Sei sulla pagina 1di 235

Premessa

Il quadro propositivo con valenza strategica: indirizzi


Il governo del territorio provinciale assicurato dal Piano Territoriale Provinciale (PTP), strumento di carattere strategico e strutturale. Esso definisce - anche in termini di regolamentazione degli usi del suolo gli indirizzi e gli orientamenti strategici, nonch le scelte e le indicazioni funzionali alle azioni concrete di trasformazione e di governo del territorio alla scala provinciale. In quanto strumento di carattere strutturale, il PTP persegue lobiettivo della costruzione di un quadro conoscitivo completo delle risorse, dei vincoli e del patrimonio pubblico e demaniale, anche partecipando alla costruzione del SITR ovvero avvalendosi del Quadro conoscitivo gi redatto . In quanto strumento di indirizzi e orientamenti strategici e strumento di regolamentazione degli usi del suolo per le scelte e le indicazioni funzionali alle azioni di scala provinciale, costituisce il sistema di verifica delle coerenze e di riferimento strategico tra gli altri strumenti di pianificazione territoriale (generale o di settore) e urbanistica (generale o attuativa) e quelli di programmazione dello sviluppo economico e sociale provinciale. Il quadro propositivo con valenza strategica delle scelte del PTP risulta coerentemente articolato per sistemi in maniera tale da evidenziare il complesso delle relazioni di contesto territoriale. I sistemi sono aggregati un due grandi classi: sistemi naturalistico-ambientali e sistemi territoriali urbanizzati. I sistemi naturalistico-ambientali individuati sono i seguenti: Il sistema integrato dei parchi territoriali e degli ambiti archeologici e naturalistici Il sistema agricolo-ambientale . Il sistema della attivit Il sistema delle attrezzature e dei servizi pubblici e degli impianti pubblici e di uso pubblico Il sistema residenziale Il sistema delle infrastrutture e della mobilit .

I sistemi territoriali urbanizzati sono i seguenti:

Il PTP strumento di coordinamento attuativo delle iniziative di tutela attiva del sistema delle risorse culturali e naturalistiche, costituendo lapprofondimento, attraverso i necessari passaggi di scala, delle Linee Guida del Piano Territoriale Paesistico Regionale. Il totale trasferimento attuativo della componente paesistico-ambientale al PTP ne conferisce efficacia giuridica, anche alla stregua di documento di riferimento del regime dei vincoli, con obbligo di recepimento prescrittivo in toto nei piani comunali. In ordine agli elementi della struttura fisiografica del territorio e alla prevenzione dei rischi, nonch alla valutazione della vulnerabilit e alla difesa del suolo dai dissesti, il PTP definisce lassetto idrogeologico del territorio, sviluppando ed approfondendo i contenuti del P.A.I. (Piano Straordinario per lAssetto Idrogeologico, D.A.R.T.A. 4.07.2000) e assumendo altres il valore e gli effetti di piano di settore. In tal senso il PTP assume carattere prescrittivo nei confronti dei piani comunali, che ad esso faranno

Premessa

obbligatorio riferimento per questi aspetti, svolgendo funzioni di coordinamento e integrazione sovraordinate per i singoli studi geologici prodotti nei piani comunali. Il PTP definisce i criteri per il dimensionamento e la localizzazione delle reti infrastrutturali riguardanti il sistema della mobilit e il coordinamento tra tali criteri e le previsioni dei piani comunali, nonch la verifica di coerenza e integrazione con la pianificazione regionale dei vari settori interessati (portuale, ferroviaria, dei trasporti in genere). Pu stabilire altres il carattere prescrittivo e operativo di talune di queste localizzazioni aventi rilevanza sovracomunale, individuando i relativi corridoi tecnologici anche in termini di occupazione del suolo. Anche eventuali localizzazioni areali per grandi insediamenti produttivi, commerciali, direzionali, infrastrutturali, e servizi di rilevanza e portata sovracomunale, possono assumere carattere prescrittivo/operativo in termini di incidenza sul regime proprietario dei suoli. Il PTP, in tal senso, costituisce anche quadro di riferimento, coordinamento attuativo e distribuzione strategica dei nodi di attrezzature, impianti e servizi di rilevanza sovracomunale, se definiti come tali dai piani comunali. Il PTP sviluppa e assume il carattere e le funzioni di piano strutturale nei confronti della pianificazione comunale, anche in termini di dimensionamento prestazionale e classificazione tipologica per gli insediamenti (per es. i centri storici), nonch di coordinamento e integrazione obbligatoria per la pianificazione di settore che in esso dovr confluire e per le iniziative di programmazione negoziata (per es. Patti territoriali, PRUSST e PIT) e di progettazione complessa (per es. piani integrati dintervento, contratti darea, etc.). Di conseguenza, la concertazione con i Comuni modalit di pianificazione necessaria. Il PTP individua, pertanto, la struttura delle invarianti territoriali, cio delle destinazioni del suolo non contrattabili, distinguendo tra aree indisponibili (quelle strettamente agricole e quelle vincolate dal punto di vista paesaggistico/ambientale.), e quindi preposte alla conservazione di specifiche funzioni, e aree disponibili per la trasformazione richiesta dalle strategia di sviluppo. Il PTP a sua volta definito dagli elementi mosaicali dei piani comunali. Il suo carattere strutturale, pertanto, prescrittivo ma modificabile, sia attraverso la scelta di pianificazione comunale ritenuta indispensabile nella fase di concertazione, sia attraverso la pianificazione regionale nella fase della programmazione economica di governo del territorio (Dpefr). I singoli Comuni, daltra parte, a PTP approvato formeranno il proprio piano urbanistico nel pieno rispetto del PTP sovraordinato: gli specifici contenuti del piano comunale infatti costituiranno scelta dellEnte Locale, autonoma ma compatibile con i contenuti del PTP. La sostanza di questo passaggio, che si ritiene fondamentale nella sua ovviet, consiste nellobiettivo di riconoscere lautonomia comunale nel governo del proprio territorio, ma tuttavia in un quadro armonioso di quelle che sono necessariamente le scelte di livello di area vasta.

Premessa

Il quadro propositivo con valenza strategica: contenuti


Il PTP: a) considera la totalit del territorio della Provincia regionale in quanto strumento di pianificazione che definisce gli obiettivi generali e specifici dellassetto e della tutela del proprio territorio con riferimento agli interessi sovracomunali di cui alla L.R. 9/1986; b) indica, sulla base e in conformit con il documento di programmazione dello sviluppo economico e sociale della Provincia Regionale, le scelte e gli elementi essenziali per le azioni concrete di trasformazione e di governo del territorio a scala provinciale, e definisce, in coerenza con questi ultimi, i criteri, gli indirizzi e il coordinamento per la redazione degli atti di pianificazione degli Enti Locali comunali e/o di eventuali sistemi locali territoriali in esso identificati, anche se diversi da quelli direttamente amministrati; c) potrebbe costituire strumento attuativo dambito e strumento di coordinamento per le iniziative, gli interventi, le azioni di tutela delle risorse paesistico-ambientali, discendenti dalle Linee guida del PTPR, assumendone i contenuti e la valenza a tutti gli effetti (PTP con valenza paesistica). In particolare, il PTP, in quanto sede di raccordo e di verifica delle politiche settoriali di sviluppo della Provincia regionale e strumento di indirizzo e coordinamento per la pianificazione urbanistica comunale: 1) indica: - gli obiettivi di sviluppo economico-sociale a scala provinciale e le loro proiezioni territoriali, prospettando le conseguenti linee di assetto e utilizzazione del territorio, anche in attuazione degli obiettivi di governo regionale, nonch eventualmente proponendone le modifiche o integrazioni ritenute necessarie; a tal fine raccordando le previsioni dei piani di settore la cui approvazione demandata per legge allAmministrazione Provinciale; i criteri operativi e attuativi dambito provinciale per la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio delle risorse culturali e naturalistiche, prescrivendone le iniziative progettuali, gli interventi e le azioni vincolistiche, nonch le principali previsioni del Piano del Parco delle Madonie, la disciplina delle aree protette (SIC e ZPS) e delle Riserve Naturali, anche in ordine alla loro fruizione scientifica, didattico-pedagogica e/o generalizzata; i criteri operativi specifici per la tutela ambientale, lassetto idrogeologico e la difesa del suolo, definendo il quadro delle risorse e dei sistemi ambientali, nonch il loro grado di riproducibilit e vulnerabilit, previo accertamento della loro consistenza e localizzazione, e dettando le norme per gli interventi di miglioramento e riequilibrio ambientale da realizzare; le condizioni di sostenibilit degli insediamenti rispetto al regime idrogeologico, alla sua criticit e/o rischio e alla capacit di smaltimento dei reflui; indirizzi e direttive per la realizzazione di dotazioni di reti ecologiche e di spazi di rigenerazione e/o compensazione ambientale, anche eventualmente negli ambiti urbani e periurbani;

Premessa

2) definisce, in base agli elementi di cui al precedente punto 1): il quadro conoscitivo del territorio, completandolo per gli aspetti necessari, in quanto elemento strutturale di base della pianificazione di livello provinciale, che provvede alla organica rappresentazione e valutazione dello stato del territorio e dei processi evolutivi che lo caratterizzano e costituisce riferimento necessario per la definizione degli obiettivi e dei contenuti del piano e per la valutazione di sostenibilit prevista (dinamiche dei processi di sviluppo economico e sociale); aspetti fisici e morfologici; valori paesaggistici, culturali e naturalistici; sistema ambientale, insediativo e infrastrutturale; utilizzazione del suolo e stato della pianificazione ordinaria; iniziative di programmazione negoziata e progetti complessi; regime delle risorse, dei vincoli e del patrimonio pubblico e demaniale; mosaico delle previsioni dei piani di settore; il quadro delle iniziative per lorganizzazione, il dimensionamento, la localizzazione e la realizzazione delle reti infrastrutturali e delle principali linee di comunicazione e mobilit (corridoi tecnologici) e alle connesse grandi opere pubbliche, rilevanti per estensione e natura; il quadro dei criteri per la localizzazione, il dimensionamento e la realizzazione, nonch la previsione di distribuzione strategica di grandi strutture e servizi di rilevanza sub-regionale e provinciale, compresi i grandi insediamenti produttivi, commerciali e direzionali; nonch il relativo coordinamento tra tali criteri e le previsioni della pianificazione comunale; se detti insediamenti sono in essa definiti di portata sovracomunale; il quadro del dimensionamento degli strumenti di pianificazione comunale, anche in termini di classificazione tipologica degli insediamenti e degli interventi urbanistici operativi e attuativi, compresa la individuazione dei grandi ambiti della residenza (urbana ed extraurbana, pubblica e privata? e dei centri storici, nonch dei beni architettonici, urbanistici, naturalistici e culturali e della effettiva compatibilit allurbanizzazione (aree urbanizzate e aree compromesse e/o disponibili per lurbanizzazione); il quadro degli ambiti territoriali (sovracomunali) ai fini della individuazione di zone di preservazione e salvaguardia ambientale-paesaggistica (aree non disponibili per lurbanizzazione), tenendo conto della valutazione di sostenibilit economica e ambientale di eventuali previsioni di parchi territoriali, anche di tipo archeologico; il quadro degli ambiti territoriali a prevalente destinazione agricola (aree non urbanizzate), caratterizzati dalla necessit di integrare e rendere coerenti scelte e interventi volti a salvaguardare il valore naturale, ambientale e di paesaggio agrario del territorio e a garantire lo sviluppo di unagricoltura sostenibile e multifunzionale, preservando i suoli ad elevata vocazione agricola e promuovendo nelle aree marginali la continuit delle attivit agricole anche incentivando lo sviluppo di attivit ad esse complementari.

Sulla base di unanalisi delle caratteristiche fisiche e fisiografiche, naturalistiche e storico-culturali del paesaggio, il PTP individua: a) gli ambiti e i sistemi territoriali sub-provinciali;

Premessa

b) i beni sparsi e i complessi isolati di interesse storico-architettonico, etnoantropologico, archeologico e di archeologia industriale, con le relative aree di pertinenza analogamente da tutelare; c) i beni e le risorse di interesse naturalistico-ambientale; d) i centri storici urbani, nonch gli agglomerati rurali e i piccoli nuclei insediativi di preminente interesse storico-paesaggistico, perimetrandone lestensione e individuando al loro interno i beni singoli di interesse storico-architettonico; e) gli ambiti territoriali in cui risulti opportuna listituzione di parchi locali (urbani e sub-urbani, territoriali, tematici) di interesse sovracomunale. Relativamente alle aree comprese nel territorio di parchi, di riserve o di aree protette, per le quali la gestione spetti ancora ai competenti Enti istituiti da specifiche leggi e provvedimenti regionali, il PTP recepisce i contenuti dei relativi strumenti di pianificazione se gi approvati o adottati, in questo caso anche con le eventuali misure di salvaguardia, ferme restando le prevalenze del PTP. In tal senso coordina preventivamente con i rispettivi Enti gestori la definizione delle indicazioni e previsioni territoriali, qualora incidenti su aree comprese nel territorio dei predetti parchi e aree protette.

Premessa

Una strategia per la pianificazione territoriale: i sistemi locali


Un sistema locale pu essere definito come un vero e proprio sistema territoriale di relazioni che si manifestano nelle varie forme dinterazione tra i soggetti istituzionali, le attivit, le condizioni insediative, il substrato storico, culturale al quale appartengono gli elementi del sistema, in un rapporto dinamico ed evolutivo. Per chiarire tale definizione occorre riferirsi ai due termini: sistema e locale. Premesso che sistema, in questo caso, si riferisce ad una formazione territoriale, esso viene definito insieme di elementi fisici ed umani tra loro interagenti e interconnessi. Lattenzione si rivolge dunque allindividuazione delle interdipendenze o relazioni funzionali tra gli elementi che costituiscono il sistema e alle interazioni tra il sistema e lambiente esterno. I sistemi locali, alla stregua dei sistemi territoriali, sono individuabili dunque allincrocio tra relazioni orizzontali e verticali che legano lagire umano alla propriet dei luoghi. Il secondo termine del binomio, locale, aggiunge un significato pi decisamente territoriale al primo termine, che risulta pi astratto. La dimensione locale va riferita a dei sistemi aperti e interagenti, ricomponibili su livelli di scala sempre pi vasti, secondo lorientamento dei processi sociali e produttivi. Il termine locale va dunque inteso in relazione ad aspetti quali: la tradizione del luogo, il substrato culturale, le risorse morali e immateriali, il grado di rappresentativit dei valori locali, la cui tutela e valorizzazione si affermata in seguito al decentramento amministrativo e istituzionale. In conclusione il sistema locale pu essere identificato come un sistema territoriale che presenta forti relazioni verticali, fra condizioni e risorse ambientali in senso lato, e intense relazioni orizzontali che si esprimono nella trama dei rapporti di produzione e di scambio con lesterno. I sistemi locali mostrano dunque una pertinenza teorica in quanto rappresentano dei processi (economici, culturali, ecologici, ecc.), ed una pertinenza pratica, in quanto possono essere utilizzati in processi di regionalizzazione (per es. i mercati locali del lavoro). Nella fase progettuale e pianificatoria, dove spesso gli oggetti fisici sono delle categorie astratte (area industriale,parco fluviale, etc.) applicate per risolvere problemi concepiti in modo astratto (tutela dellambiente, recupero urbano, comunicazioni, etc.) non possibile trascurare le situazioni territoriali allinterno delle quali gli oggetti assumono un valore specifico sia per le funzioni che svolgono sia per le relazioni che instaurano col sistema e fuori dal sistema. La pianificabilit di un sistema deve basarsi quindi sulle contigenze creatrici di organizzazione locale, sfruttando la capacit del sistema di autoregolarsi. Questultima capacit va ricercata nel patrimonio storicizzato di coesione sociale e culturale, nelle tradizioni produttive localmente fondate, nellattitudine alla mobilit sociale. In sintesi, i sistemi locali si presentano, pi che altro, come opportune e adeguate unit di analisi territoriali che rafforzano il quadro propositivo con valenza strutturale e con valenza strategica di riferimento per la conduzione del PTP.

Premessa

I sistemi locali della Sicilia


I sistemi locali del lavoro, come definiti dalla ricerca Istat-Irpet (1986) e aggiornati nella ricerca svolta dallIRES/Toscana perlESPI della Regione Siciliana nel Maggio del 1993, sono degli ambiti territoriali definiti secondo criteri puramente statistici, col fine di costituire una scala territoriale dellintervento di programmazione, capace di interagire con le potenzialit di sviluppo equilibrato e di attivazione di risorse endogene dei piccoli sistemi stessi, cambiandone le strutture e il ruolo funzionale nella struttura regionale, al di l delle perimetrazioni amministrative. I Sistemi Locali del Lavoro (SLL) rappresentano i luoghi della vita quotidiana della popolazione che vi risiede e lavora. Si tratta di unit territoriali costituite da pi comuni contigui fra loro, geograficamente e statisticamente comparabili. I Sistemi Locali del Lavoro sono uno strumento di analisi appropriato per indagare la struttura socioeconomica dellItalia secondo una prospettiva territoriale. Lo studio che ha portato allindividuazione dei Sistemi Locali del Lavoro lesito di un accordo di ricerca fra lIstat e il Dipartimento di Economia dellUniversit di Parma. Il progetto si colloca lungo una linea di continuit scientifica e metodologica con le precedenti esperienze che lIstat aveva gi condotto nel 1981 e nel 1991 in collaborazione con lIrpet e le Universit di Newcastle upon Tyne e di Leeds. Lultima e pi recente volta che lIstat individua i Sistemi Locali del Lavoro quella relativa al censimento del 2001. Secondo i principi metodologici pi accreditati laggregazione dei Comuni che possono rientrare in un Sistema Locale del Lavoro (SLL) viene determinata - sulla base di un criterio di funzionalit economica in modo tale che una quota predominante di popolazione del SSL risieda e lavori entro lo stesso perimetro, cos che la forza lavoro si presenti, per cos dire, contenuta allinterno del sistema locale cos individuato. Il Sistema Locale del Lavoro pu cos fornire indicazioni sulla dinamica di aree subprovinciali, basata sul movimento/pendolarit e tournover residenza-lavoro che taluni esperti di scuola geografico-economica individuano come il parametro principale per una politica dello sviluppo, concepita in particolare oggi tramite i diversi livelli e i diversi strumenti della programmazione negoziata. Inoltre, la classificazione e laggregazione per sistemi locali offre la possibilit di interpretare ed eventualmente correggere percorsi di sviluppo di aree sufficientemente piccole, ma omogenee, la cui specificit risulterebbe assai poco evidenziata, per non dire sminuita, da una lettura del territorio a scala provinciale. Da notare come, oltre al Comune di Palermo, capoluogo di Provincia, lelenco dei sistemi locali pi popolosi comprenda soltanto i grandi poli dellindustrializzazione esterna: Bonfornello con il SLL di Termini Imerese e Carini con il SLL di Partinico. Di contro, tutti gli altri SLL (13 su 16) comprendono aree intorno ai 20.000 abitanti evidenziando che i sistemi locali, per quanto rispondenti a parametri di natura rigorosamente economica, potrebbero risultare sottodimensionati sotto il profilo di una adeguata politica di intervento per lo sviluppo. E opportuno evidenziare altres che alcuni di questi sistemi locali che si aggirano sulla soglia di 20.000 abitanti raggiungono comunque una elevata densit abitativa, non sempre correlata al numero dei Comuni che compongono il sistema locale.

Premessa

Sistemi locali del lavoro (SLL - 1993) che ricadono nellambito del territorio provinciale di Palermo: Sistema locale
Caccamo Caltavuturo Campofelice di Roccella Castelbuono Castronovo Cefal Ciminna Corleone Gangi Lercara Friddi

N.

Altri Comuni interessati


Baucina, Ventimiglia di Sicilia Scillato, Sclafani B, Valledolmo, Vallelunga (CL), Villalba (CL) Collesano Isnello Alia, S.Stefano Quisquina (AG) Gratteri, Lascari, Pollina, San Mauro Castelverde Bolognetta, Cefal D., Godrano, Marineo, Mezzoiuso, Villafrati Bisacquino, Campofiorito, Chiusa Sclafani Geraci Siculo Campofelice di Fitalia, Roccapalumba, Vicari Altofonte, Bagheria, Belmonte M., Casteldaccia, Ficarazzi, Misilmeri, Monreale, Piana Albanesi, Roccamena, San Cipirello, S.Giuseppe Jato, S. Cristina G., S. Flavia, Balestrate, Borgetto, Capaci, Carini, Cinisi, Giardinello, Isola delle Femmine, Montelepre, Terrasini, Torretta, Trappeto Alimena, Bompietro, Blufi

Popolazione
1981 12.840 18.923 9.619 12.614 14.736 24.172 20.934 22.029 11.105 17.187 1991 13.062 17.606 9.906 12.166 13.520 23.713 22.740 21.988 10.440 14.732

Estensione Km 238,83 369,43 123,15 110,69 331,5 278,74 240,17 372,61 240,13 189,71

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

11

Palermo

852.443

866.021

1.061,11

12

Partinico Petralia Sopr. Petralia Sottana

95.912

107.555

331,2

13 14 15 16

13.287

11.779 18.097 16.626 53.013

179,21 436,12 302,59 242,38

Castellana S., Marianopoli (CL), Polizzi G., Resuttano 19.269 (CL) Burgio (AG), Lucca S. (AG), 17.916 Prizzi Palazzo A., Villafranca S.(AG) Aliminusa, Altavilla M., Cerda, Termini MontemaggioreB.,Sciara, 51.047 Imerese Trabia Totale poli di riferimento N. 16 Totale altri Comuni interessati N. 691 Totale Comuni dei sistemi locali N. 852 1214.033

1.232.964

5.047,57

di cui N. 61 prov. PA, N. 4 prov. CL, N.4 prov. AG. Mancano nellelenco i seguenti Comuni: Camporeale che fa parte del sistema locale di Alcamo (TP), Contessa Entellina che fa parte del sistema locale di S. Margherita Belice (AG), Giuliana che fa parte del sistema locale di Sambuca di Sicilia (AG).
2

Premessa

La struttura della propriet pubblica e demaniale


I temi del demanio e del patrimonio pubblico affondano le proprie radici gi nel diritto romano, e sono individuati nella Costituzione Repubblicana come elementi cardine della dotazione di beni immobili e mobili dello Stato, delle Regioni e degli enti locali. Nella storia della Repubblica, tuttavia, si verificata una separatezza - non ascrivibile alla disciplina urbanistica - tra beni pubblici patrimoniali e demaniali e prassi pianificatoria, nella convinzione dei legislatori che il demanio dovesse esclusivamente rapportarsi alla gestione economico-finanziaria dello Stato e degli enti locali, ma soprattutto che non potessero, nel futuro, essere messe in discussione la loro esistenza e la loro conservazione, da parte dei governi e delle amministrazioni, come riserva di beni necessariamente pubblici per natura, destinazione duso, valore artistico, storicoarchitettonico o ambientale. Permanendo tale separatezza, e in seguito alla recessione economica degli anni 90, alla riforma della pubblica amministrazione, alla tendenza imperante alla gestione di tipo manageriale di beni e servizi pubblici, le demanialit e i patrimoni pubblici sono continuamente esposti al rischio di vendite, dismissioni, cessioni a vario titolo finalizzate a motivi puramente economici e amministrativi, senza una strategia ed una valutazione che consenta le opportune differenziazioni e che garantisca la permanenza di una riserva di patrimonio pubblico, con le garanzie che tale tipo di propriet consente: conservazione e tutela di aree e immobili, ma anche erogazione di servizi alla popolazione. In tale processo di monetizzazione delle risorse pubbliche, la prassi e la teoria urbanistica devono pertanto ricondurre, nellalveo delle proprie competenze, la pianificazione strategica delle risorse pubbliche, cos da proporre una gestione razionale ed equilibrata delle stesse, posto che rientra nelle competenze della strumentazione urbanistica, a qualunque scala, individuare e gestire risorse, emergenze e fenomeni fisici del territorio, sulla base di dinamiche ed esigenze sociali, economico-produttive, culturali, ambientali. La pianificazione territoriale, specie alla dimensione - poco esplorata - degli strumenti di livello comunale, pu considerare, come elementi della propria costruzione scientifica, lintera struttura pubblica del territorio. Potrebbe cos invertirsi il processo di gestione dei beni pubblici e demaniali, la cui dismissione, valorizzazione, tutela o riqualificazione sarebbero finalmente conseguenti ad uno strumento organico e non dettati da spinte e da politiche a breve termine, ma da strategie territoriali ampie e di lunga durata. La pianificazione urbanistica e territoriale, peraltro, potr poggiarsi su una griglia pubblica e quindi certa, potenziando - alla stregua delle legislazioni urbanistiche regionali pi avanzate - laspetto strutturale, fondamentale nella pianificazione di area vasta, poggiando su invarianti infrastrutturali, ambientali, immobiliari di propriet pubblica le previsioni urbanistiche complessive sui territori.

10

Premessa

Indicazioni metodologiche e operative per la ricognizione e lanalisi delle propriet pubbliche e demaniali
Obiettivi generali Individuazione delle invarianti strutturali del territorio di propriet pubblica; confronto incrociato con il quadro complessivo delle risorse naturali e culturali del territorio e con il regime prescrittivo e vincolistico; implementazione del quadro strutturale non suscettibile di trasformazioni mediante processi ordinari e negoziali; programmazione delle azioni da compiere sulle risorse ritenute strategiche rispetto agli obiettivi di piano: individuazione di categorie di intervento e di ruoli e funzioni qualificanti. Finalit Ricognizione, rappresentazione cartografica e schedatura analitica delle risorse demaniali e patrimoniali pubbliche di carattere o di interesse sovracomunale a carattere infrastrutturale, funzionale, storico-culturale, ambientale. Metodologia di indagine Reperimento delle fonti documentali relative al demanio e al patrimonio indisponibile e disponibile della Provincia Regionale, della Regione Siciliana, dello Stato e degli Enti pubblici non territoriali (con riferimento al c.d. settore pubblico allargato e agli Enti privatizzati eroganti servizi pubblici e di interesse pubblico: ENEL, ANAS, ASL e Aziende Ospedaliere, ONLUS, Fondazioni private ecc.). Reperimento delle fonti documentali: 1. per le Propriet della Provincia Regionale: analisi degli elenchi del demanio e del patrimonio indisponibile e disponibile della Provincia Regionale relativi ai beni immobili, aggiornati al 31 dicembre 2005, e redatti secondo i modelli A (demanio) B (patrimonio indisponibile) e C (patrimonio disponibile). Confronto incrociato con visure catastali relative alle propriet dellEnte e con delibere o altri atti amministrativi riguardanti acquisti, cessioni, espropri, concessioni di beni immobili. 2. per le Propriet della Regione Siciliana e dello Stato: analisi dei registi di consistenza e delle schede presso la Ragioneria Provinciale dello Stato e la Filiale dellAgenzia del demanio. Confronto incrociato con visure catastali relative alle propriet dellEnte e con delibere o altri atti amministrativi riguardanti acquisti, cessioni, espropri, concessioni di beni immobili. 3. per le Propriet di Enti non territoriali: analisi degli eventuali elenchi delle propriet degli Enti presso gli uffici per il patrimonio o gli uffici di economato degli Enti stessi. Confronto incrociato con visure catastali relative alle propriet degli Enti e con atti riguardanti acquisti, cessioni, concessioni di beni immobili.

4. ulteriori integrazioni possono richiedersi per alcune categorie di beni presso gli
Uffici del Genio Civile (acque pubbliche, pozzi e sorgenti), lUfficio Speciale per le Trazzere Demaniali (tracciato e consistenza delle ex regie trazzere) e il Commissariato Regionale per la liquidazione degli Usi Civici (sussistenza e consistenza dei terreni gravati da usi civici), la Soprintendenza ai BB.CC.AA. e

11

Premessa

in caso di propriet comunali di interesse territoriale (schedatura del patrimonio: CSU, architetture, archeologie). Metodologia di analisi Individuazione catastale, cartografica, ortofotografica a scala adeguata (indicativamente; 1:100.000-1:50.000 1:25.000 per i beni di carattere naturale, ambientale e infrastrutturale; 1:10.000 1:2.000 per il patrimonio edilizio, storicoarchitettonico, archeologico, le attrezzature e i servizi. Rappresentazione complessiva a carattere territoriale in formato GIS. Schedatura analitica articolata secondo le seguenti categorie: Dati conoscitivi e identificativi: elementi di individuazione topografica, catastale, cartografica, dati proprietari e amministrativi, dati dimensionali; Dati di analisi edilizia (esclusivamente per il patrimonio immobiliare): dati storico architettonici dei beni, caratteri stilistici e tipologici, strutturali e tecnologici, impiantistica e adeguamento a normative speciali. Caratteri funzionali (superfici per utente, spazi per parcheggi, ecc.); Regime vincolistico: vincoli storico- artistici, paesaggistici, di rispetto, di inedificabilit; altri regimi vincolistici di carattere idrogeologico, sismico ecc. Dati di analisi urbanistica e di programmazione: destinazioni duso degli immobili e delle aree, anche con riferimento alle prescrizioni e destinazioni degli ambiti di appartenenza negli strumenti ordinari; prescrizioni dei Piani Paesistici. Inclusione in Programmi di OO.PP, e in strumenti negoziali (PIT, PRUSST); in programmi di riqualificazione urbana (PRU, URBAN) eventuale inclusione in programmi di valorizzazione o dismissione (Patrimonio s.p.a., S.C.I.P., ecc.).

