Sei sulla pagina 1di 2

Architettura Gotica Nasce in Francia nella Champagne e nell Ile de France.

Abbazia Saint-Denis , Cattedrale di Laon, Cattedrale di Reims e, a Parigi, Notre-Dame. Diversamente da quanto avvenne per l'architettura romanica, policentrica e senza che si possa ritenere una regione europea come pi rappresentativa, invece quasi possibile identificare una localit e un "padre" dell'architettura gotica. La ricostruzione del coro dell'abbazia di Saint Denis, vicino a Parigi, nell'anno 1144 per opera dell'abate Suger, infatti generalmente considerata come la data di inizio di questo stile, che da l a poco si diffonder prima nelle diocesi dell'Ile de France e poi nel resto della Francia, in Inghilterra, nell'Impero e nel resto d'Europa, incontrando resistenze significative solo in Italia. Uno stile consapevolmente diverso da quella precedente, caratterizzato dall'uso intensivo di tecniche costruttive gi note (come l'arco a sesto acuto e la volta a crociera), ma in un sistema coerente e logico e con nuovi obiettivi estetici e simbolici.Introduzione dello stile rayonnant (radiante) durante il regno di Luigi IX. Lesempio pi emblematico costituito dalla Sainte-Chapelle di Parigi (cappella doppia, su due piani, quello inferiore con volte a crociera, superiore volt ad ogiva costolonata). Caratteristiche dellArchitettura Gotica L'architettura gotica pu essere messa in relazione con la filosofia scolastica del tempo che innalzava al divino e a dio: a partire da un solido ancoraggio a terra, tramite l'assottigliamento e la semplificazione delle strutture, si opera una progressiva ascensione, e le strutture si slanciano verso il cielo in un moto di ricongiunzione verso la divinit. La novit pi originale dell'architettura gotica la scomparsa delle spesse masse murarie tipiche del romanico: il peso della struttura non veniva pi assorbito dalle pareti, ma distribuito su pilastri e una serie di strutture secondarie poste all'esterno degli edifici. Nacquero cos le pareti di luce, coperte da magnifiche vetrate, alle quali corrispondeva fuori un complesso reticolo di elementi di scarico dei carichi. Gli archi rampanti, i pinnacoli, gli archi di scarico sono tutti elementi strutturali, che contengono e indirizzano al suolo le spinte laterali della copertura, mentre le murature di tamponamento perdono importanza, sostituiti dalle vetrate. La straordinaria capacit degli architetti gotici non si esaurisce nella nuova struttura statica: gli edifici, svuotati dal limite delle pareti in muratura, si svilupparono su uno slancio verticale, arrivando a toccare altezze ai limiti delle possibilit della statica. Gotico in Italia Abbazia di Fossanova e Badia di Casamari (Lazio), Basilica di SantAntonio (Padova), Basilica di S.Francesco (Assisi), Duomi di Siena e Orvieto. Scultura Gotica Le innovazioni furono radicali e si pervenne dopo molti secoli ad una rappresentazione della figura umana finalmente realistica e aggraziata. Il ruolo della scultura rimase per quello che le era stato consegnato durante il periodo precedente, cio quello di ornamento dell'architettura, con una fruizione indipendente ancora inconcepibile. Importante rest anche la funzione didascalica con le cosiddette Bibbie di pietra che istruivano i fedeli analfabeti. Scultori Benedetto Antelami considerato la figura al confine tra la scultura romanica e quella gotica, sia per datazione che per stile. Probabilmente ebbe modo di visitare i cantieri provenzali. Nicola Pisano, la cui attivit di scultore di Nicola strettamente legata a quella di architetto, con decorazioni plastiche per le opere da lui realizzate. (Pergamo del Battistero Pisa, cassa esagonale sorretta da 6 colonne, tre delle quali poggiano su leoni di tradizione romanica. Elementi gotici nei capitelli e negli archi) (Arca di s.Domenico Bologna, impostazione dellopera, poi finita da Michelangelo) (Pergamo di Siena) Giovanni Pisano, figlio