Sei sulla pagina 1di 81

CashFlow STS Manuale per L’Utente

Cashflow STS V7.02

Support & Test Systems per prodotti MEI Cashflow


MEI Systems Engineering

MANUALE PER L'UTENTE

MEI, 2011 Page 1


CashFlow STS Manuale per L’Utente

MEI Cashflow® STS - Manuale per L’Utente

Edizione (Dicembre2011) Stampato nel Regno Unito.

Internet: http://www.meigroup.com

Per informazioni sulle pubblicazioni disponibili in altre lingue, rivolgersi al proprio regional sales representative.

© , MEI, 2011. Tutti i diritti riservati

Ad eccezione di quanto consentito dalla legislazione locale, la presente pubblicazione non può essere copiata,
trasmessa, trascritta o distribuita sotto qualsiasi forma, né memorizzata in un database o in un sistema di
reperimento dati oppure tradotta in altre lingue (naturali o informatiche) senza l'autorizzazione scritta di MEI.

MEI CashFlow® e il dispositivo MEI sono marchi registrati.

MEI si riserva il diritto di modificare il prodotto e le relative specifiche tecniche in qualsiasi momento. A
prescindere dagli sforzi compiuti al fine di garantire l'accuratezza delle informazioni contenute nella presente
pubblicazione, MEI non si assume alcuna responsabilità circa eventuali perdite dirette o indirette derivanti
dall'impiego di queste informazioni e dalle azioni intraprese sulla base delle stesse.

Questo documento non implica necessariamente la disponibilità del prodotto.

Nota: è possibile che il prodotto in dotazione presenti alcune differenze rispetto alle illustrazioni contenute in questo
manuale.

MEI, 2011 Page 2


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Sommario
SOMMARIO ............................................................................................................................................................... 3

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE ..................................................................................................................... 6


INTRODUZIONE .......................................................................................................................................................... 6
DRIVER USB CF8000................................................................................................................................................ 6
INSTALLAZIONE ......................................................................................................................................................... 6
DRIVER DISPOSITIVO ................................................................................................................................................. 6
AVVIO DEL SOFTWARE CASHFLOW STS .................................................................................................................... 7
IMPOSTAZIONE DEL CODICE DI LICENZA .................................................................................................... 8

LOGON ....................................................................................................................................................................... 9
MODIFICA PASSWORD ............................................................................................................................................. 10
FINESTRA PRINCIPALE ...................................................................................................................................... 11
OPZIONI DI CONFIGURAZIONE .................................................................................................................................. 11
TERMINALI .............................................................................................................................................................. 12
FUNZIONI AMMINISTRATIVE .................................................................................................................................... 13
BARRA DI STATO ..................................................................................................................................................... 13
CONFIGURAZIONE ............................................................................................................................................... 14
RIEPILOGO DELLA CONFIGURAZIONE ....................................................................................................................... 14
MODIFICA DELLE IMPOSTAZIONI DI CONFIGURAZIONE ............................................................................................ 15
Modifica degli elementi di testo .......................................................................................................................... 15
Selezione da un intervallo ................................................................................................................................... 15
Selezione da un elenco a discesa ........................................................................................................................ 15
Selezione da un controllo ad elenco ................................................................................................................... 16
Modifica di valori con codifica binaria .............................................................................................................. 16
Selezione da un controllo a combinazione.......................................................................................................... 16
Selezione da un controllo firmware .................................................................................................................... 17
CHANNEL SETS ..................................................................................................................................................... 18

FINESTRA PRINCIPALE - SERIE SC ................................................................................................................. 21


CONFIGURAZIONE ................................................................................................................................................... 21
STRUMENTI ............................................................................................................................................................. 22
FINESTRA PRINCIPALE - CF 9500 ..................................................................................................................... 23
CONFIGURAZIONE ................................................................................................................................................... 23
FINESTRA PRINCIPALE - CF 7000 ..................................................................................................................... 24
CONFIGURAZIONE ................................................................................................................................................... 24
FINESTRA PRINCIPALE – EC6000 ..................................................................................................................... 25
CONFIGURAZIONE ................................................................................................................................................... 25
FINESTRA PRINCIPALE - CF690 ........................................................................................................................ 26
CONFIGURAZIONE ................................................................................................................................................... 26
FINESTRA PRINCIPALE – CF8000 ..................................................................................................................... 27
CONFIGURAZIONE ................................................................................................................................................... 27
FINESTRA PRINCIPALE – VAM ......................................................................................................................... 28
CONFIGURAZIONE ................................................................................................................................................... 28
FINESTRA PRINCIPALE – CONLUX MCM5 .................................................................................................... 29

MEI, 2011 Page 3


CashFlow STS Manuale per L’Utente

CONFIGURAZIONE ................................................................................................................................................... 29
CALCOLO DEL TUBO E DEL DESIGNATORE ............................................................................................... 30

TERMINALI............................................................................................................................................................. 31
STRUTTURA AD ALBERO DEI DISPOSITIVI PALMARI .................................................................................................. 32
Gruppo ................................................................................................................................................................ 32
Dispositivi palmari ............................................................................................................................................. 32
Barra di stato ...................................................................................................................................................... 33
INFORMAZIONI GENERALI SUI DISPOSITIVI PALMARI ................................................................................................ 34
Nome ................................................................................................................................................................... 34
Numero Seriele ................................................................................................................................................... 34
Gruppo ................................................................................................................................................................ 34
File...................................................................................................................................................................... 35
IMPOSTAZIONI AVANZATE DEI DISPOSITIVI PALMARI (CPM) ................................................................................... 36
Conteggio Accensioni ......................................................................................................................................... 36
Conteggio Errori ................................................................................................................................................ 36
Versione Firmware ............................................................................................................................................. 36
Impostazioni Prelievo Audit ............................................................................................................................... 37
Strumenti Avanzati .............................................................................................................................................. 37
Visualizza Log Errori ......................................................................................................................................... 37
SUPPORTO DISPOSITIVO FLASH USB ....................................................................................................................... 38
CREARE UN DISPOSITIVO FLASH MEI TRAMITE LA SEZIONE DI GESTIONE TERMINALI: ............................................ 38
IMPOSTAZIONI AVANZATE TERMINALI (DISPOSITIVI FLASH) .................................................................................. 39
AGGIORNA TERMINALE ........................................................................................................................................... 40
CPM (CASHFOW PROGRAMMING MODULE) ............................................................................................................ 41
AUDIT ....................................................................................................................................................................... 42

DATI AUDIT VALIDATORE DI BANCONOTE ................................................................................................ 43


LEGGI DA DISPOSITIVO ............................................................................................................................................ 43
AUDIT DATABASE ................................................................................................................................................... 44
ESPORTAZIONE DI DATI AUDIT ................................................................................................................................. 45
IMPORTAZIONE DI DATI AUDIT ................................................................................................................................. 46
CANCELLAZIONE DI DATI AUDIT .............................................................................................................................. 46
DATI AUDIT GENERALI............................................................................................................................................. 47
AUDIT BANCONOTA ................................................................................................................................................ 47
PARSER FILE AUDIT ............................................................................................................................................ 48

CONFIGURAZIONE AUDIT PARSER ................................................................................................................ 50

CRC (CONTROLLO CICLICO RIDONDANZA) ............................................................................................... 51

DIAGNOSTICA VALIDATORE DI BANCONOTE ............................................................................................ 52


SELF-TEST 1 ............................................................................................................................................................ 53
Risultati dei test .................................................................................................................................................. 53
Dettagli Elemento Test ....................................................................................................................................... 54
SELF-TEST 2 ............................................................................................................................................................ 55
Conferma utente ................................................................................................................................................. 55
RAPPORTO TEST ...................................................................................................................................................... 56
Test in corso ....................................................................................................................................................... 56
Errori nei test...................................................................................................................................................... 57
Dettagli Tests ...................................................................................................................................................... 57
DIAGNOSTICA CAMBIAMONETE .................................................................................................................... 58
INFORMAZIONE TEST GENERALE ............................................................................................................................. 58
Stato Test ............................................................................................................................................................ 59
Pulsante “Esegui Tutti” ..................................................................................................................................... 59
Saltare un test ..................................................................................................................................................... 59

MEI, 2011 Page 4


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Rapporto Test Diagnostica ................................................................................................................................. 60


TESTS MODULO ALTO ............................................................................................................................................. 61
Diagnostica LED ................................................................................................................................................ 61
Diagnostica Pulsanti .......................................................................................................................................... 61
Diagnostica Display ........................................................................................................................................... 62
MODULO ALTO – RIPARAZIONE E CALIBRAZIONE ................................................................................................... 63
TESTS EROGATORE .................................................................................................................................................. 67
MEMORIA MONETE ................................................................................................................................................. 68
MEMORIA MONETE - DIAGNOSTICA ........................................................................................................................ 68
Sensore Temperatura .......................................................................................................................................... 68
Conteggi Tubi ..................................................................................................................................................... 69
Tests Solenoidi .................................................................................................................................................... 69
MEMORIA MONETE – RIPARAZIONE E CALIBRAZIONE ............................................................................................ 70
Elimina Calibrazione Temperatura .................................................................................................................... 70
Elimina Calibrazione Cassetta ........................................................................................................................... 70
Calibrazione Temperatura.................................................................................................................................. 70
Calibrazione Cassetta di Fabbrica ..................................................................................................................... 71
Calibrazione Cassetta Installata ........................................................................................................................ 71
AUDIT – LOG ERRORI .............................................................................................................................................. 72
AUDIT – AUDIT LOG ................................................................................................................................................ 73
AUDIT – OPZIONI ..................................................................................................................................................... 73
Elimina Opzioni .................................................................................................................................................. 74
Recupero Dati Diagnostici ................................................................................................................................. 74
STRUMENTO DI INSTALLAZIONE ................................................................................................................... 75

