Sei sulla pagina 1di 7

Spedizione in abbonamento postale Roma, conto corrente postale n.

649004 Copia € 1,00 Copia arretrata € 2,00

L’OSSERVATORE ROMANO GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO


Unicuique suum Non praevalebunt
Anno CLIX n. 280 (48.308) Città del Vaticano domenica 8 dicembre 2019
.

Alle ong di ispirazione cattolica il Papa raccomanda la cura della formazione ecclesiale e professionale Durante le proteste contro il governo
La forza
dell’uomo Aprire nuove vie Altri manifestanti
debole uccisi in Iraq
li italiani vorrebbero gli
di dialogo e di collaborazione BAGHDAD, 7. Non accenna a stem- di poteri nel sistema democratico,

G uomini forti. Non ne po-


trebbero più degli impicci
e degli impacci della democrazia,
perarsi la tensione in Iraq. Almeno
12 persone sono morte e altre 30 so-
no rimaste ferite, ieri, dopo che un
facendo notare che il governo ha
compiuto ogni sforzo possibile per
rispondere alle richieste dei manife-
questo almeno è il dato che emer- “gruppo di miliziani” a bordo di stanti fornendo un pacchetto di ri-
ge in modo inquietante dall’ulti- un’auto ha aperto il fuoco sui ma- forme».
mo rapporto Censis. Sembra es- nifestanti nella piazza di Khilani, a Resta ancora aperto il nodo della
Baghdad. Lo riferiscono funzionari legge elettorale, che al momento
sersi sbiadita nel tempo la forza
di sicurezza e medici. L’attacco av- viene discussa dal parlamento. Si
del racconto dei nostri nonni su viene il giorno dopo che una serie
quando in Italia c’era un uomo attende inoltre che il presidente
di accoltellamenti sospetti ha pro- Barham Saleh faccia il nome del
solo e forte al comando. vocato 13 feriti nella piazza Tahir
Il tema della forza è caro alla nuovo premier incaricato, come gli
della capitale irachena, epicentro
tradizione cristiana che però ha è stato richiesto dal parlamento
del movimento che protesta contro
sempre letto questa virtù in chiave stesso.
il carovita, la disoccupazione e la
paradossale, su questo Paolo di corruzione dilagante nella pubblica Intanto, questa mattina media lo-
Tarso ha parole definitive: «Quan- amministrazione. cali hanno riferito che l’abitazione
La dinamica dei fatti ancora non del leader sciita Moqtada Al Sadr è
do sono debole, è allora che sono
è chiara. Le forze di sicurezza e al- stata colpita da un drone nella città
forte» (2 Cor, 12, 10) ed è appena
cuni medici hanno detto che alme- di Najaf, città irachena a circa 160
uscito un saggio del teologo Gio-
no due delle vittime erano poliziot- chilometri a sud di Baghdad. Al
vanni Cesare Pagazzi intitolato si-
ti. Dopo la sparatoria, i manifestan- Sadr non era a casa al momento
gnificativamente Tua è la potenza. dell’attacco. Al Sadr è a capo di un
Fidarsi della forza di Cristo. ti, temendo per la propria vita, so-
no corsi dalla zona di Khilani alla partito che guida il maggior grup-
Il punto è che l’approccio, direi po politico parlamentare del Paese.
vicina piazza Tahrir e nelle moschee
lo sguardo, che la Chiesa fedele a per ripararsi dagli assalitori. Questi Una figura vicino ad Al Sadr, Saleh
Cristo e ai suoi insegnamenti, ha ultimi sono stati identificati — stan- Muhammad Al Iraqi, sostiene che
avuto sugli uomini in merito al te- do a quanto riportano fonti giorna- l’abitazione «sia stata presa di mira
ma della forza, della potenza e listiche — semplicemente come “un in risposta all’ordine di Al Sadr di
quindi del potere, è stato sempre «Il mondo di oggi esige nuova audacia e nuova imma- forze con altre organizzazione cattoliche e in comunio- gruppo di miliziani” senza alcuna proteggere i manifestanti a Ba-
uno sguardo realistico, di un reali- ginazione per aprire altre vie di dialogo e di coopera- ne con i pastori e con i rappresentanti della Santa Sede precisazione. ghdad».
smo innervato e riscattato dal sen- zione» e «per favorire una cultura dell’incontro». Lo ha presso gli organismi internazionali» per essere «lievito Come accennato, i dimostranti
so della misericordia. affermato Papa Francesco nel discorso rivolto ai parteci- del Vangelo» nelle diverse realtà locali. protestano da due mesi contro il si-
A proposito di “uomini forti” panti al forum mondiale delle ong di ispirazione cattoli- stema politico iracheno, la corruzio-
viene in mente quello che disse ca, ricevuti in udienza nella mattina di sabato 7 dicem- PAGINA 8 ne, la mancanza di servizi e la di-
Dietrich Bonhoeffer all’indomani
dell’insediamento di Hitler come
bre, nella Sala del Concistoro.
Prendendo spunto da un passo della Gaudium et spes
soccupazione. Questi gruppi stanno
occupando i ponti di Jumhuriya, ALL’INTERNO
führer in Germania nel 1933. Chia- dedicato alla «cooperazione del cristiano nelle istituzio- Sinak e Ahar che conducono vicino
mato a commentare alla radio il ni internazionali», il Pontefice ha indicato ai presenti alla cosiddetta “zona verde”, pesan-
Agli esercenti cattolici delle sale cinematografiche temente protetta, dove hanno sede Rapporto della Fao
primo discorso del neoeletto can- tre aspetti particolari da approfondire: la formazione,
l’utilizzo dei mezzi necessari all’attività e la capacità di il governo e le rappresentanze di-
celliere, il teologo protestante dis- Spazio alla creatività plomatiche. La repressione delle Proteggere
se che non era soddisfatto dalle condivisione delle iniziative.
parole di Hitler che più volte ave- Quanto al primo, Francesco ha ricordato che non ba- per rispondere alla sfida tecnologica proteste ha causato finora l’uccisio- le terre aride
ne di oltre 400 persone, stando a
va proclamato dal palco la sua vo- sta la preparazione professionale ma occorre «una gran- quanto riferiscono i media locali.
de fede e fiducia nel saperci strumenti dell’azione di Un elogio del cinema italiano del dopoguerra e un PAGINA 2
lontà di “non deludere il popolo”, Sul fronte politico, la situazione
Dio nel mondo», con la consapevolezza che «al primo invito a rispondere con «creatività» e «audacia» alla
assicurandolo che avrebbe mante- resta instabile. Pochi giorni fa il
posto non c’è la nostra efficienza». Riguardo al secon- sfida delle nuove tecnologie: sono due dei passaggi
nuto tutte le promesse elettorali. parlamento ha accettato le dimissio-
do, ha invitato a non anestetizzare la creatività, metten- più significativi del discorso rivolto sabato 7 dicem- ni del governo guidato dal premier Bullismo e cyberbullismo
Bonhoeffer disse che non si senti-
do in guardia soprattutto dalla tentazione di utilizzare bre dal Papa ai membri dell’Associazione cattolica Adel Abdel Mahdi. In una nota nel mondo dello sport
va tranquillo perché lui si aspetta
dal suo führer la possibilità di es- la maggior parte delle risorse economiche negli apparati esercenti cinema - Sale della comunità. diffusa dal suo ufficio si legge che
amministrativi. Infine, nel sottolineare la necessità di Abdel Mahdi ha «sottolineato il Una piaga terribile
sere deluso, questo, dal punto di
vista umano lo avrebbe confortato «lavorare in gruppo», ha raccomandato di unire «le PAGINA 8 principio del trasferimento pacifico che solo la cultura
molto di più. Sappiamo come an- può sconfiggere
dò a finire: Hitler mantenne tutte
le sue promesse alle quali aggiun- SILVIA CAMISASCA A PAGINA 3
se odio e persecuzione nei con-
fronti anche di quel giovane teolo- Dopo le pressioni della comunità internazionale i migranti saranno trasferiti in strutture migliori
go morto nell’aprile del 1945, po- 8 dicembre
chi giorni prima del suicidio
dell’uomo forte.
Lo sguardo di Cristo è diverso,
Chiuso il “campo inferno” di Vucjak Solennità
dell’Immacolata
è di chi conosce e riconosce la fra-
gilità dell’uomo e prova a costrui- Concezione di Maria
BRUXELLES, 7. Sotto la crescente L’Unione europea aveva più volte Pressocché nessuno dei profughi di- no trasferiti. «Stiamo lavorando in-
re su di essa chiedendo la libera e
pressione della comunità internazio- richiamato l’attenzione della comuni- spone di scarpe e abbigliamento tensamente per allestire al meglio la
responsabile collaborazione del-
nale e con il tremendo inverno bal- tà internazionale sulle terribili condi- adatto, e per riscaldarsi si accendono ex caserma di Blazuj, presso Saraje-
l’uomo stesso. La storia della
canico che si fa già sentire, le auto- zioni del campo, chiedendone la fuochi con la legna presa nei boschi. vo, che sarà pronta al più presto»,
Chiesa peraltro dimostra questo (e rità bosniache hanno annunciato ie- chiusura. «Le condizioni di vita di Ora il campo sarà chiuso e i circa ha affermato il ministro della sicu-
i cattolici dovrebbero ricordarlo ri la decisione di chiudere definiti- centinaia di esseri umani nel campo 600 migranti che vi abitavano saran- rezza bosniaco Dragan Mektic.
sempre), come ha efficacemente vamente il campo profughi di Vuc- improvvisato di Vucjak sono vergo-
colto lo scrittore inglese Chester- jak, preso Bihac, nel nordovest del gnose. Quel campo non avrebbe mai
ton quando racconta a modo suo Paese, a ridosso del confine con la dovuto essere aperto», ha detto ieri
la fondazione dell’istituzione ec- Croazia, dove centinaia di migranti il commissario per i diritti umani del
clesiale da parte di Gesù: «Quan- mediorientali e africani vivono da Consiglio d’Europa, Dunja Mijato-
do, in un momento simbolico, sta-
va ponendo le basi della Sua
mesi in condizioni divenute sempre
più insostenibili, senza acqua cor-
vic, in una conferenza stampa tenuta
dopo una visita effettuata negli ulti-
NOSTRE INFORMAZIONI
grande società, Cristo non scelse rente né elettricità, e privi dei più mi giorni in Bosnia ed Erzegovina,
come pietra angolare il geniale elementari servizi igienico-sanitari. durante la quale Mijatovic si è recata Il Santo Padre ha ricevuto que- gnor Alberto Ortega Martín,
Paolo o il mistico Giovanni, ma Il campo, ricavato da una ex disca- anche a Vucjak. Come accennato, le SERGIO VALZANIA
un imbroglione, uno snob, un co-
sta mattina in udienza Sua Ec- Arcivescovo titolare di Midila, SERGIO MASSIRONI
rica, era chiamato “campo inferno”. terribili condizioni di vita a Vucjak cellenza il Signor Sameh Shou- Nunzio Apostolico in Cile. FABRIZIO BISCONTI E BENNO SCHARF
dardo: in una parola, un uomo. E Era situato, tra l’altro, non lontano si sono fatte ancora più drammatiche kry, Ministro degli Esteri della NELLE PAGINE 4 E 5
su quella pietra Egli ha edificato da terreni infestati da mine risalenti con l’arrivo della neve e del freddo
la Sua Chiesa, e le porte dell’In- Repubblica Araba di Egitto.
al conflitto armato in Bosnia del intenso, con temperature che duran- Il Santo Padre ha accettato
ferno non hanno prevalso su di 1992-1995. te la notte scendono sotto le zero. 1869 - 2019
la rinuncia al governo pastorale
essa. Tutti gli imperi e tutti i regni Il Santo Padre ha ricevuto dell’Arcidiocesi di Koupéla
sono crollati, per questa intrinseca
questa mattina in udienza (Burkina Faso), presentata da
Centocinquant’anni
e costante debolezza, che furono
fondati da uomini forti su uomini
l’Eminentissimo Cardinale Sua Eccellenza Monsignor Sé- dall’apertura
forti. Ma quest’unica cosa, la sto- Marc Ouellet, Prefetto della raphin François Rouamba. del Concilio Vaticano I
rica Chiesa cristiana, fu fondata su Congregazione per i Vescovi.
un uomo debole, e per questo PAGINA 6
motivo è indistruttibile. Poiché Il Santo Padre ha ricevuto Provviste di Chiese
nessuna catena è più forte del suo questa mattina in udienza Sua Il Santo Padre ha nominato Avvento
anello più debole».
Eccellenza il Signor Joseph Arcivescovo di Koupéla (Bur-
ANDREA MONDA Muscat, Primo Ministro di kina Faso) Sua Eccellenza Ritorno al silenzio
Malta, con la Consorte e i Fa- Monsignor Gabriel Sayaogo,
miliari. finora vescovo di Manga. MICHELE GIULIO MASCIARELLI
A PAGINA 7

Il Santo Padre ha ricevuto


y(7HA3J1*QSSKKM( +;!#!$!z!{!

Il Santo Padre ha nominato


questa mattina in udienza il Vescovo Prelato della Prelatura In Guatemala la beatificazione
PUNTI DI RESISTENZA Reverendo Padre Gerard Fran- del martire James Alfred Miller
territoriale di Chuquibambilla
cisco Timoner III, Maestro Ge- (Perú) il Reverendo Padre
nerale dell’Ordine dei Frati Edinson Edgardo Farfán Cór-
Una vita offerta
Ferite sanate Predicatori (Domenicani). dova, O.S.A., finora Ammini- per la formazione
dal buon senso stratore Apostolico «ad nutum dei giovani
Il Santo Padre ha ricevuto in Sanctae Sedis» della medesima
ILEANA PANAMA A PAGINA 5 Un migrante si lava la faccia con l’acqua di una pozzanghera nel campo di Vucjak (Ap) udienza Sua Eccellenza Monsi- circoscrizione. PAGINA 8
pagina 2 L’OSSERVATORE ROMANO domenica 8 dicembre 2019

Il rapporto della Fao nella Giornata mondiale del suolo

Per proteggere le terre aride


vulnerabili ai cambiamenti climatici
MADRID, 7. Le terre aride, che co- immagini satellitari rilevate dallo
prono circa il 41 per cento della su- studio e l’interpretazione che ne è
perficie terrestre e sono in espansio- stata fatta — si legge in una nota al-
ne, «non sono terre incolte, ma pae- legata al rapporto — «possono aiuta-
saggi produttivi con notevole poten- re i policymaker nell’identificare
ziale economico e valore ambienta- strategie di investimento ottimali per
le». È quanto rivela lo studio «Albe- combattere la degradazione del ter-
ri, foreste e uso del suolo nei terreni reno e la desertificazione».
aridi: La prima analisi mondiale», Il rapporto è stato presentato du-
presentato dalla Fao giovedì, in oc- rante un meeting di alto livello alla
casione della Giornata mondiale del Cop25 durante la Giornata mondiale
suolo, a Madrid, dove è in corso la del suolo. La celebrazione è stata
Cop25 sul clima. Secondo il rappor- istituita dalla stessa Fao nel 2014 per
to, le terre aride ricoprono infatti 6,1 sensibilizzare sull’importanza del
miliardi di ettari e ospitano circa suolo e di una sua gestione sosteni-
due miliardi di persone, la metà del bile. Circa un terzo dei terreni del
bestiame del mondo e oltre un terzo mondo sono considerati degradati, e Manifestazioni a Madrid
degli hotspot della biodiversità glo- questo valore — secondo l’organizza-
bale. Fra questi terreni, un terzo pre-
senta alberi e circa il 18 per cento
sono foreste. Questi ecosistemi, de-
zione — potrebbe aumentare al 90
per cento entro il 2050, se non ver-
ranno prese adequate e rapide azioni
In mezzo milione
nuncia lo studio, sono vulnerabili a
carenze d’acqua, degradazione, de-
sertificazione e all’impatto del cam-
per contrastare questa tendenza. In
questo quadro, la Fao ha presentato
alle parti partecipanti alla Cop25
per il clima
biamento climatico. un’iniziativa per ridurre le emissioni
«Capire lo status e i cambiamenti di gas serra. Oltre a fornire assisten- MADRID, 7. La capitale spagnola Thunberg, la partecipazione alla
delle foreste nelle terre aride, la co- za economica e tecnica agli agricol- “affollata”, fuori dalle aule della Marcia di ieri avrebbe toccato mez-
pertura arborea e l’uso del suolo è tori sostenibili, ha detto la Fao, un Cop25 sul clima, da migliaia di zo milione di persone.
essenziale per valutare l’impatto dei sistema di certificazione deve essere manifestanti riuniti ieri per solleci- Si apre oggi, intanto, il sesto
cambiamenti climatici e delle attività istituito per verificare le pratiche tare ulteriori azioni contro la crisi giorno dei negoziati fra gli attori
antropiche, le conseguenze delle mi- agricole che permettono il riassorbi- climatica. «I dirigenti attuali ci tra- provenienti da 190 paesi nella Con-
sure di adattamento e di mitigazione mento nel suolo del carbonio emes- discono e non permetteremo che ferenza delle parti. Il vertice, se-
e i progressi fatti nel raggiungere gli so. Il sistema di identificazione rien- ciò si ripeta», ha detto Greta condo la stampa locale, è concen-
obiettivi regionali», ha detto Hiroto tra nel quadro del Carbon market, la Thunberg, giovane attivista svede- trato su questioni tecniche. Il focus
Mitsugi, vicedirettore generale del cui creazione è discussa in questi se, alle folle che attendevano da di- tematico oggi sarà sull’energia, la
Dipartimento forestale della Fao. Le Vigili del fuoco al lavoro nei boschi dell’Australia distrutti dalle fiamme (Ap) giorni a Madrid. versi giorni il suo arrivo. Secondo mobilità e lo stato degli oceani.

