Sei sulla pagina 1di 6

Copyright 2004 ZERO TO THREE.

Per ottenere il consenso a copiare questo


articolo inviare una e-mail a permission@zerotothree.org.

NEUROCEZIONE:

Un sistema subconscio
per rilevare minacce e
sicurezza
STEPHEN W. PORGES
University of Illinois at Chicago

(traduzione di Raffaele Cascone)

FOTO: MARYLIN NOLT

Che cosa determina il modo in cui due esseri umani cosciente. Il riconoscimento di una persona come sicura o
reagiranno l’uno nei confronti dell’altro quando si pericolosa attiva comportamenti pro-sociali o difensivi neuro
incontrano? Questa risposta iniziale è un prodotto biologicamente determinati. Anche se potremmo non essere
dell’apprendimento proveniente dalla cultura, dalle consapevoli
esperienze familiari e da altri processi di socializzazione?
Oppure la risposta è l’espressione di un processo
neurobiologico programmato proprio nel DNA della nostra Un colpo d’occhio
specie? Se la risposta ha una base neurobiologica, ci sono
caratteristiche specifiche nel comportamento dell’altra • La neurocezione descrive il modo in cui i circuiti
persona che innescano sentimenti di sicurezza, amore e neurali distinguono fra una situazione o una persona
conforto oppure sentimenti di pericolo? Perché alcuni sicura, ed una pericolosa o che rappresenta una
bambini si coccolano e si abbandonano calorosamente agli minaccia per la vita.
abbracci mentre altri si irrigidiscono e respingono questo
stesso approccio? Perché alcuni bambini sorridono e si • La neurocezione spiega il perché un bambino reagisca
ingaggiano attivamente con una nuova persona, mentre altri amorevolmente a chi si cura di lui ma pianga di fronte
evitano lo sguardo e si ritirano? a un estraneo, o perché apprezzi l’abbraccio di un
La conoscenza della biologia umana ci aiuta a capire gli genitore e veda lo stesso abbraccio da parte di un
inneschi e i meccanismi di tali comportamenti durante il estraneo come un aggressione.
normale sviluppo? Se impariamo come le caratteristiche
comportamentali accendono i circuiti neurali che facilitano il • La Teoria Polivagale descrive tre stadi di sviluppo del
comportamento sociale, saremo meglio in grado di aiutare a sistema nervoso autonomo di un mammifero:
migliorare il comportamento sociale dei bambini con immobilizzazione, mobilizzazione e comunicazione o
importanti problemi di disabilità dello sviluppo come coinvolgimento sociale.
l’autismo?
Elaborando le informazioni provenienti dall’ambiente • Una neurocezione scorretta può essere alla radice di
attraverso i sensi, il sistema nervoso valuta continuamente il molti disordini psichiatrici, quali autismo,
rischio. Ho coniato il termine neurocezione per descrivere schizofrenia, patologie ansiose, depressione e disturbo
come i circuiti neurali distinguano se le situazioni o le reattivo dell’attaccamento (RAD).
persone sono sicure, pericolose o una minaccia per la vita. A
causa della nostra eredità di specie, la neurocezione ha luogo
in parti primitive del cervello senza la nostra consapevolezza
ZERO TO THREE
Maggio 2004
19
del pericolo ad un livello cognitivo, il nostro corpo ha già sostenere forme di ingaggio sociale, alcune delle stesse
iniziato a livello neurofisiologico una sequenza di processi strutture cerebrali coinvolte nelle funzioni difensive. A
neurali che facilitano comportamenti adattivi di difesa come questo punto la neurocezione potrebbe essere in grado di
“lotta, fuga o immobilizzazione”. incoraggiare lo sviluppo di legami sociali e fornire
