Sei sulla pagina 1di 5

DEDICATA A CESENA:

LA STRAGE DEL LI BRETTONI DER FEBBRARO DER 1377


POESIA DI ANTONIO DAL MUTO

Una poesia dedicata ai Cesenati che, nel febbraio del 1377, conobbero uno dei momenti pi tristi della loro storia millenaria: la nota Strage dei Brettoni, ordinata dal papa, Gregorio XI,residente ad Avignone, e consumata dai mercenari dell'inglese John Awkwood, Giovanni falco del bosco, alias Giovanni Acuto, al soldo del Cardinale Roberto da Ginevra. Non versare le tasse alle casse del papato era come firmare la propria condanna a morte e i fiorentini, aizzando le popolazioni della Romadiola, sperarono di attirarle sotto la loro sfera politica antipapale, ma si risolse solo in un bagno di sangue. In quel frangente Castrocaro divenne sede del vice dell'Acuto, John Thornbury alias Giovanni Tornabarile, mentre l'Acuto si prese Cotignola, dove si fece costruire una fortezza della quale rimane l'omonima torre. In attesa che il papa saldasse all'Acuto il debito che aveva, le truppe di dettero a far bottino tra il mare e i colli, fino a che non arriv una buona parte dei soldi e... cos pagato l'Acuto, con il beneplacit del Cardinale, a Cesena costru la causa per scatenare la mattanza, una mattanza che fosse esempio a tutti coloro che decisero di non pagare le tasse. La lezione serv, poich la ribellione rientr per la risonanza che ebbe la strage. Nel 1377, il papa riport a Roma la sede papale onde evitare altre costose, per le casse, ribellioni

La Stragge de li Brettoni der Febbraro der 1377


N giorno ariv alle recchie der Papone, spaparanzato ad Avignone, na funesta novit: li romagnioli avevano deciso d nun pag le tasse perch spinti da li fiorentini, sti bojiacci, che c le bandiere sventolanti annavano p castelli e in nome della libbert, invitanno tutti a nun vers manco no scudo nelle sacre casse.

Su tutte le furie, er Papone, drento le sacre mura, aggitato ar punto tale dann nescannescenza comme mmatto, penz che c le casse vote nun se poteva st. Era nindecenza. Comme se permettevano sti sudditi ngrati de ribellasse ar sacro trono? Nun se ricordavano pi tutter bene che jera stato dato ndono? Nun rimaneva che studi, verific, nzomma, quarcosa annava fatto. E fu cos che Robberto, er Cardinale de Ginevra, venne nformato che a li romagnoli n serio guiderdone annava dato.

Puntuale come norologgio, er Cardinale svizzero se circond de varia paccottiglia, specialmente d Giovanni Acuto la sordatajia. Cos fu che c tutta st ferrajia lo sintravide presso li crinali romandioli combinato comme 'n giannizzero. E su p li colli cesenati, doppo esse passato p Imola, Faenza e Forl, entr nellamena citt d Cesena, conaccomodante quanto furbesco vorto de canajia.

Acquartierati presso la famosa tana, li sordati scennevano da st budello tutti li santi ggiorni p magn. Fornari e beccherie davano a ggratisse pane e costati d vitello costringendo li commercianti cesenati a dare senza sparagn; fu coss che li sordati carmi e senza scatt, svotarono le riserve magnereccie mettennojie paura cor cortello.

Ma ariv er giorno de d Abbasta!. Senza li scudi nun se riempie pi la panza! Ncazzati li villani se scontrorno co li brettoni affamati e ncerca den pretesto su ordine der Cardinalone, che se present puntuale, come la frusta quanno cerca er fonnoschiena de na schiava. Vennero chiusi li portoni urbani e dettero via alla danza, anzi alla mattanza er sangue de la ggente scorse tanto da sembr n fiume de rossa lava.

Disperazione, tradimenti e morti corpi de spadone, d ascia e de cortello lasciorno su le strade 6000 corpi straziati da la furia dellAcuto quer ngran fijo de na mignotta; uno che caveva un gran fiuto p la pagnotta lui, co tutta la sordatajia sarrubborno tutto, 'n mezzo a st macello. Le grida e lurla de la ggente arrivorno fino a Rimino dove quer Galeotto der Malatesta, aspettanno a la finestra che er lavoro fosse fatto, nun sognava artro che pijasse l citt senza sforzo e senza danno, saporita comme n piatto de minestra, che gi se preparava, sicuro comera, a mettese ncammino.

Ntanto a Cesena solo le cornacchie passeggiaveno tra li strazziati corpi, darti e de poveri infanti. Nun se trov pi manco mpezzo de pane, nemmanco un pezzo doro. E p corpa de chi? De li fiorentini che nun se fecero li cazzi loro. La libert na cosa grossa Nun se po lanci er sasso, pensanno de fa nastuta mossa p poi stassene a la finestra vedendo la libert dellartri divent rossa. Senza scudi er Papone, p pag lAcuto e li sospesi vennette Cervia e le saline, bianche d tristezza, ar sor Polenta co l 3000 scudi mann via da la citt er fetentone c la trupppa contenta

e Cesena, affittata ar Galeotto, se riemp d'astuti riminesi. Ma la lezzione fu data a li cesenati ormai ridotti a putrida monnezza.

Giusto p la cronaca: lAcuto a Marino ncontr li romani che nun ciannarono de fino Tanto che li brettoni mazzati, ndovinate a chi chiesero rifuggio? A quello che nun se fece li cazzi sua: ar fiorentino. Sor Paolo Uccello a Giovanni ije fece puro n ritratto in Santa Maria der Fiore su n cavallo, che se regge su du zampe; tutteddue sinistre. Li critici dissero cher maestro sera sbaijato, ma nun capirno come er pittore lo fece apposta, perch lAcuto nun era artro che n fijo de na mignotta, uno che cha er fiuto solo p la pagnotta. P lartista nun fu un eroe d la patria fiorentina, ma sempricemente uno che p magn faceva lequilibbrista, comme tanti politici, sia de' destra che dde' sinistra Era mejio, p li cesenati, continu a paga le tasse o fa leroi comme nzistorno li fiorentini ncoro? Questo er dilemma che ancora interessa le masse. Na triste storia che la cronaca ar monno ancora mena: la strage che li brettoni fecero a Cesena p corpa de chi nun se fece li cazzi loro.

25 luglio 2006

Antonio Dal Muto