Sei sulla pagina 1di 114

Fibiz

Formazione, innovazione, business

Anno Accademico 2006/2007


Corso di Sistemi e Tecnologie Multimediali II

Marco Fogagnolo
Daniela Moro
Roberto Perduca
Enrico Rinero
Marco Tafi
EXECUTIVE SUMMARY

Mission: allarghiamo i confini della formazione.

La società Fibiz s.n.c. nasce nel giugno 2007 e si propone l’obiettivo di


migliorare il settore scolastico italiano, offrendo nuove soluzioni tecnologiche
al settore dell’istruzione. Il punto di partenza, dopo un opportuno studio, è
stato individuato nelle scuole medie superiori ad indirizzo tecnico.

Grazie all’ausilio della tecnologia e-ink utilizzata per gli e-book reader
di nuova generazione si mira ad ottenere un sensibile miglioramento nel si-
stema di apprendimento e di insegnamento, in un ambiente che necessita di
un doveroso aggiornamento per essere al passo coi tempi.

La nostra società vuole soddisfare le esigenze del mondo scolastico


che, dalla riforma del 2005, si pone di passare dal concetto di scuola audito-
rium a quello di scuola laboratorio, dove il cardine sarà l’interattività fra i vari
utenti e con le macchine.

Per poter raggiungere questi obiettivi si deve necessariamente far fron-


te ad alcuni bisogni che il nostro progetto mira a soddisfare: migliorare la for-
mazione, modernizzare il sistema, creare un sistema più flessibile, in costan-
te aggiornamento, interattivo e compatibile con uno sviluppo sostenibile.

In risposta a queste esigenze la soluzione creata da Fibiz comprende


una serie di elementi chiave: un dispositivo tecnologico innovativo, partner-
ship forti con gli editori, i fornitori di contenuti e della tecnologia software e
hardware, formazione e assistenza per ogni necessità.

Essere i primi a realizzare un progetto di questo tipo comporta certa-


mente dei vantaggi, quali la fondamentale assenza di competitor e la possi-
bilità di definire le regole del mercato, entrando in un cosiddetto “oceano
blu” (definizione creata da Kim W. Chan e Mauborgne Renée).
EXECUTIVE SUMMARY...................................................................................................2

L’IDEA IMPRENDITORIALE.............................................................................................5
La società.......................................................................................................................................................................5

L’ambiente di riferimento............................................................................................................................................5

Il progetto.......................................................................................................................................................................8

L’AMBIENTE COMPETITIVO.........................................................................................11
Il macroambiente: analisi della scuola italiana........................................................................................................11
Ciò che si vuole raggiungere con la riforma scolastica.............................................................................................11
La scuola italiana è in grado di cogliere i plus della riforma?..................................................................................13
Quanti insegnanti sono stati formati sulle TIC? .......................................................................................................16

L’uso delle nuove tecnologie nella didattica ............................................................................................................18


Target di riferimento: giovanissimi vs giovani.........................................................................................................19
L’acquisto di strumenti didattici................................................................................................................................19
I genitori, i figli e gli insegnanti................................................................................................................................21
Aspettative e richieste...........................................................................................................................................21
Consapevolezza e contraddizioni..........................................................................................................................21
Genitori vs figli.....................................................................................................................................................21
Conclusioni...............................................................................................................................................................22
Tecnologia: progetti in sviluppo...............................................................................................................................22

Ambiente: Il consumo di carta e l’impatto ambientale...........................................................................................23

Società: il livello di analfabetismo ............................................................................................................................24


Analfabeta linguistico anni ’50 vs Analfabeta digitale ’07 ......................................................................................25
Situazione in Italia....................................................................................................................................................25
Utilizzo di Internet................................................................................................................................................25
Utilizzo dei telefonini...........................................................................................................................................26
Utilizzo della banda larga.....................................................................................................................................26
Utilizzo della tv digitale e satellitare....................................................................................................................26
Utilizzo della piattaforma unica............................................................................................................................26

Legislazione.................................................................................................................................................................27
Punti di attenzione.....................................................................................................................................................29
Finanziaria 2007........................................................................................................................................................30

Cultura: il lettore del nuovo millennio......................................................................................................................30


Le tipologie di lettori di libri.....................................................................................................................................31
Il genere di libri letti ................................................................................................................................................32
Modalità d’acquisto dei libri.....................................................................................................................................32
Lettura per motivi professionali o scolastici.............................................................................................................33
2000 vs 2006.............................................................................................................................................................33

Microambiente: il mercato servito............................................................................................................................34


I clienti .....................................................................................................................................................................34
I concorrenti..............................................................................................................................................................36
In Italia..................................................................................................................................................................37
In Europa...............................................................................................................................................................37
Fuori dall’Europa..................................................................................................................................................38
I fornitori e il mercato di approvvigionamento ........................................................................................................38
I fornitori di tecnologia hardware.........................................................................................................................38
I fornitori di tecnologia software..........................................................................................................................39
I fornitori di contenuti...........................................................................................................................................39

3
I prodotti sostitutivi...................................................................................................................................................40
I potenziali entranti...................................................................................................................................................41

ANALISI SWOT...............................................................................................................43
Cos’è l’analisi SWOT e perché si usa........................................................................................................................43

Analisi...........................................................................................................................................................................44
Punti di forza ............................................................................................................................................................44
Opportunità...............................................................................................................................................................45
Minacce.....................................................................................................................................................................45
Punti di debolezza.....................................................................................................................................................45

Matrice.........................................................................................................................................................................46

STRATEGIE.....................................................................................................................47
Strategia commerciale................................................................................................................................................47

Strategia operativa......................................................................................................................................................49

Strategia finanziaria...................................................................................................................................................50
Stesura piano delle previsioni economico-finanziarie..............................................................................................51
Il piano degli investimenti ...................................................................................................................................52
Il prospetto delle fonti di copertura ......................................................................................................................55
Il bilancio previsionale..........................................................................................................................................56
Il piano finanziario ...............................................................................................................................................60
Riclassificazione del bilancio...............................................................................................................................61
Calcolo dei margini della struttura patrimoniale.......................................................................................................62
Analisi della Redditività.......................................................................................................................................63

L’E-BOOK E I DISPOSITIVI DI LETTURA.....................................................................67


L’e-book.......................................................................................................................................................................67
Cos’è un e-book........................................................................................................................................................67
Principali tappe storiche degli e-book.......................................................................................................................67
Progetto Gutenberg...............................................................................................................................................68
Tecnologia ed elementi distintivi degli e-book.........................................................................................................69
Elementi di base degli e-book...................................................................................................................................71
Formati e programmi di lettura.................................................................................................................................71
Formati testuali.....................................................................................................................................................72
Formati di immagini ............................................................................................................................................75
Formati audio .......................................................................................................................................................76
Prospettive, vantaggi e svantaggi..............................................................................................................................76
Frontiere e prospettive degli e-book e dell’editoria digitale.................................................................................78
Prospettive ............................................................................................................................................................81

I dispositivi di lettura..................................................................................................................................................82
iLiad e la tecnologia e-ink.........................................................................................................................................82
Descrizione dettagliata comandi dell’iLiad..........................................................................................................88
Prova dal vivo.......................................................................................................................................................97
Specifiche tecniche ..............................................................................................................................................98
Competitor di iLiad.................................................................................................................................................105
Turnover..............................................................................................................................................................105
Hanlin eReader V2..............................................................................................................................................107
Sony Portable Reader System PRS-500.............................................................................................................108
Amazon Kindle...................................................................................................................................................110
Fujitsu 4096 Color E-paper.................................................................................................................................111

4
L’IDEA IMPRENDITORIALE

LA SOCIETÀ

La società Fibiz nasce nel giugno 2007 con l’obbiettivo di offrire delle
nuove soluzioni tecnologiche al settore dell’istruzione. Fibiz è formata dai 5
soci fondatori, Roberto Perduca, Marco Fogagnolo, Enrico Rinero, Marco Tafi e
Daniela Moro, tutti con eguale capitale sociale. La filosofia aziendale alla
base dell’iniziativa è quella di cogliere l’opportunità offerta dalla possibile
applicazione di una tecnologia già esistente (quale quella degli e-book rea-
der) al mondo scolastico italiano, partendo da un segmento. Il progetto vuole
proporsi all’ambiente scolastico per offrire gli strumenti e le metodologie più
adatti per migliorare il modello attuale di insegnamento e di apprendimento.
Fibiz è una società in nome collettivo (o s.n.c.), tipo di società di perso-
ne disciplinato dagli artt. 2251-2290 del codice civile in cui tutti i soci rispon-
dono solidalmente e illimitatamente per i debiti sociali (art. 2291 c.c.). Ha
normalmente a oggetto l’esercizio delle attività commerciali di dimensioni
medio-piccole, è soggetta all’iscrizione presso il registro delle imprese, alla
tenuta delle scritture contabili e al fallimento. Le società di persone sono tali
in quanto prevale l'elemento soggettivo, rappresentato dai soci, rispetto al
capitale; non acquistano mai la personalità giuridica, cosa che invece avvie-
ne per le società di capitali, ma è sempre presente un certo grado di separa-
zione patrimoniale tra il patrimonio della società e quello del socio che varia
a seconda del tipo considerato.

L’AMBIENTE DI RIFERIMENTO

Il target dell’iniziativa è stato identificato nelle scuole medie superiori


ad indirizzo tecnico, scelta guidata da uno studio macroeconomico del setto-
re scolastico italiano. Dalle analisi svolte, la scuola italiana, in questo mo-
mento, seppur sia pronta ad affrontare gli avanzamenti tecnologici degli ulti-
mi anni, non ha ancora ottenuto delle proposte valide per poter migliorare la
qualità della propria offerta informativa alla luce delle nuove tecnologie a di-
sposizione.
Una prima iniziativa forte in questa direzione è stata la riforma scolasti-
ca del 2005, che si pone l’obiettivo di fornire nuovi strumenti e nuovi proces-
si al mondo scolastico, per ottenere un maggior coinvolgimento dei soggetti
e migliorare la comunicazione tra essi. Il fine ultimo della riforma è quello di
passare da una scuola auditorium attuale ad una scuola “laboratorio”, dove
le lezioni vengono tenute con metodi multimediali e interattivi. In questo mo-
mento però gli strumenti a disposizione non sono particolarmente adatti a
questo scopo: c’è una prevalenza infatti di mezzi unidirezionali (televisori,
lettori/registratori video). Per poter creare la scuola “laboratorio” sono indi-
spensabili attrezzature bidirezionali che permettano l’interattività tra utenti e
con le macchine, come ad esempio webcam e la realizzazione di videoconfe-
renze. Nel corso degli ultimi anni gli insegnanti hanno iniziato a seguire corsi

5
di formazione specifici TIC (Technology Information Communication) e attività
di e-learning, acquisendo maggiore famigliarità con questi strumenti multi-
modali; è stato riscontrato anche un notevole gradimento nell’apprendimen-
to e nel miglioramento delle conoscenze personali in questo ambito. Vi è poi
negli studenti di oggi una predisposizione all’utilizzo di strumenti tecnologici
come quello alla base del progetto, derivata dall’inserimento del soggetto in
un mondo (quale quello odierno) a carattere fortemente tecnologico in ogni
suo ambito e aspetto.
Date queste premesse, l’ambiente scolastico italiano è pronto per ac-
cogliere adeguatamente l’offerta alla base del progetto di Fibiz, il quale mira
a soddisfare alcuni bisogni che si sono manifestati. Quali sono le esigenze?
o Migliorare la formazione. La presenza di strumenti tecnologici avan-
zati può essere sfruttata nell’ambito della formazione per rimodella-
re la metodologia di studio finora utilizzata. I cambiamenti sociali in
atto e le nuove tecnologie mettono il luce l’esigenza nel mondo del-
la scuola di un cambiamento radicale nella metodologia di studio e
di insegnamento. Il mercato del lavoro richiede infatti soggetti
proattivi, che non subiscano passivamente e dotati di maggiore ela-
sticità rispetto al passato, per sapersi adattare ai costanti mutamen-
ti e aggiornamenti. La scuola quindi deve fornire agli studenti que-
ste capacità fin da subito, dato che l’ambiente e i soggetti sono
pronti al corretto recepimento di questi input.
o Modernizzare il sistema. Vi è il bisogno di un cambiamento struttu-
rale, dall’adottare i nuovi dispositivi per la formazione all’aggiornare
e modernizzare le infrastrutture, il tutto per consentire il corretto
funzionamento del sistema. È quindi indispensabile creare le pre-
messe in senso pratico: reti wireless interne e collegamenti a Inter-
net a banda larga, aule adeguate e laboratori e via dicendo.
o Flessibilità/aggiornamento. I contenuti e le nozioni oggetto di studio
e di insegnamento inevitabilmente subiscono cambiamenti e revi-
sioni con il passare del tempo; di conseguenza vi è la necessità di
un costante aggiornamento dei medesimi di modo da poter rimane-
re al passo coi tempi.
o Comodità. Molte cose sono fatte in maniera non ottimale, nel senso
che ci sarebbero tecnologie alternative molto più efficienti e como-
de che snellirebbero alcune procedure rendendole più funzionali ed
economiche. Ad esempio
o per l’insegnante sarebbe auspicabile una minor dispersione
dei documenti e le nuove tecnologie permettono di riunire tut-
to in un unico supporto;
o per lo studente sarebbe meglio uno strumento più leggero e
più tecnologico rispetto allo zaino pieno di libri. Desiderabile
anche la possibilità di organizzare al meglio e in maniera più
efficiente tutti i contenuti delle diverse materie ed i relativi
supporti cartacei (libri, appunti, fotocopie, quaderni).
o Interattività: la lettura del libro è unidirezionale, cioè non vi è intera-
zione con il testo. Invece con l’e-book si può avere subito un appro-
fondimento, una migliore selezione e risposte immediate alle varie
esigenze. Si va quindi oltre il mero contenuto testuale del “vecchio”

6
libro, in quanto si forniscono vari servizi aggiuntivi (ad esempio tra-
duttore, dizionario e altro) che arricchiscono le possibilità di appren-
dimento del soggetto. Dal lato degli insegnanti poi sono richiesti de-
gli strumenti di controllo costante più efficaci e rapidi, di modo da
poter testare in tempo reale le conoscenze e le capacità acquisite,
così da ottenere dei feedback più immediati e migliorare la valuta-
zione dell’individuo.
o Sviluppo sostenibile. Non si può prescindere negli ultimi anni dal te-
nere in adeguata considerazione la salvaguardia dell’ambiente, per
cui confrontando il notevole risparmio in termini di quantità di carta
stampata con l’utilizzo di energia dei dispositivi elettronici si giunge
alla conclusione che l’impatto sull’ambiente è notevolmente ridotto,
grazie a tecnologie innovative per il risparmio energetico e la ge-
stione avanzata delle batterie utilizzate.

7
IL PROGETTO

A fronte di queste esigenze, Fibiz offre una soluzione composta da vari


elementi:
o Dispositivo tecnologico. Punto di partenza ed elemento centrale del
progetto è l’e-book reader di seconda generazione con tecnologia e-
ink, la quale propone una serie di vantaggi quali la facilità di lettura
anche all’aperto (principale handicap dei dispositivi di prima genera-
zione), il basso consumo di energia, maneggevolezza e leggerezza
dello strumento. Il tradizionale foglio di carta viene riprodotto fedel-
mente e viene garantita una visibilità ottimale di ogni tipo di docu-
mento testuale, per una lettura assai piacevole. Il nuovo dispositivo
consente (grazie alla presenza di un sistema operativo) l’integrazio-
ne di vari servizi e caratteristiche aggiuntive che vanno oltre la sem-
plice lettura di un testo. L’insieme di questi elementi tecnologici
consente di realizzare applicazioni nuove in ambito didattico e rap-
presenta la vera spinta innovativa e il cuore del progetto. Per questo
motivo Fibiz può contare su un partner tecnologico quale Philips,
produttore degli iLiad, col quale ha un contratto forte che permette
di sviluppare lo strumento insieme di modo da renderlo perfetta-
mente rispondente alle esigenze e alle applicazioni del progetto.
o Contenuti. Oltre al device, la soluzione comprende i contenuti per la
formazione dello studente: libri, dispense, questionari, verifiche e
compiti, eserciziari. Fibiz si occupa di relazionarsi con gli editori e
con gli insegnanti per la scelta dei testi da adottare. Ciò comporta la
creazione di una partnership forte con editori nazionali pronti ad in-
vestire nelle nuove possibilità e nell’evoluzione del settore; l’obietti-
vo è la creazione di una collaborazione permanente tesa a garantire
la distribuzione dei contenuti aggiornati e l’accessibilità dei medesi-
mi. Elemento importante è l’aspetto della gestione dei diritti d’auto-
re legati ai vari testi: si tocca qui il discorso dei DRM (Digital Rights
Management) e si garantisce da questo punto vista all’editore un
controllo adeguato e capillare per evitare copie illecite dei libri e una
loro distribuzione non autorizzata. Ciò si rende necessario vista la
natura digitale dei contenuti, che si prestano quindi ad una facile e
veloce duplicazione, memorizzazione e diffusione.
o Formazione, assistenza, affiancamento. Sia ad insegnanti sia a stu-
denti si offrono corsi propedeutici al corretto utilizzo dello strumen-
to, di modo da sfruttarlo al meglio delle sue potenzialità. L’aspetto
formativo è essenziale in quanto la stragrande maggioranza dei do-
centi non è particolarmente pratica e abituata all’uso di dispositivi
di questo tipo e più in generale tecnologici. Anche per quanto ri-
guarda gli studenti, non si può esser sicuri che siano tutti predispo-
sti e dotati di quel minimo bagaglio di conoscenze e praticità con la
tecnologia che consentano loro un uso corretto del dispositivo. L’of-
ferta prevede poi vari livelli di assistenza: un tecnico disponibile on-
site negli orari scolastici, un numero verde attivo dalle 9 alle 21 tutti
i giorni e un servizio di posta elettronica di riferimento per segnala-
zioni di malfunzionamenti e problemi. Oltre a questi due aspetti,

8
fondamentale è l’affiancamento in aula di un esperto che segua
passo passo il docente e gli studenti nei primi mesi di insegnamen-
to, per instradare correttamente i vari utilizzatori del dispositivo,
dare una visione completa e globale di tutte le potenzialità dello
strumento e rispondere prontamente ad eventuali domande o dubbi
o altre questioni in merito.

9
o Servizi aggiuntivi:
o Motore di ricerca specifico per e-book: TAURO sviluppato dal-
l’Università di Pisa, utilizza XML per indicizzare e ricercare fa-
cilmente e velocemente su Internet testi e libri in formato e-
book.
o Motore di ricerca avanzata: classificazione per tipo di file, data
di creazione, autore, titolo, altri tag, di modo da consentire
un’organizzazione efficiente dei contenuti all’interno del di-
spositivo.
o software specifico per gli audio-libri.
o software per il controllo dell’uso degli applicativi e dell’hard-
ware tramite connessioni wireless: il docente può limitare o
autorizzare l’esecuzione di determinate applicazioni e lo svol-
gimento di certe operazioni con il dispositivo.
o software per la gestione dell’aggiornamento dei contenuti per-
sonali/specifici degli insegnanti (dispense e altro materiale).
o software specifico per i docenti per la gestione delle prove (ri-
sultati, testi, soluzioni).
o Servizio di aggiornamento tramite SMS o e-mail: alert (notifica
disponibilità aggiornamento), novità e attività extrascolasti-
che, comunicazioni interne fra docenti e scuola.
o Supporto specifico per la dislessia o altre disabilità.
o Interazione con altri dispositivi multimediali: collegamento
semplice e veloce con il PC e con altri apparecchi quali stam-
panti, scanner, etc.
o Spazio condiviso/spazio personale: oltre ai testi e ai libri co-
muni vi è la possibilità di creare uno spazio personale per ogni
singolo studente dove memorizzare e inserire i propri docu-
menti personali e le proprie elaborazioni.

10
L’AMBIENTE COMPETITIVO

IL MACROAMBIENTE: ANALISI DELLA SCUOLA ITALIANA

Ciò che si vuole raggiungere con la riforma scolastica

Un interessante presentazione tenutasi a Pescara nel 2005 dal Diretto-


re Generali Sistemi Informativi del Ministero dell’Istruzione dell’Università e
della Ricerca presenta l’attuale situazione scolastica prima della Riforma e
ciò che si vuole raggiungere con l’attuazione di quest’ultima.
La didattica da sempre coinvolge tre macro-utenze: gli insegnanti, gli
alunni e i genitori. Essi si confrontano con il mondo scolastico attuale secon-
do metodi che, seppur consolidati, negli ultimi anni non hanno saputo coglie-
re tutte le potenzialità dell’innovazione tecnologica. L’attuale metodologia di
insegnamento prevede infatti che gli insegnanti tengano le lezioni basate su
contenuti definiti e consolidati, generalmente preparati a casa, utilizzando li-
bri e media tradizionali. Il loro metodo di insegnamento è quindi supportato
da strumenti come la lavagna, libri, dispense e alcuni laboratori. Infine, la
metodica utilizzata per aggiornare le proprie conoscenze professionali avvie-
ne ancora tramite corsi periodici tenuti di persona.
Di conseguenza le lezioni per gli studenti sono di tipo frontale e poco
interattive e il loro studio è basato prevalentemente sui libri: questo non per-
mette all’alunno di avere una facile visualizzazione di alcuni concetti e della
loro applicabilità nel mondo reale. Con questa metodologia gli stessi genitori
hanno scarsa comunicazione con il mondo scolastico: le informazioni sull’an-
damento del proprio figlio sono ottenute solamente tramite i libretti scolastici
e gli incontri periodici con gli insegnanti.

11
Le nuove tecnologie non sostituiscono i libri e i metodi didattici tradi-
zionali ma sempre più li affiancano e li integrano nell’apprendimento. Il libro
mantiene la sua importanza, ma viene affiancato sempre più dall’uso della
rete, con una progressiva integrazione dei contenuti con l’uso di Internet per
lo studio, soprattutto per le attività di ricerca e di approfondimento. È quan-
to emerge dall’indagine condotta da ACNielsen per conto dell’Osservatorio
permanente dei contenuti digitali. Lo studio è stato realizzato tramite “focus
group” condotti su cinque fasce di utilizzatori di contenuti digitali (dai 13 ai
18enni, oltre a genitori 27-50enni). Si tratta dei primi risultati di un’indagine
più complessa sugli atteggiamenti e sui comportamenti dei consumatori nei
confronti delle nuove tecnologie digitali.
Il mondo dei giovanissimi e dei giovani appare fortemente connotato
da una massiccia presenza di nuove tecnologie: l’abbonamento a Sky riguar-
da circa il 22% delle famiglie con figli in età 15-18 anni, il 76% della popola-
zione possiede un lettore DVD e in cui il 76% degli individui nella fascia 14-
18 anni si connette ad Internet (da casa o scuola). Dallo studio emerge che la
rete integra l’uso del libro ma non lo sostituisce. I processi in atto non condu-
cono all’esautoramento e alla scomparsa della tradizionale pagina scritta o
del libro (di testo e non), ma danno vita a un processo ben più complesso. A
sentire i ragazzi, ad esempio, Wikipedia può sembrare meglio di una normale
enciclopedia, ma risulta meno autorevole e rassicurante.
I colloqui condotti da esperti e psicologi tracciano le linee di un cambia-
mento più articolato in cui si passa da percorsi di apprendimento di tipo li-
neare (da un’unità didattica a quella successiva, da un capitolo a quello se-
guente) ad altri di tipo ipertestuale e combinatorio, in cui su un certo argo-
mento le pagine di un libro convivono (con pari dignità nel vissuto dei giova-
ni, ma anche in quello dei loro genitori) con tutto quanto può essere trovato
in rete utilizzando i numerosi motori di ricerca. Non solo: è ormai prassi co-
mune che tutto quanto trovato venga scaricato, utilizzato per approfondire o
integrare quanto disponibile su carta, sia rielaborato all’interno di percorsi
personali, spesso senza porsi il problema della titolarità dei diritti.
L’apprendimento da lineare passa ad essere trasversale e combinato-
rio. Si stanno modificano quindi i processi con cui finora la scuola e l’universi-
tà hanno strutturato la didattica, con cui i docenti hanno imparato ad inse-
gnare, con cui i genitori hanno seguito i loro figli nei compiti a casa. Processi
che da un lato possono esaltare le capacità dei ragazzi di fare confronti,
prendendo in esame, in parallelo, fonti e contenuti diversi, fornire loro l’op-
portunità di accedere e gestire grandi quantità di informazioni fino ad oggi
disponibili solo nelle maggiori biblioteche. Dall’altro possono però introdurre
meccanismi “ansiogeni”, causati dalla difficoltà di districarsi da soli senza
guida nella enorme mole di dati e informazioni disponibili, o anche dar luogo
a fenomeni di digital divide, in cui chi dispone di accesso alla rete e di cono-
scenze più approfondite sull’utilizzo delle tecnologie è avvantaggiato anche
da un punto di vista informativo e culturale.
La Riforma scolastica si pone l’obbiettivo di portare a supporto delle
macro-utenze individuate in precedenza (insegnanti, alunni, genitori) dei
nuovi strumenti e processi che permettano un maggior coinvolgimento dei
soggetti con un miglioramento della comunicazione tra essi. L’obbiettivo è

12
quindi passare da una scuola “auditorium” a una scuola “laboratorio”, dove
le lezioni vengano tenute con metodi multimediali e interattivi, preparate da-
gli insegnanti con strumenti innovativi - ormai di uso comune - che permet-
tano di assemblare contenuti prelevati da fonti diverse (libri, web, DVD, etc.).
L’insegnamento deve essere quindi supportato da lavagne elettroniche, libri,
dispense, laboratori e aule multimediali che permettano di attuare delle vi-
deoconferenze durante le lezioni. Tali strumenti devono essere sfruttati di
conseguenza anche per attuare corsi di aggiornamento interattivi per i pro-
fessori, concretizzando il cosiddetto e-Learning da scuola e da casa. Le lezio-
ni interattive quindi apporterebbero una migliore comprensione dei concetti
grazie anche alla maggiore densità informativa e alla riduzione dei “tempi
morti” durante le lezioni; gli alunni da casa sarebbero poi supportati anche
da applicazioni informatiche per avere ulteriori aggiornamenti e approfondi-
menti. Gli stessi genitori, grazie all’interattività, otterrebbero maggiori infor-
mazioni aggiornate tramite strumenti come le aree private del sito web della
scuola, l’e-mail o il più comune SMS.

La scuola italiana è in grado di cogliere i plus della ri-


forma?

Analizziamo quindi i dati forniti dal Ministero per capire la condizione


tecnologica attuale delle scuole italiane traendone delle possibili considera-
zioni utili allo sviluppo del progetto.

Secondo i dati forniti dal Ministero i laboratori presenti nelle scuole


sono principalmente di tipo Informatico Multimediale, seguono poi i laborato-
ri Disciplinari. Tale dato se rapportato al numero degli alunni (dati 2005) se-
condo l’ordine scolastico, determina la presenza di un computer per 8,3 per-
sone nelle scuole secondarie di secondo grado a differenza delle scuole ele-
mentari che contano un solo computer ogni 14, 2 alunni: questo dato è moti-
vato in prima istanza dal fatto che nelle scuole primarie l’insegnamento pre-
vede priorità più basilari (imparare a leggere e scrivere) che non necessitano
l’utilizzo del computer e in secondo luogo della maggiore presenza di perso-
nal computer in istituti secondari a supporto della didattica più tecnica.

13
Per poter creare la scuola “laboratorio”
come previsto nella Riforma scolastica sono
indispensabili poi attrezzature bidirezionali
che permettano l’interattività tra utenti e tra
utenti e macchina. Da un’analisi dei dati,
sono a disposizione attualmente nelle scuole
differenti strumenti multimediali: la maggior
parte di questi strumenti è unidirezionale e
si tratta perlopiù di televisori e lettori/regi-
stratori video, mentre sono ancora poco pre-
senti dispositivi di Video Conferenza e Web-
cam che permettono la multi-modalità del-
l’utente. Il grafico a torta ci conferma anche
in questo caso la maggior presenza di dispo-
sitivi -oltre che di personal computer- nella
scuola media di secondo grado (sarebbe in-
teressante conoscerne la distribuzione inter-
na degli strumenti multimediali presenti nei
licei e negli istituti professionali). I personal
computer e i dispositivi multimediali per fa-
cilitare la comunicazione interna ed esterna
devo essere poi interconnessi in una rete locale e alla rete Internet. I due
grafici sottostanti ci presentano quindi la situazione dello sviluppo di tali reti
sulla totalità delle scuole divise per regione.

14
I dati del primo grafico ci indicano l’alta presenza di reti locali in tutte
le regioni italiane: l’inserimento di laboratori didattici e nuovi personal com-
puter utili all’amministrazione e alla gestione della scuola ha incentivato fin
dagli anni ‘80-’90 a creare delle interconnessioni tra i device ed i server sco-
lastici, ecco il motivo di cosi ormai alti valori percentuali.

