Sei sulla pagina 1di 7

Istituto Musicale Vincenzo Bellini - Catania Scuola di DIDATTICA DELLA MUSICA Corso di DIREZIONE DI CORO E REPERTORIO CORALE Anno

accademico 2006/2007 Prof.ssa Elisa Poidomani

Carmela Caramagno

DAL PARLATO AL CANTO: PROSODIA E MUSICA

Alle passioni che si agitano dentro di noi vorremmo dare quasi una forma visibile, e le moduliamo in parole; ma non ci basta, e allora queste voci si prolungano in canto
CONFUCIO (VI-V sec. a.C.)

OBIETTIVI DIDATTICI Usare la voce in modo corretto ed espressivo. Mettere in relazione la musica e il linguaggio parlato in una prospettiva interdisciplinare. Stimolare la creativit dellalunno in campo linguistico e musicale. Prosodia come propedeutica alla composizione, allanalisi o allesecuzione di una melodia vocale.

Molti studiosi e musicisti hanno fervidamente sostenuto la teoria logogenica e patogenica della musica. Secondo tale ipotesi il linguaggio parlato diventa musicale in base alle emozioni e agli stati danimo che vuole esprimere. Riporter di seguito alcune citazioni di Spencer che confermano tale pensiero: Tutta la musica , nella sua origine, vocalele variazioni della voce sono il risultato fisiologico di variazioni del sentimento. I caratteri distintivi del canto non sono altro che i tratti caratteristici, amplificati e sistematizzati, del discorso emozionale. La musica nasce come necessit comunicativa, come intensificazione della parola parlata e come dellansia. La principale differenza tra la parola e il suono consiste nel fatto che la prima si presenta nella duplice connotazione di significante (forma esteriore) e significato (contenuto o concetto mentale a cui il significante rinvia), mentre il secondo si avvale soltanto del significante. La parola dunque racchiude un significato, la musica significa solo per se stessa. Gli elementi prosodici del linguaggio verbale costituiscono invece un elemento comune tra la parola e il suono: il parlato contiene infatti una grande percentuale di musicalit, che si manifesta nellintonazione, nel ritmo, nellintensit e in molti altri aspetti sonori. Saper comunicare significa riuscire ad utilizzare la voce nel modo giusto, sfruttandone tutte le potenzialit: un uso corretto ed espressivo della voce diventa indispensabile per tutti coloro che esercitano una professione in cui la comunicazione ha un ruolo centrale (attori, insegnanti, annunciatori, avvocati, commercianti). La formazione linguistico - espressiva dellalunno costituisce, in una prospettiva interdisciplinare, un obiettivo importante anche per leducazione musicale e rientra nellarticolato e ampio progetto di educazione dellorecchio e della voce. Rendere lalunno cosciente della stretta affinit tra musica e linguaggio utile non solo per comprendere e gustare meglio una poesia, uno slogan pubblicitario, un pezzo teatrale o un brano musicale, ma indispensabile anche per luso quotidiano della lingua. Carlo Delfrati, nel suo libro intitolato La voce espressiva, propone una vasta scelta di attivit pratiche sulluso espressivo della voce parlante, sostenendo limportanza didattica di questo argomento, che molto spesso viene trascurato o addirittura ignorato dagli insegnanti. esternazione

Presupposti per un uso corretto della voce:


importanza dellascolto: lalunno non pu trovare lespressivit su una pagina scritta, ma deve prima di tutto saper ascoltare la propria voce e quella degli altri, concentrarsi sulle caratteristiche sonore del parlato e provare ad imitarle. Il primo modello dovrebbe essere linsegnante. igiene vocale: mettere lalunno in condizioni di parlare e cantare in modo corretto e consapevole. Lavorare sulla respirazione costo-diaframmatica, sull emissione coperta, sulle caratteristiche delle vocali e delle consonanti, sugli elementi di ortofonia (per correggere i difetti della voce e dellarticolazione) e di ortoepia (per la corretta pronuncia).

La prosodia: (dal greco pros quasi e od musica)


Il significato e lefficacia di un messaggio verbale dipendono dalle caratteristiche e dai principali aspetti prosodici della voce (che sono anche le quattro fondamentali propriet della musica): intensit o volume velocit o durata intonazione o altezza timbro La sapiente combinazione dei vari parametri permette di comunicare uninfinita gamma di emozioni e di sentimenti (gioia, tristezza, paura, malinconia, rabbia, entusiasmo ecc.)

Proposta di lavoro: Applicare su una parola o su un breve testo, singolarmente e poi contemporaneamente, i tratti prosodici sopraelencati, in base al significato o allemozione che si vuole comunicare. Provare anche a rappresentare graficamente il messaggio verbale.

Le pause
Quando si legge o si parla, (lo stesso vale per il linguaggio musicale), importantissimo utilizzare le pause al momento giusto: cambiare la posizione della pausa allinterno di una stessa frase permette di variare leffetto espressivo o addirittura, in alcuni casi, di modificare il significato del messaggio.

Proposta di lavoro Inserire delle pause allinterno di frasi e provare a cambiare la posizione. Esercizi sulla punteggiatura. Proporre un confronto tra il valore espressivo dei vari segni di punteggiatura e quello delle pause in un brano musicale.

Aspetti musicali della poesia


A differenza del testo in prosa, il testo poetico si distingue per una struttura in versi, che si caratterizzano per il numero delle sillabe, per i rapporti di durata tra le sillabe e per la disposizione degli accenti. Questo determina la struttura metrica e il ritmo della poesia. Le assonanze, le consonanze, le allitterazioni e le rime creano inoltre delle corrispondenze musicali tra le parole. Si potrebbe affermare che il linguaggio poetico una sorta di musica verbale. Proposta di lavoro Provare a recitare delle poesie, mettendo in risalto tutti gli aspetti musicali sopraelencati. Ascoltare registrazioni di attori o personaggi che recitano dei testi poetici.

