Sei sulla pagina 1di 0

Appunti di Appunti di Comunicazioni Elettriche Comunicazioni Elettriche

Trasmissione su cavo coassiale


Introduzione ............................................................................................... 1
Mezzi trasmissivi ad onde guidate .............................................................. 2
Equalizzazione su un cavo coassiale........................................................... 2
Equalizzazione passiva ......................................................................... 6
Esempio numerico: trasmissione del segnale TV bianco-nero..................... 7
INTRODUZIONE
I mezzi trasmissivi sono i mezzi lungo i quali i segnali si propagano
da una localit allaltra. Visto tra i morsetti di entrata e quelli di uscita, un mezzo
trasmissivo non altro che un doppio bipolo.
Un mezzo trasmissivo ideale semplicemente caratterizzato da una attenuazione costante con
la frequenza e da un ritardo di fase che cresce in maniera direttamente proporzionale con la
frequenza: mentre lattenuazione non arreca un gran danno, in quanto compensabile (almeno
teoricamente) con una amplificazione
1
, il ritardo non compensabile in alcun modo. I mezzi
trasmissivi reali presentano una attenuazione ed un ritardo di fase
che, nella migliore delle ipotesi, non sono costanti con la
frequenza (mentre possono esserlo in prima approssimazione col tempo, per cui parliamo di
mezzi trasmissivi con caratteristiche quasi-stazionarie), il che influisce notevolmente sul progetto dei
sistemi di trasmissione.
I mezzi trasmissivi si possono suddividere in due grandi classi in base al tipo di propagazione
delle onde:
mezzi trasmissivi con onde guidate (tutti i mezzi in rame e le fibre ottiche): questi mezzi
trasmissivi, utilizzando lungo tutto il percorso una struttura appositamente costruita, hanno il
grande pregio di presentare caratteristiche di trasmissione ben controllabili; il difetto invece
relativo allattenuazione, legata alla dissipazione di potenza nei conduttori di guida: in
particolare, tale attenuazione (espressa in unit logaritmiche e cio in dB) cresce
proporzionalmente alla distanza;
al contrario, i mezzi trasmissivi con onde irradiate (costituiti semplicemente dal mezzo
in cui avviene la propagazione del segnale da una antenna trasmittente verso una antenna
ricevente) sono molto meno sotto il controllo delluomo, ma presentano, oltre al vantaggio di
un costo generalmente minore, quello di una attenuazione che cresce assai pi lentamente con
la distanza: nello spazio libero si trova infatti che il rapporto tra la potenza ricevuta e la
potenza trasmessa varia in modo inversamente proporzionale al quadrato della distanza.
Nonostante questi mezzi non siano mantenibili sotto controllo, essi hanno in alcuni casi
caratteristiche di trasmissione molto favorevoli, almeno per ci che riguarda la costanza

