Sei sulla pagina 1di 86

BIBLIOTECA DI

SCIENZE SOCIALI

Offerte brevi
del paesaggio

di

ALAIN ROGER
Biblioteca
Scienze umane
ALAIN ROGER

TRATTATO CORTO
DEL PAESAGGIO

ALAIN ROGER
trattato mi ha protetto da esso; e ho già ceduto a questa tentazione postando,
molto tempo fa, una grande antologia - Teoria del paesaggio in Francia. 1974-
1994 -, che presenta le principali tendenze della ricerca francese in questo campo da un
quarto di secolo. Quello dell'eclettismo, quindi, del manuale di divulgazione, genere che
invade il campo editoriale. Questi prodotti non sono indubbiamente inutili, ma l'onestà
PREFAZIONE
nel cibo degli autori non basta a velare l'assenza di ogni ambizione teorica. Corto trattato:
non si tratta semplicemente di parlare del paesaggio, di passeggiarvi a caso, in una
sorta di passeggiata più o meno pittoresca; si tratta di trattarli, sistematicamente, che
richiede un dispositivo concettuale rigoroso. Per questo ho subito proposto la "doppia
articolazione":

paesaggio di campagna, In primo luogo, artializzazione in situ in visu artialization, altro


parte, che, lungi dal bloccare la teoria, al contrario permette di abbracciare, nella sua
massima estensione, il campo del paesaggio, e di ridurre al silenzio (almeno lo spero) le
pretese naturalistiche. Il valore di una teoria si misura anche dalla sua capacità polemica.
Vedremo che non evito alcun dibattito e che questo trattato è intransigente con il Ecologia
profonda, per citare solo un esempio.
Questo libro cerca di colmare una lacuna. Nonostante il proliferare di opere, il più
delle volte collettive, di cui il paesaggio è oggetto da vent'anni, manca, in Francia, un Corto trattato: Credo, con i matematici, che l '"eleganza" di una dimostrazione non sia
vero e proprio trattato teorico e sistematico sulla questione. Per due ragioni, al un lusso. Mi piace la concisione, detesto la pletora, l'obesità delle tesi, queste noiose
contrario. Il primo è una certa deficienza concettuale. Nessuno, tranne forse Augustin somme, questa adiposità che troppo spesso la nostra Università secerne, diluendo in mille
Berque, ha tentato di sviluppare una dottrina del paesaggio. Di solito ci atteniamo a pagine ciò che potrebbe essere condensato in cento, a tutto vantaggio del lettore. Non
punti di vista specializzati: quello del geografo, dello storico, del paesaggista, ecc. -, troveremo quindi qui una storia esaustiva dei giardini (ce ne sono di ottimi), ma una
spesso stimolante, ma mai decisivo. Il secondo è la mancanza di informazioni riflessione sulla loro funzione millenaria.
storiche, qui essenziali, se non si vuole produrre un discorso incruento, arbitrario o
frivolo. Il paesaggio,
Non troveremo nemmeno una storia di tutti i paesaggi, ma una riflessione sulla
“grandezza degli inizi”, ovvero la nascita di una sensibilità paesaggistica in pochi luoghi
e tempi privilegiati. Infine, non troveremo questa dimostrazione di erudizione, che mira
Ci sono, ovviamente, ottimi lavori su a intimidire il lettore, molto più che ad informarlo. I riferimenti essenziali sono
“L'invenzione” della campagna (Piero Camporesi), della montagna (John Grand-Carteret) o del concentrati nelle note, come tanti incentivi a proseguire l'indagine. Spetta a tutti usarlo
mare (Alain Corbin). Ma questi studi non sono mai stati riuniti, integrati e, se così si può dire, come meglio credono.
digeriti in un tutto organico, dove la storia alimenta la teoria, che, al contrario, la mette in luce.
Questo libro è uno strumento, che volevo fosse discreto e pratico, " senza niente in lui
che pesa o posa ”. Il mio insegnante è Oscar Wilde, che in La decadenza delle bugie ( 1890),
Ho cercato di resistere a due tentazioni. enciclopedismo, prima di tutto. ÈQuella
vero che
di e sotto forma di un paradosso - è la vita che imita l'arte -, attuò con umorismo la rivoluzione
la decisa brevità di questo Corto copernicana di
estetica. Sotto tale patrocinio, mi era necessariamente vietato ricorrere allo stile sciocchezze filosofico-religiose, appiccicose di moraline, che alcuni ci infliggono. Non ho fede:
austero, obeso o accademico, nonché al gergo filosofico, anche se a volte dovevo credo in "Gai Savoir". E se sono stato in grado di dimostrare che una teoria può combinare questa
forgiare dei neologismi. La mia esperienza di romanziere non è stata sprecata nella "allegria" con l'efficienza, e rimanere rigorosa senza diventare noiosa, avrò la sensazione di non
mia ricerca di una scrittura efficace. averla scritta invano.
Breve trattato sul paesaggio.
Avrei potuto intitolare questo trattato: "Per una metafisica del paesaggio". Ma
questo sottotitolo rischiava di creare confusione. La teoria del paesaggio che sto
proponendo non è "metafisica", nel senso comunemente dato a questo termine, e che
suppone la fede in qualche istanza trascendente, Dio, le Idee, lo Spirito assoluto, la
Noosfera, l'Anima del Mondo, o qualsiasi altra cosa. Se uso questo termine, tuttavia,
è per sottolineare che un paesaggio non è mai riducibile alla sua realtà fisica: i
geosistemi dei geografi, gli ecosistemi degli ecologi, ecc. -, che la trasformazione di
un paese in un paesaggio presuppone sempre una metamorfosi, una metafisica,
intesa in senso dinamico. In altre parole, il paesaggio non è mai naturale, ma sempre
“soprannaturale”, in Il pittore della vita moderna, ha elogiato il trucco, che rende le
donne "magiche e soprannaturali", mentre, lasciata a se stesse, rimarrebbe "naturale,
cioè abominevole" ( Il mio cuore messo a nudo).

Sono quindi a metà strada tra chi crede che il paesaggio esista di per sé - un naturalismo
ingenuo, che la storia delle rappresentazioni collettive non smette mai di negare, come avrò
più volte occasione di verificarlo e chi lo immagina " tante bellezze sulla terra ”non può
essere spiegato, se non con qualche intervento divino - questo buon vecchio argomento
fisico-teologico, smantellato da Kant, come tutte le altre prove dell'esistenza di Dio. Ma se il
paesaggio non è immanente, né trascendente, qual è la sua origine? Umano e artistico,
questa è la mia risposta. L'arte è il vero mediatore, il "Meta "Di metamorfosi, il " meta Della
metafisica del paesaggio. La percezione storica e culturale di tutti i nostri paesaggi:
campagna, montagna, mare, deserto, ecc. - non richiede alcun intervento mistico (come se
scendessero dal cielo) o misterioso (come se salissero da terra), opera secondo quella che
io chiamo, riprendendo una parola di Montaigne, una "artializzazione" , di cui questo libro si
concentra sullo smontaggio dei meccanismi. Questa è tutta la mia metafisica. Vuole essere
leggero, se non giocoso, come il suo modello, la rivoluzione Wildian, e almeno lontano da
questo
astratto, tela. L'unico fatto di rappresentare è sufficiente per strappare la natura dalla sua natura.
Per quanto fedele possa essere, l'immagine pittorica è "una sorta di presa in giro e ironia, se
PRIMO CAPITOLO vuoi, a scapito del mondo esterno. 2 ". Non ci sono quasi più dei pittori della domenica e dei
dilettanti di cromos per valutare il loro lavoro con il metro della somiglianza.
NATURA E CULTURA
L'artista, chiunque sia, non deve ripetere alla natura che noia, che spreco! -, la sua
La doppia artializzazione vocazione è negarla, neutralizzarla, per produrre
Modelli, che ci permetterà, al contrario, modello. " Cancello il veloce ”, ha scritto Valéry 3
': è, prima di tutto, cancellare la natura, denaturarla, per controllarla meglio e renderci,

attraverso il processo artistico così come il progresso scientifico, "padroni e padroni


della natura". L'arte, secondo Lévi-Strauss, "costituisce nel punto più alto questa
Per più di due millenni l'Occidente è stato vittima di un'illusione, eretta come un presa di possesso della natura da parte della cultura, che è proprio il tipo di fenomeno
dogma: l'arte è, deve essere una perfetta o completa imitazione della natura. studiato dagli etnologi. 4 ".
Questa sarebbe la sua funzione, la sua dignità, la sua ragion d'essere. Non
prenderò in considerazione gli avatar di un tale principio, dai Greci fino alla fine del
XIX secolo e mi limiterò a ricordare che questo "logoro concetto di imitazione della
LA RIVOLUZIONE COPERNICIANA DEWILDE
natura 1 Si esprime e si inserisce in un'epoca e in un'area peraltro limitata. Altre
culture lo ignorano o lo disdegnano, ed è, appunto, la scoperta e l'esplorazione di Tutto accade, in fondo, come se l'arte ci parlasse ipocritamente:
società pre-elleniche, orientali, "arcaiche", ecc., Che ci hanno permesso e “Larvatus prodeo. " Anch'io mi faccio avanti mascherato. Sì, a volte fingo di imitare
costretto a rivisitare il nostro passato artistico ea rivedere questo mille- pregiudizio questa natura, ma è meglio limitarla nelle sue esorbitanti pretese, in contenere esuberanza
vecchio di un anno. Anche in Occidente, se escludiamo la pittura e la scultura, le e disordini, la sua tendenza entropica, e in cambio le impongono, attraverso la
mediazione dello sguardo, la frase dell'arte, i modi ei modelli della sua apprensione.
arti non sono mai state imitative, a meno che non assumiamo, contro l'evidenza,
"La natura è ogni volta una funzione della cultura 5 ", E "ogni volta
che il linguaggio, poetico o no, sia mimetico, non per evocare l'architettura e la
musica. La pittura, inoltre, smentisce il proprio disegno, anche se pretende di quello animato da un'aspirazione à la Rousseau cerca di ritornare alla natura, la
essere "realista" o "naturalista". Commentando i maestri olandesi del XVII secolo, coltiva 6 ". Ciò significa che è necessario tracciare un file
in cui la figurazione sembra aver raggiunto la sua perfezione

2. Georg wilhelm friedrich HEGEL, Lezioni di estetica, L'idea di bellezza,


Parigi, Aubier, 1964, 2 vol., 1, pagg. 120-12 1.

mimetico, Hegel sottolinea giustamente che questa rappresentazione è plasmata dalla 3


. Paul VALERY, Signor Teste, Parigi, Gallimard, 1947, p. 19.
negatività, se non altro dall'abolizione della terza dimensione e dal trasferimento dell'oggetto -
natura morta o paesaggio - in un elemento 4
Georges CH @ ONNIER , Interviste con Lévi-Strauss, Parigi, Plon,
1969, p.130.
1 1. Heinrich WÔLFFLJN, Incisioni fondamentali nella storia dell'arte,
5 OswaldnSPFNGLFR, Il declino dell'Occidente, Parigi, Gallimard, 1964, 2 volo., IO,
1915, trad. P. Parigi, Gallimard, 1952, p. 18.
p. 167. Sottolineato dall'autore.
storia filosofica, teologica, epistemologica 7 di questa natura, ma anche della sua storia perché ci sono le nebbie, ma perché pittori e poeti hanno insegnato loro il fascino
estetica 8. Questa idea di una moda passeggera della natura sorprenderà solo chi si misterioso di tali effetti. Senza dubbio a Londra c'era stata nebbia da secoli.
ostina a credere che la natura, governata da leggi stabili, sia essa stessa un oggetto È infinitamente probabile, ma
immutabile, mentre la storia e l'etnologia ci mostrano l'evidenza che lo sguardo umano nessuno li ha visti, quindi non lo sapevamo. Non esistevano fino a quando l'arte non
è il luogo e il mezzo di una metamorfosi incessante: "Abbiamo notato che questa" le ha inventate. [...] Questa tremolante luce bianca che ora vediamo in Francia, con le
natura "indefinibile è in continua evoluzione, che non è la stessa nel salone del 1890 sue singolari macchie malva e le sue mobili ombre violacee, è l'ultima fantasia
come è? nei saloni di trent'anni fa, e che c'è una natura alla moda" "- cambiare dell'arte, quella natura, bisogna ammetterlo, riprodotta meravigliosamente. Dove ha
fantasia come abiti e cappelli 9 “Questa domanda non è uno scherzo, non più del composto Corot e Daubigny, ora ci offre gli adorabili Monet e l'incantevole Pissarro 10 "
famoso aforisma, in forma di paradosso, quell'Oscar Wilde, in quello stesso anno.

Il narratore proustiano non dice altro quando espone ad Albertine la sua concezione dell'artista oculista: “Le
1890, propone ai suoi lettori, realizzando quella che non esito a chiamare la rivoluzione persone di gusto ci dicono oggi che Renoir è un grande pittore del XVIII secolo. Ma dicendo questo dimenticano il
copernicana dell'estetica “La vita imita l'arte molto più di quanto l'arte imiti la vita. [] A Tempo e che ci è voluto molto, anche a metà del XIX secolo, perché Renoir fosse salutato come un grande
chi dunque, se non agli impressionisti, dobbiamo queste ammirevoli nebbie fulve che artista. Per riuscire ad essere così riconosciuto, il pittore originale, l'artista originale procede alla maniera degli
scivolano per le nostre strade, abbassano le lampade a gas e trasformano le case in oculisti. Il trattamento con la loro pittura, con la loro prosa, non è sempre piacevole. Quando è finito, il praticante ci
ombre mostruose? A chi, se non ancora a loro e al loro padrone [Turner, aggiunto da dice: ora guarda. Ed ecco che il mondo (che non è stato creato una volta, ma tutte le volte che è sorto un artista
me], dobbiamo le squisite nebbie d'argento che sognano sul nostro fiume e si originale) ci appare del tutto diverso dal vecchio, ma perfettamente chiaro. Le donne passano per strada, diversi
trasformano in fragili sagome di grazia evanescente che curva ponti e ondeggianti da quelli di un tempo, poiché sono Renoir, quei Renoir dove ci rifiutavamo di vedere le donne. Le macchine sono
barche? L'enorme cambiamento del clima di Londra negli ultimi dieci anni è anche Renoir, e l'acqua, e il cielo: vogliamo camminare nella foresta come quella che, il primo giorno, ci sembrava
interamente dovuto a questa scuola d'arte. tutto tranne una foresta, e ad esempio un arazzo dalle tante sfumature ma dove le sfumature mancavano
specifiche per le foreste. Questo è il nuovo e deperibile universo che è stato appena creato. Durerà fino al
Sorridi ? Guarda i fatti dal punto di vista prossimo disastro geologico scatenato da un nuovo pittore o scrittore originale. vogliamo camminare nel bosco
scientifico o metafisico, e sarai d'accordo che ho ragione. Che cos'è, infatti, la natura? come quello che, il primo giorno, ci sembrava tutto tranne un bosco, e per esempio un arazzo dalle tante
Non è una madre fertile che ci ha partorito, ma una creazione del nostro cervello; è la sfumature ma dove mancavano le sfumature proprie dei boschi. Questo è il nuovo e deperibile universo che è
nostra intelligenza che gli dà vita. Le cose sono perché le vediamo e la ricettività e la stato appena creato. Durerà fino al prossimo disastro geologico scatenato da un nuovo pittore o scrittore originale.
forma del nostro vedere dipendono dalle arti che ci hanno influenzato. [...] Oggigiorno vogliamo camminare nel bosco come quello che, il primo giorno, ci sembrava tutto tranne un bosco, e per
la gente vede la nebbia, no esempio un arazzo dalle tante sfumature ma dove mancavano le sfumature proprie dei boschi. Questo è il nuovo
e deperibile universo che è stato appena creato. Durerà fino al prossimo disastro geologico scatenato da un
nuovo pittore o scrittore originale. 11 "
6 Carl Gustav JUNG, Problemi dell'anima moderna, Ginevra, BuchetChastel, 1960, p. 122. Sottolineato dall'autore.

7 Serge Moscovici, Saggio sulla storia umana della natura, Parigi, Diremo che questo è un estetismo elitario, supponendo una cultura riservata a pochi
dilettanti "(gente di gusto"), piuttosto ricca e oziosa?
Flammarion, 1968 e François DAGOGNET, Un'epistemologia dello spazio
calcestruzzo, Parigi, Vrin, 1977.
10 Oscar Wilde, Il declino della menzogna, nelle opere, Parigi, Stock,
8
Robert LENOBLE, Storia dell'idea di natura, Parigi, Albin 1977, 2 vol., Vol. 1, pagg. 307-308.
Michel, 11 Marcel Proust, Cioè Côté de Guermantes, in To la ricerca di
1969. Studio limitato al campo letterario. tempo Lost, Parigi, Gallimard, ( 4 Bibl. de la Pléiade ”, 1953, 3 vol., vol.
9 Maurice DENIS, Teorie, Parigi, Hermann, 1964, p. 35.
II, p. 327.
andare alle gallerie d'arte? Non ci credo. Il nostro sguardo, anche quando lo crediamo corporeo, in vivo, in situ, e sono tutte queste tecniche, reputate arcaiche, che gli
povero, è ricco, e come saturo di una profusione di modelli, latenti, incalliti, e quindi etnologi conoscono, pitture facciali, tatuaggi, scarificazioni, che mirano a trasformare le
insospettati: pittorici, letterari, cinematografici, televisivi, pubblicitari, ecc., Che donne in un'opera d'arte itinerante, a loro volta eterogenea, cesellata, scolpita, a
lavorano in silenzio perché in ogni momento muffa la nostra esperienza, percettiva o seconda che la frase dell'arte è applicata, impressa, incrostata, incarnata. Stesso
no. Siamo, a nostra insaputa, un intenso falsario artistico e ci stupiremmo se ci discorso per il nostro trucco, che Baudelaire ha già sottolineato che "avvicina
venisse rivelato tutto ciò che, in noi, viene dall'arte. È il caso del paesaggio, uno dei immediatamente l'essere umano alla statua", spalmata di natura, su naturale.
luoghi privilegiati dove si può verificare e misurare questo potere estetico. Questo è
l'oggetto di questo libro. La seconda procedura è più economica, ma più sofisticata. Consiste nello sviluppo di
modelli autonomi, pittorici, scultorei, fotografici, ecc., Che rientrano nel concetto
generico di Nudo, al contrario della nudità. Ma ora occorre una staffetta in più, quella
dello sguardo, che deve anzi essere impregnato di questi modelli culturali, per
artistizzare da lontano e, letteralmente, abbellire attraverso l'atto percettivo quella che
DOPPIA ARTIALIZZAZIONE Musil chiamava “la sottile bestia bianca”.
Occorre però distinguere due modalità dell'operazione artistica, due modi di intervenire
Lo stesso vale per la natura, nel senso comune del termine. Come la nudità femminile, che viene
sull'oggetto naturale, o, come mi piace dire, riprendendo una parola di Charles Lalo 12 1,
giudicata bella solo attraverso un Nudo, che varia a seconda della cultura, un luogo naturale viene
che lo doveva a Montaigne 13, artializzare natura. Il primo è diretto, in se tu; il secondo,
percepito solo esteticamente attraverso un
indiretto, in visu, attraverso la mediazione dello sguardo. Userò qui un'analogia, alla
Paesaggio, che quindi esercita, in quest'area, la funzione di artializzazione. Alla dualità Nudo
quale ho fatto ricorso da allora Nudi e paesaggi 14 Se prendiamo
Nudo Propongo di associare la sua controparte concettuale, la dualità Paesaggio di
campagna, che prendo in prestito, tra gli altri, da uno dei grandi giardinieri paesaggisti
l'esempio del corpo femminile, ci sono infatti due modi per l'arte di trasformare la
della storia, René-Louis de Girardin, il creatore di Ermenonville: “Lungo le strade
nudità in un oggetto estetico, che, di per sé, è neutro: quello che il Caduveo di
principali, e anche nei dipinti di artisti mediocri, vediamo solo nazione; ma un paesaggio,
Lévi-Strauss chiama sprezzantemente "l'individuo stupido". Uno è quello di iscrivere il
una scena poetica, è una situazione scelta o creata dal gusto e dal sentimento 15. "Non c'è
codice artistico nella sostanza
<@ del paese", ma paesaggi, come c'è nudità e nudi.
12 Charles LALO, Introduzione all'estetica, Parigi, Armand Colin, 1912,
La natura è innegabile e non la riceve
p. 131. “La natura, senza l'umanità, non è né bella né brutta. È anestetico ”(p. 133). "La
determinazioni solo d'arte: del paese diventa paesaggio solo a condizione di
bellezza della natura ci appare spontanea attraverso un'arte che le è estranea" (p. 128).
paesaggio, e che, secondo le due modalità, mobile ( in visu) e aderente ( sul posto), artializzazione.
Non è indubbiamente indifferente che una simile tesi sia esposta, in questo stesso anno
1912, da Benedetto Croce, nel suo Breviario Estetico, e da Georg Simmel nel suo Filosofia
Questa recente distinzione lessicale (non risale al XV secolo e si trova nella
del paesaggio. Questa idea di una natura estetizzata dall'occhio dell'artista non è del resto
maggior parte delle lingue occidentali: sbarcare-
assolutamente nuova. Lo avevano già suggerito Haller, Voltaire, Diderot, l'abate Delille.
paesaggio in inglese, Land-Landschaft in tedesco, landschap nel
Olandese, landskap in svedese, Landskal in danese, pais-paisaje in spagnolo, paese-paesaggio
13 MONTAIGNE, Test, III, 5, "Sui versi di Virgilio", dove compare, in un contesto in italiano, ma anche, in greco moderno,
topos-topio, così, sembra, quello in arabo classico, ma senza radicale
diverso, l'espressione " natura artigianale ”.
14 Alain ROGER, Nudi e paesaggi. Saggio sulla funzione dell'arte, Parigi, 15 René-Louis de GiRARDiN, Dalla composizione dei paesaggi, Seyssel, Champ Vallon,

Aubier, 1978. 1992, p. 55. Sottolineato dall'autore.


Comune, bilad-mandar. Il paese è, in un certo senso, il grado zero del paesaggio, che olandese landschap 17, attestato in olandese medio, ma con l'accettazione non estetica di una
precede la sua artializzazione, sia essa diretta ( sul posto) delimitazione territoriale (lo stesso è apparentemente vero per Landschaft, in tedesco), e
o indiretto (in visu). Questo è ciò che la storia ci insegna, ma i nostri paesaggi ci sono "reinventato" alla fine del XV secolo, per designare un dipinto. Ad ogni modo, Gargantua
diventati così familiari, così "naturali", che ci siamo abituati a credere che la loro inventa piacevolmente il file "Beauce »Per designare l'unico paesaggio, per di più recente
bellezza fosse data per scontata; e sta agli artisti ricordarci questa prima, ma (vedi sotto), apprezzato dall'uomo occidentale, un paese sgombrato e domato, un paese
dimenticata verità: che un paese non è, fin dall'inizio, un paesaggio, e che c'è, dall'uno pacifico, un paese saggio, insomma un paesaggio ... Ma la parola tarda ad imporsi.
all'altro, dall'altro, tutto lo sviluppo dell'arte. Montaigne l'avrà, qualche decennio dopo.

Questa è quindi la “doppia articolazione”: Paese / Paesaggio, in situlin visu, che vorrei
testare in questo saggio, l'ipotesi euristica che servirà da filo conduttore. Per
mancanza di modelli e di parole per dirlo, il Paese resta nell'indifferenza estetica o, IL GENIO DEL LUOGO

nella migliore delle ipotesi, nell'approssimazione linguistica, quando l'emozione, essa


"Ci sono luoghi che traggono l'anima dal suo letargo, luoghi avvolti, immersi nel
stessa soggetta a condizioni culturali, inizia a balbettare. Questo è ciò che conferma
mistero, eletti da tutta l'eternità a essere sede dell'emozione religiosa. Lo stretto prato di
piacevolmente l'invenzione del Beauce di Gargantua: “Così passavano con gioia la
Lourdes, tra una roccia e il suo fiume impetuoso; la spiaggia malinconica da cui il
loro strada maestra, e sempre alta cara, fino alla cima di Orleans. In quale luogo una
Saintes-Maries ci indirizza verso il Sainte-Balm; la ripida roccia di Sainte-Victoire,
vasta foresta era lunga trentacinque leghe e dieci e sette di larghezza, o circa? Era
bagnata dall'orrore dantesco, quando ci si avvicina dalla valle del
orribilmente fertile e abbondante in musch e freslons bovini, così che era un vero
briguanderye per i poveri gemelli, asini e chevaulx. Ma la cavalla di Gargantua
terre insanguinate l'eroico Vézelay, in Borgogna; il Puy-de-Dôme. [... E, non ne
vendicò onestamente tutte le coltrazioni di questo tipo perpetrate sui migliori della sua
dubitiamo, ci sono infiniti punti spirituali in tutto il mondo che non sono stati ancora
specie con un trucco che non fu duplicato. Perché, all'improvviso, il dettato della loro
rivelati, come queste anime velate di cui nessuno ha riconosciuto la grandezza. Quante
entrata nella foresta e che i freslons le avessero consegnato l'assalto, ha sguainato la
volte, nel corso di una giornata lieta e profonda, non abbiamo incontrato il margine di
coda e si è scontrata così bene che ha ucciso tutti i ragazzi. Sbagliato, attraverso, qui,
un bosco, a
là, da cy, là, lungo, largo, sopra, desoubz, ragazzi massacrati come un fantoccio
d'erba, così che da allora non ci sono stati né ragazzi né freslons, ma tutto il paese è 17
Questa non è l'opinione di Jean-Pierre IL DANTEC, nel notevole
ricaduto nella campagna. Vedendolo, Gargantua ne trae grande piacere senza antologia che ha appena pubblicato: <@ È in francese (il linguaggio volgare più sviluppato all'epoca) che
vantarsene, e alla sua gente: "Lo trovo bello", che da allora è stato chiamato il paese la parola paesaggio, la cui costruzione dalla parola paese servirà da modello per tutte le lingue europee,
dei Beauce. 16 " è apparsa per la prima volta: nel 1493 molto precisamente, secondo il Dizionario etimologico e storico
del francese di J. Dubois, H. Mitterand e A. Dauzat, che attribuiscono questa innovazione a un poeta di
Valenciennes (quindi delle Fiandre): Jean Molinet (morto nel 1507), che la usa per designare un "dipinto
raffigurante un paese" "( 7gorti e paesaggi, Parigi, Larousse,

1996, p. 93). Sono propenso a credere che il ( 4 Fiammingo »Molinet ha tradotto solo il
È interessante notare che Rabelais, nel 1534, non sembra avere il termine "paesaggio", landschap neer Landais, e sono d'accordo con l'opinione di Jeanne NURTINF-T: “Tutto suggerisce quindi che la parola
la cui prima menzione ufficiale compare nel dizionario latino / francese di Robert Estienne francese sia, se non forgiata sul modello olandese Landschap, almeno adottato come suo strato o suo equivalente.
La nozione stessa di paesaggio avrebbe potuto benissimo esserci proposta dalla visione dei pittori, e l'interesse
(1549), anche se abbiamo potuto evidenziare un poche ricorrenze precedenti, ancora nel
sarebbe finalmente passato dalla rappresentazione al modello ” "IO Il paesaggio: significante e significato ”, in Leggi il
senso di un "dipinto raffigurante un paese" (Molinet, 1493), senza dubbio sul modello di
paesaggio, leggi i paesaggi, Università di Saint-Étienne, 1984, p. 64). Inoltre, come osserva lo stesso J.-P. Le Dantec, il nostro
disaccordo è solo un punto di "dettaglio @> ( operazione. cit., p. 606).
16 RABELAIS, Gargantua, XVI.
vetta, sorgente, semplice prato, che ci ha comandato di mettere a tacere i nostri pensieri e di visto, con il cervello, nel suo insieme, non aveva mai visto la Sainte-Victoire. "
ascoltare più in profondità del nostro cuore! Silenzio! gli dei sono qui 18 "
E per una buona ragione: è precisamente a genio da Cézanne dobbiamo la Sainte-Victoire, la
" Da dove viene il potere di questi luoghi? Si chiede Barres immediatamente. Chi sua “ispirazione”, la sua artistizzazione dal paese al paesaggio. Sull'autostrada A7, che
sono questi misteriosi dei o, per scendere un gradino nella gerarchia religiosa, chi sono attraversa il massiccio, vi invitiamo, a mezzo di manifesti, ad ammirare la Sainte-Victoire e i
i geni silenziosi di questi luoghi? Avendo poca inclinazione per l'incantatorio mistico di “Paesaggi di Cézanne”, vi nominiamo il genio del luogo, come se, senza questo riferimento, il il
Barrès, propongo invece un'ipotesi secolare: questi buoni geni non sono né naturali né paesaggio rischiava di ricadere nell'indifferenza: nullità del paese, luogo senza genialità. Un altro
soprannaturali, ma culturali. Se infestano questi luoghi è perché abitano il nostro segno rivelatore: una volta devastata da un incendio, la Sainte-Victoire sarà restaurata "à la
sguardo, e se abitano il nostro sguardo è perché ci vengono dall'arte. Lo spirito che qui Cézanne", come un dipinto, come di per sé Cézanne finalmente l'ha cambiata ... Da
soffia e "ispira" questi luoghi non è altro che quello dell'arte, che, attraverso il nostro un'artializzazione ( in visu) all'altro ( sul posto).
sguardo, artistizza il paese in un paesaggio 19 1. Torniamo agli esempi di Barrès, in
particolare quello di Sainte-Victoire. Siamo nel 1912. Cézanne morì nel 1906 e da Questo restauro, dove il genio dell'arte impone un po 'alla natura cieca, mi ricorda un
allora la sua fama non ha fatto che aumentare. Barrès conosceva il suo lavoro? Si può aneddoto, divertente ed edificante. Si riferisce al Monte Fuji, "una montagna ispirata" se
dubitarne, poiché questa “roccia” è, per lui, “tutta inondata di orrore dantesco”, mentre ce ne fosse una, agli occhi dei giapponesi, e un soggetto obbligatorio per tutti i pittori,
ora vediamo la Sainte-Victoire con gli occhi, non di Dante, ma di Cézanne. Come scrive anche astratti. Non credo che nessun luogo al mondo sia stato oggetto di tanta
Charles Lapicque: “La Butte Montmartre ricorda Utrillo, il porto di Rouen ricorda devozione estetica e di tante rappresentazioni codificate, poiché esiste una vera e
Marquet, la campagna di Aix-en-Provence ricorda Cézanne. propria cartografia dei punti di vista, che ogni artista e ogni dilettante deve rispettare.
Tuttavia, qualche anno fa, ero a Tokyo, in occasione di un colloquio sul paesaggio.
Dichiaro la mia comunicazione, e qual è il mio stupore nel sentire, in traduzione
Che cosa ho detto, simultanea, questa sconcertante domanda: "Onorevole collega, ci piacerebbe sentire i
sembra: la montagna di Sainte-Victoire finisce per essere solo un Cézanne 20. tuoi pensieri sul destino di Fuji. È malato, si spezza, si disintegra. Se lasciamo che la
Cézanne era inoltre pienamente consapevole del fatto che, per i suoi contemporanei, a natura faccia il suo corso, o dovremmo intervenire, la tecnologia ce lo permette. Cosa ne
cominciare dai contadini della Provenza, nessuno "spirito" "respirava" sulla SainteVictoire, pensi ? Quello che penso ... Monte Fuji ... 3.800 metri ... Chissà se questo non è uno
niente di una "montagna ispirata", poiché, come lo scrisse all'amico Gasquet , non l'hanno scherzo giapponese, e mi guardo intorno, no, i miei ospiti sembrano molto seri ...
fatto " non ha nemmeno visto! “Con i contadini, guarda, a volte dubitavo che sapessero
cos'è un paesaggio, un albero. Sì, ti sembra strano. A volte facevo passeggiate. Ho
accompagnato dietro al suo carro un contadino che stava per vendere patate al mercato.
Non aveva mai visto quello che chiamiamo Quindi, per cinque minuti, forse di più, esalto Fuji, quest'opera d'arte, opera d'arte
ancestrale, creazione di Hokusai e generazioni di pittori, eminenti o oscuri, ma
qualunque cosa, dal momento che tutti partecipano a questa gloria di Fuji, e da allora
18 Maurice BARRES, La collina ispirata, All'inizio del primo capitolo, “Ci sono luoghi in cui lo spirito respira. " Fuji , sono loro! Non dimentico i poeti, i haikus, paesaggi sintetici, modelli ridotti a poche
parole, non dimentico i romanzieri, no, la Fuji non è più un essere naturale, ma la
Quindi sono d'accordo con il punto di vista di Agostino BFRQUE Di per sé, il genio del luogo non esiste " Per
19 -
creazione millenaria di questi mille geni della cultura giapponese, vedo un sorriso
essere umano sulla terra Parigi, Gallimard, "Le Débat", abbozzare il volto dei miei ospiti, sì, il Fuji è un monumento da salvaguardare, e quindi
1996, p. 187. da restaurare, proprio come Versailles o Venezia, sarebbe un crimine contro lo spirito
20 Charles LAPICQUE, Saggi su spazio, arte e destino, Parigi, grassetto impostato,
sacrificarlo all'erosione naturale, a
1958, p. 135.
abbandonarlo a questa natura, stupido e taciturno, non appena il respiro dell'arte cessa di ancora una volta, alla fine dichiara: " Es brave lo pais, diciamo ". Ho appena capito: la
ispirarlo ... Ho fatto di più, nei cinque minuti di questa arringa improvvisata, che in un'ora di parola paesaggio non esiste in occitano (non compare in lingua francese fino alla fine
comunicazione, per convincere i miei ascoltatori del meriti dell'artializzazione. del XVI secolo). Il malinteso iniziale non era dovuto solo alla solita difficoltà nel
parlare, ma a
La genialità del luogo deriva, per la maggior parte, dall'artializzazione in visu, chi respira il l'incomprensione del concetto stesso di paesaggio. Il paesaggio per lui, per la gente, è
suo respiro, ispira la sua mente. Ho attraversato i ponti di Avignone canticchiando "noi la campagna 21 "
balliamo lì, balliamo lì ...", malinconicamente il ponte Mirabeau, con Apollinaire "(Sotto il Es brave lo paga: risposta sorprendente e, nella sua coerenza, molto significativa,
ponte Mirabeau scorre la Senna / E i nostri amori, deve m 'ricordarlo ... "), e ancora
poiché, due volte, in quattro parole - coraggioso invece di bella e campestre invece di
allegramente il Pont des Arts, in compagnia di Brassens" <Se per caso / Sul Pont des Arts
paesaggio -, elimina il punto di vista estetico. Il contadino di Cueco non è affatto
... ". Ho un amico che vuole Clermont solo sotto la neve, perché l'ha scoperto e non lo vede
eccezionale. Michel Conan ha recentemente sottolineato, durante una conferenza a
più, in senso letterale, se non attraverso il film di
Lione, che, secondo un'indagine condotta nel Finistère, la nozione stessa di
Rohmer, La mia notte da Maud, paesaggio sembra sfuggire ai contadini, i quali, più vicini di chiunque altro al paese,
sarebbero tanto più lontani dal paesaggio. 22 '.
Ciò dimostra che il genio del luogo può essere dispotico e spodestare impropriamente
altri pretendenti. La Sologne della mia infanzia è stata, prima di tutto, grande I Meaulnes Questo è il motivo per cui non posso sottoscrivere le parole di Michel Corajoud,
di Alain-Fournier, quindi Raboliot, di Maurice Genevoix, geni gemelli del mio sguardo. Le quando menziona " una complicità obbligata tra paesaggio e contadino 23 "; a meno
Livradoix, è Gaspard delle montagne, di Henri Pourrat. Ci viene indicato anche, sempre che non si ammetta, come invita il contesto, che si tratta di una laboriosa
tramite cartellonistica, sulla via Ambert; e Amici de Jules Romains non sono lontani ...
complicità, tramite lo strumento, ma non si debba più parlare di “paesaggio”. Lo
Doppia felicità: quella di leggere prima, poi di avventura, quando, percorrendo i sentieri
dice molto bene Cueco: “Il paesaggio non esiste, dobbiamo inventarlo. E
sulle orme di Gaspard, si sente passare il respiro dello spirito.
potremmo moltiplicare le testimonianze. Kant: “Ciò che, preparato dalla cultura,
chiamiamo sublime, apparirà all'uomo rozzo, senza educazione morale,
Lo stesso Barrès ci offre ottimi esempi di questa "ispirazione" per l'artializzazione, che, senza semplicemente spaventoso. [...] Così il buon contadino savoiardo (di cui parla M.
contraddire la sua stessa tesi, consente di illuminarla con una luce profana. La collina ispirata, de Saussure), che non era senza
quella di Sion, in Lorena, non è, per molti, opera sua, e non è forse il suo spirito, che ora vi
soffia? Aiguemortes e la sua torre di Costanza hanno anche ispirato Barrès a scrivere un
bellissimo romanzo, Il Giardino di Bérénice, che a sua volta - per chi, ovviamente, ha letto 21
Henri CUECO, "Approaches to the concept of landscape", Ambienti,
questo libro - ispira in questo luogo un genio poetico, colorando di malinconia il potere storico
7/8,
della vecchia città medievale.
1982, ripubblicato in Teoria del paesaggio in Francia, 1974-1994, Seyssel,
Champ Vallon, 1995, pagg. 168-169.
22
Michel CONAN, in Morte del paesaggio ?, Seyssel, Champ Vallon,

PAESI, CONTADINI, PAESAGGI 1982, p. 186.


23 Michel CORAJOUD, “Il paesaggio è il luogo in cui cielo e terra si incontrano.
"Louis, come si dice: è bellissimo questo paesaggio?" Mi guarda e capisco che gli sto toccare ", in La morte del paesaggio ?, op. cit., ripubblicato in La teoria del paesaggio in
dando un problema difficile. Dopo un lungo silenzio Francia, 1974-1994, op. cit., p. 147.
il buon senso, chiamava pazzi tutti gli amanti della montagna di ghiaccio, senza esitazione 24 " parola bello lui stesso. IO: " È bellissimo, questo prato. " Son Fage: "Sì, dà mille balle [di
fieno] 26 "
Questo "buon contadino" ricorda il vecchio pastore, che cerca di dissuadere Petrarca La percezione di un paesaggio, questa invenzione degli abitanti delle città, come vedremo
presto, presuppone sia il senno di poi che la cultura, una sorta di
e suo fratello dal continuare la loro famosa ascesa.
ricoltivare in breve. Ciò non significa che il contadino sia privo di ogni legame con il suo
du Ventoux (1336): “Sulle cime del monte, abbiamo incontrato un pastore molto
paese e che non provi alcun attaccamento alla sua terra, anzi; ma questo attaccamento
vecchio che, dopo tanti discorsi, ha cercato di distrarci dalla nostra ascesa.
è tanto più potente quanto più è simbiotico. Manca, quindi, questa dimensione estetica,
Cinquant'anni prima, diceva, lo stesso ardore giovanile lo aveva portato a scalare la
che si misura, sembra, dalla distanza dello sguardo, essenziale alla percezione e al
vetta più alta, e gli aveva riportato solo rimpianto e stanchezza. Wilde riassume in
piacere del paesaggio. Il contadino è l'uomo di campagna, non l'uomo del paesaggio, e
poche parole gustose: "Dove l'uomo colto coglie un effetto, l'uomo ignorante prende il
forse bisognerebbe opporsi, con la necessaria prudenza, al contadino e al paesaggistico,
raffreddore. 25. "E Cézanne, già citato, che dubita che i contadini provenzali" sappiano
vale a dire l'uomo di città, e, probabilmente, questo stesso contadino, quando visita un
cos'è un paesaggio "...
paese diverso dal suo e adotta, a volte, con più o meno disinvoltura, l'occhio pigro del
turista.
Ciò è confermato da diverse indagini recenti, anche se le loro conclusioni
dovrebbero essere qualificate, in quanto il "rurale" di oggi non può essere assimilato
al pastore di Petrarca, non più che al buon savoiardo di Orazio Benedetto de
“Ancora oggi i contadini sono l'unica classe sociale che non prova molto entusiasmo
Saussure o ai contadini di Cézanne , poiché ora beneficiano, come gli abitanti delle
per le bellezze naturali. 27 "; solo che queste bellezze non sono mai “naturali”,
città (che sono sempre di più e di più), di una cultura massicciamente diffusa da tutti i
altrimenti i contadini le percepirebbero e “si entusiasmerebbero” proprio come i
media. Notiamo tuttavia un vero e proprio deficit estetico nella percezione del proprio
cittadini.
Paese, che resta, per la maggior parte, il luogo del lavoro e della redditività, come
Questo è anche un argomento decisivo a favore dell'ipotesi culturalista, che
attesta l'indagine condotta da Martin. De la Soudière ai contadini di Margeride: “ Il
trova "sul terreno" l'occasione per una decisiva contro-prova, di cui Armand Frémont ci offre
paesaggio è l'aspetto dei luoghi, lo è
una nuova testimonianza con i contadini normanni: "I contadini evocano a malapena i
paesaggi. Questo atteggiamento sembra molto profondamente significativo. Parliamo molto
poco di ciò che viviamo quotidianamente, soprattutto quando siamo Norman. I valori dati ai
luoghi sono quelli del lavoro, della terra e della famiglia, possibilmente del progresso agricolo
Il lavoro agricolo è il più delle volte
e dell'occupazione. Di fronte a queste realtà quotidiane, il "paesaggio" evocato dai cittadini,
incompatibile con questa disponibilità di tempo e di spirito, l'ambiente è raramente un
dagli stranieri, appare nel peggiore dei casi minaccioso e alienante, nel migliore dei casi
"paesaggio" per questi agricoltori. In effetti, il termine paesaggio orientale per loro il più delle
derisorio 28. "
volte inadeguato. [...] Il registro estetico sembra inghiottito dall'utilità, il bello, definito
dall'utile. La maggior parte delle risposte raccolte punta nella stessa direzione. Un altro
indizio, che ogni ricercatore del settore ha sperimentato: l'incomprensione sul significato di 26 Martin de la SOUDIÈRE, “Viste di un terroir e altrove. Il paesaggio all'ombra dei
terroir », Paesaggio e pianificazione, settembre
1985, pagg. 21 e 23. Kenneth CLARK, Arte del paesaggio, Parigi, Gérard Monfort, 1994,
27

P. 9.
24 Emmanuel KANT, Critica della facoltà di giudicare, Parigi, Vrin, 1974, § 28 Armand FRÉMONT, “Le profondità dei paesaggi geografici. Around Ecouves, nel
29. Parco Regionale della Normandia-Maine ", Spazio
25 0. WILDE, Il declino della menzogna, op. cit., p. 307, traduzione modificata.
geografico, 2, 1974, ristampato in La teoria del paesaggio in Francia, op.
Un simpaticissimo disegno di Pierre Samson ci dice il contrario. Vediamo due contadini, evoca in questo caso la pressione esterna esercitata sugli agricoltori in questo campo
Ange e Luce Millet, nella postura obbligata dei famosi dalle norme (per gli edifici, le condizioni di allevamento, l'uso di prodotti chimici). "
Angelus, e che scambiano queste parole edificanti. Angel: “Quello che c'è è che ci
manca la prospettiva. Ma sento che ci manca una vera vena turistica. »Luce: " Non Non sorprende, quindi, che i “neorurali”, di origine urbana, siano i più favorevoli ad
vedo, Angel. »Angel:« Lo sento, Luce 29. Sophie Bonin, che ha studiato le applicazioni un'applicazione attiva e concertata dell'articolo.
del famoso articolo 19 del 19. Hanno “una distanza significativa dalla loro professione” e “dal loro spazio”. "Ho
Politica agricola comune ( 1985), sottolinea giustamente la vaghezza e l'indecisione del pensato che anche il fatto che non hanno vissuto la loro infanzia nell'ambiente
legislatore quando si tratta di distinguere valori ecologici (ambientali) ed estetici agricolo potesse avere un ruolo importante
(paesaggistici), mentre questa distinzione è essenziale (vedi sotto), se si vuole favore di questo declino. "Comunque", sono gli unici ad avermi parlato
incoraggiare gli agricoltori a salvaguardare il loro ambiente tradizionale, "aree di "magnifico paesaggio agricolo 30 ". Verifichiamo, ancora una volta, che una
ambientalmente sensibili", ovvero "aree di particolare interesse riconosciute dal punto di contro-prova concreta è sempre essenziale, se non decisiva, quando si tratta di
vista ecologico e paesaggistico". Sophie Bonin denuncia giustamente la natura “sfocata” di
validare un'ipotesi teorica, che il lettore, spontaneamente naturalista in questo
un simile provvedimento: “Il paesaggio appare come il pesce che affoghiamo. [... Ma
campo, rischierebbe di giudicare avventata.
siccome le misure dell'articolo 19 mirano soprattutto a colpire gli agricoltori, si riesce ad
orientare il progetto "paesaggio" verso una gestione minima, una "manutenzione", che è
infatti il mantenimento dello spazio in una certa "pulizia": un paesaggio attivo, efficiente, in
tali condizioni, con tali strumenti, non può avere successo. »E Sophie Bonin sottolinea a
sua volta - ma il suo studio ha il merito di trascrivere e verificare nella pratica più concreta e
attuale l'ipotesi teorica che propongo - il carattere utilitaristico, di redditività immediata,
della visione contadina. è davvero qualcosa di molto importante per gli agricoltori. Ma non è
quindi una visuale cartografica o fotografica, ma piuttosto una visuale di segni, attaccati agli
elementi che hanno un significato a livello agricolo (in particolare funzionale). Un contadino
non cammina in campagna (o raramente): la sua apprensione più comune è il "viaggio del
proprietario", dove la sua attenzione si concentra prima sui confini del terreno, ovvero quelli
tra la sua terra e quelli del vicino, e sugli "eventi" visivi che hanno un significato per il
terreno. . [...] Potrei così notare la frequente reazione in termini di ambiente e
inquinamento, quando si parla agli agricoltori del paesaggio, in particolare nelle zone poco
turistiche. La parola paesaggio parliamo di paesaggisti, soprattutto nelle zone poco
turistiche. La parola paesaggio parliamo di paesaggisti, soprattutto nelle zone poco
turistiche. La parola paesaggio

