Sei sulla pagina 1di 124

Introduzione

ai cuscinetti volventi
Si definiscono cuscinetti tutti gli organi
meccanici aventi la funzione sia di
sopportare
pp i carichi applicati
pp ad un corpo
p
in moto relativo di rotazione oppure di
traslazione da parte degli elementi della
catena cinematica cui il corpop appartiene,
pp
sia la propriet di originare coppie
resistenti di piccola intensit.

Pag. 2
ca. 700 AC

Pag. 3
Storia della tecnologia dei cuscinetti

Leonardo da Vinci (1452 - 1519)

Pag. 4
Produzione di sfere in pietra, 1683

Pag. 5
Pag. 6
La storia della tecnologia dei cuscinetti

La FAG Kugelfischer Georg Schfer AG


il pi antico produttore di cuscinetti a sfere al mondo,
mondo
il pioniere dellindustria dei cuscinetti volventi.

Friedrich Fischer Georg Schfer


(1849-1899) (1861-1925)

Fondatore della Societ ed Rilev 10 anni dopo la morte di


inventore del processo di rettifica Friedrich Fischer la Erste
delle sfere che ha permesso la Automatische
produzione in serie di sfere in Gustahlkugelfabrik, vormals
acciaio di alta precisione,
precisione di Friedrich Fischer, AG.
dimensione uniforme. La sua
Con grande dedizione personale
scoperta rivoluzionaria ha
rappresentato linizio storico cre unimpresa industriale
Macchina per rettifica delle
dellindustria
dell industria dei cuscinetti famosa a livello internazionale.
sfere progettata da Friedrich
volventi a livello mondiale. Fischer nel 1883.

Pag. 7
La storia della tecnologia dei cuscinetti

Pag. 8
Pag. 9
La storia della tecnologia dei cuscinetti
Prodotti di maggior successo

Gabbia a rullini, Gabbia a rullini,


1951 2005

Pag. 10
Vicinanza globale al Cliente
Addetti, Fatturato, Stabilimenti di produzione
Addetti Fatturato (2011) 180 sedi
nel mondo: circa 74.000 nel mondo: circa 10,7 miliardi in oltre 50 Paesi

Stabilimenti di Societ
produzione commerc.

LuK
INA
FAG

Pag. 11
Gamma prodotti completa per industria
Tutte le esecuzioni Tutte le dimensioni
Snodi sferici
Catalogo INA-FAG
con 40,000 articoli
Guide lineari
Componenti per cinematiche
parallele

Cuscinetti a rulli cilindrici

Cuscinetti a sfere con anello


di bloccaggio

Cuscinetti a rulli cilindrici


con gabbia

Rotelle e perni
folii

Azionamenti diretti
Cuscinetti
Cuscinetti orient.
Cuscinettii per mandrini Cuscinetti assialit/radiali a rulli cilindrici
a rulli
a rullini con un diametro esterno di 4250 mm
Cuscinetti a rulli
Possibilit di realizzazione
conici
fino a 12000 mm
Microcuscinetto a sfere
con il pi piccolo
diametro interno 1 mm

Macchine
M hi d da IImpianti
i ti C t i ie
Costruzioni Apparecchiature
A hi t Rid tt i
Riduttori Macchine
M hi P ti
Ponti
stampa eolici strutture medicali utensili

Pag. 12
Cuscinetti a strisciamento cuscinetti volventi
Quota di mercato internazionale

SKF

Altri

NSK

NTN

Torrington
FAG
Timken
INA
Koyo

Pag. 13
Si definiscono cuscinetti tutti gli organi
meccanici aventi la funzione sia di
sopportare
pp i carichi applicati
pp ad un corpo
p
in moto relativo di rotazione oppure di
traslazione da parte degli elementi della
catena cinematica cui il corpop appartiene,
pp
sia la propriet di originare coppie
resistenti di piccola intensit.

