Sei sulla pagina 1di 49

Indice

GENERALITÀ SULLE COSTRUZIONI IN ACCIAIO.............................................................................................3

DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA ANALIZZATA...............................................................................................3

PROFILATI...........................................................................................................................................................6

Arcarecci ......................................................................................................................................................6

Arcarecci di facciata .................................................................................................................................6

Corrente superiore.......................................................................................................................................7

Corrente inferiore.........................................................................................................................................7

Diagonali tesi ................................................................................................................................................8

Diagonali compressi ....................................................................................................................................8

Montante di facciata .................................................................................................................................9

Colonne di sostegno ...................................................................................................................................9

ANALISI DEI CARICHI .....................................................................................................................................11

Introduzione ................................................................................................................................................11

Modellazione effettuata tramite Sap .....................................................................................................12

MODELLAZIONE STRUTTURALE MEDIANTE SAP2000 ...................................................................................14

Analisi statica della struttura : diagrammi..............................................................................................18

Diagramma dello sforzo normale ...........................................................................................................18

Diagramma dello sforzo normale ...........................................................................................................19

Diagramma del taglio...............................................................................................................................20

Diagramma del momento .......................................................................................................................22

Deformata della struttura .........................................................................................................................23

ANALISI STATICA DI UNA CAPRIATA ............................................................................................................26

Calcolo della capriata: modello analitico............................................................................................27

Calcolo della capriata : modelli numerici.............................................................................................33

Caso 1 ......................................................................................................................................................33

Deformata della struttura .....................................................................................................................35

1
Indice

Caso 2 ......................................................................................................................................................36

Deformata della struttura .....................................................................................................................38

Confronto dei dati ottenuti con sap...................................................................................................39

ALLEGATO :.....................................................................................................................................................42

INTRODUZIONE AI PRINCIPALI COMANDI DI SAP 2000 NL VER.9............................................................42

Costruire la geometria 3D su Autocad ..................................................................................................42

Importazione su sap ..................................................................................................................................42

Assegnare i vincoli .....................................................................................................................................43

Assegnare le proprietà del materiale.....................................................................................................44

Definire e assegnare le sezioni.................................................................................................................44

Visualizzazione della deformata..............................................................................................................45

Definire e assegnare i carichi ..................................................................................................................47

Creare i diagrammi ...................................................................................................................................49

2
Generalità

Generalità sulle costruzioni in acciaio

Le costruzioni in acciaio si caratterizzano per il fatto che la funzione statica è affidata a profilati in
acciaio, mentre per le opere di tamponatura, tramezzatura e finitura si può ricorrere a tecnologie
di tipo tradizionale o ci si può avvalere delle più moderne tecnologie dell’edilizia.
L’ uso di strutture portanti in acciaio comporta sia soluzioni statiche particolarmente innovative,
che soluzioni di tipo tradizionale. In genere consente l’uso di sezioni resistenti estremamente
contenute, a parità di carichi e di luci, rispetto alle analoghe strutture in calcestruzzo armato. Si ha i
definitiva una riduzione del numero di pilastri e la possibilità di aumentare la luce delle travi portanti.
L’impiego delle strutture in acciaio, nato per favorire la rapida esecuzione di ponti, edifici industriali
o grandi opere pubbliche, si è esteso poi alla realizzazione di edifici di civile abitazione.
Il complesso strutturale di un edificio realizzato in acciaio si configura come l’assemblaggio di
profilati standard e lamiere in stabilimento e montati completamente o in parte in cantiere
Al contrario delle strutture lineari in calcestruzzo armato, realizzate in cantiere a mezzo del getto del
calcestruzzo dentro casseforme con la conseguenza che è possibile ottenere una struttura
fortemente iperstatica e notevolmente rigida, nel caso delle strutture in acciaio, le giunzioni tra i
componenti comportano che il grado di vincolo tra le parti tende ad essere il minore, ne consegue
che, se si vuole aumentare il grado di iperstaticità della struttura, occorre realizzare particolari
accorgimenti che implicano lavorazioni spesso complesse.
In ogni caso, per il tipo di lavorazione che si intende adottare per assemblare in officina i
componenti strutturali, occorre un’attenta progettazione esecutiva dei medesimi che, allargata ai
metodi e alle apparecchiature di assemblaggio e sollevamento in opera, consentirà di procedere
speditamente e con poche incertezze esecutive.