30 Sophie BONIN, “Agricoltura, paesaggio, spazio montano. Rappresentazioni


cit., p. 34. e politiche dello sviluppo rurale ”, Tesi di
29 Pierre SAMSON, in CIVAM, Turismo rurale, ADIR, dicembre 1994. DEA, giardini, paesaggi, territori, EHESS e Scuola di Architettura di Parisla-Villette,
1995, pp. 65, 67, 78, 81, 82, 106, 108.
(l'uomo può racchiudere un giardino) 32 '. »Si tratta, come nell'attività artistica, di delimitare uno spazio
CAPITOLO II sacro, una specie di templum, all'interno del quale si concentra ed esalta tutto ciò che, fuori dal
recinto, si diffonde e si diluisce, consegnato all'entropia naturale. Il giardino, come il dipinto, vuole
DAL GIARDINO AL LAND ART essere una monade, una parte totale, un'isola di quintessenza e delizia, un paradigma
paradigmatico.
Pairidaeza, nell'antico persiano, significa un recinto, da paio, "in giro ", e daeza, "bastione ".
Paradeisos, attestato da Senofonte, in l'Anabasis,
per designare un parco, un luogo alberato, dove sono tenuti gli animali, sarà usato
nella traduzione dei Settanta, sull'Eden. Il testo della Genesi è istruttivo: se non
menziona una recinzione 33
Prima di inventare i paesaggi, attraverso la pittura e la poesia, l'umanità ha creato - il divieto di ritornarvi è consecutivo alla "colpa" -, sottolinea che il giardino è, all'origine, un
giardini, che corrispondono a ciò che Pauline Cocheris, descrivendo le tecniche del luogo ideale, una "piantagione" divina. “Il Signore Dio piantò un giardino in Eden, a oriente, e
tatuaggio e della scarificazione, chiamava “gli ornamenti primitivi”. Sono gli abiti, gli vi pose l'uomo che aveva plasmato. Il Signore Dio ha fatto sì che tutti i tipi di alberi fossero
ornamenti, i tormenti che l'uomo impone alla "campagna", innescandola, tatuandola, visibili e buoni da mangiare dalla terra, e l'albero della vita in mezzo al giardino e l'albero
spaventandola nel paesaggio, sperimentando, fin dall'inizio, questo "superbo piacere di della conoscenza del bene e del male. Un fiume usciva da Eden per irrigare il giardino e da lì
forzare la natura", di cui parla Saint-Simon su Versailles. si divideva a formare quattro bracci. »Pishôn, Gihôn, Tigre ed Eufrate, che consente di
individuare questa vasta oasi in Mesopotamia. Il resto è enigmatico: “Il Signore Dio prese
l'uomo e lo stabilì nel Giardino dell'Eden per coltivarlo e mantenerlo. Ci si può infatti chiedere
in cosa consistesse questa "cultura", nel assenza di strumenti e fuori da ogni fatica ("sudore"
è la sanzione del "peccato"). Comunque sia, questo Eden si presenta, originariamente, come
LA NECESSITÀ DI RICHIEDERE un giardino di delizie, un luogo di felicità indefinita, un Tiergarten " parco zoologico ”), ha detto
Hegel, stigmatizzando inoltre questo“ cupo stato di innocenza senza interesse ”, dal quale
E IL MODELLO PARADISIAQUF- Adamo, grazie a Dio, è escluso dal suo "Felix culpa".
L'analogia non deve però trarci in inganno: questo desiderio di farlo paesaggistico
direttamente il paese si presenta fin dall'inizio come un equivalente dell'arte, o meglio come
un'arte, per nulla arcaica; ciò è dimostrato dalla presenza dei giardini pensili di Babilonia tra
le sette meraviglie del mondo. Il giardino si offre allo sguardo, come un perenne dipinto, in
Questa immagine dell'oasi, il Corano la ripete più volte: “Coloro che hanno creduto e
contrasto con la natura circostante. Da qui la necessità di accludere. Per giardino si intende
praticato opere pie, li porteremo nei Giardini sotto i quali scorreranno i ruscelli; lì,
uno spazio interno chiuso, separato, coltivato dall'uomo per il proprio piacere, lontano da
immortali nell'eternità, avranno mogli purificate e noi le porteremo sotto un'ombra
qualsiasi scopo utilitaristico immediato. L'etimologia del giardino ha una radice indoeuropea ( ghorto)
densa ”(sura IV). E il Profeta, non senza crudeltà, oppone questa freschezza
comune a tutte le lingue del gruppo (chiuso, chiuso) 31 '. "" La natura, nel suo insieme, è
paradisiaca (l'oasi) al fuoco infernale (il deserto), che colpisce il
ancora il dominio del disordine, del vuoto e della paura; contemplarlo porta a mille pensieri
pericolosi. Ma, in questo spazio selvaggio, possiamo racchiudere un giardino
32 K. CLARK, Arte del paesaggio, op. cit., p. 15.
33
La necessità di rinchiudere è però così forte che Milton, in Paradiso perduto
( 1674), che, nel libro IV, capitolo v, descrive l'intrusione di Satana nel Giardino
31 Antonella PIETROGRANDE, " Il giardino immaginato ", nel paesaggio mediterraneo, Milano, dell'Eden, evoca il suo "recinto verde" e "il muro verde del paradiso".
Electa, 1992, p. 74.
dannato: "E le schiere del fuoco grideranno alle schiere del Giardino:" Versaci l'acqua giardino di quattro ettari, circondato su tutti i lati da una siepe. Là crescevano grandi
e ciò che Allah ti ha dato! " »(Sura VII). Invano. Capita addirittura che il Corano, più alberi rigogliosi che producevano, alcuni, peri e melograni, altri, bellissime arance, fichi
voluttuoso della Bibbia, distingua i liquori di questi quattro "ruscelli": "Ecco la dolci e olive verdi. E questi frutti non sono mai venuti meno o cessati, e sono durati tutto
rappresentazione del Giardino che fu promesso ai Pali: ci saranno ruscelli di acqua l'inverno e tutta l'estate [...]. E c'erano due sorgenti, una delle quali attraversava tutto il
non stagnante, ruscelli di inalterabile degustazione di latte, rivoli di vino, piacere per i giardino, mentre l'altra sgorgava sotto la soglia del cortile. Lo stesso vale per la
bevitori, rivoli di miele chiarificato ”(sura tradizione del giardino medievale o hortus conclusus,

XLVII). Canaan ha promesso solo miele e latte. La sura del Profeta annuncia un'oasi sia che si tratti di "chiostro" o di "cortese", e il cui simbolismo sembra, originariamente,
afrodisiaca, con ore ed efebe, a volontà e per l'eternità ... riferirsi al Cantico dei Cantici (secondo l'interpretazione che fa della Shulamita una
prefigurazione della Vergine): "buon giardino chiuso, sorgente sigillata". Troviamo
bellissime illustrazioni, secolari e tardive (XV secolo): "Jardinet du Paradis", del Maestro di
Il giardino islamico, nel suo recinto, è solo la replica, qui sotto, del modello coranico. Oberrhein, noto anche come "Maestro del giardino murato ( malato. 1), Eden erotico
“Che il giardino sia associato a un palazzo oa una semplice abitazione, è l'antitesi del protetto da bastioni merlati "Maulgris et Oriande la belle" ( malato. 2), di Renaut de
deserto, uno spazio racchiuso da alte mura e brulicante di vita. Rappresentazione sulla Montauban; "Amanti in un giardino", in Il Rusticano di Pierre de Crescens; o anche
terra di Paradiso promesso da Allahcar, l'acqua - una benedizione rara e preziosa - "L'Autore accolto dalla Natura nel desiderato Frutteto", in
raccolta in un bacino, segna la convergenza dei sentieri, una trascrizione dei quattro fiumi
dell'Eden. [... ] Il " ryad ", palazzo-giardino interno, espressione particolare del Maghreb, Amo il libro degli scacchi di Évrard de Conti. Anche la letteratura ama questi deliziosi
costituisce un'oasi di sensualità, piacere, ma anche di pace, una pace tanto ricercata per giardini recintati. Boccaccio, all'inizio del
dimenticare le aggressioni del mondo esterno 34 Sembra, inoltre, che il giardino islamico "Terzo giorno" Decameron, ama descriverci un paradiso secolare, con il suo recinto, i
debba molto al giardino persiano, che storicamente lo ha preceduto. Il modello di "Ferdows", suoi alberi da frutto, i suoi fiori, il suo prato verde centrale, con una sorgente al centro.
sviluppato dal tempo dei Sassanidi (224651), stabilisce, in particolare, la struttura del Stessa gioia Il Roman de la Rose di Guillaume de Lorris: “Il frutteto, ben progettato,
giardino in quattro parti, sottolineata da un vicolo o da una linea di galleggiamento, con, formava esattamente un quadrato, fintanto che era largo. Tutti gli alberi da frutto,
nel punto di incontro dei due assi, o un padiglione, o un bacino. Quest'arte dei giardini, la tranne quelli troppo brutti, sono rappresentati da uno o due esemplari, o anche di più.
cui chiusura e fertilità (frutti, fiori, freschezza) sono come la negazione della siccità esterna Segue l'elenco di questi alberi: melograno, noce, mandorlo, fico, dattero. Poi tutte le
e della sterilità, è raddoppiata in quella dei tappeti da giardino, a volte immensi, quella del spezie: chiodi di garofano, liquirizia, zedo, anice, cannella ... Torniamo agli “alberi del
palazzo di Khosrow (VI secolo). secolo) era lunga non meno di 140 metri e larga 27, nostro paese”: nespola, susina, ciliegio, sorbo, olivo, cipresso, olmo, carpino, faggio,
raggiungendo così la dignità di modelli quasi autonomi, cadendo sotto il visu. ecc. E "sappi che gli alberi sono piantati a una buona distanza l'uno dall'altro, a circa
cinque o sei braccia ..." Sempre questa richiesta di ordine, contro l'anarchia naturale.

Questo recinto benefico, che garantisce, contro la natura austera, ostile ed entropica, L'Oriente ovviamente non fa eccezione alla regola, secondo la testimonianza di Marco
ordine, abbondanza e piacere, lo troviamo nella tradizione ellenica. Così dal giardino Polo, che non smette mai di delirare per le gigantesche conquiste dei suoi ospiti, come
di Alkinoos, nella canzone VII di "il Vecchio della Montagna", Aloadin: "Aveva racchiuso, in una valle, tra due montagne,
l'odissea: " E, al di là del cortile, vicino ai cancelli, c'era un grande il giardino più grande e più bello che vedrai mai, pieno di tutti i frutti del mondo. [...]
34 A. AUDURIFR-CROS e A. QUIOT, “Les jardins de l'Islam”, in C'erano canali che trasportavano vino, latte, miele e acqua. Ed esso era

Paesaggio mediterraneo, op. cit., p. 100.


pieno delle più belle donne e signorine del mondo, che sapevano suonare tutti gli tiny, concentra e riassume l'intero universo 36. "" Il giardino dei nani, più è piccolo, più grande è
strumenti, cantare meravigliosamente e ballare così bene che è stato un piacere vederli. E la parte del mondo che abbraccia. 37 Possiamo dire lo stesso, su un'altra scala, dei “giardini
li fece credere, il Vecchio, che questo giardino era il paradiso. Tutto è infatti lì: i quattro aridi”, quelli di Ryoan-ji o Daisen-in, a Kyoto. Niente vegetazione, tranne qualche muschio,
"ruscelli", che sono diventati " qualche gruppo di sassi sapientemente distribuiti su un tappeto di ghiaia. La materia, ancora
canali ”) nel racconto del viaggiatore e l'ora è essenziale per la felicità. Stessa una volta, si esaurisce e il giardino, spogliato di ogni suggestione e seduzione naturalistica,
magnificenza nella descrizione del giardino del "grande khan" Koubilai: "Intorno a impone allo sguardo la sua austerità di tela astratta 38.
questo palazzo, c'è un muro che racchiude almeno sedici miglia di terra, in cui ci sono
fontane, fiumi e ruscelli, e molti bei prati. .. "

Recinto colossale, di cui troviamo un'eco onirica il Kubla Khan de Coleridge: “Così due
PICTURA HORTUS UT
volte cinque miglia di terra fertile furono circondate da mura e torri. »La fantasia non può
mostrare il suo splendore, " burrone profondo e mistico "," rantoli rapidi e rauchi "( pantaloni Si potrebbe obiettare che questa interpretazione non lo è
spessi veloci), potrebbe essere esteso a tutti i giardini, che il Settecento, in particolare, è caratterizzato
" oceano senza vita "(Oceano senza vita), "Grotte di ghiaccio "(Grotte di ghiaccio), dal rifiuto di ogni recinzione e rivendica un ritorno alla natura, che contraddice il desiderio
"Vergine d'Abissinia" e "latte del paradiso" ( latte del paradiso) - che dentro un recinto di artializzazione in cui credevo di rilevare la funzione del giardino. L'obiezione sembra
sacro, se smisurato qualunque sia il perimetro. Primo, dobbiamo tabulare il paese per forte eppure, lungi dall'invalidare l'ipotesi, la verifica al contrario, in quanto questo
iscrivere un paesaggio, per quanto fantastico possa essere. E, per restare nei mitici presunto ritorno alla natura è sempre stato compiuto sotto il segno dell'arte.
giardini, è sempre questo stesso recinto che ritroviamo, a Rousseau, nell'Eliseo di Contrariamente a quanto si può aver detto, o creduto, la reazione alle simmetrie francesi
Julie: “Il fitto fogliame che lo circonda non lascia penetrare l'occhio [... 1. Sapete che non si è tradotta in una naturalizzazione del paesaggio, ma in una pittoricizzazione del
l'erba era piuttosto arida lì, gli alberi piuttosto radi, che davano un'ombra piuttosto paese. Quando Joseph Addison, nel Spettatore
scarsa, e che non c'era acqua. Eccolo ora fresco, verde, vestito, adornato, fiorito,
annaffiato ”, allegoria dell'Eden, di cui M. de Wolmar, il marito di Julie, sarebbe il Dio del 25 giugno 1712, si ribella alla mania di mutilare alberi per ridurli a "coni, globi e
bonario. 35 Un'altra allegoria, quella del "Paradou" in Colpa dell'abate Mouret, de Zola, piramidi", questa sperimentazione geometrica traduce solo un cambio di riferimento
immenso giardino recintato, dove Serge trova il momento felix culpa, artistico: al modello architettonico, rappresentato da Le Nôtre, si sostituisce un
modello pittorico, presto simboleggiato da Claude Lorrain. Questo è ciò che sottolinea
Girardin, qualche decennio dopo: " Il famoso Le Nôtre, fiorito nel
l'innocenza e l'integrità di Adamo (vedi sotto).
Ma è senza dubbio nel giardino giapponese che si illustra meglio la funzione monadica
dell'arte, che consiste nel concentrare un massimo nel minimo. Questo desiderio, così spesso 36 Gilbert DURAND, Strutture antropologiche dell'immaginazione,
espresso dagli artisti - "il torrente del mondo in un centimetro di materiale" (Cézanne), "Tutto il
Gre nobile, Allier, 1960, p. 297.
mondo in poche parole" 37 Michel TOURNIER, Meteore, Parigi, Gallimard, 1975, p. 468.

(Joyce) -, non è mai stato realizzato meglio che in questi giardini in miniatura, dove 38 Questa pittura astratta del giardino ha conquistato alcuni dei più grandi paesaggisti
l'artializzazione in situ, a forza di riduzione, finisce per astrarsi dalla propria materia, per
contemporanei. “La mia idea di cosa dovrebbe e potrebbe essere un giardino, da un punto di
trasformarsi in un dipinto. “La vocazione di Ruysdael, Corot, Claude Monet o Cézanne
vista estetico, viene dalla pittura astratta” (Roberto Burble-MARX, " Giardini in Brasile »,
non è molto lontana da quella di ikébana, che, in un bouquet di pochi fiori o in un
Tecniche e architettura, n '7/8, 1947). Troviamo la stessa idea in Russel Page e Geoffrey
giardino
Jellicoe, che si riferiscono prontamente a Burle-Marx.
35 J.-J. ROUSSEAU, Julie o la New Heloise, Parte IV, lettera XI.
il secolo scorso, ha completato la strage della natura sottoponendo tutto alla bussola suoi Aneddoti sulla pittura, rende omaggio al "naturalismo" di Kent "Il colpo da maestro, il
dell'architetto; non occorreva altra mente che quella di tracciare linee ed estendere lungo passo che ha portato a tutto ciò che è seguito, è stato la distruzione dei recinti murati e
una regola quelle delle finestre del palazzo; immediatamente la piantagione seguì la linea l'invenzione dei fossati. [] Attraversa il recinto ( ha saltato la recinzione) e ha visto che tutta la
della fredda simmetria; il terreno è stato appiattito a caro prezzo dal livello della monotona natura è un giardino "- si affretta a fare una correzione artistica a questo apparente
planimetria; gli alberi erano mutilati, in ogni caso le acque erano racchiuse tra quattro naturalismo:" Così il pennello della sua immaginazione ha prodigato tutti gli artifici ( arti) da un
mura; lo spettacolo era racchiuso da tristi masse; e l'aspetto della casa era circoscritto in bellissimo paesaggio alle scene che ha disegnato. I principi fondamentali su cui ha lavorato
un'aiuola piatta tagliata a scacchiera. [...] Non è quindi né in Architetto, né in giardiniere, è sono stati la prospettiva e il chiaroscuro ( luce e ombra). È così che "ha prodotto le
in Poeta e Pittore che è necessario comporre paesaggi, per interessare allo stesso tempo composizioni dei grandi pittori 42 "
l'occhio e lo spirito 39 "
William Mason è ancora più categorico quando, nella sua poesia, Il Giardino Inglese (1 772),
ingiunge al giardiniere di prendere un modello dalla pittura, sua sorella maggiore: “Impara
Ut pictura hortus 40 “Questo potrebbe essere il motto dei giardinieri inglesi, dal Kent a quanto la tua arte deve trarre aiuto dalla pittura; la pittura è la sorella del giardinaggio:
Shenstone, incluso Henry Hoare. A William Kent, ad esempio, il giardino è progettato impara le sue regole
a imitazione dei dipinti "romani" di Claude Lorrain e Gaspard Dughet. Così, a Stowe o "( e impara quanto dipende dai dipinti l'aiuto di tua sorella arte, impara ora
Rousham, il giardino si offre al dilettante come una successione di dipinti le sue leggi) 43 E una di queste regole è proprio quella dei tre piani di prospettiva
tridimensionali, dove l'artista, lavorando sulla natura, può fare a meno del atmosferica (ocra, verde, blu), inventata e codificata dai pittori del XV secolo (vedi
trompe-l'oeil. Stesso pitturalismo a Stourhead, creazione di Hoare, grande sotto). Humphrey Repton, nel suo
ammiratore di Claude e Gaspard Dughet, e al Leasowes di Shenstone, uno dei più Schizzi e suggerimenti sul giardinaggio paesaggistico ( 1794), contesterà questo
notevoli teorici di paesaggio consanguineità. L'alleanza è piuttosto coniugale: "Queste non sono arti fraterne, nate
dallo stesso ceppo, ma piuttosto nature che hanno
giardinaggio: “Credo che il paesaggista sia il miglior designer del giardiniere. »Da qui il affinità, uniti come marito e moglie "( portato insieme come marito e moglie) 44. Ma
suo uso di Claude Glass, dispositivo ottico con specchio ovale convesso che permette di l'artializzazione resta fondamentale. Si tratta di stabilire un mezzo felice tra
ritagliare nella “campagna” dei “paesaggi” con contorno claudiano.
l'anarchia (natura selvaggia) e il dispotismo (il giardino francese) ", così come
la costituzione inglese è un mezzo felice ( mezzo felice) tra la libertà degli
Gli scritti teorici confermano questo pitturalismo. Pope dichiara, già nel 1734, che “tutta l'arte
uomini primitivi e le costrizioni del governo dispotico ”. Questa subordinazione
dei giardini rientra nella pittura di paesaggio [] proprio come
un paesaggio sospeso "(Tutto il giardinaggio è pittura di paesaggi [] proprio come
al modello pittorico non è da meno in René-Louis de Girardin, come si può
paesaggio appeso) 41. E se Horace Walpole, in una famosa pagina di vedere dal suo trattato, Della composizione dei paesaggi, dove il confronto
della "tabella su campo " con il "tavolo acceso la rete 45 È costante. " È dentro
39 RL de GIRARDIN, Dalla composizione dei paesaggi, op. cit., pp. 12 e
21
40 Ho usato questa formula già nel 1982 in " Ut pictura Hortus ”, Morte del paesaggio;

operazione. cit. Noto con piacere che John Dixon HUNT, eminente specialista, lo utilizza a
sua volta nel suo articolo: "Ut pictura poesis, Giardini e pittoreschi in Inghilterra. 1710-1750
", in Storia dei giardini, Parigi, Flammarion, 1991, p. 227. 42 Citato da M.-M. MARTINET, ibid., pp. 184 e mq.
43 Città ibid., p. 203.
41 Citato da Marie-Madeleine MARTINET, in Arte e natura a Grande 44 Città ibid., p. 245.

Bretagna nel XVII secolo, Parigi, Aubier, 1980, p. 10. 45 DA GIRARDIN, Dalla composizione dei paesaggi, op. cit., p. 23.
Poeta e Pittore che devi comporre paesaggi 46 "" Tuttavia, per comporre un lì ", un tavolo perfettamente ben composto nel genere Robert 52 "; un po 'più in là “una
paesaggio e riportarlo sul campo, il dipinto è l'unico modo per scrivere la tua catena di rocce coronata di pini forma il fronte di questo dipinto di Salvator 53 "; più
idea per realizzarla esattamente prima di eseguirla. 47 "Il dipinto costituisce avanti è un "paesaggio che ricorda il genere di Ruysdaal [ sic] e Vangoyen 54 ".
quindi uno schema di composizione che, applicato al paese, lo schematizza in
un paesaggio e" opera nel natura lo stesso effetto della tua tabella 48 ". E
Girardin per dettagliare un'intera tecnica di narrativa, permettendo di registrare PAESAGGIO DEL PIANETA ...
"il quadro di a quadro nel campo 49 ". È vero che i riferimenti ai modelli arcadici
A questo desiderio di materializzare materialmente la natura, come si concretizza nell'arte
non sono così espliciti come in Kent o Shenstone.
dei giardini, Goethe ne ha dato una versione romantica e didattica al tempo stesso Affinità
elettive, particulièrement au chapitre VI, où Édouard et le capitaine consultent des (4
Ma questa discrezione non lo consente
descriptions de parcs anglais accompagnés de gravures », avant de réformer le domaine. «
non certo per sostenere, come fa Michel Conan nella sua postfazione, che è del Ils ouvrirent des livres où l'on voyait chaque fois le plan de la contrée et son aspect
resto notevole, che Girardin avrebbe preso "a modo suo l'opposto degli inglesi" e champêtre , dans son état de nature primitive et sauvage ; puis, sur d'autres feuilles, les
che "si propone di creare un'arte del paesaggio che non dovrebbe nulla a se stesso changements que l'art y avait apportés. » C'est-à-dire, vis-à- vis, pays et paysages, selon la
e alla natura, quindi technique delle Libri rossi di Repton. E sappiamo che Goethe è stato influenzato dal giardino
in modo che gli spettacoli creati da quest'arte possano a loro volta ispirare i pittori 50 ' ". Se inglese di Worlitz, vicino a Dessau. Ma è senza dubbio Edgar Poe che ha dato, di "questo
così fosse, è difficile capire perché Girardin si sarebbe assicurato i servizi dei pittori Meyer superbo piacere di forzare la natura", la parabola più impressionante, in questo
e Hubert Robert per la realizzazione di Ermenonville. E lo stesso Michel Conan concorda
sul fatto che Girardin lo abbia fatto " ricordato "da E in Arcadia l'ego di Poussin. Ciò è
confermato dal continuatore e commentatore di Girardin, l'autore anonimo Arnheim Estate 55, il cui proprietario, Ellison, è animato da una vocazione
antinaturalista, che ormai ci è familiare: “Non esiste in natura alcuna combinazione
di Passeggiata o itinerario dei giardini di Hermenonville: " L'arte dei giardini decorativa, come potrebbe produrre il pittore del genio. In realtà, non troviamo
[...] consiste solo nell'attuazione Quadri sul campo, con le stesse regole del web; [...] paradisi simili a quelli che compaiono sui dipinti di Claude Lorrain 56 [...]. Non c'è
È così che abbiamo visto il soggiorno più triste trasformarsi in un quadro superbo ”, nessuno
vale a dire, letteralmente, il“ paese ”diventare“ paesaggio ”. E, nel suo zelo educativo,
la buona guida non ha paura di fornire riferimenti pittorici, per indicare al neofita quali 52 Ibid., p. 137.
quadri "veri" presiedevano alla composizione del paesaggio: qui, si tratta di un dipinto 53 Ibid., p. 160.
composto nel genere di Claude Lorrain 51 54 Ibid., p. 164.
55 Titolo originale: Il giardino paesaggistico.
56
L'influenza dei modelli classici, Claudian in particolare, rimase forte negli Stati
Uniti durante il XIX secolo. “I fuochi dei nostri cavalieri hanno acceso il burrone e hanno
46 P. 21. gettato forti masse di luce su gruppi degni del pennello di Salvator Rosa. [...] Il fogliame
47 Ibid, p. 29. aveva già una tonalità dorata che dava al paesaggio il tono armonioso e ricco dei dipinti
48 Ibid., p. 3 1.
di Claude Lorrain "(Washington IRVING, Nelle praterie del Far West, 1832). Ma l'influenza
49 Ibid, P. 39.
di "questi vecchi modelli europei" diminuirà gradualmente, come mostra John Dixon
50 Ibid., p. 239.
HUNT nel suo articolo "
51 Ibid., pp. 129.137.160.164.
posto sulla vasta superficie della terra naturale, dove l'occhio di uno spettatore attento non si sente una correzione magica ... ”Come non applicare a questo paesaggio-volto le formule
scandalizzato da qualche difetto in quella che viene chiamata la composizione dei paesaggi. quasi contemporanee di Baudelaire nel suo
Insomma, abbiamo solo la campagna, mai i paesaggi ... Elogio del trucco? " La moda deve [] essere considerata [] come una sublime distorsione
della natura, o piuttosto come un tentativo permanente e successivo di riforma della
Da qui il progetto di Ellison, questo Yankee Koubilai: paesaggistico tutto il suo dominio, natura. [] Chi vede solo l'uso della polvere di riso, così stupidamente anatemizzato da
pittorializzandolo dall'alto verso il basso, un compito gigantesco, che la sua fortuna gli candidi filosofi, ha per scopo e per risultato di rimuovere dalla carnagione tutte le
permette di svolgere, come se il grande khan si fosse reincarnato nel Magnifico Gatsby 57. Cosa macchie che la natura ha oltraggiosamente seminato lì e di creare un'astratta unità nel
vuole Ellison? Competere nel suo campo con il Creatore, o meglio, riparare i suoi errori, grano e nel colore di la pelle, la cui unità, come quella prodotta dalla maglia, avvicina
riformare la sua natura, perché, contrariamente a quanto credono le anime semplici e i immediatamente l'essere umano alla statua, cioè a un essere divino e superiore 58. »Quello
teologi, il suo senso fisico-teologico lascia molto a desiderare. Ellison occupa quindi una che l'estetista ottiene con questo modesto supporto che è il volto femminile, Ellison
posizione intermedia tra i giardinieri umani, che paesaggistico un piccolo paese, e l'Essere opera in un vasto paese. I cosmetici sono diventati cosmologici, cosmetologia angelica ...
divino, che, ahimè, ha rovinato il pianeta. "Supponiamo che questa espressione del
disegno dell'Onnipotente venga abbassata di un grado, o portata in armonia, o appropriata
con il sentimento dell'arte umana in modo da formare una sorta di intermediario tra i due Era già il sogno di Michelangelo, come ci racconta Condivi: “Un giorno, mentre viaggiava per la
[...], il la nuova arte, di cui l'opera sarà impregnata, le darà l'aria di una natura intermedia o campagna a cavallo, vide una montagna che dominava la costa. Lo prese il desiderio di scolpirlo
secondaria - una natura che non è Dio né un'emanazione di Dio, ma che è la natura come interamente. Lo avrebbe fatto, se ne avesse avuto il tempo, e se gli fosse stato permesso ... "
sarebbe. mani degli angeli che volteggiano tra l'uomo e Dio ".
Il sogno si è avverato. Dal momento che il XV th secolo, Vicino Orsini, Duca di Bomarzo,
scolpisce, con l'aiuto di Pirro Ligorio, il giardino detto “dei Mostri”, che ora porta il suo
nome. La stessa colossale ambizione con Fillipo Bentivegna, che per trent'anni, vicino a
Il risultato è uno spettacolo di "meravigliosa pulizia". “Non si vedeva un ramo morto, Sciacca, in Sicilia, ha lavorato incessantemente per scolpire, nella roccia e negli alberi, più
non una foglia appassita; non un ciottolo smarrito, non un pezzo di terra bruna. Si di tremila volti, quasi a umanizzare, envi saggio una natura cieca, e in Adolphe-julien
pensa a questa descrizione del bosco sacro che ospita la tomba di Confucio: "l'acqua Fouéré, che per venticinque anni ha scolpito, di fronte al mare, le rocce granitiche di
e gli alberi sembrano così puliti e così belli che i viaggiatori che arrivano in questo Rotheneuf, in Bretagna 59.
luogo credono quasi di trovarsi in paradiso". "A Trianon", disse Le Nôtre, "non si vede
mai una foglia morta ..." Ma la riforma di Ellison non si ferma a questa pulizia: "Era Ma l'immaginazione può dispiegarsi di più, e quasi all'infinito. È così che Saint-Simon, in L'organizzatore
una misteriosa e solenne simmetria, una commovente uniformità, ( 1819), considerato seriamente il giardinaggio di tutta la Francia: "L'intero suolo francese
deve diventare un superbo parco all'inglese, abbellito con tutto ciò che le Belle Arti
possono aggiungere alla natura ..... 60 »E Gilles Clément lo estende ulteriormente

Il paesaggio americano è diventato non europeo? ", Discussione, n ° 65,


58 Charles Baudelaire, Il pittore della vita moderna
1991, pagg. 60 e mq.
59 Per iconografia, vedi Michel RANDOM, Arte visionaria, Parigi,
57Il Gatsby Garden ha non meno di "venti ettari". Lo stesso eccesso si trova in Cittadino Nathan, 1979.
Kane Orson Welles. Kane aveva un giardino, chiamato " Xanadou ”, e l'inizio del film 60 Forse un'eco dell'euforica osservazione di Horace WALPOLE nel suo
cita l'inizio di Kubla Khan di Coleridge. Ma i modelli pittorici di Ellison sono Saggio sull'arte dei giardini moderni (1 7 70): " Guarda come la superficie
scomparsi, per far posto all'eclettismo eterogeneo del nuovo arrivato. del nostro paese è diventato ricco, allegro e pittoresco. Viaggiamo ovunque attraverso un
susseguirsi di dipinti. "
ambizione, quando dichiara che "coltiveremo il pianeta 61 ". Non è anche, su scala
minore, il progetto di Artisti della terra Americani, e il segreto della loro predilezione per
i grandi spazi aperti, preferibilmente il deserto? Senza dubbio a costi inferiori e senza
intralci per i loro interventi sul posto, ma anche perché nulla deve sfuggire alla
sentenza dell'art. Michael Heizer: Dissipare, 1968, Nevada; Complesso I,

1972-1974, Nevada; Doppio Nega tive, 1969-1970, Nevada; Five Conic


Cilindrate, 1969, deserto del Mojave; Pittura a tintura primitiva, 1969,
Deserto del Mojave; MassICircumflex isolato, 1968, Nevada; Rift, 1968 ( malato.
3), Nevada. Walter De Maria: Attraversare, 1968, Nevada; I Campi Fulminei, 1977, Nuovo
Messico. Nancy Holt: Tunnel solari, 1973-1976, Utah. Charles Ross: Asse stellare, 1988. Christo: Recinzione
in esecuzione, 1972-
1976, Califomy. Robert Smithson: Molo a spirale, 1970, Utah 62. Noi
potrebbe anche chiedersi se invece di " paesaggio ", non sarebbe stato meglio forgiare "Landart"
( in una parola), sottolineando così l'origine e la dimensione artistica di tutti i paesaggi (o "
paysarts "), come paesi artializzati, in situ o in visu.

Volontà di dipingere la natura, di imbiancarla, di vagliarla di segni, di estendere


all'infinito la frase artistica, affinché la sua tenuta sia uguale ai limiti del mondo e,
perché no, oltre, a fare dell'universo un campo di paesaggi ...

61 Gilles CLÉMENT, "Il pianeta, un oggetto d'arte", Architetture, n ° 36, giugno

1993.
62 Per un commento accademico e un'iconografia impressionante, vedere Gilles

TIBERGHIEN, Land Art, Parigi, Carré, 1993.


Miskovsky ha dedicato un lavoro esauriente a questa domanda 64 Ma questo
PROTO-PAESAGGI l'ambiente non interessa al pittore. Quando i preistorici
interpretare il fregio del cervo di Lascaux come raffigurante "l'attraversamento di un fiume",
perché sono raffigurate solo le teste, che sembrano emergere dalla corrente, questa è solo
un'ipotesi non verificabile, in quanto nessun segno, anche discreto, suggerisce il fiume. Ci
troviamo quindi, allo stato attuale delle nostre scoperte - e quelle, quelle recenti, delle grotte
di Cosquer e Chauvet confermano questa conclusione -, di fronte a una società non
paesaggistica, ed è ovviamente per negligenza, o proiezione anacronistica, che Josette
Renault-Miskovsky usa il termine "paesaggio" 65, per designare i geosistemi, ad esempio la
I QUATTRO CRITERI diade "foresta-steppa". È necessario, tuttavia, concedere a qualsiasi società un
"proto-paesaggio", nel senso in cui Berque lo intende? “Questo proto-paesaggio è la
D'AUGUSTIN BERQUE relazione visiva che necessariamente esiste tra gli esseri umani e il loro ambiente 66 Forse,
Nel Ragioni del paesaggio, Augustin Berque enumera i “criteri per l'esistenza del paesaggio ma preferisco riservare questo nome alle culture che soddisfano almeno una delle quattro
in quanto tale; sapere: condizioni stabilite da Berque. Pertanto, le società antiche e medievali meritano di essere
»1) rappresentazioni linguistiche, ovvero una o più parole per dire" paesaggio "; chiamate proto-paesaggistiche, poiché ci sono giardini (condizione 4) e, più o meno,
rappresentazioni letterarie e pittoriche (condizioni 2 e 3). Potremmo anche costituire una
»2) rappresentazioni letterarie, orali o scritte, che cantano o descrivono le bellezze tipologia gerarchica, a seconda del numero di condizioni soddisfatte. Qualsiasi azienda che
del paesaggio; produce giardini del diporto (artialisation sul posto) si direbbe che sia il proto-paesaggio di
»3) rappresentazioni pittoriche, aventi per tema il paesaggio; primo grado. Quando si aggiungono rappresentazioni letterarie e / o pittoriche, si direbbe
»4) rappresentazioni di giardini, che riflettono un apprezzamento estetico della che sia proto-paesaggio di secondo o terzo grado. Se, infine, compare il nome, si direbbe
natura (non sono quindi giardini di sussistenza). che sia un paesaggio a sé stante.
Uno o l'altro degli ultimi tre criteri può essere trovato in molte società; ma è solo
nelle società adeguatamente paesaggistiche, che sono anche le uniche a presentare
il primo, che troviamo tutti e quattro i criteri soddisfatti. 63. "

Ho a lungo sostenuto questa tesi radicale, che porta a concedere il titolo di "società
del paesaggio" solo all'antica Cina, almeno a partire dalla dinastia Song (960-1279), e
LA BIBBIA, LA GRECIA E ROMA
indubbiamente molto prima, e all'Europa occidentale, a partire dal XV secolo. Non c'è
dubbio che l'assenza delle quattro condizioni designa, come se fosse un vuoto, una La maggior parte degli specialisti è irremovibile. “È solo in Cina, secondo Berenson, che
società non paesaggistica. È il caso del Paleolitico superiore, la cui arte rupestre, sembra che il paesaggio sia stato coltivato in una data antica come quella del primo
ricca di figurazioni animali, è priva di ogni rappresentazione vegetale e ambientale. Il millennio, cioè almeno cinque secoli.
mondo del cacciatore maddaleniano è ormai noto, grazie all'antracologia e alla
palinologia, e Josette Renault-
64 Josette RENAULT-MISKOVSKY, L'ambiente ai tempi di
preistoria, Parigi, Masson, 1985.
63 Augustin BERQUE, Ragioni del paesaggio. Dall'antica Cina al 65 Ibid., pp. 97, 98, 168.

66 A. BERQUE, Le ragioni del paesaggio, op. cit., p. 39.


ambienti di sintesi, Paris, Hazan, 1995, pagg. 34-35.
prima che noi europei avessimo seguito la stessa strada 67. Questa era già l'opinione di un'acqua sacra cadde mormorando da una tana dedicata alle Ninfe. Contro i rami
Victor de Laprade, nella sua somma monumentale, La sensazione della natura 68, che ombrosi, le cicale bruciate dal sole si affrettavano a balbettare; la rana verde, in
sottolinea in particolare questa carenza nella Bibbia, nonostante il gusto per le metafore. lontananza, pronunciò il suo grido tra i cespugli di rovi spinosi; cantavano le allodole e
Ma è così semplice e dovremmo negare qualsiasi sensibilità paesaggistica a tali società, i cardellini; la tortora gemeva; api giallo oro svolazzavano intorno alle fontane. Tutto
per la ragione che la parola non esiste nella loro lingua e le loro rappresentazioni sono esalava il profumo della bella stagione opulenta, il profumo della stagione dei frutti.
concise, al contrario di descrizioni elaborate e vedute panoramiche? Che ci sono familiari? »Paesaggio visivo, sonoro e olfattivo Analogamente in I Ciclopi: " Ci sono gli allori, ci
Non ne sono più così sicuro. sono i cipressi snelli, c'è l'edera nera, c'è una vite dai frutti dolci, c'è l'acqua fresca,
bevanda divina che l'Aitna, ricoperta di alberi, fa scorrere per me la sua candida neve.
Il Cantico dei Cantici, ad esempio, è solo metaforico quando associa l'amato al Chi preferirebbe vivere nel mare e nelle onde di quello? " Nel Hylas “Presto notò una
risveglio primaverile? "Vieni, mio amato / Mia bella, vieni / Perché ecco l'inverno sorgente, in un luogo basso intorno, i giunchi crescevano in abbondanza, la celidonia
passato / Le piogge sono finite, sono scomparse / Sulla terra i fiori si mostrano / La scura e la pallida felce capelvenere, la ghianda dal fogliame opulento e la quackgrass
stagione viene dai ritornelli allegri / Si sente il tubare della tortora / Sulla nostra terra / dalla radice sinuosa. " Nel I Dioscuri, infine: “Hanno trovato una sorgente viva ai piedi
Il fico forma i suoi primi frutti / E le viti in fiore esalano il loro profumo. »Senza dubbio di una roccia levigata, piena di un'onda limpida; i ciottoli del suo letto brillavano dal
è una questione di natura giardinaggio, ma va oltre l'artializzazione sul posto. Così fondo dell'acqua come cristallo e argento; vicino erano cresciuti pini alti, pioppi
sarà in Occidente, alla fine del Medioevo, quando lo sguardo estetico si allargò alla bianchi, platani e cipressi dalle cime frondose, e fiori profumati cari al lavoro delle api
campagna circostante. pelose, tutti fiori che, in tarda primavera, abbondano nei prati. "Ossessione per
l'acqua" fresca ", contraria al mare spumeggiante ...
La sensibilità biblica non è accompagnata, è vero,
nessuna rappresentazione pittorica, che si spiega con il divieto sulle immagini. Diremo quindi,
con la necessaria cautela, che si tratta di una società proto-paesaggistica di secondo grado,
che soddisfa i criteri due e quattro.
Lo stesso vale per la Grecia. “A prima vista”, scrive Dauzat, “il sentimento per la Se torniamo indietro nella storia letteraria della Grecia, la sensibilità paesaggistica
natura sembra assente dalla letteratura greca. Si cercherebbe quasi invano di non è meno acuta. Omero non solo descrive i giardini di Laerte e Alkinoos, ma
trovarne le vestigia tra gli scrittori di prosa e tra gli stessi poeti bucolici. Quando, ad moltiplica le suggestioni " naturale ". Nulla prova, infatti, che la ricorrente metafora de
esempio, si rilegge Teocrito da questo punto di vista, si rimane colpiti dalla povertà "l'Aurora dalle dita rosa" (all'inizio della canzone XII di l'odissea, per esempio) non è
delle descrizioni, codarde, fluttuanti, dove un paesaggio sfocato è appena indicato in una formula paesaggistica. Un cliché? Senza dubbio, ma tanto più efficace se Omero,
poche righe. 69. Ma non bastano "poche righe" per descrivere, o meglio circoscrivere, come gli assicura Platone, è "l'educatore della Grecia". Non smetteremmo di elencare
un paesaggio reale? Quindi, in Le Thalisie di Teocrito (, il secolo prima di J. - C.) questi cliché, come " cave cave ", quella di Calypso in particolare, di cui Omero ci
“Sopra di noi, numerosi pioppi e olmi vibravano e inclinavano le loro foglie verso le descrive, inoltre, i dintorni, all'inizio del brano V:" E un verde bosco circondava la
nostre teste vicine, grotta, l'ontano, il pioppo e il profumato cipresso, dove il nidificano uccelli che
spiegano le ali: gufi, falchi e corvi che chiacchierano sempre preoccupati per le onde.
67 Bemard BERENSON, Estetica e storia delle arti, Parigi, Albin E una giovane vite, i cui grappoli stavano maturando, circondava la grotta, e quattro
limpidi ruscelli, a volte vicini, a volte andando qua e là, rendevano verdi i morbidi prati
Michel, 1953, p. 186.
68 Victor DE LAPRADE, La sensazione della natura, 3 vol., Parigi, 1866,
di violette e pini. »Un'altra natura« giardino », con il tema,

1868, 1882.
69 Albert DAUZAT, La sensazione della natura e la sua espressione

artistico, Parigi, Alcan, 1914, p. 177.


decisamente archetipo, dei "quattro fiumi", a conferma che l'artializzazione sul posto tende bordo del fiume, e il famoso fregio de "La Flotte", con il suo sfondo montuoso 71.
ad estendersi alla natura "naturale" (artialization
in visu), secondo un'evoluzione che presto troveremo nell'Occidente cristiano. Anche i La civiltà romana, soprattutto durante il periodo imperiale, presenta le stesse
paesaggi ostili, dalla maledizione di Poseidone, non sono assenti l'odissea: Scilla, caratteristiche proto-paesaggistiche: giardini, affreschi e una poesia ellittica, quella
"immersa nella caverna fino ai lombi", e Cariddi: "Là cresce un grande fico selvatico, di Virgilio, ad esempio, i cui specialisti sottolineano ancora una volta le decorazioni
carico di foglie, e, sotto questo fico, la divina Cariddi inghiotte l'acqua nera" (canto vaghe e non rintracciabili. Perché ? Dobbiamo individuare l'inizio del primo
XII).
Bucolico? " Tityre, tu patulae recubans sub tegmz'ne fagi ... "(Tityre,
La sensibilità greca rimane tuttavia bucolica, come attesta Platone, quando ama tu che riposi all'ombra di un vasto faggio ... ") Tutto si dice lì, in poche parole, come
descrivere, all'inizio del Fedra ( 230 b, c) l'ambientazione del dialogo, quasi a invitarci a La Fontaine:" Nella corrente di un'onda
a sentire parlare dell'amore: “Per Hera! l'affascinante manicomio! Questo platano ha Claire "( Il lupo e l'agnello), "Il minimo vento che per avventura / Fa increspare
una larghezza e un'altezza sorprendenti. Questo magro albero casto fornisce una la faccia dell'acqua [...] Sui bordi umidi dei regni del vento" ( La quercia e la
deliziosa ombra, ed è in piena fioritura, così che il luogo è tutto profumato; e poi ecco canna). Oggi sono propenso a pensare che la concisione possa essere il
una primavera molto piacevole sotto il platano, se mi riferisco ai miei piedi. [...] Nota
modo di espressione della sensibilità paesaggistica in società che non
anche come la brezza qui sia morbida e piacevole da respirare; accompagna il coro
hanno, come la nostra, una visione panoramica - in ampiezza e profondità -
delle cicale con il suo armonioso canto estivo; ma la cosa migliore è questo prato in
del paesaggio; Non è il caso della Roma Imperiale, che produce un autentico
leggera pendenza pronto per sdraiarti e riposare comodamente la testa. Saresti
un'ottima guida per gli stranieri, mio caro Phèdre. »Polisensorialità. L'ombra, la dipinto di paesaggio, come testimoniano, in particolare, i famosi affreschi
brezza, l'erba e la filosofia ... pompeiani del Museo Archeologico di Napoli. Starò attento a non entrare
nell'analisi degli stili ea pronunciarmi sulla rilevanza delle determinazioni -
"realismo", "illusionismo", "impressionismo" - a cui talvolta ricorrono gli
specialisti. Mi riferisco, su questo punto, allo studio che Willem Peters ha
Le arti plastiche non sono in ritirata e Gérard Siebert, in un articolo stimolante, dove dedicato a “Il paesaggio nella pittura murale, dalla Campania 72 Né cercherò
evoca i “paesaggi da sogno” dei vasi attici, sottolinea che “è un dipinto di cittadini per di affrontare a mia volta la spinosa questione della prospettiva antica, di cui
cittadini. 70 ". Sarà lo stesso in Oriente e in Occidente, alcuni secoli dopo. Anche Panofsky ha affrontato nel secondo capitolo del suo libro, famoso come
questa tradizione proto-paesaggistica è molto antica, se a giudicare dagli affreschi di
Santorini (II millennio a.C.), che ci offrono paesaggi autentici, anche se la
rappresentazione non obbedisce - ma perché dovrebbe? - ai nostri canoni moderni,
quelli della prospettiva in particolare: "Primavera", con le sue rocce cosparse di gigli e
le sue rondini, " Les Trois Papyrus ”,“ Le Paysage semitropical ”, con il suo gatto e la
sua anatra in 71 Vedi anche gli affreschi minoici noti come "delle pernici", "dei gigli", "dell'uccello
azzurro" e, in Egitto, il " fiori di ninfea con anatre ”, risalente alla XVIII dinastia.

