Sei sulla pagina 1di 21

P. De Muro, M. Mazziotta, A. Pareto, V.

Talucci
Un indicatore di sviluppo umano
delle regioni dEuropa
XVLIII Riunione Scientifica SIEDS - Roma, 28 maggio 2011
XVLIII Riunione Scientifica SIEDS - Roma, 28 maggio 2011
Introduzione
Un indicatore di sviluppo
umano delle regioni
dEuropa
Introduzione
Definizione del
problema
La sintesi degli
indicatori
Risultati
empirici
Conclusioni
Scopo del lavoro
Il presente lavoro ha diversi obiettivi:

- costruire un indice di sviluppo umano (ISU) per le regioni UE;
- confrontare diversi metodi di aggregazione degli indicatori
elementari che compongono lISU;
- esplorare la relazione tra lISU regionale e il PIL pro capite
regionale;
- infine, applicare unanalisi multivariata agli indicatori elementari
per classificare le regioni.

Definizione del problema
Un indicatore di sviluppo
umano delle regioni
dEuropa
XVLIII Riunione Scientifica SIEDS - Roma, 28 maggio 2011
Introduzione
Definizione del
problema
La sintesi degli
indicatori
Risultati
empirici
Conclusioni
Quadro teorico
C ormai un largo consenso internazionale sia a livello
scientifico sia a livello politico, che la misurazione e la valutazione
del livello di sviluppo o di benessere delle societ non possono
essere pi effettuate basandosi esclusivamente o principalmente
sul Prodotto interno lordo (pro capite).
Infatti, bisogna considerare che:
1) lo sviluppo e il benessere (ed altri concetti simili come il
progresso, l a qual i t del l a vi t a, !) sono f enomeni
mul t i di mensi onal i che non possono esser e val ut at i
semplicemente con il PIL;
2) il PIL non misura adeguatamente nemmeno il reddito
personale, e inoltre costituisce tuttal pi un mezzo per
raggiungere maggiore sviluppo e benessere e non una misura di
questi fenomeni.
Definizione del problema
Un indicatore di sviluppo
umano delle regioni
dEuropa
XVLIII Riunione Scientifica SIEDS - Roma, 28 maggio 2011
Introduzione
Definizione del
problema
La sintesi degli
indicatori
Risultati
empirici
Conclusioni
Lindice di sviluppo umano
Fra i vari indicatori alternativi al PIL che sono stati proposti negli
ultimi decenni, lISU certamente uno dei pi interessanti,
poich, a differenza di molti altri, ha una solida base teorica (il
capability approach di Sen) unita ad una relativa semplicit di
calcolo e interpretazione.
Tuttavia, lISU originale stato costruito allo scopo di fare
confronti e classifiche tra nazioni a livello globale. Pertanto,
volendolo applicare a livello europeo e regionale, si rende
necessario un triplice adattamento (del resto previsto dagli
ideatori dellISU):
- un adattamento per tener conto del contesto europeo, con
livelli di sviluppo umano generalmente elevati;
- un adattamento per tener conto che lanalisi regionale;
- un adattamento per tener conto della disponibilit dei dati.
XVLIII Riunione Scientifica SIEDS - Roma, 28 maggio 2011