Descrizione della struttura analizzata

La struttura oggetto del nostro studio è un capannone industriale a struttura metallica in acciaio.
Presenta una pianta rettangolare di lunghezza 50 metri e luce delle capriate di 20 metri, con
interasse delle colonne di 5 metri e altezza utile pari a 6 metri. La capriata della suddetta struttura
è realizzata con una travatura reticolare di tipo Warren con interasse dei nodi di 2,50 metri e
pendenza di falda pari al 5%.
Le caratteristiche dell’acciaio laminato sono:
Tipo di materiale : Fe 360
adm = 16000 N/cm2 con spessore t 40 mm
adm = 14000 N/cm2 con spessore t > 40 mm

3
Generalità

qui di seguito vengono riportati i prospetti e la pianta della copertura della struttura.

UPN 120 UPN 120 UPN 120 UPN 120

UPN 120 UPN 120 UPN 120 UPN 120


8m

7.5 m
6m
UPN 120 UPN 120 UPN 120 UPN 120
HE 180 B

HE 180 B

HE 180 B

HE 180 B
UPN 120 UPN 120

5m 5m
20 m

Figura 1 : Prospetto frontale scala 1:100

HE 160 A 2,5 m

20 m

50 m

Figura 2 : Pianta della copertura scala 1:100

4
Figura 3 : Prospetto laterale scala 1:100
UPN 120 UPN 120 UPN 120 UPN 120 UPN 120 UPN 120 UPN 120 UPN 120 UPN 120

UPN 120 UPN 120 UPN 120 UPN 120 UPN 120 UPN 120 UPN 120 UPN 120 UPN 120

HE 180 B
HE 300 B
HE 300 B
HE 300 B
HE 300 B
HE 300 B
HE 300 B
HE 300 B
HE 300 B

UPN 120 UPN 120 UPN 120 UPN 120 UPN 120 UPN 120 UPN 120 UPN 120 UPN 120

5
Generalità
Profilati

Profilati

Nella nostra struttura sono presenti, i seguenti tipi di profilati:

ARCARECCI

Il tipo di profilato utilizzato per gli arcarecci


q
è HE 160 A con le seguenti caratteristiche
tecniche:

h = 152 mm
b = 160 mm
e = 9 mm ( spessore delle ali )
x
a = 6 mm ( spessore dell’ anima )
A = 38.8 cm2
Pp = 0,304 KN / m

Di norma come tipi di profilati per gli arcarecci laterali si utilizzano gli HE 160, piuttosto che gli IPE
160, per assicurare una opportuna controventatura della copertura, nei confronti del carico del
vento. Infatti avremmo dovuto mettere sulla copertura anche delle controventature, che sono
state ommesse per snellire il progetto; queste due condizioni tralasciate verranno poi considerate in
fase di rielaborazione della struttura per il corso di Tecnica delle Costruzioni.

ARCARECCI DI FACCIATA

Mentre per gli arcarecci di facciata è stato utilizzato il tipo di profilato UNP 120 i cui parametri sono:
h = 120 mm
x
b = 55 mm
e = 9 mm ( spessore delle ali )
a = 7 mm ( spessore dell’ anima )
A = 17 cm2
y
Pp = 0,133 KN / m

6
Profilati

CORRENTE SUPERIORE

Il corrente superiore è formato dalle aste n° 6-7, 7-8, 8-9, 9-10 come si può osservare dalla figura 9. il
tipo di profilato utilizzato è un angolare 65 x 100 x 9 le cui caratteristiche sono riportate qui di
seguito:
A = 14.2 cm2 y
Pp = O,111 KN / m
e = 9 mm ( spessore dell’anima e delle ali )

x x

CORRENTE INFERIORE

Il corrente inferiore invece è formato dalle aste n° 2-3, 3-4, 4-5, 5-11 come da figura sopra citata e il
tipo di profilato è un angolare 60 x 80 x 7 le cui caratteristiche sono:
A = 9.36 cm2
Pp = 0,0735 KN / m
y
e = 7 mm ( spessore dell’anima e delle ali )

x x

7
Profilati

DIAGONALI TESI

I diagonali tesi come si vede dalla figura 4, sono formati dalle aste n° 2-6, 7-3, 4-8, 9-5 il tipo di
profilato è un angolare 40 x 5:
A = 3.79 cm2
Pp = 0,0297 KN / m
n m
e = 5 mm ( spessore dell’ anima e delle ali )

m n

DIAGONALI COMPRESSI

I diagonali compressi sono formati dalle aste n°7-2, 3-8, 4-9, 5-10, il profilato è un angolare 60 x 6
con i seguenti parametri:

n m
A = 6.91 cm2
Pp = 0,0542 KN / m
e = 6 mm ( spessore dell’ anima e delle ali )

m n

8
Profilati

MONTANTE DI FACCIATA

Il montante di facciata ha un profilato di tipo HE 180 B con le seguenti caratteristiche:


h = 180 mm
b = 180 mm q
e = 14 mm ( spessore delle ali )
a = 8,5 mm ( spessore dell’ anima )
A = 65.3 cm2
Pp = 0,512 KN / m

