Sei sulla pagina 1di 52

cosmetic

Cosmetic Dentistry Italian Edition, anno 5, vol. 3 Ottobre 2016


Supplemento n. 2 di Dental Tribune Italian Edition, anno XII n. 10

dentistry _ beauty & science

3 2016

| expert article
Oltre lo Smile Design. Cefalometria 3D
per la progettazione implanto-protesica

| special
Protesi rimovibile: igiene, funzione, estetica

| trends & applications


Un innovativo protocollo di cementazione adesiva
CORSO FAD - ECM on line • ECONOMICO • FACILE • COMODO
50
CREDITI
ECM

La COMUNICAZIONE
MANAGERIALE
interna ed esterna
nello STUDIO
ODONTOIATRICO

Il corso è dedicato all’approfondimento delle tematiche relative alla


comunicazione interna e esterna dello studio dentistico. Verranno ATTESTAZIONE
affrontati i principali aspetti per gestire in modo efficace le relazioni e
la comunicazione interpersonale. Le persone che si trovano ad interagi- Al superamento del test finale,
re costantemente con gli altri e risultano dotate di buone abilità comu- una procedura guidata
nicative, sovente riescono ad aiutare i gruppi a prendere le decisioni ti consentirà di conseguire
più innovative o semplicemente contribuiscono a far giungere le altre
persone ad una decisione. il certificato ECM.

Verranno inoltre forniti gli strumenti per pianificare e realizzare strate- VALIDO dal 23 GIUGNO 2016
gie di comunicazione che permettano di evidenziare le caratteristiche
peculiari dello studio, i suoi valori e le sue prospettive. al 31 DICEMBRE 2016
La comunicazione efficace verso l’esterno, scegliendo ed utilizzando
gli strumenti più idonei, rappresenta un elemento fondamentale per
costo: 150 euro iva compresa*
accrescere e migliorare la visibilità dello studio in questo panorama
competitivo in continua evoluzione.
*Il costo per l’acquisto
è deducibile al 100%
RELATORE: Prof. Daniele Rimini

Per ulteriori informazioni e/o iscrizioni


chiamare lo 011 3110675
CO R S I | D I S C U S S I O N I | B LO G | G U I DA o scrivere a: info@tueorservizi.it
editoriale _ cosmetic dentistry

Disegnare un futuro migliore


senza dimenticare il passato

Eccomi qua, dopo un breve periodo di latitanza, ritorno all’editoriale sulle pagine di Cosmetic Prof. Angelo Putignano, direttore
scientifico Cosmetic Dentistry.
Dentistry. Sembra essere passato tantissimo tempo, ma in realtà tutto si muove a una velocità travol-
gente e l’odontoiatria non si sottrae a questa tendenza. Nuove tecnologie che impongono la revisione
di molti concetti e procedure sino a ora applicate. Non bisogna tuttavia guardare al futuro dimenti-
candosi del passato, ma piuttosto servirsi del passato per disegnare un futuro migliore per l’odonto-
iatria. Le nuove tecniche si aggiungono a quelle esistenti per arricchire il patrimonio della conoscenza,
senza rottamare quanto per anni ha funzionato nel migliore dei modi.

I nuovi materiali ceramici e l’evoluzione delle tecniche adesive ad esempio hanno permesso di
muoversi dal “prep” al “less prep” al “no prep”, riuscendo così a salvare quanto più tessuto dentale
possibile. Eppure, non si può generalizzare e sono le situazioni cliniche quelle che dettano la scelta.
L’operatore deve sapere di poter contare su diverse soluzioni per il piano di trattamento, ma è solo
seguendo le corrette indicazioni e rispettando le esigenze del paziente che potremo dire di aver avuto
successo. Non agendo secondo ciò che vogliamo, e non solo facendo ciò che il paziente chiede, ma
realizzando ciò di cui ha bisogno, solo così saremo visti come “professionisti”.

_Angelo Putignano

cosmetic
dentistry 3_2016 03
sommario _ cosmetic dentistry

10 18 22
| editoriale | case report
03 Disegnare un futuro migliore _restauro in composito
senza dimenticare il passato 34 Case report. Restauro eseguito utilizzando le matrici
_A. Putignano Pro-Matrix e il composito Enamel Plus HRi
_ A. Rayarel
| l’intervista
_John Nicholson _sbiancamento
06 Intervista. Le due classi dell’odontoiatria restaurativa 36 Lo sbiancamento post-igiene
diventa un trattamento per tutti
| aziende
_ C. Lorenzi, A. Genovesi
_news
08 FinalTouch
Materiale fotopolimerizzabile per caratterizzazione | news
_medicina estetica
| case report 39 Chirurgia plastica: l’Italia è il nono Paese al mondo
_restauro in ceramica per numero di trattamenti estetici
10 Restauro minimamente invasivo con faccette
realizzate in materiale a base di ceramica
| industry report
_M. Watanabe
_medicina rigenerativa
| expert article 40 Concentrated Growth Factors (CGF):
_implanto-protesi protocollo e caratterizzazione
18 Oltre lo Smile Design. Cefalometria 3D
per la progettazione implanto-protesica | aziende
_G. Perrotti
43 _news
| special
_protesi rimovibile | eventi
22 Protesi rimovibile: igiene, funzione, estetica
_N. Pinzuti, S. Fedi
46 _AIOP
48 _ANTLO
| trends & applications
_protocolli
30 Un innovativo protocollo di cementazione adesiva | l’editore
_C.P. Ernst 50 _gerenza

30 34 36

04 cosmetic
dentistry 3_2016
l’intervista _ John Nicholson

Intervista. Le due classi


dell’odontoiatria restaurativa
Il prof. John Nicholson di Londra, scienziato dei materiali, durante gli ultimi trent’anni ha condotto
esaustive ricerche sul vetroionomero e altri materiali connessi. Nel suo intervento al congresso FDI
di Poznan ha parlato del ruolo dei moderni materiali e della loro capacità di soddisfare le esigenze
odontoiatriche. Dental Tribune ha parlato con lui dei limiti di questi materiali e della tendenza
dell’odontoiatria restaurativa a diventare un sistema a due classi.

_Durante la sua presentazione ha spie- di popolazione è sempre meno in grado di per-


gato che i moderni materiali sono caratte- mettersi l’accesso ai migliori materiali. In pratica
rizzati da aspetti estetici più che funzionali. questo significa restauri con l’amalgama invece
Quali sono le loro maggiori deficienze? che con i materiali compositi.
Prof. John Nicholson: La facilità d’utilizzo.
Questo è vero soprattutto per le resine composi- _Il trattamento di restauro non traumatico
te. Essendo non adesivi, i compositi devo essere è stato originariamente sviluppato per fornire
usati in associazione con un collante. La funzio- un servizio vantaggioso per i pazienti dei Pae-
ne dei collanti è quella di alterare la superficie si più poveri. Qual è stata l’esperienza finora?
del dente, rendendola da idrofila a idrofoba, e per Può davvero rappresentare un’alternativa per i
fare ciò è necessario un attento uso dei mate- pazienti che non hanno accesso alle moderne
riali in accordo con le istruzioni del produttore. cure dentistiche?
Una volta creata la superficie, infatti, il mate- I dati ci dicono che è stato un successo. Una
riale va applicato in piccole quantità con l’uti- grande varietà di pazienti, dai bambini agli adulti
lizzo della lampada di polimerizzazione. Questo fino agli anziani, ha beneficiato dei trattamenti a
Il prof. John Nicholson trattamento è difficile e richiede un alto livello di basso costo. Inoltre, le prestazioni del vetroionome-
(Foto: Daniel Zimmermann, DTI).
competenze da parte del dentista. Se fatto cor- ro utilizzato nell’odontoiatria restaurativa si stanno
rettamente funziona bene e garantisce risultati dimostrando migliori delle previsioni.
duraturi. Tuttavia, data la sua complessità è dif- _L’amalgama è ancora largamente usa-
ficile che sia un trattamento di routine nei Paesi ta, specialmente nei Paesi invia di sviluppo.
più poveri a causa dell’alto numero di pazienti, Siamo pronti per un’odontoiatria senza più
dell’inaffidabilità della rete elettrica e della man- questo materiale, e cosa sarà necessario fare
canza di dentisti adeguatamente preparati. per assicurarci delle alternative adeguate?
_La maggior parte delle tecnologie sem- Credo che dovremmo continuare con l’utiliz-
brano diventare più accessibili con il tempo, zo del vetroionomero e migliorarlo per far fronte
le attrezzature dentistiche, invece, fanno a un ampio numero di pazienti. Allo stesso tempo
eccezione, qual è il motivo? bisogna rendersi conto che la conoscenza appro-
In odontoiatria abbiamo enfatizzato l’estetica fondita di un materiale e delle sue prestazioni è
sulle prestazioni, un trend che non rappresenta un processo che richiede tempo: possono volerci
un problema nei Paesi ricchi che hanno un alto anni per averne un quadro completo.
numero di dentisti professionisti. Per questo mo- _I materiali dentistici dovrebbero essere
tivo il mercato odontoiatrico non punta su solu- trattati con più enfasi nelle campagne co-
zioni più economiche o più semplici. municative?
_Con la situazione attuale, in cui le at- Sì. Sappiamo che le carie sono la patologia
trezzature dentistiche sono disponibili solo più diffusa nel mondo e per questo dovremmo
per alcune fasce di popolazione, nei Paesi puntare molto sul ruolo cruciale che hanno i ma-
sviluppati e in pochi Paesi poveri, l’odonto- teriali di restauro, proprio come puntiamo sulla
iatria restaurativa è davvero diventata un prevenzione.
sistema a due classi? Grazie molte per l’intervista.
Sì, è proprio così. E questo sistema funziona
anche nei Paesi avanzati dove una grande fascia _Dental Tribune International

06 cosmetic
dentistry 3_2016
Unʼora ha 60 idee.
Chi è leader riconosciuto nell‘innovazione, desidera mantenere Komet si ricerca, si sviluppa, si perfeziona, si testa. E ci conside-
questa posizione. Per questo motivo non passa minuto senza che riamo soddisfatti solo quando dalla nostra sede esce un‘opera
noi pensiamo a come poter fare ancora meglio. Ogni giorno in d‘arte. Per poter subito pianificare la prossima.
© 08/2012 · 411028V0

www.komet.it
aziende _ news

FinalTouch
Materiale fotopolimerizzabile
per caratterizzazione
VOCO GmbH – PO Box 767 FinalTouch è un composito fotopolimerizza- materiale sia già completamente polimerizzato.
27457 Cuxhaven, Germania bile per la caratterizzazione delle singole tinte Questo significa anche che FinalTouch può es-
www.voco.it, info@voco.com
di restauri in composito diretti e indiretti e per sere usato in studio o in laboratorio. La struttu-
mascherare le decolorazioni del tessuto dentale ra fine del materiale e la consistenza omogenea
duro. Si applica sotto/tra gli strati dei compositi/ permettono un’ottimale lavorabilità. Nello stesso
ORMOCER® da restauro. FinalTouch, disponibile tempo, FinalTouch favorisce un’elevata manage-
in cinque colori (bianco, blu, giallo, arancione e volezza di spessore dello strato, che è al massimo
marrone), può essere usato per riprodurre ca- di 0,3 mm per la tinta “marrone” e 0,5 mm per le
ratteristiche individuali, come solchi o macchie altre tinte. Dato che FinalTouch viene fornito nel-
bianche, dall’aspetto naturale, creando così re- la siringa antigocciolamento NDT® con cannula
stauri perfetti nei minimi dettagli. Con Final- fine (tipo 45), può essere applicato in modo par-
Touch è possibile eseguire anche l’accentuazio- ticolarmente preciso. In alternativa, FinalTouch
ne di cuspidi e creste, la riproduzione della aree può essere applicato anche con un pennellino,
traslucenti di smalto e delle regioni opalescenti, una sonda fine o uno strumento canalare sottile.
l’evidenziazione del nucleo di dentina e la ripro- Le nuance dei singoli colori possono essere ot-
duzione delle decolorazioni intorno al colletto tenute miscelandoli tra loro o con un composito
del dente, nonché le incrinature dello smalto. flow traslucente. Il tempo di polimerizzazione di
Questo rende FinalTouch il perfetto complemen- FinalTouch è appena di 20 secondi, rendendo-
to ai compositi top di gamma di VOCO, come lo particolarmente adatto per le applicazioni in
GrandioSO, Amaris e Admira Fusion. studio. Dopo la polimerizzazione, viene ricoperto
FinalTouch può essere applicato durante l’e- da uno strato di composito da restauro con uno
secuzione del restauro o dopo, una volta che il spessore modulato in base alle singole necessità.

FinalTouch: il nuovo materiale


fotopolimerizzabile per
caratterizzazione.

08 cosmetic
dentistry 3_2016
te
st
pa N

La vera evoluzione!
ck uo
da vo:
pr
ov
ar
e!
*

D‘ora in poi
anche in versione
Flow

IBIL
PAT IT
M À
O

NO ERI
C
O
BI

OM
MON
C I
S I
L A S
C
E
T

E C EN
C E L L Venite a trovarci a Colonia
21.-25.03.2017
Stand R8/S9 + P10, sala 10.2

LA PRIMA CERAMICA PER OTTURAZIONI Admira Fusion


• Il primo materiale da restauro al mondo basato puramente sulla ceramica

• Di gran lunga la contrazione da polimerizzazione più bassa (1,25 Vol-%)


e notevole basso stress dalla contrazione**

• Inerte e perciò altamente biocompatibile e perfetta stabilità del colore

• Soddisfa le esigenze più alte nei settori anteriori e posteriori

• L’ottima manipolazione, una lucidatura splendida e facile oltre all’alta


durezza superficiale garantiscono risultati di prima classe a lungo tempo

• Compatibile con ogni adesivo convenzionale

**Si prega di notare le nostre offerte attuali oltre il test pack incluso Admira Fusion, Admira Fusion
Flow e Admira Fusion x-tra al prezzo speciale. **paragonato ai compositi da restauro convenzionali

VOCO GmbH · Anton-Flettner-Straße 1-3 · 27472 Cuxhaven · Germania · Tel. 04721 719-0 · www.voco.it
case report _ restauro in ceramica

Restauro minimamente
invasivo con faccette
realizzate in materiale a base di ceramica
Autore_Mauricio Watanabe, San Paolo/Brasile

_L’estetica è un aspetto che riveste oggi eseguita di routine per creare un sorriso più
un ruolo importante nella moderna odontoia- armonico e attraente. Richiede però una cor-
Fig. 1_Un paziente di 20 anni si è tria. Dato che sempre più pazienti desiderano retta diagnosi e una pianificazione del trat-
presentato per essere sottoposto a un “sorriso perfetto”, i dentisti sono sempre tamento che tenga in considerazione sia gli
trattamento dentale per motivi estetici
più impegnati nella realizzazione di restauri aspetti estetici sia quelli funzionali.
a causa di un diastema tra gli incisivi
centrali superiori. altamente estetici, al fine di ottimizzare la si- Sono essenziali anche l’applicazione delle
Fig. 2_L’immagine intraorale mostra tuazione naturale. tecniche minimamente invasive, per preser-
le posizioni dei denti anteriori e la loro Il reshaping dei denti è una procedura si- vare la sostanza dentale e le strutture adia-
morfologia più in dettaglio. cura con risultati predicibili che può essere centi, insieme all’uso di materiali dentali che
Fig. 3_Abbiamo stabilito che per
ottenere un risultato soddisfacente
era necessario trattare i quattro
incisivi superiori.
Fig. 4_Come metodo di trattamento
abbiamo scelto la produzione di
restauri indiretti su un modello
in silicone. Questo presenta
vantaggi rispetto all’uso di
faccette prefabbricate, in quanto la
realizzazione in studio permette la
personalizzazione e l’ottenimento di
Fig. 1 Fig. 2
un miglior sigillo marginale.

