Sei sulla pagina 1di 52

ARIA DE’ LI CASTELLI

Poesie in versi locali, tra il romano dei castelli e ‘o ricciarolo

Poesie di Antonio DAL MUTO

ARIA DE’ LI CASTELLI Poesie in versi locali, tra il romano dei castelli e ‘o ricciar

QUARTO VOLUME

Edizioni “CASAMIA”

PRESENTAZIONE

Eccoci con il QUARTO volumetto di poesie dialettali,

scritte così come “SCEGNENO DA LA MENTE E DAR CORE…” “….DA ‘O CORE….” In “ricciarolo”. Lo sforzo di creare in rima rimane ancora minimo. Probabilmente, visto che sono un Caricaturista-Vignettista, scrivere in

dialetto, facendo dell’ironia, appare facile come farla graficamente (l’ironia ovviamente…). Infatti basta poco:

una notizia, uno sguardo e… zacchete! Scatta la molla “der verso…”. Castelli Notizie, giornale on-line mi è di

molto aiuto a scatenare la rima. Beh, lascio a voi giudicare leggendo il mio romanesco e il

mio “ricciarolo”.

Buona lettura

L’autore

Elenco Poesie

A CIVIRTA’ URBANA

E PRIMARIE DER PD A SAGRA DELL’UVA DE MARINO A MESSA DA DIMENICA ER PELLEGRINAGGIO

A SAGRA DE LA CASTAGNA A DIFFERENZIAZZIONE ER MATITOZZO

‘O LENGHERETTO ‘O FOCO L’EXTRACOMMUNITARIO L’INVERNO

CHE TEMPACCIO. QUANNO ESSIME MUNELLI A CREAZZIONE DO MONNO

E STAGGIONI DE ‘NA VOTA

L’ESTATE SE NE ITA

E MO ARIVIENE NATALE

ER FESTIVAL DE LI CASTELLI ROMANI

ER LAGO D’ARBANO L’EMERGENZA SANITA’

ER 13 DE DICEMBRE

FIOR DE

VERBENA...

(Pasquinata romana)

POESIE

A CIVIRTA’ URBANA

28 settembre 2012

A CIVIRTA’ URBANA 28 settembre 2012 Certo che abbità ‘n città è proprio forte. T’arzi la

Certo che abbità ‘n città è proprio forte. T’arzi la matina che nun c’hai bisogno de fa lunghi viaggi Pe annà a lavorà, anzi, quer poco de strada è come ‘na bona sorte Che t’alletta co’ ‘na vista che nun te lascia quanno torni a casa ne li pomeriggi

Li giorni nun so affatto griggi

Comme quelli pè chi abbita ‘m paese

Costretto a montà su què coriere piene de ggente e mese dopo mese

Rinnovà l’abbonamento pè qua tortura de ‘sta specie de passaggi

sempre li stessi, su ‘n’autobbusse strapieno e senza novità. Vita de paese, vita de burino, così ‘na vorta te diceveno

Tutti quelli de la grande città, dove, inzisteveno, ce ‘sta ‘na grande civirtà

Artro che er paese, vicoli bui e fraschette a magnà er porco

Case ammosciate da la vetustà Voi mette cò Roma? Voi mette vive a Prati, a li Parioli, a Borgo

Pieno de luci e de ggente, pieno de vita e vojia de campà E si, che lo vojio mette!! Vojio mette che tra malaffare

Droga, ammazzamenti, violenze su le donne, se sicuro che io ce stò a penzà? A penzà de lascia er paesello pè anna a fenì drento a sto bordello? E Roma sarà pure stata faro de civirtà, ma “…è stata” Mo’ rischi sole de schiattà Tra er puzzo de la metropoli, er macello de bborgate e’r casino der traffico

Che nun te ce raccapezzi cò le zone vincolate, li sensi unici… manco ‘n sumarello Pe nun parlà de li fetenti, italiani e furastieri, che si te punteno, tu che voi fa er fico Te ritrovi co ‘n cortello ‘m panza solo pè fà contenti li prencìpi, te fanno ‘m buco. E ancora c’hai vojia de campà ‘n città ‘n do ce starebbe tutta ‘sta civirtà?

Ma famme er piacere, preferisco viaggià tutti li ggiorni dell’anno Ma poi ritornammenre ar paesello, fra li bburini che venno e che vanno Ma ‘n dò armeno ce conoscemo tutti, puro pè baccajià, che si se guardemo ‘n faccia ce conoscemo tutti da nun so quanno.

28 settembre 2012

E PRIMARIE DER PD

E PRIMARIE DER PD Quanto sò ambite ‘ste portrone: Tra Bersani, Renzi, Vendola e mettece puro

Quanto sò ambite ‘ste portrone:

Tra Bersani, Renzi, Vendola e mettece puro n’antro…

Ma a fà le regole è er capoccione, che nun è mica un gran cojione

Si voi fà er segretario hai da passà sotto ar gioco pè datte vanto.

Ma stamo a scherzà…Veramente mò se damo ar canto Inno tra fratelli der partito che se stregneno pè disse: “Volemose bene?” Nun ha capito gnente che la portrona da segretario, ‘ntanto, è cosa de valore che nun se po’ condivide. Nun è ‘n trapianto de rene

dato da ‘na madre che se sacrifica per fijio. Qua c’è potere, e assai fine, perché er potere dà vantaggi e noi nun volemo fà la fine de li tordi

che finischeno ne la rete de ‘n cacciatore che è solo pè magnatte che te vole bene. La portrona te trasmette autorità e carisma e… pure ‘n sacco de sordi.

Sordi der partito, sordi de li contribbuenti Che vanno gestiti da mani sicure, da chi conosce tutti li retroscena

Nun ponno certo esse messi ‘m mano ar primo venuto senza denti,

perché bisogna sapè mozzicà er malloppo de Stato, per cui la portrona

nun po’ esse smollata facirmente. Bersani vecchio inquilino se le dice e se le sona; Renzi lo stracciarolo, se ‘ntromette drento a ‘st’affari dar consolidato andazzo Ma se deve rende conto ch’er partito è puro ‘na banca bona E quindi se deve mette l’anima ‘m pace e nun rompe er….