Macron pronto Il discorso di Angela Merkel ad Auschwitz A sei giorni dalle elezioni generali

a concessioni Nessuna tolleranza sull’antisemitismo Ultimo duello a Londra


per fermare
LONDRA, 7. Il «final showdown», accesi. Nel ribattere, Corbyn ha ri-
gli scioperi AUSCHWITZ, 7. «Nessuna tolleranza celliere tedesco ha citato Primo Le- alle spalle. «La responsabilità tede- l’ultima chance, il duello finale fra cordato le espressioni discriminato-
su nessun antisemitismo». Lo ha vi: «È accaduto, dunque può acca- sca per crimini che la mente uma- il premier britannico, Boris John- rie e islamofobe adoperate in passa-
detto ieri il cancelliere tedesco, An- dere di nuovo». na neppure può afferrare — ha ag- son, e il leader dell’opposizione la- to dal premier.
PARIGI, 7. Confortato dal successo di gela Merkel, parlando ad Questa storia va raccontata, ha giunto — è parte della nostra iden- burista, Jeremy Corbyn: a meno di E le campagne elettorali attorno
giovedì — un milione di francesi in Auschwitz, nel corso della sua pri- ripetuto più volte, «mai dimentica- tità nazionale. Tirare una linea con una settimana dalle elezioni genera- alla Brexit — ha detto giovedì scor-
piazza e paese bloccato dallo sciope- ma visita all’ex campo di concen- re». Soprattutto per la Germania, questo passato, per i tedeschi, è li, l’ultimo dibattito televisivo, tra- so Donald Tusk, nella prima inter-
ro generale — il sindacato non molla tramento nazista, luogo-simbolo non è possibile lasciarsi la Shoah impossibile». smesso ieri sera sull’emittente Bbc, vista dopo aver lasciato la presiden-
la presa e annuncia che la mobilita- dell’Olocausto. Una visita — in oc- è stato percepito dalla stampa loca-
za del Consiglio europeo — sono
zione prosegue, mettendo Emma- casione del decimo anniversario le come denso di tensioni ma privo
della Fondazione Auschwitz-Birke- state caratterizzate da «una pron-
nuel Macron sotto pressione. E il di sorprese.
presidente, così come fece con i gilet nau, che ha il compito di gestire e Come nel dibattito precedente, tezza a mentire senza precedenti».
gialli, pensa ora a una serie di con- preservare i siti, dei quali la Germa- Johnson ha usato la piattaforma Nonostante una notevole riduzione
cessioni per allentare la tensione. nia è il principale finanziatore — per denunciare «il fallimento di lea- dello scarto tra le forze politiche, i
Nel frattempo treni, metropolitane che prima di lei, da cancellieri, fe- dership» mostrata da Corbyn ri- sondaggi prevedono per i Tories la
e aerei rimarranno fermi fino a lune- cero solo Helmut Schmidt e guardo all’uscita dalla Unione euro- maggioranza a Westminster.
dì (ieri ci sono stati 600 chilometri Helmut Kohl. pea. «Get Brexit done», portare a
di code e ingorghi a Parigi), mentre «Provo una vergogna profonda», compimento la Brexit, è tornato a
martedì ci sarà una nuova manifesta- ha detto Merkel quando ha preso ripetere il premier — usando lo slo-
zione alla vigilia dell’annuncio del la parola dopo avere varcato assie- gan, in quest’occasione, secondo
Governo sulla contestata riforma me al premier polacco, Mateusz Bbc news, «decine di volte» — la
delle pensioni. «La grande eteroge- Morawiecki, il cancello di Au- cui tabella di marcia prevede l’usci- Tensioni in Algeria
neità dei 42 regimi pensionistici at- schwitz sovrastato dalla scritta ta dall’Unione entro il prossimo 31
tuali non può durare. Sanno che un «Arbeit macht frei». gennaio. in vista del voto
Merkel e Morawiecki hanno de- Mentre Corbyn, che insiste per
giorno dovranno rinunciare a regimi
speciali che non vengono più com- posto una corona di fiori composta un secondo referendum, ha solleva- del 12 dicembre
presi. Sanno anche che, gradualmen- di rose dei colori nazionali di Ger- to dubbi sull’affidabilità delle di-
te, dovremo lavorare un po’ più a mania e Polonia davanti al Muro chiarazioni di Johnson, dopo aver
lungo», ha detto da parte sua il pri- della morte, dove vennero fucilate rilasciato presunti documenti gover- ALGERI, 7. Cresce la tensione in
mo ministro, Edouard Philippe. migliaia di prigionieri, e osservato nativi che confermerebbero — nello Algeria in vista delle elezioni
Per lunedì ha dato appuntamento un minuto di silenzio. scenario dettato dall’accordo rag- presidenziali del 12 dicembre. In
Secondo le stime oltre un milio- giunto dal premier — la creazione migliaia sono scesi in piazza ieri
ai partner sociali per nuove consul-
ne di persone morì nel campo pri- di un confine nel mare d’Irlanda. nella capitale per protestare in
tazioni, poi mercoledì l’annuncio nel
ma della liberazione nel gennaio L’assenza di leadership di Corbyn, un ultimo tentativo di chiedere il
dettaglio della riforma, che per il
1945 a opera delle truppe sovieti- secondo il premier, sarebbe poi di- rinvio della votazione a cui non
momento nessuno conosce. Quello
che. Il Governo federale tedesco e i mostrata dal suo atteggiamento credono.
che si sa per certo è che il Governo
16 Länder hanno pianificato un fronte alle recrudescenze antisemiti- «No al voto, no alla farsa»,
vuole varare una formula «universale contributo aggiuntivo per la Fonda- che nel Labour. «libertà dalla dittatura»: sono le
di pensione a punti», nella quale zione di 60 milioni di euro. Proprio sulle discriminazioni, sul richieste e gli slogan dei manife-
ogni euro versato corrisponda per Dopo avere visitato anche il cam- razzismo e sulla disonestà politica, stanti che hanno invaso le strade
tutti i lavoratori alla stessa quota di po di sterminio di Birkenau, il can- Merkel ad Auschwitz (Afp) il dibattito ha raggiunto toni più di Algeri nel 42° venerdì conse-
pensione percepita; e che i 42 regimi
cutivo di protesta. È dalla metà
speciali dovranno lasciare il posto a di febbraio che tutti i martedì e i
un sistema eguale per tutti. Ma su venerdì la gente reclama contro
quest’ultimo punto, quello che più il governo. Le proteste hanno
tocca nel vivo i lavoratori e il sinda- costretto il presidente Abdelaziz
cato, si sta trattando in due direzio-
ni: allontanare almeno al 2025 l’en-
Emergenza fame nello Zimbabwe L’Is rivendica Bouteflika a dimettersi in aprile.
Da allora i manifestanti del mo-
trata in vigore, graduale, del nuovo
sistema. E compensare la fine dei re- a causa della siccità e dell’iperinflazione l’attacco armato in Mozambico vimento Hirak continuano a
chiedere un’ampia riforma del si-
gimi speciali con la salvaguardia di stema politico, sperando che se
compensazioni per i lavori usuranti. HARARE, 7. In Zimbabwe oltre la lari. Alla base della crisi in atto — MAPUTO, 7. Il sedicente Stato isla- Già a giugno l’Is aveva rivendicato ne vadano anche i principali col-
Su un piano più generale, il go- metà della popolazione, equivalen- ha spiegato — ci sono «il disastro mico (Is) ha rivendicato l’attacco laboratori di Bouteflika, rimasti
il suo primo attentato nel paese. Gli
verno prometterà concessioni sul- te a 7,7 milioni di persone, è colpi- climatico» e «il tracollo economi- avvenuto nei giorni scorsi nella pro- al potere, fra cui il presidente ad
attacchi a Cabo Delgado — territorio
l’imponente welfare nazionale, la Sé- ta dall’emergenza fame. Lo ha re- co». La relatrice speciale sul dirit- vincia di Cabo Delgado, nel nord interim Abdelkader Bensalah e il
ricco di gas — sono iniziati circa due
curité sociale (pensioni e sanità). so noto il World food programme to al cibo, Hilal Elver, che ha visi- del Mozambico. Nell’attentato sono capo di stato maggiore Gaid Sa-
Questo, combinato con la rinuncia a anni fa e hanno causato finora oltre
(Wfp). Il paese che, un tempo, fu tato il paese nei giorni scorsi per morti sedici soldati. Lo riferisce il lah. Gran parte degli algerini so-
varare il piano dal 2021, potrebbe — 300 morti.
uno dei maggiori produttori di ali- conto dell’Onu, ha riferito che a sito di monitoraggio delle attività no oramai convinti che le elezio-
nelle intenzioni di Macron — calma- Si suppone che l’Is operi nel nord
menti dell’Africa meridionale, si soffrire della carenza alimentare dei gruppi terroristici Site. ni non basteranno a cambiare la
re le ripetute proteste dei francesi. sotto l’egida della sua cosiddetta fi- situazione. L’accusa è che i 5
trova ad affrontare la peggiore cri- sono soprattutto donne e bambini. L’Is, in un comunicato, ha dichia-
Un p0’ come accadde un anno fa, in si dell’ultimo decennio a causa Elver ha esortato il governo dello rato che l’agguato è stato compiuto liale della Provincia dell’Africa cen- candidati in lizza giovedì prossi-
piena rivolta dei gilet gialli, quando della siccità e dell’iperinflazione. Zimbabwe, i partiti politici e la contro «l’esercito crociato mozambi- trale, proclamata ad aprile. Nel nord mo facciano ancora parte del
il leader dell’Eliseo annunciò prov- A Ginevra, la portavoce del Wfp comunità internazionale a riunirsi cano» a Malali. Nello scontro sono è attiva un’altra milizia jihadista de- ventennale regno di Bouteflika.
vedimenti, in favore delle fasce disa- ha dichiarato che per fornire circa per «porre fine a questa crisi a stati requisiti armi e munizioni, ma nominata Al Shabaab che non sem- Altre manifestazioni si sono svol-
giate che protestavano, per un totale 240 mila tonnellate di aiuti sono spirale prima che si trasformi in anche distrutte abitazioni degli abi- bra però avere legami con il gruppo te a Tizi Ouzou e nella città
di 17 miliardi di euro. necessari quasi 300 milioni di dol- un conflitto in piena regola». tanti che hanno opposto resistenza. islamista somalo. portuale di Bejaia.

L’OSSERVATORE ROMANO ANDREA MONDA Servizio vaticano: vaticano@ossrom.va Tariffe di abbonamento Concessionaria di pubblicità Aziende promotrici
direttore responsabile Segreteria di redazione Vaticano e Italia: semestrale € 99; annuale € 198 della diffusione
Servizio internazionale: internazionale@ossrom.va telefono 06 698 83461, 06 698 84442 Europa: € 410; $ 605 Il Sole 24 Ore S.p.A.
GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO Giuseppe Fiorentino fax 06 698 83675 Africa, Asia, America Latina: € 450; $ 665 System Comunicazione Pubblicitaria
Unicuique suum Non praevalebunt vicedirettore
Servizio culturale: cultura@ossrom.va America Nord, Oceania: € 500; $ 740
segreteria@ossrom.va Sede legale
Piero Di Domenicantonio Servizio religioso: religione@ossrom.va Abbonamenti e diffusione (dalle 8 alle 15.30): Via Monte Rosa 91, 20149 Milano Intesa San Paolo
Città del Vaticano caporedattore Tipografia Vaticana telefono 06 698 99480, 06 698 99483 telefono 02 30221/3003
Editrice L’Osservatore Romano fax 06 69885164, 06 698 82818, fax 02 30223214 Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
ornet@ossrom.va Gaetano Vallini Servizio fotografico: telefono 06 698 84797, fax 06 698 84998 info@ossrom.va diffusione@ossrom.va
www.osservatoreromano.va segretario di redazione photo@ossrom.va www.photo.va Necrologie: telefono 06 698 83461, fax 06 698 83675 segreteriadirezionesystem@ilsole24ore.com Società Cattolica di Assicurazione
domenica 8 dicembre 2019 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 3

Prima visita a Seoul in quattro anni del capo della diplomazia di Pechino

Rafforzata l’intesa
tra Cina e Corea del Sud
SEOUL, 7. Pechino è pronta a raffor- al 2015, in occasione di un vertice parte sua, ha dichiarato che tutti i
zare la comunicazione e il coordina- trilaterale con il Giappone. settori sudcoreani attribuiscono
mento con Seoul e portare avanti la Wang ha dichiarato che Cina e grande importanza alle relazioni
realizzazione dell’iniziativa Belt & Corea del Sud sono vicini di casa e con il Governo della Cina. La co-
Road (la Nuova via della seta) con partner importanti e sotto la guida munità politica è ottimista riguardo
le strategie di sviluppo della Corea dei leader dei due paesi, le relazioni allo sviluppo della Cina e alle pro-
del Sud. Lo ha affermato da Seoul, bilaterali hanno registrato un forte spettive di cooperazione bilaterale e
il consigliere di stato cinese e mini- sviluppo. «Il desiderio condiviso dei si impegna a spingere le relazioni
stro degli Esteri, Wang Yi, durante popoli dei due paesi è promuovere bilaterali a un livello superiore.
un incontro con Lee Hae-chan, lea- uno sviluppo sostenuto, sano e sta- Obiettivo della missione di Wang
der del Partito democratico al Go- bile della partnership strategica di a Seoul è anche rilanciare i rapporti
cooperazione tra Cina e Corea del con Pechino, incrinati dal recente
verno sudcoreano ed ex premier.
Sud», ha affermato Wang. «Pechino dispiegamento in Corea del Sud di
Si tratta della prima visita in
si è detta disposta a lavorare con un sistema di difesa anti-missile sta-
quattro anni di un ministro degli Seoul per esplorare attivamente la
Esteri cinese in Corea del Sud. La tunitense. Secondo la Cina, questo
cooperazione di terze parti, accele- sistema rappresenta una possibile
precedente visita di un capo della rare la seconda fase dei negoziati
diplomazia di Pechino risale, infatti, minaccia alla sicurezza della regio-
dell’accordo di libero scambio e sol-
ne. Per la Corea del Sud, invece, è
lecitare nuovi risultati nella coopera-
necessario davanti alle ripetute mi- Sarebbero almeno settemila le persone arrestate durante le proteste
zione pragmatica tra i due paesi»,
ha aggiunto il consigliere di stato. nacce della Corea del Nord.

