Sei sulla pagina 1di 39

Politecnico di Torino

CeTeM

Macchine
3

Esercitazione 3

ESERCITAZIONE 3

Velocit del suono e numero di Mach


Si definisce come velocit del suono la velocit con cui si propagano le piccole
perturbazioni in un fluido comprimibile in quiete. Si pu dimostrare che la velocit del
suono una grandezza locale che dipende solo dalle condizioni del fluido:
cs =

p
S =cos t

La relazione precedente si pu riscrivere, per un gas perfetto, nel modo seguente:


c S = kRT
Il numero di Mach il rapporto tra la velocit della corrente in una sezione e la velocit del
suono nella stessa sezione:
c
Ma =
cS
Propriet totali o di ristagno
Le propriet totali di una corrente sono quelle che la stessa assumerebbe se venisse
decelerata adiabaticamente e reversibilmente fino a velocit nulla, senza scambiare
lavoro. Dalla definizione precedente e dal primo principio della termodinamica in forma
euleriana per sistemi aperti si ricava immediatamente che:
c2
2
Per un gas perfetto, sfruttando il fatto che lo stato locale e quello totale della corrente si
trovano lungo la stessa trasformazione isoentropica, possiamo scrivere le relazioni
seguenti:
i = i +

T
k 1
=1+
Ma 2
T
2
k

p
k 1
k 1
= 1 +
Ma 2
p
2

k 1
k 1
= 1 +
Ma 2

2

Per un valore, invece, si incrementa lentalpia dello stato locale di una quantit pari
allenergia cinetica massica e si leggono i valori che servono sul diagramma di Mollier. Dal
primo principio della termodinamica segue che lentalpia totale si conserva lungo una

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 1 di 4
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
3

Esercitazione 3

trasformazione adiabatica senza scambio di lavoro. Per un gas perfetto questo implica la
costanza anche della temperatura totale, mentre la pressione totale si conserva solo se la
trasformazione reversibile.
Ugelli e diffusori
Un condotto generico a sezione variabile detto ugello se il fluido che lattraversa subisce
una trasformazione di entalpia in energia cinetica, viceversa detto diffusore.
Applicando il primo principio della Termodinamica, trascurando i termini dovuti alla
variazione di energia potenziale gravitazionale e di trascinamento ed ipotizzando una
evoluzione adiabatica (Q=0) si ricava immediatamente:
i = 0

Se si ammette di avere una trasformazione con perdite trascurabili (Lw=0), si pu


determinare la velocit in un generico punto della corrente in funzione del rapporto di
espansione subito tra le condizioni totali ed il punto in esame:
k 1

2k p p k
(3.a
1
k 1 p

Per una generica sezione la portata data da:

Li = vdp + Ec = 0
c =
k
pv = cos t.

2
k +1

k
k
2k
p p
&
m
=

Ac
=
A
p

(3.b
p p
k 1

Lespressione (3.b), essendo valida per ogni sezione dellugello, pu essere utilizzata per
ricavare landamento di A in funzione di p/p, per una data portata m. Si pu verificare
che A(p/p) presenta un minimo, generalmente indicato con Ar. Il rapporto di espansione
corrispondente viene definito rapporto critico di espansione e pu essere espresso dalla
seguente relazione:
k

p c 2 k 1
=

(3.c
po k + 1
Sostituendo la (3.c) nella (3.a) si osserva che la velocit nella sezione ristretta, in
condizioni critiche, pari alla velocit del suono. La portata dellugello nelle stesse
condizioni dipende solamante dallarea della sezione ristretta, dalle condizioni
dellambiente di monte e dalle caratteristiche fluidodinamiche del fluido (k):
k +1

2 k 1
(3.d
m& = Ar p k

k +1
Se si desidera far accelerare ulteriormente lugello, oltre la sezione critica si deve avere
sezione crescente. Questa una caratteristica propria dei fluidi comprimibili.

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 2 di 4
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
3

Esercitazione 3

Progetto di un ugello
Problema: dimensionare un ugello date le condizioni di alimentazione p e , la pressione nella
sezione di uscita pu e la portata m
& .
Procedimento:
q Si calcola la pressione critica con la (3.c);
q Se pu pc lugello sar semplicemente convergente, la sezione di uscita si calcola con
la (3.b);
q Se pu < pc lugello sar convergente- divergente. La sezione ristretta si calcola dalla
(3.b) mentre quella di uscita con la (3.b).

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 3 di 4
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
3

Esercitazione 3
Esercizi proposti

1) Un ugello adiabatico espande 10 kg/s di gas metano (R = 519.6 kJ/kgK, cp = 3894


J/kgK) dalle condizioni iniziali p0 = 6 bar, t0 = 400 C, c0 = 120 m/s. Sapendo che
lugello scarica in un ambiente alla pressione p2 = 2.5 bar, dimensionare le sezioni di
passaggio dellugello e valutare la velocit del fluido nella sezione di uscita.
[A0 = 485.7 cm2; A r = 151 cm2; A u = 162 cm2; cu = 769.6 m/s]
2) Un ugello convergente-divergente espande isoentropicamente aria. Nella sezione di
uscita si misura cu = 700 m/s, Mau = 2.5, pu = 0.5 bar, Au =100 cm2. Sapendo che la
sezione ristretta misura Ar = 38 cm2, calcolare la portata ed i valori di pressione e
temperatura totale a monte dellugello.
[m
& = 6.25 kg/s; po = 8.54 bar; To = 439 K]

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 4 di 4
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
4

Esercitazione 4

ESERCITAZIONE 4

Comportamento degli ugelli fuori progetto

Un ugello semplicemente convergente viene progettato per funzionare in condizioni subcritiche, ovvero con un rapporto di espansione pu/p maggiore di quello critico (3.c).
Qualora invece la pressione di scarico fosse inferiore a quella critica, il comportamento
dell'ugello diverrebbe critico.
Quando un ugello semplicemente convergente diventa critico, nella sezione di uscita Au,
che coincide con Ar, si instaurano le condizioni critiche di pressione, temperatura e
velocit. L'ulteriore espansione, dalla pressione critica alla pressione dell'ambiente di valle,
avviene in modo non guidato con notevole perdita di energia cinetica. Tale fenomeno
prende il nome di post- espansione.
In condizioni critiche la portata raggiunge il valore massimo ammissibile per quell'ugello
(relazione (3.d)), e non pu essere influenzata da ci che accade a valle dello stesso:
questo si pu capire se si pensa che le perturbazioni viaggiano con la velocit del suono e
quindi con velocit relativa alla corrente nulla in condizioni critiche.
Un ugello convergente- divergente, invece, viene progettato per funzionare in condizioni
critiche, ovvero con un rapporto di espansione inferiore a quello critico. In tali condizioni, la
portata data dalla (3.d), ossia quella critica, indipendentemente dalla pressione di valle
p2. Nella condizione di progetto si pu ritenere che l'evoluzione sia isoentropica, pertanto
la portata anche espressa dalla (3.b), in cui si sostituisca p2 al posto di p: uguagliando
tale relazione con la (3.d) si ottiene:

(4.a)

Au

2
k+1
k+1

k
k

2k
2

k 1
p u u = Ar p k

k + 1
k 1
p
p

Dalla precedente equazione si ottengono due soluzioni per il rapporto di espansione, che
sono generalmente indicate con pa/p e pd/p. La prima soluzione il rapporto di
adattamento dell'ugello e rappresenta il valore di progetto, in quanto per essa l'espansione
isoentropica con accelerazione della corrente fino alla sezione di uscita.
La seconda soluzione detta rapporto discriminante e rappresenta la pi alta pressione di
valle per la quale l'ugello funziona ancora in condizioni critiche. Anche in questo caso
l'evoluzione isoentropica ma nel tratto divergente il flusso viene nuovamente rallentato,
con un comportamento tipico del diffusore. Se la pressione di valle superiore a pd
l'evoluzione isoentropica con accelerazione nel tratto convergente e rallentamento nel
divergente, ma le condizioni critiche non vengono raggiunte. Se infine la pressione di valle
compresa tra pa e pd l'evoluzione sar isoentropica e con accelerazione anche per un
tratto del divergente, ma poi un urto ripristiner
le condizioni subsoniche, con
Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 1 di 3
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
4

Esercitazione 4

conseguente dissipazione di energia, dopodich la corrente viene nuovamente decelerata


fino alla sezione di uscita.
Per pressioni dell'ambiente di valle inferiori a quella di adattamento si ha una postespansione come nel caso dell'ugello semplicemente convergente.
Efflusso reale
Per tenere conto che nella realt la trasformazione nell'ugello non sar perfettamente
reversibile ma presenter perdite per resistenze passive si introducono dei coefficienti
sperimentali di riduzione della velocit reale rispetto a quella relativa all'efflusso
isoentropico. Con riferimento al caso delle turbomacchine, le cui palettature fisse e mobili
possono essere considerate come degli ugelli, questi coefficienti di perdita possono
riguardare delle velocit assolute (palettature fisse) o relative (palettature mobili) e sono
definiti dalle seguenti relazioni:
=

c
;
cis

w
.
wis

Calcolo di un ugello fuori progetto.


Problema: dato un ugello con geometria definita, fissate le condizioni totali di monte e la
pressione di valle, valutare la portata m
& e la velocit nella sezione di uscita cu.
Procedimento:
q Si calcola la pressione pc con la (3.c);
q Se pu pc lugello sar sicuramente critico, la portata si valuta con la (3.d) oppure con
la (3.b) calcolata nelle condizioni di adattamento (anche se queste non sono quelle
effettive di funzionamento). Per determinare la velocit di scarico si deve ricorrere al 1
Principio poich non si pu pi ipotizzare unevoluzione completamente isoentropica (ci
potrebbero essere degli urti).
q Se pu> pc per stabilire se lugello critico o no si deve risolvere la (4.a) per determinare
la pressione discriminante.
q Se pu< pd si procede come per pu<pc;
q Se pu pd lugello non sar critico e la trasformazione pu essere considerata
isoentropica: velocit e portata si calcolano con la (3.a) e la (3.b).
NOTA: Per un ugello semplicemente convergente Ar= A u, pertanto risulta che pd= pa= pc .

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 2 di 3
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
4

Esercitazione 4

Esercizi proposti.

1) Un ugello convergente-divergente adiabatico espande aria dallambiente di monte,


dove laria pu essere considerata in quiete, sino allambiente di valle ove regna la
pressione di 1 bar. Nella sezione ristretta, di area pari a 100 cm2 , si ha una pressione
di 3 bar ed una temperatura di 500 K. Infine, nella sezione di uscita si rileva una
temperatura di 350 K. Considerando lespansione nel tratto convergente dellugello
isoentropica, determinare la portata di aria che attraversa lugello, la velocit dellaria
nella sezione di uscita, larea della sezione di uscita e le condizioni (pressione e
temperatura) nellambiente di monte.
[m
& = 9.37 kg/s; po = 5.68 bar; To = 600 K; cu = 708.7 m/s; A u = 132.8 cm2 ]
2) Un ugello diabatico (che scambia calore con lesterno) e con resistenze passive, riceve
20 kg/s di vapore nelle condizioni p0 = 100 bar, t0 = 500 C, c0 = 175 m/s . Le
condizioni del vapore nella sezione di uscita dellugello sono p1 = 20 bar,
t1 = 280
C. Sapendo che durante lespansione il vapore cede alle pareti 100 kcal/s, calcolare la
sezione di uscita dellugello.
[Au = 24.3 cm2]
3) Un ugello De Laval isoentropico progettato per ricevere 10 kg/s di vapore nelle
condizioni p0 = 160 bar, t0 = 500 C, c0 = 150 m/s con pressione allo scarico,
coincidente con quella di adattamento, p2 = 20 bar. Calcolare la portata di vapore che
lo attraverserebbe qualora venisse alimentato nelle condizioni p0 = 50 bar,
t0 = 400
C, c0 trascurabile, nellipotesi che la pressione di scarico venga variata in modo da
mantenerlo adattato. Determinare inoltre il nuovo valore della pressione di scarico.
[m
& = 3.13 kg/s; p 2 = 6.027 bar]
4) Un ugello convergente-divergente espande aria dalle condizioni p0 = 0.25 MPa, T0 =
543 K, c0 trascurabile sino alla pressione p 2 = 0.1 MPa. Lugello ha sezione di uscita Au
= 5.493 cm2 e rapporto di adattamento (p2/po )a = 0.11. Per le condizioni dette calcolare
la portata in massa e la velocit di efflusso.
[m
& = 0.130 kg/s; cu=331.64 m/s]

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 3 di 3
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
5

Esercitazione 5

ESERCITAZIONE 5

Lavoro interno di una turbomacchina.