USER MANAGER ................................................................................................................................................... 78

GESTIONE DEGLI ERRORI................................................................................................................................. 80

GUIDA ED INFORMAZIONI SU .......................................................................................................................... 81

MEI, 2011 Page 5


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Procedura di installazione
Introduzione
Questo strumento di supporto può essere utilizzato con accettatori di banconote MEI Cashflow Serie SC, accettatori
di monete Cashflow 9500 e rendiresto Cashflow 7000/7906 e Cashflow 690 Rendiresto Cashflow 8000 e Cashflow
Vending Audit Modules.
Il software, insieme ai moduli CPM (Cashflow Programming Module) per dispositivi palmari (HII e USB), supporta
i prodotti Cashflow sia sul campo che in stabilimento.
Le funzionalità disponibili dipendono dal tipo di licenza acquistata, ma in generale comprendono:
Terminali – Consente di gestire dispositivi palmari, scaricare file per tali dispositivi, modificare impostazioni
audit e aggiornare il firmware dei dispositivi palmari.
Opzioni di configurazione – Consentono di caricare e salvare configurazioni in o da un file, così come in o da
accettatori di banconote, dispositivi CF9500, CF690, EC6000, CF7000, CF7906, CF8000, Conlux MCM5 e
VAM o dispositivi palmari. Le configurazioni CF8000 e VAM possono anche essere trasferite su un supporto
USB.
Audit – Consente di visualizzare dati salvati, così come di recuperare nuovi dati audit da accettatori di
banconote serie SC.
I dispositivi palmari salvano automaticamente nel database i dati audit recuperati al momento della
connessione. La sezione Audit consente la visualizzazione di files di audit recuperati da una vending machines
in formato leggibile.
CRC – Consente di eseguire verifiche CRC su accettatori di banconote serie SC collegati.
Diagnostica – Consente di visualizzare ed eseguire vari test su unita’ accettatori di banconote serie SC,
cambiamonete CF7000,CF8000 ed EC6000 collegate.

Driver USB CF8000


L’applicazione di installazione per il driver USB, per i dispositivi CF8000 e VAM, viene caricata sul pc dal
pacchetto di installazione STS. Tale applicazione necessita di un avvio manuale come di seguito indicato. Aprire
una finestra di Ricerca File e selezionare il percorso “C:\Program Files\MEI\Casflow STS\USBDrivers\CF8000”.
Avviare l’applicazione CDM20600.exe. Qualora STS sia stato caricato in una cartella specifica, differente da quella
di default, per avviare l’applicazione di installazione driver USB, occorre accedere alla cartella specifica e seguire il
percorso“USBDrivers\CF8000”.

Installazione
Inserire il CD; se l'installazione non viene avviata automaticamente, fare doppio clic su
Setup.Exe nella directory del CD e seguire le istruzioni visualizzate sullo schermo.

Driver dispositivo
Lasciare il CD-ROM nell'unità dopo l'installazione; al primo collegamento di un accettatore di banconote o di un
modulo di programmazione Cashflow (CPM), verrà visualizzata la finestra di Windows "Nuovo componente
hardware individuato".
All'avvio dell'"Installazione guidata Nuovo hardware", verificare che l'unità CD-ROM sia inclusa nella ricerca, per
consentire l'installazione ottimale del driver.
Il driver MeiUsb.drv viene individuato e installato.
Se Windows ha delle difficoltà a trovare il driver automaticamente, è possibile cercarlo manualmente nel CD-ROM
di installazione.

MEI, 2011 Page 6


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Avvio del software Cashflow STS


Fare doppio clic sull'icona Cashflow STS del desktop oppure selezionarla nel menu Start per avviare l'applicazione.

MEI, 2011 Page 7


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Impostazione del codice di licenza


Ogni cliente o copia di Cashflow STS dispone di un codice di licenza univoco.
In genere, tale codice si trova sulla custodia del CD.
All'avvio dell'applicazione, se il codice di licenza non è stato impostato o non è valido, viene visualizzata la finestra
seguente:

Finestra del codice di licenza


Immettere il codice e fare clic su OK per continuare.
Se il codice di licenza immesso non è valido, viene chiesto di riprovare.
Se esiste già un codice di licenza memorizzato, esso verrà visualizzato nella schermata seguente:

L'amministratore può avviare questa finestra dal menu Admin. Per poter utilizzare le nuove funzionalità del
programma, potrebbe essere necessario immettere un nuovo codice di licenza.

MEI, 2011 Page 8


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Logon
All'avvio dell'applicazione viene visualizzata la schermata seguente:

Finestra Logon
Immettere il proprio ID di accesso seguito dalla password e fare clic su OK.
Se abilitata, è possibile selezionare l'opzione "Memorizza le Login Id e Password e consento l’accesso automatico".

Il nome utente e la password verranno salvati sul computer e, alla successiva esecuzione dell'applicazione, la
connessione verrà effettuata automaticamente
L'amministratore può disattivare questa opzione dalla schermata User Manager.
Installazione iniziale
Alla prima installazione del sistema, è necessario connettersi come "admin", senza immettere alcuna password.
Successivamente, sarà possibile modificare la password e impostare nuovi utenti nella schermata User Manager.

MEI, 2011 Page 9


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Modifica Password
Se la propria password è stata reimpostata, o in qualsiasi momento dal menu User, è possibile modificare la
password nella schermata seguente:

Finestra modifica password


Digitare la vecchia password (se impostata), quindi immettere la nuova password costituita da un numero di
caratteri compreso tra 6 e 16.
Immettere una seconda volta la nuova password nella casella di testo Conferma Password.
Fare clic su OK per terminare.
Nota: nelle password si fa distinzione tra lettere maiuscole e minuscole.

MEI, 2011 Page 10


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Finestra principale
Una volta avviata l'applicazione, viene visualizzata la finestra principale. Le barre degli strumenti e di stato non
saranno visualizzate di default. Per abilitare la funzionalita’, selezionare la corrispondente voce dal menu Finestra.
IMPORTANTE: le opzioni disponibili dipendono dal tipo di licenza e dalle autorizzazioni utente di cui si dispone.

Finestra principale

Opzioni di configurazione
Le principali opzioni di configurazione sono le seguenti:
Crea e apre una nuova configurazione per un prodotto Cashflow in una nuova finestra di
riepilogo.

Consente di selezionare un file di configurazione e caricarlo in una nuova finestra di riepilogo.

Consente di selezionare una directory e un nome file e di salvare la configurazione selezionata


in tale percorso.

Invia alla stampante il riepilogo della configurazione selezionata.


Nel menu File è anche disponibile l'opzione Anteprima di Stampa.

MEI, 2011 Page 11


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Consente di leggere la configurazione corrente di un dispositivo collegato in una nuova


finestra di riepilogo.

Consente di scrivere la configurazione selezionata in un dispositivo collegato.


Verranno scritte unicamente le impostazioni con l'opzione “Includi/Rimuovi Impostazione”
selezionata; tali impostazioni sono visualizzate in grassetto nella finestra di riepilogo.
Tali opzioni sono accessibili anche dal menu File:

Terminali
I dispositivi palmari possono essere utilizzati per configurare i prodotti in remoto:
Visualizza la finestra Terminali.
Da questa finestra è possibile nominare, organizzare e controllare le impostazioni, così come
scaricare file nei dispositivi palmari. È inoltre possibile aggiornare il firmware dei palmari.

MEI, 2011 Page 12


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Funzioni utente

Il nome dell'utente connesso viene visualizzato nella barra del titolo nel formato Nome utente (ID di accesso).
Il menu Utente contiene opzioni di gestione per tutti gli utenti.
Selezionare Esci per disconnettere l'utente corrente e visualizzare la schermata Logon.
Selezionare Modifica Password per modificare la password dell'utente corrente nella schermata Modifica
Password.
Selezionare Accesso Automatico per attivare e disattivare l'opzione di connessione automatica; vedere la schermata
Logon per maggiori informazioni.

Funzioni amministrative

Un utente con privilegi di amministratore può accedere al menu Admin e visualizzare l'icona Utenti nella barra
degli strumenti:
Visualizza la finestra User Manager.
Questa finestra consente all'amministratore di aggiungere e rimuovere utenti, modificare ID di
accesso e nomi utente, così come di attivare e disattivare l'opzione di connessione automatica.

Selezionare Cambia Licenza per aprire la finestra Inserisci Licenza. Da questa finestra è possibile eseguire
l'aggiornamento della propria licenza e attivare nuove funzioni.