È deceduta
Secondo Wang, allo stesso tem-
po, le due parti dovrebbero conti-
Wang e Lee hanno quindi avuto
uno scambio di opinioni sulla pro-
mozione di una soluzione politica
L’Onu accusa l’Iran
nuare a comportarsi con sincerità,
rispettare i rispettivi interessi fonda- della questione della penisola corea-
la donna mentali e le principali preoccupazio- na. E proprio quanto sta accadendo TEHERAN, 7. Sarebbero almeno 7.000 le persone arresta- giorni scorsi da Amnesty International, secondo cui il
ni, gestire correttamente le questioni al 38° parallelo è stato al centro, ie-
indiana sensibili che hanno un impatto sul ri, di un colloquio telefonico tra i
te in Iran durante le violente manifestazioni delle scorse
settimane contro il rincaro della benzina. Lo denuncia
numero reale potrebbe essere molto più alto.
L’Alto commissario delle Nazioni Unite ha precisato
presidenti statunitense e sudcorea-
arsa viva sano sviluppo delle relazioni tra Ci-
na e Corea del Sud e mantenere la no, Donald Trump e Moon Jae-in.
in una nota l’Alto commissariato delle Nazioni Unite
per i diritti umani (Unhchr), aggiungendo di avere ot-
che ci sono notizie di un numero di vittime che sarebbe
«il doppio», ma il suo ufficio non è riuscito finora a ve-
giusta direzione nello sviluppo delle Il dialogo ha avuto come punto tenuto «video verificati» in cui le forze di sicurezza ira- rificarle. Secondo fonti degli Stati Uniti, i morti nelle
relazioni bilaterali. principale il difficile tentativo le niane sparano ad altezza uomo contro i manifestanti, violenze potrebbero essere «più di mille».
NEW DELHI, 7. L’India è ancora Il ministro degli Esteri si è poi sbloccare l’impasse sul dossier nu- con apparente intento di uccidere. Le cifre — secondo fonti giornalistiche — sono sempre
sotto shock dopo gli ultimi gravi augurato che la comunità politica cleare nordcoreano. Trump e Moon Denunciando «serie violazioni dei diritti umani» nel- state respinte come «menzogne assolute» dalle autorità
episodi di violenza sulle donne. sudcoreana possa svolgere un ruolo hanno concordato di mantenere la repressione delle proteste, l’Unhchr ha confermato il di Teheran, che però non hanno ancora fornito un bi-
È deceduta la notte scorsa, dopo positivo in questo senso. Lee, da aperto il dialogo bilaterale. bilancio di «almeno 208 morti» accertati diffuso nei lancio chiaro al riguardo.
ore di agonia in ospedale, la gio-
vane indiana che due giorni fa
era stata arsa viva mentre andava
a testimoniare contro due uomini
da lei accusati di violenza sessua-
le. Lo hanno annunciato stamat-
tina le autorità dell’ospedale Saf-
Per l’amministrazione Trump l’inchiesta è «completamente infondata»
Sparatoria La Chiesa
darjang di Delhi, dove la donna
è morta per arresto cardiaco. La Casa Bianca non coopererà in una base al fianco
La giovane di 23 anni era stata navale dei più poveri
aggredita giovedì scorso nel di-
stretto di Unnao, nello stato del-
lo Uttar Pradesh, mentre si stava
nelle audizioni per l’impeachment negli Usa in Argentina
recando in tribunale per deporre
alla prima udienza del processo WASHINGTON, 7. La Casa Bianca si WASHINGTON, 7. Seconda sparato- BUENOS AIRES, 7. La Chiesa ar-
contro due fratelli da lei denun- rifiuta di partecipare alle audizioni ria in due giorni in altrettante sto- gentina intende presentarsi quale
ciati per stupro lo scorso marzo. per la redazione degli articoli di im- riche basi navali Usa, ma questa punto di riferimento per un nuo-
Prima di venire ricoverata in peachment contro il presidente Do- volta il killer è uno studente di vo patto sociale nel paese latino-
prognosi riservata, con ustioni sul nald Trump, che si terranno la pros- aviazione saudita. L’assalitore è americano. La Commissione epi-
70 per cento del corpo, la giova- sima settimana nella Camera dei entrato in azione ieri nella Naval scopale per la pastorale sociale,
ne era riuscita a denunciare nuo- rappresentanti statunitense. Lo ha Air Station (Nas) di Pensacola, presieduta da Jorge Rubén Lugo-
vamente alla polizia gli aggresso- confermato ieri la consigliera Pat poco prima delle 7, aprendo il nes, Vescovo di Lomas de Zamo-
ri, che sono stati arrestati il gior- Cipollone, in una lettera destinata fuoco in un edificio che ospita ra, ha ricevuto mercoledì scorso i
no stesso. Si tratta di cinque uo- al direttore della Commissione giu- classi per l’addestramento. Sono rappresentanti della Mesa de dia-
mini, compresi i due sotto pro- stizia per le indagini, Jerrold Na- state scene di panico, con cadetti logo por el trabajo y la vida digna
cesso per stupro. Uno degli accu- dler. Nella missiva, Cipollone ha (“Tavolo di dialogo per il lavoro e
e ufficiali in fuga o asserragliati
sati si trovava in clandestinità dal qualificato l’inchiesta come «com- la vita degna”), associazione che
nelle aule, mentre scattava imme-
momento della denuncia, l’altro pletamente infondata» e ha lamen- comprende i principali settori del
diatamente il lockdown, ossia il
era libero, su cauzione, dalla set- tato che la speaker della Camera, lavoro, della produzione e del-
totale isolamento della base. Il kil-
timana scorsa. Gli assalitori, ha Nancy Pelosi, avrebbe ordinato di l’economia sociale. Durante l’in-
riferito la giovane prima di mori- ler ha colpito dieci persone, di cui
procedere con la redazione degli ar- contro i rappresentanti della Con-
re, l’hanno aggredita a bastonate due morte sul posto e una
ticoli «prima che la sua commissio- ferenza episcopale hanno propo-
e poi bruciata viva, dando fuoco ne abbia sentito neanche un briciolo all’ospedale. Le altre sette sono ri- sto di elaborare e formalizzare un
al suo sari, nel brutale tentativo di prove». L’annuncio di Pelosi è maste ferite. Le indagini per capi- patto sociale per assistere i più
di metterla a tacere. avvenuto giovedì, il giorno dopo la re le motivazioni del gesto sono poveri. L’Argentina ha raggiunto
Purtroppo però non si è tratta- pubblicazione del rapporto della ancora in corso. La pista del terro- un record negativo: nel terzo tri-
to di un episodio isolato di vio- stessa commissione, dove sono for- rismo non è stata esclusa. «Il re mestre del 2019 il 40,8 per cento
lenza e di stupro in India. Solo niti dettagli circa le accuse rivolte al dell’Arabia Saudita Salman ha della popolazione viene classifica-
una settimana prima, nel sud si presidente. Ai repubblicani, ha de- chiamato per esprimere le sue sin- to come povero, secondo l’O sser-
era verificato un caso simile. Una nunciato inoltre Cipollone, «non è cere condoglianze e la sua vici- vatorio del debito sociale
donna di 27 anni della città di stata data una corretta opportunità nanza alle famiglie e agli amici dell’Università Cattolica Argenti-
Hyderabad è morta dopo essere per partecipare». Nadler ha rifiutato dei soldati che sono stati uccisi e na (UCA), il quale ha precisato
stata stuprata e bruciata dai suoi questa critica, ribadendo in una no- feriti nell’attacco avvenuto a Pen- che anche l’indigenza è progredi-
assalitori. I resti della donna so- ta che: «Il popolo americano merita sacola» ha fatto sapere la Casa ta, raggiungendo quota 8,9 per
no stati trovati solo giorni dopo. Il presidente Usa Donald Trump (Epa) risposte dal presidente Trump». Bianca. cento.

Bullismo e cyberbullismo nel mondo dello sport


Fernández
Una piaga terribile che solo la cultura può sconfiggere presenta il governo
argentino
di SILVIA CAMISASCA questo è evidente che mantenere ac- il cui messaggio ha una forte presa garantisce maggiore anonimato della co, tuttavia non sempre è facilmente
cesi i riflettori su un fenomeno, tan- sui giovani, abbiamo voluto chiama- forma fisica, diretta o di quella indi- riconoscibile e definibile, soprattutto
pisodi di bullismo e to diffuso quanto silente, potenzial- re a raccolta il mondo scientifico e retta di tipo sociale». per bambini o ragazzi che ancora BUENOS AIRES, 7. Il presidente

«E cyberbullismo, purtrop-
po, trovano terreno fertile
nel mondo dello sport, dove la com-
mente capace di compromettere la
fase evolutiva dei ragazzi, condizio-
nandone la crescita e inducendo al-
sportivo, per trasferire un insegna-
mento positivo ai ragazzi e chiedere,
innanzitutto a loro, un aiuto per
Il bullismo elettronico è un feno-
meno del tutto specifico, che presen-
ta caratteristiche originali connesse
non decifrano nettamente i messaggi
esterni» spiega Simone Perrotta,
Campione del mondo di calcio con
eletto argentino Alberto Fernán-
dez ha presentato ieri, in una con-
ferenza stampa a Buenos Aires, i
petizione e il desiderio di primeggia- l’abbandono della pratica sportiva, contrastare il fenomeno con misure alle tecnologie utilizzate. Queste ul- 21 componenti del suo governo.
non basta. È indispensabile creare preventive per alcuni tipi di compor- time estendono e diversificano la gli azzurri nel 2006, responsabile di-
re possono sfociare nella prevarica- Fernández ha sottolineato che «es-
una rete non solo tra servizi territo- tamenti aggressivi e violenti, anche sfera di azione del tradizionale bulli- partimento Junior dell’Aic e vicepre- si saranno i protagonisti di un
zione di compagni o avversari, am-
plificando, con l’ausilio del web, vio- riali, scuole e oratori, ma anche tra perché le armi più potenti sono smo. Ad esempio, non è trascurabile sidente settore giovanile e scolastico momento unico di cambiamento»,
lenze psicologiche, verbali, fisiche, e società sportive (professionisti e di- quelle psicologiche, in particolare, che le violenze sugli adolescenti via Figc. Per interpretare e contrastare il perché hanno accettato la sfida di
anche più subdole forme di discri- lettanti, considerando che il fenome- legate alle nuove tecnologie» rac- web siano più facilmente occultate e fenomeno, «il calcio insegna moltis- costruire un altro Paese «perché è
minazioni verso chi è ritenuto diver- no non coinvolge solo squadre ama- conta Federica Bosco. La connessio- occultabili al mondo adulto, a causa simo perché costringe ad accettare la ora che lo costruiamo». Il capo
toriali) e famiglie, talvolta involonta- ne tra bullismo e nuove tecnologie è della generale maggiore competenza sconfitta, allena al confronto con chi dello Stato eletto ha spiegato che
so». Con queste parole Luca Bernar-
rie responsabili di pressioni e spinte fondamentale. Internet viene vissuto informatica e tecnologica dei ragazzi è migliore di noi, trasmette lo spirito la scelta dei titolari dei diversi di-
do, direttore della Casa pediatrica
in competizioni forzatamente perfor- come un “mondo parallelo” — con rispetto a genitori e docenti, e alla
del Fatebenefratelli-Sacco di Milano, di squadra, abitua al sacrificio in no- casteri «è avvenuta tenendo conto
manti. case, strade, luoghi di incontro — in scarsa tracciabilità degli scambi tra-
commenta i dati denunciati dal Co- me della maglia» afferma Perrotta. delle loro qualità tecniche e mora-
Esempi virtuosi esistono. Dopo cui è assai facile mascherare e mani- mite chat o smartphone. Internet ha
ni, secondo cui il 10 per cento dei oltre un anno di lavoro, teso al più polare dati personali, foto, video o “globalizzato il bullismo”. Secondo «Chi bullizza molto spesso è debole, li e nello spirito di unità che ha
ragazzi è vittima di bullismo in con- ampio coinvolgimento possibile, il documenti raccolti dagli utenti come il rapporto Unesco «Behind the non riesce a reggere il paragone con caratterizzato il Fronte con cui ab-
testi sportivi e il 15 per cento degli progetto «Palla in rete, ragazzi in re- in una sorte di domicilio virtuale. numbers: ending school violence chi è più capace o dotato, come di- biamo vinto le elezioni». Nell’illu-
adolescenti nell’ambiente dello spo- te», sostenuto dalla giornalista Fede- «Il rischio è di consegnare le chia- and bullying», un ragazzo su tre è mostra il fatto che a essere bullizzati strazione delle competenze dei
gliatoio. Di questi ben il 75 per cen- rica Bosco, ha visto — nella prima vi di casa a malintenzionati — sinte- stato vittima di bullismo almeno una suoi ministri il presidente, che si
sono frequentemente, nella scuola e
to ha vissuto episodi analoghi a tappa a Milano — la partecipazione tizza Alessandro Sigismondi, esperto volta nell'ultimo anno. insedierà nella Casa Rosada il 10
nello sport, i più bravi, e non solo dicembre, ha insistito molto sulla
scuola e il 15 per cento è caduto nel- di 350 studenti delle scuole seconda- di cyberbullismo di Resonnetwork — Lo sport, come cultura, può essere
la trappola della rete. coloro che hanno difficoltà o difet- preparazione del ministro del-
rie di primo e secondo grado a una il che sfocia nel prendere di mira e un grande antidoto al bullismo e al
Quella del bullismo è una piaga giornata di informazione e formazio- danneggiare, con episodi ripetuti nel cyberbullismo. «Anche se il bulli- ti». Poiché nella vita è inevitabile fa- l’Economia Guzmán che «conosce
molto seria, che nasconde una radice ne. «Con il sostegno della Casa pe- tempo, per mesi o addirittura anni, smo da spogliatoio, o comunque le- re i conti con le sconfitte, «lo sport a fondo la questione del debito,
culturale. Combattere il bullismo si- diatrica, da tempo impegnata nel re- un coetaneo, impossibilitato a difen- gato allo sport, a differenza del è una palestra insostituibile» e «le che è uno dei principali problemi
gnifica anzitutto agire sul piano del- cupero di giovani bulli e vittime, e dersi. Perché il bullismo elettronico, cyberbullismo, è diretto, in qualche responsabilità di allenatori e società che dobbiamo affrontare e risolve-
la cultura e della formazione. Per la presenza dei campioni del calcio, che colpisce un adolescente su tre, modo tangibile, e, in molti casi, fisi- sono enormi». re» nel breve periodo.
pagina 4 domenica 8 dicembre 2019 L’OSSERVATORE ROMANO domenica 8 dicembre 2019 pagina 5

8 DICEMBRE, SOLENNITÀ DELL’IMMACOLATA CONCEZIONE DI MARIA PUNTI DI RESISTENZA

Una riflessione sul peccato originale


La Street Art per coprire il razzismo

Beato Angelico
Quello che Eva Ferite sanate
non ha detto
«Annunciazione»

dal buon senso


(1435)

di SERGIO MASSIRONI non avere mai sufficiente serietà e abba- dizione in obiezione». Più precisamente:
stanza tempo». «La sottile e abissale differenza tra la pa- di ILEANA PANAMA della speranza, e una Balena, simbolo
are credito alla Bibbia: si Fedele alla migliore esegesi novecente- rola del Creatore e quella del serpente do- di pace e speranza. I murales hanno fi-

D tratta di una questione cultu- sca, ma rigoroso nel giocarne gli esiti sul vrebbe essere a questo punto del tutto uando le ho viste per la nalmente coperto le scritte e ridato alla
rale, non più semplicemente
di un problema spirituale o
di una preoccupazione con-
fessionale. A livello popolare, infatti, è nel
piano filosofico, Petrosino risponde alle
obiezioni che dai circoli dei liberi pensato-
ri sono andate rimbalzando nelle universi-
tà, su riviste e libri di testo, sino a diveni-
chiara: la prima sollecita l’uomo a rispon-
dere, cioè ad abitare/nominare, proprio a
partire dal suo essere creatura; la seconda,
invece, insinua nell’uomo il sospetto che
Q prima volta sono state un
pugno nello stomaco. Qua-
si andavo a sbattere contro
il muro. «Morte ai negri»
città la dignità che merita perché nono-
stante decreti e porti chiusi, Messina
non ha mai smesso di accogliere. Oggi,
ogni volta che passo per quella strada
penso a una ferita sanata dal buon sen-
passaggio tra XX e XXI secolo che in Euro- re ovvietà tra gli adolescenti o nei talk questo suo abitare/nominare sia niente e una svastica c’era scritto a caratteri
pa lo scetticismo per la visione ebraico-cri- show. Senza cedere all’apologetica, cioè proprio perché è solo quello di una crea- cubitali su due muri che si guardavano so e dalla sensibilità, dall’empatia e
stiana della realtà si è trasformato in un non ponendosi mai sulla difensiva e rico- tura». cingendo la strada che ogni giorno cen- dalla solidarietà, sentimenti che sem-
distacco apparentemente definitivo dagli noscendo la serietà del dubbio, egli mo- Cadendo nella trappola, ognuno finisce tinaia di persone percorrono per rag- brano aver perso valore in questa socie-
stra l’importanza di lottare con verità che così per smarrire il dono più grande, cioè giungere il posto di lavoro o per fare tà, ma che dobbiamo rafforzare dentro
archetipi, dall’immaginario e dai linguaggi
rimangono tali solo se ci attivano come in- la possibilità di essere se stesso: soggetto, di noi. Oggi sono in contatto con il
La Madre di Gesù nei Vangeli delle Scritture. una passeggiata soprattutto durante la
terlocutori. attore, co-creatore. fratello di Fatim. Ci ho voluto parlare
La frattura, che le élite intellettuali del bella stagione. Succedeva lo scorso
La ragione, infatti, è un albero da colti- Che cosa Eva avrebbe potuto risponde- per raccontargli quello che è successo,
continente avevano prodotto sin dall’inizio marzo e nonostante il colpevole fosse

Sei parole della modernità, in tre o quattro secoli ha


così avuto la meglio su un approccio
quanto meno ingenuo alla grande narra-
vare e custodire. Anche questo importa al
testo biblico: «In verità nulla è più estra-
neo al Logos biblico di una concezione
nostalgico-utopica della realtà; e anche
re al serpente merita di non essere svelato.
Si tratta del colpo di genio con cui Petro-
sino corona il percorso ed è giusto riser-
varne la sorpresa al lettore.
stato rintracciato passavano i mesi ma
le scritte restavano, assieme alla brutta
sensazione che in quella strada, su quei
ma anche per dirgli che qui nessuno

zione di cui siamo figli. muri si stava legittimando un pensiero


È su questo sfondo che si può cogliere quando in esso si parla del “passato” delle Da segnalare sono, invece, due guada- razzista e xenofobo. Sono passati mesi,
il rilievo del contributo che Silvano Petro- origini o del “futuro” della fine dei tempi, gni. «Il testo biblico non autorizza in al- tanti, troppi, anche un solo giorno sa-
Le sei citazioni dirette di parole mariane te anche per la sesta parola, il “fate quello sino, tra i massimi interpreti di Levinas e a ben vedere si sta sempre parlando del cun modo una colpevolizzazione della
di SERGIO VALZANIA rebbe stato troppo. Ho capito che do-
presenti nei vangeli, quattro in quello di Lu- che vi dirà”, indirizzato da Maria ai servi “presente” dell’uomo il quale è ogni volta donna in quanto donna»: Petrosino fa di Jan Bruegel il Vecchio, «Adamo ed Eva nel giardino dell’Eden» (1615, particolare)
Derrida, riesce a dare nelle poche pagine
a devozione mariana è da sempre ca e due contigue in Giovanni, sono costitui- delle nozze di Cana, che riproduce alla lette- posto e riposto al centro del discorso». tale sofferta conquista esegetica il punto

