Sei sulla pagina 1di 72

MANUALE OPERATIVO PER IL SISTEMA

DI DEPOSITO PROSPETTI FONDI

VERSIONE 1.0

1 Premessa ...............................................................................................................................................................................................3
2 Funzionalit ..........................................................................................................................................................................................3
3 Accesso al Sistema e Autenticazione....................................................................................................................................................4
3.1 Utilizzo delle credenziali per l'accesso al Sistema .............................................................................................................................5
3.2 Disconnessione dal Sistema...............................................................................................................................................................5
4 Dettaglio delle funzionalit ..................................................................................................................................................................6
4.1 Pannello dati anagrafici .....................................................................................................................................................................6
4.1.1 Visualizzazione e modifica dei dati anagrafici della societ ...........................................................................................................7
4.1.2 Visualizzazione e modifica dei dati del soggetto referente .............................................................................................................8
4.1.2.A) Nuovo referente .......................................................................................................................................................................10
4.1.2.B) Modifica del Referente attuale .................................................................................................................................................12
4.2 Elenco Prospetti ...............................................................................................................................................................................12
4.3 Deposito dei prospetti ......................................................................................................................................................................14
4.3.1 Nuovo deposito ............................................................................................................................................................................14
4.3.2 Primo deposito e aggiornamento ..................................................................................................................................................16
4.3.3 OICR aperti italiani ed esteri ........................................................................................................................................................17
4.3.4 OICR chiusi italiani ed esteri non rientranti nelle disposizioni comunitarie .................................................................................19
4.3.5 OICR chiusi di diritto estero rientranti nelle disposizioni comunitarie .........................................................................................20
4.3.6 La scheda di deposito del prospetto ..............................................................................................................................................21
4.3.7 I Documenti ..................................................................................................................................................................................23
4.3.8 Prodotti .........................................................................................................................................................................................27
4.3.8.A) Prodotti inseriti in prospetto di OICR aperti italiani ed esteri..................................................................................................29
4.3.8.B) Prodotti inseriti in prospetto di fondi chiusi italiani .................................................................................................................36
4.3.8.C) Prodotti inseriti in prospetto di fondi chiusi esteri ..................................................................................................................40
4.3.9 Operazioni di finanza straordinaria ed operazioni speciali ........................................................................................................40
4.3.9.A) Operazioni di finanza straordinaria .........................................................................................................................................41
4.3.9.B) Operazioni speciali ..................................................................................................................................................................45
4.3.9.C) Visualizzazione e annullamento delle operazioni di finanza straordinaria e delle operazioni speciali ....................................47
4.3.10 Altri tipi di deposito ....................................................................................................................................................................49
4.3.10.A) Deposito di rettifica ...............................................................................................................................................................49
4.3.10.B) Deposito di chiusura ..............................................................................................................................................................50
4.3.10.C) Deposito di annullamento ......................................................................................................................................................51
4.3.10.d) Rideposito annuale .................................................................................................................................................................51
4.3.11 Referente ....................................................................................................................................................................................52
4.3.12 Riepilogo dichiarazione ed invio in Consob ...............................................................................................................................52
4.4 Ricerca Depositi ..............................................................................................................................................................................53
Appendice A Invio dati tramite file XML ..........................................................................................................................................55
Appendice B Regole per la compilazione dei dati strutturati dei prodotti ..........................................................................................62

Pag. 2

1 Premessa

Il presente documento illustra le modalit di utilizzo del Sistema Deprof, che consente alle Societ di
gestione/SICAV di effettuare il deposito della documentazione dofferta al fine di ottemperare agli obblighi
di comunicazione previsti dagli artt. 16, 23, 20 e 27 del Regolamento 11971 del 1999 (Regolamento
Emittenti).
Il deposito della Documentazione deve essere effettuato secondo le modalit descritte nelle presenti
istruzioni operative, seguendo le indicazioni riportate nelle maschere e nei campi del Sistema. Inoltre, il
Sistema assistito da un servizio di help desk telefonico e da una casella di e-mail per le richieste di
assistenza. Per informazioni sugli orari, le modalit di attivazione dellhelp desk e per eventuali
comunicazioni sulla disponibilit del servizio, si rinvia al sito internet della CONSOB, allindirizzo
http://www.consob.it nella sezione Soggetti Vigilati -> Per le Sgr/Sicav.

2 Funzionalit
Lutilizzo del Sistema consente di effettuare le seguenti principali operazioni:
-

Creare la scheda di deposito del prospetto 1 , che resta in stato di lavorazione fino al momento del
deposito. In particolare, sulla scheda di deposito possono essere effettuate le seguenti operazioni:
o

Indicare2 i documenti che compongono il prospetto informativo;

Indicare3 i prodotti finanziari ai quali il prospetto informativo si riferisce;

Effettuare operazioni straordinarie sui prodotti finanziari4;

Indicare il referente del prospetto5;

Visualizzare, prima delloperazione di deposito, linsieme delle informazioni inserite;

Effettuare loperazione di deposito;

Modificare le informazioni anagrafiche della Sgr/sicav;

Modificare il referente associato ai prospetti gi depositati;

Visualizzare lelenco dei prospetti informativi gi depositati dalla Sgr/sicav:

Visualizzare lelenco dei depositi ancora in corso;

Primo deposito o aggiornamento.

Aggiungere in caso di primo deposito, e/o modificare in caso di aggiornamento.

Aggiungere in caso di primo deposito, e/o modificare in caso di aggiornamento.

Fusione o incorporazione di prodotti: cessione o acquisizione di prodotti da altro prospetto; commercializzazione in Italia di un prodotto gi presente
in altro stato.

Nel caso di referente esterno alla Sgr/Sicav si deve indicare, oltre alla persona fisica, anche la societ.

Pag. 3

Ricercare i deposito gi effettuati, e visualizzare/stampare la relativa scheda di deposito;

3 Accesso al Sistema e Autenticazione


Il Sistema pu essere utilizzato tramite qualunque computer connesso ad Internet. Per l'accesso al Sistema
sono previsti alcuni requisiti tecnici minimi. In particolare, per un corretto funzionamento consigliato
l'utilizzo di un browser internet di ultima generazione ( MS Internet Explorer 8.0 o superiore; Mozilla
Firefox 10.0 o superiore, Google Chrome ecc.) e di un monitor avente risoluzione pari almeno a 1024x768
pixel (consigliato 1280x1024). E' richiesta inoltre l'attivazione dei cookies e di javascript nel proprio
browser.
Dopo aver attivato il browser del proprio computer necessario visualizzare la pagina Web per l'avvio della
sessione.
La schermata di accesso al Sistema pu esser raggiunta accedendo al sito della CONSOB (www.consob.it),
entrando nella sezione Soggetti Vigilati, selezionando la sezione Per le SGR/Sicav, entrando nella pagina
Procedura per la trasmissione dei dati e delle informazioni e cliccando sullapposito link.
Nella prima maschera di accesso il Sistema, dopo aver stabilito una connessione sicura(6) fra il server della
CONSOB ed il computer dellutente collegato, propone la maschera per l'introduzione delle credenziali
(username e password).
Lutente deve inserire username e password nei campi denominati rispettivamente Login e Password e
premere il tasto Login (Figura 1).
Se i dati di autenticazione sono stati erroneamente digitati, il sistema non riconosce il soggetto e nega
l'accesso, visualizzando la pagina di errore mostrata in Figura 2.

Figura 1 - Finestra di autenticazione

(6)

Il Sistema utilizza il protocollo https

Pag. 4

Figura 2 - Errore di autenticazione

3.1 Utilizzo delle credenziali per l'accesso al Sistema


Per poter effettuare l'accesso al Sistema si utilizzano le credenziali (username e password) fornite dalla
Consob per il Sistema di Teleraccolta degli Intermediari e/o per il deposito via Internet della documentazione
di offerta. Qualora non si disponesse gi di tali credenziali, occorre farne richiesta alla Consob.

3.2 Disconnessione dal Sistema


L'utente, in qualsiasi momento, pu disconnettersi dal Sistema mediante il tasto Logout, posizionato in alto a
destra nella maschera dellapplicazione. Una volta effettuata la disconnessione, il Sistema ritorna alla
maschera Sistemi Integrati, e viene visualizzato un apposito messaggio (cfr. Figura 3).

Figura 3 - Disconnessione dal Sistema effettuata con successo

Pag. 5

4 Dettagllio delle fu
unzionalit

Se lautenticcazione anndata a buon fine, viene vvisualizzata laa maschera iniziale (Figuura 4).
Essa si com
mpone di:
-

Un bannner o intestaazione che riiporta il codiice dellutentte collegato e il tasto Loggout (Vedi 3
3.2);

Unareea Operazionni sulla sinisttra, che si coompone di:


o

Un pannello Dati Ana


agrafici, per visualizzare o modificcare i dati anagrafici della
d
societ
collegata, e per visualizzzare o modifi
ficare i refereenti associati ai prospetti gi inviati in
n Consob;

p visualizzzare lelenco dei prospettti inviati, siaa in corso di validit chee


Un pannelloo Prospetti, per
chiusi;

n
prospettto, per modi
difica i prospetto in corsoo
Un pannelloo Depositi, per creare e ccompilare i nuovi
di deposito, e per ricercaare i depositii gi effettuatti;

Figurra 4 Pagina in
niziale

4.1 Panneello dati an


nagrafici
d due set infformativi: quuello relativo
o al dichiaran
nte e quello rrelativo al referente di
Il Pannello si compone di
ciascun prospetto

Pag. 6

4.1.1 Visualizzazione e modifica dei dati anagrafici della societ


Allingresso nel sistema viene visualizzata la maschera con i dati anagrafici della societ. Le informazioni
rappresentate sono:
-

Il codice identificativo Consob;

La denominazione;

Il codice fiscale;

La data di costituzione;

La classificazione (Sgr o Sicav);

Lindirizzo della sede legale, composto a sua volta da:


o

La via e il numero civico;

Il CAP;

La localit;

La provincia/stato di appartenenza;

La nazione;

La data di validit.

Tali informazioni possono essere modificate, ad esclusione del codice CONSOB, della classificazione, e
della nazione della sede legale.
Se il soggetto ha sede legale in Italia, per effettuare la modifica della localit necessario eseguire la ricerca
tramite la funzione ricerca;

. In particolare, le operazioni da compiere sono le seguenti:

annullare la localit presente nel campo localit cliccando sul tasto


annullate anche le informazioni relative a CAP e Provincia.

. Verranno automaticamente

inserire nel campo localit la localit da ricercare e premere il tasto ricerca

se la descrizione inserita nel campo localit contenuta allinterno di una sola localit, essa viene
riportata automaticamente nella maschera, cos come i dati di Provincia e CAP7 ad essa collegati. Se
invece la descrizione inserita nel campo localit contenuta allinterno di pi di una localit, viene
visualizzata una maschera con lelenco delle localit corrispondenti; cliccando sulla localit desiderata
essa viene riportata automaticamente nella maschera, cos come i dati di Provincia e CAP ad essa
collegati8.

nel caso in cui il CAP non corrisponda a quello generico, sempre possibile modificare liberamente il
valore.

Viene sempre riportato il CAP generico, ad esempio 20100 per Milano.

Ad esempio, inserendo nel campo localit il valore Salsomaggiore ed effettuando la ricerca, il risultato Salsomaggiore Terme viene riportato
direttamente nella maschera, poich non vi sono altre localit italiane che contengano tale valore. Invece inserendo nel campo localit il valore
Milano, viene visualizzata a video una maschera con lelenco delle localit che contengono tale valore (e cio: Milano Fiori, Milano Marittima,
Milano San Felice, Milano).

Pag. 7

Se invece il soggetto ha sede legale allestero, possibile ricercare la localita inserendo la descrizione
nel campo localit e premendo il tasto
; qualora non si riuscisse a trovare la localit desiderata,
possibile indicare la localit e le informazioni ad essa collegate in forma libera, cio inserendo il valore
direttamente nel campo localit senza dove effettuare la ricerca.

Figura 5 Localit Estere

Prima di inviare in Consob le modifiche apportate necessario inserire la loro data di validit, ovvero la data
a partire dalla quale le modifiche divengono operative.
A questo punto possibile inviare le modifiche tramite il tasto Salva9.

4.1.2 Visualizzazione e modifica dei dati del soggetto referente


Ad ogni prospetto associato un referente, cio il soggetto responsabile della compilazione e dellinvio dei
dati del deposito con il quale la Consob pu interloquire per problematiche inerenti il prospetto.
Cliccando su Referente dei prospetti, nel pannello Dati anagrafici (Figura 4) viene visualizzata la maschera
con lelenco dei prospetti. Cliccando su un prospetto della lista vengono visualizzate le informazioni relative
al referente del prospetto selezionato10.
Nel dettaglio, le informazioni sono:

Referente interno o esterno11 al soggetto dichiarante;

Nel caso di referente interno, i dati anagrafici della persona fisica (Figura 6);

Nel caso di referente esterno, i relativi dati anagrafici sia della societ che della persona fisica (Figura
7);

La Consob si riserva di verificare le modifiche inserite, prima che esse vengano ufficialmente riportate nei propri sistemi.

10

Come vedremo in seguito, nel caso di primo deposito di un prospetto il referente viene inserito direttamente in fase di compilazione del prospetto.

11

Si intende esterno il soggetto referente che non fa parte della societ depositante, ma di unaltra societ ovvero studio legale delegato alla
comunicazione.

Pag. 8

Figuraa 6 - Referente interno

Figura 7 - Referente Esterno

Pag. 9

Allingressoo nella maschera tutti i campi sonno in modallit di sola lettura; perr effettuare modifiche
necessario sselezionare ill tipo di operrazione dall elenco riporrtato appena sopra
s
il riquaadro informaativo (Figuraa
8)

Fiigura 8 - Operrazioni su un reeferente esisten


nte

Lopzione Dati attualii visualizza lee informaziooni correnti.


nte di associaare al prospeetto un diverrso referente rispetto a quello attualee
Lopzione Nuovo referrente consen
(Figura .
d dati del referente
r
attu
tuale consente invece di apportare m
modifiche an
nagrafiche all
Lopzione Modifica dei
referente aattuale.

4.1.2.A) N
Nuovo refeerente
bile specificaare i dati di un nuovo reeferente del prospetto12. Innanzituttoo
Tramite queesta operazioone possib
deve essere indicato se il
i referente della
d
comuniccazione intterno alla socciet oppure esterno .
Nel caso di referente intterno occorree indicare (Fiigura 9):
-

i soggetto italiano), Noome, cognom


me;
Codicee fiscale (se il

Telefoono, fax, e-mail, e un cam


mpo Note perr specificare eventuali infformazioni ag
aggiuntive;

Figura 9 - Datti del referentee persona fisica


a

mazioni rapprresentate in Figura


F
10, ill sistema ricchiede anchee
Nel caso dii referente esterno, oltre alle inform
specificare i dati della soociet di app
partenenza deel referente.

12

Non possibiile utilizzare la maschera


m
Referen
nti dei prospetti pper inserire un nu
uovo referente, o modificarne i daati, qualora vi siaa per il prospettoo
selezionato una scheda in corso di deposito. In tale caso devve essere utilizzaata lapposita funzione contenuta nnel menu relativo al deposito deii
prospetti [innserire riferimentto].

Pag.
10

La societ ppu essere ceercata allintterno dellannagrafica del sistema, tram


mite lappossita funzione ricerca
13
indicando ill codice fiscaale e/o la den
nominazione .

Figura 10 - Riceerca referente persona


p
giurid
dica

Se la ricercaa ha successoo vengono viisualizzati i ddati della socciet.


Se il soggettto invece noon risulta presente nelle anagrafiche del sistema, lutente puu inserirlo compilando
c
i
relativi cam
mpi anagrafici obbligatori:
-

Codicee Fiscale ( obbbligatorio so


olo per le socciet italianee);

Denom
minazione ;

Indirizzzo della Sedde Legale;

Inoltre, devono essere compilati i caampi relativi allindirizzo


o della sede legale della ssociet:
-

La via e il numero civico;

Il CAP
P;

La locaalit, da speccificare tramite ricerca;

La nazzione, da specificare tram


mite ricerca.