I cuscinetti si suddividono in :
- cuscinetti a strisciamento (radenti)
- cuscinetti a rotolamento (volventi)

Pag. 14
Altre tipologie di cuscinetti

- cuscinetti idrodinamici
- cuscinetti idrostatici
- cuscinetti
i tti pneumaticiti i
- cuscinetti magnetici

Pag. 15
Composizione di un cuscinetto 1
volvente standard 5

4
Il cuscinetto si compone di
1. anello esterno
2. anello interno 3
3. corpi volventi
4. gabbia
5. con o senza tenute 2
6
6. l b ifi
lubrificante
t
Olio 6
Grasso

Pag. 16
Corpi volventi
Panoramica

Sfere Rulli cilindrici Rulli conici

Rulli a botte Rulli a botte Rullini


simmetrici asimmetrici

Pag. 17
Corpi volventi

Sfere: es. 6020 (100x150x24)


elevate velocit, nG = 9500 min-1
basso attrito
basso carico C = 60 kN
scarsa rigidezza del (10.000N) = 0,0406 mm

Rullini: es. NA4920 (100x140x40)


basse velocit nG = 4100 min
min-1
1
alti carichi C = 144 kN
attrito maggiore
elevata rigidezza (10 000N) = 0,0250
del (10.000N) 0 0250 mm

Rulli: es. NU 1020 (100x150x24)


velocit intermedie nG = 7500 min-1
carichi intermedi C = 116 kN
attrito intermedio
rigidezza intermedia del (10.000N)
(10 000N) = 0
0,0343
0343 mm

Pag. 18
Generalit sui cuscinetti volventi
Rigidezza

Esempio: Sfera 9 mm
Rullo 9 mm Lw = 9 mm
3 rullini
lli i 3 mm Lw = 9mm
9
Del [m]

30

25
Sfera / Piano

20

15

10

Rullo / Piano
5

Rullino / Piano
0
0 500 1000 F [N]

Pag. 19
Nozioni di base

Principali
P i i li tipologie
ti l i
di cuscinetti
volventi
Cuscinetti radiali a sfere
Panoramica

radiali rigidi a sfere a contatto obliquo


obliq o aqquattro
attro orientabili
a sfere monocorona,a due corone punti di
contatto

Pag. 21
Cuscinetti radiali a rulli
Panoramica

rulli a botte orientabili a


rullini rulli conici
cilindrici una corona due corone

Pag. 22
Cuscinetti assiali
Panoramica

assiali a sfere assiali a rulli

monodirezionali bidirezionali monodirezionali orientabili


rigidi

Pag. 23
Nozioni di base

Sigle dei cuscinetti volventi


Sigla dei cuscinetti volventi

Sigla

Prefisso Base Suffisso

Serie cuscinetto Codice foro

Tipo Serie dimensionale

Serie larghezze Serie diametri

BS-M-2Pag. 25
27.08.2002
Sigle standardizzate di cuscinetti volventi
TIPO

Cuscinetti radiali

3, 4 , 5 cifre 4, 5 cifre 4 cifre 4 cifre 5 cifre 5 cifre

6 7 3 1,2 QJ N.. 3 2

C
Cuscinetti
i tti assiali
i li

5 cifre 5 cifre 5 cifre

5 8 2
Sigle standardizzate di cuscinetti volventi
Serie larghezze

Larghezza
g dei cuscinetti radiali
8 0 1 2 3 4 5 6

Altezza dei cuscinetti assiali


7 8 1 2
Sigle standardizzate di cuscinetti volventi
Serie diametri

Ingombro
g radiale
8 9 0 1 2 3 4
Sigla dei cuscinetti volventi

Serie dimensionale

serie
i di
dim. serie
i di
dim. serie
i di
dim. serie
i di
dim.
00 10 20 30 40 02 12 22 32 03 13 23 33 04 24
serie largh
largh. serie largh
largh. serie largh
largh. serie largh
largh.
0 1 2 3 4 0 1 2 3 0 1 2 3 0 2

