Sei sulla pagina 1di 9

Claudio Floris

Lezioni di

SCIENZA.

delle

COSTRUZIONI

Claudio Floris Lezioni di SCIENZA. delle COSTRUZIONI Pitagora Editrice Bologna
Claudio Floris Lezioni di SCIENZA. delle COSTRUZIONI Pitagora Editrice Bologna

Pitagora Editrice Bologna

'

IUAV - VENEZIA AREA SERV. BIBLIOGRAFICI E DOCUMENTALI

A

2467

BIBLIOTECA CENTRALE

Claudio Floris

Lezioni di

SUIENZA

delle

UOSTRIJZIONI

UNIVERSITA' IUAV DI VENEZIA BIBLIPTECA CENTRALE

INV•••••••~••}.]?,,.;2

ru

Pitagora Editrice Bologna

Indice

Prefazione

XI

Introduzione

XIII

PARTE I: LA TRAVE ED I SISTEMI DI TRAVI

CAPITOLO 1: STATICA E CINEMATICA DELLA TRAVE

3

1.1.

Richiami

di statica e cinematica del corpo rigido

4

1.1.1 Forze,

momenti e coppie

4

1.1.2 Cinematica del corpo rigido

9

1.1.3 Condizioni di equilibrio del corpo rigido

12

1.2.

La trave

14

1.2.1 Il modello di trave

14

1.2.2 Vincoli e cinematica della trave

16

1.2.3 Reazioni vincolari

25

1.2.4 Azioni interne

30

1.2.5 Diagrammi di azione interna

33

1.2.6 Travi continue isostatiche

42

CAPITOLO 2: STATICA E CINEMATICA DEI SISTEMI DI TRAVI

47

2.1.

Cinematica e statica dei sistemi di travi

47

2.1.1 Definizioni

47

2.1.2 Vincoli ed

analisi cinematica dei sistemi di travi

48

2.1.3 Statica dei sistemi di travi

56

2.2. Esempi

63

2.3. Travature reticolari

74

2.3. l Analisi cinematica delle travature reticolari

76

2.3.2 Analisi statica delle travature reticolari (metodo generale)

78

2.3.3 Travature reticolari canoniche

79

2.3.4 Idealizzazione di elementi strutturali continui con schemi reticolari

85

2.4.

Archi e curva funicolare

88

2.4.l Statica dell'arco a 3 cerniere

91

 

2.4.2

Curva funicolare

94

VI

CAPITOLO 3: GEOMETRIA DELLE AREE

109

3.1.

Baricentri, momenti statici, momenti d'inerzia

109

3.1.1 Baricentri e momenti statici

110

3.1.2 Momenti d'inerzia

113

3.2. Momenti ed assi principali d'inerzia

117

3.3. Ellisse e nocciolo centrale d'inerzia

121

 

3.4. Esempi

130

PARTE Il: MECCANICA DEL CONTINUO SOLIDO

CAPITOLO 4: TENSIONE NEL CONTINUO SOLIDO

139

4.1. Introduzione

139

4.2. Sforzo e tensione nel continuo solido secondo Cauchy

140

4.2. l Sforzo nel continuo solido .····~·

140

4.2.2 Componenti dei vettori sforzo J; secondo gli assi coordinati: tensore di sforzo 143

4.2.3 Cenni di algebra dei tensori, cambiamento del sistema di coordinate

145

4.2.4 Trasformazione del vettore e del tensore di sforzo

151

4.2.5 Componenti del vettore di sforzo rispetto alla giacitura su cui agisce

154

4.3. Sforzi o tensioni principali

154

4.4. Proprietà delle tensioni principali

157

4.5. Casi notevoli di stato di sforzo

160

4.6. Sforzo idrostatico e sforzo deviatorico

164

4.7. Esempi sullo stato di sforzo spaziale

165

4.8. Stato di sforzo piano

171

4.9. Cerchio di Mohr

174

4.10. Esempi sullo stato di sforzo piano

177

4.11. Equazioni indefinite di equilibrio del continuo solido di Cauchy

185

CAPITOLO 5: CINEMATICA DEL CONTINUO SOLIDO

189

5.1.