12

Premessa

Quadro sinottico della struttura proprietaria e funzionale dei beni pubblici demaniali e patrimoniali
Viabilit provinciale e relative pertinenze. Eventuali beni monumentali di propriet provinciale. Sedi di uffici amministrativi della Provincia; Edifici per listruzione superiore e la formazione (indisponibili) Edifici e terreni privi di funzioni e destinazioni pubbliche (disponibili) Acque pubbliche: fiumi, sorgenti, pozzi, laghi, dighe. Litorali e pertinenze del demanio marittimo Viabilit trazzerale Beni pubblici di interesse storico, artistico, archeologico. Aree gravate da uso civico. (indisponibili) Edifici e terreni privi di funzioni e destinazioni pubbliche (disponibili) Boschi e foreste (c.d. demanio forestale) riserve. Sedi di uffici amministrativi Regionali. Sottosuoli minerari. Sedi di scuole Regionali Alloggi popolari della Regione (indisponibili) Edifici e terreni privi di funzioni e destinazioni pubbliche (disponibili) Strade statali, porti,aeroporti, Edifici per la difesa dello Stato (indisponibili) Edifici e terreni privi di funzioni e destinazioni pubbliche (disponibili) Sedi di uffici amministrativi statali Alloggi popolari dello Stato (indisponibili) Edifici e terreni privi di funzioni e destinazioni pubbliche (disponibili) ANAS: Viabilit autostradale e relative pertinenze FF.SS. : Sedi amministrative, Stazioni, Caselli, viabilit ferrata Universit : Sedi amministrative, Sedi delle facolt e relative pertinenze. ASL e Aziende Ospedaliere: Ospedali, poliambulatori, strutture sanitarie ENEL: Sedi amministrative, centrali elettriche IACP: Sedi amministrative, alloggi di edilizia residenziale pubblica RAI: Sedi amministrative e redazionali

DEMANIALI

BENI PROVINCIALI
PATRIMONIALI

DEMANIALI

BENI REGIONALI

PATRIMONIALI

DEMANIALI

BENI STATALI
PATRIMONIALI

BENI DI ENTI PUBBLICI NON TERRITORIALI

13

Premessa

Il sistema a rete delle trazzere demaniali


Lorigine delle Trazzere, una volta Regie, oggi demaniali, indeterminata, anche se antichissima in quanto trae motivazione fondativa nel passaggio degli animali ovini e bovini, cio delle greggi o degli armenti, per il cosiddetto fenomeno della transumanza. Come noto, infatti, la transumanza risiede nella trasmigrazione delle greggi e degli armenti dai pascoli dalta montagna a quelli di pianura (e pianura costiera in particolare) nel periodo invernale, e in direzione opposta nel periodo estivo. Percorsi erbosi, dunque, a sezione variabile un tempo, ma comunque molto ampia, ad andamento piuttosto rettilineo, che in taluni tratti poteva presentare pendenze molto accentuate (anche fino al 35%) in cui non difficile rintracciare dei gradoni di trattenimento del terreno. Al contrario, la viabilit per i mezzi a ruota dellantichit presentava tracciati a sezione regolare ma ad andamento che, nei tratti collinari e montuosi, assumeva una notevole tortuosit per il superamento dei dislivelli di quota. Questa, del tracciato rettilineo, una caratteristica delle Trazzere che potrebbe in qualche modo spiegare la radice etimologica del termine. Infatti, a mente di qualche studioso, il termine trazzera potrebbe derivare da un francesismo arcaico (drecire) che nel francese moderno diviene dresser (raddrizzare, tirare dritto). Certo che i pochi riferimenti storici alle Trazzere, in senso documentale, risalgono gi al periodo di Federico II di Svevia, che nella sua nota Costituzione regolamentava anche il diritto del pascolo degli animali, nonch il diritto del libero passaggio da una contrada allaltra delle greggi e degli animali in genere (De animalibus in pascuis signatis- De animalibus transentibus). Diritto di pascolo e di passaggi confermato per altro nei secoli successivi, sotto il regno di Martino e sino a quello di Ferdinando I (sec.XV). Sembra tuttavia che non vi si facesse cenno del termine trazzera. Secondo un recente studio di G. Tesoriere, il primo riferimento certo alluso del termine trazzera contenuto in un dispaccio di Caracciolo del 1875. Sotto lamministrazione Borbonica, furono determinate le regole normative di mantenimento e tutela dei tracciati trazzerali, fissandone anche le dimensioni geometriche di sezione unificata, in quanto patrimonio pubblico, in 18 canne e 2 palmi, che nel sistema metrico decimale equivalgono a 37,68 metri. Tuttoggi restano in vigore le medesime misure e lappartenenza al patrimonio demaniale. Le competenze, nel periodo post-unitario, furono assegnate al Genio Civile con finanziamento del Ministero dei LL.PP. Successivamente, si form lUfficio Speciale delle Trazzere del Ministero delle Finanze e con R.D.n 3244 del 1923 si sanc il passaggio delle competenze al Ministero dellEconomia Nazionale e poi a quello dellAgricoltura e Foreste. Con lentrata in vigore dello Statuto di Autonomia della regione Siciliana, le competenze furono assegnate allassessorato Regionale dellAgricoltura e Foreste, di cui lUfficio Tecnico Speciale per le Trazzere di Palermo costituisce sezione distaccata e unica per tutto il territorio regionale.

14

Premessa

Lineamenti metodologici di appartenenza e di rappresentazione delle trazzere. Larea occupata dalle Trazzere appartiene oggi al demanio regionale. Ogni Trazzera classificata individuata dal cosiddetto Numero di Demanialit che si ritrova nel relativo Decreto. Quindi la demanialit di ciascuna Trazzera sancita da un provvedimento di decretazione: prima del Ministero romano, dopo il 1947 dellAssessore Regionale dellAgricoltura e Foreste. Vi poi un certo numero di Trazzere il cui accertamento di tracciato e consistenza non stato ancora definito sulla base di atti probatori, elencati in unapposita Relazione istruttoria, oppure in attesa di decreto. Per questi casi si pu parlare di demanialit in corso di approvazione. Interessante, per i risvolti che la problematica trazzerale pone nei confronti dei privati proprietari dei terreni attraversati, il confronto con il Catasto, o meglio con la rappresentazione grafica delle Regie Trazzere nei fogli di mappa catastale, anche odierni, ma provenienti dai fogli dimpianto (1874-1910 circa). Nei fogli catastali, infatti, le caratteristiche geometriche delle Trazzere si rappresentano a sezione variabile e ad andamento spezzato, mentre - a mente delle disposizioni normative - la sezione della propriet demaniale costante e unificata per tutte le Trazzere (mt.37,68). Pu presumersi che nei fogli di mappa catastale rappresentata la sezione geometrica dellarea trazzerale effettivamente (ma approssimativamente) utilizzata alla fine dellOttocento per le transumanze. Ma il necessario procedimento di standardizzazione dei caratteri geometrici del tracciato, ai fini della loro demanializzazione, deve partire dallasse del tracciato catastale per staccare da un lato e dallaltro dellasse geometrico la met della misurazione demaniale. Daltra parte, se il Catasto non probatorio delle propriet, come non lo , esso non lo neanche nei confronti della propriet demaniale. Ci pu spiegare lenorme mole di contenzioso che si accumulato nella questione trazzerale in Sicilia. Le trazzere dellambito territoriale analizzato. Le trazzere demaniali individuate dallUfficio Tecnico Speciale per le Trazzere della Regione siciliana che attraversano i Comuni dellambito territoriale studiato ammontano in tutto a n261 (duecentosessantuno). Di esse, n64 (sessantaquattro) sono state dichiarate demaniali con Decreti Ministeriali emessi in anni precedenti lAutonomia Siciliana, e n 197 (centonovantasette) sono state dichiarate demaniali con Decreti dellAssessore Regionale dellAgricoltura e delle Foreste emessi successivamente allAutonomia siciliana, tra gli anni dal 1947 al 1956. La rete complessiva delle 261 Trazzere demaniali che attraversano lambito territoriale provinciale i sviluppa per quasi 4.000 km complessivi (km.3.971,97) e mette in comunicazione i centri e i territori interessati con citt e territori anche lontani dallambito provinciale. La rete trazzerale interna allambito provinciale si e viene utilizzata in buona parte come viabilit veicolare da tempo consolidata, alla stregua di strade comunali e

15

Premessa

provinciali, che attraversano le aree collinari e montuose di zone agricole e forestali, mettendo in comunicazione (non veicolare) i vari centri dellambito. Si riportano nella tabella seguente i dati relativi alle Regie Trazzere presenti nel territorio: numero della demanialit, Decreto Ministeriale o Assessoriale, denominazione, chilometraggio, numero e data della Gazzetta Ufficiale, data del Decreto, Comuni attraversati.
N della demanialit DM DA Lung. Km. Denominazione della trazzera demaniale
(ex regia trazzera L.1766/1927) Litorale tratto Termini - Cefal PA-ME (per le montagne) Collesano Termini Imerese Collesano - Cerda Cammarata - Valledolmo Piana dei Greci - Corleone Prizzi - Cammarata PA S. Cristina Gela - Corleone 28 32 34 35 36 37 41 43 46 48 51 56 57 60 64 67 Ciminna - Prizzi Marineo Partinico (tronco Borgetto) S. Cristina Gela Comiso - Gela Piana dei Greci Santa Margherita Belice Piana dei Greci S. Giuseppe Jato Corleone Campofelice di Fitalia - Vicari Castelbuono - Tusa Corleone - Bisacquino - Chiusa Sclafani Bivio Madonna della Mendola Bivio Merlo Alcamo Croce Fratacchia Poggioreale Ponte S. Giovanni Altavilla Milicia Ponte Saraceno Partinico Bivio Raitano (per Corleone) Alcamo Bivio Reitano Poggioreale Sambuca di Sicilia Passo di PA contrada Brola 12 21 35 22 35 19,8 10 25 17 17 8 30 18 17 23 20 Roma 18/04/1929 Roma 10/06/1929 Roma 28/08/1929 Roma 1/08/1929 Roma 31/08/1929 72 13 14 23 21 24,5

Gazzetta ufficiale della Regione siciliana

Data del Decreto


Ministeriale oppure Assessoriale Roma 11/03/1929 Roma 02/02/1928 Roma 27/02/1928 Roma 03/03/1928 Roma 26/06/1928 Roma 31/08/1929 Roma 04/03/1929

Territori dei Comuni attraversati

4 10 12 13 19 20 21

Campofelice di Roccella Cefal - Lascari Gangi Collesano Campofelice di Roccella Cerda Collesano Carini Termini Imerese Castronovo di Sicilia Sclafani Bagni - Valledolmo Corleone - Monreale Castronovo di Sicilia - Prizzi Corleone Altofonte Monreale PA Piana dei Greci S. Cristina Gela Borgetto Monreale Piana dei Greci - S. Cristina Gela Monreale Corleone - Monreale

Monreale - Piana dei Greci S. Giuseppe Jato Godrano Corleone Campofelice di Fitalia Roma 30/11/1929 Mezzoiuso - Vicari Roma Castelbuono Pollina S. 08/01/1931 Mauro Castelverde Roma Chiusa Sclafani - Corleone 17/08/1931 Bisacquino - Campofiorito Roma Piana dei Greci 04/10/1941 Roma Monreale 22/04/1940 Roma Casteldaccia Altavilla Milicia 23/10/1941 - Caccamo Roma Monreale Sa. Giuseppe Jato 17/01/1942 San Cipirello Roma Monreale - San Cipirello 17/01/1942 Roma Contessa Entellina 07/04/1942 Casteldaccia Altavilla M. Bagheria Misilmeri S. Roma 11/04/1942 Flavia - Villabate Roma Ciminna Corleone - Prizzi 20/04/1942

16

Premessa

N della demanialit

DM DA

69 71 72 73 74 77 79 80 81 82 83 84 87 89 91 92 93 94 95 96 97 102 104 108 110 111 115 116

Corleone San Cipirello Quadrivio Granza Soprana Portella Cascacascino Bivio Fontana Rossa Bivio San Cipirello Ponte grande Bivio Molini Mandranova Montemaggiore - Quadrivio Granza Chiusa Sclafani Prizzi Lercara Friddi Bisacquino - Prizzi Corleone - Prizzi

Lung. Km.

Denominazione della trazzera demaniale (ex regia trazzera L.1766/1927)

Gazzetta ufficiale della Regione siciliana

Data del Decreto Ministeriale oppure Assessoriale


Roma 28/09/1942 Roma 17/12/1942 Roma 24/12/1942 Roma 24/12/1942 Roma 24/12/1942

Territori dei Comuni attraversati

20 5 8 8 8 32 16 16

Corleone San Cipirello Monreale Montemaggiore Sclafani Bagni Sclafani Bagni Sclafani Bagni

Bivio Amendola Portella dei 24 Giudei - Bivona Chiusa Sclafani - Contessa 10 Entellina Cefal - Bivio Pontevecchio (per 10,5 Castelbuono) Roccamena - San Cipirrello 18 Ribera - Bivio Menolito (per Sciacca) Chiusa Sclafani - S. Carlo Sciacca Alia - Montemaggiore Belsito Campofelice di Roccella Polizzi Generosa Cozzo mauricchio - Piano di Vegna - Torrente Batticano S. Margherita - Piano del Cavaliere - Passo di Merca Corleone Alimena - Petralia Soprana Petraro (tra bivio Carrubale e bivio Renelli) Caccamo - Termini Imerese Ciminna - Roccapalumba Caccamo - Montemaggiore Trapani - Partinico (per Calatuba) Petralia Sottana - Bivio S. Giovanni Bivio S. Nicola - Roccapalumba Cefal - Isnello - Polizzi Generosa Alimena - Calascibetta 18 34 11 28 7, 5 31 13 13 7 20 12 16 15 14 115 19

Aliminusa Montemaggiore Sclafani Bagni Castronovo di Sicilia Chiusa Sclafani Lercara F. Palazzo Roma 24/12/1942 Adriano - Prizzi Bisacquino - Palazzo Adriano Roma Prizzi 01/03/1945 Roma Corleone Palazzo Adriano 05/03/1945 Prizzi Roma Corleone Palazzo Adriano 05/03/1945 Roma Chiusa Sclafani - Contessa 10/03/1945 Entellina - Bisacquino Roma Castelbuono - Cefal - Pollina 10/03/1945 Roma Monreale - Roccamena - San 16/03/1945 Cipirrello Roma Casteldaccia 15/03/1945 Roma Chiusa Sclafani 12/06/1945 Roma Alia - Montemaggiore 16/09/1945 Collesano - Campofelice di Roccella - Polizzi Generosa Roma 20/11/1945 Scillato Roma Contessa Entellina - Corleone 11/01/1946 Contessa Entellina - Corleone Roma 11/01/1946 Roma Alimena - Bompietro - Petralia 21/01/1946 Soprana Roma Contessa Entellina - Monreale 21/01/1946 Roma Caccamo - Termini Imerese 13/03/1946 Roma Ciminna - Roccapalumba 22/03/1946 Vicari Roma Caccamo 30/04/1946 Roma Partinico 12/10/1946 Roma Bompietro - Petralia Soprana 15/11/1946 Roma Caccamo - Roccapalumba 15/11/1946 Roma Gratteri - Cefal - Isnello 28/02/1947 Polizzi Generosa Roma Alimena - Bompietro 28/04/1947

17

Premessa

N della demanialit

DM DA

Lung. Km.

Denominazione della trazzera demaniale (ex regia trazzera L.1766/1927)


Campobello di Mazzara - Torre Tre Fontane - Castelvetrano PA Altavilla Milicia - Ventimiglia Casteldaccia (bivio S. Croce) bivio traversa (per Ventimiglia) Montelepre - Giardinello Terrasini Partinico - Terrasini Ficarazzi - Bivio Madonnuzza Bivio S. Nicasio - Bivio Torre Colonna Caltavuturo - Serra - Fichera Portella - Trinit - Gangi Carini - Montelepre - Partinico Cerda - Scillato - Polizzi generosa Litorale Tronco PA - Termini Imerese PA - Ventimiglia di Sicilia

Gazzetta ufficiale della Regione siciliana

Data del Decreto Ministeriale oppure Assessoriale


Roma 13/05/1947 Roma 13/05/1947 Roma 02/06/1947 Roma 26/06/1947 Roma 26/06/1947 Roma 15/01/1948 Roma 15/01/1948

Territori dei Comuni attraversati

119 120 123 124 125 126 129 132 135 136 138

88 4 13 13 13 7 18 35 11 18 36

Camporeale - Monreale - PA San Giuseppe Jato - San Cipirrello Casteldaccia - Altavilla Milicia Casteldaccia - Altavilla Milicia - Ventimiglia di Sicilia Carini - Giardinello Montelepre - Terrasini Partinico - Terrrasini Misilmeri - Villabate

139 144 159 161 163 164 179 185 188 190 191 192 193 206 Finale (Pollina) - Bivio Portella Arancitella (per Castelbuono) Bivona - Ribera (con diramazione per Calamonaci) Bivona - Palazzo Adriano

80 7 20

207

17/08/1953 n. 33 avv. 1646 20/02/1954 n. 8 10 avv. 419 Burgio - Palazzo Adriano 20/02/1954 n. 8 11 avv. 421 Burgio - San Carlo - Sambuca di 20/02/1954 n. 8 19 Sicilia Avv. 422 Cattolica - Palazzo Adriano 20/02/1954 n. 8 22 avv. 437 Caltabellotta - Giuliana 20/02/1954 n. 8 13 avv.443 Bivona - Lucca Siculo 20/02/1954 n. 8 14, 02 Villafranca Siculo avv. 446 Mussomeli - Valledolmo 20/02/1954 n. 8 12 avv. 448 Santa Caterina Villarmosa Portella delle Pianate (Polizzi 27.5 20/02/1954 n. 8 Generosa) avv. 449 Santa Caterina Villarmosa 20/02/1954 n. 8 12 bivio Acquasanta (Alimena) avv. 450 Resuttano - Alimena 20/02/1954 n. 8 8 avv. 451 Borgetto - Giardinello - Piano 17/08/1953 n. 8 7 Gallina (Carini) avv. 1642 17/08/1953 n. 33 Litorale tratto Isola delle avv. 1644 Femmine - Sferracavallo 20 Tommaso Natale - Mondello PA

Altavilla Milicia - Caccamo Trabia Gangi-Geraci S.-CaltavuturoCastellana- Petralia Sopr. Roma 11/02/1948 Petralia Sott. - Polizzi G. Roma Carini - Giardinello 05/06/1943 Montelepre - Partinico Roma Cerda - Collesano - Scillato 12/07/1948 Ficarazzi - Casteldaccia Bagheria - Palermo - Santa Roma 27/07/1948 Flavia Bagheria - Baucina - Misilmeri - Palermo - Ventimiglia di Roma 28/07/1948 Sicilia - Villabate Roma Pollina 20/09/1948 Palermo Palazzo Adriano 15/01/1953 Palermo Palazzo Adriano 15/01/1953 Palermo Palazzo Adriano 15/01/1953 Palermo Chiusa Sclafani - Giuliana 15/01/1953 Palermo Palazzo Adriano 27/01/1953 Palermo Collesano - Giuliana 04/02/1953 Palermo Palazzo Adriano 04/02/1953 Palermo Valledolmo 04/02/1953 Castellana - Petralia Sottana Palermo Polizzi Generosa 04/02/1953 Palermo Alimena 04/02/1953 Palermo Alimena - Bompietro 04/02/1953 Palermo Borgetto - Giardinello 04/02/1953 Palermo Palermo 04/02/1953

18

Premessa

N della demanialit

DM DA

221 222 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258

Castel di Tusa - Tusa - Bivio Pirato (San Mauro) Bivio Portella Scarvella (Mistretta) - Pettineo - Tusa bivio finale (San Mauro) Litorale tronco Cefal - Fiume Pollina (San Mauro) Cinisa - Bivio Pizzotti (Terrasini) Carini - Isola delle Femmine Bivio Grotta (Montelepre) Sagano - Trivio Tre Serroni Pioppo (Monreale) Marineo - Santa Cristina Gela Piana dei Greci Chiusa Sclafani - Burgio PA - Misilmeri - bivio Piano San Ciro Alia - Roccapalumba Castronovo - Villafrati

Lung. Km.

Denominazione della trazzera demaniale (ex regia trazzera L.1766/1927)

Gazzetta ufficiale della Regione siciliana

Data del Decreto Ministeriale oppure Assessoriale

Territori dei Comuni attraversati

14 19 16 3 12 11.5 10 12 17 7 30

06/03/1954 n. 10 avv. 620 06/03/1954 n. 10 avv. 621 24/07/1954 n. 30 avv.2008/7 24/07/1954 n. 30 avv.2008/8 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/9 24/07/1954 n.30 avv.2008/10 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/11 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/12 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/13 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/14 24/07/1954 n. 30 avv.2008/15 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/16

259

260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272

Altofonte - Belmonte Mezzagno - bivio Madonnuzza (Misilmeri) Aspra -Bagheria - Bolognetta Go drano-bivio Morabito (per Prizzi) Montemaggiore - Mussomeli Roccapalumba - Mussomeli Bivio Passo Garretta (Bolognetta) - Bivio Guddemi (Mezzoiuso) Contessa Entellina - Sambuca Chiusa Sclafani - Giuliana Sambuca Bolognetta - Belmonte - PA Bivio Portella (Belmonte) - bivio Andreotta (Santa Cristina Gela) Belmonte - Gibilrossa Bolognetta (bivio Cappella) Risalaimi - bivio Portella Pianetto (per Altofonte) Marineo - bivio Madonnuzza (per Ficarazzi) Vanellone o Fonditore Roccapalumba - Vicari Bivio Carcaci (Castronovo) Portella Incatena (Alia)

22.5

40

24/07/1954 n. 30 avv. 2008/17

Palermo San Mauro Castelverde 04/03/1953 San Mauro Castelverde Palermo 04/03/1953 Palermo Cefal - Pollina 06/05/1953 Palermo Cinisi - Terrasini 16/06/1953 Palermo Carini - Capaci - Isola delle 16/06/1953 Femmine Giardinello - Montelepre Palermo 16/06/1953 Palermo Marineo - Santa Cristina Gela 16/06/1953 Palermo Chiusa Sclafani 16/06/1953 Palermo Misilmeri - Palermo 16/06/1953 Palermo Alia - Caccamo 16/06/1953 Roccapalumba Castronovo di Sicilia - Ciminna Palermo - Campofelice di Fitalia 16/06/1953 Lercara Friddi - Vicari Palermo Altofonte - Belmonte 16/06/1953 Mezzagno - Misilmeri Godrano - Bagheria Bolognetta - Marineo Palermo Misilmeri - Santa Flavia
16/06/1953

24 6.5 22 10.4 9 22 13 6 23 13,7 8 8 30

24/07/1954 n. 30 avv. 2008/18 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/19 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/20 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/21 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/22 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/23 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/24 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/25 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/26 24/07/1954 n. 30avv. 2008/27 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/28 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/29 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/30

Palermo Alia - Montemaggiore 16/06/1953 Sclafani Bagni Palermo Alia 16/06/1953 Cefal Diana - Bolognetta Palermo Mezzoiuso - Villafrati 16/06/1953 Palermo Contessa Entellina 16/06/1953 Palermo Chiusa Sclafani - Giuliana 16/06/1953 Palermo Belmonte Mezzagno 16/06/1953 Misilmeri - PA Palermo Altofonte - Belmonte 16/06/1953 Mezzagno - Santa Cristina Gela Palermo Belmonte Mezzagno 16/06/1953 Bolognetta Palermo 16/06/1953 Palermo Marineo - Misilmeri 16/06/1953 Palermo Ficarazzi - Bagheria - Santa 16/06/1953 Flavia Palermo Roccapalumba - Vicari 16/06/1953 Palermo Castronovo di Sicilia - Alia 19/06/1953 Sclafani Bagni

19

Premessa

N della demanialit

DM DA

273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283

Montemaggiore - Vicari Agrigento - PA Bivio Giardo Sottano (Prizzi) bivio P.lla dell' Olmo (Castronovo) Vicari - Lercara Friddi Alia - Castronovo Caltanisetta - PA Alia - Caccamo Bivio Torre dello Zarbo (Caccamo) - quadrivio passo Formito (Castronovo) Lercara - bivio Marcato Bianco Grottazze Montemaggiore - Roccapalumba Alia - bivio Balate (Caltavuturo) Termini -Taormina (Messina) (per le montagne)

Lung. Km.

Denominazione della trazzera demaniale (ex regia trazzera L.1766/1927)

Gazzetta ufficiale della Regione siciliana

Data del Decreto Ministeriale oppure Assessoriale


Palermo 19/06/1953 Palermo 19/06/1953 Palermo 19/06/1953 Palermo 19/06/1953 Palermo 19/06/1953 Palermo 26/01/1954 Palermo 26/01/1954 Palermo 29/01/1954 Palermo 29/12/1953 Palermo 29/12/1953 Palermo 29/12/1953

Territori dei Comuni attraversati

18.5 19 16,5 9 16 20 13 12 10 5 24, 5

24/07/1954 n. 30 avv. 2008/31 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/32 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/33 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/34 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/35 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/36 24/07/1954 n. 30 avv.2008/37 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/38 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/39 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/40 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/41

Castronovo di Sicilia Montemaggiore - Vicari Castronovo di Sicilia Roccapalumba Castronovo di Sicilia - Prizzi Vicari Lercara Friddi - Vicari Castronovo di Sicilia - Alia Alia - Montemaggiore - Slafani Bagni - Valledolmo Alia - Caccamo Castronovo di Sicilia Caccamo - Lercara Friddi Roccapalumba Lercara Friddi Caccamo

284

66 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/42 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/43 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/44 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/45

285 286 287

Bivio Friddicelli (Lercara) Roccapalumba Caltavuturo - Lercara Quadrivio piano Stanfa (Caccamo) - Sciara - quadrivio Signora (Termini) Alimena - bivio Castelbrucato

6 9 15

288

17 Bivio Tribunella (Montemaggiore) -Sciara - bivio 18, 5 Brocato (Termini Im.) Sciara - bivio Stazzone (Cerda) 6 Montemaggiore - Aliminusa Cerda - bivio Pontegrande di 16 Bonfornello Quadrivio Baccogna (Termini) 7, 5 bivio Trabbiata (Cerda) Bivio Santissimo (Monemaggiore) - Bivio 9 Caramendola (Sclafani) Collesano - Ponte Grande Diruto 29 - quadrivio Verbumcaudo (Polizzi) Polizzi Generosa - Locati (Bompietri) 12

24/07/1954 n. 30 avv. 2008/46 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/47 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/48 24/07/1954 n . 30 avv. 2008/49 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/50 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/51 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/52 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/53

289 290 291 292 293

294

295

Alia - Caltavuturo - Sclafani Bagni - Valledolmo Gangi - Geraci Siculo - Cerda Caltavuturo - Castellana Petralia Soprana - Petralia Sottana - Polizzi Generosa Palermo Sclafani Bagni - Termini 26/01/1954 Imerese - Sciara Palermo Roccapalumba 29/12/1953 Palermo Castronovo di Sicilia - Alia 29/12/1953 Caccamo - Sciara - Termini Palermo Imerese 29/12/1953 Alimena - Bompietro Castellana - Petralia Soprana Palermo Petralia Sottana - Polizzi 29/12/1953 Generosa Aliminusa - Caccamo Palermo Montemaggiore - Termini 29/12/1953 Imerese Palermo Cerda - Sciara 29/12/1953 Cerda - aliminusa Palermo Montemaggiore - Termini 29/12/1953 Imerese Palermo Cerda - Sciara - Termini 29/12/1953 Imerese Montemaggiore - Sclafani Palermo Bagni 29/12/1953 Collesano - Caltavuturo Palermo Polizzi Generosa - Scillato 29/12/1953 Sclafani Bagni Bompietro - Castellana Palermo Petralia Soprana - Petralia 29/12/1953 Sottana - Polizzi Generosa

20

Premessa

N della demanialit

DM DA

296 297 298

299 300 301 302 303

Caltavuturo - Scillato (Collesano) Bivio San Giacinto (Termini) bivio Burgitabus (cerda) Bivio Gargi di Cenere (Collesano) - bivio Pianetti (Gratteri) Bivio Piani Vecchi (Lascari) bivio Ponte della Mora (Collesano) Collesano - Isnello Petralia Sottana - bovio Galefana

Lung. Km.