Questa è la regola nel Partito Democratico:

evità de rompe; rispettà li vecchi onorevoli, evitanno de pretenne la portrona, perché tanti so l’interessi, le mani ‘m pasta e l’intrallazzi. “Renzi, nun fà er fanatico nun fa er Lo Renzi dei Medici, damme retta: nun imità er tuo cittadino antico.

Continua a fa er Sindaco de Firenze Roma è la patria de la congiura, comme quella famosa de li Pazzi, politicamente s’intende, per cui godete la tua città che è piena de cose ganze Concludenno: dacce retta, cò le primarie e cor PD, pe te, nun c’è so cazzi.”

04 ottobre 2012

A SAGRA DELL’UVA DE MARINO

A SAGRA DELL’UVA DE MARINO Si alla Riccia amo magnato la porchetta Mò è rivato er

Si alla Riccia amo magnato la porchetta Mò è rivato er tempo der vino Quello bbono che fanno a Marino E che te lo ritrovi drento ogni fraschetta

E sì, perché la sagra c’è dell’uva, ‘ncominciata ottantotto anni fà, zitta zitta E che grazzie a Leoni e a Ciprelli mo è diventata ‘na gran festa de razza L’odore der mosto e der novello ariempie la città Ogni vicolo te parla de ‘sta qualità tanto da fatte dì: “ Quant’è bbono, Ammazza!”

Certo che li Castelli nun so solo borghi antichi, tanto che lo storico ce sguazza, da fatte respirà solo er passato e la gloria de la storia romana

so puro posti che t’allettano la panza, so posti fichi,

perché cor vino, er pagnottone e la porchetta rallegreno la razza umana.

Marino, Marino, Marinooo… ortre che famoso grazzie a li signori Colonna

Che a li mori e a li Turchi a Lepanto je fecero vedè li sorci verdi,

er monno te conosce per miracolo de le funtane ch’er vino danno da la canna e pè l’abbondanza de l’uva cò li vasti vigneti, che si li guardi, cò la vista poi te ce perdi

Tutta ‘sta robba fà de te, perla de li Castelli, la meta sognata da li romani ingordi che mò si hanno perso er vizzio de conquistà er monno nun hanno perso la vojia de riempisse la bocca e le mani der vino, e de li prodotti locali fino allo sfonno.

Lo vedi ecco Marinooo, la sagra c’è dell’uvaaa… a tutto tonno E’ ‘no Stornello che te canta da più de centocinquant’anni e passa Ma la città nun s’è stancata de produrre er nettare de li dei assai con cura Tant’è che potremmo puro dì de Marino che er vino cò l’uva so la sua grancassa.

6 ottobre 2012

A PRODUZZIONE DELL’ENERGIA

A PRODUZZIONE DELL’ENERGIA Si c’havete fatto caso, sicuramente, oggi ce se lamenta de quanto costa la

Si c’havete fatto caso, sicuramente, oggi ce se lamenta de quanto costa la corente, la bolletta sempre più pesante

tanto che quanno l‘ahi pagata poi nun te rimane gnente.

Ma si c’hariavete fatto caso, sicuramente, oggi ce se lamenta de comme vonno produre la corente nun vanno bene li campi, le vigne e le colline, manco pè gnente, tanto che se ‘ncazzano subbito li comitati cò tutta la loro ggente.

Ma nun credo che c’havete fatto caso, essenziarmente, che tutte le novità che scarteno er petrolio pè produre la corente fanno parte dell’arba de ‘na nova era nascente qualle dell’artra energia che, alla fine, nun se paga quasi gnente

ma nun l’hanno capito li comitati controcorente che essendo ar prencipio de n’era nova, novamente

se ricrea la condizione della sperimentazzione, sotto la lente, pè capi comme faremo a fà le cose nove, senza rovinà gnente.

Dameje er tempo de capì a chi ste cose se le ‘nventa, lentamente. Ma chè, appena avete visto l’aereo de li Vrigth javreste detto che nun vale gnente? Solo perché nun c’aveva li turboreattori e er computere de bbordo? Ma veramente?

Portamo pazzienza, certo fameje puro ‘ na rimostranza, ma graduarmente

Altrimenti qui, a forza de contestà fenisce che nun avemo, der progresso, capito gnente. Tanti saluti a voi gente!

7 ottobre 2012

A MESSA DA DIMENICA

A MESSA DA DIMENICA Er campanile de ‘na chiesa c ò la campana che ce sona,

Er campanile de ‘na chiesa cò la campana che ce sona, lo potremmo paragonà, si nun ve stona,

a ‘n radiofaro de navigazzione, in dove ‘na nave o n’antra ‘mbarcazzione

se sintonizza pè trovà la giusta direzzione

Così è pè l’anima de li cristiani cò tanta divozzione sentenno sonà la campanella o ‘r campanone la dimenica s’avvieno risponnenno ar gran vocione ch’ arichiama ar rispetto der sacramento e alla genuflessione

davanti ar Signore domineddio, che appeso ar chiodo fisso, aspetta de vedè le pecorelle che, leste leste, s’entrufoleno nelle chiese p’aritrovà la giusta direzzione, quella che porta dritto dritto ‘mparadiso. Tanto nun c’è n’antra via da percore, si ce voi annà nun poi campa scuse.

Noi semo come barche sopra ‘m mare ‘n tempesta E quanno l’orizzonte nun se vede, p’a ndovinà ‘ndò se trova l’agognata costa Te potrai affidà solo ar sono de le campane che coll’aria pia Te ‘niviteranno a magnà a la mensa der Signore e che te mostrerà la giusta via.

Pè conclude, er vangelo è ‘na carta de navigazzione Che se renne indispesabbile sopra a ‘sto monno Perché t’aiuta a fa er terrestre viaggio ne la ggiusta direzzione Senza rischià de giracce inutirmente tutto ‘ntonno.

8 ottobre 2012

ER PELLEGRINAGGIO

Si ce pensi bene, noantri, è come si stessimo a fa ‘m pellegrinaggio da quanno ce semo arzati su dù gambe e amo inizziato a camminà. Ecco che l’omo è stato condannato a fa ‘sto viaggio, che, spesso e volentiere, nun sai andò lo porterà.

A tera è tonna, lo sapemo, ma solo ‘na strada dritta dovemo da trovà Quella che porta a ‘na stazzione, quella che ‘ntravedi drento a ‘n sogno e che t’affatichi p’arivacce, arrampicannote e speranno de arivà dritti fino a là, senza dimenicà der rischio de ‘n’abbajio, de ‘n’illusione pè corpa de ‘m bisogno.

