Sei sulla pagina 1di 3

PROVERBI ITALIANI

1.Morto un papa se ne fa un altro.


Nessuno è insostituibile.

2. Chi non risica non rosica.


Per ottenere qualcosa bisogna pur rischiare.

3. Uomo avvisato mezzo salvato.


Chi viene avvertito di un pericolo può salvarsi.

4. Tra moglie e marito non mettere il dito.


Meglio non immischiarsi tra gli affari di coppia.

5. Acqua cheta rompe i ponti.


Spesso le cose o le persone che sembrano più tranquille sono quelle più pericolose.

6. Vivi e lascia vivere.


Bisogna essere tolleranti.

7. A caval donato non si guarda in bocca.


Non bisogna essere troppo schizzinosi quando si riceve un regalo.

8. L’erba del vicino è sempre più verde.


Le cose degli altri ci sembrano sempre migliori.

9. L’appetito vien mangiando.


Più si ha e più si vuole avere.

10. Aiutati che Dio t’aiuta.


Comincia a risolvere i problemi e vedrai che si risolveranno.

11. Ognuno ha la sua croce.


Chiunque ha un qualcosa che lo affligge.

12. Fino alla bara sempre s’impara.


Non si finisce mai di imparare.

13. A chi batte forte, si aprono le porte.


Chi si fa sentire ha più possibilità di avere successo.

14. Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.


È molto difficile eliminare definitivamente le cattive abitudini.

15. Dimmi con chi vai, e ti dirò chi sei.


Per capire una persona guarda le persone che frequenta.
16. Da cosa nasce cosa.
Piano piano si possono ottenere grandi risultati.

17. Con le buone maniere si ottiene tutto.


Con la gentilezza e la diplomazia è più facile ottenere quel che si vuole.

18. Occhio non vede, cuore non duole.


Per non soffrire è meglio non sapere.

19. Chiodo scaccia chiodo.


Qualcosa di nuovo ci fa dimenticare qualcosa di andato.

20. Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare.


Tra dire di fare una cosa e il farla c’è molta differenza.

21. Chi semina vento raccoglie tempesta.


Ad azioni negative seguono conseguenze dannose.

22. Chi si accontenta gode.


Per essere felici bisogna accontentarsi.

23. Mai piangere sul latte versato.


Non serve disperarsi per ciò che è andato e, ormai, irrecuperabile.

24. Chi troppo vuole nulla stringe.


Quando si vuole troppo non si ottiene nulla.

25. Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino.


Quando si compie ripetutamente qualcosa di proibito, alla fine ci si rimette.

26. Meglio soli che male accompagnati.


È meglio stare da soli che in cattiva compagnia.

27. Al cuore non si comanda.


Ai sentimenti non si può chiedere niente.

28. Due torti non fanno una ragione.


Rispondere al male con il male non porta giustizia.

29. Chi tace acconsente.


Chi lascia correre è d’accordo.

30. L’abito non fa il monaco.


L’apparenza non è sinonimo di verità.

31. Paese che vai usanza che trovi.


Ogni luogo ha le sue tradizioni.

32. Chi è causa del suo mal pianga se stesso.


Chi è causa dei proprio problemi deve incolpare solo se stesso.

33. Chi fa da sé fa per tre.


Chi fa da solo fa meglio.

34. Chi la fa l’aspetti.


Chi fa qualcosa di negativo deve aspettarsi una reazione altrettanto.

35. Non tutto il male vien per nuocere.


A volte un evento negativo può avere conseguenze positive.

36. Batti il ferro quando è caldo.


Approfitta di una situazione favorevole al momento giusto.

37. Chi ben comincia è a metà dell’opera.


Iniziare bene qualcosa ci servirà a fare meno fatica dopo.

38. Una rondine non fa primavera.


Non bisogna trarre conclusioni affrettate.

39. Campa cavallo che l’erba cresce.


Bisogna avere pazienza.

40. Chi scherza col fuoco si brucia.


Meglio evitare di prendere rischi inutili.

Potrebbero piacerti anche