Denominazione della trazzera demaniale (ex regia trazzera L.1766/1927)

Gazzetta ufficiale della Regione siciliana

Data del Decreto Ministeriale oppure Assessoriale

Territori dei Comuni attraversati

4.5 6.5 20

24/07/1954 n. 30 avv. 2008/54 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/55 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/56 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/57 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/58 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/59 24/07/1954 n . 30 Avv. 2008/60 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/61 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/62 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/63 24/07/1954 n. 30 avv.2008/64

11 6.5 23

Bivio Croce (Collesano) bivio Manderini ( Petralia Sottana) Bivio Campanella (Petralia Sottana) Portella di Trinit (Petralia Soprana) Castelbuono - Petralia Soprana

20 14

304 Bivio Portella Recattivo (Petralia Sottana) - bivio Giulfo (Villarosa) Bivio Pozzillo (Alimena) - bivio Garristoppa (Caltanisetta) Bivio Gioia (Petralia Soprana) Santa Caterina villarmosa Petralia Sottana - bivio San Giovanni Geraci - bivio Ponte Vecchio (Castelbuono) San Mauro Castelverde - bivio Piano Monaci (per Castelbuono) Bivio Malpertugio - bivio Frossalerno (per Castelbuono) Cefal - Pollina Finale (stazione Pollina) - San Mauro Castelverde Portella Dogana (Castebuono) Sella Santa Maria Bivio S. Cono (San Mauro) bivio Tiberio (per Finale) Bivio Pirato (San Mauro) - bivio Murfa (Alimena) Bivio Pasciovalle (Alimena) Villadoro (Nicosia) Alimena - Portella Massariazza (Petralia Soprana) Gangi - Villadoro (Nicosia) Marineo - bivio quattro Finaite Altofonte - San Giuseppe Jato Palermo - Sciacca

18

305 306

15 19

307

21

308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321

13 9, 5 7 4 13 7 6 35 14 12 13.5 2.5 7 6, 675

24/07/1954 n. 30 avv. 2008/65 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/66 24/07/1954 n. 30 avv.2008/67 24/07/1954 n. 30 avv.2008/68 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/69 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/70 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/71 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/72 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/73 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/74 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/75 24/07/1954 n. 30 avv.2008/76 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/77 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/78 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/79

Palermo Collesano - Caltavuturo 29/12/1953 Scillato Palermo Cerda - Termini Imerese 29/12/1953 Gratteri - Collesano Palermo Campofelice di Roccella 29/12/1953 Lascari Collesano - Campofelice di Palermo Roccella - Lascari 29/12/1953 Palermo Collesano - Isnello 29/12/1953 Geraci Siculo - Castelbuono Palermo Cefal - Isnello - Petralia 29/12/1953 Sottana Palermo Collesano - Isnello - Petralia 29/12/1953 Sottana Petralia Soprana - Petralia Palermo Sottana 29/12/1953 Geraci Siculo - Castelbuono Palermo Petralia Soprana - Petralia 29/12/1953 Sottana Alimena Palermo 29/12/1953 Palermo Alimena 29/12/1953 Bompietro - Petralia Soprana Petralia Sottana Palermo 29/12/1953 Palermo Castelbuono - Geraci Siculo 29/12/1953 Palermo Geraci Siculo - Castelbuono 29/12/1953 San Mauro Castelverde Palermo Pollina 21/12/1953 Palermo Pollina 29/12/1953 Palermo Pollina - San Mauro 29/12/1953 Castelverde Palermo Castelbuono - San Mauro 29/12/1953 Castelverde Palermo San Mauro Castelverde 29/12/1953 Gangi - Geraci Siculo Palermo Alimena - Bompietro - San 29/12/1953 Mauro Castelverde Palermo Gangi - Bompietro 29/12/1953 Palermo Geraci Siculo - Gratteri 29/12/1953 Alimena - Petralia Soprana Palermo Gangi 29/12/1953 Palermo Marineo 29/12/1953 Palermo Altofonte - Monreale 29/12/1953 Palermo Contessa Entellina 29/12/1953

21

Premessa

N della demanialit

DM DA

322 323 324 325 326 327 328 343 349 350 352 365 368 369 370 371 372 373 408 433 434 435 436 437 438 439 440 441

Marineo - bivio Portella Montagnola Misilmeri - Quadriulo - Quattro Finaite Polizzi Generosa - Vallelunga Bivio Galizza (Cefal) - Gratteri Sclafani - Caltavuturo Bivio San Lorenzo - bivio Brignoli Bivio Castellaccio (Cerda) bivio Mandoletto (Collesano) Corleone - Marsala Alcamo - Gibellina Bivio Quaranta Salme - bivio Bosco S. Anna Castelbuono - bivio Aquilea (per Isnello) Bivio Cuba (Centuripe) - bivio Monaco Racca Petralia Sottana - Resuttano Geraci - San Mauro Castelverde

Lung. Km.

Denominazione della trazzera demaniale (ex regia trazzera L.1766/1927)

Gazzetta ufficiale della Regione siciliana

Data del Decreto Ministeriale oppure Assessoriale


Palermo 29/12/1953 Palermo 29/12/1953 Palermo 29/12/1953 Palermo 29/12/1953 Palermo 29/12/1953 Palermo 29/12/1953 Palermo 19/06/1953 Palermo 19/06/1953 Palermo 19/06/1953 Palermo 19/06/1953 Palermo 19/06/1953 Palermo 10/02/1954 Palermo 10/02/1954 Palermo 10/02/1954 Palermo 10/02/1954 Palermo 10/02/1954 Palermo 10/02/1954 Palermo 02/02/1954 Palermo 01/12/1953 Palermo 02/03/1954 Palermo 02/03/1954 Palermo 02/03/1954 Palermo 02/03/1954 Palermo 02/03/1954 Palermo 02/03/1954 Palermo 02/03/1954 Palermo 02/03/1954 Palermo 02/03/1954

Territori dei Comuni attraversati

4 5 10 9 3, 4 2.6 12 84 15 12 5 11 15 6

24/07/1954 n. 30 avv. 2008/80 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/81 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/82 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/83 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/84 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/85 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/86 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/101 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/107 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/108 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/110 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/123 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/126 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/127 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/128 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/129 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/130 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/31 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/166 07/08/1954 n. 32 avv. 2169 07/08/1954 n. 32 avv. 2169 07/08/1954 n. 32 avv. 2169 07/08/1954 n. 32 avv. 2169 07/08/1954 n. 32 avv. 2169 07/08/1954 n. 32 avv. 2169 07/08/1954 n. 32 avv. 2169 07/08/1954 n. 32 avv. 2169 07/08/1954 n. 32 avv. 2169

Marineo - Santa Cristina Gela Bagheria - Misilmeri - Santa Flavia Caltavuturo - Polizzi Generosa Gratteri - Cefal Caltavuturo Sclafani Bagni Cerda - Collesano Corleone - Monreale Roccamena Monreale Monreale - Partinico Castelbuono

Petralia Sottana - Prizzi Geraci Siculo - San Mauro Castelverde Geraci Siculo - San Mauro Castelverde Gangi Gangi - Petralia Soprana Gangi - Geraci Siculo - Petralia Soprana Monreale - San Cipirrello Camporeale Monreale - San Cipirrello Godrano - Collesano Mezzoiuso - Monreale - Vicari - Corleone Corleone Contessa Entellina Monreale - Piana dei Greci Castronovo di Sicilia Corleone - Prizzi - Palazzo Adriano Corleone - Campofiorito Corleone - Campofiorito

Bivio Abbate (Geraci) - Regione Botindari - Ponte D'Angelo (San 15 Mauro Castelverde) Gangi - bivio Piano Langhillo 24.5 (Calascibetta) Calascibetta - Petralia Soprana 13 Calascibetta - Geraci Salaparuta - Crocevia - Vanelle (San Cipirrello) Bivio Raitano (San Cipirrello) bivio Bifarera (Monreale) Bivio Malvello (Monreale) bivio Cappana (Vicari) Bivio Giammaritano (Corleone) Mandra di Mezzo (Poggioreale) - S. Margherita Bivio Ponte D' Arcera - bivio Bifarera Castronovo - Vallelunga Corleone - Palazzo Adriano Bivio Torrazza - centro urbano Campofiorito Campofiorito - bivio Cozzo Duro (Corleone) detta di "Scorciavacche" 9 33 15 41.2 8.5 7 9.8 21 19 8.4 7

22

Premessa

N della demanialit

DM DA

442 443 444 445 446 447 448 449 450 452

Castronovo - Cammarata

457 481 482 490 502 503 504 506 507 508 509 510 526 529 530 531 532

07/08/1954 n. 32 avv. 2169 Lercara - bivio Serra - Pietre 07/08/1954 n. 32 9 Cadute (Castronovo) avv. 2169 Castronovo - bivio Rinella 07/08/1954 n. 32 10.065 (lercara Friddi) avv. 2169 07/08/1954 n. 32 Bivio Timpi (Alia) - bivio Rocca 9.5 di Capra (Cammarata) avv. 2169 Bivio Balata (Sclafani) 07/08/1954 n. 32 9 Valledolmo avv. 2169 Bivio Fontana Muratta (Sclafani) - quadrivio Portella 6 09/04/1955 n 15 Incatena (Sclafani) avv. 1167/1 Bivio Incatena - bivio S. 09/04/1955 n. 15 7 Lorenzo (Sclafani) - Valledolmo avv. 1167/7 Bivio Donna Giacoma (Corleone) - bivio Portella 8.5 09/04/1955 n. 15 Guddemi (Campofelice) avv. 1167/3 Ciminna - Montemaggiore 09/04/1955 n. 15 10 Belsito avv. 1167/4 Trapani - Palermo 90 07/08/1954 n. 32 avv. 2169 Bivio Pietralonga (Alcamo) bivio Dammusi (Monreale) 25.7 07/07/1954 n. 32 bivio Gianvicario ( S. Cipirrello) avv. 2169 Bivio Cicio - bivio Cappuccio 09/04/1955 n. 15 12 avv. 1167/22 Bivio Chiosi - Bivio Portella 23/04/1955 n. 17 8 Lucia (Corleone) avv. 1284/7 Palermo - Torre di Mondello 17/08/1953 n. 33 10 avv. 1643 Gangi - Geraci Siculo 09/04/1955 n. 15 9 avv. 1167/34 Bivio Feotto (Geraci Siculo) 23/04/1955 n. 17 6 Petralia Sottana avv. 1284/75 Villafrati - bivio Loreto 09/04/1955 n. 15 5 (Ciminna) avv. 1167/35 Villafrati - Baucina 23/04/1955 n. 17 5 avv. 1284/16 Baucina - Piano Aporcherola 09/04/1955 n. 15 3.6 (Ciminna) avv. 1167/37 Torretta - bivio Canalone 09/04/1955 n. 13 3 (Torretta) avv. 1167/38 Bivio Gibiazza (Torretta) 23/04/1955 n. 17 9 Palermo avv. 1284/17 San Cipirrello - bivio Kaggiotto 09/04/1955 n. 15 9 (Monreale) - Monreale avv. 1167/39 Bivio Foce (Carini) - Carini 09/04/1955 n. 15 4, 5 "detta della Grazia" avv. 1167/49 Bivio Pezzetti (Monreale) 23/04/1955 n. 17 8 Monreale avv. 1284/25 Santa Cristina Gela Ventimiglia 22 22/04/1955 n. 17 avv. 1284/26 Caccamo - Ventimiglia 09/04/1955 n. 15 8 avv. 1167/51 Bivio Misalla (Vicari) - bivio 09/04/1955 n. 15 23 Santa Rosalia (Caccamo) avv. 1167/52 7

Lung. Km.

Denominazione della trazzera demaniale (ex regia trazzera L.1766/1927)

Gazzetta ufficiale della Regione siciliana

Data del Decreto Ministeriale oppure Assessoriale


Palermo 02/03/1954 Palermo 02/03/1954 Palermo 02/03/1954 Palermo 02/03/1954 Palermo 02/03/1954

Territori dei Comuni attraversati

Castronovo di Sicilia Castronovo di Sicilia Castronovo di Sicilia - Lercara Friddi Castronovo di Sicilia - Alia Sclafani Bagni - Valledolmo

Alia - Sclafani Bagni Palermo 07/02/1955 Palermo Sclafani Bagni - Valledolmo 07/02/1955 Corleone Palermo 07/02/1955 Palermo Ciminna 07/02/1955 Borgetto - Giardinello Palermo Monreale - Palermo 02/03/1954 Montelepre - Partinico Monreale - Partinico - San Palermo Giuseppe Jato - San Cipirrello 02/03/1954 Palermo Corleone - Monreale 07/02/1955 Palermo Corleone 28/02/1955 Palermo Palermo 17/06/1953 Palermo Gangi - Geraci Siculo 07/02/1955 Palermo Geraci Sicula - Petralia Soprana 28/02/1955 - Petralia Sottana Palermo Ciminna - Villafrati 07/02/1955 Palermo Baucina - Villafrati 28/02/1955 Ventimiglia di Sicilia Palermo Ciminna - Baucina 07/02/1955 Palermo Torretta 07/02/1955 Palermo Palermo 28/02/1955 Palermo Monreale - San Cipirrello 07/02/1955 Palermo Carini 07/02/1955 Palermo Monreale 07/02/1955 Baucina - Marineo - Monreale Palermo Piana dei Greci - Santa Cristina 07/02/1955 Gela - Villafrati Palermo Caccamo - Ventimiglia Sicula 07/02/1955 Palermo Caccamo 07/02/1955

23

Premessa

N della demanialit

DM DA

533 534 535 536 537 538 539 540 541 550 552 553

Piano Aporcherola - bivio 16, 3 Sivarisce (Termini Imerese) Bivio Acqua Grande (Caccamo) 11.4 - Termini Imerese Bivio Traversa (Ventimiglia) 11 bivio Mandrapiano di Ferro (Caccamo) Bivio Garco (Caccamo) - Trabia 11 Bivio Loreto (Ciminna) - bivio Randina (Casteldaccia) Ciminna - bivio Masseria Sovrarita (Baucina) Bivio Piano della Scala (Corleone) - bivio S. Ippolito (Vicari) Palazzo Adriano - Filaga - bivio S. Antonio (Prizzi) Quadrivio Portella Sarullo bivio Malfarina Bivio Pioppo (Castellamare) Gibellina Capaci - Torretta Bivio Torre Pozzillo - Carini Litorale tratto Castellamare Isola delle Femmine 12 8 21 11 7 26 8 7

Lung. Km.

Denominazione della trazzera demaniale (ex regia trazzera L.1766/1927)

Gazzetta ufficiale della Regione siciliana

Data del Decreto Ministeriale oppure Assessoriale


Palermo 07/02/1955 Palermo 07/12/1955

Territori dei Comuni attraversati

23/04/1955 n. 17 avv. 1284/27 09/04/1955 n. 15 avv. 1167/53 23/04/1955 n. 17 avv. 1284/28 09/04/1955 n. 15 avv. 1167/54 09/04/1955 n. 15 avv. 1167/55 23/04/1955 n. 17 avv. 1284/30 23/04/1955 n. 17 avv. 1284/30 23/04/1955 n. 17 avv. 1284/31 09/04/1955 n. 15 avv. 1167/56 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/176 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/178 24/07/1954 n. 30 avv. 2008/179

554

46

06/03/1954 n. 10 Avv. 622 23/04/1955 n. 17 avv. 1284/32 23/04/1955 n. 17 avv. 1284/37 23/04/1955 n. 17 avv. 1284/34 23/04/1955 n. 17 avv. 1284/35 23/04/1955 n. 17 avv. 1284/37 23/04/1955 n. 17 avv. 1284/38 23/04/1955 n. 17 avv. 1284/30 23/04/1955 n. 17 avv. 1284/41 23/04/1955 n. 17 avv. 1284/42 23/04/1955 n. 17 avv. 1284/43 23/04/1955 n. 17 avv. 1284/44 23/04/1955 n. 17 avv. 1284/45 23/04/1955 n. 17 avv. 1284/46 23/04/1955 n. 17 avv. 1284/47

568

Camporeale - bivio Alvano (Bisacquino) Bivio Piano del Cavaliere (Contessa Entellina) - bivio Trasotto (Corleone) Bivio Corridore (Poggio Reale) bivio Pernice (Monreale) Bivio Giammaritaro - bivio Pomo di Vegna Borgetto - San Giuseppe Jato

23

569 570 571 573 574 576 577 578 579 580 581 582 583

14 20 3.5 12

Bivio Medico (Monreale) - bivio 14 Fornazzo (Camporeale) Bivio Lazzarola (Partinico) 10 Partinico Carini - Bivio San Lorenzo Colli 16.5 (Palermo) Bivio Matina (Monreale) 11 Camporeale Bivio Raiata (Camporeale) 8 bivio Pigno (San Giuseppe Jato) Monreale - Altofonte 6 Bivio Piano Inferno (Balestrate) - bivio Spadafora (Partinico) Balestrate - bivio Fondachelle (Partinico) Frazione Trappeto (Balestrate) bivio Mangiaracino (Partinico) 3.4 8 3.5

Palermo 07/02/1955 Palermo Caccamo - Trabia 07/12/1955 Palermo Casteldaccia - Baucina 07/12/1955 Palermo Ventimiglia Sicula 07/02/1955 Corleone - Campo felice di Palermo Fitalia - Mezzoiuso - Vicari 07/02/1955 Palermo Palazzo Adriano - Prizzi 07/02/1955 Palermo Corleone - Palazzo Adriano 07/12/1955 Prizzi Palermo Monreale 10/02/1954 Palermo Capaci - Torretta 10/02/1954 Palermo Carini 10/02/1954 Cinisi - Balestrate - Carini Capaci - Isola delle Femmine Palermo Terrasini - Alcamo 03/02/1954 Castellamare Contessa Entellina - Corleone Palermo Camporeale - Monreale 07/02/1955 Roccamena Contessa Entellina - Corleone Palermo 07/02/1955 Palermo Monreale - Roccamena 07/02/1955 Palermo Corleone 07/02/1955 Palermo Borgetto - Monreale - San 07/02/1955 Giuseppe Jato Palermo Camporeale - Monreale 07/02/1955 Partinico Palermo Borgetto - Monreale - Partinico 07/02/1955 Palermo Carini - Palermo - Torretta 07/02/1955 Palermo Camporeale - Monreale 07/02/1955 Palermo Camporeale - Monreale - San 07/02/1955 Giuseppe Jato - San Cipirrello Palermo Altofonte - Monreale 07/02/1955 Palermo Balestrate - Partinico 07/02/1955 Palermo Partinico 07/02/1955 Palermo Balestrate - Partinico 07/02/1955

Ciminna - Caccamo Ventimiglia Sicula Caccamo - Termini Imerese Trabia Casteldaccia - Ventimiglia Caccamo

24

Premessa

N della demanialit

DM DA

584 592

595 596 597 600 608 614 615 616 617 618 619 620 621 624 625 629 634 636 638 672 674 677 679

Bivio Galluzzo (Sambuca) Contessa Entellina Bivio S. Biagio (Caltabellotta) quadrivio Dragotta - bivio Zaferano (Palazzo Adriano) Quadrivio Passo del Falconiere (Campofelice di Fitalia) - Filaga - S.Stefano Quisquina Bivona - bivio Piano del Leone (Castronovo) Palazzo Adriano - bivio Portella Contuberna (S. Stefano di Quisquina) Bivona - S. Stefano di Quisquina - Quattro Finaite (Lercara) Bivio Portella S. Francesco bivio Molino della Scaletta (detta "del Baronaggio") Marianopoli - bivio Robione (Serradifalco) Giuliana - bivio Batticapo (Corleone) Bivio Madonna di Pompei (Giuliana) - bivio Piano Catrini (Bisacquino) Bivio Comunello (Cinisi) - bivio Fastuche (Carini) Bivio Cavallaro - bivio Bufalo Contessa Entellina - bivio Guglino (Contessa Entellina) Bivio Miccina (Contessa Entellina) - bivio Rocche Malvine (Giuliana) Bivio Piano Ospedale (Gangi) bivio Stallone (Castel di Lucio) Bivio Monte Lavano (Gangi) Villadoro Bivio Ospedale (Gangi) Sperlinga - bivio Sagramento (Nicosia) Bivio Grotta del Toro - Villalba - Marianopoli Caltanisetta - Palermo quadrivio Verbumcaudo (Polizzi) Bivio Valata - Castronovo Prizzi - Vicari Marianopoli - S. Caterina Villarmosa Bivio Vurrana (Caltavuturo) bivio Rudda (Petralia Sottana) Bivio Montagnola (Mussomeli) Resuttano Bivio Vicaretto (Petralia Sottana) - bivio Portella del Vento (Polizzi G.)

Lung. Km.

Denominazione della trazzera demaniale (ex regia trazzera L.1766/1927)

Gazzetta ufficiale della Regione siciliana

Data del Decreto Ministeriale oppure Assessoriale

Territori dei Comuni attraversati

10 20

23/04/1955 n. 17 avv. 1284/48 07/05/1955 n. 19 avv. 1467/7 07/05/1955 n. 19 avv. 1467/10 07/05/1955 n. 19 avv. 1467/11 07/05/1955 n. 19 avv. 1467/12 23/07/1955 n. 31 avv. 2261/3 23/07/1955 n. 31 avv. 2261/11 28/04/1956 n. 17 avv. 1361/1 28/04/1956 n. 17 avv. 1361/2 28/04/1956 n. 17 avv. 1361/3 28/04/1956 n. 17 avv. 1361/4 28/04/1956 n. 17 avv. 1361/5 28/04/1956 n. 17 avv. 1361/6 28/04/1956 n. 17 avv. 1361/7 28/04/1956 n. 17 avv. 1361/8 28/04/1956 n. 17 avv. 1361/11 28/04/1956 n. 17 avv. 1361/12 28/04/1956 n. 17 avv. 1361/16 28/04/1956 n. 17 avv. 1361/21 23/07/1955 n. 31 avv. 2261/17 09/04/1955 n. 15 avv. 1167/58 28/04/1956 n. 17 avv. 1361/56 28/04/1956 n. 17 avv. 1361/58 28/04/1956 n. 17 avv. 1361/61 28/04/1956 n. 17 avv. 1361/63

22 8 12 24 5 16 13 3 10 14 1.7 15 11 17 17 12 31 6 18 12 12 19 8

Palermo Contessa Entellina 07/02/1955 Palazzo Adriano Palermo 07/02/1955 Castronovo di Sicilia Palermo Campofelice di Fitalia - Prizzi 07/02/1955 Vicari Palermo Castronovo di Sicilia 07/02/1955 Castronovo di Sicilia - Palazzo Palermo Adriano 07/02/1955 Palermo Castronovo di Sicilia 30/05/1955 Castronovo di Sicilia Palermo 30/05/1955 Palermo Contessa Entellina 10/01/1956 Palermo Corleone - Bisacquino 10/02/1956 Campofiorito - Giuliana Giuliana Palermo 10/02/1956 Palermo Cinisi - Carini 10/02/1956 Palermo Contessa Entellina 10/02/1956 Palermo Contessa Entellina - Giuliana 10/02/1956 Contessa Entellina - Giuliana Palermo 10/02/1956 Palermo Gangi 10/02/1956 Palermo Gangi 10/02/1956 Gangi Palermo 10/02/1956 Palermo Castellana - Petralia Sottana 10/02/1956 Castellana - Petralia Sottana Palermo Polizzi Generosa 10/02/1956 Palermo Castronovo di Sicilia 30/05/1955 Palermo Campofelice di Fitalia - Prizzi 07/12/1955 Vicari Palermo Petralia Sottana 10/02/1956 Caltavuturo - Castellana Palermo Petralia Sottana - Polizzi 10/02/1956 Generosa Palermo Castellana - Petralia Sottana 10/02/1956 Polizzi Generosa Palermo 10/02/1956

25

Premessa

N della demanialit

DM DA

Lung. Km.

Denominazione della trazzera demaniale (ex regia trazzera L.1766/1927)


Bivio Case Nuove di Susafa (polizzi G.) - bivio Serra Fichera (Petralia Sot.) Bivio Madonnuzza (Petralia Soprana) - bivio Rain (Geraci Siculo)

Gazzetta ufficiale della Regione siciliana

Data del Decreto Ministeriale oppure Assessoriale


Palermo 10/02/1956

Territori dei Comuni attraversati

Polizzi Generosa 5 28/04/1956 n. 17 avv. 1361/64 28/02/1956 n. 17 avv. 1361/70

680

Gangi - Petralia Soprana 12 Palermo 18/02/1956

686

Elementi di pianificazione per lutilizzazione delle trazzere La rete trazzerale ha bisogno di un vero e proprio piano di utilizzo, potendo sviluppare un potenzialit progettuale di percorsi non veicolari (a meno dei mezzi di soccorso o dei mezzi di accesso per guardiani e manutenzione) attrezzati linearmente in funzione della pubblica fruizione di aree e/o itinerari di accesso in zone altrimenti impossibili da raggiungere. Lescursionismo scientifico pedagogico, o del tempo libero ritrova cos gli antichi percorsi armentizi e pu raggiungere mulini, abbeveratoi, bagli, masserie e vecchie case rurali, corsi dacqua, valloni, fosse, singolarit rocciose e geotipi, pozzi, sorgenti, zone umide o paludose, rarit vegetazionali arbustive, alberate o di macchia mediterranea, utilizzando mezzi di accesso e visita non veicolari, come il trekking equestre, la mountain-bike, il carretto o il calesse, o il sentiero pedonale, differenziando i percorsi in ragione dei livelli di difficolt o del segmento di mercato dellutenza, non pi legata necessariamente alla stagionalit del turismo di massa, come avviene nelle fasce costiere. Un piano di utilizzo a rete che, pur facendo riferimento ai centri urbani come nodi della rete, dispiega i suoi effetti interventuali e di fruizione su tutte le aste della rete. Ci richiede una progettualit adeguata e sostenibile, sia di design e di tecnologie che di materiali leggeri e silenziosi rispolverando anche le antiche manualit della tradizione artigiana locale. In tal senso, le trazzere demaniali costituiscono un sistema di rete che rientra nel quadro propositivo con valenza strategica del PTP e partecipa - oltre che del livello meramente conoscitivo - anche delle scelte progettuali degli interventi previsti. Il piano di utilizzo lo strumento tecnico per valorizzare il sistema della rete trazzerale allinterno della strategia complessiva di piano e interseca gli altri sistemi rinvenuti e proposti, tra cui prioritario il sistema dei nodi: beni isolati (architettonici, etnoantropologici, naturalistici) e aree attrezzate di modesta entit nel territorio extra-urbano (agricolo, boschivo, montuoso e collinare); beni architettonici e tessuti storici nei centri storici urbani. Questi ultimi, a loro volta, costituiscono linterfaccia strategica del quadro strutturale del territorio provinciale, cui partecipano con il loro sistema residenziale, il loro sistema produttivo e il diffuso sistema dei servizi e delle attrezzature. Cos i sistemi urbani presenti nellambito studiato costruiscono la loro presenza allinterno del quadro strategico, in quanto nodi di un diverso sistema di rete: quello della qualit

26

Premessa

urbana dei servizi e della residenza che poggia i suoi presupposti di pianificazione nei modi in cui si articola e si integra con gli elementi del quadro strutturale. Il territorio provinciale cos diviene contesto di riferimento per altri territori e altri ambiti, rafforzando lipotesi di un sistema di relazioni strategiche con altri contesti territoriali, che vano costruendo i loro sistemi, quindi i loro rispettivi quadri strutturali e strategici, alla ricerca di una dimensione e una definizione di area vasta fondata sui rapporti integrati e coordinati fra contesti. In questo sistema di relazioni fra contesti di area vasta, il quadro operativo degli interventi potr articolarsi con flessibilit autonoma rispetto al quadro strategico complessivo, sia pure nel rispetto del quadro strutturale che va delineando viceversa il suo rigore - alla stregua di invariante territoriale - via via che precisa il suo livello conoscitivo e le sue attribuzioni di valore, il cui mezzo rappresentativo e di immagine sar costituito (quando ci sar) dal S.I.T.R.(Sistema Informativo Territoriale Regionale).

