Sei sulla pagina 1di 134

2

SOMMARIO 1. 2. Premessa....................................................................... 5 Malattie ......................................................................... 6

3. 4.

2.1. Casi di malattie trasmesse dalle zanzare in Italia ............................ 7 2.1. Allergia alle punture di zanzara .................................................... 9 2.1.1. Sindrome di Skeeter .................................................................10 2.1.2. Orticaria Papulosa ....................................................................10 2.2. Zanzare e AIDS .........................................................................11 2.3. Animali domestici ......................................................................11 2.3.1. Filariosi ...................................................................................11 2.3.2. Leishmaniosi............................................................................12 2.3.3. Protezione ...............................................................................12 2.3.4. Mixomatosi ..............................................................................13 2.4. Controllo delle zanzare e prevenzione delle malattie ......................13

Armi a disposizione ..................................................... 15 Prevenzione e lotta larvicida ....................................... 18

3.1.

Diffondi la cultura antizanzara .....................................................15

5.

4.2. Lotta alle larve di zanzara...........................................................18 4.2.1. Fase 1: la ricerca dei focolai larvali .............................................19 4.2.2. Fase 2: eliminazione dei focolai ..................................................19 4.2.3. Fase 3: trattamento delle acque con larvicidi ...............................20 4.3. Domande frequenti sui trattamenti larvicidi ..................................21 4.4. Ovitrappole ...............................................................................22 4.4.1. Aqualab ..................................................................................23 4.4.2. Costruiamo una ovitrappola .......................................................25 4.5. Proteggere i tombini ..................................................................27

Mosquito Magnet ......................................................... 28

6. 7.

5.1. Cosa sono le trappole per zanzare ...............................................28 5.2. Perch scegliere Mosquito Magnet ...............................................29 5.3. Modelli di Mosquito Magnet disponibili ..........................................32 5.4. Come Mosquito Magnet attrae le zanzare .....................................33 5.5. Uso e manutenzione ..................................................................35 5.5.1. Sostanze gradite alle zanzare ....................................................35 5.5.2. Pulizia con anidride carbonica ....................................................35 5.5.3. Contenitore zanzare .................................................................36 5.6. Regole base per lutilizzo ............................................................36 5.7. Posizionamento .........................................................................37 5.8. Domande frequenti ....................................................................38

Trappole per zanzare foto catalitiche .......................... 40 Repellenti .................................................................... 42

6.1. 6.2. 7.1. 7.2. 7.3. 7.4.

Che cos' la fotocatalisi? ............................................................40 La fotocatalisi nelle trappole .......................................................40 Repellenti personali ...................................................................42 Da irrorare nellambiente ............................................................43 Evaporatori di piastrine ..............................................................43 Domande frequenti Acti Zanza Break ...........................................45
V2.0 25 aprile 2012

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

8.

7.5. Repellente per viaggi in paesi tropicali .........................................48 7.6. Lenzuola antizanzara .................................................................48 7.7. Lampadine a luce gialla ..............................................................49 7.8. Leggende metropolitane o verit? ................................................50 7.8.1. Braccialetti ..............................................................................50 7.8.2. Ultrasuoni ...............................................................................50 7.8.3. Aglio e vitamina B ....................................................................51 7.8.4. Profumi e dopobarba ................................................................51 7.8.5. Vestiti scuri .............................................................................51 7.8.6. Alcolici ....................................................................................52 7.8.7. Vaniglia ..................................................................................52 7.8.8. Erba Gatta ..............................................................................53

Insetticidi .................................................................... 54

9.

8.1. Un po di teoria .........................................................................54 8.2. Classificazione ..........................................................................55 8.3. Tossicit dei prodotti ..................................................................56 8.4. Etichette degli insetticidi ............................................................60 8.5. Disinfestare il proprio giardino ....................................................64 8.5.1. Quando disinfestare..................................................................64 8.5.2. Come disinfestare ....................................................................65 8.5.3. Guida pratica alla disinfestazione. ..............................................66 8.5.4. Alcuni consigli ..........................................................................69 8.6. Disinfestazione professionali .......................................................70 8.6.1. Affidarsi ad una ditta di disinfestazione .......................................70 8.6.2. Disinfestare con i propri mezzi ...................................................71 8.6.3. Scegliere una ditta di disinfestazione ..........................................73 8.7. Sistemi di nebulizzazione automatica ...........................................74 8.7.1. Cosa sono ...............................................................................74 8.7.2. I principali dubbi sui sistemi di nebulizzazione automatica .............75

Rimedi naturali ............................................................ 77

10. Conoscere il nemico..................................................... 92


Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

9.1. Prodotti naturali ........................................................................77 9.2. Repellenti naturali .....................................................................78 9.2.1. Rosmarinus .............................................................................79 9.2.2. Z-Stop: estratto di aglio ............................................................80 9.2.3. Olio di Neem............................................................................81 9.3. Citronella .................................................................................81 9.4. Catambra .................................................................................83 9.5. Predatori Naturali ......................................................................85 9.5.1. Gambusia ................................................................................85 9.5.2. Pipistrelli .................................................................................86 9.5.3. Copepodi.................................................................................88 9.5.4. Rondini ...................................................................................89 9.5.5. Rane e girini ............................................................................90 9.5.6. Tartarughe ..............................................................................90 9.5.7. Pesci ......................................................................................90 9.5.8. Ditisco ....................................................................................90 9.5.9. Geco.......................................................................................91

11. Strategia e casi pratici ............................................... 113

10.1. Un insetto pericoloso .................................................................92 10.2. Zanzare presenti in Italia............................................................93 10.3. Cosa attrae la zanzara ...............................................................95 10.4. Zanzara Tigre ...........................................................................96 10.4.1. Come riconoscerla ..................................................................96 10.4.2. Ciclo vitale.............................................................................96 10.4.3. Comportamento .....................................................................97 10.4.4. Malattie .................................................................................97 10.4.5. Diffusione ..............................................................................97 10.4.6. Caratteristiche utili alleliminazione ...........................................99 10.4.7. Raggio d'azione ......................................................................99 10.4.8. Quota di volo ....................................................................... 100 10.4.9. Ambienti ............................................................................. 100 10.4.10. Punto debole ...................................................................... 100 10.5. Zanzara delle risaie ................................................................. 101 10.6. Curiosit sulle zanzare ............................................................. 102 10.7. Pappataci ............................................................................... 103 10.8. Altri insetti ematofagi in ambiente rurale .................................... 107 10.8.1. I Simulidi ............................................................................ 108 10.8.2. I Ceratopogonidi .................................................................. 108 10.8.3. I Tafani ............................................................................... 108 10.9. Zanzare, clima e stagioni.......................................................... 109 10.9.1. Quando iniziare la lotta ......................................................... 109 10.9.2. Le zanzare in inverno ............................................................ 110 10.9.3. Il controllo invernale delle zanzare.......................................... 112 10.9.4. Il calendario zanzare del MosquitoWeb .................................... 112 11.1. Eliminare le larve di zanzara ..................................................... 113 11.1.1. Caso 1: focolai ben nascosti ................................................... 113 11.1.2. Caso 2: presenza di una roggia poco fuori la propriet .............. 113 11.1.3. Caso 3: presenza di una palude/risaia/oasi nelle vicinanze ........ 114 11.1.4. Caso 4: presenza di un corso dacqua con corrente moderata .... 114 11.2. Proteggere i bambini dalle zanzare ............................................ 114 11.3. Proteggere lappartamento dalle zanzare .................................... 116 11.4. Terrazza semichiusa ................................................................ 119 11.5. Campi incolti coltivati ad orto .................................................... 120 11.6. Cimiteri .................................................................................. 120 11.7. Gestione siepe ........................................................................ 122 11.8. Zanzare e Condominio ............................................................. 122

12. 13. 14. 15. 16.

Curare le punture ...................................................... 124 La normativa vigente ................................................. 127 Conclusioni ................................................................ 129 Appendice A: speranze per il futuro........................... 130 Appendice B: curiosit ............................................... 133

16.1. 16.2. 16.3.

Dissanguati dalle zanzare ......................................................... 133 Bionde ................................................................................... 134 Leggenda vietnamita ............................................................... 134
V2.0 25 aprile 2012

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

1.

Premessa

Se stai leggendo queste pagine probabilmente tu e la tua famiglia ti ritrovi ogni anno a combattere contro le zanzare per poterti godere un poco il tuo giardino. E stato cos anche per me! Dopo l'ennesima estate durante la quale non ho potuto vivere il giardino, ho deciso di raccogliere informazioni sui principali metodi di difesa dalle zanzare. Poi l'acquisto del primo Mosquito Magnet, la scarsit dinformazioni reperibili in internet e cos... ...creai il MosquitoForum, un sito gratuito basato su di un forum di discussione, nato per gioco e per esasperazione il 3 luglio 2007. L'entusiasmante interesse riscosso e l'incoraggiamento dei numerosi utenti mi hanno convinto a creare un sito vero e proprio, il MosquitoWeb. Il sito cresciuto rapidamente anche grazie alla collaborazione con entomologi e professionisti del settore che hanno contribuito con preziose informazioni. Il resto lo ha fatto la nostra community, studiando, provando e valutando i principali prodotti antizanzare presenti sul mercato. Dal 2011 disponibile sul MosquitoWeb, un negozio on-line totalmente dedicato ai metodi di difesa dalle zanzare. http://www.mosquitoweb.it/mosquitoshop.html Le conoscenze maturate nel settore, la passione per internet e la volont di soddisfare i nostri visitatori ci ha permesso di offrire un servizio apprezzato da tutti i nostri clienti. Riconquistare il proprio giardino possibile. La lotta alle zanzare per non si pu improvvisare, prevenzione e lotta devono essere applicate in modo diverso a seconda dei contesti. Questo libro illustra le principali armi a tua disposizione e aiuta a conoscere le caratteristiche utili alleliminazione di questi fastidiosi insetti. E se non ti basta puoi sempre chiedere una soluzione personalizzata rispondendo a poche domande per descrivere il tuo contesto: http://www.mosquitoweb.it/soluzione-personalizzata.html

Buona lettura da tutto lo staff del MosquitoWeb e

goditi lestate!

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

2.

Malattie

Incominciamo subito con le brutte notizie. La zanzara considerato lanimale pi letale al mondo, ogni anno questi insetti provocano milioni di morti in tutto il mondo. Esistono pi di tremila specie di zanzara, ma le principali responsabili della diffusione di malattie umane le zanzare Anopheles e quelle del genere Aedes, cui appartiene la zanzara tigre. Questultima oltre ad essere la principale fonte di fastidio dei pomeriggi estivi pu potenzialmente trasmettere pi di 20 virus diversi. Se pensi che queste malattie siano circoscritte ai paesi tropicali ti sbagli. In Italia si verificano periodicamente casi di questo tipo. Solitamente verso la fine di Agosto i picchi di infestazione rendono pi probabile la trasmissione dei virus. Inoltre laumento dei flussi migratori di merci e persone e i cambiamenti climatici sono ulteriori elementi che giocano a nostro sfavore. Non a caso egli ultimi anni nel mondo, si sono imposte allattenzione Dengue e Chikungunya, entrambe malattie tipiche delle regioni subtropicali. Uninfezione da Dengue, per la quale sono stati individuati 4 agenti patogeni, pu avere un decorso mortale. La malattia ha imperversato anche in Asia e in Sudamerica e molti paesi sono impegnati in una strenua lotta contro questo tipo di epidemie. Negli USA la Dengue la patologia infettiva importata pi frequentemente dai tropici, tanto che le autorit sanitarie statunitensi nutrono il timore che essa possa propagarsi dal sud verso lAmerica del Nord. Va ricordato, che un tempo la Dengue era presente anche nel bacino mediterraneo, importata dalle navi spagnole. Il vettore principale, a quei tempi, era rappresentato da Aedes aegypti, una specie di zanzara che fortunatamente, e contrariamente alla zanzara tigre, non riesce a stabilirsi da noi (almeno per ora). Una seconda malattia virale, che in questi ultimi anni sta destando preoccupazion la Chikungunya, che in lingua Swahili significa persona che cammina curva. Nellisola francese La Runion, nellOceano Indiano, nel 2006 scoppiata unepidemia di Chikungunya, che ha colpito almeno un terzo dei 750.000 abitanti. Il virus provoca una malattia con sintomatologia febbrile e forti dolori articolari, ma generalmente a decorso benigno. In Italia nellagosto del 2007, la copresenza del vettore, la zanzara tigre, e un virus importato, la Chikungunya, ha causato unepidemia che ha colpito oltre 200 persone nelle vicinanze di Ravenna.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

2.1. Casi di malattie trasmesse dalle zanzare in Italia Quando si verifica la presenza del virus in un malato, questo pu avere contratto la malattia in due modi. In un paese estero, quindi si tratta di persone ritornate da poco da un viaggio. In questo caso si parla di un caso importato. Oppure possono avere contratto la malattia senza avere mai lasciato il paese. In questo caso si parla di caso autoctono. I secondi sono molto pi preoccupanti parch vuole dire che la malattia in grado di diffondersi sfruttando le zanzare e gli animali presenti sul territorio. Il processo di trasmissione della malattia attraverso le zanzare complesso e non sempre avviene da uomo a uomo. Quando: Primavera-Estate 2007 Cosa: Chikungunya. Dove: Emilia Romagna nella provincia di Ravenna e Forl/Cesena Circa 200 persone sono state infettate dal virus trasmesso dalla zanzara tigre. Le aree di provenienza delle persone colpite sono state: Castiglione di Cervia, Castiglione di Ravenna, Cesena e Cervia. Si pensa che il virus sia stato importato da un cittadino straniero proveniente dall'India. Arrivato in Italia, il 21 giugno ha manifestato i sintomi due giorni dopo il suo arrivo a Castiglione di Cervia. Il picco dell'epidemia si manifestato la terza settimana di agosto. Dalla fine di agosto unintensa sorveglianza stata istituita presso gli ospedali e gli enti sanitari locali. E' stata intrapresa una forte attivit adulticida e di prevenzione in tutta l'area specialmente nelle vicinanze delle residenze delle persone colpite dalla malattia. La prevenzione e la lotta sono continuate nel 2008, dove non si sono verificati ulteriori casi ma solo falsi allarmi. Quando: Settembre 2008 Cosa: Dengue Dove: Bologna stato rilevato a Monghidoro, nel bolognese, un caso importato di Dengue il cui virus potenzialmente trasmissibile dalla zanzara tigre. La persona colpita una donna di 23 anni di ritorno da un viaggio di piacere in Messico, dove ha contratto la malattia. Al ritorno in Italia ha presentato i tipici sintomi. Dove: Firenze Un venticinquenne che abita a Scandicci stato infettato da una zanzara durante un viaggio in Thailandia. I sintomi si sono manifestati al suo ritorno. Quando: Settembre-Ottobre 2008 Cosa: West Nile Virus
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

Dove: Emilia Romagna nella provincia di Ferrara e in Veneto nella provincia di Rovigo Nel ferrarese e nel Polesine si sono verificati casi di West Nile che ha colpito i cavalli di alcune scuderie. Si tratta di una malattia infettiva trasmessa di solito dalle zanzare comuni (genere Culex). Il virus oltre agli animali pu colpire anche luomo; attualmente la malattia diffusa in Africa (soprattutto in Egitto), in Medio Oriente, in India, in Europa e negli Stati Uniti (la prima epidemia stata dichiarata nel 1999 nella citt di New York). Dove: Imola E un'anziana signora la prima vittima italiana del virus West Nile. Si tratta di una meningite virale, trasmessa dalla puntura di una zanzara infetta, che finora aveva colpito solo volatili e cavalli. E' stato pubblicato di recente uno studio da parte di Eurosurveillance secondo cui i casi di virus West Nile in Italia sono in aumento. Le persone infettate sono passate da 9 nel 2008 a 16 nel 2009 (dati aggiornati a settembre 2009). Le regioni colpite sono state il Veneto, l'Emilia Romagna e la Lombardia. Quando: 2009 Cosa: West Nile Virus Dove: Italia Dei 6 casi riscontrati in Veneto. Le persone colpite hanno tutte una et superiore ai 60 anni. Tutti i pazienti sono stati ricoverati, uno di questi deceduto. Sono 8 i casi registrati in Emilia Romagna, anche in questo caso l'et dei soggetti superiore a 60 anni. Molti altri casi sono stati segnalati al laboratorio del Centro regionale di riferimento per le emergenze microbiologiche (Crrem) a Bologna, successivamente risultati negativi ai test di laboratorio. In Lomabrdia sono stati confermati due casi di infezione relativi a persone residenti a Mantova. Si sono inoltre verificati, sia nel 2008 che nel 2009, molti casi di infezione tra i cavalli. Quando: 2010 Cosa: Dengue Dove: Francia Un Caso autoctono a Nizza in Francia. Si tratta di un caso isolato e fino ad oggi non ne sono stati segnalati altri. Nellarea presente e attiva la Aedes Albopictus (zanzara tigre).
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

Dove: Italia Da Giugno a Settembre sono stati rilevati 11 casi segnalati da siti di news regionali o nazionali. In particolare i casi sono stati rilevati a Carpi (Modena), Parma, Pellegrino Parmense (Parma), Padova, Fidenza (Parma), La Spezia, Vicenza, Fidenza (Parma), Due casi a Bologna, Casalecchio di Reno (Bologna), Ravenna. Quando: 2010 Cosa: West Nile Virus Dove: Italia La Regione Veneto ha segnalato uninfezione confermata da virus West Nile, durante il mese di agosto 2010. La circolazione del virus negli animali stata identificata in due nuove aree Molise e Sicilia. Quando: 2010 Cosa: Chikungunya Dove: Italia Un caso importato vicino a Bologna. Dove: Francia Un caso autoctono a Frejus, nel sud della Francia. 2.1. Allergia alle punture di zanzara Ogni estate, se vivi in una zona infestata, impossibile non essere punto un certo numero di volte dalle zanzare. Solitamente si crea un piccolo e prurigginoso ponfo che tende a scomparire in poche ore. Quando le vittime sono i bambini il decorso pu essere un poco pi lungo a causa delle infezioni da grattamento che il prurito provoca. In alcuni casi per le reazioni possono essere pi importanti ed estese. L'allergia al veleno degli insetti una reazione anomala ed esagerata alla loro puntura. dovuta ad una sensibilizzazione allergica verso alcune componenti che iniettano al momento della puntura. Per quanto riguarda le zanzare l'elemento incriminato un antigene contenuto nella loro saliva. Le zanzare iniettano la saliva al fine di fluidificare il sangue che viene successivamente succhiato. Si dimostrato che la risposta sierologica caratterizzata da una iperproduzione di Immunoglobuline specifiche (IgE e IgG 4). Si parla di allergia alle sostanze iniettate dagli insetti quando la reazione locale eccessiva: troppo estesa, grave e duratura. In qualche caso viene interessata gran parte di un arto, il rigonfiamento raggiunge un picco massimo entro le 48 ore e pu durare fino a 7-10 giorni. In alcuni casi si pu anche verificare febbre e malessere generale.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

10

Esistono comunque delle patologie note relative a fenomeni allergici importanti causati dalle punture di zanzara. 2.1.1. Sindrome di Skeeter La sindrome di Skeeter una reazione allergica locale alle punture di zanzara. Consiste in un evidente fenomeno infiammatorio e febbre. L'infiammazione provoca gonfiori ed ecchimosi molto evidenti, pu estendersi ad un intero arto ed essere persistente per alcuni giorni. L'esame clinico difficilmente riesce a distinguere i sintomi di una infezione dalla sindrome di Skeeter. Il modo per identificare la patologia la misurazione delle immuniglobuline IgE e IgG 4 presenti nel sangue. La Zanzara Tigre pu provocare questa malattia e, a testimonianza del crescente allarme sanitario anche sul nostro territorio, segnalo che si sono gi verificati episodi in Italia. Nel 2010 il caso si verificato in una donna di 34 anni residente nella provincia di Cuneo, senza che abbia mai avuto reazioni particolari alle punture di zanzara tigre. Si sono manifestate reazioni molto evidenti (ecchimosi) unite a febbre e ingrossamento dei linfonodi a fronte della puntura di una zanzara. Tre giorni dopo il ponfo era ancora ben visibile con gonfiore e insensibilit della zona colpita. Il caso rappresenta una reazione di ipersensibilit alla puntura di zanzara tigre e pu essere considerato il primo caso documentato di sindrome di Skeeter in Italia. 2.1.2. Orticaria Papulosa L'orticaria Papulosa si manifesta con ponfi infiammati e prurigginosi con una vescicola o crosticina centrale. Sono localizzate prevalentemente nelle zone esposte e persistono per circa una o due settimane. Molto spesso si verificano nuovi fenomeni che prolungano il fastidio anche per alcuni mesi. Grattarsi pu aggravare il disturbo. Questo il quadro della orticaria papulosa o strofulo: Si tratta infatti di una comune reazione pruriginosa da ipersensibilit alle punture di insetti di vario tipo, in primo luogo zanzare. Anche in questo caso si tratta di una ipersensibilit verso l'antigene contenuto nella saliva delle zanzare che causa una produzione eccessiva di Immunoglobuline specifiche (IgE e IgG 4). L'orticaria papulosa non comune nei primi anni di vita quando il bambino non ha ancora avuto modo si sensibilizzarsi alle punture degli insetti, ma si fa tipicamente pi evidente a partire dal terzo-quarto anno per poi attenuarsi dopo i sette otto anni per un meccanismo di lenta desensibilizzazione naturale (Fonte: . Longo. ORTICARIA PAPULOSA. Medico e Bambino pagine elettroniche 1999; 2(5) http://www.medicoebambino.com/?id=PPI9905_10.html). I fenomeni di ipersensibilit alle punture di questi insetti evidenziano come il problema zanzare non sia solo causa di qualche fastidio estivo. Le zanzare, specie le tigre, rappresentano un reale problema sanitario e come tale occorre una adeguata attenzione da parte di tutti: privati ed istituzioni.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

11

2.2. Zanzare e AIDS Che la zanzara possa trasmettere il virus HIV una delle tante leggende metropolitane. Il motivo piuttosto semplice, quando la zanzara punge inietta la propria saliva la quale ha un effetto anticoagulante, anestetico ed irritante. E' questa sostanza che causa i prurigginosi ponfi. Il sangue, reso pi fluido dalla saliva, viene aspirato e non iniettato. Quindi il sangue della zanzara e quello della vittima non hanno contatti. Inoltre il sangue contenuto nella zanzara, se fosse infettato dal virus dell'HIV, verrebbe reso inattivo in poco tempo dal processo digestivo della zanzara. Il virus non sopravvive e non si riproduce all'interno della zanzara. Il fatto che il virus non possa essere trasmesso dalle zanzare confermato anche da altre prove indirette. I bambini, punti molto spesso dalle zanzare a causa del loro metabolismo elevato, non si infettano mai dell'HIV. Se le zanzare trasmettessero l'HIV, vi sarebbero picchi di contagi stagionali corrispondenti ai picchi di massima infestazione tipici di fine agosto. Questo accade (anche in Italia) per molte altre malattie tra cui West Nile Virus, Malaria, febbre gialla. Se non fossi ancora convinto sappi che la quantit di sangue succhiata dalle zanzare insufficiente per essere in grado di contagiare; dopo un pasto abbondante di sangue, la zanzara aspetta almeno 24 ore per pungere un'altra persona, in questo periodo il sangue viene digerito e ogni virus viene distrutto. Nessun rischio di contagio anche nel caso in cui una zanzara "piena" venisse schiacciata sulla propria pelle. Proprio la pelle infatti rappresenta una efficace barriera protettiva dagli agenti infettanti esterni, in ogni caso la scarsit di sangue contenuto nella zanzara non in grado di trasmetter il contagio. Quindi puoi stare tranquillo, le zanzare non possono trasmettere l'AIDS. 2.3. Animali domestici La filariosi e la leishmaniosi sono le principali malattie trasmesse agli animali domestici ed in particolare ai cani. La zanzara (anche tigre) e i pappataci sono i responsabili del contagio. I cani non sono le sole vittime delle zanzare, anche i conigli possono essere contagiati da una malattia incurabile, la Mixomatosi. 2.3.1. Filariosi La filariosi infetta il cane, il gatto e pu infettare l'uomo. La malattia che fino ad alcuni anni fa era trasmessa solo dalla zanzara comune stata portata in tutta italia dalla sempre pi ampia diffusione della zanzara tigre. La sua possibile responsabilit nella trasmissione della malattia stata verificata in laboratorio (Cancrini et al., 1992).
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

12

2.3.2. Leishmaniosi La Leishmaniosi canina una malattia parassitaria molto diffusa. La trasmissione del parassita avviene tramite la puntura di flebotomi comunemente conosciuti come pappataci. Questi insetti si infettano pungendo un animale malato e trasmettono poi la malattia ad un altro soggetto sano. Ci si sempre preoccupati di questa malattia al momento di recarsi al mare dato che particolarmente diffusa nelle zone costiere. Purtroppo vi sono state numerose segnalazione negli ultimi anni (focolai accertati in Veneto, Emilia Romagna e Piemonte ed altri probabili in Trentino e Lombardia) che fanno pensare che non esistano pi zone da considerarsi completamente sicure. In Piemonte sono state accertate 3 differenti aree in cui la leishmaniosi canina endemica (Torino, Ivrea, Casale). Non c' un vaccino, l'unica arma la prevenzione. 2.3.3. Protezione Per la filariosi possibile vaccinare gli animali per ottenere una protezione che dura un intero anno. La vaccinazione ha sostituito la somministrazione mensile di pastiglie per il periodo a rischio. Non esistono cure o vaccinazioni per la leishmaniosi, diventa quindi fondamentale attuare accorgimenti atti a prevenire le punture ai nostri amici. Il principale metodo di difesa l'applicazione di prodotti antiparassitari da applicare direttamente sulll'animale. Si tratta di sostanze chimiche insetticide e repellenti che vengono applicate sull'animale. Esistono in formato spray, liquido(pipetta) e collare impregnato. Il principio attivo si concentra nelle ghiandole sebacee dei follicoli piliferi nelle 24 ore successive all'applicazione e resta attivo per circa 20/30 giorni. Alcuni collari possono avere durata fino a 6 mesi. I principi attivi pi usati sono: permetrina (solo per i cani in quanto nociva per i gatti) Piriproxifene Imacloprid (un insetticida che fa capo alla classe dei neonicotinoidi) Deltametrina

Per dovere di cronaca segnalo che ci sono in commercio anche prodotti naturali a base di Olio di Neem. Come tutti i prodotti naturali funzionano ma l'effetto repellente meno potente e persistente devono quindi essere applicati con una frequenza maggiore. Verificate con il vostro veterinario la reale efficacia di questi prodotti in ambienti endemici.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

13

Infine segnalo che le trappole per zanzare funzionano anche con i pappataci. 2.3.4. Mixomatosi La Mixomatosi una malattia virale estremamente contagiosa che colpisce i conigli europei. Il contagio avviene per scambio di sangue infetto. Si conoscono svariati ceppi della malattia, in generale causano tutti lesioni cutanee, la morte del coniglio infetto solitamente avviene rapidamente. La Mixomatosi fu rilevata come malattia dei conigli di importazione in Uruguay all'inizio del XX secolo. Venne importata dal Brasile (dove e' stata individuata per la prima volta negli anni '30) in Australia nel 1950 per controllare l'imponente crescita delle popolazioni di conigli in quel paese. La malattia viene trasmessa da insetti quali zanzare, zecche, pulci e acari. In Italia, il principale vettore la zanzara tigre. Non esistono cure, l'unica cosa realmente efficace e' la prevenzione mediante vaccinazione. Dato che la malattia trasmissibile anche dalle zanzare importante fare vaccinare anche i conigli che vivono in appartamento. In questi casi una normale prevenzione antizanzare molto utile. Usate zanzariere e prodotti repellenti perimetrali per proteggere gli stipiti delle porte e porte finestre usate pi di frequente. Se i conigli vivono all'esterno utile curare trattare le zone con insetticidi a bassissima tossicit come quelli a base di Etofenprox. Numerosi casi di Mixomatosi vengono rilevati periodicamente in molte regioni d'Italia, solitamente verso la fine di agosto quando i picchi di infestazione delle zanzare tigre aumentano le possibilit di essere infettati. La mixomatosi una malattia considerata "a carattere infettivo e diffusivo" quindi soggetta a denuncia, come da disposizioni del Regolamento di polizia veterinaria (d.P.R. 8 febbraio 1954,n. 320). Per legge i conigli malati di mixomatosi devono essere denunciati per essere soppressi. 2.4. Controllo delle zanzare e prevenzione delle malattie Ci sono molti prodotti che sono pubblicizzati come la soluzione al problema delle zanzare. Talvolta le pubblicit sostengono che alcuni di questi possono difendere dalle malattie. Limitare la presenza di zanzare e prevenire le malattie trasmesse da esse non la stessa cosa. Ridurre linfestazione in un territorio ha a che fare con problemi quali la vivibilit degli spazi, il fastidio provocato dalle punture e l'impossibilit a godersi gli spazi all'aperto. L'obiettivo quindi ridurre il numero di punture in una certa area per ricondurle ad un livello accettabile. La prevenzione delle malattie di cui la zanzara vettore comprende l'applicazione di protezioni personali e lutilizzo di repellenti altamente efficaci.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

14

Nel primo caso prevenire ogni possibile puntura di zanzara non lobiettivo, nel secondo evitare ogni morso diventa fondamentale. I sistemi di difesa discussi in questo libro si rivolgono al controllo delle zanzare e non alla prevenzione delle malattie da esse trasmesse.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

15

3.

Armi a disposizione

I metodi di lotta alle zanzare trattati in questo libro si riferiscono a tutte le armi a nostra disposizione per migliorare la qualit della vita e ridurre il fastidio causato da questi insetti. Si sente sempre parlare di prevenzione e lotta adulticida. La prevenzione il contrasto alla riproduzione delle zanzare, quindi la lotta alle forme larvali di questo insetto. E il metodo pi efficace. La lotta adulticida mira a eliminare le zanzare nella loro forma adulta. Una ulteriore soluzione riguarda tutto ci che pu allontanare le zanzare dallo spazio che viviamo abitualmente. Non sempre infatti possibile agire su una superficie abbastanza ampia per potere trarre vantaggio dai metodi di lotta classica. I prezzi dei terreni aumentano di pari passo con la densit della popolazione. Ne consegue che gli spazi verdi privati diventano sempre pi piccoli. La presenza di qualche vicino indisciplinato pu rendere vani i tuoi sforzi. Per questo prendono sempre maggiormente piede i metodi repellenti su piccole superfici per liberare il nostro spazio dalle zanzare. Nel presente libro troverai tutto quello che abbiamo potuto conoscere e sperimentare negli ultimi anni. Parleremo di trappole per zanzare, insetticidi, ovitrappole, larvicidi, repellenti personali e dambiente, evaporatori di piastrine, prodotti naturali, insomma tutto quello che ti serve per sconfiggere le zanzare e riconquistare il tuo spazio allaria aperta. Prima di entrare nel dettaglio delle metodologie di lotta e dei prodotti disponibili ti suggerisco di essere promotore nel tuo quartiere della seguente iniziativa. 3.1. Diffondi la cultura antizanzara Per sconfiggere le zanzare soprattutto nei contesti residenziali, dove i giardini di piccole dimensioni sono numerosi e adiacenti, la collaborazione di tutti fondamentale. Le fondamenta della guerra alle zanzare sono la prevenzione tramite l'eliminazione dei luoghi di proliferazioni di questi insetti. In un giardino i pi piccoli accumuli di acqua permettono soprattutto alla zanzara tigre di proliferare e riprodursi esponenzialmente gi a cominciare dai primi caldi. Questo insetto infatti, originario delle giungle del sud-est asiatico, trova nelle piccole cavit piene d'acqua come noci di cocco e tronchi degli alberi, gli ambienti ideali di riproduzione. Ogni giardino ha i suoi pozzetti di irrigazione, qualche sottovaso, un annaffiatoio e probabilmente qualche accumulo di materiale usato per il giardinaggio. Se si moltiplicano questi piccoli focolai per il numero di giardini presenti nei tipici contesti residenziali (villette a schiere, appartamenti con giardino) si capisce come sia facile per questi insetti trovare un luogo adatto dove deporre le uova.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

16

Per questo motivo tutti gli sforzi fatti nel proprio giardino rischiano di essere vani se a pochi metri non ci si preoccupa di contrastare il proliferare delle zanzare. Prima di tutto quindi diffondi la cultura antizanzara, spiega ai tuoi vicini di casa che basta qualche buona abitudine per potere ricominciare a godersi il giardino senza essere dissanguati da questi sgraditi ospiti estivi. Oltre che essere un obbligo di legge quasi sempre imposto da ordinanze comunali, evitare il proliferare delle zanzare un segno di civilt come fare la raccolta differenziata. Meno zanzare vuole dire meno disinfestazioni e quindi una maggiore tutela per l'ambiente. A tale proposito puoi facilmente stampare il volantino che trovi nella pagina seguente. E una paginetta in bianco e nero di solo testo quindi non consuma troppo inchiostro della stampante. Un volantino da distribuire nelle caselle postali del tuo quartiere al fine di sensibilizzare sul problema e informare sulle regole base per contrastare le zanzare.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

17

DIFENDIAMOCI DALLE ZANZARE


Buongiorno, mi chiamo sono un vostro vicino di casa, abito in Via ... Se come me siete infastiditi dalle numerose zanzare presenti in zona questa comunicazione potrebbe interessarvi. La lotta contro le zanzare si pu vincere solo con la collaborazione dei cittadini. Ladozione di corrette norme di comportamento negli ambienti privati e condominiali fondamentale, ricordiamoci che in un comune il suolo privato circa 70%. Gli sforzi nel proprio giardino sono inutili se a pochi metri di distanza le zanzare proliferano.

Cosa pu fare ogni cittadino?


Da maggio a settembre, periodo in cui le zanzare sono attive, compito di tutti adottare alcuni semplici accorgimenti come: Eliminare o ridurre tutti i ristagni d'acqua facendo attenzione ai sottovasi, teli utilizzati per coprire cumuli di materiali o legna, copertoni, annaffiatoi e secchi lasciati all'aperto, Coprire con coperchi ermetici o zanzariere ben tese le cisterne tutti i contenitori dove si raccoglie lacqua piovana. In alternativa bonificarli regolarmente con un prodotto larvicida; Trattare regolarmente i tombini e le zone di scolo e di stagno con prodotti larvicidi oppure proteggerli con apposite saracinesche; Non lasciare le piscine gonfiabili e altri giochi pieni di acqua per pi giorni; Non svuotare nei tombini i sottovasi o altri contenitori; Tenere in ordine la vegetazione ed evitare accumuli di materiale allaperto; Si pu fare di pi... Oltre a non aiutare le zanzare a proliferare si pu essere parte attiva nella diminuzione della popolazione migliorando la vivibilit dei nostri spazi esterni. Posizionare delle ovitrappole in giardino in modo da interrompere il ciclo di vita delle zanzare; Proteggere i tombini e le caditoie con apposite saracinesche antizanzara; Adottare trappole per zanzare che imprigionano ed eliminano numerosi esemplari di zanzare femmine (le uniche che pungono) senza inquinamento alcuno. Ne esistono di diverse marche, modelli e prezzi anche in funzione dei mq da coprire; Effettuare personalmente disinfestazione mirate e periodiche. Sono disponibili soluzioni adatte ai giardini di tutte le dimensioni Adottare soluzioni repellenti per liberare verande e terrazzi dalle zanzare.

Tutte le informazioni su come difendersi dalle zanzare e i prodotti necessari alla lotta sul sito:

http://www.mosquitoweb.it email: info@mosquitoweb.it


Se vuoi una soluzione personalizzata in base alle tue esigenze e alle caratteristiche del tuo giardino la puoi avere gratuitamente rispondendo al questionario a questo indirizzo:

http://www.mosquitoweb.it/soluzione-personalizzata.html

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

18

4.

