Sei sulla pagina 1di 2

ICS Folgòre da San Gimignano

2010/2011

Resoconto percorso classe IV

Costituzione della Repubblica Italiana

Art. 9.

La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il


paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.

Statuto della Regione Toscana


Art. 4 (Finalità principali)

1. La Regione persegue, tra le finalità prioritarie:


m) la tutela e la valorizzazione del patrimonio storico, artistico e paesaggistico

Statuto del Comune di San Gimignano


Articolo 3
Sviluppo sociale, culturale ed economico
2. Nell'esercizio delle funzioni di promozione dello sviluppo della comunità, gli organi del Comune
curano, proteggono ed accrescono le risorse ambientali, artistiche e turistiche che caratterizzano
la città di San Gimignano come uno dei maggiori centri d'arte internazionali e favoriscono
l'espansione delle relazioni culturali, sociali ed economiche.

Obiettivi
• Riconoscere e usare gli elementi del linguaggio visivo: i segni, la forma e il colore.
• Produrre messaggi con l’uso di linguaggi e tecniche diversi.
• Leggere e riconoscere espressioni emotive nei ritratti di grandi artisti.

Organizzazione:
• Lavoro col grande gruppo per la ricerca e la riflessione e confronto sui dati raccolti;
• lavoro in piccoli gruppi ed individuale per l’attività grafico – pittorica;
• lavoro col gruppo classe per il confronto e la rielaborazione del pensiero al fine di trarre
conclusioni condivise sulle scoperte . ..

Tempi:
I quadrimestre per i segni
ICS Folgòre da San Gimignano
2010/2011

II quadrimestre per i colori

Schema di lavoro

1. I bambini sono invitati a scattare fotografie dalla scuola e dalle finestre delle proprie
abitazioni. Dall’osservazione delle foto si cominciano ad evidenziare elementi diversi: ci
sono cose che fanno pensare alla natura (piante, cosi d’acqua, colline..) ed altre che
rimandano alla presenza dell’uomo (case, strade, auto, pali della luce…).
2. L’insegnante fornisce a ciascuno un’immagine che rappresenta un paesaggio toscano (sono
molto adatte quelle tratte dai calendari). La si ricopre con la carta da ingegneri e ciascuno
ripassa con il pennarello verde le linee naturali e con il pennarello rosso gli elementi
antropici
3. Ciascuno descrive per iscritto le tipologie di segni delle due categorie di elementi
individuati.
4. Si procede alla compilazione del catalogo dei segni del paesaggio naturale.
5. Ciascun bambino ha a disposizione un foglio con il disegno di alcune colline. Con il
pennarello nero riempie ogni spazio con un segno diverso, tratto dal catalogo collettivo o
inventato.
6. Lo stesso lavoro viene fatto con un pennarelli della stessa gradazione di colore
7. Lo stesso lavoro viene fatto con pennarelli di colori diversi
8. Lo stesso schema (disegno di colline) viene utilizzato per il percorso con i colori. I bambini
vengono invitati a preparare diverse gradazioni di grigio e a colorare ciascuno spazio con
una gradazione diversa in un ordine progressivo (più chiaro in alto che si scurisce verso il
basso o viceversa)
9. La stessa attività viene proposta con un colore a scelta
10. La stessa attività viene proposta con più colori

Ad ogni passaggio corrisponde una descrizione scritta dell’attività e del risultato ottenuto.

Interessi correlati