Il lavoro interno massico di una turbomacchina pu essere determinato noti i triangoli di
velocit che si realizzano all'ingresso e all'uscita della macchina stessa. Infatti applicando
l'equazione del momento della quantit di moto al volume di controllo compreso tra le
sezioni di ingresso e di uscita della girante si ottiene:
Li = u1 c u1 u2 cu 2

(5.a)

Possiamo poi ricavare una formulazione alternativa scrivendo il primo principio della
termodinamica dapprima in un sistema di riferimento fisso, e successivamente in uno
solidale alla girante, per il quale il lavoro interno nullo:

c 2 c12
Li = i 2 i 1 + 2

c12 c22 w12 w22 u12 u22


2
(5.b)

L
=

i
2
2
2
w22 w12 u 22 u12
0 =i 2 i 1 +

2
2
L'ultimo termine nell'equazione (5.b) rappresenta il contributo della variazione di energia
potenziale legata al sistema di riferimento solidale alla girante, che non inerziale.
Applicando il Teorema di Carnot ai triangoli di velocit si pu dimostrare che le formule
(5.a) e (5.b) sono equivalenti.

Grado di reazione
Il grado di reazione un numero compreso tra zero ed uno che indica come si ripartisce il
salto di pressione, e quindi di entalpia, tra la parte fissa e quella mobile di uno stadio di
una turbomacchina. Un grado di reazione nullo indica che il salto di entalpia
completamente elaborato nella parte fissa della macchina, e quindi che la pressione a
monte e a valle della girante la stessa. Una macchina cos costituita detta ad azione.
Se il grado di reazione maggiore di zero la macchina detta a reazione, in essa si ha un
salto di pressione anche a cavallo della girante.
Nell'ambito delle turbine sono due le definizioni pi usate:
(5.c)

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

iis , g
i is, g + i is, d
Pagina 1 di 6
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
5

(5.d)

Esercitazione 5

i g

w22 w12 + u12 u22


R=
=
i c12 c22 + w22 w12 + u12 u22

La (5.c) definisce il grado di reazione vero e proprio, che pi rigoroso ma al tempo


stesso pi difficile da determinare. La (5.d), invece, definisce il grado di reazione
cinematico, il cui pregio fondamentale quello di essere calcolabile direttamente dai
triangoli di velocit. Si tratta per di un parametro meno rigoroso del precedente, poich
per macchine ad azione con palettature mobili non ideali presenta valori leggermente
negativi, che non hanno senso fisico. Nella maggior parte dei casi, comunque, si possono
usare con analoghi risultati entrambe le definizioni.

Turbine assiali

Le espressioni precedentemente calcolate possono essere semplificate nel caso di turbine


assiali, per le quali la velocit di trascinamento u la stessa all'ingresso ed all'uscita della
girante. Si ottiene:
Li = u(cu 1 cu 2 )
c12 c22 w12 w22
Li =

2
2
2
2
w2 w1
R= 2
c1 c22 + w22 w12

Grado di parzializzazione

In una turbina, quando la sezione di passaggio del fluido nel distributore non coincide con
tutta la sezione frontale della girante, si dice che la turbina parzializzata. Il grado di
parzializzazione un numero compreso tra zero ed uno che indica quanta parte della
girante non investita dal fluido motore. Indicando con l'angolo corrispondente alla
frazione di girante non investita, si definisce:

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

2
Pagina 2 di 6
Autore: Mirko Baratta

Macchine

Politecnico di Torino
CeTeM

Esercitazione 5

Turbina semplice ad azione.


Una turbina semplice ad azione una turbina che elabora tutto il salto di entalpia a
disposizione in un distributore (serie di ugelli in parallelo), l'energia cinetica posseduta dal
fluido viene poi elaborata in una girante formata da una singola ruota.
Generalmente tale macchina presenta profilo della girante "simmetrico", ossia gli angoli di
inclinazione delle velocit relative alla girante, all'ingresso ed all'uscita della stessa,
rispetto alla direzione di riferimento , sono supplementari.
Se la palettatura della girante fosse ideale (=1) allora avremmo
w2 = w2 ,is = w1 = w1
e quindi il grado di reazione cinematico sarebbe esattamente zero. Di solito per questo
non realistico, in quanto non si pu prescindere dalle perdite nella girante. In casi come
questo R non pertanto rigoroso.
Per valutare le prestazioni della macchina, come abbiamo visto nella seconda
esercitazione,
si considera il suo rendimento isoentropico, cio si confronta la
trasformazione che la macchina stessa effettua con una trasformazione di riferimento che
quella isoentropica. Dobbiamo per precisare le condizioni di velocit del fluido al
termine della trasformazione di riferimento. Se a valle dello stadio si trova lo scarico della
macchina oppure lo stadio successivo piuttosto distante allora lenergia cinetica alluscita
dello stadio rappresenta una perdita pertanto non pu essere inserita nel termine di
confronto. Ne segue la seguente espressione del rendimento isoentropico:

(5.e)

Li
i i1,is
0
0

Se, invece lenergia cinetica allo scarico viene recuperata come energia di ingresso in uno
stadio successivo, allora conveniente escluderla dalle perdite, adottando la definizione
seguente:

(5.f)

Li

i i1,is
0
0

c 22

Analizzando la variazione delle prestazioni della macchina al variare dei triangoli di


velocit si pu ricavare che il massimo rendimento, definito dalla (5.e), si raggiunge
quando

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 3 di 6
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
5

Esercitazione 5

u cos1
=
c1
2
Riportiamo, infine, la rappresentazione dei triangoli di velocit di uno stadio ad azione
operante con rapporto u/c1 corrispondente al massimo rendimento e con un coefficiente
<1.

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 4 di 6
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
5

Esercitazione 5

Esercizi proposti

1) Una turbina a vapore ad azione monostadio ha le seguenti caratteristiche:


diametro medio della palettatura d = 1m;
lunghezza delle palette del distributore allo spigolo di uscita l1 = 40mm;
grado di parzializzazione = 0.6;
angolo di uscita delle palette del distributore 1 = 20;
angolo di ingresso delle palette della girante 1 = 35;
angolo di uscita delle palette della girante 2 = 145;
coefficiente di perdita nella palettatura fissa = 0.96;
coefficiente di perdita nella palettatura mobile = 0.88;
coefficiente di ingombro delle palette = 0.95;
pressione p 0 = 40 bar;
temperatura t0 = 400 C;
velocita allingresso del distributore c0 trascurabile;
velocit di rotazione n = 6000 giri/min.
Sapendo che la turbina funziona in condizioni di progetto, determinare la potenza interna
dello stadio e tracciare i triangoli di velocit della macchina.
[Pi = 13.83 MW ]
2) Volendo far espandere 159 kg/s di vapore dalle condizioni p 0 = 180 bar, t0 = 530 C, c0
= 0 sino alla pressione di 53 bar in una turbina semplice ad azione, calcolare il
diametro medio e laltezza della palettatura di una macchina con le seguenti
caratteristiche:
angolo di uscita dalla palettatura del distributore 1 = 20;
palettatura mobile simmetrica;
rapporto caratteristico di funzionamento u/c1 = cos 1/2;
velocit di rotazione n = 3000 giri/min;
Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 5 di 6
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
5

Esercitazione 5

coefficiente di perdita nella palettatura fissa = 0.96;


coefficiente di ingombro delle palette = 0.95.
Tracciare inoltre i triangoli di velocit della macchina.
[d = 2.35 m, l1 = 3.8 mm]
3) Con riferimento allesercizio precedente, valutare la pressione finale di scarico a pari
condizioni iniziali in una turbina semplice ad azione aventi le seguenti caratteristiche:
angolo di uscita dalla palettatura del distributore 1 = 20;
diametro medio della palettatura d = 1.4m;
altezza della palettatura l1 = 0.03d;
palettatura mobile simmetrica;
rapporto caratteristico di funzionamento u/c1 = cos 1/2;
velocit di rotazione n = 3000 giri/min;
coefficiente di perdita nella palettatura fissa = 0.96;
coefficiente di perdita nella palettatura mobile = 0.9;
coefficiente di ingombro delle palette = 0.95.
Determinare inoltre il grado di parzializzazione corrispondente ad una portata di 159 kg/s
di vapore.
[p1 = 120 bar; = 0.86]

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 6 di 6
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
6

Esercitazione6

ESERCITAZIONE 6

Turbina ad azione a salti di velocit


Una turbina a salti di velocit una turbina ad azione che elabora tutto il salto di entalpia a
disposizione sempre in un unico distributore, ma lenergia cinetica posseduta dal fluido
viene poi elaborata in una girante formata da due o pi serie di palettature.
Di solito non si usano mai pi di tre schiere di palette mobili. Tra di esse vengono inserite
delle palette fisse (raddrizzatori) allo scopo di orientare correttamente il fluido per essere
opportunamente sfruttato nella schiera mobile successiva.
Analogamente a quanto accade in una turbina semplice ad azione le palettature della
girante sono simmetriche, cos come quella del raddrizzatore:

2 = 1
3 = 2
4 = 3
c1 = c1,is
w2 = w1
c 3 = 'c2
w4 = 'w3

Il rapporto caratteristico che realizza il massimo rendimento per questo tipo di turbina la
met di quello di una turbina semplice ad azione:
u
c1

=
opt .

cos 1
4

Il pregio fondamentale rispetto allo stadio semplice ad azione pertanto quello di


presentare velocit periferiche dimezzate, e quindi diametri dimezzati, fermo restando il
salto di entalpia e l intenzione di lavorare con il massimo rendimento. Infatti ragionando a
parit di portata allo stadio a salti di velocit sar sufficiente un grado di parzializzazione
inferiore rispetto a quello semplice ad azione (a parit di sezione di passaggio), con
notevole vantaggio dal punto di vista delle perdite per effetto ventilante. Non bisogna
dimenticare, per, che ora il vapore attraversa due o pi schiere di palettature in pi
rispetto al caso precedente, e questo vuol dire maggiori perdite quando i coefficienti , ,
, sono inferiori ad uno. Non quindi possibile stabilire in generale quale delle due
macchine sia migliore, ma necessario analizzare caso per caso quali valori assumono le
varie perdite.
Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 1 di 4
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
6

Esercitazione6

Turbina a reazione.
Una turbina a reazione una turbina che elabora parte del salto di entalpia a disposizione
nel distributore e parte nella girante (per =0.5 il salto diviso in parti uguali, e in queste
condizioni anche R praticamente uguale a 0.5).
Per una turbina con R=0.5 si realizzano di solito triangoli di velocit simmetrici, come quelli
rappresentati qui di seguito:

2 = 1
2 = 1
c1 = w2
w1 = c 2

Per quanto riguarda il rendimento, facciamo innanzitutto notare che valgono relazioni
analoghe alle (5.e) e (5.f), dove per il punto 1 is va sostituito con 2is , che il punto sulla
isobara di scarico della girante con la stessa entropia del punto di ingresso nel distributore.
Lenergia cinetica allo scarico deve essere considerata come una perdita quando non
viene recuperata in uno stadio successivo. Il rapporto caratteristico che fornisce il
massimo rendimento u/ c1=cos 1.
Se si considerano i coefficienti di perdita delle palettature uguali ad uno il rendimento lo
stesso dello stadio semplice ad azione. Questa ipotesi non per realistica, quindi
considerando il giusto valore per e si ottengono per uno stadio a reazione rendimenti
maggiori, grazie al fatto che a parit di velocit periferica della girante si hanno velocit
inferiori (vedi rapporto u/ c1 ) e quindi minori perdite per attrito. Inoltre la maggior parte
delle turbine a reazione formata da molti stadi posti in sequenza cos da recuperare
lenergia cinetica di scarico di uno stadio allingresso del successivo. Tuttavia, per via del
ridotto salto di entalpia elaborabile a pari velocit di rotazione e per il fatto di non essere
parzializzabili (la pressione a cavallo della girante non costante), sono impiegate solo
quando la portata in volume considerevole (stadi a bassa pressione).

