Sei sulla pagina 1di 32

ARIA DE LI CASTELLI

Poesie eruttive in dialetto romanesco di Antonio DAL MUTO

QUINTO VOLUME

Edizioni CASAMIA

PRESENTAZIONE

Eccoci con il QUINTO volumetto di poesie dialettali. Lo sforzo di creare in rima rimane ancora minimo. Probabilmente, visto che sono un CaricaturistaVignettista, scrivere in dialetto, facendo dellironia, appare facile come farla graficamente (lironia ovviamente). Infatti basta poco: una notizia, uno sguardo e zacchete! Scatta la molla der verso e leruzione lavica tracima dar cratere dellispirazzione in versi che in dialetto appaiono pi cocenti che mai. Beh, lascio a voi giudicare leggendo il mio romanesco

Buona lettura

Lautore a.dal.muto@alice.it

ANTONIO DAL MUTO

Accenni biografici
Romano di nascita ha poi vissuto ad Ariccia, sui Castelli Romani. Ora, vive e lavora a Cesena. E maestro dArte Pittura e Disegno diplomato; possiede la qualifica di Architetto Interior Designer; possiede labilitazione allInsegnamento della Storia dellArte e del Disegno; ha frequentato la Facolt di Architettura a Firenze; Critico dArte; fumettista

E autore di Storie di Citt a Fumetti:

Ha realizzato una poderosa 5 volumi Storia a fumetti di Cesena, Rimini, Ravenna e Forl. Dalle Origini allUnit dItalia pubblicata dalla locale Casa Editrice Ponte vecchio. Il premio Nobel Dario Fo lo ha citato nella sua opera Sto ria di Ravenna. Ha recentemente pubblicato la Storia di Ariccia Antica fumetto sponsorizzato dalla Provincia di Roma, Comune di Ariccia (RM) e dallArcheoclub locale per diffondere la conoscenza del territorio nella popolazione scolastica e non. Storia di Sarsina Antica, Dalle Origini all XI secolo; Storia si Castrocaro, dalle Origini alla costruzione della cittadella di Terra del Sole ( tradotte ambedue in lingua inglese dallo stesso autore); Storia di Comacchio e Storia di Anzio a Fumetti. Dalle Origini a Nerone e Storia di Cervia a Fumetti. Dalle Origini allEt contemporanea.

E vignettista e caricaturista: Ha collaborato con il settimanale Corriere Cesenate e con TeleRomagna,


attualmente collabora con Videoregione.

E Scenografo:
Sue sono le scenografie realizzate negli anni 90 per il festival della Canzone romagnola E Campanon

Nella sua pittura predilige la figura e il paesaggio, ma anche realizzazione tematiche come la Mostra sulla Shoah fatta a Cesena nel 2004 e poi a Forl e a Cervia. E ritrattista:
Sue sono la Galleria di uomini illustri legati allamministrazione comunale cesenate. Dal Risorgimento allultimo sindaco in carica di propriet dellamministrazione comunale; la Galleria degli abati del monastero di Santa Maria del Monte di Cesena. Dal 1888 allultimo abate in carica ( nel 1999) di propriet del Monastero omonimo; la Galleria dei parroci della Parrocchia di SantEgidio di Cesena. Dal 1954 allultimo parroco in carica di propriet della Parrocchia omonima. Ritratto di Gianni Agnelli, di propriet dellomonima famiglia; Ritratto del Premio Nobel Rita Levi Montalcini, di propriet della stessa; Ritratto di Marco Pantani, di propriet della famiglia Pantani ed esposto allo Spazio Pantani a Cesenatico; Ritratto di famiglia di Marina Berlusconi di propriet della stessa; Ritratti di Ferrari, Agnelli, Montezemolo, Schumacher e Barrichello di propriet della Ferrari sede di Maranello ecc

E Saggista Molte sue opere si trovano su SCRIBD. Com e sono scaricabili gratuitamente

Elenco Poesie

COMME SE DISTINGUE N ROMANO DA UNO VERO ER GIUDIZZIO DER POLITICO LATMOSFERA NATALIZZIA LANNO NOVO DOPPO NATALE ER PRIMO DELLANNO A MONNEZZA TOSTA PE FA LA RIMA N ROMANESCO NA PASSEGGIATA NA PASSEGGIATA 2 SCEGNE CHE NA BELLEZZA OLOCAUSTO AR SOR PASQUINO ER CARNEVALE BONA PASQUA LA ROMA DOGGI LARIA CHE RESPIRAMO BONA LA POLITICA RIVOLUZZIONARIA ER PARERE MIO QUANTO VALE? I DIECI SAGGI LE NOZZE GHEI

