dei parametri solo nella RAM (le modifiche vanno perse quando

l'alimentazione viene interrotta)


Comandi ENTER che scrivono i dati nella EEPROM (memoria non volatile) dell'inverter e

contemporaneamente abilitano i dati nella RAM La tabella seguente mostra i dati relativi al comando ENTER. Tali dati possono solo essere scritti. Il comando ENTER viene abilitato scrivendo 0 per il numero di registro 0900H o 0901H.
Indirizzo registro. 0900H 0910H Descrizione I dati dei parametri vengono scritti nella EEPROM e la RAM viene aggiornata I dati dei parametri non vengono scritti nella EEPROM, bens vengono solo aggiornati nella RAM.

INFO

Sulla EEPROM possibile effettuare un massimo di 100.000 operazioni di scrittura, per cui non eseguire frequentemente comandi ENTER (0900H) che scrivono nella EEPROM. Poich i registri del comando ENTER sono di sola scrittura, se fosse necessario leggerli, l'indirizzo del registro diventerebbe non pi valido (codice errore: 02H). Se all'inverter vengono inviati dati di trasmissione broadcast o riferimento, non necessario utilizzare il comando ENTER.

Codici di errore
La tabella seguente mostra i codici di errore di comunicazione MEMOBUS.
Codice errore
01H

Descrizione
Errore codice funzione Il PLC ha impostato un codice funzione diverso da 03H, 08H o 10H. Errore numero di registro non valido L'indirizzo del registro a cui si sta tentando di accedere non registrato da alcuna parte. Per l'invio della trasmissione broadcast stato impostato un indirizzo iniziale diverso da 0001H o 0002H. Errore quantit non valida Il numero di pacchetti dati (contenuto registro) in lettura o scrittura non compreso tra 1 e 16. In modalit di scrittura, il numero di byte di dati del messaggio non uguale al numero di pacchetti x 2. Errore di impostazione dati Si verificato un semplice errore di limite inferiore o superiore nei dati di controllo o durante la scrittura dei parametri. Scrittura di un'impostazione di parametro non valida. Errore modalit di scrittura Tentativo di scrittura di parametri nell'inverter durante il funzionamento. Tentativo di scrittura utilizzando comandi ENTER durante il funzionamento. Tentativo di scrittura di parametri diversi da A1-00-A1-05, E1-03 e 02-04 nel momento in cui si verificato un allarme CPF03 (EEPROM difettosa). Tentativo di scrittura di dati di sola lettura. Scrittura durante errore di sottotensione (UV) del bus c.c. Scrittura di parametri nell'inverter durante un allarme UV (sottotensione del bus c.c.). Scrittura mediante comandi ENTER durante un allarme UV (sottotensione del bus c.c.). Errore di scrittura durante l'elaborazione di parametri. Tentativo di scrittura di parametri durante l'elaborazione di parametri nell'inverter.

02H

03H

21H

22H

23H

24H

6-93

Nessuna risposta dallo slave


Nei casi riportati di seguito, lo slave ignorer la funzione di scrittura.
Quando viene rilevato un errore di comunicazione (errore di sovraccarico, di frame, di parit o CRC-16)

nel messaggio di comando.


Quando l'indirizzo slave nel messaggio di comando non coincide con quello dell'inverter. Quando la distanza tra due blocchi (8 bit) di un messaggio supera i 24 bit. Quando la lunghezza dei dati del messaggio di comando non valida.

INFO

Se l'indirizzo slave specificato nel messaggio di comando 0, tutti gli slave eseguono la funzione di scrittura, ma non inviano messaggi di risposta al master.

Autodiagnostica
L'inverter dotato di una funzione incorporata per l'autodiagnostica dei circuiti dell'interfaccia di comunicazione seriale, detta funzione di autodiagnostica. Tale funzione utilizza le parti di comunicazione collegate dei terminali di ricezione e trasmissione per ricevere i dati trasmessi dall'inverter e verificare se la comunicazione viene eseguita normalmente. Per eseguire la funzione di autodiagnostica, attenersi alla procedura riportata di seguito. 1. Attivare l'alimentazione dell'inverter e impostare il parametro H1-05 (selezione funzione terminale S7) su 67 (modalit test di comunicazione). 2. Disattivare l'alimentazione dell'inverter. 3. Eseguire la scrittura in base a quanto illustrato nella Fig. 6.77.

4. Attivare la resistenza di terminazione (posizionare su ON il pin 1 del selettore DIP 1). 5. Attivare l'alimentazione dell'inverter.

Fig. 6.77 Cablaggio dei terminali di comunicazione per l'autodiagnostica

Durante il normale funzionamento, la console di programmazione visualizza la dicitura PASS sul display. Se si verifica un errore, sulla console di programmazione verr visualizzato un allarme "CE" (errore di comunicazione MEMOBUS), l'uscita di contatto degli errori commuter su ON e il segnale di inverter pronto per il funzionamento commuter su OFF.

6-94

Uso della funzione di temporizzatore


I terminali di ingresso digitale multifunzione da S3 a S7 possono essere utilizzati come terminali di ingresso per la funzione di temporizzatore e i terminali di uscita multifunzione M1-M2, M3-M4 ed M5-M6 possono essere utilizzati come terminali di uscita per la funzione di temporizzatore. Impostando il ritardo possibile evitare irregolarit in sensori e interruttori.
Impostare uno dei parametri da H1-01 a H1-05 (terminali di ingresso digitale da S3 a S7) su 18 (ingresso

funzione di temporizzatore).
Impostare i parametri da H2-01 a H2-03 (selezione funzione terminali di uscita multifunzione M1-M2,

M3-M4 ed M5-M6) su 12 (uscita funzione di temporizzatore).

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 0,0 s 0,0 s Modificabile durante il funzionamento No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A A A Vettoriale ad anello chiuso A A

V/f A A

b4-01 b4-02

Ritardo all'eccitazione della funzione di temporizzatore Ritardo alla diseccitazione della funzione di temporizzatore

Ingressi digitali multifunzione (da H1-01 a H1-05)


Valore impostato 18 Ingresso funzione di temporizzatore Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso S S S

Funzione

V/f

Uscite multifunzione (da H2-01 a H2-03)


Valore impostato 12 Uscita funzione di temporizzatore Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso S S S

6
V/f

Funzione

Esempio di impostazione
Quando il tempo di eccitazione dell'ingresso funzione di temporizzatore maggiore del valore impostato in b4-01, viene attivata la funzione di uscita del temporizzatore. Quando il tempo di diseccitazione dell'ingresso funzione di temporizzatore maggiore del valore impostato in b4-02, la funzione di uscita del temporizzatore viene disattivata. Un esempio del funzionamento del temporizzatore viene riportato nel diagramma seguente.
Ingresso funzione di temporizzatore Uscita funzione di temporizzatore

Fig. 6.78 Esempio di funzionamento del temporizzatore

6-95

Utilizzo del controllo PID


Il controllo PID un metodo che consente di fare corrispondere il valore di retroazione (valore di rilevamento) al valore di riferimento impostato. Combinando insieme il controllo proporzionale (P), il controllo integrale (I) e il controllo differenziale (D), possibile controllare anche le fluttuazioni di carico del sistema. Di seguito vengono riportate le caratteristiche delle operazioni di controllo PID.
Elemento P Elemento I Elemento D L'uscita di un elemento P proporzionale all'ingresso (deviazione). Utilizzando solo un elemento P non possibile eliminare completamente la deviazione. L'uscita di un elemento I l'integrale del tempo dell'ingresso (deviazione). Utilizzando insieme un elemento P e un elemento I possibile eliminare completamente la deviazione. L'uscita di un elemento D la derivata dell'ingresso (deviazione). Aggiungendo un elemento D, la risposta pi essere migliorata rapidamente, ma anche possibile che il sistema diventi instabile.

Operazione controllo PID


Per comprendere la differenza tra le operazioni P, I e D del controllo PID, nel seguente diagramma illustrata l'uscita di ciascuna operazione quando la deviazione (cio la differenza tra il valore di riferimento e il valore di retroazione) fissa.
Deviazione Tempo

Controllo PID Controllo I

Uscita degli elementi P, I e D

Controllo D

Controllo P Tempo

Fig. 6.79 Funzionamento del controllo PID

Applicazioni del controllo PID


La tabella seguente mostra degli esempi di applicazioni del controllo PID tramite l'utilizzo dell'inverter.
Applicazione Dettagli controllo Esempio di sensore utilizzato Generatore tachimetrico

La velocit della macchina viene reinviata e regolata affinch corrisponda al valore di riferimento. Controllo della Le informazioni sulla velocit provenienti da altre macchine possono essere immesse in ingresso come valore di riferimento ed possibile eseguire il controllo sincrono utilizzando la retroazione della velocit velocit effettiva. Controllo pressione Controllo portata Le informazioni di pressione vengono reinviate e viene controllato che la pressione mantenga un valore costante. Le informazioni sulla portata vengono reinviate e la portata viene controllata con elevata precisione.

Sensore pressione Sensore di portata Accoppiatore termico Termistore

Controllo della Le informazioni sulla temperatura vengono reinviate ed possibile controllare la regolazione della temperatura temperatura utilizzando una ventola.

6-96

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 0 1,00 1,0 s 100,0% 0,00 s 100,0% 0,0% 0,00 s 0 1,0 0 0 0% 1,0 s 0,0 Hz 0,0 s 0,0 s 0 0 0 1,00 0 100,0% 0,0% Modificabile durante il funzionamento No S S S S S S S No No No No No No No No No No No No No No No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A Vettoriale ad anello chiuso A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A

V/f A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A A

b5-01 b5-02 b5-03 b5-04 b5-05 b5-06 b5-07 b5-08 b5-09 b5-10 b5-11 b5-12 b5-13 b5-14 b5-15 b5-16 b5-17 b5-18 b5-19 b5-28 b5-29 b5-31 b5-32 b5-33

Selezione modalit di controllo PID Guadagno proporzionale (P) Tempo integrale (I) Limite integrale (I) Tempo differenziale (D) Limite PID Regolazione offset PID Costante di ritardo PID Selezione caratteristiche uscita PID Guadagno uscita PID Selezione dell'uscita PID inversa Selezione rilevamento di perdita retroazione PID Livello di rilevamento perdita di retroazione PID Tempo di rilevamento perdita di retroazione PID Livello funzionamento funzione sleep del PID Ritardo funzionamento sleep del PID Tempo di accelerazione/decelerazione per riferimento PID Selezione set point PID Set point PID Selezione retroazione PID con calcolo della radice quadrata Guadagno per retroazione con calcolo della radice quadrata Selezione retroazione monitoraggio PID Guadagno per retroazione monitoraggio PID Polarizzazione per retroazione monitoraggio PID

Parametri da monitorare (U1Numero del parametro

)
Livello segnale di uscita durante l'uscita analogica multifunzione Unit min. Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso A A A A A A A A A A A A

Nome

V/f

U1-24 U1-36 U1-37 U1-38

Valore di retroazione PID Volume ingresso PID Volume uscita PID Set point PID

10 V: 100% retroazione 10 V: 100% ingresso PID 10 V: 100% uscita PID 10 V: 100% valore di riferimento PID

0,01% 0,01% 0,01% 0,.01 %

A A A A

6-97

Ingressi digitali multifunzione (da H1-01 a H1-05)


Valore impostato 19 30 31 34 35 Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso S S S S S S S S S S S S S S S

Funzione

V/f

Disabilitazione controllo PID (ON: controllo PID disabilitato) Ripristino integrale controllo PID (in caso di immissione in ingresso del comando di ripristino o all'arresto durante il controllo PID) Mantenimento integrale controllo PID (ON: integrale mantenuto) Softstarter PID Parametro caratteristiche ingresso PID

S S S S S

Ingresso analogico multifunzione (H3-09)


Valore impostato B C Retroazione PID Valore di riferimento PID Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso S S S S S S

Funzione

V/f

S S

Ingresso a treno di impulsi (H6-01)


Valore impostato 0 Frequenza di riferimento Valore di retroazione PID Valore di riferimento PID Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso S S S S S S S S S

Funzione

V/f

S S S

1 2

Metodi di controllo PID (b5-01)


Esistono quattro metodi di controllo PID. Selezionare il metodo impostando il parametro b5-01.
Valore impostato 1 2 3 4 Metodo di controllo L'uscita PID diventa la frequenza di uscita dell'inverter e il controllo D viene utilizzato per la deviazione (differenza tra il valore di retroazione e il valore di riferimento PID). L'uscita PID diventa la frequenza di uscita dell'inverter e il controllo D viene utilizzato per il valore di retroazione PID. L'uscita PID viene aggiunta come valore di compensazione della frequenza di uscita dell'inverter e il controllo D viene utilizzato per la deviazione (differenza tra il valore di retroazione e il valore di riferimento PID). L'uscita PID viene aggiunta come valore di compensazione della frequenza di uscita dell'inverter e il controllo D viene utilizzato per il valore di retroazione PID.

6-98

Metodi di ingresso PID


Sorgenti di ingresso del valore di riferimento PID In genere la sorgente della frequenza di riferimento selezionata in b1-01 corrisponde alla sorgente del valore di riferimento PID, ma quest'ultimo pu essere impostato come riportato nella tabella seguente.
Metodo di ingresso del valore di riferimento PID Ingresso terminale analogico multifunzione A2 Registro MEMOBUS 0006H Ingresso a treno di impulsi Impostazione parametri Condizioni di impostazione Impostare H3-09 su C (valore di riferimento PID). Come valore di retroazione PID possibile selezionare l'ingresso a treno di impulsi o l'ingresso analogico A1. Impostare il bit 1 di MEMOBUS nell'indirizzo di registro 000FH su 1 (abilitazione/disabilitazione valore di riferimento PID proveniente tramite comunicazione) per poter utilizzare il contenuto del numero di registro 0006H come valore di riferimento PID. Impostare H6-01 su 2 (valore di riferimento PID). Se b5-18 impostato su 1, il valore in b5-19 diventa il valore di riferimento PID.

INFO

Se si utilizza la funzione PID, il valore della frequenza di riferimento diventa il valore di riferimento, che viene impostato e visualizzato in Hz sulla console di programmazione. Tuttavia, internamente il valore di riferimento PID viene utilizzato in percentuale, applicando la seguente formula:
Valore di riferimento PID [%] = Frequenza di riferimento [Hz] Frequenza massima di uscita [Hz] 100%

Metodi di immissione retroazione PID Selezionare uno dei seguenti metodi di immissione della retroazione per il controllo PID.
Metodo di ingresso Ingresso analogico multifunzione Ingresso a treno di impulsi Parametri di monitoraggio Condizioni di impostazione Impostare H3-09 (selezione terminale ingresso analogico multifunzione A2) su B (retroazione PID). Impostare H6-01 su 1 (retroazione PID). Nel parametro b5-31 impostare il numero del parametro di monitoraggio U1retroazione PID. che deve contenere la

INFO

Regolare il valore di riferimento PID e il valore di retroazione PID utilizzando i seguenti ingressi. Ingresso analogico: regolazione tramite il guadagno e la polarizzazione del terminale di ingresso analogico. Ingresso a treno di impulsi: regolazione tramite la scala, il guadagno e la polarizzazione dell'ingresso a treno di impulsi.

6-99

Esempi di regolazione PID


Soppressione della sovraelongazione Se si verifica una sovraelongazione, ridurre il guadagno proporzionale (P) e aumentare il tempo integrale (I).
Risposta Prima della regolazione

Dopo la regolazione

Tempo

Impostazione di una condizione di controllo di rapida stabilizzazione Per stabilizzare rapidamente il controllo anche se si verifica una sovraelongazione, ridurre il tempo integrale (I) e aumentare il tempo differenziale (D).
Risposta Prima della regolazione

Dopo la regolazione

Tempo

Soppressione vibrazioni a ciclo lungo

Se si verifica una vibrazione con un ciclo pi lungo rispetto al valore impostato del tempo integrale (I), aumentare il tempo integrale (I) per sopprimere la vibrazione.
Risposta Prima della regolazione

Dopo la regolazione

Tempo

Soppressione vibrazione a ciclo corto Se si verifica una vibrazione a ciclo breve la cui durata pi o meno uguale al valore impostato per il tempo differenziale (D), allora il funzionamento differenziale eccessivo. Diminuire il tempo differenziale (D) per eliminare la vibrazione. Se la vibrazione persiste anche quando il tempo differenziale (D) impostato su 0,00 (controllo D disabilitato), ridurre il guadagno proporzionale (P) o aumentare la costante di tempo del primo ordine di ritardo PID.
Risposta Prima della regolazione

Dopo la regolazione

Tempo

6-100

Modalit di impostazione
Nel controllo PID il parametro b5-04 viene utilizzato per evitare che il valore del controllo integrale

calcolato superi una determinata quantit. Quando il carico varia rapidamente, la risposta dell'inverter viene ritardata e potrebbe verificarsi un danno alla macchina oppure il motore potrebbe andare in stallo. In questo caso, ridurre il valore impostato per aumentare la velocit di risposta dell'inverter.
Il parametro b5-06 viene utilizzato per evitare che il valore risultante dal calcolo del controllo PID superi

un determinato valore. Eseguire l'impostazione del valore considerando la frequenza di uscita massima pari al 100%.
Il parametro b5-07 viene utilizzato per regolare l'offset del controllo PID. Impostare il valore in incrementi

di 0,1% considerando la frequenza di uscita massima pari al 100%.


Impostare la costante del tempo di filtro per l'uscita del controllo PID in b5-08. Abilitare questo parametro

per evitare la risonanza della macchina in caso di attrito elevato o rigidit ridotta. In questo caso, impostare il parametro in modo che sia maggiore della durata del ciclo della frequenza di risonanza. Aumentare tale costante di tempo per ridurre la velocit di risposta dell'inverter.
Utilizzando b5-09 possibile invertire la polarit dell'uscita PID. In questo caso, se il valore di retroazione

PID aumenta, aumenta anche la frequenza di uscita. Questa funzione utile, ad esempio, per applicazioni che utilizzano pompe a vuoto.
Utilizzando b5-10 possibile applicare un guadagno all'uscita di controllo PID. Se si aggiunge l'uscita di

controllo PID alla frequenza di riferimento come compensazione (b5-01 = 3/4), abilitare questo parametro per regolare la quantit di compensazione.
Quando l'uscita di controllo PID negativa, possibile utilizzare il parametro b5-11 per determinare il

comportamento all'uscita dell'inverter. Tuttavia, quando b1-04 (disabilitazione del funzionamento all'indietro) impostato su 1 (abilitata), l'uscita PID limitata a 0.
Utilizzando il parametro b5-17 il valore di riferimento PID pu essere aumentato o diminuito con la

funzione di rampa di accelerazione/decelerazione (softstarter PID). La funzione di accelerazione/decelerazione utilizzata di solito (parametri C1) viene assegnata dopo il controllo PID cosicch, a seconda delle impostazioni, potrebbero verificarsi risonanza con il controllo PID e vibrazioni nelle macchine. Utilizzando il parametro b5-17 questo comportamento pu essere evitato. Anche la funzione softstarter PID pu essere disabilitata o abilitata utilizzando un ingresso digitale multifunzione (H1deve essere impostato su 34).

6-101

6-102
+ b5-01=0 Frequenza di riferimento (U1-01) Abilitazione/Disabilitazione della marcia indietro quando l'uscita PID negativa Livello di sleep Scala o1-03 b5-01=1 o 2 + b5-11 1 Limite superiore Fmax x 109% Limite inferiore 0 b5-01 3o4 1o2 OFF 0 Softstarter + b5-01=3 o 4 Limite superiore Fmax x 109% Frequenza di uscita b5-15 RUN b5-16 on/off Temporizzatore di ritardo

Frequenza di riferimento/riferimento per PID

D1-16

D1-02

b1-01

D1-01

Ingresso a treno di impulsi

Scheda accessoria

Blocco di controllo PID

Comunicazione seriale

Funzione di sospensione

2 1

Ingresso analogico A1/ A2*

Annullamento softstarter PID H1 = 34

Riferimento per PID

0 Softstarter PID b5-17 Frequenza di riferimento con comando di multivelocit ON Il controllo PID disattivato nei seguenti casi: - b5-01=0 - Durante il comando JOG viene immesso - H3=19 e lo stato del terminale ON Set point PID (U1-38) Limite inferiore Fmax x 109%

Monitoraggio uscita PID (U1-37)

Registro MEMOBUS 06H Valore di riferimento PID b5-18 = 1 H6-01 2 H3-09 C PID Input (U1-36)

Registro 0Fh, bit 1

Costante b5-19

b5-18=1

Monitoraggio retroazione con calcolo della 1 radice quadrata

b5-28 0

Ingresso a treno di impulsi Valore di riferimento per PID

H6-01=2

Ingresso analogico A2/A1*

H3-09=C Guadagno proporzionale + P


Z-1

200%

Retroazione PID
b5-02 0 1 0 Limite I b5-04 1 Caratteristiche ingresso PID H1=35
+ +

Il diagramma riportato di seguito mostra il blocco di controllo PID nell'inverter.

Fig. 6.80 Diagramma del blocco di controllo PID


Annullamento softstarter PID H1=34 1 Ritardo I b5-03 + 1/t +
Z-1

-200%

B5-31=0 0 Softstarter PID b5-17

0 1

+ +

Ritardo PID b5-08 1/t


Z-1

+ + Limite PID b5-06 Ripristino integrale H1=30 1o3 1 Caratteristiche dell'uscita PID b5-09

Selezione monitoraggio per retroazione PID U1Integrale mantenuto H1=31

B5-31 0

b5-10 Guadagno dell'uscita PID b5-07 Offset PID b5-05 b5-01

H6-01 1 Retroazione PID (U1-24)

Ingresso a treno di impulsi

H6-01=1

b5-28 + + + +
Z-1 Z-1

H3-09 B

+ 2o4 b5-05 b5-01 1o3

Terminale A2/A1* P

H3-09=B

Tempo differenziale

2o4

b5-29

Retroazione con calcolo della radice quadrata

* Se l'ingresso analogico A2 impostato come ingresso di riferimento master (H3-13=1), possibile selezionare l'ingresso analogico A1 come riferimento PID o retroazione PID utilizzano il parametro H3-09.

Rilevamento perdita di retroazione PID


Quando si esegue il controllo PID, accertarsi di utilizzare la funzione di rilevamento della perdita di retroazione PID. In caso contrario, se la retroazione PID viene persa, la frequenza di uscita dell'inverter potrebbe accelerare fino alla frequenza di uscita massima. Retroazione bassa (b5-12 = 1 o 2) Quando b5-12 viene impostato su 1 e il valore di retroazione PID scende sotto il livello di rilevamento di perdita retroazione PID (b5-13) per un periodo di tempo maggiore del tempo di rilevamento perdita retroazione PID (b5-14), sulla console di programmazione viene visualizzato un allarme "FBL" (perdita retroazione) e il funzionamento dell'inverter continua. Nella stessa condizione, se b5-12 impostato su 2, sulla console di programmazione viene visualizzato un errore "FBL" (perdita retroazione) e il funzionamento dell'inverter viene interrotto. Il motore si arresta per inerzia e il contatto che segnala gli errori viene attivato. Di seguito riportato il diagramma di funzionamento relativo al rilevamento della perdita di retroazione PID.
Valore di retroazione PID

Livello di rilevamento perdita (b5-13)

Nessun rilevamento perdita retroazione

Tempo Rilevamento perdita retroazione

Tempo rilevamento perdita (b5-14)

Tempo rilevamento perdita (b5-14)

Fig. 6.81 Diagramma di funzionamento del rilevamento di una piccola perdita di retroazione PID

Retroazione alta (b5-12 = 3 o 4) Quando b5-12 viene impostato su 3 e il valore di retroazione PID supera il livello di rilevamento di perdita retroazione PID (b5-13) per un periodo di tempo maggiore del tempo di rilevamento perdita retroazione PID (b5-14), sulla console di programmazione viene visualizzato un allarme "FBL" (perdita retroazione) e il funzionamento dell'inverter continua. Nella stessa condizione, se b5-12 impostato su 4, sulla console di programmazione viene visualizzato un errore "FBL" (perdita retroazione) e il funzionamento dell'inverter viene interrotto. Il motore si arresta per inerzia e il contatto che segnala gli errori viene attivato. Di seguito riportato il diagramma di funzionamento relativo al rilevamento della perdita di retroazione PID.
Valore di retroazione PID

Livello di rilevamento perdita (b5-13)

Nessun rilevamento perdita retroazione Tempo rilevamento perdita Tempo rilevamento perdita

Tempo Rilevamento perdita retroazione

Fig. 6.82 Diagramma di funzionamento del rilevamento di una perdita di retroazione PID elevata

6-103

Sleep PID
La funzione sleep del controllo PID arresta l'inverter quando il valore dell'uscita PID scende sotto il livello di funzionamento sleep (b5-15) per il tempo di funzionamento sleep impostato nel parametro b5-16. Il funzionamento dell'inverter riprende se il valore dell'uscita PID supera il livello di funzionamento sleep per un tempo maggiore o uguale a quello impostato nel parametro b5-16. La funzione sleep del controllo PID funziona anche quando il controllo PID disabilitato. In questo caso, la funzione sleep monitora il valore della frequenza di riferimento invece del valore dell'uscita PID. Di seguito riportato il diagramma di funzionamento relativo alla funzione di sleep PID.
Valore uscita PID
Livello funzionamento sleep b5-15 Ritardo funzionamento sleep Ritardo funzionamento sleep

Comando di marcia interno Comando di marcia esterno In funzione

Funzionamento

Interruzione stato immesso il comando di marcia Uscita stato di funzionamento

Fig. 6.83 Diagramma di funzionamento della funzione di sleep PID

Funzionamento di retroazione con calcolo della radice quadrata


Se il parametro b5-28 impostato su 1, il valore di retroazione viene convertito in un valore uguale alla radice quadrata dell'effettiva retroazione. Questa funzione pu essere utilizzata per controllare la portata quando si utilizza un sensore di pressione per generare un valore di retroazione. Utilizzando il parametro b5-29 la retroazione con calcolo della radice quadrata pu essere moltiplicata per un fattore, come indicato dalla seguente formula:
Portata = Guadagno (b5-29) Pressione (sensore)

In questo modo possibile stabilire una relazione lineare tra il valore di riferimento PID e la retroazione.

Funzione di monitoraggio della retroazione PID


Utilizzando questa funzione, possibile impostare un parametro di monitoraggio interno (U1) come valore di retroazione PID. Il parametro da monitorare pu essere selezionato nel parametro b5-31, utilizzando i valori riportati nella seguente tabella.
Valore impostato 0 3 5 6 7 8 9 15 16 18 Disabilitata Corrente di uscita Velocit motore Tensione di uscita Tensione bus c.c. Potenza di uscita Coppia di riferimento Livello ingresso terminale A1 Livello ingresso terminale A2 Corrente secondaria del motore Funzione Metodi di controllo Vettoriale ad V/f con anello PG aperto S S S S S S No S S S S S S S S S S S S S Vettoriale ad anello chiuso S S S S S S S S S S

V/f S S No S S S No S S S

6-104

Impostazioni ingressi digitali multifunzione: da H1-01 a H1-05 (terminali da S3 a S7)


Disabilitazione controllo PID: 19
Se un ingresso multifunzione impostato per questa funzione, commutandolo su ON si disabilita la

funzione PID.
Il valore di riferimento PID diventa il valore della frequenza di riferimento.

Ripristino integrale controllo PID: 30


Utilizzando questa funzione il valore di condivisione integrale del controllo PID pu essere ripristinato

attivando un ingresso multifunzione. Mantenimento integrale controllo PID: 31


Utilizzando questa funzione, il valore di condivisione integrale del controllo PID pu essere mantenuto

attivando un ingresso multifunzione. Il valore verr mantenuto finch l'ingresso rimane ON. Disabilitazione softstarter PID: 34
Utilizzando questa funzione possibile disabilitare o abilitare il softstarter PID (disabilitato se l'ingresso

ON). Parametro caratteristiche ingresso PID: 35


Utilizzando questa funzione, la caratteristica di ingresso PID pu essere invertita attivando un ingresso

multifunzione.