L
di La donna nel giardino. Che cosa Eva
uno dei pilastri della pratica reli- te dalle due frasi da lei rivolte all’Arcangelo ra la Genesi (41,55) quando Faraone ordina a L’autore, dunque, accogliendo le istanze di partenza di un’ipotesi persino migliore,
avrebbe dovuto rispondere al serpente (Bolo-
giosa cattolica e ortodossa. Il Gabriele nel corso dell’Annunciazione, il tutti gli egiziani “andate da Giuseppe e fate gna, EDB, 2019, pagine 94, euro 8,50).
della modernità ricorda «il processo di de- che cioè propriamente la femminilità di vivere — che si sottrarrebbe volentieri a zione che il soggetto non si ammala e il Sopra scritte infamanti
Concilio di Trento volle sottoli- Magnificat, il rimprovero a Gesù ritrovato che quello che vi dirà”. mitologizzazione messo in atto nei primi Eva rinvii al carattere destabilizzante questo sconquasso psichico». processo di umanizzazione può proseguire
neare l’importanza del ruolo della discute con i dottori nel tempio, e le due pa- La considerazione complessiva delle Sei
Il filosofo, infatti, riporta al centro del
capitoli del Genesi» in rapporto ai testi si- dell’altro, per cui la libertà è sempre pro- Tale terremoto è però un dono: riaper- la sua magnifica corsa». Forse proprio in sono stati dipinti murales
dibattito il primo testo a essere stato illu-
Mater Dei nella concezione romana della fe- role, una al Figlio e una ai servi, alle nozze Parole consente a Cocchini di allargare i ter-
ministicamente ridicolizzato e messo da
mili dell’antico vicino Oriente, riconoscen- va, dramma, mai consuetudine o automa- tura, decostruzione di un’immagine dimi- questi guadagni risalta la femminilità di che hanno ridato dignità
de, mentre il Monte Athos è dedicato per in- di Cana. mini della riflessione a comprendere elementi dovi però «l’altra faccia di quella dramma- tismo. Cita Recalcati e Stoppa: «La donna nuita di sé. Ed ecco, con Beauchamp, il Maria di Nazaret e la maternità di una
Non si conoscono analisi complessive di finora molto poco considerati, a cominciare
parte, rivelandone la contemporaneità,
tizzazione che trova nella sollecitazione appare sulla scena come una figura della secondo guadagno: al diabolico “o tutto o Chiesa: salti logici, rotture epistemologi- a Messina, una città
tero alla Panaghia, la Santissima.
cioè la pertinenza e l’appello. del lavoro umano la sua espressione più discontinuità, rappresenta un salto logico, niente”, ove il tutto è sempre il dopo, «bi- che grazie alle quali l’oggi si riapre e il che mai ha smesso di accogliere
Anche in ambito musulmano la figura del- esse paragonabili a quelle dedicate alle Sette proprio dal numero delle parole mariane, sei,
Sin dalle prime battute: «La scena è no- alta». una rottura epistemologica per la mentali- sogna saper opporre l’adesso del “tutto, deserto torna giardino. Grazie a Dio non
la Madonna gode di un prestigio indiscusso. Parole di Gesù sulla Croce anche se lo splen- particolarmente interessante se messo a con-
ta, al pari della storia ch’essa racconta, ep- Essenziale è lo spazio aperto da Dio, tà del maschio — un vero patito del quieto tranne tutto”: è infatti solo a questa condi- sono Dio, ma sono io.
Quella che la tradizione indica come la sua dido Magnificat gode di un riconoscimento fronto con quello delle parole di Cristo sulla
pure i pochi versetti biblici che narrano nell’incompiutezza della creazione, all’in- vevo fare qualcosa per respingere quel
casa, la Meryem Ana Evi, nei pressi di Efeso, indiscusso, molto forte nel campo artistico, Croce, sette. Se quest’ultima cifra rappresen-
in ambito musicale fra i più estesi della tradi- ta la pienezza, il sei la precede immediata- l’incontro tra Eva e il serpente nel giardi- telligenza e al fare umani: «Attraverso pugno nello stomaco, ma senza usare la
custodita da monache cristiane e posta din-
nanzi alla basilica nella quale si tenne il Ter- zione scritturale. mente e la anticipa. Possiamo quindi ricono- no dell’Eden non cessano di farci riflettere l’idea di creazione il Logos biblico pensa stessa violenza. Ho capito che un mo-
zo Concilio Ecumenico, è una meta di pelle- La teologa Francesca Cocchini ha dedicato scere una continuità, nascosta e forse scono- e di sfidarci, rendendo così meno saldo ad un tempo — paradossalmente o, per do per opporsi a quelle parole era stra-
l’insieme delle certezze che ci caratterizza volgerne il significato. La risposta l’ho Il murale ridipinto
grinaggio interreligioso. Nel Corano, Mao- a Le Sei Parole di Maria un agile volume sciuta agli autori materiali delle redazioni, tra l’appunto, creaturalmente — la perfezione
metto si riconosce peccatore, mentre afferma (Bologna, Edizioni Dehoniane, 2019), uscito le due tradizioni che possiede una forza pro- in quanto “uomini della conoscenza”. A e l’incompiutezza, pensa a una perfezione trovata nella Street Art, che non solo
una prima lettura tutto appare chiaro e che è tale proprio perché attende di essere
Il «Tota pulchra» attraverso i secoli ha coperto le scritte ma ha anche dimo-
l’immacolata concezione di Maria, ben prima in libreria da poche settimane. L’intento pria. avrebbe respinto la sorella. Ora so che
della promulgazione del dogma cattolico, in- dell’opera, dichiarato fin dal titolo, è proprio Francesca Cocchini è una studiosa di pa- ben definito, ma non appena ci si soffer- compiuta dal lavoro dell’uomo. Quest’ulti- strato come sia falsa la concezione se-
il nostro pensiero è stato condiviso dal-
sieme alla sua purezza da ogni colpa.
A un così grande e vasto apprezzamento
non si accompagna una tradizione di appro-
quello di considerare nell’insieme gli inter-
venti della Madonna che la tradizione evan-
gelica ha ritenuto di importanza così pre-
tristica e immagino abbia sviluppato il gusto
ad avvicinare le scritture con queste modalità
libere e inaspettate attraverso la sua frequen-
ma con un minimo di attenzione su que-
ste poche righe ecco che subito ci si trova
coinvolti all’interno di un fitto intreccio di
mo, grazie a Dio, non è mai solo un ese-
cutore o un mero spettatore o un semplice
ospite, ma fin dal principio è uno degli at-
Un canto sempre nuovo condo la quale i muri possono solo di-
videre, circoscrivere territori, combatte-
re l’immigrazione o emarginare vite. E
la popolazione, e so, soprattutto, che
Fatim non è morta. Anche per questo
ho ideato il progetto “La memoria di-
fondimento teologico nei riguardi delle appa- gnante da riferirli in modo letterale. Ovvia- tazione dei testi alessandrini, e di Origene in ipotesi, incertezze, dubbi, perplessità, in- tori». così, insieme al “Collettivo Fx, street pinta sui muri” che partirà a gennaio in
rizioni, e delle parole, mariane all’interno mente il senso di questa letteralità non va in- particolare. terrogativi, un intreccio che non si esite- Petrosino conduce dritti al nucleo della artist” di Reggio Emilia, ai messinesi di occasione della Giornata della Memoria
delle scritture, in particolare per quanto con- teso sulla base di categorie storiche, ma teo- La rivalutazione complessiva della patristi- rebbe un istante a trascurare se in esso questione, a quel “diventare come Dio”, Prosper Guéranger tra il 1840 e il 1900, venne Si può a ragione affermare che la poetica “NessunNettuno”, e a Cristian il ferra- dalla scuola del quartiere. Spero possa
di BENNO SCHARF
cerne una loro considerazione complessiva. logiche, considerando il carattere ispirato ca, per alcuni aspetti a spese della scolastica non si percepisse il risuonare di una paro- «sorprendente proposta rivolta a Eva la creato il testo oggi abituale, “centonizzato”, invocazione fu e resta fonte d’ispirazione per i menta del quartiere che ci ha regalato il essere ospitato anche fuori dalla mia
Conosciamo bene l’attenzione rivolta ad altre della scrittura, così che i rimandi testuali tra post-tomistica, è uno dei tratti dominanti la che, al di là di ogni pur giustificata dif- quale, con ogni evidenza, non è Dio». In antico canto, in uso prima del ossia risultante dalla fusione di varie antifone compositori, che in grande numero hanno vo- materiale, abbiamo realizzato un’opera

L’
città e dalla mia terra. È triste pensare
ricostruzioni interscritturali, fra le quali spic- Vecchio e Nuovo Testamento costituiscono della riflessione teologica contemporanea e fidenza nei confronti di vicende così astru- verità — ecco la tesi — «il serpente non fa Concilio vaticano II Tota pul- mariane con la ripresa di alcune formule me- luto cantare Maria. Per il canto a lei, come di- che rappresenta Fatim Jawara, giovane che sia ancora necessario dover affron-
cano le Sette Parole di Gesù sulla Croce, che occasioni interpretative e sottolineature di una delle strade indicate dal Patriarca di Co- se, continua con insistenza a interrogarci. altro che interrogare l’essere creatura di chra es, Maria... ora viene pro- lodiche delle stesse. ceva il trovatore Garzo dell’Incisa, non basta- promessa del calcio femminile, portiere tare tematiche come questa, ma sarebbe
hanno dato luogo sia a una imponente trat- continuità spirituali. stantinopoli Bartolomeo I per un ulteriore Tale parola, infatti, ci riconduce ogni Eva, cioè dell’essere umano in quanto tale, posto solo in poche chiese. La versione italiana, a cura dell’Antonia- no la lingua e il cuore. della nazionale del Gambia morta an- ancora più triste se non ce ne occupas-
tatistica che a una ricerca artistica, sviluppata Questo vale in particolare per il Magnifi- avvicinamento tra cattolici e ortodossi, per volta di fronte alla nostra questione, nel sottolineando il limite che lo contraddi- Tuttavia Giovanni Paolo II, num, riporta il testo seguente: «Tutta bella Ai polifonisti medievali ne seguirono altri, negata durante una di quelle traversate simo.
soprattutto in ambito musicale, fra gli altri cat, nel quale si sente risuonare una tradizio- mezzo della comune rivisitazione del patri- cuore stesso di quella esperienza umana stingue (e in questo senso egli non mente molto devoto a Maria e a lei consacrato, pro- sei, Maria, e il peccato originale non è in te. rinascimentali o barocchi: il fiammingo-tede-
da Pergolesi, Haydn e Mercadante, che pro- ne innologica che proviene da profondità monio di riflessione maturato in epoca prece- nei confronti della quale corriamo il ri- affatto), per poi trasformarlo (è il cuore nunciò questa preghiera nell’Angelus dell’8 Tu gloria di Gerusalemme, tu letizia d’Israele, sco Heinrich Isaac (1450–1517), lo spagnolo
segue ancora fiorente. temporali, e si ripropone in maniera stringen- dente allo scisma. schio, ci ammonisce ancora Nietzsche, di stesso della sua argomentazione) da con- dicembre 1979, nell’invocazione alla Madonna tu onore del nostro popolo, tu avvocata dei Francisco Guerrero (1528–1599), il francese
dell’8 dicembre 1985 e iniziò con la sola prima peccatori. O Maria! O Maria! Vergine pru- André Campra (1660–1744), il polacco Grze-
frase l’Angelus domenicale nell’Immacolata dentissima, Madre clementissima, prega per gorz Gerwazy Gorczycki (1665–1734). Seguiro-
Concezione degli anni 1991 e 2003. Può essere noi, intercedi per noi presso il Signore Gesù no poi i due celebri compositori germanici
allora interessante esaminarne l’origine e la Cristo». Nuovi Orizzonti festeggia i 25 anni dalla fondazione
Robert Schumann (1810–1856) e Anton Bruc-
storia. Il tema viene dal Cantico dei cantici (4, In alternativa a questo testo l’abate Dom kner (1824-1896) e lo spagnolo Pablo Casals
Dal proclama di Pio IX alla statua di Maria in piazza Mignanelli a Roma
7) nella versione della Vulgata «Tutta bella sei,
amica mia, e non vi è macchia in te». Già nel
IV secolo il santo Efrem Siro (308–373), dotto-
Joseph Pothier (1835-1923), collaboratore di
Dom Guéranger, ne creò un altro, sempre me-
diante la fusione di vari canti liturgici o para-
(1876–1973).
Ma già nel 1893 il musicista francescano
Ascoltare il grido dei giovani
Antefatti e fortuna di un dogma re della Chiesa, interpretò la frase in senso
mariano. Nei suoi Carmina Nisibena egli scris-
se: «Solo tu, o Cristo, e la tua madre siete
liturgici preesistenti.
Pubblicato nel 1903 nella raccolta Cantus
mariales, esso consta di sei strofe intervallate
Alessandro Borroni (1820–1896) aveva compo-
sto un mottetto a 4 voci con organo sul testo
ormai divenuto comune. Altri compositori nel
XX secolo tornarono alla polifonia a cappella: di IGOR TRABONI il 25° di fondazione e poche settimane
belli sopra ogni cosa. Nessuna macchia vi è in da un ritornello, ed è una bella e poetica lode fa ha ricevuto la visita a sorpresa di pa-
te e neppure nella tua madre». mariana, di forte lirismo. il francese Maurice Duruflé (1902–1986) e il
norvegese Ola Gjeilo, nato nel 1976. pa Francesco nella Cittadella Cielo di
L’assenza di qualsiasi imperfezione in Ma- 1) Sei tutta bella, o Maria, sei tutta bella e è ancora qualche giorno di

C’
di FABRIZIO BISCONTI momento dell’annunciazione: «Ralle- Soltanto la teologia medievale e, in quadro a olio su tela, oggi al Museo Frosinone, sede internazionale dell’as-
grati, piena di grazia» (Luca I, 28). particolare, Bernardo di Chiaravalle, del Prado di Madrid, raffigura la Ver- ria venne però riferita alla sua perpetua vergi- non c’è macchia in te. Quanto sei bella, quan- Ma su tutti si erge per popolarità e diffu- tempo, fino al 10 dicembre,
sione in Italia la bella ed estremamente melo- sociazione nata in punta di piedi dal
l dogma cattolico dell’Immacolata Quest’ultimo passaggio scritturistico Alberto Magno, Tommaso d’Aquino e gine, circondata da angeli, incoronata nità, definita poi nel secondo Concilio di Co- to soave con le tue delizie, Concezione illiba- per aderire all’iniziativa «Ab- desiderio di Chiara Amirante di fare