Il sistema nervoso di un bambino (o di un adulto) può opportunità di riproduzione.
riconoscere il pericolo o una minaccia mortale allorchè il
bambino entra in un nuovo ambiente o incontra una persona L’ingaggio sociale ed il comportamento difensivo:
estranea. A livello cognitivo non ci sarebbe alcun motivo per strategie adattive o disadattive?
essere spaventati. Ma spesso, anche se comprendono questo, L’ingaggio sociale ed i comportamenti difensivi possono
il loro corpo li tradisce. A volte questo tradimento è privato; essere adattivi o disadattivi a seconda del livello di rischio
solo loro sono consapevoli che il loro cuore sta presente nell’ambiente. Secondo una prospettiva clinica le
battendo velocemente e si sta caratteristiche che definiscono una
contraendo con tanta forza che Gli esseri umani hanno tre psicopatologia possono comprendere
cominciano a vacillare. Per altri le principali strategie di difesa: sia l’inabilità di una persona a inibire i
risposte sono più aperte. Possono lotta, fuga e immobilizzazione sistemi difensivi in un ambiente sicuro,
tremare. Arrossire in volto e iniziare a sia l’inabilità ad attivare i sistemi
sudare nelle mani. Altri ancora tendono a impallidire e a difensivi in un ambiente rischioso, o entrambe le cose. Solo
sentire le vertigini, fino a sentirsi quasi svenire. in un ambiente sicuro è adattivo ed appropriato inibire i
Tale processo di neurocezione spiegherebbe il perché un sistemi difensivi e simultaneamente esibire un
bambino reagisca amorevolmente alla persona familiare che comportamento positivo di ingaggio sociale. Una
lo accudisce ma pianga di fronte a un estraneo che si neurocezione scorretta, vale a dire una valutazione non
avvicina, o perché apprezzi l’abbraccio affettuoso di un accurata della sicurezza o della pericolosità di una
genitore e interpreti lo stesso abbraccio da parte di un situazione, può contribuire alla reattività fisiologica
estraneo come un’aggressione. Possiamo vedere questo disadattiva e all’espressione di comportamenti difensivi
processo in azione quando due bambini ai primi passi si associati a disturbi psichiatrici specifici. Durante lo sviluppo
incontrano in uno spazio di gioco con la sabbia. E’ possibile infantile tipico, tuttavia, la neurocezione rileva i rischi in
che decidano che la situazione e l’altro bambino sono sicuri modo adeguato. La consapevolezza cognitiva del rischio da
se lo spazio di gioco è un territorio familiare, se i loro parte dei bambini corrisponde alla loro “reazione viscerale”
secchielli e le palette sono più o meno ugualmente attraenti , al pericolo.
e se entrambi i bambini hanno le stesse dimensioni. I due Quando il nostro sistema nervoso rileva la sicurezza, le
bambini possono allora esprimere comportamenti positivi di nostre esigenze metaboliche si adattano. Le reazioni di stress
coinvolgimento sociale: in altre parole, possono iniziare a che sono associate a lotta e fuga, come l’aumento del ritmo
giocare. cardiaco e del cortisolo, mediato dal sistema nervoso
Il “giocare bene” accade naturalmente se la nostra simpatico e dall’asse ipotalamo-ipofisi-surrenali, vengono
neurocezione rileva sicurezza e promuove gli stati fisiologici abbassate. Allo stesso modo una neurocezione di sicurezza ci
che supportano il comportamento sociale. Il comportamento impedisce di entrare in stati fisiologici che sono caratterizzati
