Sei sulla pagina 1di 224

Daniela Bosia

Daniela Bosia
Gruppo di Azione Locale
Langhe Roero
Leader s.r.l.

GUIDA AL RECUPERO DELL’ARCHITETTURA RURALE DEL G.A.L. LANGHE ROERO LEADER


Il secondo volume della "Guida al recupero dell'architettura rurale
del G.A.L. Langhe Roero Leader" è da considerarsi uno
strumento metodologico complementare al primo volume,
pubblicato nel 2006, nell'ambito del programma di iniziativa
G U I D A
comunitaria Leader Plus. Con questo secondo volume, che
raccoglie gli esiti dello studio condotto nell'ambito della Misura
323.3.a) del P.S.R. della Regione Piemonte 2007-2013 - Asse IV
Leader, oltre a fornire linee di indirizzo per affrontare gli interventi
di recupero dell'architettura rurale tradizionale per i territori che
AL RECUPERO
hanno recentemente aderito al G.A.L. Langhe Roero Leader
(Comuni dell'ex Comunità Montana Langa delle Valli Belbo,
Bormida, Uzzone e Comuni di Igliano, Paroldo, Grinzane Cavour D E L L’ A R C H I T E T T U R A
e le zone rurali del Comune di Alba) si affronta anche il tema
di interesse crescente del risparmio energetico.
La Guida è organizzata in tre sezioni: la Parte I, dedicata al
Comune di Grinzane Cavour e al territorio rurale del Comune di R U R A L E D E L G. A . L .
Alba, e la Parte II, dedicata ai territori delle Valli Belbo, Bormida
e Uzzone e ai Comuni di Igliano e di Paroldo, organizzate nelle
sottosezioni "Tipologie edilizie" ed "Elementi costruttivi", riportano
la descrizione dei caratteri dell'architettura rurale e le linee guida LANGHE ROERO LEADER
per un recupero compatibile con il paesaggio; la Parte III, riferita
a tutto il territorio del G.A.L. Langhe Roero Leader, fornisce linee
guida e strumenti per affrontare correttamente anche gli interventi
di riqualificazione energetica degli edifici tradizionali, nell'ottica
della sostenibilità e nel rispetto del patrimonio costruito locale.
VOLUME II

P. S . R . R E G I O N E P I E M O N T E 2 0 0 7 - 1 3 A S S E I V L E A D E R
VOL. II

FEASR
Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale:
L’Europa investe nelle zone rurali
Daniela Bosia

Guida al recupero
dell’architettura rurale
del G.A.L. Langhe Roero Leader

VOLUME II

ALBA E GRINZANE CAVOUR

VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE


COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO

GUIDA ALLA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA


DELL’ARCHITETTURA RURALE
Gruppo di lavoro:
arch. Daniela Bosia - responsabile scientifico e coordinatore
arch. Roberto Marchiano - libero professionista - consulente

Studio realizzato con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo

© 2012 G.A.L. Langhe Roero Leader


© Daniela Bosia
Tutti i diritti riservati

G.A.L. Langhe Roero Leader


via Umberto I, 1
12060 Bossolasco (CN)
e-mail: gal.bossolasco@arpnet.it

www.langheroeroleader.it
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER ALBA E GRINZANE CAVOUR
GUIDA AL RECUPERO VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE -
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO

INDICE
ELEMENTI DI COLLEGAMENTO
PRESENTAZIONE I E DISTRIBUZIONE 53
Scale esterne e ballatoi 54
PARTE I Degrado 56
L’ARCHITETTURA RURALE DI ALBA Criteri di intervento 57
E GRINZANE CAVOUR 1 BALLATOI – SCHEDA INTERVENTI 59

LE TIPOLOGIE EDILIZIE 5 SISTEMI DI ORIZZONTAMENTO 61


Degrado 62
Nuclei rurali 8 Criteri di intervento 63
Linee guida per il recupero dei nuclei rurali 8 VOLTE – SCHEDA INTERVENTI 64
SOLAI – SCHEDA INTERVENTI
Edifici di impianto a «L» e a «C» 10 65
Linee guida per il recupero degli edifici PARTE II
a «L» e a «C» 11 L’ARCHITETTURA RURALE DELLE
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
Edifici in linea e isolati 12 E COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
Linee guida per il recupero degli edifici
in linea e isolati 13 LE TIPOLOGIE EDILIZIE 73
Nuclei rurali 76
Fabbricati di produzione e accessori 14 Linee guida per il recupero dei nuclei rurali 77
Linee guida per il recupero di fabbricati
di produzione e accessori 15 Edifici di impianto a «L» e a «C» 78
Linee guida per il recupero degli edifici
GLI ELEMENTI COSTRUTTIVI 17 a «L» e a «C» 79

MURATURE E FINITURE SUPERFICIALI 21 Edifici in linea e isolati 80


Degrado e dissesto 24 Linee guida per il recupero degli edifici
Criteri di intervento 25 in linea e isolati 81
MURATURE INTONACATE – SCHEDA INTERVENTI 26
MURATURE A FACCIA VISTA – SCHEDA INTERVENTI 27 Fabbricati di produzione e servizio:
stalle, fienili e depositi 82
COPERTURE 29 Linee guida per il recupero di stalle, fienili e depositi 83
Strutture di copertura 30 Fabbricati di produzione e servizio:
Manti di copertura e nodi gronda 31 “ciabot” e casotti 84
Comignoli 32 Linee guida per il recupero di “ciabot” e casotti 86
Abbaini e muri tagliafuoco 33 Fabbricati di produzione e servizio: pozzi e forni 90
Degrado 34 Linee guida per il recupero di pozzi e forni 91
Criteri di intervento 35 Fabbricati di produzione e servizio: i seccatoi 92
COPERTURE IN LATERIZIO – SCHEDA INTERVENTI 37 Linee guida per il recupero dei seccatoi 93
Manufatti edilizi diversi: muri e pavimentazioni 94
APERTURE 39 Linee guida per il recupero di muri e pavimentazioni 96
Architravi, piattabande, davanzali e cornici 40
Finestre 41 GLI ELEMENTI COSTRUTTIVI 99
Porte, portoni e portali 42
Inferriate e roste 43 MURATURE E FINITURE SUPERFICIALI 103
Aperture di fienili e per la ventilazione dei sottotetti 44 Murature in pietra a faccia vista 104
Sistemi di oscuramento 45 Muratura intonacata 106
Degrado 46 Degrado e dissesto 107
Criteri di intervento 47 Criteri di intervento 108
APERTURE DI PORTE E FINESTRE – SCHEDA INTERVENTI 49 MURATURE IN PIETRA A VISTA – SCHEDA INTERVENTI 110
INFISSI E INFERRIATE – SCHEDA INTERVENTI 50 MURATURE INTONACATE – SCHEDA INTERVENTI 111
APERTURE DI FIENILI – SCHEDA INTERVENTI 51
COPERTURE 113 RIDUZIONE DEL FABBISOGNO
Strutture di copertura 115 E DEI CONSUMI ENERGETICI 175
Manti di copertura 117
Nodi gronda e cornicioni 118 A - Abitudini dell’utente 176
Comignoli 119
Muri tagliafuoco 120 B - Miglioramento dell’efficienza degli impianti
Degrado 121 e razionalizzazione delle risorse 177
Criteri di intervento 122 Caldaia ad alto rendimento 177
C O P E RT U R E IN LATERIZIO S C H E D A INTERVENTI 123 Caldaia a condensazione 178
COPERTURE IN PIETRA – SCHEDA INTERVENTI 124 Pompa di calore 179
Sistema di riscaldamento a pavimento 180
APERTURE 129 Sistema di raccolta e recupero
Architravi, piattabande, davanzali e cornici 131 dell’acqua piovana 181
Finestre 132
Porte 133 C - Il miglioramento delle prestazioni
Portoni e portali 134 enegetiche dell’involucro edilizio 182
Aperture di fienili e loggiati 135 Isolamento termico di pareti in pietra 183
Nicchie e piccole aperture per la ventilazione Isolamento termico di pareti in pietra 185
dei sottotetti 136 Isolamento termico di coperture in pietra
Sistemi di oscuramento e inferriate 137 e in laterizio 187
Degrado 138 Isolamento termico dei solai a terra 190
Criteri di intervento 139 Miglioramento delle prestazioni
APERTURE DI PORTE E FINESTRE – SCHEDA INTERVENTI 141 dell’involucro vetrato e dei serramenti 192
INFISSI E INFERRIATE – SCHEDA INTERVENTI 142
APERTURE DI LOGGIATI E FIENILI – SCHEDA INTERVENTI 143 UTILIZZO DI FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI 195

ELEMENTI DI COLLEGAMENTO Impianti solari termici 197


E DISTRIBUZIONE 145 Impianti fotovoltaici 198
Scale esterne 146 Sistemi geotermici 200
Loggiati 147 Sistemi microeolici 201
Ballatoi 148 Sistemi idroelettrici 202
Degrado 150 Sistemi a biomassa
Criteri di intervento 152
BALLATOI – SCHEDA INTERVENTI 155 LINEE GUIDA GENERALI 207
SCALE ESTERNE – SCHEDA INTERVENTI 155 Linee guida per l’inserimento di sistemi fotovoltaici
e solari termici 210
SISTEMI DI ORIZZONTAMENTO: Linee guida serre solari 211
SOLAI E VOLTE 157 Linee guida per l’inserimento
Degrado e disssesto 158 di sistemi microeolici 211
Criteri di intervento 159 Linee guida per l’inserimento
VOLTE – SCHEDA INTERVENTI 160 di sistemi geotermici 212
SOLAI – SCHEDA INTERVENTI 161 Linee guida per l’inserimento
di sistemi micro-idroelettrici 212
PARTE III Linee guida per l’inserimento
GUIDA di sistemi a biomassa 213
ALLA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE 163 BIBLIOGRAFIA 215

LA NORMATIVA 164

PRINCIPI PER IL RECUPERO SOSTENIBILE 167


G.A.L. LANGHE ROERO LEADER ALBA E GRINZANE
GUIDA AL RECUPERO VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE -
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL II COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO

PRESENTAZIONE

Con questo volume il G.A.L.1 Langhe Roero Leader continua il suo impegno ed offre un nuovo
importante contributo per la valorizzazione e la difesa del paesaggio rurale tradizionale tipico di Langa
e Roero.
Queste Linee Guida costituiscono infatti la prosecuzione di un percorso avviato nel 2006 con la
pubblicazione della "Guida al recupero dell'architettura rurale del G.A.L. Langhe Roero Leader"
riguardante i Comuni che all'epoca aderivano all'Iniziativa Comunitaria Leader Plus. Da allora
qualcosa è cambiato: l'approccio Leader è stato inserito nell'Asse 4 del P.S.R. 2007-2013 della
Regione Piemonte2, il territorio3 del G.A.L. si è esteso includendo al suo interno nuovi Comuni, le
persone e le istituzioni manifestano attenzione e sensibilità sempre crescenti verso le tematiche
inerenti la salvaguardia del paesaggio e il risparmio energetico.
Il presente volume è suddiviso in tre parti:
- le prime due parti individuano le tipologie edilizie e gli elementi costruttivi tipici dell'architettura rurale
locale e le linee guida per il loro recupero, con riferimento al nuovo territorio aderente al GAL, e nello
specifico i Comuni dell'ex Comunità Montana Langa delle Valli Belbo Bormida Uzzone, i Comuni di
Igliano, Paroldo, Grinzane Cavour e le zone rurali del Comune di Alba;
- la terza parte, muovendo dalle tipologie costruttive tipiche già individuate nell'ambito dei precedenti
manuali, è finalizzato a fornire linee guida e strumenti per affrontare correttamente anche gli
interventi di riqualificazione energetica degli edifici tradizionali che caratterizzano l'intero attuale
territorio del GAL, nell'ottica della sostenibilità ambientale ed economica e nel rispetto del
patrimonio costruito locale.
IL G.A.L. invita i Comuni aderenti ad adottare tali Linee Guida recependole nella strumentazione
urbanistica comunale o nel Regolamento Edilizio, non solo e non tanto per accedere ai finanziamenti
previsti dal P.S.L.4 del G.A.L. per il recupero di edifici con caratteristiche tipiche rurali locali, quanto in
una più lungimirante ottica di valorizzazione del patrimonio costruito quale elemento costitutivo del
paesaggi, della cui importanza sono tutti consci, come testimoniato dalla candidatura di una parte del
territorio a Patrimonio mondiale dell'Umanità dell'Unesco, quale "occasione irrinunciabile per acquisire
notorietà internazionale e determinare straordinarie opportunità di crescita per tutte le economie
locali"5.
Il paesaggio di Langa e Roero è un rincorrersi di colline armoniose a vallette e rocche selvagge, su
cui si adagiano le geometrie dei vigneti e dei noccioleti, le distese dei frutteti e i boschi rigogliosi e
lussureggianti. Siamo consapevoli dell'importanza che tale paesaggio riveste innanzitutto dal punto di
vista della bellezza, per il piacere degli occhi ed il respiro dell'anima.
Questo suggestivo contesto è ancor più arricchito dall'opera dell'uomo che, nei tempi passati, ha
saputo impreziosirlo con l'edificazione di borghi, dimore rurali, piloni votivi, "ciabòt" forni e pozzi
strumentali al proprio lavoro, utilizzando ciò di cui disponeva in loco, la terra, la pietra, il legno,
combinando tra loro questi elementi con sapienti tecniche e inserendoli nell'ambiente naturale con
l'arcaico rispetto della gente di Langa e Roero verso la sua terra, che da sempre ha rappresentato la
sua principale fonte di sostentamento.
Ora questo importante patrimonio paesaggistico, rievocativo delle tradizioni del territorio e
imprescindibile legame con la storia e la cultura locale, va difeso e salvaguardato, pur nell'ottica di
nuove destinazioni funzionali o del necessario ammodernamento tecnologico; si tratta di
un'inestimabile ricchezza ambientale che si traduce anche in preziosa risorsa turistica, un'opportunità
a nostra disposizione per migliorare l'economia dell'area, la cui tutela e valorizzazione sono una nostra
responsabilità per lo sviluppo sociale ed economico di questo territorio.

Pietro Carlo Adami


Presidente del G.A.L. Langhe Roero Leader
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER ALBA E GRINZANE
GUIDA AL RECUPERO VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE -
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL II COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO

NOTE
1 - Il G.A.L. Langhe Roero Leader è un Gruppo di Azione Locale, società a partecipazione pubblico-privata
rappresentativa del tessuto socio-economico del territorio, avente ad oggetto la promozione degli interessi
istituzionali, economici e commerciali dei propri soci attraverso lo studio, l'attuazione ed il coordinamento di
iniziative utili allo sviluppo sociale, economico, culturale, turistico, del folclore, sportivo ed ambientale del
territorio delle Langhe e del Roero in generale, in particolare dei Comuni che hanno aderito alla programmazione
Leader, con tassativa esclusione di qualsiasi proprio fine di lucro
2 - Il Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della Regione Piemonte ha riservato, nel quarto Asse, risorse
pubbliche comunitarie statali e regionali ad hoc per il finanziamento di iniziative finalizzate a incentivare lo
sviluppo integrato, endogeno e sostenibile delle zone rurali caratterizzate da una più o meno marcata situazione
di marginalità socioeconomica, attraverso l'applicazione del metodo Leader "dal basso verso l'alto".
3 - Il territorio del GAL si compone di 68 Comuni, indicati nella cartina alle pagine seguenti, i cui rispettivi Enti
Pubblici hanno aderito alla compagine sociale del GAL, in forma singola di Comune o associati in Comunità
Montana o Unione di Comuni.
4- - Il Programma di Sviluppo Locale del GAL è un programma di interventi innovativo mirato alla valorizzazione
delle risorse specifiche dell'area a partire dall'analisi dei punti di forza e di debolezza di quest'ultima, un progetto
pluriennale per rispondere con una visione d'insieme alle istanze che giungono dal territorio in risposta ai bisogni
manifestati da chi su tale territorio opera direttamente e che quindi meglio di altri lo conosce.
5 - Tratto da www.paesaggivitivinicoli.it , pieghevole illustrativo della Candidatura UNESCO.
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER ALBA E GRINZANE
GUIDA AL RECUPERO VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE -
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL II COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II DI ALBA E GRINZANE CAVOUR

L’ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR

1
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II DI ALBA E GRINZANE CAVOUR

Il territorio dell'Albese che è entrato a far parte del G.A.L. Langhe Roero Leader comprende il Comune di
Grinzane Cavour, con il suo centro storico, e l'area rurale della Città di Alba, composta in particolare dalle
Frazioni Como, Gallo, San Rocco Seno d'Elvio, San Rocco Cherasca, Santa Rosalia, Scaparone e le Località
Biglini e Serre.
La Città di Alba è il polo di un'area rurale e produttiva vasta, descritta a metà Ottocento come un territorio dove
"le colline sono coperte qua e là di vigneti. I vini, che vi si fanno, specialmente nel territorio d'Alba, sono di ottima
qualità, e sono il principale oggetto del suo commercio. In generale sulla superficie di questa provincia si
raccolgono in abbondanza cereali, legumi, e frutta d'ogni specie. I tartufi, che produce, sono assai reputati. Si
mantiene buon numero di bestie bovine, particolarmente di vitelli da latte per li macelli, e di cavalli. Si allevano
in qualche quantità pecore, agnelli, e capre. Il pollame vi è in molta copia"(1). Si tratta dunque di un'area a
carattere collinare a vocazione rurale, prevalentemente votata alla viticoltura: lo stesso territorio rurale di Alba,
così come quello della vicina Grinzane, citata dal Casalis come villaggio distante tre miglia dal capoluogo, ma
nel 1847 appartenente al Mandamento di Diano(2), è in gran parte caratterizzato da versanti collinari nei quali
non solo da oggi predomina la viticoltura specializzata: "Alba, capo delle alte Langhe, è situata a settentrione in
ubertosa pianura circondata da lieti colli, (…) presso il confluente del Tanaro e del torrente Curasca"(3). A metà
ottocento, "la sola città d'Alba produceva da 10 a 12 mila ettolitri di vino (4). Solo nelle aree di fondovalle, per
quanto ampiamente compromesse da insediamenti industriali e infrastrutture, sopravvivono quelle colture
diversificate citate dal Casalis nel suo Dizionario Geografico - Storico - Statistico - Commerciale.

2
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II DI ALBA E GRINZANE CAVOUR

A margine dell'alveo del Tanaro ruderi di cascine abbandonate e di edifici proto-industriali testimoniano un
passato di attività produttiva a tutto campo.
Sulle colline intorno ad Alba e a Grinzane si trovano sparse un gran numero di abitazioni rurali, le case di Langa,
più o meno isolate, con caratteristiche che rispecchiano l'organizzazione produttiva e fondiaria del passato e
sfruttano i pendii più dolci e soleggiati. Sono per lo più case semplici, essenziali, costruite dai contadini e
funzionali alle attività agricole, composte da cucina e piccola stalla al pian terreno, camere da letto e fienile al
piano superiore; ma si possono trovare anche case grandi, più raffinate, che testimoniano la presenza di grandi
proprietà che potevano permettersi case padronali distinte dalle case dei mezzadri che lavoravano la terra,
costruzioni realizzate da capimastri con decorazioni e finiture inusuali per la cultura contadina, che lasciano
spazio a soluzioni architettoniche colte, non strettamente funzionali e legate alla reperibilità di materiali locali.

Per la ricerca del luogo più adatto ad ospitare tutte le costruzioni necessarie per la vita e per il lavoro agricolo,
infatti, risultavano essenziali la presenza di acqua e la posizione rispetto ai fondi da coltivare. Particolare cura
veniva posta all'orientamento degli edifici rispetto al sole e ai venti in modo da avere uno spazio per il lavoro
all'aperto - l'aia - esposto in modo da sfruttare al meglio, nella stagione estiva, il vento caldo per l'essicazione
dei prodotti agricoli; la casa, la stalla e il fienile erano, invece, orientati sul filo dei venti costanti che arrivano
dalla montagna o dal mare, e le "lobie", quando presenti, erano posizionate in modo da raccogliere i raggi più
bassi.

3
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II DI ALBA E GRINZANE CAVOUR

NOTE
1 Casalis Goffredo, Dizionario geografico - storico - statistico- commerciale degli Stati di S.M il Re di Sardegna,
vol. I, Torino, 1833.
2 De Bartolomeis Luigi, Notizie topografiche e statistiche sugli Stati Sardi, Tipografia Chirio e Mina, Torino, 1847.
3 Casalis Goffredo, Dizionario geografico…, cit.
4 De Bartolomeis Luigi, Notizie topografiche…, cit., pag. 9.

4
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

L’ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR

LE TIPOLOGIE EDILIZIE

5
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

DESCRIZIONE GENERALE

Nel territorio rurale della Città di Alba e nella vicina Grinzane, le costruzioni rurali
tradizionali sono molto spesso essenziali, ma, come nel resto delle Langhe, risultano
sempre strettamente legate al luogo in cui sorgono e alle attività agricole che supportano.
L'armonico legame fra edifici e luoghi è dovuto non solo all'impiego di materiali locali
(trovati o prodotti in loco), come pietra e laterizi, ma anche dal rapporto stretto con il clima,
dalla posizione sui versanti collinari, dalle dimensioni e dalle forme degli edifici, dalla
vegetazione, dalle coltivazioni e dagli elementi strutturali che concorrono a comporre il
paesaggio delle Langhe.
La cascina di Langa era impostata per essere autosufficiente: in genere comprendeva la
casa, la stalla, il pollaio, il portico per il ricovero degli attrezzi e del legname, il pozzo, la
cantina e, talvolta, anche il forno. E' ricorrente, nell'Albese, la cascina isolata, posta in
posizioni predominanti a sovrastare i versanti collinari o a mezza costa, in mezzo ai vigneti.
L'aggregazione delle case di Langa in nuclei rurali, secondo assetti variabili ma quasi
sempre segnata dalla presenza di un pilone votivo o di una cappella, testimonia lo spirito
di mutuo soccorso nei lavori agricoli che caratterizzava la popolazione.
Nel territorio rurale dell'Albese è possibile riconoscere tra gli insediamenti rurali, in
funzione degli schemi insediativi e della forma delle costruzioni, alcune "classi tipologiche"
ricorrenti.
Per la classificazione sono stati adottati criteri che tenessero conto dei sistemi di

6
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

aggregazione, della articolazione della pianta degli edifici, delle destinazioni d'uso
d'origine, della presenza di manufatti accessori. In particolare si rivelano importanti, per lo
studio degli edifici, la morfologia del terreno, le funzioni cui gli edifici erano
originariamente destinati, le consuetudini e le tecniche del lavoro rurale, le tecnologie e i
materiali costruttivi strettamente legati alla loro reperibilità vicino al luogo di costruzione.
In base agli elementi citati, sono stati individuate nel territorio in esame le seguenti classi
principali di edifici e di manufatti:

aggregati rurali, costituiti da agglomerati composti da edifici generalmente con funzioni


specifiche;
edifici con impianto planimetrico articolato a "L" e a "C", con aia centrale;
edifici con impianto planimetrico semplice, in "linea", cioè a prevalente sviluppo secondo
un asse longitudinale con integrazione di funzioni di residenza e di servizio, e "isolati", di
dimensioni limitate, con prevalente funzione di residenza;
fabbricati di produzione e di servizio, come stalle, fienili e depositi a servizio dell'attività
agricola e pastorale, più raramente "ciabot" e casottini, piccoli e semplici edifici isolati,
legati alla conduzione del fondo nel quale sono inseriti, utilizzati come deposito attrezzi e
ricovero temporaneo e di fortuna, pozzi e forni, in stretta relazione con l'edificio di cui
costituiscono servizio indispensabile o elemento comune a piccoli aggregati rurali.

7
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL.. II TIPOLOGIE EDILIZIE

NUCLEI RURALI LINEE GUIDA PER IL RECUPERO DEI NUCLEI


RURALI
Il territorio rurale dell’Albese è caratterizzato da
rilievi collinari, dove predomina la viticoltura. Gli Di dimensioni generalmente limitate, composti da
insediamenti rurali presenti in questo territorio, alcuni edifici accostati o raggruppati intorno a uno
strettamente legato alla realtà urbana della città di spazio aperto centrale, oppure, di dimensioni
Alba, sono costituiti da cascine isolate o maggiori, sviluppati in linea lungo un percorso
aggregate in piccoli gruppi, talvolta costituenti veri stradale, i nuclei rurali dell’Albese sono, in linea
e propri nuclei frazionali, che comprendono, oltre generale, compatibili con interventi di riuso a fini
alle residenze e agli edifici eretti a servizio residenziali, produttivi e ricettivi.
dell'attività agricola, anche più recenti edifici Data la vicinanza con la città di Alba, attualmente,
residenziali e produttivi. L’organizzazione dei accanto a più tradizionali funzioni legate all’attività
piccoli nuclei di impianto rurale nasce da agricola prevalente, quella vitivinicola, sono
aggregazioni successive, intorno a un’aia centrale presenti funzioni residenziali, svincolate da attività
o, nel caso di quelli più grandi, lungo un percorso di tipo rurale e produttivo.
stradale. I piccoli nuclei rurali comprendono E' sempre consigliabile intervenire su questo tipo
generalmente una zona abitativa e una parte di insediamenti cercando di rispettare le regole
dedicata alle attività agricole un tempo prevalenti. compositive e di aggregazione che li hanno
I nuclei più grandi sono caratterizzati lungo il prodotti, anche in caso di ampliamenti e di
fronte stradale principale da una cortina continua realizzazione di nuovi edifici. Per la tutela e la
con gli accessi dalla via pubblica che immettono valorizzazione del paesaggio, infatti, è importante
nelle corti interne private. non variare i caratteri essenziali, ancora
riconoscibili, di questi aggregati rurali
8
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

ripettandone il rapporto con il contesto fisico e compatibili con l’unicità del paesaggio del
ambientale. Gli insediamenti rurali tradizionali, territorio collinare dell’Albese.
infatti, non sono mai sorti in modo casuale, ma E' comunque sempre consigliabile, quindi, non
sempre seguendo regole precise legate a fattori variare il rapporto dell'edificio con il suolo e
locali quali la presenza di acqua, la facilità intervenire in modo da conservare l'impostazione
d’accesso e i collegamenti con i fondi da coltivare strutturale e i caratteri costruttivi dei singoli edifici
e con le principali vie di comunicazione, e del nucleo nel suo complesso, utilizzando
l’esposizione rispetto al sole e ai venti dominati. materiali e tecnologie tradizionali o altri con essi
L’aia era sempre esposta a sud e in modo da compatibili, limitando ampliamenti e
sfruttare, oltre al calore solare, il vento necessario soprelevazioni.
per l'essiccazione dei cereali, così come i ballatoi Nel caso di presenza di cortine continue lungo il
e i loggiati erano costruiti sulle pareti che fronte strada è consigliabile mantenere la
permettevano di sfruttare al meglio l’esposizione caratteristica di continuità, conservando gli
solare, anche nella stagione invernale. Proprio accessi originali e i portali dei passi carrai
queste regole di base hanno portato, ad esempio, esistenti, così come si raccomanda di conservare
a una diversa organizzazione dei nuclei sviluppati i muri di recinzione lungo le vie secondarie.
lungo un asse stradale con edifici posti
perpendicolarmente o longitudinalmente all’asse
stradale.
Negli ultimi decenni, nella costruzione di nuovi
edifici a carattere residenziale o produttivo non
sempre sono state riconosciute e seguite le
regole compositive tradizionali, con risultati poco
9
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

EDIFICI DI IMPIANTO A “L” - ”C” piuttosto grandi, hanno ampi fienili e cantine e la
parte abitativa si distingue da quella a carattere
Tra le morfologie insediative articolate, la tipologia rurale per i caratteri formali e per la finitura a
con impianto planimetrico a "L" sembra essere la intonaco; spesso il tetto a due falde, a capanna, si
tipologia più diffusa nei territori collinari chiude con una testa di padiglione in
dell'Albese. L'impianto articolato a "C", a corte corrispondenza della manica residenziale.
chiusa, protetta sul quarto lato da un muro di L'aggregazione delle diverse funzioni e la loro
recinzione nel quale è posto l'accesso principale, dislocazione nel manufatto può ovviamente
è invece meno frequente. Talvolta, l'impianto a "C" assumere soluzioni assai varie. In alcuni casi, la L
è costituito da un originario impianto a "L" è generata da uno sviluppo della tipologia di base
completato da un edificio di servizio isolato "in linea" e si configura come semplice
collocato a delimitare l'aia, in assenza di muri di allargamento terminale del corpo di fabbrica
recinzione a chiusura dell'aia. principale, in modo che la copertura resti di fatto
Generalmente, sui rilievi collinari dell'Albese, una unica, con una delle due falde prolungata per un
manica del fabbricato a "L" è disposta lungo le tratto a coprire l'ampliamento e una zona di aia
curve di livello del terreno, mentre l'altra è protetta di fronte alla restante parte del corpo
disposta nel senso della massima pendenza, a longitudinale. Di solito, si riscontra l'abbinamento
formare un'aia ben esposta al sole. In genere, una di edifici di servizio, come stalle e fienili, a semplici
manica era occupata, completamente o edifici destinati alla residenza contadina,
parzialmente, dalla funzione residenziale e l'altra caratterizzati dalla presenza di un ballatoio sul
ospitava, invece, il fienile, la stalla, il ricovero fronte verso l'aia: La scala è quasi sempre interna
attrezzi e talvolta il granaio. e collocata in posizione centrale rispetto alla
Le dimensioni e l'organizzazione di questo tipo di porzione residenziale, talvolta in posizione
edificio rurale varia rispetto ad altre zone del laterale.
territorio delle Langhe. Qui le cascine sono

10
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL.. II TIPOLOGIE EDILIZIE

LINEE GUIDA PER IL RECUPERO DEGLI E' preferibile, comunque, effettuare gli eventuali
EDIFICI A “L” E A “C” ampliamenti seguendo lo sviluppo longitudinale
dell'impianto originale, limitandoli a una campata,
Si consiglia di non variare mai il rapporto evitando soprelevazioni che modifichino il
dell'edificio con il terreno, specie per gli edifici rapporto fra le parti dell'impianto costruttivo. E'
realizzati su terreni in pendenza; è importante, possibile anche completare l'impianto con la
inoltre, intervenire in modo da conservare realizzazione di un nuovo edificio distinto.
l'impostazione strutturale e i caratteri costruttivi L'eventuale chiusura di volumi aperti, come i
della fabbrica, rispettando la morfologia e i fienili, va affrontata con attenzione, in modo da
rapporti fra i lati della "L" o della "C" e utilizzando mantenere leggibile la funzione originale.
materiali e tecnologie tradizionali. Si consiglia, L'eventuale scala interna deve essere conservata
comunque, di limitare gli eventuali ampliamenti e nella posizione e nel suo impianto originale. E'
di cercare soluzioni di aumento della superficie preferibile, in linea generale, non inserire porticati
utile nel recupero delle strutture di servizio o pensiline sui fronti dell'edificio.
all'attività agricola, come i fienili e i ricoveri Oltre a interventi specifici sugli elementi
attrezzi. Quando l'articolazione planimetrica a "L" costruttivi, possono rendersi necessarie
è determinata, più che da due corpi di fabbrica, operazioni di risanamento dall'umidità, di
dall'allargamento della manica nella parte inserimento di impianti e servizi igienici, di
terminale del corpo principale, con la copertura miglioramento delle prestazioni di benessere
risolta nella stessa direzione, è importante ambientale.
rispettare tale particolarità, evitando di modificare
la semplice geometria del tetto a due falde con
altra più complessa.

11
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

EDIFICI IN LINEA E ISOLATI funzionale dei vari corpi di fabbrica può essere
denunciata, oltre che dal sistema di aperture e
Nel territorio rurale della Città di Alba e nell'intorno dalle rispettive finiture, da una variazione di
non mancano gli edifici "in linea", sviluppati lungo altezza dei rispettivi blocchi funzionali e, talvolta,
un asse principale, meno frequenti, invece sono da un muro "tagliafuoco" che emerge oltre le falde
gli edifici isolati a pianta tendenzialmente della copertura a segnare la protezione
quadrata. Gli edifici in linea si trovano sia nel dell'abitazione e del fienile dal rischio del
territorio di fondovalle sia in quello collinare, eretti propagarsi di incendi.
in posizioni dominanti o a mezza costa, attorniati Il corpo scala interno, negli edifici in linea, è
da vigneti sempre in posizioni ben esposte al sole. solitamente posto con il suo asse in direzione
Si tratta spesso di un unico corpo di fabbrica che normale all'asse maggiore del volume, nella parte
ospita insieme alcune delle funzioni principali mediana del fabbricato, ed è organizzato su una o
dell'attività contadina, come l'abitazione, la due rampe perpendicolari al fronte esterno. Alcuni
cantina, la stalla o il ricovero attrezzi e il fienile. edifici isolati possono presentare sulla copertura,
Si sviluppano generalmente su due piani fuori in corrispondenza del vano scala, un abbaino con
terra e hanno tetto a capanna a due falde, talvolta fronte in muratura.
completato da teste di padiglione. La finitura superficiale delle pareti è generalmente
L'edificio "in linea" è costituito da un volume intonacata, ma numerosi edifici, specie quelli
unitario, con eventuali articolazioni in altezza, collocati nel fondovalle, di impostazione più
conseguenti, probabilmente alle integrazioni recente, sono realizzati in muratura in laterizio a
succedutesi nel tempo. In questi semplici volumi vista o in muratura listata in pietra e laterizio con
edilizi, è ricorrente la netta separazione delle le aperture sottolineate da piattabande e spalle in
abitazioni e degli ambienti annessi alle funzioni mattoni. Quai sempre è presente sul fronte
residenziali, dal corpo del fienile che risulta quasi principale un ballatoio.
sempre sovrapposto alla stalla. La differenza

12
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL.. II TIPOLOGIE EDILIZIE

LINEE GUIDA PER IL RECUPERO DEGLI caratterizzanti che devono quindi, in linea di
EDIFICI IN LINEA E ISOLATI massima, essere conservati e riproposti negli
eventuali ampliamenti.
Gli edifici in linea, così come edifici isolati, si L'eventuale chiusura di volumi aperti, come i
prestano facilmente a interventi di recupero, o di fienili, deve mantenere leggibile la funzione
riuso con destinazioni d'uso residenziale, mista o originale.
ricettiva. Anche in questi casi è sempre E' preferibile conservare nella loro posizione
consigliabile non variare il rapporto dell'edificio originale gli eventuali muri tagliafuoco emergenti
con il suolo e intervenire in modo da conservare dalla copertura, così come la scala interna,
l'impostazione strutturale e i caratteri costruttivi evitando nuovi inserimenti di ballatoi, pensiline e
dell'edificio, utilizzando materiali e tecnologie scale esterne sui fronti. E' inoltre importante
tradizionali. Si consiglia di evitare soprelevazioni e conservare le finiture superficiali esistenti e,
ampliamenti, cercando eventuali soluzioni di quindi, evitare di intonacare le pareti esterne degli
ampliamento nel recupero delle strutture di edifici in muratura in laterizio o mista a vista. Oltre
servizio all'attività agricola, come i fienili, spesso a interventi specifici sui vari elementi costruttivi,
presenti nelle vicinanze o compresi nello stesso possono rendersi necessari operazioni di
corpo di fabbrica. Negli edifici in linea, tuttavia, risanamento dall'umidità, di inserimento di
sono tollerabili modesti ampliamenti da realizzarsi impianti e servizi igienici, di miglioramento delle
seguendo lo sviluppo longitudinale dell'impianto prestazioni relative al benessere ambientale.
originale, cercando di non snaturare l'armonia
compositiva generale.
Negli edifici in linea, la profondità di manica e la
semplice geometria delle coperture sono elementi

13
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

FABBRICATI DI PRODUZIONE E ACCESSORI piano terra, è generalmente presente un impalcato


intermedio in legno. Generalmente i fienili non sono
Le funzioni non residenziali degli insediamenti
intonacati. L'accesso al fienile avveniva quasi
rurali possono essere ospitate in porzioni di
sempre con scale in legno a pioli, semplicemente
fabbricati a destinazione d'uso mista, oppure
appoggiate alla base delle aperture.
occupare interi fabbricati isolati. Così, fienili,
Meno diffusi rispetto ad altri territori sono i "ciabot",
depositi per gli attrezzi agricoli, granai, stalle, ecc.,
piccoli edifici di servizio utilizzati come deposito o
nel territorio rurale albese generalmente fanno
come riparo provvisorio, preziosa testimonianza
parte del fabbricato rurale, più raramente sono
dell'attività agricola sul territorio che, come tale,
ospitati in un edificio distinto da quello
vanno conservati.
residenziale.in entrambi i casi, il fienile è La stessa attenzione va dedicata anche ai pozzi e
riconoscibile dalle grandi aperture sul fronte verso ai forni, isolati o integrati negli edifici. Il pozzo
l'aia, necessarie per assicurare facile accessibilità emerge all'esterno con una costruzione semplice in
e la necessaria aerazione naturale a difesa del muratura, di pietra o di mattoni generalmente a
fieno. Nel caso di fabbricati a destinazione mista, vista, a pianta quadrata o circolare, alta al massimo
residenziale e di servizio all'attività agricola, il fienile 2-2,5 m. L'unica apertura è sempre chiusa da
è generalmente posto al piano superiore, mentre un'anta in legno assicurata con un chiavistello. La
al piano terreno trovano posto la stalla, la cantina e copertura è l'elemento caratterizzante di queste
il ricovero attrezzi. Il volume del fienile è spesso piccole costruzioni di servizio assumendo forme
costituito da una grande copertura sorretta da piramidali o coniche, risolte costruttivamente con
capriate o da semplici incavallature lignee una sequenza scalare di mattoni. Talvolta il pozzo
appoggiate su grandi pilastri legati tra loro da travi è privo di copertura e, quindi, il corpo emergente
trasversali e longitudinali o da archi in laterizio, dal suolo per 50-100 cm, in pietra o mattoni, è
quasi sempre a sesto ribassato. Quando il fienile si rifinito con uno spesso bordo di coronamento in
articola su due piani, con il deposito attrezzi al pietra o in muratura.

14
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL.. II TIPOLOGIE EDILIZIE

LINEE GUIDA PER IL RECUPERO DI in cui risulti strettamente necessario, un portico


FABBRICATI DI PRODUZIONE E ACCESSORI laterale può essere ricavato attraverso il
prolungamento di una delle due falde di copertura.
In generale, si consiglia di non variare mai il Oltre a interventi specifici sui vari elementi
rapporto dell'edificio con il suolo e con l'eventuale costruttivi, possono rendersi necessarie operazioni
fabbricato di cui fa parte, di non variare il rapporto mirate a risanare l'edificio dall'umidità, ad esempio
fra pieni e vuoti e di intervenire in modo da con la realizzazione di un vespaio ventilato, a
conservare l'impostazione strutturale e i caratteri dotarlo di impianti e di servizi igienici, a migliorare
costruttivi della fabbrica, utilizzando materiali e le prestazioni relative al benessere ambientale.
tecnologie tradizionali o altri con essi compatibili. L'inserimento di collegamenti verticali deve essere
I fienili, in particolare, sono spesso soggetti a preferibilmente risolto con scale interne in legno, in
recupero con cambio di destinazione d'uso ed è muratura o in struttura metallica, evitando
dunque sempre importante, sia che si tratti di l'inserimento di elementi esterni in corrispondenza
fabbricato isolato o faccia parte di costruzioni più dei fronti. Può essere ammissibile, in alcuni casi,
grandi, mantenere il rapporto fra pieni e vuoti, realizzare una scala esterna in legno con ballatoio
anche con l'inserimento di chiusure necessarie per in legno in corrispondenza delle aperture del fienile.
le nuove destinazioni d'uso. L'eventuale chiusura di In presenza di ciabot, in linea generale, non sono
volumi aperti deve essere risolta con attenzione, in ammessi riusi, ampliamenti, sopraelevazioni,
modo da mantenere leggibile la funzione originale nserire portici, sporti delle coperture, nuovi
e la morfologia delle eventuali aperture ad arco balconi o ballatoi, in quanto inevitabilmente
altererebbero il rapporto dei piccoli edifici con il
esistenti. La stessa attenzione va posta nel caso di
contesto, le proporzioni, le caratteristiche
riuso di depositi attrezzi. morfologiche e costruttive specifiche. I pozzi e i
I muri tagliafuoco emergenti dalla copertura devono fordi devono essere conservati per le loro funzioni
essere conservati nella loro posizione e secondo la originarie, utilizzando sempre, tecniche e materiali
morfologia originale. E' consigliabile, in linea appartenenti alla tradizione costruttiva locale.
generale, non inserire porticati o pensiline; nel caso
15
16
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

L’ARCHITETTURA RURALE DI
ALBA E GRINZANE CAVOUR

GLI ELEMENTI COSTRUTTIVI

17
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

Il paesaggio rurale del territorio Albese, così come in generale tutto il paesaggio agrario,
è fortemente connotato non solo da componenti naturali, come la morfologia del terreno,
ma anche dalle trasformazioni che l'uomo ha apportato per l'utilizzo del terreno ai fini della
coltivazione agricola: tipi e modalità di coltivazione del terreno e opere accessorie,
dipendenti dalla morfologia del terreno e dai fattori climatici locali oltre che dalla tradizione
contadina, segni costruttivi di supporto all'attività agricola incisi sul territorio per la
circolazione di persone e di merci, per l'irrigazione, ecc. Ma le componenti antropiche forse
più incisive nella configurazione dell'identità di un territorio sono probabilmente le
componenti costruttive, costituite dalle case per la residenza e dagli edifici per il ricovero
di animali e a servizio dell'attività agricola. Così, il patrimonio costruito tradizionale, con le
sue caratteristiche morfologiche, con i materiali e le tecnologie utilizzate concorre, insieme
all'ambiente naturale e alle sue modificazioni antropiche, a definire i tratti caratteristici
dell'identità locale del paesaggio rurale del territorio dell'Albese.
Lo studio di un territorio rurale e dell'architettura tradizionale che lo connota non può
quindi esulare dall'analisi dei materiali, che sono sempre di origine locale, delle soluzioni
tecniche adottate, strettamente legate alle caratteristiche dei materiali e alle tradizioni
costruttive, delle finiture superficiali, che costituiscono elemento fondamentale per
definire l'identità di un luogo. Per ragioni di organizzazione tecnica del lavoro, non è stato
possibile, se non per pochi casi isolati, insufficienti a costituire un campione significativo,
effettuare rilievi all'interno degli edifici. Perciò, pur nella consapevolezza che l'involucro,
ciò che interfaccia con l'esterno e che dall'esterno è visibile, è solo una parte dell'edificio,
sono stati in particolare considerati e analizzati gli elementi costruttivi visibili e rilevabili
dall'esterno. Pur con i limiti enunciati, la Guida individua e tratta in modo più o meno
18
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

approfondito i seguenti principali elementi costruttivi, caratterizzanti il patrimonio rurale


tradizionale della porzione di territorio dell'Albese ricadente nel G.A.L. Langhe Roero
Leader:
- la scatola muraria degli edifici e degli elementi accessori, con le diverse connotazioni
costruttive e di finitura esterna, trattando in particolare le murature, in laterizio, in pietra
o miste, con finitura a intonaco; le più rare murature in laterizio a vista, o con finitura a
intonaco e qualche elemento architettonico sottolineato dai mattoni lasciati a vista; i muri
grigliati per la ventilazione dei fienili;
- le coperture, intese non solo come semplice tetto ma come veri e propri sistemi di
copertura, caratterizzati dalla una struttura di sostegno in legno che ne definisce la
geometria, da un manto di copertura, generalmente in coppi di laterizio, che assicura la
protezione dell'edificio dalle precipitazioni meteoriche, da elementi accessori funzionali
emergenti dalla copertura, come i comignoli, gli abbaini e i muri tagliafuoco, da elementi
decorativi e di finitura come i cornicioni e i lambrecchini;
- le aperture, intese non solo come varco nella muratura, ma anche come elementi
costruttivi (architrave o piattabanda, davanzale, spalle e stipiti), come sistemi di chiusura
(infissi e serramenti), come inferriata di protezione e sistema di oscuramento; e poi non
solo porte e finestre, ma anche, portoni e portali dei passi carrai, grandi aperture dei fienili
e piccoli fori nella muratura per la ventilazione dei sottotetti e le aperture delle piccionaie;
- gli elementi di collegamento e di distribuzione, come scale esterne, ballatoi e loggiati;
La Guida, inoltre, pur con i limiti enunciati, tratta limitatamente degli elementi di
orizzontamento interni, principalmente solai in legno, volte in laterizio e solai con travi in
legno o in ferro e voltine in laterizio.
19
20
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

MURATURE E FINITURE SUPERFICIALI in coppi. Tuttavia sono stati rilevati alcuni casi di
edifici, ad esempio ad Alba in Località San Rocco
La composizione e le finiture superficiali delle Seno d'Elvio, realizzati quasi interamente con
pareti esterne degli edifici rurali assumono muratura in pietra, parzialmente intonacata. In
importanza fondamentale nella definizione alcuni fienili, la muratura in pietra era intonacata
dell'identità di un luogo. Diventa dunque all’esterno e lasciata a vista all’interno.
essenziale, per la tutela del costruito e del La finitura superficiale delle murature era
paesaggio rurale, in ogni tipo di intervento, generalmente a intonaco a base di calce, almeno
compresi quelli che contemplano eventuali per la parte residenziale delle costruzioni, mentre
integrazioni e riparazioni, conservare le murature la parte produttiva come stalle, fienili, depositi
degli edifici nella loro consistenza materica, con attrezzi, ecc., erano quasi sempre lasciati a vista.
attenzione particolare anche a conservare la Talvolta, venivano sottolineati alcuni elementi
tessitura, il colore, la lavorazione e la finitura architettonici, come, ad esempio, archi,
superficiale. piattabande, ecc. lasciandoli privi di rivestimento
Nel territorio rurale dell'Albese, così come in gran a intonaco. Alcuni edifici in linea, probabilmente
parte della bassa Langa, per la realizzazione della più recenti e perlopiù situati nella zona di
scatola muraria degli edifici rurali è nettamente fondovalle, sono realizzati in muratura laterizia
prevalente l'impiego del laterizio, presenza lasciata a vista o in muratura mista in pietra e
costante in queste zone anche come elemento laterizio listata da corsi di mattoni regolari.
del manto di copertura, realizzato generalmente Sono poco utilizzate, in queste zone, le pareti in

21
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

muratura grigliate per l'aerazione dei fienili: quelle - più raramente, muratura in pietra o in terra
rilevate sono quasi tutte realizzate con mattoni cruda.
sagomati di produzione industriale e, quindi,
relativamente recenti. Fanno eccezione alcuni Talvolta, soprattutto negli edifici in muratura
fienili e depositi attrezzi con muratura grigliata listata, il laterizio è utilizzato per realizzare alcuni
realizzata in mattoni pieni posti in opera in modo punti critici della massa muraria, come i limiti delle
da formare delle aperture a forma di croce. aperture e gli archi, ma anche, più
In alcuni casi, nel territorio rurale della città di semplicemente, come elemento decorativo a
Alba, verso il Roero, sono state rinvenute tracce sottolineare gli elementi architettonici di facciata,
di murature in mattoni di terra cruda, una come, ad esempio, le fasce marcapiano e quelle
tecnologia ampiamente diffusa nel Roero e di coronamento, poste appena sotto il filo della
nell’Astigiano. copertura.
In funzione delle caratteristiche costruttive o di
finitura, si può ritenere che i tipi di muratura
caratterizzanti il territorio siano:
- la muratura intonacata, realizzata in laterizio o
mista in pietra e laterizio e rivestita da uno strato
di intonaco a base di calce, talvolta tinteggiato;
- la muratura in laterizio a vista o muratura listata
a vista;

22
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

MURATURE RIVESTIMENTI SUPERFICIALI


Le murature delle case tradizionali dell'Albese, La casa contadina della Langa Albese è semplice
dove la reperibilità della pietra era difficoltosa, ma ampia. La veste esterna della parte abitativa è
sono perlopiù realizzate in laterizio, qualche volta quasi sempre diversa da quella degli altri edifici o
in muratura mista, in pietra e laterizio, raramente della parte di edificio destinati ad ospitare funzioni
in pietra (per quest'ultime si rimanda alla produttive e di servizio. E così, spesso, il fronte
descrizione e alle indicazioni riportate nella principale degli edifici residenziali è rivestito con
"Guida all'architettura rurale del G.A.L. Langhe intonaci, generalmente poveri, mentre le murature
Roero Leader" Vol. I). di stalle, fienili e portici sono lasciati a vista.
Le murature in laterizio venivano generalmente Si tratta, in genere, di intonaci a base di calce
rivestite da uno strato di intonaco, almeno sui aerea piuttosto poveri e inerti di granulometria e
fronti principali degli edifici. Fanno eccezione natura variabili, colorati in pasta con terre naturali
alcuni edifici di fondovalle realizzati in muratura o tinteggiati.
laterizia regolare, lasciata a vista, priva di
intonaco, oppure alcuni casi di muratura listata,
costituita cioè da fasce di muratura in pietra o
mista, regolarizzate da corsi di mattoni in laterizio,
intonacata parzialmente per evidenziare i corsi di
mattoni o, ancora, murature in pietra o miste nelle
quali il laterizio era utilizzato in alcuni punti
singolari della muratura, come piattabande, archi,
stipiti delle aperture e pilastri, lasciati in vista, a
emergere dalla superficie intonacata.
23
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

DEGRADO E DISSESTO lesioni, fessure e fratture, localizzate o estese a


Le murature, in generale, possono presentare tutta la parete, superficiali o passanti. Frequenti
numerose forme di dissesto strutturale, a livello sono le fessure e fratture provocate dal movimento
complessivo o localizzato come, ad esempio, reciproco di pareti non perfettamente immorsate o
lesioni, fratture, spanciamenti, fuoripiombo. semplicemente accostate in fase di costruzione.
E' possibile, inoltre, che esse presentino, a livello Talvolta, le lesioni compaiono in corrispondenza dei
superficiale, i fenomeni di degrado tipici dei cantonali ossia degli spigoli della costruzione e
materiali impiegati per la loro realizzazione, come denunciano movimenti fondali o eccessi di spinte
erosione, scagliatura, mancanze, fratture, o oblique delle strutture voltate interne.
attacchi di agenti biodeteriogeni (muschi, licheni, Le lesioni più pericolose sono quelle recenti e
ecc.). ancora in movimento riconoscibili controllandone la
Questi fenomeni possono essere dovuti in parte forma (se recenti sono "pulite" e a bordi taglienti) e
all'umidità di risalita e a quella di infiltrazione lo stato (ad es. con fessurimetri o apponendo
dall'alto, ma anche dall'interazione con l'ambiente semplici biffe in vetro a cavallo dei lembi opposti).
circostante. L'umidità di risalita, specie per le
murature in laterizio, costituisce, infatti, una
ricorrente causa di innesco di fenomeni di degrado
e di insalubrità delle costruzioni. Sono ricorrenti,
inoltre, la presenza di patine biologiche e attacchi
da parte di vegetazione infestante.
Le murature intonacate presentano spesso
distacchi localizzati o estesi di intonaco.
Per quanto riguarda i dissesti, si possono registrare

24
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

CRITERI DI INTERVENTO se ormai privi di utilità. Gli eventuali apparati


Ogni intervento sulle murature deve essere sempre decorativi esistenti, specie le icone religiose e le
preceduto da indagini per accertare la presenza di architetture dipinte, vanno accuratamente
eventuali fenomeni di dissesto strutturale e i conservate e restaurate.
fenomeni di degrado dei materiali, individuandone In generale, sono quindi da privilegiare gli interventi
le cause. che conservino le superfici delle murature nella loro
In linea generale, tutti gli interventi, anche se limitati concezione originale:
alle sole finiture esterne, devono rispettare la - per le superfici intonacate, conservando l'intonaco
morfologia complessiva, la consistenza e le originale, facendo riaderire al supporto murario le
stratificazioni costruttive dell'edificio. Negli sue parti instabili ed effettuando gli eventuali
interventi di tipo strutturale, che possono variare in rappezzi con malte compatibili con quelle presenti
funzione del tipo di struttura, dei fenomeni di nella muratura e con l'intonaco esistente;
dissesto, conclusi o in atto, e delle cause che li - per le murature listate o in laterizio a vista,
hanno prodotti, è sempre consigliabile ricorrere a rispettando la tessitura muraria ed evitando il
specialisti di consolidamento strutturale. rivestimento a intonaco se non presente in origine.
Sono da prediligere gli interventi che conservino le È' incompatibile con la tutela degli edifici e del
superfici delle murature nel loro attuale stato e che paesaggio la realizzazione di nuove intonacature
utilizzino esclusivamente materiali della tradizione anche parziali con malte di cemento, anche perché
costruttiva locale, analoghi a quelli esistenti, sia rigide, igroscopiche e insalubri, così come il
per le riparazioni, sia per le eventuali integrazioni e rivestimento con prodotti chimici impermeabili e
per le sostituzioni, limitate alle parti degradate non non traspiranti. Occorre evitare, dove non presenti
recuperabili. Negli interventi sulle murature è in origine e non imposte da necessità di protezione
opportuno, inoltre, che vengano conservati gli non altrimenti risolvibili, l'intonacatura di pareti in
eventuali elementi singolari presenti - ad esempio, muratura a faccia vista lasciando emergere solo
catene e chiavi in legno o metalliche, ecc. - anche archi e piattabande in pietra o in laterizio.
25
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

M U R A T U R E I N T O N A C A T E
FASI PRELIMINARI ALL'INTERVENTO CRITERI GENERALI DI INTERVENTO
E' sempre necessario far precedere ogni intervento da Per gli interventi a carattere strutturale e di
indagini tese ad accertare, oltre alle forme di degrado adeguamento sismico è sempre consigliabile ricorrere
dei materiali, la presenza di eventuali fenomeni di a specialisti nel settore del consolidamento strutturale,
dissesto strutturale, verificandone la pericolosità, così come per eventuali trattamenti superficiali di
l'estensione e le cause che li hanno prodotti. E' protezione eseguiti con prodotti chimici. Gli interventi
necessario, inoltre, verificare la presenza di umidità di devono comunque rispettare la consistenza, la
risalita o di infiltrazione, specie nelle zone di contatto tra morfologia e le stratificazioni costruttive dell'edificio e
il terreno e la muratura. Oltre all'analisi visiva o conservare gli eventuali elementi singolari presenti.
strumentale, è opportuno analizzare gli intonaci Sono da privilegiare interventi che conservino
esistenti per individuarne composizione, natura l'intonaco originale e prevedano per gli eventuali
tecnologica, stato di conservazione e di adesione al rappezzi l'impiego di malte compatibili con quelle
supporto. presenti nella muratura e con l'intonaco esistente.
INTERVENTI AMMISSIBILI INTERVENTI NON AMMISSIBILI

- Consolidamenti e riparazioni puntuali della muratura -


(risarcitura e stilatura dei giunti di malta, ecc.) eseguiti Rappezzi, integrazioni o rivestimenti completi a
con materiali della stessa natura, colore e forma di intonaco con malte a base cementizia.
quelli esistenti. - Tinteggiature e coloriture di intonaci esistenti o di
- Rifacimenti parziali e integrazioni dei rivestimenti a nuovi intonaci eseguite con prodotti industriali a base
intonaco esistenti, eseguiti con malte di composizione plastica e sintetica.
analoga o compatibile con quelle esistente e a base di - rimozione dell’intonaco per lasciare a vista elementi
calce . architettonici
- Operazioni di pulitura superficiale. - tinteggiature di intonaci esistenti con prodotti a base
- Consolidamento degli intonaci mediante plastica o sintetica
applicazione di silicati di etile e velature a latte di calce
con pigmenti naturali.