E si, perché ‘sto nostro pellegrinaggio lo dovremmo costruì come fà er ragno Cò la su casa senza penzar temporale che je la squajia, perché er domani, come se dice… se porta dietro sempre ‘n’antra rogna, perciò conviè vive alla ggiornata, continuando a tesse, pè la vita, la nostra majia.

Ma noi nun semo ragni, semo cristiani, semo pellegrini, la nostra stazzione d’arivo è ‘n cima ar cielo. E prima o poi lo dovremo fa er sarto pè raggiunge ‘sti sacri e luntani confini perché er nostro pellegrinaggio prima o poi terminerà cò ‘n volo.

Semo nati animali, sempre pronti, er prossimo, a divoraccelo Ma er destino nostro è quello de diventà n’angelo. Per cui ‘sto viaggio,’sto pellegrinaggio, ce conviè in santa pace faccelo e forse cor soriso su la faccia ce eviteremo er pelo e er contropelo

all’animaccia nostra, quanno ce leveranno er velo ner giorno der giudizzio, quanno “l’agnoloni soneranno li tromboni” pè giudicà li pellegrini arivati a la fine der viaggio su chiamata dell’arcangelo fori da la tera, speranno de finì ‘m paradiso e nò all’inferno cò li diavoloni.

10 ottobre 2012

A SAGRA DE LA CASTAGNA

A SAGRA DE LA CASTAGNA Ogn’anno, ‘n giro pè li Castelli te capità de vedè che

Ogn’anno, ‘n giro pè li Castelli

te capità de vedè che fanno la Sagra de la callarosta, la castagna Capirai! cò tutti li boschi che ce stanno, fai presto a riempì li cestelli

E poi giù cor focaraccio p’abbrustolìlle e l’autunno, co ‘sto sapore, ce guadagna.

La castagna è ‘n frutto tosto che nun ristagna De ‘sti tempi va via che è ‘na bellezza e li boschi de li castelli fanno a gara pè donaccela ad ogni costo Era er pane de li poverelli che, quanno la riccojievano, la faceveno subbito a ‘rosto E pensanno a l’inverno, pè magnalla, lessata la faceveno co’r cor contento

Mò, purtroppo, a forza de costruzzioni e de cemento È inizziato ‘m periodo de travajio, perché er bosco s’arricchisce dabbetoni,

sparisce er castagno, perché privato, facenno scattà er periodo der decadimento

Per cui bisogna ‘mportalle, magari da la Romagna n’do se chiameno “maroni”

E maroni fa rima, inutile nasconneselo, cò cojioni E sì perché, nonostante la bbona volontà a nun trascenne Tra speculazzioni, abbandono e incendi vari, li boschi se vanno riducenne Tanto da fatte dì: che mò, ‘sti delinquenti, c’hanno rotto proprio li maroni!!

Ma nun vorei lavorà troppo de fantasia su ‘sti frutti bboni, ma me sovviè er sospetto, che tra quarchanno, su pè le piazze de li Castelli se vedranno artri tipi de Sagre e de la Castagna niente più cestelli… saranno le Sagre de chi, de ‘sti politici, se sò rotti de fatto, li Cojioni.

12 ottobre 2012

A DIFFERENZIAZZIONE

A DIFFERENZIAZZIONE Questo a ‘n do lo metto .. ‘sta robba a ‘n do la schiaffo…

Questo a ‘n do lo metto .. ‘sta robba a ‘n do la schiaffo… ‘nzomma, mò la monnezza se deve da riciclà in modo coretto Nun è più come ‘na vorta che nun te ne fregheva ‘m baffo L’abbandonavi drento a ‘n‘sacco su pè ‘na strada fino a fanne ‘m montarozzaro

La fionnavi, magara giù p’a finestra, aspettanno che passeva er monnezzaro Che ner caretto ce stipava tutto; fischianno e scopanno la riccojieva allegramente. ‘Nfatti nun c’era puzza, e er cumulo da ‘m monnezza, tutt’artro che raro, Lungo le strade lo trovavi, ma se formava lentamente Perché nun c’era tutta ’sta robba che mò, drento a le case, ce ritrovamo

Ma poi, a monnezza, nun era ‘n caso politico, tanto da scomodà, chiavi ‘m mano,

er Governo, la Reggione e er sindaco cò tutta la ggiunta communale.

Mò, la zozzeria è ormai ‘n fatto politico contro cui ce combattemo ‘nvano

E sì perché, si riuscissimo a fa er riciclo, bene o male,

quello che nun c’ariuscirebbe e a fa la differenziazzione de li fiji de ‘na mignotta

de quelli che c’agoverneno e che penzeno solo a la pagnotta e si poi lo fai er riciclo o nun lo fai, nun è che tanto je ne ‘mporta perché dietro a la monnezza nun circoleno solo le zoccole de fogna

ma circoleno puro ’n sacco de mazzette da fa sparì de vorta ‘n vorta ma si potesse er cittadino ‘nventasse ‘n riciclo, li politici li metterebbe a la gogna

quelli disonesti s’entende, anche si trovalli tra l’onesti è ‘na bella rogna perché se nisconneno dietro maschere dorate der perbenismo e si li scopreno è solo pè l’ arroganza d’avè tralasciato quarche particolare, ma si se fanno ancora ‘mpò più furbi, diventeno campioni de cinismo e così ce fregheno dù vorte: ce lasceno ‘mezzo a la monnezza e nun li poi nemmeno più riciclare!

18 ottobre 2012

ER MARITOZZO

ER MARITOZZO Er maritozzo nun è più quello de tanto tempo fà Quarcosa che aggradiva solo

Er maritozzo nun è più quello de tanto tempo fà Quarcosa che aggradiva solo er gargherozzo faceva tremà d’amore l’innammorata, quando er fidanzato, pure quello rozzo Jo regalava come pegno d’amore eterno. Ma questo, ‘nsacco de tempo fà.

Er maritozzo, ‘na vorta, veniva ‘mprezziosito de ricami addorciti, tanto da sturbà, e dar futuro marito donato alla bella nnamorata. Era ‘n gesto d’amore ben preciso E nun era comme adesso,solo‘m prodotto de pasticceria, benzì ‘m pensiero serioso Da donà solo ‘na vorta ne la vita pè dì: “Te amo e te vojio sposà!