4
3
2
0

serrie diam. 4
serrie diam.. 3
serrie diam.. 2
serrie diam. 0

Pag. 29 09.08.2002
IBS-M-2
Esempio: cuscinetti radiali a sfere
Normativa di riferimento : DIN 616

Pag. 30
Sigle standardizzate di cuscinetti volventi
Diametro effettivo

5 regole

1 d < 10 mm
da 3 a 9
e.g. 608 = 8 mm
d 10 a < 20 mm
6200 = 10 mm
2
6201 = 12 mm d 00a
da 00 03
6202 = 15 mm
6203 = 17 mm

3 x5 d 20 a 480 mm
da 04 a 96
es. 6204 = 20 mm
4 d > 500 mm
es. 239/500 = 500 mm

5 d /..
Eccezioni es. 320/22X = 22 mm
Nozioni di base

Distribuzione dei carichi sui


corpi volventi
Generalit sui cuscinetti volventi

Contatto puntiforme
ri rw

1 / rw > 1 / ri

Pag. 33
Generalit sui cuscinetti volventi

Contatto lineare ri = rw =

1 / rw = 1 / ri

Pag. 34
Generalit sui cuscinetti volventi

Osculazione
piccola osculazione

grande osculazione

Pag. 35
Osculazione

Che cosa accade se si modifica il valore di osculazione?

Osculazione ampia Osculazione standard Osculazione stretta

Incremento del gioco assiale Diminuzione del gioco assiale


Maggiore ribaltamento consentito Minore ribaltamento consentito
Cattiva
C guida dell'albero Buona guida dell'albero
Riduzione coefficienti di carico Incremento coefficienti di carico
Rispetto allo Incremento dell'attrito
Riduzione dell'attrito
standard
Incremento pressione hertziana Diminuzione pressione hertziana
Rumorosit
R it praticamente
ti t iinvariata
i t Aumento rumorosit (frequenza pi alta)
Aumento carico assiale dovuto al Riduzione carico assiale dovuto al
maggiore supporto dell'ellisse di contatto minore supporto dell'elisse di contatto
Maggiore sensibilit alla Minore sensibilit alla
t
tensione
i elettrica
l tt i eccessiva
i tensione elettrica eccessiva
Generalit sui cuscinetti volventi
Angolo di pressione

Angolo di pressione = angolo tra il piano radiale e la linea di pressione

Piano radiale
Linea di
pressione

Pag. 37
Carichi sopportabili dai cuscinetti radiali

0 = 0 0 45 0 = 0 0 45 0 45

Pag. 38
Cuscinetti radiali rigidi a sfere

Fr
Fa Fa

Fa Fa

Pag. 39
Cuscinetti radiali rigidi a sfere

Per effetto dello


sfavorevole angolo di
pressione, una piccola
forza assiale fa nascere
una grande forza
risultante
i lt t

Pag. 40
Cuscinetti radiali a sfere a contatto obliquo

Fr
angolo di pressione 40 Fa

Fa

Pag. 41
IBS-M-2 02.07.2002 WL43-02-97 D
Cuscinetti radiali a sfere a contatto obliquo
Effetto di un carico radiale

L'angolo di pressione fa s
che un carico radiale generi
un carico assiale sull'albero

Pag. 42
Cuscinetti radiali a sfere a contatto obliquo
Effetto di un carico assiale

L'angolo di pressione fa s
che un carico assiale possa
essere sopportato senza
generare eccessive
i ttensioni
i i

Pag. 43
Cuscinetti radiali a rulli cilindrici
Esecuzioni con gabbia

Fr

Pag. 44
Cuscinetti a rulli conici
Nascita del carico assiale

Pag. 45
Cuscinetti a rulli conici
Carico assiale sul bordino

Pag. 46
Cuscinetti orientabili a rulli
Caratteristiche

Fr

Fa Fa

Design
-E1

Pag. 47
IBS-M-2 02.07.2002 WL43-18-97 D
Cuscinetti orientabili a rulli
Effetto di un carico radiale