Barra di stato
La barra di stato è costituita dalle seguenti sezioni:
Stato del sistema
Indica lo stato corrente del sistema.

Collegamento prodotti
Indica il numero di prodotti collegati o il numero di serie del
prodotto collegato, nel caso ve ne sia solo uno.

Collegamento palmari
Indica il numero di dispositivi palmari collegati.

Data e ora locali

MEI, 2011 Page 13


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Configurazione
Le opzioni di configurazione consentono di creare configurazioni mediante:
La creazione di nuovi documenti.
La lettura di accettatori di banconote o di dispositivi CF9500, CF690, EC6000, CF7000 o CF8000.
L'apertura di file precedentemente salvati.
Quando una configurazione viene aperta, viene visualizzato un documento di riepilogo della configurazione.
Tale documento può essere modificato, quindi:
Salvato come file
Scritto in un dispositivo.

Riepilogo della configurazione


Le impostazioni di configurazione vengono visualizzate in una finestra di riepilogo simile alla seguente:

Vengono visualizzate le prime quattro voci di ogni gruppo; fare clic sul pulsante More per visualizzare l'elenco
completo.

MEI, 2011 Page 14


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Modifica delle impostazioni di configurazione


Modifica degli elementi di testo
Per impostare un valore, fare clic su Includi/Modifica Impostazioni e digitare il valore nella casella di testo.

Selezione da un intervallo
Per impostare un valore, fare clic su Includi/Modifica Impostzioni e digitare il numero oppure fare clic sui pulsanti
freccia e selezionare il valore desiderato.

Selezione da un elenco a discesa


Per impostare un valore, fare clic su Includi/Modifica Impostazioni, quindi selezionare il pulsante freccia per
visualizzare l'elenco delle opzioni disponibili.
Fare clic sull'opzione da selezionare:

Elenchi allargabili
Alcuni elenchi potrebbero non essere completi fino al caricamento dei file Channelset:

Dopo il caricamento, l'elenco potrebbe apparire come segue:

MEI, 2011 Page 15


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Elenchi descrittivi
Altri elenchi potrebbero risultare più descrittivi dopo il caricamento dei file Channelset:

Dopo il caricamento, l'elenco potrebbe apparire come segue:

Le stesse informazioni vengono riportate nella finestra di riepilogo:

Selezione da un controllo ad elenco


Per impostare un valore, fare clic su Includi/Modifica Impostazioni, quindi sull'opzione da selezionare.

Modifica di valori con codifica binaria


Per impostare un valore, fare clic su Includi/Modifica Impostzioni, quindi sui valori da selezionare.

Il valore BCO verrà ricalcolato in base ai valori selezionati.


Le stesse informazioni vengono riportate nella finestra di riepilogo:

Selezione da un controllo a combinazione


Un controllo a combinazione consente di selezionare un valore da un elenco di valori predefiniti oppure di
impostare un valore entro un determinato intervallo.
Fare clic su Includi/Modifica Impostzioni, quindi fare clic sull'opzione da selezionare, digitare un valore oppure
utilizzare i pulsanti freccia per impostare il numero desiderato.

MEI, 2011 Page 16


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Selezione da un controllo firmware


I controlli firmware consentono di selezionare un file di firmware da scaricare in un'unita collegata.

Fare clic su Includi/Modifica Impostazione, quindi sul pulsante Carica; viene visualizzata una finestra di dialogo in
cui selezionare il file di firmware desiderato.

MEI, 2011 Page 17


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Channel sets
I Channel sets sono files contenenti i dati moneta che i prodotti MEI (CF9500, CF690, CF7000, CF8000 ed
EC6000) utilizzano per identificare le monete al loro inserimento. STS V6.50 implementa una nuova procedura di
gestione dei channel sets. Precedentemente veniva richiesto all’utente di collocare i files di channel set in una
posizione specifica, in modo da consentire al software STS l’identificazione degli stessi, ed una ed una sola
revisione di channelset, alla volta, poteva essere inserita nella specifica cartella.
Con l’introduzione di STS V6.50, all’utente viene richiesto di importare od aggiungere i files di channel set nella
cartella di deposito channel set per consentire ad STS la registrazione degli stessi. I files possono tuttavia risiedere
in qualuque posizione del file system ed è consentita la memorizzazione di più revisioni differenti. L’utente può
anche identificare velocemente la revisione del channel set e la revisione del file di channelset attualmente
disponibile. A supporto di tale funzionalità, nella sezione di confgurazione channelset, sono stati introdotti alcuni
nuovi campi(come sotto mostrato).

I nuovi campi sono:


Revisione File: Revisione del file di channel set. Questo campo è differente dalla revisione del channel
set ed è incrementato ogni volta che uno o più impostazioni di configurazione channelset
sono modificate all’interno del file, nel contesto della medesima revisione channelset.
Identificatore Unico File:Il campo, di sola lettura, identifica in maniera univoca il file. Questo identificatore unico
è anche registrato all’interno di un Database in MEI per consentire la completa
tracciabilità del file.
Modifiche dalla Revisione Precedente: Il campo descrive le modifiche implementate dalla precedente revisione
del channel set.
Channelset di Collaudo: Il campo identifica se il channel set è una revisione completa od un channel set di
collaudo o test.

Per trasferire un nuovo channel set in STS, come in precedenza, all’utente viene richiesto di cliccare sul pulsante
Opzioni ed quindi Trasferisci da file.

MEI, 2011 Page 18


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Viene dunque visualizzata la seguente finesta.

L’utente può quindi cliccare sul pulsante browse per ricercare il file di channel set desiderato per il trasferimento sul
prodotto. A questo punto il file viene anche aggiunto alla lista dei channel set registrati, come sotto mostrato.

MEI, 2011 Page 19


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Una volta selezionato il file, il box di selezione Visualizzare tutte le revisioni visualizzerà tutte le revisioni del
particolare channel set e non solo la più recente.

MEI, 2011 Page 20


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Finestra principale - Serie SC


Per gli accettatori di banconote Serie SC potrebbero essere disponibili altre opzioni.
IMPORTANTE: le opzioni disponibili dipendono dal tipo di licenza e dalle autorizzazioni utente di cui si dispone.

Finestra principale

Configurazione
Le icone di configurazione riflettono i prodotti collegati e concessi in licenza:

Consente di leggere la configurazione corrente di un accettatore di banconote collegato.

Consente di scrivere la configurazione selezionata in un accettatore di banconote collegato.

Consente di scrivere la configurazione selezionata in un modulo di programmazione Cashflow


collegato (USB).

Nella barra di stato è riportato il prodotto collegato:

Riporta il numero di serie dell'accettatore di banconote collegato, nel


caso ve ne sia solo uno.

MEI, 2011 Page 21


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Strumenti
Gli strumenti aggiuntivi disponibili per gli accettatori di banconote Serie SC comprendono:
Visualizza la finestra Audit.
Questa finestra permette di recuperare dati audit da un accettatore di banconote collegato e di
salvarli nel database oppure di caricare e visualizzare dati audit precedentemente recuperati da
un accettatore di banconote o da un dispositivo palmare.

Visualizza la finestra Controllo Ciclico della Ridondanza (CRC).


Questa finestra permette agli addetti alla regolazione o ad altri utenti di eseguire verifiche
CRC direttamente su accettatori di banconote collegati.

Visualizza la finestra Diagnostica.


Questa finestra permette di effettuare test di autodiagnostica su accettatori di banconote
collegati.

Tali opzioni sono accessibili anche dal menu Strumenti:

MEI, 2011 Page 22


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Finestra principale - CF 9500


Dopo la lettura di un accettatore di monete CF 9500, la finestra principale si presenta come nell'illustrazione
seguente.
IMPORTANTE: le opzioni disponibili dipendono dal tipo di licenza e dalle autorizzazioni utente di cui si dispone.

Finestra principale

Configurazione
Le icone di configurazione riflettono i prodotti collegati e concessi in licenza:

Consente di leggere la configurazione corrente di un dispositivo CF 9500 collegato.

Consente di scrivere la configurazione selezionata in un dispositivo CF 9500 collegato.

Consente di scrivere la configurazione selezionata in un modulo di programmazione Cashflow


collegato (HII).

Nella barra di stato è riportato il prodotto collegato:

Riporta il numero di serie dell'accettatore di monete collegato, nel caso


ve ne sia solo uno.

MEI, 2011 Page 23


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Finestra principale - CF 7000


Dopo la lettura di un cambiamonete CF 7000, la finestra principale si presenta come nell'illustrazione seguente.
IMPORTANTE: le opzioni disponibili dipendono dal tipo di licenza e dalle autorizzazioni utente di cui si dispone.

Finestra principale

Configurazione
Le icone di configurazione riflettono i prodotti collegati e concessi in licenza:

Consente di leggere la configurazione corrente di un dispositivo CF7000 collegato.

Consente di scrivere la configurazione selezionata in un dispositivo CF7000 collegato.

Consente di scrivere la configurazione selezionata in un modulo di programmazione Cashflow


collegato (HII).