pro-sociale, tuttavia, non avrà luogo se la nostra da massicci cali della pressione sanguigna e del ritmo
neurocezione fraintende le indicazioni ambientali e innesca cardiaco, svenimenti, e apnea, stati che supporterebbero
stati fisiologici che supportano strategie difensive. Dopo comportamenti di “immobilizzazione” e “chiusura”.
tutto, “comportarsi bene” non è un comportamento Come fa il sistema nervoso a riconoscere che l’ambiente è
appropriato o adattivo in situazioni pericolose o di minaccia sicuro, pericoloso o minaccioso per la vita? Quali
mortale. In queste situazioni gli esseri umani (come altri meccanismi neurali valutano il rischio nell’ambiente? Le
mammiferi) reagiscono con sistemi difensivi neurobiologici nuove tecnologie, come la risonanza magnetica funzionale
più primitivi. Per creare relazioni gli esseri umani devono per immagini, hanno identificato strutture neurali specifiche
dominare tali reazioni difensive per instaurare, saldare e che sono coinvolte nella rilevazione del rischio. Specifiche
formare legami sociali durevoli. Gli esseri umani hanno dei aree del cervello rilevano e valutano caratteristiche, come
sistemi neurocomportamentali adattivi sia per i movimenti del corpo e del volto e vocalizzazioni, che
comportamenti pro-sociali che per quelli difensivi. contribuiscono all’impressione di sicurezza e affidabilità. I
Che cosa permette che comportamenti di ingaggio ricercatori hanno identificato un’area del cortex che viene
accadano, mentre vengono disabilitati i meccanismi di attivata quando vediamo volti familiari e sentiamo voci
difesa? Per passare in modo efficace dalle strategie difensive familiari. Tale processo di identificazione di persone
all’ingaggio sociale, il sistema nervoso deve fare due cose: familiari e affidabili e di valutazione delle intenzioni altrui,
(1) valutare il rischio, e (2) se l’ambiente appare sicuro, basata su “movimenti biologici” facciali e corporei sembra
inibire le reazioni primitive di difesa, lotta, fuga o avere luogo nel lobo temporale del cortex. Se la
immobilizzazione. neurocezione identifica una persona come sicura, allora un
Elaborando le informazioni provenienti dall’ambiente circuito neurale inibisce attivamente le aree cerebrali che
attraverso i sensi, il sistema nervoso valuta continuamente il organizzano le strategie difensive di lotta, fuga e
rischio. Man mano che l’evoluzione ha progredito si sono immobilizzazione. Leggere variazioni nei movimenti
sviluppati nuovi sistemi neurali. Tali sistemi utilizzano, per biologici che vediamo possono spostare una neurocezione da
ZERO TO THREE
Maggio 2004
20
“sicuro” a “pericoloso”. Quando avviene tale virata, vengono
interrotti i sistemi neurali associati al comportamento pro-
sociale e vengono attivati i sistemi neurali associati alle
strategie difensive.
In presenza di una persona sicura, quindi, l’inibizione
attiva delle aree cerebrali che controllano le strategie di
difesa offre l’opportunità che il comportamento sociale
avvenga spontaneamente. Per questo motivo la presenza di
un amico o di una persona cara terrebbe a bada i circuiti
neurali nel cervello che regolano le strategie difensive. E, di
conseguenza, diventano possibili la vicinanza, il contatto
fisico e altri comportamenti di ingaggio sociale. Al contrario,
quando la situazione appare rischiosa, vengono attivati i
circuiti cerebrali che regolano le strategie difensive. Gli
approcci sociali vengono affrontati con un comportamento
aggressivo o con il ritrarsi.