Palettature svergolate a vortice libero.


Lo studio unidimensionale di uno stadio, cos come stato condotto nei paragrafi
precedenti, accettabile solo quando le pale presentano uno sviluppo radiale molto ridotto
al confronto del diametro medio. Quando le pale sono invece molto sviluppate allora la
velocit periferica alla radice molto diversa da quella allesterno, conseguentemente i
triangoli di velocit saranno diversi e si rende indispensabile uno studio perlomeno
bidimensionale, cio che tenga conto anche della variabilit con r.
Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 2 di 4
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
6

Esercitazione6

Lo svergolamento a vortice libero viene realizzato imponendo che


c a = cos t.
lungo il raggio e nella stessa sezione.
u cu = cos t.
Si pu dimostrare che quando le palettature sono svergolate a vortice libero il lavoro
massico interno non dipende dalla quota radiale, nonostante che cambino i triangoli di
velocit. Inoltre, la pressione assume un andamento radiale tale da compensare leffetto
della forza centrifuga, per cui il flusso non presenta componenti di velocit in senso
radiale.
Il grado di reazione cinematico, invece, varia con il raggio. E possibile dimostrare che se
valgono le relazioni scritte sopra e se il grado di reazione al raggio interno zero, come
solitamente accade, allora vale la formula seguente:
r2
R( r ) = 1 i 2
r

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 3 di 4
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
6

Esercitazione6

Esercizi proposti
1) Calcolare diametro medio e grado di parzializzazione di una turbina a vapore a due
salti di velocit (p0 = 180 bar, t0 = 530 C, c0 = 0), assumendo:
angolo di uscita dalla palettatura del distributore 1 = 20;
altezza della palettatura l1 = 0.03d;
palettatura mobile e raddrizzatore simmetrici;
rapporto caratteristico di funzionamento u/ c1 = cos 1/4;
velocit di rotazione n = 3000 giri/min;
coefficiente di perdita nella I palettatura fissa = 0.96;
coefficiente di perdita nella I palettatura mobile = 0.9;
coefficiente di perdita nella II palettatura fissa = 0.9;
coefficiente di perdita nella II palettatura mobile = 0.9;
coefficiente di ingombro delle palette = 0.95.
Tracciare inoltre i triangoli di velocit.
[d = 0.7m; = 0.46]
2) Una turbina semplice a reazione espande vapore dalle condizioni p0 = 50 bar,
t0 =
350 C, c0 = 0 sino alla pressione p2 = 17 bar. La pressione alluscita del distributore
vale p1 = 30 bar. Assunti = 0.97, = 0.92, 1 = 25, 1 = 90 e w2a = w1 , tracciare i
triangoli di velocit e calcolare il lavoro interno massico della macchina.
[Li = 92.25 kJ/kg]
3) Uno stadio di turbina assiale a vapore con palettature svergolate a votrice libero
presenta le seguenti caratteristiche:
diametro alla radice della palettatura mobile d i = 1 m;
angolo di uscita alla radice della palettatura fissa a 1i = 24;
grado di reazione alla radice Ri = 0;
c2i diretta assialmente ed uguale alla componente assiale di velocit in ingresso;
grado di reazione allestremit Re = 0.65;
velocit di rotazione n = 3000 giri/min;
condizioni del vapore alluscita della girante p2 = 4 bar, t2 = 170C.
Tracciare i triangoli di velocit nella sezione media ed alla radice della palettatura e
valutare la potenza interna dello stadio.
[Pi = 19.84 MW]

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 4 di 4
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
7

Esercitazione 7

ESERCITAZIONE 7

Portata di una turbina.


Una turbina linsieme di una serie di stadi costituiti da palettature fisse e mobili, che
costituiscono in pratica una serie pi o meno lunga di ugelli posti in serie e in paralle-lo.
Landamento della portata che attraversa la turbina, in funzione delle condizioni totali di
monte e del rapporto di espansione, pu essere rappresentato in prima approssimazione
con il seguente diagramma:

Per un rapporto di espansione inferiore a (pk / p0 ) cr la turbina si trover in condizioni


critiche, per le quali la portata dipende solo dalle condizioni di monte:
m& p00 v 00
(7.a)
=
p00
in cui =KA una costante che dipende dalla macchina, dal fluido e dalla sezione di
passaggio quando la turbina parzializzata.
Quando invece il rapporto di espansione superiore a quello critico allora la portata
dipende anche dalla pressione di scarico della turbina. Landamento riportato sul
diagramma approssimabile molto bene da unellisse di equazione

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 1 di 3
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
7

(7.b)

0 0

m& p0 v 0

p00

Esercitazione 7
2

pk pk

p00 p 00 cr
+
=1

p
1 k

p0


0 cr

2

In generale le condizioni di funzionamento della turbina sono tali per cui il comportamento
critico, o comunque molto prossimo alle condizioni di criticit: sar quindi molto spesso
sufficiente adottare la relazione (7.a). Il calcolo della costante va fatto scrivendo la
relazione nelle condizioni di progetto.
Regolazione di una turbina.
Se si vuole regolare (diminuire) la portata che attraversa una turbina occorre variare le
condizioni del vapore, per esempio mediante una laminazione.
La laminazione una trasformazione che avviene in un condotto fisso, quindi a entalpia
costante, nella quale si diminuisce mediante dissipazione di energia il livello di pressione
del vapore che alimenta la turbina. Si pu dimostrare che per tale trasformazione pv=cost,
anche se per il vapore si tratta di unapprossimazione. Indicando con asterisco le
condizioni di progetto:

(7.c)

m&
=
m& *

p00

p00 v 00

p 00 v00

p 00

p 00
p00

Tale regolazione presenta per linconveniente di ridurre il salto di pressione, e quindi di


entalpia, elaborabile nella turbina. Per questo motivo se si deve regolare una turbina ad
azione pu essere notevolmente pi conveniente regolarla variandone il grado di
parzializzazione: in questo caso le condizioni di monte non cambiano e quindi la portata
varia nel rapporto in cui varia la sezione di passaggio:
(7.d)

m&
1
=
*
m&
1 *

Con questo tipo di regolazione si riesce a realizzare ancora un buon rendimento perch il
salto di entalpia a disposizione non viene ridotto.
Se si vuole regolare la portata di una turbina nel senso di aumentarne la potenza (per
esempio per applicazioni navali) necessario intervenire sulle caratteristiche del vapore,
cio fornirlo a pressione maggiore.

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 2 di 3
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
7

Esercitazione 7

Esercizi proposti

1) Una turbina in condizioni di progetto alimentata da 60 kg/s di vapore


(pO =
30 bar, tO = 500 C) e scarica in un condensatore alla pressione di 0.1 bar. Sapendo
che il rendimento interno della macchina = 0.8, valutare la potenza erogata dalla
macchina.
Mediante valvola di laminazione si riduce la pressione di ingresso del vapore a po =
22.5 bar. Valutare la nuova potenza erogata.
[Pi = 55.6 MW; Pi = 40.4 MW]
2) Una turbina in condizioni di progetto alimentata da 100 t/h di vapore
(pO = 50
bar, t O = 450 C). La macchina costituita da una ruota ad azione a salti di velocit
parzializzata ( = 0.2, = 0.7) che espande il vapore sino alla pressione pH = 10 bar e
da una serie di stadi a reazione che continuano lespansione sino a pK = 0.05 bar.
Variando il grado di parzializzazione della ruota ad azione si riduce la portata che
attraversa lintero gruppo. Sapendo che la pressione a valle dello stadio ad azione si
riduce a p H = 5 bar, calcolare la nuova portata ed il nuovo grado di parzializzazione
assumendo pressione pK invariata e =
[m
& = 51.64 t/h; = 0.582]
3) Una turbina in condizioni di progetto alimentata da 100 t/h di vapore
(pO = 10
bar, t O = 400 C). La macchina costituita da una ruota ad azione a salti di velocit
parzializzabile ( = 0; = 0.7) che espande il vapore sino alla pressione p H = 4 bar e
da una serie di stadi a reazione ( = 0.82) che continuano lespansione sino ad una
pressione di scarico pK = 0.05 bar.
Determinare la pressione a valle dello stadio ad azione pH quando il grado di
parzializzazione = 0.3 a parit di condizioni del vapore allammissione e di pressione
allo scarico pK. Calcolare inoltre la presumibile potenza nelle nuove condizioni.
[pH = 2.7 bar; Pi = 15.6 MW]

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 3 di 3
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
8

Esercitazione 8

ESERCITAZIONE 8

Similitudine fluidodinamica.
Due turbomacchine geometricamente simili funzionano in condizioni di similitudine
fluidodinamica quando in ogni punto realizzano dei triangoli di velocit simili e con lo
stesso rapporto di scala delle due macchine. Per esempio, se una macchina grande il
doppio di unaltra, questa funzioner in condizioni fluidodinamicamente simili alla seconda
quando in ogni sezione si avr una velocit del fluido doppia rispetto alla macchina
piccola.
In pratica affinch si abbia tale similitudine sufficiente che si verifichi la similitudine dei
triangoli di velocit in alcune sezioni prese come riferimento. Nella maggior parte dei casi
si assume come sezione di riferimento la sezione di separazione tra la parte mobile e
quella fissa della macchina (ingresso della girante in una turbina ovvero uscita della
girante in un turbocompressore).
E possibile quindi caratterizzare il funzionamento di macchine simili facendo riferimento a
particolari parametri adimensionalizzati i quali non dipendono dai rapporti di scala delle
due macchine ma soltanto dalla loro forma e dalla forma dei triangoli di velocit nella
sezione di riferimento. Tali parametri sono il coefficiente di lavoro, il coefficiente di perdita
e il coefficiente di portata:
Li
u2
2
L
= 2w
u
2
c
= m
u
dove u la velocit con cui si muove la palettatura e cm la componente meridiana della
velocit nella sezione di riferimento (per componente meridiana si intende la componente
responsabile della portata, cio la componente perpendicolare alla sezione di riferimento).
=

Turbocompressori.
I turbocompressori sono delle turbomacchine operatrici il cui scopo prevalentemente
quello di elevare la pressione del fluido. Essi sono costituiti da una girante che incrementa
lenergia cinetica della corrente e da un diffusore che la trasforma in energia di pressione.
Il diffusore pu anche essere non palettato, oppure pu essere addirittura assente nel
caso dei ventilatori, il cui scopo finale lenergia cinetica.
Nella figura seguente rappresentiamo sul diagramma di Gibbs la trasformazione di
compressione, assumendo che lenergia cinetica sia trascurabile (questo pu essere vero
Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 1 di 6
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
8

Esercitazione 8

tra due sezioni a monte e valle dellintera macchina, ma non lo sar senzaltro a cavallo
della girante!):

Lw1, 2 = TdS 10122 0


1

Lis ,c = c p (T2 ,is T1 ) 1'0 1'2 is10


Li , c = c p (T2 T1 ) 1'0 1'220
L pol, c = Li Lw1, 2 > Lis , c

Come si pu apprezzare dal grafico il lavoro reale differisce da quello isoentropico per una
quantit maggiore del lavoro delle resistenze passive. Infatti se consideriamo una
compressione infinitesima fino alla pressione p 1+dp, essa nel caso ideale avrebbe termine
nel punto i, mentre nel caso reale ha termine nel punto r che si trova a temperatura pi
alta, a causa delle resistenze passive. La differenza Tr- Ti la causa del controrecupero,
ossia dellulteriore aumento di lavoro di compressione rispetto al lavoro ideale pi quello
delle resistenze passive, poich il lavoro di compressione risulta a parit di tutto il resto
proporzionale alla T di inizio compressione. Nel lavoro politropico questa differenza non
considerata poich la trasformazione di riferimento una politropica che passa per i punti
1 e 2 della trasformazione reale, quindi anche nel caso ideale la compressione infinitesima
termina in r.