Mo li tempi so cambiati, e’r valore s’è trasformato in cosa da magnà

Perché, er maritozzo nun è più come ‘na vorta, mò si lo voi donà all’amorosa È solo perché se facesse ‘na magnata gustosa

Tanto che nun ce stanno più li brillocchi, ma la fresca panna da leccà

‘Nfatti è vero che, mò, se lo po’ permette puro ‘m poraccio pe la su sposa

Er probblema, quindi, è che mò er maritozzo nun è più d’amore ‘m pegno È bono solo a colazzione, che ‘nciuciato ner cappuccino rimane ‘m bon segno pe la ggiornata, che ‘n comincianno cò la panna, pare più dorce e più ariosa

E si ce volemo vedè ‘na morale in questa antica e bella creanza Basta capì che tutti li nostri valori, cor tempo, finiranno d’esse riformati, ‘nzomma, in quarcosa sicuramente bona pè la panza veranno trasformati, mutati da ‘n destino in cui esisteranno solo li valori dell’arroganza.

Pè conclude ‘sto racconto de ‘st’antica usanza

Tenemece a mente che cor tempo tutto se trasforma in cibbo adatto pe la panza,

che quello che mò vale come esempio de morale pè tutto er monno ‘n dimane se ricorderà comme quarcosa c’apparteneva solo a tu nonno.

21 ottobre 2012

‘O LENGHERETTO (in dialetto ariccino o “ricciarolo”)

‘O LENGHERETTO (in dialetto ariccino o “ricciarolo”) Ammazza aho! me ricordo, quann’essime munelli Quanno le nostre

Ammazza aho! me ricordo, quann’essime munelli Quanno le nostre madri ce diceveno: “ Si nun fai ‘o bravo viè o lengheretto!” E noi, munelli, speciarmente a sera, ‘mpauriti, ce ne jassimo a ‘o letto E tutto quisto solo pè facce ‘sta tranquilli cò li giocarelli…

Ma ‘n fin de conti, ch’èreno ‘sti lengheretti? Ereno dispettosi spiritelli

Che se divertiveno a molestà la ggente Solo pè divertisse, pè canzonalla senza fajie, de male, gnente

Ma noi ce credessimo ‘ngenuamente, ma solo perché essime munelli.

Ma pure quilli grandi, ogne tanto, ricconteveno li soliti ritornelli Che parleveno da sora… da commare… che s’ereno spaventate

Pè corpa de ‘o lengheretto… che s’era divertito a falle cojionate Facennojie, magara, sparì quarcosa comme fiaschi o cortelli…

“Eppure, l’ero messo lì…” Diceveno ‘mapurite, guardanno dietro ‘no sportello “E’ stato ‘o lengheretto!” je faceva coro ‘n’atra femmina E noi munelli se nisconnessime sotto’o tavolo da cucina Cò la paura de vede ‘sto spiritello maligno, dispettoso e pazzarello.

Eh, quanto tempo è passato, e mò a facce paura nun è più ‘sto spiritello

Ma sò ben atre cose, comme quelle che ce stà a fà o Governo

Atro che malizioso, dispettoso lengheretto… Aumento de le tasse, ‘nflazzione, IMU, ‘nzomma, ‘m barzello a ‘o giorno Sapè che ve dico: “Era mejio isso, che ìssene preoccupati p’ò lavoro, a letto!”

24 ottobre 2012

O FOCO (dialetto ariccino)

‘ O FOCO (dialetto ariccino) D’estate ‘o foco nun è ‘na novità Pijia in ogni dove,

D’estate ‘o foco nun è ‘na novità Pijia in ogni dove, ‘ndò ce stà o seccume. Da ‘n sacco de tempo che se vedeno li fochi la sterpajia abbrucià Scivolenno pè le strade mane mane ‘a ggialla veggetazzione.

Pijieno ‘sti fochi, perché butteno li mozziconi de sigarette…je tajieria le mane Comme minimo. Nun se po’, ‘nfatti, buttà ‘na sigaretta vecino a ‘ m bosco, D’estate, quanno da tempo nun cade ‘na goccia in quò posto Eppure succede ogneddove, evidentemente, stà ovunque ‘sto cojione.

Ecco, semo ‘m mano a deficienti, nun solo tali pè ‘sti comportamenti Ma puro pè l’atre cose, comme nell’affari e n’a politica ‘Sta gente nun butterà le cicche n’o seccume, perché nun sò deficienti Ma dimostreno d’esse tali quanno rubbeno li sordi, disinvortamente, senza fatica

Allora te viè da penzà: “ Ma quanno potremo sta mejio porca vacca?” Distrugge ‘na società c’ò malaffare è comme mettela a ‘bbrucià, nun c’è differenza visti li risurtati. Evidentemente pè sti ladroni semo comme cacca

comme seccume, ‘n ‘do se ponno buttà mozziconi, comme fossimo da castigà.

Ma la giustizia drento a ‘sto paese pare proprio comme ‘sta secca veggetazzione:

Nun dà più frutti e quilli che riesce a dà so ciuchi comme cagatella tosta.

Allora, a chi ce dovremmo rivorge pè sperà d’escì fora da ‘sta condizzione? A ’o padreterno! che si vorebbe, li farebbe addiventà comme ‘na callarosta.

24 ottobre 2012

L’EXTRACCOMMUNITARIO

L’EXTRACCOMMUNITARIO A’n ‘do te ggiri ne ìncontri sempre uno co lo sguardo velato C’allunga a mano

A’n ‘do te ggiri ne ìncontri sempre uno co lo sguardo velato C’allunga a mano pè chiedete quarcosa pè magnà. Uno ja risponne: “ Ma vattene a lavorà!”. Mentre ‘nantro ancora ja ‘llunga ‘n sordo come fosse dar cielo calato.

E si ce stà puro ‘m po’ de preggiudizzio

Allora puro er più poraccio de noantri Se mette a fà la morale, la storia, su stò tizzio

Senza realizzà che tutti li poracci s’sassomjieno, comme fussero parenti.

‘Mparentati da la miseria, nun solo quella economica Ma puro quella morale, che pare che oggi n’affratella tanti; e tra n’extracommunitario e uno de noantri a differenza la fà solo la lengua, e p’ò resto, comme dicevo, semo parenti.