Prevenzione e lotta larvicida

La prevenzione il pilastro su cui si fonda la lotta alle zanzare. Per prevenzione si intendono tutti i metodi utili a impedire, rallentare o evitare il proliferare delle zanzare. In sostanza si tratta di agire ovunque ci sia acqua stagnante, elemento indispensabile alla zanzare per deporre le uova e quindi proliferare. Non creano problemi contesti come piscine (in quanto trattate con cloro), corsi dacqua corrente o laghi. 4.2. Lotta alle larve di zanzara Capitolo a cura del Dr. Paolo Manella Le zanzare, come siamo abituati a vederle mentre ci pungono, non sono altro che la forma adulta dellinsetto, dotate di ali e di apparato bo ccale atto alla suzione di sangue. La biologia per ci insegna che la prima parte di vita delle zanzare avviene in acqua sotto forma di larva, condizione durante la quale ha la possibilit di accrescersi in dimensioni attraverso quattro mute prima di diventare pupa e compiere la metamorfosi in adulto. Le zanzare necessitano di acqua stagnante per deporre le uova, un individuo pu deporre centinaia di uova durante la sua vita. I loro habitat acquatici comprendono acqua fresca, acquitrini salati, acqua salmastra oppure acqua accumulatasi in recipienti, vecchi pneumatici, cavit degli alberi, vasi di fiori. La femmina di zanzara depone le uova solo in condizioni favorevoli alla schiusa delle stesse, in modo che le larve divengano pupe e infine zanzare adulte; il processo avviene in un lasso di 7-14 giorni a seconda della specie e della temperatura ambientale. Le larve vivono in acqua ma respirano aria emergendo in superficie regolarmente, ogni specie con le sue modalit. Una larva si nutre tipicamente di materiale in sospensione nellacqua, sia vegetale che animale e non ha bisogno di particolari quantit di cibo per accrescersi; noto che le zanzare riescano a compiere tutte e 4 le mute fino a diventare adulti anche se apparentemente non cera niente in sospens ione nellacqua dove la larva si sviluppata. In tal caso le zanzare adulte risulteranno pi minute rispetto alle dimensioni tipiche della specie. La condizione di acqua stagnante fondamentale dato che le larve, in presenza di corrente, verrebbero facilmente portate via non avendo strutture atte allancoraggio al substrato (fondale o materiale in acqua). Una condizione un po estrema rappresentata dalle anse dei fiumi, dove lacqua fortemente rallentata da vegetazione, pu offrire un habitat di fortuna per alcune specie pioniere di zanzare.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

19

Nella lotta alle zanzare, la prevenzione antilarvale rappresenta un passo fondamentale ed irrinunciabile se si vuole affrontare il problema a tutto tondo nel modo pi efficace possibile, specialmente quando ci si trova in ambiente urbano. Per una corretta prevenzione antilarvale procedere seguendo le fasi descritte qui sotto. 4.2.1. Fase 1: la ricerca dei focolai larvali Concentriamoci ora su casi pi comuni, dove le zanzare urbane (zanzara comune e zanzara tigre) riescono a proliferare in modo ottimale anche in piccoli ristagni presenti nei nostri giardini. Il ristagno modello per queste zanzare deve avere piccole dimensioni, essere in un luogo riparato dal sole e dal vento, lacqua deve rimanere per almeno una settimana (tempo sufficiente a zanzara tigre per passare dallo stadio di uovo ad adulto in condizioni ottimali). La nostra principale arma per combattere la diffusione delle larve di zanzare nei nostri giardini sicuramente la nostra capacit di osservazione; dobbiamo infatti calarci nei panni di un investigatore ed andare alla ricerca di tutti i piccoli ristagni che possono offrire un ambiente ideale alle larve. Ecco una lista dei tipici luoghi di accumulo di acqua stagnante che si formano con buona probabilit in molti giardini. Contenitori di plastica, secchi, lattine, bottiglie, annaffiatoi Giocattoli dei bambini lasciati nel prato Fioriere, sottovasi Vasche ornamentali Ciotole di animali Piscinette dei bambini Vecchi pneumatici o altalene fatte con questi Sacchi e teli di plastica abbandonati Anche in casa bene controllare: scarichi con sifone poco utilizzati, umidificatori per i caloriferi, sottovasi.

4.2.2. Fase 2: eliminazione dei focolai In genere la maggior parte di questi piccoli ristagni sono derivanti da dimenticanze o mancanza di manutenzione di zone del giardino. Si consiglia quindi di procedere eliminando fisicamente questi ristagni: svuotare gli annaffiatoi, liberare le grondaie da ostruzioni, tenere coperti i bidoni di raccolta dellacqua, ecc.. Tale operazione andr anche a diminuire lumidit in quelle zone, fattore molto ricercato anche dalle zanzare adulte e che funge da richiamo per quelle che devono deporre, in questo modo saranno costrette a cercare altrove zone idonee, allontanandosi dal nostro giardino. Ma non tutti i ristagni sono eliminabili. Alcuni suggerimenti: Pulizia grondaie periodica (sul tetto)
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

20

Controllo dei pluviali (tubi delle grondaie lungo il muro): in particolare rimuovere gli accumuli di foglie che si creano nel gomito a livello del terreno. Bidoni della spazzatura e di raccolta rifiuti vegetali: lasciarli aperti al sole fino a completa asciugatura Tombini: trattare con pastiglie di larvicida Inoltre buona norma: Cambiare ogni 5 giorni lacqua delle piante in acquacoltura In laghetti e fontane ornamentali inserire pesci larvivori (comuni pesci rossi o gambusie) Gestire i contenitori e bidoni per la raccolta dacqua per irrigazione: effettuare il completo svuotamento ogni 5 giorni o garantire una perfetta chiusura (con tappi a chiusura ermetica o con rete a maglia fine) Svuotare sempre l'acqua dei contenitori sul terreno e non nei tombini 4.2.3. Fase 3: trattamento delle acque con larvicidi I larvicidi sono insetticidi appositamente studiati per colpire le zanzare nella loro fase larvale e rappresentano lunica arma a disposizione per combattere le larve quando abbiamo a che fare con ristagni di dimensioni considerevoli o, pi semplicemente, non prosciugabili (tombini con sifoni, laghetti ornamentali). Il larvicida attualmente pi utilizzato si serve di una tossina prodotta dal battere Bacillus thuringiensis, capace di colpire in modo selettivo lintestino delle larve di zanzara, portandole alla morte in poche ore per setticemia. Agisce per ingestione e sfrutta lestrema voracit delle larve che non esitano ad ingerire qualsiasi cosa ci sia in sospensione nellacqua. Si pu trovare anche in forma liquida ma le confezioni in compresse effervescenti sono di gran lunga le pi comuni: si faccia attenzione a quanto riportato in etichetta per le dosi di impiego e si ricorda che tali compresse, si possono sciogliere preventivamente in un annaffiatoio per poi trattare versando il contenuto sopra un grosso ristagno come pu essere un laghetto ornamentale. Per la sua natura biologica il Bacillus thuringiensis si degrada in un paio di giorni, per questo motivo necessario ripetere il trattamento ogni 7-10 giorni per poter colpire le nuove larve nate. Esistono anche larvicidi appartenenti alla categoria dei Regolatori di Crescita (IGR), che agiscono sul complesso meccanismo ormonale che regola i tempi e le modalit della muta, automatismo fondamentale alla larva per potersi accrescere. Agendo sempre per ingestione, la larva non riuscir pi a mutare, spesso producendo forme aberranti incapaci di sopravvivere. Alcune fanno in tempo ad impuparsi ma non saranno in grado di portare a termine la metamorfosi. I regolatori di crescita hanno una durata maggiore rispetto al Bacillus thuringiensis, circa tre settimane ed hanno come bersaglio tutti gli artropodi, ossia tutti gli insetti ma anche eventuali crostacei presenti in
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

21

acqua. Questo particolare rende lutilizzo dei regolatori di crescita pi delicato e limitato a zone confinate. Si ricorda che tutti i larvicidi, funzionando per ingestione, non colpiscono n le uova deposte, n le pupe (le quali non si nutrono in questa fase). 4.3. Domande frequenti sui trattamenti larvicidi Per concludere ecco una raccolta delle risposte ai dubbi pi frequenti per quanto riguarda i trattamenti larvicidi. I trattamenti larvicidi sono molto costosi? No, il costo medio di una pastiglia inferiore a 1; il trattamento di un tombino per lintera stagione (aprile - settembre) costa 10/12 euro. I trattamenti larvicidi sono velenosi? No, hanno effetto solo sulle larve di zanzara. Non provocano esalazioni pericolose per gli uomini o gli animali e non causano odori molesti. Quali sono i principi attivi utilizzati nei prodotti larvicidi? Sono tre e sono alla base di tutti i prodotti presenti sul mercato: Bacillus thuringiensis (B.T.i): insetticida biologico, innocuo per luomo e gli animali e non inquinante per lambiente; Pyriproxyfen e Diflubenzuron: impediscono la trasformazione in insetto adulto; presentano bassissima tossicit verso gli altri organismi e vengono rapidamente degradati nellambiente. Cosa cambia tra un'larvicida e un'insetticida? L'insetticida uccide le zanzare adulte. Sono nocivi per l'ambiente e colpiscono tutte le specie di insetti indiscriminatamente. I larvicidi non inquinano l'ambiente colpiscono solo le larve di zanzara impedendone la riproduzione. Il trattamento larvicida molto pi efficace. Chi deve effettuare il trattamento larvicida nelle aree comuni dei condomini? Gli amministratori condominiali sono tenuti ad effettuare il trattamento di tutte le aree comuni condominiali, conservando le ricevute di acquisto per esibirle alla Polizia Municipale in caso di controllo, pena la sanzione pecuniaria prevista dalle ordinanze normalmente in vigore durante il periodo estivo. La zanzara tigre nasce in zone con molta vegetazione? No, la zanzara adulta si trova in zone con molta vegetazione perch dove si riposa nelle ore pi calde della giornata. Solitamente vegetazione con una alta
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

22

presenza di zanzare vuole dire che nei dintorni (nel giro di 100-200 metri) ci sono piccoli depositi dacqua pieni di larve che si trasformano in zanzare. Il trattamento va fatto anche nelle piscine e nelle pozzanghere? No, Nelle piscine, i trattamenti ordinari a cui lacqua sottoposta sono sufficienti; nelle pozzanghere non necessario perch la zanzara tigre non le ama e lacqua evapora in tempo per evitare il compiersi del ciclo vitale. E i canali e i laghetti artificiali? No, Questi ambienti naturali sono popolati da predatori (pesci, libellule, rane, ecc); negli ambienti ad acqua corrente, come canali o fiumi, la zanzara tigre non depone uova. E vero che il rame e un antizanzare? Ai, ma solo in quantit elevate (oltre 20g per litro dacqua) e pu quindi essere usato solo nei sottovasi, dove la quantit di acqua minima. In ambienti pi ampi il suo utilizzo non opportuno: un metallo pesante che provoca impatto ambientale e se diffuso nellambiente pu provocare seri problemi di ordine ecologico. Altre controindicazioni: pi costoso dei larvicidi, non ha la stessa efficacia, in pochi giorni si ossida e perde di efficacia (andrebbe quindi sostituito o ripulito accuratamente). E possibile che, nonostante abbia rispettato tutte le indicazioni ed effettuato i trattamenti, ci siano ancora molte zanzare? SI, ma i prodotti larvicidi eliminano le larve, non le zanzare adulte, che - se gi esistenti - completeranno la loro vita naturale (10-20 giorni) e si ridurranno progressivamente, perch il larvicida ne impedisce la riproduzione. Se per, nonostante i trattamenti, si nota un aumento della presenza di zanzare, significa che nel raggio di 100-200 metri c un focolaio attivo: dopo aver ricontrollato le zone di tua propriet, controlla anche la situazione delle aree limitrofe, verificando che i vicini (privati o imprese) mettano in atto i comportamenti corretti ed eventualmente coinvolgendoli, anche con suggerimenti, nella lotta alla zanzara tigre. 4.4. Ovitrappole Un metodo economico ed efficace per contrastare il proliferare di zanzare tigre sono le ovitrappole. Si tratta di attrarre le zanzare a depositare le uova dove saranno distrutte o ladulto rimarr intrappolato. Per unovitrappola sufficiente un bicchiere di plastica nero riempito per met di acqua e lasciato nel terreno per non pi di 5 giorni. E cos possibile attrarre la femmina che depone le sue uova. Dopo 5 giorni si svuota lacqua nel terreno (NON nei tombini) e le uova che vi sono state deposte o le larve che si sono formate al contatto con il suolo e senza acqua moriranno.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

23

Consiglio di dare anche una bella lavata al contenitore per eliminare ogni eventuale uova o larva rimasta attaccata al bordo. Bisogna ricordare che la zanzara tigre percorre in media nella sua vita un massimo di 150-200 mt. E' anche per questo che le ovitrappole in un ambiente circoscritto funzionano contrastando il proliferare di zanzare tigre. Le ovitrappole in commercio utilizzano diversi stratagemmi per intrappolare gli adulti e non dovere cambiare lacqua periodicamente. Ci sono versioni con zanzariere galleggianti o forme brevettate che lasciano depositare le uova sul fondo per poi farle risalire in superficie in zone chiuse ermeticamente. Ci sono alcuni accorgimenti per rendere l'acqua dell'ovitrappola pi gradevole alle zanzare. Il sito dell'OMS indica come maggior attrattiva l'acqua contenente della semplice erba. Cito: The ovitraps are then cleaned to remove any eggs that are stuck on the inner walls of the ovitraps, re-filled with cow grass solution which is much more attractive to the female mosquitoes than just water, and placed back in their positions. Un trucco quello di riutilizzare sempre la stessa acqua in quanto sembra che le zanzare siano incentivate a deporre le uova in acque che hanno gi accolto precedenti generazioni di larve. Il posto migliore dove posizionarle in luoghi che rimangano in piena ombra per la gran parte della giornata, evitando assolutamente l'esposizione alla luce diretta del sole. Non troppo nascoste e lontano da dove si stazione abitualmente o da zone di intenso passaggio. Le ovitrappole devono essere collocate ad unaltezza massima di 1 metro, meglio se tra i 50 e i 60 cm. Devono essere almeno parzialmente riparate da un muro o da una recinzione, purch ci siano almeno una quindicina di centimetri di spazio tra riparo e trappola. Possono essere riparate sotto tettoie, pensiline, appese al tronco di un albero, ecc. Evitare posti dove l'eccessivo scorrere dell'acqua piovana da tetti, grondaie o pensiline potrebbe sommergerle. 4.4.1. Aqualab La Aqualab una soluzione sicura, economica ed ecologica utile a interrompere il ciclo di vita delle zanzare nel proprio giardino che regala anche qualche soddisfazione.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

24

Si tratta di una ovitrappola nota in passato come Mosquito Deleter o Bite Back nella versione commercializzata allestero. Si tratta di un vaso di plastica trasparente chiuso da un imbuto nero che si incastra in un anello di plastica con una serie di coni aperti rovesciati. Riempiendo d'acqua il secchiello oltre l'apertura dell'imbuto e introducendo speciali pastiglie per il trattamento delle acque si crea un ambiente ideale per la ovodeposizione delle zanzare. Le larve scivolano verso il fondo del vaso e risalgono in superficie seguendo il percorso obbligato che le porta nella zona chiusa della ovitrappola. Qui le larve portano a termine lo sviluppo dando alla luce adulti di zanzara che restano intrappolati. La cosa affascinante (che ragala un pizzico di crudele soddisfazione) vedere con i propri occhi l'intero processo che culmina con la zanzara adulta intrappolata. La manutenzione minima. Le zanzare amano le acque stagnanti quindi meglio non cambiare mai l'acqua. E' sufficiente introdurre una pastiglia di trattamento ogni mese per massimizzare l'effetto attrattivo. Naturalmente possibile acquistarla sul MosquitoShop. Per un risultato ottimale le ovitrappole possono essere posizionate a circa 50/70 metri di distanza l'una dall'altra in zona ombreggiata. Quattro ovitrappole sono sufficienti per proteggere aree dai 2500 ai 4000 mq. La riduzione delle zanzare visibile dopo le classiche 4-6 settimane, ovvero il tempo necessario perch l'interruzione del ciclo di vita delle zanzare dia i suoi frutti.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

25

4.4.2. Costruiamo una ovitrappola Per combattere le epidemie di Febbre Dengue in Brasile stato consigliato alla popolazione di costruire delle trappole per zanzare artigianali che chiunque pu assemblare a costo praticamente nullo. Ecco come costruire una Mosquitoeira. Strumenti necessari: Forbici Bottiglia di plastica Carta vetrata per legno Nastro isolante Micro tessuto di tulle (usato per veli nuziali, bomboniere, ecc.) Grani di mangime per uccelli, di riso o di cibo per gatti schiacciati

Come fare: 1) Tagliare la bottiglia nel punto in cui comincia a stringersi a cono 2) Grattare con la carta vetrata l'interno della bottiglia che funge da imbuto 3) Sull'imbocco della bottiglia fissare un piccolo pezzo di tulle. Si pu usare l'anello del tappo, una fascetta di plastica o un elastico per fissarlo bene 4) Mettere in fondo alla bottiglia una piccola quantit di riso, mangime per uccelli o di cibo per gatti 5) Fissare entrambi i lati della bottiglia (l'imbuto e la base) con del nastro adesivo in modo che sia ben sigillata, come illustrato in figura.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

26

Alcuni accorgimenti: - Mantenere sempre un livello d'acqua sopra la bocca della bottiglia (dove fissato il pezzo di tulle) e segnare quel livello con un piccolo pezzo di nastro adesivo. - Il livello dell'acqua deve essere sempre vicino al segno. Ogni tanto si rende necessario aggiungere acqua poich essa evapora e il suo livello diminuisce Come funziona: L'acqua con il cibo (riso, becchime o altro) attrae la zanzara. La zanzara deposita le uova sul pelo dell'acqua. Queste una volta deposta si sposteranno sul fondo passando attraverso al tulle. In pochi giorni,le uova e larve zanzara appariranno nel contenitore.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

27

Le uova trasformate in larve risaliranno in superficie per lo sfarfallamento restando intrappolate. Questa trappola usata per la zanzara Aedes Aegypti portatrice del virus Dengue. Per sapere se la larva contenuta nella vostra trappola e di una zanzara portatrice di Dengue si pu puntare una torcia elettrica nella base della bottiglia. Se la luminosit fa fuggire le larve in superficie segno che queste sono infette. Attenzione: Questa trappola non sostituisce il lavoro di prevenire i focolai delle zanzare. 4.5. Proteggere i tombini Esistono in commercio speciali protezioni per tombini e caditoie. Si tratta di sistemi meccanici per impedire alle zanzare di accedere alle acque stagnanti che si formano in questi contesti permettendo la normale funzionalit di deflusso delle acque. La soluzione utile quando vi laccertata presenza di ristagni ricorrenti nei tombini di cui si responsabili. In questo modo ci si libera dall'onere di aggiungere larvicida ogni 15 giorni o dopo ogni forte temporale. Si tratta di misure totalmente meccaniche quindi assolutamente naturali senza l'immissione nell'ambiente di sostanze nocive. Si applicano delle saracinesche all'interno del tombino le quali, azionate da un contrappeso, permettono il passaggio di acqua e detriti richiudendosi al termine del deflusso. Una volta chiuse impediscono alle zanzare di raggiungere l'acqua stagnante per la deposizione delle uova. Sono disponibili in diverse misure e forme in modo da adattarsi a qualsiasi tipo di scolo, il montaggio facile e si pu fare da se. Sono disponibili anche versioni "universali" che si possono adattare ai tombini dalle forme pi particolari modellando la forma con un taglierino. Inoltre questi prodotti si rivelano efficaci per impedire lo sviluppo di cattivi odori, soprattutto durante il periodo estivo. Attenzione per a non abbassare la guardia scordandosi di controllare che i meccanismi siano resi inefficaci dal depositarsi di detriti. Basta una fessura libera parch le maledette possano proliferare.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

28

5.

Mosquito Magnet

5.1. Cosa sono le trappole per zanzare L'idea alla base delle trappole per zanzara molto valida. Questi sofisticati apparecchi attraggono le zanzare grazie allemissione di anidride carbonica simulando la presenza di un grosso mammifero. E noto che le zanzare sono attratte dallemissione di anidride carbonica e altre sostanze che le conducono sullobiettivo. Le zanzare in cerca di un pasto di sangue sono solo le femmine fecondate che, grazie alle proteine ottenute dal sangue delle loro prede, saranno in grado di portare a termine lo sviluppo delle uova. Catturando queste zanzare possibile interrompere il ciclo di vita di questi insetti nellintorno in cui si agisce. Le zanzare che si avvicinano in cerca di un pasto di sangue sono aspirate da una ventola e imprigionate fino alla loro morte. Il raggio dazione varia dai 100 mq fino a coprire superfici di 6000 mq. I prezzi di acquisto variano da poche decine ad alcune centinaia di euro. Le trappole per zanzare si possono dividere in due grandi categorie: quelle ad emissione di anidride carbonica e quelle che non la emettono di cui fanno parte anche le trappole fotocatalitiche. Le differenze sono sostanziali. Grazie alle loro capacit attrattive le trappole per zanzare ad emissione di anidride carbonica sono circondate da nugoli di zanzare fameliche, questo il motivo per il quale devono essere assolutamente posizionate ad almeno 10 metri di distanza da dove si staziona abitualmente. Ne consegue che, in linea generale, sono adatte per giardini superiori ai 500 mq. Su superfici inferiori difficilmente si riesce a garantire questa distanza, anche se possono esserci casi particolari. Vengono considerate trappole ad emissione di CO2 solo quelle che possono essere dotate di bombole (CO2 o GPL/propano) dalle quali attingere per lemissione del gas. Le trappole che non emettono CO2, in questa categoria vengono incluse anche quelle fotocatalitiche, funzionano secondo un principio diverso. Non hanno unelevata capacit attrattiva ma sono dotate di ventole di aspirazione pi potenti. Per questo si posizionano vicino a dove si staziona abitualmente in modo che possano aspirare le zanzare che, gi presenti in zona attratte dalle persone, si accingono a pungere. Da cui anche il fatto che non sono resistenti alle intemperie, si presume che quando diluvia non si facciano grigliate e non si ceni allo scoperto. Queste trappole quindi sono adatte a giardini e contesti di tutte le dimensioni anche molto piccoli. E bene ricordare sempre che le trappole per zanzare sono un valido supporto alla lotta alle zanzare che si basa sempre sul controllo dei ristagni.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

29

Per maggiore chiarezza ecco una tabella comparativa con le principali differenze tra i due tipi di trappole: Trappole a CO2 Sistemi di attrazione CO2, attrattivi aggiuntivi. Resistenza intemperie Alimentazione Distanza dalle persone Prezzo Funzionamento Trappole SENZA CO2 Luci, fotocatalisi, in alcuni casi possibilit attrattivi NO Alta o Bassa tensione Qualsiasi Inferiore ai 300 euro Al bisogno

SI Bassa tensione, autoalimentata Almeno 10 metri Dai 500 euro 24X7

5.2. Perch scegliere Mosquito Magnet Mosquito Magnet la trappola ad emissione di anidrida carbonica per eccellenza. La prima prodotta, la pi diffusa e la pi nota. Se si deve acquistare una di queste trappole il consiglio del MosquitoWeb di orientarsi verso questo prodotto per i motivi spiegati di seguito. Premessa Ragioniamo su un giardino con superficie superiore a 500 mq. Le trappole per zanzare per giardini di questa dimensione hanno bisogno della produzione di CO2 per essere realmente efficaci. La scelta quindi ridotta alle seguenti trappole: Mosquito Magnet Acti Power Trap Skeeter Vac Mega-Catch Predator

Per maggiori informazioni sulle caratteristiche di ogni singolo modello puoi fare riferimento al sito www.mosquitoweb.it, qui ci limitiamo a considerazioni generali applicabili a tutti gli apparecchi. Modelli

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

30

Le trappole per zanzare che producono CO2 sono costose. Le pi economiche partono da circa 500 euro per arrivare a pi di 1200 per i modelli pi sofisticati. Mosquito Magnet offre tre modelli di diverse caratteristiche. Mega catch ha a disposizione due diversi apparecchi, Skeeter Vac uno solo e Acti Power Trap tre. Quindi Mosquito Magnet, con i suoi tre modelli disponibili, permette di scegliere quello che pi si adatta alle proprie esigenze in funzione del tipo di alimentazione e delle funzionalit di gestione dell'apparecchio. In questo modo si pu acquistare il prodotto giusto con una spese proporzionale alle caratteristiche del prodotto. Funzionalit Le principali funzionalit che distinguono le trappole per zanzare sono: l'alimentazione e il temporizzatore di funzionamento. Una delle pi utili il computer temporizzatore per ottimizzare il funzionamento in particolari ore del giorno. E' vero che queste trappole dovrebbero funzionare 24x7 ma, per esempio, se ci si deve focalizzare contro le zanzare tigre tanto vale spegnerle con l'oscurit aumentandone l'autonomia. Mosquito Magnet e Mega-Catch su alcuni modelli sono dotate di questi sistemi, le altre no. L'alimentazione un altro aspetto fondamentale. La variet di alimentazione offerta dai Mosquito Magnet spazia dalle normali pile mezze torce, alle batterie ricaricabili fino alla normale corrente. C'era anche un modello a pannelli solari ma non viene pi prodotto (forse perch consigliano di posizionare gli apparecchi all'ombra!). E' l'unica trappola a offrire questa variet di scelta e un numero cos elevato di modelli cordless. Skeeter Vac e Acti Power Trap sono cordless, Mega-Catch deve essere collegata alla corrente. Assistenza e Presenza in Italia Mosquito Magnet la trappola per zanzare pi venduta in Italia. Questo lo si pu facilmente capire dalla numerosit dei messaggi nel nostro forum ma anche dalla presenza delle rispettive aziende sul territorio. Mosquito Magnet distribuita da BME che l'importatore esclusivo per l'Italia. E' presente sul territorio con una cinquantina di distributori ufficiali e di cui circa la met sono autorizzati all'assistenza. Attraverso un accordo con
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

31

Liquigas, partner per la fornitura di bombole, di distribuzione e di assistenza, pu appoggiarsi su una rete con pi di 8500 punti vendita. I prodotti Mosquito Magnet sono in vendita anche sul MosquitoWeb, almeno fino a che non arriveranno trappole considerate migliori. Acti power trap l'unica paragonabile a Mosquito Magnet per quanto riguarda presenza sul territorio e assistenza. Vengono effettuati dei corsi di formazione per istruire degli Installatori Activa Certificati. Nel 2009 in Italia vi erano circa 25 IAC. Mega catch, per quanto sulla carta sia unottima macchina, ancora non gode di una rete assistenza diffusa sul territorio. Skeeter vac reperibile solo da alcuni rivenditori anche perch si tratta di un modello ormai obsoleto. Innovazione tecnologica Mosquito Magnet l'azienda pi attiva e innovativa in questo settore. Nuovi modelli di trappole vengono introdotti di frequente: nel 2009 sono stati introdotti l'Executive e l'Independence e nel 2010 il Patriot. Le innovazioni riguardano sia aspetti funzionali (alimentazione) che prettamente pratici come il contenitore per zanzare rigido che ha sostituito la retina tanto fastidiosa da pulire dalle zanzare morte. L'alimentazione a pile risulta particolarmente comoda per apparecchi che si accendono stagionalmente e quindi non necessitano pi di una gestione delle batterie ricaricabili. La variet di modelli e di soluzioni adottate dimostrano l' interesse di Mosquito Magnet a migliorare sempre i loro prodotti. Skeeter vac, e acti power trap sono in commercio da molti anni e senza modifiche sostanziali. Mega-Catch la azienda pi giovane e quindi teoricamente con i progetti pi moderni. Le trappole sono complete in termini di funzionalit e i modelli sono stati rinnovati nel 2011, quindi non avrebbero nulla da invidiare a Mosquito Magnet. Per.... Mosquito Magnet, Skeeter Vac e Acti Power Trap producono CO2 trasformando il gas propano contenuto nelle note bombole di facilissima reperibilit. Mega-Catch l'unica trappola tra quelle trattate che produce CO2 partendo da una bombola di... CO2. Questo gas si pu trovare nei negozi di attrezzature anti-incendio o di materiale subacqueo, forse anche in negozi di ittica. Comunque implica il fatto di possedere una bombola (costosa) da dovere ricaricare di volta in volta al contrario di quelle di GPL che si possono affittare.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

32

Insomma una gestione pi impegnativa che forse in Nuova Zelanda (patria del Mega-Catch) pi semplice ma in Italia di sicuro no. Inoltre Mega-Catch l'unica trappola per grandi superfici non cordless quindi deve essere collegata alla corrente. Questo implica la costante presenza di un cavo elettrico nel giardino. Questi difetti lasciano pensare che Mega-Catch non sia poi cos innovativa. Conclusioni La continua ricerca al miglioramento dei propri prodotti, la struttura commerciale, l'assistenza e la solidit della azienda (nel 2007 Mosquito Magnet stata acquistata da Woodstream Corporation, una societ con pi di 200 milioni di fatturato) fanno di Mosquito Magnet la trappola per zanzare consigliata dal MosquitoWeb per i giardini superiori a 500 mq. 5.3. Modelli di Mosquito Magnet disponibili La linea di trappole per zanzare Mosquito Magnet composta da tre modelli dalle caratteristiche ben distinte. Tutti i modelli conosciuti fino a poco tempo fa (Pro, Defender, Liberty, Liberty Plus) sono stati sostituiti dai nuovi Mosquito Magnet e non saranno pi prodotti. Sicuramente recepiti i suggerimenti dei clienti con miglioramenti quali i cestelli rigidi anzich le scomode retine di cattura zanzare e sistemi di alimentazione pi pratici. Ecco in dettaglio le novit e le principali caratteristiche dei singoli modelli: Patriot Il modello pi economico della linea ha ora una copertura dichiarata di 4000 mq. La macchina stata modificata per garantire una maggiore aspirazione rispetto al Defender. Questo stato possibile grazie ad una modifica al condotto di aspirazione che ha permesso di lasciare uno spazio maggiore tra il pennacchio e la tromba. Inoltre stata adottata una griglia ridotta sulla calotta superiore. Alimentato a corrente pratico da utilizzare dato che non ci sono batterie da sostituire o ricaricare. E' dotato di un cavo lungo 15 metri e (finalmente!) il contenitore di raccolta delle zanzare un cestello rigido che tra l'altro permette una migliore circolazione dell'aria.

Independence
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

33

Modello cordless con raggio d'azione dichiarato di 4000 mq. L'alimentazione per lo start-up garantita da 4 pile mezze torce. Dotato di ruote per uno spostamento agevole. Per non funzionare inutilmente dotato di un sensore che spegne automaticamente l'apparecchio quando la temperatura scende sotto i 10 gradi. Il riavvio automatico all'aumentare della temperatura. Executive Top di gamma, modello cordless alimentato da una batteria ricaricabile (una volta pronta dura tutta la stagione e se riposta in casa durante l'inverno anche quelle successive) copre una superficie di 5000 mq. Dotato di ruote per uno spostamento agevole. Oltre alle caratteristiche del Modello Independence dotato di un sistema di diagnostica grazie al quale si possono verificare le principali condizioni di funzionamento quali: gas esaurito, ugello intasato e batteria scarica. E' inoltre stato fornito di un cestello pi grande per ridurre gli interventi di pulizia e contenere pi insetti. Le differenze tra i modelli Patriot, Independence e Executive sono illustrate nella seguente tabella.
Raggio Presenza d'azione cavo Alimentazione in mq elettrico Patriot Independence 4.000 4.000 SI NO Rete elettrica 4 batterie mezze torce Batteria ricaricabile Gestione NO Si spegne automaticamente sotto i 10 4 modalit di risparmio energetico Diagnostica NO NO Contenitore Schermo Ruote zanzare lcd Cestello Rigido Rete Cestello rigido maggiorato NO SI NO NO

Executive

5.000

NO

SI

SI

SI

5.4. Come Mosquito Magnet attrae le zanzare E' stato stimato che 300-400 composti vengono rilasciati dal corpo come sottoprodotti del metabolismo, di questi pi di 100 sono volatili e possono essere rilevati nel respiro umano. Di questi odori, solo una piccola parte sono stati isolati e completamente caratterizzati. L'anidride carbonica e l'acido lattico sono i due attrattivi verso le zanzare che si conoscono meglio. L'anidride carbonica, liberata principalmente dal respiro ma anche dalla pelle, funge da attrattiva a lungo raggio e pu essere rilevata dalle zanzare a distanze che arrivano anche a 36 metri. Le zanzare sono dotate di chemiorecettori sulle antenne che vengono stimolati da diverse sostanze tra cui l'acido lattico. Il procedimento che sfruttano i Mosquito Magnet per attrarre le zanzare si basa su tre fasi distinte ben precise.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

34

Lunga distanza L'anidride carbonica emessa si spande nell'area circostante il Mosquito Magnet come fosse una bolla. Il gas influenzato dal vento e da eventuali ostacoli quali siepi, cespugli o mura di recinzione. La bolla compatibilmente con l'ambiente in cui agisce si espande fino ad una considerevole distanza. Le zanzare percepiscono l'anidride carbonica a temperatura corporea e identificano la fonte di questo gas come un grosso mammifero. Breve distanza Mosquito Magnet utilizza cartucce di sostanze gradite alle zanzare Lurex e Octenolo capaci di aumentare leffetto attrattivo. Sono percepite maggiormente quando ci si avvicina alla trappola. Le zanzare, gi in cerca di un pasto di sangue, sono ulteriormente stimolate da queste sostanze che riproducono alcune delle tipiche emissioni umane come, ad esempio, l'acido lattico. Cattura La ventola del Mosquito Magnet compie l'ultimo passaggio del processo di cattura aspirando gli insetti all'interno di un apposito contenitore. Le zanzare intrappolate all'interno di un flusso di aria corrente tiepida muoiono in breve tempo per disidratazione. La ventola produce una corrente d'aria sufficiente per aspirare insetti piccoli come le zanzare ma abbastanza debole da non creare turbolenze artificiose intorno all'apparecchio e soprattutto risparmia insetti innocui quali le api. Counterflow Technology Il sistema brevettato CounterflowTechnology utilizzato esclusivamente da Mosquito Magnet crea una nube di anidride carbonica (CO2), calore ed umidit che si sprigiona nella zona in cui opera l'apparecchio. Gli insetti attratti dall'anidride carbonica si avvicinano all'imboccatura del tubo pi largo di aspirazione fino a quando realizzano che non possono consumare un pasto di sangue. A questo punto, assecondando il loro comportamento studiato in laboratorio, non voleranno verso il basso ne vorranno attraversare il flusso di anidride carbonica. Si muoveranno quindi verso l'alto dove saranno catturati dal tubo pi grande di aspirazione e intrappolati in una rete dove moriranno per disidratazione al massimo in 24 ore. Questo in sostanza il principio proprietario di Mosquito Magnet. brevettato Counterflow Technology

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

35

5.5. Uso e manutenzione Mosquito Magnet facile da installare e da usare. Funziona con normali bombole GPL ricaricabili reperibili facilmente. Basta collegare la bombola e accendere l'interruttore e l'apparecchio funziona. Non necessario spegnerlo durante i temporali. Bombola ed essenze gradite alle zanzare devono essere sostituiti ogni 21 giorni circa. 5.5.1. Sostanze gradite alle zanzare Queste trappole utilizzano attrattivi chimici per migliorare la loro efficacia. Si tratta di sostanze che rilasciano odori particolarmente appetibili per le zanzare e gli insetti ematofagi in generale. A seconda delle zanzare presenti nel tuo giardino puoi usare una diversa sostanza per migliorare l'effetto attrattivo del tuo apparecchio. Lurex per le zanzare tigre o Octenolo per le altre. Entrambe devono essere sostituite ogni 21 gg. Loctenolo non attira la zanzara tigre quindi se pensavi di aumentare il potere attraente usando le due sostanze insieme, sappi che non possibile. Con il Lurex invece si catturano entrambi i tipi di zanzare. Nel 2011 stato anche introdotto in commercio una versione potenziata chiamata R-Octenolo capace di durare fino a 30 gg. Questo super Octenolo specifico per il modello Executive che grazie ai programmi di risparmio energetico pu estendere la durata della bombola fino a 30 giorni. 5.5.2. Pulizia con anidride carbonica E' consigliata la pulizia con apposite bombolette di CO2 ogni cambio bombola per evitare otturazione degli ugelli. La pulizia con il CO2 serve ad eliminare le impurit causate dalla combustione del gas propano che si formano internamente allapparecchio. Queste incrostazioni potrebbero otturare l'ugello da cui fuoriesce il gas causando problemi. La quantit di gas bruciata tarata per produrre un calore il pi simile possibile alla temperature della anidride carbonica emessa dal corpo umano. Una riduzione della quantit di gas bruciata causa una diminuzione del calore prodotto, in questo modo il Mosquito Magnet assomiglier sempre meno ad un grosso mammifero e attrarr le zanzare in quantit minore. La pulizia consigliata dopo un lungo periodo di inattivit, ogni due cambi bombola o se ci sono problemi di funzionamento del Mosquito Magnet. Non mi risulta che i molti possessori di Mosquito Magnet presenti sul MosquitoWeb abbiano mai risolto problemi di malfunzionamento con questa operazione. Attenzione, non se ne sconsiglia l'uso.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

