Sei sulla pagina 1di 3

ricerca&investimenti.

it
Il Futuro dell'Energia Nucleare (Atomkraft)
di Marin Katusa, Casey Energy Opportunities | 15 giugno 2011 In un drammatico voltafaccia, lo scorso lunedi il Cancelliere Angela Merkel ha annunciato che la Germania vuole gradualmente eliminare completamente l'energia nucleare entro il 2022, chiudendo i suoi nove reattori attualmente operativi e non riavviare mai pi i sette reattori che sono stati sospesi a seguito del disastro nucleare Giapponese nell'impianto di Fukushima Daiichi. La Germania fin dall'inizio ha combattuto una conflittuale, ma forte relazione con l'energia nucleare. La Germania Ovest ha costruito la sua prima centrale nucleare nel 1960, da allora il paese ha dovuto fare affidamento sui reattori nucleari per oltre il 20% del suo fabbisogno di potenza. Ma la crescita del settore non avvenuta senza opposizioni. Nel 1975 un incendio nello stabilimento Lubmin sulla costa baltica ha quasi provocato una fusione del nocciolo. Pochi anni dopo che il Partito dei Verdi che si era formato, questo divenne rapidamente una forza politica nazionale basata principalmente sul loro slogan "Atomkraft? Nein, Danke "(Energia nucleare? No grazie). Per i prossimi 20 anni, il paese che ha combattuto con i rifiuti nucleari, prima di tutto per il trasporto a medio termine negli impianti di stoccaggio a causa delle proteste contro la costruzione di un impianto nazionale di trattamento dei rifiuti, per poi spedirli nelle strutture in Francia e in Gran Bretagna. Nei primi anni 2000, i manifestanti hanno regolarmente bloccato il trasporto dei rifiuti, creando in quel periodo una forte tensione che culmin con la morte di un attivista anti-nucleare. In quel contesto, il governo di coalizione si era impegnato ad abbandonare gradualmente l'energia nucleare entro la met del 2020. Ma sei anni pi tardi, nel 2006, il Cancelliere Merkel ha detto che sarebbe stato un errore per la Germania spegnere le sue centrali nucleari. Quattro anni dopo, ha rafforzato questa posizione con un piano per mantenere gli impianti nucleari del paese per altri 12 anni, fino al 2033. La legge era stata approvata alla camera del paese nel mese di ottobre 2010. Cinque mesi dopo, il terremoto e con lo tsunami in Giappone che ha paralizzato l'impianto nucleare di Fukushima Daiichi. Il mondo ha trattenuto il respiro per settimane mentre TEPCO faticava nel contenere le radiazioni, ripristinare l'elettricit del sito, e riparare i sistemi di raffreddamento per evitare dei crolli del nucleo principale. I manifestanti anti-nucleare in Germania, presi dalla catastrofe hanno spinto il cancelliere a cambiare la sua posizione. In pochi giorni, la Merkel ha cancellato la decisione di estendere la durata della vita degli impianti nucleari del paese e ha anche interrotto le operazioni presso i sette impianti di vecchia data, che avevano iniziato prima del 1980. Ora, dopo un week-end che ha visto decine di migliaia di tedeschi manifestare contro l'energia nucleare in tutto il paese, il Cancelliere Merkel ha cementato entrambe le decisioni. Tutti i reattori nucleari della Germania saranno definitivamente messi fuori servizio entro il 2022, una battuta d'arresto sorprendente. La decisione inserisce la Germania tra i primi paesi pi industrializzati a voltare le spalle al nucleare dopo il disastro di Fukushima. La Germania ha 17 reattori, di cui nove sono attualmente operativi. I sette impianti non operativi sono i vecchi reattori messi in stato di fermo sulla scia di Fukushima, ed uno di questi l'impianto di Kruemmel nel nord della Germania che stato messo fuori servizio da anni a causa di

problemi tecnici. Nessuno dei reattori attualmente attivi sar riattivato, e il pi recente degli impianti attualmente in funzione verr spento nel 2021 e 2022. Ora la Germania dovr trovare nuove fonti per coprire il 23% del suo fabbisogno di energia, che l'attuale potenza dei suoi reattori nucleari nel 2010. Il governo di coalizione guidato dalla Merkel afferma che prevede di spingere il paese a ridurre il consumo energetico del 10% entro il 2020. Promuover il raddoppio dell'uso dell'energia eolica e solare, in modo che le fonti rinnovabili possano fornire il 35% della potenza del paese nel momento in cui il nucleare non sar pi in uso. Il cambiamento della Merkel dettato dall'emotivit arriva a seguito di una serie di risultati elettorali disastrosi per il suo partito dei cristiano-democratici (Cdu) e dei loro alleati dei liberi democratici, ai quali stato in gran parte attribuito la loro impopolare politica pro-nucleare. Nello scorso mese di marzo, i Verdi ottennero il controllo di una roccaforte del CDU il popoloso stato del Baden-Wrttemberg e questo fu un duro colpo alla credibilit della Merkel come leader della coalizione. L'anno scorso, il suo partito ha perso la sua maggioranza nella Camera dopo non essere riuscita a mantenerla in un'altra regione altamente popolata, il Nord Reno-Westfalia. In Germania i fornitori di energia non erano soddisfatti con la decisione sul nucleare. "La fine (del nucleare) entro il 2022 non era la data che avevamo sperato", ha detto un portavoce di RWE, il maggiore fornitore di energia della Germania. La societ ha anche detto che continuer "tutte le opzioni legali aperte", in riferimento alla decisione del governo di mantenere la recente tassa imposta sul nucleare, malgrado l'impegno a non rendere operativi gli impianti. La tassa era legata al prolungamento della vita dei reattori. Un altro importante fornitore di energia E. ON e la tedesca RWE avevano minacciato di citare in giudizio il governo per il prelievo ancora prima che il piano per il blocco dell'energia nucleare fosse stato annunciato. E per un caso separato, RWE aveva gi depositato il contenzioso che impegnava la Germania temporaneamente (oggi in modo stabile) ha sospendere le sette vecchie centrali a seguito di Fukushima. L'associazione industriale tedesca, BDI, ha detto che l'uscita dal nucleare avrebbe fatto salire i prezzi dell'energia e reso pi difficile raggiungere gli obiettivi di emissione, in quanto "il deficit da energia nucleare dovr essere compensato con il carbone e le centrali a gas". La Merkel, ha tuttavia ribadito che l'obiettivo della Germania di ridurre le emissioni di gas serra del 40% entro il 2020 rimangono confermate. Secondo Platts, ci sono gi circa 13GW di capacit di energia termica, che comprende principalmente il carbon fossile, ma alcuni di lignite e di gas, in costruzione in Germania. Ma quattro dei nove impianti a carbone di potenza e una unit di lignite, attualmente in costruzione improbabile che siano consegnati, come originariamente previsto, nel 2011 e 2012 a causa di un problema con la costruzione delle caldaie. Questo fatto, insieme al programma di arresto del nucleare, sta spingendo le discussioni sul fatto che il piano sul nucleare insostenibile, perch lascer la Germania con una capacit di energia insufficiente. Il luned successivo la decisione tedesca sono state provocate forti perdite nei diversi maggiori produttori di uranio. Cameco (T. CCO), il pi grande produttore di uranio puro del mondo, ha perso il 3,3%, mentre Uranium One (T. UUU) sceso del 2,7%. Tuttavia, non ci aspettiamo che la decisione della Germania abbia un impatto sulla storia dell'uranio nel lungo periodo. La Germania con i suoi 17 reattori rappresenta solo il 5% della domanda globale. In confronto, ci sono 104 reattori nucleari negli Stati Uniti e 58 in Francia. E le economie sviluppate non sono coloro che

contribuiscono in modo significativo alla crescita della domanda di uranio - il mondo in via di sviluppo ricoprire quel ruolo. La Cina ha 27 reattori in costruzione, 50 previsti e altri 110 proposti. L'India ne ha 5 in costruzione, 18 previsti e 40 proposti. La Russia ne ha 10 in costruzione, 14 previsti e 30 proposti. E cos via. Lo abbiamo detto prima e lo ripetiamo - a lungo termine i fondamentali per l'uranio sono molto forti. La crescita della domanda superer l'aumento dell'offerta nel medio termine, in quanto i paesi in via di sviluppo stanno lavorando in modo frenetico per fornire ai suoi miliardi di cittadini l'elettricit. Il disastro di Fukushima, e la reazione della Germania al seguito, potr fare ben poco per far deragliare questa traiettoria. Quello che la decisione della Germania far, sar quello di promuovere ulteriormente le energie rinnovabili. Il Luned successivo, i produttori di celle solari Q-Cells SE e Solar World hanno guadagnato 8,5% e 8,8%, mentre il produttore di turbine eoliche avanzate Nordex ha fatto il 13,3%. Questi guadagni sulla reazione non sono sostenibili, ma voltando le spalle al nucleare la Germania ha dato una ulteriore spinta all'energia solare ed eolica. [Impara su come gli stupidi politici, il disastro nucleare del Giappone, e le turbolenze in Medio Oriente stanno devastando l'economia globale ... e su come un investitore esperto nell'energia pu trarre vantaggio da selezionate opportunit di profitto che si stanno generando. Abbonati a Casey Energy Opportunities qui.] 2011 Casey Research All Rights Reserved 2011 Horo Capital (Traduzione Italiana) Tutti i Diritti Riservati Per iscriversi alla newsletter GRATUITA settimanale ricerca&investimenti cliccare qui: http://www.ricercaeinvestimenti.it/Registrazione.aspx