POESIE

COME SE DISTINGUE N ROMANO FINTO DA UNO VERO

11 dicembre 2012

Ma quanti semo a d io so romano? Na caterva, damme retta, ma nun verit che tutti se ponno permette la romanit. A maggior parte so tutti coatti, magari Marchisciani, de Velletri o dArbano Questurtimi, per esempio, so latini, e se chiameno lazziali, ma mai potranno d desse romani, perch solo si chai messo er bollo da la nascita, potrai di che li Fori mperiali te scoreno ner sangue e taggiteno le mani. Esse romamo nun sortanto n fatto de dialetto Ma na ggenetica che tariempie tutto Fatta de storie tra piazze antiche, colonne rotte er vicoletto nd hai vissuto, corso e baccajiato e, magara, lungo er fiume te sei pure cotto. Trastevere, Borgo, San Giovanni Nun so posti che lhai visti come n furastiero Per Romano so tappe de la vita vissuta, da n sacco danni e ndo chai trovato puro la regazza pe fajie er filo e cannavi fiero. Roma er Romano lha respirata fino n fonno Lha vissuta seguenno a tradizzione Carpestanno sentieri che channo lorme dantichi cavalieri, padroni der monno Roma come mmozzo de na rota: tutto Je ggira n tonno. Ma Roma puro generosa. Te voi sent Romano? Nun c probblema, na cosa sempricissima Hai solo da pag m pegno: Te ce devi innammor perch orgojiosa La devi rispett co tutto er core e essa te ricambier donandote puro l anima. N fonno n fonno, la cittadinanza romana, limperatori, la dettero a tutto er monno.

ER GIUDIZZIO DER POLITICO Si er giudizzio de m politico, azzardato, Fosse legato a n dente, sempricemente, quanno comincia a scojion, come narcolizzato sarebbe sufficiente strappajie, der giudizzio, er dente. Nvece, la faccenna nun se risorve cos facirmente, m politico che ntrallazza, che se fa li cazzi sua senza penz a la gente ce lo dovemo sorb sur groppone, pur sapenno che nomo de gnente e risurta pi doloroso, dannoso, che levasse n dente. Senatore, Onorevole, Signor Deputato Quanti salamelecchi ar panzone assai votato Pe scopr poi che je pesa pi la panza che er giudizzio assai dimezzato. Saranno li sordi che je damo a renderlo vizziato? Tutto po esse, ma dico io, c tutto quello che guadambi Cera bisogno de mettete a rubb? Semo n sacco a esse daccordo, de tajiatte li cojioni entrambi Artro che processi e pentimenti.. la gente pi nun ce st. Te vole solo mann a ffanculo Te vorebbe ved strigne la cinta pe ariv a fine mese Eppure chai fregato assai bene co laccumulo E s, perch te sei puro votato er vitalizzio sibbene le rubberie nun lhai rese. Forse vero chogni popolo cha er Governo che se merita veramente, ma puro vero che tante so le persone oneste che si er popolo chiede giustizia lo fa soprattutto p queste ma ce dovemo rassegn: in Italia la giustizia la decideno chi nun cha quer dente

11 dicembre 2012

LATMOSFERA NATALIZZIA

20 dicembre 2012

Na cosa ma ricordo da munello A proposito dellatmosfera natalizzia Era che er corso der paese se vestiva de letizzia Strappanno ar buio de tutto lanno quarche giorno mp pi bello E me risonano nelle recchie laugurio che per corso rimbombava co parole che ereno queste: Oreste, auguri e bone feste! Mo, forse perch nun se trova pi Oreste, lauguri me pareno parole vecchie Forse perch io so nvecchiato? O puramente perch a ste feste me ce so abbituato? Me fa speranza solo na cosa: cher Natale nun fa parte der laicato Ma de m monno che a lo Spirito de Cristo cha richiamato E nfatti, pensanno meno ar panettone Ar torone e a lartre cianfrusajie de sta finta pace da mercato Realizzo che quanno aritorna Natale maricordo desse stato battezzato In nome de valori assai pi arti e non de m periodico porpettone Pieno de finti abbracci, strette de mano E auguri che passato er 25 saritrasformeno in mozzichi feroci Aricomincianno la guera quotidiana fatta de li soliti equivoci Scordannese che la pace, quella vera, un gesto, na parola da cristiano Allora viva er Natale! Abbracci a tutti quanti Sinceri auguri de ritrov la pace drento ar proprio core E non aspettanno na bona notizzia da sto G overno che te rigala solo batticore Che si daressi retta certa gente la dovresti tratt senza guanti. Allora signori e brava gente Auguroni!! De quelli boni Detti cor core e che nun costeno proprio gnente.

