Sei sulla pagina 1di 3

Volume 7'

4. Sentimenti su di S. Giuseppe1 (7,162-162bis)

Creavit Dominus novum super terram (Jer: 32. 22)


Tamquam prodigium factus sum2

Iddio è mirabile nelle Opere Sue ecc. I Cieli annunziano la


sua grandezza ecc. Ma nello sposalizio di S. Giuseppe con Maria
= creavit Dominus novum, e Giuseppe può perciò esclamare =
tamquam prodigium ecc. Leggo io i prodigi di un Mosè in Egitto,
e vedo l'efficacia della sua Verga. Considero Daniele nel lago dei
Leoni, o i giovani nella fornace di Babilonia. Ma dico subito:
Ecco prodigi di Creature ecc. Rilevo l'officio dei Profeti, dei
Patriarchi, e degli altri servi di Dio, che autorizati dall'Altis[sim]o
esempio furono di celeste magnificenza. Ma sono sempre
Creature dirette al bene di Creature. Vidi Solem et Lunam adorare
me (Gen. 37)3. Vedo finanche gli Angeli nobilis[sim]e Creature
che assistono al trono di Iddio, o vegliano alla difesa dei figli re-
denti, e dico = Veramente Iddio è mirabile ecc. Ma quando vedo
un Dio Redentore soggetto a S. Giuseppe e Maria erat subditus
illis4. Una Madre Vergine consegnata a custodia a Giuseppe nel
vero matrimonio che intervenne debbo pur' dirlo = Creavit
Dominus novum, tamquam prodigium factus sum ecc. Qui è
dove si sospende ogni legge, si cambia ogni metodo. Tutto è
grande; tutto è prodigio.
In fatti o io consideri la dignità dell'officio affidato a S.
Giuseppe ... o la elevazione del merito mercé la fedele comspon-
denza alle grazie, o finalmente l'esercizio del patrocinio, debbo
concludere che dopo Gesù, e Maria la Creatura più eccelsa è il

Questo titolo si trova in 162bis nel retro.


Sal 70, 7.
Questa citazione (Gen 37, 9) è scritta sul margine sinistro della pagina
162 senza alcun segno preciso di inserimento.
Lc 2. 51.
Volume 7'

glorioso Patriarca S. Giuseppe, cosiché allorché del Precursore


del Sig[nor]e si dice = non surrexit major Joanne Baptistal s'in-
tenda sempre ad eccezione di Maria, e di S . Giuseppe, altrimenti
se inter natos mulierum non surrexit major s'avesse diversamente
ad intendere proverebbe che avrebbe superato Maria lo che è
estraneo da ogni concetto, siccome sempre s'intende escluso S .
Giuseppe.

1. L'officio di Sposo di Maria e di Padre putativo ecc. per cui


coopera al fine di Redenz[ion]e importa che S. Giuseppe mira-
bilmente cooperò agli ogetti grandi della Redenz[ion]e = Adamo
rovinò il genere umano col disubire2 a Dio, per l'affetto al sen-
sibile e colla smania di addivenire come Dio. = Gesù redime
l'uomo coli'imparare al mondo l'obbedienza, col distacco dal
sensibile, e col desiderio di rinconciliar' l'uomo con Dio: ora
Giuseppe è il gran' Patriarca dei divini misterj a Lui obbedisce
Gesù. Impara o uomo ad umiliarti.

2. Merito di disposiz[ion]e ex gratia et consensu, di commu-


nicaz[ion]e fra G[iusepp]e e M[ari]a di simiglianza neli'unitd del
fine, nella scelta delle opere, nel modo onde eseguirle.

3. Patrocinio di autorità singolare di estensione per ogni


anima di gloria per ogni credente.

l Mt 1 1 , l l .
Così nell'originale.Leggi disubbidire.