Nella barra di stato è riportato il prodotto collegato:

Riporta il numero di serie del dispositivo cambiamonete collegato, nel


caso ve ne sia solo uno.

MEI, 2011 Page 24


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Finestra principale – EC6000


Dopo la lettura di un cambiamonete EC6000, la finestra principale si presenta come nell'illustrazione seguente.
IMPORTANTE: le opzioni disponibili dipendono dal tipo di licenza e dalle autorizzazioni utente di cui si dispone.

Finestra principale

Configurazione
Le icone di configurazione riflettono i prodotti collegati e concessi in licenza:

Consente di leggere la configurazione corrente di un dispositivo EC6000 collegato.

Consente di scrivere la configurazione selezionata in un dispositivo EC6000 collegato.

Consente di scrivere la configurazione selezionata in un modulo di programmazione Cashflow


collegato (HII).

Nella barra di stato è riportato il prodotto collegato:

Riporta il numero di serie del dispositivo cambiamonete collegato, nel


caso ve ne sia solo uno.

MEI, 2011 Page 25


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Finestra principale - CF690


Dopo la lettura di un cambiamonete CF690, la finestra principale si presenta come nell'illustrazione seguente.
IMPORTANTE: le opzioni disponibili dipendono dal tipo di licenza e dalle autorizzazioni utente di cui si dispone.

Finestra principale

Configurazione
Le icone di configurazione riflettono i prodotti collegati e concessi in licenza:

Consente di leggere la configurazione corrente di un dispositivo CF690 collegato.

Consente di scrivere la configurazione selezionata in un dispositivo CF690 collegato.

Consente di scrivere la configurazione selezionata in un modulo di programmazione Cashflow


collegato (HII).

MEI, 2011 Page 26


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Finestra Principale – CF8000


Dopo aver eseguito una lettura da un dispositivo Rendiresto Serie CF8000, la finestra principale appare come sotto
riprodotto:
IMPORTANTE: Il set di opzioni disponibili dipende dalla licenza concessa e dai permessi Utente:

Configurazione
L’icona di configurazione riproduce il prodotto connesso e licenziato:

Legge la configurazione corrente da un dispositivo CF8000 collegato.

Scrive la configurazione selezionata su un dispositivo CF8000 collegato.

Scrive la configurazione selezionata su un dispositivo palmare collegato (Flash Drive).

L’icona di Stato rappresenta il prodotto collegato:

Indica il numero seriale della rendiresto qualora vi sia un unico prodotto


collegato.

MEI, 2011 Page 27


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Finestra principale – VAM


Dopo aver eseguito una lettura da un dispositivo Vending Audit Module, la finestra principale appare come sotto
riprodotto:
IMPORTANTE: Il set di opzioni disponibili dipende dalla licenza concessa e dai permessi Utente:

Configurazione
L’icona di configurazione riproduce il prodotto connesso e licenziato:

Legge la configurazione corrente da un dispositivo VAM collegato.

Scrive la configurazione selezionata su un dispositivo VAM collegato.

Scrive la configurazione selezionata su un dispositivo palmare collegato (Flash Drive).

L’icona di stato rappresenta il prodotto collegato:


Indica il numero seriale del VAM qualora vi sia un unico prodotto
collegato.

MEI, 2011 Page 28


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Finestra principale – Conlux MCM5


Dopo aver eseguito una lettura da un dispositivo MCM5, la finestra principale appare come sotto riprodotto:
IMPORTANTE: Il set di opzioni disponibili dipende dalla licenza concessa e dai permessi Utente:

Configurazione
L’icona di configurazione riproduce il prodotto connesso e licenziato:

Legge la configurazione corrente da un dispositivo VAM collegato.

Scrive la configurazione selezionata su un dispositivo VAM collegato.

Scrive la configurazione selezionata su un dispositivo palmare collegato (Flash Drive).

L’icona di stato rappresenta il prodotto collegato:


Indica il numero seriale del VAM qualora vi sia un unico prodotto
collegato.

MEI, 2011 Page 29


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Calcolo del tubo e del designatore


Questa funzione permette di calcolare le dimensioni del tubo e del designatore per una determinata moneta e creare
così configurazioni di pagamento specifiche, in base alle necessità. I parametri richiesti sono diametro e spessore
della moneta.

Nella barra di stato è riportato il prodotto collegato:

Riporta il numero di serie del dispositivo cambiamonete collegato, nel


caso ve ne sia solo uno.

MEI, 2011 Page 30


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Terminali
Fare clic sul pulsante Terminali per aprire la finestra Terminali.
La finestra Terminali viene visualizzata come segue:

Finestra Terminali

La finestra Terminali presenta una struttura ad albero dei dispositivi palmari configurati e le schede Dettagli
Generali e Impostazioni Avanzate contenenti informazioni sul dispositivo palmare selezionato.

MEI, 2011 Page 31


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Struttura ad albero dei dispositivi palmari


La struttura ad albero dei dispositivi palmari riporta tutti i palmari registrati nella presente
installazione o nel database:

Questo tipo di struttura consente di organizzare i dispositivi palmari in gruppi, in base alle necessità.

Gruppo
Fare doppio clic su un gruppo per aprire o chiudere la relativa cartella:

Fare clic sul nome di un gruppo per modificarlo:

Per informazioni sullo spostamento dei dispositivi e sulla creazione di nuovi gruppi, vedere la sezione Informazioni
generali sui dispositivi palmari.
Dispositivi palmari
Vi sono due diversi tipi di dispositivi palmari: i dispositivi CPM (USB) e i dispositivi CPM (HII), identificabili dal
tipo di icona visualizzata sullo schermo.
Tutti i dispositivi palmari che sono stati collegati al sistema o al database vengono riportati sullo schermo, anche se
non sono connessi.
In questo modo è possibile verificarne le impostazioni e scaricare file memorizzati nei dispositivi durante l'ultima
connessione.
Le icone visualizzate nella struttura ad albero sono le seguenti:
Dispositivi CPM (USB)
Dispositivo Collegato Collegato Collegato e
non collegato senza file con file occupato

Dispositivi CPM (HII)


Dispositivo Collegato Collegato Collegato e
non collegato senza file con file occupato

MEI, 2011 Page 32


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Per dispositivi Flash:


Dispositivo Collegato Collegato
non collegato senza files con files

Nel riquadro destro della schermata sono visualizzate informazioni relative al dispositivo palmare selezionato.
Per modificare il nome di un palmare visualizzato nella struttura, selezionare il palmare e fare di nuovo clic sul
nome:

È possibile modificare il nome anche di palmari non collegati; il nome del dispositivo verrà aggiornato alla
successiva connessione.
Barra di stato
La barra di avanzamento mostra lo stato di avanzamento di una qualsiasi azione eseguita su un dispositivo palmare:

MEI, 2011 Page 33


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Informazioni generali sui dispositivi palmari

La scheda Dettagli Generali contiene informazioni di carattere generale relative al palmare selezionato, quali nome,
numero di serie, gruppo di appartenenza e file contenuti.

Nome

In questo campo è visualizzato il nome assegnato dall'utente al dispositivo palmare. Può trattarsi del nome
dell'utente o di un altro identificativo.
Digitare il nome nella casella di testo e fare clic su Imposta oppure modificare il nome nella struttura ad albero.
È possibile modificare il nome anche di dispositivi palmari non collegati; il nome del dispositivo verrà aggiornato
alla successiva connessione.

Numero Seriele

In questo campo viene visualizzato il numero di serie dell'unità, sia essa collegata o meno.

Gruppo

Visualizza e consente di modificare il gruppo di appartenenza del dispositivo palmare.


È possibile modificare il gruppo di appartenenza anche di dispositivi non collegati, in quanto tale informazione
viene memorizzata unicamente nel database di supporto.
Per creare un nuovo gruppo, fare clic su Nuovo.

MEI, 2011 Page 34


CashFlow STS Manuale per L’Utente

File

In questo riquadro sono visualizzati tutti i file caricati in un dispositivo palmare, anche non collegato.

Le icone per i dispositivi CPM (USB) sono le seguenti:


Firmware Firmware Firmware Impostazioni di
bootloader applicazione variante configurazione
accettatore accettatore accettatore accettatore
banconote banconote banconote banconote

Le icone per i dispositivi CPM (HII) sono le seguenti:


File di configurazione

Una volta effettuato il collegamento, fare clic su Trasferisci File per cercare i file da scaricare. Sono supportati i
seguenti formati file:
Estensione(i) Tipo Descrizione
*.XCF, File di configurazione File del firmware o dati relativi alla configurazione e alle valute
*.XML, *.XPS XML creati mediante i principali comandi di configurazione.
*.BIN Firmware di dispositivi Consente di scaricare il firmware di un accettatore di banconote
Serie SC in un modulo di programmazione Cashflow (USB).

Fare clic su Elimina File per cancellare il file selezionato.


Fare clic su Cancella Tutto per cancellare tutti i file del dispositivo palmare.

MEI, 2011 Page 35


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Impostazioni avanzate dei dispositivi palmari (CPM)


La scheda Impostazioni Avanzate contiene informazioni e strumenti avanzati, quali numero di accensioni, errori,
versioni dei firmware e impostazioni Audit.