36

Anzi... questa unoperazione fondamentale per la manutenzione dell'apparecchio. Resta da dire per che se la trappola non funziona, difficilmente una pulizia con queste bombolette risolver le cose. Per evitare invece di fare danni obbligatorio attendere 30 minuti dallo spegnimento dell'apparecchio prima di effettuare la pulizia. Infatti il CO2 che fuoriesce sotto pressione dalla bomboletta ha una temperatura molto bassa, tanto vero che la bomboletta si gela. Lo sbalzo di temperatura a cui viene sottoposto il sensore del bruciatore potrebbe causarne la rottura rendendo l'apparecchio inutilizzabile. 5.5.3. Contenitore zanzare Il contenitore degli insetti catturati pu essere morbido (la retina) o rigido (il cestello). Deve essere svuotato quando la quantit di insetti o la sporcizia diminuisce la forza dell'aspirazione. Per essere sicuro esegui l'operazione ogni 21 gg. Per uccidere le zanzare ancora vive al momento della rimozione del contenitore puoi seccarle in pochi secondi puntandogli contro un phon acceso. Ti puoi scordare del tuo apparecchio per tutta l'estate ma ogni 21 giorni ricordati di eseguire le normali operazioni di manutenzione. 5.6. Regole base per lutilizzo Le trappole ad anidride carbonica servono a catturare le zanzare femmine feconde ed in cerca di sangue per riprodursi. Il loro scopo interrompere il ciclo riproduttivo delle zanzare. Per questo deve restare acceso 24 ore al giorno, 7 giorni su 7. E' consigliabile accenderle ad inizio stagione, da marzo a maggio a seconda del clima delle varie zone e comunque da valutarsi da anno in anno. Per maggiori informazioni su questo punto fai riferimento al capitolo Conoscere il Nemico. Tieni presente che una zanzara catturata a maggio corrisponde a molte migliaia in meno a luglio. Questi apparecchi non sono delle aspirapolveri infallibili e non distraggono le zanzare dal sangue umano. La zanzara, se deve scegliere, sceglie sempre l'uomo rispetto alla macchina. E' consigliato posizionarle ad almeno 10 metri da dove si stazione abitualmente (patio, terrazzo, ecc.) al fine di interporsi tra uneventuale zona infestata (cespugli fitti, zone ombreggiate, orti, siepi) e la zona frequentata. Il loro raggio d'azione limitato da ostacoli (cespugli bassi, muro di cinta), quindi non si rischia di attrarre tutte le zanzare della zona. Il vento un elemento che influenza l'effetto attrattivo ed il raggio d'azione. L'apparecchio andrebbe posizionato in funzione della direzione preponderante
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

37

da cui soffia affinch l'anidride carbonica e l'odore dell'attrattivo si spanda nella zona da proteggere. Se la zona da difendere molto ventosa l'efficacia di queste macchine pu essere fortemente penalizzata. Se utilizzi altri sistemi di difesa (insetticidi, repellenti) assicurati di irrorarli ad almeno 5/6 metri dall'apparecchio. Le superfici coperte da queste macchine sono di circa 4000 mq ma possono tranquillamente essere utilizzate in spazi inferiori basta mantenere i soliti 10 metri di distanza da dove si stazione abitualmente. 5.7. Posizionamento Le zanzare esistono da milioni di anni senza sostanziali modifiche evolutive. Questo lascia intendere quanto siano sofisticati i sensori di cui sono dotate per identificare le proprie prede. I Mosquito Magnet simulano la presenza di un grosso mammifero ma non sono in grado di ingannare le zanzare nel caso siano presenti contemporaneamente degli esseri umani. La zanzara tra uomo e macchina sceglie sempre l'uomo. Per questo i Mosquito Magnet devono essere posizionati ad almento 10 metri da dove si staziona abitualmente. I Mosquito Magnet attraggono le zanzare sfruttando anche la diffusione di anidride carbonica. La nuvola di gas che viene creata si diffonde nello spazio circostante in funzione di molti fattori. L'elemento principale da tenere in considerazione il vento e la direzione da cui proviene. Posiziona il Mosquito Magnet nella direzione da cui soffia il vento rispetto alla zona da proteggere. Se il vento soffia da nord l'apparecchio andr posizionato nella zona nord del tuo giardino in modo che la nuvola di anidride carbonica venga portata verso l'area da proteggere dalla corrente daria. Se vivi in una zona poco ventosa il Mosquito Magnet pu essere posizionato ovunque nel tuo giardino. In secondo luogo importante considerare la presenza di ostacoli quali cespugli, muri di cinta, siepi, muretti divisori, ecc. Questi elementi possono essere preziosi alleati o elementi di disturbo. Un giardino circondato da un muro di cinta di mattoni o da una fitta siepe impedisce alla nuvola di anidride carbonica di espandersi oltre i confini attraendo zanzare dall'esterno. In questo caso un modello dei pi potenti, capace di proteggere migliaia di metri quadrati, pu essere usato con uneccellente efficacia anche in spazi ridotti. Le zanzare amano le zone ombreggiate e fresche. Posiziona il Mosquito Magnet all'ombra e non in pieno sole.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

38

Il Mosquito Magnet pu essere posto tra la zona in cui si staziona abitualmente ed uneventuale zona particolarmente infestata. In questo modo le zanzare saranno attratte prima dal Mosquito Magnet che dalla presenza umana. Una zona particolarmente infestata pu essere un orto, campi coltivati, il giardino di un vicino poco attento ai ristagni, un cantiere, ecc. I Mosquito Magnet sono costruiti per resistere alle intemperie, non temono temporali estivi e caldo torrido. Possono invece subire danni se colpiti lateralmente da getti d'acqua di una certa pressione. Dalle alette laterali, usate per disperdere il calore pu infiltrarsi acqua che danneggia le componenti elettroniche. Posiziona il tuo Mosquito Magnet al riparo dai getti diretti dell'impianto di irrigazione. 5.8. Domande frequenti Una raccolta di domande e risposte ricorrenti relative alle trappole Mosquito Magnet. Dove si acquista Mosquito Magnet Sul nostro sito http://www.mosquitoweb.it/mosquitoshop.html, sul sito dellimportatore esclusivo italiano BME S.r.L, o in uno dei circa 50 punti vendita o centri assistenza distribuiti sul territorio italiano. Che attrattivo si usa e per quali zanzare? Il Lurex specifico per le zanzare tigre, l'Octenolo per le altre Posso usare i 2 attrattivi insieme? No, l'octenolo respinge le zanzare tigre Con il Lurex catturo anche le zanzare normali? Si. L'attrattivo Lurex inodore Si. Ogni quanto tempo si sostituisce l'attrattivo? 21 giorni Quanto dura la bombola di gas da 10 Kg? 21 giorni Con che frequenza devo effettuare la pulizia con il CO2?
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

39

Ogni cambio di bombola/attrattivo. Le retine devono essere sostituite? No, sufficiente svuotarle a ogni ogni cambio bombola una bella lavata a fine stagione. L'importante che non si riempiano mai oltre la met.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

40

6.

Trappole per zanzare foto catalitiche

Le trappole per zanzare foto catalitiche sono quelle che producono anidride carbonica mediante il processo di fotocatalisi (spiegato di seguito). Il loro utilizzo indicato per spazi inferiori ai 500 mq. Sul MosquitoShop sono disponibili vari modelli, consultare la sezione Trappole per zanzare per vedere quali quelli attualmente considerati migliori. 6.1. Che cos' la fotocatalisi? Il primo ad accorgersi che una pellicola di dimensioni nanometriche di biossido di titanio sotto lazione della luce UV esercitava un effetto fotocatalitico fu Akira Fujishima delluniversit di Tokio nel 1990. La fotocatalisi trasforma le sostanze inquinanti in sali (nitrati di sodio e di calcio) ed anidride carbonica (CO2). I sali si depositano al suolo e vengono rimossi per la semplice azione del vento e della pioggia, mentre l'anidride carbonica si disperde naturalmente nell'atmosfera. I composti ottenuti dalla degradazione sono sali solubili gi presenti in atmosfera, prodotti in quantit irrilevanti e soprattutto assolutamente innocui per l'ambiente e per la salute dell'uomo. Per questo la fotocatalisi viene considerato un processo utile a purificare l'ambiente e le sostanze inquinanti. L'utilizzo ideale creare superfici con queste propriet per potere costruire citt "autopulenti". Il biossido di titanio (TiO2) irraggiato dalla luce solare o da una lampada a raggi UV sulla lunghezza d'onda 400-315 nm (che la lunghezza d'onda degli UVA) in grado di assorbire lenergia della luce e renderla disponibile per decomporre sostanze inquinanti attraverso reazioni chimiche. Il biossido di titanio (TiO2) quindi un semiconduttore. Esso il catalizzatore di una reazione che avviene a causa dell'energia portata da un fotone, a sua volta emesso dal sole o dalla lampada. Il titanio non interviene nella reazione, non cambia la propria struttura, n il suo stato: favorisce soltanto la reazione foto catalitica prestando i suoi elettroni che successivamente riacquista dall'ambiente. Quindi non si consuma. 6.2. La fotocatalisi nelle trappole Le trappole per zanzare che non emettono anidride carbonica da bombole, molte delle quali vengono classificate come foto catalitiche, sono apparecchi indicati per piccole superfici con costi di acquisto e gestione decisamente inferiore. Il principio di funzionamento sempre quello di attirare gli insetti mediante luci, colorazione o altri stratagemmi e aspirarli con potenti ventole. Il flusso
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

41

daria prodotto maggiore delle trappole ad anidride carbonica, per questo catturano anche farfalle, mosche e altri insetti innocui. La prima trappola che ha adottato la produzione di CO2 attraverso la fotocatalisi stata la Zanzatrap, poi copiata da decine di varianti e prodotti simili. Quindi le trappole per zanzare fotocatalitiche sono quelle trappole dotate di luci a raggi UV sulla lunghezza d'onda 400-315 nm all'interno delle quali potete trovare una piastrina ricoperta da una pellicola di biossido di titanio. La luce, illuminando il TiO2 alimenta la reazione chimica di purificazione dell'aria e di produzione di CO2. Il flusso d'aria provocato dalla ventola usata per aspirare gli insetti "nutre" la reazione con sostanze inquinanti. Quindi teoricamente il processo perfetto, per le mie perplessit sono le seguenti. Considera che la base di partenza sono le sostanze inquinanti dell'aria, ritengo solo quelle che restano un tempo sufficiente in contatto con il biossido di titanio per potere avviare la reazione. Di queste solo una parte viene trasformata in CO2, infatti la reazione produce anche sali. Quindi la quantit di CO2 prodotta deve essere veramente infinitesima, neanche paragonabile con quella prodotta da un mammifero con la respirazione. Una ulteriore criticit la seguente: gi noto che le zanzare non sono molto attratte dalla luce, alcune specie solo da certe lunghezze d'onda. Per esempio: secondo lo studio di Burkett & Butler le zanzare tigre risultano attratte da una luce con lunghezza d'onda di 600 nm. Il fatto di dovere usare luci a raggi UV di una frequenza ben precisa limita l'efficacia di tali sorgenti luminose per attrarre le zanzare. Ritengo quindi che la fotocatalisi sia un debole valore aggiunto alle trappole per zanzara.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

42

7.

Repellenti

I repellenti per zanzare sono tutti quei prodotti in grado di non fare avvicinare le zanzare alla zona di nostro interesse. I repellenti personali (per esempio il classico Autan) si applicano sulla pelle e le zanzare potranno arrivare solo a pochi cm. Lo stesso principio viene utilizzato nei paesi tropicali dove le zanzare sono il vettore di pericolose malattie. In questo caso, per sicurezza, i repellenti si applicano anche sui tessuti come le zanzariere e i vestiti. Lo stesso principio utilizzato per i repellenti dambiente, ovvero prodotti che si possono irrorare sulla vegetazione e sulle superfici creando una zona sgradita alle zanzare. Unaltra categoria di repellenti sono gli evaporatori di piastrine di cui i noti zampironi sono il capostipite. Vedremo nei prossimi capitoli come questo settore si sia molto evoluto. 7.1. Repellenti personali I repellenti personali (da applicare sulla pelle) sono una soluzione sicura per evitare fastidiose punture. Quasi tutti si basano sui noti composti chimici DEET e Picaridina ma ci sono interessanti alternative completamente naturali. I repellenti riconosciuti efficaci sono i seguenti: Il DEET (dietiltoluamide) la sostanza chimica pi utilizzata negli insettorepellenti nei quali si trova in una concentrazione variabile tra il 7% e il 35%, offre una buona protezione. Se usato in concentrazioni elevate (oltre il 25%) pu proteggere fino a 5 ore. Risulta essere tra i prodotti pi efficaci, tuttavia, per il potenziale assorbimento attraverso la pelle, rimane poco chiara lindividuazione della giusta concentrazione e del tempo di esposizione nei bambini. E indicato per un uso al di sopra dei 12 anni. La Picaridina (Icaridina o KBR 3023) di pi recente introduzione, ha una protezione sovrapponibile a quella del DEET. La Picaridina ha una tollerabilit migliorata, che lo rende adatto a tutti, grandi e piccini. Rimane quasi completamente sull'epidermide senza essere assorbita, ne consentito l'uso nei bambini al di sopra dei 2 anni. Il PMD (Paramatandiolo) l'unico tra i derivati vegetali approvato negli USA come insettorepellente anche se la sua azione piuttosto debole. Tutti gli altri composti a base di estratti vegetali: citronella, oli essenziali di cedro, menta piperita, geranio e verbena, risultano di scarsa efficacia. Ovvero allontanano gli insetti ma la loro efficacia persiste solo per pochi minuti. Nei casi migliori raggiunge il quarto d'ora.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

43

Alcuni accorgimenti da rispettare nell'uso dei repellenti cutanei sono: Applicare il prodotto solo nella parti scoperte del corpo Non utilizzare su pelle irritata, abrasa o ferita Non utilizzare spray direttamente sul volto, ma applicare con le mani Scegliere i prodotti anche in base allet dei soggetti

7.2. Da irrorare nellambiente Puoi provare a creare delle zone non gradite alle zanzare usando unicamente prodotti naturali. Di minore efficacia rispetto ai prodotti chimici sono l'ideale per proteggere zone delimitate, per esempio dove si mangia. Si tratta si una valida freccia da aggiungere al nostro arco, da sole queste sostanze non sono sufficienti a proteggerti totalmente, ma integrando i trattamenti pi classici (disinfestazione chimica) possono offrire una ulteriore protezione in zone particolarmente sensibili dove si preferisce evitare di spruzzare prodotti di sintesi. Il patio dove si pranza, una zona di prato dove i bambini gattonano o sguazzano in una piscina gonfiabile o una terrazza sono le zone ideale dove utilizzare questi prodotti. Devono essere applicati con una comune pompa a pressione ed importante che vengano diffusi accuratamente su ogni superficie nelle percentuali indicate. Richiedono applicazioni ripetute nel tempo di solito a distanza di alcuni giorni. Abbondanti piogge rendono vano il lavoro, come per tutte le sostanze irrorate. I prodotti sono molti e ne abbiamo potuti testare solo alcuni. Attualmente quello che riteniamo pi efficace lestratto di rosmarino in soluzione glicolica. Si tratta di una sostanza naturale utilizzabile per l'allontanamento degli insetti molesti dalle aree esterne. 7.3. Evaporatori di piastrine Gli evaporatori di piastrine sono uno dei pochi metodi efficaci anche contro le zanzare delle risaie. Liberano dalle zanzare aree fino a 20 mq, ideali per cenare all'aperto, la linea Acti Zanza Break quella suggerita dal MosquitoWeb, vediamo perch. La linea Acti Zanza Break ha origini americane. I prodotti originali si chiamano Thermacell Mosquito Repellent e prendono il nome dalla tecnologia usata che sfrutta piccole bombolette di gas butano per produrre una fiamma controllata e sicura. Tutta la linea importata esclusivamente in Italia da Activa. Questi prodotti sono nati per offrire protezione dalle zanzare in tutti quei contesti in cui non disponibile una presa di corrente o si in movimento. Alcuni esempi tipici sono: negli appostamenti a caccia, a pesca, in campeggio,
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

44

durante le operazioni di giardinaggio, nellorto, quando si stendono i panni o pi semplicemente seduti nel proprio patio. Il principio di funzionamento semplice: una fiammella prodotta grazie al butano contenuto in una bomboletta scalda una piastrina di insetticida a bassissima tossicit (esbiotrina) che libera nellambiente una quantit minima di principio attivo costante e controllata. Piastrine e bombolette si sostituiscono a intervalli predefiniti e sono reperibili le ricariche vendute a parte. Si tratta della versione moderna dei vecchi zampironi. Non fanno fumo, si accendono e si spengono con un interruttore e sono alimentati da bombolette di gas con fiamma interna e ben protetta senza il rischio di ustioni da parte di bambini o animali domestici. Questi apparecchi funzionano bene e liberano dalle zanzare (inclusa la Tigre), pappataci e mosche spazi fino a 20 mq. Sono inoltre forse lunico sistema efficace anche contro le zanzare delle risaie. Le tipologie di prodotto disponibili sono 5 e le principali differenze sono illustrate nella seguente tabella: Portatile KIT (mini Lanterna Lume Portatile Luminoso portatile) Raggio d'azione 20 metri quadrati Pulsante on/off SI Regolatore SI SI NO SI, 8 LED Luce doppia SI SI NO NO intensita. Cartuccia SI NO NO SI NO butano interna Disponibilit fodero da NO NO NO SI NO cintura Maniglia per SI NO NO NO NO appenderlo Nome Particolarmente interessante la versione con fodero da cintura particolarmente utile quando si lavora nellorto o semplicemente si esce per stendere i panni. Tutti i modelli sono comunque portatili e si possono spostare agevolmente e utilizzarli dove serve. Per quanto riguarda l'effetto sulle zanzare, una volta in funzione, sono tutti esattamente uguali. Il principio di funzionamento lo stesso per tutti e non ci sono differenze in termini di efficacia tra i diversi modelli.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

45

Ma tra questo prodotto e le varie lanterne reperibili nei supermercati che bruciano piastrine (a prezzo inferiore) che differenza c'? Per esempio le lanterne con candela funzionano con lo stesso principio ma invece di avere una fiamma generata da una bomboletta di gas hanno una candela. Questo vuole dire che bisogna accenderla con un accendino, se si dimentica accesa pu essere pericoloso, pu spegnersi con una folata di vento e non produce una fiamma (e una temperatura) costante con variazioni nellemissione del principio attivo. Confrontando il Portatile Luminoso Acti Zanza Break con una lanterna tra le pi note in commercio facile notare come il prezzo inferiore ma le ricariche costano esattamente come le ricariche di Acti Zanza Break che per sono un sistema ben pi sofisticato, sicuro e pratico. 7.4. Domande frequenti Acti Zanza Break Ecco la lista di domande e risposte pi frequenti tratta direttamente dal sito del produttore americano. Dove posso utilizzare la protezione repellente antizanzara Acti Zanza Break? Il prodotto funziona bene allaperto dove ci sia poco movimento daria, come terrazze, cortili e accampamenti. Per il miglior risultato con aria immobile, posizionare lunit vicino al terreno. Questo permette al repellente di distribuirsi nellarea pi ampia possibile. Acti Zanza Break allontana i pappataci? S, Acti Zanza Break efficace contro i pappataci. Acti Zanza Break agisce contro tutti i tipi di zanzare? S. Nonostante Acti Zanza Break non sia stato testato su ogni specie esistente di zanzara, stato testato a lungo su una grande variet di specie (incluse quelle pi aggressive e dal morso pi frequente). Non stato ancora trovato nessun tipo di zanzara che non sia respinta da Acti Zanza Break. E' efficace anche contro le famigerate zanzare delle risaie. Quanto frequentemente va cambiata la piastrina repellente Acti Zanza Break? La piastrina repellente va sostituita quando diventa bianca. Ciascuna piastrina dura da 3 a 4 ore di utilizzo continuativo. Quanto frequentemente va cambiata la cartuccia di Acti Zanza Break?

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

46

Una cartuccia dura da 9 a 12 ore di utilizzo continuativo e dovrebbe essere sostituita quando vuota. Quando ho installato una nuova piastrina, ho notato che il fondo della vecchia piastrina era di colore marrone scuro, come se fosse stata bruciata. Dovrei preoccuparmi? No. E normale per una piastrina esaurita avere quel colore marrone scuro sul fondo e quasi bianco sulla faccia esterna. Ho attivato il mio apparecchio repellente antizanzara e lho posizionato allaperto con me, ma le zanzare non si allontanano. Perch non funziona? Per i migliori risultati, azionate lapparecchio e posizionatelo allaperto nellarea di stazionamento per almeno 15 minuti. E necessario un certo tempo per creare unarea di protezione. Il mio apparecchio ha funzionato per un po, ma ora non funziona pi. Cosa dovrei fare? La cartuccia di combustibile potrebbe essere vuota. Controllate lindicatore del combustibile sul fondo dellunit. Spegnete lunit, sostituite la cartuccia di butano, ed avviatelo come descritto nelle istruzioni. Poi, posizionate linterruttore on/off sulla posizione on e lasciate scorrere il gas butano per due minuti prima di premere il pulsante start. Questazione pulir lapparecchio e spesso risolve il problema. Ho seguito le istruzioni per lavvio dellunit. Si scaldata, ma non ha allontanato le zanzare da me. Cosa dovrei fare? Controllate per essere certi che la piastrina abbia ancora del colore blu. Altrimenti, sostituite la piastrina con una nuova. Se c vento, posizionate lunit cos che il vento la raggiunga per prima, e solo successivamente larea che volete proteggere. In questo modo, il vento trasporter il repellente dove lo volete. Posso spegnere continuamente? e riaccendere lunit oppure devo utilizzarla

Potete accendere e spegnere lunit a piacimento. Ricordatevi che servono dai 10 ai 15 minuti dallaccensione affinch Acti Zanza Break raggiunga la massima efficacia. Potete sfruttare una piastrina finch diventa completamente bianca. Come so se lunit Acti Zanza Break sta funzionando? Una luce arancione sulla cima dellapparecchio si accende quando in funzione.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

47

Il mio apparecchio Acti Zanza Break non funziona correttamente ad alta quota. Cosa posso fare? Sfortunatamente, la maggior parte degli apparecchi e lanterne antizanzara Acti Zanza Break non funziona bene alle altitudini pi elevate. A quote superiori ai 1400 metri (sul livello del mare) la maggior parte delle unit presentano difficolt nellavviamento e nel funzionamento. Linferiore densit dellaria causa del problema. Se avete problemi ad utilizzare il vostro Acti Zanza Break ad alta quota, probabilmente non dovuto ad un apparecchio difettoso, ma solamente una limitazione intrinseca del prodotto alle altitudini elevate. Quando dovrei accendere il mio Acti Zanza Break? Acti Zanza Break impiega dai 10 ai 15 minuti per raggiungere la massima efficacia. Pianificate di conseguenza. Posso utilizzare Acti Zanza Break quando c vento? In caso di brezza, posizionate lunit sopravento rispetto alla vostra posizione affinch il repellente sia trasportato dal vento nellarea che volete proteggere . Dovrei vedere del fumo uscite dallunit? Durante il normale funzionamento, pu essere visibile una piccola quantit di fumo uscire dalla piastrina. Posso utilizzare Acti Zanza Break sotto la pioggia? Non esponete alla pioggia gli apparecchi o le piastrine. La loro efficacia pu risentirne. Quanto ampia larea protetta da un apparecchio Acti Zanza Break? Un apparecchio efficace per unarea di 20 mq., la dimensione tipica di un terrazzo o patio. Utilizzare pi unit per proteggere aree pi grandi. Come pulisco un apparecchio o lanterna Acti Zanza Break? Passate con un panno umido. Non immergete mai in acqua o soluzioni detergenti. Acti Zanza Break efficace mentre sto camminando? Tecnicamente, Acti Zanza Break progettato per essere utilizzato su una superficie piana e immobile. Comunque, alcuni utilizzatori ci hanno riferito che Acti Zanza Break molto efficace mentre si porta a spasso il cane o si taglia lerba, ad esempio.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

48

Posso utilizzare le mie piastrine Acti Zanza Break per periodi consecutivi ? Ad esempio, se utilizzo una piastrina per unora, posso poi utilizzarla di nuovo per altre tre ore? S, potete usare le piastrine Acti Zanza Break per un intervallo di tempo inferiore a quattro ore e saranno ancora altrettanto efficaci. Se tra i periodi di utilizzo si lascia passare un tempo piuttosto lungo (svariati giorni o pi), suggeriamo di conservare le piastrine nella loro confezione o in una busta per alimenti sigillata. 7.5. Repellente per viaggi in paesi tropicali Per recarsi dove le malattie trasmesse dalle zanzare sono endemiche occorre attrezzarsi con repellenti estremamente efficaci. Per questo oltre che applicarli sulla pelle esistono prodotti da spruzzare sugli abiti al fine di eliminare tutte le possibili punture di zanzara. Repellenti per la pelle: usare repellenti a base di DEET con concentrazioni superiori al 30%. Si trovano in negozi specializzati prodotti che arrivano al 50%. Repellenti per abiti e zanzariere: La permetrina un piretroide con una tossicit molto bassa per i mammiferi. L'assorbimento attraverso la pelle limitato e solo raramente si ritiene sia responsabile di reazioni allergiche. inoltre efficace per un vasto numero di parassiti, per questo presente in numerosi prodotti, dagli antipulci per animali (esclusi i gatti che non la tollerano), agli antipidocchi per persone e spray antizanzara comunemente usati in famiglia. usata anche in agricoltura: approvata dalla Environmental Protection Agency, da decenni un metodo di controllo dei parassiti in svariate coltivazioni. La permetrina disponibile presso alcuni negozi con il nome di Duranon o Permanone sia in forma liquida che in spray. Una confezione spray da 170 grammi pu essere sufficiente per trattare due cambi di indumenti. La permetrina applicata in modo appropriato resiste a diversi lavaggi ed i vestiti rimangono impregnati fino a 2-6 settimane. Le zanzariere dovrebbero essere trattate mensilmente per mantenere la loro efficacia. Alcuni prodotti reperibili in commercio: Biovectrol, Repel Insect Spray abiti, Insect Ecran Abitit Spray, Mousti Fluid Tessuti & Abiti Spray, Moustidose Spray tessuti e abiti. La concentrazione pu variare a seconda della marca. 7.6. Lenzuola antizanzara Per sfruttare un concetto simile a casa nostra ci sono interessanti e simpatiche soluzioni:
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

49

La Bassetti commercializza delle lenzuola repellenti che sfruttano un principio proprietario chiamato "No Fly Zone". E' un trattamento certificato con oli essenziali di menta e limone che genera un'azione repulsiva nei confronti delle zanzare creando un effetto schermo di 30 cm attorno al lenzuolo. Ipoallergenico, inodore e innocuo per l'uomo efficace anche dopo moltissimi lavaggi domestici. I colori disponibili sono: Turchese, Blu, Rosso, Arancio, nelle dimensioni a una piazza cm 160x280 e per letto matrimoniale cm 240x280. 7.7. Lampadine a luce gialla Da qualche tempo sono in commercio lampadine di colore giallo che promettono di tenere lontane le zanzare. Ti sar capitato di trovare in commercio lampade a basso consumo energetico di colore giallo con indicato sulla confezione il logo formato da una zanzara barrata, sinonimo di effetto antizanzara. Si tratta di lampadine ricoperte di un pigmento giallo luminoso sulla parte interna del bulbo di vetro che viene utilizzato per schermare la radiazione UV. Quando sono accese emetteranno una luce con una lunghezza d'onda particolare (tra i 570-580 nm) che emette una luce di colore giallo che dovrebbe allontanare le zanzare.

La domanda sorge spontanea: Funziona? Ebbene si, esiste anche documentazione scientifica (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18209714) a riguardo. Durante i test svolti presso la Malaysian Society of Parasitology and Tropical Medicine sono state utilizzate due specie di zanzara: la Culex quinquefasciatus e la Aedes albopictus meglio conosciuta come zanzare tigre. L'effetto repellente della lampada verso le prime stato un successo, la popolazione di zanzare stata ridotta del 91,34%. Non si sono notate differenze rilevanti invece con le zanzare tigre. Secondo gli scienziati il motivo potrebbe essere lo scarso numero di esemplari utilizzato durante i test dato che la cattura degli insetti e i test sono avvenuti durante la notte. Le considerazioni sono comunque semplici da fare. La zanzara tigre attiva durante il giorno, periodo nel quale una lampadina non produce variazioni sostanziali dell'illuminazione gi presente. Quindi su questa specie di zanzara non mi aspetto che lampadine di questo tipo abbiamo effetto alcuno, tanto meno che abbia senso tenerle accese durante il giorno.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

50

Discorso diverso durante la notte, periodo in cui sono attive le Culex, quando una luce con queste caratteristiche pu rendere pi piacevole restare all'aria aperta. La situazione ideale dove possono essere utilizzate pu essere, per esempio, in un patio, in un gazebo dotato di illuminazione o semplicemente su un balcone. Il raggio di azione di queste lampade indicativamente di circa 4 metri anche se molto dipende dalla potenza della lampadina e dalla numerosit e specie di zanzare presenti. 7.8. Leggende metropolitane o verit? Una raccolta di informazioni e curiosit sui fattori che attraggono o scacciano le zanzare. 7.8.1. Braccialetti Braccialetti e simili non funzionano. Non si sono ottenuti risultati apprezzabili testando braccialetti imbevuti di sostanze repellenti (indipendentemente dal contenuto). 7.8.2. Ultrasuoni Gli antizanzare ad ultrasuoni sembrano risolvere il problema delle punture in modo ottimale soprattutto in presenza di bambini piccoli. Presenti in diversi formati tecnologici stuzzicano la curiosit e alimentano le speranze. Purtroppo non funzionano. Sarebbe bello se si potessero allontanare le zanzare con questi apparecchietti sicuri e poco costosi che si presentano come la soluzione ideale per la protezione dei bambini pi piccoli che durante la notte restano vittime indifese delle zanzare. E proprio questa falsa speranza che sostiene il mercato di questi prodotti. LAmerica Mosquito Control Association afferma che nessuno degli studi condotti nell'arco di 15 anni ha evidenziato una capacit repellente per gli antizanzare ad ultrasuoni. Tutti i tentativi di influenzare il comportamento delle zanzare mediante ultrasuoni sono falliti. La stessa agenzia governativa americana molto critica verso questi apparecchi imputando alla comune fobia per i prodotti chimici la propensione all'acquisto di antizanzare ad ultrasuoni. La questione arrivata anche nelle aule di tribunale. Nel 2002 la Federal Trade Commission accus una societ della Florida di fare una campagna pubblicitaria basata su affermazioni false e prive di fondamento proprio per questo genere di prodotti. Secondo la FTC non esistono prove scientifiche che gli ultrasuoni siano realmente efficaci contro le zanzare.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

51

Anche studi europei (Foster WA, Lutes KI - Department of Entomology , Ohio State University , Sylla el-H K, Lell B, Kremsner PG.Laboratoire de Recherche http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/2906666, Hpital Albert Schweitzer, Lambarn, Gabon, Federal Republic of Germany http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10890136) hanno evidenziato l'inutilit degli antizanzare ad ultrasuoni per difendersi dalle punture. 7.8.3. Aglio e vitamina B Mangiare aglio o vitamina B non aiuta a ridurre le punture delle zanzare. Test di laboratorio hanno evidenziato come l'ingestione di queste sostanze non abbiano alcun effetto sul numero di punture ricevute o con il livello di attrazione delle zanzare. Pi precisamente i test sono stati effettuati su un campione di volontari i quali sono stati esposti in un ambiente di laboratorio controllato alle punture di zanzare. I soggetti hanno preso parte a una doppia seduta di test, in uno dei due appuntamenti gli stato somministrato aglio o vitamina B nell'altro un prodotto placebo senza queste sostanze. I parametri di misurazione sono stati il numero di zanzare che non hanno punto le cavie umane, il numero di punture inflitte, il peso degli insetti dopo il pasto di sangue e quindi la quantit di sangue succhiata. I dati rilevati non hanno evidenziato una repellenza o una diminuzione del sangue prelevato a causa dell'ingestione di aglio o vitamina B. Un limite di questo esperimento la mancata verifica su soggetti sottoposti a una dieta a base di aglio per un periodo prolungato. Insomma... non potete usare questa scusa per rimpinzarvi di spaghettate Ajo, Ojo e peperoncino durante il periodo estivo. 7.8.4. Profumi e dopobarba Non esistono prove scientifiche del fatto che usare profumi o dopobarba attragga le zanzare. Le femmine di zanzara spesso usano i fiori per succhiarne il nettare e nutrirsi. Qualche profumo floreale risultato attrattivo per le zanzare durante i test di laboratorio. Sebbene ci siano studi che evidenziano l'attrazione delle zanzare da parte di alcune piante e fiori, non ci sono studi sugli effetti di profumi personali (lozioni, colonie, spray, deodoranti, dopobarba, ecc) per quanto riguarda l'aumento dell'attrazione delle zanzare da parte di esseri umani. 7.8.5. Vestiti scuri I vestiti che non riflettono molta luce sono solitamente pi attrattivi di quelli chiari che ne riflettono molta.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

52

In termini pratici, i vestiti scuri attraggono pi zanzare di quelli di colore chiaro (bianchi, verdi, gialli, ecc.). Gli studi effettuati da Brett (1938), Brown (1951, 1954, 1955) and Gjullin (1947) hanno identificato i colori preferiti da alcune zanzare sempre con il sistema dei volontari. Capi di abbigliamento di colore diverso sono stati fatti indossare alternativamente a diversi soggetti. Pezze di tessuto di colore diverso sono state applicate su scatole che contenevano le mani delle cavie. Allo stesso modo sono stati usati robot a temperatura controllata. Gli esperimenti hanno evidenziato che l'ordine di preferenza per le zanzare il seguente: nero (pi attrattivo) rosso (molto attrattivo) blu (neutro) verde giallo bianco (meno attrattivo)

Questi risultati non sono validi per tutte le specie di zanzara. Per la anofele sono stati rilevati dei dati che evidenzierebbero una preferenza per i colori chiari (giallo e bianco). 7.8.6. Alcolici Bere alcolici pu aumentare l'attrazione per le zanzare. Alcuni interessanti studi (Shiral et al. 2002, Bernier et al. 2007) suggeriscono che l'ingestione di bevande alcoliche pu aumentare l'attrazione per le zanzare. Il solito manipolo di volontari (ma li pagano?) stato esposto alle zanzare prima e dopo avere ingerito alcolici. Le punture sono aumentate significativamente dopo l'assunzione di alcolici. Inoltre i soggetti che consumano regolarmente alcolici sono i pi apprezzati dalle zanzare. Questa caratteristica spiegata con il fatto che chi assume alcolici produce maggiori quantit di acetone, etanolo e metanolo attraverso il sudore. Non ancora chiaro come queste sostanze agiscano sull'olfatto delle nostre fastidiose amiche. 7.8.7. Vaniglia La vaniglia (Vanilla planifolia) un'orchidea originaria del Messico. I suoi frutti, comunemente chiamati baccelli, producono la spezia nota come vaniglia. E' stata indicata come un possibile repellente per le zanzare. Alcuni studi hanno dimostrato che non vi sono propriet repellenti associate alla Vanillina, la molecola principale dell'aroma prodotto dalla vaniglia (Khan et al. 1975;
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

53

Tawatsin et al. 2001). Comunque in questi studi viene evidenziato come l'aggiunta di Vanillina al DEET o ad altri repellenti ne aumenta l'efficacia verso alcune specie di zanzara. 7.8.8. Erba Gatta L'olio estratto dall'erba gatta (Nepeta cataria) stato indicato come un prodotto con qualit repellenti dieci volte migliori del DEET. I test effettuati dopo questa notizia hanno dimostrato capacit repellenti per l'olio estratto dall'eba gatta e il suo componente principale, il nepetalactone (Zhu et al. 2006), ma assolutamente non superiori a quelle del DEET. Ci sono inoltre forti differenze sul periodo di protezione garantito tra le diverse specie di zanzara. Si spazia da una totale inefficacia a una copertura fino a 4 ore (Webb and Russell 2007, Chauhan et al. 2005, Bernier et al. 2005).

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

54

8.