6-105

Risparmio di energia
Per utilizzare la funzione di risparmio di energia, impostare b8-01 (selezione modalit risparmio energia) su 1. Il controllo del risparmio di energia pu essere eseguito in tutti i metodi di controllo. I parametri da regolare sono diversi per ciascun controllo. Per le modalit di controllo V/f, regolare i parametri b8-04 e b8-05. Per il controllo vettoriale ad anello aperto e ad anello chiuso, regolare i parametri b8-02 e b8-03.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 0 0,7
*1

Modificabile durante il funzionamento No S S No No No No No

V/f A No No A A A A Q

Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A No No A A A A Q A A A No No No A Q

Vettoriale ad anello chiuso A A A No No No A Q

b8-01 b8-02 b8-03 b8-04 b8-05 b8-06 E2-02 E2-11

Selezione modalit di risparmio energia Guadagno per risparmio energia Costante di tempo del filtro per il risparmio energia Coefficiente di risparmio energia Costante di tempo del filtro rilevamento potenza Limitatore tensione operazione di ricerca Scorrimento nominale del motore Potenza nominale uscita motore

0,50 s *2 *3 20 ms 0% 2,90 Hz *3 0,40 *3

* 1. Il valore per il controllo vettoriale ad anello aperto fissato. L'impostazione di fabbrica 1,0 per il controllo vettoriale ad anello chiuso. * 2. Per inverter con capacit superiore a 55 KW, l'impostazione di fabbrica 2,00. * 3. Le impostazioni di fabbrica dipendono dalla capacit dell'inverter.

Regolazione del controllo risparmio energia

Il metodo di regolazione della funzione di controllo del risparmio energia varia in base al metodo di controllo. Tenere presente quanto segue durante le regolazioni. Modalit di controllo V/f Per le modalit di controllo V/f viene calcolata la tensione per un'ottima efficienza del motore e tale valore diventa la tensione di uscita di riferimento.
b8-04 (coefficiente di risparmio energia ) viene preimpostato assumendo che la capacit dell'inverter e del

motore siano uguali. Se la capacit dell'inverter diversa da quella del motore, impostare la capacit del motore in E2-11 (potenza uscita nominale del motore). Inoltre, regolare b8-04 in incrementi del 5 % finch la potenza di uscita non raggiunge il valore minimo. A un coefficiente di risparmio energia pi alto corrisponde una tensione di uscita maggiore.
Per migliorare la risposta in caso di oscillazioni del carico, ridurre il parametro di tempo del filtro per il

rilevamento della potenza (b8-05). Tuttavia, se l'impostazione di b8-05 troppo bassa, le rotazioni del motore potrebbero diventare instabili in condizioni di carico leggero.
L'efficienza del motore varia in base alle oscillazioni della temperatura e alle differenze nelle

caratteristiche del motore. Di conseguenza necessario controllare l'efficienza del motore. Per ottimizzare l'efficienza, l'operazione di ricerca varia la tensione di uscita. Il parametro b8-06 (limitatore tensione operazione ricerca) limita la gamma per l'operazione di ricerca della tensione. Per gli inverter di classe 200 V, una gamma del 100% uguale a 200 V, mentre per gli inverter di classe 400 V, una gamma del 100% uguale a 400 V. Impostare b8-06 su 0 per disabilitare il limitatore di tensione dell'operazione di ricerca.

6-106

Controllo vettoriale ad anello aperto e ad anello chiuso Per il controllo vettoriale ad anello aperto e ad anello chiuso, la frequenza di scorrimento viene controllata per massimizzare l'efficienza del motore.
Considerando lo scorrimento nominale del motore per la frequenza di base come scorrimento ottimale,

l'inverter calcola lo scorrimento corrispondente all'efficienza ottimale del motore sulla frequenza di uscita.
Prima di utilizzare il risparmio energia, eseguire sempre l'autotuning. Se si verificano vibrazioni, ridurre il valore impostato in b8-02 (guadagno per risparmio energia) oppure

aumentare il valore impostato in b8-03 (costante di tempo del filtro per il risparmio energia).

Indebolimento di campo
La funzione di indebolimento di campo viene utilizzata per abbassare la tensione di uscita quando il carico del motore diminuisce (nessun carico). In tal modo, possibile risparmiare energia e ridurre il rumore udibile del motore. Notare che questa funzione progettata per l'utilizzo in condizioni in cui presente un solo carico leggero che non varia. Se la condizione di carico leggero varia, la funzione di indebolimento di campo non pu essere ottimizzata. In questo caso, preferibile utilizzare la funzione di risparmio energia. La funzione pu essere attivata utilizzando un ingresso multifunzione. A tal fine impostare uno dei parametri da H1-01 a H1-05 su 63. L'indebolimento di campo pu essere utilizzato solo nelle modalit di controllo V/f.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 80% 0,0 Hz Modificabile durante il funzionamento No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A No No Vettoriale ad anello chiuso No No

V/f A A

d6-01 d6-02

Livello indebolimento campo Limite di frequenza indebolimento di campo

Ingressi digitali multifunzione (da H1-01 a H1-05)


Valore impostato Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso S No No

Funzione

V/f

63

Indebolimento di campo

Impostazione del livello di indebolimento di campo (d6-01)


Per impostare il livello di indebolimento di campo, azionare il motore in condizioni di carico leggero e attivare la funzione di indebolimento di campo tramite un ingresso multifunzione. Monitorare la corrente di uscita e aumentare o diminuire il livello di indebolimento di campo finch la corrente di uscita non raggiunge il valore minimo. Tenere presente quanto segue:
Il parametro d6-01 non pu essere modificato durante il funzionamento, cio se stato immesso un

comando RUN.
Se il livello di indebolimento di campo impostato su un valore troppo basso, il motore potrebbe andare in

stallo.

Attivazione dell'indebolimento di campo


Se uno dei parametri da H1-01 a H1-05 impostato su 63, la funzione di indebolimento di campo pu essere attivata commutando l'ingresso del terminale relativo su ON.

6-107

Forzatura campo
La funzione di forzatura campo controlla il flusso del motore e ne compensa il ritardo di instaurazione, migliorando la risposta del motore in caso di modifiche della velocit di riferimento o del carico. La forzatura campo viene applicata durante tutte le condizioni di funzionamento ad eccezione dell'iniezione c.c. Utilizzando il parametro d6-06 possibile applicare un limite di forzatura campo. Un'impostazione del 100% pari alla corrente in assenza di carico impostata nel parametro E2-03.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 0 400% Modificabile durante il funzionamento No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto No No No A Vettoriale ad anello chiuso A A

V/f No No

d6-03 d6-04

Selezione forzatura campo Limite forzatura campo

Impostazione dei parametri del motore 1


Per il metodo di controllo vettoriale i parametri del motore vengono impostati automaticamente durante l'autotuning. Se l'autotuning non viene completato normalmente, impostare i parametri manualmente.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 1,90 A * 2,90 Hz * 1,20 A * 4 poli 9,842 * 18,2% 0,50 0,75 14 W * 0,40 * Modificabile durante il funzionamento No No No No No No No No No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto Q A A Q A No No No A Q Q A A Q A A A A No Q Vettoriale ad anello chiuso Q A A Q A A A A No Q

V/f Q A A No A No No No A Q

E2-01 E2-02 E2-03 E2-04 E2-05 E2-06 E2-07 E2-08 E2-10 E2-11

Corrente nominale del motore Scorrimento nominale del motore Corrente a vuoto del motore Numero di poli motore (numero di poli) Resistenza da linea a linea del motore Induttanza di dispersione del motore Coefficiente di saturazione del motore 1 Coefficiente di saturazione del motore 2 Perdita nel traferro per la compensazione di coppia Potenza nominale uscita motore

Nota:Tutti i parametri predefiniti si riferiscono a un motore standard a 4 poli. * Le impostazioni di fabbrica dipendono dalla capacit dell'inverter (i valori riportati si riferiscono a un inverter di classe 200 V a 0,4 kW).

6-108

Impostazione manuale dei parametri del motore


Impostazione corrente nominale motore (E2-01) Impostare E2-01 sul valore di corrente nominale riportato sulla targhetta del motore. Impostazione scorrimento nominale motore (E2-02) Impostare E2-02 sullo scorrimento nominale del motore calcolato dal numero di rotazioni nominali riportato sulla targhetta del motore.
Velocit nom. Speed (giri/min) n. di poli motore Scorrimento nominale del motore (Hz) = Frequenza nom. del motore (Hz) -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------120

Impostazione corrente motore in assenza di carico (E2-03) Impostare E2-03 sulla corrente del motore in assenza di carico alla tensione e alla frequenza nominali. In genere la corrente del motore in assenza di carico non riportata sulla targhetta del motore. Contattare il produttore del motore. L'impostazione di fabbrica equivale al valore della corrente in assenza di carico per un motore standard a 4 poli. Impostazione numero poli motore (E2-04) Il parametro E2-04 viene visualizzato solo nelle modalit di controllo V/f con PG, controllo vettoriale ad anello aperto e ad anello chiuso. Impostare il numero di poli del motore riportato sulla targhetta del motore. Impostazione resistenza motore da linea a linea (E2-05) Il parametro E2-05 viene impostato automaticamente durante l'esecuzione dell'autotuning per la resistenza da linea a linea del motore. Se non possibile eseguire l'autotuning, contattare il produttore del motore per ottenere il valore della resistenza da linea a linea. Calcolare la resistenza in base al valore della resistenza da linea a linea indicato nel report dei test del motore utilizzando la formula riportata di seguito, quindi selezionare le impostazioni appropriate.
Isolamento di tipo E: [resistenza da linea a linea () a 75 C del valore nel report di test] 0,92 () Isolamento di tipo B: [resistenza da linea a linea () a 75 C del valore nel report di test] 0,92 () Isolamento di tipo F: [resistenza da linea a linea () a 115 C del valore nel report di test] 0,87 ()

Impostazione induttanza dispersione motore (E2-06) Impostare il valore di caduta tensione causata dall'induttanza di dispersione del motore nel parametro E2-06 come percentuale della tensione nominale del motore. Effettuare questa impostazione quando si utilizzano motori ad alta velocit perch il valore standard sarebbe troppo elevato (in genere i motori ad alta velocit hanno un'induttanza bassa rispetto ai motori standard). Se l'induttanza non indicata sulla targhetta del motore, contattare il produttore del motore. Impostazione coefficienti di saturazione ferrosa motore 1 e 2 (E2-07) E2-07 e E2-08 sono impostati automaticamente durante l'autotuning rotante. Impostazione perdita nel ferro per compensazione di coppia (E2-10) E2-10 viene visualizzato solo per il metodo di controllo V/f e pu essere impostato per aumentare l'accuratezza della compensazione di coppia. La perdita nel ferro del motore deve essere impostata in kW.

6-109

Impostazione della linea caratteristica V/f 1


Utilizzando i parametri E1 possibile impostare la tensione d'ingresso dell'inverter in base alle esigenze. Non consigliabile modificare le impostazioni quando il motore viene utilizzato nella modalit di controllo vettoriale ad anello aperto o chiuso.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 200 V *1 F 50,0 Hz 200,0 V *1 50,0 Hz 3,0 Hz 13,2 V 0,5 Hz
*2 *1 *2

Modificabile durante il funzionamento No No No No No No No No No No No No

V/f Q Q Q Q Q A A Q A A A A

Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto Q Q Q Q Q A A Q A A A A Q No Q Q Q A A Q A A A Q

Vettoriale ad anello chiuso Q No Q Q Q No No A No A A Q

E1-01 E1-03 E1-04 E1-05 E1-06 E1-07 E1-08 E1-09 E1-10 E1-11 E1-12 E1-13

Impostazione tensione di ingresso Selezione linea caratteristica V/f Frequenza di uscita massima (FMAX) Tensione massima (VMAX) Frequenza di base (FA) Frequenza di uscita media (FB) Tensione frequenza di uscita media (VB) Frequenza di uscita minima (FMIN) Tensione frequenza di uscita minima (VMIN) Frequenza di uscita media 2 Tensione frequenza di uscita media 2 Tensione di base (VBASE)

2,4 V *1*2 0,0 Hz *3 0,0 V *3 0,0 V


*4

* 1. Questi valori si riferiscono a inverter di classe 200 V e devono essere raddoppiati per inverter di classe 400 V. * 2. L'impostazione di fabbrica cambier nel momento in cui viene modificato il metodo di controllo (sono riportate le impostazioni di fabbrica per il controllo vettoriale ad anello aperto). * 3. Il contenuto dei parametri E1-11 ed E1-12 viene ignorato se questi sono impostati su 0,00. * 4. E1-13 viene impostato sullo stesso valore di E1-05 durante l'autotuning.

Impostazione della tensione d'ingresso dell'inverter (E1-01)


Impostare la tensione di ingresso dell'inverter nel parametro E1-01 in modo che corrisponda alla tensione di alimentazione. Questo valore impostato sar il valore di riferimento per le funzioni di protezione e funzioni analoghe (livello di sovratensione, livello di stallo).

6-110

Impostazione linea caratteristica V/f (E1-02)


La linea caratteristica V/f pu essere selezionata utilizzando il parametro E1-03. Esistono due metodi per impostare la linea caratteristica V/f, selezionando uno dei 15 tipi di linee caratteristiche preimpostati (valore impostato: da 0 a E) o impostando una linea caratteristica V/f definita dall'utente (valore impostato: F). L'impostazione di fabbrica per E1-03 F. Per la selezione di una delle linee caratteristiche esistenti, fare riferimento alla tabella seguente.
Caratteristiche Applicazione Queste linee caratteristiche sono utilizzate nella applicazioni generali dove la coppia di carico fissa indipendentemente dalla velocit di rotazione, ad esempio sistemi di trasporto lineare. Valore impostato 0 (F) 1 2 3 4 Caratteristica coppia variabile Queste linee caratteristiche sono utilizzate per carichi con coppia proporzionale al quadrato o al cubo della velocit di rotazione, ad esempio ventole e pompe. 5 6 7 8 Selezionare una linea caratteristica V/f per coppia di spunto elevata solo nei seguenti casi. La distanza di cablaggio tra inverter e motore elevata (circa almeno 150 m) All'avvio richiesta una coppia elevata All'ingresso o all'uscita dell'inverter collegata una reattanza c.a. Specifiche a 50 Hz Specifiche a 60 Hz Specifiche a 60 Hz, tensione di saturazione a 50 Hz Specifiche a 72 Hz, tensione di saturazione a 60 Hz Specifiche a 50 Hz, caratteristica di coppia cubica Specifiche a 50 Hz, caratteristica di coppia quadratica Specifiche a 60 Hz, caratteristica di coppia cubica Specifiche a 60 Hz, caratteristica di coppia quadratica Specifiche a 50 Hz, coppia di spunto media Specifiche

Caratteristica coppia costante

Specifiche a 50 Hz, coppia di spunto elevata

Coppia di spunto elevata (vedere nota)*

Specifiche a 60 Hz, coppia di spunto media

B C D E

Specifiche a 60 Hz, coppia di spunto elevata Specifiche a 90 Hz, tensione di saturazione a 60 Hz Specifiche a 120 Hz, tensione di saturazione a 60 Hz Specifiche a 180 Hz, tensione di saturazione a 60 Hz

Funzionamento uscita fissa

Questa linea caratteristica viene utilizzata per le frequenze pari o superiori a 60 Hz. Viene applicata una tensione fissa.

* Poich la coppia di spunto elevata fornita dalla funzione di compensazione automatica della coppia, in genere non necessario utilizzare questa linea caratteristica.

Quando si selezionano queste linee caratteristiche, i valori dei parametri da E1-04 a E1-10 vengono modificati automaticamente. Esistono tre tipi di valori per i parametri da E1-04 a E1-10, a seconda della capacit dell'inverter.
Linea caratteristica V/f da 0,4 a 1,5 kW Linea caratteristica V/f da 2,2 a 45 kW Linea caratteristica V/f da 55 a 300 kW

Nelle pagine seguenti sono riportati i diagrammi relativi a ciascuna linea caratteristica.

6-111

Linea caratteristica V/f da 0,4 a 1,5 kW I diagrammi mostrano le linee caratteristiche di un motore di classe 200 V. Per un motore di classe 400 V, moltiplicare per 2 tutte le tensioni.
Caratteristiche della coppia costante (valore impostato: da 0 a 3)
Valore impostato 0 50 Hz Valore impostato 1 60 Hz Valore impostato 2 60 Hz Valore impostato 3 72 Hz

1,3 2,5

1,5

1,5 3

1,5 3

Caratteristiche della coppia variabile (valore impostato: 0...7)


Valore impostato 4 50 Hz Valore impostato 5 50 Hz Valore impostato 6 60 Hz Valore impostato 7 60 Hz

1,3

1,3

1,5

1,5

Coppia di spunto elevata (valore impostato: da 8 a b)


Valore impostato 8 50 Hz Valore impostato 9 50 Hz Valore impostato A 60 Hz Valore impostato B 60 Hz

1,3 2,5

1,3 2,5

1,5

1,5

Funzionamento uscita fissa (valore impostato: da C a E)


Valore impostato C 90 Hz Valore impostato D 120 Hz Valore impostato E 180 Hz

1,5

1,5

1,5

6-112

Linea caratteristica V/f da 2,2 a 45 kW


1,5

I diagrammi mostrano le linee caratteristiche di un motore di classe 200 V. Per un motore di classe 400 V, moltiplicare per 2 tutte le tensioni.
Caratteristiche della coppia costante (valore impostato: 0...3)
Valore impostato 0 50 Hz Valore impostato 1 60 Hz Valore impostato 2 60 Hz Valore impostato 3 72 Hz

Caratteristiche della coppia variabile (valore impostato: da 0 a 7)


Valore impostato 4 50 Hz Valore impostato 5 50 Hz Valore impostato 6 60 Hz Valore impostato 7 60 Hz

6
60 Hz

Coppia di spunto elevata (valore impostato: da 8 a b)


Valore impostato 8 50 Hz Valore impostato 9 50 Hz Valore impostato A 60 Hz Valore impostato B

Funzionamento uscita fissa (valore impostato: da C a E)


Valore impostato C 90 Hz Valore impostato D 120 Hz Valore impostato E 180 Hz

6-113

Linea caratteristica V/f da 55 a 300 kW I diagrammi mostrano le linee caratteristiche di un motore di classe 200 V. Per un motore di classe 400 V, moltiplicare per 2 tutte le tensioni.
Caratteristiche della coppia costante (valore impostato: da 0 a 3)
Valore impostato 0 50 Hz Valore impostato 1 60 Hz Valore impostato 2 60 Hz Valore impostato 3 72 Hz

Caratteristiche della coppia variabile (valore impostato: da 0 a 7)


Valore impostato 4 50 Hz Valore impostato 5 50 Hz Valore impostato 6 60 Hz Valore impostato 7 60 Hz

Coppia di spunto elevata (valore impostato: da 8 a b)


Valore impostato 8 50 Hz Valore impostato 9 50 Hz Valore impostato A 60 Hz Valore impostato B 60 Hz

Funzionamento uscita fissa (valore impostato: da C a E)


Valore impostato C 90 Hz Valore impostato D 120 Hz Valore impostato E 180 Hz

6-114

Impostazione di una singola linea caratteristica V/f


Se il parametro E1-03 impostato su F, possibile definire linee caratteristiche V/f individualmente utilizzando i parametri da E1-04 a E1-10. Vedere la Fig. 6.84 per dettagli.
Tensione di uscita (V)

Frequenza (Hz)

Fig. 6.84 Impostazione singola linea caratteristica V/f

INFO

Se E1-03 impostato su un valore diverso da F, possibile solo leggere i parametri da E1-04 a E1-10. Per definire una linea caratteristica V/f lineare, impostare lo stesso valore per i parametri E1-07 ed E1-09. In questo caso, E1-08 verr ignorato.

Modalit di impostazione
Se impostata la definizione della linea caratteristica V/f da parte dell'utente, tenere conto dei seguenti punti:
Se si cambia il metodo di controllo, nei parametri da E1-07 a E1-10 verranno ripristinate le impostazioni di

fabbrica per il metodo di controllo selezionato.


Accertarsi di impostare le quattro frequenze come segue:

E1-04 (FMAX) E1-06 (FA) > E1-07 (FB) E1-09 (FMIN)

6-115

Impostazione dei parametri del motore 2


I parametri E4sono per l'impostazione dei dati del motore 2. Nelle modalit di controllo vettoriale i dati del motore vengono impostati automaticamente durante l'autotuning. Se l'autotuning non viene completato normalmente, impostarle i parametri manualmente (vedere pagina 6-109, Impostazione manuale dei parametri del motore). Per commutare tra i motori 1 e 2, necessario impostare un ingresso digitale per il comando di commutazione motore (uno dei parametri da H1-01 a H1-05 deve essere impostato su 16). Il motore 2 viene selezionato quando l'ingresso viene attivato. In questo caso vengono utilizzate le impostazioni della linea caratteristica V/ f dei parametri E3. Nota: l'autotuning per il motore 2 pu essere eseguito solo se uno degli ingressi multifunzione H1 impostato su 16 (selezione motore 2). In caso contrario, il motore 2 non pu essere selezionato durante l'autotuning (T1-00 non verr mostrato).

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 1,90 A * 2,90 Hz * 1,20 A * 4 poli 9,842 * 18,2% 0,40 * Modificabile durante il funzionamento No No No No No No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A A A A No A A A A No A A A Vettoriale ad anello chiuso A A A A A A A

V/f A A A No A No A

E4-01 E4-02 E4-03 E4-04 E4-05 E4-06

Corrente nominale del motore 2 Scorrimento nominale del motore 2 Corrente a vuoto del motore 2 Numero di poli del motore 2 (numero di poli) Resistenza da linea a linea del motore 2 Induttanza di dispersione del motore 2 Capacit nominale del motore 2

E4-07

* L'impostazione di fabbrica dipende dalla capacit dell'inverter. Viene indicato il valore per un inverter di classe 200 V da 0,4 kW.

Ingressi digitali multifunzione (da H1-01 a H1-05)


Valore impostato Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso S S S

Funzione

V/f

16

Commutazione motore 1/2

6-116

Impostazione della linea caratteristica V/f 2


Utilizzando i parametri E3esigenze. possibile impostare la linea caratteristica V/f per il motore 2 in base alle

Si consiglia di non modificare le impostazioni quando il motore viene utilizzato nella modalit di controllo vettoriale ad anello aperto.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 0 50,0 Hz 200,0 V *1 50,0 Hz 3,0 Hz 13,2 V
*2 *1

Modificabile durante il funzionamento No No No No No No No No

V/f A A A A A A A A

Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A A A A A A A A A A A A A A A

Vettoriale ad anello chiuso A A A A No No A No

E3-01 E3-02 E3-03 E3-04 E3-05 E3-06 E3-07 E3-08

Selezione metodo di controllo motore 2 Frequenza di uscita massima motore 2 (FMAX) Tensione di uscita massima motore 2 (VMAX) Frequenza di tensione massima motore 2 (FA) Frequenza di uscita media 1 motore 2 (FB) Tensione frequenza di uscita media 1 motore 2 (VB) Frequenza di uscita minima motore 2 (FMIN) Tensione frequenza di uscita minima motore 2 (FMIN)

0,5 Hz *2 2,4 V
*1

* 1. Questi valori si riferiscono a un inverter di classe 200 V e devono essere raddoppiati per inverter di classe 400 V. * 2. L'impostazione di fabbrica cambier nel momento in cui viene modificato il metodo di controllo (sono riportate le impostazioni di fabbrica per il controllo vettoriale ad anello aperto).

Selezione del metodo di controllo del motore 2 (E3-01)


Utilizzando il parametro E3-01 possibile selezionare il metodo di controllo del motore 2.
L'impostazione di questo parametro influisce sulla funzione di autotuning. Se selezionato il controllo V/f

o il controllo V/f con PG, l'unico metodo di autotuning disponibile sar quello stazionario per la resistenza da linea a linea.

Impostazione della linea caratteristica V/f


Il principio di impostazione della linea caratteristica V/f 2 uguale a quello della linea caratteristica V/f 1. Per ulteriori informazioni, vedere pagina 6-111, Impostazione linea caratteristica V/f (E1-02). Nota: le impostazioni della linea caratteristica V/f 2 sono utilizzate solo per il motore 2, pertanto il motore 2 deve essere selezionato tramite un ingresso multifunzione (impostazione 16).

6-117

Controllo della coppia


Con il controllo vettoriale ad anello chiuso, possibile controllare la coppia di uscita del motore mediante una coppia di riferimento immessa da un ingresso analogico. Il controllo della coppia pu essere abilitato mediante l'impostazione del parametro d5-01 su 1.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 0 0 ms 1 0% 10% 0 ms Modificabile durante il funzionamento No No No No No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto No No No No No No No No No No No No Vettoriale ad anello chiuso A A A A A A

V/f No No No No No No

d5-01 d5-02 d5-03 d5-04 d5-05 d5-06

Selezione controllo della coppia Ritardo coppia di riferimento Selezione limite velocit Limite velocit Polarizzazione limite velocit Temporizzatore del passaggio tra controllo velocit e coppia

Ingressi digitali multifunzione (da H1-01 a H1-05)


Valore impostato 71 78 Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso No No No No S S

Funzione

V/f

Selezione controllo velocit/coppia (ON: controllo della coppia) Comando di inversione polarit per coppia di riferimento esterna

No No

Uscite multifunzione (da H2-01 a H2-03)


Valore impostato 31 32 Durante il limite di velocit Attivato se il circuito di controllo della velocit (ASR) in modalit di controllo della coppia. L'uscita ASR diventa il valore di riferimento per la coppia. Il motore ruota al limite di velocit. Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso No No No No S S

Funzione

V/f

No No

Ingresso analogico multifunzione (H3-09)


Valore impostato 0 13 14 Aggiunta al terminale A1 Riferimento/limite di coppia per controllo velocit Compensazione di coppia Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso S No No S No No S S S

Funzione

V/f

S No No

Monitoraggio
Numero del parametro Livello segnale di uscita analogica Unit min. Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso No S S

Nome

Descrizione

V/f

U1-09

Coppia di riferimento

Esegue il monitoraggio del valore della coppia di riferimento interna per il controllo vettoriale.

10 V: coppia nominale del motore


(gamma consentita da 0 a 10 V)

0,1%

No

6-118

Funzionamento del controllo della coppia


Per il controllo della coppia possibile fissare un valore di coppia come riferimento per l'uscita del motore. Se il comando di coppia e il carico non sono bilanciati, il motore accelera o decelera. Il limite di velocit del circuito impedisce alla velocit del motore di crescere sopra un determinato valore, impostato tramite un ingresso analogico o nel parametro d5-04. La funzione di limite di velocit costituita principalmente da due parti, il circuito di priorit e il circuito di limitazione della velocit. Il circuito di priorit seleziona il valore di riferimento della coppia dall'ingresso analogico o dall'uscita dell'unit di controllo della velocit (ASR). Se la velocit di uscita inferiore al limite di velocit, il valore dell'ingresso analogico viene preso come riferimento della coppia. In caso contrario, viene preso come riferimento della coppia il valore di uscita dell'unit ASR. Il circuito di limitazione della velocit aggiunge una coppia di soppressione della velocit all'uscita di coppia nel caso in cui la velocit superi il limite. Insieme al circuito di priorit, impedisce alla velocit di uscita di superare il limite di velocit. Il diagramma a blocchi del controllo della coppia illustrato nella Fig. 6.85.
Compensazione della coppia tramite ingresso analogico* Coppia di riferimento tramite ingresso analogico A1 Limite di velocit tramite ingresso analogico A2 d5-03 Limite di velocit nel parametro d5-04 2

Tempo di filtro coppia di riferimento d5-02

Circuito di priorit 1 + -

+ + +

Limiti di coppia (L7)

Coppia di riferimento interna

Controllore della velocit (ASR)

Retroazione velocit

Limitatore di velocit

Polarizzazione limite velocit d5-05

6
Fig. 6.85 Diagramma a blocchi controllo della coppia

Immissione delle coppie di riferimento e delle relative direzioni


La coppia di riferimento pu essere immessa utilizzando una tensione analogica o segnali di corrente. I metodi di immissione della coppia di riferimento sono elencati nella seguente tabella.
Sorgente di riferimento Ingresso analogico A2 Ingresso di tensione (da 0 a 10 V) (posizionare su OFF il pin 2 del selettore SW1). Ingresso analogico A2 Ingresso di tensione (da -10 a +10 (posizionare su OFF il V) pin 2 del selettore SW1). Ingresso analogico A2 Ingresso di corrente (da 4 a 20 (posizionare su ON il mA) pin 2 del selettore SW1). Scheda accessoria (AI-14B) (da 0 a 10 V) Canale 2 Metodo di immissione della coppia di riferimento Metodo di selezione H3-08 = 0 H3-09 = 13 Note Per fare passare la coppia di riferimento da coppia positiva a coppia negativa e viceversa, utilizzare un ingresso digitale (H1= 78). La direzione della coppia di riferimento viene cambiata utilizzando la direzione della tensione dell'ingresso analogico. Per fare passare la coppia di riferimento da coppia positiva a coppia negativa e viceversa, utilizzare un ingresso digitale (H1= 78). Il canale 1 della scheda AI-14B sostituisce l'ingresso analogico A1

H3-08 = 1 H3-09 = 13

H3-08 = 2 H3-09 = 13 b1-01=1 F2-01 = 0 H3-08 = 1 H3-09 = 13

6-119

La direzione dell'uscita della coppia dal motore viene determinata dal segno del segnale analogico in ingresso o da un comando di ingresso digitale. Essa non dipende dalla direzione del comando di marcia. La direzione della coppia viene determinata nel seguente modo:
Riferimento analogico positivo: coppia di riferimento per rotazione del motore in avanti (in senso

antiorario visto dall'asse dell'uscita del motore).