Figura 11 - Nuoovo referente persona


p
giuridiica

mpo Localitt, e poi clicccando sullaa


La ricerca delle localit si effettuaa prima inserrendo la loccalit nel cam
. La ricerca della
d
localitt consente di ottenere automaticam
mente anche il CAP, laa
funzione ricerca
14
provincia e la nazione .
Nel caso in cui non si riesca a trovarre una localitt esterna, necessario procedere nell modo segueente:
-

13

N
ed eeffettuare la ricerca
r
tramiite il tasto
Inserirre la nazione nel campo Nazione,

15

E sufficiente specificare una sotto-parte


s
della denominazione.
d

14

Il sistema fa riferimento ad una


u banca dati in
n lingua italiana; sono presenti tu
utte le localit ita
aliane e le princiipali estere, nellaa loro traduzionee
italiana.

15

Per il campo Nazione posssibile effettuare laa ricerca anche inn lingua inglese.

Pag.
11

Inserire la localit nel campo Localit.

Completato linserimento dei dati, premendo Salva le informazione vengono salvate e comunicate alla
Consob.
Da notare il tasto Ripristina accanto a Salva. Esso consente di ritornare ai valori iniziali, annullando le
eventuali modifiche operate sulla maschera. Ovviamente, una volta premuto il tasto Salva, non pi
possibile recuperare i dati precedenti.

Figura 12 - Primo inserimento referente

4.1.2.B) Modifica del Referente attuale


Tale funzione consente di modificare i dati anagrafici relativi allattuale referente del prospetto.
Riguardo ai dati della societ referente, possibile correggere un errore o comunicare una variazione dei dati
( ad es. il cambiamento della sede legale ) ma i dati comunicati saranno sottoposti ad una validazione interna
da parte degli uffici della Consob: in tal caso non sar possibile procedere ad ulteriori modifiche fino al
termine della fase di valutazione.
La modalit di inserimento e di comunicazione delle informazioni del tutto analoga a quanto gi indicato
per il caso nuovo referente.

4.2 Elenco Prospetti


Sul menu principale, cliccando sulla voce Elenco prospetti del pannello Prospetti, viene visualizzata la lista
dei prospetti gi depositati in Consob, sia in corso di validit che chiusi (Figura 13).

Pag.
12

Figuraa 13 - Elenco Prospetti

(
14)
Selezionanddo un prospeetto ne viene visualizzato il dettaglio (Figura

Figura 114 - Dettaglio Prospetto


P

Pag.
13

Lopzione SSolo validi un filtro chee esclude dallla lista i pro


ospetti chiusi.

4.3 Depossito dei proospetti


Il pannello D
Depositi colllocato sul meenu principaale consente di
d effettuare le operazionni di deposito
o dei
prospetti e ddi ricercare i depositi gi effettuati. E
Esso si compo
one di tre voci: Nuovo deeposito, Depo
osito in
Corso, Riceerca Depositii.

4.3.1 Nuoovo depositto


Nuovo Depossito consentee di creare unna nuova sch
heda di depossito di un detterminato pro
ospetto.
Lopzione N
Il Nuovo Deeposito pu consistere:
c
in
n un Primo D
Deposito, opp
pure in un Deposito di agggiornamento
o.
Cliccando ssullopzione Nuovo
N
Depo
osito si visuallizza la mascchera di Figu
ura 15.
Il tasto Prim
mo Deposito consente la creazione
c
e lla lavorazion
ne di una scheda di depossito di un nuo
ovo
prospetto.

Figura 15 Prrimo deposito di


d un prospetto
o

Pag.
14

Cliccando ssu uno dei prrospetti della lista ne vienne rappresenttato il dettaglio (Figura 1 6). Nella parrte inferiore
della maschhera sono colllocati cinquee pulsanti, coorrispondenti ad altrettan
nte differenti modalit di creazione di
una nuova sscheda di un prospetto gi esistente. E
Esse sono:
-

Aggiorrnamento: peer aggiornaree un prospettto e i suoi pro


odotti;
Ridepoosito Annualle: per effettu
uare laggiornnamento ann
nuale dei datii storici del pprospetto e dei
d suoi
prodottti16;
Rettificca: effettuaree correzioni sui dati comuunicati nellaa precedente scheda
s
di dep
eposito (sia dei
d
17
docum
menti che dei dati del prod
dotti) .
Chiusuura: chiuderee definitivam
mente un prosspetto18;
Annulllamento: annnullare il prosspetto19.

Figura 16 - Dep
positi successiv
vi di un prospettto

16

Nel caso di rrideposito annualle, cio di aggiorrnamento dei datti storici, loperaazione pu essere
e effettuata N voolte in un anno per
p quanti sono i
prodotti contenuuti nel prospetto domiciliati in diffferenti stati esterri, poich le diveerse autorit esterre competenti posssono prevedere differenti periodii
dellanno per liinvio dei dati storrici.
17

E possibile eeffettuare correziioni, cio deposiitare schede di rrettifica, soltanto della scheda di deposito di prim
mo deposito o di
d aggiornamentoo
immediatam
mente precedente. Ad esempio, se un prospetto creaato al tempo t stato aggiornato una
u prima volta all tempo t1 ed unaa seconda volta all
tempo t2, possibile effettuare correzioni soltanto allaggiornnamento al tempo t1, ma non al precedente
p
deposiito al tempo t. E invece possibilee
depositare cconsecutivamentee pi di una scheeda di rettifica dii un certo deposito. Per restare allesempio preceddente, prima di uneventuale
u
altroo
aggiornameento al tempo t3, possibile operarre una serie di retttifiche del depossito al tempo t2.

18

Tutti i prodottti contenuti nel prrospetto sono liqu


uidati, o ceduti add altro prospetto, o fusi/incorporati in un prodotto ccontenuto in un altro prospetto.

19

Tale operazionne possibile solltanto prima dellinizio della comm


mercializzazione di uno dei suoi prodotti.

Pag.
15

4.3.2 Priimo depossito e aggio


ornamentoo
d un nuovoo
Cliccando ssul tasto Prrimo Deposiito (Figura 15) possiibile effettuaare il primoo deposito di
prospetto. V
Vengono coss visualizzatte le scelte ccorrisponden
nti ai tipi di prospetti deepositabili (F
Figura 17), e
cio:
-

OICR aperti italianni ed esteri;

Fondi chiusi italianni;

Fondi chiusi esteri;

Figura 17 Primo D
Deposito: scelta del tipo di deeposito

Il tasto Annulla consente di annullarre loperazionne e tornare ai dati generrali.


a
nto dei dati ggenerali del prospetto.
p
Il tasto Avannti conduce allinserimen

Pag.
16

Figura 18 Dati
D generali d
del prospetto con
c denominazzione esplicita

4.3.3 OIC
CR aperti italiani
i
ed esteri
e
inseritta la denomiinazione20 deella documen
ntazione do fferta, che pu
p essere dii
In tale mascchera deve essere
due tipi: Deenominazionee del sistema
a di fondi (F igura 18) o Denominaziione basata ssu regole ad
d hoc (Figuraa
19); se esplicita lutentee riporta la denominazion
d
ne direttamen
nte nel camp
po relativo; sse composta,, deve esseree
2
scelta una ddelle seguentii tre opzioni21
.
-

Denom
minazione Soociet + Radiice.

20

Per Denominnazione della Doocumentazione dofferta si intendde la denominaziione del singolo prodotto o della Societ prodotto
o (SICAV) cui faa
riferimento la Documentazioone dofferta, ovv
vero del prodottoo o della Sicav a struttura multicompartimentale. L
La Denominazion
ne pu coincideree
f
di fondi cui la Doocumentazione dofferta si riferisc
ce.
con la denominazione della famiglia/sistema

21

In assenza di uuna denominazioone della Documeentazione doffertta si osservano le seguenti regole da


d utilizzare in viia successiva (valle a dire se non sii
pu applicaare la prima, si addotta la seconda, etc.):
e

- la denominazioone della Docum


mentazione dofferrta costruita seccondo la seguentee sintassi: <Denom
minazione Societt di gestione>/<Radice>: qualoraa
la denominaazione dei fondi/ccomparti/classi co
ontenuti nella Doocumentazione dofferta abbia una
a radice comunne, la radice com
mune va riportataa
nellappositto campo <Radicce> e la denominaazione della Docuumentazione dofferta diventa la denominazione ddella Societ di gestione unita allaa
radice (essempio: se un proospetto della Alffa Societ di gestiione privo di den
nominazione con
ntiene i fondi prootetto 95, proteetto 90, protettoo
85, ne consegue che la denoominazione del prospetto Alfa S
Societ di gestion
ne/Protetto);
- la denominaziione della Docum
mentazione doffeerta costruita ssecondo la seguen
nte sintassi: <Denominazione Socciet di gestione>
>/<Collocatore>::
qualora nonn si applichi il prrecedente criterio, ma tali prodottii sono collocati da
d un unico sogge
etto, va riportata la denominazion
ne del collocatoree
nellappositto campo <Colloccatore> e la deno
ominazione della Documentazionee dofferta diventa la denominazioone della Societ di gestione unitaa
alla denomiinazione del sogggetto collocatoree (ad esempio: pper un a Documeentazione doffertta relativa ai proodotti denominati protetto 90 e
crescita ccollocati da Betaa, ne consegue ch
he la denominazi one Alfa Socieet di gestione/Be
eta;
- la denominazione della Docuumentazione doffferta costruita secondo la segu
uente sintassi: <Denominazione Societ di gestio
one>/<Numero>::
umentazione dofferta diventa laa denominazione della Societ dii
qualora nonn si applichino i precedenti criteeri, la denominazzione della Docu
gestione unnita ad una numerazione ordinale (ad esempio si avrr il prospetto A
Alfa Societ di gesstione/1, il prosppetto Alfa Socieet di gestione/2,,
utomaticamente generata dal sistem
ma.
il prospetto Alfa Societ di gestione/3, etc.)). In tale caso la nnumerazione au

Pag.
17

Denom
minazione Soociet + Colllocatore.
Denom
minazione Soociet + Ordiinale.

ded Fund) neel caso il proospetto conteenga prodottii


Inoltre, possibile selezionare la caasella Etf (Exxchange Trad
Etf.
Il tasto Annulla consente di annullarre loperazionne e tornare ai dati generrali del dichiaarante.
o e di prosegu
uire con la suua compilaziione.
Il tasto Creaa Scheda connsente di creare la schedaa di deposito

Figura 19 Dati
D generali d
del prospetto co
on denominaziione composta

Pag.
18

4.3.4 Fondi chiusi italiani

Figura 20 Dati Gen


nerali Prospetto
o: Fondi chiusii italiani

ne selezionaata lopzione Fondi chiussi italiani, veengono visualizzate inn


Se nella maaschera di Fiigura 17 vien
modo del tuutto analogo a quanto gii visto nel ccaso degli OICR
O
aperti italiani
i
ed essteri la maaschera con i
dati generalli del prospettto (Figura 20).
Le regole pper valorizzaare la denom
minazione dellla documen
ntazione doffferta sono lle stesse gi indicate nell
caso di creaazione della scheda
s
di OICR aperti (pparagrafo 4.3.3).
Deve inoltrre essere operata la scellta della tipoologia di prrodotti preseenti nella doocumentazion
ne dofferta::
Mobiliare ooppure Immoobiliare, non
nch i dati reelativi allauttorizzazione del prospettto: Data Nullla Osta e Idd
Nulla Osta (lidentificattivo del nullaa osta) rilasciiati dalla CO
ONSOB.
Il tasto Annulla consente di annullarre loperazionne e tornare ai dati generrali.
d
e di proseguire
p
ccon la sua com
mpilazione.
Il tasto Creaa Scheda connsente invecee di creare laa scheda di deposito

Pag.
19

4.3.5 Fondi chiusi esteri


e

Figura
a 21 Dati Gen
nerali Prospettto: Fondi chiussi esteri

F
17 vieene selezionaata lopzionee Fondi chiu
usi esteri, veengono visuaalizzate inn
Se nella maaschera di Figura
modo del tuutto analogo a quanto gii visto nel ccaso degli OICR
O
aperti italiani
i
ed essteri la maaschera con i
dati generalli del prospettto (Figura 21).
Le regole pper valorizzaare la denom
minazione dellla documen
ntazione doffferta sono lle stesse gi indicate nell
caso di creaazione della scheda
s
di OICR aperti (pparagrafo 4.3.3).
Deve inoltrre essere operata la scellta della tipoologia di prrodotti preseenti nella doocumentazion
ne dofferta::
Mobiliare ooppure Immoobiliare, non
nch la Datta Nulla Ostta, cio la data
d
di autorrizzazione del
d prospettoo
rilasciata daalla competennte autorit estera.
e
Inoltre, devve essere speecificata la modalit
m
doccumentale della documeentazione doofferta: Prosspetto Unicoo
22
oppure Prosspetto Triparrtito .
Il tasto Annulla consente di annullarre loperazionne e tornare ai dati generrali.
Il tasto Creaa Scheda connsente invecee di creare laa scheda di deposito
d
e di proseguire
p
ccon la sua com
mpilazione.

22

Ci si riferiscee qui alla possibillit di strutturare il prospetto in foorma unica (do


ocumentazione dofferta compostaa da: Prospetto; Nota
N
di sintesi inn
italiano; Suupplemento di agggiornamento), opp
pure in forma trripartita (documeentazione dofferrta composta da: D
Documento di registrazione; Notaa
informativaa; Nota di sintesi; Nota di sintesi in
n italiano).

Pag.
20

4.3.6 La scheda di deposito del prospetto


Nel presente paragrafo viene descritta in dettaglio la serie di operazioni sui documenti e sui prodotti che
devono essere effettuate per una corretta comunicazione della scheda di primo deposito creata.

Figura 22 Menu compilazione deposito

Premendo la voce Nuovo Deposito nellarea Depositi del menu principale operazione, ed aver proceduto ad
effettuare una operazione di primo deposito, aggiornamento, rettifica, rideposito annuale, chiusura o
annullamento, il menu generale posto sulla sinistra della maschera (Figura 22) diviene contestualizzato
rispetto alle operazioni che possono essere effettuate sulla scheda appena creata. In pratica, tramite tale
menu possibile navigare nelle differenti sezioni che compongono la scheda di deposito. Esse sono:

Dati Generali
Documenti
Prodotti
Operazioni Straordinarie
Referente
Riepilogo e Invio

Selezionando Torna al menu iniziale il sistema esce dallarea di deposito del prospetto creato e torna ai dati
generali.
E inoltre sempre possibile tornare allarea contenente le schede di deposito in lavorazione, utilizzando
lopzione Depositi in Corso (Figura 23). Essa permette di cliccare su uno dei deposito in corso contenuti

Pag.
21

nella lista, e tramite lopzione Rip


prendi Inseriimento (Figu
ura 24) di accedere
a
nuoovamente allla scheda dii
deposito.

Figuraa 23 - Depositi in
i corso

Figura 244 - Dettaglio deel deposito

Pag.
22

Il tasto Annulla Inserimeento eliminaa la scheda dii deposito selezionata23.

4.3.7 I D
Documentii
Cliccando sulla sezionne Documen
nti (Figura 25) permettte di effetttuare luplooad dei doccumenti chee
compongonno la documeentazione do
offerta associiata alla scheeda in lavorazione.

Figura 255 Deposito documento

Cliccando ill tasto Nuovoo viene visuaalizzato un ppannello per linserimento


l
o delle varie tipologie di documenti
che componngono la doccumentazion
ne dofferta (F
Figura 26).

23

Lopzione di eeliminazione dellla scheda non reeversibile, pertant


nto si prega di prestare particolare attenzione
a
a tale ooperazione.

Pag.
23

Figura 226 - Nuovo Documento

mento del quaale si desiderra effettuare lupload24.