Ogn’omo che sta su ‘sto monno Abbisogna der minimo pè campà, pè vive dignitosamente Nun se po’ trattà, ‘no stragnero, come fosse ‘na nullità, un gnente Aricordamece solo, che su ‘sta tera tutti semo stragnieri, ‘n fonno ‘n fonno.

E po’ a fa la morale, noi italiani, nun semo ideali

Perché più emigranti de noi nun ce stanno

Semo emigrati nell’intero monno

Pè cercà de vive mejio in quanto noi nun potevamo fa li liceali.

Gemagna, Australia, America der norde e quella do sudde

Ce stanno ‘na caterva de gente italiana E ce so ‘nnati mica pe fa li padroni, ma pè rimedià er pranzo cò la cena.

Morale de ‘sta storia Quanno guardamo ‘n’extracommunitario Aricordamece che noantri semo annati ovunque e nun ce montamo ‘m boria Che cò sta crisi finiremo che puro noi avremo bisogno dell’assistenziario.

24 ott 2012

L’INVERNO

L’INVERNO Scenne la sera presto, quanno‘è ‘nverno L’unica cosa che te scalla so le luci che

Scenne la sera presto, quanno‘è ‘nverno L’unica cosa che te scalla so le luci che vedi drento le case E pensi a quella tua, ‘ndo ce stà l’estate der sentimento. E’ tutto ‘n’antro monno:

fora piove, magara fa puro la neve, ma drento casa è come si ce fossero le rose.

Ma nun bisogna esse tanto ‘ngenui, perché dietro tante finestre illuminate Ce po’ esse ‘n’inverno assai più freddo, ‘n freddo cane, Perché si nun c’è gioia, la morta staggione dura ‘na caterva de settimane Gelanno er core e’r sentimento de tante povere criature dar dolore sfatte.

L’inverno, ‘nfatti, nun è solo ‘na staggione, una de quelle… È puro ‘na situazione der core, un’intreccio de tristi combinazzioni

Che nun te lesinano neve, grandine e pioggia a catinelle No fora, ma drento la mente, drento er core schiacciato da forti emozzioni

Eppure tutti quanti aspiramo a vive l’estate Ma nun basta, perché a ficcacce ‘n certe situazzioni

Spesso, nun ce pensamo così tanto che ce ritrovamo drento a cose fatte.

E questo solo pè ricordacce che der nostro destino semo padroni

E nun ce la dovemo pjia cò l’artra ggente Perché la maggior parte de le vorte chi “sente la puzza” jè parente Nun è l’azzione dell’artri, ‘nfatti, a creà l’inverno ne la mente Ma solo la nostra reazzione a fà precipità… la neve come gnente.

24 ottobre 2012

CHE TEMPACCIO

(dialetto ariccino)

CHE TEMPACCIO (dialetto ariccino) Mortacci… e chi l’era mai visto ‘n tempaccio così. Troni, furmini e

Mortacci… e chi l’era mai visto ‘n tempaccio così. Troni, furmini e saette, acqua che scenne comme da ‘n funtanaccio Le strade che pareno murene, a natura sbattuta comme ‘no straccio Essime tutti rentanati drento pe la case c’o naso appiccicato a li vetri

O cielo era così buio che le vie pareveno vicoletti tetri.

Mortacci che tempaccio!! E chi se lo ricorda ‘sta cosa tempestosa

Senza parlà do vento che se porteva via de tutto, faceva volà ogne cosa.

Manco mi nonno m’era mai ditto gnente de ‘sto fattaccio

Voi vedè che tenno raggione quilli che dicheno che ‘sto tempaccio È l’anticammera da fine dò monno? Che a dicembre de quist’anno Ariva ‘o gran botto che ce mannerà tutti a zampe all’aria comme ‘m panno? Ce sarvi domineddio da ‘st’inferno che sembra che ‘n tera sia ormai sceso.

Frane, e ‘lluvioni, li smottamenti d’o tereno che si ‘na vota era scosceso Mo ce ritroveremo davanti a ‘n burone. Mortacci che situazzione

E nun potemo fa gnente che mettece a ‘spettà che passi ‘sta maledizzione Fatta de vento, acqua e distruzzione. ‘N c’è gnente da fà, ce dovemo abbituacce

A ‘ste situazioni meterologgiche. Così dicheno l‘esperti pè nun fa figuracce Cò le previsioni. ‘N trona che pare che nonnemo sta a ì ‘n cariola Nuvoloni neri comme a pece fanno o cielo co li lampi de colore viola

E giù scenne l’acqua a catinelle e noi poracci a pregà che fenisce ‘st’acquazzone.

Mortacci, che tempo da da lopi… che situazzione….

28 ottobre 2012

QUANNO ESSIME MUNELLI

(Dialetto Ricciarolo)

QUANNO ESSIME MUNELLI (Dialetto Ricciarolo) E chi sò scorda più de quann’essime munelli. Senza penzieri, sempre

E chi sò scorda più de quann’essime munelli. Senza penzieri, sempre drento a via, quella ‘ndò abbitassimo S’enventevemo de tutto pè fa li giocarelli:

a’ Cchiapparella, Mosca cieca, Palla’vvelenata… comme ce divertissimo

Era tutta robba semprice, tanto da fà giocà puro li semmoloni Nisuno che restava ‘n disparte, tutti ce mmischievemo pè giocà Era tutto ‘n coro de strilli: li munelli e le matri che se sgoleveno comme mmegafoni

Pe chiamacce a fa li compiti, ma d’estate era tutta ‘n’atra musica da cantà

Cò li carzoni corti e ‘na majietta, se ‘ncominciava a ‘o matino E nun feniva che pè magnà c‘o pranzo, pè po’ ricomincià de pommeriggio Co Nisconnarella, Tana libbera tutti, li Quattro cantoni, ‘a Riecchime, gioco fino Cò le nocchè che t’ariveveno su ‘o groppone quanno ce zompevi sopre, coraggio

A chi je toccheva de stà sotto a regge ‘o peso, magara, de quillo più grosso. Eh, quann’essime munelli, tutto pareva allegro e senza penzieri Pronto a meravijiacce quanno ariveva uno de fora co’ ‘n’atro gioco più mosso, più divertente…. E via tutta l’estate a fallo senza stancasse… e mò, pare ieri…

che essime munelli.