Riferimento analogico negativo: coppia di riferimento per rotazione del motore all'indietro (in senso orario

visto dall'asse dell'uscita del motore).

Immissione del limite di velocit


Nella tabella seguente sono elencati i metodi di immissione del limite di velocit. Impostazioni Note dei parametri d5-03 = 2 Utilizzare questa impostazione se il b1-01 = 1 Ingresso di tensione (da 0 a +10 V) Ingresso analogico A1 limite di velocit deve essere sempre H3-01 = 0 positivo. Utilizzare questa impostazione quando b1-01 = 1 Ingresso di tensione (da -10 a +10 V) Ingresso analogico A1 occorre applicare un limite di velocit H3-01 = 1 per entrambe le direzioni. Il terminale A1 diventa il valore della b1-01 = 1 coppia di riferimento. H3-08 = 2 Ingresso di corrente (da 4 a 20 mA) Ingresso analogico A2 Posizionare su ON (lato I) il pin 2 del H3-09 = 13 selettore DIP S1 sul blocco terminali. H3-13 = 1 b1-01 = 1 Il canale 1 della scheda AI-14B Canale 1 F2-01 = 0 sostituisce l'ingresso analogico A1 Scheda accessoria (AI-14B) (da 0 a 10 V) b1-01 = 3 Come limite di velocit viene utilizzata Canale da 1 a 3 F2-01 = 1 la somma dei canali da 1 a 3. Metodo di immissione del limite di velocit Impostazione parametro Sorgente di riferimento Impostato in d5-04

La direzione nella quale controllata la velocit determinata dal segno del segnale di limite di velocit e dalla direzione del comando di marcia.
Tensione positiva applicata: la velocit nella direzione in avanti sar limitata per il funzionamento in

avanti.
Tensione negativa applicata: la velocit nella direzione all'indietro sar limitata per il funzionamento

all'indietro. Se la direzione della rotazione del motore e la direzione del limite di velocit non sono uguali, la velocit sar limitata a 0.

Funzioni uscite digitali (da H2-01 a H2-03)


Durante il limite di velocit ("31") Se un'uscita digitale impostata per questa funzione, l'uscita viene attivata se la velocit di uscita al limite di velocit. Attivazione ASR per il controllo della coppia ("32") Mediante questa funzione di uscita possibile utilizzare un'uscita digitale per monitorare lo stato della funzione di limitazione della velocit. L'uscita viene commutata su:
ON, se la coppia di riferimento viene determinata dall'uscita dell'ASR e il motore sta funzionando al limite

di velocit.
OFF, se la coppia di riferimento viene determinata dall'ingresso analogico.

6-120

Impostazione della polarizzazione per il limite di velocit


La polarizzazione per il limite di velocit pu essere impostata per limitare allo stesso valore sia la velocit in avanti che all'indietro, differendo per questo dalla funzione di impostazione del limite di velocit. Per utilizzare la polarizzazione per il limite di velocit, impostare d5-04 su 0 e impostare la polarizzazione in d5-05 come percentuale della frequenza di uscita massima. Per impostare limiti di velocit in avanti e indietro del 50%, impostare il parametro del limite di velocit su 0 (d5-03 = 2, d5-04 = 0 e d5-05 = 50). La gamma del controllo della coppia sar dal -50% al 50% della velocit di uscita massima. Quando si utilizzano entrambe le funzioni, limitazione della velocit e polarizzazione per il limite di velocit, la gamma di velocit del controllo della coppia sar costituito dai limiti di velocit positivo e negativo a cui viene aggiunta la polarizzazione per il limite di velocit. Esempio Nella Fig. 6.86 illustrata la gamma di velocit del controllo della coppia quando il limite di velocit in avanti pari al 50% e la polarizzazione per il limite di velocit pari al 10%. Questa figura non tiene conto del circuito di priorit.
Coppia positiva Positive torque Polarizzazione per Speed limit bias ild5-05 limite di velocit d5-05

Funzionamento Reverse all'indietro

operation

FunzionamenForward to in avanti operation

Limite di velocit in avanti Forward speed limit

50%

Coppia negativa Negative torque

Fig. 6.86 Impostazione della polarizzazione per il limite di velocit

Esempi di funzionamento del controllo della coppia


Gli esempi di funzionamento saranno descritti separatamente per il funzionamento di avvolgimento, in cui velocit e coppia del motore sono nella stessa direzione, e di riavvolgimento, in cui velocit e coppia del motore sono in direzioni opposte. Funzionamento di avvolgimento In un funzionamento di avvolgimento, la linea (velocit) e la coppia generata dal motore sono nella stessa direzione. In questo caso sia il limite di velocit sia l'ingresso della coppia di riferimento sono positivi. Il motore accelera quando l'ingresso della coppia di riferimento maggiore del carico e decelera quando minore del carico. Se il motore gira pi velocemente del limite di velocit, dal circuito di limitazione della velocit viene emesso un valore di compensazione negativo. Quando poi la velocit scende al di sotto del limite, viene emesso un valore di compensazione positivo. La compensazione della coppia proporzionale al guadagno proporzionale ASR. Quando la somma della coppia di riferimento e dell'uscita di compensazione della coppia emessa dal circuito di limitazione della velocit uguale al carico effettivo, il motore smetter di accelerare e marcer a velocit costante. Funzionamento di riavvolgimento In un funzionamento di riavvolgimento, la linea (velocit) e la coppia generata dal motore sono in direzioni opposte (in questo esempio, si assume che la velocit della linea sia positiva e che l'ingresso della coppia di riferimento sia negativa). In questo caso il limite di velocit positivo e l'ingresso della coppia di riferimento negativo. Se il motore gira pi velocemente del limite di velocit, dal circuito di limitazione della velocit

6-121

viene emesso un valore di compensazione negativo. Se il motore ruota in direzione contraria, viene emesso un valore di compensazione positivo. Se la velocit 0 o inferiore al limite, viene emesso un valore di compensazione pari a 0. In questo modo l'uscita dal circuito di limitazione della velocit viene utilizzata per mantenere la velocit del motore compresa tra 0 e il limite di velocit. Quando la somma della coppia di riferimento e dell'uscita di compensazione della coppia emessa dal circuito di limitazione della velocit uguale al carico effettivo, il motore smetter di accelerare e marcer a velocit costante.
Funzionamento di avvolgimento
n
Direzione linea Line Direction di produzione

Funzionamento di riavvolgimento
T

T n
Direzione linea Line Direction di produzione

Configurazione

M
Direzione di rotazione normale Polarit della coppia di riferimento (TREF) Polarit del limite di velocit (SLIM) Avanti Indietro

M
Avanti Indietro

Coppia Torque Limite Torque di limit coppia


n TREF

Coppia Torque Limite Torque di limit coppia


(d5-05)

Coppia Torque Limite Torque di limit coppia


-(d5-05)

Coppia Torque Limite Torque di limit coppia


n

TREF

Coppia generata
0
-(d5-05)

Velocit Speed
nLIM nLIM

0
TREF n

Velocit Speed

nLIM

0
TREF

Velocit Speed
nLIM

0
(d5-05)

Velocit Speed

Limite Torque di limit coppia

Limite Torque di limit coppia

Limite Torque di limit coppia

Limite Torque di limit coppia

Regolazioni del segnale della coppia di riferimento


Ritardo coppia di riferimento (d5-02) La costante di tempo del filtro nella sezione della coppia di riferimento pu essere regolata utilizzando il parametro d5-02. Questo parametro utilizzato per eliminare i disturbi nel segnale della coppia di riferimento e regolare la velocit di risposta al controllore host. Aumentare l'impostazione se durante il controllo della coppia si verificano oscillazioni. Impostazione della compensazione della coppia Per applicare una compensazione di coppia possibile utilizzare un ingresso analogico (H3-09 = 14). Quando su uno di questi terminali viene immessa in ingresso la quantit di perdita di coppia per perdita meccanica o altre cause, tale quantit viene aggiunta alla coppia di riferimento per compensare la perdita. La direzione della coppia sar come indicato di seguito:
Tensione positiva (corrente): compensazione della coppia di riferimento per rotazione del motore in avanti

(in senso antiorario visto dall'asse dell'uscita del motore).


Tensione negativa: compensazione della coppia di riferimento per rotazione del motore all'indietro

(in senso orario visto dall'asse dell'uscita del motore). Dato che la polarit dell'ingresso di tensione determina la direzione, se si seleziona il livello di segnale da 0 a 10 V (oppure da 4 a 20 mA) possibile immettere solo la compensazione della coppia in avanti. Se deve essere immessa una compensazione della coppia all'indietro, accertarsi di selezionare il livello di segnale da 0 a 10 V.

6-122

Funzione del passaggio tra controllo della velocit e della coppia


possibile passare tra controllo di velocit e controllo di coppia utilizzando uno degli ingressi digitali (H1= 71, selezione controllo velocit/coppia). Quando l'ingresso ON viene eseguito il controllo della velocit, mentre quando OFF viene eseguito il controllo della coppia. Il parametro d5-01 deve essere impostato su 0. Impostazione del temporizzatore del passaggio tra controllo velocit e coppia (d5-06) Nel parametro d5-06 possibile impostare il ritardo tra un cambiamento dell'ingresso della funzione di passaggio tra controllo della velocit e della coppia (da ON a OFF o da OFF a ON) e il cambiamento corrispondente nella modalit di controllo. Durante il periodo determinato dal ritardo i due ingressi analogici manterranno i rispettivi valori che erano presenti al momento del cambio di stato ON/OFF del segnale di passaggio tra controllo della velocit e della coppia. Utilizzare questo ritardo per apportare le modifiche richieste ai segnali esterni. La Fig. 6.87 illustra un esempio di passaggio tra controllo della velocit e della coppia.
CHIUSO CLOSED Segnale di commutaziSpeed/torque change one velocit/coppia signal APERTO OPEN
OPEN APERTO

CHIUSO CLOSED

Marcia Run Comando di marcia Run command


Stop Arresto

Arresto Stop

Modalit controllo Control di mode

Velocit Speed

Coppia Torque Limite di


Speed limit velocit

Velocit Speed

Coppia Torque Limite di

Speed (decel to stop)

Velocit (arresto per decelerazione)

Speed limit velocit

Ingresso terminale Terminal A1 input A1

Velocit Speed di riferimento reference Limite di coppia Torque limit

Velocit Speed di riferimento reference Limite di coppia Torque limit Coppia di Torque riferimento reference Coppia Torquedi riferimento reference

Ingresso Terminalterminale A2 input A2

Fig. 6.87 Diagramma di funzionamento del passaggio tra controllo della velocit e della coppia

Modalit d'uso
La funzione dell'ingresso della coppia di riferimento (A1 o A2) cambia quando la modalit cambia tra

controllo della coppia e controllo della velocit. Durante il controllo della velocit: il terminale di ingresso analogico utilizzato come ingresso del limite di coppia. Durante il controllo della coppia: il terminale di ingresso analogico utilizzato come ingresso della coppia di riferimento.
Quando il comando di marcia viene disattivato, la modalit sar quella di controllo della velocit. Anche se

attiva la modalit di controllo della coppia, quando il comando di marcia viene disattivato, il sistema passa automaticamente al controllo della velocit e si arresta per decelerazione.

6-123

Funzione di controllo caduta


Il controllo della caduta una funzione che consente di condividere il carico tra due motori che azionano un singolo carico. La funzione di controllo caduta deve essere abilitata solo su uno degli inverter. Se attraverso questo inverter la coppia aumenta, la velocit viene ridotta e l'altro inverter prende pi carico. In questo modo il carico viene automaticamente condiviso tra entrambi i motori.

Costanti correlate
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 0,0 0,05 s Modificabile durante il funzionamento S No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto No No No No Vettoriale ad anello chiuso A A

V/f No No

b7-01 b7-02

Guadagno per controllo caduta Ritardo per controllo caduta

Impostazione del guadagno per controllo caduta


Impostare il guadagno per controllo caduta nel parametro b7-01 sulla quantit di riduzione della velocit quando viene immessa la frequenza di uscita massima e generata la coppia nominale (vedere la Fig. 6.88). Il parametro b7-01 viene impostato come percentuale della tensione di uscita massima.
Coppia Torque
b7-01

100%

6
Velocit Speed
0

Velocit di riferimento Speed reference

Fig. 6.88 Guadagno per controllo caduta

Il controllo della caduta pu essere disabilitato impostando il parametro b5-07 su 0.

Impostazione del ritardo per controllo caduta


Il ritardo per controllo caduta nel parametro b7-02 viene utilizzato per regolare la velocit di risposta del controllo caduta. Aumentare questa impostazione se si verificano oscillazioni o vibrazioni.

6-124

Funzione di azzeramento servo


Quando il motore viene arrestato, la funzione di azzeramento servo lo mantiene in uno stato denominato "azzeramento servo". Questo significa che se la frequenza di riferimento scende sotto il livello di azzeramento servo (parametro b2-01), viene attivato un ciclo di posizione e il motore viene tenuto in tale posizione, anche se viene applicato un carico. La funzione di azzeramento servo deve essere abilitata tramite un ingresso digitale programmato per il comando di azzeramento servo (H1= 72). Utilizzando il parametro U1-35 possibile monitorare la deviazione effettiva della posizione del rotore dalla posizione di azzeramento. Il valore mostrato deve essere diviso per ottenere lo scostamento in impulsi di encoder. possibile utilizzare un'uscita digitale (H2= 33) per segnalare il completamento di un comando di azzeramento servo. Il contatto rimane chiuso finch la posizione effettiva del rotore all'interno dell'intervallo determinato dalla posizione dell'azzeramento servo E ampiezza completamento azzeramento servo.

Costanti correlate
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 0,5 Hz 5 10 Modificabile durante il funzionamento No No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A No No A No No Vettoriale ad anello chiuso A A A

V/f A No No

b2-01 b9-01 b9-02

Livello velocit zero (frequenza di avvio frenatura ad iniezione c.c.) Guadagno azzeramento servo Ampiezza completamento azzeramento zero

Ingressi digitali multifunzione (da H1-01 a H1-05)


Valore impostato 72 Funzione Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto No No Vettoriale ad anello chiuso S

V/f No

Comando di azzeramento servo (ON: azzeramento servo)

Uscite multifunzione (da H2-01 a H2-03)


Valore impostato Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso No No S

Funzione

V/f

33

Fine azzeramento servo ON: posizione attuale all'interno dell'intervallo determinato dalla posizione di inizio dell'azzeramento servo ampiezza completamento azzeramento servo.

No

Monitoraggio
Numero del parametro Livello segnale di uscita a uscita analogica Unit min. Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso No No A

Nome

Descrizione

V/f

U1-35

Impulsi di movimento azzeramento servo

Mostra il numero di tempi di impulsi PG moltiplicato per 4 per la gamma di movimento quando arrestato a zero.

(non pu essere emesso)

No

6-125

Diagramma di funzionamento
Nella figura seguente illustrato un diagramma di funzionamento esemplificativo che mostra i segnali di ingresso e uscita per la funzione di azzeramento servo.
Comando di marcia Run command Comando diZero azzeramento servo Servo Command
ON ON OFF

OFF

Frequenza di riferimento Frequency (speed) (velocit) reference Livello di eccitazione Excitation level
b2-01

Velocit motore Motor speed

Segnale di fine Zero Servo End azzeramento signalservo

Stato azzeramento Zero-servo servo status

Fig. 6.89 Diagramma di funzionamento della funzione di azzeramento servo

Modalit d'uso
Accertarsi di lasciare attivato l'ingresso del comando di marcia. Se il comando di marcia viene disattivato,

l'uscita verr interrotta e la funzione di azzeramento servo disattivata.


Nel parametro b9-01 possibile regolare la forza di mantenimento del ciclo di posizione di azzeramento

servo. Tale forza crescer all'aumentare del valore impostato. Se l'impostazione troppo elevata possono verificarsi oscillazioni e vibrazioni. Regolare b9-01 dopo aver regolato il controllore della velocit (ASR).
L'ampiezza di rilevamento dell'azzeramento servo impostata come scostamento consentito dalla

posizione di inizio azzeramento servo. Impostare b9-02 considerando il numero di impulsi di scostamento provenienti dal PG moltiplicato per 4.
Il segnale di completamento azzeramento servo commuta su OFF quando il comando di azzeramento servo

viene disattivato.
Non utilizzare l'azzeramento servo per lunghi periodi di tempo con il 100% della coppia, altrimenti potrebbero verificarsi degli errori dell'inverter. Se la funzione di azzeramento servo deve essere utilizzata continuamente, accertarsi che la corrente di uscita durante il blocco servo non sia superiore al 50% della corrente del motore.

IMPORTANTE

6-126

Buffer di energia cinetica


La funzione di buffer dell'energia cinetica pu essere utilizzata per eseguire un arresto per decelerazione dopo un'improvvisa caduta di tensione utilizzando l'energia cinetica della macchina in rotazione per mantenere la tensione del bus c.c.. In questo modo possibile evitare un arresto per inerzia non controllato della macchina. La funzione pu essere attivata tramite un ingresso multifunzione, che pu pertanto essere azionato mediante un'uscita di allarme di sottotensione del bus c.c. o un rel a caduta di tensione. Nella Fig. 6.80 illustrato un esempio di cablaggio.

L1 L2 L3
Terminali da S3 a S7 H1SN Rel a caduta di tensione

Varispeed F7

=66

Al motore

Fig. 6.90 Esempio di cablaggio per l'utilizzo della funzione KEB

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 10,0 s 0 190 V* Modificabile durante il funzionamento No No No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A A A A A A A Vettoriale ad anello chiuso A A A A

V/f A A A A

C1-09 L2-01 L2-05 L2-08

Tempo di arresto rapido Rilevamento caduta di tensione momentanea Livello di rilevamento sottotensione Guadagno di riduzione frequenza all'attivazione del buffer di energia cinetica (KEB)

100

* L'impostazione di fabbrica dipende dalla capacit dell'inverter. Viene indicato il valore per un inverter di classe 200 V da 0,4 kW.

Impostazione del rilevamento caduta di tensione momentanea (L2-01)


L2-01 = 0

Viene segnalato il verificarsi di un errore di sovratensione dell'inverter (UV1).


L2-01 =1

Se la caduta di tensione dura un lasso di tempo inferiore a quello impostato nel parametro L2-02, non viene emesso nessun errore UV1. Se invece l'alimentazione non torna in tale arco di tempo, viene emesso un errore UV1.
Nessun UV1 viene rilevato. L'inverter continua il funzionamento finch la CPU operativa.

Per utilizzare la funzione di buffer di energia cinetica in connessione all'uscita di allarme UV dell'inverter, necessario impostare il parametro L2-01 su 1 o 2. Impostazione del livello di bassa tensione (L2-05) Questo parametro imposta il livello di tensione del bus c.c. in corrispondenza della quale viene rilevata la sottotensione del bus c.c. (UV, UV1). In genere non necessario modificare questa impostazione. Se il rilevamento di sottotensione viene utilizzato per attivare la funzione di buffer di energia cinetica, il livello del rilevamento deve essere aumentato al massimo per rilevare la bassa tensione il pi velocemente possibile.

6-127

Regolazione del tempo di decelerazione per il buffer di energia cinetica (C1-09) Il tempo di arresto rapido impostato nel parametro C1-09 viene utilizzato per eseguire un arresto per decelerazione quando viene immesso un comando di buffer di energia cinetica. Per impostare questo parametro, attenersi alla seguente procedura:
Aumentare C1-09 finch non viene rilevato un errore UV1 durante la decelerazione (se L2-01 impostato

su 2, non sar rilevato alcun errore UV1, ma il motore inizier ad arrestarsi per inerzia quando la tensione del bus c.c. diminuisce troppo). Il valore di impostazione pi alto di C1-09 al quale non viene rilevato alcun errore UV1 rappresenta il tempo di decelerazione massimo.
Diminuire C1-09 finch non viene rilevata una sovratensione (OV) del bus c.c.. Il valore di impostazione

pi basso di C1-09 al quale non viene rilevato alcun errore OV rappresenta il tempo di decelerazione minimo.
Impostare un valore per C1-09 compreso tra il tempo di decelerazione massimo e minimo.

Regolazione del guadagno di riduzione della frequenza all'attivazione del buffer di energia cinetica (L2-08) Quando abilitata la funzione di buffer di energia cinetica, la frequenza di uscita viene ridotta di una determinata quantit per evitare errori UV1. La quantit di questa diminuzione di frequenza pu essere impostata utilizzando il parametro L2-08 come percentuale della frequenza di scorrimento prima dell'immissione del segnale di buffer di energia cinetica. In genere non necessario modificare questa impostazione.
Aumentare l'impostazione se si verifica un errore di sottotensione subito dopo l'avvio del buffer di energia

cinetica.
Diminuire l'impostazione se si verifica un errore di sovratensione subito dopo l'avvio del buffer di energia

cinetica.

Impostazioni ingressi multifunzione: da H1-01 a H1-05 (terminali S3-S7)


Comando buffer di energia cinetica NC: 65
Memorizzando questa impostazione per uno dei parametri da H1-01 a H1-05, la funzione del buffer di

energia cinetica pu essere attivata utilizzando un contatto NC. Comando buffer di energia cinetica NO: 66
Utilizzando questa impostazione per uno dei parametri da H1-01 a H1-05, la funzione del buffer di energia

cinetica pu essere attivata utilizzando un contatto NO.

Frenatura ad alto scorrimento (HSB)


Se l'inerzia del carico elevata, possibile utilizzare la funzione di frenatura ad alto scorrimento per abbreviare il tempo di decelerazione rispetto al tempo di decelerazione normale senza utilizzare un'opzione di frenatura (resistenza di frenatura, modulo resistenza di frenatura). La funzione deve essere attivata mediante un ingresso multifunzione. Questa funzione non comparabile alla funzione di decelerazione normale in quanto non utilizza una funzione di rampa. La funzione HSB non dovrebbe essere utilizzata con il funzionamento normale in sostituzione di una rampa di decelerazione.

6-128

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 5% 150% 1,0 s 40 s Modificabile durante il funzionamento No No No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A A A No No No No Vettoriale ad anello chiuso No No No No

V/f

N3-01 N3-02 N3-03 N3-04

Ampiezza frequenza di decelerazione per frenatura ad alto scorrimento Limite corrente frenatura ad alto scorrimento Tempo di pausa arresto con frenatura ad alto scorrimento Tempo OL frenatura ad alto scorrimento

A A A A

Ingressi digitali multifunzione (da H1-01 a H1-05)


Valore impostato 68 Metodi di controllo Vetto- Vettoriale riale V/f con ad ad PG anello anello aperto chiuso S No No

Funzione

V/f

Comando di frenatura ad alto scorrimento (ON: HSB attivata)

Regolazione dell'ampiezza della frequenza di decelerazione HSB (N3-01)


Questo parametro imposta il valore di diminuzione della frequenza di uscita al fine di ottenere un elevato scorrimento negativo e frenare cos il motore. In genere non necessaria alcuna regolazione. Aumentare il valore se si verificano errori di sovratensione del bus c.c..

Regolazione del limite di corrente HSB (N3-02)


L'impostazione del parametro N3-02 limita la corrente di uscita mentre attiva la frenatura ad alto scorrimento. Il limite di corrente influisce sul tempo di decelerazione raggiungibile. A un minore limite di corrente corrisponde un maggiore tempo di decelerazione.

Impostazione del tempo di pausa all'arresto HSB (N3-03)


Alla fine di una frenatura ad elevato scorrimento, la frequenza di uscita viene mantenuta alla frequenza di uscita minima per il tempo impostato in N3-03. Aumentare il tempo se il motore inizia ad arrestarsi per inerzia dopo la HSB.

Impostazione del tempo di sovraccarico HSB (N3-04)


N3-04 imposta il tempo di sovraccarico HSB. Se la frequenza di uscita non cambia per una qualsiasi ragione, sebbene sia stato inviato un comando HSB, viene visualizzato un errore OL7 e il contatto che segnala gli errori si attiva.

Attivazione della frenatura ad alto scorrimento


Se un ingresso multifunzione impostato su 68, pu essere utilizzato per attivare la funzione HSB. L'inverter frener immediatamente il motore dopo l'invio del comando HSB. La HSB non pu essere interrotta, ossia non pu essere ripristinato il normale funzionamento dell'inverter. Poich la funzione HSB viene attivata mediante un segnale a impulsi, non necessaria un'attivazione continua dell'ingresso digitale.

6-129

Funzioni della console di programmazione


Impostazione delle funzioni della console di programmazione
Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 6 1 0 0 3 1 1 0* 0 0 0 0 0 2 0 0 0 Modificabile durante il funzionamento S S No No S No No No No No No No No No No No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A A No A A A A A A A A A A A A A A A A No A A A A A A A A A A A A A Vettoriale ad anello chiuso A A A A A A A A A A A A A A A A A

V/f A A A No A A A A A A A A A A A A A

o1-01 o1-02 o1-03 o1-04 o1-05 o2-01 o2-02 o2-03 o2-04 o2-05 o2-06 o2-07 o2-08 o2-09 o2-10 o2-12

Selezione monitoraggio Selezione monitoraggio dopo l'accensione Impostazione e monitoraggio unit per la frequenza di riferimento Impostazione unit per parametri correlati alla frequenza di riferimento Contrasto display LCD Abilitazione/disabilitazione tasto LOCAL/REMOTE Tasto STOP durante funzionamento del terminale del circuito di controllo Selezione inverter kVA Valore iniziale parametro utente Selezione metodo impostazione della frequenza di riferimento Selezione del funzionamento quando la console di programmazione scollegata Impostazione tempo di funzionamento cumulativo Selezione tempo di funzionamento cumulativo Modalit di inizializzazione Impostazione tempo di funzionamento della ventola Inizializzazione traccia errore Inizializzazione monitoraggio energia assorbita

o2-13

* Dipende dalla capacit dell'inverter.

Selezione parametro da monitorare (o1-01)


Utilizzando il parametro o1-01 possibile selezionare il terzo parametro da monitorare visualizzato in modalit inverter. Questa funzione non ha alcun effetto sul display LCD opzionale (JVOP-160)

Visualizzazione monitoraggio con alimentazione attiva (o1-02)


Utilizzando il parametro o1-02 possibile selezionare il parametro da monitorare (U1visualizzato sulla console di programmazione quando l'alimentazione viene attivata. ) che deve essere

Cambio della frequenza di riferimento e delle unit di visualizzazione (o1-03)


Impostare la frequenza di riferimento e le unit di visualizzazione della console di programmazione utilizzando il parametro o1-03. L'impostazione nel parametro o1-03 influenza le unit di visualizzazione dei seguenti parametri di monitoraggio:
U1-01 (frequenza di riferimento) U1-02 (frequenza di uscita) U1-05 (velocit motore) U1-20 (frequenza di uscita dopo softstarter) Da d1-01 a d1-17 (frequenze di riferimento)

6-130

Selezione delle unit per i parametri di frequenza relativi alle impostazione V/f (o1-04)
Utilizzando il parametro o1-04 possibile cambiare l'unit per i parametri di frequenza relativi all'impostazione V/f. Se o1-04 viene impostato su 0 l'unit di misura utilizzata Hz, mentre se o1-04 viene impostato su 1 giri/min.

Impostazione del contrasto del display (o1-05)


Utilizzando o1-05 possibile aumentare o diminuire il contrasto del display LCD sulla console di programmazione. Abbassando il valore del parametro o1-05 si diminuisce il contrasto e viceversa.

Disabilitazione del tasto LOCAL/REMOTE (o2-01)


Impostare o2-01 su 0 per disabilitare il tasto LOCAL/REMOTE sulla console di programmazione. Se il tasto disabilitato, non pu pi essere utilizzato per cambiare la sorgente della frequenza di riferimento o del comando RUN tra LOCAL e REMOTE.

Disabilitazione del tasto STOP (o2-02)


Questo parametro consente di abilitare o disabilitare l'uso del tasto STOP sulla console durante il controllo remoto (b1-02 0). Se o2-02 impostato su 1, verr accettato il comando di arresto inviato tramite il tasto STOP sulla console, mentre se o2-02 impostato su 0 il comando verr ignorato.