27

Premessa

Usi civici: elementi di pianificazione e di utilizzazione


La questione degli usi civici, allinterno della pianificazione urbana e territoriale, divenuta negli ultimi anni centrale in quanto richiamata in due leggi di grande attualit quanto di complessa applicazione. La prima la Legge Galasso, n. 431 del 1985, che include nei territori da considerare vincolati alla stregua del vincolo paesaggistico della L. 1497/39, i terreni gravati da usi civici (art. 1). La seconda Legge richiamata quella sul riordino urbanistico ed edilizio, la n. 47 del 1985, dove tra le aree vincolate per le quali prescritta la insanabilit di edilizia abusiva, vi sono le aree sottoposte ad uso civico. Pertanto, per le aree da sottoporre a particolari prescrizioni in ordine alla tutela e alla valorizzazione dei caratteri ambientali e paesaggistici del territorio comunale, cos come per le aree da urbanizzare in relazione al recupero urbanistico delledilizia abusiva si impone lobbligo di verificare la sussistenza di usi civici, per le determinazioni progettuali ed urbanistiche conseguenti. Gli usi civici rientrano nella nozione di propriet pubblica, in quanto com noto sono particolari diritti risalenti a periodi storici molto antichi. Ve ne sono del periodo normanno, ma per lo pi risalgono al periodo del Medioevo e fino a tutto il Feudalesimo. Gli usi civici sono dei particolari diritti che spettano alla popolazione di un Comune o di una frazione di un Comune e consistono nel potere ricavare utilit dal terreno di propriet del Comune o di altro Comune (diritti promiscui) o di altro soggetto anche privato (ex feudo). Usi civici sono quelli di pascolo, di semina, di far legna, di cavar pietra da costruzione e seppur di rado di fare case. E utile dire che gli usi civici, pur appartenendo alla collettivit, vengono esercitati dai singoli. Quanto alla loro natura possibile distinguere: 1. usi civici su terre di propriet comunale, che possono assimilarsi agli usi generali sui beni demaniali; 2. usi civici su terre di propriet di altri soggetti, privati o pubblici, che si configurano come diritti reali su cosa altrui, con il carattere della perpetuit e della imprescrittibilit, poich luso civico non si estingue per il mancato esercizio, anche se prolungato. Il principale testo normativo nazionale, che ordina la materia, tuttoggi la Legge n. 1766 del 16/6/1927, che ha affidato le funzioni di accertamento, valutazione ed affrancazione degli usi civici ad un Commissario Regionale per la liquidazione degli usi civici, proveniente dal ruolo della Magistratura ordinaria, che svolge sia la funzione amministrativa che quella giurisdizionale in caso di controversia.

28

Premessa

Decreti di chiusura per inesistenza di diritti di usi civici e di demani collettivi N. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 Comuni Alia ...................................................... Alimena ............................................... Aliminusa ............................................ Altavilla Milicia .................................. Altofonte .............................................. Bagheria .............................................. Balestrate ............................................. Baucina ................................................ Belmonte Mezzagno ............................ Bisacquino ........................................... Blufi ..................................................... Bolognetta ........................................... Bompietro ............................................ Borgetto ............................................... Caccamo .............................................. Caltavuturo .......................................... Campofelice di Fitalia ......................... Campofelice di Roccella ..................... Campofiorito........................................ Camporeale .......................................... Capaci .................................................. Carini ................................................... Castelbuono.......................................... Casteldaccia ......................................... Castellana Sicula ................................. Castronovo di Sicilia ........................... Cefal Diana ........................................ Cefal .................................................. Cerda ................................................... Chiusa Sclafani .................................... Ciminna ............................................... Cinisi ................................................... Collesano ............................................. Contessa Entellina ............................... Corleone .............................................. Ficarazzi .............................................. Gangi ................................................... Geraci Siculo ....................................... Giardinello ........................................... Giuliana ............................................... Godrano ............................................... Gratteri ................................................ Reg. Cron. 19984 / 20311 Data 28/3/1969 30/4/1937 7/7/1975 N. ordine 93 11 95

13331

16/5/39

31

13686

18/12/39

41

29

Premessa

N. 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82

Comuni Isnello .................................................. Isola delle Femmine ............................ Lascari ................................................. Lercara Friddi ...................................... Marineo ............................................... Mezzojuso ........................................... Misilmeri ............................................. Monreale .............................................. Montelepre .......................................... Montemaggiore Belsito ....................... Palazzo Adriano .................................. Palermo ................................................ Partinico .............................................. Petralia Soprana ................................... Petralia Sottana .................................... Piana degli Albanesi ............................ Polizzi Generosa .................................. Pollina .................................................. Prizzi .................................................... Roccamena .......................................... Roccapalumba ..................................... San Cipirello ........................................ San Giuseppe Jato ............................... Sam Mauro Castelverde ...................... Santa Cristina Gela .............................. Santa Flavia ......................................... Sciara ................................................... Scillato ................................................. Sclafani Bagni ..................................... Termini Imerese .................................. Terrasini .............................................. Torretta ................................................ Trabia .................................................. Trappeto .............................................. Ustica ................................................... Valledolmo .......................................... Ventimiglia di Sicilia .......................... Vicari ................................................... Villabate .............................................. Villafrati ..............................................

Reg. Cron.

Data

N. ordine

13819

6/3/1940

44

18458

8/2/1961

89

12343 13320 18451

31/3/1937 12/5/1939 31/1961

8 30 87

13332 18450 18489

16/5/1939 24/1/1961 21/12/60

32 88 86

14051 12330

15/11/40 16/3/1937

49 6

Fonte: Commissariato per la liquidazione degli usi civici della Sicilia Decreti di chiusura delle operazioni demaniali.

30

Premessa

Vulnerabilit e rischio: elementi di pianificazione dellemergenza e della protezione civile


La consapevolezza dei rischi ambientali uno dei caratteri pervasivi delle societ tecnologicamente progredite. La strada della modernit infatti costellata da avvenimenti catastrofici in ci il rischio si manifesta sotto diversi aspetti nei quali la componente umana risulta sempre pi mescolata con gli eventi naturali: rischio idrogeologico e rischio bellico, rischio sismico e rischio biologico, rischio ecologico e rischio genetico, etc. Parallelamente alle certezze tecnologiche di una societ post-industriale evoluta si cercano oggi di valutare i rischi prevedibili del suo sviluppo. In concomitanza con levolversi dei modelli di valutazione del rischio si assiste infatti al progressivo mutare del significato di rischio ambientale e degli indicatori utilizzati per valutarlo. I rischi che interferiscono in maniera diretta con la pianificazione del territorio, con particolare riguardo al territorio provinciale, riguardano prioritariamente gli equilibri idrogeologici connessi al deflusso delle acque e al pi complessivo fenomeno della stabilit dei suoli. Oltre al rischio idrogeologico, che pi di altri condizionato e condiziona le trasformazioni del territorio, il rischio ambientale pi direttamente dipendente degli interventi delluomo il rischio chimico-industriale. Il rischio territoriale definito dalla relazione P x V= R, in cui: P la pericolosit, cio lambito di probabilit di quando e dove potrebbe verificarsi un certo fenomeno, di quanto sar intenso e se esso sar preceduto o seguito da altri fenomeni minori; V la vulnerabilit delle costruzioni e del territorio in genere e rappresenta la propensione, maggiore o minore, a resistere al fenomeno; R il rischio, inteso quale risultante delle due grandezze precedenti in un arco temporale predeterminato.

Lobiettivo quello di abbassare il rischio: come mostra la relazione P x V = R e in considerazione che la pericolosit P un valore non influenzabile dalluomo, se si vuole mitigare il rischio R non resta che abbassare la vulnerabilit V. Per garantire questo obiettivo serve un forte impegno pubblico, finalizzato allavvio di una politica di prevenzione, cio di programmazione degli interventi; in breve di pianificazione del territorio. La legge 24 Febbraio 1992, n. 225 fissa un concetto del tutto nuovo nellordinamento giuridico italiano, quello di affidare ai vari livelli istituzionali compiti di previsione e prevenzione dei rischi ricorrenti nel territorio, non potendo pi offrire garanzie sufficienti il mero controllo dellUfficio del Genio Civile sugli standard di sicurezza strutturale e geotecnica validi comunque in generale solo per le nuove costruzioni. Questo modo di garantire la sicurezza abitativa della gente non ha fatto altro che aumentare via via nel tempo lincidenza dei rischi in termini di danno atteso. In particolare la vulnerabilit delle varie componenti dellambiente urbanizzato stata considerata come determinante per creare situazioni di sempre maggiore

31

Premessa

esposizione per la popolazione. La contemporanea e integrata vulnerabilit, per esempio, del sistema viario e degli edifici (anche in rapporto alla sezione stradale), connessa alla vulnerabilit indotta da usi e attivit economiche, aumenta in misura esponenziale il fattore rischio, il quale a sua volta viene incrementato da fattori dinamici determinati da indicatori in grado di rappresentare il carico urbanistico e il conseguente traffico veicolare. Due tipi di vulnerabilit interessa in questa sede evidenziare: la vulnerabilit territoriale e la vulnerabilit sistemica cui la pianificazione del territorio provinciale non pu non fare riferimento. La vulnerabilit territoriale connessa prevalentemente agli aspetti geografici del territorio e allimpatto di questi sulle funzioni che in esso si svolgono. La vulnerabilit sistemica intrinseca al funzionamento dei grandi sistemi (sistemi naturalisticoambientali e sistemi territoriali urbanizzati) e dei grandi servizi a rete (infrastrutture e impianti). E evidente che i due tipi di vulnerabilit sono strettamente correlati. Lambiente, ad esempio, continuamente sottoposto alle trasformazioni ad opera delluomo; mentre le attivit umane, a loro volta, sono pesantemente condizionate dallambiente e dalle modifiche che in esso si svolgono. Il Piano Territoriale di Coordinamento si preoccupa quindi di esprimere le proprie valutazioni sulla vulnerabilit e il rischio connesso del territorio esaminato, in ordine a due tipi di rischi principali: quello idrogeologico e quello chimico-industriale. Rischio idrogeologico A. Piano Straordinario per lAssetto Idrogeologico (P.A.I.) Ai sensi della legge 183/1989, la Regione Siciliana ha proceduto alla elaborazione del Piano Straordinario per lAssetto Idrogeologico, che stato approvato con Decreto dellAssessorato Regionale del Territorio e Ambiente in data 4 Luglio 2000 con successivi decreti il P.A.I. stato modificato. Il PTP evidenzier i rischi e i dissesti di cui al P.A.I., nella versione pi aggiornata di esso. B. Dighe Allinterno dei limiti amministrativi del territorio provinciale di Palermo sono presenti dieci laghi artificiali formatisi dallo sbarramento di alcuni corsi dacqua tramite dighe di vario tipo. Denominazione Fanaco Gammauta Garcia Guadalami Piano del Leone Piana degli Albanesi Poma Classificazione tipologica di cui al D.M. LL.PP. 24.3.1982* Gravit in blocchi di calcestruzzo Gravit Terra Zonata Terra Zonata Gravit Gravit Terra Zonata

32

Premessa

Prizzi Rosamarina Scazano - Rossella

Gravit Arco - Gravit Terra Zonata

Per ogni diga prevista la redazione, da parte della Prefettura di Palermo, secondo gli indirizzi di lavoro della Circolare 13 M. I. PC. (87) n. 7 del 20.03.1987 del Ministero dellInterno, di un Piano di emergenza per incidenti alle dighe di ritenuta. Ad oggi sono disponibili i Piani di emergenza delle dighe: Fanaco, Gammauta, Piano del Leone, Poma, Prizzi, Rosamarina. Per la diga di Rosamarina, inoltre, stato realizzato anche lo studio delle aree di allagamento, a valle dello sbarramento, nei casi ipotizzati nei Piani di emergenza (scarichi di fondo e superficiali; soltanto scarichi di fondo; collasso). Il Piano Territoriale Provinciale terr dunque conto, nelle sue previsioni progettuali, delle aree a rischio generate dalla presenza degli invasi dacqua formati a seguito delle dighe di sbarramento, estendendo il territorio a rischio anche per quelle dighe di cui non stato ancora redatto il relativo piano di emergenza. C. Rischio chimico-industriale Il 17 Agosto 1999 lItalia ha recepito la Direttiva Seveso II con il D.Lgs. n. 334 Attuazione della direttiva 96/82/CE relativa al controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose. Una delle principali innovazioni introdotte dal Decreto lobbligo da parte di gestori di stabilimenti di categoria A1 di: predisporre il Piano di emergenza interna (P.E.I.); trasmettere alla Prefettura e alla Provincia Regionale competente le informazioni utili per la predisposizione del cosiddetto Piano di emergenza esterna (P.E.E.).

Il Piano demergenza esterna (P.E.E.) predisposto dal Prefetto, salve le diverse attribuzioni derivanti dallattuazione dellart. 72 del D. Lgs. 112/9, per organizzare la risposta di protezione civile ad una emergenza di natura chimico-industriale. La nuova impostazione del P.E.E., inserita nelle Linee guida per la pianificazione dellemergenze esterna, redatte dal Dipartimento della P.C. e in corso di emanazione, prevede che il documento sia suddiviso in tre parti: una parte generale descrittiva del territorio e dellazienda, nonch delle sostanze pericolose e degli elementi sensibili/vulnerabili; levento incidentale, con i relativi scenari e le zone a rischio ove ricadrebbero gli effetti nocivi dellevento atteso; il modello organizzativo dintervento con le procedure del P.E.E. Il P.E.E. redatto con i dati forniti dal gestore dello stabilimento nel Rapporto di Sicurezza (RdS) e nella Scheda Informativa di cui allallegato V del D.Lgs. 334/99 (S.I.G.) e distribuita dal Sindaco alla popolazione ai fini della conoscenza dei pericoli e dei rischi per la salute umana e per lambiente. Gli stabilimenti presenti nella Provincia di Palermo appartenenti alla categoria A1 (art. 8 D. L.gs. 334/99) sono:

33

Premessa

1.Carini 2. Carini 3. Palermo 4. Palermo 5. Partinico 6. Palermo

Centralgas S.p.a. ............................................... Carini Gas S.r.l. ................................................ Esso Italiana S.r.l............................................... Eni S.p.a. Divisione Refining e Marketing....... Distilleria Bertolino S.p.a.................................. Reattore Nucleare AGN 201 Costanza

Deposito di gas liquefatti Deposito di gas liquefatti Deposito di oli minerali Deposito di oli minerali Distillazione Deposito radioattivo

Oggi sono disponibili soltanto tre Piani di emergenza esterna, ed esattamente quelli relativi agli stabilimenti: Esso Italiana ed Eni di Palermo, e la Distilleria Bertolino di Partinico. E inoltre disponibile il Piano di emergenza esterna per il Reattore Nucleare AGN 201 Costanza, installato presso il Dipartimento di Ingegneria Nucleare dellUniversit di Palermo nella Citt universitaria di Parco dOrlans. Il Piano Territoriale Provinciale terr dunque conto, nelle sue previsioni progettuali, delle aree a rischio di incidente rilevante (R.I.R.) generate dalla presenza degli impianti industriali sopra elencati, estendendo il territorio a rischio anche per quegli impianti di cui non stato ancora redatto il relativo piano di emergenza esterna. Piani di emergenza comunale Nonostante lobbligo di legge, ad oggi i Comuni non dotati del Piano di emergenza comunale (detti anche Piani di protezione civile) sono in numero molto elevato nella Provincia di Palermo. Al 2005 i Comuni della Provincia di Palermo che avevano trasmesso al Dipartimento Regionale della Protezione Civile i loro Piani di emergenza risultavano i seguenti: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. Aliminusa Altavilla Milicia Bagheria Balestrate Bisacquino Borgetto Caccamo 8. Cefal Diana 9. Cerda 10. Gangi 11. Lercara Friddi 12. Marineo 13. Montelepre 14. Palermo 15. Petralia Sottana 16. Termini Imerese 17. Ventimiglia di Sicilia

A riguardo occorre tuttavia aggiungere la considerazione che i Piani di protezione civile pervenuti non sono stati redatti con criterio di coordinamento e integrazione territoriale . Cos come occorre anche rilevare che la Provincia Regionale di Palermo non si ancora dotata del proprio Piano di protezione civile per il suo territorio per lappunto provinciale. Infatti i Piani comunali non costituiscono, come dovrebbero, elementi mosaicali di un quadro territoriale pi vasto finalizzato ad abbattere le soglie del rischio, e quindi della vulnerabilit di area vasta. Il Piano Territoriale Provinciale dovr in qualche modo recepire le indicazioni di legge anche per gli aspetti relativi alla prevenzione del rischio, a partire dalla segnalazione delle vulnerabilit emergenti, per delineare almeno i principali elementi utili alla politica degli interventi di protezione civile, soprattutto per gli adeguati riferimenti alla scala regionale.

34

Premessa

*Classificazione degli sbarramenti Il D. M. LL.PP. 24.03.1982 Norme tecniche per la progettazione e la costruzione delle dighe di sbarramento e le Direttive per lapplicazione della legge regionale 23 marzo 1998, n. 8 in materia di costruzione, esercizio e vigilanza degli sbarramenti di ritenuta e dei bacini di accumulo di competenza regionale approvate con D.G.R. 5 marzo 2001, n. 7/3699 classifica le dighe di sbarramento nei tipi seguenti. A) Dighe murarie: sbarramenti in muratura di calcestruzzo convenzionale (aggregato di elementi lapidei con legante cementizio). A seconda del comportamento statico della struttura si distinguono in: a) a gravit 1) ordinaria (a gravit massicce): si intendono le strutture ad asse planimetrico rettilineo o a debole curvatura, con profilo trasversale fondamentale triangolare e sezioni orizzontali piene, divise in conci da giunti permanenti, secondo piani verticali normali al loro asse, posti a distanze reciproche sufficienti a prevenire fessurazioni da cause termiche o da ritiro (es. Laghi Gemelli, BG; Lago Baitone, BS; campo Moro 1, SO); 2) a speroni, a vani interni (a gravit alleggerite): si intendono le strutture costituite da una successione di elementi indipendenti (speroni) con profilo fondamentale triangolare, a reciproco contatto lungo il paramento di monte ed, eventualmente, anche in tutto o in parte lungo quello di valle e con superfici laterali distanziate nel tratto intermedio; gli elementi possono essere pieni o cavi nel tratto mediano delle sezioni orizzontali (es. Pantano dAvio, BS; Valgrosina, SO, Scais, SO); b) a volta: si intendono le strutture monolitiche o a giunti bloccati fra conci, con sezioni orizzontali decisamente arcuate e impostate contro roccia, direttamente o attraverso una struttura intermedia di ripartizione (pulvino). Si distinguono convenzionalmente, ai fini dell'analisi statica, in: 1) ad arco: quando la forma ed i rapporti di dimensione sono tali che la resistenza alla spinta dell'acqua ed eventualmente del ghiaccio ed alle azioni sismiche sopportata in grande prevalenza per effetto della curvatura longitudinale (arco) (es. Reggea, CO; Ganda, SO; Panigai, SO); 2) ad arco gravit: quando la forma ed i rapporti di dimensione sono tali che alla resistenza predetta concorrono in misura singolarmente non modesta sia l'effetto della curvatura longitudinale che quello trasversale di mensola (es. Cancano, SO; Frera, SO; Lago Publino, SO); 3) a cupola: quando la forma ed i rapporti di dimensione sono tali che la reattivit elastica assimilabile a quella di lastra a doppia curvatura. (es. Ponte Cola, BS; Isolato, SO); c) a volte o solette, sostenute da contrafforti: le strutture sono costituite di una successione di volte o di solette poggiate su contrafforti pieni o cavi, aventi profilo fondamentale triangolare (i tipi a solette e i contrafforti cavi non sono ammissibili in zone da ritenere soggette a sismi) (es. Lago Venina, SO). B) Dighe di materiali sciolti: sono costituite di un rilevato formato con materiali litici sciolti micro e/o macroclastici, il dispositivo di tenuta potr essere formato con materiali litici appropriati ovvero con materiali artificiali. I materiali di formazione del rilevato possono essere approvvigionati direttamente per cavatura (terre) o ricavati per abbattimento di rocce (pietrame). Si distinguono strutture: a) di terra omogenee = costituite totalmente di terre di permeabilit uniforme di misura atta da sola a realizzare la tenuta (non adottare per altezza superiori a 30 m); b) di terra e/o pietrame, zonate, con nucleo di terra per la tenuta: costituite solo di materiali naturali, di specie diverse, disposti in diverse parti della sezione, differentemente ma pur sempre ampiamente permeabili e di una zona di terra di bassa permeabilit (nucleo) con funzione di tenuta; c) di terra permeabile o pietrame, con manto o diaframma di tenuta di materiali artificiali: costituite di materiali naturali di una o pi specie, diversamente ma pur sempre ampiamente permeabili, e di dispositivo di tenuta a monte (manto) o interno (diaframma) di materiali artificiali. (es. Vasca di Edolo, BS; Campo Moro 2, SO). C) Sbarramenti di tipo vario: tutte le strutture di sbarramento diverse da quelle definite in precedenza. D) Traverse fluviali: si intendono gli sbarramenti che determinano un rigurgito contenuto nell'alveo del corso d'acqua (es. Robbiate, LC; Trezzo sullAdda, MI; Salienze, MN). E) Sbarramenti di tipo misto: costituiti in parte da strutture di calcestruzzo ed in parte da strutture di materiali sciolti (valgono per le singole parti le rispettive norme) (es. Succotto, BG). F) Sbarramenti per laminazione delle piene: gli sbarramenti di qualsiasi tipo aventi l'ufficio principale di invaso dell'acqua per attenuazione delle portate di piena a valle (laminazione), siano essi della specie a luci di scarico libere o di quella a luci regolabili.

35

Premessa

36

Premessa

Strutturazione dei dati Raccolta, interpretazione, elaborazione e costruzione del metadato PROVINCIA DI PALERMO

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

Elementi di costruzione del metadato

37

Premessa

1.QUADRO CONOSCITIVO CON VALENZA STRUTTURALE


1.1.1 1.1.2 1.1.3 1.1.4 1.1.5 1.1.6 1.1.7 1.1.8 1.1.9 1.1.10 1.2.1 1.2.2 1.2.3 1.2.4 1.2.5 1.2.6 1.2.7 1.2.8 1.3.1 1.3.2 1.3.3 1.3.4 1.3.5 1.3.6 Geomorfologiche Idriche Boschive Di interesse archeologico Storico-architettoniche ed etnoantropologiche Infrastrutturali Attrezzature e servizi a scala sovracomunale Parchi e Riserve Regionali S.I.C. (Siti di Interesse Comunitario) Z.P.S. (Zone di Protezione Speciale) Forestale Marittimo Idrico Minerario Stradale Militare Trazzerale Usi civici Vincolo idrogeologico (R.D. 3277/23) Vincolo paesaggistico (L. 431/85) Vincolo di protezione delle bellezze naturali (L. 1497/39) Vincolo di tutela di interesse storico-artistico (L. 1089/39) Rischio sismico (L. 64/74) Rischio idrogeologico ( D.A. 298/41 del 04/07/00 e success. decreti di aggiorn.) Livello comunale Livello sovracomunale

1.1

Regime delle risorse

1.2

Regime del demanio e del patrimonio pubblico

1.3

Regime vincolistico e fattori a rischio

2. QUADRO CONOSCITIVO CON VALENZA STRATEGICA 2.1 2.2 Pianificazione ordinaria Programmazione negoziata
2.1.1 2.1.2

(Patti territoriali, PIT, PRUSST, LEADER, etc)

3. CARATTERE DEI DATI 3.1 Rappresentazione geometrica


3.1.1 3.1.2 3.1.3 3.1.4 Punti Linee Aree Volumi

3.2

Carattere dimensionale

3.2.1 3.2.2 3.2.3 3.2.4

Numero (n) Metri lineari (m) Metri quadri (m2) Metri cubi (m3)

4. FONTI
4.1 4.2 4.3 Ente- Ufficio di provenienza (denominazione, recapiti) Natura della fonte (tipo di documento, formato del file) Base cartografica (natura, scala, data) 5.1 5.2 5.3 Legislazione Statale Legislazione Regionale Altro (regolamenti, direttive, decreti.)

6. ESTREMI DI IMMISIONE DEI DATI


6.1 Compilatore 6.2 Ambito istituzionale di elaboraz. 6.3 Data di elaboraz.

38

Premessa

STRUTTURAZIONE DEI DATI


Raccolta, interpretazione, elaborazione, costruzione del metadato.

Provincia di Palermo
1.1 Regime delle risorse Tema 1.1.1 1.1.2 1.1.2 1.1.3 1.1.4 1.1.5 1.1.6 1.1.7 1.1.8 1.1.9 1.1.10 1.2 Carattere del dato lineare Scala di elaboraz . 1:25.000 Ente/Uff. di provenienza Uff. Genio Civile prov. PA Uff. Genio Civile prov. PA I.R.F. prov. PA A.R.T.A. A.R.T.A. Riferimenti legislativi

Corsi dacqua Pozzi e sorgenti Boschi e foreste Siti e aree archeologiche Beni isolati

D.P.R. 29/05/54 Elenco delle pubbl. acque G.U. n63/55

poligonale poligonale puntuale

1:25.000 1:25.000 1:25.000

R.D.L. n3267/23 e L.R. n16/96 Linee guida del PTPR Linee guida del PTPR

1.2.1 1.2.1 1.2.3 1.2.4 1.2.5 1.2.6 1.2.7 1.2.8 1.3

A.R.T.A. Riserve regionali poligonale 1:25.000 A.R.T.A. S.I.C. poligonale 1:25.000 A.R.T.A. Z.P.S. poligonale 1:25.000 Regime del demanio e del patrimonio pubblico Scala di Ente/Uff. di Carattere elaboraz Tema provenienza del dato . Demanio forestale poligonale 1:25.000 I.R.F. prov. PA Uff. Genio Civile prov. PA

D.A.n86/84;649/90;233/44/95;482/97;615-617/44/98 Dir.Cee79/409;92/43, D.P.R.n357/97, G.U.R.S.n57/00 Dir.Cee79/409;92/43, D.P.R.n357/97, G.U.R.S.n57/00

Riferimenti legislativi R.D.L. n3267/23 e L.R. n16/96

Demanio idrico

punt./lineare

1:25.000

D.P.R. 29/05/54 Elenco delle pubbl. acque G.U. n63/55

Trazzere

lineare

1:25.000

Uff.Trazzere di Sicilia

R.D. del 1923 e R.D.L. 455/46

Regime vincolistico e fattori a rischio Tema Carattere del dato poligonale poligonale Scala di elaboraz . 1:25.000 1:25.000 Ente/Uff. di provenienza I.R.F. prov. PA ARTA Riferimenti legislativi R.D.L. 3267/23 L. 431/85 ex L.1497/39

1.3.1 1.3.2 1.3.3 1.3.4 1.3.5 1.3.6 2.1

Vincolo idrogeologico Vincolo paesaggistico

Dissesto e Rischio idrog.

poligonale

1:50.000

A.R.T.A.

D.A. 4/7/00 e successivi D.A. di aggiornamento

Pianificazione ordinaria Comune 2.1.1 Livello comunale Strumento urbanistico vigente Ente/Uff. di provenienza: ARTA P.R.G. D.A.1431 DEL 16.10.91 P.R.G. D.A. 309 DEL 08.03.88 P.di F. P.R.G. P.di F. P.R.G. P.U.C. n.3 P.di F. P.di F. P.R.G P.di F. P.R.G. D.A.108 DEL 09/04/81 D.A. 164 DEL 12/04/02 D.A. 276 DEL 11.11.77 e var.D.A. 82 del 27/03/80 D.Dir.148 DEL 8/4/2002 D.P.R.S. 66 DEL 16.04.75 D.A. 61 DEL 06.03.81 D.A. 366 DEL 13.12.77 D.Dir.740 del 24/9/02 D.A. 147 DEL10.09.79 D.A. 66O DEL 95 Stato delle procedure di revisione vincoli scaduti adempimenti propedeutici trasmesse all arta controdeduzioni nota 1132 del 18/2/03 P.R.G. vigente restituito per rielaborazione parz. il 09/11/98 controdeduzioni P.R.G. vigente schema di massima approvato con atto C.C. n. 27 del24.02.97 restituito per rielaboraz. parziale il 24/04/97 restituito per rielaboraz. totale il 23.3.98 P.R.G. vigente schema di massima approvato con atto C.C. n.80 del 12/01/94 P.R.G. vigente

Alia Alimena Aliminusa Altavilla Milicia Altofonte Bagheria Balestrate Baucina Belmonte M.. Bisacquino Blufi Bolognetta

39

Premessa

Bompietro Borgetto Caccamo Caltavuturo Campofelice Di Fitalia. Campofelice Di Roccella. Campofiorito Camporeale Capaci Carini Castelbuono Casteldaccia Castellana Sicula Castronovo Di Sicilia Cefala Diana Cefalu' Cerda Chiusa Sclafani Ciminna Cinisi Collesano Contessa Entellina Corleone Ficarazzi Gangi Geraci Siculo Giardinello Giuliana Godrano Gratteri Isnello Isola Delle Femmine Lascari Lercara Friddi Marineo Mezzojuso Misilmeri Monreale Montelepre Montemaggiore B. Palazzo Adriano Palermo Partinico Petralia Soprana Petralia Sottana Piana Degli Albanesi Polizzi Generosa Pollina Prizzi Roccamena Roccapalumba

P.R.G. P.U.C. N.3 P.R.G. P.di F. P.R.G. P.di F. P.R.G. P.di F. P. di.F. P.R.G. P.R.G P.R.G P.R.G. P.R.G. P.R.G. P.R.G. P.di F. P.R.G. P.di F. P.di F. P.di F. P.di F. P.di F. P.R.G. P.R.G. P.U.C.9 P.U.C.3 P.U.C.6 P.di F. P.di F. P.R.G. P.R.G. P.di F. P.R.G. P.R.G. P.R.G. P.di F. P.R.G. P.U.C.3 P.R.G. P.R.G. P.R.G. P.R.G. P.di F. P. di.F. P. di.F. P.R.G. P.R.G. P.R.G. P.di F. P.R.G.