Vettore spostamento, congruenza

189

5.2. Tensore di deformazione

192

5.2.l Deformazioni infinitesime

192

5.2.2 Interpretazione geometrica delle deformazioni

193

5.3. Misura delle deformazioni, grandi deformazioni

195

5.4. Congruenza

199

5.5. Deformazioni principali

204

5.6. Stato piano di deformazione

208

5.7. Esempi sugli stati di deformazione

211

VII

CAPITOLO 6: ELASTICITÀ DEI MATERIALI

221

6.1. Introduzione; legame tensione-deformazione monoassiale

221

6.2. Legame elastico; energia elastica

223

6.3. Materiali isotropi

227

6.3.1 Formulazione generale del legame elastico isotropo

227

6.3.2 Altre formulazioni del legame isotropo

228

6.4. Espressioni dell'energia potenziale elastica

232

6.5. Esempi sul legame elastico

234

6.6. Introduzione all'elasticità non lineare

238

6.6.1 Il postulato di stabilità di Drucker

238

6.6.2 Legami ipoelastici ed iperelastici

241

CAPITOLO 7: IL PROBLEMA ELASTICO

243

7.1. Posizione del problema

243

7.2. Teoremi fondamentali del problema elastico

246

7.3. Soluzione del problema elastico

257

7.3.1 Formulazione del problema elastico in termini di spostamenti

257

7.3.2 Formulazione del problema elastico in termini di tensioni

260

7.4.

Problemi elastici piani

263

7.4.l Problemi elastici piani nelle deformazioni

264

7.4.2 Problemi elastici piani nelle tensioni

272

7.4.3 Soluzione di problemi notevoli piani nelle tensioni

275

7.5.

Le piastre sottili inflesse

281

7.5.1 Il problema della piastra piana inflessa: impostazione generale

281

7.5.2 Piastre sottili inflesse: teoria di Germain-Lagrange-Kirchhof

288

7.5.3 Soluzioni analitiche per le piastre sottili inflesse

292

CAPITOLO 8: COMPORTAMENTO ANELASTICO ED A ROTTURA

299

8.1. Introduzione

299

8.2. Le funzioni di snervamento e rottura

303

8.3. Funzioni di snervamento per materiali duttili

308

8.3.1 Funzione di snervamento di Guest-Tresca

308

8.3.2 Funzione di snervamento di Huber (1904), Von Mises (1913), Hencky (1924)

311

8.3.3 Criteri di plasticità di Beltrami (1885) ed Hill (1950)

313

8.4.

Funzioni di rottura per materiali fragili

314

8.4.l Criterio di rottura di De Saint Venant-Grashof

316

8.4.2 Criterio di rottura di Galileo-Rankine

316

8.4.3 Funzione di rottura di Mohr-Coulomb

317

8.4.4 Funzione di rottura di Drucker-Prager

319

8.5.

Legame costitutivo elastoplastico

321

8.5.1 Materiale elastico-perfettamente plastico: legame costitutivo

322

8.5.2 Il postulato di Drucker in plasticità

326

8.5.3 Collasso plastico incrementale

329

8.6.

Cenni sulla frattura dei solidi

334

VIII

PARTE III: TENSIONI E DEFORMAZIONI NELLE TRAVI E SISTEMI DI TRAVI

CAPITOLO 9: IL PROBLEMA DI DE SAINT VENANT

353

9.1. Introduzione ed ipotesi

353

9.2. Posizione del problema

355

9.3. Prisma soggetto a N, Vx' Vi Mx' MY

360

9.3.l Determinazione della tensione normale cr

360

 

z

9.3.2 Determinazione delle tensioni tangenziali

365

9.3.3 Calcolo delle tensioni tangenziali in sezioni simmetriche

370

9.4.

Casi particolari di sollecitazione per tensione normale

376

9.4. l Azione assiale

376

9.4.2 Flessione retta e flessione semplice

380

9.4.3 Flessione deviata

409

9.4.4 Flessione composta: flessione e sforzo assiale (presso- e tensoflessione)

420

9.4.5 Energia elastica di deformazione causata dalla tensione normale

429

9.5.

Valutazione approssimata delle tensioni tangenziali

431

9.5.1 Determinazione delle tensioni tangenziali in prismi con sezione compatta

432

9.5.2 Tensioni tangenziali in prismi con sezione a profilo sottile aperto; centro di taglio

440

9.5.3 Tensioni tangenziali in prismi con sezione a profilo sottile chiuso

459

9.5.4 Energia elastica di deformazione dovuta al taglio

463

9.5.5 Deformazione e spostamento causati dal taglio

466

9.6.

