Sei sulla pagina 1di 7

Manovre

Preparare lormeggio
A bordo, in crociera, spesso lo skipper lunico a sapere cosa bisogna fare in fase di ormeggio. La manovra in queste condizioni dipende da come la si prepara

di Gianfranco Malfatti

SVN, la vela nel web, la prima rivista digitale interattiva a nascere in Italia

Molto spesso una manovra sbagliata non dipende da come ci si posizionati davanti al posto barca, dalla velocit che si tenuta o dal calcolo dello scarroccio che si fatto a mente, ma da come la si preparata. Una barca che arriva allormeggio senza parabordi, con lequipaggio non pronto al lancio delle cime, mette in evidenza limpreparazione dello skipper a gestire la situazione. Inutile dare la colpa allamico di turno che non ha preso i parabordi, la colpa sempre e solo dello skipper. Conoscere la manovra Per fare una buona manovra in porto, innanzitutto
2

on c cosa pi umiliante per uno skipper che sbagliare la manovra di ormeggio. Si pu rischiare di mettere lalbero in acqua con una strapoggia, si pu sbagliare il modo con cui si affronta un groppo, ma nulla sar pi umiliante che sbagliare una manovra dentro un porto pieno di persone che osservano dalla banchina.

La barca si avvicina in banchina e lequipaggio si prepara a lanciare le cime. Dalla fotografia evidente che queste non arriveranno mai a terra

Senza speranza

bisogna conoscerne gli schemi, sapere nel particolare come questa funziona. La manovra si compone di due fasi distinte: preparazione e esecuzione. Entrambe sono fondamentali. Queste due fasi implicano lassolvimento da parte dei membri dellequipaggio e dello skipper di una serie di funzioni, vediamo quali: a) uomo a prua luomo a prua ha il compito di traguardare il posto barca e di recuperare il corpo morto o, in alternativa, dare ancora b) addetto ai parabordi e tender questo, o questi, avranno il compito di fissare i parabordi nei punti giusti della battagliola e controllare il tender c) addetti alle cime di poppa loro dovranno preparare le cime di poppa e lanciarle al momento giusto nel modo giusto. Questo lo schema ideale, ma per metterlo in pratica serve un equipaggio numeroso e ben preparato, cosa che difficilmente, lo skipper che

Una manovra in barca ha solo un imperativo, preparazione. A bordo qualsiasi cosa che non sia accuratamente preparata rischia di risolversi in una manovra flop

Preparazione

va in crociera con gli amici o con la famiglia, avr a disposizione, e quindi dovr supplire a tale mancanza organizzandosi. Alcune figure si possono accorpare a condizione che tutto sia fatto con molto anticipo. Degli addetti ai parabordi si pu fare a meno, ma prima di entrare in porto, bisogner provvedere a posizionare i parabordi nel modo corretto e portare il tender, se questo in acqua, a prua, o riporlo sulla tuga. Si pu rinunciare anche agli addetti alle cime di ormeggio. Le cime saranno addugliate e preparate al lancio prima di entrare in porto. Una volta pronte saranno adagiate sulla battagliola. Perfetto per questo scopo il supporto del ferro di cavallo di emergenza: la cima addugliata si pu appoggiare su di questo, da dove sar facile per lo skipper prenderla e lanciarla. La figura alla quale pi difficile rinunciare, luomo a prua. Si pu fare, ma quando lo si fa significa che a bordo si soli e la manovra presenter tutto un altro tipo di problematiche che vedremo in un altro articolo. Prepariamo la barca Vediamo punto per punto come preparare la barca affinch si possa ormeggiare in tranquillit anche con equipaggio molto ridotto. La prima cosa da

Speciale Charter: le mete e le barche di questestate. Gli indirizzi delle societ di charter pi importanti
sfogliabile 3

SVN - 3 Fisco incredibile Bavaria 40, tre modelli a confronto La Grecia da Meganisi a Zante La vela si divide a Genova

SVN - 2 Dufour 335 GL Sun Odyssey 509 Carlo Borlenghi Coppa a Napoli Titanic

SVN, la vela nel web la prima rivista digitale interattiva nata in Italia
unedizione mensile sfogliabile + articoli settimanali interattivi