72 Willem PETERS, " Il paesaggio nella pittura murale campana ”, in La pittura


70 Gerard SIEBERT, " Contadini e paesaggi attici ", in Tranquillitas. di Pompei, Paris, Hazan, 1993, pagg. 277-29 1. Vedi anche Erich LESSING e
Miscele in onore di Tran tam Tinh, Quebec, Éditions Hier for Antonio VARONE, POMPEI, Paris, Terrail, 19951.
Oggi, 1994, p. 528.
contestato, La prospettiva come forma simbolica; ma concordo con la sua artistico e linguistico paragonabile a quello vissuto dall'Occidente quindici secoli dopo:
opinione, quando sottolinea che "nei dipinti degli Antichi conservati fino ai l'apparizione di un neologismo (qui un ellenismo), da designare sia perché è difficile
nostri giorni, non si può rilevare alcuno che possedesse un unico punto di stabilire la priorità - la rappresentazione artistica e l'oggetto naturale.
sparizione 73 ". Gli effetti di profondità sono comunque evidenti, come si può
Si sarebbe addirittura tentati di andare oltre, secondo la testimonianza di Plinio il Giovane, il quale, nella
convincere dagli affreschi della “casa del Frutteto”, della “casa dei Vetii”, di
sua lettera a Domizio, dove descrive la sua villa in Toscana, testimonia uno sguardo non molto lontano da
quella che ho chiamato l'artializzazione nel
la "casa dei Pygrnées" ( malato. 4), della "casa dell'Amore Fatale", della "casa di visu: "Il paese è molto bello ( Regionis forma pulcherrima). Immagina un enorme
Meleagro", del tempio di Iside, della "casa di Poppea". Si dirà che la prima condizione anfiteatro ( Imaginare amphitheatrum aliquod
di Berque non è soddisfatta, poiché la parola non esiste? Niente di meno certo, se a immenso). [...] Avrai il più grande piacere nel vedere tutto il paese dalla montagna, perché
giudicare da questa testimonianza di Plinio il Vecchio: "Dobbiamo rendere giustizia a quello che vedrai non ti sembrerà una campagna, ma piuttosto un'immagine di un paesaggio
Studius, del tempo del divino Augusto, che, il primo, ha inaugurato una deliziosa di grande bellezza ". Possiamo, naturalmente, contestare la traduzione, piuttosto antica,
specie di decorazioni parietali., Composta da ville , portici e paesaggi di varia natura ( ac delle Belles Lettres, che abusa un po 'del "paesaggio"; ma come resistere a questa
topiaria opera): boschi sacri e foreste, colline, piscine, pozzi, fiumi, spiagge, tutto ciò tentazione, quando, poche righe dopo, Plinio si commuove "Prospetto jucundum", l'affascinante
che chiunque può desiderare; e uomini al lavoro che camminano o vanno alle loro spettacolo delle vigne che vede dalla sua finestra?
ville su un asino o in carrozza; o anche pescare, mirare agli uccelli, andare a caccia o
raccogliere 74. »Si sollecita il testo latino a tradurlo per« tipi di paesaggi »? Sembra Sono tanti i motivi per concedere alla Roma imperiale e aristocratica, quella delle ville
piuttosto che abbiamo qui rappresentazioni artistiche (opera), di nazione ( topiaria), "Topiari", pompeiane e dei loro pittori, la dignità del paesaggio. Ma, in ogni caso, questa è l'occasione
e quindi "paesaggio". È un caso isolato? No, poiché “topia”, al plurale neutro, è per un'osservazione metodologica: non essere ossessionati dal lessico, come se l'assenza
presente in Vitruvio, il quale, descrivendo le “prime decorazioni parietali”, sottolinea di parole significasse sempre quella delle cose e di ogni emozione. Senza dubbio il nome è
che questa decorazione era basata “sulla diversità dei paesaggi. "(Varietatibus essenziale; ma la sensibilità, in questo caso paesaggistica, può sgombrare altre strade,
topiorum) ed evoca, poche righe dopo, le "peregrinazioni di Ulisse attraverso altri esprimendosi attraverso altri segni, visivi e non, che richiedono, da parte dell'interprete,
paesaggi e tutti gli altri un'attenzione scrupolosa: né sospetto né superstizione per il riguardo al linguaggio.

decori creati dalla natura "( Uixis errationes per topia ceteraque, "CECITÀ" MEDIEVALE
quae ...) 75. Topiaiia designa già, in Cicerone, l'arte del giardino decorativo, intanto topiarius nomina
il giardiniere. Avremmo quindi un fenomeno Dobbiamo esercitare questa vigilanza nei confronti del Medioevo. Una lettura
veloce porta infatti alla conclusione che avrebbe spodestato, con il paganesimo, ogni
73 Erwin PANOFSKY, Prospettiva come forma simbolica, Parigi, rappresentazione naturalistica, e quindi paesaggistica. Non è così, e notiamo che
Edizione di mezzanotte, 1975, p. 71. Panofsky evoca tuttavia "rappresentazioni l'arte bizantina si compiaceva, al contrario, di moltiplicare i segni profani, ma di
autenticamente prospettiche di quello che viene chiamato il secondo stile pompeiano" (p. sottoporli a scene sacre, di cui sono gli emblemi, e quindi i satelliti. Così, a Ravenna,
83). Vedi anche la sua analisi della “scenografia” di Vitruvio (pp. 68-69). presso il mausoleo di Galla Placidia, la “Lunette du Bon Pasteur” (V secolo), a
Sant'Apollinare Nuovo, “Les Rois Mages” (VI secolo), a Sant'Apollinare in Classe, " Le
74 PLINE IL VECCHIO, Storia Naturale, XXXV, 1 1 6, 117, citato e tradotto da W. PETERS, art. Pré mystique ”(VI secolo). A rigor di termini, quindi, non esistono paesaggi, anche se
citato, p. 279. la costruzione di
75 VITRUVE, Di Architectura VII 5 2.
fedeli, in questi luoghi prestigiosi, non possono non indurre una sensibilità "Non siamo ingiusti, né ingenui, noi che abbiamo dovuto aspettare fino al XVIII secolo per
“proto-paesaggistica”, attraverso scene ricorrenti: “La Fuga in Egitto” (Battistero di San esserne sensibili (vedi sotto). "È", dice ancora Christiane Deluz, "uno sguardo a livello del
Giovanni, Firenze, XII secolo), " Creazione di Eva ”(San Marco, XII secolo), ecc. suolo, sul bordo della strada 78. »Bisognerà, appunto, modellare un altro sguardo, distante,
panoramico, per inventare il paesaggio.
La letteratura a volte sembra più audace. Oltre alla descrizione dei giardini (vedi
sopra), testimonia una crescente sensibilità per la campagna, nel Perceval di Chrétien
de Troyes ad esempio: " Avevano intorno la più bella campagna immaginabile e presto
entrarono nella più bella delle città. Il mare bagna le sue mura, e il suo porto è pieno di
IL PAESAGGIO IN CINA
barche che provengono dai paesi più lontani del mondo. I boschi circostanti sono
superbi e ricchi di selvaggina; le colline sono coperte di viti; si possono vedere fino È meglio misurarlo " cecità ”, se paragoniamo la società medievale, certamente
all'orizzonte aratri, giardini, frutteti dall'aspetto ricco 76. "Ma, per quanto viva questa proto-paesaggistica, a quella dell'antica Cina che, diversi secoli prima, univa le quattro
sensibilità per la" campagna "(e il giardino) circostante, non permette certo di tradurla condizioni di Berque. Il paesaggio, genere ritenuto inferiore, fino a tempi recenti, nella
con la parola" paesaggio ", ovviamente anacronistica:" Prende la voglia di andare a gerarchia delle accademie occidentali, beneficia al contrario, agli occhi degli studiosi
vedere il paesaggio dall'alto della torre. Sale con il marinaio per la scala a chiocciola cinesi, di una posizione eminente, originariamente legata all'influenza del Taoismo. 79. Ciò
sotto la volta e arrivano in cima. Vedono la campagna circostante, più bella di quanto si non impedisce a queste rappresentazioni paesaggistiche di apparire profane, in
possa dire 77. Una tale sensibilità è del resto rara, se non eccezionale, e Marco Polo, in quanto le scene non contengono alcun riferimento religioso esplicito, come avverrà in
tutte le sue peregrinazioni, per quanto favolose, che lo conducono nei paesi e nelle Europa fino all'inizio del XVI secolo.
isole più esotiche, è estatico solo davanti ai giardini. Del resto del Paese,
immediatamente identificato "(questa moneta ..."), non c'è niente da dire.
1) La lingua cinese ha una parola, e anche due, per designare il paesaggio: Shanshui, letteralmente
"acqua di montagna", e fengiing, " formato dal personaggio "vento" e da un personaggio che
significa "scena", con una forte connotazione di luminosità [...] fengiing piuttosto evoca
l'atmosfera del paesaggio, e shanshui piuttosto i suoi motivi. Inoltre, come in francese,
Altri viaggiatori ce lo confermano. Christiane Deluz ha dimostrato che i pellegrini del
XIV secolo, se occasionalmente hanno un file sensazione di natura, non hanno, in
senso stretto, il senso del paesaggio, anche quando scoprono gli alti luoghi della
Bibbia. Se, per caso, usano l'epiteto pulcher, si tratta sempre di giardini o frutteti. Così
Jacques de Verona, scendendo dal Sinai e arrivando in questa valle, “ nel 78 Christiane DELUZ, “Sentimento della natura in alcune storie di pellegrinaggio nel XIV
secolo”, in Studi sulla sensibilità nel Medioevo, Parigi, CTHS, 1979, pagg. 74, 75, 76.
qua est unum pulchrum jardinum seu hortus, che inigatur ab uno cast ed est plenus vineis,
Stessa cecità nel cronista di Saint Louis: " Joinville può imbarcarsi ad Aigues con Saint
arboribus, oliveis ”. Non dovrebbe sorprendere: l'unico
Louis, assistere alla cattura di Damietta, allagamento del Nilo, combattere i Mamelucchi
paese poi paesaggistico ( sul posto) è il giardino, fresco, umido, pacifico e nutriente. I
a Mansourah, sopportare la dura prigionia musulmana; del Nilo, vede solo le acque
luoghi di gioia non potevano che essere i giardini []. Non si dice mai che il deserto sia
gialle, responsabili del disastro. Niente sulle città egiziane, sui costumi degli abitanti, sul
bello, né il mare ", né" l'alta montagna.
clima, la fauna, le sabbie ... "(Roger AUTHÉ, Esotismo, Paris, Bordas, 1985, p. 49).
76 CHRÉTIEN DE TROYES, Perceval o il Graal Roman, Parigi,
Gallimard, 1974, p. 313.
77 Ibid., p. 191. 79 James CAHILL, Pittura cinese, Ginevra, Skira, 1995, p. 25
questi due termini possono designare sia la cosa che la rappresentazione della cosa 80. " carne. [...] La montagna ha ruscelli per arterie, erbe e alberi per capelli, nebbie e
nuvole per carnagione. Per questo la montagna deve la vita che la anima all'acqua, la
2) La cultura cinese moltiplica le rappresentazioni letterarie. Non è raro che i sua bellezza alle erbe e agli alberi, al fumo e alle nuvole il suo fascino. L'acqua ha le
pittori scrivano commenti più o meno poetici sui loro rotoli e, soprattutto, gli scritti sul montagne come volto, chioschi e padiglioni come sopracciglia e occhi, la pesca come
paesaggio abbondano durante le dinastie. Nicole Vandier-Nicolas 81 fare una lista fonte di animazione. L'acqua deve il suo fascino alle montagne, ai chioschi e ai
padiglioni la sua limpidezza e allegria, pescando la sua poesia. Così sono disposte le
degno di nota: Introduzione alla pittura di paesaggio, di Tsong Ping (V montagne e le acque 86 "
secolo), Houa chan-chouei louen, attribuito a Wang Wei (VI th
secolo), Chan-chouei k'iue, attribuito a Li Tch'eng (X secolo), Chan-chouei tchoen 3) Le rappresentazioni pittoriche, alcune delle quali, come La ninfa del fiume
ts'iuanki, di Han Tchouo (XI secolo), ecc. Ciò che colpisce, leggendo questi trattati, Lo, risale al IV secolo, conferma l'eminenza e presto la preponderanza del genere
senza pari in Occidente, è il loro carattere altamente intellettuale, nonché la sotto i Tang, le “Cinque Dinastie”, la Canzone e lo Yuan. Se la prospettiva lineare non
meticolosa precisione dei codici e dei precetti. Nicole Vandier-Nicolas insiste in è sempre rispettata, agli occhi di un occidentale formato alla disciplina albertiana, in
particolare sull'uso sistematico, a livello di tecnica pittorica, dell'opposizione di yin e yang quanto l'orizzonte è troppo alto, come le luminarie del "Calendario" di Très Riches
82. Sarebbe indubbiamente azzardato pretendere di individuare un'unità tematica in Heures du Duc de Beny ( vedi sotto), può essere padroneggiato abbastanza bene Prima
questi testi, che abbracciano diversi secoli, ma si rimane colpiti dall'esigenza neve sul fiume di Kao K'o-ming (XI secolo), Un villaggio in riva al fiume ( anonimo, XI
spirituale che li anima, e che indubbiamente deriva dal fatto che "l'interesse per la th '
pittura di paesaggio sembra soprattutto essersi sviluppato nell'intellighenzia 83 Almeno
sotto la dinastia Song del Nord. "Quando dipingi un paesaggio l'idea ( yi) precede il o XII secolo) ( malato. 5), Luce della sera su un villaggio di pescatori,
pennello 84. "Da qui una conseguenza, che ora ci è familiare:" Nell'Asia orientale come attribuito a Mouk'i (XI secolo) ( malato. 6), Casa sui monti Fou
altrove, il contadino è davvero nel il paesaggio che crea; non dovrebbe vederlo, e ch'ouen, di Houang Kong-wang (xv secolo) - che sembra dimostrare che la
inoltre, in effetti, non lo vede come un paesaggio 85. Ad ogni modo, restiamo sbalorditi "prospettiva ascendente", se si può usare un tale concetto, non è una goffaggine, ma
dal rigore e dalla sottigliezza delle prescrizioni di Kouo Sseu, nelle sue un pregiudizio estetico. Inoltre, la tecnica wash, ad esempio da Kouo Hi, scagliando le
macchie la cui chiarezza aumenta con la distanza dallo spettatore, permette di
produrre una prospettiva atmosferica simile, nel suo genere, a quella che verrà
inventata., In XV secolo, pittura occidentale, con la profondità di tre piani, ocra, verde
Commenti sul paesaggio: " Mettere troppa enfasi sulle figure umane è peccare per e blu.
volgarità; dare troppa importanza a padiglioni e templi è peccare per confusione;
Attaccarsi troppo [alla rappresentazione] delle pietre significa mostrare solo la 4) Infine, c'è l'arte dei giardini, a cominciare da quella di Koubilaï (vedi sopra).
struttura [del paesaggio]; insistere troppo sulla [rappresentazione] della terra è darle È, a questo proposito, notevole che Marco Polo, che delira davanti all'opera del
troppo grande khan, non menziona mai la pittura di paesaggio, che fiorì sotto la dinastia
80 A. BERQUE, Le ragioni del paesaggio, op. cit., p. 73. Yuan, con Ts'ien Siuan, Tchao Mong-crazy, Kao K ' o-kong, per citare alcuni nomi.
81 Nicole VANDIER-NICOLAs, Estetica e pittura di paesaggio in Cina (dalle origini alla Nuovo segno di " Cecità occidentale. Fu solo nel XIV e XV secolo che l'Europa, così
gelosa delle sue priorità estetiche,
canzone), Parigi, Klincksieck, 1982.
82 Ibid., pp. 12, 34, 37, 50, 53, 57.

83 Ibid., p. 4 1. 86 Kouo Sseu, Commenti sul paesaggio, citato da N. VANDIER-NICOLAS, Estetico e la


84 Ibid., p. 3 1.
pittura di paesaggio in Cina, op. cit., pagg. 92 e
85 A. BERQUE, Le ragioni del paesaggio, op. cit., p. 80.
mq.
infine, e molto laboriosamente, come vedremo, accede allo status di società del paesaggio ...
dal XV secolo. L'interpretazione, già proposta da Humboldt e Schlegel, per i quali il
CAPITOLO IV
paesaggio sarebbe la creazione dell '"uomo urbanizzato del Nord 88 », Sembra già più
NASCITA DEL PAESAGGIO plausibile. Ma perché le città fiamminghe, più di quelle italiane, furono ispiratrici,
IN OCCIDENTE creatrici di paesaggi? Si può meditare all'infinito su questa propensione del Nord alla
pittura di paesaggio. È di origine geografica, climatica o sociologica? Sarei subito
d'accordo con quest'ultima ipotesi, ma senza poterla convalidare.

Comunque sia, le grandi scuole paesaggistiche sono settentrionali: fiamminga


Vico ha affermato che "le scienze devono prendere come punto di partenza l'inizio nel XV secolo, olandese nel XVI secolo inglese nel XVIII e XIX secolo francese, infine, nel
dell'oggetto con cui trattano", e Lévi-Strauss, alla fine di XX secolo, con la scuola di Barbizon, poi gli impressionisti, questa canto del cigno della
Tropici tristi, evoca, in una famosa pagina, "la grandezza degli inizi". Tuttavia, l'inizio del pittura di paesaggio, che declinerà pochi decenni dopo essere stato riconosciuto come un
paesaggio europeo è il XV secolo, e mi propongo di identificare le caratteristiche genere importante.
essenziali del modello pittorico, così come è stato sviluppato in quel momento, molto
prima di ricevere il suo nome e modellare, artializzando in visu, secoli di percezione
occidentale. NATURA LAICIZZATA. IL TACUINO
Non è ovviamente un caso che, con la prospettiva pittorica e la sua codificazione
albertiana, il " cubo scenico ”(Francastel), il Raumkasten ( Panofsky), da un lato, e lo SANITATIS E CALENDARI
sfondo del paesaggio, dall'altro. Questa solidarietà non ci permette però di parlare,
con Anne Cauquelin, di una "nascita congiunta di paesaggio e pittura" e tanto meno
di decretare che la "questione" della pittura "fin dalla sua nascita è stata la questione La storia dell'arte è enigmatica. Perché la pittura italiana, così innovativa nel
del paesaggio., al punto che l'uno non può fare a meno dell'altro 87 ". È vero che il Trecento, non ha inventato il paesaggio? Perché l'audacia di un Lorenzetti resta
paesaggio occidentale, in quanto schema di visione, è originariamente pittorico, come senza futuro? Accettiamo di vedere dentro Gli effetti del buon governo ( circa 1340)
del resto il shanshui Cinese, e che è rimasta a lungo, anche in letteratura, uno dei primi paesaggi occidentali. Meno si parla, probabilmente per il loro formato, di
essenzialmente tabulare; ma il contrario è specioso. Non è la pittura a indurre il due minuscoli dipinti dello stesso Lorenzetti, conservati presso il
paesaggio, ma questa pittura che, inventando un nuovo spazio nel Quattrocento, vi
ha inscritto, progressivamente e laboriosamente, questo paesaggio. Pinacoteca di Siena, Castello in riva al lago e Borgo in riva al mare (ill.7
e 8), la cui profondità è indubbiamente difettosa, secondo le regole delle prospettive lineari e
atmosferiche, ma che testimoniano una volontà di secolarizzare il Paese, svincolandolo da
ogni riferimento religioso. Vediamo persino, nell'angolo in basso a destra del secondo dipinto,
Ho detto “Quattrocento” per cattiva abitudine, perché il nostro paesaggio ci veniva dal Nord, e non una piccola scena eminentemente secolare: una donna nuda che si bagna i piedi nell'acqua.
dall'Italia. Tuttavia, questa osservazione non dovrebbe essere forzata. Siamo arrivati al punto di
affermare che il paesaggio era un'invenzione "
Protestante ”. Non vedo perché "l'etica del protestantesimo" avrebbe prodotto la
rappresentazione del paesaggio. In ogni caso, un tale riferimento è anacronistico, se 88 Vedi Roland RECHT, Lettera di Humboldt, Paris, Bourgois, 1985, pagg. 52-53.
torniamo agli inizi, cioè all'inizio Questa tesi sarebbe di origine italiana e risale al XVI secolo (Paolo Pini, 1545).

87 Anne CAUQUELIN, L'invenzione del paesaggio, Paris, Plon, 1989, pagg. 79 e 131.
di una baia ... Ma, come sottolinea Kenneth Clark, questi paesaggi “rimangono senza La questione di Tacuina (o Theatra) sanitatis, uguale ment sollevato da
posteri per quasi un secolo. 89 ". Otto Pâcht, appare ancora più complesso, in quanto questi trattati, a differenza degli
Lo stesso vale per gli erbari, a scopo medicinale, a cui Otto Pâcht dedicò un importante erbari, esprimono indiscutibilmente un desiderio di paesaggio, che va ben oltre le
capitolo del suo libro Il paesaggio nell'arte italiana. leggende igieniche. "Tacuinum è un nome coniato dall'arabo che non abbiamo
Le loro qualità naturalistiche sono impressionanti, ma senza una reale influenza sulla cercato di tradurre ma a cui abbiamo aggiunto una desinenza latina. Il titolo arabo era Taqwim
rappresentazione pittorica, ancora asservita all'ordine religioso. " Non è stata l'Italia a as-sihha, Taqwim che significa "sommario" e as-sihha, " di salute ". Lo scopo era
raccogliere i frutti di queste imprese eccezionali che, a costo di sforzi incessanti, quindi chiaro: si trattava di proporre, in modo intelligibile e molto visivo, una sintesi
hanno aperto nuove dimensioni al mondo dell'esperienza visiva. Ad eccezione di delle conoscenze mediche del tempo relative sia al cibo, sia a tutto ciò che poteva
Pisanello, i pittori italiani del Quattrocento raramente approfittarono della scoperta del influenzare la salute: la vita nella casa e fuori, varie attività, emozioni e stati d'animo,
mondo animale e vegetale, trattando le immense risorse di questo nuovo materiale fino alla scelta dei vestiti e all'influenza delle stagioni 91. Il testo, tradotto dall'arabo,
come una curiosità che serve a valorizzare ornamenti ed elementi secondari. Fu nel offre una revisione convincente di precetti e ricette. “Quanto alle illustrazioni,
Nord, in Francia, e soprattutto nelle Fiandre e nei Paesi Bassi, che i pittori riflettono, con sorprendente fedeltà, la vita nell'Italia settentrionale alla fine del XV
assimilarono la lezione implicita del naturalismo descrittivo e differenziante scoperto secolo. 92 », Che ha indubbiamente portato la redazione a pubblicare l'intero Tacuinum
dagli artisti del nord Italia durante il Trecento. E furono anche loro a produrre, quasi sanitatis dalla Biblioteca Nazionale Austriaca con un titolo sociologico: L'arte di vivere
immediatamente, uno stile naturalistico omogeneo. Le scuole del Nord infatti nel Medioevo.
vedevano il problema da una prospettiva completamente diversa: nei loro studi o nei
loro dipinti, questi artisti non rappresentavano gli esemplari botanici come oggetti
isolati, come facevano gli specialisti italiani, ma concepivano l'animale o la pianta
come inseparabili dal suo ambiente naturale, dal suo spazio vitale, dal suo ambiente. Siamo colpiti dalla qualità di questi piatti e dalla loro voglia di secolarizzazione, come se
Pertanto, al Nord, la scoperta della natura non poteva che portare alla scoperta della l'artista, in questa zona autorizzata, potesse dare libero sfogo alla sua ispirazione laica e
pittura di paesaggio. Che questo successo debba essere attribuito all'arte del Nord è paesaggistica, sotto la copertura della farmacopea, di origine araba, ma di ippocratica
un fatto indiscutibile, unanime ovunque. Ma, come nello sviluppo della grafica delle ispirazione (la teoria degli stati d'animo) e Galian " L'idea che stava alla base delle
figure e della rappresentazione dello spazio, anche qui non bisogna trascurare il illustrazioni di questo
contributo dell'Italia. Infatti, 90. " Tacuinum doveva rappresentare l'oggetto menzionato nel testo (pianta, animale,
ecc.) non come un "esemplare da museo" isolato, ma nel suo ambiente naturale 93. ""
Si tratta quindi di un manuale dietetico, accompagnato da tutti i precetti che
consentono una vita sana, e che tiene conto anche di quello che chiameremmo
ambiente. 94. "" Attorno ad ogni albero è delineata una scena di

91 Daniel POIRION e Claude THOMASSET, L'arte di vivere nel mezzo

Età. Codex Vindobonensis Series Nova 2644 nella Biblioteca


Nazionale austriaca, Parigi, Editions du Félin, 1995, N. d. É., P. 7.
89K. CLARK, Arte del paesaggio, op. cit., p. 13. 92 D. POIRION e C. THOMASSET, ibid., N. d. É., P. 8.

90 OTTO PÀCHT, Il paesaggio nell'arte italiana. I primi studi dalla natura nell'arte 93 0. PÂCHT, Paesaggio nell'arte italiana, op. cit., p. 76

94 D. POIRION etC. THOMASSET, L'arte di vivere nel Medioevo, op. cit., p. 49.
italiana ei primi paesaggi dei calendari,
Saint-Pierre de-Salerne, Gérard Monfort, 1991, pagg. 66-68.
gentile, a volte pre-romantico 95 », Epiteto ovviamente anacronistico, ma che esprime lo numerosi dipinti del Quattrocento italiano, dove è evidente la disparità tra il palcoscenico e lo
stupore e lo stupore del lettore per una scenografia del genere, che non sempre sfondo.
ignora la profondità, se non domina la prospettiva: la raccolta dei meloni dolci, quella Questa doppia operazione, troviamo il contorno tra i miniaturisti francesi. Come ha
dei cavoli ( malato. 9), dimostrato Jirina Sokolova, il laboratorio di Jacquemart de Hesdin ha allestito, dalla
quella degli spinaci, " pesce fresco " ( malato. 10), tavolato acquatico alluminoso, seconda metà del XIV secolo, gli elementi del futuro dispositivo paesaggistico: " Lo
caccia di animali terrestri 96, la cui prospettiva spazio delle scene paesaggistiche comincia ad approfondirsi [...] con l'aiuto della
"Ascendente" non è senza annunciarlo, meno rozzo, di " Calendario 'di Très Riches Heures moltiplicazione dei piani paesaggistici, da un lato, e la riduzione dei loro dettagli lontani,
du Duc de Berry. Restiamo perplessi: perché questi dall'altro 97. "Non credo che si possa davvero parlare di" costruzione in prospettiva " 98 », Ma
Tacuina e Theatra sanitatis, Vienna, Roma (Biblioteca Casanatense) o Parigi è indiscutibile che la profondità si sviluppi, rimuovendo e dissacrando gli elementi
(Biblioteca Nazionale) non hanno influenzato l'arte italiana, coinvolgendola, prima del paesaggistici, secondo quella che si potrebbe chiamare una legge della secolarizzazione
Nord, nel percorso del paesaggio? Sono propenso a credere che si tratti di una crescente. Non credo nemmeno che si possa sostenere, con Panofsky, che la miniatura
questione di generi. La “grande” pittura, di ispirazione religiosa, è dispiegata in altri "anche senza Gutenberg, sarebbe morta per una" overdose "di prospettiva 99 ". Ma il
luoghi e su altri supporti, al riparo da rappresentazioni secolari, ridotta a trattatistica grande storico ha ragione a precisare che, nei “Mesi” di Jean Pucelle, “tutto ciò che
specialistica e senza dubbio riservata a un pubblico ristretto. Si ha comunque la abbiamo davanti ai nostri occhi sono i paesaggi, con alberi spogli a gennaio, forti piogge
sensazione che il paesaggio si nasconda, o scivoli discretamente, se non di nascosto, a febbraio, rami germogliati a marzo, fiori a maggio, un campo di grano maturo a luglio,
in produzioni minori, formati ridotti di Lorenzetti, targhe medicinali o “calendari” di foglie che cadono nei mesi autunnali. [...] Per quanto schematici e rudimentali siano,
miniatori. questi piccoli paesaggi - ciascuno sormontato da un porticato sopra il quale il sole si
sposta da sinistra a destra durante l'anno annunciano un trasferimento dell'interesse
Con il senno di poi, possiamo dire che l'invenzione del paesaggio occidentale veramente rivoluzionario della vita dell'uomo nella vita di natura; sono gli umili antenati
presupponeva l'incontro di due condizioni. In primo luogo, la secolarizzazione di delle miniature del calendario
elementi naturali, alberi, rocce, fiumi, ecc. Finché restavano soggetti alla scena
religiosa, erano solo segni, distribuiti, ordinati in uno spazio sacro, che solo dava loro
unità. Per questo, nel medioevo, la rappresentazione naturalistica non offriva alcun
interesse: rischierebbe di ledere la funzione edificante dell'opera. Questi segni devono delle Très Riches Heures du Duc de Berry, di Chantilly e altro ancora
quindi emergere dalla scena, retrocedere, allontanarsi, e questo sarà il ruolo lontanamente, Le stagioni di Pieter Bruegel 100 »Dobbiamo, inoltre, a
ovviamente decisivo della prospettiva. Stabilendo una profondità reale, pone a distanza 97 Jirina SOKOLOVA, Paesaggio in miniatura francese nel periodo gotico
questi elementi del paesaggio futuro e, allo stesso tempo, li secolarizza. Non sono più
(1250-1415), Praga, 1937, p. 297.
satelliti fissi, disposte intorno alle icone centrali, formano lo sfondo della scena (al posto 98 Ibid.

dello sfondo dorato dell'arte bizantina), ed è ben diverso; perché lì si trovano separati e 99 Erwin PANOFSKY, I primitivi fiamminghi, Parigi, Hazan, 1992, p. 62.v
come riparati dal sacro. Ma qui sono condannati a forgiare la loro unità. Questa è la 100 Ibid., pp. 71-73. Allo stesso modo, in Ore di Bruxelles, " stiamo assistendo alla nascita del
seconda condizione: è ora necessario che gli elementi naturali si organizzino in un
naturalismo nella pittura paesaggistica del nord. Le rocce all'italiana, un tempo semplici
gruppo autonomo, a rischio di nuocere all'omogeneità dell'insieme, come si può vedere
accessori decorativi, si trasformano in panorami di pendii o catene montuose ”(pp. 100-101). Il
in molti esempi.
monumentale libro di Panofsky non è meno deludente. L'attenzione scientifica per le attribuzioni
impedisce al celebre storico di concedere ai pittori fiamminghi del XV secolo l'importanza che
meritano per quanto riguarda l'invenzione del paesaggio, a cui, a dire il vero, a Panofsky
95 Ibid., p. 29. difficilmente interessa, questo
96 Successivamente: ff "21 r ', 23 r', 27 r ', 82 r', 90 r 'e 96 r'.
Master de Boucicaut un'invenzione considerevole: "Osservando che mentre si che i mietitori, sovrastano il corteo, che, in primo piano, si adatta male al paesaggio. Questo
avvicinava alla terra il cielo perdeva la sua sostanza e il suo colore, osservò che anche è il motivo per cui non condivido l'opinione di jirina Sokolova, quando afferma che "il
gli oggetti perdevano la loro sostanza e il loro colore mentre affondavano in lontananza: paesaggio della pala d'altare di Gand, o che
gli alberi, le altezze e gli edifici più distanti assumevano forme spettrali, i loro contorni si di La Vergine al Cancelliere Rolin (ill. 13), [ se] supera, ovviamente, a
dissolvevano nell'atmosfera e il loro colore locale era annegato in una foschia bluastra o Per molti aspetti, le scene paesaggistiche del calendario di Chantilly, [...] sono tuttavia
grigiastra. Insomma, il Maestro di Boucicaut ha scoperto la prospettiva atmosferica, e essenzialmente simili 102 ". Il giudizio si applicherebbe, in un pizzico, alla pala d'altare, il
possiamo apprezzare cosa questa rappresentasse all'inizio del XV secolo, se si cui pannello centrale - "L'Adorazione dell'Agnello" - è, dal punto di vista della costruzione
considera che Leonardo da Vinci doveva ancora combattere l'errata convinzione che un spaziale, e nonostante la sua visione panoramica, all'apparenza un po 'arcaica. D'altro
paesaggio si oscuri, invece di diventare più nitida, in proporzione alla sua distanza dallo canto, è molto discutibile la veduta del "Cancelliere Rolin", la cui organizzazione è molto
spettatore 101. " diversa e rappresenta un progresso considerevole. Paradosso: in un certo senso, il Ore
molto ricche andare oltre, poiché il paesaggio, totalmente secolarizzato, acquista
autonomia. Ma queste miniature vanno meno lontano nella misura in cui, nella loro vedute,
Una tappa ancora più spettacolare è stata scattata con Pol de Limbourg. Nel Van Eyck produce paesaggi reali. Devi solo guardare "fuori dalla finestra" per vedere la
"Calendario" di Très Riches Heures du Duc de Berry ( inizio del XV secolo), la differenza.
secolarizzazione spaziale, ma anche temporale, poiché il ciclo delle stagioni
sostituisce la cronologia liturgica - sembra acquisita e la maggior parte degli elementi,
presi in prestito dalla realtà storica (castelli di Lusignan, Dourdan, isola di La Cité, ecc.
.), sono integrati in un insieme autonomo, a cui manca solo la rigorosa organizzazione L'INVENZIONE DELLA FINESTRA

di profondità, a causa di quella che ho chiamato prospettiva " ascendente ”, come si


Perché l'evento decisivo, che gli storici non mi sembra abbiano sottolineato
può vedere nel mese di febbraio (ill. 11), dove gli stadi superiori, per motivi di visibilità,
abbastanza, è l'aspetto della finestra, questo veduta all'interno del dipinto, ma che lo
peraltro molto attraenti, sono troppo alti, e quindi troppo vicini, rispetto al primo piano,
apre all'esterno. Questa scoperta è, tutto
dove una coppia immodesta si scalda il basso ventre davanti a un caminetto; o nel
semplicemente, l'invenzione del paesaggio occidentale. La finestra è infatti questa cornice
mese di agosto ( malato. 12), i cui bagnanti, come le rane, così
che, isolandola, inglobandola nel dipinto, definisce il paese come paesaggio. Tale sottrazione
- estrarre il mondo secolare dalla scena sacra è, in realtà, un'aggiunta: l'età aggiungendo al
paese.
che non manca di stupire. Lo stesso si può dire di Svetlana ALPERS e del suo Il Quattrocento, che crea il cubo scenico, cioè un volume quadrangolare per iscrivere, in
stimolante libro, L'arte della pittura. Pittura olandese del XVI secolo (secolo, Parigi, prospettiva, una scena, incontra un ostacolo: il recinto di questo cubo. Usciamo,
Gallimard, 1990. L'opera, è vero, tratta di un periodo successivo, ma, nella misura in ovviamente, di fronte, dalla parte del pittore e dello spettatore, ma questa uscita è fittizia
cui l'autore non esita a risalire al XV secolo, avevamo il diritto di sperare. Un'analisi poiché, in linea di principio, non vediamo nulla, tranne se l'inserimento di uno specchio -
delle origini degli olandesi paesaggio. Spero deluso. La doppia ipotesi di un ruolo un'altra scoperta fiamminga, a cui ' sembra introdurre un effetto di riflessione all'interno del
decisivo per la "camera oscura" (pp. 47, 69 e mq., 91, dipinto. Ma la vera soluzione è ovviamente la finestra, che buca, illumina e secolarizza
l'oscuro recinto del palcoscenico. Perché questo secondo
97, 105, ecc.) E un modello kepleriano non poteva ovviamente essere applicato
all'arte settentrionale del XV secolo. veduta, se il dipinto, secondo la formula dell'Alberti, è esso stesso una "finestra"
101 E. PANOFSKY, I primitivi fiamminghi, op. cit., pp. He 5-116.
102 J. SOKOLOVA, Il paesaggio in miniatura francese ..., op. cit., p.
312.
ha aperto " ? Non può aprirsi direttamente su un paesaggio, vicino o lontano? Senza secolo precedente (notiamo un fenomeno simile in Agonia nell'Orto degli Ulivi di
dubbio, ma notiamo, tra i pittori italiani che adottano questa soluzione, Piero della Mantegna). Si legge, come nel vuoto, la funzione fondante della finestra; e faremmo la
Francesca per esempio, che il loro sfondo paesaggistico non si adatta bene alla stessa osservazione, gli stessi confronti, con Van Eyck, Bouts o Memlinc. Si può
scena, che cade come un palcoscenico. 103, senza profondità reale, oppure, quando è indubbiamente - lo attesta l'evoluzione della pittura italiana nella seconda metà del
costruito, è disposto goffamente lungo le linee di volo. Quattrocento - migliorare lo sfondo paesaggistico, cioè la sua integrazione nella scena,
secondo le regole della codificazione albertiana, ma questa soluzione è laboriosa e , in
Misuriamo, Al contrario, la superiorità della finestra fiamminga 104: il paesaggio può essere definitiva, molto meno soddisfacente. Solo il passaggio attraverso il veduta, Apparentemente
organizzato lì liberamente, indifferente ai personaggi che occupano il primo piano. Meglio paradossale, poiché si tratta di una riduzione, se non addirittura miniaturizzazione, del
dello sfondo del paesaggio, la finestra riunisce le due condizioni da cui mi ero prefisso: Paese, isolandolo è possibile imporlo come paesaggio. Da cui deduco che quest'ultimo sia
unificazione e secolarizzazione. Basterà dilatarlo alle dimensioni del dipinto, dove si entrato davvero dalla porticina, o, per meglio dire, dalla finestrella ... Questa completezza
inserisce ancora, come una miniatura, per ottenere il paesaggio occidentale. 105. viene raddoppiata quando i pittori fiamminghi spingono la raffinatezza a rappresentare - a
riflettere - la finestra nello specchio , che, come un occhio globulare, condensa e
Ne siamo convinti ogni volta che esaminiamo o riproduciamo isolatamente queste finestre, eseguite “globalizza” il paesaggio esterno. Quindi, in Gli Sposi
con estrema meticolosità, segno che il pittore è pienamente consapevole di produrre un quadro
all'interno del quadro.
Prendiamo l'esempio di Campin, il maestro di Flémalle. Primo, ecco il suo Amoeni di Van Eyck, il San Giovanni Battista da Campin, Saint Eloi e il
Madonna con paravento in vimini (ill. 14). Isoliamo la finestra ( malato. 15): alziamo impegnato di Christus e, più tardi, Il banchiere e sua moglie di Metsijs.
qualche imbarazzo, senza dubbio, nella costruzione dello spazio, ma è un vero e proprio Succede persino che la finestra si rifletta negli occhi dei personaggi, ad
paesaggio. Ora considera il file Natività del Museo di Belle Arti di Digione ( malato. 16): nessuna esempio in Dürer: I Quattro Apostoli, Vergine di
finestra, ma uno sfondo. Nell'angolo in alto a destra, la rappresentazione è ordinata, la il bambino con Sant'Anna, la Madonna con il garofano ...
prospettiva elaborata; ma questo paesaggio si adegua maldestramente alla scena che,
all'improvviso, sembra riferita; e il disagio è accentuato se si osservano gli elementi naturali
che occupano l'angolo in alto a sinistra e sembrano provenire dal
DÜRER E PATTINAGGIO

103 Pierre FRANCASTEL lo sottolinea a riguardo L'Allegoria del Trionfo del Duca di È consuetudine tra gli storici concedere a Patinir (1475-1524) il titolo di primo
Urbino di Piero della Francesca: "Il paesaggio cade [...] perpendicolarmente al suolo “paesaggista” occidentale. Se con questo intendiamo che è stato il primo a dipingere
come uno sfondo" ( Pittura e società, paesaggi autonomi, questo titolo è doppiamente usurpato. Primo, perché c'è sempre una
Lione, Audin, 1951, canna. Parigi, Gallimard, 1965, p. 88). scena, anche ridotta, al Patinir. L'estensione del paesaggio alla quasi totalità del dipinto
104 "Una finestra aperta si trova in diverse miniature del Maestro di Boucicaut, dove viene inoltre acquisita, dalla fine del XV secolo, a Geertgen Tot Sint Jans, con il suo Santo
però si vede solo il cielo e non ancora
paesaggio "(E. PANOFSKY, I primitivi fiamminghi, op. cit., p. 297). che appare nel file Lezionario Giovanni Battista nel deserto (ill. 17) ad esempio, un piccolo formato (42 x 28
Vedi anche, pagg. 1 19-120, la riproduzione de "La nascita della Vergine", cm), dove la doppia prospettiva è dominata, mentre il personaggio sembra
del Duca di Berry. sovrapposto. Poi perché il primo ad aver prodotto paesaggi senza personaggi non è
105 Non si può affermare, con Jacob BURCKHARDT, che "i grandi maestri della scuola
stato Patinir, ma, per quanto ne so, Dürer, nei suoi giovanili acquerelli e gouaches
fiamminga, Hubert e Jan Van Eyck, trovarono improvvisamente il segreto della fedele (anni '90), così unici e innovativi che il paragone con Cézanne viene spontaneo in
descrizione della natura" ( La civiltà rinascimentale in Italia, Parigi, Gonthier, 1958, 2 vol., mente.
Vol. 11, p. 18).
Perché “da nessuna parte avevamo trovato immagini come quella di meglio imporsi allo sguardo, che vuole la verità, anche non plausibile. Abituiamoci a
Innsbruck vista da nord, Veduta della valle dell'Arco, Lo stagno nel bosco (ill. 18), Montagna questa idea che l'invenzione del paesaggio, nonostante le apparenze, non fosse né
Welche (ill. 19) e Rifugio in rovina. non ci eravamo mai resi conto realistica né naturalistica, anche se si è affermato che Patinir volesse rappresentare le
una tale economia di mezzi, in modo così vigoroso, tali viste topografiche corrette, pendici della Mosa nei tormentati rilievi dei suoi dipinti.
che tuttavia mantengono il carattere della visione 106 ". Sono sempre formati piccoli,
alcuni dei quali non superano nemmeno quello delle nostre cartoline, altro segno che Rimane lo stato dei personaggi. Dilatando la finestra, Patinir riscopre, ma capovolge, il
il paesaggio resta un genere minore. Questi acquerelli erano, inoltre, sconosciuti al problema dei pittori italiani del secolo precedente. Pur non sapendo come adattare il
pubblico contemporaneo e Dürer abbandonò presto questo "tachismo" ( il macchiato), così loro fondale alla maestosità obbligatoria della scena, Patinir, da parte sua, incontra
attraente e moderno ai nostri occhi, ma non adatto a opere nobili. alcune difficoltà nell'installare i suoi personaggi in questo immenso paesaggio, che
sembra inospitale. Due soluzioni: o affrontare il palcoscenico, da zero, come in
sovrapposizione, soprattutto nei grandi formati, dove a volte sembra di esserci stati
L'originalità di Patinir - "Der gute Landschaftsmaler", il buon paesaggista, come lo insieme; infatti, è stato Quentin Metsijs a occuparsi dei personaggi in La tentazione di
chiamava Dürer, discende ovviamente dalla sua inedita specializzazione nella storia Sant'Antonio dal Museo del Prado (155 x 173 cm) ( malato. 20). L'effetto è anche
della pittura occidentale, poiché tutte le opere a lui attribuite oggi sono scene religiose, prodigioso e non si sa cosa ammirare di più, queste donne, dal busto luminoso, o
ma inserite, racchiuse ea volte perdute in grandi paesaggi, l'area di Che supera quello questo paesaggio, scuro e paludoso. Altrimenti, eliminare la scena, o almeno ridurla,
dei personaggi. Si potrebbe dire che Patinir si è accontentato - ma è stato decisivo - di miniaturizzarla, una soluzione lillipuziana, che piace a Patinir. 107.
dilatare il veduta, per allargarlo alle dimensioni del dipinto, invertendo così il rapporto tra
finestra e scena. Quest'ultimo non trona più, maestoso, davanti a quello, vi entra e vi
alloggia, modestamente. Espandere: il verbo va inteso in senso stretto. La finestra non 107 Lui non è l'unico. L'abbiamo visto con Geertgen Tot Sint Jans e Dürer. Tutto accade
solo è diventata più grande, ma ha anche allargato la sua larghezza, mentre la sua
come se il paesaggio autonomo, o quasi autonomo, una volta presa in considerazione la
altezza è diminuita di conseguenza. Da qui l'avvento di una vista panoramica,
commissione - scena religiosa o allegoria - dovesse essere discreta per ottenere i diritti
particolarmente spettacolare, anche nei formati piccoli, che restano numerosi.
civili. La lingua italiana, all'inizio del XVI secolo, sembra ignorare la parola paesaggio e usa
volentieri un diminutivo per designare dipinti di paesaggi. Nel suo articolo, " La teoria
artistica del Rinascimento e l'ascesa del paesaggio "

Questa rappresentazione mantiene tuttavia le caratteristiche della finestra fiamminga:


