Sei sulla pagina 1di 1

Adoro te devote (testo attribuito a San Tommaso)

Testo originale latino Adattamento italiano Traduzione letterale

Adóro te devóte, / látens Déitas, Pio qui ti adoro, / Dio che ascosto stai Adoro Te devotamente, oh Deità che Ti nascondi,
Quæ sub his figúris, / vere látitas: sotto queste specie, / veramente sei. Che sotto queste apparenze Ti celi veramente:
Tibi se cor meum / totum súbjicit, Tutto il mio cuore / a Te si darà, A te tutto il mio cuore si abbandona,
Quia, te contémplans, / totum déficit. perché contemplandoTi / si sdilinque già. Perché, contemplandoTi, tutto vien meno.

Visus, tactus, gustus, / in te fállitur, Vista, tatto e gusto / non comprendono: La vista, il tatto, il gusto, in Te si ingannano
Sed audítu solo / tuto créditur: solo con l’ascolto / certo crederò. Ma solo con l'udito si crede con sicurezza:
Credo quidquid díxit / Dei Fílius; Ciò che il Figlio disse / tutto credo: Credo tutto ciò che disse il Figlio di Dio,
Nil hoc verbo veri/tátis vérius. niente è più vero / del Tuo Verbo. Nulla è più vero di questa parola di verità.

In cruce latébat / sola Déitas, È nascosta in croce / la divinità, Sulla croce era nascosta la sola divinità,
At hic látet simul / et humánitas: qui si vela pure / la Tua umanità. Ma qui è celata anche l'umanità:
Ambo támen crédens / átque cónfitens, Ma entrambe credo / e confido ognor: Eppure credendo e confessando entrambe,
Peto quod petívit / latro pœnitens. anch’io chiedo quello che / Tito chiese a Te. Chiedo ciò che domandò il ladrone penitente.

Plagas, sicut Thomas, / non intúeor, Non vedo lo piaghe / che Tommaso amò, Le piaghe, come Tommaso, non veggo,
Deum támen meum / te confíteor. però ti confesso / Dio e Signor. Tuttavia confesso Te mio Dio.
Fac me tibi sémper / mágis crédere, Fa’ che io creda / in Te sempre più Fammi credere sempre più in Te,
In te spem habére, / te dilígere. che in te io speri, / ami solo Te. Che in Te io abbia speranza, che io Ti ami.

O memoriále / mortis Dómini, Dolce memoriale / della morte Sua, Oh memoriale della morte del Signore,
Panis vivus, vitam / præstans hómini, Pane vivo, Tu che dai / vita agli uomini, Pane vivo, che dai vita all'uomo,
Præsta meæ menti / de te vívere, Dona alla mia mente / di Te vivere Concedi al mio spirito di vivere di Te,
Et te illi semper / dulce sápere. Dolce di gustare / Te sempre così. E di gustarTi in questo modo sempre dolcemente.

Pie pellicáne, / Jesu Dómine, Pio Pellicano, / Domine Gesù, Oh pio Pellicano, Signore Gesù,
Me immúndum munda / tuo sánguine, Lava con il Sangue Tuo / le mie immondità Purifica me, immondo, col tuo sangue,
Cujus una stilla / salvum fácere, Una goccia ne basta / e salvo si farà Del quale una sola goccia può salvare
Totum mundum quit ab / ómni scélere. tutto il mondo intero / da ogni suo peccar. Il mondo intero da ogni peccato.

Jesu, quem velátum / nunc aspício, Gesù qui velato / io ti ammiro già Oh Gesù, che velato ora ammiro,
Oro fíat illud, / quod tam sítio: Prego: “Fa’ che avvenga / ciò che oso bramar. Prego che avvenga ciò che tanto bramo,
Ut, te reveláta / cernens fácie, Fa’ che contemplandoTi / nella Verità Che, contemplandoTi col volto rivelato,
Visu sim beátus / tuæ glóriæ. Amen
 possa io bearmi / della Tua beltà”. Amen
 A tal visione io sia beato della tua gloria. Così sia.