Sei sulla pagina 1di 8

Formazione specialistica nel settore della conoscenza e dell’intervento sul paesaggio

Quarta edizione

IL NUOVO PIANO TERRITORIALE REGIONALE E LA SPERIMENTAZIONE DI NUOVE


PROCEDURE PER LA FORMAZIONE E APPROVAZIONE DEGLI STRUMENTI URBANISTICI

Introduzione

Le azioni di riforma per il governo del territorio piemontese


Sergio Conti - Assessore regionale alle Politiche Territoriali

L’avviata riforma nelle materie territoriali nella Regione Piemonte si compone di tre fondamentali e
coordinate azioni che, nel loro complesso, saranno in grado di realizzare un nuovo e fortemente
rinnovato sistema di politiche di governo del territorio.

A partire dal primo documento programmatico, approvato dalla Giunta regionale nel dicembre 2005,
con il quale sono stati definiti i principali contenuti strategici, gli obiettivi di governo e le procedure per
formare e attuare l’insieme dei nuovi strumenti di governo del territorio regionale, la Regione
Piemonte ha avviato un percorso che la porterà, nei prossimi mesi, a poter disporre di un insieme
relazionato di strumenti atti a intraprendere una nuova e più incisiva azione di pianificazione del
territorio.

Proprio in tale contesto il percorso politico e istituzionale che la Regione Piemonte ha intrapreso per
avviare la propria riforma legislativa e disciplinare si compone di alcuni elementi fondamentali che,
nel loro insieme, costituiscono una complessiva azione a sostegno della politica di governo del
territorio.

Infatti, l’insieme degli elementi messi in gioco (a partire dalla redazione del nuovo strumento di
pianificazione territoriale e del piano paesaggistico) rappresenta uno degli elementi portanti del
programma di governo della Giunta regionale del Piemonte.

In questo spirito la Regione Piemonte ha avviato la stesura dei nuovi strumenti e della legge di
riforma riconoscendo, all’insieme di questi elementi, la centralità politica con la quale giungere a una
visione di governo del territorio attenta ai problemi della tutela, ma capace di affrontare le sfide e
risolvere i problemi di sviluppo che attendono il Piemonte nei prossimi anni.
In sintesi, i tre strumenti regionali perseguono un insieme di finalità che, nel loro complesso,
costituisco il futuro scenario regionale:
Formazione specialistica nel settore della conoscenza e dell’intervento sul paesaggio
- la legge di riforma: in prima istanza deve rispondere al concetto di governo del territorio che
non può essere ricondotto a una materia in senso tradizionale, né può essere limitato alla
regolazione degli usi del suolo che costituiscono tradizionalmente la disciplina urbanistica, ma

Quarta edizione

IL NUOVO PIANO TERRITORIALE REGIONALE E LA SPERIMENTAZIONE DI NUOVE


PROCEDURE PER LA FORMAZIONE E APPROVAZIONE DEGLI STRUMENTI URBANISTICI

deve comprendere il paesaggio, la difesa del suolo, lo sviluppo locale, la mobilità e le


infrastrutture, la protezione degli ecosistemi, la valorizzazione dei beni culturali e ambientali.
Quindi la futura legge, in coerenza con il quadro nazionale di riferimento che si sta delineando,
individuerà, ai diversi livelli istituzionali, gli strumenti e le modalità di attuazione delle politiche di
governo del territorio che si fondano sulla cooperazione (tra i diversi soggetti competenti) e la
copianificazione (tra i diversi strumenti di pianificazione).
- il piano territoriale: strumento che definirà, in coerenza con le indicazioni e le strategie dello
Schema di Sviluppo dello Spazio Europeo, percorsi strategici specificati per ambiti geografici,
azioni volte al miglioramento del sistema istituzionale e l’integrazione delle politiche settoriali; per
far ciò perseguirà tre obiettivi: la coesione territoriale, che ne rappresenta la componente
strategica, da ricercarsi nella dimensione territoriale della sostenibilità; lo scenario policentrico,
inteso come il riconoscimento dei sistemi urbani all’interno delle reti; la copianificazione, che
introduce nuovi strumenti di governance.
- il piano paesaggistico: nel rispondere a quanto richiesto dalla Convenzione Europea del
Paesaggio e dal Codice dei beni culturali e del paesaggio, pone al centro delle proprie politiche di
tutela la pianificazione paesaggistica che concorre allo sviluppo sostenibile regionale, dando
concrete risposte alle richieste di vivibilità ambientale delle attuali e delle future generazioni e
pone le basi per una piena fruizione sociale delle risorse naturali e culturali. Con il piano si
intende dare piena espressione al concetto di paesaggio: sistema che si articola in forme diverse,
più o meno coerenti e pregevoli, in tutto il territorio; esso è di tutti e di ciascuno, la sua protezione
risponde a diritti diffusi che riguardano il quadro di vita di ogni popolazione e non può prescindere
dai legami d’appartenenza e d’identificazione che con essa si stabiliscono; la sua valorizzazione
tende a coincidere con la valorizzazione del territorio, la sua produzione tende a saldarsi col suo
uso.