Il campo Doocumento coonsente di sellezionare il tiipo di docum
Se si sta sellezionando dal
d campo Do
ocumento unna tipologia di
d documento multipla25, nel campo Codice devee
26
essere inserrito lidentifi
ficativo del documento
d
. Premendo il tasto Sfog
glia accanto al campo Upload
U
vienee
visualizzataa la mascheraa che consen
nte di selezioonare il docu
umento del qu
uale si desiddera effettuarre lupload27.
Terminato llupload del documento,, sulla destraa del campo Upload vien
ne visualizzaato il link all documentoo
appena cariccato, cliccanndo il quale esso
e
pu esseere visualizzaato.
Il tasto Salvva conferma loperazionee di upload ((Figura 27), e aggiunge il documentoo alla lista deei documentii
(Figura 28).. Il tasto Annnulla eliminaa loperazionne di creazion
ne del nuovo
o documentoo, tornando allla mascheraa
di Figura 255 .

24

Ovviamente linsieme dei docuumenti utilizzabilli dipende dal tipoo di deposito che si sta effettuando
o.

25

Per tipologia ddi documento muultipla si intende la possibilit chee in un deposito possano
p
esservi pii documenti delllo stesso tipo (ad
d esempio i KIID,,
o i moduli ddi sottoscrizione).

26

Si tratta di un codice fornito a discrezione dellutente del sistem


ma ai fini di identificazione del documento stesso. E
Esso deve essere univoco per ognii
prospetto e a parit di tipoloogia di documento (ad esempio, iin un particolare deposito non po
otr esservi pi di un documento KIID con codicee
KIID_1).

27

Sono ammesssi soltanto docum


menti di tipo pdf (p
portable documennt format).

Pag.
24

Figura 27 Documento completato

Figura 228 Documentto inserito

o il dettaglioo del documeento inserito,,


Selezionanddo il singolo documento presente nel la lista vienee visualizzato
permettendoo eventuali modifiche
m
ai dati. Il tastoo Rimuovi, visualizzato
v
soltanto
s
nel ccaso in cui il documentoo
sia gi statoo salvato in precedenza,
p
effettua
e
la rim
mozione dalla scheda di deposito
d
del documento inserito.
i

Pag.
25

Nel caso in cui si stia laavorando non


n su una scheeda di primo deposito, beens su una sccheda di agg
giornamento,,
perazione dii
la lista dei documenti gi riempiita con lelennco dei documenti aggiunti o modiificati nellop
mento della lista, il detttaglio dei documenti
d

deposito prrecedente. Inn tale caso, cliccando ssu un docum


leggermentee diverso (Fiig. 29).

Figura
a 29 - Dettaglioo documento di
d depositi preccedenti

onando Confferma il docuumento attua


ale28; oppuree
Lutente puu confermarre i dati inserriti in preceddenza selezio
pu selezioonare lopzioone Aggiorn
namento, ed effettuare lupload di una
u nuova vversione dell documentoo
indicando nnel campo Valido
V
dal la data di validdit a partiree dalla qualee divengono efficaci le modifiche
m
inn
299
esso contennute; oppure pu selezion
nare Chiusurra, se intende cessare il documento
d
. Da notare che, qualoraa
si sia proceeduto ad unaa modifica di
d un docum
mento gi prresente, nellaa lista dei ddocumenti nella colonnaa
Operazionee viene indiccata il tipo di
d modifica eeffettuata, e cio aggiorrnamento opppure chiusurra. Nel casoo
invece sia sstato inseritoo un nuovo documento (ad esempio
o un supplem
mento) lopeerazione rap
ppresentata
inserimentoo.
Una volta completato linserimento dellintera ddocumentazio
one lutente pu
p verificarre se sono prresenti errorii
cliccando ill tasto Validaazione Opera
azioni. Il sisttema restituisce un messaaggio con leesito della co
ompilazione,,
ed in caso ddi errore ne viene
v
visualizzzato il dettaaglio.
Il tasto Annnulla tutte le
l modifichee permette ddi annullare lintero insiieme delle ooperazioni effettuate
e
suii
documenti della schedaa di deposito
o in lavoraziione, nel casso per qualsiasi motivo si desideri effettuare
e
daa
d
capo linserrimento dei documenti.

28

Il che equivalee a indicare che nel


n deposito di ag
ggiornamento in llavorazione quello
o specifico docum
mento non subiscce alcuna variazio
one.

29

Non tutti i doocumenti che com


mpongono la documentazione dofferta possono essere chiusi (ad
d esempio non ppu esserlo un do
ocumento di tipoo
Prospetto; oovviamente il doccumento Prospettto viene automatiicamente chiuso quando
q
si cessa definitivamente
d
ill relativo prospettto).

Pag.
26

4.3.8 Proodotti

Cliccando P
Prodotti nellarea della Scheda
S
di depposito, si enttra nella seziione Prodottti, la cui prim
ma mascheraa
si presenta ccome illustraato in Figura 30.

Figuraa 6 - Gestione Prodotti


P

Se si lavoraando su una scheda di ag


ggiornamentoo, in prima istanza
i
la lissta contiene ggi i prodottti inseriti neii
depositi preecedenti; Neella lista son
no rappresenttanti anche i prodotti in
nseriti e/o mo
modificati nell corso dellaa
lavorazionee della schedaa corrente.
Cliccando il tasto Nuovoo Prodotto viene
v
visualizzzato un pan
nnello che consente di sceegliere se il prodotto
p
chee
p
dii tipo monocclasse o multiiclasse. Una volta effettuuata la scelta (Figura 31),,
si intende asssociare al prospetto
premendo ill tasto Crea viene
v
visualiizzata la masschera conten
nente le inforrmazioni di ddettaglio del prodotto.
Nel caso in cui si stia laavorando non
n su una scheeda di primo deposito, beens su una sccheda di agg
giornamento,,
p
che possonoo essere sem
mplicementee
nella lista sono elencaati i prodottti inseriti neei depositi precedenti,
2). Per visuaalizzare il prodotto
p
su
ufficiente preemere il tasto Dettaglioo
visualizzati o modificatti (Figura 32
n
lista deii prodotti. Peer modificaree il prodottoo sufficiente, dopo averr
posizionato nella colonnna a destra nella
nteressato, neellarea Operrazione selezzionare Aggi
giornamento e premere ill
selezionato dalla lista ill prodotto in
o (Figura 33), dopo averr selezionato dalla lista ill
tasto Esegui Operazionee. Per chiudeere (liquidaree) il prodotto
azione selezioonare Chiusu
ura; selezion
nare il Tipo ddi chiusura (L
Liquidazionee
prodotto intteressato, nelllarea opera
o Fine com
mmercializzaazione); inseerire la data delloperaziione nel cam
mpo Data, e premere il tasto Eseguii
Operazionee.
Il tasto Annulla consente annullare loperazione in corso e dii tornare alleelenco dei prrodotti.

Pag.
27

Figuraa 7 - Nuovo Prrodotto

Fig
gura 32 Operrazioni su prod
dotto gi esisteente

Pag.
28

Figura 333 Chiusura Prodotto

4.3.8.A) P
Prodotti in
nseriti in prospetto
p
d
di OICR aperti italia
ani ed esteeri
perazione dii aggiornameento di un prodotto
p
gi
Una volta ccreato un nuuovo prodottto, o aver eeseguito lop
esistente, viiene visualizzzata la masch
hera di dettaaglio del prod
dotto. Essa composta daa quattro aree principali:
-

Dati G
Generali (Figuura 34)
Obiettiivi e politicaa di investimeento (Figura 34)
Profiloo di rischio / Rendimento
o (Figura 35)
Dati dii commercializzazione (F
Figura 36)

Pag.
29

Figura 34 - Dati Generali; Obiettivi e politica di investimento

Sezione dati generali


Nel campo Denominazione deve essere inserita la denominazione del prodotto30.
Se nel campo Nazionalit viene selezionato Comunitario, necessario inserire nel campo Domicilio la
nazione del prodotto stesso. Nel caso in cui come domicilio della nazionalit venga selezionato il valore
Italia, la maschera si auto modifica con campi aggiuntivi, da utilizzare con le modalit di seguito
descritte.
Dopo aver operato la scelta selezionando il campo Classificazione si procede a selezionare la specifica Sottoclassificazione. Infatti la selezione della classificazione comporta la visualizzazione, nella riga sottostante,
dellinsieme delle possibili sotto-classificazioni per la classificazione specificata. In particolare:

30

Alla classificazione Market Fund corrispondono le sotto-classificazioni: ETF, OICR di mercato


monetario a breve termine, OICR di mercato monetario, Altro; Soltanto nel caso in cui il prodotto sia
domiciliato in Italia e sia stata selezionata la sotto-classificazione Altro della categoria Market Fund,
occorre inserire una descrizione della classificazione nel campo adiacente alla voce Altro;

Alle classificazioni Total Return Fund e Absolute Return Fund corrispondono le sotto-classificazioni:
Fondo a Cedola, OICR di mercato monetario a breve termine, OICR di mercato monetario, Altro;

Alle classificazioni Life Cycle e Structured Fund corrispondono le sotto-classificazioni: OICR di


mercato monetario a breve termine, OICR di mercato monetario, Altro;

La denominazione del prodotto deve essere univoca a parit di prospetto.

Pag.
30

Figura 35 Profilo di Rischio / Rendimento

Sezione obiettivi e politica di investimento


Soltanto per gli OICR aperti domiciliati in Italia pu, a discrezione del gestore, essere indicato lo stile di
gestione del prodotto tra uno dei tre possibili valori: Growth, Vale, High Dividend.
Se viene selezionata lopzione Fondo Feeder necessario anche selezionare la nazionalit del Domicilio
Master, ed il Codice Prospetto Master31.
Per tutti gli OICR aperti (domiciliati in Italia e in altro Stato Membro), occorre altres, indicare:
-

se il fondo investe in derivati. In caso affermativo deve essere selezionata lopzione Investe in derivati,
deve essere effettuata la selezionare del campo Finalit derivati, distinguendo tra 1) finalit di copertura
e/o 2) finalit non di copertura. Possono essere selezionate entrambe le suddette finalit.
Tuttavia nel caso che sia selezionata la finalit non di copertura, occorre altres specificare se
linvestimento in derivati 1) comporta una variazione del profilo di rischio/rendimento del portafoglio;
2) non comporta variazione del profilo di rischio rendimento del portafoglio.
Tali informazioni andranno prodotte avendo a mente la Comunicazione Consob n 0097996/14 del 22
dicembre 2014 (Comunicazione sulla distribuzione di prodotti finanziari complessi ai clienti retail) in
base alla quale gli strumenti finanziari (compresi i fondi comuni) con leva maggiore di 1 sono
complessi, nonch le successive Q&A pubblicate dalla Consob (in particolare, la Q&A n 20) secondo
cui non da ritenersi complesso uno UCITS in relazione al quale linvestimento in derivati ha finalit di
copertura o non comporta la modifica del profilo di rischio-rendimento del fondo.

31

Il Codice Prospetto Master deve essere indicato soltanto nel caso dei fondi domiciliati in Italia. Si tratta di un codice fornito a discrezione
dellutente del sistema per identificare il prospetto master associato al prodotto. Esso deve essere univoco a parit di prospetto/prodotto e deve
coincidere con uno dei codici master inseriti nei documenti di tipo master nella maschera relativa alla documentazione dofferta del prospetto.

Pag.
31

il grado di leva tendenziale come espresso nel prospetto informativo. In particolare, qualora, in merito
alla leva finanziaria, nel prospetto informativo:

si indichi che lOICR non fa ricorso alla leva finanziaria, il valore che, convenzionalmente, deve
essere espresso 1;

si indichi un preciso valore della leva, tale valore riportato nel DEPROF in forma di numero
intero maggiore di 1 con la possibilit di esprimere 1 o 2 decimali;

non sia espressa alcuna informazione, il campo lasciato vuoto. Questa opzione consentita solo
per i fondi di diritto estero perch i fondi di diritto italiano, in base a quanto previsto dallo schema
di prospetto informativo (Allegato 1B, Schema 1 del Regolamento Emittenti) sono tenuti a fornire
linformazione sulla leva.

Soltanto per gli OICR aperti domiciliati in Italia, a discrezione del gestore, possibile indicare:
-

lorizzonte temporale, specificando i rispettivi valori nei campi Anni e Mesi.

Sezione profilo di rischi/rendimento


Soltanto nel caso di fondi italiani, o di fondi esteri armonizzati alla Direttiva UCITS IV, deve essere
specificata la Classe di rischio del prodotto.
Soltanto nel caso di fondi aperti italiani richiesto altres di compilare le due sotto-sezioni della sezione
Profilo di Rischio/Rendimento, relative, rispettivamente, a Misura del rischio e Benchmark. Queste ultime
sono tra loro esclusive, fermo restando che una delle due deve comunque essere compilata.
Qualora sia stata attivata lopzione Utilizza il seguente benchmark, nella sotto-sezione Benchmark
necessario compilare anche i campi:
-

Provider. Se diverso da Bloomberg e Datastream esso deve essere specificato nel campo di testo
adiacente.
Ticker.
Stile di gestione. Nel caso in cui nel campo Stile di gestione sia stato selezionato il valore Attivo, deve
essere compilato anche il campo Grado di scostamento, scegliendo un valore tra: Contenuto,
significativo, rilevante.

Qualora sia stata attivata lopzione Utilizza la seguente misura dei rischi, nella sotto-sezione Misura del
rischio necessario compilare anche i campi:
-

Indicatore, scegliendo un valore tra: var 1 mese 99%, Deviazione standard, Altro. Se viene selezionata
lopzione Altro, necessario inserire nel campo di testo adiacente una descrizione dellindicatore.

Pag.
32

Figura 36 - D
Dati di commerrcializzazione

Sezione d
dati di com
mmerciallizzazionee
Se il proddotto statoo definito di
d tipo mullticlasse (Fig
gura 37) i dati relativvi alla sezio
one Dati dii
Commerciaalizzazione deevono esseree riempiti perr quante sono
o le classi co
ontenute nel pprodotto. Perr aggiungeree
una classe aal prodotto si
s utilizza il tasto Aggiunngi Classe, posizionato
p
nella parte iinferiore dellla maschera..
Pi precisam
mente, con il tasto Agg
giungi Class e, viene creeata la sched
de corrisponndente alla classe
c
che sii
intende agggiungere la prodotto, che va ad aggiuungersi alle eventuali
e
altrre schede gi create in prrecedenza. Ill
titolo della scheda il valore
v
immessso nel camppo Denomina
azione della classe.
c
Su talle nuova sch
heda possonoo
ggiunta. Clicccando sul tiitolo della sccheda, i datii
essere inserriti i Dati di commerciallizzazione deella classe ag
della schedaa stessa venggono visualizzzati in primoo piano.
Il tasto Coppia Classe simile
s
al tastto Aggiungi cclasse, ma oltre ad aggiu
ungere una sccheda relativ
va alla nuovaa
classe, copia nella nuova scheda i vaalori della sccheda correntte.
Il tasto Rimuovi Classe elimina la sccheda correntte.
mmercializzaazione comp
prende:
Nell specifico, la sezionne Dati di com
-

i dati identificativi;
s
rilev
vano soltantto per i fon
ndi di dirittoo
le spese (questi campi, come si ribadir meglio di seguito,
italianoo);
le datee di inizio e fine
f offerta, e le date di iinizio e delistting quotazio
one;

Essa si applica una voltta soltanto nel


n caso di prrodotti mono
olcasse, ed N volte per qquante sono le classi nell
caso di proddotti multiclaasse.
Nella sotto--sezione Datii Identificativvi devono esssere inseriti::
-

32

i codicci ISIN32 del prodotto, e cio


c il Codicce ISIN nomin
nativo ed il Codice
C
ISIN al portatore;

Se si possiedoono entrambi neecessario indicaree sia il codice ISIIN nominativo ch


he quello al porta
atore. E possibilee comunque indicare uno soltantoo
dei due coddici.