Inizializzazione dei valori dei parametri utente (o2-03)


possibile salvare i valori di impostazione attuali dei parametri dell'inverter come valori iniziali dei parametri impostati dall'utente. A tal fine il parametro o2-03 deve essere impostato su 1. Per inizializzare i parametri dell'inverter utilizzando i valori iniziali impostati dall'utente nella memoria impostare il parametro A1-03 su 1110. Per cancellare tali valori dalla memoria, impostare 02-03 su 2.

Modifica delle impostazione di capacit dell'inverter (o2-04)


L'impostazione della capacit dell'inverter pu essere impostata utilizzando il parametro o2-04. Vedere pagina 5-72, Impostazioni di fabbrica che cambiano con la capacit dell'inverter (o2-04) per un elenco dei parametri che dipendono da questa impostazione. In genere non necessario modificare questa impostazione, a meno che non sia stata cambiata la scheda di controllo.

Impostazione della frequenza di riferimento tramite i tasti UP e DOWN ma senza il tasto ENTER (o2-05)
Questa funzione attiva quando le frequenze di riferimento vengono immesse dalla console di programmazione. Se 02-05 impostato su 1, possibile incrementare o decrementare la frequenza di riferimento tramite i tasti UP e DOWN senza per utilizzare il tasto ENTER.

Selezione del funzionamento quando la console di programmazione scollegata (o2-06)


Questa funzione seleziona il funzionamento quando la console di programmazione viene scollegata mentre attivo un comando RUN. Se o2-06 impostato su 0, il funzionamento continua. Se o2-06 impostato su 1 l'uscita viene disattivata e il motore si arresta per inerzia. Verr inoltre attivato il contatto degli errori. Quando la console di programmazione viene ricollegata viene visualizzato un errore OPR (console scollegata).

6-131

Tempo di funzionamento cumulativo (o2-07 e o2-08)


L'inverter dotato di una funzione che calcola il tempo di funzionamento dell'inverter in modo cumulativo. Utilizzando il parametro o2-07 possibile modificare il tempo di funzionamento cumulativo, ad esempio dopo una sostituzione della scheda di controllo. Se il parametro o2-08 impostato su 0, l'inverter tiene conto del tempo trascorso quando l'alimentazione attiva. Se o2-02 impostato su 1, viene conteggiato solo il tempo quando attivo un comando RUN. Il valore predefinito 0.

Tempo di funzionamento ventola di raffreddamento (o2-10)


Questa funzione calcola in modo cumulativo il tempo di funzionamento della ventola montata sull'inverter. Utilizzando il parametro 02-10 possibile azzerare il contatore , ad esempio quando si sostituisce la ventola.

Inizializzazione traccia errore (o2-12)


Questa funzione pu essere utilizzata per inizializzare la traccia degli errori impostando il parametro o2-12 su 1.

Inizializzazione monitoraggio kWh (o2-14)


Utilizzando questo parametro possibile inizializzare il monitoraggio dei kWh (U1-29 e U1-30).

Copia dei parametri


La console di programmazione consente di eseguire le tre funzioni riportate di seguito utilizzando una EEPROM incorporata (memoria non volatile).

Memorizzazione dei valori impostati per i parametri dell'inverter nella console di programmazione

impostando o3-01 su 1 (READ)


Scrittura nell'inverter dei valori impostati per i parametri memorizzati nella console di programmazione

impostando o3-01 su 2 (COPY)


Confronto tra i valori impostati per i parametri memorizzati nella console di programmazione e quelli

dell'inverter impostando o3-01 su 3 (VERIFY) I dati memorizzati nella console di programmazione possono essere protetti dalla sovrascrittura impostando il parametro o3-02 su 0 che impedisce l'esecuzione di un comando READ. Se tuttavia si invia tale comando, sulla console verr visualizzata la dicitura PrE.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 0 0 Modificabile durante il funzionamento No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A A A Vettoriale ad anello chiuso A A

V/f A A

o3-01 o3-02

Selezione funzione di copia Selezione abilitazione in lettura

6-132

Memorizzazione dei valori impostati per l'inverter nella console di programmazione (READ)
Per memorizzare i valori impostati per l'inverter nella console di programmazione attenersi alla seguente procedura.
N. passo 1 Spiegazione Display della console di programmazione
-ADV-

Premere il tasto Menu e selezionare la modalit di programmazione avanzata.

** Main Menu ** Programming

-ADV-

Premere il tasto ENTER.

Initialization

A1 - 00=1
Select Language
-ADV-

Premere il tasto di incremento e decremento fino a visualizzare il parametro o3-01 (selezione funzione di copia).

COPY Function

o3 - 01=0
Copy Funtion Sel
-ADV-

Premere il tasto ENTER e selezionare la visualizzazione delle impostazioni costanti.

Copy Function Sel

o3-01= 0
COPY SELECT
-ADV-

*0*

Modificare il valore impostato su 1 utilizzando il tasto di incremento.

Copy Function Sel

o3-01= 1
INV
-ADV-

*0*

OP READ

Impostare i dati modificati utilizzando il tasto ENTER. La funzione READ verr avviata.

READ

INV

OP READING

-ADV-

Se la funzione READ viene eseguita normalmente, sulla console di programmazione viene visualizzata la scritta End.

READ

READ COMPLETE
-ADV-

Il display ritorna a o3-01 quando viene premuto un tasto.

Copy Function Sel

o3 - 01=0
COPY SELECT

*0*

Se viene visualizzato un errore, premere un tasto per annullare la visualizzazione dell'errore e tornare a visualizzare il parametro o3-01. Per un elenco di possibili interventi correttivi, fare riferimento a pagina 7-15, Errori della funzione COPY della console di programmazione.

6-133

Scrittura sull'inverter di valori impostati per i parametri memorizzati nella console di programmazione (COPY)
Per scrivere sull'inverter i valori impostati per i parametri memorizzati nella console di programmazione, attenersi alla seguente procedura.
N. passo 1 Spiegazione Display della console di programmazione
-ADV-

Premere il tasto MENU e selezionare la modalit di programmazione avanzata.

** Main Menu ** Programming

-ADV-

Premere il tasto ENTER.

Initialization

A1 - 00 = 1
Select Language
-ADV-

Premere il tasto di incremento e decremento fino a visualizzare il parametro o3-01 (selezione funzione di copia).

COPY Function

o3 - 01 = 0
Copy Funtion Sel
-ADV-

Premere il tasto ENTER e selezionare la visualizzazione delle impostazioni costanti.

Copy Function Sel

o3-01= 0

*0*

COPY SELECT
-ADV-

Modificare il valore impostato su 2 utilizzando il tasto di incremento.

Copy Function Sel

o3-01= 2
OP
-ADV-

*0*

INV WRITE

Impostare i dati modificati utilizzando il tasto ENTER. La funzione COPY verr avviata.

COPY

OP

INV COPYING

-ADV-

Se la funzione COPY viene eseguita normalmente, sulla console di programmazione viene visualizzata la scritta End.

COPY

COPY COMPLETE
-ADV-

Il display ritorna a o3-01 quando viene premuto un tasto.

Copy Function Sel

o3 - 01 =0
COPY SELECT

*0*

Se viene visualizzato un errore, impostare nuovamente i parametri. Per un elenco di possibili interventi correttivi, fare riferimento a pagina 7-15, Errori della funzione COPY della console di programmazione.

6-134

Confronto dei parametri dell'inverter e dei valori impostati per i parametri nella console di programmazione (VERIFY)
Per confrontare i parametri dell'inverter e i valori impostati per i parametri nella console di programmazione, attenersi alla seguente procedura.
N. passo 1 Spiegazione Premere il tasto MENU e selezionare la modalit di programmazione avanzata. Display della console di programmazione
-ADV-

** Main Menu ** Programming

-ADV-

Premere il tasto ENTER.

Initialization

A1 - 00 = 1
Select Language
-ADV-

Premere il tasto di incremento e di decremento fino a visualizzare il parametro o3-01 (selezione funzione di copia).

COPY Function

o3 - 01=0
Copy Funtion Sel
-ADV-

Premere il tasto ENTER e selezionare la visualizzazione delle impostazioni della funzione.

Copy Function Sel

o3-01= 0

*0*

COPY SELECT
-ADV-

Modificare il valore impostato su 3 utilizzando il tasto di incremento.

Copy Funtion Sel

o3-01= 3
OP
-ADV-

*0*

INV VERIFY

Impostare i dati modificati utilizzando il tasto ENTER. La funzione VERIFY verr avviata.

VERIFY

DATA VERIFYING

-ADV-

Se la funzione VERIFY viene eseguita normalmente, sulla console di programmazione viene visualizzata la scritta End.

VERIFY

VERIFY COMPLETE

-ADV-

Il display ritorna a o3-01 quando viene premuto un tasto.

Copy Function Sel

o3 - 01 = 0
COPY SELECT

*0*

Se viene visualizzato un errore, premere un tasto per annullare la visualizzazione dell'errore e tornare a visualizzare il parametro o3-01. Per un elenco di possibili interventi correttivi, fare riferimento a pagina 7-15, Errori della funzione COPY della console di programmazione.
Quando si utilizza la funzione di copia, verificare che le seguenti impostazioni siano uguali nei dati dell'inverter e della console di programmazione.
INFO

Tipo e prodotto dell'inverter Numero di software Capacit dell'inverter e classe di tensione. Metodo di controllo

6-135

Proibizione di sovrascrittura dei parametri


Se A1-01 impostato su 0, tutti i parametri eccetto A1-01 e A1-04 sono protetti da sovrascrittura e U1, U2e U3verranno visualizzati. Se A1-01 impostato su 1, possono essere letti o scritti soltanto i parametri A1-01, A1-04 e A2e U1, U2e U3verranno visualizzati. Tutti gli altri parametri non verranno visualizzati. Se si imposta uno dei parametri da H1-01 ad H1-05 (selezione funzione terminali di ingresso digitale da S3 a S7) su 1B (scrittura parametri consentita), dalla console di programmazione possibile scrivere nei parametri quando il terminale di impostazione ON. Quando il terminale OFF, non consentito scrivere parametri diversi dalla frequenza di riferimento, ma possibile leggere i parametri.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 2 Modificabile durante il funzionamento S Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A Vettoriale ad anello chiuso A

V/f A

A1-01

Livello di accesso ai parametri

Impostazione di una password


Se una password impostata in A1-05 e se i valori impostati in A1-04 e A1-05 non corrispondono, possibile modificare solo le impostazioni dei parametri da A1-01 ad A1-03 o da A2-01 ad A2-32. L'impostazione di tutti i parametri eccetto A1-00 pu essere proibita utilizzando la funzione di password in combinazione con l'impostazione del parametro A1-01 su 0 (solo monitoraggio).

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 2 0 0 Modificabile durante il funzionamento No No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A A A A A Vettoriale ad anello chiuso A A A

V/f A A A

A1-01 A1-04 A1-05

Livello di accesso ai parametri Password Impostazione password

Impostazione della password


La password pu essere impostata nel parametro A1-05. In genere tale parametro non viene visualizzato. Per visualizzare e modificare il parametro A1-05 premere contemporaneamente i tasti MENU e RESET quando visualizzato il parametro A1-04.

6-136

Visualizzazione solo dei parametri impostati dall'utente


I parametri A2 (parametri impostati dall'utente) e A1-01 (livello di accesso ai parametri) possono essere utilizzati per definire un gruppo di parametri contenente solo i parametri rilevanti. Impostare i numeri dei parametri a cui si interessati nei parametri da A2-01 ad A2-32, quindi impostare A1-01 su 1. Utilizzando la modalit di programmazione avanzata possibile leggere e modificare i parametri da A1-01 ad A1-03 e solo i parametri impostati nei parametri da A2-01 ad A2-32.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica Modificabile durante il funzionamento No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A Vettoriale ad anello chiuso A

V/f

A2-01 ... A2-32

Parametri impostati dall'utente

6-137

Schede accessorie
Uso di schede accessorie di retroazione PG
Per ottenere un controllo della velocit pi preciso, possibile installare una scheda accessoria PG per collegare un generatore di impulsi. possibile installare due diversi tipi di scheda PG: PG-B2 e PG-X2. Per ulteriori informazioni, vedere pagina 2-28, Specifiche e modelli delle schede accessorie.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 1024 1 1 3 0 1 0 115% 1,0 s 10% 0,5 s 0 0 2,0 s Modificabile durante il funzionamento No No No No No No No No No No No No No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto Q A A A A A A A A A A A A A Q No No No A A No No No No No No No No Vettoriale ad anello chiuso Q A A A A A A A A A A A A A

V/f No No No No No No No No No No No No No No

F1-01 F1-02 F1-03 F1-04 F1-05 F1-06 F1-07 F1-08 F1-09 F1-10 F1-11 F1-12 F1-13

Costante PG Selezione funzionamento in caso di circuito PG aperto (PGO) Selezione funzionamento in caso di velocit eccessiva (OS) Selezione del funzionamento in caso di deviazione della velocit (DEV) Rotazione PG Rapporto di divisione PG (monitoraggio impulsi PG) Abilitazione/disabilitazione valore integrale durante accelerazione/ decelerazione Livello di rilevamento velocit eccessiva (OS) Ritardo rilevamento velocit eccessiva (OS) Livello di rilevamento deviazione della velocit eccessiva (DEV) Ritardo rilevamento deviazione della velocit eccessiva (DEV) Numero di denti dell'ingranaggio PG 1 Numero di denti dell'ingranaggio PG 2 Ritardo nel rilevamento del circuito PG aperto

F1-14

Uso della scheda di controllo della velocit PG


Sono disponibili due tipi di scheda di controllo della velocit PG da utilizzare con il controllo V/f con PG e con il controllo vettoriale ad anello chiuso:
PG-B2: ingresso a impulsi fase A/B, compatibile con uscite complementari PG-X2: ingresso a impulsi fase A/B/Z, compatibile con line driver (RS-422).

Per le istruzioni di montaggio, vedere le specifiche e i diagrammi di collegamento a pagina 2-28, Installazione e cablaggio delle schede accessorie.
Se si utilizza il controllo vettoriale ad anello aperto con una scheda PG installata, la velocit rilevata dalla scheda PG viene visualizzata nel parametro di monitoraggio U1-05. Pertanto la costante PG deve essere impostata nel parametro F1-01. La direzione di rilevamento della velocit pu essere cambiata tramite il parametro F1-05. Affinch in U1-05 venga impostato il valore calcolato internamente, rimuovere la scheda PG.

IMPORTANTE

Impostazione del numero di impulsi PG (F1-01)


Impostare il numero di impulsi del PG (generatore di impulsi/encoder) in impulsi per giro.

6-138

Corrispondenza tra direzione di rotazione del PG e del motore (F1-05)


Utilizzando il parametro F1-05 possibile adattare la direzione di rotazione del PG a quella del motore. Se il motore ruota in avanti, specificare se azionato dalla fase A o dalla fase B.
Inverter Comando avanti Motore PG (encoder)

Uscita a impulsi La fase A conduce quando il valore impostato 0 Fase A Fase B La fase B conduce quando il valore impostato 1 Fase A Fase B

Esempio: rotazione in avanti del motore standard (PG) L'asse di uscita del motore ruota in senso antiorario durante la marciaavanti dell'inverter. Rotazione (antioraria) Fase A Fase B Il PG viene azionato dalla fase A (senso antiorario) quando il motore ruota in avanti.

Comando avanti

In genere la fase A conduce quando la direzione di rotazione antioraria vista dall'albero (il comando FWD stato immesso).

Impostazione del numero di denti dell'ingranaggio tra il PG e il motore (F1-12 e F1-13)


Se tra il motore e il generatore di impulsi sono presenti ingranaggi, possibile impostare il rapporto di trasmissione tramite F1-12 ed F1-13. Una volta impostato il numero di denti dell'ingranaggio, il numero delle rotazioni del motore all'interno dell'inverter viene calcolato utilizzando la seguente formula: N. di rotazione del motore (giri/min.) = N. di impulsi in ingresso dal PG 60 / F1-01 F1-13 (n. di denti ingranaggio lato PG) / F1-12 (n. di denti ingranaggio lato motore)

Funzionamento integrale durante l'accelerazione e la decelerazione (F1-07)


possibile specificare se abilitare o disabilitare il funzionamento integrale durante l'accelerazione e la decelerazione. Per far corrispondere il pi possibile la velocit del motore con la frequenza di riferimento anche durante l'accelerazione e la decelerazione, impostare F1-07 su 1. A tale proposito vedere anche pagina 6-36, Regolatore automatico di velocit (ASR, Automatic Speed Regulator).

IMPORTANTE

Se F1-07 impostato su 1, potrebbe verificarsi una sovraelongazione o una sottoelongazione subito dopo l'accelerazione o la decelerazione. Per ridurre al minimo tale possibilit, impostare F1-07 su 0.

6-139

Impostazione del rapporto di divisione per l'uscita di monitoraggio a impulsi del PG (F1-06)
Questa funzione abilitata solo se si utilizza la scheda PG-B2 di controllo della velocit del PG. Impostare il rapporto di divisione per l'uscita di monitoraggio a impulsi del PG. Il valore impostato viene espresso con n per la cifra pi significativa e con m per le due cifre meno significative. Il rapporto di divisione viene calcolato come segue: Rapporto di divisione = (1 + n)/m (gamma di impostazione) n: 0 o 1, m: 1 32 F1-06 =
n m

Il rapporto di divisione pu essere impostato all'interno della seguente gamma: 1/32 F1-06 1. Ad esempio se il rapporto di divisione 1/2 (valore impostato 2), per il monitoraggio degli impulsi viene emessa la met del numero di impulsi provenienti dal PG.

Rilevamento circuito aperto del PG (F1-02 e F1-14)


Il parametro F1-02 seleziona il metodo di arresto quando viene rilevato uno scollegamento del PG. Il circuito del PG viene rilevato come aperto (PGO) solo se l'inverter funziona almeno con una frequenza di riferimento superiore al 1% della frequenza massima di uscita o superiore alla frequenza minima (E1-09) e il segnale di retroazione PG assente per almeno il periodo di tempo impostato in F1-14.

Rilevamento velocit del motore eccessiva (F1-03, F1-08 e F1-09)


Viene rilevato un eccesso di velocit (OS) se la velocit del motore rimane superiore al valore di frequenza impostato in F1-08 per un periodo di tempo maggiore di quello impostato in F1-09. Dopo aver rilevato un eccesso di velocit (OS) l'inverter si arresta in base all'impostazione di F1-03.

Rilevamento differenza di velocit tra motore e velocit di riferimento (F1-04, F1-10 e F1-11)
Viene rilevata una deviazione di velocit quando la differenza tra la velocit di riferimento e la velocit attuale del motore troppo elevata. La deviazione di velocit (DEV) viene rilevata solo dopo il raggiungimento della velocit (velocit di riferimento e velocit attuale del motore entro la gamma di impostazione di L4-02) e in presenza di una deviazione di velocit superiore al valore impostato in F1-10 per un periodo superiore al tempo impostato in F1-11. Dopo il rilevamento di una deviazione di velocit, l'inverter si arresta in base all'impostazione di F1-04.

6-140

Schede di riferimento analogico


Quando si utilizza una scheda di riferimento analogico AI-14B o A1-14U, impostare il parametro b1-01 (selezione del riferimento) su 3 (scheda accessoria). La scheda AI-14B dispone di 3 canali di ingresso bipolari con conversione A/D a 14 bit (pi il segno). Se b1-01 impostato su 1 e F2-01 impostato su 0, i canali 1 e 2 sostituiscono gli ingressi analogico A1 e A2. Il parametro A1 diventa l'ingresso della frequenza di riferimento e la funzione di A2 pu essere selezionata utilizzando il parametro H3-09. In questo caso, non possibile impostare alcun ingresso digitale per la funzione di selezione scheda accessoria/inverter (H1= 2). Se b1-01 impostato su 3 e F2-01 impostato su 1, la somma dei tre canali di ingresso diventa il valore della frequenza di riferimento. La scheda AI-14U dispone di 2 canali di ingresso unipolari con conversione A/D a 14 bit. Il canale 1 un ingresso di tensione mentre il canale 2 un ingresso di corrente. La somma dei canali 1 e 2 costituisce la frequenza di riferimento. Non necessario impostare il parametro F2-01 per la scheda accessoria AI-14U.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 1 0 Modificabile durante il funzionamento No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto Q A Q A Vettoriale ad anello chiuso Q A

V/f Q A

b1-01 F2-01

Selezione sorgente frequenza di riferimento Selezione ingresso unipolare o bipolare

Schede di riferimento digitale


Quando si utilizza una scheda di riferimento digitale DI-08 o DI-16H2, impostare b1-01 (selezione del riferimento) su 3 (scheda accessoria). La scheda DI-16H2 pu essere utilizzata per impostare una frequenza tramite un riferimento digitale a 16 bit. La scheda DI-08 pu essere utilizzata per impostare una frequenza tramite un riferimento digitale a 8 bit.

Parametri correlati
N. parametro Nome Impostazione di fabbrica 0 0 Modificabile durante il funzionamento No No Metodi di controllo VettoV/f con riale ad anello PG aperto A A A A Vettoriale ad anello chiuso A A

V/f A A

F3-01 o1-03

Selezione ingresso digitale Impostazione e monitoraggio unit per la frequenza di riferimento

6-141

Selezione delle funzioni dei terminali di ingresso per la scheda di riferimento digitale DI-16H2
La frequenza di riferimento in uscita dalla scheda DI-16H2 determinata dall'impostazione di F3-01 e dal selettore da 12/16 bit presente sulla scheda accessoria. Le impostazioni possibili sono elencate nella tabella seguente.
Binario a 12 bit con segno F3-01 = 7 S1: 12 bit 1 2 3 4 TC1 5 6 7 8 9 10 1 2 3 Bit 0 (20) Bit 1 (21) Bit 2 (22) Bit 3 (23) Bit 4 Bit 5 Bit 6 Bit 8 (24) (25) (26) (28)
10)

Terminale

Numero pin

Binario a 16 bit con segno F3-01 = 7 S1: 16 bit Bit 0 (20) Bit 1 (21) Bit 2 (22) Bit 3 (23) Bit 4 Bit 5 Bit 6 Bit 8 Bit A Bit B Bit C Bit D Bit F (24) (25) (26) (28) (210) (211) (212) (213) (215)

Decimale codificato in binario a 3 cifre con segno F3-01 = 0...5 S1: 12 bit 1 Cifra 2 decimale codificata in 4 binario 1 (0...9) 8 1 2 4 8 1 2 4 8 Cifra decimale codificata in binario 2 (0...9) Cifra decimale codificata in binario 3 (0...9) -

Decimale codificato in binario a 4 cifre con segno F3-01 = 0...5 S1: 16 bit 1 Cifra 2 decimale codificata in 4 binario 1 (0...9) 8 1 2 4 8 1 2 4 8 1 2 4 8 Cifra decimale codificata in binario 2 (0...9) Cifra decimale codificata in binario 3 (0...9) Cifra decimale codificata in binario 4 (0...9)

Decimale codificato in binario a 5 cifre senza segno F3-01 = 6 S1: 16 bit Cifra 2 decimale 4 codificata in binario 1 8 (2...9) 1 2 4 8 1 2 4 8 1 2 4 8 1 2 Cifra decimale codificata in binario 2 (0...9) Cifra decimale codificata in binario 3 (0...9) Cifra decimale codificata in binario 4 (0...9) Cifra decimale codificata in binario 5 (0...3)

Bit 7 (27) Bit 9 (29) Bit A (2 Bit B (211)

Bit 7 (27) Bit 9 (29)

6
TC2

4 5 6 7 8 9 TC3

Bit E (214)

Segnale del segno (0: avanti, 1: indietro) Segnale SET (lettura) (1: lettura) Segnale di ingresso comune (0 V) Terminale di collegamento con schermatura

Precauzioni relative all'applicazione


La frequenza di riferimento massima (100% della velocit) verr utilizzata quando impostato l'ingresso

binario (impostazione: 6 o 7) e tutti i bit sono 1.


L'impostazione di F3-01 su 6 valida solo quando utilizzata la scheda D1-16H2. Utilizzando questa

impostazione, possibile impostare una frequenza da 0,00 a 399,8 Hz in formato decimale codificato in binario. Il bit di segno viene utilizzato come bit dati, pertanto possibile impostare solo dati positivi. Inoltre la cifra inizia con 0, pertanto l'impostazione minima 0,02 Hz.

6-142

Selezione della funzione del terminale di ingresso per una scheda di riferimento digitale DI-08
La frequenza di riferimento di una scheda DI-08 determinata dall'impostazione di F3-01, come riportato nella seguente tabella.
Terminale Numero pin 1 2 3 4 5 TC 6 7 8 9 10 11 Binario a 8 bit con segno F3-01 = 7 Bit 0 (20) Bit 1 (21) Bit 2 (22) Bit 3 (23) Bit 4 (24) Bit 5 (25)
7

Decimale codificato in binario a 2 cifre con segno F3-01 = 0...5 1 Cifra decimale 2 codificata in 4 binario 1 (0...9) 8 1 2 4 Cifra decimale codificata in binario 2 (0...15)

Bit 6 (26)

8 Bit 7 (2 ) Segnale del segno Segnale SET (lettura) Segnale comune di riferimento (0 V)

Precauzioni relative all'applicazione


La scheda DI-08 non funziona se F3-01 impostato su 6.

6-143

Selezione del riferimento digitale


La gamma di impostazione dei riferimento digitale determinata dalla combinazione delle impostazioni di o1-03 e F3-01. Anche le informazioni monitorate in U1-01 (frequenza di riferimento) cambiano. Gamme di impostazione di riferimento per la scheda DI-16H2 Con la scheda accessoria DI-16H2, le gamme di impostazione possono essere quelle riportate nella tabella seguente.
o1-03 F3-01 Selettore S1 12 bit 0 16 bit 12 bit 1 16 bit 12 bit 2 16 bit 12 bit 0o1 3 16 bit 12 bit 4 16 bit 12 bit 5 16 bit Modalit ingresso di riferimento Decimale codificato in binario a 3 cifre con segno, 1% Decimale codificato in binario a 4 cifre con segno, 1% Decimale codificato in binario a 3 cifre con segno, 0,1% Decimale codificato in binario a 4 cifre con segno, 0,1% Decimale codificato in binario a 3 cifre con segno, 0,01% Decimale codificato in binario a 4 cifre con segno, 0,01% Decimale codificato in binario a 3 cifre con segno, 1 Hz Decimale codificato in binario a 4 cifre con segno, 1 Hz Decimale codificato in binario a 3 cifre con segno, 0,1 Hz Decimale codificato in binario a 4 cifre con segno, 0,1 Hz Decimale codificato in binario a 3 cifre con segno, 0,01 Hz Decimale codificato in binario a 4 cifre con segno, 0,01 Hz Gamma di impostazione Unit di monitoraggio U1-01 riferimento o1-03 = 0 o1-03 = 1 -110...110% -110110% -110,0110,0% -110,0110,0% -15,9915,99% -110,0110,0% -400400 Hz -400400 Hz -159,9...159,9 Hz -400,0400,0 Hz -15,9915,99 Hz -159,99159,99 Hz 0,01 Hz 0,01%

6
2...39

6 7

16 bit 12 bit 16 bit 12 bit

Decimale codificato in binario a 5 cifre senza 000,00...399,98 Hz segno, 0,01 Hz Binario a 12 bit con segno, 100%/4095 Binario a 16 bit con segno, 100%/30000 Decimale codificato in binario a 3 cifre con segno, 1 giro/min. Decimale codificato in binario a 4 cifre con segno, 1 giro/min. Decimale codificato in binario a 3 cifre con segno, 100%/(impostazione 1...4 cifre del parametro o1-03) Decimale codificato in binario a 4 cifre con segno, 100%/(impostazione 1...4 cifre del parametro o1-03) Decimale codificato in binario a 4 cifre con segno, 100%/10000 -4095..4095 -33000..33000 -1599...1599 giri/min -15999...1599 giri/min -4095...4095 -10999...10999 (quando o1-03 = 9999) -11000...11000 1 giro/min 1 giro/min 5a cifra dell'impostazione di o1-03: X = 0, unit: 1 X = 1, unit: 0,1 X = 2, unit: 0,01 X = 3, unit: 0,001

16 bit 12 bit 16 bit 16 bit

40...39999 10000 x = 1...3 -

Gamme di impostazione di riferimento per la scheda DI-08 Con la scheda accessoria DI-08, le gamme di impostazione possono essere quelle riportate nella tabella seguente.
F3-01 0 1 2 3 4 5 6 7 Modalit ingresso di riferimento Decimale codificato in binario a 2 cifre con segno, 1% Decimale codificato in binario a 2 cifre con segno, 0,1% Decimale codificato in binario a 2 cifre con segno, 0,01% Decimale codificato in binario a 2 cifre con segno, 1 Hz Decimale codificato in binario a 2 cifre con segno, 0,1 Hz Decimale codificato in binario a 2 cifre con segno, 0,01 Hz Binario a 12 bit con segno, 100%/4095 -255...255 Gamma di impostazione riferimento Da -40 a 110% -15,915,9% -1,591,59% -159159 Hz -15,915,9 Hz -1,591,59 Hz 0,01 Hz 0,01% Unit di monitoraggio U1-01 o1-03 = 0 o1-03 = 1

6-144

Soluzione dei problemi


Questo capitolo descrive le visualizzazioni degli errori e le soluzioni possibili per problemi relatovi a inverter e motore.