1
Bisogna per sempre fare i conti col rumore, nel senso che lattenuazione pu essere tale da portare il segnale sotto la soglia del
rumore, rendendolo cos indistinguibile dal rumore stesso
Appunti di Comunicazioni Elettriche
Autore: Sandro Petrizzelli
2
dellattenuazione e del ritardo rispetto alla frequenza: questo dovuto al fatto che presentano
una banda passante relativamente piccola. Inoltre, essi sono generalmente gli unici adottabili
nel caso di comunicazioni con veicoli o stazioni mobili.
MEZZI TRASMISSIVI AD ONDE GUIDATE
Consideriamo adesso un mezzo trasmissivo con onde guidate. Abbiamo detto prima che
lattenuazione (in dB) cresce linearmente con la distanza, per cui si ragiona in termini di
attenuazione specifica, intesa come dB di attenuazione al Km: ad esempio,
dire che un cavo coassiale ha una attenuazione specifica di 2 dB/Km significa che la potenza del
segnale diminuisce di 2 dB per ogni km di lunghezza del cavo stesso; se il cavo lungo 100 km,
lattenuazione complessiva ovviamente di 200 dB.
In realt, c da particolarizzare ulteriormente il concetto di attenuazione specifica, visto che essa
dipende dalla frequenza: bisogna dire che un cavo coassiale ha una attenuazione specifica ] dB [
S
ad
una certa frequenza
S
f . Nota questa informazione, possibile calcolare lattenuazione specifica del
mezzo considerato in corrispondenza di un qualunque frequenza: infatti, si verifica che
lattenuazione specifica di un cavo coassiale dipende in modo direttamente proporzionale dalla
radice quadrata della frequenza
2
, da cui si deduce che vale la formula
( ) he logaritmic unit
f
f
) f (
S
S
=
In base a questa formula, possibile ricavare lattenuazione specifica (f) (espressa in dB) ad una
qualsiasi frequenza f nota che sia lattenuazione specifica
S
(sempre in dB) ad una qualsiasi altra
frequenza f
S
.
Ricordiamo infine che la dipendenza di dalla radice quadrata della frequenza dovuta al fatto
che, allaumentare della frequenza, risulta sempre maggiore leffetto Pelle.
EQUALIZZAZIONE SU UN CAVO COASSIALE
Consideriamo un cavo coassiale di lunghezza L (in Km), avente una attenuazione specifica a
frequenza fissata: tanto per fissare le idee, supponiamo ad esempio una attenuazione specifica
dB/Km 2 = alla frequenza di 1 MHz
3
.
Supponiamo che questo cavo venga utilizzato per collegare un trasmettitore T
X
ad un
ricevitore R
X
:
T
X
mezzo trasmissivo
R
X
P
T P
R

