Sei sulla pagina 1di 105

INDICE

1. INTRODUZIONE.................................................................................................4
1.1 GENERALITÀ..............................................................................................................4
1.2 CONTESTUALIZZAZIONE DELL’OPERA...............................................................4
1.3 CARATTERIZZAZIONE GEOGRAFICA/SISMICA..................................................6
1.3.1 Parametri sismici.................................................................................................................................6
1.3.2 Parametri del terreno di fondazione.....................................................................................................6
1.3.3 Parametri del terreno di ritombamento................................................................................................7
1.4 NORMATIVE DI RIFERIMENTO...............................................................................8
1.5 MATERIALI IMPIEGATI............................................................................................9
1.5.1 Conglomerati cementizi......................................................................................................................9
1.5.2 Acciaio per cemento armato..............................................................................................................10
1.5.3 Copriferri...........................................................................................................................................10
1.5.4 Acciaio per carpenteria metallica......................................................................................................10
2. ANALISI STRUTTURALE..................................................................................11
2.1 CODICI DI CALCOLO...............................................................................................11
2.2 MODELLO DI CALCOLO.........................................................................................12
2.3 SEZIONI MISTE ACCIAIO-CLS...............................................................................16
2.4 LARGHEZZA COLLABORANTE DELLA SOLETTA.............................................18
3. ANALISI DEI CARICHI......................................................................................19
3.1 CARICHI ELEMENTARI...........................................................................................19
3.1.1 Peso proprio della struttura g1...........................................................................................................19
3.1.2 Carichi permanenti portati g2............................................................................................................19
3.1.3 Cedimento differenziale di pile e spalle (1).....................................................................................20
3.1.4 Ritiro (ε2) e viscosità (ε4).................................................................................................................20
3.1.5 Variazioni termiche (ε3)....................................................................................................................22
3.1.6 Carichi mobili q1...............................................................................................................................23
3.1.7 Amplificazione dinamica in presenza di discontinuità.......................................................................25
3.1.8 Forza di frenatura q3.........................................................................................................................25
3.1.9 Forza centrifuga q4............................................................................................................................25
3.1.10 Azione del vento q5...........................................................................................................................25
3.1.11 Azione sismica sull’insieme impalcato/pile (q6)..............................................................................29
3.1.12 Azioni eccezionali (q8).....................................................................................................................30
3.2 COMBINAZIONI DEI CARICHI ELEMENTARI.....................................................31
4. DIAGRAMMI DELLE CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE
INTERNA.......................................................................................................................32
5. DIAGRAMMI DELLE DEFORMAZIONI..........................................................37
5.1 VERIFICA DI DEFORMABILITA’...........................................................................38
6. CRITERI DI VERIFICA STRUTTURALE.........................................................39
6.1 CRITERI DI VERIFICA DELLE SEZIONI IN MISTE ACCIAIO CALCESTRUZZO39
7. VERIFICHE ELEMENTI PRINCIPALI..............................................................40
7.1 VERIFICA DI RESISTENZA DELLE MEMBRATURE (TRAVI PRINCIPALI).....40
7.2 VERIFICHE DI STABILITÀ......................................................................................42
7.2.1 Stabilità dei pannelli d’anima (imbozzamento).................................................................................42
7.2.2 Stabilità delle piattabande (verifica globale, flessotorsionale)...........................................................45
7.2.3 Stabilità degli irrigidimenti trasversali in corrispondenza degli appoggi...........................................46
7.3 VERIFICHE A FATICA.............................................................................................48
7.4 VERIFICA AGLI STATI LIMITE D’ESERCIZIO DELLA SOLETTA IN DIREZIONE
LONGITUDINALE................................................................................................................49

1
8. VERIFICHE ELEMENTI SECONDARI.............................................................50
8.1 VERIFICHE DEI CONNETTORI ACCIAIO CALCESTRUZZO (PIOLI)................50
8.2 VERIFICHE DEI GIUNTI (BULLONATI)................................................................52
8.3 VERIFICHE DEI GIUNTI SALDATI TRAVI PRINCIPALI.....................................55
8.4 VERIFICHE DEI DIAFRAMMI E DEI GIUNTI BULLONATI................................56
8.4.1 Diaframma intermedio “reticolare”...................................................................................................57
8.4.2 Diaframma d’appoggio trave “AD ANIMA PIENA”........................................................................61
8.5 VERIFICHE PER LA SOSTITUZIONE DEGLI APPARECCHI D’APPOGGIO......65
8.6 VERIFICHE DEI GIUNTI SALDATI DIAFRAMMI.................................................72
8.7 VERIFICHE DEGLI IRRIGIDIMENTI LONGITUDINALI E TRASVERSALI.......73
8.8 VERIFICHE DELLE ASTE DEI CONTROVENTI....................................................74
9. ESCURSIONI APPARECCHI DI APPOGGIO E GIUNTI.................................75
10. SCARICHI APPOGGI..........................................................................................77
11. CONTROFRECCIA COSTRUTTIVA.................................................................79
12. SOLETTA (DIREZIONE TRASVERSALE).......................................................82
12.1 FASI COSTRUTTIVE.................................................................................................82
12.2 COMBINAZIONI DI CARICO...................................................................................83
12.3 CRITERI DI VERIFICA STRUTTURALE.................................................................84
12.3.1 Criteri di verifica delle sezioni in c.a.................................................................................................84
12.3.2 Verifiche per gli stati limite ultimi a flessione-pressoflessione..........................................................84
12.3.3 Verifica agli stati limite ultimi a taglio..............................................................................................84
12.3.4 Verifica agli stati limite d’esercizio...................................................................................................85
12.3.4.1 Stato limite delle tensioni.............................................................................................85
12.3.4.2 Stato limite di fessurazione..........................................................................................85
12.3.4.3 Stato limite di fatica.....................................................................................................85
12.4 VERIFICA IN 1°FASE................................................................................................88
12.4.1 Dati geometrici..................................................................................................................................88
12.4.2 Verifica del traliccio..........................................................................................................................88
12.4.3 Verifica della lamiera........................................................................................................................89
12.5 VERIFICA IN 2° FASE...............................................................................................90
12.5.1 Sbalzo lato cordolo............................................................................................................................90
12.5.1.1 Carichi permanenti portati..........................................................................................91
12.5.1.2 Sovraccarichi...............................................................................................................91
12.5.1.3 Momento dovuto all’urto di un veicolo in svio............................................................91
12.5.1.4 Riepilogo sollecitazioni mezzeria impalcato...............................................................92
12.5.1.5 Mezzeria impalcato - Verifica dello stato tensionale..................................................92
12.5.1.6 Mezzeria impalcato - Verifica a fessurazione..............................................................92
12.5.1.7 Mezzeria impalcato - Verifica a fatica........................................................................92
12.5.1.8 Mezzeria impalcato - Verifica dello stato limite ultimo..............................................93
12.5.1.9 Mezzeria impalcato - Verifica a taglio........................................................................93
12.5.2 Campata............................................................................................................................................94
12.5.2.1 Carichi permanenti portati..........................................................................................94
12.5.2.2 Sovraccarichi...............................................................................................................94
12.5.2.3 Riepilogo sollecitazioni mezzeria impalcato...............................................................98
12.5.2.4 Mezzeria impalcato - Verifica dello stato tensionale..................................................98
12.5.2.5 Mezzeria impalcato – Verifica a fessurazione.............................................................98
12.5.2.6 Mezzeria impalcato - Verifica a fatica........................................................................98
12.5.2.7 Mezzeria impalcato - Verifica dello stato limite ultimo..............................................99
12.5.2.8 Mezzeria soletta - Verifica a taglio............................................................................100
12.5.2.9 Riepilogo sollecitazioni giunto soletta.......................................................................101
12.5.2.10 Mezzeria impalcato - Verifica dello stato tensionale................................................101

2
12.5.2.11 Mezzeria impalcato – Verifica a fessurazione...........................................................101
12.5.2.12 Mezzeria impalcato - Verifica a fatica......................................................................101
12.5.2.13 Mezzeria impalcato - Verifica dello stato limite ultimo............................................102
12.5.2.14 Giunto soletta - Verifica a taglio...............................................................................103
13. VERIFICA DEL CORDOLO IN C.A...................................................................104
14. AFFIDABILITA’ DEI RISULTATI.....................................................................105

3
1. INTRODUZIONE

1.1 GENERALITÀ

1.2 CONTESTUALIZZAZIONE DELL’OPERA

L’opera è situata da pk 0+365.00 a pk 0+388.79 (pk 309+156 asse esistente).


L’impalcato è realizzato in sistema misto acciaio-calcestruzzo con schema statico appoggio-
appoggio con campata di luce di 23.80 m. Le spalle sono di tipo tradizionale fondate su pali 1000.

La sezione trasversale dell’impalcato prevede due travi principali in acciaio a doppio T di altezza
pari a 1.20; le travi principali sono collegate trasversalmente principalmente da traversi di tipo
reticolare con aste costituite da profilati ad L opportunamente accoppiati con imbottiture. Sulle
spalle sono previsti traversi ad anima piena a doppio T.
L’altezza della soletta è pari a 25 cm di cui 24.6 cm gettati in opera e 0.4 cm di coppela in acciaio
tralicciata autoportante. La geometria della sezione prevede una dimensione costante degli sbalzi
laterali di soletta paria 1.10 m ed un interasse fra le travi costante pari a 2.70 m.
La larghezza complessiva dell’impalcato è di 7.40 m, di cui 6.00 costituiscono la piattaforma
stradale ed i restanti gli elementi marginali di larghezza pari a 0.70 m in destra e 0.70 m in sinistra.

Sezione in campata

4
Sezione in asse appoggio

5
1.3 CARATTERIZZAZIONE GEOGRAFICA/SISMICA

1.3.1 Parametri sismici

Le opere in oggetto sono progettate per una vita nominale VN pari a 50 anni. Gli si attribuisce
inoltre una classe d’uso IV (“Costruzioni con funzioni pubbliche o strategiche importanti”) ai sensi
del D. Min. 17/01/2018, da cui scaturisce un coefficiente d’uso CU = 2.0.
Con riferimento alla mappatura nazionale relativa al rischio sismico e in base alla posizione
dell'opera e alla tipologia del terreno si ottiene quanto segue:
Zona sismica pk 309+156
Coefficiente di amplificazione stratigrafica (terreno B) S = 1.20
Coefficiente di amplificazione topografica St = 1.00
Accelerazione al suolo ag = 0.166 g
Fattore di amlificazione F0= 2.391

1.3.2 Parametri del terreno di fondazione


In base alle indagini effettuate, sono state desunte le seguenti caratteristiche del terreno:

Coltri (E/C) da p.c. a -5 m


Peso specifico del terreno terr = 20 [kN/m³]
Peso efficace del terreno ’terr = 11 [kN/m³]
Angolo di attrito = 25 [°]
Coesione del terreno c’ = 5 kPa
Coesione non drenata cu 70+2.6×z (kPa)
Modulo elastico operativo Eop = 30 MPa

Formazione di Sillano alterato (SIL’) da -5 m a -15 m


Peso specifico del terreno terr = 21 [kN/m³]
Peso efficace del terreno ’terr = 12 [kN/m³]
Angolo di attrito = 26 [°]
Coesione del terreno c’ = 10 kPa
Coesione non drenata cu 120+4.0×z (kPa)
Modulo elastico operativo Eop = 30 MPa

Formazione di Sillano (SIL) da -15 m in poi


Peso specifico del terreno terr = 24 [kN/m³]
Peso efficace del terreno ’terr = 15 [kN/m³]
Angolo di attrito = 33 [°]
Coesione del terreno c’ = 140 kPa
Modulo elastico operativo Eop = 1700 MPa

Profondità della falda piano fond.. [m]

La rigidezza della molle orizzontali “kh” è stata valultata considerando un valore di modulo di
elasticità Ek=30000 kPa e utilizzando la formula di Vesic riportata di seguito:

kh = Ek/D = 30000/1.0≈ 30000 kN/mc


in cui “D” è il diametro dei pali.

6
La rigidezza verticale è stata valutata assumento un carico limite laterale “Q,lat” per il palo di
lunghezza da p.c. pari a 20.00 m, pari a 4000 kN, perciò risulta:

kz = Q,lat/def,l = 4000/0.01 = 400000 kN/m


Per ulteriori dettagli si rimanda alla relazione geotecnica.

1.3.3 Parametri del terreno di ritombamento


Il ritombamento a tergo dell’opera sarà realizzato con materiale da rilevato aventi le seguenti
caratteristiche:
Peso specifico del terreno terr = 19 [kN/m³]
Peso efficace del terreno ’terr = 10 [kN/m³]
Angolo di attrito = 35 [°]
Coesione del terreno c’ = 0 kPa
Modulo elastico operativo Eop = 30 MPa

7
1.4 NORMATIVE DI RIFERIMENTO

2.1.1 D.M. 14.01.2008 “Nuove norme tecniche per le costruzioni”

2.1.2 Circolare 02.02.2009 n. 617: “: Istruzioni per l’applicazione delle “Nuove norme tecniche

per le costruzioni” di cui al D.M. 14 gennaio 2008

2.1.3 D.M. 17.01.2018 “Aggiornamento delle nuove norme tecniche per le costruzioni”

2.1.4 CNR 10011/97, “Costruzioni di acciaio. Istruzioni per il calcolo, l'esecuzione, il collaudo e la
manutenzione”;

2.1.5 CNR 10016/2000, “Strutture composte di acciaio e calcestruzzo. Istruzioni per l'impiego
nelle costruzioni”;

2.1.6 CNR 10018/1999, “Apparecchi d’appoggio per le costruzioni – Istruzioni per l’impiego”;

2.1.7 CNR 10030/93, “Anime irrigidite di travi a parete piena”;

2.1.8 UNI EN 1991-1-5:2004 “Eurocodice 1 - Azioni sulle strutture - Parte 1-5: Azioni in generale
- Azioni termiche”;

2.1.9 UNI EN 1992-1-1:2005, “Eurocodice 2 – Progettazione delle strutture di calcestruzzo -


parte 1 - Regole generali e regole per edifici”;

2.1.10 UNI EN 1993-1-1:2005, “Eurocodice 3 - Progettazione delle strutture di acciaio - Parte 1-


1: Regole generali e regole per gli edifici”;

2.1.11 UNI EN UNI EN 1993-1-5:2007, “Eurocodice 3 - Progettazione delle strutture di acciaio -


Parte 1-5: Elementi strutturali a lastra”;

2.1.12 UNI EN 1994-2:2006, “Eurocodice 4 - Progettazione delle strutture composte acciaio-


calcestruzzo - Parte 2: Regole generali e regole per i ponti”;

2.1.13 UNI EN 1998-2:2006, “Eurocodice 8 - Progettazione delle strutture per la resistenza


sismica - Parte 2: Ponti”;

2.1.14 Model Code 1990, CEB-FIP.

2.1.15 Raccomandazioni A.I.C.A.P. “Ancoraggi nei terreni e nelle rocce“ , Maggio 1993.

2.1.16 Linee guida A.G.I. “Aspetti geotecnici della progettazione in zona sismica”, 2005.

8
1.5 MATERIALI IMPIEGATI

Tutti i materiali previsti per la realizzazione dell’opera devono essere conformi a quanto
espressamente indicato dalle Norme tecniche, emesse con Decreto Ministeriale del 17 gennaio
2018. Nei paragrafi che seguono si elencano le principali caratteristiche fisico-meccaniche richieste
ai suddetti materiali.

1.5.1 Conglomerati cementizi

I conglomerati cementizi da porre in opera avranno le seguenti classi di resistenza:


Opere non armate (Magro di fondazione) C12/15 (Rck  15 MPa)
Pali C25/30 (Rck  30 MPa)
Plinti C28/35 (Rck  35 MPa)
Elevazioni (piedritti) C32/40 (Rck  40 MPa)
Soletta C32/40 (Rck  40 MPa)

Per verifiche
Coefficiente di sicurezza c = 1.5 [-]
Tensione caratteristica di compressione
fck = 24.9 [MPa]
(Rck=30MPa)
Tensione caratteristica di compressione
fck = 29.05 [MPa]
(Rck=35MPa)
Tensione caratteristica di compressione
fck = 33.20 [MPa]
(Rck=40MPa)
Tensione caratteristica di trazione
fct,m = 2.55 [MPa]
(Rck=30MPa)
Tensione caratteristica di trazione
fct,m = 2.83 [MPa]
(Rck=35MPa)
Tensione caratteristica di trazione
fct,m = 3.09 [MPa]
(Rck=40MPa)
Modulo elastico o di Young (Rck=30MPa) Ec = 31447 [MPa]
Modulo elastico o di Young (Rck=35MPa) Ec = 32558 [MPa]
Modulo elastico o di Young (Rck=40MPa) fct,m = 33642 [MPa]

Nella tabella seguente sono riportare, per ogni singola classe di esposizione ambientale (UNI EN
206-1 2001), le prescrizioni per il calcestruzzo che ne garantiscono la durabilità.
CLASSI DI DESCRIZIONE
ELEMENTO SITUAZIONI POSSIBILI PER
ESPOSIZIONE CONDIZIONI
STRUTTURALE L’APPLICAZIONE DELLA CLASSE
(UNI – EN 206-1) AMBIENTALI
Calcestruzzo per opere non
X0 - -
armate (magri)
Superfici in cls a contatto con acqua per lungo
Calcestruzzo per plinti XC2 Bagnato raramente secco
tempo es. fondazioni
Moderata saturazione
Calcestruzzo per Superfici verticali in cls di strutture stradali
XF2 d’acqua in presenza di sali
elevazioni esposte al gelo e nebbia di sali disgelanti
disgelanti
Strade e impalcati da ponte esposti ai Sali
Calcestruzzo per soletta Elevata saturazione d’acqua
XF4 disgelanti. Superfici in cls direttamente esposte a
superiore (getto in opera) in presenza di sali disgelanti
nebbia contenente sali disgelanti.

9
1.5.2 Acciaio per cemento armato
Tutte le armature metalliche delle opere in cemento armato saranno realizzate in acciaio ordinario
B450C, le cui caratteristiche chimico-meccaniche, nonché tutte le prove di accettazione, devono
essere conformi alle pertinenti prescrizioni riportate nelle norme vigenti. Di seguito si elencano le
principali caratteristiche meccaniche del materiale:

Per verifiche agli S.L.U.


Coefficiente di sicurezza s = 1.15 [-]
Tensione caratteristica di snervamento fyk = 450 [MPa]
Tensione caratteristica di rottura ftk = 540 [MPa]
Tensione limite di progetto fyd = 391.3 [MPa]
Modulo elastico o di Young Es = 210000 [MPa]

NOTA. Le armature da porre in opera non dovranno presentare tracce di ossidazione, corrosione e di
qualsiasi altra sostanza che possa ridurne l’aderenza al conglomerato; dovranno inoltre presentare
sezione integra e priva di qualsiasi difetto.

1.5.3 Copriferri

Di seguito si indicano i copriferri assunti per gli elementi strutturali del manufatto:

cnetto
Per fondazioni: superfici casserate 40 [mm]
superfici a contatto con magro di fondazione 40 [mm]
superfici gettate controterra 40 [mm]
Per elevazioni: 40 [mm]
Per solette: 35 [mm]

1.5.4 Acciaio per carpenteria metallica

10
2. ANALISI STRUTTURALE

L’analisi strutturale dell’impalcato in oggetto è condotta per le azioni statiche e sismiche illustrate
nei paragrafi precedenti. Il seguente paragrafo descrive i metodi di analisi adottati, i codici di
calcolo automatico per il calcolo e la verifica delle strutture ed il modello agli elementi finiti utilizzato
per la valutazione delle sollecitazioni.
La ricerca dei parametri di sollecitazione è fatta secondo le disposizioni di carico più
gravose, avvalendosi di codici di calcolo automatico per l'analisi strutturale.

2.1 CODICI DI CALCOLO

Tutti i codici di calcolo automatico utilizzati per il calcolo e la verifica delle strutture sono di sicura
ed accertata validità e sono impiegati conformemente alle loro caratteristiche.
Per i calcoli e le modellazioni di cui alla presente relazione sono impiegati i codici di calcolo
brevemente descritti di seguito.
 SAP2000,
Codice di calcolo F.E.M. (Finite Element Method) capace di gestire il calcolo e le verifiche delle
strutture miste acciaio-calcestruzzo durante tutte le fasi realizzative
 Codici di calcolo interni
Codici di calcolo in Excel e Visual Basic, messi a punto e testati dallo studio nel corso degli anni.
Essi gestiscono le combinazioni di carico e le verifiche delle spalle e delle fondazioni.
 SEZ-CA
Codice di calcolo per la verifica delle sezioni in c.a.