COLONNE DI SOSTEGNO

Per le colonne di sostegno è stato utilizzato il profilato tipo HE 300 B:


h = 300 mm
b = 300 mm
e = 19 mm ( spessore delle ali )
q
a = 11 mm ( spessore dell’ anima )
A = 149,1cm2
Pp = 1,170 KN/m

9
Profilati

6 7 8 9 10

1 2 3 4 5

Figura 4 : Capriata tipo

Asta Tipo di asta Peso(KN/m) Lunghezza (m) Peso (KN)


7-6 Corr. Sup. 0,222 2.50 0,555
2-6 Diagonale 0,0594 2.15 0,128
2-1 Corr. Inf. 0,147 1.25 0,184
7-2 Diagonale 0,1084 2.15 0,233
2-3 Corr. Inf. 0,147 2.50 0,368
7-3 Diagonale 0,0594 2.15 0,128
7-8 Corr. Sup 0,222 2.50 0,555
3-8 Diagonale 0,1084 2.15 0,233
3-4 Corr. Inf. 0,147 2.50 0,368
4-8 Diagonale 0,0594 2.15 0,128
8-9 Corr. Sup 0,222 2.50 0,555
4-9 Diagonale 0,1084 2.15 0,233
4-5 Corr. Inf. 0,147 2.50 0,368
9-5 Diagonale 0,0594 2.15 0,128
9-10 Corr. Sup 0,222 2.50 0,555
5-11 Corr. Inf. 0,147 2.50 0,368
5-10 Diagonale 0,1084 2.15 0,233

Questa tabella ci mostra i tipi di aste con i rispettivi pesi e le lunghezze dei profilati presi in esame.

10
Analisi dei carichi

Analisi dei carichi

INTRODUZIONE
Le azioni da considerare per analizzare le forze gravanti sulla struttura comprendono nel nostro
caso : carichi permanenti e carichi variabili.
Con carichi permanenti si intendono, il peso proprio della struttura e il peso del manto della
copertura.
Il carico variabile che prenderemo in considerazione in questo elaborato è da ritrovarsi
esclusivamente nel peso della neve, in quanto non sono state considerate le azioni davute dal
vento e dal sisma che saranno considerate e approfondite per il corso di Tecnica delle Costruzioni.

Di seguito riportiamo i pesi dovuti dalla copertura e dalla neve:

Carichi variabili
Copertura 0,22 kN/m2
Neve 0,98 kN/m2

I pesi dei singoli elementi sono riassunti nella seguente tabella:

Profilato Peso proprio


HE 160 E 0,304 KN/m
UNP 120 0,133 KN/m
HE 300 B 1,170 KN/m
HE 180 B 0,512 KN/m
Agolare 65 x 100 x 9 0,111 KN/m
Angolare 60 x 80 x 7 0,0735 KN/m
Angolare 40 x 5 0,0297 KN/m
Angolare 60 x 6 0,0542 KN/m

Passiamo adesso ad analizzare ed attribuire i carichi ai nodi di competenza osservando che:

1. I carichi si applicano ai nodi


2. Le aste si schematizzano come incernierate, nonostante nella pratica esecutiva le unioni
siano realizzate mediante saldatura, pertanto lo schema fisico reale risulta essere l’ incatro.

11
Analisi dei carichi

MODELLAZIONE EFEETTUATA TRAMITE SAP

In questa figura possiamo vedere la numerazione dei nodi (da Sap) utilizzata per identificare i
gruppi di carico:

Figura 5: Numerazione dei nodi (da Sap) lato Y-Z

12
Analisi dei carichi

Altra prospettiva da cui sono visibili i nodi più interni:

Figura 6: Numerazione dei nodi (da Sap)

N° nodi Carico agente (neve+copertura) Lato


131-132 3,75 kN Y-Z
145-143-147-139-140-135-137 7,51kN Y-Z
157-166-183-200-217-234-251-268-285 7,51kN X-Z
Nodi interni 15 kN

Per simmetria sono stati assegnati rispettivamente gli stessi carichi ai nodi di competenza.

13
Modellazione strutturale

Modellazione strutturale mediante Sap2000


Per analizzare il comportamento della struttura in esame è stato utilizzato il programma Sap2000.
questo software permette di effettuare le analisi statiche e dinamiche delle strutture. Il nostro
elaborato è limitato allo studio del comportamento della struttura sotto l’azione del peso proprio,
del carico della neve e del peso della copertura.
Il primo passo, necessario per definire la struttura, è quello di costruirne la geometria in 3D su
Autocad ed importarla successivamente in Sap. Dopo averlo importato si procede
all’assegnazione delle condizioni di vincolo, nel nostro caso il capannone è assunto incastrato al
suolo.