Insetticidi

Gli insetticidi sono il metodo pi usato e forse pi temuto tra le armi che possiamo usare contro le zanzare. Solo il termine spaventa e viene associato a intossicazioni di tutti i tipi. Cerchiamo di fare un poco di chiarezza al fine di usare i prodotti in commercio con consapevolezza. 8.1. Un po di teoria Gli insetticidi usati contro le zanzare sono principalmente piretrine e piretroidi Le piretrine sono composti naturali con propriet insetticida che si trovano nel piretro, l'estratto di certe specie di crisantemi. Le piretrine sono spesso usate negli insetticidi casalinghi e per il controllo dei parassiti sugli animali domestici e sul bestiame. I piretroidi sono una sintesi chimica molto simile alle piretrine ma molto pi efficaci e persistenti nell'ambiente. Sono stati sintetizzati pi di mille piretroidi ma meno di una dozzina sono quelli correntemente usati. Permetrina, Deltametrina, Alletrina, Esbiotrina, Cipimetrina sono i nomi che spesso troverai tra i composti degli insetticidi disponibili nei banchi dei supermercati. Piretrine e piretroidi sono gli insetticidi pi comuni che vengono usati nelle nostre abitazioni, sulle coltivazioni, nei giardini, sugli animali domestici e anche indirettamente sugli esseri umani. Quasi tutti gli insetticidi di uso comune contengono queste sostanze: dai normali spray alle piastrine e liquidi da collegare alla presa elettrica. In zone infestate da gravi malattie di cui le zanzare sono vettore (Malaria, Dengue) sostanze che contengono piretroidi sono usate per impregnare le zanzariere o gli abiti al fine di offrire uno scudo ancora pi efficace contro questi pericoli. Alcuni dei prodotti antiparassitari da applicare direttamente sugli animali domestici, in particolare cani, sono a base di piretroidi. Allo stesso modo si utilizzano prodotti simili per il trattamento delle infestazioni da pidocchi sugli esseri umani, anche bambini. I piretroidi possono essere divisi in generazioni, a seconda di quando sono stati inventati e della loro sintesi. Fanno parte dei piretroidi di prima generazione: la Alletrina e la Bioalletrina la Tetrametrina la Resmetrina e la Bioresmetrina I piretroidi di seconda generazione hanno come capostipite la Permetrina

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

55

La Permetrina molto pi efficace, ma soprattutto molto pi stabile alla luce e all'ossigeno, rispetto ai piretroidi di prima generazione. E' un vero piretroide ad azione residuale. I piretroidi di terza generazione comprendono i derivati dalla Permetrina: Cipermetrina Deltametrina e risultano molto pi attivi e stabili delle generazioni precedenti. 8.2. Classificazione Capitolo a cura del Dr. Mario Ballerini Gli insetticidi nascono con lintenzione di eliminare gli insetti dai luoghi di nostro interesse. Le molecole di cui sono composti sono studiate per avere un effetto tossico nei confronti di questi piccoli organismi e hanno come bersaglio principale il loro sistema nervoso. Gli insetticidi in commerci si differenziano per i diversi effetti in grado di generare sullinsetto bersaglio, effetti che vanno ad aprire tutto un ventaglio di possibili utilizzi a seconda delle proprie esigenze. Vediamo i principali: Abbattente: conosciuto anche come effetto knock down, gli insetticidi che possiedono questa caratteristica, mirano ad intossicare velocemente linsetto, eliminandolo prima che abbia il tempo di allontanarsi dalla zona trattata. Si tratta di una propriet fondamentale che devono avere i formulati utilizzati per i trattamenti ad ampia scala (disinfestazioni). Repellente: a volte esplicata singolarmente, altre volte va insieme alleffetto abbattente; la repellenza una propriet molto interessante e versatile che sfrutta la capacit della molecola in questione, di irritare linsetto bersaglio, il quale si allontaner dalla zona trattata dallinsetticida. Un buon repellente in grado di liberare efficacemente unarea circoscritta dal fastidio degli insetti. Va ricordato che, anche in questo caso, la dose determina gli effetti, il ch significa che una concentrazione di prodotto pu essere abbattente per le zanzare e solo repellente per le mosche, a causa delle diverse dimensioni dei due insetti. Residuale: un insetticida si definisce residuale quando le molecole di cui composto restano attive per un certo periodo dove avvenuta lerogazione del prodotto. Questo permette unefficacia duratura nel tempo che evita di procedere a continui trattamenti per avere leffetto desiderato. La residualit varia molto, da poche ore a settimane ma, rimane comunque soggetta a particolari condizioni atmosferiche. Per esempio la pioggia in grado di lavare via dalle superfici il principio attivo, rendendo cos necessario un ulteriore trattamento. Anche la luce solare diretta un nemico per molte molecole insetticide (piretroidi) perch in grado di denaturarne la struttura chimica
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

56

rendendole inefficaci; tali insetticidi sono definiti fotolabili proprio per questo motivo. Quando si deve trattare con insetticidi fotolabili, lo si fa di sera, in modo tale da sfruttare quantomeno per tutta la notte leffetto dellinsetticida. Snidante: caratteristica molto utile contro quegli insetti che si annidano in piccoli spazi allinterno di buchi o crepe nei muri, dove impossibile andare a colpire direttamente linsetto con il prodotto. Gli insetticidi snidanti presentano una repellenza particolare in grado di sovraeccitare il sistema nervoso dellinsetto bersaglio, creando una sorta di attacco di panico che lo porta a scappare fuori dal loro nascondiglio. Cos facendo verranno in contatto con linsetticida presente allesterno, annullando il loro vantaggio di avere un rifugio. Leffetto snidante molto utile per combattere gli insetti striscianti che si insediano negli edifici. No-biting: la prima fase dellintossicazione dellinsetto. Leffetto non abbastanza potente da ucciderlo in breve tempo ma sufficiente per renderlo innocuo dato che linsetto non pi in grado di pungere e vola in modo scoordinato perdendo quota. A volte rimane fermo sul muro, altre volte vola senza criterio rendendosi pi visibile e sembrando quasi in numero maggiore. utilizzato principalmente contro zanzare ed insetti ematofagi avendo il vantaggio di utilizzare pochissimo insetticida. 8.3. Tossicit dei prodotti Capitolo a cura del Dr. Paolo Manella Una delle principali preoccupazione verso gli insetticidi la loro tossicit, quanto pu essere pericoloso un prodotto? La questione vale anche per i prodotti naturali la cui definizione sempre vaga. Quando ci si reca al supermercato pochi sono in grado di capire quanto pu essere pericoloso un prodotto. In realt la chimica ci circonda e pochi si soffermano a riflettere sulla pericolosit dei prodotti comprando un deodorante, la candeggina o lo sgorgante per lo scarico della cucina. Vediamo allora cosa pu fare il consumatore per capire quali sono i pericoli per la salute durante la scelta a scaffale di tantissimi prodotti diversi. Partiamo con lo specificare che una sostanza o un prodotto vengono definiti pericolosi sia per pericoli di tipo fisico (Esplosivo, infiammabile, comburente, ecc...), per pericoli per la salute (irritante, nocivo, tossico, ecc...) e per pericoli per lambiente (tossico per gli organismi acquatici, pericoloso per lambiente, ecc...). In questo contesto parleremo dei pericoli per la Salute, in particolare di tossicit. Innanzi tutto distinguiamo due grandi categorie di prodotti che possiamo trovare in commercio: prodotti di libera vendita e prodotti disciplinati e regolamentati come Presidi Medico Chirurgici o comunque con numero di registrazione Ministeriale. Tuttavia a seguito della Direttiva Biocidi 98/8/EC si sta attuando ununione di queste due categorie nella grande categoria dei Biocidi. Chiariamo cosa si intende per Biocida, definizione: Si definiscono
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

57

biocidi i principi attivi o i preparati contenenti uno o pi principi attivi, destinati a distruggere o comunque a impedire l'azione o esercitare altro effetto di controllo su qualsiasi organismo nocivo con mezzi chimici o biologici quindi tutti i prodotti insetticidi, repellenti e attrattivi. La direttiva 98/8/EC diventata operativa dal recepimento italiano avvenuto con Decreto Legislativo n 174 del 25-02-2000 e contempla la Revisione di tutti i prodotti Biocidi sia principi attivi che formulati che li contengono, quindi i Principi Attivi devono essere inseriti dalle aziende nelle liste dei Biocidi, per quelli non inseriti (in gergo si dice non difesi) sono gi stati stabiliti i tempi di fuoriuscita dal mercato sia dei formulati registrati come Presidi Medico Chirurgici, sia dei prodotti di Libera vendita che li contenevano. Il de creto Ministeriale del 7 Agosto 2006 GURI 18-08-2006 decreta infatti allarticolo 2.2: A decorrere dal 1 settembre 2006, i prodotti, attualmente di libera vendita, rientranti nella definizione di Biocida, non possono pi essere immessi sul mercato, n vi possono essere pi mantenuti.. A scopo esemplificativo facciamo un esempio: lolio-essenza di citronella era tra i prodotti utilizzati ed identificati del processo Biocidi. Non stato per difeso e per tanto ricade nellelenco sopra citato. Per tanto prodotti di libera vendita, quali ad esempio, lolio-essenza di citronella, non possono essere venduti qualora recanti indicazioni, sia con frasi che con immagini esplicative, di azione insetticida o repellente. In pratica il consiglio quello di comprare sempre prodotti insetticidi regolarmente approvati dal Ministero, in questo modo sarai sicuro che il prodotto in questione stato testato a livello di efficacia e sicurezza e soprattutto che i dati che trovi in etichetta sono veri e regolarmente approvati presso il Ministero della Salute, in un prossimo futuro solo questo tipo di prodotti saranno disponibili sul mercato: per i Presidi Medico Chirurgici troverete in etichetta Registrazione nXXXX del Ministero della Salute. Ma cosa ci dice letichetta? Per quanto riguarda tossicit possiamo trovare i seguenti simboli:

T: TOSSICO Classificazione: sostanze o preparazioni che, per inalazione, ingestione o penetrazione nella pelle, possono implicare rischi gravi, acuti o cronici, e anche la morte.

T+ : ESTREMAMENTE TOSSICO Classificazione: sostanze o preparazioni che, per inalazione, ingestione o assorbimento attraverso la pelle, provocano rischi estremamente gravi, acuti o cronici, e facilmente la morte.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

58

Xi : IRRITANTE Classificazione: sostanze o preparazioni non corrosive che, al contatto immediato, prolungato o ripetuto con la pelle o le mucose possono espletare un'azione irritante.

Xn : NOCIVO Classificazione: sostanze o preparazioni che, per inalazione, ingestione o assorbimento cutaneo, possono implicare rischi, per la salute, di gravit limitata, non mortali

I simboli di pericolo hanno colore nero su fondo giallo-arancione e quando ad un preparato o ad una sostanza sono assegnati pi simboli lobbligo di indicarne uno in particolare rende facoltativo lindicazione di altri: lobbligo di indicare il simbolo T+ (molto tossico) o T (tossico) rende facoltativi i simboli Xn (nocivo), Xi (irritante) e C (corrosivo); lobbligo di indicare il simbolo C rende facoltativi i simboli Xn e Xi; lattribuzione del simbolo Xn rende facoltativo il simbolo Xi Questi simboli vengono assegnati in base al grado di tossicit del prodotto che viene valutato con i parametri di laboratorio DL50 e CL50: DL50 orale Categoria mg / Kg Molto tossiche Tossiche Nocive < 25 25 200 200 2.000 DL50 cutanea mg / Kg < 50 50 400 400 2.000 CL50 inalatoria mg-litro-4 ore / mg-L-4 hrs < 0,5 0,5 2 2 - 20

DL50: Dose che provoca la morte nel 50% degli animali da esperimento, va definita anche la via (orale, cutanea, etc.). Per la DL50 orale la normativa prevede l'uso del ratto come animale da esperimento. Per la DL50 cutanea previsto l'uso del ratto o del coniglio. CL50: Concentrazione in aria che provoca la morte nel 50% degli animali da esperimento, se inalata per un determinato periodo di tempo. Per la CL50 la normativa CEE prevede l'uso del ratto come animale da esperimento, per una esposizione di 4 ore. In pratica pi la dose minore pi la sostanza velenosa e pericolosa, nella seguente tabella possibile confrontare i valori di tossicit orale acuta di alcuni principi attivi insetticidi e sostanze di uso comune ponendo come 0 il limite di 2000mg/kg della tossicit orale acuta definito per legge (maggiore di 2000mg/kg non tossico minore di 2000mg/kg tossico), in questo modo avremo le sostanze definite pericolose per la salute in base alla DL50 orale acuta sullasse positivo e quelle considerate non pericolose per la salute sullasse
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

59

negativo. Ad esempio la caffeina 10 volte pi tossica per via orale acuta della Permetrina.

La tabella indica la tossicit dei principi attivi, i prodotti in commercio sono miscele di sostanze e quindi riporteranno i valori correttamente diluiti, comunque tutti questi dati sono visionabili sulle Schede Dati di Sicurezza al punto 11: Informazioni Tossicologiche. Quindi fai attenzione ai simboli di pericolosit e se decidi di comprare un prodotto pericoloso segui attentamente e scrupolosamente quando descritto in etichetta, se non sei convinto chiama i servizi tecnici delle aziende, chiedi consiglio e la possibilit di visionare le Schede Dati Di Sicurezza: un tuo diritto. Un altro buon motivo per scegliere prodotti regolamentati sta nel fatto che questi sono inscritto al data base Preparati pericolosi dellIstituto Superiore di Sanit, questa banca dati nata al fine di aiutare i Centri Antiveleno a fronteggiare in modo efficace e pronto qualsiasi tipo di avvelenamento da prodotto pericoloso, in questa banca dati le aziende forniscono tutte le informazioni utili ai CAV di Italia per fronteggiare un eventuale intossicazione. Di seguito riporto i dati raccolti dal Centro Antiveleni di Milano Niguarda: percentuale di casi di intossicazione rispetto la tipologia di prodotto.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

60

Un appunto va fatto per quanto riguarda i prodotti concentrati, chiaramente un prodotto diluito (detto anche pronto alluso) sar meno tossico di un concentrato, tuttavia se trovi prodotti concentrati con simboli pi pesanti del tutto normale perch i simboli si riferiscono al prodotto cos come viene venduto, dopo la diluizione per chiaramente la sua pericolosit diminuir (bisogna per diluirlo bene e seguire scrupolosamente quanto descrive letichetta), chiaramente se trovi un prodotto concentrato senza simboli di pericolosit per la salute sarai sicuro di usare un prodotto non pericoloso, sia prima, che dopo la diluizione. Quanto descritto fino ad ora riguardo ai simboli di pericolo e classificazione subir sostanziali modifiche per le miscele a partire dal 2015 con lentrata in vigore a pieno regime de CLP. Riassumendo, nella scelta di prodotti contro le zanzare, assicurati che questi siano regolamentati, segui letichetta con attenzione particolare ai simboli di pericolosit, il dato sperimentale che trasmette linformazione e non diciture del genere: non tossico, naturale, biologico, ecc. ricorda che i fiori della Bella donna, la Cicuta, il Curaro o lOleandro sono prodotti naturali ma sono veleni temibili, vale quanto diceva Paracelso con laffermazione: Ogni sostanza un veleno. La giusta dose differenzia un veleno da un farmaco. 8.4. Etichette degli insetticidi Capitolo a cura del Dr. Paolo Manella Le etichette dei prodotti possono rispondere in modo esauriente alle domande sulla pericolosit e permettono al consumatore, che n conosce il contenuto, di scegliere se acquistarlo oppure lasciarlo a scaffale. Si parla solo di etichette di Presidi Medico Chirurgici per alcuni semplici motivi: sono le uniche approvate integralmente dal Ministero della Salute e con informazioni quindi
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

61

approvate. Inoltre questi sono i prodotti che guardano la lotta contro le odiate zanzare. Altre tipologie di prodotti che sono sottoposti ad autorizzazione ministeriale o comunque regolamentate da normative Nazionali e/o Comunitarie sono i Fitosanitari, Veterinari, Farmaci e i Cosmetici. Partiamo da questo punto,dalla Registrazione al Ministero: per essere certi che un prodotto sia un P.M.C. deve riportare in etichetta il numero di registrazione ad esempio: Presidio medico chirurgico registrazione nXXXX del Ministero della Salute.

Le informazioni pi importanti per la salute, la composizione e i riferimenti registrativi si trovano in una zona appositamente evidenziata ( un obbligo) in genere da un riquadro pi o meno evidente allinterno delletichetta, lho rappresentato in questo caso da un riquadro rosso, che deve contenere: La composizione: bisogna inserire in etichetta i componenti pi importanti del p.m.c. specificandone la % in peso, sar importante indicare tutti i principi attivi che sono responsabili dellefficacia del prodotto e tutti gli eventuali componenti che n determinano la pericolosit. I componenti sono supportati da test di estrazione delle materie prime dal prodotto finito e che devono essere presentati e approvati dal Ministero.

Informazioni sulla pericolosit Simboli di pericolo: Se vi un simbolo di pericolo potete gi avere linformazione che il prodotto in questione pu essere pericoloso per la salute o per lambiente:

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

62

La prima informazione quindi ti arriva dal simbolo. Chiaramente se trovi lesplosivo eviterai di fumare in presenza della sostanza, se trovi corrosivo, eviterai di cospargerti con la sostanza in questione, se trovi pericoloso per lambiente eviterai accuratamente di versare il prodotto nellambiente. Tuttavia per dare unindicazione di come si maneggia una sostanza di questo genere ti vengono in auto le frasi di rischio e i consigli di prudenza. Sono frasi standard di cui si reperisce facilmente lelenco su internet. Le frasi di rischio ti mettono in guardia sui rischi in cui incorri maneggiando il prodotto, i consigli di prudenza invece sono appunto consigli da mettere in pratica durante luso. A titolo di esempio per un prodotto pericoloso per lambiente:

Frasi Di Rischio R52/53 Tossico per gli organismi acquatici, pu provocare a lungo termine effetti negativi per lambiente acquatico CONSIGLI DI PRUDENZA S2 Conservare fuori dalla portata dei bambini. S 13 Conservare lontano da alimenti o mangimi e da bevande. S 61 Non disperdere nellambiente. Riferirsi alle istruzioni schede informative in materia di sicurezza.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

63

Puoi quindi avere un chiaro e ben definito quadro di quanto pericolosa la sostanza e per quale comparto lo sia: lambiente acquatico. Tuttavia la parte, se presente, dedicata alle AVVERTENZE Pu aiutarti ulteriormente ad usare in modo oculato questa sostanza. Questo comparto da indicazioni su come maneggiare il prodotto, dove conservarlo, come smaltirlo. Sempre nel riquadro rosso possibile reperire informazioni riguardo al titolare della registrazione cio la societ che ha presentato la proposta di registrazione di questo prodotto al Ministero e quindi che assume la responsabilit di ci che viene scritto in etichetta, lofficina di produzione, un eventuale distributore o unofficina di confezionamento. Per questi soggetti verranno descritti ragione sociale, indirizzo e numeri di telefono. Cosa molto importante indicata nel riquadro rosso, ma spesso trascurata, la pezzatura (contenuto) che ti dice quanto prodotto realmente c allinterno della confezione. Questo pu essere utile per calcolare la reale convenienza rispetto ad altri prodotti. Da non sottovalutare anche la validit o scadenza che dir si voglia, le aziende presentano prove che attestano la funzionalit del prodotto anche dopo un certo lasso di tempo, in questa sede trovi il risultato di queste prove che confrontato con la data di produzione (lotto del..... partita del....) permette di sapere se stai cquistando un prodotto di nuova fattura o di vecchia produzione, non certo da sottovalutare. Tutte queste informazioni vengono considerate importanti e quindi, come gi specificato, evidenziate in uno spazio apposito delletichetta. Ora possiamo passare a informazioni che riguardano la natura del prodotto e in particolare di un formulato insetticida: Caratteristiche Vengono descritte le caratteristiche del prodotto, se concentrato, se ha unazione residuale, se ha unazione snidante, se per insetti striscianti o per volanti, se funziona con la zanzara Tigre,ecc....Quindi sostanzialmente a cosa serve. Leggi sempre questa parte e non solo il nome e la breve descrizione sotto il nome perch potrebbe non essere esauriente. Importante sapere che tutte le caratteristiche descritte in questa sede devono essere supportate da prove di efficacia eseguite presso laboratori riconosciuti, ad esempio presso le Universit. Non si tratta quindi di puro marketing ma della selezione delle caratteristiche emerse da studi di efficacia regolarmente presentati e approvati dallIstituto Superiore di Sanit e dal Ministero della Salute. Le prove di efficacia inoltre vengono eseguite nello stesso modo in cui sono descritte le Istruzioni e dosi per l'impiego e le dosi consigliate. Ad Esempio, se lo spray che hai comprato va usato allesterno contro la zanzara Tigre spruzzando su un muro ad una distanza di 40cm premendo lerogatore per tre secondi per ogni metro di superficie trattata, significa che la prova presentata al Ministero ed accettata come valida, stata eseguita in quel modo e quindi seguendo queste indicazioni avrai la certezza di efficacia contro la zanzara Tigre. Chiaramente le dosi consigliate diventano di estrema
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

64

importanza in prodotti concentrati e da diluire: sfatiamo il dannoso mito del pi ne metto pi funziona perch non assolutamente vero semmai pi n metto, pi mi intossico, pi inquino, le dosi consigliate sono quelle da usare perch sono quelle che funzionano. Troverai poi informazioni di carattere pi generale, supportate da evidenze scientifiche come: non fitotossico o non dannoso per l'ozono oppure informazioni di carattere generali che riguardano il formulato quali da non usare in agricoltura, non disperdere il contenitore nell'ambiente dopo l'uso, agitare bene prima dell'uso, non macchia, ecc. Questo per quanto riguardai prodotti regolarmente approvati, chiaramente tutto ci che non approvato non ha un riscontro e un controllo e quindi non possibile rintracciare la veridicit delle affermazioni contenute in etichetta. Le etichette nei prossimi anni subiranno profonde modifiche che implicheranno cambiamenti nei simboli di pericolo, nelle frasi di rischio e nei consigli di prudenza e quindi anche nella classificazione delle sostanze. Queste nuovo modo di comunicare il pericolo verr introdotto a pieno regime dal 2015 e sar il prodotto di normative mondiali (GHS Globally harmonized System) e Europee CLP (Classification Labeling and packaging of substances). 8.5. Disinfestare il proprio giardino Vediamo come si possono effettuare trattamenti di disinfestazione efficaci nel proprio giardino. 8.5.1. Quando disinfestare La lotta adulticida deve essere attuata solo quando la densit di zanzare supera la soglia di sopportazione. Gli interventi adulticidi hanno un effetto immediato nel breve periodo sul controllo delle popolazioni di zanzara. Invece quelli ant ilarvali, leliminazione dei ristagni di acqua e la prevenzione della loro formazione, producono risultati duraturi nel medio e lungo periodo. Ladulticida agisce come abbattente nei confronti delle popolazioni di zanzara presenti in un determinato ambiente nel momento dellintervento stesso; indipendentemente dal piretroide usato, non ha la capacit di prevenire londata delle zanzare. Irrorazioni eseguite in assenza del bersaglio sono assolutamente da evitare. Per questo chiunque propone trattamenti adulticidi come metodo di lotta preventiva o in forma di intervento a calendario, dimostra scarsa competenza. Detto questo ecco alcuni suggerimenti su come misurare il grado di infestazione del giardino per decidere quando intervenire con una disinfestazione.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

65

Si possono contare le zanzare che tentano il pasto di sangue sul corpo durante un tempo prestabilito (es. n. zanzare/15 minuti). Per la Zanzara Tigre il controllo va condotto nel tardo pomeriggio. Una soglia dintervento pu essere indicata in 7-10 zanzare che tentano il pasto di sangue in 15 minuti. Ci tengo a precisare che dalle mie parti, nel tardo pomeriggio, questa soglia abitualmente e di gran lunga superata tanto che non raro vedere 3 o 4 maledette appiccicate alle gambe a succhiare sangue contemporaneamente. Una misurazione di questo tipo, per quando possa sembrare grezza e masochistica, ampiamente utilizzata in ambito scientifico. Non essendo ancora completamente chiari i meccanismi che permettono alle zanzare di trovare le loro prede molti dei test di repellenti da applicare sulla pelle vengono effettuati con questo sistema. L'importanza di utilizzare un metodo oggettivo di misurazione dovuto al fatto che spesso la soglia di tolleranza dipende da sensibilit soggettive legate a stati emotivi differenti accentuati, alle volte, da qualche bozzo prurigginoso. 8.5.2. Come disinfestare L'utilizzo appropriato degli insetticidi pu ridurre notevolmente la quantit di zanzare nel giardino. Seguendo alcuni semplici accorgimenti si pu ottimizzarne l'efficacia e minimizzarne l'effetto inquinante. Le aree pi fitte di vegetazione sono il nascondiglio ideale per le zanzare che si riparano dal caldo nelle ore pi torride della giornata. Non raro trovarle posate sulle foglie delle siepi, nei muri di cinta ricoperti di vegetazione, alla base di cespugli particolarmente fitti, dentro i pozzetti o nelle griglie di scolo dell'acqua, nelle legnaie o dove si trovano accumuli di materiale. E' utile ispezionare queste zone nelle ore pi calde della giornata magari agitando con un bastone o ancora meglio spruzzando una piccola quantit di insetticida. Si prende nota dei luoghi dove si vede alzarsi un nugolo di zanzare per poi ripassare in orari pi opportuni ad effettuare la disinfestazione vera e propria. Gli orari migliori sono al tramonto ma si ottengono buoni risultati anche nelle ore notturne con il vantaggio che per molte ore il giardino non frequentato. Questo accorgimento pu essere particolarmente utile in presenza di bambini o animali domestici. Se il giardino ricco di vegetazione questi trattamenti sono molto efficaci anche se bene ricordare che la maggior parte degli insetticidi in commercio, specialmente i piretroidi, esercita anche un'azione repellente. In alcuni casi il risultato solo quello di spostare le zanzare.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

66

Ricordati di non trattare piante in fiore, altrimenti si colpiranno anche le api. Se risulta utile ridurre la popolazione di zanzare in tutto il giardino spesso l'esigenza maggiore quella di proteggere una zona particolare. In questo caso la cosa migliore trattare tutta la vegetazione, fino ad un'altezza di circa 2 metri, tenendo sempre la zona da proteggere al centro dell'area trattata. Pi ampia l'area trattata migliore il risultato. La cosa ottimale sarebbe, come di consueto, mettersi d'accordo con i vicini affinch l'area trattata sia pi ampia. In ogni caso attieniti scrupolosamente alle dosi e alle superfici indicate nelle istruzioni del prodotto. Sia per lavorare entro i margini di sicurezza sia per non rendere vano il tuo sforzo con dosaggi insufficienti o copertura di superfici troppo vaste. Ogni insetticida deve avere chiaramente indicate le percentuali consigliate per combattere i diversi infestanti (scarafaggi, zanzare, mosche) e la superficie ottimale per un certo numero di litri di miscela. Per calcolare accuratamente la superficie da irrorare, se non hai le mappe catastali del tuo terreno e un righello a portata di mano, puoi usare Google Earth dove quasi sicuramente troverai l'immagine satellitare del tuo giardino con una risoluzione sufficiente a compiere le misurazioni necessarie. Nel menu strumenti clicca lopzione righello per avere un pratico sistema per misurare il tuo giardino al centimetro. Un trattamento ben eseguito non d problemi per gli esseri umani, basta non essere presenti al momento della sua esecuzione o proteggersi adeguatamente, ed attendere qualche ora prima di frequentare l'area. 8.5.3. Guida pratica alla disinfestazione. Per disinfestare ci si deve dotare di un insetticida concentrato e di una pompa zaino. Come protezioni personali sono consigliate una mascherina con livello di protezione FP2 e una tuta a protezione del corpo. Ti consiglio anche di fare un minimo di preparazione recuperando i dati fondamentali per compiere al meglio l'operazione. Questi dati sono: la percentuali di diluizione del prodotto, il numero di metri quadrati da trattare con un litro di miscela e le dimensioni approssimative dello spazio da trattare. Tutti gli insetticidi sono venduti corredati di dettagliate schede tecniche che illustrano la percentuale di utilizzo in funzione dell'infestante da combattere. Generalmente per le zanzare si utilizza il dosaggio minimo. Anche la superficie trattabile per quantit di prodotto un dato contenuto in questa documentazione. Esempio: il Microdelta, un insetticida che proponiamo in vendita sul nostro negozio, deve essere miscelato in misura dell'1%. Vuole dire che ogni litro di acqua si aggiunge 10 ml di insetticida. In una pompa zaino da 15 litri piena ci vorranno 150 ml di prodotto da misurarsi usando il tappo graduato trasparente in dotazione. Con un litro di miscela si possono trattare 10 metri quadrati di
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

67

superficie, quindi con un pieno della tua pompa zaino da 15 litri tratterai 150 mq. Per calcolare la superficie da trattare puoi fare in questo modo. Innanzitutto identifichi le zone da trattare che non coincide quasi mai con la superficie del giardino. Le zone da trattare sono quelle con la vegetazione pi fitta, spesso perimetrali dove ci sono siepi o piante rampicanti. Tratta anche pozzetti, caditoie e tutte quelle aree particolarmente umide che possono essere gradite alle zanzare. Da tralasciare invece le aree soleggiate dove i piretroidi degraderebbero molto rapidamente diventando inefficaci. Si irrora al massimo fino a due metri di altezza. Esempio: Un giardino quadrato di 100 mq potrebbe avere due lati dotati di una fitta siepe mentre gli altri due hanno una rete metallica. Ipotizziamo poi la presenza di alcuni cespugli di ortensie, per definizione sempre pieni di zanzare dato che sono piante che necessitano di molta acqua quindi con terreno sempre umido. La superficie da trattare si calcola moltiplicando i due lati con siepe per due metri di altezza e aggiungendo qualche cosa per cespugli e pozzetti. Quindi: 20 * 2 = 40 + 10 = 50 mq. Per calcolare le misure del tuo giardino in modo piuttosto preciso puoi usare Google Earth. L'arci noto prodotto di Google che contiene fotografie satellitari di tutto il mondo. Basta installarlo sul tuo computer, avviarlo e digitare l'indirizzo di casa tua nella casella in alto a sinistra. Con un effetto molto scenografico sarai portato all'immagine satellitare relativa all'indirizzo indicato, risalente probabilmente a qualche mese/anno fa. Comunque quasi sempre utile per misurare le distanze che ti servono. Per fare ci scegli la voce "righello" dal men "strumenti". In alcune zone l'immagine pu essere un poco sgranata ma solitamente si distinguono sempre bene i confini del giardino. Pu essere utile anche una ricognizione del giardino prima degli interventi al fine di capire quali sono le zone pi infestate. Per questo ti basta fare "un giro" durante le ore pi calde della giornata quando le zanzare, specialmente le tigre, amano riposare nelle zone pi fresche e a loro gradite. Agita le foglie con un bastone, scopri i pozzetti e osserva dove si alzano nugoli di zanzare. Questi saranno i punti pi "caldi" che non devi scordare di disinfestare. L'orario migliore per effettuare i trattamenti adulticidi quando le zanzare sono attive, quindi nel tardo pomeriggio, all'imbrunire o alla mattina presto. Nel caso delle zanzare tigre mattina presto e tramonto sono i periodi ideali. Se la zona frequentata da bambini il tramonto ancora meglio, in modo che possano passare molte ore prima che il giardino sia nuovamente frequentato. Controlla anche le previsioni del tempo, assicurati che non siano previste precipitazioni almeno nelle 24/48 ore successive. Le precipitazioni lavano via il principio attivo distribuito con ogni disinfestazione che ha invece nelle doti di residualit uno dei suoi punti di forza e di maggiore efficacia.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

68

Bene, ora il momento di abbandonare scartoffie e computer e darsi da fare sul campo. Datti una bella spalmata di repellente antizanzara sulle parti scoperte del corpo e incomincia. La prima operazione da fare riempire la pompa zaino con la giusta miscela. E' utile attrezzarsi con un paio di guanti di gomma (anche sottile da chirurgo) al fine di non sporcarsi le mani se dovesse traboccare. I misurini in dotazione sono larghi e pu succedere, se capitasse comunque basta sciacquarsi un poco le dita. Prima di aggiungere l'insetticida riempi la pompa fino a meta, poi aggiungi la totalit dell'insetticida calcolata sulla quantit totale di acqua che prevedi di mettere, e termina di riempire il serbatoio. In questo modo il normale movimento dell'acqua aiuta a miscelare il prodotto. Attieniti alle dosi consigliate, pi prodotto non vuole dire pi efficacia. Le pompe zaino solitamente sono sdtate di una griglia di plastica rimovibile posta subito dopo il tappo di chiusura. Questa griglia serve a filtrare eventuali impurit che potrebbero finire nel serbatoio al momento dello riempimento, sia provenienti da un tubo di gomma usato allo scopo sia dall'esterno. Non rimuovere questa griglia durante la fase di preparazione se non vuoi rischiare di intasare o danneggiare la tua attrezzatura. Una volta che il serbatoio pieno il momento di caricarselo sulle spalle. Il tutto pesa una ventina di chili, consiglio di infilare prima uno dei due spallacci, fino sulla spalla. Per fare questo ci si piega sulle gambe fino a terra, si calza lo spallaccio e ci si rialza distendendo le gambe e facendo forza con queste, non con la schiena. Una volta che uno spallaccio calzato infilare il secondo pi semplice. Qualche saltello per completare la miscelazione e sei pronto per partire. La miscela preparata deve essere sufficiente a trattare la superficie calcolata, in base ai calcoli e alle rilevazioni fatte. Quindi, nell'esempio di prima, se devi trattare 50 mq avrai preparato 5 litri di miscela. Irrora la zona da trattare in modo uniforme, per quanto riguarda la vegetazione bagna le foglie fino quasi al gocciolamento e cerca di infilare la lancia in profondit nelle zone particolarmente folte, dove non sufficiente la pressione del getto per raggiungere le zone pi nascoste e fresche quindi preferite dalle zanzare. Molto probabilmente al tuo passaggio nugoli di zanzare e moscerini si leveranno dalle zone trattate, se hai seguito il consiglio non hai nulla da temere in quando adeguatamente protetto con un repellente. Insisti, vuole dire che stai facendo un buon lavoro. Le zone maggiormente frequentate dalle zanzare, una volta irrorate, non solo smettono di offrire rifugio a questi insetti ma diventano delle vere e proprie aree repellenti per loro. Tutti i piretroidi
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

69

infatti sono anche repellenti, in questo modo il tuo giardino diventa un luogo sgradito alle zanzare. Prosegui il trattamento delle superfici secondo lo schema che ti sei prefissato, con un poco di esperienza imparerai a dosare esattamente l'insetticida in modo da irrorare la zona nel modo pi uniforme possibile. Se hai fatto bene i conti dovresti terminare il giro nel momento in cui hai finito il contenuto della pompa zaino. A questo punto puoi fare un nuovo pieno, oppure sei alla fine del lavoro. In questo caso svuota la pompa, risciacquala con acqua pulita azionandola un poco in modo da svuotare la lancia dal principio attivo e riponila per l'utilizzo successivo. Metti gli indumenti da lavare e concludi con una bella doccia. Ogni quanto ripetere l'operazione? Fondamentalmente al bisogno ovvero quando il livello di infestazione diventa insopportabile. Tipicamente parliamo di una volta ogni due settimane da marzo fino a giugno e poi, in base al clima e alla proliferazione, anche una volta alla settimana. Non a caso in Italia i picchi di maggiore infestazione si hanno verso la fine di agosto. 8.5.4. Alcuni consigli Per tutti quei trattamenti condotti in proprio e svolti all'interno di propriet private bene tenere in considerazione i seguenti suggeriementi: 1) Leggere attentamente tutta letichetta sulla confezione dellinsetticida . 2) Adottare tutti i dispositivi di protezione individuale obbligatori quali tuta, stivali in gomma, guanti in gomma (3a categoria, protezione da rischio chimico), maschera con filtri adeguati (vedere Voce n.8 della Scheda di Sicurezza) e occhiali protettivi. 3) La diluizione dei formulati non potr essere maggiore o minore di quanto indicato in etichetta. 4) Evitare che persone e animali vengano a contatto con linsetticida irrorato allontanandoli dalla zona del trattamento. 5) Chiudere porte e finestre dell'abitazione. 6) Rimuovere la biancheria lasciata ad asciugare. 7) Informare le propriet confinanti dellora di trattamento e delle precauzioni da adottare indicate nelle raccomandazioni/prescrizioni precedenti per evitare contaminazioni con linsetticida. 8) Non direzionare la nube irrorata su alberi da frutta e non trattare
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

70

piante ornamentali e fiori. 9) Evitare di irrorare aree del cortile o del giardino assolate prive di vegetazione, di manufatti e di materiale accatastato. 10) Coprire o lavare dopo il trattamento arredi e suppellettili presenti nel giardino. 11) Non irrorare laghetti, vasche e fontane o provvedere alla loro copertura con appositi teli impermeabili prima dellinizio dellintervento. 12) Far frequentare larea trattata dai bambini soltanto dopo almeno 2 giorni dallirrorazione. 13) Evitare il consumo di frutta e verdura per almeno 3 giorni e lavarle accuratamente prima del consumo laddove, nonostante le misure precauzionali adottate permanesse il rischio di contaminazione. 14) Conservare la confezione dellinsetticida in un luogo inaccessibile. 15) Smaltire le confezioni vuote del formulato insetticida presso le stazioni ecologiche del proprio Comune. 16) Preparare un volume di miscela insetticida proporzionale allestensione dellarea da trattare per evitare residui nel serbatoio dellattrezzatura. 8.6. Disinfestazione professionali Attrezzarsi opportunamente e disinfestare il giardino da soli o affidarsi ad una ditta di disinfestazione specializzata? Uno dei motivi che mi spinsero a creare il MosquitoWeb nel lontano 2007 fu il fatto di avere avuto a che fare con una ditta di disinfestazione che solo ora posso giudicare molto poco professionale. Purtroppo anche per i molti disinfestatori capaci e preparati la normativa in questo mondo non chiara. 8.6.1. Affidarsi ad una ditta di disinfestazione Se vuoi affidare il lavoro a dei professionisti la prima cosa da valutare con "che genere" di professionisti si ha a che fare. La scelta della ditta di disinfestazione spesso viziata dalla vicinanza, dal prezzo e dalla disponibilit per un intervento rapido pensando che il professionista di turno debba solo recarsi a casa tua con un atomizzatore pi grosso possibile e spargere insetticida su tutto il giardino. Non cos. La lotta adulticida deve essere fatta in modo mirato e in funzione di numerosi parametri quali: le specie di zanzare presenti, le condizioni
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