(in L'ecologia delle immagini, Parigi, Flammarion, 1983, p. 18), Ernest GOMBRICH cita
stessa vista "in linea d'aria", stessa divisione dello spazio in tre piani, marrone ocra per il
Marcantonio Michiel, che annotò nel 1521 “che c'era
primo, verde per il piano mediano, blu per la distanza, stessa assenza di gradienti,
umida tavolette paesi nella collezione del cardinale Grirnani ”. Abbiamo quindi designato Tempesta
poiché, qualunque sia la distanza, i dettagli sono rappresentati con la stessa
di Giorgione con il termine di paesetto. "A
completezza, la stessa luminosità del vedute di Van Eyck o Campin. Tutto accade come
"paesetto", termine che Michel Conan, nel suo bellissimo articolo [...] "Genealogia del paesaggio"
se "il bravo paesaggista", consapevole di offrire all'occhio una superficie ravvicinata (il
traduce (a torto, mi sembra) con "piccolo paesaggio" "(J.-P. Le DANTFC, Giardini e paesaggi, op. cit., p.
dipinto), volesse includere tutti i dettagli del suo paese (il paesaggio). Anche se riduce le
93). Le Dantec ha ragione: sarebbe stato meglio tradurre paesetto da "piccolo paese". Ma possiamo
dimensioni degli oggetti, ne preserva la visibilità. Il primo paesaggio è scrupoloso,
anche ipotizzare che gli italiani, prima di coniare il termine paesaggio, avrebbe tradotto il "pezzo di
meticoloso, quanto a
paese »(Landschap) di paesetto, il corrispondente suffisso italiano abbastanza bene - meglio del età Francese,
il schaft Tedesco e il scape Inglese -, a schap Olandese. Sarebbe quindi necessario tradurre
106 Friedrich PIEL, Albrecht Dürer. Acquerelli e disegni, Parigi, Adam
Biro, 1990, p. 25.
Quindi, in Paesaggio con San Girolamo ( 36,5 x 34 cm, Londra, National Gallery), dove lo discesa di questo monte, ci si è presentato un pieno molto bello e molto ampio, nel
sfortunato santo è relegato in un angolo del dipinto, quale scorre il prospetto del Tevere [] rappresentando piuttosto bene quello che si offre
già molto angusto, e soprattutto in L'Estasi di Santa Maria Magdeleine ( 26 nella Limaigne d'Auvergne a quelli che scendono da Puy de Domme a Clermont 108 "
x 36 cm, Kunsthaus, Zurigo) ( malato. 21), che ci si presenta come un indovinello: dov'è il
santo? Sul lato dell'enorme roccia? Cerchiamo invano, e che importa dopo tutto, visto che
La stessa sensibilità paesaggistica, cioè campestre, riartificata dall'antica cura
lei è in estasi, quindi altrove, o ovunque, esca Marie-Madeleine, nasce il paesaggio.
pastorale, si esprimeva all'inizio del secolo successivo in Honoré d'Urfé, che così
descriveva, all'inizio del L'Astrée,
il quadro dei suoi "ovili": "Vicino all'antica città di Lione, dalla parte del sole al
CAMPAGNA tramonto, c'è un paese chiamato Forez, che, nella sua piccolezza, contiene ciò
che è più raro nel resto dei Galli, perché,
A dire il vero, e qualunque sia la loro importanza agli occhi degli storici dell'arte, né Dürer
essendo divisi in pianure e montagne, entrambi sono così fertili e situati in un'aria così
né Patinir sembrano aver influenzato la visione dei loro contemporanei. Perché il
temperata che la terra è lì capace di qualsiasi cosa il contadino possa desiderare. Nel
paesaggio che si stabilisce nello sguardo del Cinquecento è la Campagna, un paese
cuore del paese si trova la più bella della pianura, circondata, come un forte muro, da
saggio, vicino di città, valorizzato e come addomesticato da decenni di pittura fiamminga,
montagne abbastanza vicine e bagnata dal fiume Loira, che, prendendo la sua sorgente
poi italiana, e presto trasmessa dalla letteratura. Lo abbiamo visto con l '"invenzione" di
abbastanza vicina, passa quasi a metà, non a tutti ancora troppo gonfi e orgogliosi, ma
gentili e pacifici. Diversi altri torrenti in vari punti la bagnano con le loro onde limpide, ma
Beauce vicino Rabelais (la foresta trasformata in " campagna "). Montaigne
uno dei più belli è il Lignon, che, vagando nel suo corso, oltre che dubbioso nella sua
ce lo conferma poco dopo nel suo Diario di viaggio in Italia: " Da lì abbiamo
sorgente, si snoda attraverso questa pianura [...]. "
trovato una valle di grande lunghezza, attraverso la quale passa il fiume Inn,
che va a Vienna nel Danubio. [] Questa valle sembrò a M. de Montaigne
rappresentare la campagna più piacevole che avesse mai visto; a volte Il fenomeno appare europeo. Così Piero Camporesi poté dedicarsi all'invenzione
irrigidendosi, le montagne si affrettarono, e poi si allargarono a quest'ora, dal della campagna italiana nel Cinquecento a
nostro lato, che era alla sinistra del fiume, e guadagnando terra da coltivare e lavoro straordinario, The Beautiful Lands. Nascita del paesaggio italiano.
'estoint non così diritta; tantost d'altra parte; e poi pianure discendenti di due o Anche se non allude ai fenomeni di artializzazione in visu, vale a dire al ruolo decisivo
tre piani l'una sull'altra, e piene di bei meison di gentil'homes e chiese; e tutto degli artisti nella trasformazione dello sguardo collettivo
questo rinchiuso e murato con tutto il costo dei morti da un'altezza infinita. [ ] - Camporesi è interessato principalmente " base economica ”e ignora cosa

Al
108 MONTAIGNE, Diario di viaggio in Italia, in Opere Complete,
Parigi, Gallimard, “Bibl. de la Pléiade ”, 1962, pagg. 1164 e 1258. Sulla predilezione di
Montaigne per la fertilità e "prati molto piacevoli", vedi anche pp. 1129, 1163, 1243,
paesetto di "Piccolo paese" o, semplicemente, "paesaggio". Opere contemporanee di 1284, ecc. La montagna, invece, suscita solo repulsione. Viene dal paese cattivo (vedi
Altdorfer, Paesaggio del Danubio (30 x 22 cm), Paesaggio oltre): "L'Appennino, la prospettiva del paese malvagio, laborioso, pieno di fandass
con ponte ( 42 x 35 crn), Paesaggio con San Giorgio ( 28 x 22 cm), sono profondi, incapace di accogliere in ordine qualsiasi condotta di guerrieri: la nuda terra
anche piccoli formati. Non so cosa autorizzi Gombrich a sostenere che "fu a Venezia, e senza alberi, una buona parte sterile "(p. 1203). Vedi anche p. 1330.
non ad Anversa, che fu applicato per la prima volta questo termine:" un paesaggio ", a
un dipinto in particolare" ( ibid.).
Una volta ho chiamato "la funzione socio-trascendentale dell'arte 109 », Come condizione Tale è il paesaggio che, per due secoli, abiterà lo sguardo, regnandovi sovrano, fino
per la possibilità di visione ed esperienza collettiva, risuonando, al contrario, su questa all'età dei Lumi, e sempre sotto il segno dell'arte, inventa nuovi paesaggi, il mare e il
stessa base economica, la famosa« azione reciproca »dei marxisti - ricorda tuttavia, dal mare. categoria del sublime, e fondamentalmente trasformando la sensibilità
suo primo capitolo, opportunamente intitolato" Dal paese al paesaggio ", che, " nel XVI occidentale.
secolo non conoscevamo il paesaggio nel senso moderno del termine, ma il "paese",
qualcosa di equivalente a ciò che è per noi, oggi, il teatorio e, per i francesi, l'ambiente, luogo
o spazio considerato dal punto di vista delle sue caratteristiche fisiche, alla luce delle 1 "Le Jardinet du Paradis", Maestro di Oberrhein, XV secolo.
sue forme di insediamento umano e delle sue risorse economiche. Di una materialità Francoforte, Kunstinstitut. Foto Blauel / Gnamm-Artothek.
quasi tangibile, apparteneva alla sfera estetica solo in modo del tutto secondario.
"L'acquisizione culturale del paesaggio, ha osservato Eugenio Turri, nasce lentamente e 2. "Maulgris et Oriande la belle", Renaut de Montauban, XV secolo. Parigi,
dolorosamente dalla realtà naturale e geografica". La valutazione economica, si biblioteca dell'Arsenal, ms. 5072, fl 71 V '. Libreria di foto
potrebbe aggiungere, ha la priorità assoluta sullo sfruttamento estetico. 110. E Camporesi della Francia.
lo dimostra molto bene in Italia - ma è lo stesso nel nord Europa -, contrapposto al
"paese sterile" e al "molto selvaggio" 111, l'immagine che presto dominerà nella sensibilità 3. Michael Heizer, "Rift,), 1969 (deteriorato), Displacement n '1 (su 9),
estetica è quella del " giardino di campagna 112 », Ovvero un'estensione di quest'ultima 1,5 tonnellate di materiale sul fondo di un lago asciutto, 15,60 x 0,42 x 0,30 m, Lago Jean Dry,
alla campagna circostante. “Appendice della città, la campagna doveva essere Nevada.
addomesticata, colonizzata, annessa alla vita urbana 113 Sempre il paese saggio,
gradualmente addomesticato. Molteplici citazioni sottolineano l'ossessione per il tema 4. “Casa dei Pigmei”, affresco. Napoli, Museo Archeologico.
paradisiaco, con l'onnipresenza, in Italia, della vite “I paradisi artificiali terrestri, plasmati Foto A. Suzuki.
diversi millenni dopo la creazione di Adamo dalle innumerevoli braccia dei suoi
discendenti. Qui, come in molti luoghi, la storia del paesaggio incontra quella del lavoro, 5. " Un villaggio sul fiume ", sezione di un rotolo orizzontale, anonimo, XI o XII
e in particolare la storia del vino e la cultura della vite di cui, come abbiamo detto, la secolo. Taichung (Formosa), collezioni del Museo del Palazzo.
storia dell'uomo è provignazione. 114 "

6. "Luce della sera in un villaggio di pescatori",


tratto dal rotolo orizzontale "Otto vedute della regione di Siao e Siang", attribuito a Mou-k'i, al
centro del XIII secolo. Tokyo, Museo d'arte di Nezu.

7. Castello in riva al lago, Ambrogio Lorenzetti.


109 Alain ROGER, Nudi e paesaggi. Saggio sicuro la funzione di arte, Parigi,
Siena, Pinacoteca. Foto @c, S, .I ..

Aubier, 1978, p. 37.


110 Piero CAMPORESI, Le belle terre. Nascita del paesaggio 8. Città sul mare, Ambrogio Lorenzetti. Siena,
Pinacoteca. Foto, Scala.
Italiano, Parigi, Gallimard, "Le Promeneur", 199 5, pagg. 1 1-1 2.
111 Ibid., p. 47.

112 Ibid., p. 85.


9. "La raccolta dei cavoli ", Tacuinum sanitatis, f '23 r '. Vienna, Biblioteca nazionale
113 Ibid., p. 143. austriaca. Codex Vindobonensis series nova
114 Ibid., p. 190. Vedi anche pp. 144, 160, 172 e mq., 180, 189. 2644.
10 "Pesce fresco ", Tacuinum sanitatis, f '82 r '. Vienna, Biblioteca nazionale
austriaca. Codex Vindobonensis series nova
2644.

11. "Calendario": febbraio, Très Riches Heures du Duc de Berry, inizio del XV secolo
Chantilly, Museo Condé. Phot. Giraudon.

12. "Calendario": agosto, Très Riches Heures du Duc de Berry, inizio di


XV secolo Chantilly, Museo Condé. Phot. Giraudon.

13. La Vergine al Cancelliere Rolin, Jan Van Eyck, circa 1433.


Parigi, museo I-opener. Foto. RMN-Jean.

14. La Madonna sullo schermo di vimini, Robert Campin, il “Master of London,


Flémalle ”, intorno al 1420-1425.
National Gallery. Photo Artephot / Bridge ... Art Library.

17. Santo, Giovanni Battista nel deserto, Geertgen Tot Sint Jans, circa 1490-
1495. Berlino, Staatliche Museum Preussischer Kulturbesitz. Foto Jôrg
P; Anders ,,.

i8. Lo stagno nella foresta, Albrecht Dürer, 1495 circa, Londra, British Museum.

19. Montagna Welche, Albrecht Dürer, 1495 circa Oxford,


Ashmolean Museum of Art and Archaeology.

20. La tentazione di sant'Antonio, Joachim Patinir, 1515.


Madrid, Museo del Prado. Foto G. Dagli Orti.

2 1. L'Estasi di Santa Marie-Magdeleine, Joachim Patinir, intorno al 1512-


1515, Zurigo, Kunsthaus.
Il sesto libro si è presentato alla mia opinione. Mio fratello, ansioso di sentire qualcosa
VERSO NUOVI PAESAGGI da Agostino dalla mia bocca, stava con l'orecchio attento. Prendo come testimone Dio
e mio fratello stesso che era lì: il passaggio dove caddero i miei primi sguardi
conteneva queste righe: "Gli uomini se ne vanno ad ammirare le cime delle montagne
e le immense onde del mare e i vasti corsi di fiumi e circuiti dell'oceano e le rivoluzioni
delle stelle e si abbandonano ". Sono rimasto sbalordito, lo confesso; e pregando mio
fratello, impaziente di sentirmi leggere, di non disturbarmi, ho chiuso il libro. Ero
irritato con me stesso per aver ancora ammirato le cose della terra quando per molto
tempo avrei dovuto imparare dai filosofi, anche dai gentili, che niente 115. "
La maggior parte degli specialisti concorda nel riconoscere che la trasformazione
della montagna in un paesaggio è avvenuta nel XVIII secolo. C'erano, ovviamente,
precedenti, ma isolati, senza posteri, e si parla sempre di due famose salite, quella
del Ventoux del Petrarca nel 1336 e quella del Mont Aiguille di Antoine de Ville nel
1492. I racconti di questi primi "alpinisti "sono anche molto diversi dal punto di vista La storia di Antoine de Ville non è meno istruttiva.
della sensibilità estetica, sicuramente più sviluppata nel poeta che nel soldato. Il testo
di Petrarca tradisce tuttavia un certo imbarazzo. Tutto accade, infatti, come se questa Lo scudiero di Carlo VIII è qui in missione, accompagnato da pochi uomini, tra cui una
nascente sensibilità venisse contrastata, da un capo all'altro dell'ascesa. Prima dal "scala" - la parete verticale del Mont Aiguille è salita come quella di una fortezza -,
vecchio pastore, che, come abbiamo visto nel capitolo 1, vuole dissuadere i con l'obiettivo di compiere un'impresa in onore della sua. re. Lo testimonia il rapporto
viaggiatori (Petrarca e suo fratello) dall'intraprendere un'impresa che non può che inviato al presidente del parlamento di Grenoble: " È il passaggio più orribile e
portare loro "rimpianto e stanchezza"; poi, durante l'escalation che, di fatto, si rivela spaventoso che abbia mai visto. Ma la ricompensa è alla fine del calvario, non, come
molto dolorosa, ma la stanchezza viene superata e come sublimata dal confronto con Petrarca, nella delizia panoramica del paese, ma nella scoperta di un luogo
delle tribolazioni dell'esistenza, di cui diventa metafora: “Dopo essere stato tante volte ospitale e quasi bucolico: il vertice di un campionato francese gira, o poco, un quarto
deluso, Sono 'seduto in una valle. Là il mio pensiero vola, velocemente, dal mondo di una lega di lunghezza e un colpo di balestra attraverso, ed è coperto da un bel
delle cose materiali a quello delle cose immateriali e mi dico in questi termini: le prove prato in cima e abbiamo trovato un bellissimo labirinto di camosci, che non potranno
che tante volte hai sopportato oggi nell'ascesa di questa montagna, sappi che anche mai lasciare, e i piccoli con loro da quest'anno, uno dei quali era ucciso nostro
tu le incontri loro, come tanti altri, in cammino verso la felicità ”; infine, alla fine delle malgrado, quando siamo entrati 116. "" Un bel prato "," un bel deserto ", queste sono le
"prove", quando si verifica la "felicità", sotto forma di una grande visione, che uniche annotazioni estetiche del report. C'è, lassù, come un recinto
abbraccia tutto il territorio circostante. Il godimento è indubbiamente estetico, ma va
notato che è meno legato alla montagna stessa che al panorama che la vetta lascia
scoprire, e qui viene presto represso da una meditazione religiosa, ispirata da Confessioni
di sant'Agostino, dal quale Petrarca non si separa mai, e che apre a caso: "
115 Sulla salita del Mont Ventoux di Pétrarque, vedi Philippe Joutard,
L'invenzione del Monte Bianco, Parigi, Gallimard / julliard, 1986.
116 Ho trascritto il testo della relazione in francese moderno. Sulla salita del
Mont Aiguille di Antoine de Ville, vedi Jack LESAGE, "Per amore del nome
di Roy". Monte Aiguille,
Grenoble, Publialp, Ed. Du Grésivaudan, 1992.
paradisiaco, e diversi commentatori, in particolare Serge Briffaud, hanno ipotizzato che che come metafora della donna "di ghiaccio", che speriamo almeno non sia
de Ville, come il suo contemporaneo Cristoforo Colombo, fosse alla ricerca dell'Eden, "perpetua" ...
secondo un'antica credenza che poneva quest'ultimo in cima a una montagna All'alba dell'Illuminismo, l'esperienza della montagna è ancora negativa, come
inaccessibile. Comunque sia, è chiaro che l'emozione estetica, lungi dall'essere testimonia il Giornale de Montesquieu: “Siamo sbalorditi quando lasciamo la bella Italia
innovativa, assume qui una forma tradizionale, quella fornita da un giardino, qui per entrare in Tirolo. Fino a Trento non si vede niente tranne le montagne. [...] Tutto
provvidenziale, e tanto più apprezzata poiché la sua rivelazione è stata preceduta da quello che ho visto del Tirolo, da Trento a Insbrück [ sic] Mi sembrava un pessimo paese.
un'ascesa più pericolosa. Siamo sempre stati tra due montagne. [...] Arriviamo da Trento a Bolzano, sempre tra
due montagne 119. "Non possiamo quindi affermare, con J. Chouillet, che" Montesquieu
non si fosse nemmeno accorto che c'erano montagne in Tirolo. 120 », Dal momento che,
DEL "PAESE FRAGRANTE" al contrario, li vedeva solo! Ma, se percepisce il paese, il "paese molto brutto", non
AI "SUBLIME HORRORS percepisce alcun paesaggio, da qui il suo sconforto. Questa orofobia è persistente. Nel

I primi segni discreti di una nuova sensibilità apparvero alla fine del XVII secolo, con
John Dennis e M. de Sévigné (vedi sotto). Lo sguardo collettivo, la montagna resta un 1748, nel suo Fisica della bellezza - scuse per le curve, di cui troviamo un'altra
“paese spaventoso”. nei racconti dei viaggiatori, che hanno fretta di allontanarsi da versione in Analisi della bellezza Hogarth (1753), che definisce la bellezza dalla linea
queste "montagne che si radunano". Certo, ci avventuriamo lì, per necessità, a volte ondulata e la grazia dalla linea serpentina -, Morelly consiglia di lasciare " le rocce
per interesse, per esempio la mineralogia, ma mai per piacere estetico. scoscese "a" amanti infelici, ipocondriaci e orsi ", e preferirli" il pendio arrotondato di
Grand-Carteret evoca questi dilettanti di "miniere", " che non ha notato l'angolo più una collina "," il cavo di una bella valle "e" il corso tortuoso di un fiume ", vale a dire a
piccolo di attenersi alla visione tradizionale, che conosce solo la campagna, qui femminizzata,
se non erotizzata, secondo lo spirito dei tempi.
paesaggio, qualunque cosa vedessero nazione 117 ". L'esempio più sorprendente, e il più
divertente, è quello di un certo Le Pays - un nome predestinato - che, in una lettera del 16
maggio 1669, indirizzata a Chamonyen-Fossigny (sic) a la sua amante crudele, non esita a Le cause di questa orofobia non sono solo oggettive: asprezza del clima, sterilità
paragonarla a questo " paese spaventoso "," cinque montagne che vi somigliano, come se (l'argomento è costante), difficoltà e pericoli del viaggio. Come per la talassofobia
foste voi [...] cinque montagne, Madame, che sono di puro ghiaccio dalla punta ai piedi; ma (vedi sotto), ci sono anche ragioni religiose che, come ha sottolineato Alain Corbin,
con uno specchio che si può chiamare perpetuo ”. E per concludere: "Ma tuttavia, se è sono legate al tema del diluvio. "Sappiamo che l'oceano, una minacciosa reliquia del
necessario morire di freddo, è ancora meglio che la mia morte sia causata dal ghiaccio del diluvio, potrebbe aver ispirato orrore, proprio come la montagna, un'altra traccia
tuo cuore che da quello delle montagne. Quindi, signora, sono deciso a lasciare questo caotica del disastro", pudenda della natura ", verruca sgradevole e aggressiva spinta
paese orribile il prima possibile, per andare a morire ai vostri piedi. 118. "Prodigioso alla superficie di nuovi continenti 121. La maledizione può inoltre essere specificata e
localizzata. Quindi, circa

retorica, dove la montagna non ha senso agli occhi dell'amante " freddo ' 119 MONTESQUIEU, Il viaggio di Gratz a L'Aia, [ 17131, in Lavori
completare, Parigi, Gallimard, “Bibl. de la Pléiade ”, t. 1, 1949, p. 803.
117 John GRAND-CARTERET, La montagna attraverso i secoli, 2 vol., 120
J. CHOULLET, L'estetica delle luci, Parigi, PUF, 1974,
Grenoble, 1903-1904, ripreso Ginevra, Slatkine, 1983, vol. 1, p. 313, sottolineato da me. p. 116.
121 Alain CORBIN, Il territorio del vuoto. L'Occidente e il desiderio di

118 Citato da J. GRAND-CARTERET, op. cit., pp. 301-302. puntellare. 1750-1840, Parigi, Aubier, 1988, p. 16.
ghiacciai: “I luoghi dove ora si estendono erano un tempo coltivati e ricchi; sarebbero come l'inventore delle Alpi. Le quarantanove strofe della sua poesia,
stati ricoperti di ghiaccio a causa della punizione divina. Questa sarebbe l'origine della Die Alpen ( 1732), furono infatti tradotti in tutte le lingue (dieci edizioni in Francia, dal
Mer de Glace 122. " Saussure ce lo conferma: “La piccola gente del nostro paese e dei 1749 al 1772). Per la prima volta, a quanto pare, "il terribile paese" diventa un
suoi dintorni danno al Monte Bianco e alle montagne innevate che lo circondano il paesaggio, come dimostrano questi sottotitoli
nome di della traduzione francese: Paesaggio delle Alpi. La natura che mostra a
montagne maledette; e io stesso ho sentito dire nella mia infanzia ai contadini che queste pastore un bellissimo paesaggio. È consuetudine associarlo a Gessner, poeta e pittore, e,
nevi eterne erano l'effetto di una maledizione che gli abitanti di queste montagne avevano soprattutto, al Rousseau di The New Heloise, il cui successo fu anche considerevole.
attirato dai loro crimini 123 " L'Illuminismo ha, a questo proposito, esercitato una funzione Grazie a lui il Vallese, da paese modesto, è diventato un paesaggio, un po '"schizzinoso",
purgativa dissipando l'oscurità della superstizione. Non senza difficoltà, e questo potrebbe è vero. "La" sorprendente miscela di natura selvaggia e coltivata ", questo è tutto ciò che
spiegare, almeno in parte, perché ci è voluto quasi un secolo per conquistare queste Saint-Preux vive in Vallese e per questo non è necessario andare oltre le alte valli. 125. "
"montagne maledette", a costo dell'alpinismo sia atletico che estetico.

L'interesse della famosa lettera XXIII da Saint-Preux a Julie è triplice.


" Nelle sue aspirazioni verso la natura, la società del XVIII secolo procederà infatti per 1) Ci fa assistere, partecipare alla metamorfosi del paese in paesaggio, attraverso
successive evoluzioni. Prima, con Haller, guarderà verso la montagna invece che verso la la mediazione della scrittura. Primo, all'inizio della lettera: "Non ho quasi trascorso otto
pianura, poi, con Rousseau, si concentrerà sulle rive del Lago di Ginevra di fronte a questo giorni viaggiando a nazione il che richiederebbe anni di osservazione. "Poi, alla fine della
scenario completo, dando in primo piano le altezze ridenti e fertili, al in lo sfondo, a una descrizione:" Avrei passato tutto il tempo del mio viaggio nell'unico incanto di paesaggio, se
distanza sufficientemente lontana perché non ne derivi alcuna impressione di paura, le non avessi sperimentato uno ancora più dolce nel commercio degli abitanti 126.
montagne aride del Vallese, con le loro cime che si addensano. Poi finalmente, a poco a
poco, con Pezay, con Boufflers, con Bourrit, con de Saussure, con De Luc, con Dusaulx, si »Segue l'evocazione di questi pasti, dove lui " si è ubriacato per gratitudine ”e
avvicinerà a questi orrori sublimi - " queste timide giovani bellezze ”, che però lo sconvolse per“ l'enorme dimensione delle loro gole ”,
modestamente contrapposta a quella di Julie.
Che cosa ho detto ! -, vedrà solo 124. »Prima Haller, sempre citato 2) Questo paesaggio, intermedio e contrastante, è chiaramente circoscritto: “A
122 Ph. JOUTARD, L'invenzione del Monte Bianco, op. cit., p. 21. volte rocce immense pendevano in rovina sopra la mia testa. A volte cascate alte e
rumorose mi inondavano con la loro fitta nebbia. A volte un torrente eterno apriva al
123
Orazio Benedetto de SAUSSURE, Viaggi nelle Alpi, Citato da
mio fianco un abisso la cui profondità gli occhi non osavano scandagliare. A volte mi
perdevo nell'oscurità di un fitto bosco. A volte, uscendo da un abisso, un bel prato
Ph. JOUTARD, operazione. cit., pp. 21-22.
124 J. GRAND-CARTERET, La Montagna ..., op. cit., p. 384. Serge BRIFFAUD, in un improvvisamente deliziava i miei occhi. Un mix sorprendente

articolo notevole ("Scoperta e rappresentazione di un paesaggio. I Pirenei dall'aspetto


all'immagine, XVIII-XIX secolo", un paese prima di essere un paesaggio (p. 234). Graduale anche la trasformazione
nel Pirenei: un paesaggio al crocevia degli occhi, XVIII-XIX secolo dall'uno all'altro "Il primo grande sito dei Pirenei non è il circo di Gavarnie, ma la valle di
secoli, Città di Tolosa-Ascode, 1989, inclusa in Teoria del paesaggio in Francia, 1974 1994, Campan" (p. 235). Dalla campagna alla montagna, passando per le valli ...
Seyssel, Champ Vallon, 1995), mostra che i Pirenei hanno subito un aumento simile,
anche se più tardi. "Il paesaggio dei Pirenei è un'invenzione recente" (p. 224), vale a 125 Daniel MORNET, Il sentimento della natura in Francia, da Jean Jacques Rousseau a

dire "diversi decenni" (p. 225) dopo quello delle Alpi. E Briffaud a sua volta sottolinea Bernardin de Saint-Pierre, Parigi, Hachette, 1907, p.
che “nel XVII secolo i Pirenei lo erano 273.
126 Nazione e paesaggio, sottolineato da me.
la natura selvaggia e coltivata mostrava ovunque la mano di uomini che si sarebbe Il gusto è cambiato e la consultazione di l'enciclopedia è molto istruttivo al riguardo.
pensato non fossero mai penetrati: accanto a una grotta si trovavano case; si L'articolo “Glaciers or Gletschers” (vol. VII), probabilmente dovuto a d'Holbach,
vedevano viti secche in cui si sarebbero cercati solo rovi, viti nei terreni caduti, ottimi esprime chiaramente l'avvento di una nuova sensibilità, sempre più in aumento.
frutti sulle rocce e campi nei dirupi. È come se la sensibilità paesaggistica, Nessuna definizione, ma subito un giudizio estetico: «Forse non c'è spettacolo in
tradizionalmente legata alla campagna, si estendesse, passo dopo passo, ai pendii natura più suggestivo di quello dei ghiacciai della Svizzera. »Segue la descrizione di
delle montagne, senza però salire sulle vette innevate. "La neve mi allontana", dice quello di Grindelwald, poi il più famoso (i« frigoriferi »di Faucigny saranno frequentati
SaintPreux all'inizio della sua lettera. Rousseau "non è l'uomo degli orrori sublimi 127 ". solo più tardi), che però l'autore non ha mai visto. Lavora di seconda mano e il suo
articolo è, per la maggior parte, solo un entusiastico riassunto del lavoro di JG
Altmann (un altro nome

3) Pitturalismo, quindi preponderante nella rappresentazione del paesaggio 128, Presiede predestinato), "un trattato su montagne ghiacciate e ghiacciai della Svizzera »
alla metamorfosi, il dipinto informa la scrittura, che ne adotta i valori ottici, per produrre (1753). Qui, secondo il nostro enciclopedista in sala, “uno degli spettacoli più belli che
un quadro poetico: "Aggiungete a tutto ciò le illusioni dell'ottica, i punti delle montagne si possano immaginare in natura, è un mare di ghiaccio [...]. Questo grappolo di
diversamente illuminati, i chiaroscuri del sole e delle ombre, e tutti i conseguenti piramidi o montagne di ghiaccio somiglia a un mare agitato dai venti, le cui onde
incidenti di luce al mattino e alla sera; avrete un'idea delle continue scene che non sarebbero state improvvisamente colte dal gelo, o meglio vediamo un anfiteatro
cessavano mai di attirare la mia ammirazione e che sembravano essermi offerte in un formato da un immenso insieme di torri o piramidi esagonali. [...] Forma uno sguardo
vero teatro; poiché la prospettiva delle montagne, essendo verticale, colpisce gli occhi di meravigliosa bellezza. L'articolo merita un lungo commento, ma mi accontenterò di
nello stesso tempo e in modo molto più potente di quella della pianura, che si vede solo evidenziarne le caratteristiche essenziali: il ditirambo, che dimostra che le alte
obliquamente, in fuga, e ogni oggetto ne nasconde un altro. »Dobbiamo stare attenti a montagne sono diventate, anche se solo per implicazione, una moda estetica; e
non dimenticare coloro che, tanto quanto i poeti, hanno avuto un ruolo importante questa fusione di montagna e mare, congelati nella loro nascente sublimità; la
nell'invenzione della montagna, soprattutto tra i viaggiatori inglesi, che sono di gran metafora, infine, delle “piramidi” (dieci volte nell'articolo),
lunga la maggioranza, intendo i disegnatori-incisori, Aberli, Rieter, Caspar Wolf, i fratelli
Linck, ecc. Sono loro che proseguiranno l'ascesa, inaugurando quella che
Grand-Carteret chiama "l'era glaciale". 129, "I refrigeratori e non le vette 130 ".

sublimità di Eispyramiden.
In questa fase dell'ascesa, sembra che lo spirito di conquista, scientifico e sportivo,
abbia preso il posto della sensibilità poetica. Sembra che Haller, che non aveva mai
127 J. GRAND-CARTERET, La Montagna ..., op. cit., p. 378. viaggiato sul Faucigny, avrebbe consigliato a Saussure di andarci. Il gesto è
simbolico. Al poeta di Alpi, la natura, benevola, offriva dei bei paesaggi. Per lo
128
Un segno quasi caricaturale di questa preponderanza ci viene fornito
scienziato, che è salito molto più in alto, fornisce il più sublime dei laboratori: “Il fisico,
dall'articolo "Paesaggio" dall'Enciclopedia ( volo. XII), dovuta allo Chevalier de Jaucourt, e
come il geologo, trova sulle alte montagne grandi oggetti di ammirazione e studio.
che si occupa solo di dipinti: " È il tipo di pittura che rappresenta la campagna e gli oggetti
Queste grandi catene, le cui vette bucano le alte regioni dell'atmosfera, sembrano
che vi si incontrano. "Doppio
essere il laboratorio della natura e il serbatoio da cui trae le merci e i mali che spande
sulla nostra terra, i fiumi che la annaffiano, ei torrenti che
riduzione: il paesaggio non è altro che una campagna dipinta.
129 J. GRAND-CARTERFT, op. cit., p. 445.
130 Ph. JOUTARD, L'invenzione del Monte Bianco, op. cit., p. 98.
devastazione, le piogge che lo fertilizzano e le tempeste che lo desolano. Tutti i fenomeni Scenografia, narrazione, pitturalismo. E sempre questa fondamentale distinzione di paese
della fisica generale vi si presentano con una grandezza e maestà, di cui gli abitanti della e paesaggio. Ma devi essere un pittore, per passare dall'uno all'altro, per integrare il
pianura non hanno idea. 131 " paese nella cornice di un paesaggio. Questi modelli, ahimè, presto verranno a mancare.
Abbiamo lasciato i pittori a valle, oa metà salita. fino ai refrigeratori, potrebbero " compose Senza dubbio, come sottolinea Starobinski, “la memoria dei dipinti pittoreschi, à la
”, secondo i modelli dedicati. Lo vediamo chiaramente con Aberli: “Non sai ancora Salvator Rosa, ha avuto un ruolo importante nella scoperta della montagna. L'occhio era
quanti e quali tesori la Svizzera contiene per i nostri pennelli e matite. [...] Da un lato, stato istruito dalla pittura 134 "; ma tutti questi nomi, Salvator Rosa, Poussin, Savari,
ci sono scene selvagge, più terribili che altrove, a causa della maggiore elevazione Ruysdael e Claude, invocati da Aberli, sono ormai "superati", non appena ci si avvicina
delle nostre montagne; dall'altra, belle pianure, ampie abbastanza da richiamare la alla regione superiore.
vista dei Paesi Bassi, e perfino paesaggi marini sui grandi laghi, in modo che un
paesaggista possa facilmente trovare modelli per composizioni di tutti i generi. Quindi, Lo stesso vale per i pittori contemporanei, incapaci di paesaggistico tali paesi, e
nel nostro corso, abbiamo gridato entrambi allo stesso tempo: Salvator Rosa! Pulcino! Grand-Carteret, spietato, nota "il fallimento del Vernet", "il fallimento della pittura 135 ".
Savari! Ruisdal [ sic] o Claude 132 1 »Strani riferimenti, riguardanti la montagna, ma che Un'altra leggenda della stampa - Vista dal
confermano l'egemonia di questi modelli pittorici nella cultura occidentale (vedi sopra). Sorgente del Trient e ghiacciaio da cui esce - è, a questo riguardo, significativo,
E basta leggere le leggende, spesso bilingue, che il turismo obbliga, che poiché il pittore si lascia lasciare lì "Le montagne maestose che terminano l'orizzonte
accompagnano le stampe, per notare che questo pitturalismo resta preponderante sono quelle dietro le quali prende origine il Drance. Se andiamo oltre, vediamo solo
agli occhi degli amatori dei paesaggi. Quindi per questo Veduta della Fonte dell'Arve, montagne e valli di neve e rocce granitiche, e senza le tracce dei cacciatori di
camosci saremmo del tutto separati da ciò che ricorda l'uomo: allora le scene,
sebbene sublimi, non sono più suscettibili di essere rese dal pittore 136 "

Disegnato del punto e dipinto da L. Belanger, inciso da S. Meiigot: "


Le montagne innevate che sono quelle di Argentières e del Col Ferret, da cui parte l'Arve, 134 Jean STAROBRNSKI, L'invenzione della libertà, 1700-1789, Losanna,
non sono le più alte del paese, ma si presentano nel modo più importante e si formano con
Skira, 1964, pagg. 160.
le rocce del fronte del dipinto e le varie cascate , il più magnifico anfiteatro. C'è in tutta 135
J. GRAND-CARTERET, La Montagna ..., op. cit., pp. 466 e 490.
questa scena, come nei suoi dettagli, una ricchezza e una grandezza che supera qualsiasi
S.Briffaud fa la stessa osservazione per i Pirenei: “L'artista può solo camminare sulle orme
cosa prodotta dall'immaginazione del Salvator Rosa e dei Ruysdael [ sic], e vi troviamo
dello scienziato qui. È in ritardo in questo nuovo mondo, che i suoi pennelli non sono
questa felice proporzione tra le parti del paesaggio, che le fa risaltare a vicenda. I ghiacciai
addestrati a rendere. " Gustave Doré "firma la rinuncia quasi definitiva alla pittura per fungere
danno il carattere del paese, ma non sono abbastanza vicini all'occhio da nuocere
da prolungamento agli occhi del naturalista" (art. Cit., Pp. 243 e 254).
all'armonia del quadro, e dopo essersi abbandonati all'entusiasmo che una scena del
genere non può non suscitare su tutti gli uomini sensibili alle bellezze della natura, lo 136 Citato da J. GRAND-CARTERET, La Montagna ..., op. cit., p. 517. Stessa
spettatore, se è un pittore, può considerare questo punto di vista secondo le regole della
abdicazione, poco dopo, a Pierre-Henri DE
sua arte, e trovare un nuovo soggetto di ammirazione 133 "
VALENCIENNES, nella sua Riflessioni e consigli per uno studente sulla pittura e in
particolare sul genere del paesaggio: " I ghiacciai di
Alpi e Pirenei sono molto curiosi per studiosi e naturalisti. Non offrono lo stesso
131 HB di SAUSSURE, Viaggi nelle Alpi, citato da Ph. JOUTARD vantaggio al pittore. Consigliamo tuttavia ai giovani artisti di vederli e anche di
L'invenzione del Monte Bianco, op. cit., p. 126. studiarli, i cui dettagli possono essere loro utili in determinate occasioni. Ma
132 Citato da J. GRAND-CARTERET, La Montagna ..., op. cit., p. 440.
ripetiamo, questi fenomeni sono più ammirevoli di
133 Città ibid., p. 423
Questo fallimento sembra definitivo, ed è un evento considerevole nella storia delle circostanze che rendono il percorso delle Alpi tanto fecondo per il geologo quanto
arti. I pittori, senza dubbio, non capitolarono subito, e vedremo Tôppfer (nel 1832) interessante per il turista 138 ".
ricordare loro i loro doveri: "Possa questa poesia dell'alto alpino essere accessibile Come spiegare la seduzione di queste fotografie? Paradosso: è perché si sono
all'arte, che ancora solo molto timidamente tocca queste scene di sopra ... "Un anno posti obiettivi scientifici e si sono allontanati dai modelli pittorici che i fotografi di alta
fa, montagna sono diventati autentici artisti, inventori di paesaggi, anche se spesso
nel suo Nove lettere sulla pittura di paesaggio, Carus assegna anche a hanno
pittore una missione messianica, artistica e scientifica: svelare “la storia della - a cominciare dal Civiale - sosteneva il contrario. Noi che abbiamo gli occhi appesantiti da
montagna”. “Con quale chiarezza questa storia non si esprime in certi strati e in certe immagini, film, manifesti, cartoline, ecc., Difficilmente possiamo immaginare che i
contemporanei di Martens e Bisson non l'aveva mai visto. Alcuni potrebbero aver visto la
forme montuose, al punto da imporre, anche agli ignoranti, l'idea di una storia del montagna, ma nessuno
genere! L'artista non è quindi libero di enfatizzare tutto questo e di dare, in un senso
più alto, paesaggi storici? Questo artista verrà, ne sono sicuro! Un giorno appariranno non ce l'avevo visto così. Prendere Il Pic dazpiglia di Civiale ( malato. 22). Di
paesaggi di maggiore e più significativa bellezza di quelli dipinti da Claude e Caspar Wolf a Calame, dozzine di pittori rappresentavano le vette. Ed ecco questa
Ruysdael. Saranno pure immagini della natura, ma della natura vista con l'occhio fotografia che li relega tutti alla preistoria dei musei. Allora, cos'è successo? Questo,
dello spirito, che appare in esse in una verità superiore, e la tecnica, sempre più molto semplicemente: la nascita del " paesaggio storico ”, dove per la prima volta si
perfetta, porterà loro uno splendore di cui i lavori precedenti non erano capaci. "Ciò vede il rilievo del rilievo. Doppia impressione: che il paesaggio ci venga incontro, che
che Carus vuole è, nello spirito di Saussure e dell'Illuminismo," un paesaggio emerga davanti ai nostri occhi, per una sorta di didattica orografica, ma anche che
veramente geognosico "o, come dice ancora," una fisionomia delle montagne " 137 l'obiettivo abbia attraversato la crosta del massiccio, per perforarlo alla luce. Geognosi.
Raggi X della roccia. mai il verbo percepire ha assunto un significato così attivo e acuto:
perforare per vedere. Chi oserebbe ancora parlare di registrazioni di routine, di "archivi
della memoria", secondo l'espressione che Baudelaire, nel suo Soggiorno del 1859, vale
Uniamo i due desideri: accesso alla zona superiore (Tôppfer) e “geognosis” (Carus). È per la fotografia? Se, come cerco di mostrare, la funzione dell'arte è quella di stabilire, in
la fotografia che otteniamo, e non la pittura di montagna che, nonostante il talento di ogni epoca, modelli di visione (e comportamento), allora Bisson ( malato. 25), Civiale,
Diday, Calame, Hodler e Segantini, continuerà a declinare, prima di essere Soulier ( malato. 23 e 24), i Donkin sono artisti, poiché il nostro sguardo dipende ancora
definitivamente estromessa dal suo rivale nelle pubblicazioni scientifiche e turistiche. in larga misura dai “paesaggi storici” che hanno creato più di un secolo fa.
Quelli veri
discepoli di Saussure sono Braun, Bisson, Martens, Civiale. Carus raccomandava al
“giovane paesaggista” di “rispettare i rapporti che necessariamente armonizzano
certe forme montuose con la struttura interna delle loro masse”. Civiale sottolinea di
aver "naturalmente cercato i punti meglio posizionati per far risaltare la struttura delle
rocce, la disposizione regolare o anomala degli strati, le fratture o pieghe che esse
presentano [...], infine tutte le L'INVENZIONE DEL MARE

pittoresco. Dovrebbe quindi essere usato con moderazione. " 138 Amato CIVIALE, Relazione presentata all'Accademia delle Scienze e relativa agli
137 Carl-Gustav CARUS, Nove lettere sulla pittura di paesaggio, seguito
studi fotografici sulle Alpi, realizzata dal punto di vista dell'orografia e della geografia
da L'Esquisse d'une physiognomonie des montagne, trad. P. nel Pittura di paesaggi fisica, 1866. L'ho analizzato
nella romantica Germania, Parigi, Klincksieck, conquista finale della montagna in Montagna. Fotografie dal 1845 al
1983, pagg. 104-105 e 134-136. 1914, Parigi, Denoël, 1984.
Mi riferirò più rapidamente all'invenzione del mare, incluso Alain Corbin, in Il Tenitoire da un'intensa pittorizzazione, le marine di Van Goyen, Ruysdael e molti altri. Ciò che
del Vuoto 139, ripercorso i passi. Proprio come la montagna si sviluppa in livelli - alte valli, il Settecento porta è, per lo più, un'altra visione del mare, violenta, selvaggia,
ghiacciai, vette - la cui conquista è stata graduale (estensione verticale), così il mare è grandiosa, in una parola: sublime. Presuppone un altro modello, dove il pittore, in alto
diversificato in cifre - la spiaggia, la duna, le scogliere, il porto., il mare aperto, la mare come in alta montagna, scopre i propri limiti e deve cedere il passo alla forza
tempesta, ecc. -, il cui apprezzamento estetico presuppone una varietà di sguardi, vale a della scrittura e, più tardi, della fotografia e del cinema.
dire diverse modalità di artializzazione.
Alla fine del Cinquecento e all'inizio del Settecento, a parte alcuni siti pittoreschi,
Il Seicento, orofobo, non ignorava né detestava il mare, ma è un mare che si come quelli appena citati, il mare era ancora a quello che io chiamo il grado zero del
avvicina, pacifico e quasi addomesticato, un'estensione di questa campagna, che paesaggio. Le testimonianze abbondano e Corbin ha dedicato loro il suo capitolo
piace allo sguardo coltivato. Così, appunto, della Campania, visitata precocemente, iniziale, " Le radici della paura e della repulsione ”. " Nel Telemaco,
soprattutto dagli inglesi, e che diventerà, nel Settecento, tappa obbligata di uno di
quei viaggi pittoreschi ed educativi, di cui si dilettò l'Illuminismo. Anche in questo caso, che è solo un susseguirsi di scene di rive, spiaggia, luogo di volo, naufragi, lacrime
l'artializzazione pittorica è nostalgiche, è anche teatro privilegiato di addii e lamenti strazianti [... J. All'alba del XVII
secolo, secolo, Daniel de Foe sintetizza e riorganizza queste immagini dannose della
riva. [...] La spiaggia non è più qui che il teatro delle catastrofi di cui conserva la traccia 140
22. “Pic d'Azpiglia”, Aimé Civiale, 1865, in P. Guichon, "Alla noia di Montesquieu, che attraversa le Alpi, e che, decisamente sopraffatto, soffre
Montagna, p. 71 Collezione, Società francese di fotografia di" terribile mal di mare "tra Genova e Porto Venere, fa eco, nel 1739, lo sconforto del
presidente de Brosses, partito d'Antibes al "Abbattimento dello spirito tale che uno non
si degnerebbe di voltare la testa per salvarsi la vita 141 ".
23. "Cabane des Grands-Mulets", Charles Soulier, intorno al 1860,
ibid., p. 7 5 Collezione Gerard Levy

24. "Il Welhorn e Wetterhorn a Rosenlaui", Charles Soulier, c. Questa repulsione non è solo fisica. Si concede per motivi religiosi. Come la
1860, ibid., p. 74. Collezione Gerard Levy montagna, e ancor più indubbiamente, il mare è legato alla maledizione. Volto e
vestigia del diluvio. "L'oceano appare quindi, secondo gli autori, come strumento di
punizione e, nella sua configurazione attuale, come reliquia della catastrofe. 142. "Quanto
al" paese terribile ", la conquista estetica di questo mare malvagio presuppone quindi
25. "Les seracs des Bossons", fratelli Bisson, 1862,
un'operazione negativa e purgativa, lo scioglimento di
ibid., p. 6 1 Collezione, Società francese di fotografia

regola, con nomi che ormai ci sono familiari, Poussin, Claude e Salvator Rosa, ma 140 A. CoRBiN, Il territorio del vuoto, op. cit., pp. 24 e 26. Il
spesso arricchiti di riferimenti letterari, virgiliano in particolare. Lo stesso vale per i
Telemaco de Fénelon è del 1669, Robinson Crusoe dal 1719.
Paesi Bassi, dove Scheveningen costituisce, dalla metà del XVII secolo, un
paesaggio, un mare artificiale. 141 Presidente di SPAZZOLE, Diario di viaggio in Italia, citato da A. CORBIN, ibid., p. 29.