Figura 7: Capannone da Sap

Dalla figura 7 possiamo vedere la struttura importata in Sap con i vincoli assegnati. Il passo
successivo è quello di definire le caratteristiche meccaniche del materiale (nel nostro caso
acciaio), dopodichè si procede all’assegnazione delle sezioni e in un secondo tempo alla
definizione dei gruppi di carico.

14
Modellazione strutturale

Figura 8 : Visualizzazione 3D del modello FEM del capannone

Dalle figure 8-9 si può notare come sono state assegnate le sezioni a gruppi di elementi uguali.

Figura 9 : Prospetto frontale lato Y-Z con nomenclatura delle sezioni

15
Modellazione strutturale

Il nostro capannone una volta assegnati i carichi risulta così definito:

Figura 10 : Particolare con vista del carico della neve

In questo particolare possiamo vedere i valori di carico dovuti dal peso della neve, che sono stati
assegnati ad ogni nodo, precedentemente calcolati e presenti nella sezione relativa all’ analisi dei
carichi.

Nell’ immagine successiva mostriamo invece l’assegnazione dei carichi puntuali dati dal peso della
copertura.

16
Modellazione strutturale

Per quanto riguarda il peso proprio del capannone, non dobbiamo assegnare nessun gruppo di
carico, perché il programma di modellazione strutturale, calcola automaticamente il peso di ogni
elemento della struttura, avendo assegnato a ciascuna sezione il relativo materiale.

Figura 11: Particolare con vista della copertura

17
Modellazione strutturale

ANALISI STATICA DELLA STRUTTURA : DIAGRAMMI


Con il programma in oggetto è possibile determinare le caratteristiche di sollecitazione della
struttura, sottoposta a tutti i carichi sia permanenti che accidentali. Di seguito riportiamo i grafici
relativi:

DIAGRAMMA DELLO SFORZO NORMALE

Questo diagramma è relativo alla combinazione dei carichi dovuti dal peso della copertura, dal
peso proprio della struttura, e dal carico della neve.

Figura 12 : Vista 3D del diagramma dello sforzo normale

Si può notare come lo sforzo normale massimo si ha sui pilastri laterali e sulla capriata.

18
Modellazione strutturale

DIAGRAMMA DELLO SFORZO NORMALE

Questo diagramma è relativo alla combinazione dei carichi dovuti dal peso della copertura, dal
peso proprio della struttura, e dal carico della neve.

Figura 13 : vista sul lato Y-Z del diagramma dello sforzo normale con relativi valori di alcuni elementi della struttura

19
Modellazione strutturale

DIAGRAMMA DEL TAGLIO

Questo diagramma è relativo alla combinazione dei carichi dovuti dal peso della copertura, dal
peso proprio della struttura, e dal carico della neve.

Figura 14 : Taglio in direzione 2-2

20
Modellazione strutturale

Figura 15 : Diagramma del taglio in direzione 3-3

Figura 15 a : Diagramma del taglio 3-3 con relativi valori

21
Modellazione strutturale

DIAGRAMMA DEL MOMENTO

Questo diagramma è relativo alla combinazione dei carichi dovuti dal peso della copertura, dal
peso proprio della struttura, e dal carico della neve.

Figura 16 : Momento in direzione 3-3

22
Modellazione strutturale

DEFORMATA DELLA STRUTTURA

Un’ altra funzione del programma di calcolo strutturale Sap 2000, è quella di permettere di
visualizzare la deformata delle strutture sotto l’azione dei carichi agenti. La figura che segue ci
mostra infatti, come si deforma il nostro capannone sotto l’azione dei carichi combinati ( peso
proprio, copertura, neve ). Possiamo concludere che le deformazioni sono ammissibili per i carichi
applicati e per la geometria della struttura.

Figura 17 : Vista dal lato Y-Z della deformata sotto l’ azione dei carichi combinati

I valori nelle deformazioni nei punti indicati in figura sono :

o Punto A = 0,04 mm valore massimo in mezzeria (1,25 m)


o Punto B = 0,32 mm valore massimo in mezzeria (1,18 m)
o Punto C = 0,08 mm valore massimo costante da 1 m a 1,5 m dall’inizio dell’asta
o Punto D = 2,3 mm valore massimo in mezzeria (2,5 m)
o Punto E = 2,2 mm valore massimo in mezzeria (2,5 m)
o Punto F = 2,2 mm valore massimo in mezzeria (2,5 m)

23
Modellazione strutturale

Figura 18 : Deformata della struttura con valori dell’abbassamento di alcuni nodi

24
Modellazione strutturale

Figura 19 : Deformata della struttura

25
Analisi statica

Analisi statica di una capriata

Figura 20 : Particolare degli elementi studiati

Al fine di verificare la bontà dei risultati ottenuti con Sap abbiamo proceduto a calcolare
manualmente le caratteristiche di sollecitazione di una capriata della struttura.