Con l’avvento poi delle reti wireless sono iniziate le istallazioni di ac-
cess point e ripetitori di rete anche all’interno delle scuole: le percentuali, a
differenza delle reti locali, sono però ancora molto basse.

Il numero di scuole che conferma infatti di aver già predisposto que-


st’ultima tecnologia di connessione si aggira attorno al 16% per le regioni Ba-
15
silicata, Lombardia, Emilia Romagna e Molise, seguono con valori percentuali
più bassi tutte le altre regioni. Nel complesso, ad oggi si possono contare 700
scuole che fanno uso della tecnologia Wi-Fi. Non è certamente un dato inco-
raggiante ai fini del nostro progetto: la mobilità degli studenti ed una più fa-
cile connessione alle reti interne ed esterne è un elemento fondamentale per
la comunicazione ed è ormai inserita in tutti i più moderni hardware. Allo
stesso tempo, tale dato ci permette di identificare in prima istanza le regioni
dove indirizzare l’attuazione del progetto.

Con l’avvento di Internet, infine, lo studio del Ministero raggruppa nel


grafico seguente la presenza su Internet e i servizi offerti dai siti web didatti-
ci. Attualmente le scuole con il sito web offrono verso l’esterno principalmen-
te servizi informativi generali sulla didattica della scuola, i moduli, i regola-
menti e le scadenze amministrative e gli sbocchi lavorativi (per le scuole di
2° grado). Sono poi presenti servizi utili ai docenti che vanno dalla posta
elettronica all’indicazione di aggiornamenti professionali e corsi di formazio-
ne interna.
Non si tratta quindi di servizi di alto valore innovativo, seppur utili: la
nuova Riforma volendo migliorare la comunicazione tra le tre macro-utenze
identificate, dovrà quindi favorire l’utilizzo del sito web per servizi didattici,
comunicazione scuola famiglia e servizi diversi utili ai genitori degli alunni.

Quanti insegnanti sono stati formati sulle TIC?

16
Nel corso degli ultimi anni gli insegnanti hanno iniziato a seguire corsi
di formazione TIC e attività di e-learning (nel 2005 hanno seguito corsi di ag-
giornamento all’incirca 197.000 insegnanti). I principali “consumatori” di
questi corsi sono stati fin ora gli insegnanti delle elementari neo-assunti e
una modesta parte dei docenti di livelli superiori. La presentazione del Diret-
tore Generali Sistemi Informativi del Ministero nel secondo grafico indica il
loro gradimento alla fine di tali corsi.

L’attività di monitoraggio ha identificato un gradimento positivo per la


maggior parte di loro: ciò implica che siano disposti a nuove forme di appren-
dimento che potranno essere attuati negli anni avvenire.

17
A fronte dei grafici precedenti, i dati interessanti ai fini del nostro pro-
getto possono essere i valori percentuali dei finanziamenti fin ora elargiti per
l’acquisto di personal computer nella settore dell’istruzione. La maggior par-
te dei finanziamenti è ricoperta da fondi ministeriali (ben il 70%) segue la Co-
munità Europea con una percentuale di fondi che si aggira attorno al 15%.
Ricoprono la parte rimanente i finanziamenti provenienti da enti locali (Re-
gioni, Province) da enti privati e dalle donazioni. Questi dati pongono un ac-
cento particolare sull’importanza statale nella crescita dell’innovazione del
settore dell’Istruzione seppur le scuole e gli enti negli ultimi anni abbiamo ot-
tenuto un ampia autonomia sotto gli aspetti didattici e organizzativi: tale au-
tonomia non è comunque completa essendoci ancora una forte dipendenza

dai finanziamenti statali che possono fare “il bello e il brutto tempo”.

L’USO DELLE NUOVE TECNOLOGIE NELLA DIDATTICA

Dall’analisi della NIELSEN 2007, condotta a Milano tramite 5 colloqui di


gruppo della durata di due ore circa con 8 partecipanti ciascuno, emerge il ri-
conoscimento unanime e indiscusso dell’utilità delle nuove tecnologie come
supporto allo studio. Infatti esse offrono maggior flessibilità e immediatezza,
comportano maggiore interattività, velocizzano la fase di raccolta delle infor-
mazioni, parlano un linguaggio più contemporaneo, sono contigue al mondo
giovanile anche al di fuori della didattica e trasferiscono un’idea di maggior
libertà e personalizzazione. Dall’analisi emerge inoltre che l’utilizzo continua-

18
tivo delle NTD ai fini di studio è risultato essere una costante per tutte le fa-
sce anagrafiche prese in esame.
Rispetto al passato, le novità sono legate alla notevole crescita percen-
tuale di coloro che scaricano da Internet, al cambiamento dei rituali (“scom-
pare” l’uso della biblioteca a favore del web), alla trasformazione dell’ap-
prendimento che da lineare diventa più casuale (spetta ai ragazzi trovare la
via da percorrere), alla perdita del senso di collettività e di fisicità (ci si vede
meno, si comunica di più a distanza) e alla generazione della sperequazione
(il costo dei media digitali segmenta molto le famiglie e di conseguenza i ra-
gazzi).
L’utilizzo delle nuove tecnologie digitali in ambito didattico è ampia-
mente riconosciuto e valutato importante da tutti; si evidenziano tuttavia
delle differenze comportamentali tra i due target di riferimento: giovanissimi
(13-14 anni) e giovani(16-18)

Target di riferimento: giovanissimi vs giovani

Il target dei giovanissimi ha una relazione molto forte e costante con le


NTD nel tempo libero, che resta l’ambito di utilizzo privilegiato, mentre il tar-
get dei giovani ricorre in modo esteso ed intensivo alle NTD per ragioni di
studio. I giovanissimi ammettono che i libri di testo sono più attendibili di In-
ternet (poiché scritti da gente più colta) ma considera Internet più ricco di in-
formazioni. I giovani non considerano un libro di testo un riferimento unico e
indiscutibile. Il target dei giovanissimi si dichiara consapevole dei pro e dei
contro nell’uso di Internet ai fini della ricerca, è convinto delle proprie capaci-
tà di discernimento, fa un uso diffuso di Internet. Il target dei giovani si consi-
dera pienamente autonomo nella scrematura/selezione intelligente rispetto
alle informazioni raccolte, confida nelle proprie abilità di giudizio in relazione
all’affidabilità delle fonti e ha fiducia nella propria capacità di autogestione
nel trovare il giusto equilibrio tra libri di testo e informazioni sul web.
La grande sicurezza e padronanza dichiarate nell’uso degli strumenti
dipendono in larga misura dalla situazione di vantaggio in cui la tecnologia li
pone: spesso sono più abili dei loro insegnanti e dei loro genitori nell’utilizzo
di questi mezzi. Parallelamente all’età aumenta la preparazione in generale,
e di riflesso, la competenza e l’astuzia nell’utilizzare le varie fonti in modo
più adeguato.

L’acquisto di strumenti didattici

L’acquisto di strumenti didattici, oltre ai libri di testo, è già pratica cor-


rente ma non intensiva presso circa metà degli intervistati, rivolta principal-
mente a: enciclopedie generali o monotematiche in DVD, CD-ROM legati a ri-
viste (vendute in edicola), CD-ROM con funzioni didattiche mirate (es. mate-
matica) acquistati in libreria o nei megastore. I ragazzi sarebbero disposti a
spendere per programmi che traducano bene il latino, per software che aiuti
a memorizzare le cose rapidamente, per corsi di inglese che consentano pas-
saggi di livello solo se si fanno correttamente gli esercizi, per una penna ca-
pace di copiare i testi. Dall’analisi emerge il desiderio di fare meno fatica

19
possibile e svolgere le mansioni in tutta velocità. Lo sforzo/esercizio di me-
moria “pesa” molto ai ragazzi.

20
I genitori, i figli e gli insegnanti

Aspettative e richieste

I genitori si presentano come un target a cavallo tra il bisogno di rassi-


curazione e necessità di informazione. Sono convinti della necessità di una
guida all’utilizzo corretto delle NTD per i propri figli (ciò non implica una chiu-
sura ma la richiesta di una guida), ma sono anche consapevoli della propria
inadeguatezza a svolgere in prima persona questo ruolo nei confronti dei
propri figli (ciò significa parziale abdicazione legata a conoscenze insufficien-
ti )

Consapevolezza e contraddizioni

I genitori hanno buona consapevolezza intorno a quel che fanno i figli


su Internet, tuttavia sottolineano di averla al 95% non al 100%. Essi cercano
di guidare su Internet i figli in età di scuola primaria, navigando con loro, ma
confessano di non poter controllare i figli sempre, specie se adolescenti. La
scuola, dal punto di vista di molti genitori deve formare, ma è alla famiglia
che spetta educare i ragazzi nell’uso delle nuove tecnologie. Paradossalmen-
te non giudicano la pratica di scaricare da Internet come un reato, o perché
non lo pensano oppure perché comunque condividono che i figli adottino
questo comportamento. Vari genitori scaricano con/per i figli tranquillamen-
te. La dimensione educativa quindi non sembra spingersi fino ad ostacolare i
figli che scaricano materiale tramite scambi p2p, ad esempio da e-mule.

Genitori vs figli

I figli ritengono che l’utilizzo delle NTD dia spazio alla creatività, ope-
rando in una situazione di ipertestualità: Internet offre loro la possibilità di
costruire “ponti” e di problematizzare. I ragazzi ricostruiscono il quadro inter-
pretativo, partendo da informazioni frammentarie derivate da varie fonti.
Leggono poco i giornali, non approfondiscono con il metodo libro verso libro,
ma tramite il web. I genitori parlano di “scarsa linearità” più che di creatività
nei metodi di studio adottati dai figli attraverso l’utilizzo delle NTD, stentano
nel ruolo di “tutor” dei figli nell’accesso e nell’utilizzo delle nuove tecnologie,
dubitano della “qualità” di compiti/ricerche svolti in tempi molto rapidi grazie
all’utilizzo della rete.
Secondo il parere uniforme di genitori e figli, gli insegnanti “lanciano”
all’utilizzo delle NTD ma guidano poco i ragazzi. Operano in strutture scola-
stiche molto differenziate: in tutte le scuole c’è l’aula computer e sono previ-
ste ore settimanali dedicate all’utilizzo del PC ma la qualità e la quantità ri-
sultano estremamente variabili.
Secondo l’analisi emergono 3 principali tipologie di famiglie, quelle con
“Genitori tutor”, quelle con “Genitori meno esperti” e quelle con “Figli tutor”.
Genitori tutor: Genitori con buona competenza tecnologica e genitori con
bimbi ancora piccoli, si considerano senza incertezze i “tutor” dei loro figli
nell’approccio alla rete. Genitori meno esperti: Genitori con media o bassa

21
competenza tecnologica e genitori con figli adolescenti, si sentono “meno
dotati” nell’uso di Internet di quanto non lo siano i ragazzi. Figli tutor: Figli
che esercitano un ruolo di tutorship inversa e tendono e tendono ad istruire i
genitori sia in relazione ad Internet sia in relazione ad altre tecnologie digita-
li: dall’uso del semplice telecomando a quello dell’MP3 o delle più complicate
funzioni dei cellulari di nuova generazione.
Secondo i genitori gli strumenti di cui viene maggiormente riconosciuta
l’utilità ai fini di studio per i propri figli sono: enciclopedie in DVD, sia genera-
li che monotematiche; CD-ROM con funzione didattica, allegati alle varie rivi-
ste; alcuni documentari formativi su Sky (es. natura); Internet per la funzione
di ricerca di informazioni (a complemento di altre tradizionali); programmi
per imparare le lingue (es. English24).
L’estrema disponibilità di informazioni reperibili rapidamente attraver-
so NTD apre la porta: al timore che questo porti a comportamenti dispersivi
nella ricerca, alla preoccupazione che l’eccesso di informazione “orizzontale”
vada a scapito della profondità/affidabilità della stessa, alla paura che sfugga
il controllo della veridicità/rigore dell’informazione raccolta, ad interrogativi
sullo svolgimento della funzione di vaglio della sovrabbondanza delle infor-
mazioni disponibili: a chi spetta? Il ragazzo ne è capace?, a domande sullo
svolgimento della funzione di guida nell’utilizzo: per il genitore spetta alla
scuola in quanto lui stesso spesso non ha gli strumenti per farlo.

Conclusioni

Il libro di testo e le NTD si integrano sul piano didattico e il libro conti-


nua ad essere considerano uno strumento importante. Di fatto, le NTD am-
pliano enormemente il raggio delle informazioni e dei materiali che oggi uno
studente può raccogliere con facilità. Nella visione dei genitori, ciò espone al
rischio di perdersi e a quello di una formazione più superficiale. Molti adulti
infatti sentono il bisogno che la scuola o altre istituzioni facciano di più per
orientare i giovani ad un uso corretto delle NTD. Nella prospettiva dei giovani
invece i mutamenti indotti dalle NTD sono intrinsecamente positivi, poiché
muoversi e riflettere all’interno di un’offerta di informazione sovrabbondante
costituisce un esercizio altamente formativo. Inoltre per i giovani le opportu-
nità di comunicare in modo più partecipativo date dalle NTD hanno un valore
impagabile, poiché allargano i loro orizzonti, la loro sete di conoscere e la
loro libertà.
Infine emergono due considerazioni principali:
spostamento dal libro alla rete: rappresenta un fenomeno parziale,
comporta una certa padronanza e capacità di operare sulla rete, è vissuto se-
renamente dai giovani ma con tensione da parte degli adulti, si accompagna
al rischio di “perdersi” nel mare di informazioni raccolte, richiede una com-
plessa riorganizzazione dei ruoli dei genitori e insegnanti.
condizione di isolamento: che crea dispersione tra i giovani secondo gli
adulti e che non viene né percepita né denunciata dai ragazzi, isolamento sia
rispetto ai genitori ( che non riescono a fare da guida e invocano l’intervento
della scuola), sia rispetto agli insegnanti (che non aiutano a destreggiarsi).

Tecnologia: progetti in sviluppo


22
Vista la crescita, seppur lenta, della formazione dei docenti e dell’en-
trata nelle scuole di nuovi strumenti multimediali, La Direzione Sistemi Infor-
mativi del MIUR ha iniziato a realizzare con il Ministero dell’Innovazione e del-
le Tecnologie un sistema di Learning Objects (finanziato con 25,9 mln euro di
fondi CIPE) per sperimentare concretamente i libri elettronici nelle scuole.
Tale sistema iniziato nel 2005 dovrebbe diventare un “contenitore” elettroni-
co di prodotti multimediali per le scuole nel quale:
o le scuole possono inserire gratuitamente i contenuti multimediali da
esse prodotti, e che possono essere utilizzati gratuitamente dalle
scuole, sulla base di un catalogo liberamente consultabile;
o le aziende (editori e produttori di contenuti multimediali) inseriscono
contributi a pagamento che vengono retribuiti sulla base dell’effetti-
va fruizione. Tali contenuti sono protetti da dispositivi di “firma elet-
tronica” che rendono impossibile la riproduzione non autorizzata;
o le famiglie possono scaricare liberamente i contenuti elettronici pro-
dotti dalle scuole e a pagamento i contributi inseriti dagli editori;
o è prevista infine anche una incentivazione economica delle scuole a
produrre contenuti multimediali basata sul riuso dei vari prodotti
(come realizzato in Germania con il progetto Mercur).
La Direzione Sistemi Informativi del MIUR sta esaminando, infine, in
collaborazione con il Ministero dell’Innovazione e con l’AIE, una sperimenta-
zione per la diversificazione editoriale (libri-Internet) applicata a 50.000 stu-
denti, 2.500 classi e 12.500 docenti.
La creazione di questo “contenitore” di contenuti digitali specificamen-
te creato per l’ambiente scolastico e il lancio del progetto di sperimentazione
per una formazione innovativa sono certamente segnali positivi per il mondo
degli e-book e per la crescita di neo-realtà aziendali che vogliano investire in
questo mercato ancora di nicchia.

AMBIENTE: IL CONSUMO DI CARTA E L’IMPATTO AMBIENTALE

Per produrre una tonnellata di carta nuova occorrono 15 alberi di alto


fusto, 400.000 litri d’acqua e tanta energia.
“Un libro su cinque, proviene dalla di-
struzione di foreste primarie”: questo è il cla-
me della campagna di Greenpeace che sta
sostenendo agli eventi più importanti che ri-
guardano il mondo degli editori e dei produt-
tori di carta in giro per il mondo. Secondo, in-
fatti, dati tratti da studi e documentazioni
2007 di Greenpeace, a livello mondiale, si sta
subendo una deforestazione con ritmi troppo
elevati distruggendo un ecosistema fonda-
mentale per la nostra vita e la vita della terra stessa.
Tali dati allarmanti, sono stati presentati proprio durante il Salone del
Libro di Parigi tenutosi nella città francese tra il 22 e il 25 marzo 2007: ogni

23
giorno vengono rasi al suolo ettari e ettari di alberi per la produzione della
carta per un spazio grande quando due volte la città di Parigi.
In tutto il mondo il consumo di carta ammonta a circa 300 milioni di
tonnellate ogni anno, ed è un dato sempre crescente. Questa quantità
espressa in carta da fotocopiatrice costituirebbe una pila enorme, alta quan-
to la distanza dalla terra alla luna moltiplicata per 16.
L’Italia partecipa in misura considerevole alla costruzione di questa tor-
re gigante: nell’anno 2000 abbiamo consumato quasi 11 milioni di tonnellate,
pari a 250 milioni di alberi. Questo corrisponde a circa 200 kg pro capite. Nel
nostro paese vengono sprecati ogni anno 50 miliardi di fogli di carta, pari a 2
milioni di alberi. Infatti, Il 20% delle pagine stampate ogni anno sono stam-
pate per errore e cestinate immediatamente. Inoltre la vita media del 30%
dei fogli stampati è di 5 minuti.
Un quinto della carta prodotta a livello mondiale proveniente dalle fore-
ste primarie e non da coltivazioni in silvicoltura o dal tagli di abeti. Queste fo-
reste primarie, presenti principalmente in Canada, Finlandia, Brasile, Indone-
sia, bacino del Congo e Russia contengono l’80% delle biodiversità del piane-
ta che hanno seguito un percorso lungo milioni di anni per svilupparsi. Que-
ste foreste sono quindi fondamentali per la vita di milioni di abitanti perché
ricoprono un ruolo fondamentale contro il riscaldamento climatico e l’equili-
brio ambientale della terra.
Analizzando invece i costi possiamo dire che secondo un’indagine di
Xplor Italia Research commissiona da Lexmark, ogni anno la spesa per la ge-
stione dei documenti cartacei può ammontare a una quota compresa tra il
6% e il 10% del fatturato globale dell’azienda e può incidere fino al 15% del
suo giro d’affari. La ricerca condotta su 44 imprese private ed enti pubblici
con più di 250 dipendenti appartenenti a vari settori (produzione, distribuzio-
ne, utilità, servizi, finanza, Pubblica Amministrazione) indica inoltre che il nu-
mero di dispositivi di stampa installati in azienda è maggiore rispetto a chi
effettivamente li utilizza (in media 1,15 utenti per device, contro i 4/6 utenti
per device consigliati).

SOCIETÀ: IL LIVELLO DI ANALFABETISMO

Nel mondo, ancora oggi, si possono contare più di 800 milioni di analfa-
beti. Nel nostro Paese sono quasi un milione le persone che non sanno né
leggere né scrivere, inoltre ci sono gli analfabeti “funzionali” (persone che
non riescono a comprendere un articolo di giornale o hanno difficoltà a com-
pilare un modulo) e poi ci sono gli analfabeti dell’era tecnologica (quelli che
non sanno nemmeno come si accende il computer). Nell’Italia della ripresa
economica (anni ‘50-60’) il tasso di analfabetismo era del 10%. Oggi, secon-
do i dati dell’Università di Castel Sant’Angelo dell’Unia gli analfabeti sono il
1,2% della popolazione. Inoltre secondo il rapporto dell’Osservatorio Europeo
Eurostat del giugno 2006, il 59% degli italiani non ha nozioni informatiche di
base. Sono soprattutto gli adulti a non saper navigare su Internet o a scrivere
su Word, ad iniziare dai politici e dai dirigenti di azienda, ma anche insegnan-
ti. Di questi infatti solo il 5% controlla personalmente la mail, mentre negli
Stati Uniti sono il 90%.

24
Analfabeta linguistico anni ’50 vs Analfabeta digitale
’07

L’analfabeta linguistico degli anni ’50 sapeva di non sapere e quanto


questo fosse un grave handicap, sapeva che la conoscenza della lingua e
della relativa grafia fossero aspetti molto seri e fondamentali per comunicare
correttamente con le persone. Di contro, l’analfabeta digitale non sa di non
sapere, egli pensa che la non conoscenza delle basi informatiche e l’incapa-
cità di far funzionare un lettore DVD non siano requisiti realmente fondamen-
tali per comunicare con il mondo. Negli anni ’50 esisteva un programma in
cui si insegnava a leggere e a scrivere agli Italiani che veniva trasmesso il
prima serata. Nel marzo 2006, l’E-TV, l’unica televisione che parlava di digi-
tale chiude. Negli anni ’50 gli industriali e i politici erano alfabetizzati e quin-
di in grado di condurre il Paese per ridurre il divario dagli gli altri Stati. Al
giorno d’oggi gli industriali e i politici sono digitalmente analfabeti e quindi
non in grado di condurre il paese nella riduzione del divario con gli altri Stati.

Situazione in Italia

In Italia esiste una spaccatura a metà, in quanto da una parte ci sono


le famiglie e le persone che padroneggiano computer, Internet ecc... e dal-
l’altra i pensionati, le casalinghe e chi non conosce l’inglese sempre più
esclusi dall’universo della tecnologia. Una spaccatura che difficilmente verrà
ricomposta nei prossimi anni.
Secondo il rapporto e-Family 2007 di Confindustria-Anie la percentuale
di famiglie con un computer in casa cresce lentamente ma non supera anco-
ra la soglia del 60%. Si registrano però delle tendenze rilevanti all’interno del
56,5% di famiglie digitali (dato 2006): è quasi raddoppiata la diffusione di
collegamenti in banda larga a tariffa fissa (passati da 1,5 a 3,7), uso maggio-
re di cellulari di terza generazione, di lettori MP3, di televisori al plasma e cri-
stalli liquidi. Non ha avuto invece una tale accelerazione la vendita di teleca-
mere digitali e DVD-video, mentre frena quella dei decoder per la tv satellita-
re o digitale terrestre.

Per quanto riguarda l’altro pezzo d’Italia c’è una bassissima intensità
tecnologica, destinata a rimanere tale anche nei prossimi anni visto che è in
franata la diffusione del primo PC domestico e del primo collegamento ad In-
ternet. La penetrazione delle tecnologie digitali stenta a salire in quella larga
fetta di nuclei familiari composta da persone anziane, casalinghe e pensiona-
ti, presso le quali non supera il 10-15%, anche se l’informatizzazione della
componente femminile della popolazione è in fase di recupero. Anche la
scarsa conoscenza dell’inglese incide sull’uso delle tecnologie digitali: il 66%
degli italiani (laureati, imprenditori, e liberi professionisti inclusi) dichiara di
non aver nessuna conoscenza della lingua inglese.

Utilizzo di Internet

25
Nell’era delle tecnologie il 52% degli italiani non usa ancora Internet. Il
14% abbina un uso consapevole, interattivo ed evoluto delle tecnologie con
un’elevata propensione al consumo di contenuti culturali (i cosiddetti ecletti-
ci) e il 17% utilizzano le tecnologie per lo più in modo passivo, come svago o
per comunicare. Ad orientare gli utenti verso un utilizzo evoluto e interattivo
delle nuove tecnologie non è tanto la disponibilità o l’uso frequente delle tec-
nologie nuove e di tendenza ma l’abitudine alla fruizione di consumi culturali.
Maggiore è il consumo di cultura e maggiore è la propensione all’uso di tec-
nologie innovative. Infatti sono gli eclettici, forti lettori, alti acquirenti di mu-
sica e DVD, consumatori di cinema, i più forti utilizzatori delle potenzialità of-
ferte dal web. I forti fruitori di programmi TV tendono invece ad un consumo
tecnologico ridotto. Non emergono grandi differenze tra Nord e Sud, conta in-
vece molto di più se si vive in una grande città o in un piccolo centro. Un se-
gnale positivo viene dalle più giovani: non solo le 14-24enni usano Internet
quanto i loro colleghi maschi ma l’utilizzo settimanale di forum e blog vede
un’incidenza superiore tra le donne giovani (14-24) rispetto ai loro coetanei
maschi (43% vs 35% tra le 14-19enni e 28% vs 19% tra le 20-24enni). A par-
tire dai 25 anni sono invece i maschi ad essere maggiori utilizzatori.

Utilizzo dei telefonini

Tra le tecnologie, solo la telefonia è riuscita finora a coinvolgere quasi


per intero il mercato “domestico”; un fenomeno che ci pone ai vertici di gra-
duatorie internazionali. Nel 90% delle famiglie c’è almeno un utilizzatore di
telefonino e nel 69% più di uno. La spesa annuale della famiglia italiana per
servizi di telefonia è in media di quasi 1.000 euro (60% per il mobile). A fron-
te di un reddito medio che tende a non crescere, le famiglie cercano di razio-
nalizzare anche la spesa in telecomunicazioni. La strada maestra è stata
spesso quella di abbandonare la linea fissa di casa e tenere solo i cellulari.

Utilizzo della banda larga

Il 2006 passerà alla storia anche come un anno decisivo nella dotazio-
ne Internet delle famiglie: i collegamenti a banda larga sono diventati il 60%
dei collegamenti complessivi Internet da casa (50% nel 2005). In termini ge-
nerali il 15% delle famiglie italiane è dotato ormai di un collegamento in ban-
da larga flat.

Utilizzo della tv digitale e satellitare

Secondo il rapporto si è assistito ad un affievolimento della diffusione


del decoder per la tv digitale terrestre. Inoltre, tra le famiglie che dispongono
del decoder, il 24% non ne fa uso. Analoga tendenza per la tv satellitare: un
terzo delle abitazioni italiane dispone della possibilità di ricevere programmi
satellitari, ma solo il 18% delle famiglie italiane usa la televisione a paga-
mento via satellite.

Utilizzo della piattaforma unica

26
Altro fenomeno emergente è quello della piattaforma unica. Le possibi-
lità offerte dai processi di convergenza, sia tecnica che di servizi, “stanno
spingendo le famiglie ad un interesse crescente verso un’offerta integrata,
da parte di un unico fornitore che sia responsabile di tutti i servizi di comuni-
cazione: telefonia fissa e mobile, Internet a banda larga, televisione digitale
a pagamento”.

LEGISLAZIONE

L’impegno finanziario complessivo evidenziato nel piano triennale per il


2005 è di 320 milioni di euro, di cui soltanto il 25% (circa 81,5 milioni) risulta
al momento coperto da finanziamenti interni certi. Tale ingente fabbisogno
comprende peraltro gli interventi di informatizzazione delle scuole, correlati
alla riforma scolastica e al nuovo ruolo dell’insegnamento dell’informatica. In
quest’ambito i progetti relativi alla diffusione di infrastrutture (184 milioni €
nel 2005) e alla patente informatica per i docenti (50 milioni € nel 2005)
sono attualmente in fase di stallo per mancanza di fondi e non hanno, al mo-
mento, copertura finanziaria. In avanzato stato di completamento è invece il
progetto relativo alla banda larga per le scuole,che raggiunge circa l’84%
delle 10.800 sedi di segreteria delle istituzioni scolastiche.
L’amministrazione prevede, in futuro, l’estensione di tale tipo di colle-
gamenti anche ad ulteriori sedi secondarie e distaccate, sulla base dei finan-
ziamenti disponibili, e a fornire un’ampiezza di banda maggiore agli istituti
che si trovino a partecipare a progetti o iniziative speciali. Nello stesso tempo
sta anche valutando la possibilità di utilizzo di tecnologie alternative, (es. sa-
tellite, wireless) per coprire, con collegamenti di banda paragonabile a quella
dell’ADSL, le zone al momento risultano sprovviste del servizio. Sono pianifi-
cate anche estensioni dei progetti già co-finanziati dal Comitato dei Ministri
per la società dell’informazione, Biblioteche nelle scuole e Scuola in ospeda-
le. Ambedue i progetti prevedono nel 2005 impegni finanziari per 2 milioni €,
attualmente privi di copertura finanziaria, in attesa della citata ripartizione
dei fondi della legge 440/1997. Per il progetto Biblioteche nelle scuole, che
prevede il collegamento in banda larga delle scuole con i servizi offerti dal
Servizio Bibliotecario Nazionale e che vedrà coinvolti 500 istituti scolastici in
Italia, l’Amministrazione ha avviato, tramite apposite convenzioni, una colla-
borazione con i consorzi universitari CASPUR, CILEA e CINECA che hanno già
predisposto i relativi piani di lavoro e acquisito le risorse HW e SW necessa-
rie. Per il progetto Scuola in ospedale, che ha l’obiettivo di garantire, attra-
verso un sistema di videoconferenza, la continuità didattica dell’alunno in
ospedale ed è strettamente correlata con quella della Banda larga nella scuo-
la, sono stati individuati 65 ospedali e 18 scuole che sono state dotate delle
specifiche apparecchiature. E’ in fase di realizzazione il Centro
Servizi e il Call Center e sono in corso di predisposizione le infrastruttu-
re ed i materiali didattici per la formazione specialistica, che dovrebbe con-
cludersi entro la fine del 2005. Per la gestione ed evoluzione dei sistemi cor-
renti, è previsto nel 2005 un impegno finanziario di circa 64 milioni €, di cui
1,3 milioni € per il Dipartimento dell’Università e Ricerca.