INTERVENTI CRITICI - AMMISSIBILITÀ’ DA VALUTARE CASO PER CASO

Se necessario, per ragioni funzionali o di rispetto della normativa, non altrimenti risolvibili, da valutare caso per caso:
- Eventuale inserimento di elementi strutturali per consolidare la scatola muraria (cordoli, tiranti, catene, cerchiature,
ecc.) privilegiando elementi in acciaio o in legno. L’eventuale inserimento di cordoli sottocopertura o in corrispondenza
degli orizzontamenti, se previsti dalla normativa, devono essere rivestiti in modo che la tessitura della parete non
presenti discontinuità.

26
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

M U R AT U R E A FA C C I A V I S TA
FASI PRELIMINARI ALL'INTERVENTO CRITERI GENERALI DI INTERVENTO
E' sempre necessario far precedere ogni intervento da Per gli interventi a carattere strutturale è sempre
indagini tese ad accertare, oltre alle forme di degrado consigliabile ricorrere a specialisti nel settore del
dei materiali, la presenza di eventuali fenomeni di consolidamento strutturale, così come per eventuali
dissesto strutturale, verificandone la pericolosità, trattamenti superficiali di protezione eseguiti con prodotti
l'estensione e le cause che li hanno prodotti. In chimici. Gli interventi devono comunque rispettare la
particolare, in presenza di dissesti, è opportuno consistenza, la morfologia e le stratificazioni costruttive
verificare, con indagini a vista o con strumenti semplici,
la presenza di cedimenti del terreno, gli appoggi al dell'edificio e conservare gli eventuali elementi singolari
suolo delle murature, la forma, la consistenza, la presenti. Gli interventi da privilegiare devono conservare
posizione e l'andamento delle eventuali lesioni, la le superfici murarie nello stato attuale e utilizzare per
presenza di fuori piombo o di deformazioni localizzate e riparazioni, integrazioni e sostituzioni parziali
la compattezza delle sezioni murarie. esclusivamente materiali analoghi a quelli esistenti.
INTERVENTI AMMISSIBILI INTERVENTI NON AMMISSIBILI
- Riparazioni e consolidamenti localizzati della - Rivestimento parziale o completo delle superfici
muratura, eseguiti con materiali della stessa natura, esterne con intonaco, dove non presente in origine.
colore e forma di quelli esistenti - Rifacimento dei giunti delle murature in pietra a
- Operazioni di pulitura superficiale. secco con malta a base cementizia
. Realizzazioni di rivestimenti in pietra di pareti di
tamponamento
- Riparazioni e rifacimenti con materiali diversi per
forma, dimensione, materiale, provenienza e colore
da quelli esistenti e appartenenti alla tradizione locale.
- Rabbocco dei giunti di malta a coprire gli elementi
lapidei o laterizi

INTERVENTI CRITICI - AMMISSIBILITÀ’ DA VALUTARE CASO PER CASO

Se necessario, per ragioni funzionali o di rispetto della normativa, non altrimenti risolvibili, da valutare caso per caso:
- Eventuale inserimento di elementi strutturali per consolidare la scatola muraria (cordoli, tiranti, catene, cerchiature,
ecc.) privilegiando elementi in acciaio o in legno. L’eventuale inserimento di cordoli sottocopertura o in corrispondenza
degli orizzontamenti, se previsti dalla normativa, devono essere rivestiti in modo che la tessitura della parete non
presenti discontinuità.

27
28
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

COPERTURE portante in legno e manti di copertura realizzati,


sostanzialmente, con tegole curve in laterizio.
Il tipo di copertura tradizionale maggiormente La pendenza delle falde è determinata dal manto
ricorrente nel territorio rurale di Alba e di Grinzane in coppi di laterizio che richiede, per posa senza
Cavour è il tetto con manto di copertura in coppi ancoraggi, qual era nella tradizione, una
di laterizio. Oltre al materiale del manto di finitura pendenza compresa fra il 30 e il 45%.
esterna, comunque, vi sono altri elementi che L'impostazione delle strutture lignee di sostegno è
concorrono a definire i caratteri delle coperture quasi sempre "alla piemontese", costituita da falsi
tradizionali del territorio. Si può ritenere, infatti, puntoni appoggiati, da una parte, sulla muratura
che gli elementi caratterizzanti che compongono d'ambito e, dall'altra, su una trave di colmo.
un sistema di copertura siano: Solo negli edifici più importanti le coperture in
- la struttura di copertura; coppi sono raccordate alla muratura con un
- il manto di copertura; cornicione in laterizio, intonacato o lasciato a
- gli elementi emergenti dal filo di copertura, come vista.
i comignoli, gli abbaini e i muri "tagliafuoco"; I comignoli, elementi di completamento emergenti
- gli eventuali elementi di finitura, come i cornicioni dalle coperture, sono realizzati in laterizio.
e i lambrecchini. Gli abbaini, limitati ai cascinali più grandi,
In tutti i territori a vocazione rurale, le coperture possono fuoriuscire anche in modo imponente dal
degli edifici costituiscono elemento fondamentale profilo delle coperture. Costante è la presenza di
per dell'identità locale dei luoghi e del paesaggio, muri tagliafuoco che dividono il rustico dalla parte
da tutelare e da valorizzare. Le coperture degli abitativa dell'edificio, nelle soluzioni distributive
edifici rurali, residenziali e di servizio, di questo che vedono residenza e fienile nello stesso
territorio sono generalmente a due falde, a edificio.
capanna o con teste di padiglione, struttura

29
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

STRUTTURE DI COPERTURA incavallature lignee.


L'orditura secondaria, generalmente, è costituita
Nel territorio rurale Albese sono presenti tetti da un sistema di arcarecci orizzontali e di listelli,
semplici a capanna, a due falde, o tetti a quattro posti nel senso della pendenza. Uno sporto del
falde. Spesso, in particolare nei casi in cui le tetto è abbastanza comune , almeno per le
funzioni residenziali e produttive siano ospitate in coperture prive di cornicione di finitura, è risolto
uno stesso edificio, si riscontrano soluzioni miste, facendo sporgere falsi puntoni all'esterno del filo
con tetto semplice a capanna sulla porzione di della costruzione. Molti tetti sono privi di canali di
edificio produttivo e testa di padiglione sulla parte
gronda e di pluviali.
abitativa.
La struttura portante dei tetti è sempre in legno e
varia in funzione, della geometria e della
dimensione della copertura. Negli edifici
residenziali l'orditura principale è generalmente
costituita falsi puntoni "alla piemontese",
appoggiati da una parte alla muratura d'ambito,
eventualmente con l'interposizione di un
dormiente in legno e, dall'altra, alla trave di
colmo, a sua volta sorretta dai muri trasversali
della costruzione. Soprattutto nei fienili aperti,
invece, la trave di colmo è sorretta da capriate o

30
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

MANTI DI COPERTURA E NODI GRONDA laterizio lasciato a vista o intonacato.


L'elemento cornicione è generalmente poco
I tetti delle costruzioni che mantengono sporgente rispetto al filo esterno della
traccia delle tecnologie costruttive originarie muratura ed limitato, a parte qualche
sono soprattutto quelli con manto di eccezione, agli edifici più importanti.
copertura realizzato in coppi di laterizio, un I cornicioni in laterizio presentano morfologie
tempo prodotti a mano. Il manto di copertura poco complesse: sono costituiti da corsi di
in laterizio, presente in tutto il territorio del mattoni, comuni o a spessore ridotto,
G.A.L. Langhe Roero Leader, è aggettanti e posti per lo più di piatto, alternati
prevalentemente realizzato con tegole curve a elementi speciali in laterizio sagomati a
poste in doppio strato "alla piemontese", su foggia di mensola, anche con forme
listelli in legno. curvilinee.
Le soluzioni dei nodi gronda sono, in questo L'alternarsi di corsi completi e di corsi con
territorio, generalmente risolte con sporti dei elementi alternati a vuoti dà luogo a
tetti con l’impiego diretto dei falsi puntoni o di cornicioni con un effetto decorativo di
passafuori. coronamento. Quasi sempre, anche quando
Poco diffusi in questa porzione di territorio e, la parete risulta intonacata e tinteggiata, gli
tuttavia presenti in qualche caso, sono le elementi i laterizio che costituiscono il
soluzioni di raccordo fra copertura e struttura cornicione di raccordo alla copertura sono
di elevazione realizzate con un cornicione in lasciati a vista.

31
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

COMIGNOLI copertura a capanna con falde molto inclinate,


I comignoli costituiscono l'elemento terminale delle impostati su una base costituita da un allargamento
canne fumarie che sborda oltre la copertura. Questi del fusto, talvolta intonacato. Una tegola curva
elementi, pur realizzati nel rispetto di regole che ne chiude e rifinisce superiormente questo tipo di
garantiscono l'efficienza funzionale, presentano comignolo. Spesso in questo tipo di comignolo, i
numerose varianti costruttive, formali e coppi sono sostituiti da semplici mattoni inclinati
dimensionale. I comignoli, infatti, possono contrapposti e in sommità sono posti a finitura due
presentare varie soluzioni costruttive e formali, o più mattoni posti di piatto e scalari. E' ricorrente,
talvolta anche prese a prestito da quelle dell'edificio inoltre, un tipo di comignolo molto semplice,
cui sono funzionalmente legati. Tra le numerose costituito da un fusto in muratura sul quale
forme di comignolo presenti sul territorio, è appoggiano dei sostegni costituiti da mattoni posti
possibile riconoscere alcune tipologie di base in verticale o da muricci di mezzi mattoni
ricorrenti, proposte in più varianti. Per lo più i sovrapposti. L'appoggio e la sommità dei sostegni
comignoli sono realizzati in laterizio, lasciato a vista è segnato da una sorta di cornice in laterizio,
o, più raramente, intonacato, impostati su una base sporgente intorno al fusto del comignolo. La
quadrata o rettangolare, raramente cilindrica. Il copertura è realizzata con mattoni posti a scalare in
bauletto di base non è mai molto accentuato e la modo da formare una sorta di piramide. Questa
parte sommitale, la mitra, può essere realizzata in caratteristica forma "a piramide discreta", in questi
modi diversi, talvolta impreziosita da motivi territori collinari, è ricorrente anche nelle coperture
ornamentali. Una tipologia ricorrente, che presenta dei pozzi. Alcuni comignoli presentano motivi
diverse varianti costruttive, è quella della mitra decorativi, come mensole, dentelli, archi impostati
realizzata con quattro o sei coppi posti in opera su pilastrini ecc. e acquisiscono pertanto una forte
accostati e contrapposti tra loro, a guisa di valenza ornamentale.

32
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

ABBAINI E MURI TAGLIAFUOCO tratta di una struttura muraria trasversale posta


negli edifici rurali, soprattutto in quelli a sviluppo
Gli abbaini sono elementi funzionali di planimetrico longitudinale o a "L", tra la parte
completamento delle coperture, limitati, in questo residenziale e la parte "rustica". La funzione
territorio ai cascinali più rilevanti. Si tratta, in principale dei muri tagliafuoco, infatti, è quella di
questi casi, di un solo abbaino, collocato separare nettamente, da cielo a terra, l'abitazione
generalmente in posizione centrale, in rurale dal fienile per prevenire la propagazione di
corrispondenza dei vani scala interni degli edifici. eventuali incendi. I muri tagliafuoco, piuttosto
Servivano per illuminare e ventilare il sottotetto frequenti negli insediamenti in cui la funzione
ma consentivano anche di raggiungere abitativa e quella produttiva, con stalla e fienile,
agevolmente la copertura per le operazioni di erano ospitate in un unico edificio, erano costituiti
manutenzione periodica del manto di protezione da una muratura continua emergente oltre il tetto
esterno e, in caso di necessità, per scaricare la per un'altezza di circa 80-100 cm. Talvolta, la
neve accumulatasi sul tetto. Anche se unici in parte di muro emergente dalla copertura, sorretta
copertura, quando presenti assumono per da una mensola in ferro, è anche aggettante
dimensioni e fogge particolare rilievo rispetto agli rispetto alle murature d'ambito. La sommità del
edifici nei quali sono inseriti. muro segue la pendenza delle falde di copertura
Le tipologie degli abbaini sono molto limitate e ed è protetta da un rivestimento realizzato con gli
caratterizzate quasi sempre dalla presenza di due stessi elementi del manto di copertura del tetto nel
falde di copertura e dalla finitura delle pareti di quale è inserito, generalmente in coppi, ma privo
chiusura. di orditura lignea.
Molto più diffusi sono, invece, i "muro tagliafuoco"
che emergono oltre il profilo della copertura. Si

33
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

DEGRADO infestante, favorita dai depositi superficiali portati


dal vento e accumulati tra gli elementi del manto.
Molti edifici rurali, specie se abbandonati, Punti critici per l'innesco dei fenomeni sono le
presentano estesi fenomeni di degrado delle connessioni tra manto e murature, la linea di
coperture dovuti prevalentemente alla carenza di gronda e le eventuali linee di intersezione tra falde,
manutenzione periodica. I fenomeni di degrado comignoli, muri tagliafuoco o altre strutture
interessano principalmente: emergenti. In corrispondenza dei muri
- il manto di copertura, che può presentare "tagliafuoco", possono verificarsi infiltrazioni
sconnessioni, rotture, mancanze di elementi; d’acqua, sconnessioni e rotture degli elementi di
- la struttura lignea di sostegno che può presentare protezione, crolli parziali. Le più comuni forme di
fenomeni di marcescenza, innescati da infiltrazioni degrado riscontrabili nei comignoli comprendono
d'acqua, deformazioni, rotture e mancanze di mancanze o rotture degli elementi della mitra,
elementi, crolli parziali dei suoi elementi fino depositi superficiali di fuliggine, efflorescenze
all'instabilità strutturale. saline, erosione dei laterizi, asportazione dei giunti
Le cause principali di questi fenomeni di degrado, di malta di allettamento, crolli parziali. Può essere
sono la mancata manutenzione e l'attacco degli considerata una forma di degrado la sostituzione di
agenti esterni. Le forme di degrado degli elementi comignoli in muratura esistenti con elementi
del manto di copertura, esposto direttamente prefabbricati in calcestruzzo o in laterizio, estranei
all'azione degli agenti atmosferici, favoriscono alla tradizione costruttiva locale. I cornicioni sono
infiltrazioni d'acqua, con conseguente innesco di spesso soggetti a degrado innescato da infiltrazioni
fenomeni di degrado delle parti interne della d'acqua per la mancanza o il deterioramento del
costruzione. Il manto può presentare diffuse sistema di raccolta e allontanamento delle acque
sconnessioni degli elementi, mancanze o rotture meteoriche e possono presentare macchie,
delle tegole, con conseguenti infiltrazioni d'acqua. efflorescenze saline, erosione dei laterizi,
Può, inoltre, verificarsi la presenza di vegetazione sconnessioni, mancanze e rotture degli elementi.
34
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

CRITERI DI INTERVENTO interno ed evitare eccessive dispersioni di calore,


anche per contenere i consumi energetici.
Tutti gli interventi, anche quelli di miglioramento Il rispetto di questi nuovi requisiti, essenziale per
delle prestazioni legate al benessere, come ad l'adeguamento degli edifici ai livelli prestazione
esempio l'isolamento termico, devono essere richiesti dai modelli di vita contemporanea, deve
preceduti da indagini preventive sulla consistenza corrispondere a interventi compatibili con la
e lo stato di conservazione degli elementi del tutela dei caratteri costruttivi tradizionali e del
sistema di copertura. Ogni intervento sulle paesaggio.
coperture, inoltre, dovrebbe essere sempre Gli interventi sulle coperture esistenti devono
seguito da operazioni di manutenzione periodica. tendere a conservare la struttura lignea di
La variazione della geometria, della pendenza sostegno esistente, riparandola, rinforzandola ed
delle falde, della consistenza materiale, della eventualmente sostituendo singoli elementi non
organizzazione strutturale delle coperture risanabili, senza cambiare l'inclinazione delle
esistenti e degli elementi accessori è falde, per non perdere i caratteri che connotano
incompatibile con la tutela del costruito e del l'identità del luogo. Nel caso di interventi di
paesaggio . manutenzione e di riparazione puntuale è
Negli interventi di recupero, le strutture di necessario non modificare forma, dimensioni e
copertura devono garantire il rispetto di requisiti, materiali degli elementi esistenti.
talvolta nuovi o diversi rispetto a quelli richiesti in Per le coperture in coppi laterizi, nel caso di
origine, come la tenuta all'aria, all'acqua e alla rifacimento del tetto, è necessario ricostituire il
neve, devono garantire il benessere dell'ambiente doppio strato di coppi, eventualmente sostituendo

35
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

quello inferiore con tegole curve di nuova camini è consigliabile utilizzare mattoni pieni in
produzione. laterizio lasciati a vista, con giunti di malta di calce
In generale è ammissibile l'inserimento di gronde aerea, eventualmente idraulicizzata con additivi
e pluviali purché in rame brunito. naturali.
In qualsiasi intervento su abbaini, comignoli, muri Nel caso di recupero dei sottotetti a fini abitativi è
tagliafuoco e cornicioni, le soluzioni costruttive, le ammissibile la realizzazione di nuovi abbaini, di
forme e i materiali utilizzati devono essere dimensioni contenute, curando che la morfologia
congruenti con quelli della copertura esistente. I appartenga a quella degli abbaini tipici dell'ambito
comignoli e i cornicioni esistenti, appartenenti alla territoriale, con copertura a due falde e manto
tradizione costruttiva locale, devono essere dello stesso tipo di quello della copertura in cui si
recuperati e riparati con materiali delle stesso tipo inserisce. In ogni caso il numero di abbaini deve
di quelli che lo compongono. Eventuali nuovi essere ridotto e contenuto al massimo entro le
comignoli, quando necessari, soprattutto per due unità per edificio, una per falda.
ragioni di abitabilità e agibilità, devono essere
sempre autonomi e isolati o eventualmente solo
affiancati, devono essere associati ciascuno ad
una sola canna fumaria e avere preferibilmente
pianta quadrata o rettangolare. I nuovi comignoli
devono in ogni caso rispettare e riprendere i
caratteri dei comignoli appartenenti alle tipologie
tipiche dell'ambito territoriale. Per il fusto dei

36
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

C O P E R T U R E I N L AT E R I Z I O
FASI PRELIMINARI ALL'INTERVENTO CRITERI GENERALI DI INTERVENTO
Prima di intervenire è opportuno analizzare la Per le coperture esistenti, la variazione della
consistenza e lo stato si conservazione del manto, della geometria, della organizzazione strutturale, della
struttura lignea di sostegno e degli eventuali elementi di
completamento della copertura come comignoli, pendenza delle falde, del materiale e degli elementi di
cornicioni, muri tagliafuoco e abbaini, rilevando completamento (comignoli, cornicioni, muri
pendenze, organizzazione generale del sistema di tagliafuoco, abbaini) è incompatibile con la tutela del
copertura, presenza di eventuali fenomeni di dissesto e paesaggio. Per il recupero delle coperture in coppi
di manifestazioni di degrado dei materiali, verificando la laterizi, è necessario ricostituire il doppio strato di
tenuta all'acqua della copertura, specie in
corrispondenza dell'intersezione con elementi coppi, eventualmente sostituendo quello inferiore con
emergenti. tegole curve di nuova produzione.

INTERVENTI AMMISSIBILI INTERVENTI NON AMMISSIBILI


- Operazioni di manutenzione periodica. - Sostituzione del manto di copertura esistente in
- Sostituzione parziale di elementi deteriorati o coppi laterizi con elementi e materiali estranei alla
mancanti della struttura di sostegno, di comignoli, tradizione costruttiva locale (lamiera, tegole
cornicioni con altri analoghi a quelli esistenti per cementizie, tegole ceramiche greificate, ecc.).
- Cambiamento della geometria complessiva della
forme, dimensioni, materiali e lavorazione.
copertura, delle dimensioni, dell’altezza di gronda e di
- Sostituzione dello strato inferiore del manto di colmo, della pendenza delle falde, dei cornicioni e dei
copertura con coppi laterizi di nuova produzione. comignoli.
- Inserimento di strati impermeabilizzanti e - Sostituzione della struttura lignea di sostegno della
termoisolanti sottofalda, nel rispetto dell'esistente. copertura con altra in calcestruzzo cementizio armato
- Inserimento di grondaie, pluviali e fazzoletti in rame o in latero-cemento.
brunito in corrispondenza dei giunti con gli elementi - Posa in opera di nuovi comignoli o sostituzione di
emergenti (comignoli, ecc.). comignoli esistenti in muratura, con altri prefabbricati
in calcestruzzo, laterizio o metallo.

INTERVENTI CRITICI - AMMISSIBILITÀ’ DA VALUTARE CASO PER CASO


Se necessario, per ragioni igieniche, funzionali o di sicurezza, non altrimenti risolvibili, da valutare caso per caso:
- Modifica dell’organizzazione strutturale della copertura, senza modificarne dimensioni, pendenze, materiali.
- Inserimento di nuovi comignoli che devono in ogni caso rispettare e riprendere i caratteri dei comignoli
appartenenti alle tipologie tipiche dell'ambito territoriale.
- Solo se proprio necessario, sostituzione di elementi degradati della struttura di sostegno in legno con altri in
legno lamellare o acciaio.

37
38
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

APERTURE incastro. Le porte e i portoni di chiusura di androni


e di passi carrai presentano, invece, maggiori
Negli edifici del territorio rurale dell'Albese, i variazioni morfologiche. L'ancoraggio dei battenti
principali tipi di apertura sono riconoscibili, delle porte agli stipiti delle aperture è generalmente
principalmente, in: aperture dei fienili, porte e risolto con l'impiego di bandelle e cardini in ferro
portoni d'ingresso agli edifici, finestre e piccole battuto che, non di rado, costituiscono elementi
aperture per la ventilazione dei sottotetti. decorativi. Alcune finestre ai piani terra sono
Ai diversi tipi di apertura corrispondono sistemi protette da inferriate in ferro dolce forgiato e
costruttivi e materiali ricorrenti: le grandi aperture battuto, a semplice disegno e, di solito,
dei fienili, degli androni, dei passi carrai e dei direttamente infisse nella muratura.
loggiati sono normalmente realizzate con archi di I sistemi di oscuramento delle finestre, quando
mattoni in laterizio o, più raramente, con semplici presenti, sono perlopiù costituiti da ante a persiana,
travi lignee; per i varchi di porte e finestre è più raramente da antoni in legno.
ricorrente l'impiego di piattabande realizzate in Alle diverse morfologie di aperture e ai tipi di infissi
mattoni di laterizio o, più raramente, di architravi in e di serramenti presenti nel territorio
legno. I davanzali sono generalmente in pietra o in corrispondono, seppur con alcune variazioni,
laterizio; gli infissi e i serramenti sono sempre in principi e modi costruttivi ricorrenti. Forma,
legno, generalmente di disegno e composizione dimensioni e caratteri costruttivi delle aperture
molto semplice, con qualche possibile eccezione sono essenziali nella definizione dell'identità locale
nelle porte d'ingresso agli edifici. del costruito e del paesaggio. Risulta pertanto
Le finestre sono generalmente a due battenti con particolarmente importante, nel caso di interventi
specchiature tendenzialmente quadrate, tre o sulle aperture e sugli infissi esistenti, per sistemarli
quattro per anta, in funzione dell'altezza e per migliorarne le prestazioni, operare sempre
dell'apertura. Gli infissi sono realizzati con elementi rispettando, innanzi tutto, il rapporto con le
in legno di spessore limitato, connessi tra loro ad murature e le altre parti della costruzione.
39
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

ARCHITRAVI, PIATTABANDE, DAVANZALI E I davanzali sono molto spesso in lastre di pietra


CORNICI grezza o lavorata semplicemente, posti in modo
da sporgere di poco rispetto al filo esterno della
Nell'architettura tradizionale del territorio rurale parete, oppure sono costruiti con mattoni pieni,
albese, generalmente, le aperture di dimensioni disposti di piatto o di coltello, intonacati,
ridotte, come i varchi per prorte e finestre, sono semplicemente tinteggiati di bianco o lasciati a
risolte, nella parte superiore, da un "voltino" o vista.
piattabanda in laterizio, realizzato con uno o più Solo qualche volta sono state rilevate aperture
corsi di mattoni pieni, legati con malta a base di inquadrate da cornici di intonaco a rilievo dipinto
calce. a tinte chiare.
Sono stati rilevati anche casi di architravi in E' inoltre possibile trovare aperture in cui i voltini
legno, lasciati a vista o intonacati, più raramente o gli archi in laterizio o in pietra siano lasciati a
in pietra. vista.
Le aperture più grandi, come quelle dei fienili e
dei portoni carrai sono quasi sempre risolte con
archi in laterizio, a tutto sesto o ribassati, talvolta
anche a tre centri.
Quando l’apertura è realizzata in una muratura
listata, generalmnte, le spalle e le mazzette delle
aperture sono realizzate impiegando mattoni
pieni ammorsati nella parete e lasciati a vista.

40
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

FINESTRE sono state rilevate finestre con specchiature


asimmetriche: una quadrata nella parte superiore
Le finestre, i serramenti così come gli infissi, sono e una rettangolare nella parte inferiore.
sempre realizzate in legno, con profili dal disegno Alcune aperture, principalmente quelle poste al
molto semplice. Gli infissi e i serramenti sono piano terra, sono talvolta protette da inferriate in
realizzati con elementi a spessore limitato, ferro forgiato, a maglia quadrata o rettangolare,
dell'ordine di 3-4 cm o poco più, connessi fra loro dal disegno semplice.
ad incastro, mentre i vetri sono fissati al telaio I sistemi di oscuramento esterni, non sempre
mobile mediante mastice o listelli chiodati, posti presenti, consistono generalmente in ante a
sul lato esterno. persiana o, talvolta, in semplici "antoni" ciechi,
La finestra a due battenti è il tipo più ricorrente realizzati con assi di legno accostate, poste in
nel territorio rurale albese, così come in tutto il verticale. Spesso sono presenti scuri interni. Negli
territorio del G.A.L. Langhe Roero Leader. Le due edifici dotati di loggiato o di ballatoio, i serramenti
ante mobili, ancorate ad un telaio fisso connesso delle porte-finestre sono analoghi a quelli delle
con la muratura, sono generalmente suddivise in finestre descritti, ma con una specchiatura di base
tre specchiature, di forma tendenzialmente opaca, chiusa da pannelli di legno e di altezza
quadrata. Fanno eccezione i finestrini, maggiore delle altre vetrate.
generalmente ad anta unica, con una o due I serramenti, sempre in legno, sono generalmente
specchiature, in funzione della dimensione protetti con vernici coprenti e colorate.
dell'apertura, o le finestre di altezza maggiore di
quelle ordinarie, che possono avere battenti
suddivisi anche in quattro specchiature, sempre
tendenzialmente di forma quadrata. In alcuni casi,
41
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

PORTE E PORTONI complesse: le ante sono generalmente suddivise


in due o tre specchiature regolari costituite da
I vani delle porte sono realizzati in modo analogo pannelli in legno semplici o intagliati; nel caso di
a quelli delle finestre. L'elemento inferiore di tre specchiature quella intermedia è di altezza
soglia è generalmente costituito da una lastra di diversa (inferiore o maggiore) rispetto alle altre.
pietra o da mattoni posti di coltello. Le porte sono Il varco delle grandi aperture dei locali produttivi e
generalmente semplici, ad anta singola o doppia. di servizio che si affacciano sull'aia o, più
Talvolta, specie in corrispondenza di accessi a raramente, dei passi carrai è generalmente
vani scala, è presente anche un sopraluce semi- realizzato con ampi archi in laterizio, quasi
circolare o rettangolare, protetto da una rosta in sempre ribassati. I portoni delle grandi aperture
ferro e chiuso da un serramento in legno. Il sono generalmente a due battenti. I portoni più
sopraluce è separato dal sottostante vano della semplici sono realizzati da tavole in legno
porta da una lastra di pietra o da un elemento in accostate verticalmente, unite longitudinalmente
legno. fra loro con connessioni a maschio e femmina e
I serramenti più semplici sono ad un'anta priva di assicurate trasversalmente a un elemento in
specchiature e sono formati semplicemente da legno. Altri portoni sono, invece, costituiti da ante
assi di legno parallele, poste generalmente in con telaio formato da montanti e traversi a cui
verticale, accostate e connesse mediante sono connesse le tavole affiancate fra loro
chiodatura regolare a un telaio in legno, visibile verticalmente.
all'esterno, costituito generalmente da due Talvolta, sono stati rilevati passi carrai,
montanti verticali e tre elementi (traversi) attualmente privi di chiusura, costituiti da androni
orizzontali, con giunti a incastro. Talvolta, nelle che attraversano tutta la manica degli edifici, che
porte più semplici, i due montanti sono assenti. Le mettono in comunicazione la strada di accesso
porte a due ante sono generalmente più con l'aia interna.
42
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

INFERRIATE E ROSTE dotato anche di un serramento apribile.


Le roste dei sopraluce delle case rurali sono a
Le aperture a finestra collocate ai piani terra e disegno tendenzialmente semplice con semplici
prive di sistemi di oscuramento esterno sono raggi, talvolta lanceolati, collegati al telaio
spesso munite di inferriate di protezione. Esse semicircolare e raccolti da un centro costituito da
sono generalmente costituite da barre di ferro una semplice piattina metallica semicircolare.
dolce forgiato a mano disposte in modo da
comporre maglie di forma quadrata o
rettangolare, più raramente romboidale.
Le barre, a sezione circolare o quadrata, sono
incrociate mediante il passaggio attraverso asole
od occhielli, paralleli o alternati, e risultano
collocate nello spessore del vano finestra,
inserite e ancorate alla muratura in
corrispondenza delle spalle, dell'architrave e del
davanzale della finestra.
I sopraluce delle porte, presenti soprattutto nei
casi in cui l'accesso immetteva direttamente su
un vano scala interno, sono spesso completati
da roste realizzate in ferro battuto o forgiato.
Spesso il sopraluce, oltre alla rosta metallica, è

43
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

APERTURE DI FIENILI E PER LA complete o parziali, realizzate con muri grigliati


VENTILAZIONE DEI SOTTOTETTI che permettono di proteggere il raccolto
depositato nel fienile, mantenendo una opportuna
Le aperture dei fienili sono prevalentemente ventilazione nei locali.
caratterizzate dall'ampia dimensione e dalla Le piccole aperture pratiche nelle pareti dei
presenza di un arco realizzato in mattoni, lasciati sottotetti per assicurarne la ventilazione, così
a vista o, più raramente, intonacati. Sono come quelle, ripetute in serie che
presenti, anche se meno caratterizzanti, ampie costituiscono tracce evidenti della presenza di
aperture dei fienili realizzate con semplici travi in
piccionaie, rappresentano elementi
caratteristici delle costruzioni rurali che vanno
legno utilizzate come architravi. In questo caso,
conservati e valorizzati.
generalmente, gli architravi in legno delle grandi
Le aperture di ventilazione dei sottotetti, di
aperture corrispondono alla struttura del tetto e
dimensioni limitate e quasi sempre prive di
sono sorrette da pilastri o porzioni di muratura in serramento, possono assumere forme varie:
elevazione. la forma può essere semplicemente
Il lato inferiore dell'apertura è rifinito, realizzata saltando la posa di qualche
generalmente, con mattoni posti di coltello. Le mattone nella muratura oppure, come spesso
aperture dei fienili, così come quelle degli accade, è realizzata con l'inserimento nella
eventuali loggiati, sono quasi sempre prive di muratura di due mattoni inclinati.
serramenti. A volte sono presenti chiusure,
44
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

SISTEMI DI OSCURAMENTO e completate con trattamento di finitura a


vernice coprente. Sono costituite da un telaio
I sistemi di oscuramento delle finestre, non semplice o da un telaio con traversa centrale,
sempre presenti, sono costituiti sul quale sono montate le lamelle (o palette),
prevalentemente da ante a persiana in legno o inclinate di 45° e leggermente sporgenti rispetto
da antoni ciechi, sempre realizzati in legno, al filo del telaio.
posti dal lato esterno dell'apertura. Spesso sono Tutti i sistemi di oscuramento, sia interni che
presenti scuri interni. Sia gli scuri interni che gli esterni, sono ancorati al muro con bandelle e
"antoni" esterni sono generalmente a disegno cardini in ferro battuto.
semplice, costituiti semplicemente da tavole
accostate, messe in verticale e connesse,
mediante chiodatura, a due o tre traverse in
legno, poste generalmente sul lato interno
dell'anta stessa. Talvolta le tavole delle ante dei
sistemi di oscuramento esterni sono sagomate
in modo da realizzare una battuta.
Le ante a persiana, che nel tempo hanno
spesso sostituito gli "antoni" esterni, sono
generalmente a due battenti, prive di telaio fisso

45
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

DEGRADO frequentemente fenomeni di marcescenza degli


elementi in legno, in particolare nelle parti più
I fenomeni di degrado ricorrenti nel caso di esposte agli agenti atmosferici e all'acqua,
aperture ed elementi connessi, come serramenti, deformazioni e sconnessioni fra gli elementi,
sistemi di oscuramento e di protezione, sono ossidazione degli elementi metallici di bloccaggio,
quelli tipici degli elementi costruttivi e dei materiali di chiusura e movimentazione. Sono inoltre
impiegati nella loro costruzione. I davanzali in frequenti mancanze, con riferimento, ad esempio,
pietra o in laterizio, così come gli stipiti, possono ai vetri e ai listelli fermavetro.
manifestare rotture e distacchi localizzati, oltre
che decoesione ed erosione degli elementi o dei
giunti di malta di allettamento. Gli elementi in
legno, come architravi e infissi, presentano
spesso fenomeni di marcescenza, soprattutto
nelle parti poste a contatto con la muratura. Le
aperture con cornici a intonaco o inserite in pareti
intonacate possono presentare fessurazioni e
distacchi, localizzati o estesi, macchie e patine.
Problemi di carattere strutturale o la presenza di
difetti del materiale possono provocare, inoltre,
rotture, sconnessioni o deformazioni negli
elementi di bordo delle aperture (soglie,
davanzali, architravi e stipiti).
Gli infissi e i serramenti in legno manifestano
46
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

CRITERI DI INTERVENTO dimensioni analoghe a quelle esistenti e disposte in


modo da rispettare le regole compositive e
Operazione preliminare ad ogni intervento sulle strutturali delle facciate. E' da privilegiare, pertanto
aperture e sugli elementi connessi è la verifica, l'allineamento orizzontale e soprattutto verticale
anche solo attraverso l'osservazione diretta, senza delle aperture, salvo eccezioni ammissibili solo in
l'ausilio di strumentazioni, della presenza di casi particolari, per aperture di ridotte dimensioni,
fenomeni di degrado o di dissesto, individuandone di forma diversa da quelle esistenti (ad esempio
le cause e le eventuali relazioni con altre parti della ovale o circolare), nel caso, ad esempio, di finestre
costruzione. Nel caso in cui vengano riscontrate per illuminare corpi scala ciechi. E' inoltre
fessurazioni o fratture, è necessario rilevare il consigliato di evitare l'ampliamento in orizzontale
quadro fessurativo che riporti la posizione, delle aperture, per motivi costruttivi e di
l'andamento, la profondità e le dimensioni delle proporzione delle dimensioni delle aperture,
lesioni. La selezione corretta degli interventi di privilegiando, eventualmente, l'ampliamento in
consolidamento da effettuare, nel rispetto dei verticale.
caratteri costruttivi della costruzione, impone di Interventi minori, di manutenzione e riparazione,
effettuare alcune semplici analisi finalizzate a devono comunque rispettare le caratteristiche
conoscere lo stato dei fenomeni. Si rende dell'esistente, sostituendo gli elementi degradati
opportuno, pertanto, per verificare l'esistenza di con altri analoghi, per materiali, forme e
eventuali movimenti applicare ai lembi delle lesioni lavorazioni, avendo cura di mantenere leggibile la
"spie" o "biffe" in vetro o effettuare misurazioni con disposizione e la tessitura di pietre e mattoni, se a
fessurimetri graduati. vista, ed evitando, all'opposto, intonacature totali
In generale, gli interventi sulle aperture dovranno che lascino in vista esclusivamente archi,
rispettare la composizione di facciata degli edifici, piattabande o stipiti, sempre che questa non sia la
limitando al massimo la realizzazione di nuove situazione originariamente esistente. Sono
aperture che, eventualmente, devono essere di assolutamente da evitare gli architravi realizzati
47
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

con profilati in acciaio lasciati a vista o quelli in esistenti e utilizzare forme, trattamenti e lavorazioni
calcestruzzo di cemento armato, anche se nascosti congruenti con quelli propri dell'elemento esistente
nello spessore murario, in quanto incompatibili con o della tradizione locale. Nel caso in cui si renda
le strutture esistenti. Sono incompatibili con la necessario sostituire completamente un infisso
tutela degli edifici e del paesaggio i davanzali egli esistente o realizzare nuovi infissi, è consigliabile
stipiti realizzati con marmi o pietre non appartenenti rispettare la morfologia e le dimensioni di quelli
alla tradizione locale. tradizionali presenti nel territorio esaminato. Per la
Gli interventi sui serramenti e sugli infissi variano in realizzazione di nuovi serramenti è necessario
funzione della loro consistenza e dello stato di rispettare la morfologia, le dimensioni, le partiture e
conservazione in cui versano, ma anche dei i materiali degli infissi tradizionali propri dell'ambito
requisiti richiesti da eventuali nuove destinazioni territoriale.
d'uso, per esempio per l'adeguamento degli edifici Interventi quali la realizzazione di serramenti in
esistenti alle esigenze abitative attuali e alle metallo anodizzato o in materiale plastico è
normative nel campo del risparmio energetico. In assolutamente incompatibile con la tutela degli
ogni caso occorre sempre valutare edifici e del paesaggio.
preventivamente tali elementi per progettare Gli eventuali nuovi sistemi di oscuramento esterni
correttamente l'intervento più opportuno. Possono devono essere del tipo ad anta o a persiana; sono
essere effettuati interventi di manutenzione, di escluse e incompatibili tapparelle, veneziane e
riparazione puntuale o estesa con eventuale antoni con lavorazioni e disegno estranei alla
integrazione o sostituzione di elementi o di parti tradizione locale, come intagli e trafori.
mancanti ed eventuale sostituzione di singoli Per eventuali nuove inferriate di sicurezza, è
elementi per migliorarne le prestazioni, ad esempio consigliabile utilizzare griglie metalliche fisse, a
per inserire guarnizioni a tenuta o sostituire dei vetri esclusione dell'alluminio anodizzato, che
semplici con vetri a camera. In ogni caso è riprendano, nel disegno e nei materiali, quelle
opportuno utilizzare materiali analoghi a quelli tradizionali esistenti.

48
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

APERTURE DI PORTE E FINESTRE


FASI PRELIMINARI ALL'INTERVENTO CRITERI GENERALI DI INTERVENTO

Prima di ogni intervento sulle aperture e sugli elementi Gli interventi dovranno rispettare la composizione di
connessi è necessario individuare gli eventuali facciata degli edifici, limitando la realizzazione di
fenomeni di degrado o di dissesto presenti, relative nuove aperture ed evitando gli ampliamenti in
cause e le eventuali relazioni con altre parti della orizzontale.
costruzione. In alcuni casi, infatti, intervenire senza Gli interventi dovranno rispettare le caratteristiche
rimuovere le cause del dissesto o del degrado può
dell'esistente, sostituendo gli elementi degradati con
rivelarsi inutile o controproducente.
altri analoghi per forma, dimensioni, materiali e
finitura.

INTERVENTI AMMISSIBILI INTERVENTI NON AMMISSIBILI

- interventi di manutenzione periodica - Variazione della forme e delle dimensioni delle


- Interventi di riparazione e consolidamento degli aperture: in orizzontale, praticata attraverso
elementi di orizzontamento superiore, dei davanzali , ampliamento laterale, in verticale se praticata
delle soglie e degli stipiti con integrazioni parziali attraverso la rimozione degli orizzontamenti esistenti
osotituzioni, utilizzando elementi del tutto analoghi a e di parti di muratura sovrastante.
quelli esistenti. - Sostituzione di elementi degradati con altri di
- Sostituzione di elementi degradati con altri di materiale, forma, dimensioni e finitura diversi da
materiale, forma, dimensioni e lavorazione analoghi a quelli degli elementi esistenti.
quelli esistenti. - Riparazioni o sostituzioni con elementi di
calcestruzzo di cemento.

INTERVENTI CRITICI - AMMISSIBILITÀ’ DA VALUTARE CASO PER CASO


Se necessario, per ragioni igieniche o funzionali non altrimenti risolvibili, da valutare caso per caso:
- Variazione, limitatamente in altezza, delle dimensioni delle aperture, rimuovendo la muratura sotto finestra.
- Interventi di riparazione e consolidamento o sostituzione degli elementi esistenti
- Realizzazione di nuove aperture di dimensioni contenute e analoghe a quelle delle aperture esistenti, rispettando le
assialità e utilizzando i materiali e le tecniche tradizionali ricorrenti nell'ambito territoriale.

49
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

I N F I S S I E I N F E R R I A T E
FASI PRELIMINARI ALL'INTERVENTO CRITERI GENERALI D’INTERVENTO
Prima di ogni intervento sugli infissi e sulle inferriate è Le forme, i materiali utilizzati, i trattamenti e le
sempre necessario verificare lo stato di lavorazioni, in qualsiasi tipo di intervento su infissi,
conservazione, la consistenza e l’efficienza degli serramenti e inferriate, devono essere congruenti con
elementi, la presenza o meno di telaio fisso, i sistemi quelli propri dell'elemento esistente o della tradizione
di connessione e di ancoraggio alla muratura. Va, locale. Per i nuovi serramenti, così come per le
inoltre, verificata con cura la tenuta all'acqua e all'aria inferriate e i sistemi di oscuramento, è necessario
dell'infisso. rispettare la morfologia, le dimensioni, le partiture e i
materiali degli infissi tradizionali propri dell'ambito
territoriale.

INTERVENTI AMMISSIBILI INTERVENTI NON AMMISSIBILI

- Operazioni di trattamento protettivo superficiale, - Sostituzione di serramenti esistenti in legno con altri
manutenzione e riparazione degli elementi senza in metallo o in materiale plastico.
cambiamento della forma, del materiale, delle - Inserimento di vetri riflettenti o colorati.
lavorazioni e del colore degli infissi, delle inferriate e -Inserimento di nuove inferriate, diverse per forme e
dei sistemi di oscuramento esistenti. materiali da quelle esistenti e appartenenti alla
- Interventi per migliorare il controllo della dispersione tradizione costruttiva locale.
termica e la tenuta all'acqua e all'aria, senza
modificare disegno e partiture dell'infisso esistente.
- Inserimento di scuri interni.
- smontaggio, risanamento e rimontaggio in sede degli
infissi esistenti, utilizzando gli stessi dispositivi di
ancoraggio alla muratura e conservando i cardini.

INTERVENTI CRITICI - AMMISSIBILITÀ’ DA VALUTARE CASO PER CASO

Se necessario, per ragioni igieniche o funzionali non altrimenti risolvibili, da valutare caso per caso:
- Inserimento di nuovi sistemi di protezione e di oscuramento esterni, esclusivamente in legno, a persiana o ad
anta a disegno semplice, senza trafori, inserti o intagli.
- Inserimento di nuovi infissi, porte, portoni, finestre da realizzarsi in legno rispettando le morfologie e le finiture
tradizionali, escludendo sempre l'uso di elementi in alluminio anodizzato, in metallo cromato, in materiale
plastico e comunque forme, materiali e colori contrastanti con quelli tradizionali.