Fig. 3 Fig. 4

10 cosmetic
dentistry 3_2016
case report _ restauro in ceramica

Fig. 5 Fig. 6

Fig. 7 Fig. 8

promuovano la massima stabilità e biocom- Fig. 5_La tinta da usare per il


patibilità. I restauri con faccette indirette in restauro è stata scelta nel corso
della prima seduta, applicando una
composito possono essere eseguiti in una piccola quantità di materiale al dente,
sola seduta. lisciando la superficie con un’ampia
spatola di metallo e polimerizzando
_Caso clinico il materiale. In questo caso, abbiamo
deciso per A1.
Un paziente di 20 anni desiderava miglio- Fig. 6_Il materiale da restauro
rare l’estetica del suo sorriso (Fig. 1). L’esame (Admira Fusion, VOCO) è stato
clinico rilevava un diastema tra gli incisivi applicato direttamente sul modello
centrali superiori (Fig. 2). Il paziente voleva in silicone finito. Sono state utilizzate
una soluzione rapida senza necessità di un le spatole per modellare i denti
in accordo con la morfologia del
trattamento ortodontico. Analizzando le fo- gruppo corrispondente di denti. In
tografie del viso del paziente, siamo stati in questo caso, sono state utilizzate
grado di determinare che la linea che corre per ripristinare una curva corretta
lungo i bordi incisali e le punte delle cuspidi della linea che collega le punte delle
cuspidi dei canini e i bordi incisali.
dei canini nei denti anteriori mascellari non
formava una curva regolare. Fig. 7_Dopo la polimerizzazione,
abbiamo rimosso le faccette dal
Per avere un sorriso attraente, era neces- modello, rifinite e lucidate con
sario adattare la forma di tutti e quattro gli Fig. 9
gommini riducenti/lucidanti per
incisivi superiori in modo tale da formare una restauri in ceramica.
linea del sorriso positiva (Fig. 3). Durante i retta in cui i restauri sono stati realizzati con Fig. 8_La sovrapposizione della foto
movimenti laterali, non vi era alcun contat- Admira Fusion (VOCO), un materiale conte- delle faccette finite con la foto del
to tra i denti anteriori inferiori e gli incisivi nente una matrice di ceramica al posto dei paziente permette di prevedere la
posizione e la dimensione dei restauri
superiori, aprendo alla possibilità di allunga- convenzionali monomeri metacrilati, renden- del trattamento finito.
mento degli stessi. dolo così altamente biocompatibile. L’uso di
Fig. 9_Come si può vedere, la
Data la giovane età del paziente, era ne- faccette indirette realizzate dal clinico rap- simulazione può essere meglio
cessaria una tecnica minimamente invasiva presenta un’alternativa alle faccette prefab- valutata con immagini in bianco e
e quindi abbiamo optato per una procedura bricate. nero.
per la quale la preparazione dei denti non è La realizzazione in studio delle faccet-
essenziale. Abbiamo scelto una tecnica indi- te presenta anche ulteriori vantaggi, come i

cosmetic
dentistry 3_2016 11
case report _ restauro in ceramica

costi bassi, la possibilità di personalizzare la L’uso di un mock-up, la base del quale in


forma dei denti, il ridotto spessore dello stra- questo caso è stata realizzata con silicone
to di cemento e il migliorato sigillo marginale. per monconi (VOCO) (Fig. 4), è vantaggioso

Figg. 10-13_Prova della faccetta


sul dente 21. Notare la direzione di
inserimento. È importante osservare
con precisione la direzione di
inserimento quando si determina
l’ordine di inserimento dei restauri,
dato che non è stata eseguita alcuna
preparazione.

Fig. 10 Fig. 11

Fig. 14_Abbiamo utilizzato fili 000 per


ritrarre il margine gengivale di tutti gli
incisivi superiori.
Fig. 15_Su ciascun dente è stato
applicato acido ortofosforico al 37% e
lasciato agire per 15 secondi. Il dente
adiacente è stato protetto con una
Fig. 12 Fig. 13
striscia di separazione in poliestere.

Fig. 14 Fig. 15

12 cosmetic
dentistry 3_2016
case report _ restauro in ceramica

Fig. 16 Fig. 17

Fig. 18 Fig. 19

per una produzione semplice e rapida dei re- considerevole vantaggio di questa tecnica è Fig. 16_I denti 11 e 21 dopo la
stauri indiretti. La tinta corrispondente per il la possibilità di controllare, prima del com- mordenzatura con acido fosforico e
asciugatura.
restauro è stata scelta nel corso della prima pletamento del trattamento, se il risultato
Fig. 17_La faccetta per il dente 21. È
seduta. Questo è stato fatto applicando una soddisferà le aspettative.
stata sabbiata con ossido di alluminio
piccola quantità di ciascuna delle tinte pos- La prova del restauro permette anche al per pulire la superficie interna.
sibili sulla superficie vestibolare di uno dei paziente di vedere il risultato e di richiede- Fig. 18_Dopo l’applicazione
denti da restaurare e polimerizzandola. Dopo re eventuali modifiche. Una volta control- dell’adesivo e l’asciugatura con
aver confrontato le tinte, abbiamo deciso per lato il sigillo marginale e che il paziente ha un getto d’aria, è stato utilizzato il
A1 (Fig. 5). dimostrato la sua approvazione nei confronti composito flowable GrandioSO Flow
(VOCO) nella tinta A1.
Il materiale da restauro è stato applica- dell’estetica, sono state eseguite le prepa-
Fig. 19_Immagine dopo l’applicazione
to sul modello in silicone con una spatola in razioni per l’applicazione delle faccette. Ab-
del restauro. Abbiamo rimosso tutto il
metallo per realizzare l’effettivo mock-up e biamo scelto l’adesivo Futurabond U (VOCO) materiale in eccesso con un sonda n.
quindi anche le faccette (Fig. 6). Durante que- in combinazione con il composito flowable 5 prima della polimerizzazione.
sta fase, è importante cercare di restare fede- GrandioSO Flow (VOCO) nella tinta A1 per la
li alle specifiche della pianificazione stilata in cementazione.
base all’analisi della foto. Lo scopo era quindi Il margine gengivale è stato retratto con
quello di allungare gli incisivi superiori. un filo retrattore n. 000 (Fig. 14) e sui denti
È seguita poi la fotopolimerizzazione e è stato applicato acido ortofosforico al 37%
la lucidatura con gommini specifici (Fig. 7). per 15 secondi (Fig. 15). Dopo il risciacquo
Abbiamo poi fotografato il modello e sovrap- con acqua e l’asciugatura delle superfici ve-
posto l’immagine a una foto del paziente sor- stibolari mordenzate (Fig. 16), è stato appli-
ridente al fine di verificare che la dimensio- cato l’adesivo, il solvente è stato asciugato
ne e l’allineamento dei denti fossero corretti con un getto d’aria e poi si è fotopolimerizza-
(Figg. 8 e 9). to per 10 secondi.
Le faccette sono state adattate diretta- Le superfici interne delle faccette sono
mente sui denti del paziente (Figg. 10-13). Un state sabbiate con ossido di alluminio (90 µm)

cosmetic
dentistry 3_2016 13
case report _ restauro in ceramica

Fig. 20 Fig. 21

Fig. 22 Fig. 23

Figg.20-23_Diverse immagini dei


restauri con faccette ultimati.
Fig. 24_Contatto tra i denti anteriori
Fig. 24
durante il movimento protrusivo.

a una pressione di 60 psi al fine di pulire e Dopo l’applicazione, il composito in eccesso è


irruvidire la superficie. stato rimosso, per poi fotopolimerizzare.
La superficie omogenea, pulita dell’interno Una volta applicate tutte le faccette, i mar-
della faccetta è evidente quando la si guarda in gini del restauro sono stati rifiniti con un bisturi
controluce (Fig. 17). Nella fase successiva, l’ade- n. 15C e lucidati con gommini specifici. Abbia-
sivo è stato applicato sulla stessa superficie e poi mo valutato i risultati immediatamente dopo il
asciugato con un leggero getto d’aria. Abbiamo completamento (Figg. 20-23). Per assicurare un
quindi distribuito una piccola quantità di compo- contatto uniforme tra gli incisivi inferiori e gli
sito flowable sulla superficie (Fig. 18) e applica- incisivi centrali superiori durante il movimento
to la faccetta sul dente corrispondente (Fig. 19). protrusivo (Fig. 24) è stato eseguito il molaggio

14 cosmetic
dentistry 3_2016
case report _ restauro in ceramica

Fig. 25 Fig. 26

Fig. 27 Fig. 28

Fig. 29 Fig. 30

Figg. 25-26_Dopo il molaggio delle


faccette, non vi era più alcun contatto
dei denti anteriori durante i movimenti
laterali.
Figg. 27-28_Immagini delle faccette
sotto luce diretta. Sono chiaramente
visibili i dettagli.
Figg. 29-30_Immagine dei denti
anteriori con una curva armonica dalla
prospettiva vestibolare e palatale.
Figg. 31-32_Quando si confrontano
le immagini pre-operatorie e post-
operatorie, è possibile vedere il deciso
Fig. 31 Fig. 32
miglioramento dell’estetica dei denti.

cosmetic
dentistry 3_2016 15
case report _ restauro in ceramica

Figg. 33-35_Un confronto: Il sorriso


del paziente prima e dopo.

Fig. 33 Fig. 34 Fig. 35

necessario. Il molaggio è stato eseguito anche no con le strutture adiacenti (Figg. 27-30).
per eliminare tutti i contatti tra le faccette e i Un confronto delle immagini pre-operatorie
denti inferiori durante i movimenti laterali (Figg. e post-operatorie mostra un chiaro migliora-
25 e 26). Le visioni vestibolari e palatali sotto luce mento dell’estetica dentale (Figg. 31 e 32); e il
diretta mostravano che tutti i dettagli erano stati conseguente effetto positivo di ciò sul sorriso
elaborati e che i restauri indiretti si armonizzava- del paziente (Figg. 33-35).

_autore

Mauricio Watanabe, odontoiatra a San Paolo, Brasile. Esperto del trattamento delle malattie gengivali e di chirurgia maxillofacciale.
Specializzazione in Protesi, relatore su argomenti di odontoiatria estetica. Dottorando in Biomateriali presso la Unesp (Universidade
Estadual Paulista) di Araçatuba.

18 -19
NOV 2016
Centro odontostomatologico Daina
Nembro (BG)
ECM on line • ECONOMICO • FACILE • COMODO 50
CREDITI
ECM

CORSO FAD
di ANTITABAGISMO

Le nuove frontiere
della DIPENDENZA
TABAGICA
e suo trattamento

Il corso di formazione a distanza rivolto agli ope- PROGRAMMA


ratori della sanità per ottenere i crediti ECM • L’intervento per smettere di fumare: dallo studio
è realizzato in collaborazione con la Lega Italiana Anti clinico controllato randomizzato al mondo reale
• Sessualità maschile, fertilità e fumo
Fumo e la società Maxilo Srl di Catania. • Stato dell’arte su terapie antifumo
• L’influenza dell’efficacia del farmaco nella
Il tema principale del percorso formativo è legato alla dipendenza tabagica
• Strategie per ridurre il danno del tabacco
presentazione delle tecniche di Smoking Prevention and • Incentivi utili per smettere di fumare
Cessation per la tutela della salute dei fumatori e agli • Indicatori genetici per iniziare e smettere di fumare
• I social media: i potenziali strumenti per smettere
interventi “evidence-based” più utili ed efficaci per ab- di fumare
bandonare il tabagismo. • Indicatori di successo nell'abbandono del fumo
• Interventi per smettere di fumare su pazienti gravi
ricoverati, che fumano
Relatori • Il fumo e l’artrite reumatoide
• Come gestire i fumatori che ricadono
Prof. Riccardo Polosa, prof. Pasquale Caponnetto, dr.ssa Ma-
• Il ruolo delle sigarette elettroniche
rilena Maglia. • Linee guida per smettere di fumare durante la
gravidanza e prevenzione delle ricadute dopo la
nascita del bambino
ATTESTAZIONE • Vaccini antifumo
Al superamento del test finale, una procedura guidata ti consen-
tirà di conseguire il certificato ECM.
COSTO: 150 euro iva compresa*
*Il costo per l’acquisto è interamente
VALIDO dal 22 aprile 2016 al 31 dicembre 2016 deducibile al 100%

Per ulteriori informazioni e/o iscrizioni


chiamare lo 011 3110675
o scrivere a: info@tueorservizi.it
expert article _ implanto-protesi

Oltre lo Smile Design.


Cefalometria 3D per la
progettazione implanto-protesica
Autori_Giovanna Perrotti, Italia

Specialista in Ortodonzia, reparto _Lo studio del sorriso ideale è a oggi il Gli obiettivi della fase diagnostica sono:
Ortodonzia e Odontoiatria infantile, _ valutazione dello stato di salute delle ar-
trend che in odontoiatria sembra voler sbara-
IRCCS Galeazzi Milano,
direttore prof. RL Weinstein gliare qualsiasi altra informazione diagnostica ticolazioni temporo-mandibolare e della
necessaria per formulare il piano di trattamento relazione tra massima intercuspidazione
ideale per un paziente. Il sorriso però è la risul- e relazione centrica condilare;
tante del rapporto reciproco esistente tra le basi _ valutazione dell’estetica facciale, rapporti
mascellari, i tessuti molli, la forma di arcata e la tessuti molli;
forma dei singoli elementi dentari. _ valutazione della classe scheletrica e dei
Profitt ha formulato l’analisi estetica del viso, rapporti verticali sagittali trasversali delle
suddividendola in macro, mini e micro estetica, ossa mascellari;
proprio per sottolineare come ogni aspetto dal _ valutazione dei rapporti occlusali intera
più grande al più sottile partecipa alla creazio- arcata overjet overbite, classe dentale di
ne di un sorriso armonico. Senza dimenticare, angle e classe canina.
è ovvio, l’aspetto morfofunzionale, in quanto il Il percorso diagnostico si avvale di esami
sorriso si esprime con la dinamica dell’esposizio- strumentali che approfondiscono i dettagli ot-
ne dentale ed è correlato con la muscolatura pe- tenuti con l’esame clinico obiettivo e l’esame
rilabiale. Quando si vuole ripristinare un sorriso anamnestico completo, per un’attenta valu-
andato perso, il work flow decisionale deve se- tazione dei fattori di rischio. La radiologia tri-
guire un iter preciso e ripetibile. Noi proponiamo dimensionale è a oggi l’approccio radiologico
un percorso diagnostico progettuale che parte strumentale più adeguato per poter indagare in
Fig. 1_Caso iniziale visione intraorale. in fase preliminare da un attento esame della modo approfondito le caratteristiche anatomo-
Fig. 2_Analisi estetica delle
struttura cranio-facciale e dei tessuti molli, per nosologiche del paziente.
proporzioni facciali e dei rapporti poi proseguire con l’esame del cavo reale e della Elenchiamo dunque i passaggi, per un utiliz-
interlabiali. dentatura. zo efficace ed efficiente di un esame radiologico

Fig. 1 Fig. 2

18 cosmetic
dentistry 3_2016
expert article _ implanto-protesi

Fig. 3_Analisi cefalometrica


tridimensionale delle dimensioni
verticali sagittali e della simmetria
scheletrica.

Fig. 3

Fig. 4 Fig. 5

tridimensionale in odontoiatria. _ si esegue la ricostruzione 3D dei tessuti Fig. 4_Accoppiamento della


L’esame per eccellenza, attualmente, è la duri e dei tessuti molli e si procede con la scansione delle mucose con i tessuti
scheletrici maxillo-mandibolari e
CBCT, per motivi di risparmio di emissione di ra- segmentazione delle componenti schele- inserimento degli elementi dentari
diazioni ionizzanti sicuramente a oggi è più indi- triche; virtuali. Controllo cefalometrico:
cata rispetto è un esame TC multislice. _ si esegue l’accoppiamento della scansio- A) piano di Camper; B) piano della
Se si sceglie di utilizzare una CBCT per lo stu- ne intraorale delle mucose del paziente in mucosa; C) piano occlusale virtuale.
dio globale preliminare di un caso candidato a caso di edentulia totale; Fig. 5_Sovrapposizione della
una grande riabilitazione implanto-protesica le _ si esegue il tracciato cefalometrico TFA scansione della ceratura diagnostica
con il modello virtuale.
condizioni di prescrizione sono le seguenti: dei tessuti molli e dei tessuti duri;
_ il campo di esposizione (field of view) _ si esegue lo Smile Design con la proget-
deve essere completo, ossia coprire l’in- tazione virtuale della dentatura accop-
tera area maxillo-facciale che va dalla piata con le basi scheletriche e con inter-
gabella al mento compresa l’area condi- posta la mucosa;
lare; _ si verifica la posizione dell’arcata virtuale
_ il paziente, al momento della scansione, tramite i piani virtuali mascellare occlu-
deve essere mantenuto in posizione di sale e di Camper.
relazione centrica condilare. _ si procede al posizionamento virtuale di
Per ottenere questo risultato, se il paziente impianti il cui numero angolazione incli-
non mantiene la posizione in modo autonomo, si nazione è dettato dalla struttura ossea
fornisce un gig di riposizionamento. Le scansioni, disponibile e dal tipo di riabilitazione
che coprono i piani assiali coronali sagittali e che scelta.
in funzione dell’apparecchiatura e dell’imposta-
zione di ampiezza di slide sono circa 250-350, _Qual è lo scopo di questa tipologia
vengono importate in software elaborazione di di progettazione?
immagini 3D. La diagnosi che ne proviene fornisce l’inqua-
_Come vengono utilizzate le immagini dramento scheletrico del soggetto in esame e dà
indicazioni indispensabili in termini di dimensio-
Le immagini tridimensionali del cranio ven- ni sagittali verticale trasversali. Soprattutto nei
gono utilizzate secondo il protocollo denominato casi di edentulia totale o mono arcata, l’inqua-
Total Face Approach (TFA). Le immagini impor- dramento delle problematiche strutturali è molto
tate su software di elaborazione vengono così utile per la scelta del tipo di abilitazione protesica
elaborate: più idonea.

cosmetic
dentistry 3_2016 19
expert article _ implanto-protesi

Fig. 6 Fig. 7

vista protesico questa situazione può creare in-


gombro eccessivo dell’area neutra, difficoltà alla
fonazione, ridotta capacità di esegiure le proce-
dure di igiene orale.
Tipico è l’esempio d’inserimento di protesi su
barre con spessore di 8/9 mm, che vanno a occu-
pare l’area palatale, può creare disfunzioni fone-
tiche a causa dell’ingombro eccessivo che riduce
lo spazio fisiologico per la lingua.