27
Nell’ambito del back office le iniziative pianificate riguardano:
o il progetto di Protocollo informatico, finalizzato alla diffusione delle
funzionalità minime di protocollo nelle strutture centrali e periferi-
che del ministero e nelle scuole. Il progetto si avvarrà del pacchetto
applicativo SIGe-D, realizzato dal Ministero dell’Economia e delle Fi-
nanze, fornito al MIUR dal CNIPA in virtù di un protocollo di intesa;
o la diffusione della posta elettronica al personale dell’Amministrazio-
ne e ai docenti. Nel corso del 2004 non si sono avuti sostanziali in-
crementi del numero delle caselle attivate e l’amministrazione in-
tende procedere ad una profonda revisione del sistema di posta
elettronica, valutando la possibilità di utilizzare i servizi offerti dalla
RUPA.

Inoltre, per il settore Università, l’amministrazione intende avviare l’in-


troduzione dell’archiviazione su supporto ottico dei documenti. Per quanto ri-
guarda la formazione, gli interventi per migliorare la formazione on-line sa-
ranno realizzati attraverso il rifacimento del sistema di e-learning TRAMPI (in
open source), avviato nel precedente contratto di outsourcing. La formazio-
ne, erogata attraverso la rete Internet sarà destinata sia al personale ammi-
nistrativo del Ministero, sia al personale scolastico.
Nell’area delle carte, è previsto il progetto di diffusione della firma digi-
tale che ha subito dei rallentamenti per la sua mancata attivazione nell’am-
bito della contabilità speciale. L’Amministrazione nel contempo, avvalendosi
dell’infrastruttura di certificazione messa a disposizione dalle Poste, ha atti-
vato una nuova iniziativa per l’aggiornamento via Internet della posizione dei
docenti iscritti nelle graduatorie permanenti.

I progetti relativi ai servizi on line comprendono due progetti approvati


e co-finanziati dal Comitato dei Ministri per la società dell’Informazione:
1. Scuola on line, che realizzerà una piattaforma operativa, da fornire
alle scuole, per rendere disponibili on line i principali servizi erogati
a studenti e famiglie (iscrizione, pagamento tasse scolastiche, rila-
scio certificati). L’iniziativa, che dovrebbe essere pienamente opera-
tiva nel 2005, prevede l’acquisizione, tramite gara, di un pacchetto
commerciale da personalizzare e distribuire alle varie scuole;
2. Portale nazionale dell’offerta formativa, che affiancherà all’offerta
formativa delle università, l’offerta formativa degli istituti scolastici.
Per il progetto, che sarà attivato nel corso del 2004, l’Amministra-
zione intende riutilizzare l’esperienza maturata, seppur con finalità
diverse, dall’Istituto Nazionale di Documentazione per l’Innovazione
e la Ricerca Educativa (Indire) nel realizzare un sito Internet specifi-
co per la raccolta dei piani formativi offerti dalle scuole.
Nell’ambito dei progetti riferiti ai sistemi specifici, l’iniziativa principale
è quella riguardante la realizzazione del nuovo sistema informativo in un’otti-
ca sempre più orientata all’integrazione ed alla diffusione di servizi on line ai
cittadini (studenti, insegnanti, famiglie, imprese). La spesa complessiva pre-
vista nel biennio è pari a circa 12,3 milioni di € (di cui circa 5 nel 2005). Nello

28
stesso ambito di progetti si segnala inoltre la realizzazione della Nuova ana-
grafe nazionale dell’edilizia scolastica.

Punti di attenzione

o Rilancio del programma di informatizzazione delle scuole


o Esigenza di assicurare la continuità dei progetti realizzati grazie ai
co-finanziamenti del Comitato dei Ministri per la Società dell’infor-
mazione.
o Accelerazione della diffusione e attivazione del sistema di protocol-
lo, valutando anche l’adozione delle opportune modalità per un im-
mediato utilizzo da parte delle scuole.
o Verifica della possibilità di usufruire di soluzioni generali o derivanti
dal riuso per quanto attiene a tutti i progetti di back-office, con par-
ticolare riferimento ai sistemi di gestione documentale e di gestione
del personale.

(1) richiesto un finanziamento di 50 milioni di € sui fondi previsti dalla


legge 440.
(2) In attesa per il 2004 della ripartizione dei fondi previsti dalla legge
440 da cui si dovrebbero attingere, presumibilmente, anche le risorse pre-
ventivate per il 2005.

29
(3) In attesa per il 2004 della ripartizione dei fondi previsti dalla legge
440 da cui si dovrebbero attingere, presumibilmente, anche le risorse pre-
ventivate per il 2005.
4) Per i progetti scuola on-line e portale nazionale dell’offerta formativa
è stato approvato un finanziamento di 2 milioni € da parte del CMSI, che do-
vrebbe garantire la realizzazione. I fondi relativi non sono peraltro ancora
stati resi disponibili all’amministrazione.

Finanziaria 2007

Nel campo dell’innovazione tecnologica è previsto uno stanziamento di


30 milioni di euro per ciascun anno del triennio 2007/2009. Con tale finanzia-
mento le scuole potranno dotarsi degli strumenti tecnologici funzionali allo
sviluppo dell’attività didattica, perseguendo, anche in questo caso, uno degli
obiettivi fissati dall’Unione europea. (art. 1, c. 633, l.f. 2007)
Al fine di facilitare l’accesso e l’uso delle nuove tecnologie per l’anno
2007 è prevista una detrazione di imposta per l’acquisto di un personal com-
puter da parte di docenti delle scuole pubbliche di ogni ordine e grado, an-
che con incarico annuale. (art. 1, c. 296, l.f. 2007)
Ma la grande novità riguarda il capitolo delle donazioni: le scuole po-
tranno ricevere dai privati somme in denaro da finalizzare ‘all’innovazione
tecnologica, all’edilizia scolastica e all’ampliamento dell’offerta formativa’.
Le esenzioni fiscali sono previste solo per coloro che ‘investiranno’ sulle
scuole statali e paritarie, senza scopo di lucro. Potranno donare, fino ad un
massimo di 2 mila euro, anche i componenti degli organi collegiali e per le
scuole collocate nelle aree meno fortunate del Paese è previsto un fondo pe-
requativo.

CULTURA: IL LETTORE DEL NUOVO MILLENNIO

Secondo un’indagine (I cittadini e il tempo libero) condotta dall’Istat,


svolta nel maggio 2006, riguardante la lettura dei libri, emergono i dati sotto
esposti.
Nel 1957 solo nel 17,5 delle famiglie si leggevano libri, non vi era nes-
suna differenza territoriale ma forti differenze sociali. Nel 1973 si arriva al
49,3%, nel 95’ al 62,3% ma nel 2000 inizia una diminuzione (le famiglie che
leggono libri diventano il 60,4%) e poi una stabilizzazione. Nel 2007 quindi
nel 40% delle famiglie italiane non si legge!
Il titolo di studio posseduto influisce fortemente sui livelli di lettura: si
va da un massimo del 91% tra i laureati ad un minimo del 40,1% tra chi pos-
siede una licenza elementare o non ha nessun titolo di studio. Si evidenziano
livelli di lettura superiori alla media tra i dirigenti, imprenditori e liberi profes-
sionisti, impiegati e studenti (82,1%). Al contrario, i più bassi livelli di lettura
si trovano tra i ritirati dal lavoro, gli operai e le casalinghe.
Si legge più nel Nord-ovest (67,5%) e nel Nord-est (66,9%) mentre nel
Sud e nelle Isole la percentuale di lettori è di circa il 50%. Si colloca in posi-
zione intermedia l’Italia centrale (62,3%).

30
Venti milioni e trecento mila persone (il 37% della popolazione di 6 anni
e più) non hanno letto neanche un libro nei dodici mesi precedenti l’analisi.
In non-lettori sono soprattutto uomini e adulti. La motivazione principale è la
noia della lettura, seguono la mancanza di tempo libero, il preferire altri sva-
ghi, i problemi di vista, i problemi di salute, l’età anziana, il preferire altre for-
me di comunicazione, la troppa stanchezza dopo aver lavorato o studiato o
svolto faccende di casa. Vengono scarsamente indicate motivazioni quali il
costo eccessivo dei libri, la complessità del linguaggio contenuto nei testi, il
non avere un posto tranquillo dove mettersi a leggere o l’assenza di librerie,
biblioteche e edicole vicino a casa. Un dato interessante, inoltre, va rintrac-
ciato nel fatto che l’8,3% dei non-lettori dichiara di non saper leggere o di
leggere male. Tale graduatoria delle motivazioni della “non lettura” è quasi
analoga tra maschi e femmine.

Le tipologie di lettori di libri

La quota più consistente di lettori è quella dei lettori nel tempo libero
(30,4%), segue la tipologia “mista” dei lettori (13,4% sia nel tempo libero sia
per motivi professionali e/o scolastici) e infine quella dei lettori per motivi
esclusivamente professionali e/o scolastici (4%).
I lettori solo nel tempo libero sono soprattutto donne, persone tra i 20
e i 64, diplomati, direttivi, impiegati e casalinghe. Coloro che leggono sia nel
tempo libero sia per motivi professionali e/o scolastici sono soprattutto gio-
vani e studenti. Infine coloro che leggono solo per motivi professionali e/o
scolastici sono più frequentemente maschi che femmine e, in particolare gio-
vani fino a 19 anni che leggono essenzialmente per motivi scolastici, ma non
amano impegnare il tempo libero nella lettura. Infine, i lettori “morbidi”
(quelli che non si dichiarano lettori pur avendo letto dei libri) prevalgono leg-
germente tra le donne e sono persone tra i 20 e 65 anni, con la licenza me-
dia, casalinghe, operai e apprendisti.

31
3,3
2 ,4

28 ,1
30 ,4

36 ,7 37 ,0

14 ,7
13 ,4

11,8 5 ,4 12 ,8 4 ,0
Lettori solo nel tempo libero
Lettori sia nel tempo libero sia per motivi professionali e/o scolastici
Lettori solo per motivi professionali e/o scolastici
Lettori morbidi
Non lettori
Non indicato

Il genere di libri letti

I romanzi sono i libri più letti nel tempo libero, seguiti dai libri per la
casa, dai gialli, noir, dalle guide turistiche, dai libri umoristici e dai libri di
scienze sociali e umane. La graduatoria per genere di libri letti è diversa per
maschi e femmine. Gli uomini leggono soprattutto romanzi italiani e stranieri,
guide turistiche, libri di scienze sociali e umoristici. Anche le donne prediligo-
no romanzi italiani e stranieri ma con percentuali decisamente superiori agli
uomini, poi, seguono i libri per la casa, i gialli, le guide turistiche e i romanzi
rosa.
Inoltre, tra altri generi, gli uomini leggono in maggior misura: libri a fu-
metti, di musica, di informatica, di fantascienza e libri di scienze naturali. Le
donne invece prediligono libri sulla salute, sulla gravidanza e sui bambini, li-
bri per bambini/ragazzi e favole.
I ragazzi tra gli 11 e i 24 anni leggono più della media, libri di fanta-
scienza, di fantasy, dell’orrore, umoristici e a fumetti. Le persone tra i 25 e i
59 anni leggono in media più romanzi e racconti di autori stranieri, gialli, libri
di scienze sociali e umane, guide turistiche, libri per la salute, per la casa e
manuali pratici. Infine le persone di 60 anni e più leggono più della media ro-
manzi e racconti di autori italiani, libri di religione, libri d’arte e libri per la
casa.

Modalità d’acquisto dei libri

Non esiste un modo prevalente nell’acquisizione del libro da leggere. Il


più diffuso è quello di prenderlo in casa. Seguono, in ordine, l’acquisto in li-
breria al di fuori dei centri commerciali, il regalo, il prestito da parte di un
amico o parente, l’acquisto all’interno di un centro commerciale. Risultano
più basse le percentuali relative ai lettori che hanno ricevuto il libro con un
periodico o quotidiano, preso in prestito da una libreria o preso in un’edicola

32
al di fuori del centro commerciale. Appare residuale il numero di lettori che
hanno comprato l’ultimo libro letto per corrispondenza (1,3%), su una banca-
rella (1,1%), in supermercato (1%), in cartolerie e cartolibrerie (0,7%), su In-
ternet (0,5%), preso in prestito sul posto di lavoro (0,2%)o prelevato gratuita-
mente su Internet (0,1%). Rispetto a questo quadro ci sono delle differenze
in termini di età. Oltre il15% dei bambini e ragazzi fino a 14 anno hanno pre-
so il libro in prestito dalle biblioteche o lo hanno ricevuto in regalo. Sono in-
vece soprattutto le persone tra i 25 e 34 anni ad aver acquistato l’ultimo li-
bro letto su Internet e a prediligere i centri commerciali.

Lettura per motivi professionali o scolastici

Le persone che leggono per motivi professionali o scolastici sono 9 mi-


lioni e 500 mila persone. I lettori per motivi professionali sono il 9,1%, i letto-
ri per motivi scolastici (ad esclusione dei libri di testo obbligatori sono l’8,7%.
Tra gli uomini la quota di lettori che leggono per motivi professionali è
molto più alta che tra le donne e ciò è dovuto ad un maggiore tasso di occu-
pazione degli uomini. La quota di persone che leggono per motivi professio-
nali cresce all’aumentare dell’età. Se si considera la condizione lavorativa, la
quota più elevata di lettori per motivi professionali si riscontra tra i dirigenti,
gli imprenditori e i liberi professionisti.
Tra le persone che leggono per motivi scolastici sono le donne a legge-
re più degli uomini. Le quote più elevate di lettori per motivi scolastici si regi-
strano tra le persone in età scolare, con un picco del 49,5% tra i ragazzi di
11-14 anni e in generale tra gli studenti.

2000 vs 2006

La quota di lettori è sostanzialmente stabile rispetto al 2000, ma au-


menta la lettura da parte dei bambini tra i 6-10 anni e tra gli ultracinquan-
tenni. Diminuisce, invece, la lettura tra le persone dai 20 ai 44 anni e ciò so-
prattutto per un calo di lettori per motivi professionali o scolastici.
Dal punto di vista territoriale, aumenta la lettura nell’Italia Nord-occi-
dentale e nell’Italia centrale mentre diminuisce nell’Italia insulare.
Rispetto al 2000 aumentano le persone che leggono libri sono nel tem-
po libero e i lettori morbidi, diminuiscono i lettori per soli motivi professionali
e/o scolastici e anche i lettori sia nel tempo libero sia per motivi professionali
e/o scolastici.
Nel 2006 si legge con più assiduità ma diminuisce il numero di libri let-
ti, aumentano infatti i lettori deboli (persone che leggono da uno ai 3 libri
l’anno), diminuisce la quota di chi legge dai 4 ai 6 libri l’anno e quella dei let-
tori forti.
I generi di libri che fanno registrare gli incrementi maggiori, nel 2006,
sono: i gialli, i fantasy e/o horror, i libri umoristici, per bambini, libri di favole,
guide turistiche. Diminuiscono i lettori di libri d’informatica e i libri della salu-
te. Rimane sostanzialmente stabile la lettura dei romanzi, dei libri di scienza,
dei libri di fantascienza e dei manuali pratici.

33
Rispetto al 2000 diminuisce l’acquisto in libreria, nel centro commer-
ciale, per corrispondenza o su una bancarella. Aumentano altre modalità di
acquisizione come riceverlo in regalo e acquistarlo in allegato con un periodi-
co e/on quotidiano.
Un dato importante si evidenzia nell’ aumento delle famiglie che non
possiedono libri in casa, incremento che si riscontra maggiormente tra le fa-
miglie del mezzogiorno. Cresce la quota di famiglie che non possiede enciclo-
pedie su carta ma parallelamente aumenta la quota di famiglie che possiede
enciclopedie su DVD o CD-Rom (dal 11,7% al 20%). La crescita più forte nella
quota di famiglie che possiedono enciclopedie su CD-Rom o DVD si registra
nel Mezzogiorno.
Per quanto riguarda i giovani si evidenzia il fatto che leggano più della
media della popolazione ma siano dei lettori deboli. Negli ultimi anni è au-
mentata la lettura d’evasione. Non emergono effetti di sostituzione tra la let-
tura e altre attività culturali o tra la lettura e media elettronici; l’uso del PC e
Internet è più elevato tra i lettori di 6-24 anni che tra i non-lettori. Infine i gio-
vani non leggono non perché preferiscono fare altro ma perché vivono in
contesti familiari in cui non gli viene dato né lo stimolo né la possibilità di
leggere.
MICROAMBIENTE: IL MERCATO SERVITO

Con l’analisi del microambiente vogliamo andare a evidenziare il mer-


cato dei libri elettronici, focalizzando la nostra attenzione sul segmento di
mercato che abbiamo intenzione di servire.
Analizzare il microambiente significa quindi ricercare e definire i cinque
fattori che influenzano la nostra iniziativa imprenditoriale e che ne determi-
nano le possibilità di guadagno e quindi il successo nel mercato in cui voglia-
mo posizionarci. I cinque fattori sono:
o i clienti (la domanda)
o i concorrenti (l’offerta)
o i fornitori
o i prodotti sostitutivi
o i potenziali entranti

I clienti

La scuola italiana è da sempre l’elemento portante della formazione


delle future generazioni e quindi della crescita dell’economia: oramai sempre
più giovani continuano il loro percorso di studi fino all’Università con l’obbiet-
tivo di proporsi sul mercato del lavoro offrendo ampie conoscenze e quindi
nuovi stimoli per il mercato stesso. D’altro canto negli ultimi anni, le aziende
italiane e straniere, spinte soprattutto dal vortice della globalizzazione hanno
dovuto e stanno affrontando una crisi strutturale legata al cambiamento dei
propri modelli di business e ciò le ha portate a richiedere soggetti con una
più alta qualificazione professionale e ampie conoscenze culturali, tecnologi-
che e linguistiche per potersi meglio confrontare con le realtà aziendali italia-
ne e straniere.

34
L’elemento quindi innovativo e tecnologico è diventato negli anni un
fattore sempre più importante e sempre più richiesto ormai indifferentemen-
te dalle piccole e dalle grandi imprese. Esse infatti, dovendo operare sempre
di più in un mercato globale hanno bisogno di confrontarsi con realtà econo-
miche, concorrenti e nuove opportunità offerte dal mercato, sfruttando al
massimo le conoscenze e le capacità imprenditoriali interne. L’istruzione ita-
liana mai come oggi è quindi chiamata a evolvere le proprie metodologie di
insegnamento e le proprie conoscenze alla luce dell’importante cambiamen-
to economico-socio-culturale che il nostro paese sta vivendo.
Proprio in questo panorama, il nostro progetto vuole proporsi al mondo
scolastico per offrire le capacità e le strumentazioni più adatte, atte a miglio-
rare il modello di insegnamento attuale e dare l’opportunità agli studenti di
presentarsi sul mercato del lavoro con una migliore preparazione e una più
ampia familiarità con gli strumenti tecnologici che oramai supportano l’intero
processo aziendale.
I clienti potenziali della nostra azienda sono quindi i circa 10 mila enti
scolastici italiani. Tale mercato può essere segmentato seguendo le divisioni
già presenti dell’ordinamento scolastico italiano: questa segmentazione non
blocca comunque la crescita del nostro progetto perché -seppur dovendo
adattare il pacchetto di servizi offerti a seconda del livello a cui ci si rivolge-
rebbe- tutti gli enti scolastici hanno l’interesse a crescere e innovare le pro-
prie metodologie di insegnamento, spinti anche dagli incentivi provenienti
dalla Riforma scolastica del 2005.
Il progetto andrebbe incontro a vari step susseguenti: trattandosi di
enti scolastici ci si rapporterebbe inizialmente con i rappresentanti della
scuola (il primo cliente) a seguire, il progetto richiederebbe una approvazio-
ne del corpo insegnanti (secondo cliente) per raggiungere poi il vero utente
finale utilizzatore (gli alunni). La presenza di tre livelli di approvazione può
presentarsi inizialmente come una barriera all’entrata molto forte, ma tale
barriera può ridursi notevolmente se dalla nostra parte, l’approccio e la pre-
sentazione del progetto non sarà fredda, non sarà di difficile comprensione e
sarà continua nella risoluzione di tutte le problematiche presenti; dall’altro
canto i clienti dovranno dimostrarsi interessati ed entusiasti del nuovo mo-
dello proposto. Solo in questo modo, con la costruzione di un rapporto co-
struttivo e una partecipazione attiva da entrambe le parti, si potranno supe-
rare le difficoltà iniziali.
Il nostro pacchetto verrebbe offerto inizialmente ad alcuni centri scola-
stici interessati alla nostra iniziativa: grazie all’autonomia scolastica, con il
coinvolgimento di alcuni editori, inizialmente vorremmo rapportarci diretta-
mente con il cliente (a tutti i livelli) in tutte le fasi del progetto. Questo ci per-
metterebbe di studiare e capire il comportamento degli studenti e dei docen-
ti verso i nuovi strumenti e verso la nuova metodologia di insegnamento, e
allo stesso tempo ci permetterebbe di offrire una costante formazione a en-
trambe le macro-utenze.
I clienti finali principali, su cui vorremmo focalizzarci all’inizio del pro-
getto, sarebbero le scuole medie superiori, con una particolare attenzione
agli istituti tecnici (informatici, elettronici, meccanici, commerciali o alber-
ghieri): scegliamo di rivolgerci a tali scuole perché riteniamo che i ragazzi ab-
biamo un profilo educativo adatto all’introduzione di un nuovi strumenti tec-

35
nologici e una formazione di base ottenuta negli anni precedenti, adatta al
nostro caso. L’età dei ragazzi potrebbe quindi essere attorno ai 14 - 16 anni.
La scelta del target, identificato nelle scuole medie superiori a indirizzo
tecnico, è guidata dallo studio macroeconomico del sistema scolastico: i ra-
gazzi che scelgono la strada dell’istituto tecnico informatico, meccanico,
elettronico, commerciale o alberghiero hanno infatti una più facile predisposi-
zione e un maggiore entusiasmo a rapportarsi con le nuove tecnologie. Ciò
permetterebbe un più agevole sviluppo del progetto “e-book a scuola” e ci
permetterebbe più facilmente di studiare e capire il comportamento del ra-
gazzo verso la nuova metodologia di apprendimento per migliorare l’offerta
in termini di hardware e di contenuti.

I concorrenti

E bene conoscere l’arena competitiva del mercato analizzandone la


struttura per poterne capire anche le logiche. Seppure l’e-book abbia provato
a farsi spazio nel mondo dell’editoria negli anni passati, si è rilevato un prin-
cipale tracollo. I motivi del fallimento delle start-up che avevano provato a
creare un nuovo modello di business nel campo dell’editoria utilizzando i libri
elettronici, sono legati sia ad aspetti tecnologici, che formativi che a motivi
economici (alti costi e blocco dell’editoria).
Con la nuova generazione di e-book però alcune piccole realtà stanno
provando nuovamente a riproporsi sul mercato confidando sui nuovi avanza-
menti tecnologici degli ultimi anni (e-ink principalmente) e sfruttando la mi-
gliore formazione tecnologica delle nuove generazioni. Parlando con esperti
del settore ci si rende conto che c’è un timido interesse per l’utilizzo di tali
tecnologie nell’ambiente scolastico, ma ancora nessuna realtà aziendale si è
proposta direttamente sul mercato.
Ciò significa quindi che, benché si tratti di un mercato ampio con gran-
di potenzialità di crescita, non sono presenti tutt’ora concorrenti diretti sul
mercato italiano: i principali investimenti nelle nuove realtà editoriali che
stanno comparendo in Italia nel settore dei libri elettronici, sono diretti piut-
tosto verso un mercato tutt’ora di nicchia composto da un utenza con un am-
pia conoscenza delle tecnologie e la voglia di sperimentare nuove strumenta-
zioni oltre ad essere soggetti alla ricerca di contenuti di qualità o che non
hanno più un mercato cartaceo sufficiente a soddisfarne i costi di produzio-
ne. Non sono quindi presenti investimenti diretti al mondo della scuola in
questo campo, seppure la Riforma scolastica incentivi la crescita di metodo-
logie innovative e avanzate.
Ad oggi, non sono molte le neo-imprese che vendono servizi e hard-
ware per il mercato dei libri elettronici a livello europeo: solamente in Olanda
troviamo un progetto che prevede l’introduzione e l’utilizzo di un e-book rea-
der nel mondo didattico.
Come si potrà notare, benché esistano diversi lettori digitali (iRex iLiad,
Sony Reader etc), tutti i progetti fin ora attivati offrono il prodotto “iLiad” di
casa iRex, perché ritenuto qualitativamente il migliore lettore elettronico at-
tualmente presente sul mercato.
Analizziamo quindi le singole realtà presenti tutt’ora sul continente eu-
ropeo, in quanto, seppur non abbia l’interesse presente di sviluppare progetti

36
simili a “e-book scuola”, potrebbero in futuro investire in questo segmento,
grazie al vantaggio competitivo portato dalla conoscenza approfondita e taci-
ta degli hardware e dei contenuti sviluppabili per esso.

In Italia

E’ il caso della azienda Simplicissimus Book Farm che


da alcuni mesi si è proposta sul mercato sfruttando soprat-
tutto la blogosfera come canale comunicativo: questa nuo-
va casa editrice guidata da Antonio Tombolini, grazie alla
partnership con l’azienda iRex, è per ora l’unica distributri-
ce italiana del più evoluto e-book reader presente sul mer-
cato. La sua offerta prevede, oltre alla vendita dell’hard-
ware anche la vendita e/o l’omaggio di contenuti “di qualità” per quanto pos-
sibile in lingua italiana. I contenuti sono in vendita secondo il piano aziendale
da metà maggio 2007. Obbiettivo principale della Simplicissimus Book Farm
è creare prima di tutto una community attorno a questo nuovo modello edi-
toriale, favorendo lo scambio di conoscenze tra gli utenti, l’acquisizione di
nuovi contenuti e il passaparola con potenziali utenti esterni; oltre a ciò, la
società partecipa a incontri (bar-camp, conferenze, saloni, fiere) per stipulare
nuovi contratti di cooperazione nell’ambito del software e editoriale.

In Europa

Francia: 4D Concept distributore del


prodotto iRex iLiad sul territorio francese
(accordo siglato al salone del Libro di Pari-
gi), ha firmato il 21 marzo 2007 una joint
venture con Reed Elsevier, leader nel mondo dei contenuti professionali (edi-
tore specializzato in medicina, diritto, educational e business produce ogni
anno 15.000 titoli in molti paesi del mondo). Ufficialmente le vendite del-
l’hardware sono iniziate il 2 aprile 2007.
Inghilterra: Libresco Ltd è una start-up
nata nel 2006 ed è l’unica ed ufficiale distribu-
trice in UK del reader di casa iRex. Libresco Ltd
fornisce l’accesso a contenuti digitali sia a paga-
mento che gratuiti: i suoi contenuti non sono so-
lamente libri -al quale peraltro dedica un proget-
to chiamato “Gutenberg”- ma fornisce in forma digitale anche i giornali na-
zionali e internazionali, periodici e pubblicazioni varie. Oltre all’hardware e ai
contenuti, Libresco Ltd mette a disposizione alcuni pacchetti software, creati
appositamente per l’iRex iLiad, per la gestione di una documentazione pro-
fessionale (software Acquaforest). Il progetto Gutenberg attualmente com-
prende 19.000 libri “di qualità” e/o poco trovabili: sono presenti ad esempio
testi di Shakespeare, Poe, Dante e Lewis Carrol.
Spagna: Leer-e è uno dei rivenditori ufficiali dell’iRex iLiad, del software
e degli accessori per questo device. Non si occupa per ora della vendita di
contenuti ma solamente delle traduzioni dei manuali
dell’hardware e dei software in lingua spagnola. Altro

37
distributore spagnolo dell’iRex iLiad è Caroinformatica: anch’esso si occupa
solamente della rivendita dell’hardware.
Olanda: Edupaper.nl è l’unico progetto at-
tivato nel mondo dell’educational. Il progetto è
iniziato a febbraio 2007 nel Bonnefanten Colle-
ge a Maastricht e prevede l’utilizzo dell’iRex
iLiad in classe. Seppur il caso possa essere particolarmente interessante per-
ché molto attinente al nostro progetto, per ora non si hanno dei risultati o dei
dettagli sull’avanzamento del piano.