50
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

APERTURE DI FIENILI
FASI PRELIMINARI ALL'INTERVENTO CRITERI GENERALI D’INTERVENTO
Prima di intervenire sulle grandi aperture dei fienili e La chiusura di grandi aperture di fienili e loggiati con
dei loggiati, è necessario individuare gli eventuali serramenti di grandi dimensioni o con elementi in
fenomeni di dissesto e di degrado presenti e le relative muratura piena o grigliata deve essere affrontata con
cause, verificando se siano di natura costruttiva o attenzione, in modo da mantenere sempre leggibile la
strutturale e se eventualmente coinvolgano oltre funzione originale e la morfologia delle eventuali
all’elemento apertura anche altre parti della aperture ad arco esistenti.
costruzione. Le forme e i materiali utilizzati per la realizzazione di
nuovi serramenti e di pareti di chiusura devono essere
congruenti con quelli propri della tradizione locale.

INTERVENTI AMMISSIBILI INTERVENTI NON AMMISSIBILI

- Sostituzione di elementi degradati con altri di - Modifica della forma delle aperture esistenti.
materiale, forma, dimensioni e lavorazione analoghi. - Inserimento di serramenti con vetri riflettenti o
- Riparazione, consolidamento e rinforzo degli colorati.
elementi di orizzontamento superiore o degli archi - Tamponamento delle aperture con pareti a filo
esistenti, utilizzando elementi del tutto analoghi a esterno dei pilastri.
quelli eistenti, escludendo assolutamente l'impiego di
calcestruzzo di cemento armato.

INTERVENTI CRITICI - AMMISSIBILITÀ’ DA VALUTARE CASO PER CASO


Se necessario, per ragioni igieniche o funzionali non altrimenti risolvibili, da valutare caso per caso:
- Chiusura parziale o completa delle aperture dei fienili e dei loggiati con pareti opache in muratura dotate di
serramenti o con serramenti di grandi dimensioni, in modo da mantenere sempre leggibile la funzione originale
e la morfologia delle eventuali aperture ad arco esistenti (quindi poste non a filo esterno).
- Inserimento di eventuali serramenti preferibilmente in legno o, se di grande dimensione, anche in metallo
verniciato a profilo sottile, tipo “ferro finestra”, con esclusione di quelli in alluminio anodizzato.
- Inserimento di chiusure in legno a disegno semplice, fisse o apribili, anche estese all’intera parete.

51
52
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

ELEMENTI DI COLLEGAMENTO E DI Il fronte principale della casa rurale di Langa,


DISTRIBUZIONE quello che dà verso l'aia, quello nel quale sono
collocati gli accessi agli ambienti interni, è quasi
Gli elementi di collegamento verticale e di
sempre completato da un ballatoio. In pochi casi
distribuzione più diffusi negli edifici rurali del
sono stati rilevati ballatoi che mantengono le
territorio dell'Albese sono le scale e i ballatoi,
caratteristiche originarie nella struttura e negli
meno frequenti i loggiati.
elementi di parapetto. Si può presumere che negli
In queste zone, nelle case contadine, quasi
sempre a due piani fuori terra, è prevalente la edifici più antichi i ballatoi fossero costituiti da
presenza di un vano scala interno; raramente elementi in legno incastrati nella muratura che
sono stati rilevati sistemi di collegamento verticale sorreggono un impalcato in legno; in questo caso
risolti con scale esterne. Le scale sono poste sul anche il parapetto era in legno, ancorato alle travi
fronte principale dell'edificio con accesso dall'aia, del tetto o al ballatoio soprastante. Molti edifici
posto in posizione centrale o laterale rispetto alla presentano ballatoi con impalcati, sostituiti oppure
parte abitativa dell'edificio. Se esterna, la scala, originali, costituiti da solettine in calcestruzzo
in legno o in muratura, era generalmente posta cementizio armato o da lastre di pietra, con
sotto il ballatoio o lo sporto del tetto in posizione sostegni costituiti da profilati metallici o modiglioni
tale da risultare così protetta dalla pioggia. in pietra o in calcestruzzo. In questi casi, le
I fienili, i granai e gli ambienti di servizio posti a protezione sono semplici ringhiere metalliche, che
livelli diversi da quello direttamente accessibile molte volte fanno ormai parte a pieno titolo
dal piano di campagna, erano generalmente resi dell'immagine aggiornata dell'edificio.
accessibili solamente attraverso scale a pioli.

53
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

SCALE ESTERNE BALLATOI


Sono ormai rari gli edifici privi di vano scala Il ballatoio è un elemento ricorrente in numerosi
interno che conservano le scale esterne, in legno edifici del territorio in esame, soprattutto quelli
o in muratura, per l'accesso agli ambienti, abitativi caratterizzati dalla disposizione planimetrica in
o di servizio, posti a livelli superiori al piano di linea oppure a "L" dei corpi di fabbrica. l ballatoi,
campagna. che costituiscono prevalentemente un sistema di
Per l’accesso ai granai e ai fienili, che distribuzione dei locali, si sviluppano
generlmente non avevano comunicazioni interne prevalentemente in lunghezza - raramente si
con le altre parti dell’edificio, si utilizzavano trovano balconi di dimensioni in lunghezza limitate
semplicemente delle scale a pioli di legno - sono generalmente esposti a sud e si affacciano
appoggiate alla base delle aperture e riposte, sempre verso l'aia. In rari casi, il ballatoio occupa
quando inultilizzate, nel deposito attrezzi o due o più lati dell'edificio. Generalmente al
appese in prossimità del fienile. ballatoio si accede dai locali serviti da scala
In qualche caso, ballatoi posti a livelli diversi interna.
venivano collegati con andatoie in legno esterne. Il ballatoio in legno, la lòbia, era certamente la
tipologia originaria di cui rimangono ancora poche
testimonianze.
In linea generale, la struttura del ballatoio in legno
era costituita da travetti fuoriuscenti dalla
muratura che sorreggevano un impalcato di tavole
lignee poste longitudinalmente; spesso erano le
stesse testate delle travi del solaio in legno ad
54
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

assumere la funzione di struttura portante. di cemento armato, sostenuto da modiglioni in


Talvolta le mensole in legno avevano all'estremità pietra.
un intaglio profondo che serviva da gocciolatoio e L'elemento che certo ormai caratterizza i ballatoi
talvolta erano rastremate. Il parapetto, anch'esso è il parapetto metallico. Molto spesso oggi è infatti
realizzato in legno, era sostenuto da montanti presente una ringhiera di protezione in ferro
connessi da una parte alle mensole di sostegno battuto, dal disegno semplice, costituito da
dell'impalcato e, dall'altra, alla struttura del tetto. I bacchette verticali collegate, mediante ribattitura,
montanti venivano appoggiati o incastrati alle a correnti orizzontali formati da piattine metalliche.
mensole di sostegno dell'impalcato, oppure Il collegamento verticale è assicurato
semplicemente accostati a queste e connessi generalmente da elementi metallici collegati nella
mediante chiodatura. Uno dei tipi di parapetto in parte superiore alla muratura o ai passafuori della
legno più ricorrente nella tradizione costruttiva è copertura. I montanti metallici di sostegno delle
costituito da due o tre elementi paralleli in legno - ringhiere sono comunemente dotati di ganci per
talvolta si tratta di semplici rami - posti in l'ancoraggio di cavi paralleli che, una volta,
orizzontale e collegati, mediante chiodatura, ai potevano servire per appendere i cereali ad
montanti. Un altro tipo di parapetto rilevato è essiccare e, oggi, vengono prevalentemente
costituito da elementi in legno, a sezione quadrata utilizzati per stendere i panni o per favorire la
o rettangolare, posti in verticale e incastrati a due crescita di rampicanti.
correnti, uno superiore con funzione anche di
corrimano e uno inferiore. Molto più diffusi sul
territorio, e certamente più recenti di quelli in
legno, sono i ballatoi costituiti da un impalcato in
lastre di pietra o da una solettina in calcestruzzo
55
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

DEGRADO negli edifici abbandonati, infatti, è piuttosto


Le cause di degrado possono essere di diversa precario: il processo di degrado e i conseguenti
natura e, come sempre, prima del progetto di dissesti in assenza di manutenzione ne hanno
intervento è necessario verificare gli elementi molto spesso compromesso la sicurezza e la
strutturali, controllandone geometria, deformazioni fruibilità. E' riconoscibile, in molti casi, degrado
e stato di conservazione. Scale esterne e ballatoi diffuso degli elementi lignei, ma anche precarietà
sono spesso sottoposti a condizioni climatiche delle condizioni statiche degli impalcati e dei
difficili e sono esposti all'azione aggressiva degli parapetti di protezione, che non va mai
agenti atmosferici; i fenomeni di degrado sono sottovalutata. Le ringhiere in ferro dei ballatoi e dei
prevalentemente innescati dall'azione dell'acqua, balconi possono presentare deformazioni, rotture,
dalla neve, dalle escursioni termiche e dai ripetuti sconnessioni degli ancoraggi dalle pareti e dalle
cicli di gelo e disgelo. strutture di sostegno e fenomeni, anche diffusi, di
Ai fenomeni di degrado dovuti all'esposizione agli ossidazione per mancanza di trattamenti di
agenti atmosferici vanno a sommarsi, molto protezione. Le solettine di calcestruzzo, pur di
spesso, quelli prodotti dall'uso e dalla mancanza di recente realizzazione, spesso denunciano
manutenzione o, talvolta, da errori costruttivi: questi preoccupanti fenomeni di degrado, soprattutto
fattori aumentano le possibilità di innesco di individuabili nella perdita dello strato esterno di
fenomeni di alterazione e degrado dei materiali e copriferro e nei distacchi, spesso estesi, in
degli elementi costruttivi. corrispondenza degli innesti delle ringhiere, con
I ballatoi e le scale in legno ancora esistenti e non conseguente sconnessione dei giunti.
soggetti a manutenzione periodica manifestano di Gli elementi che compongono le ringhiere in ferro
solito evidenti fenomeni di sconnessione, possono presentare fenomeni di ossidazione per
mancanza, marcescenza o rottura degli elementi mancanza di protezione, deformazioni, rotture,
lignei. Lo stato di conservazione dei ballatoi e delle sconnessione degli ancoraggi dalle pareti e dalle
scale esterne in legno ancora esistenti, soprattutto strutture di appoggio.
56
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

CRITERI DI INTERVENTO tutela del costruito e del paesaggio l'utilizzazione


di elementi in calcestruzzo di cemento armato
Ogni tipo di intervento deve essere preceduto da gettato in opera o prefabbricato, se non a
una fase di rilievo e di analisi degli elementi sostituzione di elementi già presenti in origine.
esistenti, condotta anche in modo speditivo Gli interventi su scale e ballatoi esterni per
attraverso una semplice ma attenta osservazione garantirne la funzionalità consistono,
diretta, tesa a verificare e valutare la consistenza principalmente, nella manutenzione periodica, nel
e le condizioni di conservazione degli elementi controllo dello stato di conservazione e di
stessi, anche in rapporto agli altri elementi della efficienza degli elementi e, specie per i manufatti
costruzione. E' infatti sempre necessario in legno e in metallo, nell'applicazione di
individuare le manifestazioni di degrado e trattamenti superficiali di protezione.
dissesto in atto o pregresse e le loro possibili Le operazioni di manutenzione periodica
cause. In generale, gli interventi dovranno in ogni comprendono la pulizia e la rimozione di depositi
caso tendere a conservare e riparare gli elementi e materiali (foglie, terriccio, vegetazione
originali esistenti e a rimuovere, eventualmente, infestante) in modo da mantenere liberi e ben
quelli che risultano estranei ai caratteri propri aerati scale e ballatoi. E' di particolare
dell'architettura locale. importanza, inoltre, il controllo periodico dello
Per ogni tipo di intervento (manutenzione, stato di conservazione degli elementi, con
riparazione, eventuale integrazione dei ballatoi e riferimento, in particolare, ai problemi di stabilità e
delle scale esistenti, eventuale costruzione di di connessione; eventuali interventi di riparazione,
nuovi elementi) è sempre consigliabile utilizzare i rinforzo o sostituzioni localizzate di elementi la
i materiali tradizionalmente impiegati nel territorio. cui stabilità sia fortemente compromessa devono
È in ogni caso assolutamente incompatibile con la essere condotti con l'impiego di materiali
57
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

appartenenti alla tradizione costruttiva locale e le sedi già esistenti.


con attenzione a non modificare forme, finiture e Gli impalcati possono essere realizzati con tavole
funzioni degli elementi. di legno, in lastre di pietra, in funzione dell'edificio
Nel caso di interventi che prevedano la in cui sono inseriti e del tipo di ballatoio esistente.
realizzazione ex novo, l'integrazione o la Le protezioni e i parapetti possono essere
sostituzione di parti consistenti di ballatoi e scale realizzati in legno, negli edifici che ancora
esterne esistenti, è opportuno progettare gli presentano questa caratteristica, o in ferro,
elementi in modo da rispettare la concezione secondo le forme e le soluzioni tecnologiche
strutturale del manufatto e dell'edificio. tradizionali proprie dell'ambito territoriale.
In linea generale, in presenza di ballatoi e di scale
in legno è consigliato il loro mantenimento,
ricorrendo, per eventuali integrazioni, riparazioni e
sostituzioni parziali, allo stesso materiale,
evitando l'utilizzo di pietra e acciaio.
Per i ballatoi e i balconi in genere, si consiglia di
utilizzare, per le mensole di sostegno, il materiale
originario ancora presente: legno o modiglioni in
pietra limitando l'uso di mensole in ferro forgiato e
trattato ai casi in cui questi elementi siano già
presenti nella costruzione oggetto di intervento. In
caso di sostituzione o di aumento dimensionale
delle mensole di sostegno incastrate nella
muratura, è consigliabile, se possibile, riutilizzare
58
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

B A L L A T O I
FASI PRELIMINARI ALL'INTERVENTO CRITERI GENERALI D’INTERVENTO
Prima di ogni intervento sui ballatoi e sugli elementi Gli interventi dovranno rispettare le caratteristiche
accessori, come le ringhiere, è necessario, anche dell'esistente, conservando e riparando gli elementi
solo attraverso un rilievo e un’attenta analisi visiva, esistenti, integrando quelli mancanti e sostituendo quelli
verificare le condizioni di efficienza e lo stato di degradati con altri analoghi per forma, dimensioni,
conservazione, in particolare, degli elementi strutturali materiali e finitura a quelli esistenti, eventualmente
di sostegno, controllandone la geometria, l’eventuale rimuovendo quelli che risultano estranei ai caratteri tipici
presenza di deformazioni, rotture, sconnessioni o altri dell'architettura locale. E’ da evitare l'impiego di
fenomeni di degrado. elementi in acciaio o calcestruzzo di cemento armato.

INTERVENTI AMMISSIBILI INTERVENTI NON AMMISSIBILI

- Manutenzione, riparazione o sostituzione di - Sostituzione di elementi degradati con altri di


elementi deteriorati con altri di identico materiale, di materiale, forma, dimensioni e finitura diversi da
forma, dimensioni e lavorazione analoghi. quelli degli elementi esistenti.
- Riparazione delle solettine in calcestruzzo esistenti, - Sostituzione di elementi in legno esistenti con altri in
senza aumentarne lo spessore, o loro sostituzione calcestruzzo di cemento armato o in metallo.
con lastre di pietra. - Riparazioni o sostituzioni di elementi con altri di
- Riparazione o sostituzione degli elementi in egno calcestruzzo di cemento, escluso il caso di solettine
dove ancora esistenti con altri dello stesso tipo. esistenti.
- Riparazione o sostituzione di ringhiere metalliche - Variazioni di forme e dimensioni dell’elemento e delle
con altre dello stesso tipo. parti che lo costituiscono.

59
60
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

SISTEMI DI ORIZZONTAMENTO re d'ambito. Nel caso di solai a doppia orditura, i


travetti sono generalmente sovrapposti alle travi
Gli orizzontamenti intermedi degli edifici del terri- principali, solo qualche volta sono parzialmente
torio rurale dell'Albese sono generalmente costi- incassati nel loro spessore. Il piano di calpestio,
tuiti, ai piani bassi, da sistemi voltati in muratura e, per i solai in legno, è per lo più costituito da un
ai piani superiori, da solai in legno, a orditura sem- tavolato realizzato spesso con assi segate a
plice o doppia. mano da tronchi appena scortecciati, connesse
Le volte in muratura, quasi sempre presenti negli mediante chiodatura all'orditura di sostegno.
edifici rurali per dividere la stalla dal sovrastante Talvolta, come per le strutture voltate, è presente
fienile, sono generalmente realizzate in mattoni, un pavimento realizzato in legno o in mattonelle in
raramente con elementi in pietra. Si tratta gene- cotto, nelle cascine più antiche, in "cementine" in
ralmente di strutture a morfologia e apparecchia- molti degli edifici che risalgono al periodo che va
tura semplice, lasciata a vista, a botte o a vela. dalla fine dell'Ottocento ai primi decenni del
Alle volte è quasi sempre associata la presenza di Novecento.
catene realizzate con elementi in legno o metalli- In molti casi gli ambienti residenziali hanno il sof-
ci. fitto intonacato e, in qualche caso, rifinito con
In alcuni edifici sono anche presenti sistemi di incannucciato e decorato.
orizzontamento costituiti da travi metalliche e vol- Gli orizzontamenti dei depositi attrezzi e dei fienili
tini in mattoni, posti di piatto o di coltello. aperti sono in legno costituiti da travi a orditura
semplice appoggiate alle murature, con impalcato
Nei solai in legno, le travi sono costituite da tron- costituito da tavole accostate. In questo caso la
chi semplicemente scortecciati, qualche volta prima trave è generalmente incastrata nei pilastri
sbozzati, semplicemente alloggiate nelle muratu- di facciata.
61
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

DEGRADO esempio, ad infiltrazioni d'acqua, e dalla


carenza o mancanza completa di manuten-
Le volte in muratura di laterizio, oltre alle zione. Ai fenomeni di degrado del materiale
forme di degrado proprie dei materiali che le vanno così ad aggiungersi, spesso, dissesti
costituiscono, possono presentare segni di strutturali di varia origine ed entità, defor-
dissesti strutturali, denunciati dalla presen- mazioni e rotture delle travi o dei travetti,
za di distacchi, rotture, lesioni, cedimenti, talvolta anche crolli parziali, dovuti, princi-
deformazioni locali, soprattutto in corrispon- palmente, a problemi di sovraccarico delle
denza dei punti critici, come le imposte, le strutture, alla marcescenza del legno o a
reni, il cervello e gli spigoli. Tali dissesti pos- dissesti generali della costruzione. Sono
sono essere causati da diversi fattori, che ricorrenti, ad esempio, lo sfilamento delle
possono anche essere aggravati da imperfe- teste delle travi dalle murature, la sconnes-
zioni costruttive o da interventi impropri sione di elementi e parti dell'impalcato o del
quali, ad esempio, il taglio delle catene. sovrastante piano di calpestio.
I solai in legno sono soggetti, in particolare,
ai fenomeni di degrado tipici del materiale di
cui sono costituiti e, in particolare, agli
attacchi di agenti biologici e, soprattutto in
corrispondenza delle teste delle travi e dei
tavolati, a marcescenza. In generale, i feno-
meni di degrado sono innescati dalla pre-
senza di umidità di varia natura, dovuta, ad
62
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

1 2 Sostituzione di travi in legno (a sinistra)


Nel caso una trave o un travetto in legno del solaio
risultasse in stato di conservazione tale da non per-
metterne la conservazione, si può operare un inter-
vento di sostituzione dell’elemento ammalorato con
altro analogo per tipo e dimensioni, utilizzando le stes-
se sedi per l’inserimento nella muratura. E' possibile,
per interventi limitati, operare dall'intradosso del
solaio, senza smontare il tavolato soprastante, previo
adeguato puntellamento. E' opportuno curare in parti-
3 4 colare l'alloggiamento della testata della trave, in
modo da assicurare un appoggio corretto e la difesa
dall'umidità, inserendo alla base un elemento piano in
pietra, legno o altro materiale per ripartire i carichi ed
eventualmente un ulteriore strato protettivo per la dife-
sa dall’umidità. Nel ripristinare la sede di alloggiamen-
to della testata della trave, se possibile, lasciare uno
spazio libero per assicurare la ventilazione della testa-
ta.

Inserimento di travi rompitratta (a destra) 1 2


In presenza di travi in legno eccessivamente inflesse
o di sezione insufficiente, è possibile inserire al di
sotto una nuova trave di sostegno con funzioni di
“rompitratta”, preferibilmente in legno, che riduca la
luce libera, evitando ulteriori cedimenti del solaio. E’
necessario predisporre nella muratura le sedi per le
testate della trave rompitratta e, dopo l’inserimento, si
dovrà ripristinare la continuità del muro con mattoni o
pietre e malta di calce, rifinedo la sede con le modali-
tà descritte per l’intervento di sostituzione di travi.

CRITERI DI INTERVENTO visa rimozione per non mutare gli equilibri raggiun-
ti dalla volta. In generale, si sconsiglia anche di
In linea generale, è opportuno conservare gli oriz- rimuovere gli strati di intonaco eventualmente pre-
zontamenti voltati e quelli in legno esistenti, even- senti all'intradosso delle volte e di lasciare a vista
tualmente intervenendo con sistemi di rinforzo e di volte realizzate per essere rivestite con intonaco.
consolidamento. In presenza di sistemi di orizzon- Per interventi di recupero dei solai in legno, i princi-
tamento che presentino lesioni, è sempre necessa- pali interventi per garantire la sicurezza e regolariz-
rio ricorrere alla consulenza di specialisti nel setto- zare il piano di calpestio sono essenzialmente ope-
re strutturale. razioni di rinforzo degli elementi strutturali, realizza-
I sistemi di intervento possibili, in ragione delle bili secondo tecniche diverse, ad esempio attraver-
diverse tipologie di lesioni riscontrabili e delle rela- so l'inserimento di travi rompitratta, di nuovi soste-
tive cause, sono numerosi e prevedono l'impiego di gni alle teste delle travi di puntelli intermedi.
materiali diversi e l'applicazione di tecniche più o Interventi ricorrenti sono anche la sostituzione di
meno invasive. singoli elementi ammalorati, da effettuare con ele-
In linea generale, si consiglia, sia in presenza di menti analoghi per materiale, lavorazione e fnitura
orizzontamenti voltati, sia in presenza di solai in a quelli esistenti, e interventi tesi a diminuire l'ela-
legno, di privilegiare interventi poco invasivi, che sticità della struttura, ad esempio con l'inserimento
utilizzino tecniche e materiali tradizionali, escluden- di un tavolato ortogonale e sovrapposto a quello
do, ad esempio i consolidamenti attuati con cappe esistente.E' importante, quando possibile, conser-
o controvolte in calcestruzzo cementizio armato. vare le finiture esistenti, sia per quanto riguarda i
L'integrazione di volte parzialmente crollate pavimenti, sia per quanto riguarda i soffitti a vista o
dovrebbe essere realizzata con materiali simili a a incannucciato intonacato e decorato.
quelli della volta esistente, rispettandone l'apparec-
chiatura. Particolare attenzione deve essere posta
agli eventuali rinfianchi di cui si sconsiglia l'improv-
63
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

V O LT E
FASI PRELIMINARI ALL'INTERVENTO CRITERI GENERALI DI INTERVENTO
E’ sempre necessario, in via preliminare, valutare affi- In linea generale, gli interventi devono tendere a con-
dabilità ed efficienza residua della struttura voltata ed servare gli orizzontamenti voltati esistenti. Se neces-
effettuare un rilievo accurato, annotando la presenza e sario, si può intervenire con sistemi di rinforzo e di
le caratteristiche di eventuali lesioni, sconnessioni consolidamento poco invasivi, che utilizzino tecniche e
localizzate, deformazioni, problemi di degrado dei materiali tradizionali e che non appesantiscano e non
modifichino il comportamento statico della struttura.
materiali costituenti, presenza di catene metalliche o di
Pertanto, si sconsigliano interventi di consolidamento
altri dispositivi tesi a ridurre le spinte laterali e, quando realizzati con cappe armate o con controvolte di calce-
possibile, il tipo di apparecchiatura. struzzo cementizio armato.

INTERVENTI AMMISSIBILI INTERVENTI NON AMMISSIBILI

- Interventi di pulitura meccanica, eventualmente - Rimozione dei rinfianchi senza preventivo puntella-
ricorrendo a una sabbiatura leggera, per volte in mento provvisionale della struttura.
mattoni - Interventi che mutino in modo sostanziale i caratteri,
- Completamenti di volte in parte crollate con materia- l'organizzazione e il comportamento strutturale dell'e-
li simili a quelli della volta esistente e seguendo la dificio.
stessa apparecchiatura. - Interventi di consolidamento che prevedano il sem-
plice impiego di getti in calcestruzzo cementizio arma-
to direttamente gravanti sulla volta.

INTERVENTI CRITICI - AMMISSIBILITÀ’ DA VALUTARE CASO PER CASO


Se necessario, per ragioni funzionali o di rispetto della normativa, non altrimenti risolvibili,da valutare caso per caso:
- interventi di consolidamento con l'inserimento di catene metalliche o di rinforzi in muratura nel rispetto della
concezione strutturale della volta e dell'edificio nel suo complesso
- rivestimento a intonaco di strutture voltate in mattoni a vista
- sostituzione delle travi in legno degli orizzontamenti a voltine laterizie con altre travi in profilati d’acciaio
- interventi di consolidamento che prevedano eventualmente anche l’impiego di getti in calcestruzzo cementizio
armato, solo se progettati in modo da assicurare la necessaria ventilazione all’elemento e con le opportune con-
nessioni alle murature d’ambito, in modo da non gravare completamente sulla struttura voltata.

64
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PA RT E P R I M A
GUIDA AL RECUPERO ARCHITETTURA RURALE
DI ALBA E GRINZANE CAVOUR
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

SOLAI
FASI PRELIMINARI ALL'INTERVENTO CRITERI GENERALI DI INTERVENTO

Prima di ogni intervento sui solai lignei è necessario, In linea generale, si consiglia di conservare sempre gli
anche solo attraverso un rilievo e un’attenta analisi visi- orizzontamenti a struttura lignea. Gli interventi di ripa-
va, verificare la consistenza e lo stato di conservazione razione e di rinforzo, vanno realizzati nel rispetto della
degli elementi costitutivi del solaio, la presenza di umi- concezione strutturale, dei materiali e delle tecniche
dità nelle murature e negli elementi lignei, valutare ori- del solaio esistente. Nel caso di sostituzione di ele-
gine, natura e pericolosità di eventuali dissesti struttu- menti fortemente degradati, finalizzata alla messa in
rali. E' sempre necessario effettuare calcoli strutturali sicurezza della struttura, utilizzare preferibilmente ele-
per verificare l’efficienza e la sicurezza del solaio. menti in legno trattato o in acciaio, evitando elementi
in calcestruzzo di cemento armato.

INTERVENTI AMMISSIBILI INTERVENTI NON AMMISSIBILI

- Interventi di rinforzo con tecnologie che prevedano - Sostituzione di elementi degradati, non più recupe-
l'impiego di elementi in legno rabili, con altri in calcestruzzo di cemento armato get-
- Rinforzi localizzati delle connessioni esistenti e sosti- tato in opera o prefabbricato.
tuzione di elementi ammalorati con altri in legno dello - Realizzazione di solai con struttura in calcestruzzo
stesso tipo, stagionato e trattato armato o in latero-cemento a sostituzione o completa-
- Trattamenti di protezione degli elementi lignei. mento di solai lignei esistenti, salvo per il rispetto delle
- Inserimento di singoli elementi di rinforzo (travi rom- norme antisismiche, se imposte, e sempre secondo il
pitratta, raddoppio di travi e travetti, mensole o dor- criterio del “miglioramento” e non dell’adeguamento.
mienti, ecc.) utilizzando tecnologie che prevedano
l'impiego di elementi in legno.
- Realizzazione di un nuovo tavolato ad orditura incro-
ciata rispetto a quella dell’assito esistente, connesso
mediante chiodatura
INTERVENTI CRITICI - AMMISSIBILITÀ’ DA VALUTARE CASO PER CASO
Se necessario, per ragioni funzionali o di rispetto della normativa, non altrimenti risolvibili, da valutare caso per caso:
- Interventi di rinforzo con l’inserimento di travi, travetti ed elementi strutturali in acciaio.
- Interventi di inserimento di nuovi elementi di rinforzo o di sostituzione di elementi esistenti con elementi in legno
lamellare, in presenza di luci superiori a 5 m.
- Modifica dell’impostazione statica del solaio
- Modifiche parziali per consentire la realizzazione di vani scala o il passaggio di elementi tecnici

65
66
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
GUIDA AL RECUPERO VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO

L’ARCHITETTURA RURALE
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO

75
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
GUIDA AL RECUPERO VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO

Il territorio del G.A.L. Langhe Roero Leader che confina con la Liguria e con il Monferrato interessa parte delle
Valli Belbo, Bormida e Uzzone: tre valli suggestive dove l'architettura in pietra ancora caratterizza il paesaggio
costruito e dove il permanere di un sistema agricolo diversificato ha saputo sfidare, almeno in parte, le dinamiche
dell'abbandono che hanno interessato il territorio negli ultimi cinquant'anni. Il paesaggio agricolo a mosaico,
infatti, è ancora riconoscibile in molte parti del territorio, anche se le dinamiche economiche hanno ormai
indirizzato la produzione verso settori specifici, a scapito di altri che sono stati quasi del tutto abbandonati, come
quello della coltivazione e della lavorazione delle castagne. Di questo settore della produzione agricola
tradizionale di quasi tutta la Valle Uzzone e di parte della Valle Bormida, non rimangono che tracce di boschi
ormai quasi irriconoscibili e reperti di memoria costruita, come i seccatoi che, in queste zone, talvolta hanno
assunto forme originali, a pianta circolare od ottagonale.
Questa parte dell'Alta Langa, entrata a far parte del vasto ambito del G.A.L. langhe Roero Leader, si trovava in
gran parte sulle vie che da Alba portavano ad Acqui o verso il mare e appartenevano, a metà Ottocento, a due
Province diverse, Alba e Mondovì, e a numerosi "mandamenti": da quello di S.Stefano Belbo, posto al confine
con i territori astigiani sulla destra del Belbo, al mandamento di Cortemilia, al confine con l'antica provincia di
Acqui, da quello di Monesiglio, cui faceva capo Gottasecca, dove il tempo sembra essersi fermato, a quello di
Murazzano, con Igliano e Paroldo1.
Le strette valli incise dai corsi del torrente Belbo, del fiume Bormida di Millesimo e del torrente Uzzone,
presentano versanti spesso molto scoscesi, coperti da boschi o, per quelli meglio esposti, sistemati a terrazze

76
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
GUIDA AL RECUPERO VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO

sostenute da muri in pietra a secco, costruiti quando l’aumento della popolazione aveva richiesto di aumentare
la superficie coltivabile.
In questa parte della Langa, la logica che sta alla base degli insediamenti è magistralmente riassunta da Lucia
Carle: "in alto da una parte e dall'altra della valle, i centri ben posizionati sugli antichi itinerari, ben esposti, il più
al sicuro possibile dalle frane, dagli smottamenti, dalle inondazioni. Qui si potevano costruire le parrocchiali, i
castelli, i cimiteri, definire le piazze. In basso alcune frazioni, accanto ai mulini, ai guadi, alle zone piane, rese
fertili dal torrente, ma a rischio permanente"2.
Fanno eccezione alcuni centri sviluppati nei fondovalle, come Cortemilia, ancora oggi capoluogo di riferimento
per tutta la rete di centri minori della Valle Bormida e della Valle Uzzone.
Cortemilia "Sorge alle radici di un poggio…lo circonda una ristretta, ma fertile pianura, intorno a cui s'innalzano
colline sparse di fecondi vigneti, sin quasi alla loro sommità"3. Cortemilia è ancora riconoscibile nella descrizione
di Goffredo Casalis, soprattutto per "Quei monti dal piano sin quasi alle loro sommità sono ricchi di fertili vigne,
i cui filari, per la ripidezza dei siti, vengono sorretti da muraglie costrutte a secco". L'elenco dei prodotti che il
Casalis minuziosamente riporta dà conto di un'economia diversificata, a vocazione prevalentemente agricola,
che va oltre l'autosussistenza, si apre ai commerci del vino e delle castagne e, soprattutto, dell'industria della
seta, che ha costituito per molto tempo sintesi fra mondo rurale e mondo industriale, in tutta la Valle Bormida.
Ruderi di castelli, di torri e di mura raccontano come ogni pur piccolo insediamento, di crinale o di fondovalle,
fosse inserito in un contesto fortemente connotato dalla condizione di territorio di frontiera. La presenza di edifici

77
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
GUIDA AL RECUPERO VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO

rurali più simili a palazzotti o alle grandi cascine di pianura, ad esempio nella valle Uzzone, racconta, invece, di
un passato feudale di signori e signorotti che dominavano il territorio, così come le innumerevoli chiese nelle
borgate, le cappelle campestri e i piloni votivi testimoniano la devozione della popolazione rurale in una terra in
cui la vita era fatta di duro lavoro.
Appartengono a pieno titolo all'Alta Langa anche i Comuni di Igliano e Paroldo che il Piano Paesaggistico
regionale ha incluso, invece, nell'ambito di paesaggio "Alta Valle Tanaro e Cebano". Descritti dal Casalis come
piccoli centri agricoli dalla produzione diversificata (cereali, vino, frutta, castagne e gelsi), appartenevano
entrambi al Mandamento di Murazzano: il territorio era composto da vigne, campi e prati, boschi cedui e
castagni…..ora le vigne sono quasi scomparse e il bosco ha forse la prevalenza sui campi, ma l'architettura in
pietra di langa caratterizza ancora fortemente il paesaggio costruito.
Il comparto che completa l'ambito del G.A.L. Langhe Roero Leader è un territorio di "confine"… con la Liguria,
con il Monferrato, con l'Acquese, che denuncia tutte le valenze e le potenzialità della condizione di marginalità:
presenta caratteri ibridi nel clima, nella vegetazione - non è raro trovare la ginestra nei versanti delle Valli
Bormida e Uzzone -, nei caratteri costruttivi dell'architettura, ma certamente rimane un territorio che, più che
altrove, è stato interessato dall'abbandono e le trasformazioni sono state limitate e, proprio per questo, rimane
un territorio fortemente connotato dall'identità dell'Alta Langa.

78
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
GUIDA AL RECUPERO VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO

NOTE

1 De Bartolomeis Luigi, Notizie topografiche e statistiche sugli Stati Sardi, Tipografia Chirio e Mina, Torino, 1847.
2 Carle Lucia (a cura di), Pezzolo Valle Uzzone, Valle della Scienza, Castelletto Uzzone, 2003, pag. 33.
3 Casalis Goffredo, Dizionario geografico - storico - statistico- commerciale degli Stati di S.M il Re di Sardegna,
vol. V, Cassone Marzorati Vercellotti, Torino, 1839.

79
80
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

L’ARCHITETTURA RURALE
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO

LE TIPOLOGIE EDILIZIE

81
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

DESCRIZIONE GENERALE

Nel territorio della Langa delle Valli Belbo, Bormida e Uzzone appartenente al G.A.L. Langhe Roero Leader è
possibile riconoscere tra gli insediamenti rurali, alcune "classi tipologiche" relativamente omogenee, che si distin-
guono in funzione degli schemi di insediamento, della forma degli edifici e dei manufatti edilizi. Si tratta di tipolo-
gie riscontrabili con modeste varianti in tutta l'Alta Langa, a meno di alcune costruzioni singolari, come i seccatoi,
che in queste zone sono stati costruiti anche a pianta circolare. L'architettura rurale dei Comuni di Paroldo e di
Igliano, entrati a far parte del G.A.L. Langhe Roero Leader è, in generale, riferibile alle stesse tipologie.
Gli edifici rurali sono strettamente legati all’attività agricola e risultano, quindi, variati in funzione non solo del luo-
go, ma anche della dimensione dei fondi, dall’attività agricola prevalente, dalla dimensione della famiglia che
ospitavano. Spesso la configurazione attuale degli edifici è frutto di successivi ampliamenti dovuti ad aggregazio-
ni successive a partire da un nucleo semplice; talvolta, quando le dimensioni del nul nucleo familiare o del fondo
agricolo lo imponevano, le cascine assumono dimensioni anche considerevoli e articolazioni complesse, che
tengono sempre conto del miglior modo di rapportarsi al sito in termini di esposizione al sole e di accessibilità,
sfruttando anche la pendenza del terreno.
Per la classificazione sono stati adottati criteri che tenessero conto dei sistemi di aggregazione, della articolazio-
ne della pianta degli edifici, delle destinazioni d'uso d'origine, della presenza di manufatti accessori. In particola-
re si rivelano importanti, per lo studio degli edifici, la morfologia del terreno, le funzioni cui gli edifici erano origina-
riamente destinati, le consuetudini e le tecniche del lavoro rurale, le tecnologie e i materiali costruttivi strettamen-
te legati alla reperibilità locale. Questi parametri, infatti, hanno fortemente condizionato l'orientamento degli
edifici, la loro forma, il rapporto con altri manufatti, con gli spazi e i servizi condivisi da più unità familiari, il rappor-
to con il terreno, il numero di piani, l'articolazione planimetrica e la distribuzione delle funzioni e dei locali negli
edifici e negli aggregati rurali, la costruzione di elementi accessori, l'impiego di materiali e di tecniche costruttive
specifici. In base agli elementi citati, sono stati individuate nel territorio in esame, Valli Belbo, Bormida e Uzzone
82
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

e Comuni di Igliano e di Parodo, le seguenti classi principali di edifici e di manufatti:


- nuclei rurali, costituiti da agglomerati composti da edifici generalmente con funzioni specifiche, residenziali e
produttive;
- edifici con impianto planimetrico articolato a «L» e a «C», con aia centrale;
- edifici con impianto planimetrico semplice, in «linea», cioè a prevalente sviluppo secondo un asse longitudina-
le, con integrazione di funzioni di residenza e di servizio, e «isolati», di dimensioni limitate, con prevalente funzio-
ne di residenza;
- fabbricati di produzione e di servizio, distinti in stalle, fienili e depositi a servizio dell'attività agricola e pastorale,
«ciabot» e casottini, piccoli e semplici edifici isolati, legati alla conduzione del fondo nel quale sono inseriti, utiliz-
zati come deposito attrezzi e ricovero temporaneo e di fortuna, «scaou», i seccatoi per la seccagione delle casta-
gne, isolati nel bosco o integrati nel nucleo rurale, pozzi e forni, in stretta relazione con l'edificio di cui costituisco-
no servizio indispensabile o elemento comune a piccoli aggregati rurali.
Nei territori a prevalente vocazione rurale le trasformazioni sono sempre state strettamente legate alle attività
dell'uomo e così manufatti e opere complementari all'edilizia vera e propria, costituiti dai muretti di sostegno dei
terrazzamenti, dalle pavimentazioni, dai tratturi eccetera, concorrono a definire l'identità dei luoghi e del paesag-
gio. Sono pertanto stati rilevati e studiati diversi manufatti rurali, costituiti da elementi complementari esterni agli
edifici, incidenti sull'ambiente costruito e sul paesaggio, come i muri di sostegno dei terrazzamenti realizzati su
numerosi versanti collinari coltivati a vigna o a nocciolo, i muri di delimitazione delle proprietà e le pavimentazio-
ni esterne.

83
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

NUCLEI RURALI pastorale, anche piccoli edifici per il culto, pozzi e forni
comuni. Si tratta di insediamenti abitati da una piccola
Il territorio del G.A.L. Langhe Roero Leader che ricade comunità, composta da poche famiglie. L'organizza-
nella cosiddetta Alta Langa è caratterizzato da rilievi zione dei piccoli nuclei di impianto rurale - quelli che ti-
collinari spesso aspri, valli strette e boscose dove so- picamente ricordano nel toponimo la famiglia che li ha
pravvivono miracolosamente paesaggi agrari a mo- fondati - nasce da aggregazioni successive, da am-
saico, fatti di alternanza di frutteti, noccioleti, piccoli vi- pliamenti realizzati in occasione di crescita del nucleo
gneti, campi di lavanda e ginestre che squarciano il familiare o di necessità produttive, con l'aumento della
verde dei boschi. superficie coltivabile che, in queste zone, era legato al
Gli insediamenti rurali presenti in questo territorio va- terrazzamento dei versanti. Si tratta di piccoli agglo-
riano, per caratteri dimensionali, insediativi e di im- merati autonomi, sviluppatisi per aggregazioni succes-
pianto in relazione alla morfologia del terreno su cui sive di edifici per l'abitazione dell'uomo, per il ricovero
sorgono e sono legati principalmente ai caratteri e al- degli animali e per le attività agricole e pastorali preva-
l'estensione dei poderi e dell'attività agricola prevalen- lenti (come la cantina nelle zone di produzione vitivini-
te. Generalmente, a parte gli insediamenti che costitui- cola, la stalla e il fienile, la porcilaia, il pollaio o il gra-
scono i centri storici dei capoluoghi comunali o delle naio là dove si producevano cereali) e una serie di ser-
frazioni più grandi, collocati per lo più in posizioni do- vizi comuni, condivisi dai nuclei familiari, come il forno,
minanti sulle colline più alte o nel fondovalle, lungo i talvolta un pilone votivo o una cappella, il pozzo o,
corsi d'acqua, sono presenti in tutto il territorio esami- qualche volta, il crotin. Le regole di aggregazione va-
nato nuclei frazionali prevalentemente posizionati sui riavano in funzione del sito di insediamento (esposizio-
versanti, a mezza costa, che comprendono, oltre alle ne solare, morfologia del terreno, ecc.), ma general-
residenze e agli edifici di servizio all'attività agricola e mente garantivano buona esposizione al sole dell'aia.

84
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

LINEE GUIDA PER IL RECUPERO lità d'accesso, l'esposizione rispetto al sole e ai venti
DEI NUCLEI RURALI dominanti, la posizione rispetto ai fondi cui era legato il
nucleo rurale costituiscono, infatti, elementi base per
Di dimensioni diverse, composti da un numero limitato l'insediamento agricolo. L'aia era sempre esposta a
di edifici accostati o raggruppati, i piccoli nuclei rurali sud e in modo da sfruttare, oltre al calore solare, il ven-
della Langa delle Valli Belbo, Bormida e Uzzone sono, to necessario per l'essiccazione dei cereali, così come
in linea generale, compatibili con interventi di riuso a fi- i ballatoi e i loggiati erano costruiti sulle pareti che per-
ni residenziali, produttivi e ricettivi. Tipica vocazione di mettevano di sfruttare al meglio l'esposizione solare,
questo tipo di aggregati è quella dell'agriturismo, che anche nella stagione invernale.
comprende funzioni produttive e ricettive, o di forme di È comunqu
"albergo diffuso", e sempre consigliabile non variare il rapporto dell'edifi-
È consigliabile intervenire su questo tipo di insedia- cio con il suolo e intervenire in modo da conservare
menti cercando di rispettare le regole compositive e di l'impostazione strutturale e i caratteri costruttivi dei sin-
aggregazione che li hanno caratterizzati, anche in ca- goli edifici e del nucleo nel suo complesso, utilizzando
so di ampliamenti. Per la tutela e la valorizzazione del materiali e tecnologie tradizionali o altri con essi com-
paesaggio, infatti, è importante non variare i caratteri patibili, evitando ampliamenti e soprelevazioni.
essenziali di queste architetture che, per quanto sem-
plici, seguono precise regole nel rapporto con il conte-
sto e con le risorse ambientali del luogo. I piccoli ag-
gregati rurali, infatti, non sono mai sorti in modo ca-
suale, ma hanno seguito regole precise che uno studio
attento può riconoscere. La presenza di acqua, la faci-

85
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

EDIFICI DI IMPIANTO A «L» E A «C» sposizione a sud dell'aia. L'articolazione dei locali è di
solito molto semplice: inel lato lungo, disposto lungo le
Il territorio è ricco di insediamenti diffusi posti sui pianori curve di livello, ricovero attrezzi e stalla con sovrapposto
presenti sui versanti. un tempo collegati da una fitta rete il fienile; nell’altro, costruito in contropendenza, abitazio-
di percorsi oggi non più facilmente riconoscibile. Sono ne al piano superiore e cantina e depositi per la conser-
presenti morfologie insediative articolate, con impianto vazione del vino e di altri prodotti nei locali seminterra-
planimetrico a «L» o a «C» e, talvolta, anche a corte toi. Pozzo, forno ed essiccatoio erano quasi sempre in
chiusa. Le grandi cascine con schema a «C», costituite edifici isolati. All'interno dell'edificio o in fabbricati singoli
da edifici continui o separati ma articolati intorno a potevano essere presenti, in alcune zone, locali legati
un’aia centrale, presenti soprattutto nei fondovalle, ra- alle attività proto industriali, come la produzione della
ramente sono riconducibili a impianti originali ma, piutto- seta. L'aggregazione delle diverse funzioni e la loro dis-
sto, si tratta di aggregazioni successive. L' impianto è locazione nel manufatto può ovviamente assumere so-
generalmente a manica semplice, di dimensioni conte- luzioni assai varie. In molti casi, la «L» è generata da
nute, a due piani fuori terra, raramente a tre, ma non uno sviluppo della tipologia di base "in linea" e si confi-
mancano casi di dimensioni maggiori, a manica doppia. gura come ampliamento di una manica, spesso ricono-
In qualche caso, pur mantenendo le peculiarità di edificii scibile dalla presenza di fienili nelle due maniche e dalla
rurali, acquisiscono connotazioni, che rispecchiano le posizione del muro tagliafuoco. Quasi sempre la parte
capacità economiche dei proprietari. Se, infatti, nella residenziale presenta finitura a intonaco, assente nella
maggioranza dei casi, i fondi erano suddivisi in piccole parte "rustica". In molti casi c’è un ballatoio che si affac-
proprietà a conduzione diretta, non mancavano casi di cia sull'aia e, qualche volta, un loggiato sovrapposto a
possedimenti di grandi dimensioni che comprendevano un portico. Spesso è presente un passaggio carraio che
più cascine affidate a mezzadria. Sui rilievi collinari, gli mette in comunicazione lo spazio privato dell'aia con la
edifici a «L», sono orientate in modo da assicurare l’e- strada o con il fondo.

86
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

LINEE GUIDA PER IL RECUPERO modo da mantenere leggibile la funzione originale.


DEGLI EDIFICI A «L» E A «C» L'eventuale scala interna deve essere conservata nel-
la posizione e nel suo impianto originale; eventual-
Si consiglia di non variare mai il rapporto dell'edificio mente, se necessario per le nuove organizzazioni fun-
con il terreno, specie per gli edifici realizzati su terreni zionali e distributive, è preferibile aggiungere una sca-
in pendenza; è importante, inoltre, intervenire in modo la interna in legno, in muratura o in struttura metallica,
da conservare l'impostazione strutturale e i caratteri evitando gli inserimenti di ballatoi e scale esterne in
costruttivi della fabbrica, rispettando la morfologia e i facciata, se non già esistenti. È preferibile, in linea ge-
rapporti fra i lati della «L» o della «C» e utilizzando nerale, non inserire porticati o pensiline sui fronti del-
materiali e tecnologie tradizionali. l'edificio.
Si consiglia, comunque, di limitare gli eventuali amplia- Oltre a interventi specifici sugli elementi costruttivi,
menti e di cercare soluzioni di aumento della superficie possono rendersi necessarie operazioni di risanamen-
utile nel recupero delle strutture di servizio all'attività to dall'umidità, di inserimento di impianti e servizi igie-
agricola, come i fienili. nici, di miglioramento delle prestazioni di benessere
È preferibile effettuare gli eventuali ampliamenti se- ambientale.
guendo lo sviluppo longitudinale dell'impianto origina-
le, limitandoli a una campata, evitando soprelevazioni
che modifichino il rapporto fra le parti dell'impianto co-
struttivo. È possibile anche completare l'impianto con
la realizzazione di un nuovo edificio distinto.
L'eventuale chiusura di volumi aperti, come i fienili e le
"gallerie" o i loggiati, va affrontata con attenzione, in

87
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

EDIFICI IN LINEA E ISOLATI funzioni residenziali, dal corpo del fienile che risulta
quasi sempre sovrapposto alla stalla. La differenza
Nel paesaggio collinare della Langa delle Valli Belbo, funzionale dei vari corpi di fabbrica è talvolta denun-
Bormida e Uzzone, si trovano numerosi edifici «in li- ciata, oltre che dal sistema di aperture e dalle rispetti-
nea», cioè sviluppati longitudinalmente lungo un asse ve finiture, da una variazione di altezza dei rispettivi
principale, eretti in luoghi soleggiati, lungo le strade o blocchi funzionali e da un muro «tagliafuoco» che
sui versanti collinari, così come edifici isolati, a pianta emerge oltre le falde della copertura a segnare la pro-
tendenzialmente quadrata, spesso seminascosti nella tezione dell'abitazione e del fienile dal rischio del pro-
boscaglia o inseriti in piccole borgate. Si tratta spesso pagarsi di incendi.
di un unico corpo di fabbrica che ospita insieme alcune Il corpo scala, se interno, negli edifici in linea, è solita-
delle funzioni principali dell'attività contadina, come l'a- mente posto con il suo asse in direzione normale al-
bitazione, la cantina, la stalla e il fienile, raccolte in un l'asse maggiore del volume, nella parte mediana del
unico volume oppure, se disposti perpendicolarmente fabbricato, ed è organizzato su una o due rampe per-
alle curve di livello del terreno, a formare dei gradoni. pendicolari al fronte esterno. Gli edifici isolati, invece,
Si sviluppano generalmente su due piani fuori terra, specie quelli di dimensioni limitate, sono generalmente
raramente a tre, e hanno tetto a capanna a due falde, serviti da scale esterne in muratura. Sono general-
talvolta completato da teste di padiglione. mente costruiti con murature in pietra a vista e, spes-
L'edificio «in linea» è costituito da un volume unitario, so, l'intonaco è riservato alla sola facciata principale
con eventuali articolazioni in altezza, conseguenti, pro- della porzione abitativa dell'edificio. Alcuni edifici, pro-
babilmente, alle integrazioni succedutesi nel tempo. In babilmente appartenenti a famiglie possidenti, sono
questi semplici volumi edilizi è ricorrente la netta sepa- grandi e compatti e presentano talvolta elementi e fini-
razione delle abitazioni e degli ambienti annessi alle ture poco comuni.

