Sei sulla pagina 1di 2

PORTO BADISCO

LA GROTTA DEI CERVI


(Otranto, Puglia, Italia)
Neolitico 4.000 e i 3.000 anni a.C.

La Grotta dei Cervi di Porto Badisco a Otranto (Lecce) il


complesso pittorico neolitico pi imponente d'Europa. E il
Salento, delle civilt preistoriche, ha perfettamente
conservato dolmen, menhir, specchie, nemanthol, grotte e
graffiti di ineguagliabile bellezza.

Nel febbraio del 1970 avvenne la scoperta delle grotte di


Porto Badisco (Otranto, Lecce). L'operazione speleologica fu
condotta dalla sezione scientifica del Gruppo Speleologico
Salentino "P. de Laurentiis" di Maglie (LE), composta dai
Soci: Severino Albertini, Enzo Evangelisti, Isidoro Mattioli,
Remo Mazzotta e Daniele Rizzo. Senza dubbio una delle
scoperte archeologiche pi sensazionali degli ultimi anni: uno
dei complessi di pitture parietali della tarda preistoria
europea, con figurazioni geometriche, umane e animali,
databili fra i 4.000 e i 3.000 anni a.C.

Le pitture rappresentano impronte di mani con valore simbolico e magico,


scene di caccia con figure stilizzate di uomini armati di archi e frecce, e
soprattutto forme geometriche e astratte come spirali, intrecci, complicati
grovigli, ...

Le figure di colore scuro bruno sono stilizzate, e riproducono scene di caccia al


cervo, uomini con arco e cani, cervi in lotta tra loro, cavalli presi al laccio e
simboli antropomorfi. Nella grotta Romanelli di Castro e nella grotta dei
Cervi di Porto Badisco, graffiti e pitture erano fatte con guano di pipistrello e
con ocra.

La figura stilizzata di uno stregone danzante campeggia su una delle pareti con
a fianco alcune forme geometriche coperte da un trasparente velo calcitico. La
cultura non scientifica lo chiama "Sciamano". Ma cosa rappresentano questi
pittogrammi? Esprimono la capacit di raffigurare il mondo circostante e sono
rappresentazioni delle idee ... delle quali non riusciamo per a coglierne un
significato funzionale.

In particolare le grotte di Porto Badisco sono da sempre considerate dagli


studiosi il Santuario del Neolitico, in quanto poche grotte nel mondo hanno cos
nitide tracce della presenza umana. Paralleli significativi si possono riscontrare
unicamente con le caverne Altamira, Lascaux, Niaux, ecc.

Interessi correlati