139 A. CORBIN, Il territorio del vuoto, op. cit. La critica di P. CAMPORESI, Les Belles
Contées, op. cit. " Il mare e la costa ”, pp. 1 1 3 et sq., Mi sembra di scarsa rilevanza.
142 Ibid., p. 29.
pregiudizi che appesantiscono l'occhio. In questa doppia storia - salita della montagna, e lo prefigura nello sguardo colto e, più precisamente, come il sublime sia stato
estensione del mare - due date hanno un valore simbolico. 1761: prodotto, in questo stesso sguardo, dall'incontro di due paesaggi recenti, la montagna
The New Heloise, ma anche le poesie di Ossian-Macpherson, Fingal e Temora ( 1760-1763). e il mare, come suggerisce l'articolo. "
" La costa caledoniana è radicalmente opposta alla scena arcadica. In Occidente è in atto Ghiacciai 'da l'enciclopedia e il commento di Mornet alle marine di Vemet e
un completo rinnovamento delle immagini del mare 143 " 1787: salita del Monte Bianco via Loutherbourg.
Saussure e Balmat, ma anche Paul e Virginie di Bernardin de Saint-Pierre. Tutto accade C'è una storia del sublime occidentale, che gli specialisti iniziano nel 1674, data della
come se l'artializzazione procedesse in tandem, anzi con la stessa velocità, nelle due traduzione del trattato da parte di Boileau. Sublime, di Pseudo-Longino. Anche se si
dimensioni, l'altitudine e il mare, con, è da stupirsi, lo stesso trasferimento di potere dalla può contestare la tradizionale distinzione di una retorica sublime (Longin-Boileau) e
pittura alla pittura. Abbiamo assistito alla "bancarotta" di Vernet in alta montagna. È meno una sublime "naturale 145 », Resta il fatto che nel XVIII secolo è avvenuto un
in alto mare. Tempeste, come quelli di Loutherbourg, hanno svolto un ruolo indiscutibile cambiamento. "Lm 18. Jahrhundert erweitert sich der Begriff des
nell'educare gli occhi. "I loro paesaggi marini, la luce della luna, i soli al tramonto, le
tempeste e i naufragi hanno abituato i visitatori dei Salons a unire le bellezze violente o Bellissima auf das Sublime nelle cose ( Marmontel) 146 ": Il concetto di sublime si allarga
luminose delle onde con il" sublime orrore "delle montagne. 144. " Questa influenza non a" il sublime nelle cose ". J. Chouillet non ha quindi torto ad affermare che l'estetica
poteva tuttavia essere paragonata a quella di Bernardin de Saint-Pierre, che annunciò, nel dell'Illuminismo "ha vinto l'acquisizione di una nuova categoria, il sublime" - anche se
secolo successivo, i grandi scrittori del mare, Chateaubriand, Hugo, Melville. Anche lì sta la parola non è nuova -, ma non si può sostenere che "l'iniziativa [... appartiene a
emergendo, molto prima dell'invenzione della fotografia, il declino della pittura figurativa, Burke 147 », Che raccoglie infatti l'eredità di una tradizione piuttosto lunga, la cui origine
estromessa da questi paesaggi dove si sente, in un certo senso, disorientata, o meglio esotico, risale alla fine del secolo precedente, con l'apparizione di una sensibilità paradossale,
e come condannato alla natura vicina, e presto all'astrazione, l'unica in grado, senza una sorta di fascino misto a repulsione di fronte alla montagna. Così, a Madame de
dubbio, di competere con le parole. Sévigné, che di solito esprime la sua avversione per tutto ciò che non è la campagna,
quella di Livry in particolare (sempre la vicinanza della città). Il Rodano, tumultuoso e
tanto più pericoloso per la navigazione, le è odioso (lettera a M "de Grignan del 3
marzo 1671). " grandi onde ", allo stesso modo

145 Il trattato dello Pseudo-Longino menziona già un sublime naturale: "

DA BELLO A SUBLIME Quindi è che, per una sorta di naturale inclinazione, la nostra ammirazione, da
Zeus, non va ai piccoli fiumi, nonostante la loro trasparenza e utilità, ma al
Ogni paesaggio ha la sua lingua. Se l'idillio arcadico trova
Nilo, al Danubio o al Phin, e molto di più all'Oceano 3 ci colpisce la fiammella
normalmente sua nelle composizioni claudiane, la defezione di queste è evidente
quando si tratta di esprimere il sublime, che era, negli ultimi decenni del secolo, il
accesa da noi, che preserva la purezza del suo splendore meno ancora dei
paesaggio per eccellenza, ma anche la categoria dominante della nuova estetica, al fuochi celesti, anche se spesso l'oscurità li raggiunge, e merita la nostra
punto di soppiantare a volte il bello. Genesi esemplare: vediamo come l'invenzione di ammirazione meno dei crateri dell'Etna "( Sublime, XXXV, 4).
una nozione, o la sua reinvenzione, dipenda da una gestazione artistica, che la precede

146 Peter-Eckhard KNABE, Schlüsselbegriffe des kunsttheoretischen Denkens a


143 Ibid., p. 150. Frankreich, Düsseldorf, Schwann, 1972, pag. 452.
144 D. MORNET, La sensazione della natura ..., op. cit., p. 290. 147 J. CHOULLET, L'estetica delle luci, op. cit., p. 169.
delle Alpi, "i cui sentieri sono più stretti delle tue cucciolate" l'oceano è sublime, "terrificante". “Una pianura molto livellata e di vasta portata non è
(lettera a Mme de Grignan del 2 giugno 1672). Eppure, alla fine della sua vita, certo una rappresentazione mediocre; la prospettiva può estendersi fino a quella
manifesta un'emozione strana e premonitrice: “Le nostre montagne affascinano nel dell'oceano; ma riempirà mai la mente con un'idea così imponente? Tra le molte
loro eccesso di orrore; Auguro ogni giorno a un pittore di rappresentare cause di questa grandezza, il terrore che l'oceano ispira è il più importante. Il terrore
infatti è in tutti i casi possibili, in modo più o meno ovvio o implicito, il principio del
adeguatamente la portata di tutte queste bellezze spaventose "(lettera a M. de
sublime. 150 "
Coulanges del 3 febbraio
1695).
Questa distinzione sarà immediatamente ripresa da Kant in le sue osservazioni sul
sentimento del bello e del sublime ( 1 7 64): "L'aspetto di una catena montuosa, le cui
Ma sono gli inglesi che si imbarcheranno risolutamente su questa strada che porta al
cime innevate si innalzano al di sopra delle nuvole, la descrizione di un uragano o quella
sublime e alla sua teorizzazione da parte di Burke, il cui vero precursore è John Dennis, nella
fatta da Milton del regno infernale, ne traiamo un misto piacere. Di terrore. Ma la vista di
sua celebre lettera da Torino, del 2 ottobre.
prati disseminati di fiori, di valli dove serpeggiano ruscelli, dove pascolano armenti, la
1688, che racconta la sua traversata della Savoia e la sua traversata del Mont
descrizione dell'Eliseo o il dipinto che Omero fa della cintura di Venere ci provocano
Aiguebelette: uno "spettacolo orribile" ( una prospettiva onesta), ma che fornisce "un
anche piacevoli sensazioni, ma che non hanno altro che allegre e sorridenti . Per poter
delizioso orrore" ( un delizioso orrore), " una gioia terribile "( una gioia terribile), due
ricevere la prima impressione in tutta la sua forza, è necessario avere il sensazione del
ossimori che presto faranno fortuna. Prima con Addison, che a sua volta evoca, nel 1702, "
sublime, e per assaggiare il secondo, il sensazione di bellezza 151. " Ecco perché, mentre
il piacevole orrore "delle montagne e, dieci anni dopo, nel famoso Spettatore, "Lo squisito
le donne hanno il sentimento del bello, gli uomini hanno quello del sublime. Perché
orrore" dell'oceano poi con Shaftesbury 148; con Burke, infine, che, in
quest'ultimo non risiede nell'oggetto naturale, ma nella disposizione soggettiva di chi lo
giudica, da qui la sua funzione etica. Comunque sia, mi sembra che i commentatori di
1757, concettualizza l'ossimoro, per meglio opporre la categoria del sublime, allora
Kant non abbiano sottolineato abbastanza la funzione genetica e generica degli esempi.
nascente, a quella del bello, ancora prevalente. La bellezza dà piacere ( piacere), su sublime
È, a questo riguardo, notevole che i due passaggi più spettacolari del
una delizia ( diletto): "Non piacere, ma una specie di delizioso orrore, una specie di
tranquillità
venato di terrore 149 "( non piacere, ma una sorta di delizioso orrore, una specie
di tranquillità tinto di terrore). Egli non si tratta di una differenza di grado, ma di
Critica della facoltà di giudicare ( 1791), quelle in cui la dottrina kantiana del sublime
un'opposizione di natura. La campagna è bella, "gradevole",
trova le sue formule più forti, associano appunto il mare e la montagna, ormai
148 "Nel The Moralists, Philosophical Rhapsody, Shaftesbury confessa inseparabili e quasi fuse nella stessa visione, mare di ghiaccio e monti tempestosi:

conquistato dal sublime dei luoghi selvaggi, delle alte montagne e degli abissi e spiega
“Da cui si vede che il vero sublime è solo nella mente di chi giudica e che non va
lo strano piacere che ci danno allo stesso tempo per la loro intrinseca bellezza,
ricercato nell'oggetto naturale, la cui considerazione dà origine a questa disposizione
dall'attestazione di una finalità superiore della natura, dalla sensazione della presenza
del soggetto. Chi chiamerebbe allora sublimi masse montuose senza forma,
di tempo che lascia tracce del suo dispiegamento attraverso la diversità degli strati
ammucchiate l'una sull'altra in un selvaggio disordine, con le loro piramidi di gelato
geologici, e infine dai simboli che ci presentano del potere divino. "(Baldine SUA@
(Eispyramiden), o anche l'oscuro mare in tempesta ( die düstere tobende See)? [...] Rocce

GIRONS, Prefazione a la sua traduzione del Ricerca filosofica sull'origine delle nostre idee
di sublime e bello di Bu @ , Parigi, Vrin, 1990, 150 Ibid., pp. 98-99.
KANT, Osservazioni sicuro la sensazione del bello e del sublime,
p. 30). Il testo di Shaftesbury è del 1709. 151

149 E. BURKE, Ricerca filosofica ..., op. cit., p. 179.


Paris, Vrin, 1969, pagg. 18-19.
si staglia audace e come una minaccia contro un cielo dove nuvole tempestose si ma estetico. Anche la terra desolata, che agli occhi di alcuni sta per acquisire un valore
raccolgono e avanzano in fulmini e tuoni, vulcani in tutta la loro potenza devastante, paesaggistico ... Senza dimenticare, ovviamente, tutti i paesaggi che la microfisica e
uragani seguiti dalla desolazione, immenso oceano nella sua furia ( der grenzlose l'esplorazione spaziale ci rivelano, o meglio ci inventano, e che, indubbiamente, nascono,
Ozean in Empôrung gesetzt), le cadute di un fiume possente, ecc., queste sono le per la maggior parte, dal progresso tecnologico, ma non farebbero mai parte dello
cose che riducono il nostro potere di resistere a qualsiasi cosa insignificante in sguardo collettivo se non fossero mediatizzate, artistizzate, come evidentemente
confronto alla forza che è loro. Ma, se ci troviamo al sicuro, lo spettacolo è tanto più mostrato, per i paesaggi sottomarini, i film di Cousteau e Il grande blu di Luc Besson o,
attraente ( anziehend) che è più terrificante ( furchtbar); e ci piace nominare questi per i paesaggi planetari, le produzioni di arte spaziale
oggetti sublimi, perché elevano le forze dell'anima al di sopra della media usuale e ci
fanno scoprire in noi un potere di resistenza di tutt'altro genere, che ci dà il coraggio Opere americane e di fantascienza. Per non parlare dei “paesaggi virtuali”, le cui
di misurarci con l'apparente onnipotenza di natura 152. " prime applicazioni pratiche possono sembrare deludenti, ma il cui futuro, invece,
sembra illimitato.
Dobbiamo quindi chiederci cosa possa ben significare la domanda, cara
all'ambientalista Cassandra, della "morte del paesaggio", mentre al contrario ne
stiamo assistendo al proliferare gonfio, al punto da temere piuttosto la saturazione. E
mettere in discussione la capacità dei nostri poveri sguardi di assorbire tutti i modelli
NASCITA DEL DESERTO che forniamo. Tornerò su questo alla fine di questo capitolo, ma vorrei, in anticipo,
guardare un ultimo esempio, quello del Deserto, che illustra, in modo particolarmente
Potremmo moltiplicare gli esempi di tali invenzioni. Il nostro secolo li prodiga e la sua
didattico e spettacolare, la trasformazione di un paese in un paesaggio. Partiamo,
fecondità, in quest'area, è pressoché illimitata, non essendoci quasi entità geografiche
come al solito, da quello che io chiamo il grado zero del paesaggio, in questo caso il
che non abbiano aderito o non aderiscano oggi alla dignità del paesaggio. A cominciare
paese più ingrato, inospitale e giustamente deserto, se non dai nomadi e da qualche
dalla foresta, a lungo ostile nell'immaginario occidentale, ma quale l'igiene del XIX 153 L'ecologismo
eremita sciocco.
del II e XX secolo si è idealizzato con, come sempre, il decisivo rafforzamento delle
rappresentazioni artistiche (la scuola di Barbizon per la foresta di Fontainebleau, ecc.), Al
punto che, secondo una recente indagine, andrà a soppiantare il mare e le alte montagne
è stato, fin dalla notte dei tempi, oggetto di: "Da Erodoto a Flaubert, da Strabone a
nella predilezione dei francesi. Ma anche altri luoghi, che non beneficiano, come la
Nerval, chi percorre il paese guarderà solo a ciò che l'indice faraonico gli ha ingiunto,
foresta, del valore aggiunto clorofilliano del "verde" (vedi sotto), come la palude. 154, un
per tremila anni, di vedere: il Nilo , solo il Nilo. mai il deserto che lo circonda 155 La
tempo considerato malsano, al punto da essere sistematicamente prosciugato, e che ora
prospettiva biblica non è fondamentalmente diversa, anche se il deserto si vede investito
viene riabilitato, per ragioni non solo ecologiche,
di una funzione iniziatica e purificatrice, stranamente legata al numero quaranta: la
traversata del deserto da parte del popolo ebraico dura quarant'anni. Il digiuno di Gesù
nel deserto dura quaranta giorni (il deserto acquatico del Diluvio durava già quaranta
giorni ...). La visione islamica è ancora più negativa. Lo abbiamo visto con il paradiso
152 - KANT, Critica della Facoltà di Giurisprudenza, op. cit., §§ 26 e 28.
coranico, che esalta ombre e liquori, mentre relega i dannati nel deserto del deserto. “Il
153 Vedi il lavoro di Bemard KALAORA, in particolare Il Museo Verde. Radiografia del tempo libero
Corano, come se volesse nascondersi dalla sua terra natale, l'Arabia, quanto
nella foresta, Parigi, Anthropos, 198 1, canna. Parigi, L'Harmattan, 1993

154. Guarda il magnifico lavoro, pubblicato sotto la direzione di Pierre


Chantal DAGRON e Mohamed KACIMI, Nascita del deserto, Paris, Balland, 1992, pag.
DONADIEU, paesaggi palustri, Parigi, Jean-Pierre de Monza, 1996.
155

38.
il suo suolo era arido, l'esistenza del deserto sarà silenziosa. " Abbiamo creato tutti gli la sabbia è una metonimia del Sahara 159 ". "Non c'è deserto ma sabbia 160 "
esseri viventi dall'acqua ", disse Dio al suo Profeta. Nato dal deserto, l'Islam sarebbe Il reg è rimasto un paese mentre l'erg è diventato un paesaggio ( si addice
completamente amnesico nel deserto. Si trattava di liberare gli arabi dalla morsa delle tuttavia aggiungere rilievi tabulari, hamadas e tassilis, che hanno anche beneficiato,
sabbie, di dare loro una terra promessa, l'assoluto opposto della loro. [...] L'Islam sarà in misura minore, di una “promozione” paesaggistica).
così riuscito a esorcizzare spiritualmente il deserto, e temporalmente a superarlo. Non
appena il Profeta morì, la Mecca si svuotò. Ciò che temeva di più era, disse, che il suo Come spiegare questa egemonia della sabbia 161, che caratterizza non solo i cataloghi
popolo un giorno sarebbe tornato nel deserto. L'Islam allora si affrettò a lasciare la sua turistici “I prezzi delle escursioni sono praticamente proporzionali alla quantità di
culla e andò a stabilirsi sulle rive dell'Eufrate, del Tigri e del Guadalquivir. A Baghdad, sabbia 162 »-, ma anche opere didattiche e scientifiche, sia per l'iconografia che per il
Damasco e Granada 156 " testo? Sono propenso a credere, come Michel Roux, che la selezione, l'elezione
dell'erg a scapito del reg, anche tra i geografi che non ignorano la preponderanza del
secondo sul primo, sia effettuata dalla proiezione estetica del modello marino (duna e
Questa eremofobia, analogo all'oro- e talassofobia, precedentemente menzionato, onda), già in atto agli occhi dell'Occidente, un'artisticizzazione che è senza dubbio più
continuerà nel corso dei secoli. "Paese terribile", ammesso che ce ne fosse uno. La o meno consapevole nella letteratura accademica, ma piuttosto deliberata nel
colonizzazione francese ha lanciato solo rare spedizioni nel Sahara, sempre discorso turistico. “Quando elenchiamo metafore marine, rimaniamo colpiti dal loro
avventurose, spesso sfortunate e talvolta sfortunate (la patetica epopea di René numero, dalla loro coerenza e dalle loro somiglianze tra tutti gli autori. [... L'erg è per
Caillé). Bisognerà attendere il Novecento, con l'avanzare della meccanizzazione (la tutti un oceano di dune; con le sue isole, i suoi arcipelaghi, con le sue rive battute
famosa "missione Citroën") e, soprattutto, la scoperta dei giacimenti petroliferi, poi dalle onde 163. "
l'ascesa del turismo "ascetico", per il Sahara, emblematico per lo sguardo occidentale
, dal paese era, riservato ai nomadi e " avventurieri ”(Ch. de Foucauld, Psichari, Peyré,
Saint-Exupéry, ecc.), diventa finalmente un paesaggio. Non solo uno qualsiasi, è vero. 159 Ibid., P. 1 1
Michel Roux ha perfettamente dimostrato che il paese eletto paesaggisticamente non 160 Ibid., p. 67.
è preponderante dal punto di vista geografico, anzi: mentre il reg, "una superficie 161
Michel Roux riporta i risultati di un sondaggio condotto con trecento studenti
piana, di bassa pendenza, ricoperta da un selciato di ciottoli misti. sabbia, limo o
di una scuola superiore: “Tutti avrebbero dovuto studiare l'ambiente desertico. La
argilla "," è senza dubbio la forma dominante dei deserti 157 », Viene soppiantato,
prima domanda li invitava a enumerare i tipi di paesaggio del Sahara. Il conteggio si è
nell'immaginario occidentale, dall'erg, una formazione sabbiosa, spesso sbarrata da
rivelato particolarmente significativo: le parole erg, duna e sabbia ha rappresentato il
siouf, dune con creste sinuose, importante, certamente (80.000 km2 per il grande erg
79% dei riferimenti lessicali, mentre la parola reg e le espressioni che possono alludere
occidentale), ma per nulla preponderante. Ecco come "la duna è diventata la forma
ad esso come pietraia rappresentavano solo il 4,3% »(Op. Cit., p. 8). Uno studente
emblematica del paesaggio 158 ". " Il
cileno, Daniel Pardo, una volta mi raccontò un aneddoto sintomatico sul deserto di
Atacama. Se chiediamo a bambini e adolescenti di città lontane quale sia la loro
rappresentazione, evocano dune, oasi e palme, del tutto assenti da questo deserto.

156 Ibid., pp. 46-47. Non si può tuttavia escludere una certa mistica del deserto, se
"Sahara" ( AI-sahra) significa "deserto", " ocra ”,“ ardente ”, ma anche“ verità ”.
162 Ibid., p. 14 1
157 Michel Roux, Il deserto sabbioso. Il Sahara nell'immaginazione di 163 Ibid., p. 49. Vedi anche le tabelle alle pagine 124 e 125, che sono particolarmente
Francese (1900-1994), Parigi, L'Harmattan, 1996, p. 8. istruttive. Stessa ipotesi “marina”) con Virginie COSTANZA, nella sua tesi DEA: Il
158 Ibid., P. 1 0.
deserto, primo viaggio,
Potremmo fare un'indagine simile del deserto americano. “Non è stato fino al 19 ° “Perverso” - che non sminuisce in alcun modo la sua efficacia e non può condannarlo in
secolo che il deserto nome di non so quale etica, di quale estetica non interessa - quando l'arte, contro ogni
(natura selvaggia), negli Stati Uniti è stato celebrato come un paesaggio 164 oggettività (ma quale?), Impone la sua condanna sulla realtà. È così che il deserto del
John Dixon Hunt sottolinea, da parte sua, che la trasformazione di questo paese in un western, questo paesaggio emblematico, è una pura invenzione hollywoodiana: “I luoghi
paesaggio non è avvenuta all'improvviso e che anche l'America ha dovuto forgiare i propri in cui si sono svolti gli eventi che sono gli argomenti del western e che sono quelli che
modelli di artializzazione. in visu che in situ ( vedi sopra la predilezione di Land Art per il hanno segnato la formazione della nazione americana. non si trovano lì e non
deserto), e abbandonare gradualmente i modelli ereditati dalla vecchia Europa (Poussin, corrispondono a quelli che erano usati come decorazione naturale. [... 1 In altre parole, il
Claude, Salvator Rosa), sempre più obsoleti man mano che ci spingevamo più a ovest. paesaggio tipico, diventato un modello di riferimento costantemente ripreso e imitato,
"Nella Hudson Valley, a nord di New York City, i pittori si sono sforzati di dipingere il insomma il convenzione, corrisponde a luoghi e paesaggi che non erano teatro delle
paesaggio in termini presi in prestito dalla pittura di paesaggio europea - da Poussin, persino vicende della conquista dell'Occidente 167 »Quali ragioni commerciali, culturali ed
Salvator Rosa - ma, e così via. È significativo, di fronte all'immenso, sproporzionato, estetiche hanno ispirato la scelta di produttori e registi? Non lo so. Comunque sia, è
irriducibile paesaggio, il loro tentativo fallì. Inoltre, naturalmente, le pianure del Centro-Ovest, questo paesaggio che, attraverso l'illusione cinematografica, si è imposto allo sguardo
i deserti occidentali, le Montagne Rocciose, tutto ha superato anche il sublime europeo nella planetario.
colossale imprecisione, imponendo così al pittore una sfida impossibile. 165 "" Robert Frost e
Wallace Stevens evocano un paesaggio senza ordine, sterile, grigio, deserto, informe, un
paese "che si realizza vagamente verso ovest", realizzando vagamente verso ovest ", senza
storia, senza arte, senza ornamenti ", inesperto, ingenuo, non potenziato 166. " Anche in MORTE DEL PAESAGGIO?
questo caso, ci sono ottimi esempi di ciò che chiamo artializzazione
Cosa significa "morte del paesaggio"? »Questo era, quindici anni fa, il titolo
interrogativo di un'opera collettiva, ormai storica. 168 Io ho
già parzialmente risposto a questa domanda, nella misura in cui sono convinto che, lungi
dall'essere impoverito, la nostra visione del paesaggio non smetta di arricchirsi, al punto che
ultimo paesaggio, Scuola di architettura Paris-la-Villette e EHESS, questa esuberanza - ogni decennio ci regala ormai la sua quota di nuovi paesaggi, dove arte
1992. e tecnica si prestano altro sostegno reciproco - rischio di cavarci gli occhi e provocare, con
164 Augustin BERQUE, 3Paysage, milieu, histoire ", in Cinque
sazietà, nostalgia per un tempo in cui, da solo, la campagna bucolica, cara a certi
proposte per una teoria del paesaggio, Seyssel, Champ Vallon, 1994, ambientalisti, aveva diritto di cittadinanza (stavo per dire cecità) nel nostro sguardo estetico .
p. 28. Berque fa riferimento al libro di R. NASH, Wilderness and the Ameiican Mind, New Ma vorrei affrontare questa questione in modo più radicale ricorrendo, ancora una volta, allo
Haven e Londra, Yale University Press, 1973. strumento teorico di cui mi sono fornito, la doppia articolazione: paese / paesaggio, da un lato,
JD HUNT, "Il paesaggio americano è diventato non europeo? », Art. citato (p. 43 n.
165
l'artializzazione. nel
2), p. 64. Yves BERGER ritorna alla tradizione europea quando automatizza il mesas Americano:
" Quelli che, nel deserto di sabbia piegati come onde, sono amari. Quelle che, vicino a situlin visu, d'altro canto.
Chama al confine con il Colorado, si allontanano così che il viaggiatore scopre prati di
sole allagato, dove pascolano mucche di campagna, e si attraversa poi, in America
167 Michel FOUCHER, "Dal deserto, il paesaggio occidentale", Erodoto,
improvvisamente abolita, una tavola di Daubigny. "(La Merre e il Saguaro, Parigi,
Grasset, 1990, p. 23). 7, 1977, pagg. 131-132, compreso in La teoria del paesaggio in Francia (19741994), op. cit., p.
74.

166 Articolo citato, p. 61. 168 Morte del paesaggio? operazione. cit. (sopra cap. I)
1) Sul posto. L'attestazione di morte significherebbe che abbiamo fabbriche abbandonate, ecc. Anche le dune sono disseminate di immondizia. Paesaggi di
effettivamente deteriorato, se non distrutto, i nostri paesaggi tradizionali, ridotti, dalle nostre dadi, delusione, avvilimento. Dovremmo attribuire ai responsabili dell'opera un deliberato
aggressioni e dalla nostra negligenza, allo stato di "campagna". Il mantenimento del territorio desiderio di abbellimento, abbellimento del paesaggio, nel senso violento e brutalmente
rurale è sempre meno assicurato dai contadini, nonostante alcuni incentivi, peraltro equivoci difettoso del prefisso? Ho chiesto a Lucien Chabason, allora capo di gabinetto del ministro
(vedi sopra), con, all'orizzonte, l'estensione dei terreni incolti. Lo stesso vale per le nostre dell'Ambiente, la sua opinione. Mi ha risposto: “È l'anti-cromo. Ma non c'è bisogno di essere
città, e soprattutto per i loro dintorni, zone industriali sature di pannelli pubblicitari, scioccati quando gli artisti esprimono qualcosa di così forte. Questo è il loro ruolo. Sono,
nonostante la legge del 1979, periferie sinistre, "sprawl", "r-urbanization", solite litanie. come sempre, davanti a noi, anticipano la nostra esperienza 171 "

2) In visu. La domanda si pone in modo molto diverso: abbiamo i modelli che ci Lo ammetto prontamente, con Lucien Chabason - ma anche pochi altri: Adorno, Francastel,
permettano di apprezzare ciò che abbiamo davanti? No, sembra. Saremmo, di fronte alle Mac Luhan, ecc. -, che l'arte esercita questa funzione di anticipazione 172. Ma credo piuttosto
nostre città e anche alle nostre campagne, nella stessa privazione percettiva (estetica) di che le fotografie del Datar siano paesaggi recensioni, nel doppio senso della parola. Sì, il
un uomo del XVII secolo che si affaccia sul mare e sulle montagne. È un " paese paesaggio tradizionale è morto: l'anti-cromo, l'anti-Corot. A questo proposito, i risultati sono
spaventoso ”, che suscita solo repulsione. tutt'altro che negativi come una visione d'insieme dell'opera potrebbe far credere, vedendovi
solo una dimostrazione di abiezione contemporanea. La bruttezza non è mai definitiva, mai
È la congiunzione di questi due fattori: il deterioramento sul posto, irreparabile, e la storia ci mostra che l'arte può sempre ridurla, neutralizzarla, trasformarla. 173.
abbandono in visu - che deriva dall'attuale crisi paesaggistica. Ma è così grave? Credo ES Casey
che tradisca soprattutto la sclerosi del nostro sguardo, che vuole l'antico (ricordiamo il
bel testo di Proust sull'artista oculista), e il ricorso nostalgico a modelli bucolici, più o non evoca "l'insistenza" e "l'asprezza del prosaico" - "Senza
meno antiquati, di paesaggi, paesaggi. Non sappiamo ancora come vedere i nostri ombre, senza magnificenza / Theflesh, the bone, the dirt, the stone "-
complessi industriali, le nostre città futuristiche, la potenza paesaggistica di che per meglio sottolineare come “queste stesse 'cose' possano diventare poetiche;
un'autostrada. Sta a noi forgiare i modelli di visione, che li renderanno estetici per noi 169 qualsiasi volto della natura ha la possibilità permanente di essere visto come poetico,
Per ora ci stiamo abbandonando alla crisi, ma forse è questa delizia critico che soprattutto se riferito attraverso la poesia 174 ". Carne, ossa, sporcizia, pietra, come non
usciranno i modelli di domani. A questo proposito, sono molto impressionato dal pensare ai nostri sobborghi lebbrosi e ai corpi umiliati che sono determinati a sopravvivere?
volume Fotografie di paesaggi - precedentemente pubblicato dal Datar 170. Questa Ciò non significa che dobbiamo lasciare la sporcizia e la pietra così com'è e accontentarci di
valutazione degli anni Ottanta è sintomatica: pochi paesaggi rurali o “naturali”, ma, “poetizzarla”. L'osservazione, nella sua gravità poetica, dice al contrario l'urgenza di
d'altra parte, un'insistente predilezione per la decrepitezza: discariche, macerie, lotti sviluppare un nuovo sistema di valori e modelli che ci consentano di artializzare sul posto, come
disabitati, periferie operaie, città danneggiate, in visu, " il terribile paese ”che siamo condannati ad abitare. Resta da vedere se questo è
solo un pio desiderio,

169 Dovremmo arrivare al punto di forgiare gli schemi del caos, come pensavo di potermi 171 Lucien CHABASON, " Intervista ad Alain Roger ”, in Maestri e protettori della natura,
avventurare, in un altro contesto, è vero, con "Praise of Disordine", Caos-Armonia-Esistenza, Seyssel, Champ Vallon, 1991, p. 319.
Scuola di architettura di Clermont-Ferrand, 1992? KASUO Shinohara una volta si vantava " la 172 Alain ROGER, Arte e anticipazione, Parigi, Carré, 1997.
bellezza del caos ", in" Città, caos, attività ", Quaderni CCI, N. 5, 1988. 173
Ho sviluppato questa tesi di una "redenzione" della bruttezza attraverso l'arte in Nudi e
paesaggi, op. cit., cap. VI`` " La bruttezza ”, pp. 217-269.
170 Fotografie di paesaggi. In Francia negli anni ottanta. Missione fotografica del 174 ES CASEY, "Il poetico", Revisione estetica, 1966, p. 321. I due versi citati sono
Datar, Parigi, Hazan, 1989. di Wallace Stevens.
o se è possibile per noi rilevare i segnali di pericolo di un modello in arrivo, in breve, il cinema ci impone, contrariamente al mito arcadico, caro alla vecchia Europa.
se siamo in grado di prevedere il futuro. Non mi avventurerò e mi accontenterò,
modestamente, di raccogliere qualche indizio, di individuare qualche traccia, di La seconda traccia è quella del palinsesto. Sono colpito dalla ricorrenza di questo
seguire alcune tracce. tema oggi. François Dagognet lo sviluppava presso il centro GeorgesPompidou.
Michel Conan, a sua volta, "loda il palinsesto", che contrappone al "panoramico",
Il primo è quello che Francastel ha aperto più di quarant'anni fa. Invece dello spazio euclideo, vedeva nei pittori istituito dal Rinascimento: "Le forme moderne di apprezzamento del paesaggio
(da qui i limiti della sua prospettiva) la gestazione di nuovi spazi, peraltro eterogenei: spazi curvi, spazi di forza, giocano un ruolo crescente in questa esplorazione della natura costruita o più o meno
spazi polisensoriali, ecc. “La nostra epoca sta cercando di acquisire una sorta di esperienza diretta delle forze coltivata avvicinandosi ad essa come un palinsesto sovraccarico di più scritte 176. »Ed
della natura. Smettiamo di considerare che l'universo è fatto per l'uomo-re, a sua immagine, e che la figura della è, ancora, questa idea che ritroviamo in Bemard Lassus, quella di un« paesaggio
terra è, per ipotesi, la figura del mondo. Abbandoniamo l'idea che l'universo sia l'infinito ingrandimento del cubo millefoglie », con mille strati e mille profondità, ottico, tattile, cinestetico, cenestetico,
scenografico al centro del quale si muove l'uomo-attore. La figurazione dello spazio cessa di esistere essere una memorizzato, immaginario, ecc. 177
descrizione pittoresca e decorativa per diventare una registrazione di gesti elementari o azioni e sensazioni
vissute a livello di coscienza, secondo l'accordo dei diversi sensi. [...] Chi non vede che siamo molto vicini a poter
esprimere sensazioni familiari all'uomo che vola, all'uomo che porta fino al punto di contatto con la ragione i Come chiamare questa concrezione dinamica, questa condensazione polisensoriale, questa
complessi giochi del suo inconscio? Figurazione spaziale moderna, figurazione spaziale basata sull'analisi dei costellazione virtuale? A volte mi sembra che, se inventassi questa parola, sarei, con ironia, umiltà,
riflessi, figurazione psicofisiologica e non più ottica nel senso euclideo del termine all'uomo che porta fino al punto come colui che, una volta, da qualche parte nelle Fiandre, ha reinventato Landschap, e che questo
di contatto con la ragione i complessi giochi del suo inconscio? Figurazione spaziale moderna, figurazione breve trattato potrebbe cambiare il titolo o, almeno, essere arricchito con un piccolo saggio di
spaziale basata sull'analisi dei riflessi, figurazione psicofisiologica e non più ottica nel senso euclideo del termine narrativa sull'arte del paesaggio ...
all'uomo che porta fino al punto di contatto con la ragione i complessi giochi del suo inconscio? Figurazione
spaziale moderna, figurazione spaziale basata sull'analisi dei riflessi, figurazione psicofisiologica e non più ottica
nel senso euclideo del termine 175 "
VIAGGI E PAESAGGIO

Questa analisi mi sembra completamente trasponibile a quella del paesaggio. Il cambio di scenario
L'invasione dell'industria audiovisiva, l'accelerazione delle velocità, le conquiste
spaziali e abissali ci hanno insegnato e costretto a vivere in nuovi paesaggi,
sotterranei, sottomarini, aerei: possiamo già trovare belle pagine, a Nadar,
sull'ebbrezza di " fotografia aerostatica "; paesaggi più dinamici: Proust, quasi un
secolo fa, scoprì [inventò ...] il paesaggio "in macchina"; paesaggi sonori (il

paesaggi sonori da Murray Schafer e le creazioni di Jean-François Augoyard); olfattivo 176 Michel CONAN, "Elogio del palinsesto", in Presupposti per una terza natura, Londra,
(Nathalie Poiret), e tanti altri registri, ancora inesplorati, se non insospettati; paesaggi
Coracle Press, 1992, p. 51.
più aggressivi anche, rispetto al 177 Bemard LAssus, “Per una poetica del paesaggio. Teoria dei difetti

", nel Maestri e protettori della natura, ap. cit., p. 253. " Il paesaggio
175 P. FRANCASTEL, Pittura e società, op. cit., pp. 198-199. "Sembra probabile che il nostro dovrebbe essere interpretato come un file palinsesto "( Marcel RONCAYOLO, " Il paesaggio dello
tempo apra l'era di un'esplorazione polisensoriale del mondo", ibid., p. 212 studioso ”, in Luogo commemorativo, t. II, La nazione, Parigi, Gallimard, 1986, p. 517).
Esiliato sulle rive del Pont-Euxin nell'8 d.C., per aver scritto (questa è pittorico, letterario, ecc. Dal XVII secolo il viaggio in Italia è stato un pellegrinaggio, dove
l'accusa ufficiale) la sua scandalosa Arte di amare, indubbiamente anche per dobbiamo incontrare i poeti latini (Virgilio) e i pittori “romani” (Claude Lorrain). Nel secolo
successivo, il viaggio nelle Alpi sarà (vedi sopra) ispirato a Rousseau, Aberli e Saussure.
essere stata l'amante di Giulia, figlia di Augusto, e per tanti altri ancora, Ovidio
Stesso discorso per il "viaggio panoramico", organizzato da Gilpin 179, negli ultimi anni del
si lamenta in questi termini: "Esercizio illi sociae commercia linguae "(Usano
secolo. La guida turistica è prima di tutto un viatico artistico, un manuale artistico.
insieme un linguaggio comune") Per gestum res est significanda mihi "( Devo Comprendiamo, quindi, lo stupore di questi viaggiatori colti, quando si scontrano con il
farmi capire a gesti ") Barbarus hic ego, qui non intelligor ulli "(Il barbaro qui boonismo locale, vorrei scrivere volentieri be-autismo, l'autismo dello sguardo vuoto, quello
sono io, che non è compreso da nessuno") 178. del "buon contadino savoiardo (di cui parla M. de Saussure) che non era privo di buon senso
e senza esitazione a far impazzire tutti gli amanti delle montagne di ghiaccio". 180

Questa formula di Ovidio - Barbarus hic ego -, mi sembra che si debba estendere al
viaggio, quando quest'ultimo viene vissuto come esilio, disorientamento, abbandono. "
Ci sentiamo smarriti, abbandonati, privati dei nostri soliti punti di riferimento,
condannati a una sorta di autismo, questa perdita di contatto vitale con la realtà, di cui
parlano gli psichiatri. La « barbarie » n'est pas seulement, ni essentiellement L'AUTISMO DELLO SPOSTAMENTO
linguistique : même si nous maîtrisons à peu près la langue indigène, nous pouvons
nous sentir rejetés, tel un corps étranger, faute des modèles culturels qui nous C'è una seconda forma di autismo, che è più complessa e più irritante. Lo sguardo non
è vuoto, ma incongruo, l'artializzazione non è carente, ma inadeguata. Mi sono
permettraient d'apprécier le pays ou, tutto
commosso, ma, ironia del viaggio, tutti i miei modelli sono ... fuori posto, fuori posto, un
malinteso, anzi un incessante fraintendimento. Eccomi qui, come un pazzo che scopre
semplicemente, per apprenderlo. È questo cambio di scenario che vorrei evocare
con stupore che le sue valute non sono più valide o che i suoi assegni di viaggio non sono
brevemente, perché costituisce il (doloroso) contro-test della tesi esposta in questo libro, e
negoziabili. No non posso citazione con quel paese! Come Rimbaud, in "Adieu", " Sono a
come il contrario dell'artializzazione.
terra, con il dovere di cercare e la dura realtà da abbracciare! Contadino! 181 ". Sì,
contadino: chi non vede niente, niente di estetico in ogni caso, condannato com'è al lavoro
taciturno. “Ma non una mano amica! e dove trovare aiuto? ", Barbarus hic ego, "Non so più
parlare 182 », Vale a dire il dialogo con il paesaggio.
L'AUTISMO DEL DECLINO

La prima forma di autismo è quella dell'indigenza. Speravamo in un paesaggio e abbiamo


trovato solo paese, cioè noia, o preoccupazione, se non ostilità. Disorientato? Meglio dire Chi non ha sofferto questa disgrazia, questa ingiustizia, all'idea di aver pianificato tutto, quando non
“empaysés”, ridotti a questo paese, questo sporco paese senza paesaggio. Non siamo vediamo niente, comunque niente che corrisponda a quello che avevamo immaginato, che in qualche
disorientati, ma modo chiedevamo ?, come dovuto culturale? Io stesso
scenario. Ricordiamo la stanchezza di Montesquieu, attraversando il Tirolo, e di questo "paese
spaventoso" (Chamonix), stigmatizzato dallo sfortunato Le Pays, nella sua lettera del 16 maggio 1669. 179 William GILPIN, Tre saggi sul bellissimo pittoresco, Parigi, Ed. di
Da qui l'importanza del turismo, quest'arte di viaggiare, poiché l'itinerario è organizzato, perfezionato
Monitor, 1982.
utilizzando modelli 180 Kant, Critica della Facoltà di Giurisprudenza, op. cit., § 29.
181 Arthur RIMBAUD, Una stagione all'inferno " Addio ".
178 OVID, triste, libro V, x, 37. 182 Ibid., "Mattina"
ricordo il mio primo soggiorno nelle Fiandre. Era il luglio del 1976, giorni torridi, avrei l'impazienza e condensa il suo "lirismo trascendentale", prima di incontrare finalmente
dovuto essere cauto, rimandando questo viaggio ... Bruges, incandescente, raggiante al Gretchen, la Madeleine incarnata, che si affretta a rapire, per stabilirla a Parigi, è più
sole, ovviamente non aveva niente a che fare con Bruges-la Morte, Il romanzo di certo. Ma, "indovinando tra lei e il suo amante una rivale invisibile", accetterà di mettersi
Rodenbach, che era il mio viatico, e che cercavo invano, stupefatto dal calore, nell'acqua in posa, trasformandosi così in un "quadro vivente", per usare la felice espressione di
senz'anima dei canali. Ostenda quindi, incubo estetico. Niente a che vedere, neanche lì, Gautier, e unendosi così, nella storia letteraria, alla Gillette di Balzac ( Il capolavoro
con la canzone di Léo Ferré, "come a Ostenda, sotto la pioggia ...". Città asfissiata, sconosciuto) e Christine de Zola (L'opera). Certo, questo è più un volto che un
carbonizzata, devastata, e tutto il Belgio era ridotto alla "pianura" di Brel, ma nel senso paesaggio, ma la disavventura è analoga, qualunque sia l'esito, felice qui, per grazia del
indigente di questa frase. romanziere. Ho provato la stessa delusione durante il mio primo pellegrinaggio a Illiers,
il Combray de Proust. Avevo programmato la Vivonne, le vie mitiche, e ho visto solo un
Ho un illustre predecessore, Théophile Gautier, che si precipita nelle Fiandre, "alla ricerca del ruscello poco pulito, stavo purtroppo seguendo un circuito " Marcel Proust ”, che
biondo", alla ricerca di un Rubens incarnato ( Il vello d'oro). purtroppo aveva poco“ a che fare ”con i due“ lati ”di Méséglise e Guerinantes.
"È stato concordato", si disse, uscendo dalla galleria, "vorrei un fiammingo. Poiché Tiburce Scendiamo di un grado, per evocare il turismo contemporaneo, che punta, più che mai,
era l'uomo più logico del mondo, si chiese questo ragionamento completamente vittorioso, sull'esotismo e sul cambio di scenario. In realtà, ciò che vendiamo al cliente è, molto
vale a dire che i fiamminghi dovevano essere molto più comuni nelle Fiandre che altrove, e spesso, solo spazzatura adulterata, un paesaggio spazzatura, prodotto in Europa. Resta
che era urgente per lui andare in Belgio, all'inseguimento del biondo. Questo Giasone di inteso che vi troveremo il file " terra promessa "(a cura dell'agenzia), pronto da vivere e
una nuova specie, alla ricerca di un altro vello d'oro, ha preso la diligenza da Bruxelles da vedere, paesaggio assicurato, laguna e palme da cocco (o loro equivalenti), per una
quella stessa sera. [] Ma non una sola bionda; se fosse stato un po 'più caldo, avrebbe maggiore sicurezza viene fabbricato e isolato in loco (il club), un ghetto turistico, fuori è
pensato di essere a Siviglia. [] Vedendo che Bruxelles era popolata solo da andalusi dal pericoloso, è un paese sporco, con mendicanti, ladri, polvere, miseria. Sarai portato lì,
petto brunastro, il che si spiega facilmente con la dominazione che gravava a lungo sui se lo desideri, in un pullman con aria condizionata, per fare un po 'di shopping, ma fai
Paesi Bassi, Tiburce decise di andare ad Anversa. [ ] Loro' coraggiosamente immerso nel attenzione e rientra alle 16:00. A volte ci vuole molto coraggio e ascetismo per sfidare
cuore del centro storico, alla ricerca del biondo con un ardore degno degli antichi cavalieri questo neocolonialismo turistico e tornare nella "campagna", in quello che può avere di
dell'avventura. [] Tiburce, sperando di trovare il vero tipo fiammingo e popolare nella classe più povero ai nostri occhi: barbare in un certo senso e per purgare lo sguardo, a rischio
inferiore, entrò nelle taverne e nelle taverne. " Invano, e il giorno dopo, alla locanda: "Mein della cecità, per cercare di vedere o, almeno, di intravedere un altro paesaggio,
Herr, questo è il tuo pranzo, disse una vecchia negra ottentotta, cameriera d'albergo, sapendo che avremo sempre bisogno di qualche modello, esotico o autoctono, per
posando un vassoio carico di stoviglie e posate su un piedistallo. Oh quello! Sarei dovuto abbellire questo paese lì.
andare in Africa a cercare delle bionde, borbottò Tiburce, attaccando la sua bistecca in
modo disperato. [] Non era più felice del giorno prima; ironie oscure, che emergevano da
tutte le strade, gli lanciavano sorrisi sornioni e beffardi.