Fuori dall’Europa

Asia: Secondo Haruko Tsujita (intervistato virtuale al Salone del Libro di


Parigi 2007), consulente nipponico del mercato degli e-book, il mercato giap-
ponese dei libri elettronici ha già un valore considerevole. Se già nel 2003 la
cifra d’affari si aggirava attorno ai 2.6 miliardi di Yen si pensa che essa au-
menterà a 19.9 miliardi di yen entro il 2008. Questa crescita è stata raccolta
e recepita dalla nascita di nuove aziende nel settore: esse a differenza del
sorelle europee e americane -distributrici unicamente dell’iRex iLiad- utilizza-
no il lettore elettronico Words Gear prodotto dalla casa Matsuhita-Panasonic
e sono in attesa del nuovo portable reader ad alta definizione della Seiko-Ep-
son. Anche Hitachi sta testando la tecnologia e-ink sul territorio giapponese
in campagna pubblicitaria.

I fornitori e il mercato di approvvigionamento

I fornitori di tecnologia hardware

Obbiettivo principale del progetto è creare e consolidare una partner-


ship con un distributore dei lettori elettronici, per garantire costi d’acquisto
bassi e un’interazione tra le aziende che permetta un costante miglioramen-
to del prodotto.
Come per le start-up fin ora nate, anche il progetto “e-book a scuola”
punta ad ottenere quindi una partnership con iRex Technology, spin-off delle
Philips. iRex Technology è l’azienda produttrice del lettore di libri elettronici
iLiad: essa, grazie ai partner e ai suoi centri di ricerca ha sviluppato un e-
book reader con una qualità superiore a quelli presenti attualmente sul mer-
cato e proprio per questo è stato scelto come hardware ufficiale da tutte le
neo-aziende del settore.
L’iLiad resta quindi il benchmark da emulare ma sono comunque pre-
senti altri lettori che sfruttano la tecnologia dell’inchiostro elettronico con ca-
ratteristiche minori. Attualmente è già in vendita sul mercato americano ad
esempio il Portable Reader sviluppato dalla Sony. Sono invece in arrivo il V2
della società cinese Jinke (previsti per settembre 2007 ben sei versioni diffe-
renti) , il kindle della Amazon e il più atteso Fujitsu 4096 Color E-Paper, primo
lettore annunciato che sfrutterebbe la tecnologia e-ink a colori.
Tutt’ora l’offerta di e-book reader quindi è ancora scarsa ma verso la
fine dell’anno ci si aspetta l’arrivo dei nuovi lettori offrendoci cosi una più

38
ampia scelta per il nostro progetto “e-book a scuola”. iRex sarebbe quindi il
nostro primo fornitore ufficiale in attesa dell’arrivo di nuovi prodotti alternati-
vi da Jinke, Fujitsu e Amazon.
Trattandosi dell’unico prodotto sul mercato iRex Technology iLiad ottie-
ne una rilevanza particolare nell’attuazione del progetto “e-book a scuola”;
tale rilevanza crea un maggiore potere contrattuale allo spin-off della Philips
visto che è l’unica azienda tutt’ora a fornire e-book reader con la tecnologia
e-ink adatti al mondo della scuola. Il nostro approccio cercherà quindi di co-
struire una partnership con l’iRex Technology che ci permetta di ottenere
prezzi all’ingrosso dei nuovi iLiad: tale contratto punterà a riconoscerci come
unici distributori dell’iLiad nel territorio italiano per il settore dell’istruzione.

I fornitori di tecnologia software

Le potenzialità dei nuovi lettori digitali non sono solamente le tecnolo-


gie hardware alla base, ma anche la presenza di un sistema operativo (ver-
sione Linux) che permette lo sviluppo di software applicativi.
Proprio per questo motivo sarà di fondamentale importanza costruire
dei rapporti collaborativi e continuativi con alcune società del mondo IT per
sviluppare e aggiornare software specifici per tale hardware che sfruttino le
potenzialità dell’oggetto a partire dall’interattività e l’usabilità rispettando
tutte le regole di accessibilità, visto anche l’alto utilizzo sociale a cui ci si ri-
volge.
I rapporti con le software house dovranno quindi essere costruiti se-
guendo degli step collaborativi e prevedendo periodici brainstorming interni
per esaminarne l’andamento. I software sviluppati dovranno essere rimodel-
labili facilmente: verranno quindi favorite le società che utilizzano software
con sistemi aperti.
Il nostro obbiettivo è costruire un interfaccia molto semplice che vada
offrire una serie di servizi che verranno implementati nell’arco dello studio
del progetto pilota.
Si favorirà, a parità di qualità, i prodotti e i servizi sviluppati dalle Uni-
versità italiane: esse infatti si presentano come migliori interlocutori in termi-
ni di sviluppo di sistemi aperti e applicazioni dirette al mondo della formazio-
ne.

I fornitori di contenuti

“e-book a scuola” punta a costruire delle partnership con degli editori


di libri scolastici. Visto l’interesse degli editori per questo nuovo campo tec-
nologico, ma anche le paure di investire in un settore ancora sconosciuto
come quello dei libri elettronici -dovuto soprattutto al diverso modello di bu-
siness non ancora testato con risultati positivi e conosciuti, da alcuna casa
editrice italiana- puntiamo a rivolgerci ad alcuni rami editoriali, scegliendo i
contatti a seconda della scuola a cui si vorrà proporre il pacchetto.
La casa editrice Mondadori è tutt’ora l’unico grande editore che ha
creato un sito apposito e-book.mondadori.com per vendere alcuni libri della
sua colonna: e notizia di pochi giorni fa, l’annuncio della vendita in contem-

39
poranea libro cartaceo-libro elettronico, del nuovo libro “Centro di Igiene
Mentale”di Simone Cristicchi famoso cantante italiano, a testimonianza che
la casa editrice milanese crede nella crescita di questo nuovo mercato edito-
riale digitale cercando di esserne presente e pronta fin da subito (secondo i
dati rilasciati dalla stessa Mondadori nel 2001 con l’apertura del portale sono
stati scaricate ben 30.000 copie). Seguono lo stesso esempio di Mondadori
alcune altre case editrici che hanno dedicano alla pubblicazione dei propri te-
sti, o di parte di questi, dei contenuti in formato elettronico: tra le più famose
troviamo Apogeo-Longanesi, quelle de Il Sole 24 ore, di Fazi Editore e di La-
terza.
Anche Manni Editori, editore specializzato in pubblicazioni legate al
mondo della letteratura, della sociologia, della filosofia, dell’antropologia, e
del teatro e del cinema, in seguito ad alcune promozioni di e-book online che
hanno riscontrato un buon successo, ha iniziato a promuovere testi letterali
più famosi come il best-seller da 10.000 copie: Non ci sto! di Pietro Ingrao e
Alex Zanotelli.

Visti i risultati positivi di questi editori italiani, “e-book a scuola” punta


quindi a rivolgersi a tali aziende e più in dettaglio alle sezioni editoriali dedi-
cate al mondo della scuola, facendo conoscere le peculiarità del nostro pro-
getto per ottenere una partnership che garantisca la vendita dei loro libri in
formato e-book e che ci permetta di offrire tali contenuti a costi minori.

I prodotti sostitutivi

Il mercato degli e-book è di per sé un prodotto sostitutivo del più nor-


male libro cartaceo. Si potrebbe pensare in un primo momento che il compu-
ter potrebbe essere un prodotto sostitutivo dell’e-book reader: in realtà le
funzioni ricoperte dai due strumenti hardware soddisfano diversamente biso-
gni in prima istanza simili.
Nella prima generazione di e-book, gli hardware costruiti si erano dimo-
strati poco user friendly proprio perché gli schermi LCD retroilluminati non
permettevano a un soggetto di leggere facilmente un documento e interagire
per più ore. Il grande passo dei nuovi e-book reader è stato proprio il supera-
mento di questo ostacolo tecnologico grazie all’utilizzo della tecnologia e-ink.
Ciò però non vuol dire che i computer retro-illuminati andranno a estinguersi:
sicuramente entrambi gli strumenti punteranno ad una convergenza nelle
tecnologie. Pensiamo infatti che i computer cercheranno di migliorare le qua-
lità degli schermi rimanendo comunque retro-illuminati perché fondamentali
in determinate situazioni e la loro presenza sarà indispensabile per garantire
una piena interazione uomo-macchina; allo stesso tempo gli e-book reader
punteranno ad aumentare la propria potenza di elaborazione e la propria ca-
pacità di memorizzazione rimanendo comunque un lettore elettronico con
l’obbiettivo principale di soddisfare una buona lunga e sana lettura e con un
interazione minima rispetto al computer.
La linea di demarcazione è sicuramente minima, tant’è che solo ora è
possibile identifica facilmente un e-book reader e un computer: sicuramente
nel futuro questa linea di demarcazione andrà confondendosi, ma comunque
senza creare problemi al modello di business del nostro progetto.

40
Se uscissimo dal nostro progetto, per posizionarci su un uso più gene-
rale dell’e-book reader, potremmo poi identificare una serie di dispositivi che
potenzialmente potrebbero sostituirlo. L’immagine successiva li individua
chiaramente.

Negli anni, i laptop sono evoluti è sono diventanti strumenti sostitutivi


del computer fisso (Pc o Mac) soprattutto nel mondo B2B. Seppur il peso stia
notevolmente scendendo e la potenza di elaborazione aumenti, restano pre-
senti comunque le caratteristiche già identificate precedentemente per il
computer fisso (poca leggibilità, mobilità in miglioramento ma comunque an-
cora bassa rispetto all’e-book reader di nuova generazione).
Phone e PDA si presentano invece estremamente mobili e permettono
ampia interattività grazie alla creazione del connubio “rete telefonica – siste-
ma operativo”. Ciò ha portato i nuovi dispositivi portatili a evolversi in dire-
zione dei computer, permettendo all’utente di ottenere informazioni vocali o
digitali in tempi ristretti. Come per i laptop, restano però schermi retro-illumi-
nati con spazi visivi estremamente contenuti che non permettono una lettu-
ra/interazione prolungata; ciò però è modulato al peso ridotto e forme di co-
municazioni particolari (SMS) che lo trasformano in uno strumento estrema-
mente flessibile. Proprio per rimediare agli inconvenienti di questi sistemi, è
da poco stato prototipato un nuovo modello che sfrutti in parte la tecnologia
e-ink (Librofonino).

I potenziali entranti

Il settore degli e-book, come abbiamo detto ormai diverse volte, è un


mercato con ampie possibilità di crescita non solo nel segmento della didatti-
ca ma in un tutti gli ambienti lavorativi o più semplicemente consumistici,
ovunque c’è bisogno di leggere o scrivere delle informazioni, svariando dai
romanzi di Hitchcock ai più tecnici manuali per geometri.

41
Trattandosi di un mercato ampio ma ancora poco valutabile in termini
economici, è sicuramente un segmento che può attrarre molte aziende pro-
venienti da differenti punti della catena di produzione libraria, ma anche da
aziende tutt’ora esterne dal settore.
Provando quindi a identificare i potenziali entranti, indicheremo prima
di tutto le aziende editrici: esse sono sicuramente i soggetti più interessati a
tale mercato trattandosi di un evoluzione che toccherebbe completamente il
loro attuale business. Esse stanno già investendo attualmente nel settore
modiche cifre cercando di studiare qual è il reale rapporto dei consumatori
con gli e-book (vedi Mondadori, LaTerza, IlSole24ore etc.).
Altre aziende certamente interessate, spinte anche dal dinamismo ini-
ziale, sono le start-up nate in questi ultimi mesi, con l’obbiettivo di distribuire
hardware, software ma soprattutto contenuti a un mercato ancora di nicchia
ma con ampie possibilità di crescita (vedi Simplicissimus Book Farm). Trattan-
dosi di un settore, quello didattico, molto legato al territorio in un primo mo-
mento l’interesse potrebbe ricadere solamente sulle neo-aziende nostrane:
la globalizzazione ci ha però insegnato che gruppi esteri possono sopraggiun-
gere in breve tempo grazie anche ad accordi con aziende che hanno distribu-
zioni internazionali (vedi accordi francesi della 4DConcept).
Seguono gli editori e le neo-aziende del mercato e-book, le case pro-
duttrici/distributrici di software: trattandosi infatti di un mercato che prevede
un ampio utilizzo della multimedialità e della tecnologia, visto l’alto bacino di
utenza e l’ampia distribuzione sul territorio, il mondo della scuola è sicura-
mente un settore che può portare ad investire società medio-grandi sia sotto
gli aspetti hardware che nei contenuti. Tali investimenti sarebbero ripagati
poi con un miglioramento del loro intero comparto produttivo e con ampi tas-
si di crescita del loro core-business.

42
ANALISI SWOT

COS’È L’ANALISI SWOT E PERCHÉ SI USA

Il metodo della SWOT analysis serve a cambiare gli atteggiamenti men-


tali di fronte ai problemi. Si basa su una matrice divisa in quattro campi, de-
dicati rispettivamente ai punti di forza (Strengths) e di debolezza (Weaknes-
ses), alle opportunità (Opportunities) e alle minacce (Threats). La matrice si
usa in gruppo e si applica a qualsiasi soggetto: l’azienda, il prodotto, un’ini-
ziativa, un progetto.
In genere si tende ad avere un solo punto di vista. Se è troppo pessimi-
stico si stroncano le idee nuove e l’intraprendenza. Se è troppo ottimistico si
rischia di avventurarsi in acque perigliose senza avere le attrezzature adatte.
Con la SWOT analysis invece ci si costringe ad analizzare il problema da
quattro punti di vista diversi e contrastanti.
La SWOT analysis è utile per prendere decisioni su quali sono i punti di
forza su cui puntare, o i punti deboli su cui intervenire, e su quali sono le mi-
nacce che possono essere trasformate in opportunità. È un modo efficace di
identificare i vostri punti di forza e di debolezza, e di esaminare le Opportuni-
tà e le Minacce a cui fate fronte. Aiuta a focalizzare le attività nelle aree in
cui siete forti e dove risiedono maggiori opportunità.
L’analisi SWOT è un supporto alle scelte e risponde all’esigenza di ra-
zionalizzazione dei processi aziendali. È una tecnica sviluppata più di 50 anni
come supporto alla definizione di strategie aziendali in contesti caratterizzati
da incertezza e forte competitività.
A partire dagli anni ‘80 è stata utilizzata come supporto alle scelte di
intervento pubblico per analizzare scenari alternativi di sviluppo; oggi l’uso di
questa tecnica è stato esteso alle diagnosi territoriali e alla valutazione dei
programmi regionali. I regolamenti comunitari ne richiedono l’utilizzo per la
valutazione di piani e programmi.
L’analisi SWOT è un’analisi ragionata del contesto settoriale o territo-
riale in cui si realizza un programma di intervento. Lo scopo dell’analisi è
quello di definire le opportunità di sviluppo di un’area territoriale o di un set-
tore o ambito di intervento, che derivano da una valorizzazione dei punti di
forza e da un contenimento dei punti di debolezza alla luce del quadro di op-
portunità e rischi che deriva, di norma, dalla congiuntura esterna.
Evidenzia i principali fattori, interni ed esterni al contesto di analisi, in
grado di influenzare il successo di un programma/piano. Consente di analiz-
zare scenari alternativi di sviluppo, supporta l’impostazione di una strategia
coerente rispetto al contesto su cui si interviene.
L’analisi SWOT consente di identificare le principali linee guida strategi-
che in relazione ad un obiettivo globale di sviluppo economico o settoriale; il
suo utilizzo è raccomandato soprattutto in fase ex ante per migliorare l’inte-
grazione del programma nel suo contesto; in fase intermedia consente di ve-
rificare se, in relazione ai cambiamenti intervenuti nel contesto, le linee di
azione individuate siano ancora pertinenti e fornisce uno strumento per deci-

43
dere modifiche al programma; ex post serve a contestualizzare i risultati fi-
nali dei piani e programmi.

Vantaggi:
o l’analisi in profondità del contesto orienta nella definizione delle
strategie;
o la verifica di corrispondenza tra strategia e fabbisogni consente di
migliorare l’efficacia;
o consente di raggiungere un consenso sulle strategie (se partecipano
all’analisi tutte le parti coinvolte dall’intervento);
o flessibilità.

Svantaggi:
o rischio di procedure soggettive da parte del team di valutazione nel-
la selezione delle azioni;
o può descrivere la realtà in maniera troppo semplicistica;
o se non viene attuata in un contesto di partnership esiste il rischio di
scollamento tra piano scientifico e politico pragmatico.

ANALISI

Punti di forza

o Essere i primi a proporre questa “soluzione” in Italia. Fare leva sul


fatto che in Italia mai nessuno ha finora pensato di sfruttare questo
dispositivo nell’ambiente scolastico.
o Offrire un pacchetto/soluzione completo. Il pacchetto comprende:
device, contenuti, formazione, assistenza e servizi aggiuntivi.
o Vantaggi per tutti gli attori coinvolti. La nostra proposta vuole offrire
vantaggi a studenti, insegnanti, editori e scuola intesa come istitu-
zione.
o Orientamento innovativo della didattica mediante l’utilizzo di una
“nuova” tecnologia. La tecnologia dell’e-book reader è all’avanguar-
dia e porta innovazione nell’approccio allo studio.
o Flessibilità. L’offerta può essere cambiata/migliorata in corso.
o Elevata possibilità di espansione e sviluppo in termini di bacino d’u-
tenza. Si parte da una singola scuola per poi ampliare il raggio d’a-
zione per la buona riuscita dell’idea.
o Risorse umane che offrono formazione/assistenza/manutenzione.
Team di lavoro che fornisce il necessario background sia agli inse-
gnanti sia agli studenti.
o Contratti e accordi con gli attori/fornitori. Si sviluppano parternship
di varia entità nel progresso dell’innovazione.

44
Opportunità

o Innovare un settore statico (in Italia). Proposte nuove in un ambito


che richiede inevitabilmente di essere migliorato.
o Applicazione concreta della tecnologia e-book. Sfruttamento com-
pleto di tutte le potenzialità del device.
o Possibile ampliamento del contenuto rispetto al libro tradizionale
grazie al device. Sfruttando le potenzialità dell’e-book si migliora
l’interazione col testo (inserimento appunti, selezione testo, appro-
fondimento dei contenuti ecc.).
o Miglioramento dell’apprendimento. Si utilizzano sistemi nuovi e si
cambia metodologia di studio.
o Vera e propria tecnologia innovativa e-ink. La suddetta tecnologia
propone una serie di vantaggi tra i quali: facilità di lettura anche al-
l’aperto, basso consumo di energia, strumento maneggevole e leg-
gero.

Minacce

o L’entrata nel settore di colossi imprenditoriali. Si rischia, se l’idea ha


successo, che industrie di grosso calibro soppiantino la nostra.
o Profitti e costi difficilmente prevedibili. Difficile previsione dell’anda-
mento globale dell’iniziativa in quanto vi è la mancanza di esempi
precedenti.
o Innovazioni tecnologiche dei concorrenti. Possibile sviluppo di tecni-
che o dispositivi con prestazioni superiori a quelle dell’e-ink.

Punti di debolezza

o Hardware: mancanza di visibilità al buio, lentezza, impossibilità di


vedere filmati.
o Ridurre il costo del device. Agire sulle varie componenti che contri-
buiscono alla formazione del prezzo.
o Diffidenza verso l’uso del reader. Le persone mostrano reticenze nel
passare dal libro tradizionale all’e-book.
o Utilizzo superficiale/errato non a fini didattici dell’e-book. Lo stru-
mento deve essere usato per scopi didattici e non come fonte di
svago.
o Scarsa informatizzazione delle infrastrutture scolastiche. Mancanza
di aule o strumenti adatti per la realizzazione del progetto.
o Necessità di finanziamenti pubblici/privati e partner/sponsor. Per lo
sviluppo del progetto si richiede la disponibilità di investimenti eco-
nomici di vario tipo.

45
o Aspetti legali dei contenuti (DRM). È necessario valutare attenta-
mente la gestione dei diritti dei testi utilizzati per non ledere il copy-
right ed il diritto d’autore.

MATRICE

PUNTI DI FORZA PUNTI DI DEBOLEZZA


o primi nel settore
o soluzione completa o alcune mancanze nell’hardware
o vantaggi per tutti o device costoso
o innovazione nella didattica o diffidenza verso lo strumento
o flessibilità dell’offerta o utilizzo non didattico
o elevate possibilità di espansione e di svi- o scarsa informatizzazione delle scuole
luppo o necessità di finanziamenti
o risorse umane fondamentali o aspetti legali dei contenuti (DRM)
o accordi con editori e produttori

OPPORTUNITA’ MINACCE
o innovare un settore statico
o applicazione concreta degli e-book o entrata di possibili concorrenti
o ampliamento dei contenuti o costi e profitti difficilmente prevedibili
o miglioramento dell’apprendimento o innovazioni tecnologiche alternative
o vera e propria tecnologia innovativa

46
STRATEGIE

STRATEGIA COMMERCIALE

Il progetto di Fibiz prevede una fase iniziale fondamentale di stipula di


tutti gli accordi con i vari attori coinvolti. Successivamente verrà dettagliata
la strategia operativa, che racchiude le tecniche ed i metodi applicati sul
campo in concreto.
Punto di partenza imprescindibile sono i contratti generali per le forni-
ture legate all’ufficio di base: l’affitto dei locali, la connessione ad Internet,
l’hardware (PC personali, stampanti, etc.), il tutto preceduto dalle formalità
burocratiche per l’avvio dell’azienda (registrazione, iscrizione negli appositi
registri).
Data la natura ed il target dell’iniziativa, appare basilare l’approvazione
preventiva da parte del Ministero della Pubblica Istruzione, senza la quale
non è possibile presentare il progetto e le modalità di realizzazione alle sin-
gole scuole. Queste ultime saranno identificate a seguito dello studio del ma-
cro e del microambiente, di modo da individuare quelle con le strutture mi-
gliori e più adatte al progetto, senza dimenticare altri componenti quali il cor-
po docenti e la disponibilità del preside alla sperimentazione.
La scelta della tempistica è molto importante: si è pensato infatti di
presentare l’iniziativa a partire dal settembre del 2007, avendo come obietti-
vo di iniziare l’attività dal gennaio 2008, questo per una serie di ragioni di ca-
rattere sia pratico sia strategico. Dal lato pratico, la fase di formazione e af-
fiancamento (dettagliata in seguito nell’ambito della strategia operativa) si
inserirà in un contesto e in un percorso d’apprendimento già avviato, senza
modificarlo o influenzarlo negativamente ma bensì integrandolo, espanden-
done le possibilità e migliorandolo sotto molteplici aspetti. Dal punto di vista
strategico, tenendo presente come il contratto con gli editori per tutti i con-
tenuti (libri e altro materiale protetto da copyright) sia di fondamentale im-
portanza e al tempo stesso punto critico dell’intero progetto, iniziando la pro-
pria serie di attività a gennaio-febbraio e quindi indicativamente a metà del-
l’anno scolastico si può contare in sostanza sulla già avvenuta vendita dei li-
bri a tutti gli studenti, per cui gli editori stessi saranno certamente più inclini
alla cessione (regolata da un contratto ovviamente) dei diritti. Da non dimen-
ticare il fatto che a settembre 2008, con l’inizio del successivo anno scolasti-
co, nel momento in cui si andrà a presentare e proporre il progetto a nuove
scuole e quindi si amplieranno gli orizzonti e sarà necessario coprire più con-
tenuti e quindi poter contare su più editori e libri di testo, l’esperienza con-
creta già acquisita sarà un elemento positivo con una duplice valenza: dal
lato di Fibiz per qualificare la propria offerta (basandola non solo su teorie e
proposte ma su una concreta applicazione e realizzazione pratica) e dal lato
degli editori come fattore in più su cui basare le proprie scelte e decisioni al-
l’atto della stipulazione del contratto (ovviamente a favore di Fibiz).
Altro aspetto decisivo del nostro progetto è la collaborazione con i pro-
duttori dell’hardware (Sony, Phillips). Il device è infatti un elemento impre-
scindibile dell’intera iniziativa e deve poter soddisfare tutte le esigenze e le

47
idee che stanno alla base del nuovo metodo di insegnamento e di apprendi-
mento che Fibiz punta a diffondere nella scuola italiana. Strettamente legato
a questo punto vi è lo sviluppo del software e dell’interfaccia grafica per l’in-
terazione dell’utente con il dispositivo. I requisiti qui sono molto stringenti:
oltre a tutti i servizi aggiuntivi (di cui si è parlato in precedenza) che devono
trovare posto e anzi essere comodamente attivabili, non va dimenticato che
l’utente principale (o meglio, quello con le esigenze più particolari) è lo stu-
dente, per cui la maneggevolezza, l’usabilità, la facilità di utilizzo e di con-
trollo dell’intero strumento devono essere molto elevate, di modo da garanti-
re il corretto e ottimale utilizzo in ogni ambito. In questo senso è importante
che l’interfaccia o comunque il software sia agevolmente modificabile, adat-
tabile e aggiornabile nel tempo, di modo da incontrare e soddisfare in manie-
ra sempre più precisa ed efficiente i bisogni dei vari utilizzatori (da conside-
rare quindi non solo gli studenti ma anche i docenti). Il contratto che si andrà
a stipulare con la casa produttrice del software verterà quindi in maniera si-
gnificativa su questo aspetto, ovvero che tutti gli sviluppi futuri saranno affi-
dati e garantiti, con l’obiettivo di ottenere agevolazioni e sconti sui costi.
Di pari passo con tutto quanto detto fino ad ora va il discorso riguar-
dante i contenuti. Come si accennava prima, partendo l’iniziativa circa a
metà dell’anno scolastico, il contratto con gli editori potrà sfruttare questo
fatto, di modo contare in pratica sulla già avvenuta vendita dei libri. Sarà
fondamentale far risaltare due elementi di valore a favore di Fibiz:
1. la garanzia di una corretta e attenta gestione dei testi e dei docu-
menti in formato digitale (DRM, Digital Rights Management). La più
grande preoccupazione degli editori risiede nella possibilità di dupli-
cazione e veloce distribuzione dei documenti elettronici, caratteristi-
ca alla base della pirateria in ambito informatico e della possibile
diffusione non autorizzata ed illecita dei libri in formato elettronico.
Applicando delle regole rigide ed efficaci per controllare adeguata-
mente questo aspetto, si può garantire all’editore che l’esatto nu-
mero di copie dei vari libri sarà l’effettivo numero di utilizzatori dei
medesimi, senza copie illecite o che ledano i diritti d’autore. A quel
punto, essendo la comunicazione e la copia dei file contenenti l’e-
book praticamente a costo nullo per l’editore (tutti i libri cartacei
sono infatti prima creati e formattati tramite PC), il contratto assu-
merà per questo un aspetto molto allettante, in quanto Fibiz paghe-
rà in pratica per ottenere i diritti di utilizzo, a fronte di un impegno
essenzialmente pari a zero da parte dell’editore (la semplice copia
di un file o comunque di un documento elettronico già in suo pos-
sesso). L’unico “onere” sarà il futuro aggiornamento dei contenuti e
il renderli disponibili e accessibili se non gratuitamente ad un prezzo
vantaggioso;
2. l’approvazione del progetto da parte del Ministero della Pubblica
Istruzione, che conferisce una certa serietà ed importanza e garanti-
sce la validità del medesimo.
Oltre a questi attori “primari” con cui è necessario relazionarsi fin da
subito ve ne sono altri di sicuro valore, legati ad aspetti più prettamente
commerciali e pratici. Si intende qui presentare il progetto a tutti i possibili
stakeholder coinvolti nell’iniziativa, di modo da avere una base la più ampia
possibile su cui poter contare, coprendo così accuratamente ogni ambito.

48
Per quanto riguarda gli accessori ed il corredo del device, si è pensato
di contattare alcuni fra i più importanti player del settore, quali Seven, Invic-
ta, Tucano, Giochi Preziosi, BIC. L’obiettivo è quello di avere più linee del pro-
dotto (il reader), specifiche per le diverse tipologie di utenze. Si pensi ad
esempio al docente con la borsa della Tucano (professionale ed elegante) op-
pure allo studente appassionato di Harry Potter che può contare su una cu-
stodia con l’immagine del suo personaggio letterario preferito. Il punto focale
è la personalizzazione, di modo da rendere ogni dispositivo unico e differente
rispetto a tutti gli altri.
Dal lato delle tecnologie hardware e di rete, poi, partner importanti
possono essere ad esempio 3Com, Dell, HP, cui si garantirà l’utilizzo degli
apparati e dei prodotti ogniqualvolta sarà necessario, nell’integrazione e nel
miglioramento di infrastrutture preesistenti o nella creazione di nuove.