Un indicatore di sviluppo
umano delle regioni
dEuropa Definizione del problema
La fonte dei dati
Introduzione
Definizione del
problema
La sintesi degli
indicatori
Risultati
empirici
Conclusioni
XVLIII Riunione Scientifica SIEDS - Roma, 28 maggio 2011
Un indicatore di sviluppo
umano delle regioni
dEuropa Definizione del problema
La lista degli indicatori
Introduzione
Definizione del
problema
La sintesi degli
indicatori
Risultati
empirici
Conclusioni
XVLIII Riunione Scientifica SIEDS - Roma, 28 maggio 2011
Un indicatore di sviluppo
umano delle regioni
dEuropa Definizione del problema:
Indicatori e dimensioni
Indice di
sviluppo
umano
(ISU)
per le
regioni UE
DIMENSIONI Una vita lung e sana
INDICATORI
Aspettativa
di vita alla
nascita
Tasso di
sopravvivenza
Conoscenza
Tasso di
istruzione
secondaria
adulti
Tasso di
accesso
famiglie
ad internet
Condizioni di vita dignitose
Reddito
delle
famiglie
Tasso di
occupazione
ISU Regioni UE
Introduzione
Definizione del
problema
La sintesi degli
indicatori
Risultati
empirici
Conclusioni
RAPPORTO SULLO SVI LUPPO UMANO 2007- 2008 413
Partac|paz|ona po||t|ca a
a| procasso dac|s|ona|a
Partac|paz|ona aconom|ca a
a| procasso dac|s|ona|a
N|sura da||'ampowarmant d| ganara (NF0}
Potara su||a r|sorsa
aconom|cha
0uc|e |err||||| e ra:||||
d| e| pa||are||a||
PEOE pe| |a
|app|ee||a|/a
pa||are||a|e
PEOE pe| |a
pa||e:|pa/|c|e e:c|cr|:a
PEOE pe|
|| |edd||c
0uc|e |err||||| e ra:||||
|e||e p|c|e|c|| d| |e||a|c||,
a||| |u|/|c|a|| e d|||e|||
0uc|e |err||||| e ra:||||
||a | |a.c|a|c||
p|c|e|c|||| e |e:||:|
Redd||c da |a.c|c
||ra|c |err||||e
e ra:|||e
O||E\S|0\E
|\O|CAT0RE
PERCE\TUA|E
E0U|VA|E\TE
O|STR|BU|TA
E0UA|E\TE
(PEOE,
MEG
Una v|ta |unga
a sana 0onoscanza
TS|
|err||||e
TS|
ra:|||e
Tac d|
a||aoe||//a/|c|e
de|| adu|||
(dc||e,
||d|:e d|
|||u/|c|e
ra:|||e
||d|:e d| |||u/|c|e
e(uare||e d||||ou||c
||d|:e d| ape||a||.a
d| .||a e(uare||e d||||ou||c
|nd|ca d| sv||uppo d| ganara (|S0}
||d|:e d|
|||u/|c|e
|err||||e
Tac d|
a||aoe||//a/|c|e
de|| adu|||
(ucr|||,
0ond|z|on|
d| v|ta d|gn|tosa
Ape||a||.a d|
.||a a||a
|a:||a
(dc||e,
Ape||a||.a d|
.||a a||a
|a:||a
(ucr|||,
||d|:e d| |edd||c
e(uare||e d||||ou||c
Redd||c
da |a.c|c
||ra|c
|err||||e
Redd||c
da |a.c|c
||ra|c
ra:|||e
O||E\S|0\E
|\O|CAT0RE
|\O|CE OE||A
O||E\S|0\E
|\O|CE
E0UA|E\TE
O|STR|BU|T0
||d|:e d|
ape||a||.a d|
.||a ra:|||e
||d|:e d|
ape||a||.a d|
.||a |err||||e
||d|:e d|
|edd||c
ra:|||e
||d|:e d|
|edd||c
|err||||e
lSG
0onoscanza
|nd|ca d| povart umana
par | paas| |n v|a d| sv||uppo (|PU-1}
P||.a/|c|e d| :c|d|/|c||
d| .||a d||||ce
0ond|z|on| d| v|ta d|gn|tosa
P|coao||||a a||a |a:||a d|
|c| cp|a..|.e|e
|||c a 40 a|||
Pe|:e||ua|e de||a pcpc|a/|c|e
:|e |c| ua
u|a |c||e |d||:a r|||c|a|a
Pe|:e||ua|e d| oaro|||
c||cpec ||pe||c
a||'e|a
O||E\S|0\E
|\O|CAT0RE
lPU-3
Una v|ta |unga
a sana
Tac d|
a|a||aoe||rc
de|| adu|||
0onoscanza
|nd|ca d| povart umana par |