Pag.
33

la Dennominazione della classe33;


la Desttinazione deii proventi, sccegliendo unno tra i valorii: Accumulazzione, Distribbuzione, Mista;
la Valuuta;
il Codiice Documennto KIID34;

Figura 337 Gestione delle


d
classi

Soltanto neel caso di OICR


O
aperti italiani devee essere com
mpilata altress la sotto-seezione Spese, inserendoo
almeno unoo tra i seguennti costi:35:
-

Costi ddi sottoscriziione;


Costi ddi rimborso;
Costi ddi gestione;
Costi ddi conversionne;
Costi ddi performannce;

C
di perfformance possibile
p
inserirne una ddescrizione nel
n campo dii
Nel caso sia valorizzatoo il campo Costi
teste adiacente.
Nelle sotto--sezioni Offeerta e Quota
azione devonno essere insserite le datee di inizio e fine delloffferta e dellaa
quotazione. Per ognuna delle due sezioni:
-

Data Inizio n il campo Data Finee di Offerta, purch siaa


posssibile non vaalorizzare n il campo D
valorizzzato almenoo il campo Data Inizio di Quotazione;;
possibile non valorizzare n il campo Daata Inizio n il campo Data
D
Delisting
ng di Quotazione, purch
sia vallorizzato alm
meno il campo
o Data Inizioo di Offerta;

33

Si applica solttanto ai prodotti multiclasse.


m

34

Si tratta di un codice fornito a discrezione dellutente del sistem


ma per identificaree il KIID associato al prodotto/classse, e deve coinciidere con uno deii
codici KIID
D inseriti nei docuumenti di tipo KIIID nella mascherra relativa alla doccumentazione do
offerta del prospeetto.

35

La sotto-sezioone Spese si appliica soltanto ai fon


ndi domiciliati in Italia.

Pag.
34

E sem
mpre possibiile, sia in Off
fferta che in Q
Quotazione, valorizzare sia
s soltanto iil campo Data Inizio chee
entram
mbi i campi: Data
D
Inizio e Data Fine (nel caso delllofferta); Data
D
Inizio e Delisting (n
nel caso dellaa
quotazzione).

In caso nonn di inserimennto di un nuovo prodottoo, ma di aggiiornamento di


d un prodottto gi esisten
nte (o di unaa
sua classe nel caso di prodotti mu
ulticlasse), laa rappresenttazione di Offerta
O
e Quuotazione leggermentee
Figura 38).
differente (F

Figura 38 A
Aggiornamento
o dellOfferta

In entrambee le sotto-sezzioni Offerta e Quotazionne il valore di


d default, Atttuale, indicaa che nellagg
giornamentoo
del prodottoo non si inteendono effetttuare modificche alle relaative date di quotazione eed offerta. Selezionando
S
o
Nuovo nellaa lista delle operazione si possono indicare nuove date di inizio e/o ccommercializzzazione dell
prodotto36. S
Selezionandoo Variazionee/Correzionee nella lista delle
d
operazio
oni possono eessere modifficare le datee
37
gi comuniccate in un preecedente dep
posito .

Le date d
di validit
Prodotti:
Il campo obbbligatorio Data
D
Validitt (posizionaato in fondo
o a sinistra della
d
mascheera, sopra i tasti
t
Salva e
Annulla, veedi Figura 377), indica la data
d a partiree dalla qualee i valori inseeriti nel proddotto, o mod
dificati i casoo
di un deposito di aggiorrnamento chee aggiorni annche i dati deel prodotto, divengono
d
opperativi.

Classi:
In caso di prodotto muulticlasse presente annche un altro
o campo Da
ata Validit,, anchesso obbligatorioo
D di commeercializzazio
one, sopra i taasti Aggiunggi Classe, Cop
opia Classe e
(posizionatoo in fondo allla sezione Dati
Rimuovi Claasse, vedi Fiigura 37); essso si riferiscce alla data a partire dallla quale i vallori inseriti nella
n
singolaa
classe divenngono operattivi.
In caso depoosito di aggiiornamento che
c aggiorni i dati di una classe di un prodotto muulticlasse gi esistente, laa
maschera ddei dati di coommercializzazione conntiene larea supplementare Tipo di operazione sulla classee
(Figura 39),, valida per ogni
o
classe presente nel pprodotto multiclasse. Seleezionando:

36

Nel caso in cuui si intenda comuunicare un nuovo


o intervallo di offe
ferta o commerciaalizzazione di un prodotto.
p

37

Nel caso in cuui si intenda nonn comunicare un nuovo intervallo di offerta o com
mmercializzazione
e di un prodotto, bens modificaree un valore di unn
intervallo ddi offerta comuniccato con una precedente scheda di deposito.

Pag.
35

Attualee si indica chhe non si inteendono variaare i dati della classe;


Aggiorrnamento si indica che si sta effetttuando un aggiornamen
nto dei datii della classse, alla dataa
specifiicata nel cam
mpo Data Vallidit internoo allarea Da
ati di commerrcializzazionne;
Chiusuura si indicaa che la classse viene ceessata alla daata specificaata nel camppo Data Valiidit internoo
allarea Dati di com
mmercializza
azione38;

Salvatagggio del prrodotto


Per salvare i dati immessi o modificati nella maaschera dei prodotti,
p
com
mpresi quellii delle eventu
uali classi,
vataggio dei dai del prodootto sempre possibile
sufficiente ppremere il taasto Salva. Una volta effeettuato il salv
fintanto chee la scheda di deposito non ancorra stata inviiata alla Con
nsob rientrrare nella scchermata dell
prodotto perr visualizzare i dati ed efffettuare moddifiche.

Figura 39 Deposito di aggiornamentto, operazioni sulla


s
classe

4.3.8.B) P
Prodotti in
nseriti in prospetto d
di fondi ch
hiusi italian
ni
perazione dii aggiornameento di un prodotto
p
gi
Una volta ccreato un nuuovo prodottto, o aver eeseguito lop
esistente, viiene visualizzzata la masch
hera di dettaaglio del prod
dotto. Essa composta daa tre aree principali:
-

Dati G
Generali (Figuura 40)
Politicche di investiimento e gesttione (Figuraa 40)
Dati dii commercializzazione (F
Figura 41)

Sezione d
dati generrali

38

Per chiusura ssi intende qui nonn la chiusura dellofferta, per la chhiusura dellaqualee esiste una speciffica opzione, bens
ns la cessazione della
d
classe, cio
le sua elimiinazione definitivva dal prodotto.

Pag.
36

Nel campo D
Denominazioone deve esssere inserita lla denominazzione del pro
odotto39.
Se nel cam
mpo Nazionaalit viene selezionato C
Comunitario, necessarrio inserire nnel campo Domicilio laa
nazione del prodotto steesso.

Figura 40
0 - Dati Generaali; Politiche di investimento e gestione

Figura 41 - D
Dati di Commeercializzazione

39

La denominazzione del prodottoo deve essere univ


voca a parit di pprospetto.

Pag.
37

Sezione p
politiche di
d investim
mento e ggestione
Se viene seelezionata loopzione Fon
ndo Feeder necessario
o anche selezzionare la naazionalit deel Domicilioo
Master.
c
Loffeerta prevede emissioni su
uccessive.
Nel caso di emissioni suuccessive, deeve essere sellezionato il campo
Nella durataa del periodoo di gestione devono esseere indicati i rispettivi vallori nei camppi Anni e Meesi, nonch
la data scaddenza.

Figura 422 Prodotto Multiclasse


M

Sezione d
dati di com
mmerciallizzazionee
Se il proddotto statoo definito di
d tipo mullticlasse (Fig
gura 42) i dati relativvi alla sezio
one Dati dii
Commerciaalizzazione deevono esseree riempiti perr quante sono
o le classi co
ontenute nel pprodotto. Perr aggiungeree
una classe aal prodotto si
s utilizza il tasto Aggiunngi Classe, posizionato
p
nella parte iinferiore dellla maschera..
Pi precisam
mente, con il tasto Agg
giungi Class e, viene creeata la sched
de corrisponndente alla classe
c
che sii
intende agggiungere la prodotto, che va ad aggiuungersi alle eventuali
e
altrre schede gi create in prrecedenza. Ill
titolo della scheda il valore
v
immessso nel camppo Denomina
azione della classe.
c
Su talle nuova sch
heda possonoo
essere inserriti i Dati di commerciallizzazione deella classe ag
ggiunta. Clicccando sul tiitolo della sccheda, i datii
della schedaa stessa venggono visualizzzati in primoo piano.
Pag.
38

Il tasto Coppia Classe simile


s
al tastto Aggiungi cclasse, ma oltre ad aggiu
ungere una sccheda relativ
va alla nuovaa
classe, copia nella nuova scheda i vaalori della sccheda correntte.
Il tasto Rimuovi Classe elimina la sccheda correntte.

mmercializzaazione comp
prende:
Nell specifico, la sezionne Dati di com
-

i dati identificativi;
f offerta e quotazione;
le datee di inizio e fine

Essa si applica una voltta soltanto nel


n caso di prrodotti mono
olcasse, ed N volte per qquante sono le classi nell
caso di proddotti multiclaasse.
Nella sotto--sezione Datii Identificativvi devono esssere inseriti::
-

i codicci ISIN40 del prodotto, e cio


c il Codicce ISIN nomin
nativo ed il Codice
C
ISIN al portatore;
4
la Dennominazione della classe41
;
la Desttinazione deii proventi, sccegliendo unno tra i valorii: Accumulazzione, Distribbuzione, Mista;
la Valuuta;

Nelle sotto--sezioni Offeerta e Quota


azione devonno essere insserite le datee di inizio e fine delloffferta e dellaa
quotazione.
Per ognuna delle due sezioni:
-

Data Inizio n il campo Data Finee di Offerta, purch siaa


posssibile non vaalorizzare n il campo D
valorizzzato almenoo il campo Data Inizio di Quotazione;;
possibile non valorizzare n il campo Daata Inizio n il campo Data
D
Delisting
ng di Quotazione, purch
sia vallorizzato alm
meno il campo
o Data Inizioo di Offerta;
mpre possibiile, sia in Off
fferta che in Q
Quotazione, valorizzare sia
s soltanto iil campo Data Inizio chee
E sem
entram
mbi i campi: Data
D
Inizio e Data Fine (nel caso delllofferta); Data
D
Inizio e Delisting (n
nel caso dellaa
quotazzione).

In caso nonn di inserim


mento di un nuovo prodootto, ma di aggiornamento di un pprodotto gi esistente, laa
rappresentazzione di Offe
ferta e Quotazzione leggeermente diffe
ferente (Figurra 43).

Figu
ura 43 Aggiorrnamento di Offerta e Quotazione

40

Se si possiedoono entrambi neecessario indicaree sia il codice ISIIN nominativo ch


he quello al porta
atore. E possibilee comunque indicare uno soltantoo
dei due coddici.

41

Si applica solttanto ai prodotti multiclasse.


m

Pag.
39

In entrambe le sotto-sezioni Offerta e Quotazione il valore di default, Attuale, indica che nellaggiornamento
del prodotto non si intendono effettuare modifiche alle relative date di quotazione ed offerta. Selezionando
Nuovo nella lista delle operazione si possono indicare nuove date di inizio e/o commercializzazione del
prodotto42. Selezionando Variazione/Correzione nella lista delle operazioni possono essere modificare le date
gi comunicate in un precedente deposito43.

Le date di validit
Il campo obbligatorio Data Validit (posizionato in fondo a sinistra della maschera, sopra i tasti Salva e
Annulla), indica la data a partire dalla quale i valori inseriti nel prodotto, o modificati i caso di
aggiornamento dello stesso, divengono operativi.
In caso di prodotto multiclasse, presente anche un altro campo Data Validit, anchesso obbligatorio
(posizionato in fondo alla sezione Dati di commercializzazione, sopra i tasti Aggiungi Classe, Copia classe e
Rimuovi Classe); esso si riferisce alla data a partire dalla quale i valori inseriti nella singola classe, o
modificati in caso di aggiornamento della stessa, divengono operativi.

Salvataggio del prodotto


Per salvare i dati immessi o modificati nella maschera dei prodotti, compresi quelli delle eventuali classi,
sufficiente premere il tasto Salva. Una volta effettuato il salvataggio dei dai del prodotto sempre possibile
fintanto che la scheda di deposito non ancora stata inviata alla Consob rientrare nella schermata del
prodotto per visualizzare i dati ed effettuare modifiche.

4.3.8.C) Prodotti inseriti in prospetto di fondi chiusi esteri


Per tali prodotti si rimanda a quanto gi illustrato nel paragrafo 4.3.8.A) a proposito dei prodotti inseriti in un
prospetto di fondi chiusi italiani.

4.3.9 Operazioni di finanza straordinaria ed operazioni speciali


Cliccando sulla voce Operazioni sui Prodotti nellarea Scheda di deposito del menu Operazioni, possono
essere create le operazioni di finanza straordinaria e le operazioni speciali (Figura 44).

42

Nel caso in cui si intenda comunicare un nuovo intervallo di offerta o commercializzazione di un prodotto.

43

Nel caso in cui si intenda non comunicare un nuovo intervallo di offerta o commercializzazione di un prodotto, bens modificare un valore di un
intervallo di offerta comunicato con una precedente scheda di deposito.

Pag.
40

Figura 44 O
Operazioni di fiinanza straord
dinaria ed operrazioni specialii

4.3.9.A) O
Operazioni di finanzza straordiinaria
aria consentoono di indicare la fusion
ne di due o ppi prodotti in un nuovoo
Le operaziooni di finanzza straordina
prodotto, opppure lincorrporazione di uno o pi pprodotti in un
n prodotto gi esistente. E importante rilevaree
che le operrazioni di finanza
f
stra
aordinaria d
devono esseere create sia nel depoosito del prrospetto chee
determina loperazion
ne (cio il prospetto
p
in
n cui presente il prod
dotto nato ddalla fusionee, oppure ill
ncorporantee), sia nel deeposito del p
prospetto ch
he subisce lo
operazione ((cio il prosspetto in cuii
prodotto in
sono presen
nti i due o pi prodotti che si fondoono, oppure il prodotto o i prodotti incorporatii).
Cliccando ssul tasto Finaanza Straord
dinaria (Figuura 44) vienee visualizzataa la mascherra di Figura 45.
4 Il campoo
Operazionee consente dii scegliere il tipo di operrazione di fin
nanza straord
dinaria che ssi intende creeare: fusionee
oppure inccorporazionee. Nel camp
po Data O
Operazione deve essere specificaata la data di validit
delloperaziione.
La parte sotttostante dellla maschera composta dda due aree distinte:
d
-

Prodottti che cessanno per fusion


ne
Prodottto risultantee dalla fusion
ne.

La prima consente di indicare i prodotti


p
chee subiscono loperazionee di fusione o di incorp
porazione, laa
ultante dellooperazione dii fusione o in
ncorporazionne.
seconda dii indicare il prodotto risu

Inserimeento dei prrodotti chee subiscon


no lopera
azione di finanza
f
str
traordinarria:
Pag.
41

Cliccando ssul tasto Agggiungi dellaarea Prodottii che cessan


no per fusion
ne (Figura 445) nella masschera vienee
visualizzataa larea Dettaaglio Elemen
nto Origine ((Figura 46). Selezionand
do lopzione P
Prodotto app
partenente a
questo prosspetto, la riicerca del prodotto
p
da inserire da quelli che subiscono loperazionee di finanzaa
straordinaria viene effetttuata soltan
nto tra i proddotti del prosspetto in corrso di deposiito; in caso contrario, laa
ricerca vienne effettuata su tutti i prrodotti. Per rricercare il prodotto
p
su
ufficiente innserire nei caampi Codicee
. E posssibile valoriizzare anchee
ISIN e Deenominazionee i dati relativi al prodootto e premeere il tasto
soltanto unno dei due campi.
c
La deenominazionne del prodo
otto pu essere inserita anche parziialmente (add
ominazione iinserita deteermina comee
esempio prrod se il proodotto ha deenominazionne prodotto);; se la deno
risultato dellla ricerca pii di un valo
ore (ad esemppio prodotto 1 e prodotto
o2), viene viisualizzata una mascheraa
che consentte di selezionnare il prodottto ricercato (Figura 47).
Premendo il tasto Salvaa il prodotto viene
v
inseritto allinterno
o delloperaziione di finannza straordinaria in corsoo
di creazionee; il tasto Annnulla consen
nte invece di annullare liinserimento del
d prodotto..
Le azioni apppena descrittte devono essere ripetutee per quanti sono i prodo
otti (fusi o inncorporati) ch
he subisconoo
loperazionee di finanza straordinariaa.