E RIVATO LAVVENTO

23 dicmbre 2012

Accenni puro er televisore, taspetteresti de sent parl de cose bbone nvece tra firme, sceneggiati, e americanate Te propineno solo cazzotti, moriammazzamenti e bastonate. Eppure semo sotto laria natalizzia: lAvvento, Natale dopodimane. Ormai er palinsesto, quello der televisore Ma puro quello de li ggiornali, dellinformazzione Nun fanno artro che ripete vecchie storie de violenza senza core Tanto che nun poi che d: oggi questa la situazzione! Poi ce se mette puro la politica nostrana, sempre in ebollizzione A scard lanimi, gi mezzi ncazzati pe li licenziamenti e pe le tasse, questi nun se rendeno conto che n famijia ormai so mezze vote le casse tanto che te verrebbe vojia de cambi giurisdizzione Cambi paese, posto citt e mestiere Magara mettese a fa levasore fiscale, lintrallazzone Tanto questi, tasse o nun tasse, cascheno sempe m piedi co ssoddisfazzione! E difficile oggi vantasse de fa cose belle, pulite e annacce fiere Nun je ne frega pi a nisuno delle cose serie Le volemo pe noi ma nu ce penzamo a restituille n dietro Eppure se ce fermassimo m momento e dallintrallazzi annassimo n ferie Ce fermassimo a penz che lAvvento e che a Roma ce st er seguace de Pietro Cogni dimenica se sgola pe facce capi quant bella lonest Si la potessimo esercit comme fosse na cosa naturale Allora a guardasse nfaccia nun cavresti pi paura che quarcuno te stia a freg Vivremmo mejio e lavor, fatic, pag le tasse allora si che vale Perch, n fin de conti, camp bene su sta tera dev esse na cosa ghiotta: Guarda locchi de tu fijio chai messo ar monno. Stacce sicuro: nun tonto E ndimane, orgojioso, potr parl de m padre bono e no den fijio de na mignotta.

LANNO NOVO Fra poce ce diremo:"Amo superato pure questo, er 2012!" Un anno, c da riconosce, pieno de sorprese che cor Governo Monti fu nfarcito de politichese, de licenziamenti, teremoti, esodati e IMU da facce rimpiagne lICI Semo nvecchiati de nantranno Ce toccato strigne, ve mmagginate cosa, p corpa de li Maya Come si nun bastaveno le crisi questi, de la fine der monno, caveveno tanta vojia E noi, tra lincudine e r martello, senza che nisuno cha levato sto po-po daffanno Eppure, sibbene mezzi n criccati, semo rivati ar capodanno Alla faccia de chi ce vole male e de chi cha dato le forbici per fa artri buchi A na cintura che pare sempre pi lunga, e noi pi secchi come mbriachi ncerca de senticce mejio. Che ce potemo augur cor novo anno? In primisse, ce dovremo vaccin contro lelezzioni Perch cor porcellum sti signori panza piena Ce faranno ritrov ar Governo quarche artra mezza tacca ma con ber fondoschiena Come se Govern fosse cosa de culo e non de capoccia e de boni penzieri. Ma ce dovremmo pure augur ch aritorni p tutti er lavoro Pe restitu allomo e alla famijia, la doverosa e giusta dignit Quella che channo torto p lintrallazzi e lincompetenze, fiji dellimmoralit Parente stretta de na politica inetta, magna-magna, e senza decoro. Quante cose ce dovremmo augur p r novo anno? Tante! che ar padreterno convi che cariccomannamo Perch so troppe le furbizzie lingiustizzie a portata de mano Che solo m miracolo ce po sarvaguard, sparagniannoce quarcartro danno. Auguri a tutti voi e a tutti noi che, pare, nun cavemo pi voce n capitolo Sicuramente per na cosa la potemo fa quanno a febbraro voteremo: Levamoce na soddisfazzione, nun vot er solito ntrallazzone, un guaio m meno, e forse potremo sper che er 2013 possa esse mijiore senza sti strippapopolo!!

24 dicembre 2012

LI PRANZI DE NATALE

Natale spesso sa risorve co na magnata Che, sibbene, te la porti dietro pe na settimana Nisuno tampedito, er giorno dopo, de mettete a sede a nartra tavolata Magara quella de quarche parente che te se presenta co na matrisciana. Santo Stefano er primo cristiano a esse martirizzato Ma si er nostro stommico potesse puro parl Sicuramente te direbbe che desse martire der piatto ne farebbe a meno p camp Desidererebbe desse lassato m pace, quasi anestetizzato. Inutile ricordacce cher Natale Santo mica apposta Quarcartro cibo ce dovremmo preoccupacce der magna n cibo che certo nun te farebbe ven m mar de panza da pijiatte na supposta Ma questa robba che martire de na certa tradizzione: da a lasagna. Eh si, che ce voi fa? Certo che sar la crisi A facce desider quarcartro piatto da magn Che, si a Natale avemo esaggerato, forse pe dimenticacce de sta paralisi Che ha beccato er monno der lavoro e che lo stommico ce st a rintorcin Cosicch, quarcuno penzer Che ortre ar pane p lamima, quello per corpo nun sar da meno Nun dimo tanto: un paro de ggiorni allanno n compagnia de li parenti armeno in dove bevenno e magnanno allegramente, er monno mijiore ce sembrer! Auguri a tutti noi e voi, damece na mano, perch doppo er sei gennaro Statene certi che de sti pranzi ne faremo a meno Perch de rogne, assai diggestive, ar giorno ce navremo armeno m paro 26 dicembre 2012