Per effetto dell'angolo di


pressione, il carico radiale
genera un leggero
sovraccarico sui rulli
Pag. 48
IBS-M-2 02.07.2002 WL43-18-97 D
Cuscinetti orientabili a rulli
Effetto di un carico assiale

Per effetto dell'angolo di


pressione, un leggero
carico assiale genera un
forte sovraccarico sui rulli
Pag. 49
IBS-M-2 02.07.2002 WL43-18-97 D
Carichi sopportabili dai cuscinetti assiali

0 = 90 0 = 90 0 > 45
Pag. 50
Cuscinetti assiali a sfere
A doppio effetto

Ralla per
alloggiamento

Ralla per
albero

Ralla per
alloggiamento
ll i t

Pag. 51
Compensazione
di errori angolari
Caratteristiche dei cuscinetti volventi
Disassamento

Disassamento

Flessione

Pag. 53
Caratteristiche dei cuscinetti volventi
Cuscinetti volventi orientabili
Dinamici

Cuscinetti assiali orientabili a rulli


Cuscinetti a rulli Cuscinetti orientabili
a botte a rulli

Statici

Cuscinetti assiali rigidi a sfere con


piastra di orientabilit
Cuscinetti con anello di bloccaggio
Pag. 54
Scomponibilit
Caratteristiche dei cuscinetti volventi
Cuscinetti volventi scomponibili

Pag. 56
Caratteristiche dei cuscinetti volventi
Cuscinetti volventi non scomponibili

Pag. 57
Nozioni di base

Gabbie
Generalit sui cuscinetti volventi
Pieno riempimenti
p di sfere - Attriti
Caratteristiche dei cuscinetti volventi
Gabbia dei cuscinetti volventi

Quali sono le funzioni della gabbia?


1. Separa i corpi volventi gli uni dagli altri
2. Mantiene i corpi volventi alla medesima distanza gli uni dagli altri
3. Nei cuscinetti i cui singoli componenti possono essere separati o
allontanati gli uni dagli altri, previene uneventuale
un eventuale fuoriuscita dei
corpi volventi

Pag. 60
Caratteristiche dei cuscinetti volventi
Gabbia dei cuscinetti volventi

Quali altre funzioni ha la gabbia?


4. Guida i corpi volventi al di fuori della zona non caricata del cuscinetto

Zona non caricata


Caratteristiche dei cuscinetti volventi
Gabbia dei cuscinetti volventi
Generalit sui cuscinetti volventi
Gabbia in lamiera

J JN JPA

Pag. 63
IBS-M-2 06.08.2002 WL43-02-87 D
Generalit sui cuscinetti volventi
Gabbia massiccia in ottone

M MP M1

Pag. 64
Generalit sui cuscinetti volventi
Gabbie massicce in plastica

TVP TVP2 TVH

Pag. 65
Generalit sui cuscinetti volventi
Gabbia

Guida sui corpi volventi Guida sull'anello esterno Guida sull'anello interno
Suffisso A Suffisso B

Pag. 66
IBS-M-2 06.08.2002 WL43-02-87 D
Gabbie a rullini per imbiellaggi KZK, KBK

Pag. 67
Gabbie a rullini
Applicazione su cambio automobilistico

Cambio a 5 marce

Falsa brinellatura
Pag. 68
Gabbie a rullini
Applicazione su cambio automobilistico

Pag. 69
Gabbie a rullini
Applicazione su cambio automobilistico

Pag. 70
Gabbie a rullini
Applicazione su cambio automobilistico

Gabbia guidata sullesterno

Pag. 71
Gabbie a rullini
Applicazione su cambio automobilistico

Gabbia guidata sui corpi


volventi ((lato interno))