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 2 di 6
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
8

Esercitazione 8

Riportiamo ora le espressioni che si utilizzano per il calcolo del lavoro e dei rendimenti:
m 1

k
Li ,c = c p (T2 T1 ) =
RT1 m 1
k 1

L pol, c = vdp =

m 1

m
RT1 m 1
m 1

Lis ,c = c p ( T2 ,is T1 ) =

k 1
k
RT1 k 1
k 1

y ,c =

Lpol , c
m k 1
=
Li ,c
m 1 k

k 1

is , c

L
k 1
= is , c = m 1
Li ,c
m 1

Notare che il rendimento isoentropico dipende dal fluido e dal rapporto di compressione,
mentre il rendimento politropico non dipende da .
Sulla base della teoria della similitudine fluidodinamica possibile formulare una relazione
analitica che rappresenta la caratteristica di funzionamento di un turbocom-pressore
generico.
Con riferimento alle condizioni comuni di funzionamento di un compressore:
evoluzione adiabatica irreversibile;
velocit del fluido in ingresso puramente assiale ( ovvero cu=0)
si ricava la seguente espressione dipendente solo dallangolo geometrico del bordo di fuga
della girante :
= 2(1 + cot ' ' )
Tale relazione necessita della conoscenza di () per poter essere usata in pratica, e
quindi non comoda. Per tale motivo si preferisce riportare direttamente la caratteristica
& T1/ p1 e il
sperimentale in funzione di parametri pi pratici quali la portata corretta m
numero di giri corretto n/ T1.
REGOLAZIONE Innanzitutto occorre osservare che, rispetto alle turbine, esiste una
maggiore variabilit di condizioni di funzionamento, soprattutto per quanto riguarda la
velocit di rotazione.
Per variare la portata mandata da un turbocompressore esistono i seguenti metodi:
1. variazione del numero di giri;
2. laminazione alla mandata;
3. laminazione allaspirazione;
4. riflusso di parte della mandata sullaspirazione;
5. variazione dellangolo di calettamento delle pale della girante in modo da variare la
componente meridiana della velocit.
I metodi pi facili da realizzare, e quindi i pi usati, sono quelli che prevedono la
laminazione. Nella figura seguente mostrato come si sposta il punto di funzionamento
Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 3 di 6
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
8

Esercitazione 8

&e m
& prima e dopo la
del compressore nei due casi. Ferme restando le portate m
regolazione, si vede che il punto funzionamento quando si lamina allaspirazione si sposta
in A, che lintersezione della caratteristica con la retta che esce dallorigine e passa per
il punto Q, anzich in M.
La laminazione allaspirazione quindi pi conveniente, perch il rapporto di
compressione aumenta di meno e il peggioramento del rendimento inferiore.

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 4 di 6
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
8

Esercitazione 8

Esercizi proposti
1) Un turbocompressore centrifugo monostadio aspira 9000 m3/h di aria nelle condizioni
p1 = 1 bar, t1 = 18 C e manda una portata di 6300 m3 /h con una pressione p2 = 1.7
bar. Trascurando lenergia cinetica allingresso della macchina e le fughe di aria,
determinare la potenza assorbita (m = 0.98) ed il rendimento isoentropico e
politropico della macchina.
[Pass = 169.8 MW; is = 0.861 pol = 0.871]
2) Un compressore centrifugo monostadio ruota alla velocit di 15000 giri/min e comprime
0.8 kg/s di aria dalle condizioni p 1 = 1 bar, t1 = 15C alla pressione
p 2 = 2 bar con un
rendimento politropico pari a 0.8. Calcolare quale pressione di mandata e quale portata
dar lo stesso compressore alla velocit di 20000 giri/min con temperatura allingresso
t 1 = 30C e pressione p1 = 0.9 bar funzionando con stesso cefficiente di portata.
& = 0.912 kg/s; p 2 = 2.67]
[m
3) Valutare la potenza assorbita e la velocit di rotazione di un compressore centrifugo
con girante a palette radiali che comprime 25 kg/s di aria dalle condizioni ambiente (p1
= 1 bar, t1 = 15 C) sino alla pressione di 3 bar, assumendo d = 0.6 m, y = 0.75, =
20.
[n = 11500 giri/min; Pass = 3.9 MW]
4) Si consideri un turbocompressore bistadio in cui ciascuno degli stadi presenti la
caratteristica allegata. Tale caratteristica costruita con riferimento alle condizioni
ambiente p0 = 1 bar e T0 = 300 K coincidenti con le condizioni dalle quali aspira il I
stadio. Il punto di funzionamento del I stadio definito dai seguenti valori:
n
n0

T0
= 110
.
T

&
m

T p0
= 3.5 kg / s
T0 p

Nellipotesi che il II stadio giri alla stessa velocit angolare del I stadio, determinare il
presumibile punto di funzionamento.

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 5 di 6
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
8

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Esercitazione 8

Pagina 6 di 6
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
9

Esercitazione 9

ESERCITAZIONE 9

Impianti motori con turbina a gas


Un impianto motore che realizzi un ciclo Joule composto, nella forma pi semplice, da
tre elementi:
un turbocompressore, che aspira laria ambiente e la comprime sino alla pressione di
esercizio;
un combustore, dove laria compressa viene riscaldata mediante la combustione di un
combustibile iniettato;
una turbina a gas di scarico; che espande i gas combusti fino alla pressione ambiente.
Un impianto come quello descritto sopra a massa variabile, poich per la presenza
delliniezione di combustibile la portata che attraversa la turbina maggiore di quella
transitata nel compressore. Per fare riferimento a valori massici relativi allimpianto occorre
quindi specificare una portata di riferimento, che in genere coincide con quella di aria m
& a.
Indicando con m
& b la portata di combustibile, si definisce un rapporto chiamato dosatura
() nel modo seguente:
m& a
1+
m& g = m& a + m& b = m& a
m& b

con mg viene indicata la portata di gas combusti che attraversa il turboespansore. Il


coefficiente (1+)/ un numero leggermente superiore ad uno che pu essere in prima
approssimazione trascurato, qualora non fosse possibile la determinazione della dosatura,
considerati i valori che la stessa comunemente assume (5070).
Per il calcolo della potenza utile dellimpianto esistono due alternative, a seconda dei dati
a disposizione.
1. Sono noti i rendimenti meccanici delle due macchine. In questo caso un semplice
bilancio allalbero dellimpianto ci consente di scrivere:
1
Pu = m , t (m& a + m& b )Lt
m& L
(9.a)
m ,c a i , c
=

Daltra parte possiamo definire un valore massico corrispondente, rispetto alla portata
di riferimento:
(9.b)
Pu = m& a Lu
e, dal confronto delle due relazioni precedenti si ricava che
L
1+
(9.c)
Lu =
m ,t Li , t i , c

m , c
2. noto un rendimento organico che comprende le perdite meccaniche delle due
macchine, ed eventualmente di potenze assorbite dagli accessori quali le pompe di
lubrificazione. In questo caso si ha:

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 1 di 5
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
9

Esercitazione 9

Pu = o Pi = o m& a Li
(9.d)
1+
Li =
L Li , c
i ,t
I lavori di espansione e compressione sono in entrambi i casi riferiti a portate diverse. Essi
possono essere espressi in funzione del rapporto di compressione , utilizzando il
rendimento isoentropico oppure quello politropico:
k 1
1 k
RT1 c k 1
c k 1

k 1 1
k

Li ,c =
RT1 c k y ,c 1
k 1

k'
1
Li ,t = t
R ' T 3 1 k ' 1
k ' 1

t k '

Li ,c =

k'
1
Li ,t =
R' T3 1 k ' 1
y ,t
k ' 1

t k '

Nelle formule precedenti c e t sono i rendimenti isoentropici, y,c ed y,t quelli politropici,
le grandezze senza apice sono le propriet dellaria ambiente, quelle con apice sono le
propriet dei gas combusti. E anche da sottolineare che il rapporto di espansione della
turbina t leggermente inferiore al rapporto di compressione del compressore c , a causa
della perdita di pressione nel combustore. Tale perdita viene conteggiata in un opportuno
coefficiente chiamato rendimento pneumatico del combustore e definito cos:
p
(9.e)
,b = 3
p2
dove p 3 la pressione di ingresso in turbina mentre p2 quella di uscita del compressore.
Naturalmente t =,b *c .
Il rendimento globale dellimpianto dato dal rapporto tra leffetto ottenuto (potenza utile) e
la spesa effettuata per ottenerlo (il combustibile, con potere calorifico inferiore Hi ), cio
Pu
P Q&1 Pi
(9.f)
g =
= u
= ob
m& b H i Pi m& b H i Q& 1
Il rendimento globale dipende quindi da tre rendimenti: il rendimento organico, il
rendimento del combustore (per via della sua non perfetta adiabaticit il calore ceduto ai
gas combusti minore di quello risultante dalla combustione) ed il rendimento
termodinamico del ciclo.
Dal bilancio termico del combustore possibile determinare la dosatura , dalla quale
dipende il consumo orario di combustibile:
(9.g)

Q& 1 = b m& b Hi = m& b (1 + )c p ' (T3 T2 ) = b

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Hi
1
c p ' ( T3 T2 )

Pagina 2 di 5
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
9

Esercitazione 9

REGOLAZIONE Il punto di funzionamento di un impianto turbogas dato


dallintersezione della caratteristica interna del compressore con quella esterna della
turbina, che dal punto di vista del compressore rappresenta l esterno, vale a dire
lambiente di mandata.
Nellipotesi di funzionamento critico della
turbina la caratteristica della turbina sulla
mappa del compressore rappresentata
da una retta, in quanto
p3
R' T3
La pendenza di questa retta dipende
dalla temperatura di ammissione e dal
grado di parzializzazione della turbina,
se di tipo ad azione.
Come si pu capire facilmente, dato che
la pressione di valle della turbina fissa,
esister un rapporto di compressione
c,t.cr. al di sotto del quale la turbina non
sar pi critica.
La regolazione degli impianti turbogas avviene spostando il punto di funzionamento sulla
mappa del compressore in uno dei seguenti modi:
1. Variazione di T3 variando la portata di combustibile, oppure parzializzazione della
turbina: si cambia la pendenza della retta.
2. Laminazione sullaspirazione del compressore: in questo caso se la turbina rimane
critica il punto di funzionamento non cambia, per la portata sar diversa perch
cambiano le condizioni di riferimento per il calcolo della portata corretta.
3. Variazione del numero di giri del compressore: in questo caso occorre separare i due
alberi perch di solito la turbina ha una velocit di rotazione fissata. Per evitare di
installare motori elettrici di grande potenza si preferisce suddividere il salto disponibile
tra due turbine, una delle quali serve a trascinare il compressore (turbina generatrice di
gas) e laltra a generare leffetto utile (turbina di potenza).
(9.h)

m& g =

RAPPRESENTAZIONE SUL DIAGRAMMA DI GIBBS Il ciclo reale di un impianto


turbogas viene rappresentato sul diagramma di Gibbs, in quanto entalpia e temperatura
sono direttamente proporzionali.
Come si pu evincere dalla figura sotto la differenza tra il lavoro isoentropico e quello
interno maggiore del lavoro delle forze di attrito di una quantit che viene detta recupero.
La spiegazione del recupero analoga a quella del controrecupero: leffetto in questo
caso positivo poich il riscaldamento conseguente al calore derivante dallattrito esalta la
tendenza del gas ad espandersi. La presenza del recupero fa s che per la turbina il
rendimento isoentropico sia maggiore di quello politropico.