Conteggio Accensioni

Visualizza il numero di accensioni del dispositivo dall'ultima reimpostazione.


Fare clic su Azzera Conteggio per azzerare il contatore.

Conteggio Errori

Visualizza il numero di errori verificatisi nel dispositivo palmare dall'ultima cancellazione.


Fare clic su Visuallizza Errori per visualizzare la finestra Log Errori.

Versione Firmware

Visualizza le versioni correnti del firmware installate sul dispositivo palmare.


Esistono blocchi di firmware distinti per applicazione, bootloader, USB slave e USB master.
Fare clic su Aggiorna per cercare un file del firmware con estensione "*.bin" da scaricare sul palmare.
I nomi dei file contengono "app" per applicazione, "sbl" per bootloader secondario, "util1" per USB slave e "util2"
per USB master.

MEI, 2011 Page 36


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Impostazioni Prelievo Audit

Queste impostazioni consentono di impostare il recupero automatico dei dati audit.


Selezionare Transferisci Automaticament dal Validatore di Banconote per fare in modo che il palmare recuperi
automaticamente i dati audit dall'accettatore di banconote al momento della connessione; tali dati verranno poi
scaricati dal palmare e salvati nel database di audit.
Selezionare Cancella Audit per fare in modo che il palmare cancelli tutte le informazioni audit dall'accettatore di
banconote al termine di tutte le attività.
Questo riquadro non viene visualizzato per i dispositivi CPM (HII), in quanto non applicabile.

Strumenti Avanzati

Elimina-Registrazione Terminale consente di annullare la registrazione di un dispositivo palmare collegato.


Il dispositivo viene rimosso dal database e rilasciato, in modo che un altro utente in possesso di una licenza valida
possa utilizzarlo.
Formatta Filesystem consente di formattare e verificare il file system di un dispositivo palmare collegato.

Visualizza Log Errori


La finestra Visualizza Log Errori riporta l'elenco degli errori verificatisi nel dispositivo palmare dall'ultima
cancellazione del registro:

MEI, 2011 Page 37


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Supporto dispositivo Flash USB


Un dispositivo flash USB può essere utilizzato per:
Aggiornare CF8000 e VAM.
Raccogliere i dati Audit da CF8000 e VAM.

Il dispositivo flash deve, per poter essere utilizzato, contenere una struttura file MEI. Questa struttura file può essere
creata tramite la sezione di gestione terminali o collegando il dispositivo ad un prodotto CF8000 o VAM.

Creare un dispositivo Flash MEI tramite la sezione di gestione terminali:


1. Collegare il dispositivo Flash ad un connettore USB del pc.
2. Avviare STS ed aprire la sezione di gestione terminali.
3. Fare click sul pulsante “Configura dispositivo USB”. Viene visualizzata la sezione di configurazione MEI.

4. Selezionare la lettera del dispositivo per aggiungere lo stesso alla lista dei terminali.

Il dispositivo Flash viene aggiunto alla lista dei terminali. Il nome di default coincide con il numero seriale del
dispositivo Flash e può essere modificato digitando un nuovo nome nel box di testo e facendo click sul pulsante
“Imposta”.

MEI, 2011 Page 38


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Impostazioni Avanzate Terminali (Dispositivi Flash)


La sezione impostazioni avanzate per il dispositivo Flash può essere utilizzata per configurare l’utilizzo del
terminale quando lo stesso viene collegato ad una unità CF8000 o VAM.

Modalità Audit – Questa impostazione specifica il tipo di audit da eseguire al momento del collegamento del
dispositivo Flash a CF8000 o VAM.
Disabilitato – Non viene eseguito alcun prelievo dati dal prodotto.
Azzeramento Standard Parziali – Esegue un audit standard e azzera i contatori parziali sul prodotto.
Mantenimento Standard Parziali – Esegue un audit standard e non azzera i contatori parziali sul prodotto.
Azzeramento Esteso Parziali – Esegue un audit esteso e azzera i contatori parziali sul prodotto.

Password VMC – Opzione utilizzata per specificare la password richiesta, qualora impostata, per avviare un audit..
ID 204 – Opzione utilizzata per specificare i dati da inserire nel campo ID204 del report audit. Gli altri campi sono
impostati come segue.
ID201 – Numero seriale del dispositivo Flash
ID202 – “Dispositivo MEI Flash 01”
ID205 – Nome Dispositivo Flash.

Modalità aggiornamento
Modalità servizio – Tale funzionalità è controllata tramite il menu CF8000.
Configurazione – Aggiorna la configurazione del prodotto.
Applicazione – Aggiorna l’applicazione del prodotto.

Modalità Diagnostica-
Base – Raccoglie dati diagnostici base.
Estesa – Raccoglie dati diagnostici estesi.

MEI, 2011 Page 39


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Aggiorna Terminale
La finestra Aggiorna Termianle viene visualizzata ogni volta che il sistema rileva la disponibilità di un
aggiornamento per il palmare.

Finestra Aggiorna Terminale


Nella finestra è visualizzato il numero di serie e il nome del dispositivo palmare da aggiornare.
Selezionare Si per avviare l'upgrade del firmware.
Una barra indica lo stato di avanzamento dello scaricamento.
Selezionare No per rinviare l'operazione; tuttavia, si raccomanda di installare sempre gli aggiornamenti disponibili.

MEI, 2011 Page 40


CashFlow STS Manuale per L’Utente

CPM (Cashfow Programming Module)


Il CPM (Cashflow™ Programming Module, modulo di programmazione Cashflow™) è un dispositivo palmare che
può essere programmato con firmware e file di configurazione per raccogliere dati audit dagli accettatori di
banconote.
Il dispositivo palmare viene collegato al PC e all'accettatore di banconote mediante un cavo USB.
Quando è collegato al prodotto, il dispositivo fornisce informazioni di feedback mediante un LED; la tabella che
segue può essere utilizzata per interpretare i codici luminosi:

MEI, 2011 Page 41


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Audit

The Audit functionality is accessed by clicking the Audit button on the Main Window.
Depending on the license you have, either the required audit form will be automatically loaded or you will be
required to select the required audit type.

Audit Lettore Banconote

Parser File Audit

MEI, 2011 Page 42


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Dati Audit Validatore di Banconote


Fare clic sul pulsante Audit della barra degli strumenti per accedere ai dati audit del dispositivo collegato.
Viene visualizzata la finestra Dati Audit Validatore di Banconote:

Finestra Bill Acceptor Audit Data

Leggi da Dispositivo
Utilizzare i comandi del riquadro Leggi da Dispositivo per leggere e reimpostare i dati audit di un'unità collegata.

Fare clic su Recupera Audit per leggere i dati da un accettatore di banconote collegato.
Fare clic su Cancella Audit per reinizializzare i valori di audit non complessivi dell'accettatore di banconote.
Il dispositivo palmare Cashflow può essere impostato per il recupero automatico dei dati audit.
I dati audit recuperati dall'unità al momento della connessione vengono automaticamente salvati nel database.

MEI, 2011 Page 43


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Audit Database
I comandi del riquadro Audit Database consentono di caricare e salvare dati audit da e nel database.

Fare clic su Salva Audit per salvare nel database i dati audit recuperati.
Fare clic su Trasferisci Audit per aprire la finestra Seleziona Audit(s):

Se si desidera recuperare dati audit a partire da una determinata data, selezionarla nel calendario visualizzato.
Selezionare quindi il numero di serie dell'unità dall'elenco dei dati audit disponibili.
Se si desidera visualizzare un elenco di tutti i dati audit recuperati da un'unità selezionata, fare clic su Seleziona
Unità per Storico Audit:

Per combinare i risultati, selezionare più di un audit dall'elenco:

Una volta effettuate le selezioni desiderate, fare clic su OK per caricare i dati audit richiesti.

MEI, 2011 Page 44


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Esportazione di dati audit


È possibile selezionare più serie di dati audit dall'elenco e fare clic su Esporta.
Se si specifica quindi un nome file e/o una directory, i dati audit selezionati verranno salvati come file in tale
directory (ad es. "123456789 (1).xaf").
Il numero di serie dell'unità a cui appartengono i dati verrà utilizzato come nome file principale e, nel caso debbano
essere salvate più serie di dati audit con date differenti, a ogni file verrà assegnato un numero progressivo.

V7.02 e’ inoltre in grado di esportare il file Audit in format Excel. Questo puo’ essere fatto cliccando con il tasto
destro sul file e selezionando Export Audit to Excel o cliccando sul bottone in basso a sinistra. L’opzione “Usa
l’Audit Name del SC BNF” deve essere spuntato se l’unita’ da cui e’ prelevato il file di Audit ha un Bunch Note
Feeder (BNF) inserito.

MEI, 2011 Page 45


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Importazione di dati audit


Se si fa clic su Importa, è possibile selezionare una serie di file da importare nel database.
Se alcuni dati audit sono già presenti nel database (esiste già un record con lo stesso numero di serie e la stessa data
e ora), viene visualizzato un messaggio che indica che il file non è univoco.
In caso contrario, i record vengono inseriti nel database e sarà possibile visualizzarli e analizzarli nel modo
consueto.