STRATEGIA OPERATIVA

Superata la fase iniziale in cui si formalizzano gli accordi con tutti gli at-
tori e le parti coinvolte, il progetto prevede (come anticipato in precedenza)
l’inizio delle attività a gennaio 2008. Il punto di partenza sarà una singola
scuola, in cui verranno seguite 4 classi da circa 20-25 alunni l’una.
I 5 soci di Fibiz si dedicheranno ad una classe ognuno per 6 ore a setti-
mana, da considerare in aggiunta la formazione ai docenti, considerati come
una classe di modo da ottenere una semplice rotazione tra i soci ed una faci-
le organizzazione e pianificazione del lavoro. In concreto quindi sarà effettua-
ta un’ora al giorno di formazioni iniziale sullo strumento tecnologico, il cui
corretto utilizzo e conoscenza nella totalità delle sue possibilità sono indi-
spensabili per la riuscita dell’intero progetto.
Si è pensato innanzitutto di formare i docenti riguardo all’uso dell’e-
book reader, di modo da prepararli adeguatamente ad ogni possibile doman-
da o situazione in cui si troveranno in aula con la classe. Sarà ovviamente
coinvolto l’intero collegio docenti, così da poter contare su una base di utiliz-
zatori del dispositivo la più ampia possibile. Successivamente vi sarà un in-
contro molto importante con i genitori e con gli alunni contemporaneamente,
di modo da presentare l’iniziativa a tutti coloro i quali saranno coinvolti in
maniera diretta. Poiché si prevede che il reader sia portato a casa dagli alun-
ni è infatti indispensabile che anche i genitori siano a conoscenza del proget-
to e anzi possano seguire e supportare i figli nel nuovo processo di apprendi-
mento. Il punto focale ad ogni modo rimane la formazione degli studenti, da
realizzare soprattutto tramite esempi concreti di utilizzo del dispositivo, trala-
sciando introduzione teoriche che risulterebbero inutili. Importante qui è sti-
molare l’interesse dell’alunno, cercando di fargli percepire tutte le possibilità
che lo strumento offre, anche di personalizzazione, andando notevolmente
oltre quelle che sono le capacità del libro cartaceo tradizionale. Successiva a
questa prima fase di formazione vera e propria sarà quella di affiancamento
in aula, in cui si seguirà da vicino l’attività dei docenti senza però intervenire
direttamente, se non in caso di problemi o domande.
Per il secondo anno scolastico, ovvero a partire da settembre 2008, è
prevista l’aggiunta al progetto di 10 nuove classi, in cui si partirà con la for-
mazione seguendo lo stesso iter descritto in precedenza. Alle 4 classi già se-

49
guite l’anno precedente saranno dedicate 3 ore settimanali di assistenza e
consulenza, in cui si fornisce la disponibilità per ogni evenienza.
Per il terzo anno scolastico, da settembre 2009, l’iniziativa coinvolgerà
10 nuove classi, formate con la metodologia consueta, mentre alle prime 4
iniziali saranno garantite ancora 2 ore settimanali di disponibilità, discorso
analogo per le 10 aggiunte il secondo anno cui saranno dedicate 3 ore alla
settimana.

STRATEGIA FINANZIARIA

I cinque soci fondatori di Fibiz hanno partecipato in misura uguale alla


creazione del capitale sociale iniziale, pari a € 50000, con cui sono state so-
stenute le spese iniziali per l’affitto di un locale e delle strutture di base per
iniziare l’attività (PC, collegamento a Internet, etc).
Viste le caratteristiche del progetto, è possibile sfruttare la possibilità
offerta da Multimedia Campus. Multimedia Campus ha infatti ottenuto un im-
portante finanziamento dal Ministero dello Sviluppo Economico per la crea-
zione di un Centro Studi e-learning. Il contributo del Ministero si inserisce nel
quadro degli interventi miranti a promuovere lo “ Sviluppo di imprese innova-
tive nel campo delle tecnologie informatiche e delle telecomunicazioni
” (D.P.C.M. 28 marzo 2001). La creazione di Multimedia Campus rappresenta
un’importante azione di partnership tra il settore pubblico (Università di Pa-
via) ed il settore privato (Opera Multimedia, Pasvim), mirante a creare una
rete di imprese nell’ambito del settore ICT di cui sia evidente l’aspetto inno-
vativo. Obiettivo del Centro Studi e-learning è quello di promuovere la nasci-
ta di una rete di imprese dislocate sul territorio nazionale a cui fornire il sup-
porto necessario all’avvio dell’attività. Il Centro Studi e-learning ha aperto il
processo di selezione degli imprenditori che desiderano avviare una nuova
impresa attiva nell’ambito del settore ICT. Grazie al supporto del Ministero
dello Sviluppo Economico, le nuove imprese selezionate riceveranno un fi-
nanziamento a fondo perduto per l’avvio delle attività e la consulenza neces-
saria nella fase di start-up (assistenza legale, definizione business plan,
ecc.).
La Regione Lombardia inoltre mette a disposizione, tramite il “Progetto
Saturno 2007” dei fondi di supporto per le start-up. Il progetto, attraverso il
coinvolgimento del sistema pubblico e privato, ha l’obiettivo di diffondere e
sviluppare l’imprenditorialità, consolidare e sviluppare la cultura d’impresa
sul territorio lombardo, favorire la creazione di nuove attività imprenditoriali
e consolidare il tessuto imprenditoriale lombardo attraverso il ricambio gene-
razionale. Il progetto è promosso e cofinanziato da Regione Lombardia, Mini-
stero del lavoro e della previdenza sociale e Fondo Sociale Europeo, e realiz-
zato dalla Camera di Commercio di Mantova, dalle altre Camere di Commer-
cio lombarde e da Unioncamere Lombardia.
Saturno si articola in due azioni. La prima consiste nel supporto allo
start-up, sviluppo d’impresa e auto-impiego e ha l’obiettivo di sostenere gli
aspiranti imprenditori e lavoratori autonomi attraverso orientamento di grup-
po per la definizione dell’idea, assistenza individuale per la redazione del
progetto d’impresa/lavoro autonomo e i piani di investimento per l’otteni-
mento dei contributi. E’ prevista l’erogazione di contributi a fondo perduto

50
agli aspiranti imprenditori/lavoratori autonomi che avranno usufruito dei ser-
vizi di orientamento e di assistenza per un massimale di ogni contributo di
6.750,00 Euro — pari al 75% dell’investimento ammesso.
La seconda azione riguarda il supporto per favorire l’attivazione di per-
corsi di sostegno al ricambio generazionale nelle micro, piccole e medie im-
prese, con specifica attenzione ai settori dell’artigianato e dei servizi, stimo-
landone la capacità innovativa (sia tecnologica che organizzativa) e valoriz-
zandone il patrimonio di conoscenze già acquisite, sia a sviluppare servizi di
supporto all’imprenditorialità, alla crescita e all’occupazione nelle imprese
nella delicata fase del ricambio generazionale. Le piccole e medie imprese in
fase di ricambio generazionale possono usufruire gratuitamente di: incontri
di mentoring, attraverso cui supportare processi di crescita personale e im-
prenditoriale e ottimizzare i processi di transizione imprenditoriale e le dina-
miche di tipo relazionale, rivolta ad una o ad entrambe le generazioni ed
eventualmente ai principali collaboratori e/o soci; consulenza specialistica di
contenuto diretta ad un’analisi strategica, organizzativa e gestionale della
realtà aziendale per sostenere la complessa fase del ricambio generazionale
e per stimolare processi d’innovazione d’impresa; affiancamento diretto alla
gestione imprenditoriale con l’obiettivo di supportare i potenziali subentranti
attraverso un accompagnamento di contenuto nella gestione concreta del-
l’impresa e dell’esercizio del ruolo imprenditoriale; incontri di gruppo finaliz-
zati a generare consapevolezza sui problemi del ricambio generazionale e a
creare una cultura favorevole all’innovazione e alla cooperazione/ aggrega-
zione tra imprese.
Oltre alle fonti di finanziamento possibili fin qui analizzate, non si può
certo prescindere da un supporto a livello pubblico/statale per l’intera inizia-
tiva. Qualora infatti il progetto abbia successo, le possibilità di espansione
sono molto elevate, ovvero si punterebbe ad estendere la metodologia e l’of-
ferta a livello nazionale (a regime). Diventa allora indispensabile prima di tut-
to l’avvallo del Ministero, che entrerebbe in maniera radicale come fonte di
finanziamento del progetto, ponendo le basi economiche indispensabili per
supportare i numeri e le dimensioni che si verrebbero a creare. In proposito
esistono dei fondi nella riforma scolastica del 2005, che potrebbero essere
utilizzati come punto di partenza prima di arrivare alla definizione di un piano
di finanziamento specifico per il progetto.

Stesura piano delle previsioni economico-finanziarie

L’analisi di fattibilità del progetto viene completata con la valutazione


degli aspetti finanziari, della convenienza economica e della profittabilità del
business. I piani che devono essere redatti sono quindi i seguenti.

o Piano degli investimenti. Definizione dell’ammontare dei capitali ne-


cessari per costituire e avviare l’impresa.
o Fonti di copertura. Individuazione delle fonti di finanziamento a cui ri-
correre per integrare i propri capitali.

51
o Conto economico previsionale. Valutazione della profittabilità del progetto
nei primi anni di vita attraverso l’analisi dei prevedibili fatturati e dei
costi da sostenere per il funzionamento dell’impresa.
o Stato patrimoniale preventivo. Valutazione della situazione patrimoniale
dell’impresa nei suoi primi anni di vita, in particolare quella connes-
sa all’indebitamento aziendale;
o Piano finanziario e cash-flow. Con quest’ultimo piano si verifica se la
nostra futura impresa sarà in grado di produrre la liquidità necessa-
ria per un sano funzionamento.

Il piano degli investimenti

Definiamo la struttura fondamentale dell’impresa Fibiz determinando


gli immobili, le attrezzature e tutti quei beni destinati ad essere utilizzati du-
revolmente (ovvero per periodi di tempo maggiori di un anno) nello svolgi-
mento dell’attività dell’azienda.
Questi beni possiamo classificarli come:

o Immobilizzazioni materiali:
o Macchinari e Attrezzature
o Arredi per l’ufficio
o Automezzi
o Computer

o Immobilizzazioni immateriali:
o Licenze
o Costi di ricerca, sviluppo e pubblicità
o Spese di costituzione (Avviamento)

Il capitale necessario per l’acquisizione di questi beni determina il fab-


bisogno finanziario iniziale di tipo strutturale determinato nel piano degli in-
vestimenti.
Il prospetto in forma tabellare contiene:
o l’elenco dei beni indispensabili per costituire la struttura aziendale
(prima colonna);
o il costo, al netto dell’IVA, determinato dai preventivi forniti dai forni-
tori (seconda e terza colonna, rispettivamente per gli interventi da
realizzare nel 1°, 2°e 3° esercizio)
o nome dei fornitori che ci hanno fornito il preventivo (quarta
colonna).

52
TIPO di BENE 1° ANNO 2° ANNO 3° ANNO
FORNITORE
Immobilizzazioni 2008 2009 2010

Immobilizzazioni materiali

Computer: n. 3 pc 3.900,00 Paolo Rinero & C.

Computer: n. 2 pc 2.600,00 Paolo Rinero & C.

n. 5 ebook-reader 2.250,00 Simplicissimus


350,0
n. 3 Librerie/mobili 0 Ikea

N. 3 scrivanie con sedie 2.050,00 Ikea


580,0
Impianto elettrico e rete Locale 0 Rossi elettrici

Automezzi 11.500,00 10.000,00 Fiat Auto


600,0
N.1 Divano 0 Ikea

Immobilizzazione immateriali

Avviamento 15.240,00 Vari contratti

Licenze per Software 1.460,00 Alpi Informatica

Costi di R&S: psicologo 7.200,00 Dott. Luigi Stanca

Costi di R&S: esperto formazione 7.200,00 Dottor. Bianchi


825,0
Pubblicità 2.430,00 0 Media Communication

825,0
Totale 51.730,00 15.630,00 0

Avendo indicato le immobilizzazioni che entreranno a far parte delle at-


tività nel bilancio previsionale finale, indichiamo anche il relativo piano di
ammortamento.
Le scritture di ammortamento consentono di ripartire fra più esercizi i
costi sostenuti per le immobilizzazioni immateriali e materiali: secondo il co-
dice civile il costo delle immobilizzazione materiali deve essere sistematica-
mente ammortizzato in ogni esercizio in relazione alla residua possibilità di
utilizzazione. Il Piano di ammortamento delle immobilizzazioni indica quindi il
valore da ammortizzare, e la vita utile dell'immobilizzazione, seguendo un
criterio di ripartizione a quote costanti.
Le immobilizzazione immateriali, costituite da oneri pluriennali devono
essere ammortizzate per un periodo non superiore ai 5 anni; tale criterio civi-
listico viene seguito per tutte le voci immateriali del piano degli investimenti
compreso l’avviamento (che secondo l’articolo 2426 C.c. può ottenere una ri-
partizione superiore ai 5 anni se motivata nella Nota Integrativa).

53
54
PIANO di AMMORTAMENTO Valore originale Vita utile Vita utile Vita utile
1° anno 2° anno 3° anno
B) Immobilizzazioni
I - Immobilizzazioni immateriali
14.400,0
2) costi di ricerca, di sviluppo e di pubblicità 0 11.520,00 11.070,00 10.959,00
1.460,0 876,0 584,0
4) concessioni, licenze marchi e diritti simili; 0 1.168,00 0 0
15.240,0 9.144,0
5) avviamento 0 12.192,00 0 6.096,00

II - Immobilizzazioni materiali
17.650,0
3) attrezzature industriali e commerciali 0 14.120,00 23.190,00 29.740,00
2.980,0 2.388,0
4) altri beni 0 2.384,00 0 2.272,00

Il prospetto delle fonti di copertura

Dopo la costituzione, per dar vita al ciclo produttivo, Fibiz ha bisogno di


materiale informatico di consumo, cancelleria, lavoro, servizi di trasporto e
per il personale: abbiamo quindi bisogno di un minimo di riserve liquide che
permettano di affrontare eventuali situazioni di incaglio finanziario. Queste
spese vengono determinate nel fabbisogno finanziario corrente (conto eco-
nomico previsionale). Le fonti di finanziamento che la società utilizza si sud-
dividono in:

Fonti di finanziamento interne:


o Capitale di rischio. Capitale fornito dai singolo fondatori in modo
uguale conferito completamente in denaro.
o Nuovi apporti di mezzi propri. Sono gli apporti di capitale effettuati
dai fondatori successivamente al primo anno.

Fonti di finanziamento esterne:


o Prestiti bancari o provenienti da altri finanziatori privati
o Prestiti agevolati (Finanziamenti che si prevede di ottenere con le
leggi regionali, nazionali e europee di supporto alla creazione del-
l’impresa).

Il reperimento delle risorse monetarie per realizzare i suddetti investi-


menti è rappresentato nel prospetto tabellare seguente. Tale prospetto che
identifica le fonti di copertura indica:
o nella prima colonna la natura delle fonti previste (mezzi propri, fonti
esterne, finanziamenti agevolati);

55
o nelle tre colonne successive indica l’entità delle diverse fonti, ripar-
tite, come richiesto dalla legge, per almeno tre periodi amministrati-
vi:
o a fianco delle singole voci è presente la percentuali di finanziamento
investito nella società rispetto agli altri finanziamenti ottenuti nello
stesso anno.

1° ANNO % 2° ANNO % 3° ANNO %


FONTI di FINANZIAMENTO
2008 2009 2010
Mezzi propri (Capitale di rischio) 25.000,00 44%
Nuovi apporti di capitale 25.000,00 56%
Finanziamenti Agevolati 10.230,00 18% 12.545,00 28% 8.455,00 100%
Crediti da fornitori ed immobilizzazioni 9.500,00 17% 7.000,00 16%
Crediti da fornitori di merci e/o servizi
Affidamenti bancari utilizzati 12.230,00 21%
Totale 56.960,00 100% 44.545,00 100% 8.455,00 100%

Il bilancio previsionale

La pianificazione prosegue con la stesura del bilancio previsionale. Tale


prospetto serve per preventivare l’andamento della gestione del patrimonio
dell’impresa Fibiz nel corso dei tre anni. Il bilancio previsionale si compone di
due documenti fondamentali:

1) Stato Patrimoniale preventivo


Prospetto diviso in due sezioni che indicano le Attività (dove viene inve-
stito il denaro) e le Passività (da dove arriva), suddiviso in:
1. Impieghi: contiene le voci inserite nel piano degli investimenti fissi e
circolanti, quindi l’elenco dei beni in cui è stato investito il denaro
per costituire l’ossatura principale della società: tiene conto quindi
sia del fabbisogno iniziale strutturale che di del fabbisogno iniziale
corrente.
2. Fonti di finanziamento: contiene le voci inserite nel prospetto delle
fonti di copertura, cioè tutte le fonti di finanziamento utili per avvia-
re l’attività e per finanziare gli impieghi.

56
1° ANNO % 1° ANNO % 2° ANNO % 3° ANNO %
ATTIVITA'
gen-08 dic-08 dic-09 dic-10

B) Immobilizzazioni
I - Immobilizzazioni immateriali
11.5 11.0 10.
2) costi di ricerca, di sviluppo e di pubblicità 14.400,00 20,00 70,00 959,00
1.1 8
4) concessioni, licenze marchi e diritti simili; 1.460,00 68,00 76,00 584,00
12.1 9.1 6.
5) avviamento 15.240,00 92,00 44,00 096,00

24.8 21.0 17.


Totale 31.100,00 80,00 90,00 639,00

II - Immobilizzazioni materiali
14.1 23.1 29.
3) attrezzature industriali e commerciali 17.650,00 20,00 90,00 740,00
2.3 2.3 2.
4) altri beni 2.980,00 84,00 88,00 272,00

16.5 25.5 32.


Totale 20.630,00 04,00 78,00 012,00
41.3 46.6 49.
Totale immobilizzazioni 51.730,00 60% 84,00 77% 68,00 53% 651,00 53,6%

C) Attivo Circolante
II - Crediti
12.3 10.2 2.
1) verso i clienti 39,20 42,49 884,64

IV - Disponibilità liquide:
27.0 34.
1) depositi bancari e postali 29.870,00 13,00 07,00 849,00
2) assegni
4.5 5.
3) denaro e valori di cassa 5.000,00 69,00 230,00

31.5 40.
Totale 34.870,00 13,00 76,00 079,00
12.3 41.8 42.
Totale attivo circolante 34.870,00 40% 52,20 23% 18,49 47% 963,64 46%

53.7 88.4 92.


Totale 86.600,00 100% 36,20 100% 86,49 100% 614,64 100%

57
1° ANNO % 1° ANNO % 2° ANNO % 3° ANNO %
PASSIVITA'
gen-08 2008 2009 2010

A) Patrimonio netto
25.0 25.00 50.000,0 50.00
I - Capitale sociale 00,00 0,00 0 0,00
1 139,0 4
II- Riserva legale 8,81 2 50,75
3 222,4 5
III - Riserva statutaria 0,10 3 34,16
327,2 2.3
VIII - Utili (perdite) portati a nuovo 9 70,04
32 2.042,7 5.2
IX - Utili (perdita) dell'esercizio 7,29 5 49,69

25.0 25.37 52.731,4 58.60


Totale 00,00 29% 6,20 47% 9 60% 4,64 63%

D) Debiti
12.2 12.23 5.030,0 1.4
3) Debiti verso Banche 30,00 0,00 0 30,00
10.2 10.23 20.975,0 26.43
4) Debiti verso altri finanziatori 30,00 0,00 0 0,00
39.1 5.90 9.750,0 6.1
6) Debiti verso fornitori 40,00 0,00 0 50,00
13) altri debiti

61.6 28.36 35.755,0 34.01


Totale 00,00 71% 0,00 53% 0 40% 0,00 37%

86.6 53.73 88.486,4 92.61


Totale 00,00 100% 6,20 100% 9 100% 4,64 100%

58
2) Conto Economico previsionale
Il Conto economico contiene un riassunto della struttura dei costi e dei
ricavi che la nostra attività aziendale genera, o genererà nel periodo ammini-
strativo. L’azienda per l’attività necessita di una struttura “fissa” (le immobi-
lizzazioni), e di spese correnti riferite ai sevizi (merci, materie prime, mano
d’opera, energia elettrica, utenze telefoniche, cancelleria etc.) consumati
nell’arco dell’esercizio. Nel Conto Economico previsionale riassumiamo i costi
d’esercizio e la previsione dei ricavi attesi per i tre anni amministrativi previ-
sti (2008 – 2009 – 2010).

Schema del Conto Economico Previsionale 2008 2009 2010


A) Valore della produzione:
1) Ricavi delle prestazioni 27.540,00 34.220,00 47.880,00
5) altri ricavi 6.500,00 2.450,00 2.600,00
Totale 34.040,00 36.670,00 50.480,00

B) Costi della produzione


6) per materie prime, sussidiarie, di consumo e di merci 2.850,50 2.850,50 5.850,50
7) per servizi 12.902,00 12.932,00 12.932,00
10) ammortamenti e svalutazioni:
a) ammortamento delle immobilizzazioni immateriali 6.220,00 6.220,00 6.706,00
b) ammortamento delle immobilizzazioni materiali 4.126,00 4.126,00 6.766,00
14) oneri diversi di gestione 5.480,00 3.950,00 5.250,00

Totale 31.578,50 30.078,50 37.504,50


Differenza tra valori e costi della produzione (A-B) 2.461,50 6.591,50 12.975,50

C) Proventi e oneri finanziari


17) interessi e oneri finanziari 1.834,50 2.584,50 2.584,50
Totale (15+16-17) 1.834,50 2.584,50 2.584,50
627,0
Risultato prima delle imposte (A-B+/- C) 0 4.007,00 10.391,00
250,8
22) imposte sul reddito dell'esercizio 0 1.602,80 4.156,40
376,2
26) Utile (perdita) d'esercizio 0 2.404,20 6.234,60

59
Il piano finanziario

In ultimo viene definito il Piano finanziario (cash flow) del primo anno di
vita della società Fibiz. In questo piano vengono previste le entrate e le usci-
te finanziarie che si traducono in manifestazione monetaria. Per una descri-
zione più dettagliata il piano viene redatto mese per mese per capire periodi-
camente i bisogni di liquidità e l’eventuale deficit da colmare.

Voci/Periodo Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre
1.27 1.2 1.27 1.27 1.270 1.2 1.27 1.27 1.270, 1.2 1.2 1.270,
Avviamento 0,00 70,00 0,00 0,00 ,00 70,00 0,00 0,00 00 70,00 70,00 00
1.46
Licenze software 0,00
3.60 3.600,
Costi di R&S: psicologo 0,00 00
1.80 1.8 1.800, 1.800,
Costi di R&S: e. formazione 0,00 00,00 00 00
3.90
Computer 0,00
2.40
Arredi 0,00
2.2
Ebook reader 50,00
5
Impianti elettrici e rete locale 80,00
4.25 1 15 1 15 15 150 1 1 150,
Automezzi 0,00 50,00 0,00 50,00 0,00 0,00 ,00 50,00 50,00 00
13.86 1.2 3.07 5.02 1.420 5.4 1.42 1.42 3.220, 1.4 1.4 6.820,
Uscite per investimenti (A) 0,00 70,00 0,00 0,00 ,00 70,00 0,00 0,00 00 20,00 20,00 00
1.4 1.40 1.4 1.40 1.4 1.400,
Affitto e Spese condominiali 00,00 0,00 00,00 0,00 00,00 00
2.54
Assicurazioni 0,00
1 1 12 1 120,
Telecom Adsl/Voip 99,00 120,00 20,00 20,00 0,00 20,00 00
45 1 199 300,
Enel-Eni 0,00 94,00 ,00 00
36 36 36 366 3
Oneri finanziari 6,90 6,90 6,90 ,90 66,90
Cancelleria, vidimazioni, tribu- 1.20 9
nale… 0,00 00,00
2.5 2.95
Spese generali 30,00 0,00
4 26
Imposte/tasse 90,07 0,43
4.32 4.0 81 1.52 62 1.7 36 4.47 565 1.5 1.2 1.820,
Uscite per costi (B) 9,07 50,00 6,90 0,00 7,33 14,00 6,90 0,00 ,90 20,00 66,90 00
18.18 5.3 3.88 6.54 2.047 7.1 1.78 5.89 3.785, 2.9 2.6 8.640,
Totale uscite (A+B) 9,07 20,00 6,90 0,00 ,33 84,00 6,90 0,00 90 40,00 86,90 00
Totale uscite (A+B) (Totale 18.18 23.5 27.39 33.93 35.983 43.1 44.95 50.84 54.630, 57.5 60.2 68.897,
progressivo) 9,07 09,07 5,97 5,97 ,30 67,30 4,20 4,20 10 70,10 57,00 00

Entrate per vendite


2 3
Sponsorizzazioni Accessori 00,00 00,00
Formazione e Servizi alla 2.7 13.7 2.7 8.262,
scuola 54,00 70,00 54,00 00
1.80 1.20 1.80 1.2
Regione 0,00 0,00 0,00 00,00
Entrate 10% per contratti
dell, 3com

1.80 2.7 1.20 13.9 1.80 3.0 1.2 8.262,


Totale entrate 0,00 54,00 - 0,00 - 70,00 - 0,00 - 54,00 00,00 00
Totale entrate (Totale progres- 1.80 4.5 4.55 5.75 5.754 19.7 19.72 21.52 21.524, 24.5 25.7 34.040,
sivo) 0,00 54,00 4,00 4,00 ,00 24,00 4,00 4,00 00 78,00 78,00 00

- - - - - - - - - - - -
+/- Bilancio progressivo 16.389,07 18.955,07 22.841,97 28.181,97 30.229,30 23.443,30 25.230,20 29.320,20 33.106,10 32.992,10 34.479,00 34.857,00

18.48 15.9 12.02 6.68 4.640 11.4 9.63 5.54 1.763, 1.8 3 13,
Disponibilità liquide - cash flow 0,93 14,93 8,03 8,03 ,70 26,70 9,80 9,80 90 77,90 91,00 00

60
Riclassificazione del bilancio

La rielaborazione dei documenti contabili del bilancio consiste in una ri-


classificazione e riaggregazione delle voci dello Stato Patrimoniale e del Con-
to Economico effettuate al fine di disporre di dati più significativi agli effetti
della successiva analisi di bilancio.
Per lo Stato Patrimoniale l’obbiettivo della rielaborazione è di eviden-
ziare la struttura degli impieghi e la composizione delle fonti di finanziamen-
to. Tale rielaborazione è quindi finalizzata alla predisposizione di uno Stato
Patrimoniale redatto secondo criteri finanziari in base al quale il patrimonio
dell’azienda è considerato come un complesso di investimenti in attesa di
realizzo.
Nello Stato Patrimoniale rielaborato secondo criteri finanziari indichia-
mo nell’attivo:
o Attivo immobilizzato. Composto dagli elementi patrimoniali che co-
stituiscono la struttura fissa.
o Attivo Corrente. Composto da Disponibilità liquide e Disponibilità fi-
nanziarie.

Nel passivo:
o Patrimonio netto
o Debiti a media/lunga scadenza
o Debiti a breve termine

1° ANNO % 1° ANNO % 2° ANNO % 3° ANNO %


ATTIVITA'
gen-08 dic-08 dic-09 dic-10
5 41.3 4 49
Totale immobilizzazioni 1.730,00 60% 84,00 77% 6.668,00 53% .651,00 53,6%
3 12.3 4 42
Totale attivo circolante 4.870,00 40% 52,20 23% 1.818,49 47% .963,64 46%

8 53.7 8 92
Totale 6.600,00 100% 36,20 100% 8.486,49 100% .614,94 100%

1° ANNO % 1° ANNO % 2° ANNO % 3° ANNO %


PASSIVITA'
gen-08 2008 2009 2010
25. 25.3 52. 58.
Patrimonio netto 000,00 29% 76,20 47% 731,49 60% 604,64 63%

Debiti a medio/lungo termi- 61. 28.3 35. 34.


ne 600,00 71% 60,00 53% 755,00 40% 010,00 37%
86. 53.7 88. 92.
Totale 600,00 100% 36,20 100% 486,49 100% 614,64 100%

Il Conto Economico redatto in precedenza secondo le disposizioni del


codice civile consente una analisi della redditività aziendale solo approssima-
tiva in quanto:

61
o Non distingue i componenti di reddito della gestione caratteristica
da quelli della gestione extracaratteristica
o I componenti di reddito sono classificati per natura e non per desti-
nazione (vale a dire in base alle aree funzionali dell’azienda: indu-
striale, commerciale, amministrativa).
Al fine di una corretta analisi riclassifichiamo il conto economico per ot-
tenere una struttura tale da evidenziare le aggregazioni, i margini e i risultati
intermedi utili a comprendere la progressiva formazione del risultato dell’e-
sercizio. A tal fine utilizziamo la configurazione a valore aggiunto.

