Sei sulla pagina 1di 2

On.

le Corte dappello di Firenze


Sezione penale
INCIDENTE DI ESECUZIONE
Proc.n

Il sottoscritto avvocato Vito Donati del foro di Livorno, con studio in Livorno Via Ricasoli
126, in qualit di difensore di fiducia della signora DAriano Carla giusta procura in
calce, nata a San Bartolomeo in Galdo (BN) il 22.6.1929 ed elettivamente domiciliata
presso e nello studio del patrono, con il presente atto
ESPONE QUANTO SEGUE
Nellemarginato procedimento il Sig. Claudio Calvi si visto condannare allesito di
giudizio abbreviato per il reato p.e p. dallart.11 del D.Lgs. n74/2000 dal Tribunale di
Livorno in composizione monocratica (dott. A. Pirato) sent. n..........del.....
Tale sentenza disponeva altres la confisca per equivalente di un compendio
immobiliare meglio spiegato alle pagine.........della ricordata sentenza.
Il prefato sig. Calvi interponeva tempestivo appello lamentando, tra gli altri motivi, il
fatto che non poteva essere disposto il sequestro e la confisca per equivalente.
Allesito del processo di appello il cennato Sig. Calvi vedeva confermata la sua
condanna, osservandosi peraltro che il detto sequestro e relativa confisca non
dovevano essere ricompresi nellambito della figura per equivalente ma in quella
diretta , trattandosi di cespiti costituenti profitto del reato (cfr. Sentenza n.....del....).
Tanto premesso lintero procedimento stato connotato sin dal principio da una
singolare caratteristica che non passata inosservata allocchio vigile del custode
giudiziario (relazione gestionale del ......passim).
Gli investigatori demandati allesecuzione del cennato sequestro ex art. 104 DACPP
trascrivevano il provvedimento indicando i beni nella loro interezza nonostante
esistessero nella totalit situazioni dominicali caratterizzate dallesistenza di
comunioni e diritti reali minori.
Questa singolarit sfuggita al vaglio dei giusdicenti, sicuramente convinti
dellaffidabilit dei loro organi vicari.
Ci premesso stata ingiustamente sacrificata la posizione di chi, come lodierna
istante, non doveva vedersi vulnerata dalla misura di sicurezza patrimoniale ex art.
240/3 CP vantando su molteplici beni diritti reali minori di godimento.
Il riscontro presto fatto:
-

Sugli immobili in comune di Collesalvetti allocati alla Via delle Corti 38


lesponente vanta diritto di usufrutto vitalizio sul 100%

Sugli immobili in comune di Pisa alla Via Diotisalvi 3 ed in Via M. DAzeglio/Via B.


Cottolengo lesponente vanta diritto di usufrutto vitalizio che si cifra nella
misura dei 6/16 (in misura percentuale il 37,5.

Bisogna a questo punto interrogarsi sullesistenza e sulla natura dei rimedi


apprestati dalordinamento per chi non pu impugnare il capo della misura di
sicurezza per non essere stato parte del processo di cognizione.
La giurisprudenza della Suprema Corte si fatta carico del problema elaborando
una nitida soluzione.
In estrema sintesi con la sentenza Cass. I sez., 30 ottobre 2008 CED 241844 si
statuito che il terzo rimasto estraneo al giudizio in cui sia stata disposta, con
sentenza non irrevocabile, la confisca della cosa gi oggetto di sequestro
preventivo, non ha diritto ad impugnare la sentenza per il capo riguardante la
misura di sicurezza patrimoniale, a norma dellart.579 comma 3 CPP, ma pu
presentare istanza di restitzine del bene confiscato al giudice che ha la disponibilit
del procedimento, il quale pu decidere, applicando analogicamente la procedura
di cui agli artt. 676/1 e 667/4 CPP, de plano, con ordinanza da comunicare al PM e
da notificare allinteressato non suscettibile di impugnazione, ma solo di
opposizione dinanzi allo stesso giudice.
Nello stesso senso gi Cass. Sez.II, 14 marzo 2001 Chiazzese in Cass. Pen. 2002,
668.
PQM
Si insta acciocch codesto Onorevole Consesso voglia disporre la restituzione
allesponente del ricordato compendio immobiliare nella misura corrispondente al
suo titolo con tutti gli accessori relativi.
Livorno, li.......
Con perfetta osservanza
Avv. Vito Donati
Si dimettono i documenti di cui in narrativa (......)
MANDATO
Avv. Vito Donati, Le conferisco lincarico professionale di difendermi nel
procedimento di cui sopra, anche per leventuale fase di opposizione e di
impugnazione. Eleggo domicilio presso e nel Suo studio in Livorno alla Via
Ricasoli 126.

.........