di Nicola, lavor con il padre alla decorazione del Battistero di Pisa , del Pulpito di Siena e nella Fontana Maggiore di Perugia. (Pulpito di s.Andrea di Pistoia, Pergamo del duomo di Pisa) Architettura Gotica Nasce in Francia nella Champagne e nell Ile de France. Abbazia Saint-Denis , Cattedrale di Laon, Cattedrale di Reims e, a Parigi, Notre-Dame. Diversamente da quanto avvenne per l'architettura romanica, policentrica e senza che si possa ritenere una regione europea come pi rappresentativa, invece quasi possibile identificare una localit e un "padre" dell'architettura gotica. La ricostruzione del coro dell'abbazia di Saint Denis, vicino a Parigi, nell'anno 1144 per opera dell'abate Suger, infatti generalmente considerata come la data di inizio di questo stile, che da l a poco si diffonder prima nelle diocesi dell'Ile de France e poi nel resto della Francia, in Inghilterra, nell'Impero e nel resto d'Europa, incontrando resistenze significative solo in Italia. Uno stile consapevolmente diverso da quella precedente, caratterizzato dall'uso intensivo di tecniche costruttive gi note (come l'arco a sesto acuto e la volta a crociera), ma in un sistema coerente e logico e con nuovi obiettivi estetici e simbolici.Introduzione dello stile rayonnant (radiante) durante il regno di Luigi IX. Lesempio pi emblematico costituito dalla Sainte-Chapelle di Parigi (cappella doppia, su due piani, quello inferiore con volte a crociera, superiore volt ad ogiva costolonata). Caratteristiche dellArchitettura Gotica L'architettura gotica pu essere messa in relazione con la filosofia scolastica del tempo che innalzava al divino e a dio: a partire da un solido ancoraggio a terra, tramite l'assottigliamento e la semplificazione delle strutture, si opera una progressiva ascensione, e le strutture si slanciano verso il cielo in un moto di ricongiunzione verso la divinit. La novit pi originale dell'architettura gotica la scomparsa delle spesse masse murarie tipiche del romanico: il peso della struttura non veniva pi assorbito dalle pareti, ma distribuito su pilastri e una serie di strutture secondarie poste all'esterno degli edifici. Nacquero cos le pareti di luce, coperte da magnifiche vetrate, alle quali corrispondeva fuori un complesso reticolo di elementi di scarico dei carichi. Gli archi rampanti, i pinnacoli, gli archi di scarico sono tutti elementi strutturali, che contengono e indirizzano al suolo le spinte laterali della copertura, mentre le murature di tamponamento perdono importanza, sostituiti dalle vetrate. La straordinaria capacit degli architetti gotici non si esaurisce nella nuova struttura statica: gli edifici, svuotati dal limite delle pareti in muratura, si svilupparono su uno slancio verticale, arrivando a toccare altezze ai limiti delle possibilit della statica. Gotico in Italia Abbazia di Fossanova e Badia di Casamari (Lazio), Basilica di SantAntonio (Padova), Basilica di S.Francesco (Assisi), Duomi di Siena e Orvieto. Scultura Gotica Le innovazioni furono radicali e si pervenne dopo molti secoli ad una rappresentazione della figura umana finalmente realistica e aggraziata. Il ruolo della scultura rimase per quello che le era stato consegnato durante il periodo precedente, cio quello di ornamento dell'architettura, con una fruizione indipendente ancora inconcepibile. Importante rest anche la funzione didascalica con le cosiddette Bibbie di pietra che istruivano i fedeli analfabeti. Scultori Benedetto Antelami considerato la figura al confine tra la scultura romanica e quella gotica, sia per datazione che per stile. Probabilmente ebbe modo di visitare i cantieri provenzali. Nicola Pisano, la cui attivit di scultore di Nicola strettamente legata a quella di architetto, con decorazioni plastiche per le opere da lui realizzate. (Pergamo del Battistero Pisa, cassa esagonale sorretta da 6 colonne, tre delle quali poggiano su leoni di tradizione romanica. Elementi gotici nei capitelli e negli archi) (Arca di s.Domenico Bologna, impostazione dellopera, poi finita da Michelangelo) (Pergamo di Siena) Giovanni Pisano, figlio di Nicola, lavor con il padre alla decorazione del Battistero di Pisa , del Pulpito di Siena e nella Fontana Maggiore di Perugia. (Pulpito di s.Andrea di Pistoia, Pergamo del duomo di Pisa