I Concezione fu proclamato — co-


me è noto — l’8 dicembre del
1854, con la bolla Ineffabilis Deus dal
ci immette nel complesso mondo degli
scritti apocrifi e, specialmente, di
quelli che sono stati raggruppati sotto
san Bonaventura, chiarirono la reden-
zione di Maria da parte del Cristo,
creando il concetto della «redenzione
da un nimbo stellato, mentre calpesta
un serpente. Sul suo capo vola la co-
lomba dello Spirito Santo, mentre tut-
stantinopoli nel 553.
Nel XIII secolo il filosofo e teologo france-
scano Giovanni Duns Scoto (1266–1308) inserì
ta! Vieni, vieni dal Libano, vieni, vieni, sarai
coronata.
2) Avanzi gagliarda come un’aurora fiam-
dica Tota pulchra a una o a 4 voci con organo,
composta dall’indimenticabile Lorenzo Perosi
(1872–1956) poco prima della seconda guerra
mondiale. Tradizionalmente il suo canto con-
biamo visto vite cambiare!», lanciata da
Nuovi Orizzonti per sostenere — attra-
verso un sms solidale al 45598 — diversi
qualcosa per i giovani e oggi diffusa in
tutto il mondo (la stessa Amirante e
don Davide Banzato, assistente spiri-
pontefice Pio IX, che puntualizza co- la definizione larga e avvolgente dei anticipata», sostenuta, nel tempo, dai to è ambientato in un giardino di rose nel testo l’aggettivo «originalis», applicando meggiante, porti con te le gioie della salvezza. progetti di prevenzione e accoglienza tuale di Nuovi Orizzonti, sono appena
vangeli dell’Infantia Salvatoris. Tra domenicani, mentre i francescani idea- e di gigli, che simboleggiano la vergi- quindi l’affermazione alla concezione di Ma- Per mezzo di te è sorto Cristo Dio, sole di clude l’omaggio del Sommo Pontefice alla dei giovani in Italia, in particolare per
me Maria, sin dal momento del suo tornati da una visita alle comunità
questi, i cui nuclei sembrano risalire rono quella della “redenzione preven- nità e la purezza della donna. ria, esente già allora dal peccato originale. giustizia, o fulgida porta della luce. Vieni, vie- statua della Beata Vergine in Piazza di Spa- la realizzazione di un nuovo centro di
concepimento, non fu interessata dal aperte in Brasile). Si tratta dunque di
persino al II secolo d.C., emergono il tiva”. Il globo, su cui insiste l’Immacola- Dalla giustapposizione delle antifone liturgi- ni dal Libano. gna nella solennità dell’Immacolata Concezio- reinserimento sociale per tanti ragazzi
peccato originale, tanto che, indipen- un periodo quanto mai gioioso per
Vangelo dello Pseudo Matteo e il Pro- Durante le dispute, che si consuma- ta, vuole alludere al mondo, mentre il che nacque la prima versione del canto. 3) Come un giglio tra le spine: così tu tra le ne, e anche nel 2018 gli astanti hanno alzato vittime di varie dipendenze (dalla dro-
dentemente dalla partenogenesi, la questa realtà associativa, e non a caso
tovangelo di Giacomo. Quest’ultimo rono nel tempo, Tommaso d’Aquino crescente lunare, che arricchisce il «Tutta bella sei, o Maria, e il peccato origi- ragazze, Vergine benedetta. Il tuo vestito ri- la loro preghiera a Maria ascoltandone le ga alla ludopatia), violenza e sfrutta-
madre di Dio si propone come uno «e gioia sia» è il saluto che si scambia-
si sofferma anche sulla figura di Ma- assurse a «maestro» dell’Immacolata quadro, può essere riferito alla «donna nale non è in te. La tua veste è candida come fulge candido come la neve; come il sole il note. mento. Nuovi Orizzonti sta celebrando
scrigno esente dal peccato pronto ad no i 700 mila “Cavalieri della Luce”
ria, disegnandola come personaggio Concezione, nei confronti dei negazio- vestita di luce», a cui accenna la neve e il tuo volto risplende come il sole. tuo volto. Vieni, vieni dal Libano.
accogliere il Figlio. (persone che scelgono di impegnarsi in
particolare e protagonista, sin dal mo- nisti e ispirò la festa liturgica da parte l’Apocalisse (12, 1-2). Sullo sfondo, si Tu sei la gloria di Gerusalemme, tu sei la leti- 4) In te sono la speranza di vita e virtù,
Gli antefatti e la genesi di questo ogni grazia della via e della verità. Correremo vari campi dell’evangelizzazione). Ma è
mento del suo concepimento, che vie- di Sisto VI (1471-1484) e la bolla che intravede anche l’obelisco, che si pro- zia d’Israele, tu sei l’onore del nostro popolo.
dogma vanno ricercati nell’Antico Te- dietro di te nella soavissima scia di trascinanti anche tempo di nuove iniziative che
ne proposto come una grazia divina, Alessandro VIII emanò nel 1661, men- pone come metafora della turris ebur- Tutta bella sei, o Maria».
stamento, a cominciare dal veloce pas- La festa della «Concezione di Maria», sen- profumi. Vieni, vieni dal Libano. hanno per l’appunto bisogno di un aiu-
annunciata ai suoi genitori da un an- tre Clemente XI, nel 1708, rende uni- nea, in quanto roccaforte inespugnabi-
saggio in cui si dipinge Eva come pre- za la specificazione di «Immacolata», veniva 5) Giardino chiuso, sorgente sigillata, Ma- to anche materiale ed economico. Il
gelo (capitoli 1-5). Una figura angelica versale la festa, che preparò il dogma le e pura.
figurazione di Maria (Genesi 3, 15) e — secondo lo scritto apocrifo (capitoli
6-8) accompagnerà tutta l’infanzia di
di Pio IX, di cui si diceva in apertura.
Le prime traduzioni figurate della
L’arsenale di simboli, che compon-
gono il quadro, è arricchito — come si
celebrata dalla Chiesa greca già nel primo
millennio. In Occidente essa entrò come festa
dre di Dio e paradiso di grazia. La rugiada è
scomparsa e s’è dissolta, l’inverno è trascorso,
Omaggio punto nodale è sempre quello del disa-
gio di quei giovani dai quali arriva
«Un grido inascoltato», come ripete
Maria, allevata nel tempio sino ai 12
anni, proprio e sempre nutrita da un
concezione immacolata spuntano nella
produzione di pittori celebri come
diceva — dal serpente, con un pomo
in bocca, per significare la tentazione
devozionale in Inghilterra nell’XI secolo,
estendendosi poi alla Francia e da lì ad altri
sono già comparsi i fiori. Vieni, vieni dal Li-
bano.
a Raffaello Sanzio Chiara Amirante nel suo ultimo libro,
L’8 dicembre angelo. Leonardo che, nella prima versione e il peccato originale; da una palma, paesi. In particolare i francescani si adopera- 6) Nella nostra terra s’è sentita una voce, dando conto delle tante emergenze di
Le notizie del Protovangelo di Gia- della Vergine delle rocce, realizzata tra che allude alla vittoria e al trionfo; da rono per promuoverla e già nel 1263 la festa una voce dolcissima: voce di tortora, voce di questa nuova povertà generazionale: la
in seguito al dogma di Pio IX como, nonostante il carattere apocrifo il 1483 e il 1486, ora conservata al uno specchio, che ci accompagna, an- fu estesa a tutte le chiese dell’ordine. Nel 1476 colomba. Dispiega le penne, o bellissima co- crescita del mercato della droga e delle
In lieve anticipo rispetto all’avvio delle celebrazioni che si svolgeranno il prossimo anno, in
viene festeggiata l’Immacolata a Roma e tardo dello scritto, suggeriscono una Louvre, compone un articolato grup- cora una volta, al concetto della pu- il Papa Sisto IV, francescano, con la bolla Prae lomba! Innalzati, avvicinati e vieni. Vieni, vie- attività illegali in Italia, e quindi del
Giovanbattista Tiepolo, «L’Immacolata Concezione» (1768, particolare) occasione del cinquecentesimo anniversario della morte di Raffaello, il 9 e 10 dicembre si traffico di stupefacenti (di droga ora-
prima consapevolezza della santità po, costituito dalla Vergine, che pro- rezza. excelsa istituì la solennità liturgica della «Con- ni dal Libano.
presso piazza di Spagna cezione di Maria» con ufficio e messa propri, La melodia originale della prima versione è
svolgerà il convegno «Raffaello, un bellissimo ingegno», organizzato dall’Associazione mai fa uso 1 studente su 4), prostituzio-
perfetta e originale di Maria, sin dal tegge il piccolo san Giovanni inginoc- Tornando all’incipit delle nostre os- nazionale insegnanti di storia dell’arte, in collaborazione con i Musei Vaticani e con
tempo della sua concezione, tanto è chiato in preghiera dinanzi a Gesù servazioni, dobbiamo ricordare che l’8 colonna proviene dagli scavi settecen- arricchendola d’indulgenze. nel primo modo gregoriano e si presenta piut- ne e contrabbando di sigarette; la diffu-
l’Istituto Centrale della Grafica. Il simposio proporrà una riflessione a tutto campo sulla sione della ludopatia, che coinvolge 1
vero che la liturgia orientale attribuì Bambino. Il dipinto fu ordinato da dicembre, in seguito al dogma di Pio teschi della chiesa di Santa Maria del- Il significato del termine fu per quasi due tosto severa; la seconda invece, nel quinto
figura di Raffaello, con esperti che illustreranno aspetti culturali, tecnici e iconografici della ragazzo su 3 delle superiori, tra slot
alla madre di Dio il titolo di Pana- Bartolomeo Scorione, che, il 25 aprile IX, viene festeggiata l’Immacolata a la Concezione in Campo Marzio. Agli secoli oggetto di diverse interpretazioni finché modo (o forse già in do maggiore), è lirica e
produzione del grande maestro, fino al fenomeno della trasmissione dei modelli, avvenuta machine e videopoker. Ecco allora l’im-
continuando con il Cantico dei Cantici ghia, ossia di donna «tutta santa». del 1483, quale priore della Confrater- Roma in piazza Mignanelli, presso angoli del basamento sono sistemate l’8 dicembre 1661 il Papa Alessandro VII con molto festosa, adatta al canto di un solista a
(4, 7), che ricorda: «Tanto bella tu sei, Agostino di Ippona (354-430), ri- nita milanese dell’Immacolata piazza di Spagna. Qui, si innalza una la costituzione Sollicitudo omnium ecclesiarum cui il coro fa eco con il ritornello. per il tramite degli allievi e della circolazione di stampe e cartoni. Interventi di portanza di sostenere i Centri e le Cit-
le statue marmoree di David, Isaia,
amica mia, in te nessuna macchia», spondendo al pensiero pelagiano, che Concezione, commissionò la pala per colonna, proprio dinanzi al palazzo Ezechiele e Mosè. Il monumento fu stabilì che oggetto della festa era «l’immunità Il testo piacque a parecchi compositori di inquadramento di metodo si alterneranno ad analisi più mirate, relative ad aspetti specifici tadelle Cielo di Nuovi Orizzonti per
per concludere con i Proverbi (8, 24) ridimensionava la gravità e le conse- collocarla sull’altare della cappella dell’ambasciata di Spagna presso la inaugurato l’8 dicembre del 1857, con dell’anima di Maria dal peccato originale nel varie nazioni che, nelle sue diverse accezioni, del lavoro di cantiere, soprattutto all’interno dei Palazzi Vaticani. L’articolazione in due quello che fanno per dare una nuova
dove si specifica: «Quando non esiste- guenze del peccato originale, puntua- della Confraternita della chiesa di San Santa Sede, in quanto la Spagna era la supervisione dell’architetto Luigi primo istante della sua creazione e della sua lo misero in musica. sedi, i Musei Vaticani e l’Istituto Centrale per la Grafica, è conseguenza del desiderio degli possibilità di vita a tanti giovani: pre-
vano gli abissi, io fui generata; quan- lizzò che solo Maria era esente dalla Francesco Grande, oggi perduta. stato il paese che aveva contribuito al- Poletti, che coordinò ben 220 vigili infusione nel corpo». La via verso il dogma, Già nel XV secolo il fiammingo Arnold de organizzatori di offrire una panoramica ampia sull’opera del maestro e della sua scuola, venzione nelle scuole e negli ambiti
do ancora non vi erano le sorgenti ca- colpa, mentre l’umanità tutta doveva Ma la più celebre delle rappresenta- la definizione del dogma. La colonna, del fuoco, mentre solo dal 1923 i pom- proclamato poi da Pio IX nel 1854, era ormai Lantins (attivo a Liegi tra il 1400 e il 1432) ne collegando l’elaborazione stilistica alle scelte esecutive, l’invenzione alla traduzione, la giovanili; formazione al volontariato
riche d’acqua», mentre il concetto del- essere considerata una «massa danna- zioni, che propongono lo schema ico- in marmo cipollino, poggia su un alto pieri romani offrono una corona aperta. fece un mottetto a tre voci mentre poco dopo pratica imitativa alle relazioni tra gli artisti. Interverranno, tra gli altri, Barbara Jatta, Irene per attivare nuovi progetti; accoglienza
la concezione immacolata, nel Nuovo ta», concetto poi ripreso da coloro che nografico tradizionale, che è giunto si- basamento, misura quasi 12 metri e so- all’Immacolata e dal 1953 il Santo Nel quadro della restaurazione del canto il francese Guillaume Dufay (1397–1474) e l’in- Baldriga, Claudio Strinati, Alessandro Zuccari, Paolo Portoghesi, Guido Cornini, Maria di chi è a rischio o già in situazioni di
Testamento, può essere intercettato nel concepirono la Riforma e, segnata- no ai nostri giorni, va riferita a Gio- stiene una statua bronzea di Maria, Padre partecipa alla suggestiva ceri- gregoriano, operata dai monaci dell’abbazia glese John Plummer (1410-1483) lo elaboraro- Giulia Aurigemma, Francesca Persegati, Paolo Violini, Cristina Misiti, Rita Bernini, dipendenza; attività residenziali di rein-
gioioso saluto dell’angelo a Maria, nel mente, da Calvino. vanni Battista Tiepolo (1696-1770). Il opera di Giuseppe Obici, mentre la monia. francese di Solesmes sotto la guida dell’abate no sempre in forma polifonica. Simonetta Prosperi Valenti Rodinò, Benedetta Spadaccini. serimento sociale.
pagina 6 L’OSSERVATORE ROMANO domenica 8 dicembre 2019

8 Dicembre 1869 - 2019 / 150 anni dall’apertura del Concilio Vaticano I

Paolo all’udienza generale del 10 dicembre 1969


Preminenza di governo
VI

Un Concilio
e di magistero ancora attuale
Il determinante impatto della «Pastor aeternus» nella vita della Chiesa Pubblichiamo il discorso pronunciato da Paolo VI le quali comincia: «Dei Filius», votata all’unani-
durante l’udienza generale del 10 dicembre 1969, in mità dai 667 membri del Concilio Vaticano pri-
cui parla dell’attualità del concilio Vaticano I nel mo, presenti alla terza sessione pubblica il 24
È uscito in italiano, con traduzione di Mas- Il significato del concilio va quindi al stante le aspre polemiche in Occidente centenario della sua apertura. aprile 1870, nella Basilica di S. Pietro (cfr. Au-
simo Parizzi, «Vaticano I. Il Concilio e la di là della Chiesa cattolica e dei suoi pro- sulla portata della preminenza dei papi bert, Le Pontificat de Pie IX, p. 337; Dict. Th. C.,
genesi della Chiesa ultramontana» (Milano, blemi interni. I capi delle grandi potenze rispetto a governanti, vescovi locali e in- iletti Figli e Figlie! Abbiamo commenta- XV-II, 2555 ss). Come lo ha ricordato il Card.
Vita e Pensiero, 2019, pagine 238, euro
20), libro nel quale il padre gesuita John
William O’Malley, docente di teologia alla
lo accolsero e seguirono con non poca
preoccupazione. I loro ambasciatori pres-
so la Santa Sede si accordavano con i
fine concili, tale preminenza era in teoria
riconosciuta quasi universalmente. La si-
tuazione mutò radicalmente con la Rifor-
D to, nel giorno della festa dell’Immacola-
ta, il centenario dell’apertura del Conci-
lio Vaticano primo, che Pio IX, dopo qualche
Parente nel suo discorso commemorativo, in
questa Costituzione: «si conferma la dottrina
tradizionale su Dio Uno e Trino, sulla libera
Georgetown University di Washington e sto- giornalisti, e non solo con loro, per carpi- ma, che dichiarò il Papa nemico del vero anno di riflessione e di preparazione, aveva in- creazione dal nulla, sulla Provvidenza che opera
rico della Chiesa, racconta le vicende che re informazioni su quanto stava accaden- cristianesimo e addirittura l’anti-Cristo. I detto ufficialmente con la Bolla «Aeterni Patris» nel mondo. Si riafferma il valore soprannaturale
hanno portato al concilio e gli effetti che an- do e ciò che avrebbe potuto significare cattolici si unirono in difesa del papato del 29 giugno 1868. Il Concilio ebbe breve sto- della rivelazione come Parola di Dio contenuta
cora oggi, dopo centocinquant’anni, si fanno per i rapporti fra Stato e Chiesa. Prima ma, come le situazioni di stallo al conci- ria, perché, dopo Sédan e dopo l’annessione di nella Bibbia e nella Tradizione.
sentire riguardo la vita della Chiesa e la fi- che il concilio si riunisse, il principe lio di Trento resero evidente, continuaro- Roma all’Italia (9 ottobre 1870), Pio IX lo so-
gura del Pontefice. Pubblichiamo stralci Chlodwig von Hohenlohe-Schillingsfürst, no a dissentire fra loro sulla portata spese e lo prorogò «sine die» (20 ottobre 1870);
dell’introduzione.
La fede
primo ministro della Baviera, scrisse una dell’autorità pontificia. Nel XVIII secolo i ma fu una storia, come sapete, molto movimen-
lettera circolare per mettere in guardia ministri dei grandi monarchi cattolici sfi- tata per le grandi discussioni, che ne caratteriz- «Si difende la razionalità e la soprannaturali-
circa la minaccia di porre la Chiesa con- darono quasi costantemente le rivendica- zarono lo svolgimento, e molto importante sia tà della fede, come ragionevole adesione a Dio
di JOHN WILLIAM O’MALLEY
tro i legittimi governi d’Europa che esso zioni papali. Le definizioni del Vaticano I per il fatto della sua convocazione: da tre secoli, e alla sua Parola, sotto l’impulso della grazia.
l primo concilio Vaticano, convocato rappresentava. Particolarmente attenti e dopo il Concilio di Trento (1545-1563), non s’era «Finalmente si definisce la superiorità della