Pag. 72
Gabbie a rullini
Applicazione su cambio automobilistico

Pag. 73
Nozioni di base

Tenute
Tenute integrate nei cuscinetti

Z opp. 2Z RSD RSR BRS URS

Z schermo senza contatto - lamiera d'acciaio

RSD anello di tenuta senza contatto - NBR con armatura

RS / RSR anello di tenuta a contatto - NBR con armatura

BRS tenuta a labirinto senza contatto - NBR con armatura

URS tenuta a labbro a contatato - NBR con armatura

Pag. 75
Stato dell'arte - Tenute HRS

Caratteristiche tecniche:
Tenuta HRS innovativa con una geometria del
labbro di nuovo design
Contatto assiale tra anello interno e labbro di tenuta
Protezione per uscita grasso e ingresso impurit

Pag. 76
Tenute integrate nei cuscinetti

Pag. 77
Tenute esterne al cuscinetto
Senza contatto

Tenute a labirinto

Pag. 78
Tenute esterne al cuscinetto
Senza contatto

Nei supporti di grandi dimensioni,


che prevedono grandi quantit di
olio, il serbatoio dovrebbe essere
diviso da pareti con fori per il
passaggio i ddell'olio.
ll' li IIn questo
t modod
si ottiene che, soprattutto alle
velocit elevate, non tutta la
quantit disponibile di olio si metta
in movimento. Le impurit si
depositano nelle camere laterali e
non vengono continuamente
i t
interessate t dalla
d ll zona di tturbolenza
b l

Pag. 79
Tenute esterne al cuscinetto
Contatti striscianti

Anelli lamellari

Pag. 80
Tenute esterne al cuscinetto
Contatti striscianti

Anelli o nastri in
feltro

Tenute radiali per


alberi

Pag. 81
Tenute esempi
Cartiera - seccheria

Pag. 82
Tenute esempi
Acciaieria - laminatoio

Pag. 83
Tenute esempi
Acciaieria - convertitore

Pag. 84
Nozioni di base

Precisione
Precisione
Suffissi

Classi di tolleranza
Nessun classe di tolleranza PN Normale (prima P0)
suffisso
P6 precisione superiore a PN

P5 precisione superiore
p p a P6

P4 precisione superiore a P5

P4S tolleranze di forma e dimensione secondo P4,


P4
tolleranze di rotazione secondo P2
P2 precisione superiore a P4

Pag. 86
Precisione

Pag. 87
Precisione
Cuscinetti radiali

Cuscinetto : 6006 tolleranza foro ?


Cuscinetto 6006 P5 tolleranza foro ?

0 -10

0 -6
Pag. 88
Precisione

dmp / Dmp
Vdmp / VDmp

Misurazione su due punti del diametro del foro d e del diametro esterno D.
Il diametro medio (dmp, Dmp) in un piano di misura calcolato sulla base dei valori
massimo e minimo determinati nel piano
piano.
La variazione (Vdmp, VDmp - parallelismo) del diametro medio la differenza tra il
massimo ed il minimo diametro medio ottenuti da misurazioni su vari piani. I piani di
misura devono trovarsi ad una distanza minima 2r dalla superficie frontale del
cuscinetto.

Pag. 89
Precisione

Altezza - T

L'altezza T dei cuscinetti a rulli conici e dei


cuscinetti assiali misurata sull'asse del
cuscinetto Il comparatore impostato alla quota
cuscinetto.
T tramite cuscinetti campione. I cuscinetti sono
caricati con 50 5 N (in aggiunta al peso
proprio) e sono fatti ruotare ripetutamente prima
della misurazione. I rulli conici devono essere in
contatto con il bordo del cono.