_Esempio 2
Paziente con mascellare corretto sagittal-
mente ed eccesso verticale e sagittale della
mandibola, III classe scheletrica iperdivergente.
In questo caso lo studio delle dimensioni verticali
intermascellari consente la valutazione di dove
Fig. 8 va inserita la linea del sorriso, in funzione dell’e-
sposizione labiale e del piano osseo corticale. La
valutazione di questi parametri riduce il rischio
Fig. 6_Controllo cefalometrico Lo scopo principale è individuare in fase dia-
degli angoli di emergenza di creare una linea del sorriso non evidente o di
gnostica preliminare se sono presenti le condi-
nel progetto virtuale. compensare con elementi dentari protesici trop-
zioni anatomiche strutturali che possono essere
Fig. 7_Progettazione implanto- po lunghi.
protesica secondo il protocollo limitanti per la realizzazione di un idoneo funzio-
Total Face Approach. nale riabilitazione inplanto-protesica _Conclusioni
Fig. 8_Caso finito.
_Esempio 1 Il percorso TFA richiede un tempo di lavoro di
30 minuti in mani di un operatore esperto e i dati
Il paziente presenta una malocclusione sche- che scaturiscono da questa tipologia di analisi
letrica di II classe biretrusa ipodivergente. In possono essere altamente utili e interessanti ai
questa tipologia di soggetti il mascellare supe- fini delle considerazioni di pianificazione implan-
riore è spesso piccolo e arretrato. In condizione tare e della scelta della tipologia di protesi, che
di edentulia il processo di atrofia centripeta ri- meglio si adatta a quel tipo di struttura scheletri-
duce ulteriormente il perimetro di arcata. È im- ca, e alle esigenze morfo-funzionali ed estetiche
portante verificare sul piano verticale sagittale e del paziente in esame.
trasversale se i rapporti scheletrici tra una forma Una volta eseguita la cefalometria dei tessuti
di arcata superiore inferiori sono congrui. In caso molli e dei tessuti scheletrici e lo studio virtuale
negativo si rischia di dover compensare prote- intra-orale, si possono esaminare le problema-
sicamente la riduzione scheletrica. Dal punto di tiche connesse al caso in esame e attraverso la

20 cosmetic
dentistry 3_2016
expert article _ implanto-protesi

Fig. 9 Fig. 10

check-list diagnostica stendere una problem-list. casi edentuli, ne trarrà informazioni fondamen- Fig. 9_Verifica della posizione corretta
La valutazione critica della cefalometria dei tali da trasferire sul piano clinico. della dentatura rispetto all’angolo
naso-labiale e alla posizione della
tessuti scheletrici ha lo scopo di individuare pro- La scelta della tipologia di protesi implantare spina nasale anteriore.
blematiche connesse ai rapporti maxillo-mandi- viene realizzata in modo personalizzato in fun-
Fig. 10_Esempio di studio della linea
bolari nei tre piani dello spazio in funzione del zione delle caratteristiche estetiche, scheletriche del sorriso rispetto ai tessuti duri.
progetto implanto-protesico che si vuole realiz- e morfofunzionali del soggetto.
zare. Al pari dell’ortodonzia e della chirurgia ma-
Si possono quindi verificare sul piano verti- xillo-facciale anche l’implantologia si pone come
cale condizioni di: tecnica riabilitativa che deve tenere in conto tutti
_ normoverticalità = soggetto enmorfico; i fattori che compongono il distretto dell’appara-
_ ipoverticalità = soggetto branchifacciale; to stomatognatico.
_ iperverticalità = soggetto dicofacciale. Il maggiore tempo richiesto in termini di co-
Molte delle situazioni di edentulia aggrava- sto per affrontare una fase diagnostica più ela-
te da componente di atrofia ossea sono conte- borata viene compensato dalla riduzione di errori
stualizzate in soggetti portatori di malocclusioni diagnostici; dalla mancata individualizzazione di
scheletriche: in questi casi una visione tridimen- punti critici non altrimenti risolvibili al termine
sionale completa può risultare maggiormente di un trattamento; e da un maggiore apporto di
esplicativa rispetto a metodiche radiologiche dati che spesso consente di elaborare strategie
tradizionali 2D. chirurgiche alternative.
Dal punto di vista dei benefici si ottiene una Inoltre, l’inquadramento diagnostico così
visione tridimensionale della progettazione im- dettagliato risulta essere un ottimo supporto
plantare protesicamente guidata e soprattutto medico-legale in caso di contenzioso medico-
il neofita, che si approccia alla riabilitazione dei legale.

_bibliografia
1. Perrotti G, De Vecchi L, Testori T, Weinstein RL. Analisi 4. Perrotti G, De Vecchi L, Testori T, Weinstein RL. Propo-
facciale globale: approccio diagnostico-terapeutico sta di analisi cefalometrica 3D per un’analisi faccia-
multidisciplinare alla riabilitazione implantare com- le globale in ortodonzia e implantologia. Italian Oral
plessa. Italian Oral Surgery 2012;11(5):s108-116. Surgery 2012;11(5):s154-164.
2. Perrotti G, De Vecchi L, Testori T, Weinstein RL. Propo- 5. Testori T, Parenti A, Perrotti G, Capelli M, Galli F. Trat-
sta di analisi cefalometrica 3D per un’analisi faccia- tamento delle edentulie totali: protocolli diagnostici e
le globale in ortodonzia e implantologia. Italian Oral clinici. In: Il successo in implantologia: diagnosi, piano
Surgery 2012;11(5):s154-164. di trattamento e protocolli operativi. Società Italiana
3. Perrotti G, De Vecchi L, Testori T, Weinstein RL. Analisi di Osteointegrazione 2014.
facciale globale: approccio diagnostico-terapeutico 6. Perrotti G, Testori T, Politi M. Imaging, 3D e Odonto-
multidisciplinare alla riabilitazione implantare com- iatria dalla cefalometria multiplanare alla navigazione
plessa. Italian Oral Surgery 2012;11(5):s108-116. guidata in implantologia. Quintessenza Edizioni 2015.

cosmetic
dentistry 3_2016 21
special _ protesi rimovibile

Protesi
rimovibile:
igiene, funzione, estetica
Autori_Neri Pinzuti* & Simone Fedi**, Italia

* Odontoiatra libero professionista. _Introduzione tazione su protesi totale superiore e inferiore


** Odontotecnico presso il laboratorio ancorata a una barra implantare. L’utilizzo di
odontotecnico Capecchi e Fedi. “Dottore vorrei di nuovo il mio sorriso”. una barra implantare nell’arcata inferiore, oltre
Questa è sempre più spesso la domanda che il a dare una stabilità alla protesi, crea una riten-
paziente edentulo rivolge al proprio odontoia- zione adatta a supportare i carichi masticatori
tra, il quale è chiamato a progettare un restau- del paziente. La scelta di non utilizzare solo
ro protesico che sia in grado di accontentare le degli attacchi, preferendo la barra, è motivata
esigenze del paziente. dal fatto che, a differenza di questi ultimi, la
Un protocollo che può portare a ottimi ri- barra oltre a stabilizzare dà un carico adegua-
sultati è quello della protesi ibrida. La protesi to agli impianti osteointegrati (Figg. 1a-e).
rimovibile a supporto implantare può essere
considerata al momento il miglior progetto da _Trattamento
presentare a un paziente edentulo, poiché rac-
chiude in sé tutte le caratteristiche necessarie Il giorno dell’intervento sono stati inseriti
degli impianti Biomax 3I diametro Certain 4
per riuscire a ottenere ottimi risultati sia este-
x 8,5 con una inclinazione distale di 20° nel-
tici sia funzionali, uniti alla possibilità di avere
la zona interforaminale per evitare il rapporto
un’ottima igiene del manufatto. Inoltre, molto
con il nervo mandibolare e le sue ramificazio-
spesso si ottiene un miglior sostegno labiale e
ni e favorire comunque un progetto di barrra
una migliore fonetica.
(Figg. 2a, 2b).
_Caso clinico Dopo la totale osteointegrazione degli im-
pianti, il clinico procede alla scopertura degli
Il paziente di 71 anni, in buona salute, si stessi e, grazie a dei Multi Unit Abutment,
presenta all’osservazione del clinico perché trasforma gli impianti da esagono interno a
portatore di protesi totale superiore e inferio- rotazionali esterni, creando un’ottimale passi-
re. Il problema che manifesta è non riuscire a vazione per la futura barra fresata.
sopportare le sue protesi, in quanto poco sta- Dopo aver avvitato i tappi di guarigione, il
bili. Si notano infatti protesi consumate dal clinico procede alla presa di due impronte pre-
tempo, diminuzione della dimensione verticale liminari per la creazione di due portaimpronte
e perdita della centrica. Il paziente ha perso individuali. Nel secondo appuntamento sono
tutti gli elementi dentali da giovane per incu- stati funzionalizzati i portaimpronte indivi-
ria e per problemi parodontali. Le creste sono duali creati sui modelli studio presi in prece-
completamente riassorbite e sottili. denza. Nel superiore, il clinico ha prima tolto
Dovendo affrontare una riabilitazione su i punti di pressione sul portaimpronte indivi-
entrambe le arcate, avendo il paziente una duale rilevati tramite prove con il Fit Checker, e
muscolatura molto ben sviluppata e dovendo dopo si è proceduto alla bordatura e alla presa
tener conto dei costi, si consiglia una riabili- dell’impronta tramite Permalastic.

22 cosmetic
dentistry 3_2016
special _ protesi rimovibile

Fig. 1a Fig. 1b Fig. 1c

Il portaimpronte inferiore è stato funzio-


nalizzato e forato all’altezza dell’emergenza
dei due impianti. Per la registrazione dell’im-
pronta è stato utilizzato un materiale a base di
polisolfuri. Il cucchiaio è stato tenuto in posi-
zione dal paziente per sei minuti. Dopo il tem-
po di presa, il clinico ha preceduto a bloccare i
transfer al portaimpronte tramite della resina
fotopolimerizzante.
Le viti di fissaggio dei transfer sono state
svitate e il portaimpronte è stato rimosso dal
cavo orale e riconsegnato al laboratorio dopo
il protocollo di disinfezione.
Isolato l’interno del portaimpronte infe-
riore con l’isolante in dotazione, nella zona
intorno ai transfer, è stato colato un silicone
per riprodurre i tessuti gengivali. I modelli
master sono stati realizzati sviluppando le
impronte ottenute con i portaimpronte con Fig. 1d Fig. 1e
gesso di classe IV, utilizzando acqua distillata
secondo le proporzioni indicate dal produt-
lore A 3,5 di forma quadrata con denti poste- Figg. 1a-e_Anamnesi del paziente
tore e con miscelazione meccanica in vuoto. al primo appuntamento.
riori lingualizzati per permettere un montag-
A indurimento avvenuto, i transfer sono stati
gio in relazione “dente-dente”.
rimossi e il modelli master sono stati utiliz-
zati per creare due valli su una base di resina _Prova estetica
fotopolimerizzante, dando modo al clinico di
procedere alla registrazione della centrica e Il paziente è stato messo in condizione di
della dimensione verticale. valutare il risultato estetico prima della fina-
Nell’inferiore, è stata creata una chiave in lizzazione del restauro. Il prototipo estetico
gesso tra i due transfer per confermare il cor- è stato posizionato all’interno del cavo orale
retto posizionamento degli impianti rispetto al del paziente e il clinico ha verificato estetica,
cavo orale. Dopo aver registrato la centrica i fonetica, ingombro delle flange vestibolari e
modelli possono essere messi in articolatore e conseguente sostegno del labbro superiore.
l’odontotecnico, tramite informazioni ricevute Sono stati inoltre controllati la centrica, i mo-
dal clinico, può decidere colore, forma e mate- vimenti di lateralità e di protrusiva. Gli spo-
riale da utilizzare nella scelta dei denti di fila. stamenti ritenuti opportuni sono stati effet-
La scelta cade su denti in composito di co- tuati direttamente alla poltrona, essendo denti

cosmetic
dentistry 3_2016 23
special _ protesi rimovibile

Figg. 2a, 2b_Radiografia del paziente


prima e dopo intervento per il
posizionamento degli impianti.

Fig. 2a

Fig. 2b

montati su cera (Figg. 3a, 3b). dal clinico, è stata creata una mascherina in
Figg. 3a, 3b_Chiave in gesso,
Dopo aver avuto il consenso del paziente, silicone.
montaggio in articolatore il prototipo è stato riconsegnato al laborato- Successivamente i modelli master, con le
e prova estetica. rio. Per non perdere le modifiche effettuate prove estetiche in posizione corretta, sono

Fig. 3a Fig. 3b

24 cosmetic
dentistry 3_2016
special _ protesi rimovibile

Fig. 4a Fig. 4b Fig. 4c

Fig. 4d Fig. 4e

Figg. 4a-g_Progettazione barra


Fig. 4f Fig. 4g
tramite Dental Designer.

stati posizionati all’interno di una muffola ed modello master sono stati rimossi dalla muf-
è stato utilizzato del silicone ad alta precisio- fola. Dovendo creare una barra il modello e la
ne per creare lo stampo della prova estetica. prova estetica dell’inferiore sono stati digita- Figg. 5a-d_Barra fresata con attacchi
A polimerizzazione avvenuta, il prototipo e il lizzati attraverso uno scanner da laboratorio. Rhein83 avvitati.

Fig. 5a Fig. 5b

Fig. 5c Fig. 5d

cosmetic
dentistry 3_2016 25
special _ protesi rimovibile

Fig. 6a Fig. 6b

Fig. 6c Fig. 6d

Figg. 6a-d_Controparte scheletrica. I file ottenuti sono stati caricati all’interno di CAM, la barra è stata ottenuta per fresatura
un software di modellazione e il disegno della dal pieno di un blocco in lega di titanio. Quat-
barra primaria è stato realizzato in base all’in- tro ancoraggi, con i rispettivi alloggiamenti,
gombro della protesi, in modo tale da far ri- sono stati progettati sulla barra (OT Equator, e
sultare gli ancoraggi su un piano parallelo a Strategy Rhein83, Bologna, Italia) (Figg. 5a-d).
quello piano masticatorio (Figg. 4a-g). La barra Concluso il lavoro sulla barra si procede
è stata progettata in modo tale da poter avvi- alla costruzione della barra secondaria.
tare gli ancoraggi su di essa senza necessità di Dopo aver montato la barra sul modello lo
collanti o saldature. Ciò permette, inoltre, una scheletrista, grazie alle mascherine della prova
loro eventuale sostituzione in modo estrema- estetica create in precedenza, ha ben definita
mente semplice. La superficie della barra rivol- l’area di creazione del rinforzo.
ta verso le mucose è stata disegnata in modo La struttura viene progettata con alloggi
tale da risultare convessa, per ridurre al mini- per attacchi e ritenzioni meccaniche adatte
Figg. 7a-c_Muffola per mo l’accumulo di placca/cibo e per facilitare alla creazione della parte in resina/composito
finalizzazione protesi. le manovre di igiene. Grazie alla tecnica CAD/ (Figg. 6a-d).

Fig. 7a Fig. 7b Fig. 7c

26 cosmetic
dentistry 3_2016
special _ protesi rimovibile

Fig. 8a Fig. 8b

Figg. 8a-d_Protesi finalizzata.


Figg. 9a-d_Barra avvitata
Fig. 8c Fig. 8d
nel cavo orale.

Fig. 9a Fig. 9b

Fig. 9c Fig. 9d

cosmetic
dentistry 3_2016 27
special _ protesi rimovibile

Fig. 10a Fig. 10b

Fig. 10c Fig. 10d

Figg. 10a-d_Protesi inserite. Avendo impianti vestibolarizzati, è ne- resina e, grazie a una siringa da 30 ml con l’im-
cessario che la controparte venga creata in bocco uguale al nostro foro di entrata, viene
modo passivo, cosicché gli attacchi lavorino iniettata all’interno della muffola. Seguendo le
in modo adeguato con un appoggio mucoso istruzioni della casa produttrice per la miglior
principale senza che la controparte contat- polimerizzazione della resina, dopo l’iniezione,
ti con la barra, creando la giusta resilienza. la muffola viene inserita all’interno di una po-
Bloccati gli attacchi negli alloggi la protesi limerizzatrice per 30 minuti a 45 gradi con una
può essere terminata. pressione di 2,5 bar.
Sgrassati i denti di fila, si crea con una fre- Conclusa la parte inferiore si utilizza la
sa un sottosquadro alla base del dente, crean- stessa tecnica di iniezione per la protesi supe-
do così ritenzione meccanica tra le due resi- riore. A polimerizzazione avvenuta, le protesi
ne. Successivamente si posizionano gli stessi vengono posizionate sull’articolatore di rife-
all’interno del controstampo della muffola rimento per un ulteriore controllo dell’occlu-
(Figg. 7a-c). sione, dei movimenti di laterali e protrusiva,
Dopo un ulteriore controllo degli spazi dopodiché si è proceduto alla rifinitura e luci-
vengono creati due fori, uno di entrata più datura delle parti in resina (Figg. 8a-d).
grande e uno di uscita più piccolo, nel con-
trostampo. Saturato di acqua a 2,5 bar in una _Conclusioni
pentola a pressione per 10 minuti il modello
master viene isolato con isolante alginico. Il paziente a fine trattamento è rimasto
Per evitare che la resina entri tra barra e molto soddisfatto del risultato ottenuto. Con
controparte viene iniettato tra le due parti un una spesa contenuta, come da lui richiesto, si
silicone fluido che compensi i possibili sotto- sono ripristinate estetica, fonetica e funzione,
squadri. Dopo aver verificato l’indurimento del oltre alla dimensione verticale, ritrovando la
silicone si procede alla rimozione delle parti relazione centrica persa con le vecchie protesi.
in eccesso e il modello viene posizionato sulla Quando la passione va di pari passo con la
base della muffola. competenza si possono realizzare importanti
Alloggiato il controstampo in posizione, lavori protesici, andando incontro alle esigen-
la muffola viene chiusa grazie a delle viti che ze del paziente, sempre rispettando igiene,
sigillano le due parti. Seguendo le proporzio- funzione ed estetica nel cavo orale (Figg. 9a-d,
ni della casa di costruzione viene miscelata la 10a-d, 11a-d).