Conto Economico Sintetico 2008 % 2009 % 2010 %

34.040,0 36.670, 50.480,0


Ricavi netti di vendita e Valore della produzione 0 100% 00 100% 0 100%
2.850,5 2.850, 5.850,5
- Costi netti per l'acquisto di materie prime, sussidiarie e merci 0 50 0
12.902,0 12.932, 12.932,0
- costi per servizi e per godimento di beni di terzi 0 00 0
18.287,5 20.887, 31.697,5
Margine Operativo Lordo o EBITDA 0 54% 50 57% 0 63%
10.346,0 10.346, 13.472,0
-Ammortamenti 0 00 0
- Svalutazione Crediti
7.941,5 10.541, 18.225,5
Reddito Operativo o EBIT 0 23% 50 29% 0 36%
5.480,0 3.950, 5.250,0
- Risultato gestione accessoria 0 00 0
1.834,5 2.584, 2.584,5
- Risultato gestione finanziaria 0 50 0
627, 4.007, 10.391,0
Risultato economico della gestione ordinaria 00 00 0
Risultato della gestione straordinaria
627, 4.007, 10.391,0
Risultato economico al lordo delle imposte 00 2% 00 11% 0 21%
250, 1.602, 4.156,4
- imposte di esercizio 80 80 0
376, 2.404, 6.234,6
Utile (perdita) d'esercizio 20 1% 20 7% 0 12%

Calcolo dei margini della struttura patrimoniale

Da una prima analisi dei voci aggregate possiamo notare che i valori
nell’attività variano di anno in anno. Si parte da una situazione dove preval-
gono le immobilizzazioni rispetto all’attivo circolante. Trattandosi di una so-
cietà di servizi, le immobilizzazioni nel lungo periodo devono pesare meno al-
l’interno degli impieghi.
Nel caso di Fibiz, le immobilizzazioni scendono dal 77% nel 2008 al
53% nel 2010; di conseguenza la percentuale di attivo circolante aumenta
dal 23% al 46%. Obbiettivo futuro è quello di ridurre ulteriormente il peso
delle immobilizzazioni a favore dell’attivo circolante (Disponibilità liquide +
disponibilità finanziarie).

62
Esaminando le Fonti di Finanziamento si può notare un sostanziale ca-
povolgimento dei valori percentuali interni. Nel gennaio 2008 la fase di star-
tup della società si presenta con un 29% di capitale proprio e un 71% di debi-
ti a medio lungo termine; nel dicembre 2010 prevediamo di raggiungere il
63% di capitale proprio riducendo al 37% il debito verso l’esterno, diventan-
do effettivamente proprietari della società. Tale risultato è influenzato princi-
palmente da due fattori:
o L’aumento di capitale previsto per il 2009 pari a 25.000
o L’aumento dei ricavi e quindi degli utili d’esercizio opportunamente
riportati a nuovo negli anni successi come strumento di autofinan-
ziamento.
Un ulteriore conferma può venire dal calcolo del grado di capitalizzazio-
ne dell’impresa FIBIZ: la struttura finanziaria si può ritenere soddisfacente
dal secondo anno di vita.

Capitale proprio 25.376,20 52.731,49 58.604,64


Capitale di terzi 28.360,00 35.755,00 34.010,00

Grado di capitalizzazione 0,89 1,47 1,72

L’analisi successiva vuole evidenziare il margine di struttura, il quale


esprime la capacità dell’azienda di far fronte al fabbisogno finanziario deri-
vante dagli investimenti in immobilizzazioni, mediante il ricorso dei mezzi
propri oppure al totale del capitale permanente.

Margine primario di struttura = Capitale proprio – Attivo immobilizzato


Margine secondario di struttura = Capitale permanente – Attivo Immo-
bilizzato

25.376,20 - 41.384,00 = - 16.007,80

52.731,49 - 46.668,00 = 6.063,49

58.604,64 - 49.651,00 = 8.953,64

Esaminando i risultati si presenta una situazione iniziale di squilibrio fi-


nanziario dove il capitale proprio non riesce a coprire completamente le im-
mobilizzazioni: parte di queste attività immobilizzate sono comunque coperte
dal Capitale permanente.
Negli anni successivi la situazione finanziaria va cambiando e il capita-
le permanente, seppur in piccola parte, riesce a coprire le attività immobiliz-
zate creando una struttura fonti-impieghi che risulta equilibrata.

Analisi della Redditività

63
L’analisi della redditività ci permette di individuare l’entità e l’origine
del reddito prodotto dall’impresa. Posto 100 come valore iniziale del valore
della produzione abbiamo individuato i valori percentuali nella tabella del
Conto Economico Riclassificato per tutti i risultati intermedi.
I valori percentuali permettono di avere una prima visualizzazione della
struttura del reddito evidenziando il contributo delle relative aree gestionali:
rispetto ai ricavi di vendita, l’utile previsto cresce dall’1% del 2008 al 12%
del 2010. Questa crescita è dovuta principalmente all’aumento dei ricavi del-
la gestione caratteristica più che proporzionale rispetto all’aumento dei costi
sostenuti negli tre anni. Analizzando infatti i costi notiamo un sostanziale au-
mento solamente tra il secondo il terzo anno, per le voci:
o Ammortamenti. Crescita della quota di ammortamento annuo per
via dell’entrata di un nuovo Automezzo e di alcuni componenti del-
l’infrastruttura tecnologica.
o Costi di gestione accessoria. Nel primo anno si presentano 5.480
euro composti principalmente da costi di gestione legati all’avvio
dell’azienda. Nel secondo anno c’è un sostanziale calo a 3.950 euro
per poi risalire a 5.250 euro nel 2010 grazie al raddoppio dei corsi di
formazione e l’affiancamento in più scuole.
Non è presente infine un risultato della gestione straordinaria: la ge-
stione ordinaria coincide quindi con il risultato economico al lordo delle impo-
ste.
Dopo questa prima indagine, l’analisi può essere approfondita con la
determinazione degli indici di redditività.

ROE  Return on equity. Indicatore della redditività globale effettiva-


mente ottenuta dall’impresa e quindi del grado di remunerazione del rischio.
L’indice è positivo fin dal primo anno, seppur per un basso valore percentua-
le. Segue una crescita costante nei due anni successivi in linea con le per-
centuali di ricavo del mercato obbligazionario e azionario. (Utile
d’esercizio/Capitale proprio x 100)

376,2
Utile d'esercizio 0 2.404,20 6.234,60
Capitale proprio (Capitale sociale + Riserve) 25.048,91 50.688,75 53.354,95

ROE 1,50% 4,74% 11,69%

ROI  Il ROE seppur sia un indicatore significativo è un indicatore glo-


bale dell’impresa. L’esame della situazione economica di Fibiz con l’indicato-
re ROI ci permette di misurare le potenzialità di reddito indipendentemente
dalla gestione extracaratteristica e finanziaria, utilizzando inoltre a denomi-
natore il totale degli impieghi per valutare la redditività dell’intero capitale
investito indipendentemente dalla provenienza delle fonti di finanziamento.
(Reddito operativo/Totale impieghi x 100).

Reddito Operativo 7.941,50 10.541,50 18.225,50


Totale degli impieghi 53.736,20 88.486,49 92.614,64

64
ROI 14,78% 11,91% 19,68%

Per avere una chiara visione delle percentuali ROI annue è utile con-
frontare tali percentuali con l’indicatore ROD (Return on debt). Il Rod misura
la capacità dell’impresa di remunerare il capitale di terzi fornendo anche la
misura dell’incidenza del peso degli oneri finanziari sulla redditività comples-
siva.

Oneri finanziari totali 1.834,50 2.584,50 2.584,50


Capitale di terzi 28.360,00 35.755,00 34.010,00

ROD 6,47% 7,23% 7,60%

Il valore minimo del ROI deve coincidere, in una situazione reddituale


positiva, al minimo del costo medio del denaro misurato dal ROD. Il confronto
ROI-ROD nella riclassificazione economica-finanziaria di Fibiz prospetta una
situazione positiva per tutti i tre anni.
Il ROD tra l’altro, tra il secondo e il terzo anno ha un basso incremento
seppur siano aumentate le immobilizzazioni materiali: la spesa per l’acquisto
degli automezzi e dell’infrastruttura tecnologica è infatti ricoperta con l’au-
mento di capitale (25.000 euro) apportato nel secondo anno di vita di FIBIZ,
e non con capitale di terzi.

ROS  La capacità di produrre reddito è generalmente legata alla pos-


sibilità per l’impresa di ottenere ricavi superiori ai costi. Con il calcolo del
ROS andiamo a determinare la redditività media unitaria dell’impresa, che è
il rapporto percentuale tra il reddito operativo e i ricavi di vendita.

Reddito operativo 7.941,50 10.541,50 18.225,50


Ricavi di vendita 34.040,00 36.670,00 50.480,00

ROS 23,33% 28,75% 36,10%

Il tasso, positivo e in crescita nell’arco di tutto il triennio, esprime una


sintesi delle relazioni esistenti tra ore di formazione, costi e prezzi di vendita:
ciò dipende sia dall’efficienza interna che dalla situazione di mercato (secon-
do gli accordi ministreriali e scolastici).

65
66
L’E-BOOK E I DISPOSITIVI DI LETTURA

L’E-BOOK

Cos’è un e-book

Un e-book è la versione elettronica, o più precisamente digitale, di un


libro. Il termine, che deriva dalla contrazione delle parole inglesi electronic
book, viene utilizzato sia per indicare la conversione in digitale di una qua-
lunque pubblicazione sia il dispositivo con cui il libro può essere letto. Nel
caso ci si riferisca al dispositivo di lettura sarebbe più corretto, per evitare
fraintendimenti, riferirsi ad esso come e-book reading device (dispositivo di
lettura di e-book), termine con il quale si intende sia il dispositivo hardware
su cui l’e-book viene letto sia il software che permette la lettura sul dispositi-
vo fisico. Il termine leggere applicato ad un libro elettronico è però riduttivo:
non bisogna dimenticare infatti che tramite un e-book si può fruire di infor-
mazioni che vanno ben al di là del solo testo.
Il libro elettronico e-book in quanto tale si contraddistingue per tre re-
quisiti:
1. è un testo elettronico pubblicato nei formati digitali standard idonei
per essere decodificato con programma di lettura per libri elettroni-
ci;
2. è acquisibile gratuitamente o acquistabile sia via Internet sia su
supporto digitale autonomo e può essere letto indipendentemente
dalla connessione ad Internet;
3. si identifica a tutti gli effetti come libro elettronico quando è integra-
to in un dispositivo di lettura e-book.
L’e-book, dunque, è un prodotto editoriale (professionale o amatoriale)
in formato digitale, che può essere letto solo mediante un apparecchio elet-
tronico (PC, computer palmare, e-book reading device) fornito di adeguato
programma. La lettura del testo elettronico in formato e-book non è imme-
diata, ma presuppone la necessaria mediazione del dispositivo di lettura ali-
mentato da energia elettrica.

Principali tappe storiche degli e-book

1. 1971 Nasce il progetto Gutenberg, viene considerato da molti anche


l’anno di nascita dell’e-book.
2. 1987 Viene pubblicato e distribuito su floppy dalla Eastgate Systems
il primo romanzo ipertestuale dal titolo Afternoon, a story di Michael
Joyce. Il romanzo realizzato tramite l’uso di ipertesti era caratteriz-
zato da una struttura non lineare.
3. 1993 Viene fondata la BiblioBytes, la prima casa editrice a vendere
e-book su Internet.

67
Progetto Gutenberg

Project Gutenberg, noto anche con l’acronimo PG e in Italia come Pro-


getto Gutenberg, è un’iniziativa avviata da Michael Hart nel 1971 con l’obiet-
tivo di costituire una biblioteca di versioni elettroniche liberamente riproduci-
bili di libri stampati oggi chiamati e-book. I testi disponibili in questa bibliote-
ca libera sono per la maggior parte di pubblico dominio, o in quanto mai co-
perti da diritto d’autore o da copyright, o in quanto questi vincoli sono cadu-
ti. Sono disponibili anche alcuni testi coperti dal copyright ma che hanno ot-
tenuto dagli autori il permesso alla nuova forma di pubblicazione. Il progetto
prende il nome dal pioniere tedesco della stampa a caratteri mobili tedesco
del XV secolo Johannes Gutenberg. Negli ultimi anni il Progetto ha potuto av-
valersi di Internet e al settembre 2006 vantava nella propria collezione
19.000 libri.
Il Progetto Gutenberg si concentra principalmente sulle opere letterarie
storicamente più significative e su opere di riferimento. Lo slogan del proget-
to è “rompere le barriere dell’ignoranza e dell’analfabetismo”; la sua scelta
vuole manifestare che il progetto spera di continuare l’opera di diffusione
pubblica dell’alfabetizzazione e dell’apprezzamento dell’eredità letteraria
che le biblioteche pubbliche hanno svolto nella prima parte del secolo XX.
Quando risulta possibile, i testi sono resi disponibili da Gutenberg nel forma-
to testuale plain (non formattato) ASCII. Sono resi disponibili anche testi in
altri formati, quando sono proposti dai volontari.
Da anni si discute se usare qualche genere di linguaggio XML, ma in
questa direzione i progressi sono lenti. I formati proprietari che non sono
agevolmente editabili, come PDF, in generale non sono giudicati in piena sin-
tonia con gli scopi del Progetto Gutenberg, anche se alcuni di questi files
sono stati inseriti nella collezione.
La maggior parte dei testi rilasciati dal Progetto Gutenberg sono in lin-
gua inglese, ma ora sottocollezioni significative riguardano il tedesco, il fran-
cese, l’italiano, lo spagnolo, l’olandese, il finlandese e il cinese; pochi altri ri-
guardano altre lingue. Tutti i testi del Progetto Gutenberg possono essere ot-
tenuti e ridistribuiti gratuitamente: l’unica restrizione è che il testo rimanga
inalterato, e che comprenda l’intestazione del Progetto Gutenberg; quando
viene ridistribuito un testo modificato non deve essere etichettato come te-
sto Gutenberg.
Al luglio 2004 il progetto aveva reso pubblici più di 13.000 libri elettro-
nici, quasi interamente prodotti da volontari, ed è tuttora attivo. Chiunque
può diventare proofreader apponendo la sua firma al sito di Distributed Proo-
freaders; l’attività volontaria si esplica esaminando una pagina per volta.
Nel 1971 Michael Hart frequentava l’Università dell’Illinois. Hart ebbe
accesso a un mainframe Xerox Sigma V, nel laboratorio di Ricerca dei Mate-
riali, grazie alla sua amicizia con alcuni operatori. Gli fu assegnata un’utenza
con tempo di utilizzo della CPU virtualmente illimitato; da questa utenza, è
stato stimato, fu sfruttata potenza di calcolo per un valore variabile tra i
100.000 e i 100.000.000 di dollari. Hart non sarebbe mai stato in grado di
utilizzare così tanta potenza di calcolo, per cui volle “sdebitarsi” per questo
regalo, e pensò a qualcosa che potesse valere altrettanto.
Il caso volle che quel particolare computer fosse uno dei 15 nodi della
rete che in seguito divenne Internet. Hart credeva che i computer un giorno

68
sarebbero diventati accessibili al grande pubblico, e decise di rendere dispo-
nibili delle opere di letteratura in forma elettronica. In quel momento aveva
una copia della Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti nello zainetto,
che diventò il primo libro elettronico del Progetto Gutenberg.
Quando l’Università dell’Illinois smise di ospitare il progetto Gutenberg,
verso la metà degli anni Novanta, Hart lo trasferì al Benedectine College del-
l’Illinois. Più tardi ottenne un accordo simile con la Carnegie Mellon Universi-
ty, che accettò di amministrare gli aspetti finanziari del progetto. Bisognerà
aspettare fino al 2000 perché il Progetto Gutenberg diventasse un entità or-
ganizzata e legalmente riconosciuta, e oggi è un’organizzazione senza scopo
di lucro, registrata nello stato del Mississippi, con un accordo con il fisco sta-
tunitense per rendere deducibili donazioni ad esso indirizzate. Dagli inizi del
Progetto i tempi richiesti per digitalizzare un libro si sono ridotti vistosamen-
te. In genere i libri non sono dattiloscritti, ma piuttosto sono convertiti in for-
ma digitale con l’aiuto di software per il riconoscimento ottico dei caratteri,
OCR. Anche con questi progressi tuttavia i testi ottenuti devono essere anco-
ra sottoposti ad attente revisioni e riedizioni prima di poter essere inseriti
nella collezione.

Tecnologia ed elementi distintivi degli e-book

Prima di entrare più nel dettaglio riguardo ai tratti salienti di un e-book,


è necessario affrontare la questione terminologica, per chiarire che il termine
e-book/e-book, in quanto significa ‘libro elettronico’, designa sia il libro in for-
mato elettronico (o più in generale ogni tipo di pubblicazione realizzata su
supporto digitale) sia lo stesso formato elettronico nel quale il testo digitale è
convertito (propriamente e-book format), sia il dispositivo di lettura dell’e-
Text/e-text (‘testo elettronico’); dispositivo propriamente chiamato e-book
reading device, che si identifica di norma con un computer (terminale) porta-
tile fornito di un idoneo programma di lettura compatibile (propriamente
chiamato e-book reader), fermo restando che ogni computer fornito del me-
desimo programma funziona come lettore per e-book.
Il concetto di e-book si estende dunque a quello di e-text, in quanto il
libro elettronico ne rappresenta la forma, mentre la sostanza rimane sempre
il testo (nella fattispecie quello elettronico, codificato in formato digitale, che
costituisce i miliardi di pagine accessibili attraverso il Web). Perciò, la restri-
zione si impone nel confronto fra testo e ipertesto: l’e-book è una versione
elettronica del libro a stampa, del quale il dispositivo di lettura intende repli-
care il formato tradizionale, associando ovviamente una serie di prestazioni
tipiche del formato elettronico, in particolare la dimensione audio-video e
collegamenti ipertestuali.
Per la lettura di un e-book sono necessari diversi componenti:
o un formato elettronico in cui convertire la pubblicazione chiamato e-
book format
o un software di lettura o e-book reader compatibile con tale formato
o la conversione in digitale del libro sui cui sono state applicate le re-
gole del formato, ossia l’e-book vero e proprio
o un dispositivo hardware di lettura su cui eseguire l’e-book reader
69
o il documento elettronico di partenza o e-text
È errato confondere un qualunque documento in formato digitale con
un e-book, dato che l’e-book non si limita a presentare la sostanza del docu-
mento cartaceo ma cerca anche di replicarne la forma, in modo da rendere la
lettura il più possibile simile a quella che si avrebbe sfogliando le pagine di
un libro. Da ciò deriva che tutte le azioni che in un normale libro cartaceo
sono immediate e scontate, come ad esempio, lo scorrere le pagine o l’inse-
rimento di un segnalibro devono essere opportunamente emulate dal soft-
ware. Il libro elettronico, nell’imitare quello cartaceo, approfitta ovviamente
dei vantaggi offerti dalla sua natura digitale, che risiedono principalmente
nelle possibilità di essere un ipertesto e inglobare elementi multimediali.
Dalle osservazioni fin qui svolte emerge la proposta di una definizione –
certo ancora per molti versi insoddisfacente – del concetto di libro elettronico
in parte diversa da quelle ricordate in apertura: una definizione che alla con-
siderazione dell’e-book come oggetto digitale affianchi la dimensione prag-
matica dell’interfaccia e delle modalità di lettura. In base a tale definizione
potremmo parlare di libro elettronico, o e-book, davanti a un testo elettronico
ragionevolmente esteso, compiuto e unitario (‘monografia’), opportunamen-
te codificato ed eventualmente accompagnato da meta-informazioni descrit-
tive, accessibile attraverso un dispositivo hardware e un’interfaccia software
che consentano:
1. una lettura comoda e agevole (tanto da non far rimpiangere il libro
o non far sorgere il desiderio di stampare su carta ciò che si sta leg-
gendo) in tutte o almeno nella maggior parte delle situazioni nelle
quali siamo abituati ad utilizzare i libri a stampa: in poltrona, a letto,
in viaggio, ecc.
2. la capacità di dare accesso a tutte le tipologie di organizzazione te-
stuale proprie della cultura del libro, consentendone una fruizione
completa e soddisfacente. Il libro elettronico potrà dunque prevede-
re anche l’uso di strumenti ipertestuali e multimediali (e in tal caso
permetterà di creare e leggere nuove forme di testualità), ma dovrà
innanzitutto permettere la comoda lettura di un testo lineare, offren-
do strumenti di annotazione rapida, sottolineatura, uso di segnalibri,
ecc., accanto agli strumenti di ricerca e navigazione avanzata propri
del formato digitale.
Questi due requisiti, e in particolare il primo di essi, escludono dal no-
vero dei libri elettronici in senso stretto testi che possano essere letti solo su
un computer da scrivania. Come si è già accennato, il computer da scrivania
è uno strumento di lettura scomodo e poco flessibile, soprattutto quando si
ha a che fare con testi lunghi e dalla struttura complessa o con testi narrati-
vi.
Per motivi in parte speculari, la definizione proposta tende ad esclude-
re dal novero dei libri elettronici anche i casi in cui il testo elettronico funge
unicamente da ‘supporto di trasferimento’ dell’informazione: i testi elettroni-
ci destinati alla stampa su carta (come accade nel caso del print on demand,
o di formati elettronici sviluppati con lo scopo specifico di ottimizzare la resa
a stampa) possono certo rivoluzionare i meccanismi tradizionali di distribu-
zione dei libri, ma l’oggetto informativo utilizzato dall’utente per la lettura re-
sta comunque un libro a stampa, non un libro elettronico. Da questo punto di
vista, il print on demand trova il proprio spazio specifico in una situazione

70
contingente e di transizione (anche se la transizione non sarà necessaria-
mente brevissima): quella nella quale il testo elettronico rappresenta uno
strumento di distribuzione dell’informazione di gran lunga più comodo ed
economico rispetto al libro a stampa, ma il libro a stampa rimane lo strumen-
to ergonomicamente più comodo per la lettura da parte dell’utente finale.

Elementi di base degli e-book

Appare evidente come nel parlare di libri elettronici occorra distinguere


– accanto al testo del libro considerato come oggetto astratto – almeno tre
elementi, fra loro ovviamente interrelati:
1. i formati di codifica utilizzati per rappresentare il testo ed associarvi
meta-informazione descrittiva. All’ambito della codifica del testo
può essere collegata anche la sua eventuale protezione con lo sco-
po di garantire la gestione dei relativi diritti (è questa la funzione
delle tecnologie di Digital Rights Management, o DRM, basate di
norma su complessi meccanismi di cifratura);
2. i programmi di lettura utilizzati per accedere al testo codificato e
permettere all’utente di compiere su di esso le operazioni desidera-
te (lettura, ricerche, annotazioni ecc.);
3. i dispositivi hardware utilizzati come interfaccia fisica per acquisire,
conservare e leggere l’e-book.
Ogni programma di lettura potrà essere impiegato su determinati di-
spositivi hardware (anche in funzione del sistema operativo da essi
adottato), e sarà in grado di interpretare determinati formati di codifica del
testo.

Formati e programmi di lettura

Gli e-book vengono realizzati e pubblicati nei più svariati formati, molti
dei quali però non sono stati originariamente concepiti per essere dei veri e
propri formati di e-book. La ragione principale è che il mondo degli e-book è
un mercato ancora relativamente giovane, mentre alcuni formati esistono or-
mai da parecchi anni.
I nuovi formati, studiati appositamente per i libri elettronici, se da un
lato hanno risolto i limiti dei formati più vecchi hanno creato però nuovi pro-
blemi. Il mercato infatti ha indirizzato l’industria editoriale verso formati pro-
prietari, legati cioè a specifiche piattaforme hardware e software, che limita-
no fortemente le scelte dell’utente finale. Questo fa sì che all’utente possa
capitare, ad esempio, di ritrovarsi con e-book che possono essere letti solo
con certi tipi di software, oppure con un hardware che non supporta il forma-
to di e-book che si possiede.
Un modo per aggirare il problema della proliferazione dei formati oggi
ampiamente diffuso è quello di convertire il formato che l’utente non deside-
ra o non può utilizzare in un altro formato più congeniale. Questa operazione,
oltre a non essere una soluzione definitiva al problema, spesso presenta pro-
blemi tali da non essere facilmente eseguibile da tutti; in alcuni casi i proble-
mi tecnici sono tali da renderlo praticamente irrealizzabile.

71
I vari formati di e-book possono essere suddivisi in tre diverse catego-
rie:
o formati testuali
o formati di immagini
o formati audio

Formati testuali

I formati testuali rappresentano il tipo di formato più utilizzato per la


realizzazione di e-book. Anche se vengono genericamente chiamati “formati
di testo”, alcuni di questi formati permettono la creazione di ipertesti e l’inse-
rimento di oggetti multimediali come immagini, audio o video. I molti formati
di testo disponibili, in relazione al mondo degli e-book, possono essere suddi-
visi in due categorie:
1. formati non appositamente ideati per gli e-book
2. formati appositi per gli e-book
Ai formati non appositamente ideati per gli e-book appartengono la
maggior parte dei formati più vecchi ma ancora ampiamente utilizzati, che
proprio grazie a questo hanno il vantaggio di essere compatibili con molte
piattaforme diverse. Utilizzandoli pertanto difficilmente si corre il rischio di
non possedere il software o il dispositivo hardware adatto per leggerli.
In generale gli svantaggi derivano dalla mancanza di compressione del testo
(che aumenta lo spazio occupato dall’e-book sul supporto di memorizzazio-
ne) e dal fatto che si adattano male ad essere utilizzati su dispositivi portatili
dotati di schermi di piccole dimensioni come i palmari.
Elenco dei formati più usati per gli e-book non appositamente studiati
per essi:
o ASCII
o CHM
o HTML
o Microsoft Word (.doc)
o PostScript
o RTF
o TeX
I formati appositamente ideati per gli e-book hanno generalmente il
vantaggio di essere adatti a piattaforme dotate di meno risorse hardware ri-
spetto ai computer desktop. Spesso infatti prevedono la compressione del te-
sto e si adattano meglio ad essere visualizzati sui piccoli schermi dei disposi-
tivi portatili. Altro vantaggio che offrono (soprattutto per l’editoria elettroni-
ca) è quello di possedere vari livelli di protezione del documento, che posso-
no impedire la copia illecita di libri protetti dal copyright. Lo svantaggio prin-
cipale di questi formati è quello di essere spesso dei formati proprietari e di
portarsi dietro quindi tutti i problemi che l’uso di tali formati genera. Per ten-
tare di risolvere questi problemi sono nati progetti come l’Open e-book Fo-
rum che, basandosi su codice aperto, si propone di realizzare un formato di
e-book per molte piattaforme diverse.

72
Elenco dei formati più usati per gli e-book appositamente studiati per
essi:
o DesktopAuthor
o LIT
o Mobipocket
o OeB
o Palm Digital Media
o PDF

Il formato LIT è una derivazione del formato OEB, cui la Microsoft ha in-
trodotto delle varianti finalizzate per lo più alla tutela del copyright. Il forma-
to LIT non è libero, ma attualmente la Microsoft ne consente l’uso gratuita-
mente.
Una rassegna dei formati di codifica specificamente destinati al mondo
dei libri elettronici non può che partire da quello che è l’unico standard aper-
to e non proprietario del settore: il formato OEB, sviluppato dall’Open e-book
Forum (www.opene-book.org). L’Open e-book Forum (OEBF) è un’organizza-
zione internazionale senza scopo di lucro che riunisce società produttrici di
hardware e software, autori, utenti e organizzazioni interessate al settore
dell’e-book. Il suo obiettivo è lo sviluppo (attraverso le pratiche di discussio-
ne pubblica e lavoro collaborativo abituali per la definizione degli standard di
rete), l’adozione e la diffusione di standard e pratiche condivise nel settore
dei libri elettronici. Fra i membri dell’OEBF vi sono rappresentanti delle mag-
giori società del settore (Adobe, IBM, Microsoft, Nokia, Palm, Samsung…), di
numerose case editrici (HarperCollins, McGraw-Hill, Mondadori, Random Hou-
se…), di enti e associazioni come la Library of Congress, l’American Library
Association, lo US National Institute of Standards and Technology, l’Associa-
tion of American Publishers. Oltre alla già citata Mondadori, sono membri ita-
liani dell’OEBF il gruppo IPM (società napoletana impegnata nello sviluppo di
dispositivi di lettura, della quale avremo occasione di riparlare in seguito) e,
come membro associato, la Somedia. Lo standard OEB, arrivato alla versione
1.0.1, è basato a sua volta su uno standard aperto e ormai assai diffuso: il
(meta)linguaggio di marcatura XML. XML – acronimo di eXtended Mark-up
Language – permette di specificare in maniera rigorosa, attraverso l’uso di
una DTD (Document Type Definition), quali marcatori possono essere utilizza-
ti per codificare il testo e associarvi meta-informazioni descrittive, e quale
sintassi regola il loro funzionamento. In effetti, tutti i documenti OEB sono
anche documenti XML ben formati, e nella creazione di documenti OEB si uti-
lizza una apposita DTD XML.