Funzioni di diagnostica e protezione......................................7-2 Soluzione dei problemi.........................................................7-17

Funzioni di diagnostica e protezione


Questa sezione descrive le funzioni degli errori e degli allarmi dell'inverter, tra cui il rilevamento degli errori, il rilevamento degli allarmi, il rilevamento di errori sulla console di programmazione e il rilevamento di errori durante l'autotuning.

Rilevamento degli errori


Quando l'inverter rileva un errore, viene attivata l'uscita di contatto degli errori e disattivata l'uscita dell'inverter, causando l'arresto del motore per inerzia (per alcuni errori possibile scegliere il metodo di arresto). Sulla console di programmazione viene visualizzato un codice di errore. Se si verifica un errore, fare riferimento alla seguente tabella per identificare l'errore e correggerne le cause. Per correggere l'errore, utilizzare uno dei metodi descritti di seguito prima di riavviare l'inverter:
Impostare un ingresso a contatto multifunzione (da H1-01 a H1-05) su 14 (ripristino dopo errore) e attivare

il segnale di ripristino dopo errore.


Premere il tasto RESET sulla console di programmazione. Disattivare e quindi riattivare l'alimentazione del circuito principale.

Per ripristinare il funzionamento a seguito di un errore, necessario prima rimuoverne la causa e il segnale RUN. In questo caso viene accettato solo un segnale di Reset.
Tabella 7.1 Rilevamento degli errori Errore visualizzato Significato Probabili cause Azioni correttive Togliere il motore e far funzionare l'inverter senza motore.

GF GUASTOverso TERRA

Errore di terra La corrente di massa all'uscita se presente un Cortocircuito a massa di un'uscita Verificare dell'inverter supera del 50% la cortocircuito da fase a massa. dell'inverter e/o DCCT difettoso. corrente di uscita nominale Controllare la corrente in uscita dell'inverter e L8-09=1 (abilitato). con un misuratore di corrente ai morsetti per verificare la lettura del DCCT. Cortocircuito da fase a fase di un'uscita dell'inverter, cortocircuito nel motore, rotore bloccato, carico troppo pesante, periodo di accelerazione/ decelerazione troppo breve, contattore su uscita dell'inverter aperto o chiuso, motore speciale o motore con una corrente nominale superiore alla corrente di uscita dell'inverter. Togliere il motore e far funzionare l'inverter senza motore. Verificare se presente un cortocircuito da fase a fase nel motore. Verificare i tempi di accelerazione/decelerazione (C1). Verificare se presente un cortocircuito da fase a fase sull'uscita dell'inverter. Verificare se presente un cortocircuito o errori di isolamento nel motore e nei cavi del motore (fase a fase). Sostituire l'inverter dopo aver corretto l'errore.

7
OC Sovracorrente Sovracorrente La corrente in uscita dell'inverter supera il livello di rilevamento di sovracorrente.

Fusibile del bus c.c. Il fusibile nel circuito principale aperto. Avviso Cortocircuiti in uscita o sui PUF azionare mai l'inverter dopo terminali oppure IGBT FusibileDCaperto Non aver sostituito il fusibile del danneggiati. bus c.c. senza aver verificato l'eventuale presenza di componenti in corto.

7-2

Tabella 7.1 Rilevamento degli errori Errore visualizzato Significato Probabili cause Il tempo di decelerazione troppo breve e l'energia di rigenerazione dal motore troppo elevata. La tensione di alimentazione troppo alta. Le fluttuazioni di tensione dell'alimentazione sono troppo alte. Caduta di tensione momentanea. Le viti dei terminali di il cablaggio dei alimentazione in ingresso non sono Verificare terminali di ingresso. serrate saldamente. la tensione di Errore di fase aperta sui terminali Verificare ingresso e il cablaggio dei di ingresso. terminali di ingresso. Il tempo di accelerazione troppo Aumentare le impostazioni in breve. C1-01/03/05/07 Circuito principale MC Errore di funzionamento Nessuna risposta dal circuito principale MC durante il funzionamento dell'inverter. Capacit applicabili per inverter di classe 200 V: 37...110 kW Classe 400 V: 75300 kW Alimentazione di controllo Sottotensione UV2 del circuito di SottotenALIMcont Sottotensione controllo durante il funzionamento dell'inverter. Errore circuito di prevenzione corrente di spunto Surriscaldamento del resistore di carico per i condensatori del bus c.c. UV3 Precarica ANOMALA Contattore del circuito di Il circuito principale MC del corrente di spunto circuito di carica non ha risposto prevenzione difettoso. entro 10 secondi dall'emissione del segnale ON del circuito principale MC. Capacit applicabili per inverter di classe 200 V: 37...110 kW Classe 400 V: 75300 kW Azioni correttive Aumentare il tempo di decelerazione (C1-02/04/06/ 08) e collegare un'opzione di frenatura. Verificare l'alimentazione e diminuire la tensione in conformit con le specifiche dell'inverter. Verificare la tensione di ingresso.

Sovratensione del bus c.c. La tensione del bus c.c. ha superato il livello di rilevamento OV della sovratensione. Sovratens.DC bus I livelli di rilevamento predefiniti sono: Classe 200 V: 410 Vc.c. Classe 400 V: 820 Vc.c.

UV1 Sottotens.DC bus

Sottotensione del bus c.c. La tensione del bus c.c. al di sotto del livello di rilevamento della sottotensione (L2-05). Le impostazioni predefinite sono: Classe 200 V: 190 Vc.c. Classe 400 V: 380 Vc.c.

Errore nel circuito di prevenzione corrente di spunto mentre l'inverter Sostituire l'inverter. era in funzione.

Abbassamento dell'alimentazione dell'inverter a causa di un carico esterno o cortocircuito interno nel quadro di comando potenza/gate.

Rimuovere tutti i collegamenti ai terminali di controllo e riavviare l'inverter. Sostituire l'inverter. Riavviare l'inverter.

7
Se l'errore persiste, sostituire l'inverter.

I terminali di collegamento le viti dei terminali di dell'alimentazione in ingresso non Stringere ingresso. sono fissati saldamente. Errore tensione circuito principale stata rilevata un'ondulazione PF eccessiva della tensione del MancanzaFASEingr bus c.c.. Rilevata solo quando L8-05=1 (abilitato) Perdita di fase nell'alimentazione in ingresso. Caduta di tensione momentanea. Verificare la tensione di Le fluttuazioni di tensione dell'alimentazione in ingresso sono alimentazione troppo alte. L'equilibrio di tensione tra le fasi di ingresso non buono.

7-3

Tabella 7.1 Rilevamento degli errori Errore visualizzato Significato Fase aperta dell'uscita Una fase aperta sull'uscita dell'inverter. L'errore viene rilevato quando la corrente di uscita scende sotto il 5% della corrente nominale dell'inverter e L8-07=1 (abilitato) Probabili cause Azioni correttive

LF Manc.fase uscita

Filo spezzato nel cavo dell'uscita. Filo spezzato nell'avvolgimento Eseguire il ripristino a seguito del motore. dell'errore una volta corretta la I terminali di uscita non sono causa. fissati saldamente. Il motore in uso ha una capacit inferiore al 5% della capacit massima del motore dell'inverter. Verificare la capacit dell'inverter e del motore.

Surriscaldamento dissipatore di calore La temperatura dell'aletta di raffreddamento dell'inverter supera il valore impostato in L8-02 e OH Sovratemp.dissip L8-03 = 02. La ventola di raffreddamento dell'inverter ferma.

eventuali accumuli La temperatura ambiente troppo Controllare di sporcizia sulle ventole o sul elevata. dissipatore. Presenza di una fonte di calore nelle vicinanze. Le ventole dell'inverter sono ferme. La ventola di raffreddamento interna dell'inverter si fermata (18,5 kW e superiore). Ridurre la temperatura ambiente vicino all'inverter. Sostituire le ventole di raffreddamento.

Surriscaldamento dissipatore di calore di una fonte di calore La temperatura del dissipatore di Presenza OH1 calore dell'inverter supera 105 C. nelle vicinanze. AllarmeC dissip Le ventole dell'inverter sono ferme. La ventola di raffreddamento dell'inverter ferma.

eventuali accumuli La temperatura ambiente troppo Controllare di sporcizia sulle ventole o sul elevata. dissipatore. Ridurre la temperatura ambiente vicino all'inverter. Sostituire le ventole di raffreddamento. Ricontrollare il tempo di ciclo e l'entit del carico.

La ventola di raffreddamento interna dell'inverter si fermata (18,5 kW e superiore).

OH3 Surriscald.mot.1

Surriscaldamento del motore Rilevato quando il livello sul terminale A2, programmato per la Il surriscaldamento del motore temperatura del motore (ingresso stato misurato dal termistore del termistore, H3-09=E), supera 1,17 motore. V per il tempo impostato in L1-05 e L1-03 = 0...2.

Ricontrollare i tempi di accelerazione e decelerazione (C1). Ricontrollare la linea caratteristica V/f (E1). Ricontrollare il valore della corrente nominale del motore (E2-01). Ricontrollare il tempo di ciclo e l'entit del carico.

OH4 Surriscald.mot.2

Surriscaldamento del motore Rilevato quando il livello sul terminale A2, programmato per la Il surriscaldamento del motore temperatura del motore (ingresso stato misurato dal termistore del termistore, H3-09=E), supera 2,34 motore. V per il tempo impostato in L1-05 e L1-03 = 0...2.

Ricontrollare i tempi di accelerazione e decelerazione (C1). Ricontrollare la linea caratteristica V/f (E1). Ricontrollare il valore della corrente nominale del motore (E2-01).

RH CircuitoFrenatur

Resistenza di frenatura dinamica La protezione della resistenza installata sul dissipatore di calore viene attivata quando L8-01=1. L'errore applicabile solo quando si utilizza la resistenza di dutycycle 3% installata sul dissipatore di calore dell'inverter. Per tutte le altre resistenze, impostare L8-01=0.

Verificare il duty-cycle della frenatura dinamica (carico, tempi di decelerazione, Carico di revisione, duty-cycle di velocit del motore). frenatura dinamica esteso, Monitorare la tensione del resistenza di frenatura dinamica bus c.c.. difettosa. Sostituire la resistenza di frenatura dinamica.

7-4

Tabella 7.1 Rilevamento degli errori Errore visualizzato RR CircuitoFrenatur Significato Transistor frenatura dinamica Errore del transistor di frenatura dinamica incorporato. Probabili cause Azioni correttive

La resistenza di frenatura dinamica Riavviare l'inverter. insufficiente o difettosa ha danneggiato il transistor di Sostituire l'inverter. frenatura. Carico eccessivo. Tempo di accelerazione, di decelerazione o di ciclo troppo breve. Ricontrollare il tempo di ciclo, le dimensioni del carico e i tempi di accelerazione/ decelerazione (C1).

Sovraccarico motore Rilevato quando L1-01 = 13 e la corrente in uscita dall'inverter supera la curva di sovraccarico del motore. OL1 curva di sovraccarico Sovraccarico Mot La regolabile tramite i parametri E201 (corrente nominale del motore), L1-01 (selezione protezione motore) e L2-02 (costante tempo protezione motore)

Impostazioni di tensione della la linea caratteristica linea caratteristica V/f non corrette Verificare V/f (E1). per l'applicazione. Impostazione della corrente nominale del motore (E2-01) incorretta. Carico eccessivo. Tempo di accelerazione o di decelerazione troppo breve. Verificare l'impostazione del parametro della corrente nominale del motore (E2-01). Ricontrollare il tempo di ciclo, le dimensioni del carico e i tempi di accelerazione/ decelerazione (C1).

OL2 Inverter sovracc

Sovraccarico inverter La corrente di uscita dell'inverter ha superato la curva di sovraccarico dell'inverter.

Impostazioni di tensione della la linea caratteristica linea caratteristica V/f non corrette Verificare V/f (E1). per l'applicazione. Inverter di capacit insufficiente. Verificare l'impostazione del parametro della corrente nominale del motore (E2-01). Verificare che i valori in L6-02 e L6-03 siano appropriati. Controllare lo stato dell'applicazione/macchina per eliminare l'errore. Verificare che i valori in L6-05 e L6-06 siano appropriati. Controllare lo stato dell'applicazione/macchina per eliminare l'errore. Accertarsi che il carico sia un carico di inerzia. Se possibile, ridurre l'inerzia del carico. Verificare che i valori in L6-02 e L6-03 siano appropriati. Controllare lo stato dell'applicazione/macchina per eliminare l'errore. Verificare che i valori in L6-05 e L6-06 siano appropriati. Controllare lo stato dell'applicazione/macchina per eliminare l'errore.

OL3 Sovracoppia 1

Rilevamento sovracoppia 1 La corrente di uscita dell'inverter (controllo V/f) o la coppia di uscita (controllo vettoriale) ha superato il Il motore stato sovraccaricato. valore di L6-02 per un periodo di tempo superiore a quello impostato in L6-03 e L6-01 = 3 o 4. Rilevamento sovracoppia 2 La corrente di uscita dell'inverter (controllo V/f) o la coppia di uscita (controllo vettoriale) ha superato il Il motore stato sovraccaricato. valore di L6-05 per un periodo di tempo superiore a quello impostato in L6-06 e L6-04 = 3 o 4. Frenatura ad alto scorrimento OL La frequenza di uscita non cambiata per un intervallo di tempo superiore a quello impostato Inerzia del carico eccessiva. in n3-04 durante la frenatura ad alto scorrimento. Rilevamento sottocoppia 1 La corrente di uscita dell'inverter (controllo V/f) o la coppia di uscita Al motore stato applicato un (controllo vettoriale) scesa sotto carico insufficiente. il valore di L6-02 per un periodo di tempo superiore a quello impostato in L6-03 e L6-04 = 7 o 8. Rilevamento sottocoppia 2 La corrente di uscita dell'inverter (controllo V/f) o la coppia di uscita Al motore stato applicato un (controllo vettoriale) scesa sotto carico insufficiente. il valore di L6-05 per un periodo di tempo superiore a quello impostato in L6-06 e L6-04 = 7 o 8.

OL4 Sovracoppia 2

OL7 TempoOL HSB

UL3 Ril.sottocoppia1

UL4 Ril.sottocoppia2

7-5

Tabella 7.1 Rilevamento degli errori Errore visualizzato Significato Velocit eccessiva motore Rilevata quando F1-03 = 0...2 e A1-02 = 1 o 3. La retroazione della velocit del motore (U1-05) ha superato il valore di F1-08 per un periodo di tempo superiore a quello impostato in F1-09. Probabili cause Presenza di sovraelongazione/ sottoelongazione. Riferimento troppo alto. Azioni correttive Regolare le impostazioni ASR nel gruppo di parametri C5. Verificare il circuito e il guadagno di riferimento.

OS Eccesso velocit

Le impostazioni in F1-08 e F1-09 Controllare le impostazioni in non sono appropriate. F1-08 e F1-09. il filo scollegato/ Interruzione nel cablaggio del PG. Fissare interrotto. Correggere il cablaggio. Alimentare il PG in maniera appropriata. Controllare se il freno aperto quando viene applicato il comando RUN. Ridurre il carico. Allungare i tempi di accelerazione e di decelerazione. Controllare il sistema meccanico.

PGO Encoder aperto

Scollegamento PG PG non cablato correttamente. Rilevato quando F1-02 = 0...2 e A1-02 = 1 o 3 PG non alimentato. Rilevato quando non vengono ricevuti impulsi dal PG (encoder) per un periodo di tempo superiore a quello impostato in F1-14. Sequenza errata di controllo di frenatura quando si utilizza un freno. Carico eccessivo.

Deviazione di velocit eccessiva Rilevato quando F1-04 = 0...2 e A1-02 = 1 o 3 DEV deviazione di velocit Deviazione veloc La superiore al valore di F1-10 per un periodo di tempo superiore a quello impostato in F1-11.

Tempi di accelerazione e decelerazione troppo brevi. Carico bloccato.

Le impostazioni in F1-10 e F1-11 Controllare le impostazioni in non sono appropriate. F1-10 e F1-11. Sequenza errata di controllo di frenatura quando si utilizza un freno. Controllare se il freno aperto quando viene applicato il comando RUN. Aumentare il limite di coppia. Diminuire la coppia di carico. Verificare eventuali disturbi dei segnali.

Errore di azzeramento servo SVE La posizione del motore Errore ZEROservo cambiata durante il comando di azzeramento servo.

Limite di coppia troppo basso. Coppia di carico eccessiva. -

CF Fuori controllo!

Errore di controllo stato raggiunto un limite di coppia per almeno 3 secondi durante un arresto per decelerazione con il controllo vettoriale ad anello aperto.

I parametri motore non erano impostati correttamente.

Controllare i parametri del motore.

Perdita di retroazione PID Questo errore si verifica se stato programmato il rilevamento dell'errore di perdita di retroazione FBL PID (b5-12 = 2) e la retroazione PERD. scende sotto il livello di RETROAZIONE PID rilevamento perdita di retroazione PID (b5-13) per il tempo di rilevamento perdita di retroazione PID (b5-14). Ingresso errore esterno dalla EF0 accessoria di GuastoEstOpzione scheda comunicazione

Verificare che l'inverter sia programmato per ricevere il dalla sorgente della Sorgente della retroazione PID (ad segnale retroazione PID. esempio trasduttore, sensore, segnale automazione delle costruzioni) non correttamente Verificare che la sorgente della installata o non funzionante. retroazione PID sia installata e funzioni correttamente. Controllare la presenza di una condizione di errore esterno. Verificare i parametri. Verificare i segnali di comunicazione.

Si presentata una condizione di errore esterno segnalata dalla scheda accessoria di comunicazione.

7-6

Tabella 7.1 Rilevamento degli errori Errore Significato visualizzato EF3 GuastoEsternoS3 Errore esterno sul terminale S3 EF4 GuastoEsternoS4 Errore esterno sul terminale S4 EF5 GuastoEsternoS5 Errore esterno sul terminale S5 EF6 GuastoEsternoS6 Errore esterno sul terminale S6 EF 7 GuastoEsternoS7 Errore esterno sul terminale S7 OPR DigitOp SCONNESSO Errore di collegamento della console di programmazione Rilevato quando la console di programmazione viene rimossa e l'inverter riceve il comando RUN dalla console (b1-02=0). Console di programmazione rimossa durante la marcia o cavo della console danneggiato. Controllare il collegamento della console di programmazione. stato segnalato un errore esterno Eliminare la causa della tramite un terminale di un ingresso condizione di errore esterno. multifunzione (da S3 a S7). Probabili cause Azioni correttive

CE ErrCom MEMOBUS

Errore di comunicazione MEMOBUS collegamento interrotto e/o il Rilevato quando i dati di controllo Il master ha posto termine alla non vengono ricevuti comunicazione. correttamente per due secondi e H5-04 = 02 e H5-05=1. Il collegamento interrotto e/o il master ha posto termine alla comunicazione.

Verificare i collegamenti e tutte le configurazioni software sul lato utente.

Errore comunicazione scheda accessoria BUS collegamento andato perso ErrComun.opzione Il dopo che stata stabilita la comunicazione iniziale. Errore di comunicazione console di programmazione 1 Non stata stabilita la comunicazione con la console di programmazione nei 5 secondi CPF00 ErrCom(OP-INV) successivi all'attivazione dell'alimentazione dell'inverter. Errore esterno RAM CPU

Verificare i collegamenti e tutte le configurazioni software sul lato utente. Scollegare la console di programmazione e, quindi, ricollegarla. Sostituire l'inverter. Riavviare l'inverter. Sostituire l'inverter. Scollegare la console di programmazione e, quindi, ricollegarla. Riavviare l'inverter. Sostituire l'inverter. Eseguire una inizializzazione con i valori di fabbrica. Riavviare l'inverter. Sostituire l'inverter.

Cavo della console di programmazione non collegato saldamente o console di programmazione e/o scheda di controllo difettosa. Scheda di controllo danneggiata. Cavo della console di programmazione non collegato saldamente o console di programmazione difettosa.

Errore di comunicazione console di programmazione 2 CPF01 Dopo essere stata stabilita, la ErrCom(OP-INV) comunicazione con la console di programmazione si interrotta per Scheda di controllo danneggiata. almeno 2 secondi. Errore circuito blocco base CPF02 del circuito blocco delle ErroreCircuitoBB Errore basi all'avvio.

Guasto hardware porte logiche all'avvio.

CPF03 Errore nella memoria EEPROM Errore: EEPROM Checksum non valido

Eseguire una inizializzazione Disturbo o picco nei terminali di con i valori di fabbrica. ingresso del circuito di controllo o Riavviare l'inverter scheda di controllo danneggiata. Sostituire l'inverter. Eseguire una inizializzazione Disturbo o picco nei terminali di con i valori di fabbrica. ingresso del circuito di controllo o Riavviare l'inverter. scheda di controllo danneggiata. Sostituire l'inverter.

CPF04 Err.interno A/D

Errore convertitore A/D interno CPU

7-7

Tabella 7.1 Rilevamento degli errori Errore visualizzato CPF05 Err.Esterno A/D Significato Probabili cause Azioni correttive

Errore convertitore A/D esterno CPU

Eseguire una inizializzazione Disturbo o picco nei terminali di con i valori di fabbrica. ingresso del circuito di controllo o Riavviare l'inverter. scheda di controllo danneggiata. Sostituire l'inverter. Scheda accessoria non collegata correttamente. Inverter o scheda accessoria danneggiata Spegnere l'inverter e installare nuovamente la scheda accessoria. Sostituire la scheda accessoria o l'inverter. Riavviare l'inverter Riavviare l'inverter Riavviare l'inverter

CPF06 Errore: opzione

Errore di collegamento della scheda accessoria

CPF07 Errore RAM CPF08 Errore WAT CPF09 Errore CPU CPF10 Errore ASIC

Errore ASIC RAM interna Errore temporizzatore watchdog Errore diagnostica incrociata CPU-ASIC Errore versione ASIC

Circuito di controllo danneggiato. Sostituire l'inverter. Circuito di controllo danneggiato. Sostituire l'inverter. Circuito di controllo danneggiato. Sostituire l'inverter. Circuito di controllo danneggiato. Sostituire l'inverter. Collegamento della scheda accessoria incorretto. Spegnere l'inverter e installare nuovamente la scheda accessoria. Staccare tutti gli ingressi alla scheda accessoria. Eseguire una inizializzazione con i valori di fabbrica. Convertitore A/D della scheda accessoria difettoso Riavviare l'inverter Sostituire la scheda accessoria. Sostituire l'inverter. Eseguire una inizializzazione con i valori di fabbrica. Riavviare l'inverter Sostituire la scheda accessoria. Sostituire l'inverter. Rimuovere tutte le schede accessorie.

Errore del convertitore A/D della CPF20 accessoria di ErroreA/Dopzione scheda comunicazione

Errore di autodiagnosi della scheda Disturbo o picco sulla linea di CPF21 comunicazione e/o scheda ErroreCPUopzione accessoria accessoria difettosa.

CPF22 Errore numero di codice scheda Errore:TIPOdiOPZ accessoria

Una scheda accessoria irriconoscibile collegata alla scheda di controllo.

Eseguire una inizializzazione con i valori di fabbrica. Riavviare l'inverter. Sostituire la scheda accessoria. Sostituire l'inverter. Spegnere l'inverter e installare nuovamente la scheda accessoria.

Errore di interconnessione della CPF23 Err.DPRAMopzione scheda accessoria

Una scheda accessoria non stata collegata correttamente alla scheda Eseguire una inizializzazione di controllo o stata collegata una con i valori di fabbrica. scheda accessoria non predisposta Riavviare l'inverter per l'inverter. Sostituire la scheda accessoria. Sostituire l'inverter.

7-8

Rilevamento degli allarmi


Gli allarmi sono una funzione di protezione dell'inverter che non attiva l'uscita di contatto degli errori. Il sistema ritorner automaticamente allo stato originale una volta eliminata la causa dell'allarme. Durante una condizione d'allarme, il display della console di programmazione lampeggia e sulle uscite multifunzione (H2-01H2-03) programmate viene emesso un allarme. Quando si verifica un allarme, adottare le contromisure appropriate facendo riferimento alla tabella riportata di seguito.
Tabella 7.2 Rilevamento degli allarmi Allarme visualizzato EF Guasto esterno (lampeggiante) Significato Probabili cause Azioni correttive Verificare la sequenza logica esterna e modificarla in modo che venga ricevuto un solo ingresso alla volta.

Comandi di marcia avanti/indietro immessi contemporaneamente di marcia avanti e I comandi di marcia avanti e indie- Comandi esterni sono stati immessi tro sono stati immessi simultanea- indietro mente per almeno 500 ms. Questo simultaneamente. allarme causa l'arresto del motore. Sottotensione del bus c.c. Si sono verificate le condizioni seguenti: La tensione del bus c.c. era inferiore all'impostazione di livello rilevamento sottotensione (L2-05). Per le cause probabile vedere L'MC del circuito di prevenzione UV1, UV2 e UV3 nella tabella corrente di spunto si aperto. 7.1. La tensione dell'alimentazione di controllo era sotto il livello CUV. L'allarme UV viene rilevato solo quando l'inverter in condizione di arresto. Sovratensione del bus c.c. La tensione del bus c.c. ha superato il livello di rilevamento sovratensione. Classe 200 V: 410 Vc.c. Classe 400 V: 820 Vc.c. L'allarme OV viene rilevato solo quando l'inverter in condizione di arresto. Surriscaldamento dissipatore di calore La temperatura dell'aletta di raffreddamento dell'inverter ha superato la temperatura impostata in L8-02. Abilitato quando L8-03 = 3 Allarme surriscaldamento Viene immesso un segnale di allarme OH2 da un terminale di ingresso digitale multifunzione (da S3 a S7) programmato a tal fine (H1= B)

UV Sottotens.DC bus (lampeggiante)

Per le azioni correttive vedere UV1, UV2 e UV3 nella tabella 7.1.

OV DC Bus Overvolt (lampeggiante)

l'alimentazione e Tensione di alimentazione troppo Verificare diminuire la tensione in base alta. alle specifiche dell'inverter.

7
Controllare eventuali accumuli Temperatura ambiente troppo alta. di sporcizia sulle ventole o sul dissipatore. Presenza di una fonte di calore nelle vicinanze. Le ventole di raffreddamento dell'inverter si sono fermate. presente una condizione di surriscaldamento esterna che stata collegata a uno dei terminali di ingresso multifunzione da S3 a S7. Ridurre la temperatura ambiente vicino all'inverter. Sostituire le ventole di raffreddamento. Controllare il segnale di surriscaldamento esterno collegato all'ingresso digitale specificato. Verificare le impostazioni dei parametri in H1Ricontrollare il tempo di ciclo e l'entit del carico. Ricontrollare i tempi di accelerazione e decelerazione (C1). Ricontrollare la linea caratteristica V/f (E1).

OH Sovratemp.dissip (lampeggiante)

OH2 Sovratemperat. 2 (lampeggiante)

OH3 Surriscald.mot.1 (lampeggiante)

Allarme di surriscaldamento del motore Rilevato quando il livello sul surriscaldamento del motore terminale A2, programmato per la Il misurato dal termistore del temperatura del motore (ingresso stato motore. termistore, H3-09=E), supera 1,17 V per il tempo impostato in L1-05 e L1-03 = 3.

Ricontrollare il valore della corrente nominale del motore (E2-01).

7-9

Tabella 7.2 Rilevamento degli allarmi Allarme visualizzato OL3 Sovracoppia 1 (lampeggiante) Significato Probabili cause Azioni correttive Verificare che i valori in L6-02 e L6-03 siano appropriati. Controllare lo stato dell'applicazione/macchina per eliminare l'errore. Verificare che i valori in L6-05 e L6-06 siano appropriati. Controllare lo stato dell'applicazione/macchina per eliminare l'errore. Verificare che i valori in L6-02 e L6-03 siano appropriati. Controllare lo stato dell'applicazione/macchina per eliminare l'errore. Verificare che i valori in L6-05 e L6-06 siano appropriati. Controllare lo stato dell'applicazione/macchina per eliminare l'errore. Regolare le impostazioni ASR nel gruppo di parametri C5. Verificare il circuito e il guadagno di riferimento.