Cancellazione di dati audit


Per cancellare dati audit, fare clic con il pulsante destro del mouse su uno o più audit selezionati nell'elenco, quindi
su Elimina Audit.
Una volta confermata l'eliminazione, tali dati e i valori a essi associati verranno rimossi in modo permanente dal
database.

MEI, 2011 Page 46


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Dati audit generali


I valori di audit generali sono suddivisi in varie schede.
La scheda Sommario contiene i valori calcolati o derivati.
Le schede Generale, Misure QP e Malfunzionamenti contengono altri valori memorizzati e recuperati
dall'accettatore di banconote.

Per maggiori informazioni sulle definizioni delle voci di audit, consultare la guida in linea di Cashflow STS.

Audit Banconota
La scheda Audit Banconote riporta le varie banconote con le relative descrizioni e i valori di audit recuperati o
calcolati dall'accettatore di banconote.

Quantità Accettate: numero effettivo di banconote accettate.


% di Banconote: quantità di banconote accettate come percentuale di tutte le banconote accettate.
Valore Totale: valore totale delle banconote accettate.
% di Prelievi: valore di ciascun tipo di banconota come percentuale del valore totale delle banconote accettate.
Tasso di Accettazione Audit: quantità di banconote accettate in rapporto alla quantità di banconote impilate.

MEI, 2011 Page 47


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Parser File Audit


Il form del Parser File Audit è sotto riportato.

La schermata dispositivi mostra i dispositivi collegati,

Quando un dispositivo è selezionato, vengono visualizzati, nella finestra files, i relativi contenuti. I nomi dei files
sono nel formato GGMMAA.txt dove
AA rappresenta le ultime due cifre dell’anno
MM rappresenta le due cifre del mese
GG rappresenta le due cifre del giorno.

Es. 100420.txt contiene il report audit rilevato in data 20 Aprile 2010.

MEI, 2011 Page 48


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Per leggere un file fare doppio click sul file o selezionare il file e fare click sul pulsante “Leggi File Audit”.
Dal momento che il file può contenere report audit relativi a diverse machine, nella schermata “Lista Macchine nel
File” viene visualizzato l’elenco delle machine associate al file. Di default viene visualizzato il dato relativo alla
prima macchina nella lista.

Per modificare i dati macchina visualizzati fare doppio click sulla macchina richiesta o selezionare la macchina e
premere il pulsante “Mostra Report Macchina”.
Sotto sono riportate le funzioni dei pulsanti:
Leggi File Audit – Legge il file selezionato nella lista.
Mostra Report Macchina – Visualizza il report per la macchina selezionata.
Salva Report – Salva il testo del report in un file.
Opzioni – Visualizza una finestra dove modificare le opzioni di parsing.
Chiudi- Chiude la finestra.

MEI, 2011 Page 49


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Configurazione Audit Parser


La finestra di configurazione Audit Parser è sotto visualizzata.

La vista ad albero visualizza i campi audit che possono essre inclusi nel report. Unicamente i campi selezionati
vengono inclusi nel report.
Parziali – Selezionando l’opzione appropriata si abilitano o disabilitano tutti i campi parziali.
Totali – Selezionando l’opzione appropriata si abilitano o disabilitano tutti i campi totali.
Modalità Data – Selezionado l’opzione appropriata si imposta il formato della data da utilizzare nel report.
Europeo – GG/MM/AA
Americano – MM/GG/AA

MEI, 2011 Page 50


CashFlow STS Manuale per L’Utente

CRC (Controllo Ciclico Ridondanza)


Fare clic sul pulsante CRC della barra degli strumenti per aprire la finestra Validatore di Banconote – Controllo
Ciclico Ridondanza.
Viene visualizzata la finestra seguente:

Finestra Validatore di Banconote – Controllo Ciclico della Ridondanza

Gli addetti alla regolazione possono utilizzare questa finestra per sottoporre gli accettatori di banconote collegati a
una verifica CRC.
Immettere un valore esadecimale di 8 cifre 0-FFFFFFFF nella casella di testo Offset/Indirizzo.
Immettere un valore esadecimale di 4 cifre 0-FFFF nella casella di testo Valore Iniziale.
Fare clic sul pulsante Calcola CRC.
L'accettatore di banconote viene interrogato e il valore CRC viene visualizzato all'interno della finestra.
Le recenti versioni di firmware SC sono in grado di supportare CRC a 32 bit. STS V6.50 permette all’utente di
avviare un controllo CRC a 32 bit su un dispositivo Lettore di Banconote collegato che lo supporta.
Inserire un valore esadecimale di 8 caratteri 0-FFFFFFFF nel campo Indirizzo Offset.
Inserire un valore esadecimale di 8 caratteri 0- FFFFFFFF nel campo Valore Seed (32-bit).
Premere sul pulsante Calcolare CRC32.
Il lettore di banconote viene interrogato ed il valore CRC a 32-bit viene visualizzato nella finestraCRC.

MEI, 2011 Page 51


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Diagnostica Validatore di Banconote


Per aprire la finestra di diagnostica fare clic sul pulsante Diagnostica nella barra degli strumenti, selezionare la voce
Diagnostica dal menu strumenti o premere il tasto di percorso breve F4.
Viene visualizzata la finestra Diagnostica Validatore di Banconote:

Finestra Diagnostica Validatore di Banconote


La finestra Diagnostica Validatore di Banconote consente di eseguire test di base su accettatori di banconote
collegati.
La barra degli strumenti di diagnostica contiene i seguenti pulsanti:
Esegue tutti i tipi di test: Self-Test 1,
Stampa il rapporto visualizzato
Self-Test 2 e lettura della configurazione
nella scheda Rapporto Test.
corrente.

Salva i risultati dei tests in un


Carica i risultati dei tests da un file.
file.

Cancella i risultati.

MEI, 2011 Page 52


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Self-Test 1
Consente di eseguire il test di autodiagnostica di base sull'accettatore di banconote e di visualizzare i risultati sullo
schermo.
Fare clic su Avvio per eseguire il test sul dispositivo collegato.

Risultati dei test


Il superamento del test viene segnalato in verde.
I risultati negativi sono invece visualizzati in rosso.

Se l'accettatore di banconote presenta una versione del software che non supporta le funzioni di diagnostica, viene
visualizzato il messaggio seguente:

MEI, 2011 Page 53


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Dettagli Elemento Test


Fare doppio clic sulle singole voci del test per visualizzarne i dettagli:

Fare doppio clic sulle singole voci del test per visualizzarne i dettagli.

MEI, 2011 Page 54


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Self-Test 2
Consente di eseguire sull'accettatore di banconote un test di autodiagnostica integrato che richiede particolari
istruzioni, azioni e/o conferme da parte dell'utente:

Diagnostica Validatore di Banconote – Self Test 2


Conferma utente
All'utente viene richiesto di avviare e confermare determinati eventi.

Evento Conferma evento

MEI, 2011 Page 55


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Rapporto Test
La scheda Rapporto Test consente di visualizzare tutti i dettagli relativi al test corrente.

Validatore di Banconote – Rapporto Test


Test in corso
Se il test non è ancora stato completato, viene visualizzato un messaggio nella parte superiore del rapporto:

Le sezioni in grigio indicano le aree non ancora sottoposte a test:

Fare clic su "Leggi Configurazione" per caricare la configurazione corrente dall'accettatore di banconote.

MEI, 2011 Page 56


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Errori nei test


Se si sono verificati errori durante un test, viene visualizzato un messaggio nella parte superiore del rapporto:

Le sezioni in rosso forniscono maggiori dettagli sugli errori:

Dettagli Tests
Fare clic su per modificare il nome dell'operatore e immettere eventuali annotazioni:

MEI, 2011 Page 57


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Diagnostica Cambiamonete
Per avviare la sezione di Diagnostica Cambiamonete selezionare il pulsante Diagnostica sulla barra degli strumenti,
selezionare la voce Diagnostica dal menu “strumenti” o premere il tasto di percorso breve F4. Verra’ visualizzata la
seguente schermata:

La finestra sopra illustrata visualizzera’ l’elenco di tutti i prodotti collegati su cui l’utente, in accordo con le
autorizzazioni della licenza, sara’ in grado di avviare dei tests diagnostici. I prodotti supportati sono attualmente i
cambiamonete CF7000 ed EC6000. Qualora non vi sia alcun prodotto collegato, per avviare la sezione di
diagnostica cambiamonete, sara’ necessario selezionare la voce ‘Trasferire Risultati Diagnostici’ e recuperare un
file, contenete i risultati diagnostici, precedentemente salvato.

Una volta selezionato il prodotto dalla lista e premuto il pulsante OK, la sezione Diagnostica Cambiamonete verra’
avviata. La finestra e le opzioni visualizzate dipenderanno dal tipo di prodotto collegato e dalle caratteristiche
supportate.

Informazione Test Generale


I tests diagnostici sono suddivisi in moduli. Ciascun modulo puo’ essere individuato dal corrispondente
identificativo sulla finestra come sotto riportato.