D.A. 166 DEL19.4.98 D.P.R.S. 66 DEL 16.04.75 D.A. 128 DEL 2O.04.84 D.A. 258 DEL 27.10.70 D.A. 145 DEL 15.4.99 D.A. 111 DEL 24.04.76 D.Dir. 100 del 27/2/02 D.A. 304 DEL 10.12.69 D.A. 72 DEL 15.05.75 D.A. 248 DEL 07.06.83 P. P. APPROVATO CON DEL. COMM. STR. n.50 del 29/2/2000 D.Dir.807/DRU DEL 14/10/02 D.Dir. 292/DRU DEL 07/03/03 D.A. 307 DEL 10.8.99 D.A. 531 del 23/12/99 D.A. 272 del 29/3/995 D.A. 199 DEL 18.12.74 D.A. 84 DEL 10.05.79 D.A. 255 DEL 16.4.93 D.A. 238 DEL 21.09.70 D.A. 96 DEL 17.03.78 D.A. 149 DEL 18.09.78 D.A. 99 DEL 29.05.69 D.A. 63 DEL 06.03.81 D.Dir. 158 del 10/4/02 D.A. 206 DEL 05.05.97 D.P.R.S. 164 DEL 5.4.79 D.P.R.S. 66 DEL 16.04.75 D.P.R.S. n.7/A DEL 13.01.73 D.A. 287 DEL 29.11.69 D.A. 357 DEL 27.12.77 D.A. 255 DEL 11.11.76 D.A.121 DEL 24.03.83 D.A. 68 DEL 13.04.79 D.A. 767 del 09.11.95 D.A. 840 DEL 03.07.89 D.A. 214 DEL 06.05.86 D.A. 254 DEL 10.10.80 D.A. 213 DEL 09.08.80 D.P.R.S. 66 DEL 16.04.75 D.A. 394 DEL 07.10.85 D.Dir. 851 del 23/10/02 D.Dir. 124 del 13/3/02 558 del 29/7/02 D.A. 414 del 16/11/00 D.A. 158 DEL 11.10.79 D.A. 267 DEL 07.11.77 D.A. 110 DEL 24.04.76 D.A. 304 DEL 5/8/99 D.A. 65 DEL 20.02.96 D.A. 60 DEL 07.03.80 D.Dir.516 del 19/7/02 D.A. 33 DEL 26.02.79 D.Dir.434 del 26/6/02

P.R.G. vigente schema di massima approvato con atti c.c. n. 83 del 11/11/98 e n.62 del 13/5/99 schema di massima approvato con atto comm. ad acta n.86 del 24/11/98 schema di massima approvato con atto comm. ad acta n.1 del 12/04//95 P.R.G. vigente restituito per rielaborazione totale il 19/09/97 P.R.G. vigente P.R.G. restituito per integrazioni adottato con atto comm ad acta n.3 del 25/07/97 schema di massima approvato con atto C.C.. n. 172 del 15//07/97 P.R.G. vigente P.R.G. vigente P.R.G. vigente P.R.G. vigente P.R.G. vigente adempimenti propedeutici schema di massima approvato con atto comm.ad acta n.190 del 24/04/93 P.R.G. vigente schema di massima approvato dal C.C. nella seduta del 28/10/97 restituito per rielaborazione totale il 06/11/96 adempimenti propedeutici adempimenti propedeutici P.R.G. esitato dal c.r.u. con voto 94 del 06/02/2003 P.R.G. vigente P.R.G. vigente adottato con atto comm. ad acta n.1 del 13/02/98 P.R.G. restituito per rielaborazione totale il 13/9/00 Schema di massima approvato adottato con atto del c.c. n.26 del 09/04/98 P.R.G. trasmesso allarta adempimenti propedeutici restituito per rielaborazione totale il 06/10/99 restituito al comune per rielaborazione parziale P.R.G. vigente adempimenti propedeutici adempimenti propedeutici schema di massima approvato con atto comm.ad acat n. 44 del 17/01/94 schema di massima approvato con atto comm. ad acta n.1 del 21/04/98 voto cru e parere trasmessi alla cooperazione per il concerto atti propedeutici P.R.G. vigente

D.Dir.

P.R.G. vigente P.R.G. vigente atti propedeutici schema di massima approvato con atto commissariale n. 1 del 17//05/00 rielaborazione parziale trasmessa vigente per decorrenza termini dal 17/9/2000 P.R.G. vigente schema di massima approvato con atto comm. ad acta n. 51 del17/2/2000 P.R.G. vigente schema di massima approvato con atto comm. straord. N. 26 del 25/07/97 P.R.G. vigente

40

Premessa

San Cipirello San Giuseppe Jato San Mauro Castelverde Santa Cristina Gela Santa Flavia Sciara Scillato Sclafani Bagni Termini Imerese Terrasini Torretta Trabia Trappeto Ustica Valledolmo Ventimiglia Di S. Vicari Villabate Villafrati Soggetti Provincia regionale di Palermo Delibera G.P. n. 0137/24 del 14.02.95 : affidamento allufficio di piano 2.2

P.di F. P.R.G. P.U.C.9 P.di F. P.R.G. P.R.G. P.di F. P.di F. P.R.G. P.R.G. P.di F. P.R.G. P.U.C.3 P.R.G. P.R.G. P.di F. P.R.G. P.R.G. P.di F.

D.A. 293 DEL 04.11.80 D.A. 306 del 10.8.99 D.P.R.S. 164 DEL 5.4.79 D.A. 58 DEL 06.03.80 P.R.G. RESO ESECUTIVO DAL T.A.R. CON SENTENZA n 1090 DEL 25/05/2000 D.Dir. 106 del 05/3/02 D.A. 144 DEL 28.04.71 D.A. 81 DEL 08.05.79 D.A. 76 del 23/2/2001 D.A. 211del 26/5/1999 D.A. 4 DEL 07.01.72 D.A. 43 DEL 24.03.77 D.P.R.S. 66 DEL 16.04.75 D.A. 94 DEL 13.02.90 D.A. 506 DEL 20.12.84 D.A. 255 DEL 10.12.71 D.A. 594 DEL 29.05.89 D.A. 772 del 10/11/95 D.A. 288 DEL 29.11.69 2.1.2 Livello sovracomunale Strumento

schema di massima approvato con atto comm. reg.le n. 11 del 28/02/97 P.R.G. vigente P.R.G. adottato con atto del comm. ad acta n.1 del 25/2/99 P.R.G. restituito al comune per integrazioni il 29/3/2001 schema di massima approvato con atto C.C. n. 112 del 17/11/98 P.R.G. vigente parere ente parco acquisito 24/9/97 restituito dall'uff. del genio civile al comune per integrazioni P.R.G. vigente P.R.G. vigente schema di massima approvato con atto comm. ad acta n. 76 del 6/9/96 schema di massima approvato con delibera n.85/94 P.R.G. trasmesso il 20/02/03 allu.o. 6.1 P.R.G. adottato con delibera di C.C. n.4 del 06/02/2003 P.R.G. adottato con delibera del C.C. n.16 del 25/2/2000 p.r.g.trasmeso alllu.o. 6.1 atti propedeutici P.R.G. vigente schema di massima approvato con atto comm. ad acta n. 1 del 12/07/99 Riferimenti Legislativi

Direttive generali adottate con delibera C.P. n. 004/3/C del 12.01.98 Legge 9/86

Programmazione negoziata Programma Ente/Uff. di provenienza Alto Belice corleone Spa Piana degli Albanesi Comune di Alcamo So.Svi.Ma. Spa Castellana Sicula Patto di Palermo Spa Provincia di Trapani / Alto Belice corleone Spa Piana degli Albanesi So.Svi.Ma. Spa Castellana Sicula Patto di Palermo Spa Alto Belice corleone Spa Piana degli Albanesi Comune di Cefal Ufficio PIT 31 Madonie Ufficio del PRUSST Palermo Dip. Programmazione Reg. Sic. Dip. Programmazione Reg. Sic. Dip. Programmazione Reg. Sic. Dip. Programmazione Reg. Sic. Dip. Programmazione Reg. Sic. N. Iniziative 201 40/84 42 12 41 28 150 51 28 119 187 105 32 39 17 51 42 Riferimenti Legislativi Regolamento Cee 2081/93 - Legge Quadro comunitario di sostegno approvato con decisione C(94)1835 del 29 Luglio 1994 - art. 8 della Legge 341/1995. L. 662/96 Delibera Cipe 21 Marzo 1997 L. 662/96 Delibera Cipe 21 Marzo 1997 L. 662/96 Delibera Cipe 21 Marzo 1997 L. 662/96 Delibera Cipe 21 Marzo 1997 L. 662/96 Delibera Cipe 21 Marzo 1997 L. 662/96 - Delibera CIPE del 11 novembre 1998 L. 662/96 - Delibera CIPE del 11 novembre 1998 L. 662/96 - Delibera CIPE del 11 novembre 1998 Decreto del Ministero LL.PP o ottobre 1998, n. 1169 e successive modifiche D.M. 28 maggio 1999 Decreto del Ministero LL.PP o ottobre 1998, n. 1169 e successive modifiche D.M. 28 maggio 1999 Decreto del Ministero LL.PP o ottobre 1998, n. 1169 e successive modifiche D.M. 28 maggio 1999 Completam. di programmaz. POR Sicilia 2000-2006 Completam. di programmaz. POR Sicilia 2000-2006 Completam. di programmaz. POR Sicilia 2000-2006 Completam. di programmaz. POR Sicilia 2000-2006 Completam. di programmaz. POR Sicilia 2000-2006
CE n. 94/C/180/12, GUCE n. 180 del 1 luglio 1994; GURS n. 49 del 8 ottobre 1994 le "linee guida" regionali per l'applicazione del LEADER II in Sicilia

Patto territoriale per lOccupazione Alto Belice corleonese Patto territoriale Golfo di Castellammare Patto territoriale delle Madonie Patto territoriale di Palermo Patto territoriale Pantelleria e Isole del Mediterraneo Patto territoriale Valle del Torto Patto agricolo Alto Belice corleonese Patto agricolo delle Madonie Patto agricolo di Palermo PRUSST Alto Belice corleonese PRUSST di Cefal PRUSST Palermo PIT 7 PIT 8 PIT 17 PIT 19 PIT 23 Gal ISC Madonie

41

Premessa

Gal Monreale

CE n. 94/C/180/12, GUCE n. 180 del 1 luglio 1994; GURS n. 49 del 8 ottobre 1994 le "linee guida" regionali per l'applicazione del LEADER II in Sicilia CE n. 94/C/180/12, GUCE n. 180 del 1 luglio 1994; GURS n. 49 del 8 ottobre 1994 le "linee guida" regionali per l'applicazione del LEADER II in Sicilia

Gal terre del Sosio

Programma Programma di valorizzazione turistico-ambientale delle aree interne delle Madonie PII Quartiere San Filippo Neri PRU Quartiere Sperone e Borgo Nuovo Contratto di quartiere Bandita URBAN Centro storico Palermo

2.2.1 Programmi complessi Ente/Uff. di provenienza Ministero LL.PP. - Dicoter

Riferimenti Legislativi Misura 2.1 Sottoprogramma 2 nellambito del P.O."Assistenza tecnica" QCS 1994 Legge 17 febbraio 1992, n. 179, art. 16* Legge 4 dicembre 1993, n. 493 Legge 23 dicembre 1996, n. 662, art.2, comma 63, lett. b) Programmazione 1994-1999 (Com. 94/cURBAN I)

Comune di Palermo Comune di Palermo Comune di Palermo Ministero LL.PP. - Dicoter

42

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

Dimensionamento demografico

43

Premessa

Lestensione complessiva della superficie territoriale dellambito provinciale, impegnato da 22 Comuni, ammonta a 497.698 ettari con una popolazione legale residente al 2001 di 1.235.923 abitanti e una densit abitativa di 248 ab/Kmq. Sia la popolazione che la densit abitativa registrano - al 2001 i valori, relativi e assoluti pi bassi dellultimo cinquantennio, a partire dal primo censimento del dopoguerra (1951). Tuttavia, anche nellultimo decennio, sia pure con una distribuzione diversificata, il decremento in termini assoluti per la popolazione e per la densit si attesta sul valore negativo di - 1,8% . Ma poich una lettura disaggregata per ogni singolo Comune registra, insieme con i valori pi bassi dellintera Regione, anche valori leggermente positivi, non tutti determinati da incremento di natalit n tutti attribuibili a migrazioni interne, pi giustificabile parlare di valori di assestamento e relativa stabilizzazione, piuttosto che di decremento. Daltra parte, se si volesse procedere in unanalisi disaggregata e strutturale si scoprirebbe che la popolazione, anche nei Comuni a tasso dei crescita positivo, si attestata tuttavia su soglie di anzianit decisamente elevata a discapito di classi di et di popolazione attiva, anche se essendo diminuito il numero dei componenti il nucleo familiare si assiste negli ultimi anni ad un fenomeno di proliferazione di nuclei monobifamiliari giovanili. Daltra parte, un diffuso miglioramento delle condizioni di mobilit (anche pendolare), scambio e comunicazione verso i centri maggiori , e in particolare con il sistema metropolitano costiero di Palermo, ha accentuato il desiderio di innalzamento dei livelli di qualit abitativa e produttiva. E questo fenomeno ha cominciato a manifestarsi con effetti di feed-back (o centrifughi), ancora poco avvertibili nei dati meramente statici e demografici, ma certamente destinati ad accentuarsi nel prossimo decennio in cui pu prevedersi addirittura una inversione di struttura. Le condizioni perch questo avvenga cominciano a manifestarsi, ma sono legate e interrelate a questioni solvibili di mercato: mercato delloccupazione soprattutto; mercato degli investimenti produttivi quindi, in regime di economie mobili in cui il tourn over dei capitali investiti sia assicurato da ritmi sempre pi accelerati rispetto ad un passato (anche recente) caratterizzato da investimenti in beni fissi (case e terreni agricoli) provenienti per lo pi dalle poche economie di risparmio e/o da modesto accumulo generazionale. Il trapasso, quindi, da un mercato pressoch statico di economie fisse ad un mercato di economie mobili a rapido tourn over di capitali segner il cambiamento gi avvertibile di questo territorio verso soglie di sviluppo compatibile ed equilibrato, soprattutto nei confronti di un passato tradizionalmente immobile e statico, anche perch diffidente dei cambiamenti. Ma i cambiamenti, soprattutto esogeni, sono indotti da un sistema di relazioni con il contesto territoriale esterno, in particolare con lo spazio e urbano e metropolitano di Palermo che risente, a sua volta, dei cambiamenti di altri contesti di area vasta plurimi e diversificati, non pi sorretti soltanto dallo spazio geografico o fisiografico circostante (o banalmente geonomico). Le relazioni di contesto, quindi, devono sorreggere il cambiamento, definendo un approccio per sistemi con cui interpretare e rappresentare anche il livello della pianificazione, alla stregua di proiezione territoriale di un modello di programmazione dello sviluppo che componga un suo quadro strategico.

44

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 001 D e nom in a z ione Com u ne ALI A Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 45,67- 4567

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 8331 7167 5251 5373 4402 4184 2894 2068 Va r ia zione % - 16.24 - 36.49 2.27 - 22.06 - 5.21 - 44.58 - 39.94 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 182.42 156.93 114.98 117.65 96.39 91.61 63.36 45.28

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

9000 8000 7000 Popolazione 6000 5000 4000 3000 2000 1000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 5251 5373 4402 4184 2894 2068 8331 7167

Note:

45

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne I STAT 002 D e nom in a z ione Com u ne Com un e ALI M EN A Codice I st a t Pr ovin cia I STAT 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a Km q- H a 59,39- 5939

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 5481 5059 3648 3624 3049 2494 1794 1194 Va r ia zione % - 8.34 - 38.68 - 0.66 - 18.86 - 22.25 - 39.05 - 50.23 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 92.29 85.18 61.42 61.02 51.34 41.99 30.20 20.10

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

6000 5481 5000 Popolazione 4000 3000 2000 1000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censimenti 5059

3648

3624 3049 2494 1794 1194

Note:

46

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 003 D e nom in a z ione Com u ne ALI M I N USA Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 13,71- 1371

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 1679 1581 1518 1460 1405 1363 1284 1223 Va r ia zione % - 6.20 - 4.15 - 3.97 - 3.91 - 3.08 - 6.12 - 5.06 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 122.47 115.32 110.72 106.49 102.48 99.42 93.68 89.17

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

1800 1600 1400 Popolazione 1200 1000 800 600 400 200 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 1679 1581 1518 1460 1405

1363

1284

1223

Note:

47

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 004 D e nom in a z ione Com u ne ALTAVI LLA M I LI CI A Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 23,79- 2379

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 4391 4632 3953 4268 4789 5292 5083 5234 Va r ia zione % 5.20 - 17.18 7.38 10.88 9.50 - 4.11 2.89 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 184.57 194.70 166.16 179.40 201.30 222.45 213.67 220.03

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

6000 5000 4391 Popolazione 4000 3000 2000 1000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censimenti 5292 4632 3953 4789 4268 5083 5234

Note:

48

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 005 D e nom in a z ione Com u ne ALTOFON TE Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 35,27- 3527

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 5363 5681 6044 6929 8276 9193 9696 10491 Va r ia zione % 5.60 6.01 12.77 16.28 9.97 5.19 7.58 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 152.06 161.07 171.36 196.46 234.65 260.65 274.92 297.45

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

12000 10000 9193 Popolazione 8000 6929 6000 4000 2000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 5363 5681 6044 8276 10491 9696

Note:

49

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale (L.R. 9/1986)

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 006 D e nom in a z ione Com u ne BAGH ERI A Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 29,68- 2968

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 31161 34201 35482 39867 47085 50854 53925 57968 Va r ia zione % 8.89 3.61 11.00 15.33 7.41 5.70 6.97 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 1049.90 1152.32 1195.49 1343.23 1586.42 1713.41 1816.89 1953.10

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

70000 60000 Popolazione 50000 40000 30000 20000 10000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 31161 34201 35482 39867 47085 50854 53925 57968

Note:

50

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 007 D e n om in a z ion e Com u n e BALESTRATE Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovin cia Su pe r ficie t e r r it . Km q- H a 3,84- 384

PALERMO

Ta be lla de ll'a n da m e n t o de m ogr a fico e de lla de n sit Ann o Popola z ion e Va r ia z ione D e n sit t e r r it . Ce nsim e nt i r e side n t e % Ab/ Km q 8088 2106.25 Anno base 1951* - 45.83 1444.27 5546 di 1961 - 16.68 1237.76 4753 riferimento 1971 1.59 1257.81 4830 1981 1471.61 14.53 5651 1991 1482.55 0.74 5693 Attualit 2001 1198.40 4602 - 23.71 Previsione 2011 1112.22 4271 - 7.75 o trend 2021 Nota: Variazione superficie territoriale registrata nel censimento del 1961 per distacco del Comune di Trappeto di Ha 418 * Prima del distacco del Comune di Trappeto D ia gr a m m a de ll' a nda m e n t o de m ogr a fico

9000 8000 7000 Popolazione 6000 5000 4000 3000 2000 1000 0 1951* 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censimenti 5546 4753 4830 5651 5693 4602 4271 8088

Note:

51

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 008 D e nom in a z ione Com un e BAUCI N A Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 24,34- 2434

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 3446 2833 2303 2175 2105 2031 1543 1275 Va r ia zione % - 21.64 - 23.01 - 5.89 - 3.33 - 3.64 - 31.59 - 21.03 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 62.03 94.62 89.36 86.48 83.44 63.41 52.39 Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

4000 3500 3000 3446 2833 2303 2175 2105 2031 1543 1275

Popolazione

2500 2000 1500 1000 500 0 1951 1961

1971

1981

1991

2001

2011

2021

Anno censiment i

Note:

52

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 009 D e nom in a z ione Com un e BELM ON TE M EZZAGN O Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 29,20- 2920

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Anno Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 5899 6522 7431 8224 9601 10322 11214 12133 Va r ia zione % 9.55 12.23 9.64 14.34 6.99 7.96 7.57 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 202.02 223.36 254.49 281.64 328.80 353.49 384.05 415.51

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

Grafico dell'andament o demografico 14000 12000 10322 11214 12133

Popolazione

10000 8000 6000 4000 2000 0 1951 1961 1971 1981 5899 6522 7431 8224

9601

1991

2001

2011

2021

Anno censimenti

Note:

53

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 010 D e nom in a z ione Com un e BI SACQUI N O Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 64,74- 6474

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione re side nt e 8486 7318 6773 5543 5484 5205 4154 3493 Va r ia zione % - 15.96 - 8.05 - 22.19 - 1.08 - 5.36 - 25.29 - 18.92 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 131.08 113.04 104.62 85.62 84.71 80.40 64.17 53.96

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

9000 8000 7000

8486 7318 6773 5543 5484 5205 4154 3493

Popolazione

6000 5000 4000 3000 2000 1000 0 1951 1961 1971

1981

1991

2001

2011

2021

Anno censiment i

Note:

54

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 082 D e nom in a z ione Com un e BLUFI Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 20,56- 2056

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 2215 2047 1662 1587 1391 1208 1016 827 Va r ia zione % - 8.21 - 23.16 - 4.73 - 14.09 - 15.15 - 18.86 - 22.92 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 107.73 99.56 80.84 77.19 67.66 58.75 49.43 40.22

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

2500 2215 2000 2047 1662 1500 1000 500 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censimenti 1587 1391 1208 1016 827

Note:

Popolazione

55

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 011 D e nom in a z ione Com un e BOLOGN ETTA Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 27,58- 2758

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Anno Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 2722 2621 2347 2500 3112 3472 3333 3487 Va r ia zione % - 3.85 - 11.67 6.12 19.67 10.37 - 4.16 4.41 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 98.69 95.03 85.10 90.65 112.84 125.89 120.86 126.43

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

4000 3500 3000 Popolazione 2500 2000 1500 1000 500 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 2722 2621 2347 2500 3112 3472 3333 3487

Note:

56

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 012 D e nom in a z ione Com u ne BOM PI ETRO Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 42,40- 4240

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zion e r e side n t e 3841 3476 2810 2316 2055 1754 1189 755 Va r ia zione % - 10.50 - 23.70 - 21.33 - 12.70 - 17.16 - 47.46 - 57.46 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 90.59 81.98 66.27 54.62 48.47 41.37 28.05 17.82

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

4500 4000 3500 Popolazione 3000 2500 2000 1500 1000 500 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censimenti 3841 3476 2810 2316 2055 1754 1189 755

Note:

57

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 013 D e nom in a z ione Com u ne BORGETTO Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 25,95- 2595

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 6927 6608 5865 5697 5873 6242 5622 5457 Va r ia zione % - 4.83 - 12.67 - 2.95 3.00 5.91 - 11.02 - 3.04 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 266.94 254.64 226.01 219.54 226.32 240.54 216.66 210.271

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

8000 7000 6000 Popolazione 5000 4000 3000 2000 1000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 6927 6608 5865 5697 5873 6242 5622 5457

Note:

58

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 014 D e nom in a z ione Com u ne CACCAM O Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 187,80- 18780

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 10166 9748 8694 8200 8636 8524 7791 7447 Va r ia zione % - 4.29 - 12.12 - 6.02 5.05 - 1.31 - 9.41 - 4.62 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 54.13 51.91 46.29 43.66 45.99 45.39 41.48 39.65

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

12000 10000 Popolazione 8000 6000 4000 2000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censimenti 10166 9748 8694 8200 8636 8524 7791 7447

Note:

59

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 015 D e nom in a z ione Com u ne CALTAVUTURO Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 97,22- 9722

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 7231 6537 5935 5397 4943 4570 3906 3374 Va r ia zione % - 10.62 - 10.14 - 9.97 - 9.18 - 8.16 - 16.99 - 15.77 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 74.38 67.24 61.05 55.51 50.84 47.01 40.18 34.71

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

8000 7000 6000 Popolazione 5000 4000 3000 2000 1000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 7231 6537 5935 5397 4943 4570 3906 3374

Note:

60

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 016 D e nom in a z ione Com u ne CAM POFELI CE D I FI TALI A Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 35,29- 3529

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Anno Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 1550 1339 932 751 638 609 271 71 Va r ia zione % - 15.76 - 43.67 - 24.10 - 17.71 - 4.76 - 124.78 - 280.27 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 43.92 37.94 26.41 21.28 18.08 17.26 7.68 2.02

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

1800 1600 1400 Popolazione 1200 1000 800 600 400 200 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 Anno censimenti 271 71 2021 932 751 638 609 1550 1339

Note:

61

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 017 D e nom in a z ione Com u ne CAM POFELI CE D I ROCCELLA Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 14,76- 1476

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Anno Ce nsim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola z ione r e side n t e 3726 3697 4112 5044 5328 5748 6203 6658 Va r ia z ion e % - 0.78 10.09 18.48 5.33 7.31 7.33 6.84 D e nsit t e r r it . Ab/ Km q 252.44 250.47 278.59 341.73 360.98 389.43 420.23 451.08

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

7000 6000 Popolazione 5000 4000 3000 2000 1000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 3726 3697 4112 5044 5328 6203 5748

6658

2021

Anno censimenti

Note:

62

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 018 D e nom in a z ione Com u ne CAM POFI ORI TO Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 21,35- 2135

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Anno Ce nsim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola z ione r e side n t e 2225 1776 1515 1745 1564 1401 1252 1122 Va r ia z ion e % - 25.28 - 17.23 13.18 - 11.57 - 11.63 - 11.92 - 11.52 D e nsit t e r r it . Ab/ Km q 104.22 83.19 70.96 81.73 73.26 65.62 58.63 52.57

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

2500 2225 2000 Popolazione 1776 1500 1000 500 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 1515 1745 1564 1401 1252 1122

Note:

63

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 019 D e nom in a z ione Com u ne CAM POREALE Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 38,61- 3861

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 6093 5266 5121 4371 3716 3219 2654 Va r ia zione % 100.00 - 15.70 - 2.83 - 17.16 - 17.63 - 15.45 - 21.29 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 157.81 136.39 132.63 113.21 96.24 83.36 68.73 Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

7000 6000 Popolazione 5000 4000 3000 2000 1000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 6093 5266 5121 4371 3716 3219 2654

Note:

64

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 020 D e nom in a z ione Com u ne CAPACI Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 6,12- 612

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 4570 4467 5469 7900 10632 10129 12067 13459 Va r ia zione % - 2.31 18.32 30.77 25.70 - 4.97 16.06 10.34 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 746.73 729.90 893.63 1290.85 1737.25 1655.07 1971.67 2199.12

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

16000 14000 12000 Popolazione 10000 8000 6000 4000 2000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 4570 4467 5469 7900 10632 10129 12067 13459

Note:

65

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 021 D e nom in a z ione Com u ne CARI N I Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 76,86- 7686

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Anno Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 16307 16723 15572 16256 21076 25730 24696 26435 Va r ia zione % 2.49 - 7.39 4.21 22.87 18.09 - 4.18 6.58 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 212.16 217.58 202.60 211.50 274.21 334.76 321.32 343.94

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

Grafico dell'andament o demografico 30000 25000 Popolazione 20000 15000 10000 5000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 16307 16723 15572 16256 21076 25730 24696 26435

Note:

66

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 022 D e nom in a z ione Com u ne CASTELBUON O Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 60,51- 6051

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione re side nt e 11679 11368 10542 10114 10058 9648 9117 8702 Va r ia zione % - 2.74 - 7.84 - 4.23 - 0.56 - 4.25 - 5.83 - 4.76 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 193.01 187.87 174.22 167.15 166.22 159.44 150.67 143.81

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

14000 12000 Popolazione 10000 8000 6000 4000 2000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 11679 11368

10542

10114

10058

9648

9117

8702

Note:

67

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 023 D e nom in a z ione Com u ne CASTELD ACCI A Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 33,98- 3398

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 6107 6439 6580 7415 8098 9022 9316 9898 Va r ia zione % 5.16 2.14 11.26 8.43 10.24 3.15 5.88 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 179.72 189.49 193.64 218.22 238.32 265.51 274.15 291.29

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

12000 10000 9022 Popolazione 8000 6000 4000 2000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censimenti 6107 6439 6580 7415 8098 9316 9898

Note:

68

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 024 D e nom in a z ione Com u ne CASTELLAN A SI CULA Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 96,04- 9604

