Sei sulla pagina 1di 3

Una Pioggia di Benedizioni

Pratica quotidiana concisa

NAMO GURU

Se state per aprire il testo d’un terma o invocare una pergamena gialla e, in generale, in ogni momento ed
occasione, pregate in questo modo mantenendo la mente inseparabile dal Guru Nato dal Loto:

Visualizzazione del campo dei meriti

Nel cielo di fronte a me, al centro d’una sfera di luce arcobaleno, è presente il mio lama-radice, inseparabile
da Pema Thöthrengtsal, il Guru Nato dal Loto, l’essenza di tutti i luoghi di rifugio, circondato da un oceano
di detentori della conoscenza dei tre lignaggi, diretto, simbolico e orale.

La Preghiera in Sette Versi

HŪNG
Nella regione nord-occidentale del paese di Orgyen,
Sulla corolla e lo stelo di un loto,
Hai mostrato la meravigliosa, sublime realizzazione.
Sei famoso come il Guru Nato dal Loto,
E una schiera d’innumerevoli ḍākinī ti circonda.
Seguendo i tuoi passi, pratico anch’io:
Vieni, ti prego, ad accordarci la tua benedizione!
GURU PEMA SIDDHI HŪNG

Recitate questa preghiera il più a lungo possibile. Poi, nel corso dell’ultima ripetizione, invece di GURU
PEMA SIDDHI HŪNG, dite:

Su questo luogo sublime fa’ discendere la tua benedizione, e conferisci a noi, degni praticanti, le quattro
iniziazioni. Dissipa gli ostacoli creati da forze ostruttive e guide perverse e concedici tutte le realizzazioni,
ordinarie e suprema.

I mantra del Guru Adamantino

OṂ ĀḤ HŪNG BENDZA GURU PEMA SIDDHI HŪNG

108 volte

OṂ ĀḤ HŪNG BENDZA GURU PEMA THÖTHRENGTSAL BENDZA SAMAYA DZAḤ DZAḤ SARVA SIDDHI PHALA
HŪNG ĀḤ HRI MA HARINISA RATSA HRĪḤ YA TSITTA HRĪM HRĪM DZAḤ DZAḤ

3 volte

La preghiera per dissipare tutti gli ostacoli e far sì che ogni desiderio si realizzi spontaneamente
Guru prezioso, buddha dei tre tempi, signore di tutte le realizzazioni, grande beatitudine, potenza
corrucciata che dissipi tutti gli ostacoli e soggioghi ogni demone, ti prego, accordaci la tua benedizione:
placa gli ostacoli esterni, interni e segreti, fa’ sì che ogni nostro desiderio si realizzi spontaneamente!

3 volte

Ricezione delle quattro iniziazioni

Guru, con la tua schiera di ḍākinī, benedici i tuoi figli devoti. Accorda al nostro corpo la benedizione del tuo
corpo illuminato. Accorda alla nostra parola la benedizione della tua parola illuminata. Accorda alla nostra
mente la benedizione della tua mente illuminata. Accordaci la grazia di ricevere le quattro iniziazioni.
Accordaci la grazia di purificare delle quattro correnti dell’essere. Accordaci la grazia di percorrere i quattro
sentieri. Accordaci la grazia d’ottenere le quattro dimensioni del risveglio.

OṂ ĀḤ HŪNG BENZA GURU PEMA DEWA ḌĀKINĪ KAYA ABHIḲHIÑTSA OṂ / WAKA ABHIḲHIÑTSA ĀḤ /
TSITTA ABHIḲHIÑTSA HŪNG / SARVA ABHIḲHIÑTSA HRĪḤ

1 volta

Unificazione con lo stato del Guru

I raggi di luce provenienti dalle tre sillabe-germe nei tre luoghi sacri del Guru ci conferiscono benedizioni,
iniziazioni e siddhi. Il Guru si dissolve allora in luce e si fonde in noi. Rilassato e inseparabile da lui, resto
così, naturalmente.

Pratica essenziale delle fasi di sviluppo e di perfezione della meditazione con la recitazione del mantra delle
Sei Sillabe

Quando uscite da questo tipo di meditazione, pensate che:

OṂ ĀḤ HŪNG
Da tempo senza inizio, la mia presenza fisica è l’aspetto d’impegno della divinità. Da sempre, la mia mente
è il suo aspetto di saggezza. Patriarca della mia famiglia di buddha è il mio maestro.
Nella dimensione essenziale della realtà, lo spirito del lama e la mia mente sono indifferenziate ed una.
Unire la propria mente alla mente illuminata del lama: questa è la devozione suprema!
Come il riflesso di stelle e pianeti sulla superficie di un lago, tutti i fenomeni di samsara e nirvana sono
chiaramente manifesti, e ciononostante essenzialmente vuoti. L’unione di luminosità e vacuità: questo è il
corpo illusorio supremo!
Per gli esseri che non comprendono ciò, sorge allora spontaneamente una compassione intollerabile. Che
meraviglia! La vacuità che ha per essenza la compassione: questo è il supremo fuoco di saggezza che
consuma la fissazione egoista!

Con una compassione intollerabile per tutti gli esseri dei sei mondi, recitate allora il mantra delle Sei Sillabe:

OṂ MAṆI PEME HŪNG


1000 volte almeno

Come la gemma che esaudisce i desideri, questo mistico mantra riunisce in sé il potere della saggezza di
tutti i buddha e di tutti i bodhisattva dei tre tempi e delle dieci direzioni, trabocca dell’energia della loro
compassione e attività illuminata. Queste sei sillabe costituiscono il re dei mantra: esse contengono tutta la
forza e il potere dell’infinita attività illuminata che scuote le fondamenta del ciclo delle esistenze, liberando
da esso le sei classi d’esseri.

SAMAYA GYA GYA GYA

Mentre mi recavo a Takra per il bene degli esseri, rimasi una settimana in un luogo isolato per invocare la
pioggia per i raccolti. Lì, il signore di Takra, un re protettore del Dharma, mi fece una richiesta colma di
devozione, offrendomi una tradizionale sciarpa bianca. Così, io, Pema Dechen Lingpa, dischiusi la
pergamena gialla che rivelò questo terma, che fu poi messo per iscritto da Urgyen Lingpa.

Che meraviglia! La preghiera in sette versi a Guru Rinpoche è la regina di tutte le preghiere. Pema Dechen
Lingpa è il re dei tertön. Tsewang Norbu è il re dei maestri di tesori. Il conferimento della grazia, la regina
delle istruzioni, è stata ottenuta. I fortunati che, alla ricerca della meta suprema, seguiranno lo
straordinario sentiero di questa preghiera a Guru Rinpoche realizzeranno senza alcun dubbio tutti i loro
obiettivi, otterranno tutte le qualità relative e assolute e godranno della sublime dimora nella terra di
grande beatitudine.