Qui di seguito riportiamo i procedimenti necessari a tale calcolo e successivamente una tabella di
confronto tra i valori ottenuti con Sap e con il metodo analitico.

26
Analisi statica

CALCOLO DELLA CAPRIATA: MODELLO ANALITICO

Le sollecitazioni nelle aste della capriata vengono determinate come se nei nodi della travatura
fossero presenti delle cerniere, cosicché le aste risultano soggette unicamente a sforzo normale.
Per la determinazione numerica degli sforzi normali nelle aste, si procede manualmente con il
metodo delle sezioni di Ritter; per quanto riguarda i segni, verranno considerati positivi gli sforzi di
trazione, negativi, quelli di compressione.

Figura 21 : Schema strutturale della capriata

Il peso che abbiamo considerato è quello costituito dal carico della neve e dal peso della
copertura. Qui di seguito riportiamo una tabella riassuntiva contenente i carichi considerati :

Carico Peso
Neve 0,980 KN/m2
Copertura 0,220 KN/m2
Totale 1,2 KN/m2

Per individuare i carichi da assegnare ai nodi della capriata, abbiamo proceduto così :

è stato moltiplicato il peso totale a mq per l’area di competenza che per il nodo 2 risulta essere :

p1 = 1,2 KN/m2· 1,25 m· 5 m = 7,5 KN

Mentre per gli altri nodi si ha :


p = 1,2 KN/m2· 1,25 m· 5 m = 15 KN

27
Analisi statica

Calcolo delle reazioni vincolari:


con p = 15 KN e p1= p/2 = 7,5 KN

H1 = 0
V1 + V2 = 8 p
V1· 20 m - p1· 20 m - p · 70 m = 0

Da cui risulta:
V1= V2 = 60 KN
Con :
= arctg 1,25 / 1,50 40°
dalla geometria della capriata, possiamo desumere i seguenti dati :
= 38 °

= 36 °

= 34 °

Adesso procediamo al calcolo della capriata “scomponendola” in più sezioni, calcolando per
ognuna di queste lo sforzo normale agente sulle aste.

p p
p p
p1

19 11
17 15
4
1.69 m 1.80 m 1.94 m 2.00 m
1.56 m
1.50 m
1.63 m 1.75 m 1.87 m
3
13 14 16 18 10

1.25 m 2.50 m 2.50 m 2.50 m 1.25 m

Figura 22 : Schema strutturale quotato della capriata

28
Analisi statica

Sezione 1:

p1
Equilibrio verticale
-V1 + p1 +N134 · cos = 0
N134 = 68,53 KN N 174

Momento rispetto al nodo 13 4


V1· 1,25 m – p1 · 1,25 m + N174 · 1,56 = 0
N174 = -42,06 KN N 134

Momento rispetto al nodo 4 3


N133 = 0
N 133
v 1

1
Sezione 2:

Equilibrio verticale N 174


V1 - p1+ N1713 · cos = 0
N1713 = -68,53 KN 4

Momento rispetto al nodo 17


N 1713
-V1 · 2,50 m + p1· 2,50 m + N1413 · 1,63 m = 0
N1413 = 80,52 KN 3
13 N 1413
V1

29
Analisi statica

Sezione 3 :

p1 p
Equilibrio verticale
-V1 + p1 + p + N1417 · cos = 0
N1417 = 47,59 KN 17 N1517
4
Momento rispetto al nodo 14
V1· 3,75 m – p1· 3,75 m – p· 1,25 m + N1517 · 1,69 m = 0 N1417
N1517 = -105,40 KN
3
13 N1413
V1

Sezione 4:
p1 p
Equilibrio verticale
V1 – p1 – p + N1514 · cos = 0
17 N 1517
N1514 = -47,59 KN
4
Momento rispetto al nodo 15 N 1514
-V1· 5 m + p1· 5m + p· 2,5 m +
N1614· 1,75 m = 0 3
N1614 = 128,57 KN
13 14 N 1614
V1

30
Analisi statica

Sezione 5 :

Equilibrio verticale Momento rispetto al nodo 16

-V1 + p1 + 2p + N1615· cos = 0 V1· 6,25 m – p1· 6,25 m - p· 3,75 m - p· 1,25 m +


+N1915· 1,80 m = 0
N1615 = 27,81 KN
N1915 = -140,62 KN

p1 p p

17 15 N 1915
4

N 1615

3
13 14 N 1614
v1

Sezione 6:

Equilibrio verticale Momento rispetto al nodo 19

V1 – p1 – 2p + N1916 · cos = 0 -V1· 7,5 m + p1· 7,5 m + p· 5 m + p· 2,5 m +


+N1816· 1,87 = 0
N1916 = - 27,81 KN
N1816 = 150,40 KN

p1 p p

17 15 N 1915
4

N 1916

3
13 14 16 N 1816
V1

31
Analisi statica

Sezione 7:

Equilibrio verticale Momento rispetto al nodo 18


-V1 + p1 + 3p + N1819· cos = 0 V1· 8,75 m – p1· 8,75 m – p· 6,25 m – p· 3,75 m+
N1819 = 9,05 KN – p· 1,25 m + N1119· 1,94 = 0
N1119 = -149,81 KN

p1 p p p

17 15 19 N 1119
4

N 1819

3
13 14 16 N 1816
V1

Sezione 8 :

Equilibrio verticale Momento rispetto al nodo 11


V1 – p1 – 3p + N1118· cos = 0 - V1· 10 m + p1· 10 m + p· 7,5 m + p· 5 m +
N1118 = - 9,05 KN + p· 2,50 m + N1018· 2,00 m = 0
N1018 = 150 KN

p1 p p p

17 15 19 N810
4

N1118

3
13 14 16 18 N1018
V1

32
Analisi statica

CALCOLO DELLA CAPRIATA : MODELLI NUMERICI

Tramite il programma di calcolo utilizzato per questo elaborato, abbiamo calcolato gli sforzi
normali sulle aste della capriata in esame.
Per ragioni di semplicità, abbiamo considerato applicati sia il carico della neve che quello della
copertura, che rispettivamente valgono 0,98 KN/m2 e 0,22 KN/m2 .
Qui di seguito riportiamo due diversi schemi statici, realizzati al fine di confrontare i relativi valori
ottenuti, con quelli effettivi del capannone 3D. Infatti i risultati della struttura complessiva dovranno
essere compresi tra i valori dei due casi limite che andremo di seguito ad analizzare.
Per ragioni pratiche ci limitiamo a riportare i confronti relativi a due soli elementi della capriata,
ossia:
diagonale compresso 11-18 e corrente inferiore 18-10.

Caso 1
In questo primo modello la capriata risulta essere incernierata ad un’ estremità e vincolata dall’
altra parte con un carrello. I risultati di questa analisi serviranno anche per un confronto dei dati
ottenuti con il metodo analitico.

Figura 23 : Capriata con applicato il carico della neve

Figura 24 : Capriata con applicato il carico della copertura

33
Analisi statica

Figura 25 : Grafico dello sforzo normale con i valori relativi alle tre aste considerate

34
Analisi statica

Deformata della struttura

Nodo11

Figura 26 : Deformata della struttura sotto i carichi di neve e copertura

Il programma Sap ci permette di conoscere lo spostamento di un punto rispetto alla struttura


indeformata.
Questa figura ci mostra come si deforma la struttura sotto l’azione del carico della neve e della
copertura :
il valore dello spostamento al nodo 11 è di 1,9 cm
facendo una veloce verifica otteniamo :
f l / 200
dove f è l’ abbassamento, l è la luce della capriata
f 20 m / 200 => 0,1 m 0,019 m

possiamo concludere che le deformazioni sono ammissibili per i carichi applicati e per la
geometria della struttura.

35
Analisi statica

Caso 2

In questo secondo modello la capriata risulta essere incernierata ad entrambe le estremità. I


risultati di quest’ analisi si andranno a confrontare con gli altri ottenuti.

Figura 27: modello statico della capriata incernierata alle estremità

I carichi applicati sulla struttura sono sia il carico della neve che quello della copertura, che
rispettivamente valgono 0,98 KN/m2 e 0,22 KN/m2 .

36
Analisi statica

Figura 28 : Diagramma dello sforzo normale con i valori relativi alle aste considerate

37
Analisi statica

Deformata della struttura

Nodo 11

Figura 29 : Deformata della struttura soggetta ai carichi di neve e copertura

Questa figura ci mostra come si deforma la struttura sotto l’azione del carico della neve e della
copertura :

il valore dello spostamento al nodo 11 è di 1,12 cm

facendo una veloce verifica otteniamo :


f l / 200
dove f è l’ abbassamento, l è la luce della capriata
f 20 m / 200 => 0,1 m 0,0112 m

anche in questo caso le deformazioni risultano essere ammissibili per i carichi applicati e per la
geometria della struttura.

38
Analisi statica

Confronto dei dati ottenuti con sap

Riportiamo qui di seguito i risultati dello sforzo normale, espressi in KN, ottenuti con Sap e messi a
confronto con i calcoli analitici.