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 5031 5004 4099 4114 4164 3833 3525 3282 Va r ia zione % - 0.54 - 22.08 0.36 1.20 - 8.64 - 8.75 - 7.40 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 52.38 52.10 42.68 42.84 43.36 39.91 36.70 34.17

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

6000 5000 Popolazione 4000 3000 2000 1000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 5031 5004 4099 4114 4164 3833

3525

3282

Note:

69

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 025 D e nom in a z ione Com u ne CASTRON OVO D I SI CI LI A Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 199,92- 19992

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 5986 5245 3895 3651 3604 3419 2500 1985 Va r ia zione % - 14.13 - 34.66 - 6.68 - 1.30 - 5.41 - 36.77 - 25.91 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 29.94 26.24 19.48 18.26 18.03 17.10 12.50 9.93

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

7000 6000 Popolazione 5000 4000 3000 2000 1000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 5986 5245 3895 3651

3604

3419 2500 1985

Note:

70

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 026 D e nom in a z ione Com u ne CEFALA' D I AN A Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 9,02- 902

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 1191 1063 863 899 1031 992 901 871 Va r ia zione % - 12.04 - 23.17 4.00 12.80 - 3.93 - 10.10 - 3.46 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 132.04 117.85 95.68 99.67 114.30 109.98 99.89 96.55

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

1400 1200 Popolazione 1000 800 600 400 200 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 1191 1063 863 899 1031 992 901 871

Note:

71

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 027 D e nom in a z ione Com u ne Ce fa l Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia PALERMO Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 65.80 - 6580

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 11863 12207 12270 13073 13882 13789 14393 14835 Va r ia zione % 2.82 0.51 6.14 5.83 - 0.67 4.20 2.98 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 180.29 185.52 186.47 198.68 210.97 209.56 218.74 225.45

di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

16000 14000 12000 11863 12207 12270 13073 13882 13789 14393 14835

popola zion e

10000 8000 6000 4000 2000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 a n no ce n sim e nt i

Note:

72

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 028 D e nom in a z ione Com u ne CERD A Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 43,82- 4382

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 5886 5706 5235 5174 5431 5377 5125 5027 Va r ia zione % - 3.15 - 9.00 - 1.18 4.73 - 1.00 - 4.92 - 1.95 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 134.32 130.21 119.47 118.07 123.94 122.71 116.96 114.72

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

6000 5800 5600 Popolazione 5400 5200 5000 4800 4600 4400 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 5235 5174 5431 5377 5125 5027 5886 5706

Note:

73

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 029 D e nom in a z ione Com u ne CH I USA SCLAFAN I Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 57,40- 5740

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 6193 5476 4125 3613 3377 3302 2221 1614 Va r ia zione % - 13.09 - 32.75 - 14.17 - 6.99 - 2.27 - 48.65 - 37.65 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 107.89 95.40 71.86 62.94 58.83 57.53 38.70 28.11

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

7000 6000 Popolazione 5000 4000 3000 2000 1000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 4125 3613 3377 3302 2221 1614 6193 5476

Note:

74

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO


Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 030 D e nom in a z ione Com u ne CI M I N N A Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 56,34- 5634

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 6335 5271 4080 3904 4251 3986 3140 2712 Va r ia zione % - 20.19 - 29.19 - 4.51 8.16 - 6.65 - 26.95 - 15.78 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 112.44 93.56 72.42 69.29 75.45 70.75 55.73 48.13

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

7000 6000 Popolazione 5000 4000 3000 2000 1000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 6335 5271 4080 3904 4251 3986 3140 2712

Note:

75

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 031 D e nom in a z ione Com u ne CI N I SI Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 33,16- 3316

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola z ione r e side n t e 7641 7639 7106 7731 8994 10253 10002 10509 Va r ia z ione % - 0.03 - 7.50 8.08 14.04 12.28 - 2.51 4.83 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 230.43 230.37 214.29 233.14 271.23 309.20 301.64 316.93

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

12000 10000 8994 Popolazione 8000 6000 4000 2000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censimenti 7641 7639 7106 7731 10253 10002 10509

Note:

76

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 032 D e nom in a z ione Com u ne COLLESAN O Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 107,29- 10729

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Popola z ione r e side n t e 7357 6031 5098 4566 4589 4253 3278 2696 Va r ia z ione % - 21.99 - 18.30 - 11.65 0.50 - 7.90 - 29.75 - 21.60 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 68.57 56.21 47.52 42.56 42.77 39.64 30.55 25.12

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

Nota: Variazione superficie territoriale avvenuta con il censimento ISTAT 1961 con il distacco del territorio attribuito a Scillato di Kmq 32,00 - Ha 3.200 D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

8000 7000 6000 Popolazione 5000 4000 3000 2000 1000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censimenti 7357 6031 5098 4566 4589 4253 3278 2696

Note:

77

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 033 D e nom in a z ione Com u ne CON TESSA EN TELLI N A Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 136,37- 13637

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 2894 2669 2207 2044 2052 1985 1653 1465 Va r ia zione % - 8.43 - 20.93 - 7.97 0.39 - 3.38 - 20.11 - 12.7901 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 21.22 19.57 16.18 14.99 15.05 14.56 12.12 10.74

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

3500 3000 Popolazione 2500 2000 1500 1000 500 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 2894 2669 2207 2044 2052 1985 1653 1465

Note:

78

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO


Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 034 D e nom in a z ione Com u ne CORLEON E Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 229,12- 22912

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 16478 14682 11235 10972 11261 11393 9075 8048 Va r ia zione % - 12.23 - 30.68 - 2.40 2.57 1.16 - 25.54 - 12.76 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 71.92 64.08 49.04 47.89 49.15 49.73 39.61 35.13

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

18000 16000 14000 Popolazione 12000 10000 8000 6000 4000 2000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censimenti 16478 14682 11235 10972 11261 11393 9075 8048

Note:

79

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 035 D e nom in a z ione Com u ne FI CARAZZI Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 3,56- 356

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 5134 5374 5446 6481 8005 9418 9678 10545 Va r ia z ion e % 4.47 1.32 15.97 19.04 15.00 2.68 8.22 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 1442.13 1509.55 1529.78 1820.51 2248.60 2645.51 2718.48 2962.05

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

12000 10000 Popolazione 8000 6000 5134 4000 2000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censimenti 6481 5374 5446 8005 10545 9418 9678

Note:

80

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 036 D e nom in a z ione Com u ne GAN GI Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 127,16- 12716

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 11015 11051 10072 8451 8176 7614 6671 5893 Va r ia zione % 0.33 - 9.72 - 19.18 - 3.36 - 7.38 - 14.13 - 13.21 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 86.62 86.91 79.21 66.46 64.30 59.88 52.46 46.34

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

12000 11015 10000 Popolazione 8000 6000 4000 2000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 11051 10072 8451 8176 7614 6671 5893

Note:

81

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 037 D e nom in a z ione Com u ne GERACI SI CULO Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 112,97- 11297

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 3784 3629 2919 2542 2282 2105 1596 1229 Va r ia z ion e % - 4.27 - 24.32 - 14.83 - 11.39 - 8.41 - 31.93 - 29.78 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 33.50 32.12 25.84 22.50 20.20 18.63 14.12 10.88

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

4000 3500 3000 Popolazione 2500 2000 1500 1000 500 0

3784

3629 2919 2542 2282 2105 1596 1229

1951

1961

1971

1981

1991

2001

2011

2021

Anno censimenti

Note:

82

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 038 D e nom in a z ione Com u ne GI ARD I N ELLO Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 12,49- 1249

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 1373 1284 1344 1371 1681 1900 1877 1988 Va r ia zione % - 6.931 4.464 1.969 18.441 11.526 - 1.200 5.539 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 109.928 102.802 107.606 109.768 134.588 152.122 150.318 159.131

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

2500 2000 Popolazione 1681 1500 1000 500 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 1373 1284 1344 1371 1988

1900

1877

Note:

83

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 039 D e nom in a z ione Com u ne GI ULI AN A Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 24,12- 2412

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 3333 3148 2619 2470 2478 2305 1996 1787 Va r ia z ion e % - 5.88 - 20.20 - 6.03 0.32 - 7.51 - 15.50 - 11.67 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 138.18 130.51 108.58 102.40 102.74 95.56 82.74 74.09

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

3500 3000 Popolazione 2500 2000 1500 1000 500 0

3333

3148 2619 2470 2478

2305 1996 1787

1951

1961

1971

1981

1991

2001

2011

2021

Anno censiment i

Note:

84

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t 040 D e nom in a z ione GOD RAN O Codice I st a t 82 Pr ovincia PALERMO Supe r ficie t e r r it . 38,87- 3887

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola z ione r e side n t e 1288 1140 1071 1039 1142 1147 1065 1044 Va r ia z ione % - 12.98 - 6.44 - 3.08 9.02 0.44 - 7.73 - 2.00 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 33.14 29.33 27.55 26.73 29.38 29.51 27.39 26.85

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

1400 1288 1200 Popolazione 1000 800 600 400 200 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 1140 1071 1142 1039 1147 1065 1044

Note:

85

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 041 D e nom in a z ione Com u ne GRATTERI Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 38,46- 3846

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 2353 2114 1705 1338 1226 1079 696 427 Va r ia z ion e % - 11.31 - 23.99 - 27.43 - 9.14 - 13.62 - 55.09 - 62.88 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 61.18 54.97 44.33 34.79 31.88 28.06 18.09 11.11

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

2500 2000 Popolazione 1500

2353 2114 1705 1338 1226

1000 500 0 1951 1961 1971 1981 1991

1079 696 427

2001

2011

2021

Anno censiment i

Note:

86

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 042 D e nom in a z ione Com u ne I SN ELLO Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 50,18- 5018

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola z ione r e side n t e 3697 3508 2827 2453 2136 1923 1421 1040 Va r ia z ione % - 5.39 - 24.09 - 15.25 - 14.84 - 11.08 - 35.30 - 36.72 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 73.67 69.91 56.34 48.88 42.57 38.32 28.32 20.72

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

4000 3500 3000 Popolazione 2500 2000 1500 1000 500 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censimenti 3697 3508 2827 2453 2136 1923 1421 1040

Note:

87

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 043 D e nom in a z ione Com u ne I SOLA D ELLE FEM M I N E Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 3,54- 354

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola z ione r e side n t e 1770 2318 2568 3476 4697 6208 6530 7394 Va r ia z ione % 23.64 9.74 26.12 26.00 24.34 4.93 11.68 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 500.00 654.80 725.42 981.92 1326.84 1753.67 1844.54 2088.57

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

8000 7000 6000 Popolazione 5000 4000 3000 2000 1000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 2318 1770 3476 2568 4697 6208 7394 6530

Note:

88

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 044 D e nom in a z ione Com u ne LASCARI Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 10,39- 1039

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola z ione r e side n t e 2358 2467 2418 2617 3030 3132 3246 3411 Va r ia z ione % 4.42 - 2.03 7.60 13.63 3.26 3.52 4.82 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 226.95 237.44 232.72 251.88 291.63 301.44 312.43 328.26

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

4000 3500 3000 Popolazione 2500 2000 1500 1000 500 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censimenti 2358 2467 2418 2617 3030 3132 3246 3411

Note:

89

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 045 D e nom in a z ione Com u ne LERCARA FRI D D I Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia PALERMO Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 32,27- 3227

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola z ione r e side n t e 13512 11872 9536 9829 7602 7392 5645 4414 Va r ia z ione % - 13.81 - 24.50 2.98 - 29.29 - 2.84 - 30.94 - 27.91 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 418.72 367.90 295.51 304.59 235.57 229.07 174.94 136.77

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

16000 14000 12000 Popolazione 10000 8000 6000 4000 2000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 13512 11872 9536 9829 7602 7392 5645 4414

Note:

90

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 046 D e nom in a z ione Com u ne M ARI N EO Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 33,32- 3332

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola z ione r e side n t e 7291 7342 6577 6271 6654 6956 6444 6328 Va r ia z ione % 0.69 - 11.63 - 4.88 5.76 4.34 - 7.95 - 1.83 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 218.82 220.35 197.39 188.21 199.70 208.76 193.40 189.93

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

7600 7400 7200 Popolazione 7000 6800 6600 6400 6200 6000 5800 5600 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 6577 6271 6654 6444 6328 7291 7342 6956

Note:

91

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 047 D e nom in a z ione Com u ne M EZZOJUSO Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 84,72- 8472

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola z ione r e side n t e 6488 4565 3464 3103 3213 3058 1825 1209 Va r ia z ione % - 42.12 - 31.78 - 11.63 3.42 - 5.07 - 67.55 - 50.97 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 76.58 53.88 40.89 36.63 37.92 36.10 21.54 14.27

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

7000 6488 6000 Popolazione 5000 4000 3464 3000 2000 1000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censimenti 3103 3213 3058 1825 1209 4565

Note:

92

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 048 D e nom in a z ione Com u ne M I SI LM ERI Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 69,21- 6921

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola z ione r e side n t e 13143 14069 14900 15809 20072 23109 23725 25689 Va r ia z ione % 6.58 5.58 5.75 21.24 13.14 2.60 7.65 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 189.90 203.28 215.29 228.42 290.02 333.90 342.80 371.18

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

30000 25000 23109 Popolazione 20000 15000 10000 5000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censimenti 13143 14069 14900 15809 20072 25689 23725

Note:

93

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 049 D e nom in a z ione Com u ne M ON REALE Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 529,19- 52919

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola z ione r e side n t e 22526 23670 23720 24054 26256 31964 30893 32473 Va r ia z ione % 4.83 0.21 1.39 8.39 17.86 - 3.47 4.86 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 42.57 44.73 44.82 45.45 49.62 60.40 58.38 61.36

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

35000 30000 Popolazione 25000 22526 20000 15000 10000 5000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censimenti 23670 23720 24054 26256 31964 30893 32473

Note:

94

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 050 D e nom in a z ione Com u ne M ON TELEPRE Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 9,89- 989

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola z ione r e side n t e 5206 5072 5190 5107 5733 6168 6084 6275 Va r ia z ione % - 2.64 2.27 - 1.63 10.92 7.05 - 1.39 3.06 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 526.39 512.84 524.77 516.38 579.68 623.66 615.13 634.52

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

7000 6000 Popolazione 5000 4000 3000 2000 1000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 5206 5072 5190 5107 5733 6168 6084 6275

Note:

95

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 051 D e nom in a z ione Com u ne M ON TEM AGGI ORE BELSI TO Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 31,83- 3183

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola z ione r e side n t e 6219 5759 4756 4641 4312 3866 3303 2840 Va r ia z ione % - 7.99 - 21.09 - 2.48 - 7.63 - 11.54 - 17.03 - 16.32 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 195.38 180.93 149.42 145.81 135.47 121.46 103.78 89.22

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

7000 6000 Popolazione 5000 4000 3000 2000 1000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censimenti 6219 5759 4756 4641 4312 3866 3303 2840

Note:

96

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 052 D e nom in a z ione Com u ne PALAZZO AD RI AN O Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 129,25- 12925

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 4273 3769 3081 3019 2767 2530 2062 1725 Va r ia zione % - 13.37 - 22.33 - 2.05 - 9.11 - 9.37 - 22.72 - 19.52 D e n sit t e rr it . Ab/ Km q 33.06 29.16 23.84 23.36 21.41 19.57 15.95 13.35

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

4500 4000 3500 Popolazione 3000 2500 2000 1500 1000 500 0

4273 3769 3081 3019 2767

2530 2062 1725

1951

1961

1971

1981

1991

2001

2011

2021

Anno censimenti

Note:

97

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 053 D e nom in a z ione Com u ne PALERM O Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 158,88- 15888

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola z ione r e side n t e 455593 587985 642814 699691 698556 686722 782984 827105 Va r ia z ione % 22.52 8.53 8.13 - 0.16 - 1.72 12.29 5.33 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 2867.53 3700.81 4045.91 4403.90 4396.75 4322.27 4928.14 5205.85

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

900000 800000 700000 Popolazione 600000 500000 400000 300000 200000 100000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 455593 587985 642814 699691 827105 698556 686722 782984

Note:

98

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO


Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 054 D e nom in a z ione Com u ne PARTI N I CO Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 110,32- 11032

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 24673 26119 25542 27805 27182 31003 30764 31824 Va r ia zione % 5.54 - 2.26 8.14 - 2.29 12.32 - 0.78 3.33 D e n sit t e rr it . Ab/ Km q 223.65 236.76 231.53 252.04 246.39 281.03 278.86 288.47

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

35000 30000 Popolazione 25000 20000 15000 10000 5000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censimenti 24673 26119 27805 25542 27182 31003 31824 30764

Note:

99

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 055 D e nom in a z ione Com u ne PETRALI A SOPRAN A Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 77,43- 7743

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola z ione r e side n t e 7864 7280 6061 4092 3903 3688 2183 1241 Va r ia z ione % - 8.0220 - 20.1122 - 48.1183 - 4.8424 - 5.8297 - 68.9160 - 75.9266 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 101.56 94.02 78.28 52.85 50.41 47.63 28.20 16.03

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

9000 8000 7000 Popolazione 6000 5000 4000 3000 2000 1000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 1241 7864 7280 6061 4092 3903 3688 2183

Note:

100

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 056 D e nom in a z ione Com u ne PETRALI A SOTTAN A Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 178,05- 17805

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 6157 5287 4409 3764 3770 3311 2507 1952 Va r ia zione % - 16.46 - 19.91 - 17.14 0.16 - 13.86 - 32.07 - 28.43 D e n sit t e rr it . Ab/ Km q 34.58 29.69 24.76 21.14 21.17 18.60 14.08 10.96

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

7000 6000 Popolazione 5000 4000 3000 2000 1000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 6157 5287 4409 3764 3770 3311 2507 1952

Note:

101

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 057 D e nom in a z ione Com u ne PI AN A D EGLI ALBAN ESI Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 64,89- 6489

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 7239 6880 6131 5948 6129 6227 5676 5462 Va r ia zione % - 5.22 - 12.22 - 3.08 2.95 1.57 - 9.71 - 3.92 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 111.56 106.03 94.48 91.66 94.45 95.96 87.47 84.17

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

8000 7000 6000 Popolazione 5000 4000 3000 2000 1000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 7239 6880 6131 5948 6129 6227

5676 5462

Note:

102

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 058 D e nom in a z ione Com u ne POLI ZZI GEN EROSA Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 134,33- 13433

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 8064 7277 5972 4814 4748 4169 3019 2212 Va r ia zione % - 10.81 - 21.85 - 24.05 - 1.39 - 13.89 - 38.11 - 36.44 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 60.03 54.17 44.46 35.84 35.35 31.04 22.47 16.47

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

9000 8000 7000 Popolazione 6000 5000 4000 3000 2000 1000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 8064 7277 5972 4814 4748 4169 3019 2212

Note:

103

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 059 D e nom in a z ione Com u ne POLLI N A Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 49,90- 4990

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 3163 3148 3134 3188 3157 3120 3138 3134 Va r ia zione % - 0.48 - 0.45 1.69 - 0.98 - 1.19 0.58 - 0.12 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 63.39 63.09 62.81 63.89 63.27 62.53 62.89 62.81

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

3200 3180 Popolazione 3160 3140 3120 3100 3080 1951 1961 1971 3163 3148 3134

3188

3157 3138 3134 3120

1981

1991

2001

2011

2021

Anno censimenti

Note:

104

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 060 D e nom in a z ione Com u ne PRI ZZI Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 95,03- 9503

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 10553 9752 8057 7030 6254 5711 4320 3299 Va r ia zione % - 8.21 - 21.04 - 14.61 - 12.41 - 9.51 - 32.21 - 30.95 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 111.05 102.62 84.78 73.98 65.81 60.10 45.46 34.71

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

12000 10000 Popolazione 8000 6000 4000 2000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censimenti 10553 9752 8057 7030 6254 5711 4320 3299

Note:

105

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 061 D e nom in a z ione Com u ne ROCCAM EN A Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 33,32- 3332

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 3284 2772 2436 2106 2132 1793 1450 1173 Va r ia zione % - 18.47 - 13.79 - 15.67 1.22 - 18.91 - 23.66 - 23.64 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 98.56 83.19 73.11 63.21 63.99 53.81 43.52 35.20

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

3500 3000

3284 2772

Popolazione

2500 2000 1500 1000 500 0 1951 1961

2436

2106

2132 1793 1450 1173

1971

1981

1991

2001

2011

2021

Anno censiment i

Note:

106

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 062 D e nom in a z ione Com u ne ROCCAPALUM BA Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 31,41- 3141

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 4699 4481 3410 3272 3092 2842 2274 1885 Va r ia zione % - 4.86 - 31.41 - 4.22 - 5.82 - 8.80 - 25.00 - 20.59 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 149.60 142.66 108.56 104.17 98.44 90.48 72.39 60.02

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

5000 4500 4000 Popolazione 3500 3000 2500 2000 1500 1000 500 0

4699

4481 3272 3410 3092 2842 2274 1885

1951

1961

1971

1981

1991

2001

2011

2021

Anno censiment i

Note:

107

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 063 D e nom in a z ione Com u ne SAN CI PI RELLO Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 20,94- 2094

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 5205 4709 4634 5034 5048 5016 4988 5002 Va r ia zione % - 10.53 - 1.62 7.95 0.28 - 0.64 - 0.56 0.27 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 248.57 224.88 221.30 240.40 241.07 239.54 238.21 238.86

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

5300 5200 5100 Popolazione 5000 4900 4800 4700 4600 4500 4400 4300 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 4709 4634 5205 5034 5048 5016 4988 5002

Note:

108

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 064 D e nom in a z ione Com u ne SAN GI USEPPE JATO Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 29,46- 2946

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 9894 9303 7858 8166 9640 8349 8228 8045 Va r ia zione % - 6.35 - 18.39 3.77 15.29 - 15.46 - 1.47 - 2.28 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 335.85 315.78 266.73 277.19 327.22 283.40 279.28 273.07

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

12000 10000 Popolazione 8000 6000 4000 2000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 9894 9640 9303 7858 8166 8349 8228 8045

Note:

109

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 065 D e nom in a z ione Com u ne SAN M AURO CASTELVERD E Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 114,19- 11419

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 4875 4698 3434 3154 2565 2166 1460 882 Va r ia zione % - 3.77 - 36.81 - 8.88 - 22.96 - 18.42 - 48.40 - 65.53 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 42.69 41.14 30.07 27.62 22.46 18.97 12.78 7.72

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

6000 5000 Popolazione 4000 3434 3000 2000 1000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censimenti 4875 4698 3154 2565 2166 1460 882

Note:

110

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 066 D e nom in a z ione Com u ne SAN TA CRI STI N A GELA Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 38,55- 3855

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 1172 924 753 700 800 865 673 617 Va r ia zione % - 26.84 - 22.71 - 7.57 12.50 7.51 - 28.53 - 9.08 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 30.40 23.97 19.53 18.16 20.75 22.44 17.46 16.01

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

1400 1200 Popolazione 1000 800 600 400 200 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 1172 924 753 700 800 865 673 617

Note:

111

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 067 D e nom in a z ione Com u ne SAN TA FLAVI A Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 14,46- 1446

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 7489 7842 7412 7867 8545 9535 9394 9760 Va r ia zione % 4.50 - 5.80 5.78 7.93 10.38 - 1.50 3.75 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 517.91 542.32 512.59 544.05 590.94 659.41 649.68 674.96

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

12000 10000 7867 Popolazione 8000 6000 4000 2000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 7489 7842 7412 8545 9535 9394 9760

Note:

112

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 068 D e nom in a z ione Com u ne SCI ARA Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 31,19- 3119

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 2801 3029 2612 2672 2730 2718 2635 2599 Va r ia zione % 7.53 - 15.96 2.25 2.12 - 0.44 - 3.14 - 1.38 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 89.80 97.11 83.74 85.67 87.53 87.14 84.49 83.34

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

3100 3000 2900 Popolazione 2800 2700 2600 2500 2400 2300 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 2612 2801 2672 2730 2718 2635 2599 3029

Note:

113

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 081 D e nom in a z ione Com u ne SCI LLATO Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 32- 3200

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 1009 1022 857 762 806 706 626 557 Va r ia zione % 1.27 - 19.25 - 12.47 5.46 - 14.16 - 12.83 - 12.25 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 31.53 31.94 26.78 23.81 25.19 22.06 19.55 17.42

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

1200 1000 Popolazione 800 600 400 200 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censimenti 1009 1022 857 762 806 706 626 557

Note:

114

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 069 D e nom in a z ione Com u ne SCLAFAN I BAGN I Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 135,06- 13506

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 1139 841 769 682 609 506 363 250 Va r ia zione % - 35.43 - 9.36 - 12.76 - 11.99 - 20.36 - 39.45 - 45.11 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 8.43 6.23 5.69 5.05 4.51 3.75 2.69 1.85

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

1200 1000 Popolazione 800 600

1139

841

769

682 609 506 363 250

400 200 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001

2011

2021

Anno censiment i

Note:

115

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 070 D e nom in a z ione Com u ne TERM I N I I M ERESE Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 77,58- 7758

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 25292 23690 24611 25680 26571 26958 27271 27787 Va r ia zione % - 6.76 3.74 4.16 3.35 1.44 1.15 1.86 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 326.01 305.36 317.23 331.01 342.50 347.49 351.52 358.17

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

29000 28000 27000 Popolazione 26000 25000 24000 23000 22000 21000 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censimenti 25292 24611 23690 25680 26571 26958 27271 27787

Note:

116

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 071 D e nom in a z ione Com u ne TERRASI N I Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 19,44- 1944

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 7986 8547 8437 8665 10544 10686 11116 11679 Va r ia zione % 6.56 - 1.30 2.63 17.82 1.33 3.87 4.82 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 410.80 439.66 434.00 445.73 542.39 549.69 571.81 600.80

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

14000 12000 Popolazione 10000 8000 6000 4000 2000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censimenti 7986 8547 8437 8665 10544 11116 10686 11679

Note:

117

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 072 D e nom in a z ione Com u ne TORRETTA Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 25,41- 2541

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 3696 3602 3063 2577 3147 3468 2960 2874 Va r ia zione % - 2.61 - 17.60 - 18.86 18.11 9.26 - 17.17 - 2.97 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 145.45 141.76 120.54 101.42 123.85 136.48 116.48 113.12

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

4000 3500 3000 Popolazione 2500 2000 1500 1000 500 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censimenti 3696 3602 3063 2577 3147 3468 2960 2874

Note:

118

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 073 D e nom in a z ione Com u ne TRABI A Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 20,26- 2046

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 5963 6115 6342 7010 8067 8252 8755 9268 Va r ia zione % 2.49 3.58 9.53 13.10 2.24 5.75 5.54 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 294.32 301.83 313.03 346.00 398.17 407.31 432.14 457.48

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

10000 9000 8000 Popolazione 7000 6000 5000 4000 3000 2000 1000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 5963 6115 6342 8067 7010 8755 8252 9268

Note:

119

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 074 D e nom in a z ione Com u ne TRAPPETO Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 4,18- 418

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 2402 2469 2328 3112 3059 2770 3148 3281 Va r ia zione % 2.71 - 6.06 25.19 - 1.73 - 10.43 11.99 4.06 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 574.64 590.67 556.94 744.50 731.82 662.68 752.99 784.88

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

3500 3000

3112

3059 2770

3148

3281

Popolazione

2500 2000 1500 1000 500 0

2402

2469

2328

1951

1961

1971

1981

1991

2001

2011

2021

Anno censiment i

Note:

120

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 075 D e nom in a z ione Com u ne USTI CA Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 8,09- 809

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 1249 1262 1086 1157 1188 1335 1241 1249 Va r ia zione % 1.03 - 16.21 6.14 2.61 11.01 - 7.60 0.64 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 154.39 156.00 134.24 143.02 146.85 165.02 153.37 154.35

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

1600 1400 1200 Popolazione 1000 800 600 400 200 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 1249 1262 1086 1157 1188 1335 1241 1249

Note:

121

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 076 D e nom in a z ione Com u ne VALLED OLM O Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 25,80- 2580

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 8074 7071 5544 5080 4689 4147 3043 2265 Va r ia zione % - 14.18 - 27.54 - 9.13 - 8.34 - 13.07 - 36.28 - 34.37 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 312.95 274.07 214.88 196.90 181.74 160.74 117.95 87.77

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

9000 8000 7000 Popolazione 6000 5000 4000 3000 2000 1000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censimenti 8074 7071 5544 5080 4689 4147 3043 2265

Note:

122

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 077 D e nom in a z ione Com u ne VEN TI M I GLI A D I SI CI LI A Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 26,69- 2669

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 4353 3665 2473 2219 2340 2192 1370 941 Va r ia zione % - 18.77 - 48.20 - 11.45 5.17 - 6.75 - 59.97 - 45.66 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 163.09 137.32 92.66 83.14 87.67 82.13 51.34 35.25

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

5000 4500 4000 Popolazione 3500 3000 2500 2000 1500 1000 500 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 2473 2219 2340 2192 1370 941 4353 3665

Note:

123

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 078 D e nom in a z ione Com u ne VI CARI Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 85,74- 8574

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 5400 4655 3585 3379 3400 3077 2357 1912 Va r ia zione % - 16.00 - 29.85 - 6.10 0.62 - 10.50 - 30.53 - 23.29 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 62.98 54.29 41.81 39.41 39.65 35.89 27.49 22.30

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

6000 5400 5000 Popolazione 4000 3585 3000 2000 1000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 4655 3379 3400 3077 2357 1912

Note:

124

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 079 D e nom in a z ione Com u ne VI LLABATE Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 3,83- 383

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 8097 9213 10353 12213 14877 18371 19210 21216 Va r ia zione % 12.11 11.01 15.23 17.91 19.02 4.37 9.46 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 2114.10 2405.48 2703.13 3188.77 3884.33 4796.61 5015.54 5539.39

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

25000 20000 18371 Popolazione 15000 10000 8097 5000 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 10353 14877 12213 9213 19210 21216

Note:

125

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

SCH ED A D EL D I M EN SI ON AM EN TO D EM OGRAFI CO Codice I st a t Com u ne 080 D e nom in a z ione Com u ne VI LLAFRATI Codice I st a t Pr ovin cia 82 Pr ovincia Supe r ficie t e r r it . Km q- H a 25,61- 2561

PALERMO

Ta be lla de ll'a nda m e n t o de m ogr a fico e de lla de nsit Ann o Ce n sim e nt i 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Note: Popola zione r e side n t e 3364 3101 2717 3152 3404 3365 3319 3357 Va r ia zione % - 8.48 - 14.13 13.80 7.40 - 1.16 - 1.39 1.15 D e n sit t e r r it . Ab/ Km q 131.35 121.09 106.09 123.08 132.92 131.39 129.59 131.09

Anno base di riferimento

Attualit Previsione o trend

D ia gr a m m a de ll'a n da m e nt o de m ogr a fico

4000 3500 3000 Popolazione 2500 2000 1500 1000 500 0 1951 1961 1971 1981 1991 2001 2011 2021 Anno censiment i 3364 3101 2717 3152 3404 3365 3319 3357

Note:

126

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

Sistemi territoriali urbanizzati: centri storici urbani (C.S.U.)