Immobilizzazione senza paura


Come abbiamo visto, gli esseri umani hanno tre principali
strategie di difesa: lotta, fuga e immobilizzazione. Ci sono
già familiari i comportamenti di lotta e fuga, mentre
sappiamo meno della strategia di difesa attraverso
l’immobilizzazione, il “gelarsi”. Tale strategia, condivisa con
i vertebrati primitivi, viene spesso espressa nei mammiferi
come “fingere la morte”. Negli esseri umani si osserva un
arresto comportamentale, spesso accompagnato da un tono
muscolare molto debole. Si osservano inoltre dei FOTO: MARYLIN NOLT
cambiamenti fisiologici: il ritmo cardiaco e la respirazione
rallentano e la pressione sanguigna diminuisce. L’ingaggio sociale: preambolo al legame sociale
L’immobilizzazione o “gelarsi” è uno dei meccanismi Per sviluppare un vincolo sociale non è sufficiente inibire
difensivi più antichi della nostra specie. L’inibizione del i sistemi di difesa. Le persone devono essere anche vicine
movimento rallenta il nostro metabolismo (riducendo la fisicamente. Ciò è vero sia che si tratti di madre e bambino
necessità di cibo) e fa elevare la soglia del dolore. Ma, in che stanno formando una relazione di attaccamento, sia per
aggiunta all’immobilizzarsi in difesa, i mammiferi si due adulti che stiano formando un legame sociale. Ci sono
immobilizzano anche per attività pro-sociali essenziali, ovviamente differenze notevoli tra i contesti in cui si
compresi concepimento, parto, allattamento e costituzione di formano il legame madre-bambino e il legame sociale tra due
legami sociali. Ad esempio, durante l’allattamento del partners riproduttivi. Consideriamo, ad esempio, la mobilità:
neonato la madre deve limitare i propri movimenti. Quando a causa dello sviluppo neurale immaturo, il bambino ha una
un bambino viene abbracciato, viene immobilizzato in modo capacità limitata nei movimenti sia per avvicinarsi che per
funzionale. Anche i comportamenti riproduttivi implicano un allontanarsi dalla madre. Invece, due adulti, che potrebbero
certo grado di immobilizzazione. L’immobilizzazione con diventare una coppia riproduttiva, avranno probabilmente un
paura, tuttavia, suscita cambiamenti fisiologici profondi e repertorio comportamentale simile.
potenzialmente letali (cioè notevole rallentamento del ritmo Se la creazione di vincoli sociali dipendesse da
cardiaco, cessazione della respirazione e calo della pressione comportamenti motori volontari, allora i neonati umani
sanguigna). Attraverso il processo evolutivo i circuiti neurali sarebbero notevolmente svantaggiati: la regolazione neurale
cerebrali, originariamente implicati nel comportamento di delle vie motorie spinali è immatura al momento della
immobilizzazione, sono stati modificati per servire a nascita e ha bisogno di diversi anni per svilupparsi
necessità sociali intime. Attraverso il tempo tali strutture completamente. Fortunatamente l’ingaggio sociale non
cerebrali hanno sviluppato dei recettori per un neuropeptide. dipende dall’efficacia di cui siamo capaci nel regolare i
L’ossitocina viene rilasciata nel processo del parto e nostri arti e muovere il nostro corpo. Il movimento
dell’allattamento. Viene inoltre rilasciata nel cervello durante volontario del tronco e degli arti richiede delle vie neurali
le attività che aiutano a stabilire legami sociali. Quindi, che connettono il cortex ai nervi spinali (es. vie
allorchè percepiamo che l’ambiente è sicuro, il rilascio di corticobulbari). L’ingaggio sociale dipende piuttosto da
ossitocina ci permette di godere del conforto di un abbraccio quanto bene sappiamo regolare i muscoli facciali e della testa
senza paura. Ma se il nostro sistema nervoso identifica attraverso vie che collegano il cortex al tronco cerebrale (es.