06 novembre 2012

A CREAZZIONE DER MONNO

A CREAZZIONE DER MONNO ‘N giorno, er Padreterno, stanco de stassene ner nulla Se volle ‘nventà

‘N giorno, er Padreterno, stanco de stassene ner nulla Se volle ‘nventà de creà quarcosa, quarcosa de speciale ‘na specie de paradiso in cui tutto teneva da sembrà tranquillo come drento ‘na culla.

Così, senza tanto penzacce, tirò fora dar penziero tutto er materiale

Così fu che comiciò a fa veni la luce, dando a le tenebre ‘n significato speciale Quello necessario pè fa venì all’esistenza er tutto dar nulla;

doppo,c reò er firmamento, le stelle er sole e la luna passanno poi a fa la tera, e a l’acqua chiara e l’acqua bruna;

se sbizzarrì ‘n casino a fa la veggetazzione, nun se risparmiò cola fantasia e mise ‘m mezzo ar verde ogne sorta d’ animale, de uccelli pronti a volassene via fino a chè, fermannose ‘n’istante, penzò che ‘m mezzo a ‘sto chicchessia mancava quarcosa de speciale, quarcosa che fosse de ddio ‘na mezza via

“Famo l’omo a nostra immaggine e somijianza!” tronò er padreterno. “ E così sia!” mentre tutta la creazione s’ammutolì all’istante, pensanno ar futuro… Ed ecchete schizzà fori da la tera ‘n’omo da lo sguardo ‘m po’ rincojionito Mica perché era scemo, ma solo perché nun sapeva chi fosse e ‘n do fosse capitato.

Cosicchè, er padreterno copazienza infinita, je spiegò ogne cosa da capo, Tanto da obbligà, l’omo a mettese subbito a lavorà, battezzanno animali e vegetazzione, tant’è che Adamo, così se chiamò er primo omo, penzò: “Nato pè subì ‘n’obbligazzione!”. Nun ce penzo più de tanto, fino a che, ‘n giorno, entrò ‘n disperazzione.

“A padretè, me sento ‘m po’ solo ‘m mezzo a tutto ‘sto ben de dio. Pozzo fa ‘na dichiarazzione?” Esclamò er prim’omo. “Famme ‘na compagnia!” E detto fatto er padreterno accontentò Adamo e da ‘na costola je fece, na donna co’ allegria “Ecchete Eva, la donna tua. Divertete ma senza combinà guai!; nun rompete l’armonia ”

Sartanno e zzompanno da ‘m posto a ‘n’antro Adamo ed Eva se riposorno sotto a ‘n’arbero de mela Fu naturale che ‘mpreda a la fame staccorno ‘m pomo da ‘n ramo Magnannoselo e fregannose der verme che stava sull’arbero dritto come ‘na cannela.

Tutto de ‘mbotto, cor boccone a mezzo gargherozzo sentorno ‘na lamentela:

“Ma che m’avete combinato!!!” strillo er padreterno con vocione che pareva er finimonno. “ E c’amo combinato?” arisposero li compari stravaccati su ‘na tela “Ve sete magnato er frutto dell’arbero de la conoscenza!” pareva ‘na corpa co l’affonno.

Ma cò tutta ‘sta conoscenza, li poracci, nun se resero conto che er padreterno se fece iraconno Tanto che ordinò all’agnolone co la spada de foco “Cacceli via dar paradiso, perché sta qua più nun ponno!” “E mò ‘nd’annamo? Che famo?” se chiesero l’errabbonni pijiannno la strada der monno

“Che me metto a fa pè magnà?” se chiese Adamo. “ Me darò alla pesca der tonno?” “Magara io te lo cocio.” Je fece eco Eva. “Nzomma, mò ce tocca lavorà, spenne li sordi pe vesticce, pe mannà a scola li fiji…”

“E no. ‘m momento. Si la conoscenza c’ha fatto ‘sto brutto scherzo, a scola nun li manno”

Sentenziò Eva. “Ma veramente penzi che cò ‘sta scola sa rischi quarchecosa?” abbaiannno Ja rispose Adamo. “Chi mai cò ‘sta scola esce co la conoscenza.” Comunque sia, morale è che ogni Adamo c’ha n’Eva che ja rimedia rogne a tutto spiano, tant’è che si l’omo volesse tornà ‘m paradiso, nun je rimane che superà l‘esame cò la donna

Nun se sa mai…

21 novembre 2012

E STAGGIONI DE ‘NA VOTA

E STAGGIONI DE ‘NA VOTA Aprile dorce dormire Maggio, vacce adaggio, Giugno, apri er pugno… Agosto,

Aprile dorce dormire Maggio, vacce adaggio,

Giugno, apri er pugno… Agosto, moje mia nun te conosco…

Ecco, ‘na vota era tutto ordinato ar punto tale Che quanno scadeva er 21, t’accorgevi der cambio de staggione Tanto che cambiavi abitudine e da primavera o dell’autuno te ne facevi ‘na raggione C’ereno regole antiche ch’ arispettaveno er movimento, cosa che mò, più nun vale.

Ecco er 21 de marzo e tu t’aspetti la primavera ‘nvece, ‘na mattina, apri a finestra e… ecchete la nevicata Artro che puloverino o giacchetta fina; ta ritrovi tutta ‘mabcuccata

Co li scarponi, er cappottone cò li guanti de pelle vera

E cammini sognando er primo sole, da la matina a la sera

Nun vedi l’ora de mettete a mezza manica

De levatte li scarponi pe le scarpette da ginnastica E capita che ariva er giorno da sudata, ma poi, er raffreddora co la tiritera

Fatta de smoccoli e starnuti, come fosse ritornato l’inverno che, pareva, più nun c’era. Ormai se semo abbituati: “Nun ce so più le mezze staggioni” Passamo dar freddo cane ar callo boia che c’ha rotto li cojioni. Tutto troppo ‘nfretta, passi dar majione a la majietta nera

Quella che te sfina perché mun vedi l’ora de squajia ‘mpò de grasso Quello accumulato ‘na staggione fredda che t’ha fatto diventà pingue Solo che ‘na vota durava ar massimo tre mesi, mo, invece ne dura puro cinque E er tempo de sudà s’è ridotto, anche se mo è tutto concentrato

In un paro de mesi estivi, un callo tale che nun ristora, ma che te lascia mezzo ‘ntronato. Che ce potemo fa co tutto ‘sto bailamme, dico io? Potemo solo abbituacce, accettanno quello che ce manna domeneddio Tanto, più che schiatta dar callo o crepà dar freddo null’artro ce rimane.