28 cosmetic
dentistry 3_2016
special _ protesi rimovibile

Fig. 11a Fig. 11b Fig. 11c

Figg. 11a-d_Ripristino di sostegno


Fig. 11d
e dimensione verticale dei tessuti.

_autori

Neri Pinzuti, laureato in Odontoiatria presso l’Università di Siena. Socio SIdP e


AIOP dal 2006, svolge l’attività di libero professionista presso il suo studio di Prato.
Effettua consulenze di Protesi Estetica presso Milano, Bologna e Capri.

Simone Fedi, diplomato in Odontotecnica presso


l’IPSIA Gaslini di Genova. Ha seguito numerosi corsi di
perfezionamento sulla di protesi rimovibile, con particolare attenzione alla
protesi totale secondo la metodica del Prof. A. Gerber e del Prof. G. Passamonti
e, parallelamente, sulle protesi a supporto implantare e alle loro tecniche di
realizzazione. Esercita l’attività in Pistoia.

cosmetic
dentistry 3_2016 29
trends & applications _ protocolli

Un innovativo protocollo
di cementazione adesiva
Corone anteriori in ceramica integrale (disilicato di litio
IPS e.max Press) applicate con Monobond Etch & Prime
Autore_Prof. Claus-Peter Ernst, Germania

Fig. 1_Vecchi restauri in metalloceramica _Ci sono diversi tipi di corone anteriori, to questi denti con corone in metalloceramica
antiestetici sui denti 11 e 21 in una (PFM). Anche se l’entità del trauma ora non è più
da quelle puramente funzionali a quelle altamen-
paziente di 20 anni.
te estetiche, in base alle necessità e possibilità valutabile, l’attuale alternativa – soprattutto in
Fig. 2_Immagine ravvicinata delle
del paziente, all’esperienza dell’odontotecnico, considerazione della giovane età della paziente
corone intatte dal punto di vista
funzionale che mostrano PFM alla disponibilità di materiali e alle procedure di – probabilmente sarebbe un restauro diretto in
antiestetiche a causa del trasparire del preparazione e cementazione utilizzate. Molte composito.
manufatto di metallo. corone anteriori, considerate estetiche in passa- La Fig. 2 mostra il dettaglio dei due incisivi
Fig. 3_Immagine incisale to, ora non soddisfano più le esigenze dei pa- centrali dall’aspetto labiale e la Fig. 3 riporta l’im-
delle corone esistenti. zienti di oggi. L’esempio illustrato in questo arti- magine incisale. Le corone non mostravano al-
Fig. 4_Il primer per ceramica colo rappresenta un caso emblematico. cun difetto funzionale. Come risultato, l’obiettivo
autocondizionante Monobond Etch & Quando si è presentata nel nostro studio, la principale del trattamento era, come richiesto,
Prime viene massaggiato per 20 secondi.
giovane studentessa di 20 anni desiderava so- quello di migliorare l’aspetto estetico dei denti
Fig. 5_Ulteriore tempo di reazione di anteriori. Successivamente, la paziente è stata
stituire le corone sui due incisivi centrali (Fig. 1).
Monobond Etch & Prime di 40 secondi.
All’età di 14 anni, aveva subito un trauma ai denti informata riguardo alla procedura di trattamen-
Fig. 6_Immagine apicale della corona
in disilicato di litio IPS e.max Press dopo
anteriori che aveva apparentemente danneggia- to, in particolare della possibile ulteriore pre-
che Monobond Etch & Prime è stato to la parte mesio-incisale di entrambi i denti. parazione, con necessità di rimuovere sostanza
sciacquato via. L’odontoiatra allora consultato aveva restaura- dentale, nonché dei costi da sostenere.

Fig. 1 Fig. 2 Fig. 3

Fig. 4 Fig. 5 Fig. 6

30 cosmetic
dentistry 3_2016
trends & applications _ protocolli

Fig. 7 Fig. 8

Il trattamento è iniziato in una seduta suc- stati rimossi (Ivoclean, Ivoclar Vivadent) dalle co- Fig. 7_Condizionamento dei denti
cessiva. I restauri sono stati realizzati dal labora- rone, prima di essere condizionate. È consigliabi- preparati per la cementazione adesiva
dei restauri sotto isolamento con
torio Hildegard Hofmann (Mainz, Germania). Per le realizzare un “manico” per permettere di con- rullo di cotone. Nel solco sono stati
questo caso sono state scelte corone in ceramica dizionare le superfici interne della corona, senza posizionati fili retrattori per evitare la
integrale al disilicato di litio pressata IPS e.max toccare quest’ultima con le dita. In questo caso, contaminazione dai fluidi sulculari.
(Ivoclar Vivadent), dal momento che sono la scel- le corone erano applicate a un porta pennello Fig. 8_Immagine incisale dei denti
ta d’elezione per questo tipo di indicazione. Que- con un composito provvisorio fotopolimerizza- preparati.
sto è stato confermato da numerosi studi clinici, bile. Questo manico ha permesso di posiziona-
le recenti German S3 Clinical Practice Guideline re facilmente le corone durante la procedura di
sui restauri in ceramica. cementazione. Come alternativa, avrebbe potuto
Al momento della seduta di trattamento, i essere utilizzato un OptraStick (Ivoclar Vivadent).
denti sono stati anestetizzati. Le corone sono Da decenni, la mordenzatura con acido fluoridri-
state rimosse e le superfici adesive attentamente co delle ceramiche vetrose con successiva sila-
pulite con ultrasuoni e una pasta pulente senza nizzazione è accettata come metodo di condi-
fluoro. Dato che come cemento adesivo era sta- zionamento. Studi più recenti confermano la sua
to scelto il nuovo Variolink Esthetic DS (Ivoclar efficacia. Genera un’adesione resistente anche
Vivadent), le corone sono state provate con le sui più moderni materiali ceramici, come le cera-
corrispondenti paste di prova. Con la tinta Neu- miche ibride. È stata stabilità una concentrazione
tral è stato possibile ottenere un’immediata cor- acida del 5%, il che, secondo le ultime ricerche,
rispondenza ai denti adiacenti e a quelli anteriori rappresenta un ragionevole compromesso.
inferiori. Non è stata necessaria alcuna modifica Il nuovo Monobond Etch & Prime (Ivoclar
per avere una tinta più chiara (Light) o più scura Vivadent), presentato in occasione di IDS 2015,
(Warm) del cemento adesivo. Abbiamo attribuito è un materiale per condizionamento basato sul
questa eccellente corrispondenza alla tinta se- polifluoruro di ammonio. Il prodotto viene mas-
lezionata dall’odontotecnico in studio. La spesa saggiato attivamente sulla superficie adesiva
aggiuntiva per questo passaggio supera di gran (Fig. 4) per 20 secondi, rimuovendo qualunque Fig. 9_Applicazione dell’adesivo
lunga il disagio di dover eseguire numerose mo- contaminazione da saliva o silicone. Dopo altri Adhese Universal con la penna
difiche o rifare i restauri a causa di una mancata applicatrice.

40 secondi (Fig. 5), il polifluoruro di ammonio re-
corrispondenza di tinta. Fig. 10_Fotopolimerizzazione
agisce con la superficie della ceramica e produce dell’adesivo dopo attenta distribuzione
una struttura mordenzata ruvida. Anche se que-
_Condizionamento della corona con getto d’aria.

sta struttura non è così pronunciata come quella Fig. 11_Lo strato di adesivo
La saliva e i residui della pasta di prova sono che si ottiene con una mordenzatura conven- polimerizzato sui denti 11 e 21.

Fig. 9 Fig. 10 Fig. 11

cosmetic
dentistry 3_2016 31
trends & applications _ protocolli

Fig. 12 Fig. 13 Fig. 14

Fig. 12_Corone in disilicato di litio IPS zionale per 20 secondi con acido fluoridrico non ci si aspettano anomalie cliniche.
e.max Press, cementate con Variolink al 5%, i risultati adesivi ottenuti in entrambi i Nel caso presentato, le corone avrebbero
Esthetic DC, al follow-up dopo 4
settimane.
casi sono similari. La maggiore superficie cre- potuto essere applicate in modo convenziona-
ata in questo modo aiuta ad attivare la super- le o autoadesivo. La perdita di ritenzione sa-
Fig. 13_Immagine incisale delle
corone al follow-up dopo 4 settimane. ficie adesiva della ceramica. rebbe stata improbabile, così come la frattura
Fig. 14_Immagine frontale dei
Il restauro viene successivamente sciac- della ceramica a causa di un supporto adesivo
denti anteriori. È stato ottenuto un quato per rimuovere il polifluoruro di ammo- non adeguato. La Fig. 6 mostra una delle due
significativo miglioramento estetico nio e i suoi prodotti di reazione. Inizia quindi corone dopo il risciacquo di Monobond Etch &
rispetto alla situazione iniziale. la reazione del silano e della vetroceramica at- Prime e l’asciugatura della superficie con aria.
tivata. Dopo la sua distribuzione mediante un
getto d’aria, sulla ceramica rimane uno strato _Cementazione delle corone
sottile di silano che aderisce chimicamente.
Per la cementazione adesiva delle corona
Questo prodotto, quindi, combina le fasi del-
è stato utilizzato Variolink Esthetic DC. Dato
la mordenzatura con acido fluoridrico e della
che questo cemento è totalmente adesivo,
silanizzazione e sembra rendere superflua la
deve essere assicurato un sufficiente controllo
pulizia con Ivoclean. I dati in vitro attualmente
dell’umidità. Grazie al margine di preparazione
disponibili giustificano l’utilizzo di questo pro-
equigengivale, alla condizione di salute della
dotto per sostituire il metodo di mordenzatura
gengiva e all’eccellente cooperazione della pa-
con acido fluoridrico e di silanizzazione. Anche
ziente, non era essenziale l’applicazione della
se non è stato dimostrato un miglioramento
diga di gomma. Quindi, per applicare le corone
dei valori di adesione rispetto alla bibliografia
è stato utilizzato l’isolamento con rullo di co-
in materia, finora non sono stati riscontrati
tone. Per evitare la contaminazione da parte
effetti negativi a carico dell’adesione. Inoltre,
dei fluidi sulculari, sono stati applicati due fili
dato che l’adesione alle vetroceramiche è con-
retrattori (Ultradent Products) (Figg. 7-8).
siderata essere l’interfaccia meno problemati-
Le superfici adesive sono state pulite con
ca nel processo adesivo dei restauri indiretti,
una pasta per profilassi priva di fluoro. Suc-
cessivamente, è stato applicato l’adesivo
Adhese Universal (Ivoclar Vivadent) tramite la
penna applicatrice (Fig. 9). Il sottile margine di
smalto residuo non è stato mordenzato, per
evitare il sanguinamento gengivale. Adhese
Universal è stato massaggiato sulla superficie
condizionata del dente per > 20 secondi, come
indicato nelle istruzioni d’uso. Secondo il pro-
duttore, questo tempo non dovrebbe essere
ridotto, in quanto non è sufficiente pennel-
lare semplicemente l’adesivo sulla superficie
dentale. Successivamente, l’adesivo è stato
asciugato con un getto d’aria, fino a lasciare
un film lucente e immobile. L’adesivo è stato
poi fotopolimerizzato per 10 secondi (Fig. 10).
Dato che l’adesivo universalmente compa-
tibile forma uno strato più sottile di Heliobond
(Ivoclar Vivadent), per esempio, può essere fo-
Fig. 15_Foto della paziente topolimerizzato senza incontrare successivi pro-
Fig. 15
soddisfatta. blemi di adattamento o sollevamento del morso.

32 cosmetic
dentistry 3_2016
trends & applications _ protocolli

Lo strato di adesivo polimerizzato sui denti Dato che il tempo di mordenzatura ha un’in-
11 e 21 è visibile in Fig. 11. Le Figg. 12 e 13 mo- fluenza significativa sulla resistenza della ceramica
strano le corone in disilicato di litio IPS e.max quando si utilizza l’acido fluoridrico per condiziona-
cementate in modo adesivo e il follow-up fi- re i restauri in ceramica, le specifiche del produttore
nale, quattro settimane dopo il trattamento. devono essere osservate scrupolosamente. Il disili-
La gengiva era esente da qualunque irritazio- cato di litio IPS e.max Press deve essere mordenza-
ne e le corone erano ben armonizzate con i to per 20 secondi se si utilizza acido fluoridrico al
denti circostanti. Il notevole miglioramento 5%. Altre vetroceramiche convenzionali richiedono
dell’aspetto dei denti anteriori ottenuto con i 60 secondi di mordenzatura. DeguDent (DENTSPLY)
restauri in ceramica integrale sui denti 11 e 21 raccomanda di mordenzare il suo materiale CELTRA
è visibile nell’immagine ravvicinata mostrata per 30 secondi. Il tempo di reazione di Monobond
in Fig. 14. Per la prima volta dopo tanti anni, Etch & Prime è di 60 secondi per tutti i tipi di ce-
la paziente è ritornata nuovamente a sorridere ramica. Quindi, rappresenta un primo passo nella
(Fig. 15). direzione della prevenzione degli errori. Rimane da
vedere se studi esterni possono confermare l’effi-
_Conclusione cacia del prodotto nell’instaurare un’adesione sulle
ceramiche diverse da quelle di Ivoclar Vivadent.
Bisogna aver coraggio per utilizzare pro-
dotti e procedure innovativi, come quelli de- L’articolo è stato pubblicato su
scritti in questo articolo. Non sono ancora Cosmetic Dentistry International, n. 1 2016
disponibili dati clinici adeguati, per non par-
lare della necessità di studi a lungo termine.
Nonostante ciò, da qualche parte bisogna ini- _contatto
ziare. Per quei clinici che vogliono fare a meno
dell’acido fluoridrico, più prima che dopo, il Il prof. Claus-Peter Ernst lavora presso la Johannes Gutenberg University di
primer autocondizionante per ceramiche ve- Mainz Medical Center’s Policlinic per odontoiatria restaurativa a Mainz in Germania.
trose qui descritto può costituire una valida E-mail: ernst@uni-mainz.de.
alternativa.

O
NUOV

Monobond Etch & Prime


®

Primer automordenzante per vetroceramica

Mordenza e silanizza in
un solo passaggio
www.ivoclarvivadent.it
Ivoclar Vivadent s.r.l.
Via Isonzo 67/69 | 40033 Casalecchio di Reno (BO) | Italy | Tel. +39 051 6113555 | Fax +39 051 6113565
case report _ restauro in composito

Case report. Restauro eseguito


utilizzando le matrici Pro-Matrix
e il composito Enamel Plus HRi
Autore_Dr. Ash Rayarel, Inghilterra

_Caso clinico 1 Il materiale composito ha premesso di ese-


guire il restauro estetico in modo semplice, luci-
Caso clinico realizzato con ausilio di matrici dandolo perfettamente con il sistema Enamel Plus
monouso Pro-Matrix (misura verde) e composito Shiny. Il sistema di matrici Pro-Matrix ha fornito
Enamel Plus HRi dentina UD2 e smalto UE2 (Mi- un eccellente punto di contatto. È stata inserita
cerium SpA). anche una piccola caratterizzazione occlusale.

Fig. 1 Fig. 2

Fig. 1_Visuale occlusale pre-


operativa.
Fig. 2_Isolamento con diga in gomma
e preparazione di cavità.
Fig. 3_Posizionamento delle matrici
Pro-Matrix.

Fig. 3

34 cosmetic
dentistry 3_2016
case report _ restauro in composito

Fig. 4 Fig. 5

Ritengo che il composito Enamel Plus HRi si _Caso clinico 2 Figg. 4-5_Restauro finale dopo
modelli in modo agevole e si possa rifinire e luci- controllo occlusale e lucidatura
Caso clinico realizzato con ausilio di ma- effettuata con il kit Enamel Plus Shiny
dare facilmente. Raccomando l’utilizzo combina- Micerium.
to del composito Enamel Plus HRi e delle matrici trici monouso Pro-Matrix e composito Ena-
Pro-Matrix in tutti i casi di restauri in composito mel Plus HRi dentina UD2 e smalto UE2 (Figg.
posteriori interprossimali (Figg. 1-5). 6.-10; Fig. 11).