71

atmosferiche e la tipologia del sito da bonificare. Ma ancora pi importante si presume che gli incaricati della ditta che si scelta spendano un po di tempo in sopralluoghi alla ricerca di focolai e nellinformazione ai residenti. Non da escludere il caso in cui professionisti "seri", dopo un sopralluogo, decidano di non effettuare l'intervento in quanto inutile. Il rischio che il disinfestatore di turno si presenter a casa tua molto probabilmente con un atomizzatore da spalla o con uno di quelli semoventi montato su pick-up con il quale inonder tutto il terreno di insetticida. Beh... in questo modo di sicuro non si sbaglia mira ma vengono irrorate anche zone (il prato soleggiato per esempio) che non hanno alcuna necessit di essere disinfestate. Per alcuni giorni godrai sicuramente di un sollievo insperato ma poi la situazione ritorner come prima, almeno fino all'intervento successivo. Ricordo di diffidare dei professionisti che suggeriscono interventi pianificati a calendario. Il trattamento adulticida deve essere effettuato "al bisogno" e ragionando su parametri non pianificabili a priori. Per fare alcuni esempi: se il giorno successivo al trattamento piove l'efficacia minima, se l'orario di applicazione sbagliato il risultato ottenuto scarso. 8.6.2. Disinfestare con i propri mezzi Per quanto riguarda il trattamento fai-da-te la teoria appena esposta sempre valida. Dato che nei nostri giardini siamo oggettivamente impossibilitati a fare una campionatura delle specie di zanzara presenti ci limitiamo ad assumere che ci siano zanzare tigre affamatissime che ci massacrano di giorno e/o zanzare che ci pungono dopo il tramonto (come faranno le ditte di disinfestazione non professionali che interpellerai). Chi sceglie la soluzione fai-ta-te deve sicuramente riservarsi un'oretta di tempo per effettuare l'operazione e qualche minuto per ispezionare il proprio giardino e imparare a conoscere le zone pi critiche. Con l'esperienza l'impegno si riduce. Effettuando l'intervento di persona utilizzerai innanzitutto uno strumento pi preciso e meno "massivo" come una pompa zaino manuale, elettrica o a motore a seconda del budget, della superficie da irrorare e della sopportazione del rumore. In questo modo puoi direzionare il getto con una precisione estrema solo sulle zone infestate, nell'orario di maggiore attivit delle zanzare e dopo esserti informato sulle previsioni atmosferiche per i 7 giorni successivi. Non ultimo, il vantaggio di potere evitare magari proprio quei due cespugli dove i tuoi figli giocano alla pianta carnivora.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

72

Cos facendo otterrai la massima resa con la minima spesa ma soprattutto con un utilizzo di insetticida molto ma molto minore rispetto a quello utilizzato da interventi sovradimensionati. Belle parola ma... in pratica? Esiste una dimensione di giardino oltre la quale consigliato rivolgersi a specialisti con mezzi adeguati? Dipende. Non solo dalla dimensione ma anche dal tipo di vegetazione e dal contesto. Per esempio, il mio giardino circa 3000 mq, le zone "calde" sono tutto il muro di cinta e 5 o 6 gruppi di cespugli fitti pi tutta la zona pattumiere e bidoni di raccolta del verde. Con tre pieni di una pompa zaino elettrica da 15 litri disinfesto tutto il necessario in circa unora circa, doccia inclusa. Ok... ma quanto costa? Una pompa zaino elettrica di buona qualit costa meno di 250 euro. L'insetticida circa 30/70 euro al litro con il quale probabilmente ci fai tutta la stagione. Se vuoi puoi aggiungere qualche euro per tuta in Tyvek, guanti e mascherina. Non voglio in questo modo sminuire il lavoro dei professionisti della disinfestazione, molti dei quali svolgono il proprio lavoro in modo impeccabile. Dico solo che relativamente alle zanzare e con un poco di informazione si pu risolvere la situazione da soli, in modo assolutamente soddisfacente. Concludo con una tabella di pro e contro. Azienda di disinfestazione PRO Risparmio di tempo e fatica Trattamento fai-da-te Utilizzo di quantit ridotta di insetticida Massima precisione Costo ridotto CONTRO Costo elevato Utilizzo di quantit eccessive di insetticida. Trattamento inefficace se effettuato prima di forti piogge Utilizzo del proprio tempo e della propria fatica

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

73

8.6.3. Scegliere una ditta di disinfestazione Supponiamo di volersi rivolgere a professionisti per svolgere le operazioni di disinfestazioni nel proprio giardino. Quali sono i criteri che una ditta seria dovrebbe rispettare? Come valutare un preventivo? Che tipo di informazioni ci dobbiamo aspettare? Dal sito della Camera di Commercio di Milano: Le imprese artigiane che svolgono l'attivit di disinfestazione, derattizzazione e sanificazione (L.82/94 e D.M. 274/97) devono possedere i requisiti di onorabilit (art. 2 legge 82/94) ed, inoltre, devono autocertificare il possesso dei seguenti requisiti:

Economico finanziari Tecnico professionali

Per quanto riguarda i requisiti Tecnico professionali relativi alle competenze specifiche viene richiesto che: Per uno dei titolari il diploma di istruzione secondaria superiore di 5 anni con biennio di chimica. Per i dipendenti 3 anni svolti presso le imprese del settore o all'interno di uffici tecnici come: dipendente qualificato, familiare collaboratore, socio partecipante al lavoro, titolare d'impresa. Naturalmente molti dei disinfestatori professionisti che operano in Italia sono altamente qualificati e sono dotati di attestati di frequenza o certificazioni relative a corsi professionali pagati profumatamente. Purtroppo per non esiste una normativa che rende questi corsi "validi" ai fini della abilitazione professionale. Insomma... oggi la figura professionale del disinfestatore rientra nelle imprese di pulizia. Non sono obbligatori corsi di formazione per i dipendenti di queste ditte. Dopo questa doverosa premessa cerchiamo di capire in che modo scegliere chi dovr effettuare il lavoro a casa nostra. Un intervento non dovrebbe essere limitato ad una passata con insetticida e via. Dovrebbe esserci un sopralluogo, la ricerca e rimozione dei ristagni, linformazione dei proprietari del terreno con nozioni di base e infine la disinfestazione vera e propria (se serve) magari ponderata in base alle previsioni atmosferiche per non rendere vano l'intervento e la spesa nel giro di poche ore. Un preventivo formulato correttamente informazioni importanti tra le quali: deve contenere una serie di

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

74

Le modalit del trattamento La tempistica e la tipologia del prodotto che sintende impiegare con indicazione del suo nome commerciale e specifica del principio attivo in essa contenuto. importante che la ditta di disinfestazione fornisca la scheda tecnica e di sicurezza del prodotto che intende proporre per lintervento. Non devono essere previsti trattamenti adulticidi a calendario in quanto inefficaci in termine di prevenzione. Una ditta che fornisce anche indicazioni sui microfocolai e la relativa eliminazione, effettua un ottimo servizio poich applica i concetti di prevenzione.

Veniamo ora all'informazione principale che un preventivo deve contenere: il costo dell'intervento. Il prezzo varia in funzione della superficie su cui necessario intervenire e sulla complessit del sito. Nel momento in cui l'impresa di disinfestazione arriva sul luogo con l'atomizzatore e non ha fatto nessuna azione preparatoria (ricerca di focolai, identificazione del tipo di larve trovate, anche semplici chiacchiere finalizzate ad istruire i proprietari sulla prevenzione), plausibile che il corrispettivo da pagare sia costituito dalla tariffa della macchina operatrice (mano d'opera) pi i prodotti utilizzati. 8.7. Sistemi di nebulizzazione automatica Dei sistemi di nebulizzazione se ne parla da qualche anno, almeno sul MosquitoWeb dato che in America sono gi abbastanza diffusi. Ma di cosa si tratta esattamente? 8.7.1. Cosa sono La nebulizzazione la riduzione di un liquido in parti minutissime (gocce), che si ottiene costringendo il liquido a passare attraverso un orifizio avente una sezione di passaggio molto stretta. Questa tecnica usata nel controllo delle zanzare consiste nell'irrorare sostanze insetticide o repellenti utilizzando degli ugelli che nebulizzano la miscela che si vuole distribuire nella zona da difendere. A comandare il sistema di tubi e ugelli deve esserci una pompa capace di miscelare le sostanze (acqua + sostanza anti-zanzara) e mandare in pressione l'impianto a intervalli di tempo programmabili in modo da garantire una distribuzione di prodotto costante, uniforme e in orari che non disturbano la fruizione dello spazio stesso. Grazie alla nebulizzazione, che permette la produzione di particelle di liquido finissime, la quantit di principio attiva richiesta molto bassa.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

75

8.7.2. I principali dubbi sui sistemi di nebulizzazione automatica L'American Mosquito Control Association preoccupata per l'aumento di vendite dei sistemi a nebulizzazione temporizzata. L'AMCA sostiene che la pratica di erogazione di insetticidi ad intervalli prestabiliti e senza dati di monitoraggio non coerente con le buone pratiche di lotta integrata alle zanzare che sono alla base della Environmental Protection Agency. Questo vero e ampiamente riconosciuto anche in Italia. L'applicazione di pesticidi attraverso questi sistemi di nebulizzazione potrebbe portare a una serie di effetti indesiderati, quali: 1. Uso inutile di insetticida: Gli utenti di questi sistemi non hanno in genere le risorse per monitorare le specie di zanzara presenti o la loro densit. L'irrorazione di insetticida, quando questo inutile, pu comportare costi per il consumatore e impatti potenzialmente negativi sull'ambiente. 2. Attualmente non esistono misurazioni scientifiche sulla reale efficacia di questi sistemi con l'utilizzo di sostanze insetticide. 3. Il rilascio di insetticida ad intervallo temporizzato non selettivo e colpisce tutti gli insetti indiscriminatamente. 4. Questa metodologia incrementa la resistenza agli insetticidi da parte delle zanzare. 5. Rischio di esposizione dei pesticidi. Molti insetticidi consigliano nelle schede tecniche di sgomberare il campo di applicazione da persone o animali. Osservare queste precauzioni con una irrorazione temporizzata sarebbe difficile. 6. L'utilizzo di questo sistema pu demotivare i proprietari delle abitazioni ad attuare le normali norme comportamentali atte a ridurre il proliferare delle zanzare come, per esempio, eliminare i ristagni o usare repellenti personali. Trascurare queste pratiche, a sua volta, pu aumentare la fiducia relativa all'utilizzo di adulticidi diffusi nell'ambiente e incentivare un approccio monotematico al controllo delle zanzare da parte dei privati. Le motivazione esposte dalla AMCA sono tutte validissime. Tuttavia si deve considerare che nessun privato (e quasi nessuna impresa di disinfestazione) si applica per effettuare il monitoraggio delle zanzare presenti nella zona, almeno in Italia. Molto spesso l'infestazione di zanzare tigre talmente densa e fastidiosa da scatenare comunque trattamenti adulticidi effettuati con quantit di insetticida superiori a quelle necessarie ai sistemi di nebulizzazione. Rimane quindi molta curiosit relativamente a questi sistemi ancora poco conosciuti in Italia.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

76

La raccomandazione resta comunque sempre quella di non abusare dei metodi adulticidi e di prediligere la prevenzione alla cui base sta la diffusione della cultura anti-zanzara.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

77

9.

Rimedi naturali

Non semplice capire quali sono i prodotti antizanzare da classicifare nella categoria dei rimedi naturali. Tutto sommato tutti i prodotti che non utilizzano prodotti chimici di sintesi potrebbero ricadere in questo capitolo. Infatti ha senso identificare tutte le trappole per zanzare nei rimedi naturali dato che non utilizzano prodotti chimici, stesso discorso per le ovitrappole alcuni larvicidi biologici e alcuni repellenti basati su estratti di piante e fiori. Si tratta per di fare i conti con il significato comunemente conosciuto di rimedio naturali che spesso pu essere male interpretato. <cerchiamo allora di fare un poco di chiarezza sui prodotti normalmente reperibili negli scaffali dei supermercati e classificato come naturali. 9.1. Prodotti naturali Capitolo a cura del Dr. Paolo Manella La spinta mediatica decisamente pi avanti di quello che il mercato in grado di offrire. Oggi le persone sono pi che mai alla ricerca, a volte ossessiva, di prodotti naturali, convinti cos di tutelarsi da pericoli e allo stesso tempo di rispettare lambiente. Ma quanto c ti vero in tutto ci? Cerchiamo di fare un po di chiarezza a livello teorico sugli attori che sono in contrapposizione su questa linea: Naturale e di Sintesi. Naturale si definisce un composto la cui provenienza annoverata in natura (in animali, piante o minerali); generalmente si parla di estratto naturale, frutto di unoperazione a volte complessa che va a prelevare la molecola dinteresse, per poi concentrarla in un formulato per avere gli effetti desiderati. Un prodotto di sintesi invece normalmente frutto di una sintesi chimica, cio un procedimento in grado di ricreare una data molecola in laboratorio. Unoperazione del genere permette anche di copiare molecole presenti in natura e produrle in quantit maggiori con costi molto pi bassi. Cosa cambia dalla molecola originale? Solo la provenienza! Andiamo ora a vedere cosa c sugli scaffali del supermercato per qualche esempio pratico. I prodotti naturali sono forse gli esempi che spiegano al meglio levol versi selvaggio di un marketing non sempre trasparente ma che cavalca londa delle convinzioni. La logica porta a pensare che, se si estrae da una pianta allora naturale e quindi non tossico. Sbagliato! Gli insetticidi naturali sono s provenienti dalla natura ma vengono concentrati per ottenere leffetto desiderato, rendendoli a volte pi tossici di altri principi attivi di sintesi (chimici) presenti sul mercato. In natura ci sono tante molecole estremamente pericolose (cianuro, curaro, emotossine), quindi attenzione a non abusare del
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

78

binomio naturale-sicuro. Inoltre, come diceva Paracelso, la dose che fa il veleno! Le informazioni che ci rivelano la pericolosit di un prodotto sono contenute nelle Schede dei Dati di Sicurezza, pi precisamente nei capitoli che riportano la Tossicit e lEcotossicit. Tali schede sono richiedibili presso il punto vendita, un vostro diritto. Un prodotto naturale anche ecologico/eco-compatibile? Per ecologico si intende un prodotto che ha un impatto ambientale entro canoni stabiliti ma non solo, deve essere rispettoso della natura durante tutto il processo produttivo; facciamo un esempio. Un insetticida estratto da una pianta implica la distruzione della stessa per procedere al prelievo della molecola, implica magari lutilizzo di sostanze o macchinari particolarmente inquinanti, implica anche una coltivazione intensiva che spesso passa attraverso la deforestazione di ampie aree: chiaramente tutto ci lontano dal concetto di ecologico. Ora usciamo dal discorso tossicit per affrontare un altro aspetto della sicurezza di un prodotto; gli effetti collaterali. Parlando di lozioni corpo anti-insetto, c tutto un mercato che propone mix di erbe aromatiche dalleffetto repellente, sottolineando la sicurezza del prodotto in quanto naturale. Ci non vieta che una persona possa essere allergico ad una di queste erbe contenute nel mix, o addirittura che lo stesso miscuglio di componenti risulti irritante per pelli sensibili come possono essere quelle dei bambini. Attenzione, naturale non significa sicuro; sicuro tutto ci che controllato e regolamentato. Molte ditte sono abili a sfruttare leffetto camouflage, ossia mettere ben in evidenza le componenti naturali e in secondo piano quelle di sintesi. Chiaramente questo tipo di informazione ingannevole, purtroppo per assai diffusa. Concludendo, un prodotto normalmente definibile naturale se tutti i suoi componenti lo sono, sia essi coformulanti o principi attivi. Se invece abbiamo un mix di erbe profumate unite ad un principio attivo di sintesi, o al contrario un principio attivo naturale con coformulanti di sintesi, il prodotto non definibile naturale. Sono pochi i prodotti che vantano la dicitura completamente naturale in quanto difficile non avere tra le c omponenti del formulato, nemmeno gli additivi (emulsionanti, gas per mandare in pressione, PBO, ecc..). Attenzione inoltre a quei prodotti il cui nome commerciale comprende la parola Bio o Eco e che invece non hanno nulla delle caratteristiche necessarie per ottenere tale denominazione; guardare sempre letichetta. 9.2. Repellenti naturali Uno dei prodotti che ha sempre suscitato molto interesse sono stati i repellenti naturali dambiente.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

79

Si tratta si una valida freccia da aggiungere al nostro arco, come in molti altri casi da sole queste sostanze non sono sufficienti a proteggerci totalmente, ma integrando i trattamenti pi classici possono offrire una ulteriore protezione in zone particolarmente sensibili. Il patio dove si pranza, una zona di prato dove i bambini gattonano o sguazzano in una piscina gonfiabile o una terrazza sono le zone ideale dove utilizzare questi prodotti naturali. Devono essere applicati con una comune pompa a pressione (manuale o elettrica) ed importante che vengano diffusi accuratamente su ogni superficie nelle percentuali indicate. Richiedono applicazioni ripetute nel tempo di solito a distanza di 1 o 2 settimane. Abbondanti piogge rendono vano il lavoro, come per tutte le sostanze irrorate. Un'altra modalit di applicazione, per la quale questi prodotti sono particolarmente indicati, tramite gli irroratori automatici. Da poco introdotti in Italia ma gi in uso negli Stati Uniti, sono apparecchi capaci di nebulizzare automaticamente e periodicamente una sostanza nell'ambiente. Possono essere unit indipendenti o impianti di irrorazione che sfruttando dei tubi coprono ampie superfici. Studi scientifici ne sconsigliano l'uso con insetticidi veri e propri dato che un utilizzo indiscriminato di questi rischia di incrementare la resistenza a certi prodotti da parte delle specie che si vogliono invece colpire. Con i repellenti il discorso logicamente diverso. I prodotti adatti a questo scopo sono molti e di origine diversa, sul sito della United States Environmental Protecion Agency (www.epa.gov) sono elencati quelli classificati a minimo rischio tra i quali possiamo trovare: il rosmarino, la citronella, il succo di aglio, estratti di menta, l'olio di soia e molti altri. Non citato l'olio di Neem che andrebbe comunque inserito in questa lista dato che risultato efficace in molti casi sia come repellente che come lenitivo. I prodotti sono molti e ne abbiamo potuti testare solo alcuni. 9.2.1. Rosmarinus Il prodotto va utilizzato a fronte delle propriet del rosmarino ivi contenuto, diluendolo in acqua e irrorando la soluzione nelle aree e negli spazi interessati in modo uniforme e ripetuto ad intervalli periodici in relazione al risultato richiesto. Non vi sono problemi in caso di irrorazioni sulla vegetazione, sui frutti ed il fogliame e tanto meno su superfici inerti. In caso di pioggia o irrigazione delle superfici trattate si consiglia di ripetere al distribuzione. Le dosi consigliate vanno dal 2% al 5% in relazione al risultato richiesto. I volumi di acqua possono essere irrorati con apparecchiature automatiche, mentre con le attrezzature direzionabili (pompe, atomizzatori), si raccomanda
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

80

una distribuzione in misura di 1 o 2 litri di acqua per 10 mq. Per irrorazioni in aree esterne, allo scopo di dissuadere e allontanare gli infestanti, si consigliano dosi maggiori e volumi d'acqua inferiori. Testato con il sistema di nebulizzazione Mister Mosquito ha provocato una riduzione delle zanzare tra il 50% e l'80%. 9.2.2. Z-Stop: estratto di aglio Nelle stagioni precedenti stato ampiamente testato l'estratto d'aglio senza ottenere mai risultati molto soddisfacenti. Inizialmente era disponibile solo quello prodotto negli Stati Uniti noto con il nome di Mosquito Barrier. Poi commercializzato in Italia con il nome di Z-Stop presenta gli stessi ingredienti ed in vendita ad un prezzo adeguato che non rende pi cos conveniente l'acquisto oltreoceano. La corretta applicazione di questo prodotto ne prevede la miscelazione con altre sostanze. Si pu usare Sinergy Barrier, un additivo che ne migliora la persistenza disponibile in flaconi da un litro. In alternativa ci si pu improvvisare barman e ottenere la composizione ottimale miscelando un cocktail con i seguenti ingredienti:

1 litro di Mosquito Barrier 1 litro di olio di cocco o un altro olio di origine vegetale (olio di colza o di semi vari) 1 litro di alcol (favorisce levaporazione dello Mosquito Barrier, consentendo ai fumi dellaglio di penetrare pi velocemente nellambiente) Come emulsionante occorrono 64 ml di sapone liquido (meglio se di cocco), aggiungere 75 litri dacqua

Quindi volendo rapportare tutto ad 1 litro di soluzione pronta:


13 gr. di Mosquito Barrier 13 gr. di alcol 13 gr. di olio di cocco 1 litro dacqua

Le tempistiche e le modalita di irrorazione consigliate sono le seguenti:


Nebulizzare nel tardo pomeriggio, e comunque non nelle ore calde della giornata. Un litro di soluzione sufficiente per 10 mq Erogare una volta a settimana per un mese. Successivamente erogare 2 volte al mese fino a fine stagione

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

81

Non certo un prodotto di facile gestione ed economico. Sommando i vari prodotti utilizzati si raggiungono cifre ragguardevoli. Per chi pensasse di scacciare le zanzare personalmente schermandosi con abbondanti spaghettate aglio, olio e peperoncino... non si illuda. Alcuni studi (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15752181) evidenziano che l'assunzione di aglio non ha effetto repellente su eventuali zanzare che ci prendono di mira. 9.2.3. Olio di Neem L'olio di Neem indicato come un millenario insetticida naturale che ha cominciato ad essere usato anche da noi rivelandosi efficace nella lotta alle zanzare anche come repellente. Non eccessivamente costoso e l'uso semplice dato cha va semplicemente miscelato con acqua, in rapporto mediamente di 1:100 per poi essere nebulizzato. Trattandosi di una sostanza fotosensibile si consiglia l'applicazione una volta calato il sole. Non vi sono esperienze precise da parte dei nostri utenti se non alcune sensazioni positive in alcune irrorazioni sperimentali. Non sono note le doti di persistenza nell'ambiente e quindi la durata dell'effetto repellente. Se lo acquistate per irrorarlo scegliete quello solubile.

9.3. Citronella Capitolo a cura del Dr. Paolo Manella La citronella una pianta aromatica erbacea a portamento cespuglioso. Questa pianta si trova in Asia, in Africa ma anche nel bacino del Mediterraneo e in Italia centro meridionale. Cresce in ambienti di prateria mediterranea. Vi sono tantissime specie di Citronella ma quelle commercialmente pi importanti sono due: Cymbopogon winterianus e Cymbopogon nardus. Da queste due specie possibile estrarre dal fusto e dalle foglie lolio di Citronella, unessenza ricca di Citronellolo e Gerianiolo, sostanze usate da tempo come repellenti per gli insetti e in particolare per le zanzare. Tutti conoscono la citronella, o meglio conoscono lessenza che n deriva, tutti sanno inoltre che serve a eliminare le zanzare. Possiamo affermare che sia una sostanza naturale perch deriva direttamente da una pianta ma realmente efficace nella lotta e nellallontanare le zanzare? Originariamente lolio di citronella veniva usato ad uso topico, cio per creare lozioni creme da cospargere sul corpo. Tuttavia oggi i prodotti pi venduti sono le candele, moccoli, torce e oli da bruciare in appositi contenitori. Se
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

82

queste pratiche siano efficaci o meno un mistero, tuttavia ci sono alcune considerazioni da fare a riguardo: 1) Come mai se luso topico fu quello pi usato non si creano lozioni o unguenti a questo scopo? Probabilmente i componenti presenti in questo estratto non sono compatibili con questo tipo di uso. 2) Come mai le aziende non producono prove di efficacia da pubblicare e quindi chiarire questo punto? Le prove di efficacia sono la base di tutti i prodotti insetticidi e sono obbligatorie sia per la Registrazione al Ministero della Salute che per la Direttiva Biocidi. 3) Lolio di citronella ha un mercato enorme, una stima precisa difficile ma si potrebbe aggirare intorno alle centinaia di milioni di euro allanno. Perch non esiste un prodotto riconosciuto a livello Europeo? Facciamo un passo indietro. Direttiva Biocidi Come noto siamo in Europa, quindi da alcuni anni a questa parte dobbiamo cominciare a seguire le leggi Europee che esse siano Regolamenti o Direttive, tra queste vi la Biocidi una Direttiva che si prefigge il compito di revisionare e approvare tutte le sostanze che influiscono chimicamente sul comportamento degli organismi viventi. Largomento abbastanza complesso, ma si pu semplificare dicendo che la Biocidi sancisce che chi produce o importa per primo sul territorio della Comunit europea un Biocida debba inscriverlo in un elenco e produrre un dossier che la commissione Europea analizzer e infine decider se sar possibile vendere questa sostanza e per quali scopi. Il Dossier da presentare molto costoso e complesso e deve contemplare dati sullefficacia, dati sulla tossicit umana, sulle propriet chimico fisiche, sulleco tossicit. In questi anni quindi molti produttori di sostanze hanno inscritto i loro principi attivi e stanno procedendo nella creazione del suddetto dossier, produttori con giri di affari molto minori rispetto a quelli della Citronella. Solo che nessuno si preso la briga di Difendere (cos si dice in gergo), la citronella, perch? Probabilmente non possibile produrre dati che abbiano una rilevanza positiva, non si sa a che livello: forse non funziona, forse tossica, forse... non si sa. Fatto sta che la comunit Europea ha bandito tutte quelle sostanze, con appositi decreti, che non venivano difesi sulla logica dellormai affermato principio: NO DATA NO MARKET. In effetti oggi i prodotti alla sola citronella non possono essere venduti come anti-zanzara o repellenti ma semplicemente come prodotti addizionati alla citronella. Basta fare caso quando si va al supermercato che da qualche tempo si vedranno oli, candele, zampironi alla citronella senza riferimenti alle zanzare e senza disegni che ricordino le zanzare o altri insetti. A questo indirizzo
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

83

http://ec.europa.eu/environment/biocides/ si possono trovare le informazioni e lo stato dellarte della Direttiva Biocidi. 9.4. Catambra La Catambra una pianta brevettata indicata come uno dei rimedi pi innovativi e naturali per liberarsi dalle zanzare. Alcuni comuni hanno deciso di adottarle nei parchi pubblici e spesso sono state oggetto di entusiastici servizi televisivi. Malgrado questo tra i nostri utenti non sono stati registrate esperienze positive. Il principio attivo che dovrebbe risultare sgradito alle zanzare il catalpolo che contenuto in grandi quantit da queste piante. Prendiamo per buona questa informazione e vediamo come questo sistema pu essere usato nei giardini per scacciare i soliti sgraditi ospiti. AmbrogioItalia, produttore della Catambra, spiega nel bel sito informativo che il raggio d'azione pari al doppio della grandezza della chioma. Nel listino prezzi sono elencati i vari "modelli" disponibili. Le versioni in vaso possono essere al piede (in vasi bassi), con fusto alto 180 cm oppure 250 cm. Se pensi di investire i tuoi euro (non pochi) in queste piante con scopo antizanzara assicurati che la chioma disti dal terreno al massimo quanto il proprio raggio. Infatti, dato che il campo d'azione pari al doppio della chioma, se questa dovesse avere un raggio di 50 cm la repellenza sar efficace per una sfera di 100 cm di raggio il cui centro nel bel mezzo della chioma. Quindi se la tua pianta ha il fusto alto 250 cm (vaso a parte) la chioma dovr avere un raggio di 125 cm perch l'effetto arrivi fino al terreno, zona in cui si muove la zanzara tigre. Ci avevi fatto caso che punge principalmente alle caviglie? Se invece scegli il modello con il fusto di 180 cm puoi accontentarti di una chioma con un raggio di 90 cm. Fai attenzione nelle giornate ventose! Se hai acquistato una Catambra al piede (ipotizzando che il vaso sia alto 40 cm) una chioma di 30 cm di raggio andr benissimo. Se le chiome non rispetteranno queste misure le piante non potranno creare una barriera a protezione delle zone dove stazioni abitualmente. Quindi, a meno che tu non voglia stare abbracciato al tronco, probabilmente verrai punto proprio come prima dell'acquisto. Le piante vanno curate, come giusto che sia, quindi consigliato il travaso in vasi pi grandi o nel terreno. Inoltre hanno bisogno di un certo periodo di tempo per fare sentire il loro effetto repellente in quanto devono insediarsi nella nuova terra.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

84

Ecco alcune informazioni utili a mantenere in buona salute le piante di Catambra, per posizionarle nel modo migliore e per mantenere il loro effetto repellente efficace per tutto il periodo estivo. La Catambra raggiunge il suo massimo effetto tra maggio e settembre. Naturalmente l'effetto repellente va di pari passo con la densit e la salute delle foglie che compongono la chioma. Nella fase di ripresa vegetativa (massimo sino a maggio) opportuno nutrirla con del concime a lenta cessione e ben bilanciato specie se la pianta viene mantenuta in vaso. In questo modo si prevengono fenomeni di clorosi ferrica che si manifestano attraverso un anomalo ingiallimento delle foglie generalmente provocato da una carenza di ferro. In questi casi si pu intervenire somministrando (all'inizio della stagione successiva) del concime a base di chelato di ferro. E' consigliabile rinvasare la pianta in vasi sempre pi grandi, fino a raggiungere la misura ottimale per questi di almeno 60-80 cm di diametro: solo cosi' la pianta, pur se mantenuta in vaso, pu accrescersi maggiormente ed emanare una quantit pi consistente di essenza repellente. L'acqua molto importante per la catambra. Deve essere somministrata al bisogno e pi frequentemente se la pianta in vaso. Appena il terriccio si asciuga potete provvedere ad una nuova annaffiatura. L'apparato fogliare ricco e di conseguenza la traspirazione (perdita di vapore acqueo dalla superficie della pianta a causa dell'evaporazione) abbondante. La pianta vegeta benissimo al sole come in ombra, ovviamente in funzione della esposizione cambieranno le esigenze di acqua. Maggiore la esposizione ai raggi solari tanto pi bisogner prestare prestare attenzione al grado di umidita' del terreno. Nel caso in cui sia piantata nella terra l'esigenza d'acqua sara' piu' contenuta. La Catambra non fiorisce e non necessita di potatura in quanto la sua chioma cresce spontaneamente e naturalmente con una forma tondeggiante. Infine alcune indicazioni sul posizionamento. La distanza massima consigliata per le piante in piena terra di 3 metri, mentre per piante in vaso di 2,5 metri. E' consigliato posizionare le piante in modo che traccino una forma chiusa al fine di creare un perimetro di repellenza che protegge un'area delimitata. Sono state da poco introdotte Catambre adatte per creare siepi. A differenza della versione "al Piede", che assume forma piu' rotondeggiante e cespugliosa, e della "mezzo fusto", dalla classica forma ad alberello, la Catambra da siepe ha forma pi colonnare, con foglie distribuite lungo tutto il fusto.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

85

E' adatta a formare siepi in piena terra, oppure per essere messa a dimora in vasiere lunghe e strette, in modo da proteggere balconi e terrazzi. Le Catambra da siepe vanno posizionate a 50-80 cm di distanza le une dalle altre. 9.5. Predatori Naturali Periodicamente giornali e televisione annunciano la scoperta di qualche nuovo predatore naturale delle zanzare che dovrebbe eliminare il problema semplicemente introducendo uno di questi organismi nell'ambiente. Solo per il fatto che non vengano usati prodotti sintetizzati in laboratorio si utilizza il termine "ecologico". Purtroppo non sempre questo vero (ricordo che ecologico significa "che salvaguardia l'ambiente naturale") e si nota un uso del termine anche in situazioni inappropriate. In natura non esistono predatori che in condizioni normali si nutrono esclusivamente di zanzare o delle loro larve. Organismi che dipendono da uno sola fonte alimentare sarebbero gi estinti da tempo. Certamente tutti questi predatori possono contribuire a contrastare il problema mangiando anche numerosi esemplari di zanzara, ma affidarsi ad essi per una lotta efficace non ha fondamento. Anzi, molto spesso bene riflettere sui danni dall'allevamento e dall'introduzione di questi organismi. all'ambiente causati

Per sfatare qualche altro mito ecco i risultati di alcuni studi scientifici relativi ai pi noti organismi conosciuti come predatori di zanzare. 9.5.1. Gambusia La Gambusia un pesce da sempre conosciuto come soluzione ecologica contro le zanzare. L'opinione scientifica discordante e spesso i problemi causati da questo pesce superano i benefici antizanzare. La Gambusia un pesce di piccole dimensione 2 - 6 cm originarie del continente americano. Vive in acque dolci e salmastre, preferendo stagni, canali e fiumi, ma soprattutto le zone paludose. nota la loro propensione a cibarsi di larve di zanzara. La lotta biologica, ovvero senza lutilizzo di sostanze nocive quali insetticidi chimici, contro le zanzare (in particolare contro lAnopheles, responsabile di molte epidemie di malaria) stata condotta fin dagli anni 20 mediante lintroduzione in stagni e corsi dacqua di questo piccolo pesce. In tempi pi recenti la Gambusia stata diffusa anche ad Haiti, copo il terremoto, per cercare di limitare la diffusione di malattie quali la West nile Virus e la Malaria. Ad oggi si dice riescano a controllare anche la diffusione della zanzara tigre anche se questa specie predilige ristagni di acqua molto piccoli dove la Gambusia non riesce a vivere.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

86

Dopo alcuni studi scientifici (Margaritora et al., 1998; Valenti, 1984) nata unopinione contraria alluso di questo pesce nella lotta biologica alle zanzare. La gambusia infatti si riproduce molto velocemente, consuma gran parte dellossigeno disciolto nellacqua, divora non solo le larve dei Culicidi ma anche tutto il plancton e numerosi altri organismi acquatici. Una volta esaurite le risorse, questi pesci si danno al cannibalismo, riempiendo il fondale di resti di cadaveri. Nelle pozze, negli stagni o nei fontanili in cui presente la gambusia, infatti, il fango che si trova sul fondo si presenta di colore molto scuro ed fortemente maleodorante. Da uno studio effettuato nelle pozze presenti nella Riserva Naturale di Castelporziano vicino Roma (Stella et al., 1984) venti anni dopo lintroduzione delle gambusie, si osservato un notevole peggioramento della qualit delle acque e la scomparsa di numerose specie di Anfibi. Esiste uno studio atto a valutare l'efficacia della Gambusia introducendola nei bidoni degli orti (L. Donati, R. Veronesi, R. Colonna, R. Bellini). Nel complesso la prova preliminare ha evidenziato le potenzialit di questa metodologia di lotta biologica. Laspetto che occorre considerare con attenzione la sopravvivenza nellarco stagionale legata a vari fattori: volume e qualit dellacqua ed esposizione al sole. La Gambusia si rivela ancora uno strumento abbastanza efficace per la lotta alle zanzare in stagni e laghetti artificiali, ove non siano presenti altre specie selvatiche o domestiche che possano essere predate e a patto che si effettui una manutenzione periodica con pulizia del fondo ed eliminazione del fango. Se ne sconsiglia invece luso in stagni in cui siano presenti pesci ornamentali o anfibi, per i danni che essa provoca sulle altre specie con azioni di predazione e competizione. La Gambusia commercializzata in tutto il mondo e destinata prevalentemente all'allevamento in stagni allinterno di giardini, proprio per la sua fama di divoratrice di larve di zanzara. Gli aspetti commerciali e lucrativi sono, probabilmente, un altro fattore che ha decretato il successo di questo pesce nella lotta alle zanzare. 9.5.2. Pipistrelli Dopo qualche anno arrivarono i pipistrelli. La possibilit di costruirsi una batbox e la promessa di mangiare 2000 zanzare a notte ha prodotto un fenomeno ancora pi esteso. Non solo i privati ma molti Comuni hanno acquistato e posizionato batbox sul territorio. Ci sono siti internet specializzati nella vendita di batbox. Come spiegato da noi e da accreditate associazioni di entomologi l'impatto sulla popolazione di zanzare discutibile e piuttosto limitato. Aiutare i pipistrelli (per i quali nutriamo infinita simpatia) a sopravvivere e a proliferare sembra invece una iniziativa lodevole, almeno finch non verranno dichiarati a loro volta specie infestante.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