88
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

LINEE GUIDA PER IL RECUPERO plice geometria delle coperture sono elementi caratte-
DEGLI EDIFICI IN LINEA E ISOLATI rizzanti che devono quindi, in linea di massima, essere
conservati e riproposti negli eventuali ampliamenti.
Gli edifici «in linea», così come gli edifici isolati, si pre- Occorre inoltre porre attenzione e conservare i dettagli
stano facilmente a interventi di recupero o di riuso con costruttivi (geometrie di copertura, finiture esterne e
destinazioni d'uso residenziale, mista o ricettiva. An- decorazioni poco comuni) che caratterizzano alcuni
che in questi casi è sempre consigliabile non variare il edifici isolati, specie quelli di dimensioni maggiori, che
rapporto dell'edificio con il suolo e intervenire in modo costituiscono spesso una casa padronale. L'eventuale
da conservare l'impostazione strutturale e i caratteri chiusura di volumi aperti, come i fienili, deve mantene-
costruttivi dell'edificio, utilizzando materiali e tecnolo- re leggibile la funzione originale.
gie tradizionali. Si consiglia di evitare soprelevazioni e È preferibile conservare nella loro posizione originale
ampliamenti, cercando eventuali soluzioni di aumento gli eventuali muri tagliafuoco emergenti dalla copertu-
di superficie nel recupero delle strutture di servizio al- ra, presenti in molti edifici in linea, così come la scala
l'attività agricola, come i fienili, spesso presenti nelle interna, evitando nuovi inserimenti di ballatoi, pensiline
vicinanze o compresi nello stesso corpo di fabbrica. e scale esterne sui fronti.
Negli edifici in linea, tuttavia, sono tollerabili modesti Oltre a interventi specifici sui vari elementi costruttivi,
ampliamenti da realizzarsi seguendo lo sviluppo longi- possono rendersi necessarie operazioni di risanamen-
tudinale dell'impianto originale, cercando di non snatu- to dall'umidità, di inserimento di impianti e servizi igie-
rare l'armonia compositiva generale. nici, di miglioramento delle prestazioni relative al be-
Negli edifici in linea, la profondità di manica e la sem- nessere ambientale.

89
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

FABBRICATI DI PRODUZIONE E SERVIZIO: so appositi varchi (bouch dër gripioun) praticati nell'o-
STALLE, FIENILI E DEPOSITI rizzontamento intermedio in corrispondenza della
greppia, e conservarlo a lungo grazie alla naturale ae-
II fienili, così come i depositi per gli attrezzi agricoli, i razione del locale assicurata dalle grandi aperture che
granai e le stalle, possono occupare una parte di un ne segnano il fronte esterno, raramente chiuse da mu-
fabbricato rurale o essere riconoscibili in un edificio ri grigliati in laterizio. Il volume del fienile è così spesso
isolato, appartenente a un insediamento rurale. Gene- costituito da una grande copertura sorretta da capriate
ralmente, nei casi in cui il fienile sia in un fabbricato o da semplici incavallature lignee appoggiate su gran-
autonomo, la sua funzione è denunciata dalle grandi di pilastri in pietra, legati tra loro da travi trasversali e
aperture sul fronte verso l'aia, necessarie per assicu- longitudinali o da archi di diversa forma e dimensioni,
rare facile accessibilità e la necessaria aerazione na- realizzati in pietra o laterizio. Quando il fienile si artico-
turale a difesa del fieno. Nel caso in cui, invece, sia in- la su due piani, eventualmente con il deposito attrezzi
globato nei complessi agricoli come parte di un edificio al piano terra, alcune travi di legno possono essere in-
più grande, il fienile occupa generalmente il secondo castrate ai fianchi dei pilastri per sorreggere un impal-
piano: al piano terra, chiusa da pareti, con orizzonta- cato intermedio in legno. L'accesso al fienile avveniva
mento ottenuto con struttura voltata e aerata da picco- tramite scale in legno, generalmente del tipo a pioli,
le aperture, trova infatti posto la stalla oppure un depo- semplicemente appoggiate alla base delle aperture.
sito attrezzi. Il fienile vero e proprio occupa il piano so- Sono presenti sul territorio anche semplici tettoie costi-
vrastante, così da staccare il fieno da terra, immetterlo tuite da una copertura a falda unica sorretta da pilastri
agevolmente nella stalla per semplice gravità attraver- in pietra.

90
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

LINEE GUIDA PER IL RECUPERO emergenti dalla copertura, presenti in molti edifici a se-
DI STALLE, FIENILI E DEPOSITI parare la parte abitativa dalla parte rustica, devono es-
sere conservati nella loro posizione e secondo la mor-
In generale, si consiglia di non variare mai il rapporto fologia originale.
dell'edificio con il suolo e con l'eventuale fabbricato di È consigliabile, in linea generale, non inserire porticati
cui è parte, di non variare il rapporto fra pieni e vuoti e o pensiline; nel caso in cui risulti strettamente neces-
di intervenire in modo da conservare l'impostazione sario, un portico laterale può essere ricavato attraver-
strutturale e i caratteri costruttivi della fabbrica, utiliz- so il prolungamento di una delle due falde di copertu-
zando materiali e tecnologie tradizionali o altri con essi ra.
compatibili. Oltre a interventi specifici sui vari elementi costruttivi,
I fienili, in particolare, sono spesso soggetti a recupero possono rendersi necessarie operazioni mirate a risa-
con cambio di destinazione d'uso ed è dunque sempre nare l'edificio dall'umidità, per esempio con la realizza-
importante, sia che si tratti di fabbricato isolato o faccia zione di un vespaio ventilato, a dotarlo di impianti e di
parte di costruzioni più grandi, mantenere il rapporto servizi igienici, a migliorare le prestazioni relative al
fra pieni e vuoti, anche con l'inserimento di chiusure benessere ambientale.
necessarie per le nuove destinazioni d'uso. L'eventua- L'inserimento di collegamenti verticali deve essere
le chiusura di volumi aperti deve essere risolta con at- preferibilmente risolto con scale interne in legno, in
tenzione, in modo da mantenere leggibile la funzione muratura o in struttura metallica, evitando l'inserimento
originale e la morfologia delle eventuali aperture ad ar- di nuovi elementi esterni in corrispondenza dei fronti.
co esistenti. La stessa attenzione va posta nel caso di
riuso di depositi attrezzi e di tettoie. I muri tagliafuoco

91
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

FABBRICATI DI PRODUZIONE E SERVIZIO: tà silvicole, invece, sorge prevalentemente all'interno o


I «CIABOT» E I CASOTTI al limite dei boschi o di aree coltivate a nocciolo, vicino
ai sentieri interpoderali, oppure è integrato nei terrazza-
II "ciabot" (casottini) sono piccoli e semplici edifici isola- menti dei versanti più ripidi.
ti, legati alla conduzione del fondo nel quale sono inse- Generalmente, in questo territorio, era realizzato preva-
riti, utilizzati come deposito attrezzi e ricovero tempora- lentemente con murature in pietra, costruite a secco o
neo o di fortuna. con malta di argilla o di calce, raramente intonacate.
I ciabot sono le costruzioni forse più caratterizzanti del Quando erano costruiti su un declivio e sviluppati su
paesaggio delle Langhe, preziosa testimonianza della due livelli, spesso l'accesso al piano superiore avveni-
cultura agricola da conservare e valorizzare. Si tratta di va dal retro, sfruttando il dislivello del terreno, oppure
edifici elementari, costituiti per lo più da un'unica "cellu- una piccola scala interna a pioli, o più raramente in pie-
la" funzionale sviluppata su uno o due piani, che assu- tra esterna, consentiva il collegamento tra i due vani
mevano una funzione di supporto all'attività agricola. I sovrapposti.
piccoli edifici, infatti, venivano tradizionalmente utilizza- L'eventuale solaio intermedio è prevalentemente realiz-
ti come deposito attrezzi e per ricovero temporaneo dei zato con una struttura lignea semplice, la copertura è a
prodotti agricoli, come riparo provvisorio, talvolta come due o quattro falde, con manto realizzato con pietre ir-
abitazione di fortuna. regolari (ciape) che nel tempo sono talvolta state sosti-
Il ciabot assume caratteri differenti in funzione del fon- tuite da coppi o tegole marsigliesi in laterizio.
do cui è asservito. Quando è di supporto al podere col- Sono presenti sul territorio anche alcuni casotti, di di-
tivato a vite, è generalmente situato a mezza costa, mensioni maggiori del semplice ciabot, senza tuttavia
isolato al centro del vigneto o posto al limitare del pode- pretesa di assumere sembianze di abitazione perma-
re di fondovalle, mentre quando è di supporto ad attivi- nente.

92
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

Il ciabot costituisce comunque una preziosa testimo- - degradi e dissesti delle coperture, generalmente con-
nianza dell'attività agricola sul territorio e un elemento nessi alla mancanza di manutenzione del manto, con
fondamentale del paesaggio e va, come tale, conserva- conseguenti infiltrazioni d'acqua che possono innesca-
to. Per queste costruzioni elementari, infatti, così inti- re ulteriori fenomeni a carico delle strutture lignee delle
mamente legate alla conduzione agricola dei fondi e coperture, degli eventuali solai interni, delle murature; -
oggi ritenuti non più necessari per le mutate condizioni - degradi e dissesti delle murature, generalmente limi-
del lavoro agricolo, soprattutto quando sorgono lontano tati, data la dimensione ridotta degli edifici, se la coper-
dalle cascine e dai centri abitati, il futuro è certamente tura è in buone condizioni;
molto incerto. - presenza di vegetazione infestante, che talvolta inva-
L'abbandono e la mancanza di manutenzione hanno de completamente la costruzione;
spesso accelerato il naturale degrado di questi piccoli - degrado degli infissi in legno, spesso soggetti a mar-
edifici che, in particolare, possono presentare: cescenza, deformazioni, rotture e perdita di elementi.

93
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

LINEE GUIDA PER IL RECUPERO prevalentemente legata alla presenza di attività agrico-
DEI «CIABOT» E DEI CASOTTI le.
Gli interventi su queste costruzioni devono essere a
I ciabot, siano essi costruzioni elementari di servizio a carattere conservativo, non devono variare il rapporto
un podere o all’attività selvicolturale, casottini residen- dell'edificio con il suolo, devono conservare l'imposta-
ziali o piccole abitazioni provvisorie, sia che siano inse- zione strutturale e i caratteri costruttivi dell'edificio, im-
riti in un bosco o fra i terrazzamenti di un vigneto, in li- piegando sempre materiali del tutto analoghi a quelli
nea generale, non ammettono ampliamenti, in quanto esistenti e tecnologie tradizionali. Se presente, negli
inevitabilmente ne altererebbero il rapporto con il con- edifici costruiti su terreni in pendio, si consiglia di con-
testo, le proporzioni, le caratteristiche morfologiche e servare il doppio accesso, al piano terra e al piano su-
costruttive. periore, sfruttando la pendenza del terreno.
Per questi edifici elementari, monocellulari, a uno a In ogni caso è sempre sconsigliabile effettuare amplia-
due livelli, è problematico ipotizzare rifunzionalizzazio- menti e soprelevazioni, inserire portici, sporti delle co-
ni e riusi che siano slegati dalla conduzione agricola perture, nuovi balconi o ballatoi. Poiché la presenza di
dei fondi, soprattutto quando sorgono isolati, lontano un albero accanto al ciabot è una caratteristica piutto-
dai centri abitati e dalle cascine. sto ricorrente, è opportuno conservarla pur con le op-
I piccoli ciabot a servizio di un fondo agricolo dovreb- portune operazioni di manutenzione e di sfoltimento.
bero rimanere tali sia come funzione, sia come dimen- In generale, oltre a interventi specifici sui diversi ele-
sione e caratteristiche costruttive, proprio perché costi- menti costruttivi, possono rendersi necessari operazio-
tuiscono elemento caratterizzante del paesaggio rura- ni complessive di risanamento dell'edificio dall'umidità,
le delle Langhe. La conservazione dei ciabot, infatti, è per esempio con la realizzazione di un vespaio ventila-

94
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

to e, per le parti interrate, di un'intercapedine interna o pliamenti e soprelevazioni, inserire portici, sporti delle
esterna, di miglioramento delle prestazioni relative al coperture, nuovi balconi o ballatoi.
benessere ambientale, per esempio con l'isolamento Se le dimensioni in altezza sono sufficienti, è possibile
termico della copertura o, ancora, di collegamento in- aumentare la superficie utile realizzando orizzonta-
terno dei diversi livelli. menti intermedi completi o soppalchi parziali. Si consi-
I ciabot con carattere di casottino, di dimensioni mag- glia, in questi casi, di intervenire utilizzando tecnologie
giori di quelli a stretto servizio del fondo, probabilmente a secco, con elementi in legno o in metallo, riutilizzan-
destinati già in origine ad abitazione temporanea o di do, se presenti, le sedi di alloggiamento di travi lignee
fortuna, pur non prestandosi, in generale, ad amplia- o realizzando strutture indipendenti, appoggiate al suo-
menti o soprelevazioni che ne snaturerebbero l'identi- lo. È da escludere assolutamente e in ogni caso l'inse-
tà, possono talvolta essere recuperati a fini residenzia- rimento di solai con struttura in calcestruzzo di cemen-
li, con limitati interventi edilizi. Anche senza amplia- to armato.
menti, infatti, spesso è possibile inserire in questo tipo Per gli eventuali nuovi elementi di collegamentio inter-
di edifici i servizi minimi, come un angolo cottura e un ni, si consiglia di utilizzare semplici scale in legno, in
servizio igienico, necessari per renderli abitabili e utiliz- metallo o, se le dimensioni lo permettono, anche in
zabili, per esempio, per residenze temporanee legate muratura.
al turismo e al tempo libero. Si consiglia, in questo ca- Si possono, in generale ritenere genere ammissibili in-
so, di utilizzare "tecnologie a secco", utilizzando even- terventi:
tualmente contropareti per mascherare gli impianti, in - sulle murature:operazioni di pulitura e di manutenzio-
modo da evitare interventi invasivi sulle strutture mura- ne, di riparazione e di consolidamento localizzato, di
rie. In ogni caso è sempre sconsigliabile effettuare am- parziali integrazioni di parti murarie crollate con mate-

95
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

riali analoghi a quelli ancora in opera, di rimozione di gliabili:


piante infestanti, consolidamento e rappezzo degli into- - per le murature, interventi di consolidamento, di stila-
naci eventualmente presenti con malte del tutto analo- tura di giunti, ecc. che impieghino malte cementizie o
ghe, per composizione, caratteristiche tecnologiche e elementi in calcestruzzo di cemento armato gettato in
finiture superficiali, a quelle esistenti; opera o prefabbricato in quanto incompatibile con i ma-
- sulle coperture, operazioni di manutenzione periodica teriali e tecniche tradizionali (salvo che per le eventuali
con eventuale riparazione o sostituzione di singoli ele- opere di sottomurazione o di rinforzo delle strutture di
menti dell'orditura di sostegno del tetto, integrazione di fondazione), integrazioni o sostituzioni di muratura in
elementi mancanti o sostituzione di quelli deteriorati pietra con murature in laterizio o calcestruzzo, intona-
del manto di copertura con elementi e tecnologie ana- catura di pareti in pietra a vista e utilizzo di malte ce-
loghi a quelle esistenti, rimozione della vegetazione in- mentizie per le pareti intonacate;
festante; - per le coperture, modifica della geometria della co-
- sulle aperture e sugli infissi, operazioni di manuten- pertura e degli sporti delle falde, sostituzione dell'ordi-
zione periodica, di riparazione o sostituzione di singoli tura lignea con elementi metallici o in calcestruzzo, so-
elementi deteriorati e non più recuperabili, con altri stituzione del manto di copertura con elementi diversi
analoghi per materiale, forma, dimensioni e colore a da quelli esistenti;
quelli esistenti, mantenendo la posizione e i sistemi di - per le aperture e gli infissi, la modifica delle dimen-
ancoraggio alla muratura originali. sioni delle aperture, impiego di elementi in calcestruz-
Sono, invece, da considerare inammissibili e sconsi- zo armato gettato in opera o prefabbricato, in marmo o

96
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

in altri materiali estranei alla tradizione costruttiva del ammessa solo quando le dimensioni della costruzione
luogo, sostituzione degli infissi esistenti in legno con al- supporti un cambio di destinazione ,d'uso da agricolo a
tri in metallo o materiale plastico. residenziale; le nuove aperture devono comunque ri-
Alcuni interventi, in linea generale sconsigliabili, posso- prendere per dimensioni e tipologia quelle esistenti.
no essere attuati, ma vanno attentamente valutati, ca-
so per caso, come la realizzazione di nuove aperture,

97
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

FABBRICATI DI PRODUZIONE E SERVIZIO: tivamente con una sequenza scalare di mattoni.


POZZI E FORNI I forni, testimonianze della vita domestica e comunitaria, erano
spesso posti in un fabbricato isolato, ma in prossimità dell'abi-
I pozzi sono costruzioni accessorie ricorrenti negli insediamen- tazione principale. Qualche volta sono stati rilevati anche forni
ti rurali di tutto il territorio, collocati nell'aia delle cascine, qual- abbinati ai seccatoi o posti in adiacenza a una costruzione di
che volta anche all'interno, o sparsi, anche lontano dalle abita- servizio, con il volume del forno all'esterno e l'accesso all'im-
zioni, nei campi o sulle fasce dei terrazzamenti.. Il pozzo testi- bocco del forno dal vano interno. Il forno di cottura vero e pro-
monia la presenza di acqua, elemento fondamentale per la prio era costituito da un vano a pianta circolare coperto da una
scelta del luogo di insediamento. Scavato dai contadini a for- volta in mattoni pieni. La bocca del forno era generalmente ar-
za di picco e martello in profondità, attraversando i duri strati retrata rispetto al filo della muratura, realizzata in una nicchia,
di "tufo" per raggiungere e captare l'acqua "di vena", il pozzo in modo da ricavare un piano d'appoggio in pietra alla base
emerge all'esterno con una costruzione semplice in muratura dell'apertura e una sorta di "cappa", delimitata da una lastra di
di pietra a secco, a pianta quadrata o circolare, talvolta anche pietra di grandi dimensioni, nella parte superiore, che intercet-
esagonale, alta fino a 2-2,5 m. L'unica apertura, necessaria tava i fumi che fuoriuscivano dall'imboccatura del forno, privo
per attingere l'acqua, è sempre chiusa da un'anta in legno, as- di camino interno, e li convogliava verso l'esterno; solo alcune
sicurata con un chiavistello. La copertura è l'elemento caratte- volte era presente un comignolo in copertura o un foro nella
rizzante di queste piccole costruzioni di servizio: è in lastre di muratura per l'evacuazione dei fumi. A lato dell'imboccatura si
pietra, ciape, a una o due falde per i pozzi a base quadrata o, trovavano spesso una o più nicchie realizzate nello spessore
quando il pozzo è a pianta circolare, a falda unica inclinata op- della muratura. Se isolato, il forno aveva l'aspetto simile a un
pure conica e conclusa in sommità da un sasso tondo a fer- "ciabot" con un piccolo portico antistante, nel quale tro-
mare le ultime lastre di pietra. Sono stati rilevati anche alcuni vava posto un piano d'appoggio in legno. L'apertura
pozzi, comuni nella bassa Langa, costituiti da muratura in late- della bocca del forno è perlopiù costituita da un arco a
rizio con copertura di forma piramidale o conica, risolta costrut- sesto acuto realizzato in mattoni o in conci di pietra.

98
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

LINEE GUIDA PER IL RECUPERO tura degradati possono essere sostituiti con altri analo-
DI POZZI E FORNI ghi per materiale, forma, dimensione e colore.
Le aperture dei pozzi vanno sempre protette con ante
Molto spesso i pozzi e dei forni versano in precarie in legno e opportuni sistemi di chiusura per garantirne
condizioni di conservazione, soprattutto a causa della la sicurezza, evitando l'inserimento di inferriate metalli-
mancanza di manutenzione, conseguenza del loro ab- che, estranee alla tradizione costruttiva locale.
bandono. Anche se l'uso dei forni, soprattutto di quelli Per i forni si consiglia, quando è ancora presente, di
a servizio di piccole comunità, è ormai raro, così come conservare la chiusura in pietra della bocca del forno.
quello dei pozzi, in gran parte soppiantati dall'acque- Sono in genere ammissibili, operazioni di pulitura, ma-
dotto, è opportuno conservare le testimonianze della nutenzione, riparazione e consolidamento localizzato,
loro presenza ancora esistenti. Ovviamente non è con eventuale sostituzione di singoli elementi deterio-
pensabile un riuso per queste costruzioni, ma spesso rati e non più recuperabili con altri analoghi per mate-
si rendono necessari interventi di messa in sicurezza riale, forma, dimensioni e colore a quelli esistenti.
degli elementi strutturali e di riparazione di dettaglio, Sono, invece, sconsigliati e ritenuti inammissibili: in-
da effettuarsi con la cura necessaria per non cancella- terventi di consolidamento, stilatura dei giunti, ecc.,
re tracce della storia e della cultura del territorio. con l’impiego di malte cementizie o elementi in calce-
Si consiglia di utilizzare sempre, negli interventi di re- struzzo di cemento armato gettato in opera o prefab-
cupero e di riparazione, tecniche e materiali apparte- bricato in quanto incompatibile con i materiali e le tec-
nenti alla tradizione costruttiva locale, evitando . niche tradizionali; integrazioni o sostituzioni di muratu-
Per i pozzi, in particolare, si consiglia di non modificare ra in pietra con murature in laterizio o calcestruzzo,
la forma originale della costruzione emergente dal intonacatura di pareti in pietra a vista e utilizzo di malte
suolo, né la geometria, l'impostazione strutturale e il cementizie per le pareti intonacate.
materiale della copertura. Eventuali elementi di coper-

99
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

FABBRICATI DI PRODUZIONE E SERVIZIO: 40-50 cm di spessore. Al piano superiore si accedeva


I SECCATOI (SCAU) attraverso una scala esterna, in pietra o in legno, o
sfruttando il dislivello del terreno. Per facilitare le ope-
I seccatoi per le castagne, gli "scau" (o "scaou"), sono razioni di scarico delle castagne essiccate era talvolta
generalmente piccoli e semplici fabbricati isolati, posti presente una piccola apertura dotata di scivolo, in pie-
nelle vicinanze della casa, o costruiti ai margini o al- tra o in legno. Alcuni seccatoi erano dotati anche di va-
l'interno del bosco, talvolta integrati nella parte rustica ni accessori per il deposito degli attrezzi e delle fasci-
delle cascine. Oggi, a seguito dell’abbandono dei bo- ne per l'accensione del fuoco. L’ingresso aveva infissi
schi, sono perlopiù inutilizzati o impiegati per altri usi, in legno. I seccatoi quasi sempre erano "privati", cioè a
ma testimoniano ancora una tradizione storica di colti- servizio di un'unica famiglia e non di una piccola co-
vazione e di lavorazione delle castagne, diffusa in tutti munità come capitava per i forni.
i territori più alti delle Langhe. Singolari sono alcuni seccatoi presenti nelle Valli Bel-
Gli “scau” servivano per essiccare le castagne e otte- bo, Bormida e Uzzone che presentano una inusuale
nere le “castagne bianche”. Erano generalmente edifi- pianta circolare (uno anche ottagonale) anziché rettan-
ci in pietra, costituiti da un'unica cella a pianta rettan- golare, con copertura conica e manto in piccole lastre
golare di superficie compresa fra circa 8 e 20 m2 svi- di pietra dette "ciape", semplicemente sfalsate e so-
luppati su due piani: al centro del piano terra, veniva vrapposte fra loro, in modo da permettere la corretta
acceso il fuoco che doveva rimanere acceso, senza in- fuoriuscita del fumo. Queste piccole costruzioni, isola-
terruzioni, per tutto il tempo di essiccazione, che va- te o addossate ad altri edifici talvolta adiacenti al for-
riava in funzione della quantità di castagne (in genere no, sono generalmente prive di comignolo (ad ecce-
una ventina di giorni). Il solaio intermedio, posto ad al- zione di alcuni casi in cui probabilmente è stato ag-
tezza circa 2,20-2,50 m, era costituito da un graticcio giunto per supportare una nuova destinazione d'uso) e
di listelli di castagno sul quale venivano poste le casta- presentanalcune piccole aperture, poste in alto, poco
gne da essiccare, generalmente in strati di non più di sotto la linea di gronda, per favorire la ventilazione.
100
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

LINEE GUIDA PER IL RECUPERO I seccatoi, in linea generale, non ammettono amplia-
DEI SECCATOI (SCAU) menti, che inevitabilmente ne altererebbero il rapporto
con il contesto. Anche se l'abbandono dell'attività di
Gran parte di queste piccole costruzioni legate alla coltivazione delle castagne li rende ormai inutili per la
conduzione del bosco sono ormai in disuso a seguito funzione per cui sono stati costruiti, i seccatoi, in parti-
dell'abbandono della coltivazione delle castagne. Il fu- colare quelli a pianta circolare delle Valli Belbo, Bormi-
turo di queste piccole costruzioni è incerto soprattutto da e Uzzone, costituiscono elemento fortemente ca-
quando sorgono lontano dalle cascine e dai centri abi- ratterizzante il paesaggio rurale delle colline delle Lan-
tati. La loro dimensione contenuta ha limitato, tuttavia, ghe e, in quanto tali, è necessario conservarli sia nei
invasivi interventi di riuso: i seccatoi che sono soprav- rapporti dimensionali, sia rispetto alle loro caratteristi-
vissuti all'abbandono o sono stati mantenuti nel tempo che costruttive. In particolare è sconsigliabile cambiar-
sono oggi interessanti testimonianze di una cultura ne la destinazione d'uso ed eliminare gli elementi che
selviculturale di cui spesso non vi sono altre tracce. li connotano come il graticcio per l'essicazione delle
L'abbandono e la mancanza di manutenzione hanno castagne, le aperture per la ventilazione, lo scivolo per
spesso accelerato il naturale degrado di questi piccoli scaricare le castagne essiccate.
edifici che, in particolare, possono presentare: degradi Gli interventi su queste costruzioni devono essere a
e dissesti delle coperture, con conseguenti infiltrazioni carattere conservativo, non devono variare il rapporto
d'acqua che possono innescare ulteriori fenomeni a dell'edificio con il suolo, devono conservare l'imposta-
carico delle strutture lignee delle coperture, dei graticci zione strutturale e i caratteri costruttivi dell'edificio, de-
lignei interni, delle murature; degradi e dissesti delle vono impiegare sempre materiali del tutto analoghi a
murature, generalmente limitati, data la dimensione ri- quelli esistenti e tecnologie tradizionali, evitando l’im-
dotta degli edifici, se la copertura è in buone condizio- piego di malte e calcestruzzi cementizi. E’ sempre
ni; presenza di vegetazione infestante, che talvolta in- sconsigliabile effettuare ampliamenti e soprelevazioni,
vade completamente la costruzione. sporti delle coperture ed elementi aggettanti.
101
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

Muro di sostegno in pietra: sezione Terrazzamenti in pietra: sezione

MANUFATTI EDILIZI DIVERSI: forte pendenza, contrastano i movimenti franosi e mi-


MURI E PAVIMENTAZIONI gliorano il drenaggio del terreno, rallentando lo scorri-
mento superficiale delle acque.
I manufatti e le opere accessorie come i muri di soste- I muri di sostegno del terreno, realizzati per ridurre artifi-
gno dei terrazzamenti e quelli di delimitazione di poderi cialmente la pendenza dei versanti collinari meglio
e di sentieri, le pavimentazioni esterne dei tratturi, con- esposti, migliorandone le condizioni di coltivabilità e di
corrono fortemente a definire l'identità dei luoghi e del drenaggio dell'acqua, presentano caratteristiche varia-
paesaggio di questa parte della Langa. In queste zone bili in funzione della morfologia del terreno, dei materia-
dell'Alta Langa, i terrazzamenti costituiscono forse il li e della tecnologia costruttiva. Sono generalmente ter-
principale elemento caratterizzante il paesaggio rurale. razzati i versanti collinari con pendenze accentuate, ge-
L'abbandono del territorio e la mancanza di manuten- neralmente superiori al 35%, esposti a sud o sud-ovest,
zione, qui come altrove, sta producendo perdite sostan- e localizzati in posizioni favorevoli rispetto a fattori quali
ziali di versanti terrazzati, segno non solo del degrado le vie di comunicazione e gli insediamenti rurali. In fun-
del paesaggio, ma anche della perdita di una cultura zione dell'altitudine e del tipo di terreno, la sistemazione
materiale e costruttiva che per secoli è stata perpetrata a terrazzamento poteva interessare l'intero rilievo ed
e che oggi rischia di andare perduta per sempre. essere risolta con fasce continue, alle quali si accedeva
I terrazzamenti sono in genere ripetuti in successione attraverso scale in pietra ricavate negli stessi muri, op-
sui pendii, secondo la direzione delle curve di livello pure con fasce sfrangiate in prossimità dei compluvi e,
(isoipse), modellando i versanti dei rilievi e venendo a in questo caso, generalmente, l'accesso ai diversi livelli
costituire un sistema di opere che oggi è necessario era assicurato dalle rampe di terreno che si venivano a
conservare e tutelare, sia per la salvaguardia del pae- formare con lo sfalsamento dei terrazzi. In presenza di
saggio, sia per contrastare il processo di desertificazio- versanti vulnerabili agli eventi franosi, anche con pen-
ne e di degrado dei suoli. I terrazzamenti, infatti, oltre a denza inferiori al 35%, invece, la sistemazione a terraz-
permettere l'impiego a fini agricoli anche dei terreni in zamento è a distribuzione discontinua e irregolare, più
102
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

o meno compatta, a testimoniare l'importante ruolo che gli attrezzi agricoli. I muretti erano impostati su una ba-
assumono nel controllo dei fenomeni idrogeologici. se fondale costituita da pietre di dimensioni maggiori,
Il materiale di base è sempre la "pietra di Langa", mes- con una leggera scarpa, dell'ordine del 10-15% di incli-
sa in opera a secco, senza l'impiego di malte (solo qual- nazione. Gli elementi in pietra venivano scelti accurata-
che volta veniva usata una malta a base di argilla), ma mente in modo da porre in facciata le pietre più regolari,
la tessitura e il colore variano da zona a zona, in base avendo cura di sfalsare i giunti fra gli elementi e di com-
alle caratteristiche del materiale disponibile in loco. pensare eventuali diversità di spessore con scaglie di
Le pietre con le quali sono costruiti i muretti venivano pietra che venivano inserite nel corso della realizzazio-
spesso raccolte sul posto dai contadini durante i lavori ne del muro. Il collegamento trasversale del muro era
di dissodamento del terreno. L'uso di pietre locali confe- affidato alla corretta esecuzione e a una serie di pietre
risce a questi manufatti un colore quasi accordato con il che venivano poste in opera trasversalmente anche
tono prevalente dell'architettura e della terra circostan- per tutto lo spessore del muro. La pietra era general-
te, mentre l'irregolarità della tessitura favorisce il depo- mente posta in opera senza lavorazioni particolari,
sito di terriccio e il proliferare di piccoli vegetali. eventualmente regolarizzata alla base di appoggio o in
La costruzione dei muri a secco è caratterizzata da re- corrispondenza degli spigoli. Lo spessore della base
gole costruttive semplici e comuni a tutti i manufatti, con dei muri è generalmente compreso tra 60 e 100 cm cir-
piccole varianti locali dovute principalmente al tipo di ca. Mentre i muri dei terrazzamenti sono generalmente
pietra impiegato. Le pietre, di dimensioni variabili, sono privi di coronamento, i muri di recinzione hanno sempre
disposte in modo ordinato anche se irregolare. Spesso una protezione sommitale costituita, per esempio, da
il paesaggio terrazzato delle Langhe è caratterizzato lastre di pietra appoggiate in piano.
dai muri di sostegno con archi di alleggerimento in pie- Le pavimentazioni esterne dei percorsi (sentieri, tratturi,
tra, posizionati alla base. Talvolta gli archi permettevano strade) erano generalmente in lastricato (sternia), rea-
di realizzare, nello spessore dei muri di sostegno, ac- lizzate con elementi in pietra, di varia foggia e pezzatu-
cessi a modesti vani coperti, utilizzati come ricovero per ra, posti di taglio.
103
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

LINEE GUIDA PER IL RECUPERO po di pietra utilizzata, la tecnica costruttiva impiegata


DI MANUFATTI EDILIZI DIVERSI: nella loro realizzazione, il tipo e la stabilità del terreno,
MURI E PAVIMENTAZIONI i sistemi di drenaggio e di deflusso delle acque meteo-
riche e di infiltrazione dal terreno sostenuto dal muro
I muri di contenimento dei terrazzamenti del terreno stesso. In particolare è necessario controllare la stabi-
possono presentare varie forme di dissesto strutturale, lità e la corretta giacitura geometrica del muro: le
diffuso o puntuale, e diversi fenomeni di degrado a ca- spanciature e i fuori piombo possono infatti essere se-
rico dei materiali utilizzati. In particolare, sono frequen- gni premonitori di possibili dissesti e crolli.
ti le deformazioni, gli spanciamenti localizzati, i crolli Per i muri di recinzione è bene rilevare, inoltre, la solu-
parziali, legati alla spinta del terreno e a problemi di zione costruttiva e i materiali utilizzati per la protezione
drenaggio e di deflusso delle acque superficiali e di in- della parte sommitale del muro, controllandone la sta-
filtrazione. L'azione ripetuta di ruscellamento dell'ac- bilità e la corretta giacitura geometrica. E' inoltre ne-
qua in superficie può provocare sconnessioni o distac- cessario rilevare la eventuale presenza di fenomeni di
chi di singoli elementi lapidei, fino all'asportazione del- degrado a carico degli elementi lapidei che possono
le pietre poste alla sommità del muro. La spinta del presentare fenomeni di fatturazione, di scagliatura,
terreno può indurre deformazioni tipo "spanciamenti" o polverizzazione. La mancanza di elementi in pietra, la
traslazione alla base dei muri che possono provocare presenza cioè di lacune nel paramento murario, inol-
perdita di elementi e degenerare fino a compromettere tre, anche se non necessariamente ha come conse-
la stabilità del muro. Possono manifestarsi, inoltre, le- guenza il collasso del muro, può col tempo favorire ul-
sioni e presenza di vegetazione infestante. Nei muri di teriori fenomeni di degrado, deformazioni e dissesti.
recinzione possono presentarsi anche rotture o man- Per le pavimentazioni in pietra, presenti sul territorio in
canze degli elementi di protezione sommitali. numerose varianti, la carenza di manutenzione o l'ab-
Prima di intervenire è sempre necessario, per i muri di bandono favoriscono la proliferazione di vegetali che,
sostegno, osservare ed eventualmente analizzare il ti- con il loro apparato radicale, possono favorire la fuo-
104
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II TIPOLOGIE EDILIZIE

riuscita degli elementi dalla propria sede e la conse- te, da effettuarsi possibilmente con l'impiego degli ele-
guente sconnessione degli elementi adiacenti. menti esistenti recuperati, si possono utilizzare le tec-
In generale, negli interventi di riparazione e di ripristino niche del "cuci e scuci" o della "rincocciatura". Sono
sui muri di sostegno e di delimitazione, così come sul- sempre da evitare l'impiego di malte cementizie, la
le pavimentazioni esterne in pietra si consiglia di reim- realizzazione di doppie pareti con muro in calcestruzzo
piegare, se possibile, gli elementi esistenti, recuperati di cemento armato contro terra rivestito da paramento
dai crolli o da demolizioni e di operare con tecniche in pietra, l'impiego di elementi diversi per forma, di-
analoghe a quelle dell'esistente. La pietra di Langa of- mensioni o colore a quelli esistenti.
fre numerose varietà di colore, tessitura e dimensione Sono in genere ammissibili: operazioni di pulitura e
ed è quindi importante, nella scelta di nuovi elementi di manutenzione; rimozione della vegetazione infestante;
integrazione, scegliere accuratamente il tipo e la pro- riparazioni e integrazioni localizzate con la tecnica del
venienza. Per riparazioni o integrazioni di pavimenta- "cuci e scuci", utilizzando pietre del tutto analoghe per
zioni esistenti è importante rispettare le tecniche e le pezzatura, colore, forma, tipo di materiale a quelle del
geometrie di posa. muro esistente; ricostruzione di parti di muratura crol-
Gli interventi ricorrenti sui muri dei terrazzamenti sono- lata con materiali recuperati dal crollo, utilizzando tec-
la riparazione puntuale e il rifacimento di porzioni fra- nologie costruttive e giacitura di posa del tutto analo-
nate o la riapertura di dreni occlusi e non più efficienti. ghe a quelle utilizzate nel muro esistente.
In questi casi è importante procedere con cura alla ri- Sono da considerare inammissibili e sconsigliabili: ri-
costruzione della porzione di muro franata per scon- costruzione di parti di muri crollati o integrazioni con
giurare il pericolo di ulteriori crolli e ripristinare l'imma- elementi diversi per pezzatura, colore, forma, materia-
gine del luogo. E' importante sempre garantire il rego- le da quelle del muro esistente; ricostruzione di parti di
lare deflusso delle acque dal terreno sostenuto e muri crollati o integrazioni con tecnologie costruttive
operare in modo da non interrompere gli eventuali si- diverse da quelle tradizionali, con l'impiego di calce-
stemi di drenaggio esistenti. Per riparazioni localizza- struzzo o malta di cemento.
105
106
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

L’ARCHITETTURA RURALE
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO

GLI ELEMENTI COSTRUTTIVI

107
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

DESCRIZIONE GENERALE

Le morfologie costruttive e le loro aggregazioni, i materiali e le tecnologie utilizzate per la generazione del patrimonio costruito tradizio-
nale concorrono, insieme all’ambiente naturale e alle sue modificazioni antropiche, a definire i tratti caratteristici dell’identità locale del
paesaggio rurale del territorio dell’Alta Langa e, inparticolare, della Langa delle Valli Belbo, Bormida e Uzzone.
Lo studio di un territorio rurale e della sua architettura non può quindi esulare dall’analisi dei materiali, che sono sempre di origine locale,
delle soluzioni tecniche adottate, strettamente legate alle caratteristiche dei materiali e alle tradizioni costruttive, delle finiture superficiali,
che costituiscono elemento fondamentale per definire l’identità di un luogo.
Per ragioni di organizzazione tecnica del lavoro, non è stato possibile, se non per pochi casi isolati, insufficienti a costituire un campione
significativo, effettuare rilievi all’interno degli edifici. Perciò, pur nella consapevolezza che l’involucro, ciò che interfaccia con l’esterno e
che dall’esterno è visibile, è solo una parte dell’edificio, sono stati in particolare considerati e analizzati gli elementi costruttivi visibili e rile-
vabili dall’esterno. Pur con i limiti enunciati, la Guida individua e tratta in modo più o meno approfondito i seguenti principali elementi co-
struttivi, caratterizzanti il patrimonio rurale tradizionale del territorio:
– le murature portanti degli edifici e degli elementi accessori, con le loro diverse connotazioni costruttive e di finitura esterna: le muratu-
re in pietra a vista, molto diffuse in queste zone dell’alta Langa; le murature, in laterizio, in pietra o miste, con finitura a intonaco, meno
didduse ma comunque presenti;
– le coperture, intese non solo come semplice tetto ma come veri e propri sistemi di copertura, caratterizzati da una struttura di sostegno
in legno che ne definisce la geometria, da un manto di copertura, generalmente in lastre di pietra o in tegole di laterizio, che assicura la
protezione dell’edificio dalle precipitazioni meteoriche, da elementi accessori funzionali emergenti dalla copertura, come i comignoli, i mu-
ri tagliafuoco, da elementi decorativi e di finitura com i lambrecchini;
– le aperture, intese non solo come varco nella muratura, ma anche come elementi costruttivi (architrave o piattabanda, davanzale,
spalle e stipiti), come sistemi di chiusura (infissi e serramenti), come inferriata di protezione e sistema di oscuramento; e poi non solo por-

108
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

te e finestre, ma anche, grandi aperture dei dei passi carrai con relativi portoni e portali, grandi aperture dei fienili e piccoli fori nella mu-
ratura per la ventilazione dei sottotetti;
– gli elementi di collegamento e di distribuzione, come scale esterne, in pietra a vista, in muratura, in legno, ballatoi e log-
giati, per lo più con impalcato in legno, con i loro elementi funzionali accessori, come i tralicci per l’essiccazione dei cereali, o di finitura,
come i lambrecchini;
La Guida, inoltre, pur con i limiti enunciati, tratta limitatamente degli elementi di orizzontamento interni, principalmente solai in legno,
volte in laterizio e solai con travi in legno o in ferro e voltine in laterizio.

109
110
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

MURATURE E FINITURE SUPERFICIALI piuttosto povera e inerti di granulometria e natura variabili, misti
talvolta a terra e colorati in pasta con terre naturali. In queste zone
La composizione e le finiture superficiali delle pareti esterne degli l’impiego di laterizi è limitato: solo talvolta è utilizzato nella solu-
edifici rurali assumono importanza fondamentale nella definizione zione di punti critici della massa muraria, come i limiti delle apertu-
dell’identità di un luogo. Diventa dunque essenziale, per la tutela re e gli archi.
del costruito e del paesaggio rurale, in ogni tipo di intervento, com- Sono poco comuni, in queste zone, le pareti in muratura grigliata
presi quelli che contemplano eventuali integrazioni e riparazioni, per l’aerazione dei fienili.
conservare le murature degli edifici nella loro consistenza materi- In funzione delle caratteristiche costruttive o di finitura, si può rite-
ca, con attenzione particolare anche a conservare la tessitura, il nere che i tipi di muratura caratterizzanti il territorio siano:
colore, la lavorazione e la finitura superficiale. – la muratura in pietra a vista, realizzata con la «pietra di
Nell’Alta Langa gli edifici e i manufatti rurali sono prevalentemen- Langa»;
te costruiti con murature portanti realizzate con elementi lapidei – la muratura intonacata, realizzata in pietra o mista, in pietra e
tendenzialmente regolari, sia come dimensione sia come forma, laterizio, rivestita da uno strato di intonaco a base di calce, talvolta
ma diversificati per dimensione e colore in funzione della prove- tinteggiato;
nienza, posti in opera a secco o con malta povera di calce. Si Di rado si possono riscontrare apparati decorativi dipinti sulle
tratta sempre di pietre locali, la cosiddetta «pietra di Langa», are- murature a sottolineare gli elementi architettonici di facciata, co-
narie o marne compatte, ma piuttosto tenere, provenienti da cave me le cornici che riquadrano le aperture.
locali o raccolte sul posto, sommariamente lavorate, il cui colore
e tipo varia, appunto, da zona a zona.
La tessitura delle murature può quindi variare in funzione dei ma-
teriali utilizzati, acquisendo forme e colori diversi nelle varie zone.
La pietra è generalmente lasciata a vista ma, talvolta, è presente
una finitura esterna a intonaco, specie sui fronti principali delle
abitazioni. Si tratta, in genere, di intonaci a base di calce aerea
111
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

MURATURA IN PIETRA A FACCIA VISTA sabbia calcarea e povere di calce. Anche quando veniva impiegata
malta costituita non da semplice terra impastata, ma da una malta
Nelle Valli belbo, Bormida e Uzzone, così come in tutta l’Alta Lan- a base, seppur povera, di calce, la presenza di terriccio nella sab-
ga, le strutture murarie delle costruzioni rurali tradizionali sono pre- bia donava alle murature un caratteristico colore tendente all’ocra.
valentemente realizzate con pietre locali, la cosiddetta «pietra di Per questo motivo i manufatti rurali tradizionali, in queste zone del-
Langa», arenaria o marna compatta e tendenzialmente tenera. le Langhe, presentano spesso un colore apparentemente omoge-
Erano gli stessi contadini ad approvvigionarsi del materiale e a co- neo, quasi in sintonia con il tono di colore prevalente della terra cir-
struire la casa: la pietra per i muri, se non proveniva dall’attività di costante. Le apparecchiature murarie variano da zona a zona, in
dissodamento del terreno coltivo, veniva procurata presso cave lo- funzione della dimensione e della forma dei blocchi utilizzati, e sono
cali o raccolta nei letti dei torrenti. I blocchi di pietra, selezionati in quasi sempre caratterizzate da corsi irregolari di elementi lapidei
base alla dimensione e alla forma, tendenzialmente regolare, di con l’irrobustimento e la regolarizzazione dei cantonali, degli spigoli
colore prevalentemente omogeneo, sono posti in opera a secco o e delle mazzette laterali delle aperture ottenuti con l’impiego di pie-
con l’impiego di malte povere, a base di fango, qualche volta di tre sbozzate o squadrate e di dimensioni maggiori. Agli spigoli della
calce, con l’accortezza di rinforzare gli spigoli con elementi regola- costruzione, nei cantonali, si utilizzavano blocchi di pietra con alme-
ri di dimensioni maggiori. L’aspetto della muratura appare quindi no uno spigolo regolare ad angolo retto che venivano sovrapposti e
ordinato, a corsi regolari orizzontali o sub-orizzontali e la tessitura ruotati di 90° l’uno rispetto all’altro, in modo da garantire l’ammor-
è prevalentemente omogenea. Le murature in pietra a vista, realiz- samento tra le due pareti che convergono nello spigolo.
zate con blocchi a spacco, presentano, secondo le zone di prove- Analogamente ai muri di sostegno dei terrazzamenti, le murature
nienza delle pietre, colorazioni prevalenti che vanno dal grigio-az- in pietra a vista delle case rurali erano realizzate in modo da for-
zurro all’ocra chiaro, dovute sia alla presenza di ossidi di ferro nel mare corsi più o meno regolari con i blocchi di pietra, mentre le
materiale lapideo, sia alle malte dei giunti di allettamento, ricche di scaglie di diversa dimensione, materiale di risulta, servivano per

112
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

colmare gli interstizi e le differenze di spessore dei blocchi. I bloc- muratura, sono spesso costruiti con elementi in pietra. La costruzio-
chi più regolari si utilizzavano per le facce esterne dei muri e gli ne avveniva con l’ausilio di centine in legno, selezionando le pietre
elementi più piccoli, di risulta, le scaglie, venivano poste come ri- più regolari e riempiendo gli interstizi tra i conci, nella parte esterna
empimento fra i due paramenti esterni. Alcune pietre postre tra- dell’arco, con scaglie di pietra. La costruzione dell’arco, se realizza-
sversalmente legavano i due paramenti. ta a secco, si concludeva con l’inserimento del concio di chiave,
Qualche volta, in queste zone, si possono trovare murature che ri- scelto o ridotto a colpi di scalpello (scoplet), a forma di cuneo o di
solvono gli spigoli delle costruzioni con l’arrotondamento dell’ango- tronco di piramide. Non è raro, comunque, trovare edifici completa-
lo, soprattutto quando le murature confinavano con strade o pas- mente in pietra a vista, con l’inserimento di archi o pilastri di soste-
saggi stretti. Nelle murature in pietra, il tracciato delle canne fuma- gno della copertura realizzati in laterizio.
rie dei camini sono generalmente riconoscibili dalla tessitura In qualche caso, nelle parti del territorio più vicine ai corsi d’acqua,
muraria che cambia e appare costituita da elementi di dimensioni è possibile che le murature siano anche realizzate con ciottoli di
superficiali più grandi del resto della muratura. fiume, con l’eventuale inserimento di corsi di mattoni.
Solo qualche volta si possono trovare, in queste zone, elementi e È possibile, infine, trovare sul territorio murature «miste» lasciate a
inserti in laterizio e, talvolta, pareti totalmente intonacate con malte vista, realizzate con netta prevalenza di elementi in pietra e qualche
di calce aerea. casuale inserimento di elementi di mattoni di laterizio, peraltro di-
Anche gli eventuali archi, utilizzati per lo più per la realizzazione stinguibili non tanto per forma e dimensione quanto per il colore.
delle grandi aperture dei fienili o dei passi carrai, in questo tipo di

113
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

MURATURA CON RIVESTIMENTO A INTONACO rali. Spesso, inoltre, l’intonaco era steso in un unico strato di ridot-
to spessore che lasciava intravedere la tessitura muraria. È soprat-
La casa contadina della Langa è essenziale: non c’è generalmente tutto nei centri abitati più grandi che le murature sono intonacate
posto per il superfluo. Ma, anche nelle case più modeste, la veste con maggiore accuratezza.
esterna della parte abitativa è quasi sempre diversa da quella degli Raramente in questi territori le murature sono realizzate in lateri-
altri edifici (o della parte di edificio) destinati a ospitare funzioni zio, tuttalpiù in muratura mista, in pietra e laterizio. Il laterizio non
produttive e di servizio. appartiene alla tradizione costruttiva locale e viene introdotto per la
E così, spesso, il fronte principale degli edifici residenziali è rivesti- realizzazione di alcuni elementi, come solai in putrelle metalliche e
to con intonaci, generalmente poveri, mentre le murature di stalle, voltini, così come per la realizzazione degli archi delle aperture dei
fienili e portici sono lasciati a vista. Si tratta, in genere, di intonaci a fienili, probabilmente in epoca più recente, a seguito del migliora-
base di calce aerea piuttosto poveri e inerti di granulometria e na- mento dei sistemi di comunicazione che ha facilitato il trasporto
tura variabili, misti talvolta a terra e colorati in pasta con terre natu- delle merci.