ER PRIMO DELLANNO

Ecchece drento, speranno ne sorprese, nellanno novo E s, perch chi po neg de trovalle, come fosse Pasqua, drento a n ovo? Ognuno de noi penzer: Questanno che ce trovo? Speramo in quarcosa de bbello. Come n ragno dar buco je la cavo Bisognerebbe evit de guard alinformazzione soprattutto quella de li Tigg che va n circolazzione Armeno cos eviteremmo de ascort le solite cazzate Da li partiti, da li politici e da leconomisti impartite Comme fossero lezzioni a tutto tonno Ma veramente channo presi p scemi n fonno n fonno? Areg, difendemece da sti veleni Armeno potremmo d che lanno novo va avanti senza probblemi. Tanti auguri a tutti coloro che de la pasce so ppazzi Che m po de tranquillit ce la meritemo Cercamo, magara, de fa meno n trallazzi Che si ognuno facesse er proprio dovere puro questanno nun lo castigheremo

1 gennaio 2013

A MONNEZZA TOSTA Lanno vecchio se n annato Unannata fatta de mille rogne a profusione Lanno novo ncominciato ma quarcosa de vecchio s tenuto Praticamente la monnezza reggionale che presto ce rigaler artra confusione E mai possibile che sto probblema nun trovi soluzzione co tutti sti denari che spennemo. Lartri paesi ce guadambieno co li scarti quotidiani Mentre noi, in Italia, ner monno, ce famo la figura de li cojioni Ma nun eravamo er paese de linventori, de li santi e de li navigatori? Lho sempre affermato: quanno un omo se bbutta m politica a tutte lore Perde er cervello, la faccia e lintelliggenza Se rincojionisce dietro ar partito e der buon senzo perde la diliggenza Tanto che a pulije er culo pretenne che sia lelettore. Che potemo f noi cittadini, ridotti a esse trattati da sudditi? Dovremmo d Abbasta! c sti sovrani che se s montati la capoccia Levamoceli de torno perch nun so boni artro che mettece le mani n saccoccia Rimannamoli a lavor sotto padrone, armeno cos nun saranno pi parassiti. Massocio allauguri de Castelli Notizzie Famo de sta voce dei cori organizzati e ben sonati Famejie sent la nostra voce, fameli rintronati Perch peggio de cos ce s solo limmondizzie!!!

3 gennaio 2013

PE FA LA RIMA N ROMANESCO Nun s se t mai capitato De senttte n friccicore pe le mani Tale da spignete a butt su la carta de versi romani Tanto da fatte piji pe uno che s belle sballato

5 gennaio 2013

Scrive n rima romanesca A penzacce bbene nun na cosa strana Basterebbe osserv quarche regola giusta, sana n so si mhai capito: er giusto pevit de fa na poesia fregnaccesca In primis, dovresti da ricordatte che le ere nun so mai doppie; che nun dovresti, inortre dimenticatte che certe parole vanno sbiascicate comme la pasce, me piasce, allora s che poi fa le rime basciate altrimenti sarai puro Romano, ma m po coatto pe le parole struppie. Inortre dimentichete la elle che spesso lascia er posto a la ere E s perch e romanesco sce v gi ttosto Nun sattorscina, je piasce affronta la rima ar giusto posto Adopranno li penzieri come pallettoni, fatti de dorsci ma gajiarde lettere E mano mano che butti gi linchiostro Realizzi che stai p tir fora no da la carta ma dar core Na musica soave, fatta de rime, de parole che p Roma esprimeno amore namore antico n farscito de ricordi in dove la storia nun pi m mostro Ma er momento glorioso de la ggente che ner core parla romanesco Sin da li tempi de Cola da Rienzo, er sognatore Che spinto da lamore p sta citt eterna, riusc a fa lammajiatore Su n popolo sbandato e e vittima der fare barbaresco Allora, e m lavrai capito, che pe, in romanesco, fa la rima bona Nun abbasta solo la furbizzia Ma ce vole er sentimento, devi da guard ortre le mura e la sporcizzia Quella der presente, pe riusc ad afferr leterno spirito de Roma.

CHI CE LIBBERA DAR LIBBERATORE?

