Sei sulla pagina 1di 6

L'IMMAGINE STORIOGRAFICA

DELL'ARCHITETTURA CONTEMPORANEA
DA PLATZ A GIEDION

MARIA LUISA SCALVINI MARIA GRAZIA SANDRI

Vene?ia

OFFICINA EDIZIONI

ovisivo
Istituto UniversltoriO Afchltettu10 Venezia

STUR
EU DE
19

Servizio Bibliografico Audiovisivo


e di Documentazione
Maria Luisa Scalvini Maria Grazia Sandri ./-; . o~
I ,.' !..!.J C'J
I
I I r- ~
! o 0.
i ~-_. :"J '-7/
i • ' ,)") :
i .j : ~ ~
I
( __ ~·· ..::J
~
""-
L'immagine storiografica
dell'architettura contemporanea
da Platz a Giedion

Officina Edizion:i
Roma; 1984
Indice

9 Premessa
13 Introduzione
24 I. Gustav Adolf Platz, Die Battkttnst der nettesten Zeit,
1927-1930
52 II. Henry-Russell Hitchcock, Modern Architecture - Ro-
manticism and Reintegration, 1929
Henry-Russell Hitchcock - Philip Johnson, The Interna-
tional Style - Architecture since 1922, 1932
73 III. Nikolaus Pevsner, Pioneers of the Modern Move-
ment from William Morris to Walter Gropius, 1936;
Pioneers of Modern Design, 1949
98 IV. Walter Curt Behrendt, Modern Building - Its Na-
ture, Problems and Forms, 1937 / ' .·z· ·:,
126 V. Sigfried Giedion, Space, Time and Architecture - The
Growth of a New Tradition, 1941

Appendici
151 Appendice I - Schede bio-bibliografiche
159 Appendice II - Testi
161 Gustav Adolf Platz
Prefazione da Die Baukunst der neuesten Zeit, 1927
da Die Bedeutung der Baupolizei im Stadtebau, 1928
166 Henry-Russell Hitchcock
da Modern Architecture, The Traditionalists and the
New Tradition - The New Pioneers, 1928
6 Indice

189 Nikolaus Pevsner


recensione a Rationelle Bebauungsweisen (1931), 1933
194 Walter Curt Behrendt
da Der Sieg des neuen Baustils, 1927
198 Sigfried Giedion
da Bauen in Frankreich - Eisen und Eisenbeton, 1928

203 Bibliografia dei testi citati


215 Indice dei nomi
L'immagine storiografica del l'architettura L'intreccio scandagliato è complesso,
contemporanea e la nozione di " movi- perché "attraversa" mclti piani di inda-
mento moderno '" quali ci vengono pre- gine . da quello biografico a quello sto-
sentate nelle maggiori storie degli anni rico-critico, a quello testuale; l'intento.
cinquanta e sessanta, sono l'esito di un oltre che di suggerire inedite chiavi di
processo di accumulazione e di selezione lettura per libri già noti , è di porre in
di eventi, e soprattutto di testi, che si contatto un pubblico ampio - e in par-
colloca nel periodo pre-bellico. E' negli ticolare gli studenti - con testi per vari
anni 1927-'41, infatti, che vengono pub- motivi difficilmente accessibili; e infine,
blicati alcuni libri, il cui ruolo da tale di fornire gli strumenti per rileggere cri-
punto di vista è fondamentale: o per la ticamente i testi "generati" da quelli qui
vasta diffusione internazionale e l 'in- analizzati. e forse , anche, per cogliere in
fluenza esercitata in maniera diretta, o anticipo i meccanismi narrativi di qual-
per i riflessi più indiretti, complessi e che storia dell'architettura contempora-
mediati, che oggi, a distanza di tempo, nea, ancora da scrivere.
è possibile cogliere nella storiografia
successiva . I testi degli anni trenta for- MARIA LUISA SCALVINI è docente di
mano un corpus eterogeneo per certi Storia dell'architettura presso l'Universi-
versi, omogeneo per altri (come ad esem- tà di Napoli . Ha pubblicato saggi di sto-
pio l'aspetto fondamentale costituito dal- ria, di teoria e di critica dell'architettura
la unicità del " modello narrativo,. che in importanti riviste italiane e straniere
li sottende}; così come i loro autori, e su argomenti che vanno da Bramante e
non pochi dei maggiori protagonisti dei Palladio a Lutyens e al Post-Modernism;
testi stessi - da Oud a Le Corbusier, è autrice altresì di volumi, anche tradot-
da Gropius a Wright - sono i nodi si- ti, di carattere teorico-critico (da L'ar-
gnificativi di una rete di correlazioni mul- chitettura con; e semiotica connotativa,
tiple, che costituisce una " costellazione 1975 ad Architettura : storia e progetto.
storiografica ,. di straordinario interesse: 1979). e di storia urbana (da Destino del-
quella appunto sotto cui si è formata la la città, 1965 a Bergamo 1516 - Città e
nozione di " movimento moderno "· territorio nella 'Descriptio ' di Marcanto-
L'analisi qui proposta si incardina su cin- nio Michiel , 1984).
que autori - Platz. Hitchcock, Pevsner .
Behrendt. Giedion - e sui loro maggiori MARIA GRAZIA SANDRI è docente di
scritti pubblicati fra il 1927 e il '41: cin- Storia del la città e del territorio presso
que autori profondamente diversi per for- la Facoltà di Architettura di Milano . Ha
mazione e vocazione professionale, per lavorato (1972-'74} presso il Museo di
vicende biografiche, per destino politico Arte Islamica di Berlino Ovest, ed ha
e culturale; un gruppo di opere che in- svolto campagne di studio in Anatolia e
clude libri ben noti al lettore italiano in Persia. pubblicando L'arte di stato dei
(come quelli di Pevsner e di Giedion}. ma Selgiuchidi di Turchia e i suoi rapporti
che soprattutto ne comprende altri - in con l 'arte armena (1980) . Tre suoi saggi
particolare quelli di Platz del '27-'30, di sono comparsi nel volume Palmanova d
Hitchcock del '29, di Behrendt del '37 - fortezza veneta a fortezza napoleonic
mai tradotti (così come i testi qui in Ap- ( 1982). altri due in Costruire in Lombar lstitu11.

pendice}. dia (1983).


1701
lire 15.00

Servi