I
erano intese a porre termine a questa si-
da Papa Pio IX (regnante dal 1846 al affamati di informazioni erano William più riunito un Concilio ecumenico; e sia soprat- rivelazione e della fede sulla ragione e sulle sue
tuazione una volta per sempre.
1878), si riunì nel transetto nord della Gladstone ed Émile Ollivier, rispettiva- tutto per le dottrine, che nel Vaticano primo fu- capacità, dichiarando però che nessun contrasto
La preminenza del Papa nel magistero,
basilica di San Pietro a Roma per circa mente primi ministri britannico e france- rono trattate e furono definite dogmaticamente, può esserci tra verità di fede e verità di ragione,
specie quale si esprimeva nell’infallibilità, essendo Dio la fonte dell’una e dell’altra...
sette mesi, dai primi di dicembre del 1869 se. Dopo il concilio, Gladstone e Bismar- cioè con atti solenni e straordinari del magistero
aveva una storia altrettanto complessa di «La Costituzione Dei Filius definisce che la
a metà luglio 1870 (pur con qualche altra ck pubblicarono dei pamphlets per denun- ecclesiastico, e dichiarate così quali verità di fe-
quella del primato ed era oggetto degli ragione, con le sue sole forze, può raggiungere
sporadica riunione in agosto-settembre). ciare la situazione, e Ollivier vi dedicò de della Chiesa.
stessi interrogativi sui suoi limiti. Come Merita tale avvenimento d’essere commemo- la conoscenza certa del Creatore attraverso le
Era il primo concilio ecumenico (dell’in- una storia e analisi in due volumi.
l’avrebbe in seguito definita il Vaticano I, rato? Certamente, come fatto storico. Ma lo me- creature.
tera Chiesa) da oltre trecento anni e, per La spinta a definire il primato e l’infal-
l’infallibilità è la dottrina che afferma che rita ancor più per la sua attualità, cioè per l’im- «La Chiesa difende così, nel secolo del razio-
quelle che si presumeva sarebbero state le libilità del Pontefice non venne dal cielo,
quando il Papa, in certe condizioni, di- portanza che il Concilio Vaticano primo conser- nalismo, il valore della ragione».
conseguenze della Pastor aeternus, il de- ma fu frutto di una potente campagna
chiara che un insegnamento è di fede di- va nel tempo nostro, non solo per la connessio- Come vedete sono tutte questioni tuttora vi-
creto conciliare che definiva il primato e lanciata a livello di base in larga misura
da laici. Nell’infallibilità papale essi vede- vina e apostolica, non può sbagliare né, ne, ch’esso ha col Concilio Vaticano secondo, vissime. Esse ci invitano a una profonda rifles-
l’infallibilità del pontefice, gli esperti pre-
vedevano che sarebbe stato l’ultimo. Il vano l’unica risposta possibile alla crisi di conseguenza, il suo pronunciamento come tutti sanno, ma altresì per gli insegnamen- sione sulle crisi religiose dei nostri giorni, den-
decreto, secondo loro, rendeva i concili culturale, politica e religiosa innescata può essere in seguito annullato. L’iner- ti da quello allora proclamati, i quali hanno an- tro e fuori della Chiesa: la questione della Fede
ranza è reattiva, mentre l’infallibilità è che ai nostri giorni un grande ed operante rilie- è alla loro base e incalza tutto l’ordinamento ec-
proattiva. La prima si produce nel rende- vo. Questo vorremmo ricordarvi quest’oggi, sen- clesiastico per un verso, e tutta la mentalità filo-
re testimonianza alla tradizione della za alcuna pretesa accademica: l’attualità del sofica e spirituale del mondo moderno per l’al-
Chiesa nel mezzo di un conflitto dottri- Concilio Vaticano primo. tro verso. Nella grande tempesta, tavola di sal-
nale. La seconda entra in vigore nel pren- vezza è la parola del Concilio Vaticano I.
dere l’iniziativa pronunciandosi su una
dottrina, che sia o meno contestata, e I dogmi
Primato e infallibilità
conferisce a una dottrina un’autorità nuo- Attuale, perché? Per le sue dottrine. Ora bi-
va e inattaccabile, indipendentemente dal sogna ricordare che i dogmi della Chiesa posso- Le altre due verità, sancite da quel Concilio,
prestigio di cui essa può già godere. no essere attuali sotto un duplice aspetto: sotto riguardano il Papato, al quale, auspice il Vange-
Pio IX concepiva il concilio come la ri- un aspetto relativo al loro contenuto di verità ri- lo, la parola dei Padri e dei Maestri, la storia
sposta negativa della Chiesa al liberali- velata, in quanto cioè sono definizioni autorevo- della Chiesa, sono riconosciute due somme pre-
smo e al mondo moderno che l’aveva li di un insegnamento divino contenuto nella
prodotto e poi abbracciato. Aveva da so- Sacra Scrittura, o derivato a noi dalla predica-
lo affrontato quel mondo con il Sillabo zione apostolica, per via di Tradizione (cfr. Dei
degli errori (1864), che terminava con la Verbum, 8, 9); sono la fede pensata, vissuta, ce-
condanna apparentemente senza riserve lebrata dalla Chiesa, come Popolo di Dio ani-
dell’idea che il romano pontefice dovesse mato dallo Spirito Santo e ammaestrato da una
riconciliarsi con il progresso, il liberali- testimonianza autorizzata e qualificata, il Papa e
smo e la cultura moderna. Il problema i Vescovi con lui; e sotto questo aspetto i dogmi
divenne per lui così pressante da richie- della Chiesa sono sempre attuali, cioè sono
dere, per affrontarlo, un concilio. In tale sempre veri di quella verità divina e soprannatu-
convinzione non era solo. Come gli disse rale, alla quale essi si riferiscono. La verità divi-
il cardinale Luigi Lambruschini già nel na non cambia; perciò i dogmi della fede sono
1849, a soli tre anni dalla sua elezione a sempre attuali, sono sempre veri.
Papa: «Penso che V. S. a suo tempo (e Ma essi possono essere attuali anche sotto un
questo tempo non può essere lontano) altro aspetto, quello contingente, relativo al
dovrà convocare un concilio generale per tempo e alle condizioni storiche, che ne provo-
carono la definizione, che prestarono alla defini-
condannare errori di fresco nati, e far ri-
zione stessa il linguaggio e che ne giustificarono
vivere la fede nel popolo cristiano, risto-
l’opportunità. Questo aspetto può venir meno
superflui; da quel momento ogni decisio- dalla Rivoluzione francese e dagli scon- rare e rinvigorire l’ecclesiastica disciplina
col cambiamento delle condizioni storiche e cul-
ne avrebbe potuto, e dovuto, prenderla il volgimenti che, con Napoleone, le aveva- tanto indebolita ai giorni nostri. I mali turali, alle quali i dogmi, nel momento preciso
Papa. Il 25 gennaio 1959, Giovanni XXIII, no fatto seguito in tutta Europa. A non sono generali; dunque vi vogliono prov- della loro formulazione, portavano lume di veri-
annunciando la sua intenzione di convo- affrontarla di petto, sostenevano, quella videnze generali». Quando, vent’anni do- tà e rimedio canonico d’autorità. Perciò possono
care un concilio (che poco tempo dopo crisi avrebbe avuto le conseguenze più po, il concilio si riunì, il suo programma essere classificati secondo il processo storico,
chiamò Vaticano II), smentì quelle previ- drammatiche per la Chiesa cattolica, il corrispondeva fedelmente alle indicazioni rogative, una relativa al governo della Chiesa: il
che li portò alla coscienza soggettiva della Chie- primato pontificio; l’altra relativa al magistero
sioni. Tuttavia, la Pastor aeternus costitui- cristianesimo e la civiltà stessa. L’unica di Lambruschini. Se i documenti prepa- sa, e che li chiama cronologicamente antichi o
sce una pietra miliare nella storia della forza per farle fronte era un’autorità indi- rati per esso non contenevano riferimenti della Chiesa: l’infallibilità pontificia. La defini-
moderni secondo questo rapporto antico o mo- zione di questi due dogmi si ebbe con la pro-
Chiesa cattolica: i suoi effetti si fanno scussa. espliciti all’infallibilità papale, in retro- derno, cioè attuale con la vita temporale della
profondamente sentire tuttora. Anche so- La dottrina chiave ultramontana spettiva si può vedere con chiarezza co- mulgazione della Costituzione Pastor Aeternus il
Chiesa.
lo per quel decreto, il Vaticano I merita dell’infallibilità papale affondava le radici me la campagna ultramontana e l’opposi- 18 luglio 1870 presenti 535 Padri, che l’approva-
Ora a Noi pare che gli insegnamenti del
di essere studiato. nel Medioevo, e i teologi, specie a partire zione che essa suscitò portassero quasi rono all’unanimità, 83 assenti, dopo lunghe, fie-
Concilio Vaticano primo conservano non solo
Se la storia racconta come siamo arri- dal XVII secolo, ripetevano gli argomenti inevitabilmente alla Pastor aeternus, che è re e agitate discussioni (cfr. U. Betti, La Costitu-
l’attualità perenne della loro verità oggettiva,
vati a essere ciò che siamo, la storia del fondamentali a suo favore e a favore di un’implicita ma potente affermazione che zione dogmatica «Pastor Aeternus», Roma 1961).
ma conservano altresì l’attualità contingente del-
Vaticano I racconta come la Chiesa catto- una Chiesa più centrata sul papato. il giusto ordine sociale e politico è gerar- È una pagina drammatica della vita della
la loro opportunità relativa al tempo nostro. Po-
lica, in un periodo relativamente breve, L’esponente di questa visione tenuto in chico. È per la Pastor aeternus che il Vati- Chiesa, ma non per questo meno chiara e defi-
trebbe qualcuno pensare che il Concilio Vatica-
assunse una forma nuova e molto più in- maggiore considerazione e più diffusa- nitiva. Non è Nostro intento parlarne. Solo vo-
cano I è ricordato. Oltre a essa, tuttavia, no secondo abbia confinato nella storia passata,
centrata sul Papa, che è ciò che indica il mente letto era il gesuita Roberto Bellar- gliamo qui far notare come i due dogmi che il
il concilio promulgò la Dei Filius, che af- negli archivi dell’erudizione ecclesiastica, il Vati-
termine ultramontano. Nel corso del XIX mino (1542-1621). Solo nel XIX secolo, cano primo; e che quel Concilio di Pio IX non Vaticano I assicura al patrimonio della fede del-
frontava il problema della fede religiosa
secolo il papato perse lo Stato pontificio tuttavia, sorsero personalità capaci di fare abbia più nulla da dire, in tema d’attualità sog- la Chiesa rivestono anch’essi una superlativa at-
in un mondo sempre più secolare e scet-
e persino la città di Roma e, all’inizio del apparire le idee ultramontane così rile- gettiva, d’opportunità contingente alla nostra tualità, perché l’uno, quello del primato, si rife-
tico, problema che ci tocca ancora molto
XX secolo, quasi soltanto i papi continua- vanti e convincenti a un vasto pubblico sensibilità spirituale e alla nostra maturità cultu- risce all’unità della Chiesa, a quell’unità, di cui
da vicino. Insieme alla Pastor aeternus,
vano a pensare che quelle perdite potes- da conferire loro una forza concreta. Fu rale. Invece non è così. il Vescovo di Roma, Successore di San Pietro,
quindi, è anche la Dei Filius a rendere
sero essere un giorno recuperate. Ma al la nascita di un movimento. Mettere in Non è così, perché come è stato spiegato, i non è soltanto il vertice e l’espressione, «il cen-
importante oggi il Vaticano I. tro personificato di questa unità» come già di-
contempo essi avevano già iniziato a pratica simili idee, tuttavia, avrebbe signi- due Concili Vaticani, primo e secondo, sono
Quello convocato da Pio IX fu il primo ceva Giovanni Adamo Moehler (Die Einheit in
esercitare sulla Chiesa un’autorità mag- ficato rinunciare a convinzioni sulle pre- complementari. Il primo doveva essere comple-
concilio cui non partecipò nessun laico, der Kirche, par. 67, Tubinga 1825), ma altresì
giore di quella di cui avessero mai godu- rogative della Chiesa locale fino ad allo- tato; è stato bruscamente interrotto; e si pone
anche se il laicato esercitò su di esso «principio e fondamento perpetuo e visibile
to. Responsabile di questa importante ra, in genere, dominanti nel cattolicesi- logicamente e storicamente alla base del secon-
un’influenza di straordinaria importanza. dell’unità della fede e della comunione», come
svolta furono il concilio Vaticano I, le cir- mo. Si accese così, all’inizio del XIX seco- do; i richiami, con cui questo secondo si collega
Al Vaticano I invece presero parte i ve- afferma il Concilio Vaticano II (Lumen gentium,
costanze che gli diedero origine e le cir- lo, uno scontro che sarebbe proseguito al primo, lo dimostrano chiaramente. Perciò, se
scovi delle Chiese orientali riconciliatesi 18), facendo propria la dottrina del Vaticano I
costanze che lo seguirono. Nel XIX secolo senza sosta fino agli ultimi giorni del Va- è attuale il secondo, come infatti lo è, attuale è
non s’era e non si sarebbe mai visto un ticano I. Il primato papale è la preminen- nel frattempo con la Chiesa latina. Fu il (cfr. Denz.-Sch. 3050, ss.). La grande, la soffer-
primo a essere celebrato nella basilica di e dev’essere parimente il primo, anche se l’uno
organo tanto numeroso e tanto interna- za del Papa nel governo, mentre l’infalli- differisca non poco dall’altro per tanti motivi. ta, l’attuale questione della ricomposizione di
zionale riunirsi per un periodo così lun- bilità papale è la preminenza del Papa San Pietro e per il numero di vescovi che tutti i Cristiani nell’unità voluta da Cristo (Io,
E non è così (cioè non è tramontata l’attuali-
go. Anche se non fu immediatamente evi- nel magistero. Si tratta di due concetti vi parteciparono — oltre settecento nei 17) non può prescindere da questa verità dello
tà del Concilio Vaticano primo) per un’altra più
dente, il concilio rappresentò una solenne distinti, ma così strettamente connessi momenti di massima presenza — fu tra i stesso Vaticano I. Lo dichiara il secondo: «Tutti
forte ragione; per la ragione cioè che le verità
sfida al liberalismo del secolo, soprattutto che nel secondo si può vedere un aspetto concili più affollati. Considerevole il nu- gli uomini sono chiamati a questa cattolica uni-
affermate da quel primo Concilio Vaticano sono
per quello che il termine significava del primo. Entrambi occupavano un po- mero di prelati di altri continenti. Da presentissime alla nostra moderna mentalità, sia tà del Popolo di Dio, che prefigura e promuove
quanto a forme rappresentative di gover- sto importante nel pensiero degli ultra- questo punto di vista esso fu il primo pure per essere impugnate, discusse, sperimen- la pace universale...» (Lumen gentium, 13).
no, libertà di religione, separazione fra montani, ma al centro della loro attenzio- concilio a poter legittimamente rivendica- tate, professate in piena coscienza ai giorni L’altro, quello dell’infallibilità, analogamente,
Chiesa e Stato e secolarizzazione delle ne era in particolare l’infallibilità. re un carattere mondiale. Tuttavia, fu un nostri. tocca un punto decisivo della vita della Chiesa,
scuole e altre istituzioni. Nella reazione Che al successore di san Pietro fosse incontro in tutto e per tutto europeo: si Quali sono queste verità, ereditate dal Vatica- di tutti i Cristiani e del mondo, quello della Ve-
al liberalismo trovava espressione una se- dovuto uno speciale rispetto era ricono- svolse in Europa; i problemi che affrontò no primo? Noi ora semplifichiamo assai, come rità rivelata. Tutti, oggi più che mai, vi siamo
rie di valori profondamente radicati nelle sciuto fin dai primissimi anni della Chie- erano europei nel senso che avevano ori- lo esige la semplicità popolare di questo fami- interessati. Voglia Cristo illuminarci a tale ri-
classi dominanti tradizionali dell’Europa sa. Tale convinzione si fondava sull’im- gine nella storia europea e, per la mag- liare discorso: le verità sono tre (o riguardano guardo, mostrandoci come tale dogma, ben
occidentale, cui l’esperienza aveva inse- magine neotestamentaria del ruolo guida gior parte, erano tali soltanto in Europa; tre ordini di scienza religiosa). La prima verità compreso nei limiti precisi e nei suoi termini
gnato che libertà, eguaglianza e fraternità esercitato da Pietro fra i discepoli di Ge- i lavori furono condotti in latino, una lin- riguarda la fede, la «problematica» della fede. consolanti, non è uno scoglio, contro il quale si
non erano una panacea, ma una garanzia sù. Vescovi e altri erano d’accordo al ri- gua europea; i padri conciliari più in- Tema vastissimo, tema delicatissimo, tema attua- urta dentro e fuori della Chiesa il pensiero mo-
di carneficina e caos. Siffatti sentimenti guardo, in Oriente come in Occidente. A fluenti erano tutti europei. Ma, una volta lissimo. Possiamo dire: tema decisivo non meno derno, ma il faro benefico che lo orienta alla
hanno finito gradualmente per erodersi, essere fonte di accese dispute era soltanto che le implicazioni della Pastor aeternus per i figli del secolo ventesimo, che per quelli sua irrinunciabile conquista: la Verità della sal-
ma hanno dato prova di una grande ca- ciò che quello speciale rispetto dovesse si fecero più chiare, il concilio esercitò del decimonono. È il tema trattato e definito vezza. O Figli carissimi, non badate all’uomo
pacità di rinascita e non sono ancora significare a livello pratico, una contro- uno straordinario impatto su tutta la dalla Costituzione, che, com’è costume nei do- che vi parla, ma al povero e umile Vicario di
scomparsi. versia che andava avanti da secoli. Nono- Chiesa. cumenti pontifici, prende nome dalle parole con Cristo, che vi benedice.
domenica 8 dicembre 2019 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 7

Avvento, ritorno al silenzio


di MICHELE GIULIO MASCIARELLI legge del Signore, luce e norma di
vita» (Leumann, Torino, 1985, pagi-
na 65).
Da questa lucida pagina di mario-
“Babele” e la disgrazia logia si ricava una logica conseguen-
di molteplici frastuoni In una società frastornata za: se Maria è creatura di silenzio, il
a “Babele” contemporanea è suo mistero può essere penetrato so-

