Sei sulla pagina 1di 12

Politecnico di Torino Sistemi di Produzione II

Esercizio D2.1 – Tornitura cilindrica esterna

Un tornio parallelo è attrezzato con utensili in carburo e viene utilizzato per la sgrossatura di barre in
C40 da Φ 32 a Φ 28. Con un rapporto di velocità corrispondente a 1500 giri / minuto si ottiene una
durata degli utensili pari a 45 minuti.
Ora si vuole utilizzare la macchina utensile per una nuova commessa di 4000 pezzi da consegnare in
10 giorni lavorativi (2 turni di 8 ore/giorno con una efficienza dell’80%). La penale per la ritardata
consegna è di 500€ al giorno. La nuova commessa richiede la lavorazione di uno spezzone di barra
lungo 700mm da Φ 36 a Φ 32. Il costo aziendale del posto di lavoro è di 20€/ora, il costo dell’utensile
è di 5€, il tempo di set-up del pezzo è di 0,5 min il tempo di cambio utensile è di 1min.
Si deve decidere se produrre alla velocità di massima produzione e con un avanzamento che permetta
il rispetto dei tempi di consegna o se produrre alla velocità di minimo costo con un avanzamento di
0,3mm/giro pagando l’eventuale penale.

SOLUZIONE

Si analizza la lavorazione attuale per ricavare dati sulla durata utensile. A questo scopo si utilizza la
legge di Taylor:

Vt ⋅ T n = V1

Gli utensili in carburo hanno un valore tipico dell’esponente n pari a 0,25.


Il diametro medio del pezzo da sgrossare è

φmax + φmin
φmedio = = 30mm
2
Assunto un numero di giri n = 1500giri/min, la velocità di taglio vale:

n⋅ φ medio ⋅ π
Vt = = 141m/min
1000
La costante V1 della legge di Taylor può essere trovata inserendo nella legge i valori noti di velocità di
taglio e di durata dell’utensile.

V1 = Vt ⋅ T n = 366 m/min

Si analizza ora la lavorazione della nuova commessa. Il diametro medio vale:

φmax + φmin
φmedio = = 34 mm
2
La durata utensile corrispondente alla velocità di taglio di massima produzione vale:

© 2006 Politecnico di Torino 1


Politecnico di Torino Sistemi di Produzione II

1− n
Tmax = ⋅ t u = 3 min
n
La velocità che garantisce questa durata vale:

V
Vt = 1n = 278 m/min
T
Il tempo a disposizione per produrre un pezzo vale:

tdisp = (10 gg × 16hh × 60 min× 0.8) / pezzi = 1.92 min

Il tempo richiesto espresso in funzione dell’avanzamento è:

t
t totale = t setup + tlav + tut ⋅ lav
T

L L
t totale = t setup + + tut ⋅
a⋅n a ⋅ n ⋅T

La velocità di rotazione in corrispondenza alla velocità di massima produzione è:

1000Vt
= n = 2600 ' /min
φmedioπ
Uguagliando il tempo richiesto al tempo a disposizione si ottiene:

0,358
t disp = ttotale = 0,5 + = 1,92 min
a
Da cui si ricava per l’avanzamento un valore pari a:

0,358
a= = 0 ,25 giri/min
1,92 − 0 ,5

Se invece si intende produrre alla velocità di minimo costo, la durata utensile diventa:

1− n  Cut 
Tmin = ⋅  tut +  = 48 min
n  Clavoro 

A cui corrisponde una velocità e un numero di giri pari a:

© 2006 Politecnico di Torino 2


Politecnico di Torino Sistemi di Produzione II

1000Vt
Vt = 139 m / min ; n= = 1300 ' /min
φmedioπ
Il tempo necessario per lavorare un pezzo diventa:

L L
t totale = t setup + + tut ⋅ = 2,33 min
a⋅n a ⋅ n ⋅T

Moltiplicando questo tempo per il numero dei pezzi si ottengono 9316min che corrispondono ad 12,1
giorni per eseguire la commessa. Siccome non sono concessi ritardi pari ad una frazione di giornata
si considerano 13 giorni lavorativi, di cui 3 di ritardo.
Il costo della lavorazione eseguita alla velocità di massima produzione è:

 t  t
Ctotale = Clav ⋅  t setup + t lav + tut lav  + Cut lav = 2,42 €
 T  T
mentre il costo della lavorazione eseguita alla velocità di minimo costo è:

 t  t
Ctotale = Clav ⋅  tsetup + tlav + t ut lav  + Cut lav = 0,96 €
 T  T

Siccome la penale per pezzo in questo secondo caso è di 0,375€, il costo totale della produzione al
minimo costo è di 1,335€. Quindi conviene pagare la penale e produrre alla velocità di minimo costo.