114
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

DEGRADO E DISSESTO passanti. I fenomeni di dissesto a carico delle murature riscontrati


sono, tuttavia, generalmente limitati ai casi in cui il tetto o i solai in-
Le murature, in generale, possono presentare numerose forme di terni siano crollati, lasciando spazio alla vegetazione che, in molti
dissesto strutturale, a livello complessivo o localizzato come, per casi, prende il sopravvento fino a ricoprire completamente la mura-
esempio, lesioni, fratture, spanciamenti, fuoripiombo. tura e l’edificio.
È possibile, inoltre, che le murature presentino, a livello superficia- Frequenti sono le fessure e fratture provocate dal movimento reci-
le, i fenomeni di degrado tipici dei materiali impiegati per la loro proco di pareti non perfettamente immorsate o semplicemente ac-
realizzazione, come erosione, scagliatura, mancanze, fratture, o costate in fase di costruzione. Talvolta, le lesioni compaiono in cor-
attacchi di agenti biodeteriogeni (muschi, licheni, eccetera). rispondenza dei cantonali ossia degli spigoli della costruzione e
Questi fenomeni possono essere dovuti in parte all’umidità di infil- denunciano movimenti fondali o eccessi di spinte oblique delle
trazione, ma anche all’interazione con l’ambiente circostante. strutture voltate interne.
Sono ricorrenti, inoltre, la presenza di patine biologiche e attacchi lLe superfici di rivestimento a intonaco presentano spesso distac-
da parte di vegetazione infestante. chi localizzati o estesi, macchie, efflorescenze, decoesione dovuti
Per quanto riguarda i dissesti, si possono registrare lesioni, fessu- principalmente all’azione diretta o indiretta dell’acqua.
re e fratture, localizzate o estese a tutta la parete, superficiali o

115
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

CRITERI DI INTERVENTO servati gli eventuali elementi singolari presenti – per esempio pietre
speciali foggiate ad anello per legare gli animali poste in prossimità
Ogni intervento sulle murature deve essere sempre preceduto da delle stalle, pietre sagomate poste nello spessore delle murature
indagini tese ad accertare la presenza di eventuali fenomeni di dis- sotto-finestra utilizzate per lo scolo degli acquai interni, catene e
sesto strutturale e i fenomeni di degrado dei materiali, individuan- chiavi in legno o metalliche, scivli per lo scarico delle castagne es-
done le cause. siccate nei seccatoi, ecc. – anche se ormai privi di utilità. Gli even-
In linea generale, tutti gli interventi, anche quelli limitati alle sole fi- tuali apparati decorativi esistenti, specie le icone religiose, vanno
niture esterne, devono rispettare la morfologia complessiva, la accuratamente conservate e restaurate.
consistenza e le stratificazioni costruttive dell’edificio. Negli inter- In generale, sono quindi da privilegiare gli interventi che conservino
venti di tipo strutturale, che possono variare in funzione del tipo di le superfici delle murature nella loro concezione originale:
struttura, dei fenomeni di dissesto, conclusi o ancora in atto, e del- – per le murature in pietra a vista, limitando gli eventuali interventi
le cause che li hanno prodotti, è sempre consigliabile ricorrere a a operazioni di pulitura superficiale, di risarcitura e stilatura degli
specialisti nel settore del consolidamento strutturale. eventuali giunti di malta con malta a base di calce, di riparazione
Sono da prediligere gli interventi che conservino le superfici delle puntuale per evitare crolli locali e la penetrazione dell’acqua;
murature nel loro attuale stato e che utilizzino esclusivamente ma- – per le superfici intonacate, conservando l’intonaco originale, fa-
teriali della tradizione costruttiva locale, analoghi a quelli esistenti, cendo riaderire al supporto murario le sue parti instabili ed effet-
sia per le riparazioni necessarie, sia per le eventuali integrazioni e tuando gli eventuali rappezzi con malte compatibili con quelle pre-
per le sostituzioni, limitate alle parti degradate non recuperabili. Ne- senti nella muratura e con l’intonaco esistente.
gli interventi sulle murature è opportuno, inoltre, che vengano con- Nel caso fossero necessari cordoli alla sommità delle pareti, in cor-

116
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

rispondenza dell’appoggio della copertura (intervento necessario saggio la realizzazione di nuove intonacature anche parziali con
generalmente in caso di realizzazione di nuova copertura), si rac- malte di cemento, anche perché rigide, igroscopiche e insalubri,
comanda di utilizzare elementi in legno o in calcestruzzo di calce così come il rivestimento con prodotti chimici impermeabili e non
armato, evitando travi metalliche e, soprattutto, l’impiego di calce- traspiranti.
struzzo di cemento, che potrebbe irrigidire eccessivamente la Occorre evitare, dove non presenti in origine e non imposte da ne-
struttura muraria. Il cordolo in calce armata deve essere masche- cessità di protezione non altrimenti risolvibili, l’intonacatura di pa-
rato all’esterno dalla muratura. reti in muratura a faccia vista lasciando emergere solo archi e piat-
È assolutamente incompatibile con la tutela degli edifici e del pae- tabande in pietra o in laterizio.

117
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

M U R AT U R E I N P I E T R A A V I S TA
FASI PRELIMINARI ALL’INTERVENTO CRITERI GENERALI DI INTERVENTO
È sempre necessario far precedere gli interventi da indagini tese Per gli interventi a carattere strutturale è sempre consigliabile ri-
ad accertare, oltre alle forme di degrado dei materiali, la presen- correre a specialisti nel settore del consolidamento strutturale,
za di eventuali fenomeni di dissesto strutturale, verificandone la così come per eventuali trattamenti superficiali di protezione ese-
pericolosità, l’estensione e le cause. In particolare, in presenza di guiti con prodotti chimici. Gli interventi devono comunque rispet-
dissesti, è opportuno verificare, con indagini a vista o con stru- tare la consistenza, la morfologia e le stratificazioni costruttive
menti semplici, la presenza di cedimenti del terreno, gli appoggi dell’edificio e conservare gli eventuali elementi singolari presenti.
al suolo delle murature, la forma, la consistenza, la posizione e Gli interventi da privilegiare devono conservare le superfici mura-
l’andamento delle eventuali lesioni, la presenza di fuori piombo o rie nello stato attuale e utilizzare per riparazioni, integrazioni e
di deformazioni localizzate e la compattezza delle sezioni mura- sostituzioni parziali esclusivamente materiali analoghi a quelli
rie. esistenti.

INTERVENTI AMMISSIBILI INTERVENTI NON AMMISSIBILI


– Riparazioni, integrazioni di parti crollate e consolidamenti loca- – Rivestimento parziale o completo delle superfici esterne a into-
lizzati, eseguiti con materiali della stessa natura, colore e forma naco.
di quelli esistenti. – Rifacimento dei giunti delle murature in pietra a secco con mal-
– Operazioni di pulitura superficiale e di disinfestazione da piante ta a base cementizia.
infestanti e da agenti biodeteriogeni. – Realizzazioni di rivestimenti in pietra di pareti di tamponamen-
- Risarcitura e stilatura dei giunti di malta, quando presente, sen- to.
za l’impiego di malte cementizie. – Riparazioni e rifacimenti con materiali diversi per forma, dimen-
sione, materiale, provenienza e colore da quelli esistenti e appar-
tenenti alla tradizione locale.
– Rabbocco dei giunti di malta a coprire gli elementi lapidei.

INTERVENTI CRITICI – AMMISSIBILITÀ DA VALUTARE CASO PER CASO


Se necessario, per ragioni funzionali o di rispetto della normativa, da valutare caso per caso:

– Eventuale inserimento di elementi strutturali per consolidare la scatola muraria (cordoli, tiranti, catene, cerchiature,ecc.) privilegiando
elementi in acciaio o in legno. L’eventuale inserimento di cordoli sottocopertura in acciaio o in legno, in calcestruzzo esclusivamente se
previsto dalla normativa, o in corrispondenza degli orizzontamenti, devono essere rivestiti in modo che la tessitura della parete non
presenti discontinuità.
– Eventuale stilatura dei giunti delle murature in pietra a secco con malta a base di calce aerea.

118
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

M U R AT U R E I N T O N A C AT E
FASI PRELIMINARI ALL’INTERVENTO CRITERI GENERALI DI INTERVENTO
È sempre necessario far precedere ogni intervento da indagini te- Per gli interventi a carattere strutturale è sempre consigliabile ri-
se ad accertare, oltre alle forme di degrado dei materiali, la pre- correre a specialisti nel settore del consolidamento strutturale,
senza di eventuali fenomeni di dissesto strutturale, verificandone così come per eventuali trattamenti superficiali di protezione ese-
la pericolosità, l’estensione e le cause che li hanno prodotti. È ne- guiti con prodotti chimici. Gli interventi devono comunque rispet-
cessario, inoltre, verificare la presenza di umidità di risalita o di in- tare la consistenza, la morfologia e le stratificazioni costruttive
filtrazione, specie nelle zone di contatto tra il terreno e la muratu- dell’edificio e conservare gli eventuali elementi singolari presenti.
ra. Oltre all’analisi visiva o strumentale consigliata anche per le Sono da privilegiare interventi che conservino l’intonaco originale
murature in pietra a vista, è opportuno analizzare gli intonaci esi- e prevedano per gli eventuali rappezzi l’impiego di malte compa-
stenti per individuarne composizione, natura tecnologica, stato di tibili con quelle presenti nella muratura e con l’intonaco esistente.
conservazione e di adesione al supporto.

INTERVENTI AMMISSIBILI INTERVENTI NON AMMISSIBILI


– Consolidamenti e riparazioni puntuali della muratura eseguiti - Rappezzi, integrazioni o rivestimenti completi a intonaco con
con materiali della stessa natura, colore e forma di quelli esisten- malte a base cementizia.
ti. - Tinteggiature e coloriture di intonaci esistenti o di nuovi intonaci
- Rifacimenti parziali e integrazioni dei rivestimenti a intonaco eseguite con prodotti industriali a base plastica e sintetica.
esistenti, eseguiti con malte di composizione analoga o compati- - rimozione dell’intonaco per lasciare a vista elementi architetto-
bile con quelle esistente e a base di calce . nici
- Operazioni di pulitura superficiale. - tinteggiature di intonaci esistenti con prodotti a base plastica o
- Consolidamento degli intonaci mediante applicazione di silicati sintetica
di etile e velature a latte di calce con pigmenti naturali.

INTERVENTI CRITICI – AMMISSIBILITÀ DA VALUTARE CASO PER CASO


Se necessario, per ragioni funzionali o di rispetto della normativa, non altrimenti risolvibili, da valutare caso per caso:

- Eventuale inserimento di elementi strutturali per consolidare la scatola muraria (cordoli, tiranti, catene, cerchiature, ecc.) privilegiando
elementi in acciaio o in legno. L’eventuale inserimento di cordoli sottocopertura o in corrispondenza degli orizzontamenti, se previsti dal-
la normativa, devono essere rivestiti in modo che la tessitura della parete non presenti discontinuità.

119
120
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

COPERTURE residenziali e di servizio, di questo territorio sono ge-


neralmente a due o a quattro falde, talvolta anche a tre
Nell’Alta Langa, la copertura tradizionale è rappresen- (tetto a capanna con il lato nord concluso con una te-
tata dal tetto in pietra anche se, nel tempo, ha preso sta di padiglione) con struttura portante in legno e
piede anche il tetto in laterizio, in coppi o tegole marsi- manti di copertura realizzati, sostanzialmente, con la-
gliesi, in sostituzione del manto originale. Oltre al mate- stre di pietra irregolare deppe “ciape”, o con tegole
riale del manto di finitura esterna, comunque, vi sono curve o marsigliesi in laterizio che, con tutta probabili-
altri elementi che concorrono a definire i caratteri delle tà, hanno sostituito nel tempo, totalmente o parzial-
coperture tradizionali del territorio. Si può ritenere, in- mente, manti di copertura in pietra. Non è raro, infatti,
fatti, che gli elementi caratterizzanti che compongono trovare edifici nei quali porzioni di tetti in pietra convi-
un sistema di copertura siano: vono con ampie parti di copertura in coppi laterizi.
– la struttura di copertura; Più rare sono, invece, sostituzioni con elementi in la-
– il manto di copertura; miera, molto diffuse, invece, in altri territori.
– gli elementi emergenti dal filo di copertura, come i La pendenza delle falde è, in relazione ad altri territo-
comignoli, gli abbaini e i muri «tagliafuoco»; rio del G.A.L. Langhe Roero Leader, mediamente più
– gli elementi di finitura, come i cornicioni e i lambrec- accentuata.
chini. La copertura caratterizzata dal manto in lastre di pietra
scistosa grezze è la soluzione più diffusa nella zona
Come per tutti i territori a vocazione rurale, le copertu- dell’alta Langa ed è impiegata, in particolare, nei fab-
re degli edifici, soprattutto nelle loro forme di aggrega- bricati realizzati in pietra a vista. L’impiego di elementi
zione sotto forma di nuclei rurali e di borgate, costitui- in pietra, disposti in più strati, stabilizzati dal loro peso,
scono elemento fondamentale per il riconoscimento richiede la presenza di una struttura lignea di sostegno
dell’identità locale dei luoghi e del paesaggio, da tute- piuttosto resistente, con elementi di sezione notevole
lare e da valorizzare. Le coperture degli edifici rurali, e pendenze generalmente non troppo elevate, per evi-
121
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

tare lo slittamento delle lastre. In alcune zone sono Gli sporti del tetto erano generalmente limitati, salvo
tuutavia presenti molti esempi di coperture in pietra a dal lato che copriva il ballatoio: allora lo sporto poteva
pendenza anche piuttosto accentuata che favoriva lo essere anche pronuciato e veniva sorretto da una ro-
scivolamento della neve. La particolare struttura di so- busta struttura in lehno incastrata nella muratura.
stegno del manto a “bironet” (da biron che in piemon- Raramente, e solo nelle parti residenziali degli edifici,
tese indicava una caviglia o un tassello in legno), diffu- le coperture sono raccordate alla muratura con una
sa un tempo in queste zone e oggi rintracciabile solo sorta di cornicione intonacato o lasciato a vista.
più in alcuni edifici, garantiva la stabilità delle ciape an- I comignoli, elementi di completamento emergenti dal-
che con pendenze più elevate del consueto. L’orditura le coperture, sono realizzati, generalmente, con il ma-
principale del tetto era generalmente realizzata con teriale della copertura sulla quale sono inseriti, ma so-
travi sorrette dalla murature di testata o da “false ca- no ormai diffusi camini in laterizio anche sulle copertu-
priate” che reggevano una trave di colmo, una trave re in pietra.
radice alla base e un arcareccio intermedio. Questi Gli abbaini sono assai poco presenti, molto semplici e
elementi reggevano l’orditura secondaria. di dimensioni limitate.

122
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

STRUTTURE DI COPERTURA semplici, o da “false capriate”, prive di monaco e di


saette, che sorreggono la trave di colmo e le travi
Nel territorio della Langa delle Valli Belbo, Bormida e parallele longitudinali (almeno due, una alla base e
Uzzone e nei Comuni di Paroldo e Igliano sono pre- una intermedia alla falda). La falsa capriata era costi-
senti coperture di morfologia diversa: tetti semplici a tuita con semplici incastri a mezzo legno ed eventual-
capanna, a due falde, ma anche tetti a padiglione, a mente l’impiego di caviglie in legno. Il prolungamento
quattro falde. Alcuni edifici presentan, poi, tre falde in dei due elementi inclinati della capriata, in corrispon-
quanto hanno un tetto a capanna chiuso con testa di denza del colmo, forniva l’alloggiamento per la trave di
padiglione sul lato nord. colmo.
La struttura portante dei tetti è sempre in legno e varia La pendenza di questo tipo di copertura, generalmente
in funzione, soprattutto, della geometria e della dimen- contenuta, evitava lo slittamento delle lastre in pietra.
sione della copertura. Specie nelle zone altimetriche più elevate, comunque,
I tetti in lose, cioè in lastre di pietra irregolare non lavo- sono presenti numerosi casi di coperture in pietra con
rate (le ciape o ciapéle) disposte in più strati, stabiliz- pendenza accentuata in modo da favorire lo scivola-
zate dal loro peso, richiedevano una struttura di soste- mento della neve e scaricare la struttura del tetto da
gno particolarmente robusta, costituita da elementi di carichi temporanei eccessivi. Pendenze elevate e co-
sezione notevole e adatta a sopportare il carico eleva- perture a quattro falde erano favorite dal particolare ti-
to degli elementi in pietra, oltre a quello del manto ne- po di struttura di sostegno del manto in pietra, che ne
voso nella stagione invernale. In questo caso l’orditu- garantiva la stabilità e impediva il loro reciproco scivo-
ra principale è generalmente composta da una trave di lamento. Sulle terzere della copertura, infatti, venivano
colmo, incastrata nei muri di testata e in quelli trasver- collocati, nel senso della pendenza, dei robusti listelli
sali interni dei corpi di fabbrica o sorretta da capriate dotati, a distanza regolare, di fori per l’alloggiamento di

123
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

caviglie in legno (i cosiddetti “bironet”) che avevano il del manto, in funzione del tipo di tegole.
compito di mantenere in posizione gli elementi in le- L’orditura in legno di sostegno, a esclusione del lato
gno, lunghi una cinquantina di cm , che sostenevano il con lo sporto, generalmente non sporge all’esterno
manto. Questa tecnica è oggi rintracciabile solo più in della muratura e, in corrispondenza della linea di gron-
alcuni edifici. Per le coperture con manti in lastre di da, gli elementi in pietra della copertura appoggiano
pietra l’orditura secondaria, infatti, è generalmente co- direttamente sulla sommità dei muri d’ambito, rifiniti
stituita da robusti rami (correnti), posti sulle costane con un semplice coronamento realizzato con uno o più
nella direzione di pendenza delle falde, e da un tavola- strati di elementi in pietra a spessore limitato aggettan-
to di sostegno in assi di castagno, di forma irregolare e ti rispetto al filo esterno del muro. Nei rari casi di pre-
distanziate tra loro, oppure da listelli irregolari e ravvi- senza di raccordo a cornicione nelle coperture in pie-
cinati, sui quali poggiano le ciape. Le coperture con tra, esso è per lo più rifinito a intonaco e imbiancato a
manto in coppi o tegole piane laterizie hanno general- calce.
mente la stessa struttura principale dei tetti in pietra, in Gran parte dei tetti è in ogni caso privo di canali di
quanto si tratta generalmente di elementi di sostituzio- gronda e di pluviali.
ne. Varia, naturalmente, la piccola orditura a sostegno

124
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

MANTI DI COPERTURA poste in corrispondenza della linea di gronda, più re-


golari e di dimensioni generalmente maggiori rispetto
I tetti delle costruzioni che mantengono traccia delle alle altre, venivano poste ordinatamente una accanto
tecnologie costruttive originarie sono soprattutto quelli all’altra. Le dimensioni e la forma delle lastre dipende
con manto di copertura realizzato in lastre irregolari di dal materiale lapideo che le costituisce e quindi varia
pietra. Il manto in pietra è stato molto spesso sostitui- da zona a zona. Lastre di dimensioni maggiori veniva-
to, interamente o parzialmente, dal manto in coppi o in no generalmente alternate a lastre più piccole, mentre
tegole piane di laterizio, tipo marsigliesi le scaglie servivano a chiudere i giunti e per le opera-
Le pietre utilizzate per la copertura, dette generalmen- zioni di riparazione e manutenzione. Il colmo e le linee
te ciappe o ciapéle, sono lastre di pietra a spacco di displuvio oggi sono spesso protetti da una fila di
grezze, di dimensioni contenute e di forma irregolare, coppi in laterizio.
rinvenute sul posto o reperite in cave locali e spesso Il manto di copertura in pietra è presente in tutto il ter-
sottoposte solo a una lavorazione sommaria. Le pietre ritorio esaminato, anche si stanno sempre più diffon-
venivano messe in opera sul tavolato o su correntini dendo le sostituzioni con manti in laterizio, in tegole
orizzontali ravvicinati, o con il sistema a “bironet” de- curve, coppi, posti in doppio strato «alla piemonte-
scritto, sorretti da una robusta struttura di sostegno, a se», su listelli in legno, e in marsigliesi. Sono, infatti,
partire dalla linea di gronda e procedendo verso il col- presenti alcuni tetti “misti”, in pietra e laterizio che te-
mo, scegliendo di volta in volta le lastre più adatte, co- stimoniano le modalità di sostituzione progerssiva del
me dimensione e forma, a realizzare la copertura con manto e che, si può dire, facciano ormai parte del
le opportune sovrapposizioni e i necessari sfalsamenti, paesaggio.
in modo da evitare le infiltrazioni di acqua. Le lastre

125
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

NODI GRONDA E CORNICIONI della falda in corrispondenza della linea di gronda è


quasi inesistente, salvo i frequenti casi in cui allo spor-
Nelle coperture in pietra del territorio, generalmente il to del tetto è demandata la funzione coprire un balla-
cornicione è assente. Talvolta, soprattutto nelle coper- toio. Allora la falda corrispondente può presentare uno
ture a padiglione, il raccordo fra struttura di elevazione sporto che richiede sistemi di sostegno costituiti da
e copertura, in corripondenza della linea di gronda, è mensole e saette in legno incastrate nella muratura.
risolto semplicemente con un coronamento composto Una particolarità rilevata in questi ambiti territoriali per
da uno o due corsi di lastre di pietra aggettanti rispetto la costruzione degli sporti di copertura, è l’impiego di
al filo della muratura, sul quale appoggia il primo strato elementi in legno ricurvi in modo da migliorare l’inca-
di ciape del manto di copertura, sbordando legger- stro nella muratura: le pietre che costituiscono la mu-
mente all’esterno. In qualche caso, il coronamento, in- ratura, con il loro peso, stabilizzano l’elemento di so-
tonacato, diventa un cornicione poco sporgente rispet- stegno, evitandone la tendenza alla rotazione al ribal-
to al filo esterno della muratura. In alcuni edifici che si tamento.
distinguono per dimensioni e finiture anche di pregio, il Lambrecchini in legno, presenti anche se in modo limi-
cornicione può essere realizzato in laterizio, con forme tato nei ballatoi, non sono presenti nelle cperture tradi-
articolate. zionali in pietra.
Per i tetti con manti in pietra, generalmente, lo sporto

126
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

COMIGNOLI volta anche solo quattro) sostegni realizzati perlopiù


con pietre poste in verticale (ma anche con più pietre
I comignoli costituiscono l’elemento terminale delle sopvrapposte), che sorreggono la chiusura sommitale
canne fumarie e dei camini che sborda oltre la coper- in lastre di pietra. Talvolta, sulla copertura in elementi
tura. Questi elementi di finitura, seppure realizzati nel lapidei dei comignoli è posato un sasso che ha lo sco-
rispetto di regole generali che ne garantiscono l’effi- po di stabilizzare le piccole lastre di pietra di protezio-
cienza funzionale, presentano numerose varianti di ti- ne.
po costruttivo, formale, materico e dimensionale. I co- Per lo più, allo stato attuale, i comignoli sono comun-
mignoli, infatti, possono presentare le più svariate so- que realizzati in laterizio, lasciato a vista o intonacato,
luzioni costruttive e formali, talvolta anche prese a impostati su una base costituita da un semplice paralle-
prestito da quelle dell’edificio cui sono funzionalmente lepipedo a base quadrata o rettangolare, raramente da
legati. un corpo cilindrico. Il bauletto di base non è mai molto
Le forme di comignolo presenti sul territorio in esame accentuato e la parte sommitale, la mitra, può essere
sono numerose, ma è possibile, tuttavia, riconoscere realizzata in modi diversi. Una tipologia ricorrente, che
alcune tipologie di base ricorrenti, proposte in più va- presenta diverse varianti costruttive, è quella della mi-
rianti formali e costruttive. tra realizzata con quattro o sei coppi posti in opera ac-
Sulle coperture in pietra è ancora possibile, anche se costati e contrapposti tra loro, a guisa di copertura a ca-
ormai raro, trovare qualche comignolo realizzato com- panna con falde molto inclinate, impostati su una base
pletamente in pietra. Si tratta generalmente di comi- costituita da un allargamento del fusto. Una tegola cur-
gnoli costituiti da una base parallelepipeda chiusa rea- va chiude e rifinisce superiormente questo tipo di comi-
lizzata in pietra, che termina con un coronamento di la- gnolo. Sono stati rilevati, inoltre, comignoli che richia-
stre di pietra sporgenti, a formare una solta di colletto, mano tipi di comignoli con chiusura sommitale in late-
a partire dal quale sono impostati sei o otto (qualche rizio a forma di piramide, diffusa nella bassa Langa.

127
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

MURI TAGLIAFUOCO I muri tagliafuoco, piuttosto frequenti negli insediamen-


ti in cui la funzione abitativa e quella produttiva, con
Gli edifici rurali dei territori collinari delle Langhe pre- stalla e fienile, erano ospitate in un unico edificio, era-
sentano spesso il corpo emergente dallo «skyline» no costituiti da una muratura continua emergente oltre
della copertura costituito dalla parte sommitale del co- il tetto per un’altezza di circa 80-100 cm. Generalmen-
siddetto «muro tagliafuoco». te erano contenuti all’interno della copertura, a filo del-
Si tratta di una struttura muraria trasversale posta negli la muratura d’ambito.
edifici rurali, soprattutto in quelli a sviluppo planimetri- La sommità del muro segue la pendenza delle falde di
co longitudinale o a «L», tra la parte residenziale e la copertura ed è protetta da un rivestimento realizzato
parte «rustica». La funzione principale dei muri taglia- con gli stessi elementi del manto di copertura del tetto
fuoco, infatti, è quella di separare l’abitazione dal fieni- nel quale è inserito, ma privo di orditura lignea.
le per fermare la propagazione di eventuali incendi.

128
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

DEGRADO anche con sfondamento dell’impalcato di sostegno.


Anche le coperture in coppi laterizi possono presenta-
Molti edifici rurali, specie quelli in stato di abbandono, re analoghe forme di degrado. Su entrambi i tipi di co-
presentano estesi fenomeni di degrado delle coperture pertura, ma in particolare sui tetti in pietra, può verifi-
dovuti prevalentemente alla carenza di attività di ma- carsi la presenza di vegetazione infestante, favorita
nutenzione periodica. I più comuni fenomeni di degra- dai depositi superficiali di terriccio portato dal vento e
do delle coperture interessano principalmente: accumulato tra le rugosità degli elementi lapidei del
– il manto di copertura, che può presentare sconnes- manto. Punti critici per l’innesco dei fenomeni, per tutti
sioni, rotture, lacune e mancanze degli elementi; i tipi di manto, sono le connessioni tra manto e muratu-
– la struttura lignea di sostegno che può presentare fe- re d’ambito o di appoggio, la linea di gronda e le even-
nomeni di marcescenza, innescati da infiltrazioni d’ac- tuali linee di intersezione tra falde, comignoli, muri ta-
qua, deformazioni, rotture e mancanze di elementi gliafuoco o altre strutture emergenti.
nonché crolli parziali dei suoi elementi fino all’instabili- In corrispondenza dei muri «tagliafuoco», possono ve-
tà strutturale. rificarsi infiltrazioni di acque meteoriche, sconnessioni
Le cause principali dei fenomeni di degrado sono la e rotture degli elementi di protezione, crolli parziali.
mancata manutenzione e gli agenti aggressivi esterni. Le più comuni forme di degrado riscontrabili nei comi-
Le forme di degrado degli elementi del manto di coper- gnoli comprendono, invece, mancanze o rotture degli
tura favoriscono infiltrazioni d’acqua, a partire dalla elementi della mitra, depositi superficiali di fuliggine,
sottostante struttura lignea di sostegno, con conse- efflorescenze saline, erosione dei laterizi o degli ele-
guente innesco di fenomeni di degrado delle parti in- menti lapidei che li compongono, asportazione dei
terne della costruzione. giunti di malta di allettamento, crolli parziali. Può esse-
Il manto in lose, in particolare, può presentare diffuse re considerata una forma di degrado anche la sostitu-
sconnessioni degli elementi lapidei, mancanze o rottu- zione di comignoli in muratura esistenti con altri costi-
re delle lastre, con conseguenti infiltrazioni d’acqua tuiti da elementi prefabbricati in calcestruzzo.
129
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

CRITERI DI INTERVENTO dai modelli di vita contemporanea, può dar luogo a in-
terventi incompatibili con la tutela dei caratteri costrut-
Tutti gli interventi, anche quelli di miglioramento delle tivi tradizionali e del paesaggio. Per le difficoltà a repe-
prestazioni legate al benessere, devono essere prece- rire il materiale o la mano d’opera in grado di eseguire
duti da indagini preventive sulla consistenza e lo stato i lavori secondo le antiche buone regole dell’arte e le
di conservazione degli elementi del sistema di coper- nuove richieste, infatti, i manti di copertura originari,
tura. Ogni intervento sulle coperture, inoltre, dovrebbe specie quelli in pietra, vengono spesso sostituiti con
essere sempre seguito da operazioni di manutenzione altri in tegole o in lamiera, talvolta cambiando anche
periodica. l’inclinazione delle falde, contribuendo così a perdere i
La variazione della geometria, della pendenza delle caratteri che connotano l’identità del luogo.
falde, della consistenza materiale, della organizzazio- Gli interventi sulle coperture esistenti devono per que-
ne strutturale delle coperture esistenti e degli elementi sto tendere a conservare la struttura lignea di soste-
accessori è incompatibile con la tutela del costruito e gno esistente, riparandola, rinforzandola ed eventual-
del paesaggio. mente sostituendo singoli elementi non risanabili. Nel
Negli interventi di recupero, le strutture di copertura caso di interventi di manutenzione e di riparazione
devono garantire il rispetto di requisiti, talvolta nuovi o puntuale è necessario non modificare forma, dimen-
diversi rispetto a quelli richiesti in origine, come la te- sioni e materiali degli elementi esistenti.
nuta all’aria, all’acqua e alla neve, devono garantire il Per coperture in lastre di pietra, in linea generale, è
benessere dell’ambiente interno ed evitare eccessive sempre consigliabile, se possibile, privilegiare inter-
dispersioni di calore, anche per contenere i consumi venti che non comportino la rimozione del manto in
energetici. pietra, operando, per esempio nell’inserimento di nuo-
Il rispetto di questi nuovi requisiti, essenziale per l’ade- vi strati termoisolanti, dall’intradosso della copertura.
guamento degli edifici ai livelli di prestazione richiesti Nel caso si renda necessaria la rimozione del manto si

130
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

consiglia di procedere allo smontaggio e al rimontag- essere impiegato per la copertura degli abbaini e dei
gio degli elementi con eventuali integrazioni e sostitu- muri tagliafuoco. I comignoli e i cornicioni esistenti, ap-
zioni, utilizzando elementi di materiale analogo prove- partenenti alla tradizione costruttiva locale, devono es-
niente da cave locali o dal recupero di materiale da de- sere recuperati e riparati con materiali dello stesso tipo
molizioni di edifici dismessi nelle vicinanze. Per le di quelli che lo compongono. Eventuali nuovi comigno-
coperture in coppi esistenti, nel caso di rifacimento del li, quando necessari, soprattutto per ragioni di abitabili-
tetto, è necessario ricostituire il doppio strato di coppi, tà e agibilità, devono essere sempre autonomi e isolati
eventualmente sostituendo quello inferiore con tegole o eventualmente solo affiancati, devono essere asso-
curve di nuova produzione. ciati ciascuno a una sola canna fumaria e avere prefe-
Per coperture in pietra che presentino ampie sostitu- ribilmente pianta quadrata o rettangolare. I nuovi comi-
zioni con tegole laterizie è possibile mantenere la si- gnoli devono in ogni caso rispettare e riprendere i ca-
tuazione esistente. ratteri dei comignoli appartenenti alle tipologie tipiche
In generale è ammissibile l’inserimento di gronde e dell’ambito territoriale.
pluviali purché in rame brunito. Per il fusto dei camini è consigliabile utilizzare pietra o
In qualsiasi intervento su abbaini, comignoli, muri ta- mattoni pieni in laterizio lasciati a vista, con giunti di
gliafuoco e cornicioni, le soluzioni costruttive, le forme malta di calce aerea, eventualmente idraulicizzata con
e i materiali utilizzati devono essere congruenti con additivi naturali.
quelli della copertura esistente. Se il manto di copertu-
ra è in tegole laterizie lo stesso tipo di elementi deve

131
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

C O P E R T U R E I N L AT E R I Z I O
FASI PRELIMINARI ALL’INTERVENTO CRITERI GENERALI DI INTERVENTO
Prima di intervenire analizzare la consistenza e lo sta- Per le coperture esistenti, la variazione della geome-
to si conservazione del manto, della struttura lignea di tria, della organizzazione strutturale, della pendenza
sostegno e degli eventuali elementi di completamento delle falde, del materiale e degli elementi di comple-
della copertura come abbaini, comignoli, cornicioni e tamento (comignoli, abbaini, cornicioni, muri taglia-
muri tagliafuoco, rilevando pendenze, organizzazione fuoco) è incompatibile con la tutela del paesaggio.
generale del sistema, eventuali fenomeni di dissesto Per il recupero delle coperture in coppi laterizi, è ne-
e di manifestazioni di degrado dei materiali, verifican- cessario ricostituire il doppio strato di coppi, even-
do la tenuta all’acqua, specie in corrispondenza del- tualmente sostituendo quello inferiore con tegole cur-
l’intersezione con elementi emergenti. ve di nuova produzione.

INTERVENTI AMMISSIBILI INTERVENTI NON AMMISSIBILI


– Operazioni di manutenzione periodica. – Sostituzione del manto di copertura esistente in cop-
– Sostituzione parziale di elementi deteriorati o man- pi laterizi o marsigliesi con elementi e materiali estra-
canti della struttura di sostegno, di abbaini, comignoli nei alla tradizione costruttiva locale (lamiera, tegole
e cornicioni con altri analoghi a quelli esistenti per for- cementizie, tegole ceramiche greificate eccetera).
me, dimensioni, materiali e lavorazione. – Modifica della geometria complessiva, delle dimen-
– Sostituzione dello strato inferiore del manto di co- sioni, dell’altezza di gronda e colmo, della pendenza
pertura con coppi laterizi di nuova produzione. delle falde, degli abbaini, dei cornicioni e dei comi-
– Inserimento di strati impermeabilizzanti e termoiso- gnoli.
lanti sottofalda, nel rispetto dell’esistente. – Sostituzione della struttura lignea di sostegno con
– Inserimento di grondaie, pluviali e fazzoletti in rame una in calcestruzzo cementizio armato o in latero-ce-
brunito in corrispondenza dei giunti con gli elementi mento.
emergenti (comignoli eccetera). – Posa in opera di nuovi comignoli o sostituzione di
comignoli esistenti in muratura, con altri prefabbricati
in calcestruzzo, laterizio o metallo.

INTERVENTI CRITICI – AMMISSIBILITÀ DA VALUTARE CASO PER CASO


Se necessario, per ragioni igieniche, funzionali o di sicurezza, non altrimenti risolvibili, da valutare caso per caso:
– Modifica dell’organizzazione strutturale della copertura, senza modificarne dimensioni, pendenze, materiali.
– Inserimento di nuovi comignoli che devono in ogni caso rispettare e riprendere i caratteri dei comignoli appar-
tenenti alle tipologie tipiche dell’ambito territoriale.
– Se proprio necessario, sostituzione di elementi degradati della struttura di sostegno in legno con altri in legno
lamellare o acciaio.

132
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

COPERTURE IN PIETRA
FASI PRELIMINARI ALL’INTERVENTO CRITERI GENERALI DI INTERVENTO
In via preliminare è opportuno analizzare la consi- Per le coperture esistenti, la variazione della geome-
stenza, il tipo di materiale e lo stato si conservazione tria, della organizzazione strutturale, della pendenza
del manto, della struttura lignea di sostegno e degli delle falde, del materiale e degli elementi di comple-
eventuali elementi di completamento della copertura tamento (comignoli, abbaini eccetera) è incompatibile
(muri tagliafuoco, abbaini, comignoli, cornicioni, lam- con la tutela del paesaggio. Per coperture in lastre di
brecchini), rilevando pendenze, organizzazione ge- pietra è opportuno intervenire, se possibile, senza ri-
nerale del sistema di copertura, presenza di eventua- muovere il manto o effettuare lo smontaggio e il ri-
li fenomeni di dissesto e di degrado dei materiali, ve- montaggio degli elementi utilizzando, per integrazioni
rificando la tenuta all’acqua della copertura, specie e sostituzioni, elementi di materiale analogo prove-
nelle intersezioni con elementi emergenti. niente da cave locali o da recuperi.

INTERVENTI AMMISSIBILI INTERVENTI NON AMMISSIBILI


– Operazioni di manutenzione periodica. – Sostituzione globale del manto di copertura esisten-
– Sostituzione parziale di elementi della struttura di te in pietra con elementi e materiali estranei alla tradi-
sostegno con altri analoghi a quelli esistenti per for- zione costruttiva locale (come lamiera, tegole cementi-
me, dimensioni, materiali e lavorazione. zie eccetera) o con elementi in pietra diversi per forma,
– Sostituzioni e integrazioni di elementi delle lastre in materiale, finitura, modalità di posa in opera.
pietra del manto di copertura con altri del tutto analo- – Modifica della geometria complessiva della coper-
ghi a quelli esistenti, provenienti da cave locali o dal tura, delle sue dimensioni (altezza di gronda e di col-
recupero di materiale da demolizioni di edifici di- mo) o dell’inclinazione delle falde.
smessi nelle vicinanze. – Sostituzione della struttura lignea di sostegno con una
– Inserimento di strati sottofalda per migliorare le pre- in calcestruzzo cementizio armato o in latero-cemento.
stazioni di tenuta all’acqua e di coibenza termica del- – Modifica degli sporti della copertura e inserimento
la copertura, rispettando le strutture esistenti. di scossaline ai bordi delle falde.

INTERVENTI CRITICI – AMMISSIBILITÀ DA VALUTARE CASO PER CASO


Se necessario, per ragioni igieniche, funzionali o di sicurezza, non altrimenti risolvibili, da valutare caso per caso:
– Modifica dell’organizzazione strutturale della copertura, senza modificarne dimensioni, pendenze, materiali.
– Sostituzione del manto di copertura in lastre di pietra con elementi in lamiera o in tegole laterizie, solo come
misura provvisionale a difesa del fabbricato e previa esplicita autorizzazione temporanea.
– Inserimento di nuovi comignoli che devono in ogni caso rispettare e riprendere i caratteri dei comignoli appar-
tenenti alle tipologie tipiche dell’ambito territoriale.
– Se proprio necessario, inserimento di fazzoletti, grondaie e pluviali in rame brunito.
– Se proprio necessario, sostituzione di elementi degradati della struttura di sostegno in legno con altri in legno
lamellare o acciaio.

133
54
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

APERTURE le soglie possono essere in pietra o in legno, mentre in


laterizio si possono trovare le finiture di soglia delle
I tipi di apertura degli edifici delle Valli Belbo Bormida e aperture dei fienili. Gli infissi e i serramenti sono sem-
Uzzone sono numerosi e riconoscibili, principalmente, pre in legno, generalmente di disegno e composizione
nei seguenti tipi: molto semplice, con qualche possibile eccezione nelle
– aperture dei fienili porte d’ingresso agli edifici e nei portoni dei passi car-
– porte d’ingresso agli edifici rai.
– aperture dei loggiati Le finestre sono generalmente a due battenti con parti-
– passi carrai ture tendenzialmente quadrate, nel numero di treo
– finestre quattro per anta, in funzione dell’altezza dell’apertura.
– piccole aperture, realizzate per la ventilazione dei Gli infissi sono realizzati con elementi in legno di spes-
sottotetti. sore limitato, connessi tra loro a incastro. Le porte e i
portoni di chiusura di androni e di passi carrai presen-
Ai diversi tipi di apertura corrispondono sistemi costrut- tano, invece, maggiori variazioni morfologiche e deco-
tivi e materiali ricorrenti: le grandi aperture dei fienili, rative. Le chiusure dei passi carrai sono talvolta dotate
degli androni, dei passi carrai e dei loggiati possono di doppio sistema di apertura: apertura completa dei
essere realizzate con archi in conci o scaglie di pietra, battenti per il passaggio dei mezzi agricoli e apertura ri-
talvolta con archi in laterizio. Le aperture dei fienili, dotta per l’esclusivo ingresso pedonale.
inoltre, possono essere realizzate con semplici travi di L’ancoraggio dei battenti delle porte agli stipiti delle
legno; per i varchi di porte e finestre, invece, è ricor- aperture è generalmente risolto con l’impiego di ban-
rente l’impiego di architravi in legno e, per piccole delle e cardini in ferro battuto che, non di rado, insieme
aperture anche in pietra. Limitato è l’utilizzo di voltini in agli altri elementi della ferramenta utilizzata, costitui-
laterizio. Le piccole aperture, generalmente, sono rea- scono essi stessi elementi decorativi.
lizzate con elementi in laterizio o in legno. I davanzali e Alcune finestre sono protette da inferriate in ferro dol-
135
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

ce forgiato e battuto, a semplice disegno e, general- corrispondono, seppur con alcune variazioni di detta-
mente, infisse direttamente nella muratura della parete glio, principi e modi costruttivi ricorrenti, riportati nelle
in cui si aprono. schede successive.
I sistemi di oscuramento delle finestre sono general- Forma, dimensioni e caratteri costruttivi delle aperture
mente costituiti da scuri interni; i sistemi esterni, quan- costituiscono elementi essenziali nella definizione del-
do presenti, sono perlopiù costituiti da persiane in le- l’identità locale del costruito e del paesaggio, che è
gno, probabilmente aggiunte in tempi più recenti. fondamentale conservare e valorizzare.
Diffusi nel territorio sono passi carrai, risolti con andro- Risulta pertanto particolarmente importante, nel caso
ni coperti da sistemi voltati in pietra o da solai lignei, di interventi sulle aperture e sugli infissi esistenti, per
privi di chiusure, che mettevano in comunicazione di- sistemarli e per migliorarne l’efficienza prestazionale e
retta l’aia con il fondo o il sistema di colleganmenti via- la funzionalità, operare sempre secondo modalità che
ri. rispettino, innanzi tutto, il rapporto con le murature e le
Alle diverse morfologie di aperture e ai diversi tipi di in- altre parti della costruzione.
fissi, di serramenti e di inferriate presenti nel territorio

136
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

ARCHITRAVI, PIATTABANDE, stessa.


DAVANZALI E CORNICI Spalle e mazzette delle aperture inserite nelle muratu-
re in pietra di Langa a vista sono generalmente realiz-
Gli elementi che compongono le aperture del territorio zate impiegando blocchi più regolari e di dimensioni
esaminato sono riconducibili ad alcune tipologie di ba- maggiori rispetto a quelli presenti nella tessitura mura-
se, presenti in tutto l’ambito territoriale, seppur con ri- ria. Raramente gli stipiti sono realizzati con mattoni
correnze diverse e con numerose varianti di dettaglio. pieni ammorsati nella parete in pietra. Quasi sempre è
Il lato superiore dell’apertura, in generale, può essere presente una mazzetta corrispondente allo strato
realizzato: esterno della muratura in pietra, in corrispondenza del-
– con un architrave composto da travetti di legno af- la quale viene collocato il serramento.
fiancati e lasciati a vista o intonacati, talvolta posti in I davanzali sono perlopiù in lastre di pietra grezza o la-
posizione asimmetrica rispetto all’asse dell’apertura; vorata semplicemente, posti in modo da sporgere ri-
– da un «voltino» (piattabanda), raramente costruito in spetto al filo esterno della parete, o realizzati con tra-
pietra, più comunemente realizzato in mattoni, a uno o vetti in legno posti a filo muratura. Meno ferquenti so-
più corsi; no i davanzali in laterizio, costituiti da mattoni pieni
- da un architrave in pietra, solo per aperture di dimen- posti di taglio o di coltello.
sioni limitate. Qualche volta le aperture sono inquadrate da cornici di
Raramente è presente, nella parte superiore, un arco intonaco imbiancato a calce o dipinto, sia in edifici con
di scarico con la funzione di deviare il carico della mu- pareti esterne in muratura in pietra a faccia vista, sia in
ratura soprastante le aperture sulle spalle dell’apertura quelli con finitura di parete a intonaco.

137
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

FINESTRE in quattro scomparti, sempre tendenzialmente di forma


quadrata.
Le finestre, i serramenti così come gli infissi, sono Le finestre, principalmente quelle poste al piano terra,
sempre realizzati in legno, con profili dal disegno molto sono talvolta protette da inferriate in ferro forgiato, a
semplice. Gli infissi e i serramenti sono realizzati con maglia quadrata o rettangolare, dal disegno semplice.
elementi a spessore limitato, dell’ordine di 3-4 cm o Sono state rilevate anche alcune protezioni relaizzate
poco più, connessi fra loro a incastro, mentre i vetri so- con elementi in legno.
no fissati al telaio mobile mediante mastice o listelli I sistemi di oscuramento esterni, quando presenti,
chiodati, posti sul lato esterno. consistono in semplici scuri interni o in ante a persia-
La finestra a due battenti è il tipo più ricorrente in tutto na. Negli edifici dotati di loggiato o di ballatoio, i serra-
il territorio esaminato. Le due ante mobili, connesse menti delle porte-finestre sono analoghi a quelli delle
mediante semplici cerniere a un telaio fisso ancorato finestre descritti, ma con uno scomparto di base opa-
alla muratura, sono generalmente suddivise in tre co, chiuso da pannelli di legno e di altezza maggiore ri-
scomparti, di forma tendenzialmente quadrata. Fanno spetto agli elementi vetrati.
eccezione i finestrini, generalmente ad anta unica, con I serramenti, sempre in legno, sono talvolta protetti
una o due scomparti, in funzione della dimensione del- con vernici.
l’apertura, o le finestre di altezza maggiore di quelle
ordinarie, che possono avere battenti suddivisi anche

138
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

PORTE connesse mediante chiodatura regolare a un telaio in


legno, visibile all’esterno, costituito generalmente da
I vani delle porte sono realizzati in modo analogo a tre elementi (traversi) orizzontali. Spesso, nelle porte
quelli delle finestre. L’elemento inferiore di soglia è ge- più semplici, i due montanti sono assenti. Alcune porte
neralmente costituito da una lastra di pietra. Sono stati a una o due ante sono costituite da assi poste in oriz-
individuati anche alcuni casi di soglia realizzata con un zontale connesse a un telaio interno. Le porte a due
semplice asse di legno con riferimento, in particolare, ante sono generalmente più complesse, pur mante-
a porte di accesso a loggiati o ballatoi. nendo nella maggioranza dei casi rilevati, una sempli-
Le porte sono generalmente semplici, ad anta singola cità di base. Le ante sono generalmente suddivise in
o doppia. Talvolta, specie in corrispondenza di accessi due o tre scomparti regolari costituiti da pannelli in le-
a vani scala, è presente anche un sopraluce semi-cir- gno semplici o intagliati; nel caso di tre scomparti quel-
colare o rettangolare, eventulmente protetto da una lo intermedio è di altezza diversa (inferiore o maggiore)
rosta in ferro, chiuso da un serramento in legno e se- rispetto agli altri.
parato dal sottostante vano della porta da una lastra di
pietra o da elementi in legno.
I serramenti più semplici sono a un’anta priva di partitu-
re e sono formati semplicemente da assi di legno
parallele, poste generalmente in verticale, accostate e

139
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

PORTONI E PORTALI I portoni dei passi carrai sono a due battenti e possono
avere un doppio sistema di chiusura, carraio e pedo-
Le chiusure dei passi carrai e degli accessi ai depositi nale.
costituiscono elementi caratterizzanti tutta l’architettu- I portoni più semplici sono realizzati da tavole in legno
ra rurale del territorio. accostate verticalmente, unite longitudinalmente fra lo-
Il passaggio dallo spazio pubblico allo spazio privato ro con connessioni a maschio e femmina e assicurate
dell’aia avveniva, secondo i casi, attraverso semplici trasversalmente a un elemento in legno. Altri portoni
varchi praticati nei muri di recinzione della proprietà o, sono, invece, costituiti da ante con telaio formato da
spesso, attraverso veri e propri androni che attraver- montanti e traversi cui sono connesse le tavole affian-
sano tutta la manica degli edifici. cate fra loro verticalmente.
Passi carrai sono presenti sia nei nuclei storici che ne- Portoni più complessi, infine, sono costituiti da ante a
gli insediamenti sparsi, talvolta senza la presenza di telaio ripartite in scomparti di dimensioni diverse.
chiusure di protezione. I passi carrai, infatti, potevano Spesso, infatti, in questo tipo di portoni sono presenti
essere protetti da portoni in legno, da cancellate o da due o più partiture superiori, generalmente di dimen-
doppi sistemi di portoni e cancelli. Talvolta la cancella- sioni maggiori delle altre, che delimitano, nella parte
ta era realizzata in legno. inferiore, il profilo dell’apertura della porta ad anta sin-
Il varco è generalmente realizzato con ampi archi in gola per il transito pedonale.
pietra o in laterizio, quasi sempre ribassati o policentri-
ci (tipico è l’arco a tre centri di curvatura). Spesso il
varco è riquadrato da un portale che, se realizzato in
un muro di delimitazione del complesso rurale, è dota-
to di una piccola copertura di protezione, a falda sem-
plice o doppia, con manto in coppi laterizi o in pietra.