6 gennaio 2013

Pare na storia ggiovane n realt a noi puzza de vecchio come scerti stornelli Lo diceva puro la bonanima de Montanelli Che a noi Itagliani scerti politici channo abbituato come n oppiomane Se tratta sempriscemente der liberatore Che gridanno a lo scandalo te leva de mezzo lincosciente Per cui isso, er moralizzatore, addiventa na spescie de sarvaggente Tanto che poi, noantri, lo nominamo er novo conduttore! E questo eroe ncomincia assai bene Riesce a fa le cose bene, tutto a posto Pare che finarente amo trovato quello tosto Che ce permette de facce dorm la notte senza pene Finarmente er liberatore Cha torto de mezzo er fetente Quello carubbava senza fregassene de tutti e de gnente nzuppava la mano ner portafojio de la ggente come fosse un predistiggiatore Ma le cose in Italia vanno sempre diversamente Lo diceva la bonanima de Montanelli Che in Italia er liberatore doppo m po puzza gi de grimardelli Darnesi de scasso, de rubberie, trasformannose pure lui in malamente Cos aricomincia la nostra storia Aricominciamo a grid, nantra vorta da capo, ar novo libberatore Sapendo che poi pure isso doppo m po se trasforma in un fetente E la storia de sempre, la stessa fatta de poromeni ricchi solo de boria. E le morali rimangheno sempre quelle Lartri sarriccheno cor furto, pensanno desse furbi, ma so solo rompipalle Perch si penzassero realmente a li fiji e a la famijia Forse realizzerebbero che come la loro c sta puro quella mia.

ARIECCHME. SO TORNATO

Era da tempo che nun me facevo sent su sto mercato, Mercato de frutti der core e de la mente La corpa fu tutta de lispirazzione che se nera annata lentamente Lasciannome senza parole, comme fussi muto. Succede perch er core cha artre recchie Che nun so quelle da capoccia, ma s nniscoste Drento m pentolone in dove ribbolle m minestrone de strane paste Fatte de sentimenti, de rabbia e magari de nostargie assai vecchie. Ecco che vi er momento che er pentolone ca ribbolle Lascia schizz de fora quarche verso Soprattutto quanno er scielo pieno de nebbia e nun pi terso Tanto da somiji lanima tua a quellanima folle C ancora cha de bbisogno de parl n romanesco Solo perch cor dialetto er core, sempre niscosto, te sale m mano E comincia a parlatte de cose che tu nun hai ascortate, perch luntano Ma solo perch ar core, c la nebbia, la pioggia, er monno je pare pi fiabbesco Tanto da nvitallo a penz in modo strano A sfarfall co linchiostro, la penna e n fojio de carta stanca Che si la guardi bene te rendi conto che doppo m po nun pi bianca Perch cor core lhai ricoperta de versi che piano piano te so scivolati da la mano.

13 gennaio 2013

NA PASSEGGIATA

Oggi, approfittanno der tempo un po pi mijiorato Me s fatto na passeggiata Una de quelle che te serveno p fatte sent m po pi spijiato Grazzie a laria fresca de la matinata Ero scito per respir dellaria fresca N vece me so aritrovato drento na cammera a gasse Una de quelle che te strozzeno comme quanno devi pag le tasse Tant che accelerato er passo pe super sta situazione assai grottesca Camminanno come fussi da n satanasso pedinato Evitanno de ngojia la puzza de le machine su per naso E scappanno da quer posto come nevaso Me rifuggiai ner primo bare che so nncontrato Era affollato, ma si fosse stato solo p lodore der caff Ce sara volentieri rimasto Ma c tutta quella ggente sapeva assai de fiato Tanto da decide de taji la corda da quer marasma de buff Coscche ripresi la via de casa contrariato Aripassanno tra er puzzo de benzina e de gasse Infilannome su p le scale, sartanno li scalini come n foriclasse Me buttai m portrona appena entrato e pensai a sto monno assai avariato.

13 gennaio 2013

NA PASSEGGIATA 2 Er sole era bbello qua mattina Che nun te potevi rifiut de fatte na sortita Anche perch ce vole doppo na dormita Pe nun rischi de divent tuttuno co la poltroncina Ricordannome de lartra settimana, quanno arischiai de soffoc mmezzo ar gasse cercai nitinerario pi sicuro, che armeno dallo smogge me sarvasse. Cosicch doppo na mezzora sopra la carta cittadina Eccehete belle fatto er camminamento Ero riuscito a trov na scorciatoia Per raggiunge senza danni, come se dice, la mangiatoia. E ss, perch sto monno ce tratta ormai come bovi cor sarmento Pronti a obbed allurtimo contrappello Fatto dar governo, sempre pi latro, e dar sondaggio pubblicitario Che vonno solo che la massa vada dietro ar burattinaio Senza chiedese ma n do nnamo? gi la capoccia e nmano er cappello. Ma co me sta ggente s sbajiata, perch basta cercallo m posto idoneo p na sana passeggiata Devi solo annacce diretto come fosse na scampagnata E nun ce v morto p capillo Che lunico posto sano e tranquillo, drento a sta citt c rimasto er cimiterio Cosicch, ortre a mannaccece ncazzati doppo morti, nun me pare vero Che si voi respir laria bona e la tranquillit, che puro io spero Te spigneno a nnacce puro da vivo, ma armeno questo m posto serio.