Addugliare

Saper addugliare bene fondamentale per poter preparare le cime al lancio

fare mettere le scarpe. Correre sul ponte senza scarpe potrebbe significare farsi male nel momento meno opportuno. Parabordi - Se il mare lo consente, ci si fermer a qualche centinaio di metri dal porto e dopo aver ammainato le vele si comincer a preparare la manovra. La prima cosa da fare sistemare i parabordi. Questi vanno collocati nella parte pi larga della barca, inutile mettere un parabordo allaltezza del gavone delle ancore, questo non lavorer mai. I parabordi si mettono partendo da centro barca, quindi, se ne metter uno al centro, in corrispondenza del baglio massimo e poi uno a poppavia e uno a pruavia di questo, se si dispone di pi di tre parabordi per lato, un ultimo verr messo a poppa, specialmente se la barca un modello con la poppa molto larga. Bisogna regolare anche laltezza del parabordo: un parabordo troppo basso struscia in acqua e non lavora, un parabordo troppo alto tender, schiacciato tra le due barche, a scivolare verso lalto e lasciare indifeso il suo posto. Il parabordo deve coprire verticalmente il centro della murata e non deve mai superare la falchetta. Cime Una volta preparati i parabordi, bisogner pensare alle cime. Si prendono le due cime dormeggio di poppa, trascurando eventuali spring che si potranno mettere con comodo quando si sar in banchina. Le cime vanno preparate. Prepararle significa addugliarle per bene e separarle in due matasse, una rimarr in barca e laltra, costituita da tre giri di cima, verr lanciata in banchina. Avere le cime pronte e ben addugliate lunico modo per non farle cadere in acqua quando vengono lanciate. Una volta che queste sono state preparate, bisogna trovare il modo di adagiarle da qualche parte a poppa in modo che si possano raggiungere facilmente e lanciarle. Due buoni posti sono, da una parte il motorino fuoribordo, sullasta di comando di questo, dallaltra, il ferro di cavallo salvagente. Il tender Spesso, in crociera, il tender si traina a poppa per non occupare il ponte. Nel prepararsi

Caccia allerrore

Questo skipper sta facendo una manovra dormeggio, ma ha commesso diversi errori nella preparazione della barca, scopri quali. Quando pensi di averli individuati, clicca su soluzione e scarica il pdf con gli errori dello skipper

soluzione

Mettere i parabordi

Il modo in cui si sistemano i parabordi sulle fiancate delle barca, importante. Messi male, questi, non porteggono la barca. I parabordi vanno sistemati facendo attenzione sia alla loro posizione orizzontale lungo la fiancata della barca, sia la loro posizione verticale. In questi due disegni abbiamo i giusti posizionamenti. In alto vediamo come il parabordo, in un ormeggio barca contro barca, vada messo con la testa che sfiora la falchetta. Metterlo troppo alto, come ha fatto la barca celeste, lo far schizzare fuori dalle due barche. Metterlo troppo basso, come ha fatto la barca arancione, lo rende inutile

Iscriviti alla newsletter di


5

alla manovra importante ricordare che questo in acqua e se, lo si lascia attaccato alla poppa in fase di manovra, si rischia che la cima che lo collega alla barca venga risucchiata dallelica. Il tender andr legato a mezza nave o a prua. La cima che lo tiene alla barca dovr essere sufficientemente lunga da lasciargli la possibilit di girarsi per assecondare i movimenti della barca. I complementi Una volta sistemati parabordi e cime, si dovr pensare a preparare il mezzo marinaio per agguantare il corpo morto, questo va disposto in un luogo facile da raggiungere da mezza nave. Il mezzo marinaio serve se il marina in cui si sta entrando provvisto di corpo morto, in caso contrario, bisogner provvedere a preparare lancora. Oltre al mezzo marinaio, bisogner pensare a liberare le draglie che chiudono il coronamento, in modo che se di deve saltare in banchina si avr il passaggio libero. Stesso dicasi della plancetta. Se questa esiste, va aperta per liberare il passaggio e per fare da trampolino di salto in banchina. Certamente bisogner tenere conto della sua estensione quando si va in retromarcia. Ancora Nel caso in cui lormeggio richieda lutilizzo dellancora, bisogner aprire il gavone e assicurare il coperchio alla battagliola. Si liberer