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 3 di 5
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
9

Esercitazione 9

Lt 4 0 43'3'0

Lt ,is 30 4 is 3'3'0
Lt , is Lt = Lw Lrec
Lrec 4 is 34

Lw 30 3440

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 4 di 5
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
9

Esercitazione 9

Esercizi proposti
1) Un impianto di turbina a gas a ciclo semplice aperto funziona con le seguenti
caratteristiche:
p1 = 1bar
t = 0.88

T1 = 300 K
b = 1

c = 8
b = 0.93

T3 = 1000 K yc = 0.85
o = 0.97
Hi = 42.7 MJ/kg

Calcolare la portata di aria necessaria per una potenza utile di 10 MW ed il rendimento


globale dellimpianto (cp = 1046.5 J/kgK, cp = 1130.2 J/kgK, R = 287.2 J/kgK, R =
288.8 J/kgK).
Supponendo di ridurre per laminazione la pressione alla bocca di aspirazione del
compressore al valore di 0.7 bar, mantenendo invariato il rapporto di compressione e la
temperatura allingresso della turbina, calcolare la nuova potenza ed il nuovo
rendimento globale dellimpianto supponendo invariati i vari rendimenti.
[m
& = 90.4 kg/s; g = 0.218; Pu = 5.05 MW; g = 0.11]
2) Un impianto di turbina a gas a ciclo semplice aperto funziona con le seguenti
caratteristiche:
p1 = 760 mmHg T1 = 20 C c = 8
T3 = 1200 K c = 0.83
yt = 0.85
b = 0.98 b = 0.97
o = 0.96
Hi = 42.7 MJ/kg
Sapendo che limpianto elabora una portata di aria di 40 kg/s, determinare il
rendimento globale e la potenza utile nelle suddette condizioni. Determinare inoltre di
quando si riducano percentualmente qualora limpianto venga regolato (a velocit di
rotazione costante) in modo tale che la temperatura massima scenda a T3 = 1100 K (si
ipotizzi che il turboespansore si mantenga critico e che la caratteristica del
turbocompressore nellintorno del punto di funzionamento nominale sia approssimabile
con una retta di equazione c = 8 20(x 1) con x = m
& / m
& ).
[g = 0.272; Pu = 8.2 MW; g = 0.259; Pu = 6.7 MW; g = 5.69 %;
Pu =
18.96 %]

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 5 di 5
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
10

Esercirtazione 10

ESERCITAZIONE 10

Macchine idrauliche.
Per una macchina idraulica le espressioni fondamentali della conservazione dellenergia e
della portata in massa si possono riscrivere tenendo presente che il fluido in esame si pu
considerare incomprimibile e che i fenomeni termici hanno secondaria importanza: lunica
forma interessante dellequazione dellenergia quella in forma meccanica:
p
(10.a)
Li =
+ E c + E g + ( E ) + Lw

nella quale il segno - si riferisce alla convenzione delle macchine motrici mentre il + si
riferisce alla convenzione delle macchine motrici.
In analogia allentalpia totale nellambito delle macchine idrauliche possibile definire l
altezza totale o carico totale H:
p c2
0
(10.b)
H = z+ +
2g
TURBINE Una turbina idraulica sfrutta lenergia posseduta dallacqua in ingresso per
convertirla in lavoro meccanico. Di solito tale energia proviene dal dislivello esistente tra
due serbatoi. Indichiamo con a e b le condizioni dellacqua nei serbatoi, con 1 quelle
allingresso della macchina e con 2 quelle allo scarico. Applicando lequazione (10.a)
prima tra a e b e poi tra 1 e 2, tenuto conto della definizione (10.b), otteniamo:
Li = g ( H a0 H b0 ) Lw = gH d Lw
(10.c)
Li = g ( H 10 H 20 ) Lw ,t = gH u Lw, t
dove Hd il carico totale o disponibile ed praticamente uguale alla differenza di quota, Hu
il carico utile, Lw rappresenta le perdite nel loro complesso (macchina + tubazioni)
mentre Lw,t rappresenta le perdite solo nella macchina. Le perdite nei condotti in regime
turbolento pienamente sviluppato si possono assumere come proporzionali al quadrato
della portata.
Dalla (10.c) si ricava lespressione del rendimento idraulico:
Li
L
(10.d)
y =
= i
Li + Lw ,t gH u
Per il calcolo della potenza utile fornita dalla macchina bisogna tenere presente le perdite
di natura meccanica e volumetrica (portata che sfugge) per cui abbiamo:
(10.e)
Pu = ovyQH u
in cui o il rendimento organico, v quello volumetrico ed y quello idraulico. Il prodotto
dei tre rendimenti rappresenta il rendimento globale della macchina e si indica con t.

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 1 di 5
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
10

Esercirtazione 10

POMPE Le pompe assorbono energia meccanica da un albero e la trasferiscono al


fluido: tale energia pu servire ad elevare la quota del liquido oppure a vincere le
resistenze dovute allattrito nel caso di un circuito, nel quale i punti a e b coincidono.
Ripercorrendo le definizioni viste nel caso delle turbine, adottando la convenzione delle
macchine operatrici e tenendo presente che lattrito fa aumentare il lavoro assorbito
rispetto al caso ideale otteniamo le relazioni seguenti:
Li = g ( H b0 H a0 ) + Lw = gH t + Lw
Li = g ( H 20 H10 ) + Lw, p = gH u + Lw , p
Li =

1
gH u
y

Pass =

1
QH u
ovy

Ht viene detta prevalenza totale, Hu la prevalenza manometrica. Anche in questo caso


possiamo unire leffetto dei tre rendimenti in un rendimento globale della pompa p.
SIMILITUDINE FLUIDODINAMICA Due macchine idrauliche geometricamente simili
saranno anche fluidodinamicamente simili se sussiste anche la similitudine tra i triangoli di
velocit nelle sezioni di interesse. Per questo tipo di macchine grazie al fatto che il fluido
incomprimibile il concetto di similitudine risulta di facile applicazione e fornisce eccellenti
risultati, rispetto a quelli ottenuti nel caso di fluidi comprimibili.
In condizioni di similitudine fluidodinamica il lavoro interno risulta proporzionale al quadrato
della velocit periferica u, e lo stesso si pu dire per il lavoro degli attriti grazie alla
similitudine geometrica (che significa scabrezza relativa circa uguale) e trascurando
linfluenza del numero di Reynolds (regime turbolento pienamente sviluppato). Da quanto
detto segue che due macchine che lavorano in similitudine fluidodinamica presentano lo
stesso rendimento idraulico.
Riportiamo ora alcuni parametri rappresentativi del funzionamento delle macchine
idrauliche, che risultano uguali in condizioni di similitudine:
Numero di giri specifico:

nS = n

D
Hu

Portata specifica:

QS = Q

1
D Hu

Numero di giri caratteristico:

nc = n

Pu
5

3.65n

Q
3

Hu 4
Hu 4
Nelle relazioni precedenti la potenza va espressa in CV. Il parametro pi importante
senzaltro il numero di giri caratteristico in quanto non contiene le dimensioni della
macchina e pu essere utilizzato in sede di progetto. Esso circa lo stesso per una
famiglia di macchine ed individua le condizioni di massimo rendimento. In sede di progetto
Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 2 di 5
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
10

Esercirtazione 10

si calcola il numero di giri caratteristico con i dati di progetto e poi si sceglie la famiglia di
macchine che pi si avvicina al valore trovato. In generale si pu dire che ad nc bassi
corrispondono macchine radiali, per nc crescente (a parit di potenza significa avere
maggiori portate e minori prevalenze) si passa gradualmente a macchine miste e infine
assiali.
Il concetto di similitudine fluidodinamica viene anche utilizzato per studiare le condizioni di
fuori progetto: considerando infatti due punti in similitudine dalluguaglianza di nS e QS si
evince che
H u n2
Qn
Le prestazioni della macchina possono
essere rappresentate su una caratteristica
manometrica come quella riportata qui a
fianco. Su tale caratteristica sono riportate
delle curve isorendimento che assomigliano
a delle parabole nella parte centrale ma si
uniscono agli estremi del campo di utilizzo:
questo dovuto ai limiti della teoria
unidimensionale e al fatto che di solito si
rappresenta il rendimento della macchina nel
suo complesso anzich quello idraulico.
CAVITAZIONE Il fenomeno della
cavitazione si verifica quando in un punto
della macchina la pressione assoluta diventa
minore della tensione di vapore. In tali condizioni nel liquido si cominciano a formare bolle
di vapore che poi imploderanno rapidamente non appena la pressione torner a valori
maggiori. Limplosione delle bolle genera dei picchi di pressione elevatissimi che possono
danneggiare localmente la superficie delle palettature della macchina, favorendo
laccentuarsi del fenomeno che pu cos danneggiare gravemente la macchina in un breve
periodo.
Il punto pi critico per la cavitazione si trova nei pressi del bordo della palettatura della
girante a pressione pi bassa (bordo di ingresso per una pompa, bordo di fuga per una
turbina). Essendo difficoltoso determinare la pressione in tale punto interno alla macchina
si preferisce fare riferimento alle condizioni del liquido nella sezione prossima alla girante
ma esterna alla macchina. Si definisce cos un parametro chiamato NPSHmin che
rappresenta il minimo valore del carico necessario garantire nella sezione di riferimento
affinch nel punto incriminato non si abbia cavitazione (pressione assoluta minore della
tensione di vapore p v ).
La disuguaglianza da verificare la seguente:
2
prif p v crif
(10.f)
+
NPSH min

2g
Per una pompa, ad esempio, che aspiri da un serbatoio alla pressione pa:
Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 3 di 5
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
10

Esercirtazione 10

pa
p
c2
p
( z1 z a ) Yc = 1 + 1 NPSH min + v

2g

dalla relazione precedente scaturisce un limite allestensione in altezza della tubazione


aspirante, oltre il quale necessario ricorrere a pompe sommerse.