Fig. 6 Fig. 7

Fig. 8 Fig. 9

Fig. 6_Visuale occlusale pre-


operativa.
Fig. 7_Isolamento con diga in gomma
e preparazione di cavità.
Fig. 8_Posizionamento delle matrici
Pro-Matrix.
Figg. 9-10_Restauro finale dopo
controllo occlusale e lucidatura
effettuata con il kit Enamel Plus Shiny
Micerium.
Fig 11_Matrici monouso Pro-Matrix e
Fig. 10 Fig. 11
composito Enamel Plus HRi.

cosmetic
dentistry 3_2016 35
case report _ sbiancamento

Lo sbiancamento
post-igiene diventa
un trattamento per tutti
Autori_C. Lorenzi & A. Genovesi, Italia

Fondazione Istituto Stomatologico _È affascinante notare come un leggero dei pazienti e delle nuove normative, introdu-
Toscano, Lido di Camaiore (LU) cendo prodotti studiati per tutte le esigenze
cambiamento di colore dei denti possa illumi-
nare tutto il volto di chi decide di sottoporsi e sempre meno aggressivi.
a un trattamento sbiancante. Se da una parte
le leggi europee hanno introdotto limitazio- _Case report
ni nell’uso di alte percentuali di perossidi e Si è presentato alla nostra attenzione un
demandato esclusivamente al professionista paziente di 34 anni, fumatore (2 sigarette al
dentale il loro uso, dall’altra la richiesta este- giorno), in buona salute sistemica e privo di
tica e cosmetica registra un costante incre- alcuna sintomatologia odontoiatrica. La visita
mento. Sempre più pazienti ci chiedono di era prevista per la seduta di igiene periodica
migliorare il proprio sorriso, compresi quelli ma, come sempre più spesso accade, ci è sta-
che fino a ora venivano ritenuti non idonei al to anche richiesto di migliorare il colore dello
trattamento sbiancante. smalto per rendere il sorriso più luminoso.
Il cambiamento degli stili di vita – abbia- Durante l’esame obiettivo si evidenzia-
mo sempre meno tempo libero – e l’innalza- no alcune piccole recessioni e abrasioni che
mento dell’età media – che comporta sempre non verranno trattate durante un eventuale
più facilmente la presenza di recessioni e ot- sbiancamento, procediamo quindi con la se-
Fig. 1_Posizionamento turazioni o protesi che non cambiano colore duta di igiene di mantenimento. Al termine
(senza protezione gengivale)
del gel BlancOne Click.
con il semplice sbiancamento – richiedono presentiamo al paziente le varie tipologie di
Fig. 2_ Gel BlancOne Click dopo
interventi mirati che non sempre il paziente trattamenti sbiancanti per scegliere insieme
8 minuti di foto attivazione è disposto ad affrontare. Per questo i produt- quale sia il procedimento più indicato per le
con lampada ad arco. tori stanno andando incontro alle richieste sue esigenze.

Fig. 1 Fig. 2

36 cosmetic
dentistry 3_2016
Abbiamo reinventato
lo sbiancamento dentale per voi!

Subito dopo l’igiene dentale!


Senza protezione gengivale!
In soli 10 minuti!

da 9,90 €
a trattamento

Attirate nuovi clienti


Sbiancamento veloce
dopo ogni igiene dentale
BlancOne CLICK (CP 16%) - 10’

Moltiplicate i vostri ricavi


Sbiancamento completo in studio
BlancOne TOUCH (CP 16%) - 20’
BlancOne ULTRA (HP 29%) - 12’

App BlancOne PRO

Fidelizzate i vostri pazienti


Registrazione del trattamento
Comunicazione col paziente
Mantenimento personalizzato
IDS SpA - Italy - 17100 Savona
Via Valletta San Cristoforo, 28/10
Tel. 019 862080 - info@idsdental.it
www.idsdental.it www.blancone.eu
case report _ sbiancamento

Fig. 3_Presa del colore iniziale A2.


Fig. 4_Presa del colore finale A1.

Fig. 3

Fig. 4

Scegliamo il trattamento BlancOne Click e rileviamo un A2. Quindi posizioniamo in


(IDS) per le sue caratteristiche uniche: utilizza modo uniforme sulle superfici del sorriso il
perossido di carbamide al 16% (HP < 6%) e gel precedentemente miscelato che appare di
permette di eseguire un passaggio di sbian- un colore rosso intenso, dopodiché poniamo
camento veloce e indolore senza la necessità di fronte alla bocca la lampada ad arco Blan-
di posizionare la diga di protezione sulle gen- cOne Arcus in modo che il fascio di luce sia
give. Possiamo quindi eseguirlo subito dopo il più perpendicolare possibile alle superfici e
la seduta di igiene orale, riducendo i tempi e fotoattiviamo il gel per 8 minuti. Al termine,
di conseguenza anche i costi, sia allo studio si nota che il gel si è gonfiato e si presenta
sia al paziente. Inoltre, per via della ridotta ricco di bollicine di ossigeno liberato, neces-
percentuale di perossido utilizzato, siamo sario per la reazione chimica di ossidazione.
sicuri di effettuare un trattamento delicato Infine rimuoviamo il gel e dopo aver fatto
che non aggredisce in alcun modo le superfici sciacquare bene la bocca del paziente, pro-
dentali e quindi non provocherà la comparsa cediamo con la presa del colore finale che
di una spiacevole ipersensibilità. risulta A1.
Ultima peculiarità, ma non per importan- Il paziente si è dimostrato molto soddi-
za, è quella di illuminare il sorriso senza stra- sfatto del risultato ottenuto in così poco
volgere l’armonia del viso, il trattamento ha tempo, senza nessun effetto collaterale e con
dimostrato un potere sbiancante di circa 4-5 una spesa minima, tanto che ha dichiarato
tonalità, creando quindi un gradiente limitato di volere effettuare il trattamento BlancO-
rispetto a recessioni, otturazioni e manufatti ne Click a ogni seduta di mantenimento se-
protesici. mestrale. Questo dimostra che i trattamenti
Dopo aver posizionato l’apribocca per di- sbiancanti possono essere anche validi stru-
varicare le labbra, rileviamo il colore iniziale menti per la fidelizzazione del paziente e un
confrontando i denti con la scala colori Vita incentivo al mantenimento della salute orale.

38 cosmetic
dentistry 3_2016
news _ medicina estetica

Chirurgia plastica: l’Italia è


il nono Paese al mondo per
numero di trattamenti estetici
_L’Italia è il nono Paese al mondo per trat-
tamenti estetici eseguiti. Una realtà certificata dal
sondaggio condotto dall’International Society of
Aesthetic Plastic Surgery (ISAPS), la più grande as-
sociazione al mondo di chirurghi plastici estetici, che
anche quest’anno ha condotto un’indagine sui prin-
cipali trattamenti estetici realizzati nel 2015.
In tutto, nel 2015 sono stati eseguiti 9.641.000
interventi di chirurgia estetica e 21.696.000 tratta-
menti di medicina per un totale di 31.337.000, un
milione in più rispetto al 2014. Il trattamento più
eseguito in assoluto è la tossina botulinica, che con-
tinua a sovrastare gli altri sia tra gli uomini sia tra le
donne, con oltre 4,6 milioni di trattamenti.
In medicina estetica, molto popolare è anche l’aumento della presenza maschile negli studi me-
l’acido ialuronico (2.800.000 interventi, al secondo dici dei chirurghi plastici. Pur essendo il mondo del-
posto), che ha registrato una crescita del 6,5% dal la bellezza ancora dominato dalle donne (con oltre
2014 al 2015. 8 milioni di interventi, l’84,7% del totale), quasi un
In chirurgia, invece, l’aumento del seno continua milione e mezzo di trattamenti estetici e operazioni
a essere l’intervento più eseguito tra le donne (quasi hanno riguardato gli uomini, per il 15,3% del totale:
un milione e mezzo di interventi), con una crescita nel 2014 la percentuale era del 13,7%. Per quanto
del 10,4% rispetto al 2014, mentre la blefaroplastica riguarda l’aumento del seno in ragazze minorenni,
risulta essere il più amato dagli uomini. l’Italia è l’unico Paese tra quelli nella top ten a non
I dati del sondaggio ISAPS sono stati raccolti averne eseguiti. Anche negli altri Paesi la ragione
grazie a un questionario inviato a circa 35.000 chi- principale dell’intervento è sempre dovuta a qualche
rurghi plastici di tutto il mondo. Le risposte analiz- motivo congenito, ma non manca chi l’ha fatto per
zate da Industry Insight – azienda statunitense indi- motivi cosmetici: il 37,9% in Brasile, il 44,7% in Mes-
pendente specializzata in queste ricerche da oltre 15 sico e il 41,8% negli Stati Uniti.
anni – sono state 1.398. L’indagine ISAPS fornisce dati anche per quanto
«La ricerca ISAPS è la più completa a livello riguarda il turismo medico nel 2005: in Italia un pa-
mondiale, anche se sono molti i limiti di una ricerca ziente su 10 proviene da un altro Paese, in particola-
condotta su così ampia scala», dice Eugenio Gandol- re Russia, Romania e Svizzera.
fi, presidente dell’Associazione italiana di Chirurgia «L’Italia è considerata un punto di riferimento
plastica estetica (AICPE). «Il sondaggio offre tuttavia mondiale nella chirurgia estetica, come dimostrano
una panoramica su quello che sta accadendo nel i pazienti che arrivano anche da lontano per farsi
campo dell’estetica a livello mondiale». Tra i Paesi operare dai nostri specialisti», spiega il presidente
che hanno effettuato il maggior numero di trat- Gandolfi. «Resta sempre la raccomandazione a ri-
tamenti, al primo posto c’è la conferma degli Stati volgersi a professionisti qualificati: AICPE ha siglato
Uniti, con oltre 4 milioni di interventi, il 18,6% del con ISAPS una “aesthetic alliance” per lo sviluppo di
totale, seguiti dal Brasile (poco più di 2.300.000, una chirurgia estetica di qualità e sensibile al tema
10,7%) e Sud Corea (1.150.000, 5,3%). L’Italia è nona fondamentale della sicurezza del paziente».
con 418.760 interventi (1,9% del totale).
L’altra tendenza che emerge dai dati ISAPS è _Surgical Tribune Italia

cosmetic
dentistry3_2016 39
industry report _ medicina rigenerativa

Concentrated Growth
Factors (CGF): protocollo
e caratterizzazione

_Il CGF (Fig. 1) è un concentrato piastrinico au- _Come si prepara il CGF


tologo, inizialmente sviluppato da Sacco nel 2006,
ottenuto da un semplice prelievo di sangue venoso, Il CGF è ottenuto tramite un semplice prelievo
successivamente sottoposto a uno standardizzato di sangue, utilizzando provette in polietilene rive-
protocollo di separazione per mezzo di un’apposita stite con micro particelle di silice, o in vetro, senza
centrifuga (Medifuge 200, Silfradent, Forlì, Italia), l’aggiunta di sostanze esogene (Fig. 2). Una volta
senza l’aggiunta di sostanze esogene. La principale eseguito il prelievo, i campioni di sangue vengono
caratteristica del CGF risiede nella sua consistenza: immediatamente centrifugati, utilizzando un’ap-
si tratta, infatti, di una matrice organica ricca in fi- posita centrifuga (Medifuge, Silfradent) (Fig. 3).
brina, in grado di “intrappolare” piastrine e leucociti Oltre alla centrifuga dedicata, il materiale ne-
e rilasciare fattori di crescita; elementi che insieme cessario per preparare il CGF è il seguente:
svolgono un ruolo importante nei processi di rigene- 1_ disinfettante;
razione. Se, da una parte, i fattori di crescita rilasciati 2_ laccio emostatico;
dalle piastrine e dai leucociti sono importanti per 3_ ago da prelievo (Butterfly);
stimolare la rigenerazione cellulare, dall’altra, la rete 4_ cerotti;
di fibrina costituisce un valido scaffold temporaneo. 5_ provette Vacuette (Greiner Bio-One,
GmbH, Kremsmunster, Austria) o provet-
te in vetro (Silfradent, Forlì, Italia);
Fig. 1_Concentrated Growth
6_ rack porta provette.
Factors (CGF).
Fig. 2_Materiali per la preparazione _Centrifuga CGF Medifuge
del CGF.
(Silfradent)

_Caratteristiche:
_ centrifuga da banco dedicata alla produ-
zione di CGF, con un apposito rotore a ve-
locità alternate e controllate, con un’ac-
celerazione sempre al di sotto di 300 RCF;
_ il dispositivo medicale Medifuge, consen-
Fig. 1 te di utilizzare fino a 8 provette, a gruppi
di due, per la preparazione del CGF;
_ un sistema di controllo a microproces-
sore consente di mantenere la velocità
costante;
_ l’eccezionale sistema del rotore con auto-
ventilazione protegge il prelievo ematico
Fig. 2
da un eccessivo innalzamento della tem-

40 cosmetic
dentistry 3_2016
industry report _ medicina rigenerativa

peratura. Il vano porta rotore, lo sportello Fig. 3_Medifuge 2000 Silfradent.


di chiusura e le camicie portaprovette
garantiscono la sicurezza biologica in
termini di biocontenimento, in caso di
rottura accidentale delle provette;
_ le camicie portaprovette e il rotore sono
costruiti in materiale termico-antistatico e
antimagnetico, facilmente pulibile, estrai-
bili e sterilizzabili in autoclave a 135°;
_ Medifuge è dotata inoltre di un ciclo di
decontaminazione con luce riflessa UVC,
della durata di 5 minuti a 1000 giri;
_ il motore a controllo elettronico e la sua
componentistica interna non richiedono
una manutenzione specifica. Il livello di
rumorosità è al di sotto degli standard
richiesti e non supera i 57 dBA.
Fig. 3
_Protocollo di centrifugazione per il
CGF (one step protocol) _Cellule del sangue
30’’ accelerazione Nel CGF sono presenti eritrociti, leucociti e
2’ 2.700 rpm/735 g piastrine. Gli eritrociti sono presenti nella parte
4’ 2.400 rpm/580 g rossa del CGF; i leucociti sono localizzati princi-
4’ 2.700 rpm/735 g palmente nell’interfaccia tra la parte bianca e la Fig. 4_Strati presenti nella provetta
3’ 3.000 rpm/905 g parte rossa del CGF (Fig. 5). dopo centrifugazione.
33’’ decelerazione e stop Le piastrine sono localizzate principalmente Fig. 5_Distribuzione di eritrociti
Al termine della centrifugazione, in ciascuna in prossimità dell’interfaccia tra la parte bianca e e leucociti nel CGF.
provetta di sangue si possono evidenziare tre la parte rossa, sebbene degli aggregati piastrinici Fig. 6_Immunoistochimica
strati (Fig. 4): siano presenti in tutto il CGF (Fig. 6). delle piastrine per CD61.
1_ uno strato superiore, che rappresenta la
fase liquida del plasma, denominata “pla- Fig. 5
sma povero di piastrine” (PPP – Platelet
Poor Plasma);
2_ uno strato inferiore, costituito princi-
palmente da eritrociti (RBC – Red Blood
Cells);
3_ uno strato intermedio, denso e gelatino-
so, che rappresenta il CGF, che si conti-
nua inferiormente con la parte rossa.

_Biologia del CGF


Il CGF è costituito da una rete di fibrina che
“imbriglia” molti componenti cellulari del sangue,
che ne determinano le attività terapeutiche di Fig. 6
tipo rigenerativo.
_Rete di fibrina
L’utilizzo della microscopia elettronica (SEM
– Scanning Electron Microscopy) ha permesso di
osservare che la rete di fibrina del CGF è costitu-
ita da elementi fibrillari sia sottili sia spessi (Ro-
della et al., 2011). Inoltre, la rete di fibrina si pre-
senta fortemente compatta con maglie strette,
in prossimità dell’interfaccia tra la parte bianca e
la parte rossa del CGF, mentre diventa più lassa a
mano a mano che ci si allontana da questa (Bor-
Fig. 4
sani et al., 2015).

cosmetic
dentistry 3_2016 41
industry report _ medicina rigenerativa

_Rilascio “in vitro” di fattori di teliali umane (Borsani et al., 2015);


crescita dal CGF _ cellule di Schwan (Qi et al., 2016).

La cinetica di rilascio “in vitro”, di alcu- _Applicazioni cliniche del CGF


ni fattori di crescita del CGF ha permesso
di osservare che questa è specifica per cia- Il CGF rappresenta un valido ausilio nel
scun fattore (Borsani et al., 2015). Alcuni di campo della medicina rigenerativa, per acce-
essi, come TNF-a, hanno un rilascio rapido lerare i processi di rigenerazione, mostrando
e raggiungono il massimo accumulo dopo un talvolta proprietà rigenerative e versatilità di
giorno; altri, come IGF-1 e BMP-2, hanno un utilizzo maggiori rispetto ad altri preparati
rilascio più lento e raggiungono il massimo piastrinici (Park et al., 2016).
Il CGF è stato utilizzato nei seguenti am-
accumulo dopo 6-8 giorni; altri ancora, come
biti clinici:
TGF-b1 e BDNF, hanno un accumulo costante.
_ riempimento di alveoli post-estrattivi
_Applicazioni “in vitro” del CGF (Tadic et al., 2014);
_ riempimento di cavità dopo cistecto-
Il CGF è stato testato “in vitro” su diverse mie (Mirkovic et al., 2015);
linee cellulari, mostrando delle ottime capa- _ rialzo del seno mascellare (Chen et al.,
cità proliferative. In particolare è stato uti- 2016; Kim et al., 2014; Del Fabbro et
lizzato su: al., 2013; Sohn et al., 2011; 2009);
_ cellule di midollo osseo di ratto (Take- _ trattamento di recessioni gengivali
da et al., 2015; Honda et al., 2013); (Dogan et al., 2015);
_ cellule staminali del legamento paro- Il CGF può anche essere utilizzato insieme
dontale (Yu et al., 2014); al particolato osseo autologo o a biomateriali
_ fibroblasti, osteoblasti e cellule endo- (Wang et al., 2016; Gheno et al., 2014).