11
2.2 MODELLO DI CALCOLO

Il modello schematizza la struttura attraverso un grigliato di travi (fig. 2.1 e 2.2). Esse sono tra loro
collegate da elementi trasversali di rigidezza e configurazione tale (fig. 2.3) da essere
rappresentativi dei ritegni torsionali relamente presenti sulla struttura (diaframmi e soletta). I
diaframmi in corrispondenza della pile sono pieni a sezione a doppio “T”.I diaframmi intermedi tra
le pile sono reticolari e sono stati applicati degli svincoli flessionali agli elementi diagonali e correnti
inferiori, essi, cioè, non sono in grado di trasmettere la caratteristica di momento flettente nel piano
verticale.

fig. 2.1 – vista assonometrica del modello per il viadotto con la soletta non collaborante

fig. 2.2 – vista assonometrica del modello per il viadotto con la soletta collaborante

12
BRACCETTI
RIGIDI

TRAVI
LONGITUDINALI

DIAFRAMMI
RETICOLARI

fig. 2.3 – vista assonometrica dei diaframmi

Nelle sezioni in corrispondenza degli appoggi sono stati utilizzati degli elementi rigidi
opportunamente svincolati, per rappresentare la presenza degli apparecchi d’appoggio. Essi a loro
volta sono collegati attraverso dei ‘bracci rigidi’ all’estradosso del pulvino.

Per effettuare tutte le analisi previste sono stati realizzati tre modelli aventi le caratteristiche
meccaniche variabili in ragione delle varie fasi considerate:

- fase di costruzione con caratteristiche meccaniche dei soli conci in acciaio


- fase a tempo To con caratteristiche meccaniche della trave in acciaio e della soletta
in c.a. omogeneizzata in acciaio con n = Eacc/Ecls = 6.06
- fase a tempo Too con caratteristiche meccaniche della trave in acciaio e della soletta in c.a.
omogeneizzata in acciaio con n = Eacc/Ecls = 13.95 (azioni lente da carichi
permanenti) e 14.05 (azioni lente da effetti primari e secondari da ritiro).

Il riferimento globale è una terna cartesiana destrorsa con l’asse Z verticale e l’asse X orientato
lungo le estremità del viadotto.

Il modello è stato realizzato ed analizzato con l’ausilio del programma SAP2000, con successiva
elaborazione dei dati di output mediante l’utilizzo del foglio elettronico EXCEL della Microsoft.

In ciascuno dei file di input sono presenti 10 gruppi di elementi:


1) Trave 1 omogeneizzata a rigidezza variabile
2) Trave 2 omogeneizzata a rigidezza variabile
3) Traversi (bracci rigidi, diagonali, correnti inferiori e soletta trasversale)
4) Appoggi (bracci rigidi, apparecchi d’appoggio)
5) Vincoli in direzione longitudinale
6) Vincoli in direzione trasversale
7) Vincoli in direzione verticali

13
8) Vincoli rotazionali intorno all’asse longitudinale
9) Vincoli rotazionali intorno all’asse trasversale
10) Vincoli rotazionali intorno all’asse verticale

Sono stati analizzati i seguenti modelli elementari:

M1_PP0 Peso proprio della sola trave in acciaio+ peso soletta (senza fasi di
montaggio).

M2_Perm0 (1)Carichi permanenti portati a tempo to


(2) variazione di temperatura uniforme a tempo to

M3_PermInf (1) carichi permanenti portati a tempo too


(2) variazione di temperatura uniforme a tempo t oo

M4_Term. diff. (1) variazione di temperatura differenziale a tempo t o

M5_Ritiro (1) variazione di temperatura equivalente al ritiro impedito della soletta a t oo

M11_Mobili Carico viaggiante su due corsie e sul marciapiede in dx

Le sollecitazioni rappresentative del passaggio degli accidentali (carico Q1) sono state ottenute
attraverso opportune combinazioni dei risultati del modello “M11”.

CombAccQ1k inviluppo delle sollecitazioni relative al passaggio del Q1,K e del carico
distribuito (q1,K) sulla corsia 1
CombAccSxQ2k inviluppo delle sollecitazioni relative al passaggio del Q2,K e del carico
distribuito (q2,K) sulla corsia 2
.

14
15
2.3 SEZIONI MISTE ACCIAIO-CLS

Le caratteristiche geometriche delle travi in acciaio unitamente alla larghezza collaborante


calcolata al paragrafo successivo sono state utilizzate per il calcolo delle inerzie utilizzate nel
modello di calcolo, riportate negli allegati alla presente relazione.

Le caratteristiche geometriche sono calcolate per:

- sezione di solo acciaio


- la sezione mista a tempo 0
- la sezione mista a tempo infinito
- la sezione mista con calcestruzzo non resistente a trazione (per le zone soggette a momento
negativo)

In cui:

hmet altezza delle travi di acciaio


bi, ti base e spessore delle piattabande inferiori delle travi di acciaio
bs, ts base e spessore delle piattabande superiori delle travi di acciaio
twr spessore delle anime (se inclinate è misurato perpendicolarmente ad esse)

bcls, tcls base e spessore della porzione di soletta collaborante; la soletta collaborante può
essere calcolata cliccando sul bottone “bcls”
b1 base superiore della coppella; la base inferiore è assunta uguale alla base della
piattabanda superiore della trave di acciaio.

hcop altezza della coppella


dsup, dinf interasse superiore ed inferiore fra le anime esterne dei cassoni

nbsup, Fisup, csup armatura superiore: numero di tondini, diametro e copriferro, misurato
dall’estradosso della soletta al baricentro delle armature
nbinf, Fiinf, cinf armatura inferiore: numero di tondini, diametro e copriferro, misurato
dall’intradosso della soletta al baricentro delle armature

16
Es, vs, Ec, vc moduli di Young e di Poisson dell’acciaio e del calcestruzzo. Sono solo utilizzati
per la definizione dei coefficienti di omogeneizzazione e non per la definizione
delle caratteristiche meccaniche dell’acciaio e del calcestruzzo.

Fioo coefficiente di viscosità al tempo infinito per una messa in carico al tempo 0

pc, Acsup, Acinf passo dei controventi orizzontali e sezioni trasversali delle aste superiori ed
inferiori
teqsup, teqinf spessori equivalenti di una lamiera piena; possono essere calcolati
automaticamente con un click sui bottoni “teqsup” e “teqinf”.

Asse z verticale indica la direzione dell’asse z verticale degli elementi finiti rispetto alla sezione
trasversale processata dal wizard.

Nell’omogenizzazione della sezione, ai fini del calcolo delle sollecitazioni sull’impalcato, si è


considerato il contributo dello spessore della soletta e delle predalles.

17
2.4 LARGHEZZA COLLABORANTE DELLA SOLETTA

La larghezza della soletta collaborante può essere calcolata automaticamente con le formule del
D.M. 17/01/2018. Nell’analisi globale della struttura, ossia per il calcolo delle sollecitazioni e delle
deformazioni, si può assumere un valore costante della larghezza collaborante beff sull’intera
lunghezza di ciascuna campata della trave, valutato nella mezzeria della campata per le travi
appoggiate o continue ed all’incastro per le travi a mensola. Nelle verifiche delle sezioni trasversali
si dovrebbero utilizzare valori delle larghezze collaboranti differenziati per le zone soggette a
momento positivo o negativo, assumendo le lunghezze L0 riportate in figura.

Il calcolo è effettuato in una delle seguenti ipotesi:

1) travi continue, campata di bordo L 0 = 0.8 L1


2) travi continue, campate intermedie L0 = 0.7 L2
3) travi continue, appoggi L0 = 0.25 (L1+L2)
4) travi continue, sbalzi L0 = 2 L3
5) trave semplicemente appoggiate L0=L1

Gli altri dati richiesti sono:


L1, L2, L3 luci delle varie tipologie di campata
bc larghezza impegnata direttamente dai connettori

bsx max, bdx max metà interasse tra travi oppure distanza tra il bordo libero della soletta e
l’asse della trave
Per il calcolo di beff si ha:

be1 = be2 = 1/8 L0


beff=be1 + be2 + bc

Per gli appoggi di estremità la formula diviene:

beff=1be1 + 2be2 + bc

dove i =(0.55+0.025L0/bei)  1

tab. 5.1 – larghezza collaborante

Per tener conto dell’influenza di fessurazioni del calcestruzzo nelle zone a momento negativo nel
calcolo della rigidezza dell’impalcato non vanno considerate le zone di soletta la cui tensione
risultasse maggiore di 0.15fck (4.98Mpa).
Più semplicemente si può tener conto della fessurazione trascurando il contributo del calcestruzzo
alla rigidezza dell’elemento per un tratto pari al 15% della luce delle campate da ciascun lato
dell’appoggio intermedio.

18
3. ANALISI DEI CARICHI

Si riporta nel seguito una descrizione delle azioni agenti sulle strutture, considerate per il
dimensionamento degli elementi all’oggetto..

3.1 CARICHI ELEMENTARI


Le azioni di progetto, in accordo con quanto prescritto da D.M. de 17/01/2018, vengono di seguito
elencate:

g1 = peso proprio della struttura;


g2 = carichi permanenti portati;
g3 = altri carichi permanenti;
1 = distorsioni di progetto;
2 = ritiro del calcestruzzo;
3 = variazioni termiche;
4 = viscosità;
q1 = carichi mobili;
q2 = effetto dinamico dei carichi mobili;
q3 = azioni longitudinali di frenamento;
q4 = azione centrifuga;
q5 = azione del vento;
q6 = azioni sismiche;
q7 = resistenze di attrito agli appoggi;
q8 = azioni sui parapetti: urto di un veicolo in svio;
q9 = altre;
q10 = spinta idrodinamica.
3.1.1 Peso proprio della struttura g1
Il peso proprio degli elementi strutturali (travi longitudinali, traversi e soletta) è computato
considerando un peso specifico pari a γcls = 25.0 kN/mc per il calcestruzzo e pari a γacciaio =
78.5 kN/mc per l’acciaio.

Carp. metallica: Il peso dei singoli conci di trave viene computato in automatico
dal programma di calcolo e viene moltiplicato per 1,5 per tener in
conto della presenza dei diaframmi e piastrame vario.
Soletta in c.a.: 7.40 x 0.25 x 25.00 kN/ml = 46.25kN/ml

3.1.2 Carichi permanenti portati g2

Cordoli in c.a.: (0.70 + 0.70) x 0.15 x 25.00 kN/ml = 5.25 kN/ml


Pavimentazione: (6.00) x 3.00 kN/ml = 18.00 kN/ml
Guardrail: 1.50 x 2 kN/ml = 3.00 kN/ml
Sommano: 26.25 kN/ml

19
3.1.3 Cedimento differenziale di pile e spalle (1)

Essendo la struttura isostatica, non è presente.

3.1.4 Ritiro (ε2) e viscosità (ε4)

Gli effetti della viscosità sulla soletta sono valutati mediante l’adozione di un modulo elastico del
calcestruzzo corretto.

dove:

 è il valore medio del modulo elastico del calcestruzzo;


 è il coefficiente di viscosità definito nell’Appendice B della norma UNI
EN 1992-1-1:2005;
 è l’età del calcestruzzo in giorni al momento dell’applicazione del carico (per i carichi
permanenti è assunto );
 è l’età del calcestruzzo in giorni all’istante considerato;
 e sono coefficienti funzioni della resistenza media a compressione del
calcestruzzo , dell’umidità relativa ambientale e della dimensione convenzionale della
sezione ( è l’area della sezione trasversale di calcestruzzo ed è il perimetro
esposto ad essiccamento).

Nel caso in oggetto la dimensione convenzionale della sezione vale e,


assumendo un’umidità relativa , si ottiene per e
(azioni lente da carichi permanenti) e per e
(azioni lente da effetti primari e secondari da ritiro).
Le caratteristiche geometriche di una sezione trasversale composta sono definite omogeneizzando la
soletta alla trave metallica. Per le azioni di breve durata, si utilizza il modulo elastico del calcestruzzo a 28
giorni. Per le azioni di lunga durata, si definiscono i rapporti modulari corretti in funzione del tipo di azione,
mediante l’espressione:

avendo indicato con il rapporto modulare per azioni di breve durata ed essendo il

coefficiente moltiplicativo di viscosità da usare per carichi permanenti e il coefficiente


moltiplicativo del viscosità da usare per azioni lente da ritiro.

Nella relazione da ora in poi si adotterà la dizione “a tempo to o a tempo too” intendendo che il
modulo elastico del calcestruzzo è rispettivamente Ec o Ec-viscoso o equivalentemente che il coefficiente di
omogeneizzazione vale rispettivamente 5.82 o 13.69 (azioni lente da carichi permanenti) e 13.15 (azioni lente
da effetti primari e secondari da ritiro).

20
La deformazione da ritiro è calcolato secondo quanto prescritto nell’Appendice B della
norma UNI EN 1992-1-1:2005:

dove:
 è la deformazione del calcestruzzo per ritiro autogeno al tempo ;
 è la deformazione di base dovuta a ritiro per essiccamento.

Nel caso in oggetto, per una dimensione convenzionale della sezione e


un’umidità relativa , si ottiene (per e ) e
, da cui: .

teq = roo 30.0° Variazione termica equivalente

21
3.1.5 Variazioni termiche (ε3)

La valutazione delle azioni da variazione termiche viene effettuata in base ai criteri contenuti nel DM
2018 e nelle norme UNI EN 1991-1-5 (gradiente).

La variazione termica uniforme produce un allungamento o un accorciamento dell’impalcato stesso.

- Variazioni termiche uniformi Tu

Sul territorio nazionale, i valori massimi e minimi di temperatura dell’aria esterna e il valore di To
(DM2018) sono definiti dai seguenti valori:

Zona II (Toscana)

Tmin = -14°C

Tmax = +42°C

T0=15°C

Da cui:

Tu,max = Tmax-T0=42-15 =27°C

Tu,max = T0-Tmin=15-(-14) =29°C

Ovvero:

Tu  +/- 30°C

- Variazioni termiche lineari TM

TM,heat = 15 °C estradosso più caldo dell’intradosso

TM,cool = -18 °C estradosso più freddo dell’intradosso

TM,heat = 15 °C estradosso più caldo dell’intradosso

TM,cool = -18 °C estradosso più freddo dell’intradosso

22
3.1.6 Carichi mobili q1
Questi sono i carichi stabiliti convenzionalmente dalla normativa specifica per il calcolo dei ponti. I carichi
vanno applicati su una “corsia convenzionale” avente un ingombro trasversale stabilito in 3,00m, e sulla “zona
rimanente” avente un ingombro trasversale pari a w-(3.00xnl), dove “w” è la larghezza della carreggiata e “nl”
è il numero di corsie convenzionali. Nel caso specifico, considerata la variabilità della larghezza della
carreggiata, si ha:
w = 6.00 m
nl = Int(w/3)= Int(6.00)/3 = 2
Larghezza della zona rimanente = w-(3.00xnl) = 0.0 m

Cordolo

Corsia convenzionale numero 1

Corsia convenzionale numero 2

Corsia convenzionale numero 3

Zona rimanente
Cordolo

Carico Q1k: mezzo convenzionale a due assi:...........................................600,00 kN


Carico q1k: carico ripartito:........................................................................................9 kN/m2
Carico Q2k : mezzo convenzionale a due assi:................................................400,00 kN
Carico q2k: carico ripartito:.....................................................................................2,5 kN/ m2
Carico Q3k : mezzo convenzionale a due assi:................................................200,00 kN
Carico q3k: carico ripartito:.....................................................................................2,5 kN/ m2
Carico q4k : zona rimanente:..................................................................................2,5 kN/ m2
Carico q1e : folla compatta sui marciapiedi:...........................................................2.5 kN/ m2

Compatibilmente con la larghezza complessiva della piattaforma carrabile, vengono considerati:


 Una colonna di carico costituita da un solo mezzo Q 1k (600 kN)e da uno o più tratti di carico q 1k
(9 kN/mq), disposti ai fini del calcolo delle strutture principali, lungo l’asse della corsia più
sfavorevole;
 Una seconda colonna di carico analoga alla precedente ma con intensità dei carichi ridotta
(Q1k=400 kN; q1k=2.5 kN/mq);

23
Tali carichi in direzione longitudinale sono considerati viaggianti sull’intero impalcato e in direzione
trasversale considerati nelle configurazioni che massimizzano le sollecitazioni di verifica delle
sottostrutture.
In particolare avremo due configurazioni: la prima che massimizza il momento trasversale sulle
sottostrutture con i carichi disposti in maniera più eccentrica possibile rispetto all’asse delle pile e la
seconda che massimizza lo sforzo normale con tutti i carichi mobili presenti sull’impalcato.

24
3.1.7 Amplificazione dinamica in presenza di discontinuità

In prossimità di giunti di dilatazione può essere necessario considerare un coefficiente dinamico addizionale
q2 pari a:
Coefficiente di amplificazione carichi 1.30 Per luci 10 m ≤ L ≤ 70 m

3.1.8 Forza di frenatura q3


L’allineamento fisso, su cui agisce la frenatura, è posto in corrispondenza della spilla fissa:
La forza di frenatura è pari a:

essendo w1 ed L rispettivamente la larghezza e la lunghezza totale della prima corsia di carico del
viadotto.
Nel nostro caso si ha:
q3 = 0.6*2*300+0.1*3*9*26 = 562.84 kN < 900 Kn

3.1.9 Forza centrifuga q4

Il valore della forza centrifuga si considera nulla per raggi di curvatura maggiori di 1500 m. Nel
nostro è nulla poiché il ponte è in rettifilo.

3.1.10 Azione del vento q5

Il vento, la cui direzione si considera generalmente orizzontale, esercita sulle costruzioni


azioni che variano nel tempo e nello spazio provocando, in generale, effetti dinamici.

Per le costruzioni usuali tali azioni sono convenzionalmente ricondotte ad azioni statiche
equivalenti dirette secondo due assi principali della struttura, tali azioni esercitano
normalmente all’elemento di parete o di copertura, pressioni e depressioni p (indicate
rispettivamente con segno positivo e negativo) di intensità calcolate con la seguente
espressione:

– qb = pressione cinetica di riferimento;

– ce = coefficiente di esposizione;

– cp = coefficiente di forma (o coefficiente aerodinamico);

– cd = coefficiente dinamico.

25
Tabella 1: Definizione della categoria di esposizione

Tabella 2: Schema per la definizione della categoria di esposizione – cfr. NTC18

Il valore di ce può essere ricavato mediante la relazione:

per z > zmin

per z < zmin


3) Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Puglia, Campania, Basilicata, Calabria (esclusa la provincia di Reggio Calabria)

Zona vb,0 [m/s] a0 [m] ka [1/s]


3 27 500 0.02
as (altitudine sul livello del mare [m]) 500
TR (Tempo di ritorno) 50
vb = vb,0 per as ≤ a0
vb = vb,0 + k a (as - a0) per a0 < as ≤ 1500 m
vb (TR = 50 [m/s]) 27.000
aR (TR ) 1.00073
vb (TR ) = vb× aR [m/s]) 27.020

p (pressione del vento [N/mq]) = qb∙ ce∙ c p∙ cd


qb (pressione cinetica di riferimento [N/mq])
ce (coefficiente di esposizione)
cp (coefficiente di forma)
c d (coefficiente dinamico)

26
Pressione cinetica di riferimento

qb = 1/2∙r ∙vb2 (r = 1,25 kg/mc)

qb [N/mq] 456.29

Coefficiente di esposizione

Classe di rugosità del terreno

C) Aree con ostacoli diffusi (alberi, case, muri, recinzioni,....); aree con rugosità non riconducibile alle classi A, B, D

Categoria di esposizione

Zona Classe di rugosità as [m]


3 C 500

c e(z) = k r2∙c t∙ln(z/z0 ) [7+c t∙ln(z/z0)] per z ≥ zmin Cat. Esposiz. kr z 0 [m] zmin [m] ct
c e(z) = c e(zmin) per z < zmin III 0.2 0.1 5 1

z [m] ce
z≤5 1.708
z=0 1.708
z = 10 2.138

qb 0.46 kN/mq

Ce 2.138 Coefficiente di esposizione


Cp 1.2 Coefficiente di forma
Cd 1 Coefficiente dinamico
p 1.17 kN/mq Pressione del vento

Si considera, in favore di sicurezza, un valore della pressione del vento pari a 2.50 kN/m 2.

27
Nel nostro modello l’azione del vento è stata valutata con un pressione di 2.50 kN/m2 applicata sulla struttura
dall’intradosso delle travi fino alla quota di 3m dalla pavimentazione. Oltre all’azione trasversale sull’impalcato
è stato introdotto l’effetto del momento prodotto dalla risultante orizzontale del vento rispetto al baricentro
dell’impalcato:

Himp,max = (1.20 + 0.25 + 0.11 + 3.00) m = 4.56 m


L =25.00 m lunghezza impalcato
Dove:
1.20 m rappresentano l’altezza delle travi in acciaio;
0.25 m rappresentano l’altezza della soletta in c.a.;
0.11 m rappresentano l’altezza della pavimentazione;
3.00 m rappresentano l’altezza della superficie esposta al vento.