15 gennaio 2013

SCEGNE CHE NA BELLEZZA A neve. Vi gi lenta come fosse er passo de n vecchierello Sappoggia piano sopre ogni cosa Nun je serve de chiede m permesso l n do se posa Copre la tera, li tetti e cor vento allegra danza ner mulinello E tu, aprenno locchi a tutto sto candore, Te rendi conto come er cielo, de tanto n tanto Co na semprice spolverata caricorda che er monno po esse n vanto Fatto de armonia, pulizzia e pure de mp damore. E scenne lenta sopra la tera Mentre er cielo se fa bbuio e pare che se porti via ogni speranza, Ce ama ancora, perch co la neve ce lascia na rimembranza Che ce dice che se p vive mejio. E nun na balla, ma na cosa vera. Ma noi semo fatti p carpest ogni cosa Magari divertennose, ce passamo sopre E senza penz a sta delicatezza che ogni zozzura copre Aritiramo fora er peggio cavemo seminato senza posa. E ce rimane solo n ricordo che cenivita A imit er cielo: sforzamece de levallo tutto sto sporco Altrimenti faremo presto la fine der porco Tanto da d che co la bellezza, larmonia, lamore ogni cosa pare fenita.

18 gennaio 2013

OLOCAUSTO

Cereno messi tutti nfila, ma mica come perline Bens come pecore ar macello Tutti essime dato lurtimo sguardo dar cancello Verso casa nostra, ortre er scelo azzuro, le colline Colline dun paese assai stragnero Dove laria sapeva assai de morte Tanto da pieg sotto er fero puro quillo pi forte Puzzo de morte puzzo menzognero Perch pe noi nun era er lavoro che ce rendeva libberi Ma er camino Dove ce passorno quasi tutti, in un freddo matino In terra assai luntana, terra de furastieri. Nun essime pi omeni drento quellarca Ma carne da butt Carne senza dignit Sottratta allamore e allaffetto da chi der monno se penzava desse er monarca E successo tantanni fa e c ste trasparenti facce Che ve potemo d, m, adesso? De nun dimenticacce; legatevela ar dito sta memoria. Fino allosso perch rischiate brutto, arischiate de ricascacce

19 gennaio 2012

ER LUNA PARKE

Nun z, si v mai capitato, Quarche vorta, nun dico sempre, de penzacce A sta vita comme fosse n Luna Parke: giri, tadiverti, scommetti pe vince e nvece combini fregnacce perdi, ma poi ca ritenti in quarche artro gioco. Nun tarendi, perch nun te sei ancora sputtanato E cos via, mentre passa er tempo, spietato, comme sempre taggiti speranno dav trovato er punto dequilibbrio, quello da sempre sognato, e forse chai raggione, proprio quello fino a quanno nun te capita quarche scossone che tarimette tutto n discusione. Ma na cosa avemo tralasciato: si la vita come er Luna Parke Nun bisogna dimenticasse che lattore principale r sordo! Oggi, nfatti, chi che te fa sogn Te fa divert, puro rischi senza chiedete da pag Er sordo sempre quello che move er monno Divertisse o disperasse, vince o perde a tutto tonno Se po fa solo si consideri er venale. Pe questo c sta vita, si nun laggiusti comme n fanale Rimani ar buio e addiventi solo n pollo da spellane.

22 gennaio 2013

AR SOR PASQUINO
E chi che nun conosce er fatto, Assai radicato, che ad avecce la lingua lunga So certe femmine che chiacchiereno de li vari bunga bunga Che vedeno protagonisti, eminenti personaggi dun monno assai sfatto. Eppure, ne la storia, e questa cosa assai sicura, ad avecce la linguaccia era na statua de marmo bianco che li Romani chiamorno Pasquino e che der popolo divenne n vanto era na lingua lunga e assai tajiente, fatta de cosa assai dura. Prese per culo omini illustri, papi e Cardinali Nun risparmi nisuno, parl cor core Tanto da divent der popolo n gajiardo ambasciatore Riservanno a li notabbili der tempo versi graffianti e assai poco gentili Fece ncazz puro m papa olandese Che p mettece er bavajio pretese de buttallo a fiume Nvece sa ritrov belle cojionato, spennato come m pollo senza piume, tant che quer papa da tempo se nannato, mentre Paqsuino ancora nun sarrese tanto da continu martell chi cha solo n sacco de pretese cor vizzio de sentisse sopra a tutto er monno senza sap cher popolo da tempo s svejiato e nun se fa pi tratt come n tonno tanto che ancor oggi quarche omo de panza ce fa le spese.