Torsione del prisma di Saint Venant

467

9.6.1 Approccio agli spostamenti

468

9.6.2 Approccio agli sforzi

471

9.6.3 Centro di torsione e di taglio

473

9.6.4 Analogia idrodinamica

477

9.6.5 Soluzioni del problema della torsione

479

9.6.6 Energia elastica di deformazione

503

9.7. Esempi conclusivi sul problema di de Saint Venant

503

9.8. Elementi di teoria della torsione non uniforme (teoria di Vlasov)

516

9.8.1 Introduzione

516

9.8.2 Sviluppo della teoria

520

9.8.3 Integrazione dell'equazione della torsione non uniforme; polo principale

531

CAPITOLO 10: LINEA ELASTICA PER FLESSIONE DELLE TRAVI

541

10.1. Equilibrio e congruenza della trave

541

10.2. Linea elastica della trave di Bernoulli-Navier

544

10.3. Esempi sulla determinazione della linea elastica

549

10.3. l Travi e travature isostatiche

549

10.3.2 Travi e travature iperstatiche

560

10.4. Linea elastica con la teoria del secondo ordine

566

10.5. Linea elastica della trave su suolo elastico alla Winkler

569

IX

CAPITOLO 11: IL TEOREMA DEI LAVORI VIRTUALI NEI SISTEMI ELA- STICI DI TRAVI

581

11.1. Teorema degli spostamenti virtuali per sistemi piani di travi elastiche

581

11.2. Teorema delle forze virtuali per sistemi piani di travi elastiche

584

11.3. Modalità di applicazione del teorema delle forze virtuali

587

11.3.1 Calcolo di spostamenti

587

11.3.2 Calcolo delle reazioni sovrabbondanti di strutture iperstatiche

595

11.3.3 Calcolo delle reazioni sovrabbondanti di strutture iperstatiche con vincoli

ed elementi ad elasticità concentrata

607

11.4.

Metodo delle forze per la soluzione di strutture iperstatiche

618

11.4.1 Introduzione al metodo

618

11.4.2 Dimostrazione del metodo delle forze

627

11.5.

Metodo degli spostamenti per la soluzione di strutture iperstatiche

646

11.5.1 Dimostrazione del metodo degli spostamenti

646

11.5.2 Esempi di applicazione del metodo degli spostamenti

653

11.6.

Coefficienti per i metodi delle forze e degli spostamenti

667

11.6.1 Coefficienti per il metodo delle forze

667

11.6.2 Coefficienti per il metodo degli spostamenti

670

CAPITOLO 12: LAVORO ED ENERGIA NEI SISTEMI ELASTICI DI TRAVI

673

12.1.

Teoremi energetici nei sistemi piani di travi elastiche

673

12.l.l Teorema di Clapeyron

674

12.1.2 Teorema di Betti

676

12.1.3 Teorema di Maxwell

678

12.1.4 Teorema di Castigliano

680

12.2.

Energia potenziale elastica - Principio di Minimo

683

12.2.l Proprietà dell'energia potenziale elastica, principio di minimo

683

 

12.2.2

Applicazioni del principio di minimo dell'energia potenziale totale

687

12.3.

Energia complementare elastica - Principio di Minimo

701

12.3.1

Proprietà dell'energia complementare elastica, principio di minimo

701

CAPITOLO 13: STABILITÀ DELL'EQUILIBRIO ELASTICO PER SISTE- MI PIANI DI TRAVI

713

13.1. Introduzione: considerazioni generali sui problemi di stabilità

713

13.2. Metodo statico

718

13.2.1 Strutture discrete

718

13.2.2 Strutture continue

724

13.3.

Metodo energetico

733

13.3. l

Strutture discrete

733

13.3.2

Esempi

738

13.4.

Instabilità laterale delle travi inflesse

740

BIBLIOGRAFIA

747

Il volume fornisce una trattazione clas

in più di un secolo di storia della disciplina. Non si è rinunciato al rigore matematico eù alle

dimoslraz.ioni analitiche, ma queste possono essere omesse nella maggior parte dei casi per uno svolgimento più conciso della materia, cosl come l'uso dell'algebra tensoriale è stato ridotto all'indispensabile.

La scelta degli argomenti trclttall e lo spazio dato a ciascun argomento sono volutamente ampi ln

modo da coprire le diverse necessità dei differenti corsi di studio, sia del settore civile-edile, Ingegneria Civile ed Edile ed Archltetlur11i sia del settore dell'Ingegneria Industriale, tanto al primo che al secondo Uvello. Sulla scorta di vari trattati classici della materìa alla teoria s1 accompagnano numerosi esempi anche numerici, che possono essere tanto svolti in aula quanto lasciati da svolgere agli allievi, che cosl possono autonomamente controllare il loro grado di preparazione.

della Sciema delle Costruzioni, cosl come si è consolidata

'lica

Claudio Floris è ingegnere civile strulturista e profeswre ~iato di Scienza delle Costruzioni presso UPolitecnico di Milano. I suol attuali interessi scientifici riguardano la meccanicastrutturale stocastica 1 in particolare dinamica e l'analisi delle strutture in regime elastoviscoso, temi su cui ha pubblicato numerosi lavori in riviste ed atli di congressi.

€ 50,00

lavori in riviste ed atli di congressi. € 50,00 9 ISBN 88-371-1705 -1 11 11111111 1111111111111
lavori in riviste ed atli di congressi. € 50,00 9 ISBN 88-371-1705 -1 11 11111111 1111111111111

9

ISBN

88-371-1705 -1

11 11111111 1111111111111 111

788837 117054