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 4 di 5
Autore: Mirko Baratta

Politecnico di Torino
CeTeM

Macchine
10

Esercirtazione 10

Esercizi proposti
1) Una pompa centrifuga presenta le seguenti caratteristiche: Q = 150 l/s, ca2/u2 = 0.3, 2
= 135, u2 = 40 m/s, n = 2500 giri/min, cu1 = 0.
Assumendo m = 0.95, v = 0.94, y = 0.85 e = 0.96, calcolare la prevalenza, la
potenza, il numero di giri caratteristico ed il rapporto l2 /d2 della macchina.
[Hu = 97.05 m; Pass = 188.1 kW; nc = 114.3 giri/min; l2/d2 = 0.044]
2) Una turbopompa presenta a
2500 giri/mini la caratteristica
allegata. Essa pompa tra due
serbatoi a pelo libero con un
dislivello di 15 m. Calcolare a
quale velocit dovr ruotare
la pompa perch la portata si
annulli. Calcolare inoltre a
tale velocit la portata che la
pompa sarebbe in grado di
mandare con Hu = 10 m.
[n = 1602.5 giri/min;
Q
3
= 328.54 m /h]

3) Una pompa centrifuga monostadio deve far circolare 80 l/s di acqua in un circuito che
richiede una prevalenza di 20 m. La pompa prescelta ha un diametro della bocca di
aspirazione di 18 cm e funziona a 1600 giri/min con un rendimento
y = 0.8.
Calcolare la potenza assorbita dalla pompa (m = 0.97) ed il numero di giri
caratteristico. Sapendo inoltre che la temperatura dellacqua di aspirazione di 41.5 C
(pv = 0.08 bar) e che, per le condizioni di funzionamento richieste, il costruttorefornisce
NPSHmin = 6.5 m, calcolare la pressione minima allingresso della pompa affinch
questa non caviti.
[Pass = 20.2 kW; nc = 198.35 giri/min; p 1,min = 0.668 bar]
4) Una turbina Francis avente y = 0.88 fornisce una potenza utile di 18.5 MW con una
portata di 20 m3/s; la velocit periferica al raggio esterno della girante vale u1 = 30
m/s, langolo 1 = 30, c2 assiale, coefficiente di perdita nel distributore
= 0.95.
Supponendo trascurabili le perdite di carico nella condotta forzata, calcolare la
pressione p 1 alluscita dal distributore, sapendo che tale sezione posta a 100 m sotto
il livello del bacino di monte. Determinare inoltre il salto utile Hu.
[p1 = 3.34 bar; Hu = 110.51 m]

Politecnico di Torino
Data ultima revisione 27/06/00

Pagina 5 di 5
Autore: Mirko Baratta

DITEC

PROPRIETA TERMODINAMICHE DELLACQUA (liquido e vapore) ALLA SATURAZIONE


p

bar

Volume specifico m3/kg


vl

vv

Entalpia kJ/kg
hl

Energia interna kJ/kg

hv

ul

uv

Entropia kJ/kg K
sl

r/T

TAB. 2B
p

sv

bar

0.006 02
0.006 11
0.010
0.020
0.030

0
0.01
6.98
17.51
24.10

0.001 000 2
0.001 000 2
0.001 000 1
0.001 001 2
0.001 002 7

206.298 7
206.162 9
129.210 7
67.011 6
45.670 0

-0.0
+0.0
29.3
73.5
101.0

2501.6
2501.6
2485.0
2460.2
2444.6

2501.6
2501.6
2514.4
2533.6
2545.6

-0.0
0
29.3
73.5
101.0

2375.6
2375.6
2385.2
2399.6
2408.6

-0.0
0
0.1060
0.2606
0.3543

9.1578
9.1575
8.8706
8.4640
8.2242

9.1578
9.1575
8.9767
8.7246
8.5785

0.006 02
0.006 11
0.010
0.020
0.030

0.040
0.050
0.060
0.070
0.080
0.090

28.98
32.90
36.18
39.03
41.54
43.79

0.001 004 0
0.001 005 2
0.001 006 4
0.001 007 4
0.001 008 4
0.001 009 4

34.803 3
28.194 5
23.740 6
20.530 4
18.103 8
16.203 4

121.4
137.8
151.5
163.4
173.9
183.3

2433.1
2423.8
2416.0
2409.2
2403.2
2397.9

2554.5
2561.6
2567.5
2572.6
2577.1
2581.1

121.4
137.8
151.5
163.4
173.9
183.3

2415.3
2420.6
2425.1
2428.9
2432.3
2435.3

0.4225
0.4763
0.5209
0.5591
0.5926
0.6224

8.0530
7.9197
7.8103
7.7176
7.6370
7.5657

8.4755
8.3960
8.3312
8.2767
8.2295
8.1881

0.040
0.050
0.060
0.070
0.080
0.090

0.10
0.15
0.20
0.25
0.30
0.35
0.40
0.45

45.83
54.00
60.09
64.99
69.13
72.71
75.89
78.74

0.001 010 2
0.001 014 0
0.001 017 2
0.001 019 9
0.001 022 3
0.001 024 5
0.001 026 5
0.001 028 4

