Sei sulla pagina 1di 16

I vichinghi

Chi erano, come vivevano, com’erano le loro navi e cosa hanno fatto.
Chi erano i vichinghi?
I vichinghi sono tra le icone culturali principali in
Norvegia e i musei dedicati ai vichinghi sono mete
turistiche popolari a Oslo.
I vichinghi erano guerrieri, originari della
Scandinavia, Danimarca e Germania settentrionale
che a bordo di drakkar fecero incursioni sulle coste
delle isole britanniche, della Francia e di altre parti
d'Europa fra la fine dell'VIII e l'XI secolo.

Esempio di urlo di guerra vichingo:

Ég ríf ykkur í bita


Conquistatori per mare
L’epoca vichinga in Scandinavia durò dall’800 fino
al 1050 d.C. . L’attacco dei vichinghi al monastero
di Lindisfarne nel 793 viene spesso associato con
l’inizio dell’epoca vichinga.
Sarebbero dovuti passare più di 1000 anni prima
che qualcuno fuori dalla Scandinavia parlasse dei
vichinghi in altri termini rispetto alla convenzione
che dipingeva i vichinghi come barbari.
Navigatori geniali, artigiani e artisti provetti
Dietro le imprese marittime dei vichinghi c’è una conoscenza profonda e unica della
costruzione delle navi, e dell’arte della navigazione.
I vichinghi costruivano navi veloci e adatte al mare.
Uno dei maggiori tratti caratteristici di quell'epoca è senza dubbio la perizia nella
costruzione di oggetti soprattutto in legno e ferro.
Sono stati rinvenuti oggetti di questi materiali, decorati e di incredibile fattura.
All'occhio moderno, questi oggetti così decorati sembrano davvero opere d'arte, sia
che si tratti di monete, armi o altri attrezzi.
I drakkar
Il drakkar è un'imbarcazione usata
principalmente da vichinghi e sassoni per
scopi militari.
Queste navi erano caratterizzate da una forma
lunga, stretta e slanciata, e da un pescaggio
particolarmente poco profondo.
Queste caratteristiche conferiscono
all'imbarcazione una grande velocità e
consentono ad essa di avvicinarsi molto alla
riva effettuando sbarchi velocissimi.
Varie tipologie di drakkar
Snekke Nave dragone Nave di Ruskilde
Le snekke
La snekke è la più piccola imbarcazione
classificabile come drakkar.
Queste navi potevano portare circa 25 uomini.
Le snekke norvegesi, progettate per la navigazione
sulle profondità dei fiordi e nell'Oceano Atlantico,
tendevano ad essere più profonde delle loro
controparti danesi, le quali venivano impiegate per
i viaggi su acque poco profonde.
Nave dragone
Queste celebri navi vichinghe erano particolarmente
elaborate ed eleganti, ed erano usate dai vichinghi per
andare a fare razzie.
La prua era tipicamente modellata a forma di bestie
spaventose quali draghi e serpenti.
Questa caratteristica adempiva al doppio scopo di
proteggere la nave dai mostri marini della mitologia
norrena, e terrorizzare sia i nemici dei Vichinghi che gli
sventurati abitanti dei villaggi costieri.
Nave di Roskilde
Il drakkar più grande trovato finora,
fu scoperto da alcuni archeologi
danesi nel porto di Roskilde nel
1997.
La sua scoperta dissipò ogni
scetticismo avanzato da alcuni
storici circa l'esistenza di drakkar di
quelle dimensioni.
Mitologia norrena
Prima dell’avvento del Cristianesimo, le credenze dei
popoli del Nord Europa si concentravano attorno a miti e
leggende, mostri e creature magiche.
Secondo la mitologia norrena, l’universo dove agivano gli
uomini, gli dei e le creature era sostenuto dall’Yggdrasil,
l’Albero Cosmico, che sosteneva i nove mondi del Creato.
Il mondo degli uomini era chiamato Midgard, quello dei
signori del cielo, detti Asi, era chiamato Asgard.
Su questi Asi governava Odino e aveva molti figli, come
Thor e Loki.
Gli Asi però non erano le uniche entità mitologiche.
C’erano anche i giganti, nani, elfi e altre creature.
I fondatori di Oslo
Tra i progressi tecnologici portati dai viaggi dei vichinghi,
menzioniamo  quelli nel campo dell’agricoltura, oltre
all’introduzione di sistemi commerciali più avanzati.
Il Cristianesimo venne introdotto come alternativa alla
vecchia religione, e la Norvegia, nel corso dell’epoca
vichinga, venne unificata come regno e vide così i suoi
primi re.
In quel periodo sorsero anche le prime città norvegesi:
insediamenti permanenti dove le funzioni amministrative
e militari, i riti sociali e religiosi venivano riuniti. Oslo è tra
le città che si sostiene siano sorte nell’era vichinga.
Armi usate dai vichinghi
Lance e armi lunghe
La lancia era l’arma più comune tra i guerrieri vichinghi e
spesso erano accompagnate da uno scudo.
Inoltre a volte venivano usate alabarde o falcioni.
Spade
Le spade venivano spesso accoppiate con uno scudo.
Asce
Le asce in battaglia erano devastanti grazie al loro peso.
Archi
Spesso erano usati anche in battaglia, non solo a caccia.
Sax (Scramasax)
Il sax veniva usato come machete e aveva le dimensioni di
un coltello.
Armature usate dai vichinghi
Elmi
Gli elmi vichinghi erano spesso formati da cuoio ed erano
rinforzati da strisce di ferro.
Cotte di maglia e armature lamellari
La cotta di maglia spesso veniva usata solo per coprire punti
scoperti dall’armatura perché era molto costosa.
Le armature lamellari («a piastre») erano ancora più costose.
Scudi
Gli scudi erano molto comuni ed erano fatti di legno, perciò
erano molto leggeri ma non erano facili da rompere.
Vestiti di tessuto o cuoio
Queste armature erano le più comuni ed erano più
convenienti.
La fine dell’Era vichinga
Gli esploratori portarono la loro identità culturale nell’Europa continentale, ma
importarono anche culture, lingue e conoscenze straniere.
Verso il 1100 i vichinghi si erano indeboliti a causa di dispute interne e resistenza
da parte degli altri paesi europei, che avevano dolorosamente imparato a
difendersi dagli attacchi tramite la costruzione di obiettivi fortificati.
Altre curiosità sui vichinghi
La più famosa bevanda Seppellivano i loro morti
vichinga era l’idromele, nelle navi per poi
una birra addolcita col bruciarle con una freccia
miele infuocata

I vichinghi non
Avevano una particolare
indossavano elmi con le
cura della propria igiene
corna

Avevano leggi che


Erano eccelsi sciatori
tutelavano i diritti
delle donne
Novelli Leonardo

Lavoro svolto da:


Bianchi Jacopo
Ferti Alessandro
Galluccio Daniele
Pragliola Alfredo