DISCLAIMER: La presente pubblicazione distribuita da Horo Capital srl. I contenuti pubblicati sono di propriet di Casey Research, LLC - la quale non pu assicurare i lettori che la traduzione sia perfettamente aderente al contenuto originale. Horo Capital srl responsabile per quanto riguarda la correttezza della sola traduzione dei contenuti. Horo Capital srl pur ponendo la massima cura nella traduzione della presente pubblicazione e considerando affidabili i suoi contenuti, Horo Capital srl non si assume tuttavia alcuna responsabilit in merito allesattezza, completezza e attualit dei dati e delle informazioni nella stessa contenuti ovvero presenti sulle pubblicazioni utilizzate ai fini della sua predisposizione. Di conseguenza Horo Capital srl declina ogni responsabilit per errori od omissioni. Horo Capital srl si riserva il diritto, senza assumersene l'obbligo, di migliorare, modificare o correggere eventuali errori ed omissioni in qualsiasi momento e senza obbligo di avviso. La presente pubblicazione viene fornita per meri fini di informazione ed illustrazione, non costituendo in nessun caso offerta al pubblico di prodotti finanziari ovvero promozione di servizi e/o attivit di investimento n nei confronti di persone residenti in Italia n di persone residenti in altre giurisdizioni, a maggior ragione quando tale offerta e/o promozione non sia autorizzata in tali giurisdizioni. Le informazioni fornite non costituiscono un'offerta o una raccomandazione per effettuare o liquidare un investimento o porre in essere qualsiasi altra transazione. Esse non possono essere considerate come fondamento di una decisione d'investimento o di altro tipo. Qualsiasi decisione d'investimento deve essere basata su una consulenza pertinente, specifica e professionale. Tutte le informazioni pubblicate non devono essere considerate una sollecitazione al pubblico risparmio o la promozione di alcuna forma d'investimento n raccomandazioni personalizzate ai sensi del Testo Unico della Finanza trattandosi unicamente di informazione standardizzata rivolta al pubblico indistinto. N Horo Capital srl n Casey Research, LLC potranno essere ritenuti responsabili, in tutto o in parte, per i danni (inclusi, a titolo meramente esemplificativo, il danno per perdita o mancato guadagno, interruzione dellattivit, perdita di informazioni o altre perdite economiche di qualunque natura) derivanti dalluso, in qualsiasi forma e per qualsiasi finalit, dei dati e delle informazioni presenti nella presente pubblicazione. Ogni decisione di investimento e disinvestimento pertanto di esclusiva competenza del Cliente che pu decidere di darvi o meno esecuzione con qualsivoglia intermediario autorizzato; qualsiasi eventuale decisione operativa presa dal Cliente in base alle informazioni pubblicate , infatti, da considerarsi assunta in piena autonomia decisionale e a proprio esclusivo rischio. Il Contenuto presente nella pubblicazione pu essere riprodotto unicamente nella sua interezza ed esclusivamente citando il nome di Horo Capital srl e di Casey Research, LLC restandone in ogni caso vietato ogni utilizzo commerciale. Si intende per Contenuto tutte le analisi, grafici, immagini, articoli i quali sono tutti protetti da copyright. Horo Capital srl ha la facolt di agire in base a/ovvero di servirsi di qualsiasi elemento sopra esposto e/o di qualsiasi informazione a cui tale materiale si ispira ovvero tratto anche prima che lo stesso venga pubblicato e messo a disposizione della sua clientela. Horo Capital srl pu occasionalmente, a proprio insindacabile giudizio, assumere posizioni lunghe o corte con riferimento ai prodotti finanziari eventualmente menzionati nella presente pubblicazione. In nessun caso e per nessuna ragione Horo Capital srl, sar tenuta, ad agire conformemente, in tutto o in parte, alle opinioni riportate nella presente pubblicazione. Ogni violazione del copyright in qualsiasi modo si esprima ai danni di Horo Capital srl e Casey Research, LLC sar perseguita legalmente.