Ciascun identificativo contiene una combinazione di verifiche manuali, da eseguire ad opera dell’utente, e tests di
collegamento automatici. I tests di collegamento, eseguiti all’avvio del modulo diagnostico, riportano
semplicemente il corretto (o altro) funzionamento del componente collegato. Sotto vengono elencati i tests di
collegamento che fanno riferimento al modulo alto CF7000.

MEI, 2011 Page 58


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Stato Test
Lo stato di ciascun test e visualizzato utilizzando tre differenti indicatori. Se il test e’ in esecuzione, l’indicatore
visualizzato sara’ come quello sotto riportato per il sensore di temperatura

Se il test e’ eseguito con successo,verra’ visualizzato

e se il test non e’ superato, l’indicatore visualizzato sara’ il seguente

Pulsante “Esegui Tutti”


Il pulsante “Esegui Tutti” e’ visualizzato su ciascuna sezione e, se premuto, esegue tutti i tests manuali contenuti
nella sezione corrente.

Saltare un test
Qualora l’utente desideri non effettuare alcuni tests, sara’ sufficiente avviare ciascun test individualmente o
contrassegnare con una spunta(se disponibile per il test in questione) l’elemento “Salta test” corrispondente al test
che non si vorra’ eseguire.

Alla pressione del pulsante “Esegui Tutti” il test selezionato non verra’ eseguito.

MEI, 2011 Page 59


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Rapporto Test Diagnostica


La sezione Rapporto permette la visualizzazione dei dettagli relativi al test. L’aggiornamento dei dettagli avviene in
maniera dinamica durante l’esecuzione dei tests e puo’ essere visualizzato in qualunque momento.

Da questa sezione e’ possibile stampare e salvare il rapporto dei tests eseguiti. Si noti inoltre che la selezione Salva
Rapporto Corrente compare in tutte le finestre, al fine di permettere il salvataggio del rapporto in qualunque fase del
test.
I campi note ed operatore possono essere editati selezionando il pulsante Edita Dettagli posizionato nella parte alta
del form di rapporto al fine di inserire eventuali informazioni pertinenti.

MEI, 2011 Page 60


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Tests Modulo Alto


Questa sezione contiene sia tests utente che di collegamento. Sotto sono illustrati i tests utente “Modulo Alto” per il
cambiamonete CF7000/CF7906. Si noti che alcuni prodotti della gamma CF7000/CF7906 e tutti i prodotti della
gamma EC6000 non sono provvisti di display. Fare riferimento alla sezione “Diagnostica Display” per ulteriori
informazioni.

Diagnostica LED
Verifica che i LED del Cambiamonete operino correttamente. Quando il test viene avviato, il comportamento dei
LED riportati sullo schermo deve riprodurre quello dei corrispondenti LED sul cambiamonete.

Selezionare il box per ciascun LED funzionante correttamente. Qualora uno o piu’ LED non dovessero

illuminarsi, selezionare il box .

Diagnostica Pulsanti
Verifica che i pulsanti della tastiera(MMI)del cambiamonete funzionino correttamente. Una volta avviato il test,
l’utente dovra’ premere ciascun pulsante in sequenza e verificare la risposta con la grafica riportata nella diagnostica
bottone sotto illustrata.

MEI, 2011 Page 61


CashFlow STS Manuale per L’Utente

CF7000 MMI EC6000 MMI

Diagnostica Display
Verifica il funzionamento del display MMI sui prodotti della serie CF7000 dotati dello stesso. Qualora il
cambiamonete CF7000 collegato non avesse un display, il test dovra’ essere saltato. Questa opzione non sara’
disponibile qualora venisse collegato un cambiamonete EC6000.
Il testo consiste nell’invio di diversi caratteri al display MMI del cambiamonete, riproponendo la stessa immagine
nella sezione diagnostica Display. Il test sara’ superato con successo qualora entrambe le informazioni
corrispondano. Sotto viene riportata una figura a titolo esemplificativo.

Si noti, tuttavia, che saranno verificate le sequenze complete di caratteri anche qualora alcune serie dovessero non
superare il test.

MEI, 2011 Page 62


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Modulo Alto – Riparazione e Calibrazione


STS 6.0 implementa il processo per calibrare il modulo altro di Cashflow 7000/8000 od un accettatore di monete
CF9500. Per CF7000, la procedura richiederà all’utente di Riprogrammare la EEPROM Modulo Alto e di
Calibrare l’Unità. Per CF9500, la Calibrazione unità è l’unica opzione disponibile. Alla selezione della voce di
calibrazione unità, l’utente verrà invitato ad inserire una serie di gettoni di Standardizzazione HOMER quando
collegato al programma STS.

L’esempio seguente illustra la procedura su CF7000. Il processo su CF9500 sarà identico per la parte inerente il test
di calibrazione unità.
Primo Passo (solo CF7000/CF8000) – Avviare STS 6.0 ed azionare il tab “Diagnostica” nell’angolo della finestra
in alto a sinistra. Nella sezione Diagnostica selezionare il tab “Riparazione e Calibrazione” sotto la sezione Modulo
Alto.

All’apertura del tab Riparazione e Calibrazione, il primo controllo eseguito consisterà nel Test EEPROM Modulo
Alto. La voce selezionata dovrà essere accompagnata da un identificatore di spunta verde. In caso affermativo ,
proseguire al Passo Tre. Qualora comparisse una “X” rossa, procedere come riportato al Passo Due.

MEI, 2011 Page 63


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Passo Due (solo CF7000/CF7906/CF8000) – Solo nel caso in cui venga visualizzata la “X” Rossa. Per eseguire
con successo il controllo sul Test Modulo Alto selezionare il Pulsante “Avvio” per riprogrammare la EEPROM del
Modulo stesso.
L’operazione azzererà la programmazione con la conseguente visualizzazione dell’identificatore di spunta verde
accanto al riferimento Modulo Alto. A seguito dell’azzeramento della programmazione l’utente potrà avanzare con
il processo di calibrazione.

Un menu a tendina, riportante le tre diverse varianti di Moduli Alti CF7000, verrà visualizzato. Il primo numero
coinciderà con il riferimento part number riportato sull’adesivo applicato sul retro del modulo alto.
Selezionare il modulo alto appropriato e premere OK.

Una volta selezionato il modulo alto, STS richiederà all’utente di Calibrare l’Unità. La richiesta verrà indicata
tramite il box pop-up visualizzante il primo gettone da inserire. Procedere al Passo Tre.

MEI, 2011 Page 64


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Passo Tre (CF9500 e CF7000/CF8000) – Selezionare il pulsante “Avvio” per Calibrare l’Unità.

STS accompagnerà l’utente attraverso il processo visualizzando un box per indicare quale gettone inserire. Il
numero “1”, riportato in caratteri grandi, indica che il primo gettore da inserire è il gettone numero uno. I gettoni
utilizzano un sistema di numerazione a tre cifre, cosicchè, il numero dovrà essere interpretato come “001”. Questo
sarà il gettone di Standardizzazione HOMER “1”. I gettoni del set di calibrazione sono sette. Il set contiente 001,
002, 003, 004, 005, 006 e 009. Ciascun gettone ha la possibilità di essere inserito cinque volte prima della richiesta
di riavvio della procedura.

Alla visualizzazione del box di Inserimento Gettone Calibrazione, inserire il gettone corrispondente al numero
riportato sullo schermo.

L’accettazione di un gettone avrà come conseguenza la richiesta di inserimento, a schermo, del gettone successivo
nella sequenza.

MEI, 2011 Page 65


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Gettone successivo:

Ripetere questi passi fino all’accettazione di tutti e sette i gettoni.

All’inserimento dell’ultimo gettone, lo schermo della sezione Riparazione e Calibrazione visualizzerà tutte le
quattro voci accompagnate da un identificatore di spunta verde.

Il processo di calibrazione sarà a questo punto completo.


Si noti che, al fine del corretto funzionamento dell’unità, sarà necessario trasferire un profilo monete valido.

MEI, 2011 Page 66


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Tests erogatore
La sezione test erogatore contiene sia tests utente che di collegamento. I tests utente permettono di specificare una
quantita’ per il numero di erogazioni da ciascuno dei tubi installati. Una volta completato il numero di cicli
specificato, verra’ chiesto di verificare il numero di erogazioni ed il tubo da cui queste sono state effettuate, come
sotto illustrato.

MEI, 2011 Page 67


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Memoria Monete
Di nuovo, la sezione “Memoria Monete” contiene sia tests utente che di collegamento. Questa sezione inoltre
suddivide i tests che dovranno successivamente essere avviati nelle sezioni di “Diagnostica” e “Riparazione e
Calibrazione”.

Memoria Monete - Diagnostica


La sezione secondaria Diagnostica contiene i seguenti tests utente. Si noti che, qualora sia collegato un
cambiamonete EC6000, il test “Conteggio Tubi” non sara’ disponibile.

Sensore Temperatura
Come sotto illustrato, questo test consente di verificare che il livello di temperatura misurato dall’unita’ sia corretto

MEI, 2011 Page 68


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Qualora la temperatura riportata non rientrasse nelle tolleranze specificate, sara’ necessario invalidare il test.