2
il che significa che lattenuazione cresce alle alte frequenze, ossia che il cavo coassiale un tipico mezzo trasmissivo passa-basso
3
Solitamente, per indicare la frequenza cui riferito il valore dellattenuazione specifica, si usa il simbolo @ (chiocciolina) seguito
appunto dalla frequenza: ad esempio =2 dB/Km @ 1MHz
Trasmissione su cavo coassiale
Autore: Sandro Petrizzelli
3
Indichiamo con P
T
la potenza trasmessa dal trasmettitore (cio quella inviata al mezzo
trasmissivo) e con P
R
quella ricevuta dal ricevitore (ossia quella in uscita dal mezzo trasmissivo).
Una prima osservazione fondamentale la seguente: se il mezzo trasmissivo passa-basso,
come il cavo coassiale che stiamo considerando, non detto che la trasmissione debba avvenire
mediante una qualche tecnica di modulazione; infatti, se il segnale da trasmettere a sua volta passa-
basso o presenta comunque la gran parte del proprio contenuto informativo alle basse frequenze, la
modulazione non avrebbe senso, in quanto andremmo a traslare il segnale dalla banda base, nella
quale il mezzo trasmissivo attenua poco, ad una banda nella quale il mezzo attenua invece molto di
pi. Un esempio semplice quello di un singolo segnale telefonico, la cui banda va notoriamente
da 300 Hz a 3400 Hz. Il discorso cambia, ovviamente, quando vogliamo trasmettere pi segnali in
contemporanea (ad esempio pi conversazioni telefoniche): con tecniche di trasmissione analogica, il
modo migliore quello della tecnica FDM (Frequency Division Multiplexing), in base al quale i vari
segnali vengono allocati in frequenza su bande adiacenti (opportunamente distanziate); in questo
caso, la modulazione necessaria proprio per allocare i vari segnali in frequenza e quindi, nel
progetto del sistema di trasmissione, si deve tenere presente lattenuazione introdotta dal mezzo
trasmissivo ad ogni frequenza, in modo da capire con quali distorsioni arrivi ciascun segnale al
ricevitore.
Torniamo adesso allo schema a blocchi tracciato prima: vogliamo capire come il segnale
trasmesso arriva il ricevitore dopo il passaggio attraverso il mezzo trasmissivo. Il modo pi semplice
di affrontare questo problema quello di supporre che il segnale s(t) trasmesso abbia una densit
spettrale di potenza (che indichiamo con h
S
) costante entro una certa banda B:
h
S
B
f
Questa ipotesi di partenza non lede assolutamente la generalit del discorso, ma lo semplifica.
Se il mezzo trasmissivo fosse ideale, ossia con attenuazione costante in frequenza, il segnale in
uscita da esso avrebbe ancora una densit spettrale di potenza costante nella banda B, ma ad un
livello pi basso di quello di aveva in ingresso:
h
S
B
f
h
Su
Questo, nella realt, non avviene, perch il mezzo trasmissivo passa-basso, per cui attenua
maggiormente le alte frequenze. Ci significa che la densit spettrale di potenza ) f ( h
So
del segnale
in uscita dal mezzo trasmissivo del tipo seguente:
Appunti di Comunicazioni Elettriche
Autore: Sandro Petrizzelli
4
h
S
B
f
h
So
(f)
Questo diagramma particolarmente utile in quanto, se ne facciamo il rapporto con il
diagramma di h
S
, otteniamo proprio landamento dellattenuazione (questa volta espressa in unit
naturali e non pi in dB) in funzione della frequenza:
1/h
S
B f
) f (
1
Perfezioniamo adesso lo schema a blocchi del nostro sistema di trasmissione, introducendo, a
valle del mezzo trasmissivo, il classico rumore additivo gaussiano bianco (con densit
spettrale di potenza h
n
) dovuto in parte alla rumorosit del mezzo stesso e in parte alla rumorosit
dellapparecchiatura:
T
X
mezzo trasmissivo
R
X
h
S
h
So
+
h
n
In definitiva, quindi, lapparato ricevente riceve in ingresso un rumore con densit spettrale
costante in frequenza ed un segnale la cui densit spettrale ) f ( h
So
non pi costante in frequenza,
ma stata distorta dallattenuazione introdotta dal mezzo trasmissivo:
h
S
B
f
h
So
(f)
h
n
f
segnale
rumore
Trasmissione su cavo coassiale
Autore: Sandro Petrizzelli
5
Il nostro obbiettivo adesso quello di riportare la densit spettrale di potenza del segnale sul
valore costante h
S
che aveva prima della trasmissione: solo in questo modo, infatti, il ricevitore
otterr proprio il segnale emesso dal trasmettitore, con in pi, ovviamente, il rumore. Loperazione
di riportare le componenti in frequenza del segnale nuovamente alla stessa potenza h
S
iniziale prende
il nome di equalizzazione attiva del mezzo trasmissivo.
Il modo pi semplice di procedere quello di utilizzare, a monte di R
X
, un amplificatore il cui
guadagno di potenza A vari con la frequenza in modo tale da spianare la densit spettrale di
potenza del segnale. In altre parole, A(f) dovr essere uguale, a meno di un eventuale fattore di scala,
al reciproco dellattenuazione (f) introdotta del mezzo trasmissivo: per esempio, se lattenuazione
del mezzo era del tipo
f 2
e ) f (

= , lamplificazione dovr essere del tipo


f 2
ke ) f ( A = , in modo
che il prodotto ) f ( ) f ( A sia costante con la frequenza.
Questo procedimento , rigorosamente, quello che si definisce di equalizzazione attiva del
mezzo trasmissivo:
T
X
mezzo trasmissivo
R
X
h
S
h
So
+
h
n
A(f)
E chiaro che dobbiamo studiare lazione che lamplificatore esercita sia sul segnale sia anche sul
rumore. A tal fine, avendo stabilito che il guadagno dellamplificatore
) f (
1
) f ( A