87

L'idea non nuova, nel 1920 molte "bat tower", ovvero torri con in cima una casetta adatta ad alloggiare i pipistrelli, sono state costruite vicino a St. Antonio (Texas) al fine di contribuire a controllare le zanzare portatrici di malaria. Le rilevazioni effettuate successivamente non hanno evidenziato una riduzione della popolazione di zanzare e il progetto stato abbandonato. I pipistrelli che vivono nelle aree temperate del nostro pianeta sono esclusivamente insettivori. Il cibo che compone la loro dieta principalmente composto da scarafaggi, vespe e falene. Le zanzare compongono circa l'1% della dieta dei pipistrelli i quali non si specializzano con una specie particolare di insetto ma si nutrono di qualunque cibo si presenta loro. Come tutti gli organismi viventi che dipendono da una sola fonte di cibo si sarebbero gi da tempo estinti. Grandi e dense popolazioni di zanzare possono effettivamente fornire una nutrizione adeguata per i pipistrelli soprattutto in assenza di fonti di cibo migliori, ma una falena fornisce molto pi valore nutrizionale di una minuscola zanzara. Quindi non ci sono dubbi sul fatto che i pipistrelli mangino zanzare, ma utilizzarli come unica misura per il controllo pura follia. Come se non bastasse non dimentichiamo che i pipistrelli cacciano di notte, le zanzare tigre sono attive di giorno. In ogni caso per chi volesse supportare i pipistrelli pu visionare sul forum del MosquitoWeb le linee guida per la costruzione di Bat Box. I pi pigri che la vogliono acquistare invece possono fare riferirsi a Unicoop Firenze. Il mercato delle bat-box in continuo movimento... cercate con Google o Ebay le offerte migliori. E importante sottolineare che la bat box non una semplice cassetta in legno ma il frutto di anni di esperienza e ricerche. Devono essere costruite con strumenti e materiali adatti. Naturalmente ci si pu ugualmente cimentare nella realizzazione di una bat box tenendo sempre presente che bat box di qualit scadente o costruite con l'ausilio di prodotti chimici (colle, vernici) presentano una minor probabilit di essere colonizzate. Una volta acquistata o costruita per aumentare le probabilit che la tua bat box venga popolata bisogna fare in modo che sia facilmente individubile dai pipistrelli. Le bat box devono essere poste ad almeno 4 metri di altezza, i pipistrelli preferiscono stare a una certa distanza dal suolo per ripararsi dall'attacco di eventuali predatori come ghiri, ratti, faine, serpenti. Meglio se sono vicine a degli alberi o sugli alberi stessi. Assicurarsi che le fronde non impediscano un facile ingresso in volo dovrebbero esserci almeno alcuni metri di campo libero frontalmente.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

88

Pu essere una buona idea posizionarle appena sotto la falda del tetto cos da ripararle meglio dalle intemperie. Da tenere presente che le bat box montate su superfici di metallo non sono gradite dai pipistrelli, ricordarsi anche di evitare quelle zone illuminate da forti luci durante la notte. Ricordati che sotto la bat box potrebbe accumularsi del guano.Si tratta di materiale secco (la chitina che costituisce lesoscheletro degli insetti) che risulta inodore e si pulisce facilmente. Risulta inoltre che le bat box situate in luoghi freschi sono preferite dai maschi, mentre quelle calde sono preferite dalle colonie di femmine adulte. Assicuratevi che le bat box non vengano colonizzate da altri animali prima dei pipistrelli, spesso sono posti graditi alle vespe. Le bat box possono essere istallate in qualsiasi periodo dellanno, ma la colonizzazione sar pi probabile allinizio della primavera. bene sottolineare che sono sempre i pipistrelli a scegliere il loro rifugio e che non possibile trasferirli forzatamente nelle bat box, se qualcuno tentasse di farlo rischierebbe anche delle sanzioni. I pipistrelli sono animali protetti dalla legge. 9.5.3. Copepodi L'ultima scoperta riguarda dei crostacei antizanzare, i copepodi. In questi casi la forzatura del termine "ecologico" ai massimi. Si tratta di piccoli organismi acquatici allevati in laboratorio e venduti in scatolette insieme all'acqua necessaria alla loro sopravvivenza. L'idea creare dei balconi antizanzare posizionando una bacinella d'acqua contenente i malcapitati crostacei. Il principio di funzionamento sarebbe sperare che la furba zanzara tigre depositi le uova proprio in quella bacinella cos che i Copepodi possano poi cibarsi delle larve. L'impatto sulla popolazione rischia di essere veramente limitato, i Copepodi voglio acque pulite, la zanzara tigre no. In ogni caso allevare e commercializzare organismi viventi ha ben poco di ecologico. Sono in commercio ovitrappole che funzionano con lo stesso principio senza usare innocenti organismi e senza rischiare che la morte di questi crei veri e propri focolai di riproduzione. I Copepodi sono dei piccoli crostacei che possono nutrirsi si larve di zanzara. Sono la nuovissima trovata antizanzare promossa come ecologica. Vengono allevati in laboratorio e venduti in scatolette. Alcuni entomologi bolognesi, guidati da Gian Umberto Accinelli ideatore di Eugea spin off dell'universit di Bologna, hanno creato una soluzione ecologica per l'eliminazione delle zanzare. Ma di cosa si tratta esattamente? Accinelli hanno affermato di aver scoperto che esistono in natura, a livello autoctono, dei piccoli crostacei che si chiamano
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

89

copepodi. Questi micro-crostacei sono dei formidabili predatori di larve di zanzare. Li abbiamo allevati in un grande laboratorio e adesso li commercializziamo per i cittadini. Il 'kit' comprende una scatoletta contenente acqua e copepodi. Questi piccoli gamberetti vanno matti per la zanzara tigre. Diciamo che a loro piace molto la cucina etnica. La spiegazione continua affermando che: I copepodi vanno versati in cisterne dacqua o in una bacinella dacqua sul balcone di casa. Le z anzare tigre andranno a deporre le uova proprio in queste piccole riserve. Le larve che usciranno dalle uova verranno subito attaccate dai copepodi. Se in tanti adottassimo questo procedimento, il livello di popolazione della zanzara tigre diminuirebbe. Sia chiaro, non lultima parola per l'eliminazione di questo insetto, ma sarebbe un grosso passo in avanti. La soluzione non nuova, gi nel 2011 Eugea ha proposto il barattolo contenente questi crostacei, poi l'intervista fatta ad inizio 2012 su una nota radio nazionale ha fatto conoscere il prodotto grazie al consueto tam-tam mediatico riservato alle iniziative "ecologiche". Il concetto di creare focolai artificiali al fine di indurre le zanzare a deporre le uova noto da tempo. Le zanzare per sono tutt'altro che stupide, scelgono i luoghi di ovodeposizione con cura. Acque limpide non sono gradite, soprattutto dalle zanzare tigre. Non a caso le ovitrappole pi moderne prevedono l'uso di pastiglie per il trattamento delle acque per invogliare mamma zanzara. La cosa che per mi piace di meno che non vedo cosa ci sia di cos ecologico nel produrre crostacei in laboratorio e venderli in scatolette. Ecologico significa proprio "che salvaguarda l'ambiente naturale" e non mi sembra che dal punto di vista dei Copepodi essere allevati e venduti rispecchi questo concetto. Per non parlare poi del fatto che i malcapitati Copepodi potrebbero morire (per condizioni ambientali non adatte, per mancanza di cibo o altri motivi). In questo modo i balconi antizanzare diventerebbero veri e propri focolai di riproduzione invece che trappole mortali. Non sarebbe pi semplice usare una normale ovitrappola (sicura, ecologica ed economica) da posizionare sul balcone di casa senza l'ausilio di organismi viventi? 9.5.4. Rondini Alcuni testi dichiarano che una rondine si nutre di 2.000 zanzare al giorno, e fino a 14.000 quando gli insetti sono estremamente abbondanti. Questa affermazione si basa su una stima del numero di zanzare che sarebbero necessarie per sostenere un rondine, non su un'analisi reale della dieta naturale. Studi su questi uccelli dimostrano che le zanzare costituiscono una porzione insignificante della loro dieta (Griffin 1968, Johnston 1967).
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

90

9.5.5. Rane e girini La maggior parte delle rane adulte e dei girini non mangiano zanzare. Non vi sono prove che le zanzare siano una parte consistente della dieta degli adulti di qualsiasi specie di rana. I girini della maggior parte delle specie di rana sono erbivori. Solamente poche specie di girini presenti in Nord America e in Europa possono nutrirsi di larve di zanzara, tuttavia alcuni girini possono competere con le larve per i prodotti alimentari presenti nellacqua (Blaustein e Margalit 1996; Mokany e Shine 2003a). Prove sperimentali di girini per il controllo delle zanzare hanno suggerito che potrebbe ridurre le popolazioni della zanzara, ma questo lavoro stato effettuato in contenitori artificiali (Ritchie 1982; Spielman e Sullivan 1974; Willems et al. 2005). 9.5.6. Tartarughe La tartaruga dalle orecchie rosse (Trachemys scripta) stata usata per il controllo delle larve di zanzara. In una comunit in Honduras, in ogni serbatoio dellacqua in cemento stata posta una tartaruga di 6-12 mesi di et. Le tartarughe sono state efficaci nei serbatoi e hanno fornito un completo controllo delle larve di zanzara (Marten et al. 1992, Borjas et al. 1993). Negli Stati Uniti, le tartarughe sono state introdotte in contenitori sperimentali allinterno di un fossato lungo una strada in Louisiana, per il controllo delle larve di zanzara Culex (Marten 2007). Viene riportato che le tartarughe hanno ridotto il numero di larve del 99% alla quinta settimana di studio. Esistono tuttavia dei problemi pratici legati allutilizzo di tartarughe per il controllo biologico (Marten 2007). La necessit di una ulteriore fonte alimentare e la capacit delle tartarughe di allontanarsi dallarea sono due potenziali problemi. 9.5.7. Pesci Molti tipi di pesci mangia-zanzare sono stati usati in programmi di controllo nel mondo (Walton 2007). Attualmente, lutilizzo di pesci lim itato da due problemi. Primo, introdurre pesci non-nativi pu avere conseguenze drammatiche sullambiente acquatico. I pesci non-nativi possono competere con i pesci nativi e portare localmente alla loro estinzione o quantomeno ridurne la popolazione. Inoltre possono avere effetti gravi anche su altre specie, in particolare in ambienti dove il pesce era assente prima dellintroduzione. Un secondo problema riguarda lintroduzione di organismi patogeni quando si trasferiscono pesci nativi da unarea allaltra. 9.5.8. Ditisco Il ditisco un coleottero acquatico. La numerosa famiglia dei ditiscidi conta centinaia di specie tutte caratterizzate dall'essere ottime nuotatrici grazie ad una serie di speciali adattamenti alla vita acquatica. Abilissime nuotatori, sono dotati di mascelle robuste, trasformate in tenaglie in grado di catturare varie prede tra cui le larve di zanzara.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

91

9.5.9. Geco I Gechi sono dei rettili molto comuni in tutte le aree temperate e tropicali della Terra, sono simili a piccole lucertole. Il geco ghiotto di insetti, anche di zanzare, e potrebbe riuscire a catturarne una buona quantit.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

92

10. Conoscere il nemico


Sun Tzu, uno dei pi grandi generali e strateghi di guerra scrisse :Conosci il nemico e te stesso. Se vuoi vincere questa guerra devi imparare il p i possibile sul tuo nemico. Non mi riferisco al nome scientifico delle zanzare o al ciclo di riproduzione. Parlo delle caratteristiche utili alleliminazione e ai punti deboli. 10.1. Un insetto pericoloso L'ISSG (Invasive Species Specialist Group) ha stilato una lista degli organismi pi invasivi sulla base di diversi parametri. Le specie invasive sono state riconosciute a livello mondiale come una grave minaccia per le biodiversit, per l'agricoltura e per altri interessi umani. Non stato facile identificare quale specie peggiore di altre, le loro interazioni con gli ecosistemi sono molto complesse. Alcune specie possono avere invaso solo una regione limitata, ma hanno un'alta probabilit di diffondersi causando ulteriori danni. Altre possono essere gi diffuse a livello globale causando un danno cumulativo ma meno visibile. Alla fine le specie sono state selezionate in base a due criteri: il loro forte impatto sulla diversit biologica e/o attivit umane e i fattori che determinano il livello di infestazione biologica. Dopo la Acacia Mearnsii (pianta), la Achatina Fulica (mollusco) e il Tristis Acridotheres (uccello) viene la famigerata Zanzara Tigre. La Zanzara Tigre associata alla trasmissione di molte malattie umane tra cui la Dengue, il Virus del Nilo occidentale e l'Encefalite Giapponese. Segue a ruota un'altra zanzara, la Anopheles Quadrimaculatus, che il principale vettore di Malaria nel Nord America. Ma non finita qui, il sito scientifico Live Science ha stilato la classifica degli animali pi letali al mondo. Stravince su tutti la zanzara che essendo vettore di malaria (e non solo) causa di pi di due milioni di morti all'anno. Per dovere di cronaca segnalo che seguono ben distanziati i seguenti animali: 2 3 4 5 6 7 8 Cobra Reale Indiano Vespa Dei Mari Squalo Bianco Leone Coccodrillo Marino Elefante Orso Polare
V2.0 25 aprile 2012

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

93

9 Bufalo 10 Rana Velenosa Sudamericana 10.2. Zanzare presenti in Italia a cura del Dr Mario Ballerini Il territorio italiano si sviluppa su 300.000 Km2 di superficie ed ospita circa 70 specie diverse di zanzare, tutte con caratteristiche ed abitudini diverse luna dallaltra. Queste informazioni sono ben note alla comunit scientifica, diversamente si pu dire per quanto riguarda litaliano medio che lotta ogni estate contro questi insetti, spesso con un approccio sbagliato in partenza. Con laffermazione della ormai onnipresente Zanzara Tigre, questo discorso acquista ancora pi valore e va di pari passo con il crescente disagio creato da questi insetti ematofagi. Non pi sufficiente dire ho un problema di zanzare, necessario indagare un po pi a fondo per capire con quale specie di zanzara si ha a che fare e di conseguenza, individuare il metodo migliore per intervenire. Per far questo non serve essere entomologi bens un po pi di attenti agli orari in cui si viene punti e come le zanzare si presentano, informazioni apparentemente di poco conto ma fondamentali per avere una prima diagnosi del problema che spesso porta allidentificazione della specie di zanzara presente nella zona. Per capire meglio tutte queste differenze necessario fare un po di chiarezza sulle principali zanzare italiane. Ecco come si presentano le pi fastidiose: Zanzara Comune (Culex pipiens): di colore marroncino chiaro, punge di sera e di mattina presto, famosa per il suo ronzio nelle orecchie ed entra in casa. Molto diffusa in citt perch si riproduce in piccoli ristagni dacqua (micro focolai) e si sposta poco. la zanzara con cui abbiamo sempre convissuto. Zanzara Tigre (Aedes albopictus): nera a strisce bianche, attiva di giorno in particolare nelle ore pomeridiane, vola poco e quando punge molto insistente, causa facilmente reazioni cutanee allergiche. Ha colonizzato perfettamente lambiente cittadino perch ha saputo sfruttare piccoli ristagni come tombini e sottovasi dove si sviluppa velocemente. Dato che vola molto poco (massimo 200m), a volte possibile circoscrivere larea infestata. Con il suo sbarco in Italia, la sensibilit al problema delle zanzare aumentata parecchio. Zanzara di risaia (Ochlerotatus caspius): marrone e lievemente striata, vola per diversi chilometri, infesta ampie aree nelle ore serali per poi sparire in tarda serata. Generalmente viene da lontano (fino a 20km) ma chi vive vicino a grandi zone umide, dove questa zanzara si riproduce, pu averle tutto il giorno nascoste nella vegetazione. Pi diffusa nelle campagne. Questo schema pu aiutare a identificare quale insetto infesta il tuo giardino.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

94

Vediamo ora come sfruttare al meglio le informazioni derivanti da queste brevi descrizioni. Le zanzare cittadine (zanzara comune e zanzara tigre), in grado di svilupparsi velocemente in piccoli ristagni, vanno controllate principalmente mediante la prevenzione antilarvale, impedendo cos che tali zanzare si riproducano proprio nella nostra propriet. Questo significa prestare particolare attenzione ad eliminare ogni piccolo ristagno dacqua superfluo, qualora non fosse possibile, necessario procedere somministrando regolarmente pastiglie effervescenti di antilarvale,
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

95

disponibili in formulati biologici estremamente specifici e sicuri per noi e per i nostri animali. La prevenzione antilarvale il primo passo, nonch la pi importante operazione da mettere in atto nella lotta alle zanzare cittadine. Sapendo inoltre che tali zanzare sono presenti nel nostro giardino, possibile effettuare trattamenti ad azione abbattente/residuale ottenendo risultati buoni, anche se per non pi di 2 settimane di efficacia, tempo entro il quale la zanzara colonizza nuovamente larea trattata. Unalternativa meno impattante sullambiente pu essere lutilizzo di trappole per zanzare. Tali strumenti, tramite la produzione di vari stimoli attrattivi, permettono di catturare gradualmente nel tempo le zanzare presenti nel giardino, contribuendo alla diminuzione di queste e contenendo le zanzare che sopraggiungono dallesterno. sempre possibile utilizzare repellenti per scongiurare le punture. Diverso il discorso per quanto riguarda quelle zanzare che sopraggiungono in sciami (zanzara di risaia); non riproducendosi direttamente nel nostro giardino, la lotta antilarvale non funzionerebbe, parimenti i trattamenti adulticidi sarebbero uno spreco di tempo e denaro, perch al momento del trattamento, non presente alcuna zanzara! Persino leffetto di repellenza, della durata di circa 2-3 giorni in condizioni ottimali (lontano dalla luce diretta del sole) sarebbe poco efficace, bloccando larrivo dello sciame solo per quel breve lasso di tempo. Cosa si fa allora? Per queste situazioni necessario munirsi di sistemi di difesa insetticidi/repellenti di efficacia conclamata da utilizzare al momento del bisogno. Non sar quindi possibile eliminare il problema delle zanzare che arrivano a sciame ed infestano unarea, potrai solo difenderti utilizzando le migliori armi a nostra disposizione come per esempio gli evaporatori di piastrine. 10.3. Cosa attrae la zanzara I fattori coinvolti nell'attirare le zanzare verso una preda non sono ancora completamente compresi. E' certo che usano segnali visivi, termici e stimoli olfattivi per guadagnare il loro pasto di sangue. Di questi gli stimoli olfattivi sono probabilmente quelli pi importanti. E 'stato stimato che circa 300-400 composti vengono rilasciati dal corpo come sottoprodotti del metabolismo, e che pi di 100 composti volatili possono essere rilevati nel respiro umano. Di questi odori, solo una piccola parte sono stati isolati e completamente caratterizzati. Attualmente l' anidride carbonica e l'acido lattico sono stati identificati come i due principali elementi che attraggono le zanzare oltre a essere quelli meglio studiati. L'anidride carbonica liberata dal respiro ma anche dalla pelle, pu essere rilevata dalle zanzare a distanze fino a 36 metri. L'acido l'attico viene usato anche come "sostanza gradita alle zanzare" nelle trappole in commercio al fine di aumentare il numero di catture. Recenti ricerche hanno identificato il Nonanale come la principale sostanza emessa dall'uomo capace di indirizzare le zanzare sull'obiettivo. A distanza
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

96

ravvicinata, la temperatura e l'umidit della pelle sono un ulteriore elemento utilizzato per l'avvicinamento finale. Le diverse specie di zanzare possono mostrare una forte preferenza per mordere differenti parti del corpo umano (come la testa o di piedi), in funzione della temperatura cutanea locale o alla posizione dei vasi sanguigni. Altri composti volatili, derivati da sebo, sudore o la microflora batterica cutanea possono agire come attraenti. Naturalmente un insieme di odori risulta pi appetibile di anidride carbonica e acido lattico presi singolarmente. In generale: gli adulti hanno pi probabilit di essere punti rispetto ai bambini, anche se il metabolismo (elevato nei bambini) gioca un ruolo importante. Gli uomini sono morsi pi facilmente rispetto alle donne, a meno che queste non siano in gravidanza. Le bionde vengono prese di mira maggiormente delle brune. Le persone pi grandi tendono ad attrarre di pi le zanzare, forse a causa del loro calore relativamente maggiore o anidride carbonica emessa. Insomma... i meccanismi chimici e comportamentali che conducono le zanzare sulle malcapitate vittime sono ancora per la maggior parte sconosciuti. Vengono fatti maggiori ricerche sulle specie che trasmettono malattie (Aedes Aegipty, Anofele) ma resta ancora molta strada da percorrere. 10.4. Zanzara Tigre La zanzara Tigre appartiene allordine dei ditteri, genere Aedes e specie albopictus. La Zanzara Tigre arrivata in Italia nel 1990 dal Sudest asiatico, ormai ben adattata ai nostri ambienti e si diffusa in quasi tutto il mondo. E quindi a tutti gli effetti una zanzara globalizzata. Per la sua aggressivit e per il fatto che attiva durante le ore diurne questa zanzara la maggiore causa di fastidio dei pomeriggi estivi. 10.4.1. Come riconoscerla Dal punto di vista dellaspetto la zanzara tigre si distingue molto bene dalla zanzara comune per la livrea tigrata. Ladulto di Zanzara Tigre, infatti, ha un corpo nero con striature bianche su capo, torace addome e zampe. Le sue dimensioni sono comprese tra i 4 e i 10 mm. 10.4.2. Ciclo vitale Il ciclo vitale della Zanzara Tigre comprende 4 stadi: uovo, larva, pupa e adulto. Le uova sono nere e lunghe circa mezzo millimetro. Le larve, che crescono e si sviluppano in acqua, sono disposte in ununica fila a pelo dellacqua, e sono caratterizzata da una grossa spina centrale. Ladulto, infine, vive sulla terra ferma.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

97

10.4.3. Comportamento Particolarmente aggressiva, la Zanzara Tigre attiva anche in pieno giorno. Nonostante possa pungere anche uccelli, rettili e perfino anfibi, la femmina di Ae. albopictus attacca preferibilmente luomo procurando pomfi e irritazioni fastidiose. Dato che non vola molto in alto, tende a pungere soprattutto le gambe degli esseri umani. Gli adulti di Zanzara Tigre generalmente preferiscono spazi aperti, al riparo negli ambienti freschi e ombreggiati e trovano quindi rifugio soprattutto tra lerba alta, le siepi e gli arbusti. La femmina di Aedes, responsabile delle punture alluomo, pu compiere diversi pasti di sangue a distanza di 3-5 giorni uno dallaltro e in condizioni ottimali (ad esempio in laboratorio) pu vivere anche pi di 40 giorni. A partire da circa 60 ore dopo il pasto di sangue le femmine depongono tra le 40 e le 80 uova, disponendole singolarmente appena sopra il livello dellacqua. In laboratorio si visto che ogni femmina in grado di deporre le uova anche per 7 cicli consecutivi, per un totale di 350-450 uova per individuo in una stagione. Grazie a raffinati meccanismi bio-fisiologici, le uova di Zanzara Tigre possono sopravvivere in forma quiescente anche durante il freddo invernale e i periodi di siccit. Una umidit del 60-70% e temperature di 25C sono sufficienti a far sopravvivere circa un quarto delle uova deposte per 4 mesi. Addirittura, le uova si sono dimostrate capaci di sopravvivere a -10C per 24 ore! Basta per che le uova siano sommerse anche in una minima quantit dacqua per unora, a temperature miti, per schiudersi. Se limmersione si prolunga per almeno 7 giorni, il ciclo adulto della zanzara riparte. In primavera e autunno, dalla deposizione delle uova fino allo sfarfallamento delladulto passano in media 15-20 giorni, mentre in piena estate questo periodo si accorcia a soli 68 giorni. 10.4.4. Malattie La zanzara tigre non solo un insetto particolarmente aggressivo nei confronti delluomo, bens anche un potenziale vettore di pericolose infezioni virali quali Dengue e alla Chikungunya. Bast pensare all'episodio italiano del 2007 (primo caso europeo) e allisola La Runion, dipartimento francese doltremare nellOceano Indiano, dove un terzo della popolazione stato colpito da questa malattia dalla sintomatologia dolorosa. Non vi dubbio che in questo caso Aedes albopictus sia stato il vettore principale dinfezione. 10.4.5. Diffusione La zanzara tigre di diffusa in quasi tutto il mondo, ecco come si svolto il processo di colonizzazione.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

98

La zanzara tigre uno degli organismi pi invasivi al mondo. Negli ultimi 35 anni si diffuso con grande rapidit, colonizzando tutti i continenti, ad eccezione dellAustralia e della Nuova Zelanda, dove non riuscita a radicarsi stabilmente. Infatti, dopo i primi ritrovamenti nelle zone portuali, i due paesi hanno reagito tempestivamente, attuando un sistema di sorveglianza e monitoraggio, utilizzando le tecniche di lotta pi efficaci. La comparsa della zanzara tigre nellAmerica del Nord risale al 1985, quando fu rilevata a Houston, nello stato statunitense del Texas. Negli ultimi 20 anni, si diffusa in 26 stati, verso nord fino a Chicago. Grazie alle misure di prevenzione e di lotta, in California stato possibile eliminare tempestivamente la zanzara tigre, importata attraverso la Dracena, meglio nota come tronchetto della felicit o lucky bamboo. Ora, i container che trasportano il tronchetto della felicit, prima di essere aperti, sono scrupolosamente sottoposti a trattamenti disinfestanti. La zanzara tigre si stabilita anche in Sudamerica e nei Caraibi e nel 1986 Ae. albopictus stata segnalata in Brasile, dove si diffusa in 7 stati. Hanno fatto seguito il Messico e la Repubblica Dominicana. Nel 1995 Ae. albopictus stata avvistata a Cuba, in Bolivia e in Guatemala, a cui si sono aggiunti El Salvador, la Colombia, le isole Caiman e il Nicaragua. La zanzara tigre ha fatto la sua comparsa anche in Africa e nel 1991 stata individuata in Nigeria e in Sudafrica. Inoltre, sono stati colonizzati il subcontinente indiano e le isole dellOceano Pacifico nonch dellOceano Indiano. Come cera da aspettarsi, lEuropa del bacino del Mediterraneo offre le condizioni migliori per linsediamento della zanzara tigre. Gi nel 1979 stata riportata la notizia della sua presenza in Albania. Questa data cos precoce presumibilmente riconducibile allintenso scambio di merci con la Cina, avvenuto in quegli anni. Di preciso non si sa, se abbia avuto la possibilit di insediarsi e di diffondersi in Albania. Soltanto 12 anni dopo, la zanzara ha fatto di nuovo parlare di s, allorch nel 1990 fu segnalata in Italia, in una scuola materna di Genova. Nel 1991 stata trovata anche a Padova in un deposito di copertoni usati che commerciava anche con gli USA. Si potuto quindi risalire al fatto che i copertoni provenienti dagli Usa fossero i responsabili dellintroduzione di zanzara tigre nel deposito. Qui ha trovato condizioni ideali per il suo sviluppo e da qui si diffusa nel resto della penisola, tanto che attualmente diventata una delle zanzare urbane pi rappresentative dallItalia settentrionale fino a Roma e oltre. Ne sono colpite almeno ventuno province. In Francia, la zanzara tigre stata rinvenuta nel 1999 in Normandia, in un deposito di vecchi pneumatici, dove per stato possibile eradicarla. Un fenomeno relativamente nuovo costituito dallavanzamento dellinsetto
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

99

dallItalia lungo la riviera francese, che ha interessato le regioni di Mentone e di Nizza. Oramai la zanzara tigre pu considerarsi stabilita anche in Corsica. Sullinsediamento della zanzara tigre nel Montenegro, in Croazia, in Serbia e Grecia sono stati pubblicati dei rapporti. In Spagna, lAedes albopictus stata rilevata nel 2004 nella regione di Barcellona, dove non stato possibile tenerla sotto controllo. In Olanda, Aedes albopictus stata rinvenuta nel 2005 nelle zone delle serre. Limportazione avvenuta attraverso i container del tronchetto della felicit (Dracena), provenienti dalla Cina. Per far s che le piante si mantengano fresche durante il trasporto vengono mantenute in acqua. Se i tronchetti della felicit sono contaminati con uova di zanzara tigre, queste, essendo in acqua, possono schiudersi e produrre cos indisturbatamente larve e adulti di questa zanzara. Una volta aperti i container gli adulti di tigre possono quindi fuoriuscire e, se trovano le condizioni adatte, colonizzare il nuovo ambiente. LOlanda il centro di distribuzione europeo del tronchetto della felicit, anche verso la Svizzera. In Germania, sotto la direzione del KABS (Comunit comunale dazione per la lotta alla zanzara), stata implementata una rete di sorveglianza e monitoraggio lungo lautostrada del Reno A5, nel tratto compreso fra Basilea e Ludwigshafen. stata rilevata la presenza di Aedes albopictus solo nella zona di Lrrach, sul confine svizzero. In Svizzera come accennato il primo ritrovamento avvenuto in Ticino nel 2003. 10.4.6. Caratteristiche utili alleliminazione Lasciamo perdere il nome scientifico e la durata del ciclo biologico. Vediamo quali sono le informazioni utili per potere meglio colpire queste bestiacce. La zanzara tigre un nemico molto fastidioso ma anche pericoloso, infatti pu essere il vettore di gravi virus tropicali che hanno gi fatto capolino in territorio europeo. Ogni informazione pu essere utile per elaborare strategie vincenti e per ottimizzare l'efficacia delle armi in nostro possesso. 10.4.7. Raggio d'azione La zanzara tigre vive nell'immediato intorno del luogo della deposizione delle uova, alcune osservazioni farebbero quantificare questa distanza in alcune decine di metri. Ovviamente in caso di forte vento alcuni insetti potrebbero essere trasportati a parecchi chilometri di distanza ma si tratterebbe di casi limitati. Questa teoria confermata dal fatto che la diffusione della zanzara tigre avviene a macchia di leopardo. La colonizzazione incomincia in una zona che si espende con il passare del tempo. Alcuni soggetti vengono portati lontano dove deponendo le uova creano un'altra "macchia". Con il tempo gli spazi tra una
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

100

macchia e l'altra tendono a scomparire con le conseguenze che ben conosciamo. Ma tornando ai nostri piccoli giardini... questa una buona notizia! L'eliminazione di questi odiosi insetti facilitata dal fatto che la loro immigrazione da altre zone limitata. Specialmente in giardini superiori ai 1000 mq se si riesce a bonificare tutta la superficie si riduce di molto la presenza di zanzare tigre con una scarsa possibilit che la colonia possa rinfoltire le proprie fila. 10.4.8. Quota di volo La zanzara tigre vola bassa, rasoterra, non a caso spesso colpisce le caviglie e i polpacci. Quando usiamo le trappole che usano una ventola per aspirarle teniamole in basso, al massimo 50 cm da terra. 10.4.9. Ambienti La zanzara tigre non ama gli spazi chiusi. Per questo pi difficile che si introduca all'interno delle abitazioni rispetto alle zanzare normali. Preferisce gli ambienti freschi e ombreggiati e trova rifugio soprattutto tra lerba alta, le siepi e gli arbusti. 10.4.10. Punto debole La zanzara tigre capace di adattarsi alle situazione pi avverse sopravvivendo al gelo invernale in uova contro le quali poco si pu fare. Ha una caratteristica che pu essere utilizzata a nostro vantaggio. Una situazione piuttosto comune che mi viene spesso segnalata quella in cui contesti fino a qualche anno fa vivibili sono diventati un tormento per colpa delle zanzare tigre. La situazione risulta particolarmente critica nei contesti urbani densamente popolati o residenziali. E' proprio qu che le zanzare tigre proliferano grazie ai microristagni tipici e iterati presenti in numerosi giardini adiacenti e dalle caratteristiche simili. Purtroppo l'attenzione di molti negli spazi di propria gestione pu essere resa vana dall'incuria di pochi.