Conteggi Tubi
Questo test verifica che il cambiamonete CF7000 possa dinamicamente acquisire il valore dei propri conteggi tubi.
Di nuovo, se i conteggi tubi riportati non fossero corretti, all’’interno della tolleranza specificata(come sotto
riportato), il test dovra’ essere invalidato.
Si noti che questo test non e’ disponibile su cambiamonete EC6000, dal momento che il prodotto in questione non
supporta la funzionalita’ menzionata.

Tests Solenoidi
Questi tests verificano che ciascuno dei 4 solenoidi del cambiamonete operino correttamente. La migliore
condizione per operare questo test e’ quella di provare l’unita’ a display aperto in modo da verificare visivamente
l’azionamento dei solenoidi.
Per ciascun test solenoide, il solenoide verra’ azionato in maniera ciclica finche’ l’utente non confermera’ il
superamento od il fallimento del test. Qualora il solenoide non venga azionato correttamente o abbia un’escursione
limitata nel movimento, il test dovra’ essere invalidato. A titolo esemplificativo sotto viene illustrata la finestra di
dialogo azionamento-solenoidi.

MEI, 2011 Page 69


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Memoria Monete – Riparazione e Calibrazione


La sezione secondaria “Riparazione e Calibrazione” contiente le seguenti opzioni utente. Si noti che le opzioni di
calibrazione cassetta non saranno disponibili qualora venga collegato un cambiamonete EC6000.

Elimina Calibrazione Temperatura


Consente all’utente di eliminare l’attuale file di calibrazione temperatura.

Elimina Calibrazione Cassetta


Consente all’utente di eliminare il file di calibrazione cassetta.

Calibrazione Temperatura
Questa opzione consente all’utente di calibrare il sensore temperatura su un’unita’. Questo solitamente e’ richiesto
solo in fase di riparazione quando il sensore viene sostituito.

MEI, 2011 Page 70


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Calibrazione Cassetta di Fabbrica


Questa opzione consente di calibrare tutte le cassette di “fabbrica”. La richiesta di questa opzione e’ dipendente
dalla tipologia di mercato, es. US & Canada richiedono che questa procedura venga effettuata. Questa opzione non
sara’ disponibile qualora sia collegato un cambiamonete EC6000.

Calibrazione Cassetta Installata


Questo test consente all’utente di calibrare la cassetta correntemente installata. Di nuovo, questa opzione non sara’
disponibile qualora sia collegato un cambiamonete EC6000.

MEI, 2011 Page 71


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Audit – Log Errori


Quando avviata, questa opzione recupera il log errori dal cambiamonte collegato. Un’esempio di log errori e’ sotto
illustrato.

MEI, 2011 Page 72


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Audit – Audit Log


In questa sezione l’utente potra’ configurare l’ID101 e verificare il prelievo audit. Si noti che il recupero audit
potrebbe non essere attivo su alcuni cambiamonete EC6000, in questo caso verra’ visualizzato un messaggio di
avviso. La schermata di dialogo sotto illustrata mostra le finestra che precedono e seguono un recupero dati.

A seguito di un prelievo audit

Audit – Opzioni
Le opzioni audit disponibili sono sotto elencate.

MEI, 2011 Page 73


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Elimina Opzioni
Le opzioni di reset consentono un’eliminazione incrementale contemporanea dei dati di audit e dell’error log. Si
noti che la voce”Eliminazione Completa Audit” cancellera’ i valori totali e parziali dei dati audit.

Recupero Dati Diagnostici


Questa opzione consente il recupero di differenti files di dati dall’unita’collegata, utilizzabili da MEI a scopo di
diagnostica su problematiche piu’ complesse relative al funzionamento del cambiamonete. Per assicurarsi che questi
files siano salvati all’interno del rapporto, eseguire il comando ed in seguito premere il pulsante .

MEI, 2011 Page 74


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Strumento di installazione

Lo strumento di installazione è utilizzato per configurare CF8000 con i dati specifici della macchina in deposito.
L’utente inserisce i dati richiesti, per la macchina, nei forms e ne salva i contenuti su un dispositivo Flash. Il
dispositivo Flash può quindi essere utilizzato per scrivere i dati su CF8000.

Per accedere allo strumento di installazione fare click sul pulsante nella barra degli strumenti.
Qualora non vi siano i templates di installazione memorizzati sul pc, un nuovo template viene
automaticamente creato..
Qualora vi sia un unico template di installazione sul PC, questo viene automaticamente aperto.
Qualora vi sia più di un template di installazione sul PC, viene visualizzata la finestra di selezione sotto
mostrata.

Carica – Apre il template di installazione selezionato.


Cancella – Chiude la finestra.
Nuovo – Apre un nuovo template di installazione.
Guida – Mostra i suggerimenti d’aiuto per l’utilizzo della finestra.

La finestra del template di installazione può essere visualizzata in due modalità differenti:
Modalità Configurazione – in questa modalità vengono visualizzati, nella finestra, tutti gli elementi di
configurazione disponibili per l’installazione. Ciascun elemento è accompagnato da un check box
“Includi/Modifica impostazioni’. Solo gli elementi accopagnati da un segno di spunta vengono
trasferiti sul dispositivo Flash. Una volta contrassegnati tutti gli elementi richiesti, il template può
essere salvato sul PC e aperto in Modalità Normale in un secondo momento.
Modalità Normale – in questa modalità vengono visualizzati, senza alcun contrassegno, unicamente gli
elementi che sono stati selezionati in modalità di configurazione. Per modificare gli elementi
selezionati l’utente deve fare click sul pulsante “Configura”.

MEI, 2011 Page 75


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Finestra template di installazione in Modalità di Configurazione.

MEI, 2011 Page 76


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Finestra template di installazione in Modalità Normale.

Primo – permette di spostarsi sulla prima pagina degli elementi di configurazione.


Precedente – permette di spostarsi alla pagina precedente degli elementi di configurazione.
Successivo – permette di spostarsi alla pagina successive degli elementi di configurazione.
Ultimo – permette di spostarsi sull’ultima pagina degli elementi di configurazione.
Scrivi – scrive i dati su un dispositivo Flash.
Salva – salva il template sul PC per un utilizzo successivo.
Nuovo – crea un nuovo file template di installazione.
Configura – permette di accedere alla modalità di configurazione.
Aiuto- visualizza l’aiuto.

MEI, 2011 Page 77


CashFlow STS Manuale per L’Utente

User Manager
Fare clic sul pulsante Utenti per aprire la finestra User Manager.
Viene visualizzata la finestra seguente:

Finestra User Manager

La finestra User Manager consente agli amministratori di monitorare l'accesso al sistema da parte degli
utenti.
Per aggiungere un nuovo utente, fare clic sul pulsante Aggiungi.
Per modificare l’Id Accesso ed il Nome di un utente selezionato, utilizzare le apposite caselle di testo
poste nell'area superiore destra della schermata:

MEI, 2011 Page 78


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Per modificare le autorizzazioni di un utente selezionato, utilizzare il riquadro Permessi Utente; le varie
caselle di controllo consentono all'amministratore di attivare/disattivare specifiche funzioni per un
particolare utente:

Nota: le funzionalità visualizzate dipendono dalla licenza e dalle autorizzazioni di cui si dispone.
Fare clic su Cancella Password per cancellare la password dell'utente selezionato; all'utente verrà
richiesto di impostare una nuova password alla successiva connessione. Questa funzione consente
all'amministratore di risolvere problemi quali la dimenticanza della password da parte di un utente.
Per eliminare un utente dal sistema, fare clic su Rimuovi. L'utente selezionato verrà permanentemente
rimosso dal sistema.
Se si seleziona Abilita Accesso Automatico per tutti gli Utenti, tutti gli utenti potranno impostare la
connessione automatica e accedere automaticamente al sistema ogni volta che viene avviata
l'applicazione.

MEI, 2011 Page 79


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Gestione degli errori


Se si verifica un errore, viene visualizzata la finestra seguente:

Questo genere di errore può essere provocato dall'utente mediante una disconnessione involontaria dell'accettatore
di banconote durante la lettura dei dati.
In caso di errori non provocati dall'utente, fare clic su Dettagli >> per visualizzare maggiori informazioni.
Se il problema persiste, l'errore può essere comunicato a MEI.

Fare clic su Salva Log per creare un file di testo contenente tutti gli errori, gli avvisi e i messaggi generati dall'avvio
dell'applicazione.
Fare clic su Copia per copiare errori, avvisi e messaggi negli appunti.

MEI, 2011 Page 80


CashFlow STS Manuale per L’Utente

Guida ed informazioni su
Selezionare Informazioni su dal menu Guida per visualizzare la finestra seguente:

Finestra Informazioni su

Questa finestra riporta la versione del software e i codici prodotto MEI relativi a tutti i componenti del software.
Fare clic su Informazioni Sistema… per visualizzare informazioni sul sistema operativo Windows.
Tali informazioni possono essere salvate in un file e inviate a MEI per un'analisi.
Questo potrebbe essere utile per la diagnosi di errori di sistema.
Per ulteriori informazioni o per richiedere assistenza, contattare il Supporto tecnico MEI al numero 1-800-345-8172
o visitare il sito web all'indirizzo http://www.meigroup.com.

MEI, 2011 Page 81