Figura
a 45 Dettaglio operazioni di finanza straorrdinaria

Pag.
42

Figura 46 Dettaglio elem


mento origine

Figura 47 Sellezione del pro


odotto ricercato

Inserimeento del prrodotto rissultante da


dalloperazzione di fiinanza strraordinariia:
Cliccando ssul tasto Agggiungi dellaarea Prodotto
to risultante dalla fusion
ne (Figura 455) nella masschera vienee
visualizzataa larea Dettaaglio Elemen
nto Destinaziione (Figura 48).
Vi sono tre possibili cassi di utilizzo dellarea Proodotto risulta
ante dalla fu
usione. Essi ssono:

Pag.
43

Figura 48 Deettaglio elemen


nto destinazione

nente al prosspetto in corrso di deposiito


A) Prodottto apparten
Nel caso in cui il prodootto da indicaare come risuultante dello
operazione di
d finanza strraordinaria appartenga
a
all
prospetto inn corso di depposito, cio se viene seleezionata lop
pzione Prodo
otto appartennente a questto prospetto,,
il funzionam
mento del tutto similee a quanto ggi descritto per larea Prodotti
P
che cessano perr fusione. Sii
dovr pertannto procederre, nei modi gi
g illustrati,, a ricercare il
i prodotto in
n oggetto.
ome risultatoo delloperazzione di fusio
one o incorpporazione non
n risiede nell
Se invece ill prodotto daa indicare co
prospetto inn corso di deeposito, cio nel caso in ccui non vien
ne selezionata lopzione P
Prodotto app
partenente a
questo prosp
spetto, larea della maschera viene esppansa con alccune informaazioni aggiunntive:
- il camppo Prodotto appartenentte al gestore;;
- il camppo Denominaazione prosp
petto / denom
minazione gesstore;
e si hanno ddue sotto-cassi particolari:
p
in
n corso di deeposito
B) Prodottto non ancora esistente e non apparrtenente al prospetto
In tale casoo, poich il prodotto
p
da indicare com
me risultato delloperazio
d
one di fusionne o incorpo
orazione nonn
risiede nel prospetto inn corso di deposito, e non anco
ora stato creeato nel proospetto in cu
ui risiede,
44
impossibile indicare esplicitamentee tale prodottto , cio non possibiile selezionaare il prodottto nei modii

44

Questo perchh ancora potrebbbe non essere sttato depositato ill prospetto conteenente il nuovo prodotto
p
nel quaale si fondono i prodotti indicatii
nelloperaziione del prospettto in corso di deeposito. Ad esem
mpio, poniamo ch
he al tempo T la societ S stia ppreparando un deeposito di un suoo
prospetto P indicando unopperazione di fusio
one di due prodottti p1 e p2 di talee prospetto. E po
oniamo che la socciet S, che posssiede il prospettoo
contenente il nuovo prodottto p3 nel quale confluiscono i pprodotti p1 e p2, al tempo T non
n ha abbia ancora
ra depositato lag
ggiornamento dell
prospetto coontenete il nuovoo prodotto p3. Il tale caso, per potter consentire a S di effettuare il proprio deposito,, necessario am
mmettere lipotesii
che ancora il prodotto p3 non esiste allinteerno del DEPROF
F. Dunque, devee essere data la possibilit
p
ad S ddi inserire loperaazione di finanzaa
straordinariia anche senza linndicazione di quaal il prodotto rissultante dalloperrazione stessa.

Pag.
44

indicati al punto A). Deve pertanto essere consentito, al fine di procedere con linserimento delloperazione
di finanza straordinaria, di non indicare esplicitamente il prodotto risultante dalloperazione stessa, cio in
tale caso non devo essere utilizzati i campi Codice ISIN e Denominazione per ricercare il prodotto, poich
esso ancora non esiste.
In particolare:
- se selezionata lopzione Prodotto appartenente al gestore, sufficiente inserire, come unico valore
dellintera area Dettaglio Elemento Destinazione, il prospetto che contiene il prodotto risultante

dalloperazione di finanza straordinaria; esso deve essere ricercato con il tasto


inserendo la
descrizione del prospetto o una sua parte nel campo Denominazione Prospetto;
se non selezionata lopzione Prodotto appartenente al gestore, sufficiente inserire, come unico
valore dellintera area Dettaglio Elemento Destinazione, il soggetto gestore che possiede il prospetto
contenente il prodotto risultante dalloperazione di finanza straordinaria; esso deve essere ricercato con
il tasto
Gestore.

inserendo la descrizione del soggetto gestore o una sua parte nel campo Denominazione

C) Prodotto gi esistente non appartenente al prospetto in corso di deposito


In questo caso sufficiente effettuare quanto gi illustrato nel caso A), e cio ricercare tramite gli appositi
campi Codice ISIN e Denominazione il prodotto risultante dalloperazione di finanza straordinaria.

Una volta terminata la compilazione dellarea Dettaglio Elemento Destinazione con una delle modalit
indicate, possibile utilizzare il tasto Salva per inserire il prodotto allinterno delloperazione di finanza
straordinaria in corso di creazione; il tasto Annulla consente invece di annullare linserimento del prodotto.
Quando tutte gli elementi delloperazione di finanza straordinaria sono stati inseriti (cio gli N prodotti di
origine ed il prodotto di destinazione delloperazione), possibile salvare loperazione di finanza
straordinaria nella scheda di deposito premendo il tasto Inserisci posto nella parte inferiore dellarea
Dettaglio operazione di Finanza Straordinaria. Premendo invece il tasto Annulla, lintera operazione di
finanza straordinaria viene annullata.

4.3.9.B) Operazioni speciali


Le operazioni speciali riguardano sempre soltanto un singolo prodotto. Esse sono suddivisibili in due tipi:
-

cessione ad altro prospetto


associazione da altro prospetto

La cessione ad altro prospetto indica che il prodotto transita in un altro prospetto, e dunque non fa pi parte
del prospetto in corso di deposito45.
Lassociazione da altro prospetto, invece, contiene sia loperazione speculare della cessione ad altro
prospetto e cio lacquisizione nel prospetto in corso di deposito di un prodotto appartenente ad altro
prospetto - sia la commercializzazione in Italia di un prodotto precedentemente commercializzato soltanto
allestero.

45

La cessione ad altro prospetto non si applica in caso di primo deposito.

Pag.
45

Figura 49
9 Cessione ad
d altro prospettto: Dettaglio operazione
o

Cessione ad altroo prospetto


o:
C
ad altro
a
prospeetto (Figura 44)
4 viene viisualizzata laa maschera di figura 499
Cliccando sul tasto Cessione
contenentee larea Dettaaglio Operazzione.
Nel campoo Data Operaazione deve essere indicaata la data a partire
p
dalla quale il proddotto viene ceduto.
c
I campi Co
Codice ISIN e Denominazzione sono ut
utilizzati per ricercare il prodotto
p
chee deve esseree ceduto. Perr
ricercare ill prodotto sufficiente
s
in
nserire nei caampi Codice ISIN e Denominazione ed utilizzaree il tasto
. E possibbile valorizzzare anche soltanto uno dei due cam
mpi. La deno
ominazione del prodotto
o pu esseree
inserita annche parzialm
mente (ad eseempio prod se il prodottto ha denomiinazione proodotto); se laa descrizionee
inserita deetermina com
me risultato della
d
ricerca pi di un vaalore (ad esempio prodottto 1 e prodo
otto2), vienee
visualizzatta una maschhera che conssente di selezzionare il pro
odotto ricercato (Figura 447).
mento in altrro prospetto commercializzato dal ggestore si in
ndica che ill
Selezionanndo il camppo Trasferim
prodotto vviene ceduto ad un altro prospetto
p
dell gestore possessore del prospetto
p
in ccorso di deposito. In talee
caso poossibile inserrire anche ill prospetto aal quale il prodotto
p
vien
ne ceduto; iil prospetto deve esseree
ricercato im
mmettendonne il nome od
d una sua paarte nel camp
po Denomina
azione Prosppetto, utilizzando il tastoo
.
Al contrarrio, se non viene
v
selezio
onato il cam
mpo Trasferiimento in alltro prospettto commerciializzato dall
gestore, sii indica che il
i prodotto viene ceduto aad un prospeetto apparten
nente ad un ggestore diverrso da quelloo
che possieede il prospetto in corso
o di depositto. In tale caso possib
bile inserire anche il geestore ad unn
prospetto ddel quale il prodotto
p
vien
ne ceduto; ill gestore dev
ve essere riceercato immetttendone il nome
n
od unaa
sua parte nnel campo Deenominazion
ne Gestore, uutilizzando ill tasto

Pag.
46

Una volta terminata laa compilazio


one dei cam
mpi possibile salvare loperazione ddi cessione premendo ill
tasto Inserrisci posto neella parte infferiore dellaarea Dettagliio operazione. Premendoo invece il taasto Annulla,,
lintera opperazione di cessione
c
vien
ne annullata

Figura 50 Associazione da altro prosp


petto: Dettaglio
o operazione

Associazzione da altro
a
prosp
petto:
d altro prosp
spetto (Figura 44) viene visualizzata
v
la maschera di figura 500
Cliccando sul tasto Asssociazione da
contenentee larea Dettaaglio Operazzione.
Nel campoo Data Operaazione deve essere indicaata la data a partire
p
dalla quale il proddotto viene acquisito.
a
I campi Coodice ISIN e Denominaziione sono utiilizzati per riicercare il prodotto che ddeve essere acquisito. Perr
ricercare ill prodotto sufficiente
s
in
nserire nei caampi Codice ISIN e Denominazione ed utilizzaree il tasto
. E possibbile valorizzzare anche soltanto uno dei due cam
mpi. La deno
ominazione del prodotto
o pu esseree
inserita annche parzialm
mente (ad eseempio prod se il prodottto ha denomiinazione proodotto); se laa descrizionee
inserita deetermina com
me risultato della
d
ricerca pi di un vaalore (ad esempio prodottto 1 e prodo
otto2), vienee
visualizzatta una maschhera che conssente di selezzionare il pro
odotto ricercato (Figura 447).
Una volta terminata laa compilazion
ne dei campii possibile salvare lopeerazione di aacquisizione premendo ill
tasto Inserrisci posto neella parte infferiore dellaarea Dettagliio operazione. Premendoo invece il taasto Annulla,,
lintera opperazione di acquisizione
a
viene annulllata

4.3.9.C) V
Visualizzazzione e annullamentto delle op
perazioni di
d finanza straordina
aria e
delle operrazioni speeciali

Pag.
47

Terminnato linserim
mento di unaa o pi operaazioni di finanza straordinaria, la listta delle operrazioni vienee
visualiizzata come esemplificato dalla Figgura 51. Prem
mendo il tassto Annulla tutte le mod
difiche, ognii
operazzione di finannza straordin
naria o di asssociazione/ccessione di prodotti
p
vienee annullata. Premendo ill
tasto V
Vedi in corsoo di verifica possibile vverificare lo
o stato delle operazioni ppendenti, cio
o quelle chee
coinvoolgono prodootti apparteneenti a prospeetti diversi (d
del gestore o di altri gesttori) rispetto al prospettoo
in corsso di deposiito; infatti taali operazionni, affinch possano deffinirsi complletate, necessitano di unn
risconttro incrociaato dei due (o
( pi) prosppetti coinvolti nelloperazzione46.
Cliccanndo su unooperazione prresente nellaa lista ne vieene mostrato
o il dettaglioo, consentend
do eventualii
modifiiche ai dati gi
g inseriti. Nel
N caso dellle operazion
ni di finanza straordinariaa (come nelllesempio dii
Figuraa 52) possibbile cliccare su uno deglli elementi delle due listee (Prodotti cche cessano per
p fusione /
incorpporazione e prodotto risultante
r
daalla fusione / prodotto incorporannte) per vissualizzare o
modifiicare il conteenuto di detttaglio elemennto origine o dettaglio elemento desttinazione. Sii ricorda chee
per sallvare i dati evventualmentee modificati necessario
o premere il tasto
t
Salva (FFigura 52).

Figura 51 Listta delle operazzioni sui prodo


otti

46

A tale proposiito si veda il prim


mo capoverso del paragrafo 4.3.9.A
A).

Pag.
48

Figura 52
2 Visualizzaziione e modifica operazioni su
ui prodotti

4.3.10 Alttri tipi di deposito


d
In casi partiicolari posssibile usufruiire di opzionni che consen
ntono una creeazione di sch
chede di depo
osito
differente dda quello di primo
p
depositto od aggiornnamento:

4.3.10.A) Deposito di rettifica


a
E possibilee, nel caso siano stati co
ommessi erroori nella com
mpilazione dii un prospettto e/o dei daati relativi aii
prodotti in esso contennuti, ed il prospetto conttenente tali errori
e
sia gi stato depoositato tramitte il sistemaa
DEPROF, eeffettuare le necessarie rettifiche. Peer ogni prosspetto posssibile rettificcare soltanto
o il depositoo
immediatam
mente preceddente; tuttav
via possibilee effettuare pi
p di un deposito di rettiffica dellultiimo depositoo
47
valido effetttuato .
Cliccando ssu Nuovo Dep
eposito nellaarea Depositii del menu principale
p
Op
perazioni, vieene visualizzzata lelencoo
dei prospettti (Figura 15). Cliccando su un elemeento della lista (Figura 16
6) e premenddo il tasto Reettifica vienee
visualizzataa la mascheraa di riepilogo
o dei dati dell prospetto ch
he deve esserre rettificato..
Premendo il tasto Salvaa viene creataa la scheda ddi deposito di
d rettifica, ch
he deve esseere utilizzata e compilataa
nelle modallit gi indiccate nei preceedenti paragrrafi. Il tasto Annulla permette di annnullare la creeazione dellaa
scheda di reettifica.

47

Cio se del pprospetto P statto effettuato il deposito


d
D (primoo deposito o agg
giornamento) in data
d
T, possibiile successivameente effettuare unn
deposito D di rettifica in daata T, ed eventuali altri successivii depositi di rettifi
fica (nel caso la re
ettifica non sia staata ben eseguita e si desideri a suaa
volta rettifiicarla) fino a quuando non viene effettuato un deeposito di aggiorrnamento D. Dalla
D
data in cui stato effettuaato il deposito dii
aggiornameento D non sar pi possibile retttificare D, ma sooltanto D.

Pag.
49

Relativamennte ai dati dei


d prodotti, importantee notare che - se si sta operando
o
unna rettifica deei dati di unn
prodotto muulticlasse - lopzione
l
Tip
po operazionne sulla classse (Figura 39)
3 contienee, oltre alle opzioni
o
Datii
Attuali, Agggiornamento, Chiusura (il
( cui signifficato gi stato
s
descrittto nella sezioone Classi del
d paragrafoo
4.3.8.A), annche unaltra fra le due seeguenti operaazioni: Rimo
ozione, Annullla Chiusuraa.
Viene visuaalizzata lopzzione Rimoziione nel casoo in cui nel precedente
p
deeposito del pprospetto (qu
uello oggettoo
del depositoo di rettificaa) sia stata erronoeament
e
te creata la classe in og
ggetto e si deesideri elimiinarla; vienee
invece visuaalizzata loppzione Annullla chiusura nel caso in cui
c nel preceedente depossito del prosp
petto (quelloo
oggetto del deposito di rettifica)
r
la classe
c
in oggeetto sia stataa erroneamen
nte chiusa e ssi desideri rip
pristinarne laa
validit.