qualcuno come pericoloso, l’ossitocina non viene rilasciata e vie corticospinali). Questi sono i muscoli che danno
lottiamo contro il tentativo di abbraccio. espressione al nostro volto, ci permettono di gesticolare con
la testa, danno l’intonazione alla voce, indirizzano lo sguardo
e permettono di distinguere le voci umane dai suoni di
ZERO TO THREE
Maggio 2004
21
sottofondo. Le vie corticospinaliverso i nervi spinali 2001) i mammiferi, specialmente i primati, hanno sviluppato
regolano i muscoli che controllano il tronco e gli arti; le vie strutture cerebrali che regolano sia i comportamenti sociali
corticobulbari verso i nervi craniali regolano i muscoli del che quelli difensivi. In altre parole, le forze evolutive hanno
volto e della testa. Le vie neurali dal cortex verso questi modellato sia la fisiologia che il comportamento umani. Man
nervi (es. corticobulbari) sono sufficientemente mielinate mano che il sistema nervoso dei vertebrati diventava più
alla nascita per permettere al bambino di inviare segnali a chi complesso nel corso dell’evoluzione, il suo repertorio
si prende cura di lui, (tramite vocalizzazione o facendo affettivo e comportamentale si espandeva. Un prodotto di
smorfie, ad esempio) e ingaggiarsi con gli aspetti sociali e questo processo filogenetico è un sistema nervoso che dota
nutritivi del mondo (ad esempio, fissando, sorridendo o gli esseri umani dell’abilità di esprimere emozioni, di
succhiando). comunicare e di regolare gli stati corporei e
La regolazione neurale dei muscoli facciali e della testa comportamentali.
influenza come si percepisce il comportamento di ingaggio La Teoria Polivagale collega l’evoluzione della
degli altri. Nello specifico, questa regolazione neurale può regolazione neurale del cuore all’esperienza affettiva,
ridurre la distanza sociale permettendo agli esseri umani all’espressione emotiva, alla gestualità facciale, alla
(compresi i bambini) di: comunicazione vocale e al comportamento sociale che è
• Prendere contatto con gli occhi; sensibile e rispondente al
Il riconoscimento di una persona
• Usare la voce con un’inflessione comportamento di altri. La teoria
e un ritmo coinvolgenti; come sicura o pericolosa attiva dei sottolinea che il controllo neurale
• Mostrare espressioni facciali comportamenti pro-sociali o difensivi del cuore è collegato in modo
contingenti; determinati neurobiologicamente. neuroanatomico al controllo
• Modulare i muscoli neurale dei muscoli del volto e
dell’orecchio medio per distinguere in modo più della testa.
efficiente la voce umana dai rumori di sottofondo. La Teoria Polivagale descrive tre stadii nello sviluppo del
sistema nervoso autonomo dei mammiferi. Ciascuna delle tre
In alternativa, quando il tono di questi muscoli è ridotto, strategie adattive principali di comportamento è supportata
il che avviene in modo spontaneo in risposta a una da un circuito neurale distinto che coinvolge il sistema
neurocezione di pericolo o di minaccia alla vita nervoso autonomo:
nell’ambiente esterno (es. una persona o situazione
pericolosa) o interno (es. febbre, dolore o malattia fisica): 1. Immobilizzazione
• Le palpebre si abbassano; • Fingere la morte, arresto comportamentale.
• La voce perde l’inflessione; • Il componente più primitivo, condiviso con la
• Le espressioni facciali positive si riducono; maggior parte dei vertebrati.
• La coscienza del suono della voce umana diventa meno • Dipende dalla diramazione più antica del nervo vago
acuta; (una porzione non mielinata che ha origine in
• La sensibilità verso i comportamenti di ingaggio sociale un’area del tronco cerebrale noto come il nucleo
degli altri diminuisce. motorio dorsale del vago).