Risultante Rv = 2.5*4.56*25.00=285 kN Mv = 285*(4.56/2-0.6)=478.8 kNm

28
3.1.11 Azione sismica sull’insieme impalcato/pile (q6)

Le opere in oggetto sono progettate per una vita nominale VN pari a 50 anni. Gli si attribuisce
inoltre una classe d’uso IV (“Costruzioni con funzioni pubbliche o strategiche importanti”) ai sensi
del D. Min. 17/01/2018, da cui scaturisce un coefficiente d’uso CU = 2.0.
L’azione sismica di progetto è definita per lo Stato Limite di salvaguardia della Vita (SLV). Il
periodo di ritorno di quest’ultima - in funzione della vita utile, della classe d’uso, del tipo di
costruzione e dello stato limite di riferimento (prima definiti) - è di 950 anni circa.
Essa, conformemente a quanto prescritto dalle Nuove Norme Tecniche, non è definita in funzione
dell’appartenenza dell’opera ad una zona sismica bensì è valutata a partire dalla pericolosità
sismica di base del sito su cui l’opera insiste. Tale pericolosità sismica è descritta, in termini
geografici e temporali:
 attraverso i valori di accelerazione orizzontale di picco ag (attesa in condizioni di campo libero
su sito di riferimento rigido con superficie topografica orizzontale) e le espressioni che
definiscono le ordinate del relativo spettro di risposta elastico in accelerazione Se(T)
 in corrispondenza del punto del reticolo che individua la posizione geografica dell’opera
 con riferimento a prefissate probabilità di eccedenza PVR.
In particolare, la forma spettrale prevista dalla normativa è definita, su sito di riferimento
rigido orizzontale, in funzione di tre parametri:
 ag, accelerazione orizzontale massima del terreno
 F0, valore massimo del fattore di amplificazione dello spettro in accelerazione orizzontale
 TC*, periodo di inizio del tratto a velocità costante dello spettro in accelerazione orizzontale.
I suddetti parametri sono calcolati come media pesata dei valori assunti nei quattro vertici
della maglia elementare del reticolo di riferimento che contiene il punto caratterizzante la posizione
dell’opera, utilizzando come pesi gli inversi delle distanze tra il punto in questione ed i quattro
vertici.
In particolare, si può notare come F0 descriva la pericolosità sismica locale del sito su cui l’opera
insiste. Infatti, da quest’ultimo, attraverso le espressioni fornite dalla normativa, sono valutati i
valori d’amplificazione stratigrafica e topografica. Nella tabella seguente sono riassunti i valori dei
parametri assunti per l’opera in oggetto.

VN CU VR TR Località a g,orizz F0 Tc *
[anni] [anni] [anni] - [g} [s]
50 2 100 949.00 pk 308+892 0.166 2.391 0.311
Tabella 1: Parametri per la definizione della massima accelerazione locale

In quest’ultima VN è la vita nominale dell’opera; CU è il coefficiente relativo alla classe


d’uso; VR è il periodo di riferimento per l’azione sismica; TR è il periodo di ritorno associato alla
probabilità di non superamento dello stato limite della salvaguardia della vita; ag è la massima
accelerazione riferita a quella di gravità attesa sul sito su suolo di riferimento; F0 è il valore
massimo del fattore di amplificazione dello spettro in accelerazione orizzontale; FV è il valore
massimo del fattore di amplificazione dello spettro in accelerazione verticale; TC* è il periodo,
espresso in secondi, corrispondente alla fine del tratto orizzontale dello spettro su suolo di
riferimento.
Lo spettro di risposta elastico per la descrizione della componente orizzontale del moto
sismico è costruito a partire dai parametri riassunti nella tabella seguente.

Suolo SS ST S
B 1.2 1 1.2
Tabella 2: Parametri per la definizione dello spettro elastico orizzontale

In quest’ultima SS ed ST sono rispettivamente il fattori di amplificazione stratigrafica e


topografica concorrenti alla determinazione del fattore di amplificazione S; CC è il coefficiente che

29
modifica il valore del periodo TC*; TB è il periodo corrispondente all’inizio del tratto ad
accelerazione costante dello spettro della componente orizzontale; TC è il periodo corrispondente
all’inizio del tratto a velocità; TD è il periodo corrispondente all’inizio del tratto a spostamento
costante. Tale spettro è descritto dalle espressioni seguenti.

se
se

se

se

Il metodo di analisi scelto per lo studio degli effetti del sisma è la analisi lineare statica.
L’analisi lineare statica consiste sostanzialmente in una analisi lineare dinamica semplificata in cui:

1) non si effettua l’analisi dinamica della costruzione per determinare i modi di vibrare “naturali”
della costruzione e si ipotizza un modo di vibrare principale della costruzione caratterizzato da un
periodo T1 calcolato in maniera approssimata. A questo modo di vibrare si associa un’aliquota di
massa partecipante pari a 1,0 in tutti gli altri casi;
2) si calcolano gli effetti dell’azione sismica, rappresentata dallo spettro di risposta di progetto, per
il solo modo di vibrare principale considerato;
3) non si effettua alcuna combinazione degli effetti in quanto non si considerano modi di vibrare
secondari.
Per i manufatti in esame è possibile applicare l’analisi statica lineare in quanto sono soddisfatti il
punto c) del D.M. 17/01/2018, che vengono riportati in calce.

Il punto a) In ponti a travata semplicemente appoggiata, per entrambe le direzioni longitudinale e


trasversale, purchè la massa efficace di ciascuna pila non sia superiore ad 1/5 della massa da
essa portata
Il punto c) è automaticamente verificato per ponti a campata unica, privi di pile, quale quelli in
esame, in quanto, essendo le pile assenti, la loro massa è nulla, e pertanto certamente non
superiore ad 1/5 della massa dell’impalcato. Infatti, in accordo con la terminologia tecnica
comunemente adottata, alla quale certamente intende riferirsi la Normativa l'elemento strutturale
che sostiene l'estremità del ponte e separa la luce libera dal terreno retrostante è da considerarsi
“spalla”, indipendentemente dalla sua forma e dal tipo di fondazioni.
Per quanto attiene al calcolo delle inerzie sugli elementi strutturali, allo Stato Limite Ultimo si
procede come nel seguito descritto:
- Per le strutture a comportamento strutturale non dissipativo, si adotta l’accelerazione di plateau
dello spettro elastico (ag*S* Fo=1.464*0.165*2.388=0.577g).

3.1.12 Azioni eccezionali (q8)

I sicurvia e gli elementi strutturali ai quali sono collegati devono essere dimensionati per un’azione
orizzontale trasversale non inferiore a 100 kN, distribuita su 0,50 m ed applicata ad una quota h,
misurata dal piano viario, pari alla minore delle dimensioni h1, h2, dove h1 = (altezza della barriera
– 0,10 m), h2 = 1,00 m.

30
3.2 COMBINAZIONI DEI CARICHI ELEMENTARI
Le azioni di cui ai paragrafi precedenti sono combinate tra loro, al fine di ottenere le sollecitazioni di
progetto utili alle verifiche di stabilità e alle verifiche di resistenza dei singoli elementi strutturali. Le
combinazioni di carico considerate sono riportate nella seguente tabella:
    SLE FR SLU
fase 1 PP (imp.acciaio + soletta) 1.00 1.00 1.00 1.00 1.35 1.35
fase 2 PERM_T0 1.00 1.00 1.00 1.00 1.50 1.50
  CAR_MOB_verticali 1.00 1.00 0.75 0.75 1.35 1.35
  VAR_TERM 0.6 -0.6 0.6 -0.6 1.20 -1.20
fase 3 PERM_T00 1.00 1.00 1.00 1.00 1.50 1.50
  RITIRO 0.6 0.00 0.6 0.00 1.20 0.00

SLE: Combinazione di carico per le verifiche tensionali della soletta;

FR: Combinazione di carico per le verifiche a fessurazione della soletta;

SLU: Combinazione per le verifiche di resistenza e di instabilità delle membrature in acciaio

31
4. DIAGRAMMI DELLE CARATTERISTICHE DELLA
SOLLECITAZIONE INTERNA
L’analisi delle caratteristiche della sollecitazione interna dei modelli di calcolo appena elencati,
come già anticipato, è stata eseguita con l’ausilio del codice di calcolo agli elementi finiti sap2000,
in allegato sono riportati i tabulati di output.

Di seguito, per ciascuna fase strutturale analizzata, si riportano i diagrammi delle sollecitazioni di
verifica della trave esterno curva (momento e taglio) relativi alle condizioni di carico elementari.

500

0
-0.5 4.5 9.5 14.5 19.5 24.5
-500
Momenti (kNm)

-1000

-1500

-2000

-2500
Ascissa (m)

Fig. 7.1 – Diagramma dei momenti relativo al peso proprio travi+ peso soletta

400

300

200

100
Tagli (kN)

0
-0.5 4.5 9.5 14.5 19.5 24.5
-100

-200

-300

-400
Ascissa (m)

Fig. 7.2 – Diagramma dei tagli relativo al peso proprio travi+ peso soletta

32
100

0
-0.5 4.5 9.5 14.5 19.5 24.5
-100

-200
Momenti (kNm)

-300

-400

-500

-600

-700

-800
Ascissa (m)

Fig. 7.3 – Diagramma dei momenti relativo al permanente portato a tempo iniziale e a tempo
infinito

150

100

50
Tagli (kN)

0
-0.5 4.5 9.5 14.5 19.5 24.5
-50

-100

-150

-200
Ascissa (m)

Fig. 7.4 – Diagramma dei tagli relativo al permanente portato a tempo iniziale e a tempo infinito

33
0
-0.5 4.5 9.5 14.5 19.5 24.5
-100

-200
Momenti (kNm)

-300

-400

-500

-600

-700

-800
Ascissa (m)

Fig. 7.5 – Diagramma dei momenti relativo al ritiro differenziale tra soletta e trave

1.5

0.5

0
Tagli (kN)

-0.5 4.5 9.5 14.5 19.5 24.5


-0.5

-1

-1.5

-2

-2.5
Ascissa (m)

Fig. 7.6 – Diagramma dei tagli relativo al ritiro differenziale tra soletta e trave

34
0
-0.5 4.5 9.5 14.5 19.5 24.5
-50

-100
Momenti (kNm)

-150

-200

-250

-300
Ascissa (m)

Fig. 7.7 – Diagramma dei momenti relativo al variazione termica differenziale nella soletta

0.4
0.3
0.2
0.1
0
Tagli (kN)

-0.5 4.5 9.5 14.5 19.5 24.5


-0.1
-0.2
-0.3
-0.4
-0.5
-0.6
Ascissa (m)

Fig. 7.8 – Diagramma dei tagli relativo al variazione termica differenziale nella soletta

35
Fig. 7.9 – Diagramma dei momenti relativo ai carichi mobili massimi e minimi

Fig. 9.10 – Diagramma dei tagli relativo ai carichi mobili massimi e minimi

36
5. DIAGRAMMI DELLE DEFORMAZIONI
Le frecce, espresse in millimetri, sono calcolate tenendo conto dei fenomeni viscosi (a tempo Too)
e sono relative alla media delle frecce della due travi.
Le condizioni di carico che contribuiscono alla deformate sono le seguenti:
fp peso proprio della struttura metallica e della soletta dell’impalcato
ff peso delle opere di finitura
fr effetti del ritiro della soletta ed effetto viscoso
fa effetti del traffico veicolare

5
0
-0.5
-5 4.5 9.5 14.5 19.5 24.5
Abbassamenti (mm)

-10
-15
-20
-25
-30
-35
-40
Ascissa (m)

Fig. 8.1 – Abbassamenti verticali per il peso proprio della struttura (acciaio+ soletta)

0
-0.5 4.5 9.5 14.5 19.5 24.5
-1
Abbassamenti (mm)

-2

-3

-4

-5

-6

-7
Ascissa (m)

Fig. 8.2 – Abbassamenti verticali per il peso delle finiture

37
2

0
-0.5 4.5 9.5 14.5 19.5 24.5
-2
Abbassamenti (mm)

-4

-6

-8

-10

-12

-14
Ascissa (m)

Fig. 8.3 – Abbassamenti verticali per gli effetti del ritiro della soletta ed effetti viscosi

Fig. 8.4 – Abbassamenti verticali per gli effetti del traffico veicolare

5.1 VERIFICA DI DEFORMABILITA’

In riferimento al § 5.1.4.5 DM2018, occorre verificare che l’assetto della struttura risulti
compatibile con la geometria della struttura stessa in relazione alle esigenze del traffico.
Come indicato nella figura 8.4, il massimo abbassamento verticale della mezzeria della
trave dovuto al traffico veicolare vale:

 = 28 mm = 23800 mm/850 = L/850

Tale deflessione (circa un ottocentocinquantesimo della luce) non reca disturbo al transito
dei carichi mobili. La verifica risulta pertanto soddisfatta.

38
6. CRITERI DI VERIFICA STRUTTURALE

La presente relazione di calcolo strutturale illustra il progetto nei suoi aspetti generali. Essa comprende solo
una parte dei calcoli strutturali: le verifiche non riportate sono condotte analogamente a quelle descritte.
Le verifiche di resistenza delle sezioni sono eseguite secondo il metodo semiprobabilistico agli stati
limite. I coefficienti di sicurezza sono i seguenti:
 coefficiente parziale di sicurezza per il calcestruzzo: 1.50;
 coefficiente parziale di sicurezza per l’acciaio in barre: 1.15;
 coefficiente parziale di sicurezza per le verifiche di resistenza per l’acciaio da carpenteria: 1.05;
 coefficiente parziale di sicurezza per le verifiche di resistenza delle sezioni in acciaio indebolite dai fori e
per le unioni: 1.25.

Il paragrafo in oggetto illustra nel dettaglio i criteri generali adottati per le verifiche strutturali e
geotecniche condotte nel progetto. Ulteriori dettagli di carattere specifico, laddove impiegati, sono dichiarati e
motivati nelle relative risultanze delle verifiche.

6.1 CRITERI DI VERIFICA DELLE SEZIONI IN MISTE ACCIAIO CALCESTRUZZO

Per le sezioni miste acciaio calcestruzzo si effettuano:


Verifiche degli elementi principali:
 verifiche di resistenza delle membrature;
 verifiche di stabilità: dei pannelli d’anima delle membrature inflesse (imbozzamento), delle
piattabande e degli irrigidimenti in corrispondenza degli appoggi;
 verifiche a fatica;
 verifiche in esercizio della soletta in direzione longitudinale;

Verifiche degli elementi secondari:

 verifiche di resistenza e di scorrimento delle connessioni acciaio-calcestruzzo (pioli);


 verifiche delle unioni bullonate e saldate;
 verifiche di resistenza dei diaframmi pieni;
 verifiche di stabilità a compressione dei diaframmi reticolari e dei controventi;
 verifiche degli irrigidimenti trasversali e longitudinali.

39
7. VERIFICHE ELEMENTI PRINCIPALI
7.1 VERIFICA DI RESISTENZA DELLE MEMBRATURE (TRAVI PRINCIPALI)

Le verifiche in campo elastico, per gli stati di sforzo piani tipici delle travi, si eseguono con
riferimento al seguente criterio:

Dove:
è il valore di calcolo della tensione normale nel punto in esame, agente in direzione parallela all’asse
della membratura;
è il valore di calcolo della tensione normale nel punto in esame, agente in direzione orotgonale
all’asse della membratura;
è il valore di calcolo della tensione tangenziale nel punto in esame, agente nel piano della sezione
della membratura;

Facendo riferimento ad una procedura di comprovata validità, come consentito ai punti 4.2.4.1.2 e
4.2.4.1.3.4 del DM2018 e C4.2.4.1.3.4 della circoalre applicativa, le verifiche saranno eseguite
facendo riferimento al limite elastico degli elementi (stato limite ultimo elastico), indipendentemente
dalla classificazione delle sezioni.
In tali ipotesi le verifiche di resistenza e stabilità saranno svolte con il metodo tensionale facendo
riferimento alle istruzioni CNR 10011. In sostanza ciò significa considerare tutte le sezioni in classe
4 verificandone la stabilità locale senza impiegare il metodo delle larghezze efficaci.

Fig. 7.1 Caratteristiche geometriche dei conci di trave


Si riportano di seguito il riepilogo delle verifiche delle sezioni più significative dell’impalcato (vedi
figura seguente) per le combinazione di carico di normativa. L’unità di misura utilizzata per le
tensioni sono i N/mm2 (MPa).
Tali verifiche vengono condotte con le sollecitazioni massime in base alle combinazioni di carico di
normativa.

I tabulati completi sono presenti nella relazione degli allegati:

40
Schema delle sezioni di calcolo

45 48 47 86 86 -3 68 336 333 31 64 68 -15 149


354.3 352.9 107.2 302.5 305.5 0.0 188.1 168.0 165.5 53.0 151.1 154.0 -3.0 48.5
87.8 84.9 37.0 157.8 160.4 -0.9 31.7 304.7 296.9 42.5 222.8 228.5 -14.1 109.1
349.6 348.3 138.1 260.0 255.8 0.0 221.7 151.5 151.3 76.2 122.4 121.5 -3.1 86.8
23.4 22.6 44.0 126.0 127.3 0.0 122.1 337.9 326.8 47.5 275.8 282.4 -12.4 65.0
324.7 327.3 134.5 214.4 206.8 0.0 278.0 40.8 43.9 53.6 45.7 44.4 -2.2 46.1
43.7 44.8 74.6 143.8 144.8 0.0 80.3 330.0 323.1 72.7 261.8 267.8 -10.9 92.2
Per la localizzazione delle tensioni di verifica che compaiono nelle tabelle seguenti si veda la figura
seguente:

Max Fz Min Fz
Sezione
sid0 sid1 sid2 sid3 sid4 s5 s6 sid0 sid1 sid2 sid3 sid4 s5 s6
C_1 94 91 45 192 197 -2 25 42 39 43 144 147 -1 41
C_2 103 97.1 23.4 142.9 151.4 -0.3 36.6 63.7 69.4 52.6 124.3 124.7 -0.3 41.2
Max My Min My
Sezione
sid0 sid1 sid2 sid3 sid4 s5 s6 sid0 sid1 sid2 sid3 sid4 s5 s6
C_1 70 67 44 170 174 -3 29 198 192 44 207 214 -9 61
C_2 74.7 69.5 28.7 126.2 133.2 -0.8 29.6 229.3 221.1 50.3 170.3 179.8 -9.8 49.8
id,0,1,2,3,4 risultano essere minori del limite pari a:

lim = 355/1.05 =338.1 MPa (S355)

id,5 risulta essere minore del limite pari a:

fcd = 0.85*0.83*40/1.5 = 18.81 MPa (Rck=40 MPa)

id,6 risulta essere minore del limite pari a:

fcd = 450/1.15 = 391.3 MPa (B450C)

Per la lettura dei tabulati di verifica si veda la relazione degli allegati.