In sintesi
Nel preparare la manovra ci dobbiamo ricordare di:

lancora dallo stroppo di sicurezza e si spinger questa leggermente avanti in modo che una volta in porto, sia pronta a scendere in acqua. Si deve fare attenzione a non lasciare lancora penzoloni, questa dovr sempre essere adagiata sul musone. Specialmente con le barche pi moderne, dove gli slanci sono assenti, unancora a penzoloni sbatte contro il dritto di prua rovinandolo. Pianificare la manovra La barca pronta per entrare in porto e fare la manovra. I parabordi sono posizionati, le cime sono pronte, lancora armata e pronta alluso e lequipaggio ha messo le scarpe. Con la barca cos preparata in due si potr fare una manovra perfetta a condizione che ognuno sappia cosa fare. Sar quindi compito dello skipper istruire luomo di prua sui suoi compiti. Se nel marina dove si sta entrando c il copro morto, le istruzioni da fornire al proprio secondo, sempre che questi non abbia gi esperienza in materia, sono semplici. Entrati nellormeggio, quando lormeggiatore alza la cima del corpo morto per porgerla a chi sulla barca, la si agguanta con il mezzo marinaio e la si porta a prua. Qui si cazza il corpo morto sino a quando la cima non in linea, senza per metterla in tiro. A quel punto si passa la cima sotto la galloccia e la si tiene ferma per dare il tempo a chi a poppa di lanciare le cime di poppa e assicurarle a terra e in barca. Al comando dello skipper, luomo di prua cazzer a dovere il corpo morto e, se non capace di fare il nodo di galloccia, bloccher la cima su di questa e aspetter lintervento dello skipper che a quel punto sar libero di muoversi. Non sono operazioni difficili, ma lo skipper le deve spiegare bene prima di iniziare la manovra, luomo di prua deve sapere cosa succeder, altrimenti, lo skipper, rischia che questi rimanga imbambolato con il corpo morto in mano senza sapere cosa fare, perdendo cos il controllo della manovra. Se lormeggio con lancora, il discorso si fa pi complesso. Luomo di prua che lavora male allancora rischia di rovinare tutta la manovra, quindi bisogna istruirlo bene sui punti fondamentali. E importante spiegare, dopo aver illustrato il funzionamento del musichiere, che: a) lancora scende in acqua quando lo dice lo skipper b) una volta iniziata la discesa questa continua senza interruzioni e per nessun motivo la catena deve andare in tiro durante la manovra. Il rischio, dando queste istruzioni, di ritrovarsi in banchina con troppi metri di catena in acqua, ma sempre meglio, comunque, di dovere rifare tutto

1) chi prende parte alla manovra deve mettere le scarpe da barca

2) mettere i parabordi prima di entrare in porto o, comunque, prima di iniziare la manovra e posizionarne almeno tre per parte partendo dal baglio massimo 3) preparare il mezzo marinaio con il quale agguantare il corpo morto e istruire un membro dellequipaggio su cosa fare con la cima del corpo morto 4) preparare le cime: addugliarle e dividerle in due matasse, la matassa pi grande viene adagiata sul ponte, quella pi piccola la si prepara per il lancio 5) aprire le draglie di poppa e aprire la plancetta

6) se non c il corpo morto e bisogna dare ancora prepariamola liberandola dallo stroppo e facciamola avanzare leggermente sul musone di prua

Collaterali
In porto Ormeggiare in porto, qualche trucco utile per aiutarvi nellormeggio Lormeggio di poppa Articolo completamente dedicato alla spiegazione tecnica di come ormeggiare in porto Manteniamo le distanze Consigli su quali parabordi usare. valutazioni tecniche dei diversi parabordi Ormeggiare in porto Video Lezione Seconda lezione di IO NAVIGO, come ormeggiare in porto

dallinizio a causa della catena in tiro. Cos preparata la manovra risulter pi semplice da eseguire anche se il fatto di non avere un aiuto esperto, porter qualche difficolt. Durante la manovra bisogner ragionare per due: per il proprio ruolo di skipper e per quello che potrebbe fare luomo a prua. E molto importante comunicare con luomo a prua con voce calma, senza agitazione. Un ordine urlato innervosisce chi non lo sa eseguire e gli impedisce di aiutarci anche per quello che sa fare. Nel fare la manovra si ricordi che, pi bassa la velocit della barca, meno sono le possibilit di errore. Con vento sostenuto, purtroppo, la velocit deve essere pi alta e la manovra pi precisa. In questo caso si deve usare qualche trucco aggiuntivo. Se si entra tra due barche, una volta dentro, si lasci scarrocciare la propria barca su quella che si trova sottovento. Cos facendo ci si addosser a questa lentamente e una volta fermi, si potranno sistemare le cime di poppa e quelle di prua. Durante la manovra, le persone a bordo che non prendono parte al lavoro, dovrebbero stare sedute in pozzetto in modo da non intralciare n la visuale, n i movimenti di chi sta manovrando e, sopratutto, dovrebbero evitare di dare consigli a chi sta lavorando.

Nautica Campanella Yacht Broker Cell. 339.2782777