Sei sulla pagina 1di 2

IC Folgre da San Gimignano 2012

Curricolo di Storia: classe I


Un anno di scuola.
Il tempo vissuto sicuramente centrale, nella formazione storica e nel processo di acquisizione del senso di s, che porta a definire l'identit personale. La scelta di operare sul passato immediato, su un tempo vissuto insieme, recentemente, ha due vantaggi: il reticolo concettuale che viene attivato e il contesto nel quale viene applicato, con procedure analoghe a quelle della ricerca storica. L'argomento della ricerca un contenitore ampio, costruito su un unico tema; gli organizzatori temporali sono i mezzi per muoversi dentro al contenitore. Il modo di utilizzare gli organizzatori temporali che tengono il filo del lavoro, deciso, insieme ai bambini, secondo la tenuta della classe. Il lavoro articolato per giochi e discussioni e deve essere considerato un rituale piacevole e accattivante. La padronanza del sistema di misurazione del tempo e della sistemazione cronologica dei fatti, costituiscono la condizione per la comprensione delle conoscenze storiografiche. Il sapere cronologico deve essere costruito attraverso tappe successive. Alcune preconoscenze sulla struttura del calendario, costituiscono la base per la prosecuzione delle attivit necessarie a promuovere i processi di comprensione dei modelli temporali. La maggioranza dei bambini conoscono le unit temporali del giorno, della settimana e comprendono l'interdipendenza fra le singole unit di misura. La maggioranza dei bambini conoscono i mesi dell'anno, ricordano i colori-simbolo, usati nella scuola dell'Infanzia e conoscono i mesi, legati agli eventi personali (compleanni) o quelli legati ad eventi particolari: il mese di Babbo Natale, i mesi delle vacanze. Manca, naturalmente, la memoria degli eventi vissuti collettivamente, che sono presenti da Settembre a Giugno. L'uso del cartellone settimanale delle presenze/assenze nella Scuola dell'Infanzia, ha abituato i bambini alla simbolizzazione dei giorni della settimana attraverso i colori. In classe Prima, l'attivit di misurazione del tempo prosegue, con la realizzazione e l'uso del cartellone del mese. Si tratta di una tabella a doppia entrata, dove i simboli relativi a ciascun bambino sono sostituiti dai loro nomi, scritti in stampatello e dove i giorni sono contrassegnati dalle date scritte con i colori che i ragazzi conoscono. Ogni settimana, a turno, i ragazzi disegnano

una pallina blu, per gli alunni presenti e una rossa per gli assenti. In alto collocato il nome del mese, con il relativo colore. Attraverso l'uso sistematico di questo strumento, i bambini si rendono conto che la data costituita da pi elementi ed un importante riferimento temporale che pu indicare un tempo passato, presente e futuro. L'uso di questo strumento aiuta i bambini a comprendere che, mentre la numerazione dei giorni cambia quotidianamente, i nomi dei mesi cambiano dopo tanti giorni, mentre la numerazione dell'anno resta a lungo la stessa. In questo modo i bambini comprendono le differenza numeriche fra le diverse misure considerate. Prima di togliere il cartellone, l'insegnante propone la lettura delle informazioni che, da esso, si possono ricavare e la formalizzazione delle conclusioni che seguono la discussione collettiva. La realizzazione del cartellone delle altezze e la registrazione della situazione all'inizio dell'anno scolastico e alla fine, del giardino. La registrazione degli eventi della classe, sui cartelloni dei mesi, aiuta i bambini a distinguere gli eventi e a rilevare la differenza tra eventi individuali ed eventi collettivi per ricostruire il diario di un anno di scuola. Per una documentazione completa del lavoro svolto con i bambini, si rimanda al PP: http://www.scribd.com/fullscreen/58178963?access_key=key-2ba8jk3v2mlk40xkks60 favorisce l'osservazione e la presa di coscienza dei cambiamenti che avvengono nel tempo, concetto rinforzato dalla osservazione dei cambiamenti stagionali sul melo