140
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

APERTURE DI FIENILI E LOGGIATI Il lato inferiore dell’apertura è rifinito, generalmente,


con mattoni posti di coltello o con lastre di pietra di
Le aperture dei fienili sono prevalentemente caratteriz- spessore elevato, qualche volta con mattoni posti di
zate dall’ampia dimensione e dalla presenza di un ar- piatto o d coltello..
co realizzato realizzato in conci di pietra oppure in Le aperture dei fienili, così come quelle dei loggiati,
mattoni, lasciati a vista o intonacati. sono quasi sempre prive di serramenti. Molto raramen-
Questa tipologia è diffusa, in particolare, oltre che tra te in queste zone, solo in alcuni edifici di fondovalle,
le aperture dei fienili, nei loggiati posti nel sottotetto, a sono presenti chiusure, complete o parziali, realizzate
coronamento degli edifici,presenti spesso negli edifici con muri grigliati che permettono di proteggere il rac-
più grandi, utilizzati come disimpegni o per far essic- colto depositato nel fienile, mantenendo una opportu-
care al coperto i prodotti dell’attività agricola. na ventilazione nei locali.
Le ampie aperture dei fienili spesso sono realizzate In molti edifici, sono presenti aperture di fienili simili
realizzate con semplici travi in legno utilizzate come come tipologia ai vani delle finestre delle abitazioni ma
architravi. In questo caso, generalmente, queste corri- di dimensioni maggiori, chiuse con grandi ante opache
spondono alla struttura del tetto e sono sorrette da pi- in legno.
lastri o porzioni di muratura in elevazione.

141
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

NICCHIE E PICCOLE APERTURE cate a livello del graticcio sul quale vengono poste le
PER LA VENTILAZIONE DEI SOTTOTETTI castagne per la seccagione, che servono per scaricare
all’esterno i frutti una volta essiccati. Per facilitare que-
Le piccole aperture praticate nelle pareti dei sottotetti e sta operazione, sono generalmente delimitate, nella
in quelle dei seccatoi per le castagne, realizzate per parte inferiore, da una tavola inclinata verso l’esterno
assicurarne la ventilazione, rappresentano elementi con le funzioni di scivolo.
caratteristici delle costruzioni rurali che vanno conser- All’esterno e all’interno delle costruzioni in pietra sono
vati e valorizzati. spesso presenti piccole nicchie, come nel caso delle
Le aperture di ventilazione dei sottotetti, di dimensioni costruzioni che ospitano l’imboccatura del forno.
limitate e quasi sempre prive di serramento, assumono Anche se si tratta di elementi che possono sembrare
forme varie che vanno dall’occhio circolare o ellittico secondari, le nicchie e le piccole aperture costituisco-
alle forme lobate, dalle semplici aperture quadrate a no dettagli che contribuiscono a connotare l’architettu-
quelle cruciformi. ra rurale e a testimoniare le modalità di vita e di lavoro
I seccatoi, inoltre, hanno spesso delle aperture, prati- passate. Come tali vanno conservate e valorizzate.

142
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

SISTEMI DI OSCURAMENTO E INFERRIATE Le aperture a finestra collocate ai piani terra e prive di


sistemi di oscuramento esterno sono talvolta munite di
I sistemi di oscuramento delle finestre non sono sem- inferriate di protezione. Esse sono generalmente costi-
pre presenti, almeno all’esterno dell’edificio. Quando tuite da barre di ferro dolce forgiato a mano disposte in
presenti, sono costituiti prevalentemente da scuri inter- modo da comporre maglie di forma quadrata o rettan-
ni in legno o da ante a persiana che, con tutta proba- golare, più raramente romboidale. E’ stata rilevata sul
bilità, spesso sono state aggiunte in tempi successivi territorio anche la presenza di sistemi di protezione
alla costruzione degli edifici. Le persiane sono gene- realizzati con elementi in legno incrociati.
ralmente a due battenti, prive di telaio fisso e comple- Le barre metalliche , a sezione circolare o quadrata,
tate con trattamento di finitura a vernice coprente. So- sono incrociate mediante il passaggio attraverso aso-
no costituite da un telaio semplice o da un telaio con le o occhielli, paralleli o alternati, e risultano collocate
traversa centrale, sul quale sono montate le lamelle (o nello spessore del vano finestra, inserite e ancorate
palette), inclinate di 45° e leggermente sporgenti ri- alla muratura in corrispondenza delle spalle, dell’ar-
spetto al filo del telaio; talvolta sulle ante delle persia- chitrave e del davanzale della finestra. I sopraluce
ne sono presenti gruppi di lamelle mobili, orientabili, delle porte, presenti soprattutto nei casi in cui l’acces-
del tipo «a gelosia». so era diretto a un vano scala, sono spesso completa-
Tutti i sistemi di oscuramento, sia interni che esterni, ti da roste realizzate in ferro battuto o forgiato. Spesso
sono ancorati al muro con bandelle e cardini in ferro il sopraluce, oltre alla rosta metallica, è dotato anche
battuto. di un serramento apribile.

143
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

DEGRADO deformazioni negli elementi di bordo delle aperture (so-


glie, davanzali, architravi e stipiti).
I fenomeni di degrado ricorrenti nel caso di aperture ed Gli infissi e i serramenti in legno manifestano frequen-
elementi connessi, come serramenti, sistemi di oscura- temente fenomeni di marcescenza degli elementi in le-
mento e di protezione, sono quelli tipici degli elementi gno, in particolare nelle parti più esposte agli agenti at-
costruttivi e dei materiali impiegati nella loro costruzio- mosferici e all’acqua, deformazioni e sconnessioni fra
ne. I davanzali in pietra o in laterizio, così come gli stipi- gli elementi, ossidazione degli elementi metallici di
ti e le soglie, possono manifestare rotture e distacchi lo- bloccaggio, di chiusura e movimentazione. Sono inol-
calizzati, oltre che decoesione ed erosione degli ele- tre frequenti mancanze, con riferimento, per esempio,
menti o dei giunti di malta di allettamento. ai vetri e ai listelli fermavetro.
Gli elementi in legno, come architravi, davanzali e infis- Le grandi aperture possono presentare lesioni e defor-
si, presentano spesso fenomeni di marcescenza, so- mazioni che possono essere conseguenza di variazio-
prattutto nelle parti poste a contatto con la muratura. Le ni carico e di resistenza degli elementi costituenti.
aperture con cornici a intonaco o inserite in pareti into- Le piccole aperture di ventilazione dei sottotetti posso-
nacate possono presentare fessurazioni e distacchi, lo- no presentare fenomeni di degrado quali fessurazioni,
calizzati o estesi, macchie e patine. Problemi di caratte- sconnessioni o mancanza di elementi, presenza di de-
re strutturale o la presenza di difetti del materiale pos- positi superficiali, erosione, macchie, depositi superfi-
sono provocare, inoltre, rotture, sconnessioni o ciali coerenti, efflorescenze saline.

144
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

CRITERI DI INTERVENTO re le regole compositive e strutturali delle facciate. È


da privilegiare, pertanto l’allineamento orizzontale e
Operazione preliminare a ogni intervento sulle apertu- soprattutto verticale delle aperture, salvo eccezioni
re e sugli elementi connessi è la verifica, anche solo ammissibili solo in casi particolari, per aperture di ridot-
attraverso l’osservazione diretta, senza l’ausilio di stru- te dimensioni, di forma diversa da quelle esistenti (per
mentazioni, della presenza di fenomeni di degrado o di esempio ovale o circolare), nel caso, per esempio, di fi-
dissesto, individuandone le cause e le eventuali rela- nestre per illuminare corpi scala ciechi. È inoltre consi-
zioni con altre parti della costruzione. Nel caso in cui gliato di evitare l’ampliamento in orizzontale delle aper-
vengano riscontrate fessurazioni o fratture, è necessa- ture, per motivi costruttivi e di proporzione delle dimen-
rio rilevare il quadro fessurativo che riporti la posizio- sioni delle aperture, privilegiando, eventualmente,
ne, l’andamento, la profondità e le dimensioni delle le- l’ampliamento in verticale.
sioni. La selezione corretta degli interventi di consoli- Interventi minori, di manutenzione e riparazione, devo-
damento da effettuare, nel rispetto dei caratteri no comunque rispettare le caratteristiche dell’esistente,
costruttivi della costruzione, impone di effettuare alcu- sostituendo gli elementi degradati con altri analoghi,
ne semplici analisi finalizzate a conoscere lo stato dei per materiali, forme e lavorazioni, avendo cura di man-
fenomeni. Si rende opportuno, pertanto, per verificare tenere leggibile la disposizione e la tessitura di pietre e
l’esistenza di eventuali movimenti, quando sia possibi- mattoni, se a vista, ed evitando, all’opposto, intonaca-
le, applicare ai lembi delle lesioni «spie» o «biffe» in ture totali che lascino in vista esclusivamente archi,
vetro o effettuare misurazioni con fessurimetri gradua- piattabande o stipiti, sempre che questa non sia la si-
ti. In generale, gli interventi sulle aperture dovranno ri- tuazione esistente. Sono assolutamente da evitare gli
spettare la composizione di facciata degli edifici, limi- architravi realizzati con profilati in acciaio lasciati a vi-
tando al massimo la realizzazione di nuove aperture sta o quelli in calcestruzzo di cemento armato, anche
che, eventualmente, devono essere di dimensioni ana- se nascosti nello spessore murario, in quanto incom-
loghe a quelle esistenti e disposte in modo da rispetta- patibili con le strutture esistentI. Sono incompatibili con
145
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

la tutela degli edifici e del paesaggio i davanzali e gli zioni congruenti con quelli propri dell’elemento esi-
stipiti realizzati con marmi o pietre non appartenenti al- stente o della tradizione locale. Nel caso in cui si renda
la tradizione locale. necessario sostituire completamente un infisso esi-
Gli interventi sui serramenti e sugli infissi, variano in stente o realizzare nuovi infissi in aperture che ne era-
funzione della loro consistenza e dello stato di conser- no prive, è consigliabile rispettare la morfologia, le di-
vazione in cui versano, ma anche dei requisiti richiesti mensioni, le partiture e i materiali di quelli tradizionali
da eventuali nuove destinazioni d’uso, per esempio per presenti nel territorio esaminato.
l’adeguamento degli edifici esistenti alle esigenze abi- Interventi quali la realizzazione di serramenti in metallo
tative attuali. In ogni caso occorre sempre valutare pre- anodizzato o in materiale plastico è assolutamente in-
ventivamente tali elementi per progettare correttamen- compatibile con la tutela degli edifici e del paesaggio.
te l’intervento più opportuno. Gli eventuali nuovi sistemi di oscuramento esterni de-
Possono essere effettuati interventi di manutenzione, vono essere del tipo a persiana; sono escluse e in-
di riparazione puntuale o estesa con eventuale inte- compatibili tapparelle, veneziane e antoni con lavora-
grazione o sostituzione di elementi o di parti mancanti zioni e disegno estranei alla tradizione locale, come in-
ed eventuale sostituzione di singoli elementi per mi- tagli e trafori.
gliorarne le prestazioni, per esempio per inserire Per eventuali nuove inferriate di sicurezza è consiglia-
guarnizioni a tenuta o sostituire dei vetri semplici con bile utilizzare griglie metalliche fisse, a esclusione del-
vetri a camera, se i serramenti sono in grado di sup- l’alluminio anodizzato, che riprendano, nel disegno e
portarli. nei materiali, quelle tradizionali esistenti.
In ogni caso è opportuno utilizzare materiali analoghi a Le nicchie e le piccole aperture dei sottotetti e dei sec-
quelli esistenti e utilizzare forme, trattamenti e lavora- catoi devono essere conservate.

146
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

APERTURE DI PORTE E FINESTRE


FASI PRELIMINARI ALL’INTERVENTO CRITERI GENERALI DI INTERVENTO
Prima di ogni intervento sulle aperture e sugli ele- Gli interventi dovranno rispettare la composizione di
menti connessi è necessario individuare gli eventuali facciata degli edifici, limitando la realizzazione di
fenomeni di degrado o di dissesto presenti, le relati- nuove aperture ed evitando gli ampliamenti in oriz-
ve cause e le eventuali relazioni con altre parti della zontale.
costruzione. In alcuni casi, infatti, intervenire senza Gli interventi dovranno rispettare le caratteristiche
rimuovere le cause del dissesto o del degrado può ri- dell’esistente, sostituendo gli elementi degradati con
velarsi inutile o controproducente. altri analoghi per forma, dimensioni, materiali e fini-
tura.

INTERVENTI AMMISSIBILI INTERVENTI NON AMMISSIBILI


– Interventi di riparazione, consolidamento e sostitu- – Variazione delle forme e delle dimensioni delle
zione di elementi degradati (archi, architravi, davan- aperture: in orizzontale, praticata attraverso amplia-
zali, soglie e stipiti) utilizzando elementi del tutto ana- mento laterale, in verticale se praticata attraverso la
loghi per materiale, forma, dimensioni, colore e lavo- rimozione degli orizzontamenti esistenti e di parti di
razione a quelli esistenti . muratura sovrastante.
– Sostituzione di elementi degradati con altri di mate-
riale, forma, dimensioni e finitura diversi da quelli de-
gli elementi esistenti.
– Riparazioni o sostituzioni con elementi di calce-
struzzo di cemento.

INTERVENTI CRITICI – AMMISSIBILITÀ DA VALUTARE CASO PER CASO


Se necessario, per ragioni igieniche o funzionali non altrimenti risolvibili, da valutare caso per caso:
– Variazione, limitatamente in altezza, delle dimensioni delle aperture, rimuovendo la muratura sotto finestra.
– Realizzazione di nuove aperture di dimensioni contenute e analoghe a quelle delle aperture esistenti, rispet-
tando le assialità e utilizzando i materiali e le tecniche tradizionali ricorrenti nell’ambito territoriale.

147
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

I N F I S S I E I N F E R R I A T E
FASI PRELIMINARI ALL’INTERVENTO CRITERI GENERALI D’INTERVENTO
Prima di ogni intervento sugli infissi e sulle inferriate è Le forme, i materiali utilizzati, i trattamenti e le lavora-
sempre necessario verificare lo stato di conservazio- zioni, in qualsiasi tipo di intervento su infissi, serra-
ne, la consistenza e l’efficienza degli elementi, la pre- menti e inferriate, devono essere congruenti con quelli
senza o meno di telaio fisso, i sistemi di connessione propri dell’elemento esistente o della tradizione locale.
e di ancoraggio alla muratura. Va, inoltre, verificata Per i nuovi serramenti, così come per le inferriate e i
con cura la tenuta all’acqua e all’aria dell’infisso. sistemi di oscuramento, è necessario rispettare la mor-
fologia, le dimensioni, le partiture e i materiali degli in-
fissi tradizionali propri dell’ambito territoriale.

INTERVENTI AMMISSIBILI INTERVENTI NON AMMISSIBILI


– Operazioni di trattamento protettivo superficiale, – Sostituzione di serramenti esistenti in legno con al-
manutenzione e riparazione degli elementi senza tri in metallo o in materiale plastico.
cambiamento della forma, del materiale, delle lavora- – Inserimento di vetri riflettenti o colorati.
zioni e del colore degli infissi, delle inferriate e dei si- – Inserimento di nuove inferriate, diverse per forme e
stemi di oscuramento esistenti. materiali da quelle esistenti e appartenenti alla tradi-
– Interventi per migliorare il controllo della dispersio- zione costruttiva locale.
ne termica e la tenuta all’acqua e all’aria, senza mo-
dificare disegno e partiture dell’infisso esistente.
– Inserimento di scuri interni.

INTERVENTI CRITICI – AMMISSIBILITÀ DA VALUTARE CASO PER CASO


Se necessario, per ragioni igieniche o funzionali non altrimenti risolvibili, da valutare caso per caso:
– Inserimento di nuovi sistemi di protezione e di oscuramento esterni, esclusivamente in legno, a persiana o ad
anta a disegno semplice, senza trafori, inserti o intagli.
– Inserimento di nuovi infissi, porte, portoni, finestre da realizzarsi in legno rispettando le morfologie e le finiture
tradizionali, escludendo sempre l’uso di elementi in alluminio anodizzato, in metallo cromato, in materiale plasti-
co e comunque forme, materiali e colori contrastanti con quelli tradizionali.

148
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

A P E R T U R E D I L O G G I AT I E F I E N I L I
FASI PRELIMINARI ALL’INTERVENTO CRITERI GENERALI D’INTERVENTO
Prima di intervenire sulle grandi aperture dei fienili e La chiusura di grandi aperture di fienili e loggiati con
dei loggiati, è necessario individuare gli eventuali fe- serramenti di grandi dimensioni o con elementi in
nomeni di dissesto e di degrado presenti e le relative muratura piena o grigliata deve essere affrontata con
cause, verificando se siano di natura costruttiva o attenzione, in modo da mantenere sempre leggibile
strutturale e se eventualmente coinvolgano oltre all’e- la funzione originale e la morfologia delle eventuali
lemento apertura anche altre parti della costruzione. aperture ad arco esistenti.
Le forme e i materiali utilizzati per la realizzazione di
nuovi serramenti e di pareti di chiusura devono esse-
re congruenti con quelli propri della tradizione locale.

INTERVENTI AMMISSIBILI INTERVENTI NON AMMISSIBILI


– Sostituzione di elementi degradati con altri di mate- – Modifica della forma delle aperture esistenti.
riale, forma, dimensioni e lavorazione analoghi. – Inserimento di serramenti con vetri riflettenti o colo-
– Riparazione, consolidamento e rinforzo degli ele- rati.
menti di orizzontamento superiore o degli archi esi- – Tamponamento delle aperture con pareti a filo
stenti, utilizzando elementi in pietra, legno, laterizio o esterno dei pilastri.
acciaio, escludendo assolutamente l’impiego di cal-
cestruzzo di cemento armato.

INTERVENTI CRITICI – AMMISSIBILITÀ DA VALUTARE CASO PER CASO


Se necessario, per ragioni igieniche o funzionali non altrimenti risolvibili, da valutare caso per caso:
– Chiusura parziale o completa delle aperture dei fienili e dei loggiati con pareti opache in muratura dotate di
serramenti o con serramenti di grandi dimensioni, in modo da mantenere sempre leggibile la funzione originale
e la morfologia delle eventuali aperture ad arco esistenti (quindi poste non a filo esterno).
– Inserimento di eventuali serramenti preferibilmente in legno o, se di grande dimensione, anche in metallo ver-
niciato, a profilo sottile, tipo “ferro finestra”, con esclusione di quelli in alluminio anodizzato.
– Inserimento di chiusure in legno a disegno semplice, fisse o apribili, anche estese all’intera parete.

149
150
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

ELEMENTI DI COLLEGAMENTO Il fronte principale della casa rurale di Langa, quello


E DISTRIBUZIONE che dà verso l’aia, quello nel quale sono collocati gli
accessi agli ambienti interni, è quasi sempre completa-
Gli elementi di collegamento verticale e di distribuzio- to da un ballatoio che può assumere caratteristiche co-
ne degli edifici rurali del territorio della Langa delle Val- struttive diverse. Molti edifici di insediamenti rurali, in-
li Belbo, Bormida e Uzzone, sono stati distinti in scale, fatti presentano verso l’aia un ballatoio cui si accede
loggiati e ballatoi. da scale esterne o interne.
I collegamenti verticali nelle case contadine, quasi Sono stati rilevati ancora molti ballatoi che mantengo-
sempre a due piani fuori terra, quando non era previ- no le caratteristiche originarie e sono costituiti da ele-
sto un vano scala interno, erano generalmente risolti menti in legno incastrati nella muratura che sorreggo-
con scale esterne poste sul fronte principale dell’edifi- no un impalcato in legno, più raramente in lastre di
cio o su un fronte laterale. Se possibile, la scala, in pietra. Col tempo, spesso, gli impalcati sono stati so-
legno o in muratura, era posta sotto il ballatoio o lo stituiti da solai in putrelle di ferro e voltine in laterizio o
sporto del tetto in posizione tale da risultare così pro- da solettine di calcestruzzo cementizio. Anche le origi-
tetta dalla pioggia. I fienili, i granai e gli ambienti di narie protezioni in legno sono state molte volte sosti-
servizio posti a livelli diversi da quello direttamente tuite da semplici ringhiere metalliche, che ormai fanno
accessibile dal piano di campagna, erano resi acces- parte a pieno titolo dell’immagine odierna dell’edificio.
sibili solamente attraverso scale a pioli o ripide scale Qualche volta, anche nelle case più povere, erano
in legno. presenti elementi decorativi di completamento: i lam-
I loggiati, presenti in numerose case delle Valle Uzzone brecchini, detti feston, ornavano il filo esterno dei bal-
e delle valli limitrofe, costituivano uno spazio esterno latoi in legno.
ma coperto, utile sia per disimpegnare i locali abitativi
che vi si affacciavano, sia per consentire attività lavora-
tive al coperto.
151
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

SCALE ESTERNE che le scale aperte esterne per l’accesso ai ballatoi.


Piuttosto diffuse sono le scale esterne in muratura,
Sono ancora presenti, sul territorio, numerose scale realizzate prevalentemente in pietra a secco lasciata a
esterne utilizzate per l’accesso agli ambienti, abitativi vista, raramente in muratura intonacata.
o di servizio, posti a livelli superiori rispetto al piano di Nelle scale in pietra non è molto comune trovare dei
campagna. gradini sagomati: la pedata era formata dalle stesse
Le più semplici sono scale a pioli di legno o ripide sca- pietre da costruzione, uniche o accostate, di spessore
le fisse, poco più complesse di quelle tradizionali a elevato, prive di trattamenti di finitura.
pioli, utilizzate semplicemente appoggiate alla base I parapetti delle scale in legno erano costituiti da un
delle aperture, per garantire l’accesso a un fienile o a semplice mancorrente sostenuto da montanti in legno;
un granaio. Queste scale erano generalmente realiz- per quelle in muratura, invece, il parapetto, se presen-
zate con due travi inclinate, costituite da tronchi appe- te, era generalmente pieno, anch’esso in pietra o in
na scortecciati, nelle quali erano incastrate (semplice- laterizio intonacato, solo in alcuni casi è stato riscon-
mente infilate in appositi intagli praticati nelle travi, tal- trato una ringhiera metallica.
volta fissate con chiodatura) le tavole di legno che Talvolta gli scalini in muratura erano impostati su un
formavano i gradini. Qualche volta sono in legno an- impalcato di tavole sostenuto da una struttura lignea.

152
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

LOGGIATI I loggiati costituivano di fatto uno spazio esterno ma


coperto, utilizzato sia per disimpegnare i locali abitativi
Nel territorio delle Valli Belbo, Bormida e Uzzone, così che vi si affacciavano, sia per il deposito e la conser-
come a Paroldo e a Igliano, non è raro trovare edifici vazione dei prodotti agricoli e, in particolare, per con-
coronati, al piano sottotetto, dai loggiati, denunciati sentire l’essiccamento dei cereali al coperto.
dalle caratteristiche serie di aperture ad arco, talvolta Per i loggiati posti a coronamento degli edifici, i para-
anche a due ordini sovrapposti, oggi spesso chiuse da petti sono generalmente pieni, in muratura, con il da-
serramenti non sempre congrui con i caratteri dell’esi- vanzale in pietra o in mattoni posti di taglio o di piatto,
stente. Talvolta i loggiati erano soprastanti uno spazio oppure sono costituiti da un semplice elemento in le-
porticato, specie in alcuni edifici padronali: la composi- gno posto in orizzontale e ammorsato nella muratura
zione di facciata risultava così di un doppio ordine di in corrispondenza delle spalle dell’apertura.
archi sovrapposti.

153
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

BALLATOI no all’estremità un intaglio profondo che serviva da


gocciolatoio e solo raramente erano rastremate e sa-
Il ballatoio è un elemento ricorrente in numerosi edifici gomate. Il parapetto, anch’esso realizzato in legno, era
del territorio in esame, soprattutto quelli caratterizzati sostenuto da montanti connessi da una parte alle
dalla disposizione planimetrica in linea oppure a «L» mensole di sostegno dell’impalcato e, dall’altra, alla
dei corpi di fabbrica. l ballatoi costituiscono soprattutto struttura del tetto, generalmente agli elementi portanti
un sistema di distribuzione dei locali e, talvolta, un che sostenevano lo sporto del tetto. I montanti veniva-
elemento funzionale di supporto all’attività agricola no appoggiati o incastrati alle mensole di sostegno
per l’essiccazione dei cereali. Si sviluppano prevalen- dell’impalcato, oppure semplicemente accostati a que-
temente in lunghezza – raramente si trovano balconi di ste e connessi mediante chiodatura. Uno dei tipi di
dimensioni in lunghezza limitate –, sono generalmente parapetto in legno più ricorrente nella tradizione co-
esposti a sud e si affacciano sempre verso l’aia. Qual- struttiva è costituito da due o tre elementi paralleli in
che volta, il ballatoio occupa due o più lati dell’edificio. legno – talvolta si tratta di semplici rami di grosse di-
Al ballatoio si accede direttamente attraverso scale mensioni – posti in orizzontale e collegati, mediante
esterne, in legno o in muratura, o vani scala interni. chiodatura, ai montanti. Una variante sostituisce ai ra-
Il ballatoio in legno, la lòbia, era certamente la tipologia mi degli elementi in legno a sezione quadrata, posizio-
originaria di cui rimangono ancora numerose testimo- nati in orizzontale, con uno degli spigoli verso l’alto per
nianze. favorire lo scorrimento dell’acqua piovana, e incastrati
In linea generale, la struttura del ballatoio in legno era nei montanti. Un altro tipo di parapetto ricorrente è co-
costituita da travetti fuoriuscenti dalla muratura che stituito da elementi in legno, a sezione quadrata o ret-
sorreggevano un impalcato di tavole lignee poste lon- tangolare, posti in verticale e incastrati a due correnti,
gitudinalmente; spesso erano le stesse testate delle uno superiore con funzione anche di corrimano e uno
travi del solaio in legno ad assumere la funzione di inferiore.
struttura portante. Talvolta le mensole in legno aveva- Se necessario, il collegamento fra livelli diversi di un
154
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

ballatoio era risolto con l’inserimento di scale in legno In alcuni casi il piano di calpestio dei ballatoi, pur non
o in muratura. essendo più in legno come probabilmente era in origi-
Talvolta ballatoio era completato da un lambrecchino ne, è oggi in lastre di pietra.
di finitura, in legno o in lamierino metallico. Di varia L’elemento che certo ormai caratterizza i ballatoi, an-
fattura e disegno, sempre però molto semplice, i lam- che se con tutta probabilità si tratta già di un elemento
brecchini, detti feston, venivano posti in fregio ai balla- di sostituzione, è il parapetto metallico. In alcuni casi,
toi, in corrispondenza del perimetro esterno dell’impal- infatti, sono ancora visibili, nello stesso edificio, tratti di
cato. Erano costituiti generalmente da tavole in legno ballatoio realizzato completamente in legno accanto
ritagliate appunto «a festone» e fissate mediante chio- ad altri ai quali è stato sostituito il parapetto in legno
datura alle testate delle mensole di sostegno dell’im- con una ringhiera in ferro. Molto spesso oggi è dunque
palcato del ballatoio. In questo modo nascondevano le presente una ringhiera di protezione in ferro battuto,
testate delle mensole proteggendole da infiltrazioni di dal disegno semplice, costituita da bacchette verticali
acqua meteorica, e rifinivano il perimetro del ballatoio. collegate, mediante ribattitura, a correnti orizzontali
Col tempo, le mensole di sostegno in legno sono state formati da piattine metalliche. Il collegamento verticale
talvolta sostituite con elementi metallici e l’impalcato è è assicurato generalmente da elementi metallici colle-
stato sostituito da solettine in calcestruzzo di cemento gati nella parte superiore alla muratura o agli elementi
armato o in voltine di laterizio impostate su una struttu- di sostegno dello sporto della copertura.
ra metallica.

155
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

DEGRADO stenti e non soggetti a pratiche di manutenzione perio-


dica manifestano generalmente evidenti fenomeni di
Le cause di degrado possono essere di diversa natura sconnessione, mancanza, marcescenza o rottura degli
e, come per le altre parti della costruzione, è necessa- elementi lignei. Lo stato di conservazione dei ballatoi e
rio far precedere il progetto di intervento da verifiche, delle scale esterne in legno ancora esistenti, soprattutto
in particolare, sugli elementi strutturali di sostegno, negli edifici abbandonati, infatti, è piuttosto precario: il
controllandone geometria, deformazioni e stato di con- processo di degrado e i conseguenti dissesti in assenza
servazione. di manutenzione ne hanno molto spesso compromesso
Gli elementi descritti – scale esterne, loggiati e ballatoi la sicurezza e la fruibilità. È riconoscibile, in molti casi,
– sono posti all’esterno degli edifici, spesso sottoposti a un degrado diffuso degli elementi lignei, ma anche la
condizioni ambientali e climatiche difficili e, pertanto, precarietà delle condizioni statiche degli impalcati e dei
sono particolarmente esposti all’azione aggressiva de- parapetti di protezione. Non vanno quindi sottovalutati
gli agenti atmosferici e, quindi, i fenomeni di degrado gli eventuali rischi di dissesto e di crollo.
sono prevalentemente innescati e provocati dall’azione Le ringhiere in ferro dei ballatoi e dei balconi possono
dell’acqua, della neve, dalle escursioni termiche e dai presentare deformazioni, rotture, sconnessioni degli
ripetuti cicli di gelo e disgelo. ancoraggi dalle pareti e dalle strutture di sostegno e
Ai fenomeni di degrado dovuti all’esposizione agli fenomeni, anche diffusi, di ossidazione per mancanza
agenti atmosferici vanno a sommarsi, molto spesso, di trattamenti di protezione.
quelli prodotti dall’uso e dalla mancanza di manuten- Le scale in pietra, oltre ai fenomeni di degrado dovuti
zione e, talvolta, da errori costruttivi: questi fattori, in- al materiale lapideo con cui sono realizzate, possono
fatti, aumentano le possibilità di innesco di fenomeni di presentare sconnessioni fra gli elementi, mancanze,
alterazione e degrado dei materiali e degli elementi co- lesioni di varia natura, crolli parziali, con riferimento,
struttivi. per esempio, alle lastre degli elementi di pedata o del-
I ballatoi, le scale in legno e i lambrecchini ancora esi- le strutture di protezione. Spesso, inoltre, si verifica la
156
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

presenza, anche diffusa, di vegetazione infestante. Le Gli elementi che compongono le ringhiere in ferro pre-
scale in muratura di laterizio o mista presentano analo- sentano spesso diffusi fenomeni di ossidazione per
ghi fenomeni di degrado cui va ad aggiungersi il de- mancanza di protezione, deformazioni, rotture, scon-
grado dell’eventuale intonaco di rivestimento e degli nessione degli ancoraggi dalle pareti e dalle strutture
elementi di pedata. di appoggio.

157
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

CRITERI DI INTERVENTO pre consigliabile utilizzare i materiali tradizionalmente


impiegati nel territorio. È in ogni caso assolutamente
In linea generale, ogni intervento che interessi gli ele- incompatibile con la tutela del costruito e del paesag-
menti in aggetto, come le scale esterne e i ballatoi, de- gio l’utilizzazione di elementi in calcestruzzo di cemen-
ve rispettare i caratteri costruttivi dell’edificio e dei suoi to armato gettato in opera o prefabbricato.
elementi. Gli elementi originali ancora esistenti devono Gli interventi su scale e ballatoi esterni per garantirne
essere manutenuti e conservati, piuttosto che sostituiti la funzionalità consistono, principalmente, nella manu-
con altri nuovi. tenzione periodica, nel controllo dello stato di conser-
Ogni tipo di intervento deve comunque essere prece- vazione e di efficienza degli elementi e, specie per i
duto da una fase di rilievo e di analisi degli elementi manufatti in legno e in metallo, nell’applicazione di trat-
esistenti, condotta anche in modo speditivo attraverso tamenti superficiali di protezione.
una semplice ma attenta osservazione diretta, tesa a Le operazioni di manutenzione periodica comprendo-
verificare e valutare la consistenza e le condizioni di no la pulizia e la rimozione di depositi e materiali (fo-
conservazione degli elementi stessi, anche in rapporto glie, terriccio, vegetazione infestante) in modo da man-
agli altri elementi della costruzione. È infatti sempre tenere liberi e ben aerati scale e ballatoi. È di particola-
necessario individuare le manifestazioni di degrado e re importanza, inoltre, il controllo periodico dello stato
dissesto in atto o pregresse e le loro possibili cause. In di conservazione degli elementi, con riferimento, in
generale, gli interventi dovranno in ogni caso tendere particolare, ai problemi di stabilità e di connessione;
a conservare e riparare gli elementi originali esistenti e eventuali interventi di riparazione, rinforzo o sostituzio-
a rimuovere, eventualmente, quelli che risultano estra- ni localizzate di elementi la cui stabilità sia fortemente
nei ai caratteri propri dell’architettura locale. compromessa devono essere condotti con l’impiego di
Per ogni tipo di intervento (manutenzione, riparazione, materiali appartenenti alla tradizione costruttiva locale
eventuale integrazione dei ballatoi e delle scale esi- e con attenzione a non modificare forme, finiture e fun-
stenti, eventuale costruzione di nuovi elementi) è sem- zioni degli elementi.
158
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

Nel caso di interventi che prevedano la realizzazione funzione dell’edificio in cui sono inseriti e del tipo di
ex novo, l’integrazione o la sostituzione di parti consi- ballatoio esistente.
stenti di ballatoi e scale esterne esistenti, è opportuno Le protezioni e i parapetti devono essere realizzati
progettare gli elementi in modo da rispettare la conce- preferibilmente in legno, secondo le forme e le soluzio-
zione strutturale del manufatto e dell’edificio. ni tecnologiche tradizionali o, al limite, in funzione del
In linea generale, in presenza di ballatoi e di scale in tipo di edificio, in piattine e tondini di ferro, a disegno
legno è consigliato il loro mantenimento, ricorrendo, semplice e riprendendo le tipologie tradizionali.
per eventuali integrazioni, riparazioni e sostituzioni Per le scale esterne si consiglia di ricorrere al legno,
parziali, allo stesso materiale, evitando l’utilizzo di pie- alla pietra locale o alla muratura intonacata, in funzio-
tra e acciaio. ne del tipo di edificio in cui va inserito l’elemento. È
Per i ballatoi, si consiglia di utilizzare, per le mensole consigliabile la pietra locale o il legno, in particolare,
di sostegno, il legno, limitando l’inserimento di modi- nei casi in cui l’elemento sia inserito in un contesto ca-
glioni in pietra o di mensole in ferro forgiato e trattato ai ratterizzato da edifici in muratura di pietra a vista. Per
casi in cui questi elementi siano già presenti nella co- le scale in muratura, si consiglia di realizzare le pedate
struzione oggetto di intervento. In caso di sostituzione dei gradini con lastre di pietra non lucidata ed evitando
o di aumento dimensionale delle mensole di sostegno sempre l’impiego di materiali ceramici.
incastrate nella muratura, è consigliabile, se possibile, Per integrazioni di lambrecchini si consiglia di utilizza-
riutilizzare le sedi già esistenti. re sempre elementi in legno, di dimensioni e finitura
Gli impalcati possono essere realizzati con tavole di le- analoghe a quelle degli elementi esistenti.
gno, in lastre di pietra o voltini di ferro e laterizio, in

159
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

B A L L A T O I
FASI PRELIMINARI ALL’INTERVENTO CRITERI GENERALI D’INTERVENTO
Prima di ogni intervento sui ballatoi e sugli elementi Gli interventi dovranno rispettare le caratteristiche
accessori, è necessario, almeno attraverso un rilievo dell’esistente, conservando e riparando gli elementi
e un’attenta analisi visiva, verificare le condizioni di esistenti, integrando quelli mancanti e sostituendo
efficienza e lo stato di conservazione, in particolare, quelli degradati con altri analoghi per forma, dimen-
degli elementi strutturali di sostegno, controllandone sioni, materiali e finitura a quelli esistenti, eventual-
la geometria, l’eventuale presenza di deformazioni, mente rimuovendo quelli che risultano estranei ai ca-
rotture, sconnessioni o altri fenomeni di degrado. ratteri tipici dell’architettura locale. È da evitare l’im-
piego di elementi in acciaio o calcestruzzo di
cemento armato.

INTERVENTI AMMISSIBILI INTERVENTI NON AMMISSIBILI


– Manutenzione, riparazione o sostituzione di ele- – Sostituzione di elementi degradati con altri di mate-
menti in legno deteriorati con altri di identico materia- riale, forma, dimensioni e finitura diversi da quelli de-
le, di forma, dimensioni e lavorazione analoghi. gli elementi esistenti.
– Rimozione di solettine in calcestruzzo e loro sosti- – Sostituzione di elementi in legno esistenti con altri
tuzione con impalcati in legno. in calcestruzzo di cemento armato o in metallo.
– Sostituzione di mensole in ferro con elementi lignei. – Riparazioni o sostituzioni di elementi con altri di cal-
– Riparazione o sostituzione di ringhiere metalliche cestruzzo di cemento.
esistenti, realizzate a disegno semplice, con piattine – Variazioni di forme e dimensioni dell’elemento e
e tondini, con altre dello stesso tipo. delle parti che lo costituiscono.

INTERVENTI CRITICI – AMMISSIBILITÀ DA VALUTARE CASO PER CASO


Se necessario, per ragioni funzionali o di rispetto della normativa, non altrimenti risolvibili, o in casi particolari,
da valutare caso per caso, anche in funzione della morfologia e dei caratteri dell’edificio:
– Limitate variazioni dimensionali (imposte da ragioni di sicurezza e fruibilità).
– Sostituzione di solettine in calcestruzzo esistenti con lastre di pietra poste in opera a secco.
– Sostituzione di parapetti in legno esistenti con ringhiere in ferro dal disegno semplice (composte da bacchette
verticali e correnti costituiti da semplici piattine) o con altri, sempre in legno, ma di disegno diverso dall’esisten-
te, comunque appartenenti alla tradizione costruttiva locale.

160
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

S C A L E E S T E R N E
FASI PRELIMINARI ALL’INTERVENTO CRITERI GENERALI DI INTERVENTO
Prima di ogni intervento sulle scale esterne è neces- Gli interventi dovranno tendere, in generale, a con-
sario, almeno attraverso un rilievo e un’attenta analisi servare gli elementi esistenti, integrando quelli man-
visiva, verificare le condizioni di efficienza e lo stato canti con altri nuovi in tutto analoghi ai primi. Si con-
di conservazione degli elementi strutturali di soste- siglia il mantenimento delle scale in legno o in pietra
gno, controllandone la geometria e la corretta posi- esistenti, impiegando, per eventuali integrazioni, ripa-
zione, accertando l’eventuale presenza di deforma- razioni e sostituzioni parziali, elementi di materiale,
zioni o rotture negli elementi. forma, dimensioni e finitura analoghi a quelli degli
elementi esistenti.

INTERVENTI AMMISSIBILI INTERVENTI NON AMMISSIBILI


– Sostituzione delle scale a pioli di accesso ai ballatoi – Variazioni di forme e dimensioni dell’elemento e
e ai fienili con scale fisse in legno che riprendano i delle parti che lo costituiscono.
caratteri delle scale appartenenti alle tipologie tipiche – Sostituzione di elementi degradati con altri di mate-
della tradizione costruttiva locale. riale, forma, dimensioni e finitura diversi da quelli de-
– Manutenzione, riparazione o sostituzione di ele- gli elementi esistenti.
menti degradati con altri di materiale, forma, dimen- – Riparazione o integrazione di strutture e pedate in
sioni e lavorazione analoghi a quelli esistenti. pietra con elementi in calcestruzzo di cemento.
- Realizzazione di parapetti pieni in elementi di calce-
struzzo di cemento, in muratura grigliata, in alluminio
anodizzato.

INTERVENTI CRITICI – AMMISSIBILITÀ DA VALUTARE CASO PER CASO


Se necessario, per ragioni funzionali o di rispetto della normativa, non altrimenti risolvibili, da valutare caso per
caso:
– Limitate variazioni dimensionali, planimetriche e altimetriche, imposte da ragioni di sicurezza e fruibilità.
– Inserimento di parapetti di protezione, progettati nel rispetto della tradizione costruttiva locale, in scale che ne
siano sprovviste.

161
162
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

SISTEMI DI ORIZZONTAMENTO: state sostituite, nel tempo, da travi metalliche, molto uti-
SOLAI E VOLTE lizzate a partire dalla fine dell’Ottocento.
Nei solai in legno, le travi sono costituite da tronchi
Gli orizzontamenti intermedi degli edifici rurali della semplicemente scortecciati, qualche volta sbozzati, e
Langa delle Valli Belbo, Bormida e Uzzone sono gene- alloggiati nelle murature d’ambito. Nel caso di solai a
ralmente costituiti da solai in legno, a orditura sempli- doppia orditura, i travetti sono generalmente sovrappo-
ce, realizzati con travi i castagno o rovere. Le volte in sti alle travi principali, solo qualche volta sono parzial-
muratura, in pietra o in mattoni, sono limitate alla stalla. mente incassati nel loro spessore. Nel caso in cui sia
Si tratta generalmente di strutture a morfologia e appa- presente sul fronte un ballatoio, spesso le travi in legno
recchiatura semplice, lasciata a vista, soprattutto per del solaio proseguono a sbalzo verso l’esterno, andan-
quelle in pietra che sono, quasi esclusivamente, volte a do a costituire la struttura d’appoggio del ballatoio.
botte. Le volte in mattoni possono anche essere a vela. Il piano di calpestio, per i solai in legno, è per lo più co-
Spesso nella volta era ricavata una piccola apertura, stituito da un tavolato realizzato spesso con assi sega-
una botola, detta bouch der gripioun, che serviva per te a mano da tronchi appena scortecciati, connesse
immettere direttamente il fieno dal fienile alla greppia mediante chiodatura all’orditura di sostegno. Talvolta,
nella stalla sottostante. In alcuni edifici sono ancora come per le strutture voltate, è presente un pavimento
presenti sistemi di orizzontamento costituiti da travi in sovrastante realizzato in legno, in pietra o in mattonel-
legno che sorreggono voltini in pietra o in mattoni, posti le in cotto posate su massetto di sabbia.
di piatto o di coltello. In molti casi le travi in legno sono

163
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

DEGRADO E DISSESTO tutto in corrispondenza delle teste delle travi e dei ta-
volati, a marcescenza. In generale, i fenomeni di de-
Le volte in pietra o in muratura di laterizio, oltre alle for- grado sono innescati dalla presenza di umidità di varia
me di degrado proprie dei materiali che le costituiscono, natura, dovuta, per esempio, a infiltrazioni d’acqua, e
possono presentare segni di dissesti strutturali, denun- dalla carenza o mancanza completa di manutenzione.
ciati dalla presenza di distacchi, rotture, lesioni, cedi- Ai fenomeni di degrado del materiale vanno così ad
menti, deformazioni locali, soprattutto in corrisponden- aggiungersi, spesso, dissesti strutturali di varia origine
za dei punti critici, come le imposte, le reni, il cervello e ed entità, deformazioni e rotture delle travi o dei travet-
gli spigoli. Tali dissesti possono essere causati da diver- ti, talvolta anche crolli parziali, dovuti, principalmente,
si fattori, che possono anche essere aggravati da im- a problemi di sovraccarico delle strutture, alla marce-
perfezioni costruttive o da interventi impropri quali, per scenza del legno o a dissesti generali della costruzio-
esempio, il taglio delle catene. ne. Sono ricorrenti, per esempio, lo sfilamento delle te-
I solai in legno sono soggetti, in particolare, ai fenome- ste delle travi dalle murature, la sconnessione di ele-
ni di degrado tipici del materiale di cui sono costituiti e, menti e parti dell’impalcato o del sovrastante piano di
in particolare, agli attacchi di agenti biologici e, soprat- calpestio.

164
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

CRITERI DI INTERVENTO done l’apparecchiatura. Particolare attenzione deve


essere posta agli eventuali rinfianchi di cui si sconsi-
In linea generale, è opportuno conservare gli orizzon- glia l’improvvisa rimozione per non mutare gli equilibri
tamenti voltati e quelli in legno esistenti, eventualmen- raggiunti dalla volta. In generale, si sconsiglia anche di
te intervenendo con sistemi di rinforzo e di consolida- rimuovere gli strati di intonaco eventualmente presenti
mento. In presenza di sistemi di orizzontamento che all’intradosso delle volte e di lasciare a vista volte rea-
presentino lesioni, è sempre necessario ricorrere alla lizzate per essere rivestite con intonaco.
consulenza di specialisti nel settore strutturale. Per interventi di recupero dei solai in legno, i principa-
I sistemi di intervento possibili, in ragione delle diverse li interventi per garantire la sicurezza e regolarizzare il
tipologie di lesioni riscontrabili e delle relative cause, piano di calpestio sono essenzialmente operazioni di
sono numerosi e prevedono l’impiego di materiali di- rinforzo degli elementi strutturali, realizzabili secondo
versi e l’applicazione di tecniche più o meno invasive. tecniche diverse, per esempio attraverso l’inserimento
In linea generale, si consiglia, sia in presenza di oriz- di travi rompitratta, di nuovi sostegni alle teste delle
zontamenti voltati, sia in presenza di solai in legno, di travi o di puntelli intermedi. Interventi ricorrenti sono
privilegiare interventi poco invasivi, che utilizzino tecni- anche la sostituzione di singoli elementi ammalorati,
che e materiali tradizionali, escludendo, per esempio, i da effettuare con elementi analoghi per materiale, la-
consolidamenti attuati con cappe o controvolte in cal- vorazione e finitura a quelli esistenti, e interventi tesi a
cestruzzo cementizio armato. L’integrazione di volte diminuire l’elasticità della struttura, per esempio con
parzialmente crollate dovrebbe essere realizzata con l’inserimento di un tavolato ortogonale e sovrapposto
materiali simili a quelli della volta esistente, rispettan- a quello esistente.

165
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

V O LT E
FASI PRELIMINARI ALL’INTERVENTO CRITERI GENERALI DI INTERVENTO
È sempre necessario, in via preliminare, valutare affi- In linea generale, gli interventi devono tendere a con-
dabilità ed efficienza residua della struttura voltata ed servare gli orizzontamenti voltati esistenti. Se neces-
effettuare un rilievo accurato, annotando la presenza sario, si può intervenire con sistemi di rinforzo e di
e le caratteristiche di eventuali lesioni, sconnessioni consolidamento poco invasivi, che utilizzino tecniche
localizzate, deformazioni, problemi di degrado dei e materiali tradizionali e che non appesantiscano e
materiali costituenti, presenza di catene metalliche o non modifichino il comportamento statico della strut-
di altri dispositivi tesi a ridurre le spinte laterali e, tura. Pertanto, si sconsigliano interventi di consolida-
quando possibile, il tipo di apparecchiatura. mento realizzati con cappe armate o con controvolte
di calcestruzzo cementizio armato.

INTERVENTI AMMISSIBILI INTERVENTI NON AMMISSIBILI


– Interventi di pulitura meccanica, eventualmente ri- – Rimozione dei rinfianchi senza preventivo puntella-
correndo a una sabbiatura leggera, per volte in mat- mento provvisionale della struttura.
toni o pietra a vista. – Interventi che mutino in modo sostanziale i caratte-
– Completamenti di volte in parte crollate con mate- ri, l’organizzazione e il comportamento strutturale
riali simili a quelli della volta esistente e seguendo la dell’edificio.
stessa apparecchiatura. – Interventi di consolidamento che prevedano il sem-
plice impiego di getti in calcestruzzo cementizio ar-
mato direttamente gravanti sulla volta.

INTERVENTI CRITICI – AMMISSIBILITÀ DA VALUTARE CASO PER CASO


Se necessario, per ragioni funzionali o di rispetto della normativa, non altrimenti risolvibili, da valutare caso per
caso:
– Interventi di consolidamento con l’inserimento di catene metalliche o di rinforzi in muratura nel rispetto della
concezione strutturale della volta e dell’edificio nel suo complesso.
– Rivestimento a intonaco di strutture voltate in pietra o in mattoni a vista.
– Sostituzione delle travi in legno degli orizzontamenti a voltine laterizie con altre travi in profilati d’acciaio.
– Interventi di consolidamento che prevedano eventualmente anche l’impiego di getti in calcestruzzo cementi-
zio armato, solo se progettati in modo da assicurare la necessaria ventilazione all’elemento e con le opportune
connessioni alle murature d’ambito, in modo da non gravare completamente sulla struttura voltata.

