Sei sulla pagina 1di 1

si fondono in modo quasi indissolubile grazie a un linguaggio diretto, incalzante, appassionato e privo di

intellettualismi.”

Consigli a un giovane scrittore, di Vincenzo Cerami

Cerami, ottimo scrittore, drammaturgo e sceneggiatore, ci regala un breviario su come creare emozioni
attraverso le parole scritte. Il livello di analisi di questo libro comprende trucchi, strumenti e meccanismi atti
a perfezionare la narrazione su carta.

La letteratura fantastica, di Cvetan Todorov


Il linguaggio è semplice, esplicativo. Tramite esempi ed episodi riferiti alla propria esperienza Cerami aiuta a
capire come si costruisce uno stile, come si scrivono dei dialoghi realisti etc etc.
Ok, stiamo andando un po' nello specifico. Ma questo blog È specifico, quindi nulla di male. Il saggio in
questione è una miniera di informazioni pratiche e utili. Attenzione: non si tratta di un vero e proprio
Ottimo anche per chi vuole diventare un lettore “consapevole”, e non solo passivo. manuale, ma chi ne ha facoltà potrà ricavarne preziosi insegnamenti.

Il saggio di Todorov analizza il racconto fantastico, partendo dalla sua caratteristica produzione nell'800, per
poi esaminare il passaggio alla letteratura fantastica moderna e all'attuale fantascienza.

Il punto di partenza è quindi la definizio di un genere complesso e molto articolato.

Da qui l'autore traccia le linee guida di quella che dovrebbero essere le condizioni basilari per scrivere un
racconto (o romanzo) ascrivibile nel suddetto genere.

Parlare in breve di questo saggio è impossibile, perciò mi limito a consigliarvelo. Se siete lettori voraci, ne
farete buon uso per imparare a analizzare e ad apprezzare ancora di più tutti quei filoni narrativi che alcuni
critici valutano (superficialmente) come mero intrattenimento. E quindi, per (il)logica conseguenza, di serie B.

Se invece volete cimentarvi come scrittori del fantastico, grazie a Todorov potrete capirne i meccanismi e
scoprirne i segreti. Non è la Bibbia, ma è quanto di più autorevole si possa reperire in materia.

Smettetela di piangervi addosso: scrivete un bestseller, Renato di Lorenzo


Infine un altro non-manuale di scrittura, ma che è utile e prezioso se volete cimentarvi nel mondo degli ebook
e dell'autoproduzione:
Il titolo la dice lunga su come l'autore si pone di fronte al classico “aspirante scrittore”. Questo manuale è
infatti una vera e propria esortazione a prendere la scrittura come gesto pensato e razionale, al fine di
realizzare un prodotto non solo catartico, bensì godibile al maggior numero di lettori possibile. E vendibile.
Perché la scrittura, pur essendo una passione, necessita pianificazione e praticità.

Tra l'altro Di Lorenzo cita dati e cifre molto precise. Esempio: “Insomma, guardatevi allo specchio: come mai
non avete ancora scritto un bestseller? Spicciatevi, c’è un futuro di successo davanti a voi. Se riuscirete a
vendere almeno 20mila copie, guadagnerete come minimo 28.820 euro (e mi raccomando i 20 centesimi).”

Insomma, non solo scrittura, bensì pianificazione della medesima.

Il testo digitale, di Alessandra Anichini

Anche questo è un titolo che sta a metà tra il pubblico inesperto e quello già scafato. L'autrice esamina con
chiarezza le nuove forme di testualità, di scrittura, di lettura e di pubblicazione. Un buon punto di partenza
per chi è già in grado di scrivere in modo professionale, ma non sa come e dove rivolgersi per trovare visibilità
e lettori.

Una tortura deliziosa. Pagine sull'arte di scrivere, di Henry Miller Se invece volete un altro titolo su questa tematica, Apogeo editore mette a disposizione gratuitamente il
manualetto Editoria Digitale, di Letizia Sechi, che traccia un affresco piuttosto interessante su quanto i nuovi
formati di e-writing stiano cambiando non solo il mercato, bensì anche il flusso di lavoro sul contenuto, ossia
sul testo.
Qui ci buttiamo sul classico. Cosa che di base non fa mai male. Sul valore di Miller immagino ci sia poco da
dibattere. È uno di quegli autori che piace anche a chi ha dei gusti molto specifici e settoriali in tema di libri.
Citando direttamente la quarta di copertina di questo utile manualetto:

“Una tortura deliziosa raccoglie le più belle pagine di Henry Miller sulla scrittura, inedite o tratte dai suoi
capolavori – da Tropico del Cancro a Sexus – per consegnarsi ai lettori nella triplice forma dell’antologia,
dell’autobiografia ma soprattutto di un prezioso e intramontabile manuale di scrittura composto in oltre
mezzo secolo di attività da uno dei più grandi autori del Novecento. Nelle pagine di Miller la vita e la scrittura