Rilevamento sovracoppia 1 La corrente duscita dellinverter (comando V/f) o la coppia duscita (comando vettore) superano L6-02 Il motore stato sovraccaricato per un periodo di tempo superiore a quello impostato in L6-03 e L6-01 = 1 o 2 Rilevamento sovracoppia 2 La corrente duscita dellinverter (comando V/f) o la coppia duscita (comando vettore) superano L6-02 Il motore stato sovraccaricato per un periodo di tempo superiore a quello impostato in L6-03 e L6-01 = 1 o 2 Rilevamento sottocoppia 1 La corrente duscita dellinverter (comando V/f) o la coppia duscita (comando vettore) scende al di Al motore stato applicato un sotto di L6-02 per un periodo di carico insufficiente tempo superiore a quello impostato in L6-03 e L6-01 = 5 oppure 6. Rilevamento sottocoppia 2 La corrente duscita dellinverter (comando V/f) o la coppia duscita (comando vettore) scende al di Al motore stato applicato un sotto di L6-05 per un periodo di carico insufficiente tempo superiore a quello impostato in L6-06 e L6-04 = 5 oppure 6. Allarme velocit eccessiva Rilevato quando A1-02 = 1 o 3 e F1-03 = 3. La retroazione della velocit del motore (U1-05) ha superato il valore di F1-08 per un periodo di tempo superiore a quello impostato in F109. Presenza di sovraelongazione/ sottoelongazione Riferimento troppo alto.

OL4 Sovracoppia 2 (lampeggiante)

UL3 Ril.sottocoppia1 (lampeggiante)

UL4 Ril.sottocoppia2 (lampeggiante)

OS Eccesso velocit (lampeggiante)

Le impostazioni in F1-08 e F1-09 Verificare le impostazioni in non sono appropriate. F1-08 e F1-09. Fissare il filo scollegato/ interrotto. Correggere il cablaggio. Alimentare il PG in maniera appropriata. Ridurre il carico. Allungare i tempi di accelerazione e di decelerazione. Controllare il sistema meccanico.

7
PGO Encoder aperto (lampeggiante)

Scollegamento PG Rilevato quando F1-02 = 3 e A1- Interruzione nel cablaggio PG 02 = 1 o 3. PG non cablato correttamente. Rilevato quando non vengono ricevuti impulsi dal PG (encoder) per un periodo di tempo superiore PG non alimentato. al valore impostato in F1-14 Carico eccessivo. Deviazione di velocit eccessiva Rilevata quando F1-04 = 3 e A1-02 = 1 o 3. La deviazione di velocit superiore all'impostazione di F1-10 per un periodo superiore a quello impostato in F1-11.

DEV Deviazione veloc (lampeggiante)

Tempi di accelerazione e decelerazione troppo brevi. Carico bloccato.

Le impostazioni in F1-10 e F1-11 Controllare le impostazioni in non sono appropriate. F1-10 e F1-11. Si presentata una condizione di errore esterno segnalata dalla scheda accessoria di comunicazione. Controllare la presenza di una condizione di errore esterno. Verificare i parametri. Verificare i segnali di comunicazione.

EF0 esterno della scheda GuastoEstOpzione Errore accessoria di comunicazione (lampeggiante)

7-10

Tabella 7.2 Rilevamento degli allarmi Allarme visualizzato EF3 GuastoEsternoS3 (lampeggiante) EF4 GuastoEsternoS4 (lampeggiante) EF5 GuastoEsternoS5 (lampeggiante) EF6 GuastoEsternoS6 (lampeggiante) EF7 GuastoEsternoS7 (lampeggiante) Significato Errore esterno sul terminale S3 Probabili cause Azioni correttive

Errore esterno sul terminale S4

Errore esterno sul terminale S5

Errore esterno sul terminale S6

stato segnalato un errore esterno tramite un terminale di un ingresso multifunzione (da S3 a S7) programmato per la Eliminare la causa della funzione di errore esterno che condizione di errore esterno. emette solo un allarme e non interrompe il funzionamento dell'inverter.

Errore esterno sul terminale S7 Perdita di retroazione PID Questo errore si verifica se stato programmato il rilevamento dell'errore di perdita di retroazione PID (b5-12 = 1) e la retroazione PID scende sotto il livello di rilevamento perdita di retroazione PID (b5-13) per il tempo di rilevamento perdita di retroazione PID (b5-14). Verificare che l'inverter sia programmato per ricevere il dalla sorgente della Sorgente della retroazione PID (ad segnale retroazione PID. esempio trasduttore, sensore, segnale automazione delle costruzioni) non correttamente Verificare che la sorgente della installata o non funzionante. retroazione PID sia installata e funzioni correttamente.

FBL PERD. RETROAZIONE (lampeggiante)

Allarme comunicazioni MEMOBUS CE Rilevato quando i dati di controllo Il collegamento interrotto e/o il ErrComMEMOBUS non vengono ricevuti master ha posto termine alla (lampeggiante) correttamente per due secondi e comunicazione. H5-04 = 3 e H5-05 = 1. Allarme comunicazioni della BUS scheda accessoria ErrComun.opzione Il collegamento andato perso (lampeggiante) dopo che stata stabilita la comunicazione iniziale. Rilevato quando un ingresso digitale multifunzione (da H1-01 a H1-05) programmato per 6A: inverter abilitato. L'inverter non riceve il comando di abilitazione quando viene applicato il comando RUN. Questo allarme causa l'arresto del motore. Il collegamento interrotto e/o il master ha posto termine alla comunicazione. Comando di abilitazione perso durante il funzionamento dell'inverter.

Verificare i collegamenti e tutte le configurazioni software sul lato utente.

Verificare i collegamenti e tutte le configurazioni software sul lato utente. Controllare il cablaggio del terminale di ingresso e la sequenza esterna del segnale di abilitazione.

DNE Inverter NONabilitato (lampeggiante)

Applicare e mantenere il Il comando RUN stato applicato comando di abilitazione attivo prima del segnale di abilitazione. prima di applicare il comando RUN.

MARCIAest. ATTIVA

Il comando RUN non stato Rilevato quando viene immesso un disattivato ed stato immesso un Disabilitare il segnale RUN ed comando RESET mente il comando RESET tramite ingresso eseguire il ripristino a seguito comando RUN ancora attivo digitale o tasto RESET sulla di un errore. console di programmazione. Comunicazione in standby La comunicazione non stata ancora stabilita. Il collegamento non stato stabilito in modo corretto o il software utente non era configurato con la velocit o configurazione di trasmissione appropriata (ad esempio parit). Verificare i collegamenti e tutte le configurazioni software sul lato utente.

CALL ChiamataCOM (lampeggiante)

7-11

Errori di programmazione della console


Un errore di programmazione della console (OPE) si verifica quando viene impostato un parametro non applicabile o un valore non appropriato. L'inverter non funziona finch il parametro non viene impostato correttamente, tuttavia non verr emesso alcun segnale di allarme o errore. Se si verifica un errore OPE, modificare il parametro in questione verificando la causa indicata nella tabella 7.3. Quando viene visualizzato un errore OPE, premere il tasto ENTER per visualizzare U1-34 (OPE rilevato) che contiene il numero del parametro che causa l'errore OPE.
Tabella 7.3 Errori di programmazione della console Errore visualizzato OPE01 Selezione kVA Significato Errore di impostazione kVA inverter Azioni correttive Immettere l'impostazione kVA corretta (o2-04) facendo riferiLa scheda di controllo stata alla tabella Impostasostituita e il parametro kVA (o2- mento di fabbrica che cambiano 04) impostato incorrettamente. zioni con l'impostazione kVA dell'inverter a pagina 5-60. Impostazione del parametro al di fuori della gamma consentita. Verificare le impostazioni del parametro. Probabili cause

OPE02 Superato limiti

Impostazione parametro fuori gamma

OPE03 Morsetti

Errore selezione ingresso multifunzione

stato effettuato uno degli errori seguenti nelle impostazioni dell'ingresso multifunzione (da H1-01 a H1-05): Selezionate funzioni doppie Comandi UP/DOWN (10 e 11) non selezionati contemporaneamente Comandi Up/Down (10 e 11) e Mantenimento rampa di accelerazione/decelerazione (A) selezionati contemporaneamente Impostati pi di un ingresso di ricerca della velocit (61, 62, 64) contemporaneamente Verificare le impostazioni dei Blocco delle basi esterno NO (8) parametri in H1e blocco delle basi esterno NC (9) selezionati contemporaneamente Comandi Up/Down (10 e 11) selezionati con abilitazione del controllo PID Comandi di arresto di emergenza NO (15) e NC (17) impostati contemporaneamente Controllo PID abilitato e comando UP o DOWN (10/11) impostato Comandi HSB (68) e KEB (65/66) impostati contemporaneamente

Verificare che la scheda sia installata. Disattivare l'alimentazione e installare Il parametro di selezione della sorOPE05 nuovamente la scheda Sequence Select gente di riferimento b1-01 e/o il Scheda accessoria non installata o accessoria. parametro di selezione della sor(Selez. sequenza) installata incorrettamente gente per il comando RUN b1-02 impostato su 3 (scheda accessoria), Verificare nuovamente ma non installata nessuna scheda l'impostazione di b1-01 e accessoria. b1-02. Errore di selezione sorgente per segnale RUN/di riferimento OPE06 MancaSCHEDA encod stato selezionato un metodo di che richiede una Errore di selezione del metodo di controllo retroazione PG (A1-02=1 o 3) ma controllo non installata una scheda accessoria PG. Verificare la selezione del metodo di controllo nel parametro A1-02 e/o l'installazione della scheda accessoria PG.

7-12

Tabella 7.3 Errori di programmazione della console Errore visualizzato Probabili cause Azioni correttive stata selezionata la stessa funzione per l'ingresso analogico e l'ingresso a treno di impulsi. H3-09 = B e H6-01 = 1 H3-09 = C e H6-01 = 2 Errore ingresso analogico (selezione sorgente di Verificare i parametri b1-01, multifunzione/ingresso a treno di b1-01 riferimento) impostato su 4 H3-09 e H6-01. impulsi (ingresso a treno di impulsi) e H601 (selezione funzione ingresso a treno di impulsi) impostato su un valore diverso da 0 (frequenza di riferimento). stata effettuata un'impostazione non appropriata per il metodo di controllo corrente. Verificare il metodo di Esempio: per il controllo V/f controllo e la funzione. stata selezionata una funzione utilizzabile solo con il controllo vettoriale ad anello aperto. Significato

OPE07 Selez. analogica

OPE08 Constant Selection Errore selezione funzione (Selez. costante)

OPE09 PID Selection (Selezione PID)

Le impostazioni riportate di seguito sono state selezionate contemporaneamente. b5-01 (selezione modalit di controllo PID) stato impostato Errore configurazione controllo su un valore diverso da 0. Verificare i parametri b5-01, PID b5-15 (livello funzionamento b5-15 e b1-03. funzione sleep del PID) stato impostato su un valore diverso da 0. b1-03 (selezione metodo di arresto) stato impostato su 2 o 3. Verificare i parametri (E1, E3). possibile che sia Le impostazioni del parametro V/f stato impostato un valore di erano fuori gamma. frequenza/tensione superiore a quello massimo consentito. presente uno dei seguenti errori relativi all'impostazione dei parametri. Guadagno frequenza portante C6-05 > 6 e C6-03 (limite superiore frequenza portante) Verificare le impostazioni dei <C6-04 (limite inferiore parametri. frequenza portante) Errore del limite superiore/ inferiore nei parametri C6-03 e 04. C6-01 = 0 e C6-02 = 2...6. C6-01 = 1 e C6-02 = 7...E. Riavviare l'inverter. Effettuare un'inizializzazione sui valori di fabbrica (A1-03)

OPE10 Errore di impostazione ERRparametri V/f parametro V/f

OPE11 FreqCOMM oTIMERon

Errore impostazione parametro frequenza portante

Errore scrittura EEPROM ERR Errore di verifica durante la dati NV-RAM non ErroreR/W EEPROM I corrispondono ai dati EEPROM. scrittura sulla EEPROM.

7-13

Errore di autotuning
Nella seguente tabella sono descritti gli errori di autotuning. Quando viene rilevato un errore di autotuning, l'errore viene visualizzato sulla console di programmazione e il motore si arresta per inerzia, ma non viene emesso alcun segnale di errore o allarme.
Tabella 7.4 Errori di autotuning Errore visualizzato Significato Probabili cause Errore nei dati in ingresso per l'autotuning. Azioni correttive Controllare i dati in ingresso.

Er - 01 Anomalia/guasto Errore dati motore

Errore nel rapporto tra l'uscita del Controllare la capacit del motore e la corrente nominale del motore e dell'inverter. motore. Errore tra l'impostazione della corrente in assenza di carico e la corrente nominale del motore in ingresso (quando viene eseguito l'autotuning per la resistenza da linea a linea per il controllo vettoriale)

Controllare la corrente nominale del motore e la corrente a vuoto.

Controllare i dati in ingresso. Er - 02 Anomalia minore Allarme Allarme rilevato durante l'autotuning Controllare il cablaggio e la macchina. Controllare il carico. Er - 03 Tasto STOP Er - 04 Resistenza Pressione del tasto STOP Errore resistenza da linea a linea Autotuning non completato nel tempo specificato. Risultato dell'autotuning fuori dalla gamma di impostazione dei parametri stato premuto il tasto STOP per cancellare l'autotuning. Controllare i dati in ingresso. Controllare il cablaggio del motore. Se il motore collegato alla macchina, scollegarlo. Se l'impostazione di T1-03 superiore alla tensione di alimentazione di ingresso dell'inverter (E1-01), modificare i dati in ingresso.

Er - 05 Corrente a vuoto Errore di corrente a vuoto Er - 08 Scorrimento Nomin Errore scorrimento nominale

Er - 09 Accelerazione

Errore di accelerazione Rilevato solo per autotuning rotante

Aumentare C1-01 (tempo di accelerazione 1). Aumentare L7-01 e L7-02 Il motore non accelera al momento (limiti di coppia) se sono specificato (C1-01 + 10 sec.) bassi. Se il motore collegato alla macchina, scollegarlo. Se il motore collegato alla macchina, scollegarlo. La coppia di riferimento supera il Aumentare C1-01 (tempo di 100% durante l'accelerazione. accelerazione 1). Rilevato quando A1-02 = 2 o 3 Controllare i dati in ingresso (controllo vettoriale). (soprattutto il numero di impulsi PG e di poli del motore). La corrente supera la corrente nominale del motore.

Errore velocit motore Er - 11 Rilevato solo per autotuning Velocit motore rotante

Er -12 Circuito I-det

Errore rilevamento corrente U/T1, V/T2 o W/T3 ha una fase aperta Autotuning non completato nel tempo specificato. Errore di induttanza di dispersione Risultato dell'autotuning fuori dalla gamma di impostazione dei parametri

Verificare il cablaggio dell'inverter e il montaggio.

Er -13 Indut.Dispers.

Controllare il cablaggio del motore.

7-14

Tabella 7.4 Errori di autotuning Errore visualizzato Significato Probabili cause La coppia di riferimento ha superato il 100% e la corrente a vuoto ha superato il 70% durante l'autotuning. Azioni correttive Verificare e correggere le impostazioni del motore Se il motore e la macchina sono collegati, scollegare il motore dalla macchina. Controllare i dati in ingresso. Controllare il cablaggio del motore. Se il motore e la macchina sono collegati, scollegare il motore dalla macchina.

Allarme impostazioni V/f End - 1 al completamento EccessivoRappV/f Visualizzato dell'autotuning

End -2 Saturazione

Durante l'autotuning i valori del coefficiente di Errore saturazione nucleo motore misurati saturazione del nucleo ferroso del Visualizzato al completamento motore 1 e 2 (E2-07 ed E2-08) dell'autotuning hanno superato la gamma di Rilevato solo per autotuning impostazione. stato impostato un rotante valore temporaneo: E2-07 = 0,75, E2-08 = 0,50 Allarme impostazione corrente nominale Visualizzato al completamento dell'autotuning

End -3 Scorrimento Nomin

Durante l'autotuning il valore misurato della corrente nominale Verificare il valore di corrente del motore (E2-01) era superiore al nominale del motore. valore impostato.

Errori della funzione COPY della console di programmazione


Questi errori possono verificarsi durante la funzione COPY della console di programmazione. Quando si verifica un errore, il contenuto dell'errore viene visualizzato sulla console. Un errore non attiva l'uscita a contatto degli errori o di allarme.
Tabella 7.5 Errori della funzione COPY della console di programmazione Funzione Console di programmazione Errore visualizzato PRE LETTURA IMPOSS Probabili cause Azioni correttive

o3-01 stato impostato su 1 per scrivere il Impostare o3-02 per consentire la parametro nella console di programmazione scrittura di parametri nella memoria della quando la console era protetta da scrittura console di programmazione. (03-02 = 0). La dimensione del file di dati letto dall'inverter era errata, ad indicazione che i Controllare il cavo della console di dati erano danneggiati. programmazione. stata rilevata una bassa tensione sull'inverter. Eseguire nuovamente il comando READ (o3-01 = 1). Sostituire la console di programmazione. Eseguire nuovamente il comando READ (o3-01 = 1).

Funzione READ

IFE ERRletturaDATI

Sostituire la console di programmazione. Tentativo di scrittura di dati da parte dell'inverter nella EEPROM della console di programmazione fallito.

RDE ERRORE DATI

7-15

Tabella 7.5 Errori della funzione COPY della console di programmazione Funzione Console di programmazione Errore visualizzato CPE Incoerenza ID VAE IncoerenzaKVAinv CRE Incoer.Controllo Probabili cause Azioni correttive

Il modello di inverter o il numero di Utilizzare solo dati memorizzati sullo software era differente dai dati memorizzati stesso prodotto (F7) e numero software nella console di programmazione. (U1-14). La capacit dell'inverter e la capacit dei dati memorizzati nella console di programmazione sono diverse. Il metodo di controllo dell'inverter e il metodo di controllo dei dati memorizzati nella console di programmazione sono diversi. L'impostazione di un parametro scritto nell'inverter era diversa dall'impostazione memorizzata nella console di programmazione. Utilizzare solo dati memorizzati per la stessa capacit di inverter (o2-04). Utilizzare dati memorizzati per lo stesso metodo di controllo (A1-02). Eseguire nuovamente la funzione COPY (o3-01 = 2).

Funzione COPY

CYE ERRcopiatura

Al completamento della funzione COPY il Eseguire nuovamente la funzione COPY CSE dei dati dell'inverter era diverso ERR. CONTR. SOMM checksum da quello della console di programmazione. (o3-01 = 2). Funzione VERIFY VYE Verifica errore I valori impostati della console di programmazione e dell'inverter non corrispondono. Eseguire nuovamente la funzione VERIFY (o3-01 = 3).

7-16

Soluzione dei problemi


A causa di errori nell'impostazione dei parametri, cablaggi errati e cos via, l'inverter e il motore potrebbero non funzionare come previsto al riavvio del sistema. In questo caso, fare riferimento a questa sezione per adottare le contromisure appropriate. Se viene visualizzato il contenuto dell'errore vedere pagina -2, Funzioni di diagnostica e protezione.

Se non possibile impostare un parametro


Utilizzare le seguenti informazioni se non si riesce ad impostare un parametro.

Il display non cambia quando vengono premuti i tasti di incremento e decremento


Le cause possibili sono: L'inverter in funzione (modalit inverter) Alcuni parametri non possono essere impostati durante il funzionamento. Disattivare il comando RUN, quindi impostare i parametri. Scrittura dei parametri disabilita tramite ingresso Si verifica quando "Abilitazione scrittura parametri" (valore impostato: 1B) impostata per un terminale di ingresso multifunzione (da H1-01 a H1-05). Se questo ingresso OFF, non sar possibile modificare i parametri. Attivarlo e impostare i parametri. Le password non corrispondono (solo se impostata una password) Se le impostazioni per il parametro A1-04 (password) e A1-05 (impostazione password) sono differenti, non possibile modificare i parametri per l'inizializzazione. Immettere la password corretta in A1-04. Se si dimenticata la password, visualizzare A1-05 (impostazione password) premendo il tasto Shift/RESET e il tasto MENU contemporaneamente dal display di A1-04. Impostare quindi la password e immettere la password impostata nel parametro A1-04.

Vengono visualizzati gli errori da OPE01 a OPE11


Il valore impostato per il parametro non corretto. Vedere la Tabella 7.3 in questo capitolo e correggere le impostazioni.

Viene visualizzato l'errore CPF00 o CPF01


Si tratta di un errore di comunicazione della console di programmazione. possibile che la console di programmazione e l'inverter non siano collegati correttamente. Rimuovere la console di programmazione e installarla nuovamente.

7-17

Se il motore non funziona correttamente


Le cause possibili sono:

Accertarsi che la console di programmazione sia saldamente collegata all'inverter Il motore non viene azionato quando si preme il tasto RUN sulla console di programmazione
Le cause possibili sono: La modalit LOCAL/REMOTE non correttamente selezionata Lo stato dei LED SEQ e REF deve essere OFF per la modalit LOCAL. Premere il tasto LOCAL/REMOTE per passare da una modalit all'altra o per controllare se un ingresso digitale multifunzione programmato per la selezione LOCAL/REMOTE (H1= 1). L'inverter non in modalit inverter Se l'inverter non in modalit inverter, non viene azionato. Premere il tasto MENU una volta, quindi premere il tasto ENTER. L'inverter ora in modalit inverter. La frequenza di riferimento troppo bassa Se la frequenza di riferimento pi bassa della frequenza impostata in E1-09 (frequenza di uscita minima), l'inverter non verr azionato. Impostare la frequenza di riferimento in modo che sia almeno uguale alla frequenza di uscita minima. Si verificato un errore nell'impostazione degli ingressi analogici multifunzione Se l'ingresso analogico multifunzione H3-09 impostato su 1 (guadagno della frequenza) e la tensione (corrente) non viene immessa, la frequenza di riferimento sar pari a zero. Verificare che il valore impostato e il valore dell'ingresso analogico siano corretti.

Non possibile azionare il motore tramite l'ingresso di un segnale di funzionamento esterno


Le cause possibili sono: L'inverter non in modalit inverter Se l'inverter non in modalit inverter, non viene azionato. Premere il tasto MENU una volta, quindi premere il tasto ENTER. L'inverter ora in modalit inverter. La modalit LOCAL/REMOTE non correttamente selezionata Lo stato dei LED SEQ e REF deve essere ON per la modalit REMOTE. Premere il tasto LOCAL/REMOTE per passare da una modalit all'altra o per controllare se un ingresso digitale multifunzione programmato per la selezione LOCAL/REMOTE (H1= 1). La frequenza di riferimento troppo bassa Se la frequenza di riferimento pi bassa della frequenza impostata in E1-09 (frequenza di uscita minima), l'inverter non verr azionato. Impostare la frequenza di riferimento in modo che sia almeno uguale alla frequenza di uscita minima.

7-18

Il motore si arresta in fase di accelerazione oppure quando viene collegato un carico


possibile che il carico sia troppo pesante. possibile che il limite di risposta del motore venga superato in presenza di un'accelerazione troppo rapida causata dalla funzione di prevenzione dello stallo o dalla funzione di aumento automatico della coppia del motore. Aumentare il tempo di accelerazione (C1-01) o ridurre il carico del motore. Considerare anche la possibilit di aumentare la dimensione del motore.

Il motore ruota in una sola direzione


Potrebbe essere selezionata l'impostazione "Marcia indietro disabilitata". Se b1-04 (disabilitazione del funzionamento all'indietro) impostato su 1 (abilitata), l'inverter non accetta comandi di marcia indietro.

Se la direzione di rotazione del motore dalla porta opposta


Se il motore ruota nella direzione sbagliata, il cablaggio dell'uscita del motore potrebbe non essere corretto. Quando l'inverter funziona in direzione avanti, la direzione avanti del motore dipende dal produttore e dal modello di motore, quindi controllare le specifiche del motore. La direzione di rotazione del motore pu essere invertita scambiando due cavi tra U, V e W. Se si utilizza un encoder necessario invertire anche la polarit. Se l'inverter funziona in modalit V/f possibile utilizzare anche il parametro b1-04 per cambiare il senso di rotazione.

Se il motore va in stallo o l'accelerazione lenta


stato raggiunto il limite di coppia
Poich la coppia di uscita limitata dalle impostazioni nei parametri da L7-01 a L7-04, il motore potrebbe non sviluppare una coppia sufficiente per l'accelerazione o il tempo di accelerazione potrebbe essere troppo lungo. Se sono stati impostati i limiti di coppia per l'ingresso analogico multifunzione (H3-09 = 10...12 o 15), controllare i segnali.

Il livello di prevenzione dello stallo durante l'accelerazione troppo basso


Se il valore impostato per L3-02 (livello di prevenzione dello stallo del motore durante l'accelerazione) troppo basso, il tempo di accelerazione verr aumentato. Verificare che il valore impostato sia adatto e che il carico non sia troppo elevato per il motore.

Il livello di prevenzione dello stallo durante il funzionamento troppo basso


Se il valore impostato per L3-06 (livello di prevenzione dello stallo del motore durante l'accelerazione) troppo basso, la velocit e la coppia del motore saranno limitate. Verificare che il valore impostato sia adatto e che il carico non sia troppo elevato per il motore.

Non stato eseguito l'autotuning per il controllo vettoriale


Il controllo vettoriale non funziona correttamente se non stato eseguito l'autotuning. Eseguire l'autotuning o impostare i parametri del motore in base ai calcoli.

7-19

Se il motore funziona a una velocit maggiore rispetto alla frequenza di riferimento


abilitato il controllo PID
Se il controllo PID abilitato (b5-01 = 1...4), la frequenza di uscita dell'inverter cambier per regolare la variabile di processo al set point desiderato. Il controllo PID pu comandare un aumento di velocit fino alla frequenza di uscita massima (E1-04) anche se la frequenza di riferimento molto inferiore.

Bassa precisione di controllo della velocit oltre la velocit di base in modalit di controllo vettoriale ad anello aperto
La tensione di uscita massima dell'inverter determinata dalla tensione di ingresso (ad esempio, con 400 Vc.a. in ingresso la tensione di uscita massima pari a 400 Vc.a.). Il controllo vettoriale utilizza la tensione per controllare le correnti all'interno del motore. Se la tensione di riferimento del controllo vettoriale supera la capacit di tensione di uscita dell'inverter, la precisione del controllo della velocit diminuir perch le correnti del motore non possono essere controllate correttamente. Utilizzare un motore con una tensione nominale bassa rispetto alla tensione di ingresso oppure attivare il controllo vettoriale ad anello chiuso.

Se la decelerazione del motore lenta


Le cause possibili sono:

Il tempo di decelerazione lungo anche quando collegata una resistenza di frenatura

Le cause possibili sono: abilitata la prevenzione dello stallo durante la decelerazione Quando collegata una resistenza di frenatura, impostare il parametro L3-04 (selezione prevenzione dello stallo durante la decelerazione) su 0 (disabilitata) o 3 (con resistenza di frenatura). Quando questo parametro impostato su 1 (abilitata, impostazione di fabbrica), la funzione di prevenzione dello stallo interferir con la resistenza di frenatura. Il tempo di decelerazione impostato troppo lungo Controllare l'impostazione del tempo di decelerazione (parametri C1-02, C1-04, C1-06 e C1-08). La coppia del motore non sufficiente Se i parametri sono corretti e non presente un errore di sovratensione, possibile che la potenza del motore non sia sufficiente. Considerare la possibilit di aumentare la capacit del motore e dell'inverter. stato raggiunto il limite di coppia Se viene raggiunto un limite di coppia (da L7-01 a L7-04), la coppia del motore risulter limitata, causando un possibile aumento del tempo di decelerazione. Accertarsi che il valore impostato per il limite di coppia sia appropriato. Se stato impostato un limite di coppia per la funzione del terminale di ingresso analogico multifunzione A2 (parametro H3-09 = 10...12 o 15), accertarsi che il valore dell'ingresso analogico sia appropriato.

7-20

Se il motore si surriscalda
Le cause possibili sono:

Carico eccessivo
Se il carico del motore troppo elevato e la coppia supera la coppia nominale del motore, il motore potrebbe surriscaldarsi. Ridurre i carichi riducendo il carico stesso o aumentando i tempi di accelerazione/ decelerazione. Considerare anche la possibilit di aumentare la dimensione del motore.

Temperatura ambiente troppo alta


La classificazione del motore determinata per una determinata gamma di temperatura ambiente operativa. Il motore si surriscalder se funziona continuamente alla coppia nominale a una temperatura ambiente superiore a quella massima. Abbassare la temperatura ambiente del motore fino a raggiungere un livello accettabile.