4.3.10.B) Deposito di
d chiusurra
eposito nellaarea Depositii del menu principale
p
Op
perazioni, vieene visualizzzato lelencoo
Cliccando ssu Nuovo Dep
dei prospettti (Figura 15). Cliccando
o su un elemeento della lissta (Figura 16) premendoo il tasto Chiusura vienee
visualizzataa la mascheraa di riepilogo
o dei dati dell prospetto ch
he deve esserre chiuso.
Con essa possibile ceessare definitivamente il prospetto, nel
n caso in cui
c tutti i pro
rodotti in essso contenutoo
siano stati lliquidati, toltti dalla comm
mercializzaziione in Italiaa, transitati in
n altri prospeetti, o chiusi a seguito dii
unoperazioone di finanza straordinarria.
La figura 533 illustra la creazione
c
dellla scheda di chiusura dell prospetto.

Figura
F
53 Sch
heda di chiusura del prospetto

Pag.
50

Lunico dato da compilare nella fase di creazione della scheda il campo Data Chiusura / Fine Prospetto,
che deve essere valorizzato con la data di cessazione del prospetto. Premendo il tasto Salva la scheda di
chiusura viene creata.
Premendo il tasto Salva viene creata la scheda di deposito di chiusura. Una volta creata, essa pu e deve
essere utilizzata soltanto per indicare la chiusura di tutti i prodotti contenuti nel prospetto in una o pi
modalit indicate nei paragrafi precedenti: liquidazione, fine commercializzazione in Italia, transito in
altri prospetti, chiusura a seguito di unoperazione di finanza straordinaria48.
Il tasto Annulla permette di annullare la creazione della scheda di chiusura.

4.3.10.C) Deposito di annullamento


Cliccando su Nuovo Deposito nellarea Depositi del menu principale Operazioni, viene visualizzato lelenco
dei prospetti (Figura 15). Cliccando su un elemento della lista (Figura 16) e premendo il tasto Annullamento
viene creata la scheda di deposito di annullamento. Con essa possibile annullare il prospetto. Loperazione
di annullamento equivale al suo ritiro, di fatto come se il prospetto non fosse mai stato presentato. Pertanto
essa possibile soltanto per i prospetti che non abbiano subito aggiornamenti, e i cui prodotti non siano
ancora stati commercializzati.
Premendo il tasto Salva viene creata la scheda di deposito di annullamento. Il tasto Annulla permette di
annullare la creazione della scheda di annullamento.

4.3.10.D) Rideposito annuale


Cliccando su Nuovo Deposito nellarea Depositi del menu principale Operazioni, viene visualizzato lelenco
dei prospetti (Figura 15). Cliccando su un elemento della lista (Figura 16) e premendo il tasto Rideposito
Annuale viene creata la scheda di rideposito. Con essa possibile effettuare laggiornamento annuale dei dati
storici del prospetto e dei suoi prodotti49.
Premendo il tasto Salva viene creata la scheda di rideposito annuale, che deve essere utilizzata e compilata
nelle modalit gi indicate nei precedenti paragrafi. Il tasto Annulla permette di annullare la creazione della
scheda di annullamento.

48

Si ricorda che tutte le suddette operazioni sono effettuabili tramite la voce Operazioni su Prodotti del menu Scheda di Deposito, eccetto la
liquidazione del prodotto, che deve essere effettuata dalla voce Prodotto del menu Scheda di Deposito.

49
Si ricorda che loperazione pu essere effettuata N volte in un anno per quanti sono i prodotti contenuti nel prospetto domiciliati in differenti stati
esteri, poich le diverse autorit estere competenti possono prevedere differenti periodi dellanno per linvio dei dati storici.

Pag.
51

4.3.11 Reeferente
da di deposito del menu Operazioni, possibile comunicare,,
Cliccando ssulla voce Reeferente nelllarea Scheda
nel caso di pprimo depossito del prosp
petto, od agggiornare, nel caso di aggiiornamento ddel prospetto
o, il referentee
associato al prospetto. Le
L modalit di
d utilizzo di tale maschera sono le steesse gi desccritte nel paraagrafo 4.1.2..
nica differenzza consiste nelle
n
modalitt di comuniicazione del referente. Inn
Rispetto a qquanto gi deescritto, lun
tale fase la ccomunicazioone contesttuale al depoosito della sch
heda, mentree quanto desccritto nel parragrafo 4.1.22
si riferisce alla possibillit di comun
nicare il refe
ferente senzaa la necessit di creare eed inviare un
na scheda dii
50
deposito .

Figura 54 Riepiloggo ed invio dellla scheda di deeposito

4.3.12 Riiepilogo diichiarazion


ne ed invioo in Conso
ob
Cliccando ssulla voce Riiepilogo e Invvio nellareaa Scheda di Deposito
D
del menu Operaazioni, viene visualizzataa
la mascheraa per il riepiloogo delle infformazioni ddella scheda e per linvio in Consob de
della stessa (F
Figura 54).
La mascherra compostta, nella prim
ma parte, dai campi che riassumono
r
gli
g attributi pprincipali della scheda, e
nella secondda parte da una
u serie di sezioni (Referrente, Docum
mento, Prodo
otti, Operazio
ioni), cliccan
ndo le quali
possibile visualizzare inn forma riasssuntiva le rellative inform
mazioni.
nsob della sscheda. Dopo
o la pression
ne del tasto, essendo talee operazionee
Il tasto Inviia effettua linvio in Con
particolarmente delicataa, viene visuaalizzata una finestra di dialogo
d
che richiede
r
la coonferma dellloperazione..
c
di comu
unicazione ddi una schedaa particolarm
mente ricca ddi documenti pdf, i tempii
Si fa presennte, che nel caso
per linvio ppossono risultare particollarmente lunnghi.

50

Ci pu risulltare particolarmente utile nel caaso in cui cambii il referente del prospetto in un
n momento in cuui non devono essere comunicatii
aggiornameenti al prospetto.

Pag.
52

Il tasto Annnulla eliminaa in modo irrreversibile laa scheda in corso, cos come
c
tutti i documento ed
e i prodottii
(nonch le m
modifiche suu di essi operrate nel caso di scheda di aggiornamento) ad essa collegati.

4..4

Ricerrca Depositi

Selezionanddo la voce Ricerca


R
Dep
positi nellarrea Depositii del menu Operazioni (Figura 55)) possibilee
effettuare le ricerche sui
s depositi gi effettuaati. Per otteenere un risu
ultato pi aaccurato posssono esseree
specificati aalcuni param
metri di ricerca:
-

il tipo di prospetto (OCIR apertti, fondi chiuusi italiani, fo


ondi chiusi esteri);
e

il tipoo di depossito (primo


o deposito, aggiornameento, ridepo
osito annuaale, rettificaa, chiusura,,
annullaamento);

la denoominazione del
d prospetto
o;

il num
mero di protoccollo;

la dataa di riferimennto del depossito, in formaa di intervallo


o dal al 51;

t
La ricerca ssi effettua prremendo il tasto
trovati.

. Il sistema mo
ostra nella tab
bella sottosttante la lista dei depositii

p
visuualizzare, in formato pdf,,
Inoltre, cliccando sulliccona pdf posta sulla colonnna destra nella lista, possibile
la scheda dii deposito.

Figuraa 55 - Ricerca depositi


d

51

Pu anche esssere specificato soltanto uno deii due valori; in ttal caso, se viene omesso al si intendono tutti i depositi a partirre dalla data dal..
Viceversa, sse viene omesso dal
d si intendono tutti
t
i depositi finno alla data al.

Pag.
53

Pag.
54

Appendice A Invio dati tramite file XML


Nel caso in cui il numero dei documenti o la mole dei dati relativa ai prodotti che devono essere comunicati
in un primo deposito, in un deposito di aggiornamento o nel rideposito annuale52, siano considerati eccessivi
per un inserimento in stile data-entry nelle modalit descritte nei precedenti paragrafi del presente manuale,
offerta la possibilit di caricare allinterno della scheda di deposito i documenti ed i dati dei prodotti
tramite file XML; i file XML devono essere prodotti conformamene ai rispettivi file XSD definiti dalla
CONSOB secondo lo Schema Language XSD-W3C.
Linvio tramite file XML dei dati della scheda di deposito si applica sia ai documenti che ai dati strutturati
contenuti nei prodotti associati alla scheda. Linvio delle due tipologie di dati (documenti e prodotti)
effettuato tramite due differenti file XML tra loro indipendenti. Tale modularit consente di scegliere linvio
tramite file XML soltanto per i documenti, soltanto per i dati dei prodotti, o in entrambi i casi, lasciando
pertanto la massima libert operativa53.
Sulla pagina Internet del sito Consob dedicata al sistema DEPROF saranno disponibili sia i due file
XSD di documenti e prodotti, sia alcuni esempi di file XML.

La struttura del file XML dei documenti


Il file XML dei documenti deve essere realizzato a partire dal relativo file XSD datiDocumenti.xsd. In esso
sono definite le regole e le strutture dati per una corretta compilazione del file XML.
Il tag tipoOperazione indica loperazione associata al relativo documento. I valori Aggiornamento e
Chiusura sono applicabili soltanto ai depositi di aggiornamento. Il valore Creazione si applica invece a tutti i
documenti di un primo deposito, ed agli eventuali nuovi documenti aggiunti in un deposito di aggiornamento
(ad esempio se si aggiunge il supplemento ad un prospetto).
-

Il tag Creazione indica che il documento un documento nuovo, non ancora presente nel prospetto.
Il tag Aggiornamento indica che il documento, gi esistente nel prospetto, viene aggiornato con una sua
nuova versione.
Il tag Chiusura indica che il documento viene chiuso, cio cessa di esistere allinterno del prospetto.

Dove non specificamente indicato, i successivi tag si applicano a tutti e tre i valori indicati nel tag
tipoOperazione:
Il tag tipologiaDocumento deve essere valorizzato
SimpleType:TipologiaDocumento di datiDocumenti.xsd.

con

uno

dei

valori

definiti

nel

Il tag codiceDocumento deve essere valorizzato soltanto in caso di documenti multipli 54 , e corrisponde
allidentificativo del documento descritto a pg. 24 del presente manuale. Attenzione: in caso di
aggiornamento di un documento multiplo non consentito modificare il valore del tag

52

Al momento linvio tramite file XML non supportato per i depositi di correzione.

53

Le operazioni speciali di acquisizione/cessione di prodotto, e di finanza straordinaria, non sono supportate.

54

Cio delle tipologie di documento che allinterno del prospetto possono avere pi occorrenze, quali ad esempio il modulo di sottoscrizione.

Pag.
55

codiceDocumento del documento oggetto della modifica, in quanto esso utilizzato come chiave
univoca per associare il valore del tag con il documento del prospetto presente nel sistema.
Il tag dataValidita indica la data di validit delloperazione (di creazione, aggiornamento o chiusura) sul
documento, nel formato gg/mm/aaaa.
Il tag nomeFile deve corrispondere esattamente al nome del documento PDF (estensione compresa)
contenuto allinterno del file ZIP al quale i precedenti tag si riferiscono. Non deve essere indicato soltanto
nel caso in cui il tag tipoOperazione abbia come valore Chiusura (poich ovviamente in tale caso il
documento non deve essere inserito nel file ZIP).
Il file XML dei documenti conterr la serie di tag tipoOperazione nomeFile N volte per quanti sono i
documenti interessati dal deposito.

Lo ZIP dei documenti


Una volta terminata la lavorazione del file XML e dei documenti oggetto del deposito via XML, questi
devono essere inseriti unitamente al file XML - allinterno di un file ZIP. Oltre al file XML, il file ZIP
deve contenere soltanto i documenti interessati dal deposito in oggetto. Non deve contenere altri file o
directory.

La struttura del file XML dei prodotti


Il file XML dei prodotti deve essere realizzato a partire dal relativo file XSD datiProdotti.xsd. In esso sono
definite le regole e le strutture dati per una corretta compilazione del file XML.
I tag descrivono gli stessi attributi del prodotto indicati nei paragrafi 4.3.3, 4.3.4 e 4.3.5 del presente
manuale.
La struttura generale del file XML deducibile dal relativo file XSD e dagli esempi scaricabili da sito
Internet della Consob. In aggiunta, importante osservare:
-

La macro struttura del file XML, con riportati alcuni dei tag pi significativi, la seguente:
PRODOTTO 1:
<tag: prodotto>
<tag:tipoOperazioneProdotto></tag:tipoOperazioneProdotto>
{ Il tag tipoOperazioneProdotto identifica il tipo di operazione sul prodotto. E
valorizzato con Creazione se in un primo deposito o in un deposito di
aggiornamento si sta inserendo un nuovo prodotto; valorizzato con DatiAttuali
nel caso in cui in un deposito di aggiornamento gli attributi propri del prodotto (cio
esclusi quelli delle classi, o comunque riconducibili alla classe nel caso dei prodotti
monoclasse) non subiscano alcuna variazione; valorizzato con Aggiornamentose
in un deposito di aggiornamento si intende modificare uno o pi attributi propri del
prodotto (cio esclusi quelli delle classi, o comunque riconducibili alla classe nel

Pag.
56

caso dei prodotti monoclasse); valorizzato con Chiusura se si sta procedendo


alla liquidazione del prodotto. }
{ gli attributi del prodotto e i loro valori }
CLASSE 1:
< tag:monoclasse> oppure < tag:multiclasse> (a seconda del tipo di prodotto)
< tag:tipoOperazioneClasse></tag:tipoOperazioneClasse>
{ gli attributi della classe (o i restanti attributi del prodotto in caso di
monoclasse)}
{ Il tag tipoOperazioneClasse identifica il tipo di operazione sulla classe. E
valorizzato con Creazione se in un primo deposito o in un deposito di
aggiornamento si sta inserendo una classe in un nuovo prodotto o in un
prodotto gi esistente; valorizzato con DatiAttuali nel caso in cui in un
deposito di aggiornamento gli attributi della classe (o gli attributi comunque
riconducibile alla classe in caso di prodotto monoclasse) non subiscono
alcuna variazione; valorizzato con Aggiornamento se in un deposito di
aggiornamento si intende modificare uno o pi attributi della classe (o
comunque riconducibili alla classe nei prodotti monoclasse); valorizzato
con Chiusura se si sta procedendo alla chiusura di una classe. }

<tag:tipoOperazionePeriodoOfferta></tag:tipoOperazionePeriodoOfferta>
{ Il tag tipoOperazionePeriodoOffferta identifica il tipo di operazione
sullinizio/fine offerta. E valorizzato con DatiAttuali se in un deposito di
aggiornamento non si intende modificare il precedente periodo di offerta;
valorizzato conAggiunta in caso di: primo deposito; oppure di aggiunta di
un nuovo periodo di offerta ad un prodotto inserito in un deposito di
aggiornamento. E valorizzato con Variazione in caso di aggiornamento
del pediodo di offerta di un prodotto inserito in un deposito di
aggiornamento). }

<tag:tipoOperazionePeriodoQuotazione></tag:tipoOperazionePeriodoQuo
tazione>
{ Il tag tipoOperazionePeriodoQuotazione identifica il tipo di operazione
sullinizio/fine quotazione. E valorizzato con DatiAttuali se in un
deposito di aggiornamento non si intende modificare il precedente periodo di
quotazione; valorizzato conAggiunta in caso di: primo deposito; oppure
di aggiunta di un nuovo periodo di quotazione ad un prodotto inserito in un
deposito di aggiornamento. E valorizzato con Variazione in caso di
aggiornamento del pediodo di quotazione di un prodotto inserito in un
deposito di aggiornamento).

