Sei sulla pagina 1di 1

Correggio Mon Amour.

Storia di storie della musica rock in una


città della provincia emiliana.
Dietro al rock c'è un modo di vedere la vita.
P. V. Tondelli

Da quella che negli anni Novanta è stata definita la “piccola Seattle emiliana”, arriva
l’emozionante storia del rock a Correggio dagli anni Sessanta a oggi.

Quali gruppi si sono avvicendati nel Comune di Ligabue e Tondelli dagli anni Sessanta a oggi?
Chi ne faceva parte? Cosa suonavano? Quali erano i generi musicali di riferimento? Quali gli stili, le
influenze? E inoltre: come vestivano, come pensavano, a cosa s’ispiravano? E perché tutta questa
attenzione verso la musica rock? Da dove nasce, come si sviluppa, quali forme assume nel tempo
questa passione, tipicamente emiliana, verso questo genere musicale? Ha qualche rapporto con la
politica e l'anima di questa terra? Qualche risposta e molto divertimento per i lettori, nelle numerose
storie, racconti e, grazie al cd allegato, anche canzoni.

Ligabue racconta i luoghi della musica rock a Correggio, insieme a Claudio Maioli, il suo
manager di sempre e agli altri protagonisti della sua storia di successo; ma nel libro non si parla
ovviamente solo di lui, e così si è andato formando questo variegato puzzle che racconta la scena
creativa locale, “in un gioco di specchi”. Trovano quindi il loro spazio i racconti di suoni e suonatori (più
o meno famosi), ma anche del contesto (un vero distretto del rock!?) fatto di locali, sale prova, birrerie,
negozi di strumenti musicali, fornitori di service, studi di registrazione e agenzie; poi, ancora, radio
libere, rassegne musicali (Correggio Mon Amour e Terremoto Rock), scuole di musica e concerti alle
feste dell’Unità, che negli anni hanno visto, fra gli altri, artisti del calibro di Bob Dylan, Neil Young,
Jethro Tull, Patti Smith, Siouxsie and the Banshees, Jeff Buckley, Iggy Pop.

“Avvertivamo – dicono i curatori – quasi il bisogno, fisico, di tenere fra le mani un libro dove
fossero presenti tutti quei gruppi, musicisti, cantanti che abbiamo conosciuto o di cui abbiamo sentito
parlare. Questa volta si possono leggere, dalla loro viva voce, le numerose storie che avevano da
raccontarci.”

Ci siamo “posti in ascolto” quindi, e i racconti di vita dei protagonisti si sono susseguiti con un
loro flusso interno, “emozionale”, come ci si trovasse in una chiacchierata. Non una fredda e analitica
enciclopedia del rock dunque, ma una “storia di storie”, “emotiva” e collettiva, dove gli autori (oltre 80!)
hanno saputo arricchire il testo di tutta la loro cultura e dei loro sguardi particolari. Perché la storia,
come ci suggerisce Beppe Fenoglio e con lui i Csi, non è altro, in fondo, che una questione privata.

Un intero capitolo, inoltre, è dedicato a Pier Vittorio Tondelli, lo scrittore correggese che per
primo ha attinto a piene mani dall’immaginario rock nello stile e nei contenuti dei suoi romanzi,
testimoniando, il meglio (e il peggio…) della cultura pop degli anni Settanta e Ottanta. Dalla sua
letteratura emotiva, dall'attenzione verso i linguaggi giovanili, dalla sua passione verso le diverse forme
della creatività, dal suo forte legame con l'Emilia (ma anche dalla sua apertura al mondo) sono venute
le chiavi di lettura principali sottese all'impostazione del nostro libro, oltre a un regalo inatteso: abbiamo
infatti l’onore di pubblicare una sua Sceneggiatura per videotape, finora inedita.

Il libro sarà presentato pubblicamente sabato 20 dicembre al Teatro Asioli di Correggio


nell'ambito della Giornata Tondelliana, alla presenza del sindaco di Correggio e di Fulvio Panzeri,
Alberto Bertoni e Luciano Ligabue. Il programma completo degli eventi legati all'uscita del libro è
disponibile sul sito www.correggiomonamour.it

I curatori: Marco Colarossi, Luigi Levrini, Lucia Pergreffi, Fabrizio Tavernelli

Per maggiori informazioni:


www.correggiomonamour.it - info@correggiomonamour.it
Lucio Lombardo Radice Editore (335 8176586 - 329 9273805)