Un percorso complesso e, per molti versi, difficile, ma in grado di definire un nuovo e coerente
quadro per realizzare un’azione di governo del territorio regionale condiviso tra i diversi soggetti
competenti, sviluppato attraverso la cooperazione e la copianificazione e realizzato attraverso la
sussiduarietà istituzionale.
Formazione specialistica nel settore della conoscenza e dell’intervento sul paesaggio

Quarta edizione

IL NUOVO PIANO TERRITORIALE REGIONALE E LA SPERIMENTAZIONE DI NUOVE


PROCEDURE PER LA FORMAZIONE E APPROVAZIONE DEGLI STRUMENTI URBANISTICI

Programma

MERCOLEDI’ 11 APRILE 2007


Ore 9,00 Presentazione del corso
Regione Piemonte - Direzione Pianificazione e Gestione Urbanistica

Ore 9,15 Il Piano paesaggistico regionale


Arch. Paolo Castelnovi – Politecnico di Torino - Dipartimento di Progettazione Architettonica e di Disegno Industriale

Ore 11,00 Coffee break


Ore 11,15 Ripresa dei lavori
Ore 13,00 Pausa pranzo

Ore 14,00 La Legge Urbanistica Regionale di Sperimentazione - 26 gennaio 2007 n. 1


Dott. Ezio Abatelli - Regione Piemonte – Direzione Pianificazione e Gestione Urbanistica

Ore 16,00 Coffee break


Ore 16,15 Ripresa dei lavori
Ore 18,00 Conclusione dei lavori

GIOVEDI’ 12 APRILE 2007


Ore 9,00 Il Quadro di Riferimento Strutturale per il Piano Territoriale Regionale
Prof. Giuseppe Dematteis - Politecnico di Torino - Dipartimento Interateneo Territorio

Ore 11,00 Coffee break


Ore 11,15 Ripresa dei lavori
Ore 13,00 Pausa Pranzo

Ore 14,00 Il livello strategico del Piano Territoriale


Prof. Paolo Perulli - Universita’ degli Studi del Piemonte Orientale “Amedeo Avogadro” – Dipartimento di Ricerca
Sociale

Ore 16,00 Coffee break


Ore 16,15 Ripresa dei lavori
Ore 18,00 Conclusione dei lavori
Formazione specialistica nel settore della conoscenza e dell’intervento sul paesaggio

Quarta edizione

IL NUOVO PIANO TERRITORIALE REGIONALE E LA SPERIMENTAZIONE DI NUOVE


PROCEDURE PER LA FORMAZIONE E APPROVAZIONE DEGLI STRUMENTI URBANISTICI

PRIMO INCONTRO
Sessione del mattino, ore 9.00 - 13.00

Insegnamento: IL PIANO PAESAGGISTICO REGIONALE

Docente: Arch. Paolo Castelnovi - Politecnico di Torino - Dipartimento di Progettazione


Architettonica e di Disegno Industriale

Programma del modulo didattico

Sulla base del Rapporto intermedio presentato ai primi di marzo si delineano i temi, gli obbiettivi e i
metodi del piano paesaggistico regionale, le prospettive di collaborazione con le province e il
coinvolgimento degli enti locali e dei soggetti interessati, secondo le indicazioni della Convenzione
Europea.
Si esaminano i criteri di indagine per la individuazione dei beni e degli ambiti di paesaggio, per
l’inquadramento strutturale delle risorse e la valutazione delle loro condizioni.
Si prospetta la procedura di approvazione, con le previste intese con i Ministeri per i beni culturali e
per l’ambiente, finalizzate a rendere semplificata e precisata la procedura autorizzativa definita per
legge, le ricadute operative sui sistemi di valutazione dei piani e dei programmi locali e settoriali e la
applicazione in coerenza con quanto previsto dal Codice per i beni culturali e dalla Convenzione
europea.
Si delinea la seconda fase di lavoro con gli approfondimenti da svolgere da parte delle province e il
coordinamento intersettoriale con i settori Ambiente, Difesa del Suolo, Agricoltura, Foreste, Turismo,
Attività Produttive della Regione.
Formazione specialistica nel settore della conoscenza e dell’intervento sul paesaggio

Quarta edizione

IL NUOVO PIANO TERRITORIALE REGIONALE E LA SPERIMENTAZIONE DI NUOVE


PROCEDURE PER LA FORMAZIONE E APPROVAZIONE DEGLI STRUMENTI URBANISTICI

PRIMO INCONTRO
Sessione del pomeriggio, ore 14.00 - 18.00

Insegnamento: LA LEGGE URBANISTICA REGIONALE DI SPERIMENTAZIONE - 26 GENNAIO


2007 N. 1

Docente: Dott. Ezio Abatelli - Regione Piemonte – Direzione Pianificazione e Gestione Urbanistica

Programma del modulo didattico

• La legge regionale 26 gennaio 2007, n. 1.