Pittura Gotica Il passaggio dal Romanico al Gotico molto impreciso e non coincide del tutto con una rottura evidente, piuttosto possiamo intravedere gli inizi di uno stile pi austero, scuro ed emozionale rispetto al periodo precedente. Bonaventura Berlinghieri, figlio di Berlinghiero Berlinghieri. Tra le opere da citare il San Francesco e storie della sua vita, dossale d'altare su tavola lignea conservato nella chiesa di San Francesco a Pescia. Si tratta forse della prima raffigurazione di questo soggetto, con il santo in piedi al centro, raffigurato per tutta la lunghezza della tavola in una posa rigidamente ieratica e frontale, ed alcuni episodi agiografici salienti. Giunta Pisano (perduta croce di Assisi , nota grazie ad una copia del 18 secolo Crocifisso s.Domenico di Bologna) Coppo di Marcovaldo (Giudizio Universale, Firenze Madonna col bambino, Siena) Cimabue, vero nome Cenno di Pepo. Dante lo cit come il maggiore della generazione antecedente a quella di Giotto, parallelamente al poeta Guido Guinizelli e al miniatore Oderisi da Gubbio. (Crocifisso, Arezzo Crocifisso, Firenze Maest di S. Francesco, Pisa S. Giovanni, Pisa) Duccio di Buonisegna, primo maestro della scuola senese. (Trittici e Vetrate) Giotto, opera nella prima met del 300. E' un grandissimo innovatore perch con lui si passa definitivamente dalla pittura bidimensionale alla pittura tridimensionale (che rende anche la profondit, non pi figure piatte ma tridimensionali) attenzione alla resa corretta dello spazio;figure massicce, monumentali;uso dell'oro e dell'azzurro con significato simbolico/teologico (ancora medievale);tendenza a ridurre la scena a pochi elementi essenziali(Maest di Ognissanti-Firenze, Storie di S. Francesco-Assisi, Cappella degli Scrovegni(56 affreschi)- Padova)

Pittura Gotica Il passaggio dal Romanico al Gotico molto impreciso e non coincide del tutto con una rottura evidente, piuttosto possiamo intravedere gli inizi di uno stile pi austero, scuro ed emozionale rispetto al periodo precedente. Bonaventura Berlinghieri, figlio di Berlinghiero Berlinghieri. Tra le opere da citare il San Francesco e storie della sua vita, dossale d'altare su tavola lignea conservato nella chiesa di San Francesco a Pescia. Si tratta forse della prima raffigurazione di questo soggetto, con il santo in piedi al centro, raffigurato per tutta la lunghezza della tavola in una posa rigidamente ieratica e frontale, ed alcuni episodi agiografici salienti. Giunta Pisano (perduta croce di Assisi , nota grazie ad una copia del 18 secolo Crocifisso s.Domenico di Bologna) Coppo di Marcovaldo (Giudizio Universale, Firenze Madonna col bambino, Siena) Cimabue, vero nome Cenno di Pepo. Dante lo cit come il maggiore della generazione antecedente a quella di Giotto, parallelamente al poeta Guido Guinizelli e al miniatore Oderisi da Gubbio. (Crocifisso, Arezzo Crocifisso, Firenze Maest di S. Francesco, Pisa S. Giovanni, Pisa) Duccio di Buonisegna, primo maestro della scuola senese. (Trittici e Vetrate) Giotto, opera nella prima met del 300. E' un grandissimo innovatore perch con lui si passa definitivamente dalla pittura bidimensionale alla pittura tridimensionale (che rende anche la profondit, non pi figure piatte ma tridimensionali) attenzione alla resa corretta dello spazio;figure massicce, monumentali;uso dell'oro e dell'azzurro con significato simbolico/teologico (ancora medievale);tendenza a ridurre la scena a pochi elementi essenziali(Maest di Ognissanti-Firenze, Storie di S. Francesco-Assisi, Cappella degli Scrovegni(56 affreschi)- Padova)