Sei sulla pagina 1di 9

1Circolo Didattico di Vico Equense

Suoni ,pause,ritmi, cadenze ,voci e

strumenti

PROGETTO ANNUALE DI LABORATORIO MUSICALE ANNO SCOLASTICO2011/2012


ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO
Il progetto Musica e non solo si articola in diverse proposte laboratoriali da attivare in orario curricolare ed extracurricolare, si rivolge agli alunni della scuola Primaria del Circolo e si sviluppa attraverso percorsi che offrono conoscenza, a pi livelli e in rapporto allet, dei linguaggi espressivi della Musica.

MOTIVAZIONE DEL PROGETTO


Il progetto vuole promuovere un percorso di pedagogia musicale legato alla voce e allo strumento tenendo conto delle esigenze della scuola di oggi e dell'importanza dei laboratori espressivi, come momento di crescita dell'individuo e di miglioramento dell'aspetto relazionale del gruppo. Attraverso la voce e gli strumenti si offre la possibilit di impostare il lavoro fin dalla prima infanzia tenendo conto dell'aspetto emozionale e relazionale della stimolazione sonora, senza dimenticare l'alfabetizzazione musicale su vari livelli di apprendimento. Il flauto dolce e lo strumentario Orf sono gli strumenti privilegiati dalla didattica di base. Essi si prestano assai bene a sviluppare, con relativa facilit di approccio, una minima competenza strumentale. Ma spesso si sottovaluta che questi strumenti, necessitano di unattenzione particolare e specialistica in ordine alla postura,alla gestualit, al coordinamento senso motorio, alla respirazione, al coordinamento senso motorio, alla respirazione e allemissione. Linsegnamento di uno strumento musicale ha come elementi fondamentali lacquisizione di capacit cognitive in ordine a categorie musicali fondamentali ( melodia, armonia,ritmo, timbro, dinamica,.) e alla loro traduzione operativa nella pratica strumentale. In questa prospettiva si consolidano e si sviluppano quelle abilit

sensoriali legate alla produzione e alla percezione che impegnano il bambino nelle forme di riorganizzazione dellesperienza e di esplorazione e ricostruzione della realt, per fargli realizzare concrete e autentiche esperienze dincontro con la musica. Allinterno dei laboratori sono previste attivit di movimento, ludico musicali, vocali e strumentali che permettano agli alunni di sviluppare capacit musicali e di imparare ad esprimersi sempre di pi con luso di linguaggi diversi. Per il laboratorio ritmico sono previste attivit che permettono di fare musica usando strumenti convenzionali come il proprio corpo o lo strumentario Orf per le seconde e le terze mentre verr usato il flauto per gli alunni delle classi quarte e quinte).

DESTINATARI
Il progetto rivolto ai bambini delle classi seconde, terze, quarte (C-DE),quinte; in particolare il laboratorio di musica ritmica rivolto alle classi seconde e terze Il laboratorio di musica strumentale di flauto in orario curricolare rivolto agli alunni delle classi quarte e quinte del Circolo Cera una volta..un progetto curricolare sui grandi compositori del passato rivolto agli alunni delle 5^C-D il laboratorio di coro in orario extracurricolare rivolto agli alunni delle classi seconde, terze, quarte e quinte

OBIETTIVI TRASVERSALI
Lattivit musicale apporta il proprio contributo formativo nel perseguire obiettivi formativi trasversali relativi alle diverse sfere caratterizzanti la persona.

Sfera affettiva-emozionale
sviluppare le capacit di concentrazione e autocontrollo sperimentare stati di ben-essere (rilassamento, gratificazione..) esplorare le proprie emozioni e saperle riconoscere

riconoscere il rapporto tra pensieri ed emozioni. esprimere in modo costruttivo i propri stati danimo

Sfera socio-relazionale
sviluppare modalit di ascolto attivo accettare, rispettare, aiutare gli altri favorire forme diverse di contatto con gli altri e di comunicazione maturare la capacit di interagire nel gruppo in modo costruttivo e collaborativo

Sfera cognitiva
mettere in atto processi di distinzione, classificazione, organizzazione semantica, decodifica potenziare la capacit di generare idee (creativit) attivare processi valutativi per sviluppare la maturazione del pensiero critico e del gusto estetico sviluppare la memoria Tali obiettivi trasversali vengono declinati in una serie di competenze Specifiche(conoscenze e abilit)che si traducono nel sapere(informazioni o nozioni di tipo generale e tecnico,possedute dallindividuo)e il saper fare(cio la capacit di metterle in pratica)

COMPETENZE MUSICALI SPECIFICHE Pensiero analitico e produttivo immaginativo


Padroneggiare i fenomeni sonori dal punto di vista percettivo Riconoscere le diverse componenti di un fenomeno sonoro complesso Controllare le risorse vocali e quelle motorie,applicate alluso degli strumenti Conoscere e sapere riflettere sui processi fondamentali della comunicazione musicale

Padroneggiare sistemi di trascrizione grafica dei suoni ,arbitrari e convenzionali Usare creativamente i materiali sonori ,secondo modalit e scopi differenziati

Globalit del sapere

Stabilire relazioni nel tempo e nello spazio tra lesperienza musicale e i diversi contesti storici geografici,culturali Coltivare interesse per le espressioni musicali proveniente da culture diverse

Analisi critica dellesperienza


Conoscere e interpretare la realt dal punto di vista uditivo-percettivo Sapersi confrontare con la realt sonora e le opere musicali,in un processo di percezione,ascolto,analisi e interpretazione