L'AUTISMO DI RINUNCIA

Davanti a lui sfilavano India, Africa, America, in campioni più o meno color rame
Infine, c'è una terza forma di autismo, non più per difetto o spostamento, ma per
... "
eccesso, pletora, intemperanza estetica. Perché andarmene, se corro il rischio di non
Cerchiamo di essere rassicurati: Tiburce sarà presto abbagliato dalla "Madeleine" del
trovare altro che "ironie marroni" nelle Fiandre? Perché non restare a casa, dove l'arte mi
Discesa dalla Croce di Rubens, una nuova mediazione artistica, che fissa la sua
prodiga a piacimento e senza
sforzi i piaceri più belli, se non i più forti? Perché andare in esilio, quando posso Avevo iniziato questo capitolo tristemente, con Ovidio, che si lamentava in lontananza.
viaggiare a casa mia e godermi, senza danni (il nativo), tutti i paesaggi? Conosco Concludo piacevolmente con Huysmans, banchettando a casa dall'Inghilterra. E per
un'esteta che non va più a Rouen: la cattedrale è molto più bella nelle epifanie di restare ancora qualche istante, concludo con
Monet!
questa bella riflessione di Oscar Wilde, che conosceva i viaggi domestici: “I
Di questo paradossale autismo, poiché l'eccesso porta all'astinenza, Huysmans ci ha dato giapponesi sono, come ho detto, semplicemente una forma di stile, una squisita
la figura emblematica: des Esseintes, l'eroe di Indietro, rinchiuso nel suo forte di Fontenay fantasia artistica. E quindi, se vuoi vedere effetti giapponesi, non sarai un viaggiatore,
e circondato da queste specie gravide, queste esseintes 183 che sono opere d'arte. non andrai a Tokyo. Al contrario, resterai a casa, e ti immergerai nello studio di certi
Anemico, deve comunque decidere di uscire e scegliere l'Inghilterra, sotto l'influenza di artisti giapponesi; poi, quando avrai assimilato lo spirito del loro stile e ben assimilato
Dickens. Non andrà molto lontano: fino alla “Bodega”, osteria inglese, ma a rue de Rivoli. il loro fantasioso metodo di visione, andrai qualche pomeriggio a sederti al Park o
“Sognava ad occhi aperti, ricordando, davanti al viola delle porte che riempivano i anche a Piccadilly; e se non puoi vedere effetti assolutamente giapponesi lì, non ne
bicchieri, le creature di Dickens che amano tanto berlo, popolando con fantasia la cantina vedrai da nessuna parte 185. "
di nuovi personaggi, vedendo qui i capelli bianchi e la carnagione infiammata del signor
Wickfield; lì l'espressione flemmatica e astuta e l'occhio implacabile del signor
Tulkinghom, il funerale confessato di Bleakhouse. [...] La città del romanziere, la casa ben
illuminata, ben riscaldata, ben servita, ben chiusa, le bottiglie versate lentamente dalla PAESAGGIO E AMBIENTE
piccola Dorrit, da Dora Copperfield, dalla sorella di Tom Pinch, gli sono apparse
navigando oltre che un arco tiepido, in un diluvio di fango e fuliggine. "Che senso ha
continuare questo viaggio, che non può che derivare da" crudeli disillusioni ", come
quando Des Esseintes " aveva lasciato Parigi e aveva visitato una ad una le città dei
Paesi Bassi. [...] Aveva immaginato un'Olanda dopo le opere di Teniers e Steen,
Rembrandt e Ostade, plasmandosi in anticipo, per uso personale, di gioielli incomparabili
dorati come pelli di Cordoba al sole; immaginandosi di fiere prodigiose, di continue feste Si dà per scontato che il paesaggio faccia parte dell'ambiente, di cui costituirebbe
in campagna; aspettando questa bonhomie patriarcale, questa dissolutezza gioviale uno degli aspetti, uno della specie, e che quindi meriti anche di essere tutelato, come
celebrata dagli antichi maestri. Da qui questa decisione molto saggia: "Insomma, ho dovrebbe essere, per salvaguardare l'ambiente. Questa posizione, che sembra
vissuto e ho visto quello che volevo sperimentare e vedere. Sono stato saturo di vita essere di buon senso, è tanto fallace in linea di principio quanto perniciosa nei suoi
inglese sin dalla mia partenza; si dovrebbe essere pazzi per perdere, per a movimento effetti. A rigor di termini, il paesaggio non è "parte" dell'ambiente. Quest'ultimo è un
goffo, sensazioni imperituro 184. " concetto recente, di origine ecologica, e come tale giustificabile, di trattamento
scientifico. Il paesaggio, da parte sua, è una nozione più antica, di origine artistica
(vedi sopra), e come tale proveniente da un'analisi essenzialmente estetica. Quando
il biologo Haeckel (1866) inventa la parola Oekologia, è un concetto scientifico che
vuole produrre.
183 Ho provato ad analizzare questa sorprendente condensazione in Nudi e paesaggi, op. cit., pp.
Quando Môbius (1877) ha forgiato il concetto di
288 et sq., E in "Glose pour des Esseintes", in
Huysmans, Cahiers de l'Herne, Parigi, 1985.
Joris-Karl Huysmans, AT conto alla rovescia, capitolo XI, sottolineato da me. Questa "mossa
precedente.
184

imbarazzante" sarebbe anche quella che ho menzionato nella sezione


185 Oscar Wilde, Il declino delle bugie, op; cit., pagg. 310-311
biochebose-, e Tansley (1935) quello ecosys teme, che presto fertilizzerà tutte le
teorie dell'ambiente, sono le preoccupazioni scientifiche a guidare questi pionieri, e
non vediamo come tali concetti sarebbero applicabili al paesaggio, se non per una 1.
riduzione di quest'ultimo alla sua base. .
È quindi necessario distinguere Questo testo è abbastanza sintomatico. Non ignora (e questo è già molto) la
sistematicamente cosa si riferisce al paesaggio e cosa si riferisce all'ambiente. Ciò non distinzione tra valori biologici ed estetici. Ma tutto accade come se volesse ridurlo a
significa che questi due termini non debbano essere articolati, anzi; ma questa vantaggio, ovviamente, del primo, più oggettivo. Probabilmente è così che dobbiamo
articolazione passa attraverso la loro precedente dissociazione. Questo è lo scopo di intendere il riferimento finale e "scientifico" all '"ecologia del paesaggio", una
questo capitolo. conoscenza antica, poiché questo mostro concettuale appare - e forse non è un caso -
sotto la penna del biogeografo tedesco Troll nel 1939 ( Landschaftôkologie), prima di
diffondersi nei paesi dell'Est e nel pensiero anglosassone ( ecolo del paesaggio). Non
so, da parte mia, cosa significhi "ecologia del paesaggio", tranne questo:
"RIDUZIONE" DEL PAESAGGIO l'assorbimento del paesaggio nella sua realtà fisica, lo scioglimento dei suoi valori in
variabili ecologiche, insomma la sua naturalizzazione, mentre un paesaggio non è mai
Partiamo da questa confusione, per dissiparla meglio. Il mio scopo non è indagare sul naturale, ma sempre culturale.
processo di chi, in buona fede, lo mantiene, per mancanza di tempo, attenzione o strumenti
teorici adeguati. Le analisi che seguono, per quanto critiche possano essere, hanno solo una
funzione didattica, scevra da ogni intenzione controversa. Pertanto, per quanto positive possano essere le proposte del Piano, restano
prigionieri di una concezione patrimonio del paesaggio: che va salvaguardata. È ovvio
Prendiamo come primo esempio il file Piano nazionale per l'ambiente, che il Ministero dell'Ambiente, quando si occupa di paesaggio, difficilmente può
pubblicato nel giugno 1990 da Lucien Chabason e Jacques Theys, un'opera peraltro elaborare un'altra strategia: “I nuovi strumenti finanziari dovrebbero contribuire a conservazione
notevole, ma che riflette la difficoltà, per "persone dell'ambiente", nutrite dall'ecologia, di del paesaggio 187. »Conservare cosa? Perché ? In nome di cosa? Dovremmo congelare
raggiungere quella che potremmo chiamare autonomia paesaggistica: la Francia in un museo del paesaggio?

Il mio secondo esempio è tratto dal "rapporto Carrère" - Trasporti


TUTELA DELLA NATURA E POLITICA DEL PAESAGGIO
destinazione 2002. Il dibattito nazionale -, nella versione che mi è stata data
I testi votati per vent'anni, le strutture create per applicarli hanno unito
nel 1992. Questo rapporto di trasporto è stato commissionato a Gilbert Carrère dal
singolarmente questi due concetti, uno biologico, l'altro estetico.
ministro delle attrezzature (allora Paul Quilès), la cui lettera era molto esplicita, poiché
un intero paragrafo raccomandava di prestare la massima attenzione all'ambiente e al
Così i parchi naturali nazionali e regionali, il conservatorio costiero mirano a
paesaggio. Tuttavia, se la "relazione sullo stato di avanzamento" (aprile 1992) porta
proteggere e gestire sia i biotopi che i paesaggi notevoli. Le leggi di protezione
ancora qualche traccia di questa raccomandazione, nel capitolo VI "Trasporti e
approvate dopo il decentramento, la legge della montagna e la legge costiera,
ambiente"), che allude al famoso 1% assegnato al paesaggio sui tratti di autostrade
operano anche questa articolazione. Infine, la ricerca scientifica con lo sviluppo
non concessi (provvedimento ampliato da allora) e si chiede, con rilevanza, "come
della "ecologia del paesaggio" va nella stessa direzione. 186.
misurare il danno al paesaggio" (quando invece il danno all'ambiente è quantificabile),
la relazione finale,

186 Lucien CHABASON e Jacques THEYS, Piano nazionale per


l'ambiente, 1990, p. 95. 187 Ibid., p. 155. Sottolineato nel testo.
nel suo " Consigli di azione ”, peraltro eccellente sotto molti aspetti, tace che l'estremo oriente mostra chiaramente: il paesaggio è prima di tutto il prodotto di
completamente sul problema del paesaggio, che in qualche modo è svanito con il un'operazione percettiva, cioè di una determinazione socio-culturale.
soffio della primavera. In effetti, ho notato solo un'occorrenza della parola
"paesaggio", ed è significativa: Apprezziamo ancora di più la correzione apportata da Jean-Robert Pitte, all'inizio
della sezione successiva, “Paesaggi e geografia”: “In contrasto con qualsiasi
posizione naturalistica e quantitativa, possiamo dire che il paesaggio è la realtà dello
generale che fissano il prezzo
Il dibattito nazionale è stato dominato dall'idea che non stava spazio terrestre percepita e distorta dai sensi e che la sua evoluzione è interamente
giocando il suo ruolo di bilanciamento e quello dell'intero settore nelle mani degli uomini che ne sono gli eredi, i suoi autori, i suoi gestori. »Questo è
il trasporto era sottocosto: non tiene conto né dei costi sociali (sicurezza, salute, purtroppo un« concetto vago »(le« ambiguità »...) e, come sappiamo, i geografi sono
qualità della vita, ecc.), né dei costi a lungo termine per la conservazione del divisi, da qui la« necessità di una sintesi », inclusa la geografia culturale di solito ne
patrimonio naturale (clima, energie rinnovabili, qualità dell'aria, dell'acqua, dei paga il prezzo, perché lo vogliamo sempre tornare ai "valori sicuri" (ascolta:
paesaggi ... ), o talvolta anche il vero costo classico 188. oggettivo), quelli della geografia fisica.

Paesaggio povero, esiliato tra parentesi, in fondo alla lista, e annegato nella preoccupazione
conservatrice e naturalistica per l'ambiente: conservazione di Contro gli ecologisti, direi che un paesaggio non può mai essere ridotto a un
eredità naturale. ecosistema. Contro i geografi, che contro un geosistema. Per quanto apparentemente
Ma per quanto riguarda le definizioni "ufficiali"? A questo proposito, la consultazione di deludente questa proposta possa essere, deve comunque essere sostenuta senza
dizionari ed enciclopedie è istruttiva. Prendiamo, ad esempio, l'articolo "Paesaggi" dall'Enciclopedia debolezze: il paesaggio non è un concetto scientifico. In altre parole, non c'è, non
Universalis. Prima indicazione: questo articolo ha la parola "ambiente" nel sottotitolo e tra potrebbe esserci una scienza del paesaggio, il che non significa, al contrario, che non si
parentesi. È chiaro che, fin dall'inizio, il paesaggio è postulato come un sottoinsieme possa tenere un discorso coerente al riguardo.
dell'ambiente e che la riduzione ecologica non tarderà ad arrivare. Ciò è confermato dalla
prima sezione dell'articolo, “Paesaggi ed ecologia. Ambiguità del paesaggio ”, dovute a
due eminenti specialisti, Patrick Blandin e Maxime Lamotte, che non mancano di“
rimpiangere ”queste“ ambiguità ”. Come sbarazzarsene? Evacuando i valori soggettivi, UN PO 'DI STORIA ...

legati alla percezione, per rifugiarsi nell'ecologia, questo paradiso dell'oggettività. Da qui il
Non basta denunciare questa riduttiva confusione, bisogna trovare i mezzi per porvi
riferimento obbligato ai padri fondatori, Tansley e Lindeman, e al concetto di ecosistema,
rimedio, e due decenni di riflessione teorica mi hanno convinto che una genealogia
presto riproposto da quella di un eco-complesso, Coniato dai nostri due autori: "Questo
dei concetti è essenziale in questo campo. Ci rivela che il paesaggio e l'ambiente
termine evita le ambiguità della parola" paesaggio ", perché designa una categoria di
hanno origini diverse e storie diverse, che dovrebbero garantire la loro rispettiva
sistemi ecologici considerati senza alcun riferimento ai fenomeni di percezione. Restiamo
autonomia. Il fatto che, per quasi un secolo, in nome del rigore scientifico, la
confusi. Certamente, le "ambiguità" sono state tolte, ma a quale prezzo! La ritrazione del
geografia e l'ecologia abbiano voluto appropriarsi, e quasi inghiottire il paesaggio, non
paesaggio. Cosa ne resta, infatti, quando è stato separato dalla sua percezione? Anche
toglie nulla alla sua irriducibilità estetica, e ci impone, al contrario, di smentire Questo ecolonialismo
tutta la storia del paesaggio occidentale
e questo

geofagia, se Sono autorizzati a questi neologismi e a contenere l'ecologia, come la


geografia, nei limiti delle loro competenze.
188 Rappor-t Carrère, p. 61.
Va innanzitutto ricordato che il paesaggio, i nostri paesaggi, sono acquisizioni atmosfera, clima in cui ci troviamo; contesto psicologico e
relativamente recenti. Non tornerò su di loro, poiché erano l'argomento dei capitoli sociale... »(Dizionario enciclopedico grande Larousse). Avremo
precedenti. Qualunque sia il metodo di artializzazione, in situ o in visu, il paesaggio notato che questa rete di definizioni consente, ancora una volta, di catturare il
è ancora un'invenzione storica ed essenzialmente estetica, come attestano tutti i paesaggio come " elemento soggettivo 'dell'ambiente, salvaguardandone il valore
dizionari fino alla fine dell'Ottocento: " Su tutto estetico, è vero.
Se la nozione di paesaggio è di origine artistica, il concetto di ambiente è, da parte sua, di
Qualificazioni legate al paesaggio, le più frequenti sono: bello (19 volte su 33 definizioni), ispirazione scientifica. Possiamo vederlo chiaramente con Haeckel e la sua definizione di
ricco, ridente, piacevole, delizioso. Ci sono anche alcune rarissime menzioni di paesaggi ecologia: “By Oekology si intende tutta la scienza delle relazioni dell'organismo con
con connotazioni negative: spaventoso, deserto, triste. Il paesaggio è un oggetto che l'ambiente, comprese, in senso lato, tutte le condizioni di esistenza 190. Ma è soprattutto con
non lascia indifferenti e che molto generalmente viene percepito come positivo; quindi la Tansley e la sua teoria degli ecosistemi che l'ambiente, arricchito di determinazioni
citazione più frequente è: "Sono circondato dal paesaggio più bello del mondo" (attribuito abiotiche, si pone come concetto scientifico, sintetico e conquistatore, pronto ad assorbire
a Voltaire). [...] Il paesaggio, per due secoli, non è stato considerato un bene geografico. tutto, paesaggio compreso. Eviteremo qualsiasi controversia in merito alla pretesa
Questo è ciò che vediamo, in determinate condizioni della situazione e del sentimento dell'ecologia di affermarsi come scienza dell'ambiente. Sono prontamente d'accordo che
dello spettatore. Si tratta di una selezione di oggetti tra quelli che si offrono alla vista, una tale affermazione è giustificata, che l'ecologia, ben condotta, può essere una scienza
che sono tuttavia considerati componenti di paesaggi nei soli casi in cui l'insieme visto a sé stante, ed è proprio per questo motivo che le nego il diritto di affermarsi come scienza
piace o appaga. 189. " del paesaggio, sotto il nome di ecologia del paesaggio, o quello che vuoi. E mi atterrò alle
mie posizioni finché non mi sarà stato dimostrato che una scienza del bello è possibile,
che quest'ultima è quantificabile e che esiste un'unità di misura estetica, o qualche altro
Riguardo a questa storia del paesaggio occidentale, posta fin dall'inizio sotto il segno standard, analogo al decibel di inquinamento acustico. Ciò non significa che uno studio
dell'arte, che dire dell'ambiente? La parola in sé non è recente. È attestato dal XVI geografico o ecologico del luogo - quello che ho chiamato nazione al contrario di paesaggio
secolo, ad esempio a Bemard Palissy, ma poi designa un "circuito". Littré (1 8 7 7), in - è superfluo. La conoscenza dei geosistemi e degli ecosistemi è ovviamente essenziale,
un articolo di cinque righe, dà un solo significato: "azione dell'ambiente, risultato di ma non ci fa fare un passo avanti nella determinazione dei valori paesaggistici, che sono
questa azione". Non è stato fino al XX secolo che ha assunto il termine o, meglio, i socio-culturali. L'analisi oggettiva di un biotopo, la misurazione del grado di inquinamento
significati che ci sono diventati familiari: “Ambiente, nm (circondare). 1. Ciò che di un fiume non hanno, letteralmente, nulla a che fare con il paesaggio, come ha
circonda da tutte le parti: un villaggio nel suo ambiente montano. - 2. Tutti gli elementi sottolineato una volta Bemard Lassus, in un articolo decisivo: “C'è una differenza.,
(biotici o abiotici) che circondano un individuo o una specie, e alcuni dei quali Un'irriducibilità dell'acqua specifico per un paesaggio. Possiamo facilmente immaginare
contribuiscono direttamente a soddisfarne i bisogni: la protezione dell'ambiente. - 3. che un luogo inquinato faccia un bel paesaggio e che, al contrario, un luogo incontaminato
Insieme di elementi oggettivi (qualità dell'aria, rumore, ecc.) E soggettivi (bellezza di non sia necessariamente bello. 191. "
un paesaggio, qualità di un sito, ecc.) Che insieme costituiscono l'ambiente di vita di
un individuo. - 4. Atmosfera,

189 François-Pierre TOURNEUX, "Dallo spazio visto sulla lavagna, o le definizioni della
parola paesaggio nei dizionari di lingua francese dal XVII al XIX secolo", Rassegna 190 Ernst HAECKEL, Generelle Morphologie der Organismen, Berlino,

geografica dell'Oriente, n ° 4, 1985, 1866, t. II, p. 286.


191 Bemard Ussus, " Le continuità del paesaggio ", Urbanistica e
pp. 336 e 345; incluso in La 7héorie du paysage in Francia (1974-
1994), op. cit., pp. 198 e 208. architettura, n '250, p. 64.
in verde, il cibo, il vitello all'acetosa, la frittata di spinaci e "l'insalata, molta insalata" ...
Riprendiamo il treno per Parigi. Nuovo incubo: "Un'ora in stazione [...] davanti a un
LA VERDOLATRIA poster del Bellissimo orto,
un poster verde mela che ti ucciderà gli occhi! »Indietro, finalmente ...« Oscar dà il mio
A tal proposito, vorrei denunciare un pregiudizio l'ossessione per il verde, mantenuta da
indirizzo: cocchiere, lanterna verde, questo è il tuo quartiere. Pensavo di essere salvato; a
ambientalisti e tanti difensori dell'ambiente. Perché quel " verdolatria "? Perché il verde
Parigi, più campagna, più verde! Orrore! L'auto percorre Boulevard Haussmann. Tutti questi
si riferisce alle piante, quindi alla clorofilla, quindi alla vita? Senza dubbio, ma è questo
alberi a destra ea sinistra ... pensavo sarei morto. Quando sono tornato in me, ero nel mio
un motivo per elevare questo valore biologico a valore estetico, questo valore ecologico
letto, un principe della scienza, un'infermiera, una sorella della carità mi circondavano. La
a valore paesaggistico? (Potremmo citare un certo numero di pittori e ingegneri, che, al
sorella mi mette una mano sulla bocca per impedirmi di parlare. Mi ribello, salto. Davanti al
contrario, ritengono che il verde non sia un "buon colore".) Un paesaggio deve essere
mio armadietto a specchio, faccio un passo indietro nella mia immagine. Ero verde come
una vasta lattuga, una zuppa di acetosa?, Un brodo della natura? Nel Le Roman des
una purea di piselli. Avevo preso l'ittero! "
jardins de France,

Denise e Jean-Pierre Le Dantec denunciano "Bruscamente" il "


dequalificazione del giardino in verde ". " Lo spazio verde non è un luogo, ma una porzione di
territorio indifferenziato i cui limiti sono decisi dall'universo astratto della pianta. Niente più
VALORI PAESAGGISTICI
storia: lo spazio si prende gioco del contesto oltre che della tradizione. Più cultura: lo spazio
verde è solo uno verde Vengo al punto. La mia esperienza, sia teorica che pratica - all'interno del comitato
arredato secondo le uniche "regole" di convenienza; l'arte viene così liquidata, o ridotta a di esperti “Ambiente e Paesaggio” istituito dal Dipartimento Strade del Ministero dei
"involucro". Atopico, acronico, anartistico, lo spazio verde non si cura delle linee, delle Lavori Pubblici - mi ha convinto che la maggior parte dei problemi legati all'ambiente,
proporzioni, degli elementi minerali e acquatici, del paesaggio o della composizione con il loro treno di incomprensioni e dialoghi sordi , potrebbe essere più facilmente
geometrica. È un vegetale niente votato alla purificazione dell'aria e all'esercizio fisico 192 »Anche risolto se non mescolassimo tutto e se provassimo a distinguere attentamente tra
qui il grado zero del paesaggio, e non abbiamo compiuto un passo nella creazione del valori ecologici e valori paesaggistici. Per quanto arduo possa essere questo compito
paesaggio, quando ci siamo accontentati di installare spazi verdi, anche se, dal punto di - perché coinvolge anche interessi economici - è essenziale e sempre vantaggioso.
vista ambientale, il miglioramento è misurabile .

Faccio un primo esempio, quello della "legge del paesaggio", una volta proposta da
Questa verdolatria mi ricorda un monologo molto divertente di Charles Cros, Ségolène Royal, che si autoproclamò "Ministro dei paesaggi", titolo promettente, ma
Il Green Tour ( 1880): la terribile domenica in campagna del signor Galipaux, un che non ha smesso di preoccuparsi in quanto anche il Ministero dell'Ambiente lo è
impiegato parigino, che per tutta questa giornata si arrabbiarsi. Perché tutto è verde: lo incline a difendere una concezione conservativa e patrimoniale del territorio. Il
scialle del signor Oscar, il pappagallo, che non smette mai di gridare "piselli!" », La discorso di Ségolène Royal ha infatti confermato la mia apprensione: si tratta solo di
guinguette, imbiancata "preservare", "proteggere", " salva ", ecc. È chiaro che si sono semplicemente
trasferiti al paesaggio valori ecologici che non sono i propri. Perché i paesaggi
192 Denise e Jean-Pierre LE DANTEC, Le Roman des jardins de France, dovrebbero essere preservati a tutti i costi? I quali? E secondo quali criteri? Questo è
Parigi, Plon, 1987, p. 261. Carinontelle, in Il giardino Monceau ciò che non viene mai specificato, né considerato.
(1779), già si accorgeva che un verde troppo immenso e dello stesso tono rattristerebbe troppo la nostra
anima, che desidera solo impressioni morbide, vivaci e allegre ”. Molto significativo, a tal proposito, è il
provvedimento relativo alla concessione edilizia, con l'introduzione
spettacolare "componente paesaggistica": "L'obiettivo di questa componente paesaggistica è Mi spingerei a dire che è necessario tutelare il paesaggio dai suoi "protettori", allontanarne
di non rendere gravosa la procedura di concessione edilizia, ad esempio mediante l'obbligo la gestione, come la creazione, da tutti coloro che aderiscono ad una concezione
di consultare un CAUE o [...] imponendo la firma di un paesaggista. L'obiettivo è che, con conservatrice, anche reazionaria, di sviluppo del territorio. .
ogni licenza edilizia, si stabilisca tra i proprietari, i decisori locali e i responsabili di progetto il Quanti ecologisti hanno solo una visione bucolica e arcaica del paesaggio
riflesso di pensare la costruzione in termini di paesaggio. 193. francese! Quante associazioni di " difesa ”brandisce ingenuamente, come un paesaggio“
naturale ”da preservare, un modello culturale, ereditato dall'Ottocento e spesso obsoleto,
Restiamo increduli. Chi creerà questo "riflesso"? Con quale pedagogia o quale polizia? E l'Ile-de-France di Corot, quello degli impressionisti, e così via. !
in nome di cosa, se non del più ristretto conservatorismo? A meno che non si definisca il
paesaggio come "ciò che deve essere imperativamente preservato" - sottinteso: qualsiasi Secondo esempio: pubblicato dal consiglio regionale dell'Alvernia, a novembre
danno al paesaggio attuale è inquinamento visivo paragonabile all'inquinamento ecologico, 1992, a Carta architettonica e paesaggistica abbastanza edificante. Dopo aver ricordato le
un postulato aberrante - è impossibile dare la minima consistenza a questa "componente “caratteristiche dell'architettura dell'Alvernia”, la Carta, animata da un bellissimo zelo
paesaggistica", e siamo diretti a litigi e controversie insolubili, o alla mancata applicazione educativo, ci insegna, con fotografie di accompagnamento, le “opzioni deplorevoli” e gli
della legge. In altre parole, questa disposizione ha senso solo se il paesaggio è congelato “aspetti positivi”; in altre parole: cosa fare e cosa non fare, in nome, ovviamente, della
nell'ambiente, con, al limite, la “classificazione” dell'intero territorio, poiché ogni intervento sacrosanta integrazione, che annovera tra le "nozioni elementari e familiari 195 "
rischia di danneggiare il paesaggio attuale. Possiamo vedere molto bene, quindi, quale
sarebbe questo "riflesso" che il ministro dell'Ambiente ha voluto suscitare. È: "Non toccare il (sic). Ma il conservatorismo non si limita agli edifici, si estende alle piantagioni, per le
mio paesaggio!" », Un avatar di questa vecchia luna, la nozione di integrazione. quali dobbiamo "preferire il fogliame deciduo al fogliame sempreverde, piantare specie
Apprezzeremo, al contrario, e in questo stesso numero di La foglia del paesaggio, questa locali e non esotiche, senza mescolarle: tigli, castagni, platani, nocciole, aceri, frassini,
dichiarazione di Alexandre Chemetoff sui “piani paesaggistici” - in questo caso quella di evitare prunus rossi, salici piangenti, pini austriaci, tuia e altre specie straniere 196 ". Una
Belle-Ile-en-Mer, di cui è responsabile - che, è vero, dipendono dal Ministero delle tale raccomandazione, apparentemente innocua, non è meno preoccupante. Gli autori
Attrezzature, ovviamente meno curatore: “La questione di prendere in considerazione il della Carta, nel loro buon senso dell'Alvernia e nella loro ingenuità ecologica, sono
paesaggio ci porta a pensare alla trasformazione del paesaggio come a senza dubbio inconsapevoli che stanno semplicemente affrontando una delle principali
tesi dei grandi giardinieri paesaggisti del Terzo Reich, Mâding, Wiepking, Seifert, Tüxen,
ecc. .

evoluzione e non solo come qualcosa che conserviamo e quello Exoten raus!, "Fuori gli stranieri!" Era davvero il loro slogan. Prima le piante esotiche,
proteggiamo. Invece di parlare in termini di protezione, potremmo probabilmente poi, passo dopo passo, tutte queste metiche, questi immigrati, che, come si dice oggi,
capire i fenomeni che fanno evolvere i paesaggi e basare su questa conoscenza un ci invadono e inquinano il nostro paesaggio ...
altro modo di sviluppare i siti, di gestirli, di proiettare tutti i fenomeni che portano a
fabbricare l'identità di un territorio 194. " “Lo stesso anno (1942) in cui Mâding emanò, in collaborazione con Wiepking, le
regole del paesaggio, un gruppo di botanici sassoni, sostenuti da Tüxen, confrontò
la lotta contro le piante straniere e quella dei nazisti contro altri popoli e contro" il
193 "Ségolène Royal: creare un riflesso paesaggistico", La foglia del paesaggio,
piaga del bolscevismo ". Questo gruppo di lavoro raccoglie un appello lanciato da
Kâstner e
Dicembre 1992, p. 2. Il Ministro dell'Ambiente risponde a una domanda della
redazione (CAUE: Council of Architecture, Urbanism and the Environment). 195
Carta architettonica e paesaggistica, Consiglio regionale dell'Alvernia,
1992, p. 22.
194 Ibid., p. 4. Sottolineato da me. 196 Ibid., p. 27.
chiede una "guerra di sterminio" ( Ausrottungskrieg) contro il "balsamo a fiore piccolo" ( Impatiens Povero Prunus, banditi dai berlinesi e dall'Auvergne ... Se i nostri antenati avessero
parviflora), con il pretesto che questo "straniero" si sta diffondendo ed entra addirittura praticato una tale politica "razzista" nel campo dell'orticoltura, non avremmo né la
"in concorrenza" con il "balsamo a fiore grande" ( Impatiens noli me tangere), minacciando tappezzeria, né la begonia, né il rosmarino, né la pesca, né la ciliegia di Olivet, né il Vigna
così, a quanto pare, la purezza del paesaggio tedesco. L'appello si conclude con la della Borgogna (rabbrividiamo!) E, come diceva nel 1938, il grande giardiniere ebreo
seguente frase: "Proprio come, nella lotta contro il bolscevismo, è in gioco tutta la nostra Borchardt, vittima di
cultura occidentale, così è la lotta contro l'intruso mongolo ( Impatiens parviflora), è uno Nazisti, " vivremmo ancora di ghiande "( Wir lebten gârtnerisch noch heute von Eicheln).
dei fondamenti essenziali della nostra cultura, ovvero la bellezza delle nostre foreste,
che è minacciata! "[]

IL COMPLESSO BALAFRE
"Ora, alla fine del ventesimo secolo, iniziamo a pestare [] contro specie esotiche,
che, a quanto pare, caratterizzano" l'aspetto dei nostri giardini nella Repubblica Siamo chiari e fermi: agli ecologisti e agli altri difensori dell'ambiente, dobbiamo
Federale "e chiediamo di vietare le piante straniere del giardino tedesco , ricordare instancabilmente i diritti del paesaggio, che non si limitano alla conservazione
un'affermazione vicina alle idee di Seifert, Mâding, Wiepking e Tüxen. [] Così, ad dell'ambiente, verde o meno, e mostrare loro che servono male al loro scopo causa
esempio, nelle foreste di Berlino, a volte su aree considerevoli, il prunus a fioritura propria, quando praticano questa confusione riduttiva. Alle autorità pubbliche e ai
tardiva (1989) è attualmente in fase di eliminazione ( Prunus serotina), con il professionisti delle attrezzature, dobbiamo, ovviamente, ricordare le esigenze
pretesto che non corrisponderebbe all'immagine che si ha di una vegetazione dell'ambiente, ma anche, inoltre, quelle del paesaggio, e mostrare loro che sono lontani
naturale definita, tra gli altri, da Tüxen, e che parte dall'idea che si possa dall'aver portato a termine il loro compito quando hanno rispettato l'ambiente. , troppo
determinare, in un momento e per un dato paesaggio, la migliore combinazione di spesso ridotto al suo valore sonoro.
piante, allo stato naturale, cioè libere da ogni intervento umano. Queste specie
esotiche - il Mi sembra però che alcuni ingegneri e tecnici, dopo un periodo in cui, non senza
ragione, furono criticati per i loro metodi tecnocratici, stiano ora adottando un profilo
Prunus serotina ci viene dal Nordest d'America - disturbare, a Berlino, la un po 'troppo basso di fronte alle affermazioni ambientaliste, senza dubbio legittimo,
rappresentazione di un bosco "vicino alla natura" ( naturnah), e deve quindi essere ma entro limiti che vanno definiti, altrimenti cediamo all'ecolocrazia. Tutto accade
sterminato come la peste, come un rappresentante del capo della protezione della come se, eccessivamente colpevoli, si vergognassero di questo paesaggio che
natura e della manutenzione del paesaggio al Senato di Berlino informato. 197. " “deturpano” con rammarico. È questo complesso di cicatrici che vorrei denunciare,
perché postula un paesaggio in sé, che va preservato a tutti i costi, e, di
197 Gert GRÔNING, “C'è un cambiamento nella comprensione del paesaggio? Sulle conseguenza, il carattere criminale dell'autostrada, poiché tale è, oggi, il bersaglio
di tutte le passioni : un infortunio che dobbiamo, come meglio possiamo, cercare di
raccomandazioni per evitare la coltivazione di piante straniere in Germania nel XX secolo ”, in Maestri
ridurre, o, almeno, nascondere.
e protettori della natura, Seyssel, Champ Vallon, 1991, pp. 284 e 285-286. Questo è l'intero
articolo che dovrebbe essere consegnato agli apostoli del paesaggio "naturale" per la lettura. "

indigeni ". Questo problema non è recente. Adolphe Alphand, in Le Promenades de


Paris ( 1867), lodato piante esotiche e prescritto " mantenerli con tutta la cura
richiesta da questa aristocrazia vegetale ”. " Consigliamo piante esotiche ", afferma Vera, in Il nuovo giardino ( 1911), sconsiglia “le piante straniere e soprattutto
William Robinson a Il giardino fiorito all'inglese, nel 1883. D'altra parte, André quelle esotiche”, in nome di un nazionalismo che lo porterà a sostenere il
maresciallo Pétain.
camuffare 198 "". Triste vocazione di chi si crede investito di una missione creativa, di possibile, che sia fatto molto piccolo. Alla logica dell'occultamento si aggiunge quella
inventare il paesaggio di domani, e che si vede ridotto a mimetizzarsi, sì, cosa snobbare! della simulazione, logica del "come se": come se questa autostrada fosse sempre e
solo una strada leggermente più ampia, sottoposta allo stesso trattamento delle altre,
È opportuno, mi ricorda, abbandonare questa vergognosa visione dell'autostrada. su strada. Modello del nostro bene vecchi "nazionali", così "amichevoli", con i loro
Non solo questo costituisce, di per sé, a tradizionali filari di alberi. Sono stato spesso colpito da questo tema ricorrente, in
paesaggio autentico, ma, come il TGV, ne produce di nuovi. Non si tratta quindi di bocca agli specialisti della gestione delle apparecchiature dipartimentali, da questa
nascondere il taglio, né di sanare il territorio circostante con intonaci vegetali, un povera panacea di filari di alberi e di bordure di piante. Penso che lo facciamo
concetto decorativo e curativo, in una parola: decurativo, che riassume abbastanza letteralmente Senso vietato ricorrendo sistematicamente a tali soluzioni. Non dico che
bene la missione assegnata al paesaggista. Riportiamo il problema a ritroso: se siano tutti e ovunque incongrui, dico che sarebbe opportuno inventarne altri, più
spingiamo fino in fondo, cioè all'assurdo, questo complesso della cicatrice e della sua adeguati alle dimensioni e al tracciato delle autostrade. Come ha sottolineato una
logica del camuffamento, si finisce con il dover seppellire le autostrade, non solo volta Anne Dazelle, direttrice della Loira Atlantica CAUE, "crediamo che sia sufficiente
quelle urbane. aree e altre aree sensibili (il che è giustificato), ma in tutto il territorio. piantare alberi per fare un bel giardino e facciamo molti errori". Direi volentieri:
L'intera metropoli minata da questa nuova metropolitana ... Niente più feriti, ma niente crediamo che sia sufficiente piantare alberi per fare una bella autostrada e facciamo
più paesaggi intorno, se non per chi, di tanto in tanto, saliva per qualche "bocca" di molti errori.
questa metraupine esagonale. Sta a noi, al contrario, saper trasformare questa
cicatrice in un volto e questa ferita in un paesaggio.

Ecco cosa dobbiamo fare, ciascuno nel suo ruolo e secondo i suoi mezzi: inventare il
futuro, nutrire lo sguardo del domani e, soprattutto, non rannicchiarsi sul passato. Lo stesso
Userò un'analogia. Ci viene detto più e più volte che i piloni deturpano il paesaggio. vale per la pratica del paesaggio come per qualsiasi creazione artistica: non può essere
Anche qui, postuliamo un paesaggio in sé, a priori congelata nel letargo dei musei. 200.
intoccabile. Agli ambientalisti in lutto non viene in mente che un “esercito di tralicci in
campagna” possa costituire e generare un nuovo paesaggio, forte, se non di più, del
vecchio. Come ci ricorda opportunamente Thierry Grillet, " i tralicci hanno CAPITOLO VIII
indubbiamente teso molte persone in nome di una idilliaca protezione del paesaggio.
Ma già, in MAESTRI E PROTETTORI
1914, Fernand Léger si scaglia contro coloro per i quali sarebbe preferibile
rimuovere immediatamente i pali del telegrafo, le case, e lasciare solo gli alberi, 200 Questo capitolo è stato scritto quando ho preso conoscenza, grazie all'antologia di J.-P.
morbide armonie di alberi 199 ". Le Dantec, dell'articolo di Ambroise Dupont, "Il problema francese", Metropoli, n ° 101-102,
Questo complesso di cicatrici non solo incoraggia la riluttanza, ma porta alla contraddizione. Da
1994, le cui posizioni sono in linea con la mia: "Dobbiamo accettare il fatto che il sistema
un lato, l'autostrada è invasiva, per i suoi stessi standard e per l'influenza che impone. Ma,
autostradale non può creare lo stesso paesaggio dei secoli XVII e XVIII, e non chiedere ai
dall'altro, sarebbe necessario, tanto quanto
paesaggisti di inventare soluzioni cosmetiche e zoppe '; "La situazione attuale è
198 Pierre-Marie TRICAUD, "Strada e paesaggio: un altro sforzo", caratterizzata [...) da una confusione tra ambiente e paesaggio, due concetti che
Paesaggio e pianificazione, 15, maggio 199 1, p. 24. dovrebbero essere indubbiamente separati in futuro" (citato da J.-P. LE DANTEC, in Jar dins
199 Thierry GRILLET, Catalogare della mostra “Creazione industriale e paesaggio. EDF e
lavora nel Nord-Pas-de-Calais ”, Ed. Du CCI, settembre 1991.
Paesaggi, op. cit., pp. 597 e 601).
DI NATURA ipotetico, analogo alla "cosa in sé" di Kant. Il progetto di un "contratto naturale" è, sotto
questo aspetto, illusorio, finché non si specifica quale natura si tratta di stabilire come
Contributo alle critiche soggetto di diritto, supponendo, inoltre, che tale operazione abbia un senso.
di un cosiddetto "contratto naturale"

DESCARTES E GALILEA
La filosofia è diffidente nei confronti della natura. Ci si può persino chiedere se la
sua vocazione non sia, inizialmente e per la maggior parte, antinaturalista. Certo, le Questo ritorno alla natura è solitamente accompagnato da una causa intentata contro la
reazioni sono frequenti e la storia è scandita da "ritorni alla natura": nel scienza, la tecnologia e coloro che, agli albori della modernità, ne sarebbero stati i
Quattrocento, a Rousseau, nel disastrosi fondatori: Cartesio e Galileo, colpevoli di aver, nel loro imperialismo teorico,
schiavizzato la Natura e la Vita degradata. Questo processo è doppiamente inquietante.
Naturfilosofia romantico, o, alla fine del millennio e sotto il segno dell'ecologia,
Prima perché l'accusa si basa su una lettura più o meno disonesta dei testi, poi, e
questo proclamerà, se non predicato da alcuni, di riconnettersi con esso, di
soprattutto, perché questo richiamo insistente alla Natura e alla Vita, adornato con la loro
stabilire una nuova Alleanza, un "contratto naturale" che assicuri, dopo secoli
maiuscola, richiama spiacevolmente il naturalismo e il biologismo che, più di mezzo secolo
di ostilità e vandalismo, le condizioni per un'autentica "simbiosi". fa, sotto la bandiera di Blut und Boden ( il "sangue e la terra"), ispirato in tutti i campi,
compreso quello della fauna e della flora 202, il razzismo più ostinato. Gli assassini della
Non è certo che un simile ritorno sia di qualità molto buona, se non altro per "barbarie", come i predicatori del "contratto naturale", ovviamente grideranno di fronte a
l'estrema confusione o, per meglio dire, per l'indeterminatezza di questa questo riavvicinamento e, al contrario, proclameranno la loro buona fede umanista. Ma che
"natura". I lavori di Ienoble, Van Melsen, Moscovici, ecc., Impongono gli piaccia o no, questa invocazione ossessionante della Natura e della Vita, eretta come
definitivamente l'idea, intravista dal Settecento (e probabilmente anche prima), valori assoluti, è l'opposto dell'umanesimo - e si dovrebbe esaminarla due volte prima di
di una storia estetica, epistemologica, tecnologica della natura. 201, che noi brandirle, solo ricordando le pratiche, idiote nella migliore delle ipotesi, ignobili nella
peggiore. , che hanno approvato.

non può, quindi, parlare in assoluto, se non come una X

201
Vedi le prime pagine di questo libro. Potremmo moltiplicare i riferimenti: "E
'sempre una natura coltivata ma che, per la sua permanenza e la sua maggiore o Come non stupirsi che intellettuali, e non da ultimo, formati alla disciplina filosofica,
minore stabilità, ci sembra familiare, e quindi ci porta a credere che si tratti di natura stiano attaccando oggi, in nome di chissà cosa " Nature ”, alla modernità scientifica, e
sola. È solo in retrospettiva storica che scopriamo quanto questa natura sia culturale sostenere, in tono profetico, una sorta di millenarismo ecologico? Finché si trattava di
"(AG VAN MELSEN, Scienza e Tecnologia, Pittsburg, 1961, pagg. 291). "La tua Heidegger, si poteva ignorarlo. Per quanto illustre possa essere il rettore di Friburgo,
natura è quella dell'I-innato, di Lamarck, la mia è quella di Einstein, di Heisenberg" ( VASARAMENTE, la sua nostalgia per il "vecchio ponte di legno" e la sua teoria dell '"imbarco tecnico" ( Gestell)
Plasti- Cité, Parigi / Toumai, Casterman, 1970, pagg. 47-48). Questa idea di natura come "pericolo" ( Gefahr) per la cultura occidentale, ovviamente, partecipa a
culturale è già presente in VOTO, nel suo Dizionario un'ideologia

filosofico, e presso MARX, in Ideologia tedesca.


202 Vedi, nel capitolo precedente, l'articolo citato da G. GRÔNING.
retrogrado 203 e si può solo aderire al giudizio di François Guéry, quando scrive che Rimandiamo per il momento la questione del contratto, per concentrarci su questa prova della
Heidegger "rappresenta i pregiudizi più gravi sul senso della tecnica. 204 ". Questo tipo modernità e dei suoi fondatori, Cartesio e Galileo. Fino a poco tempo fa, ci accontentavamo di
di malinconia non era del resto originale. Più di vent'anni fa, Duhamel, in incriminare apertamente lo scientismo, il positivismo e la vulgata marxista (diciamo, per
semplicità). orgoglioso, l'Anti-Dühiing
Scene dalla vita futura ( 1930) e Spengler, in Uomo e Engels e i suoi sostituti sovietici). Ma ora abbiamo anche attaccato l'idealismo tedesco,
Tecnico, Già fatto osservazioni allarmistiche, che anticipavano il discorso ecologico: Hegel in testa, responsabile, a quanto pare, di tutti i totalitarismi e dei loro crimini
“La meccanizzazione del mondo è entrata in una fase di ipertensione estremamente contro l'umanità, Shoah, Gulag, eccetera. E perché fermarsi? Non c'erano, in
pericolosa. La faccia stessa della Terra, con le sue piante, animali e persone, non è precedenza, Saint-Just e Robespierre, ei loro ispiratori, i pensatori dell'Illuminismo? Si
più la stessa. In pochi decenni la maggior parte delle grandi foreste sono scomparse, faceva addirittura una specialità, non molto tempo fa, tra i “Nuovi Filosofi”, di questa
evaporate in carta da giornale e sono iniziati così i cambiamenti climatici, mettendo in caccia ai cani con i colpevoli. Quindi, nello stile di Gavroche, la litania degli anatemi: è
pericolo l'economia rurale di intere popolazioni. [...] Tutti gli esseri viventi stanno colpa di Voltaire, colpa di Rousseau, colpa di d'Alembert, colpa di Diderot. Non
morendo nella morsa dell'organizzazione. potevamo, ovviamente, fermarci qui, così che, per porre fine alla nostra perversa
modernità, era necessario incriminare i veri criminali, i due pescatori originari, Cartesio
Un mondo artificiale entra nel mondo naturale e e Galileo, Adamo ed Eva di questa imbecille Bibbia.
lo avvelena. La civiltà stessa è diventata una macchina, che fa o cerca di fare tutto
meccanicamente. Ora pensiamo solo in termini di "potenza". Non possiamo guardare
una cascata senza trasformarla mentalmente in energia elettrica 205 "E devi essere Primo inquisitore, il Torquemada dell '“Estatico Dimensionale”, Michel Henry. Nel Barbarie,
corrotto dal peccato tecnologico per non vedere" che tutto questo ha un è in nome della Vita e della Cultura come "movimento" di Vita, quella tecnica è
anatemizzata, in termini la cui violenza lascia perplessi: " È la barbarie, la nuova
carattere malvagio 206 ". Ma, grazie a Dio, "si diffonde una stanchezza, una sorta di barbarie del nostro tempo, al posto della cultura. Nella misura in cui mette fuori gioco
pacifismo nella lotta alla Natura 207 ". Sei decenni dopo, Serres chiederà un "contratto la vita, le sue prescrizioni e le sue regole, non è solo la barbarie nella sua forma
di armistizio" ... estrema e più disumana che l'uomo abbia mai conosciuto, è follia. 208. E chi è all'origine
203 “La vera minaccia ha già raggiunto l'uomo nel suo essere. Il regno di Boarding ci minaccia di questa follia? Chi è il grande barbaro, il grande pazzo, il grande satana? Galileo.
Pensiamo di sognare. Ci chiediamo persino se sarebbe sfuggito al rogo sotto il
con la possibilità che all'uomo possa essere rifiutato di tornare a una rivelazione più originale
pontificato di Michel Henry ... "Il progetto galileiano [...] è quello della cultura moderna
e quindi ascoltare la richiesta di una verità più iniziale "(Martin HEIDEGGER," La questione
nel suo insieme come cultura scientifica - il che lo fa, a dire il vero, non una cultura,
della tecnica ", 1953, traduzione francese in Saggi e conferenze, Parigi, Gallimard,
se quest'ultima è sempre la cultura della vita, ma propriamente la sua negazione: la
nuova barbarie, di cui la conoscenza specifica e trionfante è pagata il prezzo più alto,
1958, pagg. 37-38). Nonostante le sue laboriose spiegazioni, mi sono sempre chiesto
l'occultazione da parte dell'uomo proprio 209 "
perché il traduttore pensasse di dover dare Gestell
di "imbarco", termine che da allora, e contro ogni rigore, ha invaso la vulgata
heideggeriana.
204 François GUÉRY, La società industriale e i suoi nemici, Parigi, Orban,

Secondo imprecatore, il Savonarola della "trance simbiotica", Michel Serres. Nel


1989, p. 45.
205 Oswald SPENGLER, Uomo e tecnologia, 1931, trad. fr., Parigi, Gallimard, 1958, pagg.
suo Contratto naturale 210, lo stile è meno atrabilare, il

142-144. 208 Michel HENRY, Barbarie, Parigi, Grasset, 1987, p. 95.


