Sei sulla pagina 1di 3

OPENING PRAYER

OM
vande gurūṇāṁ caraṇāravinde
sandarśita svātma sukhāva bodhe
niḥ-śreyase jaṅgali-kāyamāne
saṁsāra hālāhala mohaśāntyai

ābāhu puruṣākāraṁ
śankhacakrāsi dhāriṇam
sahasra śirasaṁ śvetaṁ
praṇamāmi patañjalim
OM

Mi inchino e onoro i piedi di loto del nostro supremo Maestro, che insegna
il giusto sapere, mostrando la via per giungere a conoscere la grande gioia
del risveglio di se;

Egli è il guaritore della giungla, conosce come sconfiggere il veleno


dell’ignoranza di un’esistenza condizionata.

A Patanjali, un incarnazione di Adissea, di colore bianco dalle 1000 teste


sfolgoranti (in forna di serpente divino Ananta) è di aspetto umano al di
sotto delle spalle e impugna una spada (discriminazione) una ruota di fuoco
(un disco di luce che rappresenta il tempo infinito) e una conchiglia (suono
divino).
A Lui.
Io mi inchino
CLOSING PRAYER

MANGALA MANTRA

svasti-prajā-bhyaḥ pari-pāla-yantāṁ
nyāyena mārgeṇa mahīṁ mahīśāḥ
go-brāhmaṇebhyaḥ śubham-astu nityaṁ
lokāḥ samastāḥ sukhino-bhavantu
oṁ
śāntiḥ śāntiḥ śāntiḥ

OM
Che la prosperità sia glorificata.
Che i governanti (amministratori) governino il mondo secondo
Legge e giustizia, che la divinità e l’erudizione siano protette, che
I popoli di tutto il mondo siano felici e prosperi.
OM

PATANJALI INVOCATION

yogena cittasya, padena vācāṁ


malaṁ śarīrasya ca vaidyakena |

yo'pākarot taṁ pravaraṁ munīnāṁ


patañjaliṁ prāñjalir ānato'smi ||
ābāhu puruṣākāraṁ
śaṅkhacakrāsi dhāriṇam |

sahasra śirasaṁ śvetaṁ


praṇamāmi patañjalim ||

śrimate anantāya nāgarājāya namo namaha

OM