25 gennaio 2013

ER CARNEVALE
Amanca poco p ncominisci a fa m po de scherzi Armeno na vorta lanno, ar popolo je concesso pjiasse la libbert de cojion quarcuno e fallo fesso, doppo tanti scherzi de n Governo che cha lasciato solo avanzi. Cosicch me piaceria piji per culo m politicante Uno de quelli che nu ce penza a fregatte li sordi Uno de quelli che ce spara ne le palle come fossimo tordi A forza de chiacchiere e manfrine, che nun je mancheno e so tante. Ma rimane, comme se dice, una utopia Rimarebbe n sogno se nun fosse che doppo carnevale ncomincia la quaresima e co essa le votazzioni, maremma maiale! Ecco che er sogno addiventa realt e je famo no scherzo speranno che se la pijia In dove? In quer posto Perch si semo furbi e no cojioni Abbasterebbe fajie no scherzo che vale mijioni Quelli risparmiati mannanno via sta razza de decomposto Monnezza dimmoralit che jie rimasta de vitale Solo la mano, abbituata da tempo solo a pij. Questo si che sarebbe m bello scherzo, quelli che ce farebbero sogn Vedelli annassene a casa mosci mosci come stronzi drento a m pitale. Signori e signore rivato, pe fajie m bello scherzo, er tempo Arifamo ar lapise la punta Mettemo na bella croce messa in dove conta Lascianno cos, ne la merda, li soliti paraculi der monno pollitico che conta!!

29 gennaio 2013

Bona Pasqua

28 marzo 2013 Venerd Santo

E m ecco che arivata, come er Natale ognanno s riaffacciata Pasqua, e pure sta vorta te riporta, come sempre, na ventata de speranza De quella gioia che a vive nun se p fa senza. Stamo tutti n crosce, come er Cristo Lo fu dumila anni fa, sur legno tosto solo che lItajia da sempre che st appesa e hai vojia a sper che risorga co n Governo fatto de prime donne co la puzza sotto ar naso a di sempre de no E la speranza de resurrezzione ce la dovemo, come ar solito, cerc da noi e esse, come dice er santo padre, a difendela, pronto E s perch so tanti quelli che te la vonno distrugge come na calata de barbari te vorebbero rosic er core mbriacannote de chiacchiere, preoccupazioni e velenose spore Fatte de presunzioni, de ricche promesse che se rivelano solo esse preseperilculo da chi, la speranza, dovrebbe costruittela ar volo. Peggio de li lupi so addiventati stomeni pronti a fasse paladini, difensori de la giustizzia, scopritori de novi mondi, ma che poi se riveleno esse accattoni in doppio petto tondi tondi. Allora dimose Bona Pasqua co tutto er core, Perch solo Cristo, senza chiedete nulla in cambio, te regala amore Tapre la porta der sorriso pe fatte dimentic che er monno nun se stanca mai desse tutto m pianto, neterna costrizzione abbitato da vampiri, lupi pronti a magnatte la speranza e la resurrezzione. E allora Bona Pasqua a tutti voi cari fratelli Che, sibbene stamo tutti drento a lo stesso pentolone, Questo nun ce mpedir de difennece dar lupo e dar cojione!!

La Roma doggi
Certo che si damo nocchiata ar passato Ce renderemmo conto come Roma sia cambiata, p certi versi in mejio, p artri ner peggio scivolato Er vive quotidiano allombra der potere incancrenito M nun chavemo pi a che fa c limperatori Nemmeno co li monarchi o cor papone Chavemo a che fa solo c certi malfattori Che nvece de fa giustizia se comporteno comen caporione Garibbardi, Mazzini hai vojia a fa la rivoluzzione P fa sart la portrona dar culo de certi faccendieri Nun basteno pi le leggi e lindignazzione Perch a sta ggente nun je ne frega gnente de li valori Quelli pe li quali tanti so quelli che credennoce channo versato sudore Lavoranno e sacrificannose in nome der progresso e della libbert E so proprio questi che m se ritroveno sur cijio der burone Perch li furbi caporioni, li politici se so magnato tutto fino a scoppi Come sar er futuro p li fiji nostri? Ce chiedemo cor core m mano E vedenno che m artri rivoluzionari so arivati m po zompanno Cor grillo canterino, pe fa nantra pulizzia in nome der popolo sovrano Ce vi da penz come lItalia se ritrovi costantemente a ripar un danno E noi a guard sto spettacolo dindecenza Vecchio come er monno e sempre ricorrente Tanto da convincese che sto paese la rivoluzione na ricorrenza Che serve solo a cambi er padrone der presente.