206 Ibid., p. 131. Sottolineato da me. 209 Ibid., pp. 129-130. Vedi anche pp. 10, 16, 19, 119, 122, ecc.
207 Ibid., p. 147. 210 Michel SERRES, Il contratto naturale, Parigi, François Bourin, 1990.
predicazione più lirica, ma il processo è lo stesso. È, di nuovo, nel contesto dal quale ci si ritira tanto frequentemente quanto indebitamente e, per lo
stesso motivo, per rendere giustizia a Descartes, che non ha mai professato
per opporsi al " vita reale "- ancorata alla natura, quella del marinaio, " l'imperialismo scientifico che gli si presta: "È possibile ottenere conoscenze che sono
cortesia divina 211 "( sic), o quella del contadino ", i piedi affondarono, a morte, nel suolo molto utili per vita e [...] invece di questa filosofia speculativa insegnata nelle scuole,
tradizionale 212 "( sic) - agli eccessi e alle perdite del dominio tecnologico. E chi è il possiamo trovare una pratica, mediante la quale, conoscendo la forza e le azioni del
colpevole? " Galileo il primo racchiude la terra della natura 213 », Inaugurando così la fuoco, dell'acqua, dell'aria, delle stelle, dei cieli e di tutti gli altri corpi che ci
nostra modernità. Questa era infelice, è giunto il momento di finirla, ed è per questo, circondano, così distintamente come conosciamo i vari mestieri dei nostri artigiani,
nella famosa formula - " Eppur, si muove! », Eppure lei [la terra] si muove! - Serres, il potremmo impiegarli allo stesso modo per tutti gli usi per i quali sono appropriati, e
nostro (anti-) Galileo della postmodernità, sostituisce quello- così farci come padroni e padroni della natura. Questo non è solo da desiderare per
l'invenzione di un numero infinito di artifici che renderebbero facile godere dei frutti
ecco, che si apre al prossimo millennio: “La Terra si muove! Muove la Terra immemorabile, della terra e di tutte le comodità che vi si trovano, ma soprattutto per la conservazione
fissa, dalle nostre condizioni o fondamenta vitali, la terra fondamentale trema 214. " della salute, che è senza dubbio il primo bene e il fondamento di tutti gli altri beni in
questa vita 217 "

Galileo, ma anche Cartesio, autore anche di una celebre espressione, che designa con la
vendetta di Serres (ma non è l'unico, ahimè) l'infatuata egemonia della scienza moderna.
“Controllo e possesso, questa è la parola chiave lanciata da Descartes, all'alba dell'era “Questo bellissimo testo, scrive François Guéry, è stato più commentato che letto, più
scientifica e tecnica, quando la nostra ragione occidentale si proponeva di conquistare tradito che onestamente decifrato. 218. "Per tre ragioni, che sono tante omissioni: dimenticare
l'universo. [...] Occorre quindi cambiare direzione e abbandonare il corso imposto dalla il" mi piace ", ovviamente teologico. Dimenticando il riferimento, così modesto, ai "mestieri
filosofia di Descartes. [...] Ecco la biforcazione della storia: o morte o simbiosi 215. »O dei nostri artigiani". Infine, dimenticando lo scopo "principalmente" medico dell'intero
Descartes o Michel Serres. Nietzsche, nei suoi momenti di megalomania, ha affermato di paragrafo, come ha ricordato Alain Boyer in un articolo notevole, che confutava, in anticipo,
"spezzare in due la storia dell'umanità". Serres non è lontano dall'investire in una missione l'intera interpretazione di Serres: "La matematica sarà usata per costituire una fisica, d
analoga quando, in un'intervista con Nuovo osservatore, definisce il suo punto come segue: " 'dove un si dedurrà la medicina: è questa deviazione che è nuova. Perché il fine
Schematizzando possiamo dire che il file Discorso sul metodo ha inaugurato l'era in cui "principale" del dominio della Natura è il
scienza e tecnologia prendono, luogo per luogo, dominio e possesso del mondo. Mio Contratto
naturale prova a porre fine a questo periodo 216. " conservazione della salute, o anche l'estensione della durata della vita. Spesso
dimentichiamo che quando vediamo nella frase di Descartes solo una orgogliosa
dichiarazione prepotente. Oro il dominio è un modo
per alleviare la sofferenza 219. "
Tornerò su questo " contratto naturale ", noto come" armistizio "e" simbiosi ", ma è
necessario prima sostituire la formula incriminata
211 Ibid., p. 70. 217 CARTESIO, Discorso sul metodo, Parte VI, sottolineata da me.
212 Ibid., p. 36. 218 François Guéry, in Didier DELEULE, François GUÉRY e Pierre
213 Ibid., p. 133.
Osmo, Il commento ai testi filosofici, Parigi, Nathan, 1990,
214 Ibid., p. 136.
p.40.
215 Ibid., pp. 58-61. 219 Alain BOYER, “Il rispetto per la natura è un dovere? ", nel
216 Il nuovo osservatore, 29 marzo 1990.
Domande di filosofia, Parigi, 1988, p. 9.
IL "CONTRATTO NATURALE" anche? Tanto che si fa scrupolo a dire l'autore: "Devo farla firmare? 223 '. Nei media
che hanno accolto con favore la pubblicazione del libro, nessuno, nemmeno il
Ma siamo d'accordo che, per secoli e, in particolare, dalle grandi rivoluzioni industriali, filosofo che ne ha parlato in Le
l'umanità non ha risparmiato la natura, o, per meglio dire, metterla in una sezione Mondo, ha notato che questo testo è radicalmente irrazionale; che è incompatibile con
regolamentata. Che dire, allora, di questo contratto naturale offertoci da Michel Serres le strutture elementari del pensiero organizzato, almeno così come lo ha praticato
in termini drammatici: “o morte o simbiosi”; o la guerra, che finirà inevitabilmente con lo l'Occidente da Aristotele a Einstein (l'autore, ovviamente, sostiene l'inaugurazione di
sterminio reciproco dei due protagonisti, o l'armistizio, che solo può garantire la loro una nuova era). Chi ha notato che questo libro non parla di un filosofo, ma di uno
comune sopravvivenza? sciamano in trance? Perché, come lo sciamano siberiano con la tigre delle nevi, ma
più cosmico, Serres dice di voler stipulare un contratto con la Terra (Natura). solo
Nella sua intervista con Nuovo osservatore, serre dichiara di essere " avviato in studi di regolarizzazione, senza dubbio, perché questa è già sua " amante " 224: si accoppia con
diritto reale. Per un avvocato, infatti, il termine "contratto naturale" è quasi contraddittorio. lei durante i terremoti, "comunichiamo entrambi, innamorati, lei ed io, doppiamente
Un contratto si fa solo con una persona umana che parla e firma, mentre la Natura non indifesi, insieme emozionanti, uniti in un'aura 225 », Probabilmente un'aurora boreale,
parla né firma. Oggi l'idea che la natura possa essere oggetto di diritto sta guadagnando questo fenomeno magnetico che a volte è accompagnato da terremoti 226 ... "
terreno, anche tra i veri tecnici legali. "Questo è del tutto corretto e basta, per esserne
convinti, leggere l'imponente opera collettiva, Uomo, natura e legge, pubblicato sotto la
direzione di Bernard Edelman e Marie-Angèle Hermitte 220. Non metto in dubbio che Serres
lo abbia consultato, ma non sono per il resto sorpreso che non vi si riferisca mai: non Qualunque sia il caso di questo orgasmo tellurico, che vorremmo condividere con
sarà stato trovato alcun argomento che gli consenta di fondare legalmente il suo l'autore, anche sulla scala Richter, è assolutamente necessario, secondo Serres,
contratto di simbiosi. Basti dire che ha evitato il dibattito, molto complesso e attualmente "effettuare una revisione straziante della legge naturale moderna che presuppone una
contraddittorio, sull'istituzione della natura come soggetto di diritto. Il sotterfugio consiste proposizione formulato, in virtù del quale l'uomo, individualmente o in gruppo, può
nel personificare quest'ultimo con metafore e lettere maiuscole, in modo che acquisisca, diventare solo soggetto di diritto 227 ". Ma basta dire che è "necessaria" perché questa
agli occhi di un lettore superficiale, o intriso di un ecologismo incondizionato, lo status di "revisione" - che Serres concorda sul fatto che "lacera" il giurista, ma non il filosofo,
entità o divinità antropomorfica, quindi di quasi-soggetto: "La Terra si muove ...", "La sembra - stabilisca la natura come soggetto? Ancora una volta, lettere maiuscole e
Terra trema ...", "La Terra è una Vergine che ha dato alla luce il suo Creatore? del suo metafore prendono il posto dell'evidenza: “In effetti, la Terra ci parla in termini di forze,
Creatore 221 "Il trucco si gioca e possiamo dire, in tutta serenità, che" la natura si comporta legami e interazioni, e questo è sufficiente per fare un contratto. 228. »No, non è
come un soggetto 222 ". abbastanza! Ma prima: chi stipula con chi? E a che livello? regionale? nazionale?
planetario? E questo contratto è tacito (anche se la Terra "parla" ...), o deve far parte di
uno statuto e di disposizioni normative? Non sappiamo e

Augustin Berque è ancora più critico, ancora più caustico: Serres "non ci rivela 223 Ibid., p. 191, ultima frase del libro.
Maometto dell'immanenza, Mosè dell'animismo!" che ha scritto il suo ultimo libro 224 Ibid., p. 191. Ibid., p. 191.
sotto il dettato della Natura stessa 225 Ibid., p. 190.

220 Bernard EDELMAN e Marie-Angèle HERMITTE, Uomo, natura e legge, Parigi, 226 Augustin BERQUE, Médiance. Dagli ambienti ai paesaggi, Montpellier, Reclus, 1990, pagg.

Christian Bourgois, 1988. 63-64.


221 Signor SERRES, Il contratto naturale, op. cit., p. 188. 227 Signor SERRES, Il contratto naturale, op. cit., p. 65.

222 Ibid., p. 64. 228 Ibid., p. 69.


ovviamente, queste banali considerazioni non interessano chi riconosce la Terra stabilisce un rapporto contrattuale con il muro? Che sia il mare, la roccia o qualsiasi altro
come madre, figlia e amante insieme 229. È elemento naturale, il contatto non crea alcun contratto, né teme alcun patto. Eppure
vero che questo contratto naturale è "metafisico", "va oltre i limiti ordinari delle varie questo è ciò che afferma il filosofo delle vette: “Un contratto non presuppone
specialità locali. 230 ". La metafisica ha una buona schiena e la natura è una brava necessariamente il linguaggio: basta un insieme di stringhe. Loro stessi capiscono
ragazza. senza parole [ sic].
Non siamo troppo ingiusti. Serres ci offre due modelli: l'equipaggio e la cordata. Ma Etimologicamente e nella natura delle cose [ sic], un contratto include 235 "Vorrei capire
ammetto la mia perplessità. Come fanno i marinai, anche animati da una "cortesia anch'io ...
divina", a contrattare con il mare? Sii serio. Una volta che abbiamo rinunciato a stabilire il contratto naturale in legge, non
Questo è però ciò che afferma il filosofo del mattino, come ama definirsi: "Il patto c'è altra soluzione che riversare in immagini biologiche (simbiosi) e bibliche (la terra si
sociale di cortesia in mare è infatti equivalente a quello che chiamo contratto naturale. 231. muove). Da qui questa "religione diligente del mondo 236 ", Che Serres ci invita a praticare,
" Questa " equivalenza ”lascia a chiedersi. È ovvio che c'è un contratto tra i membri e questa" comunione "finale con la" Terra spasmodica ". Ovviamente, abbiamo lasciato il
dell'equipaggio, nel migliore interesse di tutti e di tutti, e non c'è bisogno di "aver campo della riflessione filosofica a quello della vaticinazione, dove ognuno prende le
navigato 232 Per capirlo. Ma come sarebbe interessato il mare, se non da una proprie delusioni per realtà, e Pascal Acot ha perfettamente ragione, quando si interroga,
proiezione poetica (il Mare rimbomba, come la Terra trema), che, nello stile omerico, alla fine del suo Storia dell'ecologia: "Perché un simile ritorno al Sacro, e soprattutto così
lo anima con intenzioni di buon auspicio o dannose? costante, tra gli ambientalisti? 237? "

È lo stesso con la montagna. Siamo stati "imbarcati 233 », Siamo legati. È chiaro che,
ancora una volta, i concetti legali sono diluiti nel pathos metaforico: "Lascia che la DELLA LEGGE DELLA NATURA
montagna ... diventi difficile, persino abominevole, e il contratto stesso cambia
funzione: non più solo legare i camminatori. Tra di loro, ma, inoltre, prende fissaggi in Una delle due cose: o la natura è un soggetto e, come tale, titolare di una sorta di "diritto
punti precisi e resistenti del muro; il gruppo è legato, riferito, non solo a se stesso, ma naturale". Ma questo "giusnaturalismo" senza precedenti suppone, come abbiamo visto,
al mondo oggettivo, il chiodo sollecita la resistenza del muro a cui nessuno confida un una teologia o, almeno, una mitologia più o meno surrettizia, che, come nell'antica legge
legame se non dopo averlo provato. Al contratto sociale si aggiunge un contratto germanica, da sola può assicurarle una parvenza di validità. Oppure la natura non è
naturale 234. »Domanda ingenua da chi« non ha mai tirato »: come si arrampica soggetto
235Ibid., p. 167.
236 Ibid., p. 81.

229 Ibid., p. 191. 237


Pascal ACOT, Storia dell'ecologia, Parigi, PUF, 1988, p. 241. “Un sentimento
230 Ibid., p. 78. religioso (una religione emergente, non solo rivelata) permea tutte le attività dell'eco-società.
231 Ibid., p. 70.
È alla base e promuove l'azione. Conferisce la speranza che "qualcosa può essere salvato"
232
"Quindi eccoci qui a bordo! Per la prima volta nella storia, (J. de ROSNAY, Il Macroscopio, Parigi, Ed. Du Seuil, 1975, p. 283). "Religione emergente", " religione
diligente ”(Serres), direi volentieri religione indigente, quella di tutti quei teologi, ufficiali o
Platone e Pascal, che non avevano mai navigato [ sic] hanno entrambi ragione allo stesso tempo ipocriti, di cui Spi noza già denunciava imbecillitas, e che, alla fine delle vostre
"(M. SERRES, Il contratto naturale, op. cit., p. 7 2). Viene da chiedersi come sia riuscito Platone, argomentazioni, vi obbligano a "rifugiarvi nella volontà di Dio, in questo manicomio
due volte, a raggiungere la Sicilia ... dell'ignoranza". Dio ha appena cambiato il suo nome.
233 Ibid., p. 72.
234 Ibid., p. 163.
di diritto, e deve essere istituito, mediante lo strumento giuridico, come fa patrimonio che deve essere preservato a beneficio delle generazioni presenti e
Marie-Angèle Hermitte in un articolo fondamentale, "Il concetto di diversità biologica e futures, così come in base ai propri diritti " 240. " Ma
la creazione di uno statuto di natura". Ecco la tesi: “Fare della diversità biologica e, il quale ? Con quale diritto decretare che tutte le specie hanno diritto di esistere, in
più in generale, della natura, un soggetto di diritto è il punto chiave di tutto il mio assoluto, se non perché ci si assegni il dovere assoluto di proteggerle, cioè in fondo
ragionamento. [...] Saremmo quindi totalmente separati da tutti i sistemi che hanno (ma non lo si dice mai, tanta ipocrisia è qui , come ovunque, la regola planetaria),
fatto della natura un oggetto di diritto. 238. "È. Ma se questa istituzione è una decisione perché ci si concede il ruolo provvidenziale di Dio (non uno qualunque: un Dio
unilaterale, poiché, nonostante le prosopopee di Serres, la natura non avrà mai "voce preoccupato per la sua "capitale"), o vicario di Dio, nuovo Noè a capo di questa
in capitolo", si può davvero parlare di soggetto di diritto, se non, ancora una volta, per moderna arca, diversità biologica ? Eccoci, ancora una volta, ricondotti alla teologia,
metafora e nel "come se " modalità? Augustin Berque, nella sua ultima opera, è che, decisamente, ispira tutti questi discorsi. E non posso fare di meglio, per chiudere
categorico: “Quindi, la nozione di 'diritti di natura' è incoerente nel suo stesso questo dibattito, o almeno per chiarirlo, che citare Martine Rémond-Gouilloud: "Poiché
principio. È quindi impossibile basare l'etica ambientale su tale nozione. 239. " nessun intermediario può garantire perfettamente la difesa della natura, alcuni autori
propongono, radicalmente, per concedergli il diritto di farlo. Solo una certa
personificazione degli elementi naturali, dando loro un interesse per la recitazione,
consentirebbe di riparare veramente il danno di cui sono oggetto. Questo approccio,
Consideriamo l'unico problema, peraltro cruciale, della "rappresentanza". È chiaro tuttavia, suscita riserve. Filosoficamente attraente [?], In quanto fa posto a questo
che, poiché la natura non può difendersi o protestare, sarà necessario delegare ad imperialismo umano che nega a chiunque altro che all'uomo la qualità di soggetto di
alcune organizzazioni il compito di rappresentarla e di valutare, ad esempio, diritto, non sembra essere di utilità decisiva. Ipotizzando che certe cose fossero
l'ammontare del danno subito, cioè del risarcimento che verrà essere concesso, dotate di embrioni di diritti, rimarrebbero incapaci di esercitarli: il problema della loro
non alla natura stessa, ma a coloro che sono stati danneggiati dal suo rappresentazione, spostato di un gradino, non sarebbe risolto per tutto questo.
deterioramento. Supponendo quindi che si decida di “ripararlo”, ripristinare la Questo artificio non è quindi necessario. Troppo cartesiano in mente per essere
foresta, la costa, ecc. - non c'è dubbio che l'intera operazione, nei suoi termini soddisfatto di una simile finzione., 241. "
legali, finanziari e tecnici, sarà condotta in vista e secondo l'umanità, i cui interessi
non sono esclusivamente economici, ma estetici, sociologici, ecc. In ogni caso, non
è perché l'uomo si impone dei doveri.

“Alcuni vorrebbero, come in passato, personificare la natura, riconoscere i suoi diritti


Marie-Angèle Hermitte, invece, cita un testo che contraddice l'interpretazione restrittiva che che le permetterebbero di proteggersi. [...] Questi tentativi, fruttuosi per i filosofi [?],
propongo. Questa è la "bozza di convenzione internazionale sulla conservazione della Non potevano però soddisfare il giurista. Antropocentrista per formazione, non
concepisce altri interessi da tutelare oltre a quelli degli esseri umani, e gli unici limiti
diversità biologica". "Il preambolo dichiara che" le specie selvatiche hanno il diritto di esistere indipendentemente
da che accetta alle sue prerogative sono direttamente in nome di altri interessi umani.
benefici che possono fornire all'umanità ". Più in generale, articolo 2
afferma: "Gli Stati riconoscono che la diversità biologica è un 240 Marie-Angèle HERMITTE, "Il diritto e la visione biologica del

238 Marie-Angèle HERMITTE, "Il concetto di diversità biologica e la creazione di uno ", nel Maestri e protettori della natura, op. cit., p. 88.
241 Martine RÉMOND-GOUILLOUD, "Il prezzo della natura", in
statuto per la natura", in B. EDELMAN e M.-A.
HERMITTE, Uomo, natura e diritto, op. cit., pp. 254-255. B.EDELMAN e M.-A. HERMITTE, Uomo, natura e diritto, op. Cit., p. 217.
239 Augustin BERQUE, Esseri umani sulla Terra, op. cit., pp. 65-66.
evidente. Ecco perché la protezione delle risorse naturali può essere compresa solo Ho appena detto che il nostro interesse non era solo economico. Prendiamo
qui, e le limitazioni che ci impone ammettono, nell'interesse dei nostri contemporanei. 242. l'esempio dell'animale, la cui protezione costituisce, a questo riguardo, un istruttivo
" precedente. C'è un animale giusto? No, a rigor di termini. È vero che, se infliggo
maltrattamenti a un animale, in Francia sono passibile di procedimenti giudiziari.
tuttavia, non ho mai contratto con la mia vittima. Succede solo che, recentemente
(XIX secolo), la sofferenza degli animali, soprattutto alcuni di loro (e queste scelte
L'INTERESSE "ECONOLOGICO" sono rivelatrici), sia diventata insopportabile per gli occidentali, che hanno deciso, nel
loro interesse sentimentale (di soffrire, anche per compassione, è un pregiudizio), per
La nozione di interesse, nel senso ampio del termine, ci porta al cuore della
non tollerarlo più. Una decisione unilaterale, in cui l'animale non è stabilito come
questione. Rinunciare a questa pretesa illusoria di stabilire la natura come soggetto di
soggetto di legge,
diritto non significa che ci arrendiamo all'arroganza tecnocratica, né che continuiamo
a saccheggiare il pianeta nella totale impunità. Bemard Edelman sottolinea questa
fondamentale idea di interesse Comune, come appare esplicitamente in molte
convenzioni internazionali, sullo spazio cosmico, l'Antartide, gli oceani, ecc. 243. Questo
SPA, o qualsiasi altro avvocato, che non pretenda nulla per la vittima stessa, ma richieda la
basta per impegnarci, ci obbliga a contrarre tra di noi, e a tutti i livelli, senza che ci sia
punizione del colpevole, ricordando così i suoi doveri, e soprattutto ad esempio.
bisogno di mitizzare o divinizzare la natura, e gravare le nostre risoluzioni con
considerazioni etiche o patetiche. Come osserva Alain Boyer, " lui non è immorale in
È lo stesso, a fortiori, per natura inorganica. È unilateralmente che l'uomo si
sé inquinare un mare, anche se questo può portare a effetti inattesi sull'uomo di cui
impegna a rispettare le foreste, il mare, l'Antartide, lo strato di ozono, ecc. Il
sarebbe ingiusto e sciocco non tener conto. Le idee di "rispetto per la natura" o anche
cosiddetto contratto di cosiddetta natura è e non sarà mai solo un obbligo legale che
di "rispetto per la vita", in quanto tali, mi sembrano feticiste nel senso di Comte. 244 ". È
gli uomini si impongono, nei confronti di un oggetto o settore naturale ben definito,
sempre, in ultima istanza, il nostro interesse a fare la regola, a condizione che non lo
che decidono, nel loro migliore interesse. garantire la salvaguardia.
riduciamo alla sua espressione più breve e più povera. L'interesse ecologico richiede
un calcolo a lungo termine, che indubbiamente coinvolge molti fattori.
Possiamo vederlo chiaramente oggi con il dibattito che divide le potenze occidentali dai
paesi in via di sviluppo. È chiaro che questi ultimi rifiutano di stipulare un contratto, non
con "Natura" ma con noi, che denunciano un'interferenza che a volte prende, è vero, una
svolta scandalosa, e sono riluttanti a rinchiudersi in un sistema di vincoli considerate
242 Martine RÉMOND-GOUILLOUD, "Risorse naturali e cose senza padrone", in B. leonine e, almeno a breve termine, dannose per la loro economia. Questo per dire che la
vera ecologia non ha nulla a che fare con un contratto simbiotico con una natura
EDELMAN e M.-A. HERMTTE, Uomo, natura e diritto, op. cit., p. 229. È notevole, e del
simbolica e avida che farà deridere qualsiasi giurista serio, ma che richiede una serie di
tutto a vantaggio di questo volume collettivo, che gli articoli di M.-A. Hermitte e M.
convenzioni precise ed eque garantite da un organismo internazionale. In un'intervista presso
Rémond-Gouilloud compaiono fianco a fianco; un bell'esempio di dibattito che
L'Express,
avremmo voluto trovare nel libro di Serres.

Brice Lalonde, allora ministro dell'Ambiente, ha anche menzionato la possibilità di una


243
Bemard EDELMAN, " Tra persona umana e materiale umano: "il soggetto
polizia ecologica: " Senza dubbio vedremo l'emergere di organismi comuni a tutte le
del diritto", in B. EDELMAN e M.-A. HERMITTE,
nazioni, per monitorare, mettere in atto e persino intervenire. Siamo in ingegneria
ibid., pp. 136 e mq.
244 A. BOYER, "Rispetto per la natura ...", art. citato, pp. 12-13.
planetaria: ci vorrà
rettificare e creare, oltre che proteggere. Forse parleremo di una forza di intervento Vergine-Vita o nostra Madre-Natura, per dedicare loro un'adorazione infantile. La
ecologico, di "caschi verdi". 245 Chi non vede che questa forza di intervento non avrebbe natura non è una persona, e nemmeno un'entità, che dovremmo venerare per se
alcuna missione da far rispettare a stessa, è solo un serbatoio, è vero colossale, di possibilità, che tutti i nostri interessi,
" diritto di natura ”, ma, più semplicemente e più seriamente, per assicurare economici, ecologici, estetici, ecc., Ci comandano. sfruttare, non solo razionalmente
l'applicazione delle regole che gli uomini avranno emanato per se stessi, nel loro ben (lo sappiamo), ma ragionevolmente (dobbiamo impararlo), un patrimonio comune che
inteso interesse, cioè allargate alla scala del pianeta e del lungo termine. dobbiamo a noi stessi per tutelare dalla nostra propensione allo spreco, ma senza
rinunciare mai a questo pathos ecologico, che è, il più delle volte, un pasticcio di
Prendiamo un altro esempio, salvaguardando la diversità biologica. Può essere biologismo e teologia. “La filosofia”, disse Schopenhauer, “non è fatta per portare
visualizzato in due modi. Il primo è teologico: l'uomo, vicario di Dio, è responsabile l'acqua al mulino del prete. Il suo avvertimento è ancora rilevante. Attenzione ai nuovi
della sua creazione. È, se vuoi, il complesso di Noè, servo di Zoe (Vita), nel momento tartufi ...
in cui sta arrivando il Secondo Diluvio, e di cui siamo di nuovo responsabili, non più
per colpa etica, ma per peccato tecnologico: se dobbiamo credere a Norman Mayers,
l'uomo ha distrutto, per un secolo, quasi il 75% delle specie viventi.
CAPITOLO IX
Il secondo è pragmatico. Sappiamo, infatti, che le rivoluzioni
farmaceutiche sono spesso legate alla scoperta delle proprietà medicinali di alcune PU ESSERE UN PAESAGGIO
specie vegetali (papavero per morfina, salice per aspirina, ecc.) O di certi funghi EROTICO?
microscopici (penicillina, ciclosporina, ecc.) Ecc.) . Si dice anche che le foreste
tropicali ospitino il 60% delle duecentocinquantamila specie elencate.

Deforestazione, qualunque sia l'interesse economico


immediato, quindi, costituisce l'insensato sperpero di un giacimento di cui non Questa teoria del paesaggio, che sto cercando di sviluppare da anni, vorrei darne
sappiamo neppure valutare l'importanza. Non si tratta di contrarre una ("alleanza un'ultima illustrazione, portando, spero, il tocco erotico e giocoso, che forse mancava
simbiotica" con la foresta tropicale, ma, nell'interesse comune dell'umanità, di in questo saggio. Ricordo, un'ultima volta, l'ipotesi che fa da filo conduttore: non c'è
negoziare con chi, per viverla, la distrugge; il che pone, ancora una volta, il bellezza naturale o, più esattamente, la natura diventa bella ai nostri occhi solo
fondamentale questione, sia economica che ecologica, insomma, ecologico, rapporti attraverso l'intermediazione dell'arte. La nostra percezione estetica della natura è
("Nord-Sud". sempre mediata da un'operazione artistica, una "artializzazione", sia essa diretta che
indiretta, in situ o in visu. Oro
La formula che dà il titolo a questo capitolo non è anti-cartesiana, anzi: chiarisce e
aggiorna quella del Discorso sul metodo. l'erotizzazione è una varietà particolarmente spettacolare di artializzazione del paesaggio. Ma si

Possiamo controllare e possedere veramente la natura solo proteggendola. Sottoscrivo, su intuisce subito che non potrebbe, salvo eccezioni (o provocazioni ...) operare sul posto, e che la

questo punto, il parere di Serres: è necessario "fin d'ora cercare di controllare il nostro trasformazione di un paese (asessuato) in un paesaggio (erotizzato) avviene soprattutto in visivamente,

controllo 246 ". La vera maestria è padronanza di sé, possesso pronominale e vero in attraverso la mediazione tra pittura, fotografia, letteratura.

opposizione all'oppressione: gestione ordinata di un fondo da preservare. Non si tratta di


inginocchiarsi davanti al
CROUPES E Capezzoli.
245 L'Espresso, 7 aprile 1989.
246 Signor SERRES, Il contratto naturale, op. cit., p. 61.
LA METAFORA REVERSIBILE dannoso. Ma quello che ho visto mi ha colpito con terrore. Fu invaso da
un'enorme pelliccia, fulva, feroce, sgargiante. Abbagliato, ho alzato entrambe le
Paradossalmente, sono i geografi a fornirci le prime indicazioni di una tale mani e mi sono coperto gli occhi, ma il vello ha continuato a bruciare per tutta la
erotizzazione, con la terminologia che usano per la descrizione dell'ambiente fisico. I
notte. Mi dico: ti farai avanti per considerare questo strano spettacolo e per vedere
soldati usano questo vocabolario, che mi ha deliziato quando ero un
perché questo cespuglio non brucia. Ma io rimasi inchiodato, e quando finalmente
granatiere-voltigeur nel 5 ° reggimento di fanteria. C'erano, sulle mappe del
osai guardarlo, il corpo era cresciuto ancora di più, si alzava dal braciere come
personale, solo "groppe" e "
capezzoli ", la manovra è diventata come un gioco licenzioso su questa" Carte de Tendre fumo pallido, e capii allora che l'erba ciarlatana delle femmine più grosse non
"... "Groppa: parte sporgente di una montagna ”(Littré). avrebbe mai potuto eguagliare il fuoco di questa cappotto. 249 .. "O ancora, poche
"Capezzolo: eminenza arrotondata su un pezzo di terra ”(Littré). A Hugo, ad esempio: pagine dopo, la classe delle liceali in camice blu, metaforizzata come" polypier ":"
"Dietro un capezzolo, la guardia è stata massaggiata 247 ... "A Si formarono ai miei piedi come un grosso animale, un bel corallo ceruleo
capezzolo, non una groppa, il primo è sufficiente per nascondere la guardia imperiale, antozoo, celenterato azzurro. A volte uno dei polipi osava interrogarmi. Così ho
che non ha molto più tempo, siamo a Waterloo, " morne plain ”... Tanto più inquietante, risposto con una voce asessuata, distante, universale, quella richiesta dalla
questa guardia,“ ammassata ”dietro il suo“ capezzolo ”, prima di apparire, rigida, per colonia marina 250. »Questo polypier è ovviamente solo una reminiscenza della«
essere schiacciata dal pompelmo inglese ...
zoofita »proustiana, quella del " fanciulle in fiore ”:“ Tale per me questo stato
d'amore diviso contemporaneamente tra più fanciulle.
Certo, queste sono solo indicazioni rudimentali ma testimoniano già una certa
inclinazione a proiettare sul paese segni sessuali, se non erotici, comunque femminili.
E questo mi ispira due osservazioni.
1) Fin dall'inizio, l'erotizzazione sembra essere fatta di più nel femminile
se c'era qualche affinità tra la configurazione geografica e l'anatomia della donna: Diviso o meglio indiviso, perché il più delle volte ciò che era delizioso per me, diverso dal resto
curve e cavità, linea di grazia hogarthiana, "per unire le curve delle donne con le del mondo, che cominciava a diventarmi così caro che la speranza di ritrovarlo il giorno dopo
groppe delle colline" (Cézanne) ... era la gioia più bella della mia vita, lo era anzi tutto il gruppo di queste ragazze ... ”I fotografi, a
2) Questa metaforizzazione sommaria è reversibile. La donna può, più facilmente dell'uomo, loro volta, non smettono mai di giocare su queste metamorfosi: ragazze dell'acqua, ragazze
diventare un paesaggio. Evocheremo, in modo abbastanza concordato, la collina dei suoi della sabbia, ragazze della pietra. Così Lucien Clergue e le sue marine, o questi artisti
seni, la valle della sua gola, il burrone del suo sesso, senza dubbio il più esposto a questa giapponesi, più sensibili alla luminosa mineralità dei corpi.
metaforizzazione, banale o
poetico: ciuffo, zolla, monte di Venere, solco, grotta, "giardino ben recintato, Sospettiamo già che questa reversibilità metaforica possa produrre il peggio e il meglio. Il
peggio, il cliché, un paesaggio spazzatura, frettolosamente sessualizzato, se non "in ussaro",
sorgente sigillata 248 ".
ma anche il migliore, un'estetizzazione sottile, dove la nudità e il paese, realtà naturali, si
Io stesso ho ceduto a questa tentazione, costruendo uno dei miei romanzi attorno alla
erotizzano a vicenda per dare origine a queste figure del arte del nudo e del paesaggio. Nel
metafora del “roveto ardente”, del “boschetto crematorio”, quella di una ragazzina dai
capitolo della figura peggiore il ricorso, conveniente e compiacente, alla psicoanalisi, che
capelli rossi che, alzandosi l'abito, si mette in mostra al buio Narratore: "Fu un atto permette, si crede, di proiettare in qualunque luogo una lettura libidica. Siccome è raro che il
prodigioso, il gesto sacro di Eleusi, quando Baubô, all'improvviso, svela il suo ventre a terreno sia completamente piatto, ci diamo a poco a poco
Demetra.

247 HUGO, Le punizioni, "L'Espiazione", II. 249. Alain ROGER, Il misogino, Parigi, Denoël, 1976, p. 15.
248 Cantico dei cantici, rv, 12. 250 Ibid., p. 36.
di recente, la facoltà di interpretare tutto in termini genitali, ogni sollievo è fallico e ogni meno il nostro sospetto iniziale: "L'organo genitale maschile rappresentato da una persona,
cavità vulvare. C'è sempre un albero o un campanile per ithyphallize il paesaggio - cosa l'organo genitale femminile rappresentato da un paesaggio 253. »Il paesaggio è, per
non è stato fatto ai tre campanili proustiani di Martinville e Vieuxvicq qualche stagno o
ruscello per femminilizzarlo. Non dimentichiamo che i quattro elementi delle l'inconscio, fondamentalmente femminile, anche se, per imprudenza, vi si avventura qualche
cosmogonie arcaiche sono di genere - aria e fuoco, maschile, terra e acqua, femminile - segno fallico ...
in modo che nulla possa sfuggire a questa sessualizzazione universale, una sorta di
"parte quadrata". "Elementare, poiché gli scambi e le connessioni si moltiplicano,
generando queste immagini poetiche di cui Bachelard si fece specialista: il fango (terra TRE CIFRE DELLA DONNA DEL PAESAGGIO

+ acqua) e le fumarole (fuoco + aria) sono omosessuali, mentre i vapori (acqua + aria) e
Ne troviamo ottimi esempi nella letteratura, e tra gli scrittori che, spesso ignoranti di
la lava (acqua + fuoco) sono eterosessuali.
psicoanalisi, femminilizzano il loro paesaggio secondo modalità varie e giustificabili di
una tipologia basata sulle figure della femminilità, che presiede alla metafora.

Coleridge, Kubla Khan, l'orgasmo tellurico ... È significativo che questa poesia onirica inizi
Tale erotizzazione non è priva di interesse o fascino, come si può convincere leggendo i
(riposo diurno) con l'evocazione del grande giardino recintato di khan Koubilaï, un giardino che
saggi di Bachelard, o i trattati sul paesaggio dell'antica Cina (vedi sopra): "Il ruolo del
improvvisamente lascia il posto a un burrone, il sogno esaltato nel delirio erotico: "Ma cosa un
pennello è quello di incapsulare la forma e la sostanza delle cose, quella dell'inchiostro è
profondo e mistico burrone ( profondo abisso romantico), attraverso una foresta di cedri,
distinguere tra i file yin e il yang. [...] In questo modo si ottengono gli effetti della distanza.
immerso obliquamente nella montagna verde! Luogo selvaggio! Nessuno più sacro, non più
L'alternanza di yin e yang permette di distinguere le distanze dal primo piano, dal fronte e
magico, mai è stato perseguitato, sotto la luna emaciata, da una donna i cui gemiti invocano il
dal retro delle montagne; può anche modellare i rilievi contrapponendo le cavità dipinte con
demone che la ama! ( Da donna che piange per il suo demone amante). In fondo a questo
inchiostro scuro (yin) e le protuberanze dipinte a inchiostro pallido (yang) 251. Ma questa
burrone, ancora ribollente di tuono,
codificazione degli elementi e la loro sistematica sessione rischia, nonostante le
connessioni e qualche "rimescolamento", di nuocere all'erotizzazione, come accade in
psicoanalisi, dove l'applicazione meccanica del simbolismo freudiano si trasforma spesso 253 Ibid., p. 314. Sono propenso a credere che, per Freud, il paesaggio rientri nella stessa
in caricatura.
interpretazione di "l'illusione del déjà vu", cioè l'organo genitale della madre "( operazione. cit., p.
343). Il "déjà vu" è del resto il massimo
spesso un paesaggio. Comunque, trovo difficile seguirlo
Dobbiamo incolpare lo stesso Freud per questa sessualizzazione, sia ingenua che
scolastica, del paesaggio? Senza dubbio, a giudicare dalle poche indicazioni che ci Françoise CHENET, quando avanza l'ipotesi che "se, come tutti sono d'accordo, il
fornisce L'interpretazione dei sogni: "È facile riconoscere che nel sogno molti giardino è la metafora della pancia della madre, il paesaggio è dalla parte del
paesaggi, quelli che in particolare rappresentano ponti o montagne boscose, sono padre" "Il paesaggio come pregiudizio", in Enunciation and bias, Atti del colloquio
descrizioni di genitali. 252. »Freud non conferma dell'Università di Anversa, 1990, pp. 90-91, incluso in Teoria del paesaggio in
Francia, 1974-1994, op. cit., p. 277). Per una psicoanalisi del paesaggio, vedi anche
251 N. VANDIER-NICOLAS, Estetica e pittura di paesaggio in Cina, J. Guillaumin, "Il paesaggio nello sguardo di uno psicoanalista", Università di Lione
operazione. cit. ( cap. III), pagg. 53 e 57.
11, 1975, n.
252
FREUD, L'interpretazione dei sogni, trad. P. Parigi, PUF, 1971,
p.306. Vedi anche il bel sogno dei “due giardini”, di cui Freud, ahimè, a malapena abbozza 3 e Michel COLLOT, " Punti di vista sulla percezione dei paesaggi ”, Spazio
l'interpretazione. geografico, 1986, n ° 3.
come se questa terra respirasse rantoli rapidi e rauchi ( Come se questo gorgoglia su una valvola e si perde, singhiozzando, nei buchi di un muro? In alcuni
la terra in pantaloni spessi e veloci respirava), è sorta una potente fonte punti l'acqua sembra essere paralizzata e divorata dalla lebbra; ristagna, poi smuove
a raffiche improvvise e, nella sua improvvisa, semintermittente ascesa, balzarono enormi la fuliggine che scorre e riprende il cammino rallentato dal fango 255 ... Ricordo un fiume,
frammenti. [...] e tra questa danza delle rocce, allo stesso tempo e senza sosta, il burrone, di lo Yeveurette, che scorreva a Bourges, piuttosto languiva lì, putrido e mefitico, e non
momento in momento, proiettava il fiume sacro ... " ho potuto fare a meno di associarlo alla mia piccola vicina, una ragazza malata
coperta di impetigine, che abbiamo chiamato "povera Yvette"
Tutti gli elementi "geografici" sono qui femminili: baratro (" burrone
"), Fontana (" fonte "), Fiume sacro ( "Sacro fiume"), quindi, nei versi seguenti, caverna Yevrette mi sembrava il riassunto di questo povera Yvette, il suo pietoso doppio, il mio
smisurata per l'uomo ( "Grotte la cui misura è Bièvre Berruyère ... Dove vediamo che l'onomastica qui secondo la metafora. C'è un Yvette
sconosciuto all'uomo "), Oceano senza vita (" oceano senza vita "), Grotte di ghiaccio nella regione parigina, a
"(Grotte di ghiaccio") 254, ed è la loro violenta erotizzazione, "virile", e quasi vulcanica Nonette inoltre, vicino a Senlis: "bel nome, e immaginava uno sciame di novizie, beghine
(metafora della metafora), che le organizza, alla baldoria, che si schizzavano i seni in mezzo al ruscello. 256 ". La Senna, è il Seno, femminile,
orgasmo in un paesaggio fantastico. Huysmans, La Bièvre, la figlia del ruscello ... "La natura è a seconda dei casi; il
interessante solo in quanto stupida e affranta. Non nego il suo prestigio e le sue glorie mentre Loira, è un Ghiro, nel femminile, allo stesso modo, e sto pensando Giardino di Francia, di Max
fa spaccare la sua camicetta di rocce scure per l'ampiezza delle sue risate e brandisce la sua Ernst, questa donna avvolta tra l'Indre e la Loira; il
gola dalla punta verde al sole, ma ammetto di non sentire, di fronte ai suoi banchetti di linfa, Garonna, un digest di fanciullesco e luronne, ma che, crescendo, diventa una ragazza
che fascino pietoso che mi fa nascere in un angolo desolato di una grande città, un tumulo gironda, la Gironda ...
graffiato, un canalone d'acqua che piange tra due alberi esili. In fondo, la bellezza di un Sartre, Nausea, oscenità femminile ... "Le cose si sono sbarazzate dei loro nomi. Sono
paesaggio è fatta di malinconia. Così La Bièvre, con il suo atteggiamento disperato e la sua lì, grottesche, testarde, giganti e sembra sciocco chiamarle panchine o dire qualcosa su di
aria pensierosa di chi soffre, mi affascina più di ogni altra. " loro: io sono in mezzo alle Cose, quelle innominabili. Sappiamo che questa esperienza di
"esistenza" si ripete e culmina, due pagine dopo, nella famosa descrizione del giardino
pubblico di Bouville, ma i commentatori non hanno, mi sembra, non sottolineato
La metafora, ancora una volta, è reversibile: se la prostituta è una "fogna seminale" abbastanza che questa descrizione è animata dal dentro e come inseminate da una
(Parent-Duchâtelet, 1836), lo sbocco necessario dello stupre, il Bièvre, "questo fiume lacero", femminilizzazione universale e oscena delle Cose: "Questa vernice si era sciolta, erano
questo "letame in movimento", "Questo sbocco di tutta la sporcizia ", è solo una povera rimaste masse mostruose e morbide, in disordine - nude, di una nudità spaventosa e
ragazza, una" ragazza "insomma, una ragazza delle strade, o meglio del" ruscello ", ed è oscena. [...] Tutte le cose, dolcemente, teneramente, si lasciano andare all'esistenza come
proprio questa miseria" dispiaciuta "che affascina Huysmans e lui ispira questi magnifici e già queste stanche donne che smettere di ridere e dire: "è bello ridere", con voce umida;
nostalgici righe: "Così non hanno mai finalmente guardato questo strano fiume, questo sbocco erano distesi, uno di fronte all'altro, si confidavano l'uno con l'altro la spregevole fiducia
di tutta la sporcizia, questo sentina il colore dell'ardesia e del piombo fuso, ribollito qua e là della loro esistenza. Ho capito che non c'era via di mezzo tra l'inesistenza e questa
con vortici verdastri, punteggiato di stelle. abbondanza svenuta. Se esistessimo

254 COLERIDGE, Kubla Khan, traduzione di Germain D'Angest, leggermente modificata. Ho


già accennato a questa poesia, ma da un'altra prospettiva, nel capitolo II di questo libro. Il
tema delle "caverne vuote", associato alla femminilità malvagia, è ricorrente in l'odissea ( Calypso,
255 Huysmans, "La Bièvre", in Schizzi parigini, canna. Lausanne,
nella canzone v, Scilla, nella canzone XII, ecc.). È onnipresente nei miti e nei racconti.
Mermod, 1955, pagg. 109-1 10.
Alain ROGER, Remissione, Parigi, Grasset, 1990, p. 86.
256
egli doveva esistere fino ad allora, modellare, vescicare, oscenità 257. " gli animali sono familiari, complici e soprattutto esemplari della sessualità universale. Eva,
infine, è l'istigatrice: è lei che conduce Serge sotto il grande albero - della Conoscenza, ma
Paradosso: si sarebbe potuto credere che "l'esistenza" sarebbe stata la regressione alla qui confuso con l'albero della Vita, primo sovvertimento del mito -, alla cui ombra si
neutralità. Non è così. Tutto accade come se questo ritorno alla "cosa", questa deviazione abbracciano, dopo un piuttosto lungo l'astinenza ai nostri occhi di lettori abituati a velocità
attraverso il "esiste" non avesse altra funzione che quella di generare, attraverso l'inseminazione più erotiche. Vergogna, modestia e presto rimorso seguono, come dovrebbe essere,
metaforica - e Robbe-Grillet non mancherà di rimproverare a Sartre - un altro paesaggio, più copriamo i nostri corpi e ci nascondiamo quando compare Fratello Archangias,
potente, più inquietante anche, ovviamente fantasmatica, poiché posta sotto il segno della annunciatore della maledizione. Serge esce da Paradou, il cui fratello, una specie di Léon
femminilità, della misoginia cosmica ... Bloy con fragorose imprecazioni, ora sorveglierà ferocemente l'ingresso.