© 2006 Politecnico di Torino 3


Politecnico di Torino Sistemi di Produzione II

Esercizio D2.2 – Ciclo di lavorazione

Si voglia eseguire il particolare illustrato in figura. Nello svolgimento del ciclo di lavorazione si partirà
da uno spezzone di barra di diametro pari a 50 mm e lunghezza 60 mm.
La boccola verrà lavorata prima sul diametro minore, mediante operazioni di sfacciatura, tornitura
cilindrica esterna di sgrossatura e finitura, successivamente mediante l’esecuzione della gola di
scarico e le scanalature interne. Non essendo previste gole di scarico la filettatura interna M14 sarà
eseguita con una serie di tre maschi (sbozzatore, intermedio e finitore).

© 2006 Politecnico di Torino 4


Politecnico di Torino Sistemi di Produzione II

© 2006 Politecnico di Torino 5


Politecnico di Torino Sistemi di Produzione II

© 2006 Politecnico di Torino 6


Politecnico di Torino Sistemi di Produzione II

© 2006 Politecnico di Torino 7


Politecnico di Torino Sistemi di Produzione II

Esercizio D2.3 – Ciclo di lavorazione

Si debba eseguire il ciclo di lavorazione del particolare illustrato in figura, sapendo che il materiale da
lavorare è un acciaio avente carico di rottura a trazione pari a 630 MPa e che il ciclo deve contenere:

• le dimensioni del greggio di partenza

• la sequenza delle operazioni da eseguire sul pezzo con l’indicazione dei parametri di taglio
(velocità di taglio, profondità di passata, avanzamento).

Nello svolgimento del ciclo di lavorazione si tenga presente che:

- lo spezzone della barra di partenza ha un diametro pari a 65 mm e lunghezza pari a 75 mm

- il sistema di lavorazione ha le caratteristiche descritte in tabella.

Potenza kW 8

Massimo diametro tornibile mm 440

Foro del mandrino mm 36

Distanza tra le punte mm 1000

34, 44, 57, 74, 95, 118, 155, 208, 272, 352, 456, 592,
Velocità del mandrino giri/min
760, 944, 1240, 1664
0,04 – 0,05 – 0,055 – 0,06 – 0,07 – 0,08 – 0,09 – 0,10
– 0,11 – 0,12 – 0,14 – 0,16 – 0,20 – 0,22 – 0,24 –
Avanzamenti longitudinali mm/giro
0,28 – 0,30 – 0,36 – 0,40 – 0,45 – 0,49 – 0,57 – 0,65
– 0,72 – 0,82 – 0,9 – 0,98 – 1,14 – 1,31
0,03 – 0,04 – 0,047 – 0,05 – 0,06 – 0,065 – 0,07 –
0,08 – 0,09 – 0,10 – 0,12 – 0,13 – 0,15 – 0,17 – 0,19
Avanzamenti trasversali mm/giro
– 0,21 – 0,24 – 0,27 – 0,31 – 0,35 – 0,38 – 0,42 –
0,49 – 0,55 – 0,63 – 0,70 – 0,77 – 0,84 – 0,98 – 1,11

© 2006 Politecnico di Torino 8


Politecnico di Torino Sistemi di Produzione II

© 2006 Politecnico di Torino 9


Politecnico di Torino Sistemi di Produzione II

© 2006 Politecnico di Torino 10


Politecnico di Torino Sistemi di Produzione II

© 2006 Politecnico di Torino 11


Politecnico di Torino Sistemi di Produzione II

© 2006 Politecnico di Torino 12