166
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER PARTE SECONDA
VALLI BELBO, BORMIDA E UZZONE
GUIDA AL RECUPERO COMUNI DI IGLIANO E PAROLDO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II ELEMENTI COSTRUTTIVI

SOLAI
FASI PRELIMINARI ALL’INTERVENTO CRITERI GENERALI DI INTERVENTO
Prima di ogni intervento sui solai lignei è necessario, In linea generale, si consiglia di conservare sempre
anche attraverso un rilievo e un’attenta analisi visiva, gli orizzontamenti a struttura lignea. Sono possibili in-
verificare la consistenza e lo stato di conservazione terventi di rinforzo, anche con la sostituzione delle
degli elementi costitutivi del solaio, la presenza di parti fortemente degradate, finalizzati alla messa in
umidità nelle murature e negli elementi lignei, valuta- sicurezza della struttura, utilizzando preferibilmente
re origine, natura e pericolosità di eventuali dissesti elementi in legno trattato o in acciaio, evitando ele-
strutturali. È sempre necessario effettuare calcoli menti in calcestruzzo di cemento armato.
strutturali per verificare l’efficienza e la sicurezza del
solaio.

INTERVENTI AMMISSIBILI INTERVENTI NON AMMISSIBILI


– Interventi di rinforzo con tecnologie che prevedano – Sostituzione di elementi degradati, non più recupe-
l’impiego di elementi in legno. rabili, con altri in calcestruzzo di cemento armato get-
– Rinforzi localizzati delle connessioni esistenti e so- tato in opera o prefabbricato.
stituzione di elementi ammalorati con altri in legno – Realizzazione di solai con struttura in calcestruzzo
dello stesso tipo, stagionato e trattato. armato o in latero-cemento a sostituzione o comple-
– Trattamenti di protezione degli elementi lignei. tamento di solai lignei esistenti, salvo per il rispetto
– Inserimento di singoli elementi di rinforzo (travi delle norme antisismiche, se imposte, e sempre se-
rompitratta, raddoppio di travi e travetti, mensole o condo il criterio del «miglioramento» e non dell’ade-
dormienti e così via) utilizzando tecnologie che pre- guamento.
vedano l’impiego di elementi in legno.
– Realizzazione di un nuovo tavolato a orditura incro-
ciata rispetto a quella dell’assito esistente, connesso
a questo mediante chiodatura.

INTERVENTI CRITICI – AMMISSIBILITÀ DA VALUTARE CASO PER CASO


Se necessario, per ragioni funzionali o di rispetto della normativa, non altrimenti risolvibili, da valutare caso per
caso:
– Interventi di rinforzo con l’inserimento di travi, travetti ed elementi strutturali in acciaio.
– Interventi di inserimento di nuovi elementi di rinforzo o di sostituzione di elementi esistenti con elementi in le-
gno lamellare, in presenza di luci superiori a 5 m.
– Modifica dell’impostazione statica del solaio.

167
168
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

GUIDA
ALLA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE

169
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

LA NORMATIVA

ILa frenetica attività normativa in campo energetico e ambientale degli ultimi anni, condotta a vari livelli - comuni-
tario, nazionale e regionale - restituisce oggi un quadro complesso di Direttive, Leggi, Norme tecniche, Regola-
menti e Codici di pratica fra i quali non è così semplice orientarsi. Il settore edilizio non fa eccezione: a seguito
del piano d'azione sull'efficienza energetica della Commissione Europea, approvato nel 2000, è stata riconosciu-
ta la centralità del settore residenziale e terziario in campo energetico, con oltre il 40% del consumo finale di
energia della Comunità Europea.
A partire dalla presa di coscienza dei cambiamenti climatici e dal Protocollo di Kyoto si sta sempre più dirigendosi
verso strategie e azioni integrate che interessano tutto il pianeta e investono aspetti sociali, produttivi, economici
e ambientali, nell'ottica di uno sviluppo sostenibile. La strategia "Europa 2020", le "smart city", le "riduzioni di
C02", il "patto dei Sindaci" sono espressioni legate a fondamentali azioni a carattere ambientale ed energetico
che cominciano a entrare nel linguaggio comune.
L'attenzione della Commissione Europea e degli Stati membri, negli ultimi anni, si è sempre più focalizzata sulla
questione energetica nel settore produttivo, dei trasporti e delle costruzioni. Nel settore edilizio, in particolare,
sono state individuate politiche di sostenibilità di produzione dei materiali da costruzione e riduzione delle
emissioni nocive, contenimento dei consumi energetici a livello di esercizio degli edifici, strumenti di
incentivazione all'utilizzo di fonti rinnovabili per la produzione di energia. Già la Direttiva comunitaria 89/106/CEE
del 1988, specificava, che "l'edificio e i relativi impianti di riscaldamento, condizionamento ed aerazione devono
essere progettati e realizzati in modo da richiedere, in esercizio, un basso consumo di energia, tenuto conto delle
condizioni climatiche del luogo e nel rispetto del benessere degli occupanti".
Allo stato attuale, con la strategia Europa 2020, rispetto al settore dei cambiamenti climatici e della questione
energetica, gli obiettivi prefissati da raggiungere entro il 2020 sono: la riduzione delle emissioni di gas serra
almeno del 20% rispetto al 1990; il 20% del fabbisogno di energia ricavato da fonti rinnovabili; aumento del 20%
dell'efficienza energetica.
Il 2020 è alle porte e si stanno mettendo a punto gli strumenti correttivi che dovranno permettere di raggiungere
gli obiettivi fissati dall'Unione Europea e intanto si guarda al futuro: la roadmap di Europa 2050, presentata a
Bruxelles nel marzo 2011, mira a raggiungere una riduzione dei gas serra dell'80-95% entro il 2050, rispetto al
1990.
Risulta particolarmente significativo qui richiamare, nello specifico, alcuni aspetti della normativa a livello centrale
e regionale che più interessano il tema trattato dalla Guida.

170
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

La Legge Regionale n. 13 del 28 maggio 2007, "Disposizioni in materia di rendimento energetico nell'edilizia",
pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 22 del 31/05/2007, in vigore dal 15 giugno 2007, dà
attuazione alla direttiva dell'Unione Europea 2002/91/CE recepita dall'Italia con il Decreto Legislativo 192/05 (e
successivamente con il D.Lgs. 311/06). Il provvedimento e punta ad aggiornare e semplificare la normativa del
settore, nel rispetto dei vincoli che derivano dall'ordinamento europeo e dei principi fondamentali stabiliti dalla
normativa europea ed italiana. L'obiettivo della legge è quello di conseguire un significativo risparmio energetico
nel settore dell'edilizia, i cui consumi costituiscono oltre il 30% del consumo energetico complessivo a livello
regionale.
La D.G.R. n. 43-11965 del 4 agosto 2009 (poi modificata dalla D.G.R. n. 1-12374 del 20 ottobre 2009) approva
le disposizioni attuative della Legge regionale 13 del 2007 che disciplinano la Certificazione energetica degli
edifici. Con la D.G.R. n. 45-11967 del 4 agosto 2009 sono state approvate le disposizioni attuative in materia di
impianti solari termici, impianti da fonti rinnovabili e serre solari. L'allegato alla D.G.R. fornisce, attraverso schede
tipologiche, una serie di schemi e criteri di installazione e integrazione architettonica, difficilmente esportabili e
applicabili agli edifici esistenti nell'ottica della conservazione dell'identità dei luoghi e della valorizzazione del
patrimonio edilizio esistente a carattere rurale.
Alle "Linee guida per l'autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili", emanate con D.M. 10
settembre 2010, la Regione Piemonte, con D.G.R. n. 3-1183 del 14 dicembre 2010, procede all'Individuazione
delle aree e dei siti non idonei all'installazione di impianti fotovoltaici a te. Le indicazioni regionali se, da una parte,
limitano fortemente quello che sembrava essere l'ormai inarrestabile consumo di suolo dovuto al proliferarsi dei
cosiddetti "campi fotovoltaici", dall'altra favorisce indirettamente l'installazione in copertura di impianti fotovoltaici
di piccola taglia, con evidenti ricadute sul paesaggio costruito.
E' da segnalare, infine, la Direttiva 2010/31/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 19 maggio 2010 sulla
prestazione energetica nell'edilizia che costiuisce una rifusione della precedente Direttiva 2002/91/CE e che si
allinea alle disposizioni derivanti dai nuovi obiettivi di risparmio energetico introdotti con la strategia del
cosiddetto "20-20-20", cioè il 20% in meno di effetto serra e incremento del 20% di energie rinnovabili entro il
2020. In particolare la Direttiva introduce il concetto di "edificio a energia quasi zero" applicabile anche agli edifici
esistenti soggetti a ristrutturazione, lasciando agli Stati membri le possibilità di limitazione ad esempio per edifici
agricoli o di particolare pregio architettonico.

171
172
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

Principi
per il recupero sostenibile

173
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

DALL’’ARCHITETTURA BIOCLIMATICA ALL’APPROCCIO ECOCOMPATIBILE AL PROGETTO

Il termine “sostenibilità”, che si porta dietro tutti i suoi significati di carica positiva legati agli aspetti economici,
ambientali, sociali e culturaliè oggi entrato a far parte del linguaggio comune, anche se non sempre è utilizzato
in modo appropriato e, talvolta, se ne fa abuso.
Rispetto al tema dell’architettura e nella sua forma di aggettivo per specificare i caratteri di un’intervento di
recupero del patrimonio costruito, la sostenibilità viene associata alla concezione bioclimatica dell’architettura,
all’impiego di materiali di provenienza locale, all’essenzialità della forma, alla limitata necessità di risorse preziose
per l’intervento e per la manutenzione, come può ormai essere considerata l’acqua, all’integrazione nel contesto,
alla possibilità di riutilizzo o riciclabilità dei materiali da costruzione in fase di dismissione, alla fine del ciclo di vita
della costruzione.
Tutti questi elementi che oggi ci fanno classificare una costruzione o un intervento come “sostenibile” fanno parte
della concezione dell’architettura rurale tradizionale, quell’architettura che molti indicano come “spontanea” o
“architettura senza architetto” e che, forse in modo più incisivo, Giuseppe Pagano definiva “architettura di
necessità”. Scegliere i versanti e i luoghi soleggiati, evitando accuratamente zone a pericolo di frana o di
esondazione dei corsi d’acqua, orientare l’edificio in funzione del sole e dei venti dominanti, utilizzare la
vegetazione o gli sporti naturali come schermo, captare il sole con gli sguinci delle aperture, distribuire i locali di
abitazione, le stalle e i fienili in mdo da sfruttare in inverno il calore prodotto dagli animali, usare in modo
appropriato i materiali che il luogo poteva offrire - terra, pietra, paglia, legno - sfruttando le caratteristiche
tecniche di ognuno, raccogliere l’acqua dal tetto...e così via: la cultura costruttiva contadina è un modello di quella
sostenibilità che oggi dobbiamo studiare, impostare a tavolino, valutare e monitorare. Osservate l’architettura
rurale del G.A.L. Langhe Roero Laeder, così come tutta l’architettura contadina, e chiedersi il perchè delle cose,
delle soluzioni distributive o tecnologiche adottate nelle costruzioni, è un’esercizio utile per riscoprire l’essenza
della sostenibilità, per imparare a ri-conoscerne i principi, a rispettarla e a ri-proporla anche in modo innovativo,
ma mai con atteggiamento di sufficienza o di negazione.
L’aggettivo “bioclimatica”, associabile all’architettura” è composto dal termine “bio” che significa vita e dal
termine “clima”, significa quindi vita con il clima. L’architettura cosiddetta bioclimatica è un’architettura che si
rapporta in modo stretto al clima del sito in cui è inserita, sfruttandone al meglio le caratteristiche. L’approccio
bioclimatico è, più o meno consapevolmente, alla base dell’architettura tradizionale di tutti i paesi del mondo e di
tutte le culture e trova riscontro anche in natura.
L’attenzione al clima, l’esposizione solare e l’utilizzo dell’acqua o del vento per raffrescare gli ambienti trova

174
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

soluzioni in molte civiltà premoderne. Numerose soluzioni costruttive tradizionali, diffuse in culture specifiche,
scaturiscono dall’osservazione delle caratteristiche specifiche del clima locale e impiegano materiali locali e,
risultano, diremmo oggi, a basso impatto ambientale. Con il progresso, l’industrializzazione e la possibilità di
utilizzare altre fonti energetiche, questo stretto rapporto fra luogo e architettura è andato perdendosi, a favore di
sistemi edilizi e modi di costruire indipendenti dalle condizioni locali e dal clima, dotati di ”moderni” e più comodi
impianti energivori, che hanno posto le basi dell’attuale inquinamento. Gli esiti di questa indipendenza della
costruzione dal luogo in cui è inserita e le nuove tecnologie che hanno permesso la realizzazione di involucri
sottili e trasparenti ha portato a livellare verso la globalizzazione l’immagine delle città.
Le ripercussioni sull’ambiente sono state notevoli e l’inversione di tendenza a seguito della crisi energetica degli
anni Settanta ha avuto un lento avvio: solo in questi ultimi anni sta arrivando a maturazione, anche per ll’impegno
politico e le strategie che molti paesi del mondo stanno adottando.
In realtà , l’architettura bioclimatica ha avuto una fase pionieristica già in tempi precedenti alla crisi energetica
che, tuttavia, ha lasciato segni importanti e ha tracciato il solco per introdurre in modo sistematico e consapevole,
diremmo scientifico, il tredizionale approccio bioclimatico alla progettazione architettonica.
Risalgono alla fine degli anni Cinquanta, infatti, le richerche dei fratelli Olgyay presso la Princeton University che
portarono alla pubblicazione del volume “Design with climat” (Progettare con il clima).
II territori rurali, in genere, sono passati indenni dalla globalizzazione ma hanno soprattutto conosciuto
l’abbandono e il degrado, con la perdita quasi completa del sapere costruttivo del contadino-costruttore.
Rimangono numerose testimonianze di questa cultura sulle quali è urgente intervenire perchè non vadano
perdute per sempre.
Oltre agli aspetti climatici, nella progettazione odierna è necessario prendere in considerazione altri fattori: non
solo il clima, ma tutte le risorse naturali, l’acqua, la vegetazione, il suolo, lacqua concorrono adefinire l’ambiente
nel quale la costruzione va inserita o con il quale si deve rapportare un edificio esistente. Le vesti strettamente
bioclimatiche stanno ormai strette e ci si deve orientare verso approcci ecocompatibili, che considerino cioè,
direttamente o indirettamente, l’ambiente nella sua globalità.
L’obiettivo principale da perseguire con un approccio ecocompatibile è ottenere costruzioni che garantiscano agli
utenti condizioni comfortevoli, in termini termoigrometrici (umidità e temperatura nella situazione invernale ed
estiva), di illuminazione, di ventilazione, di qualità dell’aria e dell’acqua, limitando l’impiego di energia prodotta da
fonti non rinnovabili e salvaguardando l’ambiente.

175
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

SISTEMI PASSIVI E SISTEMI ATTIVI

Il controllo delle interazioni dei diversi parametri climatici può avvenire attraverso scelte appropriate a livello
morfologico, di orientamento e tecnologiche dell’edificio, privilegiando il rapporto fra clima ed edificio e
utilizzando fonti di energia come il sole e il vento. L’architettura bioclimatica è nota anche come “architettura
passiva” in quanto, ai fini del riscaldamento o del raffrescamento, il controllo delle dinamiche di scambi
termofisici e i trasferimenti di energia avvengono in modo passivo, senza cioè l’impiego di energia esogena, ma
semplicemente utilizzando gli strumenti dell’orientamento, della forma, dei materiali e della configurazione
tecnologica.
Oggi si parla,per gli edifici di nuova costruzione, di “casa passiva” e si tede all’edificio “a energia zero”, cioè che
non consuma energia da fonte non rinnovabile.
Tra i cosiddetti “sistemi passivi”, si possono considerare tutti i sistemi che contribuiscono controllare il
microclima interno di un edificio, utilizzati cioè per il riscaldamento/raffrescamento degli edifici, senza l’apporto
di energia prodotta a partire da fonti non rinnovabili. Rientrano fra questi sistemi soluzioni di involucro trasparente
e opaco, le serre, le doppie pelli, le facciate ventilate, gli schermi, i camini solari, le torri del vento, i tetti e le
facciate verdi.
Se tendere all’obiettivo di edificio a energia zero è oggi, se non facile, fattibile per le nuove costruzioni, per gli
edifici esistenti non è sempre possibile, almeno in un’ottica di compatibilità con il costruito e con il paesaggio.
Negli edifici rurali tradizionali, gioca a favore l’impostazione di base secondo la cultura costruttiva tradizionale e,
quindi, già in un’ottica bioclimatica, ma la coerenza degli interventi proponibili
di riqualificazione energeticacon i caratteri del costruito esistente non è sempre garantita.
La questione si presenta, quindi, come complessa e deve essere affrontata con un approccio “caso per caso” e
una buona dose di buon senso. Diventa dunque principalmente una questione di progetto e di qualità del progetto
più che di strumenti, dovendo tener conto oltre che dell’obiettivo di risriduzione dei consumi energetici anche del
rispetto del costruito esistente e della cultura che l’ha prodotto.
Nella stessa ottica va affrontato l’utilizzo dei cosiddetti “sistemi attivi” che, invece, pur sfruttando fonti di energia
rinnovabili, come quella solare, necessitano di un apporto energetico per il loro funzionamento. Sono classificabili
come sistemi attivi, ad esempio, i collettori solari termici per la produzione di acqua calda e i sistemi fotovoltaici
per la produzione di energia elettrica.
In ogni caso, negli interventi sul patrimonio edilizio esistente, si pone come problematico il rapporto fra i sistemi
che si aggiungono (o sostituiscono) e l’esistente, sotto il punto di vista della compatibilità fisica, dell’armonia

176
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

PRINCIPI GUIDA PER IL RECUPERO SOSTENIBILE

Nell’ottica della sostenibilità, intesa secondo i parametri a carattere economico, ambientale, sociale e
culturale, nell’affrontare gli interventi di recupero del patrimonio edilizio esistente e, in particolare quelli
del patrimonio architettonico a carattere rurale, si possono delineare i seguenti principi guida:

- OGNI INTERVENTO DEVE ESSERE AFFRONTATO SECONDO UN APPROCCIO “CASO PER CASO”

- GLI INTERVENTI DI RECUPERO DEVONO TENDERE ALLA REVERSIBILITÀ

- GLI INTERVENTI DEVO TENDERE A CONSERVARE LA LEGGIBILITÀ, DI INSIEME E DI DETTAGLIO, DELLA FABBRICA,
TENDENDO AD AGGIUNGERE PIUTTOSTO CHE A TOGLIERE

- L'INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA SU UN EDIFICIO RURALE TRADIZIONALE DEVE RISPETTARE I


CARATTERI DELL'EDIFICIO E DEL SUO CONTESTO;

- NEGLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA È NECESSARIO PRIMA DI TUTTO CONTENERE I CONSUMI


ENERGETICI (RIDURRE IL FABBISOGNO E GLI SPRECHI), SOLO SUCCESSIVAMENTE VALUTARE L’OPPORTUNITÀ DI
INSERIRE SISTEMI DI PRODUZIONE DI ENERGIA A PARTIRE DA FONTI RINNOVABILI

- PRIVILEGIARE I SISTEMI PASSIVI E L’IMPIEGO DI MATERIALI LOCALI, PROPRI DELLA TRADIZIONE COSTRUTTIVA LOCALE,
MATERIALI E TECNOLOGIE A RIDOTTO IMPATTO AMBIENTALE, NATURALI ED ECOCOMPATIBILI, VERIFICANDO LA
COMPATIBILITÀ CON L’ESISTENTE

- VALUTARE L’ESISTO DELLE SCELTE DI INTERVENTO IN UN’OTTICA SISTEMICA E COMPLESSIVA E, NEL CASO DI
INTERVENTI PARZIALI, VALUTARE ATTENTAMENTE LE POSSIBILI CONSEGUENZE SULL’INTERO SISTEMA EDILIZIO.

- IN GENERALE SI TENDERÀ A SOLUZIONI DI COMPROMESSO ACCETTABILI DAL PUNTO DI VISTA ENERGETICO E


AMBIENTALE PIUTTOSTO CHE MIRARE A INTERVENTI CHE SODDISFINO PIENAMENTE GLI ASPETTI ENERGETICI A SCAPITO
DELLA CONSERVAZIONE DELL'EDIFICIO.

177
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

nell’accostamento, nell’aspetto, ecc.. Il concetto di integrabilità così come espresso dalla normativa di settore
risulta nei casi di recupero estremamente riduttivo.
Non è da sottovalutare, poi, come, sulla spinta delle politiche di incentivazione, vengano realizzati interventi
parziali che, se non attentamente controllati, possono avere ripercussioni anche negative su tutto il sistema. La
sostituzione dei serramenti per migliorarne le prestazioni, ad esempio, se non associato a sistemi di ventilazione
adeguati e all’isolamento termico dell’involucro opaco, può innescare fenomeni di condensa sulle pareti, con
conseguente formazione di macchie, muffe e insalubrità degli ambienti.
Nella riqualificazione energetica degli edifici esistenti è necessario riuscire a trovare soluzioni che riescano a
coniugare il rispetto delle istanze di conservazione dell'esistente e il miglioramento delle prestazioni energetiche,
mirando all'integrazione delle tecnologie adottate. Per certi versi, quando si tratta di intervenire su edifici realizzati
con tecniche tradizionali, generalmente caratterizzati da strutture murarie ad elevata inerzia termica e aperture di
dimensioni ridotte, l'intervento di riqualificazione energetica può essere anche molto ridotto. Certamente non è
possibile generalizzare: in tutti gli interventi sul patrimonio costruito esistente e ancor più se si tratta di edifici storici
di pregio, è necessario procedere con attenzione, con un approccio "caso per caso", in quanto ogni edificio, ogni
ambito urbano o paesaggistico è unico, presenta problematiche e caratteristiche che possono richiedere soluzioni
specifiche, studiate ad hoc, non fermandosi alla prima soluzione individuata, ma andando oltre, cercando di
esplorare e ricercare soluzioni alternative, che rispondano meglio agli obiettivi del progetto.
L'intervento di riqualificazione energetica consapevole del patrimonio edilizio esistente deve confrontarsi innanzi
tutto con soluzioni tecnologiche passive per ridurre la domanda di energia (per l'illuminazione, il riscaldamento e il
raffrescamento), poi con l'uso di tecnologie attive per rispondere alla domanda di energia, massimizzando l'utilizzo
dell'energia prodotta.
La riduzione del fabbisogno energetico e l'integrazione fra costruito esistente e tecnologie innovative che sfruttano
fonti di energia rinnovabile sono le sfide progettuali da affrontare.

178
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

Riduzione del fabbisogno


e dei consumi energetici

179
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

LA RIDUZIONE DEL FABBISOGNOP E DEI CONSUMI ENERGETICI

La questione ambientale impone di affrontare il recupero dell’architettura esistente, anche di quella a carattere
rurale, che a tutti gli effetti rientra nel patrimonio costruito cui va riconosciuto un valore storico-culturale, in un’ottica
diversa dal passato.
Il progetto di riqualificazione energetica del patrimonio architettonico rurale è un tema estremamente attuale e
delicato. La complessità degli interventi sul costruito esistente (siano essi di restauro, di conservazione, di recupero,
di riqualificazione, di ristrutturazione edilizia, di manutenzione) che comprendano forme di adeguamento energetico
deve sempre confrontarsi, infatti, con le esigenze, da una parte, di rispettare la fabbrica esistente, il suo sistema
morfologico e strutturale, la sua consistenza materica e, dall'altra, di rispondere alle istanze di miglioramento delle
prestazioni energetiche nella prospettiva della sostenibilità ambientale. Affrontare oggi un intervento di recupero su
un edificio esistente - parziale o totale - impone la verifica del bilancio energetico per il suo corretto funzionamento
e l’eventuale e ormai probabile adozione di misure finalizzate, prima di tutto, alla riduzione del fabbisogno e dei
consumi di energia per il riscaldamento o il raffrescamento degli ambienti, la produzione di acqua calda,
l’illuminazione artificiale, ecc. e, in seconda battuta, sull’inserimento di sistemi per la produzione di energia a partire
da fonti rinnovabili.
Si tratta, dunque, di conciliare gli interventi di conservazione e trasformazione dell'edificio, espressione di valori
culturali riconosciuti, con i necessari adeguamenti a carattere energetico, valutando quali possano essere le
soluzioni di intervento percorribili nell'ottica di un'integrazione energetico ambientale, letta a scala edilizia o
microurbana.
Il tema non è certamente nuovo, ma la sua risoluzione è ormai diventata impellente. I più recenti orientamenti
normativi nel settore edilizio in materia di consumi energetici e produzione di energia a partire da fonti rinnovabili,

180
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

applicabili anche agli interventi sull'architettura esistente, impongono qualche riflessione mirata a individuare, se
possibile, criteri di indirizzo, linee guida per affrontare in modo consapevole e attento gli interventi di riqualificazione
energetica degli edifici esistenti, specie se questi rappresentano l'espressione di modi di vivere ormai lontani e
costituiscono elementi connotanti il paesaggio e la configurazione dell'identità locale.

La normativa europea (Direttiva 2010/31/UE) definisce «prestazione energetica di un edificio»: quantità di energia,
calcolata o misurata, necessaria per soddisfare il fabbisogno energetico connesso ad un uso normale dell’edificio,
compresa, in particolare, l’energia utilizzata per il riscaldamento, il rinfrescamento, la ventilazione, la produzione di
acqua calda e l’illuminazione.
La riduzione del fabbisogno e dei consumi di energia e, in generale, di risorse, quindi il miglioramento della
prestazione energetica dell’edificio, avviene principalmente attraverso azioni che interessano:

A - il comportamento e le abitudini degli utenti

B - il miglioramento dell’efficienza e del rendimento degli impianti di climatizzazione invernale ed estiva, di


ventilazione e degli elettrodomestici e la razionalizzazione delle risorse;

C - il miglioramento delle prestazioni energetiche dell’involucro edilizio, definito dalla Direttiva Comunitaria 31/2010
come “elementi integrati di un edificio che ne separano l’interno dall’ambiente esterno”, cioè pareti esterne,
copertura, porte, finestre, dei solai contro terra o verso spazi esterni.

L’ENERGIA MENO CARA È QUELLA CHE NON SI CONSUMA

181
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

A - ABITUDINI DELL’UTENTE

L’uso razione delle risorse dipende anche dalle abitudini e dai comportamenti degli utenti degli edifici: spegnere
le luci quando non necessarie, chiudere o aprire le finestre, regolare la temperatura e i tempi di
riscaldamento/raffrescamento negli ambienti, utilizzare gli elettrodomestici come lavatrice e lavastoviglie a pieno
carico e a temperature basse, ecc.
Anche la scelta d’acquisto e l’utilizzo di elettrodomestici più o meno energivori dipende dagli utenti finali.
Non sempre si può controllare il comportamento degli utenti, ma l’educazione ambientale, le campagne
informative e divulgative dei media, le impostazioni tariffarie stanno conducendo gli utenti verso un uso razionale
e consapevole delle risorse non solo energetiche, ma anche dell’acqua che sempre più sta diventando una
risorsa da gestire in modo oculato.

182
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

B - MIGLIORAMENTO DELL’EFFICIENZA DEGLI IMPIANTI


E RAZIONALIZZAZIONE DELLE RISORSE

L'utilizzo razionale dell'energia comprende anche il miglioramento dell’efficienza energetica degli impianti con
l’obiettivo del risparmio energetico e, non secondario, del rispetto dell’ambiente. Interventi in questa direzione
comprendono sia l’ottimizzazione e il miglioramento dell’efficienza energetica egli impianti esistenti, sia
l’inserimento di nuovi impianti, se inesistenti, o in sostituzione di quelli obsoleti.
Le voci che principalmente influiscono su questo ambito sono, oltre gli elettrodomestici:
- impiego di sistemi di illuminazione a basso consumo ed eventualmente regolabili;
- impianti per la produzione di acqua calda sanitaria
- impianti per il riscaldamento invernale
- impianti per la climatizzazione estiva

Si riportano nelle pagine seguenti alcune schede sintetiche riferite a sistemi «caldaia», inteso come “complesso
bruciatore-focolare concepito in modo da permettere di trasferire a fluidi il calore prodotto dalla combustione”
(Direttiva 2010/31/UE), sistemi di riscaldamento a basse temperature, sistema di raccolta della acque piovana.

CALDAIA AD ALTO RENDIMENTO O AD ALTA EFFICIENZA ENERGETICA

ILa voce “produzione di acqua calda per uso sanitario” è spesso abbinata alla produzione di calore per il
riscaldanmento invernale in un unico sistema. Uno dei principali interventi che oggi si prospetta in fase di
recupero è l’inserimento di una nuova caldaia o la sostituzione di quella esistenta con una “ad alto rendimento”
o “ad alta efficienza energetica”, cioè un sistema in cui la quasi totalità dell'energia contenuta nel combustibile
viene trasferita al fluido termovettore.
L’effi cienza di una caldaia è quantifi cata tramite il rendimento, ovvero la percentuale dell’energia, derivante dalla
combustione, trasferita al fluido termovettore che entra nel sistema di distribuzione. Il rendimento di una caldaia
incide notevolmente sui costi: maggiore è il rendimento della caldaia, maggiore è il risparmio di combustibile e il
risparmio economico.
L’installazione di una caldaia ad alto rendimento richiede certamente un maggior investimento iniziale con tempi
di ritorno dell’investimento relativamente limitati.
I sistemi ad alto rendimento più utilizzati sono le caldaie a premiscelazione, che raggiungono un rendimento del
90%, e le caldaie a condensazione.

183
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

CALDAIA A CONDENSAZIONE

E’ una caldaia, cioè un “complesso bruciatore-focolare concepito in modo da permettere di trasferire a fluidi il
calore prodotto dalla combustione” (Direttiva 2010/31/UE), capace di effettuare il recupero energetico del calore
presente nei fumi di scarico attraverso la loro condensazione. Spesso le caldaie a condensazione sono anche
ecologiche, con basse emissioni di sostanze inquinanti.
Le caldaie a condensazione sono attualmente gli apparecchi che utilizzano la tecnologia più avanzata e con i
migliori rendimenti. La tecnologia utilizzata permette di recuperare parte del calore contenuto nei fumi,
consentendo un migliore sfruttamento del combustibile. Nei sistemi tradizionali i gas combusti vengono
normalmente espulsi ad una temperatura di circa 110°C, mentre nella caldaia a condensazione, prima
dell’espulsione all’esterno sono convogliati in uno speciale scambiatore all’interno del quale il vapore acqueo
condensa, cedendo parte del calore al fluido. In questo modo si abbate la temperatura dei fumi fino a circa 40°C.
Le caldaie a condensazione, a parità di energia fornita, consumano meno combustibile rispetto a quelle
tradizionale, recuperando con la condensazione dei fumidi anche più del 10% di energia.
Le caldaie a condensazione, tuttavia, si prestano meglio ad alimentare impianti di riscaldamento impianti che
funzionano a bassa temperatura (30°-50°C), come gli impianti a pannelli radianti.

184
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

POMPA DI CALORE
E’ definita dalla Direttiva 2010/31/UE come “macchina, dispositivo o impianto che trasferisce calore dall’ambiente
naturale come l’aria, l’acqua o la terra verso edifici o applicazioni industriali, invertendo il flusso naturale del calore
in modo tale che esso passi da una minore ad una maggiore temperatura. Nel caso di pompe di calore reversibili,
può anche trasferire calore dall’edificio all’ambiente naturale”. E’ cioè una macchina capace di trasferire calore da
una sorgente a temperatura più bassa, come l'acqua sotterranea o superficiale, l'aria, il suolo, a un’altra a
temperatura più alta, come l'aria o l'acqua di un edificio.
Le pompe di calore ad alta efficienza vengono utilizzate generalmente per il riscaldamento degli ambienti e possono
essere con configurazione “monovalente” quando la pompa di calore è in grado di coprire interamente il fabbisogno
termico necessario al riscaldamento degli ambienti, o “bivalente” quando la la pompa di calore è abbinata a un
sistema di riscaldamento ausiliario, ad esempioa una caldaia tradizionale. Generalmente quando la pompa di
calore usa come sorgente l’aria esterna, si può adottare la configurazione momovalente nelle zone climatiche dove
la temperatura esterna non scende sotto 0° C. In caso contrario si deve realizzare un sistema bivalente, con un
sistema ausiliario che copre il fabbisogno termico solo quando la temperatura dell’aria scende al di sotto di 0° C.
Con un impianto a pompa di calore reversibile è possibile sia riscaldare che raffrescare.
Il rendimento di una pompa di calore è misurato dal coefficiente di prestazione "COP", dato dal rapporto tra energia
resa ed energia consumata. ll vantaggio nell'uso della pompa di calore deriva proprio dalla sua capacità di fornire
più energia di quella elettrica impiegata per il suo funzionamento. Il mezzo esterno da cui la pompa estrae il calore
è detto sorgente fredda.

185
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

SISTEMA DI RISCALDAMENTO A PANNELLI RADIANTI

I sistemi di riscaldamento a pavimento sono impianti che utilizzano fluidi termovettori a bassa temperatura
(generalmente intorno a 30-35 °C) favorendo così, rispetto ai comuni "impianti a termosifoni" per il riscaldamento
degli ambienti domestici che richiedono temperature molto più elevate, un significativo risparmio energetico.
Sono costituiti da una serie di tubazioni distribuite in modo uniforme, a serpentina, posizionate all'interno del
massetto della pavimentazione, all'interno delle quali circola un fluido a bassa temperatura che riscalda in
maniera uniforme l'ambiente.
La diffusione del calore avviene prevalentemente per irraggiamento, in modo uniforme, attraverso il pavimento,
permettendo migliori condizioni di benessere agli utenti ed eliminando la circolazione di poveri generata da moti
convettivi.
Date le basse temperature di esercizio, gli impianti di riscaldamento a pavimento possono essere alimentati
anche da sistemi misti che utilizzano caldaie a condensazione integrate da sistemi solari termici, favorendo
l'utilizzo di risorse energetiche rinnovabili.
Le numerose soluzioni impiantistiche che il mercato odierno è in grado di offrire, permettono un elevato grado di
adattabilità a diverse situazioni. E' molto importante che l'impianto sia posato su uno strato termoisolante, in
modo da permettere la trasmissione del calore esclusivamente al pavimento soprastante. Il mercato offre
soluzioni complete che prevedono l'integrazione dello strato isolante con gli elementi riscaldanti. Spesso, infatti,
lo strato isolante, da posizionare sopra il solaio, è già provvisto di sedi per facilitare il corretto alloggiamento delle
tubazioni. Generalmente l'impianto è "annegato in un massetto", ma si stanno diffondendo anche sistemi che
prevedono la posa in opera "a secco".
Per l'efficienza del sistema è importante garantire la continuità delle condizioni di esercizio ed è quindi
sconsigliabile utilizzarlo quando la destinazione d'uso dell'immobile ne prevede un uso saltuario e scostante.

186
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

SISTEMA DI RACCOLTA E RECUPERO DELL’ACQUA PIOVANA

Il recupero dell’acqua piovana dai tetti era una prassi comune in tutti gli ambiti rurali, specie per gli insediamenti
collocati in zone povere d’acqua. Gli impianti e i sistemi di recupero delle acque piovane rappresentano una
buona soluzione per la razionalizzazione della risorsa acqua, prevalentemente per il risciacquo dei wc, i consumi
per le pulizie e il bucato, l'innaffiamento del giardino e il lavaggio dell'automobile. L'uso potabile è evidentemente
escluso, in quanto nelle acque piovane possono essere presenti carichi inquinanti. Un corretto convogliamento
e utilizzo delle acque meteoriche riduce il depauperamento delle risorse idriche pregiate, migliora la qualità delle
reti di scarico riducendo la massa degli scarichi, abbassa i costi di sicurezza idraulica ed è utile e sostenibile
come contributo alla soluzione dei problemi dello spreco, della penuria e dei crescenti costi
dell'approvvigionamento idrico.
L'adozione di un impianto di recupero dell'acqua piovana presuppone la piena efficienza del sistema di raccolta,
composto da converse, canali di gronda, bocchettoni, pluviali, pozzetti di drenaggio, caditoie, tubazioni di
raccordo, e del sistema di dispersione.
L'impianto di recupero dell'acqua piovana è composto sostanzialmente da due sottosistemi: quello di accumulo
e quello di riutilizzo. Il primo possiede le caratteristiche di un comune impianto di scarico per tipologia dei
materiali e sistema di posa in opera, il secondo è a tutti gli effetti un impianto di tipo idraulico che serve a
prelevare l'acqua stoccata nei serbatoi e a distribuirla agli apparecchi che la riutilizzano.
Questi ultimi devono quindi essere allacciati ad un "doppio impianto" (impianto idrico normale e impianto di
riciclaggio) che permetta il prelievo differenziato in relazione ai consumi e alla disponibilità delle riserve.

187
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

C - IL MIGLIORAMENTO DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DELL’INVOLUCRO EDILIZIO

Il miglioramento delle prestazioni energetiche dell’involucro edilizio costituiscono la componente principale degli
interventi di recupero in generale e di retrofit energetico in particolare. Il miglioramento delle prestazioni
energetiche dell’edificio è finalizzato al contenimento delle dispersioni termiche e al contenimento dei consumi
energetici per il riscaldamento invernale e il raffrescamento estivo.
Negli interventi di riqualificazione energetica degli edifici esistenti è necessario riuscire a trovare soluzioni che
riescano a coniugare il rispetto delle istanze di conservazione dell'esistente e il miglioramento delle prestazioni
energetiche, mirando all'integrazione delle tecnologie adottate. Per certi versi, quando si tratta di intervenire su
edifici realizzati con tecniche tradizionali, generalmente caratterizzati da strutture murarie ad elevata inerzia
termica e aperture di dimensioni ridotte, l'intervento di retrofit energetico può essere anche molto ridotto. E’
necessario, tuttavia, rapportarsi con i limiti imposti dalla normativa di settore.
Le principali tipologie di intervento sugli edifici esistenti sottoposti a retrofit energetico in quest’ambito sono:
- interventi di isolamento termico delle pareti esterne, curando in particolare la riduzione dei ponti termici
- interventi di isolamento termico delle coperture
- interventi di isolamento termico dei solai contro terra o su spazi esterni
Le soluzioni sono numerose e vanno valutate caso per caso in funzione del tipo di edificio, della destinazione
d’uso, della localizzazione, ecc. eseguendo le verifica richieste dalla normativa.
Si riportano nelle schede seguenti alcuni esempi riferibili a patrimonio edilizio in esame.

188
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

A - parete esterna in pietra a vista B - isolamento termico interno

ISOLAMENTO TERMICO DI PARETI IN PIETRA


l’architettura del G.A.L. Langhe Roero Leader, in particolare il territorio dell’Alta langa, è caratterizzato da muri
d’ambito in pietra a vista, variabile come tessitura e tipologia di appaecchiatura in funzione del tipo di pietra
utilizzata, sempre reperita in loco. Gli spessori delle pareti sono variabili in funzione alle caratteristiche
dell’edificio, della tecnica costruttiva (ad esempio con l’impiego di malta di argilla o di calce, oppure a secco) e
della pietra utilizzata, con minimi di 40-50.
Obiettivi
Riduzione dei valori di trasmittanza entro i limiti di normativa, salvaguardando l’aspetto esterno.
Interventi
nel caso in cui, per raggiungere valori di trasmittanza ammissibili, si debba integrare la parete con strati di
materiale isolante, si può operere in diversi modi, alcuni dei quali sono illustrati nelle immagini, riferibili alla
situazione di partenza (A):
B - isolamento interno;
C - isolamento interno e controparete;
La soluzione tecnologica D - isolamento esterno “a cappotto” non è adatta al caso delle pareti in pietra a vista.
Raccomandazioni
E’ sempre necessario controllare il rischio di condensa superficiale o interstiziale, valutare nella scelta
dell’isolante le caratteristiche di conduttività termica e di permeabilità al vapore e porre e attenzione agli eventuali
“ponti termici”. Per conservare i benefici di inerzia termica delle costruzioni in muratura è opportuno, inoltre,
valutare l’ipotesi di isolare termicamente solo le pareti maggiormente disperdenti o poste in posizione
sfavorevole.
Limitazioni
La tecnica di inserimento di uno strato isolante dal lato interno delle pareti in pietra, con o senza la realizzazione
di un’intercapedine, permette di mantenere integro l’aspetto della muratura verso l’esterno, ma non permette di
mantenere a vista la tessitura muraria in pietra anche negli ambienti interni. L’intervento, inoltre, riduce comunque
lo spazio abitabile interno (da qualche cm a qualche decina di cm).
La tecnica dell’isolamento “a cappotto”, per quanto offra notevoli vantaggi in termini di prestazioni energetiche,
non può essere impiegata nei casi in cui sia importante salvaguardare le caratteristiche, compreso l’aspetto e la
tessitura superficiale, di una muratura.

189
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

C - isolamento termico interno e controparete D - isolamento termico esterno (“a cappotto”)

190
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

A - parete esterna in laterizio piano terra B - isolamento termico interno

ISOLAMENTO TERMICO DI PARETI IN LATERIZIO

Le immagini si riferiscono a soluzioni tecnologiche per l’incremento delle prestazioni di isolamento termico delle
pareti esterne in muratura di laterizio o miste intonacate. Il caso di murature in laterizi a vista va trattato come
indicato nelle schede relative alla muratura in pietra a vista.
Parte dell’architettura tradizionale del G.A.L. Langhe Roero Leader, in particolare quella della Bassa Langa e del
Roero, è caratterizzato da muri d’ambito in muratura portante in laterizio o mista in pietra e laterizio rifiniti a
intonaco.
Gli spessori delle pareti sono variabili in funzione alle caratteristiche dell’edificio, con minimi di 40-50 cm.
Obiettivi
Riduzione dei valori di trasmittanza entro i limiti imposti dalla normativa.
Interventi
Nel caso in cui, per raggiungere valori di trasmittanza ammissibili, si debba integrare la parete con strati di
materiale isolante, si può operare in diversi modi, da selezionare caso per caso.
I principali, illustrati nelle immagini, sono:
- A-B - isolamento interno e controparete
- C-D -isolamento interno,
- E-F- isolamento esterno “a cappotto”
Raccomandazioni
E’ sempre necessario controllare il rischio di condensa superficiale o interstiziale, valutare nella scelta
dell’isolantele caratteristiche di conduttività termica e di permeabilitàal vapore e porre e attenzione agli eventuali
“ponti termici”. Per conservare i benefici di inerzia termica delle costruzioni in muratura è opportuno, inoltre,
valutare l’ipotesi di isolare termicamente solo le pareti più disperdenti o poste in posizione sfavorevole.

Limitazioni
La tecnica di inserimento di uno strato isolante dal lato interno delle pareti, con o senza la realizzazione di
un’intercapedine, riduce comunque lo spazio abitabile interno, da qualche cm a qualche decina di cm, in funzione
della soluzione adottata e del tipo di materiale isolante impiegato. Questo tipo di intervento impedisce alla parete

191
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

C - parete esterna in laterizio con orizzontamenti voltati D - isolamento termico interno

E - parete esterna in laterizio - piani intermedi F - isolamento termico esterno (“a cappotto”)

di contribuire al benessere termoigrometrico in termini di volano termico e igrometrico.


La tecnica di intervento di isolamanto “a cappotto” risulta efficace in quanto elimina i ponti termici e non
impedisce alla parete di contribuire alle condizioni termoigrometriche interne in termini di volano termico e
igrometrico. Tuttavia è da utilizzare solo quando non risultano necessari spessori di isolante elevati e quando
l’edificio non presenta decorazioni o caratteristiche delle superfici esterne da conservare.

192
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

ISOLAMENTO TERMICO DI COPERTURE IN PIETRA E IN LATERIZI

Le immagini seguenti si riferiscono a soluzioni tecnologiche per l’incremento delle prestazioni di isolamento termico
delle coperture tradizionali a falde, con struttura in legno e manto di copertura in lastre di pietra locale (“ciape”) o in
tegole di laterizio (coppi o marsigliesi).

Obiettivi
Riduzione dei valori di trasmittanza entro i limiti imposti dalla normativa.

Interventi
Gran parte dell’architettura tradizionale del G.A.L. Langhe Roero leader, in particolare nell’Alta langa, è
caratterizzato da coperture con manto in lastre irregolari in pietra, reperita in loco. Il territorio della Bassa Langa e
del Roero, invece, è caratterizzato da costruzioni con la copertura in laterizio, prevalentemente tegole curve (coppi),
o marsigliesi. La struttura è sempre in legno. In entrambi i casi risulta necessario operare con interventi di
potenziamento dell’isolamento termico. E’ sempre necessario, prima di qualsiasi intervento, oltre alle verifiche
termoigrometriche, effettuare la verifica della struttura portante e della tenuta all’acqua del manto di copertura.
Per raggiungere valori di trasmittanza termica ammissibili a livello della copertura, si può operare principalmente in
due modi, illustrati nelle immagini seguenti:
- isolamento termico delle falde di copertura (A/B - C/D - E/F - G/H)
- isolamento termico a livello dell’ultimo solaio (I/L)
L’intervento, inoltre, può essere realizzato con o senza strato per la ventilazione, che serve a ridurre il flusso termico
entrante nel periodo estivo e di smaltire il vapore interno nel periodo invernale.

Raccomandazioni
E’ sempre necessario controllare il rischio di condensa superficiale o interstiziale, valutare nella scelta dell’isolante
le caratteristiche di conduttività termica e di permeabilità al vapore e porre e attenzione agli eventuali
“ponti termici”. Se possibile è, almeno quando non sia strettamente necessario, è bene non utilizzare barriere al
vapore. Gli interventi che operano all’estradosso delle orditure di sostegno, con o senza strato di ventilazione,
possono richiedere adeguamenti e modifiche in corrispondenza dei nodi gronda.
Per la realizzazione di tetti ventilati è necessario operare un’attenta progettazione, di dimensionamento e di
dettaglio tecnico, e una messa in opera accurata per garantire l’efficaia della ventilazione. In ogni caso è opportuno
garantire una microventilazione sottotegola.
Nel caso di isolamento in corrispondenza dell’ultimo solaio, In questa soluzione, l’ambiente sottotetto può costituire
un’efficace sistema di ventilazione che permette di migliorare soprattutto le condizioni termoigrometriche estive, se
viene assicurata un’efficace ventilazione naturale.

193
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

A - Copertura in lastre di pietra (ciape) B - isolamento termico copertura in pietra

C - Copertura in laterizioa falsi puntoni D - isolamento termico Copertura in laterizioa falsi


puntoni

E’ sempre necessario porre e attenzione ai “ponti termici” che, in questo caso, saranno localizzati in corrispondenza
dei lati dei solai confinanti con i muri esterni.
Limitazioni
L’adozione di soluzioni di coperture ventilate è limitata per la complessità di escuzione e il costo elevato, rispetto
alla più diffusa soluzione di semplice isolamento termico.
L’isolamento della copertura con la realizzazione di un tetto freddo con intercapedine ventilata a spessore
variabile, costituita dall’ambiente sottotetto, non permette l’utilizzazione del sottotetto se non per operazioni
saltuarie o per la manutenzione della copertura.

194
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

E - Copertura in coppi con orditura a falsi puntoni F - isolamento termico copertura incoppi con
(sezione trasversale) orditura a falsi puntoni (sezione trasversale)

G - Copertura in laterizioa falsi puntoni H - isolamento termico copertura in laterizioa falsi


(sezione longitudinale) puntoni (sezione longitudinale)

I_L - Isolamento termico a livello dell’ultimo solaio

195
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

A - Attacco a terra B - Vespaio ventilato con cassaforme a perdere in


materiale plastico

ISOLAMENTO TERMICO DEI SOLAI A TERRA

Le immagini si riferiscono a soluzioni tecnologiche per l’incremento delle prestazioni di isolamento termico
e di protezione dall’umidità dei solai contro terra o confinanti con un ambiente non riscaldato.
Nelle costruzioni tradizionali, generalmente, la pavimentazione del piano più basso, in pietra, in terra battuta, in
cotto, ecc. è posta a diretto contatto con il terreno. Interventi di recupero e di risanamento corretti impongono la
realizzazione di sistemi di protezione della pavimentazione dall’umidità del terreno, con soluzioni tecnologiche
diverse in funzione della destinazione d’uso dei locali. Problemi di isolamento termico, inoltre, devono essere
risolti nel caso di orizzontamenti (volte o solai in legno) confinanti con ambienti non riscaldati, come ad esempio
in presenza di un locale cantina.
Obiettivi
Riduzione delle dispersioni termiche attraverso i solai contro terra e protezione dall’umidità.
Interventi
In corrispondenza del piano di calpestio più basso dell’edificio, in base alla destinazione d’uso degli ambienti,
si possono generalmente effettuare due tipi di intervento:
- nel caso in cui gli ambienti non siano abitabili, ma adibiti, ad esempio a cantina, si può realizzare un semplice
vespaio tradizionale con strato drenante oppure un solaio ventilato non coibentato;
- nel caso in cui i locali siano destinati alla permanenza di persone, è necessario effettuare un
vespaiosolaioentilato che deve essere adeguatamente isolato termicamente.
Può, inoltre, presentarsi il caso di un solaio confinante con ambienti non riscaldati che deve essere
adeguatamente isolato termicamente e acusticamente.I principali tipi di intervento, illustrati nelle immagini, in
funzione dei casi specifici, sono:
- A-B - vespaio ventilato con cassaforme a perdere in materiale plastico riciclato
- C -isolamento termico di orizzontamento voltato in pietra o mattoni confinante con un locale sottostante non
riscaldato (ad es. cantina) con eventuale impianto di riscaldamento a pannelli radianti a pavimento
- D - isolamento termico di solaio in legno confinante con un locale sottostante non riscaldato (ad es. cantina)

196
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

C -isolamento termico di orizzontamento voltato in D -isolamento termico di solaio in legno confinante


pietra o mattoni confinante con un locale sottostante con un locale sottostante non riscaldato
non riscaldato

con eventuale impianto di riscaldamento a pannelli radianti a pavimento

Raccomandazioni
Nel caso in cui siano necessari scavi per la realizzazione dei vespai è opportuno limitarli al minimo indispensabile
per non evitare più complessi e onerosi interventi di sottofondazione.