22 novembre 2012

L’ESTATE SE NE ITA ( DIALETTO ARICCINO “RICCIAROLO)

L’ESTATE SE NE ITA ( DIALETTO ARICCINO “RICCIAROLO) Ammazza comme passa o tempo, pareva ieri che

Ammazza comme passa o tempo, pareva ieri che jassimo ‘n giro smanicati e mò, ‘nvece, ce ritrovemo ‘n casa abbarricati perché fora piove che nun te dà scampo.

Armeno ‘na vota de acqua ne faceva ‘n cenìco, scenneva lentamente Mo pare che viè giò da o scielo comme ‘na bomba… Atro che refuggio, qua ce vò ‘na barca, mentre o scielo te romba Comme pe ditte: “Mo so cazzi tua, nun te java mai bè gnente.”

Forze te puro raggione, semo ‘na massa de fregnoni Sempre a lamentasse de tutto e de tutti…

…’na vota fa troppo callo… ‘na vota fa troppo freddo… che ggiorni brutti… Pe forza che mo o scielo s’è rotto li cojioni e l’acqua, pare, che ta scarica a pentoloni

Io dico che sarebbe mejio pijà le cose così comme venno, bisogna restà carmo,

Senza sta a ‘scortà li previsori meteo comme fosse diventato ‘n vizzio, perché quisti, pare, che ogne vota te somministreno ‘n giudizzio tanto da fatte penzà: “E mò comme facemo?”

Ammoriammazzati li bollettini meteo cò tutte ‘ste trombe Campemo sereni tanto ‘sta ggente cambià le cose più de così nun ponno Levemece de dosso ‘sta superstizzione de vedè in ogne cosa ‘o finimonno Anche perché sotto ‘sto scielo, me pare, e cose vavo e vevo comme sempre.

28 novembre 2012

E MO ARIVIENE NATALE

E MO ARIVIENE NATALE Nonostante ‘sta crisi che ce taccheggia Chi c’ha ‘ncora ‘m po’ de

Nonostante ‘sta crisi che ce taccheggia Chi c’ha ‘ncora ‘m po’ de sordi ne la sacca Assume ‘n’antro sguardo, assai benevolo, quanno prima te trattava come ‘na cacca È l’aria der Natale c’arirtona, l’atmosfera natalizzia…

Ecco che così, si oggi facessime li stronzi dimane, tutto de ‘m botto, ce semo trasformati in omeni d’arto lignaggio Tutto core ‘m mano e la lacrima facile pè chi ha perso er coraggio Daffronta la vita che ja torto tutto, rincojonendoli come fussero belli che sbronzi.

Ma c’è er Natale che c’ariccomanna d’esse più bboni

De nun fa er canajia, de smette de fa er prepotente famo l’onesti, e lassamo campà ‘m pace tutta l’artra ggente, in fin de conti ce vole poco a campà tranquilli come li ricconi.

Er 25 è er santo ggiorno, perché er bambinello de rinasce nun se pente Vè ggiù su ‘sta tera, ‘m mezzo a la su ggente pè dà l’esempio Che la vita se po’ vive più serenamente senza fanne scempio Ogni ggiorno porta le quotidiane rogne, nun n’aggiungiamone artre, perché so tante

Ma po’ puro natale passa,

e passa Santo Stefano, er primo martire cristiano,

l’hanno preso a serciate perché c’ha creduto piano piano

ar messaggio evangelico, senza fa rumore comme ‘na granzassa

quella che soneno li sbruffardoni pè fasse grandi

E po’ ariva la befana, l’Epifania

Che tutte le feste se porta via

E che succede er 7 de gennaro? Che l’ignoranti, appena diggerito, aricominceno a fa li stronzi.

Ce rivedemo ar prossimo Natale…

29 novembre 2012

ER FESTIVAL DE LI CASTELLI ROMANI

ER FESTIVAL DE LI CASTELLI ROMANI Ammazza che kermesse! Annà ‘n giro pe li Castelli è

Ammazza che kermesse! Annà ‘n giro pe li Castelli è ‘ncontrà tutte que masse Ggente che a cantà je piace e che nun s’arisparagna De sgolasse quarche sera sopra ‘m parco. E ‘r divertimento ce guadagna.

‘N giro pe ‘sti paesi che già loro stessi so canzoni… “Lo vedi ecco Marinooo…” e comme se fà senza ‘st’emozzioni

Senza er brivido che te scote er core tanto da facce sentì tutti fratelli

‘na razza antica fatta de storie, ricconti che so tutti de’ gioielli.

Semo stati tutta l’estate a cantà a squarciagola Da Arbano, Genzano, Frascati… fino a la Mola

Artro che Sanreno! amo ritrovato er Festival de li Sconosciuti La cui notizzia faceva er giro der monno, da fà tutti li Ricciaroli compiaciuti

Teddy Reno, Rita Pavone, ‘n’accoppiata assai vincente,

‘nvece ce sta

Francesca Cedroni assieme ar “Drago” che, concretamente

so ‘nnati ‘n giro a scoprì li giovani talenti

e da sconosciuti li faranno rinnomati e, ner monno de la canzone, dei portenti.

Er giro comunque se stà pè conclude

È rivato fino a Velletri, ‘n do s’aspetta la resa de li conti cò le voci nude

Prive de ogni artifizio, tipico de chi c’ha ‘n sacco d’esperienza

Speranno de trovà, tra tante gole, quella che nun ce farà venì er mar de panza

Na cosa però, è certa assolutamente

Che er Festival de li Castelli Romani c’ha fatto vive ‘n’estate brillantemente

Facenno ritornà su ‘sti sacri colli quell’antica allegria frizzantina

Che tant’anni fa cercava, e la trovava puro, la famosa romana Sora Nannina.

1 dicembre 2012

ER LAGO D’ARBANO

ER LAGO D’ARBANO Hai vojia a strillà! Hai vojia a sgolatte Tanto nun trovi nisuno che

Hai vojia a strillà!

Hai vojia a sgolatte

Tanto nun trovi nisuno che te stia a sentitte.

E ‘n tanto er lago d’Arbano continua a svotasse.