Pag.
57

<tag:validitaModificheClasse></tag:validitaModificheClasse> (la data di


validit delle modifiche o di creazione della classe; si applica soltanto ai
multiclasse)
</tag:monoclasse> oppure </tag:multiclasse> (a seconda del tipo di prodotto)
<tag:validitaModificheProdotto></tag:validitaModificheProdotto> (la data di
validit delle modifiche o di creazione del prodotto)
CLASSE 2 (si ripete il macro schema di CLASSE 1 e cos via, per il numero delle classi; soltanto in
caso di prodotto multiclasse)

PRODOTTO 2 (si ripete il macro schema di PRODOTTO 1 e cos via, per il numero dei prodotti)

Dunque, i tag tipoOperazioneProdotto e tipoOperazioneClasse indicano loperazione associata al


prodotto (od alla classe). In particolare:
o Il valore Creazione indica che gli attributi contenuti nel prodotto (o nella classe) si riferiscono
ad un prodotto nuovo (o ad una nuova classe). Si applica sia al primo deposito che ai depositi di
aggiornamento.
o Il valore Aggiornamento indica che gli attributi contenuti nel prodotto (o nella classe) si
riferiscono ad un prodotto (o ad una classe) gi esistente. Importante: in tale caso necessario
inserire comunque nella sezione del file XML relativa a tale prodotto (o a tale classe) tutti i
valori, anche quelli che non sono stati modificati 55 ; si applica soltanto ai depositi di
aggiornamento.
o Il valore Chiusura indica che il prodotto stato liquidato 56 o che la classe stata chiusa.
Importante: in tale caso necessario inserire nella sezione del file XML relativa a tale
prodotto (o alla classe) tutti i valori, anche quelli che non sono stati modificati57; si applica
soltanto ai depositi di aggiornamento.
o Il valore DatiAttuali indica che gli attributi del prodotto (esclusi quelli della classe), o gli
attributi della classe, non subiscono alcuna modifica;

Come si evince dallo schema della macro struttura del file XML, nel caso di prodotto monoclasse gli
attributi comunque riconducibili alla classe58 devono essere inseriti allinterno del tag monoclasse;

55

Cio devono essere riportati: i nuovi valori, laddove questi siano cambiati; i valori comunicati con il precedente deposito valido (primo deposito o
aggiornamento) laddove questi siano rimasti inalterati. Si vedano in merito gli esempi riportati sul sito Consob.

56

Poich il sistema non supporta linvio tramite file XML delle operazioni speciali di acquisizione/cessione di prodotto e di finanza straordinaria, di
un prodotto possibile indicarne soltanto la chiusura per liquidazione.

57

Questo poich possibile, contestualmente alla chiusura per liquidazione, effettuare anche modifiche degli attibuti del prodotto. Nel caso pi
consueto che alla chiusura non si accompagnino anche modifiche sugli attributi del prodotto, necessario comunque riportare tutti gli attributi
con gli stessi valori comunicati con il precedente deposito valido (primo deposito o aggiornamento). Si vedano in merito gli esempi riportati sul
sito Consob.

58

Anche se nel caso di monoclasse potremmo definirla una classe virtuale.

Pag.
58

Il tag nazione, che indica la nazionalit di domiciliazione del fondo, pu essere valorizzato sia in lingua
italiana che in lingua inglese (ad es.: Lussemburgo oppure Luxembourg);
Le date sono sempre valorizzate nel formato gg/mm/aaaa;
Il tag isoValuta deve contenere il codice ISO di tre caratteri della valuta che si desidera indicare;

La pre-compilazione automatica dei file XML per i depositi di aggiornamento


Nel caso in cui si desideri effettuare un deposito di aggiornamento, linterfaccia web del sistema mette a
disposizione unopzione di pre-compilazione automatica dei due file xml dei prodotti e dei documenti. Ci
consente allutente del sistema di preparare il file xml con relativa semplicit. Importante: il sistema
utilizza i valori contenuti nei tag idProdotto e idClasse come chiave per associare agli oggetti della base
dati del Deprof le operazioni di aggiornamento e chiusura di prodotti e classi. Essi sono valorizzati
allinterno nel file xml generato, e non devono mai essere modificati. Pertanto, nel caso in cui si
desideri effettuare un deposito di aggiornamento che non contenga soltanto nuovi prodotti e/o nuove
classi, lutilizzo dellopzione di pre-compilazione automatica lunica che consente di valorizzare
correttamente tali id.

Prodotti
Cliccando sulla sezione Prodotti dellarea Scheda di deposito (Figura 30) e premendo il tasto Genera File
Xml viene creato un file xml gi pre-compilato con tutti i valori di tutti i prodotti/classi contenuti nel
prospetto oggetto di deposito. I tag tipoOperazione vengono valorizzato con DatiAttuali. La data di
validit delle modifiche del prodotto e delle classi, che deve ovviamente essere modificata dallutente,
valorizzata con il formato della data che deve essere utilizzato, cio dd/mm/aaaa. Pertanto, per completare la
compilazione del file xml generato sufficiente:
-

Sostituire, nel caso in cui si intenda apportare modifiche al prodotto e/o alle classi e/o ai periodi di
offerta/quotazione,
i
valori
di
tipoOperazioneProdotto,
tipoOperazioneClasse,
tipoOperazionePeriodoOfferta, tipoOperazionePeriodoQuotazione dal default DatiAttuali al valore
corretto. In particolare per i prodotti o le classi che subiscono modifiche, i tag tipoOperazioneProdotto
(soltanto per gli attributi propri del prodotto, cio esclusi quelli della classe per i monoclasse e delle
varie classi per i multiclasse) e TipoOperazioneClasse, devono essere sostituiti con uno tra i valori:
Aggiornamento, Chiusura;
Nel caso di aggiunta di prodotti o di classi di prodotti gi esistenti, si dovr procedere ad aggiungere nel
file XML generato le parti XML con i nuovi prodotti/classi. Ovviamente in tale caso i tag
tipoOperazioneProdotto e tipoOperazioneClasse dovrannoe essere valorizzati con Creazione.
Modificare i valori dello schema che rispecchino le modifiche desiderate sui prodotti/classi;

Ad esempio - dato un prospetto P contenente i prodotti P1 (monoclasse), P2 (multiclasse, composto dalle


classi A e B), P3 (monoclasse), P4 (multiclasse, composto dalle classi W e J), P5 poniamo che si desideri:
1. Aggiornare il valore del tag classeRischio e il valore del tag valoreCostiSottoscrizione del prodotto
P1;
2. Aggiornare il tag denominazioneClasse della classe B del prodotto P2;
3. Creare un nuovo prodotto multiclasse P6;
4. Creare una nuova classe Y del prodotto P4;
5. Cessare la classe A del prodotto P2;
6. Cessare (liquidare) il prodotto P3;
Pag.
59

Si operer nei seguenti modi sul file xml generato tramite lopzione Genera File Xml:
1. poich il prodotto P1 viene modificato (in quanto viene modificato il tag classeRischio), si
sostituisce il valore del tag TipoOperazioneProdotto del prodotto P1 dal default DatiAttuali a
Aggiornamento. Poich viene modificato anche un attributo della sezione monoclasse del
prodotto P1 (valoriCostiSottoscrizione), si sostituisce il valore di default DatiAttuali di
tipoOperazioneClasse contenuto nella sezione <monoclasse></monoclasse> del prodotto P1 con
il valore Aggiornamento; si sostituiscono i valori dei tag classeRischio e
valoreCostiSottoscrizione con i nuovi valori;
2. poich il prodotto P2 viene modificato (in quanto viene modificato lattributo denominazioneClasse
della sua classe B), si sostituisce il valore di default DatiAttuali di tipoOperazioneClasse con il
valore Aggiornamento, e si lascia il valore DatiAttuali nel tag tipoOperazioneProdotto poich i dati
propri del prodotto (cio classi escluse) non subiscono modifiche; si sostituisce il valore del tag
denominazioneClasse con il valore nuovo;
3. si aggiunge al file xml la sezione <prodotto></prodotto> relativa al nuovo prodotto P5,
compilandolo nello stesso modo in cui si opererebbe in caso di primo deposito di un prospetto, cio
creando la sezione prodotto, e le sezioni multiclasse per quante sono le classi contenute nel
prodotto;
4. poich al prodotto P4 viene aggiunta la classe Y, ma non vengono modificati i dati propri del
prodotto, si lascia DatiAttuali come valore del tag tipoOperazioneProdotto, e si aggiunge al file
xml, nella sezione <prodotto></prodotto> relativa al prodotto P4, la sezione
<multiclasse></multiclasse> relativa alla nuova classe Y del prodotto P4;
5. poich al prodotto P2 viene cessata la classe A, ma non vengono modificati i dati propri del
prodotto, si lascia DatiAttuali come valore del tag tipoOperazioneProdotto. Si procede invece alla
modifica del tag tipoOperazioneClasse della classe che deve essere cessata, cio la classe A, dal
default DatiAttuali a Chiusura;
6. si sostituisce il valore del tag TipoOperazioneProdotto del prodotto P2 dal default DatiAttuali a
Chiusura, e si valorizza il tag validitaModificheProdotto con la data di cessazione del prodotto.
Le regole generali deducibili dallesempio sono pertanto le seguenti
-

ogni modifica di uno o pi attributi contenuti nella sezione <prodotto></prodotto>, ma esterni alle
sezioni
<monoclasse></monoclasse>
di
un
prodotto
monoclasse,
oppure
<multiclasse></multiclasse> di un prodotto multiclasse, determina che il tag tipoOperazioneProdotto
del prodotto debba avere il valore Aggiornamento.
Laggiunta di un prodotto determina che il tag tipoOperazioneProdotto debba avere il valore
Creazione; anche le classi in esso contenute debbono avere Creazione come valore del tag
tipoOperazioneClasse;
La cessazione (liquidazione) di un prodotto determina che il tag tipoOperazioneProdotto debba avere il
valore Chiusura;
il tag tipoOperazioneClasse, nel caso di prodotto monoclasse, deve essere valorizzato a DatiAttuali se
gli attributi contenuti nella sezione identificata da sezione <monoclasse></monoclasse> non
subiscono variazioni; nel caso di nuovo prodotto deve essere valorizzato a Creazione.
il tag tipoOperazioneClasse, nel caso di prodotto multiclasse, assumer il valore Aggiornamento, se
viene modificato il valore di un attributo contenuto nella sezione <multiclasse></multiclasse>;
Creazione se viene creata una nuova classe; Chiusura se viene cessata la classe; DatiAttuali se
gli attributi contennuti nella sezione <multiclasse></multiclasse> non subiscono modifiche;

Pag.
60

Documenti
Cliccando sulla sezione Documenti dellarea Scheda di deposito (Figura 30) e premendo il tasto Genera File
Xml viene creato un file xml gi pre-compilato con tutti i valori di tutti i documenti contenuti nel prospetto
oggetto di deposito, eccetto per i tag dataValidita e tag nomeFile, che devono ovviamente essere valorizzati
dallutente.
Se non si desidera effettuare modifiche o chiusure su un particolare documento, sufficiente eliminare la
relativa sezione <documento></documento> dal file xml generato; dovranno invece essere aggiunte
manualmente le sezioni <documento></documento> ne caso di creazione di un nuovo documento, e
modificato il valore del tag tipoOperazione nel caso di aggiornamento o chiusura di un documento.

Lutilizzo dellinterfaccia WEB per la comunicazione dei dati via XML


Si procede innanzitutto alla creazione della scheda di deposito nei modi indicati al paragrafo 4.3.1 e seguenti,
e successivamente si effettua lupload dai dati da inviare:
Per i Documenti: si clicca sulla sezione Documenti dellarea Scheda di deposito (Figura 25) e si preme il
tasto Comunicazione via XML. Si preme poi il tasto Sfoglia per selezionare il file zip dei documenti,
contenente anche il file xml con le informazioni sui documenti inviati, e si preme il tasto Inserisci. Se
loperazione va a buon fine la scheda viene automaticamente riempita con i documenti contenuti nel file ZIP.
Per i dai dei Prodotti: si clicca sulla sezione Prodotti dellarea Scheda di deposito (Figura 30) e si preme il
tasto Comunicazione via XML. Si preme poi il tasto Sfoglia per selezionare il file XML contenente i dati dei
prodotti, e si preme il tasto Inserisci. Se loperazione va a buon fine la scheda viene automaticamente
riempita con i dati dei prodotti contenuti nel file XML.

La visualizzazione degli errori


Gli eventuali errori presenti nel file XML essi possono essere di tre diversi tipi:
7. Errori di sintassi nel file XSD;
8. Errori di mancata corrispondenza dellXML rispetto al file XSD;
9. Errori di tipo applicativo sul contenuto dei dati59;
Al termine delloperazione di upload dei file XML gli eventuali errori vengono rappresentati a video in una
apposita maschera di dialogo. Lintestazione dellerrore permette di capire in quale dei tre tipo esso rientra.
E importante notare che il sistema in grado di ritornare un solo errore alla volta; pertanto pu essere
necessario effettuare pi volte lupload del file per riconoscere tutti gli errori in esso presenti.

59

Ad esempio se vengono comunicati due prodotti con la stessa denominazione

Pag.
61

Linvio della scheda di deposito


Terminata correttamente la fase di upload dei file ZIP/XML possibile apportare eventuali modifiche
tramite interfaccia web ai dati inviati, sia nel caso dei documenti che dei prodotti, nelle modalit indicate nei
precedenti paragrafi del presente manuale. Si proceder poi allinvio della scheda di deposito come illustrato
al paragrafo 4.3.12.

Pag.
62

Appendice B Regole per la compilazione dei dati strutturati dei prodotti


Vengono qui descritte con un maggior dettaglio le regole per la valorizzazione dei campi contenuti nelle
maschere relative alle informazioni sui prodotti, gi illustrate nei capitoli 4.3.8.A, 4.3.8.B e 4.3.8.C. Esse
possono risultare utili anche al fine di creare correttamente i file xml contenenti i dati dei prodotti, nel caso si
scelga tale opzione per pre-caricare i prodotti allinterno della scheda di deposito.

Schema prospetto di OICR aperti


Quando non diversamente specificato, si intende che le informazioni descritte si applicano sia ai fondi
domiciliati in Italia che a quelli esteri.

DATI GENERALI DEL PRODOTTO

denominazione (obbligatorio): descrizione in forma libera della denominazione del fondo. A parit di
prospetto deve essere univoca.

nazionalit (obbligatorio): solo se selezionato: comunitario deve essere selezionato il paese europeo in cui
il fondo domiciliato, cio domicilio. Se stato selezionato extracomunitario la scelta del domicilio non si
applica.

armonizzato (obbligatorio): scelta tra si e no.

classificazione (obbligatorio): deve essere scelto uno tra i seguenti valori: market fund, total return fund,
absolute return fund, life cycle, structured fund.

sotto-classificazione (obbligatorio):

se selezionata la categoria market fund deve essere selezionata una delle seguenti sotto-categorie:
etf, oicr di mercato monetario a breve termine, oicr di mercato monetario, altro.
se selezionata la categoria total return fund deve essere selezionata una delle seguenti sottocategorie: fondo a cedola, oicr di mercato monetario a breve termine, oicr di mercato monetario,
altro.
se selezionata la categoria absolute return fund deve essere selezionata una delle seguenti sottocategorie: fondo a cedola, oicr di mercato monetario a breve termine, oicr di mercato monetario,
altro.
Pag.
63

se selezionata la categoria life cycle deve essere selezionata una delle seguenti sotto-categorie: oicr
di mercato monetario a breve termine, oicr di mercato monetario, altro.
se selezionata la categoria structured fund deve essere selezionata una delle seguenti sottocategorie: oicr di mercato monetario a breve termine, oicr di mercato monetario, altro.

Inoltre, come condizione supplementare, soltanto se si realizzano tutte le seguenti condizioni:

il fondo ha domicilio in italia;


stata selezionata la categoria market fund;
stata selezionata la sotto-categoria altro;

allora deve essere selezionato il valore della sotto-categoria altro dallapposito campo.

Data validit (obbligatorio): indica la data a partire dalla quale le modifiche sui dati strutturati inseriti o
modificati diventano operative. Nella maschera posizionata in fondo, dopo la sezione relativa ai dati di
commercializzazione.