Il PDF (Portable Document Format) è un formato di file basato su un lin-


guaggio di descrizione di pagina sviluppato da Adobe Systems per rappre-
sentare documenti in modo indipendente dall’hardware e dal software utiliz-
zati per generarli o per visualizzarli. Un file PDF può descrivere documenti
che contengono testo e/o immagini a qualsiasi risoluzione. È un formato
aperto, nel senso che chiunque può creare applicazioni che leggono e scrivo-

73
no file PDF senza pagare i diritti (royalties) alla Adobe Systems. Adobe ha un
numero elevato di brevetti relativamente al formato PDF, ma le licenze asso-
ciate non includono il pagamento di diritti per la creazione di programmi as-
sociati.
Ogni documento PDF contiene una completa descrizione del documen-
to bidimensionale (e, con la comparsa di Acrobat 3D, documenti 3D incorpo-
rati) composta da proprietà (Titolo, Autore, ...) testo, stili di carattere (font),
immagini e oggetti di grafica vettoriale 2D che compongono il documento. Il
documento PDF non include informazioni specifiche per software, hardware e
sistema operativo usato. Ciò permette che il documento venga visualizzato e
renderizzato nella stessa esatta maniera indipendentemente dalla piattafor-
ma e/o dispositivo utilizzato per leggerlo. Anche questo fatto ha contribuito a
farlo diventare un formato standard de facto molto diffuso per la condivisio-
ne dei documenti. La stampa di documenti in formato .pdf può dare dei pro-
blemi se si usano dei caratteri locali (ad esempio le vocali italiane accentate)
e se chi stampa ha il proprio PC impostato su una lingua diversa. Nel gennaio
2007 Adobe ha intrapreso la strada della standardizzazione per far diventare
il PDF un formato standard ISO.
Il PDF eredita molte delle funzionalità del PostScript, un linguaggio di
descrizione immagini anch’esso sviluppato dall’Adobe. Postscript permette di
descrivere un’immagine come il risultato di un’esecuzione di un programma,
che contiene istruzioni su come e dove disegnare linee, punti, lettere dell’al-
fabeto e altri elementi grafici. In questo modo, ogni apparecchio capace di
eseguire il programma (ossia, che abbia un interprete Postscript), sarà in gra-
do di riprodurre tale immagine al meglio delle sue capacità. Questo processo
richiede grandi risorse da parte del terminale.
PDF è un formato invece che un linguaggio di programmazione, e per
questo motivo non ha bisogno di essere interpretato. Per esempio, il controllo
di flusso esercitato dai comandi come if e loop è stato rimosso, mentre co-
mandi grafici come line to rimangono. Questo significa che il processo di
creare trasformare un PDF nella sua immagine grafica è semplicemente dato
dalla lettura delle descrizioni, invece che dall’esecuzione di un programma
con l’interprete PostScript. Comunque, tutte le funzionalità del PostScript
come i caratteri, layout e misure rimangono invariate. Spesso il codice PDF è
generato da un file sorgente PostScript. I comandi grafici che vengono gene-
rati dal codice PostScript vengono raccolti così come tutti i file, risorse grafi-
che e riferimenti di caratteri nel documento e, finalmente, tutto viene com-
presso in un singolo file.
Come linguaggio di documenti, il PDF ha molti vantaggi rispetto al
PostScript:
o Un file: Un documento PDF consta di un singolo file, mentre in Post-
Script un documento può necessitare di essere rappresentato da
molti file (grafica ecc.) che probabilmente occupano più spazio.
o Già interpretato: PDF ha un contenuto già interpretato, cosicché ri-
chiede meno costi computazionali e la sua apertura è più veloce, ol-
tre al fatto che c’è una corrispondenza diretta tra i cambiamenti de-
gli oggetti nella descrizione della pagina PDF e cambiamenti nel ren-
dering risultante.

74
o Trasparenza degli oggetti: Il PDF (a partire dalla versione 1.4) sup-
porta la trasparenza reale degli oggetti, caratteristica che invece
non è supportata nel formato PostScript.
o Sostituzione dei caratteri: Se viene visualizzato con Adobe Reader,
una strategia di sostituzione dei caratteri assicura che il documento
sia leggibile nonostante l’assenza sul sistema dell’utente dei font
“corretti”.
o PDF garantisce che vengano visualizzati font sostitutivi affini a quel-
lo mancante. Mentre questo è possibile con PostScript, questi file
non possono essere normalmente distribuiti per accordi di licenza
dei font.
o Pagine indipendenti: PostScript è un linguaggio di programmazione,
così le istruzioni su una pagina possono influenzare la visualizzazio-
ne di pagine seguenti. È pertanto necessario interpretare tutte le
pagine precedenti per determinare l’aspetto di ogni pagina data. In
PDF, invece, ogni pagina del documento non viene influenzata dalle
altre.
All’interno del file PDF vengono tenute informazioni sulla sicurezza (do-
cumento stampabile o non stampabile, protetto da password, con selezione
di testo bloccata o non bloccata) e l’indicizzazione. La protezione di un docu-
mento PDF presenta una chiave di crittografia attualmente fino a 128 bit
(tempo fa era di 40 bit), e per il futuro non è escluso che possa aumentare in
relazione all’aumento di potenza dei calcolatori in grado di elaborare chiavi
di accesso random a più di 128 bit.

Principale concorrente del formato OEB e dei formati compilati da esso


derivati è una vecchia conoscenza del mondo dell’editoria elettronica: il for-
mato PDF. Si tratta di un formato proprietario, elaborato dalla Adobe (www.a-
dobe.com) e divenuto uno degli standard più diffusi (tanto da essere ricono-
sciuto ufficialmente anche dall’ANSI) per la produzione, la distribuzione e la
stampa di documenti elettronici. Negli ultimi anni la Adobe – che, ricordiamo,
è comunque fra i membri dell’OEBF – ha dedicato una grande attenzione allo
sviluppo di PDF anche come formato per la distribuzione di libri elettronici,
creando un software di lettura specifico – l’Adobe e-book Reader – arrivato al
momento in cui scrivo alla versione 2.2. L’Adobe e-book Reader costituisce
una versione migliorata del Glassbook Reader, programma di lettura elabora-
to a suo tempo dalla Glassbook, una fra le prime e pionieristiche società del
settore, acquisita dalla Adobe nell’estate 2000. Il programma Adobe è dispo-
nibile per il momento su piattaforme Windows e Macintosh, e possiede carat-
teristiche di tutto rispetto: dispone di una propria tecnologia di sub-pixel font
rendering – denominata CoolType – per migliorare la leggibilità del testo; con-
sente, oltre alle ‘normali’ funzioni di ricerca e annotazione, link diretti verso
pagine Web esterne all’e-book, nonché – se il sistema operativo utilizzato di-
spone delle relative componenti – la lettura automatica del testo attraverso
un sistema di sintesi vocale; permette l’inserimento nel libro elettronico di
contenuti multimediali avanzati come suoni e immagini; i suoi meccanismi di
DRM permettono di ‘prestare’ o ‘regalare’ ad altri i propri e-book.

Formati di immagini

75
Il formato più semplice di e-book è quello in cui ad ogni pagina della
pubblicazione viene associata una immagine digitale, che può essere salvata
in uno dei molti formati di immagini esistenti. Per visionare l’e-book non si
avrà quindi bisogno di un apposito e-book reader ma basterà utilizzare un
software compatibile con il formato di immagine con cui l’e-book è stato rea-
lizzato. Questo tipo di formato presenta diversi svantaggi tra cui: le grosse
dimensioni che tende ad assumere il file, l’impossibilità di poter selezionare o
modificare una qualunque parte del testo e l’impossibilità di inserire collega-
menti ipertestuali. Per le loro caratteristiche, questi formati di e-book sono
usati perlopiù nei fumetti, nei libri d’arte e in tutti quelli composti quasi
esclusivamente da immagini. I formati di immagini più usati sono:
o BMP
o DjVu
o JPG
Questi formati sono utilizzati in quelli che vengono comunemente chia-
mati audio e-book, i quali rappresentano i moderni discendenti dei libri audio
registrati su musicassette o dischi in vinile.

Formati audio

Un audio e-book è essenzialmente la conversione in digitale di un testo


letto da un essere umano; il formato dell’e-book potrà essere quindi ad uno
dei tanti formati per audio digitale disponibili e diffusi, come ad esempio CD
audio, MP3 e derivati oppure l’Ogg Vorbis. Esistono tuttavia a questo scopo
anche formati più specifici, come ad esempio il DTB (Digital Talking Book),
che consentono di sincronizzare la visualizzazione del testo a schermo con
l’audio.
Un discorso a parte va fatto per i software di sintesi vocale, che tramite op-
portuni algoritmi, possono analizzare in tempo reale un testo e convertirlo in
linguaggio verbale. Anche se non sono da considerarsi dei veri e propri audio
e-book, i software di sintesi vocale meritano comunque di essere citati per-
ché alcuni e-book reader li integrano al proprio interno. Gli audio e-book, ol-
tre a permettere la lettura dei libri mentre si è occupati in altre attività, pos-
sono essere anche un valido aiuto per molte persone affette da particolari
handicap visivi o motori.

Prospettive, vantaggi e svantaggi

Un’analisi delle prospettive e degli sviluppi possibili futuri non può pre-
scindere da alcune considerazioni riguardo i vantaggi e gli svantaggi degli e-
book. C’è da dire che le ragioni per cui amare gli e-book hanno ben poco a
che fare con le ragioni per cui amare i libri cartacei.
o Sono facili da condividere.

76
o Sono facili da tagliare a fette e fare a pezzettini. la maggior parte
delle persone che scaricano il libro lo fanno per una ragione prevedi-
bile e in un formato prevedibile – diciamo, per “assaggiare” un capi-
tolo in formato HTML prima di decidere se comprare o meno il libro –
ma la cosa che differenzia un’esperienza del testo elettronico noiosa
da una emozionante è l’uso più insolito – stampare un paio di capi-
toli del libro da portare in spiaggia invece che rischiare di far cadere
la copia rilegata nell’acqua di mare.
o Gli e-book devono rendersi consapevoli della propria natura. Il valo-
re specifico degli e-book è indipendente dal valore dei libri di carta,
e fa perno sulla mixabilità (mixability) e inviabilità (send-ability) del
testo elettronico. Gli e-book non possono battere i libri di carta sul
piano dei sofisticati accorgimenti tipografici, non possono compete-
re con essi quanto alla qualità della carta o all’odore della colla.

D’altra parte, vi sono alcuni difetti innegabili degli e-book:


o La risoluzione dei schermi è troppo bassa perché essi sostituiscano
effettivamente la carta.
o La gente vuole possedere libri “fisici” per il loro fascino viscerale.
una delle ragioni più frequentemente addotte per preferire un libro
cartaceo a un e-book consiste nel fatto che il libro di carta dà un
senso di possesso dell’oggetto fisico. Appena tutta la confusione su
questa faccenda degli e-book si sarà placata, possedere un libro
darà meno senso di proprietà che possedere una libera edizione di-
gitale del testo.
o Non puoi portare il tuo e-book nella vasca da bagno.
o Non si più leggere un e-book senza energia e senza un computer.
o I formati file diventano obsoleti, la carta dura da molto tempo.
Alcuni di questi punti trovano però validi elementi di critica nel confron-
to con le tecnologie attuali, e-ink principalmente.

Un aspetto da tenere in considerazione è quello legato ai diritti d’auto-


re e legali riguardo al testo in sé. I cosiddetti meccanismi DRM (Digital Rights
Management) sono sistemi per controllare la diffusione di contenuti digitali,
impedendo copie non autorizzate e tutelando quindi il diritto d’autore. Gli e-
book diffusi con questo sistema generalmente non possono essere copiati. Il
principio base è quello che il libro elettronico viene venduto “bloccato” su un
particolare dispositivo, sia esso un supporto di memorizzazione o un compu-
ter in grado di visualizzarne il contenuto. Quello che si acquista in questo
caso è un diritto di accesso ad alcune informazioni, un diritto non esclusivo e
non illimitato, sia nello spazio sia nel tempo. La complessità della tecnologia
DRM inoltre si traduce in costi di implementazione per il produttore/distribu-
tore dei contenuti. Tali costi per la progettazione, costruzione e manutenzio-
ne dell’infrastruttura rischiano poi di incidere pesantemente sul prezzo finale
del libro elettronico. Un altro difetto individuabile è che questa tecnologia si
concentra principalmente sugli usi illegali del materiale protetto da diritti,
trascurando molto tutti i consumatori onesti.
Si pensi poi all’ambito di Internet. La “funzionalità” di un computer – la
cosa al quale è destinato – è tagliuzzare gruppi di bit. Il ruolo di Internet è di
77
muovere questi bit ad alta velocità in giro per il mondo, a un costo basso o
nullo. Da ciò deriva che il centro dell’esperienza degli e-book sarà appunto
tagliuzzare i testi e mandarli in giro. Gli avvocati di copyright hanno una pa-
rola per questa attività: violazione dei diritti. Ecco perché il copyright da ai
creatori un quasi totale monopolio sulla copia e il rimodellamento dei loro te-
sti, praticamente per sempre. Alcune considerazioni su questo aspetto.
o Gli autori sono spaventati e convinti che un forte copyright sia l’uni-
ca cosa che gli può impedire di essere risucchiati selvaggiamente
nel mercato editoriale. I primi incentivi a scrivere devono essere la
soddisfazione artistica e il desiderio di essere ricordato. Gli e-book ti
danno questo. Gli e-book diventano parte del corpus della conoscen-
za umana perché sono indicizzati dai motori di ricerca e replicati
centinaia, migliaia o milioni di volte. Possono essere googlati.
o I lettori si indignano per essere chiamati truffatori.
o Gli editori sono spaventati, perché si impegnano ad “arraffare” i
maggiori diritti possibili e a tenerseli ben stretti.
o La responsabilità sale alle stelle. La violazione del copyright, special-
mente sulla Rete, è un supercrimine; la posterità svanisce. Questo
non è per dire che il copyright è cattivo, ma che esistono un buono
e un cattivo copyright, e che qualche volta, troppo buon copyright è
una cosa cattiva.

Frontiere e prospettive degli e-book e dell’editoria digitale

Già prima dell’avvento dell’e-book di ultima generazione era comune-


mente designata come tale una pubblicazione in formato elettronico diffusa
via Internet. Tuttora, l’appellativo di e-book o libro elettronico si applica ge-
nericamente ai testi online, quindi alle pagine web o ai siti che si configurano
come pubblicazioni online (si veda ad es. l’interessante e-book Cinema e let-
teratura: ricerca in progresso sulle opere letterarie italiane di argomento ci-
nematografico, della Fondazione Scuola Nazionale di Cinema, URL
<http://www.snc.it/e-book/default.htm>). La pubblicazione in Internet non ri-
veste tuttavia carattere di ufficialità, dal punto di vista editoriale, ma è consi-
derata al massimo come una modalità sui generis di ‘prestampa’. Seppure la
nuova legge italiana sull’editoria abbia qualificato come prodotti editoriali
anche quelli realizzati su supporto informatico e distribuiti anche con mezzo
elettronico, l’ufficialità della pubblicazione (o meglio dell’edizione) resta sem-
pre affidata all’editore professionale, che ha il potere di fornire la pubblicazio-
ne in quanto tale di piena validità giuridica (dotandola anche, ad es., di codi-
ce ISBN). Al fine di garantire una validità istituzionale alle pubblicazioni in In-
ternet, anche in Italia alcune prestigiose Università hanno attivato servizi di
pubblicazione digitale telematica; la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze,
in accordo con la Firenze University Press, ha stabilito il deposito volontario
delle pubblicazioni elettroniche.
Premesso questo, la pubblicazione online può ottenere un riconosci-
mento se avviene all’interno di un periodico elettronico legalmente registra-
to, all’interno di un sito istituzionale, o da parte di un editore a tutti gli effetti;
altrimenti non può qualificarsi come edizione vera e propria. L’autentica rivo-
luzione di Internet per gli scrittori consiste nell’opportunità fornita dalla Rete

78
all’autore di valorizzare la propria autonomia (ovviamente acquisendo un mi-
nimo di competenze tecniche indispensabili), proponendosi liberamente an-
che come ‘editore’ e distributore di sé stesso, seppure il semplice autore non
assuma giuridicamente la qualifica professionale di editore. Questo accade
per la prima volta in assoluto appunto grazie a Internet. Ovviamente ciò
comporta anche degli svantaggi, perché, senza il filtro di un editore tradizio-
nale, vengono riversati in Rete prodotti d’ogni tipo, sia quelli di autori consa-
pevoli del proprio mestiere sia quelli di autori esordienti e dilettanti. Anche
per questo, come è stato avvertito sopra, alcune istituzioni a livello universi-
tario cercano di intervenire costituendo delle proprie case editrici online. Pe-
raltro, sembra che l’edizione d’autore online possa funzionare a patto che av-
venga sempre in maniera gratuita, al di fuori dei canali commerciali. Soste-
nere i costi ancora troppo alti dell’e-book è dunque impossibile per i “lettori
della domenica”, quelli che leggono per un bisogno di “evasione” mentale. E
poi chi desidera leggere il libro a letto, prima di addormentarsi o magari pro-
prio per riuscire a prendere sonno, difficilmente sarà disposto a rinunciare al
piacere di tenere in mano un vero libro di carta e di sentirne il ‘profumo’ e il
fruscio delle pagine quando lo sfoglia.
Viceversa, possiamo ritenere che l’e-book si affermerà certamente per
le opere di grande consultazione, in particolare in ambiti professionali tecnici
come quello giuridico, per i testi di codici, leggi e sentenze; ambiti nei quali,
già adesso, funziona benissimo l’editoria elettronica su cd-rom e rilevante è
stata l’affermazione di Internet. Ed è appunto Internet che permette non solo
l’acquisizione gratuita o l’acquisto degli e-book, ma anche il loro immediato
aggiornamento, comportando perciò un vantaggio non indifferente rispetto al
tradizionale libro cartaceo.

Se ne parla quotidianamente da quasi due anni ormai, ma gli e-book


faticano a conquistarsi una fetta rilevante delle nostre abitudini alla lettura.
Sarà perché siamo abituati alla incredibile rapidità con cui avvengono i cam-
biamenti su Internet, fatto sta che questi due anni ci sembrano un tempo
molto lungo, per cui i libri elettronici dovrebbero già aver conquistato il mer-
cato. In realtà le cose non stanno proprio così. È vero che ci muoviamo su In-
ternet, che il mezzo digitale abbatte costi, tempi e barriere, tuttavia la lettu-
ra è una delle pratiche più consolidate e non possiamo aspettarci rivoluzioni
in temi troppo brevi. Questo per una serie di ragioni, che vanno dall’abitudi-
ne alla carta da parte dei lettori fino alla configurazione dei processi produtti-
vi degli editori.

Il libro così come lo conosciamo oggi è il frutto di secoli di sperimenta-


zione, studi, lavori, abitudini e idee geniali. Il libro elettronico può avvalersi
solo di una parte di tutte queste conquiste: sia il modo in cui deve venire
scritto e impaginato, sia il modo in cui verrà letto devono cambiare profonda-
mente, e tutto questo richiede necessariamente del tempo. E non si tratta di
tempo Internet: l’editoria, ovvero l’arte della cura dell’informazione, ha come
obiettivo quello di costruire libri nel modo migliore possibile, siano essi fatti
di carta o di bit. E un libro migliore è quello che svolge al meglio il suo compi-
to di diffusione delle informazioni. Un libro deve essere scritto bene dal punto
di vista linguistico. Deve essere poi impaginato al meglio: la disposizione del
testo nello spazio e l’uso delle figure e in generale della grafica devono esse-

79
re studiate in modo da rendere le informazioni molto più leggibili e accessibi-
li. Il libro poi deve raggiungere nel modo migliore il suo pubblico: un libro su
carta richiede di essere portato fisicamente in tutte le librerie, un e-book in-
vece richiederà di essere visibile su Internet e scaricabile senza troppe diffi-
coltà. Quando il libro è nelle mani del lettore, poi, questi deve trovarsi di
fronte a uno strumento adatto al suo uso. Il libro, cioè, deve essere “ergono-
mico” nel senso che è studiato in modo da svolgere al meglio il suo compito.
Se richiede dotazione hardware/software troppo sofisticata, se richiede cono-
scenze tecniche di informatica superiori alla media, se non consente al letto-
re di usarlo come farebbe per un libro su carta, allora il libro elettronico non è
ergonomico. Lo stato attuale dell’arte è ancora ben lontano da un traguardo
di ergonomia. Abbiamo libri elettronici che non si possono stampare, altri che
non possono essere prestati a un amico, altri ancora che non possono essere
letti al di fuori del proprio ufficio. Poi ci sono i problemi legati ai dispositivi di
lettura. A meno di non possedere un tablet PC o altri device di ultima genera-
zione, sarà difficile per noi leggere un libro elettronico la sera a letto, al ba-
gno, in spiaggia, e così via. Da questo punto di vista i soggetti che devono la-
vorare per migliorare i risultati sono praticamente tutti quelli coinvolti nella
creazione di un e-book.
o I produttori di hardware devono fornirci strumenti di basso costo con
un’ottima resa visiva in modo da garantirci un’esperienza di lettura
piacevole e non affaticante.
o I produttori di software che si stanno contendendo il mercato delle
piattaforme (ovvero principalmente Adobe e Microsoft) devono sem-
plificare i loro sistemi rendendoli contemporaneamente più versatili.
Il lettore deve avere a disposizione almeno le stesse opzioni che un
libro su carta fornisce.
o Gli editori devono studiare forme di presentazione dei contenuti più
adatte al formato, che sfruttino appieno le possibilità ipermediali del
mezzo e che consentano al lettore una migliore fruizione delle infor-
mazioni.

Un’altra domanda molto diffusa nel pubblico riguarda la cosiddetta “di-


sintermediazione”. Questa idea, secondo cui un autore potrebbe pubblicare i
suoi libri direttamente, facendo a meno dell’editore, si basa sull’assunto erro-
neo che l’editore coincida con lo stampatore. In realtà il lavoro dell’editore è
ben diverso: quello che distingue un documento elettronico qualunque da un
libro elettronico sta principalmente nella “cura editoriale”.
Immaginiamo di vedere la differenza che corre tra una serie di dispen-
se fotocopiate e un libro. Che cosa rende il secondo un libro? Diciamo che un
libro è il prodotto che nasce dal lavoro coordinato di un autore e un editore.
L’autore da solo è in grado di produrre contenuto ma senza forma. L’editore
produrrebbe una forma vuota, senza contenuto. Insieme possono realizzare
un’opera in cui tutto (grafica, impaginazione, formato, materiali di supporto,
copertina, uso del colore, ecc.) è strutturato al meglio per migliorare l’espe-
rienza di lettura. Se lo si vede in questo senso, il lavoro dell’editore è creati-
vo. Aggiunge valore al lavoro dell’autore. Molto di questo valore è esterno al
libro stesso: intorno al libro ruotano una serie di altre attività come la comu-
nicazione, il marketing, la promozione, iniziative collegate, ecc. Un libro è
tale anche perché esiste un ufficio stampa che lo promuove, un ufficio com-

80
merciale che lo distribuisce, una rete di negozi che lo vende, un ufficio clienti
che risponde alle domande dei lettori, e così via.
Tutto questo esiste anche per i libri elettronici. Anche un e-book nasce
dal lavoro coordinato di un autore e di un editore. Anche l’e-book richiede at-
tività di comunicazione e di marketing. Anche e soprattutto un e-book, infine,
ha bisogno di essere supportato dopo la pubblicazione, per rispondere ai pro-
blemi e domande dei lettori.

Prospettive

C’è un grosso lavoro da fare, da parte di tutti. I produttori hardware e


software devono migliorare la tecnologia per renderla comoda, economica,
efficace. Gli editori devono inventare un nuovo mestiere, quello dell’editore
digitale. Possiamo aspettarci anzi che nascano nuovi editori che pubbliche-
ranno esclusivamente in questo formato. Anche gli autori avranno un compi-
to: quello di mettere a punto forme nuove di scrittura, vicine alla scrittura
per il web, che si avvalgono degli strumenti ipermediali messi a disposizione
dal supporto. E i lettori? Da parte loro ci sarà bisogno di un grosso apporto
critico e costruttivo. Solo attraverso un lungo processo di studi, sperimenta-
zioni, prove ed errori si arriverà a individuare e codificare le regole editoriali
di base per la realizzazione di un buon libro elettronico. Il lavoro da fare non
è poco, quindi non possiamo aspettarci rivoluzioni fulminanti nel giro di pochi
mesi. E agli impazienti ricordiamo che per arrivare al libro tradizionale come
noi lo conosciamo ci sono voluti cinquecento anni.

81
I DISPOSITIVI DI LETTURA

Abbiamo parlato spesso dei dispositivi hardware di lettura, che come si


ricorderà sono in qualche misura ‘richiesti’ dalla stessa definizione di e-book
proposta in questa sede: la disponibilità di un dispositivo di lettura comodo e
portatile costituisce infatti una condizione necessaria (anche se non suffi-
ciente) per un’esperienza di lettura in qualche misura paragonabile a quella
dei normali libri su carta.

iLiad e la tecnologia e-ink

iLiad è uno strumento elettronico che consente di scrivere e leggere


come su un foglio di carta. EPD Electronic Paper Display è un display simile
alla carta che si presenta con un alto contrasto, con un consumo di energia
molto basso e una forma sottile e leggera. La sensazione è di leggere da un
quotidiano, mentre le potenzialità sono di poter aggiornare costantemente le
news. EPD è una tecnologia permessa dall’inchiostro elettronico, l’inchiostro
elettronico permette di trasportare la carica tramite un processo fisico che
consente di aggiornarla. L’e-ink è stato progettato proprio per EPD è una tec-
nologia riflettente che non necessita illuminazione di luce o retroilluminazio-
ne. È visibile sotto una vasta gamma di differenti condizioni di luce, anche
sotto la luce diretta del sole al contrario di un monitor LCD di un Laptop. Ecco
un esempio lampante che mette in evidenza i due differenti dispositivi all’a-

ria aperta. Nella prima immagine uno schermo LCD, nella seconda iLiad.

e-ink Corporation è la società che sta sviluppando principalmente il


progetto dell’inchiostro elettronico e delle tecnologie di EPD. e-ink Manufac-

82
tures produce un inchiostro elettronico che è sviluppato all’interno di una
sottile pellicola utilizzata come componente ottico all’interno dell’EPD. EPD è
ideale per diverse applicazioni anche nel campo industriale dove sono di
massima importanza gli angoli di lettura con diverse osservazioni e tipi di il-
luminazione. I vecchi e-book che facevano sforzare l’occhio umano non es-
sendo “naturali” come un giornale vero sono ormai superati dalla nuova ge-
nerazione che invece possono ora dare al lettore la sensazione di una lettura
vera non digitale.
Si vuole unire la facilità di lettura del giornale al beneficio tecnologia
che permette di scaricare il quotidiano tutti i giorni o un best seller.
Gli occhi non si stancano leggendo lo schermo come se lavorassero al
PC e iLiad è perfettamente utilizzabile all’aperto e con diverse luci ed è molto
resistente (rispetto ai monitor LCD) oltre che essere pieghevole.

Il primo prodotto ad aver utilizzato la tecnologia EPD è il Sony Librié. È


stato lanciato nell’Aprile 2004 in Giappone, è un lettore elettronico che utiliz-
za una tecnologia e-ink Imaging Film EPD. Diverse compagnie hanno svilup-
pato con EPD dei loro prodotti.
Oltre l’odierna generazione che permette di visualizzare come normale
carta, le versioni future integreranno e-ink ready-flex products, che avrà elet-
tronica di plastica che permetterà di avere un display pieghevole sviluppato
per es. da Philips Spinn-Off chiamato Polimer Vision ora non solo è simile al
giornale da guardare ma gli somiglia anche nella forma, nello spessore, nella
leggerezza nella flessibilità e nel poterlo arrotolare.

Active Matrix EPD, è basata sulla Gumstix computer ad una singola


scheda che combina un Intel XScale a 400MHz con un trasmettitore Bluetoo-
th, porta USB, porta seriale, MMC card reader. La capacità delle batterie è
4000mW-H.
Linux (open source operating system quindi facilmente operabile) è
pre-installato sulla scheda Gumstix. e-ink può inoltre ospitare software open
source, semplici applicazioni.

83
Electronic Ink: è un materiale brevettato che viene trattato in un pelli-
cola a film dentro un display elettronico. Sebbene rivoluzionario nel concetto
è un chiaro concentrato di chimica, fisica e elettronica. I principali compo-
nenti sono milioni di minuscole micro-capsule, di diametro circa di un capel-
lo. Ognuna contiene cariche positive (le particelle bianche) le altre negativa
(le particelle nere) sospese in un fluido trasparente. Quando un campo elet-
trico negativo è applicato le particelle bianche si muovono verso l’alto delle
micro-capsule dove diventano visibili all’utilizzatore. Questo fa si che quel
punto appaia bianco. Allo stesso tempo un campo elettrico opposto sposta la
particella nera verso il basso della micro-capsula dove sono nascoste. Inver-
tendo questo processo, le particelle nere appaiono verso l’alto della capsula,
la quale ora fa apparire la superficie nera nel punto.

Per formare un E Ink electronic Display, l’ink è


stampato in un foglio simile ad un film di plastica che è
laminato in uno strato di circuiteria. Il sistema di circui-
teria forma uno schema di pixel che saranno poi con-
trollati da un display guida. Queste micro-capsule sono
sospese in un liquido “mezzo portatore” che permette
loro di essere stampate su uno schermo usando un pro-
cesso che virtualmente stampa su ogni superficie inclu-
dendo vetro e plastica.

E Ink è un’immagine stabile, con un display a tecnologia riflettente che


usa pochissima energia ma si riesce a leggere facilmente anche sotto la luce
diretta del sole, non come i display a cristalli liquidi per esempio dei PC e se
si cambia angolo di visuale o si tocca o flette l’immagine non si distorce.

