Sei sulla pagina 1di 135

Istruzioni di installazione ed esercizio

Istruzioni di installazione, di esercizio e di manutenzione per interruttori automatici aperti di bassa tensione

RH0288001

L0849

Emax

Dis.

Uff. Resp. Uff. Utilizz.

Titolo

App.

Istruzioni di installazione, di esercizio e di manutenzione per interruttori automatici aperti di bassa tensione
Apparecchio N Doc.

Lingua

it
Scala

Mod.

L0849

Emax RH0288001

ABB SACE

Indice
1.
1.1 1.2 1.3 1.4 1.5

11. Descrizione .................................................... pag. 4


Caratteristiche generali ................................................ Vista frontale esterna dellinterruttore .......................... Dati di targa dellinterruttore ......................................... Caratteristiche costruttive della parte mobile .............. Caratteristiche costruttive della parte fissa ................ 4 4 4 4 5 5 5 6 6 6 6 6 7 7 8 8 8 8 9 10 10 10 10 11 11.1 11.1.1 11.2 11.2.1 11.2.2

Sganciatori di protezione - note generali .......... 2 6


Note di sicurezza ......................................................... Note per prove di rigidit dielettrica ............................. Abbreviazioni e note varie ........................................... Abbreviazioni ................................................................ Note varie ..................................................................... 27 27 27 27 27

12.
12.1 12.2 12.2.1 12.2.2 12.2.3 12.3 12.4 12.4.1 12.4.2 12.4.3 12.4.4 12.4.5 12.5 12.5.1 12.5.2 12.5.3 12.6 12.7 12.8 12.8.1 12.8.2 12.8.3 12.8.4 12.9 12.9.1 12.9.2 12.9.3 12.10 12.10.1 12.11 12.11.1 12.11.2 12.12 12.12.1 12.12.2 12.12.3 12.12.4

2. 3. 4.
4.1 4.2 4.3 4.3.1 4.3.2 4.3.3 4.4

Controllo al ricevimento ..................................... Magazzinaggio, sollevamento e pesi ................ Installazione .......................................................


Ambiente di installazione .............................................. Installazione dellinterruttore fisso ............................... Installazione della parte fissa dellinterruttore estraibile Preparazione della parte fissa ..................................... Installazione della parte fissa ...................................... Installazione della parte fissa a bordo nave ................ Installazione della mostrina sulla porta della cella ......

Sganciatore SACE PR111/P Identificazione ................................................ pag. 28


Standard ....................................................................... Specifiche ..................................................................... Generalit ..................................................................... Caratteristiche elettriche.............................................. Autoalimentazione ........................................................ Caratteristiche ambientali ............................................ Funzioni di protezione .................................................. Protezione L .............................................................. Protezione S .............................................................. Protezione I ............................................................... Protezione G ............................................................. Protezione da cortocircuito istantaneo Iinst ............. Altre funzioni ................................................................. Autocontrollo ................................................................ Test semplice del rel .................................................. Test complesso del rel .............................................. Interfaccia utente ......................................................... Settaggi di default ......................................................... Messa in servizio ......................................................... Collegamenti ................................................................. Controllo connessione TA e SA .................................. Test .............................................................................. Settaggi iniziali .............................................................. Istruzioni operative/funzionamento in esercizio ......... Modifica configurazione di base .................................. Modifica funzioni di protezione .................................... Segnalazioni ................................................................. Ricerca guasti .............................................................. In caso di guasto .......................................................... Accessori ..................................................................... Unit di test semplice ABB SACE TT1 ........................ Unit di test complessa ABB SACE PR010/T ............. Curve di intervento ...................................................... Curve di intervento funzioni L-I ................................... Curve di intervento funzioni L-S-I ................................ Curve di intervento funzioni L-S-I ................................ Curve di intervento funzione G ................................... 28 28 28 28 28 28 28 29 29 29 29 29 30 30 30 30 30 31 31 31 31 31 31 32 32 32 32 33 33 33 33 33 34 34 34 35 35

5.
5.1 5.1.1 5.1.2 5.1.3 5.2 5.3 5.3.1 5.3.2 5.4

Collegamenti elettrici .........................................


Collegamenti al circuito di potenza .............................. Forme dei terminali ...................................................... Esempi di disposizione delle sbarre di connessione in funzione dei tipi di terminali .......................................... Procedure di montaggio delle sbarre di connessione Messa a terra ............................................................... Cablaggio dei circuiti ausiliari dellinterruttore .............. Elementi di interfaccia per interruttore fisso ................ Interruttore estraibile .................................................... Trasformazione dei contatti ausiliari o dei contatti di posizione da normalmente chiusi (di apertura) a normalmente aperti (di chiusura) o viceversa ............

12

6.
6.1

Messa in servizio ............................................... 13


Procedure generali ...................................................... 13

7.
7.1 7.2 7.3

Norme di impiego ............................................... 14


Organi di manovra e segnalazione ............................. 14 Manovre di chiusura e di apertura dell'interruttore ..... 15 Manovra di inserzione e di estrazione ........................ 16

8.
8.1 8.2 8.3 8.3.1 8.3.2 8.3.3 8.3.4

Manutenzione .................................................... 17
Avvertenze ................................................................... Programma di manutenzione ...................................... Operazioni di manutenzione ........................................ Operazioni preliminari .................................................. Ispezione generale dellinterruttore ............................. Controllo dellusura dei contatti .................................... Manutenzione del comando ......................................... 17 18 18 18 19 19 20

13.
13.1 13.2 13.2.1 13.3 13.3.1 13.3.2 13.4 13.5 13.5.1

Sganciatore SACE PR112/P Identificazione .................................................... 36


Standard ....................................................................... Specifiche ..................................................................... Generalit ..................................................................... Caratteristiche elettriche.............................................. Autoalimentazione ........................................................ Alimentazione ausiliaria ................................................ Caratteristiche ambientali ............................................ Ingressi / uscite ............................................................ Ingressi binari optoisolati ............................................. 36 36 36 36 36 36 37 37 37

9. 10.
10.1 10.2 10.3

Provvedimenti per eventuali anomalie di funzionamento ............................................... 21 Accessori ............................................................ 22


Accessori elettrici ......................................................... 22 Accessori meccanici ................................................... 25 Parti di ricambio ............................................................ 25

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

1/132

13.5.2 13.5.3 13.6 13.7 13.7.1 13.7.2 13.7.3 13.7.4 13.7.5 13.7.6 13.7.7 13.7.8 13.8 13.8.1 13.8.2 13.9 13.9.1 13.10 13.10.1 13.10.2 13.11 13.11.1 13.11.2 13.11.3 13.11.3 13.12 13.12.1 13.12.2 13.13 13.14 13.14.1 13.14.2 13.14.3 13.14.4 13.15 13.15.1 13.15.2 13.15.3 13.16 13.17 13.17.1 13.18 13.18.1 13.18.2 13.18.3 13.19 13.19.1 13.19.2 13.12.3

Uscite binarie optoisolate ............................................. Contatti di uscita ........................................................... Bus di comunicazione .................................................. Funzioni di protezione .................................................. Protezione L ................................................................. Protezione S ................................................................. Protezione I .................................................................. Protezione G ................................................................ Segnalazione sbilanciamento di fasi U ..................... Protezione da sovratemperatura interna al rel OT Controllo carichi K ..................................................... Protezione da cortocircuito istantaneo Iinst ............. Funzioni di warning ...................................................... Warning Threshold ...................................................... Distorsione armonica ................................................... Funzioni di misura ........................................................ Misure di corrente ........................................................ Funzioni di informazione .............................................. Versione software ........................................................ Memorizzazione dati di apertura ................................. Altre funzioni ................................................................. Programmazione contatto K51/p1............................... Autocontrollo ................................................................ Selftest .......................................................................... Test complesso del rel .............................................. Interfaccia utente ......................................................... Utilizzo dei pulsanti ...................................................... Modalit Read es Edit .................................................. Settaggi di default ......................................................... Messa in servizio ......................................................... Collegamenti ................................................................. Test .............................................................................. Settaggi iniziali .............................................................. Gestione Password ..................................................... Istruzioni operative/funzionamento in esercizio ......... Men ............................................................................. Modifica parametri........................................................ Segnalazioni ................................................................. Ricerca guasti .............................................................. Messaggi di warning e di errore .................................. In caso di guasto .......................................................... Accessori ..................................................................... Unit di test complessa ABB SACE PR010/T ............. Unit di segnalazione ABB SACE PR020/K ................ Unit di alimentazione ABB SACE PR120/B ............... Curve di intervento ...................................................... Curve di intervento funzioni L-S-I ................................ Curve di intervento funzioni L-S-I ................................ Curve di intervento funzione G ...................................

37 37 37 37 37 38 38 38 39 39 39 40 40 40 40 41 41 41 41 41 41 41 42 42 42 43 44 44 44 45 45 45 45 45 46 46 47 49 50 51 52 53 53 53 53 54 54 54 55

14.4.6 14.4.7 14.5 14.5.1 14.5.2 14.5.3 14.6 14.6.1 14.6.2 14.6.3 14.7 14.8 14.9

Interfaccia utente ......................................................... Settaggi di default ......................................................... Messa in servizio ......................................................... Collegamenti ................................................................. Test .............................................................................. Settaggi iniziali .............................................................. Istruzioni operative/funzionamento in esercizio ......... Men ............................................................................. Modifica parametri ........................................................ Segnalazioni ................................................................. Ricerca guasti .............................................................. Messaggi di warning e di errore .................................. Accessori .....................................................................

58 59 59 59 59 59 60 60 61 61 62 62 62

15.
15.1 15.2 15.2.1 15.2.2 15.2.3 15.2.4 15.2.5 15.2.6 15.2.7 15.2.8 15.2.9 15.2.10 15.2.11 15.2.12 15.3 15.3.1 15.3.2 15.3.3 15.3.4 15.3.5 15.3.6 15.4 15.4.1 15.4.2 15.4.3 15.5 15.6 15.6.1 15.7 15.7.1 15.7.2 15.7.3 15.8 15.8.1 15.8.2 15.8.3 15.8.4 15.8.5 15.8.6 15.8.7 15.8.8 15.8.9 15.8.10 15.8.11 15.8.12

Sganciatore SACE PR113/P Identificazione ................................................ pag. 63


Standard ....................................................................... Specifiche ..................................................................... Generalit ..................................................................... Caratteristiche elettriche .............................................. Caratteristiche ambientali ............................................ Ingressi / uscite ............................................................ Bus di comunicazione .................................................. Funzioni di protezione .................................................. Funzioni di Warning ..................................................... Funzioni di Misura ........................................................ Funzioni di informazione .............................................. Altre funzioni ................................................................. Interfaccia utente ......................................................... Settaggi di default ......................................................... Messa in servizio ......................................................... Collegamenti ................................................................. Collegamenti TV ........................................................... Controllo connessione TA e SA .................................. Test .............................................................................. Settaggi iniziali .............................................................. Gestione password ..................................................... Istruzioni operative/funzionamento in esercizio ......... Men ............................................................................. Modifica parametri ........................................................ Segnalazioni ................................................................. Ricerca guasti .............................................................. Messaggi di warning e di errore .................................. In caso di guasto .......................................................... Accessori ..................................................................... Unit di test complessa ABB SACE PR010/T ............. Unit di segnalazione ABB SACE PR020/K ................ Unit di alimentazione ABB SACE PR120/B ............... Curve di intervento ...................................................... Curve di intervento funzioni L-S-I ................................ Curve di intervento funzioni L-S-I ................................ Curve di intervento funzione G ................................... Curve di intervento funzione L .................................... Curve di intervento funzione L .................................... Curve di intervento funzione L .................................... Curve di intervento funzione D .................................... Curve di intervento funzione U .................................... Curve di intervento funzione UV ................................. Curve di intervento funzione OV ................................. Curve di intervento funzione RV ................................. Curve di intervento funzione RP ................................. 63 63 63 64 64 64 65 65 71 72 75 75 78 80 81 81 81 82 82 82 82 83 83 85 90 91 92 93 94 94 94 94 95 95 95 96 96 97 97 98 98 99 99 100 100

14.
14.1 14.2 14.3 14.4 14.4.1 14.4.2 14.4.3 14.4.4 14.4.5

Sganciatore SACE PR112/PD Identificazione .................................................... 56


Standard ....................................................................... Specifiche ..................................................................... Note varie ..................................................................... Specifiche ..................................................................... Generalit ..................................................................... Ingressi / uscite ............................................................ Bus di comunicazione .................................................. Funzioni di informazione .............................................. Funzioni di comando .................................................... 56 56 56 56 56 57 57 57 58

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

2/132

16.
16.1 16.2 16.3 16.4 16.4.1 16.4.2 16.4.3 16.4.4 16.4.5 16.4.6 16.4.7 16.5 16.5.1 16.5.2 16.5.3 16.6 16.6.1 16.6.2 16.6.3 16.7 16.8 16.9

Sganciatore SACE PR113/PD Identificazione .................................................... 100


Standard ....................................................................... Note di sicurezza ......................................................... Note varie ..................................................................... Specifiche ..................................................................... Generalit ..................................................................... Ingressi / uscite ............................................................ Bus di comunicazione .................................................. Funzioni di informazione .............................................. Funzioni di comando .................................................... Interfaccia utente ......................................................... Settaggi di default ......................................................... Messa in servizio ......................................................... Collegamenti ................................................................. Test .............................................................................. Settaggi iniziali .............................................................. Istruzioni operative/funzionamento in esercizio ......... Men ............................................................................. Modifica parametri ........................................................ Segnalazioni ................................................................. Ricerca guasti .............................................................. Messaggi di warning e di errore .................................. Accessori ..................................................................... 100 100 100 100 100 101 101 101 102 102 103 103 103 103 103 104 104 105 105 106 106 106

17. 18.

Dimensioni di ingombro ..................................... 108 Schemi elettrici ................................................... 122

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

3/132

1.
1.1

Descrizione
Caratteristiche generali

Gli interruttori della serie SACE Emax sono costituiti da una struttura in lamiera di acciaio che alloggia il comando, i poli e gli organi ausiliari. Ogni polo, isolato dagli altri, contiene le parti interruttive e il trasformatore di corrente relativo alla corrispondente fase. La struttura dei poli diversa a seconda che linterruttore sia selettivo o limitatore. Linterruttore in esecuzione fissa dispone di propri terminali per il collegamento al circuito di potenza; nella esecuzione estraibile linterruttore costituisce la parte mobile dellapparecchio che si completa con una parte fissa dotata dei terminali per il collegamento al circuito di potenza dellimpianto. Laccoppiamento tra parte mobile e parte fissa avviene tramite apposite pinze montate nella parte fissa.

1.2

Vista frontale esterna dellinterruttore

1.3

Dati di targa dellinterruttore

1 2 4 3
1 Sganciatore elettronico a microprocessore PR111, PR112 o PR113 2 Marchio di fabbrica 3 Organi di manovra e di controllo del comando e segnalazioni di intervento degli sganciatori 4 Targa caratteristiche Interruttore fisso

Fig. 1

Fig. 2

1.4

Caratteristiche costruttive della parte mobile


7 6b 6a 5b 9 7 6a

10 5a 12 4 2 3 11 1
Interruttore selettivo

10 12 15

5a

4 2 3

15

12

13

14

11

1
Interruttore limitatore

12

13

14

1 2 3 4 5a 5b 6a 6b 7

Struttura portante in lamiera di acciaio Trasformatore di corrente per sganciatore di protezione Scatola isolante supporto terminali Terminali posteriori orizzontali Placchette contatti principali fissi Placchette contatti rompiarco fissi Placchette contatti principali mobili Placchette contatti rompiarco mobili Camera darco

8 9 10 11 12 13 14 15

Morsettiera per lesecuzione fissa - Contatti striscianti per lesecuzione estraibile Sganciatore di protezione Comando di chiusura e di apertura dellinterruttore Molle di chiusura Motoriduttore di carica molle (a richiesta) Leva per la carica manuale delle molle di chiusura Dispositivo di estrazione (solo per interruttore estraibile) Sganciatori di servizio (di chiusura, di apertura, di minima tensione), a richiesta

Fig. 3

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

4/132

1.5

Caratteristiche costruttive della parte fissa

7 6 1 9 4 3 8 5
1 Struttura portante in lamiera di acciaio 2 Pinza di terra (a: per tutte le esecuzioni; b: per E4, E6) 3 Otturatori di sicurezza (grado di protezione IP20) 4 Base isolante supporto terminali 5 Terminali 6 Contatti di segnalazione inserito-sezionato in prova-estratto (a richiesta) 7 Contatti striscianti 8 Blocco a lucchetti per otturatori di sicurezza (a richiesta) 9 Blocco antintroduzione per interruttori di calibro diverso

2b 2a Fig. 4

2.

Controllo al ricevimento

Esaminare lo stato del materiale ricevuto e la corrispondenza con quanto previsto in sede di ordine. Se al disimballo, da eseguire con cura, venissero riscontrati danni o irregolarit, procedere alla relativa segnalazione entro e non oltre 5 giorni dal ricevimento del materiale; la segnalazione deve riportare lindicazione del numero dellavviso di spedizione.

3.

Magazzinaggio, sollevamento e pesi

Linterruttore, protetto da un involucro esterno di legno, fissato mediante viti alla piattina di trasporto o al fondo della cassa di imballo. Se, prima della messa in servizio, linterruttore deve permanere a magazzino anche per breve tempo, si raccomanda, dopo il controllo al ricevimento, di rimetterlo nel relativo contenitore, da ricoprire poi con telo impermeabile. Attenzione Utilizzare come magazzino un ambiente asciutto, non polveroso e privo di agenti chimici aggressivi Sistemare linterruttore e leventuale parte fissa su un piano orizzontale, non direttamente a contatto del pavimento, ma su adatto appoggio (Fig. 6) Il massimo numero di interruttori sovrapponibili indicato in figura 7. Mantenere linterruttore in posizione di aperto e con molle di chiusura scariche per evitare inutili sollecitazioni e rischi di infortuni al personale.

Fig. 6

Fig. 7

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

5/132

Per quanto riguarda il sollevamento attenersi alle seguenti istruzioni: gli interruttori devono essere posti sopra un robusto piano di appoggio e sollevati preferibilmente mediante apposito carrello elevatore. consentito tuttavia luso di funi: in questo caso le funi di sollevamento devono essere agganciate come mostrato in figura (le piastre di sollevamento sono sempre fornite con l'interruttore).

Fig. 8

Tabella dei pesi degli interruttori Interruttore selettivo E1 E2 E3 E4 E4/f E6 E6/f Esecuzione fissa 3 poli 45 50 66 97 140 4 poli 54 61 80 117 120 160 165 Esecuzione estraibile 3 poli 70 78 104 147 210 4 poli 82 93 125 165 170 240 250
Nota
I pesi indicati in tabella si intendono per interruttori completi di sganciatori PR111, PR112 o PR113 e dei relativi trasformatori di corrente, con lesclusione degli accessori. Lesecuzione estraibile comprende la parte mobile nelle stesse condizioni di cui sopra e la parte fissa con terminali posteriori orizzontali.

Interruttore limitatore E2L E3L

Esecuzione fissa 3 poli 52 72 4 poli 63 83

Esecuzione estraibile 3 poli 80 110 4 poli 95 127

4.
4.1

Installazione
Ambiente di installazione

Installare linterruttore in ambiente asciutto, non polveroso, non corrosivo e in modo che non sia soggetto ad urti o a vibrazioni; nel caso che ci non sia possibile adottare il montaggio in quadro con adeguato grado di protezione. Per la preparazione dellambiente di installazione riferirsi al paragrafo Dimensioni di ingombro, che fornisce informazioni relative ai seguenti punti: volumi minimi di installazione degli interruttori e delle esecuzioni derivate distanze di rispetto per interruttori in cella dimensioni di ingombro degli interruttori forature di fissaggio foratura della porta della cella. Le operazioni di installazione, messa in servizio ed eventuale manutenzione ordinaria e straordinaria devono essere effettuate da personale qualificato, che abbia una conoscenza dettagliata dell'apparecchiatura.

4.2

Installazione dellinterruttore fisso


Fig. 9

Fissare linterruttore ad un piano orizzontale mediante le viti (M10 x 12 min.).

4.3
4.3.1

Installazione della parte fissa dellinterruttore estraibile


Preparazione della parte fissa

Montaggio blocco antintroduzione Prima di installare la parte fissa necessario verificare la presenza del blocco antintroduzione di interruttori aventi caratteristiche elettriche diverse da quelle della stessa parte fissa; qualora il blocco antintroduzione sia stato fornito a parte occorre procedere al relativo montaggio seguendo le seguenti istruzioni. Individuare sulla targhetta autoadesiva (4) la posizione di montaggio dei bulloni di arresto in relazione allinterruttore che dovr essere alloggiato nella parte fissa Inserire le due viti a testa esagonale (1) come mostrato in figura nei fori individuati al precedente punto Fissare le due viti con le rosette (2) e gli esagoni di arresto (3). Controllare che sullinterruttore (parte mobile) sia presente il blocco antintroduzione corrispondente a quello installato sulla parte fissa. Piastra anti-introduzione su parte mobile (5).

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

6/132

Esempio per E1B 08 secondo lo schema della targhetta

5 1

4 2 3

Fig. 10

Fig. 11

4.3.2 Installazione della parte fissa (Fig. 12b) Fissare la parte fissa mediante le viti (1), le rosette (2) e i dadi (3) (M8 x 16), fornite da ABB SACE. In caso di impiego di viti diverse controllare che la testa delle viti non sporga pi di 5,5 mm dalla base della parte fissa. 4.3.3 Installazione della parte fissa a bordo nave (Fig. 12a) Relativamente ai punti di fissaggio degli interruttori aperti SACE Emax in esecuzione estraibile, si consiglia, per le applicazioni a bordo nave, un fissaggio addizionale sulle fiancate della parte fissa stessa (le viti M12 e i distanziatori non sono previsti nella fornitura).

E1 - E2 - E3

Distanziatori

E4 - E6

Distanziatori

Fig. 12a

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

7/132

4.4

Installazione della mostrina sulla porta della cella (Fig. 13)

Eseguire le forature della porta della cella previste nel paragrafo Dimensioni di ingombro. Applicare la mostrina (1) sul fronte della porta della cella fissandola dallinterno mediante le viti autofilettanti (2).

Nota (*) Per le parti fisse E1-E2-E3 i punti di fissaggio sono quattro, mentre per E4-E6 sono sei. Fig. 12b Fig. 13

5.
5.1
5.1.1

Collegamenti elettrici
Collegamenti al circuito di potenza
Forme dei terminali Parte fissa per interruttore estraibile

Interruttore fisso

Terminali posteriori orizzontali

Terminali posteriori verticali

Terminali posteriori orizzontali

Terminali posteriori verticali

Terminali anteriori Fig. 14

Terminali anteriori Fig. 15

Terminali piani

Nota I disegni hanno la funzione di rappresentare schematicamente il tipo di terminale. La forma esatta dei terminali riportata nel capitolo "Dimensioni di ingombro"
Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

8/132

5.1.2

Esempi di disposizione delle sbarre di connessione in funzione dei tipi di terminali

Le sbarre di connessione consentono il collegamento tra i terminali dellinterruttore e le sbarre del quadro; il loro dimensionamento deve essere accuratamente studiato dal progettista del quadro stesso. In questo paragrafo vengono indicati alcuni esempi di possibili realizzazioni in relazione alla forma e alla dimensione dei terminali dellinterruttore. I vari tipi di terminali sono di dimensioni costanti per taglia di interruttore: normalmente consigliabile sfruttare tutta la superficie di contatto del terminale, di conseguenza la larghezza della sbarra di connessione dovrebbe essere pari a quella del terminale; portate diverse per le connessioni potranno essere realizzate agendo sullo spessore e sul numero di sbarre in parallelo. In alcuni casi sono ammesse riduzioni della larghezza della connessione rispetto a quella del terminale come risulta dagli esempi che seguono. Terminali verticali Iu [A] E1B/N 08 E1B/N 12 E2N 12 E2B/N 16 E2B/N 20 E2L 12 E2L 16 E3S/H 12 E3S/H 16 E3S/H 20 E3N/S/H 25 E3N/S/H 32 E3L 20 E3L 25 E4H 32 E4S/H 40 E6V 32 E6V 40 E6H/V 50 E6H/V 63 Fig. 16 Posizionamento del primo setto di ancoraggio delle sbarre in funzione della corrente di corto circuito
Ancoraggio al quadro

Terminali orizzontali e anteriori Sezione sbarre [mm2 ] 1x(60x10) 1x(80x10) 1x(60x10) 2x(60x10) 3x(60x10) 1x(60x10) 2x(60x10) 1x(60x10) 1x(100x10) 2x(100x10) 2x(100x10) 3x(100x10) 2x(100x10) 2x(100x10) 3x(100x10) 4x(100x10) 3x(100x10) 4x(100x10) 6x(100x10) 7x(100x10) Portata contin uativa [A] 35C 800 1250 1250 1600 2000 1250 1600 1250 1600 2000 2500 3000 2000 2375 3200 3600 3200 4000 4850 45C 800 1250 1250 1600 2000 1250 1490 1250 1600 2000 2490 2880 2000 2270 3200 3510 3200 4000 4510 55C 800 1200 1250 1530 1750 1250 1400 1250 1600 2000 2410 2650 1970 2100 3020 3150 3200 4000 4250 1x(60x10) 2x(60x8) 1x(60x10) 2x(60x10) 3x(60x10) 1x(60x10) 2x(60x10) 1x(60x10) 1x(100x10) 2x(100x10) 2x(100x10) 3x(100x10) 2x(100x10) 2x(100x10) 3x(100x10) 6x(60x10) 3x(100x10) 4x(100x10) 6x(100x10) Sezione sbarre [mm2 ]

Portata contin uativa [A] 35C 45C 800 1250 1250 1600 2000 1250 1600 1250 1600 2000 2500 3100 2000 2390 3200 3980 3200 4000 4850 5700 55C 800 1250 1250 1600 1800 1250 1500 1250 1600 2000 2500 2800 2000 2250 3200 3500 3200 4000 4600 5250 800 1250 1250 1600 2000 1250 1600 1250 1600 2000 2500 3200 2000 2500 3200 4000 3200 4000 5000 6000

800 1250 1250 1600 2000 1250 1600 1250 1600 2000 2500 3200 2000 2500 3200 4000 3200 4000 5000 6300

ORIZZONTALI

ANTERIORI

VERTICALI PIANI

P ORIZZONTALI VERTICALI ANTERIORI PIANI Fig. 17

E1-E2 250 250

E3-E4-E6 150 150

E1-E6 250 250

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

9/132

5.1.3 Procedure di montaggio delle sbarre di connessione Controllare con la massima cura lo stato delle superfici di contatto delle connessioni: queste devono essere ben pulite e prive di sbavature, ammaccature o tracce di ossidazione, che devono essere eliminate con lima fine o con tela smeriglio per evitare aumenti localizzati di temperatura; alla fine delloperazione asportare ogni traccia di grasso o di polvere mediante un panno imbevuto di solvente adatto. Nel caso di uso di connessioni in rame consigliabile procedere alla stagnatura delle superfici di contatto; nel caso di uso di connessioni in alluminio consigliabile applicare sulle superfici di contatto un leggero strato di vaselina. Le connessioni non devono esercitare sforzi in alcuna direzione sui terminali. Interporre sempre una rosetta piana di buon diametro (per ripartire su unarea maggiore la pressione di serraggio) e una rosetta elastica. Stabilire il contatto tra connessione e terminale e serrare a fondo le viti di fissaggio. Si raccomanda di utilizzare sempre due chiavi (per non sollecitare eccessivamente le parti isolanti) applicando la coppia di serraggio indicata in Fig. 18. Verificare il serraggio dopo 24 ore. Viti M12 alta resistenza Coppia di serraggio dei terminali principali 70 Nm

Terminali parte fissa

N. Viti per fase N. Viti per neutro

Terminali interruttore fisso

N. Viti per fase N. Viti per neutro

4 4 6 6 Fig. 18

2 4 3 6

4 4 6 6

2 4 3 6

5.2

Messa a terra

Linterruttore in esecuzione fissa e la parte fissa dellinterruttore estraibile dispongono sul retro di uno o di due terminali, contrassegnati con lapposito simbolo, per il collegamento a terra (Fig. 9 e Fig. 12). Ogni terminale completo di bullone per il fissaggio della connessione. Per il collegamento deve essere impiegato un conduttore di sezione rispondente alle Norme vigenti. Prima del montaggio della connessione pulire e sgrassare la zona circonstante la vite. Dopo il montaggio serrare il bullone con una coppia di 70 Nm

5.3

Cablaggio dei circuiti ausiliari dellinterruttore

5.3.1 Elementi di interfaccia per interruttore fisso Per il collegamento dei circuiti ausiliari prevista unapposita morsettiera munita di terminali a vite. I terminali sono contrassegnati con sigle alfanumeriche di identificazione come da schema elettrico. La morsettiera identificata con la sigla XV sullo schema elettrico. Laccesso alla morsettiera immediato allapertura della porta della cella.

XV

Fig. 19

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

10/132

5.3.2 Interruttore estraibile Per il collegamento ai circuiti ausiliari della parte mobile disponibile sulla parte fissa un connettore a contatti striscianti (vedere figura), identificato con la sigla X sullo schema elettrico. Laccesso ai terminali del connettore fisso immediato con porta della cella aperta. Inoltre, per il collegamento dei contatti di posizione della parte mobile rispetto alla parte fissa disponibile una morsettiera, identificata dalla sigla XF. Connettore e morsettiera dispongono di terminali a vite.

E1 - E2 - E3 10 contatti in posizione

3 1 1 2 2 3

E1 - E2 - E3 - E4 - E6 5 contatti in posizione

E4 - E6 10 contatti in posizione

Legenda 1 Contatti striscianti (X) 2 Morsettiera per contatti di posizione (XF) 3 Contatti di posizione

Fig. 20

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

11/132

5.4

Trasformazione dei contatti ausiliari o dei contatti di posizione da normalmente chiusi (di apertura) a normalmente aperti (di chiusura) o viceversa

I contatti sono cablati in fabbrica come risulta dallo schema elettrico. Qualora si rendesse necessario per esigenze impiantistiche modificarne lo stato, procedere come segue. a ) Contatti ausiliari Per accedere ai contatti ausiliari eseguire le seguenti operazioni: rimuovere la protezione frontale (3) dello sganciatore agendo sui bloccaggi (1) come mostrato in figura rimuovere lo sganciatore di protezione (4) togliendo i dadi laterali (2) e sfilandolo dal fronte dellinterruttore.

90
2

Fig. 21 I contatti ausiliari, essendo del tipo a due vie (contatti in commutazione), possono essere modificati da contatti di apertura a contatti di chiusura e viceversa spostando semplicemente il conduttore di uscita dalluna allaltra posizione, come mostrato in figura.

Contatto N.C.

Contatti striscianti

Contatto N.A.

Morsettiera

Fig. 22 b) Contatti di posizione Per cambiare lo stato del contatto di posizione si procede in modo analogo a quanto indicato per i contatti ausiliari (vedere Fig. 21-22).

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

12/132

6.
6.1

Messa in servizio
Procedure generali

Verificare il serraggio delle connessioni di potenza ai terminali dellinterruttore Eseguire tutte le operazioni di predisposizione dello sganciatore Controllare che il valore della tensione di alimentazione dei circuiti ausiliari sia compreso tra l85 e il 110% della tensione nominale delle applicazioni elettriche Verificare che nel luogo di installazione sia assicurato un sufficiente ricambio di aria per evitare sovratemperature Eseguire inoltre i controlli riportati nella seguente tabella. Oggetto dellispezione 1 Comando manuale Procedura Effettuare alcune manovre di apertura e di chiusura (vedere il cap. 7.2). ATTENZIONE In presenza dello sganciatore di minima tensione linterruttore pu essere chiuso solo dopo aver eccitato elettricamente lo sganciatore stesso. Alimentare il motoriduttore di carica molle alla relativa tensione nominale. Eseguire alcune manovre di chiusura e di apertura. Nota. Alimentare lo sganciatore di minima tensione alla relativa tensione nominale (se previsto) 3 Sganciatore di minima tensione (se previsto) Alimentare lo sganciatore di minima tensione alla relativa tensione nominale ed eseguire la manovra di chiusura dellinterruttore. Togliere tensione allo sganciatore. Alimentare lo sganciatore di minima tensione alla relativa tensione nominale ed eseguire la manovra di chiusura dellinterruttore. 4 Sganciatore di apertura (se previsto) Chiudere linterruttore. Alimentare lo sganciatore di apertura alla relativa tensione nominale Aprire linterruttore. Alimentare lo sganciatore di chiusura alla sua tensione nominale. Aprire linterruttore; ruotare la chiave ed estrarla dalla sede; tentare la manovra di chiusura dellinterruttore Inserire i contatti ausiliari in opportuni circuiti di segnalazione; eseguire alcune manovre di chiusura e di apertura dellinterruttore Inserire i contatti ausiliari in apportuni circuiti di segnalazione; portare successivamente linterruttore in posizione di inserito, di sezionato in prova e di estratto. Eseguire le prove di funzionamento Linterruttore si chiude regolarmente; le segnalazioni sono regolari Linterruttore apre; la segnalazione commuta. Controllo positivo La leva di carica delle molle si muove con regolarit.

2 Motoriduttore (se previsto)

Le molle si caricano regolarmente. Le segnalazioni sono regolari. A molle cariche il motoriduttore si ferma. ll motoriduttore ricarica le molle dopo ogni manovra di chiusura

Linterruttore apre regolarmente; le segnalazioni sono regolari. Linterruttore chiude regolarmente; le segnalazioni sono regolari. Sia la chiusura manuale che elettrica sono impedite Le segnalazioni avvengono regolarmente

5 Sganciatore di chiusura (se previsto)

6 Blocco interruttore in posizione di aperto (a chiave o a lucchetti) 7 Contatti ausiliari dellinterruttore

8 Contatti ausiliari di segnalazione interruttore inserito, sezionato in prova, estratto

Le segnalazioni dovute alle relative manovre avvengono regolarmente.

9 Dispositivi di blocco interruttore inserito ed estratto; dispositivi di interblocco tra interruttori affiancati e sovrapposti (se previsti) 10 Per interruttori estraibili: dispositivo di inserzione ed estrazione

La funzionalit dei blocchi corretta.

Eseguire alcune manovre di inserzione ed estrazione

Manovra di inserzione: l'interruttore si inserisce regolarmente. I primi giri della manovella non offrono particolare resistenza.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

13/132

7.
7.1
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

Norme di impiego
Organi di manovra e segnalazione
Pulsante per la manovra manuale di apertura Leva per la carica manuale delle molle di chiusura Segnalatore meccanico di interruttore aperto O e chiuso I Segnalatore meccanico di intervento dello sganciatore di protezione (a richiesta) Pulsante per la manovra manuale di chiusura Segnalatore molle cariche - scariche Contamanovre (a richiesta) Blocco a chiave della manovra di chiusura (a richiesta) Segnalatore meccanico di interruttore inserito (connected), estratto/test (test connected ), estratto (disconnected). Sede per la leva di inserzione - estrazione Leva di sblocco della manovra di inserzione/estrazione Blocco a chiave della manovra di inserzione/estrazione (a richiesta) Blocco a lucchetti sulla manovra manuale di chiusura (a richiesta) Blocco a lucchetti sulla manovra di inserzione - estrazione (a richiesta) Interruttore estraibile

Interruttore fisso

8 5 1 2 3 4 7 6

8 1 2 3 4

13 5 6 7 11 10

12

9 14

Fig. 23 Nota Sul fronte dellinterruttore installabile, a richiesta, una copertura trasparente per aumentare il grado di protezione a IP54; la copertura dispone di chiave di chiusura. In alternativa alla copertura trasparente, sui comandi di chiusura e di apertura manuale pu essere montata una protezione che consente la manovra dei pulsanti stessi solo tramite apposito attrezzo.

Fig. 24

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

14/132

7.2

Manovre di chiusura e di apertura dellinterruttore

La manovra dellinterruttore pu essere manuale o elettrica. a ) Manovra manuale di carica delle molle di chiusura Accertarsi che il segnalatore (3) riporti l'indicazione "O" (interruttore aperto) Accertarsi che il segnalatore (6) si presenti di colore BIANCO (molle scariche) Azionare ripetutamente la leva (2) finch il segnalatore (6) commuta il proprio colore in GIALLO b) Manovra elettrica di carica delle molle di chiusura La manovra elettrica dellinterruttore possibile in presenza dei seguenti accessori (forniti a richiesta): motoriduttore per la carica automatica delle molle di chiusura sganciatore di chiusura sganciatore di apertura. Il motoriduttore ricarica automaticamente le molle dopo ogni operazione di chiusura fino alla comparsa dellindicatore giallo (6, Fig. 25). In caso di mancanza di tensione durante la carica il motoriduttore si ferma e riprende automaticamente la ricarica delle molle al ritorno della tensione. sempre comunque possibile completare manualmente loperazione di ricarica. 2

Fig. 25

c ) Chiusura dellinterruttore Loperazione pu essere eseguita solo a molle di chiusura completamente cariche. Per la chiusura manuale premere il pulsante (5) contrassegnato dalla lettera I. In presenza di sganciatore di chiusura la manovra pu essere eseguita a distanza mediante lapposito circuito di controllo. Lavvenuta chiusura segnalata dallapposito segnalatore (3) che si porta sullindicazione I; inoltre lindicatore dello stato delle molle (6) si porta sulla posizione BIANCO. Anche con molle di chiusura scariche il comando conserva lenergia sufficiente per la manovra di apertura. Il motoriduttore , se presente, inizia immediatamente loperazione automatica di ricarica delle molle.

Premere

Fig. 26 d) Apertura dellinterruttore Per lapertura manuale dellinterruttore premere il pulsante O (1). In presenza dello sganciatore di apertura loperazione pu essere eseguita anche a distanza mediante lapposito circuito di controllo. Lavvenuta apertura segnalata dalla comparsa della lettera O nel segnalatore (3).

Premere
3

Fig. 27

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

15/132

7.3

Manovra di inserzione e di estrazione

AVVERTENZE A) Prima di eseguire qualsiasi manovra di inserzione o di estrazione aprire linterruttore. B) Interruttore (parte mobile) e parte fissa sono muniti di un blocco che impedisce lintroduzione nella parte fissa di interruttori con corrente nominale diversa: la congruenza del blocco antintroduzione deve essere accertata dalloperatore prima di eseguire la manovra di inserzione al fine di evitare inutili sollecitazioni. C) Prima della manovra di inserzione rimuovere leventuale blocco a lucchetti degli otturatori di segregazione dei terminali di sezionamento sulla parte fissa.

Premere

Fig. 28 NOTA Linterruttore (parte mobile) pu assumere rispetto alla parte fissa diverse posizioni, cos identificate : ESTRATTO: la parte mobile inserita nella parte fissa SENZA collegamento tra i terminali di potenza e SENZA innesto dei contatti striscianti per i circuiti ausiliari: in questa posizione ogni manovra elettrica dellinterruttore impedita; sul fronte il segnalatore (9, Fig. 23) indica DISCONNECTED; la porta della cella del quadro pu essere chiusa. ESTRATTO TEST: la parte mobile inserita nella parte fissa SENZA il collegamento tra i terminali di potenza, ma CON innesto dei contatti striscianti per i circuiti ausiliari; in questa posizione linterruttore pu essere manovrato per le prove in bianco. Il segnalatore (9, Fig. 23) indica TEST ISOLATED. INSERITO: la parte mobile completamente inserita nella parte fissa CON collegamento sia dei terminali di potenza che dei contatti striscianti per i circuiti ausiliari; linterruttore in condizioni operative; il segnalatore (9, Fig. 23) indica CONNECTED.

a ) Posizionamento della parte mobile nella parte fissa in posizione di ESTRATTO Sollevare la parte mobile come indicato nel paragrafo (3) e inserirla nelle guide della parte fissa, inclinandola come indicato in figura 29.

La manovra di inserzione manuale deve consentire di fare scorrere il lembo (E) delle guide dellinterruttore sotto i blocchetti (D) della parte fissa. Togliere i dispositivi di sollevamento. La posizione raggiunta stabile e consente eventuali interventi di ispezione sullinterruttore. Spingere a fondo la parte mobile fino allarresto nella parte fissa. Chiudere la porta della cella.