paas| 00SF sa|az|onat| (|PU-2}
0ond|z|on| d|
v|ta d|gn|tosa
Fsc|us|ona
soc|a|a
P|coao||||a a||a |a:||a
d| |c| cp|a..|.e|e
|||c a O0 a|||
Pe|:e||ua|e d| pe|c|e
:|e .|.c|c a| d| c||c
de||a |||ea d| pc.e||a
Tac d|
d|c::upa/|c|e d|
|u|c pe||cdc
O||E\S|0\E
|\O|CAT0RE
Una v|ta |unga
a sana
lPU-E
Pe|:e||ua|e d| adu|||
p||.| d| ao||||a |u|/|c|a||
d| |e||u|a e d| :||||u|a
0onoscanza
Tac d|
:c|a|||a |c|dc (TS|,
Tac d| a||aoe||//a/|c|e
de|| adu|||
||d|:e TS| ||d|:e d| a||aoe||//a/|c|e
de|| adu|||
||d|:e d| |||u/|c|e ||d|:e d| ape||a||.a d| .||a
|nd|ca d| sv||uppo umano (|SU}
Ape||a||.a d| .||a
a||a |a:||a
||d|:e de| P||
P|| p|c :ap||e
(dc||a|| PPA,
O||E\S|0\E
|\O|CAT0RE
|\O|CE OE||A
O||E\S|0\E
Una v|ta |unga
a sana
0ond|z|on| d| v|ta
d|gn|tosa
lSU
NOTA TECNICA 1
Calcolo degli indici di sviluppo umano
I seguenti diagrammi presentano una sintesi del modo in cui sono costruiti i cinque indici di sviluppo umano usati nel Rapporto
sullo sviluppo umano, ponendo in risalto le analogie e le diferenze esistenti tra loro. Nelle pagine successive fornita una spiegazione
dettagliata.
I problemi
! Rappresentativit dei dati
! Arbitrariet del ricercatore per:
selezione degli indicatori elementari
standardizzazione e ponderazione
scelta della funzione di sintesi
Rischi
! Perdita di informazioni
! Trattamento dei dati
! Conclusioni semplicistiche (graduatorie)
Vantaggi
! Misurazione unidimensionale del fenomeno
! Immediata fruibilit
! Semplificazione dellanalisi territoriale dei dati
La sintesi degli indicatori
Un indicatore di sviluppo
umano delle regioni
dEuropa
XVLIII Riunione Scientifica SIEDS - Roma, 28 maggio 2011
Introduzione
Definizione del
problema
La sintesi degli
indicatori
Risultati
empirici
Conclusioni
La standardizzazione dei dati
Si trasforma ciascun indicatore in una variabile standardizzata
con media=100 e s.q.m.=10; i valori cos ottenuti saranno
compresi, allincirca, nellintervallo 70-130 (100=valore media).
Ci consente di superare il problema della definizione di un
vettore di valori obiettivo, sostituendo tale vettore con linsieme
dei valori medi.
In tal modo, risulta agevole individuare le regioni che hanno un
livello di sviluppo al di sopra di quello medio (valori maggiori di
100) e quelle che hanno un livello di sviluppo al di sotto della
media (valori minori di 100).
Nel caso di indicatori che si muovono in senso contrario
rispetto allo sviluppo (polarit negativa), si effettua una
inversione dei valori standardizzati.
La sintesi degli indicatori
Un indicatore di sviluppo
umano delle regioni
dEuropa
XVLIII Riunione Scientifica SIEDS - Roma, 28 maggio 2011
Introduzione
Definizione del
problema
La sintesi degli
indicatori
Risultati
empirici
Conclusioni
La standardizzazione dei dati
Data la matrice X = {x
ij
} di n righe (regioni) e m colonne (indicatori
elementari), si passa alla matrice dei valori standardizzati Z = {z
ij
}
in cui:




dove ; .

Il segno dipende dalla relazione tra lindicatore j e il livello di
sviluppo (polarit).
10
S
) M (
100
j
j
x
x ij
ij
x
z
!
=
n
x
n
i
ij
x
j
!
=
=
1
M
n
x
n
i
x ij
x
j
j
!
=
"
=
1
2
) M (
S
Un indicatore di sviluppo
umano delle regioni
dEuropa La sintesi degli indicatori
Introduzione
Definizione del
problema
La sintesi degli
indicatori
Risultati
empirici
Conclusioni
XVLIII Riunione Scientifica SIEDS - Roma, 28 maggio 2011
Laggregazione dei dati
1) Media aritmetica
2) Media geometrica
3) Indice MPI
-
(Mazziotta-Pareto Index)

dove:

; .
Un indicatore di sviluppo
umano delle regioni
dEuropa La sintesi degli indicatori
m
z
m
j
ij
i
!
=
=
1
M
i i i i
cv S M MPI
-
! =
m
m
j
ij i
z
1
1
Mg
!
!
"
#
$
$
%
&
=
'
=
i
i
i
M
S
cv =
m
z
m
j
i ij
i
!
=
"
=
1
2
) M (
S
Introduzione
Definizione del
problema
La sintesi degli
indicatori
Risultati
empirici
Conclusioni
XVLIII Riunione Scientifica SIEDS - Roma, 28 maggio 2011
Le correlazioni tra indicatori
Risultati empirici
Un indicatore di sviluppo
umano delle regioni
dEuropa
XVLIII Riunione Scientifica SIEDS - Roma, 28 maggio 2011
Life_exp
Income_hou
25-64_edu
Employ_rate
Death_rate
Internet_hou
Introduzione
Definizione del
problema
La sintesi degli
indicatori
Risultati
empirici
Conclusioni
Le prime 20 regioni
Risultati empirici
Un indicatore di sviluppo
umano delle regioni
dEuropa
XVLIII Riunione Scientifica SIEDS - Roma, 28 maggio 2011
M MPI Mg M-MPI M-Mg MPI-Mg
NL31 Utrecht 1 1 1 0 0 0
NL23 Flevoland 2 2 2 0 0 0
NL32 Noord-Holland 3 3 3 0 0 0
AT34 Vorarlberg 5 4 5 1 0 1
SE11 Stockholm 4 5 4 1 0 1
NL41 Noord-Brabant 7 6 7 1 0 1
NL21 Overijssel 6 7 6 1 0 1
NL33 Zuid-Holland 8 8 8 0 0 0
NL22 Gelderland 9 9 9 0 0 0
AT33 Tirol 10 10 10 0 0 0
DE21 Oberbayern 11 11 11 0 0 0
AT32 Salzburg 12 12 12 0 0 0
NL34 Zeeland 14 13 13 1 1 0
DE11 Stuttgart 15 14 15 1 0 1
DE14 Tbingen 17 15 16 2 1 1
DE13 Freiburg 16 16 17 0 1 1
FR10 le de France 13 17 14 4 1 3
NL13 Drenthe 18 18 18 0 0 0
AT31 Obersterreich 19 19 19 0 0 0
DE27 Schwaben 20 20 20 0 0 0
Cod. Regione
Rango Diff. assoluta rango
Introduzione
Definizione del
problema
La sintesi degli
indicatori
Risultati
empirici
Conclusioni
Le ultime 20 regioni
Risultati empirici
Un indicatore di sviluppo
umano delle regioni
dEuropa
XVLIII Riunione Scientifica SIEDS - Roma, 28 maggio 2011
M MPI Mg M-MPI M-Mg MPI-Mg
RO12 Centru 210 215 211 5 1 4
RO21 Nord-Est 209 216 212 7 3 4
PL43 Lubuskie 218 217 217 1 1 0
PL33 Swietokrzyskie 219 218 219 1 0 1
PL51 Dolnoslaskie 220 219 220 1 0 1
LT00 Lietuva 222 220 221 2 1 1
RO22 Sud-Est 217 221 218 4 1 3
RO42 Vest 223 222 223 1 0 1
RO11 Nord-Vest 221 223 222 2 1 1
HU23 Dl-Dunntl 224 224 224 0 0 0
HU33 Dl-Alfld 226 225 225 1 1 0
RO31 Sud - Muntenia 225 226 226 1 1 0
RO41 Sud-Vest Oltenia 227 227 227 0 0 0
HU32 szak-Alfld 230 228 229 2 1 1
BG42 Yuzhen tsentralen 228 229 228 1 0 1
BG34 Yugoiztochen 229 230 230 1 1 0
HU31 szak-Magyarorszg 232 231 231 1 1 0
BG33 Severoiztochen 231 232 232 1 1 0
BG32 Severen tsentralen 233 233 233 0 0 0
BG31 Severozapaden 234 234 234 0 0 0
Cod. Regione
Rango Diff. assoluta rango
Introduzione
Definizione del
problema
La sintesi degli
indicatori
Risultati
empirici
Conclusioni
Le maggiori differenze
Risultati empirici
Un indicatore di sviluppo
umano delle regioni
dEuropa