Pag. 90
Precisione

Precisione di rotolamento dell'anello interno - Kia

Precisione di rotolamento Kia del


cuscinetto assemblato con anello
interno rotante La differenza tra il
valore maggiore e minore misurato
la precisione di rotolamento dell'anello
interno Kia

Pag. 91
Nozioni di base

Giochi
Gioco del cuscinetto
Definizione
Il gioco del cuscinetto in caso di cuscinetto non montato lo spazio entro cui gli
anelli del cuscinetto possono essere spostati da unestremit allaltra in direzione
assiale o radiale. Si distingue
g tra ggioco assiale e g
gioco radiale.

Pag. 93
Gioco del cuscinetto
Gioco radiale

Gioco radiale

Pag. 94
Gioco radiale / gioco assiale
Relazioni geometriche

Gioco radiale

Gioco assiale

Pag. 95
Gioco del cuscinetto
Categorie di giochi radiali

Le categorie di giochi radiali sono stabilite nella DIN 620, sezione 4.

C1 inferiore a C2
C2 inferiore al normale
CN1 gioco normale,, in genere
g g
non specificato
C3 superiore al normale
C4 superiore a C3

1) in passato C0

Pag. 96
Cuscinetti radiali rigidi a sfere
Gioco radiale

Esempio:
6008-C3

15 33

Pag. 97
Gioco radiale / gioco assiale

Gioco radiale e assiale

importante
p perch
p ha impatto
p su

Il precarico radiale causa un


Vita del supporto
i
incremento t della
d ll pressione
i hertziana
h t i

Il precarico radiale causa un


Rumorosit incremento della rumorosit

Il precarico radiale causa un


Attrito, coppia di spunto
incremento della pressione hertziana

Un gioco radiale troppo piccolo non


Lubrificazione consente la formazione della pellicola
lubrificante elastoidrodinamica

Un gioco radiale errato causa di cattive prestazioni


Giochi

Pag. 99
Accoppiamento forzato influenza sul gioco radiale
Influenza del gioco sulla distribuzione del carico

Design of bearing arrangements


Pressure distribution of rolling bearing dependent on operating clearance

Cuscinetto a sfere Cuscinetto a rulli cilindrici

Pag. 100
Progettazione delle sedi
Influenza del precarico sulla durata

Cuscinetto NJ2210
0 000 N
P = 20.000
n = 1.000 rpm
CN : 0,030 0,060 mm
Rating life (nominal) Lh10 (kf)[h]
4000

3500

3000
Lh10 (kf)[h]

2500

2000

1500

1000

500
-100
100 0 100 200
Radial roller row 1 s [m]

Pag. 101
Nozioni di base

T ll
Tolleranze di montaggio
t i
Tolleranze di montaggio
Progettazione delle sedi

Condizioni di rotazione

Con "condizione di rotazione" si intende il


movimento relativo tra anelli e direzione del
carico.

Carico circonferenziale (rotante)


Si ha una condizione di carico circonferenziale
quando la direzione del carico rotante
rispetto agli anelli.
Ad ogni giro dell'anello in esame, ogni punto
della pista di rotolamento sottoposto a carico.

L'anello che vede il carico come


carico circonferenziale va fissato sulla
sede con accoppiamento forzato

Pag. 103
Tolleranze di montaggio
Progettazione delle sedi

Condizioni di rotazione

Carico puntiforme (fisso)

Si ha una condizione di carico puntiforme quando il carico agisce sempre sulla


stessa zona del cuscinetto.

In questo caso possibile un accoppiamento libero.

Pag. 104
Progettazione delle sedi

Carico periferico su anello interno


+ gioco tra albero e anello interno
= rotolamento tra albero e anello
Pag. 105
Tolleranze di montaggio
Progettazione delle sedi