Fig. 29

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

16/132

b) Passaggio dalla posizione di ESTRATTO alla posizione di ESTRATTO TEST. Accertarsi che il segnalatore (9) sia nella posizione DISCONNECTED Per la manovra di inserzione, assicurarsi che la chiave sia nella posizione corretta (12) e/o il lucchetto (14) sia stato rimosso, se previsti. Accertarsi che linterruttore sia aperto. Spingere a fondo la parte mobile nella parte fissa. Abbassare la leva di sblocco (11). Inserire la manovella nel relativo innesto (10). Procedere nella rotazione in senso orario della manovella finch sul segnalatore (9) appare lindicazione TEST ISOLATED. Durante i primi giri la manovella non deve incontrare particolare resistenza alla rotazione. Se fosse necessario eseguire manovre in bianco dellinterruttore occorre rimuovere la manovella .

12 Fig. 30

14

11

10

c ) Passaggio dalla posizione di ESTRATTO TEST alla posizione di INSERITO Accertarsi che linterruttore sia aperto. Abbassare la leva di sblocco (11). Inserire la manovella nel relativo innesto (10). Procedere nella rotazione in senso orario della manovella finch sul segnalatore (9) appare l'indicatore CONNECTED. Asportare la manovella per poter chiudere l'interruttore.

11 Fig. 31

10

d) Passaggio dalla posizione di INSERITO, alla posizione di ESTRATTO TEST, alla posizione di ESTRATTO. Ripetere le manovre di inserzione con la variante della rotazione della manovella in senso antiorario. Aprire la portella in posizione di estratto.

8.
8.1

Manutenzione
Avvertenze

Prima di eseguire qualsiasi lavoro di manutenzione necessario espletare le seguenti procedure: aprire linterruttore e verificare che le molle del comando siano scariche nel caso di interruttore estraibile operare ad interruttore estratto dalla parte fissa per interventi su interruttori in esecuzione fissa o su parti fisse di interruttori estraibili togliere tensione al circuito di potenza ed ai circuiti ausiliari; inoltre mettere a terra in modo visibile i terminali sia dal lato alimentazione che dal lato carico. Durante il servizio normale gli interruttori richiedono una manutenzione ridotta. Nel paragrafo seguente riportata la tabella del programma di manutenzione indicante i relativi intervalli periodici di intervento. In particolare, per quanto riguarda la periodicit degli interventi consigliabile attenersi almeno per il primo anno di servizio a quanto specificato in tabella. In base ai risultati ottenuti nelle verifiche periodiche stabilire la scadenza ottimale delle operazioni di manutenzione. Si consiglia inoltre di fare riferimento alle seguenti regole: gli interruttori che manovrano poco o che comunque rimangono chiusi o aperti per lunghi periodi, devono essere azionati di tanto in tanto per evitare tendenze ad inceppamenti durante il servizio ispezionare visivamente linterruttore dallesterno al fine di rilevare la presenza di polvere, sporcizia o danni di qualsiasi genere. Per interruttori con sganciatori SACE PR112 e SACE PR113 verificare la percentuale di usura dei contatti. Per gli interruttori dotati di sganciatori SACE PR111 si raccomanda linstallazione del contamanovre meccanico (fornito a richiesta); lo sganciatore SACE PR112 e SACE PR113 consente in ogni momento la visualizzazione del numero di manovre eseguite dallinterruttore in servizio sullapposito display; questultimo sganciatore rende inoltre disponibili varie informazioni utili per il controllo dello stato dellinterruttore.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

17/132

Gli interruttori SACE Emax, con o senza motoriduttore, possono sostenere i seguenti cicli di manovra senza sostituzione di parti, con regolare manutenzione. Corrente ininterrotta nominale Iu (40C) [A] E1 B-N E2 B-N 800 1250 1250 1600 2000 1250 1600 1250 1600 2000 2500 3200 2000 2500 3200 4000 3200 4000 5000 6300 Vita meccanica (*) N di manovre x 1000 25 25 25 25 25 20 20 20 20 20 20 20 15 15 15 15 12 12 12 12 Frequenza manovre/ora 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 60 Vita elettrica 440 V ~ N di manovre x 1000 10 10 15 12 10 4 3 12 10 9 8 6 2 1,8 7 5 5 4 3 2 690 V ~ N di manovre x 1000 10 8 15 10 8 3 2 12 10 9 7 5 1,5 1,3 7 4 5 4 2 1,5 Frequenza manovre/ora 30 30 30 30 30 20 20 20 20 20 20 20 20 20 10 10 10 10 10 10

E2 L E3 N-S-H

E3 L E4 S-H E6 H-V

(*) Con regolare manutenzione ordinaria

8.2

Programma di manutenzione
Periodicit
Installazioni in ambienti normali Installazioni in ambienti polverosi o inquinati Sei mesi o dopo un intervento su corto circuito Sei mesi Sei mesi o 10000 manovre Sei mesi

Operazioni di manutenzione

Ispezione generale (vedere par. 8.3.2) Controllo visivo esterno e ispezione della sezione di potenza Manutenzione del comando (par. 8.3.4) Verifica intervento dello sganciatore

Un anno o dopo un intervento su corto circuito Un anno Un anno o 10000 manovre Un anno

8.3

Operazioni di manutenzione

8.3.1 Operazioni preliminari Rimuovere la mostrina (1) dello sganciatore ruotando le viti (2) come mostrato in figura Rimuovere la calotta frontale (3) togliendo le quattro viti (4) Asportare, se presenti, uno o entrambi gli scudi laterali (5) togliendo le viti frontali (6) e laterali (7) Asportare le camere darco (8) rimuovendo le viti (9).

9 8 7 5 6 6 5 7

9 8

2 2 1 1 4 4 Fig. 32 3 3

E1-E3

E4-E6

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

18/132

8.3.2

Ispezione generale dellinterruttore Inconveniente riscontrato


Presenza di polvere sugli organi interni Molle deformate o ossidate Anelli di sicurezza fuori sede, dadi o viti allentate Fili e cinturini staccati

Parte soggetta ad ispezione


1 Comando/Accessori elettrici

Rimedio
Pulire con pennelli o stracci asciutti Sostituire le molle danneggiate Rimettere in sede gli anelli e serrare adeguatamente viti e dadi Sostituire i cinturini e collegare correttamente i fili staccati Lisciare i contatti con tela abrasiva Regolare secondo il paragrafo 8.3.3

2 Contatti rompiarco e principali

Tracce di usura Regolazioni non corrette: la quota A - Fig. 33 inferiore a 1mm per E1-E2-E3 o inferiore a 0,8 mm per E4-E6 Presenza di fumi o polveri Presenza di incrinature sulla struttura esterna in plastica Eccessiva differenza di usura tra la prima e lultima piastra di estinzione dellarco

3 Camere darco

Asportare con aria compressa e rimuovere i fumi e le eventuali scorie con una spazzola
Sostituire la camera darco Sostituire la camera darco Pulire con pennello o stracci asciutti Rimettere in sede gli anelli e serrare adeguatamente viti e dadi Chiedere ad ABB SACE per la sostituzione delle parti danneggiate Rimuovere gli otturatori e pulire con straccio ruvido imbevuto di adatto solvente e lubrificare moderatamente con grasso neutro Stringere le viti adeguatamente Pulire con straccio ruvido imbevuto di adatto solvente e lubrificare moderatamente con grasso neutro; serrare a fondo i dadi Pulire con straccio ruvido imbevuto di adatto solvente, stringere a fondo la connessione di terra e ricoprire con grasso neutro Gli sganciatori ed i dispositivi di blocco devono funzionare regolarmente per valori compresi tra l85% e il 110% della relativa tensione nominale Sostituire le parti in avaria o con funzionamento difettoso (eventualmente chiedere ad ABB SACE)

4 Circuito principale - Sbarre - Contatti di sezionamento

Presenza di polvere o sporcizia sulle parti isolanti Anelli di sicurezza fuori sede, viti o dadi allentati Deformazioni o incrinature delle parti isolanti Contatti di sezionamento ossidati (solo per interruttore estraibile) Segni di usura o di surriscaldamento oppure viti allentate sulle connessioni ai terminali dellinterruttore (solo per interruttore fisso)

5 Pinze di messa a terra (solo per interruttore estraibile) 6 Connessione di terra (solo per interruttore fisso)

Presenza di ossidazioni o dadi allentati

Presenza di ossidazione e/o dado allentato

7 Tensione di alimentazione dei circuiti ausiliari

Verificare la tensione di alimentazione degli accessori elettrici del comando Le prove di funzionamento, che devono essere eseguite come indicato al paragrafo 6.1 hanno evidenziato avarie ai componenti

8 Organi di manovra e controllo

8.3.3

Controllo dellusura dei contatti

Al fine di ottenere la quota A indicata nella tabella, possibile regolare la posizione dellalbero e del comando. 1 ) Aprire linterruttore 2 ) Asportare la camera darco 3a) Regolazione distacco contatti mobili per E1-E2-E3: - allentare le viti di pos.1 e i dadi di pos. 3 (FIG 33 a) - agire in modo equivalente sulle viti di pos. 2 - portare le bussole del comando (pos. 5) in appoggio sullalbero agendo sui dadi di pos 4 - serrare le viti di pos.1 e i dadi di pos 3 e 4 - chiudere linterruttore, verificare la quota A 3b) Regolazione distacco contatti mobili per E4-E6: - allentare le viti di pos.1 e 6, i dadi di pos 3 e 8 (FIG 33 a e 33 b) - agire in modo equivalente sulle viti di pos. 2 - portare le bussole del comando (pos. 5) e le bussole delle spalle intermedie ( pos. 9) in appoggio sullalbero agendo sui dadi di pos. 4 e le viti di posizione 7 - serrare le viti di pos.1 e 6, e i dadi di pos. 3, 4 e 8 - chiudere linterruttore, verificare la quota A 4 ) Se la quota a non corretta, riaprire linterruttore e ripetere loperazione indicata al punto 3a o 3b 5 ) Se la quota A corretta, riaprire linterruttore, sigillare con vernice gialla e rimontare le camere darco

Interruttore E1 - E2 - E3 E4 - E6 Fig. 33

A
1 1.9 mm 0.8 1.5 mm

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

19/132

Fig. 33a

Fig. 33b

Fig. 33c

8.3.4

Manutenzione del comando

Eseguire i controlli e gli interventi elencati al punto 1 della tabella inserita nel paragrafo 8.3.2. Lubrificare con grasso MU-EP1 (AGIP) i supporti dellalbero di manovra, compresi quelli sulle fiancate dellinterruttore; grassi equivalenti: ESSO Beacon EP1 - BP LTX1 - SHELL AVANIA GREASE R1 - KLUBER LUBRIFICATION CENTO PLEX 2P Lubrificare gli alberini e i ganci di apertura chiusura con grasso 5 RX MOLY (OLEOTECNICA) (Fig. 33c); grasso equivalente: KLUBER LUBRIFICATION GRAFLOSCON A-G 1 ULTRA

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

20/132

9.

Provvedimenti per eventuali anomalie di funzionamento


Lalimentazione alle boccole TEST (15 V DC) dello sganciatore PR111 non apre linterruttore La pressione del pulsante TEST sul PR112/PR113 non provoca lapertura dellinterruttore Intervento della segnalazione P Fault sullo sganciatore PR112/PR113 Accensione dei led WARNING o EMERGENCY sullo sganciatore PR112/PR113 Bobine di sganciatori interrotte o bruciate, avvolgimento del motoriduttore interrotto Lo sganciatore di apertura o di chiusura non si eccita sufficientemente

Anomalie
Lo sganciatore di apertura o di chiusura resta eccitato La parte mobile non si inserisce nella parte fissa La parte mobile non si estrae dalla parte fissa Linterruttore non si chiude Linterruttore non si apre
Possibili cause Controlli e rimedi
Controllare e sistemare la posizione del connettore XO Sostituire lo sganciatore di apertura YO1 Mettere fuori servizio l'interruttore e controllare lo sganciatore con l'apparecchio di prova Intervenire in relazione alla causa: in particolare, se lusura dei contatti superiore all80% (led WARNING acceso) linterruttore pu rimanere in servizio ma deve essere programmata a breve scadenza la sostituzione delle parti interruttive. Se lusura dei contatti raggiunge il 100% linterruttore deve essere messo fuori servizio immediatemente. Per le operazioni di sostituzione delle parti interruttive chiedere ad ABB SACE. Premere il pulsante meccanico di segnalazione intervento protezioni Verificare lo stato dei contatti in serie al circuito dello sganciatore Misurare la tensione: non deve essere inferiore all85% della nominale Controllare la tensione di targa degli sganciatori

Connettore XO non inserito correttamente Bobina dello sganciatore di apertura YO1 interrotta Avaria ai circuiti elettronici dello sganciatore a microprocessore Le possibili cause di intervento sono elencate nella parte del manuale relativa agli sganciatori

Protezioni non ripristinate

Contatti di comando o consenso bloccati in chiusura

Tensione di alimentazione dei circuiti ausiliari troppo bassa

Tensione di alimentazione diversa da quella indicata sulla targa di questi sganciatori Circuito di manovra difettoso

Controllare collegamenti, fusibili, interblocchi, interruttori di protezione e contatti di consenso Controllare il serraggio delle viti che connettono i fili Controllare i collegamenti con il relativo schema funzionale Sostituire le bobine Manovrare a mano; se il guasto permane chiedere ad ABB SACE Inserire e ruotare la chiave Completare la manovra Controllare il relativo circuito di alimentazione Controllare il circuito di alimentazione Vedere il paragrafo 7.3

Viti di serraggo dei fili allentate Collegamenti elettrici errati nel circito di alimentazione Bobine degli sganciatori interrotte Comando bloccato

Chiave non inserita nel blocco a chiave del comando Interruttore in posizione intermedia tra inserito ed estratto Sganciatore di minima tensione non eccitato Sganciatore di apertura che rimane eccitato Manovra di inserzione o di estrazione non eseguita correttamente

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

21/132

10. Accessori
10.1 Accessori elettrici Sganciatore di apertura/chiusura (YO - YO2 - YC)
Consente il comando di apertura o di chiusura a distanza dellapparecchio. Date le caratteristiche del comando dellinterruttore, lapertura (ad interruttore chiuso) sempre possibile, mentre la chiusura solo quando le molle di chiusura sono cariche. La maggior parte degli sganciatori possono funzionare sia in corrente continua che alternata. Questo sganciatore realizza un servizio istantaneo (*), ma pu essere alimentato permanentemente (**). Nellutilizzo quale sganciatore di chiusura alimentato in permanenza, per effettuare la richiusura dellinterruttore, dopo lapertura, necessario diseccitare momentaneamente lo sganciatore di chiusura (il comando dellinterruttore infatti corredato del dispositivo di antipompaggio).
(*) In caso di servizio istantaneo la durata minima dellimpulso di corrente deve essere di 100 ms. (**) In caso di alimentazione permanente sullo sganciatore di apertura, bisogna attendere un tempo di almeno 30 ms prima di dare il comando allo sganciatore di chiusura.

Figura di riferimento negli schemi elettrici: YO 4 - 5 - YC 2 3; YO2 8

Alimentazione (Un)

24 V DC 30 V AC/DC 48 V AC/DC 60 V AC/DC 110-120 V AC/DC 120-127 V AC/DC 220-240 V AC/DC 240-250 V AC/DC 380-400 V AC 440 V AC (YO-YO2) : 70110% Un (YC) : 85110% Un DC = 200 W AC = 200 VA DC = 5 W AC = 5 VA (max) 60 ms (max) 80 ms 2500V 50 Hz (per 1 min.)

Limiti di funzionamento (Norme CEI EN 60947-2) Potenza allo spunto (Ps) Durata dello spunto ~100 ms Potenza di mantenimento (Pc) Tempo di aper tura (YO - YO2) Tempo di chiusur a (YC) Tensione di isolamento

Sganciatore di minima tensione (YU)


Lo sganciatore di minima tensione realizza lapertura dellinterruttore in caso di sensibile abbassamento o mancanza di tensione di alimentazione dello stesso. Pu essere utilizzato per lo sgancio a distanza (mediante pulsanti di tipo normalmente chiuso), blocco alla chiusura oppure per il controllo della tensione nei circuiti primari e secondari. Lalimentazione dello sganciatore viene quindi derivata a monte dellinterruttore o da sorgente indipendente. permessa la chiusura dellinterruttore solo a sganciatore alimentato (il blocco della chiusura realizzato meccanicamente). La maggior parte degli sganciatori possono funzionare sia in corrente continua che alternata. Alimentazione (Un) 24 V DC 30 V AC/DC 48 V AC/DC 60 V AC/DC 110-120 V A C/DC 120-127 V A C/DC 220-240 V A C/DC 240-250 V A C/DC 380-400 V AC 440 V AC Limiti di funzionamento: Norme CEI EN 60947-2.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

22/132

Lapertura dellinterruttore avviene con valori di tensione di alimentazione dello sganciatore pari a 35 - 70% Un. La chiusura dellinterruttore possibile con tensione di alimentazione dello sganciatore pari a 85-110% Un. corredabile di contatto di segnalazione dello sganciatore di minima tensione eccitato (C. aux YU). Figura di riferimento negli schemi elettrici: YU 6 Potenza allo spunto (Ps): Potenza di mantenimento (Pc): Tempo di apertura (YU): Tensione di isolamento DC = 200 W AC = 200 VA DC = 5 W AC = 5 VA 30 ms 2500V 50 Hz (per 1 min.)

Ritardatore per sganciatore di minima tensione (D)


Lo sganciatore di minima tensione abbinabile ad un ritardatore elettronico da montare esternamente rispetto allinterruttore, il quale permette il ritardo nellintervento dello sganciatore con tempi prefissati e regolabili. Lutilizzo dello sganciatore di minima tensione ritardato indicato, al fine di evitare interventi, quando la rete di alimentazione dello sganciatore pu essere soggetta ad interruzioni o abbassamenti di tensione di breve durata. Qualora non sia alimentato, la chiusura dellinterruttore inibita. Il ritardatore da abbinare allo sganciatore di minima tensione della stessa tensione del ritardatore. Figura di riferimento negli schemi elettrici: YU + D 7 Le caratteristiche del ritardatore sono: Alimentazione (D): 24-30 V AC/DC 48 V AC/DC 60 V AC/DC 110-127 V AC/DC 220-250 V AC/DC Tempo di apertura regolabile (YU+D): 0,5-1-1,5-2-3 s

Motoriduttore per la carica automatica delle molle di chiusura (M)


Realizza la carica automatica delle molle di chiusura del comando dellinterruttore. Dopo la chiusura dellinterruttore, il motoriduttore provvede immediatamente alla ricarica delle molle di chiusura. In mancanza di tensione di alimentazione o durante lavori di manutenzione, le molle di chiusura sono comunque caricabili manualmente (per mezzo dellapposita leva del comando). Alimentazione 24-30 V AC/DC 48-60 V AC/DC 100-130 V AC/DC 220-250 V AC/DC Limiti di funzionamento: Potenza allo spunto (Ps): Potenza di nominale (Pn): Durata dello spunto Tempo di carica: Tensione di isolamento 85110% Un (Norme CEI EN 60947-2) DC = 500 W AC = 500 VA DC = 200 W AC = 200 VA 0,2 s 4-5 s 2500V 50 Hz (per 1 min.)

sempre fornito di contatto di finecorsa e di microinterruttore per la segnalazione di molle di chiusura cariche. Figura di riferimento negli schemi elettrici: M

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

23/132

Segnalazione meccanica ed elettrica di intervento sganciatori di massima corrente


Sono disponibili le seguenti segnalazioni in seguito allintervento dello sganciatore di massima corrente: a ) Segnalazione meccanica di intervento sganciatori di massima corrente Consente la segnalazione visiva sul comando, in caso di interruttore aperto in seguito allintervento degli sganciatori di massima corrente, mediante avanzamento del pulsante di intervento sganciatori. Linterruttore richiudibile solo ripristinando il pulsante nella posizione normale. b) Segnalazione elettrica e meccanica di intervento sganciatori di massima corrente Permette la segnalazione visiva sul comando (meccanica) ed a distanza (elettrica mediante commutatore) di interruttore aperto in seguito allintervento degli sganciatori di massima corrente. Per il ripristino dellinterruttore, necessario riarmare il pulsante dellindicazione meccanica. Gli sganciatori SACE PR112 e SACE PR113 sono gi forniti di contatto di segnalazione interno di sovracorrente. Figura di riferimento negli schemi elettrici: S51 12

Contatti ausiliari
Sono disponibili contatti ausiliari installati sullinterruttore che permettono la segnalazione dello stato dellinterruttore (sono disponibili anche in esecuzione con contatti dorati per segnali digitali). Un 125 V DC 250 V DC In max 0.3 A 0.15 A T 10 ms 10 ms Un 250 V AC In max 5A cos 0.3

Le esecuzioni disponibili sono: a) Segnalazione elettrica interruttore aperto/chiuso possibile avere la segnalazione elettrica sullo stato dellinterruttore (aperto/chiuso) 4 o 10 contatti ausiliari. I contatti ausiliari assumono le seguenti configurazioni: 4 contatti aperto/chiuso (2 normalmente aperti + 2 normalmente chiusi) 10 contatti aperto/chiuso (5 normalmente aperti + 5 normalmente chiusi); non disponibili quando sono richiesti gli sganciatori di massima corrente SACE PR112 e SACE PR113. inoltre disponibile un gruppo di 15 contatti aperto/chiuso supplementari montabili esternamente allinterruttore. La configurazione base sopra descritta pu essere modificata dallutente per indicazione normalmente aperto o normalmente chiuso mediante riposizionamento del connettore a faston sul microinterruttore. Fig. di riferimento negli schemi elettrici: Q/110 21 22; Q/1125 23 b) Segnalazione elettrica interruttore inserito/estratto test/estratto In aggiunta alla segnalazione meccanica sulla posizione dellinterruttore possibile avere la segnalazione elettrica per mezzo di 5 o 10 contatti ausiliari che vengono installati sulla parte fissa. Disponibile solo per interruttore in versione estraibile da installare sulla parte fissa. I contatti ausiliari assumono le seguenti configurazioni: 5 contatti; gruppo costituito da 2 contatti di segnalazione inserito, 2 contatti di segnalazione estratto ed 1 contatto di segnalazione posizione di test (pinze principali sezionate, ma contatti striscianti inseriti) 10 contatti; gruppo costituito da 4 contatti di segnalazione inserito, 4 contatti di segnalazione estratto e 2 contatti di segnalazione posizione di test (pinze principali sezionate, ma contatti striscianti inseriti). Figura di riferimento negli schemi elettrici: S75I 31-32 S75T 31-32 S75E 31-32 c ) Contatto di segnalazione molle di chiusura cariche costituito da un microinterruttore che permette la segnalazione a distanza dello stato delle molle di chiusura del comando dellinterruttore. ( sempre fornito con il motoriduttore carica molle) Figura di riferimento negli schemi elettrici: S33 M/2 - 11 d) Contatto di segnalazione dello sganciatore di minima tensione eccitato (C.aux YU) Gli sganciatori di minima tensione possono essere corredati di un contatto (a scelta normalmente chiuso o aperto) di segnalazione di minima tensione eccitata per la segnalazione a distanza dello stato dello sganciatore di minima tensione. Figura di riferimento negli schemi elettrici: 12

Trasformatore amperometrico per il conduttore neutro esterno allinterruttore


Solo per interruttori tripolari. Consente di realizzare la protezione del neutro mediante il collegamento allo sganciatore di massima corrente. ( fornito a richiesta). Figura di riferimento negli schemi elettrici: TI/N 51-52 UI/N 51-52

Toroide omopolare per il conduttore di terra (centro stella del trasformatore)


Gli sganciatori elettronici a microprocessore PR112 e PR113 possono essere utilizzati in abbinamento ad un toroide esterno posizionato ad esempio sul conduttore che collega a terra il centro stella del trasformatore MT/BT (trasformatore omopolare): in questo caso la protezione verso terra viene definita Source Ground Return. Il trasformatore omopolare viene proposto in quattro diverse versioni in termini di corrente nominale (mantenendo le stesse dimensioni di ingombro) Figura di riferimento negli schemi elettrici: TI/O (51-52)
Caratteristiche
Corrente nominale 100 A 250 A 400 A 800 A

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

24/132

10.2 Accessori meccanici Contamanovre meccanico


collegato al comando mediante un semplice leverismo; segnala il numero di manovre meccaniche dellinterruttore. Lindicazione visibile dallesterno sul fronte dellinterruttore.

Blocchi meccanici
a) Blocco in posizione di aperto Sono disponibili differenti meccanismi che permettono di bloccare linterruttore in posizione di aperto. Questi dispositivi possono essere comandati da: Chiave: una speciale serratura circolare con chiavi diverse (per un solo interruttore) o con chiavi uguali (per pi interruttori). In questultimo caso sono disponibili fino a quattro diverse numerazioni di chiavi. Lucchetti: fino a 3 lucchetti (non forniti): 4 mm. b) Blocco interruttore in posizione inserito - estratto test - estratto Questo dispositivo pu essere comandato da una speciale serratura circolare con chiavi diverse (per un solo interruttore) o con chiavi uguali (per pi interruttori disponibili fino a quattro diverse numerazioni di chiavi) e da lucchetti (fino a 3 lucchetti, non forniti - 4 mm). Disponibile solo per interruttore in versione estraibile da installare sulla parte mobile. c ) Accessori per blocco in posizione estratto test - estratto In aggiunta al blocco interruttore in posizione inserito estratto test - estratto, permette il solo blocco nelle posizioni di estratto o estratto test. Disponibile solo per interruttore in versione estraibile da installare sulla parte mobile. d) Accessori per blocco lucchetti degli otturatori Permettono di lucchettare gli otturatori (installati sulla parte fissa) in posizione di chiuso. Disponibile solo per interruttore in versione estraibile da installare sulla parte fissa. e ) Blocco meccanico porta della cella Non permette lapertura della porta della cella ad interruttore chiuso (ed interruttore inserito per interruttori estraibili) e blocca la chiusura dellinterruttore con la porta della cella aperta.

Protezioni trasparenti
a ) Protezione pulsanti di apertura e chiusura Queste protezioni applicate sui pulsanti di apertura e chiusura, inibiscono le relative manovre dellinterruttore se non per mezzo di un attrezzo speciale. b) Protezione porta IP54 realizzata mediante una calotta in plastica trasparente che protegge completamente il frontale dellinterruttore e permette di raggiungere il grado di protezione IP54. Montato su cerniere, provvisto di blocco a chiave.

Interblocco tra interruttori


Questo meccanismo realizza linterblocco meccanico tra due o tre interruttori (anche di taglia diversa e in qualsiasi esecuzione fissa/estraibile) mediante cavo flessibile. Con linterblocco meccanico viene fornito lo schema elettrico per la commutazione elettrica mediante rel (a cura del cliente). Linstallazione degli interruttori pu essere verticale oppure orizzontale. Sono disponibili 4 tipologie di interblocchi: tipo A: tra 2 interruttori (gruppo alimentazione + emergenza) tipo B: tra 3 interruttori (gruppo 2 alimentazioni + emergenza) tipo C: tra 3 interruttori (gruppo 2 alimentazioni + congiuntore) tipo D: tra 3 interruttori (gruppo 3 alimentazioni / un solo interruttore chiuso)

10.3 Parti di ricambio


Scudi e calotta frontale Solenoide di apertura per lo sganciatore di massima corrente PR111 / PR112 / PR113 Camera darco Molle di chiusura Contatto di sezionamento a pinza per parte fissa dellinterruttore estraibile Contatto strisciante terra Otturatori per parte fissa Polo completo Dispositivo di Comando Cavi di collegamento tra sganciatori e trasformatori di corrente

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

25/132

11. Sganciatori di protezione - Note generali


Gli interruttori della serie SACE Emax possono essere equipaggiati con sganciatori a microprocessore SACE PR111, PR112 o PR113. Gli sganciatori SACE PR111 svolgono funzione di protezione, segnalazione locale e test. Gli sganciatori SACE PR112 e PR113 nella configurazione munita della sola unit di protezione (PR112/P, PR113/P), oltre alle funzioni del PR111 realizzabili con una maggiore gamma di possibilit, svolgono anche le funzioni di segnalazioni a distanza di autocontrollo e di misura. Entrambi gli sganciatori ricevono normalmente lalimentazione dai trasformatori di corrente montati in ciascun polo. Tutti gli organi di regolazione e di controllo a disposizione dellutente sono disposti sul fronte dello sganciatore. Linstallazione nellinterruttore semplice: il fissaggio meccanico realizzato mediante quattro dadi, mentre per i collegamenti elettrici sono disponibili alcuni connettori i cui riferimenti sono riportati sullo schema elettrico. XK1: connettore per il collegamento degli sganciatori PR111, PR112/P e PR113/P ai sensori di corrente XK2 e XK3: connettori per i circuiti ausiliari degli sganciatori PR112/Pe PR113/P (per funzioni quali segnalazioni a distanza e circuiti per la selettivit di zona) X0: connettore per lo sganciatore Y01 che provoca l apertura dellinterruttore in seguito allintervento dello sganciatore di protezione. Unit accessorie normalmente in dotazione e altre fornite a richiesta consentono lalimentazione ausiliaria e prove per la verifica della funzionalit dello sganciatore.

Collegamenti meccanici

Collegamenti elettrici Fig. 34e

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

26/132

11.1 Note di sicurezza


ATTENZIONE: questo simbolo identificativo di informazioni sulle pratiche, azioni o circostanze che possono condurre a ferite o lesioni del personale, danno allunit o perdite economiche. Leggere attentamente e completamente il presente manuale. Lutilizzo del presente dispositivo dovrebbe essere riservato a personale qualificato e competente. Se ci sono dubbi, riguardo un utilizzo in sicurezza, lunit deve essere messa fuori servizio garantendosi contro un uso non intenzionale. Si deve supporre che non sia possibile un uso sicuro se: 1. lunit mostra danni visibili. 2. lunit non funziona (ad esempio con lautotest o mediante trip test unit TT1). 3. lunit ha subito danni durante il trasporto. 11.1.1 Note per prove di rigidit dielettrica

Non sono ammesse prove di rigidit dielettrica sugli ingressi e sulle uscite degli sganciatori e nel TV eventualmente connesso. 11.2 Abbreviazioni e note varie

11.2.1 Abbreviazioni Abbreviazione BA BC CB CS CT Emax HMI HW In MT Pn Pnfase PR020/K PR010/T PR111/P PR112/P PR112/PDM PR113/P PR113/PDM PR120/B Rel RMS SA SdZ SRE SW TA Trip TV Un Vaux VS Significato Bobina di Apertura Bobina di Chiusura Circuit Breaker (Interruttore. Ad esempio Emax) Current Sensor (vedi anche TA) Current Transformer (vedi anche TA) Serie di interruttori aperti ABB SACE Human Machine Interface Hardware Corrente nominale dei trasformatori amperometrici (TA) installati nellinterruttore Memoria Termica Potenza nominale interruttore (3 * Vn * In) Potenza nominale di fase (Vn * In) Unit di segnalazione ABB SACE Unit di test ABB SACE Rel di protezione per CB Emax Rel di protezione per CB Emax Rel di protezione per CB Emax Rel di protezione per CB Emax Rel di protezione per CB Emax Unit di alimentazione ABB SACE Denominato anche Unit di Protezione o Sganciatore di Protezione Valore Efficace Solenoide dApertura Selettivit di Zona Contatto protezione intervenuta (Scattato Rel) Software Trasformatore amperometrico (vedi anche CS) Azione di apertura del CB, generata dallo sganciatore Trasformatore voltmetrico (vedi anche VS) Tensione nominale trasformatori voltmetrici installati (tensione di fase) Alimentazione ausiliaria Voltage Sensor (vedi anche TV)

11.2.2 Note varie A. Utilizzare per esempio del cavo bifilare di tipo Belden (non fornito da ABB SACE) come descritto nel disegno ABB SACE RU4602.001. B. Utilizzare per esempio del cavo trifilare di tipo Belden (non fornito da ABB SACE) come descritto nel disegno ABB SACE RU4602.002. C. Lunit e dotata di funzione di backup-protection; nel caso il primo comando al solenoide di apertura non apra immediatamente linterruttore (SA parzialmente guasta) vengono ripetutamente inviati comandi di TRIP fino allapertura dellinterruttore (se Vaux presente) o alla scomparsa della corrente (se in autoalimentazione). Con Vaux presente, in condizione di backup-protection lampeggia il led emergency con visualizzata la pagina Last Trips e la tastiera inibita. La condizione di backup segnalabile configurando i relay dellunit; utilizzando la selezione YO back possibile comandare laccessorio bobina di apertura (YO) come ulteriore dispositivo di apertura nel caso lSA non funzioni.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

27/132

12. Sganciatore SACE PR111/P Identificazione


Le unit PR111 disponibili secondo le normative IEC sono: PR111/P (LI) PR111/P (LSI) PR111/P (LSIG)

12.1 Standard
Il PR111/P stato progettato per lavorare in accordo con lo standard internazionale: IEC 60947-2 Apparecchiature di bassa tensione. Interruttori automatici.

12.2 Specifiche
12.2.1 Generalit Lunit PR111 ununit di protezione autoalimentata ad alte prestazioni con funzioni di Protezione, Autocontrollo e Test. Le protezioni disponibili sono:
Protezioni disponibili

Simbolo L S I G Iinst

Protezione da sovraccarico a tempo lungo dipendente cortocircuito con ritardo regolabile cortocircuito istantaneo guasto a terra con ritardo regolabile cortocircuito istantaneo ultrarapido (per alte correnti)

II PR111 pu essere installato sia su CB tripolari, tripolari con neutro esterno o tetrapolari. Da notare che la corrente di riferimento, per il PR111, la In (corrente nominale dei TA montati nel CB) e non la Iu (corrente nominale ininterrotta del CB stesso). Esempio: il CB E1B 800 con TA da 250 A, ha una Iu di 800A e una In da 250 A. Lunit opera lapertura dellinterruttore, in cui integrata, tramite lSA, che agisce direttamente sul leverismo meccanico dellapparecchio. I TA forniscono al rel sia lenergia, per autoalimentarsi, che il segnale per calcolare la corrente circolante nelle sbarre del CB. Il funzionamento in autoalimentazione garantito per qualsiasi funzione di protezione e di settaggio definibile dallutente. Lunit realizzata con tecnologia digitale a microprocessore e sinterfaccia allutente mediante dip-switch. I parametri delle protezioni ed in generale le modalit di funzionamento dellunit sono completamente impostabili dallutente. 12.2.2 Caratteristiche elettriche Frequenza nominale di lavoro Banda passante Fattore di picco MTBF

50/60 Hz 10% 600 Hz max 2.1 max @ 2,8 In 15 anni @ 45C

12.2.3 Autoalimentazione Tutte le funzioni di protezione (vedi par. 12.2.1) sono funzionanti senza nessuna alimentazione ausiliaria esterna, infatti lautoalimentazione garantita dai TA installati nel CB. Corrente di sbarra minima per accensione relay: 0.30xIn con corrente monofase 0.20xIn con corrente bifase 0.15xIn con corrente trifase

12.3

Caratteristiche ambientali
-25C ... +70C -40C ... +90C 0% ... 98% IP 30

Temperatura di funzionamento Temperatura dimmagazzinamento Umidit Relativa Grado di protezione (con PR111 installato nel CB)

12.4 Funzioni di protezione


Lunit di protezione PR111 realizza 5 funzioni di protezione indipendenti. In particolare: 1. Protezione da sovraccarico a tempo lungo dipendente L; 2. Protezione da cortocircuito con ritardo regolabile S; 3. Protezione da cortocircuito istantaneo I; 4. Protezione da guasto a terra con ritardo regolabile G; 5. Protezione a soglia fissa da cortocircuito istantaneo Iinst; Lunit dotata di funzione di backup-protection; nel caso il primo colpo al solenoide di apertura non apra immediatamente linterruttore (SA parzialmente guasta) vengono ripetutamente inviati comandi di TRIP fino allapertura dellinterruttore o alla scomparsa della corrente. Lunit PR111 consente lelaborazione del segnale amperometrico del polo neutro con diversi rapporti rispetto al valore delle fasi (vedi 12.9.1). Sul fronte dellunit sono previste due indicazioni luminose (led) che si attivano durante un allarme per protezione L oppure S; le stesse si disattivano al rientro dellallarme o a protezione intervenuta. Per le protezioni a tempo fisso con ritardo regolabile la relazione implementata la seguente: t = k. Per le protezioni a tempo dipendente la relazione tra tempo dintervento e sovracorrente data dalla formula: t = k / I2 .

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

28/132

Calcolo RMS e Picco La protezione consente lelaborazione del segnale amperometrico nel seguente modo: con valore efficace fino ad una corrente di 2xIn e con un fattore di picco 3 per la funzione di prot. L con valore di picco per correnti 2xIn e per le funzioni di protezione S ,I e Iinst (*). con valore medio per la funzione di protezione di guasto a terra G. Se la forma donda ha deformazione superiore al limite dichiarato (2.1@ 2.8In) la tolleranza del calcolo del vero valore efficace aumenter.
(*) Lelaborazione viene eseguita tenendo conto del valore di picco diviso tempo di scatto ed il tempo di calcolo del valore efficace.

(si considera quindi la forma donda sinusoidale); ci per ragioni di incompatibilit fra il

12.4.1 Protezione L La protezione L lunica non disabilitabile in quanto realizza unautoprotezione da sovraccarichi del relay stesso. Il tipo di curva impostabile t=k/I2 . Il tempo di intervento della protezione, tempo dipendente, dato dallespressione

max

(I

36 t1
f

I1 )

, 0.75 per I f 12In , 0.75 per I f > 12 In

If la corrente di guasto e I1 la soglia della protezione, impostata dallutente.


NB: Tempo espresso in secondi.

12.4.2 Protezione S La protezione, disabilitabile, pu essere a tempo fisso (t=k) o tempo dipendente (t=k/I2); in questultimo caso il tempo di intervento dato dallespressione max

64 t (I f

2 2

, t 2 per I f > I 2

I f la corrente di guasto e I2 la soglia della protezione, impostata dallutente.

NB: Tempo espresso in secondi.

12.4.3 Protezione I La protezione, disabilitabile, a tempo fisso (t=k) realizzata con ritardo intenzionale nullo.

12.4.4 Protezione G La protezione, disabilitabile, di tipo tempo dipendente (t=k/I2 ). Il tempo di intervento dato dallespressione NB: Tempo espresso in secondi. Lunit PR111 in grado di fornire la protezione di guasto a terra, realizzata internamente al relay, sommando vettorialmente le correnti di fase e di neutro. La corrente di guasto definita dalla seguente formula:

1 max , t I la corrente di guasto e I4 la soglia della protezione, impostata dallutente. ( I )2 4 f If 4

I G = I 1 + I 2 + I 3 + I NE
Nel caso in cui il circuito non presenti nessun guasto il modulo della sommatoria di tali correnti sempre nulla, viceversa il valore della corrente di guasto assumer un valore sempre pi grande dipendentemente dallentit del guasto. Quando il valore della corrente di fase superiore a 4xIn , la funzione G si autoesclude poich in questo caso sono le altre protezioni ad intervenire in quanto il guasto considerato di fase.

12.4.5 Protezione da cortocircuito istantaneo Iinst Questa funzione dispone di una unica curva di protezione a tempo fisso. Quando la protezione interviene linterruttore si apre tramite il solenoide di apertura (SA).

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

29/132

12.4.5.1 Scelta del valore di soglia Per la corretta impostazione della protezione Iinst, legata alla taglia dellinterruttore, agire sui rispettivi 10 dip switch posti sulla parte superiore del rel (vedi Figura 35), consultando la targhetta posta a lato degli stessi.

La protezione, impostabile solo da personale ABB, non pu essere esclusa. Nelle rappresentazioni della targhetta, relative ai settaggi, la posizione del dip-switch indicata come la parte colorata di bianco.
ing labe l

Nella rappresentazione a lato il dip-switch settato in posizione alta ( Off)

tt t se lins

Fig. 35

linst setting dip-switch

La modifica della soglia impostata pu comportare il danneggiamento permanente dellinterruttore e dellimpianto stesso con conseguenti danni alloperatore.