Esistono molti altri metodi di erotizzazione del paesaggio (Hugo, Flaubert, Verlaine,
Bram Stoker, Colette, Giono, Dalì 258, Ernst, Saudek, ecc.) Ma vorrei soffermarmi più in È un po 'grande (i "grandi pugni" ...), ma potente (i "potenti polmoni" ...). Padre
particolare su due di loro, quelli di Zola e Proust, peraltro molto diversi, ma anche Mouret conosceva per primo la tentazione, l'invidia di Paradou, di cui sentiva
allegri e più o meno paradisiaci. l'esasperante femminilità, fino alla debolezza.
Vi entra, a malincuore (ha perso
coscienza), lo scopre e lo vive, giorno dopo giorno, gli soccombe, lo abbandona, gli torna,
ma invano, morto di vita. La scrittura di Zola è qui ispirata, descrivendo meravigliosamente
questa induzione di desiderio dalla progressiva e favolosa femminilizzazione del giardino,
ZOLA. EDEN DELLE DONNE che, come il serpente, è il vero tentatore: è lui che "voleva la colpa". 260 ". Ecco i punti salienti
di questa metafora:
Il "Paradou" è senza dubbio un posto importante nel lavoro di Zola. La sua lunga
descrizione, instancabilmente ripetuta e rinnovata, occupa la parte centrale di Colpa - Anche prima di entrare nel Paradou, il desiderio represso di Serge invade la campagna
dell'abate Mouret, di cui è, senza dubbio, il vero personaggio, inducendo, con la sua circostante con una potente femminilità, solco rustico, il che rende questo povero paese non un
forza vitale e la sua esuberante femminilità, la "colpa" di Serge e Albine, Adamo ed Eva "paesaggio dell'anima" (Amiel), ma una donna svenuta: " Di notte, questo paesaggio infuocato
di questa parabola un po 'pesante, ma, come scrive Huysmans, "Zola era Zola, cioè un assumeva uno strano sussulto di passione. Stava dormendo, spettinata, ondeggiante, contorta,
artista piuttosto massiccio, ma dotato di potenti polmoni e grandi pugni. 259 ". Tutti gli con le membra aperte, mentre da lei esalavano grandi e caldi sospiri, aromi potenti di un
elementi della storia edenica sono infatti ripresi, a cominciare da questo paradiso " sud ”, dormiente sudato. Si sarebbe detto che una forte Cibele fosse caduta sulla sua spina dorsale, con
immenso giardino recintato, dove Serge riscopre l'innocenza infantile e l'integrità fisica la gola in avanti, il ventre sotto la luna, ubriaca dal calore del sole e ancora sognando la
di Adamo. Il fecondazione. [...] mai, come a quell'ora di notte, la campagna lo aveva preoccupato, con il suo
petto gigantesco, le sue ombre morbide, la sua lucente pelle ambrata, tutta questa nudità di una
dea, appena nascosta sotto la mussola argentea della luna 261. "

257 SARTRE, nausea, Parigi, Gallimard, 1938, pagg. 177-181.


258 Ho accennato all'erotizzazione del paesaggio " vampirico "nella mia analisi di Dracula
di Bram Stoker, in Eresie del desiderio. Freud, Dracula, Dalì (Seyssel, Champ Vallon, - Al Paradou 262, primo abbraccio, ma casto, sotto il segno delle rose, dettagliato con
sfolgorante lusso erotico, di cui non riesco a trovare l'equivalente
1986, pp. 132 e sq.). Lo stesso lavoro include un commento al famoso dipinto di Dalì,
260 ZOLA, Colpa dell'abate Mouret, libro II, cap. xv.
Il grande masturbatore, che è prima di tutto un paesaggio erotizzato. 261 Ibid., libro 1, cap XVI.
259HUYSMANS, prefazione (1903) alla ristampa di À conto alla rovescia. 262 Ibid .. libro II, cap. IV.
che a Huysmans (i fiori esotici di À conto alla rovescia) ea Proust (i biancospini di Combray). tecnica sviluppata molto presto, poiché il Narratore la pratica molto prima di darle il
nome, la "metafora", quello delle marine di Elstir. Così, dal suo primo soggiorno a
- La scena all'ingresso della grotta, la cui simbologia è ben nota. È il paesaggio che suscita Balbec, dalla finestra dell'hotel, erotizza, automatizza il mare per mezzo di modelli
il desiderio, con la sua esuberanza, o l'invidia degli innamorati che induce, per proiezione estetici - "la ninfa Glaukoméné, la cui bellezza pigra e che respirava piano ..." (II,
metaforica, questo paesaggio? Entrambi, senza dubbio. Simbiosi, ma femminile: "Enormi 64-65 e 1 , 705), paragonabile alla rustica Cibele di Zola - da cui il giovane sarà
capelli verdi, punteggiati da una pioggia di fiori, le cui ciocche traboccavano da tutti i lati in un
presto liberato, come se dovesse liberarsi dal pitturalismo di Swann per inventare la
groviglio folle, facevano pensare a una ragazza gigante, che sveniva lontano sui suoi lombi,
propria metafora, il proprio paesaggio. Così, durante il secondo soggiorno al Balbec,
gettando la testa all'indietro in uno spasmo di passione, in un flusso di superbo crine di
cavallo, steso come una pozza di profumi 263. " quando cerca di fregare il suo desiderio per Albertina: “Ho cercato di distrarmi da
questo desiderio andando alla finestra a guardare quel giorno il mare. Come il primo
anno, i mari, di giorno per giorno, raramente erano gli stessi. Ma del resto difficilmente
- L'Albero della Vita, infine, ovviamente virile, ma il cui itifallismo è rimpinzato di femminilità: somigliavano a quelli di questo primo anno, o perché adesso era primavera con i suoi
“La linfa aveva una tale forza, che sgorgava dalla sua corteccia; lo bagnò nella nebbia della temporali, o perché, anche se fossi venuto nella stessa data della prima volta, tempi
fecondazione; lo ha reso la stessa virilità della terra. [...] A volte i reni dell'albero diversi, più mutevoli, avrebbero potuto sconsigliarlo. costa per certi mari indolenti,
scricchiolavano; le sue membra si irrigidirono come quelle di una donna durante il parto; il
vaporosi e fragili che avevo visto durante giorni ardenti dormire sulla spiaggia,
sudore della vita che scorreva dalla sua corteccia pioveva più largamente sui prati intorno,
sollevando impercettibilmente i loro seni bluastri con una palpitazione morbida ”(111,
esalando la morbidezza di un desiderio, soffocando l'aria dell'abbandono, impallidendo lo
schiarimento di un piacere. L'albero allora vacillò con la sua ombra, il suo tappeto d'erba, la sua
179 e Il, 783).
cintura di fitti boschi. Non era altro che un piacere 264. "

“Era il giardino che voleva la colpa. "È un po 'un peccato che Zola senta il bisogno di Paesaggio sognato, nostalgico, visibilmente indotto dal desiderio della giovane. Ma questa
martellare a casa la spiegazione (sempre i" grossi pugni "), spiegazione peraltro metafora del "seno bluastro", che non rivelerà il suo segreto se non molto più tardi, in Tempo
discutibile, poiché mutila la metafora, amputandola della sua reversibilità, simbiosi di recuperato 266, è reversibile fin dall'inizio, come si vede poco più avanti, quando Albertina, a sua
Albine e Paradou . Il giardino può "volere la colpa" solo se è esso stesso erotizzato dal volta nuda, suscita il paesaggio: “Ho strappato questa tunica che gelosamente sposava un
desiderio degli innamorati. seno desiderato, e attirando a me Albertina:

Ma tu, non vero, viaggiatore pigro, Sogni sulla mia


spalla mentre ci riposi la fronte?
PROUST. EPIFANIA DELLA FEMMINILITÀ Gli dissi prendendogli la testa tra le mani e mostrandogli i grandi prati inondati e
silenziosi che si estendevano la sera scendendo all'orizzonte chiusi sulle catene
L'approccio proustiano è ovviamente diverso. Proust era Proust, cioè un artista un po parallele di valli lontane e bluastre ”(III, 259 e II, 865-866 ).
'fragile, ma dotato di un occhio estetico e di un sesso sottile. 265. L'erotizzazione del
paesaggio è tanto più erudita, secondo a

263 Ibid .. libro II, cap. VII.


Pléiade (Parigi, Gallimard, 1986-1989, quattro volumi e 1954, tre volumi).
264 Ibid., libro 11, cap. xv.
265 Vedi il giudizio di Huysmans su Zola sopra. Per maggiore comodità e per evitare 266 Almeno è così che pensavo di poter interpretare la rivelazione finale del Narratore,
la moltiplicazione delle note, indico per ogni citazione e tra parentesi i riferimenti in Proust. Piaceri e nomi, Parigi, Denoël, 1985, pagg. 89 e mq
alle due edizioni del
Tocchiamo l'essenziale, la metafora costitutiva del paesaggio proustiano. Sappiamo - Il sentiero del biancospino. Sequenza: biancospini bianchi, poi, "Tu che ami i
che questa figura retorica è usata dal Narratore per caratterizzare le marine di Elstir: biancospini, guarda questa spina rosa; è carina! Effettivamente era una spina, ma rosa,
"Il fascino di ciascuna consisteva in una sorta di metamorfosi delle cose anche più bella di quelle bianche ”, gonfiaggio del rosa, colore di Eros, sembra, in questa
rappresentate, analoga a quella che in poesia è chiamata metafora" (11, 191 e io, prima parte del Ricerca, e la prima induzione femminile con “la ragazza in abito da festa” e
835). Siamo stati in grado di contestare la rilevanza di questo termine per designare “il mese di Maria”. E l'erotizzazione si amplifica sotto il segno del rosa: "La siepe
tali metamorfosi. È vero che nella poetica tradizionale la metafora suppone la permetteva di vedere all'interno del parco un vicolo fiancheggiato da gelsomini, viole del
pensiero e verbena tra cui fiorellini aprivano le loro fresche borsette, profumate rose e
conservazione dei due segni, mentre Elstir opera una sostituzione, in quanto spinge
pasta. 'Vecchia pelle di Cordoba [. ..]. All'improvviso mi sono fermato, non riuscivo più a
al limite il dinamismo della metafora, cioè la metamorfosi. " elementare ”, non senza
muovermi, come accade quando una visione non è rivolta solo ai nostri sguardi, ma
ristabilire l'equilibrio, poiché reversibile: da mare a terra e vice versa. Inoltre, sarei
richiede percezioni più profonde e dispone di tutto il nostro essere. Una ragazza biondo
tentato di applicare al Narratore la formula che usa per Elstir: "Una delle sue metafore rossiccia che sembrava tornata da una passeggiata e teneva in mano una vanga da
più frequenti ..." Con Proust, "la più frequente" è, senza dubbio, l'effeminatezza giardinaggio, ci guardava alzando il viso cosparso di macchie rosa ”(I, 136-139 e I,
erotica. Dall'inizio del 138-140).

Ricerca, il paese diventa un paesaggio, pieno di desiderio e femminilità.


Tutto accade come se, per il solo movimento descrittivo, fosse Si tratta quindi, letteralmente, di una "visione" e, per il contesto, saturo di religiosità, di un
veramente languido, inducesse questa femminilità, o perché si effemina in curve vero orecchio. phanie, spina, poi femminile, indotta da questa profusione di rosa.
suggestive, o perché suscita, come la sua verità vivente, la sua essenza visibile, L'induzione è così forte che le lentiggini diventano rosa, segno che Gilberte fa davvero
l'epifania della donna, che la abita e la anima. Notiamo, ancora una volta, i momenti parte del paesaggio, o meglio che ne è sia l'anima che la sua emanazione. Tutto accade
privilegiati di questo processo metaforico: come se questo paesaggio floreale si fosse preparato per Gilberte, come se fosse
condensato in lei, sua metafora e metonimia finale. Gilberte non è solo una "ragazzina"
- In Combray, la bellissima descrizione del "regno vegetale dell'atmosfera" di che "vive lì". Attraverso una sorta di paganesimo metaforico e metamorfico, incarna questo
Legrandin, che, prima di Elstir, merita il titolo di educatore degli occhi. La sequenza è luogo, lo significa e, naturalmente, lo erotizza a ritroso, poiché, d'ora in poi, non saremo più
la seguente: nuvole viola e blu, nuvole rosa, "carnagione di fiori, garofani e ortensie", in grado di separarlo dalla spina di rosa, dai biancospini, da Tansonville .
"regno vegetale dell'atmosfera", baia di Balbec, "bouquet celesti blu e rosa", "petali di
zolfo e rosa" ( il cielo come aiuola, metafora di Legrandin), “Andromèdes bionde (I,
128-29 e I, 130).
- Dopo Tansonville, Roussainville, questo luogo elevato del desiderio. È lì che, per la
prima volta, il Narratore enuncia la sua legge di reversibilità, di simbiosi tra la donna e il
paesaggio: "Ho fatto un merito in più a tutto.
- Poche pagine dopo, a lato di Méséglise, nuova sequenza: profumo di lillà,
“cuoricini verdi e freschi delle loro foglie”, “pennacchi di viola e piume bianche”,
“minareto rosa. Le Ninfe primaverili sarebbero sembrate volgari a queste giovani ure quello che avevo in mente in quel momento, al riflesso rosa del tetto di tegole, alle erbe
che custodivano in questo giardino alla francese i toni vivi e puri delle miniature
selvatiche, al villaggio di Roussainville dove da tempo desideravo andare, agli alberi del suo
persiane. Nonostante il mio desiderio di abbracciare la loro vita flessuosa e di attrarmi
bosco, al campanile della sua chiesa, di questo trambusto nuovo che me li faceva solo
i riccioli stellati della loro testa profumata ... "(1, 134 e 1, 135-36; vedi, in eco, II, 455 e
II, 157). sembrare più desiderabili perché credevo che fossero loro a provocarlo, e che sembravano
volermi solo portare verso di loro più velocemente quando gonfiava la mia vela con un potente,
sconosciuto e di buon auspicio brezza. Ma se questo desiderio che una donna
L'aspetto ha aggiunto qualcosa di più esaltante al fascino della natura, il fascino della lei glielo restituì. "È lei che erotizza la natura, al punto che, per un fantastico sdoppiamento
natura, in cambio, ha ampliato ciò che quello di una donna sarebbe stato troppo limitato. della metafora, il suo viso diventa un paesaggio:" Le ho fatto segno che è venuta a darmi il
Mi sembrava che la bellezza degli alberi fosse ancora la sua e che l'anima di questi caffè con il latte. Avevo bisogno di essere notato da lei. Non mi ha visto, l'ho chiamata. Sopra il
orizzonti, del villaggio di Roussainville, dei libri che ho letto quell'anno, il suo bacio me suo corpo molto alto, la carnagione del suo viso era così dorata e rosa che sembrava di essere
l'avrebbe consegnata ... "(I, 154 e io, 156). vista attraverso una finestra di vetro colorato illuminata. Tornò sui suoi passi, non riuscivo a
staccare gli occhi dal suo viso che si allargava sempre di più, come un sole che si poteva
- Il Bois de Boulogne, questo "giardino delle donne". Sequenza: "Individualità vegetale fissare e che si avvicinava finché non si avvicinava molto a te, lasciandosi guardare da vicino,
potente e morbida", fiori, valzer, "ospiti meravigliosi", "M" Swann "(1, 410 e I, 418). abbagliandoti d'oro e rosso ”(II, 17-18 e 1, 657).
Nuova induzione, poche pagine dopo:" Così ho guardato gli alberi con una tenerezza
insaziabile che li superava e, senza che io lo sapessi, si indirizzava verso questo
capolavoro di bellissimi camminatori che rinchiudono ogni giorno per poche ore ”.
Questi alberi che sono stati“ costretti per tanti anni da una sorta di innesto per vivere in
Attraverso questa vetrata, “abbagliante d'oro e rosso”, avremo riconosciuto la duchessa
comune con la donna. "Dove inizia, dove finisce il paesaggio? Il narratore sottolinea
“amaranto”, Oriane de Guermantes, così deludente in passato nella chiesa di Combray, ma qui
questa fusione essenziale:" Bastava che M "Swann non arrivasse tutti uguali nello
sublimata come un'orgogliosa lattaia ...
stesso momento, per l'Avenue essere diversi »(1, 410-419 e 1, 417-427). Ci sono
giardini come ci sono i mari, così mutevoli, perché la donna li ossessiona, realmente o Senza preoccuparmi della teoria, avrei potuto senza dubbio accontentarmi di offrire alcuni
metaforicamente. Basta avere l'occhio, non del voyeur, ma dell'artista. "paesaggi scelti", preferibilmente pittorici, con i nudi: Eva nel Giardino dell'Eden o la languida
Venere. Ma se potessi farti venir voglia di rileggere Huysmans, Zola o Proust, per tuffarti di
nuovo in questo mundus muliebris, con le sue metafore ed epifanie, se potessi suggerire che
un paesaggio spesso è solo una donna diffusa, che erotizza il paese con piacere, allora avrò
la sensazione di aver aperto una strada, modesta, ma nuova, nella ricerca paesaggistica.
Infine, vorrei menzionare una delle epifanie più inquietanti di Ricerca, e più significativo in
termini di poetica proustiana del paesaggio. Riguarda l'apparizione della bella lattaia, all'alba,
sul marciapiede della stazione: “Il paesaggio si fece collinoso, brusco, il treno si fermò in una
piccola stazione tra due montagne. In fondo alla gola, ai margini del torrente, si vedeva solo un STORIA DI UNA PASSIONE
corpo di guardia affondato nell'acqua che scorreva a filo delle finestre. Se un essere può essere TEORICO
il prodotto di una terra di cui possiamo assaporare il fascino particolare, anche più della o
contadina che avevo tanto desiderato vedere comparire quando ero solo vicino a Méséglise, nei Come diventiamo
boschi di Roussainville, questo deve essere stato il grande ragazza ho visto uscire da questa un "Raboliot" del paesaggio
casa e, sul sentiero che il sole nascente illuminava obliquamente, venire verso la stazione
portando un barattolo di latte ”(II, 1 6, e 1, 6 5 5).
Niente mi ha destinato a scrivere sul paesaggio. Di formazione filosofica, ero piuttosto
devoto a Epitteto, Spinoza o Nietzsche, i miei pensatori preferiti, e uno mi avrebbe
Il testo è esplicito: l'evidente erotizzazione del paesaggio induce la comparsa della
sorpreso molto, venticinque anni fa, se si avesse predetto la mia attuale predilezione. Ci
lattaia, lei stessa preceduta dal ricordo della contadina di Roussainville.
sono volute una combinazione piuttosto insolita di circostanze per le quali, a poco a
E, come prima, la metafora lo è
poco, ho iniziato a interessarmi appassionatamente, se non esclusivamente
reversibile: "Non so se, facendomi credere che questa ragazza non fosse come le altre
donne, il fascino di questi luoghi si aggiungeva al suo, ma
paesaggi, ma sempre con la sensazione di cacciare su terre che non erano in quel periodo (dal 1975 al 1980) che sentivo il bisogno di raddoppiare il mio lavoro di
propriamente mie, ma appartenute giustamente a geografi, storici, paesaggisti, romanziere con una vera riflessione estetica, ancora embrionale, ma che segna il mio
insomma un po 'Raboliot 267 del paesaggio. Ma tutti sanno che i bracconieri ingresso, dichiaratamente discreto e da bracconiere, in questo campo, allora "riservato "- i
tempi sono molto cambiati e, negli ultimi anni, qualsiasi balestra gli ha" comunicato ", a
sono spesso più abili, in ogni caso più intelligenti di molti tiratori autorizzati,
convegni casuali sul" paesaggio ", la cui proliferazione metastatica non manca di
vale a dire con umorismo e senza alcuna vanteria. È inoltre questo lato
preoccupare, anche se potessimo, in un primo momento, sii felice di questo. Ecco, a
"bracconiere" che mi ha spinto a "curiosare" in
testimonianza di questo periodo cardine, due testi contemporanei, due versioni, una
letteraria e l'altra teorica, della mia convinzione, allora nascente, che ogni paesaggio è un
boschetti del paesaggio, per "stanare" specialisti di tutte le specie e pubblicare questa prodotto d'arte, di un artializzazione, l'idea che avevo appena pescato a Montaigne. Il
antologia, La Teoria del paesaggio in Francia (1974-1994), a cui questo libro deve primo brano descrive il mio arrivo a Gerusalemme, in compagnia di Claudia Cecilia, il
molto. secondo esprime il mio credo estetico, la mia fede nel potere dell'arte.
In origine, il mio interesse per il paesaggio era letterario. Avevo infatti intrapreso una
sorta di carriera parallela con il progetto di scrivere romanzi la cui trama era, in parte,
indotta dai paesaggi, che volevo anche femminilizzare, sul modello dei miei illustri
predecessori, Flaubert, Huysmans, Zola o Proust. Nel Il misogino, i siti e le città giocano " Siamo entrati in città. Temevo il momento di smontare, come un cavaliere franco,
un ruolo decisivo: Bourges, Sologne, Orleans sotto la pioggia, Carnon e i suoi "sauri", storpio, nella sua armatura, ma senza problemi. L'incanto era spiegato dal colore delle
infine Clermont-la-Noire, la patria infernale della storia. Nel Il travestito 268, Hey roïne, pietre e dal gioco del sole, che sembravano essere: porosità, usura? assorbire la luce, più
Nicole, metamorfosi costantemente, cambia sesso e condizione, ma sempre in che rifletterla. Andammo in silenzio, e più ci avvicinavamo al King David Hotel, più la sentivo era
armonia con il paesaggio, e se l'adattamento cinematografico di Yves Boisset mi ha soleggiato a l'immagine delle pietre, a conferma del suo potere di assorbire i luoghi, di
deluso un po 'è perché non sapeva o non voleva immaginare ( mettere in immagini) identificarsi con essi, ragazza-città incostante, linguaggio a loro immagine, volto
questa simbiosi. paesaggistico, Proteo-Prostituta che sarebbe stata chiamata Bruges, Roma, Firenze,
Venezia e Agrigento, prima Gerusalemme; così che, se mai dovessi tornare in queste città,
lo farei incontrarsi a attraverso Cecilia, che se ne era nutrita condensandone l'essenza,
Il passo decisivo è stata la scrittura simultanea di un romanzo, Il voyeur ubriaco, e
come l'arte, ma istintivamente, non per imitazione cosciente e laboriosa, ma per mimica
della mia tesi di Stati Nudi e paesaggi. Saggio sulla funzione dell'arte. Questo è
innata e istantanea. Bruges era Claudia, il suo impermeabile gocciolante e la sua calvizie
267 Maurice GENEVOIX, Raboliot, Parigi, Grasset, 1925. Raboliot bracconi in Sologne, nera, Sicilia, Cécile, arancione ai piedi delle tempie; e, vedendola camminare, Cecilia Gradiva,
Ho sognato un amante, a sua volta proteico, che deflorava Firenze, sodomizzava Venezia,
un paesaggio che mi è caro, era quello della mia infanzia. Magnifica figura
amava Gerusalemme. In effetti, non l'avevo mai vista evolversi in un ambiente ordinario, ma
dell'anarchismo rurale, così raro, contro ogni potere, polizia e padroni di casa. Potrebbe
sempre in luoghi che erano favolosi, o che lei rendeva tali, o entrambi, per osmosi, e dai
anche essere che la mia vocazione "bracconiere" derivi dalla mia ammirazione per quali sentiva, dopo un po 'di tempo, che' doveva fuggire loro, per paura di congelarsi nel
Julien Carette, leggendario bracconiere di Le regole del gioco di Jean Renoir. Da qui colore locale, di non essere altro che Bruges, Agrigento o Venezia ... Anche Gerusalemme
questa "lode del bracconaggio" nel mio libro precedente, L'arte di amare, o il fascino non l'avrebbe aggiustata; da qui il suo imperativo: Abbiamo bisogno di altre città 269 ... "
della femminilità, Seyssel, Champ Vallon, 1995.

268 Alain ROGER, Il travestito, Paris, Grasset, 1987. Il film di Yves Boisset, che
porta lo stesso titolo, è uscito nel 1988. 269 Alain ROGER, The Drunken Voyeur, Parigi, Denoël, 1981, p. 239.
“Potevamo percepire i noduli ruvidi degli ulivi, come se Van Gogh non li avesse “Beginnings” (la nascita del paesaggio in Occidente), ma anche, d'altra parte, da considerare
dipinti, la cattedrale di Rouen, come se Monet non l'avesse rappresentata, in vari l'altro aspetto dell'artializzazione del paesaggio, quello che opera direttamente sul terreno.
momenti della giornata, nelle sue fugaci epifanie? [...] La nostra vita è forse solo un
susseguirsi di momenti privilegiati che non sappiamo identificare. Non c'è quasi posto L'opportunità mi fu presto data dall'invito alla conferenza che si tenne a Lione nel 1981
dove lo spirito non "respira": che i modelli non si animano con la loro attività ». Sentivo che era giunto il momento di affrontare la storia dei giardini, totalmente
silenziosa. Sologne e Camargue, oltre ai loro modelli specifici (Alain-Fournier, trascurati Nudi e paesaggi. Ed è così che sono riuscito a riempire la scatola vuota del mio
Genevoix, Barrès, Daudet, Audouard, ecc.) Beneficiano dello schematismo di Elstir, dispositivo concettuale: alla dualità "Nudità-Nudo" ho deciso infatti di associare quella di
come inventò Proust: lo scambio di elementi, in un certo periodo dell'anno, in "Paese" e
quell'ora del giorno, quando l'acqua, la terra e il cielo si inclinano e si invertono, 270. " " Landscape ”, in camicia da René-Louis de Girardin, tra gli altri. Questo articolo “Ut
pictura hortus. Introduzione all'arte dei giardini ”-, da cui non mi aspettavo altro che
l'intima soddisfazione di aver adempiuto al mio contratto di docente e, nel processo,
colmato una lacuna nella mia tesi, mi fece guadagnare una reputazione., Allora molto
usurpata, specialista, e tanti inviti, in Francia e all'estero, dove ho trovato, o
Questa teoria dell'artializzazione, che, contro ogni aspettativa, avrebbe trovato una incontrato, veri specialisti del paesaggio, dai quali avevo molto da imparare, perché
certa fortuna in Francia, poi all'estero - la trovo a volte in certi colleghi, anonimi, ma non erano Loro, romantici bracconieri, avevano occupato a lungo la terra e ci ha
non sono io stessa a caccia di frodo? -, rimasta ancora rudimentale e segnata da un lavorato a tempo pieno.
estetismo eccessivo, è vero che mi sono ispirata molto a Wilde e Proust, a cui Questi
dovevo dedicare diversi articoli e un saggio 271. gli incontri mi hanno costretto a lavorare instancabilmente, se non altro per meritare la
fiducia che è stata riposta in me. Ho continuato a scrivere i miei romanzi e i miei saggi di
Ma sentivo vagamente che il mio apparato concettuale restava fragile e incompleto. estetica erotica 273, ma, sempre di più, il mio baricentro, o meglio di allegria - nel senso di
Se il mio principio di "doppia artializzazione" lavorato "Gai Savoir" - si spostava verso il paesaggio, che mi ispirava, o meglio mi succhiava
correttamente nel campo del nudo, ero invece molto meno sicuro di me nel campo del ogni giorno di più. Così ho deciso di impormi un programma forte e, invece di
paesaggio, dove, a malincuore e per mancanza di informazioni sufficienti, mi ero bracconare casualmente i boschetti, ho cercato di rafforzare il mio quadro concettuale.
limitato all'artializzazione indiretta. il sottoscritto inoltre a qualche suggerimento più o
meno aneddotico, e trattando a malapena, in modo sommario, con un solo esempio,
l'invenzione della montagna nel XVIII secolo 272. Ho quindi dovuto, da un lato, ampliare Durante conferenze o congressi, in Francia e all'estero, a volte ho incontrato
la portata delle mie verifiche e avvicinarmi allo studio resistenze, quando non subivo attacchi frontali, in particolare da parte degli
anglosassoni, il cui naturalismo, anche indebolito, resta combattivo. Quindi ho
migliorato la mia teoria della doppia artializzazione, applicata o mobile, aderente o
270 ID., Nudi e paesaggi, op. cit., p. 109.
modellante. Queste due determinazioni non sono state sempre ben comprese. Ne ho
271 ID., Proust. I piaceri e i nomi, Parigi, Denoël, 1985 Proust o il desiderio di Venezia proposti altri due, più significativi, più formativi e, direi, più internazionali:
”, in Pazzi amanti di Venezia, Paris, Orban, 1985, incluso in L'arte di amare, op. cit. - "Poetica l'artializzazione sul posto ( sul campo) e in visu ( dentro e dallo sguardo). Questa "doppia
del paesaggio proustiano", Bollettino della Marcel Proust Society dei Paesi Bassi, articolazione" artializzazione in situ e in visu, da un lato, campagna e paesaggio,
dall'altro - mi ha permesso di denunciare più efficacemente le riduzioni di cui il
1991.
paesaggio è solitamente vittima: la riduzione
272 Morte del paesaggio? operazione. cit., supra. Indubbiamente il volume collettivo

più famoso in materia. 273 Riuniti in L'arte di amare, op. cit.


“Geografico” ai geosistemi, riduzione “ecologica” agli ecosistemi. Non ero più sulla
difensiva e accusato di estetismo, potevo contrattaccare vigorosamente e mostrare, ARISTOTELE: 153.
su esempi precisi e concreti, le debolezze e le contraddizioni del naturalismo. AUDOUARD, Yvan: 188.

Ho preso un'assicurazione nel corso degli anni. Non degenera mai in condiscendenza. Una
AUDURIER-CROS, A.: 34.
teoria, ci ha insegnato Popper, deve essere sempre confutabile. Non è mai altro che uno
AuGoYARD, jean-François: 116.
strumento, perfettibile, che deve interrogarsi incessantemente, cambiare le sue parti
difettose, forgiarne di più efficaci, frammentariamente, secondo un approccio che spesso AUGUSTIN (santo): 84.
coinvolge il fai da te e il bracconaggio. (Anche se il razionalismo più intransigente rimane,
nel ultima istanza, la mia regola d'oro). E precisamente: sarò sempre protetto dalla BACHELARD, Gaston: 168, 169. B @ AC ,
tentazione totalitaria dalla mia convinzione che, qualunque sia la mia cattura nel Honoré de: 122.
sottobosco del paesaggio, resterò sempre il Raboliot ... BARRÈS, Mauritius: 20, 21, 24,
188.
BAUDELAIRE, Charles: 9, 17, 45, 98.

INDICE DEGLI AUTORI


E ARTISTI CITATI BELANGER, L .: 94.

ABERLI, jean-Louis: 91, 93, 95, 119. ACOT, BENTIVEGNA, Filippo: 45.
Pascal: 156. BERENSON, Bernard: 50.
BERGER, Yves: 1 1 1.
ADDISON, joseph: 38, 103.
ADORNO, Theodor: 114. BERNARDIN DE SAINT-PIERRE: 89,
100.
ALAIN-FOURMER: 24, 188. BERQUE, Augustin: 7, 21, 48, 56, 60, 110, 153, 154, 157. BESSON,
@ERTI, Leon Battista: 74. Luc: 106.
BissoN, I-ouis-Auguste e Auguste Rosalie:
ALEMBERT, RE: 149. 96, 97, 98 e iU. 25.
BLANDIN, Patrick: 130.
ALPERS, Svetlana: 71. BLOY, @on: 174.
ALPHAND, Adolphe: 140. BocCACE, Giovanni: 35.
ALTDORFER, Albrecht: 79. BOILEAU, Nicolas: 83.
ALTMANN, Jean-Georges: 92.
AMIEL, Henri: 175. BOISSET, YVES: 186.
ANGEST, D ', Germain: 171. BONIN, Sophie: 28, 29, 30.
APOLLINAIRE, Guillaume: 23. BORCHARDT, Rudolf: 141.
BoucICAU-F, Master di: 71, 72, CHEMETOFF, Alexandre: 138.
74. CHENET, Françoise: 170.
BouTs, Tlierry: 75. CHOUILLET, Jacques: 87, 102.
BOYER, Alain: 152, 160, 161.
BRASSENS, Georges: 23. BRAUN, CHRÉTIEN DE TROYES: 58.
Adolphe: 96.
BRE1`` Jacques: 121. CHRISTO: 46.
BRIFFAUD, Serge: 85, 89, 95. CRISTO, Petrus: 76.
BROSSES, Charles de: 99.
CICERON: 56.
BRUEGEL, Pieter: 71.
CIVIALE, Aimé: 96, 97, 98 e malato. 22.
BURCKHARDT, Jacob: 74. CLARK, Kenneth: 27, 32, 66.
CLÉMENT, Gilles: 46.
Bu @ , Edmund: 102, 103. BURLE-MARX, Roberto: 38. CLERC, UE, Lucien: 168.
COCHERIS, Pauline: 31.
CAHILL, James: 60. COLERIDGE, Samuel: 36, 44,
CAILLÉ, René: 108. 170, 171.
CALAME, Alexandre: 96, 97. CAMPIN, Robert: 75, 76, 78 e malato.
14, 15, 16. COLETTE: 173.
CAMPORESI, Piero: 7, 81, 82, 98. CARE @ E , Julian: 185. COLLOT, Michel: 170.
CONTE, Augusto: 161.
CARMONTELLE: 135.
CONAN, Michel: 25, 41, 42, 79, 116. CONDivi,
CA @ RE , Gilbert: 128. Ascanio: 45.
CARUS, Carl-Gustav: 96. CONTI, Évrard da: 35.
CASEY, ES: 114. CORAJOUD, Michel: 25.
CORBIN, Alain: 7, 88, 98, 99. COROT,
CAUQUELIN, Anne: 64. Jean-Baptiste: 14, 37,
CÉZANNE, Paul: 21, 22, 26, 37, 114, 138.
76, 166. COSTANZA, Virginie: 1 1 0.
CHABASON, Lucien: 114, 127. COUSTEAU, jean-Yves: 106.
CHARBONNIER, Georges: 12. CRESCENS, Pierre de: 35.
CHATEAUBRIAND, François-René da: 101. CROCE, Benedetto: 16.
CROS, Charles: 135.
CUECO, Henri: 25. EPICTETA: 185.
ERNST, Max: 172, 173.
DAGOGNET, François: 13, 116. ESTIENNE, Robert: 19.
DAGRON, Chantal: 107.
DALI, Salvador: 173. FENELONE: 99.
DANTE: 2 1.
FERRÉ, Leone: 121.
DAUBIGNY, Charles-François 14, 111. DAUDET, FLAUBERT, Gustave: 107, 173,
Alphonse: 188. 186.
DAUZAT, Albert: 51. FOE, Daniel da: 99.
DAZELLE, Anne: 144. FOUCAULD, Charles de: 108.
DELEULE, Didier: 151. FOUCHER, Michel: 1 1 1. FOUÉRÉ,
DELILLE, Jacques: 16. Adolphe-julien: 45.
DF, Luz, Christiane: 50. FRANCASTEL, Pierre: 64, 74,
DENIS, Maurice: 13. 114, 115.
DENNIS, Giovanni: 86, 103, FRÉMONT, Armand: 27, 28.
DESCARTES, René: 146, 148,150, 151. DicKENs, FREUD, Sigmund: 169.
Charles: 124. FROST, Robert: 1 1 0.
DIDAY, François: 96.
DIDEROT, Denis: 16, 149. GALILEO, Galileo: 146, 148, 149, 150.
DONADIEU, Pierre: 106. GAUTIER, Théophile: 121, 122.
DONKIN, WilliaM: 98.
GEERTGEN TOT SINT JANS: 76,
DORE, Gustave: 95. 78 e malato. 17.
DUGHET, Gaspard: 39.
DUHAMEL, Georges: 147. GELLÉE, Claude (noto come LE LORRMN): 38, 39, 42, 43, 93, 95, 96,
DUPONT, Ambroise: 144. 99, 110, 119.
DURAND, Gilbert: 37.
GENEVOIX, Mauritius: 24, 185,
DÜRER, Albrecht: 76, 77, 78, 79 e malato. 18, 19. 188.
GESSNER, Salomone: 89.
EDELMAN, Bernard: 153, 157, 159, 160. GILPIN, William: 119.
EINSTEIN, Albert: 146, 153. ENGELS, Friedrich: 148. GIONO, jeans: 173.
HOLT, Nancy: 46.
GIORGIONE: 79. OMERO: 84.
GIRARDIN, René-Louis da: 17, 38, 41, 42.
HOUANG KONG-WANG: 62.
GOETHE, Johann Wolfgang: 42, 43.
GOMBRICH, EH: 79. HUGO, Victor: 101, 166, 173.
HUMBOLDT, Wilhelm von: 65. HUNT,
GRAND-CARTERET, Giovanni: 7, 86, John Dixon: 39, 43, 1 1 0. HUYSMANS,
89, 91, 93, 95. Joris-Karl: 123,
GRILLET, Ibierry: 143. 171.172.174.175.177.183.186.
GRÔNING, Gert: 140, 146. GUÉRY,
François: 147, 151. GUILLAUME DE IRVING, Washington: 43.
LoRms: 35. GUILLAUMIN, J .: 170.
JACQUEMART DE HESDIN: 70.

HAECKEL, Emst: 126, 133. HALLER, JACQUES DE VÉRONE: 59.


Albrecht von: 16, 88, JAUCOURT, Louis de: 91.
89, 92. JELLICOE, Geoffrey: 38.
HANG TCHOUO: 61. JOINVILLE, Jean da: 59.
HEGEL, Georg Wilhelm Friedrich: 12, 33, 148. JOUTARD, Philippe: 84, 88, 91,
HEIDEGGER, Martin: 147. 93.
HEISENBERG, Werner: 146. JOYCE, James: 37. JUNG,
HEIZER, Michael: 46. Carl Gustav: 13.
HENRY, Michel: 149.
HERMITRE, Marie-Angèle: 153, KACIMI, Mohamed: 107.
157, 158, 159, 160. KALAORA, Bernard: 106.
KANT, Emmanuel: 10, 25, 92,
ERODOTTO: 107. 104, 105, 146.
KAO K'O-KONG: 63.
HOARE, Henry: 39. KAO K'O-MING: 62.
HODLER, Ferdinand: 96. KÂSTNER: 139.
HOGARTH, William: 87. KENT, William: 39, 40,41.
HOKUSAI: 23.
HOLBACH, a partire da: 91. KNABF, Peter-Eckhard: 102.
KOUO HI: 62. LONGIN (Pseudo-): 101.
KOUO SSEU: 61, 62. LORENZETTI, Ambrogio: 66, 69 e malato. 7 e
8.
LA FONTAINE, Jean de: 54. LALO,
Charles: 16. LOU-FHERBOURG, Philippe: 100,
LALONDE, Brice: 162. 102.
MAC LUHAN Marshall: 114.
LAMARCK: 146.
MACPHERSON, James: 1 00.
LAMOTTE, Maxime: 130.
LAPICQUE, Charles: 21. MÂDING, Ehrard: 139, 140.
LAPRADE, Victor de: 50. LASSUS, MANTEGNA, Andrea: 75.
Bernard: 116, 134. LE DANTEC, Denise:
134, 135. LE DANTEC, Jean-Pierre: 20, MARCO POLO: 36, 59, 62.
79, MARIA, Walter da: 46.
134, 135, 144. MARMONTEL, Jean-François 102.
LIGHT, Femand: 143. MARQUET, Albert: 21.
LENOBLE, Robert: 13, 145. LE NÔTRE, André: 38, 44. MARTENS, Friedrich: 96, 97.
MARTINET, Jeanne: 19.
LEONARDO DE VINCI: 72. IL MARTINET, Marie-Madeleine:
PAESE: 86, 119. 40.
LESAGE, jack: 85. MARX, Karl: 146.
LESSING, Erich: 55. MASON, William: 40.
LÉVI-STRAUSS, Claude: 12, 16, MATHÉ, Roger: 59.
64. MAYERS, Norman: 163.
LIGORIO, Pirro: 45. MELVILLE, Herman: 101.
MEMLINC, Hans: 75.
LINCK, Antoine: 91. MÉRIGOT, S .: 94.
LINCK, Conrad: 91. METSIJS, Quentin: 76, 78.

LINDEMAN, RL: 130. LINNÉ, MICHEL-ANGE: 45.


Karl von: 146. Li TCH'ENG: MICHIEL, Marcantonio: 79.
61. MILTON, Giovanni: 32, 104.
LITTRE, Émile: 132, 166. MOEBIUS: 126.
MOLINET, jeans: 19. PASCAL, Blaise: 155.
MONET, Claude: 14, 37, 123, SKATE, Joachim: 76, 77, 78,
188. 79 e malato. 20, 21.
MONTAIGNE: 10, 16,80, 187. PIETRO, Willem: 55.
PÉTRARQUE: 25, 26, 83, 84, 85. PEYRE,
MONTESQUIEU: 99, 119. Joseph: 108.
PIEL, Friedrich: 77.
MORELLY: 87.
PIERO DELLA FRANCESCA: 74.
MORNET, Daniel: 89, 100, legge.
MOSCOVICI, Serge: 13, 145. MOUK'I: 62 PIETROGRANDE, Antonella: 32.
e malato. 6. PINI, Paolo: 65.
MUSIL, Robert von: 17. PISANELLO, Antonio: 66.
PISSARRO, Camille: 14.
NADAR: 116. PITTE, Jean-Robert: 130.
PLATONE: 52, 53, 155.
NASH, R.: 1 1 0.
NERVAL, Gérard da: 107. PLINE THE OLDER: 56.
NIETZSCHE, Friedrich: 150.
PLINE THE YOUNGER: 5 7. POE,
OBERRHEIN, Master di: 35 e III 1.
ORSINI, Vicino: 45. Edgar: 43.
OSMO, Pierre: 151.
OVID: 118, 124. POIRET, Nathalie: 116.
POIRION, Daniel: 68, 69. POL
PÂCHT, Otto: 66, 67, 68. PAGE, DE LIMBOURG: 72.
Russel: 38.
PALISSY, Bemard: 132. POPF, Alexander: 39.
PANOFSKY, Erwin: 55, 64, 71, POPPER, Karl: 190.
72, 74. POURRAT, Henri: 24.
PARDO, Daniel: 109. POUSSIN, Nicolas: 42, 93, 95 99, 1 1 0.
PROUST, Marcel: 15, 116, 122 173,175,177,178,179,183 186, 188. PSICHARI,
PARENT-DUCHÂTELET, Alexis: Ernest: 108.
171. PUCELLE, jeans: 71.
ROSNAY, J. de: 156.
QUIOT, Alain: 34. ROSS, Charles: 46.
ROUSSEAU, Jean-Jacques: 13, 37,
RABELAIS, François: 19, 79. 88, 89, 91, 119, 145, 149. ROUX, Michel:
RANDOM, Michel: 45. 108, 109. ROYAL, Ségolène: 136, 137.
RECHT, Roland: 65. RUBENS, Pierre-Paul: 121, 122.
RUYSDAEL, Jacob Isaac Van: 37,
REMBRANDT: 124.
RÉMOND-GOUILLOUD, Martine 42, 93, 94, 95, 96, 99.
159, 160. SAINT-EXUPÉRY, Antoine de 108. SAINT
GIRONS. Baldine: 103.
RENAULT-MISKOVSKY, Josette 49.
SANTO SOLO: 148.
RENAUT DE MONTAUBAN: 35 e malato. 2.
RENOIR, Augustus: 15. SAINT-SIMON (Claude-Henri de Rouvroy, conte di): 46. SAINT-SIMON
RENOIR, Jean: 185. (Louis de Rouvroy, duca di): 31. SAMSON, Pierre: 28.
REPTON, Humphrey: 40, 43.
RIETER, Heinrich: 91. SARTRE, Jean-Paul: 172, 173. SAUDEK,
RIMBAUD, Arthur: 120. gennaio: 173.
SAUSSURE, Orazio-Benedetto da:
ROBBE-GRILLET, Alain: 173, 25, 26, 88, 89, 92, 93, 96, 100, 119.
ROBERT, Hubert: 42. SAVARI: 93, 95.
SCHAFER, Murray: 116.
ROBESPIERRE: 148. SCHLEGEL, Friedrich von: 65.

ROBINSON, William: 140. SCHOPENHAUER, Arthur: 164.


RODENBACH, Georges: 120.
ROGER, Alain: 16, 81, 114, 167, SEGANTINI, Giovanni: 96.
172, 186, 188. SEIFERT, Alwin: 139, 140.
ROHMER, Eric: 23. SERRES, Michel: 148, 149, 150, 152, 153, 154, 155, 156, 157, 160,
ROMANI, Giulio: 24. 163.
RONCAYOLO, Marcel: 116. SÉVIGNÉ, signora de: 86, 102.

ROSA, Salvator: 42, 43, 93, 94, 95, 99, 110. SHAFTESBURY: 103.
132.
SHENSTONE, William: 39, 4 1. TOURNIER, Michel: 37.
SHINOHARA, Kasuo: 113. TRICAUD, Pierre-Marie: 142.
SIEBERT, Gérard: 54. TROLL: 128.
SIMMEL, Georg: 16. TS'IEN SIUAN: 63.

SMITHSON, Robert: 46. PING DI TSONG: 61.

SOKOLOVA, Jirina: 70, 73. SOUDIÈRE, Martin TURNER, William: 14.


de la: 26, 27. SOUILIER, Charles: 98, e malato. TURRI, Eugenio: 82.
23, 24. TÜXEN, Reinhold: 139, 140.
SPENGLER, Oswald: 13, 147 148.
SPINOZA: 157, 185. URFÉ, Honoré d ': 80.
STAROBINSKI, jeans: 94, 97. STEEN, UTRILLO, Maurice: 21.
gennaio: 124.
STEVENS, Wallace: 110, 114. VALENCIENNES, Pierre-Henri da:
STOKFR, Bram: 173.
STRABON: 107. 95.
STUDIO: 56. VALERY, Paul: 12.

TANSLEY, A.: 126, 130, 133. TCHAO VANDIER-NICOLAS, Nicole: 61,


62, 169.
MONG-FOU: 63. VAN EYCK, Hubert: 74.
VAN EYCK, gennaio: 73, 74, 75, 76,
TENIERS, David: 124. 78 e malato. 13.
VAN GOGH, Vincent: 188.
TEOCRITE: 51. VAN GOYEN, jean-joseph: 42, 99.
THEYS, Jacques: 127.
THOMASSET, Claude: 68, 69. VAN MELSEN, AG: 14 5. VAN OSTADE, Isaac: 124. VARONE,
Antonio: 55.
TiBERGHiEN, Gilles: 46. VASARELY, Victor: 146.
VERA, André: 140.
TÔPPFER, Rodolphe: 95, 96. VERLAINE, Paul: 173.
TOURNEUX, François-Pierre
VERNET, Orazio: 95, 100, 101. VICO, NU S ET PAY S AG ES - Test sulla funzione di arte, Parigi, Aubier, 1978.
Giambattista: 64.
CITTÀ, Antoine de: 83, 85. PROUST. LES PLAISIRS ET LES NOMS, Parigi, Denoël, 1985 (collezione
“L'Infini”).
VIRGILE: 163 54, 119. ERESSE DEL DESIDERIO. Freud, Dracula, Dalì, Seyssel, Champ Vallon, 1986.

VITRUVE: 55, 56. L'ARTE DELL'AMORE, O IL FASCINO DELLA FEMMINILITÀ, Seyssel, Champ
Vallon, 1995.
VOLTAIRE: 16, 132, 146, 149. ART ET ANTICIPATION, Parigi, Carré, 1997.

WALPOLE, Horace: 40, 46. Gestione di lavori collettivi


WANG WEI: 6 1.
MAESTRI E PROTETTORI DELLA NATURA (in codirezione con F. Guéry),
WELLES, Orson: 44. Seyssel, Champ Vallon, 1991.
LA TEORIA DEL PAESAGGIO IN FRANCIA (1974-1994), Seyssel,
WIEPKING, Heinrich: 139, 140. WILDE, Champ Vallon, 1995.
Oscar: 9, 13, 14, 26,
124, 125, 188. Romanzi
WOLF, Gaspare: 91, 97.
WOLFFLIN, Heinrich: 1 1. GERUSALEMME! JÉRUSALEM!, Parigi, Gallimard, 1969.

XENOPHON: 32. LE MISOGYNE, Parigi, Denoël, 1976 (collezione “Lettres nouvelles”).

ZOLA, Émile: 37, 122, 173, 174, HERMAPHRODITE, Parigi, Denoël, 1977 (collezione “Lettres nouvelles”).
175, 176, 177, 183, 186.
THE DRUNK VOYEUR, Parigi, Denoël, 1981.
DALLO STESSO AUTORE LA TRAVESTIE, Parigi, Grasset, 1987 (Portato sullo schermo da Yves Boisset nel
1988).
RÉ MIS SI 0 N, Parigi, Grasset, 1990.
Test

LE ROMAN CONTEMPORAIN, Parigi, PUF, 1973 (in collaborazione


con A. Maraud).