Sei sulla pagina 1di 82

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Mediche – AA 2007/2008

METODOLOGIE DI DIETETICA APPLICATA

14/05/08
MALATTIA CELIACA
NUTRIZIONE NELL’INFANZIA

Olimpia Fattoruso
Suscettibilità genetica per
CELIACHIA
Suscettibilità genetica per
CELIACHIA
Le APC (Antigen Presenting Cell)
presentano l’antigene processato e
associato alle molecole MHC ai linfociti T
PROCESSAZIONE e PRESENTAZIONE Ag VIA
MHC-II
PROCESSAZIONE e PRESENTAZIONE Ag VIA
MHC-I
LINFOCITI T E LORO RECETTORE PER
L'ANTIGENE
SINAPSI IMMUNOLOGICA
Linfociti T isolati dalla
mucosa intestinale di celiaci
riconoscono i frammenti di
gliadina SOLO se questi sono
presentati da APC che
portano gli HLA DQ2 o DQ8,
altrimenti NON si attivano
Il DQ2 presenta un sito di binding un po’
diverso dalle altre molecole di classe II,
con almeno 3 posizioni di ancoraggio che
riconoscono preferibilmente residui
carichi negativamente.
Attività enzimatica della transglutaminas
Deamidazione dei residui di
glutamina in acido glutamico
CONCLUSIONI
MALATTIA CELIACA
NUTRIZIONE NELL’INFANZIA