12.5 Altre funzioni


12.5.1 Autocontrollo Il funzionamento dei circuiti di gestione del PR111/P, ed il SW relativo, sono costantemente monitorati da un apposito circuito di controllo (interno al microcontrollore) al fine di evitare blocchi dello stesso durante il funzionamento. 12.5.2 Test semplice del rel Utilizzando lunit di test TT1 (vedi par. 12.11.1) collegata allapposito connettore di test dedicato (vedi rif. G Fig. 36), possibile verificare il corretto funzionamento della catena di attuazione (microprocessore, cablaggi ed SA). In caso di risultato positivo linterruttore viene aperto. La funzione disponibile solo con corrente di sbarra nulla. 12.5.3 Test complesso del rel Utilizzando lunit di test PR010/T (vedi par. 12.11.2) collegata al rel tramite il connettore di TEST frontale (vedi rif. H Fig. 36) possibile effettuare una completa serie di test, con report scaricabile su PC.

12.6 Interfaccia utente


Legenda del frontale dellunit PR111:

T
Fig. 36

P O

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

30/132

Rifer. Fig. 36 A B C D E F G H L M N O P Q R S T

Descrizione Dip switch per il settaggio della soglia della funzione di protezione L Led di segnalazione funzione di protezione L in temporizzazione. Dip switch per il settaggio della soglia della funzione di protezione S Led di segnalazione funzione di protezione S in temporizzazione. Dip switch per il settaggio della soglia della funzione di protezione I Dip switch per il settaggio della soglia della funzione di protezione G Connessione di TEST per lapplicazione dellaccessorio TT1. Connettore di TEST per lapplicazione dellaccessorio PR010/T. Dip switch per il settaggio della curva della funzione di protezione G Serial number dellunit. Logo SACE identificativo del prodotto. Impostazione protezione del Neutro In (Corrente nominale dei TA installati). Dip switch per il settaggio del tipo di curva della funzione di protezione S Dip switch per il settaggio della curva della funzione di protezione S Dip switch per il settaggio della curva della funzione di protezione L Rappresentazione settaggio dip switch per limpostazione del valore desiderato.

12.7 Settaggi di default


Il PR111/P viene fornito da ABB SACE con i seguenti parametri predefiniti:
Settaggi di default (preimpostati da ABB SACE)

# 1 2 3 4 5 6

Protezione L S I G Iinst Neutral sel.

Soglia 1 In Off 4 In Off E1 (*) 50 % ()

Tempo D (18s) A (0.05s) A (0.1s)

Curva k/I2 k k

(*) Parametri settati con questi valori solo per PR111 venduto come pezzo sciolto. () Impostazione modificabile solo da ABB SACE

12.8 Messa in servizio


12.8.1 Collegamenti Per i collegamenti a cura dellutente, si raccomanda di seguire in modo scrupoloso quanto riportato nel presente documento. In questo modo saremo in grado di soddisfare tutte le norme di riferimento internazionali e garantire un perfetto funzionamento del rel anche in condizioni ambientali ed elettromagnetiche gravose. Tenere in particolare considerazione le connessioni a terra. 12.8.2 Controllo connessione TA e SA Se linstallazione del PR111 stata effettuata dallutente, si raccomanda di controllare, prima della messa in servizio dellinterruttore la corretta connessione dei cavi TA e/o SA, altrimenti aprire immediatamente il CB ed effettuare i corretti collegamenti. 12.8.3 Test Prima della messa in servizio consigliabile effettuare un test (Trip test) dellintera catena dellSA mediante lutilizzo dellaccessorio TT1. Lesito positivo dato dallapertura del CB (vedi 12.5.2). 12.8.4 Settaggi iniziali Se il PR111 viene fornito direttamente installato nel CB sar cura di ABB SACE applicare le targhette adesive di tutte le variabili riferite al CB (es. Tipo di CB, calibro TA, ). Viceversa, se il PR111 fornito come pezzo sciolto, sar cura dellutente applicare le targhette adesive riferite a tutti i parametri necessari. Da notare che ABB SACE definisce ogni settaggio possibile in modo sensato (vedi parametri di default). Prescindendo da ci, assolutamente indispensabile che lutente, prima della messa in servizio del PR111, definisca con cura ogni parametro modificabile.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

31/132

12.9 Istruzioni operative/funzionamento in esercizio


12.9.1 Modifica configurazione di base possibile selezionare il valore di taratura relativa alla protezione del conduttore neutro (percentuale espressa in funzione della corrente di fase). I valori selezionabili sono 50% e 100%; la modifica esclusivamente a cura di ABB SACE. 12.9.2 Modifica funzioni di protezione Questo paragrafo consente allutente limpostazione delle funzioni di protezione implementate nellunit PR111. Ora sono riportate le sole modalit di impostazione e quali valori sono selezionabili; per tutte le altre informazioni relative alle caratteristiche tecniche di tali funzioni di protezione vedi par.12.4. Se lunit PR111 in una situazione dallarme non consentita alcuna parametrizzazione.

Nelle rappresentazioni sulla targhetta frontale (vedi rif. T Fig. 36), relative ai settaggi, la posizione del dip-switch indicata come la parte colorata di bianco.

Nella rappresentazione a lato il dip-switch settato in posizione alta

12.9.2.1 Esempio di impostazione Di seguito riportato un esempio di settaggio dei dip-switch della funzione di protezione S con : Soglia dintervento (I2 ) Curva (t2 ) 2 x In 0,05s (A) di tipo t=k/I2

Soglia

I2
Curva

t2
Tempo
Tolleranza soglia (5)

Disabilitazione

Soglia
Range Valori selezionabili 0.4, 0.5, 0.6, 0.7, 0.8, 0.9, 0.95,1 Range

Protezione

Valori selezionabili

Tolleranza tempo (5)

L (t=k/I2)

0.4xIn I1 1xIn

3s t1 18s (1) (2)

3 (A), 6 (B), 12 (C), 18 (D)

Sgancio tra
1.1 e 1.2 x I1

10%, If 3xIn 20%, If > 3xIn


il migliore dei due dati

S (t=k) S (t=k/I2 ) I (t=k) G (t=k/I2 ) Iinst

10% 1xIn I2 10xIn 1, 2, 3, 4, 6, 8, 10 + Off 0.05s t2 0.5s


(3)

0.05 (A), 0.1 (B), 0.25 (C), 0.5 (D) 10% - 20% 10% 5%

20% o 50ms 20% 35ms If 3xIn 30ms If > 3xIn 20% --

1.5xIn I3 12xIn 0.2xIn I4 1xIn

1.5, 2, 4, 6, 8, 10, 12 + Off 0.2, 0.3, 0.4, 0.6 0.8, 0.9, 1 + Off

Istantaneo 0.1s t4 0.8s Istantaneo


(4)

0.1 (A), 0.2 (B), 0.4 (C), 0.8 (D) --

Impostabile solo da ABB

(1) Il valore minimo di tale intervento di 750ms indipendentemente dal tipo di curva settata (autoprotezione). (2) Il tempo dintervento t1 definito per If =6I1 (3) Il tempo dintervento t definito per I =8In per t=k/I e I >I2 per t=k 2 2 f f (4) Il tempo dintervento t definito per I =4In 4 f (5) Tali tolleranze valgono con le seguenti ipotesi: - rel autoalimentato a regime (senza start-up) - alimentazione bifase o trifase

Per tutti i casi non contemplati dalle ipotesi sopra valgono i seguenti valori di tolleranze:
Soglia di intervento L S I G Sgancio tra 1.1 e 1.25 x I1 10% 20% 15% Tempo di intervento 20% 20% 60ms 20%

12.9.3 Segnalazioni 12.9.3.1 Segnalazioni ottiche Segnalazione Led L (rosso) Led S (rosso) Descrizione Presenza di una o pi fasi in sovraccarico con valori di corrente I>1.3xI1 (temporizzazione protezione L) (sul NE dipende dalla selezione effettuata; ad esempio al 50% i valori sono dimezzati) *; Temporizzazione in corso per la funzione di protezione S

* La norma IEC 60947-2 definisce la soglia di temporizzazione L, per corrente: 1.05 < I < 1.3 x I1

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

32/132

12.10 Ricerca guasti


Nella tabella seguente sono raccolte una serie di situazioni tipiche di esercizio, utili per capire e risolvere ipotetici guasti o malfunzionamenti.
Nota bene: 1. Prima di consultare la seguente tabella, verificare per alcuni secondi leventuale accensione dei led posti sul fronte dell'unit. 2. FN indica un funzionamento normale del PR111. 3. Nel caso i suggerimenti proposti non portino alla soluzione del problema, vi preghiamo di contattare il servizio di assistenza ABB SACE.

N 1

Situazione Non possibile effettuare il trip test

Possibili cause 1. La corrente di sbarra > 0. 2. LSA non connessa 3. Batteria dispositivo TT1 scarica 1. Soglia troppo bassa 2. Curva troppo bassa 3. Selezione Neutro errata 1. 2. 3. 4. Soglia troppo alta Curva troppo alta Curva I2 t inserita Selezione Neutro errata

Suggerimenti 1. FN 2. Verificare il cablaggio dellSA 3. Sostituire la batteria interna alla TT1 1. Correggere soglia 2. Correggere curva 4. Correggere Selezione Neutro 1. 2. 3. 4. Correggere soglia Correggere curva Escludere se non necessaria Correggere Selezione Neutro

Tempi di intervento inferiori a quelli attesi Tempi di intervento superiori a quelli attesi

4 5 6

Intervento rapido, con I3=Off I di terra alta, ma non c il trip

Intervento di Iinst Funzione G inibita con I>4In

FN con corto circuito ad alta I FN FN

Non possibile modificare nessun parametro PR111 in situazione di allarme

12.10.1 In caso di guasto


Se si sospetta che il PR111 sia guasto, presenta dei malfunzionamenti o ha generato un trip imprevisto, vi consigliamo di seguire scrupolosamente le seguenti indicazioni: 1. Annotarsi tutti i settaggi delle funzioni di protezione. 2. Segnarsi il tipo di CB, numero di poli, In , Serial Number (vedi Fig. 36) 3. Preparare una breve descrizione dellapertura (quando avvenuta? quante volte? sempre con le stesse condizioni? con che tipo di carico? con che corrente? levento riproducibile?) 4. Inviare/comunicare tutte le informazioni raccolte, corredate di schema elettrico applicativo del CB, allAssistenza ABB a voi pi vicina. La completezza e la precisione delle informazioni fornite allAssistenza ABB faciliter lanalisi tecnica del problema riscontrato, e ci permetter di attuare con sollecitudine tutte le azioni utili a favore dellutente.

12.11 Accessori
12.11.1 Unit di test semplice ABB SACE TT1 Il dispositivo SACE TT1 un unit di test da inserire nellapposito connettore di test frontale del PR111 (vedi rif. G Figure 36).Con questo accessorio, fornito di serie, possibile eseguire il test di apertura dellinterruttore (Trip test) (vedi 12.8.3). Lunit munita di una batteria 12V e quindi non necessita di alcuna alimentazione esterna. Loggetto dispone due pulsanti (uno di PRESET e laltro di TRIP) ed una indicazione a led (READY). Laccessorio funziona nel modo seguente: Premere il pulsante PRESET e attendere laccensione del led READY Posizionare il TT1 nellunit di protezione Premere entro 30s dalloperazione di PRESET il pulsante TRIP. Verificare lapertura dellinterruttore. La non accensione del led READY significa che la batteria scarica o che il TT1 guasto. 12.11.2 Unit di test complessa ABB SACE PR010/T Il test con lunit SACE PR010/T permette di verificare , mediante cavo connesso al connettore di test frontale del PR111 (vedi rif. H Figure 36) il corretto funzionamento degli ingressi, delle uscite, delle soglie e dei tempi dintervento delle funzioni di protezione L, S, I, G e Iinst in modo manuale o automatico. E possibile inoltre ottenere un test report scaricabile su PC. Per il funzionamento dellaccessorio PR010/T consultare lapposito manuale duso.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

33/132

12.12
12.12.1

Curve di intervento
Curve di intervento funzioni L-I

Le curve di intervento riportate sono indicative e rappresentano solo un sottogruppo delle possibili selezionabili (vedi par. 12.9.2.1).

t [s]

10 4
0,7 0,4 0,5 0,6

0,9 0,95 1

0,8

10 3
1,5 2 4 6 8 10 12

10 2

D C B A

D C B A

10

10 -1

10 -2
1SDC200100F0001 1SDC200101F0001

10 -3 10 -1 1 10 100 x In

12.12.2 Curve di intervento funzioni L-S-I

t [s]

10 4
0,7 0,4 0,5 0,6

0,9 0,95 1

0,8

10 3

10 2

D C B A

1 1,5

2 2

4 4

6 6

8 10 8 10 12

D C B D A C B

10

t=
1

k I2

10 -1

10 -2

10 -3 10 -1 1 10 100 x In

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

34/132

12.12.3 Curve di intervento funzioni L-S-I

t [s]

10 4
0,7 0,4 0,5 0,6

0,9 0,95 1

0,8

10 3

10 2

D C B A

1 1,5

2 2

4 4

6 6

8 10 8 10 12

D C B A

10

t=k
1

D C
10 -1

B A

10 -2
1SDC200102F0001 1SDC200103F0001

10 -3 10 -1 1 10 100 x In

12.12.4 Curve di intervento funzione G

t [s]

10 4
0,9 0,2 0,3 0,4 0,6 0,8

10 3

10 2

10

D C B

10 -1

10 -2

10 -3 10 -1 1 10 100 x In

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

35/132

13. Sganciatore SACE PR112/P Identificazione


Le unit PR112 disponibili secondo le normative IEC sono: PR112/P (LSI) PR112/P (LSIG) PR112/PD (LSI dotato di scheda di comunicazione). PR112/PD (LSIG dotato di scheda di comunicazione).

13.1 Standard
Il PR112 /P stato progettato per lavorare in accordo con lo standard internazionale: IEC 60947-2 Apparecchiature di bassa tensione. Interruttori automatici.

13.2

Specifiche

13.2.1 Generalit Lunit PR112 realizza le funzioni di Protezione, Misura, Autocontrollo, Segnalazione, Test , Controllo dellInterruttore, Comunicazione e Memorizzazione per interruttori di Bassa Tensione di tipo aperto tripolari e tetrapolari serie EMAX. Le protezioni disponibili sono:
Protezioni disponibili

Simbolo L S I G U OT K Iinst

Protezione da sovraccarico a tempo lungo dipendente cortocircuito con ritardo regolabile cortocircuito istantaneo guasto a terra con ritardo regolabile sbilanciamento di fasi (solo segnalazione) temperatura fuori range controllo carichi cortocircuito istantaneo ultrarapido (per alte correnti)

Le protezioni possono essere realizzate in modo trifase o trifase con neutro a secondo del tipo di interruttore impiegato (tripolare, tripolare con neutro esterno o tetrapolare). Lunit realizzata con tecnologia digitale a microprocessore e sinterfaccia allutente con un display alfanumerico e tastiera di comando a membrana. I parametri delle protezioni ed in generale le modalit di funzionamento dellunit sono completamente programmabili dallutente in 5 lingue differenti. Lunit opera lapertura dellinterruttore, in cui integrata, tramite SA, che agisce direttamente sul comando meccanico dellapparecchio.

13.3

Caratteristiche elettriche
50/60 Hz 10% 600 Hz max 2.1 max @ 4 In 15 anni @ 45C

Frequenza nominale di lavoro Banda passante Fattore di picco MTBF

13.3.1 Autoalimentazione Tutte le funzioni di protezione sono funzionanti senza alimentazione ausiliaria esterna, infatti lautoalimentazione garantita dai TA installati nel CB. Corrente di sbarra minima per accensione relay: 0.35xIn con corrente monofase (0.50xIn per accensione anche del display) 0.20xIn con corrente bifase (0.30xIn per accensione anche del display) 0.15xIn con corrente trifase (0.20xIn per accensione anche del display) Il tempo di accensione del display di circa 3 s. 13.3.2 Alimentazione ausiliaria Lunit funziona regolarmente in autoalimentazione cio garantendo la configurazione e la protezione dellinterruttore controllato. In presenza di alimentazione ausiliaria, fornita da un convertitore galvanicamente separato, possibile utilizzare lunit anche ad interruttore aperto o ad interruttore chiuso ma con corrente insufficiente ad alimentare il dispositivo. Inoltre il display viene retroilluminato consentendo una lettura dati anche in caso di oscurit. Il tempo di andata a regime del PR112, dal momento di inserzione della Vaux circa 3 s. Essendo richiesta una Vaux isolata da terra, necessario utilizzare convertitori galvanicamente separati conformi alle norme IEC 60950 (UL 1950) o sue equivalenti [che garantiscano una corrente di modo comune o corrente di fuga (vedi IEC 478/1, CEI 22/3) non superiore a 3,5mA], IEC 60364-41 e CEI 64-8.

Caratteristiche Tensione di alimentazione Ripple massimo Inrush Current @ 24 V Start-up Current @ 24 V Nominal Current @ 24 V Nominal Power @ 24 V

Versione PR112/P 24V DC 20% 5% ~3A per 30ms ~1.0A per 150ms ~125mA ~3W

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

36/132

13.4 Caratteristiche ambientali


Temperatura di funzionamento Temperatura dimmagazzinamento Umidit Relativa Grado di protezione (con PR112 inserito nel CB) -25C ... +70C -40C ... +90C 0% ... 98% con condensazione IP 30

13.5 Ingressi/uscite
13.5.1 Ingressi binari optoisolati K51/S o G Zin: Ingresso SdZ S o G 13.5.2 Uscite binarie optoisolate K51/S o G Zout: Uscita SdZ S o G 13.5.3 Contatti di uscita K51/p1: uscita a rel programmabile dallutente K51/P: uscita a rel per segnalazione di microprocessore guasto Contatti monostabili, attivi solo in presenza di Vaux; Massima corrente di commutazione: 3A 250V AC (0.2A 100V DC). Tensione di isolamento contatto-contatto : 1000V AC K51/Y01: uscita a rel per segnalazione di scattato rel Contatto bistabile, attivo anche in autoalimentazione; Massima corrente di commutazione: 0.5A 125V AC (0.3A 110V DC). Tensione di isolamento contatto-contatto : 750V AC

13.6 Bus di comunicazione


Bus interno RS485, baud rate 19.200 bps, protocollo ABB SACE.

13.7 Funzioni di protezione


Lunit di protezione PR112 realizza, nella configurazione pi completa, sei funzioni di protezione indipendenti.In particolare: Protezione da sovraccarico a tempo dipendente L Protezione da cortocircuito con ritardo regolabile S Protezione da cortocircuito istantaneo I Protezione da guasto a terra con ritardo regolabile G Protezione a soglia fissa da cortocircuito istantaneo Iinst Protezione da sovratemperatura OT Protezione controllo carichi K

Vengono realizzate anche due funzioni (K) per il controllo distinto di carichi: sono due curve predefinite con correnti di soglia e tempi di intervento inferiori a quelli selezionabili con la protezione L, che possono essere utilizzate per due applicazioni differenti: 1. distacco di due carichi distinti; 2. attacco e distacco di un carico Tali protezioni permettono di staccare singoli carichi prima che la protezione per sovraccarico L intervenga ad aprire in via definitiva linterruttore. una funzione disponibile solo in presenza di alimentazione ausiliaria e quando c lunit di segnalazione esterna PR020/K. La protezione consente lelaborazione del segnale amperometrico del polo neutro nel seguente modo: 1. al 50% del valore delle fasi 2. al 100% del valore delle fasi I valori di soglia delle funzioni di protezione L, S, I e Gvengono rispettivamente indicati con I1 , I2 , I3 ed I4 mentre il relativo tempo di intervento viene indicato con t1 , t2, t3 e t4 . Sul display dellunit prevista una indicazione che si attiva durante un sovraccarico; la stessa si disattiva al rientro del sovraccarico o a protezione intervenuta. Inoltre linterruttore si apre tramite il solenoide di apertura (SA), si chiude un contatto elettrico di protezione intervenuta (K51/Y01) e si gira la corrispondente bandierina magnetica gialla. Per le protezioni a tempo fisso con ritardo regolabile la relazione implementata la seguente: t = k Per le protezioni a tempo dipendente la relazione tra tempo dintervento e sovracorrente data dalla formula: t = k/I2 Calcolo rms e picco Le funzioni di protezione L, S e G eseguono la rispettiva elaborazione sulla base del vero valore efficace delle correnti secondarie dei TA fino a 6 In (la protezione G viene disabilitata per correnti maggiori di 4In). Per correnti superiori a 6 In ,e per la funzione I, lelaborazione viene eseguita tenendo conto del valore di picco diviso 2 si considera quindi la forma donda sinusoidale; ci per ragioni di incompatibilit fra il tempo di scatto ed il tempo di calcolo del valore efficace.

13.7.1 Protezione L La protezione L lunica non disabilitabile in quanto realizza unautoprotezione da sovraccarichi del relay stesso. Il tempo di intervento della protezione, tempo dipendente, dato dallespressione

max

(I

9 t1
f

I1 ) 2

, 0.75 per I 12 In , 0.75 s per If > 12In f

dove If la corrente di guasto e I1 la soglia della protezione.

NB: Tempo espresso in secondi.


Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

37/132

13.7.1.1 Memoria termica L E possibile abilitare le funzionalit di memoria termica per la protezione cavi; si basa sul parametro tL definito come il tempo dintervento della curva (t1) a 1.25xI1. Il tempo di intervento dello sganciatore sicuramente il 100% di quello selezionato dopo che trascorso un tempo di tL dallultimo sovraccarico o dallultimo intervento; altrimenti il tempo dintervento verr ridotto dipendentemente dal sovraccarico avvenuto e dal tempo trascorso. Il PR112 dotato di due strumenti per realizzare questa memoria termica; il primo lavora solamente quando lo sganciatore alimentato (ricorda sovraccarichi che non sono durati fino a provocare lintervento dello sganciatore) mentre il secondo lavora anche quando lo sganciatore non alimentato (riduce gli eventuali tempi di intervento in caso di immediata richiusura). Automaticamente lo sganciatore PR112 che decide quale delle due utilizzare in funzione delle varie situazioni. 13.7.2 Protezione S La protezione, disabilitabile, pu essere a tempo fisso ( t = k ) o tempo dipendente; in questultimo caso il tempo di intervento dato dallespressione

100 t 2 max (I f )2 , t 2 per I f > I2

dove If la corrente di guasto e I 2 la soglia della protezione.

NB: Tempo espresso in secondi. 13.7.2.1 Memoria termica S E possibile abilitare la funzionalit di memoria termica per la protezione cavi nel caso sia selezionata la curva a tempo dipendente; si basa sul parametro tS definito come il tempo di intervento della curva (t2) scelta a 1.5xIn. Le altre caratteristiche sono uguali a quelle per la memoria termica L. 13.7.2.2 Selettivit di zona S E possibile, tramite la tastiera, attivare o disattivare la funzione di selettivit di zona S. La realizzazione viene effettuata connettendo fra loro tutte le uscite di selettivit di zona (ZSO) degli sganciatori appartenenti alla stessa zona e portando questo segnale allingresso di selettivit di zona (ZSI) dello sganciatore immediatamente a monte. Se loperazione di cablaggio stata svolta correttamente devono risultare vuoti tutti gli ingressi di selettivit di zona degli ultimi interruttori della catena e tutte le uscite degli interruttori in testa a ciascuna catena.

RELAY 0
ZSI0 ZSO1 ZSO2 ZSI2 ZSO1b

ZSOn

RELAY 1
ZSI1 ZSO 1a

RELAY 2

RELAY n
ZSIn

RELAY 1a

RELAY 1b

Area 2

Area n

Area 1
La funzione di selettivit di zona permette di isolare larea di guasto sezionando limpianto solo al livello pi vicino al guasto, mantenendo operativo il resto dellimpianto. Cos un guasto a valle del Relay 1a verr sezionato da questultimo senza che Relay 1 e Relay 0 intervengano; un guasto appena a valle del Relay 1 verr sezionato da questultimo senza che Relay 0 intervenga garantendo che le Aree 2n restino attive. La selettivit di zona ignorata, anche se correttamente cablata ed impostata, nel caso in cui la protezione S sia impostata con curve a tempo breve inverso (t=k/I2 ). Il cablaggio della selettivit di zona S in alternativa a quello di G ed il funzionamento garantito solo in presenza di tensione ausiliaria. Il segnale ZSI in grado di essere collegato fino a 20 unit in parallelo (al rispettivo segnale ZSO). Lunit ZSO pu essere collegata al massimo a 3 ZSI di relay a monte nella catena di selettivit. La lunghezza massima dei cablaggi per la selettivit di zona, tra due unit, di 300 metri. Utilizzare cavo bifilare schermato cordato (vedi nota A al par.11.2.2). Lo schermo va messo a terra solo sullinterruttore del rel a monte (lato ZSI). 13.7.3 Protezione I La protezione, disabilitabile, realizzata con ritardo intenzionale nullo. 13.7.4 Protezione G possibile disabilitare il comando di trip della funzione G (Trip: Off). Per tutta la durata del guasto a terra non si verificher lapertura del CB ma verr solo segnalata la condizione di allarme (led emergency acceso e messaggio di allarme). Lunit PR112 in grado di fornire due diversi tipi di protezione a guasto a terra. 13.7.4.1 Protezione G con trasformatore toroidale interno La prima realizzata tramite il passaggio di tutte le correnti secondarie (provenienti dai TA) alinterno di un trasformatore toroidale (contenuto nellunit stessa) il quale induce sul suo avvolgimento secondario una corrente proporzionale alla corrente di guasto del circuito primario. La corrente di guasto definita dalla seguente formula:

Ig = I1 + I2 + I 3 + In

(Sommatoria vettoriale di tutte le correnti di fase e neutro)

Nel caso in cui il circuito non presenti nessun guasto il modulo della sommatoria di tali correnti sempre 0, viceversa il valore della corrente di guasto assumer un valore sempre pi grande dipendentemente dallentit del guasto. Per lavorare con questa modalit necessario impostare Tor.selec.:Int.
Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

38/132

13.7.4.2 Protezione G con trasformatore toroidale esterno Source Ground Return La seconda, chiamata anche Source Ground return, realizzabile quando si ha la necessit di controllare il funzionamento di una macchina (trasformatore o generatore o motore ecc.) che abbia gli avvolgimenti configurati a stella. La protezione effettuata posizionando fisicamente un trasformatore toroidale esterno sul cavo collegato dal centro stella della macchina al punto di connessione a terra. La corrente indotta sullavvolgimento del toroide proporzionale alla corrente di guasto che in questo caso transita esclusivamente nel suddetto toroide. Per lavorare con questa modalit necessario impostare Tor. selec.:Ext. Il toroide esterno deve essere collegato al PR112 tramite cavo bifilare schermato cordato (vedi nota A al par. 11.2.2) di lunghezza non superiore a 15m. Lo schermo va messo a terra sia sul lato interruttore che sul lato toroide. indispensabile che il centro stella sia connesso francamente a terra e che lo stesso non sia utilizzato anche come conduttore di neutro (come nel sistema TNC) realizzando una protezione secondo il sistema TT. I valori nominali dei sensori amperometrici disponibili sono riportati nella tabella di pag. 48. In autoalimentazione monofase la protezione G attiva solo se la corrente primaria maggiore di 0.4 x In. Quando il valore della corrente di fase superiore a 4 x In , la funzione G si autoesclude poich in questo caso sono le altre protezioni ad intervenire in quanto il guasto considerato di fase. 13.7.4.3 Selettivit di zona G E possibile, tramite la tastiera, attivare o disattivare la funzione di selettivit di zona G. Il cablaggio della selettivit di zona G in alternativa a quello di S ed il funzionamento garantito solo in presenza di tensione ausiliaria. Le altre caratteristiche sono uguali a quelle per la selettivit di zona S.

13.7.5 Segnalazione da sbilanciamento di fasi U La segnalazione, escludibile, genera un messaggio di warning nel caso in cui viene rilevato uno sbilanciamento tra due o pi fasi maggiore della soglia settata I6. La percentuale di sbilanciamento cosi calcolata

% Sbil. =

I max I min 100 , dove Imax la corrente di fase massima e Imin la minima. I max

13.7.6 Protezione da sovratemperatura interna al rel OT Allinterno dellunit PR112 posto un sensore che monitora la temperatura allinterno dellunit. Ci consente di segnalare la presenza di temperature anomale le quali potrebbero comportare malfuzionamenti temporanei o continuativi del microprocessore. Tale protezione prevede due livelli di allarme: Al superamento della prima soglia fissata a 70C segnale di preallarme, in presenza di tensione ausiliaria la retroilluminazione del display viene disattivata. Al superamento della seconda soglia fissata a 85C segnale di allarme ed apertura dellinterruttore se abilitata la funzione OverTemper Trip. 13.7.7 Controllo carichi K Tale funzione realizzata in combinazione con lunit di segnalazione accessoria PR020/K e il relay PR112 funzionante con Alimentazione Ausiliaria. Vi sono due curve di protezione distinte con correnti di soglia e tempi di intervento inferiori a quelli selezionabili con la protezione L, utilizzabili per le due applicazioni: 1. distacco di due carichi distinti (2 curve a tempo dipendente t=k/I2 ); 2. attacco e distacco di un carico (curva a ritardo regolabile t=k per lattacco ed a tempo dipendente t=k/I2 per il distacco) Tali protezioni permettono di attaccare/staccare singoli carichi prima che la protezione per sovraccarico L intervenga ad aprire in via definitiva linterruttore. 13.7.7.1 Distacco di due carichi Ic1 = soglia distacco carico n1 Ic2 = soglia distacco carico n2 t (Ic1) = tempo distacco carico n1 (tempo minimo di intervento di 190ms) t (Ic2) = tempo distacco carico n2 (tempo minimo di intervento di 375ms) La protezione escludibile, per entrambi i carichi singolarmente, selezionando il valore [Off] per la soglia.

Funzionalit: Le due protezioni utilizzano curve di intervento simili a quelle utilizzate dalla protezione L, con per soglie inferiori e tempi minori. Le curve di intervento da utilizzare sono quelle della protezione L ; non prevista la presenza di una memoria termica.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

39/132

Il comando di apertura al carico n1 viene inviato quando I > Ic1 (per il tempo di curva). A questo punto la protezione disabilitata e compare un messaggio di carico 1 aperto. Il comando di apertura al carico n2 viene inviato quando I > Ic2 (per il tempo di curva). A questo punto la protezione disabilitata e compare un messaggio di carico 2 aperto. Per riabilitare le protezioni sul carico n1 (oppure n2) a funzionare necessario premere, nella pagina amperometro, il tasto reset. 13.7.7.2 Attacco - Distacco di un carico Ic1= soglia attacco carico n1 Ic2= soglia distacco carico n1 t (Ic1) = tempo di attesa per il riattacco del carico t (Ic2) = tempo di attesa per il distacco del carico La protezione escludibile, per entrambi i controlli, selezionando il valore [Off] per la soglia.

Funzionalit: La protezione di distacco utilizza curve di intervento simili a quelle utilizzate dalla protezione L, con per soglie inferiori e tempi minori. Le curve di intervento da utilizzare sono quelle della protezione L . Non prevista la presenza di una memoria termica; il funzionamento con memoria termica di L inserita potrebbe causare comportamenti anomali.
Per la richiusura viene applicata una temporizzazione a tempo fisso regolabile tc1. Il comando di chiusura del carico n1 viene inviato quando I < Ic1 (per il tempo fisso impostato con tc1). Il comando di apertura al carico n1 viene inviato quando I > Ic2 (per il tempo di curva). A questo punto la protezione disabilitata e compare un messaggio di carico 2 aperto. Per riabilitare la protezione sul carico n1 a funzionare necessario premere, nella pagina amperometro, il tasto reset. Num.AR indica il numero di richiusure del carico effettuate. MaxAR indica il numero massimo di richiusure effettuabili (valori impostabili: 1...9 richiusure, step 1 richiusura) Quando Num.AR = MaxAR la richiusura disabilitata (compare un messaggio di autorichiusura disabilitata). Per riabilitare necessario azzerare il Num. AR (entrando in modalit edit nella pagina di impostazione della protezione). 13.7.8 Protezione da cortocircuito istantaneo Iinst Questa funzione dispone di una unica curva di protezione a tempo fisso. Quando la protezione interviene linterruttore si apre tramite il solenoide di apertura (SA). 13.7.8.1 Scelta del valore di soglia Per la corretta impostazione della protezione Iinst, legata alla taglia dellinterruttore, agire sui rispettivi 10 dip switch posti sulla parte superiore del rel (vedi figura), consultando la targhetta posta a lato degli stessi. La protezione, impostabile solo da personale ABB, non pu essere esclusa.

Nelle rappresentazioni della targhetta, relative ai settaggi, la posizione del dip-switch indicata come la parte colorata di bianco.

lins

ing sett

labe

Nella rappresentazione il dip-switch settato in posizione alta ( Off)

Nelle rappresentazioni della targhetta, relative ai settaggi, la posizione del dip-switch indicata come la parte colorata di bianco. linst setting dip-switch

13.8

Funzioni di warning

13.8.1 Warning Threshold Quando la corrente massima (di fase o neutro) supera la soglia 0.9*I1 (dove I1 la soglia della funzione L impostata) viene acceso il led di warning e visualizzato il messaggio di avvertimento (vedi par. 13.17). 13.8.2 Distorsione armonica Lunit PR112 segnala con un messaggio di avvertimento (vedi par. 13.17) e laccensione del led warning il superamento di un fattore di cresta (vedi par.13.7.1) superiore a 2.1 (si rammenta che la normativa IEC 60947-2 annex F prevede che lunit di protezione funzioni regolarmente con un fattore di cresta 2.1, fino a 2x In).

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

40/132

13.9

Funzioni di misura

13.9.1 Misure di corrente Lunit PR112 sempre in grado di fornire la misura delle correnti nelle tre fasi, nel neutro e di guasto a terra (funzione di amperometro), sia in autoalimentazione che con alimentazione ausiliaria. Lindicazione A corrisponde a una lettura di corrente al di sotto del minimo misurabile. Lindicazione A corrisponde alla disabilitazione della misura di corrente (maggiore di 4In per guasto a terra). La corrente di guasto a terra assume due significati differenti a seconda che sia selezionato il toroide interno Ground Fault a quello esterno Source Ground Return. Il valore minimo di corrente misurabile 0.1In (10% della nominale). Il valore massimo di corrente misurabile 16In. Nel range Precisione misure 0.3....6.0In 5%

13.10

Funzioni di informazione

13.10.1 Versione software Ogni qualvolta si renda necessario comunicare ad ABB SACE eventuali problemi di funzionamento dellunit bene citare la versione SW dellunit PR112. ABB SACE PR112/P Sw : x.xx Intestazione Versione software dellunit PR112/P

13.10.2 Memorizzazione dati di apertura La funzione di memorizzazione dei dati di apertura (TRIP = apertura per protezione) attiva solo se presente alimentazione ausiliaria prima, durante e dopo (per almeno 1sec.) uneventuale apertura dellinterruttore dovuta a intervento per protezione da parte del relay. La funzione e anche la consultazione della pagina che mostra gli ultimi dati memorizzati sono quindi disponibili solo in presenza di alimentazione ausiliaria. In autoalimentazione il tentativo di accedere alla pagina provoca la comparsa di un messaggio funzionalit non disponibile . La percentuale di usura contatti indicativa della vita elettrica dei contatti elettrici dellinterruttore EMAX. La funzionalit del relay non comunque in nessun modo modificata dalla presenza dei messaggi di usura. Il messaggio di allarme indica che necessario verificare lo stato dusura dei contatti. La percentuale di usura dipende dal numero di aperture effettuate dallinterruttore e dalla corrente assoluta interrotta in ognuna di esse. 13.10.2.1 Visualizzazione dati di apertura NOpen:xxxxx x PROT L1:xxxxxA L3:xxxxxA Wear:xxx% L2:xxxxxA Ne:xxxxxA Gr:xxxxxA Numero di aperture dovute alle protezioni L, S, I e G e T per le versioni PR112/P. Valore delle correnti interrotte nellultimo TRIP su L1 e L2 Valore delle correnti interrotte nellultimo TRIP su L3 e Ne Usura contatti e corrente di guasto a terra (solo per versioni LSIG)

Nel caso di intervento per Iinst, viene visualizzata la seguente pagina (senza i valori delle correnti interrotte): NOpen:xxxxx I PROT Short circuit Current > Icw Wear:xxx% Usura contatti Numero di aperture totali effettuate fino ad ora dallinterruttore Indicazione di intervento da corto circuito

13.11 Altre funzioni


13.11.1 Programmazione contatto K51/p1 Il PR112 equipaggiato con un rel, il cui contatto denominato K51/p1. Questo puo segnalare diverse situazioni, selezionabili dallutente tra quelle elencate nella tabella seguente.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

41/132

Table 4. Valori selezionabili per rel K51/p1

Evento L preal. L timing S timing G timing G alarm L trip S trip I trip G trip T trip T >70C T >85C

Descrizione Preallarme + temporizzazione protezione L Temporizzazione protezione L Temporizzazione protezione S Temporizzazione protezione G Allarme protezione G Apertura da protezione L Apertura da protezione S Apertura da protezione I Apertura da protezione G Apertura da protezione T Temperatura interna maggiore di 70C Temperatura interna maggiore di 85C

13.11.2 Autocontrollo Lunit PR112 fornisce alcune funzionalit di autocontrollo in grado di garantire una corretta gestione dei malfunzionamenti del rel. In particolare viene costantemente monitorato il segnale di watch dog del microprocessore , generando una segnalazione di allarme nel caso in cui si manifesti unanomalia nel funzionamento (accensione led e chiusura contatto P Fault). 13.11.3 Self Test Lunit PR112 in grado di monitorare il corretto funzionamento di: Microprocessore ed SA con la funzione Trip Test.

Viene effettuato tramite il pulsante di TEST sul pannello frontale a seguito di abilitazione da Men dei Test: in caso di risultato positivo linterruttore viene aperto. Tale funzionalit sempre garantita in presenza di autoalimentazione (I>0.35In monofase) o di alimentazione ausiliaria. Dispositivi di interfaccia utente con la funzione Autotest .

Viene effettuato tramite selezione da Men dei Test: in caso di risultato positivo si verificato il corretto funzionamento di: - Display (tutti i pixel della matrice si accendono) - Led (4 ) - Bandierine Magnetiche (4 o 5 per versione LSIG) - Contatti di Preallarme, Scattato Rel e Pfault Tale funzione garantita in presenza di alimentazione ausiliaria o in autoalimentazione con almeno 0.5In monofase: nel caso di Warning o Emergency il test viene immediatamente abbandonato, garantendo sempre tutte le funzionalit di protezione. Premendo il tasto Reset il test viene interrotto. In tutti i casi in cui non esiste autoalimentazione e/o alimentazione ausiliaria, lenergia pu essere fornita dallunit di alimentazione accessoria PR120/B (connessa al connettore frontale di test). Seguendo le istruzioni riportate al cap. Interfaccia utente visualizzare sul display: PR112 Tests Trip Test Auto Test : xxx : xxx Intestazione Scegliere se abilitare la funzione di Trip Test Scegliere se abilitare la funzione di Auto Test

13.11.4 Test complesso del rel Utilizzando lunit di test PR010/T (vedi par. 13.18.1) collegata al rel tramite il connettore multipin di TEST frontale possibile effettuare una completa serie di test.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

42/132

13.12 Interfaccia utente

Legenda del frontale dellunit PR112 : Rifer. Descrizione A B F G H I L M N O P Led P Fault Led Vaux Led WARNING Led EMERGENCY Display alfanumerico retroilluminato Pulsante di movimento per il cursore (UP) Pulsante di movimento per il cursore (DOWN) Connettore di TEST per lapplicazione degli accessori PR120/B o PR010/T Pulsante di consenso allintroduzione dati o cambio pagina (ENTER) Pulsante di uscita dai sottomen o di annullamento (ESC) Pulsante per effettuare lo sgancio del solenoide di apertura (TEST) + funzioni di regolazione Rifer. Descrizione Q R S T U V Segnalazione magnetica indicante protezione di guasto a terra G intervenuta Segnalazione magnetica indicante protezione di cortocircuito istant. I intervenuta Segnalazione magnetica indicante protezione di cortocircuito selett. S intervenuta Segnalazione magnetica indicante protezione di sovraccarico L intervenuta Segnalazione magnetica indicante protezione di sovratemperatura intervenuta Pulsante per effettuare il reset delle segnalazioni magnetiche ed elettriche (RESET)+ terminare lauto-Test + tornare alla pagina correnti dalla pagina Trip Serial Number dellunit

Display Alfanumerico del tipo LCD a 4 righe di 20 caratteri ciascuna ed retro illuminato quando presente la tensione ausiliaria. E possibile regolare il contrasto. Ogni volta che lunit attivata il display indica la seguente pagina: CURRENT L1:xxxxxA L2:xxxxxA L3:xxxxxA Ne:xxxxxA (*) Ground:xxxxxA (*) Indicazione visualizzata solo in caso di rel PR112/LSIG . Lindicazione A corrisponde a una lettura di corrente al di sotto del minimo misurabile (0.1In). Lindicazione A corrisponde alla disabilitazione della misura di corrente (guasto a terra). Sulla prima riga di questa pagina vengono visualizzati gli eventuali messaggi di allarme o di errore; nel caso siano pi di uno vengono visualizzati ciclicamente, uno ogni secondo, sulla prima riga. Premendo il tasto possibile bloccare lo scorrimento dei messaggi su quello attualmente visualizzato (compare il simbolo nellangolo destro della riga). Si possono cos scorrere i vari messaggi uno alla volta utilizzando il tasto . Per ripristinare laggiornamento automatico basta ripremere il tasto (scompare il simbolo ).