XVLIII Riunione Scientifica SIEDS - Roma, 28 maggio 2011
M MPI Mg M-MPI M-Mg MPI-Mg
FR93 Guyane (FR) 135 160 146 25 11 14
ES30 Comunidad de Madrid 79 96 89 17 10 7
FR94 Runion (FR) 146 162 158 16 12 4
ES63 Ciudad Autnoma de Ceuta (ES) 174 188 180 14 6 8
DK01 Hovedstaden 35 48 40 13 5 8
IE02 Southern and Eastern 73 85 79 12 6 6
FR91 Guadeloupe (FR) 136 147 139 11 3 8
CY00 Kypros/Kibris 44 54 51 10 7 3
BE35 Prov. Namur 157 148 150 9 7 2
ES53 Illes Balears 122 130 127 8 5 3
BE34 Prov. Luxembourg (BE) 145 137 141 8 4 4
ITG1 Sicilia 172 180 175 8 3 5
GR24 Sterea Ellada 192 184 189 8 3 5
FI19 Lnsi-Suomi 83 76 78 7 5 2
FR25 Basse-Normandie 89 82 85 7 4 3
ES64 Ciudad Autnoma de Melilla (ES) 164 171 166 7 2 5
ES61 Andaluca 189 196 194 7 5 2
RO21 Nord-Est 209 216 212 7 3 4
BE24 Prov. Vlaams-Brabant 46 52 49 6 3 3
DEE0 Sachsen-Anhalt 106 112 107 6 1 5
Cod. Regione
Rango Diff. assoluta rango
Introduzione
Definizione del
problema
La sintesi degli
indicatori
Risultati
empirici
Conclusioni
Le regioni italiane
Risultati empirici
Un indicatore di sviluppo
umano delle regioni
dEuropa
XVLIII Riunione Scientifica SIEDS - Roma, 28 maggio 2011
M MPI Mg M-MPI M-Mg MPI-Mg
ITD1 P. A. Bolzano 49 53 52 4 3 1
ITD2 P. A. Trento 74 74 73 0 1 1
ITC4 Lombardia 78 78 77 0 1 1
ITD3 Veneto 99 98 100 1 1 2
ITD5 Emilia-Romagna 104 103 104 1 0 1
ITE4 Lazio 113 113 113 0 0 0
ITC2 Valle d'Aosta 114 114 114 0 0 0
ITC1 Piemonte 121 121 121 0 0 0
ITD4 Friuli - V. Giulia 125 122 122 3 3 0
ITE1 Toscana 128 126 128 2 0 2
ITG2 Sardegna 123 127 125 4 2 2
ITE3 Marche 131 131 131 0 0 0
ITE2 Umbria 147 145 147 2 0 2
ITF1 Abruzzo 156 150 152 6 4 2
ITC3 Liguria 154 153 155 1 1 2
ITF5 Basilicata 150 154 151 4 1 3
ITF4 Puglia 162 165 164 3 2 1
ITF6 Calabria 166 170 167 4 1 3
ITG1 Sicilia 172 180 175 8 3 5
ITF2 Molise 187 191 191 4 4 0
ITF3 Campania 203 205 204 2 1 1
Cod. Regione
Rango Diff. assoluta rango
Introduzione
Definizione del
problema
La sintesi degli
indicatori
Risultati
empirici
Conclusioni
Confronto tra le graduatorie
Risultati empirici
Un indicatore di sviluppo
umano delle regioni
dEuropa
XVLIII Riunione Scientifica SIEDS - Roma, 28 maggio 2011
Metodo di sintesi M MPI Mg
M - 2.61 1.41
MPI - 1.39
Mg -
M 1 0.9982 0.9994
MPI 1 0.9995
Mg 1
Indice di cograduazione
Differenza media assoluta di rango
Introduzione
Definizione del
problema
La sintesi degli
indicatori
Risultati
empirici
Conclusioni
Sviluppo umano vs PIL
Risultati empirici
Un indicatore di sviluppo
umano delle regioni
dEuropa
XVLIII Riunione Scientifica SIEDS - Roma, 28 maggio 2011
7,5 8,0 8,5 9,0 9,5 10,0 10,5 11,0 11,5
log(PIL pro capite)
75
80
85
90
95
100
105
110
115
120
M
P
I
-
Introduzione
Definizione del
problema
La sintesi degli
indicatori
Risultati
empirici
Conclusioni
Area delle prime 20 regioni ad alto
livello di sviluppo umano
Area delle ultime 20 regioni a basso
livello di sviluppo umano
Regioni del sud
Italia
Regioni italiane
del centro nord
Un indicatore di sviluppo
umano delle regioni
dEuropa
Risultati empirici
Un approccio multivariato:
la Cluster Analysis
Conclusioni
Misurare lintensit dello sviluppo umano, attraverso un indice
composito, presenta senza dubbio numerosi rischi dovuti
allarbitrariet del ricercatore nella scelta degli indicatori e nel
trattamento dei dati.