OBIETTIVI E POLITICA DI INVESTIMENTO

Stile di gestione (si applica soltanto ai fondi domiciliati in Italia; opzionale): se lo stile di gestione indicato,
deve essere operata una scelta tra uno dei seguenti valori: growth, value, high dividend.

Fondo feeder (opzionale): soltanto se viene selezionata l'opzione fondo feeder deve anche essere selezionato
il paese europeo nel quale il fondo master domiciliato tramite il campo domicilio master, e deve essere
indicato in un testo in forma libera il codice del prospetto master nel campo codice prospetto master.

Investe in derivati (si applica ai fondi domiciliati in Italia e in altro Stato Membro): soltanto se viene
selezionato l'opzione investe in derivati deve anche essere indicata la finalit derivati, selezionando una o
ambedue le seguenti opzioni: 1) per finalit di copertura; 2) per finalit diverse dalla copertura.
Leva tendenziale come espresso nel prospetto informativo. In particolare, qualora, in merito alla leva
finanziaria, nel prospetto informativo:

si indichi che lOICR non fa ricorso alla leva finanziaria, il valore che, convenzionalmente, deve
essere espresso 1;
si indichi un preciso valore della leva, tale valore riportato in forma di numero intero maggiore di 1
con la possibilit di esprimere 1 o 2 decimali;
non sia espressa alcuna informazione, il campo lasciato vuoto. Questa opzione consentita solo per
i fondi di diritto estero perch i fondi di diritto italiano, in base a quanto previsto dallo schema di

Pag.
64

prospetto informativo (Allegato 1B, Schema 1 del Regolamento Emittenti) sono tenuti a fornire
linformazione sulla leva.
Orizzonte temporale (si applica soltanto ai fondi domiciliati in Italia; opzionale): valorizzare entrambi i
campi: anni, mesi.

PROFILE DI RISCHIO/RENDIMENTO

Classe di rischio (obbligatorio; si applica soltanto a tutti gli italiani, e agli esteri purch armonizzati); deve
essere operata la scelta di un valore numerico da 1 a 7.

Benchmark (si applica soltanto ai fondi domiciliati in Italia; opzionale): soltanto nel caso in cui venga
selezionata l'opzione utilizza il seguente benchmark dovranno obbligatoriamente essere valorizzati anche
tutti i seguenti campi:

il campo benchmark con un testo libero;


il campo provider, operando una scelta tra uno dei seguenti valori: bloomberg, datastream, altro;
il campo ticker con un testo libero;
lo stile di gestione, operando una scelta tra i valori: attivo, passivo.

Inoltre, si hanno le due seguenti condizioni supplementari:

soltanto nel caso in cui nel campo provider sia stata operata la scelta altro, deve essere inserita nel
campo di testo adiacente a provider una descrizione in testo libero del provider.
soltanto nel caso in cui nel campo stile di gestione sia stata operata la scelta attivo, deve essere anche
operata la scelta nel campo grado di scostamento tra uno dei seguenti valori: contenuto,
significativo, rilevante.

Misura del rischio (si applica soltanto ai fondi domiciliati in Italia; opzionale): soltanto nel caso in cui venga
selezionata l'opzione utilizza la seguente misura del rischi, dovr obbligatoriamente:

essere operata la scelta del campo indicatore selezionando uno tra i seguenti valori: var 1 mese 99%,
deviazione standard, altra. Nel caso in cui sia operata la scelta altra, deve essere valorizzato il
campo adiacente con un testo in forma libera.
essere inserito il valore numerico nel campo valore.

Condizione supplementare: l'opzione utilizza il seguente benchmark e l'opzione utilizza la seguente misura
del rischi sono fra loro alternative. Una delle due deve essere selezionata, ma non entrambe.

Pag.
65

ATTIBUTI APPLICATI ALLE CLASSI

DATI DI COMMERCIALIZZAZIONE

Codice isin nominativo (opzionale): nel campo Codice isin nominativo deve essere inserito un codice isin
valido: 12 caratteri, di cui i primi due alfabetici e i restanti numerici.

Codice isin al portatore (opzionale): nel campo Codice isin al portatore deve essere inserito un codice isin
valido: 12 caratteri, di cui i primi due alfabetici e i restanti numerici.

Condizione supplementare: almeno uno tra i campi Codice isin nominativo e Codice isin al portatore devono
essere valorizzati. Possono essere anche valorizzati entrambi.

Denominazione classe (obbligatoria solo nel caso di prodotti multiclasse; non si applica ai prodotti
monoclasse): nel caso di prodotti multiclasse deve essere indicata nel campo denominazione il nome della
classe. All'interno dello stesso prodotto non possono esservi pi di due classi con lo stesso nome.

Codice Documento KIID (obbligatorio): nel campo codice Documento KIID deve essere inserito un testo
libero che identifica univocamente il KIID.

Destinazione proventi (obbligatorio): deve essere selezionato uno tra i seguenti valori: accumulazione,
distribuzione, mista.

Valuta (obbligatoria): nel campo valuta deve essere selezionata la scelta della valuta.

Spese (si applica soltanto ai fondi italiani, obbligatorio): qui l'obbligatoriet indica che almeno uno dei
seguenti campi relativi ai costi deve essere valorizzato con un valore numerico: costi di sottoscrizione, costi
di rimborso, costi di gestione, costi di conversione, costi di performance.

Condizione supplementare: nel caso venga valorizzato il campo costi di performance, allora pu, a
discrezione, essere valorizzato anche il campo testo adiacente con una descrizione in testo libero.
Pag.
66

Offerta (opzionale): pu essere valorizzato soltanto il campo data inizio, o possono essere valorizzati
entrambi i campi data inizio, data fine. Non pu essere valorizzato soltanto il campo data fine.

Quotazione (opzionale): pu essere valorizzato soltanto il campo data inizio, o possono essere valorizzati
entrambi i campi data inizio, data fine. Non pu essere valorizzato soltanto il campo data fine.

Condizione supplementare: almeno uno dei campi tra offerta e quotazione deve essere valorizzato, secondo
le regole appena indicate.

Quotazione e offerta. Caso particolare: nel caso in cui non si stia operando un primo deposito, bens un
deposito di aggiornamento, e contestualmente si stiano aggiornando anche i dati strutturati di un prodotto, sia
sotto il campo offerta che sotto il campo quotazione saranno visualizzate le seguenti scelte:
-

conferma: la scelta di default. Significa che quel sul periodo di validit non vengono effettuate
variazioni (viene confermato il valore precedente)
nuovo: significa che viene comunicato un nuovo periodo di offerta o quotazione, che ovviamente deve
essere cronologicamente successivo a quello precedente (cio quello valorizzato nei campi prima
dell'eventuale modifica)
variazione/correzione: significa che non si intende comunicare un nuovo periodo di offerta, bens
comunicare la variazione di quello gi esistente.

Ovviamente per Quotazione e offerta, anche nel caso di aggiornamento, vale la condizione supplementare
che almeno uno dei due campi deve esse valorizzato, a prescindere dalla scelta tra conferma, nuovo, o
variazione/correzione che viene operata.

Data validit (obbligatoria solo nel caso di prodotti multiclasse; non si applica ai prodotti monoclasse): nel
caso di prodotti multiclasse deve essere indicata nel campo data validit la data alla quale diventano
operative le modifiche apportate alla classe.

Schema di deposito dei prospetti di fondi chiusi italiani

Pag.
67

DATI GENERALI DEL PRODOTTO

denominazione (obbligatorio): descrizione in forma libera della denominazione del fondo. A parit di
prospetto deve essere univoca.

nazionalit (obbligatorio): solo se selezionato: comunitario deve essere selezionato il paese europeo in cui
il fondo domiciliato, cio domicilio. Se stato selezionato extracomunitario la scelta del domicilio non si
applica.

Modo di sottoscrizione (obbligatorio, si applica solo se il fondo di tipo immobiliare): deve essere
specificato uno tra i seguenti modi di sottoscrizione: Ordinario, Ad Apporto.

Fondo feeder (opzionale): soltanto se viene selezionato l'opzione Fondo feeder deve anche essere
selezionato il paese europeo nel quale il fondo master domiciliato tramite il campo Domicilio master.

L'offerta prevede emissioni successive (opzionale): il campo pu essere o non essere selezionato.

Durata del periodo di gestione (obbligatorio): deve essere valorizzato sia il campo anni che il campo mesi.

Data scadenza (obbligatorio): deve essere sempre valorizzato il campo data scadenza.

Data validit (obbligatorio): indica la data a partire dalla quale le modifiche sui dati strutturati inseriti o
modificati diventano operative. Nella maschera posizionata in fondo, dopo la sezione relativa ai dati di
commercializzazione.

ATTIBUTI APPLICATI ALLE CLASSI

DATI DI COMMERCIALIZZAZIONE

Pag.
68

Codice isin nominativo (opzionale): nel campo Codice isin nominativo deve essere inserito un codice isin
valido: 12 caratteri, di cui i primi due alfabetici e i restanti numerici.

Codice isin al portatore (opzionale): nel campo Codice isin al portatore deve essere inserito un codice isin
valido: 12 caratteri, di cui i primi due alfabetici e i restanti numerici.

Condizione supplementare: almeno uno tra i campi Codice isin nominativo e Codice isin al portatore devono
essere valorizzati. Possono essere anche valorizzati entrambi.

Denominazione (obbligatoria solo nel caso di prodotti multiclasse; non si applica ai prodotti monoclasse): nel
caso di prodotti multiclasse deve essere indicata nel campo denominazione il nome della classe. All'interno
dello stesso prodotto non possono esservi pi di due classi con lo stesso nome.

Destinazione proventi (opzionale): deve essere selezionato uno tra i seguenti valori: accumulazione,
distribuzione, mista.

Valuta (obbligatoria): nel campo valuta deve essere selezionata la scelta della valuta.

Offerta (opzionale): pu essere valorizzato soltanto il campo data inizio, o possono essere valorizzati
entrambi i campi data inizio, data fine. Non pu essere valorizzato soltanto il campo data fine.

Quotazione (opzionale): pu essere valorizzato soltanto il campo data inizio, o possono essere valorizzati
entrambi i campi data inizio, data fine. Non pu essere valorizzato soltanto il campo data fine.

Condizione supplementare: almeno uno dei campi tra offerta e quotazione deve essere valorizzato, secondo
le regole appena indicate.

Quotazione e offerta. caso particolare: nel caso in cui non si stia operando un primo deposito, bens un
deposito di aggiornamento, e contestualmente si stiano aggiornando anche i dati strutturati di un prodotto, sia
sotto il campo offerta che sotto il campo quotazione saranno visualizzate le seguenti scelte:
-

conferma: la scelta di default. Significa che quel sul periodo di validit non vengono effettuate
variazioni (viene confermato il valore precedente)
nuovo: significa che viene comunicato un nuovo periodo di offerta o quotazione, che ovviamente deve
essere cronologicamente successivo a quello precedente (cio quello valorizzato nei campi prima
dell'eventuale modifica)
variazione/correzione: significa che non si intende comunicare un nuovo periodo di offerta, bens
Pag.
69

comunicare la variazione di quello gi esistente.


Ovviamente per Quotazione e offerta, anche nel caso di aggiornamento, vale la condizione supplementare
che almeno uno dei due campi deve esse valorizzato, a prescindere dalla scelta tra conferma, nuovo, o
variazione/correzione che viene operata.

Data validit (obbligatoria solo nel caso di prodotti multiclasse; non si applica ai prodotti monoclasse): nel
caso di prodotti multiclasse deve essere indicata nel campo data validit la data alla quale diventano
operative le modifiche apportate alla classe.

Schema prospetto di fondi chiusi esteri


DATI GENERALI DEL PRODOTTO

denominazione (obbligatorio): descrizione in forma libera della denominazione del fondo. A parit di
prospetto deve essere univoca.

nazionalit (obbligatorio): solo se selezionato: comunitario deve essere selezionato il paese europeo in cui
il fondo domiciliato, cio domicilio. Se scelto extracomunitario la scelta del domicilio non si applica.

modo di sottoscrizione (obbligatorio se il fondo di tipo immobiliare): deve essere specificato uno tra i

seguenti modi di sottoscrizione: Ordinario, Ad Apporto.

Fondo feeder (opzionale): soltanto se viene selezionato l'opzione Fondo feeder deve anche essere
selezionato il paese europeo nel quale il fondo master domiciliato tramite il campo domicilio master.

L'offerta prevede emissioni successive (opzionale): il campo pu essere o non essere selezionato.

Durata del periodo di gestione (obbligatorio): deve essere valorizzato sia il campo anni che il campo mesi.

Data scadenza (obbligatorio): deve essere sempre valorizzato il campo data scadenza.
Pag.
70

Data validit (obbligatorio): indica la data a partire dalla quale le modifiche sui dati strutturati inseriti o
modificati diventano operative. Nella maschera posizionata in fondo, dopo la sezione relativa ai dati di
commercializzazione.

ATTIBUTI APPLICATI ALLE CLASSI

DATI DI COMMERCIALIZZAZIONE

Codice isin nominativo (opzionale): nel campo Codice isin nominativo deve essere inserito un codice isin
valido: 12 caratteri, di cui i primi due alfabetici e i restanti numerici.

Codice isin al portatore (opzionale): nel campo Codice isin al portatore deve essere inserito un codice isin
valido: 12 caratteri, di cui i primi due alfabetici e i restanti numerici.

Condizione supplementare: almeno uno tra i campi Codice isin nominativo e Codice isin al portatore devono
essere valorizzati. Possono essere anche valorizzati entrambi.

Denominazione (obbligatoria solo nel caso di prodotti multiclasse; non si applica ai prodotti monoclasse): nel
caso di prodotti multiclasse deve essere indicata nel campo denominazione il nome della classe. All'interno
dello stesso prodotto non possono esservi pi di due classi con lo stesso nome.

Destinazione proventi (opzionale): deve essere selezionato uno tra i seguenti valori: accumulazione,
distribuzione, mista.

Valuta (obbligatoria): nel campo valuta deve essere selezionata la scelta della valuta.

Offerta (opzionale): pu essere valorizzato soltanto il campo data inizio, o possono essere valorizzati
entrambi i campi data inizio, data fine. Non pu essere valorizzato soltanto il campo data fine.

Pag.
71

Quotazione (opzionale): pu essere valorizzato soltanto il campo data inizio, o possono essere valorizzati
entrambi i campi data inizio, data fine. Non pu essere valorizzato soltanto il campo data fine.

Condizione supplementare: almeno uno dei campi tra offerta e quotazione deve essere valorizzato, secondo
le regole appena indicate.

Quotazione e offerta. caso particolare: nel caso in cui non si stia operando un primo deposito, bens un
deposito di aggiornamento, e contestualmente si stiano aggiornando anche i dati strutturati di un prodotto, sia
sotto il campo offerta che sotto il campo quotazione saranno visualizzate le seguenti scelte:
-

conferma: la scelta di default. Significa che quel sul periodo di validit non vengono effettuate
variazioni (viene confermato il valore precedente)
nuovo: significa che viene comunicato un nuovo periodo di offerta o quotazione, che ovviamente deve
essere cronologicamente successivo a quello precedente (cio quello valorizzato nei campi prima
dell'eventuale modifica)
variazione/correzione: significa che non si intende comunicare un nuovo periodo di offerta, bens
comunicare la variazione di quello gi esistente.

Ovviamente per Quotazione e offerta, anche nel caso di aggiornamento, vale la condizione supplementare
che almeno uno dei due campi deve esse valorizzato, a prescindere dalla scelta tra conferma, nuovo, o
variazione/correzione che viene operata.

Data validit (obbligatoria solo nel caso di prodotti multiclasse; non si applica ai prodotti monoclasse): nel
caso di prodotti multiclasse deve essere indicata nel campo data validit la data alla quale diventano
operative le modifiche apportate alla classe.

Pag.
72