Non stato eseguito l'autotuning per il controllo vettoriale


Il controllo vettoriale potrebbe non funzioner correttamente se non stato eseguito l'autotuning. Eseguire l'autotuning o impostare i parametri del motore in base a calcoli manuali. In alternativa, impostare la modalit di controllo V/f impostando A1-02 su 1.

Se i dispositivi periferici (PLC o altri) sono influenzati dall'avvio o dal funzionamento dell'inverter
Sono possibili le seguenti soluzioni:
Modificare il parametro di selezione della frequenza portante dell'inverter (C6-02) per abbassare il valore

della frequenza portante. In questo modo si riduce il rumore prodotto dalla commutazione dei transistor.
Installare un filtro antirumore sui terminali di alimentazione di ingresso dell'inverter. Installare un filtro antirumore sui terminali del motore dell'inverter. Utilizzare cavi del motore schermati o un condotto (il metallo blocca i disturbi elettrici). Verificare la messa a terra dell'inverter e del motore. Separare il cablaggio del circuito principale dal cablaggio del circuito di controllo.

Se l'interruttore di dispersione a terra in funzione durante il funzionamento dell'inverter


L'uscita dell'inverter modulata ad impulsi, ossia la tensione di uscita consiste di impulsi ad alta frequenza (PWM). Questo segnale ad alta frequenza causa una certa dispersione di corrente che potrebbe azionare l'interruttore di dispersione a terra e interrompere l'alimentazione. Sostituire l'interruttore con uno avente un livello di rilevamento di dispersione pi alto (ossia una sensibilit di corrente di almeno 200 mA e un tempo operativo di almeno 0,1 s) o con uno che incorpori misure correttivi contro l'alta frequenza (ossia designato all'uso con inverter). Anche la riduzione della frequenza portante dell'inverter (C6-02) pu contribuire alla soluzione del problema. Inoltre, ricordare che la corrente di dispersione cresce con l'aumentare della lunghezza del cavo.

7-21

Presenza di oscillazione meccanica


Utilizzare le seguenti informazioni in presenza di vibrazione meccanica:

L'applicazione produce rumori insoliti


Le cause possibili sono: Creazione di risonanza tra la frequenza naturale del sistema meccanico e la frequenza portante Ci caratterizzato da un motore che funziona senza rumori, mentre il macchinario vibra con un sibilo acuto. Per evitare questo tipo di risonanza, regolare il valore della frequenza portante nei parametri da C6-02 a C6-05. possibile che si crei risonanza tra la frequenza naturale del sistema meccanico e la frequenza di uscita dell'inverter Per evitare questo tipo di risonanza, utilizzare la funzione frequenza di salto nei parametri d3il motore azionato e il carico per ridurre le vibrazioni. o bilanciare

Presenza di oscillazioni e fluttuazioni con il controllo V/f


Le impostazioni del parametro di compensazione della coppia potrebbero non essere appropriate per la macchina. Regolare i parametri C4-01 (guadagno per compensazione della coppia) e C4-02 (ritardo compensazione della coppia). Diminuire C4-01 e/o aumentare C4-02 cautamente, in incrementi/decrementi di 0,05. In aggiunta, possibile aumentare il guadagno di prevenzione delle vibrazioni (n1-02) se i problemi si verificano in condizioni di carico leggero e diminuire il ritardo di compensazione dello scorrimento (C3-02).

Presenza di oscillazioni e fluttuazioni con il controllo V/f con PG

Le impostazioni dei parametri dell'anello di controllo della velocit (regolatore automatico di velocit, ASR) potrebbero non essere appropriate per la macchina. Regolare i guadagni e i tempi integrali. Se non possibile eliminare le oscillazioni in questo modo, impostare la selezione di prevenzione delle vibrazioni (n1-01) su 0 (disabilitata), quindi provare di n uovo a regolare il guadagno.

Presenza di oscillazioni e fluttuazioni con il controllo vettoriale ad anello aperto


Le impostazioni del parametro di compensazione della coppia potrebbero non essere appropriate per la macchina. Regolare i parametri C4-01 (guadagno per compensazione della coppia), C4-02 (parametro di ritardo compensazione della coppia) e C3-02 (ritardo compensazione allo scorrimento) in sequenza. Diminuire i valori di guadagno e aumentare i ritardi. Se non stato eseguito l'autotuning, possibile che non si ottengano prestazioni adeguate per il controllo vettoriale. Eseguire l'autotuning o impostare i parametri del motore in base a calcoli manuali. In alternativa, impostare la modalit di controllo V/f impostando A1-02 su 1.

Presenza di oscillazioni e fluttuazioni con il controllo vettoriale ad anello chiuso


La regolazione del guadagno potrebbe non essere sufficiente. Regolare l'anello di controllo della velocit (regolatore automatico velocit, ASR) modificando C5-01 (guadagno proporzionale ASR). Se i punti di oscillazione si sovrappongono a quelli della macchina e non possono essere eliminati, aumentare il ritardo ASR, quindi regolare nuovamente il guadagno ASR (C5-01).

7-22

Se non stato eseguito l'autotuning, possibile che non si ottengano prestazioni adeguate per il controllo vettoriale a circuito chiuso. Eseguire l'autotuning o impostare i parametri del motore in base a calcoli manuali. In alternativa, impostare la modalit di controllo V/f impostando A1-02 su 1.

Presenza di oscillazioni e vibrazioni con il controllo PID


Se si verificano oscillazioni o vibrazioni durante il controllo PID, controllare il ciclo delle oscillazioni e regolare i singoli parametri P, I e D (vedere pagina -96, Utilizzo del controllo PID).

Se il motore ruota anche con l'uscita dell'inverter bloccata


Se il motore ruota dopo una decelerazione quando l'inverter stato arrestato a causa di un carico inerziale elevato, potrebbe essere necessario ricorrere alla frenatura ad iniezione c.c. Modificare l'impostazione della frenatura ad iniezione c.c. nel modo seguente:
Aumentare il parametro b2-02 (corrente frenatura ad iniezione c.c.). Aumentare il parametro b2-04 (tempo di frenatura ad iniezione c.c. all'arresto).

Se la frequenza di uscita non raggiunge la frequenza di riferimento


La frequenza di riferimento rientra nella gamma della frequenza di salto
Se si utilizza la funzione della frequenza di salto, la frequenza di uscita non cambia all'interno della gamma della frequenza di salto. Accertarsi che le impostazioni della frequenza di salto (da d3-01 a d3-03) e dell'ampiezza della frequenza di salto (d3-04) siano appropriate.

stato raggiunto il limite superiore della frequenza di riferimento


Il limite superiore della frequenza di uscita viene determinato dalla formula seguente: Limite superiore frequenza di riferimento = Frequenza di uscita massima (E1-04) x Limite superiore frequenza di riferimento (d2-01) /100 Verificare che le impostazioni dei parametri E1-04 e d2-01 siano appropriate.

7-23

7-24

Manutenzione e ispezione
Questo capitolo descrive le procedure di manutenzione e ispezione di base dell'inverter.

Manutenzione e ispezione .....................................................8-2

Manutenzione e ispezione
Ispezioni periodiche
Durante l'esecuzione della manutenzione periodica, controllare quanto segue.
Il motore non deve vibrare o produrre rumori strani. Il calore generato dall'inverter e dal motore non deve essere eccessivo. La temperatura ambiente deve rientrare nella gamma indicata nelle specifiche dell'inverter. Il valore della corrente di uscita indicato in U1-30 non deve superare il valore della corrente nominale del

motore e dell'inverter per un periodo di tempo esteso.


La ventola di raffreddamento nell'inverter deve funzionare normalmente.

Prima di iniziare qualsiasi controllo di manutenzione, accertarsi che la corrente trifase sia scollegata. Una volta staccata la corrente dall'unit, i condensatori del bus c.c. mantengono la carica per alcuni minuti. Il LED di carica nell'inverter rimane rosso fino a quando la tensione del bus c.c. scende sotto 10 Vc.c. Per essere certi che il bus c.c. sia completamente scarico, misurare la tensione tra il bus positivo e quello negativo con un voltmetro c.c. impostato sulla scala massima. Fare attenzione a non toccare i terminali subito dopo che stata disattivata l'alimentazione. In caso contrario ci si sottopone al rischio di scosse elettriche.
Componente Terminali esterni Bulloni di fissaggio Connettori Alette di raffreddamento Ispezione Le viti e i bulloni sono ben stretti? I connettori sono ben stretti? Procedura correttiva Stringere le viti e i bulloni allentati. Ricollegare i connettori allentati. Togliere eventuale sporcizia e polvere con una pistola ad aria utilizzando aria compressa secca a una pressione compresa tra 4 x 105 e 6 x 105 Pa (46 bar, 5585 psi). Togliere eventuale sporcizia e polvere con una pistola ad aria utilizzando aria compressa secca a una pressione compresa tra 4 x 105 e 6 x 105 Pa (46 bar, 5585 psi). Sostituire le schede qualora non fosse possibile pulirle. Togliere eventuale sporcizia e polvere con una pistola ad aria utilizzando aria compressa secca a una pressione compresa tra 4 x 105 e 6 x 105 Pa (46 bar, 5585 psi). Sostituire il condensatore o l'inverter.

Le alette sono sporche o impolverate?

Tutte le schede di circuiti stampati

presente della polvere conduttiva o nebbia d'olio sulle schede di circuiti stampati?

Diodi di ingresso Transistor di uscita Moduli di alimentazione Condensatori del bus c.c.

Sui moduli o sui componenti depositata polvere conduttiva o nebbia d'olio? Sono presenti anomalie quali macchie o odori?

Alimentare l'inverter ed effettuare le ispezioni descritte nella seguente tabella.


Componente Ispezione Procedura correttiva Sono presenti rumori o vibrazioni anomali oppure il periodo di funzionamento ha superato le 20.000 ore. Sostituire la ventola di raffreddamento Verificare U1-40 per il periodo di funzionamento raggiunto dalla ventola di raffreddamento.

Ventole di raffreddamento

8-2

Manutenzione periodica dei componenti


Per poter mantenere l'inverter in funzione per un lungo periodo di tempo senza problemi ed evitare periodi di fermo dovuti a guasti inattesi, necessario effettuare ispezioni controllo periodiche e sostituire i componenti in base alla durata operativa. I dati riportati nella seguente tabella sono solo indicativi. Gli standard di ispezioni periodiche variano a seconda delle condizioni ambientali di installazione e dell'uso dell'inverter. I periodi di manutenzione suggeriti per l'inverter sono indicati di seguito.
Componente Ventole di raffreddamento Condensatore del bus c.c. Contattore carica debole Fusibile del bus c.c. Fusibile dell'alimentazione di controllo Condensatori delle schede di circuiti stampati Periodo di sostituzione standard 23 anni (20.000 ore) 5 anni 10 anni Procedura di sostituzione Sostituire con un componente nuovo Sostituire con un componente nuovo (determinarne la necessit di sostituzione mediante ispezione) Determinarne la necessit di sostituzione mediante ispezione. Sostituire con un componente nuovo Sostituire con una scheda nuova (determinarne la necessit di sostituzione mediante ispezione)

5 anni

Nota: Il periodo di sostituzione standard si basa sulle seguenti condizioni di utilizzo: Temperatura ambiente:media annuale di 30 C/86 F Fattore di carico: 80% massimo Frequenza di funzionamento: 12 ore max. al giorno

8-3

Sostituzione ventola di raffreddamento


Inverter di classe 200 V e 400 V da 18,5 kW o inferiore
La ventola di raffreddamento fissata sulla parte inferiore dell'inverter. Se l'inverter stato installato utilizzando i fori di montaggio situati sul retro, possibile sostituire la ventola di raffreddamento senza rimuovere l'inverter dal pannello di installazione. Se l'inverter montato con un dissipatore di calore all'esterno della gabbia di protezione, la ventola di raffreddamento pu essere sostituita soltanto rimuovendo l'inverter dalla gabbia. Rimozione della ventola di raffreddamento 1. Spegnere sempre la corrente di alimentazione prima di rimuovere o installare la ventola di raffreddamento del dissipatore di calore. 2. Esercitare pressione sul lato destro e sinistro del coperchio della ventola nel senso indicato dalla freccia 1, quindi estrarre la ventola nel senso indicato dalla freccia 2. 3. Estrarre il cavo collegato alla ventola dal relativo coperchio e scollegare il connettore di alimentazione. 4. Aprire il coperchio della ventola sul lato sinistro e destro nel senso indicato dalle frecce 3, quindi rimuovere il coperchio dalla ventola.

1 3

Direzione flusso aria Air flow direction


2 1

Connettore di Power alimentazione connector

Coperchio Fan cover della ventola

Fig. 8.1 Sostituzione della ventola di raffreddamento (inverter da 18,5 kW o inferiore)

Installazione della ventola di raffreddamento 1. Fissare il coperchio alla ventola di raffreddamento. Accertarsi che la direzione del flusso d'aria sia corretta (vedere la figura di seguito). 2. Collegare i cavi e fissare saldamente il connettore e il cavo all'interno del coperchio della ventola. 3. Installare il coperchio della ventola sull'inverter. Accertarsi che le linguette ai lati del coperchio della ventola si incastrino correttamente nel dissipatore di calore dell'inverter.

8-4

Inverter di classe 200 V e 400 V da 22 kW o superiore


La ventola di raffreddamento del dissipatore di calore posizionato sulla parte superiore del dissipatore all'interno dell'inverter. Le ventole di raffreddamento possono essere sostituite senza rimuovere l'inverter dal pannello di installazione. Rimozione della ventola di raffreddamento 1. Disattivare sempre l'alimentazione in ingresso prima di rimuovere o installare il gruppo della ventola di raffreddamento del dissipatore di calore. 2. Rimuovere il copriterminali, il coperchio dell'inverter, la console di programmazione e il coperchio frontale dall'inverter. 3. Togliere la staffa della scheda PCB di controllo (se necessario) su cui sono installate le schede. Rimuovere tutti i cavi collegati alla scheda PCB di controllo e togliere il connettore di alimentazione della ventola di raffreddamento dalla relativa scheda posizionata vicino alla parte superiore dell'inverter. 4. Rimuovere i connettori di alimentazione della ventola di raffreddamento dalla scheda comando gate posizionata nella parte posteriore dell'inverter. 5. Togliere le viti del gruppo della ventola ed estrarre il gruppo dall'inverter. 6. Rimuovere le ventole di raffreddamento dal gruppo. Installazione della ventola di raffreddamento Dopo aver fissato le nuove ventole di raffreddamento, eseguire la procedura inversa a quella appena descritta per fissare tutti i componenti. Quando si fissa la ventola di raffreddamento al supporto, accertarsi che il flusso d'aria esca dalla parte superiore dell'inverter.

Direzione flusso aria Air flow direction Staffa della scheda Control card di controllo bracket Gruppo ventola Fan Assembly

SchedaControl di controllo card

Connettore Connector

Alloggiamento Gate driver

Fig. 8.2 Sostituzione della ventola di raffreddamento (inverter da 22 kW o superiore)

8-5

Rimozione e installazione della scheda dei terminali


La scheda dei terminali pu essere rimossa e installata senza scollegare il cablaggio di controllo.

Rimozione della scheda dei terminali


1. Smontare il copriterminali, la console di programmazione e il coperchio frontale. 2. Estrarre i cavi collegati a FE e/o NC sulla scheda dei terminali. 3. Allentare le viti di montaggio sul lato sinistro e destro della scheda dei terminali (1) fino a liberarle. Non necessario togliere completamente le viti in quanto sono viti prigioniere automoventi. 4. Estrarre la scheda dei terminali nel senso indicato dalla freccia 2.

Installazione della scheda dei terminali


Eseguire la procedura inversa a quella di rimozione per installare la scheda dei terminali. Verificare che la scheda dei terminali e la scheda PCB di controllo combacino correttamente con il connettore CN8 prima dell'inserimento. I pin del connettore potrebbero danneggiarsi se la scheda dei terminali viene forzata, pregiudicando il funzionamento corretto dell'inverter.

1 2

8
IMPORTANTE

Fig. 8.3 Rimozione della scheda dei terminali del circuito di controllo

Verificare sempre di aver disattivato l'alimentazione in ingresso e che il LED di carica non sia acceso prima di rimuovere o installare la scheda dei terminali.

8-6

Specifiche
Questo capitolo descrive le specifiche di base dell'inverter e le specifiche per i dispositivi periferici e accessori.

Specifiche standard dell'inverter ............................................9-2

Specifiche standard dell'inverter


Nelle tabelle seguenti sono riportate le specifiche standard dell'inverter in base alla capacit.

Specifiche in base al modello


Nelle tabelle seguenti sono riportate le specifiche in base al modello.

Classe 200 V
Numero modello CIMR-F7Z 20P4 20P7 21P5 22P2 23P7 25P5 27P5 2011 2015 2018 2022 2030 2037 2045 2055 2075 2090 2110

Uscita massima applicabile del motore (kW) *1 Potenza di uscita nominale (kVA) Valori nominali di uscita Corrente di uscita Tensione massima di uscita (V)

0,55 1,2 3,2

0,75 1,6 4,1

1,5 2,7 7,0

2,2 3,7 9,6

3,7 5,7 15

5,5 8,8 23

7,5 12 31

11 17 45

15 22 58

18,5 27 71

22 32 85

30 44 115

37 55 145

45 69 180

55 82 215

75 110 283

90 130 346

110 160 415

Trifase; 200, 220, 230 o 240 Vc.a. (proporzionale alla tensione di ingresso)

Frequenza massima di uscita (Hz)

Carico di lavoro pesante (portante bassa, per applicazioni a coppia costante): 150 Hz max. Carico di lavoro normale 1 o 2 (portante alta/ridotta, per applicazioni a coppia variabile): 400 Hz max.

Caratteristiche dell'alimentazione

Tensione nominale (V) Frequenza nominale (Hz) Corrente nominale di Fluttuazione di tensione ammessa 3,8 4,9 8,4 11,5 18 24

Trifase, 200/220/230/240 Vc.a., 50/60 Hz 37 52 68 84 94 120 160 198 237 317 381 457

+ 10%, - 15%

Fluttuazione di frequenza ammessa

5%

Caratteristiche di controllo

Reattanza c.c. Controllo delle armoniche di alimenRaddrizzatazione tore a 12 fasi

Opzionale

Incorporato

Non previsto

Consentito*2

* 1. L'uscita massima applicabile del motore indicata per un motore Yaskawa a 4 poli. Quando si scelgono il motore e l'inverter, accertarsi che la corrente nominale dell'inverter sia compatibile con la corrente nominale del motore. * 2. richiesto l'impiego di un trasformatore con secondario a 2 cavi, delta a stella, sull'alimentazione per un raddrizzatore a 12 fasi.

9-2

Classe 400 V
Numero modello CIMR-F7Z 40P4 40P7 41P5 42P2 43P7 44P0 45P5 47P5 4011 4015 4018

Uscita massima applicabile del motore (kW) *1 Valori nominali di uscita Potenza di uscita nominale (kVA) Corrente di uscita nominale (A) Tensione massima di uscita (V) Frequenza massima di uscita (Hz) Tensione nominale (V) Frequenza nominale (Hz) Corrente nominale di Fluttuazione di tensione ammessa Fluttuazione di frequenza ammessa

0,55 1,4 1,8

0,75 1,6 2,1

1,5 2,8 3,7

2,2 4,0 5,3

3,7 5,8 7,6

4,0 6,6 8,7

5,5 9,5 12,5

7,5 13 17

11 18 24

15 24 31

18,5 30 39

Trifase; 380, 400, 415, 440, 460 o 480 Vc.a (proporzionale alla tensione di ingresso.) Carico di lavoro pesante (portante bassa, per applicazioni a coppia costante): 150 Hz max. Carico di lavoro normale 1 o 2 (portante alta/ridotta, per applicazioni a coppia variabile): 400 Hz max. Trifase; 380, 400, 415, 440, 460 o 480 Vc.a., 50/60 Hz 2,2 2,5 4,4 6,4 9,0 10,4 + 10%, - 15% 15 20 29 37 47

Caratteristiche di controllo Caratteristiche dell'alimentazione

5%

Reattanza c.c. Controllo delle armoniche di alimenRaddrizzame tazione nto a 12 fasi

Opzionale

Non previsto

Numero modello CIMR-F7Z

4022 22 34 45

4030 30 46 60

4037 37 57 75

4045 45 69 91

4055 55 85 112

4075 75 110 150

4090 90 140 180

4110 110 160 216

4132 132 200 260

4160 160 230 304

4185 185 280 370

4220 220 390 506

4300 300 510 675

Uscita massima applicabile del motore (kW) *1 Valori nominali di uscita Potenza di uscita nominale (kVA) Corrente di uscita nominale (A) Tensione massima di uscita (V) Frequenza massima di uscita (Hz) Tensione massima (V) Frequenza nominale (Hz) Corrente nominale di Fluttuazione di tensione ammessa Fluttuazione di frequenza ammessa

Trifase; 380, 400, 415, 440, 460 o 480 Vc.a (proporzionale alla tensione di ingresso.) Carico di lavoro pesante (portante bassa, per applicazioni a coppia costante): 150 Hz max. Carico di lavoro normale 1 o 2 (portante alta/ridotta, per applicazioni a coppia variabile): 400 Hz max. Trifase; 380, 400, 415, 440, 460 o 480 Vc.a., 50/60 Hz 50 66 83 100 120 165 198 + 10%, - 15% 238 286 334 407 537 743

Caratteristiche dell'alimentazion

5%

Caratteristiche di controllo

Controllo delle armoniche di alimentazione

Reattanza c.c.

Incorporata

Raddrizzamento a 12 fasi

Consentito*2

* 1. L'uscita massima applicabile del motore riportata per un motore standard Yaskawa a 4 poli. Quando si scelgono il motore e l'inverter, accertarsi che la corrente nominale dell'inverter sia superiore a quella del motore. * 2. richiesto l'impiego di un trasformatore con secondario a 2 cavi, delta a stella, sull'alimentazione per un raddrizzatore a 12 fasi.

9-3

Specifiche comuni
Le seguenti specifiche si riferiscono sia ad inverter di classe 200 V che 400 V.
Codice del modello CIMR-F7Z Metodo di controllo Specifiche Onda sinusoidale PWM Controllo vettoriale ad anello chiuso, controllo vettoriale ad anello aperto, controllo V/f, controllo V/f con PG Carico di lavoro pesante (portante bassa, per applicazioni a coppia costante): Frequenza portante 2 kHz, 150% sovraccarico per 1 minuto, possibile una frequenza portante superiore in caso di diminuzione di corrente. Carico di lavoro normale 1 (portante alta, per applicazioni a coppia variabile): frequenza portante massima, dipendente dalla capacit dell'inverter, 120% del sovraccarico per 1 minuto. Carico di lavoro normale 2 (per applicazioni a coppia variabile): frequenza portante ridotta, capacit di sovraccarico continua aumentata 1:40 (controllo V/f) 1:100 (controllo vettoriale ad anello aperto) 1:1000 (controllo vettoriale ad anello chiuso) 3% (controllo V/f) 0,03% (controllo V/f con PG) 0,2% (controllo vettore ad anello aperto) 0,02% (controllo vettore ad anello chiuso) (25 C 10 C) 5 Hz (controllo senza PG) 30 Hz (controllo con PG) Previsti (4 impostazioni di quadrante modificabili tramite costanti) (controllo vettoriale) 5% 0,01...150 Hz (carico di lavoro pesante), 0,01...400 Hz (carico di lavoro normale 1 o 2) Riferimenti digitali: 0,01% (-10 C +40 C) Riferimenti analogici: 0,1% (25 C 10 C) Riferimenti digitali: 0,01 Hz Riferimenti analogici: 0,025/50 Hz (11 bit pi segno) 0,01 Hz Carico di lavoro pesante (portante bassa, per applicazioni a coppia costante): 150% della corrente di uscita nominale per 1 minuto Carico di lavoro normale 1 o 2 (portante alta/ridotta, per applicazioni a coppia variabile): 120% della corrente di uscita nominale per 1 minuto 0...+10 V, 10...+10 V, 4...20 mA, treno di impulsi 0,016000,0 s (4 combinazioni selezionabili di tempo di accelerazione e decelerazione indipendente) Circa 20% (125% circa con la resistenza di frenatura accessoria, resistenza di frenatura incorporata negli inverter da 18,5 kW o inferiori) Riavvio dopo caduta di tensione momentanea, ricerca velocit, rilevamento sovracoppia/sottocoppia, limiti di coppia, controllo a 17 velocit (massimo), 4 tempi di accelerazione e decelerazione, accelerazione/decelerazione della curva S, controllo a 3 fili, funzione di autotuning (rotante o stazionario), funzioni di pausa, controllo attivazione/disattivazione della ventola di raffreddamento, compensazione allo scorrimento, compensazione della coppia, riavvio automatico dopo un errore, frequenze di salto, limiti superiore e inferiore per le frequenza di riferimento, frenatura c.c. per l'avvio e l'arresto, frenatura ad alto scorrimento, controllo PID avanzato, controllo risparmio energia, comunicazioni MEMOBUS (RS-485/422, 19,2 kbps max.), 2 gruppi di parametri motore, ripristino guasti e funzione di copia parametri.

Caratteristiche di coppia

Gamma di controllo della velocit

Precisione del controllo della velocit Risposta controllo della velocit Limiti di coppia Caratteristiche di controllo Precisione di coppia Gamma di frequenza Precisione frequenza (caratteristiche temperatura) Risoluzione dell'impostazione della frequenza Risoluzione della frequenza di uscita Capacit sovraccarico e corrente massima Segnale di impostazione della frequenza Tempo di accelerazione/ decelerazione Coppia frenante

Funzioni di controllo principali

9-4

Codice del modello CIMR-F7Z Protezione motore Protezione da sovracorrente immediata Protezione da fusibile bruciato

Specifiche Protezione mediante rel di sovraccarico elettrotermico. Arresto a circa 200% della corrente di uscita nominale. Arresto in seguito alla bruciatura del fusibile. Carico di lavoro pesante (portante bassa, per applicazioni a coppia costante): 150% della corrente di uscita nominale per 1 minuto Carico di lavoro normale 1 (portante alta, per applicazioni a coppia variabile): 120% della corrente di uscita nominale per 1 minuto Carico di lavoro normale 2 (portante alta, per applicazioni a coppia variabile): 120% della corrente di uscita nominale per 1 minuto, corrente di uscita continua aumentata. Inverter di classe 200 V: arresto quando la tensione c.c. del circuito principale supera 410 V. Inverter di classe 400 V: arresto quando la tensione c.c. del circuito principale supera 820 V. Inverter di classe 200 V: arresto quando la tensione c.c. del circuito principale scende al di sotto di 190 V. Inverter di classe 400 V: arresto quando la tensione c.c. del circuito principale scende al di sotto di 380 V. La selezione di questo metodo consente di riprendere il funzionamento se la corrente viene ripristinata entro 2 s.

Protezione da sovraccarico Funzioni di protezione

Protezione da sovratensione Protezione da sottotensione Funzionamento inerziale dopo caduta di tensione momentanea Surriscaldamento dell'aletta di raffreddamento Prevenzione stallo Protezione di messa a terra Spia di carica

Protezione mediante termistore. Prevenzione dallo stallo durante accelerazione, decelerazione e funzionamento indipendentemente. Protezione mediante circuiti elettronici Si accende quando la tensione c.c. del circuito principale circa almeno 10 Vc.c. Tipo a telaio chiuso per installazione a parete (NEMA 1): 18,5 kW o inferiore (sia per inverter di classe 200 V che 400 V) Modello a telaio aperto (IP00): 22 kW o superiore (sia per inverter di classe 200 V che 400 V) -10 C...40 C (tipo a telaio chiuso per installazione a parete) 10 C...45 C (tipo a telaio aperto) 95% max. (senza formazione di condensa) - 20 C...+ 60 C (per brevi periodi durante il trasporto) Ambiente interno (non esposto a gas corrosivi, polvere, ecc.) 1.000 m max. 1020 Hz, 9,8 m/s2 max.; 2050 Hz, 2 m/s2 max

Grado di protezione Temperatura ambiente di funzionamento Umidit ambiente di funzionamento Temperatura di stoccaggio Sito dell'applicazione Altitudine Vibrazione

Condizioni ambientali

9-5

9-6

Appendice
Questo capitolo descrive le precauzioni da osservare per l'utilizzo dell'inverter, del motore e dei dispositivi periferici e fornisce inoltre un elenco delle costanti.

Precauzioni relative all'applicazione dell'inverter .................10-2 Precauzioni relative all'applicazione del motore ..................10-5 Costanti utente.....................................................................10-7

Precauzioni relative all'applicazione dell'inverter


Selezione
Tenere conto delle seguenti precauzioni quando si sceglie un inverter.