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

43/132

13.12.1 Utilizzo dei pulsanti Le variabili descritte dalle lettere xxx, possono essere compilate utilizzando i tasti oppure e confermandole con il tasto . In sostanza, una volta entrati nella pagina di interesse, lo spostamento da una grandezza allaltra pu essere attuato mediante limpiego dei tasti o . Per modificare una grandezza invece, posto il cursore sulla grandezza stessa occorre premere il tasto e successivamente diventa possibile la modifica dei parametri (compare a sinistra del parametro il simbolo ) per mezzo dei tasti o . La conferma del parametro viene effettuata mediante il tasto . Nel caso in cui si renda necessario ripetere la programmazione di un parametro appena configurato sufficiente premere il tasto ESC una sola volta ed il cursore del display si riporter sulla stessa riga della pagina selezionata altrimenti per ritornare al men principale necessario premere il tasto ESC due volte. Il pulsante RESET deve essere utilizzato per resettare le bandierine magnetiche gialle e i contatti dei rel di segnalazione. Il pulsante TEST deve essere utilizzato per effettuare il Trip test (vedi par. 13.11.3).

13.12.2 Modalit Read ed Edit La mappa relativa ai menu visualizza tutte le pagine ottenibili ed i movimenti da effettuare con la tastiera, nello stato di READ (per la sola lettura dati) o nello stato di EDIT (per limpostazione dei parametri di protezione). Nel caso in cui la pagina visualizzata quella del men principale o di altri sottomen si possono ottenere due funzionamenti diversi a seconda dello stato dellunit: 1. READ: dopo circa 120 secondi verr visualizzata automaticamente la pagina relativa alle correnti 2. EDIT: dopo circa 240 secondi verr visualizzata automaticamente la pagina relativa alle correnti Le funzioni concesse a seconda dello stato sono : READ: Consultazione delle misure di corrente Consultazione dei parametri di configurazione dellunit Consultazione dei parametri di protezione Consultazione delle informazioni dellunit di protezione EDIT: Tutto quanto permesso in modalit READ Configurazione dellunit Programmazione dei parametri relativi alle protezioni Abilitazione del pulsante TEST

13.13

Settaggi di default

Il PR112 viene fornito da ABB SACE con i seguenti parametri predefiniti :

# 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15

Protection L S I G U OT Iinst Language Net Frequency PR020/K unit Neutral sel. Toroid Selec. CB CS In Password

On/Off Off On Off Off Off On Off

Threshold 1 In 6 In 4 In 0.2 In

Time 144 s min 0.4 s

Curve I2t K K

T.M. Off

ZS Off: 0.04s Off: 0.04s

E1 (*) Eng 50 Hz

50 % Int. E1B 800 (*) 250 A (*) 0001

(*) Parametri settati con questi valori solo per PR112 venduto come pezzo sciolto.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

44/132

13.14 Messa in servizio


13.14.1 Collegamenti Per i collegamenti a cura dellutente, si raccomanda di seguire in modo scrupoloso quanto riportato nel presente documento. In questo modo saremo in grado di soddisfare tutte le norme di riferimento internazionali e garantire un perfetto funzionamento del rel anche in condizioni ambientali ed elettromagnetiche gravose. Tenere in particolare considerazione i tipi di cavo, le connessioni a terra e le distanze massime consigliate.

13.14.2 Test Prima della messa in servizio possibile effettuare un test tramite lutilizzo della specifica funzione di Auto test attivabile sul PR112. Lesito positivo visibile e visualizzato sul display. A seguire possibile effettuare, sempre con la specifica funzione (Trip test) il test dellintera catena dellSA. Lesito positivo dato dallapertura del CB. 13.14.3 Settaggi iniziali Se il PR112 viene fornito direttamente installato nel CB sar cura di ABB SACE settare correttamente tutte le variabili riferite al CB o allapplicazione specifica (es. Tipo di CB, calibro TA, ). Viceversa, se il PR112 fornito come pezzo sciolto, sar cura dellutente settare correttamente tutti i parametri necessari. Da notare che ABB SACE definisce ogni settaggio possibile in modo sensato (vedi parametri di default al par. 13.13). Prescindendo da ci, assolutamente indispensabile che lutente, prima della messa in servizio del PR112, modifichi la password e definisca con cura ogni parametro modificabile. 13.14.4 Gestione Password

Password? [0***] Per entrare in modalit edit necessario inserire una password numerica di quattro cifre (la password di default 0001). Selezionare il valore della prima cifra ( tra 09 ) tramite i tasti up e down e premere per confermare la cifra e passare allinserimento della successiva. Dopo linserimento della quarta cifra viene effettuata la verifica della password inserita. Se la password corretta avviene il passaggio dallo stato di read alla stato di edit (compare il cursore lampeggiante sul parametro modificabile). Nel caso di password errata compare il messaggio Wrong password che permane fine a che non viene premuto il tasto ESC (o allo scadere di 2 minuti). Anche durante lintroduzione della password possibile interrompere loperazione premendo il tasto ESC. La password ha validit massima di due minuti dallultima pressione di un tasto; viene immediatamente resettata nel caso di allarme ad alta priorit o nel caso di reset dellunit. Entrando in una pagina senza parametri modificabili lo stato della protezione viene posto in read; se la password ancora valida, per entrare in modalit edit (in una pagina con parametri modificabili) basta premere il tasto . Disabilitazione della Password Impostando il valore della password a 0000 (nel men Unit configuration) si ottiene la disabilitazione della richiesta password; il passaggio da read ad edit quindi sempre possibile. Per inserire una nuova password selezionare la voce Set Password dal men Unit Configuration

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

45/132

13.15 Istruzioni operative/funzionamento in esercizio


13.15.1 Men

CURRENT L1:xxxxxA L2:xxxxxA L3:xxxxxA Ne:xxxxxA Ground:xxxxxA ESC 1.Config./Program 2.Ammeter 3.Test 4.Other Functions Non disponibile per PR112/P 1.Unit Configurat. 2.Parameters Progr. 3.Information 4.Last TRIP ABB SACE PR112/P Sw : x.xx Language : xxxx. PR020/K unit : xxx Net Frequency: xxHz Neutral sel. : xxx% Set Password: [****] OverTemper.Trip: xxx Min.Unbal.Phase: xxx K51/pL : xxxxxxxx Tor. selec.: xxx. Ext.tor. In: xxxA CB xxxxxxxxx xxxkA CS In : xxxxA NOpen:xxxxx x PROT L1:xxxxxA L2:xxxxxA L3:xxxxxA Ne:xxxxxA Wear:xxx% Gr:xxxxxA NOpen:xxxxx I PROT Short circuit Current > Icw Wear:xxx% L- PROTECTION:t=k/i2 I1: x.xxIn xxxxxA t1: xxxsec. 3*I1 Thermal Memory: xxx S-PROT: t=xxxxx, xxx I2: x.xIn xxxxxA t2: x.xxsec. Tmem: xxx Szone: xxx I-PROT: t=k , xxx I3: x.xIn xxxxxA t3: Instantaneous G-PROT: t=xxxxx, xxx I4: x.xxIn xxxxA t4: x.xxsec. Trip: xxx Gzone: xxx LOAD: xxxxxxxxxxxx Ic1: xxx%I1,t= xxxs Ic2: xxx%I1,t=t1*1/2 MaxAR: x Num.AR: x LOAD: xxxxxxxxxxxx Ic1: xxx%I1,t=t1*1/4 Ic2: xxx%I1,t=t1*1/2

PR112 Tests Trip Test : xxx Auto Test : xxx

Accept prg: <ENTER> Undo prg:<ESCAPE> ?

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

46/132

13.15.2 Modifica parametri Nel caso in cui loperatore volesse effettuare delle operazioni di lettura o configurazione dati sufficiente premere il tasto ESC ed automaticamente verr visualizzata la pagina relativa al men principale: 1. 2. 3. 4. Config./Program Ammeter Test Other functions

Ora con i tasti (freccia in alto), (freccia in basso), e ESC possibile muoversi allinterno del men principale e raggiungere tutte le pagine relative alle configurazioni e parametrizzazioni per la visualizzazione o modifica dei parametri impostati. Al termine di una programmazione, per accettare la nuova configurazione (Accept prg) premere il tasto oppure per rifiutarla ,e quindi mantenere la vecchia configurazione (Undo prg), premere il tasto ESC. Di conseguenza comparir: Accept prg: <ENTER> Undo prg: <ESCAPE> ? Stored Oppure Accept prg: <ENTER> Undo prg: <ESCAPE> ? NOT stored

Queste pagine indicano se la memorizzazione dei dati andata a buon fine oppure No. In questultimo caso lunit PR112 utilizzer lultima configurazione valida impostata. 13.15.2.1 Modifica configurazione di base Se lunit PR112 in una situazione dallarme non consentita nessuna parametrizzazione. La configurazione base dellunit da effettuarsi in modalit EDIT. Seguendo quanto riportato al cap. 13.12 visualizzare sul display: Language : xxxx. PR020/K unit : xxx Net Frequency: xxHz Neutral sel. : xxx% Selezionare la lingua da utilizzare per visualizzare i messaggi Indicare se presente lunit accessoria PR020/K Selezionare il valore di Frequenza Nominale di funzionamento dellimpianto Selezionare il valore di taratura relativa alla protezione del conduttore neutro (percentuale espressa in funzione della corrente di fase).

Set Password: [****] OverTemper.Trip: xxx Min.Unbal.Phase: xxx K51/pL : xxxxxxxx

Programmazione nuova password in modalit edit.I messaggi successivi sono : New Password:[****] e Confirm PSW : [****] per la conferma Selezionare labilitazione o disabilitazione allapertura dellinterruttore in caso di superamento della seconda soglia di temperatura (85C). Selezionare il minimo valore di squilibrio delle correnti tra le fasi Selezionare quale informazione abbinare alla segnalazione tramite relay K51/pL. Le selezioni possibili sono riportate nella tabella del par. 13.11.1.

Tor. Selec.: xxx. Ext.Tor. In: xxxxA CB Exx-Axxxx xxxkA CS In : xxxxA

Selezionare il tipo di protezione da guasto a terra: scegliere [Int ] se si vuole proteggere limpianto con lausilio del toroide interno altrimenti [Ext ] se si vuole proteggere con lausilio del toroide esterno realizzando la funzione di protezione Source Ground Return. (Questa selezione visualizzata solo nella versione LSIG) Selezionare il calibro della corrente nominale del trasformatore toroidale esterno per la funzione Source Ground Return. Selezionare il tipo di interruttore EMAX (sigla e corrente nominale) sul quale montata lunit PR112. Le selezioni possibili sono disponibili su catalogo tecnico. Selezionare il calibro della corrente nominale dei sensori di corrente (CS) montati sullinterruttore.

Nota Bene: Lerrata configurazione di In non compromette minimamente la perfetta funzionalit delle protezioni. Lunico inconveniente sar una visualizzazione errata delle Correnti in valore assoluto.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

47/132

Propriet / funzione Language PR020/K unit Net Frequency Neutral sel. Set Password OverTemper.trip Min.Unbal.Phase K51/p1 Tor. Selec. Ext.tor. In C.B. Type CS In

Valori selezionabili Engl.(inglese), Ital.(italiano), Fran.(francese), Deut.(tedesco) Espa.(spagnolo) On , Off 50Hz, 60Hz 50%, 100% 00009999 On, Off Off, 10% 90% Vedi par. 13.11.1 Int (interno), Ext (esterno) 100A, 250A, 400A, 800A Versioni ammesse a catalogo 250A, 400A, 800A, 1000A, 1250A, 1600A, 2000A, 2500A, 3200A, 4000A, 5000A, 6300A

13.15.2.2 Modifica funzioni di protezione La configurazione base dellunit da effettuarsi in modalit EDIT. Questo paragrafo consente allutente la programmazione delle funzioni di protezione implementate dellunit PR112. Ora sono riportate le sole modalit di programmazione dati e quali valori sono impostabili; per tutte le altre informazioni relative alle caratteristiche tecniche di tali funzioni di protezione vi rimandiamo al Par. Funzioni di protezione. Seguendo le istruzioni riportate al cap. 13.12 visualizzare sul display per il settaggio delle funzioni di protezione L, S, I e G: L-PROTECTION:t=k/I2 I1: x.xxIn xxxxxA t1: xxxsec.3*I1 Thermal Memory: xxx S-PROT: t=xxxxx, xxx I I2: x.xIn xxxxxA t2: x.xxsec. Tmem: xxx Szone: xxx Intestazione. Per le protezioni S, I e G possibile selezionare la disabiltazione della funzione.Per le protezioni S e G anche possibile scegliere il tipo di curva. Selezionare quale valore di soglia I1 impostare, automaticamente a fianco della selezione della soglia I1, verr visualizzato anche il valore della stessa espressa in Ampere. Selezionare quale curva di intervento t1 impostare. Selezionare se abilitare o disabilitare il funzionamento della protezione L con memoria termica. Intestazione. Per le protezioni S, I e G possibile selezionare la disabiltazione della funzione.Per le protezioni S e G anche possibile scegliere il tipo di curva. Selezionare quale valore di soglia impostare, automaticamente a fianco della selezione della soglia , verr visualizzato anche il valore della stessa espressa in Ampere. Selezionare quale curva di intervento impostare (non possibile per la I). Per la protezione S possibile decidere se abilitare o disabilitare la memoria termica. Per le protezioni S e G possibile decidere se abilitare o disabilitare la selettivit di zona. Per la protezione G possibile decidere se abilitare o disabilitare il comando di trip al termine della temporizzazione. Dipendentemente dalla modalit effettuata sulla prima riga, verranno visualizzate se PR020/K = on, le seguenti pagine: 1 LOAD: Open1-Open2 Ic1: xxx%I1,t=t1*1/4 Ic2: xxx%I1,t=t1*1/2 Modalit : Distacco di due carichi Selezione del valore di soglia di stacco del primo carico Selezione del valore di soglia di stacco del secondo carico

LOAD: Close1-Open1 Ic1: xxx%I1,t= xxxs Ic2: xxx%I1,t=t1*1/2 MaxAR: x Num.AR: x

Modalit Attacco stacco di un carico Selezione della soglia di attacco del carico e relativo tempo di attesa Selezione della soglia di distacco del carico Massimo numero di richiusure effettuabili e numero di richiusure effettuate

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

48/132

Disabilitazione

Disabilitazione solo TRIP

Selettivit di zona

L (t=k/I2 ) S (t=k) S (t=k/I2 ) I (t=k) G (t=k) G (t=k/I2 ) U (t=k) OT (temp=k) K (Open1-Open2) K (Closed1-Open1) Iinst

Memoria termica

Protezione

Range soglia

Range Tempo

Tolleranza soglia (3)

Tolleranza tempo (3)

0.4xIn I1 1xIn step 0.01xIn 0.6xIn I2 10xIn step 0.1xIn 0.6xIn I2 10xIn step 0.1xIn 1.5xIn I3 15xIn step 0.1xIn 0.2xIn I4 1xIn step 0.02xIn 0.2xIn I4 1xIn step 0.02xIn 10% I6 90% step 10% Impostabile solo da ABB 0.5xI1 (Ic1, Ic2) 1.0xI1 step 0.01xI1 0.5xI1 (Ic1, I c2) 1.0xI1 step 0.01xI1 Impostabile solo da ABB

3s t1 144s , step 3s (1)

Sgancio tra 1.1 e 1.2 x I1

10%, If < 4xIn 20%, If > 4xIn


Il migliore dei due dati

Min(2), 0.05s t2 0.75s, 7%, If < 4xIn 10% o 50ms, If < 4xIn step 0.01s 10%, If > 4xIn 15% o 50ms, If > 4xIn 0.05s t2 0.75s, step 0.01s Istantaneo 7%, If < 4xIn 15%, If < 4xIn 10%, If > 4xIn 20%, If > 4xIn 10%, If < 4xIn < 25ms 15%, If > 4xIn
Il migliore dei due dati 10% o 50ms, If < 4xIn

0.1s t4 1s, step 0.05s 0.1s t4 1s, step 0.05s 0.5s t6 60s, step 0.5s Istantaneo tc1 = t1 / 4 tc2 = t1 / 2 10s tc1 120s step 5s tc2 t1 / 2 Istantaneo

10%

10%

20%

10%

20%

1C 10%

20%

10% 5%

20% -

(1) Il valore minimo di tale intervento di 750ms indipendentemente dal tipo di curva settata (autoprotezione) (2) Nel caso in cui si scelga la curva di intervento a tempo fisso (t=k) sar possibile impostare, oltre a quelli indicati, anche il tempo di intervento t2=min. (3) Tali tolleranze valgono con le seguenti ipotesi: - rel autoalimentato a regime (senza start-up) - alimentazione bifase o trifase

Per tutti i casi non contemplati dalle ipotesi sopra valgono i seguenti valori di tolleranze:
Soglia di intervento L S I G Sgancio tra 1.1 e 1.25 x I1 10% 15% 15% Tempo di intervento 20% 20% 60ms 20%

13.15.3 Segnalazioni 13.15.3.1 Segnalazioni ottiche Segnalazione Led Vaux Led P Fault Led Warning (verde) (rosso) (giallo) Descrizione Presenza di Alimentazione Ausiliaria Microprocessore con guasto temporaneo o permanente Presenza di una o pi fasi con valori di corrente nel range 0.9*I1<I<1.05*I1 (sul NE al 50% i valori sono dimezzati); Presenza, tra due o tre fasi, di squilibrio superiore al valore programmato durante la configurazione; Superamento della prima soglia di temperatura T=70C; Usura contatti maggiore dell80 %

Led Emergency (rosso)

Presenza di una o pi fasi in sovraccarico con valori di corrente >1.3*I1 (temporizzazione protezione L) (sul NE al 50% i valori sono dimezzati); Temporizzazione in corso per la funzione di protezione S; Temporizzazione in corso per la funzione di protezione G; Superamento della seconda soglia di temperatura T=85C; Usura Contatti al 100 %.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

49/132

Segnalazione Bandierina magnetica gialla Bandierina magnetica gialla L Bandierina magnetica gialla S Bandierina magnetica gialla I Bandierina magnetica gialla G 13.15.3.2 Segnalazioni elettriche

Descrizione Intervento della protezione T per sovratemperatura (seconda soglia: T=85); Intervento della protezione L; Intervento della protezione S; Intervento della protezione I oppure Iinst Intervento della protezione G;

Segnalazioni elettriche (vedi par. Ingressi/Uscite)

Segnalazione Contatto K51/p1 Contatto K51/Y01 Contatto K51/uP

Descrizione La segnalazione a cui collegato (vedi Tabella par.13.11.1) attiva; intervenuta una qualsiasi tra le protezioni L, S, I, G e ; Microprocessore con guasto temporaneo o permanente. (si chiude con ritardo di 1...2 s). Funzionante solo con Alimentazione Ausiliaria.

Premendo il pulsante Reset possibile ripristinare lo stato delle bandierine magnetiche e dei contatti. Tale pulsante efficace in presenza di autoalimentazione o di alimentazione ausiliaria. Nel caso contrario viene utilizzata lenergia accumulata da un apposito condensatore di RESET tampone che viene caricato in 12s in regime di autoalimentazione. Questi garantisce, nel caso di assenza di autoalimentazione e di alimentazione ausiliaria, almeno un operazione di RESET per 6 ore a 25C. Nel caso anche il condensatore tampone sia scarico, si pu utilizzare per il RESET lunit di alimentazione supplementare PR120/B. In questa situazione sempre possibile la chiusura dellinterruttore, sia tramite Bobine di Chiusura (BC) che tramite pulsante meccanico. Il funzionamento del rel assicurato immediatamente dopo la chiusura, mentre il ripristino delle segnalazioni pu essere effettuato solo dopo 12 secondi.

13.16

Ricerca guasti

Nella tabella seguente sono raccolte una serie di situazioni tipiche di esercizio, utili per capire e risolvere ipotetici guasti o malfunzionamenti. Nota bene: 1. Prima di consultare la seguente tabella, verificare per alcuni secondi leventuale segnalazione di messaggi di errore sulla prima linea del display. 2. FN indica un funzionamento normale del PR112. 3. Nel caso i suggerimenti proposti non portino alla soluzione del problema, vi preghiamo di contattare il servizio di assistenza ABB SACE. N Situazione 1 2 Non possibile effettuare il reset delle segnalazioni magnetiche Non possibile effettuare il trip test Possibili cause Il condensatore tampone scarico 1. La corrente di sbarra > 0. 2. LSA non connessa 3 Tempi di intervento inferiori a quelli attesi 1. 2. 3. 4. 5. 1. 2. 3. 4. Soglia troppo bassa Curva troppo bassa Memoria Termica inserita Selezione Neutro errata inserita la SdZ Soglia troppo alta Curva troppo alta Curva I2 t inserita Selezione Neutro errata Suggerimenti FN, collegare la Vaux, il PR010/T o il PR120/B, per il reset. 1. FN 2. Connettere lSA 1. 2. 3. 4. 5. 1. 2. 3. 4. Correggere soglia Correggere curva Escludere se non necessaria Correggere Selezione Neutro Escludere se non necessaria Correggere soglia Correggere curva Escludere se non necessaria Correggere Selezione Neutro

Tempi di intervento superiori a quelli attesi

5 6 7

Intervento rapido, con I3=Off I di terra alta, ma non c il trip Display spento

Intervento di Iinst 1. Selezione errata del sensore 2. Funzione G inibita con I>4In 1. Manca Vaux e la I di sbarra inferiore al valore minimo. 2. Temperatura fuori range Manca Vaux Errato settaggio di In

FN con corto circuito ad alta I 1. Settare sensore int. o est. 2. FN 1. FN, vedi 13.3.1 2. FN, vedi 13.7.6 FN Modificare parametri, vedi 13.15.2.1

8 9

Il display non retroilluminato Lettura di I errata

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

50/132

N Situazione 10 Messaggio No Int Bus Comm

Possibili cause

Suggerimenti

Manca comunicazione tra PR112 e PR020/K 1. Se non presente, escludere PR020/K 2. Controllare connessione bus 3. Controllare PR020/K Funzione esclusa o dati fuori range Funzione di trip esclusa Valori di I fuori range E inserita la MT della L. Manca Vaux La password stata disabilitata PR112 in situazione di allarme FN, vedi 13.9.1 FN abilitare trip se necessario FN, vedi 13.7.5 FN, escludere la MT della L FN, vedi 13.10.2 FN, reimpostare la password con valore diverso da 0000. FN

11 Display indica . o , invece dei dati attesi 12 Non c il trip atteso 13 Mancata attivazione della protezione Unbalance U 14 Comportamento anomalo della protezione Controllo carichi K 15 Mancata visualizzazione dei dati di apertura 16 Non viene richiesta la password 17 Non possibile modificare nessun parametro

13.17

Messaggi di warning e di errore

Di seguito vengono descritti tutti quei messaggi visualizzabili sul display inerenti a errate configurazioni, ad allarmi generici o derivanti dalle funzioni di protezione e legate a informazioni utili.

ERRATE CONFIGURAZIONI MESSAGGIO DESCRIZIONE

WRONG CS FOR THIS CB stato selezionato un calibro di CS non installabile (es. E1 con 6300A) sullinterruttore ERROR I2 <= I1 ERROR I3 <= I2 ERROR: S ZONE SEL. ERROR: G ZONE SEL. ERROR: V_AUX OFF V_AUX OFF: Comm. OFF NO Int. Bus Comm. NOT available V_AUX Off: S Sel. Off V_AUX Off: G Sel. Off La soglia di intervento della funzione L maggiore della soglia della funzione S La soglia di intervento della funzione S maggiore della soglia della funzione I stata attivata la selettivit di zona per la funzione G ma gi attiva la selettivit di zona per la funzione S. stata attivata la selettivit di zona per la funzione S ma gi attiva la selettivit di zona per la funzione G. Non presente lalimentazione ausiliaria, funzione non disponibile. Il bus di comunicazione non funzionante perch manca la tensione ausiliaria. settata la presenza dellunit PR020/K ma non vi comunicazione sul bus interno. La funzionalit richiesta non disponibile. Lunit configurata per funzionare con selettivit di zona S ma stata tolta lalimentazione ausiliaria. Lunit configurata per funzionare con selettivit di zona G ma stata tolta lalimentazione ausiliaria.

ALLARMI GENERALI MESSAGGIO CONTACTS WEAR >80% CONTACTS WEAR 100% HARMONIC DISTORSION DESCRIZIONE Lusura dei contatti elettrici dellinterruttore ha raggiunto l80% Lusura dei contatti elettrici dellinterruttore ha raggiunto il 100% La corrente circolante nellinterruttore distorta (fattore di cresta >2.1).

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

51/132

FUNZIONI DI PROTEZIONE MESSAGGIO PREALARM L L PROTECTION TIMING S PROTECTION TIMING G PROTECTION TIMING G ALARM, TRIP OFF DESCRIZIONE La corrente circolante su almeno una fase superiore al valore di soglia di preallarme per la protezione L impostata, vedi par. 13.8.1 La corrente circolante su almeno una fase superiore al valore di corrente della soglia di protezione L impostata e lunit sta temporizzando. La corrente circolante su almeno una fase superiore al valore di corrente della soglia di protezione S impostata e lunit sta temporizzando. La corrente circolante su almeno una fase superiore al valore di corrente della soglia di protezione G impostata e lunit sta temporizzando. in corso una temporizzazione della funzione G ma stato disabilitato il comando di trip che viene dato al termine della temporizzazione.

PR020/K MESSAGGIO ERROR Ic2 < Ic1 K: LOAD 1 TIMING K: LOAD 2 TIMING K: LOAD 1 CLOSING K: LOAD 1 OPEN K: LOAD 2 OPEN K: AR DISABLED DESCRIZIONE La soglia di corrente impostata per il carico n1 maggiore di quella del carico n2 o la soglia di corrente impostata per la richiusura maggiore di quella di apertura del carico. La corrente circolante ha superato la soglia del carico n1 collegato al PR020/K e lunit sta temporizzando per lapertura del carico. La corrente circolante ha superato la soglia del carico n2 collegato al PR020/K e lunit sta temporizzando per lapertura del carico. Il carico n1 collegato al PR020/K sta per essere riattaccato Il carico n1 collegato al PR020/K stato sezionato Il carico n2 collegato al PR020/K stato sezionato Lautoriarmo del carico n1 collegato al PR020/K stato disabilitato

GESTIONE DELLA PASSWORDI MESSAGGIO Password ? [****] Wrong Password New Password : Confirm Password: [****] [****] DESCRIZIONE Inserire la password di accesso in modalit EDIT La password inserita errata Inserire la nuova password Confermare la nuova password inserita

13.17.1 In caso di guasto Se si sospetta che il PR112 sia guasto, presenta dei malfunzionamenti od ha generato un trip imprevisto, vi consigliamo di seguire scrupolosamente le seguenti indicazioni: 1. 2. 3. 4. 5. 6. Non resettare il rel. Annotare quale segnalino magnetico attivato (zona gialla). Se presente la Vaux, il rel ha memorizzato i dati di trip, per cui rilevarli dalla pagina Last Trip. Se Vaux assente, usare il PR120/B e annotarsi tutti i settaggi delle funzioni di protezione. Segnarsi il tipo di CB, numero di poli, eventuali accessori connessi, In , Serial Number (vedi par.13.12) e la versione sw. Preparare una breve descrizione dellapertura (quando avvenuta? quante volte? sempre con le stesse condizioni?, con che tipo di carico?, con che tensione?, con che corrente? levento riproducibile?) 7. Inviare/comunicare tutte le informazioni raccolte , corredate di schema elettrico applicativo del CB, allAssistenza ABB a voi pi vicina. La completezza e la precisione delle informazioni fornite allAssistenza ABB faciliter lanalisi tecnica del problema riscontrato, e ci permetter di attuare con sollecitudine tutte le azioni utili a favore dellutente.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

52/132

13.18

Accessori

13.18.1 Unit di test complessa ABB SACE PR010/T Il test con lunit Sace PR010/T permette di verificare il corretto funzionamento degli ingressi delle uscite, delle funzioni di protezione L, S, I, G e Iinst, delle soglie e dei tempi dintervento in modo manuale o automatico. Inoltre possibile avere un test report e modificare i settaggi impostati. Per il funzionamento dellaccessorio PR010/T consultare lapposito manuale duso. 13.18.2 Unit di segnalazione ABB SACE PR020/K Lunit di segnalazione PR020/K permette, collegata al bus interno del PR112/P, di segnalare tramite contatti puliti e di potenza lo stato delle funzioni di protezione e dellintervento del PR112/P stesso. Il PR020/K deve essere alimentato con 24Vdc 20%. Per il funzionamento/installazione dellaccessorio PR020/K consultare lapposito manuale duso . Lunit deve essere collegata al PR112 tramite bus interno con un cavo bifilare schermato cordato (vedi nota A al par. 11.2.2) di lunghezza massima 15m. Lo schermo va messo a terra sia sul lato interruttore che sul lato PR020/K. 13.18.3 Unit di alimentazione ABB SACE PR120/B Il PR120/B un unit di alimentazione supplementare a connessione frontale (tramite il connettore di test) Con questo accessorio, sempre fornito, possibile leggere e configurare i parametri dellunit PR112 qualsiasi sia lo stato dellinterruttore (apertochiuso, in posizione test o inserito, con/senza alimentazione ausiliaria). Al suo interno vi un circuito elettronico che consente lalimentazione allunit per circa 3h continuative per effettuare le sole operazioni di lettura ,configurazioni e test. Lautonomia decrementa, proporzionalmente allimpiego, se laccessorio PR120/B viene utilizzato anche per effettuare le funzioni del men Test (Trip test, Auto test).

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

53/132

13.19
13.19.1

Curve di intervento
Curve di intervento funzioni L-S-I

Le curve di intervento riportate sono indicative e rappresentano solo un sottogruppo delle possibilit selezionabili (par.13.15.2.2).

t [s]

10 4
0,4 1 0,4 1 0,6 10 0,6 3 144 10

10 3

10 2
1,5 15 1,5 15

t=

k I2

10

0,05 0,75

10 -1

10 -2
1SDC200110F0001 1SDC200111F0001

10 -3 10 -1 1 10 100 x In

13.19.2

Curve di intervento funzioni L-S-I

t [s]

10 4
0,4 1 0,4 1 0,6 10 0,6 3 144 10

10 3

10 2
1,5 15 1,5 15

t=k

10

10 -1

0,05 0,75

10 -2

10 -3 10 -1 1 10 100 x In

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

54/132

13.19.3

Curve di intervento funzione G

t [s]

10 4
0,2 1 0,2 1

10 3

10 2

10

t=

k I2

0,1 10 1

10 -1

10 -2

t=k
1SDC200112F0001

10 -3 10 -1 1 10 100 x In

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

55/132

14.

Sganciatore SACE PR112/PD Identificazione

Le unit PR112 disponibili dotate di unit di dialogo sono: PR112/PDM con protocollo Modbus PR112/PDL con protocollo Lon

14.1 Standard
Il PR112 /PDM stato progettato per lavorare in accordo con lo standard internazionale: IEC 60947-2 Apparechiature di bassa tensione. Interruttori automatici..

14.2

Note di sicurezza

Per un corretto utilizzo e gestione delle unit di protezione PR112 provviste di unit di dialogo con protocollo Modbus [PR112/PD] necessario considerare anche quanto riportato nei seguenti documenti: Manuali duso PR112/P (par.13) Per versione con protocollo Modbus PR112/PD Modbus System Interface - vedi par.14.3 (doc. n RH0295) Modbus installation guide line - vedi par.14.3 (doc. n RH0298) Per versione con protocollo Lon PR112/PD Lon Works System Interface - vedi par.14.3 (doc. n RH0251) Lon installation guide line - vedi par.14.3 (doc. n RH0297)

14.3 Note varie


A. Tutte le informazioni dettagliate sullinterfaccia di comunicazione (necessarie per lo sviluppo del sistema di supervisione e controllo da parte del System integrator) sono riportate nel documento RH0295. B. Tutte le informazioni dettagliate necessarie per la realizzazione dei collegamenti fisici esterni al rel di protezione, nonch le distanze massime dei cablaggi, il tipo di conduttore da utilizzaresono riportate nel documento RH0298. C. I seguenti sono trademarks di Modicon, Inc.: Modbus 984 P190 SM85 ModConnect BM85 RR85 SQ85 Modcom BP85 SA85 D. Tutte le informazioni dettagliate sullinterfaccia di comunicazione (necessarie per lo sviluppo del sistema di supervisione e controllo da parte del System integrator) sono riportate nel documento RH0251. E. Tutte le informazioni dettagliate necessarie per la realizzazione dei collegamenti fisici esterni al rel di protezione, nonch le distanze massime dei cablaggi, il tipo di conduttore da utilizzaresono riportate nel documento RH0297. F . Echelon, LON, LON WORKS, LonBuilder, NodeBuilder, LonManager, LonTalk, LonUsers, LonPoint, Neuron, 3120, 3150, il logo Echelon, e i loghi LonUsers sono trademarks di Echelon Corporation registrati negli Stati Uniti e negli altri paesi. LonLink, LonResponse, LonSupport, i.LON, LonWorld, Device Tone, ShortStack e LonMaker sono trademarks di Echelon Corporation.

14.4

Specifiche

14.4.1 Generalit In mancanza di alimentazione ausiliaria le funzionalit di comunicazione non sono attive. Le unit PR112 provviste di dialogo permettono ad un sistema di supervisione di acquisire informazioni e inviare comandi/parametri allunit di protezione e allinterruttore. Le informazioni disponibili sono: Dati trasmessi dal PR112/PD al sistema di supervisione 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 Parametri di protezione impostati Parametri di configurazione impostati Correnti di fase, neutro e terra Stato dellinterruttore (aperto-chiuso) Posizione dellinterruttore (connesso-isolato) Stato delle molle (cariche-scariche) Numero manovre meccaniche dellinterruttore, numero di trip complessivo e per ogni protezione Ultima corrente interrotta Usura contatti Stato delle funzioni di protezione (preallarme funz.L, temporizzazione funz. L, S, G) Funzione di protezione di sovratemperatura Stato comunicazione bus interno Intervento della protezione con riferimento temporale (solo per versione PR112/PDL) **

** Vedi par.14.3 nota A (per versione PR112/PDM) e nota D (per versione PR112/PDL) Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

56/132

Dati trasmessi dal sistema di supervisione al PR112/PD 1 2 3 4 Parametri di protezione (solo per PR112/PD) Comandi di apertura e chiusura dellinterruttore (solo per PR112/PD) Reset per intervento di alcune funzioni di protezione **

** Vedi par.14.3 nota A (per versione PR112/PDM) e nota D (per versione PR112/PDL)

14.4.1.1 Alimentazione ausiliaria In presenza di PR112 equipaggiati con unit di dialogo, i consumi dellunit sono differenti da quelli indicati per la sola unit di protezione. Nella tabella seguente sono riportati i valori da considerare. Caratteristiche Tensione di alimentazione Ripple massimo Inrush Current @ 24 V Start-up Current @ 24 V Nominal Current @ 24 V Nominal Power @ 24 V Versione PR112/PD 24V DC 20% 5% ~5A per 30ms ~1.0A per 150ms ~250mA ~6W

14.4.2 Ingressi/uscite 14.4.2.1 Ingressi binari optoisolati CB-Closed: Stato CB CB-Open: Stato CB (per controllo di congruenza con CB-Closed) CB-Springs: Stato molle CB-Position: Posizione CB 14.4.2.2 Contatti di uscita K51/YC: uscita a rel attivabile dallutente per la chiusura dellinterruttore K51/YO : uscita a rel attivabile dallutente per lapertura dellinterruttore Contatti monostabili, attivi solo in presenza di Vaux Massima corrente di commutazione: 3A 250V AC (0.2A 100V DC) Tensione di isolamento contatto-contatto : 1000 V AC 14.4.3 Bus di comunicazione Per versione con protocollo Modbus: Bus esterno protocollo Modbus RS485 2-Wire Twisted Pair, 19.2kbit/s max., connessione a bus differenziale (Vedi par.14.3 nota B). Per versione con protocollo LON Bus esterno protocollo LON 2-Wire Twisted Pair, 78 kbit/s, connessione a bus differenziale (Vedi par.14.3 nota E). 14.4.4 Funzioni di informazione Per accedere alle pagine seguenti vedere par.14.6.1. 14.4.4.1 Versione software ABB SACE PR112/D-M Sw: x.xx Questa pagina mostra quale la versione Software dellunit di dialogo del rel PR112/PD in oggetto. Ogni qualvolta si renda necessario comunicare ad ABB SACE eventuali problemi di funzionamento dellunit di dialogo bene citare la versione Sw dellunit (x.xx).

14.4.4.2 Neuron ID Per versione con protocollo LON Press <ENTER> to send the Service Pin message NeuId: xxxxxxxxxxxx

Vedi par. 14.5.3 Il Neuron ID (rappresentazione esadecimale) utilizzato in fase di installazione del nodo.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH00288001

Scala
N Pag.

57/132

14.4.4.3 Memorizzazione dati di apertura Manual Opens:xxxxx Prot. Trips: Other Trips: Trip Fails: L: xxxxx I: xxxxx T: xxxxx xxxxx xxxxx xxxxx Somma aperture dovute ad aperture manuali mediante pulsanti sul fronte del CB, comandi provenienti da bobina di apertura (YO) e minima tensione (MT). Somma aperture dovute alle protezioni (L, S, I, G,). Somma aperture dovute ai trip test. Somma eventuali mancati interventi a fronte di un guasto. Numero di trip dovuti rispettivamente alle protezioni L, S, I, G e T (temperatura).

S: xxxxx G: xxxxx

14.4.4.4 Parametri di comunicazione Per versione con protocollo LON Dom 0: xx S/N 0: xxx/xxx Dom 1: xx S/N 1: xxx/xxx Identificativo del dominio logico 0 Indirizzo logico del dispositivo nel dominio logico 0 Identificativo del dominio logico 1 Indirizzo logico del dispositivo nel dominio logico 1

Per versione con protocollo Modbus vedi par. 14.6.2.2 14.4.4.5 Stato ingressi ausiliari interruttore CB Status: xxxxx CB Springs: yyyyy CB Pos.: zzzzz Test YO/YC: k k k Stato dellinterruttore. Gli stati possibili sono: Open - Closed Error* Stato di carica delle molle. Gli stati possibili sono: Charged Discharged Posizione dellinterruttore. Gli stati possibili sono: Conn. Isol. Vedi par. 14.4.5

* La visualizzazione di Error indica una condizione di incongruenza (entrambi gli ingressi CB-Open e CB-Closed sono allo stesso stato logico)

14.4.5 Funzioni di comando CB Status : CB Springs: CB Pos. : Test YO/YC: xxxxx yyyyy zzzzz kkk Vedi par. 14.4.4.5 Vedi par. 14.4.4.5 Vedi par. 14.4.4.5 Funzione di comando per apertura e chiusura dellinterruttore mediante bobine YC e YO.