14.673 7
10.022 1
7.649 2
6.204 0
5.229 0
4.525 5
3.993 2
3.576 1

191.8
226.0
251.5
272.0
289.3
304.3
317.7
329.6

2392.9
2373.2
2358.4
2346.4
2336.1
2327.2
2319.2
2312.0

2584.8
2599.2
2609.9
2618.3
2625.4
2631.5
2636.9
2641.7

191.8
226.0
251.5
272.0
289.6
304.3
317.7
329.6

2438.1
2448.9
2456.9
2463.2
2468.2
2473.1
2477.2
2480.8

0.6493
0.7549
0.8321
0.8933
0.9441
0.9878
1.0261
1.0603

7.5018
7.2544
7.0773
6.9390
6.8254
6.7288
6.6448
6.5703

8.1511
8.0093
7.9094
7.8323
7.7695
7.7166
7.6709
7.6306

0.10
0.15
0.20
0.25
0.30
0.35
0.40
0.45

0.50
0.60
0.70
0.80
0.90

81.35
85.95
89.96
93.51
96.71

0.001 030 1
0.001 033 3
0.001 036 1
0.001 038 7
0.001 041 2

3.240 1
2.731 7
2.364 7
2.086 9
1.869 1

340.6
359.9
376.8
391.7
405.2

2305.4
2293.6
2283.3
2274.0
2265.6

2646.0
2653.6
2660.1
2665.8
2670.9

340.5
359.8
376.3
391.6
405.1

2484.0
2489.7
2494.6
2498.8
2502.7

1.0912
1.1455
1.1921
1.2330
1.2696

6.5035
6.3872
6.2883
6.2022
6.1258

7.5947
7.5327
7.4804
7.4352
7.3954

0.50
0.60
0.70
0.80
0.90

1.00
1.013 25
1.20
1.40
1.60
1.80

99.63
100.00
104.81
109.32
113.32
116.93

0.001 043 4
0.001 043 7
0.001 047 6
0.001 051 3
0.001 054 7
0.001 057 9

1.693 7
1.673 0
1.428 1
1.236 3
1.091 1
0.977 18

417.5
419.1
439.4
458.4
475.4
490.7

2257.9
2256.9
2244.1
2231.9
2220.9
2210.8

2675.4
2676.0
2683.4
2690.3
2696.2
2701.5

417.4
419.0
439.3
458.3
475.2
490.5

2506.0
2506.5
2512.0
2517.2
2521.6
2525.6

1.3027
1.3069
1.3609
1.4109
1.4550
1.4944

6.0571
6.0485
5.9375
5.8356
5.7467
5.6677

7.3598
7.3554
7.2984
7.2465
7.2017
7.1622

1.00
1.013 25
1.20
1.40
1.60
1.80

2.00
2.50
3.00
3.50
4.00
4.50

120.23
127.43
133.54
138.88
143.63
147.92

0.001 060 8
0.001 067 6
0.001 073 5
0.001 078 9
0.001 083 9
0.001 088 5

0.885 40
0.718 40
0.605 53
0.523 97
0.462 20
0.413 73

504.7
535.4
561.4
584.3
604.7
623.2

2201.6
2181.0
2163.2
2147.3
2132.9
2119.7

2706.3
2716.4
2724.7
2731.6
2737.6
2742.9

504.5
535.1
561.1
583.9
604.3
622.7

2529.2
2536.8
2543.0
2548.2
2552.7
2556.7

1.5301
1.6072
1.6717
1.7273
1.7764
1.8204

5.5967
5.4448
5.3192
5.2118
5.1179
5.0342

7.1268
7.0520
6.9909
6.9392
6.8943
6.8547

2.00
2.50
3.00
3.50
4.00
4.50

5.00
6.00
7.00
8.00
9.00

151.85
158.84
164.96
170.41
175.36

0.001 092 8
0.001 100 9
0.001 108 2
0.001 115 0
0.001 121 3

0.374 66
0.315 46
0.272 68
0.240 26
0.214 82

640.1
670.4
697.1
720.9
742.6

2107.4
2085.0
2064.9
2046.5
2029.5

2747.5
2755.5
2762.0
2767.5
2772.1

639.6
669.7
696.3
720.0
741.6

2560.2
2566.2
2571.1
2575.3
2578.8

1.8604
1.9308
1.9918
2.0457
2.0941

4.9588
4.8267
4.7134
4.6139
4.5251

6.8192
6.7575
6.7052
6.6596
6.6192

5.00
6.00
7.00
8.00
9.00

10.00
11.00
12.00
13.00
14.00

179.88
184.06
187.96
191.60
195.04

0.001 127 4
0.001 133 1
0.001 138 6
0.001 143 8
0.001 148 9

0.194 30
0.177 39
0.163 21
0.151 14
0.140 73

762.6
781.1
798.4
814.7
830.1

2013.6
1991.6
1984.3
1970.7
1957.7

2776.2
2779.7
2782.7
2785.4
2787.8

761.5
779.9
797.0
813.2
828.5

2581.9
2584.6
2586.8
2588.9
2590.8

2.1382
2.1786
2.2160
2.2509
2.2836

4.4447
4.3712
4.3034
4.2404
4.1815

6.5828
6.5498
6.5194
6.4913
6.4651

10.00
11.00
12.00
13.00
14.00

15.00
16.00
17.00
18.00
19.00

198.28
201.37
204.30
207.11
209.79

0.001 153 8
0.001 158 6
0.001 163 3
0.001 167 8
0.001 172 3

0.131 67
0.123 70
0.116 64
0.110 33
0.104 67

844.6
858.5
871.8
884.5
896.8

1945.3
1933.2
1921.6
1910.3
1899.3

2789.9
2791.7
2793.4
2794.8
2796.1

842.7
856.6
869.8
882.4
894.6

2592.4
2593.8
2595.1
2596.2
2597.2

2.3144
2.3436
2.3712
2.3976
2.4227

4.1262
4.0740
4.0246
3.9776
3.9327

6.4406
6.4176
6.3958
6.3751
6.3555

15.00
16.00
17.00
18.00
19.00

20.00
25.00
30.00
35.00
40.00
45.00

212.37
223.94
233.84
242.54
250.33
257.41

0.001 176 6
0.001 197 2
0.001 216 3
0.001 234 5
0.001 252 1
0.001 269 1

0.099 549
0.079 915
0.066 632
0.057 028
0.049 749
0.044 035

908.6
961.9
1008.3
1049.7
1087.4
1122.1

1888.7
1839.0
1794.0
1752.2
1712.9
1675.6

2797.2
2800.9
2802.3
2802.0
2800.3
2797.7

906.2
958.9
1004.7
1045.4
1082.4
1116.4

2598.1
2601.1
2602.4
2602.4
2601.3
2599.5

2.4468
2.5542
2.6455
2.7252
2.7965
2.8612

3.8899
3.6994
3.5383
3.3976
3.2720
3.1579

6.3367
6.2537
6.1838
6.1229
6.0685
6.0191

20.00
25.00
30.00
35.00
40.00
45.00

50.00
55.00
60.00
65.00
70.00

263.92
269.94
275.56
280.83
285.80

0.001 285 8
0.001 302 3
0.001 318 7
0.001 335 0
0.001 351 4

0.039 425
0.035 624
0.032 433
0.029 714
0.027 368

1154.5
1184.9
1213.7
1241.2
1267.5

1639.7
1605.0
1571.3
1538.3
1506.0

2794.2
2789.9
2785.0
2779.5
2773.4

1148.1
1177.7
1205.8
1232.5
1258.0

2597.1
2594.0
2590.4
2586.4
2581.8

2.9207
2.9758
3.0274
3.0760
3.1220

3.0528
2.9551
2.8633
2.7766
2.6941

5.9735
5.9309
5.8907
5.8526
5.8161

50.00
55.00
60.00
65.00
70.00

75.00
80.00
85.00
90.00
95.00

290.51
294.98
299.24
303.31
307.22

0.001 367 8
0.001 384 3
0.001 401 0
0.001 417 9
0.001 435 1

0.025 323
0.023 521
0.021 923
0.020 493
0.019 206

1292.7
1317.2
1340.8
1363.8
1386.2

1474.1
1442.7
1411.6
1380.8
1350.2

2766.9
2759.9
2752.4
2744.6
2736.3

1282.4
1306.1
1328.9
1351.0
1372.6

2577.0
2571.7
2566.1
2560.2
2553.8

3.1658
3.2077
3.2480
3.2867
3.3242

2.6152
2.5393
2.4661
2.3952
2.3264

5.7810
5.7470
5.7141
5.6820
5.6506

75.00
80.00
85.00
90.00
95.00

100.00
110.00
120.00
130.00
140.00

310.96
318.04
324.64
330.81
336.63

0.001 452 6
0.001 488 7
0.001 526 7
0.001 567 1
0.001 610 5

0.018 041
0.016 007
0.014 285
0.012 800
0.011 498

1408.1
1450.6
1491.7
1531.9
1571.5

1319.7
1258.8
1197.5
1135.1
1070.9

2727.7
2709.3
2689.2
2667.0
2642.4

1393.6
1434.2
1473.4
1511.5
1549.0

2547.3
2533.2
2517.8
2500.6
2481.4

3.3606
3.4304
3.4971
3.5614
3.6241

2.2592
2.1292
2.0032
1.8795
1.7564

5.6198
5.5596
5.5003
5.4409
5.3804

100.00
110.00
120.00
130.00
140.00

150.00
160.00
170.00
180.00
190.00

342.12
347.32
352.26
356.96
361.44

0.001 657 8
0.001 710 2
0.001 769 5
0.001 839 9
0.001 926 2

0.010 343
0.009 309 9
0.008 372 1
0.007 497 3
0.006 675 9

1610.9
1650.4
1691.6
1734.8
1778.7

1004.2
934.5
860.0
779.0
691.8

2615.1
2584.9
2551.6
2513.9
2470.5

1586.0
1623.0
1661.5
1701.7
1742.1

2460.0
2435.9
2409.3
2378.9
2343.7

3.6857
3.7470
3.8106
3.8766
3.9430

1.6323
1.5063
1.3749
1.2362
1.0900

5.3180
5.2533
5.1856
5.1127
5.0330

150.00
160.00
170.00
180.00
190.00

200.00
210.00
220.00

365.71
369.79
373.78

0.002 037 4
0.002 201 8
0.002 667 5

0.005 874 5
0.005 022 5
0.003 734 7

1826.6
1886.3
2010.3

591.6
461.2
186.3

2418.2
2347.5
2196.6

1785.9
1840.1
1951.6

2300.7
2242.0
2144.4

4.0151
4.1040
4.2934

0.9259
0.7172
0.2881

4.9410
4.8222
4.5814

200.00
210.00
220.00

221.20

374.15

0.003 170 0

0.003 170 0

2107.4

2107.4

2037.1

2037.3

4.4429

4.4429

221.20

PROPRIETA TERMODINAMICHE DELLACQUA - VAPORE SURRISCALDATO

DITEC

TAB. 3A

Volume specifico v, m3/kg; Entalpia h, kJ/kg; Entropia s, kJ/kg K

Pressione bar
(temp. sat.C)

100

150

0.02
(17.5)

v
h
s

74.524
2594.4
8.9226

50

86.080
2688.5
9.1934

97.628
2783.7
9.4327

109.171
2880.0
9.6479

200

120.711
2977.7
9.8441

250

132.251
3076.8
10.0251

300

143.790
3177.7
10.1934

155.329
3279.7
10.3512

178.405
3489.2
10.6413

201.482
3705.6
10.9044

224.558
3928.8
11.1464

247.634
4158.7
11.3712

0.04
(29.0)

v
h
s

37.240
2593.9
8.6016

43.027
2688.3
8.8730

48.806
2783.5
9.1125

54.580
2879.9
9.3279

60.351
2977.6
9.5241

66.122
3076.8
9.7051

71.892
3177.4
9.8735

77.662
3279.7
10.0313

89.201
3489.2
10.3214

100.740
3705.6
10.5845

112.278
3928.8
10.8265

123.816
4158.7
11.0513

0.06
(36.2)

v
h
s

24.812
2593.5
8.4135

28.676
2688.0
8.6854

32.532
2783.4
8.9251

37.383
2879.8
9.1406

40.232
2977.6
9.3369

44.079
3076.7
9.5179

47.927
3177.4
9.6863

51.773
3279.6
9.8441

59.467
3489.2
10.1342

67.159
3705.6
10.3973

74.852
3928.8
10.6394

82.544
4158.7
10.8642

0.08
(41.5)

v
h
s

18.598
2593.1
8.2797

21.501
2687.8
8.5521

24.395
2783.2
8.7921

27.284
2879.7
9.0077

30.172
2977.5
9.2041

33.058
3076.7
9.3851

35.944
3177.3
9.5535

38.829
3279.6
9.7113

44.599
3489.1
10.0014

50.369
3705.5
10.2646

56.138
3928.8
10.5066

61.908
4158.7
10.7314

0.10
(45.8)

v
h
s

14.869
2592.7
8.1757

17.195
2687.5
8.4486

19.512
2783.1
8.6888

21.825
2879.6
8.9045

24.136
2977.4
9.1010

26.445
3076.6
9.2820

28.754
3177.3
9.4504

31.062
3279.6
9.6083

35.679
3489.1
9.8984

40.295
3705.5
10.1616

44.910
3928.8
10.4036

49.526
4158.7
10.6284

0.50
((81.3)

v
h
s

0.001012
209.29
0.70349

3.4181
2682.6
7.6953

3.8893
2780.1
7.9406

4.3560
2877.7
8.1587

4.8205
2976.1
8.3564

5.2839
3075.7
8.5380

5.7467
3176.6
8.7068

6.2091
3279.0
8.8649

7.1335
3488.7
9.1552

8.0574
3705.2
9.4185

8.9810
3928.6
9.6606

9.9044
4158.5
9.8855

1.00
(99.6)

v
h
s

0.001012
209.33
0.70347

1.6955
2676.2
7.3618

1.9363
2776.1
7.6137

2.1723
2875.4
7.8349

2.4061
2974.5
8.0342

2.6387
3074.5
8.2166

2.8708
3175.6
8.3858

3.1025
3278.2
8.5442

3.5653
3488.1
8.8348

4.0277
3704.8
9.0982

4.4898
3928.2
9.3405

4.9517
4158.3
9.5654

2.00
(120.2)

v
h
s

0.001012 0.001044
209.42
419.14
0.70342 1.30679

0.959 54
2768.5
7.2794

1.0804
2870.5
7.5072

1.1989
2971.2
7.7096

1.3162
3072.1
7.8937

1.4328
3173.8
8.0638

1.5492
3276.7
8.2226

1.7812
3487.0
8.5139

2.0129
3704.0
8.7776

2.2442
3927.6
9.0201

2.4754
4157.8
9.2452

3.00
(133.5)

v
h
s

0.001012 0.001044
209.5
419.21
0.70338 1.30671

0.633 74
2760.4
7.0771

0.716 35
2865.5
7.3119

0.796 44
2967.9
7.5176

0.875 29
3069.7
7.7034

0.953 52
3171.9
7.8744

1.0314
3275.2
8.0338

1.1865
3486.0
8.3257

1.3412
3703.2
8.5898

1.4957
3927.0
8.8325

1.6499
4157.3
9.0577

4.00
(143.6)

v
h
s

0.001012 0.001044
209.59
419.29
0.70333 1.30664

0.470 66
2752.0
6.9285

0.534 26
2860.4
7.1708

0.595 19
2964.5
7.3800

0.654 85
3067.2
7.5675

0.713 85
3170.0
7.7395

0.772 50
3273.6
7.8994

0.889 19
3484.9
8.1919

1.0054
3702.3
8.4563

1.1214
3926.4
8.6992

1.2372
4156.9
8.9246

5.00
(151.8)

v
h
s

0.001012 0.001044 0.001091


209.68
419.36
632.16
0.70328 1.30656 1.84161

0.424 96
2855.1
7.0592

0.47443
2961.1
7.2721

0.522 58
3064.8
7.4614

0.570 05
3168.1
7.6343

0.617 16
3272.1
7.7948

0.710 78
3483.8
8.0879

0.803 95
3701.5
8.3626

0.896 85
3925.8
8.5957

0.989 56
4156.4
8.8213

6.00
(158.8)

v
h
s

0.001012 0.001043 0.001091


209.76
419.44
632.23
0.70324 1.30648
1.8415

0.352 04
2849.7
6.9662

0.393 91
2951.6
7.1829

0.434 39
3062.3
7.3740

0.474 19
3166.2
7.5479

0.513 61
3270.6
7.7090

0.591 84
3482.7
8.0027

0.669 63
3700.7
8.2678

0.747 14
3925.1
8.5111

0.824 47
4155.9
8.7368

7.00
(165.0)

v
h
s

0.001012 0.001043 0.001091


209.85
419.51
632.29
0.70319
1.3064 1.84139

0.299 92
2844.2
6.8859

0.336 37
2954.0
7.1066

0.371 39
3059.8
7.2997

0.405 71
3164.3
7.4745

0.439 64
3269.0
7.6332

0.506 89
3481.6
7.9305

0.573 68
3699.9
8.1959

0.640 21
3924.5
8.4395

0.706 55
4155.5
8.6653

8.00
(170.4)

v
h
s

0.001012 0.001043 0.001091


209.93
419.59
632.35
0.70314 1.30632 1.84128

0.260 79
2838.6
6.8148

0.293 21
2950.4
7.0397

0.324 14
3057.3
7.2348

0.354 34
3162.4
7.4107

0.384 16
3267.5
7.5729

0.443 17
3480.5
7.8678

0.501 72
3699.1
8.1336

0.560 01
3923.9
8.3773

0.618 11
4155.0
8.6033

9.00
(175.4)

v
h
s

0.001012 0.001043 0.001091


210.02
419.66
632.41
0.7031 1.30624 1.84116

0.230 32
2832.7
6.7508

0.259 63
2946.8
6.9800

0.278 39
3054.7
7.1771

0.314 40
3160.5
7.3540

0.341 01
3266.0
7.5169

0.393 61
3479.4
7.8124

0.445 76
3698.2
8.0785

0.497 63
3923.3
8.3225

0.549 33
4154.5
8.5486

10.00
(179.9)

v
h
s

0.001012 0.001043
210.11
419.74
0.70305 1.30616

0.00109
632.47
1.84105

0.205 92
2826.8
6.6922

0.232 75
2943.0
6.9259

0.257 98
3052.1
7.1251

0.282 43
3158.5
7.3031

0.306 49
3264.4
7.4665

0.353 96
3478.3
7.7627

0.400 98
3697.4
8.0292

0.447 73
3922.7
8.2734

0.494 30
4154.1
8.4997

15.00
(198.3)

v
h
s

0.001011 0.001043 0.001090


210.54
420.11
632.78
0.70282 1.30577
1.8405

0.132 38
2794.7
6.4508

0.151 99
2923.5
6.7099

0.169 70
3038.9
6.9207

0.186 53
3148.7
7.1044

0.202 92
3256.6
7.2709

0.235 03
3472.8
7.5703

0.266 66
3693.3
7.8385

0.298 03
3919.6
8.0838

0.329 21
4151.7
8.3108

20.00
(212.4)

v
h
s

0.001011 0.001043 0.001090 0.001156


210.97
420.49
633.09
852.55
0.70258 1.30538 1.83994 2.32995

0.111 45
2902.4
6.5454

0.125 50
3025.0
6.7696

0.138 66
3138.6
6.9596

0.151 13
3248.7
7.1296

0.175 55
3467.3
7.4323

0.199 50
3689.2
7.7022

0.223 17
3916.5
7.9485

0.246 66
4149.4
8.1763

25.00
(223.9)