41
7.2 VERIFICHE DI STABILITÀ

7.2.1 Stabilità dei pannelli d’anima (imbozzamento)


La verifica di instabilità viene condotta in accordo alla [CNR10011] §7.6.2.
I tabulati di verifica completi sono presenti in allegato.
Di seguito vengono riportati i tabulati di riepilogo delle suddette verifiche nelle sezioni
precedentemente definite con le seguenti convenzioni:

“P1; P2” e “P3” sono i pannelli dell’anima della trave delimitati lateralemente dagli irrigidimenti
trasversali dell’anima, superiormente o inferiormente dalla piattabanda e dagli irrigidimenti
longitudinali;

C1_G1
Verifica a imbozzamento dei pannelli d'anima
Interasse degli irrigidimenti trasversali a 3000 mm
Distanza netta fra le piattabande h 1160 mm
Distanza piattabanda superiore - 1° irrigidimento longitudinale 1160 mm
Distanza piattabanda superiore - 2° irrigidimento longitudinale 1160 mm
Spessore dell'anima tweb 16 mm
Pannello 1: h=1160 alfa=2,59 Pannello 2: h=0 alfa=0,00 Pannello 3: h=0 alfa=0,00

C2_MEZZ
Verifica a imbozzamento dei pannelli d'anima Calcola
Interasse degli irrigidimenti trasversali a 1475 mm
Distanza netta fra le piattabande h 1130 mm
Distanza piattabanda superiore - 1° irrigidimento longitudinale 1130 mm
Distanza piattabanda superiore - 2° irrigidimento longitudinale 1130 mm
Spessore dell'anima tweb 16 mm
Pannello 1: h=1130 alfa=1,31 Pannello 2: h=0 alfa=0,00 Pannello 3: h=0 alfa=0,00

“cc” sono le condizioni di carico con o senza ritiro e delta termico differenziale:

cc1=Con ritiro, DT+ cc2=Con Ritiro, DT- cc3=Senza ritiro,DT+ cc4=Senza ritiro,DT-

La verifica risulta soddisfatta se:

42
P Fz max
CONCI cc
ssup sinf tmed s1 y ks kt scr,0 scr tcr sN sM scr,id scr,red nb h
cc1 -191.7 89.0 10 192 0 13 5.94 35.42 449.78 210 51 140 448 318 1.00 1.65
cc2 -135.9 81.2 10 136 -1 15 5.94 35.42 529.53 210 27 109 524 324 1.00 2.36
cc3 -115.6 88.7 10 116 -1 18 5.94 35.42 649.45 210 13 102 632 328 1.00 2.81
cc4 -59.8 80.9 10 60 -1 24 5.94 35.42 846.65 210 11 70 733 331 1.00 5.30
cc1 89.0 89.0 10 - - - - - - - - - - - - -
cc2 81.2 81.2 10 - - - - - - - - - - - - -
C_1 P1
cc3 88.7 88.7 10 - - - - - - - - - - - - -
cc4 80.9 80.9 10 - - - - - - - - - - - - -
cc1 89.0 89.0 10 - - - - - - - - - - - - -
cc2 81.2 81.2 10 - - - - - - - - - - - - -
cc3 88.7 88.7 10 - - - - - - - - - - - - -
cc4 80.9 80.9 10 - - - - - - - - - - - - -
cc1 -142.9 97.1 1 143 -1 17 7.69 37.33 616.00 287 23 120 616 328 0.83 2.29
cc2 -112.4 87.1 0 112 -1 18 7.69 37.33 690.33 287 13 100 690 330 0.82 2.94
cc3 -101.5 89.7 0 101 -1 21 7.69 37.33 782.93 287 6 96 783 332 0.81 3.27
cc4 -70.9 79.7 0 71 -1 24 7.69 37.33 892.20 287 4 75 892 333 0.81 4.70
cc1 97.1 97.1 1 - - - - - - - - - - - - -
cc2 87.1 87.1 0 - - - - - - - - - - - - -
C_2 P1
cc3 89.7 89.7 0 - - - - - - - - - - - - -
cc4 79.7 79.7 0 - - - - - - - - - - - - -
cc1 97.1 97.1 1 - - - - - - - - - - - - -
cc2 87.1 87.1 0 - - - - - - - - - - - - -
cc3 89.7 89.7 0 - - - - - - - - - - - - -
cc4 79.7 79.7 0 - - - - - - - - - - - - -
CONCI P Fz min
cc
ssup sinf tmed s1 y ks kt scr,0 scr tcr sN sM scr,id scr,red nb h
cc1 -143.6 38.4 -3 144 0 10 5.94 35.42 355.24 210 53 91 355 305 1.00 2.12
cc2 -112.7 37.0 -2 113 0 11 5.94 35.42 381.80 210 38 75 382 310 1.00 2.75
cc3 -77.4 28.2 -3 77 0 11 5.94 35.42 398.02 210 25 53 398 312 1.00 4.03
cc4 -21.7 20.4 -3 22 -1 22 5.94 35.42 793.41 210 1 21 732 331 1.00 14.90
cc1 38.4 38.4 -3 - - - - - - - - - - - - -
cc2 37.0 37.0 -2 - - - - - - - - - - - - -
C_1 P1
cc3 28.2 28.2 -3 - - - - - - - - - - - - -
cc4 20.4 20.4 -3 - - - - - - - - - - - - -
cc1 38.4 38.4 -3 - - - - - - - - - - - - -
cc2 37.0 37.0 -2 - - - - - - - - - - - - -
cc3 28.2 28.2 -3 - - - - - - - - - - - - -
cc4 20.4 20.4 -3 - - - - - - - - - - - - -
cc1 -118 59.01588 -23 118 0 13 7.69 37.33 494.36 287 30 89 491 322 0.85 2.58
cc2 -90.9 55.28786 -21 91 -1 15 7.69 37.33 565.29 287 18 73 549 325 0.84 3.31
cc3 -77 51.61048 -23 77 -1 16 7.69 37.33 609.74 287 13 64 573 326 0.83 3.77
cc4 -49.5 47.88246 -21 49 -1 23 7.69 37.33 860.92 287 1 49 655 329 0.80 5.32
cc1 59.02 59.01588 -23 - - - - - - - - - - - - -
cc2 55.29 55.28786 -21 - - - - - - - - - - - - -
C_2 P1
cc3 51.61 51.61048 -23 - - - - - - - - - - - - -
cc4 47.88 47.88246 -21 - - - - - - - - - - - - -
cc1 59.02 59.01588 -23 - - - - - - - - - - - - -
cc2 55.29 55.28786 -21 - - - - - - - - - - - - -
cc3 51.61 51.61048 -23 - - - - - - - - - - - - -
cc4 47.88 47.88246 -21 - - - - - - - - - - - - -

43
CONCI P My max
cc
ssup sinf tmed s1 y ks kt scr,0 scr tcr sN sM scr,id scr,red nb h
cc1 -169.8 66.1 8 170 0 12 5.94 35.42 410.67 210 52 118 410 314 1.00 1.84
cc2 -114.0 58.4 8 114 -1 13 5.94 35.42 476.98 210 28 86 474 320 1.00 2.79
cc3 -103.3 56.2 8 103 -1 14 5.94 35.42 496.46 210 24 80 492 322 1.00 3.09
cc4 -47.9 48.1 8 48 -1 24 5.94 35.42 846.65 210 0 48 737 331 1.00 6.65
cc1 66.1 66.1 8 - - - - - - - - - - - - -
cc2 58.4 58.4 8 - - - - - - - - - - - - -
C_1 P1
cc3 56.2 56.2 8 - - - - - - - - - - - - -
cc4 48.1 48.1 8 - - - - - - - - - - - - -
cc1 66.1 66.1 8 - - - - - - - - - - - - -
cc2 58.4 58.4 8 - - - - - - - - - - - - -
cc3 56.2 56.2 8 - - - - - - - - - - - - -
cc4 48.1 48.1 8 - - - - - - - - - - - - -
cc1 -126 69.46 1 126 -1 14 7.69 37.33 526.76 287 28 98 527 324 0.84 2.57
cc2 -91.5 63.62 0 92 -1 17 7.69 37.33 627.94 287 14 78 628 328 0.83 3.58
cc3 -84.8 62.05 0 85 -1 18 7.69 37.33 656.14 287 11 73 656 329 0.83 3.88
cc4 -50.1 56.21 0 50 -1 24 7.69 37.33 892.20 287 3 53 892 333 0.81 6.65
cc1 69.46 69.46 1 - - - - - - - - - - - - -
cc2 63.62 63.62 0 - - - - - - - - - - - - -
C_2 P1
cc3 62.05 62.05 0 - - - - - - - - - - - - -
cc4 56.21 56.21 0 - - - - - - - - - - - - -
cc1 69.46 69.46 1 - - - - - - - - - - - - -
cc2 63.62 63.62 0 - - - - - - - - - - - - -
cc3 62.05 62.05 0 - - - - - - - - - - - - -
cc4 56.21 56.21 0 - - - - - - - - - - - - -
CONCI P My min
cc
ssup sinf tmed s1 y ks kt scr,0 scr tcr sN sM scr,id scr,red nb h
cc1 -206.5 191.5 0 207 -1 22 5.94 35.42 781.11 210 7 199 781 332 1.00 1.61
cc2 -150.8 183.8 0 151 -1 24 5.94 35.42 846.65 210 17 167 847 333 1.00 2.21
cc3 -140.4 181.3 0 140 -1 24 5.94 35.42 846.65 210 20 161 847 333 1.00 2.37
cc4 -84.6 173.5 0 85 -2 24 5.94 35.42 846.65 210 44 129 847 333 1.00 3.93
cc1 191.5 191.5 0 - - - - - - - - - - - - -
cc2 183.8 183.8 0 - - - - - - - - - - - - -
C_1 P1
cc3 181.3 181.3 0 - - - - - - - - - - - - -
cc4 173.5 173.5 0 - - - - - - - - - - - - -
cc1 191.5 191.5 0 - - - - - - - - - - - - -
cc2 183.8 183.8 0 - - - - - - - - - - - - -
cc3 181.3 181.3 0 - - - - - - - - - - - - -
cc4 173.5 173.5 0 - - - - - - - - - - - - -
cc1 -165.59 219.1 -21 166 -1 24 7.69 37.33 892.20 287 27 192 854 333 0.82 1.96
cc2 -130.7 213.4 -21 131 -2 24 7.69 37.33 892.20 287 41 172 839 333 0.84 2.45
cc3 -124.15 211.7 -21 124 -2 24 7.69 37.33 892.20 287 44 168 835 333 0.84 2.57
cc4 -89.263 206 -21 89 -2 24 7.69 37.33 892.20 287 58 148 808 332 0.86 3.44
cc1 219.077 219.1 -21 - - - - - - - - - - - - -
cc2 213.42 213.4 -21 - - - - - - - - - - - - -
C_2 P1
cc3 211.672 211.7 -21 - - - - - - - - - - - - -
cc4 206.015 206 -21 - - - - - - - - - - - - -
cc1 219.077 219.1 -21 - - - - - - - - - - - - -
cc2 213.42 213.4 -21 - - - - - - - - - - - - -
cc3 211.672 211.7 -21 - - - - - - - - - - - - -
cc4 206.015 206 -21 - - - - - - - - - - - - -

44
7.2.2 Stabilità delle piattabande (verifica globale, flessotorsionale)

La piattabanda superiore è impedita di instabilizzarsi in esercizio dalla presenza dei pioli di


collegamento tra trave e soletta. Al fine di cautelarsi da eventuali fenomeni di instabilità durante la
fasi di getto della soletta per la piattabanda superiore, si effettua una verifica a sbandamento
laterale della piattabanda compressa supposta isolata dalla restante trave ([CNR10011]
§7.3.2.2.2). A parziale vincolo di tale cinematismo si considera la presenza dei diaframmi di
campata.

Piattabanda superiore :
h = 1200 mm altezza trave
L = 1475 mm passo tra due ritegni torsionali successivi
b = 600 mm larghezza piattabanda (600x40)
tf = 40 mm spessore piattabanda
A =24000 area ala
J = 3.20*10^6 mm4 momento di inerzia ala
r = 11.55 mm raggio di inerzia
 = 90 snellezza (0.7*L/r)
 = 2.25 coefficiente dimensionale (prospetto 7-IV-c per
t<40 mm)
= 97.39 MPa tensione massima di compressione (getto)

 = 2.25*97.39 MPa =219.13  amm=355/1.05= 338.1 MPa resistenza di progetto

45
7.2.3 Stabilità degli irrigidimenti trasversali in corrispondenza degli appoggi

- Carico di punta

In accordo con [CNR 10030] §6.3, la sezione di verifica considerata è pari all’irrigidimento
trasversale più un’aliquota dell’anima non inferiore a 12 volte il suo spessore (per ciascun lato).

ts = 24 mm spessore irrigidimento centrale


tl =20 mm spessore irrigidimento laterale
hs = 292 mm larghezza irrigidimento centrale (simmetrico rispetto all’anima)
hl = 240 mm larghezza irrigidimento laterale (simmetrico rispetto all’anima)
tw = 16 mm spessore anima
292
240

240

150 190
292

720

Figura 9.1 – Sezione dell’irrigidimento utilizzata nelle verifiche

A = 44,74103 mm2 area della sezione


J = 83,89107 mm4 momento d’inerzia
i = 137 mm giratore d’inerzia
L0 = 1160 mm luce libera d’inflessione (hanima)
 = 8.47 snellezza dell’irrigidimento
Fe510,c( = 9) = 1.00 coefficiente 
NRD = fydA/ = 355/1.05*44.74/1.00= 15126 kN massimo sforzo resistente

Essendo la portata degli appoggi (≈2200 kN) inferiore al massimo sforzo resistente
sull’irrigidimento la verifica risulta soddisfatta.

- Verifica dei rapporti larghezza-spessore della nervatura

Per le nervature in piatto semplice dovrà risultare:

hs/ts ≤ 15 
Essendo:

46
 = (235/fy)1/2
hs= 292 mm larghezza di ciascun piatto costituente la nervatura;
ts = 24 mm spessore piatto;
fy= 355 MPa tensione di snervamento.

In definitiva avremo:

292/24 < 15*(235/355)1/2 12.16 <12.20

La verifica risulta soddisfatta

47
7.3 VERIFICHE A FATICA

In accordo con [EN1993-1-9] si riportano di seguito le verifiche a fatica degli elementi


maggiormente interessati da questo fenomeno.
Affinché la verifica risulti soddisfatta la variazione di tensione ( max) ad opera dei carichi ciclici
deve risultare inferiore al rispettivo valore ammissibile ( D) del particolare in esame:

in cui:
Mf = 1 coefficiente di maggiorazione da normativa
M = 1.35 coefficiente riduttivo per conseguenze significative

Dove max,d e  max,d sono, rispettivamente, i valori di progetto delle massime escursioni di
tensioni normali e tangenziali indotte nel dettaglio considerato dallo spettro di carico per le verifiche
a vita illimitata e D e D sono i limiti di fatica ad ampiezza costante pari a:

D = 0.737R
D = 0.457R

Il modello di carico di fatica è costituito dallo schema di carico 1 [DM08 §5.1.3.3.5] con i valori dei
carichi concentrati ridotti del 30% e valori dei carichi distribuiti ridotti del 70%.

Di seguito si riportano lo stato pensionale sugli elementi principali con le relative verifiche:

Max Fz Min Fz
Sezione
sid0 sid1 sid2 sid3 sid4 s5 s6 sid0 sid1 sid2 sid3 sid4 s5 s6
C_1 6 6 6 6 6 0 6 11 12 8 12 10 0 13
C_2 3 2.7 2.7 2.7 2.7 0.0 2.7 3.9 14.3 16.4 14.6 3.3 0.0 4.4
Max My Min My
Sezione
sid0 sid1 sid2 sid3 sid4 s5 s6 sid0 sid1 sid2 sid3 sid4 s5 s6
C_1 0 0 0 0 0 0 0 41 40 7 8 7 -2 12
C_2 0.1 0.1 0.2 0.1 0.1 0.0 0.1 49.3 49.2 15.1 16.1 9.3 -3.3 16.7

Piattabande ed anime (EN1993-1-9 Tabella 8.1 e 8.2)

MAX = 49.3 MPa (C2_MEZZ) < D =0.737* 125/1.35=68.2 MPa

Particolari saldati (EN1993-1-9 Tabella 8.4)


Pioli per collaborazione con calcestruzzo R = 80 MPa
Irrigidimenti trasversali e longitudinali (sp=16÷24 mm) R = 80 MPa

max =14.53 MPa < D = 0.457*80/1.35 = 27.08 MPa (Pioli)


max =618/44.75=13.8 MPa < R /M = 0.737*80/1.35 = 43.67 MPa (Irrigidimenti)

Particolari imbullonati (EN1993-1-9 Tabella 8.1)


Giunti bullonati R = 80 MPa

max = 41 MPa (C1_G1) < D = 0.737*80/1.35 = 43.67 MPa

Le verifiche risultano soddisfatte.

48
7.4 VERIFICA AGLI STATI LIMITE D’ESERCIZIO DELLA SOLETTA IN DIREZIONE
LONGITUDINALE

Si effettuano le seguenti verifiche agli stati limite di esercizio:


 stato limite delle tensioni in esercizio;
 stato limite di fessurazione.
Nel primo caso, si esegue il controllo delle tensioni nei materiali supponendo una legge costitutiva
tensioni-deformazioni di tipo lineare. In particolare si controlla la tensione massima di compressione del
calcestruzzo e di trazione dell’acciaio, verificando che:
 per combinazione rara delle azioni;

 per combinazione quasi permanente delle azioni;


 .

Di seguito si riportano le tensioni (in MPa) relative alla combinazione rara SLE:

Max Fz Min Fz Max My Min My


Sezione
scls sf scls sf scls sf scls sf
C_1 -1 13 0 29 -1 15 -6 38
C_2 0.0 20.0 0.0 23.4 -0.4 14.9 -7.1 35.8

Nel secondo caso, si assume che le condizioni ambientali del sito in cui sorge l’opera siano normali e
si verifica che il valore limite di apertura della fessura, calcolato per armature poco sensibili, sia al più pari ai
seguenti valori nominali:
 per combinazione delle azioni quasi permanente;
 per combinazione delle azioni frequente.

Max Fz Min Fz Max My Min My


Sezione
sf sf sf sf
C_1 12 23 15 32
C_2 18.7 21.2 14.8 27.4

L’armatura longitudinale della soletta [(1+1)12/20] risulta essere sempre compressa:

49
8. VERIFICHE ELEMENTI SECONDARI
8.1 VERIFICHE DEI CONNETTORI ACCIAIO CALCESTRUZZO (PIOLI)

Essendo:
Prd =min (PRd1;PRd2) Resistenza di un piolo
n= numero di piolo per metro
Ed = V*Ssy4/Jy = flusso delle tensioni tangenziali all’interfaccia estradosso della piattabanda
superiore-intradosso della soletta, calcolato per ogni fase.
Come connettori tra la soletta di calcestruzzo e le travi d’acciaio si adottano pioli muniti di testa che
possiedono le seguenti caratteristiche:

50
CONNETTORI (pioli saldati muniti di testa)
SLU
2
Resistenza ultima a trazione del materiale del piolo f u [N/mm ] 350
6 2
Resistenza a fatica (2x10 cicli) Dt R [N/mm ] 80

CAPACITA' PORTANTE
Diametro dp [mm] 19
Altezza hp [mm] 200
Coefficiente parziale g v a slu 1.25
hp/dp 10.53

Di seguito si riporta il riepilogo delle verifiche dei pioli:


CONCI n pioli/m vEd,max vEd,min P Rd tot 'vEdmax/(P Rd,tot) 'vEdmin/(PRd,tot) Combinazione
C_1 20 0.96 -172.85 1270 0.00 0.14 SLU
C_2 20 2 -336.85 1270 0.00 0.27 SLU

51
8.2 VERIFICHE DEI GIUNTI (BULLONATI)

Le unioni principali tra i vari conci (giunti d’anima e di piattabande) sono realizzate tutte con bulloni
ad attrito di classe 10.9 e diametro 27mm.
La forza di trazione Ns, indotta dalla coppia di serraggio di normativa (nel caso di serraggio
controllato), è pari a:

N = 321.3 kN.

Nelle verifiche si è adottato un coefficiente d’attrito  pari a 0.3 ed un coefficiente di riduzione nei
confronti dello slittamento M3 pari a 1.25.
In accordo con [DM08] §4.2.8.1.1 il massimo sforzo trasmettibile da un bullone Vf,o per faccia, è
pari a 77 kN (Fp,Cd / M3).
Per cui avremo:

piattabande inferiori
Tipologia
Giunto G1
A area lorda (mm2) 16000
ses massima tensione (Mpa) 198
nb n° bulloni allineati 6
2
A* area netta (mm ) 12580
ses * massima tensione netta (Mpa) 251.83
N massimo sforzo trasmesso (kN) 3168
nb,min n° minimo di bulloni considerando 2 facce 20.57
nb n° minimo bulloni da disporre 21

coprigiunto piattabande inferiori


sp
spessore coprigiunto 20
spessore piattabanda 20
srif tensione di rifollamento coprigiunto (Mpa) 132.33
srif tensione di rifollamento piattabanda (Mpa) 264.66

Ac area netta coprigiunti (mm2) 19160


Ac (*) area lorda coprigiunti (mm2) -

52
piattabande superiori
Tipologia
Giunto G1
A area lorda (mm2) 12000
ses massima tensione (Mpa) -214
nb n° bulloni allineati 4
2
A* area netta (mm ) 9720
ses * massima tensione netta (Mpa) -
N massimo sforzo trasmesso (kN) -2568
nb,min n° minimo di bulloni considerando 2 facce 16.68
nb n° minimo bulloni da disporre 17

coprigiunto piattabande superiori


sp
spessore coprigiunto 20
spessore piattabanda 20
srif tensione di rifollamento coprigiunto (Mpa) 132.51
srif tensione di rifollamento piattabanda (Mpa) 265.02

Ac area netta coprigiunti (mm2) -


Ac (*) area lorda coprigiunti (mm2) 18000
dove:
es es  A/A*  338.10 MPa
N = es  A/A*
nb,min = N / (2Vf,o)  nb
rif < b,Rd = 315 MPa
Essendo:
nb  nb,min
l’area netta dei coprigiunti soggetti a trazione Ac  A* (area netta piattabanda),
l’area lorda dei coprigiunti soggetti a compressione Ac(*)A (area lorda piattabanda) (vedi
CNR10011 par. 5.3.7), la verifica risulta soddisfatta.

