Sei sulla pagina 1di 4

AVARIZIA

Non è solo la tirchieria. È il non voler dare in generale,


né agli altri né a se stessi.
L’avaro, per esempio, dice che non ha tempo.
Invece ne ha, eccome: ma vuole tenerlo da parte.
Crede che il tempo si conservi, se non lo si spende,
e che potrà spenderlo poi. Allo stesso modo
dice che non ha voglia, che non ha pazienza, e così via.
A volte si accorge di sbagliarsi, prima di morire.
A volte no.

CONSEGUENZE DELL’AVARIZIA: ossessioni di vario genere


e la sensazione che il mondo sia pieno di tentazioni
da cui difendersi sempre, ogni giorno, ogni istante.

DIFFUSIONE DELL’AVARIZIA: sempre più alta


di quanto si immagini. Hai sempre ricchezze immense,
non hai idea di quante siano
fino a che non cominci a darle.
Quindi c’è il rischio che tu sia più avaro di quanto creda.

COME USCIRNE: sapendo che più dai


e più ti accorgi di avere. Scopri di essere un fiume
invece che un flacone. Prova.

SUPERBIA
È il non voler mostrare i propri talenti
perché tanto la gente non li merita.
In realtà, solo se non fai sapere quanto vali
puoi illuderti di valere moltissimo.

CONSEGUENZE DELLA SUPERBIA: paura di agire,


cammuffata da vanità, da disprezzo per gli altri.
Senso costante di frustrazione,
cammuffato da senso di superiorità.
Odio per chiunque crei qualcosa.
Odio per chiunque apprezzi una creazione.

DIFFUSIONE DELLA SUPERBIA: alta tra le persone colte,


altissima tra le persone semi-colte
(cioè tra quelli che hanno leggiucchiato qualcosa).

COME USCIRNE: quasi impossibile.


La superbia è fatta di pigrizia e narcisismo,
che sono tendenze facili e gratificanti;
per liberarsene bisogna faticare
e cambiare radicalmente idea su se stessi.
Pochissimi ci riescono.
GOLA
Non è l’avidità di cibo. È il non sapere più
cosa ti piace e cosa no. È causata dal senso del dovere:
ti dicono che devi mangiare o bere questo perché fa bene,
e che non devi mangiare o bere questo perché è sbagliato.
Tu obbedisci e non ti ricordi più dei tuoi gusti,
e finisce che non sei più tu,
sei solo quello che bisogna essere secondo qualcun altro.

CONSEGUENZE DELLA GOLA: insoddisfazione perenne,


ipocrisia, e diffidenza verso se stessi
che si riallaccia a vecchi sensi di colpa.

DIFFUSIONE DELLA GOLA: enorme,


dato che ogni civiltà impone certi gusti
e ne vieta altri, solo perché sono altrui

COME USCIRNE: è semplice


ed è difficile, come tutte le cose veramente semplici.
Si tratta di chiedersi: «Ma a me, che cosa piace?»
Per molti è una domanda insopportabile:
hanno paura che se rispondessero
si scatenerebbe una reazione a catena,
e finirebbero per cambiare tutto:
lavoro, amici, città. E così vivono
senza rispondere.

ACCIDIA
Parola d’origine greca: è il contrario di «kedos»,
che vuol dire «prendersi cura», «interessarsi».
Accidia è quando non ti importa più di niente.
È quando le preoccupazioni ti hanno talmente sfiancato
che non riesci più né a gioire, né a indignarti,
né a fidarti di nessuno – semplicemente perché non ti va più.

CONSEGUENZE DELL’ACCIDIA: nessuna,


gli accidiosi si sentono persone normali,
anzi addirittura intelligenti. È solo che
la vita passa e loro non la vivono.

DIFFUSIONE DELL’ACCIDIA: non grande, per fortuna;


per la maggior parte delle persone, va a giornate.
Ma avere a che fare con un accidioso
comporta sempre un notevole calo di energia.

COME USCIRNE: fidandoti.


Meglio fidarsi sempre.
Le persone di buon senso si lasciano scoraggiare dalle delusioni.
Le persone buone no.
LUSSURIA
È il guardare qualcuno (anche se stessi)
vedendo solamente il corpo.
All’inizio dà sollievo
perché guardare un corpo è meno complicato
del voler scoprire una personalità.

CONSEGUENZE DELLA LUSSURIA: insensibilità,


egocentrismo, solitudine, sottile disperazione,
– e tendenza a banalizzare tutto
per non accorgersi di quanto si è insensibili,
egocentrici, soli e disperati.

DIFFUSIONE DELLA LUSSURIA: ci passi per forza,


te la insegnano fin dall’adolescenza,
e il guaio è che quando ci ricaschi
«ti sembra di essere ancora un ragazzino»
e te ne vanti.

COME USCIRNE: desiderando di più;


se desideri qualcuno, desidera anche la sua anima,
il suo passato, il suo futuro, i suoi segreti,
tutto.

IRA

È la diretta conseguenza dell’aver ragione.


Chi pensa di aver ragione chiude il suo campo visivo
perché se si guardasse intorno potrebbe avere dubbi;
e per proteggere la propria chiusura si irrita,
parla forte per non sentire, aggredisce
e odia.

DIFFUSIONE DELL’IRA: è stata, a lungo,


il vizio principale dell’Occidente
quando, per ira, sterminavamo popoli interi
che ai nostri occhi avevano torto
a vivere diversamente da noi.

CONSEGUENZE DELL’IRA: ottusità,


stasi, profonda noia interiore inconfessata,
rancori, e in seguito rimorsi e rimpianti;
si sa: nella vita o hai ragione o sei felice.

COME USCIRE DALL’IRA: ogni volta che sostieni un’idea


chiedi all’interlocutore, con sincera curiosità:
«E tu cosa ne pensi?»
Prendi questa abitudine.
Fa miracoli.
INVIDIA
Dicono che sia la stizza per le riuscite altrui
o il desiderare la roba d’altri.
È molto peggio.

È il desiderare ciò che desiderano gli altri


e non ciò che desideri tu;
e il detestare ciò che detestano gli altri
e non ciò che detesti tu.

Viene da IN-VIDERE,
cioè: «guardare nel guardare altrui»
o anche: «non riuscire a guardare (da soli)».

DIFFUSIONE DELL’INVIDIA: altissima,


a causa della pubblicità
che da quando siamo nati ci pone altri come esempio.

CONSEGUENZE DELL’INVIDIA: asservimento,


conformismo, perdita di identità,
paura di dire, pensare, sentire cose originali.

COME USCIRNE: prima sii te stesso


(è terribilmente semplice),
poi smetti di essere te stesso, perché è troppo poco,
e diventa di più, sorprendendo tutti.