Limitazioni
Gli interventi possono comportare limitazioni o necessità di adattamento alla situazione specifica in funzione del
tipo di costruzione e di terreno.
La realizzazione di un intervento di isolamento di un solaio confinante con ambienti non riscaldati, con posa dello
strato isolante dall’esterno potrebbe comportare, in qualche caso, problemi in quanto può variare l’aspetto
dell’intradosso.

197
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

A - Serramento in legno tradizionale - sezione B- conservazione del serramento esistente e posa di


verticale un nuovo serramento dal lato interno sez. verticale

MIGLIORAMENTO DELLE PRESTAZIONI DELL’INVOLUCRO VETRATO E DEI SERRAMENTI

Le immagini si riferiscono a soluzioni tecnologiche per l’incremento delle prestazioni dell’involucro trasparente,
in particolare, degli infissi e dei serramenti vetrati.
Per quanto riguarda il contenimento delle dispersioni termiche attraverso i serramenti opachi, le porte, si
consiglia di mantenere quando possibile i serramenti esistenti, secondo le indicazioni della Guida al recupero
dell’architettura rurale del G.A.L. Langhe Roero Leader, e di risolvere il problema attraverso soluzioni distributive,
ad esempio attraverso la realizzazione di bussole o di zone filtro fra esterno e interno.
Obiettivi
Riduzione delle dispersioni termiche attraverso i serramenti, conservando i caratteri tradizionali degli edifici e
degli elementi che li compongono.
Interventi
Per raggiungere valori di trasmittanza termica ammissibili dell’involucro trasparente, del quale fanno parte i
serramenti, si può operare attraverso i seguenti interventi:
- il miglioramento delle prestazioni dei serramenti esistenti;
- inserire un nuovo serramentocon prestazioni adeguate all’interno, mantenendo quello esistente all’esterno;
- inserire un nuovo serramento in un’apertura che ne sia sprovvista o, solo nel caso in cui non siano possibili gli
interventi sopra citati, sostituire il serramento esistente con altro a più elevate prestazioni. Rientra in questa sta

198
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

C - Serramento in legno tradizionale - sez. orizzont. D -conservazione del serramento esistente e posa di
un nuovo serramento dal lato interno sez. orizzontale

E - Serramento in legno tradizionale - sezione F - conservazione del serramento esistente e posa di


verticale un nuovo serramento dal lato interno sez. verticale

tipologia d’intervento anche la chiusura di grandi aperture di fienili e di loggiati.


Raccomandazioni
Poichè gli interventi di miglioramento delle prestazioni dell’involucro, in particolare della tenuta all’aria dei
serramenti, comporta, per contro, una drastica diminuzione dei ricambi naturali d’aria, potranno rendersi
necessari sistemi di ventilazione controllata.
Limitazioni
L’intervento di recupero e adeguamento dei serramenti esistenti con la sostituzione degli elementi vetrati con altri
a prestazioni più elevate non è sempre possibile in quanto spesso gli elementi in legno che costituiscono i
serramenti tradizionali sono di dimensioni troppo limitate per sopportare il carico delle vetrate isolanti senza
deformazioni. Inoltre, non sempre lo spessore dell’alloggiamento della lastra di vetro permette l’applicazione
senza elementi aggiuntivi, che comunque sbordano dal filo dell’anta. In questo tipo di intervento, lo spessore
limitato dei profili e le modalità di posa in opera tradizionali non assicurano un buon isolamento
termico dell’infisso.
L’intervento di inserimento di un doppio serramento comporta qualche attenzione nella posa in opera ma risulta
pienamente compatibile con l’esistente.
L’inserimento di nuovi serramenti è un intervento limitatoal caso di aperture prive di serramento o con serramenti
in stato di degrado tale da renderli irrecuperabili.

199
200
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

Utilizzo
di fonti energetiche rinnovabili

201
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

UTILIZZO DI FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI

All’esigenza di recupero attento del costruito esistente, dal punto di vista architettonico, si aggiunge oggi la
necessità di affrontare il recupero edilizio secondo i principi generali del rispetto dell'ambiente per lo sviluppo
sostenibile dei territori rurali. Questa esigenza può essere interpretata secondo diverse angolazioni, in termini,
ad esempio, di selezione di materiali e di soluzioni tecnologiche, in termini di utilizzo di fonti di energia
rinnovabile, ecc.
Risolvere questi aspetti negli interventi di recupero di edifici tradizionali - edifici per certi versi "forti" e per altri
estremamente "fragili" - inseriti in contesti ambientali delicati, talvolta unici, può diventare molto complesso. Non
è sufficiente, infatti, negli interventi di riqualificazione, prevedere l'inserimento di impianti che utilizzino energie
cosiddette rinnovabili per risolvere il problema. Anzi, se talvolta, la tecnologia può costituire la soluzione di molti
problemi energetici, essa può anche rendere vano ogni sforzo di attenzione verso il costruito e il paesaggio di cui
fa parte. E' necessario, infatti, che non venga mai sottovalutato il problema dell'integrazione fra architettura e
tecnologia per la produzione di energia a partire da fonti rinnovabili.
Dispositivi per la produzione di energia installati senza le dovute attenzioni a servizio di edifici rurali, infatti, anche
se, da una parte, tecnicamente risolvono il problema dell'approvvigionamento di energia, dall'altra possono
vanificare il buon esito di interventi di recupero in contesti rurali.
La prima strategia d’intervento è comunque sempre il contenimento dei consumi e nergetici e, solo dopo averla
affrontata e risolta, si può pensare all'integrazione di componenti che utilizzano energia rinnovabile, come il sole,
il vento, il suolo, l'acqua e la biomassa.
Si riportano nelle pagine seguenti alcune indicazioni sui principali dispositivi che utilzzano fonti rinnovabili per la
produzione di energia applicabili in campo edilizio.
Senza pretese di esaustività, le note seguenti hanno il solo scopo di fornire un quadro delle attuali possibilità nel
settore, ma occorre tener presente che il qudro delle “rinnovabili” è estremente dinamico e innovativo, sia in
termini di costi che di possibilità tecniche.

202
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

IMPIANTI SOLARI TERMICI

La tecnologia del cosiddetto "solare termico" consiste in sistemi capaci di captare l'energia termica del sole e
renderla disponibile per utilizzarla per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria. Lo scopo è infatti
captare e trasferire energia solare per produrre acqua calda, riscaldare gli edifici o l'acqua delle piscine. Il
dispositivo alla base di questa tecnologia è il "collettore solare" detto anche "pannello solare". Si tratta di un
elemento che, esposto alle radiazioni solari, si riscalda
e cede il calore a un fluido termovettore che lo attraversa, per trasferirlo, attraverso un apposito circuito, a un
accumulatore (ad esempio un serbatoio d'acqua per usi sanitari o per alimentare l'impianto di riscaldamento) che
ha la funzione di immagazzinare l'energia termica per utilizzarla al bisogno.
Un sistema solare termico è generalmente composto da:
- un pannello che riceve l'energia solare;
- uno scambiatore nel quale circola il fluido utilizzato per trasferirle l'energia termica;
- un accumulatore per immagazzinare l'energia.
Il sistema può essere a circolazione naturale o a circolazione forzata, nel qual caso è necessario l'impiego di
una pompa. Le applicazioni più comuni dei collettori solari sono relative a impianti per acqua calda sanitaria,
impianti di riscaldamento di edifici e per piscine.I sistemi più diffusi a livello edilizio sono basati su tecnologie "a
bassa temperatura": si tratta di sistemi che utilizzano i collettori solari per riscaldare un liquido o l'aria
temperatura inferiore a 100 ºC.

Schema pannelli solari a circolazione naturale Schema pannelli solari termici

203
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

IMPIANTI FOTOVOLTAICI
Gli impianti fotovoltaici permettono di trasformare l'energia solare in energia elettrica, senza utilizzare
combustibili. La tecnologia degli impianti fotovoltaici si basa sul fenomeno noto come "effetto fotoelettrico": alcuni
materiali semiconduttori, trattati in modo adeguato ed esposti alla radiazione luminosa, in particolare alla luce del
sole, hanno la capacità di generare energia elettrica.
Si tratta di impianti che producono elettricità che può essere consumata direttamente sul luogo di produzione,
accumulata o immessa in una rete di distribuzione. La necessità minima di manutenzione e il basso impatto
ambientale in esercizio, valutato in termini di rumore, di emissioni nocive e di consumo di acqua, non necessaria
per il loro funzionamento, associati alla semplicità d'uso e alla flessibilità nel dimensionamento hanno favorito la
diffusione di questa tecnologia, sostenuta anche da politiche di incentivazione economica. Sono impianti
modulari che possono essere dimensionati in funzione delle effettive necessità dell'utente, adatti sia per utenze
isolate sia per utenze connesse alla rete, sia per alimentare edifici residenziali unifamiliari, condomini o piccole
comunità, sia per usi industriali.
La tecnologia fotovoltaica è finalizzata alla produzione di energia elettrica utilizzando come fonte energetica
primaria il sole. La quantità di energia prodotta da un impianto fotovoltaico dipende da una serie di fattori legati
al luogo di installazione dell'impianto (principalmente latitudine e altitudine del sito), al posizionamento dei
pannelli (orientamento e inclinazione della superficie dei moduli, presenza o assenza di ombra), alle prestazioni
dei componenti dell'impianto.
La componente tecnologica di un impianto fotovoltaico è costituita essenzialmente da un generatore, dal

Produzione di un impianto fotovoltaico nell’arco di una giornata

204
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

cosiddetto inverter, che funge da sistema di condizionamento e controllo della potenza, ed eventualmente
da un accumulatore di energia. L'impianto è completato da una struttura di sostegno indipendente o
integrata nell'edificio. La conversione della radiazione solare in corrente elettrica avviene nella cella fotovoltaica,
che è la parte attiva dell'impianto, il componente elementare di un generatore fotovoltaico.
Gli impianti fotovoltaici, in ragione del tipo di applicazione a cui sono destinati, delle condizioni di installazione
e delle scelte impiantistiche, si classificano in:
- impianti isolati (stand-alone), cioè impianti non collegati alla rete elettrica;
- impianti collegati alla rete (grid-connected).
Per ottimizzare il rendimento di un impianto fotovoltaico è necessario valutare in fase di progetto l'irraggiamento
e l'insolazione del sito, in modo da collocare in modo corretto la superficie del dispositivo captante. In linea
generale, per la latitudine del Piemonte, i pannelli dovrebbero avere esposizione a Sud e inclinazione di circa
20-30° rispetto al piano orizzontale, anche se si ottengono rendimenti apprezzabili anche con disposizioni
orizzontali o verticali purchè, naturalmente, siano evitate le zone d'ombra.
Oltre il 90% del mercato è oggi rappresentato dalla tecnologia del fotovoltaico basato su celle al silicio mono
e poli-cristallino in wafer, ma si stanno anche diffondendo i sistemi a film sottil, più flessibili ma con rese
decisamente inferiori.

Schema impianto fotovoltaico collegato alla rete Schema impianto fotovoltaico isolato

205
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

SISTEMI GEOTERMICI
I sistemi geotermici si basano sullo sfruttamento dell'energia geotermica, quella forma di energia presente
nella crosta terrestre che può essere considerata rinnovabile. Nella crosta terrestre la temperatura
aumenta in funzione della profondità con un gradiente geotermico mediamente stimato in circa 3°C ogni
100 metri. Esistono diversi sistemi geotermici, anche a carattere industriale per la produzione di energia termica
ed elettrica. Per impianti di piccola taglia finalizzati alla produzione di energia termica per l'acqua calda sanitaria
e per la climatizzazione degli edifici si stanno rapidamente diffondendo sistemi geotermici a bassa entalpia, che
impiegano le cosiddette pompe di calore geotermiche, che comprendono una serie di sistemi che possono
utilizzare come scambiatori di calore il terreno, l'acqua sotterranea o l'acqua superficiale.
I sistemi a pompe di calore geotermiche sono costituiti da:
- sistema di scambio geotermico (terreno, acqua);
- pompa di calore;
- impianto di riscaldamento-raffrescamento, posto all'interno di un edificio.
Le pompe di calore geotermiche funzionano sottraendo calore a un corpo per trasferirlo in un altro luogo: nella
modalità riscaldamento, nel periodo invernale, sottraggono calore al terreno per trasferirlo a un edificio e, nel
periodo estivo funzionano in direzione opposta, cioè con modalità di raffrescamento.

Schema impianto geotermico

206
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

SISTEMI MICROEOLICI

La tecnologia eolica si basa sullo sfruttamento della forza propulsiva del vento per produrre energia elettrica
o meccanica, per utenze isolate o collegate alla rete elettrica. Vengono considerate micro-eoliche le macchine
che generano potenze fino a 20 kW destinate all'autoconsumo di energia e le macchine da 20 a 100 kW, che
sono considerate di uso "industriale". L'energia prodotta con macchine eoliche di piccola taglia, singole o
collegate tra loro, è generalmente utilizzata in situ. Da un punto di vista tecnico, una prima classificazione può
essere fatta tra impianti connessi alla rete e impianti stand alone. In un sistema connesso a rete, l'utenza viene
servita simultaneamente dal generatore eolico e dal fornitore di energia elettrica. In un sistema stand-alone,
l'utenza può essere servita solamente dal generatore eolico.
L'eolico ha una particolare caratteristica che la differenzia dalla maggior parte delle altre fonti rinnovabili: i sistemi
sono capaci di generare con il loro roteare costante, energia elettrica senza limiti di quantità, grazie alla forza
propulsiva del vento che, quando è presente, soffia indistintamente sia di giorno che di notte, a differenza dei
pannelli fotovoltaici, funzionanti solo in presenza dell'energia solare, presente nelle ore diurne.
Le pale delle macchine eoliche vengono messe in rotazione dal movimento dell'aria. L'energia così ottenuta
può azionare generatori elettrici o azionare macchine operatrici quali ad es. le pompe.
I rotori più piccoli adatti a minime applicazioni domestiche, si attestano attorno a una potenza di 500W a cui
corrisponde un diametro minimo del rotore pari a poco più di un metro, fino ad arrivare a 8 metri per taglie da
15 a 20 kW.
In base all'allineamento del generatore, si distinguono: generatori ad asse orizzontale e generatori ad asse
verticale.

Schema impianto microeolico

207
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

ISISTEMI IDROELETTRICI

La tecnologia dell.idroelettrico interessa la fonte “acqua”, rinnovabile per eccellenza, e consiste in sistemi capaci di
trasformare l’energia cinetica del corso d.acqua in energia elettrica in modo pulito e rispettoso per l’ambiente. Il
dispositivo di base è la centralina idroelettrica che, nel suo rapporto con la fonte “acqua” e nel suo funzionamento,
rappresenta un sistema decisamente ecologico e sostenibile per sfruttare l’energia naturale.
Il sistema idroelettrico, che deve disporre di un corso d.acqua con portata costante, è generalmente composto da:
- turbina idraulica, atta a trasformare l.energia del flusso d.acqua in energia meccanica
- generatore, che trasforma l’energia meccanica in energia elettrica
- Quadri elettrici e/o dissipatori per gestire il flusso di energia elettrica prodotta verso i punti di utilizzo.
L'erogazione di energia elettrica, in condizioni di stabilità della portata, avviene in maniera continuativa e non
intermittente.
Esistono diverse taglie di impianti, ad esempio impianto microidroelettrici, adatti per utenze sigole isolate, tipiche
degli insediamenti rurali, con potenza fino a 10 KW, impianto con potenza indicativa fino a 200 KW, adatti per
piccole comunità, per aziende agricolee officine artigianali.
Un mini generatore idroelettrico da 500W produce circa 12Kwh giorno utilizzando un semplice sistema di accumulo
a batterie.

Schema impianto idroelettrico

208
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

SISTEMI A BIOMASSA

La cosiddetta "biomassa" è una fonte energetica rinnovabile da cui possono essere ricavati biocombustibili. Nel
settore energetico, identifica le sostanze organiche, sia di origine animale che vegetale, dalle quali sia possibile
produrre energia e comprende prodotti, sottoprodotti, scarti e rifiuti di produzioni agricole e di allevamento, della
produzione e lavorazione del legno, di una parte dei rifiuti urbani e industriali.
La biomassa di origine vegetale può derivare da una produzione specifica di piante a rotazione breve (salice,
pioppo, robinia e in genere la comune legna da ardere, così come girasole, mais, soia, colza, miscanto coltivati
per scopi energetici) o essere costituiti da residui e sottoprodotti delle produzioni agricole e forestali (fieno,
paglia, potature di viti e alberi da frutto, raccolta legumi) residui delle attività di manutenzione dei boschi e del
verde urbano, residui e sottoprodotti dell'industria agroalimentare (scarti di olive, sansa, vinaccioli, gusci di
nocciole, scarti di mais, scarti di lavorazione della frutta, lolla, pula) e della lavorazione del legno (segatura e
i trucioli da segherie).
Con la biomassa si può produrre energia termica ed energia elettrica attraverso processi tecnologici diversi, che
variano in funzione della biomassa utilizzata, delle potenze installate e dei principi fisici applicati per la conversione
energetica. Risulta conveniente solo se la produzione di biomassa è locale, cioè solo se gli impianti sono collocati
nella zona in cui si rende disponibile o viene prodotta la biomassa, diventa un sistema interessante
soprattutto nelle zone agricole e montane.
In questa sede si considera solo l'utilizzo di biomasse per alimentare impianti a combustione diretta e, in particolare,

Schema impianto termico con caldaia a legna

209
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

Ciocchi di legna Pellets

Bricchetti Cippato (chips)

210
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

quelli di taglia medio-piccola, adatti al riscaldamento di utenze domestiche.


Le biomasse combustibili più diffuse sono quelle legnose commercializzate sotto forma di ciocchi o tronchetti di
legno, cippato di legna, chips, pellets e bricchetti. I principali apparecchi alimentati a biomassa legnosa utilizzati per
impianti di piccola taglia per il riscaldamento degli ambienti ed eventualmente per la produzione di acqua calda
sanitaria comprendono caminetti, termo-caminetti, stufe, termo stufe e caldaie.
Per ogni tipo di impianto possono prospettarsi diverse soluzioni tecnologiche, con sistemi di controllo del processo
di combustione, dispositivi di gestione e di sicurezza che permettono rendimenti alti e basse emissioni. Per
orientare le scelte è necessario prendere in considerazione la potenza dell'impianto da installare e il tipo di
combustibile disponibile. Per ottimizzare il rendimento degli apparecchi alimentati a biomassa assume particolare
importanza il corretto dimensionamento dell'impianto e le condizioni di gestione (funzionamento tendenzialmente
continuo e con il carico il più possibile alto e costante).

Schema caldaia a legna Schema stufa a biomassa

211
212
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

Linee guida
generali

213
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

LINEE GUIDA GENERALI

Sembra importante ricordare, ancora una volta, che Innanzi tutto occorre ridurre i consumi energetici dell'edificio
(e quindi anche i fabbisogni di energia) e lo spreco di risorse importanti come sta oggi diventando l'acqua.
L'integrazione di componenti che utilizzano energia rinnovabile, come il sole, il vento, il suolo, l'acqua e la
biomassa, è la seconda strategia d'intervento, da attuare solo dopo aver affrontato e risolto la prima.
Nella riqualificazione energetica del costruito appaiono poi di fondamentale importanza due fasi metodologiche
preliminari, spesso effettuate in modo “automatico” dagli operatori del settore, che vanno oltre le scelte
tecnologiche puntuali di inserimento degli impianti negli edifici. Si tratta, prima di tutto, della ricognizione delle
condizioni al contorno, in funzione della massimizzazione degli effetti della fonte rinnovabile in termini di
produzione di energia. Si tratta del riconoscimento del grado di interdipendenza tra elementi di contesto e
tecnologie applicabili.
Una volta definita la migliore e più adatta tecnologia, in funzione della massima “intercettazione” degli apporti
energetici della fonte rinnovabile e in relazione alle esigenze dell’utenza, appare poi importante finalizzare
l’applicazione della tecnologia impiantistica al rispetto dei caratteri materiali del luogo, dei caratteri tradizionali
dell’architettura, dei rapporti con l’intorno paesistico, entro un’ottica di compatibilità.
E’ inoltre indispinsabile, in via preliminare, valutare attentamente il fabbisogno energetico, individuare le modalità
per ridurre il fabbisogno e contenere i consumi di energia.
Il percorso logico da seguire nell’effettuare le scelte di intervento e di dotazione di impianti nel recupero
dell’architettura rurale si possono quindi sintetizzare:
- valutazione dei fattori di contesto (ambientali, presenza di risorse, ecc.)
- calcolo del fabbisogno effettivo
- valutazione delle modalità per ridurre il fabbisogno di energia
- azioni per contenere i consumi, attraverso interventi mirati che tengano conto di tutti gli aspetti energetici che
interessano un edificio, in un’ottica sistemica
- valutazione della necessità e della effettiva possibilità di utilizzare sistemi di produzione di energia a partire da
fonti energetiche rinnovabili, quali e come.
Le forme dell’insediamento e le caratteristiche architettoniche e costruttive indagate nella Guida al recupero
dell’architettura rurale del G.A.L. Langhe Roero Leader sono state classificate entro una serie di tipologie
ricorrenti e riconoscibili, per le quali la tutela degli elementi connotanti le permanenze dovrebbe costituire finalità
precipua di ogni intervento di conservazione:
La particolare condizione di questi manufatti edilizi e del loro sistema paesistico – territoriale, legata anche a

214
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

frequenti problemi di mancata manutenzione connessi al disuso, richiama una situazione di fragilità della
permanenza dei caratteri identitari di elementi, tecniche e soluzioni costruttive. Analogamente, le forme
dell’insediamento, storicamente connesse all’uso dei suoli e ai sistemi di comunicazione (direttrici, assi, strade di
appoderamento), costituiscono elementi da considerare in modo congiunto rispetto alla tutela e riqualificazione
degli ambiti abitativi. In altri termini, risulta necessario perseguire una finalità di qualità paesistica, nella quale
riconoscere strategie di intervento non settoriali ma integrate, individuando valenze e criticità del sistema
antropico e naturale, denso di episodi architettonici integrati con il loro intorno.
All’interno di questo quadro, la riqualificazione energetica del patrimonio può assumere notevole
importanza. Qualora si intenda percorrere questa strada, la consapevolezza della consistenza del
patrimonio sul quale si opererà dovrà costituire bagaglio conoscitivo ineludibile sia per l’intervento in sé, sia per
prefigurare i suoi esiti in relazione al contesto. Potrà essere attuata compatibilmente con i caratteri dei manufatti
e del loro intorno, ma non dovrà mai assumere il “carattere” di una manutenzione, col rischio di considerarla
come un’attività accessoria, senza apparenti rapporti con le finalità della conservazione. Fatalmente questo
potrebbe determinare una sostituzione di parti e una compromissione dell’insieme costruito. La riqualificazione
energetica non dovrà essere concepita come processualità sporadica o come intervento in qualche modo di
“valore” inferiore rispetto al restauro di un manufatto edilizio. Al contrario, la riqualificazione energetica dovrà
essere intesa come intervento vero e proprio e quindi non come secondario o accessorio al restauro vero e
proprio e al palinsesto dell’architettura tradizionale. Intervento, i cui effetti certo genereranno benefici in relazione
alla possibilità di produzione di energia da fonti rinnovabili, o al contenimento dei consumi, ma il cui esito inciderà
sulla permanenza o meno dei caratteri dell’architettura e del paesaggio, riconosciuti in questa e altre sedi come
identitari. Infatti, data la valenza del patrimonio sul quale si opererà, bisogna essere consci che gli effetti
irreversibili di un restauro condotto senza tener conto delle indicazioni del manuale saranno negativi al pari di
una riqualificazione energetica intesa in modo semplicistico, quale appunto una semplice manutenzione o un
semplice “contorno” o completamento degli interventi principali.

215
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

Linee guida per l’inserimento di sistemi fotovoltaici e solari termici


L’installazione di impianti fotovoltaici o di impianti per il solare termico rappresenta un elemento di criticità
rispetto alle condizioni peculiari, per patrimonio architettonico e ambientale, dei territori dell’area del G.A.L.
Langhe Roero Leader. In linea generale si deve riconoscere che l’installazione di pannelli fotovoltaici su
copertura, così come normalmente intesa, è incompatibile con i caratteri dei manufatti edilizi tradizionali e del
paesaggio. In funzione della zona d’intervento, se non si ricade nei casi di aree inadatte individuati dalla Regione
Piemonte (cfr. DGR 14 dicembre 2010, n. 3-1183), si potrà valutare, caso per caso, la realizzazione di pannelli
solari a terra, compatibili con la necessaria captazione di energia solare, e opportunamente schermati, senza
alterare lo stato dei luoghi e della vegetazione. In tali tipi di installazione, così come quelli di eventuali
installazioni sulla copertura di capannoni industriali esistenti, potrebbe essere utile valutare una gestione
consorziata degli impianti, in modo da alimentare più utenze, come nel caso di nuclei rurali, ma in ogni caso
evitando impianti di dimensioni difficili da mascherare o mitigare alla vista.
Sempre da valutare, caso per caso, l’installazione di moduli fotovoltaici del tipo semitrasparente o trasparente,
o a film sottile su parti limitate della copertura dei porticati.
Solo in casi eccezionali, da valutare caso per caso, al di fuori delle zone interessate dalla candidatura Unesco,
ed esclusi i tetti in pietra tradizionale, potrà essere valutata l’opportunità di inserirli in copertura, comunque non
sulle falde degli edifici principali a carattere tradizionale, non sulle falde corrispondenti al prospetto principale,
non in posizioni visibili da punti panoramici o percorsi turistici e vie pubbliche. Nel caso, comunque, il limite è il
10% della superficie della copertura, collocati in allineamento alle aperture e posizionati in modo integrato alla
copertura (in sostituzione del manto). Sono assolutamente sconsigliati tralicci di sostegno posizionati sulla
copertura per conferire la più efficace inclinazione ai pannelli.

216
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

Linee guida serre solari

Rappresentano una soluzione compatibile con i caratteri di alcune tipologie edilizie riconosciute nei territorio.
Si può ammetterne l’uso nel caso di fienili e nei fabbricati di servizio che comunque presentino ampie aperture
orientate a sud. L’intervento in sé dovrà prevedere l’utilizzo di chiusure vetrate trasparenti, con un sistema di
intelaiatura di colore e geometrie compatibili con l’esistente. È da evitare la realizzazione della copertura opaca,
rispettando i caratteri del sistema di copertura esistente. Le schermature mobili dovranno essere realizzate con
elementi lignei leggeri con coloriture simili alle strutture portanti a vista dei sistemi di copertura. Il passo dei telai
dovrà rapportarsi in modo consono alla geometria del fabbricato sul quale si opera (eventuale interasse di
porticati inferiori, interasse dei passafuori, ….). Particolare attenzione dovrà essere riservata alla possibilità di
utilizzo della vegetazione esistente come ausilio per la schermatura della serra o, dove possibile, come vero e
proprio sistema, in sostituzione delle schermature mobili. La sistemazione interna della serra dovrà evitare al
massimo il ricorso a massicce demolizioni o all’integrale sostituzione di parti magari ancora funzionali ai principi
di inerzia termica. Eventuali scassi da praticare nelle murature per la realizzazione di vani di areazione dovranno
essere minimi e in ogni caso dovranno rapportarsi con assialità e geometrie di aperture magari già presenti.
La realizzazione di serre solari a partire dalla demolizione di porzioni superiori di fabbricati che non siano fienili
o manufatti di servizio già dotati di ampie aperture dovrà essere evitata in ogni caso.

Linee guida per l’inserimento di sistemi Micro-eolici

La realizzazione di impianti micro-eolici deve essere valutata con attenzione. Fermo restando i costi
relativamente contenuti e ammortizzabili degli impianti per usi domestici, deve essere evitato il ricorso a
impianti per utenze singole, indipendentemente dalle tipologie edilizie presenti nel territorio.
Nonostante le grandi potenzialità in termini energetici derivati dall’uso del micro-eolico, se ne raccomanda un
uso mirato e cauto, per tutelare i valori paesitici di insieme.
Potrebbe essere utile valutare, caso per caso, la realizzazione di una mini serie di impianti microeolici a servizio
di un nucleo rurale, alle seguenti condizioni:
- che venga scelto l’impianto che abbia il miglior rapporto dimensioni – rendimento presente al momento sul
mercato, con la preferenza per la taglia più piccola
- che venga installato ad adeguata distanza dal nucleo che dovrà servire, in luogo in cui possa idoneamente
essere messo in esercizio, e comunque mitigandone sempre la presenza utilizzando schermi naturali
(vegetazione, versanti, porzioni di fabbricati non in vista da strade, sentieri, avvallamenti,…).

217
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

Linee guida per l’inserimento di sistemi geotermici

Gli impianti per lo sfruttamento dell’energia geotermica per la produzione di acqua calda sanitaria e il
raffrescamento estivo sono parzialmente compatibili con le tipologie edilizie riconosciute strutturanti il territorio
del G.A.L. Un primo discrimine nell’attuazione del sistema è relativo alla sua possibile localizzazione, essendo
legato ai caratteri propri di impiego della tecnologia. Si tratta, nello specifico- della necessaria prossimità della
fabbrica in cui installare l’impianto a zone collinari o di fondovalle per la realizzazione di perforazioni profonde
nel terreno (sistema a sonde verticali) oppure - della disponibilità, in prossimità dell’edificio in cui installare
l’impianto, di un terreno pianeggiante nel quale realizzare le trincee superficiali e posizionare le sonde (sistema
a sonde orizzontali). In relazione ai caratteri specifici del territorio e in rapporto alle predette limitazioni, insite
nell’applicazione della tecnologia, si evince come la sua pratica non sia automaticamente estendibile a tutte le
tipologie, Una seconda raccomandazione è legata invece alla realizzazione puntuale dell’installazione. Non si
dovranno realizzare piccoli fabbricati tecnici esterni ai manufatti edilizi tradizionali, ma le strutture degli impianti
dovranno essere opportunamente inserite negli organismi esistenti, avendo l’accortezza di privilegiare locali
quali cantine, o comunque spazi di servizio ai piani terreni, senza alterare troppo la distribuzione delle
funzioni/destinazioni d’uso. Qualora fosse necessario realizzare delle aperture, queste dovranno essere
effettuate con minimi lavori di demolizione, rispettando eventuali assialità presenti, realizzando telai e contro-telai
di materiali e coloriture compatibili con quelli dei serramenti esistenti e recuperati.La realizzazione dell’impianto
di riscaldamentoraffrescamento, posto all’interno di un edificio, dovrà tener conto di principi di efficacia ed
efficienza, e dovrà essere posto in opera garantendo la futura ispezioe/manutenzione dei suoi elementi,
ricorrendo al minor numero possibile di demolizioni. Gli eventuali scassi nelle strutture murarie dovranno essere
risarcite con materiali compatibili, avendo cura di riproporre l’originaria tinteggiatura degli elementi verticali nel
caso di pareti intonacate.

Linee guida per l’inserimento di sistemi Micro-idroelettrici

Le realizzazione di impianti micro-idro, dovrà essere valutata caso per caso, considerando la criticità
dell’inserimento paesaggistico e-ambientale della turbina e della centralina idroelettrica, seppur di modeste
dimensioni negli impianti di taglia micro, e la necessaria mitigazione degli stessi. La realizzazione di impianti di
dimensioni maggiori, comportanti opere civili come canali di adduzione, vasche di carico, condotte forzate,
qualora anche servissero più utenze, sono in linea generale da evitare, data anche la fragilità potenziale della
permanenza degli elementi strutturanti gli ambiti paesistici tradizionali dei territori rurali del G.A.L..
In sintesi, le raccomandazioni per il micro-idroelettrico possono riguardare:
- da un lato l’applicazione della tecnologia previa accurata valutazione caso per caso, l’attuabilità degli impianti.
Condizione fondamentale riguarda la loro dimensione, che dovrà essere contenuta, e dovrà interessare solo la
tecnologia del micro-idro, e la previsione di idonee opere di mitigazione degli elementi strutturanti l’impianto
all’aperto,
- dall’altro lato la possibilità, da valutare e concertare la possibilità di riconvertire eventuali fabbricati, un tempo
a destinazione artigianale, magari dotati di pale idrauliche, in centraline microidroelettriche al servizio di eventuali
nuclei contigui.
In ogni caso, la collocazione di quadri elettrici e/o generatori, dovrà avvenire in maniera tale da non alterare i
caratteri dell’architettura tradizionale, così come i sistemi di distribuzione nel caso di impianti a servizio di più
utenze. Si tratterà di optare per collocazioni opportunamente occultate alle vista, ma comunque in condizioni di
sicurezza generale, per i primi, e per i secondi di apparati distributivi razionali e non impattanti.

218
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
PA RT E T E R Z A
GUIDA AL RECUPERO
RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

Linee guida per l’inserimento di sistemi a biomassa

Si tratta di impianti decisamente raccomandabili, anche negli interventi di riqualificazione energetica, in quanto
si basano sullo sfruttamento di prodotti, sottoprodotti, scarti e rifiuti di produzioni agricole e di allevamento, della
produzione e lavorazione del legno, per la realizzazione di energia termica da riscaldamento. La natura della
“biomassa” rende il suo impiego consigliabile e sostenibile, in quanto non comporta spreco di risorse esauribili,
quali quelle utilizzate negli impianti di riscaldamento comunemente diffusi, come il gas metano, il gasolio, il
kerosene, ecc.
In particolare, gli impianti a biomassa legnosa sono particolarmente raccomandati per la produzione di energia
da riscaldamento nelle zone boscose, dove sia più facile l’approvvigionamento di combustibile, o a servizio di
attività che producono biomassa come sottoprodotti o scarti riutilizzabili come combustibili.
Se non sussistono limitazioni in via di principio per l’impiego di tali sistemi per il riscaldamento dei fabbricati,
bisogna tuttavia sottolineare una serie di raccomandazioni per un’applicazione specifica di questa tecnologia, in
modo da favorire il suo inserimento inserimento in modo compatibile e armonico rispetto all’architettura tipica
degli edifici del territorio del G.A.L. Langhe Roero Leader.
In particolare, si segnalano le seguenti raccomandazioni:
- utilizzare, per quanto possibile, le eventuali canne fumarie esistenti e recuperare i comignoli esistenti, nel
rispetto della struttura esistente.
- eventuali nuove canne fumarie dovranno essere realizzate con la massima accortezza, e i comignoli dovranno
essere realizzati con sistemi e geometrie compatibili con i caratteri dell’edificio e del luogo. Dovrà essere bandito
ogni ricorso a ipotetiche geometrie tradizionali trasponibili a ogni luogo, così come ancora spesso avviene nei

centri storici, laddove sono presenti comignoli che intendono rifarsi a tradizioni costruttive in realtà mai esistite
in quel luogo e in un dato momento cronologico. La realizzazione del camino dovrà avvenire avendo come
modello l’esistente riscontrabile, per tipo e per sito, filtrato delle inevitabili trasformazioni e adattamenti d’uso
succedutisi nel tempo, nella contiguità di immagine con edifici analoghi dotati di comignoli, e riconosciuti come
il più corretto riferimento per il caso specifico. L’obiettivo è quello di ridurre al massimo l’impatto visivo e mitigare
la nuova realizzazione.
- La realizzazione di nuovi comignoli dovrà inoltre utilizzare di preferenza eventuali cavedi e scassi già presenti
nella muratura, onde evitare ulteriori demolizioni.
- L’impianto di distribuzione dell’acqua calda a partire dalla caldaia dovrà distribuirsi razionalizzando al massimo
le demolizioni e l’introduzione di nuovi elementi all’interno dell’involucro edilizio, utilizzando vani e cavedi
esistenti e con l’ottica della futura manutenzione

219
220
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
BIBLIOGRAFIA
GUIDA AL RECUPERO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

BIBLIOGRAFIA

221
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
BIBLIOGRAFIA
GUIDA AL RECUPERO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI GENERALI

AA.VV., Pietre di ieri. Civiltà contadina nelle Alpi liguri, CAI sez. di Mondovì, L’Arciere, Cuneo, 1981.
AA.VV., L’architettura rurale nelle trasformazioni del territorio in Italia, Atti del Convegno, Laterza, Bari, 1989.
AA.VV., Il recupero degli edifici rurali nella provincia di Asti, Asti, 2000.
AA.VV., Rural Architecture in Europe between tradition and innovation. Researches, ideas, actions, Alinea, Firen-
ze 2005.
AA.VV., Manuali del recupero dei centri storici della Sardegna, DEI, Roma, 2009.
Adami G. (a cura di), Insediamenti rurali in Emilia Romagna, Marche, Silvana ed., Cinisello Balsamo, 1989.
Agostini S., Architettura rurale: la via del recupero. Alternative di intervento sull’esistente, Franco Angeli, Milano,
1999.
Agostini S., Failla O., Godano P. (a cura di), Recupero e valorizzazione del patrimonio edilizio. La cascine lom-
barde, Franco Angeli, Milano, 1996.
Anello V. (a cura di), Manuale del recupero dei siti rurali. L’esperienza della Valle del Sosio, Dario Flaccovio Edi-
tore, Palermo, 2001.
Baldacci O., La casa rurale in Sardegna, Centro di Studi per la Geografia Etnologica, Firenze, 1952.
Barbieri G., La casa rurale nel Trentino, C.N.R., Centro di Studi per la Geografia Etnologica, Firenze, 1952.
Benedetti C., Manuale di architettura bioclimatica, Maggioli, Rimini, 1994.
Bettinelli E., Leoni A., La cascina cremonese, Silvana ed., Milano, 1980.
Biasutti R., La casa rurale nella Toscana, C.N.R., Comitato nazionale per la geografia etnologica, Zanichelli, Bo-
logna, 1938.
Biasutti R., Lo studio della casa rurale, in «La ricerca scientifica», n. 10, 1952.
Biasutti, R., Ricerche sui tipi dell’insediamento rurale in Italia, Memorie della R. Soc. Geog. Ital., Roma, 1932.
Boccaleri E., Civiltà dei monti, Stringa Editore, Genova, 1982.
Bocchi F. (a cura di), Architettura popolare in Italia. Emilia-Romagna, Laterza, Bari, 1986.
Bosia D., Strumenti metodologici per la tutela del paesaggio rurale, in Passaro A. (a cura di), Esperienze innova-
tive per la configurazione del paesaggio rurale, Atti del Convegno Internazionale Progetto Abitare Verde, Luciano
Editore, Napoli, 2003.
Bosia D., Franco G., Marchiano R., Musso S.F., Guida al recupero degli elementi caratterizzanti l’architettura del
territorio del G.A.L. Mongioie, Tipoarte, Bologna, 2004.
Branduini P. (a cura di), L’Architettura e il Paesaggio Rurale nello sviluppo socioeconomico montano, Atti del
Convegno, Ruralia, Milano 2005.
Candida L. (a cura di), La casa rurale nella pianura e nella collina veneta, C.N.R., L.S. Olschki ed., Firenze,
1959.
Caniggia G., Strutture dello spazio antropico, Uniedit, Firenze, 1976.
Carpentieri A., Tieri G.B., impianti fotovoltaici, Gruppo Editoriale Esselibri – Simone, Napoli, 2009.
Castellano A., La casa rurale in Italia, Electa, Milano, 1986.
Cedro A., Viganò M. (a cura di), Le dimore italiane, rurali e civili. Brianza e Lecchese, Jaka Book, Milano, 1985.
Ciribini G., Per un metodo nelle ricerche sull’architettura rustica, Centro Nazionale Universitario di Studi Alpini,
Edizioni Tecniche Polver, Milano, 1942.
Ciribini G., Bonifica della casa alpina, in «Montagna», 1942.
Ciribini, G., La casa rustica nelle valli del Rosa. Valsesia ed Alta Valle dell’Anza. Indagine generale storico-evolu-
tiva, Centro Nazionale Universitario di Studi Alpini, Edizioni Montes, Torino, 1943.
Ciribini G., L’analisi tecnica delle dimore rurali, Marzorati Editore, Milano, 1947.
Comoli V. (a cura di), L’architettura popolare in Italia. Piemonte, Editori Laterza, Bari, 1988.
Davey N., Storia del materiale da costruzione, Il Saggiatore, Milano, 1965.
Desplanques H., La casa rurale nell’Umbria, C.N.R., L.S. Olschki ed., Firenze, 1955.
Di Pietro G., Per la storia dell’architettura della dimora rurale: alcune premesse di metodo, in «Archeologia Me-
dievale», n. 7, 1980.
D’Orazio M., Ventilazione delle coperture in cotto, BE-MA Editrice, Milano, 2004.Fondi M., Biasutti R., La casa ru-
rale in Lunigiana, C.N.R., Centro Studi Geografia Etnologica, Firenze, 1952.
Erlacher P., Riqualificazione energetica edifici, Quaderni Tecnici, Padovani Editrice 2009.
Fassi A., Maina L., L’isolamento ecoefficiente, Edizioni Ambiente, Milano, 2009.
Fidanza A., Manna C., Usi termici delle fonti rinnovabili, Dossier ENEA, 2009.
Freddi R., Edifici rurali nella pianura romana, Officina, Roma, 1970.
Gambi L., Barbieri G. (a cura di), La casa rurale in Italia, C.N.R., L.S. Olschki ed., Firenze, 1970.
Gambi L., La casa contadina, in «Storia d’Italia», vol. VI, Einaudi, Torino, 1976.
222
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
BIBLIOGRAFIA
GUIDA AL RECUPERO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

Gambi L., La casa rurale nella Romagna, C.N.R., Centro di Studi per la Geografia Etnologica, Firenze, 1950.
Gambi L., La casa rurale nella Romagna, La seppia, Firenze, 1979.
Gambi L., Per una storia dell’abitazione rurale in Italia, in «Rivista storica italiana», n. 2, 1964.
Gambino R., Conservare innovare. Paesaggio, ambiente, territorio, Utet, Torino, 1997.
Giordano R., I prodotti per l’edilizia sostenibile, Gruppo Editoriale Esselibri – Simone, Napoli, 2010
Gravagnuolo B., Architettura rurale e casali in Campania, CLEAN, Napoli, 1994
Grosso M., Il raffrescamento passivo degli edifici, Magioli editore, Rmìimini, 1999.
Grosso M., Peretti G., Riardi S., Scudo G., Progettazione ecocompatibile dell’architettura, Gruppo Editoriale Es-
selibri – Simone, Napoli, 2005.
Guidoni E., L’architettura popolare in Italia, Laterza, Bari, 1980.
La Regina F., Architettura rurale: problemi di storia e conservazione della civiltà edilizia contadina in Italia, Calde-
rini, Bologna, 1980.
Le Goarnig P., L’isolation bio de la maison ancienne,Groupe Eyrolles, Paris, 2009.
Magliaro M., Palmisano G., Ciriminna R., BIPV Il fotovoltaico integrato nell’edilizia, Dario Flacovio Editore, Paler-
mo, 2009.
Mamino L. (a cura di), Atlante dell’edilizia montana nelle alte valli del Cuneese, Vicoforte, 2001.
Mamoli M., Progettare nello spazio alpino. Manuale per la tutela, la conservazione ed il recupero del paesaggio,
degli insediamenti e delle architetture tradizionali, IUAV, Dipartimento di Urbanistica, Venezia, 2001.
Mannoni T., Problemi archeologici della casa rurale alpina, in «Archeologia Medievale, n. 7, 1980.
Mennella V.G., Qualità dell’ambiente e sviluppo delle aree rurali, in «Genio Rurale», numero 1, 1997.
Merisio P., Lobianco A., Frangi G., Civiltà rurale, Silvana ed., Milano, 1980.
Musso S.F., Franco G., Guida alla manutenzione e al recupero dell’edilizia e dei manufatti rurali, Marsilio, Vene-
zia, 2000.
Musso S. F., Franco G., Guida agli interventi di recupero dell’edilizia diffusa nel Parco nazionale delle Cinque Ter-
re, Marsilio, Venezia, 2006.
- Musso S. F., Franco G., Gnone M., Architettura rurale nel parco del Beigua guida alla manutenzione e al recu-
pero, Marsilio, Venezia, 2009.Nangeroni G., Geografia delle dimore e degli insediamenti rurali, Marzorati Editore,
Como-Milano, 1946.
Nice B., La casa rurale nella Venezia Giulia, C.N.R., Zanichelli, Bologna, 1940.
Olivier M., Borsotto P. (a cura di), Metodologie per il recupero degli spazi pubblici negli insediamenti storici, Re-
gione Piemonte, L’Artistica Editrice, Savigliano, 2005.
Ortolani M., La casa rurale nella pianura emiliana, C.N.R., Centro Studi Geografia Etnologica, Firenze, 1953.
Pagano G., Daniel G., Architettura rurale in Italia, Quaderni della Triennale, Milano, 1936.
Remacle C., L’architettura rurale, Quaderno n. 3, Roma, 1986.
Reyneri C. A., Isolanti e guaine in bioedilizia, Edicom, Monfalcone, 2002
Rogora A., Architettura e bioclimatica, Gruppo Editoriale Esselibri – Simone, Napoli, 2003.Saibene C., La casa
rurale nella pianura e nella collina lombarda, C.N.R., L.S. Olschki ed., Firenze, 1955.
Sereni E., Storia del paesaggio agrario italiano, Laterza, Bari, 1961.
Scarano A., Identità e differenze nell’architettura del Mediterraneo, Gangemi Editore, Roma, 2006.
Storai De Rocchi T., Guida bibliografica allo studio dell’abitazione rurale in Italia, Centro di Studi per la Geografia
Etnologica, Firenze, 1950.
Tubi N., Silva M. P., Ditri F., Gli edifici in pietra, Sistemi Editoriali – Esselibri, Napoli, 2009.
Venturi S. (a cura di), La fabbrica dell’Appennino. Architettura, struttura e ornato, Grafis, Casalecchio di Reno,
1988.
Zappone C., La serra solare, Gruppo Editoriale Esselibri – Simone, Napoli, 2005

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI SPECIFICI


AA.VV., Guida per gli interventi edilizi di recupero degli edifici agricoli tradizionali – Zona bassa Langa e Roero,
Regione Piemonte, 1998.
AA.VV., Sistema delle colline centrali del Piemonte. Langhe-Monferrato-Roero. Studio di inquadramento, Regio-
ne Piemonte, 1999.
AA.VV., Guide per il recupero del patrimonio edilizio tradizionale, Atti del Seminario, Fontanafredda, 15 settem-
bre 2000, Regione Piemonte, 2000.
AA.VV., Terrazzamenti dell’alta Langa. Manuale tecnico per la costruzione in pietra a secco, Programma Leader
II «Paesaggi terrazzati: mille anni di innovazione», 2004.
AA.VV., Bioenergia rurale. Analisi e valutazione delle biomasse a fini energetici nei territori rurali, INEA – Rete
Leader, 2008.Armellino M., Poggio F., Musso S.F., L’architettura rurale in Valle Bormida: tipi, forme, funzioni, in
223
G.A.L. LANGHE ROERO LEADER
BIBLIOGRAFIA
GUIDA AL RECUPERO
DELL’ARCHITETTURA RURALE - VOL. II

Belforte S. (a cura di), Oltre l’ACNA: identità e risorse per la rinascita della Valle Bormida, Franco Angeli, Milano,
1993.
Belforte S., Pochettino T., Roatta M., Case e cascine, in Carle L., Pezzolo Valle Uzzone, Valle della Scienza, Ca-
stelletto Uzzone, 2003.
Bosia D., Guida al recupero dell’architettura rurale del G.A.L. Langhe Roero Leader, Blu, Torino, 2006.
Bosca D. (a cura di), Cà ‘d pera. Le case della terra in Langa, Monferrato e Roero, Arrangia Edizioni, 1998.
Bosca D., Le case di Langa, in «Natura Mundi», numero 5, ottobre 1993.
Caramellino A., Bric & Foss. Conservazione e sviluppo degli spazi agrari nel paesaggio collinare del basso Mon-
ferrato, Alessandria, 1996.
Casalis G., Dizionario geografico-storico-statistico-commerciale degli Stati di S.M. il Re di Sardegna, Torino,
1826-1854.
Lajolo D., Case di Langa, collana «Langa Documenti», Ufficio Stampa Ferrero, Alba, s.d.
Marsico G. (a cura di), Il legno, collana «Langa Documenti», Ufficio Stampa Ferrero, Alba, s.d.
Marsico G. (a cura di), La pietra, collana «Langa Documenti», Ufficio Stampa Ferrero, Alba, s.d.
Prato E., Manualistica per il recupero ed il restauro degli edifici rurali nella Langa astigiana Val Bormida, Regio-
ne Piemonte, 2001.
Re L. (a cura di), Guida per gli interventi edilizi nell’area territoriale dei Comuni dell’Associazione del Barolo, Re-
gione Piemonte, 2000.
Rural Med - Interreg III B - Medocc, La salvaguardia del paesaggio rurale: criticità e buone pratiche, Società
Consortile Langhe Monferrato Roero.

224

Potrebbero piacerti anche