Per aprire linterruttore selezionare YO e quindi premere il pulsante TEST sul fronte del PR112/PD Per chiudere linterruttore selezionare YC e quindi premere il pulsante TEST sul fronte del PR112/PD 14.4.6 Interfaccia utente Legenda del frontale dellunit PR112/PD (integrazione della legenda relativa alla versione PR112/P):

Rifer. A B

Descrizione Led P fault relativo al funzionamento del Processore unit di dialogo. Led NETWORK legato allo stato attivit comunicazione (Tx) su bus esterno.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

58/132

14.4.6.1. Modalit Remoto e Locale Il PR112/PD pu operare in due modalit differenti, Locale o Remoto. 14.4.6.1.1 Modo operativo Locale In modalit locale : Parametrizzazione remota (ovvero da sistema di supervisione e controllo) non permessa (ad es. cambio settaggi delle funzioni di protezione) Comandi remoti non attuabili (ad es. apri, chiudi interruttore) Sono permesse le seguenti azioni: Lettura delle misure di corrente Lettura dei parametri di configurazione Lettura dei parametri di protezione Lettura dei parametri impostati per il controllo carichi Lettura delle informazioni relative allunit di protezione 14.4.6.1.2 Modo operativo Remoto In modalit remoto sono permesse tutte le seguenti azioni : Lettura delle misure di corrente Lettura dei parametri di configurazione Lettura dei parametri di protezione Lettura dei parametri impostati per il controllo carichi Lettura delle informazioni relative allunit di protezione Modifica dei parametri legati dellunit di protezione e di comunicazione Comandi di apertura e chiusura dell'interruttore 14.4.7 Settaggi di default Per versione con protocollo Modbus: Il PR112/PDM fornito da ABB SACE con i seguenti parametri di comunicazione predefiniti: Slave Addr. 255 (UNCONFIGURED) Baudrate 19.200 bit/s Modo operativo Locale Per versione con protocollo LON: Il PR112/PDL fornito da ABB SACE con i seguenti parametri di comunicazione predefiniti: Dominio [Dom] 0 1 Valore nessuno nessuno Subnet node[S/N] 0/0 0/0 Parity Even Addressing Standard

Modo operativo Locale

14.5 Messa in servizio


14.5.1 Collegamenti Per i collegamenti a cura dellutente si raccomanda di verificare quanto riportato al par.14.3. In questo modo saremo in grado di soddisfare tutte le norme di riferimento internazionali e garantire un perfetto funzionamento del rel anche in condizioni ambientali ed elettromagnetiche gravose. Tenere in particolare considerazione i tipi di cavo, le connessioni a terra e le distanze massime consigliate. In caso di sostituzione di un PR112/P con un PR112/PD necessario integrare i cablaggi mancanti sulla morsettiera (o contatti striscianti dellinterruttore) con quelli necessari per la funzione di dialogo nonch sostituire i connettori che dalla morsettiera si innestano al rel PR112. 14.5.2 Test Prima della messa in servizio consigliabile effettuare alcuni comandi di apertura, chiusura e reset dellinterruttore verificando anche la corretta indicazione dello stato dellinterruttore sul display (aperto-chiuso). E consigliabile inoltre verificare il corretto stato delle molle (cariche-scariche) nonch la posizione dellinterruttore (connesso-isolato). Per ulteriori dettagli vedere par. 14.4.4.5. 14.5.3 Settaggi iniziali ABB SACE definisce ogni settaggio dei parametri di comunicazione (vedi parametri di default in par. 14.4.7). Prescindendo da ci, assolutamente indispensabile che lutente, prima della messa in servizio del PR112, definisca con cura ogni parametro modificabile (vedi par.14.6.2). Per linstallazione del nodo LON possibile inviare il Service Pin Message accedendo alla relativa pagina e premendo il tasto ENTER sul fronte del PR112/PD (vedi par. 14.4.4.2).

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH00288001

Scala
N Pag.

59/132

14.6 Istruzioni operative/funzionamento in esercizio


14.6.1 Men Per versione con protocollo Modbus: Come gi visto precedentemente, il PR112 utilizza il display per visualizzare messaggi, dati e men. Questi sono organizzati in modo logico e intuitivo. Per comodit dellutente, si riportano di seguito tutte le schermate aggiuntive visibili con PR112/PD.

CURRENT L1:xxxxxA L2:xxxxxA L3:xxxxxA Ne:xxxxxA Ground:xxxxxA 1.Config./Program 2.Ammeter 3.Test 4.Other Functions

ESC *

1.CB Info 2.Network Info 3.Information

ABB SACE PR112/D-M Sw: x.xx

Slave Addr.: xxx Baudrate : xxxxx Parity : xxxx Addressing : xxx

1.CB I/O 2.CB Data 3.Protection Trips

CB Status : xxxxx CB Springs: yyyyyyy CB Pos. : zzzzz Test YO/YC: kkk

Manual Opens : xxxxx Prot. Trips : xxxxx Other Trips : xxxxx Trip Fails : xxxxx

L: xxxxx S: xxxxx I: xxxxx G: xxxxx T: xxxxx

* Per ritornare alla pagina precedente premere ESC

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

60/132

Per versione con protocollo LON: Come gi visto precedentemente, il PR112 utilizza il display per visualizzare messaggi, dati e men. Questi sono organizzati in modo logico e intuitivo. Per comodit dellutente, si riportano di seguito tutte le schermate aggiuntive visibili con PR112/PD.

CURRENT L1:xxxxxA L2:xxxxxA L3:xxxxxA Ne:xxxxxA Ground:xxxxxA 1.Config./Program 2.Ammeter 3.Test 4.Other Functions

ESC *

1.CB Info 2.Network Info 3.Information ABB SACE PR112/D-L Sw: x.xx

1.Service Pin 2.Network Config Dom 0: xx S/N 0: xxx/xxx Dom 1: xx S/N 1: xxx/xxx

Press <ENTER> to send the Service Pin message Neuld: xxxxxxxxxxxx

1.CB I/O 2.CB Data 3.Protection T rips

CB Status CB Springs CB Pos. Test YO/YC

: : : :

xxxxx yyyyy zzzzz kkk

Manual Opens Prot. Trips Other Trips Trip Fails

: : : :

xxxxx xxxxx xxxxx xxxxx

L: xxxxx I: xxxxx T: xxxxx

S: xxxxx G: xxxxx

* Per ritornare alla pagina precedente premere ESC

14.6.2 Modifica parametri Le informazioni per la modifica dei vari parametri sono riportate sulla parte PR112/P del manuale duso. 14.6.2.1 Modifica configurazione di base Con PR112/PD, nel men Config./Program viene visualizzata un'ulteriore pagina.

D configuration Operating Mode: xxx Wait Rem-> Loc: yyy

Propriet / funzione Operating Mode Wait Rem -> Loc

Valori selezionabili Rem-Loc On-Off

Descrizione Vedi par. 14.4.6.1 Attesa da parte dell'unit di protezione interna al PR112, del consenso da unit di comunicazione (sempre interna al PR112) per il passaggio da modalit remoto a locale.

14.6.2.2 Modifica parametri di comunicazione Per versione con protocollo Modbus:

Slave Addr.: xxx Baudrate : xxxxx Parity : xxxx Addressing : xxx

Propriet / funzione Slave Addr. Baudrate Parity Addressing

Valori selezionabili 1247 e 255* 9600-19200 bit/s Even-Odd Standard-ABB SACE

Descrizione Indirizzo logico del dispositivo. Velocit di trasmissione dati. Modalit di controllo dati trasmessi. Tipo di indirizzamento dei dati Modbus.

* Slave Addr. = 255 significa unit non configurata.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH00288001

Scala
N Pag.

61/132

14.6.3 Segnalazioni 14.6.3.1 Segnalazioni ottiche Segnalazione Led P Fault [COMMUNICATION] Led Network [COMMUNICATION] Descrizione (rosso) Microprocessore dellunit di dialogo con guasto temporaneo o permanente. (giallo) Lattivit di comunicazione (Tx) tra il rel PR112 ed il sistema di supervisione remoto attiva (lampeggio rapido).

14.7 Ricerca guasti


Nella tabella seguente sono raccolte una serie di situazioni tipiche di esercizio, utili per capire e risolvere ipotetici guasti o malfunzionamenti. Nota bene: 1. Prima di consultare la seguente tabella, verificare per alcuni secondi leventuale segnalazione di messaggi di errore sulla prima linea del display. 2. FN indica un funzionamento normale del PR112. 3. Nel caso i suggerimenti proposti non portino alla soluzione del problema, vi preghiamo di contattare il servizio di assistenza ABB SACE. N Situazione
1 Non c attivit di comunicazione seriale con il sistema di supervisione remoto Errata indicazione dello stato interruttore, posizione interruttore e stato molle. Impossibilit a inviare comandi di apertura e/o chiusura dellinterruttore

Possibili cause
1. Errato cablaggio delle connessioni 2. Manca la tensione ausiliaria 3. Parametri di comunicazione errati Errato cablaggio delle connessioni 1. Errato cablaggio delle connessioni 2. Mancanza di alimentazione alle bobine di apertura e/o chiusura

Suggerimenti
1. Verificare le connessioni 2. Ripristinare la tensione ausiliaria 3. Impostare i parametri corretti Verificare le connessioni 1. Verificare le connessioni 2. Ripristinare la tensione di alimentazione Impostare lunit in Locale Impostare lunit in Remoto

2 3

4 5 6 7

Impossibilit a modificare i parametri del PR112 e/o Lunit impostata in Remoto effettuare comandi di aper./chius. da tastiera frontale. Impossibilit a modificare i parametri del PR112 e/o inviare comandi di apertura/chiusura da remoto. Messaggio No Int. Bus Comm sul display Mancato aggiornamento dei dati di apertura Lunit impostata in Locale

Manca attivit di comunicazione tra unit di pro- Contattare ABB SACE tezione e unit di comunicazione interne PR112. Vaux non presente durante il trip. FN

14.8 Messaggi di warning e di errore


Per versione con protocollo Modbus: Di seguito vengono descritti tutti quei messaggi visualizzabili sul display inerenti a errate configurazioni, ad allarmi generici o legati a informazioni utili. Errate configurazioni Messaggio MODBUS not config. V_AUX OFF: Comm. OFF NO Int. Bus Comm. NOT available CB Status Unknown MODBUS Wink Descrizione Lunit di dialogo non ha lindirizzo settato (set di default ABB) Il bus di comunicazione non funzionante perch manca la tensione ausiliaria. Manca comunicazione tra lunit di protezione e lunit di dialogo interne al PR112/PD. La funzionalit richiesta non disponibile. Vedere par.14.4.4.5 E stata attivata la modalit di Wink. In questa condizione la retroilluminazione del display intermittente.

Per versione con protocollo LON: Di seguito vengono descritti tutti quei messaggi visualizzabili sul display inerenti a errate configurazioni, ad allarmi generici o legati a informazioni utili. Errate configurazioni Messaggio LON not config. V_AUX OFF: Comm. OFF NO Int. Bus Comm. NOT available CB Status Unknown LON Wink Descrizione Lunit di dialogo non ha i parametri di comunicazione settati (set di default ABB) Il bus di comunicazione non funzionante perch manca la tensione ausiliaria. Manca comunicazione tra lunit di protezione e lunit di dialogo interne al PR112/PD. La funzionalit richiesta non disponibile. Vedere par.14.4.4.5 E stata attivata la modalit di Wink. In questa condizione la retroilluminazione del display intermittente.

14.9 Accessori
Vedi paragrafo 13.18.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

62/132

15.

Sganciatore SACE PR113/P Identificazione

Le unit PR113 disponibili secondo le normative IEC sono: PR113/P (LSIG) PR113/PD (LSIG dotato di scheda di comunicazione).

15.1 Standard
Il PR113 /P stato progettato per lavorare in accordo con lo standard internazionale : IEC 60947-2 Apparecchiature di bassa tensione. Interruttori automatici.

15.2

Specifiche

15.2.1 Generalit Lunit PR113 ununit di protezione autoalimentata ad alte prestazioni con funzioni di Protezione, Misura, Autocontrollo, Segnalazione, Test , Controllo dellInterruttore, Comunicazione e Memorizzazione per interruttori di Bassa Tensione di tipo aperto tripolari e tetrapolari ABB SACE serie EMAX Le protezioni disponibili sono: Simbolo L S D I G U OT K UV OV RV RP Iinst Protezione da sovraccarico a tempo lungo dipendente cortocircuito con ritardo regolabile cortocircuito direzionale con ritardo regolabile cortocircuito istantaneo guasto a terra con ritardo regolabile sbilanciamento di fasi temperatura fuori range controllo carichi minima tensione massima tensione tensione residua inversione di potenza attiva cortocircuito istantaneo ultrarapido (per alte correnti)

Il PR113 pu essere installato sia su CB tripolari, tripolari con neutro esterno o tetrapolari. Da notare che la corrente di riferimento, per il PR113, la In (corrente nominale dei TA montati nel CB) e non la Iu (corrente nominale ininterrotta del CB stesso. Esempio: il CB E1B800 con TA da 250 A, ha una Iu di 800A e una In da 250 A. Lunit opera lapertura dellinterruttore, in cui integrata, tramite lSA, che agisce direttamente sul leverismo meccanico dellapparecchio. I TA forniscono al rel sia lenergia, per autoalimentarsi, che il segnale per calcolare la corrente circolante nelle sbarre del CB. Il funzionamento in autoalimentazione garantito per qualsiasi funzione di protezione e di settaggio definibile dallutente. Alcune funzioni supplementari, ad esempio la SdZ, necessitano dellalimentazione ausiliaria esterna. Per maggiori informazioni riguardo lautoalimentazione e lalimentazione ausiliaria vedi par. 15.2.2. I TV forniscono i segnali utilizzati per le funzioni di protezione e per le misure, di tensione e potenza (vedi par. 15.3.2).

La lunghezza massima dei cablaggi TV - PR113 non deve superare i 15 metri. Utilizzare cavo bifilare schermato cordato (vedi nota A al par. 11.2.2). Lo schermo va connesso a terra da entrambi i lati.

Utilizzare TV con schermo, connesso a terra (vedi nota A al par. 15.3.2.1).

L'unit realizzata con tecnologia digitale a microprocessore e s'interfaccia all'utente con un display grafico e tastiera di comando a membrana. I parametri delle protezioni ed in generale le modalit di funzionamento dell'unit sono completamente programmabili dall'utente, in diverse lingue.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

63/132

15.2.2 Caratteristiche elettriche Frequenza nominale di lavoro Banda passante Fattore di picco MTBF (MIL-HDBK-217E)

50/60 Hz 10% 1200 Hz max 2.1 max @ 4 In 15 anni @ 45C

15.2.2.1 Autoalimentazione Tutte le funzioni di protezione sono funzionanti senza alimentazione ausiliaria esterna, difatti lautoalimentazione garantita dai TA installati nel CB. Corrente di sbarra minima per accensione relay: 0.35xIn con corrente monofase 0.20xIn con corrente bifase 0.15xIn con corrente trifase Corrente di sbarra minima per accensione display (non retroilluminato): 0.50xIn con corrente monofase 0.30xIn con corrente bifase 0.20xIn con corrente trifase Il tempo di accensione del display di circa 3 secondi. 15.2.2.2 Alimentazione ausiliaria L alimentazione ausiliaria garantisce il funzionamento del PR113 in qualsiasi condizione, anche con CB aperto o con corrente circolante inferiore ai valori richiamati nel paragrafo precedente. Una improvvisa caduta o perdita della Vaux non ha nessuna influenza sulle funzioni di protezione, poich, se interessate ad una corrente di guasto, questa garantisce lautoalimentazione. La Vaux necessaria per alcune particolari funzioni/prestazioni (es. SdZ, comunicazione, retroilluminazione del display ). Il tempo di andata a regime del PR113, dal momento di inserzione della Vaux circa 5 s . Essendo richiesta una Vaux isolata da terra, necessario utilizzare convertitori galvanicamente separati conformi alle norme IEC 60950 (UL 1950) o sue equivalenti [che garantiscano una corrente di modo comune o corrente di fuga (vedi IEC 478/1, CEI 22/3) non superiore a 3,5mA], IEC 60364-41 e CEI 64-8. Caratteristiche Tensione di alimentazione Ripple massimo Inrush Current @ 24 V Start-up Current @ 24 V Nominal Current @ 24 V Nominal Power @ 24 V Versione PR113/P 24V DC 20% 5% ~3A per 30ms ~1.0A per 150ms ~200mA ~5W

15.2.3 Caratteristiche ambientali Temperatura di funzionamento Temperatura dimmagazzinamento Umidit Relativa Grado di protezione (con PR113 installato nel CB)

-25C ... +70C -40C ... +90C 0% ... 98% con condensazione IP 30

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

64/132

15.2.4 Ingressi/uscite 15.2.4.1 Ingressi binari optoisolati CB-Closed: K51/SZin (K51/DFin): K51/Gzin (K51/DBin): 15.2.4.2 Uscite binarie optoisolate K51/SZout (K51/DFout): K51/GZout (K51/DBout):

Stato CB Ingresso SdZ S (o FW in, per SdZ funzione Direzionale) Ingresso SdZ G (o BW in, per SdZ funzione Direzionale)

Uscita SdZ S (o FW out, per SdZ funzione Direzionale) Uscita SdZ G (o BW out, per SdZ funzione Direzionale)

15.2.4.3 Contatti di uscita K51/p1: uscita a rel programmabile dallutente K51/p2: uscita a rel programmabile dallutente K51/P: uscita a rel per segnalazione di microprocessore guasto Contatti monostabili, attivi solo in presenza di Vaux; Massima corrente di commutazione: 3A 250V AC (0.6A 100V DC). Tensione di isolamento contatto-contatto : 1000 V AC K51/Y01: uscita a rel per segnalazione di scattato rel Contatto bistabile, attivo anche in autoalimentazione; Massima corrente di commutazione: 0.5A 125V AC (0.3A 110V DC). Tensione di isolamento contatto-contatto : 750 V AC

15.2.5 Bus di comunicazione Bus interno RS485, baud rate 38.400 bps, protocollo ABB SACE. 15.2.6 Funzioni di protezione Lunit di protezione PR113 realizza 13 funzioni di protezione indipendenti. In particolare: 1. Protezione da sovraccarico a tempo dipendente L; 2. Protezione da cortocircuito con ritardo regolabile S; 3. Protezione da cortocircuito Direzionale con ritardo regolabile D; 4. Protezione da cortocircuito istantaneo I; 5. Protezione da guasto a terra con ritardo regolabile G; 6. Protezione da sbilanciamento di fasi U; 7. Protezione da sovratemperatura OT; 8. Protezione controllo carichi K (#) 9. Protezione da minima tensione UV; 10. Protezione da massima tensione OV; 11. Protezione da tensione residua RV; 12. Protezione da inversione di potenza attiva RP . 13. Protezione a soglia fissa da cortocircuito istantaneo Iinst; (#) :La protezione K, utilizzata per il controllo carichi, formata da due curve predefinite con correnti di soglia e tempi di intervento inferiori a quelli selezionabili con la protezione L, che possono essere utilizzate per due applicazioni differenti: 1. distacco di due carichi distinti; 2. attacco e distacco di un carico Tale protezione permetteno di staccare singoli carichi prima che la protezione per sovraccarico L intervenga ad aprire in via definitiva linterruttore. una funzione disponibile solo in presenza di alimentazione ausiliaria. Lunit PR113 consente lelaborazione del segnale amperometrico del polo neutro con diversi rapporti rispetto al valore delle fasi. Nota bene: Oltre 15.5xIn di corrente sul Ne la protezione stessa viene considerata settata al 100%. Sul display dellunit prevista una indicazione (messaggio + led emergency) che si attiva durante un allarme per protezione; la stessa si disattiva al rientro dellallarme o a protezione intervenuta. Allapertura dellinterruttore tramite l SA (vedi nota C al par. 11.2.2) viene chiuso il contatto elettrico di protezione intervenuta (K51/Y01) e girata la corrispondente bandierina magnetica gialla; in presenza di alimentazione ausiliaria viene anche visualizzata la pagina aperture con i dati del trip appena avvenuto (vedi par. 15.2.9.2) ed acceso il led Trip. Le segnalazioni (K51/Y01, bandierina e led Trip) vengono resettate alla pressione del tasto RESET (il led Trip viene spento anche dallo spegnimento dellunit). Per le protezioni a tempo fisso con ritardo regolabile la relazione implementata la seguente: t = k. Per le protezioni a tempo dipendente la relazione tra tempo dintervento e sovracorrente data dalla formula: t = k / I2 . Calcolo RMS e Picco Le funzioni di protezione L, S, D, U, G e RP eseguono la rispettiva elaborazione sulla base del vero valore efficace delle correnti secondarie dei TA fino a 6 In (la protezione G viene disabilitata per correnti di fase maggiori di 4xIn). Per correnti superiori a 6xIn, e per la funzione I, lelaborazione viene eseguita tenendo conto del valore di picco diviso 2 (si considera quindi la forma donda sinusoidale); ci per ragioni di incompatibilit fra il tempo di scatto ed il tempo di calcolo del valore efficace. Se la forma donda ha deformazione superiore al limite dichiarato (2.1@4In) la tolleranza del calcolo del vero valore efficace aumenter. Le protezioni di tensione UV, OV, RV lavorano sempre sulla base del vero valore efficace delle tensioni secondarie fornite dai TV.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

65/132

15.2.6.1 Protezione L La protezione L lunica non disabilitabile in quanto realizza unautoprotezione da sovraccarichi del relay stesso. I tipi di curve dintervento impostabili sono distinti in due gruppi a seconda della norma alla quale fanno riferimento.

Curva dintervento standard secondo IEC 60947-2


Il tipo di curva impostabile (t=k/I2 ) unico e definito dalla norma IEC 60947-2. Il tempo di intervento della protezione, tempo dipendente, dato dallespressione.

max

(I

9 t1
f

I1 )

, 0.75 p per I 12In , 0.75 s p per I f > 12In dove If la corrente di guasto e I 1 la soglia della protezione. f

NB: Tempo espresso in secondi.

Curva dintervento standard secondo IEC 60255-3


I tipi di curve impostabili sono 3 e definite dalla norma IEC60255-3 come A, B e C. Il tempo di intervento della protezione, tempo dipendente, dato dallespressione

t=

(I ) 1

dove

I=

If I1

NB: Tempo espresso in secondi.

If la corrente di guasto e I1 la soglia della protezione; impostata dallutente. a e k sono due parametri, suggeriti dalla norma, che variano con il tipo di pendenza selezionata (es. per pendenza di tipo B a = 1 e k = 13,5); b un parametro introdotto da SACE per aumentare il numero di curve con la stessa pendenza.
15.2.6.1.1 Memoria termica L possibile abilitare la funzionalit di memoria termica per la protezione cavi; si basa sul parametro L definito come il tempo di intervento della curva (t1) scelta a 1.25xI1. Il tempo di intervento dello sganciatore sicuramente il 100% di quello selezionato dopo che trascorso un tempo di L dallultimo sovraccarico o dallultimo intervento; altrimenti il tempo di intervento verr ridotto dipendentemente dal sovraccarico avvenuto e dal tempo trascorso. Il PR113 dotato di due strumenti per realizzare questa memoria termica; il primo lavora solamente quando lo sganciatore alimentato (ricorda sovraccarichi che non sono durati fino a provocare lintervento dello sganciatore) mentre il secondo lavora anche quando lo sganciatore non alimentato (riduce gli eventuali tempi di intervento in caso di immediata richiusura). Automaticamente lo sganciatore PR113 che decide quale delle due utilizzare in funzione delle varie situazioni. NB: La funzione di memoria termica impostabile solo se il tipo di curva selezionata quella standard (t=k/I2) (vedi par. 15.2.6.1). 15.2.6.2 Protezione S La protezione, disabilitabile, pu essere a tempo fisso ( t = k ) o tempo dipendente; in questultimo caso il tempo di intervento dato dallespressione

100 t 2 max , t 2 per 2 (I f )

I f > I2

dove If la corrente di guasto e I 2 la soglia della protezione. NB: Tempo espresso in secondi.

15.2.6.2.1 Memoria termica S possibile abilitare la funzionalit di memoria termica per la protezione cavi nel caso sia selezionata la curva a tempo dipendente; si basa sul parametro tS definito come il tempo di intervento della curva (t2) scelta a 1.5xI2. Le altre caratteristiche sono uguali a quelle per la memoria termica L (vedi par.15.2.6.1.1). 15.2.6.2.2 Soglia di start-up S possibile selezionare la funzionalit di start-up nel caso sia selezionata la curva a tempo fisso. La funzionalit disabilitata selezionando [-----] al parametro StartUp nella pagina della protezione S. Il tempo di validit della soglia di start-up dipende da quanto impostato per il parametro ts nella pagina di abilitazione generale della funzione di START-UP (vedi par.15.4.2.2); se qui la funzione posta in [Off], la soglia di start-up disabilitata per tutte le protezioni. La funzione di start-up permette la modifica della soglia della protezione (S, D, I e G) durante un intervallo di tempo di durata pari a ts a partire dallo start-up; questultimo da intendersi nel modo seguente: Accensione del relay, in autoalimentazione; Passaggio del valore di picco della corrente massima sopra 0.1xIn; possibile un nuovo start dopo che la corrente scesa sotto 0.1xIn.

It h

Soglia di Start Up I2

Soglia I2 Start Up

Tempo Programmato ts Tempo di Start-up Il tempo di start-up unico per tutte le protezioni interessate. Range: 0.1 s 1.5 s, con step di 0.05 s. Tolleranza : 20%.
Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

66/132

15.2.6.2.3 Selettivit di zona S possibile abilitare la funzionalit di selettivit di zona nel caso sia selezionata la curva a tempo fisso e sia presente lalimentazione ausiliaria. La realizzazione viene effettuata connettendo fra loro tutte le uscite di selettivit di zona (ZSO=K51/SZout) degli sganciatori appartenenti alla stessa zona e portando questo segnale allingresso di selettivit di zona (ZSI=K51/SZin) dello sganciatore immediatamente a monte. Se loperazione di cablaggio stata svolta correttamente devono risultare vuoti tutti gli ingressi di selettivit di zona degli ultimi interruttori della catena e tutte le uscite degli interruttori in testa a ciascuna catena.

RELAY 0
ZSI0 ZSO1 ZSO2 ZSI2 ZSO1b

ZSOn

RELAY 1
ZSI1 ZSO 1a

RELAY 2

RELAY n
ZSIn

RELAY 1a

RELAY 1b

Area 2

Area n

Area 1

La funzione di selettivit di zona permette di isolare larea di guasto sezionando limpianto solo al livello pi vicino al guasto, mantenendo operativo il resto dellimpianto. Cos un guasto a valle del Relay 1a verr sezionato da questultimo senza che Relay 1 e Relay 0 intervengano; un guasto appena a valle del Relay 1 verr sezionato da questultimo senza che Relay 0 intervenga garantendo che le Aree 2n restino attive. Il segnale ZSI in grado di essere collegato fino a 20 unit in parallelo (al rispettivo segnale ZSO). Luscita ZSO pu essere collegata al massimo a 3 ZSI di relay a monte nella catena di selettivit. La lunghezza massima dei cablaggi per la selettivit di zona, tra due unit, di 300 metri. Utilizzare cavo bifilare schermato cordato (vedi nota A al par. 11.2.2). Lo schermo va messo a terra solo sullinterruttore del rel a monte (lato ZSI). Il cablaggio e labilitazione della selettivit di zona S in alternativa a quello della protezione D ed il funzionamento garantito solo in presenza di tensione ausiliaria. Viene implementata la seguente tabella logica per gestire i segnali di Selettivit di Zona Input (ZSI) e Selettivit di Zona Output (ZSO):

Selettivit di Zona Esclusa Esclusa Esclusa Esclusa Inserita Inserita Inserita Inserita

Imax > I2 NO NO SI SI NO NO SI SI

Segnale ZSI 0 1 0 1 0 1 0 1

Segnale ZSO 0 0 0 0 0 1 1 1

T di intervento t2 Nessun intervento Nessun intervento t2 programmato t2 programmato Nessun intervento Nessun intervento tselettivit t2 programmato

Come visto al par.15.4.2.2, possibile impostare il tempo tselettivit (40 ... 200ms); limpostazione [tpgr] per il parametro pone t selettivit = t2 (utile per i relay alla base della catena di selettivit). 15.2.6.3 Protezione Direzionale D Lunit PR113 realizza la protezione direzionale da cortocircuito escludibile a tempo fisso (t = k) regolabile attiva sia in autoalimentazione che in ausiliaria. La funzionalit della protezione molto simile alla protezione S a tempo fisso con in pi la capacit di riconoscere la direzione della corrente durante il periodo di guasto. per una protezione delle fasi e non del neutro. La direzione della corrente permette di rilevare se il guasto a monte o a valle dellinterruttore; questo soprattutto in sistemi di distribuzione ad anello permette di individuare il tratto di distribuzione dove avvenuto il guasto e sezionarlo senza inficiare sul resto dellimpianto (utilizzando la selettivit di zona). La direzione viene rilevata solo nel caso in cui il valore massimo delle potenze reattive di fase sia maggiore del 2% della potenza nominale di fase (PQ > 2% P nfase ).

CB I V Z
Carico induttivo/resistivo

Soddisfatte queste condizioni si definisce la direzione nel modo seguente: potenza reattiva positiva direzione forward; potenza reattiva negativa direzione backward. Nel disegno a fianco la direzione della corrente forward (PQ >0). Per quanto riguarda i tempi di intervento possibile impostarne due diversi [Bw, Fw] a seconda che la direzione di intervento selezionata della corrente sia backward o forward.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

67/132

Il funzionamento, con selettivit di zona disattivata, il seguente: Se Imax > I7 e direzione corrente rilevata direzione impostata nessun allarme; Se Imax > I7 e direzione corrente rilevata = direzione impostata temporizza e apre; Se Imax > I7 e direzione corrente non rilevabile temporizza e apre considerando come direzione quella selezionata col parametro Direction. Nota bene: La protezione D considera sempre I neutro (Neutral sel.) = 100%. La protezione D non disponibile con TA 250 e 400 A. Vedi avvertenze par. 15.3.2. 15.2.6.3.1 Soglia di start-up D La funzionalit disabilitata selezionando [-----] al parametro StartUp nella pagina della protezione D. Il comportamento della funzionalit identico a quello descritto per la protezione S (vedi par. 15.2.6.2.2). 15.2.6.3.2 Selettivit di zona D La selettivit di zona D pu essere settata [On] solo nel caso in cui la selettivit di zona S e G siano settate in [Off] e sia presente lalimentazione ausiliaria. Essa utilizza 4 segnali, due output e due input: DFin (K51/DFin), DFout (K51/DFout) per la segnalazione nel caso di direzione forward della corrente di guasto; DBin (K51/DBin), DBout (K51/DBout) per la segnalazione nel caso di direzione backward della corrente di guasto. Con selettivit di zona attivata, se non viene determinata la direzione, la protezione interviene considerando il tempo programmato minore tra forward e backward e senza attivare nessuna uscita (DFout o DBout). Per il funzionamento con selettivit di zona risulta ininfluente il settaggio del parametro Direction. La configurazione tipica del sistema di interruttori per cui si prevede lutilizzo della selettivit di zona D quella ad anello come esemplificata nella figura seguente.

Relay 3
Generatore

DF3in
Dir. Forward 1

DB3out

DF3out DB3in

Carico B

DF1out

DB1in DB1out DF1in

DB2out DF2in DB2in DF2out

Relay 1

Relay 2

Carico A Guasto Nel caso in cui venga rilevato un guasto su una delle sezioni del sistema (Carico A), gli interruttori di terminazione della sezione stessa (Relay1 e Relay2) comunicano agli interruttori collegati (Relay3) la presenza del guasto settando i segnali duscita DFout o DBout in base alla direzione della corrente (DFout1=On, DB2out=On). In particolare gli interruttori che limitano la sezione del guasto vedono la direzione della corrente di guasto in modi diversi (Relay1 forward e Relay2 backward). Gli interruttori delimitanti la sezione interessata dal guasto intervengono con il tempo della selettivit ts (130 ... 500ms) mentre gli interruttori collegati temporizzano con tempo t7 (Relay3); in questo modo il sistema viene sezionato escludendo la regione del guasto. 15.2.6.4 Protezione I La protezione, disabilitabile, realizzata con ritardo intenzionale nullo. Nel caso sia attiva la selettivit di zona S (o D), durante lintervento del relay per I viene comunque attivato il segnale di uscita ZSO (o DFW e BFW), per garantire il corretto funzionamento dei relay a monte (e a valle). 15.2.6.4.1 Soglia di start-up I E possibile selezionare la funzionalit di start-up. La funzionalit disabilitata selezionando ----- al parametro StartUp nella pagina della protezione I. Il comportamento della funzionalit identico a quello descritto per la protezione S (vedi par. 15.2.6.2.2).

Mod.

L0849

Dir. Backward 1

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

68/132

15.2.6.5 Protezione G La protezione, disabilitabile, pu essere a tempo fisso ( t = k ) o tempo dipendente; in questultimo caso il tempo di intervento dato dallespressione

2 max , t 4 dove If la corrente di guasto e I4 la soglia della protezione. 2 (I I ) f 4


NB: Tempo espresso in secondi. possibile disabilitare il comando di trip della protezione (Trip: Off). Per tutta la durata del guasto a terra non si verificher lapertura del CB ma verr solo segnalata la condizione di allarme (led emergency acceso e messaggio di allarme). Lunit PR113 in grado di fornire due diversi tipi di protezione a guasto a terra: Protezione G interna realizzata internamente al relay sommando vettorialmente le correnti di fase e di neutro. La corrente di guasto definita dalla seguente formula

I G = I1 + I 2 + I 3 + I NE
Nel caso in cui il circuito non presenti nessun guasto il modulo della sommatoria di tali correnti sempre nulla, viceversa il valore della corrente di guasto assumer un valore sempre pi grande dipendentemente dallentit del guasto. Per lavorare con questa modalit necessario impostare Tor.selec.: Int.

Protezione G con trasformatore toroidale esterno Source Ground Return Chiamata anche Source Ground return, realizzabile quando si ha la necessit di controllare il funzionamento di una macchina (trasformatore o generatore o motore ecc.) che abbia gli avvolgimenti configurati a stella. La protezione effettuata posizionando fisicamente un trasformatore toroidale esterno sul cavo collegato dal centro stella della macchina al punto di connessione a terra. La corrente indotta sullavvolgimento del toroide proporzionale alla corrente di guasto che in questo caso transita esclusivamente nel suddetto toroide. Per lavorare con questa modalit necessario impostare Tor.selec.Ext.
Il toroide esterno deve essere collegato al PR113 tramite cavo bifilare schermato cordato (vedi nota A al par. 11.2.2) di lunghezza non superiore a 15m. Lo schermo va messo a terra sia sul lato interruttore che sul lato toroide. indispensabile che il centro stella sia connesso francamente a terra e che lo stesso non sia utilizzato anche come conduttore di neutro (come nel sistema TNC) realizzando una protezione secondo il sistema TT. I valori nominali dei sensori amperometrici disponibili sono riportati in par.15.4.2.1. In autoalimentazione monofase la protezione G attiva solo se la corrente primaria maggiore di 0.4xIn. Quando il valore della corrente di fase superiore a 4xIn , la funzione G si autoesclude poich in questo caso sono le altre protezioni ad intervenire in quanto il guasto considerato di fase. 15.2.6.5.1 Soglia di start-up G possibile selezionare la funzionalit di start-up nel caso sia selezionata la curva a tempo fisso. La funzionalit disabilitata selezionando - al parametro StartUp nella pagina della protezione G. Il comportamento della funzionalit identico a quello descritto per la protezione S (vedi par.15.2.6.2.2). 15.2.6.5.2 Selettivit di zona G possibile abilitare la funzionalit di selettivit di zona nel caso sia selezionata la curva a tempo fisso e sia presente lalimentazione ausiliaria. Il cablaggio e labilitazione della selettivit di zona G in alternativa a quello di D ed il funzionamento garantito solo in presenza di tensione ausiliaria. La selettivit di zona G pu essere attiva contemporaneamente alla selettivit di zona S poich gli ingressi e le uscite sono indipendenti (ZSI=K51/ GZin e ZSO=K51/Gzout). Il comportamento ed il cablaggio della funzione sono identici a quelli indicati per la selettivit di zona S (vedi par.15.2.6.2.3). 15.2.6.6 Protezione da sbilanciamento di fasi U La protezione a tempo fisso, escludibile, interviene nel caso in cui per un tempo maggiore o uguale al tempo t6 impostato viene rilevato uno sbilanciamento tra due o pi fasi maggiore della soglia settata I6. La percentuale di sbilanciamento cosi calcolata % Sbil. =

I max I min 100 dove Imax la corrente di fase massima e Imin la minima. I max

possibile disabilitare il comando di trip della protezione (Protection Trip: Off). In tal caso per tutta la durata dello sbilanciamento non si verificher lapertura del CB ma verr solo segnalata la condizione tramite led warning acceso e messaggio di avvertimento. Quando il valore della corrente di fase superiore a 6xIn , la funzione U si autoesclude poich in questo caso sono le altre protezioni ad intervenire in quanto il guasto considerato di fase. Per valori di corrente di fase massima minore di 0.3xIn la protezione non abilitata.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

69/132

15.2.6.7 Protezione da sovratemperatura interna al rel OT Allinterno dellunit PR113 posto un sensore che monitora la temperatura dellunit. Ci consente di segnalare la presenza di temperature anomale le quali potrebbero comportare malfunzionamenti temporanei o continuativi dei componenti elettronici dellunit. Tale protezione prevede due stati di funzionamento: Stato di WARNING TEMPERATURE con ed il led TEMP lampeggia. Stato di ALARM TEMPERATURE con

25C < temp. < -20C temp. < 25C

o
oppure

70C < temp. < 85C; temp. > 85C;

il display viene spento

il display viene spento, il led

TEMP rimane acceso e viene attivato il Trip (se abilitato, tramite il parametro Over Temper. Trip = On). La precisione sulla misurazione della temperatura di 1C (range di misurazione 40C+125C). Nota bene: In caso di Warning e Alarm, il display viene spento momentaneamente, per preservarne la funzionalit. La temperatura monitorata non visibile sul display. La protezione sempre attiva, sia in ausiliaria che in autoalimentazione. Disabilitare il comando di Trip della protezione fa si che lunit PR113 potrebbe lavorare, con interruttore chiuso, in range di temperatura dove non garantito il corretto funzionamento dellelettronica.