Le scelte fatte, sia nella scelta delle dimensioni che della funzione
di sintesi, hanno disegnato una geografia europea dello sviluppo
umano che sembra ben rappresentare la realt.

Il livello territoriale regionale consente di poter confrontare aree
sub-nazionali nelle quali il contenuto informativo certamente
meno dispersivo del dettaglio nazionale.




XVLIII Riunione Scientifica SIEDS - Roma, 28 maggio 2011
Introduzione
Definizione del
problema
La sintesi degli
indicatori
Risultati
empirici
Conclusioni
Riferimenti bibliografici
Chiappero-Martinetti E., Pareglio S. (2009). Sviluppo umano
sostenibile e qualit della vita: modelli economici e politiche
pubbliche, Carocci, Roma.
De Muro P., Mazziotta M., Pareto A. (2010). Composite Indices of
Development and Poverty: An Application to MDGs. Social
Indicators Research. doi: 10.1007/s11205-010-9727-z
OECD (2008). Handbook on Constructing Composite Indicators.
Methodology and user guide. OECD Publications, Paris
UNDP (2010). Human Development Report 2010. The Real
Wealth of Nations: Pathways to Human Development.
Palgrave Macmillan, New York
XVLIII Riunione Scientifica SIEDS - Roma, 28 maggio 2011