53
anime
Tipologia
Giunto G1
h altezza anima (mm) 1160
tw spessore anima (mm) 16
d distanza bulloni esterni coprigiunto (mm) 891
A area lorda (mm2) 18560
ses massima tensione assiale (Mpa) 192
ses miniima tensione assiale (Mpa) -207
x distanza asse neutro lembo compresso 602
tes tensione tangenziale media (Mpa) 22.70
nb n° bulloni allineati (verticalmente) 12
nf n° file di bulloni (da un lato del giunto) 3
2
A* area netta (mm ) 13088
M momento agente su mezza porzione di coprigiunto (kNm) 765
V taglio agente sul giunto (kN) 421
Tv azione su un bullone (una faccia) (kN) dovuta al taglio V 6.02
TM azione su un bullone (una faccia) (kN) dovuta al momento M 70.51
Vf taglio vettoriale su un bullone (una faccia) (kN) 70.77

coprigiunto anime
sp
spessore coprigiunto 12
spessore anima 16
srif tensione di rifollamento coprigiunto (Mpa) 206.93
srif tensione di rifollamento anima (Mpa) 310.39

Ac area netta coprigiunti (mm2) 15276


Dove:
es es  A/A* f

Tv = es  A /[2(nbnf)] es es


To  es  A/[(nb+1)  nf]/2
Vf = (Tv2 + To2) 0.5  Vf,o
rif < b,Rd = 315 MPa

Essendo Vf < Vfo e l’area netta dei coprigiunti Ac  A*,


le verifiche risultano soddisfatte.

n b

TO
TV

54
8.3 VERIFICHE DEI GIUNTI SALDATI TRAVI PRINCIPALI

In accordo con le tensioni riportate in allegato, si riportano di seguito le verifiche più gravose per le
saldature dell’opera in oggetto.
Verifica saldature anima/piattabande (cordoni di lato L = 8mm)
Le dimensioni dei cordoni rispettano le prescrizioni in accordo al [CNR10011] §9.2.9
La sezione resistente della saldatura, è pari a:
tsaldatura = 0,7L = 5,6 mm
Le massime tensioni indotte sulla saldatura sono:

┴ = anima  tanima / (2tsaldatura) = 22,7016 / (25,6) = 32,43 MPa  = 265 MPa

Nella verifica precedente è stata utilizzata la tensione tangenziale massima (Sezione C1_G1) di
tutto l’impalcato sulla saldatura di lato più piccolo.
Verifica saldature in corrispondenza degli appoggi
Si ammette che in corrispondenza degli appoggi l’azione verticale venga trasferita agli irrigidimenti
traversali (n.3 costole) con il contributo di una porzione dell’ anima pari a 12 volte lo spessore
dell’anima stessa da entrambe i lati dell’irrigidimento.
piattabanda inferiore / irrigidimenti (completa penetrazione t irrig.,min = 20 mm)
N = Nmax,appoggio = 2200 kN -appoggio

tanima= 16 mm -spessore anima


tsaldatura = tirrigidimento -5 mm= 11 mm -spessore saldatura
L= 2240 mm = 480 mm -lunghezza saldatura piattabanda irrigidimenti (n.3
costole da ambo i lati dell’anima)
Asaldatura = 212 tanima  tsaldatura +32L  tsaldatura = 35904 mm2

 = N / Asaldatura = 61,13 MPa  = 453 MPa

irrigidimenti / anima (completa penetrazione tirrig. =24 mm)


Si considera nel calcolo la saldatura da un solo lato dell’ irrigidimento centrale.
T = Nmax,appoggio / 2 = 1100 kN -appoggio

tsaldatura = tirrigidimento -5 mm= 19 mm -spessore saldatura (da un lato)


L = 1160 mm -lunghezza saldatura

Asaldatura = L  tsaldatura = 22040 mm2

// = T / Asaldatura = 49,91 MPa  = 265 MPa

55
8.4 VERIFICHE DEI DIAFRAMMI E DEI GIUNTI BULLONATI

In questo capitolo sono riportate le analisi e le verifiche di resistenza e stabilità per gli elementi
costituenti i diaframmi con verifiche delle relative giunzioni bullonate in accordo con le sollecitazioni
dedotte dal modello a grigliato.
Sono state concepite due tipologie di diaframmi in grado di soddisfare tutte le esigenze di
resistenza derivanti dalle azioni agenti considerate:

DIAFRAMMA INTEMEDIO “RETICOLARE”


DIAFRAMMA D’APPOGGIO TRAVE “AD ANIMA PIENA”

Per quanto riguarda il diaframma di appoggio trave occorre effettuare anche la verifica con le
azioni indotte dal sollevamento dell’impalcato (vedi par. 8.5).

56
8.4.1 Diaframma intermedio “reticolare”
SOLLECITAZIONI

N (kN)
Diagonale Esercizio SLE - -15
Diagonale Esercizio SLU - -23
Diagonale Sisma - 13
Diagonale Esercizio SLE + 243
Diagonale Esercizio SLU + 327
Diagonale Sisma + 13
Briglia inferiore esercizio SLE - -245
Briglia inferiore esercizio SLU - -331
Briglia inferiore sisma - -33
Briglia inferiore esercizio SLE + 391
Briglia inferiore esercizio SLU + 527
Briglia inferiore sisma + 22
Briglia superiore esercizio SLE - -165
Briglia superiore esercizio SLU - -223
Briglia superiore sisma - -10
Briglia superiore esercizio SLE + 31
Briglia superiore esercizio SLU + 42
Briglia superiore sisma + 29
DATI ASTA RETICOLARE DIAGONALE
Verifica SLU
ACCIAIO FE510 (fyk/g m1) (instabilità) gm1 1.1 sa 322.73 Mpa
ACCIAIO FE510 (fyk/gm2) (frattura sezioni tese forate) gm2 1.25 sa 284.00 Mpa
Luce libera di inflessione L 1600 mm
Interasse dei collegamenti intermedi (L/2) i 800 mm
Spazio netto tra i profili sx 16 mm
Coffeciente di riduzione dell luce libera b 1
Numero di profili accoppiati np 2

CARICO CRITICO ASTA PER INFLESSIONE NEL PIANO X-X


Tipo del profilo ad L L100x100x10
Area A 1920 mm2
Area al netto delle forature (1M27) An 1635 mm2
momento di inerzia J 730000 mm4
Distanza baricentro lato profilo e 28.2 mm
raggio di inerzia minimo imin 19.5 mm
Snellezza singolo profilo l1 41
Coefficiente w (CNR tabella c) w1 1.22
Ncritico singolo profilo Ncr,1 559 kN
lamda l 1.10
alfa a 0.34
Fi F 1.26
coefficiente C 0.53
Resistenza all'instabilità Nb,Rd,1 330 kN

CARICO CRITICO ASTA PER INFLESSIONE NEL PIANO Y-Y


Area dell'asta composta npA 3840 mm2
Area dell'asta composta al netto delle forature (M27) npAn 3270 mm2
Posizione baricentro asta rispetto asse y cx 36.2 mm
Momento di inerzia dell'asta composta np(Jy+Acx 2) 5745139 mm4
raggio di inerzia asta composta i 39 mm
luce libera di inflessione bL 1600 mm
Snellezza asta composta l 41
Snellezza equivalente (l12+l2) 1/2 leq 58
Coefficiente w (CNR tabella c) w2 1.34
Ncritico asta composta Ncr,2 1017 kN
lamda l 1.16
alfa a 0.34
Fi F 1.33
coefficiente C 0.50
Resistenza all'instabilità Nb,Rd,2 622 kN

VERIFICA ASTA
N limite asta + 464 kN
N esterno + 327 kN Verifica soddisfatta
N critico minimo - -330 kN
N esterno - -23 kN Verifica soddisfatta

57
VERIFICA IMBOZZAMENTO
RAPPORTI LARGHEZZA-SPESSORE DIAGONALE
Fe = 510 h= 100 t= 10
fyk= 355
h/t = 9.00
limte (15e) 12.20 SEZIONE DI CLASSE 3 NON NOCESSITA DI VERIFICA

Verifica dei bulloni (M27)


N massimo sforzo trasmesso (kN) 327
eccentricità asse bulloni-asse profilo (m) 0.022
interasse bulloni (m) 0.085
nb,min n° minimo di bulloni considerando 2 facce 2.20
nb n° minimo bulloni da disporre 3.00

Verifica a rifollamento sp
10
srif tensione di rifollamento (Mpa) 191.45 < 275.09 MPa

58
DATI ASTA RETICOLARE BRIGLIA INFERIORE
Verifica SLU
ACCIAIO FE510 (fyk/g m1) (instabilità) gm1 1.1 sa 322.73 Mpa
ACCIAIO FE510 (fyk/gm2) (f rattura sezioni tese forate) gm2 1.25 sa 284.00 Mpa
Luce libera di inflessione L 1200 mm
Interasse dei collegamenti intermedi (L/2) i 600 mm
Spazio netto tra i profili sx 16 mm
Coffeciente di riduzione dell luce libera b 1
Numero di profili accoppiati np 2

CARICO CRITICO ASTA PER INFLESSIONE NEL PIANO X-X


Tipo del profilo ad L L100x100x12
Area A 2270 mm2
Area al netto delle forature (1M27) An 1985 mm2
momento di inerzia J 857000 mm4
Distanza baricentro lato profilo e 29 mm
raggio di inerzia minimo imin 19.4 mm
Snellezza singolo profilo l1 31
Coefficiente w (CNR tabella c) w1 1.11
Ncritico singolo profilo Ncr,1 726 kN
lamda l 1.05
alfa a 0.34
Fi F 1.20
coef ficiente C 0.56
Resistenza all'instabilità Nb,Rd,1 413 kN

CARICO CRITICO ASTA PER INFLESSIONE NEL PIANO Y-Y


Area dell'asta composta npA 4540 mm2
Area dell'asta composta al netto delle forature (M27) npAn 3970 mm2
Posizione baricentro asta rispetto asse y cx 37 mm
Momento di inerzia dell'asta composta np(Jy+Acx 2) 7148930 mm4
raggio di inerzia asta composta i 40 mm
luce libera di inflessione bL 1200 mm
Snellezza asta composta l 30
Snellezza equivalente ( l12+l2) 1/2 leq 43
Coefficiente w (CNR tabella c) w2 1.26
Ncritico asta composta Ncr,2 1279 kN
lamda l 1.12
alfa a 0.34
Fi F 1.29
coef ficiente C 0.52
Resistenza all'instabilità Nb,Rd,2 765 kN

VERIFICA ASTA
N limite asta + 564 kN
N esterno + 527 kN Verifica soddisfatta
N critico minimo - -413 kN
N esterno - -331 kN Verifica soddisfatta

VERIFICA IMBOZZAMENTO
RAPPORTI LARGHEZZA-SPESSORE DIAGONALE
Fe = 510 h= 100 t= 12
fyk= 355
h/t = 7.33
limte (15e) 12.20 SEZIONE DI CLASSE 3 NON NECESSITA DI VERIFICA

Verifica dei bulloni (M27)


N massimo sforzo trasmesso (kN) 527
eccentricità asse bulloni-asse profilo (m) 0.021
interasse bulloni (m) 0.085
nb,min n° minimo di bulloni considerando 2 facce 3.53
nb n° minimo bulloni da disporre 4.00

Verifica a rifollamento sp
12
srif tensione di rifollamento (Mpa) 192.68 < 275.09 MPa

59
DATI ASTA RETICOLARE BRIGLIA SUPERIORE
Verifica SLU
ACCIAIO FE510 (fyk/g m1) (instabilità) gm1 1.1 sa 322.73 Mpa
ACCIAIO FE510 (fyk/g m2) (frattura sezioni tese forate) gm2 1.25 sa 284.00 Mpa
Luce libera di inflessione L 2300 mm
Interasse dei collegamenti intermedi (L/3) i 767 mm
Spazio netto tra i profili sx 16 mm
Coffeciente di riduzione dell luce libera b 1
Numero di profili accoppiati np 2

CARICO CRITICO ASTA PER INFLESSIONE NEL PIANO X-X


Tipo del profilo ad L L100x100x10
Area A 1920 mm2
Area al netto delle forature (M27) An 1635 mm2
momento di inerzia J 730000 mm4
Distanza baricentro lato profilo e 28.2 mm
raggio di inerzia minimo imin 19.5 mm
Snellezza singolo profilo l1 39
Coefficiente w (CNR tabella c) w1 1.2
Ncritico singolo profilo Ncr,1 568 kN
lamda l 1.10
alfa a 0.34
Fi F 1.25
coefficiente C 0.54
Resistenza all'instabilità Nb,Rd,1 333 kN

CARICO CRITICO ASTA PER INFLESSIONE NEL PIANO Y-Y


Area dell'asta composta npA 3840 mm2
Area dell'asta composta al netto delle forature (M27) npAn 3270 mm2
Posizione baricentro asta rispetto asse y cx 36.2 mm
Momento di inerzia dell'asta composta np(Jy+Acx 2) 5745139 mm4
raggio di inerzia asta composta i 39 mm
luce libera di inflessione bL 2300 mm
Snellezza asta composta l 59
Snellezza equivalente (l12+l2) 1/2 leq 71
Coefficiente w (CNR tabella c) w2 1.72
Ncritico asta composta Ncr,2 793 kN
lamda l 1.31
alfa a 0.34
Fi F 1.55
coefficiente C 0.42
Resistenza all'instabilità Nb,Rd,2 522 kN

VERIFICA ASTA
N limite asta + 464 kN
N esterno + 42 kN Verifica soddisfatta
N critico minimo - -333 kN
N esterno - -223 kN Verifica soddisfatta

VERIFICA IMBOZZAMENTO
RAPPORTI LARGHEZZA-SPESSORE DIAGONALE
Fe = 510 h= 100 t= 10
fyk= 355
h/t = 9.00
limte (15e) 12.20 SEZIONE DI CLASSE 3 NON NECESSITA DI VERIFICA

Verifica dei bulloni (M27)


N massimo sforzo trasmesso (kN) 223
eccentricità asse bulloni-asse profilo (m) 0.022
interasse bulloni (m) 0.085
nb,min n° minimo di bulloni considerando 2 facce 1.46
nb n° minimo bulloni da disporre 2.00

Verifica a rifollamento sp
10
srif tensione di rifollamento (Mpa) 195.39 < 275.09 MPa

60
8.4.2 Diaframma d’appoggio trave “AD ANIMA PIENA”

SEZIONE NON FORATA IN CORRISPONDENZA DEL GIUNTO

Caratteristiche delle travi in acciaio


Altezza trave totale Htr (m) 1.0000
Larghezza piattabanda superiore Bpe (m) 0.3000
Spessore piattabanda superiore Spe (m) 0.0200
Larghezza piattabanda inferiore Bpi (m) 0.3000
Spessore piattabanda inferiore Spi (m) 0.0200
Spessore anima Sa (m) 0.0200
Altezza anima Ha (m) 0.9600
Area della sezione Aa (m2) 0.0312
Momento statico lembo inferiore Sai (m3) 0.0156
Dist. baric. lembo inferiore Dagi (m) 0.5000
Dist. baric. lembo superiore Dage (m) 0.5000
Momento d'inerzia baricentrico X Jgx (m4) 0.0044
Modulo di resist. lembo super. Wae (m3) 0.0087
Modulo di resist. lembo infer. Wai (m3) 0.0087
Momento statico al lembo sup. anima Sae (m3) 0.0029
Momento statico al lembo inf. anima Sai (m3) 0.0029
Momento statico asse Y Svi (m3) 0.0047
Dist. baric. asse Y Dvgi (m) 0.1500
Momento d'inerzia baricentrico Y Jgy (m4) 0.0005

Riepilogo sollecitazioni (SLU)

Sforzo normale max N (kN) 0


min N (kN)

Sforzo di taglio max T (kN) 440


min T (kN)

Momento flettente max M (kNm)


min M (kNm) 1088

Verifiche delle sezioni (SLU) Tensioni di calcolo

tensione nor.le piattabanda sup. s ala sup. MPa -124.89 < fyd = 338.10 MPa
tensione nor.le piattabanda inf. s ala inf . MPa 124.89 < fyd = 338.10 MPa
tensione tang.le bar. anima t anima baric. MPa 22.01 < ftyd = 195.20 MPa

tensione nor.le attacco anima-piatt. sup. s anima sup. MPa -119.90 < fyd = 338.10 MPa
tensione tang.le attacco anima-piatt. sup. t anima sup. MPa 0.99 < ftyd = 195.20 MPa
tensione ideale attacco anima-piatt. sup. s id sup. MPa 119.92 < fyd = 338.10 MPa

tensione nor.le attacco anima-piatt. inf. s anima inf . MPa 119.90 < fyd = 338.10 MPa
tensione tang.le attacco anima-piatt. inf. t anima inf . MPa 0.99 < ftyd = 195.20 MPa
tensione ideale attacco anima-piatt. inf. s id inf . MPa -119.92 < fyd = 338.10 MPa

61
SEZIONE DI GIUNTO FORATA E GIUNTI BULLONATI
piattabande inferiori
Tipologia
Giunto G1
A area lorda (mm2) 6000
ses massima tensione (Mpa) 124.89
nb n° bulloni allineati 2
A* area netta (mm2) 4860
ses * massima tensione netta (Mpa) 154.19
N massimo sforzo trasmesso (kN) 749
nb,min n° minimo di bulloni considerando 2 facce 4.87
nb n° minimo bulloni da disporre 5

coprigiunto piattabande inferiori


sp
sp spessore profilo 24
sp spessore piattabanda 20
srif tensione di rifollamento (Mpa) 109.55
srif tensione di rifollamento piattabanda (Mpa) 262.93

Ac area netta coprigiunti (mm2) 5832

piattabande superiori
Tipologia
Giunto G1
A area lorda (mm2) 6000
ses massima tensione (Mpa) -124.89
nb n° bulloni allineati 2
A* area netta (mm2) 4860
ses * massima tensione netta (Mpa) -154.19
N massimo sforzo trasmesso (kN) 749
nb,min n° minimo di bulloni considerando 2 facce 4.87
nb n° minimo bulloni da disporre 5

coprigiunto piattabande superiori


sp
sp spessore coprigiunto 12
sp spessore piattabanda 20
srif tensione di rifollamento (Mpa) 219.11
srif tensione di rifollamento piattabanda (Mpa) 262.93

Ac area netta coprigiunti (mm2) 5352

anime
Tipologia
Giunto G1
h altezza anima (mm) 968
tw spessore anima (mm) 16
d distanza bulloni esterni coprigiunto (mm) 600
A area lorda (mm2) 15488
ses massima tensione assiale (Mpa) 119.90
ses miniima tensione assiale (Mpa) -119.90
x distanza asse neutro lembo compresso 484
tes tensione tangenziale media (Mpa) 0.99
nb n° bulloni allineati (verticalmente) 7
nb n° file di bulloni (da un lato del giunto) 1
A* area netta (mm2) 12296
M momento agente su mezza porzione di coprigiunto (kNm) 300
V taglio agente sul giunto (kN) 15
Tv azione su un bullone (una faccia) (kN) dovuta al taglio V 0.55
TM azione su un bullone (una faccia) (kN) dovuta al momento M 32.92
Vf taglio vettoriale su un bullone (una faccia) (kN) 32.93

coprigiunto anime
sp
spessore coprigiunto 14
spessore anima 16
srif tensione di rifollamento coprigiunto (Mpa) 82.52
srif tensione di rifollamento anima (Mpa) 144.41

Ac area netta coprigiunti (mm2) 14014

62
dove:
es es  A/A*  338.10 MPa
N = es  A/A*
nb,min = N / (2Vf,o)  nb
rif =N/(2*nb*dforo*sp)< b,Rd = 275 MPa (con dforo =28.5 mm)

Essendo nb  nb,min e l’area netta dei coprigiunti Ac  A*, le verifiche risultano soddisfatte.
f

Dove: e s e s


es es  A/A*
Tv = es  A /[2(nbnf)]
To  es  A/[(nb+1)  nf]/2
Vf = (Tv2 + To2) 0.5  Vf,o
rif < b,Rd = 315 MPa

n b

TO
TV
Essendo Vf < Vfo e l’area netta dei coprigiunti Ac  A*, le verifiche risultano soddisfatte.

63
VERIFICA DI STABILITA’ A FLESSIONE PANNELLO D’ANIMA DIAFRAMMA DI ALTEZZA MEDIA
(IMBOZZAMENTO)

VERIFICA ALL'IMBOZZAMENTO DEI PANNELLI D'ANIMA DIAFRAMMA PIENO APPOGGIO


RAPPORTI LARGHEZZA-SPESSORE
S 355 Bpe (m) 0.300 Spe (m) 0.025
fyd= 322.73 Ha (m) 0.960 Sa (m) 0.020
b/t = 48.00 (CNR10011 7.2.6.2)
limte 47.25 b/t>limite occorre fare verifica ad imbozzamento CNR10011

VERIFICA ALL'IMBOZZAMENTO DEI PANNELLI D'ANIMA DIAFRAMMA PIENO APPOGGIO


2
s1(+) 119.90 N/mm Tensione di trazione all'intradosso ala superiore (SLE)
2
s2(-) -119.92 N/mm Tensione di compressione all'estradosso ala inferiore (SLE)
N 0.00 kN Sforzo normale
T 440.10 kN Taglio
2
A= 224 cm Area irrigidimento
i 145 cm Interasse irrigidimenti verticali
a 1.51 Interasse degli irrigidimenti verticali / Altezza dell'anima
Y -1.00 Coefficiente che definisce la legge di variazione della s
ks 23.90 Coefficiente d'imbozzamento
kt 7.09 Coefficiente d'imbozzamento
2
scr,o 80.82 N/mm Tensione di riferimento
2
scr 1931.50 N/mm Tensione critica normale
2
tcr 573.26 N/mm Tensione critica tangenziale
2
s1 119.90 N/mm Tensione massima normale nell'anima
2
t1 1.96 N/mm Tensione media di taglio nell'anima
2
t2 0 N/mm Tensione di taglio derivante dalla torsione
2
tt ot 1.96 N/mm Tensione tangenziale complessiva
2
scr,id 239.88 N/mm Tensione di confronto
2
scr,red 239.88 N/mm Tensione di confronto ridotta nel caso in cui scr,id>0,8*fd
2
sideale 119.94 N/mm Tensione ideale di imbozzamento
bn 1.50
2.00 Valore di riferimento per la verifica all'imbozzamento
2.00 > bn VERIFICATO

64
8.5 VERIFICHE PER LA SOSTITUZIONE DEGLI APPARECCHI D’APPOGGIO

In occasione della sostituzione degli apparecchi d’appoggio, si prevede che sull’impalcato si


impedisca il transito dei carichi accidentali.
Il sollevamento dell’impalcato avviene in asse diaframma di collegamento delle travi come da
schemi sotto riportati che rappresentano le due situazioni limite sia in termini geometrici che di
carichi.