È importante ricordare che la neurocezione del pericolo o 2. Mobilizzazione


della minaccia alla vita può avvenire verso l’ambiente • Comportamento di “lotta o fuga”.
esterno (es. una persona o situazione pericolosa) o interno • Dipende dal funzionamento del sistema nervoso
(es. febbre, dolore o malessere fisico). Anche un’espressione simpatico, un sistema associato all’aumentare
di affetto facciale piatta (piuttosto che arrabbiata) può l’attività metabolica e l’output cardiaco (es. ritmo
innescare una neurocezione di pericolo o paura e cardiaco accelerato, maggiore capacità di
interrompere coinvolgimenti sociali interrativi spontanei e contrazione del cuore).
reciproci. Ad esempio, l’espressione affettiva piatta di un
genitore depresso o di un bambino malato può attivare una 3. Comunicazione sociale o ingaggio sociale
spirale di transazione che ha come risultato una • Espressione facciale, vocalizzazione, ascolto.
compromessa regolazione emozionale e un limitato • Dipendente dal vago mielinato, che ha origine in
coinvolgimento sociale spontaneo. un’area del tronco cerebrale nota come nucleus
ambiguus. Il vago mielinato favorisce gli stati
La Teoria Polivagale: tre circuiti neurali che regolano la comportamentali di calma attraverso l’inibizione
reattività dell’influenza del sistema nervoso simpatico sul
Da dove provengono gli intricati sistemi cuore.
neurocomportamentali umani per i comportamenti pro-
sociali e difensivi? Come abbiamo già precedentemente Neonati, bambini piccoli e adulti hanno bisogno di
indicato, i mammiferi, compresi gli esseri umani, devono strategie di ingaggio sociale appropriate per formare
distinguere fra amico e nemico, valutare la sicurezza dell’ attaccamenti positivi e legami sociali. All’Università
ambiente e comunicare con la propria unità sociale. Secondo dell’Illinois di Chicago siamo stati a sviluppare un modello
la Teoria Polivagale (vedi Porges, 1993, 1995, 1997, 1998,
ZERO TO THREE
Maggio 2004
22
che collega l’ingaggio sociale all’attaccamento e alla Recente ricerca su bambini allevati in orfanotrofi rumeni
formazione di legami sociali attraverso i seguenti passi: ha stimolato l’interesse verso il Disturbo Reattivo
1. Tre circuiti neurali ben definiti supportano i dell’Attaccamento ed a tentare di porre rimedio ai disturbi
comportamenti di ingaggio sociale, la mobilizzazione e devastanti nel loro sviluppo sociale. Se il comportamento di
l’immobilizzazione. questi bambini indica una neurocezione difettosa del rischio
2. Indipendentemente dalla consapevolezza cosciente, il ambientale, ci sono caratteristiche
sistema nervoso valuta i rischi nell’ambiente e regola
l’espressione del comportamento adattivo per
corrispondere alla neurocezione di un ambiente che sia
sicuro, pericoloso o di minaccia per la vita.
3. Una neurocezione di sicurezza è necessaria prima che
comportamenti di ingaggio sociale possano avere
luogo. Tali comportamenti sono accompagnati dai
benefici degli stati fisiologici associati al sostegno
sociale.
4. I comportamenti sociali associati ad allattamento,
riproduzione e formazione di forti legami di coppia
richiedono un’immobilizzazione senza paura.
5. L’ossitocina, un neuropeptide coinvolto nella
formazione dei legami sociali, rende possibile
l’immobilizzazione senza paura attraverso l’inibizione
dei comportamenti difensivi di “congelamento
(freezing).