Se per lo spazio su cui si pu agire "abbastanza" ampio ci sono buone possibilit per combattere la zanzara tigre. Infatti una caratteristica di questi insetti il fatto che sono circostanziali, ovvero vivono a pochi metri da dove nascono. Non a caso la colonizzazione del territorioavviene a macchia di leopardo. Se ci si pensa capita proprio cos: un esemplare femmina fecondato o delle uova vengono portati da fattori esterni (vento, automobili, pneumatici usati) in una zona dove la zanzara tigre ancora non presente. Una volta qu, grazie alla sua capacit di adattamento, si riproduce colonizzando il territorio e ampliando poco alla volta l'area in cui presente.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

101

Capita spesso infatti che a casa propria si infestati dalle zanzare tigre e amici che abitano a pochi isolati di distanza non abbiano questo problema. Purtroppo per loro solo una questione di tempo. Malgrado sia molto fastidiosa e difficile da estirpare la zanzare tigre ha nel modo di colonizzare il territorio il suo punto debole che ci permette di creare la nostra "macchia di leopardo" libera da zanzare. Questo possibile quando la superficie di propriet abbastanza grande da potere agire senza dipendere dalla buona educazione dei vicini. Non c'e' una regola precisa per definire quanto deve essere grande lo spazio per ottenere risultati soddisfacenti, raramente inferiore a 6/800 metri quadrati. La strategia di lotta si basa sostanzialmente su tre fattori:

Una attenta gestione dei ristagni L'installazione di trappole per zanzare ad anidride carbonica per interrompere il ciclo di vita di questi insetti. Interventi adulticidi mirati atti anche a creare una barriera verso l'esterno

Con un poco di impegno e costanza i risultati positivi non si faranno attendere e soprattutto miglioreranno di anno in anno. Occorre ricordare per che l'obiettivo non la scomparsa totale delle zanzare, decisamente impossibile visto che sono sopravvissute ai dinosauri senza sostanziali mutazioni genetiche. Quello a cui si deve puntare la riduzione del fastidio ad un livello pi che accettabile. 10.5. Zanzara delle risaie L' Ochlerotatus caspius una delle zanzare pi fastidiose e pi numerose in Italia, punge anche in pieno giorno, pur preferendo il crepuscolo quando le temperature si abbassano. Depone le sue uova nel terreno e le larve schiudono quando l'acqua le ricopre, infatti sono tipiche delle risaie, dei prati irrigui e delle aree alluvionali. Le larve si sviluppano solitamente in zone paludose, lagune, pozze, canali di scolo e tollerano acque con gradi di salinit molto diversi che vanno dal dolce al salmastro. Poich gli allagamenti sono di natura temporanea e spesso di piccole dimensioni per evitare di restare al secco le larve sono caratterizzate da uno sviluppo larvale molto rapido (da uovo ad adulto, in presenza di cibo e temperature adeguate, in meno di una settimana). Trascorre l'inverno come uovo. Come le zanzare tigre non amano gli spazi chiusi, solo in caso di forti infestazioni possono spingersi anche allinterno delle abitazioni. A causa della sua spiccata aggressivit nei confronti delluomo, tale specie riduce notevolmente la vivibilit delle aree soggette ad infestazioni. E' particolarmente diffusa sia nelle aree costiere sia nellentroterra dove le risaie costituiscono un sito di riproduzione ottimale.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

102

Una delle sue caratteristiche che pu spostarsi di molti chilometri dai luoghi di sviluppo, pu volare anche per 15/20 km. Lo sanno bene gli abitanti della zona sud di Milano che si trovano invasi dalle zanzare provenienti dalle risaie situate a qualche chilometro di distanza. Contro zanzare che si spostano cos tanto c'e' poco che si possa fare. Gli interventi adulticidi e di prevenzione dei focolai nel nostro giardino o addirittura in tutto il comune non hanno effetti su questa popolazione di zanzare. Anche le trappole per zanzare risultano inutili, non serve interrompere il ciclo di vita delle zanzare nell'area circostante se queste provengono da molti chilometri di distanza. L'unico metodo efficace sono gli evaporatori di piastrine o comunque tutti i sistemi repellenti atti a creare una zona libera dalle zanzare. In questi casi gli interventi di prevenzione all'origine diventano fondamentali, a tale proposito segnalo il sito Zanzare Risaie dell'amico Enzo Gino che da anni si batte per la conversione delle risaie in altre culture tra cui la coltivazione del riso in asciutta. 10.6. Curiosit sulle zanzare A che velocit volano le zanzare? Dipende dalle specie ma una zanzara pu volare da 1,5 a 2,5 km allora A che distanza possono volare le zanzare? Le zanzare preferiscono rimanere vicino al luogo di nascita. La zanzara tigre ha capacit di volo limitate ad alcune centinaia di metri. Altre specie possono raggiungere i 4/5 km e qualcuna in particolare pu raggiungere i 30 km. Se le zanzare vengono portate in quota da correnti ascensionali possono percorrere lunghe distanze trasportate dalle correnti. Quanto pesano le zanzare? Le specie pi piccole pesano intorno ai 2,5 milligrammi. Quelle pi grandi possono arrivare a pesare 10 milligrammi. Quanto sangue succhia una zanzara durante un pasto? Quando si nutre per la riproduzione una zanzara pu succhiare da 0.001 a 0.01 millilitri di sangue. Perch le zanzare si nutrono di sangue? Le zanzare femmine succhiano sangue per permettere la maturazione delle uova prima di deporle. Non ha alcuno scopo nutritivo. I maschi non succhiano mai sangue durante i loro pasti. Per ottenere energie sia i maschi che le femmine si nutrono del nettare delle piante. A cosa servono le zanzare? Le zanzare riempiono molte nicchie che la natura mette a loro disposizione. Come tali, assegnarli un valore in linea di massima inappropriato. Sebbene
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

103

larchiviazione fossile sia incompleta, sono conosciute dal periodo Cretaceo (circa 100 milioni di anni fa). Il loro adattamento ha permesso il formarsi di pi di 2700 specie nel mondo. Le zanzare servono da cibo per un gran numero di organismi ma non sono fondamentali per nessuna specie di predatori. Quanto vivono le zanzare? Il ciclo di vita varia da specie a specie. Molte femmine adulte di zanzara vivono da 2 a 3 settimane. Qualche specie che sverna in forma adulta pu vivere pi di 6 mesi. Se le zanzare si estingueranno... come sar influenzato lecosistema? Per come si comporta la natura, altre specie riempiranno le nicchie lasciate libere dalle zanzare dopo un periodo iniziale di assestamento di lunghezza variabile. Attenzione, le specie che rimpiazzeranno le zanzare potrebbero essere peggiori, estremamente difficile da prevedere. Comunque la capacit di adattamento delle zanzare ai cambiamenti ambientali rende estremamente improbabile che si estinguano. Quanto alto volano le zanzare? In generale, le zanzare che pungono gli esseri umani preferiscono volare sotto i 10 metri. La zanzara tigre stata trovata tra i rami degli alberi anche oltre i 15 metri. Sono state trovate anche in appartamenti al 21-esimo piano, ma probabilmente hanno preso l'ascensore. Alcune specie sono state trovate oltre i 2800 metri in Himalaya e 700 metri sotto terra in alcune miniere dellIndia. 10.7. Pappataci a cura del Dr Paolo Manella I Pappataci sono piccoli insetti pelosi, appaiono come piccole zanzare con corpo di colore tipico giallo-pallido o giallo-ruggine, piccolo, lungo circa 2-3 mm (fino ad un massimo di 5), coperto da lunghi e fitti peli; il torace e laddome formano un angolo quasi retto (ci che li rende riconoscibili anche ad occhio nudo). Testa allungata ed inserita sul collo in modo da formare un angolo di 45; Occhi composti, voluminosi, di colore scuro, situati ai lati della testa (appaiono rotondeggianti se visti di profilo e reniformi dorsalmente); Palpi (appendici articolate in rapporto con lapparato boccale aventi funzione sensoriale) pelosi ricurvi; Proboscide corta e diretta in basso; Antenne lunghe, pelose, costituite da 16 segmenti o articoli (alcuni di questi fungerebbero da organi di senso); Ali grandi, pelose, di forma subovale. Le punture sono molto fastidiose e assumono l'aspetto di una mitragliata soprattutto sulle braccia e sul tronco.E' nota la pericolosit di questi insetti per i nostri animali domestici. Delle oltre 800 specie di Flebotomi presenti al mondo, solo 8 sono presenti in Italia, 4 delle quali vettori di Leishmania infantum.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

104

Alle nostre latitudini con idonee condizioni ambientali lintero ciclo vitale di questo insetto si pu verificare in un range di 4-8 settimane: Il ciclo si compone di uovo (incubazione di circa 1-2 settimane), larva (2-4 settimane), pupa (circa 10-15 giorni) e adulto. Possono susseguirsi 4-5 generazioni l'anno. Lo svernamento avviene allo stadio larvale con farfallamento in primavera. Spezzare il ciclo biologico di questi insetti estremamente difficile, le larve infatti si sviluppano in qualsiasi luogo umido e ricco in materia organica, tuttavia punto chiave identificare ed eliminare zone come queste in vicinanza delle abitazioni umane. In seguito verranno descritti una serie di luoghi possibili di infestazione e metodi di prevenzione- bonifica. Come tutti i ditteri ematofagi solo le femmine cercano di fare il pasto di sangue al fine di portare a maturazione le uova. In Italia linfestazione in genere presente da maggio a settembre al nord ad Ottobre al centro e si protrae fino a novembre al sud. I flebotomi hanno abitudini notturne, sono attivi dal crepuscolo allalba, con un picco massimo prima dellalba. Cosa molto interessante e utile lo studio dello spostamento di questi insetti, diversi studi dimostrano come la loro capacit di volo sia davvero limitata: lanalisi delle catture di diverse trappole disposte in uno stesso giardino in genere dimostra come siano sempre le stesse a catturare i flebotomi e che quindi abbiano uno spostamento limitato o nullo anche in aree ristrette come un solo giardino. Quindi si pu affermare che i flebotomi sono cattivi volatori e in genere la loro concentrazione aumenta nei luoghi in cui possono nutrirsi e riprodursi. Sono disturbati dal vento e da temperature al di sotto della media estiva. La velocit durante il volo di circa 1 metro al secondo (0,65 0,70 m/sec.). I flebotomi sono distribuiti in qualsiasi ambiente visto che possono riprodursi in un pressoch infinito numero di luoghi, inoltre le esperienze acquisite in anni di catture con trappole hanno dimostrato che questi insetti si trovano davvero quasi ovunque. Nonostante questo per, allinterno di una singola area come ad esempio un giardino o un parco, i pappataci si distribuiscono in modo da frequentare di pi le zone da dove sono sfarfallati o comunque che gli permettano la riproduzione e le zone dove possono trovare pasto di sangue (questo vale soprattutto per le femmine): tipiche sono le tane delle talpe o di piccoli roditori dove i pappataci trovano le feci degli animali, materiale organico e giusta umidit per la riproduzione, inoltre il mammifero abitatore della tana una riserva di sangue praticamente inesauribile. Come prevenzione si intendono tutti quei comportamenti atti a evitare linsorgere di infestazione: eliminazione di probabili luoghi idonei alla riproduzione dellinfestante, trattamento delle zone non eliminabili e uso di trappole per il controllo e monitoraggio della popolazione locale.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

105

I pappataci hanno bisogno di 20-25c, di unumidit relativa molto alta 95C, oscurit quasi completa e di sostanza organica per lo sviluppo larvale. Importante quindi porre attenzione al fatto che le zone limitrofe la casa e cio il giardino non raggiungano queste favorevoli caratteristiche; di seguito i luoghi e possibili soluzioni: In Giardino: Mantieni il prato tagliato molto corto, lerba alta rifugio per insetti ematofagi. Evita che residui organici rimangano sul prato per pi di due settimane eliminando le foglie, cumuli di legname, di residui dello falcio del fieno (poni particolare attenzione ai dispositivi automatici che tagliano lerba e lasciano i residui nel prato), raccogli gli escrementi degli animali domestici o prevedi trattamenti insetticidi cadenzati dove questo non sia possibile. Usa limpianto di irrigazione o irriga manualmente in modo oculato evitando che i luoghi irrigati mantengano umido il terreno per pi di pochi giorni, evita quindi le irrigazioni giornaliere e scegli piante o tipologie di prato che non soffrono ambienti secchi. Tieni comunque conto che sempre buona regola evitare di irrigare quando il terreno umido per scongiurare linsorgere di marciume radicale e conseguente moria della vegetazione. Il terreno quindi dovr essere irrorato solo dopo completa asciugatura. Prediligi le concimazioni a concime organico chimico con basso contenuto di Azoto durante tutta la stagione: in questo modo eviti di aumentare la concentrazione di sostanze organiche gi alta presente sul tappeto erboso. Elimina in modo puntuale e puntiforme le tane di talpe e altri roditori terricoli: sono luoghi ideali per la riproduzione e il rifugio diurno dei pappataci. In linea generale un giardino a prato basso, con poche zone di ombra e privo di materiale un luogo inospitale per i pappataci. Cura le siepi e le piante del giardino evitando laccumulo di materiale organico. Accertati che gli incavi degli alberi o le radici non siano umide e assorbire eventualmente o chiudere con materiale inerte. Attenzione alla pacciamatura, questa utile tecnica che ha innumerevoli funzioni benefiche sul suolo e sulle piante il luogo ideale per lo sviluppo dellinfestazione. Prediligere quindi pacciamature inorganiche o usando materiale grossolano che permetta unadeguata areazione del terreno evitando laccumulo di eccessiva umidit. Attenzione al compostaggio: usare solo contenitori atti a questa pratica evitando di improvvisare: accertati che il contenitore sia progettato apposta, si possa chiudere, sia ben areato e prevedi di trattarne il contenuto con insetticidi almeno una volta ogni 15 giorni. Mantieni le zone alberate rade e ben areate, evita leccessiva formazione di sotto-bosco Mantieni puliti i tombini e le caditoie trattandole regolarmente
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

106

Tratta regolarmente muri a secco, muretti, zone umide, fossi o avvallamenti nel terreno e evita laccumulo di materiale in giardino. Aree con accumulo di materiale anche se inerte aumenta la disponibilit di materia organica sottostante (non avviene la fotosintesi, lerba marcisce), accumula lacqua aumentando lumidit del terreno permettendo cos linstaurarsi dellinfestazione. In casa: Mantieni ben pulite le grondaie da materiale organico Stucca crepe o fessure nei muri (vi sostano i pappataci di giorno) Tieni ben pulite e areate le cantine ispezionandole e trattandole regolarmente Presta particolare attenzione alle zone interne la casa frequentate da animali domestici: lettiera, cuccia, cuscini, ecc... mantienile sempre pulite e ispeziona i muri limitrofi a queste. Zone adibite a riparo per animali domestici: forse la zona pi a rischio: cuccia del cane, zone recintate, pollai, conigliere, ecc... Pulisci spesso queste zone evitando che le deiezioni rimangano a lungo tempo, smaltendole almeno una volta a settimana lontano dalla zona di soggiorno, organizzare trattamenti cadenzati in questi luoghi per prevenire le punture e linfezione degli animali. E chiaro che gli interventi appena descritti sono molte volte impraticabili per motivi di costo, tempo, ecc: ad esempio difficilmente limpianto di irrigazione o di drenaggio funziona cos bene da non creare zone umide, oppure esistono pacciamature fatte dal giardiniere sotto le siepi e non eliminabili, insomma difficilmente quello che viene consigliato nella prevenzione di facile attuazione e quindi pu essere necessario disinfestare. La disinfestazione si basa su trattamenti a base di sostanze chimiche che uccidono direttamente linsetto, nel caso dei pappataci, visto che le larve si trovano in profondit nel terreno, si riesce a colpire solo linsetto nella fase adulta. La disinfestazione deve essere fatta solo nei luoghi necessari e con tempistiche precise, assolutamente non bisogna irrorare indiscriminatamente larea ma solo i luoghi in cui si presume la presenza dei focolai di infestazione. Useremo un insetticida che ci permetta di avere un impatto sulla salute e sullambiente molto bassa e lo alterneremo con altro prodotto per evitare linsorgenza di resistenze da parte dellinsetto. Faccio presente che questa pratica viene consigliata solo nel caso non si possano applicare i consigli elencati nella fase di prevenzione e su: residui organici, le foglie, accumuli di legname, di residui dello falcio del fieno, escrementi degli animali domestici o zone atte alla defecazione, zone umide del terreno, le tane di talpe e altri roditori terricoli, sotto le siepi, incavi degli alberi o radici umide, pacciamatura, allinterno dei compostori, muri a secco, muretti, zone umide, fossi o avvallamenti nel terreno (sempre senza la
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

107

presenza di acqua), aree con accumulo di materiale inerte (rottami, gomme, legna, ecc..). In zone con pericolo di contagio ripetere il trattamento ogni 15 giorni, in altre zone ripetere il trattamento ogni 30-40 giorni. Usare solo insetticidi con forte residualit, almeno due settimane, perch non possibile sapere quando le larve sfarfalleranno dal terreno e quindi quando ci sar bisogno delleffetto insetticida. Si consiglia di procedere al trattamento nelle ore serali, in modo tale che le molecole dellinsetticida non vengano velocemente degradate dallazione dei raggi del sole, accorgimento valido per tutti gli insetticidi piretroidi. Per la difesa della casa dallattacco dei pappataci usare aerosol in cantine, fessure nei muri, e zone umide della casa con un effetto abbattente immediato e nessuna residualit al fine di non mantenere insetticida in casa; si presuppone infatti che in casa vi siano solo gli adulti; in genere si possono individuare i pappataci come piccoli moscerini che sostano sul muro di casa. Trattare regolarmente le zone frequentate dagli animali domestici (lettiera, cuccia, cuscini, muri adiacenti a queste, ecc...). Aerare sempre i locali e allontanare sempre gli animali domestici durante il trattamento. Particolare interesse deve essere posto alle zone esterne la casa in cui vivono gli animali: pollaio, cucce, recinti, tane, ecc.... In questo caso sempre consigliabile trattare ogni 15 gg con un insetticida senza solvente, a bassissima tossicit per i mammiferi e alta residualit. Allontanare gli animali durante il trattamento. Anche le trappole per zanzare funzionano contro i pappataci. Non sempre sono una barriera invece le zanzariere, alle volte sono talmente piccoli che passano attraverso le maglie. Anche in questo caso utile irrorare i teli con un insetticida. 10.8. Altri insetti ematofagi in ambiente rurale a cura del Dr Paolo Manella Quando decidiamo di fare una gita in campagna per goderci il verde e laria fresca, dobbiamo spesso mettere in conto che non saremo soli; molti insetti succhiatori di sangue infatti, trovano in questi ambienti il loro habitat naturale, approfittando magari delle mandrie di bestiame e dei grossi allevamenti. Il passo da mucca a uomo o da cavallo a uomo, per molti insetti ematofagi semplice ed immediato, coi risultati che ci troviamo degli sfoghi da punture diversi da quelli delle odiate zanzare, spesso anche pi dolorosi.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

108

10.8.1. I Simulidi Si spostano in grandi sciami, sono di piccole dimensioni (un paio di mm) ed ematofagi i Simulidi sono una famiglia che da pochi decenni ha acquistato un ruolo importante anche in Italia; grazie alle condizioni favorevoli che si sono venute a creare a partire da met degli anni 70, hanno creato non pochi problemi agli allevatori di bestiame del Centro-Nord del Paese, dove hanno preso di mira bovini, equini e persino luomo, con fastidiose molestie ad occhi e viso. Tra i danni che sono in grado di infliggere, attaccando in massa, i pi gravi portano alla morte dellanimale per motivi che variano dalla semplice infezione da punture multiple, alla trasmissione di patogeni. I Simulidi sono presenti in tutta Italia con diverse specie, risultando molto diffusi in ambienti rurali, dove trovano, nei ruscelli montani o nelle rogge (sempre acqua corrente), il luogo idoneo per deporre le uova e portare a termine lo sviluppo larvale. Negli ultimi anni sono stati riscontrati Simulidi anche in ambiente urbano; in particolare, alcune specie hanno sviluppato la capacit di sviluppo larvale anche in acque con un modesto contenuto organico. Ladulto si presenta come un tozzo moscerino di pochi millimetri; la femmina ematofaga e deve procurarsi almeno tre pasti di sangue per poter produrre le uova. Sono facili da riconoscere perch hanno una tipica manifestazione in sciami anche molto grandi, capaci di infestare intere aree, e anche perch si concentrano intorno ai musi di equini e bovini, fortemente attratti dallanidride carbonica emessa dal respiro. Sono molto insistenti e tenerli a bada molto difficile; le loro punture sono pi dolorose di quelle delle zanzare e spesso provocano una piccola fuoriuscita di sangue. Abbastanza frequenti possono essere anche le manifestazioni allergiche che fanno durare anche due settimane lo sfogo da puntura sulla pelle. 10.8.2. I Ceratopogonidi Diffusi in tutta Italia dove ne esistono tre specie, si riproducono con larve in acqua stagnante e pulita. Il ciclo vitale dura circa 3 settimane. Ladulto si presenta come un piccolo moscerino scuro dal carattere temerario; quando sta pungendo difficilmente molla la presa anche se ci si avvicina lentamente con la mano per schiacciarlo. Il morso risulta pi doloroso di quello di una zanzara e pu causare reazioni allergiche. Sono tipici delle periferie di citt ed alpeggi. Al pari dei Simulidi, sono spesso associati alla presenza del bestiame, in particolare i Ceratopogonidi sono parassiti degli ovini, dove rappresentano il principale vettore della malattia lingua blu, fatale per le pecore ma innocua per luomo. 10.8.3. I Tafani Sono grossi ditteri (da 0,5 a 3cm), molto conosciuti da chi vive a contatto col bestiame, temuti per le loro punture dolorose non solo per luomo ma anche
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

109

per gli animali che, se bersagliati ripetutamente, diventano irrequieti, intrattabili e producono di meno. Questo succede perch lapparato boccale dei tafani non perfora ma lacera la pelle. I tafani attaccano con pi aggressivit in presenza di acqua o corpi bagnati, sono insistenti ed difficile scacciarli. Anche per questi insetti la femmina che punge per portare a maturazione le uova; normalmente i tafani sono predatori di altri insetti. 10.9. Zanzare, clima e stagioni Vi sono due aspetti climatici fondamentali che influenzano la proliferazione delle zanzare: le temperature e le piogge. Pi le temperature si mantengono basse e pi il ciclo di vita delle zanzare lungo. Quando le temperature medie sono intorno ai 25C, la zanzara pu completare un ciclo di sviluppo in meno di 10 giorni. Ecco perch solitamente il picco di massima densit di ha solitamente tra agosto e settembre. Primavere particolarmente fresche non impediscono alle zanzare di riprodursi, ma in tempi molto pi dilatati. Inoltre pi le temperature sono basse meno le zanzare sono aggressive ovvero si muovono pi lentamente e impiegano pi tempo a portare a termine la puntura. Nei mesi torridi si posano sulla pelle e un secondo dopo ripartono belle piene del nostro sangue. Le piogge, intese come abbondanti precipitazioni in poco tempo, dilavano le larve dai tombini. Per allontanano anche l'insetticida/larvicida eventualmente presente e soprattutto, innalzando il livello dell'acqua, determinano schiuse massive. Le piogge poi creano molti focolai nuovi ed impediscono o comunque ostacolano i trattamenti . Quindi primavere poco piovose e fresche sono l'ideale per limitare l'infestazione di zanzare per il periodo immediatamente successivo. Per quanto riguarda il periodo invernale invece bisogna dire che sicuramente inverni rigidi causano una maggiore mortalit sulle forme svernanti (uova, femmine gravide e larve a seconda delle specie). Si consideri per che, una volta ripreso il loro ciclo riproduttivo, le zanzare ci mettono poco a ripopolare l'ambiente che trovano a loro disposizione, vista la capacit d'incremento esponenziale che hanno. 10.9.1. Quando iniziare la lotta Ci siamo! Le giornate si allungano e le temperature incominciano ad alzarsi, si incomincia a sentire il profumo delle primavera. Ma quando bisogna iniziare a pensare alla prevenzione contro le zanzare? Le zanzare, a prescindere da come hanno passato l'inverno, iniziano a riprodursi al verificarsi di precise condizioni. In particolare, specialmente per
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

110

le pi fastidiose zanzare tigre, necessaria una temperatura minima non inferiore a 10C ed un fotoperiodo di almeno 13 ore. Considera che alla latitudine di Roma gi da met marzo le ore di luce sono circa 12. Le condizioni metereologiche invece sono imprevedibili e possono influire sulla velocit di ripdroduzione delle zanzare. In occasione di stagioni particolarmente fortunate, la prima generazione larvale pu ritardare la sua apparizione al mese di giugno. Sempre parlando di zanzara tigre quando le temperature medie arrivano a 25C, la durata del ciclo di sviluppo larvale varia tra 7 e 15 giorni. In piena estate 6-8 giorni. Ogni femmina in grado di deporre, in una stagione, un totale di 350-450 uova in 7 cicli consecutivi. Dopo 60 ore dal pasto di sangue questa pu deporre dalle 40 alle 80 uova. La femmina di Aedes, responsabile delle punture alluomo, pu compiere diversi pasti di sangue a distanza di 3-5 giorni uno dallaltro e in condizioni ottimali pu vivere anche pi di 40 giorni. Facendo due rapidi calcoli risulta evidente quanto sia importante incominciare per tempo la prevenzione al fine di ritardare e ridurre i consueti picchi di infestazione tipici di fine agosto. 10.9.2. Le zanzare in inverno Le zanzare, come tutti gli insetti, sono creature a sangue freddo. Di conseguenza, non sono in grado di regolare il calore corporeo e la loro temperatura dipende dall'ambiente circostante. Le zanzare sono note per essere attive a temperature medie che superano i 23 gradi. Quando le temperature si abbassano le zanzare, a seconda delle varie spesie, possono assumere uno stato letargico. Non tutte le zanzare muoiono dal freddo e, purtroppo, passano l'inverno in varie forme: Zanzare che svernano come adulti Alcune specie di zanzare svernano come adulti femmine in uno stato di diapausa (fase di arresto spontaneo dello sviluppo in cui l'organismo inattivo, non si alimenta e non si muove) nascoste nelle nostre case, nei garage nelle soffitte, nelle cavit degli alberi e insomma... ovunque sia possibile ripararsi dalle condizioni climatiche avverse. In genere, la femmina della zanzara prima dell'inizio della stagione invernale evita il pasto di sangue (necessario alla fecondazione delle uova) alimentandosi solo con gli zuccheri necessari al suo sostentamento. Per questo facile notare, a fine stagione, zanzare che non pungono pi e comunque sono molto poco aggressive.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

111

Accumulano molte sostanze necessarie a sostenerle durante l'inverno, le loro ovaie smettono di funzionare cos che le uova non arrivano a maturazione. In primavera grazie all'aumento delle temperature la femmina esce dalla modalit di ibernazione, andr in cerca un pasto di sangue e potr deporre le uova che produrranno una nuova generazione di adulti. Ci giungono molte segnalazioni relative a punture di zanzare anche durante l'inverno all'interno delle abitazioni. Sono casi rari ma possono succedere. Tale fenomeno rimane sempre principalmente a due diversi casi: molto contenuto, ed da attribuire

Zanzara tigre ritardataria: in questo caso ladulto sopravvive addirittura fino a dicembre-primi di gennnaio, mesi in cui stato documentato possano ancora deporre, clima permettendo ovviamente. Zanzara comune (Culex pipiens): la zanzara appartenente a questa specie invece pi facile da vedere perch sverna come adulto. Generalmente punge a fine stagione prima di svernare oppure in primavera, ma esistono eccezioni per quelle zanzare che svernano nelle nostre case. E' possibile infatti che cerchino di pungere anche in mesi molto freddi come dicembre o gennaio. Alle volte uccidendole, possibile notare come queste siano piene di sangue non rappreso, proveniente quindi da un pasto in giornata. All'interno delle case, a causa del microclima domestico, vivono per una "illusione stagionale": infatti non appena provano ad uscire all'aperto per deporre le uova, vengono subito rallentate dal freddo e riportate alla dimensione dello svernamento. Zanzare che svernano come uova Alcune specie di zanzara (come la tigre) svernano come uova. In questo modo sono in grado di sopravvivere a condizioni climatiche estreme come il freddo, il ghiaccio e la siccit. Le uova di zanzara tigre si sono dimostrate capaci di sopravvivere a -10C anche per 24 ore. In autunno, quando le temperature si abbassano, la femmina depone le uova in zone dove il terreno umido. In primavera, al rialzarsi delle temperature, le uova che si trovano di nuovo a contatto con l'acqua si schiudono, progredendo attraverso i vari stadi larvali fino a ricominciare il ciclo dal principio. Zanzare che svernano come larve Esistono anche specie di zanzare che possono superare l'inverno nella fase larvale. Tutte le larve di zanzara richiedono acqua, anche in inverno. Quando la temperatura dell'acqua scende le larve entrano in uno stato di diapausa rallentando il metabolismo e sospendendo lo sviluppo che riprende solo quando l'acqua si scalda di nuovo.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

112

10.9.3. Il controllo invernale delle zanzare Chi si occupa di controllo delle zanzare (amministrazioni comunale e regionali) dovrebbe attuare programmi adatti anche durante il periodo invernale. Alcuni accorgimenti utili sono la pulizia dei fossi e dei corsi d'acqua permettendo il deflusso delle acque. In questo modo si eliminano le zanzare nelle zone di riproduzione senza l'uso di pesticidi. Nelle nostre abitazioni possiamo fare ben poco. Se si trova un sito di svernamento vi si pu fare un trattamento adulticida per eliminare le svernanti. Contro la zanzara tigre invece si pu fare poco dato che sverna in uova. Attenzione a quando a fine stagione si portano in posti riparati le piante che d'estate sono all'aperto poich in questo modo si favorisce la sopravvivenza delle uova deposte nei sottovasi. Quindi pulire bene sottovasi, bidoni di raccolta del verde e tutti quei contenitori dove potrebbero annidarsi le uova di questi malefici insetti. 10.9.4. Il calendario zanzare del MosquitoWeb In questo schema sono rappresentate i quattro periodi dellanno e le attivit di lotta consigliate. Da Novembre a marzo possiamo rilassarci e pensare a sciare.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

113

11. Strategia e casi pratici


11.1. Eliminare le larve di zanzara Capitolo a cura del Dr. Paolo Manella La lotta alle larve di zanzara e la base della guerra alle zanzare. Vediamo qualche caso pratico in contesti non usuali: 11.1.1. Caso 1: focolai ben nascosti Non sempre facile individuare i focolai nel proprio giardino, al contrario le zanzare, con i loro sensi sviluppatissimi, sanno individuare precisamente anche la pi piccola fonte di umidit. Ecco qualche caso complesso: Piccolo tombino chiuso con sifone e scolo della grondaia: da fuori non si percepisce nulla ma lacqua presente del sifone del tombino viene percepita dalle zanzare che muovendosi attraverso lo scolo dellacqua raggiungono il luogo di deposizione. Allinterno le larve si sviluppano in assenza di predatori e una volta diventate adulte ripercorrono la grondaia al contrario fino alluscita. Ne esistono anche dei modelli con la grata attraverso la quale possibile guardare dentro ma non si potr vedere lacqua perch il sifone la trattiene nella camera affianco. Procedere con il trattamento antilarvale, utilizzando anche quantit minime data la piccolezza del ristagno. Attenzione anche alle vasche di raccolta dellacqua piovana interrate. Sempre utilizzando gli scoli come vie daccesso, le zanzare depongono grandi quantit di uova generando in breve tempo infestazioni importanti. Utilizzare lantilarvale. Le grondaie col tempo possono generare contropendenze o essere ostruite da foglie cadute dentro; tutti questi contesti favoriscono il ristagno dacqua e la proliferazione larvale lontano dai nostri occhi ma vicino ai luoghi da noi pi frequentati. In questo caso necessario procedere regolarmente alla manutenzione delle grondaie. 11.1.2. Caso 2: presenza di una roggia poco fuori la propriet Per chi vive in zone agricole un fatto comune avere un piccolo canale per lirrigazione vicino, dove spesso lacqua stagna e fa da richiamo per varie specie di zanzare (raramente la zanzara tigre), creando uninfestazione importante in poco tempo. Che sia territorio comunale o privato di un qualche coltivatore una cosa certa, nessuno lo tratter con antilarvale a dovere. In questo caso, con le dovute precauzioni, potete trattarlo voi con compresse di Bacillus thuringiensis precedentemente sciolte in un annaffiatoio, chiedendo il permesso al proprietario. Purtroppo per non possiamo aspettarci risultati miracolosi dato che la quantit di materiale organico gi presente nel letto del corso dacqua, unito al fondale terroso, vanno a filtrare le particelle in
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

114

sospensione dellantilarvale, facendo diminuire sensibilmente lefficacia del trattamento. 11.1.3. Caso 3: presenza di una palude/risaia/oasi nelle vicinanze Questi ambienti sono lhabitat per eccellenza della zanzara di risaia (Ochlerotatus caspius), famosa per i grandi sciami che genera sul far della sera. In questi casi non possiamo pensare di trattare efficacemente contesti cos estesi e si rimanda il tutto alle autorit comunali. Per quanto riguarda le risaie spesso si procede a trattamenti con antilarvale liquido erogato tramite un elicottero; pratica in uso solo in alcuni zone dItalia, in altre non si fa nulla per prevenire il proliferare delle larve nelle risaie. Paludi e oasi per definizione vengono lasciate intatte, quindi chi vive nei pressi di questi contesti naturali non potr aspettarsi che venga fatta della prevenzione in larga scala. 11.1.4. Caso 4: presenza di un corso dacqua con corrente moderata Come gi detto sopra, le larve di zanzara non riescono a sopravvivere in presenza di una corrente costante. Capita spesso per che le persone segnalino larve di zanzare anche in questi casi. Attenzione! Anche se sembrano molto simili in realt si tratta di altro, ecco alcuni esempi comuni. Le larve rosse che spesso si vedono sui fondali di piccoli corsi dacqua non sono zanzare bens Chironomidi! Da adulti sono molto simili alle zanzare ma non pungono, le larve invece sono molto facili da vedere perch in gran numero. Possono essere rosse se vivono in acque poco ossigenate ma tante sono anche bianche o marroncine; il modo per distinguerle che stanno sul fondo al contrario di quelle delle zanzare che continuano a venire in superficie per poter respirare. Altri larve facilmente confondibili con quelle delle zanzare sono quelle dei Simulidi. Queste prediligono i corsi dacqua a regime torrentizio ma facile vederle anche in pianura ammassate in quelle zone dove si crea un po di corrente (piccole pendenze, rapide). Anche loro stanno sul fondo ma, rispetto ai Chironomidi queste si ancorano saldamente al substrato (sassi sul fondo, piante acquatiche) per non essere portate via dalla corrente e per poterla sfruttare per filtrare le particelle in sospensione di cui si nutrono. 11.2. Proteggere i bambini dalle zanzare I bambini piccoli hanno un metabolismo molto elevato, per questo sono presi di mira pi degli adulti dalle zanzare. Ecco i migliori consigli su come difenderli. Vedere i propri bimbi massacrati dalle punture di zanzara mi fa venire un odio pazzesco. Sia perch quando ci vanno di mezzo i bambini girano sempre le scatole e sia perch si dovrebbe potere stare a giocare all'aperto senza questi fastidi. Vediamo alcuni suggerimenti su come difendere i pi piccoli dalle zanzare.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

115

Repellenti I repellenti da applicare sulla pelle e sui vestiti sono una ottima soluzione soprattutto per i bambini che corrono e giocano all'aperto o devono rimanere a scuola materna per molte ore. I principali repellenti in commercio si dividono in chimici e naturali. I primi si basano su due sostanze chimiche comunemente conosciute come DEET e Icaridina. A seconda dei vari prodotti la protezione garantita da poche decine di minuti (prodotti naturali) ad alcune ore (prodotti chimici ad alta concentrazione). Il DEET(in concentrazioni superiori al 10%) sempre stato sconsigliato sui sui bambini al di sotto dei 12 anni. Inoltre, a mettere in guardia dalluso incondizionato dei repellenti al DEET stato, di recente, lo studio di Vincent Corbel dellInstitut de Recherche pour le Developpement di Montpellier e Bruno Lapied dellU niversit di Angers, che ha evidenziato i potenziali effetti negativi degli antizanzare sul sistema nervoso. Nessun allarmismo comunque, ricordiamci che l' Environmental Protection Agency (EPA) ha rilevato che pi del 38% della popolazione americana ogni anno usa un prodotto a base di DEET e che, a livello mondiale, il numero di persone che utilizza insetto-repellenti contenenti DEET supera i 200.000.000. Inoltre lAccademia Americana di Pediatria raccomanda luso di repellente a concentrazione minima di DEET (7%) anche sui bambini sotto i 12 anni. Al posto del DEET potete usare prodotti a base di Icaridina la quale ha protezione sovrapponibile al DEET con efficacia di 4-8 ore. Pu essere usato nei bambini al di sopra dei 2 anni (almeno fino a quando nuovi studi e ricerche non scopriranno il contrario.) I repellenti naturali sono efficaci nella maggior parte dei casi ma la loro durata limitata nel tempo, quindi se si tratta di una veloce capatina ai parchetti vanno bene, per stare tutto il giorno all'aperto meno. In ogni caso leggete sempre bene l'etichetta che indica le sostanze contenute e non fatevi ingannare da diciture come "naturale", anche questi repellenti potrebbero contenere DEET. Da preferirsi le salviette, in crema o gel... insomma in tutte quelle formule applicabili rapidamente e in modo uniforme. Da considerare anche il formato del contenitore. Parlo come pap e trovo che se questo si riesce a infilare nella tasca posteriore dei jeans un valore aggiunto.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

116

Dispositivi quali braccialetti imbevuti di repellente e apparecchiature ad ultrasuoni di tipo fisso o portatile sono inefficaci. Zanzariere Fino ai 12 mesi di et su passeggini e carrozzine sono d'obbligo. Vengono fornite "di serie" o si possono acquistare a parte in formati universali, per le soste ai parchetti durante l'estate non se ne pu fare a meno, soprattutto per le carrozzine. Abbigliamento Naturalmente pantaloni lunghi e magliette a mezzamanica (e non canotte) sono meglio. ma sappiamo che nelle torride giornate estive il caldo insopportabile. Cerchiamo allora di scegliere i colori meno attrattivi per le zanzare. Per i pi prudenti segnalo che esiste anche un abbigliamento antizanzara per bambini da 2 a 12 anni. La cameretta La protezione della cameretta fondamentale, altrimenti rischiamo che le nostre fatiche diurne vengano rese vane da qualche maledetta che si intrufola dove non deve. Ultrasuoni, luci e ventole Winnie Pooh non servono. Bastano semplici accorgimenti: zanzariere alle finestre, porta sempre chiusa e una spruzzata di insetticida al bisogno. Ovviamente con le zanzariere si pu arieggiare abbondantemente il locale prima di soggiornarvi. Curare le punture Se malgrado i vostri sforzi qualche colpo andato a segno ricordate che non sempre i farmaci sono la soluzione migliore. Per curare le punture di zanzara per esempio molto utile una pomata al cloruro di alluminio (usata anche per le ustioni da medusa) che riduce il prurito quasi subito scongiurando infezioni da grattamento. Anche con del semplice allume di rocca si ottengono risultati immediati. Educazione Infine spiegate ai vostri bambini come impedire alle zanzare di proliferare. Insegnate loro a non abbandonare i giochi nel prato e a evitare tutte quelle situazioni che possano creare ristagni. Dove l'acqua ristagna... per la zanzara una cuccagna! 11.3. Proteggere lappartamento dalle zanzare Si parla spesso di difendere i propri giardini dagli assalti delle fameliche zanzare ma questo non il solo ambito dove impiegare le armi a nostra disposizione. Quasi sempre siamo infastiditi anche dentro le nostre abitazioni,
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

117

a tutti sar capitato di svegliarsi nel cuore della notte con una zanzara che ronza nellorecchio. A proposito, volano da quelle parti perch durante la notte il corpo in quiete risulta maggiormente appetibile nella zona della testa dove viene emessa la maggiore quantit di anidride carbonica. Zanzariere Per difendere le mura domestiche il primo e indispensabile metodo l'applicazione di zanzariere alle finestre e alle porte-finestre. Ci si pu rivolgere a professionisti o risolvere con soluzioni fai-da-te. Sono in commercio zanzariere adattabili alle misure delle vostre finestre con un normale seghetto. In pratica, una volta montato il telaio che si adatta facilmente a diverse misure, si tratta di accorciare il rotolo di zanzariera semplicemente tagliandolo con un seghetto. Sembra una operazione difficile ma trattandosi di materiali appositi pi semplice di quello che si pensa. Se non volete rischiare su ebay potete trovare chi vi fornisce il telaio e il rotolo pre-tagliato. Il vostro unico compito sar prendere le misure esatte della finestra e riceverete il materiale da montare, anche senza dovere usare il trapano. Al momento dell'acquisto ricordatevi di chiedere quanto lo spazio minimo richiesto tra lo stipite della finestra ed eventuali tapparelle o grate di sicurezza. In genere 4 cm sono sufficienti. Le zanzariere fai-da-te sono solitamente quelle che si arrotolano su se stesse, se scegliete questo modello assicuratevi che siano dotate dei bottoncini lungo i bordi, questo accorgimento le render pi stabile e impedir che escano dalla loro sede in caso di forte vento. Dove avete l'esigenza di aprire e chiudere il passaggio frequentemente (portefinestre) sono consigliati i modelli a battente, cio che si aprono come se fossero una porta. Garantiscono una durata maggiore e sono meno soggette all'usura. Ad inizio e a fine stagione ricordatevi di aprire e chiudere numerose volte le zanzariere a rotolo in modo da mantenere mobile e flessibile il meccanismo e le molle di ritorno. Ingresso Se abitate in una villetta, la porta di ingresso un punto debole e spesso viene usata da qualche "maledetta" per intrufolarsi in casa vostra. Contrariamente a quanto vediamo nei film americani, su queste porte non si usa montare una zanzariera, il consiglio di spruzzare un insetticida o un repellente d'ambiente sullo stipite esterno arrivando a proteggere anche una buona porzione dei muri adiacenti. Le zanzare, specie nelle mezze stagioni, si appostano sugli stipiti per balzare in casa in cerca di temperature pi miti.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

118

La soluzione migliore sarebbero i piretroidi concentrati da diluire in acqua oppure sono disponibili sul MosquitoShop degli spray di insetticida specifico che evaporano per un buon numero di ore dopo lapplicazione aumentando leffetto repellente. Infine ricordatevi di controllare di non avere zanzare appiccicate al corpo o ai vestiti. Spesso si entra in casa con qualche zanzara tigre attaccata ai nostri polpacci mentre ci succhia il sangue. Trappole per zanzare Le trappole per zanzare da interni sono molto utili. Reperibili nei pi comuni supermercati o in versione pi professionale (Bio Mosquito Trap, Air Clean) si tratta di apparecchi dotati di luce e ventola capaci di aspirare gli insetti (zanzare ma anche mosche e altro) che giungono nel loro raggio di azione. Posizionati in un luogo strategico, di solito al centro dell'abitazione in una zona di passaggio, magari a protezione delle camere da letto, risultano un sistema di difesa ottimale per intrappolare e uccidere quelle sporadiche zanzare che superano i vostri sistemi di difesa esterni. Piastrine e spray I diffusori sono un eccellente sistema per tenere libero lo spazio delle nostre abitazioni. Collegati alla presa elettrica si scaldano e diffondono nellaria l'insetticida in modo continuativo: funzionano con piastrine o con liquidi e contengono lo stesso principio attivo degli spray, i piretroidi. Arieggiare i locali prima di soggiornarvi. La cameretta dei bambini Per i neonati la soluzione pi efficace ancora la zanzariera da applicare sulla culla. In questo modo anche se non avete le zanzariere alle finestre potete proteggere il piccolo spazio vitale. Ovviamente si sconsiglia l'uso di spray e piastrine in questi locali a meno di areare sufficientemente il locale prima di soggiornarvi, naturalmente questo metodo utile solo in presenza di zanzariere alle finestre. Sono inutili gli apparecchi ad ultrasuoni. Se scoprite una zanzara in casa la prima cosa da fare chiudere la porta della cameretta cos da evitare che ci si infili. I bambini piccoli hanno un metabolismo molto elevato e quindi producono anidride carbonica in abbondanza diventando un facile bersaglio per le zanzare. Aria condizionata La bassa temperatura rende gli insetti meno attivi e quindi meno aggressivi. Il brivido della caccia
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

119

Per quanto possiate prevenire l'introduzione di zanzare in casa vostra prima o poi capiter a tutti di doversi confrontare faccia a faccia con qualche fastidiosa e incauta succhia-sangue che ha superato le nostre barriere e si introdotta magari in camera da letto. Ecco qualche semplice consiglio per affinare la tecnica di "seek & destroy":

Illuminare bene la stanza sfruttando anche fonti luminose che proiettano obliquamente la luce sul muro. In questo modo un minuscolo insetto sar visibile dalla sua ombra ingrandita. Se la perdete di vista rimanete fermi per qualche minuto, se ancora non la sentite probabilmente sar posata su qualche superficie scura vicino a voi. Agitate le tende, spesso si nascondono tra le falde Aspiratutto portatile, racchetta elettrificata e la classica ciabatta sono tra le armi pi efficaci. Da preferire le prime due, non sporcano il muro. Se la scovate sul soffitto appallottolate una maglia o un asciugamano e fate un bel lancio in verticale. Se la spiaccicate sul muro quando piena di sangue, aspettate che secchi e poi grattate con una lama ben affilata.