L rumorosa: non ha la grazia del


silenzio, ma la disgrazia del
frastuono. Essa non è luogo che co-
precipitazione in un nichilismo di
fatto che diventa l’aria che respiria-
che, invece, si sa che cosa fa: ingan-
na. Giustamente, va richiamata una
più profondo da quelle forze» (Ro-
mano Guardini, Volontà e verità, Bre-
del silenzio. C’è, su questa conside-
razione, una bellissima pagina del
lo per vie di silenzio. Inserita nel
vortice del mistero trinitario, che
regge tutti i punti nodali dell’evento
nosce e permette il raccoglimento mo, come insegnava fino a qualche severa discrezione nel parlare e va scia, 1978, pagine 187-188). 208° Capitolo generale dell’O rdine messianico nel quale la madre di
prolungato, l’inginocchiamento anno fa, con grande lucidità, Pietro insegnato che «vivere non è parlare, Alle nuove generazioni dell’Euro- dei Servi di Maria, celebrato nel Cristo è immersa, ella non può esse-
orante, la conservazione e la crescita Prini; 2) la perdita dell’unità dei sa- ma correre da chi ha bisogno» (cfr. pa di oggi, che cercano — magari in- 1983 sul tema Fate quello che vi dirà: re colta nell’agitazione delle idee o
della vita interiore. Da essa il silen- peri, oltre ogni legittimo riconosci- Vittorino Andreoli, Il rumore delle volontariamente — una soluzione al- «Nel silenzio, il cuore della Vergine dell’immaginazione, ma solo percor-
zio è stato bandito come uno stra- mento della multidisciplinarità, della parole, Milano, 2019). la nevrosi dell’attivismo, occorre ren- appare arca, in cui si conserva la rendo la strada teologica, che deve
niero indesiderato: è stato spinto a interdisciplinarità e della transdisci- La corsa verso chi ha bisogno va dere il servizio educativo di ricon- “memoria” degli interventi di Dio avvalersi, dall’inizio alla fine della
forza fra i boschi e sulla cima dei plinarità, cadendo in quella che Mi- fatta non tanto per aggredire con la quistare la sapienza del silenzio, aiu- nella storia d’Israele; quale luogo in sua riflessione, della ruminazione
monti; è stato ricacciato nei chiostri chele Federico Sciacca chiamava la parola, spesso vanitosa e sfacciata, tandoli anzitutto a trovare una con- cui, richiamati dalla riflessione, con- prolungata e orante della Parola ri-
di clausura stretta come pane per “dittatura del genitivo”; 3) la riduzio- ma con l’umiltà del chiedere di che vincente e duratura evasione dalla fluiscono i tempi di “prima” — di velata, della chiave ermeneutica della
pochi; è stato interrato nei cimiteri, ne della magnifica ermeneutica a una cosa si ha bisogno, dal momento che «Geenna del rumore» (Massimo Adamo, di Abramo, di Davide — e fede, del silenzio della contempla-
in compagnia dei morti. A “Babele” tendenza interpretativa fine a se stes- «il primo dovere dell’amore è quello Baldini, Educare all’ascolto, pagina da cui si diparte il tempo del “do- zione, oltre che di un maturo e com-
è difficile pensare, è faticoso appren- sa, quasi dimentica dell’oggetto che di ascoltare» (Paul Tillich). 7). Si è giustamente sottolineato il po” — di Cristo e della Chiesa — ; plesso sensus Ecclesiae. Lei è anzitut-
dere e insegnare, è arduo anche poe- deve interpretare. In verità, il silenzio nella moderna carattere infernale del rumore, del quale terra, in cui è stato seminato to la Donna della Parola, ma è stata
tare: «Il poeta dei nostri tempi, co- civiltà europea è stato sempre insi- frastuono, della bolgia acustica che il buon seme che porterà frutti «l’avvicinata nel silenzio e nella so-
me il mistico, ha provato almeno diato: prima «la tipografia rese rau- caratterizza il nostro tempo per i abbondanti; quale scrigno, dove brietà contemplativa» (Giancarlo
Se l’uomo di “Babele” diventa che le voci del silenzio» (Marshall suoi effetti di divisione e di lacera-
una volta nella sua vita il desiderio sono custodite le parole di cui lo Bruni). Questo significa che la Paro-
di “morire di silenzio”» (Massimo balbuziente e mestatore McLuhan, La galassia Gutenberg. zione a ogni livello dell’umano: c’è Spirito darà progressivamente alla la di Dio, mezzo necessario di sal-
Baldini [a cura di], Il silenzio, Vicen- L’uomo di “Babele” non gode di Nascita dell’uomo tipografico, Roma, «qualcosa di cupo, di tellurico, di or- Vergine stessa e alla Chiesa l’intelli- vezza, può essere accolta e vissuta
za, 1986, pagina 9). piena salute spirituale, è ammalato 1976, pagina 328); poi «i mezzi di rendo, di ostile, qualcosa che può genza piena e dove è depositata la solo in un virtuoso silenzio.
comunicazione elettronici hanno prorompere da un momento all’altro
portato un attacco radicale alla di- dall’ima profondità del silenzio,
mensione del silenzio» (Massimo qualche cosa d’infernale, di demonia-
Baldini, Le parole del silenzio, Cini- co» (Max Picard, Il mondo del silen-
sello Balsamo, 1986, pagina 7); oggi zio, Milano, 1951, pagina 51). La mo-
l’uso non etico dell’informatica ha derna “Babele”, frastornata fino allo L’anno accademico della facoltà teologica dell’Emilia-Romagna
colpito la radice del silenzio, talora sfinimento, potrà guarire con una ve-
in modo irrimediabile. Nel nostro
tempo e nel nostro mondo tutto è
rumoroso: le strade, quelle a scorri-
ra cultura e una profonda spiritualità
del silenzio. Questo significa che il
silenzio non va lambito, ma stabil-
Audaci e creativi
mento veloce (con i loro traffici as- mente abitato. L’uomo d’oggi è in
sordanti) e quelle pedonali (coi tele- cerca di un silenzio duraturo e capa-
di MARCO TIBALDI aveva ricordato che etimologica-
fonini asfissianti), le scuole (spesso ce di tessere la sua intera esistenza.
mente bello (kalós) è vicino a chia-
agitate, ma quasi mai per motivi cul-
l 20 novembre si è aperto uffi- mare (kalein), come a dire che la
turali), le chiese (a esempio le litur-
gie spesso soverchiano con le parole
e col canto ogni tempo di silenzio),
gli stadi (palesemente negati al silen-
Nell’Avvento con Maria
“cripta” del silenzio I cialmente l’anno accademico
della Facoltà teologica
dell’Emilia-Romagna. L’atto forma-
realtà bella invita a un percorso,
stimola a percorrere la strada origi-
nale della propria chiamata a essere
Inizia, per i cristiani, l’anno litur- le, qui come nelle migliori istituzio- unico e originale. Solo la sorpresa
zio), i parlamenti (spesso più arene gico. Le feste cristiane sono esplo- ni accademiche cattoliche o laiche, del bello che precede può poi so-
per lotte e mercati che luoghi di ri- sioni gioiose; tuttavia in ogni festivi- è anche sostanziale, nel senso che stenere anche le rinunce o i sacrifi-
flessione e di parole pensate e pesa- tà vi è anche, nascosto, una venatura in esso vengono avviati processi e ci che la ricerca comporta. La vita,
Oggi il mondo pullula di esisten- di rumore. Al suo “mal di parola” te), le case (per molte ore della gior- e addirittura uno spazio di silenzio. riflessioni capaci di dare una visio- infatti, non procede per obblighi,
ze senza contemplazione, senza l’uomo d’oggi aggiunge l’uso perver- nata consegnate al dominio della In particolare, nel tempo di Avven- ne complessiva del lavoro di ricerca ma grazie alla forza dell’attrazione,
ascolto, senza dialogo. A “Babele” so della parola, che non serve più straripante parola televisiva). to, che non solo prelude alla memo- e insegnamento. Il preside della come ricorda anche il vangelo: «Io,
nessuno ascolta più nessuno, ed è per il servizio alla verità e per l’avvi- ria di una nascita, ma interroga il realtà bolognese, monsignor Valen-
cosa assai preoccupante, poiché de- cinamento fra gli uomini, ma per al- quando sarò elevato da terra, atti-
L’ammonimento di Guardini: credente sulla profondità della sua tino Bulgarelli, ha motivato la scel- rerò tutti a me» (Giovanni, 12, 32).
nota una crisi di relazione, d’affetti- tro (cfr. Michele Giulio Masciarelli, fede, la dimensione del silenzio è ta dei relatori invitati definendoli
vità, di tenerezza dalle proporzioni Abitare il silenzio, Roma, 1998, pagina Attento, Occidente! Il punto capace di innescare pro-
presente. Vorremo, con alcuni inter- come persone capaci di stimolare cessi di trasformazione è la scoper-
smisurate: «Nessuno ha tempo di 14). In modo particolare rattrista og- La perdita del silenzio pone in venti meditativi sul nostro giornale, una riflessione tesa a orientare la
ascoltarvi, neppure quelli che vi gi che si faccia un uso retorico e bu- ta della perla preziosa per la quale
pericolo la spiritualità, la cultura e la addentrarci, almeno un poco, nei stagione di profondi cambiamenti
amano e sarebbero pronti a morire giardo della parola: si promette at- si abbandona tutto il resto (Matteo,
salute psicologica dell’Occidente eu- territori del silenzio, quello che ac- cui sono invitate le istituzioni for-
per voi», afferma con freddezza un tenzione, presenza, risoluzione di 13, 44-46). Per questi motivi, la vita
ropeo, che rischia così di disperdere compagna l’Avvento e quello che mative cattoliche, per meglio at-
personaggio di un famoso romanzo, qualche problema proposto, ma sen- accademica non è “statica”, ma
le grandi risorse spirituali che gli permea l’intera esistenza cristiana, trezzarsi alle sfide del postmoderno
Il mio cuore ti ascolta di Taylor Cal- za mai un seguito positivo. Si usa la “estatica”. Occorre per far questo
provengono dalla riflessione filosofi- cercando di rispondere alla doman- e per rispondere all’invito di porsi
dwell (Milano, 1974, pagine 14-15). parola per di porto, dimenticando le dare più spazio anche nei nostri
ca, dall’esperienza artistica e anche da, che intriga anche altre dimensio- in un’ottica missionaria culturale
Fra l’altro, la moderna “Babele” è se- cose dette nei dialoghi più impegna- studi alla dimensione umana: c’è
dalla grande teologia cristiana. È un ni: «Di quale silenzio ha bisogno quanto esistenziale.
gnata dalla confusione. Siamo in una tivi, e riusando subito dopo la paro- bisogno di uno sguardo nuovo più
pericolo che Guardini ha saputo ciascuno di noi?». Contemplando Il creativo non è un mero esecu-
società complessa, i cui vantaggi non la come paravento, come arma di di- sapienziale sulla grammatica della
scorgere con occhio profetico già Maria sapremo rispondere a questa tore, come ricordano sia Gianni
vanno negati, ma siamo anche in una fesa falsa, come mezzo per continua- prima che iniziasse lo scivolamento domanda. fede. Da ciò la necessità identifica-
Rodari nella sua Grammatica della
società frastornata non solo da rumo- re a gabellare. Questo è il tipo di della modernità nella post-moderni- Il silenzio attraversa l’intera esi- fantasia, citata come esempio della ta dal terzo verbo: “comprendere”,
ri, ma da alcune malattie culturali. A una parola rumorosa. Senza mezzi tà: «Le forze del silenzio e dell’inte- stenza di Maria e ne collega i vari riscoperta di quell’inutilità pratica attività che non avviene principal-
esempio, si sono creati intorno alla li- termini, questo è un uso maligna- riorità, del nucleo dell’uomo minac- aspetti con i suoi fili forti e delicati; ed economica che è il primo requi- mente per via intellettuale, ma at-
bertà di pensiero e di parola (libertà mente rumoroso della parola. Davve- ciano di abbandonare l’Europa. E, cosicché, in un qualche modo, il si- sito della creatività, sia Antoni traverso il contatto, l’immersione
sacrosante) tre parossismi pericolosi e ro l’uomo dell’odierna “Babele” è, il se se ne andranno davvero, allora lenzio definisce la persona e l’opera Gaudí, per il quale originalità è si- nella realtà. La comprensione au-
servanti: 1) il relativismo che frantu- più delle volte, un balbuziente e non l’Occidente dovrà inaridire, poiché della Vergine Madre, che è insieme nonimo di ritorno alle origini, tema tentica nasce solo dalla consapevo-
ma la realtà veritativa fino alla sua si sa che cosa dica, è un imbroglione la sua grandezza era alimentata nel la creatura della Parola e la creatura particolarmente caro a una facoltà lezza che siamo davanti a qualcosa
teologica che ha nello studio delle di vivo, come i testi o le persone di
fonti uno dei suoi pilastri. Il primo cui ci occupiamo, per cui solo l’in-
relatore invitato, José Tolentino de terazione affettiva può mettere in
Mendonça, creato cardinale nell’ul- luce il contributo che ognuno por-
timo concistoro, Archivista e Bi- ta. Dal comprendere al “ricercare”
In Guatemala la beatificazione del martire lasalliano James Alfred Miller bliotecario di Santa Romana Chie- sapendo, come affermava Gianni
sa, ha disegnato una vera e propria Rodari, che «sbagliando si inven-

Una vita offerta per la formazione dei giovani fenomenologia della creatività, arti-
colata su cinque parole chiave da
cui derivano altrettanti verbi. Il
ta». L’errore fa parte della ricerca,
è una realtà da cui si può imparare,
tenendo presente il senso di incom-
primo è “desiderare”. Scopo del- piutezza della realtà, che proprio
«Arrivare al punto di dare perfino la suscitò le invidie e le gelosie di mol- della morte stava organizzando la l’insegnamento non è riempire gli per questo si offre a continue aper-
vita, tanto deve essere il vostro amo- te persone influenti. Fu così che i sua uccisione. Il 13 febbraio successi- studenti di contenuti, ma attivare ture di senso. Per decifrare un
re per i giovani a voi affidati». Così superiori decisero di farlo rientrare vo, mentre fratel Miller era impe- processi di apprendimento che sia- mondo così fatto è necessaria la
san Giovanni Battista de la Salle negli Stati Uniti alla fine del 1979. gnato in un lavoro di muratura, ven- no alimentati dal desiderio. Solo pratica costante del dialogo e
scriveva ai primi Fratelli delle scuole Rimase un anno alla Cretin High ne ucciso a colpi d’arma da fuoco. attivando le aspirazioni profonde dell’ascolto.
cristiane. Uno dei suoi figli spiritua- School di Saint Paul, ma il suo desi- dell’animo umano si possono gene- Da ultimo il “credere”, posto
Aveva 37 anni.
li, fratel James Alfred Miller, ha vis- derio era di tornare in missione. rare persone capaci di innovare. sotto l’insegna del rischio, come ri-
La sera il suo corpo fu trasferito
suto a pieno questa consegna e ha Il 1° gennaio 1981 fu inviato in L’insegnante, al pari del cuoco, ha cordano alcune parabole evangeli-
con discrezione dall’obitorio detto il porporato, non è uno spe-
offerto la sua vita a Dio e alle nuove Guatemala. La situazione politica che tra cui quella dell’amministra-
dell’Hospital Nacional, dove era sta- cialista del cibo ma della fame,
generazioni, morendo martire. Viene nel Paese era molto difficile. Il go- tore infedele (Luca, 16, 1-9). Gesù
to portato dopo l’uccisione, al Cen- perché deve essere in grado di far
proclamato beato — primo nordame- verno era sotto il controllo militare e ha rischiato a fidarsi degli uomini e
ricano dell’istituto dei lasalliani a es- la Chiesa era accusata di collaborare tro indígena. Il rito funebre fu cele- vedere l’ulteriore che c’è dietro al gli uomini sono invitati a fare al-
sere elevato agli onori degli altari — con i comunisti. I partiti di destra, brato l’indomani dal vescovo Victor noto. trettanto.
sabato 7 dicembre, a Huehuetenan- l’esercito e vari gruppi paramilitari, Hugo Martínez Contreras nel cortile Strettamente connesso al deside- L’architetto Giordi Faulí, re-
go, in Guatemala, dal cardinale José con i proprietari terrieri, erano tra i del Centro indígena. Nonostante il rio c’è lo “stupore”, la meraviglia sponsabile del team che sta portan-
Luis Lacunza Maestrojuán, vescovo principali accusatori. Purtroppo si clima di tensione e di paura, vi par- per la realtà percepita innanzitutto do a compimento la Sagrada Famí-
di David, in rappresentanza di Papa innestò anche un conflitto tra bian- teciparono circa 1800 persone. come bella. Già Platone nel Cratilo lia di Barcellona, ha poi illustrato
Francesco. chi e meticci da una parte e indios le caratteristiche principali della
James Alfred nacque a Ellis, pres- dall’altra, con ripercussioni anche creatività secondo Gaudí. Due gli
conseguì il “bachelor of arts” in lin-
so Stevens Point, nello Stato ameri- nella comunità ecclesiale. Miller fu elementi essenziali da ricordare. In-
gua inglese e in lingua spagnola.
cano del Wisconsin, il 21 settembre incaricato di lavorare in una grande nanzitutto la capacità di osservare
Aveva appena ricevuto il titolo, il 29
1944, primo di cinque figli di Alfred opera educativa destinata agli in- la natura, da cui Gaudí ha tratto
e di Lorraine Labrot. Venne battez-
zato il 1° ottobre 1944 nell’ospedale
maggio 1966, quando fu inviato a
Stevens Point a sostituire un religio-
dios, il Centro indígena di Huehue-
tenango. La struttura offriva acco-
Udienza del Papa ispirazione, per realizzare quelle
so malato. Vi rimase 3 anni, fino alla forme geometriche innovative che
Saint Michael della sua città natale.
La sua famiglia era proprietaria di professione religiosa perpetua, avve-
glienza a 150 ragazzi provenienti dal-
le zone povere della campagna e
al primo ministro di Malta hanno portato a originali soluzioni
nuta a Winona il 12 giugno 1969. architettoniche, oltre che simboli-
una fattoria. Il piccolo crebbe in un della montagna, e permetteva loro di
I superiori lo mandarono in Nica- che. L’altra è la capacità di imma-
ambiente sano, laborioso, ispirato ai frequentare sia i regolari corsi scola-
ragua, al Saint Joseph College di ginare un lavoro creativo che verrà
valori religiosi tradizionali, legato al- stici sia corsi professionali per l’agri-
Bluefields, dove rimase per tre anni. portato a compimento da altri, co-
la terra e alla natura. coltura e l’allevamento. Una volta
Dopo aver concluso gli studi pri- Nell’ottobre del 1972 rientrò al Saint formatisi, i ragazzi sarebbero tornati sa che implica il saper collaborare,
mari, nel settembre del 1958 comin- Mary’s College di Winona per com- nelle zone di origine per trasmettere non considerandosi padroni dei
ciò a frequentare la Pacelli High pletare gli studi superiori, ma, otte- le competenze acquisite e diventare tanti talenti ricevuti.
School di Stevens Point, che era di- nuto il master nel maggio del 1974 catechisti. A conclusione dell’incontro il
retta dai Fratelli delle scuole cristia- chiese di tornare in missione. Fu in- Nel novembre del 1981 Miller cardinale Matteo Maria Zuppi, ar-
ne. Dopo aver avvertito la chiamata viato a Puerto Cabezas, in Nicara- rientrò a Saint Paul per sottoporsi a civescovo di Bologna e gran can-
alla vita religiosa, chiese di entrare gua, in un collegio statale dove ope- un intervento chirurgico al ginoc- celliere della Facoltà, ha ricordato
tra i lasalliani. Il 1° settembre 1959 ravano i lasalliani. Vi rimase cinque chio e trascorse le feste natalizie con come nei nostri ambienti spesso
iniziò un anno di juniorato a Glen- anni, svolgendo una proficua opera i suoi familiari. Questi cercarono di l’originalità e la creatività sono vi-
coe nell’Illinois e il 1° settembre 1960 educativa. Fu nominato preside, pro- dissuaderlo dal tornare in Guatema- ste con sospetto. Esse sono invece
il postulantato. Dopo l’anno di no- mosse la catechesi e fornì la parroc- la per le notizie che giungevano dal altamente necessarie, ricordando
viziato a Glencoe, emise i primi voti chia di laboratori. Con i fondi go- Paese. Convinto di poter essere utile però che creatività non è sinonimo
il 31 agosto 1963, prendendo il nome vernativi costruì 10 scuole rurali e ai giovani guatemaltechi, fratel Mil- di improvvisazione, e che l’origina-
di fratel Leo William. organizzò un corpo di vigili del fuo- ler rientrò a Huehuetenango all’ini- Papa Francesco ha ricevuto in udienza nella mattina di sabato 7 dicembre lità può germinare solo nel solco
Frequentò lo scolasticato nella co volontari di cui fu direttore. Pur- zio del 1982. Il 10 febbraio una sof- sua Eccellenza il signor Joseph Muscat, primo ministro di Malta, della fedeltà alla tradizione come
Saint Mary’s University di Winona e troppo, tanto attivismo tra i giovani fiata lo avvertì che uno squadrone con la consorte e i familiari Gaudí ha esemplarmente mostrato.
pagina 8 L’OSSERVATORE ROMANO domenica 8 dicembre 2019

Alle ong di ispirazione cattolica il Papa raccomanda la cura della formazione ecclesiale e professionale