_bibliografia
1. Borsani E., Bonazza V., Buffoli B, Cocchi M.A, Castrezzati S., Scarì G., and PRF Grafts in Adult Dogs: A Comparative Study. Implant Dent.
Baldi F., Pandini S., Licenziati S., Parolini S., Rezzani R., Rodella L.F. 2016 25(3):387-93.
Biological Characterization and In Vitro Effects of Human Concen- 9. Qin J, Wang L, Zheng L, Zhou X, Zhang Y, Yang T, Zhou Y. Concen-
trated Growth Factor Preparation: An Innovative Approach to Tissue trated growth factor promotes Schwann cell migration partly throu-
Regeneration. Biology and Medicine 2015, 7 (5). gh the integrin b1-mediated activation of the focal adhesion kinase
2. Del Fabbro M, Bortolin M, Taschieri S, Weinstein RL. Effect of auto- pathway. Int J Mol Med. 2016, 37(5):1363-70.
logous growth factors in maxillary sinus augmentation: a systematic 10. Rodella LF, Favero G, Boninsegna R, Buffoli B, Labanca M, Scarì G,
review. Clin Implant Dent Relat Res 2013; 15: 205-216. Sacco L, Batani T, Rezzani R. Growth factors, CD34 positive cells, and
3. Dogan SB, Dede FÖ, Ballı U, Atalay EN, Durmuslar MC. Concentrated fibrin network analysis in concentrated growth factors fraction. Mi-
growth factor in the treatment of adjacent multiple gingival reces- crosc Res Tech. 2011; 74:772-7.
sions: a split-mouth randomized clinical trial. J Clin Periodontol. 2015 11. Sohn DS, Moon JW, Moon YS, Park JS, Jung HS. The use of con-
42(9):868-75. centrated growth factors (CGF) for sinus augmentation. Implant
4. Honda H, Tamai N, Naka N, Yoshikawa H, Myoui A. Bone tissue engi- Journal(Japan). 2009; 38:25-35
neering with bone marrow-derived stromal cells integrated with con- 12. Sohn DS, Heo JU, Kwak DH, Kim DE, Kim JM, Moon JW, Lee JH, Park
centrated growth factor in Rattus norvegicus calvaria defect model. J IS. Bone regeneration in the maxillary sinus using an autologous fi-
Artif Organs. 2013 16(3):305-15. brin-rich block with concentrated growth factors alone. Implant Dent
5. Gheno E, Palermo A, Buffoli B, Rodella LF. The effectiveness of the 2011; 20: 389-395
use of xenogeneic bone blocks mixed with autologous Concentrated 13. Tadic A, Puskar T, Petronijevic B. Application of fibrin rich blocks with
Growth Factors (CGF) in bone regeneration techniques: a case series. concentrated growth factors in pre-implant augmentation procedu-
J Osseointegr 2014; 6: 37-42. res. Med Pregl. 2014; 67:177-80.
6. Kim JM, Sohn DS, Bae MS, Moon JW, Lee JH, Park IS. Flapless transcre- 14. Wang T, Wu Q, Qu Y, Gong P, Yu H, Man Y. In-Situ Onlay Grafting
stal sinus augmentation using hydrodynamic piezoelectric internal Combined with Titanium Mesh for Three-Dimensional Reconstruction
sinus elevation with autologous concentrated growth factors alone. of the Anterior Maxillary Ridge. Int J Periodontics Restorative Dent.
Implant Dent 2014; 23: 168-174. 2016 36(1):95-101.
7. Mirkovic S, Djurdjevic-Mirkovic T, Pugkar T. Application of concen- 15. Yang LM, Liu ZZ, Chen SP, Xie C, Wu B, “The Study of the Effect of
trated growth factors in reconstruction of bone defects after remo- Concentrated Growth Factors (CGF) on the New Bone Regeneration of
val of large jaw cysts--the two cases report. Vojnosanit Pregl. 2015 Immediate Implant”, Advanced Materials Research, 2015, 1088: 500-
72:368-71. 502.
8. Park HC, Kim SG, Oh JS, You JS, Kim JS, Lim SC, Jeong MA, Kim JS, Jung 16. Yu B, Wang Z. Effect of concentrated growth factors on beagle perio-
C, Kwon YS, Ji H. Early Bone Formation at a Femur Defect Using CGF dontal ligament stem cells in vitro. Mol Med Rep. 2014 9(1):235-42.

42 cosmetic
dentistry 3_2016
aziende _ news

Uveneer
L’unico sistema di template per la realizzazione
diretta di faccette in composito
Distribuito in esclusiva mondiale da Ultradent Uveneer evita, durante la fotopolimerizza- Ultradent Italia Srl
Product Inc., Uveneer è l’esclusivo sistema di zione, il formarsi dello strato inibito dall’ossi- info@ultradent.it
Numero verde 800.830715
template che può essere utilizzato con qual- geno garantendo un grado di conversione più www.ultradent.com/it
siasi composito a uso dentale per la realizza- alto inoltre, permette alla luce di passare facil-
zione diretta di faccette, per i casi di III, IV e mente per una polimerizzazione rapida.
V Classe, per provvisori, mock-up e selezione Il sistema di template Uveneer, consente
del colore. di realizzare faccette in composito in un solo
Uveneer è minimamente invasivo ed è sta- appuntamento, con garanzia di elevata qualità
to disegnato per riprodurre velocemente e fa- estetica grazie a risultati prevedibili e ripetibili.
cilmente la forma, la simmetria e la brillantez- Il sistema Uveneer è autoclavabile e inclu-
za del dente naturale. Consente di utilizzare un de un set completo di template trasparenti in
solo colore di composito: i dettagli anatomici misura large o medium. Ogni misura compren-
del template sono tali da produrre un risulta- de 16 template: 8 per l’arcata superiore e 8 per
to finale immediatamente estetico, poiché il l’arcata inferiore (2 incisivi centrali, 2 incisivi
materiale si distribuisce automaticamente con laterali, 2 canini e 2 premolari).
spessori differenti che creano effetti di colore Per informazioni e per richiedere una di-
tipici della tecnica multistrato. mostrazione gratuita: 800.830715.

cosmetic
dentistry 3_2016 43
aziende _ news

F6 SkyTaper
Un nuovo livello di vantaggi
nella sagomatura del canale radicolare
KOMET Italia Srl KOMET ha reso ancora più ergonomiche Non dover disinfettare di nuovo, ripulire,
Via Fabio Filzi 2 – 20124 Milano e sicure tutte le operazioni necessarie allo risterilizzare e risistemare gli strumenti ca-
Tel.: 02.67076654
info@komet.it
svolgimento della terapia canalare. Dall’aper- nalari nei portastrumenti aumenta concreta-
www.komet.it tura della cavità d’accesso, con gli strumen- mente l’ergonomia dello studio. L’assistente
ti del kit LD1250A, fino all’otturazione con sa di dover approntare una spugnetta endo-
otturatori o coni di gutta, KOMET propone dontica formata da pochi strumenti: KFile,
per ogni passaggio operativo una gamma di Opener (unico strumento pluriuso), PathGli-
strumenti, tra loro integrati, per rispondere der e strumento di sagomatura F6 SkyTaper
alle necessità di ogni singolo operatore. Per del diametro prescelto. Tranne l’Opener, tutti
il momento della sagomatura, KOMET propo- gli altri strumenti si gettano dopo l’uso. Il
ne F6 SkyTaper, una serie di 5 strumenti NiTi rischio di infezioni crociate risulta pertanto
estremamente flessibili e taglienti, grazie alla pressoché azzerato.
sezione a doppia S, disponibili in 5 diametri: Con F6 SkyTaper KOMET propone una
020, 025, 030, 035, 040; e in 3 lunghezze: strumentazione endodontica sicura, flessibile
L21, L25, L31. Tali strumenti sono forniti in ed efficiente, a tutto vantaggio del paziente
blister presterilizzati, in modo da poter essere e dell’operatore.
impiegati da subito sul paziente. Per provare i nuovi strumenti endo KO-
Gli F6 SkyTaper sono pensati monodente, MET, basta chiedere ai concessionari KOMET
oppure monopaziente, per sagomare fino a 4-5 l’Intro-Set F6 SkyTaper.
canali di un paziente. La ten-
denza a impiegare strumenti
endo in modalità single file è
nata alcuni anni fa. Molti pa-
zienti si sono detti disposti a
pagare qualcosa in più la cura
endodontica, se hanno la cer-
tezza che il clinico utilizzi su di
loro strumenti non solo sterili,
ma anche nuovi, mai utilizzati
prima su altri pazienti.
La sicurezza derivante
dall’impiego di strumenti sem-
pre nuovi è enorme. L’utilizzo
di strumenti sempre nuovi
riduce il rischio frattura, con
la conseguenza che anche la
produttività in fase di sago-
matura aumenta fino al 40%!
Tutto ciò consente al clinico di
prestare più attenzione, per
esempio al momento della di-
sinfezione, con il risultato che
il livello qualitativo delle pre-
stazioni risulta ulteriormente
incrementato.

44 cosmetic
dentistry 3_2016
Contatti
Tueor Servizi s.r.l.
Adamo Buonerba
Via Domenico Guidobono, 13, 10137 Torino
CO R S I | D I S C U S S I O N I | B LO G | G U I DA
Tel: 011 3110675, Fax: 011 3097363
Email: adamo.buonerba@tueorservizi.it

HOME LIVE WEBINAR CORSI ONLINE ARTICOLI/CORSI ECM COMITATO CONTATTI

WEBINAR REGISTRATO CORSO GRATUITO

CORSO SPONSORIZZATO DA

Aquasil ULTIMATE:
A new impression philosophy
Dr. Mario Semenza

L’analisi della letteratura recente ci permette di comprendere che molti dei


fallimenti protesici sono legati a un cattivo trasferimento dei dati anatomici dallo
studio al laboratorio.

Per ottenere con costanza impronte di qualità, l’operatore dovrà conoscere appieno le
caratteristiche dei materiali e gestire in modo corretto la procedura clinica.

L’impronta di precisione è uno dei momenti più importanti dei trattamenti odontoiatrici
che sfruttano tecniche indirette. Per ottenere risultati ottimali è necessario conoscere
le procedure cliniche e utilizzare le tipologie di materiali più adatti allo specifico
caso clinico. A tale proposito, le procedure di ultima generazione possono risultare
particolarmente utili.

www.dtstudyclub.it
eventi _ AIOP

A Bologna il prossimo novembre


la 35a edizione del Congresso
internazionale AIOP
_Nel prossimo mese di novenbre, dal 17 al dì 18 e sabato 19 novembre. Stanno cambiando i
19, presso il Palazzo dei Congressi di Bologna, si nostri piani di trattamento? Ci aspetta un futuro
rinnoverà l’appuntamento con l’evento protesico senza corone, senza metallo e senza riabilitazioni
più importante dell’anno: il Congresso Internazio- complesse? A queste domande, e a tante altre an-
nale AIOP, che giunge nel 2016 alla 35a edizione. cora, risponderanno gli esperti presenti all’evento,
Come di consueto, si parte con il Corso di ag- intitolato “Controversie attuali e prospettive future
giornamento precongressuale, dal titolo “Nuovi in protesi”. Il parterre dei relatori: dott. Martin Kel-
orizzonti nella riabilitazione protesica: tradizione leher, dott. Riccardo Becciani, dott. Urs Brodbeck,
vs. innovazione”, in programma giovedì 17 no- dott.ssa Mutlu Özcan, dott. German Gallucci, dott.
vembre, che sarà tenuto dal dott. Mauro Fradeani Yu Zhang, dott. Marco Valenti, prof. Nico Creugers,
e dall’odt. Giancarlo Barducci. I due relatori guide- prof. Carlo Marinello, odt. Roberto Bonfiglioli, dott.
ranno i partecipanti – clinici e tecnici – in un viag- ssa Katja Nelson e odt. Jürgen Mehrhof. L’evento
gio di formazione con le fondamenta in un solido sarà arricchito dalla partecipazione di Thomas Sing,
passato, ma pensato al presente e proiettato nel uno degli odontotecnici più apprezzati al mondo,
futuro. Partendo dalle premesse per un corretto che terrà un corso live, venerdì 18 novembre, dal
approccio multidisciplinare e per una accurata va- titolo “Tecnologia vs. materiali: estetica e funzione
lutazione delle terapie da mettere in atto, illustre- nelle riabilitazioni protesiche”. Non mancheran-
ranno le modalità terapeutiche e i materiali cera- no, nell’ambito del Congresso, le ormai consuete
mici da utilizzare sia nei casi in cui siano coinvolti sessioni parallele; il venerdì si terrà il Corso AIOP
solo i denti naturali, sia in quelli in cui siano stati DENTURES dal titolo “Non solo dentiere: l’approc-
invece posizionati impianti nel settore anteriore. cio moderno al paziente anziano”; il Corso AIDI in
Verranno esaminate alcune procedure protesiche AIOP per gli igienisti dentali dal titolo “Controversie
che rendono possibile oggigiorno il ricorso a tec- attuali e prospettive future in terapia di supporto”;
niche minimamente invasive, con suggerimenti cli- e il Corso AIOP MANAGEMENT per il personale di
nici e tecnici per il raggiungimento di un risultato studio e laboratorio intitolato “Un futuro tranquil-
eccellente e duraturo. lo: organizzazione razionale e gestione economica
Non mancheranno infine indicazioni sia per dei casi protesici”. Il sabato, invece, il Corso DIGI-
facilitare l’elaborazione di un corretto piano di TAL DENTISTRY@AIOP dal titolo “Un click sul futu-
trattamento che per agevolare il clinico e il tecni- ro: i segreti della fotografia digitale dalle basi allo
co nell’esecuzione dei casi anche grazie alle nuove show”; infine, il Corso AIOP YOUNG “Un futuro a
tecnologie digitali. A seguire, l’appuntamento con denti stretti: un viaggio fra i falsi miti su bruxismo
il XXXV Congresso Internazionale AIOP, di vener- e occlusione”.

www.aiop.com MM CI

P CP

cosmetic
Corso di aggiornamento Precongressuale
46
Nuovi orizzonti nella riabilitazione protesica:
dentistry
3_2016
www.aiop.com MM CI

P CP

Corso di aggiornamento Precongressuale


Nuovi orizzonti nella riabilitazione protesica:
tradizione vs. innovazione
Dr. Mauro Fradeani, Odt. Giancarlo Barducci
I partecipanti riceveranno un sillabo in formato digitale realizzato per l’occasione dai relatori Bologna, 17 Novembre 2016

Controversie attuali
e prospettive future
in protesi
Bologna, 18-19 Novembre 2016
Sessione Clinica 1 Sessioni Parallele
UN FUTURO SENZA CORONE? UN CLICK SUL FUTURO:
NONSOLODENTIERE:
Dr. Martin Kelleher, I SEGRETI DELLA FOTOGRAFIA
L’APPROCCIO MODERNO
Dr. Riccardo Becciani, DIGITALE, DALLE BASI
AL PAZIENTE ANZIANO
ALLO SHOW
Dr. Urs Brodbeck
EM
AG UN FUTURO TRANQUILLO:
Sessione Clinica 2 UN FUTURO A DENTI STRETTI:
MAN

EN

ORGANIZZAZIONE RAZIONALE
UN VIAGGIO FRA I FALSI MITI
UN FUTURO METAL FREE? E GESTIONE ECONOMICA
T

SU BRUXISMO E OCCLUSIONE
DEI CASI PROTESICI
Dr. Mutlu Özcan,
Dr. German Gallucci,
Dr. Yu Zhang,
Dr. Marco Velenti
Sessione Odontotecnica LIVE SHOW
TECNOLOGIA VS. MATERIALI: ESTETICA E FUNZIONE
Sessione Comune NELLE RICOSTRUZIONE PROTESICHE
UN FUTURO SENZA
RIABILITAZIONI COMPLESSE? Thomas Sing, MDT.
Prof. Nico Creugers,
Prof. Carlo Marinello, Corso di Aggiornamento
Odt. Roberto Bonfiglioli, Controversie attuali
Prof. Katja Nelson, in e prospettive future
Jürgen Mehrhof, MDT. in terapia di supporto
eventi _ ANTLO

Flessibilità tra tradizione


e tecnologie digitali
Il punto della situazione dopo il Congresso
nazionale degli odontotecnici italiani ANTLO
_Commentando il Congresso naziona- Ma questo basta ai fini del risultato? I giovani
le degli odontotecnici italiani ANTLO, svoltosi hanno ancora bisogno del “guru” che da molti anni
gli scorsi 23-24 settembre, potremmo iniziare con svolge tradizionalmente la professione?
«Come da tradizione…». Nelle conclusioni, i relatori evidenziano le diffe-
Confermato il Palacongressi d’Abruzzo a Mon- renze di approccio ai pazienti con il digitale di una
tesilvano, confermate le presenze degli anni pre- nuova categoria di giovani odontoiatri nel mondo:
cedenti, per la seconda volta il premio “Spatola hanno buona cultura, si sono preparati bene e ven-
d’oro” e la tavola rotonda sindacale, ottimi relato- gono anche da Paesi dietro le “quinte” e hanno una
ri tecnico-scientifici, una ricchissima esposizione motivazione molto forte. Sono rapidissimi nell’ap-
merceologica, cena sociale allettata dall’Antloband prendimento, un anno o due, mentre noi – riferen-
in riva al mare e, per concludere, la degustazione dosi alla platea italiana – ci mettiamo dieci anni per
dei prodotti regionali. apprendere o decidere di cambiare il nostro modo
Guardando invece alle novità interessanti per i di lavorare sia come medici sia come odontotecnici.
lettori, elencherei i tavoli tecnici precongressuali delle «Capisco che è molto faticoso, ma dovete cam-
aziende, la relazione di Alwin Schönenberger e Giu- biare il vostro laboratorio – così Schönenberger
seppe Voce sulla collaborazione tra generazioni e la esorta la platea –. Se i medici richiedono anche ciò
relazione con le tecniche digitali, gli aggiornamenti che avete fatto negli ultimi quindici anni, dovete ri-
sulle normative relative ai dispositivi medici e ai cam- cavare uno spazio per apprendere e attrezzarvi in
biamenti-opportunità-minacce, a cura di Dino Malfi. un modo diverso per rientrare nei parametri nuovi
Per quanto riguarda il contributo della Scuola di del mercato».
Zurigo, egregiamente riferita in italiano sia da Voce Rimane il fatto che ci sono due metodi di lavo-
sia da Schönenberger, parto dalle domande poste razione: quello tradizionale e quello con tecnologie
nell’abstract per riferire gli scenari proposti dai rela- digitali. Oggi molti odontoiatri vanno nella direzione
tori. Il corretto utilizzo dei sistemi digitali, oggi, è un dell’odontoiatria mininvasiva, dove le preparazioni
punto centrale nell’odontotecnica e i giovani hanno, hanno un ruolo fondamentale. Alcuni casi vengo-
Apertura di ANTLOmeeting con la loro dimestichezza all’utilizzo del computer, no risolti additivamente e non sottrattivamente: in
Montesilvano2016. molte potenzialità. questo senso il lavoro odontotecnico deve essere
aggiornato imparando una nuova strategia di stra-
tificazione.
Ma questo va di pari passo con le tecniche e i
modelli digitali? La risposta è no! Ci sono dei lavori
che vanno fatti analogicamente e in alcuni casi il
goal è rappresentato dal modello classico.
La conclusione è dunque che il tecnico moder-
no deve sviluppare un’elasticità decisionale, saper
percorrere le due strade, personalizzare la scelta da
caso a caso e avere (e saper usare) anche diversi
tipi di materiale da utilizzare, per poter decidere di
volta in volta.