Interiezioni, oralismi, onomatopee


Le interiezioni sono delle espressioni orali (sillabe o suoni) prive di significato, che per servono a puntualizzare il senso della frase in cui vengono inserite, in base allintonazione, alla durata, allintensit e al timbro (elementi prosodici) con cui vengono pronunciate. Gli oralismi sono espressioni sonore spesso involontarie (tosse, sbadiglio, fischio, sospiro ecc.) che manifestano uno stato danimo o unintenzione del parlante. Le onomatopee sono invece fonemi o parole che imitano un suono, un rumore, il verso di un animale ecc. Si tratta di un inesauribile patrimonio di risorse sonore che permette di colorire e di dare infinite sfumature al linguaggio parlato. Proposta di lavoro Analizzare interiezioni, oralismi e onomatopee, ricercandoli nel linguaggio parlato e nei fumetti. Applicarli ad un testo in prosa o in versi. (R. Queneau Esercizi di stile) Creare sonorizzazioni o sequenze sulla base di un testo o di una situazione proposta dallinsegnante.

Gli stili orali


Ogni persona ha il suo modo di parlare, che pu essere definito stile orale. Oltre allo stile di una singola persona, ci sono stili tipici di varie categorie sociali o lavorative, che in base al pubblico a cui si rivolgono, si caratterizzano per differenti tratti prosodici. Ecco alcuni esempi: Il cronista sportivo: andamento veloce, crescendo, rapidi cambiamenti di tono in base alla situazione.

Disc-jockey: ritmo costante, tono coinvolgente. Avvocato in tribunale: tono persuasivo, ritmo concitato, tono di voce squillante. Proposta di lavoro Simulare differenti stili orali, imitando i compagni di classe, o alcune categorie lavorative.

La musicalit di una lingua straniera


Anche le lingue straniere si distinguono per la musicalit dei tratti prosodici. Ecco alcuni esempi: Inglese: lingua sul palato, r floscia, vocali chiuse. Tedesco: suono duro e gutturale, finali di parola prolungate, consonanti aspirate, parole ben scandite. Francese: vocali chiusissime, r moscia, intonazione discendente delle sillabe accentate. Spagnolo: s fra i denti, andamento velocissimo e agitato. Russo: tono solenne, ieratico, laringe bassissima, suoni prolungati, intonazione discendente e poi ascendente delle finali di parola. Cinese: laringe altissima, l al posto della r, tono interrogativo. Proposta di lavoro Simulare la pronuncia di alcune lingue straniere, individuando i tratti prosodici caratteristici.

Dal parlato al canto


Come avviene il passaggio dal parlato al canto? Che relazione si instaura tra gli aspetti musicali del parlato e la nuova melodia? La storia della musica ci insegna che molti compositori, tra i quali Vincenzo Bellini, si ispiravano alle caratteristiche prosodiche e alle inflessioni del testo parlato. Quando una parola diventa musica, si crea un legame tra il contenuto della parola e la forma sonora. Il canto permette di esprimere un sentimento, e di puntualizzare ed enfatizzare un concetto o un messaggio. Ci che distingue il canto dalla prosodia la componente melodica: i suoni delle vocali hanno unaltezza e una durata ben definite. Molto spesso dunque la melodia deriva dalle inflessioni della voce parlata. E infatti fondamentale: declamare ascoltare comporre

Il regista Stanislawsky voleva che i suoi attori ripetessero una stessa parola almeno quaranta volte, con inflessioni diverse, ma sempre con un senso compiuto. Soltanto cos una frase poteva essere matura per la scena. Declamare pi volte un testo permette di capirne meglio il significato, di percepirne le inflessioni e i tratti prosodici, rendendo pi semplice e immediato il passaggio dal parlato al canto. Proposte di lavoro: Trasformare una frase parlata in una frase cantata, cercando di mantenere il pi possibile gli aspetti melodici, ritmici e dinamici. Analizzare alcune tecniche di canto utilizzate nel corso del tempo, individuando i tratti prosodici nel rapporto musica parola. (Esempi di: Recitar cantando; Recitativo; Arioso; Aria; Sprechgesang; Rap.) Analizzare alcune forme vocali, tratte dalla musica colta e dalla musica leggera, individuando il rapporto parola- musica. ( Mottetto, Madrigale, Recitativo, Aria, Lied) ( Repertorio di musica leggera )

Ma che rapporto c tra il significato di una parola e il suono di cui essa si riveste nel canto? E un equilibrio misterioso, difficile da comprendere Come puntualizza Schafer, nel canto le vocali sono gli elementi di sostegno melodico, mentre le consonanti servono ad articolare il ritmo; inoltre egli sostiene che quando il linguaggio si eleva al livello del canto deve perdere il suo significato. Egli ha cercato di chiarire questo concetto attraverso uno schema, inserendo tra i due poli estremi (il massimo di significato e il massimo di musicalit) una serie di situazioni intermedie. MASSIMO DI MUSICALITA Suoni vocalici elaborati elettronicamente Manifestazioni fonetiche Canto melismatico Canto sillabico Recitativo - Recitar cantando - Sprechgesang Parlando (parlare leggermente melodico) Linguaggio quotidiano Linguaggio teatrale

MASSIMO DI SIGNIFICATO