Sei sulla pagina 1di 2

IL MATRIMONIO TRA LORENZO DE' MEDICI E CLARICE ORSINI

Nell'anno 1469 si ebbe il matrimonio tra Lorenzo Medici e Clarice Orsini,


figlia di Jacopo Orsini, un nobile romano di Monterotondo, e sua madre era
la sorella del Cardinale Latino, personaggio di spicco della Curia Papale. Gli
Orsini erano soldati di professione ed erano proprietari di grandi
appezzamenti di terreno a nord di Roma e nel territorio napoletano. Un
alleanza con questa signoria non avrebbe altro che giovato ai Medici,
avrebbe compensato la debolezza militare di Firenze ed avrebbe concesso
ai Medici una certa influenza sul Papato ed inoltre avrebbe rafforzato i
rapporti con Napoli. Fu anche una scelta diplomatica, in quanto Piero il
Gottoso era consapevole che se la sposa fosse stata una nobile concittadina
di Lorenzo non avrebbe fatto che: gratificare una famiglia e suscitare
l'invidia di molte altre. Per rafforzare l'alleanza si recarono a Roma i cognati
di Pietro il Gottoso, Giovanni e Francesco Tornabuoni ; anche Lucrezia la
madre di Lorenzo volle recarsi a Roma per vedere di persona la futura
nuora e da quel breve incontro commento a Lorenzo e al marito che era una
ragazza alta e chiara di carnagione. Alcuni giorni dopo si fece in modo che
Lorenzo incontrasse Clarice ed egli di ritorno sembro soddisfatto. Al
momento opportuno fu siglato il contratto e fu stabilita la dote di Clarice
pari a seimila fiorini, sotto forma di denaro, gioielli, abiti. Clarice si sposo
per procura a Roma, e l'arcivescovo di Pisa, Filippo de Medici, rappresento
il suo parente. Il 7 Febbraio 1469 l'evento fu celebrato a Firenze con un
torneo. La competizione si svolse nella Piazza di Santa Croce sotto la giuria
di Roberto da Sansaverino, i concorrenti erano diciotto. Lorenzo scese in
campo montando il cavallo donatogli dal Re di Napoli. Lorenzo indossava
un cappello di velluto adornato di perle e portava con se lo scudo in cui vi
era incastonato il grande diamante conosciuto come <<il Libro>>. Sul
soprabito indossava una sciarpa con ricamate delle rose ed il motto <<le
temps revient>> scritto in perle. Per affrontare il combattimento cambio il
cappello con un elmo, sormontato da tre piume azzurre e monto un
destriero regalatogli da Borso d'Este. Il torneo si concluse con la meritata
vittoria del Magnifico e ricevette come primo premio un elmo d'argento con
Marte sul cimiero. Frattanto i fratelli Tornabuoni scrivevano da Roma
missive che elogiavano Clarice. Venne il momento che Giuliano, fratello
minore di Lorenzo ,si reco a Roma a prendere la futura cognata. La mattina
del 4 giugno, Clarice arrivata la notte prima a Firenze, si reco verso la porta

d'ingresso di Palazzo Medici, aspettando Lorenzo. Al suo arrivo fu posto un


ramo di olivo davanti a tutte le finestre del palazzo, secondo una tradizione
Fiorentina. Iniziarono per Lorenzo e per la citta di Firenze tre giorni di
festeggiamenti: Il primo giorno Clarice e una cinquantina di donne circa
pranzo in loggia rivolta verso il fiorito giardino, mentre nella balconata
sovrastante Lucrezia Tornabuoni intratteneva le dame piu avanti con l'eta;
sotto le arcate del cortile sedeva il Consiglio dei Settanta, e nel cortile
pranzavano gli uomini piu giovani.
Al centro del cortile sul piedistallo della statua del David di Donatello,
furono disposte preziose coppe di rame che contenevano una svariata
quantita di vini toscani. Dopo alcune ore si concluse il pranzo ed i
partecipanti poterono riposarsi, dopo furono consegnati i regali alla sposa:
degno di nota e il Libro delle Ore, scritto a lettere d'oro su carta azzurra,
regalo di Giovanni Becchi, il primo precettore di Lorenzo. Tutto il secondo
giorno fu dominato dalla pioggia. Il Terzo giorno i due Sposi e la Compagnia
si recarono a celebrare la Messa nella Chiesa di San Lorenzo. Il Matrimonio
tra Lorenzo de Medici il Magnifico e Clarice Orsini era ormai ufficializzato.
Da questo matrimonio nacquero dieci figli, di cui tre morirono durante
l'infanzia e tre maschi e quattro femmine sopravvissero. Nel 1488 Clarice si
ammalo di tubercolosi; Questa malattia infettiva la porto alla morte. Finiva
cos il matrimonio tra Lorenzo de Medici e Clarice Orsini, e nonostante che
Lorenzo aveva definito questo un mariage de convenance, lui fu molto
scioccato dalla sua morte.