N.B.La perimetrazione delle zone A e la loro estensione sono estrapolate dal mosaico dei piani redatto dalla Provincia regionale di Palermo qualche anno addietro. Pertanto i dati riportati non sono aggiornati e in qualche caso riscontrato non sono attendibili nel loro formato digitale rispetto allo strumento urbanistico su supporto cartaceo. Essi pertanto dovranno essere tutti revisionati nelle successive fasi di lavoro, con particolare riferimento alla fase del Piano operativo.

127

Premessa

I sistemi territoriali urbanizzati della Provincia di Palermo comprendono i centri urbani di ottantadue Comuni, oltre alcune frazioni rurali abitate. I centri urbani e le frazioni hanno origine e motivazione insediativa in epoche assai lontane e antiche, e di queste antiche origini si hanno tracce evidenti di riconoscibilit che - sia pure trasmesse ai nostri giorni con stratificazioni storiche a loro volta e manomissioni recenti spesso di notevole entit permettono una attribuzione di valore e di testimonianza degne di tutela e riqualificazione conservativa. Gli attuali sistemi urbani (residenziali, produttivi e di servizi connessi, nonch della mobilit e delle infrastrutture) si qualificano soprattutto per la presenza, lindividuazione e le potenzialit di recupero espresse dai rispettivi centri storici urbani (C.S.U.), sia in termini quantitativi (dimensione, estensione, densit volumetrica, densit di architetture emergenti, densit abitativa) che in termini qualitativi (alto valore architettonico dei manufatti emergenti, qualit dei tessuti urbani storici, variet di tipologie edilizie di antica formazione, disegno e forma urbana in rapporto al sito orografico di giacitura, qualit dello spazio produttivo di antica tradizione artigiana ancora superstite, qualit del rapporto pieno-vuoto dello spazio urbano complessivo, alto valore di immagine e forma urbana in rapporto al paesaggio naturalistico e agrario circostante, etc.). Tuttavia i sistemi urbani e i loro centri storici non sono omogenei nellambito territoriale analizzato, ma mantengono i loro caratteri di diversit sia di natura storica e urbanistica che di natura insediativa e topografica. Questa diversit costituisce lelemento di maggior coesione qualitativa dellintero territorio provinciale, per cui opportuno elencare, sia pure in maniera sintetica, i caratteri distintivi di ciascun sistema urbano, con particolare riferimento a quelli del centro storico urbano di ognuno di essi. Una prima elencazione riguarda lestensione delle zone A previste negli strumenti urbanistici vigenti, con la precisazione dei provvedimenti approvativi nonch dello stato di attuazione del regime vincolistico. A questa elencazione segue una schedatura sintetica di tutti i centri storici dei sistemi urbani, con una prima rappresentazione di essi riferita ad una base cartografica 1: 10.000 (C.T.R.) e allortofoto della medesima zona A in scala 1:5.000. Nella medesima schedatura vengono riportati i dati demografici al 2001, gli estremi degli strumenti urbanistici vigenti, la data o il periodo di fondazione dellinsediamento, nonch una sintetica caratterizzazione storica (tipologica e morfologica) del tessuto urbano. Ovviamente il dato principale la misurazione dellestensione in ettari della zona A. Il Piano Territoriale Provinciale, a partire da questi dati di carattere strutturale, valuter nei suoi aspetti di previsione lattendibilit della perimetrazione dei centri storici per permettere il dimensionamento del recupero edilizio possibile e concretamente attuabile insieme alla salvaguardia dei tessuti urbani storici, luogo certo di residenza abitativa ma anche sede di importanti attrezzature, servizi e impianti pubblici e di uso pubblico, nonch espressione della cultura dei luoghi e delle testimonianze del passato.

128

Premessa

129

Premessa

130

Premessa

131

Premessa

132

Premessa

133

Premessa

134

Premessa

135

Premessa

136

Premessa

137

Premessa

138

Premessa

139

Premessa

140

Premessa

141

Premessa

142

Premessa

143

Premessa

144

Premessa

145

Premessa

146

Premessa

147

Premessa

148

Premessa

149

Premessa

150

Premessa

151

Premessa

152

Premessa

153

Premessa

154

Premessa

155

Premessa

156

Premessa

157

Premessa

158

Premessa

159

Premessa

160

Premessa

161

Premessa

162

Premessa

163

Premessa

164

Premessa

165

Premessa

166

Premessa

167

Premessa

168

Premessa

169

Premessa

170

Premessa

171

Premessa

172

Premessa

173

Premessa

174

Premessa

175

Premessa

176

Premessa

177

Premessa

178

Premessa

179

Premessa

180

Premessa

181

Premessa

182

Premessa

183

Premessa

184

Premessa

185

Premessa

186

Premessa

187

Premessa

188

Premessa

189

Premessa

190

Premessa

191

Premessa

192

Premessa

193

Premessa

194

Premessa

195

Premessa

196

Premessa

197

Premessa

198

Premessa

199

Premessa

200

Premessa

201

Premessa

202

Premessa

203

Premessa

204

Premessa

205

Premessa

206

Premessa

207

Premessa

208

Premessa

209

Premessa

210

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

Stato della pianificazione comunale e regime dei vincoli paesistici e idrogeologici della Provincia di Palermo (aggiornamento Dicembre 2005)

211

Premessa

Stato della pianificazione comunale e regime dei vincoli paesistici e idrogeologici della Provincia di Palermo (aggiornamento Dicembre 2005)
Font e: A.R.T.A./ D.R.U.
Provve dim e nt io di consolida m e nt o o t r a sfe rim e nt o pa r zia le o t ot a le Provve dim e nt o ist it ut ivo de l vincolo idr oge ologico Codice Prov. e Com une St rum e nt o urba nist ico

De nom ina zione de l Com une

Pa rchi e r ise rve rica dent i Provve dim e nt o ne l t e rrit orio com una le e a pprova t ivo de gli st rum e nt i urba nist ici provve dim e nt o ist it ut ivo

Loca lit con vincolo pa esa ggist ico e pr ovve dim e nt o a ppr ova t ivo

82001 82002 82003

ALIA ALIMENA ALIMINUSA

P.R.G. P.R.G. P.R.G.

D.A. n1431 del 16/10/91 D.A. n309 del 8/3/88 D.DIR.n 824 del 27/06/03 Bosco della Favara e Bosco Granza D.A. n.478 del 25.7.97 Pizzo Cane, Pizzo Trigna e Grotta Mazzamuto D.A. n.83 del 18.4.00

D. n.26 del D.P.R. n.637 del 3.6.59 16.2.56 D. n.165 del 16.7.59 D.L. n.299 del 2.3.16 D. n.30 del 16.2.56 D. n.112 del 30.4.60 D. n.54 del 26.2.55 Fascia costiera D.A. n. 4995 del 6.9.67. - Aree demaniali marittime ricadenti nel territorio vincolato D.A. n.1903 del 5.8.85 Intero territorio del comune di Altofonte e porzione di aree ricadenti nei territori dei comuni di Piana degli Albanesi e Monreale D.A. n.5682 del 26.3.97 Fascia costiera Aspra Mongerbino Monte Catafano Solunto D.A.n.4992 del 6.9.67. -Aree demaniali marittime ricadenti nel territorio vincolato D.A.n.1904 del 5.8.85. -Parte del territorio comunale D.A.n.7761 del 19.10.94 Fascia costiera D.A.n.1430 del 9.8.68. Aree demaniali marittime ricadenti nel territorio vincolato D.A.n.1905 del 5.8.85 Area a ridosso della perimetrazione del Parco delle Madonie D.A.n.5444 dell'1.4.98

82004

ALTAVILLA MILICIA

P.R.G.

D.A.n120 del 04/05/76

82005

ALTOFONTE

P.R.G.

D.DIR.n 443/DRU del 26/05/05

82006

BAGHERIA

P.R.G.

D. DIR. n148/DRU del 08/04/02

D. n.121del 30.4.60

82007 82008 82009 82010 82011 82012 82013

BALESTRATE BAUCINA

P.C. 3 P.d.F.

D.P.Reg.Sic.n66/A del 16/4/75 D.A. n61 del 6/3/81 D.A. n336 del 13/12/77 D.DIR.n740/DRUdel24/09/02 D.A. n660 del 7/9/95 D.A. n166 del 17/4/98 D.P.Reg.Sic.n66/A del 16/4/75 Pizzo Cane, Pizzo Trigna e Grotta Mazzamuto D.A. n.83 del 18.4.00 -Monte San Calogero D.A. n.742 del 10.12.98 Pizzo Cane, Pizzo Trigna e Grotta Mazzamuto D.A. n.83 del 18.4.00

D. n.114 del 30.4.60 D. n.33 del D.R. n.1498 del 7.8.19 15.2.61 D. n.166 del 6.7.59 D. n.62 del 20.2.59 D n.116 del 30.4.60 D. n.64 del 20.2.59 D. n.60 del 20.2.59

BELMONTE MEZZAGNO P.d.F. BISACQUINO BOLOGNETTA BOMPIETRO BORGETTO PRG P.R.G. P.R.G. P.C.

Area a ridosso della perimetrazione del Parco delle Madonie D.A.n.5444 dell'1.4.98 Monte Gradara e Santuario di Romitello D.A.n.697 del 20.3.79

82014

CACCAMO

D.A. n217 del 14/12/73 P.R.G. Var.gen. D.A.n128 del 20/4/84

D. n.55 del 26.2.55 D. n.27 del D.R. n.1398 del 7.8.19 16.2.56 Zona delle Madonie compresa tra i fiumi Imera e Pollina Parte del territorio comunale D.A.n.2272 del 17.5.89. -Area limitrofa al Parco delle Madonie D.A.n.5479 del 6.3.96

82015

CALTAVUTURO

P.d.F.

Parco delle Madonie D.A.n.1489 del 9.11.89 modificato con D.A.n.67 del D.DIR.n 679/DRU del 12/08/05 4.2.92

212

Premessa

Pr ov ve dim e nt io di consolida m e nt o o t r a sfe r im e nt o pa r z ia le o t ot a le

D e nom in a zione de l Com une

Pr ov ve dim e nt o Pa r chi e r ise r v e r ica de n t i a ppr ov a t ivo de gli ne l t e r r it or io com u na le e st r um e nt i ur ba nist ici pr ovv e dim e nt o ist it ut iv o

Pr ovv e dim e nt o ist it ut ivo de l v incolo idr oge ologico

Codice Pr ov. e Com u ne

St r um e nt o ur ba nist ico

Loca lit con v incolo pa e sa ggist ico e pr ovve dim e nt o a ppr ova t iv o

82016

CAMPOFELICE DI FITALIA CAMPOFELICE DI ROCCELLA CAMPOFIORITO

P.R.G.

D.A. n145 del 15/4/99

D. n.101 dell'8.11.57 D. n.123 del 30.4.60 D. n.59 del 20.2.59 D.R. n.1630 del 17.5.23. Parziale trasferimento in dipendenza del terremoto del 1968 Fascia costiera D.A.n. 4759 del 25.8.67. -Aree demaniali marittime ricadenti nel territorio vincolato D.A. n.1907 del 5.8.85.

82017 82018

P.d.F. P.R.G.

D.A. n111 del 24/4/76 D. DIR. n100/DRU del 01/03/02

82019 82020

CAMPOREALE CAPACI

P.R.G. P.d.F.

D.DIR.n 632/DRU del 02/08/05 D.A. n47 del 25/2/72 Grotta di Carburangeli D.A. n. 288 del 16.5.95 Grotta dei Puntali

D. n.55 del 20.2.59 D. n.115 del 30.4.60 D. n.61 del 20.2.59 Fascia costiera e parte del territorio comunale D.A.n.4340 del 14.11.89

82021

CARINI

P.R.G.

D.A. n248 del 7/6/83

Fascia costiera e parte del territorio comunale D.A.n.2678 del 10.8.91 Zona delle Madonie compresa tra i fiumi Imera e Pollina Intero territorio comunale D.A.n.2272 del 17.5.89 Fascia costiera D.A.n.4994 del 6.9.67 . -Aree demaniali marittime ricadenti nel territorio vincolato D.A. n.1908 del 5.8.85 Zona delle Madonie compresa tra i fiumi Imera e Pollina Parte del territorio comunale D.A.n.2272 del 17.5.89 . -Area limitrofa al Parco delle Madonie D.A.n.5479 del 6.3.96. -Area a ridosso della perimetrazione del Parco delle Madonie D.A.n.5444 dell'1.

82022

CASTELBUONO

PRG

Parco delle Madonie D.A.n.1489 del 9.11.89 modificato con D.A.n.67 del D.DIR.n807/DRU del 14/10/02 4.2.92 Pizzo Cane, Pizzo Trigna e Grotta D.DIR.n202/DRU del 07/03/03 Mazzamuto D.A. n.83 del 18.4.00

D.* dell'1.2.38 D. n.99 dell'8.11.57

82023

CASTELDACCIA

PRG

82024 82025 82026

CASTELLANA SICULA CASTRONOVO DI SICILIA CEFALA' DIANA

P.R.G. P.R.G. P.R.G.

D.A. n307 del 10/8/99 D.A. n 531 del 23/12/99 D.A. n1638 del 30/11/89

Parco delle Madonie D.A.n.1489 del 9.11.89 modificato con D.A.n.67 del 4.2.92 D.R. n.1609 del Monte Carcaci D.A. n.480 del 25.7.97 10.11.32 Bagni di Cefal Diana e Chiarastella D.A. n. 822 del 20.11.97 Parco delle Madonie D.A.n.1489 del 9.11.89 modificato con D.A.n.67 del 4.2.92 Bosco della Favara e Bosco Granza D.A. n.478 del 25.7.97 Monti di Palazzo Adriano e Valle del Sosio D.A. n.481 del 25.7.97 Serre di Ciminna D.A. n. 821 del 20.11.97

D. n.120 del 30.4.60 D. n.56 del 26.2.55 D. n.107 del 30.4.60

82027 82028 82029 82030

CEFALU' CERDA CHIUSA SCLAFANI CIMINNA

P.R.G. P.d.F. P.R.G. P.d.F.

D.A. n199 del 18/12/74 D.A. n84 del 10/5/79 D.A. n255 del 16/4/93 D.A. n238 del 21/9/70

D.* del 17.8.39 D. n.40 del D.R. n.666 del 16.3.39 16.2.56 D. n.67 del D.R. n.374 del 23.2.22 20.2.59 D. n.19 del19.2.57

Fascia costiera Centro abitato Zona interna fino al torrente Isnello compreso Santuario di Gibilmanna D.A.n.1751 del 23.7.85. -Zona delle Madonie compresa tra i fiumi Imera e Pollina Intero territorio comunale D.A. n.2272 del 17.5.89 Zona delle Madonie compresa tra i fiumi Imera e Pollina Parte del territorio comunale D.A.n.2272 del 17.5.89

213

Premessa

Pr ovv e dim e nt io di con solida m e nt o o t r a sfe r im e nt o pa r zia le o t ot a le

D e nom in a zione de l Com une

Pr ov ve dim e nt o Pa r chi e r ise r v e r ica de n t i a ppr ov a t ivo de gli ne l t e r r it or io com u na le e st r um e nt i ur ba nist ici pr ovv e dim e nt o ist it ut iv o

Pr ov ve dim e nt o ist it ut ivo de l vincolo idr oge ologico

Codice Pr ov . e Com une

St r um e nt o ur ba nist ico

Loca lit con v incolo pa e sa ggist ico e pr ovve dim e nt o a ppr ova t iv o

82031

CINISI

P.d.F.

D.A. n96 del 17/3/78 Parco delle Madonie D.A.n.1489 del 9.11.89 modificato con D.A.n.67 del 4.2.92 Grotta di Entella DD.AA. n.293 del 16.5.95 e n. 621 del 4.11.98 -Monte Genuardo e Santa Maria del Bosco D.A. n. 479 del 25.7.97 Bosco della Ficuzza

D. n.126 del 30.4.60 D.*n.693 del D.R. n.1498 del 7.8.19 27.10.38 Parziale trasferimento in dipendenza del D. n.65 del terremoto del 1968 20.2.59 D. n.63 del D.R. n.643 del 10.4.24 20.2.59 Fascia costiera D.A. n.4991 del 6.9.67 . -Aree demaniali marittime ricadenti nel territorio vincolato D.A. n.1909 del 5.8.85 D. n.53 del 26.2.55 Parco delle Madonie D.A.n.1489 del 9.11.89 modificato con D.A.n.67 del 4.2.92 D. n.54 del 16.7.52 D. n.133 del 30.4.60 Monte Genuardo e Santa Maria del Bosco D.A. n. 479 del 25.7.97 Bosco dellaFicuzza D. n.32 del 15.2.61 D. n.49 del 4.6.57 Zona delle Madonie compresa tra i fiumi Imera e Pollina Intero territorio D.* del 27.10.38 comunale D.A. n.2272 del 17.5.89 Zona delle Madonie compresa tra i fiumi Imera e Pollina Intero territorio D.L. n.1820 dell'11.9.19 D. n.4 del 4.1.55 comunale D.A. n.2272 del 17.5.89 D. n.131 del 30.4.60 D. n.24 del 16.2.56 D. n.125 del 30.4.60 Bosco della Ficuzza D.R. n.201 del 5.2.20 D. n.41 del 16.2.56 Intero territorio comunale D.A. n. 151 del 30.1.89 Fascia costiera D.A. n.4760 del 25.8.67. Aree demaniali marittime ricadenti nel territorio vincolato D.A. n.581 del 3.7.71. Zona delle Madonie compresa tra i fiumi Imera e Pollina Parte del territorio comunale D.A.n.2272 del 17.5.89 Zona delle Madonie compresa tra i fiumi Imera e Pollina Intero territorio comunale D.A. n.2272 del 17.5.89 Zona delle Madonie compresa tra i fiumi Imera e Pollina Intero territorio comunale D.A.n.2272 del 17.5.89

82032

COLLESANO

P.d.F.

D.A. n149 del 18/5/78

82033 82034

CONTESSA ENTELLINA P.d.F. CORLEONE P.R.G.

D.A. n99 del 29/5/69 D DIR. N 1139 del 04/10/03 D. DIR. n158/DRU del 10/04/02 D.A. n206 del 5/5/97

82035 82036

FICARAZZI GANGI

P.R.G. P.R.G.

82037 82038 82039 82040

GERACI SICULO GIARDINELLO GIULIANA GODRANO

P.C. 9 P.C. 3 P.C. 6 P.d.F.

D.P.Reg.Sic.n164 del 5/4/79 D.P.Reg.Sic.n66/A del 16/4/75 D.P.Reg.Sic.n7/A del 13/1/73 D.A. n287 del 29/11/69

82041

GRATTERI

P.R.G.

Parco delle Madonie D.A.n.1489 del 9.11.89 modificato con D.A.n.67 del D.DIR.n 973/DRU del 14/11/05 4.2.92

82042 82043

ISNELLO

Parco delle Madonie D.A.n.1489 del D.A. n255 del 11/11/76 - D.A. 9.11.89 modificato con D.A.n.67 del 4.2.92 P.R.G. Var.gen. del 21/7/94 DD.AA. n83 del 14/5/77 e n121 del 24/3/83 DD.AA. n95 del 6/4/76 e n68 del 13/4/79 D.A. n767 del 9/11/95 D.A. n840 del 3/7/89 Isola delle Femmine D.A. n.584 dell'1.9.97

ISOLA DELLE FEMMINE P.R.G.

82044 82045 82046

LASCARI LERCARA FRIDDI MARINEO

P.d.F. P.R.G. P.R.G.

214

Premessa

Pr ovv e dim e nt io di consolida m e nt o o t r a sfe r im e nt o pa r z ia le o t ot a le

D e nom in a zione de l Com une

Pa r chi e r ise r v e r ica de n t i Pr ov ve dim e nt o ne l t e r r it or io com u na le e a ppr ov a t ivo de gli st r um e nt i ur ba nist ici pr ovv e dim e nt o ist it ut iv o

Pr ovve dim e nt o ist it ut ivo de l vincolo idr oge ologico

Codice Pr ov . e Com une

St r um e nt o ur ba nist ico

Loca lit con v incolo pa e sa ggist ico e pr ovve dim e nt o a ppr ova t iv o

82047 82048

MEZZOJUSO MISILMERI

P.R.G. P.d.F.

D.A. n214 del 6/5/86 D.A. n254 del 10/10/80

Bosco della Ficuzza

D.L. n.299 del 2.3.16

D. n.100 dell'8.11.57 D. n.66 del 20.2.59

82049 82050 82051 82052

MONREALE MONTELEPRE MONTEMAGGIORE BELSITO PALAZZO ADRIANO

P.R.G. P.R.G. P.R.G. P.R.G.

D.A. n213 del 9/8/80 D.DIR.n 484/DRU del 05/05/03 D.A. n394 del 7/10/85

Serre della Pizzuta D.A. n.744 del 10.12.98 -Bosco della Ficuzza

D. n.23 dell'8.10.53 D. n.57 del 30.2.59

Parte del territorio comunale comprendente centro abitato e locc. San Martino Giacalone e Pioppo D.A.n. 2386 del 26.9.90 . -Intero territorio di Altofonte e parte del territorio dei comuni di Monreale e Piana degli Albanesi D.A. n.5682 del 26.3.97

Bosco della Favara e Bosco Granza D.A. n.478 del 25.7.97

D. n.103 D.R. n.813 del 18.3.35 dell'8.11.57 non risulta agli D.R. n.908 del 24.4.21 atti Grotta della Molara ( bellezza individua ) D.A.n.1061 del 18.6.68 . -Monte Pellegrino compreso il parco della Favorita D.A.n.117 del 14.2.81. -Aree demaniali marittime ricadenti nel territorio vincolato D.A.n.1911 del 5.8.85. - Promo Monte Cesar e aree limitrofe D.A.n.698 del 20.3.79. - Zona B.1 del comune di Partinico D.A. n.7331 del 18.10.99

Monti di Palazzo Adriano e Valle del D.DIR.n851/DRU del 23/10/02 Sosio D.A. n.481 del 25.7.97 Grotta Molara -Capo Gallo D. DIR.n124/DRU del 13/03/02 -Grotta Conza D.A. n. 292 del 1 D.A. 414/DRU del 16/11/00

82053 82054

PALERMO PARTINICO

P.R.G. P.R.G.

D. n.52 del 26.2.55 D. n.50 del 4.6.57 D.R. n.591 del 18.3.35 (capoluogo e frazioni S.Caterina, Raffo, Conigli, Vaccarelli e D. n.37 del Malpasso) 7.3.51

82055

PETRALIA SOPRANA

P.d.F.

D.A. n158 del 11/10/79

Parco delle Madonie D.A.n.1489 del 9.11.89 modificato con D.A.n.67 del 4.2.92

Zona delle Madonie compresa tra i fiumi Imera e Pollina Parte del territorio comunale D.A.n.2272 del 17.5.89 . -Area a ridosso della perimetrazione del parco delle Madonie D.A.n.5444 dell'1.4.98 Zona delle Madonie compresa tra i fiumi Imera e Pollina Parte del territorio comunale D.A.n.2272 del 17.5.89 . -Area limitrofa al parco delle Madonie D.A.n. 5479 del 6.3.96. - Area a ridosso della perimetrazione del parco delle Madonie D.A. n.5444 dell'1.4.98

82056

82057

P.d.F. P.R.G. esecutivo per scadenza dei PIANA DEGLI ALBANESI termini

PETRALIA SOTTANA

D.A. n267 del 7/11/77

Parco delle Madonie D.A.n.1489 del 9.11.89 modificato con D.A.n.67 del 4.2.92

D. n.182 del 22.10.55

D.DIR.n 1544/DRU del 19/12/03

Serre della Pizzuta D.A. n.744 del 10.12.98

D. n.131 del 24.5.55 D. n.183 del 22.10.55 D. n.55 del 16.7.52

Intero territorio di Altofonte e parte del territorio dei comuni di Monreale e Piana degli Albanesi D.A. n.5682 del 26.3.97 Zona delle Madonie compresa tra i fiumi Imera e Pollina Parte del territorio comunale D.A.n.2272 del 17.5.89 . -Area limitrofa al parco delle Madonie D.A.n. 5479 del 6.3.96 Zona delle Madonie compresa tra i fiumi Imera e Pollina Intero territorio comunale D.A. n.2272 del 17.5.89

82058 82059 82060

POLIZZI GENEROSA POLLINA PRIZZI

P.R.G. P.R.G. P.R.G.

D.A. n65 del 20/2/96 D.A. n60 del 7/3/80 D.DIR.N 516/DRU del 19/07/02 Monte Carcaci D.A. n.480 del 25.7.97

D. n.102 dell'8.11.57

215

Premessa

Pr ovv e dim e nt io di consolida m e nt o o t r a sfe r im e nt o pa r z ia le o t ot a le

D e nom in a zione de l Com une

Pr ov ve dim e nt o Pa r chi e r ise r v e r ica de n t i a ppr ov a t ivo de gli ne l t e r r it or io com u na le e st r um e nt i ur ba nist ici pr ovv e dim e nt o ist it ut iv o

Pr ovv e dim e nt o ist it ut iv o de l v incolo idr oge ologico

Codice Pr ov. e Com u ne

St r um e nt o ur ba nist ico

Loca lit con v incolo pa e sa ggist ico e pr ovve dim e nt o a ppr ova t iv o

82061 82062 82063 82064 82065 82066

ROCCAMENA ROCCAPALUMBA SAN CIPIRELLO SAN GIUSEPPE JATO SAN MAURO CASTELVERDE

P.d.F. P.R.G. P.d.F. P.R.G. P.C. 9

D.A. n33 del 26/2/79 D.DIR. N 434/DRU del 06/06/02 D.A. n293 del 4/11/80 D.A. n306 del 10/8/99 D.P.Reg.Sic.n164 del 5/4/79 D.A. n58 del 6/3/80 esecutivo con sentenza TAR n1090del 25/05/00 Monte San Calogero D.A. n.742 del 10.12.98 Bosco della Favara e Bosco Granza D.A. n.478 del 25.7.97. Parco delle Madonie D.A.n.1489 del 9.11.89 modificato con D.A.n.67 del 4.2.92 Monte San Calogero D.A. n.742 del 10.12.98

Parziale trasferimento in dipendenza del D. n.56 del terremoto del 1968 20.2.59 D. n.31 D.R. n.1498 del 7.8.19 del16.2.56 D. n.119 del30.4.60 D. n.54 del 20.2.59 D.R. n.2336 del 14.11.35 D. n.53 del 16.7.52 D. n.58 del 20.2.59 D. n.127 del 30.4.60 D. n.39 del 16.2.56 Fascia costiera S. Elia Porticello D.A. n.4993 del 6.9.67. - Aree demaniali marittime ricadenti nel territorio vincolato D.A. n.1912 del 5.8.85. -Totalit del territorio comunale D.A. n.8299 del 19.12.94 Zona delle Madonie compresa tra i fiumi Imera e Pollina Parte del territorio comunale D.A.n.2272 del 17.5.89

SANTA CRISTINA GELA P.d.F.