Aprire nuove vie


di dialogo e di collaborazione
«Il mondo di oggi esige si dibattono i diritti umani delle per- umana. Tale testimonianza comporta vare. Perché, quando abbiamo risor-
nuova audacia e nuova immaginazione sone, le loro condizioni di vita, il lo- due esigenze: da una parte, una se, paghiamo una sottosegretaria e
per aprire altre vie di dialogo ro habitat, l’educazione, lo sviluppo grande fede e fiducia nel saperci una sotto sottogregaria qui; e quindi
e di cooperazione» e «per favorire e altri problemi sociali. In questo strumenti dell’azione di Dio nel l’organigramma amministrativo cre-
una cultura dell’incontro». Lo ha detto modo, realizzate quanto ha afferma- mondo; al primo posto non c’è la sce tanto che il 40, 50, 60 per cento
il Pontefice ai partecipanti to il Concilio Vaticano II: la Chiesa nostra efficienza. Dall’altra parte, è degli aiuti che si ricevono si fermano
al forum mondiale delle ong «si trova nel mondo e insieme con necessario avere la preparazione pro- all’apparato organizzativo e non
di ispirazione cattolica, ricevuti esso vive ed agisce» (Cost. past. fessionale adeguata nelle materie giungono dove devono arrivare.
in udienza nella mattina Gaudium et spes, 40). scientifiche e umanistiche per saper- Questo non lo invento, questo suc-
di sabato 7 dicembre, nella Sala Si tratta di una “frontiera” per la le presentare secondo una prospetti- cede oggi in molte istituzioni della
del Concistoro. Chiesa in cui potete svolgere un ruo- va cristiana; in questo senso, la dot- Chiesa che conoscete bene.
lo notevole, come ricordava lo stesso trina sociale della Chiesa offre il Infine, condividere iniziative per la-
Cari Rappresentanti della Santa Concilio trattando della cooperazio- quadro di principi ecclesiali idonei a vorare in gruppo. L’esperienza di fe-
Sede presso gli Organismi ne del cristiano nelle istituzioni in- servire meglio l’umanità. Vi racco- de, il sapersi portatori della grazia
Internazionali, ternazionali, cito: «Inoltre, le varie mando di conoscerla, di essere ben del Signore, ci dice che questo è
Cari amici, Responsabili e Dirigenti associazioni cattoliche internazionali formati in essa, per poi “tradurla” possibile, condividere le iniziative
delle Organizzazioni non possono servire in tanti modi all’edi- nei vostri progetti. per lavorare in gruppo. Collaborare
governative di ispirazione cattolica, ficazione della comunità dei popoli La formazione appropriata e nei progetti comuni fa risplendere
Sono lieto di potervi accogliere in nella pace e nella fratellanza. Perciò l’educazione, come dimensione tra- ancora di più il valore delle opere,
questa sede di Pietro, simbolo della bisognerà rafforzarle, aumentando il sversale ai problemi della vita socio- perché si mette in evidenza qualcosa
comunione con la Chiesa universale. numero dei cooperatori ben formati, politica, è al giorno d’oggi un impe- che è connaturale alla Chiesa, la sua
Vi ringrazio di essere venuti da vari con i necessari sussidi e mediante un gno prioritario per la Chiesa. Non lenti. Le risorse sono importanti, so- mente tutte le opere di bene» (2 Cor comunione, il camminare insieme
Paesi del mondo per condividere adeguato coordinamento delle forze. possiamo parlare di memoria. È per no necessarie, sì, ma può succedere 9, 8). nella stessa missione (syn-odos) al
esperienze e riflessioni intorno al te- Ai nostri giorni, infatti, efficacia questo che ho voluto lanciare un ap- che a volte siano insufficienti per A volte l’eccesso di mezzi materia- servizio del bene comune, mediante
ma dell’inclusione. Grazie per que- d’azione e necessità di dialogo esigo- pello mondiale per ricostruire un raggiungere gli obiettivi proposti. le per portare avanti un’opera è con- la corresponsabilità e il contributo di
sto sforzo. Ora gli occhi non si sfor- no iniziative collettive» (ibid., 90). Patto globale sull’educazione, un Non dobbiamo scoraggiarci. Biso- tropoducente perché anestetizza la ciascuno. Il vostro Forum vuole es-
zano più perché adesso possono leg- Tale affermazione conciliare ha passo avanti, che formi alla pace e gna pensare che la Chiesa ha sempre creatività. E questo, dall’amministra- serne un esempio, e per questo i
gere tranquillamente. Con questo una grande attualità e vorrei metter- alla giustizia, che formi all’accoglien- fatto grandi opere con mezzi poveri. zione di una casalinga fino alle progetti che realizzate in ogni luogo,
voi desiderate trasmettere una testi- ne in risalto tre aspetti: 1) la forma- za tra i popoli e alla solidarietà uni- Occorre procurarle, certamente, e far grandi industrie o alle grandi istitu- unendo le forze con altre organizza-
monianza concreta per incoraggiare zione degli aderenti; 2) i mezzi ne- versale, oltre all’attenzione per la cu- rendere al massimo i propri talenti, zioni di beneficenza, dover sbattere zione cattoliche e in comunione con
l’accoglienza e l’inclusione dei più cessari; 3) condividere iniziative sa- ra della “casa comune”, nel senso ma dimostrando con ciò che ogni i Pastori e con i Rappresentanti della
la testa per vedere come dare da
vulnerabili, per rendere il mondo pendo lavorare in gruppo. espresso dall’Enciclica Laudato si’. capacità ci viene da Dio, che ogni Santa Sede presso gli organismi in-
mangiare a seimila, con porzioni per
una “casa comune”. Tutto ciò lo rea- Pertanto, vi incoraggio a incrementa- ternazionali, avranno l’effetto molti-
Primo: la formazione. La comples- capacità non è nostra. È lì che è ra- quattromila; questo aumenta la crea-
lizzate con esperienze sul campo e re, ancora di più, la vostra professio- plicatore del lievito del Vangelo e la
sità del mondo e la crisi antropologi- dicata la vostra ricchezza; «del resto tività, per fare un esempio. Ancora
anche nell’ambito politico interna- nalità e la vostra identità ecclesiale. luce e la forza dei primi cristiani. Il
ca in cui siamo immersi oggi esigo- — dice San Paolo — Dio ha potere di di più, c’è una malattia in questo dei
zionale. mondo di oggi esige nuova audacia
no una testimonianza coerente di vi- Secondo: avere le risorse materiali far abbondare in voi ogni grazia mezzi materiali nelle istituzioni; a e nuova immaginazione per aprire
Molti di voi si interessano e cerca- ta per poter suscitare un dialogo e necessarie per raggiungere i fini indi- perché, avendo sempre il necessario volte il risorse quando sono abbon- altre vie di dialogo e di cooperazio-
no di essere presenti nei luoghi dove una riflessione positiva sulla dignità cati. Ricordiamo la parabola dei ta- in tutto, possiate compiere generosa- danti non arrivano dove devono arri- ne, per favorire una cultura dell’in-
contro, dove la dignità dell’umano,
secondo il piano creatore di Dio, sia
posta al centro.
Cari amici, la Chiesa e il Papa
Udienza all’Associazione cattolica degli esercenti delle sale cinematografiche hanno bisogno del vostro lavoro, del
vostro impegno e della vostra testi-

Spazio alla creatività per rispondere alla sfida tecnologica monianza sulla frontiera dell’ambito
internazionale. La parola frontiere
deve avere molto significato per voi.
Andate avanti con coraggio e con
Il Pontefice elogia il cinema italiano del dopoguerra come grande scuola di umanesimo speranza sempre nuova. Grazie!

Un elogio del cinema italiano del dopoguerra e sento molto familiare a questo incontro — il
un invito a rispondere con «creatività» e film «I bambini ci guardano». È un lavoro
«audacia» alla sfida delle nuove tecnologie: sono bello e ricco di significati. Ma tutto il cinema L’8 dicembre si apre la mostra
due dei passaggi più significativi del discorso del dopoguerra, quei grandi... Tutto il cinema
rivolto da Papa Francesco ai membri del dopoguerra è una scuola di umanesimo.
dell’Associazione cattolica esercenti cinema - Sale Voi italiani avete fatto questo, con i vostri Cento presepi
della comunità, ricevuti in udienza sabato grandi, non dimenticatevi di questo. E non
mattina, 7 dicembre, nella Sala Clementina. parlo per sentito dire. Quando eravamo bam- in Vaticano
bini, i genitori ci portavano a vedere quei
Cari fratelli e sorelle, film, e ci hanno formato il cuore. Bisogna ri-
prendere questi. Ho menzionato quello per la La mostra 100 presepi in Vaticano sa-
vi do il benvenuto e ringrazio il Segretario famiglia, ma sono tanti, tanti... Voi siete eredi rà inaugurata domenica 8 dicembre,
Generale della CEI per le sue cortesi parole. di questa grande scuola di umanesimo, di alle 16, nella Sala Pio X in via
Sono contento di condividere questo momen- umanità che è il cinema del dopoguerra. dell’Ospedale 1, una traversa di via
to di festa per il vostro anniversario insieme della Conciliazione. L’esposizione
Anche le vostre realtà associative sono valu-
alle altre organizzazioni che nella Chiesa ita- raccoglie oltre 130 presepi provenien-
tate sulla capacità di aggregare o, meglio, di
liana si occupano di cinema e spettacolo. costruire comunione: «Noi cristiani siamo ti da circa 30 Paesi: dai «pezzi» clas-
Questa ricorrenza non è una sosta fine a sé chiamati a manifestare quella comunione che sici della scuola settecentesca napo-
stessa, ma un’opportunità per rinnovare gli segna la nostra identità di credenti. La fede letana fino alle semplici composizio-
impegni presi settant’anni fa. Per questo, vor- stessa, infatti, è una relazione, un incontro; e ni preparate dai bambini e da perso-
rei affidarvi brevemente tre compiti che trag- Dal film «I bambini ci guardano» di Vittorio De Sica
sotto la spinta dell’amore di Dio noi possia- ne con disabilità. L’iniziativa — sulla
go dal contesto in cui voi lavorate. mo comunicare, accogliere e comprendere il scia della visita di Papa Francesco a
Il primo: comunione. Il cinema, si sa, è un dono dell’altro e corrispondervi» (Messaggio lità. Quando un artigiano modella la sua ope- resse. Lo sguardo sta a fondamento della co- Greccio, domenica 1° dicembre, per
grande strumento di aggregazione. Soprattut- per la 53ª Giornata Mondiale delle Comunica- ra, lo fa integrando testa, cuore e mani secon- struzione delle comunità. E voi sapete benis- la firma della lettera apostolica Ad-
to nel dopoguerra ha contribuito in maniera zioni Sociali, 24 gennaio 2019). L’invito, allora, do un disegno chiaro e definito. Vi incoraggio simo quanto sia importante superare gli stec- mirabile signum — è promossa dal
eccezionale a ricostruire il tessuto sociale con è di costruire comunione tra voi, ma anche a dare spazio alla creatività, immaginando e Pontificio consiglio per la promozio-
cati del passato per proiettarsi nei sentieri del
tanti momenti aggregativi. Quante piazze, comunione tra associazioni e organizzazioni costruendo nuovi percorsi. La creatività è fon- ne della nuova evangelizzazione. Sa-
futuro. Tutti voi avete nel DNA un sentire ec-
quante sale, quanti oratori, animati da perso- che nel mondo cattolico si occupano di cine- damentale: sappiamo benissimo come le nuo- rà l’arcivescovo presidente Rino Fisi-
clesiale. Vi esorto a vivere la vostra passione e
ne che, nella visione del film, trasferivano ma, per trasmettere la bellezza dello stare in- ve piattaforme digitali rappresentino una sfida chella a presiedere l’inaugurazione
sieme negli eventi di cui siete promotori. Sen- la vostra competenza con senso e stile eccle-
speranze e attese. E da lì ripartivano, con un per i media tradizionali. che sarà animata a cura dell’amba-
sospiro di sollievo, nelle ansie e difficoltà za comunione, all’aggregazione manca l’ani- siale: è la miglior medicina per non cadere sciata di Ungheria presso la Santa
ma. Anche il cinema è interrogato dagli sviluppi nell’autoreferenzialità, che sempre uccide.
quotidiane. Un momento anche educativo e Sede. La visita alla mostra, gratuita,
offerti dalle moderne tecnologie. Le vostre as- Il Signore vi aiuti a camminare in comu-
formativo, per riconnettere rapporti consuma- Il secondo: creatività. L’arte cinematografi- è possibile fino al 12 gennaio dalle
sociazioni e organizzazioni, se non vogliono
ti dalle tragedie vissute. Come non ricordare ca, come ogni espressione artistica, è frutto nione, con creatività e con uno sguardo atten- 10 alle 20 (ingresso fino alle 19). Il
diventare dei “musei”, debbono cogliere que-
anche le grandi produzioni che hanno raccon- della creatività, che rivela la singolarità del- to. Vi benedico, prego per voi; e voi, per fa- 24 e il 31 dicembre la chiusura sarà
ste domande in maniera attiva e creativa.
tato quegli anni? Mi piace citare — perché lo l’essere umano, la sua interiorità e intenziona- L’audacia, come avvenuto con i fondatori, vore, pregate per me. Grazie! anticipata alle 17.
chiama ancora una volta ad essere in prima li-
nea, non però in maniera isolata o in ordine
sparso, ma tutti insieme. Cosa potete dire da-
vanti al cambiamento? Senz’altro serve una
conversione integrale, che chiama in causa la
Energia positiva ricchezza e la profondità di ciascuno. Audacia Nomina episcopale in Perú
e creatività per andare avanti e non restare ai
per le comunità margini dell’innovazione.
Il terzo: visione. La visione di un’opera ci- Edinson Edgardo di Cala Cala, in arcidiocesi di Cocha-
nematografica può aprire diversi spiragli Farfán Córdova bamba, Bolivia (2007-2008); vicario par-
Settant’anni di vita trascorsi nell’impegno a rocchiale di San José Obrero, in diocesi
nell’animo umano. Il tutto dipende dalla cari- prelato di Chuquibambilla
«rafforzare i legami delle comunità attraver- ca emotiva che viene data alla visione. Ci pos- di Chulucanas, Perú, dove è stato anche
so il cinema e non solo». Così il vescovo sono essere l’evasione, l’emozione, la risata, la docente di Teologia e direttore spirituale
Stefano Russo, segretario generale della È nato il 21 settembre 1974 a Tambo
rabbia, la paura, l’interesse… Tutto è connes- nel seminario maggiore (2009-2010);
Conferenza episcopale italiana (Cei), ha sot- Grande, in arcidiocesi di Piura. È entrato maestro dei prenovizi dell’ordine agosti-
so all’intenzionalità posta nella visione, che nell’ordine agostiniano nel 1998 e ha
tolineato l’anniversario celebrato dall’Acec non è semplice esercizio oculare, ma qualcosa niano (2011-2012); parroco di Nuestra Se-
(Associazione cattolica esercenti cinema) compiuto il noviziato a Lima nel 2002, ñora di Montserrat, in arcidiocesi di Tru-
di più. È lo sguardo posto sulla realtà. Lo emettendo la professione religiosa l’11
nell’incontro con Papa Francesco. Decenni sguardo, infatti, rivela l’orientamento più di- jillo, Perú (2012-2013); docente di Teolo-
in cui l’Acec «ha ampliato finalità e campo gennaio 2003. Ha studiato Filosofia nel gia all’Università cattolica Benedicto XVI,
versificato dell’interiorità, perché capace di
d’azione», aggiungendo alla cura degli inte- seminario maggiore dell’arcidiocesi di in arcidiocesi di Trujillo, Perú (2013-
vedere le cose e di vedere dentro le cose. Lo
ressi dei propri associati anche un inseri- Trujillo negli anni 1999-2001. In seguito è 2015); priore e maestro dei professi
sguardo provoca anche le coscienze a un at-
mento sempre più pieno nella dinamica del- tento esame. Lasciamoci interrogare: come è il stato inviato in Bolivia, dove ha studiato dell’ordine agostiniano (2013-2017); par-
la comunicazione sociale e puntando — ad nostro sguardo? È uno sguardo attento e vici- Teologia presso l’Università cattolica di roco di Santa Rita de Casia, in arcidioce-
esempio con l’esperienza diffusa nel territo- no, non addormentato? È uno sguardo d’in- Cochabamba negli anni 2003-2006, otte- si di Trujillo, Perú (2015-2018); vicario
rio delle Sale della comunità — ad alimenta- sieme e di unità? In modo particolare, a voi nendo la licenza in Teologia spirituale e episcopale per la vita consacrata nell’arci-
re «spazi di incontro, di testimonianza, di Si trarra, ha aggiunto monsignor Russo, che vi occupate di cinema: è uno sguardo che Pedagogia. È stato ordinato sacerdote il diocesi di Trujillo, Perú (2017-2018) e,
dialogo, di confronto». di esperienze condivise, sia pure secondo suscita emozioni? È uno sguardo che comuni- 26 luglio 2008. Ha poi ricoperto i se- all’interno del suo ordine, segretario ge-
Il cinema infatti, ha detto il presule, «of- modalità differenti, con la Commissione na- ca comunione e creatività? Le risposte non so- guenti incarichi: coordinatore della com- nerale dell’organizzazione degli agosti-
fre visioni e letture della realtà, stimola emo- zionale valutazione film della Cei e con la no scontate e richiedono un grande lavorio missione internazionale di comunicazioni niani dell’America latina (2015-2019). Dal
zioni e ha la capacità di rafforzare legami Fondazione Ente dello spettacolo, i cui rap- interiore. Lo sguardo comunica e non tradi- e pubblicazioni dell’organizzazione degli 24 aprile 2018 è amministratore apostoli-
sociali e culturali. Il buon cinema è davvero presentanti erano presenti all’udienza nella sce, impegna in stili di vita e azioni coordina- agostiniani di America latina (2006- co «ad nutum Sanctae Sedis» della pre-
energia positiva per le comunità». Sala Clementina. te per un bene più grande del semplice inte- 2014); vicario parrocchiale di Santa Ana latura territoriale di Chuquibambilla.