v
h
s

0.001011 0.001043 0.001089 0.001156 0.086 985


211.4
420.86
633.4
852.76
2879.5
0.70235 1.30499 1.83939 2.32916
6.4077

0.098 925
3010.4
6.6470

0.109 75
3128.2
6.8442

0.120 04
3240.7
7.0178

0.139 87
3461.7
7.3240

0.159 21
3685.1
7.5956

0.178 26
3913.4
7.8431

0.197 14
4147.0
8.0716

30.00
(233.8)

v
h
s

0.001011 0.001042 0.001089 0.001155 0.070 551


211.83
421.24
633.71
852.96
2854.8
0.70212
1.3046 1.83883 2.32838
6.2857

0.081 159
2995.1
6.5422

0.090 526
3117.5
6.7471

0.099 310
3232.5
6.9246

0.116 08
3456.5
7.2345

0.132 34
3681.0
7.5079

0.148 32
3910.3
7.7564

0.164 12
4144.7
7.9857

35.00
(242.5)

v
h
s

0.001011 0.001042 0.001089 0.001155 0.058 693


212.26
421.62
634.03
853.17
2828.1
0.70188 1.30421 1.83828 2.32759
6.1732

0.068 424
2979.0
6.4491

0.076 776
3106.5
6.6626

0.084 494
3224.2
6.8443

0.099 088
3450.6
7.1580

0.113 15
3676.9
7.4332

0.126 94
3907.2
7.6828

0.140 54
4142.4
7.9128

40.00
(250.3)

v
h
s

0.00101 0.001042 0.001088 0.001154


212.69
421.99
634.34
853.37
0.70165 1.30382 1.83773 2.32681

0.001251
1085.78
2.79343

0.058 833
2962.0
6.3642

0.066 446
3095.1
6.5870

0.073 376
3215.7
6.7733

0.086 341
3445.0
7.0909

0.098 763
3672.8
7.3680

0.110 90
3904.1
7.6187

0.122 85
4140.0
7.8495

45.00
(257.4)

v
h
s

0.00101 0.001041 0.001088 0.001154


213.12
422.37
634.65
853.58
0.70142 1.30343 1.83718 2.32603

0.00125
1085.77
2.79221

0.051 336
2944.2
6.2852

0.058 696
3083.3
6.5182

0.064 721
3207.1
6.7093

0.076 427
3439.3
7.0311

0.087 570
3668.6
7.3100

0.098 425
3901.0
7.5619

0.109 10
4137.7
7.7934

350

400

500

600

700

800

PROPRIET TERMODINAMICHE DELLACQUA - VAPORE


Volume specifico v, m3/kg; Entalpia h, kJ/kg; Entropia s, kJ/kg K

DITEC
Pressione bar
(temp. Sat.C)

50

100

150

200

250

300

350

400

500

TAB. 3B

600

700

800

50.00
(263.9)

v
h
s

0.00101 0.001041 0.001088 0.001153 0.001249 0.045 301 0.051 941


213.55
422.74
634.96
853.79 1085.76
29255
3071.2
0.70119 1.30304 1.83663 2.32525
2.791
6.2105
6.4545

0.057 791
3198.3
6.6508

0.068 494
3433.7
6.9770

0.078 616
3664.5
7.2578

0.088 446
3897.9
7.5108

0.098 093
4135.3
7.7431

60.00
(275.6)

v
h
s

0.001009 0.001041 0.001087 0.001152 0.001248 0.036 145 0.042 222


214.41
423.49
635.58
854.21 1085.75
2885.0
3045.8
0.70072 1.30227 1.83554
2.3237 2.78859
6.0692
6.3386

0.047 379
3180.1
6.5462

0.056 592
3422.2
6.8818

0.065 184
3656.2
7.1664

0.073 478
3891.7
7.4217

0.081 587
4130.7
7.6550

70.00
(285.8)

v
h
s

0.001009
215.26
0.70026

0.00104 0.001086 0.001151 0.001246 0.029 457 0.035 233


424.25
636.21
854.63 1085.75
2839.4
3018.7
1.30149 1.83445 2.32217 2.78621
5.9327
6.2333

0.039 922
3161.2
6.4536

0.048 086
3410.6
6.7993

0.055 590
3647.9
7.0880

0.062 787
3885.4
7.3456

0.069 798
4126.0
7.5808

80.00
(295.0)

v
h
s

0.001009
216.12
0.69979

0.00104 0.001086
425
636.84
1.30072 1.83337

0.034 310
3141.6
6.3694

0.041 704
3398.8
6.7262

0.048 394
3639.5
7.0191

0.054 770
3879.2
7.2790

0.060 956
4121.5
7.5158

90.00
(303.3)

v
h
s

0.001008 0.001039 0.001085 0.001149 0.001245


216.98
425.75
637.47
855.49 1085.79
0.69933 1.29995 1.83229 2.31912 2.78153

0.001402 0.025 792


1344.55
2959.0
3.25329
6.0408

0.029 29
3121.2
6.2915

0.036 737
3386.8
6.6600

0.042 798
3631.1
6.9574

0.048 534
3873.0
7.2196

0.054 080
4116.7
7.4579

100.00
(311.0)

v
h
s

0.001008 0.001039 0.001084 0.001148 0.001241


217.84
426.5
638.1
855.92 1085.83
0.69887 1.29919 1.83121 2.31761 2.77923

0.001398 0.022 421


1343.36
2925.8
3.24878
5.9489

0.026 408
3099.9
6.2182

0.032 760
3374.6
6.5994

0.038 320
3622.7
6.9013

0.043 546
3866.8
7.1660

0.048 580
4112.0
7.4058

125.00
(327.8)

v
h
s

0.001007 0.001037 0.001083 0.001146 0.001236


219.99
428.39
639.67
857.02 1085.96
0.69771 1.29728 1.82854 2.31387 2.77357

0.001388 0.016 122


1340.65
2828.0
3.23797
5.7155

0.020 010
3042.9
6.0481

0.025 590
3343.3
6.4654

0.030 259
3601.4
6.7796

0.034 510
3851.1
7.0504

0.038 682
4100.3
7.2942

150.00
(342.1)

v
h
s

0.001006 0.001036 0.001081 0.001143 0.001232


222.13
430.27
641.26
858.14 1086.16
0.69656 1.29638
1.8259 2.31018 2.76804

0.001378 0.011 462


1338.25
2694.8
3.22776
5.4467

0.015 661
2979.1
5.8876

0.020 795
3310.6
6.3487

0.024 884
3579.8
6.6764

0.028 587
3835.4
6.9536

0.032 086
4088.6
7.2013

175.00
(354.6)

v
h
s

0.001005 0.001036
224.27
432.16
0.69541 1.29351

0.00108 0.001141 0.001229


642.85
859.27 1096.41
1.82328 2.30655 2.76265

0.001369
1336.14
3.21808

0.001716
1663.62
3.764

0.012 460
2906.3
5.7274

0.017 359
3276.5
6.2432

0.021 043
3557.8
6.5858

0.024 314
3819.7
6.8698

0.027 376
4077.0
7.1215

200.00
(365.7)

v
h
s

0.001003 0.001034 0.001078 0.001139 0.001225


226.41
434.05
644.45
860.43 1086.72
0.69427 1.29614 1.82068 2.30296 2.75737

0.001361
1334.26
3.20885

0.001666 0.009 947 0


1647.18
2820.5
3.73084
5.5585

0.014 771
3241.1
6.1456

0.018 161
3535.5
6.5043

0.021 111
3803.8
6.7953

0.023 845
4065.3
7.0511

300.00

v
h
s

0.000999 0.001029 0.001072


234.95
441.62
650.9
0.68971
1.2843 1.81053

0.00113 0.001211
865.2 1088.42
2.28907 2.73735

0.001322
1328.69
3.17565

0.001554 0.002 830 6 0.008 680 8


1610.04
2161.8
3085.0
3.64552
4.4896
5.7972

0.011 436
3443.0
6.2340

0.013 647
3739.7
6.5560

0.015 619
4018.5
6.8288

400.00

v
h
s

0.000995 0.001024 0.001066 0.001122 0.001198


243.46
449.22
657.44
870.2 1090.76
0.68519 1.27714 1.80072 2.27584 2.71879

0.001308
1325.39
3.14688

0.00149 0.001 909 1 0.005 615 6 0.008 088 4 0.009 930 2


1589.69
1934.1
2906.8
3346.4
3674.8
3.58848
4.1190
5.4762
6.0135
6.3701

0.011 521
3971.7
6.6606

500.00

v
h
s

0.000991
251.94
0.68069

0.00102 0.001061 0.001114 0.001187


456.83
664.06
865.4 1093.61
1.27014 1.79123 2.26319 2.70145

0.001287
1323.69
3.12127

0.001444 0.001 729 1 0.003 882 2 0.006 111 3 0.007 719 7 0.009 075 9
1576.39
1877.7
2723.0
3248.3
3610.2
3925.3
3.54361
4.0083
5.1782
5.8207
6.2138
6.5222

600.00

v
h
s

0.000988 0.001016 0.001055 0.001107 0.001176


260.39
464.46
670.74
880.76 1096.88
0.67622 1.26331 1.78203 2.25105 2.68513

0.00127
1323.17
3.09806

0.001408 0.001 632 4 0.002 915 5 0.004 835 0 0.006 269 0 0.007 460 3
1567.15
1847.3
2570.6
3151.6
3547.0
3879.6
3.5059
3.9383
4.9374
5.6477
6.0775
6.4031

700.00

v
h
s

0.000984 0.001012
268.81
472.1
0.67177 1.25662

0.00105 0.001101 0.001166


677.48
886.27 1100.51
1.76308 2.23937 2.66967

0.001254
1323.57
3.07674

0.001379 0.001 567 1 0.002 466 8 0.003 971 9 0.005 256 6 0.006 320 8
1560.58
1827.8
2467.1
3060.4
3486.3
3835.3
3.473
3.8855
4.7688
5.4931
5.9562
6.2979

800.00

v
h
s

0.000980 0.001008 0.001045 0.001094 0.001157


277.2
479.75
684.28
891.92 1104.43
0.66733 1.25006 1.76438 2.22811 2.65497

0.00124
1324.7
3.05696

900.00

v
h
s

0.000977 0.001004 0.001041 0.001088 0.001149


285.55
487.4
691.12
897.87 1108.62
0.6629 1.24363 1.75591 2.21721 2.64093

0.001227
1326.43
3.03845

0.001334 0.001 478 8 0.002 012 9 0.002 966 8 0.003 964 2 0.004 840 7
1552.7
1804.6
2349.9
2913.5
3374.6
3752.4
3.41686
3.8059
4.5602
5.2468
5.7479
6.1179

1000.00

v
h
s

0.000973
293.87
0.65848

0.001216
1328.65
3.02102

0.001315 0.001 446 4 0.001 893 4 0.002 668 1 0.003 535 6 0.004 341 1
1550.6
1797.6
2316.1
2857.5
3324.4
3714.3
3.39225
3.7738
4.4913
5.1505
5.6579
6.0397

0.00115 0.001244 0.024 264 0.029 948


855.06 1085.77
2786.8
2989.9
2.32064 2.78386
5.7942
6.1349

0.001 0.001036 0.001082 0.001141


495.07
698
903.53 1113.02
1.23732 1.74764 2.20666 2.62748

0.001355 0.001 518 0 0.002 188 1 0.003 379 2 0.004 519 3


1555.92
1814.2
2397.4
2980.3
3428.7
3.4436
3.8425
4.6488
5.3595
5.8470

0.005480 5
3792.8
6.2034