82067

SANTA FLAVIA

P.R.G.

82068

SCIARA

D.A.n1269 del 88 Var.gen. P.R.G. D.DIR.n 106 del 05/03/02

82069

SCLAFANI BAGNI

P.d.F.

D.A. n81 del 8/5/79

D. n.29 del 16.2.56 D.R. n.1054 del 21.7.31 (parziale rioni Serio e Porta Eureca) D.* del 6.5.38 D. n.113 del 30.4.60 D. n.48 del D.R. n.374 del 23.2.22 4.6.57

Zona delle Madonie compresa tra i fiumi Imera e Pollina Intero territorio comunale D.A.n.2272 del 17.5.89 Zona latistante strada Termini Caccamo D.A. n.5051 del 6.9.66. -Area extra urbana compresa tra fascia costiera e abitato D.A. n.4758 del 25.8.67. -Fascia costiera. Fascia costiera D.A. n.1428 del 9.8.68. -Aree demaniali marittime ricadenti nel territorio vincolato D.A. n.2032 dell'11.12.73

82070

TERMINI IMERESE

P.R.G.

D.A.n 76/DRU del 23/02/01

82071 82072

TERRASINI TORRETTA

P.R.G. P.d.F.

D.A. n211 del 26/5/99 D.A. n4 del 7/1/72

Capo Rama

82073

TRABIA

P.R.G.

Pizzo Cane, Pizzo Trigna e Grotta Mazzamuto D.A. n.83 del 18.4.00

D. n.124 del 30.4.60

Fascia costiera S. Nicola l'Arena D.A. n.4996 del 6.9.67. -Aree demaniali marittime ricadenti nel territorio vincolato D.A. n.1914 del 5.8.85 Fascia costiera D.A. n.1429 del 9.8.68. Aree demaniali marittime ricadenti nel territorio vincolato D.A. n.1915 del 5.8.85

82074

TRAPPETO

PRG

D.DIR.n 485/DRU del 05/05/03 Isola di Ustica D.A. n.820 del 20.11.97 -Isola di Ustica D.M. 12.11.86 (riserva D.DIR.n 721/DRU del 12/09/05 marina)

82075

USTICA

P.R.G.

D. n.130 del 30.4.60

Intero territorio comunale D.P.R.S. n.4756 del 25.8.67. -Aree demaniali marittime ricadenti nel territorio vincolato D.A. n.1916 del 5.8.85

216

Premessa

Pr ov ve dim e nt io di consolida m e nt o o t r a sfe r im e nt o pa r z ia le o t ot a le

D e nom in a zione de l Com une

Pr ov ve dim e nt o Pa r chi e r ise r v e r ica de n t i ne l t e r r it or io com u na le e a ppr ov a t ivo de gli st r um e nt i ur ba nist ici pr ovv e dim e nt o ist it ut iv o

Pr ovv e dim e nt o ist it ut ivo de l v incolo idr oge ologico

Codice Pr ov. e Com u ne

St r um e nt o ur ba nist ico

Loca lit con v incolo pa e sa ggist ico e pr ovve dim e nt o a ppr ova t iv o

82076 82077 82078 82079 82080

VALLEDOLMO VENTIMIGLIA DI SICILIA VICARI VILLABATE VILLAFRATI

P.R.G. PRG P.R.G. P.R.G. P.d.F.

D.A. n506 del 20/12/84 D.DIR.n432 del 14/04/03 D.A. n594 del 29/4/89 D.A. n772 del 10/11/95 D.A. n288 del 29/11/69 Bagni di Cefal Diana e Chiarastella D.A. n. 822 del 20.11.97 Parco delle Madonie D.A.n.1489 del 9.11.89 modificato con D.A.n.67 del 4.2.92 Pizzo Cane, Pizzo Trigna e Grotta Mazzamuto D.A. n.83 del 18.4.00

D. n.38 del D.R. n.1191 del 17.8.42 16.2.56 D. n.132 del 30.4.60 D. n.25 del 16.2.56 D. n.122 del 30.4.60 D. n.118 del 30.4.60 Zona delle Madonie compresa tra i fiumi Imera e Pollina Parte del territorio comunale D.A. n.2272 del 17.5.89 Area a ridosso della perimetrazione del Parco delle Madonie D.A.n.5444 dell'1.4.98

82081 82082

SCILLATO BLUFI

P.d.F. P.d.F.

D.A. n144 del 28/4/71 D.A. n147 del 10/9/79

D.L. n.299 del 2.3.16

vedi Collesano

217

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

Localizzazione geografica dei Comuni, programmazione negoziata e settori economici prevalenti

218

Premessa

Il sistema territoriale urbanizzato deve misurarsi, per il suo carattere di integrazione, con gli intensi processi di urbanizzazione che hanno interessato, negli ultimi cinquantanni in particolare, il territorio regionale in buona parte al di fuori di ogni logica e ordinaria azione di piano. La base strutturale di analisi e di intervento per la riqualificazione del costruito - obiettivo strategico prioritario parte dalla considerazione che lattuale condizione della pianificazione urbanistica e territoriale dei vari ambiti sub-regionali (comunali soprattutto, perch un solo piano territoriale provinciale esiste ad oggi in Sicilia, quello di Ragusa) arretrata, non superata, rispetto alle esigenze di progettualit necessarie per lo sviluppo dellintera Regione. Larretratezza della pianificazione ordinaria un sintomo significativo della pi generale arretratezza del sistema dei piani che in qualche modo avrebbe dovuto regolamentare e guidare le trasformazioni delle citt e dei territori di Sicilia. In questo senso il territorio di Sicilia non costituisce una rara eccezione nel panorama nazionale, in cui sostanzialmente vige ancora il razionalismo funzionalista della legge n. 1150 del 1942, cio del periodo tra le due grandi guerre. Il fatto che negli ultimi anni, certamente a partire dal 1995, entrano in scena strumenti innovativi detti di programmazione negoziata, introdotti anche in Sicilia dalle politiche comunitarie di sostegno per lo sviluppo. Questi strumenti di programmazione negoziata alterano in maniera notevole i delicati e gi deboli equilibri che si erano in qualche modo instaurati tra il quadro strutturale del territorio e le strategie (seppure erano mai state chiamate in questi termini) delle trasformazioni per lo sviluppo, indotte dal vecchio sistema dei piani. Intanto si affacciano sul nuovo scenario delle metodologie europee nuovi attori e nuovi soggetti promotori: in particolare, le parti sociali diverse da quelle istituzionali e i soggetti imprenditoriali. Con ci scardinando il vecchio rapporto pubblico-privato, quel medesimo rapporto che aveva sorretto la pianificazione urbanistica come scelta impositiva del preminente interesse pubblico rappresentato dallEnte Locale sovrastante linteresse del capitale imprenditoriale privato, che oggi produce investimenti, quindi tourn over e occupazione, forse in maniera esclusiva. Larretratezza endemica dello stato della pianificazione urbanistica per cos dire tradizionale in Sicilia (mosaico dei piani) risulta ancora pi evidente se raffrontata con lo stato relativamente avanzato della programmazione negoziata (mosaico degli interventi di programmazione negoziata, incrociato con il regime delle risorse e il mosaico dei piani). Le iniziative di programmazione negoziata, soprattutto i Patti Territoriali del 1996 e i P.I.T.** ammessi a finanziamento nel Luglio 2002, oltre ai PRUSST ancora in corso,

Nel territorio della Provincia di Palermo larea dellAlto Belice Corleonese (n.22 Comuni) stata protagonista antesignana di quel Patto di fiducia lanciato da Jacques Santer nel 1996, presidente della Commissione Europea. Infatti il Patto territoriale per loccupazione, nato ufficialmente nel Febbraio 1997 con la sottoscrizione del documento di concertazione tra i soggetti promotori, rappresenta una iniziativa complementare e sperimentale alle forme di utilizzo delle risorse comunitarie in ambito di politiche del lavoro. ** I Progetti Integrati Territoriali (P.I.T.) rappresentano una modalit privilegiata di accesso ai Fondi strutturali europei perch consentono di realizzare gradi di efficacia e livelli di concentrazione di varie

219

Premessa

e ai Patti Agricoli e ai LEADER che gi producono effetti dimostrano che lambito territoriale provinciale (ma anche quello regionale) stato e continua ad essere molto attivo e attento nella costruzione del quadro strategico di sostegno per lo sviluppo, utilizzando tutte le possibili metodologie comunitarie di programmazione economica e finanziaria per gli interventi previsti. Ma dimostrano altres che - a fronte di tale indubbia capacit e competitivit progettuale il sistema della pianificazione ordinaria non corrisponde ad analoga vitalit. Il Patto territoriale per loccupazione infatti mira a sperimentare una nuova interpretazione del territorio come risorsa strategica, dalla quale partire per rilanciare i sistemi locali attraverso laccordo tra soggetti pubblici e privati per lindividuazione, ai fini di una realizzazione coordinata, di interventi di natura diversa, finalizzati alla promozione dello sviluppo locale nelle aree depresse del territorio nazionale, in linea con gli obiettivi e gli indirizzi allo scopo definiti nel Quadro comunitario di sostegno (QCS) approvato con decisione C(94) 1835 del 29 Luglio 1994 dalla Commissione dellUnione europea. Con lintroduzione nel 1997 del Documento di Programmazione economica e finanziaria regionale (D.P.E.F.R., L.R.n. 6/1997), ma soprattutto a seguito della L.R. n.10/1999 si impone la necessit che le linee di intervento programmatico del sistema socio-economico siano coerenti con un quadro globale di sviluppo armonioso e sostenibile, determinato da vincoli internazionali condivisi e sottoscritti. Con il D.M. LL.PP. 8 Ottobre 1998 vengono lanciati i PRUSST allo scopo di sperimentare nuove forme di partenariato istituzionale e infrastrutturale. Infatti questi programmi si propongono di realizzare ladeguamento di opere pubbliche connesse con iniziative imprenditoriali e si pongono come strumenti per la riqualificazione del territorio, anche in funzione di obiettivi di sviluppo economico, rappresentando una efficace occasione delle amministrazioni locali per attivare politiche di risanamento darea vasta.

azioni che difficilmente si potrebbero raggiungere con altri strumenti. La progettazione integrata territoriale tra le pi complesse modalit di territorializzazione delle politiche. Il primo Patto territoriale per lagricoltura nel territorio della Provincia di Palermo viene sottoscritto il 14.03.2000 al fine di attivare uno sviluppo locale eco-sostenibile nel settore dellagricoltura. Furono previsti 5 interventi ricadenti nei Comuni di Bisacquino, Cefal Diana, Corleone, San Giuseppe Jato, San Cipirrello. Il programma Leader (Liaison Entre Action de Developpement de l Economie Rurale) la linea di sviluppo indicata dalla Commissione europea finalizzata alla riqualificazione e allo sviluppo delleconomia rurale, che si attua, a partire dal Giugno 1994, ai sensi dellart. 11 del Regolamento CEE n. 2082/93. Econ questa definizione che compare per la prima volta nellordinamento italiano la nozione di Patto territoriale, e precisamente allart. 8 della Legge n. 341/1995.

220

Premessa

Localizzazione geografica dei Comuni, programmazione negoziata e settori economici prevalenti


Codice Pr ov. e Com une Alt it udine ce nt r o a bit a t o (m) Com u ni Cost ie r i o m on t a ni ( 1 lit or a ne i) ( 2 m on t a ni)

D e n om ina z ione de i Com uni e de lle fr a z ioni

Loca liz z a z ione ge ogr a fica

Pa t t i t e r r it or ia li

Pr usst

Le a de r

Pr e va le nz a se t t or ia le

82001 82002 82003 82004 82005 82006 82007 82008 82009

ALIA ALIMENA ALIMINUSA ALTAVILLA MILICIA ALTOFONTE BAGHERIA (Aspra) BALESTRATE BAUCINA BELMONTE MEZZAGNO

726 740 450 73 350 78 35 550 356

2 2 2 1 2 1 1 2 2

Montagna interna-Madonie occidentali Colline interne-colline di Alimena

Patto Valle del Torto Patto Madonie Prusst Cefal Gal ISC Madonie

Agricoltura Agricoltura Agricoltura Turismo /ASI Prusst Alto Belice Corleonese Agricoltura Turismo /ASI

Colline interne- colline del San Leonardo Patto Valle del Torto Colline litoranee di Termini Imerese Colline interne- colline dell'Eleuterio-rete Patto "Alto Belice Corleonese" dei comuni solidali (RECOSOL) Colline litoranee di Termini Imerese Pianura di Partinico Colline interne- colline dell'EleuterioColline interne- colline dell'Eleuteriounione dei comuni le quattro terre Patto "Alto Belice Corleonese" Prusst Alto Belice Corleonese Prusst Alto Belice Corleonese Prusst Alto Belice Corleonese Prusst Cefal Patto Golfo di Castellamare Gal ISC Madonie Gal Terre del Sosio (sede) Patto Golfo di Castellamare

Turismo Agricoltura Agricoltura

82010

BISACQUINO (Bruca - S. Biagio)

744

Colline interne- colline del Belice Sinistro

Patto "Alto Belice Corleonese" Patto "Alto Belice Corleonese"

Agricoltura

82011

BOLOGNETTA

350

Colline interne- colline dell'EleuterioColline interne-colline di Alimena- rete dei comuni solidali (RECOSOL) Colline interne-colline di Monreale

Agricoltura

82012 82013

BOMPIETRO BORGETTO

685 290

2 2

Agricoltura Agricoltura

221

Premessa

Codice Pr ov. e Com une

Alt it udin e ce nt r o a bit a t o ( m)

Com u ni Cost ie r i o m ont a ni ( 1 lit or a ne i) ( 2 m on t a ni)

D e n om ina z ione de i Com uni e de lle fr a z ioni

Loca liz z a z ione ge ogr a fica

Pa t t i t e r r it or ia li

Pr usst

Le a de r

Pr e va le nz a se t t or ia le

82014 82015 82016 82017

CACCAMO CALTAVUTURO CAMPOFELICE DI FITALIA (Borgo Fitalia) CAMPOFELICE DI ROCCELLA

521 635 734 54

2 2 2 1

Colline interne- colline del San Leonardo Montagne interna- Madonie OrientaliParco delle Madonie Patto Madonie Gal ISC Madonie

Turismo Turismo Agricoltura Prusst Cefal Prusst Alto Belice Corleonese Prusst Alto Belice Corleonese Gal Terre del Sosio Turismo

Colline interne- colline del San Leonardo Patto Valle del Torto Colline litoranee di Termini Imerese Patto Madonie Patto "Alto Belice Corleonese" Patto "Alto Belice Corleonese"

82018

CAMPOFIORITO

666

Colline interne- colline del Belice Sinistro

Agricoltura

82019 82020 82021 82022

CAMPOREALE CAPACI CARINI (Villagrazia di Carini) CASTELBUONO

425 51 170 423

2 1 1 2

Colline interne-colline di MonrealeAssociazione Nazionale citt del Vino Colline litoranee di Carini Colline litoranee di Carini

Agricoltura Turismo / ASI Turismo / ASI

Patto di Palermo Prusst Cefal

Montagna litoranea delle Madonie-Parco delle Madonie- Rete dei comuni solidali Patto Madonie (RECOSOL) Colline litoranee di Termini ImereseAssociazione nazionale citt del vino Montagna interna- Madonie orientaliParco delle Madonie Montagna interna-Madonie occidentaliAssociazione nazionale citt dell'olio Colline interne- colline dell'EleuterioPatto Madonie Patto Valle del Torto Patto "Alto Belice Corleonese"

Gal ISC Turismo Madonie (sede)

82023

CASTELDACCIA CASTELLANA SICULA (CalcarelliCatalani-Nocazzi) CASTRONUOVO DI SICILIA (Marcatobianco) CEFALA' DIANA

79

Turismo / ASI Gal ISC Madonie

82024 82025

516 660

2 2

Prusst Cefal

Agricoltura Agricoltura

82026

563

Prusst Alto Belice Corleonese

Agricoltura

222

Premessa

Codice Pr ov. e Com une

Alt it udine ce nt r o a bit a t o (m)

D e n om ina z ione de i Com uni e de lle fr a z ioni

Com uni Cost ie r i o m ont a ni ( 1 lit or a n e i) ( 2 m ont a ni)

Loca liz z a z ione ge ogr a fica

Pa t t i t e r r it or ia li

Pr usst

Le a de r

Pr e va le nz a se t t or ia le

82027

CEFALU'

16

Localit balneare segnalata con tre vele nella guida blu di Legambiente- olline litoranee di Termini Imerese-Parco delle Madonie-Circuito dei borghi marinari (le citt del mare)-rete dei comuni solidali (RECOSOL)-club i borghi pi belli d'Italia Colline interne- colline del San Leonardo Prusst Alto Belice Corleonese

Gal ISC Madonie

Turismo

82028

CERDA

274

Agricoltura

82029

CHIUSA SCLAFANI (S. Carlo)

658

Colline interne- colline del Belice Sinistro

Patto "Alto Belice Corleonese"

Gal Terre del Sosio

Agricoltura

82030

CIMINNA

530

Colline interne- colline del San Leonardo Patto Valle del Torto Localit balneare segnalata con una vela nella guida blu di Legambiente- colline litoranee di Carini Patto Golfo di Castellamare Prusst Cefal Gal ISC Madonie Gal Terre del Sosio Patto "Alto Belice Corleonese" Prusst Alto Belice Corleonese Gal Terre del Sosio

Agricoltura

82031

CINISI

75

Turismo

82032

COLLESANO

468

Montagna litoranea delle Madonie-Parco Patto Madonie delle Madonie Colline interne- colline del Belice Sinistro Area minoranza linguistica Albanese (Arberesh) montagna interna-montagna di Corleone Pianura Conca d'oro montagna interna- Madonie orientali montagna interna- Madonie orientaliParco delle Madonie colline interne-colline di Monreale Patto Madonie Patto Madonie

Turismo

82033 82034 82035 82036 82037 82038

CONTESSA ENTELLINA CORLEONE FICARAZZI GANGI GERACI SICULO GIARDINELLO

571 550 23 1011 1077 275

2 2 1 2 2 2

Agricoltura Agricoltura Turismo

Prusst Cefal

Gal ISC Madonie Gal ISC Madonie

Turismo Turismo Agricoltura

223

Premessa

Codice Pr ov. e Com une

Alt it udin e ce nt r o a bit a t o (m)

D e n om ina z ione de i Com uni e de lle fr a z ioni

Com uni Cost ie r i o m on t a ni ( 1 lit or a ne i) ( 2 m ont a ni)

Loca liz z a z ione ge ogr a fica

Pa t t i t e rr it or ia li

Pr usst

Le a de r

Pr e va le nz a se t t or ia le

82039 82040 82041 82042 82043 82044 82045 82046 82047 82048 82049

GIULIANA GODRANO GRATTERI ISNELLO ISOLA DELLE FEMMINE LASCARI LERCARA FRIDDI MARINEO MEZZOJUSO MISILMERI MONREALE (Aquino-Villaciambra-PioppoS. Martino delle Scale-Gris)

710 698 657 530 6 76 660 531 534 129 310

2 2 2 2 1 1 2 2 2 2 2

colline interne- colline del Belice Sinistro montagna interna-montagna di Corleone montagna litoranea delle Madonie-Parco delle Madonie Montagna litoranea delle Madonie-Parco delle Madonie Colline litoranee di Carini Colline litoranee di Termini Imerese

Patto "Alto Belice Corleonese" Patto "Alto Belice Corleonese"

Prusst Alto Belice Corleonese Prusst Alto Belice Corleonese Prusst Cefal Prusst Cefal

Gal Terre del Sosio Gal Busambra Gal ISC Madonie Gal ISC Madonie

Agricoltura Agricoltura Agricoltura Agricoltura Turismo

Prusst Cefal

Turismo Agricoltura

Colline interne- colline del San Leonardo Patto Valle del Torto Colline interne- colline dell'EleuterioPatto "Alto Belice Corleonese" Prusst Alto Belice Corleonese

Agricoltura Agricoltura Agricoltura / ASI

Colline interne- colline del San LeonardoArea minoranza linguistica albanese Patto Valle del Torto (Arberesh) Colline interne- colline dell'EleuterioColline interne-colline di MonrealeAssociazione nazionale citt del Vino Patto "Alto Belice Corleonese" Patto di Palermo Patto Golfo di Castellamare Patto Valle del Torto

Prusst Alto Belice Corleonese

Gal Busambra (sede)

Turismo

82050 82051

MONTELEPRE MONTEMAGGIORE BELSITO

343 517

2 2

Colline interne-colline di Monreale Montagna interna-Madonie occidentali montagna interna- montagna di CorleoneArea minoranza linguistica albanese (Arberesh)

Agricoltura Agricoltura Gal Terre del Sosio

82052

PALAZZO ADRIANO

696

Turismo

224

Premessa

Codice Pr ov. e Com un e

Alt it udine ce nt r o a bit a t o (m)

Com uni Cost ie r i o m ont a n i ( 1 lit or a n e i) ( 2 m ont a n i)

D e n om ina z ione de i Com uni e de lle fr a z ioni

Loca liz z a z ione ge ogr a fica

Pa t t i t e r r it or ia li

Pr usst

Le a de r

Pr e va le nz a se t t or ia le

82053

PALERMO

14

Pianura Conca d'oro-Associazione italiana citt ciclabili-Associazione citt italiane per la mobilit sostenibile e lo sviluppo dei trasporti-Associazione nazionale citt del pesce di mare Pianura di Partinico-Associazione nazionale citt del vino-Associazione nazionale citt dell'olio Montagna interna- Madonie orientaliParco delle Madonie Montagna interna- Madonie OrientaliParco delle Madonie-rete dei comuni solidali (RECOSOL) Colline interne-colline dell'EleuterioUnione comuni le quattro terre-Area minoranza linguistica albanese (Arbaresh) Montagna interna- Madonie orientaliParco delle Madonie-rete dei comuni solidali (RECOSOL) Colline litoranee di Termini ImereseParco delle Madonie Montagna interna- montagna di Corleone

Patto di Palermo

Gal Ulixes Terziario / Prusst di Palermo (sede) (fuori dal Turismo / ASI Gal)

82054

PARTINICO

175

Patto Golfo di Castellamare Patto Madonie Patto Madonie Patto "Alto Belice Corleonese" Patto Madonie Prusst Cefal Prusst Cefal Prusst Alto Belice Corleonese Prusst Cefal Gal ISC Madonie Gal ISC Madonie Gal Terre del Sosio Gal Terre del Sosio Gal ISC Madonie Gal ISC Madonie

Agricoltura / ASI

82055 82056

PETRALIA SOPRANA PETRALIA SOTTANA

1147 1000

2 2

Turismo Turismo

82057

PIANA DEGLI ALBANESI

720

Turismo

82058

POLIZZI GENEROSA

920

Turismo

82059 82060

POLLINA (Finale di Pollina) PRIZZI (Filaga-Portella della Croce)

730 966

1 2

Patto Madonie Patto Alto Belice Corleonese

Prusst Cefal Prusst Alto Belice Corleonese Prusst Alto Belice Corleonese

Turismo Agricoltura

82061

ROCCAMENA

480

Colline interne- colline del Belice Sinistro Patto Alto Belice Associazione nazionale citt del vino Corleonese

Agricoltura

82062

ROCCAPALUMBA (Regalgioffoli)

530

Colline interne- colline del San Leonardo Patto Valle del Torto Colline interne-colline di MonrealeAssociazione nazionale citt del Vino Patto "Alto Belice Corleonese" Prusst Alto Belice Corleonese

Agricoltura

82063

SAN CIPIRELLO

394

Agricoltura

225

Premessa

Codice Pr ov. e Com une

Alt it udin e ce nt r o a bit a t o (m)

Com u ni Cost ie r i o m on t a ni ( 1 lit or a ne i) ( 2 m on t a ni)

D e n om ina z ione de i Com uni e de lle fr a z ioni

Loca liz z a z ione ge ogra fica

Pa t t i t e rr it or ia li

Pr usst

Le a de r

Pr e va le nz a se t t or ia le

82064 82065

SAN GIUSEPPE JATO SAN MAURO CASTELVERDE

467 1050

2 2

Colline interne-colline di MonrealeAssociazione nazionale citt del Vino Montagna litoranea delle Madonie-Parco elle Madonie Colline dell'Eleuterio-Unione comuni le quattro terre-Area minoranza linguistica albanese(Arbaresh) Colline interne- colline litoranee di Termini Imerese colline interne- colline litoranee di Termini Imerese montagna interna-Madonie occidentaliParco delle Madonie Localit balneare segnalata con una vela nella guida blu di Legambiente- colline litoranee di Termini ImereseAssociazione nazionale comuni termali (ANCOT) Pianura di Partinico Colline litoranee- colline litoranee di Carini Colline interne- colline litoranee di Termini Imerese Pianura di Partinico Localit balneare segnalata con tre vele nella guida blu di legambiente-Pianura Isola di Ustica Montagna interna-Madonie occidentaliAssociazione nazionale citt del vino

Patto "Alto Belice Corleonese"

Prusst Alto Belice Corleonese Prusst Cefal Gal ISC Madonie

Agricoltura Turismo

82066 82067 82068 82069

SANTA CRISTINA GELA SANTA FLAVIA SCIARA SCLAFANI BAGNI

674 45 210 755

2 1 2 2

Patto "Alto Belice Corleonese"

Prusst Alto Belice Corleonese

Agricoltura Turismo Agricoltura

Prusst Cefal

Gal ISC Madonie

Turismo

82070

TERMINI IMERESE

77

Patto di Palermo

Turismo / ASI

82071 82072 82073 82074

TERRASINI TORRETTA TRABIA (San Nicola l'Arena) TRAPPETO

33 325 50 25

1 1 1 1

Patto Golfo di Castellamare

Turismo / ASI Agricoltura / ASI Turismo / ASI

Patto Golfo di Castellamare Patto di Pantelleria

Turismo

82075

USTICA

49

Turismo

82076

VALLEDOLMO

746

Patto Valle del Torto Patto Madonie

Gal ISC Madonie

Turismo

226

Premessa

Codice Pr ov. e Com un e

Alt it u dine ce n t r o a bit a t o (m)

D e n om ina z ione de i Com uni e de lle fr a z ioni

Com uni Cost ie r i o m ont a n i ( 1 lit or a n e i) ( 2 m ont a n i)

Loca liz z a z ione ge ogr a fica

Pa t t i t e r r it or ia li

Pr usst

Le a de r

Pr e va le nz a se t t or ia le

82077 82078 82079 82080 82081 82082

VENTIMIGLIA DI SICILIA VICARI VILLABATE VILLAFRATI SCILLATO BLUFI

740 700 47 450 218 725

2 2 1 2 2 2

Colline interne- colline del San Leonardo Colline interne- colline del San Leonardo Patto Valle del Torto Pianura Conca d'oro Colline interne- colline dell'Eleuterio Montagna litoranea delle Madonie-Parco delle Madonie Montagna interna- Madonie orientali Patto Madonie Patto "Alto Belice Prusst Alto Corleonese" Belice Patto Valle del Torto Corleonese Prusst Cefal Prusst Cefal Gal ISC Madonie Gal ISC Madonie

Agricoltura Agricoltura Agricoltura / ASI Agricoltura Agricoltura Agricoltura

227

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

Dimensionamento residenziale pubblico: interventi IACP

228

Premessa

Dimensionamento residenziale pubblico: interventi IACP

COMUNI

ALLOGGI 22 22 478 12 67 14 28 58 460 18 29 70 5 34 190 652 36 27.058 625 15 809 140 30 109 26 52 261 Totale 31.320

N utenti 60 66 1.692 36 224 28 84 217 1.522 49 87 201 10 91 547 2.112 134 2.218 30 2.807 502 60 448 52 155 850 14.188

vani legali 110 132 2.452 68 335 98 168 370 2.484 33 135 364 23 170 1.005 3.423 190 3.718 86 4.862 753 140 603 150 264 1.552 23.310

ALTAVILLA MILICIA ALTOFONTE BAGHERIA BALESTRATE BELMONTE MEZZAGNO BOLOGNETTA BORGETTO CAPACI CARINI CASTELDACCIA CINISI FICARAZZI GIARDINELLO ISOLA DELLE FEMMINE MISILMERI MONREALE MONTELEPRE PALERMO PARTINICO SANTA FLAVIA TERMINI IMERESE TERRASINI TORRETTA TRABIA TRAPPETO USTICA VILLABATE

229

Premessa

PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO Piano Territoriale Provinciale L.R. 9/1986

Allegati grafici di sintesi

230

Premessa

Premessa

Premessa

Premessa

Premessa

Premessa