Neurocezione e disordini di salute mentale


Finora abbiamo parlato della neurocezione che funziona.
Idealmente, la neurocezione dell’ambiente per un neonato
mostra un luogo sicuro da esplorare. Ma anche se la sua
neurocezione lo avverte in modo giusto di un pericolo
proveniente da una persona che si prende abitualmente cura
di lui “spaventata o “che spaventa”, il neonato può
intraprendere alcune misure difensive, anche se saranno
FOTO: MARYLIN NOLT
probabilmente inefficaci e quasi sicuramente dispendiose a
livello psicologico. Cosa succede quando la neurocezione
ambientali che potrebbero aiutare il bambino a sentirsi più
stessa è danneggiata? Da un punto di vista teorico, una
sicuro per poi cominciare a muoversi verso un
neurocezione scorretta (cioè la disabilità a rilevare
comportamento sociale più normale?
correttamente se l’ambiente è sicuro o se la persona è
Uno studio recente su infanti rumeni cresciuti in un
affidabile) può essere alla radice di molti disturbi
orfanotrofio (Smyke, Dumitrescu & Zeanah, 2002) illustra
psichiatrici:
l’utilità del costrutto della neurocezione per la comprensione
dello sviluppo di comportamenti di attaccamento normali e
• Aree della corteccia temporale che ci si aspetta
atipici. I ricercatori hanno valutato due gruppi di bambini in
inibiscano reazioni di lotta, fuga o immobilizzazione,
istituto e li hanno confrontati con bambini mai stati in
non vengono attivate negli individui con autismo o
istituto. Un gruppo dei bambini in istituto (l’unità standard) è
schizofrenia, i quali hanno difficoltà nell’ingaggio
stato curato per essere in accordo con gli standard prevalenti:
sociale.
venti assistenti diversi si occupavano di loro a turno, con
• Individui con disordini di angoscia e depressione
circa 3 assistenti per 30 bambini in ogni turno. Il secondo
hanno un comportamento sociale compromesso,
gruppo di bambini, l’unità pilota, era composto da 10
difficoltà nel regolare il ritmo cardiaco, come viene
bambini e 4 assistenti. Se applichiamo il nostro concetto di
rilevato nelle corrispondenti misurazioni del
neurocezione a questo studio, dovremmo ipotizzare che
controllo vagale del cuore), e una ridotta espressività
assistenti a cui i bambini siano abituati siano essenziali per la
facciale.
neurocezione di sicurezza dei bambini, la quale a sua volta
• Bambini maltrattati e istituzionalizzati, con Disturbo
sarebbe essenziale per promuovere un comportamento
Reattivo dell’Attaccamento tendono a essere o inibiti
sociale adeguato. Nello specifico, la capacità di un bambino
(emozionalmente ritirati e non rispondenti) o non
di riconoscere il volto, la voce e i movimenti dell’assistente
inibiti (indiscriminanti nel loro comportamento di
che si occupa di lui (le caratteristiche di una persona sicura e
attaccamento; Zeanah, 2000). Entrambi tipi di
affidabile) dovrebbe avviare il processo di inibizione del
comportamento indicano una neurocezione difettosa
sistema limbico, permettendo in questo modo al sistema
del rischio ambientale.
dell’ingaggio sociale di funzionare.