= , evidente che
lazione di A(f) sul rumore quella di amplificare il rumore e in particolare le sue componenti ad
alta frequenza. Il segnale che entra nel ricevitore dunque la somma di un segnale utile e di un
rumore aventi i seguenti spettri di potenza:
h
n
f
segnale
rumore
h
S
B
f
Una situazione di questo tipo, allingresso del ricevitore, pu essere deleteria o meno a seconda
del tipo di segnale che stato trasmesso:
nel caso di un segnale televisivo, per esempio, non ci sono grossi problemi, in quanto
locchio meno sensibile alle componenti in alta frequenza e quindi il rumore, pur essendo
presente, poco visibile;
al contrario, nel caso ad esempio di un segnale telefonico multiplo, il risultato che i
canali allocati in bassa frequenza risultano ancora abbastanza puliti, mentre quelli allocati in
alta frequenza risultano notevolmente degradati dal rumore, il che non accettabile.
Appunti di Comunicazioni Elettriche
Autore: Sandro Petrizzelli
6
Detto in altre parole, il rapporto segnale/rumore in ingresso al ricevitore
non costante con la frequenza
4
.
Per ottenere un rapporto S/N costante con la frequenza, basta fare in modo che il segnale arrivi,
nel punto in cui il rumore ha densit spettrale di potenza costante, con le componenti in frequenza
tutte allo stesso livello. Il modo con cui realizzare questo consiste nellelaborare in modo opportuno
il segnale prima dellinvio sul mezzo trasmissivo: consideriamo una generica componente armonica,
a frequenza f
k
, del segnale in ingresso
5
, la quale componente, prima della trasmissione, ha un livello
di potenza h
S
pari a quello di tutte le altre componenti; se sappiamo che il canale attenua
complessivamente questa componente di (f
k
) dB e vogliamo che, in uscita dal canale, la
componente presenti ancora il livello h
S
, ci basta elevare il livello di potenza di (f
k
) dB in modo da
compensare lattenuazione del canale.
In generale, quindi, basta elevare (in potenza) ciascuna componente, prima della trasmissione,
della stessa quantit di cui poi sar attenuata, in modo che, alluscita, ciascuna componente arrivi
ancora con lo stesso livello h
S
di partenza. Va dunque effettuata una preenfasi del segnale, ossia
una amplificazione delle componenti in alta frequenza prima della trasmissione:
T
X
mezzo trasmissivo
R
X
h
S
+
h
n
A
pre-enfasi
Cos facendo, sia il segnale sia il rumore in ingresso al ricevitore hanno densit spettrale di
potenza piatta nella banda B e lamplificatore da porre a valle del canale pu avere dunque risposta
piatta con la frequenza.
La differenza, dunque, con il caso precedente che, mentre prima lequalizzazione veniva
compiuta dopo la trasmissione, in questo caso viene compiuta prima della trasmissione stessa.
Spesso, conviene scegliere una via intermedia tra le due: pur utilizzando una pre-enfasi prima della
trasmissione, si progetta un amplificatore, da porre a monte di R
X
, con risposta in frequenza tale da
equalizzare perfettamente il segnale.
Equalizzazione passiva
Un altro modo di procedere quello della cosiddetta equalizzazione passiva, che consiste nel
porre in cascata al mezzo trasmissivo un filtro passivo (formato cio solo da resistenze, capacit e
induttanze) passa-alto, che cio attenui maggiormente le componenti in bassa frequenza (cio quelle
meno attenuate dal cavo) e in misura minore quelle componenti che sono gi state attenuate dal cavo:

4
Questa frase potrebbe sembrare un po' impropria, in quanto si soliti considerare il rapporto segnale/rumore semplicemente
come il rapporto tra la potenza totale di segnale e quella totale di rumore e nessuna di queste due quantit , ovviamente funzione
della frequenza. Tuttavia, nellambito del discorso che stiamo facendo, parlare di rapporto segnale/rumore variabile con la
frequenza significa solo confrontare la potenza di segnale e quella di rumore non su tutta la banda di interesse, ma su vari
intervalli, partendo dalla continua e salendo via via di frequenza.
5
Avendo a che fare con un sistema formato dalla cascata di sistemi lineari, possiamo scomporre il segnale in termini di armonica
senza ledere la generalit del discorso
Trasmissione su cavo coassiale
Autore: Sandro Petrizzelli
7
T
X
mezzo trasmissivo R
X
h
S
h
So
+
h
n
A
filtro
RLC
Lazione del filtro dunque quella di abbassare la potenza delle componenti del segnale al livello
posseduto dalla componente a frequenza massima: cos facendo, si ottiene ancora una volta un
segnale con spettro di potenza piatto, con la differenza che il livello di potenza adesso quello
(attenuato rispetto al valore iniziale h
S
) della componente di massima frequenza. Al segnale cos
ottenuto si somma il rumore bianco e la composizione dei due segnali viene successivamente
amplificata da un amplificatore con risposta armonica ancora una volta piatta.
Con un procedimento di questo tipo, la cascata tra il mezzo trasmissivo ed il filtro RLC diventa,
in pratica, un unico mezzo trasmissivo, ma ideale (avente cio una attenuazione costante con la
frequenza e pari al valore corrispondente alla frequenza massima). Questo ovviamente, non avviene
per tutte le frequenze, ma solo in una ristretta banda (individuata dalla composizione delle
caratteristiche del mezzo trasmissivo reale e del filtro), nella quale bisogner aver cura di infilare
il segnale da trasmettere.
ESEMPIO NUMERICO: TRASMISSIONE DEL SEGNALE TV BIANCO-NERO
Facciamo un esempio numerico per chiarire i concetti esposti fino ad ora. Consideriamo un
sistema, per la trasmissione del segnale televisivo, del tipo rappresentato in figura:
T
X
mezzo trasmissivo
R
X
s(t)
+
h
n
filtro
RLC
Le ipotesi di partenza sono le seguenti:
il segnale da trasmettere un segnale televisivo, avente perci una banda da 5 MHz;
il mezzo trasmissivo un cavo coassiale lungo L=100 Km e con una attenuazione specifica
dB/Km 2 = @ 1 MHz;
le apparecchiature riceventi hanno un fattore di rumore F=10.
I base ai noti requisiti di qualit per il segnale televisivo, il nostro obbiettivo garantire in
ricezione un rapporto segnale-rumore pari a 52 dBp (52 dB pesati).
Cominciamo col ricordare che, nel caso del segnale televisivo, il rapporto segnale-rumore ha un
significato abbastanza particolare: per quanto riguarda il rumore, la sua potenza semplicemente
quantificabile con il quadrato della tensione efficace di rumore; per quanto riguarda il segnale,
invece, la situazione pi complessa: bisogna infatti ricordarsi che il segnale televisivo, avente una
escursione picco-picco che indichiamo con
PP
V (facendo cio riferimento ad un segnale in tensione),
Appunti di Comunicazioni Elettriche
Autore: Sandro Petrizzelli
8
riserva solo il 70% di tale escursione alle informazioni di luminanza, mentre il restante 30%
riservato ai segnali di sincronismo. Possiamo cio scrivere che
( ) ( ) ( )
PP N / B PP PP PP N / B PP sincr PP PP
V 7 . 0 V V 7 . 0 V 3 . 0 V V V = + = + =
In base a ci, la potenza di segnale (da usare come numeratore per il calcolo del rapporto S/N)
quella del segnale ( )
N / B PP
V (che possiamo chiamare tensione bianco-nero), pari al 70%
dellescursione totale V
PP
del segnale televisivo:
( ) [ ]
PP
2
PP
2
PP
S
2
1
V
2
1
V 7 . 0 S = =
In base a questa relazione, la potenza di segnale da considerare met della potenza di picco
S
PP
. Nessuno ci impedisce, allora, di ragionare direttamente in termini di potenza picco: dalla
relazione appena ricavata si deduce infatti che la potenza picco S
PP
=2S, per cui, volendo esprimere
il rapporto S/N in termini di tale potenza, ci baster incrementare il suddetto rapporto di 3dB:
anzich richiedere un rapporto S/N di 52 dBp, dobbiamo richiedere 55 dB/p.
Possiamo ulteriormente semplificare questo valore eliminando la pesatura videometrica del
rumore: ricordiamo, infatti, che, per il calcolo della potenza di rumore sovrapposto al segnale
televisivo, necessario sottoporre il rumore ad un filtro (detto filtro videometrico) che tiene conto
della diversa sensibilit dellocchio alle varie componenti spettrali; leffetto di tale filtro dipende dal
tipo di rumore in ingresso: se tale rumore bianco, il filtro produce su di esso una attenuazione di 8
dB, altrimenti lattenuazione di 16 dB. Nel nostro caso, il rumore in ingresso al ricevitore bianco,
per cui lattenuazione da considerare di 8 dB, il che significa, in conclusione, che il rapporto S/N
da ottenere in ingresso al ricevitore 47 dB (cio appunto i 55 dB pesati meno gli 8 dB di
attenuazione del rumore).
Abbiamo a questo punto definito con precisione la specifica da rispettare nel nostro sistema di
trasmissione. Il passo successivo di valutare numericamente la potenza di rumore che compare nel
rapporto S/N in ingresso al ricevitore: assumendo che il rumore additivo abbia la solita densit
spettrale di potenza
0 n
FkT h = costante in frequenza e che tiene conto (tramite il fattore
moltiplicativo F) anche della rumorosit intrinseca del ricevitore, dobbiamo semplicemente
integrare sulla banda B del segnale, per cui
B FkT df FkT df h N
n
B
0
n
B
0
n
= = =