Installazione di reattanze
Una corrente di picco elevata passa nel circuito d'ingresso di alimentazione quando l'inverter collegato a un trasformatore di corrente con capacit elevata (600 kVa o superiore) o quando si attiva un condensatore di compensazione. Una corrente di picco eccessiva pu distruggere la parte del raddrizzatore. Per impedirlo, installare una reattanza c.c. o c.a. per migliorare il fattore di potenza di alimentazione. Reattanze c.c. sono incorporate negli inverter da 22 kW e superiori. Se un convertitore del tiristore, ad esempio un inverter c.c., viene collegato allo stesso sistema di alimentazione, collegare una reattanza c.c. o c.a. indipendentemente dalle condizioni di alimentazione riportare nel seguente schema.
Necessaria una reattanza c.c. o c.a. Non necessaria una reattanza c.c. o c.a.

Alimentazione (kVA)

Capacit inverter (kVA)

Capacit dell'inverter in applicazioni a pi motori


Quando a un inverter si collegano pi motori in parallelo, selezionare la capacit dell'inverter in modo che la sua corrente di uscita nominale sia 1,1 volte la somma delle correnti nominali di tutti i motori.

Coppia iniziale
Le caratteristiche di avvio e accelerazione del motore sono limitate dai valori nominali della corrente di sovraccarico dell'inverter che aziona il motore. In genere, la caratteristica di coppia diversa da quelle richieste quando si avvia il motore direttamente dall'alimentazione. Qualora fosse richiesta una coppia iniziale elevata, selezionare un inverter di dimensioni una volta maggiori oppure aumentare la capacit sia del motore che dell'inverter.

10

10-2

Installazione
Durante l'installazione dell'inverter osservare le precauzioni riportate di seguito.

Luogo di installazione
Installare l'inverter in un luogo pulito dove non soggetto a nebbia d'olio, polvere e altri fattori contaminanti oppure installare l'inverter in un quadro completamente chiuso. Predisporre misure di raffreddamento adeguate e uno spazio sufficiente per il quadro in modo che la temperatura intorno all'inverter non superi quella consentita. Non installare l'inverter su legno o altri materiali combustibili.

Posizione di installazione
Montare l'inverter in posizione verticale su di una parete o altra superficie verticale.

Impostazioni
Quando si eseguono le impostazioni dell'inverter osservare le precauzioni riportate di seguito.

Limiti superiori
Come frequenza massima di uscita pu essere impostato un valore pari o inferiore a 400 Hz. L'impostazione di una frequenza d'uscita troppo elevata potrebbe danneggiare la macchina. Fare pertanto attenzione al sistema meccanico e attenersi ai limiti richiesti per la frequenza di uscita.

Frenatura ad iniezione c.c.


Se la corrente della funzione di frenatura ad iniezione c.c. o il tempo di frenatura sono troppo alti, il motore potrebbe surriscaldarsi e danneggiarsi.

Tempi di accelerazione/decelerazione
I tempi di accelerazione e decelerazione del motore sono determinati dalla coppia generata dal motore, dalla coppia di carico e dal momento inerziale di carico (GD2/4). Se durante l'accelerazione o la decelerazione viene attivata la prevenzione dello stallo, potrebbe rendersi necessario diminuire il tempo di accelerazione o decelerazione. Per ridurre il tempo di accelerazione o decelerazione, aumentare la capacit del motore e dell'inverter.

10

10-3

Precauzioni di cablaggio o manutenzione


Durante il cablaggio o la manutenzione dell'inverter osservare le precauzioni riportate di seguito.

Controllo del cablaggio


Se al terminale di uscita U, V o W viene applicata tensione di alimentazione, l'inverter potrebbe danneggiarsi internamente. Verificare quindi la correttezza del cablaggio prima di attivare l'alimentazione. Verificare tutti i cavi e controllare le sequenze attentamente.

Installazione del contattore magnetico


Se si installa un contattore magnetico sulla linea di alimentazione, non avviarlo pi di una volta all'ora. Accendendolo pi spesso si potrebbe danneggiare il circuito di prevenzione della corrente di spunto.

Manutenzione e ispezioni
Dopo la disattivazione dell'alimentazione del circuito principale potrebbero trascorrere alcuni minuti prima che il bus c.c. sia completamente scarico. La spia CHARGE, che indica se il bus c.c. carico, si accende se la tensione superiore a 10 Vc.c.

10

10-4

Precauzioni relative all'applicazione del motore


Utilizzo dell'inverter per un motore standard esistente
Quando si utilizza un inverter per un motore standard esistente, osservare le precauzioni riportate di seguito.

Gamme di velocit bassa


Se si impiega un motore con raffreddamento standard, a bassa velocit l'effetto del raffreddamento diminuisce. Se il motore viene utilizzato per applicazioni con coppia costante, possibile che si surriscaldi a basse velocit. Se richiesto l'impiego continuo di una coppia completa a bassa velocit, necessario utilizzare un motore raffreddato esternamente.

Classe di isolamento adatta alla tensione


Se l'inverter viene utilizzato con una tensione di ingresso di 440 V o superiore e cavi del motore lunghi, possono verificarsi dei picchi di tensione sui terminali del motore che potrebbero danneggiare gli avvolgimenti del motore. Accertarsi che la classe di isolamento del motore sia sufficiente.

Funzionamento ad alta velocit


Se si utilizza il motore a una velocit superiore alla frequenza nominale del motore (di solito 50 Hz), possibile che si verifichino dei problemi di equilibrio dinamico e durata dei cuscinetti.

Disturbi acustici
Il rumore generato dal motore dipende dalla frequenza portante. A una maggiore impostazione corrisponde un rumore generato minore.

Utilizzo dell'inverter per motori speciali


Se si utilizza un motore speciale, osservare le precauzioni riportate di seguito.

Motore con modifica del numero di poli


La corrente di ingresso nominale dei motori con modifica del numero di poli diversa rispetto ai motori standard. Selezionare un inverter appropriato a seconda della corrente massima del motore.

Motori sommergibili
La corrente di ingresso nominale dei motori sommergibili superiore rispetto ai motori standard. Selezionare quindi sempre un inverter appropriato in base alla corrente massima del motore.

Motore antideflagrante
Se si utilizza un motore antideflagrante, necessario sottoporre motore e inverter a un test di antideflagrazione. Questo test deve essere effettuato anche quando un motore antideflagrante esistente viene azionato tramite l'inverter. Tuttavia, poich l'inverter di per s non antideflagrante, installarlo sempre in un posto sicuro.

10

10-5

Adeguamento del motore


La gamma di velocit per il funzionamento continuo varia in base al metodo di lubrificazione e al produttore del motore. In particolare, il funzionamento continuo di un motore lubrificato a olio nella gamma di bassa velocit potrebbe causare danni. Se il motore deve essere utilizzato a una velocit superiore a 50 Hz, contattare il produttore.

Motori sincroni
I motori sincroni non sono adatti ad essere controllati tramite inverter.

Motore monofase
Non utilizzare un inverter per un motore monofase a condensatore. Il collegamento diretto di un condensatore all'uscita dell'inverter potrebbe danneggiare l'inverter.

Meccanismi di trasmissione (riduttori di velocit, cinghie e catene)


Se vengono utilizzati riduttori di velocit o motoriduttori lubrificati a olio nel meccanismo di trasmissione, la lubrificazione a olio verr alterata quando il motore funziona solo nella gamma di bassa velocit. Se il motore viene azionato continuamente a basse velocit, il meccanismo di trasmissione produrr rumori e la durata di utilizzo risulter ridotta.

10

10-6

Costanti utente
Nella tabella seguente sono riportate le impostazioni di fabbrica per un inverter di classe 200 V a 0,4 kW (controllo vettoriale ad anello aperto).
N. A1-00 A1-01 A1-02 A1-03 A1-04 A1-05 A2-01... A2-32 b1-01 b1-02 b1-03 b1-04 b1-05 b1-06 b1-07 b1-08 b2-01 b2-02 b2-03 b2-04 b2-08 b3-01 b3-02 b3-03 b3-05 b3-10 b3-14 b4-01 b4-02 b5-01 b5-02 b5-03 b5-04 b5-05 b5-06 b5-07 b5-08 b5-09 b5-10 Nome Selezione della lingua per i display della console di programmazione Livello di accesso ai parametri Selezione metodo di controllo Inizializzazione Password Impostazione password Parametri specificati dall'utente Selezione sorgente di riferimento Selezione sorgente per segnale RUN Selezione metodo di arresto Disabilitazione funzionamento di marcia indietro Selezione funzionamento per l'impostazione di frequenze inferiori o uguali a E109 Scansione ingresso di controllo Selezione funzionamento dopo l'attivazione della modalit remota Selezione del comando di marcia in modalit di programmazione Livello velocit zero (frequenza di avvio frenatura ad iniezione c.c.) Corrente di frenatura ad iniezione c.c. Tempo di frenatura ad iniezione c.c. all'avvio Tempo di frenatura ad iniezione c.c. all'arresto Volume compensazione flusso magnetico Selezione della ricerca della velocit (calcolo della velocit o rilevamento della corrente) Corrente operativa della ricerca della velocit (rilevamento della corrente) Tempo di decelerazione della ricerca della velocit (rilevamento della corrente) Tempo di attesa della ricerca della velocit (calcolo della velocit o rilevamento della corrente) Guadagno di compensazione per ricerca della velocit (solo calcolo della velocit) Selezione direzione di rotazione per ricerca della velocit Ritardo all'eccitazione Ritardo alla diseccitazione Selezione modalit di controllo PID Guadagno proporzionale (P) Tempo integrale (I) Limite integrale (I) Tempo differenziale (D) Limite PID Regolazione offset PID Costante di ritardo PID Selezione caratteristiche uscita PID Guadagno uscita PID Impostazione di fabbrica 0 2 2 0 0 0 1 1 0 0 0 1 0 0 0,5 Hz 50% 0,00 s 0,50 s 0% *1 *1 2,0 s 0,2 s 1,10 1 0,0 s 0,0 s 0 1,00 1,0 s 100,0% 0,00 s 100,0% 0,0% 0,00 s 0 1,0 Impostazione

10

10-7

N. b5-11 b5-12 b5-13 b5-14 b5-15 b5-16 b5-17 b5-18 b5-19 b5-28 b5-29 b5-31 b5-32 b5-33 b6-01 b6-02 b6-03 b6-04 b7-01 b7-02 b8-01 b8-02 b8-03 b8-04 b8-05 b8-06 b9-01 b9-02 C1-01 C1-02 C1-03 C1-04 C1-05 C1-06 C1-07 C1-08 C1-09 Selezione dell'uscita PID inversa

Nome

Impostazione di fabbrica 0 0 0% 1,0 s 0,0 Hz 0,0 s 0,0 s 0 0 0 1,00 0 100,0% 0,0% 0,0 Hz 0,0 s 0,0 Hz 0,0 s 0,0% 0,05 s 0 *1 *1 *1 20 ms 0% 5 10 10,0 s

Impostazione

Selezione rilevamento di perdita del segnale di retroazione PID Livello di rilevamento perdita di retroazione PID Tempo di rilevamento perdita di retroazione PID Livello funzionamento funzione sleep del PID Ritardo funzionamento sleep del PID Tempo di accelerazione/decelerazione per riferimento PID Selezione set point PID Set point PID Selezione retroazione con calcolo della radice quadrata PID Guadagno per retroazione con calcolo della radice quadrata Selezione retroazione monitoraggio PID Guadagno per retroazione monitoraggio PID Polarizzazione per retroazione monitoraggio PID Frequenza di pausa all'avvio Tempo di pausa all'avvio Frequenza di pausa all'arresto Tempo di pausa all'arresto Guadagno per controllo caduta Ritardo per controllo caduta Selezione modalit di risparmio energia Guadagno per risparmio energia Costante di tempo del filtro per il risparmio energia Coefficiente di risparmio energia Costante di tempo del filtro rilevamento potenza Limitatore tensione operazione di ricerca Guadagno azzeramento servo Ampiezza di banda completamento azzeramento servo Tempo di accelerazione 1 Tempo di decelerazione 1 Tempo di accelerazione 2 Tempo di decelerazione 2 Tempo di accelerazione 3 Tempo di decelerazione 3 Tempo di accelerazione 4 Tempo di decelerazione 4 Tempo di arresto d'emergenza Unit di impostazione del tempo di accelerazione/decelerazione Frequenza di commutazione tempo di accelerazione/decelerazione Tempo caratteristico della curva a S all'avvio dell'accelerazione Tempo caratteristico della curva a S all'arresto dell'accelerazione Tempo caratteristico della curva a S all'avvio della decelerazione Tempo caratteristico della curva a S all'arresto della decelerazione Guadagno per compensazione allo scorrimento Ritardo compensazione allo scorrimento

10,0 s

10

C1-10 C1-11 C2-01 C2-02 C2-03 C2-04 C3-01 C3-02

1 0,0 Hz 0,20 s 0,20 s 0,20 s 0,00 s *1 *1

10-8

N. C3-03 C3-04 C3-05 C4-01 C4-02 C4-03 C4-04 C4-05 C5-01 C5-02 C5-03 C5-04 C5-05 C5-06 C5-07 C5-08 C6-01 C6-02 C6-03 C6-04 C6-05 d1-01 d1-02 d1-03 d1-04 d1-05 d1-06 d1-07 d1-08 d1-09 d1-10 d1-11 d1-12 d1-13 d1-14 d1-15 d1-16 d1-17 d2-01 d2-02 d2-03 d3-01 d3-02 d3-03 d3-04

Nome Limite di compensazione allo scorrimento Selezione compensazione allo scorrimento durante rigenerazione Selezione funzionamento limitato tensione di uscita Guadagno per la compensazione di coppia Costante di ritardo della compensazione di coppia Compensazione della coppia di spunto (FWD) Compensazione della coppia di spunto (REV) Costante di tempo di compensazione della coppia di spunto Guadagno proporzionale (P) ASR 1 Tempo integrale (I) ASR 1 Guadagno proporzionale (P) ASR 2 Tempo integrale (I) ASR 2 Limite ASR Ritardo ASR Frequenza di commutazione ASR Limite integrale ASR (I) Selezione carico di lavoro normale/pesante Selezione frequenza portante Limite superiore frequenza portante Limite inferiore frequenza portante Guadagno proporzionale frequenza portante Frequenza di riferimento 1 Frequenza di riferimento 2 Frequenza di riferimento 3 Frequenza di riferimento 4 Frequenza di riferimento 5 Frequenza di riferimento 6 Frequenza di riferimento 7 Frequenza di riferimento 8 Frequenza di riferimento 9 Frequenza di riferimento 10 Frequenza di riferimento 11 Frequenza di riferimento 12 Frequenza di riferimento 13 Frequenza di riferimento 14 Frequenza di riferimento 15 Frequenza di riferimento 16 Frequenza di riferimento di jog Limite superiore frequenza di riferimento Limite inferiore frequenza di riferimento Limite inferiore velocit di riferimento master Frequenza di salto 1 Frequenza di salto 2 Frequenza di salto 3 Ampiezza della frequenza di salto

Impostazione di fabbrica 200% 0 0 1,00 *1 0,0% 0,0% 10 ms *1 *1 *1 *1 5,0% 0,004 ms 0,0 Hz 400% 0 1 2,0 kHz 2,0 kHz 00 0,00 Hz 0,00 Hz 0,00 Hz 0,00 Hz 0,00 Hz 0,00 Hz 0,00 Hz 0,00 Hz 0,00 Hz 0,00 Hz 0,00 Hz 0,00 Hz 0,00 Hz 0,00 Hz 0,00 Hz 0,00 Hz 6,00 Hz 100,0% 0,0% 0,0% 0,0 Hz 0,0 Hz 0,0 Hz 1,0 Hz

Impostazione

10

10-9

N. d4-01 d4-02 d5-01 d5-02 d5-03 d5-04 d5-05 d5-06 d6-01 d6-02 d6-03 d6-06 E1-01 E1-03 E1-04 E1-05 E1-06 E1-07 E1-08 E1-09 E1-10 E1-11 E1-12 E1-13 E2-01 E2-02 E2-03 E2-04 E2-05 E2-06 E2-07 E2-08 E2-09 E2-10 E2-11 E3-01 E3-02

Nome Selezione funzione di mantenimento della frequenza di riferimento Limiti velocit +/Selezione controllo della coppia Ritardo coppia di riferimento Selezione limite velocit Limite velocit Polarizzazione limite velocit Temporizzatore del passaggio tra controllo velocit e coppia Livello indebolimento campo Limite di frequenza indebolimento di campo Selezione funzione forzamento di campo Limite funzione forzamento di campo Impostazione tensione di ingresso Selezione linea caratteristica V/f Frequenza di uscita massima (FMAX) Tensione di uscita massima (VMAX) Frequenza base (FA) Frequenza di uscita media (FB) Tensione frequenza di uscita media (VB) Frequenza di uscita minima (FMIN) Tensione frequenza di uscita minima (VMIN) Frequenza di uscita media 2 Tensione frequenza di uscita media 2 Tensione di base (VBASE) Corrente nominale del motore Scorrimento nominale del motore Corrente a vuoto del motore Numero di poli del motore Resistenza da linea a linea del motore Induttanza di dispersione del motore Coefficiente di saturazione del motore 1 Coefficiente di saturazione del motore 2 Monitoraggio perdite meccaniche Perdite nel ferro per compensazione di coppia Potenza di uscita nominale del motore Selezione metodo di controllo motore 2 Frequenza di uscita massima motore 2 (FMAX) Tensione di uscita massima motore 2 (VMAX) Frequenza di tensione di uscita massima motore 2 (FA) Frequenza di uscita media 1 motore 2 (FB) Tensione frequenza di uscita media 1 motore 2 (VB) Frequenza di uscita minima motore 2 (FMIN) Tensione frequenza di uscita minima motore 2 (FMIN) Corrente nominale del motore 2 Scorrimento nominale del motore 2

Impostazione di fabbrica 0 10% 0 0 ms 1 0% 10% 0 ms 80% 0,0 Hz 0 400% *1 F 50,0 Hz *1 50,0 Hz *1 *1 *1 *1 0,0 Hz 0,0 V 0,0 V *1 *1 *1 4 poli *1 *1 0,50 0,75 0,0% *1 *1 0 50,0 Hz *1 50,0 Hz *1 *1 *1 *1 *1 *1

Impostazione

10

E3-03 E3-04 E3-05 E3-06 E3-07 E3-08 E4-01 E4-02

10-10

N. E4-03 E4-04 E4-05 E4-06 E4-07 F1-01 F1-02 F1-03 F1-04 F1-05 F1-06 F1-07 F1-08 F1-09 F1-10 F1-11 F1-12 F1-13 F1-14 F2-01 F3-01 F6-01 F6-02 F6-03 F6-04 F6-05 F6-06 H1-01 H1-02 H1-03 H1-04 H1-05 H2-01 H2-02 H2-03 H3-01 H3-02 H3-03 H3-08 H3-09 H3-10 H3-11 H3-12 Corrente a vuoto del motore 2

Nome

Impostazione di fabbrica *1 4 poli *1 *1 *1 1024 1 1 3 0 1 0 115% 1,0 s 10% 0,5 s 0 0 2,0 s 0 0 1 0 1 0 1 1 24 14 3 (0)*2 4 (3)*2 6 (4)*2 0 1 2 0 100,0% 0,0% 2 0 100,0% 0,0% 0,00 s

Impostazione

Numero di poli del motore 2 (numero di poli) Resistenza da linea a linea del motore 2 Induttanza di dispersione del motore 2 Capacit nominale del motore 2 Costante PG Selezione funzionamento in caso di circuito PG aperto (PGO) Selezione funzionamento in caso di velocit eccessiva (OS) Selezione funzionamento in caso di deviazione Rotazione PG Rapporto di divisione PG (monitoraggio impulsi PG) Abilitazione/disabilitazione valore integrale durante accelerazione/decelerazione Livello di rilevamento velocit eccessiva Ritardo rilevamento velocit eccessiva Livello rilevamento deviazione velocit eccessiva Ritardo rilevamento deviazione velocit eccessiva Numero di denti dell'ingranaggio PG 1 Numero di denti dell'ingranaggio PG 2 Ritardo nel rilevamento del circuito PG aperto Selezione ingresso unipolare o bipolare Opzione ingresso digitale Selezione funzionamento dopo errore di comunicazione Livello di ingresso dell'errore esterno generato dalla scheda accessoria di comunicazione Metodo di arresto in caso di errore esterno generato dalla scheda accessoria di comunicazione Traccia di campionamento dalla scheda accessoria di comunicazione Selezione unit di monitoraggio corrente Selezione riferimento/limite di coppia dalla scheda accessoria di comunicazione Selezione funzione terminale S3 Selezione funzione terminale S4 Selezione funzione terminale S5 Selezione funzione terminale S6 Selezione funzione terminale S7 Selezione funzione terminale M1-M2 Selezione funzione terminale M3-M4 Selezione funzione terminale M5-M6 Selezione livello segnale del terminale A1 di ingresso analogico multifunzione Guadagno (terminale A1) Polarizzazione (terminale A1) Selezione livello segnale terminale A2 di ingresso analogico multifunzione Selezione funzione terminale A2 di ingresso analogico multifunzione Guadagno (terminale A2) Polarizzazione (terminale A2) Costante di tempo del filtro di ingresso analogico

10

10-11

N. H3-13 H4-01 H4-02 H4-03 H4-04 H4-05 H4-06 H4-07 H4-08 H5-01 H5-02 H5-03 H5-04 H5-05 H5-06 H5-07 H6-01 H6-02 H6-03 H6-04 H6-05 H6-06 H6-07 L1-01 L1-02 L1-03 L1-04 L1-05 L2-01 L2-02 L2-03 L2-04 L2-05 L2-06 L2-07 L2-08 L3-01 Attivazione terminale A1/A2

Nome

Impostazione di fabbrica 0 2 100% 0,0% 3 50,0% 0,0% 0 0 1F 3 0 3 1 5 ms 1 0 1440 Hz 100,0% 0,0% 0,10 s 2 1440 Hz 1 1,0 min 3 1 0,20 s 0 *1 *1 *1 *1 0,0 s *1 100% 1 150% 50% 1 1 150% 0,0 Hz 2,0 Hz 0,0 Hz

Impostazione

Selezione monitoraggio (terminale FM) Guadagno (terminale FM) Polarizzazione (terminale FM) Selezione monitoraggio (terminale AM) Guadagno (terminale AM) Polarizzazione (terminale AM) Selezione livello del segnale di uscita analogica 1 Selezione livello del segnale di uscita analogica 2 Indirizzo stazione Selezione velocit di comunicazione Selezione parit per comunicazione Metodo di arresto dopo errore di comunicazione Selezione rilevamento errore di comunicazione Tempo di attesa invio Controllo RTS ON/OFF Selezione funzione ingresso a treno di impulsi Scala ingresso a treno di impulsi Guadagno ingresso a treno di impulsi Polarizzazione ingresso a treno di impulsi Tempo di filtro ingresso a treno di impulsi Selezione monitoraggio a treno di impulsi Scala monitoraggio a treno di impulsi Selezione protezione del motore Costante di tempo protezione motore Selezione funzionamento allarmi durante surriscaldamento del motore Selezione funzionamento surriscaldamento motore Costante di tempo del filtro di ingresso temperatura del motore Rilevamento caduta di tensione momentanea Tempo di funzionamento inerziale dopo caduta di tensione momentanea Tempo blocco delle basi minimo Tempo di ripristino della tensione Livello di rilevamento sottotensione Tempo di decelerazione KEB Tempo ripristino dopo caduta di tensione momentanea Guadagno di riduzione frequenza all'avvio KEB Selezione prevenzione dello stallo durante l'accelerazione Livello di prevenzione dello stallo durante l'accelerazione Limite prevenzione dello stallo durante l'accelerazione Selezione prevenzione dello stallo durante la decelerazione Selezione prevenzione dello stallo durante il funzionamento Livello di prevenzione dello stallo durante il funzionamento Livello di rilevamento raggiungimento velocit Ampiezza di rilevamento raggiungimento frequenza Livello di rilevamento raggiungimento velocit (+/-)

10

L3-02 L3-03 L3-04 L3-05 L3-06 L4-01 L4-02 L4-03

10-12

N. L4-04 L4-05 L4-06 L5-01 L5-02 L6-01 L6-02 L6-03 L6-04 L6-05 L6-06 L7-01 L7-02 L7-03 L7-04 L7-06 L7-07 L8-01 L8-02 L8-03 L8-05 L8-07 L8-09 L8-10 L8-11 L8-12 L8-15 L8-18 N1-01 N1-02 N2-01 N2-02 N2-03 N3-01 N3-02 N3-03 N3-04 o1-01 o1-02 o1-03 o1-04 o1-05 o2-01 o2-02

Nome Ampiezza rilevamento raggiungimento velocit (+/-) Funzionamento in assenza di frequenza di riferimento Valore frequenza di riferimento alla perdita di frequenza di riferimento Numero tentativi di riavvio automatico Selezione funzionamento riavvio automatico Selezione rilevamento coppia 1 Livello di rilevamento coppia 1 Tempo di rilevamento coppia 1 Selezione rilevamento coppia 2 Livello di rilevamento coppia 2 Tempo di rilevamento coppia 2 Limite di coppia di azionamento durante la marcia avanti Limite di coppia di azionamento durante la marcia indietro Limite di coppia rigenerativa durante la marcia avanti Limite di coppia rigenerativa durante la marcia indietro Costante di tempo limite di coppia Funzionamento limite di coppia durante accelerazione/decelerazione Selezione protezione resistenza DB interna (tipo ERF) Livello preallarme surriscaldamento Selezione funzionamento dopo preallarme di surriscaldamento Selezione protezione fase aperta dell'ingresso Selezione protezione fase aperta dell'uscita Selezione protezione di terra Selezione controllo ventola di raffreddamento Ritardo controllo ventola di raffreddamento Temperatura ambiente Selezione caratteristiche OL2 a bassa velocit Selezione CLA software Selezione funzione prevenzione delle vibrazioni Guadagno di prevenzione delle vibrazioni Guadagno controllo di rilevamento della retroazione della velocit (AFR) Costante di tempo controllo di rilevamento della retroazione della velocit (AFR) Costante di tempo 2 controllo di rilevamento della retroazione della velocit (AFR) Ampiezza frequenza di decelerazione per frenatura ad alto scorrimento Limite corrente frenatura ad alto scorrimento Tempo di pausa arresto con frenatura ad alto scorrimento Tempo OL frenatura ad alto scorrimento Selezione monitoraggio Selezione monitoraggio dopo l'accensione Impostazione e monitoraggio unit per la frequenza di riferimento Unit di impostazione per parametri di frequenza relativi alle curve caratteristiche V/f Regolazione contrasto display LCD Abilitazione/disabilitazione tasto LOCAL/REMOTE Tasto STOP durante funzionamento del terminale del circuito di controllo

Impostazione di fabbrica 2,0 Hz 0 80% 0 0 0 150% 0,1 s 0 150% 0,1 s 200% 200% 200% 200% 200 ms 0 0 95 C*1 3 1 0 1 0 60 s 45 C 1 1 1 1,00 1,00 50 ms 750 ms 5% 150% 1,0 s 40 s 6 1 0 0 3 1 1

Impostazione

10

10-13

N. o2-03 o2-04 o2-05 o2-06 o2-07 o2-08 o2-09 o2-10 o2-12 o2-13 o3-01 o3-02 T1-00 T1-01 T1-02 T1-03 T1-04 T1-05 T1-06 T1-07 T1-08 Valore iniziale parametro utente Selezione KVA

Nome

Impostazione di fabbrica 0 0 0 0 0 ore 0 2 0 ore 0 0 0 0 1 0 *1 *1 *1 50,0 Hz 4 poli 1450 giri/min 1024

Impostazione

Selezione metodo impostazione della frequenza di riferimento Selezione del funzionamento quando la console di programmazione scollegata Impostazione tempo di funzionamento cumulativo Selezione tempo di funzionamento cumulativo Modalit di inizializzazione Impostazione tempo di funzionamento della ventola Inizializzazione traccia errore Inizializzazione monitoraggio energia assorbita Selezione funzione di copia Selezione permesso di lettura Selezione motore 1/2 Selezione modalit autotuning Potenza di uscita del motore Tensione nominale del motore Corrente nominale del motore Frequenza di base del motore Numero di poli del motore Velocit di base del motore Numero di impulsi PG

* 1. Le impostazioni di fabbrica dipendono dal modello dell'inverter e dal metodo di controllo. * 2. I valori tra parentesi indicano i valori iniziali al momento dell'inizializzazione nella sequenza a tre fili.

10

10-14