_Patrizia Gatto

48 cosmetic
dentistry 3_2016
®

Centro di Alta Formazione in Implantologia


Direttore scientifico: Tiziano Testori MD DDS FICD

CORSI NAZIONALI 2017 Relatori:


Tiziano Testori
Giovanna Perrotti
Fabio Scutellà
Francesca Bianchi

Tutors:
Matteo Invernizzi
Christian Monti
Paolo Gilardoni
Nicolò Vercellini
Massimiliano Politi
Tommaso Weinstein
Samuele Cavuoto
Michela Spreafico

Relatori Ospiti:
Antonio Cerutti
Renzo Guarnieri
Mario Mantovani
Alessandro Motroni
Jason Motta Jones
Antonio Pelliccia
Manuela Uberti
Francesco Vedove
Giuseppe Vignato
Francesco Zuffetti

INTERNATIONAL COURSES 2017


Immediate loading
Soft tissue management
Maxillary sinus surgery and alternatives in treatment

Per informazioni ed iscrizioni: Segreteria Corsi & Congressi Lake Como Institute®
Via Rubini, 22 - 22100 Como
Tel. 031/2759092 - Fax 031/243027 - e-mail: info@lakecomoinstitute.com

www.lakecomoinstitute.com
l’editore _ gerenza

Cosmetic Dentistry Italian Edition


Supplemento n. 2 di Dental Tribune Italian Edition, anno XII n. 10

Publisher/President/CEO International Media Sales Comitato scientifico


Torsten R. Oemus Matthias Diessner (Key Accounts) Giancarlo Barducci
t.oemus@dental-tribune.com Melissa Brown (International) Valerio Bini
Antje Kahnt (International) Ezio Campagna
Chief Financial Officer Gaetano Calesini
Dan Wunderlich Peter Witteczek (Asia Pacific)
Antonio Cerutti
Weridiana Mageswki (Latin America) Matteo Chiapasco
Managing Editor Maria Kaiser (North America) Ezio Costa
Patrizia Gatto Hélène Carpentier (Europe) Lorenzo Favero
patrizia.gatto@tueorservizi.it Barbora Solarova (Eastern Europe) Claudio Lanteri
Gianni Maria Gaeta
Scientific Editor Francesco Mangani
Angelo Putignano International Offices Domenico Massironi
Executive Producer Europe Gianna Maria Nardi
Gernot Meyer Dental Tribune International GmbH Giovanni Olivi
g.meyer@dental-tribune.com Contact: Nadine Dehmel Andrea Puntoni
Holbeinstr. 29, 04229 Leipzig, Germany Daniele Rondoni
Design Manager Tiziano Testori
Tel.: +49 341 48474-302
Angiolina Puglia Fernando Zarone
Fax: +49 341 48474-173
a.puglia@dental-tribune.com
Redazione italiana
Asia Pacific
Business Development Manager Tueor Servizi Srl - redazione@tueorservizi.it
Dental Tribune Asia Pacific Ltd. Ha collaborato:
Claudia Salwiczek-Majonek
c/o Yonto Risio Communications Ltd. Rottermaier - Servizi Letterari (rottermaier.it)
Event Services/Project Manager Room 1406, Rightful Centre
Sarah Schubert 12 Tak Hing Street, Jordan, Kowloon, Stampa
Hong Kong Löhnert Druck
Event Manager Handelsstraße 12
Lars Hoffmann Tel.: +852 3113 6177
04420 Markranstädt, Germany
Fax: +852 3113 6199
Marketing Services Coordinamento Diffusione Editoriale
Nadine Dehmel The Americas
Addressvitt Srl
Dental Tribune America, LLC
Sales Services Contact: Anna Wlodarczyk Pubblicità
Nicole Andrä 116 West 23rd Street, Suite 500 Stefania Dibitonto
NY 10011, New York, USA s.dibitonto@dental-tribune.com
Tel.: +1 212 244 7181 Alessia Murari
www.dental-tribune.com Fax: +1 212 244 7185 alessia.murari@tueorservizi.it

Copyright Regulations
_ italian edition è una pubblicazione a periodicità trimestrale di Dental Tribune International.
Rivista, immagini e articoli pubblicati sono protetti dal copyright. È quindi proibito qualunque tipo di utilizzo senza previa autorizzazione
dell’Editore, soprattutto per quanto concerne duplicati, traduzioni, microfilm e archiviazione su sistemi elettronici. Le riproduzioni, compresi
eventuali estratti, possono essere eseguite soltanto con il consenso dell’Editore. In mancanza di dichiarazione contraria, qualunque articolo
sottoposto all’approvazione della Redazione presuppone la tacita conferma alla pubblicazione totale o parziale. La Redazione si riserva la fa-
coltà di apportare modifiche, se necessario. Non si assume responsabilità in merito a libri o manoscritti non citati. Gli articoli non a firma della
Redazione rappresentano esclusivamente l’opinione dell’Autore, che può non corrispondere a quella dell’Editore. La Redazione non risponde
inoltre degli annunci a carattere pubblicitario o equiparati e non assume responsabilità per quanto riguarda informazioni commerciali inerenti
associazioni, aziende e mercati e per le conseguenze derivanti da informazioni erronee. Per la foto di copertina: © shutterstock.com.

50 cosmetic
dentistry 3_2016
Dental Tribune Italian Edition
Magazine & Corsi ECM FAD
www.dental-tribune.com Dicembre 2015

AM
4, vol. 3 XI n. 12
Edition, anno Edition, anno
CAD/CAM Italian di Dental Tribune Italian

CADdi/C
n. 2
supplemento

ants
Gennaio 2016

m p l
5, vol. 1 XII n. 1

i
Edition, anno Edition, anno
Implants Italian di Dental Tribune Italian

c
n. 1

i
supplemento

t gi ta l de nt ist ry
Febbraio 2016

o s m e
anno 5, vol. 1

cdentistry
Italian Edition, XII n. 2
Edition, anno
Cosmetic Dentistrydi Dental Tribune Italian
n. 1
Supplemento

magazine of
international
gy
zine of oral implantolo 3
2015

ence national maga

_ beauty & sci


inter

1
2016

1
2016

e CAD/CAM
expert artic
le | case report zazione di coron
| le nella realiz
-sinusali
Impianti trans ne Il flusso digita
results
per la riabilitazio and functional
atrofico special e aesthetics
del mascellare | gy: predictabl
Digital implantolo
w atura
news etic Dentistry: literature revie acts riportati dalla letter rt integrale
industry repo e funzione con lo zirconio
|
|
emy of Cosm ultimi abstr
American Acad ica in ascesa CBCT: |
estet te estetica
Eleva
odontoiatria
agonistici | special
pratica sport come
L’implantologia ontico: caso clinico
case report un paziente che
del sorriso in
|
Il benessere ancoraggio ortod
ici e funzionali
special ti prevedibili estet
|
digitale: risulta
Implantologia

PeRio TRiBUneLaser Tribu


ne www.dental-t
ribune.com

Scovolini
i
le, due grand
n anno XII n. 4on
Editi
• Italia
- TePe
zza e digita
on Laser Dent istry
Aprile 2016
er • Italian Editi Newspaper of
Appropriate fondimento e confronto
Qualità e
dontic Newspap

IMPLAnT TRiBU
The World’s

ne
ribune.com semplicità in
The World’s Perio
www.dental-t
ribune.com ogni dettaglio
www.dental-t

temi di appro ’VI


1 XI n. 9
Allegato n. 2015 - anno
- Settembre
1 Italian Edition
Allegato n. 10
Roma
II
- anno XI n.
dei Docenti di
- Ottobre 2015 di Dental Tribune

all
3
nale Collegio - anno VII n.
lico
Italian Edition

tivo
di Dental Tribune

co e di pubb
Settembre 2015

Stress ossida NBF


1 resso Nazio commentato
in
- anno III n. al XXIII Cong abbondantemente
Ottobre 2015

cesso scientifi O
on

ne Iene TrIBUne
ormai

· Italian Editi
(17-19 marzo), tema dibattuto

ORtho TRIBUH
Lingotto di Torino oggetto lo stesso

Implantology
e gel gengivaleRoma: suc
del Collegio avente come
o Nazionale questo numero, e attualità.

Newspaper of
di stringent
ribune.com dal XXIII Congress Odontostomatologiche punto da diventare

zionale SIL
www.dental-t Il titolo scelto da tempo, al
The World’s
e
ari di Disciplin iatezza di Odon- > pagina 32

AD160006IT
Docenti Universit

Congresso na
per l’appropr

YG
un percorso può
“Choosing wisely, aprile – non

LAB TRIBUNE
dal 14 al 16
TITE si terrà a Roma recente al
o svoltosi di
IMPLAN
toiatria” – che nte Congress
G. Szabó
PER re l’importa

ministeriale
tante
1 non richiama
- anno V n. o è un disturbo e un’impor
eointegrazione
on
| GUIDA
N I | B LO G
zioni orali
n Editi
ssisti
Lo stress ossidativ
Marzo 2016
ISCUSSIO

patologia dell’ost on
CORSI | D
di comunica come la SILO

Nuovo Decreto spaper • Italia


ossi-

• Italian Editi
di serie to

2000 congre la SIdP


La sistemico ento dimostra 2016-02-11 15:35:36
nell’equilibrio presso il dipartim hanno

Newspaper
affermando-
al Hygiene New
sessione poster _IT.indd 1
NTI
Unisciti anti. È il risulta- e 13 giugno, in questi anni, NEWS & COMME cliccati su
_idb_50x75mm
a Roma il 12 della Sa-

ponenti Orthodontic
AD160006_ad
danti e antiossid e maxillo-facciali
The World’s Dent
ne di Si è tenuto abbia ben seminato atria
to per l’odontoi

sugli emocom
iva produzio omatologiche più

The World’s
in odon-
ribune.com
alla comunità a Torino per
di riferimen I temi e gli articoli
to di un’eccess di Scienze odontost o della ribune .comdi laser

#WOHD16
una copia si come punto elevato, la presen- 2
n www.dental-t
specie italiana
Richieda subito brochure comprese le ental-t Società
· Italian Editio
Altro momento e.com
radicali liberi, www.d
pienza, l’VIII
Congress
il vero e il falso www-dental-tribun
aggiornata della patologia Lo laser italiana.
al Lab Newspaper
la dell’ossig eno, o ROS. (SILO). dedicate n. 1 Facts check:
e e limiti “Perimplantite,
azioni 4

ietà come
mente ologia del volume XII n.
ribune.com
reattive come nei tessuti SCO tra le manifest Allegato risposte

The World’s Dent


n. 1 siste- tostomat 2016 - anno
Iscriviti gratuita
tazione- Aprile
i di applicazion
3
ne”. Supplemento XII n.
o può essere localizzato, che fornisce ORALE
www.dental-t 2016 - anno tecnologie basate odontoiatria,
dell’osteointegrazio Italian Edition
BENESSERE & SALUTE
- Marzoossidativ dall’UNE e non
stress corpo, oppure Riconosciuta sul laser in
Novità, ambit
delle

«Vivere la soc scita,


Italian Edition della luce e di Dental Tribune utilizzatori neofiti
NZIONALE ndo l’intero vi-
di Dental Tribune internazionale scientifica e ma efficaci agli
6
vvocato
o
IBRIDO TRIFU
mico, interessa 30
info@biomax.it n. 1 > paginaaveva come titolo “Ricerca ia” e ha ribadito semplici più frequentemente legati all’utilizz
all’Anno marzo 2016
migliaia
Emergenza diabete
commentati dall’A X n. 1 - anno IX
| GUIDA

IL PRIMO Domenica 20 ISCUSSIO N I | B LO G

orali molli.
Aprile 2016 sulla luce, l’evento
CORSI | D

- anno omatolog È seguita quindi in tutto


T. 0444 913410 sui quesiti
Marzo 2016 isti del dentale

Endo Tribune
del laser in odontost scientifico pratica clinica.

di cre
nel primo a Maurizio di profession idealmente

TLO)
ri- sione strategica dell’aggiornamento torinella
cie contro il
Unisciti
del laser

nto
LA PRIMA SUPERFICIE si sono riuniti
1 l’importanza sce organizza II premio dedicato INFOPOINT
- anno VI n.
me
Studenti

Maculan (ANEndo a Roma,


“L’unica superfi scientifica contribui didel
Rimini di SILO. il mondo
LOGICA

mo tis:ia»
NANOTECNO
una volta ancora zione
l’assegnaAIDI Health Day 39
Valore Medio o con valida- o cui una società il World Oral
Marzo 2016 ica la o Universit padre fondatore
per sviluppare si- enti

nti
con cristalli DCD S. Fiorentin di qualità e Impianto T3 schio perimplantite Congress indimenticato AIDI
alla comunità
quest’ott o maste- per celebrare I prossimi appuntam
Complessivo

pla
di BIC nelle prime
www.dtstudyclub.it da e culturale attravers politico di un Paese. In Congresso Universit
mondiale
relative ai requisiti ca supportata
im
e condiviso”:
un alto livello
Sa 1,2 μm Ripari,
a giovani laureati ossia la Giornata a pagina 3

ri-
di il
nato il primo
iciz
sociale e re direttivoÈSILO
(70-80%)
fine del e degli emocom- direttivo con

Pe lavoro, am
con il supporto tesi dedicate alla (WOHD), orale, mettendo al centro
ZONA
due settimane
di attesa, alla curezza del sangue zione scientifi trico e ran- “Personalizzato tailoring domiciliaUmberto Romeo e del Il premio, riservato amento del > Leggi l’articolo
studiosoa Rimini, il 3 marzo, o biennio con
al progresso
Dopo anni CORONALE e un efficace del presidentedel
Bone Gazzet- uno studio multicen questo dev’esser Calissano, eminente svoltosi Italiani e salute naturale avvicend Romeo a Paolo Vescovi.
T1 Tecnologia pubblicato sulla a scelta domiciliare Dentali dai figli del della di il mente
dell’ultim quanto

sis? e
zione rizzatiIgienisti to 23di il Al termine
gratuita
diiconsegne
concetto
pubblica per la gestione
2015 è stato ponenti”. Pietro affianco iazione consegna da Umberto
domizzato con ione a 7 anni.”
pagina zione Iscrivit
ce di Jungo
) il aprire i lavori scientifica dell’Assoc tria laser, è stato Mergoni

is it Laaneocri
Un nuovo metodo personalizzato, a Giovannidell’atten in
(n. 300 del 28.12.2015 invitareoad della sua vita stessi studenti. e Francesca Ripari, una bocca
Dalla performan
Odontoia passaggio
IL PRIMO IBRIDO E ta Ufficiale pagina 20 prevede un protocoll molta parte ma lec- a degli orale e te avere cheSILO
cali del 2016
> Fonte:
DI NUOVA GENERAZION Salute 2 novem- 5 anni ed osservaz biofilm orale i più adatti
ha trascorso
chestrument ni. In una seguitissil’iniziativ professore, Andrea comunicasia zioneimportan
l’occasione la placca e cibo
prima
obiettivi sinda Italian Edition
Valore Medio migliore Per
ndo gli
efficacemente
Decreto Ministero Montalci una per la e i. ro di virus di
presidente SIDO
Levi di premi, uno i di Trieste
condizion
la.
ioni Nobel Rita
e condiviso, seleziona superfi
per contrastare nte22riassunto Ottavianbuone si esaurisca, sottoli-
Complessivo

sulla tavo
titolo “Disposiz creato
agli ambiziosi
Parma. Altri

inato
pagina Federation ha
cie dentale.
er •
al premio andati a Giulia
la perimplantite
Sa 0,3 μm bre 2015 dal RICHARD LAZZARA tology, g 2016 un affascina il tempo del gioco

dontic Newspap
e di ogni tio magistralis ha tracciato poster, sono FDI World Dental
al Spring Meetin
mica risplende
lega-

Denis Cecch
per la detersion per il miglior te documenta- numerosi vantaggi

ll’A P/EP
Journal of Periodon493-501. neando così i
Endo l’Internation platea il contri- i di Roma. una nuova interessan un gioco per
La cera
Safe Rugosità allo studio.