Esprimendoci in dBm, abbiamo che
dBm 97 67 174 10 B log 10
mW 1
kT
log 10 F log 10
mW 1
B FkT
log 10 ] dBm [ N
10
n
10 10
n
10
= + = + = =
Avendo detto prima che si serve un rapporto S/N di 47 dB, dobbiamo garantire, in ricezione, una
potenza (di picco) di segnale pari a
dBm 50 dBm 47 dBm 97 S
PP
= + =
Il passo successivo dunque quello di calcolare la potenza P
T
necessaria in trasmissione per
ottenere, in ricezione, una potenza S
PP
=-50dBm.
Trasmissione su cavo coassiale
Autore: Sandro Petrizzelli
9
Andiamo allora a calcolare lattenuazione introdotta dal cavo. Facciamo, in particolare,
lipotesi di cavo sia equalizzato passivamente, per cui, in base alle considerazioni del paragrafo
precedente, ci serve conoscere lattenuazione introdotta alla frequenza massima del segnale, ossia a
B=5MHz: applicando la formula
S
S
f
f
) f ( = , dobbiamo prendere f=B=5 MHz,
S
=2dB/Km e
f
S
=1MHz, per cui

=
Km
dB
5 . 4
) MHz ( 1
) MHz ( 5
Km
dB
2 ) MHz 5 (
Abbiamo trovato che lattenuazione specifica a 5 MHz di 4.5 dB/Km, da cui deduciamo che
lattenuazione totale, prodotta cio da L=100 Km di cavo, di 450 dB.
Dato, allora, che ci servono in ricezione 50 dBm di potenza, deduciamo che la potenza da
trasmettere P
T
=400dBm, equivalente a 10
40
mW. Si tratta di un valore enorme, impensabile da
realizzare, ma lesercizio svolto comunque utile ai fini didattici. Nella pratica, al fine di ridurre la
potenza da trasmettere, si ricorre ai cosiddetti sistemi di trasmissione multitratta.
Autore: SANDRO PETRIZZELLI
e-mail: sandry@iol.it
sito personale: http://users.iol.it/sandry
succursale: http://digilander.iol.it/sandry1