8 APRILE 2013

LARIA CHE RESPIRAMO

A primavera questanno, sebbene n ritardo, rivata. Lo senti dallaria che se respira Lodore d benzina, de fogna che laria ha nquinata Me pare pi leggero, come er vento che tira E che te porta ogni vorta laria nova Certo che la primavera proprio na bellezza E la scopri quanno vai tra li boschi e le rova Sartanno qua e la tra li mucchi de monnezza. Ma nun ce fai caso, perch oramai Fanno parte der paesaggio, che tra margherite e boccioli Li vedi sempre ovunque: un via vai De sacchi e de cammion de zozzeria che er pesaggio manna a rotoli. Eppure la primavera aridisegna tutto Tanto da fatte sent sempre innamorato de sta natura Che nun te tradisce mai e nun te regala lutto Semo noi, brutti zozzoni, che la tradimo e la nsurtamo da fa paura Senza ritegno, senza rispetto p stanima viva Che nun te chiede che amore, rispetto e attenzione, quella vera Fino a che la generazione giusta, quella bona ariva A riaggiust tutto come fa, ognanno, la bella primavera.

12 aprile 2013

BONA LA POLITICA RIVOLUZZIONARIA

Nun ce penzate che arisorveve li probblemi ce stamo noi !!! Questo lo slogan de li sarvatori de la Patria Che prima la sfasceno e poi te la vonno risan co m paro de foji Scritti da chi nun se rende conto che li cittadini je vorebbero rende la parijia. Sta politica rende mortali tutti ma essa pare mmortale mortacci sua! te verebbe da d, Perch sta politica fatta de politici che pareno inchiodati c le molle Su qua poltrona fatta de privileggi e che nun se smoveno pi da l. M per rivato Grillo Cr movimento fatto de stelle intenzionato a ribbart la storia E pare essece mezzo riuscito, e questo bisogna dillo, A mann a casa quarche pezzo dantiquariato e pieno de boria Ma limpressione che la sua sia na mezza rivoluzzione Perch a forza de d dde No, nun ce stamo! Amo ricevuto na brutta impressione Che cor tempo pure li grillini sappollaieranno su quer ramo. E noi poracci de cittadini Che caritrovamo mmezzo come n salame Continueremo a sent Ve sarvamo noi da li vostri aguzzini, che semo li grillini! Come anner a fin? Artre chiacchiere su la pelle de noi ridotti a bestiame

12 aprile 2013

ER PARERE MIO QUANTO VALE?

Nfatti, quanto po val er parere mio Si lo volessi confront co quello tuo? Certamente nun ha prezzo perch er mio E puro, nun ha prezzo, quello tuo. Ma si chai fatto caso P quarcosa che vale meno der due de coppe P d pareri che nun vargheno n cazzo, e nun un caso, C sempre quarcuno che te vorebbe ripem de botte. Artro che libbert despressione P certa ggente er pensiero tuo vale meno de gnente Mentre quello suo dovrebbe esse preso sempre n considerazzion e E questa la situazzione che piace a gente ntoppata de mente. Nun ce bisogno de baccajia p corpa de mparere Perch la verit nisuno la possiede Quello che potemo d solo unidea sur genere Perch la realt nun la conosce nemmeno chi la vive e la vede.

12 aprile 2013

I DIECI SAGGI

E fresca la notizzia der Presidente Che ha ncaricato dieci saggi de sugger come fa n Governo E proprio or ora jianno dato ar Presidente La formula maggica p fa funzion er Governo Bisogna fa cos taji de la ammoll de qua consider de su E via cos la tiritera bella e pronta come na torta appena sfornata. Poi se aguzzi la vista taccorgi che tra li saggi ce fu Che a li Governi passati contribbu a dajie na bella bastonata Tant che lunica cosa saggia che, assieme a me, poi di tu Che mejio che sti saggi, poi, se ne tornino subbito a casa e de filata.

12 aprile 2013

LE NOZZE GHEI

E parere, me pare, der Ci Esse Emme Che er matrimonio tra ricchioni Pare nun esse n fatto esercitato incostituzzionalmente Tanto che na coppia de omo sposati legalmente Nun potr rappresenta artro che n evento de quelli boni Ner zenzo che nemmeno na tomba se rivorterebbe Matusalemme Ma dico io: E er buon zenzo? Quella robba che se chiama omo e donna? Voi ved che finir p esse incostituzzionale? La Famijia? Na cosa che fra poco nun cavr pi gnente de naturale

12 aprile 2013

FINE

Interessi correlati