• Il regolamento delle conferenze di pianificazione, 5 marzo 2007, n. 2/R

• I rapporti con le proposte di riforma urbanistica nazionali e regionali


Formazione specialistica nel settore della conoscenza e dell’intervento sul paesaggio

Quarta edizione

IL NUOVO PIANO TERRITORIALE REGIONALE E LA SPERIMENTAZIONE DI NUOVE


PROCEDURE PER LA FORMAZIONE E APPROVAZIONE DEGLI STRUMENTI URBANISTICI

SECONDO INCONTRO
Sessione del mattino, ore 9.00 - 13.00

Insegnamento: IL QUADRO DI RIFERIMENTO STRUTTURALE PER IL PIANO TERRITORIALE


REGIONALE

Docente: Prof. Giuseppe Dematteis – Politecnico di Torino - Dipartimento Interateneo Territorio

Programma del modulo didattico

• Il Piano Territoriale Regionale e programmazione regionale


• Il Quadro di Riferimento Strutturale nel processo di pianificazione
• Le componenti del PTR
• Il Quadro di Riferimento Strutturale
- Gli obiettivi del Quadro di Riferimento Strutturale
- I livelli territoriali del Quadro di Riferimento Strutturale
- Articolazione del testo del Quadro di Riferimento Strutturale
• Gli Ambiti di Integrazione Territoriale (AIT)
- Criteri di definizione degli Ait
- ESEMPIO: AIT Verbania
• Reti
- Le reti degli Ait
- Reti di città e gerarchia urbana
• Carte di Sintesi

Bibliografia

CORRADO F. (a cura di), 2005, Le risorse territoriali nello sviluppo locale: un confronto
interdisciplinare, Alinea, Firenze.
DEMATTEIS G., GOVERNA F. (a cura di), 2005, Territorialità, sviluppo locale, sostenibilità: il modello
SLoT, Franco Angeli, Milano.
IRES, 2007, Quaderno preparatorio per il Quadro Strategico Regionale, Rapporto finale, gennaio
2007, Torino.
ROSSIGNOLO C, SIMONETTA IMARISIO C. (a cura di), 2003, Una geografia dei luoghi per lo
sviluppo locale: approcci metodologici e studi di caso, Baskerville Bologna.

Siti internet

Testo Legge Regionale 1/2007


http://www.regione.piemonte.it/sit/argomenti/pianifica/urbanistica/normativa/lr1.htm
Regione Piemonte, 2005, Per un nuovo Ptr, Documento programmatico, Torino dicembre 2005
http://www.regione.piemonte.it/sit/argomenti/pianifica/pianifica/home.htm
Formazione specialistica nel settore della conoscenza e dell’intervento sul paesaggio
Documento di Programmazione Strategico-Operativa, Indirizzi alla Giunta regionale per la
programmazione integrata dei fondi europei, nazionali e regionali
http://www.regione.piemonte.it/piemonteinforma/programmazione/dwd/testo_dpso.doc

Quarta edizione

IL NUOVO PIANO TERRITORIALE REGIONALE E LA SPERIMENTAZIONE DI NUOVE


PROCEDURE PER LA FORMAZIONE E APPROVAZIONE DEGLI STRUMENTI URBANISTICI

SECONDO INCONTRO
Sessione del pomeriggio, ore 14.00 - 18.00

Insegnamento: IL LIVELLO STRATEGICO DEL PIANO TERRITORIALE

Docente: Prof. Paolo Perulli - Universita’ degli Studi del Piemonte Orientale “Amedeo Avogadro” –
Dipartimento di Ricerca Sociale

Programma del modulo didattico

• Cenni sulla pianificazione strategica territoriale.

• Strumenti della pianificazione strategica regionale.

• Il Piano Territoriale regionale del Piemonte. Riferimenti al quadrante territoriale oggetto


dell’incontro.

• Inquadramento della nuova progettazione integrata territoriale e presentazione della


progettualità strategica di ciascun quadrante

Bibliografia

P. Perulli, La città. La società europea nello spazio globale, B. Mondadori, Milano 2007

Siti internet

“Per un nuovo Piano Territoriale Regionale”. Documento programmatico; Regione Piemonte,


dicembre 2005;
http://www.regione.piemonte.it/sit/argomenti/pianifica/pubblic/dwd/ptr.pdf

“Quaderno preparatorio per il Quadro Strategico Regionale”; Regione Piemonte-IRES, gennaio 2007
http://www.regione.piemonte.it/programmazione/accordi/dwd/quaderno07.pdf
Formazione specialistica nel settore della conoscenza e dell’intervento sul paesaggio

Potrebbero piacerti anche