ZERO TO THREE
Maggio 2004
23
I dati dello studio di Smyke et al. (2002) supportano la Conclusioni
nostra ipotesi. Tanto maggiore è stato il numero di assistenti Secondo la Teoria Polivagale (compreso il concetto di
con cui i bambini entravano in contatto, maggiore era neurocezione), la nostra gamma di comportamenti sociali è
l’incidenza del Disturbo Reattivo dell’Attaccamento fra i limitata dalla nostra fisiologia umana, che si è evoluta a
bambini. I bambini dell’unità standard hanno avuto maggiore partire da quella di altri vertebrati più primitivi. Quando
probabilità di avere un Disturbo Reattivo dell’Attaccamento siamo spaventati dipendiamo dai circuiti neurali che si sono
rispetto agli altri due gruppi di bambini. Per alcuni indici di evoluti per fornire a vertebrati più primitivi comportamenti
Disturbo Reattivo dell’Attaccamento, i bambini del gruppo difensivi adattivi. Tali circuiti neurali forniscono
pilota non erano differenti dai bambini mai stati in istituto. meccanismi fisiologici che organizzano in modo riflesso
Queste scoperte indicano che, una volta comprese le comportamenti di mobilizzazione o immobilizzazione prima
caratteristiche contestuali e sociali che inibiscono i circuiti che noi siamo consapevoli coscientemente di quanto sta
neurali che mediano le strategie comportamentali difensive, succedendo. Quando invece la neurocezione ci dice che
siamo in grado di “ottimizzare” lo sviluppo del l’ambiente è sicuro e che le persone in questo ambiente sono
comportamento pro-sociale. affidabili, i nostri meccanismi di difesa vengono disattivati.
All’Università dell’Illinois di Chicago stiamo utilizzando Ci possiamo allora comportare in modo da incoraggiare
un intervento comportamentale su base biologica appena l’ingaggio sociale e l’attaccamento positivo.
sviluppato, che si basa sui principi derivati dalla Teoria Focalizzarsi su comportamenti a base biologica, comuni a
Polivagale. Stiamo testando questo approccio su bambini con tutti gli esseri umani, permette ai terapeuti di immaginare
autismo e su individui con problemi di linguaggio e di nuovi paradigmi di intervento per aiutare i bambini il cui
comunicazione sociale. Il nostro modello prevede che, per comportamento sociale ed attaccamento siano compromessi.
molti bambini con deficit di comunicazione sociale È possibile alterare l’ambiente in cui ci si prende cura di loro
comunicative, compresi i bambini con diagnosi di autismo, il in modo da farlo apparire (ed essere) più sicuro per i bambini
sistema di ingaggio sociale sia intatto a livello e meno capace di evocare risposte di mobilizzazione o
neuroanatomico e neurofisiologico. Questi bambini, tuttavia, immobilizzazione. Possiamo anche intervenire direttamente
non si ingaggiano in comportamenti pro-sociali volontari. sui bambini, esercitando la regolazione neurale delle strutture
Abbiamo pensato che, per migliorare il comportamento del tronco cerebrale, stimolando la regolazione neurale del
sociale spontaneo, un intervento debba stimolare i circuiti sistema dell’ingaggio sociale e incoraggiando il
neurali che regolano i muscoli del volto e della testa. La comportamento sociale positivo.
Teoria Polivagale predice che, una volta attivata la
regolazione corticale delle strutture del tronco cerebrale BIBLIOGRAFIA
coinvolte nell’ingaggio sociale, il comportamento sociale e la - Smyke,A.T.,Dumitrescu,A.,&Zeanah,C.H.(2002).Attachment
comunicazione avverranno spontaneamente come proprietà disturbances in young children.I:The continuum of caretaking casualty.
Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry,
naturali emergenti di questo sistema biologico. L’intervento 41 (8),972 –982.
“stimola” ed “esercita” le vie neurali coinvolte nell’ascolto e, - Porges,S.W.(1993,October/November).The infant ’s sixth sense:
simultaneamente, stimola il funzionamento di altri aspetti del Awareness and regulation of bodily processes.Zero to Three 14 (2),12 –16.
sistema dell’ingaggio sociale. L’intervento fornisce una - Porges,S.W.(1995).Orienting in a defensive world:Mammalian
modifications of our evolutionary heritage.A Polyvagal Theory.
stimolazione acustica che è stata alterata al computer per Psychophysiology,32,301 –318.
modulare sistematicamente la regolazione neurale dei - Porges,S.W.(1997).Emotion:An evolutionary by-product of the neural
muscoli dell’orecchio medio. In teoria, i muscoli regulation of the autonomic nervous system.In C.S.Carter,B.Kirk-
dell’orecchio medio hanno necessità di essere regolati patrick,&I.I.Lederhendler (Eds.),The integrative neurobiology of
durante l’ascolto, e i nervi che regolano questi muscoli sono affiliation.Annals of the New York Academy of Sciences,807,62 –77.
- Porges,S.W.(1998).Love:An emergent property of the mammalian
collegati ai nervi che regolano gli altri muscoli del volto e autonomic nervous system.Psychoneuroendocrinology,23,837 –861.
della testa coinvolti nell’ingaggio sociale. I risultati - Porges,S.W.(2001).The Polyvagal Theory:Phylogenetic substrates of a
preliminari sono promettenti. Essi indicano che gli interventi social nervous system.International Journal of Psychophysiology,42,
designati a migliorare il comportamento sociale spontaneo 123 –146.
- Zeanah,C.H.(2000).Disturbances of attachment in young children
devono: (1) garantire che il contesto induca nei partecipanti adopted from institutions.Journal of Developmental and Behavioral
una neurocezione di sicurezza che permetta al sistema di Pediatrics,21 (3),230 –236.
ingaggio sociale di funzionare; (2) esercitare la regolazione
neurale del sistema dell’ingaggio sociale.

ZERO TO THREE
Maggio 2004
24