15.2.6.8 Funzione Controllo carichi K Vi sono due curve di protezione distinte con correnti di soglia e tempi di intervento inferiori a quelli selezionabili con la protezione L, utilizzabili per le due applicazioni:
1. distacco di due carichi distinti (2 curve a tempo dipendente t = k/I2); 2. attacco e distacco di un carico (curva a ritardo regolabile t= k per lattacco ed a tempo dipendente t= k/I2 per il distacco)

Tali protezioni permettono di attaccare/staccare singoli carichi prima che la protezione per sovraccarico L intervenga ad aprire in via definitiva linterruttore. Le protezioni di distacco utilizzano curve di intervento simili a quelle utilizzate dalla protezione L, con per soglie inferiori e tempi minori. Le curve di riferimento sono quelle della protezione L. Non prevista la presenza di una memoria termica; il funzionamento con memoria termica di L inserita potrebbe causare comportamenti anomali. La protezione Controllo carichi realizzata attraverso i contatti rel a bordo dellunit PR113 (K51/p1 e K51/p2 da configurare) oppure attraverso i contatti forniti dallunit di segnalazione accessoria PR020/K (par. 15.7.2); la funzionalit attiva solo in presenza di alimentazione ausiliaria . La protezione disabilitabile totalmente selezionando il valore [Off] accanto allindicazione del tipo di controllo attivato (vedi par.15.4.2.2); ogni singola protezione escludibile selezionando Off per la soglia. Le soglie di intervento sono espresse in percentuali della soglia di L (I1 ); i tempi di intervento per i distacchi di carico sono frazioni del tempo selezionato per la protezione L (t1). 15.2.6.8.1 Distacco di due carichi Il comando di apertura al carico n1 viene inviato quando Imax > Ic1 (per il tempo di curva = t1 /4); a questo punto la protezione disabilitata e compare un messaggio di carico 1 aperto. Il comando di apertura al carico n2 viene inviato quando Imax > Ic2 (per il tempo di curva = t1 /2); a questo punto la protezione disabilitata e compare un messaggio di carico 2 aperto. Per riabilitare le protezioni sul carico n1 (oppure n2) a funzionare necessario premere, nella pagina amperometro, nella pagina di default o in quella di configurazione della protezione K il tasto reset. 15.2.6.8.2 Attacco - Distacco di un carico Per la richiusura viene applicata una temporizzazione a tempo fisso regolabile tc1; il comando di chiusura del carico n1 viene inviato quando Imax < Ic1 (per il tempo impostato con tc1). Allo start-up dellunit, se lautorichiusura non bloccata, viene sempre effettuata una richiusura se Imax < Ic1. Il comando di apertura al carico n1 viene inviato quando Imax > Ic1 (per il tempo di curva = t1 /2); a questo punto la protezione disabilitata e compare un messaggio di carico 1 aperto. Viene riabilitata dalla richiusura automatica o premendo nella pagina amperometro, nella pagina di default o in quella di configurazione della protezione il tasto reset (si sblocca volontariamente la protezione di apertura senza che sia avvenuta una richiusura). Quando il numero di autorichiusure effettuate raggiunge il massimo numero di autorichiusure effettuabili (Nr. AR = MaxAR) la richiusura disabilitata (compare un messaggio di autorichiusura disabilitata); per riabilitare necessario azzerare il Nr. AR (entrando in modalit edit nella pagina di impostazione della protezione). 15.2.6.9 Protezioni di Tensione UV, OV, RV Lunit PR113 realizza 3 protezioni di tensione, escludibili, a tempo fisso (t = k) regolabile attive sia in autoalimentazione che in ausiliaria: Under voltage (minima tensione) UV Over voltage (massima tensione) OV Residual voltage (tensione residua) RV

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

70/132

Le protezioni lavorano sulle tensioni di fase; le tensioni di soglia indicate si riferiscono alla tensione di fase. Oltre al normale funzionamento di temporizzazione e Trip le protezioni di tensioni possono, solo con alimentazione ausiliaria , essere in uno stato definito di allarme (led emergency acceso e visualizzazione messaggio di allarme) . Difatti nel caso linterruttore sia aperto e non venga rilevata corrente, la temporizzazione porta nello stato di alarm e non al TRIP; questo perch il guasto legato alle tensioni pu persistere anche ad interruttore aperto (TV sempre collegati) e lunit sarebbe quindi sempre in timing. Dallo stato di alarm quando viene rilevata la chiusura dellinterruttore o il passaggio di corrente si passa immediatamente al TRIP senza temporizzazione (per avvertenza vedi par. 15.3.2). 15.2.6.9.1 Protezione UV Quando la tensione minima di fase scende sotto la soglia V8 impostata la protezione temporizza per il tempo impostato t8 e poi apre. 15.2.6.9.2 Protezione OV Quando la tensione massima di fase supera la soglia V9 impostata la protezione temporizza per il tempo impostato t9 e poi apre. 15.2.6.9.3 Protezione RV Quando la tensione residua supera la soglia V10 impostata la protezione temporizza per il tempo impostato t10 e poi apre. La tensione residua V0 calcolata sommando vettorialmente le tensioni di fase; quindi definita dalla seguente formula

V0 = V1 + V2 + V3 .
La protezione permette di rilevare sbilanciamenti delle tensioni nel caso di sistemi a stella con neutro a terra. 15.2.6.10 Protezione da Inversione di Potenza Attiva RP Lunit PR113 realizza la protezione da inversione di potenza attiva, escludibile, a tempo fisso (t = k) regolabile attiva sia in autoalimentazione che in ausiliaria. Quando la potenza attiva totale inversa (somma della potenza delle 3 fasi) supera la soglia di potenza attiva inversa P11 impostata la protezione temporizza per il tempo impostato t11 e poi apre. Il segno meno (-) davanti alla soglia ed alla potenza indica potenza inversa; la soglia indicata in percentuale di Pn, dove Pn la potenza nominale dellinterruttore ( 3 Vn*In). 15.2.6.11 Protezione da cortocircuito istantaneo Iinst Questa funzione dispone di una unica curva di protezione a tempo fisso. Quando la protezione interviene linterruttore si apre tramite il solenoide di apertura (SA). 15.2.6.11.1 Scelta del valore di soglia Per la corretta impostazione della protezione Iinst, legata alla taglia dellinterruttore, agire sui rispettivi 10 dip switch posti sulla parte superiore del rel (vedi figura), consultando la targhetta posta a lato degli stessi. La protezione, impostabile solo da personale ABB, non pu essere esclusa. Nelle rappresentazioni della targhetta, relative ai settaggi, la posizione del dip-switch indicata come la parte colorata di bianco.

Nella rappresentazione a lato il dip-switch settato in posizione alta (Off)

ttin t se lins

be g la

linst setting dip-switch La modifica della soglia impostata pu comportare il danneggiamento permanente dellinterruttore e dellimpianto stesso con conseguenti danni alloperatore.

15.2.7 Funzioni di Warning 15.2.7.1 Warning Threshold La funzione permette il monitoraggio di una soglia di corrente Iw settabile allinterno del men di configurazione (vedi par.15.4.2.1). La funzione disabilitabile selezionando [----] (valore di Off). Quando la corrente massima (di fase o neutro) supera la soglia impostata viene acceso il led di warning e visualizzato il messaggio di avvertimento. La segnalazione abbinabile ad uno dei relay interni o a quelli dellunit PR020/K. La precisione sulla soglia del 10%.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

71/132

15.2.7.2 Frequenza di rete Lunit PR113 misura costantemente la frequenza delle tensioni della rete a cui connessa; in mancanza di tensioni (Umax < 0.1Un) il rilevamento viene effettuato sulle correnti (se Imax >0.1In). Se la frequenza esce dal range ammesso del 10% rispetto alla frequenza nominale selezionata (50 o 60Hz) viene acceso il led di warning e visualizzato il messaggio di avvertimento (vedi par.15.6). La segnalazione abbinabile ad uno dei relay interni o a quelli dellunit PR020/K. La precisione sul rilevamento della frequenza di 0.1Hz. 15.2.7.3 Distorsione armonica Lunit PR113 segnala con un messaggio di avvertimento e laccensione del led warning il superamento di un fattore di cresta (vedi par. 15.2.8.4.2) superiore a 2.1 (si rammenta che la normativa IEC 60947-2 annex F prevede che lunit di protezione funzioni regolarmente con un fattore di cresta 2.1, fino a 2x In). La segnalazione abbinabile ad uno dei relay interni o a quelli dellunit PR020/K. 15.2.7.4 Stato interruttore In presenza di alimentazione ausiliaria, lunit PR113 rileva lo stato dellinterruttore tramite un cablaggio apposito sullinterruttore. Nel caso venga rilevata la presenza di corrente con stato interruttore OPEN, viene segnalato un errore di stato tramite visualizzazione di un messaggio di avvertimento (vedi par.15.6) e laccensione del led di warning. La segnalazione abbinabile ad uno dei relay interni o a quelli dellunit PR020/K. 15.2.8 Funzioni di Misura Le misure sono disponibili sempre nel caso di alimentazione ausiliaria; in caso di autoalimentazione la somma delle correnti entranti deve superare un determinato valore (vedi par. 15.2.2.1) affinch venga attivato il display. Sia con Vaux che in autoalimentazione il display viene acceso dopo alcuni secondi (vedi par. 15.2.2) dallaccensione del PR113 stesso. Lindicazione corrisponde a una grandezza al di sotto del minimo misurabile. Lindicazione > xxxx corrisponde a una grandezza al di sopra del massimo misurabile. Lindicazione ----- corrisponde alla disabilitazione del calcolo della grandezza. 15.2.8.1 Misure di corrente Lunit PR113 in grado di fornire la misura delle correnti delle tre fasi, del neutro e del guasto a terra, sia in autoalimentazione che con alimentazione ausiliaria. La corrente di guasto a terra assume due significati differenti a seconda che sia selezionato il toroide interno Ground Fault o quello esterno Source Ground Return. Si accede alla pagina da quella di default utilizzando il tasto ( per tornare indietro). Il valore minimo di corrente misurabile 0.1xIn (10% della nominale). Il valore massimo di corrente misurabile 16xIn. La misura di corrente per il guasto a terra disabilitata quando la corrente di una delle fasi supera un valore definito (vedi par. 15.2.6.5). Range Precisione misure 0.4.2xIn 2%

15.2.8.2 Misure di Tensione Lunit PR113 in grado di fornire la misura delle tensioni delle tre fasi, delle concatenate relative e della tensione residua sia in autoalimentazione che con alimentazione ausiliaria. Si accede alla pagina da quella delle misure di corrente utilizzando il tasto ( per tornare indietro). Il valore minimo di tensione misurabile 0.05xUn (5% della nominale). Il valore massimo di corrente misurabile 1.2xUn.

Precisione misure

1%

Valori ottenuti con sensori di tensione classe 0.5 (vedi nota A al par.15.3.2.1)

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

72/132

15.2.8.3 Misure di Potenza

Lunit PR113 in grado di fornire la misura delle potenze attiva, reattiva ed apparente delle tre fasi e delle relative potenze totali (di sistema) sia in autoalimentazione che con alimentazione ausiliaria. Si accede alla pagina Potenza Attiva da quella delle misure di tensione utilizzando il tasto ( per tornare indietro); sempre con in successione si accede alle altre due pagine Potenza Reattiva e Potenza Apparente. Da questultima, premendo ancora si ritorna alla pagina di default. Il valore minimo di potenza misurabile 0.02xPnfase (2% della nominale di fase Un x In). Il valore massimo di potenza misurabile 19.2xPnfase. Range Precisione misure *: Con cos > 0.5. 0.4 2xPn fase 3%*

15.2.8.4 Altre Misure Dal men Measurements/Trips possibile accedere a tutta una serie di ulteriori misure; solo le pagine Fattore di Potenza e Frequenza/fattore di picco sono disponibili anche in autoalimentazione. Posizionare la freccia cursore alla posizione desiderata e premere il tasto per accedere alla misura desiderata.

15.2.8.4.1

Misure di Fattore di Potenza Lunit PR113 fornisce la misura del fattore di potenza di ogni fase e del sistema (calcolato come media pesata dei fattori di fase). Per potenza di fase inferiore al 2% (0.02xPnfase) il valore non viene visualizzato ed sostituito da ... La precisione della misura classe 2 nellintervallo [0.51].

15.2.8.4.2 Misure di Frequenza e Fattore di cresta Questa pagina permette la visualizzazione della frequenza di rete; questa viene calcolata sulle tensioni (se Umax > 0.1Un) ed in mancanza di queste sulle correnti (se Imax > 0.1In). Il calcolo della frequenza permette una precisione di 0.1Hz (dopo al massimo 5s dalla variazione della frequenza). presente anche la misura del fattore di picco, rapporto tra Ipicco / Irms, per ognuna delle fasi. La misura non visualizzata per corrente di fase inferiore a 0.3xIn e non disponibile per corrente di fase superiore a 6xIn. Laccuratezza del calcolo segue quanto indicato per la misura delle correnti (vedi par. 15.2.8.1).

15.2.8.4.3

Misure di Energia Lunit realizza misure di contatore di energia attiva, reattiva, apparente totali del sistema. Il valore minimo visualizzabile 0.001MWh o 0.001Mvarh o 0.001MVAh. Il contatore si riazzera autonomamente quando lenergia apparente accumulata raggiunge un valore pari a 200 giorni alla potenza nominale trifase dellinterruttore (continuativa). Premendo il tasto RESET allinterno della pagina avviene lazzeramento del contatore. Laccuratezza del calcolo segue quanto indicato per la misura delle potenze (vedi par. 15.2.8.3).

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

73/132

15.2.8.4.4 Visualizzazione Forma donda e calcolo armonico Entrando nella pagina vengono acquisiti e poi visualizzati 120 campioni della forma donda della fase L1; premendo il tasto viene effettuata una nuova acquisizione e rivisualizzazione della forma donda. Tramite i tasti o possibile visualizzare le forme donda sugli altri canali di misura (L2, L3, Ne, V1, V2, V3, Gt).

Canale visualizzato RMS del segnale visualizzato

Valore armonica N

N armonica attualmente selezionata Utilizzando indifferentemente i tasti o , possibile effettuare unanalisi armonica dei campioni acquisiti e visualizzati nella pagina Wave Form. Viene cosi visualizzata la pagina indicata qui a fianco contenente il modulo delle armoniche dalla 2 alla 20 (fino alla 19 per frequenza di rete impostata a 60Hz) riferite in percentuale alla fondamentale (armonica n1) sempre indicata quindi al 100%. Utilizzando i tasti e possibile posizionarsi sulla barra desiderata (al N di armonica desiderata; la barra diventa lampeggiante) e leggere il valore percentuale corrispondente.

Precisione misure

5%

15.2.8.4.5 Storici Misure Lunit PR113 in grado di fornire landamento delle misure di alcune grandezze in un periodo di tempo impostabile P (vedi par. 15.4.2.1 per limpostazione dei periodi). Viene tenuta memoria (non volatile) degli ultimi 24 periodi P che vengono visualizzati in un istogramma (vedi figura) con il periodo meno recente posizionato sul lato destro della pagina mentre sul lato sinistro presente unulteriore barra (la 25) rappresentante il progressivo del periodo in corso di memorizzazione.
Progressivo periodo attuale

Indicazione di accensione Vaux Indicazione di variazione periodo "P" Valore della barra attualmente selezionata Periodo di memorizzazione della barra selezionata Ora e minuto dell'inizio del periodo a cui si riferisce la barra, rispetto all'istante attuale

Le barre vuote indicano un valore negativo

Utilizzando i tasti e possibile posizionarsi sulla barra desiderata (che diventa lampeggiante) e leggere il valore corrispondente della grandezza in quel periodo (ad esempio la potenza massima rilevata nellintervallo P) nonch il tempo di inizio di quel periodo di misura riferito allistante attuale. Le misure possono essere acquisite solo con Vaux presente per tutto il periodo di memorizzazione altrimenti il dato non viene registrato; il simbolo di accensione ausiliaria indica che vi stato un periodo (senza Vaux) di non memorizzazione durante il quale i dati sono stati persi ed il contatore temporale rimasto bloccato. Il fondo scala degli istogrammi fissato dalla scala graduata presente nel diagramma (sul lato sinistro); i valori superiori sono comunque correttamente visualizzati nel campo Valore della barra attuale. Oltre a Potenza attiva media e Potenza attiva massima sono disponibili gli storici di Corrente massima, Tensione massima e Tensione minima.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

74/132

15.2.9 Funzioni di informazione 15.2.9.1 Versione software Questa pagina mostra quale la versione Software del rel PR113 in oggetto. Ogni qualvolta si renda necessario comunicare ad ABB SACE eventuali problemi di funzionamento dellunit bene citare la versione Sw dellunit (x.xx)

15.2.9.2 Memorizzazione dati di apertura La funzione di memorizzazione dei dati di apertura (TRIP = apertura per protezione) attiva solo se presente alimentazione ausiliaria prima, durante e dopo (per almeno 1sec.) uneventuale apertura dellinterruttore dovuta a intervento per protezione da parte del relay. La funzione e anche la consultazione della pagina che mostra gli ultimi dati memorizzati sono quindi disponibili solo in presenza di alimentazione ausiliaria. In autoalimentazione il tentativo di accedere alla pagina provoca la comparsa di un messaggio funzionalit non disponibile.

Numero di aperture dovute alle protezioni e ai TRIP test. Indicazione protezione intervenuta Valore delle correnti interrotte su fasi (L1, L2, L3), neutro (Ne) e Ground (Gr; non disponibile in caso di intervento con corrente di fase > 4xIn o I o S con tempo minimum). Usura contatti accumulata. Valore di Potenza Attiva totale interrotta (non disponibile in caso di intervento di S, I, D e G) Valore tensioni di fase (V1, V2 e V3; non disponibili in caso di intervento di I) e tensione residua (V0; non disponibile in caso di intervento di I o S con tempo minimum) al momento dellinterruzione

Nel caso di intervento per Iinst, viene visualizzata la pagina qui a fianco. Entrando nella pagina dal men Measurements/Trips selezionando Last Trip viene sempre presentata lultima apertura effettuata. Utilizzando i tasti e possibile scorrere gli ultimi 10 Trip memorizzati dallunit.

La percentuale di usura contatti indicativa della vita elettrica dei contatti elettrici dellinterruttore EMAX. La funzionalit del relay non comunque in nessun modo modificata dalla presenza dei messaggi di usura. Il messaggio di preallarme (usura > 80%, accensione led warning) indica che lusura ha raggiunto un valore elevato; il messaggio di allarme (100% di usura, accensione led emergency) indica che necessario verificare lo stato di usura dei contatti. Le segnalazioni sono attive solo con Vaux. La percentuale di usura dipende dal numero di aperture effettuate dallinterruttore e dalla corrente assoluta interrotta in ognuna di esse.

Protezione Prot. L Prot. S Direzionale (direzione non determinata) Direzionale (direzione forward) Direzionale (direzione backward)

Simbolo L S D Df Db

Protezione Prot. I Guasto a terra Sbilanciamento di fasi Temperatura

Simbolo I G U OT

Protezione Sovra tensione Minima tensione Tensione residua Inversione di potenza attiva Prot. Inst

Simbolo OV UV RV RP Is

15.2.10 Altre funzioni 15.2.10.1 Programmazione contatti K51/p1 e K51/p2 Il PR113 equipaggiato con due rel, i cui contatti sono denominati K51/p1 e K51/p2. Questi possono segnalare diverse situazioni, selezionabili dallutente tra quelle elencate nella tabella seguente. N 1. 2. 3. 4. Valore L preal. L timing S timing D timing Descrizione Preallarme di L Temporizzazione protezione L Temporizzazione protezione S Temporizzazione protezione D Note

Attiva con I > Soglia Preallarme, vedi par.15.4.3.1

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

75/132

N 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. 16. 17. 18. 19. 20. 21. 22. 23. 24. 25. 26. 27. 28. 29. 30. 31. 32. 33. 34. 35. 36. 37. 38. 39. 40. 41. 42. 43. 44. 45. 46. 47. 48. 49.

Valore G timing G alarm UV tim. UV alarm. V<TH.UV. OV tim. OV alarm. V>TH.OV. RV tim. RV alarm. V0>TH.RV RP tim. U tim. U alarm. L trip S trip D trip I trip G trip T trip "UV trip " "OV trip " "RV trip " "RP trip " "U trip " "Any trip " "Warn. T " "Alarm T " "Sz: IN " "Sz: OUT" "Gz: IN" "Gz: OUT" "LC1 set" "LC2 set" "Harmonic" "Out fre." "Iw thre." "RCC Al." "CCC Al." "CCC,RCC" "Trip ba." "YO back." "CB close" "CB error" "No I. bus"

Descrizione Temporizzazione protezione G Allarme protezione G Temporizzazione protezione Under Voltage Allarme protezione Under Voltage Protezione Under Voltage in soglia Temporizzazione protezione Over Voltage Allarme protezione Over Voltage Protezione Over Voltage in soglia Temporizzazione protezione Residual Voltage Allarme protezione Residual Voltage Protezione Residual Voltage in soglia Temporizzazione protezione Reverse Power Temporizzazione protezione Unbalanced Phases Allarme protezione Unbalanced Phases Apertura da protezione L Apertura da protezione S Apertura da protezione D Apertura da protezione I Apertura da protezione G Apertura da protezione T Apertura da protezione "UV" Apertura da protezione "OV" Apertura da protezione "RV" Apertura da protezione "RP" Apertura da protezione "U" Apertura di una delle protezioni elencate Superamento delle soglie : temp. <-20C e temp. > +70C Superamento delle soglie : temp. <-25C e temp. > +85C Selettivit di zona S (o DFW) in ingresso ON Selettivit di zona S (o DFW) in uscita ON Selettivit di zona G (o DBW) in ingresso ON Selettivit di zona G (DBW) in uscita ON Contatto controllo carichi n1 Contatto controllo carichi n2 Fattore di picco >2.1 Frequenza fuori dai range 50Hz 10% o 60Hz 10% Corrente sopra la soglia Iw settata Segnalazione sconnessione TA Segnalazione sconnessione SA OR logico tra "RCC Al." e "CCC Al." Protezione di backup intervenuta (TRIP fail) Comando protezione di backup per YO Segnalazione stato interruttore chiuso Presenza di corrente con CB aperto Nessuna comunicazione sul bus interno

Note

Attiva nel caso il trip di G sia disabilitato

Attiva nel caso di stato interruttore aperto Equivale allOR logico di UV tim. e UV alarm.

Attiva nel caso di stato interruttore aperto Equivale allOR logico di OV tim. e OV alarm

Attiva nel caso di stato interruttore aperto Equivale allOR logico di RV tim. e RV alarm

Attiva nel caso il trip di U sia disabilitato Reset segnalazione tramite tasto RESET Reset segnalazione tramite tasto RESET Reset segnalazione tramite tasto RESET Reset segnalazione tramite tasto RESET Reset segnalazione tramite tasto RESET Reset segnalazione tramite tasto RESET
Reset segnalazione tramite tasto "RESET" Reset segnalazione tramite tasto "RESET" Reset segnalazione tramite tasto "RESET" Reset segnalazione tramite tasto "RESET" Reset segnalazione tramite tasto "RESET" Reset segnalazione tramite tasto "RESET"

Relativo alla soglia Ic1 Relativo alla soglia Ic2 Distorsione armonica

Almeno uno

Vedi "nota C" al par.11.2.2 Vedi "nota C" al par.11.2.2

Vedi paragrafo 15.2.7.4 Con PR020/K attiva

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

76/132

15.2.10.2 Programmazione contatti K51/1 . K51/8 del PR020/K Utilizzando un PR020/K, connesso al PR113, lutente ha la possibilit di abbinare fino a 7 diverse situazioni, selezionabili dalla tabella precedente (par. 15.2.10.1), ai rel disponibili nel PR020/K stesso. E possibile anche la connessione di due o tre PR020/K con il PR113. Gli unici accorgimenti sono che la Vaux deve essere comune a tutti i PR020/K, e che uno dovr essere configurato come master, mentre gli altri come slave. In questo modo possibile attivare fino a (7 + 8 + 3 =) 18 contatti senza potenziale (rel), pi 6 replicati, (vedi par. 15.7.2). 15.2.10.3 Autocontrollo Lunit PR113 fornisce alcune funzionalit di autocontrollo in grado di garantire una corretta gestione dei malfunzionamenti del rel. Le funzioni sono le seguenti: Autocontrollo del corretto funzionamento del microprocessore (mediante segnale di Watchdog generato dal microprocessore). In caso di guasto la segnalazione avviene tramite accensione del led frontale di P Fault (funzionante anche in autoalimentazione) e chiusura del contatto monostabile k51/P (solo con Vaux). Autocontrollo della presenza di Alimentazione Ausiliaria. Segnalazione tramite led frontale Vaux . Autocontrollo della corretta connessione dei sensori di corrente (TA). In caso di guasto la segnalazione avviene tramite apposito messaggio dallarme e accensione del led emergency. Autocontrollo della corretta connessione del solenoide dapertura (SA). In caso di guasto la segnalazione avviene tramite apposito messaggio dallarme e accensione del led emergency. 15.2.10.4 Self Test Dalla schermata principale dei men, selezionando il sottomen "4. Test", si visualizzer la pagina qui di lato. A questo punto possibile verificare il corretto funzionamento di: Catena di attuazione (microprocessore, cablaggi ed SA) con la funzione Trip Test; selezionare [On] e premere il pulsante TEST. In caso di risultato positivo linterruttore viene aperto. La funzione disponibile solo con corrente di sbarra nulla (usare Vaux, PR120/B o PR010/T). Dispositivi di interfaccia utente con la funzione Auto test; selezionare [On] e premere per verificare il corretto funzionamento di: Display (tutti i pixel della matrice si accendono) Contrasto (viene diminuito, aumentato e poi ripristinato) Led (n6) Bandierine Magnetiche (n5) Contatto di Scattato Rel (k51/Y01) Contatti di Pfault, k51/p1 e k51/p2 (solo con Vaux) Nel caso di Warning o Emergency il test viene immediatamente abbandonato, garantendo sempre tutte le funzionalit di protezione.Premendo il tasto RESET il test viene interrotto. Le funzionalit sono garantite in presenza di Vaux o in autoalimentazione con almeno 0.5xIn monofase. In assenza di entrambe, lenergia pu essere fornita dallunit di alimentazione accessoria PR120/B. Nella pagina, solo con Vaux, inoltre possibile vedere lo stato dellinterruttore (CB STATUS), verificando cos il corretto cablaggio dellingresso. 15.2.10.5 Test complesso del rel Utilizzando lunit di test PR010/T (vedi par. 15.7.1) collegata al rel tramite il connettore di TEST frontale possibile effettuare una completa serie di test, con report scaricabile su PC.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

77/132

15.2.11 Interfaccia utente

G L

I
1SDC200086F0003

Rifer. A B D E F G H I L M N O P Q R S T U V Z W

Descrizione Connettore di TEST per lapplicazione degli accessori PR120/B o PR010/T. Logo SACE identificativo del prodotto. Led EMERGENCY. Led WARNING. Led TEMP. Pulsanti di movimento per il cursore e di settaggio dei parametri: UP, DOWN, LEFT, RIGHT. Led Vaux. Led P Fault . Pulsante di consenso allintroduzione dati o di conferma ( ENTER ). Pulsante per effettuare lo sgancio del solenoide di apertura ( TEST ) + funzioni di regolazione. Pulsante per effettuare il reset delle segnalazioni magnetiche ed elettriche ( RESET ), per terminare lauto-Test o per tornare alla pagina correnti dalla pagina Trip. Segnalazione magnetica indicante protezione di guasto a terra G intervenuta. Segnalazione magnetica indicante protezione di cortocircuito istantanea I intervenuta. Segnalazione magnetica indicante intervento delle funzioni di protezione S o D. Segnalazione magnetica indicante protezione di sovraccarico L intervenuta. Segnalazione magnetica indicante intervento di una delle seguenti protezioni: undervoltage, overvoltage, residual voltage, inversione di potenza attiva, sbilanciamento di fase, sovratemperatura. Led TRIP. Pulsante di uscita dai sottomen o di annullamento (ESC ). Serial number dellunit Display grafico retroilluminato In (Corrente nominale dei TA installati)

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

78/132

Il Display Grafico del tipo LCD a 192x64 pixel ed retro illuminato quando presente la tensione ausiliaria. Il display sempre acceso, in presenza di Vaux, oppure, in autoalimentazione con una corrente di sbarra minima, come definito al par. 15.2.2.1 E possibile regolarne il contrasto premendo in tasto TEST nella pagina amperometro (quella che mostra le quattro correnti di sbarra e quella di terra), utilizzando i tasti e per aumentare e diminuire, per il valore di default ABB SACE. Nota bene: Nel caso di led TEMP acceso o lampeggiante, il display si spegne (vedi par.15.2.6.7).

Fig. 7 - Alcune schermate dell'unit.

15.2.11.1 Utilizzo dei pulsanti I campi modificabili possono essere compilati utilizzando i tasti oppure e confermando con i tasti , , o . Una volta entrati nella pagina di interesse , lo spostamento da una grandezza allaltra pu essere attuato mediante limpiego dei tasti o . Per modificare una grandezza invece, posto il cursore sulla grandezza stessa (il campo modificabile verr messo in reverse, cio bianco su sfondo nero), utilizzare i tasti e . Per confermare la programmazione dei parametri appena configurati premere il tasto ESC una sola volta; verr eseguita una verifica dei parametri inseriti e poi visualizzata la pagina di conferma programmazione. Per ritornare al men principale necessario premere il tasto ESC due volte. Il pulsante RESET deve essere utilizzato per resettare le bandierine magnetiche gialle, i contatti dei rel di segnalazione e per interrompere lesecuzione dellautotest. Il pulsante TEST deve essere utilizzato per effettuare il Trip test e per lattivazione della regolazione del contrasto del display. 15.2.11.2 Modalit Read ed Edit La mappa relativa ai men (vedi par. 15.4.1) visualizza tutte le pagine ottenibili ed i movimenti da effettuare con la tastiera, nello stato di READ (per la sola lettura dati) o nello stato di EDIT (per limpostazione dei parametri). A partire da una qualsiasi pagina visualizzata si possono ottenere due funzionamenti diversi a seconda dello stato dellunit: 1. READ: dopo circa 120 secondi verr visualizzata automaticamente la pagina di default. 2. EDIT: dopo circa 240 secondi verr visualizzata automaticamente la pagina di default. Le funzioni concesse a seconda dello stato sono : READ: Consultazione delle misure e degli storici Consultazione dei parametri di configurazione dellunit Consultazione dei parametri di protezione

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

79/132

EDIT: Tutto quanto permesso in modalit READ Configurazione dellunit Programmazione dei parametri relativi alle protezioni Funzioni di TEST dellunit Per accedere alla stato di EDIT necessario premere il tasto su di una pagina con campi editabili; verr quindi richiesta una password per labilitazione al passaggio nello stato di editing. 15.2.12 Settaggi di default Il PR113/P viene fornito da ABB SACE con i seguenti parametri predefiniti: # 1 2 3 4 5 6 Protezione L S D I G U On/Off -Off Off On Off Off Soglie 1 In 6 In 6 In 4 In 0.2 In 50 % Tempo 144 s min 0.2s-0.2s -0.4 s 5s -K --Curva I2 t K T.M. Off -ZS -Trip --

Off: 0.04s -Off: 0.13s ---

Off: 0.04s On Off

7 8

OT K

-Off

Vedi par.15.2.6.7

Off

9 10 11 12

UV OV RV RP

Off Off Off Off

0.9 Un 1.05 Un 0.15 Un - 0.1 Pn

5s 5s 15 s 10 s

Off

13

Iinst

On

E1 (*)

--

14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33

Language Net Frequency PR020/K PR020/K relays Neutral sel. Toroid Selec. CB CS In Ext. tor. In Vs Un Startup Thresholds S startup (threshold) D startup (threshold) I startup (threshold) G startup (threshold) Password Store Meas. T. Warning Current Thre. PR113 Relay 1 PR113 Relay 2

--Off --- (Off) -------- (Off) -Off ---- (Off) ---- (Off) ---- (Off) ---- (Off) ---- (Off)

Engl 50 Hz

50 % Int. E1B800 (*) 250 A (*) 100 A 380/3 V ----- In ---- In ---- In ---- In 0001 60 min. -PL 0.10 s

Off

(*) Parametri settati con questi valori solo per PR113 venduto come pezzo sciolto.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

80/132

15.3

Messa in servizio

15.3.1 Collegamenti Per i collegamenti a cura dellutente, si raccomanda di seguire in modo scrupoloso quanto riportato nel presente documento. In questo modo saremo in grado di soddisfare tutte le norme di riferimento internazionali e garantire un perfetto funzionamento del rel anche in condizioni ambientali ed elettromagnetiche gravose. Tenere in particolare considerazione i tipi di cavo, le connessioni a terra e le distanze massime consigliate. 15.3.2 Collegamenti TV

Non sono ammesse prove di rigidit dielettrica sugli ingressi e sulle uscite degli sganciatori e nel TV eventualmente connesso.
15.3.2.1 Tabella riassuntiva per collegamenti TV Tipologie di trasformatori: TV ABB SACE: Trasformatori ABB SACE mod. TV055 (con tensione nominale secondaria =1003 V). TV Custom (A): Trasformatori singoli custom realizzati ad hoc con caratteristiche elettriche uguali ai TV ABB SACE (disegno ABB SACE RE0382) TV Standard (A): Trasformatori singoli standard compatibili con TV ABB SACE (caratteristiche elettriche uguali a meno della tensione di uscita: Us=100Vrms).
(A): I TV devono avere una prestazione compresa tra 1VA e 5VA max., 4 KV di isolamento tra primario e secondario e verso lo schermo, impedenza del primario 600 ohm; classe 0.5. Devono essere disolamento (dotati di schermo metallico tra i due avvolgimenti) con schermo messo a terra.

Trasformatore tipo TV ABB SACE (Stella/Stella)

Trasformatore tipo "TV Custom" (Stella/Stella) Schema applicativo

Trasformatore tipo "TV Standard" (Triangolo/Triangolo) Schema applicativo

Sistema d'impianto
Schema applicativo Funzionalit Funzionalit Funzionalit

TN-C TN-S IT con neutro IT TT con neutro TT senza neutro Legenda:

A A/B A B A B

Totale Totale Totale Nota 1 e 4 Totale Nota 1 e 4

D D D n.c D n.c

Totale Totale Totale Totale

C C C C C C

Nota 5 Nota 5 Nota 5 Nota 5 Nota 5 Nota 5

UV: protezione under voltage; OV: protezione over voltage; D: protezione direzionale; n.c.: non consentito.
Nota 1: Nota 2: - Nello schema applicativo B la protezione RV (residul voltage) non correttamente operativa - per sistemi TN-C il collegamento va eseguito su PEN - per sistemi TN-S il collegamento va eseguito su N per configurazioni con neutro o su PE per configurazioni senza neutro come indicato nello schema applicativo A; in caso venga usato il PE, la corrente su questo potrebbe essere dellordine della decina di mA. Se il cliente considera questo valore troppo alto o ha una protezione differenziale che rischia di intervenire, dovr utilizzare lo schema applicativo B (vedi nota 1 e 3) - per sistemi IT e TT con neutro il collegamento va eseguito su N - Per il trasformatore TV055 le tensioni Up (tensione primaria) e Us (tensione secondaria) sono tensioni stellate (fase-neutro). - Per ladattatore VT_ADAPTER la tensione di linea intesa come concatenata (fase-fase). - Per tensioni inferiori a 230V o superiori a 690V; le funzioni di protezione che fanno riferimento alle misure di tensione non sono utilizzabili. - Escludere le funzioni UV, OV, RV e D. Le misure di tensione e potenza sono calcolate utilizzando un centro stella ricostruito.

Nota 3: Nota 4: Nota 5:

15.3.2.2 Schemi applicativi di collegamento Schema applicativo A (vedi Nota 3) Schema applicativo B (vedi Nota 1 e Nota 3)

VT_Adapter

VT_Adapter
Up Up < 230 V
230277 V 347480 V 500690 V A1 B1 C1

Input connections
Vedi Nota 4
A2 B2 C2 A3 B3 C3

Up > 690 V

Vedi Nota 4

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

81/132

Schema applicativo C

Schema applicativo D

Nota 2

15.3.3 Controllo connessione TA e SA Se linstallazione del PR113 stata effettuata dallutente, si raccomanda di controllare, al momento della prima accensione del Rel, la prima riga del display. Non devono comparire messaggi di TA e/o SA scollegati, altrimenti aprire immediatamente il CB ed effettuare i corretti collegamenti. 15.3.4 Test Prima della messa in servizio possibile effettuare un test tramite lutilizzo della specifica funzione di Auto testattivabile sul PR113. Lesito positivo visibile e visualizzato sul display. A seguire possibile effettuare, sempre con la specifica funzione (Trip test) il test dellintera catena dellSA. Lesito positivo dato dallapertura del CB. Verificare, nella stessa schermata PR113 Tests lo stato aperto o chiuso del CB, controllando CB Status. 15.3.5 Settaggi iniziali Se il PR113 viene fornito direttamente installato nel CB sar cura di ABB SACE settare correttamente tutte le variabili riferite al CB o allapplicazione specifica (es. Tipo di CB, calibro TA, frequenza di rete). Viceversa, se il PR113 fornito come pezzo sciolto, sar cura dellutente settare correttamente tutti i parametri necessari. Da notare che ABB SACE definisce ogni settaggio possibile in modo sensato (vedi parametri di default). Prescindendo da ci, assolutamente indispensabile che lutente, prima della messa in servizio del PR113, modifichi la password e definisca con cura ogni parametro modificabile.

15.3.6 Gestione Password Password? [0***] Per entrare in modalit EDIT necessario inserire una password numerica di quattro cifre. Selezionare il valore della prima cifra ( tra 09 ) tramite i tasti e e premere per confermare la cifra e passare allinserimento della successiva. Dopo linserimento della quarta cifra viene effettuata la verifica della password inserita. Se la password corretta avviene il passaggio dallo stato di READ allo stato di EDIT (a questo punto il primo campo editabile della pagina viene visualizzato in reverse). Nel caso di password errata compare il messaggio Wrong password che permane fine a che non viene premuto il tasto ESC (o allo scadere di 2 minuti). Anche durante lintroduzione della password possibile interrompere loperazione premendo il tasto ESC. La password ha validit massima di due minuti dallultima pressione di un tasto; viene immediatamente resettata nel caso di allarme ad alta priorit o nel caso di reset dellunit. Entrando in una pagina senza parametri modificabili lo stato della protezione viene posto in READ; se la password ancora valida, per entrare in modalit EDIT (in una pagina con parametri modificabili) basta premere il tasto . Disabilitazione della Password. Impostando il valore della password a [0000] (nel men Unit configuration) si ottiene la disabilitazione della richiesta password; il passaggio da READ ad EDIT quindi sempre possibile. Per inserire una nuova password selezionare la voce Set Password dal men Unit Configuration.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

82/132

15.4 Istruzioni operative/funzionemento in esercizio


15.4.1 Men Come gi visto precedentemente, il PR113 utilizza il display per visualizzare messaggi, grafici e men. Questi sono organizzati in modo logico e intuitivo. Per comodit dellutente, si riportano di seguito tutte le schermate visibili.

ESC

Non disponibile

Vedi pagina successiva

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

83/132

Se interviene IINST

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

84/132

Ogni volta che lunit attivata, o dopo pi di 2 minuti di inattivit sulla tastiera, il display indica la seguente pagina (di default):

Percentuale delle correnti e delle tensioni attuali rispetto ai valori nominali (100%)

Corrente della fase pi caricata Indicazione fase pi caricata (L1, L2, L3, Ne) Corrente di guasto a terra

Nella maggior parte delle pagine, nello spazio indicato con .Message, vengono visualizzati gli eventuali messaggi di warningo di errore (vedi par.15.6); nel caso siano pi di uno vengono visualizzati ciclicamente, uno ogni secondo. Premendo il tasto possibile bloccare lo scorrimento dei messaggi su quello attualmente visualizzato (compare il simbolo nellangolo destro della riga). Si possono cos scorrere i vari messaggi uno alla volta utilizzando il tasto . Per ripristinare laggiornamento automatico basta ripremere il tasto (scompare il simbolo ). Nel caso non vi siano messaggi visualizzato il nome dellunit. 15.4.2 Modifica parametri Nel caso in cui loperatore volesse effettuare delle operazioni di lettura o configurazione dati sufficiente premere il tasto ESC (escape) ed automaticamente verr visualizzata la pagina relativa al men principale:

Ora con i tasti (freccia in alto), (freccia in basso), (enter) e ESC (escape) possibile muoversi allinterno del men principale e raggiungere tutte le pagine relative alle configurazioni e parametrizzazioni per la visualizzazione o modifica dei parametri impostati. Al termine di una programmazione, per accettare la nuova configurazione (Accept prg) premere il tasto oppure premere il tasto ESC per rifiutarla e quindi mantenere la vecchia configurazione (Undo prg). Di conseguenza comparir:

Queste pagine indicano se la memorizzazione dei dati andata a buon fine oppure no. In questultimo caso lunit PR113 utilizzer lultima configurazione valida impostata.

15.4.2.1 Modifica configurazione di base Se lunit PR113 in una situazione dallarme non consentita nessuna parametrizzazione. La configurazione dellunit da effettuarsi in modalit EDIT. Seguendo quanto riportato al par.15.2.11, visualizzare sul display: Selezionare la lingua da utilizzare per visualizzare i messaggi. Selezionare il valore di Frequenza Nominale di funzionamento dellimpianto.

Selezionare il valore di taratura relativa alla protezione del conduttore neutro (percentuale espressa in funzione della corrente di fase; vedi par.15.4.2.1.1).