Sezione 1
Asta Sap(caso 1) Analitico Scarto %
17-4 -41,93 - 42,06 0,0013
13-4 64,04 68,53 0,0449
13-3 0,85 0 0,0085

Sezione 2
Asta Sap(caso 1) Analitico Scarto %
14-13 80,52 80,52 0
17-13 -63,21 -68,53 0,0532

Sezione 3
Asta Sap(caso 1) Analitico Scarto %
15-17 -105,50 -105,40 0,001
14-17 40,72 47,59 0,0687

Sezione 4
Asta Sap(caso 1) Analitico Scarto %
16-14 128,40 128,57 0,0017
15-14 -39,60 -47,59 0,0799

39
Analisi statica

Sezione 5
Asta Sap(caso 1) Analitico Scarto %
19-15 -139,63 -140,62 0,0099
16-15 18,99 27,81 0,0882

Sezione 6
Asta Sap(caso 1) Analitico Scarto %
18-16 149,79 150,4 0,0061
19-16 -18,63 -27,81 0,0918

Sezione 7
Asta Sap(caso 1) Analitico Scarto %
11-19 -150,03 -149,81 0,0022
18-19 -0,09 9,05 0,0896

Sezione 8
Asta Sap(caso 1) Analitico Scarto %
10-18 149,88 150 0,0012
11-18 0,07 -9,05 0,0898

40
Analisi statica

Riportiamo di seguito i dati ottenuti dal calcolo della capriata doppiamente incernierata relativi ad
ogni singola sezione della struttura oggetto del nostro studio :

Sezione 1 Sezione 2
Asta Sap(caso 2) Asta Sap(caso 2)
17-4 -41,98 14-13 -28
13-4 63,86 17-13 -63,24
13-3 -107,59

Sezione 3 Sezione 4
Asta Sap(caso 2) Asta Sap(caso 2)
15-17 -105,58 16-14 19,88
14-17 40,71 15-14 -39,58

Sezione 5 Sezione 6
Asta Sap(caso 2) Asta Sap(caso 2)
19-15 -139,69 18-16 41,26
16-15 18,96 19-16 -18,62

Sezione 7 Sezione 8
Asta Sap(caso 2) Asta Sap(caso 2)
11-19 -150,08 10-18 41,33
18-19 0,07 11-18 -0,07

Quest’ ultima tabella mostra i risultati ottenuti con i vari metodi utilizzati, relativi alle due aste
considerate. È necessario infatti che i valori dello sforzo normale sulle aste di una generica
capriata nel modello 3D, siano compresi nel range di valori ottenuti con i metodi sopra studiati .

Asta Sap (caso 1) Sap (caso 2) Analitico Sap (caso reale)


10-18 149,88 41,33 150 117,60
11-18 0,07 -0,07 -9,05 -1,39

41
Sap 2000

Allegato :

Introduzione ai principali comandi di Sap 2000 nl ver.9

1. Costruire la geometria 3D su Autocad


2. Importazione su sap
3. Assegnare i vincoli
4. Assegnare le proprietà del materiale
5. Definire e assegnare le sezioni
6. Visualizzare la deformata
7. Definire e assegnare i carichi
8. Creare i diagrammi

COSTRUIRE LA GEOMETRIA 3D SU AUTOCAD


É importante creare un solo layer, in modo da semplificare l’importazione su sap. Salvare il file
in .dxf.

IMPORTAZIONE SU SAP
Aprire sap, dalla slide file cliccare su import, scegliere autocad .dxf file, selezionare il file da
importare. A questo punto apparirà la finestra import information dove si dovrà selezionare :

global up direction: Z
units : unità di misura da scegliere in
base a quelle assegnate in precedenza
sul disegno di Autocad

42
Sap 2000

Apparirà in seguito un’ altra finestra DXF IMPORT dove dalla tendina frames andremo a
selezionare il layer dell’oggetto.

ASSEGNARE I VINCOLI
Occorre selezionare tutti i nodi di fondazione, che avranno lo stesso vincolo, tramite
la freccia posta in alto a sinistra (set select mode) . Dal menù
assign scegliere joint e poi restraints, così facendo apparirà la
finestra di dialogo joint restraints, per semplicità il sap 2000
permette di scegliere i vincoli tramite i fast restraints, che
corrispondono rispettivamente ad incastro, cerniera,
appoggio e punto libero. Impostando così
automaticamente i vincoli del riquadro superiore.

43
Sap 2000

ASSEGNARE LE PROPRIETÀ DEL MATERIALE


Dal menù define scegliere materials, che farà comparire la finestra define materials, nel nostro
caso è stato scelto acciaio (steel) e premendo su modify/show material apparirà la seguente
finestra dalla quale possiamo modificare le proprietà del materiale.

