Sei sulla pagina 1di 3

Il Gotico: Stile e Architettura.

Il gotico è una fase dell'arte che cominciando dalla Francia nel XII secolo si diffonde in tutta
l'Europa occidentale. La nascita ufficiale dello stile viene identificata in architettura con la
costruzione del core dell'abazia di Saint-Denis a Parigi.
In Spagna e in Inghilterra il gotico segna la nascita delle monarchie nazionali, in altri paesi
invece è espressione dei poteri feudali o ancora dei liberi comuni dominati dalla nuova
borghesia urbana. In epoca gotica stretto fu il rapporto tra l'arte e la fede cristiana, ma
anche fu un periodo nel quale rinacque l'arte laica e profana.

Architettura.
La novità più originale dell'architettura gotica è la scomparsa
delle spesse masse murarie tipiche del romanico: il peso della
struttura non veniva più assorbito dalle pareti, ma distribuito
su pilastri e una serie di strutture secondarie poste all'esterno
degli edifici. Nacquero così le pareti di luce, coperte da
magnifiche vetrate, alle quali corrispondeva fuori un
complesso reticolo di elementi di scarico delle forze. Gli archi
rampanti, i pinnacoli, gli archi di scarico sono tutti elementi
strutturali che contengono e indirizzano al suolo le spinte
laterali della copertura.
Gli edifici si sviluppano con slancio verticale, arrivando a
toccare altezze ai limiti delle possibilità della statica.
Strumenti essenziali per questo sviluppo furono:
➢ l'arco acuto, che permette di scaricare il peso sui
piedritti generando minori spinte laterali. Si ottiene
sovrapponendo due archi a tutto sesto.

➢ La volta a crociera ogivale, che crea campate rettangolari invece che quadrate.
➢ Gli archi rampanti, che ingabbiano la costruzione disponendosi dinamicamente
attorno alle navate e agli absidi.
➢ I pinnacoli che con il loro peso verticale danno equilibrio alla distribuzione della
forza.
➢ Contrafforti, che sostengono gli archi rampanti
➢ pilastri a fascio che portano a seguire la struttura verticale.
Notre-Dame de Paris.

Notre-Dame è una delle costruzioni gotiche più celebri


del mondo e uno dei monumenti più visitati di Parigi.

Si tratta di una chiesa a pianta rettangolare, col due


transetti contenuti all'interno del perimetro dell'edificio.
Lo spazio interno, è articolato secondo una pianta a
croce latina con cinque navate che si chiudono, nella
zona absidale, con un doppio deambulatorio.
La navata centrale è costituita da cinque doppie
campate. Al di sopra delle navate laterali più interne si
trova il matroneo, schermato da eleganti trifore e
sormontato da ampie bifore.

La facciata occidentale è uno degli elementi più


conosciuti dell'intero complesso. È suddivisa in tre livelli
distinti:
• i portali fortemente strombati, con il loro ricco
apparato scultoreo,
• la galleria dei re
• il rosone affiancato da due finestroni ogivali
• le due torri gemelle, raccordate tra loro da una leggera teoria di colonne e archi
intrecciati.

Il portale della Vergine è il primo ingresso sulla sinistra


della facciata occidentale ed è interamente dedicato
alla Vergine Maria, che si trova nella parte alta del
timpano. La strombatura del portale è caratterizzata da
una serie di sculture di Santi che si inseriscono tra le
modanature.
Il portale del giudizio universale è quello al centro della
facciata. Nella parte inferiore del timpano si notano i
defunti mentre si alzano dalle loro tombe, in quella
centrale invece vi sono San Michele e satana che con
una bilancia pesano i peccati e le virtù.
Il portale di sant'Anna è il portale più a destra ed è dedicato alla madre di Maria.
Al centro della facciata è situato il rosone, in vetrate policromate, che fa da aureola alla
statua della Vergine.

San Francesco D'Assisi: due chiese


sovrapposte.
Nel quadro della diffusione del gotico in Italia, un ruolo
fondamentale è assunto dalla basilica di S. Francesco.
La chiesa è sepoltura del santo e come tradizione
vuole, il sepolcro di un santo è posto in una cripta, ma
qui si vuole che essa sia ampia quanto una chiesa:
sono perciò costruite due chiese sovrapposte, la chiesa-
cripta inferiore e la superiore finalizzata alla
predicazione.
Le due chiese sono a una navata, con transetto e
abside, sostenute all'esterno da contrafforti cilindrici e
archi rampanti. Nella chiesa superiore la navata è
divisa in campate quadrate coperte da volte ogivali
rette da alti pilastri a fascio addossati alle pareti. Il ritmo verticale degli archi è bilanciato
dall'orizzontalità delle pareti.