84
In più il display dell’iLiad non risente delle classiche “ditate” sullo
schermo:

Ed è molto resistente anche agli urti:

85
Electronic Paper è al momento il display tecnologico in cui l’effetto di
lettura riesce ad avvicinarsi di più al vero giornale. Lavora usando milioni di
piccolissime capsule riempite con pigmento nero e bianco per creare le paro-
le sulla pagina. Il display è sottoposto ad un ciclo di refresh ogni 250 millise-
condi.
Il gigante Philips è il partner di sviluppo della società tecnologica Tede-
sca iRex, con la quale hanno sviluppato iLiad. Il dispositivo è in grado di leg-
gere documenti in una varietà di formati elettronici inclusi PDF, txt.

La tecnologia interna iLiad è costituita da un chip Intel con un proces-


sore 400MHz X-Scale, lo stesso processore è utilizzato in dispostivi portatili
come BlackBerry, Zen, iPod. Può tenere 30 libri e l’equivalente di mesi di
giornali nella sua memoria da 128MB.
Sony ha già stretto legami con diverse case editrici come: Random
House, Penguin e Harper Collins per assicurarsi il benestare dei contenuti va-
lidi per il suo lettore.
iRex vede se stessa come una società business to business che ha
appena stretto un accordo con Bonnefanten College in Maastricht, Holland.

A vantaggio dell’e-book reader bisogna evidenziare 3 vincenti caratteri-


stiche come: leggibilità, mobilità, attualità; che possono essere rapportate
con i corrispettivi concorrenti elettronici sul mercato (palmari, laptop, BB).

Analizziamo attentamente questo grafico di Kiviat: dobbiamo conside-


rare il centro del grafico come l’origine. Ognuno dei tre assi denominati Mobi-
lity, Readability e Actuality/interactivity, tende a valori sempre maggiori. Pos-
siamo dire che tende a + infinito. Analizzando ogni asse si nota che per

86
quanto riguarda la Mobilità E.P. ricopre una buona posizione, migliore rispetto
a P.. Lt risulta in una posizione centrale dove si nota che è meno portatile di
P. BB e PDA mentre è più portatile di PC che si trova quasi vicino allo zero a
sottolineare appunto che è poco portatile.
In fatto di leggibilità, sull’asse Readability, E.P. si trova ancora in una
posizione migliore rispetto a PC Lt BB PDA e Phone che è molto vicino allo
zero, non ci guarderemmo un film….
Per quanto riguarda l’interattività sull’asse Actuality/interactivity, E.P.
ricopre ancora una posizione, possiamo definirla “alta”, migliore rispetto a
Paper e PDA mentre non è superiore a Lt BB PC e Phone. Analizzando com-
plessivamente il grafico di kiviat si evince che l’E.P. racchiude in se in equal
misura tutte e tre queste caratteristiche (mobilità, leggibilità e interattività),
a differenza degli altri dispositivi elettronici che non riescono ad essere così
performanti in tutte e 3 le caratteristiche ma ciascuno ne ricopre solo una
parte.

87
Descrizione dettagliata comandi dell’iLiad

Una barra argento sulla mano destra corre vicino tutta la lunghezza del
dispositivo è un “commutatore a dondolo” che permette di voltare le pagine
sullo schermo.

Un set di icone sullo schermo sotto il contenuto potranno cambiare il


testo o bloccare la pagina.

Quando il dispositivo viene spento automaticamente si memorizza


dove l’abbiamo lasciato come un segnalibro e ti riporta nello stesso punto al
successivo riavvio.

88
Accendere l’iLiad è un processo lungo e lento, spesso bisogna accen-
derlo in anticipo per accedere a delle info ma di solito chi usa questo disposi-
tivo lo fa per piacere difficilmente per lavoro.
Si può navigare dai libri alle news o i documenti attraverso una linea di
4 bottoni sotto lo schermo, il bottone di accensione è in alto sopra lo stilo
volta pagina, è presente una penna per scrivere e navigare. La tecnologia
utilizzata per la penna è Wacom Penabled, cioè si può utilizzare per prendere
appunti, sottolineare testi, scrivere commenti nei documenti, riempire cruci-
verba e risolvere i Sudoku e naturalmente fare schizzi e disegni.

89
Tutto ciò da l’idea di avere in mano un dispositivo per business anziché
un vistoso gadget. Gli utilizzatori che devono fare i conti con molti documenti
possono creare delle note all’inizio del documento salvato sul dispositivo e
generare un file separato. Come tutti i dispositivi elettronici iLiad ha un di-
spositivo di scrittura intelligente che è in grado di capire la calligrafia dell’uti-
lizzatore.

Il vantaggio è che le note, i documenti, un libro da leggere sono tutti


ordinatamente raggruppati in un pratico dispositivo che pesa poco di più di
una calcolatrice tascabile.

Anche se bisogna adattare le proprie abitudini di lettura come per


esempio con il sensore per voltare le pagine, molto sensibile quindi se si la-
scia troppo a lungo il dito sopra volano via molte pagine, così bisogna con-
trollare il numero della pagina per essere sicuro di non essere andato troppo
avanti. Il primo dispositivo testato venne fuori con un’esagerazione di conte-
nuti provenienti dal Project Gutenberg, la più antica libreria digitale.
Diversamente da Sony, iRex ha visto il futuro dell’e-book reader come
uno strumento di business che passa attraverso il piacere di un buon libro.
Tutte le connettività business richieste sono incorporate, includendo porta
USB e Flash memory, e il wireless Internet. È inoltre possibile connettere l’i-
Liad ad una stampante.
Inoltre per le informazioni professionali pesanti come a livello ingegne-
ristico, medico e accademico iLiad ha un posto di prestigio con la possibilità
di immagazzinare un grande numero titoli, facili da recuperare a tal punto da
poter rivoluzionare l’usabilità e anche la vendita di titoli tecnici e accademici.

e-ink è la terza azienda più innovativa al mondo, ha battuto colossi


mondiali come Hitachi, Sharp, Fujitsu e kodak. A partire dalla ricerca di Jose-
ph Jacobson ha inventato l’inchiostro elettronico e si è piazzata terza nella
prestigiosa Patent Scorecard (è una certificazione di qualità) pubblicata sul
Wall Street Journal. È una classifica delle aziende più innovative nei loro set-
tori di appartenenza. e-ink è ritenuto il brevetto tra i più redditizi su cui inve-
stire.

90
91
iRex punta su alcuni obiettivi: maggiore rendita rispetto agli esistenti
contenuti digitali, ricercare un nuovo segmento di mercato fino ad ora igno-
to, definito “the modern mobile reader”, eliminare i costi di stampa e distri-
buzione, l’opportunità di personalizzare un nuovo servizio, la promessa per
un nuovo modello di pubblicità.

92
Può essere sincronizzato con il proprio PC, usare il proprio iLiad come
una stampante personale con l’apposito software “print to iLiad software”, si
possono scambiare dati con il proprio PC grazie ad iLiad es. mail in uscita o
back up, sincronizzazione con porta USB o Wi-Fi network, prendere annota-
zioni sul note come se fosse un blocco di appunti.

iLiad può essere utilizzato come un note pad illimitato, si possono sal-
vare schizzi e spedirli via al Pc, prendere note e trasferirle al proprio disposi-
tivo grazie al riconoscitore di carattere. E in più puoi prendere direttamente
appunti sul libro che stai leggendo salvando sia la copia originale che quella
con gli appunti:

93
I puristi del libro cartaceo temono l’avvento di iLiad ma soprattutto
sono preoccupati gli editori che temono la fine del loro lavoro; mentre per
iRex è una spontanea evoluzione per gli editori e un sistema aperto per i
consumatori. Deve essere considerato come l’anello di congiunzione tra il
mondo degli editori , il mondo di Internet con la tecnologia tutt’intorno.

I tasti più comuni:

Per ingrandire i caratteri del testo, la dimensione dei caratteri aumen-


terà di un livello ad
ogni clic, il numero totale delle pagine aumenterà in proporzione.

Per rimpicciolire i caratteri del testo, la dimensione dei caratteri dimi-

nuirà ad ogni clic.

Dopo aver cliccato un link o una certa pagina nella barra delle pagine è
possibile tornare alla posizione precedente cliccando l’icona indietro.

Cliccando permette di attivare il link all’ inizio del libro.

94
Attiva il link al sommario del documento.

Ecco la soluzione per gli editori: un canale sicuro all’interno di una rete
protetta a cui possono accedere solo certi particolari utenti, i possessori di
iLiad.
iDS è un canale riservato che permette tramite un PC che fa da ponte
di poter collegare iLiad alla rete dove poter scaricare programmi addizionali,
aggiornamenti del software, diversi settaggi del dispositivo (anche la possibi-
lità di reset alle impostazioni iniziali di fabbrica). Tutto questo è possibile per-
ché il sistema operativo che gira su iLiad è Linux. Alcune funzionalità come
(calcolatrice, scacchi, specie di browser) possono essere installati e utilizzati
su iLiad solo ottenendo uno specifico pacchetto tramite iDS, facendo richie-
sta su iRex.

95
Primo esperimento di partnership tra la Repubblica e l’iLiad

A vederlo sembra un block notes, le dimensioni di un quaderno, lo


spessore di una custodia per DVD.

Lo schermo per il momento non è molto grande (12 centimetri per 16),
ed è in bianco e nero (16 toni di grigio). Quello che impressiona di più è la ni-
tidezza dell’immagine: nessuna foto mossa, visibilità perfetta sotto qualsiasi
angolazione, una nitidezza impeccabile anche in pieno sole, un contrasto mi-
gliore di quello della normale carta da quotidiano. Pesa circa 300 grammi, è
un lettore elettronico e su questo terminale 300 persone potranno leggere la
Repubblica ogni giorno a partire da luglio. A breve dovrebbe partire negli Usa
il New York Times e International Herald Tribune.

Il Gruppo Espresso ha raggiunto un accordo con iRex Technologies,


un’azienda olandese, per realizzare il primo caso in Italia di giornale mobile
basato su inchiostro elettronico. Un esperimento analogo, il primo in Europa,
è in corso dall’inizio di aprile in Belgio, dove il quotidiano economico finanzia-
rio De Tijd ha distribuito iLiad a 200 propri abbonati, per un test di tre mesi
riceveranno il giornale in questo formato elettronico.

96
Il periodico francese Les Echo annuncia che la versione e-paper sarà
differente da quella cartacea, lo strumento e il download saranno offerti gra-
tuitamente agli abbonati pluriennali della carta e la visualizzazione dei testi
sarà disponibile su vari lettori (maggiore compatibilità).

Le batterie durano mesi e la memoria di base di cui è dotato il lettore


consente di conservare almeno 30 numeri di un quotidiano. Il cuore del siste-
ma è l’inchiostro elettronico messo a punto da E Ink, una società americana
nata dall’incubatore tecnologico del MIT, il Massachusetts Institute of Techno-
logy, nella quale il Gruppo Espresso aveva investito fin dal 2000. iRex - spin-
off della Philips, che aveva già realizzato l’e-book reader commercializzato
dalla Sony due anni fa in Giappone - ha realizzato lo schermo.
Basta premere un bottone e si scarica l’edizione completa del giornale
in circa un minuto. La connessione a Internet avviene senza fili, Wi-Fi, o con il
cavo. Se in futuro saranno disponibili altri giornali nello stesso formato, si po-
tranno scaricare tutti sul medesimo dispositivo. Sarà come avere in mano
una vera e propria edicola elettronica. iLiad si può portare con sé e utilizzare
ovunque. Le pagine si sfogliano con i tasti laterali, gli articoli si ingrandiscono
con un clic o toccando lo schermo con uno stilo in corrispondenza del testo.
Le pubblicità sono cliccabili e possono rimandare a informazioni più appro-
fondite su prodotti e servizi. Sul lettore elettronico si possono anche sfogliare
libri, guardare foto.
“Il dispositivo”, si legge in una nota dell’Espresso, “permetterà in fase
di test anche forme innovative di presentazione e delivery del giornale”. Die-
tro l’angolo ci sono altri importanti sviluppi: uno schermo più grande, il colo-
re, la possibilità di arrotolare iLiad proprio come se fosse un giornale. Che
però sarà sempre aggiornato con le ultime notizie e potrà un giorno riprodur-
re anche video e audio.

Prova dal vivo

Si tratta innanzitutto di un libro vero e proprio, almeno nel formato, che


usa la tecnologia, alla sua seconda generazione, di quello che è chiamato di-
gital ink, ovvero un foglio di plastica dove sono inserite delle microsfere metà

97
bianche e metà nere. Queste sfere sono fatte ruotare elettricamente varian-
done la polarità ed in questo modo il foglio viene disegnato. La peculiarità è
che togliendo l’alimentazione il foglio mantiene l’ultimo disegno!Non si tratta
dunque di uno schermo TFT, ma di un vero e proprio foglio scritto con una
sorta di inchiostro digitale. L’evoluzione della suddetta tecnologia, che come
detto poco fa è giunta alla seconda generazione, consente di variare il livello
di profondità delle microsfere rispetto al piano, facendole risalire in superficie
od affondare, per ottenere delle variazioni di colore: per l’esattezza ben sedi-
ci toni di grigio. E’ bene ricordare che stiamo parlando di un libro e non un PC
oppure un palmare (non aspettatevi grafica animata e roba multimediale). Il
formato del supporto è un A5 con un’elevata leggibilità di 150 dpi. Questo di-
spositivo consente di leggere anche all’aperto poiché non risente dei riflessi
della luce. L’autonomia al momento è di circa 10 ore, ma il produttore miglio-
rando il sistema operativo vuole arrivare a venti. Cosa legge? O meglio, cosa
potete leggere voi altri utilizzando il device? A differenza del modello Sony
Librie, uscito in Giappone, che legge unicamente il formato proprietario, iLiad
accetta file di testo, immagini JPG e PNG, PDF, e documenti XHTML. Oltre a
questi, nei prossimi mesi il dispositivo sarà in grado di gestire OEB ed MP3.
Connesso al PC col cavo USB viene visto come una pen-drive, su cui potete
copiare i vostri file. Io ho provato con libri presi da Gnutemberg, fumetti
scannerizzati (manga e super eroi), così come presentazioni PowerPoint con-
vertite in PDF, in tutti i casi con ottimi risultati. Inoltre con i libri informatici
PDF di O’Reilly funzionano anche i link all’interno delle pagine. iLiad è dotato
di un touchscreen della Wacom - azienda famosa per le sue tavolette grafi-
che professionali - con tanto di stilo. E’ anche possibile scrivere per prendere
appunti su fogli a quadretti, a righe e su pentagramma. Quindi è a tutti gli ef-
fetti un libro digitale con funzioni di blocco note. Inoltre si collega in rete
ethernet e in Wi-Fi per scaricarsi da solo gli aggiornamenti. In futuro è previ-
sto uno shop online dove comprare libri e/o scaricare quotidiani; la Repubbli-
ca porta avanti una sperimentazione a riguardo. Sono già uscite due release
di aggiornamento che ne hanno migliorato di molto l’usabilità. Come antici-
pato l’aggiornamento previsto per ottobre prevede di poter ascoltare musica
nel formato MP3 mentre si legge. Il device è infatti dotato di un’uscita audio
per cuffie. Inoltre nello stesso periodo sarà disponibile il kit di sviluppo per
scriversi le proprie applicazioni. Il sistema operativo è basato su una versione
di Linux embedded e gira grazie ad un processore a 400 MHz Intel X-Scale.

Specifiche tecniche

Display
Electronic Paper Display 8.1-inch (diagonal)
Resolution 768 x 1024 pixel, 160 DPI
16 livelli di grigio
Input con sensore di tocco
Matrice a sensori integrata Wacom® Penabled®
Penna Wacom® (Wacom® Slim Pen)

Processore e memoria
Processore Intel® 400MHz XScale™

98
64 MB RAM
Storage
Memoria interna flash 256MB di cui 128MB disponibili per l’utente
Espandibilità via USB e schede MMC o CF
Alimentazione e batteria
Batteria integrata ricaricabile Lithium Ion
Ricarica con Adattatore di Alimentazione
Tempo per la ricarica: circa 3 ore

Audio
Altoparlanti stereo integrati
Connessione per cuffie stereo 3.5-mm mini-jack

Connettività
Wi-Fi® 802.11B/G wireless networking integrato
Connessione via cavo tramite Travel Hub esterno 10/100MB Ethernet,
in dotazione

Misure
Altezza: 217mm
Larghezza: 155mm
Spessore: 16mm
Peso: 389 grammi

Formati supportati
Formati di file supportati: PDF / HTML / TXT / JPG / BMP/ PNG
Altri formati verranno supportati con le prossime release software.

Requisiti ambientali
Temperatura di funzionamento: tra 0°C e 50°C
Temperatura di stoccaggio: tra -20°C e 70°C

La tecnologia di iRex è la più adeguata al momento sul mercato con i


suoi 8-inch di diametro e la caratteristica dei 16 livelli di grigio dove invece la
normale industria è ferma a 4. In più il display è l’unico scrivibile elettronica-
mente con molte possibilità come annotare scrivere e una avanzata interfac-
cia utente.
iRex electronic paper display è sicuramente un grosso passo avanti ri-
spetto alle tecnologie CRT e LCD con la possibilità di leggere e scrivere diret-
tamente sullo schermo. Invece di file di celle che emettono luce, le micro-
capsule di e-ink appaiono in verità o pixel bianchi o neri, dipende dalla carica
positiva o negativa determinata dal contenuto. Tutti i pixel assieme determi-
nano l’immagine. Non necessita di energia per mantenere l’immagine.

99
Al contrario dei display CRT o LCD, E-paper display proietta un’immagi-
ne stabile che affatica meno gli occhi, tuttavia questo significa anche che la
tecnologia del display di e-paper ha un più basso ciclo di refresh inadatto per
applicazioni video.
iRex iLiad ha una scheda Wacon sensor integrata, questa utilizza il sen-
sore EMR (electro-magnetic resonance). Grazie a questa tecnologia non c’è
bisogno di nessun cavo, o avere il supporto continuo della corrente. Quando
viene rimosso lo stilo dal suo porta stilo, il sensore della scheda di superficie
genera un campo magnetico, il circuito risonante dello stilo utilizza questa
energia come ritorno del segnale magnetico al sensore della scheda di su-
perficie dello schermo.

Dal movimento continuo la scheda rileva informazioni sulle coordinate


della posizione, l’angolo che la penna assume nonché sulle sue condizioni
generali di operatività come movimento e velocità.
Il risultato è ottenere una facile e precisa via di navigazione attraverso
l’interfaccia di iLiad o per interagire con i contenuti e una sensazione di scrit-
tura naturale quando si prendono delle note.

Il display è suddiviso in due parti la più grande per la lettura la parte in


basso per gestire le funzionalità come

Tra i comandi principali c’è il visualizzatore di pagina con il contatore


totale, il toolbar con i diversi comandi.
Il Toolbar è diviso in due parti: le icone sulla sinistra dello schermo sono
visibili in alcune pagine e non in altre. L’icona scurita indica che la funzione è
attiva.

100
Quando viene aperto un documento the page indicator sarà mostrato
dal busy indicator il quale indicherà che iLiad sta processando l’operazione.

È anche possibile attivare la tastiera con e appare


nella parte bassa dello schermo con l’ausilio dello stilo si digita.

Un’alternativa per inserire dati di testo in un campo testo di iLiad è la


Writepad

101
Attraverso alcuni di questi bottoni si possono scegliere le dimensioni
del tratto penna , i livello di nero o grigio, possibilità di cancellare con la
gomma.
La ricerca dei file avviene attraverso un’apposita funzione attiva di ri-
cerca coadiuvata da una tastiera.

Attraverso un’apposita schermata è possibile scegliere come ordinare i


file: nome, dimensione, estensione.

102
Device Manager

È la schermata principale di iLiad per poter accedere a tutte le sue fun-


zionalità, dal setting ai diversi profili, al recupero dei documenti.
o iLiad setting: contiene i differenti setting per personalizzare iLiad a
seconda delle esigenze dell’utente.
o iLiad Profiles: dove si possono trovare una lista di differenti profili
network,
o Reference Materials: L’utente qui può trovare un manuale e una gui-
da rapida, tutto con gli ultimi aggiornamenti.
o Recent Documents: Per poter vedere rapidamente i documenti re-
centemente aperti.
o CF Card: Per inserire una memory esterna come Compact flash
o Multi Media Card: Per accedere ad una memoria esterna come una
multimedia card
Nella seconda pagina l’utente troverà:
o USB: Per accedere alla memoria esterna USB
o Main Memory: Contiene i 4 archivi che sono documenti, quotidiani,
libri, note e altri file o cartelle create da iLiad. Questa memoria è uti-
lizzata per gestire facilmente i file dal PC.
Alla prima accensione l’utente deve settare molte funzioni come l’e-
mail, le pwd, i suoni, il nome proprietario, la lingua, i settaggi per la connes-
sione al PC, e per connettersi ad Internet wireless o wired.
o Il Background Connect: Abilita iLiad a connettersi all’iDS o a un PC
ad intervalli stabiliti per controllare eventuali aggiornamenti.
o iLiad network profile: contiene le configurazioni e i setting per ogni
profilo di rete differente, si può organizzare in che modo iLiad usi gli
accessi facilitati che iLiad può utilizzare per collegarsi a iDS (iRex
Delivery Service). Può essere scelto un profilo preferito che iLiad
prova ad utilizzare per primo quando vuoi che si connetta a iDS.

103
o Scribble Function: Permette di prendere delle note, creare dei dise-
gni e creare delle annotazioni nei documenti. I formati supportati
sono: .jpg .pdf .bmp .png . E’ possibile scrivere in tutti quei file in cui
è mostrata la penna. Automaticamente quando prendi una nota su
un documento ne salva uno nuovo per non scrivere sull’originale. Il
documento ha lo stesso nome dell’originale ma con l’aggiunta della
data e ora di modifica. Le note o i disegni sono salvate in due forma-
ti differenti: un file immagine .png e un digitized form .irx file.
Le annotazioni nei pdf vengono salvate assieme al file pdf in un irx file
leggibile solo quando il pdf è aperto su iLiad o attraverso Myscript notes è un
software addizionale in dotazione sul PC per essere utilizzato con iLiad. attra-
verso questo software è possibile convertire le note in un testo digitale sul
mio PC.
Why the iRex Delivery Service (iDS)?
o iRex: interactive reading experience;
o Delivery: iDS consente lo scaricamento dei suoi contenuti con il solo
click di un tasto.
o Service: i nuovi contenuti possono essere consegnati automatica-
mente sul proprio iLiad. Come per esempio ogni mese con un solo
click ci si collega a iDS e si può scaricare tutti gli aggiornamenti soft-
ware, per fare ciò bisogna creare un account.

Principi base del funzionamento dell’ e-Paper: per quanto riguarda i co-
lori chiari, le particelle chiare vengono mosse avanti e indietro in una soluzio-
ne tinta applicando un campo elettrico esterno. Se le particelle vengono
mosse avanti allora lo spettatore vede le particelle luminose. Se le particelle
vengono mosse indietro, lo spettatore vede solo il colore della tintura.

104
Principio avanzato: in opposizione le particelle cariche chiare o scure
muovono attraverso una soluzione pulita. Se le particelle luminose vengono
spostate avanti l’immagine percepita è chiara, se le particelle scure vengono
mosse avanti l’immagine percepita è scura.

Il beneficio di questa tecnologia viene alla ribalta con le applicazioni


mobile and reading:
o mobile: poca potenza utilizzata, peso leggero, robusto, sottile.
o reading: molto vicino alla lettura di un giornale, leggibile sotto qual-
siasi circostanza (all’aperto), nessun scintillio del monitor. Questo
tipo di tecnologia non è adatto per le applicazioni video.

Competitor di iLiad

Turnover

Un nuovo progetto che compete con iLiad è Turnover, è un innovativo


e-reader che usa due tradizionali aspetti del leggere: voltare le pagine e pie-
gare gli angoli delle pagine sfruttando le potenzialità del display flessibile.
Sono due pagine con infinite possibilità

105
Esiste un menu, con una rotella scroll per scegliere il libro e rapidamen-
te raggiungere la pagina desiderata. Le capacità del touchscreen permettono
di accedere o spegnere il dispositivo.

106
Hanlin eReader V2

Dispositivo portatile specializzato per applicazioni di lettura, con eleva-


ta chiarezza e eccellente leggibilità all’interno e all’esterno.
Lo schermo 6-inch e Ink display (EPD) contiene 800x600 pixel e sup-
porta 4 livelli di scale di grigio. In alto al dispositivo ha una slot per leggere le
memory SD, possibilità di espandere la memoria fino a 1 GByte. Connessione
a un Pc o Laptop attraverso cavo USB. Il V2 è un dispositivo portatile a bas-
sissimo consumo di energia, si stima un mese di attività senza ricaricare, in
media 300 pagine al giorno di lettura. Il dispositivo supporta il multi-level di-
rectory management, molto utile per classificare e organizzare i libri. Il tou-
chscreen e lo stilo per scrivere sono molto utili per la navigazione.
Caratteristiche:
o Sistema operativo: Wolf Linux
o Formati supportati: PDF, DOC, Wolf; HTML, MP3, JPG, TXT, CHM, RAR,
ZIP, CEB, Images ETC
o Dimensioni: 194x133x13 mm
o Peso 290g
o CPU Samsung Arm9 2000Mhz, SDRAM 32Mb, SD (MMC)IO

107
Sony Portable Reader System PRS-500

Innanzitutto il formato BroadBand e-book (BBeB) dotato di un sistema


di protezione DRM è di proprietà della Sony. Dovrebbe essere questo un for-
mato XML che prevede testo, oltre che suoni ed immagini. Supporta inoltre i
formati PDF, JPEG, documenti WORD (convertiti in RTF), HTML, MP3 e i feed
RSS. Sarà possibile infatti scaricare i feed di blog molto popolari, seppur in
un numero ristretto: in altre parole il reader supporterà i feed RSS solo di siti
web approvati dalla Sony, tra gli altri Salon, Slate, Huffington Post, Gizmodo.
Integrato con un software che permette di cercare facilmente tra mi-
gliaia di titoli di libri dal Connect e-bookstore e facilmente trasmetterli dal PC
al Sony reader. Permette di portarsi con se, grazie ai molti formati supportati
dalla memoria, diversi titoli e documenti (64MB memoria interna + slot per
SD esterna). Vanta un impressionante 6 inch display (simile a iLiad); infatti
utilizza la stessa E Ink technology sviluppata da Joe Jacobson nel ‘96 a Cam-
bridge in Massachusetts. Inoltre il testo può essere ingrandito per i lettori con
difficoltà visive. Alta risoluzione, alto contrasto, leggibile all’aperto durante il
giorno, visibile da tutti gli angoli. Una batteria molto duratura permette di
sfogliare e leggere 7500 pagine con una sola ricarica.
Costerà 350 dollari ed è comprensivo di un credito iniziale di 50 dollari
che gli utenti potranno spendere collegandosi alla Sony Connect book store
grazie al software integrato Sony Connect, una libreria online appositamente
creata con 10000 titoli provenienti da sei editori leader nel mercato (Simon
and Schuster, Harper Collins). I libri elettronici avranno un costo ridotto del
25% in meno rispetto ai libri tradizionali.
Caratteristiche:
o Dispaly panel: 6 pollici
o Risoluzione: 170 dpi
o Memoria: 64MB espandibile
o Autonomia: 7500 pagine sfogliate

108
o Dimensioni: 12x17 cm
o Peso: 250 g

109
Amazon Kindle

110
Fujitsu 4096 Color E-paper

120x160 mm, 7,8 inch VGA 640x480 4.096 colors, 110 dpi

111
Spesso solo 0,9 mm

Display composto da 3 film a cristalli liquidi cholesteric (rosso, verde,


blue) ha una struttura a strati spessa in totale 0.8 mm. Ogni strato consiste
in 0.125 mm di spessore del film a sandwich con il cristallo liquido. Il Chole-
steric crystal in ogni strato è intrecciato in una certa inclinazione per riflette-
re solo il rosso, il verde o il blue rispettivamente.
Le immagini sullo schermo possono essere cambiate con 10 mW fino a
100 mW a seconda della velocità di scansione.

Il display è una semplice matrice passiva guidata da chips che viene


prodotta in serie, così non ci sono fattori importanti che possano far salire il
costo del display. Il team sta lavorando per ampliare le applicazioni oltre che
allargare il display e la tavolozza dei colori.

112
Un portavoce della Fujitsu ha riferito che il display in questione è capa-
ce di mantenere l’immagine anche quando è flesso, quindi stanno inventan-
do gli adeguati materiali e strutture per sfruttare questa opportunità.
32 MB di memoria interna
Porta USB
Mini Sd slot

Peso: poco meno del Sony reader


Lo schermo è sottoposto ad un ciclo di refresh da sinistra a destra

113
Tempo per ridisegnare una nuova immagine complessa circa 4 s; per ri-
disegnare una semplice a 8 colori circa 1 s.
Pensa di commercializzarlo entro 2 anni. Dal 2008 in Giappone. Ma sta
organizzando la vendita con alcune compagnie di distribuzione per arrivare
nel 2010 con circa 370000 dispositivi venduti.

114