DEFINIRE E ASSEGNARE LE SEZIONI


Per inserire le sezioni della nostra struttura
occorre scegliere dal menù define la
funzione frame sections, con la quale
apparirà la finestra di dialogo define
frame sections . Nella parte destra di
questa scegliere da choose property
type to add il tipo di sezione più adatto e
cliccare su add new property , fatto
questo apparirà un’ altra finestra dalla
quale sarà possibile modificare la
geometria della sezione. Una volta definite tutte le sezioni della struttura, le assoceremo ai rispettivi
elementi alle quali corrispondono. Per far questo sarà necessario selezionare ogni singolo elemento
e dal menù assign scegliere frame/cable/tendon, cliccare su frame sections che farà apparire la
finestra Frame property, contenente la lista delle sezioni già inserite, selezionare la sezione
corrispondente e cliccare su ok. Al termine di queste operazioni su ogni elemento apparirà il nome
della sezione.

44
Sap 2000

VISUALIZZAZIONE DELLA DEFORMATA

Assegnate tutte le sezioni sarà già possibile visualizzare la deformata della struttura data dal peso
proprio, per fare questa operazione dobbiamo seguire i seguenti passi:
cliccare su analyze, da questa tendina scegliere set analysis options e apparira la seguente
finestra :

In questa finestra è stato selezionato space frame che spunta automaticamente tutti i Available
DOFs (degree of freedom) in modo da proibire tutte le rotazioni e le traslazioni intorno agli assi
principali. Una volta ciccato su ok la finestra si chiude.
Successivamente è necessario :
selezionare set analysis cases to run dal menù analyze

45
Sap 2000

selezionare il case name relativo al carico da analizzare, spegnere i carichi non interessati
dall’analisi e quindi cliccare su run/ do not run case.
Scegliendo run now si avvierà il processo di soluzione e appariranno tutte le informazioni relative
alle vari fasi del processo. La seguente finestra risulterà molto utile al fine di verificare eventuali
errori.

Al termine del processo di soluzione apparirà il messaggio analysis complete, cliccando su ok verrà
visualizzata immediatamente la deformata della struttura oggetto di studio.

46
Sap 2000

DEFINIRE E ASSEGNARE I CARICHI


Dalla barra degli strumenti scegliere define cliccare su load cases apparirà la seguente finestra di
dialogo:

Che permette di aggiungere, modificare o cancellare un carico, da load name si può immettere il
nome, da type si può scegliere il tipo di carico, se dovuto alla neve, accidentale, permanente,
ecc…
Assegnare i carichi concentrati
Per poter assegnare i carichi alla struttura è necessario:
selezionare tutti i punti che saranno soggetti alla stessa intensità di carico
da assign cliccare su joint load scegliere forces quindi apparirà la seguente finestra:

Da qui è possibile scegliere il nome del carico da assegnare e nel nostro caso, dato che avevamo
carichi verticali abbiamo inserito il valore delle forze in force global z , il verso di queste forze viene

47
Sap 2000

espresso tramite il segno – o + a seconda che la forza sia coerente o meno con il verso di z nel
sistema di riferimento assegnato.
A questo punto con il programma è anche possibile definire dei gruppi di carico, dalla tendina
define scegliere analisys cases ed apparirà la seguente finestra di dialogo :

Da qui è possibile tramite la funzione add new case combinare più carichi insieme. La finestra che
apparirà successivamente è la seguente :

48
Sap 2000

Dalla sezione analysis case name è possibile cambiare il nome del gruppo di carico, mentre dalla
sezione loads applied è possibile selezionare i carichi e ‘sommarli’ con la funzione add. Abbiamo
ottenuto così una combinazione di carichi che ci servirà per visualizzare i diagrammi relativi agli
sforzi.

CREARE I DIAGRAMMI
Prima di poter passare a visualizzare i diagrammi è necessario avviare la fase di run già descritta in
precedenza, successivamente, dal menù display scegliendo show element forces/ stresses e poi
frames, comparirà questa finestra di dialogo :

Nel primo riquadro scegliamo di quale gruppo di


carico intendiamo visualizzare le sollecitazioni. Nel
riquadro component, possiamo scegliere quale
sollecitazione visualizzare ed in ordine, azione assiale,
taglio nella direzione 2-2, taglio secondo la direzione
3-3, torsione, momento nella direzione 2-2 e 3-3. Una
volta impostate le opzioni desiderate clicchiamo su
ok. Nella finestra attiva otteniamo il grafico della
sollecitazione selezionata.

Nel caso delle sollecitazioni sap ci permette di


conoscere i valori su ogni asta, occorre cliccare con il
pulsante destro del mouse sull’ elemento che ci
interessa e comparirà una finestra con il diagramma
relativo all’asta selezionata.

A questo punto si può visualizzare la deformata della struttura soggetta ai carichi combinati
seguendo le stesse operazioni già descritte in precedenza.

49