1.00 1.45 2.00 1.45 1.00


0.38 1.00 0.38
621 621 621

Diaframma in corrispondenza della spalla

Di seguito si riportano le verifiche del diaframma e degli irrigidimenti previsti in corrispondenza


delle seguenti sezioni di verifica:
1) Sezione in corrispondenza del martinetto;

Le sollecitazioni sono le seguenti:


M= 1.35*460*1.00= 621 kNm
T = 1.5*460 = 621 kN
2) Sezione in corrispondenza del giunto tra diaframma e irrigidimento anima diaframma.

Le sollecitazioni sono le seguenti:


M= 1.35*460*0.38= 236 kNm
T = 1.35*460 = 621 kN

65
SEZIONE IN CORRISPONDENZA DEI MARTINETTI

Caratteristiche delle travi in acciaio


Altezza trave totale Htr (m) 1.0000
Larghezza piattabanda superiore Bpe (m) 0.3000
Spessore piattabanda superiore Spe (m) 0.0200
Larghezza piattabanda inferiore Bpi (m) 0.3000
Spessore piattabanda inferiore Spi (m) 0.0200
Spessore anima Sa (m) 0.0200
Altezza anima Ha (m) 0.9600
Area della sezione Aa (m2) 0.0312
Momento statico lembo inferiore Sai (m3) 0.0156
Dist. baric. lembo inferiore Dagi (m) 0.5000
Dist. baric. lembo superiore Dage (m) 0.5000
Momento d'inerzia baricentrico X Jgx (m4) 0.0044
Modulo di resist. lembo super. Wae (m3) 0.0087
Modulo di resist. lembo infer. Wai (m3) 0.0087
Momento statico al lembo sup. anima Sae (m3) 0.0029
Momento statico al lembo inf. anima Sai (m3) 0.0029
Momento statico asse Y Svi (m3) 0.0047
Dist. baric. asse Y Dvgi (m) 0.1500
Momento d'inerzia baricentrico Y Jgy (m4) 0.0005

Riepilogo sollecitazioni (SLU)

Sforzo normale max N (kN) 0


min N (kN)

Sforzo di taglio max T (kN) 621


min T (kN)

Momento flettente max M (kNm)


min M (kNm) 621

Verifiche delle sezioni (SLU) Tensioni di calcolo

tensione nor.le piattabanda sup. s ala sup. MPa -71.28 < fyd = 338.10 MPa
tensione nor.le piattabanda inf. s ala inf . MPa 71.28 < fyd = 338.10 MPa
tensione tang.le bar. anima t anima baric. MPa 31.05 < ftyd = 195.20 MPa

tensione nor.le attacco anima-piatt. sup. s anima sup. MPa -68.43 < fyd = 338.10 MPa
tensione tang.le attacco anima-piatt. sup. t anima sup. MPa 1.40 < ftyd = 195.20 MPa
tensione ideale attacco anima-piatt. sup. s id sup. MPa 68.51 < fyd = 338.10 MPa

tensione nor.le attacco anima-piatt. inf. s anima inf . MPa 68.43 < fyd = 338.10 MPa
tensione tang.le attacco anima-piatt. inf. t anima inf . MPa 1.40 < ftyd = 195.20 MPa
tensione ideale attacco anima-piatt. inf. s id inf . MPa -68.51 < fyd = 338.10 MPa

66
VERIFICA ALL'IMBOZZAMENTO DEI PANNELLI D'ANIMA DIAFRAMMA PIENO IN CORRISPONDENZA MARTINETTO
RAPPORTI LARGHEZZA-SPESSORE
S 355 Bpe (m) 0.300 Spe (m) 0.025
fyd= 322.73 Ha (m) 0.960 Sa (m) 0.020
b/t = 48.00 (CNR10011 7.2.6.2)
limte 47.25 b/t>limite occorre fare verifica CNR10011

VERIFICA ALL'IMBOZZAMENTO DEI PANNELLI D'ANIMA DIAFRAMMA PIENO IN CORRISPONDENZA MARTINETTO


2
s1(+) 68.43 N/mm Tensione di trazione all'intradosso ala superiore (SLE)
s2(-) -68.51 N/mm2 Tensione di compressione all'estradosso ala inferiore (SLE)
N 0.00 kN Sforzo normale
T 621.00 kN Taglio
A= 224 cm2 Area irrigidimento
i 145 cm Interasse irrigidimenti verticali
a 1.51 Interasse degli irrigidimenti verticali / Altezza dell'anima
Y -1.00 Coefficiente che definisce la legge di variazione della s
ks 23.90 Coefficiente d'imbozzamento
kt 7.09 Coefficiente d'imbozzamento
scr,o 80.82 N/mm2 Tensione di riferimento
2
scr 1931.50 N/mm Tensione critica normale
2
tcr 573.26 N/mm Tensione critica tangenziale
2
s1 68.43 N/mm Tensione massima normale nell'anima
t1 2.77 N/mm2 Tensione media di taglio nell'anima
2
t2 0 N/mm Tensione di taglio derivante dalla torsione
2
tt ot 2.77 N/mm Tensione tangenziale complessiva
2
scr,id 137.17 N/mm Tensione di confronto
2
scr,red 137.17 N/mm Tensione di confronto ridotta nel caso in cui scr,id>0,8*fd
2
sideale 68.60 N/mm Tensione ideale di imbozzamento
bn 1.50
2.00 Valore di riferimento per la verifica all'imbozzamento
2.00 > bn VERIFICATO

67
SEZIONE NON FORATA IN CORRISPONDENZA DEL GIUNTO

Caratteristiche delle travi in acciaio


Altezza trave totale Htr (m) 1.0000
Larghezza piattabanda superiore Bpe (m) 0.3000
Spessore piattabanda superiore Spe (m) 0.0200
Larghezza piattabanda inferiore Bpi (m) 0.3000
Spessore piattabanda inferiore Spi (m) 0.0200
Spessore anima Sa (m) 0.0200
Altezza anima Ha (m) 0.9600
Area della sezione Aa (m2) 0.0312
Momento statico lembo inferiore Sai (m3) 0.0156
Dist. baric. lembo inferiore Dagi (m) 0.5000
Dist. baric. lembo superiore Dage (m) 0.5000
Momento d'inerzia baricentrico X Jgx (m4) 0.0044
Modulo di resist. lembo super. Wae (m3) 0.0087
Modulo di resist. lembo infer. Wai (m3) 0.0087
Momento statico al lembo sup. anima Sae (m3) 0.0029
Momento statico al lembo inf. anima Sai (m3) 0.0029
Momento statico asse Y Svi (m3) 0.0047
Dist. baric. asse Y Dvgi (m) 0.1500
Momento d'inerzia baricentrico Y Jgy (m4) 0.0005

Riepilogo sollecitazioni (SLU)

Sforzo normale max N (kN) 0


min N (kN)

Sforzo di taglio max T (kN) 621


min T (kN)

Momento flettente max M (kNm)


min M (kNm) 236

Verifiche delle sezioni (SLU) Tensioni di calcolo

tensione nor.le piattabanda sup. s ala sup. MPa -27.09 < fyd = 338.10 MPa
tensione nor.le piattabanda inf. s ala inf . MPa 27.09 < fyd = 338.10 MPa
tensione tang.le bar. anima t anima baric. MPa 31.05 < ftyd = 195.20 MPa

tensione nor.le attacco anima-piatt. sup. s anima sup. MPa -26.00 < fyd = 338.10 MPa
tensione tang.le attacco anima-piatt. sup. t anima sup. MPa 1.40 < ftyd = 195.20 MPa
tensione ideale attacco anima-piatt. sup. s id sup. MPa 26.23 < fyd = 338.10 MPa

tensione nor.le attacco anima-piatt. inf. s anima inf . MPa 26.00 < fyd = 338.10 MPa
tensione tang.le attacco anima-piatt. inf. t anima inf . MPa 1.40 < ftyd = 195.20 MPa
tensione ideale attacco anima-piatt. inf. s id inf . MPa -26.23 < fyd = 338.10 MPa

68
SEZIONE DI GIUNTO FORATA E GIUNTI BULLONATI
piattabande inferiori
Tipologia
Giunto G1
A area lorda (mm2) 6000
ses massima tensione (Mpa) 27.09
nb n° bulloni allineati 2
A* area netta (mm2) 4860
ses * massima tensione netta (Mpa) 33.44
N massimo sforzo trasmesso (kN) 163
nb,min n° minimo di bulloni considerando 2 facce 1.06
nb n° minimo bulloni da disporre 2

coprigiunto piattabande inferiori


sp
sp spessore profilo 24
sp spessore anima diaframma 20
srif tensione di rifollamento (Mpa) 59.40
srif tensione di rifollamento anima (Mpa) 142.57

Ac area netta coprigiunti (mm2) 5832

piattabande superiori
Tipologia
Giunto G1
A area lorda (mm2) 6000
ses massima tensione (Mpa) -27.09
nb n° bulloni allineati 2
A* area netta (mm2) 4860
ses * massima tensione netta (Mpa) -33.44
N massimo sforzo trasmesso (kN) 163
nb,min n° minimo di bulloni considerando 2 facce 1.06
nb n° minimo bulloni da disporre 2

coprigiunto piattabande superiori


sp
sp spessore coprigiunto 12
sp spessore piattabanda 20
srif tensione di rifollamento (Mpa) 118.81
srif tensione di rifollamento piattabanda (Mpa) 142.57

Ac area netta coprigiunti (mm2) 5352

anime
Tipologia
Giunto G1
h altezza anima (mm) 968
tw spessore anima (mm) 16
d distanza bulloni esterni coprigiunto (mm) 600
A area lorda (mm2) 15488
ses massima tensione assiale (Mpa) 26.00
ses miniima tensione assiale (Mpa) -26.00
x distanza asse neutro lembo compresso 484
tes tensione tangenziale media (Mpa) 1.40
nb n° bulloni allineati (verticalmente) 7
nb n° file di bulloni (da un lato del giunto) 1
A* area netta (mm2) 12296
M momento agente su mezza porzione di coprigiunto (kNm) 65
V taglio agente sul giunto (kN) 22
Tv azione su un bullone (una faccia) (kN) dovuta al taglio V 0.77
TM azione su un bullone (una faccia) (kN) dovuta al momento M 21.42
Vf taglio vettoriale su un bullone (una faccia) (kN) 21.44

coprigiunto anime
sp
spessore coprigiunto 14
spessore anima 16
srif tensione di rifollamento coprigiunto (Mpa) 53.72
srif tensione di rifollamento anima (Mpa) 94.01

Ac area netta coprigiunti (mm2) 14014

69
STABILITÀ DEGLI IRRIGIDIMENTI TRASVERSALI IN CORRISPONDENZA DEI MARTINETTI

Lo sforzo normale massimo in corrispondenza di ciascun martinetto è pari a:


SPA-SPB
Scarico-SLU (kN) su
1863
ogni allineamento
n. martinetti 4
martinetto (kN) 500

Si riporta di seguito la verifica a carico di punta dell’irrigidimento dell’anima in corrispondenza del


diaframma:

N = 500 kN sforzo normale in un martinetto - SLU

In accordo con [CNR 10030] §6.3, la sezione di verifica considerata è pari all’irrigidimento
trasversale più un’aliquota dell’anima non inferiore a 12 volte il suo spessore (per ciascun lato).

Irrigidimenti:
ts = 16 mm spessore irrigidimento centrale
tl = 16 mm spessore irrigidimenti laterali
hs = 140 mm larghezza irrigidimenti (simmetrico rispetto all’anima)
tw = 16 mm spessore anima

Figura – Sezione dell’irrigidimento utilizzata nelle verifiche

A = 14.16103 mm2 area della sezione


J = 88.05106 mm4 momento d’inerzia
i = 79 mm giratore d’inerzia
L0 = 968 mm luce libera d’inflessione (hanima)

70
 = 12.25 snellezza dell’irrigidimento
Fe510,c( = 13) = 1.00 coefficiente 
NRD = fydA/ = 355/1.05*14.16/1.10= 4351 kN massimo sforzo resistente

Essendo la portata in corrispondenza del martinetto (≈500 kN) inferiore al massimo sforzo
resistente sull’irrigidimento la verifica risulta soddisfatta.

- Verifica dei rapporti larghezza-spessore della nervatura

Per le nervature in piatto semplice dovrà risultare:

hs/ts ≤ 15 
Essendo:
 = (235/fy)1/2
hs= 140 mm larghezza di ciascun piatto costituente la nervatura;
ts = 16 mm spessore piatto;
fy= 355 MPa tensione di snervamento.

In definitiva avremo:

140/16 < 15*(235/355)1/2 8.75 <12.15

La verifica risulta soddisfatta

71
8.6 VERIFICHE DEI GIUNTI SALDATI DIAFRAMMI

In accordo con le tensioni riportate nei par. 8.4 e 8.5, si riportano di seguito le verifiche più gravose
per le saldature dell’opera in oggetto.

Verifica saldature anima/piattabande (cordoni di lato L = 8 mm)


Le dimensioni dei cordoni rispettano le prescrizioni in accordo al [CNR10011] §9.2.9
La sezione resistente della saldatura, in accordo con [DM18] §4.2.8.2.3, è pari a:
tsaldatura = 0.7L = 5.6 mm
Le massime tensioni indotte sulla saldatura sono:

┴ = anima  tanima / (2tsaldatura) = 39  16 / (25.6) = 55.72 MPa  = 265 MPa

Verifica saldature in corrispondenza martinetti


Si ammette che in corrispondenza dei martinetti l’azione verticale venga trasferita agli irrigidimenti
traversali (costole) con il contributo di una porzione dell’ anima pari a 12 volte lo spessore
dell’anima stessa da entrambe i lati dell’irrigidimento.
piattabanda inferiore / irrigidimenti (completa penetrazione tirrig. = 16 mm)
N = Nmax,martinetto = 500 kN -carico massimo su martinetto

tanima= 16 mm -spessore anima


tsaldatura = tirrigidimento -5 mm= 11 mm -spessore saldatura
L = 190 mm - lunghezza saldatura piattabanda irrigidimento (da
un lato)
Asaldatura = 212 tanima  tsaldatura +2L  tsaldatura = 8404 mm2

 = N / Asaldatura = 59.49 MPa  = 453 MPa

irrigidimenti / anima (completa penetrazione tirrig. = 16 mm)


Si considera nel calcolo la saldatura da un solo dell’ irrigidimento centrale
T = Nmax,appoggio / 2 = 250 kN

tsaldatura = tirrigidimento -5 mm= 11 mm -spessore saldatura


L = 968 mm -lunghezza minima saldatura

Asaldatura = L  tsaldatura = 10648 mm2

// = T / Asaldatura = 23.48 MPa = 265 MPa

72
8.7 VERIFICHE DEGLI IRRIGIDIMENTI LONGITUDINALI E TRASVERSALI

Vengono previsti irrigidimenti trasversali lungo tutto l’impalcato.


In corrispondenza dei diaframmi di campata è previsto l’utilizzo di irrigidimenti trasversali costituiti
da un piatto a tutta altezza dell’anima della trave di spessore 16 mm. con passo longitudinale pari a
circa 1450 mm. e nei conci di appoggio su spalla con passo longitudinale pari a circa 3000 mm e lo
spessore di tale piatto è pari a 24 mm.
In accordo con [CNR 10030] §3, affinchè sia efficace la suddivisione in sottopannelli dell’anima e le
conseguenti verifiche di instabilità, la rigidezza flessionale degli irrigidimenti deve essere maggiore
di:

Imin,T = 0.15  T*  hw  tw3 inerzia minima irrigidimenti trasversali


dove
hw altezza totale dell’anima
tw spessore dell’anima
T* coefficienti di rigidezza flessionale minima funzione di 
a interasse degli irrigidimenti trasversali

Irrigidimenti trasversali di campata


Assumendo lo stato tensionale più gravoso per la verifiche di ciascun irrigidimento si ottiene (cfr.
[CNR 10030] PAR. 2.1.2):

= a/hw = 1450/1130 = 1.25


T* = 8
Imin,T = 0.15  8  1130  163 = 5554176 mm4
Ireale  16x2003/3 = 42666666 mm4  Imin,L

Irrigidimenti trasversali di appoggio su spalla


Assumendo lo stato tensionale più gravoso per la verifiche di ciascun irrigidimento si ottiene (cfr.
[CNR 10030] Par. 2.1.2):

= a/hw = 3000/1160 = 2.58


T* = 8
Imin,T = 0.15  8  1160  243 = 19243008 mm4
Ireale  24x2923/3 = 199176704 mm4  Imin,L

73
8.8 VERIFICHE DELLE ASTE DEI CONTROVENTI

Si verificano i controventi di piano superiori ed inferiori durante le fasi di montaggio per resistere
all’intera azione del vento. Si suppongono le aste compresse non collaboranti.
qv = 1.20 m  2.50 kN/m2 = 3.00 kN/m pressione sull’impalcato
T = Lmax  qv = 6.00*3.00 = 18.00 kN taglio massimo all’appoggio
P =2.70 m distanza travi principali
Lmax =6.00 m passo controventi
N = T / [2cos(arctan(6.00/2.70)] = 9.00 kN sforzo normale nell’asta (trazione)

verifica profilato (1 L100x8)


A = 1550 mm2 area lorda
Aeff = 1172 mm 2
area effettiva (cfr [CNR10011]
§6.2.1.2)
 = N / Aeff = 7.68 MPa  355 MPa tensione assiale

verifica unione bullonata (2M20 a taglio, 1 faccia)


e = 45/2 =22.50 mm eccentricità del collegamento
i = 45 mm interasse dei bulloni

Tb = 6.37 kN taglio su 1 bullone

 = Tb/Ares = 67.16 MPa < = 320 MPa tensione tangenziale


(classe 8.8 Ares=245 mm2)
rif = N / (2*21*8) = 25.98 MPa  230 MPa tensione rifollamento

Verifica unione saldata piatto di collegamento controvento trave principale (cordone L = 6 mm)
N = Nmax, = 9.00 kN -carico massimo sul controvento

La sezione resistente della saldatura, è pari a:


tsaldatura = 0.7L = 4.2 mm
L = 140 mm - lunghezza min. saldatura piatto-anima trave
Asaldatura = 2L  tsaldatura = 1176 mm 2

 = N / Asaldatura = 7.65 MPa  = 453 MPa

74
9. ESCURSIONI APPARECCHI DI APPOGGIO E GIUNTI
La valutazione degli spostamenti longitudinali e trasversali in corrispondenza degli apparecchi d’appoggio è
eseguita con riferimento alle azioni statiche ed alle azioni sismiche. In particolare, le azioni considerate
nell'analisi sono:
 ritiro del cls di soletta (d2);
 variazione termica uniforme pari a 30°C, con effetto sia in allungamento sia un accorciamento
(d3);
 azione sismica con doppio effetto (dE).

Le combinazioni di calcolo utilizzate sono espresse in forma sintetica nel seguito:


 combinazione statica: ;
 combinazione sismica: ;

Si considera una variazione di dilatazione termica uniforme pari a ± 30°.