11.4. Terrazza semichiusa Capitolo a cura del Dr. Paolo Manella Una terrazza da 35mq con due pareti chiuse una situazione favorevole per proteggere in modo efficace. Si tratta solo, infatti, di presidiare in modo corretto i due lati espost. Da considerare che una eventuale siepi o pianta folta potrebbero offrire riparo e protezione alle zanzare, favorendole sia nellavvicinamento alla terrazza sia nel pungere e correre al riparo subito. Trattandosi di una terrazza plausibile che non sia frequentata costantemente durante il giorno ma solo in determinati orari (per esempio per lora di cena). Lidea quella di combinare unazione repellente ed una insetticida. In tal caso lutilizzo di un insetticida piretroide offre questo doppio vantaggio, eliminando gli insetti presenti e garantendo una protezione che dura alcune ore (si ricorda che i piretroidi sono fotolabili e il sole degrada velocemente la molecola rendendola inefficace). Si consiglia un trattamento, al momento del bisogno, 10-30 min prima di soggiornare. Non necessario un trattamento classico con la pompa a spalla, basta uno spray insetticida per trattare superfici e in grado di rilasciare gradualmente il suo principio attivo, oppure disporre delle candele insetticida lungo i 2 lati. Sono invece sconsigliate trappole per zanzare, in quanto in un ambiente cos ristretto si manifesterebbe il risultato opposto, ossia tante zanzare in pi che arrivano e si dirigono verso di noi. Una soluzione ancora pi pratica l'utilizzo degli evaporatori di piastrine.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

120

11.5. Campi incolti coltivati ad orto I campi incolti sono spesso sede di piccoli rifiuti, teli di plastica abbandonati e comunque situazioni di degrado che permettono l'accumulo di piccole quantit di acqua. La zanzara tigre originaria delle giungle asiatiche trova in questi contesti ( simili a gusci di noci di cocco, cavit degli alberi, canne di bambu) la situazione ideale per riprodursi. Accumuli di vegetazione umidi e marcescenti sono anche i luoghi di riproduzione prediletti per i pappataci. Contro questi insetti ematofaghi non c'e' molto che si possa fare se non contrastare i luoghi di riproduzione. Sono talmente piccoli che le normali zanzariere non li fermano e una volta dentro le nostra abitazioni infliggono dolorosissime punture che impiegano parecchi giorni prima di scomparire. Se nel proprio giardino si pu curare la vegetazione e gestire anche i pi piccoli ristagni, confinando con campi incolti questo risulta impossibile. Discorso molto simile, se non peggiore, quando i campi che confinano con la propria abitazione sono adibiti ad orto. Le frequenti irrigazioni necessarie alle coltivazioni rendono l'area ricca di umidit. La cosa peggiore per sono i bidoni di raccolta dell'acqua onnipresenti e mal gestiti. I bidoni andrebbero coperti con zanzariere ben chiuse o bonificati con larvicida. Sono stati anche fatte delle prove per diffondere le Gambusie in questi contenitori. Senza i dovuti accorgimenti si creano dei veri e propri allevamenti di zanzare a cielo aperto. Tutti i comuni, durante il periodo estivo, emettono delle ordinanze specifiche che obbligano a non creare situazioni di proliferazione come quelle appena descritte. Nei casi pi gravi il consiglio quello di segnalarlo alle autorit competenti. Per ridurre il numero di zanzare che provengono da queste aree potete provare a creare delle vere e proprie barriere. Se avete una siepe sufficientemente folta, opportunamente irrorata con piretroidi, pu trasformarsi in un ostacolo impenetrabile per gli insetti che pungono. Si stanno affacciando sul mercato italiano i primi sistemi di nebulizzazione che funzionano proprio sfruttando questo principio. Anche le trappole per zanzare possono funzionare da barriera. E' nota la loro efficacia soprattutto posizionandole tra la presunta fonte degli insetti e il luogo dove si staziona abitualmente. Spesso non facile capire quale sia la fonte, ma in presenza di campi incolti o coltivati ad orto non si pu sbagliare. 11.6. Cimiteri Le zanzare per riprodursi hanno bisogno di acqua. Alcune specie possono gradire acque salmastre mentre altre acque marcescenti ma poco cambia, il concetto di base sempre lo stesso: "dove l'acqua ristagna per la zanzara
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

121

e una cuccagna". Specialmente la tristemente nota e fastidiosa zanzara tigre, capace anche di trasmettere malattie nel nostro paese, trova nei microristagni l'ambiente ideale per riprodursi. Infatti questa specie, originaria delle giungle del sud-est asiatico, sfrutta al meglio le situazioni tipiche di questi ambienti (gusci di noci di cosso, incavi degli alberi) per proliferare. Tutto questo per dire che le zanzare sono gi abbastanza brave a riprodursi da sole senza bisogno di avere il nostro aiuto. Una attenzione particolare va posta ai cimiteri dove i numerosissimi vasi e contenitori pieni di acqua sono un vero e proprio allevamento di zanzare a cielo aperto. La presenza di fiori e vegetazione immersa nell'acqua crea proprio la situazione preferita dalla zanzara tigre: acqua stagnante, marcescente e ricca di materiale organico. Chi abita nei dintorni dei cimiteri pu solo applicarsi per formare delle barriere artificiali verso questi ambienti in attesa che le ordinanze emesse da certi comuni (ma soprattutto il buon senso delle persone) evitino queste spiacevoli situazioni. Ecco alcune semplici regole che dovrebbero essere osservate nei cimiteri: Per i cittadini 1) eliminare i sottovasi posti allaperto. In alternativa cambiare lacqua almeno una volta alla settimana svuotandola sul terreno (non nei tombini) o introdurre nel sottovaso un fascio prodotti larvicidi in grani o pastiglie; 2) mantenere capovolti e svuotati dallacqua tutti gli annaffiatoi eventualmente lasciati in cimitero; 3) riempire di sabbia i vasi contenenti fiori finti qualora posti allaperto; 4) rimuovere lacqua stagnante da ogni invaso o incavo eventualmente presente sulle tombe allaperto Per le imprese operanti nei cimiteri 1) Rimuovere dalle aree esterne secchi, bidoni, carriole ecc.. dopo luso o precipitazione atmosferica, svuotarli sul terreno (e non nei tombini) e mantenerli capovolti; 2) Ridurre al minimo indispensabile il tempo di stoccaggio in cimitero dei rifiuti procedendo ad una decisa intensificazione del trasporto in discarica; Eventuali interventi adulticidi assolutamente inutili. in assenza di questi accorgimenti sono

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

122

11.7. Gestione siepe Le zanzare amano tutti quei luoghi con folti vegetazione particolarmente freschi e ombreggiati dove riposare nelle ore pi calde della giornata. Uno di questi sono sicuramente le siepi che spesso circondano i giardini. Molte volte, proprio per la disposizione "in linea", le siepi sono irrigate da tubi irrigatori a goccia che rilasciano poca acqua per un lungo periodo di tempo. A causa di questa irrigazione la loro base costantemente umida rendendola ancora pi gradita alle zanzare, soprattutto tigre. Per sapere se la tua siepe infestata dalle zanzare puoi agitare le foglie durante le ore pi calde della giornata oppure spruzza una piccola zona con insetticida. Se vedi alzarsi nugoli di zanzare il caso di applicarsi per risolvere il problema. Ma la siepe non solo uno svantaggio, anzi pu essere usata come barriera verso l'esterno. Le zanzare volano basso, specialmente le tigre quasi rasoterra (infatti pungono sempre caviglie e polpacci, ci avevi fatto caso?), per superare gli ostacoli volano a distanza di pochi cm da muri e vegetazione. Tutti gli insetticidi piretroidi sono anche repellenti, quindi allontanano le zanzare. Effettuare disinfestazioni sulla siepe che circonda un giardino, anche piccolo, oltre che bonificare una fonte molto probabile delle zanzare crea una barriera impenetrabile che impedisce alle zanzare di avvicinarsi dall'esterno. Se la conformazione della siepe ti consente una buona difesa perimetrale potrai concentrarti sulla lotta nel tuo giardino senza doverti preoccupare anche delle zanzare che magari il tuo vicino indisciplinato sta allevando nei suoi sottovasi o nei suoi bidoni di raccolta per l'acqua piovana. 11.8. Zanzare e Condominio Come spiegato nei prossimi capitoli ogni primavera quasi tutti i Comuni emettono delle ordinanze per prevenire il diffondersi delle zanzare. Gli obblighi di legge prevedono generalmente la gestione dei ristagni, la cura del verde e, in alcuni casi, l'obbligo ad effettuare interventi di disinfestazione. Prevenire il diffondersi delle zanzare prima di tutto un segno di civilt che non pu fare altro che aumentare la qualit della vita di tutti, inoltre sappiamo che possono trasmettere pericolose malattie. In ogni caso il mancato rispetto di queste ordinanze espone al rischio di vedersi recapitare multe salate. Gli obblighi riguardano tutti, dalle aziende ai privati cittadini e naturalmente i condomini. La responsabilit nei contesti condominiali dell'amministratore, il quale si deve preoccupare di mettere in atto le misure necessarie a contenere questi sgraditi ospiti estivi. Nella stragrande maggioranza dei casi ci si affida ad una
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

123

ditta di disinfestazione. I costi sono piuttosto elevati e gli interventi, quasi sempre pianificati preventivamente a calendario, spesso non portano i benefici sperati. Innanzitutto ecco alcuni consigli per scegliere i professionisti adatti alle proprie esigenze, devi sapere comunque che la soluzione fai-da-te pu avere notevoli vantaggi. Effettuando gli interventi da se si pu essere molto mirati, agire in base alle condizioni atmosferiche e utilizzare una quantit di insetticida molto ridotta rispetto agli interventi massivi. Basta dotarsi si una pompa zaino elettrica (pratica e silenziosa) e di qualche litro di insetticida per affidare il lavoro ad un portinaio o a qualche inquilino volenteroso con notevoli risparmi e efficacia spesso maggiore. Un capitolo fondamentale, sempre trattato dalle ordinanze antizanzara, la prevenzione larvicida. Spesso nei contesti condominiali la numerosa presenza di tombini di scolo delle acque causa di ristagni che diventano in breve tempo focolai di zanzare. Non a caso gli spazi dei box sono frequentemente resi impraticabili dalla massiccia presenza di zanzare tigre. In questi contesti una soluzione utilizzare le pastiglie di larvicida ogni 15 giorni o ogni violento temporale. In alternativa sono molto pratiche le zanzariere per tombini, grazie a un meccanismo basculante permettono il deflusso delle acque ma non l'accesso alle zanzare per deporre le uova. Una volta posizionati non si pi obbligati ad avere una persona che posiziona il larvicida a cadenza prestabilita. Ideali per l'utilizzo in condominio sono anche le trappole per zanzare ad emissione di anidride carbonica Mosquito Magnet. Questi apparecchi sono capaci di interrompere il ciclo di riproduzione delle zanzare nell'area in cui operano con un raggio d'azione fino a 5000 mq. I giardini condominiali sono solitamente grandi abbastanza per godere dei vantaggi di questi apparecchi che a causa del nugolo di zanzare che li circonda quando sono in funzione devono essere posizionati ad almeno 10 metri da dove stazionano le persone abitualmente.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

124

12. Curare le punture


I prodotti definiti "dopo puntura" o "after-bite" sono quelli che, applicati sulle punture di zanzara, dovrebbero attenuare il prurito causato dalla puntura. Le tipologie di prodotti di questo tipo in commercio sono molte: a base di ammoniaca, con pizo elettrico o semplicemente a base di oli naturali. Il Ministero ha emesso una circolare che definisce dettagliatamente le caratteristiche che questi prodotti devono presentare chiarendo i problemi pi comunemente riscontrati nei prodotti in commercio sul territorio italiano. La Circolare contiene chiarimenti per il corretto inquadramento normativo dei prodotti e la corretta presentazione commerciale del prodotto al pubblico. Per approfondire puoi consultare la Circolare del 16 febbraio 2011 (http://www.normativasanitaria.it/normsan-pdf/0000/37383_1.pdf). Le creme, gli stick e gli unguenti da applicare sulle punture di insetto sono cosmetici, e come tali non devono promettere di alleviare il dolore oppure di avere un effetto repellente verso gli insetti o proteggere dalle punture. I prodotti "dopo puntura" devono avere lelenco degli ingredienti sulla confezione. Da considerare che solitamente si tratta di prodotti a base di ammoniaca o alcol, sostanze che possono provocare irritazione o fotosensibilit all'esposizione solare. Alle volte possono contenere sostanze allergizzanti come come oli essenziali o conservanti. Non sono rare le irregolarit, come segnalato da Altroconsumo, che ha rilevato nei seguenti prodotti la presenza di informazioni non corrette riportate in etichetta: Zcare afterbite gentile e Vape Derm Herbal Gel. Altroconsumo continua la sua indagine segnalando i prodotti indicati adatti per i bambini piccoli. Gli ingredienti indicati in Chicco Penna Sollievo lenitivo 0+ e Orphea dopopuntura pelli sensibili comprendono alcol, conservanti e composti segnalati come frequenti allergeni. Tra l'altro non la prima volta che si rileva una informazione equivoca nei prodotti Orphea come nel caso del repellente Orphea baby alle essenze naturali di fiori che contiene DEET. Ma allora che cosa fare quando si viene punti, soprattutto per i bambini pi piccoli? Medicare le punture di zanzara non solo un inutile sfizio di chi non vuole sopportare qualche minuto di fastidioso prurito. In molti casi, soprattutto nei pi piccoli e in occasione delle punture di zanzare tigre, i ponfi si infettano causano piccole piaghe che persistono anche diverse settimane. Nei casi pi gravi posso dare reazioni allergiche causando il gonfiori di tutta la zona adiacente alla puntura.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

125

Il decorso tipico per la zanzara tigre il seguente: subito dopo la morsicata

viene una bella bolla pruriginosa che si allarga a vista d'occhio. Dopo qualche minuto diminuisce fino quasi a scomparire, aspettando qualche ora si riforma un ponfo vero e proprio, rosso e duro che persiste parecchi giorni. Spesso nei pi piccoli, che si grattano al bisogno, si infetta formando una bollicina in mezzo che poi scoppia lasciando una crosticina.
Nelle persone particolarmente sensibili (o allergiche) alle sostanze contenute nella saliva della zanzara si possono formare edemi emorragici veri e propri curabili con pomate al cortisone o addirittura con l'assunzione di cortisone per via orale. Mi limito a descrivere le principali e pi efficaci pomate per le reazioni normali alle punture lasciano al vostro medico/pediatra le considerazioni per i casi pi gravi.

Allume di potassio o Allume di Rocca


Il solfato doppio di alluminio e potassio dodecaidrato pi noto come allume di potassio (o Allume di Rocca) un sale che a temperatura ambiente si presenta come un solido incolore ed inodore. Basta bagnarlo leggermente e strofinarlo sulla puntura per eliminare il prurito causato dai pizzichi delle zanzare e dai pappataci. Inoltre attenua il rossore e le irritazioni cutanee, un antibatterico naturale ed ha propriet cicatrizzanti. Si trova nelle erboristerie e nei negozi di prodotti naturali. Gel astringente al cloruro di alluminio al 5% Usata anche per disturbi cutanei e le punture urticanti delle meduse produce un sollievo quasi immediato scongiurando le infezioni da grattamento. E' adatta anche per i pi piccoli. Il prodotto testato, facilmente reperibile in farmacia, Technical Comsetics. Olio di Neem quello della MOST

Qualche goccia di olio di Neem sulla puntura agisce rapidamente come lenitivo riducendo il prurito. Si pu usare anche come repellente.
I farmaci

Le pomate al cortisone vanno bene per curare la puntura ma bisogna ricordare che sono inutili come lenitivi, infatti entrano in funzione dopo 30 minuti cio quando il prurito gi terminato cos come la crema con antistaminico che inoltre fotosensibilizzante.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

126

Altri rimedi

Attenzione a non fare pi danni di quelli che si vogliono eliminare. Infatti spesso si ricorre al rimedio fai-da-te come applicare ammoniaca o frizionare con del limone. Il primo rimedio di solito ustiona la pelle e il secondo rende la pelle fotosensibile per cui poi ci scottiamo al sole.
Infine si pu applicare un cubetto di ghiaccio sulla puntura per rallentare la circolazione del sangue nella zona colpita e ridurre il prurito oppure fare la famosa X con l'unghia che si deve incrociare proprio sopra la puntura.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

127

13. La normativa vigente


Le leggi regionali riconoscono ai sindaci la possibilit di emanare ordinanze ai fini di igiene e sanit pubblica. La tutela della salute dei cittadini da ogni possibile conseguenza derivante dallinfestazione di zanzare rientra tra queste responsabilit. Stabilito che ogni Comune responsabile per il proprio territorio delle azioni di controllo delle zanzare naturale che ognuno di questi emetta (o dovrebbe farlo) ordinanze che dettagliano diritti e doveri del Comune stesso e dei cittadini nella lotta e nel contenimento di questi fastidiosi insetti. Dato che tutti i Comuni sono dotati di sito internet facile verificare se questa ordinanza esiste. In linea di massima i contenuti saranno i seguenti: I Regolamenti di igiene vigente prevededono che tutti gli interventi di disinfestazione siano effettuati a cura e spese dei proprietari degli edifici e dei terreni o di chi ne ha leffettiva disponibilit quindi l'oridinanza si rivolge a tutta la cittadinanza e a aziende pubbliche e private spesso identificate come:

Tutti i cittadini, ai proprietari, agli amministratori condominiali e a tutti coloro che hanno leffettiva disponibilit di edifici adibiti ad abitazione o ad altri usi, ai soggetti pubblici e privati gestori di corsi dacqua, scarpate stradali, cigli stradali, alle aziende agricole e zootecniche e chiunque allevi animali o li accudisca anche a scopo zoofilo, a tutti i conduttori di orti, ai proprietari e responsabili di depositi e attivit industriali, artigianali e commerciali, con particolare riferimento alle attivit di rottamazione e in genere di stoccaggio di materiali di recupero, ai gestori di depositi, anche temporanei, di copertoni per attivit di riparazione, rigenerazione e vendita e ai detentori di copertoni in genere, ai responsabili dei cantieri ... e chi pi
ne ha pi ne metta. Gli obblighi per i soggetti citati si possono riassumere in: Evitare ristagni di acqua o trattarli con larvicidi ove non possibile l'eliminazione. Effettuare interventi adulticidi quando si rilevi una presenza particolarmente elevata di insetti adulti Mantenere giardini, orti, cortile e altro in perfetto stato di ordine e pulizia Rimuovere oggetti abbandonati e coprire con zanzariere eventuali contenitori inamovibili Pi tutta una serie di consigli, che variano in base al comune ed al soggetto a cui si rivolgono, atti a limitare il proliferare di questi fastidiosi insetti. Cosa succede a chi non rispetta l'ordinanza?

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

128

La Polizia Locale incaricata dellattivit di controllo del rispetto di queste ordinanze esercitando vigilanza tramite sopralluoghi e riscontro dei documenti di acquisto dei prodotti per la disinfestazione da parte dei soggetti pubblici e privati interessati o degli attestati di avvenuta bonifica rilasciati da imprese specializzate. La responsabilit per eventuali inadempienze, che saranno sanzionate secondo la vigente normativa in materia, verranno fatte ricadere su colui/coloro che risulter/risulteranno avere titolo per disporre legittimamente del sito o dei siti dove tali inadempienze avranno avuto luogo. I trasgressori della presente ordinanza sono passibili della sanzione amministrativa pecuniaria di euro da 25,00 a 500,00. Nel caso di inosservanza di quanto previsto dalla presente Ordinanza lesecuzione degli interventi necessari avverr dufficio e la relativa spesa sar a carico degli inadempienti secondo le procedure modalit vigenti in materia. E i Comuni? I comuni dovrebbero fare lo stesso... larvicida in caditoie e tombini, trattamenti adulticidi nelle aree pubbliche, cura e igiene per i parchi. Esistono poi Comuni che fanno di pi distribuendo gratuitamente i prodotti larvicidi o contribuendo all'acquisto permettendo cos prezzi agevolati.

Ricordiamoci comunqe che circa il 70% del territorio privato.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

129

14. Conclusioni
Eccoci giunti allultimo capitolo. Innanzitutto ti ringrazio per avere letto questo libro fino alla fine, mi auguro che possa esserti utile per goderti meglio il tuo giardino. Sarei lieto di ricevere un tuo commento relativamente a quello che hai letto. Saranno apprezzatissime: critiche, consigli, segnalazioni e ogni altra cosa ti viene in mente. Scrivi pure a: info@mosquitoweb.it Se vuoi rimanere aggiornato sullandamento delle nostre battaglie contro le zanzare e sui prodotti e armi in commercio puoi restare sintonizzato sui seguenti canali. Il sito web del MosquitoWeb: http://www.mosquitoweb.it La pagina su Facebook: http://www.facebook.com/mosquitoweb Tutti i prodotti di cui abbiamo parlato nel libro possono essere acquistati sul negozio on-line del MosquitoWeb, dove puoi leggere le opinioni di altri utenti e confrontarti con loro sul forum. Ti aspettiamo

Goditi lestate, Mario Burgo

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

130

15. Appendice A: speranze per il futuro


Riusciremo mai a liberarci completamente dalle zanzare? Sappiamo che sono sopravvissute ai dinosauri senza sostanziali modifiche evolutive quindi la lotta sar ardua ma... vediamo cosa possiamo aspettarci dal progredire della ricerca scientifica. Tecnica del maschio sterile La tecnica del maschio sterile si basa sullidea di liberare nellambiente migl iaia di maschi di zanzara precedentemente sterilizzati a seguito dellesposizione a radiazioni. Lunico caso in cui questa tecnica ha dato risultati soddisfacenti, portando alleradicazione della specie stato nel 1958 nellisola di Curaao contro un dittero sarcofagide Cochliomyia hominivorax parassita del bestiame che provocava gravi danni economici agli allevatori. La specie fu eradicata nel giro di 4 generazioni! Fino a tempi recenti non si sono avuto buoni risultati anche per la scarsit di conoscenze dellecologia e della biologia degli insetti che si vogliono combattere. Le nuove conoscenze consentono ora di riprendere in mano questi esperimenti e di cercare di valutare lefficacia di queste tecniche. Per poter dare risultati significativi sono necessari alcuni requisiti che, nel caso della zanzara tigre in Italia, sono rispettati: La base genetica delle popolazioni italiane risulta assai simile; La diffusione della Zanzara Tigre legata alle zone urbane con una distribuzione a isole. Le capacit di dispersione attiva della specie risultano limitate a poche centinaia di metri; I metodi di lotta convenzionali non raggiungono risultati soddisfacenti; La specie si presta allallevamento in strutture artificiali. Uno studio, effettuato presso il Centro agricoltura e ambiente G. Nicoli di Crevalcore nel corso dellestate 2005, si concentrato sulla messa a punto delle condizioni ottimali per la produzione di maschi sterili in massa e per il loro rilascio nelle zone infestate. La sterilizzazione dei maschi di zanzara si ottiene tramite irraggiamento. I maschi irraggiati vengono poi confrontati con quelli fertili per verificarne la capacit competitiva. I risultati dellesperimento per, anche se molto interessanti e promettenti, sono ancora preliminari. Numerosi problemi devono essere infatti risolti prima di poter considerare questa tecnica affidabile per applicazioni al di fuori delle condizioni di laboratorio e di ambiente circoscritto.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012

131

I risultati mostrano che i maschi sterili sono in grado di accoppiarsi con le femmine vergini selvatiche e di indurne sterilit. Tuttavia i livelli di sterilit indotti sono al momento scarsi e insufficienti a determinare il collasso progressivo della popolazione. Zanzare femmine che non volano I ricercatori dellUniversit della California a Irvine e dellUniversit di Oxford hanno creato in laboratorio un nuovo ceppo di zanzare le cui femmine non possono volare. La scoperta stata fatta nell'ambito della ricerca dei sistemi di lotta alla Dengue, una malattia tropicale che con 50-100 milioni di casi allanno e il 40 per cento della popolazione mondiale a rischio, rappresenta uno dei pi pressanti problemi di sanit pubblica nel mondo. Queste femmine, incapaci di volare, dovrebbero morire rapidamente, riducendo in modo drastico le popolazioni e di conseguenza anche il numero di contagi. I ricercatori hanno introdotto unalterazione genetica in alcuni esemplari di Aedes Aegypti in grado di interferire con lo sviluppo della muscolatura delle ali nella progenie di sesso femminile. Le zanzare di sesso maschile, per contro, non hanno effetti fenotipici, ma ci non rappresenta un problema perch esse non pungono e non trasmettono il virus. Secondo gli studiosi, questo nuovo approccio dovrebbe sopprimere le popolazioni di zanzare nella regione in cui venisse applicato entro un periodo di 6-9 mesi.

Laser
Una nuova tecnologia in grado di eliminare zanzare a colpi di laser e' stata messa a punto in laboratorio di ricerca di Bellevue, vicino a Seattle, nello Stato di Washington. L'hanno realizzata scienziati che - come precisa il Wall Street Journal - ai tempi della Guerra Fredda erano impegnati a studiare le strategie e i sistemi di difesa migliori per proteggere gli Stati Uniti dall'eventuale attacco di missili sovietici. Oggi quelle loro stesse ricerche sono impiegate in un altro tipo di prevenzione: come difendere l'uomo dalle zanzare. La risposta l'hanno data alcuni astrofisici che lavoravano su progetti di scudo spaziale e che oggi lavorano per la Intellectual Ventures LLC. Le zanzare possono essere abbattute a colpi di laser grazie a un programma gestito da un computer sensibile, capace di rilevare e distinguere una zanzara a decine di metri di distanza e 'bruciarla' all'istante, basta un lampo di laser.

Esanolo e butanale
Si tratta di una nuova classe di composti che potrebbe essere alla base dello sviluppo di repellenti per zanzare economici e sicuri. Sono stati individuati da un gruppo di ricercatori dell'Universit della California.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

132

E' noto che quando il moscerino della frutta sottoposto a uno stress, emette biossido di carbonio, in modo da segnalare la possibile presenza di un pericolo agli altri moscerini. Il problema che il biossido di carbonio viene emesso anche da importanti fonti alimentari del moscerino: se la risposta innata del moscerino al CO2 la fuga, come pu trovare il proprio cibo? Anandasankar Ray e Stephanie Turner sono riusciti a risolvere questo apparente paradosso identificando un gruppo di sostanze odorose emesse dalla frutta in maturazione che bloccano il funzionamento dei sensori per il CO2 sulle antenne. Le due sostanze pi efficaci sulla drosofila sono in particolare l'esanolo e il 2,3- butanedione. La ricerca, osservano i due biologi, ha significative implicazioni per il controllo delle malattie trasmesse dalle zanzare Culex. "Il CO2 emesso dal respiro umano il principale fattore di attrazione per le zanzare Culex", spiega Ray. "Nei nostri esperimenti abbiamo identificato l'esanolo e un altra sostanza odorosa, il butanale, che sono potenti inibitori dei neuroni sensibili al CO2 nella zanzara Culex. Questi composti possono essere ora usati per indirizzare la ricerca verso lo sviluppo di nuovi repellenti e agenti di mascheramento che siano economici e ambientalmente sicuri ma che blocchino la capacit della zanzara di rilevare il CO2 del nostro respiro, cos da ridurre drasticamente il contatto uomo-zanzara". L'efficacia di questa nuova classe di sostanze appare esaltata dal fatto che alcune di esse esplicano la loro azione ben al di l del periodo di applicazione: "Con nostra sorpresa abbiamo scoperto che l'esposizione a un inibitore della risposta al CO2 di lungo periodo pu esercitare un profondo e specifico effetto sul comportamento dell'insetto anche molto dopo che l'inibitore non pi nell'ambiente. Ci significa che queste sostanze possono potenzialmente tenere alla larga le zanzare per periodi di tempo pi lunghi, con grande beneficio per le popolazioni che vivono in aree in cui le malattie trasmesse dalle zanzare sono diffuse.

Pepe
Alcuni ricercatori americani hanno scoperto una serie di nuovi potenziali repellenti contro le punture di insetto che hanno un'efficacia fino a tre volte superiore al Deet, il principio attivo presente nella maggior parte dei prodotti in commercio che servono ad allontanare le zanzare. Gia' negli anni '40 gli scienziati dell' Us department of agricolture(Usda), alla ricerca di nuovi e piu' efficaci repellenti per gli insetti avevano scoperto il Deet da un insieme di 40.000 composti chimici. Ora,nonostante i repellenti a base di Deet offrano una buona protezione rispetto ad una vasta gamma di insetti, la diffusione di malattie come la malaria e la dengue non accenna ad arrestarsi.
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it V2.0 25 aprile 2012

133

Il gruppo di ricerca ha vagliato migliaia di potenziali composti usando un programma computerizzato per la scoperta dei farmaci con il quale ha individuato delle sostanze conosciute come N-acylpiperidine, correlate con un ingrediente attivo del pepe, che sono state poi testate su diversi volontari. In questo modo i ricercatori hanno individuato 23 composti con un'efficacia equivalente o superiore al Deet di cui alcuni mostrano capacita' protettiva di durata tre volte maggiore. Gli scienziati hanno in programma di continuare la sperimentazione su sette dei composti piu' promettenti al fine di creare una nuova generazione di repellenti e stabilire la loro efficacia contro le varie specie di insetti.

Nonanale
Alcuni ricercatori della Universit della California hanno individuato l'odore dominante prodotto naturalmente negli esseri umani e dagli uccelli che attira le zanzare. I risultati di questa ricerca spianano la strada per nuovi sviluppi nella lotta alle zanzare e alle malattie da esse trasmesse.

16. Appendice B: curiosit


16.1. Dissanguati dalle zanzare Che le zanzare possano pungere un individuo fino a dissanguarlo ovviamente una esagerazione, per ci sono dei precedenti e si stima che un milione di punture possano essere sufficienti. Risale al 1995 la notizia riportata dal Corriere della Sera di un caso di dissanguamento da zanzare verificatosi vicino a San Pietroburgo in Russia. Pare che il malcapitato sia morto dopo essere stato punto molteplici volte da sciami di zanzare. Il singolare e agghiacciante episodio sarebbe avvenuto nella zona di Primorskoe, una trentina di chilometri circa dalla citt di San Pietroburgo, dove l'uomo era in vacanza nella sua dacia. Dopo aver bevuto mezza bottiglia di vodka (solo?), aveva deciso di fare una passeggiata. Per il caldo aveva tolto la camicia e si era sdraiato sotto un albero, addormentandosi. Il giorno dopo il giovane e' stato trovato morto nello stesso posto senza alcun segno di violenza sul corpo. La perizia medica avrebbe accertato che a provocare la morte sono state le zanzare, posatesi a sciami sul corpo. "Le zanzare gia' sazie (e ubriache direi) cedevano il posto a quelle appena arrivate: l'incubo e' durato finche' gli insetti non gli hanno succhiato tutto il sangue", scrive il quotidiano "Rossiiskie Vesti". Ma quante zanzare ci vogliono per dissanguare un uomo? Indicativamente una puntura di zanzara pu prelevare circa 5 milligrammi sangue. Il volume medio di sangue presente nel corpo umano di 5 litri e densit ematica corrisponde a 1.060 kg/m. In queso modo si pu calcolare massa del sangue contenuto approssimativamente da un corpo umano che
Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

di la la di

V2.0 25 aprile 2012

134

5,30 kg. Dividendo per la quantit di sangue prelevata durante una singola puntura (5 mg) si ottiene il valore di 1.060.000. Quindi un milione di zanzare che si accaniscono contro un singolo individuo potrebbero dissanguarlo completamente. Un motivo in pi per odiare questi maledetti insetti, no? 16.2. Bionde In un libro intitolato "Mosquito: A Natural History of Our Most Persistent and Deadly Foe" il Professor Andrew Spielman, un esperto di insetti e delle malattie che essi portano, afferma che le zanzare preferiscono le donne con i capelli biondi o rossi. Non tutte le persone attraggono le zanzare allo stesso modo. Le ricerche sull'argomento, ancora in corso senza apparenti risultati significativi, sembrano evidenziare che alcuni fattori su cui esse si basano sono l'ovulazione, l'odore emesso dal corpo, la sudorazione e la temperatura corporea. 16.3. Leggenda vietnamita Secondo unantica leggenda vietnamita, la nascita delle zanzare da attribuire alla storia di un amore tradito. Molti anni ora sono, due giovani sposi abitavano in un villaggio costruito sulle palafitte: erano innamorati e felici, ma lei un giorno si ammal e rapidamente mor. Il tormento dello sposo fu tale che il genio della palude, intenerito, decise di intervenire e don di nuovo la vita alla fanciulla prendendola da una goccia di sangue estratta dal dito del marito. La magia fu compiuta, perch la sposa immediatamente ricominci a vivere e il matrimonio dei due riprese pi sereno e felice di prima. Dopo molti anni lei prese la decisione di fuggire e di restituire limmenso dono ricevuto, per cui si punse il dito, don la goccia al consortee in un attimo divenne polvere. Nulla pi del suo corpo, solo la polvere che, caduta nellacqua della palude, si trasform in larva: larva di zanzara. La zanzare incarnerebbe quindi la sposa infelice, che si accanisce a pungere gli umani perch spera di trovare la goccia di sangue che di nuovo le doni la vita.

Il presente testo stato creato da Mario Burgo fondatore del sito: http://www.mosquitoweb.it Contattami a: mailto:info@mosquitoweb.it

V2.0 25 aprile 2012