Sviluppo della socialit collaborativa

Sapere integrare la propria prestazione con quella dei compagni e condividere le esperienze psico-emotive

Sviluppo della sfera emozionale-affettiva


Cogliere il valore espressivo/comunicativo della musica Sapere dare forma ad idee ,emozioni,stati danimo,attraverso lespressione del linguaggio musicale

Apprezzamento della dimensione estetica


Maturare la sensibilit per il valore artistico e la capacit di esprimere un giudizio estetico

CLASSE :4^C-D-E

COMPETENZE MUSICALI SPECIFICHE


Riconoscere le diverse componenti di un fenomeno sonoro complesso Controllare le risorse vocali e quelle motorie,applicate alluso degli strumenti Conoscere e sapere riflettere sui processi fondamentali della comunicazione musicale Padroneggiare sistemi di trascrizione grafica dei suoni ,arbitrari e convenzionali Usare creativamente i materiali sonori ,secondo modalit e scopi differenziati Stabilire relazioni nel tempo e nello spazio tra lesperienza musicale e i diversi contesti storici geografici,culturali Coltivare interesse per le espressioni musicali proveniente da culture diverse Conoscere e interpretare la realt dal punto di vista uditivo-percettivo Sapersi confrontare con la realt sonora e le opere musicali,in un processo di percezione,ascolto,analisi e interpretazione Sapere integrare la propria prestazione con quella dei compagni e condividere le esperienze psico-emotive cogliere il valore espressivo/comunicativo della musica Sapere dare forma ad idee ,emozioni,stati danimo,attraverso lespressione del linguaggio musicale Maturare la sensibilit per il valore artistico e la capacit di esprimere un giudizio estetico

CONTENUTI
Voce,strumenti melodici-ritmici,timbro,intensit,durata,partiture,figure musicali,le pause,altezza e profilo melodico,modelli ritmici,piani sonori,notazione,il tempo,il pentagramma,il flauto dolce

ATTIVITA
Esplorazione di attivit sonore Ascolto,rilevazione,discriminazione,riflessione ed elaborazione di sequenze ritmiche Attivit di riproduzione di suoni utilizzando il flauto e la voce Organizzazione di sequenze in tempo misurato Solfeggio parlato,cantato ed esecuzione strumentale di brani di vario tipo Interpretazioni grafico-pittoriche ,discussioni guidate,attivit informatiche con materiali sonori multimediali

METODOLOGIA
Litinerario a spirale e si snoda per tutto il corso della scuola di base secondo un graduale approfondimento. Esso migliorare progressivamente e con gradualit il livello di padronanza e al conseguimento delle abilit complesse riferite alla comprensione e alla produzione del linguaggio musicale . I diversi obiettivi formativi inoltre saranno trattati globalmente e sviluppati con ritorni ciclici tesi a rinforzare le capacit e le acquisizioni maturate La proposta didattica si basa prima sul fare e poi riflettere e intende rendere il bambino protagonista attivo di un cammino che lo porti a vivere la musica come un linguaggio al pari della parola e dellimmagine, in una dimensione in cui lincontro con la musica possa costituire unesperienza di apprendimento attiva e giocosa, partendo da concrete esperienze multisensoriali e socializzanti, intersecando i diversi piani - uditivo, ritmico, motorio, gestuale, vocale, linguistico e stimolando l'immaginazione e la produzione spontanea. In considerazione dellet degli alunni da considerare centrale lesperienza col corpo, ma anche lutilizzo di oggetti e di piccoli strumenti che consentono immediatezza duso e contatto, perch stimola i bambini a far musica concretamente, non solo per riprodurre o eseguire ritmi e

melodie definite ma anche attraverso limprovvisazione e lideazione di proprie musiche originali. Lapproccio vuole valorizzare sia lespressione e lesplorazione individuale che linterazione allinterno di gruppi di lavoro, dove pu avvenire uno scambio di vissuti ed esperienze e un arricchimento reciproco.

VALUTAZIONE
Verifica e valutazione del processo di insegnamento/apprendimento, tesa ad individuare miglioramenti e criticit , terr conto di due importanti fattori i livelli di partenza sono molto diversificati apprezzamenti, emozioni, espressione personale e creativit che appartengono alla sfera del soggettivo Si tratter pertanto innanzitutto di dare spazio lungo tutto il percorso a momenti di: riflessione e autovalutazione di gruppo sulle attivit svolte (sensazioni provate, gradimento, coinvolgimento, punti di forza, punti di debolezza, problematiche emerse..) revisione ed analisi critica in chiave migliorativa di quanto prodotto (registrazioni, videoregistrazioni..)

Parametri per le rilevazioni periodiche:


Dimensione di gruppo - Partecipazione / interesse - Collaborazione nel gruppo - Impegno per la buona riuscita del lavoro Dimensione individuale - Disponibilit e impegno nella sperimentazione/scoperta - Disponibilit allascolto - Bravura esecutiva

MEZZI E STRUMENTI

Tenendo conto delle risorse di spazi e materiali le attivit verranno svolte in aula. Si far uso di -software specifici -lettore cd e televisore -varie tracce musicali -materiale di cancelleria -cd e cassette vergini -oggetti duso comune -strumentario Orff disponibile - pc portatile di propriet personale dellinsegnante

ORGANIZZAZIONE
a settimana Classi 2^,3^,4^C-D-E,5^A,B ;2h a settimana classi5 ^A(venerdi12,2013,20);B(mercoled12,20-13,20) ottobre2010-maggio2011laboratorio extracurricolare(Coro) l 4 ottobre 2011

Settembre2010 giugno 2011laboratori curricolari:1h