Pertanto, l’allungamento/accorciamento per metro lineare di impalcato dovuto alla dilatazione


termica equivale a:
= 0.000012 x (±30°) x 1000 = ± 0.36 mm/ml

E quello dovuto al ritiro equivale a:


= 0.000010 x (-30°) x 1000  - 0.30 mm/ml

Si fa notare che, nella valutazione di progetto in combinazione sismica, si è applicato lo spostamento con lo
spettro allo SLC:

Escursione apparecchi d’appoggio:


allin.to distanza Escursione Escursione long. Escursione
dal fisso long. unilaterale unilaterale trasv.
(m) statica sismica unilaterale
Accorc Allung. Accorc Allung.
. .
Giunto -0.5 -0.15 +0.33 0.00 0.00 0.00
SPA
fisso 0.00 0.0 0.00 0.00 0.00 0.00
unitrasv SPA 0.00 0.0 0.00 0.00 0.00 0.00
unitrasv 0.00 0.0 0.00 0.00 0.0 0.00
unilong 23.8 -7.14 +15.71 -6.0 +10.0 0.00
mobile SPB 23.8 -7.14 +15.71 -6.0 +10.0  2.3
mobile 23.8 -7.14 +15.71 -6.0 +10.0  2.3
Giunto 24.3 -7.29 +16.04 -6.0 +10.0  2.3
SPB

L’escursione totale longitudinale e trasversale dei giunti è pari a:


eT = 0 mm -giunto SPA (0mm) trasversale
eL= 0 mm -giunto SPA (0 mm) longitudinale
eT = 6 mm -giunto SPB (2.3mm) trasversale
eL = 22.85 mm -giunto SPB (15.71/-7.14 mm) longitudinale
Il varco minimo è pari a:

75
v= eL /2+20 mm ≈ 20 mm -giunto SPA
v= eL /2+20 mm ≈ 32 mm -giunto SPB

76
10. SCARICHI APPOGGI

Di seguito vengono riportati gli scarichi delle singole condizioni di carico e delle seguenti
combinazioni di carico (SLE, SLU E SISMA):
STR SISMA 1 SISMA 2
STR_II STR_III STR_IV x y z x y z
Permanenti 1.35 1.35 1.35 1 1 1 1 1 1
Carichi mobili_Nmax 1.35 1.35 1.35 0 0 0 0 0 0
Carichi mobili_Mmax 1.35 1.35 1.35 0 0 0 0 0 0
Frenatura 0 1.5 0 0 0 0 0 0 0
Vento 0.9 0.9 0.9 0 0 0 0 0 0
Resistenze passive 1.5 1.5 1.5 1 1 1 1 1 1
Sisma 0 0 0 1 0.3 0.3 0.3 1 1

Per le convenzioni utilizzate si veda il prospetto seguente:

Denominazione casi di carico

Permanenti Peso proprio carpenteria metallica+Peso proprio soletta+Carichi permanenti portati


Carichi mobili Nmax Carichi mobili caratteristici con reazione verticale Nmax
Carichi mobili Mmax Carichi mobili caratteristici con momento trasversale Mmax
Frenatura Frenatura
Vento Vento a ponte carico
Sisma Inviluppo dell'azione sismica orizzontale e verticale

L’accelerazione di progetto in direzione orizzontale e verticale per la verifica degli appoggi


(considerando un fattore di struttura pari a 1,0 ) è data dalla seguente espressione:
- componente orizzontale

- componente vertical

SP Fissa
App_01_trasv App_02_fisso App_03_trasv
Carichi
Vert. Long. Trasv. Vert. Long. Trasv. Vert. Long. Trasv.
(kN) (kN) (kN) (kN) (kN) (kN) (kN) (kN) (kN)
Permanenti -460 0 0 -460 0 0 -460 0 0
Carichi mobili_Nmax -767 0 0 -1235 0 0 -320 0 0
Frenatura 0 60 0 0 60 0 0 0 0
Vento -60 0 90 100 -4 90 44 0 90
Sisma -125 443 0 -125 443 662 -125 443 0

SP Fissa
App_01_trasv App_02_fisso App_03_trasv
Vert. Long. Trasv. Vert. Long. Trasv. Vert. Long. Trasv.
SLE_II -1140 0 54 -1466 -2 54 -676 0 60
SLE_III -1140 60 54 -1466 58 54 -676 0 60
SLU_II -1710 0 81 -2198 -4 81 -1013 0 81
SLU_III -1710 90 81 -2198 86 81 -1013 0 81
SISMA 1 -917 443 0 -917 443 199 -917 443 0
SISMA 2 -585 133 0 -585 133 662 -585 133 0

SP Fissa
App_01_trasv App_02_fisso App_03_trasv
R (kN) Hl (kN) Ht (kN) R (kN) Hl (kN) Ht (kN) R (kN) Hl (kN) Ht (kN)
SLE -1466 60 54 -1466 58 54 -1466 0 60
SLU -2198 90 81 -2198 86 81 -2198 0 81
SISMICA -917 443 0 -917 443 662 -917 443 0

77
SP Mobile
App_01_mobile App_02_unilong App_03_mobile
Carichi
Vert. Long. Trasv. Vert. Long. Trasv. Vert. Long. Trasv.
(kN) (kN) (kN) (kN) (kN) (kN) (kN) (kN) (kN)
Permanenti -460 0 0 -460 0 0 -460 0 0
Carichi mobili_Nmax -767 0 0 -1235 0 0 -320 0 0
Frenatura 0 80 0 0 0 0 0 0 0
Vento -60 0 0 100 0 270 44 0 0
Sisma -125 0 0 -145 0 662 -125 0 0

SP Mobile
App_01_mobile App_02_unilong App_03_mobile
Vert. Long. Trasv. Vert. Long. Trasv. Vert. Long. Trasv.
SLE_II -1140 0 0 -1466 0 162 -676 0 0
SLE_III -1140 80 0 -1466 0 162 -676 0 0
SLU_II -1710 0 0 -2198 0 243 -1013 0 0
SLU_III -1710 120 0 -2198 0 243 -1013 0 0
SISMA 1 -917 0 0 -929 0 199 -917 0 0
SISMA 2 -585 0 0 -605 0 662 -585 0 0

SP Mobile
App_01_mobile App_02_unilong App_03_mobile
R (kN) Hl (kN) Ht (kN) R (kN) Hl (kN) Ht (kN) R (kN) Hl (kN) Ht (kN)
SLE -1466 80 0 -1466 0 162 -1466 0 0
SLU -2198 120 0 -2198 0 243 -2198 0 0
SISMICA -929 0 0 -929 0 662 -929 0 0

78
11. CONTROFRECCIA COSTRUTTIVA

La deformazione elastica prodotta dai seguenti contributi, dovrà essere compensata mediante
sagomatura dell’anima all’atto del taglio delle lamiere (contromonta). Le frecce sono calcolate
tenendo conto dei fenomeni viscosi (a tempo Too). La controfreccia calcolata è valida per
entrambe le travi
Le condizioni di carico che contribuiscono alla contromonta, secondo la norma CNR 10016, sono le
seguenti:
fp peso proprio della struttura metallica e della soletta dell’impalcato
ff peso delle opere di finitura
fr effetti del ritiro della soletta ed effetto viscoso
fV effetti del traffico veicolare (20%)

20
0
-0.6
-20 9.4 19.4 29.4 39.4 49.4
Abbassamenti (mm)

-40
-60
-80
-100
-120
-140
-160
Ascissa (m)

Fig. 14.1 – Abbassamenti verticali per il peso proprio della struttura (acciaio+ soletta)

0
-0.6 9.4 19.4 29.4 39.4 49.4
-5
Abbassamenti (mm)

-10

-15

-20

-25

-30
Ascissa (m)

Fig. 14.2 – Abbassamenti verticali per il peso delle finiture

79
5

0
-0.6 9.4 19.4 29.4 39.4 49.4
-5
Abbassamenti (mm)

-10

-15

-20

-25

-30

-35
Ascissa (m)

Fig. 14.3 – Abbassamenti verticali per gli effetti del ritiro della soletta ed effetti viscosi

Fig. 14.4 – Abbassamenti verticali per gli effetti del traffico veicolare

80
Fig. 14.5 – Diagramma della contromonta da predisporre per annullare la freccia delle componenti
precedenti

81
12. SOLETTA (DIREZIONE TRASVERSALE)
La verifica in direzione longitudinale della soletta è riportata nel cap. 7.4 della presente.
Di seguito si riporta la verifica in direzione trasversale della soletta.

12.1 FASI COSTRUTTIVE

La sezione trasversale dell’impalcato in questione è costituita da tre travi in acciaio e soletta in


calcestruzzo collaborante con le predette travi. L’altezza della soletta è pari a 25 cm. La geometria
della sezione prevede una dimensione degli sbalzi laterali di soletta costante (1.00 m in sx; e
1.00m in dx) ed un interasse fra le travi pari a 2.70 m. La soletta, infatti, ha una dimensione
trasversale di 7.40 m:

L’impalcato in c.a. è previsto gettato in opera, utilizzando coppelle tralicciate in acciaio autoportanti
di spessore 4 mm e larghezza 200 cm con 4 tralicci disposti ad interasse di 50 cm.
Una volta disposte le coppellle si provvede alla posa dell’armatura longitudinale ed al
completamento di quella trasversale e quindi, al getto della soletta fino agli spessori di progetto.

Le coppelle hanno solo funzione di cassero a perdere.

Dunque si prevede di effettuare due verifiche, in fase di getto e in esercizio:

1° fase: le coppelle sostengono il peso proprio ed il getto della soletta;


2° fase: la soletta maturata sostiene il peso poprio, delle opere di finitura e quelle dei
sovraccarichi.

82
12.2 COMBINAZIONI DI CARICO

Ai fini delle verifiche degli stati limite si definiscono le seguenti combinazioni delle azioni.
 Combinazione SLE Caratteristica (Rara):

G1 + G2 + P + Qk1 + 02 · Qk2 + 03 · Qk3 + …


 Combinazione SLE Frequente:

G1 + G2 + P + 11 · Qk1 + 22 · Qk2 + 23 · Qk3 + …


 Combinazione SLE Quasi Permanente:

G1 + G2 + P + 21 · Qk1 + 22 · Qk2 + 23 · Qk3 + …


 Combinazione Fondamentale allo Stato Limite Ultimo (SLU):

G1 x G1 + G2 · G2 + P · P + Q1 x Qk1 + Q2 · 02 · Qk2 + Q3 · 03 · Qk3 + …
 Combinazione Sismica (SLU-SISMA):
E + G1 + G2

Le verifiche agli stati limite ultimi sono eseguite con riferimento alla seguente combinazione (§6.4
del D.M. 17.01.2018):
1. Approccio 2 → (A1+M1+R1) →STR-SISMA (verifiche strutturali di resistenza)
Coefficienti parziali per i parametri del terreno
GRANDEZZA ALLA QUALE COEFFICIENTE
APPLICARE IL COEFF. PARZIALE
PARAMETRO PARZIALE M M1
Tangente dell’angolo di resistenza
al taglio tan ’k ’ 
Coesione efficace c'k c’ 
Resistenza non drenata c'uk cu 
Peso dell’unità di volume   

Coefficienti parziali R per le verifiche agli stati limite ultimi di fondazioni superficiali
COEFFICIENTE PARZIALE COEFFICIENTE PARZIALE
VERIFICA
(R1) (R3)
R=1 R=2.3
Coefficienti parziali per le azioni o per l’effetto delle azioni
Contributi di carico SLU-SISMA SLE 0 1 2
Peso proprio 1.00 / 1.35 1.00 - - -
Permanenti (ricoprimento) 1.00 / 1.50 1.00 - - -
Terreno (spinte) 0.70 / 1.35 1.00 - - -
Pressione idrostatica - - - - -
Carichi da traffico tipo TS 0 / 1.35 0 / 1.0 0.75 0.75 0
Carichi da traffico tipo UDL 0 / 1.35 0 / 1.0 0.75 0.75 0
Carichi accidentali sulla
- - - - -
soletta inferiore
Frenatura 0 / 1.35 0 / 1.0 - - -
Pressione idrodinamica - - - - -
Contributi inerziali 1.00 1.00 - - -
Sisma 1.00 1.00 - - -

83
12.3 CRITERI DI VERIFICA STRUTTURALE

La presente relazione di calcolo strutturale illustra il progetto nei suoi aspetti generali. Essa comprende solo
una parte dei calcoli strutturali: le verifiche non riportate sono condotte analogamente a quelle descritte.
Le verifiche di resistenza delle sezioni sono eseguite secondo il metodo semiprobabilistico agli stati
limite. I coefficienti di sicurezza adottati sono i seguenti:
 coefficiente parziale di sicurezza per il calcestruzzo: 1.50;
 coefficiente parziale di sicurezza per l’acciaio in barre: 1.15;
Il paragrafo in oggetto illustra nel dettaglio i criteri generali adottati per le verifiche strutturali condotte
nel progetto. Ulteriori dettagli di carattere specifico, laddove impiegati, sono dichiarati e motivati nelle relative
risultanze delle verifiche.

12.3.1 Criteri di verifica delle sezioni in c.a.


Per le sezioni in cemento armato si effettuano:
 verifiche per gli stati limite ultimi a presso-flessione;
 verifiche per gli stati limite ultimi a taglio;
 verifiche per gli stati limite di esercizio.

12.3.2 Verifiche per gli stati limite ultimi a flessione-pressoflessione


Allo stato limite ultimo, le verifiche a flessione o presso-flessione vengono condotte confrontando
(per le sezioni più significative) le resistenze ultime e le sollecitazioni massime agenti, valutando di
conseguenza il corrispondente fattore di sicurezza.

12.3.3 Verifica agli stati limite ultimi a taglio


La verifica allo stato limite ultimo per azioni di taglio è condotta secondo quanto prescritto dalla
norma UNI EN 1992-1-1:2005, per elementi con armatura a taglio verticali.
Si fa, pertanto, riferimento ai seguenti valori della resistenza di calcolo:

, resistenza

di calcolo dell’elemento privo di armatura a taglio

, valore di progetto dello sforzo di taglio che può

essere sopportato dall’armatura a taglio alla tensione di snervamento


, valore di progetto del massimo sforzo di
taglio che può essere sopportato dall’elemento, limitato dalla rottura delle bielle compresse.
Nelle espressioni precedenti, i simboli hanno i seguenti significati:

- con d in mm;

- ;

- è l’area dell’armatura tesa;

- è la larghezza minima della sezione in zona tesa;

- ;

84
- è la forza assiale nella sezione dovuta ai carichi;

- è l’area della sezione di calcestruzzo;

- ;

- è l’inclinazione dei puntoni di calcestruzzo rispetto all’asse della trave

- è l’area della sezione trasversale dell’armatura a taglio;

- è il passo delle staffe;

- è la tensione di snervamento di progetto dell’armatura a taglio;

- è la resistenza ridotta a compressione del calcestruzzo d’anima;

- è un coefficiente che tiene conto dell’interazione tra la tensione nel corrente


compresso e qualsiasi tensione di compressione assiale.

12.3.4 Verifica agli stati limite d’esercizio


Si effettuano le seguenti verifiche agli stati limite di esercizio:
 stato limite delle tensioni in esercizio;
 stato limite di fessurazione;
 stato limite di fatica.

12.3.4.1 Stato limite delle tensioni

Nel primo caso, si esegue il controllo delle tensioni nei materiali supponendo una legge costitutiva
tensioni-deformazioni di tipo lineare. In particolare si controlla la tensione massima di compressione del
calcestruzzo e di trazione dell’acciaio, verificando che:
 per combinazione rara delle azioni;
 per combinazione quasi permanente delle azioni;

12.3.4.2 Stato limite di fessurazione

Nel secondo caso, si assume che le condizioni ambientali del sito in cui sorge l’opera siano normali e
si verifica che il valore limite di apertura della fessura, calcolato per armature poco sensibili, sia al più pari ai
seguenti valori nominali:
 per combinazione delle azioni quasi permanente;
 per combinazione delle azioni frequente.

12.3.4.3 Stato limite di fatica


In accordo con UNI ENV 1992-2 si riportano di seguito le verifiche a fatica degli elementi
maggiormente interessati da questo fenomeno.
Affinché la verifica risulti soddisfatta la variazione di tensione ( max) ad opera dei carichi ciclici
deve risultare inferiore al rispettivo valore ammissibile ( R) del particolare in esame:

85
f max  R /M
f = 1.00 coefficiente di maggiorazione da normativa
M = 1.00 coefficiente riduttivo

Qfat è il modello di carico di fatica costituito dallo schema di carico 1 [DM08 §5.1.3.3.5] con i valori
dei carichi concentrati ridotti del 30% e valori dei carichi distribuiti ridotti del 70% o, in alternativa,
dallo schema di carico 2 con i valori dei carichi ridotti del 30%.

Procedimento di verifica delle armature ordinarie


Il danneggiamento prodotto da un singolo carico che induce un’escursione di tensioni max può
essere determinato facendo ricorso alle curve S-N per acciaio ordinario. Il valore di tensione
massima raccomandata è pari a R=195 MPa (UNI ENV 1992-2 §4.3.7) a 106 cicli.
Pertanto la verifica è soddisfatta se:
fmax ≤ R/M 1.00*max ≤195.0/1.00 = 195.0 MPa

86
Procedimento di verifica del calcestruzzo

87
12.4 VERIFICA IN 1°FASE

In 1° fase vengono condotte solamente le verifiche fase di getto (H=0.25 m).

Coppella tralicciata in acciao

12.4.1 Dati geometrici

Lunghezza terica lastra: 100+540+100 cm


Larghezza lastra: 200 cm
Spessore lastra: 0.4 cm
Numero tralicci per lastra: 4 tralicci
Spessore getto di completamento: 24.6 cm
Schema statico: ved. Pagine seguenti
Tralicci: H=16.7 cm (Tipo Pittini: 12/16/10)

12.4.2 Verifica del traliccio


Si considera una striscia unitaria della lastra:

Sollecitazioni
M = 1.35*1/8*(25*0.246+78.5*0.004)*2.72= 6.28 kNm -SLU
T = 1.35*1/2*(25*0.246+78.5*0.004)*2.7= 11.78 kN -SLU

Sforzo nei correnti dei tralicci:


H= 0.153 m
N = Ma/H = ± 41.05 kN

Verifica correnti inferiori (4  12):


a = N/A = 41.05x10/(4*1.13) = 90.82 MPa < 0.8*fyk = 360 MPa

Verifica correnti superiori (2  16):


L0 = 20 cm; i = 1.2/4 = 0.3;  = 20/0.3 = 66.67  = 1.53 (DIN 4114)

88
a0 = (1.53 x -41.05 x 10)/(2 x 2.01) = -163.33 MPa < 0.8*fyk = 360 MPa
Nelle zone interessate dai coprigiunti bullonati, con correnti inferiori dei tralicci rialzati e quindi
con tralicci di altezza ridotta, si ha:
H = 0.10 m (interesse correnti per traliccio ribassato)
N = M/H = ± 6.98/0.10 = 62.8 kN

Verifica correnti inferiori (4  12):


a = N/A = 62.8x10/(4*1.13) = 138.94 MPa < 0.8*fyk = 360MPa

Verifica correnti superiori (2  16):


L0 = 20 cm; i = 1.2/4 = 0.3;  = 20/0.3 = 66.67  = 1.53 (DIN 4114)
a0 = (1.53 x -62.8 x 10)/(2 x 2.01) = -239.02 MPa < 0.8*fyk = 360 MPa

Verifica di stabilità diagonali (Ad = 4  10)


Il taglio massimo vale: T = 11.79 kN
 ≈ 65°;  = 16° L0 = 15.3/(sen x cos) = 17.56 cm

Con staffe  10 si ottiene: i = 1.0/4 = 0.25; = 17.56/0.25 = 70.24;  = 1.83 (DIN 4114)
N = 11.78/(4 x sen x cos ) = 3.39 kN
 = (1.83 x 3.39 x 10)/0.785 = 79.04 MPa <360 MPa

12.4.3 Verifica della lamiera

Si considera un striscia di lamiera di luce pari alla distanza interna tra i tralicci (L=0.38 m):

Sollecitazioni
M = 1.35*1/8*(25*0.246+78.5*0.004)*0.382= 0.162 kNm -SLU
T = 1.35*1/2*(25*0.246+78.5*0.004)*0.38= 1.67 kN -SLU

Verifica della lamiera (sp=0.004 m):


a = M/W = 0.162/1000/(1/6*1.0*0.0042) = 60.75 MPa < fyd = 338.1 MPa

89
12.5 VERIFICA IN 2° FASE

12.5.1 Sbalzo lato cordolo

Sbalzo lato cordolo

90
12.5.1.1 Carichi permanenti portati

Sbalzo lato cordolo - Analisi dei carichi per 1 m di soletta


P (kN) B (m) M (kNm)
Peso soletta 6.25 0.64 4.00
Marciapiede: (0.20 x 0.89 x 25) 4.45 0.825 48.11
Pavimentazione: (3.0 x 0.38) 1.14 0.19 0.22
Barriere sicurvia 1.5 0.77 1.16
TOTALE 7.09 53.49

12.5.1.2 Sovraccarichi

Lo schema di carico scelto è il peggiore tra i seguenti:

Carico 1
I carichi mobili concentrati si ipotizzano agenti su di un’area equivalente che si ricava dalla effettiva
area di contatto del singolo carico sulla pavimentazione (0.4x0.4 m); fornita dalle norme),
ipotizzando una diffusione a 45° fino al piano medio della soletta (circa 0.76 x 0.76 m).
Q1a = 2 x 150 kN

Carico2
I carichi mobili concentrati si ipotizzano agenti su di un’area equivalente che si ricava dalla effettiva
area di contatto del singolo carico sulla pavimentazione (0.6m; dir trasversale x0.35 m; dir.
longitudinale), ipotizzando una diffusione a 45° fino al piano medio della soletta (circa 0.96 x 0.71
m).
Q1k = 1 x 200 kN

In prossimità di giunti di dilatazione verrà considerato un coefficiente dinamico addizionale (§5.1.3.4;


NTC2018) q2 pari a:
Coefficiente di amplificazione carichi 1.30 Per luci 10 m ≤ L ≤ 70 m

Come si evince dalla figura precedente l’asse del carico mobile coincide in sostanza con l’incastro
della mensola.

12.5.1.3 Momento dovuto all’urto di un veicolo in svio

I sicurvia e gli elementi strutturali ai quali sono collegati devono essere dimensionati per un’azione orizzontale
trasversale non inferiore a 100 kN, distribuita su 0,50 m ed applicata ad una quota h, misurata dal piano
viario, pari alla minore delle dimensioni h1, h2, dove h1 = (altezza della barriera – 0,10 m), h2 = 1,00 m.