The World’s
T2 Tecnologia portato alla
i pagg. M.R. Norton Miriam Fioravant

Interv ista a
vita dedicata

trollo deuti iata!


i ma anche orgoglios di superficie: Aprile 2010, in .com volta dei denti.
year, whilst speakers hanno Italia con una ribunezione e per la prima ti al lavaggio
are placed each Numerosi invited

e) inc
solo soddisfatt ento, soci da tutta www.dental-t

S TI AM O
ambizioni Mad Mouths.
yclub.it

per il con è com


www.dtstud
Quali sono le di quanto stiamo
facendo. Valore Medio 500,000 implants 2010. il suo primo
esperienz a. Giovani
appuntam ta ne chiamato
> 2
li over

onur
In the US for butoedella loro smartpho i gioca- pagina
2016 e i principa 140,000
si trova ad affrontar . Dental Tribune l’ha intervista il gioco sfida

EREN Procedura cia


Complessivo
ANTLO per il www.biomax.it figure was around n. 1

csvol Proced
Lanciato a marzo,

to PE
nei Supplemento XI n. 11
the UK thatSilvia Allegrini (in foto),

ES ere
2015 - anno
dietro l’angolo Sa 0,3 μm da lei ricoperto nume-

getPR lasmi
> pagina 28 via il maggior
Che cosa c’è te SIDO, rtante ruolo Edition - Novembre

lano
obiettivi?

sul proVI
La nuova presiden tori a spazzolar

le:go
Italian
2016, nell’impo di Dental Tribune
testata.
, non farò rife- prossimi mesi? Spring Meeting ista1e collaboratrice della

uffi g Er
l’International IX n.

PoÈ
In questa intervista del

hin
l’attuazione anno
o Claudia -Tosi,
ortodont

lis
culturale,
programma bre 2015
na tale
Stiamo seguendo

Odontoiatr ia esa (Airres


rimento al società
attravers
Novem
log
contribuire alla

F2 2A LI GN ER alisi sperimen
di- punti
ai propri letto-

Bo
sindacale senza a e su alcuni

a
mo possiamo

so Tecnica, sicurezza e comf


quanto a quello nostro programm prece- far conoscer mo-
tivi do i primi positivi un fatto senza Cecchinato per nte con spon- e viverla come laser Doctor
E CON Italiana
pazie
ng del
obiettivi organizza ma in attacco, LA PRIMA CONNESSION to il dott. Denis della Società l’abilità di esprimere in modo attivo onale dei nuovi
ort
Co An
menticare gli stiamo raccoglien i piani di past president te per lei la tante lavoro, amicizia.

in
convo- 3 LIVELLI DI
INGAGGIO ha intervista in
degli ul- alla vigilia della scompaginato Implant Tribune Cecchinato, implantare
e paro- pensiero e persona- presentazione
internazi te disponibile

za visibili
a prova di test di crescita,
Quanto è importan azione come taneità il proprio
SIE
denti che ha

estetica in asc
alle iniziative PEERS. Denis

La prevalen titeLa tallici A


frutti. Siamo Sarà dura per una tenuta di chirurgia mento della Wiser è finalmen
mia prima
su cui – grazie nazionale interlocutori. Community e ricercatore PEERS (Plat- Dopo il successo il Model
ambiente. Chiunque laserlaa diodo e condiil mercato
di compe- Conferenza Display
etiche si-

degli ioni me tti porta


timi anni e a
allo sviluppo e cazione della in- certi nostri
risultati, ma
siamo gia Connec
tion ri il progetto
logia Osteointe
grata, clinico
2015-2017, della
Community qualità della comunic relatrice lità in qualsiasi 2015, ora il nuovo vita del consiglio
serietà,a IDSDopo affida abili,
cambiare per sempre
polveri contenute
nello spray del
dei gruppi dirigenti sull’Odontoiatria,
che dovrebbe
portare a casa T3 Tecnolo di Implanto per il triennio presidente SIDO,
come
ci troviamo di
fronte, vi legge Smile
ità con scelte
zione alla
tiche destinate C. Sanavia ca è ne condizion
ano
i di colleghi e
all’attacco. partecipa caratteris
tenze specifiche za di far odon- presidente italiano, dellaprofes sional
espres-con nuove
è avvenuta quando
ancora la ricerca tecnologi ti- stema air polishing
accessi alle cure rare la aggressivo,

della parodon
aver giocato dontale, è il , Research and
Science). nostra Italia, e è avvenuta io-
zione dell’esigen centivare gli orgogliosi di www.biomax.it esperta nei confront lievità e sincerità rivoluzion a digitale tridimens vità, ma anche
ista nei NUOV
per miglio deidirettivo
laser dentali. statuto, come tecnica carne le caratteris
lati
consi-
la grande tecnologi
of Education l’o- nella l’efficacia e l’aggressi prodotto può

Il dente ha 5
Ma
an in considera dirigen- lavoro
form for Exchange a a pagina 3 ortodonttro, contesto. globale che mai. impiegato
per rendere ca più riuscita a modifi
ggio dell’Americ
maggior
maturare una
giovane classe
toiatriche e
quindi
riguardo > leggi l’intervist
Un grand
studenti e comee incon tori
sione, in qualsiasi vigeva il vecchio
è più bello e pratico con maggior
oGiorget-
radiologicanella
essere
mo adpaziente
al suo interno, e diagnosti
è un materiale
etria, ma del

i?
routine di granulom la natura chimica
Che cosa ci dice
eden-
EDIZIONE
voluta Oggi Wiser in ambito del polishing
saliva di sogge
Fortemente
tutt
di più. presidenz i
Lo dice un sonda
pazienti? lasempre più ia laser un’esperi
rispettodell’air che in termini
o ottenere molto confronti dei
sviluppi e a situazion a tro- indicazioni all’utilizzo

e li pulisce
durante
anche per noi. dello spazio 6-8alla
novembre gliere
ra rientrano modeste,
piùcome oggi,più
dontoiatrdocente/d iscentetibile, ma la gran- si è anche volta
da ANTLO, ha nella in quantità

Vorrei abbonarmi a:
stry te – potremm e sempre influire sulle
“ambiziosi” per
la difesa nti a l’elezione idealista e smart!per

nti
della Talents’ SIE (Bologna, e raggi rapportomolto
Cosmetic Denti
– il tuo pazient
alla ione seguir al contempo

a Torino
prese mobili Si aspettav nale giovane,
sta dentale dato aldi biocompa
verament meno

es su impia
solitudine Introduzqualità ai Ero

3-D
sono edizione Il 34° Congresso ti. verrà medicale ridotti e la natura
qualche diverse e sempre
i ortodontici
in perfetta terapie, (AP) è
inpolishing dell’igieni
Grande spazio nte una scuola za con gruppi

A volumetr icsis
da Alla prima do al futuro” torna delle
Academy of
Gli obiettivi stata protocolli
ticità dei terreni
trovato inspiegab
ili resistenze professionale? “Guardan lo Spring Meeting per una za o èdell’air
miglior
presiden offrire riaavanzata. proposti nuovi
stata decisame
ed èvengono i a chi ascolta,
vicinissimsia dezza (circa
250 micron)
ai processi de-lo ren- vare polveri e sulle su-
(Tab. 1).

di apparecch tecnologiesul ?in odontoiat


complessa problema pun- Con
Factory, durante bbe Come?
nei inoltredecisa- tessuti orali

io Dentistico.
Overdentur
Mari- priorità di questo La tecnicadibisognere
sorpresa sarannol’impiego o. Spaziosono sue particelle
di una con- trica. Sul DDL nuove cui gli esperti aggressive sui > pagina 18

do
media- la mancanza parte odontoia Ribadiamo la 2015) attentosialle
tenne un workshopai giovani. colta
Ai pazienti
modo utilizzata signifi- inrealismo. ne prevedon o
possibilità di intervent vite delle
spigolosa
nostre borderlin e in condi- den- La grandez-

IL LASER a dio
e la copertura 2014, e e più che ne e Le
sopra se tessuti iali.

brilla nello Stud


la stessa possibilità sempre megliodi crescita ti specie da sui
- dentali (63%) di impegno;
sindacale” che
stia- ci vede in prima SIDO
enti della profession
di comunica
re:
accettabili, spiegar trattamenti
percorso
nel dei
igienicimeglio la spiegazio per i trattamenscelta quando
molto abrasivo
“giusta”,cambiate per una perfici dei biomater delle
(56%).
nello il confronto to, che riguarda cace e costiCredo molto to per> pagina 2mente dono adulti, una
e e confronto e lesivo zione
– Il settore dell’odon toiatria estetica .
a modo più effie corretta, dai
cambiam operato: pazienti deplaquing di discussion

digital analy
momento clou

Il Composito
solidata “cultura ar- latempi e nell’ambi del nostro suoipig-
le iforti ne
da restauro la concentra
all’abusivismo, enza della categoria
prima ricerc sia peri. il za, la forma e
tappe for- profes- a tutti Bilello
Madison, USA tica dell’odon e condivisibili.meno G. Currò, G.
smartpho
anda- operazioni este- di acquisire a linea sulla lotta di sopravviv prestazionle immagini, i. Non mutano
i principi
Natapermette
la SIDO per eliminareprepara- cisionali,
sottogengivali, Un congresso sui materiali
arrivati
sono tali,
Risultati della i.
mostra un una
con il corpo, cheorali. dentali,zionieambientali fuorviant etiche studio dei liquidi
molli. Per renderlo

Il Futuro è Ogg
mo tentando cui vicientria-
toiatria estetica Tra le più frequenti bon- (umane, economic
he,
sempre usato
in termini
attuale? do catole Linee degli intervent
e fini basilari comunica
tiva in capacità
a,Dal di diagnosi,
ni giorno
in
superfi a e scelte più affidabili,
tessutinello
suianche o di riferimen
to all’interno
ancora
di
in Italia secon rigore
dalle che
e crescita, come corone e ponti, zate; le risorse gomento da cni- > pagina 2 sionalità e capacità za della letteratur
primo
soci.mentazio zia – è cultura, e di- nei bambini. alità quotidian e tablet:
stato il pri- il SIE di metodiche
Riabilitazione
mento di persistent tiche troviamo riesce contro gli odontote Per me è impor-
, conoscen differenti polveri to di sodio è
profession è arrivato Introduzione step biologici; 2) l’assenza
epidemiologica odontoiatrico Pio Bertani,represidente
i-
e sbiancamento.
Con l’associazione scientificoure. ridurre l’endodon migliorbicarbona
sondaggio dell’Amer relazionali) che strumentali difesa olsfaccettat futuro, senza oggi grazie a Il il
step by addietro, il follo w-up i.
ding, faccette ente ha giocato in
changes to the Contr varie e sguardo al di tale procedu- i con studio e di ricerca attendibil
rs for Disease
emerge da un è campo relativam
ente
momento di
aggiorna tiveFino a pochi decenni
Tecniche opera casi clinic
s
Dentistry to più diffuso a mettere in ci. ANTLO non za maggiorm zione clinica più precise, ra-
gli impieghi tracce, si
collio edell’espos

BRILLIANT Crio
– a fatto tecnico. izione a basse a metalli in
of dimensional zata, in preceden
of Cosmetic spositivi,
sagomature
il 32%, il trattamen ento dei den-
guida dei Cente
essere non al mestie-
can Academy di- . informazione
studio, emy i permettono scena gli proprio approccio i, protofenomen L’esposizione
parte degli inter- sfide poste. Possiamo placed S. Carossa anni, una probabile
s at implants esposte al problema an Acad andranno in applicazion
era
RONCATI
solo in ambito
lavorati-

l’odontoiatria
lo sbiancam alle > pagina 2 degli strument o un’interfaccia di agenti tossici
e dell’Americ
La maggior risultato ti i negli ultimi verifica non MARISA ubiquitaria-
- totali Ovvio che i progressi ti dalla manualità. Al Congresso concentrazioni
alveolar proces
(AACD). i di edentulismi
infatti che i trattamen i medici intervista ento dei protocoll
re, attravers
CAD/CAM
sockets and Prevention
problema ma
minuzione degli

dodonzia
ampio schermo soltanto un vo, come si riteneva, importante è definitivi per sistema
vistati ritiene ti. Secondo trattamento dipenden
into extraction
Il miglioram avan- pide e meno laser con considerato

Il mercato del ngerà i 22 mld


delle

La recidiva
fonte di entrate chiedono un e della qualità di età adulta In realtà vari
ito 100% per restauri
in alcune fasce è pos- nte
immediately
teP ga zione in en
saranno prevenzione cui le.
degli shock e mi-
pazienti fisi- da compone
ti estetici
migliorare l’aspetto
to,
logy touch a icone, di igiene ambienta mente; ma può tto in compos
of Periodonto
ti nel prossimo riche ha comporta grazie sorgente ambien-
ancor più consisten estetico per porre ri- cure odontoiat a un nuovo approfondito, alle tata dalla tradizionali,
metodiche L‘unico blocche di assorbimento
sibile accedere studi hanno Elevata capacità compatibilità con
rappresen
aspettative tutta-
1-5
a (l’86%); per

rri o la Nazionale
M. Caneva, Aimetti e non si sostituisce alimenti,
Ferrarotti, M. nti e di il concet- e parametri e
strumento, che potabili,

Il pu nto sull’i
y, M. Caneva,
acqueprotocolli naturale eccellente stabilità

in ortodonzia
G. Mariani, F.
anno. Le maggiori co e l’autostim

estetica raggiu il 2020


preceden- biologico
dentali trattamento I. Szathvar llo universo di
trattame
al monitora è uno
Il laserggio di setale utilizzato secondo
(biosfera), di vita, simili al dente to rinforzato -
.
dagli impianti medio a un i, R. Meneghe Perotto, L. Cricenti, cliniche sem- a basse dosi” significativi, non chirurgica,
i, abitudini Caratteristiche affidabile e duratura
D. Botticell F. Romano, S. ture Composi
ne aggiuntivi,

Tifiam
via derivano si. (il 51%); per
eventi
E. Bressan, informazioni offrire benefici
to di “esposizio prodotti industrial
ione parodontale
in resina - adesione
ad una strumentaz protesi corporee o dentali
anno a diffonder in tracce:
nor rischio di scheggia di restauro integralmente

lini TePe
temente fallito ersità di To- elementi
tossici osoprattutto se associato presenza di

rte)
che continuer ti nio (48%); te.
più interessan un matrimo School dell’Univ pre aggiorna agenti adeguati, gli autorisito-specifica. e8-10. Sistema
gli antagonisti
tro
dei

(seconda pacon gli spazzo


studi, sempre nti metallich

Dental Tribune | € 60 Cosmetic Dentistry | € 50 Pacchetto full | € 170


«Alcuni dei risultati riguardano le futuri come del C.I.R. Dental Periodonto-

di dollari en
e il migliore
di salute,
EVENTS zo clinico
nei suddetti
e ad ultrasuoni, con compone

olini TePe
Nel rinnovar vengono
o per ragioni Parodontologia Journal of Clinical pertanto manuale dosi” corri- nei quali possono
non chirurgico
La Sezione di il dipartimento
ragionata e utiliz
emersi dal sondaggio ive in corso per restauri pubblicato di luglio del in che le “basse dei prodotti
CORSI ONLINE
o in- 10 anni e svolta parodontale
L’articolo è stato Science laser a diodo, concludono taletrattamento L’elenco Il Laser aè

Scov
un incidente o sul numero durata quasi risoltinecon che 1 a 7 anni.metallici
Valutazione
n-

a. c. f.
tracce da

2016
significat come ad esempio su Journal of Oral 1, 2015 rino ha pubblicat unaclinici, di elementi
tendenze più e sen- HOME epidemiologica AOU due cose fondame Tre acasi esposizio di follow-up,
presidente
masticare, logia Clinica, in video trovarsi i tra
Due casi clinici

Select Euro
commenta il per vedersi on No. di una ricerca ha tenuto a mente spondono anche con prodottite.industrial
dispositivo da
fortunio (il 46%), & Rehabilitati -Cad/Cam logy i risultati e l’Unità di Epidemio epidemiologico costi. ente illustrati,
della sostanza e perimplanti
nel dentale» o dalla Digital dentistry CPO Piemonte ™ di Doctor Smile tempo e tagliare zioni
dettagliatam lungo:
di mucosite
in caso molto a 8, ei,
di un nuovo
soprat- re le concentra 1,
dei fattori
(il 45%). lavoro bio-
Bassett. Ciò vale il e sviluppo alimentar
da
tirsi più giovani rapporto pubblicat collaborazione
con
di Torino. È
il primo and di ricerca za: risparmia
Protocol), è in
grado di
presentaono, anchenei fluidi
indicazioni, come
vari,video sostanze