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

85/132

Selezionare il tipo di protezione da guasto a terra: scegliere [Int ] se si vuole proteggere limpianto con lausilio del toroide interno altrimenti [Ext ] se si vuole proteggere con lausilio del toroide esterno realizzando la funzione di protezione Source Ground Return. Selezionare il calibro della corrente nominale del trasformatore toroidale esterno per la funzione Source Ground Return. Selezionare il tipo di interruttore EMAX (sigla e corrente nominale) sul quale montata lunit PR113. Le selezioni possibili sono disponibili su catalogo tecnico. Selezionare il calibro della corrente nominale dei sensori di corrente (CS) montati sullinterruttore. Selezionare la tensione nominale dei sensori di tensione (TV) installati per linterruttore.

Programmazione nuova password in modalit edit. I messaggi successivi sono: New Password: [****] e Confirm PSW: [****] per la conferma. Selezionare lintervallo temporale per lacquisizione dati negli Storici Misure. Selezionare il valore della soglia (Iw) di corrente di Avvertimento (viene visualizzato anche il valore assoluto della soglia).

Indicare se presente lunit accessoria PR020/K (settabile solo con Vaux). Selezionare quali informazioni abbinare ai 7 contatti puliti presenti sulla PR020/K; la selezione possibile solo se lunit accessoria configurata come presente sul PR113. Le selezioni possibili sono riportate in par 15.2.10.1. La PR020/K deve essere impostata per funzionare in modalit Configurabile da PR113 tramite apposito dip-switch (solo con Vaux). Selezionare quali informazioni abbinare ai 2 contatti puliti (K51/p1 e K51/p2) presenti sul PR113/P.

Nota Bene: Lerrata configurazione di In e Un non compromette minimamente la perfetta funzionalit delle protezioni, (salvo, eventualmente, la selezione della soglia G). Lunico inconveniente sar una visualizzazione errata di Correnti, Tensioni e Potenze in valore assoluto. Propriet/funzione Valori selezionabili Language Net Frequency Neutral sel. Toroid Selec. Ext. tor. In C.B. CS In VS Un Password Store Meas. T. Engl.(inglese), Ital.(italiano), Fran.(francese), Deut.(tedesco) Espa.(spagnolo) 50Hz, 60Hz 50%, 100%, 150%, 200% Int (interno), Ext (esterno) 100A, 250A, 400A, 800A Versioni ammesse a catalogo 250A, 400A, 800A, 1000A, 1250A, 1600A, 2000A, 2500A, 3200A, 4000A, 5000A, 6300A [100, 115, 120, 190, 208, 220, 230, 240, 277, 347, 380, 400, 415, 440, 480, 500, 550, 600, 660, 690, 910, 950, 1000] / 3 V 00009999 [5, 15, 30, 60, 120] minuti step 0.05 x In

Warning current Th. (off), 0.3 . 3.0 x In PR020/K PR020/K relays, PR113 relays 1 e 2 On , Off Vedi par. 15.2.10.1

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

86/132

15.4.2.1.1 Regolazione del neutro La protezione del neutro normalmente impostato ad un valore di corrente al 50% della regolazione effettuate sulle fasi. In alcuni impianti, dove si verificano armoniche particolarmente elevate, la corrente risultante circolante sul neutro puo essere pi elevata rispetto a quella delle fasi. Nello sganciatore SACE PR113 possibile impostare questa protezione per i seguenti valori : I1N = 50% - 100% - 150% - 200% * I1. Nella tabella di seguito riportata sono indicati i valori impostabili per la regolazione del neutro, per le diverse possibili conbinazioni tra tipologie di interruttori e regolazione della soglia I1.

Regolazioni impostabili per la protezione del Neutro


Regolazioni della soglia I1 (protezione contro sovraccarico)

Taglia interruttore
E1B E1N E2B E2N E2L E3N E3S E3H E3L E4S E4H E4S/f E6H E6V E6H/f
Nota 1:

0,4 = I1 = 0,5
50-100-150-200% 50-100-150-200% 50-100-150-200% 50-100-150-200% 50-100-150-200% 50-100-150-200% 50-100-150-200% 50-100-150-200% 50-100-150-200% 50-100% 50-100% 50-100-150-200% 50-100% 50-100% 50-100-150-200%

0,5 < I1 = 0,66


50-100-150% 50-100-150% 50-100-150% 50-100-150% 50-100-150% 50-100-150% 50-100-150% 50-100-150% 50-100-150% 50% 50% 50-100-150% 50% 50% 50-100-150%

0,66 < I1 = 1 (1)


50-100% 50-100% 50-100% 50-100% 50-100% 50-100% 50-100% 50-100% 50-100% 50% 50% 50-100% 50% 50% 50-100%

La regolazione I1=1 da intendersi come la regolazione massima della protezione da sovraccarico. La reale regolazione massima ammissibile deve tener conto delleventuale declassamento in funzione della temperatura, dei teminali utilizzati e in altitudine (fare riferimento al capitolo Installazione in Quadro).

Il mancato rispetto dei limiti ai settaggi di I1 e Neutral sel. possono determinare il danneggiamento dellinterruttore con conseguenti rischi anche per loperatore. 15.4.2.2 Modifica funzioni di protezione La configurazione base dellunit da effettuarsi in modalit EDIT. Questo paragrafo consente allutente la programmazione delle funzioni di protezione implementate dellunit PR113. Ora sono riportate le sole modalit di programmazione dati e quali valori sono impostabili; per tutte le altre informazioni relative alle caratteristiche tecniche di tali funzioni di protezione vedi par.15.2.6. Seguendo le istruzioni riportate ai par. 15.2.11.2 e par 15.4.1, visualizzare sul display le pagine per il settaggio delle funzioni di protezione: Intestazione: tutte le protezioni, escluse L, T e Iinst, sono disabilitabili. Per le protezioni S e G anche possibile scegliere il tipo di curva (t=k o t=k/i^2). Selezionare quale valore di soglia impostare; automaticamente a fianco della selezione della soglia verr visualizzato anche il valore della stessa espressa in Ampere. Selezionare quale curva di intervento t 1 (tempo di intervento a 3 x I1) impostare. In alternativa a curva IEC60255-3 Selezionare il valore della curva desiderato, secondo IEC60255-3. (tempo a 3 x I1 ) NB: in alternativa alla curva t=k/I2 . Selezionare se abilitare o disabilitare il funzionamento della protezione L con memoria termica. Impostare il tipo di curva (t=k o t=k/I2) e lo stato della protezione (On, Off). Selezionare quale valore di soglia impostare (con I2>I1); automaticamente a fianco della selezione della soglia verr visualizzato anche il valore della stessa espressa in Ampere. Selezionare quale curva di intervento impostare. Selezionare se abilitare o disabilitare il funzionamento della protezione S con memoria termica (solo con curva tipo t = k/I2 ). Per le protezioni S, D e G possibile abilitare o disabilitare il funzionamento della protezione con selettivit di zona (solo con curva tipo t = k); possibile inoltre impostare a fianco il tempo di intervento di selettivit per la protezione. Per le protezioni S, D, I e G possibile selezionare quale valore di soglia di start-up impostare (solo con curva tipo t=k e localmente alla protezione considerata); automaticamente a fianco della selezione della soglia verr visualizzato anche il valore della stessa espressa in Ampere.
Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

87/132

Impostare la direzione di intervento. Impostare un tempo per ogni direzione. Impostare I7>I1.

Impostare I3>(I2, I7).

Per la protezione disabilitabile il TRIP (solo segnalazione di allarme).

Attivare o disabilitare funzionalit di START-UP in modo globale

Impostare il periodo di validit della funzione di START-UP Funzione Sbilanciamento di Fasi; abilitazione, soglia (in percentuale), tempo di intervento (t=k) ed abilitazione al TRIP. Attivare o disabilitare il TRIP della protezione di Temperatura fuori range

Dipendentemente dalla selezione TYPE verr visualizzata una delle pagine: Modalit Distacco di due carichi Modalit Attacco-stacco di un carico. Soglia di attacco carico (% di I1) e relativo tempo di attesa. Soglia distacco carico n1 (% di I1). Soglia distacco carico (% di I1). Soglia distacco carico n2 (% di I1). Massimo numero di autorichiusure effettuabili e numero di richiusure effettuate.

Voltage Protections:
Attivazione protezione (t=k), settaggio soglia di intervento (Un) e tempo di intervento. Viene visualizzata la tensione di fase corrispondente alla soglia impostata.

Attivazione protezione Reverse Active Power (t=k), settaggio soglia di intervento (Pn) e tempo di intervento. Viene visualizzata la potenza (di sistema) corrispondente alla soglia impostata.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

88/132

Start-up threshold

L (t=k/I2 ) L
(in accordo alla norma IEC 60255-3)

Selettivit di zona

Protezione

Memoria termica

Disabilitazione

Disabilitazione solo TRIP

Range soglia

Range Tempo

Tolleranza soglia (3)

Tolleranza tempo (3)

0.4xIn I1 1xIn step 0.01xIn 0.4xIn I1 1xIn step 0.01xIn 0.6xIn I2 10xIn step 0.1xIn

3s t1 144s, step 3s (1) B = 0.2 ... 10, step 0.1s Min(2), 0.05s t2 0.75s, step 0.01s

Sgancio tra 1.1 e 1.2 x I1 Sgancio tra 1.1 e 1.25 x I1 7%, If < 4xIn 10%, If > 4xIn 7%, If < 4xIn 10%, If > 4xIn 10%, If < 4xIn 15%, If > 4xIn 7%, If < 4xIn

10%, If < 4xIn 20%, I f > 4xIn 20%, If > 5xI1


30%, 2xI1 < I f < 5xI1
Il migliore dei due dati:
10% o 50ms, If < 4xIn 15% o 50ms, I f >4xIn

S (t=k)

S (t=k/I2 ) I (t=k) G (t=k) G (t=k/I2 ) D (t=k) U (t=k) OT (temp=k) K (Open1-Open2) K (Closed1-Open1) UV (t=k) OV (t=k) RV (t=k) RP (t=k) Iinst
(1)

0.6xIn I2 10xIn step 0.1xIn 1.5xIn I3 15xIn step 0.1xIn 0.2xIn I4 1xIn step 0.02xIn 0.2xIn I4 1xIn step 0.02xIn 0.6xIn I7 10xIn step 0.1xIn 10% I6 90% step 10%

0.05s t2 0.40s, step 0.01 In Istantaneo 0.1s t4 1s, step 0.05s 0.1s t4 1s, step 0.05s 0.20s t7 0.75s, step 0.01s 0.5s t6 60s, step 0.5s

15%, If < 4xIn 20%, I f > 4xIn < 25ms


Il migliore dei due dati:
10% o 50ms, If < 4xIn

7%, If < 4xIn 10% 10% 1C 10%

15% 20% 20% 20%

Impostabile solo da ABB Istantaneo 0.5xI1 (Ic1, Ic2) 1.0xI1 step 0.01xI1 0.5xI1 (Ic1, Ic2) 1.0xI1 step 0.01xI1 0.6xUn V8 0.95xUn step 0.01xUn 1.05xUn V9 1.2xUn step 0.01xUn 0.1xUn V10 0.4xUn step 0.05 Un -0.3xPn P11 -0.1xPn step 0.02 Pn tc1 t1 / 4 tc2 = t1 / 2 10s tc1 120s step 5s, tc2 t1 / 2 0.1s t8 5s, step 0.1s 0.1s t9 5s, step 0.1s 0.5s t10 30s, step 0.5s 0.5s t11 25s, step 0.1s

10% 5% 5% 5% 10% 5%

20% 20% 20% 20% 20% -

Impostabile solo da ABB Istantaneo

Il valore minimo di tale intervento di 750ms indipendentemente dal tipo di curva settata (autoprotezione). Minimum time: tempo minimo effettuabile dalla protezione Tali tolleranze valgono con le seguenti ipotesi: - rel autoalimentato a regime (senza start-up) - alimentazione bifase o trifase

Per tutti i casi non contemplati dalle ipotesi sopra valgono i seguenti valori di tolleranze:
Soglia di intervento L S I G Sgancio tra 1.1 e 1.25 x I1 10% 15% 10% Tempo di intervento 20% 20% 60ms 20%

(2) (3)

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

89/132

15.4.3 Segnalazioni 15.4.3.1 Segnalazioni ottiche Segnalazione Led Vaux (verde) Led P Fault (rosso) Led Temp (arancione) Descrizione Presenza di Alimentazione Ausiliaria Microprocessore con guasto temporaneo o permanente Lampeggiante con valori di Warning temperature, vedi par. 15.2.6.7 Acceso fisso con valori di di Alarm temperature, vedi par. 15.2.6.7 Led Trip (rosso) Si accende (solo con Vaux) a seguito di unapertura per protezione. La soglia di preallarme stata superata; una o pi fasi con valori di corrente nel range 0.9xI1 < I < 1.05xI1 . Ne dipende dalla selezione effettuata; ad esempio al 50% i valori sono dimezzati) Presenza, tra due o tre fasi, di squilibrio superiore al valore programmato per la protezione Unbalanced Phases, con protection trip disabilitato Presenza di Forma donda Distorta con Fattore di Forma > 2.1; Usura Contatti maggiore dell80% (e minore del 100%; solo con Vaux); Superamento della soglia di WARNING THRESHOLD, vedi par.15.2.7.1; Errore stato interruttore (solo con Vaux); Frequenza fuori range. Presenza di una o pi fasi in sovraccarico con valori di corrente I >1.3 I1 (temporizzazione protezione L) (sul NE dipende dalla selezione effettuata; ad esempio al 200% i valori sono raddoppiati)*; Temporizzazione in corso per la funzione di protezione S; Temporizzazione in corso per la funzione di protezione I; Temporizzazione in corso per la funzione di protezione G; Temporizzazione in corso per la funzione di protezione D; Temporizzazione in corso per le funzioni di protezione di tensione (UV, OV, RV); Temporizzazione in corso per la funzione di protezione di inversione della potenza attiva (RP); Temporizzazione nel caso di sbilanciamento tra le fasi superiore al valore impostato nella configurazione con protection trip settato on; Usura al 100 %; TA sconnessi; Solenoide di apertura (SA) sconnesso.

Led Warning (giallo)

Led Emergency (rosso)

NB. Lampeggia nel caso di intervento della backup protection.


* La norma IEC 60947-2 definisce la soglia di temporizzazione L per corrente: 1.05 < I < 1.3 I1

Segnalazione Bandierina magnetica gialla Bandierina magnetica gialla Bandierina magnetica gialla Bandierina magnetica gialla Bandierina magnetica gialla

Descrizione * Intervento di una delle seguenti protezioni: undervoltage, overvoltage, residual voltage, inversione di potenza attiva, sbilanciamento di fase, sovratemperatura; L Intervento della protezione L; S Intervento della protezione S o D; I Intervento della protezione I oppure Iinst G Intervento della protezione G.

15.4.3.2 Segnalazioni elettriche Segnalazione Contatto K51/p1 Contatto K51/p2 Contatto k51/YO1 Contatto K51/P Descrizione La segnalazione a cui collegato (vedi par. 15.2.10.1) attiva (solo con Vaux); La segnalazione a cui collegato (vedi par. 15.2.10.1) attiva (solo con Vaux); Intervento di una tra le protezioni L, S, D, I, G, U, OT, UV, OV, RV, RP, Iinst; Microprocessore con guasto temporaneo o permanente. (si chiude con ritardo di 1...2 s, solo con Vaux).

Premendo il pulsante Reset possibile riportare allo stato normale sia le bandierine magnetiche (colore nero) e dei contatti (normalmente aperti). Tale pulsante attivo anche in mancanza dellalimentazione ausiliaria. A relay disalimentato viene utilizzata lenergia accumulata da un apposito condensatore tampone di Reset che viene caricato allaccensione (in ~12s). Cosi si garantisce, @ 25C, nel caso di assenza di autoalimentazione e di alimentazione ausiliaria, almeno un operazione di Reset, entro 2 ore dallapertura del CB, per le bandierine e 12 ore per il contatto SRE. Nel caso anche il condensatore tampone sia scarico, si pu alimentare momentaneamente il PR113 tramite il PR120/B o il PR010/T (vedi par. 15.7). Indipendentemente dallo stato delle segnalazioni e dallalimentazione del relay, sempre possibile la chiusura dellinterruttore, sia tramite Bobine di Chiusura (BC) che tramite pulsante meccanico.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

90/132

15.5 Ricerca guasti


Nella tabella seguente sono raccolte una serie di situazioni tipiche di esercizio, utili per capire e risolvere ipotetici guasti o malfunzionamenti.
Nota bene: 1. Prima di consultare la seguente tabella, verificare per alcuni secondi leventuale segnalazione di messaggi di errore sulla prima linea del display. 2. FN indica un funzionamento normale del PR113. 3. Nel caso i suggerimenti proposti non portino alla soluzione del problema, vi preghiamo di contattare il servizio di assistenza ABB SACE.

N 1 2 3

Situazione Non possibile effettuare il reset delle segnalazioni magnetiche Non possibile effettuare il trip test Tempi di intervento inferiori a quelli attesi

Possibili cause Il condensatore tampone scarico 1. La corrente di sbarra > 0. 2. LSA non connessa 1. 2. 3. 4. 5. 1. 2. 3. 4. Soglia troppo bassa Curva troppo bassa Memoria Termica inserita Selezione Neutro errata E inserita la SdZ Soglia troppo alta Curva troppo alta Curva I2 t inserita Selezione Neutro errata

Suggerimenti FN, collegare la Vaux, il PR010/T o il PR120/B, per il reset. 1. FN 2. Verificare messaggi sul display 1. 2. 3. 4. 5. 1. 2. 3. 4. Correggere soglia Correggere curva Escludere se non necessaria Correggere Selezione Neutro Escludere se non necessaria Correggere soglia Correggere curva Escludere se non necessaria Correggere Selezione Neutro

Tempi di intervento superiori a quelli attesi

5 6 7

Intervento rapido, con I3=Off I di terra alta, ma non c il trip Display spento

Intervento di Iinst 1. Selezione errata del sensore 2. Funzione G inibita con I>4In 1. Manca Vaux e la I di sbarra inferiore al valore minimo. 2. Temperatura fuori range Manca Vaux Errato settaggio di In e Un Errata connessione del TV Manca comunicazione tra PR113 e PR020/K

FN con corto circuito ad alta I 1. Settare sensore int. o est. 2. FN 1. FN, vedi 15.2.2.1 2. FN, vedi 15.2.6.7 FN Modificare parametri, vedi 15.4.2.1 Controllare connessioni TV-PR113 1. Se non presente, escludere PR020/K, vedi 15.4.2.1 2. Controllare connessione bus 3. Controllare PR020/K FN, vedi 15.2.8 FN abilitare trip se necessario FN, vedi 15.2.6.6 FN, escludere la MT della L FN, vedi 15.2.9.2 FN, reimpostare la password con valore diverso da 0000. FN FN, premere Esc per uscire.

8 9 10 11

Il display non retroilluminato Lettura di I e/o V errati Lettura V, W e cosfi errati Messaggio No Int Bus Comm sul display

12 13 14 15 16 17 18 19

Display indica ., o >xxxx, invece dei dati attesi Non c il trip atteso Mancata attivazione della protezione Unbalance U

Funzione esclusa o dati fuori range Funzione di trip esclusa Valori di I fuori range

Comportamento anomalo della protezione inserita la MT della L. Controllo carichi K Mancata visualizzazione dei dati di apertura Non viene richiesta la password Non possibile modificare nessun parametro Il display mostra ABB SACE psw ? [****] Manca Vaux La password stata disabilitata PR113 in situazione di allarme Si st cercando di accedere ad unarea riservata ABB

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

91/132

15.6 Messaggi di warning e di errore


Di seguito vengono descritti tutti quei messaggi visualizzabili sul display inerenti a errate configurazioni, ad allarmi generici o derivanti dalle funzioni di protezione e legate a informazioni utili.

ERRATE CONFIGURAZIONI MESSAGGIO DESCRIZIONE

WRONG CS FOR THIS CB E stato selezionato un calibro di CS non installabile (es. E1 con 5000A) sullinterruttore ERROR I2 <= I1 ERROR I5 <= I1 ERROR I3 <= I2 ERROR I3 <= I5 ERROR: S ZONE SEL. ERROR: D ZONE SEL. ERROR: V_AUX OFF V_AUX OFF: Comm. OFF NO Int. Bus Comm. La soglia di intervento della funzione L maggiore della soglia della funzione S La soglia di intervento della funzione L maggiore della soglia della funzione D La soglia di intervento della funzione S maggiore della soglia della funzione I La soglia di intervento della funzione D maggiore della soglia della funzione I E stata attivata la selettivit di zona per la funzione D ma gi attiva la selettivit di zona per la funzione S. E stata attivata la selettivit di zona per la funzione G ma gi attiva la selettivit di zona per la funzione D. Non presente lalimentazione ausiliaria, funzione non disponibile. Il bus di comunicazione non funzionante perch manca la tensione ausiliaria. settata la presenza dellunit PR020/K ma non vi comunicazione sul bus interno.

WRONG NE% SELECTION stata selezionata una protezione del neutro incompatibile con lattuale TA e CB; oppure stato selezionato un TA incompatibile con lattuale protezione del neutro e CB. Deve valere la condizione TA * %Ne (0.5, 1, 1.5 o 2) Corrente nominale interruttore. NOT available CB STATUS ERROR V_AUX Off: S Sel. Off V_AUX Off: G Sel. Off V_AUX Off: D Sel. Off La funzionalit richiesta non disponibile. Viene rilevata corrente con stato interruttore OPEN; lingresso di stato dellinterruttore non stato cablato correttamente (verifica fatta solo con Vaux) Lunit configurata per funzionare con selettivit di zona S ma stata tolta lalimentazione ausiliaria. Lunit configurata per funzionare con selettivit di zona G ma stata tolta lalimentazione ausiliaria. Lunit configurata per funzionare con selettivit di zona D ma stata tolta lalimentazione ausiliaria.

ALLARMI GENERALI MESSAGGIO CONTACTS WEAR >80% CONTACTS WEAR 100% HARMONIC DISTORSION CS-L1 DISCONNECTED CS-L2 DISCONNECTED CS-L3 DISCONNECTED CS-NE DISCONNECTED SA DISCONNECTED FREQUENCY OUT OF RANGE CURRENT > Iw THRESHOLD DESCRIZIONE Lusura dei contatti elettrici dellinterruttore ha raggiunto l80% Lusura dei contatti elettrici dellinterruttore ha raggiunto il 100% La corrente circolante nellinterruttore distorta (fattore di cresta >2.1). Sensore di corrente relativo alla fase L1 non collegato Sensore di corrente relativo alla fase L2 non collegato Sensore di corrente relativo alla fase L3 non collegato Sensore di corrente relativo al neutro NE non collegato Sganciatore dapertura non collegato Frequenza della corrente/tensione misurata fuori limite Presenza di corrente maggiore rispetto alla soglia libera impostata da utente (Iw)

FUNZIONI DI PROTEZIONE MESSAGGIO PREALARM L L PROTECTION TIMING S PROTECTION TIMING G PROTECTION TIMING DESCRIZIONE La corrente circolante su almeno una fase superiore al valore di soglia di preallarme per la protezione L impostata, vedi par. 15.4.3.1. La corrente circolante su almeno una fase superiore al valore di corrente della soglia di protezione L impostata e lunit sta temporizzando. La corrente circolante su almeno una fase superiore al valore di corrente della soglia di protezione S impostata e lunit sta temporizzando. La corrente circolante su almeno una fase superiore al valore di corrente della soglia di protezione G impostata e lunit sta temporizzando.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

92/132

FUNZIONI DI PROTEZIONE MESSAGGIO G ALARM, TRIP OFF OVERVOLTAGE TIMING OVERVOLTAGE ALARM UNDERVOLTAGE TIMING UNDERVOLTAGE ALARM RESIDUAL VOLTAGE TIMING RESIDUAL VOLTAGE ALARM REVERSE A.POWER TIMING UNBALANC. PHASES TIMING UNBALANC. PHASES ALARM DESCRIZIONE E in corso una temporizzazione della funzione G ma stato disabilitato il comando di trip che viene dato al termine della temporizzazione. La tensione su almeno una fase superiore al valore di tensione della soglia di protezione OV e lunit sta temporizzando. La tensione su almeno una fase superiore al valore di tensione della soglia di protezione OV, la temporizzazione terminata e la protezione si trova in stato di ALARM. La tensione su almeno una fase inferiore al valore di tensione della soglia di protezione UV e lunit sta temporizzando. La tensione su almeno una fase inferiore al valore di tensione della soglia di protezione UV, la temporizzazione terminata e la protezione si trova in stato di ALARM. La tensione residua calcolata superiore al valore di tensione della soglia di protezione RV e lunit sta temporizzando. La tensione residua calcolata superiore al valore di tensione della soglia di protezione RV, la temporizzazione terminata e la protezione si trova in stato di ALARM. La potenza attiva totale inferiore al valore di potenza inversa della soglia di protezione RP e lunit sta temporizzando. Presenza di uno squilibrio tra almeno due fasi superiore al valore impostato e lunit sta temporizzando. Presenza di uno squilibrio tra almeno due fasi superiore al valore impostato ma stato disabilitato il comando di trip che viene dato al termine della temporizzazione.

PR020/K MESSAGGIO ERROR Ic2 < Ic1 K: LOAD 1 TIMING K: LOAD 2 TIMING K: LOAD 1 CLOSING K: LOAD 1 OPEN K: LOAD 2 OPEN K: AR DISABLED DESCRIZIONE La soglia di corrente impostata per il carico n1 maggiore di quella del carico n2 o la soglia di corrente impostata per la richiusura maggiore di quella di apertura del carico. La corrente circolante ha superato la soglia del carico n1 collegato al PR020/K e lunit sta temporizzando per lapertura del carico. La corrente circolante ha superato la soglia del carico n2 collegato al PR020/K e lunit sta temporizzando per lapertura del carico. Il carico n1 collegato al PR020/K sta per essere riattaccato Il carico n1 collegato al PR020/K stato sezionato Il carico n2 collegato al PR020/K stato sezionato Lautoriarmo del carico n1 collegato al PR020/K stato disabilitato GESTIONE DELLA PASSWORD MESSAGGIO Password ? [****] Wrong Password New Password: [****] Confirm Password: [****] DESCRIZIONE Inserire la password di accesso in modalit EDIT La password inserita errata Inserire la nuova password Confermare la nuova password inserita

15.6.1 In caso di guasto Se si sospetta che il PR113 sia guasto, presenta dei malfunzionamenti od ha generato un trip imprevisto, vi consigliamo di seguire scrupolosamente le seguenti indicazioni: 1. 2. 3. 4. 5. 6. Non resettare il rel. Annotare quale segnalino magnetico attivato (zona gialla). Se presente la Vaux, il rel ha memorizzato i dati di trip, per cui rilevarli dalla pagina Last Trip. Se Vaux assente, usare il PR120/B e annotarsi tutti i settaggi delle funzioni di protezione. Segnarsi il tipo di CB, numero di poli, eventuali accessori connessi, In , Serial Number (vedi par. 15.2.11) e la versione sw. Preparare una breve descrizione dellapertura (quando avvenuta? quante volte? sempre con le stesse condizioni?, con che tipo di carico?, con che tensione?, con che corrente? levento riproducibile?) 7. Inviare/comunicare tutte le informazioni raccolte , corredate di schema elettrico applicativo del CB, allAssistenza ABB a voi pi vicina. La completezza e la precisione delle informazioni fornite allAssistenza ABB faciliter lanalisi tecnica del problema riscontrato, e ci permetter di attuare con sollecitudine tutte le azioni utili a favore dellutente.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

93/132

15.7 Accessori
15.7.1 Unit di test complessa ABB SACE PR010/T Il test con lunit SACE PR010/T permette di verificare il corretto funzionamento degli ingressi, delle uscite, delle soglie e dei tempi dintervento delle funzioni di protezione L, S, I, G, U, Iinst, UV, OV e RV in modo manuale o automatico. E possibile inoltre ottenere un test report e modificare tutti settaggi dellunit PR113. Per il funzionamento dellaccessorio PR010/T consultare lapposito manuale duso. 15.7.2 Unit di segnalazione ABB SACE PR020/K Lunit di segnalazione PR020/K permette, collegata al bus interno del PR113/P, di segnalare tramite contatti puliti di potenza ( 250 Vac, 5A) lo stato delle funzioni di protezione e dellintervento del PR113/P stesso. Lutente ha la possibilit di abbinare singolarmente ad ognuno dei 7 rel K51 di potenza, interni al PR020/K, una delle segnalazioni definite al par. 15.2.10.1. In questo modo, lutente potr avere lindicazione, tramite contatti di potenza puliti delle segnalazioni ritenute pi importanti. Se le esigenze di segnalazione sono quelle classiche (Allarme L, S, I ... Trip), queste sono preconfigurate nel PR020/K, rendendo immediata la messa in servizio. Il PR020/K deve essere alimentato con una Vaux di 24Vdc 20%. Per linstallazione ed il funzionamento dellaccessorio PR020/K consultare lapposito manuale duso . Lunit deve essere collegata al PR113 tramite bus interno con un cavo bifilare schermato cordato (vedi nota A, par. 11.2.2) di lunghezza massima 15m. Lo schermo va messo a terra sia sul lato interruttore che sul lato PR020/K. 15.7.3 Unit di alimentazione ABB SACE PR120/B Il PR120/B un unit di alimentazione momentanea da inserire nel connettore di test frontale del PR113. Con questo accessorio, fornito di serie, possibile eseguire il test, leggere e configurare i parametri dellunit PR113 qualsiasi sia lo stato dellinterruttore (aperto-chiuso, in posizione test o inserito, con/senza alimentazione ausiliaria). Testando il PR113 con lalimentazione fornita dal PR120/B, normale che il display, dopo un trip test, si spenga per qualche secondo. La batteria interna al PR120/B garantisce lalimentazione dellunit per circa 3h continuative (dipendentemente dalle operazioni effetuate sul PR113)

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

94/132

15.8
15.8.1

Curve di intervento
Curve di intervento funzioni L-S-I
t [s] 10 4
0,4 1 0,4 1 0,6 10 0,6 3 144 10

Le curve di intervento riportate sono indicative e rappresentano solo un sottogruppo delle possibili selezionabili (vedi par. 15.4.2.2).

10 3

10 2
1,5 15 1,5 15

t=

k I2

10

0,05 0,75

10 -1

10 -2
1SDC200110F0001 1SDC200111F0001

10 -3 10 -1 1 10 100 x In

15.8.2

Curve di intervento funzioni L-S-I

t [s]

10 4
0,4 1 0,4 1 0,6 10 0,6 3 144 10

10 3

10 2
1,5 15 1,5 15

t=k

10

10 -1

0,05 0,75

10 -2

10 -3 10 -1 1 10 100 x In

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

95/132

15.8.3

Curve di intervento funzione G

t [s]

10 4
0,2 1 0,2 1

10 3

10 2

t=
10

k I2

0,1 10 1

10 -1

10 -2

t=k
1SDC200112F0001 1SDC200118F0001

10 -3 10 -1 1 10 100 x In

15.8.4

Curve di intervento funzione L secondo IEC 60255-3 (tipo A)

t [s]

10 4

0,4 0,4 1

k = 0,14 = 0,02
10 3

10 2

10 10 3 3

10
b = 0,2 10 s

1 0,5 1 0,5

0,2

0,2

10 -1

10 -1

10

100 x In

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

96/132

15.8.5

Curve di intervento funzione L secondo IEC 60255-3 (tipo B)

t [s]

10 4

0,4 0,4 1

k = 13,5 =1
10 3

10

10 2
3 10

10
b = 0,2 10 s

0,5 1 0,2 0,5

0,2

10 -1

10 -1

10

100 x In

15.8.6

Curve di intervento funzione L secondo IEC 60255-3 (tipo C)

t [s]

10 4

0,4 0,4 1

k = 80 =2
10 3
10

10 2

10

1 3 0,5

10
b = 0,2 10 s

1 0,2 0,5

0,2

10 -1

10 -1

10

100 x In

Mod.

L0849

1SDC200120F0001

1SDC200119F0001

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

97/132

15.8.7

Curve di intervento funzione D

t [s]

10 4
0,6 10 0,6 10
D

10 3

10 2

10

10 0,2 0,75 10 -1

10 -2

10 -1

10

100 x In

15.8.8

Curve di intervento funzione U

t [s]

10 4
0,7 0,8 0,9 0,1 0,2 0,3 0,4 0,5 0,6
U

10 3

10 2
40 30 20

60 50

10 10 0,5 60

10 5

1 0,5
1SDC200122F0001

10 -1

10 -2

10 -1

10 x In

Mod.

L0849

1SDC200121F0001

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

98/132

15.8.9

Curve di intervento funzione UV

t [s]

10 4
0,6 0,95 0,6 0,95
UV

10 3

10 2

10
3 2

5 4

1 10 0,1 5

1 0,7 0,5 0,3 0,2

10 -1

0,1

10 -2 0,5 0,6 0,7 0,8 0,9 1 1,1 1,2 1,3 x Un

15.8.10

Curve di intervento funzione OV

t [s]

10 4
1,05 1,2 1,05 1,2
OV

10 3

10 2

10
3 2

5 4

1 10 0,1 5

1 0,7 0,5 0,3 0,2

10 -1

0,1

10 -2 1 1,05 1,1 1,15 1,2 1,25 1,3 x Un

Mod.

L0849

1SDC200124F0001

1SDC200123F0001

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

99/132

15.8.11

Curve di intervento funzione RV

t [s]

10 4

0,1 0,15 0,2 0,25 0,3 0,35 0,4


RV

10 3

10 2
30 25 20

10

10 5

10 0,5 30
2

1
1SDC200125F0001

0,5

10 -1

0,2

0,4

0,6

0,8

1,2 x Un

15.8.12

Curve di intervento funzione RP

t [s]

10 4

-0,3

-0,28 -0,26

-0,24 -0,22

-0,2

-0,18 -0,16

-0,14 -0,12

-0,1
RP

10 3

10 2

25 20 15

10

10 5

10 0,5 25
2

1
1SDC200126F0001

0,5

10 -1 -0,4

-0,3

-0,2

-0,1

0 x Pn

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

100/132

16 Sganciatore SACE PR113/PD - Identificazione


Le unit PR113 disponibili dotate di unit di dialogo, con protocollo Modbus, sono: PR113/PD (in accordo con norme IEC)

16.1 Standard
Il PR113 /PD stato progettato per lavorare in accordo con lo standard internazionale : IEC 60947-2 Apparecchiature di bassa tensione. Interruttori automatici.

16.2 Note di sicurezza


Questo simbolo identificativo di informazioni sulle pratiche, azioni o circostanze che possono condurre a ferite o lesioni del personale, danno allunit o perdite economiche. Leggere attentamente e completamente il presente manuale. Questa appendice da intendersi unintegrazione al manuale duso PR113/P. Per un corretto utilizzo e gestione delle unit di protezione PR113 provviste di unit di dialogo con protocollo Modbus [PR113/PD] necessario considerare anche quanto riportato nei seguenti documenti: Manuali duso PR113/P (par.15) PR113/PD Modbus System Interface - vedi par.3 (doc. n RH0296) Modbus installation guide line - vedi par.3 (doc. n RH0298)

16.3 Note varie


A. Tutte le informazioni dettagliate sullinterfaccia di comunicazione (necessarie per lo sviluppo del sistema di supervisione e controllo da parte del System integrator) sono riportate nel documento RH0296. B. Tutte le informazioni dettagliate necessarie per la realizzazione dei collegamenti fisici esterni al rel di protezione, nonch le distanze massime dei cablaggi, il tipo di conduttore da utilizzaresono riportate nel documento RH0298. C. I seguenti sono trademarks di Modicon, Inc. : Modbus 984 P190 SM85 ModConnect BM85 RR85 SQ85 Modcom BP85 SA85

16.4

Specifiche

16.4.1 Generalit In mancanza di alimentazione ausiliaria le funzionalit di comunicazione non sono attive. Le unit PR113 provviste di dialogo permettono ad un sistema di supervisione di acquisire informazioni e inviare comandi/parametri allunit di protezione e allinterruttore. Le informazioni disponibili sono: Dati trasmessi dal PR113/PD al sistema di supervisione 1 Parametri di protezione impostati 2 Parametri di configurazione impostati 3 Correnti di fase, neutro e terra 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 Tensioni concatenate e stellate Fattore di potenza per ogni fase e totale Potenza attiva, reattiva ed apparente Frequenza di linea Stato dellinterruttore (aperto-chiuso) Posizione dellinterruttore (connesso-isolato) Stato delle molle (cariche-scariche) Numero manovre meccaniche dellinterruttore, numero di trip complessivo e per ogni protezione Ultima corrente , tensione e potenza interrotta Storico variazioni di corrente, tensione ed energia Usura contatti Stato funzioni di protezione (preallarme funz.L, temporizzazione funz. L, S, G, UV, OV, RV,...) Funzione di protezione di sovratemperatura Stato comunicazione bus interno Stato connessione SA e sensori di corrente

19 ** ** Vedi par.16.3 nota A

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

101/132

Dati trasmessi dal sistema di supervisione al PR113/PD 1 2 3 4 Parametri di protezione Comandi di apertura e chiusura dellinterruttore Reset per intervento di alcune funzioni di protezione **

** Vedi par.16.3 nota A

16.4.1.1 Alimentazione ausiliaria In presenza di PR113 equipaggiati con unit di dialogo, i consumi dellunit sono differenti da quelli indicati per la sola unit di protezione. Nella tabella seguente sono riportati i valori da considerare. Caratteristiche Tensione di alimentazione Ripple massimo Inrush Current @ 24 V Start-up Current @ 24 V Nominal Current @ 24 V Nominal Power @ 24 V Versione PR113/PD 24V DC 20% 5% ~5A per 30ms ~1.0A per 150ms ~310mA ~8W

16.4.2 Ingressi/uscite 16.4.2.1 Ingressi binari optoisolati CB-Closed: Stato CB CB-Open: Stato CB (per controllo di congruenza con CB-Closed) CB-Springs: Stato molle CB-Position: Posizione CB 16.4.2.2 Contatti di uscita K51/YC: uscita a rel attivabile dallutente per la chiusura dellinterruttore K51/YO: uscita a rel attivabile dallutente per lapertura dellinterruttore Contatti monostabili, attivi solo in presenza di Vaux Massima corrente di commutazione: 3A 250V AC (0.2A 100V DC) Tensione di isolamento contatto-contatto : 1000 V AC 16.4.3 Bus di comunicazione Bus esterno protocollo Modbus RS485 2-Wire Twisted Pair, 19.2kbit/s max., connessione a bus differenziale (Vedi par.16.3 nota B). 16.4.4 Funzioni di informazione Per accedere alle pagine seguenti vedere par.16.6.1. 16.4.4.1 Versione software ABB SACE PR13/D-M Sw: x.xx Questa pagina mostra quale la versione Software dellunit di dialogo del rel PR113/PD in oggetto. Ogni qualvolta si renda necessario comunicare ad ABB SACE eventuali problemi di funzionamento dellunit di dialogo bene citare la versione Sw dellunit (x.xx).

16.4.4.2 Memorizzazione dati di apertura Manual Opens: xxxxx Prot. Trips: Other Trips: Trip Fails: L: xxxxx S: xxxxx I: xxxxx G: xxxxx T: xxxxx D: xxxxx xxxxx xxxxx xxxxx Somma aperture dovute ad aperture manuali mediante pulsanti sul fronte del CB, comandi provenienti da bobina di apertura (YO) e minima tensione (MT). Somma aperture dovute alle protezioni (L, S, I, G, T temperatura, D, UN, UV, OV, RV,). Somma aperture dovute ai trip test. Somma eventuali mancati interventi a fronte di un guasto. Numero di trip dovuti rispettivamente alle protezioni L, S, I, G e T (temperatura), D, UN, UV, OV, RV, RP.

UN: xxxxx UV: xxxxx OV: xxxxx RV: xxxxx RP: xxxxx

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

102/132

16.4.4.3 Stato ingressi ausiliari interruttore CB Status: CB Springs: CB Pos.: Test YO/YC: xxxxx yyyyy zzzzz kkk Stato dellinterruttore. Gli stati possibili sono: Open - Closed Error* Stato di carica delle molle. Gli stati possibili sono: Charged Discharged Posizione dellinterruttore. Gli stati possibili sono: Conn. Isol. Vedi par. 16.4.5

* La visualizzazione di Error indica una condizione di incongruenza (entrambi gli ingressi CB-Open e CB-Closed sono allo stesso stato logico)

16.4.5 Funzioni di comando CB Status : CB Springs: CB Pos. : Test YO/YC: xxxxx yyyyy zzzzz kkk Vedi par. 16.4.4.3 Vedi par. 16.4.4.3 Vedi par. 16.4.4.3 Funzione di comando per apertura e chiusura dellinterruttore mediante bobine YC e YO.