Mu = 100 x [(1.00 + 0.11 + (0.25/2)] = 123.5 kNm -rispetto al piano medio della
soletta

Supponendo una ripartizione a 45° dal dal punto di applicazione verso il piano medio della soletta
si ha il seguente momento a metro lineare:

Mu = 123.5/[0.5+(2*1.00+0.11+0.25/2)]= 45.16 kN/m/m

91
12.5.1.4 Riepilogo sollecitazioni mezzeria impalcato

Sommando gli effetti dei carichi permanenti e dei sovraccarichi si ottiene, per una striscia di
lunghezza pari a 1.00 m:

SLU - M2 fase = [1.00*(Mp+Mu)]=[1.00*(-53.49-45.16)] = -98.65 kNm;


SLE - M2 fase = [1.00*(Mp+Ms)]=[1.00*(-53.49-0.00)] = -53.49 kNm;
QP - M2 fase = 1.00*Mp=1.00*(-53.49) = -53.49 kNm;
FR - M2 fase =[1.00*Mp+1.00*Ms)=(-1*53.49-1.00*0.0) = -53.49 kNm;

SLU - T2 fase = [1.0*(Tp+Tu)]=[1.00*(7.09+0.00)] = 7.09 kNm

12.5.1.5 Mezzeria impalcato - Verifica dello stato tensionale

M = -53.49 kNm -SLE

B = 100 cm; H = 24.6 cm

Aa’ = 10.05 cm2 (516) d1 = 20.3 cm


Aa = 10.05 cm2 (516) d0 = 4.3 cm

c,2 fase = 10.38 MPa < 19.92 MPa (Rck = 40 MPa)


a, 2 fase = -229.08 MPa < 301 MPa

12.5.1.6 Mezzeria impalcato - Verifica a fessurazione

Nella verifica a fessurazione in 2° fase si ha:

M = -53.49 kNm -SLE

B = 100 cm; H = 24.6 cm

Aa’ = 10.05 cm2 (516) d1 = 20.3 cm


Aa = 10.05 cm2 (516) d0 = 4.3 cm

wk= 0.127 mm

12.5.1.7 Mezzeria impalcato - Verifica a fatica

La verifica a fatica in questa sezione viene omessa poiché la sollecitazione ciclica dovuta al
transito dei veicoli è nulla.

92
12.5.1.8 Mezzeria impalcato - Verifica dello stato limite ultimo

M = -98.65 kNm

B = 100 cm; H = 24.6 cm

Aa’ = 10.05 cm2 (516) d1 = 20.3 cm


Aa = 10.05 cm2 (516) d0 = 4.3 cm

Mrd = 379.44 kNm > 98.65 kNm

12.5.1.9 Mezzeria impalcato - Verifica a taglio

Elementi senza armatura trasversale a taglio

- Verifica del conglomerato

VRd =[0,18*k*(100*r 1*fck )1/3/gc+0,15*scp]*bw*d = 147.17 kN

VEd 7.09 kN ok

con:

K = 1+(200/d)1/2 = 1.953 2

Rck = 40 N/mm2
vmin = 0,035*k 3/2*fck 1/2 = 0.551 N/mm2

fck =0,83*Rck = 33.2 N/mm2


fcd = acc *fck/ gc = 18.81 N/mm2

r 1 = Asl/(bw*d) = 0.00700  0,02

d= 220 mm
H= 250 mm
bw = 1000 mm
Asl = 1540 mm2 (1f20/20)

NEd = 0.00 kN

scp =NEd/Ac = 0.000 N/mm2  0,2*fcd

93
12.5.2 Campata
12.5.2.1 Carichi permanenti portati

La soletta viene schematizzata come trave appoggiata alle estremità soggetta alla sola
pavimentazione.
p = 3.00 kN/mq -peso pavimentazione

Tpapp = 5.66 kN/m


Mappcen = 3.32 kNm/m
Mmez = 2.00 kNm/m

12.5.2.2 Sovraccarichi

Il modello adottato per i carichi mobili è un modello tridimensionale nel quale sono rappresentati
tutti gli elementi stuttrurali: soletta in cls e travi e diaframmi in acciaio. La soletta viene
schematizzata mediante elementi shell, mentre le travi e i diaframmi vengono schematizzati
mediante elementi frame vincolati alle sole estremità mediante vincoli di appoggio.

Modello tridimensionale dell’impalcato

94
Ai fini del calcolo della soletta di impalcato fra le travi si prende in considerazione, nella posizione
di volta in volta più gravosa per la sezione considerata, gli effetti del seguente carico:

Disposizione dell’accidentale che massimizza le sollecitazioni sull’appoggio

Disposizione dell’accidentale che massimizza le sollecitazioni in campata

Carico mobile Q1,k, composto da 2 file di 2 ruote ciascuna da 150 kN di peso e da un carico
uniformemente pari a 9 kN/mq distribuito su una corsia di 3 m, affiancato da un secondo carico
Q2,k, composto da 2 file di 2 ruote ciascuna da 100 kN di peso e da un carico uniformemente pari
a 2.5 kN/mq distribuito su una corsia di 3 m. Tutti i carichi sono disposti con il proprio asse
longitudinale parallelamente all’asse longitudinale del viadotto.

Q1,k = 2 x 150 = 300 kN


Q2,k = 2 x 100 = 200 kN
q1,k unif = 9 kN/mq - su una larghezza pari a 3 m
q2,k unif = 2.5 kN/mq - sulla rimanente larghezza

Dal calcolo con modello a shell e frame, descritto sopra, che massimizza le sollecitazioni
sull’appoggio a metà impalcato si ha:

95
Mezzeria impalcato
Mmin = -37.33 kNm/m; T = 154.88 kN/m
Mmax = 19.90 kNm/m; T = 0.0 kN/m

Disposizione dell’accidentale nel modello che massimizza le sollecitazioni sulla mezzeria dell’impalcato

96
Giunto impalcato
Mmin = -107.00 kNm/m; T = 261.55 kN/m
Mmax = 27.50 kNm/m; T = 0.00 kN/m

Disposizione dell’accidentale nel modello che massimizza le sollecitazioni in corrispondenza del giunto
dell’impalcato

97
12.5.2.3 Riepilogo sollecitazioni mezzeria impalcato

La verifica viene condotta analizzando le sollecitazioni in campata essendo più gravose di quelle
all’appoggio avendo disposto un’armatura simmetrica nelle due sezioni.
Sommando gli effetti dei carichi permanenti e dei sovraccarichi si ottiene, per una striscia di
lunghezza pari a 1.00 m:

SLU - M2 fase = (1.35*Mp +1.35* Ms)= (4.54+50.4) = +54.94 kNm;


SLE - M2 fase = (1.00*Mp +1.00* Ms)=(3.36+37.33) = +40.69 kNm;
QP - M2 fase = 1.00*Mp=3.36 = 10.39 kNm;
FR - M2 fase = (1.00*Mp +0.75* Ms)=(3.36+0.75*37.33) = +33.12 kNm;

SLU - T2 fase = [1.35*(Tp+Ts)]=[1.35*(5.66+154.88)] = 216.73 kNm

12.5.2.4 Mezzeria impalcato - Verifica dello stato tensionale

M = 40.69 kNm -SLE

B = 100 cm; H = 24.6 cm


Aa’ = 10.05 cm2 (516) d1 = 20 cm
Aa = 10.05 cm2 (5) d0 = 5 cm

c,2 fase = 6.95 MPa < 19.92 MPa (Rck = 40MPa)


a,2 fase = 233.83 MPa < 360 MPa

12.5.2.5 Mezzeria impalcato – Verifica a fessurazione

Nella verifica a fessurazione in 2° fase si ha:

M = 33.12 kNm -FR


M=10.39 kNm -QP

B = 100 cm; H = 24.6 cm


Aa’ = 10.05 cm2 (516) d1 = 20 cm
Aa = 10.05 cm2 (5) d0 = 5 cm

wk= 0.133 mm <0.3 mm -FR


wk= 0.042 mm <0.2 mm -QP

12.5.2.6 Mezzeria impalcato - Verifica a fatica


La combinazione, denominta di base nel par. 12.3.4.3, è rappresentata dal peso proprio della
predalle + peso del getto, le cui tensioni sono pari a:

M = 3.36 kNm -QP

B = 100 cm; H = 24.6 cm


Aa’ = 10.05 cm2 (516) d1 = 20 cm

98
Aa = 10.05 cm2 (5) d0 = 5 cm

c,2 fase = 1.77 MPa < 19.92 MPa (Rck = 40 MPa)


a,2 fase = 59.71 MPa < 360 MPa

L’azione ciclica prodotta dai carichi mobili (M(+)=20.35 kNm; M(-) = -20.35 kNm), definiti sempre
nel par. 12.3.4.3, produce le seguenti escursioni di tensione:

c,max,ciclica(+) =3.43 MPa ; c,max,ciclica(-) =0.00 MPa -lembo superiore


smax,ciclica,a(+)= 116.94 MPa; smax,ciclica,a(-)= -12.46 MPa

La verifica a fatica dell’armatura consiste nel confrontare l’escursione di tensione con il valore
limite definito nel par. 12.3.4.3:

smax,a= smax,ciclica,a(+)-smax,ciclica,a(-)= 129.4 MPa < 195.0 MPa

Le verifica a fatica del calcestruzzo consiste nel verificare che:

c,max,ciclica +c,base ) ≤ 0.5*fcd,fat +0.45*c,min 5.20 MPa < 0.5*17.72 +0.45*1.77 = 9.66 MPa

12.5.2.7 Mezzeria impalcato - Verifica dello stato limite ultimo

M = 54.94 kNm -SLU

B = 100 cm; H = 24.6 cm


Aa’ = 10.05 cm2 (516) d1 = 20 cm
Aa = 10.05 cm2 (5) d0 = 5 cm

Mrd= 80.74 kNm > 54.94 kNm

99
12.5.2.8 Mezzeria soletta - Verifica a taglio

Verifica a taglio

Elementi senza armatura trasversale a taglio

- Verifica del conglomerato

VRd =[0,18*k*(100*r 1*fck )1/3/gc+0,15*scp]*bw*d = 127.65 kN

VEd = 216.73 kN NO

con:

K = 1+(200/d)1/2 = 1.953 2

Rck = 40 N/mm2
vmin = 0,035*k 3/2*fck 1/2 = 0.551 N/mm2

fck =0,83*Rck = 33.2 N/mm2


fcd = acc *fck/gc = 18.81 N/mm2

r 1 = Asl/(bw*d) = 0.00457  0,02

d= 220 mm
H= 250 mm
bw = 1000 mm
Asl = 1005 mm2 (1f16/20)

NEd = 0.00 kN

scp =NEd/Ac = 0.000 N/mm2  0,2*fcd

Verifiche allo stato limite ultimo di taglio

Materiali (Unità N,mm)


Calcestruzzo Acciaio
Rck = 40 fywk = 450
fck = 33.20 fywd = 391.3
fcd = 18.81
fctd = 1.45

Sezione da verificare
Altezza trave 250 mm
Copriferro staffe 30 mm
Larghezza netta resistente a taglio 1000 mm
Diametro spille 14 (1f14/20X40)
Bracci 2.5
Interasse 200 mm
Area staffe al metro 1.92 cm2/m
cotga a= 90.00 ° 0.00
cotgq q= 21.80 ° 2.50
Verifiche allo s.l.u. per taglio VR,d > VEd
Taglio di calcolo V Ed 216.73 kN
Vrcd 1803.26 kN
Vrsd 372.74 kN
VRd=min[Vrcd;Vrsd] ok 372.74 kN

100
12.5.2.9 Riepilogo sollecitazioni giunto soletta

La verifica viene condotta analizzando le sollecitazioni in campata essendo più gravose di quelle
all’appoggio avendo disposto un’armatura simmetrica nelle due sezioni.
Sommando gli effetti dei carichi permanenti e dei sovraccarichi si ottiene, per una striscia di
lunghezza pari a 1.00 m:

SLU - M2 fase = (1.35*Mp +1.35* Ms)= (4.54+144.46) = 149.00 kNm;


SLE - M2 fase = (1.00*Mp +1.00* Ms)=(3.36+107.00) = 110.37 kNm;
QP - M2 fase = 1.00*Mp=3.36 = 10.39 kNm;
FR - M2 fase = (1.00*Mp +0.75* Ms)=(3.36+0.75*107.00) = 85.38 kNm;

SLU - T2 fase = [1.35*(Tp+Ts)]=[1.35*(5.66+261.55)] = 360.73 kNm

12.5.2.10 Mezzeria impalcato - Verifica dello stato tensionale

M = 110.37 kNm -SLE

B = 100 cm; H = 24.6 cm


Aa’ = 22.60 cm2 (524) d1 = 19.6 cm
Aa = 22.60 cm2 (524) d0 = 5.4 cm

c,2 fase = 13.61 MPa < 19.92 MPa (Rck = 40MPa)


a,2 fase = 303.93 MPa < 360 MPa

12.5.2.11 Mezzeria impalcato – Verifica a fessurazione

Nella verifica a fessurazione in 2° fase si ha:

M = 85.38 kNm -FR


M = 10.39 kNm -QP

B = 100 cm; H = 24.6 cm


Aa’ = 22.60 cm2 (524) d1 = 19.6 cm
Aa = 22.60 cm2 (524) d0 = 5.4 cm

wk= 0.265 mm < 0.3 mm - FR


wk= 0.016 mm < 0.2 mm - QP

12.5.2.12 Mezzeria impalcato - Verifica a fatica


La combinazione, denominta di base nel par. 12.3.4.3, è rappresentata dal peso proprio della
predalle + peso del getto, le cui tensioni sono pari a:

M = 3.36 kNm -QP

B = 100 cm; H = 24.6 cm


Aa’ = 22.60 cm2 (524) d1 = 19.6 cm

101
Aa = 22.60 cm2 (524) d0 = 5.4 cm

c,2 fase = 1.28 MPa < 19.92 MPa (Rck = 40 MPa)


a,2 fase = 28.61 MPa < 360 MPa
L’azione ciclica prodotta dai carichi mobili (M(+)=50.0 kNm; M(-) = -50.0 kNm), definiti sempre nel
par. 12.3.4.3, produce le seguenti escursioni di tensione:

c,max,ciclica(+) =6.17 MPa ; c,max,ciclica(-) =0.00 MPa -lembo superiore


smax,ciclica,a(+)= 137.69 MPa; smax,ciclica,a2(-)= -32.54 MPa

La verifica a fatica dell’armatura consiste nel confrontare l’escursione di tensione con il valore
limite definito nel par. 12.3.4.3:

smax,a= smax,ciclica,a(+)-smax,ciclica,a(-)= 170.23 MPa < 195.0 MPa

Le verifica a fatica del calcestruzzo consiste nel verificare che:

c,max,ciclica +c,base ) ≤ 0.5*fcd,fat +0.45*c,min 7.45 MPa < 0.5*17.72 +0.45*1.28= 9.44 MPa

12.5.2.13 Mezzeria impalcato - Verifica dello stato limite ultimo

M = 149.00 kNm -SLU

B = 100 cm; H = 24.6 cm


Aa’ = 22.60 cm2 (524) d1 = 19.6 cm
Aa = 22.60 cm 2
(524) d0 = 5.4 cm

Mrd= 160.33 kNm > 149.00 kNm

102
12.5.2.14 Giunto soletta - Verifica a taglio
Verifica a taglio

Elementi senza armatura trasversale a taglio

- Verifica del conglomerato

VRd =[0,18*k*(100*r 1*fck )1/3/ gc+0,15*scp]*bw*d = 167.24 kN

VEd 360.73 kN NO

con:

K = 1+(200/d)1/2 = 1.953 2

Rck = 40 N/mm2
vmin = 0,035*k 3/2*fck 1/2 = 0.551 N/mm2

fck =0,83*Rck = 33.2 N/mm2


fcd =acc *fck/ gc = 18.81 N/mm2

r 1 = Asl/(bw*d) = 0.01027  0,02

d= 220 mm
H= 250 mm
bw = 1000 mm
Asl = 2260 mm2 (1f24/20)

NEd = 0.00 kN

scp =NEd/Ac = 0.000 N/mm2  0,2*fcd

Verifiche allo stato limite ultimo di taglio

Materiali (Unità N,mm)


Calcestruzzo Acciaio
Rck = 40 fywk = 450
fck = 33.20 fywd = 391.3
fcd = 18.81
fctd = 1.45

Sezione da verificare
Altezza trave 250 mm
Copriferro staffe 30 mm
Larghezza netta resistente a taglio 1000 mm
Diametro diagonali 14 (1f14/20X40)
Bracci 5
Interasse 400 mm
Area staffe al metro 1.92 cm2/m
cotga a= 90.00 ° 0.00
cotgq q= 21.80 ° 2.50
Verifiche allo s.l.u. per taglio VR,d > VEd
Taglio di calcolo V Ed 360.73 kN
Vrcd 1803.26 kN
Vrsd 372.74 kN
VRd=min[Vrcd;Vrsd] ok 372.74 kN

103
13. VERIFICA DEL CORDOLO IN C.A.

I sicurvia e gli elementi strutturali ai quali sono collegati devono essere dimensionati per un’azione
orizzontale trasversale non inferiore a 100 kN, distribuita su 0,50 m ed applicata ad una quota h,
misurata dal piano viario, pari alla minore delle dimensioni h1, h2, dove h1 = (altezza della barriera
– 0,10 m), h2 = 1,00 m. Si ipotizza un passo dei correnti verticali della barriera pari a i=1.50 m,

Verifica del cordolo

Il cordolo è soggetto all’azione di taglio, torsione e flessione prodotta dall’urto:

V = 100/2=50 kN -taglio
T = 100/2*i/4 = 50*1.5/4=18.75 kNm -momento torcente
M= 100/1.5*i2/10= 15 kNm -miomento flettente

MRd = 35.39 kNm > M= 15.00 kN (armatura a flessione: 2+2  12)


VRd = 863.36 kN > V = 50.00 kN (armatura a taglio-torsione: 116/20)
TRd = 149.5 kNm > T = 18.75 kN (armatura long. a torsione: 2+2  12)

Inoltre:

104
14. AFFIDABILITA’ DEI RISULTATI

Tipo di analsi svolta


La struttura è mista acciao-cls con tre travi a Doppio “T” e un soletta in c.a. di spessore pari a 25 cm. Il
modello di calcolo è bidimensionale ed gli elementi strutturali hanno le proprietà geometriche e meccaniche
dei materiali reali.
L'analisi è di tipo statico, considerata la regolarità della struttura.

Caratteristiche codice di calcolo


Per i calcoli e le modellazioni di cui alla presente relazione sono impiegati il codice di calcolo brevemente
descritti di seguito.
 SAP2000 Advanced 14
Codice di calcolo F.E.M. (Finite Element Method) prodotto dalla Computers and Structures Inc. 1995
University Ave. Berkeley CA., è impiegato per la modellazione dell’intera opera, finalizzata all’analisi
strutturale.

Affidabilità dei codici utilizzati


Un attento esame preliminare della documentazione a corredo del software ha consentito di valutarne
l’affidabilità e soprattutto l’idoneità al caso specifico. La documentazione, fornita dal produttore e
distributore del software, contiene una esauriente descrizione delle basi teoriche e degli algoritmi impiegati,
l’individuazione dei campi d’impiego, nonché casi prova interamente risolti e commentati, corredati dei file
di input necessari a riprodurre l’elaborazione.

Modalità di presentazione dei risultati


I risultati vengono presentati in forma di diagrammi di sollecitazioni (cap. 4), deformate (cap. 5) e in forma
analitica (vedi allegati alla relazione di calcolo).

Giudizio motivato di accettabilita’ dei risultati


Di seguito si effettua il confronto tra il momento dovuto ai carichi mobili in mezzeria impalcato, calcolato
come trave appoggiata-appoggiata con il metdo Courbon, con il momento ottenuto dal programma di calcolo:

COURBON Calcolo dei coefficienti di ripartizione Mobili 1 Mobili 2


Caratteristiche geometriche Q1 1.66 Q2 1.00
n travi 3 e1 0.68 e2 1.87
TRAVE xi(m) di(m) di²(m²) Wi = J/di KN1 KM1 K1 KN2 KM2 K2
1 -3.06 3.06 9.36 6.12 0.55 0.18 0.738 0.33 0.31 0.639
2 0.00 0.00 0.00 187,272.00 0.55 0.00 0.553 0.33 0.00 0.333
3 3.06 -3.06 9.36 -6.12 0.55 -0.18 0.369 0.33 -0.31 0.028
Totale 0.00 J 18.73 3.32 0.00 1.66 2.00 0.00 1.00
xg (m) 0.00
CONDIZIONI DI CARICHI MOBILI
Mobili 1 Mobili 2
Stese Q e (m) Q*e Q e (m) Q*e
1 1.00 1.87 1.87 1.00 1.87 1.87
2 0.66 -1.12 -0.74 0.00 0.00 0.00
3 0.00 0.00 0.00 0.00 0.00 0.00
4 0.000 0.00 0.00 0.00 0.00 0.00
5 0.000 0.00 0.00 0.00 0.00 0.00
Totale 1.66 1.13 1.00 1.87
e1 = 0.68 e2 = 1.87
La luce di calcolo dell’impalcato è:
L= 23.80 m
Allo stato limite ultimo il massimo momento agente in mezzeria sarà:

Il valore fornito dal software SAP2000 è pari a 3792 kNm, i risultati ottenuti dal modello agli elementi finiti
possono considerarsi attendibili.

105

Potrebbero piacerti anche