E a fà da cornice a ‘sto sfacelo, come si nun bastasse

Continueno ner parco de li Castelli le colate de cemento

Hai vojia da strillà. Hai vojia de sgolatte… “da que recchie nun ce sento”

E’ tuttta ‘na manfrina er dimenasse de le politiche smargiasse

Rendemece conto ‘na vorta per tutte, caro Nardi

Che oramai pè sarvà er Lago, li Castelli, è troppo tardi.

Te devi mette ‘n testa che nun se tratta solo de mette ‘n tappo

Ma essenzialmente bisonerebbe fermà er pappo

Ma c’è stà ‘na gestione der teritorio generale che fa acqua comme gnente

A’ rsenico quanno bevi, e l’inceneritore, e le discariche davanti casa

e la monnezza su per la via dei Laghi che l’antico sguardo ormai ‘ntasa…

l’indifferenza c’ha sconfitto, c’ha ‘mmazzato la fame der sordo

la speculazzione che trova sempre ‘m politico saccoccione e ‘ngordo

nun basta più la proclamazzione, la manifestazzioni

bisogna comincià a mannà a ‘ffanculo ‘sta gente co l’elezzioni

e ‘ncomincià a fa come er marchese der Grillo

e già l’ho detto in un’artra occasione, ma non pe fà er bullo

ma solo pè sottolineà ‘na situazzione che s’è mezza ‘m mezzo

‘mparamo a dije ‘n faccia: “ Noi semo noi, l’elettori e voi, politici, presto nun

sarete più ‘n cazzo!”

Armeno ce speramo…

3 dicembre 2012

L’EMERGENZA SANITA’

L’EMERGENZA SANITA’ Ma che te possino ammazzà!!! Ecco, chiè, quista e a prima cosa che me

Ma che te possino ammazzà!!!

Ecco, chiè, quista e a prima cosa che me viè ‘m mente Ma comme se fa a rischià de lasciacce a pelle pe ‘ na cazzata, pe gnente

Uno, dice, vajio all’ospidale pe famme curà e ‘nvece ce se tocca puro ‘ncazzà.

Te lasceno ‘m barella drento a ‘n coridore

E si se ricordeno chiameno o dottore

Che te visita tutto de ‘mprescia e te lascia a bbocca ‘sciutta

Perché, spesso manco isso o sa quillo che te da fà . Semo proprio a frutta.

Nun ce sò li sordi, te dicheno: “ve tocca pazzientà” c’arisponneno Ma mo ‘ncominceno a ‘cazzasse puro li medici e l’infermieri Perché le cose so cambiate, nun so più comme quille de ieri, mò te lasceno a casa pure issi: La crisi è pè tutti, c’arintogneno”

Meno che pè quilli che la crisi l’hanno combinata E sto a parlà de li super vitalizzati ommeni politici Che pè ogni scureggetta er Governo l’arimborsa, co li sordi dell’atri nun so stitici Pe loro, na Sanità c’è sta sempre, e quilla mejio. E tutta rimborsata.

Semo tutti noi, poveri stipendiati

Quanno te va bbè che nun te l’hanno ancora cavati qui dù sordi

Che ce propineno ‘na Sanità mezz’ammalata da amministratori assai ‘n gordi Che penseno a la panza e lasceno li malati tutt’ammucchiati.

Taja de qua e taja de la Che ce rimarà da fa? Mettese d’accordo cor padreterno Che quanno decidesse, ce facesse venì via ‘mbona salute da ‘st’inferno.

3 dicembre 2012

ER 13 DE DICEMBRE

ER 13 DE DICEMBRE Ecchece ce semo! La ggiornata se accurciata ar punto che lo vedemo

Ecchece ce semo! La ggiornata se accurciata ar punto che lo vedemo

come fino a ieri er sole faceva er suo dovere, oggi ‘nvece, pare, abbia deciso de scioperà e riducce de luce l’ore.

Ma veramente sta cosa è naturale?

Nun è che pure isso, ‘sto scompijio, ‘sta confusione l’arisente? Er malessere generale è così grande c’ avvorge tutta l’umanità Ammalata de sconquasso, bastonata da la crisi voi vedè che puro er sole c’avrebbe bisogno de ‘na febboclisi?

Si, quella d’ottimismo che nun je farebbe male puro a tutta ‘sta ggente ‘ncazzata,

e a raggione, perché ‘sta società è sempre più ‘mmalata de disonestà e cò tutto ‘sto casino nun ce dovemo meravijià si ‘sto mondo pare sempre più aggitato, tanto che se sta a scojionà .

Voi vedè che se er sole se accorciato la luce Nun è perché è ‘r tredici de dicembre Sempricemente perché se rotto li cojioni de cercà de fa sparì tutte st’ombre Ch’ aricopreno l’umanità che s’abbuia fino a diventà sempre più truce.

Speramo che sia solo ‘na cosa de calendaro Che nun sia però quello de li maja Altrimenti qua nessuno più che scaja,

‘na cosa è certa: per rivive ‘m pò mejio a’ridovremmo ricomincìà co l’abbecedaro.

Quello de la bona educazzione,

quello der rispetto, dell’onestà e dell’intelletto perché così facenno, piano pano, come fosse ‘m passetto riscopriremo ch’er sole pure a’r tredici dicembre, ce vorà bene co’affezzione

3 dicembre 2012

FIOR DE VERBENA... (Pasquinata romana)
FIOR DE
VERBENA...
(Pasquinata romana)

Fior de Verbena

Si t’aricoveri all’ospedale

Nun sei sicuro che la salute te la ripristina Anzi, te conviè fatte er testamento

Così poi morì tranquillo che pe li fiori su la tomba c’avrai l’abbonamento

Fior de Cammomilla

Co l’IMU su la prima casa nun ce scaji

Er Governo te tacchina si te sbaji Conviè pagà, co la tredicesima e stattene tranquilla

Fior de Rosmarino

Annamo a l’elezzioni cor porcellum aritrovannoce er solito furbino

Messo lì da li partiti intrallazzoni co le rubberie abbonate E alla fine cor porcellum se finisce de fa solo maialate

Fior de Rigazzo Pe falla corta co sta serenata strappamazzo Er cittadino ormai è finito che nun conta più un cazzo

Quello che vale oggi è er potere esercitato da ‘n Governo da strapazzo.

6 dicembre 2012

Interessi correlati