Per aprire linterruttore selezionare YO e quindi premere il pulsante TEST sul fronte del PR113/PD Per chiudere linterruttore selezionare YC e quindi premere il pulsante TEST sul fronte del PR113/PD 16.4.6 Interfaccia utente Legenda del frontale dellunit PR113/PD (integrazione della legenda relativa alla versione PR113/P):

Rifer. A B

Descrizione Led NETWORK legato allo stato attivit comunicazione (Tx) su bus esterno. Led P fault relativo al funzionamento del Processore unit di dialogo.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

103/132

16.4.6.1

Modalit Remoto e Locale

Il PR113/PD pu operare in due modalit differenti, Locale o Remoto. 16.4.6.1.1 Modo operativo Locale In modalit locale: Parametrizzazione remota (ovvero da sistema di supervisione e controllo) non permessa (ad es. cambio settaggi delle funzioni di protezione) Comandi remoti non attuabili (ad es. apri, chiudi interruttore) Sono permesse le seguenti azioni: Lettura delle misure di corrente, tensione, frequenza, potenza Lettura dei parametri di configurazione Lettura dei parametri di protezione Lettura dei parametri impostati per il controllo carichi Lettura delle informazioni relative allunit di protezione 16.4.6.1.2 Modo operativo Remoto In modalit remoto sono permesse tutte le seguenti azioni:: Lettura delle misure di corrente, tensione, frequenza, potenza Lettura dei parametri di configurazione Lettura dei parametri di protezione Lettura dei parametri impostati per il controllo carichi Lettura delle informazioni relative allunit di protezione Modifica dei parametri legati dell'unit di protezione e di comunicazione Comandi di apertura e chiusura dell'interruttore

16.4.7 Settaggi di default Il PR113/PD fornito da ABB SACE con i seguenti parametri di comunicazione predefiniti: Slave Addr. 255 (UNCONFIGURED) Baudrate 19.200 bit/s Parity Even Addressing Standard

Modo operativo Locale

16.5 Messa in servizio


16.5.1 Collegamenti Per i collegamenti a cura dellutente si raccomanda di verificare quanto riportato al par.16.3 nota B. In questo modo saremo in grado di soddisfare tutte le norme di riferimento internazionali e garantire un perfetto funzionamento del rel anche in condizioni ambientali ed elettromagnetiche gravose. Tenere in particolare considerazione i tipi di cavo, le connessioni a terra e le distanze massime consigliate. In caso di sostituzione di un PR113/P con un PR113/PD necessario integrare i cablaggi mancanti sulla morsettiera (o contatti striscianti dellinterruttore) con quelli necessari per la funzione di dialogo nonch sostituire i connettori che dalla morsettiera si innestano al rel PR113. 16.5.2 Test Prima della messa in servizio consigliabile effettuare alcuni comandi di apertura, chiusura e reset dellinterruttore verificando anche la corretta indicazione dello stato dellinterruttore sul display (aperto-chiuso). E consigliabile inoltre verificare il corretto stato delle molle (cariche-scariche) nonch la posizione dellinterruttore (connesso-isolato). Per ulteriori dettagli vedere par. 16.4.4.3. 16.5.3 Settaggi iniziali ABB SACE definisce ogni settaggio dei parametri di comunicazione (vedi parametri di default). Prescindendo da ci, assolutamente indispensabile che lutente, prima della messa in servizio del PR113, definisca con cura ogni parametro modificabile (vedi par.16.6.2).

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

104/132

16.6 Istruzioni operative/funzionamento in esercizio


16.6.1 Men Come gi visto precedentemente, il PR113 utilizza il display per visualizzare messaggi, dati e men. Questi sono organizzati in modo logico e intuitivo. Per comodit dellutente, si riportano di seguito tutte le schermate aggiuntive visibili con PR113/PD.

.....Pr113........
200 100
%

0
V1 V2 V3 L1 L2 L3 NE

..... A ..
Gr o u n d : . . . . . A

1. Unit Configuration 2. Parameters Prog. 3. Measurements/Trips 4. Test 5. Information 6. Other Functions 1. CB Info 2. Network Info 3. Information

ESC *

ABB SACE PR113/D-M Sw: x.xx

Slave Addr.: xxx Baudrate : xxxxx Parity : xxxx Addr.T ype : xxx

1. CB I/O 2. CB Data 3. Protection Trips

CB Status : xxxxx CB Springs: yyyyyyy CB Pos. : zzzzz Test YO/YC: kkk

Manual Opens : xxxxx Prot. Trips : xxxxx Other Trips : xxxxx Trip Fails : xxxxx

L: xxxxx S: xxxxx I: xxxxx G: xxxxx T: xxxxx D: xxxxx

UN: xxxxx UV: xxxxx OV: xxxxx RV: xxxxx RP: xxxxx

* Per ritornare alla pagina precedente premere ESC

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

105/132

16.6.2 Modifica parametri Le informazioni per la modifica dei vari parametri sono riportate sulla parte PR113/P del manuale duso.

16.6.2.1 Modifica configurazione di base Con PR113/PD, nel men Config/Program viene visualizzata un'ulteriore pagina.

Operating Mode Language Net frequency Neutral sel.

:xxx :yyy :kkk :zzz

Propriet / funzione Operating Mode

Valori selezionabili Rem-Loc

Descrizione Vedi par. 16.4.6.1

16.6.2.2 Modifica parametri di comunicazione

Slave Addr. Baudrate Parity Addr. T ype


Propriet / funzione Slave Addr. Baudrate Parity Addr. Type Valori selezionabili 1247 e 255* 9600-19200 bit/s Even-Odd Standard-ABB SACE Descrizione

: : : :

xxx xxxxx xxxx xxx

Indirizzo logico del dispositivo. Velocit di trasmissione dati. Modalit di controllo dati trasmessi. Tipo di indirizzamento dei dati Modbus.

* Slave Addr. = 255 significa unit non configurata. 16.6.3 Segnalazioni 16.6.3.1 Segnalazioni ottiche Segnalazione Led P Fault [COMMUNICATION] Led Network [COMMUNICATION] Descrizione (rosso) Microprocessore dellunit di dialogo con guasto temporaneo o permanente. (giallo) Lattivit di comunicazione (Tx) tra il rel PR113 ed il sistema di supervisione remoto attiva (lampeggio rapido).

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

106/132

16.7 Ricerca guasti


Nella tabella seguente sono raccolte una serie di situazioni tipiche di esercizio, utili per capire e risolvere ipotetici guasti o malfunzionamenti. Nota bene: 1. Prima di consultare la seguente tabella, verificare per alcuni secondi leventuale segnalazione di messaggi di errore sulla prima linea del display. 2. FN indica un funzionamento normale del PR113. 3. Nel caso i suggerimenti proposti non portino alla soluzione del problema, vi preghiamo di contattare il servizio di assistenza ABB SACE. N Situazione 1 Non c attivit di comunicazione seriale con il sistema di supervisione remoto Errata indicazione dello stato interruttore, posizione interruttore e stato molle. Impossibilit a inviare comandi di apertura e/o chiusura dellinterruttore Impossibilit a modificare i parametri del PR113 e/o effettuare comandi di apertura/chiusura da tastiera frontale. Impossibilit a modificare i parametri del PR113 e/o inviare comandi di apertura/chiusura da remoto. Messaggio No Int. Bus Comm sul display Possibili cause 1. Errato cablaggio delle connessioni 2. Manca la tensione ausiliaria 3. Parametri di comunicazione errati Errato cablaggio delle connessioni 1. Errato cablaggio delle connessioni 2. Mancanza di alimentazione alle bobine di apertura e/o chiusura Lunit impostata in Remoto Suggerimenti 1. Ver ificare le connessioni 2. Ripristinare la tensione ausiliaria 3. Impostare i parametri corretti Verificare le connessioni 1. Verificare le connessioni 2. Ripristinare la tensione di alimentazione Impostare lunit in Locale

2 3

1. Lunit impostata in Locale 2. Il dispositivo un PR113/PD-A Manca attivit di comunicazione tra unit di protezione e unit di comunicazione interne al PR113. Vaux non presente durante il trip.

1. Impostare lunit in Remoto 2. FN Contattare ABB SACE

Mancato aggiornamento dei dati di apertura

FN

16.8 Messaggi di warning e di errore


Di seguito vengono descritti tutti quei messaggi visualizzabili sul display inerenti a errate configurazioni, ad allarmi generici o legati a informazioni utili. Errate configurazioni MESSAGGIO MODBUS not config. V_AUX OFF: Comm. OFF NO Int. Bus Comm. NOT available CB Status Unknown MODBUS Wink DESCRIZIONE Lunit di dialogo non ha lindirizzo settato (set di default ABB) Il bus di comunicazione non funzionante perch manca la tensione ausiliaria. Manca comunicazione tra lunit di protezione e lunit di dialogo interne al PR113/PD. La funzionalit richiesta non disponibile. Vedere par.16.4.4.3 E stata attivata la modalit di Wink. In questa condizione la retroilluminazione del display intermittente.

16.9 ACCESSORI
Vedi paragrafo 15.7.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

107/132

17. Dimensioni di ingombro


Interruttore fisso Esecuzione base con terminali posteriori orizzontali

Y
A B

A
4 POLI 3 POLI

5
80 E 440 min.

418

379

312

E 192.5 16.5

3 POLI

4 POLI

33

13 177 49 50 89 10 Max Min

Legenda 1 Filo interno porta cella 2 Segregazione (dove prevista) 3 Fissaggio interruttore foratura M10 (usare viti M10) 4 Nr. 1 vite M12 (E1, E2, E3) o nr. 2 viti M12 (E4, E6) per messa a terra (comprese nella fornitura) 5 Parete isolante o metallica isolata

E1/E2 Vista A
397

E3 Vista A
Y
4 POLI
307 541 126 35 N 126

Y
415

4 POLI 3 POLI
126 96 13 18

3 POLI
90 60 13 18 33

4
33 N

90

35

90

2
252 242 M10

2 3
252 242 M10

Max +40

45 240 330

Max +40

3 POLI 4 POLI
474

348

3 POLI 4 POLI

B
296 296 404 566 782 -

C
148 148 202 238 328 -

D
148 148 202 328 328 454 454

E
10 26 26 26 26 26 26

F
130 114 114 166 166 166 166

G
117,5 117,5 117,5 91,5 91,5 91,5 91,5

E1 E2 E3 E4 E4/f E6 E6/f

386 386 530 656 746 908 1034

Fig. 35
Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

108/132

1SDC200213F0001

63

1SDC200212F0001

Interruttore fisso Esecuzione base con terminali posteriori orizzontali E4 Vista A


4
66 180 577 35

Y
180 150
3 POLI (E4)

13 18

45 510 135 180 667 180

4 POLI (E4)

60 33 N

3
600 757
4 POLI (E4/f)

18 66

180 150

35 35 35

180

180

252 242

3
M10 45

690

E6 Vista A
4
66 63 726 793 252

Y
3 POLI (E6)
252 222 13 18

96 66 35 35 33 N

189 252 35 35 56 35 35

919

1SDC200214F0001

Max +40

252 222

4 POLI (E6)
13 18

3
852 252 252 35 35 56 35 35 1045 252 222

4 POLI (E6/f)
13 18

18 66

222

252 242

3
M10

63

978

Fig. 36
Mod.

L0849

1SDC200215F0001

Max +40

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

109/132

Interruttore fisso Esecuzione base con terminali posteriori verticali

E1
A
13 80 166 35 104.5 20 50 48

E2/E4
A
13 80 166 35 104.5 20 50 48

E3/E6
A
13

100 166 35 104.5 20 50 48

E1 Vista A

E2 Vista A

E3 Vista A

10 10 10

90 10 90

90

90

10 10 12 12 12

126

126

31

N
Prigionieri M12 inclusi nella fornitura

E4 Vista A

E4/f Vista A

E6 Vista A

E6/f Vista A

180

180 252 10 10 10 10 10 10 90 90 31 252 31 10 10 12 12 12 126

135

N N

189

10 10 12 12 12

180

126

252

N
Prigionieri M12 inclusi nella fornitura

Prigionieri M12 inclusi nella fornitura

Fig. 36a

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

110/132

1SDC200216F0001

Interruttore fisso Esecuzione con terminali anteriori

E1

460

42.5 10 68 90 35 90 60

20 13

E2
10

10

460

42.5 35 20 20 88 90 90 60

20 13

E3

10

10

460

20 35 96 126 13 126

20 20 88

Fig. 37

Mod.

L0849

1SDC200217F0001

42.5

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

111/132

Interruttore fisso Esecuzione con terminali anteriori

E4

E4
35

E4/f

10

10

460

42.5 35 20 20 88 180 150 35 135 60

20 13 180 35 150 35 180

20 13

E6

E6
35 35 10

E6/f

10

460

1SDC200218F0001

42.5 20 20 88 56 35 35 222 189 96

20 13 252 56 35 35 222 252

20 13

252

Fig. 38

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

112/132

Interruttore fisso

Dimensione della cella

Foratura della porta della cella


Y
316 306

100

100

5 100 500

339 100

374 384

Profondit
242 Min 282 Max A B
3 POLI 4 POLI

100 R2

N 2 fori per la protezione IP54


150 168.5

Coppia di serraggio dei terminali principali Nm 70 Coppia di serraggio vite messa a terra Nm 70
Vite M12 alta resistenza Quantit per terminale FASE NEUTRO

E1-E2

B
490 490 630 790 880 1130 1260

E1 E2 E3 E4 E4/f E6 E6/f

400 400 500 700 1000 -

E3

E4-E4/f
N

2-4

E6-E6/f

3-6

Fig. 39

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

113/132

Interruttore estraibile Esecuzione base con terminali posteriori orizzontali


5
34 13

5,5 Max

Y
A B

A
4 POLI 3 POLI

E1

E2/E3/E4/E6

E 461 465 140 E 199.5 124.5 C 465 min 465

10

140 E
10

465 min

3 POLI D

4 POLI

18

348

18

348

Legenda 1 Filo interno porta cella 2 Segregazione (dove prevista) 3 Fissaggio parte fissa foratura 10 (usare viti M8) 4 Nr. 1 vite M12 (E1, E2, E3) o nr. 2 viti M12 (E4, E6) per messa a terra (comprese nella fornitura) 5 Corsa da inserito per TEST a sezionato 6 Foratura alternativa passo 25 mm fissaggio parte fissa 7 Foratura di ventilazione sul quadro

E1/E2 Vista A
90

Y
327 90

E3 Vista A
3 POLI
35 13 96

Y
126 126 35 35 435

3 POLI
13

60

2 4
129 15 33 90 100 138

2 4
183 200 240

60

417 90

90 35

4 POLI
33

15

96

126

561 126 63

4 POLI
126 35 35

N
174

45

N
309

393.5 380

3
225 240

33 393.5 40 380 84 122 325 370 F

3
225 240

175 220

10

10

B
324 324 432 594 810 -

C
162 162 216 252 342 -

D
162 162 216 342 342 468 468

E
3 poli 10 8 8 8 8 8 8 370 530 750 -

F
4 poli 490 610 700 870 1000

E1 E2 E3 E4 E4/f E6 E6/f

414 414 558 684 774 936 1062

Fig. 40

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

114/132

1SDC200221F0001

70 49

70 49

1SDC200220F0001

124.5 E

199.5

Interruttore estraibile Esecuzione base con terminali posteriori orizzontali

E4 Vista A
150 180 597

Y
3 POLI (E4) 13

35 35 35 45 528

2 4
200

200 15 33 135 687 180

3
180 4 POLI (E4) 13

60 N

150

618 245 15 33 N 708 33 393.5 380 40 84 122 45 F 180 245 777 180 180 35 35 35

3
4 POLI (E4/f) 13

150

3
240

49

290

290

10

E6 Vista A
252 813

Y
3 POLI (E6)

222

252 35 35 56 35 35 63 744

13

2 4
310

310 939 15 33 N 870 370 96 189 222 252

3
4 POLI (E6)

252 35 35 56 35 35

13

370 1065 252 252 35 35 56 35 35

1SDC200222F0001

3
4 POLI (E6/f)

15 33 N

252

222

13

996 393.5 380 33 40 84 122 63 F 10

3
240

433

433

Fig. 41

Mod.

L0849

1SDC200223F0001

49

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

115/132

Interruttore estraibile Esecuzione base con terminali posteriori verticali

E1

E2/E4

E3/E6

A
13 80 114 35 137.5 137.5 114 35 80

A
13

A
13

100 134 35 127.5 20 50 3

20 50 3

20 50 3

E1 Vista A

E2 Vista A

E3 Vista A

90 10 90

126

10 10 12 12 12

90 10 10 10 90

126

N
Prigionieri M12 compresi nella fornitura

E4 Vista A

E4/f Vista A

E6 Vista A

E6/f Vista A

180 90 10 10 10 90 135

180 90 10 10 10 90 180

252

12 1012 10 12 126

252

12 1012 10 12 126

189

31

252

31

N
Prigionieri M12 compresi nella fornitura Prigionieri M12 compresi nella fornitura

N
1SDC200224F0001

Fig. 42

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

116/132

Interruttore estraibile Esecuzione con terminali anteriori

E1

460

35.5 10 71 90 35 90 60

20 13

E2

10

10

460

35.5

20 35 60 90 13

20 20 91

90

E3

10

10

460

35 35 20 20 91 126 126

100

13

Fig. 43

Mod.

L0849

1SDC200225F0001

35.5

20

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

117/132

Interruttore estraibile Esecuzione con terminali anteriori

E4

E4

E4/f

10

10

460

35.5

20 35 180 60 70 135 60 60 13 35 180 60 70 180 60 60 60 13

20

20 20 91

E6

E6

E6/f

10

10

N N

460

35.5

20 35 35 100 126 189 126 252 13 252 35 35 126 100 126 252

20 13

20 20 91

Fig. 44

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

118/132

1SDC200226F0001

Interruttore estraibile Esecuzione con terminali piani

E1
A

E2-E3-E4-E4/f-E6-E6/f
A

M12 114 114

M12

137.5

137.5

3 45 62

E1 Vista A

E2 Vista A

E3 Vista A

90 35 90 60

90 35 90

126 35 35 126 96

60

E4 Vista A

E4/f Vista A

E6 Vista A

E6/f Vista A

180 35 150 35 135 60 35

180 35 150 35 35 180 35 252 35 35 222 56 60 35 252 35 35 222 56 35 252 96

189

N N
1SDC200227F0001

Fig. 45

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

119/132

Interruttore estraibile

Dimensione della cella

Foratura della porta della cella


Y
316 306

100

100

5 100

500

339 100

374

384

Profondit
380

100 R2

N 2 fori per la protezione IP54


150 168.5

A B

3 POLI 4 POLI

Coppia di serraggio delle viti di fissaggio Nm 20 Coppia di serraggio dei terminali principali Nm 70 Coppia di serraggio vite messa a terra Nm 70
Vite M12 alta resistenza Quantit per terminale FASE NEUTRO

E1-E2

B
490 490 630 790 880 1130 1260

E1 E2 E3 E4 E4/f E6 E6/f

400 400 500 700 1000 -

E3

E4-E4/f

2-4

E6-E6/f

3-6

Fig. 46

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

120/132

Blocco meccanico porta della cella

Foratura porta della cella

Distanza minima tra interruttore e parete a quadro Esecuzione fissa Esecuzione estraibile

31,5

X
20 6

73.5

35

A
3 POLI 4 POLI

E1 E2 E3 E4 E4/f E6 E6/f

180 180 234 270 360 -

180 180 234 360 360 486 486

Fig. 47

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

121/132

1SDC200231F0001

18. Schemi elettrici


Stato di funzionamento rappresentato
Lo schema rappresentato nelle seguenti condizioni: interruttore in esecuzione estraibile, aperto e inserito circuiti in assenza di tensione sganciatori non intervenuti comando a motore con molle scariche.

Esecuzioni
Lo schema rappresenta un interruttore in esecuzione estraible ma valido anche per gli interruttori in esecuzione fissa. Esecuzione fissa I circuiti di comando sono compresi tra i morsetti XV (il connettore X non viene fornito). Con questa esecuzione non possono essere fornite le applicazioni indicate nelle figure 31, 32, 51. Esecuzione estraibile I circuiti di comando sono compresi tra i poli del connettore X (la morsettiera XV non viene fornita). Con questa esecuzione non pu essere fornita l'applicazione indicata nella figura 52. Esecuzione senza sganciatore di massima corrente Con questa esecuzione non possono essere fornite le applicazioni indicate nelle figure 3, 5, 13, 41, 42, 43, 44, 51, 52, 53, 62. Esecuzione con sganciatore a microprocessore PR111 Lo sganciatore di massima corrente PR111 corredato della sola unit protezione. Con questa esecuzione non possono essere fornite le applicazioni indicate nelle figure 3, 5, 41, 42, 43, 44, 53, 62. Esecuzione con sganciatore a microprocessore PR112/P Lo sganciatore di massima corrente PR112/P corredato della sola unit protezione. Con questa esecuzione non possono essere fornite le applicazioni indicate nelle figure 3, 5, 22, 42, 43, 44, 53. Esecuzione con sganciatore a microprocessore PR112/PD Lo sganciatore di massima corrente PR112/PD corredato delle unit protezione e dialogo. Con questa esecuzione non possono essere fornite le applicazioni indicate nelle figure 22, 41, 43, 44, 53. Esecuzione con sganciatore a microprocessore PR113/P Lo sganciatore di massima corrente PR113/P corredato della sola unit protezione. Con questa esecuzione non possono essere fornite le applicazioni indicate nelle figure 3, 5, 22, 41, 42, 44. Esecuzione con sganciatore a microprocessore PR113/PD Lo sganciatore di massima corrente PR113/PD corredato delle unit protezione e dialogo. Con questa esecuzione non possono essere fornite le applicazioni indicate nelle figure 22, 41, 42, 43.

Legenda
* A1 A13 A3 A4 AY D F1 K51 = = = = = = = = = = Numero di figura dello schema Vedere la nota indicata dalla letter a Applicazioni dell'interruttore Unit di segnalazione PR020/K (prevista solo con sganciatore PR112/P, PR112/PD, PR113/P o PR113/PD) Applicazioni ubicate sulla parte fissa dell'interruttore (previste solo con interruttori in esecuzione estraibile) Apparecchi e collegamenti indicativi per comando e segnalazione, esterni all'interruttore Unit di controllo/monitoraggio SACE SOR TEST UNIT (vedi nota R) Ritardatore elettronico dello sganciatore di minima tensione, esterno all'interruttore Fusibile a intervento ritardato Sganciatore a microprocessore di massima corrente tipo PR111, PR112/P, PR112/PD, PR113/P o PR113/PD con le seguenti funzioni protettive (vedi nota G): - L contro sovraccarico con tempo di intervento lungo inverso - regolazione I1 - S contro corto circuito con tempo di intervento breve inverso o indipendente - regolazione I2 - I contro corto circuito con tempo di intervento istantaneo - regolazione I3 - G contro guasto a terra con tempo di intervento breve inverso - regolazione I4 Segnalazione elettrica di allarme per anomalie di funzionamento del microprocessore (prevista solo con Uaux. e sganciatore PR112/P , PR112/PD, PR113/P o PR113/PD) Contatti dell'unit di segnalazione PR020/K Selettivit di zona: ingresso per protezione G oppure ingresso in direzione "inversa" per protezione D (prevista solo con Uaux. e sganciatore PR113/P o PR113/PD) Selettivit di zona: uscita per protezione G oppure uscita in direzione "inversa" per protezione D (prevista solo con Uaux. e sganciatore PR113/P o PR113/PD) Segnalazione elettrica programmabile (prevista solo con Uaux. e sganciatore PR112/P, PR112/PD, PR113/P o PR113/PD) Segnalazione elettrica programmabile (prevista solo con Uaux. e sganciatore PR113/P) Selettivit di zona: ingresso per protezione S oppure ingresso in direzione "diretta" per protezione D (prevista solo con Uaux. e sganciatore PR113/P o PR113/PD) Selettivit di zona: uscita per protezione S oppure uscita in direzione "diretta" per protezione D (prevista solo con Uaux. e sganciatore PR113/P o PR113/PD) Comando di chiusura da sganciatore a microprocessore PR112/PD o PR113/PD Comando di apertura da sganciatore a microprocessore PR112/PD o PR113/PD Segnalazione elettrica di allarme per sganciatore Y01 INTERVENUT O (prevista solo con sganciatore PR112/P, PR112/PD, PR113/P o PR113/PD) Selettivit di zona: ingresso (prevista solo con Uaux. e sganciatore PR112/P o PR112/PD) Selettivit di zona: uscita (prevista solo con Uaux. e sganciatore PR112/P o PR112/PD) Motore per la carica delle molle di chiusura Interruttore Contatti ausiliari dell'interruttore

K51/P K51/1...8 K51/GZin (DBin) K51/GZout (DBout) K51/P1 K51/P2 K51/SZin (DFin) K51/SZout (DFout) K51/YC K51/Y0 K51/Y01 K51/Zin K51/Zout M Q Q/1...25

= = = = = = = = = = = = = = = =

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

122/132

S33M/1 S33M/2 S43 S51 S75E/14 S75I/14 S75T/14 SC SO SO1 SO2 TI/L1 TI/L2 TI/L3 TI/N TI/O TU Uaux. UI/L1 UI/L2 UI/L3 UI/N W1 W2 X X1...X7 XF XK1 XK2 - XK3 XO XV YC YO YO1 YO2 YU

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = =

Contatto di fine corsa del motore carica molle Contatto per la segnalazione elettrica di molle cariche Commutatore di predisposizione al comando distanza/locale Contatto per la segnalazione elettrica di interruttore aperto per intervento dello sganciatore di massima corrente. La chiusura dell'interruttore pu avvenire solo dopo aver premuto il pulsante di ripristino Contatti per la segnalazione elettrica di interruttore in posizione di estratto (previsti solo con interruttori in esecuzione estraibile) Contatti per la segnalazione elettrica di interruttore in posizione di inserito (previsti solo con interruttori in esecuzione estraibile) Contatti per la segnalazione elettrica di interruttore in posizione di test (previsti solo con interruttori in esecuzione estraibile) Pulsante o contatto per la chiusura dell'interruttore Pulsante o contatto per l'apertura dell'interruttore Pulsante o contatto per l'apertura dell'interruttore con intervento ritardato Pulsante o contatto per l'apertura dell'interruttore con intervento istantaneo T rasformatore di corrente ubicato sulla fase L1 T rasformatore di corrente ubicato sulla fase L2 T rasformatore di corrente ubicato sulla fase L3 T rasformatore di corrente ubicato sul neutro T rasformatore di corrente omopolare ubicato sul conduttore che collega a terr a il centro stella del trasformatore MT/BT (vedi nota G) Trasformatore d'isolamento T ensione di alimentazione ausiliar ia (vedi nota F) Sensore di corrente (bobina di Rogowski) ubicato sulla fase L1 Sensore di corrente (bobina di Rogowski) ubicato sulla fase L2 Sensore di corrente (bobina di Rogowski) ubicato sulla fase L3 Sensore di corrente (bobina di Rogowski) ubicato sul neutro Interfaccia seriale con il sistema di controllo (bus esterno): interfaccia EIA RS485 (vedi nota E) Interfaccia seriale con gli accessori degli sganciatori PR112/P, PR112/PD, PR113/P e PR113/PD (bus interno) Connettore di consegna per i circuiti ausiliari dell'interruttore in esecuzione estraibile Connettori per le applicazioni dell'interruttore Morsettiera di consegna per i contatti di posizione dell'interruttore in esecuzione estraibile (ubicati sulla parte fissa dell'interruttore) Connettore per i circuiti di potenza degli sganciatori PR111, PR112/P, PR112/PD, PR113/P e PR113/PD Connettori per i circuiti ausiliari degli sganciator i PR112/P PR112/PD, PR113/P e PR113/PD , Connettore per lo sganciatore YO1 Morsettiera di consegna per i circuiti ausiliari dell'interruttore in esecuzione fissa Sganciatore di chiusura Sganciatore di apertura Sganciatore di apertura per massima corrente Secondo sganciatore di apertura (vedi nota Q) Sganciatore di minima tensione (vedi note B e Q)

Descrizione figure
Fig. 1 Fig. 2 Fig. 3 Fig. 4 Fig. 5 Fig. 6 Fig. 7 Fig. 8 Fig.11 Fig. 12 Fig. 13 Fig.21 Fig. 22 Fig.23 Fig.31 Fig.32 Fig.41 Fig.42 Fig. 43 Fig.44 Fig.51 Fig.52 Fig.53 = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = Circuito del motore per la carica delle molle di chiusura Circuito dello sganciatore di chiusura Circuito dello sganciatore di chiusura con comando dall'unit dialogo dello sganciatore PR112/PD o PR113/PD Sganciatore di apertura Circuito dello sganciatore di apertura con comando dall'unit dialogo dello sganciatore PR112/PD o PR113/PD Sganciatore di minima tensione istantaneo (vedi note B e Q) Sganciatore di minima tensione con ritardatore elettronico, esterno all'interruttore (vedi note B e Q) Secondo sganciatore di apertura (vedi nota Q) Contatto per la segnalazione elettrica di molle cariche. Contatto per la segnalazione elettrica di sganciatore di minima tensione eccitato (vedi note B, L e S) Contatto per la segnalazione elettica di interruttore aperto per intervento dello sganciatore di massima corrente. La chiusura dell'interruttore pu avvenire solo dopo aver premuto il pulsante di ripristino. Primo pacco di contatti ausiliari dell'interruttore Secondo pacco di contatti ausiliari dell'interr uttore (non disponibile con gli sganciatori PR112/P PR112/PD, PR113/P e PR113/PD). , T o pacco di contatti ausiliari supplementar i esterni all'interruttore erz Primo pacco di contatti per la segnalazione elettrica di interruttore in posizione di inserito, test, estratto Secondo pacco di contatti per la segnalazione elettrica di interruttore in posizione di inserito, test, estratto Circuiti ausiliari dello sganciatore PR112/P (vedi nota F) Circuiti ausiliari dello sganciatore PR112/PD (vedi nota D, F e M) Circuiti ausiliari dello sganciatore PR113/P (vedi nota F) Circuiti ausiliari dello sganciatore PR113/PD (vedi note F e M) Circuito del trasformatore di corrente su conduttore neutro esterno all'interruttore, per interruttore in esecuzione estraibile Circuito del trasformatore di corrente su conduttore neutro esterno all'interruttore, per interruttore in esecuzione fissa (vedi nota C) Circuito valido nel caso di interruttore tripolare con sganciatore PR113/P o PR113/PD senza trasformatore di corrente su conduttore neutro esterno all'interruttore (vedi nota H) Unit di controllo/monitoraggio SACE SOR TEST UNIT (vedi nota R) Unit di segnalazione PR020/K (prevista solo con sganciatore PR112/P PR112/PD, PR113/P o PR113/PD) ,

Fig. 61 = Fig.62 =

Incompatibilit
Non si possono fornire contemporaneamente sullo stesso interruttore i circuiti indicati con le seguenti figure: 2-3 4-5 6-7-8 22 - 41 - 42 - 43 - 44 31 - 51 51 - 52 - 53
Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

123/132

Note
A) L'interruttore viene corredato delle sole applicazioni specificate nella conferma d'ordine di ABB SACE. Per la stesura dell'ordine consultare il catalogo dell'apparecchio. B) Lo sganciatore di minima tensione viene fornito per alimentazione derivata a monte dell'interruttore o da una sorgente indipendente: permessa la chiusura dell'interruttore solo a sganciatore eccitato (il blocco della chiusura realizzato meccanicamente). Nel caso vi sia la stessa alimentazione per gli sganciatori di chiusura e di minima tensione e si voglia la chiusura automatica dell'interruttore al ritorno della tensione ausiliaria, necessario introdurre un ritardo di 30 millisecondi tra l'istante di consenso dello sganciatore di minima tensione e l'eccitazione dello sganciatore di chiusura. Ci pu essere realizzato tramite un circuito esterno all'interruttore comprendente un contatto di chiusura permanente, il contatto indicato in figura 12 e un rel ritardatore. C) Nel caso di interruttore in esecuzione fissa con trasformatore di corrente su conduttore neutro esterno all'interruttore, quando si vuole rimuovere l'interruttore necessario cortocircuitare i morsetti del trasformatore TI/N. D) Collegare il contatto S33M/2 indicato in fig. 11, uno dei contatti di chiusura e uno dei contatti di apertura dell'interruttore indicati in fig. 21 nel modo rappresentato in fig. 42. E) Per il collegamento della linea seriale EIA RS485 vedere la seguente documentazione: - RH0297 per comunicazione LON - RH0298 per comunicazione MODBUS F) La tensione ausiliaria Uaux. consente l'attivazione della totalit delle funzionalit degli sganciatori PR112/P, PR112/PD, PR113/P e PR113/PD. A tal proposito fare riferimento ai rispettivi manuali d'uso. Essendo richiesta una Vaux isolata da terra, necessario utilizzare convertitori galvanicamente separati conformi alle norme IEC 60950 (UL 1950) o sue equivalenti che garantiscano una corrente di modo comune o corrente di fuga [(vedi IEC 478/1, CEI 22/3) non superiore a 3,5mA], IEC 60364-41 e CEI 64-8. G) Con gli sganciator i PR112/P PR112/PD, PR113/P e PR113/PD disponibile la protezione contro guasto terra mediante trasformatore di corrente , ubicato sul conduttore che collega a terr a il centro stella del trasformatore MT/BT. Il collegamento fra i morsetti 1 e 2 del trasformatore di corrente TI/O e i poli T5 e T6 del connettore X (o XV) deve essere realizzato con cavo bipolare schermato e cordato di lunghezza non superiore a 15 m. Lo schermo va messo a terra sul lato interruttore e sul lato trasformatore di corrente. H) Nel caso di sganciatore PR113/P o PR113/PD montato su un interruttore tripolare senza collegamento al neutro esterno i poli T3 e T4 del connettore X (o XV) vanno cortocircuitati (a cura del cliente). I) Il contatto non utilizzabile se presente l'unit PR112/PD e PR113/PD. L) Il contatto non utilizzabile se presente l'unit PR113/P o PR113/PD. M) Collegare uno dei contatti S75I indicati in fig. 31 o 51 nel modo rappresentato in fig. 42-44. Nel caso di interr uttore in esecuzione fissa, collegare il morsetto XV -K14 direttamente al morsetto XV-K16 (il contatto S75I non esiste). N) Con sganciator i PR112/P, PR112/PD, PR113/P e PR113/PD i collegamenti con gli ing ressi e le uscite di selettivit di zona devono essere effettuati utilizzando un cavo bipolare schermato e cordato di lunghezza non superiore a 300m. Lo schermo va collegato a terra sul lato ingresso di selettivit. O) Con sganciatori PR113/P e PR113/PD il collegamento tra i sensori di tensione (TV) e l'interruttore deve essere effettuato utilizzando un cavo bipolare schermato e cordato di lunghezza non superiore a 15m. Lo schermo va collegato a terra su entrambi i lati (sensore e interruttore). P) Con sganciatori PR112/PD e PR113/PD l'alimentazione delle bobine YO e YC non deve essere derivata da quella principale . Le bobine sono comandabili direttamente dai contatti K51/YO e K51/YC con valor i massimi di tensione par i a 60Vdc e 240-250Vac per PR112/PD, 240-250Vdc e 240-250Vac per PR113/PD. Q) Il secondo sganciatore di apertura va installato in alternativa allo sganciatore di minima tensione. R) Il funzionamento del sistema SA CE SOR TEST UNIT + sganciatore di apertura (YO) garantito a par tire dal 75% della Uaux dello sganciatore di apertura stessa. Durante la chiusura del contatto di alimentazione della YO (cor tocircuito dei morsetti 4 e 5), l'unit SACE SOR TEST UNIT non in grado di rilevare lo stato della bobina di apertura. Per questo motivo: - Nel caso di bobina di apertura alimentata in modo continuativo verranno azionate le segnalazioni di TEST FAILED e ALARM - Se il comando della bobina di apertura viene eseguito in maniera impulsiva possibile che venga azionata nel medesimo istante la segnalazione di TEST FAILED. In questo caso, la segnalazione di TEST FAILED da considerarsi effettiva segnalazione di allar me solo se permane per pi di 20s. S) Disponibile anche nella versione contatto normalmente chiuso. T) Configurazione valida per interruttore tetrapolare o tripolare con neutro esterno. Per ulteriori configurazioni di installazione vedi par. 15.3.2. Prescrizioni da rispettare in caso di sostituzione degli sganciatori PR111/P, PR112/P, PR112/PD, PR113/P o PR113/PD: Prestare particolare attenzione alle note riportate negli schemi circuitali forniti in dotazione Il contatto per la segnalazione elettrica di sganciatore di minima tensione eccitato (Fig. 12 degli schemi allegati) deve essere rimosso dalla morsettiera.

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

124/132

Segni grafici per schemi elettrici (Norme IEC 60617 e CEI 3-14...3-26)

Schermo (pu essere disegnato con qualsiasi forma)

Terminale o morsetto

Contatto di posizione di scambio con interruzione momentanea (fine corsa)

Temporizzazione

Presa e spina (femmina e maschio)

Interruttore di potenza sezionatore ad apertura automatica

Collegamento meccanico

Motore (segno generale)

Interruttore di manovrasezionatore

Comando meccanico manuale (caso generale)

Trasformatore di corrente

Bobina di comando (segno generale)

Comando rotativo

Trasformatore di tensione

Rel di massima corrente istantaneo

Comando a pulsante

Avvolgimento di trasformatore trifase, collegamento stella

Rel di massima corrente con caratteristica di ritardo a tempo breve regolabile

Equipotenzialit

Contatto di chiusura

Rel di massima corrente con caratteristica di ritardo a tempo breve inverso

Convertitore separato galvanicamente

Contatto di apertura con interruzione automatica

Rel di massima corrente con caratteristica di ritardo a tempo lungo inverso

Conduttori in cavo schermato (es. tre conduttori)

Contatto di scambio

Rel di massima corrente per guasto a terra con caratteristica a tempo breve inverso

Conduttori o cavi cordati (es. 3 conduttori)

Contatto di posizione di chiusura (fine corsa)

Fusibile (segno generale)

Connessione di conduttori

Contatto di posizione di apertura (fine corsa)

Sensore di corrente

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

125/132

Schema circuitale - Stato di funzionamento

Interruttore tripolare o tetrapolare con sganciatore a microprocessore PR111, PR112/P, PR112/PD, PR113P PR113/PD ,

Interruttore di manovra-sezionatore tripolare o tetrapolare

Interruttore tripolare con sganciatore a microprocessore PR111, PR112/P, PR112/PD, PR113P PR113/PD e trasformatore di corrente , su conduttore neutro esterno all'interruttore

1SDC200242F0001

1SDC200243F0001

Mod.

L0849

1SDC200244F0001

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

126/132

Comando a motore, sganciatori di apertura, di chiusura e di minima tensione

Contatti di segnalazione

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

127/132

Contatti di segnalazione

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

128/132

Circuiti ausiliari dello sganciatore PR112/P

Circuiti ausiliari dello sganciatore PR112/PD

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

129/132

Circuiti ausiliari dello sganciatore PR113/P

Circuiti ausiliari dello sganciatore PR113/PD

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

130/132

Unit di segnalazione PR020/K

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

131/132

Mod.

L0849

Apparecchio N Doc.

Emax RH0288001

Scala
N Pag.

132/132

Per tener conto dell'evoluzione delle Norme e dei materiali, le caratteristiche e le dimensioni di ingombro indicate nel presente catalogo si potranno ritenere impegnative solo dopo conferma da parte di ABB SACE.

ABB SACE S.p.A. Divisione Interruttori B.T. Via Baioni, 35 - 24123 Bergamo - Italy Tel.: +39 035.395.111 - Telefax: +39 035.395.306-433

http://www.abb.com

RH0288001

L0849