Anello interno Carico periferico

Anello esterno Carico puntiforme

Pag. 106
Tolleranze di montaggio
Progettazione delle sedi

Anello interno Carico puntiforme

Anello esterno Carico periferico

Pag. 107
Tolleranze di montaggio
Progettazione delle sedi

E8
Alloggiamento

F7
F6

H8
G7

H
G
G6

H7

JS7
H6

JS6
JS5
J7
+

H5

JS4
J6

K7
K6
K5
Dmp

M7
Linea dello
zero

M6
-

N6
6
N77

P6
P7

R6
S6
Dmp = Tolleranza
diametro
di t estermo
t
cuscinetto

dmp = Tolleranza
foro cuscinetto

s7
r7
s6
p7
r6
p6
p5
m6

n6
m5

n5
k6

n4
+
k5
js5
k4
js3
js4
Linea dello dmp
zero
h3
j5
j6
h4
h5
h6
g6
h7

-
f6

Albero
Accoppiamento Accoppiamento Accoppiamento
libero incerto forzato
Pag. 108
Progettazione delle sedi
Scelta degli
g accoppiamenti
pp

Carico puntiforme sull'anello interno


Cuscinetto
radiale
con
foro cilindrico

Pag. 109
Progettazione delle sedi
Scelta degli
g accoppiamenti
pp

Cuscinetto
radiale
con
foro cilindrico

Pag. 110
Progettazione delle sedi
Scelta degli
g accoppiamenti
pp

Carico puntiforme sull'anello esterno


Cuscinetto
radiale

Pag. 111
Progettazione delle sedi
Scelta degli
g accoppiamenti
pp

Cuscinetto
radiale

Pag. 112
Schema di un riduttore

cuscinetti
i tti n [rpm]
[ ] P[kN]
Tolleranze di montaggio ?
ingresso 31315-N11CA 1000 37.3
albero : k5 m6
ingresso NUP 2315 E 1000 40.7
gg
alloggiamento : H6 H7
intermedio 30320 396 56.2 / 40.52
uscita 23028 160 73.9
Pag. 113
Tolleranze di montaggio cuscinetto assiale e radiale ?

Cuscinetto assiale albero in h8


alloggiamento in H9
Cuscinetto radiale libero su albero. es h6
forzato su alloggiamento. es M7
Pag. 114
Fretting corrosion

Sintomi
Machie nere/marroni sulle sedi
Usura sulle sedi
Rumorosit
Possibili rotture a fatica
Cause
Micro-movimenti
Micro movimenti tra le parti a contatto nei casi di
accoppiamento non forzato
Inflessioni di albero o alloggiamento
Errori di forma delle sedi
Rimedi
Rispetto
p delle tolleranze p
prescritte
Ricoprire le sedi con lubrificanti adatti

Pag. 115
Progettazione delle sedi
Tolleranze di forma delle sedi

La precisione del punto di


supporto influenzata da :
la precisione della struttura
circostante
la precisione delle sedi del
cuscinetto
il gioco
i iin esercizio
i i
la precisione del cuscinetto

La precisione delle sedi


funzione della classe di
precisione del cuscinetto.

Pag. 116
Progettazione delle sedi
Tolleranze di forma delle sedi

Pag. 117
Nozioni di base

Configurazione
C fi i del
d l sistema
i t di
supporto
Cuscinetto fisso mobile
Cuscinetti flottanti
Cuscinetti registrabili
Configurazione : cuscinetto fisso cuscinetto mobile

Cuscinetto fisso Cuscinetto mobile

Pag. 119
Configurazione : cuscinetto fisso cuscinetto mobile

Cuscinetto fisso Cuscinetto mobile

Pag. 120
Configurazione : cuscinetto fisso cuscinetto mobile

Movimento assiale Movimento assiale tra


entro il cuscinetto cuscinetto e alloggiamento

S S
S S

Pag. 121
OHM-M-2 28.05.2001 WL43-06-91 D
Configurazione : cuscinetti flottanti

Pag. 122
Configurazione : cuscinetti flottanti

Cuscinetto
C i tt di Cuscinetto
C i tt di
appoggio appoggio
Pag. 123
Configurazione : cuscinetti registrabili
Questa configurazione
g p
permette la registrazione
g dei g
giochi

Pag. 124